La Governance per la Scuola
Dalle Scelte del territorio alle Azioni dell’Istituto Comprensivo “G.Mariti” di Fauglia (Pi)
Milano, 7 - 8 novembre 2008
“Bambini, Ragazzi e New Media”
La spinta verso la governance locale
Affinché un determinato territorio nel suo
complesso funzioni, sia competitivo,
fornisca buoni servizi e buona qualità
della vita ai propri cittadini occorre che
tutti i soggetti pubblici e privati che quel
territorio esprime siano messi in stretta
relazione tra loro, facciano cioè
“sistema”
Requisiti principali per una corretta
prassi di governance (dal “libro bianco”
della Commissione Europea)
Apertura
Partecipazione
Responsabilità
Efficacia
Coerenza
L’applicazione di una strategia di governance:
Valderassociata (UC e SdS Valdera) metodo e
strumento per sviluppare i temi
dell’integrazione e della partecipazione
•Elaborare e coordinare politiche comuni relative all’ambito
territoriale ottimale
•Realizzare condizioni di pari opportunità per i cittadini residenti
nella zona
•Conseguire maggiore efficienza nei servizi attraverso lo
sfruttamento di economie di scala
•Conseguire maggiore efficacia attraverso una marcata
specializzazione del personale
La governance educativa

Regole condivise e sottoscritte da
tutte le agenzie aderenti alla rete
locale

Conferenza
dei
sindaci
formulano le linee di indirizzo

Programmi operativi a cura di
organismi tecnico-politici
che

Condivisione e confronto sui
programmi con l’assemblea delle
agenzie

Valutazione partecipata dei risultati
raggiunti
I settori dei servizi alla prima infanzia,
del diritto allo studio, dell’educazione non
formale di giovani e adulti e delle scuole
materne paritarie sono ispirati ad un
identico modello di governance.
La programmazione è sviluppata da
organismi settoriali che vedono variare
soltanto
alcune
delle
componenti
coinvolte, in modo da assicurare da un
lato la pluralità delle visioni e degli
apporti, dall’altro la coerenza e
l’integrazione degli interventi.
Il “Patto per una Comunità Educante”
Volontà
politica degli amministratori
di fare insieme scelte condivise
attraverso “Valderassociata”
Volontà
politica dei dirigenti scolastici
di costruire la rete di scuole
“[email protected]”
Unione dei due soggetti e
adesione della Provincia:
governance educativa aperta,
responsabile, partecipata,
efficace
Bambini, Ragazzi e Giovani protagonisti della
vita democratica dentro e fuori la scuola
L’Istituto Comprensivo “G.Mariti”
Il
“Patto per la
scuola” dei
comuni
dell’ambito
L’Istituto Comprensivo “G.Mariti”
La
Partecipazione
agli Organi
Collegiali
Enti locali
Genitori
Bambine, bambini
Ragazze, ragazzi
L’Istituto Comprensivo “G.Mariti”
La
“Carta dei Valori
e dei
Comportamenti”
dei docenti
L’Istituto Comprensivo “G.Mariti”
La
partecipazione
dei ragazzi
Grazie per l’attenzione!
Iselda Barghini
Scarica

PPT