TRIBUNALE ORDINARIO DI ARIANO IRPINO
SEZIONE CIVILE – FALLIMENTARE
Fallimento n. 219/91 - G. D. dott. Rocco Abbondandolo - Curatore Avv. Assunta Mascolini
AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE
Il sottoscritto dott. Vito Antonio Sangiuolo, notaio con studio in Benevento, piazza Sabariani, n.6, in esecuzione dell’ordinanza emessa dal Sig.
Giudice delegato del Tribunale di Ariano Irpino dr. Rocco Abbondandolo, ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c., e del combinato disposto degli artt. 107,
comma 2, L. Fall. e preso atto che con procura speciale n.39913 del 24.01.2011, per Notar Luisa Romei di Ariano Irpino è stato conferito al curatore
mandato per la vendita anche della quota di proprietà del coniuge del fallito
RENDE NOTO
che nelle date e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto, in II asta con prezzo ridotto di , dei seguenti beni immobili:
LOTTO UNICO
Fabbricato sito in Bonito (AV) alla Via Roma, n.ri 31-33-35, realizzato su tre piani con cantina interrata, di cui un piano terra sia per attività
artigianale che per uso abitazione, un primo ed un secondo piano ad uso abitazione, parzialmente in condominio con proprietà "omissis" per il piano
terra e con proprietà aliena per l’interrato. La superficie utile è di mq. 170,34 (distribuita tra piano terra – primo - secondo) e da una superficie non
residenziale di mq 100,5 (distribuita tra piano interrato - terra - primo) oltre terreno retrostante. Il Fabbricato, situato nel centro storico di Bonito,
risulta essere in pessime condizioni statiche e allo stato si presenta in condizioni di abbandono.
Presso l’UTC del Comune di Bonito, il debitore esecutato, anche per conto della moglie, inoltrava domanda di contributo in data 30.06.88 prot. n°
2734 per il citato immobile ai sensi dell’art 7 della legge 21.01.88 n. 12 rinunziando ai contributi previsti dalla legge 1431/62 e successive. Il Comune
di Bonito, in data 28 aprile 1990, rilasciava la concessione edilizia e determinava un contributo senza copertura finanziaria massimo ammissibile di
lire 180.083.612 con riserva di rideterminare a consuntivo l’ammontare definitivo e di finanziare la pratica con le modalità previste dalle leggi
regionali n° 59/81 e 51/85.Identificazione catastale: Piano interrato e parte del I° piano composto da due vani comunicanti (via Roma con civico
attuale 35), censito in C.F. al foglio 4, p.lla 1224 sub 10 a cui è graffata la p.lla 1224 sub 11, ctg. A/6, cl.3, cons. 3 vani, piano S1-T-1, rendita 92,96 (ex p.lle 729 sub 1 - 730 sub 2); Piano terra, (via Roma con civico attuale 33), censito in C.F. al foglio 4, p.lla 1224 sub 12, (ex p.lla 729 sub
2), ctg. C/1, cl. U, cons. 14 mq., rendita 176,42, comunicante con la p.lla 1224 sub 10 e sub 11; Piano secondo e parte rimanente del primo piano
(via Roma con civico attuale 31), censito in C.F. al foglio 4, p.lla 1224 sub 13, ctg. A/4, cl.2, cons. 5,5 vani , rendita 201,67, Piano T – 2 (ex p.lla
729 sub 3). Detta unità immobiliare è erroneamente riportata sulla visura catastale per una consistenza di 55 vani con una rendita di 2016,76) e
risulta interamente demolita, invero “esiste solo la scala”. Terreno, retrostante il fabbricato, con superficie complessiva di 123 mq, risulta censito in
C.T. al foglio 4, p.lla 724, seminativo arborato, classe 1, are 1 ca 23, RD 0.98 – RA 0.60. Il terreno ricade in zona A (Piano di Recupero secondo
il PRG approvato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale della Campania, n. 239 del 20.04.05 dove non è assolutamente consentito, salvo
casi specificati dal piano, alcun aumento di volumetria. Allo stato risulta in condizione di abbandono. Attualmente, esiste un manufatto con struttura
in ferro, coperta in lamiere e tompagnata con blocchi di cls (non oggetto di pignoramento), costruito in parte sulla corte pertinenziale del fabbricato e
in parte sul terreno retrostante. Tale manufatto risulta abusivo ed è stata emessa ordinanza dirigenziale di demolizione n. 2/07 in data 08.02.2007. Il
costo della demolizione con relativo trasporto a rifiuto è stato quantificato dal C.T.U. in 3000,00, già detratte dalla valutazione finale dei beni.
Stato Occupazionale degli immobili: Gli immobili individuati sono liberi da persone e da cose.
Prezzo base d’asta euro 18.225,00
Deposito cauzione 10% e Deposito spese 20% del prezzo offerto.
In caso di gara tra gli offerenti ex art. 573 c. p. c. rilanci minimi euro 1.823,00
Data presentazione delle offerte: 13 giugno 2012, alle ore 12:00
Data dell’esame delle offerte: 14 giugno 2012, alle ore 12:00
Luogo ed esame delle offerte: Benevento, piazza Sabariani, n.6
AVVISA ALTRESI’
che in caso di esito negativo della vendita senza incanto, avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nello stesso luogo e nelle seguenti date:
Data presentazione delle domande di partecipazione: 25 giugno 2012, alle ore 12:00
Data dell’esame delle domande: 26 giugno 2012, alle ore 12:00
LOTTO UNICO, Come già innanzi descritto
Prezzo base d’asta euro 18.225,00
Deposito cauzione euro 1.823,00 - Deposito spese euro 3.646,00
Offerte in aumento min. - euro 1.823,00
Modalità di pagamento:
Il pagamento del deposito cauzionale del 10% e del deposito spese del 20% va effettuato con assegni circolari n.t. intestati al professionista delegato,
mentre il pagamento del saldo del prezzo di aggiudicazione va effettuato mediante bonifico sul libretto bancario che il professionista avrà acceso per
il deposito della cauzione.
Nella vendita con incanto, a differenza di quella senza incanto, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilancio del
prezzo.
La partecipazione all’asta presuppone la conoscenza integrale dell’ordinanza di vendita, del bando depositato presso la cancelleria del Tribunale
competente e della perizia di stima, alle quali il presente avviso si riporta e fa completo riferimento, anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di
eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravante sui beni .La perizia e l’avviso di vendita (dove sono riportate tutte le modalità e le condizioni di
vendita) sono consultabili sui siti: www.giustiziacampania.it o visionabili presso lo studio dell’incaricato del professionista delegato: “R.D.S. Aste
s.a.s.”, Via S. Rosa, n.1 – Benevento - tel. 0824-311499 – fax.0824-334704 – e.mail: [email protected] Per visionare gli immobili rivolgersi al
curatore custode, avv. Assunta Mascolini, con studio in Ariano Irpino (AV), via Calvario, 5/B-6 - Tel. Fax. 0825-871272.
Il Notaio delegato
dr. Vito Antonio Sangiuolo
Scarica

FALLIMENTARE Fallimento n. 219/91 - GD dott. Rocco