“Il contributo di Regioni ed Enti Locali alla Pace, alla
Cooperazione e alla Coesione nell’area Adriatica e in Europa”
Workshop 1
“Principali risultati del progetto FaREAdri e riflessioni su
nuove proposte da candidare nei programmi di
Cooperazione Territoriale”
Roberta Dall’Olio - Responsabile Politiche Europee, ERVET
Cervia, 28 maggio 2010
FaREAdri – Facilitare il rafforzamento e
l’estensione dei partenariati adriatici
• FaREAdri
– Interreg IIIA Trasfontraliero Adriatico
Programma
Asseil3: Azioni di rafforzamento della cooperazione – Misura 3.2.
Facilitare
rafforzamento e
Strutturazione del progetto
l’estensione dei
Obiettivo
generale progetto
partenariati
adriatici
Parternariato
Obiettivi attesi
Attività
Risultati Raggiunti
Obiettivo generale di Progetto
L’obiettivo principale del progetto FaREAdri è stato quello di accelerare
il processo di stabilizzazione nell’area di cooperazione adriatica e quindi
di facilitare il percorso verso la coesione economica e sociale, anche
tramite il consolidamento e rafforzamento della rete istituzionale dei
rapporti e l’accrescimento dell’interscambio conoscitivo in materia di
sviluppo territoriale, evitando così che il confine marittimo sia un vincolo
al processo di sviluppo integrato.
Parternariato
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
Regione Emilia Romagna (Italia) – LP
Provincia di Ravenna (Italia)
Provincia di Forlì-Cesena (Italia)
Provincia di Ferrara (Italia)
Provincia di Rimini (Italia)
Municipalità di Dubrovnik (Croazia)
Cantone di Zenica-Doboj (Bosnia)
Municipalità di Tuzla (Bosnia)
Ministero del Lavoro, Impiego e delle
Politiche Sociali (Serbia)
Municipalità di Novi Sad (Serbia)
Municipalità di Pancevo (Serbia)
Municipalità di Kragujevac (Serbia)
Ministero del Lavoro, degli Affari Sociali
e delle Pari Opportunità (Albania)
Municipalità di Elbasan (Albania)
Municipalità di Scutari (Albania)
Obiettivi Attesi
FaREAdri ha coinvolto un’area di intervento trasversale, perseguendo i
seguenti obiettivi specifici:
 Ha avviato un percorso di concertazione nell’area di riferimento per
favorire interventi sinergici sull’intera zona adriatica;
 Ha favorito la creazione di partenariati adriatici nello sviluppo della
politica territoriale d’area;
 Ha intensificato il livello di competenza tecnica su politiche europee,
sulle opportunità di finanziamento, capacità di utilizzo e gestione degli
strumenti finanziari;
 Ha promosso la creazione di un Comitato di Cooperazione per
l’Adriatico (CCA), che promuova e faciliti l’individuazione, la
programmazione e l’attuazione degli interventi sull’area.
Attività Realizzate
Il progetto è stato avviato ufficialmente attraverso l’organizzazione del kick-off
meeting tenutosi a Bologna il 12 e 13 Aprile 2007. In questa occasione sono stati
condivise le azioni di progetto.
Meeting Tematici
 “Research, innovation and watercycle management” – Scutari (Albania) 10-11
ottobre 2007
 “Tourism, culture and transport” – Dubrovnik (Croazia) 23-24 ottobre 2007
 “Labour market and economic integration” – Tuzla (BiH) 6 novembre 2007
 “Air, energy, parks and sustainable development” – Pancevo (Serbia) 11 dicembre
2007
 “Welfare and governance” – Forlì 10/12 marzo 2008
 “Economic development” – Zenica (BiH) 21-22 aprile 2008
Attività Formative
Con la finalità di favorire lo scambio di conoscenze tra i partner
coinvolti nel progetto, sono state organizzate attività formative
focalizzate su tre temi principali:
 la nuova programmazione 2007 2013;
 IPA paese;
 La costruzione e gestione di progetti di cooperazione
territoriale.
Risultati Raggiunti
Tra i risultati raggiunti sono da considerarsi i seguenti output:
 Costituzione del Comitato di Cooperazione per l’Adriatico e definizione
del documento che regolamenta il suo funzionamento;
 Costruzione del sito web di progetto (http://fareadri.ervet.it/);
 Costruzione ed implementazione della banca dati
(http://fareadri.ervet.it/search-prj.asp) la cui elaborazione ha portato ad
un’analisi statistica dei dati;
 Pubblicazione dell’analisi “Facilitating the Strengthening and Exetension
of Adriatic Partnership”;
Risultati Raggiunti
 Ideazione di 15 proposte progettuali sulle tematiche trattate nei
workshop da candidare sul programma IPA Adriatico 2007/13;
 Costruzione di 2 progetti presentati sul Programma SEE;
 4 sessioni formative dedicate ai partner PAO e realizzate
principalmente in Italia;
 Allargamento del partenariato;
 Report delle attività realizzate nei workshop.
Grazie per l‘attenzione
Per ulteriori informazioni
Referente Regionale del Programma IPA Adriatico
Stefania Leoni - sle[email protected]
051-5273275
Assistenza tecnica Programma IPA Adriatico
Adela Franja [email protected] - Tel: 051-5273949
Valentina Amadori [email protected] - Tel: 051-5273949
Controllo di Primo Livello Programma IPA Adriatico
Sara Beccati [email protected] - Tel: 051-5273200
Referente Politiche Europee - Ervet
Roberta Dall’Olio rdall'[email protected] – Tel: 051/6450411
Link di riferimento
http://www.fondieuropei2007-2013.it
http://www.adriaticipacbc.org/
Scarica

Presentazione ERVET - RER