Selected messages in Visus group.
Page 1 of 1.
Group: Visus
Subject: Re: quesito equicovo...
Message: 840
From: Myria Colaprico
Date: mar gen 01, 2002 4.46
Group: Visus
Subject: info
Message: 841
From: franco
Date: mar gen 01, 2002 6.35
Group: Visus
Subject: Re: info
Message: 842
From: Carlo Masci
Date: mar gen 01, 2002 11.36
Group: Visus
Message: 843
Subject: Ciampi, discorso di fine anno senza sorprese. E senza occhiali
From: CAGGIA Silvio
Date: mer gen 02, 2002 10.35
Group: Visus
Subject: Re: quesito equicovo...
Message: 844
From: Domenico Intelisano
Date: mer gen 02, 2002 12.18
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 9
Message: 845
From: s_caggia
Date: mer gen 02, 2002 3.15
Group: Visus
Subject: ortodossi e alternativi
Message: 846
From: colorik
Date: mer gen 02, 2002 3.39
Group: Visus
Subject: Ri: info
Message: 847
From: [email protected]
Date: mer gen 02, 2002 5.20
Group: Visus
Subject: complicanze chirurgia refrattiva
Message: 848
From: Carlo Masci
Date: mer gen 02, 2002 9.53
Group: Visus
Subject: Re: ortodossi e alternativi
Message: 849
From: Domenico Intelisano
Date: gio gen 03, 2002 11.54
Group: Visus
Subject: opuscolo
Message: 850
From: [email protected]>
Date: gio gen 03, 2002 8.03
Group: Visus
Subject: Re: opuscolo
Message: 851
From: Domenico Intelisano
Date: gio gen 03, 2002 7.56
Group: Visus
Subject: R: ortodossi e alternativi
Message: 852
From: Guido
Date: gio gen 03, 2002 8.05
Group: Visus
Subject: Re: opuscolo
Message: 853
From: Myria Colaprico
Date: gio gen 03, 2002 10.35
Group: Visus
Subject: metodo Bates
Message: 854
From: [email protected]>
Date: ven gen 04, 2002 12.55
Group: Visus
Subject: Re: R: ortodossi e alternativi
Message: 855
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 10.08
Group: Visus
Subject: Re: opuscolo
Message: 856
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 10.22
Group: Visus
Subject: Re: Re: opuscolo
Message: 857
From: Bruno Badiali
Date: ven gen 04, 2002 1.32
Group: Visus
Subject: Re: R: ortodossi e alternativi
Message: 858
From: Domenico Intelisano
Date: ven gen 04, 2002 12.51
Group: Visus
Subject: Ancora sul palming- Re: opuscolo
Message: 859
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 3.10
Group: Visus
Message: 860
Subject: Saccadi -Re: considerazioni da un oculista
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 3.26
Group: Visus
Subject: RE: La mia storia - Capitolo 9
Message: 861
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.20
Group: Visus
Subject: RE: Istruttori...
Message: 862
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.30
Group: Visus
Subject: RE: Re: LETTURA VELOCE
Message: 863
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.30
Group: Visus
Message: 864
Subject: RE: Come eseguo le tecnice di bates? Era: Re: beh io
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.42
Group: Visus
Subject: Il metodo Bates in una conchiglia.
Message: 865
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.42
Group: Visus
Subject: rosso-blu
Message: 866
From: Barbara Pizzichelli
Date: lun gen 07, 2002 1.16
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 10
Message: 867
From: s_caggia
Date: lun gen 07, 2002 5.05
Group: Visus
Subject: Re: rosso-blu
Message: 868
From: colorik
Date: mar gen 08, 2002 9.27
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 11
Message: 869
From: s_caggia
Date: mar gen 08, 2002 3.50
Group: Visus
Subject: Ogg: rosso-blu
Message: 870
From: pao1970
Date: mer gen 09, 2002 9.52
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: rosso-blu
Message: 871
From: Carlo Masci
Date: mer gen 09, 2002 11.57
Group: Visus
Subject: RE: rosso-blu
Message: 872
From: skyrunner
Date: gio gen 10, 2002 1.39
Group: Visus
Subject: info
Message: 873
From: franco
Date: ven gen 11, 2002 5.02
Group: Visus
Subject: La mia storia
Message: 874
From: CAGGIA Silvio
Date: ven gen 11, 2002 6.11
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
Message: 875
From: Myria Colaprico
Date: dom gen 13, 2002 11.00
Group: Visus
Subject: Re: info
Message: 876
From: Myria Colaprico
Date: dom gen 13, 2002 11.02
Group: Visus
Subject: R: La mia storia
Message: 877
From: maurizio cagnoli
Date: sab gen 12, 2002 10.44
Group: Visus
Subject: R: La mia storia
Message: 878
From: stefano caldiron
Date: lun gen 14, 2002 9.35
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
Message: 879
From: Barbara Pizzichelli
Date: dom gen 13, 2002 12.56
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
Message: 880
From: Bruno Badiali
Date: lun gen 14, 2002 1.57
Group: Visus
Subject: ...Da un assiduo lettore silenzioso...
Message: 881
From: Ferdinando Di Cesare
Date: mar gen 15, 2002 6.36
Group: Visus
Message: 882
Subject: R: ...Da un assiduo lettore silenzioso...
From: maurizio cagnoli
Date: mer gen 16, 2002 9.20
Group: Visus
Message: 883
Subject: Off-topic Fuori-tema FW: Teoria DNTH
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 12.50
Group: Visus
Subject: FW: Stampa tabelle
Message: 884
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 12.50
Group: Visus
Subject: RE: A passeggio senza occhiali
Message: 885
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 1.25
Group: Visus
Subject: RE: Ma questa luce?
Message: 886
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 1.35
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 238
Message: 887
From: Giuseppe Lapenta
Date: dom gen 20, 2002 4.49
Group: Visus
Subject: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 888
From: ideamatic1
Date: lun gen 21, 2002 9.52
Group: Visus
Subject: FW: Degenerazione retina.
Message: 889
From: skyrunner
Date: lun gen 21, 2002 11.12
Group: Visus
Subject: R: Digest Number 238
Message: 890
From: maurizio cagnoli
Date: dom gen 20, 2002 11.20
Group: Visus
Subject: R: Digest Number 238
Message: 891
From: stefano caldiron
Date: lun gen 21, 2002 2.04
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 892
From: Domenico Intelisano
Date: lun gen 21, 2002 4.37
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 893
From: skyrunner
Date: lun gen 21, 2002 5.06
Group: Visus
Subject: VISUS VISITA PATENTE
Message: 894
From: Ivan Ferrari
Date: lun gen 21, 2002 6.29
Group: Visus
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 895
From: maurizio cagnoli
Date: lun gen 21, 2002 12.38
Group: Visus
Subject: R: R: Digest Number 238
Message: 896
From: maurizio cagnoli
Date: lun gen 21, 2002 1.09
Group: Visus
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 897
From: Ivan Ferrari
Date: mar gen 22, 2002 7.53
Group: Visus
Message: 898
Subject: risposta Re: articolo su io-donna 19/1/02
From: Carlo Masci
Date: mar gen 22, 2002 7.56
Group: Visus
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 899
From: Ivan Ferrari
Date: mar gen 22, 2002 7.58
Group: Visus
Subject: Fw: R: Digest Number 238
Message: 900
From: Scavi Tasin
Date: mar gen 22, 2002 8.22
Group: Visus
Subject: Re: Fw: R: Digest Number 238
Message: 901
From: Bruno Badiali
Date: mar gen 22, 2002 10.45
Group: Visus
Subject: Re: Fw: R: Digest Number 238
Message: 902
From: Scavi Tasin
Date: mar gen 22, 2002 10.33
Group: Visus
Subject: R: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 903
From: maurizio cagnoli
Date: mar gen 22, 2002 3.10
Group: Visus
Subject: R: R: Digest Number 238
Message: 904
From: maurizio cagnoli
Date: mar gen 22, 2002 3.14
Group: Visus
Subject: Re: R: Digest Number 238
Message: 905
From: Scavi Tasin
Date: mar gen 22, 2002 11.00
Group: Visus
Subject: South Park
Message: 906
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mar gen 22, 2002 11.18
Group: Visus
Subject: RE: VISUS VISITA PATENTE
Message: 907
From: skyrunner
Date: mer gen 23, 2002 12.32
Group: Visus
Message: 908
From: Ivan Ferrari
Date: mer gen 23, 2002 9.08
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
Group: Visus
Subject: RE: VISUS VISITA PATENTE
Message: 909
From: skyrunner
Date: mer gen 23, 2002 11.11
Group: Visus
Message: 910
Subject: Noi siamo i soli artefici della nostra vita.
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
Group: Visus
Message: 911
Subject: RE: buena vista update + libro corbett
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
Group: Visus
Message: 912
Subject: RE: la mente in modalità pre-chiusura
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
Group: Visus
Subject: RE: domanda laconica di un "nuovo"
Message: 913
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 914
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.43
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
Message: 915
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.44
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 916
From: Domenico Intelisano
Date: ven gen 25, 2002 10.37
Group: Visus
Message: 917
From: skyrunner
Subject: Entare pure! Lo spettacolo della vostra vita è gratis! (Era:RE: Come eseguo le tecnice di bates? )
Date: ven gen 25, 2002 6.17
Group: Visus
Subject: R: corbett
Message: 918
From: maurizio cagnoli
Date: ven gen 25, 2002 10.56
Group: Visus
Subject: RE: corbett
Message: 919
From: skyrunner
Date: ven gen 25, 2002 8.06
Group: Visus
Subject: Universo olografico
Message: 920
From: michele_amato2000
Date: sab gen 26, 2002 8.07
Group: Visus
Message: 921
From: stefano caldiron
Subject: R: Entare pure! Lo spettacolo della vostra vita è gratis! (Era:RE: Come eseguo le tecnice di bates? )
Date: lun gen 28, 2002 8.55
Group: Visus
Message: 922
From: Clouds Ruffler
Subject: Re: R:__Entare_pure!_Lo_spettacolo_della_vostra_vita_?gratis!_(Era:RE:_Come_eseguo_le_tecnice_di_bates?_)
Date: lun gen 28, 2002 7.35
Group: Visus
Subject: Re: Fwd: Accomotrack
Message: 923
From: maurizio cagnoli
Date: lun gen 28, 2002 10.28
Group: Visus
Subject: mosche volanti
Message: 924
From: franco
Date: mar gen 29, 2002 9.12
Group: Visus
Subject: Re: mosche volanti
Message: 925
From: ideamatic1
Date: mer gen 30, 2002 10.27
Group: Visus
Message: 926
From: [email protected]
Subject: Re: R: Entare pure! Lo spettacolo della vostra vita è gratis! (Era:RE: Come eseguo le tecnice di bates? )
Date: mer gen 30, 2002 7.23
Group: Visus
Subject: Promessa mantenuta
Message: 927
From: maurizio cagnoli
Date: gio gen 31, 2002 7.45
Group: Visus
Subject: Fw: Allarme cancro
Message: 928
From: Marzia Danelutti
Date: mar feb 05, 2002 9.47
Group: Visus
Subject: Allarme cancro
Message: 929
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mar feb 05, 2002 7.05
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 252
Message: 930
From: Giuseppe Lapenta
Date: mar feb 05, 2002 5.10
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 252
Message: 931
From: Marzia Danelutti
Date: mer feb 06, 2002 9.59
Group: Visus
Subject: Re: Promessa mantenuta
Message: 932
From: skyrunner
Date: mer feb 06, 2002 5.41
Group: Visus
Subject: Come mi immagino Zio Sky...
Message: 933
From: skyrunner
Date: mer feb 06, 2002 5.41
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 934
From: skyrunner
Date: mer feb 06, 2002 5.41
Group: Visus
Subject: Re: Fwd: Accomotrack
Message: 935
From: skyrunner
Date: mer feb 06, 2002 5.41
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 252
Message: 936
From: Morgwaise
Date: ven feb 01, 2002 6.23
Group: Visus
Subject: R: Re: Fwd: Accomotrack
Message: 937
From: skyrunner
Date: gio feb 07, 2002 12.28
Group: Visus
Subject: Re: R: Fw: Allarme cancro
Message: 938
From: Bruno Badiali
Date: gio feb 07, 2002 11.36
Group: Visus
Subject: SLS
Message: 939
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio feb 07, 2002 2.18
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 940
From: franco
Date: gio feb 07, 2002 5.42
Group: Visus
Subject: Rif: R: Fw: Allarme cancro
Message: 941
From: [email protected]>
Date: gio feb 07, 2002 11.50
Group: Visus
Subject: subscribe
Message: 942
From: Giardina luciano
Date: ven feb 08, 2002 3.53
Group: Visus
Subject: R: SLS
Message: 943
From: skyrunner
Date: lun feb 18, 2002 7.23
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 944
From: skyrunner
Date: lun feb 18, 2002 7.23
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 945
From: skyrunner
Date: lun feb 18, 2002 7.23
Group: Visus
Subject: R: R: Fw: Allarme cancro
Message: 946
From: skyrunner
Date: lun feb 18, 2002 7.23
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 947
From: franco
Date: lun feb 18, 2002 9.13
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 948
From: franco
Date: lun feb 18, 2002 9.14
Group: Visus
Subject: R: SLS
Message: 949
From: stefano caldiron
Date: mar feb 19, 2002 8.22
Group: Visus
Message: 950
Subject: I leopardi che saltano oltre la siepe...
From: cloudsruffler
Date: mer feb 20, 2002 7.56
Group: Visus
Subject: Lettura caratteri minuscoli
Message: 951
From: andreabalocchi
Date: lun feb 25, 2002 4.58
Group: Visus
Subject: Chiedo consigli
Message: 952
From: Jessica Tollin
Date: mar feb 26, 2002 1.24
Group: Visus
Message: 953
Subject: R: Lettura caratteri minuscoli / Convegno di firenze
From: maurizio cagnoli
Date: mar feb 26, 2002 4.33
Group: Visus
Subject: Re: Chiedo consigli
Message: 954
From: Domenico Intelisano
Date: gio feb 28, 2002 11.37
Group: Visus
Subject: Re: Lettura caratteri minuscoli
Message: 955
From: Domenico Intelisano
Date: gio feb 28, 2002 11.37
Group: Visus
Subject: Re: Chiedo consigli
Message: 956
From: Jessica Tollin
Date: gio feb 28, 2002 3.04
Group: Visus
Subject: bambini
Message: 957
From: [email protected]>
Date: sab mar 02, 2002 6.17
Group: Visus
Subject: R: bambini
Message: 958
From: Roberto Amenta
Date: sab mar 02, 2002 10.31
Group: Visus
Subject: undici capitoli di Silvio Caggia
Message: 959
From: ideamatic1
Date: mer mar 06, 2002 2.57
Group: Visus
Message: 960
Subject: conferenza degli educatori visivi a firenze 19 Maggio
From: maurizio cagnoli
Date: mer mar 06, 2002 12.51
Group: Visus
Subject: consigli
Message: 961
From: FABRIZIO
Date: ven dic 21, 2001 11.07
Group: Visus
Subject: R: undici capitoli di Silvio Caggia
Message: 962
From: Roberto Amenta
Date: mer mar 06, 2002 9.52
Group: Visus
Subject: infinito
Message: 963
From: Barbara Pizzichelli
Date: gio mar 07, 2002 12.21
Group: Visus
Subject: R: Chiedo consigli
Message: 965
From: cloudsruffler
Date: gio mar 07, 2002 8.56
Group: Visus
Subject: R: infinito
Message: 966
From: skyrunner
Date: gio mar 07, 2002 9.07
Group: Visus
Subject: R: Lettura caratteri minuscoli
Message: 967
From: cloudsruffler
Date: gio mar 07, 2002 8.12
Group: Visus
Subject: R: bambini
Message: 968
From: cloudsruffler
Date: gio mar 07, 2002 9.01
Group: Visus
Subject: R: undici capitoli di Silvio Caggia
Message: 969
From: skyrunner
Date: ven mar 08, 2002 5.21
Group: Visus
Subject: Spinaci (luteina) e retinopatie
Message: 970
From: skyrunner
Date: ven mar 08, 2002 5.22
Group: Visus
Subject: (Nessun oggetto)
Message: 971
From: Rocco Bovino
Date: dom mar 10, 2002 10.20
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 12
Message: 972
From: s_caggia
Date: ven mar 15, 2002 6.10
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 13
Message: 973
From: s_caggia
Date: lun mar 18, 2002 2.54
Group: Visus
Subject: R: La mia storia - Capitolo 13
Message: 974
From: maurizio cagnoli
Date: lun mar 18, 2002 10.30
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 14
Message: 975
From: s_caggia
Date: mar mar 19, 2002 6.43
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 15
Message: 976
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio mar 28, 2002 9.39
Group: Visus
Subject: Operazione
Message: 977
From: FRANCO BRACALONI
Date: gio mar 28, 2002 4.43
Group: Visus
Subject: R: Operazione
Message: 978
From: franco
Date: gio mar 28, 2002 8.50
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 15
Message: 979
From: s_caggia
Date: lun mar 25, 2002 7.30
Group: Visus
Subject: Lento ma inesorabile...
Message: 980
From: s_caggia
Date: ven mar 29, 2002 10.49
Group: Visus
Subject: Re: Operazione
Message: 981
From: Domenico Intelisano
Date: ven mar 29, 2002 5.27
Group: Visus
Subject: VisusBooster
Message: 982
From: franco
Date: sab apr 06, 2002 3.33
Group: Visus
Subject: VisusBooster
Message: 983
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: dom apr 07, 2002 3.28
Group: Visus
Message: 984
From: maurizio cagnoli
Subject: Programma definitivo del convegno degli educatori visivi di Firenze 19 Maggio
Date: dom apr 07, 2002 4.31
Group: Visus
Subject: Re: Benvenuto in Visus
From: olent.it
Date: mar apr 09, 2002 12.39
Group: Visus
Message: 986
Subject: R: Orto-K (ossia: "lenti che modificano la cornea") - Luuungo!!!
From: cloudsruffler
Date: mar apr 09, 2002 6.20
Group: Visus
Subject: R: Re: Benvenuto in Visus
Message: 987
From: maurizio cagnoli
Date: mer apr 10, 2002 2.10
Group: Visus
Subject: Istruzioni Visus
Message: 988
From: skyrunner
Date: mer apr 10, 2002 11.58
Group: Visus
Subject: Re: Benvenuto in Visus
Message: 989
From: olent.it
Date: mer apr 10, 2002 8.21
Group: Visus
Subject: R: Istruzioni Visus
Message: 990
From: maurizio cagnoli
Date: mer apr 10, 2002 12.00
Group: Visus
Message: 991
Subject: I: R: R: Orto-K (ossia: "lenti che modificano la cornea") - Luuungo!!!
From: maurizio cagnoli
Date: gio apr 11, 2002 10.11
Group: Visus
Message: 992
Subject: Re: R: Orto-K (ossia: "lenti che modificano la cornea") - Luuungo!!!
From: olent.it
Date: gio apr 11, 2002 7.39
Group: Visus
Subject: Altro forum italiano di NVI.
Message: 993
From: skyrunner
Date: dom apr 14, 2002 7.02
Group: Visus
Subject: secondo attacco di Matteo Piovella
Message: 994
From: olent.it
Date: lun apr 15, 2002 10.16
Group: Visus
Subject: Orto-k
Message: 995
From: Erio Calderara
Date: mer apr 17, 2002 11.19
Group: Visus
Subject: RECUPERO vista
Message: 996
From: mauro biosx
Date: ven apr 19, 2002 3.47
Group: Visus
Subject: Re: RECUPERO vista
Message: 997
From: olent.it
Date: ven apr 19, 2002 8.48
Group: Visus
Subject: R:
Message: 998
From: maurizio cagnoli
Date: ven apr 19, 2002 1.44
Group: Visus
Subject: Re: RECUPERO vista
Message: 999
From: mauro biosx
Date: lun apr 22, 2002 9.47
Group: Visus
Subject: Re: Schiarire gli occhi
Message: 1000
From: Alberto Tidu
Date: mar apr 23, 2002 2.13
Group: Visus
Subject: Ogg: Schiarire gli occhi
Message: 1001
From: s_caggia
Date: mar apr 23, 2002 2.27
Group: Visus
Subject: R: Schiarire gli occhi
Message: 1002
From: FRANCO BRACALONI
Date: mar apr 23, 2002 3.34
Group: Visus
Subject: R: Schiarire gli occhi
Message: 1003
From: skyrunner
Date: mar apr 23, 2002 3.44
Group: Visus
Subject: Vincere... Vincere?
Message: 1004
From: skyrunner
Date: mar apr 23, 2002 3.51
Group: Visus
Subject: R: RECUPERO vista
Message: 1005
From: cloudsruffler
Date: mar apr 23, 2002 3.54
Group: Visus
Subject: il libro di bates
Message: 1006
From: smile_boyit
Date: mar apr 23, 2002 5.57
Group: Visus
Subject: Ogg: RECUPERO vista
Message: 1007
From: smile_boyit
Date: mar apr 23, 2002 5.45
Group: Visus
Subject: Tecniche Bates (era: il libro di bates)
Message: 1008
From: skyrunner
Date: mar apr 23, 2002 7.58
Group: Visus
Subject: Re: Orto-k
Message: 1009
From: olent.it
Date: mar apr 23, 2002 8.05
Group: Visus
Subject: New file uploaded to Visus
Message: 1010
From: [email protected]
Date: mar apr 23, 2002 8.07
Group: Visus
Subject: Rif: Re: Schiarire gli occhi
Message: 1011
From: [email protected]>
Date: mer apr 24, 2002 1.39
Group: Visus
Message: 1012
Subject: Ogg: Tecniche Bates (era: il libro di bates)
From: smile_boyit
Date: mer apr 24, 2002 9.55
Group: Visus
From: BONFANTI GIANCARLO
Date: gio apr 25, 2002 9.45
Message: 985
Message: 1013
Subject: Orto-K.
Group: Visus
Subject: I: Orto-k
Message: 1014
From: Erio Calderara
Date: gio apr 25, 2002 7.36
Group: Visus
Subject: Re: I: Orto-k
Message: 1015
From: depetris
Date: lun apr 29, 2002 11.40
Group: Visus
Subject: Re: I: Orto-k
Message: 1016
From: olent.it
Date: lun apr 29, 2002 7.35
Group: Visus
Subject: Re: La visione è tutta nella mente.
Message: 1017
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.12
Group: Visus
Message: 1018
Subject: Re: Tecniche Bates (era: il libro di bates)
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.12
Group: Visus
Subject: Re: RECUPERO vista
Message: 1019
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.31
Group: Visus
Subject: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1020
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.06
Group: Visus
Subject: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1021
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.16
Group: Visus
Subject: Re: RECUPERO vista
Message: 1022
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.12
Group: Visus
Subject: I: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1023
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.32
Group: Visus
Subject: Re: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1024
From: Domenico Intelisano
Date: mar apr 30, 2002 4.24
Group: Visus
Subject: R: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1025
From: franco
Date: mar apr 30, 2002 10.12
Group: Visus
Message: 1026
Subject: Re: Re:_La_visione_è_tutta_nella_mente.
From: rosalba canelli
Date: gio mag 02, 2002 10.25
Group: Visus
Message: 1027
Subject: Iridologia (era Re: Schiarire gli occhi)
From: skyrunner
Date: ven mag 03, 2002 2.26
Group: Visus
Message: 1028
Subject: Re: Re:_La_visione_è_tutta_nella_mente.
From: olent.it
Date: ven mag 03, 2002 3.03
Group: Visus
Subject: astigmatismo
Message: 1029
From: Guido
Date: ven mag 03, 2002 6.39
Group: Visus
Subject: Re: astigmatismo
Message: 1030
From: Domenico Intelisano
Date: sab mag 04, 2002 10.25
Group: Visus
Subject: Differenza sera-mattino
Message: 1031
From: mauri_ve64
Date: lun mag 06, 2002 10.55
Group: Visus
Message: 1032
From: skyrunner
Subject: Natural Vision Improvement versus Visual Training (NVI Vs. VTS - Era Accomotrac a Cagliari? No grazie)
Date: ven mag 10, 2002 7.28
Group: Visus
Subject: R: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1033
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.47
Group: Visus
Message: 1034
Subject: R: Re:_La_visione_è_tutta_nella_mente.
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.47
Group: Visus
Subject: R: astigmatismo
Message: 1035
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.52
Group: Visus
Subject: R: Differenza sera-mattino
Message: 1036
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.52
Group: Visus
Subject: Biografia di Bates
Message: 1037
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.54
Group: Visus
Subject: Re: Biografia di Bates
Message: 1038
From: Ven Peter
Date: sab mag 11, 2002 6.27
Group: Visus
Subject: R: Biografia di Bates
Message: 1039
From: skyrunner
Date: dom mag 12, 2002 12.54
Group: Visus
Subject: Ogg: Differenza sera-mattino
Message: 1040
From: ideamatic1
Date: mer mag 15, 2002 12.29
Group: Visus
Subject: Convegno di Firenze
Message: 1041
From: maurizio cagnoli
Date: lun mag 27, 2002 7.50
Group: Visus
Subject: R: Digest Number 292
Message: 1042
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mar mag 28, 2002 3.57
Group: Visus
Subject: R: Convegno di Firenze
Message: 1043
From: maurizio cagnoli
Date: mar mag 28, 2002 7.53
Group: Visus
Subject: Re: R: Convegno di Firenze
Message: 1044
From: [email protected]
Date: gio mag 30, 2002 11.24
Group: Visus
Subject: Fenomeni in caso di presbiopia
Message: 1045
From: stefano caldiron
Date: gio mag 30, 2002 5.19
Group: Visus
Subject: chiudere gli occhi = rilassarli ?
Message: 1046
From: Silver
Date: dom giu 02, 2002 2.40
Group: Visus
Subject: R: chiudere gli occhi = rilassarli ?
Message: 1047
From: maurizio cagnoli
Date: lun giu 03, 2002 12.20
Group: Visus
Subject: sul palming
Message: 1048
From: Silver
Date: lun giu 03, 2002 10.03
Group: Visus
Subject: R: sul palming
Message: 1049
From: maurizio cagnoli
Date: mar giu 04, 2002 2.44
Group: Visus
Message: 1050
Subject: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: skyrunner
Date: gio giu 06, 2002 2.31
Group: Visus
Message: 1051
Subject: Re: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: rosalba canelli
Date: gio giu 06, 2002 11.39
Group: Visus
Message: 1052
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: skyrunner
Date: gio giu 06, 2002 12.35
Group: Visus
Message: 1053
Subject: Commento sulla relazione di Skyrunner: sei un "big"!
From: Guido
Date: gio giu 06, 2002 5.03
Group: Visus
Message: 1054
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: maurizio cagnoli
Date: gio giu 06, 2002 6.39
Group: Visus
Message: 1055
Subject: Re: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: [email protected]
Date: ven giu 07, 2002 3.07
Group: Visus
Subject: Dare una mano
Message: 1056
From: maurizio cagnoli
Date: dom giu 09, 2002 6.05
Group: Visus
Subject: Metodo Bates: il core concept
Message: 1057
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: lun giu 10, 2002 12.17
Group: Visus
Message: 1058
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: BRANCALEONE FABRIZIO
Date: mar giu 11, 2002 9.01
Group: Visus
Subject: Re: Dare una mano
Message: 1059
From: rosalba canelli
Date: mar giu 11, 2002 10.49
Group: Visus
Subject: Clear flash?????
Message: 1061
From: tollin jessica
Date: mar giu 11, 2002 6.41
Group: Visus
Subject: R:
Message: 1062
From: maurizio cagnoli
Date: mar giu 11, 2002 6.53
Group: Visus
Subject: Microcaratteri
Message: 1063
From: Guido
Date: mar giu 11, 2002 5.34
Group: Visus
Message: 1064
Subject: R: Commento sulla relazione di Skyrunner: sei un "big"!
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Group: Visus
Message: 1065
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Group: Visus
Subject: R: Metodo Bates: il core concept
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Group: Visus
Message: 1067
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Group: Visus
Message: 1068
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Group: Visus
Subject: R: Clear flash?????
Message: 1069
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Group: Visus
Subject: R: Microcaratteri
Message: 1070
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Group: Visus
Subject: Ancora sul convegno di Firenze
Message: 1071
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.49
Group: Visus
Subject: Re: Clear flash e fumetti
Message: 1072
From: Guido
Date: mer giu 12, 2002 8.41
Group: Visus
Message: 1073
Subject: Re: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: [email protected]
Date: mer giu 12, 2002 2.53
Group: Visus
Subject: cause "emozionali"
Message: 1074
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio giu 13, 2002 2.26
Group: Visus
Subject: Fumetti
Message: 1075
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio giu 13, 2002 2.40
Group: Visus
Subject: Programma Fine Print
Message: 1076
From: Guido
Date: gio giu 13, 2002 8.26
Group: Visus
Subject: Cause emozionali??
Message: 1077
From: Guido
Date: gio giu 13, 2002 3.43
Group: Visus
Subject: L''arte di leggere
Message: 1078
From: Guido
Date: gio giu 13, 2002 3.52
Group: Visus
Message: 1079
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: Caterina Polini
Date: gio giu 13, 2002 5.47
Group: Visus
Message: 1080
Subject: I: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: Caterina Polini
Date: gio giu 13, 2002 5.51
Group: Visus
Subject: Re: Re: Clear flash e fumetti
Message: 1081
From: stefano caldiron
Date: ven giu 14, 2002 8.43
Group: Visus
Subject: Ogg: Clear flash e fumetti
Message: 1082
From: s_caggia
Date: ven giu 14, 2002 12.28
Group: Visus
Subject: Re: Fumetti
Message: 1083
From: Guido
Date: ven giu 14, 2002 10.20
Message: 1066
Group: Visus
Subject: R: Re: Fumetti
Message: 1084
From: Caterina Polini
Date: ven giu 14, 2002 8.32
Group: Visus
Subject: Pazienza
Message: 1085
From: Caterina Polini
Date: ven giu 14, 2002 8.49
Group: Visus
Message: 1086
Subject: CERCA TERAPEUTI DI MEDICINA NATURALE
From: retovital
Date: sab giu 15, 2002 12.41
Group: Visus
Message: 1087
Subject: R: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: maurizio cagnoli
Date: sab giu 15, 2002 9.12
Group: Visus
Subject: I: cause "emozionali"
Message: 1088
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: ven giu 14, 2002 11.56
Group: Visus
Subject: Re: Pazienza
Message: 1089
From: rosalba canelli
Date: lun giu 17, 2002 10.56
Group: Visus
Message: 1090
Subject: CERCA TERAPEUTI ISCRIZIONI GRATIS
From: i_reto
Date: lun giu 17, 2002 5.46
Group: Visus
Subject: clear flash e caratteri piccolissimi
Message: 1091
From: BRANCALEONE FABRIZIO
Date: mar giu 18, 2002 9.30
Group: Visus
Subject: RAPID READING
Message: 1092
From: BRANCALEONE FABRIZIO
Date: mar giu 18, 2002 9.30
Group: Visus
Subject: R: Programma Fine Print
Message: 1093
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
Group: Visus
Subject: R: Fumetti
Message: 1094
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
Group: Visus
Subject: R: cause "emozionali"
Message: 1095
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
Group: Visus
Message: 1096
Subject: R: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
Group: Visus
Subject: Scommessa per miopi
Message: 1097
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mer giu 19, 2002 11.03
Group: Visus
Subject: Re: Scommessa per miopi
Message: 1098
From: [email protected]
Date: gio giu 20, 2002 9.00
Group: Visus
Subject: precisazioni
Message: 1099
From: Bruno Badiali
Date: gio giu 20, 2002 9.40
Group: Visus
Subject: Esperimenti
Message: 1100
From: Guido
Date: gio giu 20, 2002 8.53
Group: Visus
Subject: Ogg: Scommessa per miopi
Message: 1101
From: s_caggia
Date: gio giu 20, 2002 6.21
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: Scommessa per miopi
Message: 1102
From: [email protected]
Date: ven giu 21, 2002 9.49
Group: Visus
Subject: Aspartame and the Eye
Message: 1103
From: Bruno Badiali
Date: ven giu 21, 2002 10.38
Group: Visus
Message: 1104
Subject: buena vista update edizione speciale x visus
From: maurizio cagnoli
Date: ven giu 21, 2002 5.39
Group: Visus
Subject: Alice, risposta a Caterina
Message: 1105
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 12.40
Group: Visus
Subject: R: clear flash e caratteri piccolissimi
Message: 1106
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 1.21
Group: Visus
Subject: R: Cause emozionali??
Message: 1107
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 1.36
Group: Visus
Subject: R: L''arte di leggere
Message: 1108
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 1.44
Group: Visus
Subject: Uscita temporanea da Visus
Message: 1109
From: michele_amato2000
Date: sab giu 22, 2002 5.28
Group: Visus
Subject: R: Uscita temporanea da Visus
Message: 1110
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 5.56
Group: Visus
Subject: Lettura veloce (era RAPID READING)
Message: 1111
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 11.45
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
Message: 1112
From: maurizio cagnoli
Date: sab giu 22, 2002 9.37
Group: Visus
Message: 1113
Subject: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: s p l e e n
Date: lun giu 24, 2002 9.40
Group: Visus
Message: 1114
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: stefano caldiron
Date: lun giu 24, 2002 10.04
Group: Visus
Subject: Caratteri piccolissimi e clear flash 2
From: Brancaleone Fabrizio
Date: mar giu 25, 2002 7.53
Group: Visus
Message: 1116
Subject: R: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: maurizio cagnoli
Date: mar giu 25, 2002 4.38
Group: Visus
Message: 1117
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: Antonio
Date: mar giu 25, 2002 8.16
Group: Visus
From: [email protected]
Date: mer giu 26, 2002 9.43
Message: 1115
Message: 1118
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
Group: Visus
Message: 1119
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: Visione & Benessere
Date: mer giu 26, 2002 9.47
Group: Visus
Message: 1120
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: stefano caldiron
Date: mer giu 26, 2002 10.23
Group: Visus
Message: 1121
Subject: Ogg: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: ideamatic1
Date: mer giu 26, 2002 10.25
Group: Visus
Subject: R: Pazienza
Message: 1122
From: Caterina Polini
Date: mar giu 25, 2002 11.29
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
Message: 1123
From: Caterina Polini
Date: mer giu 26, 2002 10.26
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
Message: 1124
From: Caterina Polini
Date: mer giu 26, 2002 10.26
Group: Visus
Message: 1125
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: Antonio
Date: mer giu 26, 2002 2.36
Group: Visus
Message: 1126
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: [email protected]
Date: mer giu 26, 2002 2.55
Group: Visus
Message: 1127
Subject: Appello ARPC (Associazione Ricerca Prevenzione Cancro)
From: napoleta
Date: gio giu 27, 2002 5.01
Group: Visus
Message: 1128
Subject: Avviso - Anniversario due anni di Visus
From: [email protected]
Date: sab giu 29, 2002 12.02
Group: Visus
Message: 1129
Subject: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: BONFANTI GIANCARLO
Date: lun lug 01, 2002 9.27
Group: Visus
Message: 1130
Subject: Ogg: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: ideamatic1
Date: lun lug 01, 2002 10.57
Group: Visus
Message: 1131
Subject: R: Ogg: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: BONFANTI GIANCARLO
Date: lun lug 01, 2002 11.37
Group: Visus
Message: 1132
Subject: R: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: maurizio cagnoli
Date: lun lug 01, 2002 4.17
Group: Visus
Message: 1133
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: Caterina Polini
Date: lun lug 01, 2002 2.44
Group: Visus
Subject: I: Programma Fine Print
Message: 1134
From: skyrunner
Date: dom lug 07, 2002 12.59
Group: Visus
Subject: Anniversario due anni di Visus
Message: 1135
From: skyrunner
Date: dom lug 07, 2002 1.05
Group: Visus
Subject: chi sono e...come faccio?
Message: 1136
From: Cristina Franzoni
Date: dom lug 07, 2002 5.41
Group: Visus
Subject: R: I: Programma Fine Print
Message: 1137
From: Caterina Polini
Date: lun lug 08, 2002 2.05
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
Message: 1138
From: skyrunner
Date: mar lug 09, 2002 4.07
Group: Visus
Message: 1139
Subject: R: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: skyrunner
Date: mar lug 09, 2002 4.07
Group: Visus
Message: 1140
From: skyrunner
Subject: Latte e cereali? No grazie (Era R: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione)- Lungo
Date: mar lug 09, 2002 4.41
Group: Visus
Subject: New file uploaded to Visus
Message: 1141
From: [email protected]
Date: mar lug 09, 2002 4.50
Group: Visus
Subject: Latte 2
Message: 1142
From: skyrunner
Date: mar lug 09, 2002 4.50
Group: Visus
Subject: Re: New file uploaded to Visus
Message: 1143
From: Silver
Date: mar lug 09, 2002 5.14
Group: Visus
Subject: latte e cereali
Message: 1144
From: stradaioli
Date: mar lug 09, 2002 6.51
Group: Visus
Subject: Re: New file uploaded to Visus
Message: 1145
From: Bruno Badiali
Date: mer lug 10, 2002 9.30
Group: Visus
Message: 1146
Subject: R: Ogg: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: ideamatic1
Date: mer lug 10, 2002 9.46
Group: Visus
Message: 1147
Subject: Ogg: Posso dire la mia su latte e cereali?
From: ideamatic1
Date: mer lug 10, 2002 11.04
Group: Visus
Message: 1148
Subject: R: Ogg: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: BONFANTI GIANCARLO
Date: mer lug 10, 2002 12.45
Group: Visus
Message: 1149
Subject: Re:New file: non mi sembra il caso di polemizzare
From: Ermanno Lucchini
Date: mer lug 10, 2002 1.24
Group: Visus
Subject: Occhiali da Sole colorati
Message: 1150
From: Silver
Date: mer lug 10, 2002 2.34
Group: Visus
Subject: Ogg: latte e cereali
Message: 1151
From: jaxtojax
Date: mer lug 10, 2002 2.49
From: Bruno Badiali
Date: mer lug 10, 2002 3.41
Group: Visus
Message: 1152
Subject: Re: Re:New file: non mi sembra il caso di polemizzare
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: latte e cereali
Message: 1153
From: [email protected]
Date: mer lug 10, 2002 4.54
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: latte e cereali
Message: 1154
From: stefano caldiron
Date: gio lug 11, 2002 10.35
Group: Visus
Subject: Re: Occhiali da Sole colorati
Message: 1155
From: Bruno Badiali
Date: gio lug 11, 2002 10.43
Group: Visus
Subject: 11 fatti degni di nota sul numero 11
Message: 1156
From: i_reto
Date: gio lug 11, 2002 12.42
Group: Visus
Subject: Latte e cereali
Message: 1157
From: stradaioli
Date: gio lug 11, 2002 1.38
Group: Visus
Subject: Re: Occhiali da Sole colorati
Message: 1158
From: Silver
Date: gio lug 11, 2002 2.13
Group: Visus
Subject: R: Occhiali da Sole colorati
Message: 1159
From: maurizio cagnoli
Date: gio lug 11, 2002 7.25
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: latte e cereali
Message: 1160
From: alda
Date: gio lug 11, 2002 3.49
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: latte e cereali
Message: 1161
From: stefano caldiron
Date: gio lug 11, 2002 4.06
Group: Visus
Subject: R: Latte 2
Message: 1162
From: Caterina Polini
Date: dom lug 14, 2002 11.28
Group: Visus
Subject: R: New file uploaded to Visus
Message: 1163
From: Caterina Polini
Date: dom lug 14, 2002 5.21
Group: Visus
Subject: Re: New file uploaded to Visus
Message: 1164
From: alda
Date: dom lug 14, 2002 8.57
Group: Visus
Subject: Snellen: che palle!!
Message: 1165
From: Guido
Date: lun lug 15, 2002 4.43
Group: Visus
Subject: Re: Snellen: che palle!!
Message: 1166
From: Bruno Badiali
Date: lun lug 15, 2002 5.43
Group: Visus
Subject: R: Snellen: che palle!!
Message: 1167
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: lun lug 15, 2002 7.39
Group: Visus
Subject: R: Snellen: che palle!!
Message: 1168
From: maurizio cagnoli
Date: lun lug 15, 2002 12.42
Group: Visus
Subject: Re: Snellen: che palle!!
Message: 1169
From: Visione & Benessere
Date: mar lug 16, 2002 12.30
Group: Visus
Message: 1170
From: Visione & Benessere
Subject: Re: Latte e cereali? No grazie (Era R: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione)- Lungo
Date: mar lug 16, 2002 12.37
Group: Visus
Subject: Severson etc
Message: 1171
From: [email protected]
Date: mar lug 16, 2002 1.23
Group: Visus
Subject: Latte 2
Message: 1172
From: [email protected]
Date: mar lug 16, 2002 1.38
Group: Visus
Subject: RE: Snellen: che palle!!
Message: 1173
From: [email protected]
Date: mar lug 16, 2002 1.42
Group: Visus
Subject: candida
Message: 1174
From: [email protected]
Date: mar lug 16, 2002 1.49
Group: Visus
Subject: R: Severson etc
Message: 1175
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mar lug 16, 2002 1.55
Group: Visus
Subject: per Giada
Message: 1176
From: Caterina Polini
Date: mar lug 16, 2002 4.29
Group: Visus
Subject: articolo interessante
Message: 1177
From: Caterina Polini
Date: mar lug 16, 2002 4.37
Group: Visus
Subject: R: articolo interessante
Message: 1178
From: maurizio cagnoli
Date: mar lug 16, 2002 12.50
Group: Visus
Subject: RE: per Giada
Message: 1179
From: [email protected]
Date: mar lug 16, 2002 11.11
Group: Visus
Subject: Lampade alogene
Message: 1180
From: simone_xjm
Date: mer lug 17, 2002 10.22
Group: Visus
Subject: La banda dello Snellen ;-)
Message: 1181
From: Guido
Date: mer lug 17, 2002 12.21
Group: Visus
Subject: La banda dello Snellen 2 ;-)
Message: 1182
From: Guido
Date: mer lug 17, 2002 3.13
Group: Visus
Subject: La banda dello Snellen 3 ;-)
Message: 1183
From: Guido
Date: mer lug 17, 2002 3.22
Group: Visus
Subject: R: La banda dello Snellen ;-)
Message: 1184
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mer lug 17, 2002 5.54
Group: Visus
Subject: Re: La banda dello Snellen 2 ;-)
Message: 1185
From: Visione & Benessere
Date: mer lug 17, 2002 5.08
Group: Visus
Subject: sono nuovo nel gruppo
Message: 1186
From: danhill53
Date: gio lug 18, 2002 5.45
Group: Visus
Subject: R: per Giada
Message: 1187
From: Caterina Polini
Date: gio lug 18, 2002 9.57
Group: Visus
Subject: R: Lampade alogene
Message: 1188
From: Caterina Polini
Date: gio lug 18, 2002 10.01
Group: Visus
Subject: R: sono nuovo nel gruppo
Message: 1189
From: Caterina Polini
Date: gio lug 18, 2002 10.06
Group: Visus
Subject: Re: sono nuovo nel gruppo
Message: 1190
From: Bruno Badiali
Date: ven lug 19, 2002 9.19
Group: Visus
Subject: Re: sono nuovo nel gruppo
Message: 1191
From: stefano caldiron
Date: ven lug 19, 2002 8.50
Group: Visus
Subject: Meir Schneider e Riccardo Olent
Message: 1192
From: Caterina Polini
Date: mar lug 23, 2002 3.19
Group: Visus
Subject: Re: Meir Schneider e Riccardo Olent
Message: 1193
From: olent.it
Date: mar lug 23, 2002 7.19
Group: Visus
Subject: Re: Meir Schneider e Riccardo Olent
Message: 1194
From: maurizio cagnoli
Date: mar lug 23, 2002 12.39
Group: Visus
Subject: R: Meir Schneider e Riccardo Olent
Message: 1195
From: Caterina Polini
Date: mer lug 24, 2002 3.28
Group: Visus
Subject: Come e cosa cercate?
Message: 1196
From: i_reto
Date: ven lug 26, 2002 2.31
Group: Visus
Subject: Re: Come e cosa cercate?
Message: 1197
From: Bruno Badiali
Date: ven lug 26, 2002 5.39
Group: Visus
Subject: Esercizio del calendario
Message: 1198
From: folletto_pl
Date: lun lug 29, 2002 1.10
Group: Visus
Subject: Ogg: Esercizio del calendario
Message: 1199
From: simone_xjm
Date: lun lug 29, 2002 4.11
Group: Visus
Subject: Ogg: sono nuovo nel gruppo
Message: 1200
From: smile_boyit
Date: gio ago 01, 2002 10.49
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: sono nuovo nel gruppo
Message: 1201
From: Bruno Badiali
Date: gio ago 01, 2002 11.40
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: sono nuovo nel gruppo
Message: 1202
From: stefano caldiron
Date: gio ago 01, 2002 12.07
Group: Visus
Subject: Ogg: sono nuovo nel gruppo
Message: 1203
From: napoleta
Date: gio ago 01, 2002 4.04
Group: Visus
Subject: Caffè?
Message: 1204
From: Silver
Date: gio ago 01, 2002 9.25
Group: Visus
Subject: R: Ogg: sono nuovo nel gruppo
Message: 1205
From: AMITRANO Pasquale
Date: ven ago 02, 2002 11.16
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: sono nuovo nel gruppo
Message: 1206
From: stefano caldiron
Date: ven ago 02, 2002 11.50
Group: Visus
Subject: Saluti
Message: 1207
From: Loretta
Date: sab ago 03, 2002 5.54
Group: Visus
Subject: Nuovo link
Message: 1208
From: simone_xjm
Date: lun ago 05, 2002 4.47
Group: Visus
Subject: Prismi
Message: 1209
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mer ago 07, 2002 7.57
Group: Visus
Subject: Re: Prismi
Message: 1210
From: maurizio cagnoli
Date: mer ago 07, 2002 1.28
Group: Visus
Subject: (Nessun oggetto)
Message: 1211
From: Ornella Mazzei
Date: gio ago 08, 2002 10.38
Group: Visus
Subject: Re:
Message: 1212
From: Silver
Date: ven ago 09, 2002 1.02
Group: Visus
Subject: Re:
Message: 1213
From: maurizio cagnoli
Date: ven ago 09, 2002 7.56
Group: Visus
Message: 1214
Subject: buena vista update speciale per visus
From: maurizio cagnoli
Date: gio ago 15, 2002 11.10
Group: Visus
Message: 1215
From: antoniobruno5
Subject: Scarica Gratis il programma esami sangue, urine,dizionario medico,calendario di
Date: sab ago 24, 2002 3.27
Group: Visus
Subject: Test scientifici sul metodo Bates.
Message: 1216
From: simone_xjm
Date: mar ago 27, 2002 5.35
Group: Visus
Subject: Re: Test scientifici sul metodo Bates.
Message: 1217
From: maurizio cagnoli
Date: gio ago 29, 2002 3.35
Group: Visus
Message: 1218
Subject: STUDI SCIENTIFICI ED EFFETTO PLACEBO
From: stefano caldiron
Date: gio ago 29, 2002 11.37
Group: Visus
Subject: Ogg: STUDI SCIENTIFICI ...
Message: 1219
From: simone_xjm
Date: gio ago 29, 2002 3.53
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: STUDI SCIENTIFICI ...
Message: 1220
From: stefano caldiron
Date: gio ago 29, 2002 4.58
Group: Visus
Message: 1221
Subject: Ogg: STUDI SCIENTIFICI ...il lamer chiede delucidazione
From: smile_boyit
Date: ven ago 30, 2002 10.38
Group: Visus
From: simone_xjm
Date: ven ago 30, 2002 2.44
Message: 1222
Subject: Ogg: STUDI SCIENTIFICI ...il lamer chiede delucidazione
Group: Visus
Subject: R: Ogg: STUDI SCIENTIFICI ...
Message: 1223
From: Caterina Polini
Date: gio ago 29, 2002 10.45
Group: Visus
Subject: R: Ogg: STUDI SCIENTIFICI
Message: 1224
From: simone_xjm
Date: lun set 02, 2002 2.06
Group: Visus
Subject: Nuovo sondaggio per Visus
Message: 1225
From: [email protected]
Date: lun set 02, 2002 4.30
Group: Visus
Subject: Sondaggio
Message: 1226
From: simone_xjm
Date: lun set 02, 2002 4.46
Group: Visus
Message: 1227
Subject: consulta e pubblica conferenze, manifestazioni e seminari
From: i_reto
Date: mar set 03, 2002 5.08
Group: Visus
Subject: appelli vari
Message: 1228
From: maurizio cagnoli
Date: sab set 07, 2002 8.13
Group: Visus
Subject: Re: appelli vari
Message: 1229
From: Barbara Pizzichelli
Date: sab set 07, 2002 5.02
Group: Visus
Subject: Re: appelli vari
Message: 1230
From: Alberto Borin
Date: sab set 07, 2002 6.33
Group: Visus
Subject: Re: appelli vari
Message: 1231
From: maurizio cagnoli
Date: sab set 07, 2002 4.13
Group: Visus
Subject: Re: appelli vari
Message: 1232
From: maurizio cagnoli
Date: sab set 07, 2002 4.13
Group: Visus
Subject: aggiunte e correzioni
Message: 1233
From: maurizio cagnoli
Date: dom set 08, 2002 5.29
Group: Visus
Subject: R: Ogg: sono nuovo nel gruppo
Message: 1234
From: FRANCO BRACALONI
Date: lun set 09, 2002 6.08
Group: Visus
Message: 1235
Subject: Nota del moderatore: cancellazioni ed altre operazioni sulla mail list.
From: skyrunner
Date: mar set 10, 2002 5.08
Group: Visus
Subject: Nuovo gruppo: NaturAlia
From: skyrunner
Date: mar set 10, 2002 5.08
Group: Visus
Message: 1237
Subject: C''è qualcuno in lista che è arrivato fino in fondo a recuperare la vista ?
From: Evaristo Recalcati
Date: ven ott 04, 2002 1.46
Group: Visus
Message: 1238
Subject: Internaturalis cerca alleanze con Associazioni e Scuole
From: i_reto
Date: lun ott 14, 2002 9.50
Group: Visus
Subject: info
Message: 1239
From: annif
Date: mer ott 16, 2002 10.52
Group: Visus
Subject: Re: info
Message: 1240
From: olent.it
Date: mer ott 16, 2002 8.31
Group: Visus
Subject: R: info
Message: 1241
From: annif
Date: ven ott 18, 2002 4.34
Group: Visus
Subject: cancellato?
Message: 1242
From: Roberto Amenta
Date: mar ott 22, 2002 9.32
Group: Visus
Subject: cancellata?
Message: 1243
From: Valeria Stradaioli
Date: mer ott 23, 2002 11.37
Group: Visus
Subject: Re: cancellato?
Message: 1244
From: maurizio cagnoli
Date: mer ott 23, 2002 4.58
Group: Visus
Subject: Re: cancellato?
Message: 1245
From: Loretta
Date: gio ott 24, 2002 10.35
Group: Visus
Subject: Re: cancellato?
Message: 1246
From: maurizio cagnoli
Date: ven ott 25, 2002 2.47
Group: Visus
Subject: Re: Saluti
Message: 1247
From: maurizio cagnoli
Date: ven ott 25, 2002 2.47
Group: Visus
Subject: cancellato??
Message: 1248
From: lea61it
Date: ven ott 25, 2002 11.14
Group: Visus
Subject: Re: cancellato?
Message: 1249
From: [email protected]
Date: ven ott 25, 2002 5.28
Group: Visus
Subject: tabelle libro Corbett,richiesta
Message: 1250
From: mariella26it
Date: dom ott 27, 2002 2.25
Group: Visus
Subject: Re: Saluti
Message: 1251
From: Lo
Date: dom ott 27, 2002 7.33
Group: Visus
Subject: Informazioni sul metodo Bates
Message: 1252
From: tstaia
Date: lun ott 28, 2002 11.46
Group: Visus
Subject: Re: Informazioni sul metodo Bates
Message: 1253
From: maurizio cagnoli
Date: lun ott 28, 2002 8.17
Group: Visus
Subject: Alcuni chiarimenti....
Message: 1254
From: [email protected]>
Date: mer ott 30, 2002 12.59
Group: Visus
Subject: qualche parola di presentazione
Message: 1255
From: roberto gallo
Date: mer ott 30, 2002 6.37
Group: Visus
Subject: Re: qualche parola di presentazione
Message: 1256
From: Evaristo Recalcati
Date: mer ott 30, 2002 11.02
Message: 1236
Group: Visus
Subject: Re: Alcuni chiarimenti....
Message: 1257
From: maurizio cagnoli
Date: lun nov 04, 2002 7.30
Group: Visus
Subject: Grazie Mauro
Message: 1258
From: Fabrizio
Date: mar nov 05, 2002 3.15
Group: Visus
Message: 1259
Subject: PROGRAMMI INFORMATICI FILOBATESIANI
From: Fabrizio
Date: mar nov 05, 2002 3.15
Group: Visus
Message: 1260
Subject: Re: PROGRAMMI INFORMATICI FILOBATESIANI
From: Evaristo Recalcati
Date: lun nov 04, 2002 11.18
Group: Visus
Subject: Re: Grazie Mauro
Message: 1261
From: [email protected]
Date: mar nov 05, 2002 10.12
Group: Visus
Subject: Re: Grazie Mauro
Message: 1262
From: maurizio cagnoli
Date: mer nov 06, 2002 1.40
Group: Visus
Subject: R: Grazie Mauro
Message: 1263
From: Fabrizio
Date: gio nov 07, 2002 3.18
Group: Visus
Message: 1264
Subject: R: PROGRAMMI INFORMATICI FILOBATESIANI
From: Fabrizio
Date: gio nov 07, 2002 3.18
Group: Visus
Subject: Siamo già 212
Message: 1265
From: Fabrizio
Date: gio nov 07, 2002 3.37
Group: Visus
Subject: Visione su schermo del computer
Message: 1266
From: stefano caldiron
Date: gio nov 07, 2002 8.29
Group: Visus
Subject: Re: Siamo già 212
Message: 1267
From: maurizio cagnoli
Date: gio nov 07, 2002 2.15
Group: Visus
Message: 1268
Subject: Re: Visione su schermo del computer
From: Lo
Date: ven nov 08, 2002 8.36
Group: Visus
Subject: Considerazioni sui microcaratteri
Message: 1269
From: Fabrizio
Date: lun nov 11, 2002 12.34
Group: Visus
Subject: R: Visione su schermo del computer
Message: 1270
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: lun nov 11, 2002 9.14
Group: Visus
Subject: Ecco il logo
Message: 1271
From: Giuseppe Toffoli
Date: mar nov 12, 2002 5.17
Group: Visus
Subject: Re: Ecco il logo
Message: 1272
From: maurizio cagnoli
Date: mar nov 12, 2002 11.45
Group: Visus
Subject: R: Ecco il logo
Message: 1273
From: Giuseppe Toffoli
Date: mer nov 13, 2002 5.19
Group: Visus
Message: 1274
Subject: Re: R: Visione su schermo del computer
From: Loretta
Date: gio nov 14, 2002 11.30
Group: Visus
Subject: info
Message: 1275
From: annif
Date: gio nov 14, 2002 4.19
Group: Visus
Subject: Re: info
Message: 1276
From: olent.it
Date: ven nov 15, 2002 10.22
Group: Visus
Subject: R: info
Message: 1277
From: Giuseppe Toffoli
Date: ven nov 15, 2002 11.23
Group: Visus
Subject: R: info
Message: 1278
From: annif
Date: ven nov 15, 2002 4.47
Group: Visus
Subject: R: info
Message: 1279
From: annif
Date: ven nov 15, 2002 4.49
Group: Visus
Subject: Accomotrac
Message: 1280
From: olent.it
Date: mar nov 19, 2002 8.50
Group: Visus
Message: 1281
Subject: Buena vista update, speciale per visus
From: maurizio cagnoli
Date: dom nov 24, 2002 3.16
Group: Visus
Message: 1282
Subject: Re: Buena vista update, speciale per visus
From: roberto gallo
Date: dom nov 24, 2002 11.59
Group: Visus
Message: 1283
Subject: Fwd: http://www.italiasalute.it/News.asp?ID=3664
From: rosalba canelli
Date: lun nov 25, 2002 11.12
Group: Visus
Subject: Accomotrac
Message: 1284
From: olent.it
Date: lun nov 25, 2002 2.20
Group: Visus
Message: 1285
Subject: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: r_spinn
Date: lun nov 25, 2002 6.03
Group: Visus
Message: 1286
Subject: Re: Fwd: http://www.italiasalute.it/News.asp?ID=3664
From: maurizio cagnoli
Date: mar nov 26, 2002 1.42
Group: Visus
Subject: Re: Accomotrac
From: simona.gioielli
Date: mar nov 26, 2002 9.38
Group: Visus
Message: 1288
Subject: Re: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: maurizio cagnoli
Date: mar nov 26, 2002 1.36
Group: Visus
Message: 1289
Subject: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: r_spinn
Date: mer nov 27, 2002 6.30
Group: Visus
Message: 1290
Subject: Re: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: maurizio cagnoli
Date: gio nov 28, 2002 7.05
Group: Visus
Message: 1291
Subject: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: r_spinn
Date: gio nov 28, 2002 6.15
Message: 1287
Group: Visus
Message: 1292
Subject: R: Fwd: http://www.italiasalute.it/News.asp?ID=3664
From: Fabrizio
Date: ven nov 29, 2002 2.45
Group: Visus
Message: 1293
Subject: Re: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: maurizio cagnoli
Date: gio nov 28, 2002 1.24
Group: Visus
Message: 1294
Subject: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: ideamatic1
Date: ven nov 29, 2002 10.52
Group: Visus
Message: 1295
Subject: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: r_spinn
Date: ven nov 29, 2002 4.52
Group: Visus
Message: 1296
Subject: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: r_spinn
Date: ven nov 29, 2002 4.54
Group: Visus
Subject: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1297
From: skyrunner
Date: ven nov 29, 2002 11.35
Group: Visus
Subject: Ogg: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1298
From: r_spinn
Date: sab nov 30, 2002 12.23
Group: Visus
Subject: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1299
From: caterina.polini
Date: sab nov 30, 2002 3.52
Group: Visus
Subject: Ogg: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1300
From: r_spinn
Date: dom dic 01, 2002 6.22
Group: Visus
Message: 1301
Subject: Re: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: Bruno Badiali
Date: dom dic 01, 2002 9.56
Group: Visus
Message: 1302
Subject: Ogg: Buena vista update, speciale per visus
From: ideamatic1
Date: lun dic 02, 2002 11.19
Group: Visus
Subject: Ogg: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1303
From: ideamatic1
Date: lun dic 02, 2002 11.23
Group: Visus
Subject: Ogg: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1304
From: ideamatic1
Date: lun dic 02, 2002 11.24
Group: Visus
Message: 1305
Subject: Non volevo offendere nessuno, mi scuso in anticipo
From: r_spinn
Date: lun dic 02, 2002 5.55
Group: Visus
Message: 1306
Subject: Re: Non volevo offendere nessuno, mi scuso in anticipo
From: nwe
Date: lun dic 02, 2002 7.15
Group: Visus
Subject: cambiando discorso....
From: Visione&Benessere
Date: mar dic 03, 2002 10.51
Group: Visus
Message: 1308
Subject: Re: Non volevo offendere nessuno, mi scuso in anticipo
From: Bruno Badiali
Date: mar dic 03, 2002 1.26
Group: Visus
Subject: un po'' di ottimismo
Message: 1309
From: Fabrizio
Date: gio dic 05, 2002 2.20
Group: Visus
Subject: R: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1310
From: caterina.polini
Date: mar dic 03, 2002 9.57
Group: Visus
Message: 1311
Subject: Come avere uno sguardo più sexy???
From: Alberto Tidu
Date: mer dic 04, 2002 10.23
Group: Visus
Subject: Truffaldino e altro
From: r_spinn
Date: mer dic 04, 2002 11.19
Group: Visus
Message: 1313
Subject: Prefazione (Era: [2see] "Perfect Sight Without Glasses" in Italian)
From: skyrunner
Date: gio dic 05, 2002 12.30
Group: Visus
Message: 1314
Subject: Prossimi messaggi. Lunghi. Non sono fuori tema. Mail list "NaturAlia"
From: skyrunner
Date: gio dic 05, 2002 1.05
Group: Visus
Subject: Latte e cereali. Conclusioni (Lunga)
Message: 1315
From: skyrunner
Date: gio dic 05, 2002 1.08
Group: Visus
Subject: Nutrizione. (era: " Latte 2") Lunga
Message: 1316
From: skyrunner
Date: gio dic 05, 2002 1.09
Group: Visus
Subject: Re:R: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1317
From: [email protected]
Date: gio dic 05, 2002 10.55
Group: Visus
Message: 1318
Subject: Re: Come avere uno sguardo più sexy???
From: [email protected]
Date: gio dic 05, 2002 11.04
Group: Visus
Message: 1319
Subject: "Perfect Sight Without Glasses" in Italian
From: [email protected]
Date: gio dic 05, 2002 11.23
Group: Visus
Subject: Re: Re:R: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1320
From: Visione&Benessere
Date: gio dic 05, 2002 12.01
Group: Visus
Subject: Re: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1321
From: [email protected]>
Date: gio dic 05, 2002 12.56
Group: Visus
Subject: R: Re:R: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1322
From: Roberto Amenta
Date: gio dic 05, 2002 1.47
Group: Visus
Message: 1323
Subject: Documenti in Visus (Era: R: Bates... Chi lo conosce?)
From: skyrunner
Date: gio dic 05, 2002 4.30
Group: Visus
Subject: Re: Re:R: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1324
From: Visione&Benessere
Date: gio dic 05, 2002 4.38
Group: Visus
Subject: Collaborazione costruttiva
Message: 1325
From: Guido
Date: gio dic 05, 2002 5.54
Group: Visus
Message: 1326
From: skyrunner
Date: gio dic 05, 2002 7.45
Message: 1307
Message: 1312
Subject: La Profezia
Group: Visus
Subject: preconcetti
Message: 1327
From: [email protected]
Date: ven dic 06, 2002 11.05
Group: Visus
Subject: R: La Profezia
Message: 1328
From: caterina.polini
Date: ven dic 06, 2002 11.56
Group: Visus
Subject: R: preconcetti
Message: 1329
From: caterina.polini
Date: ven dic 06, 2002 2.05
Group: Visus
Message: 1330
From: r_spinn
Subject: Forse a qualcuno può interessare questo scambio di email che ho avuto con l''Edit
Date: ven dic 06, 2002 4.25
Group: Visus
Subject: Ogg: Collaborazione costruttiva
Message: 1331
From: r_spinn
Date: ven dic 06, 2002 8.46
Group: Visus
Subject: Re:R: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1332
From: Lo
Date: ven dic 06, 2002 8.33
Group: Visus
Subject: per loretta
Message: 1333
From: caterina.polini
Date: ven dic 06, 2002 9.30
Group: Visus
Subject: R: Ogg: Collaborazione costruttiva
Message: 1334
From: Guido
Date: sab dic 07, 2002 2.59
Group: Visus
Subject: R: Ogg: Collaborazione costruttiva
Message: 1335
From: r_spinn
Date: sab dic 07, 2002 4.44
Group: Visus
Subject: afachia
Message: 1336
From: Giada
Date: sab dic 07, 2002 4.48
Group: Visus
Subject: R: Ogg: Collaborazione costruttiva
Message: 1337
From: Guido
Date: sab dic 07, 2002 5.29
Group: Visus
Message: 1338
Subject: Ogg: Come avere uno sguardo più sexy???
From: jaxtojax
Date: sab dic 07, 2002 5.34
Group: Visus
Subject: Io lo conosco
Message: 1339
From: Roberto Amenta
Date: sab dic 07, 2002 10.16
Group: Visus
Subject: Re: Io lo conosco
Message: 1340
From: maurizio cagnoli
Date: dom dic 08, 2002 4.53
Group: Visus
Subject: R: Ogg: Collaborazione costruttiva
Message: 1341
From: r_spinn
Date: dom dic 08, 2002 4.39
Group: Visus
Subject: Ogg: Io lo conosco
Message: 1342
From: r_spinn
Date: dom dic 08, 2002 4.42
Group: Visus
Subject: Salve
Message: 1343
From: gercargar
Date: dom dic 08, 2002 4.46
Group: Visus
Subject: Re: Salve
Message: 1344
From: maurizio cagnoli
Date: dom dic 08, 2002 10.52
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: Io lo conosco
Message: 1345
From: Sephora
Date: dom dic 08, 2002 8.24
Group: Visus
Subject: R: Io lo conosco
Message: 1346
From: caterina.polini
Date: dom dic 08, 2002 9.16
Group: Visus
Subject: R: afachia
Message: 1347
From: caterina.polini
Date: dom dic 08, 2002 9.29
Group: Visus
Subject: Sondaggio
Message: 1348
From: Simone Riva
Date: lun dic 09, 2002 12.25
Group: Visus
Subject: 18 Diottrie
Message: 1349
From: [email protected]
Date: lun dic 09, 2002 10.20
Group: Visus
Subject: Re: Re:R: R: Bates... Chi lo conosce?
Message: 1350
From: [email protected]
Date: lun dic 09, 2002 5.54
Group: Visus
Subject: Cataratta congenita
Message: 1351
From: Giuliana Cupi
Date: lun dic 09, 2002 9.24
Group: Visus
Subject: Re: per caterina
Message: 1352
From: Lo
Date: lun dic 09, 2002 10.11
Group: Visus
Subject: R: Ogg: Collaborazione costruttiva
Message: 1353
From: Guido
Date: mar dic 10, 2002 9.40
Group: Visus
Subject: per Micol
Message: 1354
From: caterina.polini
Date: mer dic 11, 2002 9.42
Group: Visus
Subject: R: Ogg: Collaborazione costruttiva
Message: 1355
From: r_spinn
Date: mer dic 11, 2002 9.53
Group: Visus
Subject: Ogg: Salve
Message: 1356
From: gercargar
Date: mer dic 11, 2002 9.55
Group: Visus
Subject: Bates... Chi lo conosce? I testi.
Message: 1357
From: skyrunner
Date: gio dic 12, 2002 6.11
Group: Visus
Subject: R: Bates... Chi lo conosce? I testi.
Message: 1358
From: caterina.polini
Date: gio dic 12, 2002 7.14
Group: Visus
Subject: Ogg: Cataratta congenita
Message: 1359
From: Simone Riva
Date: gio dic 12, 2002 9.38
Group: Visus
Subject: RE: Bates... Chi lo conosce? I testi.
Message: 1360
From: Cervantes, Mario
Date: ven dic 13, 2002 2.23
Group: Visus
Subject: Re: Bates... Chi lo conosce? I testi.
Message: 1361
From: Loretta
Date: ven dic 13, 2002 9.56
Group: Visus
Message: 1362
Subject: Re:R: Bates... Chi lo conosce? I testi.
From: Bruno Badiali
Date: ven dic 13, 2002 10.23
Group: Visus
Subject: RE: La Profezia
Message: 1363
From: [email protected]
Date: sab dic 14, 2002 3.21
Group: Visus
Subject: Cialtronerie del Sig. Teodori
Message: 1364
From: r_spinn
Date: sab dic 14, 2002 7.23
Group: Visus
Subject: Re: Cialtronerie del Sig. Teodori
Message: 1365
From: [email protected]
Date: sab dic 14, 2002 10.37
Group: Visus
Message: 1366
Subject: R: Re:R: Bates... Chi lo conosce? I testi.
From: caterina.polini
Date: dom dic 15, 2002 10.22
Group: Visus
Subject: R: Cialtronerie del Sig. Teodori
Message: 1367
From: caterina.polini
Date: dom dic 15, 2002 9.55
Group: Visus
Subject: R: Ogg: Cataratta congenita
Message: 1368
From: caterina.polini
Date: dom dic 15, 2002 9.44
Group: Visus
Subject: Cataratta
Message: 1369
From: Giuliana Cupi
Date: mar dic 17, 2002 9.16
Group: Visus
Subject: Visus-pizza?
Message: 1370
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mer dic 18, 2002 11.22
Group: Visus
Subject: Re: Visus-pizza?
Message: 1371
From: [email protected]>
Date: mer dic 18, 2002 1.10
Group: Visus
Subject: Visus-Pizza
Message: 1372
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mer dic 18, 2002 2.06
Group: Visus
Subject: Rispondo alla sig.ra Polini
Message: 1373
From: r_spinn
Date: mer dic 18, 2002 4.44
Group: Visus
Subject: Dovreste conoscervi...
Message: 1374
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mer dic 18, 2002 6.55
Group: Visus
Subject: Pizza
Message: 1375
From: Giuliana Cupi
Date: mer dic 18, 2002 11.39
Group: Visus
Subject: R: Rispondo all''Ing. Spinelletti
Message: 1376
From: Giuseppe Di Bona
Date: gio dic 19, 2002 11.24
Group: Visus
Subject: R: Rispondo alla sig.ra Polini
Message: 1377
From: Guido
Date: gio dic 19, 2002 2.13
Group: Visus
Subject: Re: Rispondo alla sig.ra Polini
Message: 1378
From: Paola Oliva
Date: gio dic 19, 2002 2.30
Group: Visus
Subject: R: Rispondo alla sig.ra Polini
Message: 1379
From: caterina.polini
Date: gio dic 19, 2002 2.42
Group: Visus
Subject: auguri sicuri, senza virus!!!!
Message: 1380
From: depetris
Date: ven dic 20, 2002 5.32
Group: Visus
Subject: Sequenze di malattie oculari
Message: 1381
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: ven dic 27, 2002 1.52
Group: Visus
Subject: degenerazione maculare
Message: 1382
From: [email protected]
Date: ven dic 27, 2002 7.43
Group: Visus
Subject: Re: degenerazione maculare
Message: 1383
From: Giuseppe Toffoli
Date: ven dic 27, 2002 7.59
Group: Visus
Subject: Nuovo
Message: 1384
From: Luca Perrino
Date: sab dic 28, 2002 1.35
Group: Visus
Subject: degenerazione maculare
Message: 1385
From: Valeria Stradaioli
Date: sab dic 28, 2002 11.12
Group: Visus
Subject: Re: degenerazione maculare
Message: 1386
From: olent.it
Date: mar dic 31, 2002 10.54
Group: Visus
Subject: Re: Nuovo
Message: 1387
From: olent.it
Date: mar dic 31, 2002 11.41
Group: Visus
Subject: Re: degenerazione maculare
Message: 1388
From: Giuseppe Toffoli
Date: mar dic 31, 2002 12.40
Group: Visus
Subject: Re: degenerazione maculare
Message: 1389
From: olent.it
Date: mar dic 31, 2002 7.16
Group: Visus
Subject: Re: quesito equicovo...
Message: 840
From: Myria Colaprico
Date: mar gen 01, 2002 4.46
cara Paola
tu scrivi che non sai spiegarti perchè non sei andata aventi dopo le 2 dt.,
allora chiediti: esattamente cos'è che non vuoi vedere?, io penso che il tuo
problema sia molto + profondo
un abbraccio Myria
----- Original Message ----From: "Paola Oliva" <[email protected]>
To: <[email protected]com>
Sent: Sunday, December 30, 2001 12:11 PM
Subject: Re: [Visus] quesito equicovo...
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
ciao Carlo
sono Paola
mi premetto di intervenire dicendo che
1 solo ora posso accedere alla posta elettronica e
quindi leggere i tuoi numerosissimi messaggi, che
bello dopo tempo ci voleva uno chje riprendesse in
maniera concreta i pb della vista e degli occhi...
2 avevo capito si che cred a Bates, e anzi mi sembri
molto informato, cosi leggo con piacere i tuoi
messaggic eh mi danno un sacco di altre informazioni
anzi attacco pure io sul sofitto le tabelle snellen
atanto piu che mi tocca fare uffa la visita per il
rino vo della patente e devo andarci on occchilai
fortissimni per me, mapazienza basta che mi rinnovino
la patente e va benissimo
3 volgio complimentarmi ocn te per la rapidita con cui
ottieni i risultati...
per quel ceh mi riguarda vorrei dire una cosa non
molto bella ma purtroppo vera
adesosm i rimporveretere
io non ho avuro piu la forza di migliorare dopo le 2
diotrie guadagnate...
sapevo dentro di me che potevo andare avanti che
potevo migliorare ancora ma avevo timore anzi ho
timore ma non capisco di che cosa che è tanto belllo
poter vedere
premetto una cosa che dite tutti che ai muiopi da
fastidio la luce e io invece adoro la luce
da -8 son arrivata a circa - 6 ma mi son fermata sono
di nuovo con voi per cercare la forza e lo stimolo per
proseguire in questo cammino che mi ha dato solo
soddisfazioni
NO NO non vi dovete meravigliare pero è cosi perché?
MAh se lo sapessi...
PEr il sito americano di cui parlavi si l'ho letot
ahnche io un vero peccato che ora sia stato
soppressooo
Saluti
Paola
Group: Visus
Subject: info
Message: 841
From: franco
Date: mar gen 01, 2002 6.35
From: Carlo Masci
Date: mar gen 01, 2002 11.36
ciao,
qualcuno mi sa dire dove posso trovare informazioni riguardo l'intervento
chirurgico?
un mio amico sta pensando di farlo su di se e io, che sono contrario, mi
sono subito offerto per ricercare informazioni sull'argomento in modo tale
che lui le legga. tra l'altro mi ha accennato che il suo oculista sconsiglia
l'intervento. mi ricordo di aver letto qui varie cose.
ma quale è la percentuale di riuscita dell'intervento?
ciao
franco
Group: Visus
Subject: Re: info
http://www.carlomasci.it
----- Original Message ----From: franco
To: Visus
Message: 842
Sent: Tuesday, January 01, 2002 6:35 PM
Subject: [Visus] info
ciao,
qualcuno mi sa dire dove posso trovare informazioni riguardo l'intervento
chirurgico?
un mio amico sta pensando di farlo su di se e io, che sono contrario, mi
sono subito offerto per ricercare informazioni sull'argomento in modo tale
che lui le legga. tra l'altro mi ha accennato che il suo oculista sconsiglia
l'intervento. mi ricordo di aver letto qui varie cose.
ma quale è la percentuale di riuscita dell'intervento?
ciao
franco
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di Utilizzo del Servizio Yahoo!
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 843
Subject: Ciampi, discorso di fine anno senza sorprese. E senza occhiali
From: CAGGIA Silvio
Date: mer gen 02, 2002 10.35
From: Domenico Intelisano
Date: mer gen 02, 2002 12.18
Ho trovato casualmente questo articolo sul nostro presidente. Starà seguendo
anche lui il metodo Bates? :-)
http://www.b2eyes.com/article.cll?idcontainer=2&idcontent=938
Ciao e sereno 2002 a tutti!
---------------------------------------Silvio Caggia
[email protected]
http://www.geocities.com/s_caggia
Group: Visus
Subject: Re: quesito equicovo...
Message: 844
L'intervento di Maurizio Cagnoli , molto pacato e franco porta ,finalmente ,
il dibattito sui giusti binari!
Sul ruolo indiscutibile di Bates sulla tematica "vision training", utilizzo
questo termine perchè essendo un optometrista lo trovo più famigliare,
nessuno discute.
Si rischia, chiamandolo solo metodo Bates, di scordare quello che è stato
fatto in materia nel prima di Bates (molte delle metodologie di Bates erano
conosciute in Cina da migliaia di anni!) e nel dopo Bates (studi su postura
e visione , Harmon , che dimostravano come una postura scorretta incidesse
pesantemente sulla miopia o , Forrest , incidenza su astigmatismo ed assi
dell'astigmatismo ecc....)
Io ritengo che sia giusto citare tutti i ...meritevoli e andare avanti;
Doman diceva che per vedere più lontano ogni uomo si arrampica sulle
..spalle di chi ha lavorato prima di lui.
L'esperienza che più mi colpì, nel 1990, fu quella di un ragazzo militare
di 24 anni che venne nel mio studio, settimanalmente, per avere controllato
il #4 (retinoscopia a distanza) ed il #7 (soggettivo).
Partendo da un valore di miopia -4,00 su entrambi (in gergo optometrico
miopia stabile) passo in 4 settimane a -1,50 l'ultima volta che lo vidi gli
chiese cosa stava facendo e mi rispose che andava da una pranoterapeuta che,
come solo approccio, gli metteva le mani a pochi cm. dalla testa.
Purtroppo il ragazzo non venne più e non sono riuscito ad andare avanti per
capire di più!
Sintetizzando la mia esperienza personale posso affermare che come le cause
anche i rimedi sono svariati e che:
1) Tutto quello che funziona ...funziona.
2) Non esiste un metodo che ..debba funzionare con tutti.
3) L'uomo deve essere visto globalmente e non come insieme di organi.
4) Non esiste il training per tutti ma il training personalizzato magari con
una base comune.
5) Un approccio interdisciplinare ricco di modestia e collaborazione
potrebbe portare a dei frutti molto copiosi ma purtroppo ogni disciplina è
convinta di essere quella più importante e si finisce spesso per litigare!
Un saluto a tutti,
Domenico Intelisano
> Da: maurizio cagnoli <[email protected]>
> Organizzazione: Buena Vista
> Risposta: [email protected]
> Data: Sun, 30 Dec 2001 10:17:23 +0800
> A: [email protected]
> Oggetto: Re: [Visus] quesito equicovo...
>
> Carlo Masci wrote:
>>
>> C'è stato un equivoco.
>> Volevo chiedere se fra gli approcci non tradizionali il metodo di Bates è
>> sempre
>> preferibile oppure se può essere per così dire "integrato" da altri tipi di
>> approcci
>> non tradizionali.
>> Saluti
>> Carlo Masci
>
> Interessante quesito, che apre grandi spazi
> Risponderò da una posizione strettamente personale, ce ne sono molte
> altre che rispetto ed apprezzo.
>
> Io personalmente mi sono interessato di miglioramento della vista in un
> ambiente molto ricco di suggerimenti e suggestioni provenienti da molte
> discipline diverse, per lo più nell'ambityo di psicoterapia orientata
> verso il corpo e tecniche psicosomatiche (bioenergetica, gestalt,
> innumerevoli forme di massaggio, Feldenkrais, PNL e molte altre).
>
> Quindi fin dall'inizio ho utilizzato una molteplicità di teniche,
> compreso tecniche provenienti dall'optometria comportamentale.
> Consideravo Bates un precursore, più che un padre fondatore. E avevo
> scelto di non chiamare metodo Bates il mio approccio.
>
> Negli ultimi due o tre anni ho cambiato radicalmente la mia posizione.
> Soprattutto la rilettura di Bates in originale e il monumentale libro di
> T. Quackembush Relearning to see, mi hanno convinto che in Bates, pur
> con un linguaggio e con termini propri dell'epoca in cui scriveva,
> c'erano e ci sono tutti quegli elementi che io consideravo radicalmente nuovi.
> E quindi chiamo nuovamente metodo Bates quello che pratico.
>
> Inoltre mi sono convinto che, dal punto di vista della gestione
> individuale del miglioramento della propria vista, il metodo Bates in
> senso stretto ("il metodo Bates in una conchiglia", o in guscio di
> noce...) è necessario e sufficiente a provocare il miglioramento della vista.
> Concordo pienamente con quanto affermato da varii, tra cui skyrunner,
> che "chi non ha miglioramenti dal metodo Bates è perché non lo applica"
> (credendo invece di farlo).
>
> Gli esperti, con le loro tecniche, dal rebirthing al martelletto a
> fiori di prugna, fino ai vari sistemi di biofeedback (a proposito, non
> esiste solo l'accomotrack, esiste anche l'IBIS di Fossetti) possono dare
> notevoli contributi. Ma sono un dipiù.
>
> Chi ha voglia di leggere una cosa scritta da me su questi argomenti la
> trova in inglese a http://www.geocities.com/buena-vista/working.htm
>
> -> Maurizio Cagnoli
> via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri) Italy
> tel 0039 0765 608283
> [email protected]
> Home page “Buena Vista” engl. fr. sp. port. deutsch
> http://www.geocities.com/buena-vista/
> Home page “Buena Vista” in italiano
> http://www.metodobates.it
>
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
> indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 9
Message: 845
From: s_caggia
Date: mer gen 02, 2002 3.15
From: colorik
Date: mer gen 02, 2002 3.39
Eccomi ancora qui con il primo capitolo dell'anno nuovo!
Moderatore, sei tornato dalle ferie? Io il "disclaimer" in fondo al
messaggio l'ho messo, ma se tu reputassi necessario deletare il
messaggio capirei...
Ciao
Capitolo nono – Via gli occhiali!
Le sensazioni che provavo quando osservavo le variazioni positive
della vista erano bellissime. Vedere le lettere diventare più nitide,
riuscire a riconoscere caratteri sempre più piccoli mi dava istanti
di piacere immenso, quasi di estasi. Fare mezz'oretta di questo
esercizio era di per se bello, ma non vedevo alcun riscontro pratico.
Non facevo in tempo ad alzarmi per andare a sperimentare la mia nuova
vista su altre cose che questa svaniva!
Sentivo che dovevo liberarmi degli occhiali, come avrei potuto anche
solo accorgermi delle eventuali variazioni se avessi continuato a
portarli durante il giorno?
Avevo cominciato a toglierli completamente quando ero in casa, mi
resi conto che erano ben pochi i momenti in cui avevo veramente
bisogno di una vista nitida stando in un ambiente che conoscevo bene.
Seguitai togliendoli quando passeggiavo di giorno fuori casa. Per
rassicurarmi li avevo sempre a portata di mano, se volevo una visione
nitida dei particolari mettevo i rasterbrille.
Volli provare a fare ciò che mi sembrava un tabù: guidare. Cominciai
facendomi accompagnare e tenendo gli occhiali pronti per essere
inforcati al minimo dubbio. Scoprii che senza occhiali avevo una
migliore percezione di ciò che si muoveva intorno; anche i semafori
ed i segnali stradali, che temevo di non vedere, si rivelarono un
falso problema, l'unica difficoltà vera erano le scritte, i percorsi
che non conoscevo ancora ed il buio della sera. Ero ovviamente
diventato un guidatore super-prudente, come appena presa la patente!
Fu poi la volta dell'ufficio, non fu facile, continuavo a rimetterli
alla prima difficoltà, mi sembrava di non trovare le cose sulla
scrivania, di stare troppo appiccicato davanti al computer, mi veniva
mal di schiena per la tensione; ci volle qualche settimana e comunque
non riuscivo a farne a meno nelle riunioni.
Ero quindi arrivato in breve tempo ad usare gli occhiali, quelli
sottograduati da -3,25, solo per guidare la sera e durante le
riunioni.
Ad Agosto feci una vacanza di 2 settimane in Egitto, non misi
praticamente mai gli occhiali, usavo a volte i rasterbrille come
occhiali da sole.
Dopo le vacanze riuscii a superare anche il problema delle riunioni
di lavoro e più avanti quello della guida di sera.
Siamo ora a dicembre del 2001, ho 35 anni, da più di un anno non
porto praticamente più gli occhiali, o meglio ne porto sempre due
paia, ma dentro la loro custodia, nel taschino della mia borsa e nel
cruscotto della mia auto. Li ho tirati fuori solo in alcuni rari
momenti di "emergenza" (non più di una volta al mese): una
retromarcia di sera in una stradina stretta in forte pendenza,
scegliere in fretta una carrozzina tra decine di modelli diversi,
cercare velocemente in auto una persona lungo una via avendo dato un
appuntamento impreciso…
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse
una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo
della professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.)
è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.
Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza
autorizzazione dell'autore, purché a fini non commerciali e citando
l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in
continua evoluzione):
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/Vista.doc
Group: Visus
Subject: ortodossi e alternativi
Ciao a tutti,
Message: 846
Anche se pur con qualche "flame" il dibattito si è riacceso, sta
prendendo una piega molto interessante ed è questo che finalmente
conta.
Dico molto interessante perchè abbiamo una mailing list che potrebbe
diventare finalmente, con questo modesto inizio, un foro d'incontro
fra gli ortodossi e gli alternativi. Ci sono qui persone molto
preparate in materia di NVI e di altre discipline alternative legate
alla vista, percezione, consapevolezza, etc. e adesso anche qualcuno
della comunità scientifica che sembra genuinamente interessato a
capire e, pechè no (anche se troppo presto per dirlo), integrare
l'NVI nel suo bagaglio professionale.
Soltanto qualche decennio fa sarebbe stato ridicolo dire che il riso
o gli abbracci portano ad un rafforzamento del sistema immunitario,
ma ora lo si può dire tranquillamente negli ambienti scientifici,
anche se non ancora provato il perchè. Avviene e basta. Quindi i
miglioramenti della vista possono avvenire e proviamo a capire perchè
avvengono, ma finchè non lo sapremo con esatezza questo perchè, un
vero scienziato non direbbe mai "non è vero".
Dunque è più valido avere in lista un chirurgo refrattivo (ortodosso)
che si interessi veramente al tema, ponendo scettica ma garbatamente
domande, piuttosto che uno che si intende, forse, di olistica
(alternativo) ma che ha aggredito e innervosito tutti.
Queste feste sono state tremende per i miei occhi, salotti fumosi,
riscaldamenti a mille, tramontana fortissima, mangiare male... anche
per qualcun altro?
Saluti
Paola de S.
Group: Visus
Subject: Ri: info
Message: 847
From: [email protected]
Date: mer gen 02, 2002 5.20
Nella sezione Bookmarks di Visus trovi questo link:
http://members.tripod.it/gfrancesco/index.html sulle Controindicazioni e complicazioni della chirurgia refrattiva
Inoltre nella sezione files trovi in formato .doc e .pdf " Know why..." in inglese.
Comunque se fai una ricerca in rete, partendo anche dai link dei vari siti di NVI trovi materiale in abbondanza.
L' importante e' scegliere in coscienza e soprattutto informati (il consenso informato da solo non basta, e' un'altra cosa...).
Anche se poi la scelta si dovesse poi rivelare sbagliata e senza via di ritorno, almeno sara' stata una scelta ponderata...
Mauro.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
ciao,
qualcuno mi sa dire dove posso trovare informazioni riguardo l'intervento
chirurgico?
un mio amico sta pensando di farlo su di se e io, che sono contrario, mi
sono subito offerto per ricercare informazioni sull'argomento in modo tale
che lui le legga. tra l'altro mi ha accennato che il suo oculista sconsiglia
l'intervento. mi ricordo di aver letto qui varie cose.
ma quale è la percentuale di riuscita dell'intervento?
ciao
franco
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: complicanze chirurgia refrattiva
Message: 848
La tecnica personalizzata metodo CIPTA elimina ogni tipo di inconveniente
From: Carlo Masci
Date: mer gen 02, 2002 9.53
nell'intervento di chirurgia refrattiva (ed è attualmente a mio avviso
l'unica tecnica
che può raggiungere questi risultati).
Nel sito http://www.carlomasci.it ho cercato di spiegare perchè questa è
attualmente
l'unica tecnica realmente valida.
I rischi sono correlati a due fattori
1) Infezioni
2) Risposta individuale
Nel primo caso le complicanze possono essere gravi, nel secondo ci possono
essere una serie di problematiche che possono lasciare il paziente
insoddisfatto dell'intervento.
A mio avviso il paziente deve scegliere cosa lo fa star meglio.
Se è sereno con occhiali o lenti a contatto non è indicato l'intervento.
Se non tollera le lenti o non è psicologicamente "sereno" con gli occhiali
può trarre beneficio dall'intervento.
In parole povere la componente psicologica è fondamentale.
Una curiosità: la metodica CIPTA è l'unica che può "mandare" in supervisione
il paziente (le possibilità sono circa 10%, ma le altre tecniche hanno 0%).
Chi fosse interessato può scaricarsi una relazione al seguente link:
http://www.carlomasci.it/download/supervisione.zip
ATTENZIONE sono 11 mega!
saluti
Carlo Masci
----- Original Message ----From: <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Wednesday, January 02, 2002 5:20 PM
Subject: Ri:[Visus] info
Nella sezione Bookmarks di Visus trovi questo link:
http://members.tripod.it/gfrancesco/index.html sulle
Controindicazioni e complicazioni della chirurgia refrattiva
Inoltre nella sezione files trovi in formato .doc e .pdf " Know why..." in
inglese.
Comunque se fai una ricerca in rete, partendo anche dai link dei vari siti
di NVI trovi materiale in abbondanza.
L' importante e' scegliere in coscienza e soprattutto informati (il
consenso informato da solo non basta, e' un'altra cosa...).
Anche se poi la scelta si dovesse poi rivelare sbagliata e senza via di
ritorno, almeno sara' stata una scelta ponderata...
Mauro.
> ciao,
> qualcuno mi sa dire dove posso trovare informazioni riguardo l'intervento
> chirurgico?
> un mio amico sta pensando di farlo su di se e io, che sono contrario, mi
> sono subito offerto per ricercare informazioni sull'argomento in modo tale
> che lui le legga. tra l'altro mi ha accennato che il suo oculista
sconsiglia
> l'intervento. mi ricordo di aver letto qui varie cose.
> ma quale è la percentuale di riuscita dell'intervento?
>
> ciao
> franco
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Re: ortodossi e alternativi
Message: 849
From: Domenico Intelisano
Date: gio gen 03, 2002 11.54
From: [email protected]>
Date: gio gen 03, 2002 8.03
Queste feste sono state tremende per i miei occhi, salotti fumosi,
> riscaldamenti a mille, tramontana fortissima, mangiare male... anche
> per qualcun altro? >
Purtoppo sono tutte cose ....che non fanno bene agli occhi e non solo a
loro!
Il nostro stile di vita è fondamentale così come l'alimentazione, l'evitare
gli ambienti fumosi ecc..
Ai tempi di Bates tali voci (alimentazione ricca di coloranti, conservanti
ecc..; inquinamento, riscaldamenti a mille) erano insignificanti o quasi e
uno studente medio dell'epoca leggeva 1/8 di quello che legge uno studente
di oggi!
Io in qualche maniera sono riuscito a limitare il mangiare, il fumo passivo
e i riscaldamenti a mille durante queste feste.
Saluti,
Domenico Intelisano
P.S. Concordo al 100% per quanto hai scritto sulla crescita della lista!
Group: Visus
Subject: opuscolo
Message: 850
Allegato alla rivista Starbene ho trovato un opuscolo dal titolo:Difetti visivi.Soluzioni:lenti a contatto e chirurgia refrattiva.La pubblicazione è stata realizzata da
un&#8217;associazione no-profit,la Nuovavista Informata,in collaborazione con Bausch e Lomb(azienda di lenti a contatto).
L&#8217;opuscolo,che mi ha provocato un certo sconcerto,meriterebbe di essere citato per intero,Alcune frasi che vi si possono leggere:
-tenete conto del vostro lavoro e delle vostre esigenze per programmare una correzione definitiva;se è prevalente l&#8217;attività per vicino una leggera miopia &#8211;0,25/0,5 è preferibile mentre per chi svolge prevalentemente attività per lontano è meglio un lieve difetto ipermetropico +0,25.
-le miopie lievi o lievissime(1-2 diottrie) possono essere molto utili per vedere bene da vicino dopo i 40 anni.
-l&#8217;astigmatismo è un difetto inutile che è meglio eliminare
in cui si intende ovviamente con l&#8217;intervento laser o le lenti(si decanta la superiorità delle lenti a contatto,specie quelle di ultima generazione che non si tolgono di
notte,rispetto agli occhiali).Queste vengono indicate come adatte specialmente ai bambini,e si legge
-gli occhi con difetti molto diversi fra loro sono da bilanciare quanto prima,tassativamente prima dei 6 anni di età(meglio tra i 3 e i 4) per ottenere il massimo livello dello sviluppo
visivo.
Vi è poi una sezione dedicata alla chirurgia refrattiva ma non ne parlo perché non sono un&#8217;esperta ma solo una sostenitrice di medicina naturale e metodo Bates(che
funziona!),vorrei che qualcuno più esperto leggesse l&#8217;opuscolo e mi dicesse che cosa ne pensa.
Sognando che un giorno nei giornali si trovino opuscoli sul metodo Bates&#8230;
Saluti
Giada
Group: Visus
Subject: Re: opuscolo
Message: 851
Grazie Giada per l'informazione,
però consentimi di....non leggere l'opuscolo tanto sono abituato a leggere e
sentire anche di peggio!
Io ho iniziato a fare l'ottico nel "68, poi mi sono innamorato
dell'optometria "made in USA" perchè negli anni 70 l'optometria
comportamentale era in auge e :
-Parlava di prevenzione, trattamento di Vision Training per i problemi
visivi ( dalla miopia allo strabismo ecc..).
di approcci totalmente diversi dal ...tanto ti manca e tanto ti dò.
-L'occhio non era corto o lungo ma sviluppato o adattato male.
From: Domenico Intelisano
Date: gio gen 03, 2002 7.56
-Si parlava di persone miopi e non di occhi miopi.
-Si parlava di Bates e metodi cinesi.
-Si andava a cercare la causa della miopia e non il rimedio occhiale.
Quasi tutte le università americane avevano corsi di optometria
comportamentale; oggi sono solo in 4 e non, bada bene perchè l'approccio non
funziona ma perchè ...
-è meglio prender 100$ in 15 minuti piuttosto che fare una analisi visiva
per 150$ in 45 minuti.
- è più facile e più redditizio un esame della vista che una seduta di
vision training.
-è più veloce mettere degli occhiali per rivedere bene piuttosto che fare
qualcosa per rivedere come prima.
-Le aziende dell'ottica sono come le case farmaceutiche.
Morale della favola negli USA solo il 10% degli optometristi si occupa di
Vision Training ed in Italia l"1%!!
Lo stesso discorso è ripetibile per l'ambiente,l'alimentazione,la
medicina,ecc.... si fa quello che rende di più e non quello che serve di
più!
Un caro saluto,
Domenico Intelisano
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Da: <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Thu, 3 Jan 2002 19:03:23 CET
A: [email protected]
Oggetto: [Visus] opuscolo
Allegato alla rivista Starbene ho trovato un opuscolo dal titolo:Difetti
visivi.Soluzioni:lenti a contatto e chirurgia refrattiva.La pubblicazione è
stata realizzata da un&#8217;associazione no-profit,la Nuovavista Informata,in
collaborazione con Bausch e Lomb(azienda di lenti a contatto).
L&#8217;opuscolo,che mi ha provocato un certo sconcerto,meriterebbe di essere
citato per intero,Alcune frasi che vi si possono leggere:
-tenete conto del vostro lavoro e delle vostre esigenze per programmare una
correzione definitiva;se è prevalente l&#8217;attività per vicino una leggera
miopia &#8211;0,25/-0,5 è preferibile mentre per chi svolge prevalentemente
attività per lontano è meglio un lieve difetto ipermetropico +0,25.
-le miopie lievi o lievissime(1-2 diottrie) possono essere molto utili per
vedere bene da vicino dopo i 40 anni.
-l&#8217;astigmatismo è un difetto inutile che è meglio eliminare
in cui si intende ovviamente con l&#8217;intervento laser o le lenti(si
decanta la superiorità delle lenti a contatto,specie quelle di ultima
generazione che non si tolgono di notte,rispetto agli occhiali).Queste vengono
indicate come adatte specialmente ai bambini,e si legge
-gli occhi con difetti molto diversi fra loro sono da bilanciare quanto
prima,tassativamente prima dei 6 anni di età(meglio tra i 3 e i 4) per
ottenere il massimo livello dello sviluppo visivo.
Vi è poi una sezione dedicata alla chirurgia refrattiva ma non ne parlo perché
non sono un&#8217;esperta ma solo una sostenitrice di medicina naturale e
metodo Bates(che funziona!),vorrei che qualcuno più esperto leggesse
l&#8217;opuscolo e mi dicesse che cosa ne pensa.
Sognando che un giorno nei giornali si trovino opuscoli sul metodo
Bates&#8230;
Saluti
Giada
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: R: ortodossi e alternativi
Message: 852
Strano ma vero, io la pensavo esattamente come voi, al 100%...
Ma in queste feste di fumi, bagordi, freddo... la mia vista non ne ha
assolutamente risentito, anzi mi pare persino migliorata.
From: Guido
Date: gio gen 03, 2002 8.05
Sarà forse perchè la mia mente è più gioiosa e rilassata? Sarà forse perchè
cerco di essere presente nel presente? (Vi piace questo giuco di parole?
:-))
Sarà perchè cerco di vedere le cose da un altro punto di vista?
Mah, non lo so... Però so che stranamente il giorno 1, nonostante abbia
dormito pochissimo e mangiato come un porco il 31, vedevo discretamente
bene, più di quanto potessi immaginare... ovvero continuavano ad esserci
piccoli flash nonostante lo stress per il cibo e il poco sonno e la
stanchezza!
Saluti da Flashman
Guido
-----Messaggio originale----Da: Domenico Intelisano [mailto:[email protected]]
Inviato: giovedì 3 gennaio 2002 11.54
A: [email protected]
Oggetto: Re: [Visus] ortodossi e alternativi
Queste feste sono state tremende per i miei occhi, salotti fumosi,
> riscaldamenti a mille, tramontana fortissima, mangiare male... anche
> per qualcun altro? >
Purtoppo sono tutte cose ....che non fanno bene agli occhi e non solo a
loro!
Il nostro stile di vita è fondamentale così come l'alimentazione, l'evitare
gli ambienti fumosi ecc..
Ai tempi di Bates tali voci (alimentazione ricca di coloranti, conservanti
ecc..; inquinamento, riscaldamenti a mille) erano insignificanti o quasi e
uno studente medio dell'epoca leggeva 1/8 di quello che legge uno studente
di oggi!
Io in qualche maniera sono riuscito a limitare il mangiare, il fumo passivo
e i riscaldamenti a mille durante queste feste.
Saluti,
Domenico Intelisano
P.S. Concordo al 100% per quanto hai scritto sulla crescita della lista!
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Re: opuscolo
Message: 853
Ciao Giada, sono Myria e vorrei qualcosa di più sul metodo Bates, dato che
tu ne parli in modo così entusiasta, io vorrei poterlo praticare, ma a parte
leggere un paio di libri non sono mai riuscita a partecipare a nessuna
lezione pratica, mi potresti aiutare? tu in quale città lavori?io sono della
prov. di Bari.
A risentirti presto ciao Myria
> Allegato alla rivista Starbene ho trovato un opuscolo dal titolo:Difetti
visivi.Soluzioni:lenti a contatto e chirurgia refrattiva.La pubblicazione è
stata realizzata da un&#8217;associazione no-profit,la Nuovavista
Informata,in collaborazione con Bausch e Lomb(azienda di lenti a contatto).
> L&#8217;opuscolo,che mi ha provocato un certo sconcerto,meriterebbe di
essere citato per intero,Alcune frasi che vi si possono leggere:
> -tenete conto del vostro lavoro e delle vostre esigenze per programmare
una correzione definitiva;se è prevalente l&#8217;attività per vicino una
leggera miopia &#8211;0,25/-0,5 è preferibile mentre per chi svolge
prevalentemente attività per lontano è meglio un lieve difetto ipermetropico
+0,25.
> -le miopie lievi o lievissime(1-2 diottrie) possono essere molto utili per
vedere bene da vicino dopo i 40 anni.
> -l&#8217;astigmatismo è un difetto inutile che è meglio eliminare
>
> in cui si intende ovviamente con l&#8217;intervento laser o le lenti(si
decanta la superiorità delle lenti a contatto,specie quelle di ultima
From: Myria Colaprico
Date: gio gen 03, 2002 10.35
generazione che non si tolgono di notte,rispetto agli occhiali).Queste
vengono indicate come adatte specialmente ai bambini,e si legge
> -gli occhi con difetti molto diversi fra loro sono da bilanciare quanto
prima,tassativamente prima dei 6 anni di età(meglio tra i 3 e i 4) per
ottenere il massimo livello dello sviluppo visivo.
>
> Vi è poi una sezione dedicata alla chirurgia refrattiva ma non ne parlo
perché non sono un&#8217;esperta ma solo una sostenitrice di medicina
naturale e metodo Bates(che funziona!),vorrei che qualcuno più esperto
leggesse l&#8217;opuscolo e mi dicesse che cosa ne pensa.
> Sognando che un giorno nei giornali si trovino opuscoli sul metodo
Bates&#8230;
> Saluti
> Giada
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: metodo Bates
Message: 854
From: [email protected]>
Date: ven gen 04, 2002 12.55
Cara Miriam,
mi dispiace deluderti ma anch io non ho mai partecipato a una lezione pratica sul metodo Bates,ma ho solo letto dei libri,ti potrei dire i titoli anche,ma mi sembra che non sia
questo che tu cerchi!Ci sono degli specialisti iscritti alla lista che sicuramente sono più esperti di me e sapranno informarti meglio su lezioni e altro.Penso che anche solo leggere il
metodo Bates in una conchiglia,che è tra i file a cui puoi accedere da Visus,sia sufficiente a ottenere risultati notevoli,se si pratica con costanza!
Se ti può aiutare io per esempio cerco di fare il palming spesso e ogni volta che sento affaticati gli occhi,e di guardare la tabella di Snellen due volte al giorno,per 10-15 minuti
l&#8217;una.Mi piace anche stare al sole e fare il sunning e passeggiare all&#8217;aria aperta guardandomi intorno.Credo poi che sia importante mangiare bene,con le
combinazioni giuste,e lasciare la pelle respirare,stando all&#8217;aria aperta e non coprendosi troppo.Anche fare del movimento fisico,esercizi rilassanti o uno sport che piace può
aiutare molto!Ti faccio tanti auguri di buon anno e di buon miglioramento!
Tanti saluti
Giada
Group: Visus
Subject: Re: R: ortodossi e alternativi
Message: 855
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 10.08
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 10.22
--- In [email protected], "Guido" <[email protected]> wrote:
> Strano ma vero, io la pensavo esattamente come voi, al 100%...
> Ma in queste feste di fumi, bagordi, freddo... la mia vista non ne
ha
> assolutamente risentito, anzi mi pare persino migliorata.
> Sarà forse perchè la mia mente è più gioiosa e rilassata? Sarà
forse perchè
> cerco di essere presente nel presente? (Vi piace questo giuco di
parole?
> :-))
> Sarà perchè cerco di vedere le cose da un altro punto di vista?
> Mah, non lo so... Però so che stranamente il giorno 1, nonostante
abbia
> dormito pochissimo e mangiato come un porco il 31, vedevo
discretamente
> bene, più di quanto potessi immaginare... ovvero continuavano ad
esserci
> piccoli flash nonostante lo stress per il cibo e il poco sonno e la
> stanchezza!
>
> Saluti da Flashman
> Guido
Ciao Guido,
Infatti hai ragione, anzi, in realtà questo è un paradosso perchè
quando ci si rilassa e ci si diverte, quando si sta proprio BENE
(quando si pensa, era molto che non mi sentivo così bene, al mio
agio, felice, etc) sembra di avere degli occhi nuovi.
Anch'io una volta ho avuto un flash lunghissimo di 10/10, avevo
mangiato, mi sentivo benissimo non solo fisicamente, anche se faceva
moltissimo caldo e c'era molto rumore.
Credo si tratti di mettere sullabilancia i fattori negativi (fumo,
mancanza di sonno, ambiente chiuso, etc) e quelli positivi (star bene
con le persone, relax, calore del corpo) e il lato in maggioranza è
quello che vince.
Paola de S.
ps-bello questo tuo sopranome...!
Group: Visus
Message: 856
Subject: Re: opuscolo
--- In [email protected], "Myria Colaprico" <[email protected]> wrote:
> Ciao Giada, sono Myria e vorrei qualcosa di più sul metodo Bates,
dato che
> tu ne parli in modo così entusiasta, io vorrei poterlo praticare,
ma a parte
> leggere un paio di libri non sono mai riuscita a partecipare a
nessuna
> lezione pratica, mi potresti aiutare? tu in quale città lavori?io
sono della
> prov. di Bari.
> A risentirti presto ciao Myria
Ciao Myria,
Aggiungo qualcosa a quanto ti ha già risposto Giada e a quanto ti
avevo detto io.
Non aspettare a vedere un esperto di metodo Bates o a partecipare ad
un seminario, che sono cose molto utili e interessanti, perchè puoi
(e a mio avviso devi) iniziare già da sola a provare gli esercizi.
Nei due libri che ti ho consigliato sono descritti bene, ma anche
nel "metodo Bates in una conchiglia" senza che aspetti a finir di
leggere i libri.
Prova un 3-4 esercizi ogni decina di giorni, al termine dei quali
dovresti avere qualche risultato o qualche nuova sensazione visiva.
Un esercizio che non ti fa sentir niente dopo alcune volte che lo
fai, o è fatto male o non fa per te, inutile insistere (o al meno
finchè un esperto non te lo fa vedere come si fa). Allora cambia e
provane un'altro. Lo swing dell'elefante è ottimo e anche
l'oscillazione corta.
Il palming è direi l'unico "esercizio" che va bene a tutti quanti e
lì, se non hai dopo alcune volte che lo fai una sensazione di
benessere e di rilassamento agli occhi, lo stai facendo male e meglio
chiedere consiglio (anche in lista). Non è necessario che qualcuno ti
faccia VEDERE come si fa il palming perchè oltra a coprire gli occhi
correttamente e posizionarsi bene, tutto il resto sono concetti che
vanno capiti più che imitati.
Auguroni,
Paola de S.
Group: Visus
Subject: Re: Re: opuscolo
Message: 857
From: Bruno Badiali
Date: ven gen 04, 2002 1.32
From: Domenico Intelisano
Date: ven gen 04, 2002 12.51
On ven, 04 gen 2002 10:22:09 colorik wrote:
>
> Il palming è direi l'unico "esercizio" che va bene a tutti quanti e
> lì, se non hai dopo alcune volte che lo fai una sensazione di
> benessere e di rilassamento agli occhi, lo stai facendo male e meglio
> chiedere consiglio (anche in lista). Non è necessario che qualcuno ti
> faccia VEDERE come si fa il palming perchè oltra a coprire gli occhi
> correttamente e posizionarsi bene, tutto il resto sono concetti che
> vanno capiti più che imitati.
>
A proposito del palming vorrei dire che lo iniziato a farlo bene e mi ha
dato dei risultati solo quando me lo ha spiegato Maurizio Cagnoli, prima
non tenevo le mani ben a conchiglia e quindi avevano un contatto fisico
con le palpebre chiuse. Il risultato era che alla riapertura degli occhi
spesso mi sembrava di vedere peggio.
Dico questo non per contraddire Paola, ma per porre un po' più l'accento
sul fatto che se non si ottengono risultati è assai probabile che si sta
sbagliando qualcosa ed è bene chiedere aiuto.
Ciao,
-Bruno Badiali
[email protected] http://bunix.cjb.net
[email protected] [email protected]
Group: Visus
Subject: Re: R: ortodossi e alternativi
Message: 858
Quello che dici è, per me, giusto come è condivisibile la tua disamina
della situazione; il tutto però è avvenuto in un contesto particolare!
Rimane il concetto che se una cosa funziona....funziona (approccio clinico)
e che comunque, in linea generale, è meglio evitare fumi bagordi & company.
Saluti e salute a tutti,
Domenico
PS: Non mi sogno nemmeno di chiederti la dimostrazione scientifica di quanto
ti è successo!?!?
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Da: "Guido" <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Thu, 3 Jan 2002 20:05:45 +0100
A: <[email protected]>
Oggetto: R: [Visus] ortodossi e alternativi
Strano ma vero, io la pensavo esattamente come voi, al 100%...
Ma in queste feste di fumi, bagordi, freddo... la mia vista non ne ha
assolutamente risentito, anzi mi pare persino migliorata.
Sarà forse perchè la mia mente è più gioiosa e rilassata? Sarà forse perchè
cerco di essere presente nel presente? (Vi piace questo giuco di parole?
:-))
Sarà perchè cerco di vedere le cose da un altro punto di vista?
Mah, non lo so... Però so che stranamente il giorno 1, nonostante abbia
dormito pochissimo e mangiato come un porco il 31, vedevo discretamente
bene, più di quanto potessi immaginare... ovvero continuavano ad esserci
piccoli flash nonostante lo stress per il cibo e il poco sonno e la
stanchezza!
Saluti da Flashman
Guido
Group: Visus
Subject: Ancora sul palming- Re: opuscolo
Message: 859
--- In [email protected], Bruno Badiali <[email protected]> wrote:
>
> On ven, 04 gen 2002 10:22:09 colorik wrote:
>>
> > Il palming è direi l'unico "esercizio" che va bene a tutti quanti
e
> > lì, se non hai dopo alcune volte che lo fai una sensazione di
> > benessere e di rilassamento agli occhi, lo stai facendo male e
meglio
> > chiedere consiglio (anche in lista). Non è necessario che
qualcuno ti
> > faccia VEDERE come si fa il palming perchè oltra a coprire gli
occhi
> > correttamente e posizionarsi bene, tutto il resto sono concetti
che
> > vanno capiti più che imitati.
>>
>
> A proposito del palming vorrei dire che lo iniziato a farlo bene e
mi ha
> dato dei risultati solo quando me lo ha spiegato Maurizio Cagnoli,
prima
> non tenevo le mani ben a conchiglia e quindi avevano un contatto
fisico
> con le palpebre chiuse. Il risultato era che alla riapertura degli
occhi
> spesso mi sembrava di vedere peggio.
> Dico questo non per contraddire Paola, ma per porre un po' più
l'accento
> sul fatto che se non si ottengono risultati è assai probabile che
si sta
> sbagliando qualcosa ed è bene chiedere aiuto.
> Ciao,
>
> Bruno Badiali
Se Maurizio ti ha insegnato, non posso aggiungere altro a quel che
lui ti avrà detto..!
Però per gli altri membri della lista invece approfondisco dicendo
che la posizione di mani e corpo è molto importante, e può essere
dimostrata, ma purtroppo non è l'unico aspetto da considerare. Per
esempio, si può comunque sforzare gli occhi mentre si fa il palming,
non riuscire ad immaginare il nero e quindi sforzarsi anche in
questo, etc. Oppure molta gente mentre fa palming è tentata di
vagare con la mente pensando alle cose da fare o altro, il chè non
permette di ricevere completamente i benefici del palming.
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 3.10
Un palming fatto correttamente dovrebbe ripristinare, al meno al
momento, la corretta umidità negli occhi, e le mani dovrebbero
sentirsi leggermente più calde del solito (persino le mie, due
Bastoncini Findus appena usciti dal banco frigo).
Salutoni
Paola de S.
Group: Visus
Message: 860
Subject: Saccadi -Re: considerazioni da un oculista
From: colorik
Date: ven gen 04, 2002 3.26
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.20
--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> wrote:
> [...]i movimenti sccadici
> dell'occhio , già ipotizzati da Bates (eh si), citati da A. Huxley
nel
> '42 e definitivamente dimostrati da Yarbus nel '56. [...]
Maurizio,
Potresti gentilmente approfondire l'argomento oppure consigliarmi
qualcosa scritto da Yarbus sul tema movimenti saccadici?
Lo ritengo fondamentale perchè chiunque osservi un pò può vedere lo
sguardo fisso di un miope.
Nel film di Tornatore "Il pianista sull'oceano" ad un certo punto
viene inquadrato un occhio da molto vicino, dove si nota la sua
velocissima vibrazione (che non è la vibrazione della telecamera nè
del soggetto).
Paola de S.
Group: Visus
Subject: RE: La mia storia - Capitolo 9
Message: 861
Ultimamente sono circolati in lista molti messaggi interessantissimi.
Mi piacerebbe poter rispondere a diversi di questi, ma dovrò farlo più in là
con calma.
Per ora qualche piccolo contributo...
> -----Original Message----> From: s_caggia [mailto:[email protected]]
> Sent: Wednesday, January 02, 2002 3:16 PM
> To: [email protected]
> Subject: [Visus] La mia storia - Capitolo 9
...
> Moderatore, sei tornato dalle ferie? Io il "disclaimer" in fondo al
> messaggio l'ho messo, ma se tu reputassi necessario deletare il
> messaggio capirei...
Ciao, Silvio!
Ho letto con interesse tutti i tuoi messaggi e ho anche fatto una capatina
sul tuo sito.
Moderare?
Perchè dovrei moderare? Stai condividendo la tua esperienza stai
contribuendo a costruire quella base di conoscenza che potrebbe essere utile
a molti.
Quindi posso solo ringraziarti per il condividere la tua esperienza.
E poi sono contrario al moderare, a meno che non sia assolutamente
necessario. Già in apssato la lista si è automoderata.
E poi basta rimanee in tema.
Il disclaimer è una buona idea, quando metterò su la mia homepage lo terrò
presente...
Vorrei dire:
Il guidare senza occhiali è contro la legge. E poi ci si assume anche una
responsabilità morale in caso di incidente.
Per la legge è richiesta una acutezza visiva di 6/10 per la guida. Al limite
si può far presente che si richiede una gradazione più bassa e usare
occhiali sottograduati quel tanto che basta. Ma mai rischiare.
E comunque, a titolo personale, mi fido meno di chi guida, soprattutto di
notte, dopo aver subito un intervento di chirurgia refrattiva. Ci sono
troppi riporti, anche ufficiali su dette problematiche.
Non metto assolutamente in dubbio, comunque, che tu abbia raggiunto tale
acutezza visiva. Non ci vedo niente i strano o sorprendente. Anzi, sono
sicuro che, soprattutto di giorno, sia perchè è più facile centralizzare,
sia perchè aiuta un pò anche l'effetto "pinhole" della pupilla, riesci a
leggere tranquillamente cartelli lontani, indicazioni, targhe ed altri
particlari anche molto lontani. In poche parole i 10/10 e forse anche di
più!
Ma sconsiglio a chiunque non abbia la acutezza visiva richiesta o abbia
ancora l'obbligo sulla patente, di guidare senza lenti. In caso sarebbe
molto meglio, anche per gli occhi, far guidare qualcun'altro e godersi il
panorama...
Mi fa piacere inoltre che tu abbia bene evidenziato l'esperienza dei clear
flash, i lampi di visione nitida. Il metodo Bates non è affatto lento se
eseguito correttamente, ed i lampi di visione nitida, devono essere come tu
li hai sperimentati, e come altri sulla lista hanno riportato: Molte linee
di acutezza visiva in più e varie diottrie di variazione.
Continua a leggere la tabella di Snellen ogni giorno e cerca di usare gli
occhi nel modo corretto: ORA sai come si fa...
Ciao!
Mauro.
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: RE: Istruttori...
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 862
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.30
-----Original Message----From: rishiggatti [mailto:[email protected]]
Sent: Saturday, December 15, 2001 1:09 AM
To: [email protected]
Subject: [Visus] Istruttori...
> Comunque la cosa che fa male è constatare oltretutto come i peggiori
nemici
> del metodo Bates siano stati proprio alcuni "istruttori". Forse da
Come al solito, quando muore l'innovatore nascono le schiere di seguaci.
Io penso che sia meglio lasciar perdere i seguaci e fidarsi
dell'innovatore.
È per questo che non ho fiducia nella parola "istruttore", in
qualsiasi campo sia impiegata. Un "istruttore Bates" non si capisce
bene che cosa sia. L'unica cosa certa è che non è Bates!
Poi ognuno si cerca, e trova, i maestri che si merita...
Effettivamente a volte i seguaci distorcono il messaggio o gli insegnamenti
originali, piuttosto che approfondirli ed integrarli.
Nel metodo Bates questo è particolarmente vero.
TROPPI inventori e PRESUNTI geni, ma grandi SPECULATORI. Dopo un lungo giro
in circolo, mi sono ritrovato al punto di partenza, ed oggi sono convinto
che il metodo efficace davvero sia l'autentico Bates.
Senza troppi fronzoli e invenzioni.
"There is no god higher than truth - Mahatma Gandhi"
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: RE: Re: LETTURA VELOCE
>
>
>
>
Message: 863
-----Original Message----From: colorik [mailto:[email protected]]
Sent: Friday, December 14, 2001 10:07 AM
To: [email protected]
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.30
> Subject: [Visus] Re: LETTURA VELOCE
>
>
> --- In [email protected], Rishi Giovanni Gatti <[email protected]> wrote:
> > Hai scritto delle cose non vere nel messaggio 122, forse perché non
...
> > Dice Bates: tanto più velocemente si leggono le lettere, tanto
> meglio si
> > vedono.
>>
> > La lettura veloce ha a che fare con l'emisfero destro.
>>
> > È proprio nel capire il trucco di NON fissare lo sguardo ma di
> farlo
> > vagare velocemente "a volo d'uccello" sull'intera pagina che la
> lettura
> > veloce accade. Le lettere vengono captate, ma NON VERBALIZZATE. In
> > questo modo, l'occhio non si fissa, e vola via veloce.
> [...]
>
> sono convinta che la lettura veloce può essere di 2 tipi: una come tu
> descrivi, facendo quel che Bates chiama "high speed shifting"
> ovvero "spostamenti ad alta velocità" che tocca decine di punti
> minuscoli al secondo- è quasi una vibrazione.
> L'altra modalità è fissare lo sguardo diffondendo e spostando
> tutto "in blocco". Leggere da troppo vicino o carattteri troppo
> grandi secondo me porta facilmente a questo secondo modo di lettura
> veloce.
>
> Mio marito legge velocissimamente, divora i giornali ma ha una vista
> perfetta e il suo sguardo è tutt'altro che fisso, ha quella scintilla
> nell'occhio tipica dell'occhio sempre in movimento, anche e
> soprattutto mentre legge.
>
> Paola
Sostanzialmente daccordo, anche per altri motivi, sia con quello che scrive
Giovanni, sia con quello che scrive Paola.
Per leggere correttamente, non occorre affatto procedere lentamente.
L'importante e solo farlo nel modo corretto.
Usate la tecnica della sottile linea bianca, come descritta nei messaggi
passati. E' incredibilmente efficace per ristabilire la corretta motilità
degli occhi. Provare per credere.
Mauro.
Group: Visus
Message: 864
Subject: RE: Come eseguo le tecnice di bates? Era: Re: beh io
Franco, volevor risponderti a proposito della tuo feedback (grazie!) ma non
ne trovo ancora il tempo.
Magari prova a cambiare modo con il quale esegui le tecniche, e concentrati
solo sulle essenziali (Caratteri piccolissimi, contrasto tra bianco e nero
nella tabella di snellen, dondolio...) così vedi se riesci a sbloccare
qualcosa.
Per ora ti saluto.
Mauro.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
-----Original Message----From: franco [mailto:[email protected]]
Sent: Tuesday, December 25, 2001 2:00 PM
To: [email protected]
Subject: R: Come eseguo le tecnice di bates? Era: Re: [Visus] beh io
>Reimpariamo a centralizzare:
Uno dei metodi più efficaci e la lettura dei caratteri piccolissimi (corpo
2.0 2.5 o 3.0). Era la misura che usavi tu?
=>Si o no???
>>>>>>>si ho stampato caratteri di 3 ma ho fatto la lettura solo per 1/2
settimane
>Anche quando leggi i "caratteroni" delle normali pubblicazioni,
puoi farlo
in modo da stilolare il riapprendimento degli abiti visivi corretti. Leggi
facendo scorrere gli occhi nello spazio bianco tra le righe, come
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.42
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
fossero un
laser a luce bianca e sottilissimo, percependo la linea più
bianca tra le
due righe con i caratteri nerissimi.
=> Lo facevi o no?
>>>>>>>no, non lo facevo e non lo faccio per le inserzioni pubb. ma quando
leggevo e leggo faccio scorrere gli occhi nello spazio bianco tra
le righe.
un fatto curioso riguardo questa tecnica, quando nn la conoscevo ancora, è
che sono arrivato al punto in cui(poichè studiavo per gli esami
univ)leggendo 2/3 righe sentivo gli occhi moooolto pesanti e stanchi.
utilizz questa tecnica gli occhi si stancano molto meno anche se
delle volte
riacqisto le vecchie abitudini di vedere una pagina intera.... e mi stanco
di nuovo
>Tabella di snellen:
Essenziale per il feedback. Fornisce all'istante, al sistema visivo, la
percezione di come sta operando.
("Sto o no andando nella direzione giusta?").
- Ad una distanza dove puoi leggere le prime 43-5 righe.
- Deve essere bene in luce. Sotto una lampada forte o attaccato
al vetro di
una finestra (può essere anche stampata su un foglio trasparente
o costruita
con dei trasferibili sul vetro). Soprattutto all'inizio il problema è
associato alla tendenza a diffondere. I coni (quasi tutti nella fovea
centralis, la zona della retina ad alta risoluzione)sono attivati dalla
luce, mentre se la luce è poca funzionano solo i bastoncelli (pochissimi
nella fovea centralis).
Devi reimparare anche a usare le varie zone dell'occhio secondo
la funzione
a loro fisiologicamente adatta).
Se leggi la tabella in poca luce hai ancora più difficoltà a
centralizzare,
ed aumenta lo stress del sistema visivo. Che è
proprio quello che invece tu vorresti ridurre!
Inoltre, con la luce, la pupilla più piccola, con un parziale effetto
pinhole (a forellino stenomatopeico), aiuta nella visione.
Quando le cose si saranno messe in moto potrai anche cominciare a leggerla
in poca luce, che è uno dei passi successivi.
Ma all'inizio NO! Non mettiamo troppa carne al fuoco.
Mentre la leggi tieni gli ochhi rilassati, un leggero abbassamento della
palpebra va bene, MA SENZA STRIZZARE GLI OCCHI!
Devi essere rilassato mentre leggi. Aiuta molto il dondolio laterale di
fronte alla tabella di snellen. Molto lento, come il pendolo di un vecchio
orologio da parete. Respira, rilascia le spalle, sbatti le palpebre e
dondola.... dondola... dondola... Non è importante quello che vedi...
Concentrati solo sul bianco, bianchissimo, della tabella e sul nero,
nerissimo dei caratteri.
=> La leggevi così?
>>>>>>no, no proprio. a dire la verità la tabella è la cosa che ho
utilizzato meno.
ho iniziato a fare gli esercizi più semplici descritti da bates(leggere le
lettere in alto e basso, etc) ma li trovavo un pò noiosi. inoltre
gli occhi
si stancavano subito. sentivo una certà rigidità quando si muovevano.
sembrava stessi sforzando..
>Rasterbrille:
Posono essere un'arma a doppio taglio.
Se tu ci guardi la visione, ANNULLI COMPLETAMENTE IL FEEDBACK al
tuo sistema
visivo. Se stai guardano da lontano, con gli occhi che accomodano
(focalizzano) a 4 dita di distanza, il tuo cervello non lo saprà mai (è
tutto a fuoco lo stesso), quindi continuerà a comandare l'occhio in quel
modo.
Quindi, io personalmente, ho molte riserve sull'uso indiscriminato dei
rasterbrille, che, sopratutto all'inizio, potrebbe essere
controproducente.
Dopo, magari, si.
Invece, guarda la televisione senza, avvicinati anche un pò di più, usa
magari lenti sottocorrette, ma fai lo sketching o delineamento:
Immagina di
avere una matita lungha fino allo schermo, od un puntatore laser,
attaccati
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
al naso. E usali per delineare i contorni. Sono eccezionali per
stimolare al
motilità e favorire la centralizzazione (è un fattore percettivo). La
televisione è abbastanza luminosa, e centralizzare non è quindi difficile.
=>LO facevi o no?
>>>>>>>>>>>esercizi con la tele zero.anche perche la guardo poco
Il dondolio dell'elefante è spesso fatto come se fosse invece quello
dell'orangutàn. Tutti sporti in avanti.
Bisogna stare dritti ed eseguirlo molto lentamente. Per
cominciare fallo con
le braccia alzate di lato, a croce. Ti aiuta a stare dritto. Quando hai
capito come è la posizione allora lascia le braccia libere sui fianchi, le
spalle morbide e continua ad oscillare.
Molta gente "SFUOCA" mentre oscilla, convinta che non si debba percepire
niente di quello che ci passa sotto il naso. SBAGLIATISSIMO! E' una
interpretazione errata di questa tecnica. In realtà gli occhi non devono
posarsi su niente. Si devono lasciare gli occhi liberi di "scorrere" su
quello che gli passa davanti.
Se lo si fa bene, gli occhi si muoveranno a piccoli scatti
continui (questo
è percepibile dalla visione a scatti dell'ambiente circostante).
=> Lo facevi così?
>>>>>ho osservato una rigidità(negli occhi) anche quando facevo
l'oscillazione. dondolavo, penso corretamente, e spostavo gli occhi da un
oggetto vicino(una lampada) a una finestra. il più delle volte veniva
spontaneo ampliare la vista cioè abbracciare con lo sguardo il più grande
spazio possibile.
Anche il palming, se fatto male, può essere controproducente.
Immaginare il nero per molti è difficile.
Meglio immaginare allora scene piacevoli, anche paesaggi, se si
preferisce.
VANNO VISUALIZZATI DISTANTI, E NON AD UN PALMO DAL NASO
(abbastanza comune).
E concentrarsi su di un PICCOLO particolare alla volta, non
diffondere anche
durante il palming!!!
=> Lo facevi così?
>>>>>>>>>>>>>>>alternavo scene piacevoli a scene che mi venivano
spontaneamente
=>E del sunning che mi dici?
>>>>>>>>>>>>>>>>inizialmente oscillavo aprendo gli occhi ogni tanto poi
tenendoli sempre chiusi perchè ho letto nella lista che si
dovrebbe fare a
occhi chiusi (almeno cosi ho capito!!!)
=> E della percezione del movimento delle cose? E' importante per
far capire
al sistema visivo che la zona periferica dell'occhio serve a percepire il
movimento e lo sfondo, e NON A VEDERE!!!
>>>>>>>>>>><<eeeeh.cosa???
Ci sono molti altri messaggi, anche molto vecchi, ai quali avrei voluto
rispondere ma per adesso accettate questo, errori e sviste compresi...
-----Messaggio originale----Da: skyrunner [mailto:[email protected]]
Inviato: lunedì 24 dicembre 2001 20.48
A: [email protected]
Oggetto: Come eseguo le tecnice di bates? Era: Re: [Visus] beh io
> -----Original Message----> From: franco [mailto:[email protected]]
> Sent: Friday, December 21, 2001 9:12 PM
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> To: [email protected]
> Subject: R: [Visus] beh io
>
>
> ehm! 4/5 mesi.
> non li faccio più perchè non ottengo risultati.
> all'inizio dedicavo mezz'ora di mattina e mezz'ora la sera. facevo
> dondolamento e leggevo la tabella di snellen, palmin , lettura
> dei caratteri
> piccoli etc.
> con ke spirito? con lo spirito di migliorare la mia vista.
> comunque uso gli occhiali solo quando guido o quando esco di
> casa. a casa nn
> uso gli occhiali e per la televisione utilizzo i rasterbrilee.
...
Scrivevi anche:
>ora io non sto facendo più gli esercizi come prima.mi sono un pò stufato
>perche non c'è nessun risultato. forse non li facevo correttamente? bo!?
non
>lo so.
Però... non hai contribuito prima alla lista con questa tua
esperienza, ma è
stato necessario lo scossone dei messaggi del Gatti, (chi lo dice che non
sono stati utili allora? Visto? C'è del buono anche
nell'immondizia spesso.
In generale, intendo... non è riferito a lui...).
Allora approfondiamo anche questa...
Penso che sia la risposta valida anche per altri messaggi recenti.
Mi piacerebbe ricevere un tuo feedback. Nel testo ci sono delle domande
precedute da "=>". Gradirei li un tuo ritorno...
4/5 mesi senza risultati e senza (suppongo) neanche un clear flash? C'è
sicuramente qualcosa che non va!
Sono decisamente troppi!!! Ti assicuro comunque che io mi sarei stancato
molto prima.
I tuoi occhi non sono diversi da quegli delli altri (sono sfaccettati?
Composti? A bastoncino come quelli delle lumache? A pallina come
quelli dei
granchi? No? Bene, allora possiamo continuare...)
Di norma un lampo di visione nitida dovresti averlo da poche ore a qualche
settimana (per i più lenti) da quando hai iniziato a praticare il metodo.
E NON sono necessarie ore di pratica!
Quindi: Fai solo mezzora. Ma nella maniera corretta.
Il metododo Bates inizia con uno "scalino" che bisogna salire e nel quale
molti inciampano e continuano ad inciampare...
Lo scalino è: Devi imprare a lasciare andare i tuoi occhi. Devi imparare a
sentirli ma NON a comandarli.
Il controllo volontario non è possibile, e se provi ad imporlo,
inciamperai
per sempre e all'infinito.
Puoi però usare delle tecniche che INDIRETTAMENTE permettono di
rimettere in
moto certi meccanismi e reinsegano al tuo sistema visivo il metodo
fisiologicamente corretto di funzionare.
E non è nemmeno necessario capire perchè e come funzionano. L'importante e
eseguirli nella maniera corretta. E paradossalmente, spesso le
tecniche più
efficaci sono proprio quelle che a priori, e razionalmente (dal
basso della
nostra ignoranza), sembrano avere meno senso.
Inoltre, il tuo sistema visivo sa guardare solo nel modo "sbagliato", e se
provi a farlo funzionare volontariamente come lui sa, funzionerà come ha
sempre fatto da quando (anzi da da poco prima) tu sei diventato miope.
Purtroppo capirai il come solo dopo. Quando avrai visto i risultati.
E' impossibile cercare di spiegare ad un cieco cosa è il colore.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
E noi siamo
in una situazione simile.
Senza ripetere concetti già espressi in passato e che ognuno può andarsi a
leggere nell'archivio di Visus, potremmo provare a fare qualche
approfondimento nel particolare.
La miopia inizia nel modo con cui si usano gli occhi nel lavoro da vicino,
quasi sempre la lettura.
Con un solo sguardo si abbracciano più righe. E' più comodo ma il fatto è
che il sistema visivo poi cercherà di usare lo stesso metodo nella visione
da lontano, continuerà cioè a "diffondere".
Reimpariamo a centralizzare:
Uno dei metodi più efficaci e la lettura dei caratteri piccolissimi (corpo
2.0 2.5 o 3.0). Era la misura che usavi tu?
=>Si o no???
Puoi stampare una infinità di materiale, con una buona inkjet, impostata
alla risoluzione massima, per esempio da Word, scrivendo a mano nella
casellina del carattere, per esempio, 2,5...
Anche quando leggi i "caratteroni" delle normali pubblicazioni, puoi farlo
in modo da stilolare il riapprendimento degli abiti visivi corretti. Leggi
facendo scorrere gli occhi nello spazio bianco tra le righe, come
fossero un
laser a luce bianca e sottilissimo, percependo la linea più
bianca tra le
due righe con i caratteri nerissimi.
=> Lo facevi o no?
Tabella di snellen:
Essenziale per il feedback. Fornisce all'istante, al sistema visivo, la
percezione di come sta operando.
("Sto o no andando nella direzione giusta?").
- Ad una distanza dove puoi leggere le prime 43-5 righe.
- Deve essere bene in luce. Sotto una lampada forte o attaccato
al vetro di
una finestra (può essere anche stampata su un foglio trasparente
o costruita
con dei trasferibili sul vetro). Soprattutto all'inizio il problema è
associato alla tendenza a diffondere. I coni (quasi tutti nella fovea
centralis, la zona della retina ad alta risoluzione)sono attivati dalla
luce, mentre se la luce è poca funzionano solo i bastoncelli (pochissimi
nella fovea centralis).
Devi reimparare anche a usare le varie zone dell'occhio secondo
la funzione
a loro fisiologicamente adatta).
Se leggi la tabella in poca luce hai ancora più difficoltà a
centralizzare,
ed aumenta lo stress del sistema visivo. Che è
proprio quello che invece tu vorresti ridurre!
Inoltre, con la luce, la pupilla più piccola, con un parziale effetto
pinhole (a forellino stenomatopeico), aiuta nella visione.
Quando le cose si saranno messe in moto potrai anche cominciare a leggerla
in poca luce, che è uno dei passi successivi.
Ma all'inizio NO! Non mettiamo troppa carne al fuoco.
Mentre la leggi tieni gli ochhi rilassati, un leggero abbassamento della
palpebra va bene, MA SENZA STRIZZARE GLI OCCHI!
Devi essere rilassato mentre leggi. Aiuta molto il dondolio laterale di
fronte alla tabella di snellen. Molto lento, come il pendolo di un vecchio
orologio da parete. Respira, rilascia le spalle, sbatti le palpebre e
dondola.... dondola... dondola... Non è importante quello che vedi...
Concentrati solo sul bianco, bianchissimo, della tabella e sul nero,
nerissimo dei caratteri.
=> La leggevi così?
Rasterbrille:
Posono essere un'arma a doppio taglio.
Se tu ci guardi la visione, ANNULLI COMPLETAMENTE IL FEEDBACK al
tuo sistema
visivo. Se stai guardano da lontano, con gli occhi che accomodano
(focalizzano) a 4 dita di distanza, il tuo cervello non lo saprà mai (è
tutto a fuoco lo stesso), quindi continuerà a comandare l'occhio in quel
modo.
Quindi, io personalmente, ho molte riserve sull'uso indiscriminato dei
rasterbrille, che, sopratutto all'inizio, potrebbe essere
controproducente.
Dopo, magari, si.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Invece, guarda la televisione senza, avvicinati anche un pò di più, usa
magari lenti sottocorrette, ma fai lo sketching o delineamento:
Immagina di
avere una matita lungha fino allo schermo, od un puntatore laser,
attaccati
al naso. E usali per delineare i contorni. Sono eccezionali per
stimolare al
motilità e favorire la centralizzazione (è un fattore percettivo). La
televisione è abbastanza luminosa, e centralizzare non è quindi difficile.
=>LO facevi o no?
Il dondolio dell'elefante è spesso fatto come se fosse invece quello
dell'orangutàn. Tutti sporti in avanti.
Bisogna stare dritti ed eseguirlo molto lentamente. Per
cominciare fallo con
le braccia alzate di lato, a croce. Ti aiuta a stare dritto. Quando hai
capito come è la posizione allora lascia le braccia libere sui fianchi, le
spalle morbide e continua ad oscillare.
Molta gente "SFUOCA" mentre oscilla, convinta che non si debba percepire
niente di quello che ci passa sotto il naso. SBAGLIATISSIMO! E' una
interpretazione errata di questa tecnica. In realtà gli occhi non devono
posarsi su niente. Si devono lasciare gli occhi liberi di "scorrere" su
quello che gli passa davanti.
Se lo si fa bene, gli occhi si muoveranno a piccoli scatti
continui (questo
è percepibile dalla visione a scatti dell'ambiente circostante).
=> Lo facevi così?
Anche il palming, se fatto male, può essere controproducente.
Immaginare il nero per molti è difficile.
Meglio immaginare allora scene piacevoli, anche paesaggi, se si
preferisce.
VANNO VISUALIZZATI DISTANTI, E NON AD UN PALMO DAL NASO
(abbastanza comune).
E concentrarsi su di un PICCOLO particolare alla volta, non
diffondere anche
durante il palming!!!
=> Lo facevi così?
=>E del sunning che mi dici?
=> E della percezione del movimento delle cose? E' importante per
far capire
al sistema visivo che la zona periferica dell'occhio serve a percepire il
movimento e lo sfondo, e NON A VEDERE!!!
Comunque è essenziale anche cercare di trasportare le nuove abilità nella
vita di tutti i giorni. Come ne abbiamo già scritto in passato.
=> Any comment?
Ci sono molti altri messaggi, anche molto vecchi, ai quali avrei voluto
rispondere ma per adesso accettate questo, errori e sviste compresi...
Ciao a tutti E buona cena!
Mauro.
"La luna si specchia nel lago solo quando l'acqua è calma".
[email protected]
[email protected]
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al
seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Il metodo Bates in una conchiglia.
Message: 865
From: skyrunner
Date: dom gen 06, 2002 7.42
From: Barbara Pizzichelli
Date: lun gen 07, 2002 1.16
E' il file che arriva in automatico a chi si iscrive a Visus.
E' un sunto delle tecniche che ho tradotto da un files prelevato da internet
(The Bates method in a nutshell)
La traduzione del titolo è stata "conchiglia" invece che "guscio di noce",
in quanto per noi italiani è "conchiglia" a dare il senso di qualcosa di
piccolo e prezioso, mente "guscio di noce" evoca qualcosa di piccolo e
precario.
Nel files un sunto delle tecniche di Bates. Comunque lo ho messo in linea
così come era, ma lo volevo integrare con estratti dagli studi e le
esperienze più recenti di Bates. Come per esempio le tecniche di lettura e
quelle del palming (spesso usato come propedeutico alla tabella di Snellen e
non come "tecnica" a se stante.
Sono passati mesi e ancora non lo ho fatto, ma abbiate fede...
Sono convinto che basta un sunto fatto bene per ottenere risultati ottimi.
Paradossalmente, forse molto migliori e più rapidi di quelli seguiti da chi
mette troppe "castagne sul fuoco" e si perde nella lettura di libri mediocri
di "aspiranti geni". Riconosco che esistono ottimi libri, ma in mezzo a
molta "crusca". Ed il danno è enorme.
La grandezza e la genialità del metodo Bates, in effetti, stanno proprio
nella sua semplicità ed efficacia.
"Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada".
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: rosso-blu
Message: 866
Ciao a tutti.
Giro alla lista il quesito di un'altra persona: diapositive con testo rosso
su sfondo blu possono risultare molto pesanti per la vista?
La persona in questione si è trovata molto a disagio nel dover seguire una
proiezione (lunga) così organizzata, e vorrebbe capire meglio la cosa.
Grazie
Barbara
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 10
Message: 867
From: s_caggia
Date: lun gen 07, 2002 5.05
From: colorik
Date: mar gen 08, 2002 9.27
Ringrazio Skyrunner per l'incoraggiamento, vado quindi avanti nella
pubblicazione dei "capitoli"...
Ciao
Capitolo decimo – Come ci vedo?
Si alternano tre diverse "modalità" di visione.
La prima modalità è quella che definirei "sfocata", potreste pensare
che è come vede normalmente un miope quando toglie gli occhiali, ma
non è proprio così, o meglio: è così se riuscite ad immaginare di
togliere dal contesto la sua abitudine a portare gli occhiali, lo
choc del fatto di toglierli improvvisamente e tutte le paure legate
al fatto di vedere sfocato. Diciamo che potrei meglio definirla come
modalità di visione "serenamente sfocata".
La seconda modalità è quella che definirei "multipla", è la cosa che
mi ha sorpreso di più durante questa esperienza, consiste nel vedere
la sovrapposizione di un certo numero di immagini; ciascuna delle
immagini è nitida, ma l'insieme di queste, a seconda del numero di
immagini sovrapposte, dello "scarto" tra queste e dell'intensità di
ciascuna, può rendere il risultato più o meno confuso. Per dare una
vaga idea di questa visione potreste provare ad incrociare o
divergere gli occhi, in questo modo vedreste 2 immagini sfalsate
orizzontalmente, immaginate ora di vederne invece più di 2 e sfalsate
in direzioni diverse. Curiosamente alcune persone che hanno subito
l'operazione con il laser lamentano di ritrovarsi irrimediabilmente
ed irreversibilmente con questo tipo di visione! Quando ho trovato su
Internet delle simulazioni di questo tipo di visione
(http://members.tripod.it/gfrancesco/index.html) ho avuto la conferma
che non si trattasse di qualche scherzo della mia immaginazione,
anche se ancora non riesco a capire bene come ciò avvenga... A
differenza delle persone operate, questo tipo di visione è per me in
un certo senso gradevole, vuoi perché mi permette di riconoscere già
la maggior parte dei dettagli di ciò che voglio vedere (o leggere per
essere più precisi), vuoi perché per me è il passo intermedio che
preannuncia la terza modalità di visione.
La terza modalità di visione è quella che definirei "nitida", si
realizza esattamente quando nella visione multipla diminuiscono il
numero di immagini doppie fino a ridursi ad una sola. Le immagini
sono brillanti, i colori solidi, gli oggetti "molto tridimensionali"…
insomma un estasi di piacere per gli occhi e per la mente!
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse
una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo
della professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.)
è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.
Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza
autorizzazione dell'autore, purché a fini non commerciali e citando
l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in
continua evoluzione):
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/Vista.doc
Group: Visus
Subject: Re: rosso-blu
Message: 868
--- In [email protected], Barbara Pizzichelli <[email protected]> wrote:
> Ciao a tutti.
>
> Giro alla lista il quesito di un'altra persona: diapositive con
testo rosso
> su sfondo blu possono risultare molto pesanti per la vista?
> La persona in questione si è trovata molto a disagio nel dover
seguire una
> proiezione (lunga) così organizzata, e vorrebbe capire meglio la
cosa.
>
> Grazie
>
> Barbara
Direi proprio di si, testo rosso in sè (anche su sfondo bianco)è
molto fastidioso. Poteva andare peggio solo se facevano testo rosso
su sfondo verde (le lettere sembrano saltare). Anche le impostazioni
di colore tipo VGA sono di questo tipo, veramente insopportabili.
Sicuramente chi ha scelto i colori per la proiezione non era un
grafico.
Paola de Santiago
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 11
Message: 869
Capitolo undicesimo – Una giornata tipo
Al mattino mi sveglio con la modalità di visione "serenamente
sfocata"; se facendo colazione do un'occhiata alle news televisive
capita spesso che si attivino la modalità "multipla" o anche
quella "nitida", in genere in corrispondenza dell'apparire di scritte
(sottotitoli in sovraimpressione, quotazioni…).
L'uscita in strada, con la sua luce naturale e lo stimolo degli
oggetti a distanze diverse, mi stimola ancora la visione "multipla" e
momenti di visione "nitida".
Il bello viene mentre guido per andare in ufficio; questo, che era
una volta il momento più noioso della giornata, è diventata ora la
mia "palestra" preferita: tutto un mondo che mi scorre intorno,
oggetti che si spostano in tutte le direzioni, targhe che si spostano
avanti ed indietro, cartelli stradali, cartelli pubblicitari,
variazioni di luce… anche le soste al semaforo sono diventate
piacevoli, mettere a fuoco le targhe posteriori delle auto che mi
precedono è un gioco gratificante: conoscete la soddisfazione di
vedere nitidamente, anche solo per un attimo, le scrittine
pubblicitarie del porta-targa dell'auto davanti?
Il percorso a piedi dal parcheggio all'ufficio è un altro momento
chiave: insegne, nomi delle vie, file di targhe di auto parcheggiate
a pettine, un grande cartello pubblicitario a centinaia di metri…
In ufficio non ci sono molti momenti di rilassamento, anzi, ma il mio
monitor a 15 pollici è impostato a 1024x768 pixel e caratteri
piccoli, Internet Explorer è impostato a caratteri molto piccoli e
quando stampo sulla laser riduco a 4 pagine per foglio! Ai colleghi
che dicono: "Come fai a leggere? Così ti cechi gli occhi!"
rispondo: "No, anzi!", ma si allontanano lo stesso scuotendo la testa…
Quando me ne ricordo guardo fuori dalla finestra; a circa 25 metri
c'è un cartello che dopo qualche secondo leggo sottovoce: "Ai punti
di raccolta R6 R7", ed il collega di fronte al solito mi
risponde: "eh, certo, lo sai a memoria!".
In riunione la difficoltà maggiore è riconoscere i volti e le
espressioni fini del viso. Non ho una memoria visiva molto
sviluppata, anche quando portavo gli occhiali non riconoscevo subito
le persone che non vedevo frequentemente, figuriamoci senza!
Curiosamente oggi vi faccio molta più attenzione, cercando proprio di
memorizzare e richiamare queste informazioni che non sono abituato a
trattare.
Anche il tragitto di ritorno verso casa è una palestra molto
piacevole, i primi risultati di miglioramento li ho avuti soprattutto
lì, forse per il rilassamento dopo una giornata di lavoro. A volte ho
l'impressione che mi gratifico con una visione più o meno nitida a
seconda di quanto "ho concluso" durante la giornata di lavoro!
Inoltre, passando dall'estate all'inverno, il mio tragitto di ritorno
è gradualmente diventato più buio abituandomi lentamente alla guida
notturna.
Tornato a casa posso tornare alla mia visione "serenamente sfocata",
oppure fare un po' di "meditazione" attivando così la visione
multipla e quella nitida osservando gli ottotipi o guardando un DVD.
Da pochi giorni ho avuto un figlio, Alberto, e quasi tutto il mio
tempo libero è assorbito dalla sua "contemplazione"; mi soffermo
lungamente sui suoi bellissimi occhi grigio chiaro e mi chiedo di che
colore diventeranno tra qualche mese, ma soprattutto: farà anche lui
i miei stessi errori?
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse
una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo
della professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.)
è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.
Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza
autorizzazione dell'autore, purché a fini non commerciali e citando
l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in
continua evoluzione):
From: s_caggia
Date: mar gen 08, 2002 3.50
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/Vista.doc
Group: Visus
Subject: Ogg: rosso-blu
Message: 870
From: pao1970
Date: mer gen 09, 2002 9.52
From: Carlo Masci
Date: mer gen 09, 2002 11.57
vorrei chieder eun piccolo "dettaglio" perchè alla visita
dall'oculista usano fare confronto tra testo nero su sfondo verde e
testo nero su sfondo blu e poi ti chiedono quale vedi meglio?
beh io rispondo entrambi bene alla stessa maniera no?
ma forse non ho capito questa domanda in che senso quale vedo meglio?
scusate la mia ignoranza
Paola
--- In [email protected], "colorik" <[email protected]> ha scritto:
> --- In [email protected], Barbara Pizzichelli <[email protected]> wrote:
> > Ciao a tutti.
>>
> > Giro alla lista il quesito di un'altra persona: diapositive con
> testo rosso
> > su sfondo blu possono risultare molto pesanti per la vista?
> > La persona in questione si è trovata molto a disagio nel dover
> seguire una
> > proiezione (lunga) così organizzata, e vorrebbe capire meglio la
> cosa.
>>
> > Grazie
>>
> > Barbara
>
> Direi proprio di si, testo rosso in sè (anche su sfondo bianco)è
> molto fastidioso. Poteva andare peggio solo se facevano testo
rosso
> su sfondo verde (le lettere sembrano saltare). Anche le
impostazioni
> di colore tipo VGA sono di questo tipo, veramente insopportabili.
>
> Sicuramente chi ha scelto i colori per la proiezione non era un
> grafico.
>
> Paola de Santiago
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: rosso-blu
Message: 871
Per l'aberrazione sferica il rosso e il verde non vanno a fuoco sulla retina.
Il rosso cade prima e il verde dopo.
Quindi se il paziente li vede nello stesso modo è ben corretto,se vede meglio il rosso
è ipocorretto mentre se vede meglio il verde è ipercorretto.
----- Original Message ----From: pao1970
To: [email protected]
Sent: Wednesday, January 09, 2002 9:52 AM
Subject: [Visus] Ogg: rosso-blu
vorrei chieder eun piccolo "dettaglio" perchè alla visita
dall'oculista usano fare confronto tra testo nero su sfondo verde e
testo nero su sfondo blu e poi ti chiedono quale vedi meglio?
beh io rispondo entrambi bene alla stessa maniera no?
ma forse non ho capito questa domanda in che senso quale vedo meglio?
scusate la mia ignoranza
Paola
--- In [email protected], "colorik" <[email protected]> ha scritto:
> --- In [email protected], Barbara Pizzichelli <[email protected]> wrote:
> > Ciao a tutti.
>>
> > Giro alla lista il quesito di un'altra persona: diapositive con
> testo rosso
> > su sfondo blu possono risultare molto pesanti per la vista?
> > La persona in questione si è trovata molto a disagio nel dover
> seguire una
> > proiezione (lunga) così organizzata, e vorrebbe capire meglio la
> cosa.
>>
> > Grazie
>>
> > Barbara
>
> Direi proprio di si, testo rosso in sè (anche su sfondo bianco)è
> molto fastidioso. Poteva andare peggio solo se facevano testo
rosso
> su sfondo verde (le lettere sembrano saltare). Anche le
impostazioni
> di colore tipo VGA sono di questo tipo, veramente insopportabili.
>
> Sicuramente chi ha scelto i colori per la proiezione non era un
> grafico.
>
> Paola de Santiago
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di Utilizzo del Servizio Yahoo!
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: RE: rosso-blu
Message: 872
Do il mio contributo alla domanda sul rosso e sul blu.
Il potere refrattivo dell'occhio (non dico "cristallino" volutamente) cambia
in funzione della "frequenza" della luce.
La luce è un'onda elettromagnetica come le onde radio, ne più ne meno. Con
una frequenza però molto più alta.
Ogni colore ha la sua frequenza.
La luce si comporta diversamente, nell'attraversare un corpo trasparente, a
seconda della propria frequenza.
L'esperimento classico, che quasi tutti conoscono, è quello del prisma che
scompone la luce bianca (che è un insieme di tutte le frequenze, cioè di
tutti i colori) nei colori dell'arcobaleno, a seconda della loro frequenza.
E l'arcobaleno stesso in natura, ne è un esempio.
Quando la luce entra nell'occhio, viene "refratta" o se vogliamo usare un
termine più semplice "focalizzata" in maniera diversa, a seconda del suo
colore.
Se mi ricordo bene (potrebbe essere forse il contrario, ma non è
importante):
Il rosso è di una frequenza più bassa. Risente di più(?) delle
caratteristiche del corpo che attraversa.
Il blu (o il verde) è di una frequenza più alta. Risente di meno(?) delle
caratteristiche del corpo che attraversa.
Se vengono proiettati insieme rosso e blu, il sistema visivo (non dico
"occhio" volutamente) "deve scegliere" quale colore mettere a fuoco, tutti e
due insieme non è possibile, al massimo può scegliere un compromesso.
Quindi a seconda del colore visto meglio è possibile capire se la correzione
ottica applicata alla luce che entra nell'occhio è superiore o inferiore a
quella "giusta" (scusate il giusta tra virgolette ma è stato più forte di
me...)
Quindi è il modo più rapido per capire se aumentare o diminuire la
correzione, piuttosto che chiedere "come vede ora, meglio o peggio?".
Mauro
" The fact is that, except in rare cases, man is not a reasoning being. He
is
dominated by authority, and when the facts are not in accord with the
view imposed by authority, so much the worse for the facts. - Dr. William
Horatio Bates"
Mauro Teodori
From: skyrunner
Date: gio gen 10, 2002 1.39
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: info
Message: 873
From: franco
Date: ven gen 11, 2002 5.02
From: CAGGIA Silvio
Date: ven gen 11, 2002 6.11
From: Myria Colaprico
Date: dom gen 13, 2002 11.00
vorrei fare una domanda:
è possibile che movimenti estremi degli occhi causino qualche disturbo?
mi spiego meglio(spero che non sia disgustoso): sin dall'età di 17/18 anni
(da quando è iniziata la mia miopia) tendevo a eliminare dei punti neri
sopratutto dalle spalle e ancora oggi occasionalmente lo faccio. questa
operazione determina uno spostamento estremo degli occhi per poter vedere in
certi punti. dopo aver fatto questo provo un certo dolore agli occhi.
franco
Group: Visus
Subject: La mia storia
Message: 874
Beh? Nemmeno un feedback? Aspettate che finisca di scriverla tutta prima di
intervenire con un commento o una domanda?
Non vorrei di certo leggere 145 (tanti siete!) messaggi di invito a
proseguire, Skyrunner mi potrebbe stramaledire, ma vorrei essere sicuro che
non vi sto annoiando...
Come fare? Idea!
Sul mio sito è attivo da tempo un "gedanken experiment" che langue di cavie
che si sottopongano a tale violenza psicologica... :-) pensate che mi
servirebbero solo 1000 coraggiosi che lo sperimentino per verificare una
importante teoria scientifica e sono invece molto indietro!
In pratica l'esperimento è proposto sotto forma di giochino che si effettua
online in meno di 3 minuti d'orologio, ovviamente io ricevo i risultati e
vedo quindi quanti vi si sottopongono. Non costa nulla, non vende nulla, non
contiene virus, è politically correct e non dovrebbe fare danni alla psiche
più di tanto :-)
Facciamo che se nei prossimi giorni vedo arrivare qualche decina di
risultati mi sento spronato ad andare avanti a scrivere!
Dal momento che il tema del giochino è assolutamente off topic per questa
lista vi prego di non postare in questa sede eventuali domande, flames e
quanto altro riferiti esclusivamente ad esso, non voglio essere
stramaledetto dal moderatore!
L'indirizzo del gioco è:
http://www.geocities.com/s_caggia/game2
grazie
Ciao
---------------------------------------Silvio Caggia
[email protected]
http://www.geocities.com/s_caggia
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
Message: 875
non ti è venuto il sospetto di essere leggermente prolisso?
con affetto ciao myria
----- Original Message ----From: "CAGGIA Silvio" <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Friday, January 11, 2002 6:11 PM
Subject: [Visus] La mia storia
Beh? Nemmeno un feedback? Aspettate che finisca di scriverla tutta prima di
intervenire con un commento o una domanda?
Non vorrei di certo leggere 145 (tanti siete!) messaggi di invito a
proseguire, Skyrunner mi potrebbe stramaledire, ma vorrei essere sicuro che
non vi sto annoiando...
Come fare? Idea!
Sul mio sito è attivo da tempo un "gedanken experiment" che langue di cavie
che si sottopongano a tale violenza psicologica... :-) pensate che mi
servirebbero solo 1000 coraggiosi che lo sperimentino per verificare una
importante teoria scientifica e sono invece molto indietro!
In pratica l'esperimento è proposto sotto forma di giochino che si effettua
online in meno di 3 minuti d'orologio, ovviamente io ricevo i risultati e
vedo quindi quanti vi si sottopongono. Non costa nulla, non vende nulla, non
contiene virus, è politically correct e non dovrebbe fare danni alla psiche
più di tanto :-)
Facciamo che se nei prossimi giorni vedo arrivare qualche decina di
risultati mi sento spronato ad andare avanti a scrivere!
Dal momento che il tema del giochino è assolutamente off topic per questa
lista vi prego di non postare in questa sede eventuali domande, flames e
quanto altro riferiti esclusivamente ad esso, non voglio essere
stramaledetto dal moderatore!
L'indirizzo del gioco è:
http://www.geocities.com/s_caggia/game2
grazie
Ciao
---------------------------------------Silvio Caggia
[email protected]
http://www.geocities.com/s_caggia
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Re: info
Message: 876
From: Myria Colaprico
Date: dom gen 13, 2002 11.02
From: maurizio cagnoli
Date: sab gen 12, 2002 10.44
disturbi non ne crea , ma se ti crea dolore forse sarebbe meglio che te li
facesse qualcun'altro
ciao myria
----- Original Message ----From: "franco" <[email protected]>
To: "Visus" <[email protected]>
Sent: Friday, January 11, 2002 5:02 PM
Subject: [Visus] info
> vorrei fare una domanda:
> è possibile che movimenti estremi degli occhi causino qualche disturbo?
> mi spiego meglio(spero che non sia disgustoso): sin dall'età di 17/18 anni
> (da quando è iniziata la mia miopia) tendevo a eliminare dei punti neri
> sopratutto dalle spalle e ancora oggi occasionalmente lo faccio. questa
> operazione determina uno spostamento estremo degli occhi per poter vedere
in
> certi punti. dopo aver fatto questo provo un certo dolore agli occhi.
>
> franco
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: R: La mia storia
Message: 877
Guarda, ho trovato tanto stimolante la tuaimpresa, che ho inserito un
capitoletto nella prossima buena Vista Update, che mando a un bel po' di
indirizzi.
Quindi aspettati di vedere impennarsile visite al tuo sito.
D'altro canto lo sai anche tu, gli iscritti alla nostra lista tendono ad
essere un po' timidi e difficilmente si lasciano andare ad espressioni di
entusiasmo. Il che non vuol dire che non apprezzino i racconti delle
esperienze come la tua, anzi...
Solo che c'è una certa tendenza alla letargia e una certa tendenza a "non
esporsi"
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected] [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: R: La mia storia
Message: 878
a me è simpatico
ciao stefano (faro il test sul .. ginocchio ?)
di nuovo ciao a tutti e grazie
----- Original Message ----From: Myria Colaprico <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Sunday, January 13, 2002 11:00 AM
Subject: Re: [Visus] La mia storia
> non ti è venuto il sospetto di essere leggermente prolisso?
> con affetto ciao myria
>
> ----- Original Message ----> From: "CAGGIA Silvio" <[email protected]>
> To: <[email protected]>
> Sent: Friday, January 11, 2002 6:11 PM
> Subject: [Visus] La mia storia
>
>
> Beh? Nemmeno un feedback? Aspettate che finisca di scriverla tutta prima
di
> intervenire con un commento o una domanda?
> Non vorrei di certo leggere 145 (tanti siete!) messaggi di invito a
> proseguire, Skyrunner mi potrebbe stramaledire, ma vorrei essere sicuro
che
> non vi sto annoiando...
> Come fare? Idea!
> Sul mio sito è attivo da tempo un "gedanken experiment" che langue di
cavie
> che si sottopongano a tale violenza psicologica... :-) pensate che mi
> servirebbero solo 1000 coraggiosi che lo sperimentino per verificare una
> importante teoria scientifica e sono invece molto indietro!
> In pratica l'esperimento è proposto sotto forma di giochino che si
effettua
> online in meno di 3 minuti d'orologio, ovviamente io ricevo i risultati e
> vedo quindi quanti vi si sottopongono. Non costa nulla, non vende nulla,
non
> contiene virus, è politically correct e non dovrebbe fare danni alla
psiche
> più di tanto :-)
> Facciamo che se nei prossimi giorni vedo arrivare qualche decina di
> risultati mi sento spronato ad andare avanti a scrivere!
> Dal momento che il tema del giochino è assolutamente off topic per questa
> lista vi prego di non postare in questa sede eventuali domande, flames e
> quanto altro riferiti esclusivamente ad esso, non voglio essere
> stramaledetto dal moderatore!
> L'indirizzo del gioco è:
> http://www.geocities.com/s_caggia/game2
>
> grazie
> Ciao
> ---------------------------------------> Silvio Caggia
> [email protected]
> http://www.geocities.com/s_caggia
>
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
From: stefano caldiron
Date: lun gen 14, 2002 9.35
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
> indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
Message: 879
From: Barbara Pizzichelli
Date: dom gen 13, 2002 12.56
From: Bruno Badiali
Date: lun gen 14, 2002 1.57
At 18.11 11/01/02 +0100, you wrote:
>Beh? Nemmeno un feedback? Aspettate che finisca di scriverla tutta prima di
>intervenire con un commento o una domanda?
>Non vorrei di certo leggere 145 (tanti siete!) messaggi di invito a
>proseguire, Skyrunner mi potrebbe stramaledire, ma vorrei essere sicuro che
>non vi sto annoiando...
Domande non ne ho, ma ti leggo volentieri!
I giochini non mi ispirano particolarmente, quindi preferisco darti un
segnale diretto: vai avanti!!!
Ciao
Barbara
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
Message: 880
On ven, 11 gen 2002 18:11:51 CAGGIA Silvio wrote:
> Beh? Nemmeno un feedback? Aspettate che finisca di scriverla tutta prima di
> intervenire con un commento o una domanda?
Fino ad ora non ti ho mai risposto più che altro per motivi tecnici, i tuoi
messaggi capitavano sempre quando avevo la casella di posta inondata di messaggi o
lavoravo in Telecom da dove ho difficoltà ad accedere alla posta elettronica.
Comunque volevo approfittare per dirti che abbiamo molti punti in comune:
Anche io come te mi sono posto il problema della guarigione naturale dopo un
inaspettato miglioramento ed il percorso che ho fatto dopo è molto simile al tuo.
Se ne vuoi sapere di più puoi visitare le seguente mia pagina:
http://digilander.iol.it/bunix/it_sight.html
> Non vorrei di certo leggere 145 (tanti siete!) messaggi di invito a
> proseguire, Skyrunner mi potrebbe stramaledire, ma vorrei essere sicuro che
> non vi sto annoiando...
A me non stai annoiando.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Come fare? Idea!
Sul mio sito è attivo da tempo un "gedanken experiment" che langue di cavie
che si sottopongano a tale violenza psicologica... :-) pensate che mi
servirebbero solo 1000 coraggiosi che lo sperimentino per verificare una
importante teoria scientifica e sono invece molto indietro!
In pratica l'esperimento è proposto sotto forma di giochino che si effettua
online in meno di 3 minuti d'orologio, ovviamente io ricevo i risultati e
vedo quindi quanti vi si sottopongono. Non costa nulla, non vende nulla, non
contiene virus, è politically correct e non dovrebbe fare danni alla psiche
più di tanto :-)
Facciamo che se nei prossimi giorni vedo arrivare qualche decina di
> risultati mi sento spronato ad andare avanti a scrivere!
> Dal momento che il tema del giochino è assolutamente off topic per questa
> lista vi prego di non postare in questa sede eventuali domande, flames e
> quanto altro riferiti esclusivamente ad esso, non voglio essere
> stramaledetto dal moderatore!
> L'indirizzo del gioco è:
> http://www.geocities.com/s_caggia/game2
>
Adesso ci do un'occhiata.
> grazie
> Ciao
> ---------------------------------------> Silvio Caggia
> [email protected]
> http://www.geocities.com/s_caggia
Ciao,
-Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: ...Da un assiduo lettore silenzioso...
Message: 881
From: Ferdinando Di Cesare
Date: mar gen 15, 2002 6.36
From: maurizio cagnoli
Date: mer gen 16, 2002 9.20
Salve Maurizio,
sarei anch'io interessato ad avere ulteriori notizie sui movimenti saccadici
e su quanto evidentemente scritto sull'argomento dal Vardus,
che non conosco nonostante abbia letto parecchio sul tema occhi in questi
ultimi due anni.
Poi... ci sarebbe un'altra citazione che mi ha colpito.
Qualcuno in lista faceva riferimento all'ipotesi che l'uso dei rasterbraille
possa comunque non indurre benefici per via di un supposto blocco permanente
del sistema accomodativo.
In sostanza quest'ultimo risulterebbe irrigidito su posizioni cronicizzate
dal nostro
difetto refrattivo e non subirebbe input sebbene noi, con i rasterbraille,
si stia vedendo meglio.
Almeno se non ho frainteso il senso...
Mi chiariresti meglio la questione se puoi?
Anche perché io li uso molto, e pensavo di adottare in tal senso una sorta
di autocorrettivo passivo...
Grazie, Ferdinando
Group: Visus
Message: 882
Subject: R: ...Da un assiduo lettore silenzioso...
Allora:
Yarbus (proprio così) è un ricercatore dell'ambito della percezione visiva,
disciplina in bilico tra psicologia e fisica. E' molto conosciuto, ma viene
ignorato dall'oculistica e anche dall'optometria. Sul numero 67 di Focus
(maggio 98 c'era una chiara esposizione di queste saccadi.
Ma addirittura ho trovato il discorso delle saccadi (movimenti rapidi di
esplorazione visiva) anche in libri di educazione visiva per le medie
superiori!
Io ne ho parlato nel dossier #2 e in "lavorare con gli occhi della gente"
L'apsdetto terapeutico dei rasterbrille è collegato a questo: stimolano la
ripresa delle saccadi e impediscono la fissità dello sguardo (cosa che
infastidisce molto chi ha queste abitudini.
Inoltre impedisce la diffusione e quindo aiuta a ritrovare la
centralizzazione visiva.
Vero è che sul piano dell'accomodazione non incidono. E quindi se ci si
affida solo a loro e non si pratica il metodo Bates "integrale" si cerca una
scorciaotia che non c'è.
Per fubnzionare bene gli occhi devono essere usati in modo naturale (e
questo è l'obbiettivo del metodo Bates). Questo significa che ogni cosa che
facciamo con gli occhi deve essere fatta in un modo naturale , compreso la
lettura.
Ciao
--------->Da: Ferdinando Di Cesare <[email protected]>
>A: <[email protected]>
>Oggetto: [Visus] ...Da un assiduo lettore silenzioso...
>Data: Mer, 16 gen 2002 1:36
>
>
>
> Salve Maurizio,
> sarei anch'io interessato ad avere ulteriori notizie sui movimenti saccadici
> e su quanto evidentemente scritto sull'argomento dal Vardus,
> che non conosco nonostante abbia letto parecchio sul tema occhi in questi
> ultimi due anni.
> Poi... ci sarebbe un'altra citazione che mi ha colpito.
> Qualcuno in lista faceva riferimento all'ipotesi che l'uso dei rasterbraille
> possa comunque non indurre benefici per via di un supposto blocco permanente
> del sistema accomodativo.
> In sostanza quest'ultimo risulterebbe irrigidito su posizioni cronicizzate
> dal nostro
> difetto refrattivo e non subirebbe input sebbene noi, con i rasterbraille,
> si stia vedendo meglio.
> Almeno se non ho frainteso il senso...
> Mi chiariresti meglio la questione se puoi?
> Anche perché io li uso molto, e pensavo di adottare in tal senso una sorta
> di autocorrettivo passivo...
>
> Grazie, Ferdinando
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Message: 883
Subject: Off-topic Fuori-tema FW: Teoria DNTH
Quanto segue non è direttamente legato alla visione. Mi scuso per
l'off-topic. Chi non è interessato "non si curi di quanto segue ma guardi e
passi". Ai messaggi successivi.
A chi fosse interessato dico invece di farmelo sapere, che giro l'articolo
completo.
INIZIO OFF-TOPIC:
Giro in lista un sunto di questa email che mi ha inviato un mio amico poco
tempo fa perchè può servire a far capire come le teorie dei
"guru-che-non-sbagliano-mai-perchè-loro-sono-la-scienza" a volte vacillano.
E quando poi cadono il botto è davvero grande.
Spero che succeda questo anche per le scoperte del pioniere Bates. E che un
giorno le sue scoperte e la sua la sua verità siano riconosciute.
Per chi mastica l'inglese segnalo anche questo sito, nulla a che vedere con
la visione, per lo meno non direttamente, che toglie il coperchio su un
pentolone "ortodosso"...
http://www.karlloren.com/
Suggerisco la lettura di Failed Diet. Diet è inteso come alimentazione, non
come dieta nel senso "estetico" del termine.
Lo dico da ex vegetariano...
Si rivelerà profetico ciò che si legge su "Vista perfetta senza occhiali"?
"The fact is that, except in rare cases, man is not a reasoning being. He is
dominated by authority, and when the facts are not in accord with the view
imposed by authority, so much the worse for the facts. They may, and indeed
must, win in the long run; but in the meantime the world gropes needlessly
in darkness and endures much suffering that might have been avoided."
(La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere razionale.
Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in accordo con la
visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i fatti. Questi
potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo periodo; ma nel frattempo
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 12.50
il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e permane la molta sofferenza
che poteva essere evitata).
E l'articolo della rivista francese "Revue du Conseil National Des Inginieurs et Scientifiques de France" 20 February 2000 Autori: Jean-Pierre
Bouyssonnie e Henry Aujard , citato in seguito, finisce con una frase
simile:
"CONCLUSIONI - Molti anni, a volte anche secoli, sono spesso necessari
prima che le cosidette
"verità accettate" vengano messe in discussione.
E' chiaro che le leggi ora in uso sulla gravità non si accordano
completamente
alla realtà fisica. Grazie alla NASA, che ci ha mostrato che con Maurice
Allais,
noi siamo ora sulla strada giusta."
-----Original Message----Sent: Wednesday, October 03, 2001 8:31 AM
To: [email protected]
Subject: Teoria DNTH
Al Sig. Mauro Teodori
Caro Mauro,
come ti avevo detto al telefono, ti invio gli indirizzi dei miei siti
web:
...
Ci troverai argomenti di fisica derivanti dalla mia teoria, che ho
denominato DNTH.
Essa è una nuova teoria fisica di unificazione dei campi di forza, nello
...
Il movimento degli elettroni è solo un fenomeno accessorio, ed è uno
degli effetti e non la causa del fenomeno di conduzione dell'energia
elettrica.
...
con cui realizzare i superconduttori a temperatura ambiente, che già
esistono, ma sono ancora top secret per il grande pubblico. In questo
...
E a proposito di gravità, sapevi che l'eclisse dell'11 Agosto 1999 ha
rappresentato un terremoto per tutte le leggi della fisica? E' stato
provato che:
1) - Michelson e Morley si sono sbagliati nelle loro conclusioni sulle
misure effettuate per il famoso esperimento che porta il loro nome, e
2) - che quindi, l'etere esiste !!!,
3) - che la gravità non segue affatto le equazioni della relatività
generale di Einstein,
4) - che il pendolo di Foucault aumenta la sua deviazione oraria del
piano di oscillazione durante l'eclisse e,
5) - che quindi, in quel frangente, la Terra gira più velocemente!
...
Ti allego l'articolo al riguardo, tradotto dall'inglese (FOUCAULT.TXT).
....
(Nota di Mauro: La parte che segue mi trova particolarmente daccordo!)
Naturalmente la comunità scientifica internazionale ha assunto
sull'argomento un atteggiamento omertoso (direi quasi mafioso) e solo la
NASA e l'Accademia delle Scienze di Francia (il Prof. Allais, che ha
scoperto fin dal 1959 tutto questo, è francese) hanno parlato! Nel 1959
questo Prof. Allais non era stato creduto, mentre adesso la NASA, visto
che ha fatto fiasco per ben due volte con le sonde inviate su Marte (che
si sono schiantate sul pianeta) e che altre sonde lanciate seguivano
traiettorie diverse da quelle calcolate, si è decisa a riconsiderare
l'intera questione della gravità e delle anomalie del pendolo di
Foucault durante le eclissi solari ed ha dato pienamente ragione al
Prof. Allais, sconfessando platealmente le teorie di Einstein. Facci
caso, gli altri scienziati, gli accademici e tutta la stampa, .... tutti
zitti! Hanno fatto tutti la figura dei pecoroni! Non parlano perché
hanno il terrore che qualcuno ponga loro la fatidica domanda: "Ma a Lei,
Professore, non l'ha mai sfiorata il dubbio che la relatività di
Einstein fosse sbagliata?", oppure "Lei insegna dei concetti senza
accertarsi della loro bontà? e lo fa a scatola chiusa?" ecc. ecc.. Mi
piacerebbe sapere se tali scienziati ed accademici hanno già ritirato
dalle librerie tutti i libri che trattano della relatività di Einstein o
se, invece, fanno finta di niente, tanto, secondo loro, gli studenti
devono solo ripetere e... non devono necessariamente capire quello che
studiano! Secondo me dovrebbero almeno ritirare le lauree a tutti quelli
che hanno fatto la tesi sulla relatività di Einstein!!!
...
Per finire, gli argomenti filosofici trattati sui miei siti web
riguardano essenzialmete la coscienza post-mortem dell'individuo e sono
rivolti a tutti, credenti e non credenti. Scrissi le lettere ivi
pubblicate in concomitanza dell'approvazione della legge sulla donazione
degli organi e tali lettere provocarono un vespaio, anche in certi
ambienti
...
RIPERCUSSIONI IMPREVISTE DELL'ECLISSI TOTALE DI SOLE DELL'11 AGOSTO 1999
NEL
CAMPO DELLA GRAVITAZIONE
Articolo pubblicato nella rivista francese: "Revue du Conseil National Des
Inginieurs et Scientifiques de France" 20 February 2000 Autori: Jean-Pierre
Bouyssonnie e Henry Aujard.
La NASA, messa di fronte alla variazione delle traiettorie di alcuni suoi
velivoli spaziali, ha riscoperto il lavoro del Prof. Maurice Allais, che Š
stato,
tra l'altro, pubblicato in USA nel 1959, alla richiesta di Vernher Von
Braun,
in un articolo intitolato: La legge di gravit… dovrebbe essere
riconsiderata?".
Questo articolo include i risultati degli esperimenti sul pendolo,
intrapresi
da Allais per diversi anni. Questi esperimenti sono stati il soggetto di
diverse comunicazioni con l'Accademia delle Scienze di Francia, ma l non hanno
interessato nessuno. La NASA ha usato l'eclissi dell'11 Agosto 1999 per
lanciare
una vasta campagna internazionale di misure con il pendolo, principalmente
con
il pendolo di Foucault, al fine di verificare l'effetto "Allais".
...
Attualmente, la verit… Š che la legge di gravit…, secondo la quale
l'attrazione tra due corpi varia in funzione dell'inverso del quadrato della distanza
che li separa, Š il risultato di una combinazione algebrica delle leggi di
Keplero (1609).
Nel 1905, Einstein, con la sua teoria della relativit… generale, che tratta
in
effetti della gravit…, aggiunse delle considerazioni importanti.
Ed ogni giorno queste leggi si usano per calcolare, tra l'altro, le
traiettorie dei razzi e dei velivoli spaziali. Si dovrebbe tuttavia notare che per
un
certo tempo un certo numero di ingegneri e di scienziati si domandavano
perch‚
le traiettorie dei velivoli spaziali erano leggermente differenti da quanto
si
aspettavano dai calcoli effettuati.
Cos Wernher Von Braun, quando era alle ricerche della NASA, fece delle
osservazioni su tale oggetto. E quando sent parlare del lavoro su tale argomento
del francese Prof. Maurice Allais, egli lo sollecit• a pubblicare una serie
di
articoli in USA, nella rivista di Ingegneria aerospaziale, dal titolo "La
legge di gravit… deve essere rivista ?" (Settembre/Ottobre 1959).
GLI ESPERIMENTI DEL PROFESSOR MAURICE ALLAIS SUL PENDOLO
Fin dal 1954, il Professor Allais, che ricevette il premio Nobel in economia
nel 1988, aveva considerato la fisica un hobby.
Egli venne presto a credere che la propagazione delle azioni gravitazionale
ed
elettromagnetica fosse graduale, e ci• implica l'esistenza di un mezzo
intermedio: l'etere di Fresnel.
Allais deduceva che si dovrebbe essere in grado di stabilire una connessione
tra magnetismo e gravitazione mentre si osserva, per esempio, l'azione di un
campo magnetico sul movimento di un pendolo. Inizialmente egli osserv• il
mo...
Il professor Allais effettu• molti esperimenti, consistenti in 7 serie di
misure mensili ininterrotte. Questi esperimenti dimostrarono in modo decisivo
l'esistenza di una direzione di anisotropia dello spazio, che varia con il
tempo.
...
Perciò, nel Luglio del 1959 egli lanciò tali esperimenti con osservazioni
ottiche in due direzioniò Egli notò facilmente le ampiezze delle deviazioni
ottiche, che, considerate in se stesse, erano inspiegabili entro i limiti
delle
teorie correntemente accettate.
...
Albert Michelson e Edward Morley, nel 1887, e specialmente Dayton Miller nel
1925, hanno effettuato degli esperimenti usando un grande apparato di
interferometria, che separava un fascio di luce in due bracci, uno in direzione del
...
Si dovrebbe tuttavia notare che dopo il nuovo esperimento di Miller,
Einstein,
in un supplemento della Rivista Scienze, scrisse nel 1925: "Se le
osservazioni
del Dr. Miller sono confermate, la teoria della relativit… dovrebbe essere
sbagliata. L'esperimento Š il solo giudice."
...
Esso mostrava che le osservazioni di Miller erano molto pi— ricche di quanto
fossero state stimate al tempo della loro pubblicazione, quando esse erano
passate pressocch‚ inosservate.
...
Queste due note provano, in tutti i casi, che i risultati degli esperimenti
di
Miller sono positivi e assolutamente non possono essere spiegati come
alterazioni prodotte dalle variazioni di temperatura.
...
GLI ESPERIMENTI DELLA NASA
Come indicato all'inizio di questo articolo, la NASA, investig•, all'inizio
del 1999, per scoprire le principali cause delle differenze nelle
traiettorie
dei razzi e dei velivoli spaziali (Pioneer 11 e 12, Ulisse) ed inizi• ad
interessarsi al lavoro del Professor Allais.
Naturalmente la NASA era interessata principalmente alla serie di articoli
pubblicati pi— di 40 anni prima, nella rivista USA di Ingegneria Aerospaziale
"La
legge di gravit… dovrebbe essere rivista?" ed anche a vari articoli e
comunicazioni su analoghi soggetti.
Finalmente, nel mese di Giugno del 1999, il Dr. David Noever della NASA
decise
di chiedere ad un gran numero di laboratori, osservatori ed universit…
sparsi
nel mondo, di cogliere l'opportunit… dell'eclisse totale di sole dell'11
Agosto 1999.
LE REAZIONI DELLA COMUNITA' SCIENTIFICA ALLE DICHIARAZIONI UFFICIALI DELLA
NASA
Dopo che la NASA ha inviato un grandissimo numero di e-mail al mondo
scientifico, alcuni destinatari hanno risposto. Per esempio il prof. Mihaile
dell'Universit… di Bucarest ha detto che ha gi… prodotto in diverse occasioni alcune
misure sul pendolo, ottenendo risultati molto vicini a quelli indicati dal
Professor Allais. Nello stesso modo, grazie alla rivista USA "21st Century
Science
& Technology", il Professor Shu-wen Zhou dell'Universit… di Huazhong in
Cina,
ha reso noto degli studi molto interessanti, fatti negli ultimi 10 anni, che
concordano interamente con le conclusioni del Prof. Allais.
Altre risposte molto positive sono giunte dal Canada, dall'Ungheria e dal
Brasile, dove sono state effettuate delle misure confrontabili.
PRIMI RISULTATI CONSEGUITI E CONTINUAZIONE DEGLI ESPERIMENTI PIANIFICATI
PER
DETERMINARE LE DIREZIONI DELL'ANISOTROPIA DELLO SPAZIO.
Alcuni risultati veramente positivi sono stati riconosciuti e vengono
analizzati confrontandoli con precedenti misure fatte durante altre eclissi,
specialmente con le molte prove effettuate in altri periodi con pendoli di
differenti
lunghezze. Alla fine di Febbraio o all'inizio di Marzo 2000, il Dr. David
Noe...
E' certo, in tutti i casi, che questi studi produrranno molti buchi nella
struttura dell'edificio della fisica e che l'anisotropia dello spazio appare
essere proprio definitiva.
CONCLUSIONI
Molti anni, a volte anche secoli, sono spesso necessari prima che le
cosidette
"verit… accettate" vengano messe in discussione.
E' chiaro che le leggi ora in uso sulla gravit… non si accordano
completamente
alla realt… fisica. Grazie alla NASA, che ci ha mostrato che con Maurice
Allais,
noi siamo ora sulla strada giusta.
Group: Visus
Subject: FW: Stampa tabelle
Message: 884
Rispondi a questo messaggio di Daria in lista perchè penso interessi tutti.
Che tipo di difficoltà hai incontrato nella stampa delle tabelle?
Qualcun'altro ha avuto problemi, e di che tipo?
I file sono compressi con "winzip". Basta fare click col tasto destro e
scegliere l'opzione "estract". Se non si è in possesso del programma si può
scaricare gratuitamente su www.winzip.com
Visto che le tabelle sono ESSENZIALI per la pratica QUOTIDIANA del metodo,
ho provveduto ad inviarle anche nel formato .PDF che necessita però di
acrobat reader (gratuito su www.acrobat.com ). Con Acrobat reader installato
basta un doppio clic sul file e poi scegliere "print"
Le ho anche messe in lista non compresse, per chi avesse problemi.
Oltre alle tabelle imparate a stamparvi qualcosa in caratteri piccolissimi
(es.corpo 2,5). E leggetelo.
A Daria le ho inviate privatamente.per sicurezza, nel caso non avesse
accesso alla sezione files.
Registratevi sul sito che ne vale la pena. Potete anche farlo con dati falsi
se avete la coscienza non a posto e temete lo Guardia di Finanza o altro...
http://it.groups.yahoo.com
una volta completata la procedura, in Italiano, potrete anche abbinare
l'indirizzo col quale eravate iscritti a Visus al vostro nuovo account su
Yahoo.
Subject: Stampa tabelle
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 12.50
Carissimo Mauro,
sono Daria, è già un po' di tempo che mi sono iscritta, e subito ho tentato
di stampare le tabelle che mi hai inviato ma non essendoci riuscita, ho
lasciato stare e poi sono stata travolta dal lavoro, ora vorrei stampare
quelle benedette tabelle, ma di nuovo non ci sono riuscita neppure con la
stampante laser a scuola. Puoi dirmi per favore come posso fare? Che le
tabelle servano lo so perchè qualche anno fa ho seguito a Bologna un corso
presso i naturisti, dove applicano il metodo Bates;io sono ipermetrope dalla
nascita e astigmatica, ma sono molto ipermetrope, per fortuna ho avuto
sempre degli oculisti intelligenti che pur non conoscendo Bates mi dicevano
di non portare gli occhiali, e di metterli solo per leggere, dandomi anche
delle correzioni molto limitate rispetto al mio difetto, fino a che uno mi
ha convinta a mettermi le lenti a contatto e questa è stata la mia digrazia,
perchè prima ci vedevo sicuramente meglio ad occhio nudo che non ora. Come
dicevo ho seguito il corso presso i naturisti: io andavo là una volta alla
settimana, ma poi dovevo fare a casa tutti gli esarcizi: la scrittura
piccola, le oscillazioni, leggere alternativamente con un occhio e poi con
l'altro, il palming ecc.. ecc.. e lì per lì non mi ero accorta dei
miglioramenti, ma un giorno al mare, mentre tirava un vento fortissimo ed
io naturalmente ero senza lenti a contatto, mentre ci stavamo spostando in
macchina, mio marito mi ha dato l'atlantino dicendomi di cercare una
località, al chè io ho risposto:" capirai cosa vedo senza lenti e senza
occhiali!", ma con mia grande sorpresa leggevo benissimo; non avevo però
fatto ancora gli esercizi da lontano, ad ottobre non ho più avuto tempo di
tornare dai naturisti, e così è passato qualche anno, ma quello che avevo
guadagnato da vicino non l'ho più perduto; ora voglio proprio fare gli
esercizi con le tabelle ti sarei quindi grata se mi potessi dare qualche
indicazione per stamparle. Leggo sempre gli interventi della lista e sono
proprio quelli che mi hanno ridato la spinta per riprovare. Un caro saluto
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: RE: A passeggio senza occhiali
Message: 885
Rispondo con ritardo a questo msg di Lisa-Loretta
>
>
>
>
>
-----Original Message----From: Lisa Simpson [mailto:[email protected]]
Sent: Sunday, October 21, 2001 5:14 PM
To: [email protected]
Subject: [Visus] A passeggio senza occhiali
...
> Non credo che esistano tecniche in grado di fare miracoli, credo
> invece che
> il miracolo sia racchiuso dentro di noi: il nostro compito è scoprirlo.
Daccordo.
La sintesi estrema del metodo Bates è: "La miopia è solo nella mente".
In sintesi, non è che basti "cambiare idea" per "guarire", ma il nocciolo è
nel come abbiamo imparato ad impostare la "attenzione" del nostro sistema
visivo. Detto così sembra strano, e a me una volta sarebbe sembrato assurdo.
Oggi ho capito che è proprio, semplicemente, così. Riprogrammare il tutto
però richiede tempo (relativamente poco) e costanza.
> sento tanto persa se non ho le lenti a contatto). Per andare al bancomat
> devo percorrere circa 500 m (traffico, strade, pedoni, incroci ecc.). Mi
> sono tolta gli occhiali e ho proseguito così, solo con i miei occhi.
Sarebbe meglio farne a meno, si. Anche le lenti sottograduate introducono
una distorsione (non solo di deformazione anamorfica) ma agiscono anche da
prismi appenna non guardi attraveso il centro ottico della lente. Tendono
quindi a immobilizzare l'occhio. Ma secondo me se ricevi troppi pochi
dettagli dal mondo visivo, il feedback non c'è più. Allora inutile soffrire.
Vale la pena di aiutarsi con le sottograduate.
E poi:
Snellen.
Caratteri piccolissimi.
Sunning (anche con lampade
Dondolii
> Osservazioni:
> - l’udito è molto acuto, sento molto prima di vedere e questo
> è di grande
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 1.25
>
>
>
>
>
aiuto
- riesco a camminare perché conosco ogni angoli di questo paese:
l’informazione che già posseggo determina l’identificazione delle ombre
- gli odori hanno più intensità e mi creano un nuovo tipo di
attenzione
A proposito di percezione...
La percezione visiva non è fatta solo di focalizzazione. Quella te la danno
anche le lenti.
Ma quello che può darti solo il cervello ed è essenziale è "percezione"
Concentrati anche su:
Movimento reale, apparente e relativo di quello che ti circonda.
Tridimensionalità degli oggetti.
Contrasto e colore.
Vedrai quante sensazioni nuove e quasi sconosciute!
Anche Paola ti aveva risposto:
"Avrai anche notato che i colori sono
qualcosa che non hai mai visto ne con lenti ne con occhiali. Lo
stesso per la profondità, percepita non tanto per le variazioni di
messa a fuoco come per il movimento veloce delle cose vicine, lento
delle cose lontane, etc".
Inoltre il miope, contarriamente a quanto si "sente in giro" NON HA AFFATTO
una visione buona o, addirittura, migliore della norma, da vicino. Anche
quella è peggiore. Solo che, leggendo da vicino, la grandezza relativa delle
immagini che cadono sulla retina compensa la loro mancanza di definizione.
La riprova di quanto dico la conoscono bene coloro che hanno visto la
differenza tra il "prima" ed il "dopo". "Dopo" anche le lettere di una
pagina scritta ti sembreranno nerissime ed i colori più vivaci, e indovina
un pò che cosa significa?
> Ho comunque sempre gli occhiali in mano, per ogni necessità (es.
> attraversare una strada)
Bene.
> Dimenticavo di dirvi che ho ricominciato a fare gli esercizi dal 15
> settembre, ogni giorno.
Non li prendere come esercizi che è fuorviante. Tecniche o giochi è più
appropriato.
> Pensate che tutto questo possa essere utili?
> Loretta
Ti rispondo con una delle mie firme favorite:
"Nessuno puo' dirti a quale altezza potrai elevarti;
neppure tu lo saprai, sino a che non avrai spiegato le ali."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: RE: Ma questa luce?
Message: 886
-----Original Message----From: Daniele Brambilla [mailto:[email protected]]
Sent: Wednesday, October 24, 2001 9:18 PM
To: [email protected]
Subject: [Visus] Ma questa luce?
>Volevo sapere se le luci di casa o dell'ambiente in cui siamo soliti
>lavorare o studiare devono essere forti o deboli.
>Questo dubbio mi sorge perchè leggendo il libro di Bates, si evince che con
>poca luce il nostro occhio lavoro di più perchè più stimolato; invece altri
>libri (come quello scritto da Huxley) dicono che maggiore è la luce,
>maggiore è il rilassamento visivo....
>Chi ha ragione?
Da quello che ho capito io:
La luce forte favorisce la centralizzazione.
Leggere, soprattutto caratteri piccoli, in condizioni disagevoli invece la
rende necessaria, quindi, in sostanza... pure!
Il libro di Bates del 1920, è utile.
From: skyrunner
Date: gio gen 17, 2002 1.35
Ma il vero pensiero di Bates si trova sulle riviste "Better Eyesight
magazine, uscite successivamente, per 11 anni.
"Noi vediamo soltanto ciò che vogliamo vedere, inconsciamente o
consciamente; in altre parole, solo una parte di ciò che vediamo proviene
dall' esterno, il resto si trova in noi. Le nostre interpretazioni sono
strettamente legate alle nostre esperienze passate.".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 238
Message: 887
From: Giuseppe Lapenta
Date: dom gen 20, 2002 4.49
From: ideamatic1
Date: lun gen 21, 2002 9.52
From: skyrunner
Date: lun gen 21, 2002 11.12
Salve a tutti,
sabato scorso mi trovavo in un negozio di ottica e volutamente ho lasciato
cadere il discorso sulla rieducazione visiva. Il commesso, un solerte
ortottista, mi ha spiegato i due metodi per il recupero naturale della
vista: uno sorpassato ed un'altro nuovo ed efficace, si riferiva
all'ACCOMOTRAK per il primo e all'IBIS (o IRIS) per il secondo.
Non ha voluto dirmi di più per questioni di... deontologia professionale!
Qualcuno/a di voi ha sentito parlare o conosce questo IBIS o IRIS?
Saluti.
Giuseppe
Group: Visus
Subject: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 888
Ciao a tutti,
Sabato nella rivista del Corriere della Sera io-donna c'era un
articolo sul Lasik. Abbastanza bene spiegato per essere una rivista
del genere, si parlava di una x percentuale di casi non andati a buon
fine, anche se non si diceva cosa potevano essere le complicazioni.
Ha parlato del problema della visione notturna riscontrata in TUTTI i
casi, e almeno in questo era onesto. Si parlava anche di problemi
come ripetere l'operazione dovuto al errato riposizionamento del
lembo di cornea (e ammetteva che qui si deve ripetere l'operazione)
oppure del problema delle infezioni.
Certo chiunque a digiuno di ogni informazione, legge l'articolo viene
sicuramente portato a farsi un'idea positiva in merito.
Cosa potevamo aspettarci?
La cosa che veramente mi ha inquietato è che lì si dice che la causa
della miopia è la curvatura anomala della cornea.
Allora, mettiamoci d'accordo: curvatura anomala o occhio troppo
lungo? Questa della curvatura anomala, l'ultima volta che l'avevo
sentita era 20- 25 anni fa dal mio oculista che così, all'età di 10
anni, mi mise le lenti a contatto semirigide, per "fermare la
curvatura anomala della cornea" e quindi fermare la miopia.
Inutile dirvi che da quando avevo 10 anni a questa parte la mia
miopia è ultieriormente aumentata di 40-50%.
Sono interessata ai commenti di tutti, specialmente a quelli di Carlo
Masci.
A presto
Paola de S.
Group: Visus
Subject: FW: Degenerazione retina.
Message: 889
Ho appena ricevuto la risposta al quesito sulla degenerazione retinica a
lattice, che avevo inoltrato al mio naturopata, originariamente spedita in
lista da Marzia.
Detta risposta è riportata in calce a questo messaggio.
Fabrizio Ferrante opera anche a Londra.
In merito al problema specifico, posso dire che ho un rapporto di parentela
stretta con una persona di 73 anni, che sta trattando con successo, una
forma di degenerazione retinica (a detta dell'oculista che la ha visitata di
nuovo dopo 3 mesi, sembra che ci sia addirittura stata una regressione, sue
parole testuali "un lieve miglioramento"). Da quello che mi risulta,
generalmente ci si accontenta di un rallentamento della progressione della
degenerazione, ed il fermarla è considerato un ottimo risultato. Mentre
invece la regressione è decisamente rara (o impossibilie?).
La cura data dall'oculista è basata esclusivamente su integratori come
gingko biloba, luteina, vitamine e minerali (per quanto riguarde il gingko
biloba vedere anche il messaggio in inglese che ho spedito in lista tempo
fa).
La luteina, componente essenziale della retina, è abbondantemente contenuta
negli spinaci (ho letto recentemente, mi sembra su "Men's health", che chi
consuma abitualmente spinaci ha una incidenza di retinopatie statisticamente
ridotta del 50%).
Il rimedio prescritto da Ferrante era, per la prima parte della cura ancora
in corso, costituito da inniettabili. Successivamente verrà aggiustato il
trattamento in base ai risultati. Sottolineo che Ferrante non è un oculista
e che le diagnosi specifiche sono quelle formulate dall'oculista di fiducia.
Ci si è affidati invece a Ferrante per il trattamento della degenerazione.
In un colloquio telefonico Fabrizio Ferrante ha comunque sottolineato che è
essenziale la tempestività e che, dal punto di vista della medicina
naturale, non viene considerata la malattia o meglio il sintomo specifico,
ma vedere da dove il problema è originato, e quindi il trattamento non è
standard ma varia da persona a persona. Comunque i miracoli non li fa
nessuno, anche se a volte sembra di trovarsi di fronte a guarigioni
"miracolose". Quindi, se si ha fiducia, è meglio iniziare quanto prima. I
trattamenti elaborati da un naturopata raramente implicano la sospensione di
terapie eventualmente in atto, quindi non si deve "saltare nessuno fosso",
ma semplicemente utilizzare una risorsa in più.
Il mio parere, strettamente personale, è che l'amico di Marzia debba
contattare *quanto prima* Ferrante, per vedere se questi pensi sia possibile
fare qualcosa.
Ciao a tutti.
"Nessuno puo' dirti a quale altezza potrai elevarti;
neppure tu lo saprai, sino a che non avrai spiegato le ali."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
============================================
Caro SkyRunner,
Ho letto una richiesta di aiuto per un problema degenerativo della retina.
Il nucleo fondamentale di ogni malattia degenerativa e’ la ricerca della
causa. Come esponente della linea di pensiero naturopatica posso dirti che
si puo’ ritenere che le malattie degenerative non rispondano in realta’ a
nessun trattamento “accademico” semplicemente perche’ la mono-causa e’ una
banalizzazione del problema degenerativo e questa e’ sfortunatamente la
linea di grande insuccesso perseguita dalla ricerca tradizionale per OGNI
malattia cronica. Un nome di una malattia non e’ una malattia e tanto meno
un trattamento. Per cui il “nomen” e’ semplicemente una somma di sintomi
spesso una semplice descrizione.
Per la naturopatia ogni individuo sviluppa una reazione apparentemente
simile ma la cui causa puo’ essere quasi sempre trovata, spesso trattata e
qualche volta totalmente risolta. Potrebbe anche essere il caso di questo
ragazzo inglese, non posso, per quanto detto avere certezze.
Sono comunque disponibile per un consulto presso lo studio di Roma o di
Londra.
Saluto tutto il tuo gruppo di discusssione.
DR. HP Fabrizio Ferrante
Tel 348/5103771
Group: Visus
Subject: R: Digest Number 238
Message: 890
> Salve a tutti,
> sabato scorso mi trovavo in un negozio di ottica e volutamente ho lasciato
> cadere il discorso sulla rieducazione visiva. Il commesso, un solerte
> ortottista, mi ha spiegato i due metodi per il recupero naturale della
> vista: uno sorpassato ed un'altro nuovo ed efficace, si riferiva
> all'ACCOMOTRAK per il primo e all'IBIS (o IRIS) per il secondo.
> Non ha voluto dirmi di più per questioni di... deontologia professionale!
> Qualcuno/a di voi ha sentito parlare o conosce questo IBIS o IRIS?
> Saluti.
> Giuseppe
> Tutti gli optometristi, almeno gli optometristi comportamentali conoscono
l'IBIS. Lascio magari la parola a quelli che partecipano alla lista per
valutare l'efficacia o meno, e se è meglio o no dell'accomotrack.
From: maurizio cagnoli
Date: dom gen 20, 2002 11.20
Però vale la pena di parlarne da un altro punto di vista.
L'accomotrack sembra essere una prova a posteriori della teoria ufficiale
dell'accomodazione.
Monitorizza la contrazione del cristallino e stabilisce un mezzo di feed
back attraverso il quale è possibile controllare volontariamente tale
contrazione.
Così facendo il paziente miope può accomodare (cioè contrarre il
cristallino) di meno e ci vede meglio.
Per Bates l'accomodazione non dipendeva dal cristallino, ma dai muscoli
esterni all'occhio e quindi l'accomotracck sembrerebbe dargli torto ( e un
po' di torto credo che lo avesse effettivamente).
Ora però l'IBIS rimescola le carte, perché ottiene praticamente gli stessi
effetti dell'accomotrack agendo non sulla contrazione del cristallino ma
sulla luminanza del fondo retinico (chiedo scusa se i termini non sono
corretti, ma il concetto spero lo sia).
Ne consegue che quello che sembrava così semplice e "ortodosso" non è più un
dato scontato.
I meccanismi che permettono la messa a fuoco e una maggiore o minore
nitidezza rimangono misteriosi e l'idea di Bates (sull'accomodazione)
potrebbe non essere sbagliata, anche se è certamente parziale e unilaterale.
Capita mi hai?
Group: Visus
Subject: R: Digest Number 238
Message: 891
From: stefano caldiron
Date: lun gen 21, 2002 2.04
From: Domenico Intelisano
Date: lun gen 21, 2002 4.37
----- Original Message ----From: maurizio cagnoli <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Sunday, January 20, 2002 11:20 AM
Subject: R: [Visus] Digest Number 238
>
>
>
>
>
>
>
>
>
L'accomotrack sembra essere una prova a posteriori della teoria ufficiale
dell'accomodazione.
Monitorizza la contrazione del cristallino e stabilisce un mezzo di feed
back attraverso il quale è possibile controllare volontariamente tale
contrazione.
Così facendo il paziente miope può accomodare (cioè contrarre il
cristallino) di meno e ci vede meglio.
non capisco: se si può accomodare meno il cristallino e vedere meglio,
significa che esistono altri modi di intervenire sulla messa a fuoco.
Fino a qui non si contraddice Bates ...
ma in realtà non ho capito bene, non so nemmeno
come funziona l'accomotrack.
saluti stefano
> Per Bates l'accomodazione non dipendeva dal cristallino, ma dai muscoli
> esterni all'occhio e quindi l'accomotracck sembrerebbe dargli torto ( e un
> po' di torto credo che lo avesse effettivamente).
>
a proposito: se mi sforzo di mettere a fuoco da vicino e sento male alla
fronte,
in mezzo agli occhi, significa che sto usando (forse male) la muscolatura
esterna
all'occhio ?
(ok, sicuramente vuol dire che non sono rilassato, infatti poi mi capita
anche
di vedere a quella stessa distanza senza sforzo)
(io sono un po' presbite)
ri-saluti
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 892
Vorrei rispondere da optometrista comportamentale:
1) La miopia, e non solo la miopia, non dipende dall'occhio lungo , cornea
con curvatura anomala o cristallino iperaccomodante o quant'altro; nella
stragrande maggioranza dei casi (con esclusione delle patologie e di
poc'altro) è un processo di adattamento dell'organismo ad attività
ravvicinate prolungate; comunque il sistema visivo, con molte componenti,
non agisce in maniera ottimale da lontano (distanza alla quale si determina
il visus).
2) L'accomodazione non è solo funzione del cristallino ma una insieme di
attività in cui principalmente è coinvolto il cervello: infatti è stato
provato (Getman) che in funzione di: difficoltà dello scritto, condizioni di
luminosità, stati d'animo particolare , ecc. A PARITA' DI DISTANZA DI
OSSERVAZIONE IL VALORE DELLA LENTE DI NEUTRALIZZAZIONE VARIA NOTEVOLMENTE,
in parole più semplici un soggetto manifesta più o meno miopia pur guardando
alla stessa distanza!!!
3) Il vedere male da lontano, miopia, è il risultato di attività da vicino
non confortevole e quindi dannosa.
4) La compensazione della miopia con lenti da tenere sempre producono ancora
più miopia (effetto iatrogenico citato da Bastien ed altri).infatti essa
aumenta tanto più frequentemente tanto più frequentemente si rifanno i
controlli della vista!! Ad un adattamento per rendere meglio da vicino
(miopia) si risponde con una lente da TENERE SEMPRE che riattiva
l'adattamento con relativo incremento miopico.
5) Bates aveva ragione nel sostenere che l'atto accomodativo coinvolge i
muscoli estrinseci e non solo il cristallino.
6) Le attività di training visivo che funzionano meno sono quelle
STRUMENTALI
7) Le attività di training visivo migliori sono quelle nello spazio libero.
Cordiali saluti,
Domenico Intelisano
>
>
>
>
>
>
Da: "ideamatic1" <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Mon, 21 Jan 2002 08:52:57 -0000
A: [email protected]
Oggetto: [Visus] articolo su io-donna 19/1/02
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
La cosa che veramente mi ha inquietato è che lì si dice che la causa
della miopia è la curvatura anomala della cornea.
Allora, mettiamoci d'accordo: curvatura anomala o occhio troppo
lungo? Questa della curvatura anomala, l'ultima volta che l'avevo
sentita era 20- 25 anni fa dal mio oculista che così, all'età di 10
anni, mi mise le lenti a contatto semirigide, per "fermare la
curvatura anomala della cornea" e quindi fermare la miopia.
Inutile dirvi che da quando avevo 10 anni a questa parte la mia
miopia è ultieriormente aumentata di 40-50%.
Sono interessata ai commenti di tutti, specialmente a quelli di Carlo
Masci.
A presto
Paola de S.
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
>
>
>
>
>
Message: 893
-----Original Message----From: ideamatic1 [mailto:[email protected]]
Sent: Monday, January 21, 2002 9:53 AM
To: [email protected]
Subject: [Visus] articolo su io-donna 19/1/02
> casi, e almeno in questo era onesto. Si parlava anche di problemi
> come ripetere l'operazione dovuto al errato riposizionamento del
> lembo di cornea (e ammetteva che qui si deve ripetere l'operazione)
Come se fosse una cosa da poco quella di problemi con il lembo di cornea
malposizionato, che non si riattacca o peggio che viene "perso"(!!!).
Problemi a volte sono risolvibili solo col TRAPIANTO di cornea.
>
>
>
>
La cosa che veramente mi ha inquietato è che lì si dice che la causa
della miopia è la curvatura anomala della cornea.
Allora, mettiamoci d'accordo: curvatura anomala o occhio troppo
lungo? Questa della curvatura anomala, l'ultima volta che l'avevo
La verità? Dipende!!!
From: skyrunner
Date: lun gen 21, 2002 5.06
L'idea che mi sono fatto, suffragata da ripetute conferme, e che si dice
quello che conviene dire. O, meglio, quello che fa comodo dire.
> Sono interessata ai commenti di tutti, specialmente a quelli di Carlo
> Masci.
Apprezzo la posizione di Carlo Masci al proposito: Se non si sopportano
occhiali e lenti a contatto e si vive male la cosa allora consiglia
l'operazione , altrimenti no. Questo perlomeno è quello che ho capito.
Io comunque ritengo che è sbagliato sottoporsi all'intervento se la cosa può
essere risolta in altri modi. E senza rischi.
"There is no god higher than truth - Mahatma Gandhi"
Mauro Teodori
[email protected]
Group: Visus
Subject: VISUS VISITA PATENTE
Message: 894
From: Ivan Ferrari
Date: lun gen 21, 2002 6.29
BUON GIORNO A TUTTI !
MI CHIAMO IVAN E DEVO FARE LA VISITA DELLA PATENTE , VOLEVO CHIEDERVI SE
ESISTE QUALCHE METODO PER AUMENTARE IL VISUS ALMENO NEL MOMENTO DELLA
VISITA. SO' CHE CI SONO VARI FATTORI CHE INFLUISCONO QUALE LA CALMA E LO
STAR BENE CHE CERCO GIA' DI SEGUIRE ALLA LETTERA . HO UNA LEGGERA MIOPIA
RISCONTRATA DI 0,5 PER OCCHIO
GRAZIE PER UNA VOSTRA
Group: Visus
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 895
From: maurizio cagnoli
Date: lun gen 21, 2002 12.38
BUON GIORNO A TUTTI !
MI CHIAMO IVAN E DEVO FARE LA VISITA DELLA PATENTE , VOLEVO CHIEDERVI SE
ESISTE QUALCHE METODO PER AUMENTARE IL VISUS ALMENO NEL MOMENTO DELLA
VISITA. SO' CHE CI SONO VARI FATTORI CHE INFLUISCONO QUALE LA CALMA E LO
STAR BENE CHE CERCO GIA' DI SEGUIRE ALLA LETTERA . HO UNA LEGGERA MIOPIA
RISCONTRATA DI 0,5 PER OCCHIO
GRAZIE PER UNA VOSTRA
Do per scontato che non porti occhiali. Se invece li porti, togliteli almeno
duo ore prima della visita.
Se puoi fai esercizio fino ad un attimo prima della visita. Come, delinea
tutto quel che vedi (se non sai cos'è fai subito una ricerca in archivio).
Portati una tabellina scritta a lettere piccolissime e dacci spesso
un'occhiata. tutto senza mai trattenere il respiro e battendo (dolcemente)
spesso le palpebre. Ogni tanto mettici un po' di palming.
Comincia tutto questo programma due ore prima e vai avanti fino alla visita.
Se ti stanchi vuol dire che devi rilassarti un po' di più
E durante la visita? Continua! Non perderti in pensieri. Resta concentrato
sul respiro, sul battere le palpebre e NON FISSARE NIENTE.
Importante: quando devi leggere una lettera sul tabellone non cercare di
"vederla bene" (che equivale a fissarla) ma fidati della prima impressione e
dì subito.
Questo punto è centrale perché tutto il condizionamento psicologico del
miope ti spinge a "pensarci bene", "cercare di essere sicuro" e quindi ti fa
irrigidire lo sguardo, trattenere il respiro e cercare di accomodare di più,
il che vuol dire renderti un po' più miope di quello che sei.
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: R: R: Digest Number 238
>
> ----- Original Message ----> From: maurizio cagnoli <[email protected]>
> To: <[email protected]>
Message: 896
From: maurizio cagnoli
Date: lun gen 21, 2002 1.09
> Sent: Sunday, January 20, 2002 11:20 AM
> Subject: R: [Visus] Digest Number 238
>
>
>> L'accomotrack sembra essere una prova a posteriori della teoria ufficiale
>> dell'accomodazione.
>>
>> Monitorizza la contrazione del cristallino e stabilisce un mezzo di feed
>> back attraverso il quale è possibile controllare volontariamente tale
>> contrazione.
>> Così facendo il paziente miope può accomodare (cioè contrarre il
>> cristallino) di meno e ci vede meglio.
>>
>
> non capisco: se si può accomodare meno il cristallino e vedere meglio,
> significa che esistono altri modi di intervenire sulla messa a fuoco.
Il discorso vale per i miopi: acomodano troppo. Il perché è discusso (io
ipotizzo una perenne parasimpaticotonia, cioé attivazione del sistema
parasimpatico), ma sul fatto si è d'accordo in parecchi. Tutte le cose che
si fanno con il metodo Bates hanno l'effeto di anche ridurre l'eccesso di
accomodazione nei miopi.
>
> Fino a qui non si contraddice Bates ...
> ma in realtà non ho capito bene, non so nemmeno
> come funziona l'accomotrack.
Credo che ci sia in archivio un messaggio che la spiega bene. Comunque ci
provo in fretta. Tu guardi in un oculare e vedi luce.
Un sensore della macchina monitorizza la tensione del tuo cristallino e
manda un tono musicale.
La cosa è che quando vari la tensione del cristallino (per esempio pensando
di vedere una cosa lontana e poi una vicina) cambia l'altezza tel tono
musicale.
Quindi hai un feed back che ti dice se stai accomodando o no e quanto. E
quindi puoi imparare a controllare l'accomodazione. Questa è la teoria ( e
c'è chi dice che guardare tutti i giorni il tabellone ti permette di
raggiungere lo stesso effetto7.
>
>
>> Per Bates l'accomodazione non dipendeva dal cristallino, ma dai muscoli
>> esterni all'occhio e quindi l'accomotracck sembrerebbe dargli torto ( e un
>> po' di torto credo che lo avesse effettivamente).
>>
>
> a proposito: se mi sforzo di mettere a fuoco da vicino e sento male alla
> fronte,
> in mezzo agli occhi, significa che sto usando (forse male) la muscolatura
> esterna
> all'occhio ?
>
> (ok, sicuramente vuol dire che non sono rilassato, infatti poi mi capita
> anche
> di vedere a quella stessa distanza senza sforzo)
>
> (io sono un po' presbite)
>
Si, specie se si è presbiti è facile che ci si abitui a strizzare gli occhi,
introducendo tensione in tutta la zona.
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 897
grazie!!! sei stato gentilissimo ...forse la mia è solo paura di affrontare
la visita. ho sempre fatto gli esercizi anche con i restelbille ma ora
cercherò di concentrarmi su questi tuoi consigli.
-----Messaggio originale----Da: maurizio cagnoli [mailto:[email protected]]
Inviato: lunedì 21 gennaio 2002 12.38
From: Ivan Ferrari
Date: mar gen 22, 2002 7.53
A: [email protected]
Oggetto: R: [Visus] VISUS VISITA PATENTE
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
BUON GIORNO A TUTTI !
MI CHIAMO IVAN E DEVO FARE LA VISITA DELLA PATENTE , VOLEVO CHIEDERVI SE
ESISTE QUALCHE METODO PER AUMENTARE IL VISUS ALMENO NEL MOMENTO DELLA
VISITA. SO' CHE CI SONO VARI FATTORI CHE INFLUISCONO QUALE LA CALMA E LO
STAR BENE CHE CERCO GIA' DI SEGUIRE ALLA LETTERA . HO UNA LEGGERA MIOPIA
RISCONTRATA DI 0,5 PER OCCHIO
GRAZIE PER UNA VOSTRA
Do per scontato che non porti occhiali. Se invece li porti, togliteli almeno
duo ore prima della visita.
Se puoi fai esercizio fino ad un attimo prima della visita. Come, delinea
tutto quel che vedi (se non sai cos'è fai subito una ricerca in archivio).
Portati una tabellina scritta a lettere piccolissime e dacci spesso
un'occhiata. tutto senza mai trattenere il respiro e battendo (dolcemente)
spesso le palpebre. Ogni tanto mettici un po' di palming.
Comincia tutto questo programma due ore prima e vai avanti fino alla visita.
Se ti stanchi vuol dire che devi rilassarti un po' di più
E durante la visita? Continua! Non perderti in pensieri. Resta concentrato
sul respiro, sul battere le palpebre e NON FISSARE NIENTE.
Importante: quando devi leggere una lettera sul tabellone non cercare di
"vederla bene" (che equivale a fissarla) ma fidati della prima impressione e
dì subito.
Questo punto è centrale perché tutto il condizionamento psicologico del
miope ti spinge a "pensarci bene", "cercare di essere sicuro" e quindi ti fa
irrigidire lo sguardo, trattenere il respiro e cercare di accomodare di più,
il che vuol dire renderti un po' più miope di quello che sei.
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Message: 898
Subject: risposta Re: articolo su io-donna 19/1/02
----- Original Message ----From: ideamatic1
To: [email protected]
Sent: Monday, January 21, 2002 9:52 AM
Subject: [Visus] articolo su io-donna 19/1/02
Ciao a tutti,
Sabato nella rivista del Corriere della Sera io-donna c'era un
articolo sul Lasik. Abbastanza bene spiegato per essere una rivista
del genere, si parlava di una x percentuale di casi non andati a buon
fine, anche se non si diceva cosa potevano essere le complicazioni.
Ha parlato del problema della visione notturna riscontrata in TUTTI i
casi, e almeno in questo era onesto. Si parlava anche di problemi
come ripetere l'operazione dovuto al errato riposizionamento del
lembo di cornea (e ammetteva che qui si deve ripetere l'operazione)
From: Carlo Masci
Date: mar gen 22, 2002 7.56
oppure del problema delle infezioni.
Certo chiunque a digiuno di ogni informazione, legge l'articolo viene
sicuramente portato a farsi un'idea positiva in merito.
Cosa potevamo aspettarci?
La cosa che veramente mi ha inquietato è che lì si dice che la causa
della miopia è la curvatura anomala della cornea.
Allora, mettiamoci d'accordo: curvatura anomala o occhio troppo
lungo? Questa della curvatura anomala, l'ultima volta che l'avevo
sentita era 20- 25 anni fa dal mio oculista che così, all'età di 10
anni, mi mise le lenti a contatto semirigide, per "fermare la
curvatura anomala della cornea" e quindi fermare la miopia.
Inutile dirvi che da quando avevo 10 anni a questa parte la mia
miopia è ultieriormente aumentata di 40-50%.
Sono interessata ai commenti di tutti, specialmente a quelli di Carlo
Masci.
Una miopia in cicloplegia può essere dovuta a:
1) Aumento del potere della cornea
2) Aumento del potere del cristallino
3) Aumento dell'asse anteroposteriore dell'occhio
NON CI SONO ALTRE POSSIBILITA'
Diversa cosa è rispondere alla domanda del perchè vi siano quelle variazioni.
Io non lo so.
(Io per miopia intendo solo quella in cicloplegia)
Per quanto riguarda la visione notturna difficoltosa dopo interventi di chirurgia refrattiva
ritengo che siano solo dovuti a errori.
Se si calcolano PRIMA di un intervento di chirurgia refrattiva personalizzata (è fondamentale
che l'intervento sia personalizzato) il diametro della pupilla in condizioni scotopiche, la profondità della camera anteriore e l'asfericità postoperatoria il paziente non solo non avrà
problemi
di visione notturna ma quest'ultima sarà addirittura migliorata.
Io ho notato che NESSUN paziente conosce le varie metodiche di interventi di chirurgia
refrattiva e NESSUN paziente conosce le differenze fra i vari laser.
Tutti parlano di PRK o LASIK ma sapete quanti tipi di PRK esistono?
Sapete che una PRK fatta da un laser X è COMPLETAMENTE differente di una fatta
da un laser Y?
Carlo Masci
A presto
Paola de S.
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di Utilizzo del Servizio Yahoo!
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 899
p.s. un'ultima cosa.... quando dice di coprire un occhio è meglio
chiuderlo o coprirlo con il palmo della mano?
non riesco a capire (facendo gli esercizi) cosa è meglio
-----Messaggio originale----Da: Ivan Ferrari
Inviato: martedì 22 gennaio 2002 7.54
A: '[email protected]'
Oggetto: R: [Visus] VISUS VISITA PATENTE
From: Ivan Ferrari
Date: mar gen 22, 2002 7.58
grazie!!! sei stato gentilissimo ...forse la mia è solo paura di affrontare
la visita. ho sempre fatto gli esercizi anche con i restelbille ma ora
cercherò di concentrarmi su questi tuoi consigli.
-----Messaggio originale----Da: maurizio cagnoli [mailto:[email protected]]
Inviato: lunedì 21 gennaio 2002 12.38
A: [email protected]
Oggetto: R: [Visus] VISUS VISITA PATENTE
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
BUON GIORNO A TUTTI !
MI CHIAMO IVAN E DEVO FARE LA VISITA DELLA PATENTE , VOLEVO CHIEDERVI SE
ESISTE QUALCHE METODO PER AUMENTARE IL VISUS ALMENO NEL MOMENTO DELLA
VISITA. SO' CHE CI SONO VARI FATTORI CHE INFLUISCONO QUALE LA CALMA E LO
STAR BENE CHE CERCO GIA' DI SEGUIRE ALLA LETTERA . HO UNA LEGGERA MIOPIA
RISCONTRATA DI 0,5 PER OCCHIO
GRAZIE PER UNA VOSTRA
Do per scontato che non porti occhiali. Se invece li porti, togliteli almeno
duo ore prima della visita.
Se puoi fai esercizio fino ad un attimo prima della visita. Come, delinea
tutto quel che vedi (se non sai cos'è fai subito una ricerca in archivio).
Portati una tabellina scritta a lettere piccolissime e dacci spesso
un'occhiata. tutto senza mai trattenere il respiro e battendo (dolcemente)
spesso le palpebre. Ogni tanto mettici un po' di palming.
Comincia tutto questo programma due ore prima e vai avanti fino alla visita.
Se ti stanchi vuol dire che devi rilassarti un po' di più
E durante la visita? Continua! Non perderti in pensieri. Resta concentrato
sul respiro, sul battere le palpebre e NON FISSARE NIENTE.
Importante: quando devi leggere una lettera sul tabellone non cercare di
"vederla bene" (che equivale a fissarla) ma fidati della prima impressione e
dì subito.
Questo punto è centrale perché tutto il condizionamento psicologico del
miope ti spinge a "pensarci bene", "cercare di essere sicuro" e quindi ti fa
irrigidire lo sguardo, trattenere il respiro e cercare di accomodare di più,
il che vuol dire renderti un po' più miope di quello che sei.
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Fw: R: Digest Number 238
Message: 900
Buongiorno !
Io mi chiamo Anna Rosa ed abito a Trento.
Un paio di anni fa avevo fatto il corso vederci meglio qui nella mia città.
Ora però non li fanno più. Vorrei per cortesia sapere, se in un futuro, si
rifaranno.
Vorrei chiederVi anche un'altra cosa.
From: Scavi Tasin
Date: mar gen 22, 2002 8.22
Per un rilassamento, potrebbe andare bene anche fare ginnastica, tipo yoga,
o streching.?
In alternativa al corso " Vederci meglio" che ginnastica mi consigliate di
eseguire?
Grazie in anticipo ANNA ROSA
Group: Visus
Subject: Re: Fw: R: Digest Number 238
Message: 901
From: Bruno Badiali
Date: mar gen 22, 2002 10.45
From: Scavi Tasin
Date: mar gen 22, 2002 10.33
From: maurizio cagnoli
Date: mar gen 22, 2002 3.10
From: maurizio cagnoli
Date: mar gen 22, 2002 3.14
On mar, 22 gen 2002 08:22:50 Scavi Tasin wrote:
> Buongiorno !
> Io mi chiamo Anna Rosa ed abito a Trento.
> Un paio di anni fa avevo fatto il corso vederci meglio qui nella mia città.
> Ora però non li fanno più. Vorrei per cortesia sapere, se in un futuro, si
> rifaranno.
> Vorrei chiederVi anche un'altra cosa.
> Per un rilassamento, potrebbe andare bene anche fare ginnastica, tipo yoga,
> o streching.?
Non so che difetto visivo hai comunque a me con la miopia, lo yoga a me a fatto
bene, oltre al rilassamento migliora la respirazione, la salute della colonna
vertebrale e se ti ricordi di togliere gli occhiali anche la vista.
Comunque per avere dei miglioramenti significativi è bene continuare anche con
il metodo Bates completo.
> In alternativa al corso " Vederci meglio" che ginnastica mi consigliate di
> eseguire?
> Grazie in anticipo ANNA ROSA
>
-Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: Re: Fw: R: Digest Number 238
Message: 902
Ti ringrazio molto per il consiglio. Mi hai dato proprio la spinta per
iscrivermi al corso di yoga.
Continuerò comunque anche con il metodo Bates.
Anche il mio difetto è la miopia.
CIAO ANNA ROSA
Group: Visus
Subject: R: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 903
> p.s. un'ultima cosa.... quando dice di coprire un occhio è meglio
> chiuderlo o coprirlo con il palmo della mano?
> non riesco a capire (facendo gli esercizi) cosa è meglio
Come sei più comodo. Alcuni trovano che chiudere un occhio solo fa
irrigidire anche l'altro.
Quello che importa è il relax
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: R: R: Digest Number 238
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 904
Buongiorno !
Io mi chiamo Anna Rosa ed abito a Trento.
Un paio di anni fa avevo fatto il corso vederci meglio qui nella mia città.
Ora però non li fanno più. Vorrei per cortesia sapere, se in un futuro, si
rifaranno.
Vorrei chiederVi anche un'altra cosa.
Per un rilassamento, potrebbe andare bene anche fare ginnastica, tipo yoga,
o streching.?
In alternativa al corso " Vederci meglio" che ginnastica mi consigliate di
eseguire?
Grazie in anticipo ANNA ROSA
I corsi non li faccio più a Trento perchè non ho più trovato un buon
organizzatore locale.
Alternativo a Vederci Meglio (oggi Buena Vista)?
Ma perbacco! Eseguiti gli esercizi del metodo bates come sono indicati nella
tabella che ti è arrivato con l'iscrizione a Visus!
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: Re: R: Digest Number 238
Message: 905
From: Scavi Tasin
Date: mar gen 22, 2002 11.00
E' VERO POSSO BENISSIMO FARLI.! PERO' ESEGUIRLI IN COMPAGNIA E' MOLTO MEGLIO
CIAO
Group: Visus
Subject: South Park
Message: 906
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mar gen 22, 2002 11.18
Ma avete visto la puntata di ieri sera di South Park (Italia Uno verso mezzanotte)?
Trama: La signora Cartman porta il figlio a forza dall'oculista, un tipo strano che prende sempre in giro il piccolo Cartman perché è grasso, gli fa leggere gli ottotipi (che legge
benissimo), gli fa la classica domanda "vedi meglio così o così" e alla risposta "mi sembra uguale" lo costringe: "scegli!" (per assurdo la scelta è tra una ciliegia ed un
cioccolatino...); poi "risposta sbagliata!", gli mette le gocce con cui Cartman va in giro rintontito, gli diagnostica un "leggero astigmatismo", gli piazza sul naso un bel paio di
occhialoni che gli "graffetta sulla testa" per non farglieli togliere (!). Cartman è preso in giro dagli amici, chiede consiglio a Chef, il loro cuoco della mensa ed allenatore sportivo
che gli consiglia di farsi operare con il laser (nota: si scopre dopo che Chef è in questo momento sotto l'influsso malefico di un "succubo", un demone travestito da donna...).
Cartman torna dall'oculista per farsi operare mentre due avvenenti infermiere ridacchiano. Passa 3 giorni con gli occhi bendati. Ultima scena: Cartman torna dall'oculista che gli
dice che non vedrà più bene con i suoi occhi ma Cartman tira fuori da una scatola l'amico povero Kenny appena morto per farsi trapiantare le cornee...
Allucinante, dissacrante, politically incorrect, come sempre nello stile di South Park.
Per chi non sapesse cosa sia South Park: è un cartone animato un po' particolare...
Ciao
---------------------------------------Salvatore Silvio Caggia
Direttore Tecnico di sede - Confor Informatica S.p.A.
Via Bossolasco, 11 - 10141 Torino
Tel.: 011 3820023 - Fax: 011 3820578 - Cell.: 335 5792887
e-mail: [email protected]
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: RE: VISUS VISITA PATENTE
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 907
From: skyrunner
-----Original Message----From: Ivan Ferrari [mailto:[email protected]]
Sent: Monday, January 21, 2002 6:30 PM
To: '[email protected]'
Subject: [Visus] VISUS VISITA PATENTE
BUON GIORNO A TUTTI !
MI CHIAMO IVAN E DEVO FARE LA VISITA DELLA PATENTE , VOLEVO CHIEDERVI SE
ESISTE QUALCHE METODO PER AUMENTARE IL VISUS ALMENO NEL MOMENTO DELLA
VISITA. SO' CHE CI SONO VARI FATTORI CHE INFLUISCONO QUALE LA CALMA E LO
STAR BENE CHE CERCO GIA' DI SEGUIRE ALLA LETTERA . HO UNA LEGGERA MIOPIA
RISCONTRATA DI 0,5 PER OCCHIO
Per non avere l'obbligo sulla patente basta avere 6/10 o più per occhio.
Con la tua gradazione dovrebbe bastare poco per tale risultato.
Se non fai niente, però, potresti ritrovarti con una miopia più elevata per
il futuro. Mi sembra di capire che sei giovane e io ho visto amici entrare
all'università con vista perfetta ed uscirne con diverse diottrie di miopia.
Altri entrare con vista perfetta ed uscirne con vista sempre perfetta.
Non stiamo qui a ripetere il perchè.
Il consiglio che ti posso dare per la patente, comunque, è: leggiti ogni
giorno la tabella di Snellen. 1 o più volte per pochi minuti.
Tienila bene illuminata.
Non importa a che distanza, 3 o 10 metri è lo stesso, serve solo per
"migliorare".
Ti sembra troppo semplice?
Lo è.
Ciao!
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Date: mer gen 23, 2002 12.32
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: VISUS VISITA PATENTE
Message: 908
From: Ivan Ferrari
Date: mer gen 23, 2002 9.08
grazie per il consiglio.
nella tabella 6 o 7 /10 cosa significa?
dovrei riuscire a leggere caratteri di che dimensione e a che distanza?
-----Messaggio originale----Da: skyrunner [mailto:[email protected]]
Inviato: mercoledì 23 gennaio 2002 0.32
A: [email protected]
Oggetto: RE: [Visus] VISUS VISITA PATENTE
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
-----Original Message----From: Ivan Ferrari [mailto:[email protected]]
Sent: Monday, January 21, 2002 6:30 PM
To: '[email protected]'
Subject: [Visus] VISUS VISITA PATENTE
BUON GIORNO A TUTTI !
MI CHIAMO IVAN E DEVO FARE LA VISITA DELLA PATENTE , VOLEVO CHIEDERVI SE
ESISTE QUALCHE METODO PER AUMENTARE IL VISUS ALMENO NEL MOMENTO DELLA
VISITA. SO' CHE CI SONO VARI FATTORI CHE INFLUISCONO QUALE LA CALMA E LO
STAR BENE CHE CERCO GIA' DI SEGUIRE ALLA LETTERA . HO UNA LEGGERA MIOPIA
RISCONTRATA DI 0,5 PER OCCHIO
Per non avere l'obbligo sulla patente basta avere 6/10 o più per occhio.
Con la tua gradazione dovrebbe bastare poco per tale risultato.
Se non fai niente, però, potresti ritrovarti con una miopia più elevata per
il futuro. Mi sembra di capire che sei giovane e io ho visto amici entrare
all'università con vista perfetta ed uscirne con diverse diottrie di miopia.
Altri entrare con vista perfetta ed uscirne con vista sempre perfetta.
Non stiamo qui a ripetere il perchè.
Il consiglio che ti posso dare per la patente, comunque, è: leggiti ogni
giorno la tabella di Snellen. 1 o più volte per pochi minuti.
Tienila bene illuminata.
Non importa a che distanza, 3 o 10 metri è lo stesso, serve solo per
"migliorare".
Ti sembra troppo semplice?
Lo è.
Ciao!
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: RE: VISUS VISITA PATENTE
Message: 909
From: skyrunner
Date: mer gen 23, 2002 11.11
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
-----Original Message----From: Ivan Ferrari [mailto:[email protected]]
Sent: Wednesday, January 23, 2002 9:08 AM
To: '[email protected]'
Subject: R: [Visus] VISUS VISITA PATENTE
grazie per il consiglio.
nella tabella 6 o 7 /10 cosa significa?
dovrei riuscire a leggere caratteri di che dimensione e a che distanza?
Dipende da che tabella usi. Se usi quella che ti è arrivata in automatico
con l'iscrizione a Visus ti accorgerai che in alto a destra c'è scritto 3
metri. I numeri riportati a destra delle righe di lettere sono i decimi (
Es. 0,5 = 5/10).
Se leggi quella riga a 3 metri hai un acutezza visiva (Visus naturale) di
5/10.
Raddoppiando la distanza le tabelle raddoppiano anhe le dimensioni del
carattere. A 6 metri leggendo la riga 0,5 hai un visus di 10/10.
Ci sono le specifiche con le quali costruirsi la tabella anche da soli.
Ma chi si preoccupa troppo della tabella usata è perchè non ha intenzione di
migliorare.
Per lo stesso scopo può essere usata anche una pagina di giornale (anche di
qualche giorno prima, non è importante...).
NO EXCUSES!
Mauro.
Group: Visus
Message: 910
Subject: Noi siamo i soli artefici della nostra vita.
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
Prima che mi si dia del Talebano, volevo chiarire "lo stile" di certi miei
messaggi.
Tutto quello che scrivo e faccio è, entro certi limiti pratici, verificato,
non prendo mai niente come dogma inconfutabile.
Se così fosse sarei ancora con gli occhiali, magari fortissimi, sul naso e
mai avrei messo in discussione certe "verità".
A volte posso sembrare categorico nella mia esposizione, ma non voglio
ripetere sempre: "io penso", "forse", "Bates sosteneva", etc. Penso sia
scontato che io scriva le mie opinioni.
E' un fatto di comunicazione. La vorrei senza troppi fronzoli.
Non per questo si pensi che io non tenga nella giusta considerazione la
preparazione e l'esperienze (ma non il mero titolo) dei professionisti
presenti qui in lista. Anzi leggo i loro messaggi con molto interesse.
Come d'altra parte leggo con interesse anche i messaggi dell'ultimo
arrivato. Ognuno può dare il suo contributo qui.
Ma, per esperienza diretta, preferisco prendere anche i pareri più illustri
come "da verificare".
Noi siamo i soli artefici della nostra vita.
Mi piace mettere la mia esperienza in merito a disposizione degli altri.
Anche di chi si occupa professionalmente delle problematiche della visione.
Per questo faccio il possibile per comunicarla, anche attraverso la mia
interpretazione dei vari fatti ed esperienze.
Assicuro che, in questo, non ci sono ne boria ne presunzione.
Per me il diffondere la verità sul metodo Bates è un'obbligo morale, anche
se di casi simili ce ne sono troppi intorno a noi e non posso certo dare il
mio contributo a tutti.
Inoltre ho poco tempo e voglia di stare attaccato al computer.
Questo è il motivo per il quale spesso rispondo con molto ritardo.
E per il quale spesso latito dalla lista.
Spero che continuiate a darmi una mano, comunque.
Ciao a tutti.
"La luna si specchia nel lago solo quando l'acqua è calma".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 911
Subject: RE: buena vista update + libro corbett
-----Original Message----From: maurizio cagnoli [mailto:[email protected]]
Sent: Sunday, November 04, 2001 4:53 AM
To: [email protected]
Subject: Re: [Visus] buena vista update + libro corbett
>>
>>
>>
>>
>>
>>
>>
Approfitto poi per chiederti se ci indichi a Milano dove reperire il
libro della Corbett, perchè l'ho cercato ovunque, ed è introvabile.
L'ho cercato anche alla Sormani, nisba!
Un tizio di una libreria vicino all'Università mi ha detto che
probabilmente è fuori produzione.
Se così fosse non si potrebbe metterlo in rete?
Ovviamente nella versione in italiano.
>Eh si, il libro di M. Corbett é del '53! E mostra un po' gli anni. Non
>so se vale la pena di metterlo in rete: è anche un lavoraccio, e ci
>possono essere questioni di copyright.
Il libro della Corbett (assistente personale di Bates) è importante pechè ci
sono dettagli importanti su come Bates trattava le varie disfunzioni visive
e illustra varianti sulle tecniche.
Molti dei libri arrivati dopo sono solo "crusca" che hanno creato confusione
e basta.
Io ho la versione in inglese. Forse quella ancora si trova, ma io la ho
trovata per caso (unica copia) in un negozietto all'estero.
Nel 1999 è scaduto il copyright (libro pubblicato la prima volta nel 1949),
quindi il libro può essere ristampato e diffuso da chiunque.
Fare però l' OCR del libro, oltre a essere un lavoraccio, potrebbe anche
dannegggiarlo, vista l'età.
A me piacerebbe molto però almeno la traduzione della parte "L'arte di
leggere" (Condensato da un articolo di Bates). La volevo inserire nella
prossima revisione de "Il metodo Bates in una conchiglia".
Comunque una soluzione potrebbe essere la fotocopiatura e poi magari trovare
un volontario disposto a fare OCR.
E secondo me varrebbe la pena, eventualmente, di acquistarlo fotocopiato,
anche se il costo sarebe elevato.
Ma può anche darsi che sull'onda del rinnovato intersesse per certe
metodiche vnga di nuovo reso disponibile. Anche se solo in inglese.
La mia edizione è edita da:
www.mpowers.com
"Help yourself to better sight" - Margaret Darst Corbett - codice ISBN
0-87980-048-8
Il libro è venduto a 10$ al link:
http://www.mpowers.com/hea.htm
Anche il sito www.healthresearchbooks.com ristampa libri del genere. Io ho
li acquistato l'edizione originale di Better eyesight di Bates (la stessa
che ora trovate nell'archivio di Visus).
Il link diretto è:
http://www.healthresearchbooks.com/categories/eyesight.htm
Notate le date dei libri!
CURE OF IMPERFECT SIGHT BY TREATMENT WITHOUT GLASSES, THE (PERFECT SIGHT)
by DR. W. H. BATES (1920)
The author, an eye specialist, prescribed glasses in the usual way for many
years. He observed that some patients with serious eye troubles saw better
without their glasses. Others, with minor defects, returned year after year
for stronger lenses. These observations were so contradictory to the old
teachings of Ophthalmology that Dr. Bates experimented for years to arrive
at the truth. Even though he expected to find some errors in the old
theories and beliefs used for the past 150 years, he was amazed at his own
discoveries and the effect they would have for all time on the future
treatment of defective vision.
313 pages - ISBN 0-7873-0078-0 - Price: $20.00
Inoltre, sempre in inglese, è uscita la raccolta completa delle riviste di
Bates "Better eyesight magazines" resa disponibile da Thomas R. Quackenbush.
Tali riviste sono uscite per 11 anni fino al 1930, successivamente alla
pubblicazione del libro.
Fino a pochissimo tempo fa tali riviste erano disponibili in fotocopia e le
avevano solo gli istruttori del metodo che le conservavano "gelosamente", o
meglio , egoisticamente.
Ora sono per tutti. Sono molto importanti perchè li si vede COME Bates
faceva. Inoltre le sue tecniche recenti sono li e non sul libro "miglior
vista..." che è antecedente a dette riviste.
Nota: il libro che si trova oggi in libreria è la riduzione del libro
originale del 1920 operata dall moglie di Bates dopo la sua morte.
Mauro.
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 912
Subject: RE: la mente in modalità pre-chiusura
> -----Original Message----> From: colorik [mailto:[email protected]]
> Sent: Friday, December 14, 2001 9:55 AM
> To: [email protected]
> Subject: [Visus] la mente in modalità pre-chiusura
>
>
> ciao a tutti,
>
> L'altra sera mi ostinavo a leggere quando stavo quasi per
> addormentarmi, ma volevo finire l'articolo a tutti costi. Ho notato
> che, anche se il corpo rispondeva ancora a le direttive (le mani
> tenevano il foglio, le palpebre erano aperte e direzionate verso la
> lettura) la mente non ne voleva sapere, e incrociava le parole,
> raddoppiandole, e facendole andare fuori fuoco e a fuoco, a tratti.
>
> La mente era in modalità pre- chiusura, come quando chiudi il
> computer e prima di spegnersi fa un pò di mosse ma non è più
> operativo, poi finalmente si spegne.
...
> Tutto questo mi conferma quanto già sapevo, cioè che la vista è tutta
> nella mente.
>
> Commenti?
Due.
Un commento ed una riflessione su una esperienza personale.
1 - Sarebbe meglio evitare di leggere a letto oltretutto quando si è
stanchi... : )
2 - Uno dei concetti espressi da Bates, e che chi vede male ha difficoltà a
capire, è il movimento relativo delle cose. Non a caso alcune tecniche
servono proprio a riattivare la percezione del movimento, soprattutto quello
relativo delle cose tra di loro...
Penso che questo serva principalmente a riprogrammare le diferse zone
dell'apparato visivo in modo che ognuna torni a funzionare nelle modalità ad
essa naturali, risolvendo le abitudini scorrette, i vizi di percezione.
La prima volta che ho sperimentato chiaramente cosa questo significasse è
stato proprio la sera a letto prima di addormentarmi, molto stanco ed in
quelo stato di rilassamento (prechiusura come dici tu) che precede il sonno.
Stanza completamente al buio e due soli piccoli led rossi accesi in fondo al
nero. Muovendomi ho intravisto qualcosa che passava da una parte all'altra
del mio campo visivo. Sorpreso ho fissato in quella direzione e ho visto che
se spostavo lo sguardo le luci si muovevano in senso opposto; NON nel modo
in cui ero abituato a percepire tale movimento ma in maniera estremamente
più vistosa. In alto, in basso, di lato... Il movimento era estremamene
fluido e dolce. Era VERO movimento. Per rendere meglio l'idea, erano le luci
che si spostavano, non i miei occhi...
Bye.
Mauro.
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
[email protected]
Group: Visus
Subject: RE: domanda laconica di un "nuovo"
Message: 913
>
>
>
>
>
-----Original Message----From: Andrea Bovo [mailto:[email protected]]
Sent: Thursday, December 20, 2001 9:44 AM
To: [email protected]
Subject: [Visus] domanda laconica di un "nuovo"
>
>
>
>
>
..Soprattutto, sono felicemente sorpreso che alcune delle metodiche
di rilassamento visivo (sono miope 5.5sx/5.0dx), facessero parte di un
vero e proprio sistema scientifico...la respirazione, il "palming" erano
cose che facevo SOLO QUALCHE volta, mentre se ho ben inteso Bates
consiglia perseveranza e dedizione...
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.40
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.43
Più che nel palming nella lettura delle tabelle e dei caratteri
piccilissimi.
La respirazione, come il delineamento, fa parte di quelle cose che non devi
fare nei momenti liberi ma SEMPRE durante il giorno come abitudine. Poi
diventerà automatico col tempo.
>
>
>
>
>
..Vi scrivo perchè credo di poter trovare tra di voi i migliori auditori
della mia domanda....piuttosto laconica e disfattista (sono dopotutto un
miope ignavo :)...Ho 25 anni, con un difetto visivo di 5.5sx / 5.0dx,
posso regredire potenzialmente di quanto, se prendo coscienza del mio
difetto e applico Bates?
Io non parlerei di "prendere coscienza": è un termine psicologico, e la
psicologia è stata applicata spesso a forza e a sproposito nel metodo Bates.
Si tratta invece di riprogrammare "il sistema visivo" completo con delle
semplici tecniche.
Io personalmente faccio sempre riferimento al metodo Bates. Misticanze,
minestroni, impiastri e pasticci vari NON sono il metodo Bates. Ma qualcosa
d'altro. Potrebbero funzionare, forse...
Importante e condivisibile quello che ha scritto Maurizio Cagnoli il 30/12:
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Inoltre mi sono convinto che, dal punto di vista della gestione
individuale del miglioramento della propria vista, il metodo Bates in
senso stretto ("il metodo Bates in una conchiglia", o in guscio di
noce...) è necessario e sufficiente a provocare il miglioramento
della vista.
Concordo pienamente con quanto affermato da varii, tra cui skyrunner,
che "chi non ha miglioramenti dal metodo Bates è perché non lo applica"
(credendo invece di farlo).
Gli esperti, con le loro tecniche, dal rebirthing al martelletto a
fiori di prugna, fino ai vari sistemi di biofeedback (a proposito, non
esiste solo l'accomotrack, esiste anche l'IBIS di Fossetti) possono dare
notevoli contributi. Ma sono un dipiù.
Ci sono anche santini, statuette e riti magici...
Di quanto regredire, di quanto funziona o di quanto ha funzionato con me, è
la stessa domanda che mi era stata posta tempo fa con una email privata,
alla quale volevo rispondere in lista e che poi invece ho cancellato
inavvertitamente.
Io personalmente sono contrario alle continue elucubrazioni e statistiche
prima di muovere un passo. Tanto più per decisioni che costano niente, ad
eccezione di un pò di buona volontà e dove, comunque, considerando anche la
percezione nella sua totalità *NON ESISTONO ALTERNATIVE*. Che senso ha a
questo punto giocare con i tarli mentali?
L'unica risposta possibile è in una delle mie firme preferite:
"Nessuno puo' dirti a quale altezza potrai elevarti;
neppure tu lo saprai, sino a che non avrai spiegato le ali."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 914
> -----Original Message----> From: Domenico Intelisano [mailto:[email protected]]
> Sent: Monday, January 21, 2002 4:38 PM
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
To: [email protected]
Subject: Re: [Visus] articolo su io-donna 19/1/02
Vorrei rispondere da optometrista comportamentale:
1) La miopia, e non solo la miopia, non dipende dall'occhio lungo , cornea
con curvatura anomala o cristallino iperaccomodante o quant'altro; nella
stragrande maggioranza dei casi (con esclusione delle patologie e di
poc'altro) è un processo di adattamento dell'organismo ad attività
ravvicinate prolungate; comunque il sistema visivo, con molte componenti,
non agisce in maniera ottimale da lontano (distanza alla quale si
determina
il visus).
Molto interessante questa email di Domenico.
Io, con il dovuto rispetto, modificherei questa definizione, comunque.
Quello che non mi trova daccordo, perchè secondo me parzialmente incompleta,
è la frase:
"è un processo di adattamento dell'organismo ad attività ravvicinate
prolungate"
Io aggiungerei "effettuate con principi comportamentali innaturali che
portano le varie sezioni della retina a perdere la loro naturale
specializzazione, ossia, partendo dal centro:
1- Percezione del più alto livello di dettaglio, quello che si definisce il
"vedere"
2- Percezione di un livello inferiore di dettaglio, di supporto alla
piccolissima zona centrale, per l'elaborazione della percezione visiva
d'insieme
3- Percezione dei soli movimenti nella zona periferica del campo visivo."
Questo perchè non tutti coloro che svolgono attività prolungate (es. studio
intenso) diventano poi miopi. Dipende quindi da come si usa il sistema
visivo.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
2) L'accomodazione non è solo funzione del cristallino ma una insieme di
attività in cui principalmente è coinvolto il cervello: infatti è stato
provato (Getman) che in funzione di: difficoltà dello scritto,
condizioni di
luminosità, stati d'animo particolare , ecc. A PARITA' DI DISTANZA DI
OSSERVAZIONE IL VALORE DELLA LENTE DI NEUTRALIZZAZIONE VARIA NOTEVOLMENTE,
in parole più semplici un soggetto manifesta più o meno miopia
pur guardando
alla stessa distanza!!!
Come diceva Bates! Spero che gli studi in questa direzione continuino.
> 3) Il vedere male da lontano, miopia, è il risultato di attività da vicino
> non confortevole e quindi dannosa.
Non confortevole perchè fatta usando gli occhi nella maniera sbagliata,
"diffondendo" invece di continuare a "centralizzare" come normalmente si
deve fare nella visione da lontano. L'attività non confortevole è dovuta al
fatto che si stanno usando gli occhi nella maniera sbagliata, a loro
innaturale.
>
>
>
>
>
>
>
4) La compensazione della miopia con lenti da tenere sempre
producono ancora
più miopia (effetto iatrogenico citato da Bastien ed altri).infatti essa
aumenta tanto più frequentemente tanto più frequentemente si rifanno i
controlli della vista!! Ad un adattamento per rendere meglio da vicino
(miopia) si risponde con una lente da TENERE SEMPRE che riattiva
l'adattamento con relativo incremento miopico.
Questo meccanismo mi sembra ci sia anche in altri trattamenti, dove viene
trattato il sintomo senza rimuovere la causa. E' per questo che, quando
posso, cerco di curarmi con la medicina naturale che ha un approccio
diverso.
In effetti più che effetto iatrogenico, si potrebbe parlare semplicemente di
assuefazione, in fondo il principio e le conseguenze sono simili. Occorre
una "dose" sempre maggiore per avere lo stesso effetto. Ma dosi maggiori
aumentano l'insorgenza di complcanze e effetti iatrogeni; nel caso dela
miopia, aumentano la possibilità del distacco della retina, per esempio...
> 5) Bates aveva ragione nel sostenere che l'atto accomodativo coinvolge i
> muscoli estrinseci e non solo il cristallino.
E la teroria di Helmotz sull'accomodazione è, giustappunto ANCORA UNA
TEORIA.
Nel libro di Bates sono minuziosamente descrritti gli esperimente che lui
fece per dimostrare la sua teoria.
>
>
>
>
6) Le attività di training visivo che funzionano meno sono quelle
STRUMENTALI
7) Le attività di training visivo migliori sono quelle nello
spazio libero.
Pienamente daccordo, anche se bisogna riconoscere che alcuni strumenti, a
volte, accellerano, o sbloccano certi processi.
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Re: La mia storia
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 915
From: skyrunner
Date: gio gen 24, 2002 2.44
From: Domenico Intelisano
Date: ven gen 25, 2002 10.37
-----Original Message----From: Myria Colaprico [mailto:[email protected]]
Sent: Sunday, January 13, 2002 11:01 AM
To: [email protected]
Subject: Re: [Visus] La mia storia
non ti è venuto il sospetto di essere leggermente prolisso?
Assolutamente non lo è Myria!
Anzi a me piacerebbe sapere, sarebbe utile per molti, quali sono le
tecniche, o le varianti, che Silvio ha trovato, nella sua esperienza, più
utili a sbloccare la sua situazione.
In fondo il problema più grosso c'è all'inizio. Io lo definisco uno scalino
iniziale da salire.
Quindi se Silvio scrivesse ancora di più penso farebb un bel regalo.
Io trovo le esperienze di Silvio, riportate sul suo sito, come anche quelle
sul sito di Bruno Badiali, davvero utili ed interessanti.
Suggerirei a tutti coloro che hanno link interessanti, anche alla propria
pagina web, di inserirli nella sezione "bookmark" di Visus. O di citarli in
lista, che magari li inserisco io.
Grazie.
Mauro.
Group: Visus
Subject: Re: articolo su io-donna 19/1/02
Message: 916
Grazie per aver reso più articolato e comprensibile quanto da me scritto;
concordo pienamente con le tue risposte a Colorik ed Andrea Bovo.
Cosa ci resta? Cosa resta quando non resta niente? Questo: di essere umani
verso gli umani, che fra noi dimori il "fra noi" che ci rende uomini.
(Maurice Bellet)
Saluti,
Domenico
> Da: "skyrunner" <[email protected]>
> Risposta: [email protected]
> Data: Thu, 24 Jan 2002 02:43:45 +0100
> A: "Visus" <[email protected]>
> Oggetto: Re: [Visus] articolo su io-donna 19/1/02
>
>
>
>> -----Original Message---->> From: Domenico Intelisano [mailto:[email protected]]
>> Sent: Monday, January 21, 2002 4:38 PM
>> To: [email protected]
>> Subject: Re: [Visus] articolo su io-donna 19/1/02
>>
>>
>> Vorrei rispondere da optometrista comportamentale:
>> 1) La miopia, e non solo la miopia, non dipende dall'occhio lungo , cornea
>> con curvatura anomala o cristallino iperaccomodante o quant'altro; nella
>> stragrande maggioranza dei casi (con esclusione delle patologie e di
>> poc'altro) è un processo di adattamento dell'organismo ad attività
>> ravvicinate prolungate; comunque il sistema visivo, con molte componenti,
>> non agisce in maniera ottimale da lontano (distanza alla quale si
>> determina
>> il visus).
>
> Molto interessante questa email di Domenico.
> Io, con il dovuto rispetto, modificherei questa definizione, comunque.
> Quello che non mi trova daccordo, perchè secondo me parzialmente incompleta,
> è la frase:
> "è un processo di adattamento dell'organismo ad attività ravvicinate
> prolungate"
> Io aggiungerei "effettuate con principi comportamentali innaturali che
> portano le varie sezioni della retina a perdere la loro naturale
> specializzazione, ossia, partendo dal centro:
> 1- Percezione del più alto livello di dettaglio, quello che si definisce il
> "vedere"
> 2- Percezione di un livello inferiore di dettaglio, di supporto alla
> piccolissima zona centrale, per l'elaborazione della percezione visiva
> d'insieme
> 3- Percezione dei soli movimenti nella zona periferica del campo visivo."
>
> Questo perchè non tutti coloro che svolgono attività prolungate (es. studio
> intenso) diventano poi miopi. Dipende quindi da come si usa il sistema
> visivo.
>
>> 2) L'accomodazione non è solo funzione del cristallino ma una insieme di
>> attività in cui principalmente è coinvolto il cervello: infatti è stato
>> provato (Getman) che in funzione di: difficoltà dello scritto,
>> condizioni di
>> luminosità, stati d'animo particolare , ecc. A PARITA' DI DISTANZA DI
>> OSSERVAZIONE IL VALORE DELLA LENTE DI NEUTRALIZZAZIONE VARIA NOTEVOLMENTE,
>> in parole più semplici un soggetto manifesta più o meno miopia
>> pur guardando
>> alla stessa distanza!!!
>
> Come diceva Bates! Spero che gli studi in questa direzione continuino.
>
>> 3) Il vedere male da lontano, miopia, è il risultato di attività da vicino
>> non confortevole e quindi dannosa.
>
> Non confortevole perchè fatta usando gli occhi nella maniera sbagliata,
> "diffondendo" invece di continuare a "centralizzare" come normalmente si
> deve fare nella visione da lontano. L'attività non confortevole è dovuta al
> fatto che si stanno usando gli occhi nella maniera sbagliata, a loro
> innaturale.
>
>
>> 4) La compensazione della miopia con lenti da tenere sempre
>> producono ancora
>> più miopia (effetto iatrogenico citato da Bastien ed altri).infatti essa
>> aumenta tanto più frequentemente tanto più frequentemente si rifanno i
>> controlli della vista!! Ad un adattamento per rendere meglio da vicino
>> (miopia) si risponde con una lente da TENERE SEMPRE che riattiva
>> l'adattamento con relativo incremento miopico.
>
> Questo meccanismo mi sembra ci sia anche in altri trattamenti, dove viene
> trattato il sintomo senza rimuovere la causa. E' per questo che, quando
> posso, cerco di curarmi con la medicina naturale che ha un approccio
> diverso.
> In effetti più che effetto iatrogenico, si potrebbe parlare semplicemente di
> assuefazione, in fondo il principio e le conseguenze sono simili. Occorre
> una "dose" sempre maggiore per avere lo stesso effetto. Ma dosi maggiori
> aumentano l'insorgenza di complcanze e effetti iatrogeni; nel caso dela
> miopia, aumentano la possibilità del distacco della retina, per esempio...
>
>> 5) Bates aveva ragione nel sostenere che l'atto accomodativo coinvolge i
>> muscoli estrinseci e non solo il cristallino.
>
> E la teroria di Helmotz sull'accomodazione è, giustappunto ANCORA UNA
> TEORIA.
> Nel libro di Bates sono minuziosamente descrritti gli esperimente che lui
> fece per dimostrare la sua teoria.
>
>> 6) Le attività di training visivo che funzionano meno sono quelle
>> STRUMENTALI
>> 7) Le attività di training visivo migliori sono quelle nello
>> spazio libero.
>
> Pienamente daccordo, anche se bisogna riconoscere che alcuni strumenti, a
> volte, accellerano, o sbloccano certi processi.
>
> “…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
> assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
> Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
> dalla natura.”
> Mauro Teodori
> [email protected]
> [email protected]
>
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
> indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
Group: Visus
Message: 917
From: skyrunner
Subject: Entare pure! Lo spettacolo della vostra vita è gratis! (Era:RE: Come eseguo le tecnice di bates? )
Riprendo il messaggio di Franco di qualche tempo fa...
Mi scuso per il messaggio originale riportato quasi integralmente e che
rende il messaggio mooOOOoolto lungo.
Ma approfittatene: molti bit al prezzo di pochi! E poi tra un pò nelle belle
giornate me ne andrò, nel tempo libero, sulla neve, divenendo latitante. E
magari vi mancherò pure. Chi è a rischio di astinenza faccia come la
formichina della favola. Accumuli questi chicchi di grano (salis).
Mi scuso per la tendenza al faceto di parti di questo messaggio, magari
qualcuno pensava che "zio skyrunner" fosse uno serio... Vatti a fidare...
(ma chissa come mi immaginate? lunga barba bianca e pipa? giacca e cravatta?
camice bianco? mimetica e anfibi? pelata e vestito arancione? DITEMELO! Alle
prime 10 risposte un simpatico omaggio!)
Tornando a noi.... Pensiamo a quello che ha detto Bates e vediamo di
applicarlo alla nostra realtà.
Sarebbe poi utile se tutti coloo che hanno trovato la loo strada dicessere
anche cosa o come li ha sbloccati.
La cosa che secondo me potevi provare:
>
>
>
>
>
Magari prova a cambiare modo con il quale esegui le tecniche, e
concentrati
solo sulle essenziali (Caratteri piccolissimi, contrasto tra bianco e nero
nella tabella di snellen, dondolio...) così vedi se riesci a sbloccare
qualcosa.
Non so se nel frattempo è cambiato qualcosa.
Ma visto che mi avevi assicurato che i tuoi occhi non sono diversi da quegli
delli altri, né sfaccettati, né composti, né a bastoncino come quelli delle
lumache e nemmeno a pallina come quelli dei granchi, qualcosa potrebbe
essere successo.
No?
Tu eri al punto di dover ancora salire quel "gradino" con il quale inizia il
miglioramento di chi pratica il metodo Bates.
Quando succede te ne accorgi perchè hai il primo "clear flash", ossia il
"lampo di visione nitida, questo sconosciuto".
Se non ce lo hai, vuol dire che sei inciampato...
Eventualmente se proprio non riuscissi a sbloccarti, potresti prendere in
considerazione l'idea di fare qualche seduta di "Accomotrack".
Ti distoglierebbe dall'insana idea di dover per forza costringere i tuoi
occhi a fare quello che dici tu e come lo dici tu (Franco docet).
Sostituire il feedback acustico a quello ottico potrebbe essere un ottimo
mezzo per sbloccarsi.
Date: ven gen 25, 2002 6.17
Io potrei consigliare un centro vicino Roma, dove sono preparati e anche
molto onesti nel prezzo.
Riporto quello che ho letto su una mail list estera che ripropone bene
quella che la base del metodo (se ne è parlato anche nei messaggi passati ma
questa sintesi è utile):
"... what Dr. Bates wants us to do. He tells
us over and over again that any effort to see better will be fatal.
He tells us that anything we do to see better is wrong. He
tells us that if we can just stop trying to see we will be able
to see. This is what has been so hard for me to get through
my skull, but I am getting to realize it is the only way. You
have to remove yourself from the process somehow and just
let it happen."
"... Quello che il Dr.Bates vuole che si faccia.
Egli dice che qualsiasi sforzo fatto per vedere bene sarà invece fatale.
Egli dice che solo se riusciamo a smettere di cercare di vedere noi saremo
abili a vedere.
Questo è ciò che è stato più difficile per me da capire, ma sto accorgendomi
che è invece il solo modo.
Ti devi tirar fuori dal processo e lasciare invece che accada
spontaneamente".
Leggendolo così sembra quansi una contraddizione, ma capisco penissimo chi
scrive quando dice "Questo è ciò che è stato più difficile per me da capire,
ma sto accorgendomi che è invece il solo modo".
Le corrette impostazioni del sistema visivo non possono essere comandate
volontariamente. E' qualcosa che esula dalla volontà. Deve essere un
processo autonomo.
Inoltre se ti sforzi di vedere, non farai altro che farlo nell'unico modo
che il tuo "io" conosce. Quello sbagliato.
Come era quella battuta? "La risposta che stai cercando è già dentro di te.
Però è sbagliata!".
Ma qui è diverso.
Se "allenti la presa" su un qualcosa che deve funzionare DA SE, e non DA
TE, il processo può ripartire.
Ehm... Come dice la firma di quel tizio?
"La luna si specchia nel lago solo quando l'acqua è calma".
Non la ho scelta a caso...
Questa è stata la vera grandezza e la grande genialità di Bates.
Capire la natura del problema e l'ideare "tecniche specifiche per far si che
ciò accada".
Ecco il perchè di un'altra delle mie firme:
"Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito"".
Troppi si sono concentrati sull'aspetto immediato del problema senza
guardare invece alla soluzione. Hanno continuato a guardare il dito, senza
spostare invece lo sguardo ai rimedi (semplici, efficaci e geniali) trovati
dal Dr.Bates.
Certo, se non si capisce il perchè possono sembrare tecniche astruse, lo so
bene. Lo ho pensato anche io. E capisco benissimo cosa significa.
Avevo effettuato una seduta anni fa, nel '90 forse, fa con Ambra Rendina a
Milano. Ma all'epoca mi era sembrato tutto senza senso. E avevo abbandonato.
Ora conosco un pò meglio lo stato delle cose.
Non è necessario comunque conoscere il perchè delle tecniche. Basta avere un
pò di fiducia e farle senza pensare troppo a quello che si "dovrebbe"
vedere.
Quindi, se ancora non lo hai fatto, il primo consiglio, da amico, potrebbe
essere quello di "lasciare in pace i tuoi occhi".
Cantiamocela con Sting: "If you love someboby, set them free".
Ancora penso a come è venuta fuori la tua difficoltà. Dopo la confusione in
lista creata da G.G.Rishi. Maurizio Cagnoli diceva che si era evidentemente
troppo reattivi. Io penso che c'era anche la paura di intervenire in un
ambiente asettico e quasi sacro, dove si aveva timore di scrivere per non
fare brutte figure... Nella confusione è più facile parlare, chenel
silenzio. Per i timidi.
Mentre invece lo scopo della lista è proprio quello di scambiarsi le
esperienze. Non creare un sacrario dei guru.
In fondo la ritrosia è una caratteristica che si trova spesso nei miopi. Ma
non è, come dicono alcuni, che si è miopi perchè si è timidi e questo crea
tensione . Bensì perché la personalità miope spesso si rifugia nella
lettura. E legge a capofitto, divorando pagine nel modo più veloce
possibile: diffondendo.
Inoltre il mio concetto di tensione nel sistema visivo è alquanto diverso.
E' un concetto funzionale, non mentale. Un bel giorno elaborerò un
documento e lo metterò nell'area files.
Torno al tuo messaggio.
>
>
>
>
>
>
>
>
> >Reimpariamo a centralizzare:
> Uno dei metodi più efficaci e la lettura dei caratteri
piccolissimi (corpo
> 2.0 2.5 o 3.0). Era la misura che usavi tu?
> =>Si o no???
>
> >>>>>>>si ho stampato caratteri di 3 ma ho fatto la lettura solo per 1/2
> settimane
A me 3 sembra troppo grande. Prova con il 2 o il 2,5 (stampare in modalità
"foto" su carta speciale, quella rivestita (coated) di una satinatura
bianca. Ti sfido (un aperitivo al bar all'angolo) a leggerlo senza
centralizzazione.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> >Anche quando leggi i "caratteroni" delle normali pubblicazioni,
> puoi farlo
> in modo da stilolare il riapprendimento degli abiti visivi
corretti. Leggi
> facendo scorrere gli occhi nello spazio bianco tra le righe, come
> fossero un
> laser a luce bianca e sottilissimo, percependo la linea più
> bianca tra le
> due righe con i caratteri nerissimi.
> => Lo facevi o no?
>
> >>>>>>>no, non lo facevo e non lo faccio per le inserzioni
pubb. ma quando
> leggevo e leggo faccio scorrere gli occhi nello spazio bianco tra
> le righe.
> un fatto curioso riguardo questa tecnica, quando nn la
conoscevo ancora, è
> che sono arrivato al punto in cui(poichè studiavo per gli esami
> univ)leggendo 2/3 righe sentivo gli occhi moooolto pesanti e stanchi.
> utilizz questa tecnica gli occhi si stancano molto meno anche se
> delle volte
> riacqisto le vecchie abitudini di vedere una pagina intera....
e mi stanco
> di nuovo
Volevo evidenziare che leggendo nella maniera corretta i caratteri sembrano
davvero molto più neri. Se poi appare anche la sottile luminescenza bianca
tra le righe si è a buon punto.
Se non succede: lascia andare gli occhi, dittatore! Questa è una cosa
personale tra loro e le pagine. Tu non c'entri proprio un bel niente!
All'inizio è difficile abituarsi ma se lo si fa sempre diventa facilissimo e
rilassante.
Aggiungerei che molti autori non sono d'accordo con questo modo di leggere.
Ma io ho deciso di fidarmi di "sapete bene chi", ed il suo metodo,
rapportato agli altri (li ho provati) è il migliore. E poi basta fare caso a
come si muovono i propri occhi leggendo in quel modo: a piccoli scatti, come
quelli di chi ci vede bene (e che studia di più, è più bravo, ci vede
benissimo ed è anche pieno di donne... SGRUNT!!! GRRRR!!!)
Comunque scrivevi che ne avevi intravisto i benefici. Quindi lo sai...
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>Tabella di snellen:
Essenziale per il feedback. Fornisce all'istante, al sistema visivo, la
percezione di come sta operando.
("Sto o no andando nella direzione giusta?").
- Ad una distanza dove puoi leggere le prime 43-5 righe.
Qui volevo dire 3-5 righe.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
- Deve essere bene in luce. Sotto una lampada forte o attaccato
al vetro di
una finestra (può essere anche stampata su un foglio trasparente
o costruita
con dei trasferibili sul vetro). Soprattutto all'inizio il problema è
associato alla tendenza a diffondere. I coni (quasi tutti nella fovea
centralis, la zona della retina ad alta risoluzione)sono attivati dalla
luce, mentre se la luce è poca funzionano solo i bastoncelli (pochissimi
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> nella fovea centralis).
> Devi reimparare anche a usare le varie zone dell'occhio secondo
> la funzione
> a loro fisiologicamente adatta).
> Se leggi la tabella in poca luce hai ancora più difficoltà a
> centralizzare,
> ed aumenta lo stress del sistema visivo. Che è
> proprio quello che invece tu vorresti ridurre!
> Inoltre, con la luce, la pupilla più piccola, con un parziale effetto
> pinhole (a forellino stenomatopeico), aiuta nella visione.
> Quando le cose si saranno messe in moto potrai anche cominciare
a leggerla
> in poca luce, che è uno dei passi successivi.
> Ma all'inizio NO! Non mettiamo troppa carne al fuoco.
> Mentre la leggi tieni gli occhi rilassati, un leggero abbassamento della
> palpebra va bene, MA SENZA STRIZZARE GLI OCCHI!
> Devi essere rilassato mentre leggi. Aiuta molto il dondolio laterale di
> fronte alla tabella di snellen. Molto lento, come il pendolo di
un vecchio
> orologio da parete. Respira, rilascia le spalle, sbatti le palpebre e
> dondola.... dondola... dondola... Non è importante quello che vedi...
> Concentrati solo sul bianco, bianchissimo, della tabella e sul nero,
> nerissimo dei caratteri.
> => La leggevi così?
>
> >>>>>>no, no proprio. a dire la verità la tabella è la cosa che ho
> utilizzato meno.
> ho iniziato a fare gli esercizi più semplici descritti da
bates(leggere le
> lettere in alto e basso, etc) ma li trovavo un pò noiosi. inoltre
> gli occhi
> si stancavano subito. sentivo una certà rigidità quando si muovevano.
> sembrava stessi sforzando..
Prova a fare come descritto sopra.
E fallo quando puoi.
Se squilla il telefono , parla dondolando *LENTAMENTE* di fronte alla
tabella.
Attaccala anche al bagno se puoi, e leggi quella invece del "corriere dello
sport".
La tabella NON E' assolutamente la cosa da usare meno!!!
Concentrati solo sul bianco, bianchissimo, della tabella e sul nero,
nerissimo dei caratteri.
Dondola e falli diventare più piccoli, o più neri.
Ma non li devi vedere. Tanto sono sempre li che aspettano. Non c'è nessuna
fretta e nulla da fare.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> Invece, guarda la televisione senza, avvicinati anche un pò di più, usa
> magari lenti sottocorrette, ma fai lo sketching o delineamento:
> Immagina di
> avere una matita lungha fino allo schermo, od un puntatore laser,
> attaccati
> al naso. E usali per delineare i contorni. Sono eccezionali per
> stimolare al
> motilità e favorire la centralizzazione (è un fattore percettivo). La
> televisione è abbastanza luminosa, e centralizzare non è quindi
difficile.
> =>LO facevi o no?
>
> >>>>>>>>>>>esercizi con la tele zero.anche perche la guardo poco
Bravo! Anche io!
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> Il dondolio dell'elefante è spesso fatto come se fosse invece quello
> dell'orangutàn. Tutti sporti in avanti.
> Bisogna stare dritti ed eseguirlo molto lentamente. Per
> cominciare fallo con
> le braccia alzate di lato, a croce. Ti aiuta a stare dritto. Quando hai
> capito come è la posizione allora lascia le braccia libere sui
fianchi, le
> spalle morbide e continua ad oscillare.
> Molta gente "SFUOCA" mentre oscilla, convinta che non si debba percepire
> niente di quello che ci passa sotto il naso. SBAGLIATISSIMO! E' una
> interpretazione errata di questa tecnica. In realtà gli occhi non devono
> posarsi su niente. Si devono lasciare gli occhi liberi di "scorrere" su
> quello che gli passa davanti.
> Se lo si fa bene, gli occhi si muoveranno a piccoli scatti
> continui (questo
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> è percepibile dalla visione a scatti dell'ambiente circostante).
> => Lo facevi così?
>
> >>>>>ho osservato una rigidità(negli occhi) anche quando facevo
> l'oscillazione. dondolavo, penso corretamente, e spostavo gli
occhi da un
> oggetto vicino(una lampada) a una finestra. il più delle volte veniva
> spontaneo ampliare la vista cioè abbracciare con lo sguardo il
più grande
> spazio possibile.
Mi parli solo del dondolio laterale. Quello va bene. Fallo davanti ad una
finestra che ti fa da riferimento, e concentrati sul movimento apparente
delle cose, che si devono muovere intorno a te.
Il dondolio dell'elefante va fatto anche quello. Ha scopi diversi.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Anche il palming, se fatto male, può essere controproducente.
Immaginare il nero per molti è difficile.
Meglio immaginare allora scene piacevoli, anche paesaggi, se si
preferisce.
VANNO VISUALIZZATI DISTANTI, E NON AD UN PALMO DAL NASO
(abbastanza comune).
E concentrarsi su di un PICCOLO particolare alla volta, non
diffondere anche
durante il palming!!!
=> Lo facevi così?
>>>>>>>>>>>>>>>alternavo scene piacevoli a scene che mi venivano
spontaneamente
Bates usava molto spesso (quasi esclusivamente penso) il palming di fronte
alla tabella. Io non ho apprezzato molto la cosa ma sembra aiuti molto
alternare il palming alla percezione dei dettagli (non, non ho detto
lettere! Non ce ne sono da vedere. RELAX!) della tabella.
Comunque se immagini scene piacevoli, cerca di visualizzare i dettagli più
piccoli nel particolare.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
=>E del sunning che mi dici?
>>>>>>>>>>>>>>>>inizialmente oscillavo aprendo gli occhi ogni tanto poi
tenendoli sempre chiusi perchè ho letto nella lista che si
dovrebbe fare a
occhi chiusi (almeno cosi ho capito!!!)
SOLO a occhi chiusi E se troppa luce da fastidio, lo puoi fare con le spalle
al sole!
E in inverno molti consigliano di usare una lampada alogena, schermata con
vetro o retina, a 50cm dagli occhi.
>
>
>
>
>
>
>
> => E della percezione del movimento delle cose? E' importante per
> far capire
> al sistema visivo che la zona periferica dell'occhio serve a
percepire il
> movimento e lo sfondo, e NON A VEDERE!!!
>
> >>>>>>>>>>><<eeeeh.cosa???
Devi lasciare che il tuo sistema visivo funzioni secondo la sua "naturale
vocazione". La percezione del movimento sparisce quando c'è tensione e
rigidità. E quando si cerca di usare tutto l'occhio per vedere. Cosa che non
solo è innaturale ma che il tuo sistema non è proprio capace di fare senza
"guastarsi" . Per renderti l'idea: ti ricordi cosa è successo quando hai
provato a "tirare" con la tua FIAT 500 con quella Ferrari ferma al semaforo?
La percezione del movimento è una delle colonne del metodo Bates, oltre ad
un modo sano ed economico per rilassare tutto il sistema e godersi la
visione del mondo circostante. La stessa differenza che c'è tra il guardare
una serie di foto e l'andare al cinema.
Perchè rinunciare al movimento?
Perchè rinunciare ai colori?
Perchè rinunciare all'effetto tridimensionale?
(E se vuoi davvero rinunciare alla percezione "reale", allora perchè hai
speso tutti quei soldi per lo stereo?)
La visione non è solo focalizzare una letterina scitta su una tabella.
L'incapacità a focalizzare è solo un sintomo di un qualcosa che sta
accadendo da qualche altra parte. Non è quella, la malattia.
Il dondolio di fronte alla finestra serve a questo. A rendere coscenti del
movimento.
Ma poi anche camminando per strada e rendendosi conto che tutto si muove in
base a come ci spostiamo,( viene verso di noi, passa dietro, ricnorre gli
altri oggetti...) significa applicare nella vita di tutti i giorni le
tecniche che ci salveranno la vista! E serve anche a smettere di pensare
così tanto e sempre, a cose irrilevanti.
Quando non è necessario pensare, ci si può permettere il lusso di essere
presenti.
Di godersi la percezione del mondo che ci circonda, e non solo le
vicissitudini dei due tarli che giocano a "morra" nel nostro cervello...
Entare pure! Lo spettacolo della vostra vita è gratis!
Cari saluti e buon miglioramento!
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: corbett
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 918
From: maurizio cagnoli
Date: ven gen 25, 2002 10.56
Nel 1999 è scaduto il copyright (libro pubblicato la prima volta nel 1949),
quindi il libro può essere ristampato e diffuso da chiunque.
Fare però l' OCR del libro, oltre a essere un lavoraccio, potrebbe anche
dannegggiarlo, vista l'età.
A me piacerebbe molto però almeno la traduzione della parte "L'arte di
leggere" (Condensato da un articolo di Bates). La volevo inserire nella
prossima revisione de "Il metodo Bates in una conchiglia".
Comunque una soluzione potrebbe essere la fotocopiatura e poi magari trovare
un volontario disposto a fare OCR.
E secondo me varrebbe la pena, eventualmente, di acquistarlo fotocopiato,
anche se il costo sarebe elevato.
Ma può anche darsi che sull'onda del rinnovato intersesse per certe
metodiche vnga di nuovo reso disponibile. Anche se solo in inglese.
L'arte di leggere, mi sembrava di averlo già messo in lista. O mi sbaglio?
Comunque l' "autorevole sollecitazione" di Skyrunner non mi lascia
insensibile. Prometto che comincerò l'improbo lavoro di Fare l'OCR (il mio
scanner è una lumaca) e, prima che la Gran Bretagna entri nell'area
dell'euro (e forse anche prima che Bin Laden venga catturato) la vedrete
apparire in rete.
OK, a presto
-Group: Visus
Subject: RE: corbett
Message: 919
>
>
>
>
>
-----Original Message----From: maurizio cagnoli [mailto:[email protected]]
Sent: Friday, January 25, 2002 10:57 AM
To: [email protected]
Subject: R: [Visus]corbett
>
>
>
>
>
>
L'arte di leggere, mi sembrava di averlo già messo in lista. O mi sbaglio?
Comunque l' "autorevole sollecitazione" di Skyrunner non mi lascia
insensibile. Prometto che comincerò l'improbo lavoro di Fare l'OCR (il mio
scanner è una lumaca) e, prima che la Gran Bretagna entri nell'area
dell'euro (e forse anche prima che Bin Laden venga catturato) la vedrete
apparire in rete.
Chiedo venia! Lo avevo cercato ma ,non trovandolo, avevo pensato che forse
ricordavo la mia versione in inglese!
Eccolo qua!
Era il seguente messaggio, il no.605:
From: maurizio cagnoli <[email protected]>
From: skyrunner
Date: ven gen 25, 2002 8.06
Date: Sat Jun 30, 2001 9:10 am
Subject: Re: [Visus] Messaggio da un amico di tutti ! < :-)))
Vedere meglio senza occhiali
TAVOLA N. 3 L'ARTE DI LEGGERE
Quando leggete, dovreste guardare gli spazi bianchi tra le righe e non
direttamente lo stampato. Questo perché spostare gli occhi su una
superficie uguale non produce sforzo, mentre fissarli sulle parole e
sulle singole lettere provoca sforzo e lo sforzo altera la visione.
Quando una persona dalla vista normale guarda gli spazi bianchi
scorrendo rapidamente la pagina da un margine all’altro, può leggere
facilmente, rapidamente e senza fatica. Se la stessa persona fissa
invece le lettere, gli occhi si stancano e la vista diventa mediocre.
Coloro che non riescono a leggere bene a distanza ravvicinata sono
sempre portati a fissare l'attenzione sulla stampa, e di conseguenza,
vedono ancora peggio. La loro vista non potrà migliorare finché non
impareranno a guardare gli spazi bianchi tra le righe.
È possibile migliorare la lettura migliorando la facoltà di ricordare o
di immaginare il bianco.
Tale miglioramento può essere ottenuto nel modo seguente. Chiudete gli
occhi e immaginate una cosa ancor più bianca della pagina che avete
innanzi: neve, amido, lenzuola. Ora aprite gli occhi. Se le vostre
immagini del bianco sono state chiare e intense, noterete che gli spazi
bianchi sotto le righe vi appariranno per qualche istante più candidi di
quanto non lo siano effettivamente. Ripetete regolarmente l'esercizio.
Quando avrete assimilato l'immagine del bianco al punto di poter vedere
costantemente gli spazi tra le righe più candidi di quanto lo siano in
realtà, la stampa vi parrà, per contrasto, più nera e l'occhio leggerà
più speditamente e senza sforzo o stanchezza.
La sottile linea bianca
Quando l'immagine del bianco raggiunge la massima intensità, accade
sovente di vedere, meglio degli altri spazi, una sottile linea bianca.
Essa può essere paragonata ad una luce al neon che si muova rapidamente
da un margine all'altro, immediatamente sotto le lettere.
Questa sottile linea bianca è di grande aiuto nella lettura, poiché
contribuisse ad accelerare la velocità sia degli occhi che della mente.
Quando si abbia, si immagini o si ricordi questa illusione della linea
bianca, si è in grado di leggere per un tempo illimitato senza provare
stanchezza.
(Riassunto da un articolo di W. H. Bates)
Group: Visus
Subject: Universo olografico
Message: 920
Cari amici di Visus,
vi invio questo interessantissimo articolo:
[Fonte: www.nexusitalia.com]
L?Universo è un?illusione?
Ricerche. Gli scienziati alle prese con il ?paradigma olografico?
Stupefacenti scoperte nel campo della fisica potrebbero
sconvolgere completamente le nostre convinzioni sulla natura
dell?universo e della vita stessa, aprendo un ventaglio di possibilità mai
ipotizzate prima d?ora.
Nel 1982 un?équipe di ricerca dell?Università di Parigi, diretta dal
fisico Alain Aspect, ha condotto quello che potrebbe rivelarsi il più
importante esperimento del 20° secolo. Aspect ed il suo team hanno infatti
scoperto che, sottoponendo a determinate condizioni delle particelle
subatomiche, come gli elettroni, esse sono capaci di comunicare
istantaneamente una con l?altra indipendentemente dalla distanza che le
separa, sia che si tratti di 10 metri o di 10 miliardi di chilometri. È
come se ogni singola particella sapesse esattamente cosa stiano facendo
tutte le altre. Questo fenomeno può essere spiegato solo in due modi: o la
teoria di Einstein che esclude la possibilità di comunicazioni più veloci
From: michele_amato2000
Date: sab gen 26, 2002 8.07
della luce è da considerarsi errata, oppure le particelle subatomiche sono
connesse non-localmente. Poiché la maggior parte dei fisici nega la
possibilità di fenomeni che oltrepassino la velocità della luce, l?ipotesi
più accreditata è che l?esperimento di Aspect sia la prova che il legame
tra le particelle subatomiche sia effettivamente di tipo non-locale.
David Bohm, noto fisico dell?Università di Londra, recentemente
scomparso, sosteneva che le scoperte di Aspect implicavano che
la realtà oggettiva non esiste. Nonostante la sua apparente solidità,
l?universo è in realtà un fantasma, un ologramma gigantesco e
splendidamente dettagliato. Ologrammi, la parte e il tutto in una sola
immagine
Per capire come mai il Prof. Bohm abbia fatto questa sbalorditiva
affermazione, dobbiamo prima comprendere la natura degli
ologrammi. Un ologramma è una fotografia tridimensionale prodotta
con l?aiuto di un laser: per creare un ologramma l?oggetto da
fotografare viene prima immerso nella luce di un raggio laser, poi un
secondo raggio laser viene fatto rimbalzare sulla luce riflessa del primo
e lo schema risultante dalla zona di interferenza dove i due raggi si
incontrano viene impresso sulla pellicola fotografica. Quando la pellicola
viene sviluppata risulta visibile solo un intrico di linee chiare e scure
ma, illuminata da un altro raggio laser, ecco apparire il soggetto
originale. La tridimensionalità di tali immagini non è l?unica
caratteristica interessante degli ologrammi, difatti se l?ologramma di una
rosa viene tagliato a metà e poi illuminato da un laser, si scoprirà che
ciascuna metà contiene ancora l?intera immagine della rosa. Anche
continuando a dividere le due metà, vedremo che ogni minuscolo frammento
di pellicola conterrà sempre una versione più piccola, ma intatta, della
stessa immagine. Diversamente dalle normali fotografie, ogni parte di un
ologramma contiene tutte le informazioni possedute dall?ologramma integro.
Questa caratteristica degli ologrammi ci fornisce una maniera
totalmente nuova di comprendere i concetti di organizzazione e di
ordine.
Per quasi tutto il suo corso la scienza occidentale ha agito sotto il
preconcetto che il modo migliore di capire un fenomeno fisico, che si
trattasse di una rana o di un atomo, era quello di sezionarlo e di
studiarne le varie parti.
Gli ologrammi ci insegnano che alcuni fenomeni possono esulare
da questo tipo di approccio.
Questa intuizione suggerì a Bohm una strada diversa per
comprendere la scoperta del professor Aspect. Diversi livelli di
consapevolezza, diverse realtà Bohm si convinse che il motivo per
cui le particelle subatomiche restano in contatto
indipendentemente dalla distanza che le separa risiede nel fatto
che la loro separazione è un?illusione. Egli sosteneva che, ad un
qualche livello di realtà più profondo, tali particelle non sono entità
individuali ma estensioni di uno stesso "organismo" fondamentale.
Per spiegare la sua teoria Bohm utilizzava questo esempio:
immaginate un acquario contenente un pesce. Immaginate anche
che l?acquario non sia visibile direttamente ma che noi lo si veda
solo attraverso due telecamere, una posizionata frontalmente e
l?altra lateralmente rispetto all?acquario. Mentre guardiamo i due
monitor televisivi possiamo pensare che i pesci visibili sui monitor siano
due entità separate, la differente posizione delle telecamere ci darà
infatti due immagini lievemente diverse. Ma, continuando ad osservare i
due pesci, alla fine ci accorgeremo che vi è un certo legame tra di loro:
quando uno si gira, anche l?altro si girerà; quando uno guarda di fronte a
sé, l?altro guarderà lateralmente. Se restiamo completamente all?oscuro
dello scopo reale dell?esperimento, potremmo arrivare a credere che i due
pesci stiano comunicando tra di loro, istantaneamente e misteriosamente.
Secondo Bohm il comportamento delle particelle subatomiche
indica chiaramente che vi è un livello di realtà del quale non siamo
minimamente consapevoli, una dimensione che oltrepassa la nostra. Se le
particelle subatomiche ci appaiono separate è perché siamo capaci di
vedere solo una porzione della loro realtà, esse non sono "parti" separate
bensì sfaccettature di un?unità più profonda e basilare che risulta infine
altrettanto olografica ed indivisibile quanto la nostra rosa. E poiché
ogni cosa nella realtà fisica è costituita da queste "immagini", ne
consegue che l?universo stesso è una proiezione, un ologramma. Il
magazzino cosmico di tutto ciò che è, sarà o sia mai stato
Oltre alla sua natura illusoria, questo universo avrebbe altre
caratteristiche stupefacenti: se la separazione tra le particelle
subatomiche è solo apparente, ciò significa che, ad un livello più
profondo, tutte le cose sono infinitamente collegate. Gli elettroni di un
atomo di carbonio del cervello umano sono connessi alle particelle
subatomiche che costituiscono ogni salmone che nuota, ogni cuore che batte
ed ogni stella che brilla nel cielo.
Tutto compenetra tutto. Sebbene la natura umana cerchi di
categorizzare, classificare e suddividere i vari fenomeni
dell?universo, ogni suddivisione risulta necessariamente artificiale e
tutta la natura non è altro che una immensa rete ininterrotta. In un
universo olografico persino il tempo e lo spazio non sarebbero più dei
principi fondamentali.
Poiché concetti come la località vengono infranti in un universo
dove nulla è veramente separato dal resto, anche il tempo e lo
spazio tridimensionale (come le immagini del pesce sui monitor
TV) dovrebbero venire interpretati come semplici proiezioni di un
sistema più complesso.
Al suo livello più profondo la realtà non è altro che una sorta di
super-ologramma dove il passato, il presente ed il futuro
coesistono simultaneamente; questo implica che, avendo gli
strumenti appropriati, un giorno potremmo spingerci entro quel
livello della realtà e cogliere delle scene del nostro passato da
lungo tempo dimenticato. Cos?altro possa contenere il superologramma resta una domanda senza risposta.
In via ipotetica, ammettendo che esso esista, dovrebbe contenere
ogni singola particella subatomica che sia, che sia stata e che
sarà, nonché ogni possibile configurazione di materia ed energia:
dai fiocchi di neve alle stelle, dalle balene grigie ai raggi gamma.
Dovremmo immaginarlo come una sorta di magazzino cosmico di Tutto ciò che
Esiste.
Bohm si era addirittura spinto a supporre che il livello superolografico della realtà potrebbe non essere altro che un semplice
stadio intermedio oltre il quale si celerebbero un?infinità di ulteriori
sviluppi. Poiché il termine ologramma si riferisce di solito ad una
immagine statica che non coincide con la natura dinamica e perennemente
attiva del nostro universo, Bohm preferiva descrivere l?universo col
termine "olomovimento".
Affermare che ogni singola parte di una pellicola olografica contiene
tutte le informazioni in possesso della pellicola integra significa
semplicemente dire che l?informazione è distribuita non-localmente. Se è
vero che l?universo è organizzato secondo principi olografici, si suppone
che anch?esso abbia delle proprietà non-locali e quindi ogni particella
esistente contiene in se stessa l?immagine intera.
Partendo da questo presupposto si deduce che tutte le manifestazioni della
vita provengono da un?unica fonte di causalità che include ogni atomo
dell?universo. Dalle particelle subatomiche alle galassie giganti, tutto è
a llo stesso tempo parte infinitesimale e totalità di "tutto". Il cervello
è un ologramma capace di conservare 10 miliardi di informazioni?
Lavorando nel campo della ricerca sulle funzioni cerebrali, anche il
neurofisiologo Karl Pribram, dell?Università di Stanford, si è convinto
della natura olografica della realtà.
Numerosi studi, condotti sui ratti negli anni ?20, avevano dimostrato che
i ricordi non risultano confinati in determinate zone del cervello: dagli
esperimenti nessuno però riusciva a spiegare quale meccanismo consentisse
al cervello di conservare i ricordi, fin quando Pribram non applicò a
questo campo i concetti dell?olografia. Il Dott. Pribram crede che i
ricordi non siano immagazzinati nei neuroni o in piccoli gruppi di
neuroni, ma ne
gli schemi degli impulsi nervosi che si intersecano attraverso tutto il
cervello, proprio come gli schemi dei raggi laser che si intersecano su
tutta l?area del frammento di pellicola che contiene l?immagine
olografica. Q uindi il cervello stesso funziona come un ologramma e la
teoria di Pribram spiegherebbe anche in che modo questo organo riesca a
contenere una tale quantità di ricordi in uno spazio così limitato.
È stato calcolato che il cervello della nostra specie ha la capacità di
immagazzinare circa 10 miliardi di informazioni, durante la durata media
di vita (approssimativamente l?equivalente di cinque edizioni
dell?Enciclope dia Treccani!) e si è scoperto che anche gli ologrammi
possiedono una sorprendente capacità di memorizzazione, infatti
semplicemente cambiando l?angolazione con cui due raggi laser colpiscono
una pellicola fotografica, si
possono accumulare miliardi di informazioni in un solo centimetro cubico
di spazio.... ma anche di correlare idee e decodificare frequenze di ogni
tipo.
Anche la nostra stupefacente capacità di recuperare velocemente una
qualsivoglia informazione dall?enorme magazzino del nostro cervello
risulta spiegabile più facilmente, se si suppone che esso funzioni secondo
principi o lografici. Non è necessario scartabellare attraverso una specie
di gigantesco archivio alfabetico cerebrale perché ogni frammento di
informazione sembra essere sempre istantaneamente correlato a tutti gli
altri: un?altra particolarità tipica degli ologrammi.
Si tratta forse del supremo esempio in natura di un sistema a correlazione
incrociata. Un?altra caratteristica del cervello spiegabile in base
all?ipotesi di Pribram è la sua abilità nel tradurre la valanga di
frequenze l uminose, sonore, ecc. che esso riceve tramite i sensi, nel
mondo concreto delle nostre percezioni.
Codificare e decodificare frequenze è esattamente quello che un ologramma
sa fare meglio. Così come un ologramma funge, per così dire, da strumento
di traduzione capace di convertire un ammasso di frequenze prive di signi
ficato in una immagine coerente, così il cervello usa i principi
olografici per convertire matematicamente le frequenze ricevute in
percezioni interiori.
Vi è una impressionante quantità di dati scientifici che confermano la
teoria di Pribram, ormai, infatti, condivisa da molti altri
neurofisiologi. Il ricercatore italo-argentino Hugo Zucarelli ha
recentemente applicato il
modello olografico ai fenomeni acustici, incuriosito dal fatto che gli
umani possono localizzare la fonte di un suono senza girare la testa,
abilità che conservano anche se sordi da un orecchio. È risultato che
ciascuno
dei nostri sensi è sensibile ad una varietà di frequenze molto più ampia
di quanto supposto.
Ad esempio: il nostro sistema visivo è sensibile alle frequenze sonore, il
nostro senso dell?olfatto percepisce anche le cosiddette "frequenze
osmiche" e persino le cellule del nostro corpo sono sensibili ad una vasta
gam ma di frequenze.
Tali scoperte suggeriscono che è solo nel dominio olografico della
coscienza che tali frequenze possono venire vagliate e suddivise. La
realtà? Non esiste, è solo un paradigma olografico.
Ma l?aspetto più sbalorditivo del modello cerebrale olografico di Pribram
è ciò che risulta quando lo si unisce alla teoria di Bohm. Perché se la
concretezza del mondo non è altro che una realtà secondaria e ciò che
esist e non è altro che un turbine olografico di frequenze e se persino il
cervello è solo un ologramma che seleziona alcune di queste frequenze
trasformandole in percezioni sensoriali, cosa resta della realtà
oggettiva? Per di rla in parole povere: non esiste.
Come avevano lungamente sostenuto le religioni e le filosofie orientali,
il mondo materiale è una illusione. Noi stessi pensiamo di essere delle
entità fisiche che si muovono in un mondo fisico ma tutto questo fa parte
de l campo della pura illusione. In realtà siamo una sorta di "ricevitori"
che galleggiano in un caleidoscopico mare di frequenze e ciò che ne
estraiamo lo trasformiamo magicamente in realtà fisica: uno dei miliardi
di "mond i" esistenti nel super-ologramma.
Questo impressionante nuovo concetto di realtà è stato battezzato
"paradigma olografico" e sebbene diversi scienziati lo abbiano accolto con
scetticismo, ha entusiasmato molti altri. Un piccolo, ma crescente, gruppo
di ri cercatori è convinto che si tratti del più accurato modello di
realtà finora raggiunto dalla scienza. In un universo in cui le menti
individuali sono in effetti porzioni indivisibili di un ologramma e tutto
è infinitament e interconnesso, i cosiddetti "stati alterati di coscienza"
potrebbero semplicemente essere il passaggio ad un livello olografico più
elevato.
Se la mente è effettivamente parte di un continuum, di un labirinto
collegato non solo ad ogni altra mente esistente o esistita, ma anche ad
ogni atomo, organismo o zona nella vastità dello spazio, ed al tempo
stesso, il fatto che essa sia capace di fare delle incursioni in questo
labirinto e di farci sperimentare delle esperienze extracorporee, non
sembra più così strano. Immaginarsi malati, immaginarsi sani.
Il paradigma olografico ha delle implicazioni anche nelle cosiddette
scienze pure come la biologia. Keith Floyd, uno psicologo del Virginia
Intermont College, ha sottolineato il fatto che se la concretezza della
realtà no n è altro che una illusione olografica, non potremmo più
affermare che la mente crea la coscienza (cogito ergo sum). Al contrario,
sarebbe la coscienza a creare l?illusoria sensazione di un cervello, di un
corpo e di qual unque altro oggetto ci circondi che noi interpretiamo come
"fisico".
Una tale rivoluzione nel nostro modo di studiare le strutture
biologiche ha spinto i ricercatori ad affermare che anche la
medicina e tutto ciò che sappiamo del processo di guarigione
verrebbero trasformati dal paradigma olografico. Infatti, se
l?apparente struttura fisica del corpo non è altro che una proiezione
olografica della coscienza, risulta chiaro che ognuno di noi è molto più
responsabile della propria salute di quanto riconoscano le attuali
conoscenze nel campo della medicina.
Quelle che noi ora consideriamo guarigioni miracolose potrebbero
in realtà essere dovute ad un mutamento dello stato di coscienza
che provochi dei cambiamenti nell?ologramma corporeo.
Allo stesso modo, potrebbe darsi che alcune controverse tecniche
di guarigione alternative come la "visualizzazione" risultino così
efficaci perché nel dominio olografico del pensiero le immagini sono in
fondo reali quanto la "realtà". Il mondo concreto è una tela bianca che
attende di essere dipinta.
Perfino le visioni ed altre esperienze di realtà non ordinaria possono
venire facilmente spiegate se accettiamo l?ipotesi di un universo
olografico. Nel suo libro "Gifts of Unknown Things", il biologo Lyall
Watson descrive il suo incontro con una sciamana indonesiana che,
eseguendo una danza rituale, era capace di far svanire istantaneamente un
intero boschetto di alberi.
Watson riferisce che mentre lui ed un altro attonito osservatore
continuavano a guardare, la donna fece velocemente riapparire e
scomparire gli alberi diverse volte.
Sebbene le conoscenze scientifiche attuali non ci permettano di
spiegare tali fenomeni, esperienze come queste diventano più
plausibili qualora si ammetta la natura olografica della realtà. Forse
siamo tutti d?accordo su cosa esista o non esista semplicemente perché ciò
che consideriamo "realtà consensuale" è stato formulato e ratificato ad un
livello della coscienza umana nel quale tutte le menti sono
illimitatamente collegate tra loro. Se ciò risultasse vero, sarebbe la più
profonda ed importante di tutte le conseguenze connesse al paradigma
olografico, implicherebbe infatti che esperienze come quella riportata da
Watson non sono comuni solo perché non abbiamo impostato le nostre menti
con le convinzioni atte a renderle tali. In un universo olografico non vi
sono limiti all?entità dei cambiamenti che possiamo apportare alla
sostanza della realtà perché ciò che percepiamo come realtà è soltanto una
tela in attesa che noi vi si dipinga sopra qualunque immagine vogliamo.
Tutto diviene possibile, dal piegare cucchiai col potere della mente, ai
fantasmagorici eventi vissuti da Carlos Castaneda durante i suoi incontri
con don Juan, lo sciamano Yaqui descritto nei suoi libri. Tutto questo non
sarà né più né meno miracoloso della capacità che abbiamo di plasmare la
realtà a nostro piacimento durante i sogni.
Tutte le nostre convinzioni fondamentali dovranno essere riviste alla luce
della teoria olografica della realtà.
Group: Visus
Message: 921
From: stefano caldiron
Subject: R: Entare pure! Lo spettacolo della vostra vita è gratis! (Era:RE: Come eseguo le tecnice di bates? )
>
> Mi scuso per la tendenza al faceto di parti di questo messaggio, magari
> qualcuno pensava che "zio skyrunner" fosse uno serio... Vatti a fidare...
> (ma chissa come mi immaginate? lunga barba bianca e pipa? giacca e
cravatta?
> camice bianco? mimetica e anfibi? pelata e vestito arancione? DITEMELO!
Alle
> prime 10 risposte un simpatico omaggio!)
>
Date: lun gen 28, 2002 8.55
per me lo zio ha le ali, vola e sghignazza.
Group: Visus
Message: 922
From: Clouds Ruffler
Subject: Re: R:__Entare_pure!_Lo_spettacolo_della_vostra_vita_?gratis!_(Era:RE:_Come_eseguo_le_tecnice_di_bates?_)
Date: lun gen 28, 2002 7.35
--- stefano caldiron <[email protected]> wrote:
> > (ma chissa come mi immaginate? lunga barba bianca
...
> arancione? DITEMELO!
> Alle
> > prime 10 risposte un simpatico omaggio!)
>>
>
> per me lo zio ha le ali, vola e sghignazza.
E' vero! sghignazzavo mentre scrivevo il messaggio!
Mi sembra una buona risposta... BRRRAVO!
Affrettatevi, allora! I simpatici omaggi sono rimasti 9!
P.S.
Mi piacerebbe anche leggere qualche commento sui metodi e magari qualche Vs. suggerimento a Franco, soprattutto da parte di chi si e' sbloccato e ha avoto miglioramenti
sostanziali... (Della serie: ma come hai fatto?)
Mauro
[email protected]
[email protected]
--------------------------------Do You Yahoo!?
Yahoo! Auctions Great stuff seeking new owners! Bid now!
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Re: Fwd: Accomotrack
Message: 923
Ho ritrovato un vecchio messaggio di skyrunner, che spiega bene
l'accomotrack (l'IBIS è simile, anche se montotrizza un fenomeno diverso).
La cosa che però mi ha spinto a rirpendere l'argomento è il fatto che
viene citato Ligabue, come uno dei primi che hanno introdotto il
procedimento. Ligabue stesso mi ha contattato un paio di mesi fa, per
farsi cancellare dalla lista di Buena Vista, in quanto non pratica più
l'accomotrack per "mancanza di risultati".
Questo riflette quello che è capitato a molti che lo proponevano ai loro
clienti: il biofeed back da una spinta e provoca un miglioramento, ma da
solo non basta: dopo un po' l'effetto si attenua e scompare.
Questo non per dire che non serva a niente, ma piuttosto che non può
essere preso come una "scorciatoia" per evitare la consapevolezza di
come si usano i propri occhi
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
--- In [email protected], "Skyrunner Wind" <[email protected]> wrote:
Per chi volesse saperne di più circa l'accomotrack qualcosa di
interessante.
Io lo ho trovato utile in abbinamento al metodo Bates, che è l'unico
metodo
efficace per riacquistare abiti visivi corretti.
Ossia reimparare di nuovo a vedere, utilizzando la vista (NON SOLO
L'OCCHIO!!!) in maniera corretta.
L'accomotrack da solo, potrebbe dare un miglioramento solo temporaneo.
Forse un giorno ci si sorprendera' dei mezzi arcaici che si
usavano "una
volta" per far vedere bene le persone con una vista difettosa, invece
di risolvere il problema alla radice.
Nota: L'accomotrack usa la tecnica del biofeedback, utilizzando una
apparecchiatura sofisticata e costosa.
Bates ha utilizzato il biofeedback in maniera geniale e
From: maurizio cagnoli
Date: lun gen 28, 2002 10.28
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
semplicissima, come
nel suo stile: Facendo LEGGERE TUTTI I GIORNI LA TABELLA DI SNELLEN.
La
messa a fuoco delle lettere sulla tabella, anche battendo
ripetutamente gli
occhi, è un mezzo semplice ed immediato per avere subito un
indicazione o
ritorno (feedback!) di come stiamo usando gli occhi!
Differenza: L'accomotrack usa un suono e Bates la vista stessa.
All'inizio
il suono può forse aiutare di più, ma avendoli provati entrambi posso
assicurarvi che è praticamente la stessa cosa!
Qui di seguito alcuni articoli apparsi su alcune riviste in tempi
recenti. Sono ottenute con tecnica OCR, non me ne vogliate per gli
eventuali errori.
Cari saluti a tutti e diffondete l'utilizzo di questa lista!
Mauro Teodori
e-mail: [email protected]
[email protected]
Salute e Fitness (Manca la data).
--------------------------------C' e' un modo per migliorare la vista senza dovere ricorrere agli
occhiali ai farmaci alla chirurga? Si Esiste un metodo terapeutico
nuovissimo per noi che viene usato da anni negli Stati Uniti con
grande
successo: Si tratta dello <<Addestramento visivo con Accomotrack>>. Si
tratta di un sistema capace di eliminare a ridurre i difetti della
vista
attraverso il controllo Volontario della messa a fuoco. Fra i
risultati
una visione piu' rapida e precisa. <<L' occhio viene spesso
considerato un
entit... separata dal resto del corpo>>, osserva Edoardo Ligabue
oculista
milanese che applica questo addestramento visiva <<Lo si controlla e
lo
si misura come fosse una macchina fotografica che necessita d una
lente
aggiuntiva gli occhiali nel momento in cui non riesce a mettere a
fuocole immagini>> Ma gia 60 anni fa, un medico oculista, William
Bates
a cui si devono gli esercizi per la Rieducazione dei muscoli Oculari,
aveva avuto la seguente intuizione per migliorare la vista: Si deve
agire sul sistema nervoso autonomo che controlla le funzioni dell'
occhio e sulla corteccia cerebrale che ci regala la percezione visiva
Perche' in definitiva chi "vede" e' il nostro cervello. Poiche'
l'accomotrack si basa sulle teorie di Bates agisce anche esso sul
centri
cerebrali mediante una particolare tecnica terapeutica: Il biofeedback
(vi si ricorre anche per la cura delle cefalee la rieducazione motoria
il trattamento degli asmatici ) Questa tecnica intatti permette di
conoscere e controllare le funzioni governate dal sistema vegetativo
che
si riteneva non potessero essere influenzate direttamente dalla
volont.... Nel 1970 il biofeedback venne usato per mig liorare la
vista
dei piloti della NASA. E fu grazie a questa esperienza che un
optometrista di New York il dottor Joseph N. Tratchman nel 1978 creo'
l
accomotrack. L'apparecchio' e' piccolo e puo' essere usato con
facilita'
da ogni oculista. Gli americani lo utilizzano anche per stimolare una
visione piu rapida e precisa e migliorare cosi le prestazioni degli
atleti (tennisti giocatori di rugby) oppure per limitare le tensioni
oculari degli operatori ai videoterminali. L addestramento visivo con
Accomotrack si sta diffondendo anche da noi. L applicazione e' molto
semplice si tratta infatti di stare seduti e ben rilassati can gli
occhi
appoggiati a una specie di cannocchiale e puntati su una piccola zona
luminosa mentre alle orecchie tramite auricolari, giunge un segnale
acustico la cui intensit... muta con il variare della messa a fuoco
oculare. Questo segnale che traduce in suono il grado di accomodamento
degli occhi permette di valutare e controllare la potenza della
propria
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
vista. seguendo i suggerimenti del terapeUta a poco a poco si riesce a
modificare il suono, cioe` ad <<aggiustare>> I accomodamento oculare
fino a quando questo processo diventa involontario. Si tramuta cioe`,
in
un automatismo che scatta anche in mancanza del segnale di controllo
inviato dalla macchina.
A quali difetti visivi si adatta questa terapia?
<<A tutti almeno In teoria>>, risponde il dottor Ligabue <<In pratica
i
risultati variano da disturbo a disturbo>>. Vediamo come:
MIOPIA:
I miglioramenti sono straordinari perche' il deficit visivo si riduce
sempre e se non supera le 4-5 diottrie spessa scompare. Quando la
miopia
e' di tipo evolutivo l' addestramento blocca definitivamente il
progressivo calo della vista.
ASTIGMATISMO/IPERMETROPIA:
In questi casi se il difetto non e' troppo accentuato si ottiene per
una
visione piu' ampia e precisa e meno stancante. Gli occhiali non sono
piu
indispensabili se non in momenti particolari di stress e stanchezza.
PRESBIOPIA (dovuta all et...):
Entro I 55/60 anni se i muscoli oculari sono ancora sufficientemente
elastici il training facilita la lettura da vicino limita l' uso
degli occhiali che potranno avere lenti piu` leggere.
STRABISMO:
Il training e' efficace sola se applicala molto a lungo Corregge
invece
lo strabismo latente un difetto spesso ignorato perche' non si nota ma
che e' molto diffuso e provoca un forte affaticamento degli occhi.
<<Il training con accomotrack da risultati spesso inaspettati>>
continua il
dott. Ligabue <<A condizione che chi si addestra sia fortemente
motivato
a migliorare la propria vista, e quindi disposto a collaborare con il
terapeuta a seguire regolarmente le sedute in ambulatorio una alla
settimana della durata di 4O minuti per un periodo di 4/5 mesi e
soprattutto a esercitarsi a casa mettendo a fuoco per qualche secondo
una scritta o un immagine. Un impegno modesto ma indispensabile che va
ripetuta can costanza piu volte ogni giorno . Ecco perche` tendiamo a
escludere i bambini piccoli sotto gli otto anni non in grado di
impegnarsi.
E spesso anche gli adolescenti che invece sar ebbero soggetti ideali
perche' troppo incostanti>>. SI PROGREDISCE GIA` DALLA PRIMA SEDUTA
<<Durante la prima seduta>> aggiunge Ligabue <<il terapista, puo`
essere
anche un optometrista, capisce se la persona e` disposta a
collaborare, a
seguire le rieducazione, a lasciarsi andare rilassandosi, e ad
entrare in
sintonia con la macchina. Se cio` avviene al termine della seduta di
prova gia` si nota un miglioramento. Se non ci sono cambiamenti
continuare e' inutile, sarebbero solo soldi buttati>>.
Il costo complessivo dell addestramento, infatti si aggira intorno ai
23
milioni (circa 130 mila lire a seduta) <<E la mutua>> avverte Ligabue
<<non lo rimborsa>>.
L' Europeo #51 20-12-1991.
-------------------------Ci si siede su uno sgabello di fronte ad un apparecchio simile a
quelli
per il controllo della vista. Ma accostando il volto a un visore si
vede
brillare sul fondo una luce verde che il tecnico invita a non fissare
<<Provi a rilassare lo sguardo>> dice con tono convincente. Pechi
secondi bastano a capire che ogni movimento dell occhio riecheggia in
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
un
suono diffuso da un altoparlante una tonalita' prima grave poi sempre
più acuta via via che la tensione si allenta. Gia una decina di minuti
bastano per dare sollievo agli occhi affaticati e un uso metodico
sostengono gli ideatori del nuovo apparecchio, puo' correggere anche
gravi difetti della vista. L Istituto romano per la rieducazione
vlsiva
e' uno dei 4 centri in Italia dove e' possibile "fare ginnastica" con
uno di questi apparecchi. chiamati Accomotrac. Il 54 per cento degli
taliani soffre di qualche difetto visivo (e nel 35 per cento dei casi
si
tratta di miopia) <<II problema>> spiega Alfonso Ligabue optometrista
dell istituto romano e' che il nostro sistema visivo e' stato creato
per
guardare lontano mentre oggi gli chiediam o di focalizzare soprattutto
immagini ravvicicinate. I difetti che nasc ono sono frutto dell
adattamento dell occhio alla nuova situazione>> La nuova materia
ancora
non e' regolata a fondo dalle leggi italiane. L' optometria ha l'
obbiettivo di migliorare la visione restituendo efficienza ali occhio
con I aiuto appunto di sofisticati Strumenti. Il precursore delle
tecniche attuali e' il metodo Bates dal nome dell oculista
statunitense
che per primo studio il legame tra gli occhi e la mente e sviluppo gli
esercizi utili a rilassare la muscolatura Oggi in centri come I'
Istituto per la rieducazione visiva di Roma e I' Ottica milanese
Milano
si pr atica il visual training una serie di esercizi basati sul
biofeedback con l' Accomotrac e nuove tecniche gia' utilizzate per gli
astronauti del]a NASA si basano sul principio del controllo
volontario I
tecnici assicurano che i risultati si vedono fin dalle prime sedute
purché il soggetto sia sufficientemente motivato. Per questo il
biofeedback non si usa per i bambini sotto i 1O anni \per i quali sona
state studiate altre terapie il visual training e' invece molto ut ile
per gli operatori al computer che in p oche sedute possono rimediare
ai
disturbi provocati dai famigerati schermi luminosi e viene utilizzato
soprattutto dagli sportivi negli Stati Uniti oltre la meta' delle
federazioni di sport impiega questo tipo di esercizi Le sedute costano
intorno alle 120 mila lire I' una ne possono bastare 5 o 6 per
risolvere
un problema di affaticamento a una ventina per modificare una miopia
GIi
optometristi non promettono miracoli chi non ha più di 2 o 3 dio ttrie
puo'arrivare da eliminare gli occhiali o modificare dras ticamente I'
uso ma anche per chi ha problemi più gravi e' da prevedere un
miglioramento sensibile I risultati ottenuti con questo nuovo metodo
come quelli faticosamente conseguiti con il metodo Battei (che
richiede
invece parecchi mesi di lavoro pero' con un impegno finanziario minimo
(il Comune di Milano offre corsi a 150 mila lire) sono definitivi <<E'
come imparare ad andare in bicicletta o a respirare correttamente il
cervello non dimentica i pattern motori>> assicurano gli optometristi
<<L'importante per mantenere i risultati e modificare i comportamenti
sbagliati I' eccessivo affaticamento la posizione scorretta al tavolo
di
lavoro la cattiva illuminazione Conclude Lisi Ma i problemi di visione
sono dovuti all'ala ambiente e alle abitudini Se si interviene su
questi
fattori si puo sperare in una soluzione>>
Starbene. Dicembre 89.
---------------------Franco ha 25 anni, una laurea in giurisprudenza e fa pratica in uno
studio legale. E' miope. E senza occhiali Ia sua acutezza visiva S
meno
di 1/10. Dall'oculista riesce a intravedere nella nebbia solo le
lettere
pi- grosse della tabella; dalla seconda riga in gi- i caratteri
sono indecifrabili e solo inforcando gli occhiali riesce a
distinguerli. Franco porta gli occhiali da quando aveva dodici anni.
Prima con saltuariet..., solo a scuola o per vedere la televisione,
poi
per tutto il giorno. Ma un anno fa, persuaso dagli argomenti del suo
oculista, ha cominciato una ginnastica oculare per la correzione della
miopia in modo naturale. Un metodo che non comporta alcun rischio n‚
per
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
gli occhi n‚ per la vista. Dopo cinque mesi la sua miopia e'
migliorata
di 4 diottrie ed ha vinto del tutto la schiavit- dagli occhiali. Li
adopera unicamente per guidare l'auto di notte. Questo spicchio di
vita
vissuta ha una morale. Da poco. La miopia, cioe` quel difetto visivo
che
gia a poche decine di centimetri impedisce di vedere in modo distinto
gli oggetti e Ii fa apparire sfuocati e vaghi, puo' essere corretta
senza ricorrere ai mezzi tradizionali. La nuova tecnica, ideata e
perfezionata negli USA e da l* importata in Italia, S stata battezzata
Accomotrac Vision Trainer (AVT) e consiste, in breve, nell'allenamento
del sistema di messa a fuoco deIl'occhio con l' ausilio del
biofeedback.
<<Un distinguo S d'obbligo>>, spiega iI dottor Alessandro Fossetti,
psicologo optometrista e consulente scientifico della Kolinor, la
societ... che gestisce la diffusione dell'AVT in Europa, <<perch‚
c'S
miopia e miopia e non tutte le forme ricavano identici vantaggi
dall'AVT>>, l'addestramento degli occhi. <<Per esempio, c'S la forma
ereditaria che nel bambino insorge presto, a due o tre anni et.... Ma
pispesso questo difetto visivo S acquisito, cioe' legato aI modo in cui
gli
occhi sono adoperati. la condizione pi- comune compare verso i 12-16
anni, cioe` nell'adolescenza. Ha un altro nome: miopia funzionale>>.
Questa forma nasce dall' abuso degli occhi, perché‚ S specialmente il
loro eccessivo impegno alIa distanza di lettura che li sfianca
metendoli
alle cord e. Gli occhi non sono stati "progettati" per leggere o
ricamare tovagliette da tS, ma per guardare lontano. Per vedere
altrettanto bene a distanze ravvicinate, l' occhio deve compiere uno
sforzo non trascurabile e mettere in tensione il sistema di messa a
fuoco comandato dal muscolo ciliare. <<E' un muscolo>>, aggiunge il
dottor Fossetti <<che obbedisce al sistema nervoso autonomo e non alla
volont.... Quando contrae le sue fibre incurva (o accomoda, come
dicono
gli specialisti) il cristallino, che S la lente dell'occhio, quel
tanto
che basta perch‚ l'immagine si stagli nitida sulla retina. <<Lo sforzo
che si compie per mettere a fuoco gli oggetti vicini S sopportato
senza
guai quando viene eseguito di tanto in tanto o per brevi periodi di
tempo. Epper•, se S permanente, diventa uno stress visivo>>. In Tal
caso
il cristallino resta contratto stabilmente e si abitua a dare una
risposta accomodativa esagerata rispetto alle necessita`. Questa
condizione S l'anticamera della miopia. Per qualche tempo lo spasmo
dei
muscoli dell'occhio prende l'aspetto dell'affaticamento oculare. A
trat
ti la visione S annebbiata o sdoppiata, la difficolt... a concentrarsi
nella lettura cresce, gli occhi diventano pesanti e insofferenti alla
luce. Poi, coi tempo, l'affaticamento cambia in miopia.
<<L'allenamento
visivo con l'AVT S stato studiato>>, spiega Fossetti, <<per
correggere
soprattutto la miopia che deriva dalla tensione muscolare cronica
dell'occhio>>. Negli ultimi trent' anni la miopia funzionale, una
rarit...
tra le popolazioni primitive che non hanno mai conosciuto la
scrittura, ha segnato un cospicuo incremento favorita dall' obbligo
della frequenza scolastica fino all' et...' di 16 anni, dalla
diffusione
della televisione, dalla forte crescita del terziario, e quindi deI
Iavoro, d'ufficio e all' introduzione dei videoterminali.
L'AVT S il frutto del matrimonio tra uno strumento ottico ed uno
elettronico. Il primo consiste in un refrattometro a raggi infrarossi
che misura la potenza dell' occhio 40 volte al secondo, con una
precisione assai elevata. Il secondo S un apparecchio per il
biofeedback. Questo riceve i calcoli effettuati dall'app arato ottico,
li elabora e li traduce in un segnale acustico la cui intensit...
muta al
variare della potenza oculare. <<ll suono>>, spiega Fossetti, <<E' il
mezzo adoperato per informare il paziente sul grado di tensione del
muscolo ciliare. ll programma di cura prevede in media 15 sedute di
un'ora (il costo totale S di 2 milioni e mezzo di lire) con una
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
cadenza
settimanale. Gli occhi sono addestrati alternativamente. Cinque minuti
di allenamento con l'occhio destro alternati col sinistro. Dopo una
pausa di 10-15 minuti si incomincia Daccapo. Durante il trattamento
il paziente impara a modificare intensit... del suono in modo da
raggiungere il rilassamento volontario del muscolo ciliare. Ma al
termine del training egli sar... in grado di decontrarre i muscoli
dell'
occhio da se stesso, senza il segnale acustico e in maniera
automatica.
L' allenamento alla macchina S compIetato da un gruppo di esercizi da
eseguire a casa con prismi ottici e flipper (sono due coppie di lenti
che obbligano gli occhi a dei salti di messa a fuoco). Trenta minuti
ogni giorno. <<Hanno lo scopo>>, precisa Fossetti, <<di rafforzare
il
controllo della volont... sul sistema di messa a fuoco dell'occhio in
assenza del feedback e nelle situazioni di tutti i giorni>>. I
risultati
sono stabili e duraturi Quali sono i vantaggi della "ginnastica
oculare"? Applicata su larga scala negli USA e in Canada fino al
l984,l'AVT ha mostrato un' enorme efficacia nella riduzione della
miopia. E questo giudizio S stato confermato dall'esperienza dei
Centri
Italiani che da meno d'un anno applicano la ginnastica visiva. Per
miopie fino a 3-4 diottrie insorte nella tarda adolescenza S possibile
guadagnare la completa eliminazione degli occhiali o delle lenti a
contatto; Per e forme medie ed elevate e' normale una riduzione della
correzione e si puo' fare a meno degli occhiali per la maggior parte
della giornata. Negli adolescenti se il difetto viene curato
tempestivamente se ne blocca subito l'aggravamento e gli occhiali di
ventano inutili. E' importante l' impegno nel seguire il programma
concordato con l' optometrista. I risultati non sono aleatori o
transitori, ma stabili e duraturi nel tempo, specialmente se il
soggetto
continua ad esercitare la abilita' che ha appreso con il trattamento.
Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri) Italy
tel 0039 0765 608283
[email protected]
Home page “Buena Vista” engl. fr. sp. port. deutsch
http://www.geocities.com/buena-vista/
Home page “Buena Vista” in italiano
http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: mosche volanti
Message: 924
From: franco
Date: mar gen 29, 2002 9.12
From: ideamatic1
Date: mer gen 30, 2002 10.27
domanda:
bates diceva ke le cosidette mosche volanti dipendono da una tensione
mentale.
ma è possibile che abbiano sempre la stessa forma e si muovano sempre nelle
stesse direzioni?
(come le vedo io)
franco
Group: Visus
Subject: Re: mosche volanti
Message: 925
--- In [email protected], "franco" <[email protected]> wrote:
> domanda:
> bates diceva ke le cosidette mosche volanti dipendono da una
tensione
> mentale.
> ma è possibile che abbiano sempre la stessa forma e si muovano
sempre nelle
> stesse direzioni?
> (come le vedo io)
>
> franco
Un'altra teoria dice che le mosche volanti sono particelle nel corpo
vitreo, che peraltro abbiamo tutti, soltanto che il miope le vede
perchè tende a diffondere anzichè centralizzare, e quindi percepisce
quel che c'è in un'area molto più vasta dell'occhio. Per questo
vedresti sempre le stesse forme.
Comunque, più si fa caso alle mosche volanti, più si vedono. Bisogna
ignorarle completamente, così non le vedrai più.
Da bambina facevo un gioco mentre stavo al letto, mi svegliavo troppo
presto per alzarmi, così mi divertivo a "seguire" le mosche volanti.
Più lo facevo più ne arrivavano. Oggi, non mi danno nessun fastidio
e praticamente non le vedo, ma se appena appena mi metto a rifare
quel gioco, ecco che riappaiono tutte quante.
Paola
Group: Visus
Message: 926
From: [email protected]
Subject: Re: R: Entare pure! Lo spettacolo della vostra vita è gratis! (Era:RE: Come eseguo le tecnice di bates? )
Date: mer gen 30, 2002 7.23
>>
> > Mi scuso per la tendenza al faceto di parti di questo messaggio, mag
ari
> > qualcuno pensava che "zio skyrunner" fosse uno serio... Vatti a fida
re...
> > (ma chissa come mi immaginate? lunga barba bianca e pipa? giacca e
> cravatta?
> > camice bianco? mimetica e anfibi? pelata e vestito arancione? DITEME
LO!
> Alle
> > prime 10 risposte un simpatico omaggio!)
>>
secondo me è un armadio con una scura barba incolta, e svolazza.
Group: Visus
Subject: Promessa mantenuta
Message: 927
From: maurizio cagnoli
Date: gio gen 31, 2002 7.45
From: Marzia Danelutti
Date: mar feb 05, 2002 9.47
Ho messo in rete l'introduzione e un paio di capitoli del libro di
Margaret Darst Corbett, la continuatrice del metodo Bates. L'edizione a
cui mi sono rifatto è del 1950! pubblicato da un grosso editore e, come
vedrete, scritto in maniera utle e chiara.
... ma l'Italia non se era accorta. Che peccato!
http://www.metodobates.it/corbett.htm
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri) Italy
tel 0039 0765 608283
[email protected]
Home page “Buena Vista” engl. fr. sp. port. deutsch
http://www.geocities.com/buena-vista/
Home page “Buena Vista” in italiano
http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: Fw: Allarme cancro
Message: 928
Non c'entra con la Visus ma è sicuramente importante!
Ciao a tutti
Marzia
__________________________________________________________
QUESTO MESSAGGIO MI E' ARRIVATO DA UN'AMICA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO
EUROPEO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
Controlla gli ingredienti sulle bottiglie di shampoo e controlla se
contengono una sostanza chiamata SODIUM LAURETH (o lauryl) SULFATE, o
semplicemente SLS.
Questa sostanza si trova nella maggior parte degli shampoo, e i
produttori la usano perche' fa molta schiuma ed e'economica.
Ma il fatto è che l'SLS si usa per strofinare i pavimenti dei garage
ed e' molto forte.
E' anche provato che puo' provocare il cancro a lungo andare,
e questo non e' uno scherzo.
Livello di cancerosita è pari a quello del benzene.
Il VO5, Palmolive, Paul Mitchel, il nuovo shampoo della Hemp contengono
questa sostanza. Allora ho chiamato una ditta e gli ho detto che il loro
prodotto contiene una sostanza che fara' venire il cancro.
Hanno risposto:"Si , lo sappiamo, ma non possiamo farci niente perche'
abbiamo bisogno di quella sostanza per produrre la schiuma."
Anche il dentifricio Colgate contiene quella sostanza per produrre le
bolle.
Dicono che mi manderanno delle informazioni.
La ricerca ha dimostrato che negli anni'80 le probabilita' di prendere
il cancro erano 1 su 800 e ora, negli anni '90, sono 1 su 3,
e ciò e' molto preoccupante.
Cosi' spero che prendiate questa lettera sul serio e la passiate a tutti
quelli che conoscete, nella speranza di impedire di provocarci il cancro..
La cosa e' seria, dopo che avete letto questa lettera cercate di
informare
tutti quelli che potete.
Contengono quella sostanza:
Shampoo dell'Antica Erboristeria
Bagnoschiuma Bionsen
Bagnoschiuma Nivea Collutorio L'Angelica
Shampoo Clear
Shampoo Garnier
Shampoo L'Oreal
Dentifricio Macleens Extrafresh
Dentifricio Oral-B Sensitive Fluoride
Dentifricio AZ verde protezione carie
Shampoo OSMOSE e BIOPOINT
Non so quelli dell'Erbolario, con l'occasione ho scoperto che non hanno
gli
ingredienti sulla confezione.
SE HAI ANCORA DUBBI LEGGI "SALUTE" IL SETTIMANALE
DI REPUBBLICA SULLA SALUTE DEL 9 NOVEMBRE 2000. ALLA PAG 40 - 41
(riquadro verde in alto al centro)
TROVERAI UN ARTICOLO CHE PARLA PROPRIO DI QUESTA SOSTANZA.
CONCLUSIONE : NESSUNO NEGA LA PRESENZA DI TALE
SOSTANZA, MA LA GIUSTIFICANO;
ANZI, PER MOTIVI PURAMENTE ECONOMICI, DICONO CHE LE
BASSE DOSI SAREBBERO ININFLUENTI, MA UNA BASSA DOSE CON LA
DOCCIA,UNA PER LAVARE I DENTI , UNA PER LAVARE I CAPELLI ...
A LUNGO ANDARE QUANTO FA?
E SE COLORO CHE GIUSTIFICANO L'UTILIZZO DI TALE
SOSTANZA INVECE DI
PENSARE ALLA SALUTE DEI CONSUMATORI PENSASSERO SOLO> A NON FARE ANDARE IN
ROVINA LE MULTINAZIONALI?
Ti consiglio di cliccare su inoltra e inviare
questa mail a tutti quelli che
conosci.
Istituto Europeo di Oncologia
via Ripamonti 435
20141 Milano
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Allarme cancro
Message: 929
-----Messaggio Originale----Data: Tue, 5 Feb 2002 08:47:11 -0000
Da: "Marzia Danelutti" <[email protected]>
Oggetto: Fw: Allarme cancro
[...]
Anche il dentifricio Colgate contiene quella sostanza per produrre le
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mar feb 05, 2002 7.05
bolle.
[...]
Lo dicevo io che lo slogan pubblicitario si riferiva a "L'uomo dal fiore in
bocca" di Pirandello... :-)
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 252
Message: 930
From: Giuseppe Lapenta
Attenzione, il messaggio fa parte delle "bufale" che circolano in Internet,
come ampiamente sviluppato su un articolo apparso su Focus qualche tempo fa.
Sembra che l'SLS sia un innocuo componente di quasi tutti gli shampoo in
circolazione, la sua unica colpa è quella di avere un nome simile ad un
componente molto tossico.
Saluti.
----- Original Message ----From: <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Tuesday, February 05, 2002 10:55 AM
Subject: [Visus] Digest Number 252
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
-----------------------------------------------------------------------Questo numero contiene 1 messaggio.
Argomenti in questa selezione:
1. Fw: Allarme cancro
Da: "Marzia Danelutti" <[email protected]>
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Messaggio: 1
Data: Tue, 5 Feb 2002 08:47:11 -0000
Da: "Marzia Danelutti" <[email protected]>
Oggetto: Fw: Allarme cancro
Non c'entra con la Visus ma è sicuramente importante!
Ciao a tutti
Marzia
__________________________________________________________
QUESTO MESSAGGIO MI E' ARRIVATO DA UN'AMICA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO
EUROPEO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
Controlla gli ingredienti sulle bottiglie di shampoo e controlla se
contengono una sostanza chiamata SODIUM LAURETH (o lauryl) SULFATE, o
semplicemente SLS.
Questa sostanza si trova nella maggior parte degli shampoo, e i
produttori la usano perche' fa molta schiuma ed e'economica.
Ma il fatto è che l'SLS si usa per strofinare i pavimenti dei garage
ed e' molto forte.
E' anche provato che puo' provocare il cancro a lungo andare,
e questo non e' uno scherzo.
Livello di cancerosita è pari a quello del benzene.
Il VO5, Palmolive, Paul Mitchel, il nuovo shampoo della Hemp contengono
questa sostanza. Allora ho chiamato una ditta e gli ho detto che il loro
prodotto contiene una sostanza che fara' venire il cancro.
Date: mar feb 05, 2002 5.10
Hanno risposto:"Si , lo sappiamo, ma non possiamo farci niente perche'
abbiamo bisogno di quella sostanza per produrre la schiuma."
Anche il dentifricio Colgate contiene quella sostanza per produrre le
bolle.
Dicono che mi manderanno delle informazioni.
La ricerca ha dimostrato che negli anni'80 le probabilita' di prendere
il cancro erano 1 su 800 e ora, negli anni '90, sono 1 su 3,
e ciò e' molto preoccupante.
Cosi' spero che prendiate questa lettera sul serio e la passiate a tutti
quelli che conoscete, nella speranza di impedire di provocarci il cancro..
La cosa e' seria, dopo che avete letto questa lettera cercate di
informare
tutti quelli che potete.
Contengono quella sostanza:
Shampoo dell'Antica Erboristeria
Bagnoschiuma Bionsen
Bagnoschiuma Nivea Collutorio L'Angelica
Shampoo Clear
Shampoo Garnier
Shampoo L'Oreal
Dentifricio Macleens Extrafresh
Dentifricio Oral-B Sensitive Fluoride
Dentifricio AZ verde protezione carie
Shampoo OSMOSE e BIOPOINT
Non so quelli dell'Erbolario, con l'occasione ho scoperto che non hanno
gli
ingredienti sulla confezione.
SE HAI ANCORA DUBBI LEGGI "SALUTE" IL SETTIMANALE
DI REPUBBLICA SULLA SALUTE DEL 9 NOVEMBRE 2000. ALLA PAG 40 - 41
(riquadro verde in alto al centro)
TROVERAI UN ARTICOLO CHE PARLA PROPRIO DI QUESTA SOSTANZA.
CONCLUSIONE : NESSUNO NEGA LA PRESENZA DI TALE
SOSTANZA, MA LA GIUSTIFICANO;
ANZI, PER MOTIVI PURAMENTE ECONOMICI, DICONO CHE LE
BASSE DOSI SAREBBERO ININFLUENTI, MA UNA BASSA DOSE CON LA
DOCCIA,UNA PER LAVARE I DENTI , UNA PER LAVARE I CAPELLI ...
A LUNGO ANDARE QUANTO FA?
E SE COLORO CHE GIUSTIFICANO L'UTILIZZO DI TALE
SOSTANZA INVECE DI
PENSARE ALLA SALUTE DEI CONSUMATORI PENSASSERO SOLO> A NON FARE ANDARE IN
ROVINA LE MULTINAZIONALI?
Ti consiglio di cliccare su inoltra e inviare
questa mail a tutti quelli che
conosci.
Istituto Europeo di Oncologia
via Ripamonti 435
20141 Milano
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 252
Message: 931
From: Marzia Danelutti
purtroppo non ho studiato chimica, quindi non so.
ho letto anch'io molti commenti sul fatto che questa sia una bufala, ma
anche altri che parlavano in questi termini di questa sostanza.
per es.: http://www.disinformazione.it/SLS.htm
ma ognuno tira acqua al suo mulino! e io penso con la mia testa e speriamo
bene!
ho trovato alcuni detergenti senza questa sostanza e ora li uso, sperando
che non ci siano poi altre sostanze dannose che non conosco ...
se avessi il tempo - e la voglia :) - di utilizzare prodotti completamente
naturali e non lavorati come faceva mia bisnonna, sono sicura che sarebbe
ancora meglio!
scusate l'intrusione!
un caro saluto a tutti
Marzia
----- Original Message ----From: Giuseppe Lapenta <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Tuesday, February 05, 2002 4:10 PM
Subject: Re: [Visus] Digest Number 252
> Attenzione, il messaggio fa parte delle "bufale" che circolano in
Internet,
> come ampiamente sviluppato su un articolo apparso su Focus qualche tempo
fa.
> Sembra che l'SLS sia un innocuo componente di quasi tutti gli shampoo in
> circolazione, la sua unica colpa è quella di avere un nome simile ad un
> componente molto tossico.
> Saluti.
>
>
> ----- Original Message ----> From: <[email protected]>
> To: <[email protected]>
> Sent: Tuesday, February 05, 2002 10:55 AM
> Subject: [Visus] Digest Number 252
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
> indirizzo:
> [email protected]
>
>
> ----------------------------------------------------------------------->
> Questo numero contiene 1 messaggio.
>
> Argomenti in questa selezione:
>
> 1. Fw: Allarme cancro
> Da: "Marzia Danelutti" <[email protected]>
>
>
> ________________________________________________________________________
> ________________________________________________________________________
>
> Messaggio: 1
> Data: Tue, 5 Feb 2002 08:47:11 -0000
> Da: "Marzia Danelutti" <[email protected]>
> Oggetto: Fw: Allarme cancro
>
> Non c'entra con la Visus ma è sicuramente importante!
> Ciao a tutti
>
> Marzia
>
>
> __________________________________________________________
Date: mer feb 06, 2002 9.59
>
> QUESTO MESSAGGIO MI E' ARRIVATO DA UN'AMICA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO
> EUROPEO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
>
>
>
> Controlla gli ingredienti sulle bottiglie di shampoo e controlla se
> contengono una sostanza chiamata SODIUM LAURETH (o lauryl) SULFATE, o
> semplicemente SLS.
>
> Questa sostanza si trova nella maggior parte degli shampoo, e i
> produttori la usano perche' fa molta schiuma ed e'economica.
>
> Ma il fatto è che l'SLS si usa per strofinare i pavimenti dei garage
> ed e' molto forte.
>
> E' anche provato che puo' provocare il cancro a lungo andare,
> e questo non e' uno scherzo.
> Livello di cancerosita è pari a quello del benzene.
>
> Il VO5, Palmolive, Paul Mitchel, il nuovo shampoo della Hemp contengono
> questa sostanza. Allora ho chiamato una ditta e gli ho detto che il loro
> prodotto contiene una sostanza che fara' venire il cancro.
>
> Hanno risposto:"Si , lo sappiamo, ma non possiamo farci niente perche'
> abbiamo bisogno di quella sostanza per produrre la schiuma."
>
> Anche il dentifricio Colgate contiene quella sostanza per produrre le
> bolle.
>
> Dicono che mi manderanno delle informazioni.
> La ricerca ha dimostrato che negli anni'80 le probabilita' di prendere
> il cancro erano 1 su 800 e ora, negli anni '90, sono 1 su 3,
> e ciò e' molto preoccupante.
>
> Cosi' spero che prendiate questa lettera sul serio e la passiate a tutti
> quelli che conoscete, nella speranza di impedire di provocarci il
cancro..
> La cosa e' seria, dopo che avete letto questa lettera cercate di
> informare
> tutti quelli che potete.
>
> Contengono quella sostanza:
>
> Shampoo dell'Antica Erboristeria
> Bagnoschiuma Bionsen
> Bagnoschiuma Nivea Collutorio L'Angelica
> Shampoo Clear
> Shampoo Garnier
> Shampoo L'Oreal
> Dentifricio Macleens Extrafresh
> Dentifricio Oral-B Sensitive Fluoride
> Dentifricio AZ verde protezione carie
> Shampoo OSMOSE e BIOPOINT
>
> Non so quelli dell'Erbolario, con l'occasione ho scoperto che non hanno
> gli
> ingredienti sulla confezione.
>
> SE HAI ANCORA DUBBI LEGGI "SALUTE" IL SETTIMANALE
> DI REPUBBLICA SULLA SALUTE DEL 9 NOVEMBRE 2000. ALLA PAG 40 - 41
> (riquadro verde in alto al centro)
> TROVERAI UN ARTICOLO CHE PARLA PROPRIO DI QUESTA SOSTANZA.
>
> CONCLUSIONE : NESSUNO NEGA LA PRESENZA DI TALE
> SOSTANZA, MA LA GIUSTIFICANO;
>
>
> ANZI, PER MOTIVI PURAMENTE ECONOMICI, DICONO CHE LE
> BASSE DOSI SAREBBERO ININFLUENTI, MA UNA BASSA DOSE CON LA
> DOCCIA,UNA PER LAVARE I DENTI , UNA PER LAVARE I CAPELLI ...
> A LUNGO ANDARE QUANTO FA?
>
>
> E SE COLORO CHE GIUSTIFICANO L'UTILIZZO DI TALE
> SOSTANZA INVECE DI
> PENSARE ALLA SALUTE DEI CONSUMATORI PENSASSERO SOLO> A NON FARE ANDARE IN
> ROVINA LE MULTINAZIONALI?
> Ti consiglio di cliccare su inoltra e inviare
> questa mail a tutti quelli che
> conosci.
>
> Istituto Europeo di Oncologia
> via Ripamonti 435
> 20141 Milano
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> [Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
>
>
>
> ________________________________________________________________________
> ________________________________________________________________________
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: Re: Promessa mantenuta
Message: 932
From: skyrunner
Date: mer feb 06, 2002 5.41
From: skyrunner
Date: mer feb 06, 2002 5.41
--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> wrote:
> Ho messo in rete l'introduzione e un paio di capitoli del libro di
> Margaret Darst Corbett, la continuatrice del metodo Bates. L'edizione a
> cui mi sono rifatto è del 1950! pubblicato da un grosso editore e, come
> vedrete, scritto in maniera utle e chiara.
> ... ma l'Italia non se era accorta. Che peccato!
>
Grazie Maurizio!
Quello che sciveva l'assistente personale di Bates è davvero prezioso.
> ... ma l'Italia non se era accorta. Che peccato!
Purtroppo...
Suggerirei, per leggerli, di stamparli a caratteri piccolissimi, tipo un
Courier 2 (si, due, avete letto bene, non è troppo piccolo!)
Ciao a tutti.
Mauro.
Group: Visus
Subject: Come mi immagino Zio Sky...
Message: 933
--- In [email protected], "[email protected]" <[email protected]> wrote:
> > > (ma chissa come mi immaginate? lunga barba bianca e pipa? giacca e
> > cravatta?
> > > camice bianco? mimetica e anfibi? pelata e vestito arancione?
DITEMELO!
> > Alle prime 10 risposte un simpatico omaggio!)
> secondo me è un armadio con una scura barba incolta, e svolazza.
Caspita! Un vero uomo!
Della serie "Bello e selvaggio"!
Uhm... mumble...mumble... Non mi convince molto, devo riflettere e vedere se
il "simpatico omaggio" è divisibile in due, così te ne posso dare metà...
Eheheheh! (in effetti svolazzo ridacchiando....)
Interessante come un nome evochi un'immagine ben precisa... Maurizio Cagnoli
poterbbe dirci di più in proposito, forse...
"Noi vediamo soltanto ciò che vogliamo vedere, inconsciamente o
consciamente; in altre parole, solo una parte di ciò che vediamo proviene
dall' esterno, il resto si trova in noi. Le nostre interpretazioni sono
strettamente legate alle nostre esperienze passate.".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 934
From: skyrunner
>-----Messaggio originale---->Da: Marzia Danelutti [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 5 febbraio 2002 9.47
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] Fw: Allarme cancro
>
>
>Non c'entra con la Visus ma è sicuramente importante!
>Ciao a tutti
>
>Marzia
>
>
>__________________________________________________________
>
>QUESTO MESSAGGIO MI E' ARRIVATO DA UN'AMICA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO
>EUROPEO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
Come segnalava anche Giuseppe, questa è l'ennesima bufala su internet,
un'altra Hoax che si sta diffondendo a vista d'occhio...
Si sta parlando sempliceente di un sapone liquido, che viene usato in quasi
tutti gli shampoo, dai piu costosi ai più economici. E spesso gli shampoo
delicati sono quelli che hanno solo aggiunto acido lattico per cambiare
semplicemente il PH.
La cosa che però reputo possa interessare molti e non è proprio off-topic,
visto che chi è qui è interessato oltremodo alla tutela della propria salute
con metodi naturali:
Gli Shampoo liquidi sono i più aggressivi.
Meglio usare una classica saponetta, semmai!
O, ottima alternativa, si possono usare gli olii lavanti, che non conosce
quasi nessuno. Il più naturale è il DERBE, fatto con olio di ricino
emulsionato. Altrimenti ce ne sono di molti in farmacia. Il meccanismno di
azione è sempre lo stesso. NON lavano via il grasso dei capelli, ma lo
dissolvono con i loro grassi, idrosolubili, per poi poterlo asportare con il
risciacquo. Funzionano bene e non sono per nulla aggressivi, a differenza
dei comuni shampoo.
Tornando alla bufala, su un sito attendibile si legge:
"Questa denuncia è priva di ogni fondamento, fra l'altro fa confusione fra
il Solfato di laurato di sodio (abbreviato con SLES) ed il Solfato di
laurile di sodio (abbreviato con SLS). Ad ogni modo nessuna della due
sostanze è cancerogena."
C'è un mio amico che casca proprio in tutte, appelli umanitari, bambini con
malattie rarissime, allarmi virus apocalittici, shampoo cancerogeni, aumenti
spopositati e segreti di stipendio ai parlamentari, etc.
A questo mio amico a ai suoi destinatari da proteggere, scrivevo:
"Tra un po vi arriverà quasi sicuramente quella che dice di cancellare
nientepocodimeno che UN FILE DI SISTEMA DI WINDOWS!!! cioè sulfnbk.exe (e lo
fanno in molti!!!), seguita da quella che parla dello shampo con il sodium
laureth sulfate che serve a lavare i pavimenti dei garage, etc...
E' impressionante come la stessa venga riproposta dopo mesi!!!"
Lettere di questo tipo circolano periodicamente su Internet. Non prestategli
Date: mer feb 06, 2002 5.41
mai fede e non le propagate
"There is no god higher than truth - Mahatma Gandhi"
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Re: Fwd: Accomotrack
Message: 935
--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> wrote:
> Ho ritrovato un vecchio messaggio di skyrunner, che spiega bene
> l'accomotrack (l'IBIS è simile, anche se montotrizza un fenomeno diverso).
>
> La cosa che però mi ha spinto a rirpendere l'argomento è il fatto che
> viene citato Ligabue, come uno dei primi che hanno introdotto il
> procedimento. Ligabue stesso mi ha contattato un paio di mesi fa, per
> farsi cancellare dalla lista di Buena Vista, in quanto non pratica più
> l'accomotrack per "mancanza di risultati".
>
> Questo riflette quello che è capitato a molti che lo proponevano ai loro
> clienti: il biofeed back da una spinta e provoca un miglioramento, ma da
> solo non basta: dopo un po' l'effetto si attenua e scompare.
> Questo non per dire che non serva a niente, ma piuttosto che non può
> essere preso come una "scorciatoia" per evitare la consapevolezza di
> come si usano i propri occhi
Anche questa riflessione mi ha portato a scegliere una delle mie firme
preferite:
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Dici benissimo. L'accomotrack, non può essere usato come una scorciatoia per
evitare la consapevolezza di
come si usano i propri occhi. Può essere una ottima scorciatoia, e può
facilitare ed abbreviare di molto il percorso verso la visione nitida. Io
penso che nella maggior parte dei casi sia consigliabile fare qualche
sessione di Accomotrack. Facilita ed abbrevia alcune fasi.
Ma se non si reimpara a vedere, usando gli occhi nella maniera corretta, è
molto facile, forse quasi inevitabile, tornare indietro.
Il principio base della visione perfetta è la "centralizzazione", o come
diceva Bates "fissazione centrale" ( il termine è stato cambiato
successivamente, da istruttori del metodo, in "centralizzazione", perchè
poteva indurre in errore, evocando la fisità che è invece la caratteristica
da combattere).
Dalla centralizzazione nascono tutte le altre caratteristiche della visione
perfetta. Il movimento è la prima di esse ed avviene spontaneo se c'è la
"central fixation". Bates lo riconobbe come importantissimo, non a caso la
sua casa editrice venne chiamata "Central fixation publications".
E come si fa a svilupapre la "centralizzazione" o, meglio, a rieducare
l'occhio ad usarla? Come diceva Bates, leggendo i caratteri piccolissimi, e
cercando di vedere meglio un punto (piccolissimo) della parte che si sta
guardando. E vedere, o meglio percepire, peggio, tutto il resto. Nella vita
di tutti i sgiorni un'ottima tecnica è quella dello sketching o
delineamento.
E' solo un fatto percettivo in fondo.
Non è che centralizzando ritorna subito la visione perfetta, ma si toglie di
mezzo la causa principale, quella che crea tensione. Ho scritto tensione, ma
se vogliamo un termine che renda molto meglio l'idea, io direi
* C O N F U S I O N E * . Il non usare la centralizzazione, fa si che il
meccanismo di feedback nel sistema visivo non funzioni più bene, perchè la
percezione del dettaglio, necessaria nel processo, non avviene più. Vengono
usate zone dell'occhio a bassa risoluzione e anche una parte della cornea
più ampia, con tutte le sue piccole abberrazioni ottiche, sempre presenti,
che contribuiscono a rendere l'immagine ancora più imprecisa...
Per questo preferisco il termine confusione a tensione. Ma è solo un fatto
di termini, il concetto è quello.
Il resto delle tecniche, come la lettura dela tabella di Snellen, per
esempio, contribuiranno alla riprogrammazione del sistema visivo.
Si tratta sostanzialmente di "reindirizzare" la percezione, usando la
maniera corretta, quella fisiologica, e non più quella viziata, appresa
forzosamente.
From: skyrunner
Date: mer feb 06, 2002 5.41
"Noi vediamo soltanto ciò che vogliamo vedere, inconsciamente o
consciamente; in altre parole, solo una parte di ciò che vediamo proviene
dall' esterno, il resto si trova in noi. Le nostre interpretazioni sono
strettamente legate alle nostre esperienze passate.".
Reimparare ad usare gli "occhi" nella maniera corretta!
Come dicevo nel mio messaggio precedente "Entrate pure, lo spettacolo della
vostra vita è gratis", "vedere" non è solo focalizzare un particolare. Ma è
molto, davvero molto, di più.
Ciao a tutti.
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Re: Digest Number 252
Message: 936
From: Morgwaise
Purtoppo ho controllato e ho visto che anche molti saponi lo contengono...
Con calma faccio la lista delle marche che ho in casa che contengono la
sostanza incriminata...
Morgy
----- Original Message ----From: <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Tuesday, February 05, 2002 10:55 AM
Subject: [Visus] Digest Number 252
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
-----------------------------------------------------------------------Questo numero contiene 1 messaggio.
Argomenti in questa selezione:
1. Fw: Allarme cancro
Da: "Marzia Danelutti" <[email protected]>
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Messaggio: 1
Data: Tue, 5 Feb 2002 08:47:11 -0000
Da: "Marzia Danelutti" <[email protected]>
Oggetto: Fw: Allarme cancro
Non c'entra con la Visus ma è sicuramente importante!
Ciao a tutti
Marzia
__________________________________________________________
QUESTO MESSAGGIO MI E' ARRIVATO DA UN'AMICA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO
EUROPEO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
Controlla gli ingredienti sulle bottiglie di shampoo e controlla se
contengono una sostanza chiamata SODIUM LAURETH (o lauryl) SULFATE, o
semplicemente SLS.
Date: ven feb 01, 2002 6.23
Questa sostanza si trova nella maggior parte degli shampoo, e i
produttori la usano perche' fa molta schiuma ed e'economica.
Ma il fatto è che l'SLS si usa per strofinare i pavimenti dei garage
ed e' molto forte.
E' anche provato che puo' provocare il cancro a lungo andare,
e questo non e' uno scherzo.
Livello di cancerosita è pari a quello del benzene.
Il VO5, Palmolive, Paul Mitchel, il nuovo shampoo della Hemp contengono
questa sostanza. Allora ho chiamato una ditta e gli ho detto che il loro
prodotto contiene una sostanza che fara' venire il cancro.
Hanno risposto:"Si , lo sappiamo, ma non possiamo farci niente perche'
abbiamo bisogno di quella sostanza per produrre la schiuma."
Anche il dentifricio Colgate contiene quella sostanza per produrre le
bolle.
Dicono che mi manderanno delle informazioni.
La ricerca ha dimostrato che negli anni'80 le probabilita' di prendere
il cancro erano 1 su 800 e ora, negli anni '90, sono 1 su 3,
e ciò e' molto preoccupante.
Cosi' spero che prendiate questa lettera sul serio e la passiate a tutti
quelli che conoscete, nella speranza di impedire di provocarci il cancro..
La cosa e' seria, dopo che avete letto questa lettera cercate di
informare
tutti quelli che potete.
Contengono quella sostanza:
Shampoo dell'Antica Erboristeria
Bagnoschiuma Bionsen
Bagnoschiuma Nivea Collutorio L'Angelica
Shampoo Clear
Shampoo Garnier
Shampoo L'Oreal
Dentifricio Macleens Extrafresh
Dentifricio Oral-B Sensitive Fluoride
Dentifricio AZ verde protezione carie
Shampoo OSMOSE e BIOPOINT
Non so quelli dell'Erbolario, con l'occasione ho scoperto che non hanno
gli
ingredienti sulla confezione.
SE HAI ANCORA DUBBI LEGGI "SALUTE" IL SETTIMANALE
DI REPUBBLICA SULLA SALUTE DEL 9 NOVEMBRE 2000. ALLA PAG 40 - 41
(riquadro verde in alto al centro)
TROVERAI UN ARTICOLO CHE PARLA PROPRIO DI QUESTA SOSTANZA.
CONCLUSIONE : NESSUNO NEGA LA PRESENZA DI TALE
SOSTANZA, MA LA GIUSTIFICANO;
ANZI, PER MOTIVI PURAMENTE ECONOMICI, DICONO CHE LE
BASSE DOSI SAREBBERO ININFLUENTI, MA UNA BASSA DOSE CON LA
DOCCIA,UNA PER LAVARE I DENTI , UNA PER LAVARE I CAPELLI ...
A LUNGO ANDARE QUANTO FA?
E SE COLORO CHE GIUSTIFICANO L'UTILIZZO DI TALE
SOSTANZA INVECE DI
PENSARE ALLA SALUTE DEI CONSUMATORI PENSASSERO SOLO> A NON FARE ANDARE IN
ROVINA LE MULTINAZIONALI?
Ti consiglio di cliccare su inoltra e inviare
questa mail a tutti quelli che
conosci.
Istituto Europeo di Oncologia
via Ripamonti 435
20141 Milano
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: R: Re: Fwd: Accomotrack
Message: 937
From: skyrunner
Date: gio feb 07, 2002 12.28
From: Bruno Badiali
Date: gio feb 07, 2002 11.36
>-----Messaggio originale---->Da: skyrunner [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 6 febbraio 2002 17.42
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] Re: Fwd: Accomotrack
>
>
>--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> wrote:
>> Questo riflette quello che è capitato a molti che lo proponevano ai loro
>> clienti: il biofeed back da una spinta e provoca un miglioramento, ma da
>> solo non basta: dopo un po' l'effetto si attenua e scompare.
Voloevo aggiungere: questa è una vecchia e radicata tendenza che normalmente
si trova nella medicina allopatica, dove non ci si preoccupa tanto della
causa, bensì del sintomo. Sparito il sintomo tutti contenti...
Un pò come mettere gli occhiali sul naso di un miope, senza chiederesi come
mai lo sia diventato. Gli occhiali diventano sempre più forti, fino a chè
l'occhio non ce la fa più ad adattersi a quelle lenti sempre più forti. A
volte si porta la persona anche ad avere una miopia grave. Chi è fortunato
si ferma alla media.
Anche l'accomotrac non fa eccezione. Se usato solo per attenuare il sintomo
può produrre miglioramenti temporanei.
L'uso di quello che non è una panacea, ma solo uno strumento potentissimo,
dipende molto dal professionista che lo usa.
E' un peccato che uno strumento del genere, che potrebbe risolvere molti
problemi a volte sia usato superficialmente, magari solo per spremere soldi
al cliente. Potrebbe invece essere uan svolta epocale. Anche nelle
successive derivazioni. Cambia il nome, cambia il parametro monitorizzato,
ma il principio è sempre lo stesso: Biofeedback.
Ciao a tutti.
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Re: R: Fw: Allarme cancro
Message: 938
On mer, 06 feb 2002 17:41:54 skyrunner wrote:
>
>
>
>
>
>
Tornando alla bufala, su un sito attendibile si legge:
"Questa denuncia è priva di ogni fondamento, fra l'altro fa confusione fra
il Solfato di laurato di sodio (abbreviato con SLES) ed il Solfato di
laurile di sodio (abbreviato con SLS). Ad ogni modo nessuna della due
sostanze è cancerogena."
La notizia diquesta bufala era stata diffusa anche per radio in una
trasmissione che parla di leggende metropolitane.
> C'è un mio amico che casca proprio in tutte, appelli umanitari, bambini con
>
>
>
>
>
>
>
>
>
malattie rarissime, allarmi virus apocalittici, shampoo cancerogeni, aumenti
spopositati e segreti di stipendio ai parlamentari, etc.
A questo mio amico a ai suoi destinatari da proteggere, scrivevo:
"Tra un po vi arriverà quasi sicuramente quella che dice di cancellare
nientepocodimeno che UN FILE DI SISTEMA DI WINDOWS!!! cioè sulfnbk.exe (e lo
fanno in molti!!!), seguita da quella che parla dello shampo con il sodium
laureth sulfate che serve a lavare i pavimenti dei garage, etc...
E' impressionante come la stessa venga riproposta dopo mesi!!!"
Tutte queste cose mi fanno fare delle riflessioni:
Spesso le cose che facciamo sono delle risposte automatiche a degli stimoli che
riceviamo e diamo per scontato che la società ci dia sempre gli stimoli
giusti.
Per esempio se qualcuno inizia a vedere male le soluzioni che gli vengono
proposte sono occhiali, lenti a contatto o al limite l'operazione chirurgica e STOP.
Il computer solo con windows STOP.
L'auto a benzina o a gasolio (i combustibili più inquinanti) STOP.
La lista potrebbe continuare però vorrei dire che tutte queste scelte
"obbligate" sono contrarie agli interessi dei consumatori e della collettività mentre
portano denaro a piccole lobby economiche.
Comunque sta al consumatore non farsi infinocchiare perché le alternative
esistono anche se sono poco conosciute.
Ma come si fa a capire che una cosa è una fregatura se la usano tutti?
Io personalmente ho capito che non bisogna fare le cose perché la fanno tutti e
neanche perché me lo ha detto un amico di cui mi fido e ogni volta mi faccio
delle domande:
Come funziona?
Cosa produce di utile?
Quali sono le controindicazioni?
Quanto costa?
Quali sono le altenative?
Per ogni alternativa mi ripongo le prime 4 domande.
Certamente nella civiltà ultraspecialistica attuale è difficile riuscire a
capire tutto di ciò che si usa, io per esempio la quantità di composti chimici che
conosco sono solo una piccola parte confrontati a quelli che uso
inconsapevolmente in prodotti igienici o farmaci.
Nonostante ciò mi leggo sempre tutte le etichette e osservo in modo critico
l'effetto che producono.
> Lettere di questo tipo circolano periodicamente su Internet. Non prestategli
> mai fede e non le propagate
O se proprio le volete propagare documentatevi prima, infondo chi fa questi
scherzi ha capito questa mancanza di spirito critico e consapevole delle persone.
>
>
>
>
>
"There is no god higher than truth - Mahatma Gandhi"
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
-Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: SLS
Message: 939
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio feb 07, 2002 2.18
Caro Skyrunner, sono d'accordo sul fatto che non bisogna mai forwardare acriticamente messaggi di posta ricevuta a tutti i propri amici creando i ben noti fenomeni di Hoax,
spamming e catene di s.Antonio; questo tuttavia non vuol dire che tutti questi messaggi che citi, divenuti oramai famosi, siano solo delle leggende metropolitane, o meglio come
tutte le leggende hanno spesso una base di verità, che però così proposte diventano facilmente FANTASIA, fino addirittura a portare poi qualcuno ad affermare per reazine che è
TUTTO falso.
Per fare un esempio la bambina con la malattia grave pare sia realmente esistita, peccato che sia morta da tempo...
Io uso uno shampoo sulla cui confezione c'è scritto esplicitamente che non contiene SLS... sarà solo l'effetto di una Hoax a far scrivere queste cose ad una nota società di
cosmetici? L'avranno lanciata loro questa Hoax? >;->
Su Internet si trova tutto ed il contrario di tutto, e questo è il bello, ma bisogna avere voglia di cercare, capire, non fermarsi all'affermazione più comoda ed autorevole... Questo ci
fa ricordare che anche acquistare uno shampoo può diventare una cosa difficile!
Io tutta la posta di questo tipo non la forwardo mai, anzi rispondo con un richiamo alla netiquette, ma prima di cancellarla la leggo bene e quando posso provo a documentarmi
direttamente su Internet. Se non facessi così non sarei mai arrivato a questa lista!
Ciao
Silvio
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 940
From: franco
VORREI AGGIUNGERE CHE CI SONO STATE MOLTISSIME SOSTANZE CHE SI SONO RIVELATE
CANCEROGENE E CHE VENIVANO UTILIZZATE IN PASSATO (COLORANTI .ETC..)FINO A
CHE NON SI è DIMOSTRATA LA LORO NATURA CANCEROGENA.
PURTOPPO OGGI CI SONO ALTRETTANTE SOSTANZE DELLE QUALI SI PRESUME LA
CANCEROGENICITà MA POICHè NON SI è ANCORA DIMOSTRATA QUESTA NATURA VENGONO
ANCORA UTILIZZATE .
E POI SIAMO IMMERSI NELLE SOSTANZE CANCEROGENE (BENZENE DALLO SCARICO DELLE
AUTO,ETC).
QUESTO NON VUOL DIRE CHE NON DOBBIAMO PREOCCUPARCI E PENSARE CHE "TANTO UNA
PIù UNA MENO" MA FARE IN MODO DI LIMITARE AL MASSIMO LE MICRODOSI DI TALI
SOSTANZE.
FRANCO
N.B. A PROPOSITO STO FACENDO ORA SOLO LA LETTURA DEI CARATTERI
PICCOLISSIMI(DI 2)E LA LETTURA DELLA TABELLA(ANCHE SE STO ANCORA ASPETTANDO
CHE SUCCEDA QUALCOSA).
MA L'accomotrack SI TROVA SOLO A ROMA E MILANO?
-----Messaggio originale----Da: skyrunner [mailto:[email protected]]
Inviato: mercoledì 6 febbraio 2002 17.42
A: [email protected]
Oggetto: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>-----Messaggio originale---->Da: Marzia Danelutti [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 5 febbraio 2002 9.47
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] Fw: Allarme cancro
>
>
>Non c'entra con la Visus ma è sicuramente importante!
>Ciao a tutti
>
>Marzia
>
>
>__________________________________________________________
>
>QUESTO MESSAGGIO MI E' ARRIVATO DA UN'AMICA CHE LAVORA ALL'ISTITUTO
>EUROPEO DI ONCOLOGIA DI MILANO.
Come segnalava anche Giuseppe, questa è l'ennesima bufala su internet,
un'altra Hoax che si sta diffondendo a vista d'occhio...
Si sta parlando sempliceente di un sapone liquido, che viene usato in quasi
tutti gli shampoo, dai piu costosi ai più economici. E spesso gli shampoo
delicati sono quelli che hanno solo aggiunto acido lattico per cambiare
semplicemente il PH.
La cosa che però reputo possa interessare molti e non è proprio off-topic,
visto che chi è qui è interessato oltremodo alla tutela della propria salute
con metodi naturali:
Gli Shampoo liquidi sono i più aggressivi.
Meglio usare una classica saponetta, semmai!
O, ottima alternativa, si possono usare gli olii lavanti, che non conosce
quasi nessuno. Il più naturale è il DERBE, fatto con olio di ricino
emulsionato. Altrimenti ce ne sono di molti in farmacia. Il meccanismno di
azione è sempre lo stesso. NON lavano via il grasso dei capelli, ma lo
dissolvono con i loro grassi, idrosolubili, per poi poterlo asportare con il
risciacquo. Funzionano bene e non sono per nulla aggressivi, a differenza
dei comuni shampoo.
Tornando alla bufala, su un sito attendibile si legge:
"Questa denuncia è priva di ogni fondamento, fra l'altro fa confusione fra
il Solfato di laurato di sodio (abbreviato con SLES) ed il Solfato di
Date: gio feb 07, 2002 5.42
laurile di sodio (abbreviato con SLS). Ad ogni modo nessuna della due
sostanze è cancerogena."
C'è un mio amico che casca proprio in tutte, appelli umanitari, bambini con
malattie rarissime, allarmi virus apocalittici, shampoo cancerogeni, aumenti
spopositati e segreti di stipendio ai parlamentari, etc.
A questo mio amico a ai suoi destinatari da proteggere, scrivevo:
"Tra un po vi arriverà quasi sicuramente quella che dice di cancellare
nientepocodimeno che UN FILE DI SISTEMA DI WINDOWS!!! cioè sulfnbk.exe (e lo
fanno in molti!!!), seguita da quella che parla dello shampo con il sodium
laureth sulfate che serve a lavare i pavimenti dei garage, etc...
E' impressionante come la stessa venga riproposta dopo mesi!!!"
Lettere di questo tipo circolano periodicamente su Internet. Non prestategli
mai fede e non le propagate
"There is no god higher than truth - Mahatma Gandhi"
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Rif: R: Fw: Allarme cancro
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 941
From: [email protected]>
Date: gio feb 07, 2002 11.50
Da: "skyrunner" <[email protected]>
Data: 06/02/2002 17:41
A: <[email protected]>
Oggetto: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>>
La cosa che però reputo possa interessare molti e non è proprio off-topic,
visto che chi è qui è interessato oltremodo alla tutela della propria salute
con metodi naturali:
Gli Shampoo liquidi sono i più aggressivi.
Meglio usare una classica saponetta, semmai!
Giusto,purchè sia autentico sapone di marsiglia o sapone naturale preparato esclusivamente con grassi di origine vegetale.Per esempio,leggendo le etichette,"olea europea" è il
nostro olio d'oliva,"sodium cocoate" e "potassium cocoate" sono acidi grassi del cocco fatti reagire rispettivamente con soda e carbonato di potassio...altri ingredienti di questi
saponi naturali possono essere glicerina e ogni sorta di erbe,facilmente distinguibili dagli ingredienti chimici anche quando elencati in doppia denominazione latina( menta piperita
o malva silvestris sono ben diverse dal methilcloroisotiazolinone)
> O, ottima alternativa, si possono usare gli olii lavanti, che non conosce
> quasi nessuno. Il più naturale è il DERBE, fatto con olio di ricino
> emulsionato. Altrimenti ce ne sono di molti in farmacia. Il meccanismno di
> azione è sempre lo stesso. NON lavano via il grasso dei capelli, ma lo
> dissolvono con i loro grassi, idrosolubili, per poi poterlo asportare con il
> risciacquo. Funzionano bene e non sono per nulla aggressivi, a differenza
> dei comuni shampoo.
>
è vero,e non è l'ultima trovata della new age!anche i greci dicevano "il segreto non è detergere ma ungere"...un buon detergente per il viso si può approntare con olio e succo di
limone,oppure si può usare semplicemente il latte...specie per lavar via le particelle di polvere e smog.In realtà il sapone dovrebbe servire solo per quelle zone del corpo a
secrezione grassa(cuoio capelluto,ascelle,genitali),mentre per il resto dovrebbe bastare l'acqua.
Sempre per i capelli si possono usare come shampoo:tuorlo e limone,acqua e aceto e una quantità di altri prodotti casalinghi(anche a secco:per esempio massaggiare un cucchiaio
di farina da polenta e poi spazzolare in tutte le direzioni)
Per i denti l'operazione meccanica è così importante da rendere il dentifricio praticamente superfluo,quando eseguita bene.Altrimenti:sale,sale e olio,cenere,bicarbonato(che è
anche sbiancante,va bene anche per candeggiare le ali di skyrunner quando di ritorno da escursioni in cieli cittadini:)).Menta e salvia massaggiano denti e gengive senza essere
abrasive.
Per i più radicali:fare a meno anche dello spazzolino e destreggiarsi coi ditini...
Ultimo e anche meno off-topic:per occhi stanchi o arrossati imbibire due pezzuole o dischetti di cotone in decotti di camomilla(la più comune;altrimenti
malva,fiordaliso,hamamelide...),farli raffreddare e applicare sulle palpebre(chiuse!!!).oppure usare per il medesimo scopo fette di patata o bustine di the usate e fatte
raffreddare...aprofittatene ora,che è ancora carnevale!!!per disinfettarli invece,applicare compresse di acqua e succo di limone(poche gocce,altrimenti prima è meglio si imparate a
guidare...con la scrittura braille!Scherzo!:-)
Tanti Saluti
Giada
Group: Visus
Subject: subscribe
Message: 942
From: Giardina luciano
Date: ven feb 08, 2002 3.53
From: skyrunner
Date: lun feb 18, 2002 7.23
From: skyrunner
Date: lun feb 18, 2002 7.23
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: SLS
Message: 943
>-----Messaggio originale---->Da: Salvatore Silvio Caggia [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 febbraio 2002 14.19
>A: VISUS
>Oggetto: [Visus] SLS
>
>
>Caro Skyrunner, sono d'accordo sul fatto che non bisogna mai
Ehm... Puoi chiamarmi Mauro, Silvio!
Ma Skyrunner va bene lo stesso... Anzi, mi piace! : )
>Io tutta la posta di questo tipo non la forwardo mai, anzi
>rispondo con un richiamo alla netiquette, ma prima di cancellarla
>la leggo bene e quando posso provo a documentarmi direttamente su
>Internet. Se non facessi così non sarei mai arrivato a questa lista!
Sono d'accordo su quello che scrivi, vedi anche la mia risposta a Bruno.
Guardarsi intorno è sempre un fatto positivo, nonchè sana abitudine.
Anche io ho scoperto molte cose cercando di guardare oltre la siepe. Al
contrario di come faceva il Leopardi con la sua di siepe...
E noi, bipedi raziocinanti, non dovremmo maui smettere di lodare e benedire
il dubbio.
E' uno dei nostri più potenti alleati.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 944
>-----Messaggio originale---->Da: Bruno Badiali [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 febbraio 2002 11.36
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>> C'è un mio amico che casca proprio in tutte, appelli umanitari,
>bambini con
>> malattie rarissime, allarmi virus apocalittici, shampoo
>cancerogeni, aumenti
...
>Spesso le cose che facciamo sono delle risposte automatiche a
>degli stimoli che
>riceviamo e diamo per scontato che la società ci dia sempre gli stimoli
>giusti.
>Per esempio se qualcuno inizia a vedere male le soluzioni che gli vengono
>proposte sono occhiali, lenti a contatto o al limite l'operazione
>chirurgica e STOP.
>Il computer solo con windows STOP.
>L'auto a benzina o a gasolio (i combustibili più inquinanti) STOP.
Io infatti ho l'auto a CNG (metano)... No, non a GPL, il metano è diverso!
Come? Non lo sapevi??? : )
>La lista potrebbe continuare però vorrei dire che tutte queste scelte
>"obbligate" sono contrarie agli interessi dei consumatori e della
>collettività mentre
>portano denaro a piccole lobby economiche.
Le lobbies sono piccole all'inizio. Poi diventano enormi e schiacciano tutto
per crescere ancora di più.
Ci sono troppi esempi veri, da rovinarsi il fegato a leggerli.
Quello sulla miopia, per il quale non viene fatto nulla, ma proprio nulla,
per prevenirla, è solo uno tra i tanti.
Solo un esempio al proposito, e mi è rimasto davvero impresso...
Ad un bambino sono stati prescritti occhiali di -0.25 (Si, -0.25!!!)
Ai genitori non è passato minimamente per il cervello che si potesse fare
qualcosa di diverso.
Anzi sono convinti che l'oculista "di fiducia" sia bravo perchè consigliato
da loro parenti che hanno una miopia altissima e che sostengono che questi
sia molto bravo nel misurare la vista. Lo hanno portato per un controllo....
et voilà! Un bel paio di *primi* occhiali nuovi!
Scettici su eventuali alternative ("ti pare che non ce lo avrebbe detto?")
erano sicuri però che la miopia sarebbe "inevitabilmente" peggiorata, come
anticipato dal luminare. Loro entrambi con vista perfetta.
>Ma come si fa a capire che una cosa è una fregatura se la usano tutti?
>Io personalmente ho capito che non bisogna fare le cose perché la
>fanno tutti e
>neanche perché me lo ha detto un amico di cui mi fido e ogni volta
>mi faccio
>delle domande:
>Come funziona?
>Cosa produce di utile?
>Quali sono le controindicazioni?
>Quanto costa?
>Quali sono le altenative?
>Per ogni alternativa mi ripongo le prime 4 domande.
Io ho una regola molto più semplice. E' quella del "Ti pare che..."
Ogni qualvolta si affaccia nella mente tale domandina, approfondite. C'è
sempre da stupirsi di quello che salta fuori!
Non a caso la stessa parolina è presente nell'esempio di cui sopra...
>Nonostante ciò mi leggo sempre tutte le etichette e osservo in modo critico
>l'effetto che producono.
Mi trovi d'accordo. E' l'unico modo per cercare di difendersi.
Mauro.
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 945
From: skyrunner
>-----Messaggio originale---->Da: franco [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 febbraio 2002 17.42
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>
>
>VORREI AGGIUNGERE CHE CI SONO STATE MOLTISSIME SOSTANZE CHE SI
>SONO RIVELATE
>CANCEROGENE E CHE VENIVANO UTILIZZATE IN PASSATO (COLORANTI .ETC..)FINO A
>CHE NON SI è DIMOSTRATA LA LORO NATURA CANCEROGENA.
Alcune sostanze... come la saccarina che in alcuni stati è vietata ed in
altri porta sulle confezioni la dicitura "provoca il cancro negli animali di
laboratorio"
E che dire del tossico nervino "Novalgina"? Anche essa non è
commercializzata in alcuni paesi. In Italia , si.
E' tutta una questione di domanda-offerta (e non mi riferisco ai
consumatori...)
>N.B. A PROPOSITO STO FACENDO ORA SOLO LA LETTURA DEI CARATTERI
>PICCOLISSIMI(DI 2)E LA LETTURA DELLA TABELLA(ANCHE SE STO ANCORA ASPETTANDO
>CHE SUCCEDA QUALCOSA).
>MA L'accomotrack SI TROVA SOLO A ROMA E MILANO?
Aah! Volevi dire P.S. allora! : )
L' accomotrack si trova anche in altri posti, certo! Magari si riesce a
trovare qualche indirizzo. Dove vivi tu?
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Tokio
Pechino
Kuala Lumpur
Washington DC
Chicago
S.Francisco
New York
Caracas
Rio de Janeiro
Altro
Non so...
Date: lun feb 18, 2002 7.23
Prova ad eseguire le tecniche con piccole varianti.
Se leggi i messaggi dell'archivio Visus dovresti trovare spunti
interessanti.
Per la tabella di Snellen, tienila bene in luce. Puoi anche stamparla su un
trasparente e poi attaccarla al vetro di una finestra. Ma puoi anche
attaccare una tabella stampata su carta, sul vetro della finestra.
E prova a guardare fuori e non i caratteri direttamente, magari. Il dondolio
di fronte alla tabella, molto spesso, aiuta.
Non ripeto quello che ho già scritto in passato, ma questo lo ripeto:
Ricordati che *NON DEVI CERCARE DI VEDERE*. Guarda lo spazio bianco tra le
righe tra i cratteri, cerca di guardare oltre lo spazio buianco, qualcosa
che sia più in là attraverso la carta. E concentrati magari sulle sensazioni
degli occhi, prova a sentirli diversi, in vari modi. Più gonfi, più grandi,
più piccoli, più caldi, etc.
Come regola teorica mentale, dovresti lasciare che siano i caratteri a
venire da te e non viceversa.
Se provi a *VOLER VEDERE* hai perso in partenza. E' un fatto di percezione,
e la tua è male diretta, ma da una parte di te ch è fuori dal tuo controllo
volontario.
Ciao!
Mauro.
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: R: Fw: Allarme cancro
Message: 946
From: skyrunner
Date: lun feb 18, 2002 7.23
From: franco
Date: lun feb 18, 2002 9.13
>-----Messaggio originale---->Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 febbraio 2002 23.50
>A: [email protected]
>Oggetto: Rif: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>Giusto,purchè sia autentico sapone di marsiglia o sapone naturale
>preparato esclusivamente con grassi di origine vegetale.Per
E c'è anche in commercio una etichetta di saponi chiamata "Sapone di
Marsiglia" che non ha niente a che vedere con tale sapone...
Molto interessante la tua email Giada. La ho salvata sul mio HD (no, non è
un porta sapone!)
E pone l'accento sul fatto che ci siamo ormai abituati ad usare detergenti
sempre più forti, come se il grasso della pelle fosse una secrezione da
eliminare e non la protezione di cui lapelle ha bisogno per difendersi e per
mantenersi elastica.
Sempre meno fiducia nel nostro corpo.
Vero anche che il dentifricio non serve. Può coaduviare e profumare, ma non
ha poi tutti questi vantaggi. Anzi, la pulizia esagerata dei denti danneggia
lo smalto. E comunque lo fa anche il bicarbonato (sulle confezioni scrivono
magari "Con Baking Soda!", come se fosse chissa che cosa...) che è abrasivo,
se usato troppo.
Ciao!
Mauro.
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
nn vivo in nessuna di queste città!
vivo in provincia di cagliari !
ciao
-----Messaggio originale----Da: skyrunner [mailto:[email protected]]
Inviato: lunedì 18 febbraio 2002 19.23
A: [email protected]
Oggetto: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
Message: 947
>-----Messaggio originale---->Da: franco [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 febbraio 2002 17.42
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>
>
>VORREI AGGIUNGERE CHE CI SONO STATE MOLTISSIME SOSTANZE CHE SI
>SONO RIVELATE
>CANCEROGENE E CHE VENIVANO UTILIZZATE IN PASSATO (COLORANTI .ETC..)FINO A
>CHE NON SI è DIMOSTRATA LA LORO NATURA CANCEROGENA.
Alcune sostanze... come la saccarina che in alcuni stati è vietata ed in
altri porta sulle confezioni la dicitura "provoca il cancro negli animali di
laboratorio"
E che dire del tossico nervino "Novalgina"? Anche essa non è
commercializzata in alcuni paesi. In Italia , si.
E' tutta una questione di domanda-offerta (e non mi riferisco ai
consumatori...)
>N.B. A PROPOSITO STO FACENDO ORA SOLO LA LETTURA DEI CARATTERI
>PICCOLISSIMI(DI 2)E LA LETTURA DELLA TABELLA(ANCHE SE STO ANCORA ASPETTANDO
>CHE SUCCEDA QUALCOSA).
>MA L'accomotrack SI TROVA SOLO A ROMA E MILANO?
Aah! Volevi dire P.S. allora! : )
L' accomotrack si trova anche in altri posti, certo! Magari si riesce a
trovare qualche indirizzo. Dove vivi tu?
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Tokio
Pechino
Kuala Lumpur
Washington DC
Chicago
S.Francisco
New York
Caracas
Rio de Janeiro
Altro
Non so...
Prova ad eseguire le tecniche con piccole varianti.
Se leggi i messaggi dell'archivio Visus dovresti trovare spunti
interessanti.
Per la tabella di Snellen, tienila bene in luce. Puoi anche stamparla su un
trasparente e poi attaccarla al vetro di una finestra. Ma puoi anche
attaccare una tabella stampata su carta, sul vetro della finestra.
E prova a guardare fuori e non i caratteri direttamente, magari. Il dondolio
di fronte alla tabella, molto spesso, aiuta.
Non ripeto quello che ho già scritto in passato, ma questo lo ripeto:
Ricordati che *NON DEVI CERCARE DI VEDERE*. Guarda lo spazio bianco tra le
righe tra i cratteri, cerca di guardare oltre lo spazio buianco, qualcosa
che sia più in là attraverso la carta. E concentrati magari sulle sensazioni
degli occhi, prova a sentirli diversi, in vari modi. Più gonfi, più grandi,
più piccoli, più caldi, etc.
Come regola teorica mentale, dovresti lasciare che siano i caratteri a
venire da te e non viceversa.
Se provi a *VOLER VEDERE* hai perso in partenza. E' un fatto di percezione,
e la tua è male diretta, ma da una parte di te ch è fuori dal tuo controllo
volontario.
Ciao!
Mauro.
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: R: Fw: Allarme cancro
Message: 948
From: franco
>N.B. A PROPOSITO STO FACENDO ORA SOLO LA LETTURA DEI CARATTERI
>PICCOLISSIMI(DI 2)E LA LETTURA DELLA TABELLA(ANCHE SE STO ANCORA ASPETTANDO
>CHE SUCCEDA QUALCOSA).
>MA L'accomotrack SI TROVA SOLO A ROMA E MILANO?
>Aah! Volevi dire P.S. allora! : )
no volevo dire n.b. :-)
-----Messaggio originale----Da: skyrunner [mailto:[email protected]]
Inviato: lunedì 18 febbraio 2002 19.23
A: [email protected]
Oggetto: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>-----Messaggio originale---->Da: franco [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 febbraio 2002 17.42
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] Fw: Allarme cancro
>
>
>VORREI AGGIUNGERE CHE CI SONO STATE MOLTISSIME SOSTANZE CHE SI
>SONO RIVELATE
>CANCEROGENE E CHE VENIVANO UTILIZZATE IN PASSATO (COLORANTI .ETC..)FINO A
>CHE NON SI è DIMOSTRATA LA LORO NATURA CANCEROGENA.
Alcune sostanze... come la saccarina che in alcuni stati è vietata ed in
altri porta sulle confezioni la dicitura "provoca il cancro negli animali di
laboratorio"
E che dire del tossico nervino "Novalgina"? Anche essa non è
commercializzata in alcuni paesi. In Italia , si.
E' tutta una questione di domanda-offerta (e non mi riferisco ai
consumatori...)
>N.B. A PROPOSITO STO FACENDO ORA SOLO LA LETTURA DEI CARATTERI
>PICCOLISSIMI(DI 2)E LA LETTURA DELLA TABELLA(ANCHE SE STO ANCORA ASPETTANDO
>CHE SUCCEDA QUALCOSA).
>MA L'accomotrack SI TROVA SOLO A ROMA E MILANO?
Aah! Volevi dire P.S. allora! : )
L' accomotrack si trova anche in altri posti, certo! Magari si riesce a
trovare qualche indirizzo. Dove vivi tu?
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Tokio
Pechino
Kuala Lumpur
Washington DC
Chicago
S.Francisco
New York
Caracas
Rio de Janeiro
Altro
Non so...
Prova ad eseguire le tecniche con piccole varianti.
Se leggi i messaggi dell'archivio Visus dovresti trovare spunti
interessanti.
Per la tabella di Snellen, tienila bene in luce. Puoi anche stamparla su un
Date: lun feb 18, 2002 9.14
trasparente e poi attaccarla al vetro di una finestra. Ma puoi anche
attaccare una tabella stampata su carta, sul vetro della finestra.
E prova a guardare fuori e non i caratteri direttamente, magari. Il dondolio
di fronte alla tabella, molto spesso, aiuta.
Non ripeto quello che ho già scritto in passato, ma questo lo ripeto:
Ricordati che *NON DEVI CERCARE DI VEDERE*. Guarda lo spazio bianco tra le
righe tra i cratteri, cerca di guardare oltre lo spazio buianco, qualcosa
che sia più in là attraverso la carta. E concentrati magari sulle sensazioni
degli occhi, prova a sentirli diversi, in vari modi. Più gonfi, più grandi,
più piccoli, più caldi, etc.
Come regola teorica mentale, dovresti lasciare che siano i caratteri a
venire da te e non viceversa.
Se provi a *VOLER VEDERE* hai perso in partenza. E' un fatto di percezione,
e la tua è male diretta, ma da una parte di te ch è fuori dal tuo controllo
volontario.
Ciao!
Mauro.
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: R: SLS
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 949
>-----Messaggio originale---->Da: Salvatore Silvio Caggia [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 febbraio 2002 14.19
>A: VISUS
>Oggetto: [Visus] SLS
>
>
Sono d'accordo su quello che scrivi, vedi anche la mia risposta a Bruno.
Guardarsi intorno è sempre un fatto positivo, nonchè sana abitudine.
Anche io ho scoperto molte cose cercando di guardare oltre la siepe. Al
contrario di come faceva il Leopardi con la sua di siepe...
E ivi sedendo, e rimirando, interminati spazi
di là da quella
e sovrumani silenzi ...
(cito a memoria)
Leopardi oltre la siepe, appunto
rimirava
interminati spazi
e sovrumani silenzi
quindi guardava, e vedeva,
molto bene,
con il senso (con i sensi) della sensibilità.
ove guardare e vedere non significa ingannarsi, ma capire.
From: stefano caldiron
Date: mar feb 19, 2002 8.22
Infatti, capiva molto bene molte cose, vedi ad esempio La ginestra:
Quivi mira e ti specchia
secol superbo e sciocco ....
(purtroppo buco nella memoria)
... e procedere il chiami ...
Come hanno capito molte cose tutti quelli che hanno saputo guardare, e
vedere.
> E noi, bipedi raziocinanti, non dovremmo mai smettere di lodare e benedire
> il dubbio.
> E' uno dei nostri più potenti alleati.
Infatti così faceva il Giacomo.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Saluti e baci
stefano caldiron www.parolelibere.it
Group: Visus
Message: 950
Subject: I leopardi che saltano oltre la siepe...
>-----Messaggio originale---->Da: stefano caldiron [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 19 febbraio 2002 8.23
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] SLS
>> Anche io ho scoperto molte cose cercando di guardare oltre la siepe. Al
>> contrario di come faceva il Leopardi con la sua di siepe...
>
>E ivi sedendo, e rimirando, interminati spazi
>di là da quella
>e sovrumani silenzi ...
>
>(cito a memoria)
WOW! Oltre ad una email privata, e ad un SMS, dove mi si redarguiva a
proposito della parola Leopardi nel contesto siepe, ora la dotta
disquisizione mi raggiunge, anche qui, in lista, con il suo carico di
ludibrio... SOB!!!
Già mi vedo con un cappello di cartone a cono, con due orecchie d'asino
attaccate e la scritta "Evviva la Squola", dietro una siepe ad imparare a
memoria una tabella di Snellen... SIGH! Giacomo! Intercedi tu!!!
>Leopardi oltre la siepe, appunto
>rimirava
>interminati spazi
>e sovrumani silenzi
>
>quindi guardava, e vedeva,
>molto bene,
>con il senso (con i sensi) della sensibilità.
Sensibilità... A volte è quella che spinge i miopi a chiudersi in sè,
qualcuno ipotizza l'esistenza di una personalità miope. L'immaginazione, e
la memoria, sembrano siano necessarie, invece, secondo Bates.
Mi sovviene un dubbio: Ma il Giacomo, era miope?
>ove guardare e vedere non significa ingannarsi, ma capire.
Capire senza ingannarsi è un compito arduo...
"Noi vediamo soltanto ciò che vogliamo vedere, inconsciamente o
consciamente; in altre parole, solo una parte di ciò che vediamo proviene
dall' esterno, il resto si trova in noi. Le nostre interpretazioni sono
strettamente legate alle nostre esperienze passate.".
Come fai a prescindere dal filtro dell'esperienza?
>Come hanno capito molte cose tutti quelli che hanno saputo guardare, e
>vedere.
...oltre le siepi...
From: cloudsruffler
Date: mer feb 20, 2002 7.56
>> E noi, bipedi raziocinanti, non dovremmo mai smettere di lodare
>e benedire
>> il dubbio.
>> E' uno dei nostri più potenti alleati.
>
>Infatti così faceva il Giacomo.
Ma allora che ci faceva dietro la siepe? Spiava la Silvia???
> "Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Forse perchè se lo è punto con un biancospino e ora gli fa male...
Oppure si è punto con i commenti salaci su qualche mail list...
Ciao Stefano e complimenti per la cultura letteraria!
Se ami leggere, o ripassare( magari "La ginestra", che non ricordi bene)
fallo stampando tutto in caratteri piccolissimi. Unirai l'utile al
dilettevole!
Qui sotto i links per dei siti che hanno on line libri in formato
elettronico. Gratutiti. Ci sono moltissimi classici (non so le poesie del
Leopardi, però)
Possono essere stampati con Fine print, anche, un prg che metterò nella
sezione files tra poco e che permette di stampare fino ad 8 pagine su un
foglio solo, con caratteri piccolissimi appunto!
http://web.tiscali.it/millenaria/
http://www.ozoz.it/cyberbooks.htm
http://onlinebooks.library.upenn.edu/
Spero di non aver offeso gli estimatori del Leopardi, non era mia
intenzione, così come non era mia intenzione sminuire i meriti e la
genialità del nostro Poeta.
Non è la materia che genera il pensiero...
è il pensiero che genera la materia.
(Giordano Bruno)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
_________________________________________________________
Do You Yahoo!?
Get your free @yahoo.com address at http://mail.yahoo.com
Group: Visus
Subject: Lettura caratteri minuscoli
Message: 951
From: andreabalocchi
Date: lun feb 25, 2002 4.58
Mi chiamo Andrea e leggo con attenzione ogni mail relativa a questo gruppo. Per ora ho una miopia di 1.00 per ogni occhio e 0.25 di astigmatismo sempre per ogni occhio (circa).
Vorrei porgerVi due domande:
1.. Qualcuno conosce qualche ortottico o oculista nella zona di Roma o Firenze in grado di farmi una visita accurata (circa 1 o due ore)?
2.. La lettura dei caratteri minuscoli a che distanza deve essere fatta dagli occhi o dall'occhio (esempio 1 cm) ?
Grazie e a presto
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Chiedo consigli
Message: 952
Ciao
mi chiamo Jessica,
Ho 26 anni a da quando ne avevo 12 porto gli occhiali. Al momento ho una
miopia di 5.25
(dx) e 6.25 (sx) ed un po' di astigmatismo.
Circa un mese fa ho acquistato "Miglior vista senza occhiali" ed ho
cominciato a praticare
gli esercizi (palming, sunning, rilassamento della mente e dei muscoli
del collo...) ma
soprattutto ad evitare l'uso degli occhiali, in particolar modo
leggendo.
Dall'ultimo controllo è risultato che ho perso, rispetto all'ultima
visita di un anno fa, un'altra diottria
per occhio, ma ho recuperato un po' di astigmatismo.
From: Jessica Tollin
Date: mar feb 26, 2002 1.24
Mi ero resa conto di aver perso vista, ma sinceramente pensavo di aver
recuperato
qualcosina...
L'ottico mi ha consigliato lenti multifocali o l'uso di 2 paia di
occhiali, perchè dice che con
quelli che possiedo ora (sottograduati) sforzo gli occhi. Mi ha anche
detto che una pupilla in
media misura 3,5 - 4 mm mentre la mia supera i 5.
* A cosa potrebbe essere dovuto questo dilatamento della pupilla
(premetto che non uso farmaci)?
* E' vero che la differenza di miopia da un'occhio all'altro, è
dovuta al fatto che quando leggo tengo il capo inclinato a sx?
Grazie
Jessica
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 953
Subject: R: Lettura caratteri minuscoli / Convegno di firenze
>
>
>
>
>
>
From: maurizio cagnoli
Date: mar feb 26, 2002 4.33
From: Domenico Intelisano
Date: gio feb 28, 2002 11.37
Mi chiamo Andrea e leggo con attenzione ogni mail relativa a questo gruppo.
Per ora ho una miopia di 1.00 per ogni occhio e 0.25 di astigmatismo sempre
per ogni occhio (circa).
Vorrei porgerVi due domande:
1.. Qualcuno conosce qualche ortottico o oculista nella zona di Roma o
Firenze in grado di farmi una visita accurata (circa 1 o due ore)?
Vai da Daniela Giovati(ortottica) a Firenze o Piero Paffetti (optometrista)
a Roma Valmontone o carmen Rucabato (oculista) a Roma.
Trovi i loro dati a http://www.metodobates.it/network.htm
Approfitto per annunziare a chi ancora non lo sa che il 19 Maggio ci sarà un
convegno degli educatori visivi (metodo Bates e altri operatori che si
richiamano al metodo Bates) a Firenze.
Trovate le informazioni a http://www.metodobates.it/simposio.htm e
http://www.metodobates.it/firenze.htm
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: Re: Chiedo consigli
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 954
Da: Jessica Tollin <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Tue, 26 Feb 2002 13:24:07 +0100
A: Visus <[email protected]>
Oggetto: [Visus] Chiedo consigli
Ciao
mi chiamo Jessica,
Ho 26 anni a da quando ne avevo 12 porto gli occhiali. Al momento ho una
miopia di 5.25
(dx) e 6.25 (sx) ed un po' di astigmatismo.
Circa un mese fa ho acquistato "Miglior vista senza occhiali" ed ho
cominciato a praticare
gli esercizi (palming, sunning, rilassamento della mente e dei muscoli
del collo...) ma
soprattutto ad evitare l'uso degli occhiali, in particolar modo
leggendo.
Dall'ultimo controllo è risultato che ho perso, rispetto all'ultima
visita di un anno fa, un'altra diottria
per occhio, ma ho recuperato un po' di astigmatismo.
Mi ero resa conto di aver perso vista, ma sinceramente pensavo di aver
recuperato
qualcosina...
Spero di non urtare la sensibilità di qualcuno ma devo dire che:
-Non sempre è sufficiente applicare quanto si legge senza avere conoscenze
specifiche nel campo infatti il dr. Bates era un oculista e non un meccanico
della Ford!!
-Poteri diottrici diversi tra i 2 occhi , miopie medio alte , difficoltà
binoculari ecc... richiedono il consulto di uno specialista.
> L'ottico mi ha consigliato lenti multifocali o l'uso di 2 paia di
> occhiali
Per determinare quale approccio compensativo adottare è necessaria una
analisi visiva (esame optometrico che analizza tutte le componenti coinvolte
nella visione)
> * A cosa potrebbe essere dovuto questo dilatamento della pupilla
> (premetto che non uso farmaci)?
Nelle miopie è frequente e nell'ambito dell'approccio olistico alla visione
può essere dovuto ad una eccessiva dominanza del sistema simpatico che
governa la dilatazione pupillare (midriasi).
> * E' vero che la differenza di miopia da un'occhio all'altro, è
> dovuta al fatto che quando leggo tengo il capo inclinato a sx?
Potrebbe essere UNA delle cause.
Un saluto,
Domenico
Group: Visus
Subject: Re: Lettura caratteri minuscoli
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 955
From: Domenico Intelisano
Date: gio feb 28, 2002 11.37
From: Jessica Tollin
Date: gio feb 28, 2002 3.04
Da: "andreabalocchi" <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Mon, 25 Feb 2002 16:58:38 +0100
A: <[email protected]>
Oggetto: [Visus] Lettura caratteri minuscoli
Mi chiamo Andrea e leggo con attenzione ogni mail relativa a questo gruppo.
Per ora ho una miopia di 1.00 per ogni occhio e 0.25 di astigmatismo sempre
per ogni occhio (circa).
Vorrei porgerVi due domande:
1.. Qualcuno conosce qualche ortottico o oculista nella zona di Roma o Firenze
in grado di farmi una visita accurata (circa 1 o due ore)?
Tale visita accurata si chiama analisi visiva ed è competenza
dell'optometrista (per correttezza professionale devo aggiungere che non
tutti gli optometristi si dedicano a tale approccio).
Il mio consiglio è quello di telefonare e chiedere!
Un saluto,
Domenico
Group: Visus
Subject: Re: Chiedo consigli
Message: 956
Domenico Intelisano wrote:
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
-Poteri diottrici diversi tra i 2 occhi , miopie medio alte , difficoltà
binoculari ecc... richiedono il consulto di uno specialista.
> L'ottico mi ha consigliato lenti multifocali o l'uso di 2 paia di
> occhiali
Per determinare quale approccio compensativo adottare è necessaria una
analisi visiva (esame optometrico che analizza tutte le componenti coinvolte
nella visione)
Qualcuno mi saprebbe consigliare un optometrista (bravo e che mi dia consigli compatibili con lo
spirito di questa mail list) nella zona di Padova / Venezia?
Group: Visus
Subject: bambini
Message: 957
From: [email protected]>
Date: sab mar 02, 2002 6.17
Leggo di continuo cose del genere,ma ogni volta ne resto un pò turbata.Ad esempio:
Dalla rivista "Tu",numero 4 Marzo 2002:
"Se sei miope e lo è anche il tuo compagno tuo figlio ha un'altissima probabilità di ereditare lo stesso tipo di disturbo.
Vuoi sapere se tuo figlio sarà miope?Portalo dall'oculista prima che compia due anni e,se è affetto da questo tipo di disturbo visivo,costringilo a portare gli occhiali sempre.Se il
bambino sforza gli occhi,il difetto visivo non può che peggiorare perchè la continua messa a fuoco stimola l'allungamento del bulbo oculare." etc...
Che tristezza.vedo sempre più bambini piccolissimi(alcuni ancora in passeggino)con occhiali spessi.E fossero gli occhiali l'unico problema...
Un saluto a tutti
Giada
Group: Visus
Subject: R: bambini
Message: 958
From: Roberto Amenta
Date: sab mar 02, 2002 10.31
From: ideamatic1
Date: mer mar 06, 2002 2.57
Non sempre è utile correggere una miopia in soggetto piccolo, bisogna
valutare diversi parametri per stabilire l'opportunità di una correzione
miopica.
Se non si corre il rischio che si instauri un ambliopia da non uso
altrettanto se non ci sono forie, la correzione miopica non andrebbe fatta,
resta chiaro che bisogna fare eseguire al bambino una serie di esercizi che
lo aiutino a non sviluppare, oltremodo, la miopia.
Un optometrista comportamentale o anche un esperto del metodo Bates
potrebbero essere le persone indicate.
Un saluto, Roberto.
-----Messaggio originale----Da: [email protected] <[email protected]>
A: [email protected] <[email protected]>
Data: sabato 2 marzo 2002 17.33
Oggetto: [Visus] bambini
>Leggo di continuo cose del genere,ma ogni volta ne resto un pò turbata.Ad
esempio:
>
>Dalla rivista "Tu",numero 4 Marzo 2002:
>
>"Se sei miope e lo è anche il tuo compagno tuo figlio ha un'altissima
probabilità di ereditare lo stesso tipo di disturbo.
>Vuoi sapere se tuo figlio sarà miope?Portalo dall'oculista prima che compia
due anni e,se è affetto da questo tipo di disturbo visivo,costringilo a
portare gli occhiali sempre.Se il bambino sforza gli occhi,il difetto visivo
non può che peggiorare perchè la continua messa a fuoco stimola
l'allungamento del bulbo oculare." etc...
>
>Che tristezza.vedo sempre più bambini piccolissimi(alcuni ancora in
passeggino)con occhiali spessi.E fossero gli occhiali l'unico problema...
>Un saluto a tutti
>Giada
>
>
>
>Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
>To unsubscribe from this group, send an email to:
>Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
>[email protected]
>
>
>
>L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
Group: Visus
Subject: undici capitoli di Silvio Caggia
Message: 959
Ciao Silvio e tutti,
Ho appena letto il racconto di Silvio, con un pò di ritardo :-(. Mi
fa moltissimo piacere che la sua strada verso lo scarto degli
occhiali sia stata relativamente breve e con tanto entusiasmo. (E
poi il resoconto non è noioso come lui temeva).
Solo un commento negativo: la guida senza occhiale è potenzialmente
molto pericolosa, non tanto per quello che si ha davanti ma per
quello che c'è per esempio sullo specchietto. Ci sono per legge dei
parametri minimi per l'acutezza visiva nella guida, so che negli
Stati Uniti è di 20/40, non so come si traduce in diottrie o quale
sia il parametro qui in Italia/Europa. (Qualcuno qui in lista
senz'altro ce lo saprà dire). Controlla questo accuratamente, per la
tua e la nostra sicurezza!
Auguroni, e continua con i capitoli successivi!
Paola
Group: Visus
Message: 960
Subject: conferenza degli educatori visivi a firenze 19 Maggio
From: maurizio cagnoli
Date: mer mar 06, 2002 12.51
From: FABRIZIO
Date: ven dic 21, 2001 11.07
[email protected] wrote:
>
> --- In [email protected], "Guido" <[email protected]> wrote:
> > L'idea del mirino è spaziale!!! Strano che non mi sia mai venuta in
> mente!!
> > Mi divertirò un casino a fare il cecchino!!! (per ora faccio il
> ciechino!!!
> > :-)))
>
> Guido,
> Sono contenta che questa tecnica possa esserti utile. Devo aggiungere
> che, quando diventeremo esperti nella centralizzazione con mirino,
> laser, matitone appuntito, ecc. Potremo smettere di chiamare questi
> aiuti cosi, e li chiameremo con il loro vero nome:
>
> fovea centralis
>
> A proposito del mirino, se vogliamo interpretarlo ancora
> più "filosoficamente" possiamo far riferimento al libro "lo zen e il
> tiro con l'arco", dove l'arciere diventa la freccia stessa e
> finalmente lui è anche il bersaglio.
> Più centralizzazione di così....
>
>
Proprio così!
Il primo e sconvolgente incontro di quanti insegnano il metodo Bates, di
quanti lo praticano, di quanti fanno anche altre cose, ma con un'occhio
a Bates.
Con qualche nome importante, qualche autore, qualche antesignano,
qualche super ricercatore e persino qualche oculista e qualche
optometrista (i migliori...).
Le adesioni sono già molte e importanti. Ci sarà una grossa quantità di
contributi importanti e di nuove iniziative.
Il programma definitivo apparirà a fine Marzo, ma intanto potete
visitare http://www.metodobates.it/simposio.htm e farvi un'idea.
L'invito è particolarmente rivolto a quelli che vorrebbero vedere in
faccia vari operatori prima di decidersi a lavorare con una guida....
E anche a quelli che desiderano un corposo scambio di informazioni..
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri) Italy
tel 0039 0765 608283
[email protected]
Home page “Buena Vista” engl. fr. sp. port. deutsch
http://www.geocities.com/buena-vista/
Home page “Buena Vista” in italiano
http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: consigli
Message: 961
Ciao a tutti mi chiamo Fabrizio.
E' da un po' che sono iscritto alla lista ma non ho mai visto parlare del mio probblema per questo mi sono deciso a scrivere.
Io sono ipermetrope mi mancano 5 diottrie per occhio
ma l' occhio sinistro vede molto meno .
Non ne conosco il motivo vorrei sapere se qualcuno
conosce qualche esercizio specifico per abituarlo a lavorare
di più.
Grazie
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: undici capitoli di Silvio Caggia
Message: 962
In Italia i parametri visivi di guida sono di 14/10 ambo gli occhi con non
meno di 4/10 per singolo occhio questo e da considerarsi con o senza
correzione. Il 20/40 corrisponde a 5/10 della tabella decimale che si usa in
Italia, mi sembra un pò pochino come il limite di sicurezza USA alla guida.
Un saluto, Roberto.
-----Messaggio originale-----
From: Roberto Amenta
Date: mer mar 06, 2002 9.52
Da: ideamatic1 <[email protected]>
A: [email protected] <[email protected]>
Data: mercoledì 6 marzo 2002 15.14
Oggetto: [Visus] undici capitoli di Silvio Caggia
Ciao Silvio e tutti,
Ho appena letto il racconto di Silvio, con un pò di ritardo :-(. Mi
fa moltissimo piacere che la sua strada verso lo scarto degli
occhiali sia stata relativamente breve e con tanto entusiasmo. (E
poi il resoconto non è noioso come lui temeva).
Solo un commento negativo: la guida senza occhiale è potenzialmente
molto pericolosa, non tanto per quello che si ha davanti ma per
quello che c'è per esempio sullo specchietto. Ci sono per legge dei
parametri minimi per l'acutezza visiva nella guida, so che negli
Stati Uniti è di 20/40, non so come si traduce in diottrie o quale
sia il parametro qui in Italia/Europa. (Qualcuno qui in lista
senz'altro ce lo saprà dire). Controlla questo accuratamente, per la
tua e la nostra sicurezza!
Auguroni, e continua con i capitoli successivi!
Paola
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: infinito
Message: 963
From: Barbara Pizzichelli
Date: gio mar 07, 2002 12.21
From: cloudsruffler
Date: gio mar 07, 2002 8.56
Dato che se ne è parlato in lista, segnalo che mercoledì prossimo, di
pomeriggio, Radio Tre dedicherà diverso tempo all'*Infinito* di Leopardi.
Nel frattempo è possibile telefonare e lasciare nella segreteria di
*Fahrenheit* la propria interpretazione del testo poetico.
Buon ascolto a tutti
Barbara
Group: Visus
Subject: R: Chiedo consigli
Message: 965
-----Messaggio originale---->Da: Domenico Intelisano [mailto:[email protected]]
...
>> Da: Jessica Tollin <[email protected]>
>> Risposta: [email protected]
>> Data: Tue, 26 Feb 2002 13:24:07 +0100
>> A: Visus <[email protected]>
>> Oggetto: [Visus] Chiedo consigli
>>
>>
>>
>>
>>
>>
>>
>>
>>
Circa un mese fa ho acquistato "Miglior vista senza occhiali" ed ho
cominciato a praticare
gli esercizi (palming, sunning, rilassamento della mente e dei muscoli
del collo...) ma
soprattutto ad evitare l'uso degli occhiali, in particolar modo
leggendo.
Dall'ultimo controllo è risultato che ho perso, rispetto all'ultima
visita di un anno fa, un'altra diottria
per occhio, ma ho recuperato un po' di astigmatismo.
E' normale che tra una misurazione e l'altra ci sia una discordanza anche
notevole.
Ma potresti essere benissimo peggiorata.
Non tutti capiscono subito bene come eseguire le tecniche solo leggendole,
ne è facile capire la priorità e l'importanza di queste. Il libro di Bates
andrebbe letto più di una volta e molto attentamente.
Nell'archivio passato dei messaggi dovresti trovare indicazioni utili per
capire meglio metodo e tecniche.
>Spero di non urtare la sensibilità di qualcuno ma devo dire che:
>-Non sempre è sufficiente applicare quanto si legge senza avere conoscenze
>specifiche nel campo infatti il dr. Bates era un oculista e non un
>meccanico
>della Ford!!
E' vero che a volte è difficile anche capire quello che si legge, ed il
libro di Bates, in questo, è un po ermetico. I migliori testi non sono stati
ancora tradotti in italia.
Per capire ed eseguire le tecniche di Bates non bisogna tuttavia essere
necessariamente degli esperti. Per insegnarle proficuamente è necessario
approfondire. Ma approfondire il lavoro di Bates prioritariamente, non altre
cose.
Per ottenere degli ottimi pomodori il contadino non studia Biologia
molecolare....
Certo che potendo avere un professionista preparato a disposizione, magari
insieme ad altre metodologie, tipo accomotrac, per aiutare a sbloccarsi,
potrebbe essere utile e a volte indispensabile.
A priori bisogna decidere quale filosofia seguire però.
Se si decide per la NVI (Natural Vision Improvement) bisogna farla bene, e
non annacquata.
>> L'ottico mi ha consigliato lenti multifocali o l'uso di 2 paia di
>> occhiali
Due paia di occhiali mi sembrano una buona soluzione, se ne è parlato in
lista tempo fa.
Se non costassero un botto anche tre...
Benvenuta e auguri!
"Per capire come è un'acquario da fuori, è meglio non essere un pesce".
André Malraux.
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
_________________________________________________________
Do You Yahoo!?
Get your free @yahoo.com address at http://mail.yahoo.com
Group: Visus
Subject: R: infinito
Message: 966
From: skyrunner
Date: gio mar 07, 2002 9.07
From: cloudsruffler
Date: gio mar 07, 2002 8.12
>-----Messaggio originale---->Da: Barbara Pizzichelli [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 7 marzo 2002 0.22
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] infinito
>
>
>Dato che se ne è parlato in lista, segnalo che mercoledì prossimo, di
>pomeriggio, Radio Tre dedicherà diverso tempo all'*Infinito* di Leopardi.
>Nel frattempo è possibile telefonare e lasciare nella segreteria di
>*Fahrenheit* la propria interpretazione del testo poetico.
Ho telefonato e ho lasciato la mia, di interpretazione.
Come sapete ho un debole per Leo...
La tasmetteranno? =8O
Mauro.
Group: Visus
Subject: R: Lettura caratteri minuscoli
Message: 967
>-----Messaggio originale---->Da: andreabalocchi [mailto:[email protected]]
>Inviato: lunedì 25 febbraio 2002 16.59
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] Lettura caratteri minuscoli
>
>
>Mi chiamo Andrea e leggo con attenzione ogni mail relativa a
>questo gruppo. Per ora ho una miopia di 1.00 per ogni occhio e
>0.25 di astigmatismo sempre per ogni occhio (circa).
>Vorrei porgerVi due domande:
> 1.. Qualcuno conosce qualche ortottico o oculista nella zona di
>Roma o Firenze in grado di farmi una visita accurata (circa 1 o due ore)?
> 2.. La lettura dei caratteri minuscoli a che distanza deve
>essere fatta dagli occhi o dall'occhio (esempio 1 cm) ?
>Grazie e a presto
Con la tua gradazione se resti miope è solo perche ti piace... : )
Lo scopo della lettura dei caratteri piccolissimi è quello di obbligarti a
centralizzare.
Secondo vari autori (non so ancora se Bates lo abbia mai sostenuto, ad
essere sincero) c'è anche un'altra interpretazione.
In particolare leggendo Agarwal, questi dice che la miopia deriva dallo
stress nella visione da lontano e che lo stress nella visione da vicino
provoca invece ipermetropia.
Quindi, leggendo caratteri piccolissimi da molto vicino dovrebbe portare
nella direzione opposta, e emmetropizzare...
Qualcuno fa eseguire anche varianti della lettura caratteri piccolissimi da
molto vicino.
Male non fa, secondo me. La miopia non è dovuta al lavoro da vicino, ma solo
a come si usa l'occhio per farlo, questo lavoro.
Nelle tecniche eseguite da molto vicino, tenere presente che i "guru" fanno
sempre bendare un'occhio.
Anche chi legge i caratteri piccolissimi con miopie molto forti dovrebbe
considerare la possibilità di farlo con un'occhio per volta.
Poi è giusto provare varianti delle varie tecniche, molti si sono sbloccati
provando ad eseguire le tecniche in modi diversi, pur conservandone
principi di base.
Come optometrista a pochi chilometri da Roma (Valmontone) conosco e
consiglierei anche io Paffetti.
Ottica Professional. 06.9598570
Ma penso che anche a Firenze e a Roma città ce ne siano di bravi.
"Non conta il colore del gatto, conta che acchiappi il topo"(Confucio)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
_________________________________________________________
Do You Yahoo!?
Get your free @yahoo.com address at http://mail.yahoo.com
Group: Visus
Subject: R: bambini
Message: 968
>-----Messaggio originale---->Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
>Inviato: sabato 2 marzo 2002 18.18
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] bambini
...
>Vuoi sapere se tuo figlio sarà miope?Portalo dall'oculista prima
>che compia due anni e,se è affetto da questo tipo di disturbo
>visivo,costringilo a portare gli occhiali sempre.Se il bambino
>sforza gli occhi,il difetto visivo non può che peggiorare perchè
>la continua messa a fuoco stimola l'allungamento del bulbo oculare." etc...
...
>Che tristezza.vedo sempre più bambini piccolissimi(alcuni ancora
>in passeggino)con occhiali spessi.E fossero gli occhiali l'unico
>problema...
Ho letto una pubblicità tempo fa su una rivista:
"Mese della prevenzione visiva"
La frase mi sembrava infelice e poco elegante.
Prevenire significa evitare l'insorgere di qualcosa...
Ma se questo è qullo che si vuole fare, allora siamo VERAMENTE di fronte ad
un tentativo di PREVENZIONE VISIVA. Si vuole forse evitare che qualcuno
From: cloudsruffler
Date: gio mar 07, 2002 9.01
veda....
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
_________________________________________________________
Do You Yahoo!?
Get your free @yahoo.com address at http://mail.yahoo.com
Group: Visus
Subject: R: undici capitoli di Silvio Caggia
Message: 969
From: skyrunner
>-----Messaggio originale---->Da: Roberto Amenta [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 6 marzo 2002 21.52
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] undici capitoli di Silvio Caggia
>
>
>In Italia i parametri visivi di guida sono di 14/10 ambo gli occhi con non
>meno di 4/10 per singolo occhio questo e da considerarsi con o senza
>correzione. Il 20/40 corrisponde a 5/10 della tabella decimale che
>si usa in
>Italia, mi sembra un pò pochino come il limite di sicurezza USA alla guida.
Io sapevo, da amici del settore, che il riferimento adottato è di 6 decimi
per occhio per non avere l'obbligo di lenti durante la guida. Probabilmente
è la linea pratica che si usa sempre.
Dal documento che allego sotto la cosa sembra un po' diversa, e molto più
complicata.
Comunque sia: OCCHIO A GUIDARE SENZA CORREZIONE!!!
Se proprio non li si vuole portare gli occhiali, allora è meglio far guidare
qualcun altro o scegliere altri mezzi. Ottime e salutari le passeggiate a
piedi ed in bicicletta...
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n° 495
"Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada"
Su G.U. n° 303 del 28/12/92)
Variazioni ed integrazioni da D.P.R.16/9/96, n.610 - G.U. 4/12/96, n. 284
Con riferimento anche al D.L. 30/4/92, n. 285 - "Nuovo codice della strada"
Requisiti per il rilascio della patente di guida - Artt. da 119 a 121 Codice
della Strada)
319. (Art. 119 Cod. Str.) Requisiti fisici e psichici per il conseguimento,
la revisione e la conferma di validità della patente di guida.
1. Per il conseguimento, la revisione o la conferma di validità della
patente di guida per autoveicoli o motoveicoli occorre che il richiedente,
all'accertamento sanitario praticato con i comuni esami clinici e con gli
accertamenti specialistici ritenuti necessari, non risulti affetto da
malattia fisica o psichica, deficienza organica o minorazione psichica,
anatomica o funzionale, tale da impedire di condurre con sicurezza i tipi di
veicoli alla guida dei quali la patente abilita.
2. I medici di cui all'articolo 119, comma 2, del codice, nel rilasciare il
certificato d'idoneità alla guida, dovranno tenere in particolare
considerazione le affezioni morbose di cui all'articolo 320.
3. Quando dalle constatazioni obiettive, o dai risultati della visita
psicologica di cui all'articolo 119, comma 9, del codice, e dalle altre
indagini cliniche e di laboratorio ritenute indispensabili, si evidenzino
malattie fisiche o psichiche o deficienze organiche o minorazioni anatomiche
o funzionali di cui agli articoli 320, 321, 322 e 323, il medico può
rilasciare il certificato di idoneità solo quando accerti e dichiari che
Date: ven mar 08, 2002 5.21
esse non possono comunque pregiudicare la sicurezza nella guida di quei tipi
di veicoli ai quali la patente abilita.
4. Nei casi dubbi, o quando sia espressamente previsto, il giudizio di
idoneità viene demandato alla competenza della commissione medica locale di
cui all'articolo 119, comma 4, del codice, che indicherà anche l'eventuale
scadenza entro la quale effettuare il successivo controllo, cui è
subordinato il rilascio o la conferma o la revisione della patente di guida.
5. Il medico accertatore di cui all'articolo 119, comma 2, del codice,
effettua la visita medica di idoneità alla guida presso la struttura
pubblica di appartenenza o comunque all'interno di gabinetti medici dotati
delle attrezzature necessarie allo scopo. (17)
(17) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 179.
320. (Art. 119 Cod. Str.) Malattie invalidanti. - 1. Le malattie ed
affezioni riportate nell'appendice II al presente titolo, con le
specificazioni per ognuna di esse indicate nell'appendice medesima,
escludono la possibilità di rilascio del certificato di idoneità alla guida.
321. (Art. 119 Cod. Str.) Efficienza degli arti. - 1. Non possono conseguire
o ottenere la conferma di validità della patente di guida coloro che
presentino, in uno o più arti, alterazioni anatomiche o funzionali
invalidanti. Sono da giudicare invalidanti, ai fini della guida, le
alterazioni anatomiche o funzionali, considerate singolarmente e nel loro
insieme, tali da menomare la forza o la rapidità dei movimenti necessari per
eseguire con sicurezza tutte le manovre inerenti alla guida di quei
determinati tipi di veicoli ai quali la patente abilita.
2. Ai fini del presente articolo l'efficienza degli arti deve essere
valutata senza l'uso di apparecchi di protesi od ortesi. (18)
(18) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 180.
322. (Art. 119 Cod. Str.) Requisiti visivi. - 1. Per il conseguimento, la
conferma di validità o la revisione della patente di guida per motoveicoli
ed autoveicoli di qualsiasi categoria è necessario che il richiedente
possegga campo visivo normale e senso cromatico sufficiente per distinguere
rapidamente e con sicurezza i colori in uso nella segnaletica stradale, una
sufficiente visione notturna e la visione binoculare.
2. Per il conseguimento o la conferma di validità della patente di guida per
motoveicoli od autoveicoli delle categorie A e B occorre possedere
un'acutezza visiva non inferiore ai dieci decimi complessivi con non meno di
due decimi per l'occhio che vede di meno, raggiungibile con lenti sferiche
positive o negative di qualsiasi valore diottrico, purché la differenza tra
le due lenti non sia superiore a tre diottrie.
3. Per il conseguimento, la conferma di validità o la revisione della
patente di guida per gli autoveicoli delle categorie C, D, E occorre
possedere un'acutezza visiva pari ad almeno quattordici decimi complessivi
con non meno di cinque decimi nell'occhio che vede di meno, raggiungibile
con lenti sferiche positive o negative di qualsiasi valore diottrico, purché
la differenza tra le due lenti non sia superiore a tre diottrie, e
l'acutezza visiva non corretta sia almeno pari ad un decimo per ciascun
occhio.
4. In caso di visus naturale al di sotto del minimo prescritto per vizio
miopico da un occhio ed ipermetropico dall'altro, correggibile
rispettivamente con lenti sferiche negative o positive, la differenza di
rifrazione tra le due lenti non può essere, del pari, superiore a tre
diottrie.
5. Nel caso in cui la correzione si renda necessaria per un solo occhio, il
grado di rifrazione della lente non potrà essere superiore a tre diottrie
sia positive che negative.
6. Quando alle lenti di base sferiche sia associata una lente cilindrica, il
calcolo della differenza di rifrazione deve essere effettuato tenendo conto
soltanto del valore diottrico delle lenti sferiche di base.
7. Nel caso di visus naturale al di sotto del minimo prescritto per solo
vizio di astigmatismo, correggibile con lenti cilindriche positive o
negative, non si stabiliscono vincoli diottrici, ma l'uso di dette lenti
deve essere tollerato ed efficace.
8. L'acutezza visiva può essere raggiunta anche con l'adozione di lenti a
contatto.
9. Il visus raggiunto dopo l'impianto di lenti artificiali endoculari è
considerato, in sede di esame, come visus naturale.
10. Le correzioni di cui ai commi precedenti devono essere efficaci e
tollerate.
11. Le patenti di guida della categoria C, D, E non devono essere rilasciate
né confermate se il candidato o conducente ha un campo visivo ridotto o se è
colpito da diplopia o da visione binoculare difettosa.
12. Qualora si scopra o si sospetti l'esistenza di una malattia in atto o
pregressa dell'apparato visivo, associata o non a vizi di rifrazione, che
sia o sia stata causa di menomazione del campo visivo, del senso cromatico,
della visione notturna o della visione binoculare, si devono prevedere, da
parte della commissione medica locale, esami della vista a periodi non
superiori a due anni, al cui esito sarà subordinato il rinnovo della patente
di guida.
13. Nel caso in cui la riduzione del visus o degli altri parametri oculari
dipenda da una malattia dell'apparato visivo il certificato dovrà essere
rilasciato dalla commissione medica locale la quale potrà indicare
l'opportunità che la validità della patente sia ridotta ad un periodo non
superiore a due anni. (19)
(19) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 181.
323.(Art. 119 Cod. Str.) Requisiti uditivi. - 1. Per il conseguimento, la
conferma di validità o la revisione della patente di guida per motoveicoli
ed autoveicoli delle categorie A e B occorre percepire da ciascun orecchio
la voce di conversazione con fonemi combinati a non meno di due metri di
distanza.
2. La funzione uditiva può essere valutata con l'uso di apparecchi
correttivi dell'udito monoaurali o binaurali, purché tollerati. L'efficienza
delle protesi deve essere attestata dal costruttore con certificazione
rilasciata in data non anteriore a tre mesi, da esibire al medico di cui
all'articolo 119, comma 2, del codice.
3. Per il conseguimento, la conferma di validità o la revisione della
patente di guida per auto veicoli delle categorie C, D, E occorre percepire
la voce di conversazione con fonemi combinati a non meno di otto metri di
distanza complessivamente e a non meno di due metri dall'orecchio che sente
di meno, con valutazione della funzione uditiva senza l'uso di apparecchi
correttivi.
324. (Art. 119 Cod. Str.) Valutazione psicodiagnostica e test
psicoattitudinali. - 1. Per il conseguimento, la conferma di validità o per
la revisione della patente di guida per autoveicoli delle categorie C, D ed
E e per le patenti speciali delle categorie C e D, sono richiesti tempi di
reazione a stimoli semplici e complessi, luminosi ed acustici,
sufficientemente rapidi e regolari per poter essere classificati almeno nel
quarto decile della scala decilica di classificazione.
2. Nel caso sia richiesta, ai sensi dell'articolo 119, comma 9, del codice,
una valutazione psicodiagnostica, devono essere effettuate, oltre alle prove
di cui al comma 1, anche altre prove di attenzione, di percezione e, su
specifica indicazione del medico o della commissione medica richiedente,
prove di valutazione della personalità. In ogni caso gli psicologi che
procedono alle valutazioni previste dal presente articolo devono essere in
possesso, oltre che dei requisiti di cui all'articolo 119, comma 9, del
codice, di una specifica formazione nel settore della sicurezza stradale.
(20)
(20) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 182.
325. (Art. 119 Cod. Str.) Requisiti visivi per il conseguimento, la conferma
e la revisione della patente speciale delle categorie A, B, C e D. - 1.
Possono conseguire o ottenere la conferma di validità o essere sottoposti
alla revisione della patente speciale delle categorie A e B:
a) i monocoli che abbiano nell'occhio superstite un'acutezza visiva non
inferiore ad otto decimi raggiungibile anche con qualsiasi correzione di
lenti;
b) coloro che, abbiano in un occhio un'acutezza visiva inferiore a un decimo
non correggibile con lenti e nell'altro occhio un'acutezza visiva non
inferiore a otto decimi raggiungibile anche con qualsiasi correzione di
lenti;
c) coloro che, pur non avendo un'acutezza visiva pari al minimo prescritto
per la patente di guida delle categorie A e B, posseggono tuttavia
un'acutezza visiva non inferiore a otto decimi complessivi con un minimo di
un decimo nell'occhio che vede di meno, raggiungibile con lenti sferiche
positive o negative di qualsiasi valore diottrico, purché la differenza di
rifrazione fra le due lenti non sia superiore alle tre diottrie;
d) coloro che raggiungono i minimi di visus prescritti dalle lettere a), b)
e c) anche soltanto con l'adozione di lenti a contatto.
2. Ove ricorra il caso, i valori diottrici delle lenti devono essere
calcolati come stabilito per il rilascio, la conferma e la revisione delle
patenti di guida delle categorie A e B.
3. Le correzioni di cui alle lettere a), b), c) e d) del comma 1 devono
essere tollerate ed efficaci.
4. Gli interessati di cui alle lettere a) e b) devono possedere campo visivo
normale e senso cromatico sufficiente nell'occhio superstite o migliore,
nonché sufficiente visione notturna. Quelli di cui alle lettere c) e d)
devono possedere tali requisiti in ambedue gli occhi, nonché sufficiente
visione binoculare.
5. I valori dell'acutezza visiva previsti alle lettere a), b) e c) del comma
1 del presente articolo possono essere raggiunti anche con l'uso di lenti a
contatto.
6. Per il conseguimento, la conferma di validità o la revisione delle
patenti speciali di categoria C e D, i requisiti visivi richiesti sono gli
stessi di quelli previsti per il conseguimento, la conferma di validità o
per la revisione delle patenti di guida di categoria C e D. (21)
(21) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 183.
326. (Art. 119 Cod. Str.) Requisiti uditivi per il conseguimento, la
conferma e la revisione della patente speciale delle categorie A, B, C e
D. - 1. Possono conseguire, ottenere la conferma di validità o essere
sottoposti a revisione della patente speciale delle categorie A e B, coloro
che non raggiungono i requisiti uditivi richiesti per la patente di guida
della categoria A e B, purché i veicoli siano muniti su ambedue i lati di
specchi retrovisori di superficie e caratteristiche non inferiori a quelle
prescritte per lo specchio esterno d'obbligo.
2. Per il conseguimento, la conferma di validità o la revisione della
patente speciale delle categorie C e D occorre percepire la voce di
conversazione con fonemi combinati a non meno di quattro metri di distanza
ed a non meno di due metri per l'orecchio che sente di meno.
3. La funzione uditiva per il conseguimento, la conferma di validità o la
revisione delle patenti speciali di categoria A, B, C e D può essere
valutata con l'uso di apparecchi correttivi dell'udito monoaurali o
binaurali, purché tollerati.
4. Le caratteristiche tecniche delle protesi, e la loro efficienza, devono
essere attestate dal costruttore con certificazione, rilasciata in data non
anteriore a tre mesi, da esibire all'organo medico che procede
all'accertamento dell'idoneità fisica. (22)
(22) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 184.
327. (Art. 119 Cod. Str.) Requisiti relativi agli arti e alla colonna
vertebrale, per il conseguimento, la conferma e la revisione della patente
speciale delle categorie A, B, C e D. - 1. Coloro che presentino minorazioni
anatomiche o funzionali a carico degli arti o colonna vertebrale possono
conseguire o confermare la validità o essere sottoposti a revisione della
patente speciale di categoria A, B, C e D, purché la relativa funzione possa
essere vicariata o assistita con l'adozione di adeguati mezzi protesici od
ortesici o mediante adattamenti particolari ai veicoli da condurre.
2. Sulla base delle direttive impartite dal comitato tecnico di cui
all'articolo 119, comma 10, del codice, la funzionalità delle protesi e
delle ortesi o l'individuazione degli adattamenti deve essere verificata
dalla commissione medica locale.
3. L'efficienza delle protesi e delle ortesi deve essere attestata dal
costruttore con certificazione rilasciata in data non anteriore a tre mesi
da esibire alla commissione che procede all'accertamento.
4. L'efficienza degli adattamenti dovrà essere verificata al momento del
collaudo del veicolo presso un ufficio provinciale della Direzione generale
della M.C.T.C., sulla base di dichiarazione rilasciata dal costruttore
attestante la corrispondenza ad un tipo approvato.
5. Il rilascio o la conferma di validità della patente di categoria A per la
guida di motocicli non può essere concessa ai minorati degli arti.
6. La commissione medica locale nel valutare la possibilità del rilascio di
patenti speciali ai portatori di più minorazioni relative a più organi o
apparati considera lo stato psicofisico complessivo del soggetto, e può
fissare un periodo di validità minore di quello massimo previsto
dall'articolo 126 del codice. (23)
(23) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 185.
328. (Art. 119 Cod. Str.) Requisiti relativi ad anomalie somatiche per il
conseguimento, la conferma e la revisione della patente speciale delle
categorie A, B, C e D. - 1. Coloro che, per anomalie della conformazione o
dello sviluppo somatico non possono eseguire agevolmente e con sicurezza
tutte le manovre inerenti alla guida di quei determinati tipi di veicoli ai
quali la patente abilita, possono conseguire, ottenere la conferma di
validità o essere sottoposti a revisione della patente speciale delle
categorie A, B, C e D, purché i veicoli siano adattati secondo le loro
esigenze ovvero presentino caratteristiche costruttive tali da rendere
superfluo l'adattamento. (24)
(24) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 186.
329. (Art. 119 Cod. Str.) Patenti speciali delle categorie C e D. - 1. La
patente speciale di categoria C abilita alla guida di autoveicoli aventi
massa complessiva a pieno carico non superiore a 11,5 t. La patente speciale
di categoria D abilita alla guida di autoveicoli aventi un numero di posti a
sedere, escluso quello del conducente, non superiore a 16.
2. La commissione medica locale di cui all'articolo 119, comma 4, del
codice, potrà limitare la guida ad autoveicoli di caratteristiche inferiori
a quelle previste dal comma 1.
3. Le limitazioni devono essere riportate sulla patente; in questa deve
essere precisato quale protesi o ortesi sia prescritta, ove ricorra, e quale
adattamento sia richiesto sul veicolo. (25)
(25) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 187.
330. (Art. 119 Cod. Str.) Commissioni mediche locali. - 1. Il presidente
della commissione medica locale è nominato con decreto del Ministro dei
trasporti e della navigazione di concerto con il Ministro della sanità su
designazione del responsabile dell'unità sanitaria locale presso la quale
opera la commissione.
2. Il presidente di tale commissione deve essere il medico responsabile
dell'ufficio medico legale, ove esistente, ovvero, in mancanza di detto
ufficio, il medico responsabile del settore cui, secondo le disposizioni
interne, siano attribuite le corrispondenti funzioni in materia.
3. La commissione è composta di due membri effettivi e di due supplenti
ricompresi fra i medici di cui all'articolo 119, comma 2, del codice. Tali
medici, tutti in attività di servizio, sono designati dalle amministrazioni
competenti. I membri partecipanti alle sedute della commissione, effettivi o
supplenti, devono appartenere ad amministrazioni diverse.
4. Qualora l'accertamento medico sia richiesto da mutilati o minorati
fisici, la composizione della commissione è integrata da un ingegnere
appartenente al ruolo della carriera direttiva tecnica della Direzione
generale della M.C.T.C., nonché da un medico appartenente ai servizi
territoriali della riabilitazione.
5. Il presidente, sulla base delle designazioni ricevute, costituisce la
commissione medica locale e può designare a presiederla, in caso di sua
assenza o impedimento, un vice presidente scelto fra i membri effettivi. In
tal caso il vicepresidente è sostituito da uno dei supplenti.
6. La commissione può avvalersi di singoli consulenti oppure di istituti
medici specialistici appartenenti a strutture pubbliche, con onere a carico
del soggetto esaminato.
7. La commissione opera presso idonei locali dell'unità sanitaria locale,
facilmente accessibili anche per i mutilati e minorati fisici.
8. Il presidente convoca la commissione in relazione al numero ed alla
natura delle richieste ed assicura il funzionamento dell'ufficio di
segreteria della commissione avvalendosi di personale in servizio presso
l'unità sanitaria locale.
9. Per ogni commissione opera un ufficio di segreteria che organizza le
sedute curando, altresì, la convocazione di coloro che devono sottoporsi
agli accertamenti sanitari e la raccolta e l'archiviazione della
documentazione sanitaria degli esaminati. L'interessato che ne faccia
richiesta può, a sue spese, essere assistito durante la visita da un medico
di fiducia.
10. Nel caso previsto dall'articolo 119, comma 4, lettera c) del codice,
l'accertamento deve essere effettuato presso la commissione medica locale
indicata nel provvedimento con cui è disposto. L'esito dell'accertamento
deve essere comunicato all'autorità richiedente.
11. Il giudizio di non idoneità formulato dalla commissione medica locale
deve essere comunicato all'ufficio provinciale della Direzione generale
della M.C.T.C. nel cui territorio di competenza opera la commissione stessa.
12. Il certificato deve essere compilato in ciascuna delle parti relative ai
requisiti prescritti per la guida dei veicoli ai quali abilita la patente
richiesta ovvero posseduta e, se necessario, può essere integrato da fogli
aggiuntivi.
13. I giudizi delle commissioni mediche locali sono formulati a maggioranza.
In caso di parità prevale il giudizio del presidente o, in caso di sua
assenza, del vice presidente che presiede la seduta.
14. I certificati delle commissioni mediche locali devono essere consegnati
agli interessati previa sottoscrizione per ricevuta ed apposizione della
data di consegna, ovvero inoltrati per posta con lettera raccomandata con
avviso di ricevimento.
15. Entro il mese di febbraio di ogni anno il presidente della commissione
medica locale, invia al Ministero dei trasporti e della navigazione e a
quello della sanità una dettagliata relazione sul funzionamento dell'organo
presieduto, relativa all'anno precedente, indicando il numero e il tipo di
visite mediche effettuate nelle diverse sedute e quant'altro ritenuto
necessario. I dati più significativi vengono pubblicati nel rapporto annuale
previsto dall'articolo 1, comma 2, del codice.
16. Possono essere costituite più commissioni mediche locali con il limite,
di norma, di una per ogni milione di abitanti nel capoluogo di provincia e
di una per ogni cinquecentomila abitanti in ogni provincia, esclusi quelli
del capoluogo. L'istituzione di tali commissioni, richiesta dal sindaco del
capoluogo di provincia o, nell'ambito della provincia, dal sindaco del
comune di maggiore importanza, è subordinata all'accertamento dell'esistenza
di obiettive condizioni da parte del Ministero dei trasporti e della
navigazione di concerto con il Ministero della sanità.
17. Il Ministro dei trasporti e della navigazione, di concerto con i
Ministri della sanità e del tesoro, determina i diritti dovuti dagli utenti
per le operazioni di competenza delle commissioni mediche locali, le quote
da destinare per le spese di funzionamento delle stesse, comprese quelle
relative all'ufficio di segreteria, nonché le quote per gli emolumenti ed i
rimborsi di spese ai componenti delle commissioni medesime. La misura dei
diritti dovuti dagli utenti deve essere determinata in modo tale da
garantire l'integrale copertura delle spese di funzionamento delle suddette
commissioni. (26)
(26) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 188.
331. (Art. 119 Cod. Str.) Certificati medici. 1. I certificati medici devono essere conformi ai modelli allegati, che
fanno parte del presente regolamento e vanno compilati:
a) quello di cui al modello IV.4 (comunicazione all'ufficio centrale della
Direzione generale della M.C.T.C. in caso di conferma della validità della
patente di guida) dai medici indicati dall'articolo 119, comma 2, del
codice;
b) quello di cui al modello IV.5 dai medici indicati dall'articolo 119,
comma 2, del codice, su carta di colore bianco;
c) quello di cui al modello IV.6 dalle commissioni mediche locali, su carta
di colore celeste.
2. I certificati devono essere compilati, in ciascuna delle parti relative
ai requisiti prescritti per la guida dei veicoli, o dei tipi di veicoli,
della categoria di patente richiesta e, se necessario, possono essere
integrati da fogli aggiuntivi. In caso di conferma di validità della patente
l'esito della visita medica deve essere comunicato al competente ufficio
centrale della Direzione generale della M.C.T.C. in forma cartacea o in via
telematica o su supporto magnetico secondo i tracciati record prescritti
dalla Direzione generale della M.C.T.C.. Se la comunicazione avviene su
supporto cartaceo essa deve essere fatta su modello IV.4 e deve essere
inviata al suddetto ufficio che, dopo averla archiviata elettronicamente, la
rinvia alle strutture sanitarie che hanno rilasciato il certificato per la
verifica di autenticità e la successiva archiviazione. (27)
(27) Articolo così modificato dal D.P.R. 16 settembre 1996, n.610, art. 189.
Group: Visus
Subject: Spinaci (luteina) e retinopatie
Message: 970
From: skyrunner
Date: ven mar 08, 2002 5.22
From: Rocco Bovino
Date: dom mar 10, 2002 10.20
Gli spinaci sono un'ottima fonte di luteina e zeaxantina, due potenti
carotenoidi antiossidanti che ti proteggono gli occhi dai danni
dell'invecchiamento: ne contengono ben 485 microgrammi per etto. Uno studio
condotto dalla Tufts University ha rivelato che chi mangia spesso spinaci
riduce del 43% il rischio di contrarre la degenerazione maculare senile, una
grave patologia della retina
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: (Nessun oggetto)
Message: 971
Ciao.
volevo sapere se qualcuno aveva fatto esperienza per
la cura alla miopia grazie alle lenti che modificano
la cornea.
voglio fare il pilota possono esserci
controindicazioni?
grazie.
______________________________________________________________________
Guarda il nuovo video di Natalie Imbruglia, e 3 clip audio
http://it.yahoo.com/mail_it/foot/?http://it.music.yahoo.com/natalie/
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 12
Message: 972
Ho trovato un pochino di tempo e sono riuscito a finire un altro
capitolo della mia storia, speriamo di poter continuare così!
Ciao
Silvio
Capitolo dodicesimo – Gli errori
Mi sono chiesto tante volte: "Cosa ho fatto di male per meritarmi
questo?". Non nel senso morale della frase ma nel senso di: "Quali
furono le cause della mia miopia? Perché cominciai a vedere in questo
modo? Avevo forse fatto degli errori che avrei potuto evitare? Sto
continuando a farli senza rendermene conto?".
Ho provato a mettere ordine ai ricordi ripercorrendo i fatti salienti
della mia vita che potrebbero aver influito sulla mia miopia.
Nacqui e vissi per tre anni in un paesino della Sicilia. All'età di 3
anni la mia famiglia emigrò per lavoro a Torino. Mi hanno raccontato
che camminavo avanti ed indietro per la mia stanza e dissi a mia
madre: "Mi sento come un leone in gabbia!"; probabilmente la visita
allo zoo mi aveva impressionato, ma anche la vita in un condominio di
una città molto fredda rispetto al paese!
All'età di 4 anni cominciai ad andare all'asilo. Fui operato di
tonsille ed ebbi i cosiddetti "raumatismi nel sangue" per i quali
feci molte punture di antibiotici. Dovevo essere affascinato dalla
figura del "dottore", cioè del medico di famiglia, soprattutto del
fatto che ogni volta, alla fine della visita, faceva degli
scarabocchi su dei pezzetti di carta che tutti tenevano in gran
considerazione. Mi hanno raccontato che anch'io facevo degli
scarabocchi sui fogli e dicevo quindi di essere un "dottore"!
Per passare il tempo nella sala d'attesa del medico, mia madre mi
comprò il mio primo "Topolino", ma all'inizio guardavo solo le
figure. Continuavo a fare scarabocchi sui pezzetti di carta
spacciandole per ricette mediche e pretendendo che i miei le
From: s_caggia
Date: ven mar 15, 2002 6.10
leggessero; i miei mi insegnarono così a leggere e scrivere lo
stampatello maiuscolo e quello minuscolo. A 5 anni cominciai ad
andare a scuola dove dovetti imparare a scrivere in corsivo; io mi
trovavo così bene con lo stampatello, anche il minuscolo, del resto
tutte le scritte che trovavo in giro erano in stampatello!
All'età di 6 anni cominciai a leggere assiduamente "Topolino", ogni
settimana appena usciva correvo a comprarlo, poi mi mettevo
rannicchiato nella mia poltrona preferita e lo leggevo tutto di un
fiato. Cominciai a scambiare i giornalini con il vicino di casa che
aveva una collezione "storica" ereditata dai fratelli, certi giorni
ne "divoravo" una pila. Mi sentivo spesso fiacco, le analisi
trovavano "cilindri" nelle urine. Alla fine del primo anno di scuola
fui ricoverato per un mese per una "glomerulonefrite". Per anni mi
sconsigliarono di fare attività fisica, leggevo quindi molto, fumetti
come evasione, ma anche molti libri: quelli di testo prima che
cominciasse l'anno scolastico, varie enciclopedie, addirittura
l'intero vocabolario Zingarelli della lingua italiana!
Leggevo molto velocemente, quando dovevo leggere qualcosa che non mi
interessava particolarmente, come i libri di narrativa, sfogliavo
solo e "sentivo" di aver capito "il succo" di quello che c'era
scritto nelle pagine, senza in realtà ricordare di aver letto alcuna
frase in particolare. Leggevo spesso in condizioni "limite":
rannicchiato in posizione "fetale" nella mia poltrona preferita,
magari in penombra, a volte per non essermi reso conto
dell'imbrunire, a volte per la pigrizia di alzarmi ad accendere la
luce; oppure a letto con la sola luce di una abat-jour con una
lampadina da "3 candele"; certe volte, di notte, per evitare il
divieto di tenere la luce accesa, ero arrivato a sperimentare la
lettura con la sola luce di una lampadina da albero di natale posta
su un angioletto di gesso sulla testata del mio letto!
Avevo sentito dire che i gatti vedono al buio e ricordo che cercavo
stupidamente di sviluppare questa facoltà (sarà stata l'influenza dei
supereroi dei fumetti!), una volta provai anche a leggere sotto le
coperte illuminando una riga di testo alla volta con i grani
fosforescenti di un rosario…
Ma il "clou" fu un pomeriggio al doposcuola delle elementari; senza
farlo apposta avevo fatto cadere gli occhiali ad un mio compagno e
lui era andato su tutte le furie rincorrendomi per tutto l'istituto;
lui poteva menare me, ma portando gli occhiali era un "intoccabile"
(se glieli avessi rotti i miei avrebbero dovuto pagarli ed io le
avrei prese…); rifugiatomi tra le braccia della maestra piangevo e
pensai: voglio anch'io portare gli occhiali!
Non passò molto tempo che cominciai a vedere la "nebbiolina" davanti
alla lavagna, e così a 10 anni, in quinta elementare, misi il mio
primo paio di occhiali: –1,50 diottrie da ciascun occhio.
Continuavo a leggere in modo ossessivo e soprattutto portando sempre
gli occhiali, da allora fu un "continuum" di peggioramenti fino ad
arrivare a 18 anni, conseguita la maturità, a portare –4,50 diottrie!
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse
una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo
della professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.)
è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.
Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza
autorizzazione dell'autore, purché a fini non commerciali e citando
l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in
continua evoluzione):
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/Vista.doc
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 13
Message: 973
Anche oggi un nuovo capitolo!
Ciao
Capitolo tredicesimo – La crisi
A dicembre 2001 avevo scritto che non portavo praticamente più gli
occhiali da più di un anno, vivevo nella serenità del sentire che
lentamente ma continuamente la mia vista migliorava, avevo fatto pace
con i miei occhi e riuscivo a vivere la mia quotidianità praticamente
senza l'ausilio degli occhiali… Ma a gennaio del 2002 entro in un
nuovo progetto lavorativo: nuovo ambiente, nuovi colleghi, nuovo
cliente, nuovi utenti con cui interagire… soprattutto mi trovo nella
nuova situazione di passare gran parte del tempo posto dietro le
spalle di un gruppo di utenti posti davanti ad un computer e doverli
guidare nel collaudo di una nuova applicazione, od assistere, sempre
dalla stessa posizione, alla presentazione di nuove funzionalità da
From: s_caggia
Date: lun mar 18, 2002 2.54
parte di miei colleghi. In pratica mi trovo a dover mettere
perfettamente a fuoco gli schermi di 2 computer ad 1 - 1,5 metri di
distanza! Con estrema riluttanza ho dovuto all'inizio rassegnarmi a
passare diverse ore al giorno con gli occhiali, solo adesso, dopo 2
mesi di ambientamento, comincio a ridurne il tempo d'uso, sia perché
ho preso confidenza con l'applicazione e sono più tranquillo su
quello che mostra, sia prendendo confidenza con le persone e
riducendo quindi la distanza a cui mi pongo dai computer.
Il fastidio di mettere e togliere continuamente gli occhiali mi ha
però portato a cercare di spingere di più sull'acceleratore del mio
miglioramento visivo (che si era effettivamente un po' adagiato sugli
allori!) tanto da "investire" alcuni week-end per scrivere un
programma che da tempo mi girava per la testa: un programma che aiuti
a migliorare la vista utilizzando proprio il tanto "maledetto"
computer!
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse
una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo
della professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.)
è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.
Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza
autorizzazione dell'autore, purché a fini non commerciali e citando
l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in
continua evoluzione):
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/Vista.doc
Group: Visus
Subject: R: La mia storia - Capitolo 13
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 974
Anche oggi un nuovo capitolo!
Ciao
Capitolo tredicesimo – La crisi
A dicembre 2001 avevo scritto che non portavo praticamente più gli
occhiali da più di un anno, vivevo nella serenità del sentire che
lentamente ma continuamente la mia vista migliorava, avevo fatto pace
con i miei occhi e riuscivo a vivere la mia quotidianità praticamente
senza l'ausilio degli occhiali… Ma a gennaio del 2002 entro in un
nuovo progetto lavorativo: nuovo ambiente, nuovi colleghi, nuovo
cliente, nuovi utenti con cui interagire… soprattutto mi trovo nella
nuova situazione di passare gran parte del tempo posto dietro le
spalle di un gruppo di utenti posti davanti ad un computer e doverli
guidare nel collaudo di una nuova applicazione, od assistere, sempre
dalla stessa posizione, alla presentazione di nuove funzionalità da
parte di miei colleghi. In pratica mi trovo a dover mettere
perfettamente a fuoco gli schermi di 2 computer ad 1 - 1,5 metri di
distanza! Con estrema riluttanza ho dovuto all'inizio rassegnarmi a
passare diverse ore al giorno con gli occhiali, solo adesso, dopo 2
mesi di ambientamento, comincio a ridurne il tempo d'uso, sia perché
ho preso confidenza con l'applicazione e sono più tranquillo su
quello che mostra, sia prendendo confidenza con le persone e
riducendo quindi la distanza a cui mi pongo dai computer.
Il fastidio di mettere e togliere continuamente gli occhiali mi ha
però portato a cercare di spingere di più sull'acceleratore del mio
miglioramento visivo (che si era effettivamente un po' adagiato sugli
allori!) tanto da "investire" alcuni week-end per scrivere un
programma che da tempo mi girava per la testa: un programma che aiuti
a migliorare la vista utilizzando proprio il tanto "maledetto"
computer!
Ragazzi, i contributi come questo sono utili, preziosi e s timolanti.
Tolgono il miglioramento della vista dal piano mitico dei Se e dei forse e
lo fanno rientrare nella quotidianità.
In più, se riusciamo ad avere un bel giocattolo a disposizione che aiuti chi
lavora al computer, possiamo proprio leccarci i baffi.
Volevo già scrivere a proposito del penultimo capitolo de "la mia storia",
ma sono indaffaratissimo alla preparazione del convegno degli educatori
visivi del 19 Maggio e ho u po' ritardato. Volevo soffermarmi su due punti:
1) Altri complimenti per la minuziosità dei ricordi, che ha sicuramente
fatto scattare analoghi ricordi a tutti noi. Inoltre viene ricostruito tutto
un modo di porsi, tutto uno stile di vita, chiarendo come diventare miope
possa essere una scelta o meglio un insieme di scelte coerenti.
2) Però manca un po' il PERCHE'. Anche se è ben spiegato il COME. O meglio,
From: maurizio cagnoli
Date: lun mar 18, 2002 10.30
il perchè è appena accennato e si intuisce tra le righe. Mi riferisco alle
emozioni, al dolore, alle paure, alle frustrazioni, alle timidezze,
insicurezze e via discorrendo, che spingono poi a richiudersi, a contrarre
la propria energia e a scegliere di concentrarsi su cose molto vicine e
mentali.
Ora, niente di strano in tutto ciò: se c'è proprio una cosa che non vogliamo
vedere e neppure ricordare è proprio il dolore. Anzi non vogliamo ricordarci
niente che abbia a che fare con le emozioni, perchè potrebbe aprire la
strada alla possibilità di provare nuovamente dolore, o perlomeno questo è
quello che pensa il nostro bambino interiore.
Penso che prima o poi bisogna fare i conti con quel bambino spaventato che è
ancora spaventato e non è ancora sicuro di volere aprire i propri occhi al
mondo.
Bisogna volersi ricordare le emozioni. Per guarirle: per fortuna, abbiamo
molto imparato, siamo cresciuti e abbiamo le risorse per affrontare
positivamente tutte quelle cose.
Non dico che questo debba essere il punto di partenza, ma prima o poi è bene
passarci.
Ciao
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 14
Message: 975
Capitolo quattordicesimo – Le "mie" tecniche
- Tabelle di Snellen: l'osservazione degli "ottotipi" è sicuramente
la tecnica che pratico di più; all'inizio, come ho già scritto, ne
avevo affissi in tutta la casa, ora ne tengo giusto due in camera da
letto. Varianti: osservo tutte le scritte che capitano a portata di
sguardo, es. targhe automobilistiche, nomi delle vie, insegne di
negozi, cartelli pubblicitari, …
- Lettura caratteri piccolissimi: stampo sempre da 4 a 8 pagine per
foglio così da risparmiare anche carta e darmi l'impressione che ho
meno da leggere…
- Sbadigli: anche se fatti "artificialmente" (cioè a richiesta) a me
producono sempre un successivo clear-flash anche se di intensità e
durata variabile.
- Stereogrammi: l'osservazione degli stereogrammi mi induce una
benefica sensazione di rilassamento visivo ma anche di acutezza
visiva e tridimensionalità
- Led luminoso: consiste nell'osservare al buio la luce emessa da una
fonte puntiforme come un led luminoso tondo (presente nella maggior
parte degli elettrodomestici che abbiamo in casa). La "nebbiolina"
uniforme che inizialmente vedo si trasforma, con il rilassamento,
in "rami" sempre meno "frondosi" fino a diventare, un unico rametto e
poi un solo puntino (come dovrebbe essere!). Ho notato come ciascun
occhio vede una "ramatura" diversa; se osservo simultaneamente più
led hanno tutti identica "ramatura"; se inclino la testa
le "ramature" ruotano con me, la "ramatura" è quindi una
rappresentazione "bidimensionale" dello "stato di rifrazione"
dell'occhio. Varianti: osservare le luci dell'albero di natale, i
semafori o le luci di posizione posteriore delle auto a distanza
opportuna (che li renda puntiformi).
- Televideo: "mescolando" (in un certo senso) la tecnica delle
tabelle di Snellen con quella del Led luminoso ho praticato
l'osservazione delle pagine del Televideo. Sono luminose, dinamiche e
divertenti! Varianti: tutte le insegne luminose, i sottotitoli del
DVD, le scritte che appaiono in sovraimpressione in TV, …
- VisusBooster: partendo dalla tecnica del Televideo ho scritto il
programma VisusBooster per avere un controllo più fine su dimensioni,
contenuti e movimento dei caratteri direttamente sullo schermo del
computer (http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/VisusBooster.zip).
Ci tengo a precisare che queste tecniche non sono "il" metodo Bates,
ma le tecniche che io ho utilizzato ed utilizzo, ispirandomi al
metodo Bates. Per una trattazione ed una discussione più completa ed
approfondita sul metodo Bates vi rimando ai libri ed ai siti che ho
già citato nei precedenti capitoli.
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse
una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo
della professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.)
è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.
Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza
autorizzazione dell'autore, purché a fini non commerciali e citando
From: s_caggia
Date: mar mar 19, 2002 6.43
l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in
continua evoluzione):
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/Vista.doc
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 15
Message: 976
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio mar 28, 2002 9.39
Riscrivo e riinvio il messaggio che avevo postato qualche giorno fa ma il sistema non deve aver digerito bene...
A grande richiesta il file Vista.doc ("La mia storia") è stato trasformato in pagina html e con l'occasione è stato rinominato in visusbooster.htm
Il nuovo indirizzo è quindi:
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/visusbooster.htm
Facendo contenti i lettori non-Microsoft spero di non aver scontentato gli altri.
Ciao
Capitolo quindicesimo - VisusBooster
Sapevo bene che meno luce c'è più è difficile mettere a fuoco le cose; meno luce c'è più la pupilla si allarga, e viene quindi meno quel fenomeno, che in fotografia si chiama
"profondità di campo", grazie al quale con una pupilla molto piccola riusciamo a mettere a fuoco più facilmente oggetti a distanze diverse.
Non mi stupivo quindi che di giorno vedessi meglio mentre di sera vedessi peggio; quello che mi stupiva era che di sera gli oggetti "luminosi" si vedessero comunque meglio,
malgrado la pupilla fosse aperta! Solo grazie ad un intervento sulla mailing list Visus capii che la luce emessa dagli oggetti stimolava i "coni" della "fovea centralis" dei miei occhi
"riattivando" la modalità di visione che Bates chiamava "centralizzazione".
Osservare le insegne luminose, specialmente quelle sottili al neon, mi da grande soddisfazione, ricordo di aver detto più volte alla mia ragazza "Che bella quell'insegna, me ne
regaleresti una per il mio compleanno?". Una sera vidi un negozio della catena "SISLEY" che aveva il proprio logo sulla porta d'ingresso, scritto a piccoli caratteri bianchi e
retroilluminati su sfondo nero, ricordo che restai ad osservarlo per minuti gustandomi il fatto di metterlo perfettamente a fuoco da lontano.
Avevo notato quanto fosse diverso osservare le tabelle di Snellen illuminate in varie condizioni e desideravo possedere uno di quegli ottotipi retroilluminati che usano gli
optometristi; mi ero chiesto più volte dove potessi procurarmene uno, quanto poteva costare. finché un giorno mi sono ricordato di essere un informatico e che l'ottotipo luminoso
ce lo avevo da tempo davanti al naso: lo schermo del computer!
E' nato così il programma VisusBooster, ovvero un'applicazione per costruire delle "Esperienze" visive utili a migliorare la vista e visualizzarle sullo schermo di un PC.
I concetti chiave su cui si basa VisusBooster sono:
a.. La luminosità del monitor, per stimolare la centralizzazione
b.. La luminosità dei caratteri bianchi su sfondo nero, per stimolare la centralizzazione (effetto "SISLEY")
c.. L'isolamento dei caratteri, per migliorarne la leggibilità e quindi stimolare un feedback positivo (effetto tabella di Snellen)
d.. La ripetizione dello stesso carattere nel campo visivo, per stimolare la centralizzazione.
e.. La diminuzione graduale delle dimensioni, nel tempo, per consentire un rilassamento graduale e senza stress (stretching)
f.. Il movimento, per esempio ad otto orizzontale, per stimolare la motilità oculare
g.. La visualizzazione simultanea di caratteri di dimensioni decrescenti, per osservare le variazioni istantanee e stimolare un feedback positivo (effetto tabella di Snellen)
h.. Il rilassamento mentale indotto dagli stereogrammi (http://www.econet.it/stereogrammi/)
VisusBooster è fatto in modo da essere intuitivamente ed immediatamente utilizzato, senza alcun training, dai suoi fruitori; è però anche possibile, con un piccolo sforzo
intellettuale, imparare a personalizzare le "esperienze" esistenti o addirittura crearne di nuove. Le nuove esperienze possono essere memorizzate sul database di VisusBooster e
scambiate via Internet con altre persone.
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo della professione medica, guida senza lenti,
apologia di reato, ecc.) è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza autorizzazione dell'autore, purché a fini
non commerciali e citando l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in continua evoluzione): http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/visusbooster.htm
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Operazione
Message: 977
From: FRANCO BRACALONI
Date: gio mar 28, 2002 4.43
Avete visto?"Striscia la Notizia" si è occupata già due volte delle operazioni agli occhi col laser per correggere la miopia ed hanno fatto presente che ci sono un sacco di
controindicazioni e che spesso chi la fa poi si trova molto peggio di prima; ieri hanno anche intevistato un oculista che ha invitato a stare molto attenti prima di fare questa
operazione. E' stato un paziente che operato ha avuto dei danni tanto gravi, che ha chaimato "Striscia" per fare diffusione.
Meno male che se ne parla
Daria
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: Operazione
Message: 978
Si ho visto anche io.
L'oculista è stato molto professionale e corretto
franco
-----Messaggio originale----Da: FRANCO BRACALONI [mailto:[email protected]]
From: franco
Date: gio mar 28, 2002 8.50
Inviato: giovedì 28 marzo 2002 16.44
A: [email protected]
Oggetto: [Visus] Operazione
Avete visto?"Striscia la Notizia" si è occupata già due volte delle
operazioni agli occhi col laser per correggere la miopia ed hanno fatto
presente che ci sono un sacco di controindicazioni e che spesso chi la
fa poi si trova molto peggio di prima; ieri hanno anche intevistato un
oculista che ha invitato a stare molto attenti prima di fare questa
operazione. E' stato un paziente che operato ha avuto dei danni tanto
gravi, che ha chaimato "Striscia" per fare diffusione. Meno male che se
ne parla Daria
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo: [email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: La mia storia - Capitolo 15
Message: 979
A grande richiesta il file Vista.doc ("La mia storia") è stato
trasformato in pagina html e con l'occasione è stato rinominato in
visusbooster.htm
Il nuovo indirizzo è quindi:
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/visusbooster.htm
Facendo contenti i lettori non-Microsoft spero di non aver
scontentato gli altri…
Per farmi perdonare pubblico in lista un nuovo capitolo...
Ciao
Capitolo quindicesimo - VisusBooster
Sapevo bene che meno luce c'è più è difficile mettere a fuoco le
cose; meno luce c'è più la pupilla si allarga, e viene quindi meno
quel fenomeno, che in fotografia si chiama "profondità di campo",
grazie al quale con una pupilla molto piccola riusciamo a mettere a
fuoco più facilmente oggetti a distanze diverse.
Non mi stupivo quindi che di giorno vedessi meglio mentre di sera
vedessi peggio; quello che mi stupiva era che di sera gli
oggetti "luminosi" si vedessero comunque meglio, malgrado la pupilla
fosse aperta! Solo grazie ad un intervento sulla mailing list Visus
capii che la luce emessa dagli oggetti stimolava i "coni"
della "fovea centralis" dei miei occhi "riattivando" la modalità di
visione che Bates chiamava "centralizzazione".
Osservare le insegne luminose, specialmente quelle sottili al neon,
mi da grande soddisfazione, ricordo di aver detto più volte alla mia
ragazza "Che bella quell'insegna, me ne regaleresti una per il mio
compleanno?". Una sera vidi un negozio della catena "SISLEY" che
aveva il proprio logo sulla porta d'ingresso, scritto a piccoli
caratteri bianchi e retroilluminati su sfondo nero, ricordo che
restai ad osservarlo per minuti gustandomi il fatto di metterlo
perfettamente a fuoco da lontano.
Avevo notato quanto fosse diverso osservare le tabelle di Snellen
illuminate in varie condizioni e desideravo possedere uno di quegli
ottotipi retroilluminati che usano gli optometristi; mi ero chiesto
più volte dove potessi procurarmene uno, quanto poteva costare…
finché un giorno mi sono ricordato di essere un informatico e che
l'ottotipo luminoso ce lo avevo da tempo davanti al naso: lo schermo
From: s_caggia
Date: lun mar 25, 2002 7.30
del computer!
E' nato così il programma VisusBooster, ovvero un'applicazione per
costruire delle "Esperienze" visive utili a migliorare la vista e
visualizzarle sullo schermo di un PC.
I concetti chiave su cui si basa VisusBooster sono:
- La luminosità del monitor, per stimolare la centralizzazione
- La luminosità dei caratteri bianchi su sfondo nero, per stimolare
la centralizzazione (effetto "SISLEY")
- L'isolamento dei caratteri, per migliorarne la leggibilità e quindi
stimolare un feedback positivo (effetto tabella di Snellen)
- La ripetizione dello stesso carattere nel campo visivo, per
stimolare la centralizzazione.
- La diminuzione graduale delle dimensioni, nel tempo, per consentire
un rilassamento graduale e senza stress (stretching)
- Il movimento, per esempio ad otto orizzontale, per stimolare la
motilità oculare
- La visualizzazione simultanea di caratteri di dimensioni
decrescenti, per osservare le variazioni istantanee e stimolare un
feedback positivo (effetto tabella di Snellen)
- Il rilassamento mentale indotto dagli stereogrammi
(http://www.econet.it/stereogrammi/)
VisusBooster è fatto in modo da essere intuitivamente ed
immediatamente utilizzato, senza alcun training, dai suoi fruitori; è
però anche possibile, con un piccolo sforzo intellettuale, imparare a
personalizzare le "esperienze" esistenti o addirittura crearne di
nuove. Le nuove esperienze possono essere memorizzate sul database di
VisusBooster e scambiate via Internet con altre persone.
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse
una qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo
della professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.)
è puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.
Il presente testo può essere riprodotto e diffuso anche senza
autorizzazione dell'autore, purché a fini non commerciali e citando
l'autore e l'indirizzo internet del testo originale integrale (in
continua evoluzione):
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/visusbooster.htm
Group: Visus
Subject: Lento ma inesorabile...
Message: 980
From: s_caggia
Date: ven mar 29, 2002 10.49
From: Domenico Intelisano
Date: ven mar 29, 2002 5.27
Yahoo ha comunque, anche se dopo 4 giorni, pubblicato il mio post
(che avevo ripubblicato).
La prossima volta sarò più paziente... :-)
Ignorate il doppione e scusate l'impazienza!
Ciao e buona Pasqua a tutti!
P.S.: Ho visto entrambi gli interventi su Striscia la notizia a
proposito delle operazioni laser facili e le ho trovate stupendamente
corrette ed equilibrate, sento che lentamente qualcosa sta cambiando
nel modo in cui i media affrontano l'argomento (vi ricordate la
puntata di South Park che avevo descritto?).
Curiosità: non guardavo la televisione, ero a casa d'altri e la tv
era accesa ma con l'audio spento, devo aver "visto" inconsciamente
qualcosa, durante la prima intervista, che ha attirato la mia
attenzione ed ho chiesto silenzio e di alzare l'audio come se
sentissi che la cosa mi interessasse...
Group: Visus
Subject: Re: Operazione
Message: 981
Tengo a precisare che il dr. Anto Rossetti intervistato da striscia non è un
oculista ma un collega optometrista. purtroppo la redazione non lo ha
precisato.
Auguri di Buone Pasqua a tutti,
Domenico
>
>
>
>
>
>
Da: "FRANCO BRACALONI" <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Thu, 28 Mar 2002 16:43:54 +0100
A: <[email protected]>
Oggetto: [Visus] Operazione
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Avete visto?"Striscia la Notizia" si è occupata già due volte delle operazioni
agli occhi col laser per correggere la miopia ed hanno fatto presente che ci
sono un sacco di controindicazioni e che spesso chi la fa poi si trova molto
peggio di prima; ieri hanno anche intevistato un oculista che ha invitato a
stare molto attenti prima di fare questa operazione. E' stato un paziente che
operato ha avuto dei danni tanto gravi, che ha chaimato "Striscia" per fare
diffusione.
Meno male che se ne parla
Daria
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: VisusBooster
Message: 982
Ma come si scarica questo programma?
Sto tentando molte volte ma non mi riesce!!!1
franco
-----Messaggio originale----Da: Salvatore Silvio Caggia [mailto:[email protected]]
Inviato: giovedì 28 marzo 2002 9.39
A: VISUS
Oggetto: [Visus] La mia storia - Capitolo 15
Riscrivo e riinvio il messaggio che avevo postato qualche giorno fa ma
il sistema non deve aver digerito bene...
A grande richiesta il file Vista.doc ("La mia storia") è stato
trasformato in pagina html e con l'occasione è stato rinominato in
visusbooster.htm
Il nuovo indirizzo è quindi:
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/visusbooster.htm
Facendo contenti i lettori non-Microsoft spero di non aver scontentato
gli altri.
Ciao
Capitolo quindicesimo - VisusBooster
Sapevo bene che meno luce c'è più è difficile mettere a fuoco le cose;
meno luce c'è più la pupilla si allarga, e viene quindi meno quel
fenomeno, che in fotografia si chiama "profondità di campo", grazie al
quale con una pupilla molto piccola riusciamo a mettere a fuoco più
facilmente oggetti a distanze diverse.
Non mi stupivo quindi che di giorno vedessi meglio mentre di sera
vedessi peggio; quello che mi stupiva era che di sera gli oggetti
"luminosi" si vedessero comunque meglio, malgrado la pupilla fosse
aperta! Solo grazie ad un intervento sulla mailing list Visus capii che
la luce emessa dagli oggetti stimolava i "coni" della "fovea centralis"
dei miei occhi "riattivando" la modalità di visione che Bates chiamava
"centralizzazione".
Osservare le insegne luminose, specialmente quelle sottili al neon, mi
da grande soddisfazione, ricordo di aver detto più volte alla mia
ragazza "Che bella quell'insegna, me ne regaleresti una per il mio
compleanno?". Una sera vidi un negozio della catena "SISLEY" che aveva
il proprio logo sulla porta d'ingresso, scritto a piccoli caratteri
From: franco
Date: sab apr 06, 2002 3.33
bianchi e retroilluminati su sfondo nero, ricordo che restai ad
osservarlo per minuti gustandomi il fatto di metterlo perfettamente a
fuoco da lontano.
Avevo notato quanto fosse diverso osservare le tabelle di Snellen
illuminate in varie condizioni e desideravo possedere uno di quegli
ottotipi retroilluminati che usano gli optometristi; mi ero chiesto più
volte dove potessi procurarmene uno, quanto poteva costare. finché un
giorno mi sono ricordato di essere un informatico e che l'ottotipo
luminoso ce lo avevo da tempo davanti al naso: lo schermo del computer!
E' nato così il programma VisusBooster, ovvero un'applicazione per
costruire delle "Esperienze" visive utili a migliorare la vista e
visualizzarle sullo schermo di un PC.
I concetti chiave su cui si basa VisusBooster sono:
a.. La luminosità del monitor, per stimolare la centralizzazione
b.. La luminosità dei caratteri bianchi su sfondo nero, per stimolare
la centralizzazione (effetto "SISLEY")
c.. L'isolamento dei caratteri, per migliorarne la leggibilità e
quindi stimolare un feedback positivo (effetto tabella di Snellen)
d.. La ripetizione dello stesso carattere nel campo visivo, per
stimolare la centralizzazione.
e.. La diminuzione graduale delle dimensioni, nel tempo, per
consentire un rilassamento graduale e senza stress (stretching)
f.. Il movimento, per esempio ad otto orizzontale, per stimolare la
motilità oculare
g.. La visualizzazione simultanea di caratteri di dimensioni
decrescenti, per osservare le variazioni istantanee e stimolare un
feedback positivo (effetto tabella di Snellen)
h.. Il rilassamento mentale indotto dagli stereogrammi
(http://www.econet.it/stereogrammi/)
VisusBooster è fatto in modo da essere intuitivamente ed immediatamente
utilizzato, senza alcun training, dai suoi fruitori; è però anche
possibile, con un piccolo sforzo intellettuale, imparare a
personalizzare le "esperienze" esistenti o addirittura crearne di nuove.
Le nuove esperienze possono essere memorizzate sul database di
VisusBooster e scambiate via Internet con altre persone.
Nota: ogni riferimento a fatti, persone o cose in cui si ravisasse una
qualsiasi forma di reato (diffamazione, plagio, esercizio abusivo della
professione medica, guida senza lenti, apologia di reato, ecc.) è
puramente casuale e frutto di fantasia dello scrittore.Il presente testo
può essere riprodotto e diffuso anche senza autorizzazione dell'autore,
purché a fini non commerciali e citando l'autore e l'indirizzo internet
del testo originale integrale (in continua evoluzione):
http://www.geocities.com/s_caggia/Vista/visusbooster.htm
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo: [email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: VisusBooster
Message: 983
Dunque, l'indirizzo da dove scaricare il programma è:
www.geocities.com/s_caggia/Vista/VisusBooster.zip
La pagina della mia storia è invece:
www.geocities.com/s_caggia/Vista/visusbooster.htm
La mia homepage (dalla cui sezione Vista si richiamano entrambi) è:
www.geocities.com/s_caggia
Spero sia tutto chiaro e non aver dato indicazioni sbagliate in precedenza!
Attenti alle maiuscole/minuscole!
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: dom apr 07, 2002 3.28
Ciao
________________________________________________________________________
Messaggio: 1
Data: Sat, 6 Apr 2002 15:33:30 +0200
Da: "franco" <[email protected]>
Oggetto: VisusBooster
Ma come si scarica questo programma?
Sto tentando molte volte ma non mi riesce!!!1
franco
Group: Visus
Message: 984
From: maurizio cagnoli
Subject: Programma definitivo del convegno degli educatori visivi di Firenze 19 Maggio
Eccolo, definitivo per quel che riguarda le presentazioni orali. Aperto ad
ulteriori contributi scritti
Oltre a me, ci sarà il peso corposo di Skyrunner (cioé Mauro Teodori, vedi
sotto) a tenere alta la bandiera di Visus. Ma, spero, non solo.
Parecchi partecipanti di Visus potrebbero anche presentare un loro
contributo. Pensateci su, magari un piccolo contributo scritto potreste
anche inviarlo.
E in ogni caso, partecipate al convegno e scoprite che l'arcipelago Bates
gode di ottima salute in Italia.
Particolare economico: gli atti del convegno (qualcosa di grossa importanza
e anche un bel pacco di cose) saranno posti in vendita ad un prezzo
equivalente a quello del convegno (che ovviamente comprende anche gli atti
stessi)
Firenze 18, 19 Maggio
PROGRAMMA
Pre-convegno: sabato
Ore 10:00 Daniela Giovati e Maurizio Cagnoli conducono "L'arte della buena
vista", seminario intensivo, fino alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00
Ore 20:00 cena di incontro e benvenuto per chi ha scelto di pernottare a
Firenze
Convegno: domenica
9:00-9:30 Arrivo, e registrazione
9:30- 10:00 Apertura Conferenza di Maurizio Cagnoli: panorama internazionale
con riguardo al convegno di Berlino e a quello di Parigi, presentazione dei
contributi scritti.
10:00- 13:00 Presentazioni individuali
13:00 Pranzo
14:00 Spazio per l'esposizione di libri e altro materiale
15:00 Altre presentazioni individuali
17:00 Discussione collettiva "Un'associazione degli educatori visivi in
Italia? Proposte di collaborazione"
18,30 Chiusura del convegno
Elenco delle presentazioni orali:
Pietro Bassanese Betacarotene, zeasantina & co:gli integratori utili per la
vista
Mario Biondi Optometria unicista e differenza tra il vetro e i materiali
organici nella rieducazione visiva
Tonino Casula Si impara a vedere come si impara ad andare in bicicletta
Loredana De Michelis Occhiali stenopeici e riabilitazione visiva
Luciana Magnaguagno Trattamento ambulatoriale dei problemi visivi con la
tecnica del martelletto della salute e la pratica del qigong secondo
l'insegnamento della dottoressa Ma Xuzhou.
Riccardo Olent Il recettore oculare negli squilibri tonici posturali
Ruth Schmid e Alessandra Bidut Braingym - Visiongym: vedere per apprendere
Mauro Teodori Il metodo Bates: il core concept.
Giuseppe Urselli La danza del Taichi e metodo Bates: oriente e occidente si
incontrano
M. Cristina Zandonella Necca RIEDUCAZIONE VISIVA ed emozioni
la maggior parte di queste presentazioni avranno anche un testo scritto
Relazioni scritte
Carla Agostinelli Osteopatia craniosacrale e miglioramento del visus un caso
clinico.
Date: dom apr 07, 2002 4.31
Anna Bambridge Approaching Myopia holistically
Martin Brofman Vision as a metaphor
Maurizio Cagnoli Lavorare con gli occhi della gente
Vittorio Craia, Elisabetta Mattei Ruolo degli occhi nella genesi della
vergogna e delle nevrosi
Daddy Fadel Lasik: rassegna delle complicanze
Ray Gottlieb The Etiology of myopia
Peter Grunwald The Eye - body reflex pattern
Jack Heggie Total body vision
Hala Jarada et al Posture et vision
Pier Luigi Lattuada Il contributo della Biotransenergetica per una buona
vision
Antonia Orfield Seeing space; undergoing a brain reprogramming to reduce
myopia
Meir Schneider Die Heilung von Augenkrankheiten
Ulteriori informazioni
Convegno: http://www.metodobates.it/simposio.htm
programma http://www.metodobates.it/programma.htm
come arrivare, alloggio http://www.metodobates.it/firenze.htm
mappe http://www.metodobates.it/mappe.htm
Contatti
tel/fax 055 8249245 (Daniela Giovati)
tel 0765 608283 fax 0765 608200 (Maurizio Cagnoli)
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
email [email protected]
Group: Visus
Subject: Re: Benvenuto in Visus
Message: 985
Grazie
mi presento ai
----- Original Message ----From: "Visus Moderatore" <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Thursday, April 04, 2002 4:47 PM
Subject: Benvenuto in Visus
>
> Benvenuti su Visus, la mail list dedicata al potenziamento naturale dei
processi della visione.
> Dal metodo Bates alle altre scuole e metodologie.
> In Italiano. In inglese vedere anche "2see" ed "I-see" su questo stesso
sito.
> N.B. Questa lista è moderata.
> Ne saranno tenuti fuori tutte le "negatività" e gli scettici.
> Chi vuole migliorarsi, in questo ed in altri campi, ha tutto il diritto di
farlo in santa pace!
>
> Mail-list Visus: Istruzioni per iscrizioni ed altre operazioni.
>
> Insieme a questo messaggio troverai dei files allegati. Sono un piccolo
kit per iniziare.
>
> I messaggi inviati dagli iscritti all'indirizzo della mail list vengono
automaticamente rispediti a tutti gli altri.
> Se vuoi puoi iscriverti nella modalità "Web Only". Non ti verranno spediti
i messaggi ma potrai leggerli direttamente sul sito.
>
> La mole dei messaggi è ridotta, non dovrebbe creare nessun disagio..
>
> L'iscrizione è possibile in uno dei 2 seguenti modi:
>
>
> 1° Modo(comprende la registrazione sul sito):
>
> -Recati all'indirizzo web: www.groups.yahoo.com
>
> -In alto a sinistra trovi il menu "sign in".
> -Se non sei iscritto a "yahoo" o a "groups.yahoo" fai come qui descritto:
> clicca su "New users", "Click here to register" e segui la procedura di
registrazione.
>
> Hai ora due possibilità (A o B):
> A:
> -Torna alla pagina principale
>
From: olent.it
Date: mar apr 09, 2002 12.39
> -Nella casella "Search" scrivi: Visus
>
> -Clicca su "Search" e poi, quando lo avrai trovato, su Visus
>
> -Quando arrivi nella sezione Visus clicca su "Subscribe"
>
> -Ora fai parte di Visus!
>
> B:
> -Vai direttamente all'indirizzo:
> http://www.groups.yahoo.com/group/Visus/join e clicca su "Join This
Group!"
> Se vuoi scegli i parametri che preferisci. Ora fai parte di Visus!
>
> In qualunque dei due modi tu ti iscriva sono suggeriti i seguenti
parametri:
> -Individual emails Send individual email messages: Ti verranno inviate
tutte le email singolarmente.
> -No Conversion Don't change the format of email sent to me: Verrà
rispettato il formato originale
>
> Nota per più indirizzi email: Se sei registrato anche sul sito, puoi
aggiungere altri indirizzi email così:
> Vai in: My preferences
> A destra dello schermo, voce "Email Addresses" clicca su: Edit
> Aggiungi l'indirizzo nuovo.
> Dalla pagina di Visus puoi poi scegliere "Delivery options" e selezionare
l'indirizzo al quale vuoi vengano spediti i messaggi.
>
> ------------------------------------------------>
> 2° Modo (molto più semplice ma che non ti permette l'accesso al sito):
>
> -Invia semplicemente una email vuota a: [email protected]
>
> ------------------------------------------------>
>
> Il primo modo è più complesso ma è migliore perche ti permette di
registrarti sul sito e quindi di avere accesso agli archivi dei messaggi
passati e scaricare i files presenti nella apposita sezione, ad esempio le
tabelle per le esercitazioni e la prova della acutezza visiva.
>
> Qualora non fossi più interessato ai messaggi della lista potrai
successivamente cancellarti inviando semplicemente una email vuota a:
> [email protected]
>
> Per iscrizioni ed altre operazioni utilizzare i seguenti indirizzi:
>
> Post message: [email protected]
> I messaggi inviati a questo indirizzo verranno ritrasmessi a tutta la
lista.
>
> Subscribe: [email protected]
> Per iscriversi alla mail list.
>
> Unsubscribe: [email protected]
> Per cancellarsi dalla mail list.
>
> List owner: [email protected]
> Invia messaggi riservati al moderatore della lista
>
> URL: http://www.groups.yahoo.com/group/Visus
> Pagina internet x accesso diretto alla lista
>
> Mauro Teodori
> Moderatore, Visus
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
>
>
>
Group: Visus
Message: 986
From: cloudsruffler
Date: mar apr 09, 2002 6.20
Subject: R: Orto-K (ossia: "lenti che modificano la cornea") - Luuungo!!!
>-----Messaggio originale---->Da: Rocco Bovino [mailto:[email protected]]
>Inviato: domenica 10 marzo 2002 22.21
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] (unknown)
>
>
>Ciao.
>volevo sapere se qualcuno aveva fatto esperienza per
>la cura alla miopia grazie alle lenti che modificano
>la cornea.
>voglio fare il pilota possono esserci
>controindicazioni?
Ciao Rocco.
Tu stai parlando di Ortocheratologia.
Conosciuta anche come Orto-K.
La tecnica è vecchiotta. Non è che abbia preso molto piede. E quella di oggi
è la stessa degli albori, anche se sono cambiati i materiali, le curvature e
qualcuno (non tutti) usa anche un topografo corneale come ausilio.
Mi sembrava ci fossere dei messaggi in lista, al proposito, ma una ricerca
ha dato esito negativo... Boh?
Da quello che so è stata usata anche, a volte, per "passare" delle visite
mediche a scopo lavorativo, es. forze armate, aviazione, polizia, etc.
Nel senso che dopo aver tolto la lente, per un po continui a vederci bene,
quindi ad una visita, risulta che tu hai una acutezza visiva migliore di
quella reale.
Ma l'affidarsi o meno a questi piccoli imbrogli ha un senso solo se si è
oltre i limiti.
Certo che dopo un lungo ciclo di applicazioni la cornea finisce per il
modificarsi, occorrerà portare le lenti di "mantenimento" per poche ore al
giorno...
Comunque, da quello che ne so io, il limite per la visita di prima classe
(pilota commerciale) dovrebbe essere di -3.00 diottrie. Non so niente, però,
del Visus naturale (acutezza visiva senza correzione) richiesto.
Secondo me varrebbe la pena di provare metodi naturali prima.
Io, tra le altre cose, le ho provate svariati anni fa (quelle di oggi sono
perfettamente uguali), per curiosità ad un convegno, dove mi sono offerto
come "cavia" a scopo dimostrativo, e poi ho provato il trattamento.
A me i risultati non sono piaciuti per nulla. Tolte le lenti la visione da
vicino era disagevole e faticosa, mi sentivo improvvisamente presbite, cosa
che non avveniva con gli occhiali.
Inoltre la sera ero disturbato da varie distorsioni luminose (vedi sotto).
Senza contare il fastidio delle lenti (non sono comode come le semirigide
normali. Queste premono forte sulla cornea per appiattirla al centro)
Morale: le ho scartate senza rimpianti.
L'ortocheratologia è applicabile a miopie media, fino ad un entità
generlamnete intorno alle 4-5 diottrie al massimo.
Come tipo di risultato è simile a quello che si avrebbe con i vari
trattamenti laser. Viene appiattita la perte centrale della cornea, con
tutti i "vantaggi" e gli "svantaggi" di questo tipo di approccio inclusi.
Evidente che il tuo occhio rimanga comunque miope. Di questo ne abbiamo
discusso molto in passato in lista.
Dal punto di vista ottico la zona trattata è piccola, di sera con la pupilla
dilatata, è facile vedere doppie immagini, raggi, pennacchi luminosi, etc.
La lente schiaccia la parte anteriore centrale della cornea, di più di
quanto sia richiesto (come quando si vuole dare una forma a qualcosa, es.
del filo di ferro, si deforma di più del necessario, tenendo conto della sua
elasticità). Il tuo occhio, sotto la lente, viene perciò reso
momentaneamente "ipermetrope". Questo è compensato, mentre indossi la lente,
da una gradazione positiva della lente stessa, in modo che tu possa
continuare a vederci bene con essa, senza doverci indossare degli occhiali
positivi sopra.
Tolta la lente la deformazione, cioè l' appiattimento, rimane, per qualche
ora.
In quell'intervallo di tempo tu passerai da una leggera ipermetropia ad un
momento di "emmetropia" (occhio normale, ma ne vogliamo parlare?) per poi
tornare gradatamente indietro alla tua "miopia originaria".
Come dicevo col tempo la deformazione dovrebbe diventare parzialmente
permanente. Parzialmente.
Inoltre non fermano la miopia, perchè non cambiano il modo con il quale tu
usi i tuoi occhi.
L'unico vantaggio è, secondo me, nella reversibilità del processo e nella
assenza di tagli cicatrici, abrasioni o quant'altro, per chi è attento a
queste cose...
Per il resto a mio parere è da scartare. Punto.
Parere personale: la vita, la vista i soldi e la carriera sono tuoi. Se
ancora non riesci a sbloccarti con le tecniche di rieducazione visiva, esigi
l'accomotrac come ausilio e come altrnativa a lenti e/o intervento.
E prova, in anticipo, a passare la visita medica, o quantomeno a chiedere i
limiti, presso le strutture preposte. Se la passi, fine del problema
"legale".
Rimane il "problema" personale. E li, sai gia, penso, come la vedo io...
In rete non si trova molto sulla orto-k. Qualcosa ho trovato e lo allego qui
di seguito, per comodità.
Ho trovato anche qualcosa sul training visivo che potrebbe interessare.
Fonti:
http://www.vangoghns.com/bertola/profilo.htm
http://www.olent.it/visualtraining.html
http://www.easv.org/library/libri_tradotti/controllo_della_miopia/controllo_
della_miopia.html
Ciao!
Mauro.
"Ogni cosa deve essere resa semplice quanto piú possibile, ma non di piú".
Albert Einstein.
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
-----------------------------------ORTOCHERATOLOGIA* una tecnica biomeccanica non chirurgica per il controllo
della miopia evolutiva (riduzione e l'eliminazione) e il contenimento del
cheratocono.
*ORTOCHERATOLOGIA (ORTO-K): tecnica conosciuta negli Stati Uniti fin dai
primi anni sessanta, divulgata poi in Italia nel 1990 da Claudio Mannu che
ha brevettato una lente a contatto multicurve estremamente confortevole e ed
alto contenuto tecnologico.
-----------------------------------Controllo della Miopia: "L’Ortocheratologia Moderna"
di Graham T. Peachey, B. Optom.
Quando l’adattamento miopico di un individuo diventa evidente a tal punto
che egli ha una dipendenza da uno strumento ottico per la visione per
lontano, le lenti a contatto diventano una delle possibili opzioni di
trattamento che potrebbero essere considerate. Se si conosce anche "l’
avanzamento" miopico (aumento miopico) le lenti a contatto rigide
gaspermeabili (RPG) diventano una componente del criterio di scelta di una
terapia.
L’Ortocheratologia Moderna (orto-K) può apportare ulteriori benefici al
paziente. La libertà dal bisogno di portare un paio di occhiali o delle
lenti a contatto per praticare attività quali gli sport, può essere
allettante per molte persone miopi. L’orto-K può ridurre notevolmente il
bisogno di portare lenti, fatta eccezione per i momenti in cui le lenti sono
previste per un uso "contenitivo".
Il rinnovato interesse per l’orto-K risale agli anni novanta con lo sviluppo
dell’Ortocheratologia Accelerata. La disponibilità di materiali RPG ad alto
Dk/L (permeabilità all’ossigeno), lo sviluppo di modelli di lenti a contatto
a geometria inversa ed il connubio tra la topografia corneale e i calcoli
Sag (profondità sagittale) hanno permesso di "reinventare" l’
ortocheratologia. L’Ortocheratologia Accelerata fu così chiamata in quanto
questo nuovo e del tutto diverso procedimento può essere usato per il
trattamento di una doppia entità di miopia in un tempo molto più breve.
L’Ortocheratologia, soprattutto se combinata ad una terapia notturna, oggi
può permettere impressionanti cambiamenti di stile di vita a miopi
propriamente selezionati. Essere liberi da strumenti ottici per la pratica
di sport ed in occasioni speciali è un fattore di motivazione frequente che
spinge i pazienti a scegliere questo tipo di cura non-chirurgica. Infine, la
ricerca precedente al 1986, che utilizzava lenti costruite con materiali con
poca o nessuna permeabilità all’ossigeno, stabilì che il concetto di
ortocheratologia era valido e che il procedimento era sicuro. In altre
parole, l’ortocheratologia fu riconosciuta come un processo privo di
complicazioni serie e di effetti collaterali a lungo termine. I primi
procedimenti erano imprevedibili, avevano effetti limitati, richiedevano
tempo ed erano difficili da controllare. I nuovi procedimenti di
ortocheratologia accelerata utilizzano lenti ad alta permeabilità all’
ossigeno ed un modello di adattamento il cui impatto sulla cornea è molto
meno meccanico. Si può quindi facilmente sostenere che i nuovi procedimenti
fanno persino dell’ortocheratologia un processo meno dirompente per la
fisiologia corneale. In aggiunta, il procedimento oggi è più prevedibile,
può applicarsi ai valori più alti di miopia, richiede meno tempo ed è più
facilmente controllabile.
Che cosa si intende per Ortocheratologia?
L’Ortocheratologia, così come viene comunemente chiamato tale processo, è
stata definita come "la riduzione, modificazione o eliminazione di un
difetto visivo attraverso l’applicazione programmata di lenti a contatto".16
Il rimodellamento della cornea viene attualmente completato grazie all’uso
di lenti RGP appositamente disegnate (geometria inversa). Questo tipo di
lenti ortocheratologiche rendono possibile l’applicazione di una pressione
idraulica differenziale in grado di modificare la forma corneale. La tipica
forma corneale avrà una zona centrale curva e una periferia più piana.
Questa forma verrà modificata durante il processo ortocheratologico fino a
rendere la forma della cornea sempre più sferica. Con la "sfericalizzazione"
della forma corneale, il valore "e" o eccentricità della cornea diminuisce,
il valore cheratometrico centrale corneale (ro) diminuisce, la sagitta della
cornea diminuisce e così anche la profondità della camera anteriore. Tutti i
suddetti fattori contribuiscono alla riduzione dello stato miopico.
L’Ortocheratologia solitamente non prevede un "uso prolungato" di lenti a
contatto. Le lenti possono essere portate di notte per ciò che è chiamata
Terapia Notturna o durante il giorno.
L’Ortocheratologia è composta da tre fasi diverse che determinano il periodo
di tempo in cui portare le lenti a contatto. Innanzi tutto, l’adattamento
alle lenti a contatto implica periodi di tempo simili al programma relativo
a qualsiasi altra lente RGP convenzionale. In secondo luogo, abbiamo la fase
di "rimodellamento" del programma di ortocheratologia. In circostanze
occasionali, alcuni applicatori potranno optare per un approccio che prevede
il porto prolungato delle lenti, ma è più diffuso il modello che prevede di
portare le lenti di notte o di giorno per 10-14 ore.
Il processo di rimodellamento viene solitamente completato in tre o cinque
mesi. Una volta completato, il programma di Ortocheratologia procede con la
fase di stabilizzazione e mantenimento. Il periodo di utilizzo di lenti in
questa fase del programma viene determinato individualmente, ma non è raro
che le lenti vadano portate una notte su due o a volte su tre - è sempre
necessario un periodo di mantenimento in cui si richiede al paziente di
portare le lenti, ma si tiene conto delle esigenze proprie di un individuo.
-----------------------------------LENTI A CONTATTO ORTHOS
PROGRAMMA ORTOCHERATOLOGICO PER LA RIDUZIONE DELLA MIOPIA E
DELL'ASTIGMATISMO SENZA CHIRURGIA
Provate la libertà di una visione migliore senza occhiali o lenti a
contatto.
Un rivoluzionario programma che utilizza speciali lenti a contatto
gas-permeabili è proposto dal nostro centro fin dal 1993 per migliorare la
miopia, senza chirurgia, già dal primo giorno di utilizzo. La miopia e
l'astigmatismo si riducono e la Vs acutezza visiva senza lenti (visus)
migliora NOTEVOLMENTE. Il programma Orthos utilizza una serie di lenti a
contatto speciali che possono essere utilizzate durante il sonno e tolte la
mattina al risveglio, consentendo una buona acutezza visiva per tutto il
giorno.
Il risultato è miglior visione senza lenti. Le lenti a contatto per
ortocheratologia hanno un disegno unico, denominato a "geometria inversa"
che permette alla curvatura frontale dell'occhio (cornea) di cambiare
dolcemente profilo, migliorando così l'acutezza visiva.
L'elevata permeabilità all'ossigeno e l'esclusiva "riserva di lacrima" si
associano per rimodellare confortevolmente e progressivamente la cornea. La
procedura è sicura, efficace ed ha soddisfatto centinaia di soggetti nel
nostro studio ed in tutto il mondo.
LA MIOPIA
La miopia è il più comune dei difetti visivi, essa affligge il 40% della
popolazione USA e quasi i 2/3 degli studenti universitari. Questa condizione
tende a peggiorare negli adolescenti e nei giovani adulti anche usando
occhiali appropriati. Le immagini che entrano in un occhio sano ma miope
vengono focalizzate prima della retina, invece che sulla retina. L'occhio
miope è troppo lungo e la cornea ha una curvatura troppo accentuata, ciò
causa la visione annebbiata per lontano.
L'ASTIGMATISMO
L'astigmatismo è un comune difetto visivo che causa difficoltà di lettura,
mal di testa, visione annebbiata. La curvatura non omogenea della cornea dà
luogo a più punti di focalizzazione a livello della retina.
LA PROCEDURA DEL PROGRAMMA ORTHOS Nel nostro studio, grazie all'utilizzo
della TOPOGRAFIA CORNEALE COMPUTERIZZATA ed alla nanotecnologia è possibile
applicare lenti Orthos prodotte secondo "CALCO ELETTRONICO" della cornea. Il
risultato è una drastica diminuzione delle prove, dei tempi d'adattamento e
comfort senza precedenti. Il programma prevede, già alla prima seduta, una
prova pratica delle lenti, seguita da un controllo dell'acuita' visiva senza
correzione.
Ciò consentirà ai soggetti di apprezzare il miglioramento dell'acutezza
visiva una volta tolte le lenti. Molti dei miglioramenti visivi accadono
rapidamente nei primi giorni, quindi richiedono frequenti controlli e un
progressivo cambio di lenti. La durata del programma varia tra i 3 ed i 6
mesi, a seconda dell'entità del difetto visivo.
MANTENIMENTO DEI RISULTATI
Dopo che i massimi risultati raggiungibili sono stati ottenuti, vengono
consegnate lenti per stabilizzare i risultati. Dopo circa sei mesi di
utilizzo è possibile, con le lenti di mantenimento, ridurre progressivamente
le ore d'uso pur conservando una buona visione per lontano.
CONTROINDICAZIONI
Le controindicazioni sono le stesse di chi vuole mettere per la prima volta
qualsiasi tipo di lente a contatto: ipersensibilità oculare, patologie
oculari in atto, comparsa di reazioni allergiche e tutte le
controindicazioni mediche all'uso delle lenti a contatto.
-----------------------------------Ho trovato anche questo:
MIGLIORARE LA VISTA CON L'ALLENAMENTO VISIVO
informazioni sul Visual Training e metodo Bates
Qual è la migliore forma di prevenzione visiva?
Prevenire è meglio che curare!
La prevenzione, il riconoscimento precoce di anomalie visive sono il primo
obiettivo all'interno dei centri VTC (Visual Training Center).
Mentre appare scontata l'importanza di visite oculistiche preventive, anche
in assenza di sintomi evidenti, non tutti sanno che l'optometria, tramite
l'analisi visiva, è in grado di scoprire con un certo anticipo i segnali
premonitori di tendenza miopica e poter di conseguenza intervenire
precocemente.
I concetti di base del Visual Training sono:
1) Il "vedere" è un processo d'apprendimento non innato e pertanto può
essere migliorato con l'allenamento.
2) Il Visual Training comprende una serie di tecniche che permettono di
utilizzare in modo più efficiente la visione ed incrementare il comfort
visivo, l'attenzione e la capacità d'apprendimento.
3) Il Visual Training, aumenta la consapevolezza e migliora i meccanismi
naturali che sono preposti al processo visivo.
Il Visual Training migliora l'efficienza visiva, qualunque sia la Sua entità
Il Visual Training è una ginnastica specifica che aiuta a vedere meglio: gli
esercizi insegnano ad ottimizzare il modo di utilizzare la vista.
In particolare servono ad allenare e rilassare i muscoli oculari, anche
attraverso il rilassamento della mente e del corpo.
Con il training visivo si ottengono notevoli miglioramenti delle abilità
visive e percettive ed è particolarmente indicato per il trattamento dei
problemi visivi più comunemente legati all'eccessiva richiesta di impegno da
vicino (studio, sports, lavori di precisione, computer, videogame, TV
ecc..).
Per quali soggetti è indicato il Visual Training?
Non esistono limiti di età entro i quali può essere iniziato un programma di
Visual Training: si può solo dire che i soggetti più giovani migliorano più
velocemente rispetto ai più anziani, ma è anche vero che le persone più
anziane capitalizzano più rapidamente il Visual Training grazie
all'esperienza. Il Visual Training può essere applicato a molti disturbi
della visione: insufficienza di convergenza, miopia, ipermetropia,
presbiopia, astigmatismo, stress visivo, astenopia, ecc. I risultati
ottenibili di norma sono più che buoni, anche se dipendono dall'impegno e
dalla costanza nell'applicazione delle tecniche impiegate durante il
training e dalla predisposizione e partecipazione che il soggetto ha verso
l'allenamento stesso.
Dopo gli Laser o ortocheratologici serve il Visual Training?
Il trattamento per la riduzione della miopia, dell'asigmatismo e
dell'ipermetropia
(PRK-LASIK-LTK-RK-ORTO-K), puo' causare delle difficoltà nella fusione e
nella messa a fuoco delle immagini.
Con poche sedute di Visual Training si può migliorare la capacità visiva,
aumentare il comfort e di conseguenza attenuare gli indesiderati effetti
collaterali.
Il Visual Training può aiutare che studia?
Se vedere significa imparare, veder bene significa imparare bene in meno
tempo. Sovente le affermazioni degli insegnanti "il ragazzo è intelligente,
ma non s'impegna… potrebbe fare di più…" possono nascondere una difficoltà
visiva che solo un attento esame può evidenziare. Il modo e la facilità di
memorizzare la lettura e la scrittura, sono tutte funzioni che passano
attraverso processi complessi legati per gran parte alla funzione visiva.
Come posso sapere se il programma di Visual Training funzionerà nel mio
caso?
Il Suo problema visivo non è una malattia, perciò il nostro compito non è
quello di "guarirla": noi le forniamo i consigli e le tecniche che la
aiuteranno a migliorare le sue capacità visive. I risultati del Visual
Training sono condizionati dalla motivazione e dalla collaborazione: se
queste dovessero mancare sarà opportuno interrompere l'allenamento.
Se seguo questo training dovrò portare occhiali o lenti a contatto?
Anche le lenti possono rappresentare una forma di prevenzione e di training
visivo. In oftalmologia ed in optometria sono utilizzate lenti preventive
per facilitare ed aiutare a mantenere stabili i risultati ottenuti.
Dovrò ripetere il corso di Visual Training in futuro?
Vedere bene è un processo di base motoria (come imparare ad andare in
bicicletta), per questo una volta appreso il meccanismo difficilmente viene
dimenticato.
Come in qualsiasi attività esistono vari livelli d'efficienza. Il Suo
programma di Visual Training migliorerà la qualità della Sua prestazione
visiva; l'entità di questo miglioramento e la durata del programma dipendono
da vari fattori quali:
1) Il tipo e l'entità del Suo problema.
2) Il tipo di lavoro o di studio.
3) La Sua volontà di imparare e di migliorare.
4) La Sua collaborazione nell'applicare le istruzioni e le tecniche
insegnate. L'allenamento può comunque richiedere sedute di richiamo a
cadenza annuale o semestrale che verranno eventualmente programmate alla
fine del training.
I costi
L'Esame Visivo di base, l'Analisi Visiva Optometrica, ha costi che oscillano
dalle 50 alle 120 mila lire (dai 25.82 Euro ai 61.97 Euro) secondo il tempo
necessario (dai 25 ai 45e più minuti).
Il costo delle sedute di educazione visiva e di Visual Training è di 80/95
mila lire (dai 41.32 Euro ai 49.06 Euro), con una frequenza stabilita ad hoc
per ogni caso; solitamente i programmi standard prevedono cicli di 6/8
sedute da svolgersi ad intervalli di 7/15 giorni.
Appuntamenti
Il Dr. OLENT riceve su appuntamento dal martedì al sabato dalle ore 9 alle
12,30 e dalle 15 alle 19,30. Potete prenotare o chiedere informazioni
inviando una e-mail a: [email protected] o telefonando allo 011-541909 /
011-5611030.
Avvertenze: L'Olent Ottica è un centro Optometrico che non svolge attività
Medica-Oculistica.
------------------------------------
_________________________________________________________
Do You Yahoo!?
Get your free @yahoo.com address at http://mail.yahoo.com
Group: Visus
Subject: R: Re: Benvenuto in Visus
Message: 987
From: maurizio cagnoli
Date: mer apr 10, 2002 2.10
From: skyrunner
Date: mer apr 10, 2002 11.58
> Grazie
> mi presento ai
Ok , si tratta di Riccardo Olent un brillante optometrista di Torino e uno
serio e competente.
Riccardo, dicci qualcosa in più, però!
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: Istruzioni Visus
Message: 988
>-----Messaggio originale---->Da: maurizio cagnoli [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 10 aprile 2002 2.11
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] Re: Benvenuto in Visus
>
>
>> Grazie
>> mi presento ai
>
>Ok , si tratta di Riccardo Olent un brillante optometrista di Torino e uno
>serio e competente.
>Riccardo, dicci qualcosa in più, però!
Lupus in fabula...
Il mio messaggio precedente riportava anche il link del sito di Riccardo
Olent.
Il benvenuto anche a Riccardo.
Anche io ho la curiosità di vedere cosa voleva dire... : )
Leggendo il suo messaggio con l'allegato delle istruzioni Visus, ho visto
che c'erano ancora degli errori negli indirizzi.
Pensavo di averlo gia corretto in passato, ma qualcosa è andato storto.
Me ne scuso ed allego qui di seguito il file corretto.
Sono state agggiunti anche i parametri per la configurazione dei programmi
di posta elettronica.
Ciao a tutti.
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
Se sei interessato/a puoi iscriverti in uno dei 2 seguenti modi:
1° Modo(comprende la registrazione sul sito):
-Recati all'indirizzo web: http://it.groups.yahoo.com/ (oppure da
www.yahoo.it clicca su "Gruppi"
-In alto a sinistra trovi il menu "Accedi al servizio".
-Se non sei iscritto a "yahoo" o a "groups.yahoo" fai come qui descritto:
clicca su "Nuovi utenti - Clicca qui per registrarti ", e segui la
procedura di registrazione.
Hai ora due possibilità (A o B):
A:
-Torna alla pagina principale
-Nella casella "Search" scrivi: Visus
-Clicca su "Cerca" e poi, quando lo avrai trovato, su Visus
(oppure -Vai direttamente all'indirizzo:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/join)
-Quando arrivi nella sezione Visus clicca su "Iscriviti"
-Ora fai parte di Visus!
B:
-Vai direttamente all'indirizzo:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/join e clicca su "Join This Group!"
Se vuoi, scegli i parametri che preferisci. Ora fai parte di Visus!
In qualunque dei due modi tu ti iscriva, puoi variare le opzioni di invio
(es. email singole)
Nota per più indirizzi email: Se sei registrato anche sul sito, puoi
aggiungere altri indirizzi email.
------------------------------------------------2° Modo (molto più semplice ma che NON ti permette l'accesso diretto al
sito):
-Invia semplicemente una email vuota a: [email protected]
------------------------------------------------Il primo modo è più complesso ma è migliore perche ti permette di
registrarti sul sito e quindi di avere accesso agli archivi dei messaggi
passati e scaricare i files presenti nella apposita sezione, ad esempio le
tabelle per le esercitazioni e la prova della acutezza visiva.
Qualora non fossi più interessato ai messaggi della lista potrai
successivamente cancellarti inviando semplicemente una email vuota a:
[email protected]
I parametri per la configurazione dei programmi di posta elettronica sono:
pop.mail.yahoo.it
smtp.mail.yahoo.it
Nota: occorre impostare la funzione "Autenticazione del server necessaria".
Esempio per MS Outlook: (strumenti -> account -> proprieta -> server) .
Per iscrizioni ed altre operazioni utilizzare i seguenti indirizzi:
URL: http://it.groups.yahoo.com/group/Visus
Pagina internet x accesso diretto alla lista
Indirizzi email:
Post message: [email protected]
I messaggi inviati a questo indirizzo verranno ritrasmessi a tutta la lista.
Subscribe: [email protected]
Per iscriversi alla mail list.
Unsubscribe: [email protected]
Per cancellarsi dalla mail list.
List owner: [email protected]
Invia messaggi riservati al moderatore della lista
Group: Visus
Subject: Re: Benvenuto in Visus
Message: 989
From: olent.it
Date: mer apr 10, 2002 8.21
From: maurizio cagnoli
Date: mer apr 10, 2002 12.00
Si!!!!! ne mancava un pezzo..... ecco il messaggio completo.
Grazie
mi presento ai partecipanti alla mailing list Visus.
Sono un optometrista comportamentale che applica da piu' di 20 anni il
metodo Bates e il Visual Training per migliorare l'efficienza visiva.
Insieme ad altri colleghi optometristi abbiamo fondato il VTC (Visual
Training Center)
http://www.olent.it/areaprofessionisti.html Associazione, no profit con
scopo di:
a) promuovere lo sviluppo e la conoscenza della scienza e professione
Optometrica;
b) facilitare lo scambio culturale informativo tra gli optometristi, ottici
e altri professionisti;
c) promuovere la ricerca scientifica.
Riccardo OLENT
C.so Vinzaglio 26 10121 TORINO Italy
Tel. (+39) 011 5611 030 / 011 5419 09
Fax. (+39) 178 2285 638
www.olent.it E-mail: [email protected]
----- Original Message ----From: "maurizio cagnoli" <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Wednesday, April 10, 2002 2:10 AM
Subject: R: [Visus] Re: Benvenuto in Visus
> > Grazie
> > mi presento ai
>
> Ok , si tratta di Riccardo Olent un brillante optometrista di Torino e uno
> serio e competente.
> Riccardo, dicci qualcosa in più, però!
>
> -> Maurizio Cagnoli
> via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
> tel 0765 608283 > [email protected]
> Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: R: Istruzioni Visus
Message: 990
>>-----Messaggio originale---->>Da: maurizio cagnoli [mailto:[email protected]]
>>Inviato: mercoledì 10 aprile 2002 2.11
>>A: [email protected]
>>Oggetto: R: [Visus] Re: Benvenuto in Visus
>>
>>
>>> Grazie
>>> mi presento ai
>>
>>Ok , si tratta di Riccardo Olent un brillante optometrista di Torino e uno
>>serio e competente.
>>Riccardo, dicci qualcosa in più, però!
>
>
> Lupus in fabula...
> Il mio messaggio precedente riportava anche il link del sito di Riccardo
> Olent.
> Il benvenuto anche a Riccardo.
> Anche io ho la curiosità di vedere cosa voleva dire... : )
Riccardo sarà anche lui al convegno di Firenze del 19 maggio. Ci saremo
anche skyrunner ed io.
Ci sarà anche qualcun'altro della lista?
Spero proprio di sì. Magari ditelo, che ci si incontra, sennò si rischia di
perderci tra la folla.
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Message: 991
Subject: I: R: R: Orto-K (ossia: "lenti che modificano la cornea") - Luuungo!!!
From: maurizio cagnoli
Date: gio apr 11, 2002 10.11
From: olent.it
Date: gio apr 11, 2002 7.39
---------Da: "maurizio cagnoli" <[email protected]>
A: [email protected]
Oggetto: R: [Visus] R: Orto-K (ossia: "lenti che modificano la cornea") Luuungo!!!
Data: Gio, 11 apr 2002 10:01
L'ortocheratologia non va sicuramente alla radice del problema, ma può
servire a qualcosa.
Tutti d'accordo.
Segnalo Alessandro Mugnai, un optometrista di Livorno, che è tra l'altro
l'autore di "Miopia, che fare?" ed Tecniche Nuove (un libro niente male...).
E' uno dei più competenti ed entusiasti propugnatori dell'ultima generazione
di lenti per l'ortocheratologia.
Si può contattarlo a [email protected]
oppure venire al oonvegno di Firenze del 19 Maggio dove, non certo per caso,
sarà presente anche lui.
A proposito, Alessandro, hai già aderito a Visus oppure no?
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Message: 992
Subject: Re: R: Orto-K (ossia: "lenti che modificano la cornea") - Luuungo!!!
Caro Rocco
involontariamente sono stato coinvolto, non volevo intromettermi per due
ragioni
1) mi sono appena iscritto a Visus
2) utilizzo lenti ortocheratologiche(OK) da quasi 10 anni e potrei sembrare
un po' di parte..... devo dire inoltre che chi ti ha risposto ha fatto un
ottimo lavoro e ti ha fornito un sacco di info. Cosa posso aggiungere io? La
mia esperienza clinica!
Devo dire che io ho iniziato(1982) a rieducare i miopi prima con il metodo
Bates.... a cui ho aggiunto (1990) l'utilizzo del VT Sistem con il
Biofeedback visivo, per arrivare alle OK nel '93.
Ora, analizzando le varie possibilita' posso dire che avendo il tempo e la
costanza necessaria il metodo Bates e VTS, rimane insostituibile.
Se l'obiettivo invece e' il miglioramento rapido e senza dover fare FATICA
(in meno di un mese con l'OK si puo' passare da un visus naturale di 1/10 a
uno di 10/10), allora l'OK notturna e' la soluzione piu' semplice e sicura
ma anche piu' dispendiosa!!!!!
Chiaramente bisogna fare delle prove per escludere controindicazioni ecc
ecc...
Per qualsiasi dubbio chiamami dalle 19 alle 20......
Dr.Riccardo OLENT
TORINO
Tel. (+39) 011 5611 030 / 011 5419 09
www.olent.it E-mail: [email protected]
> >-----Messaggio originale----> >Da: Rocco Bovino [mailto:[email protected]]
> >Inviato: domenica 10 marzo 2002 22.21
> >A: [email protected]
> >Oggetto: [Visus] (unknown)
>>
>>
> >Ciao.
> >volevo sapere se qualcuno aveva fatto esperienza per
> >la cura alla miopia grazie alle lenti che modificano
> >la cornea.
> >voglio fare il pilota possono esserci
> >controindicazioni?
>
> Ciao Rocco.
> Tu stai parlando di Ortocheratologia.
> Conosciuta anche come Orto-K.
> La tecnica è vecchiotta. Non è che abbia preso molto piede. E quella di
oggi
> è la stessa degli albori, anche se sono cambiati i materiali, le curvature
e
> qualcuno (non tutti) usa anche un topografo corneale come ausilio.
>
> Mi sembrava ci fossere dei messaggi in lista, al proposito, ma una ricerca
> ha dato esito negativo... Boh?
>
> Da quello che so è stata usata anche, a volte, per "passare" delle visite
> mediche a scopo lavorativo, es. forze armate, aviazione, polizia, etc.
> Nel senso che dopo aver tolto la lente, per un po continui a vederci bene,
> quindi ad una visita, risulta che tu hai una acutezza visiva migliore di
> quella reale.
> Ma l'affidarsi o meno a questi piccoli imbrogli ha un senso solo se si è
> oltre i limiti.
> Certo che dopo un lungo ciclo di applicazioni la cornea finisce per il
> modificarsi, occorrerà portare le lenti di "mantenimento" per poche ore al
> giorno...
> Comunque, da quello che ne so io, il limite per la visita di prima classe
> (pilota commerciale) dovrebbe essere di -3.00 diottrie. Non so niente,
però,
> del Visus naturale (acutezza visiva senza correzione) richiesto.
> Secondo me varrebbe la pena di provare metodi naturali prima.
>
> Io, tra le altre cose, le ho provate svariati anni fa (quelle di oggi sono
> perfettamente uguali), per curiosità ad un convegno, dove mi sono offerto
> come "cavia" a scopo dimostrativo, e poi ho provato il trattamento.
> A me i risultati non sono piaciuti per nulla. Tolte le lenti la visione
da
> vicino era disagevole e faticosa, mi sentivo improvvisamente presbite,
cosa
> che non avveniva con gli occhiali.
> Inoltre la sera ero disturbato da varie distorsioni luminose (vedi sotto).
> Senza contare il fastidio delle lenti (non sono comode come le semirigide
> normali. Queste premono forte sulla cornea per appiattirla al centro)
> Morale: le ho scartate senza rimpianti.
>
> L'ortocheratologia è applicabile a miopie media, fino ad un entità
> generlamnete intorno alle 4-5 diottrie al massimo.
> Come tipo di risultato è simile a quello che si avrebbe con i vari
> trattamenti laser. Viene appiattita la perte centrale della cornea, con
> tutti i "vantaggi" e gli "svantaggi" di questo tipo di approccio inclusi.
> Evidente che il tuo occhio rimanga comunque miope. Di questo ne abbiamo
> discusso molto in passato in lista.
> Dal punto di vista ottico la zona trattata è piccola, di sera con la
pupilla
> dilatata, è facile vedere doppie immagini, raggi, pennacchi luminosi, etc.
> La lente schiaccia la parte anteriore centrale della cornea, di più di
> quanto sia richiesto (come quando si vuole dare una forma a qualcosa, es.
> del filo di ferro, si deforma di più del necessario, tenendo conto della
sua
> elasticità). Il tuo occhio, sotto la lente, viene perciò reso
> momentaneamente "ipermetrope". Questo è compensato, mentre indossi la
lente,
> da una gradazione positiva della lente stessa, in modo che tu possa
> continuare a vederci bene con essa, senza doverci indossare degli occhiali
> positivi sopra.
> Tolta la lente la deformazione, cioè l' appiattimento, rimane, per qualche
> ora.
> In quell'intervallo di tempo tu passerai da una leggera ipermetropia ad un
> momento di "emmetropia" (occhio normale, ma ne vogliamo parlare?) per poi
> tornare gradatamente indietro alla tua "miopia originaria".
> Come dicevo col tempo la deformazione dovrebbe diventare parzialmente
> permanente. Parzialmente.
> Inoltre non fermano la miopia, perchè non cambiano il modo con il quale tu
> usi i tuoi occhi.
>
> L'unico vantaggio è, secondo me, nella reversibilità del processo e nella
> assenza di tagli cicatrici, abrasioni o quant'altro, per chi è attento a
> queste cose...
> Per il resto a mio parere è da scartare. Punto.
>
> Parere personale: la vita, la vista i soldi e la carriera sono tuoi. Se
> ancora non riesci a sbloccarti con le tecniche di rieducazione visiva,
esigi
> l'accomotrac come ausilio e come altrnativa a lenti e/o intervento.
>
> E prova, in anticipo, a passare la visita medica, o quantomeno a chiedere
i
> limiti, presso le strutture preposte. Se la passi, fine del problema
> "legale".
> Rimane il "problema" personale. E li, sai gia, penso, come la vedo io...
>
> In rete non si trova molto sulla orto-k. Qualcosa ho trovato e lo allego
qui
> di seguito, per comodità.
> Ho trovato anche qualcosa sul training visivo che potrebbe interessare.
> Fonti:
> http://www.vangoghns.com/bertola/profilo.htm
>
> http://www.olent.it/visualtraining.html
>
>
http://www.easv.org/library/libri_tradotti/controllo_della_miopia/controllo_
> della_miopia.html
>
>
> Ciao!
>
> Mauro.
>
> "Ogni cosa deve essere resa semplice quanto piú possibile, ma non di piú".
> Albert Einstein.
> Mauro Teodori
> [email protected]
> [email protected]
>
> ----------------------------------->
> ORTOCHERATOLOGIA* una tecnica biomeccanica non chirurgica per il controllo
> della miopia evolutiva (riduzione e l'eliminazione) e il contenimento del
> cheratocono.
>
>
> *ORTOCHERATOLOGIA (ORTO-K): tecnica conosciuta negli Stati Uniti fin dai
> primi anni sessanta, divulgata poi in Italia nel 1990 da Claudio Mannu che
> ha brevettato una lente a contatto multicurve estremamente confortevole e
ed
> alto contenuto tecnologico.
>
> -----------------------------------> Controllo della Miopia: "L'Ortocheratologia Moderna"
>
> di Graham T. Peachey, B. Optom.
>
> Quando l'adattamento miopico di un individuo diventa evidente a tal punto
> che egli ha una dipendenza da uno strumento ottico per la visione per
> lontano, le lenti a contatto diventano una delle possibili opzioni di
> trattamento che potrebbero essere considerate. Se si conosce anche "l'
> avanzamento" miopico (aumento miopico) le lenti a contatto rigide
> gaspermeabili (RPG) diventano una componente del criterio di scelta di una
> terapia.
>
> L'Ortocheratologia Moderna (orto-K) può apportare ulteriori benefici al
> paziente. La libertà dal bisogno di portare un paio di occhiali o delle
> lenti a contatto per praticare attività quali gli sport, può essere
> allettante per molte persone miopi. L'orto-K può ridurre notevolmente il
> bisogno di portare lenti, fatta eccezione per i momenti in cui le lenti
sono
> previste per un uso "contenitivo".
>
> Il rinnovato interesse per l'orto-K risale agli anni novanta con lo
sviluppo
> dell'Ortocheratologia Accelerata. La disponibilità di materiali RPG ad
alto
> Dk/L (permeabilità all'ossigeno), lo sviluppo di modelli di lenti a
contatto
> a geometria inversa ed il connubio tra la topografia corneale e i calcoli
> Sag (profondità sagittale) hanno permesso di "reinventare" l'
> ortocheratologia. L'Ortocheratologia Accelerata fu così chiamata in quanto
> questo nuovo e del tutto diverso procedimento può essere usato per il
> trattamento di una doppia entità di miopia in un tempo molto più breve.
>
> L'Ortocheratologia, soprattutto se combinata ad una terapia notturna, oggi
> può permettere impressionanti cambiamenti di stile di vita a miopi
> propriamente selezionati. Essere liberi da strumenti ottici per la pratica
> di sport ed in occasioni speciali è un fattore di motivazione frequente
che
> spinge i pazienti a scegliere questo tipo di cura non-chirurgica. Infine,
la
> ricerca precedente al 1986, che utilizzava lenti costruite con materiali
con
> poca o nessuna permeabilità all'ossigeno, stabilì che il concetto di
> ortocheratologia era valido e che il procedimento era sicuro. In altre
> parole, l'ortocheratologia fu riconosciuta come un processo privo di
> complicazioni serie e di effetti collaterali a lungo termine. I primi
> procedimenti erano imprevedibili, avevano effetti limitati, richiedevano
> tempo ed erano difficili da controllare. I nuovi procedimenti di
> ortocheratologia accelerata utilizzano lenti ad alta permeabilità all'
> ossigeno ed un modello di adattamento il cui impatto sulla cornea è molto
> meno meccanico. Si può quindi facilmente sostenere che i nuovi
procedimenti
> fanno persino dell'ortocheratologia un processo meno dirompente per la
> fisiologia corneale. In aggiunta, il procedimento oggi è più prevedibile,
> può applicarsi ai valori più alti di miopia, richiede meno tempo ed è più
> facilmente controllabile.
>
>
>
>
> Che cosa si intende per Ortocheratologia?
>
> L'Ortocheratologia, così come viene comunemente chiamato tale processo, è
> stata definita come "la riduzione, modificazione o eliminazione di un
> difetto visivo attraverso l'applicazione programmata di lenti a
contatto".16
>
> Il rimodellamento della cornea viene attualmente completato grazie all'uso
> di lenti RGP appositamente disegnate (geometria inversa). Questo tipo di
> lenti ortocheratologiche rendono possibile l'applicazione di una pressione
> idraulica differenziale in grado di modificare la forma corneale. La
tipica
> forma corneale avrà una zona centrale curva e una periferia più piana.
> Questa forma verrà modificata durante il processo ortocheratologico fino a
> rendere la forma della cornea sempre più sferica. Con la
"sfericalizzazione"
> della forma corneale, il valore "e" o eccentricità della cornea
diminuisce,
> il valore cheratometrico centrale corneale (ro) diminuisce, la sagitta
della
> cornea diminuisce e così anche la profondità della camera anteriore. Tutti
i
> suddetti fattori contribuiscono alla riduzione dello stato miopico.
>
> L'Ortocheratologia solitamente non prevede un "uso prolungato" di lenti a
> contatto. Le lenti possono essere portate di notte per ciò che è chiamata
> Terapia Notturna o durante il giorno.
>
> L'Ortocheratologia è composta da tre fasi diverse che determinano il
periodo
> di tempo in cui portare le lenti a contatto. Innanzi tutto, l'adattamento
> alle lenti a contatto implica periodi di tempo simili al programma
relativo
> a qualsiasi altra lente RGP convenzionale. In secondo luogo, abbiamo la
fase
> di "rimodellamento" del programma di ortocheratologia. In circostanze
> occasionali, alcuni applicatori potranno optare per un approccio che
prevede
> il porto prolungato delle lenti, ma è più diffuso il modello che prevede
di
> portare le lenti di notte o di giorno per 10-14 ore.
>
> Il processo di rimodellamento viene solitamente completato in tre o cinque
> mesi. Una volta completato, il programma di Ortocheratologia procede con
la
> fase di stabilizzazione e mantenimento. Il periodo di utilizzo di lenti in
> questa fase del programma viene determinato individualmente, ma non è raro
> che le lenti vadano portate una notte su due o a volte su tre - è sempre
> necessario un periodo di mantenimento in cui si richiede al paziente di
> portare le lenti, ma si tiene conto delle esigenze proprie di un
individuo.
>
> ----------------------------------->
>
> LENTI A CONTATTO ORTHOS
>
> PROGRAMMA ORTOCHERATOLOGICO PER LA RIDUZIONE DELLA MIOPIA E
> DELL'ASTIGMATISMO SENZA CHIRURGIA
>
>
> Provate la libertà di una visione migliore senza occhiali o lenti a
> contatto.
>
> Un rivoluzionario programma che utilizza speciali lenti a contatto
> gas-permeabili è proposto dal nostro centro fin dal 1993 per migliorare la
> miopia, senza chirurgia, già dal primo giorno di utilizzo. La miopia e
> l'astigmatismo si riducono e la Vs acutezza visiva senza lenti (visus)
> migliora NOTEVOLMENTE. Il programma Orthos utilizza una serie di lenti a
> contatto speciali che possono essere utilizzate durante il sonno e tolte
la
> mattina al risveglio, consentendo una buona acutezza visiva per tutto il
> giorno.
> Il risultato è miglior visione senza lenti. Le lenti a contatto per
> ortocheratologia hanno un disegno unico, denominato a "geometria inversa"
> che permette alla curvatura frontale dell'occhio (cornea) di cambiare
> dolcemente profilo, migliorando così l'acutezza visiva.
> L'elevata permeabilità all'ossigeno e l'esclusiva "riserva di lacrima" si
> associano per rimodellare confortevolmente e progressivamente la cornea.
La
> procedura è sicura, efficace ed ha soddisfatto centinaia di soggetti nel
> nostro studio ed in tutto il mondo.
>
>
>
>
> LA MIOPIA
> La miopia è il più comune dei difetti visivi, essa affligge il 40% della
> popolazione USA e quasi i 2/3 degli studenti universitari. Questa
condizione
> tende a peggiorare negli adolescenti e nei giovani adulti anche usando
> occhiali appropriati. Le immagini che entrano in un occhio sano ma miope
> vengono focalizzate prima della retina, invece che sulla retina. L'occhio
> miope è troppo lungo e la cornea ha una curvatura troppo accentuata, ciò
> causa la visione annebbiata per lontano.
>
> L'ASTIGMATISMO
> L'astigmatismo è un comune difetto visivo che causa difficoltà di lettura,
> mal di testa, visione annebbiata. La curvatura non omogenea della cornea
dà
> luogo a più punti di focalizzazione a livello della retina.
>
>
> LA PROCEDURA DEL PROGRAMMA ORTHOS Nel nostro studio, grazie all'utilizzo
> della TOPOGRAFIA CORNEALE COMPUTERIZZATA ed alla nanotecnologia è
possibile
> applicare lenti Orthos prodotte secondo "CALCO ELETTRONICO" della cornea.
Il
> risultato è una drastica diminuzione delle prove, dei tempi d'adattamento
e
> comfort senza precedenti. Il programma prevede, già alla prima seduta, una
> prova pratica delle lenti, seguita da un controllo dell'acuita' visiva
senza
> correzione.
>
> Ciò consentirà ai soggetti di apprezzare il miglioramento dell'acutezza
> visiva una volta tolte le lenti. Molti dei miglioramenti visivi accadono
> rapidamente nei primi giorni, quindi richiedono frequenti controlli e un
> progressivo cambio di lenti. La durata del programma varia tra i 3 ed i 6
> mesi, a seconda dell'entità del difetto visivo.
>
>
>
> MANTENIMENTO DEI RISULTATI
> Dopo che i massimi risultati raggiungibili sono stati ottenuti, vengono
> consegnate lenti per stabilizzare i risultati. Dopo circa sei mesi di
> utilizzo è possibile, con le lenti di mantenimento, ridurre
progressivamente
> le ore d'uso pur conservando una buona visione per lontano.
>
> CONTROINDICAZIONI
> Le controindicazioni sono le stesse di chi vuole mettere per la prima
volta
> qualsiasi tipo di lente a contatto: ipersensibilità oculare, patologie
> oculari in atto, comparsa di reazioni allergiche e tutte le
> controindicazioni mediche all'uso delle lenti a contatto.
>
>
>
>
> -----------------------------------> Ho trovato anche questo:
>
> MIGLIORARE LA VISTA CON L'ALLENAMENTO VISIVO
> informazioni sul Visual Training e metodo Bates
>
>
> Qual è la migliore forma di prevenzione visiva?
> Prevenire è meglio che curare!
> La prevenzione, il riconoscimento precoce di anomalie visive sono il primo
> obiettivo all'interno dei centri VTC (Visual Training Center).
> Mentre appare scontata l'importanza di visite oculistiche preventive,
anche
> in assenza di sintomi evidenti, non tutti sanno che l'optometria, tramite
> l'analisi visiva, è in grado di scoprire con un certo anticipo i segnali
> premonitori di tendenza miopica e poter di conseguenza intervenire
> precocemente.
>
> I concetti di base del Visual Training sono:
> 1) Il "vedere" è un processo d'apprendimento non innato e pertanto può
> essere migliorato con l'allenamento.
> 2) Il Visual Training comprende una serie di tecniche che permettono di
> utilizzare in modo più efficiente la visione ed incrementare il comfort
> visivo, l'attenzione e la capacità d'apprendimento.
> 3) Il Visual Training, aumenta la consapevolezza e migliora i meccanismi
> naturali che sono preposti al processo visivo.
>
> Il Visual Training migliora l'efficienza visiva, qualunque sia la Sua
entità
>
>
> Il Visual Training è una ginnastica specifica che aiuta a vedere meglio:
gli
> esercizi insegnano ad ottimizzare il modo di utilizzare la vista.
> In particolare servono ad allenare e rilassare i muscoli oculari, anche
> attraverso il rilassamento della mente e del corpo.
> Con il training visivo si ottengono notevoli miglioramenti delle abilità
> visive e percettive ed è particolarmente indicato per il trattamento dei
> problemi visivi più comunemente legati all'eccessiva richiesta di impegno
da
> vicino (studio, sports, lavori di precisione, computer, videogame, TV
> ecc..).
>
> Per quali soggetti è indicato il Visual Training?
> Non esistono limiti di età entro i quali può essere iniziato un programma
di
> Visual Training: si può solo dire che i soggetti più giovani migliorano
più
> velocemente rispetto ai più anziani, ma è anche vero che le persone più
> anziane capitalizzano più rapidamente il Visual Training grazie
> all'esperienza. Il Visual Training può essere applicato a molti disturbi
> della visione: insufficienza di convergenza, miopia, ipermetropia,
> presbiopia, astigmatismo, stress visivo, astenopia, ecc. I risultati
> ottenibili di norma sono più che buoni, anche se dipendono dall'impegno e
> dalla costanza nell'applicazione delle tecniche impiegate durante il
> training e dalla predisposizione e partecipazione che il soggetto ha verso
> l'allenamento stesso.
>
> Dopo gli Laser o ortocheratologici serve il Visual Training?
> Il trattamento per la riduzione della miopia, dell'asigmatismo e
> dell'ipermetropia
> (PRK-LASIK-LTK-RK-ORTO-K), puo' causare delle difficoltà nella fusione e
> nella messa a fuoco delle immagini.
> Con poche sedute di Visual Training si può migliorare la capacità visiva,
> aumentare il comfort e di conseguenza attenuare gli indesiderati effetti
> collaterali.
>
> Il Visual Training può aiutare che studia?
> Se vedere significa imparare, veder bene significa imparare bene in meno
> tempo. Sovente le affermazioni degli insegnanti "il ragazzo è
intelligente,
> ma non s'impegna. potrebbe fare di più." possono nascondere una difficoltà
> visiva che solo un attento esame può evidenziare. Il modo e la facilità di
> memorizzare la lettura e la scrittura, sono tutte funzioni che passano
> attraverso processi complessi legati per gran parte alla funzione visiva.
>
> Come posso sapere se il programma di Visual Training funzionerà nel mio
> caso?
> Il Suo problema visivo non è una malattia, perciò il nostro compito non è
> quello di "guarirla": noi le forniamo i consigli e le tecniche che la
> aiuteranno a migliorare le sue capacità visive. I risultati del Visual
> Training sono condizionati dalla motivazione e dalla collaborazione: se
> queste dovessero mancare sarà opportuno interrompere l'allenamento.
>
> Se seguo questo training dovrò portare occhiali o lenti a contatto?
> Anche le lenti possono rappresentare una forma di prevenzione e di
training
> visivo. In oftalmologia ed in optometria sono utilizzate lenti preventive
> per facilitare ed aiutare a mantenere stabili i risultati ottenuti.
>
> Dovrò ripetere il corso di Visual Training in futuro?
> Vedere bene è un processo di base motoria (come imparare ad andare in
> bicicletta), per questo una volta appreso il meccanismo difficilmente
viene
> dimenticato.
> Come in qualsiasi attività esistono vari livelli d'efficienza. Il Suo
> programma di Visual Training migliorerà la qualità della Sua prestazione
> visiva; l'entità di questo miglioramento e la durata del programma
dipendono
> da vari fattori quali:
> 1) Il tipo e l'entità del Suo problema.
> 2) Il tipo di lavoro o di studio.
> 3) La Sua volontà di imparare e di migliorare.
> 4) La Sua collaborazione nell'applicare le istruzioni e le tecniche
> insegnate. L'allenamento può comunque richiedere sedute di richiamo a
> cadenza annuale o semestrale che verranno eventualmente programmate alla
> fine del training.
>
> I costi
> L'Esame Visivo di base, l'Analisi Visiva Optometrica, ha costi che
oscillano
> dalle 50 alle 120 mila lire (dai 25.82 Euro ai 61.97 Euro) secondo il
tempo
> necessario (dai 25 ai 45e più minuti).
> Il costo delle sedute di educazione visiva e di Visual Training è di 80/95
> mila lire (dai 41.32 Euro ai 49.06 Euro), con una frequenza stabilita ad
hoc
> per ogni caso; solitamente i programmi standard prevedono cicli di 6/8
> sedute da svolgersi ad intervalli di 7/15 giorni.
>
> Appuntamenti
> Il Dr. OLENT riceve su appuntamento dal martedì al sabato dalle ore 9 alle
> 12,30 e dalle 15 alle 19,30. Potete prenotare o chiedere informazioni
> inviando una e-mail a: [email protected] o telefonando allo 011-541909 /
> 011-5611030.
> Avvertenze: L'Olent Ottica è un centro Optometrico che non svolge attività
> Medica-Oculistica.
> ----------------------------------->
>
>
>
> _________________________________________________________
> Do You Yahoo!?
> Get your free @yahoo.com address at http://mail.yahoo.com
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
>
Group: Visus
Subject: Altro forum italiano di NVI.
Message: 993
Su un forum estero ho avuto modo di conoscere David de Angelis, che si
occupa anche lui di rieducazione visiva.
Riporto il suo messaggio con il link del sito.
Dovrebbe iscriversi anche lui su Visus, comunque.
Chi è registrato sul sul sito di Visus, nella sezione bookmark può
aggiungere link a siti che reputa utili, concordemente alla filosofia del
forum.
Altri tre link di siti che ho ritrovato a proposito di interventi di
chirurgia refrattiva.
Gli ultimi due sono in inglese, li segnalo a chi mastica l'inglese (li
raccomando anche a chi non lo parla. A volte le immagini non hanno bisogno
di parole...):
http://utenti.lycos.it/gfrancesco/index.html
http://www.surgicaleyes.org/
http://www.lasikdisaster.com/
Ciao a tutti.
"Per capire come è un'acquario da fuori, è meglio non essere un pesce".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
>-----Messaggio originale---->Da: CYBERFITNESS [mailto:[email protected]]
>Inviato: venerdì 12 aprile 2002 21.31
>A: [email protected]
>Oggetto: I-See.org
>
>
>Ciao Mauro,
>suppongo che tu sia italiano, nonostante il tuo ottimo Inglese.
>Mi chiamo David De Angelis e anche io mi interesso di rieducazione
>visiva.
>Ho trovato il tuo messaggio nel Forum di I-see.org .
>Sto scrivendo un libro di Rieducazione visiva i cui fondamenti sono
>alquanto innovativi (non si tratta del metodo Bates).
>Se sei interessato posso farti sapere.
>Ho da poco creato un forum di rieducazione visiva rivolto agli italiani,
From: skyrunner
Date: dom apr 14, 2002 7.02
>ti invito a visitarlo e ad iscriverti
>http://www.powervisionforum.com
>Il mio scopo è creare informazione e condivisione sull'argomento.
>Purtroppo c'è molta ignoranza e speculazione sulla vista.
>Ti ringrazio e mi scuso se ti ho disturbato con questa email.
>David De Angelis
Group: Visus
Subject: secondo attacco di Matteo Piovella
Message: 994
From: olent.it
Date: lun apr 15, 2002 10.16
… Anto Rossetti ha risposto al secondo attacco di Matteo Piovella in seguito alla sua partecipazione a Striscia la Notizia. Leggete la sua risposta su
http://www.real-eyes.it/index.jsp?articolo=2437
Propongo a chi lo ritiene opportuno di rispondere con una E-mail alla sua richiesta inoltrata sul portale www.real-eyes.it/ ......... a quanti mi leggono, chiedo fin d'ora la disponibilità
a sostenermi con qualsiasi aiuto: [email protected]
Riccardo Olent optometrista
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Orto-k
Message: 995
From: Erio Calderara
Date: mer apr 17, 2002 11.19
Salve, sono di Modena e uso lenti a contatto da vari anni ma solo dai messaggi in lista ho appreso dell'esistenza dell' ortocheratologia a cui sono molto interessato.
Ho fatto una breve ricerca su internet ma di centri di applicazione ho trovato molto poco e inoltre lontano dalla mia città.
Qualcuno forse sa dove trovare un elenco dei centri che trattano ortocheratologia ?
Grazie e saluti a tutti
Erio Calderara
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: RECUPERO vista
Message: 996
From: mauro biosx
Date: ven apr 19, 2002 3.47
Salve,
cercando informazioni circa la miopia, sono arrivato su vs. sito, ho trovato informazioni molto interessanti in merito, e sono interessato a come poter migliorare la vista in maniera
naturale, cosa che tuttavia mi lascia perplesso..
Ultimamente sono tentato di sottopormi all'operazione chirurgica con il laser, ma un po' per denaro e un po' per diffidenza ho sempre rimandato, ora leggendo sul vs. sito e su
alcuni articoli che non sempre tale operazione e' soddisfacente, anzi puo' peggorare le cose (vedi caso striscia la notizia), penso che la prospettiva di abbandonare gli occhiali sia
ormai diventata una chimera...
il mio deficit e'
dx: 2.00 (o 1,75 con lente astigmatica)
sx: 1.75
Abito a Torino e vorrei sapere dove e come participare ai vs. seminari
Mi sono iscritto al gruppo visus da poco seguendo le istruzioni di Maurizio C. ma ancora non capisco cosa e come devo fare per iniziare questo "trattamento".
grazie
Mauro
--------------------------------Vinci i Mondiali - La Grande Sfida dei Mondiali FIFA
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Re: RECUPERO vista
Message: 997
Caro Mauro
sei fortunato ... presto a Torino si svolgera' un seminario di Buena vista
(4/5 maggio)!
per info contatta la segreteria organizzativa c.347 2921082
Riccardo OLENT
----- Original Message ----From: "mauro biosx" <[email protected]>
To: <[email protected]oups.com>
Sent: Friday, April 19, 2002 3:47 PM
Subject: [Visus] RECUPERO vista
>
> Salve,
> cercando informazioni circa la miopia, sono arrivato su vs. sito, ho
trovato informazioni molto interessanti in merito, e sono interessato a come
poter migliorare la vista in maniera naturale, cosa che tuttavia mi lascia
perplesso..
>
From: olent.it
Date: ven apr 19, 2002 8.48
> Ultimamente sono tentato di sottopormi all'operazione chirurgica con il
laser, ma un po' per denaro e un po' per diffidenza ho sempre rimandato, ora
leggendo sul vs. sito e su alcuni articoli che non sempre tale operazione e'
soddisfacente, anzi puo' peggorare le cose (vedi caso striscia la notizia),
penso che la prospettiva di abbandonare gli occhiali sia ormai diventata una
chimera...
>
> il mio deficit e'
> dx: 2.00 (o 1,75 con lente astigmatica)
> sx: 1.75
>
> Abito a Torino e vorrei sapere dove e come participare ai vs. seminari
> Mi sono iscritto al gruppo visus da poco seguendo le istruzioni di
Maurizio C. ma ancora non capisco cosa e come devo fare per iniziare questo
"trattamento".
>
> grazie
>
> Mauro
>
>
>
> --------------------------------> Vinci i Mondiali - La Grande Sfida dei Mondiali FIFA
>
> [Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: R:
Message: 998
>
> Salve,
> cercando informazioni circa la miopia, sono arrivato su vs. sito, ho
> trovato informazioni molto interessanti in merito, e sono interessato a
> come poter migliorare la vista in maniera naturale, cosa che tuttavia mi
> lascia perplesso..
>
> Ultimamente sono tentato di sottopormi all'operazione chirurgica con il
> laser, ma un po' per denaro e un po' per diffidenza ho sempre rimandato,
> ora leggendo sul vs. sito e su alcuni articoli che non sempre tale
> operazione e' soddisfacente, anzi puo' peggorare le cose (vedi caso
> striscia la notizia), penso che la prospettiva di abbandonare gli occhiali
> sia ormai diventata una chimera...
>
> il mio deficit e'
> dx: 2.00 (o 1,75 con lente astigmatica)
> sx: 1.75
>
> Abito a Torino e vorrei sapere dove e come participare ai vs. seminari
> Mi sono iscritto al gruppo visus da poco seguendo le istruzioni di Maurizio
> C. ma ancora non capisco cosa e come devo fare per iniziare questo
"trattamento".
>
> grazie
>
> Mauro
Mauro, il tuo programma di email non da un indirizzo di risposta (neppure
stranamente quello di visus), almeno sul mio Outlook.
Attendi fiducioso e arriveranno suggerimenti.
Ciao
From: maurizio cagnoli
Date: ven apr 19, 2002 1.44
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: Re: RECUPERO vista
Message: 999
From: mauro biosx
Date: lun apr 22, 2002 9.47
From: Alberto Tidu
Date: mar apr 23, 2002 2.13
ok, grazie!
provero' a telefonare
ciao
"olent.it" <[email protected]> ha scritto: Caro Mauro
sei fortunato ... presto a Torino si svolgera' un seminario di Buena vista
(4/5 maggio)!
per info contatta la segreteria organizzativa c.347 2921082
Riccardo OLENT
--------------------------------Vinci i Mondiali - La Grande Sfida dei Mondiali FIFA
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Re: Schiarire gli occhi
Message: 1000
Ciao ragazzi! Avrei urgenza di sapere come schiarire
il colore degli occhi (i miei normalmente sono blu, ma
sono riuscito a schiarirli un pò), possibilmente in
modo naturale.
Per ora conosco il classico metodo di chiudere gli
occhi e guardare in direzione del sole, sapreste
suggerirmene altri? Vorrei inoltre sapere se
normalmente vengono considerati più attraenti gli
occhi blu, quelli azzurri o quelli celesti. Ultima
domanda (speriamo:-)): di che colore sono gli occhi di
Nek? Sapreste aiutarmi ad averli dello stesso colore
dei suoi?
Grazie a tutti!
______________________________________________________________________
Vinci i Mondiali - La Grande Sfida dei Mondiali FIFA
http://it.yahoo.com/mail_it/foot/?http://lasfida.yahoo.net/
Group: Visus
Subject: Ogg: Schiarire gli occhi
Message: 1001
From: s_caggia
--- In [email protected], Alberto Tidu <[email protected]> ha scritto:
> Ciao ragazzi! Avrei urgenza di sapere come schiarire
> il colore degli occhi (i miei normalmente sono blu, ma
> sono riuscito a schiarirli un pò), possibilmente in
> modo naturale.
> Per ora conosco il classico metodo di chiudere gli
> occhi e guardare in direzione del sole, sapreste
> suggerirmene altri? Vorrei inoltre sapere se
> normalmente vengono considerati più attraenti gli
> occhi blu, quelli azzurri o quelli celesti. Ultima
> domanda (speriamo:-)): di che colore sono gli occhi di
> Nek? Sapreste aiutarmi ad averli dello stesso colore
> dei suoi?
>
> Grazie a tutti!
>
>
______________________________________________________________________
> Vinci i Mondiali - La Grande Sfida dei Mondiali FIFA
> http://it.yahoo.com/mail_it/foot/?http://lasfida.yahoo.net/
Mah, l'ultima versione di VisusBooster gestisce anche i colori ma
solamente il verde ed il rosso... :-)
Perdonami la battuta, ma perché diavolo vuoi schiarirti gli occhi?
La mia esperienza personale è che le persone guardino
l'espressione
degli occhi ma si IMMAGININO il colore. Da quando 4 mesi e mezzo fa
è
nato mio figlio Alberto tutte le persone che lo vedono si
complimentano con me per i suoi bellissimi occhi azzurri dicendo che
sono proprio come i miei... peccato che io abbia gli occhi verdi! Ma
saranno tutti daltonici?
Date: mar apr 23, 2002 2.27
Auguri per la tua ricerca e fammi sapere, magari un bel verde pisello
potrebbe rendermi più affascinante... :-)
Group: Visus
Subject: R: Schiarire gli occhi
Message: 1002
From: FRANCO BRACALONI
Date: mar apr 23, 2002 3.34
Il tuo messaggio mi ha fatto venire in mente la risposta data dalla posta di
un giornale femminile ad una ragazza che chiedeva, avendo delle belle
caviglie se poteva usare per esse un bel braccialetto. La risposta è stata:
se ha un bel naso perchè non ci attacca un anello e se ha un bel collo una
sveglia?
Daria
----- Original Message ----From: Alberto Tidu <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Tuesday, April 23, 2002 2:13 PM
Subject: Re: [Visus] Schiarire gli occhi
> Ciao ragazzi! Avrei urgenza di sapere come schiarire
> il colore degli occhi (i miei normalmente sono blu, ma
> sono riuscito a schiarirli un pò), possibilmente in
> modo naturale.
> Per ora conosco il classico metodo di chiudere gli
> occhi e guardare in direzione del sole, sapreste
> suggerirmene altri? Vorrei inoltre sapere se
> normalmente vengono considerati più attraenti gli
> occhi blu, quelli azzurri o quelli celesti. Ultima
> domanda (speriamo:-)): di che colore sono gli occhi di
> Nek? Sapreste aiutarmi ad averli dello stesso colore
> dei suoi?
>
> Grazie a tutti!
>
> ______________________________________________________________________
> Vinci i Mondiali - La Grande Sfida dei Mondiali FIFA
> http://it.yahoo.com/mail_it/foot/?http://lasfida.yahoo.net/
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
Group: Visus
Subject: R: Schiarire gli occhi
Message: 1003
>-----Messaggio originale---->Da: Alberto Tidu [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 23 aprile 2002 14.13
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: [Visus] Schiarire gli occhi
>
>
>Ciao ragazzi! Avrei urgenza di sapere come schiarire
>il colore degli occhi (i miei normalmente sono blu, ma
>sono riuscito a schiarirli un pò), possibilmente in
>modo naturale.
>Per ora conosco il classico metodo di chiudere gli
>occhi e guardare in direzione del sole, sapreste
>suggerirmene altri? Vorrei inoltre sapere se
>normalmente vengono considerati più attraenti gli
>occhi blu, quelli azzurri o quelli celesti. Ultima
>domanda (speriamo:-)): di che colore sono gli occhi di
>Nek? Sapreste aiutarmi ad averli dello stesso colore
>dei suoi?
Ciao Alberto.
Non credo si possa schiarire l'iride. Avendo studiato un po di Iridologia
(metodo diagnostico dolce, che si basa sulle alterazione del tessuto
dell'iride, pazzesco ma funziona!), potrei dirti, in tale ottica, che il
From: skyrunner
Date: mar apr 23, 2002 3.44
colore cambia in alcune tipologie di sofferenza organica. Ma, se si può
dire, in peggio.
Non so se la luce possa avere tali effeti schiarenti. Anzi, usa prudenza
nell'esposizione diretta!
Se vuoi provare, perche non provi con le lenti a contatto cosmetiche?
Puoi avere gli occhi del colore che preferisci (nessuno escluso) e cambiarlo
ogni giorno.
Curiosità: Negli USA c'è una gang, o pseudo setta, i cui membri indossano
lenti che rendono la pupilla a fessura come quella dei serpenti!
Ciao!
Mauro.
Group: Visus
Subject: Vincere... Vincere?
Message: 1004
From: skyrunner
Date: mar apr 23, 2002 3.51
From: cloudsruffler
Date: mar apr 23, 2002 3.54
Vi giro questa email, una perla dalla lista di Agopuntura e di Altre
terapie:
Mauro
Qualche anno fa, alle Paraolimpiadi di Seattle, nove atleti, tutti
mentalmente o fisicamente disabili erano pronti sulla linea di
partenza dei 100 metri. Allo sparo della pistola, iniziarono la gara,
non tutti correndo, ma con la voglia di arrivare e vincere. Mentre
correvano, un piccolo ragazzino cadde sull'asfalto, fece un paio di
capriole e cominciò a piangere.
Gli altri otto sentirono il ragazzino piangere.
Rallentarono e guardarono indietro.
Si fermarono e tornarono indietro......ciascuno per conto suo.
Una ragazza Down si sedette accanto a lui e cominciò a baciarlo e a
dire: "Adesso stai meglio?"
Allora, tutti e nove si abbracciarono e camminarono verso la linea
del traguardo.
Tutti nello stadio si alzarono, e gli applausi andarono avanti per
parecchi minuti. Persone che erano presenti raccontano ancora la
storia. Perché?
Perché dentro di noi sappiamo che la cosa importante nella vita va
oltre il vincere per se stessi.
La cosa importante in questa vita è aiutare gli altri a vincere,
anche se ciò comporta il rallentare e cambiare la nostra corsa.
Magari riusciamo a cambiare il nostro cuore e quello di qualcun
altro... "Una candela non ci perde niente nell'accendere un'altra
candela"
"Sono convinto che una candela che accenda un'altra candela possa
solo generare più Luce."
Group: Visus
Subject: R: RECUPERO vista
Message: 1005
>-----Messaggio originale---->Da: mauro biosx [mailto:[email protected]]
>Inviato: venerdì 19 aprile 2002 15.48
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] RECUPERO vista
>interessato a come poter migliorare la vista in maniera naturale,
>cosa che tuttavia mi lascia perplesso..
Provare per credere.
>Ultimamente sono tentato di sottopormi all'operazione chirurgica
>con il laser, ma un po' per denaro e un po' per diffidenza ho
>sempre rimandato, ora leggendo sul vs. sito e su alcuni articoli
>che non sempre tale operazione e' soddisfacente, anzi puo'
>peggorare le cose (vedi caso striscia la notizia), penso che la
>prospettiva di abbandonare gli occhiali sia ormai diventata una chimera...
>
>il mio deficit e'
>dx: 2.00 (o 1,75 con lente astigmatica)
>sx: 1.75
Con la tua gradazione hai un vantaggio notevole. Metodo e costanza
dovrebbero portarti a risultati concreti con una relativa facilità.
E non solo in termini di acutezza. Quella è solo un parametro.
Altro che chimera!
Io non ho visto la trasmissione ma me ne hanno parlato. Chi ne sà qualcosa?
"Nessuno puo' dirti a quale altezza potrai elevarti;
neppure tu lo saprai, sino a che non avrai spiegato le ali."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
_________________________________________________________
Do You Yahoo!?
Get your free @yahoo.com address at http://mail.yahoo.com
Group: Visus
Subject: il libro di bates
Message: 1006
From: smile_boyit
Date: mar apr 23, 2002 5.57
From: smile_boyit
Date: mar apr 23, 2002 5.45
From: skyrunner
Date: mar apr 23, 2002 7.58
ciao,
visto la grande curiosita' che mi avete messo, ho comprato il libro
di questo famoso dott.Bates (10&#8364;) "come guarire gli occhi senza
occhiali" o un titolo simile, ho letto i primi capitoli ed altri a
caso......ma non si capisce molto!!
lo trovo un po' incomprensibile... (parla di pippo, di pluto, della
maestra, degli alunni ecc) molto teorico e poco pratico, volevo
quindi sapere se in commercio ci sono altri libri, sempre basati sul
metodo Bates ma piu' pratici e 'semplici' magari con disegni o foto.
grazie a tutti
un saluto festoso e buon ponte
Mauro
help-me!
Group: Visus
Subject: Ogg: RECUPERO vista
Message: 1007
ciao
Ho comprato il libro di Bates (10 &#8364;) ma sinceramente non ci capisco
nulla, e' un po' incomprensibile!!!
e' molto vago, tanta teoria e poca pratica! volevo sapere se ci sono
libri piu' "semplici" e pratici
ciao
un saluto festoso a tutti
buon ponte
Mauro
Group: Visus
Subject: Tecniche Bates (era: il libro di bates)
Message: 1008
>-----Messaggio originale---->Da: smile_boyit [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 23 aprile 2002 17.58
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] il libro di bates
>visto la grande curiosita' che mi avete messo, ho comprato il libro
>di questo famoso dott.Bates (10&#8364;) "come guarire gli occhi senza
>occhiali" o un titolo simile, ho letto i primi capitoli ed altri a
>caso......ma non si capisce molto!!
>lo trovo un po' incomprensibile... (parla di pippo, di pluto, della
>maestra, degli alunni ecc) molto teorico e poco pratico, volevo
>quindi sapere se in commercio ci sono altri libri, sempre basati sul
>metodo Bates ma piu' pratici e 'semplici' magari con disegni o foto.
Dobbiamo avere edizioni diverse, io e te... IO ho l'edizione originale in
inglese e quella tradotta, ma di Disney non se ne fa menzione... Caspita!
Deve essere una rarità quel tuo libro, se è originale chissa quanto vale...
L'edizione in commercio è un edizione ridotta, tratta dal libro "Perfect
sight without glasses" (vista perfetta senza occhiali), dopo la morte di
Bates, dalla moglie. Il libro originale (lo ho anche messo, in inglese,
nell'area files di Visus) era n testo di divulgazione scientifica. Se lo si
preleva si vede chiaramente.
Per capirlo, parlo dell'edizione ridotta, occorre leggerlo con calma più di
una volta.
Tuttavia le tecniche sono semplicissime, al limite, se si ha fiducia e non
interessa sapere perchè, si potrebbe anche fare a meno di leggere il libro
(o i libri)
L'importante è farle bene e con un pizzico di costanza.
Farle bene significa anche farle tutte. Generalmente ci si concentra su
quelle, che, seppur "misteriose", sembrano avere un senso, e si tralasciano
le altre. Per esempio si tralasciano proprio le due forse piu importanti, la
lettura dei caratteri piccolissimi e quella della tabella di Snellen, per
dedicarsi al resto (con scetticismo)
Il file "Il metodo Bates in una conchiglia" che ti è arrivato in automatico
con l'iscrizione, contiene un sunto di tutte le tecniche. Sarebbe
sufficiente quello per cominciare.
Di libri buoni ce ne sono. I migliori in inglese ancora (forse mai) non
tradotti. Alcuni invece ti portano slo fuori strada...
Ho inserito ora nell'area files, nella directory "Immagini" i disegni delle
varie tecniche. Non sono tutte, ma quelle più importanti.
Per chi non è iscritto, le invio come allegato in formato .zip (circa 125Kb)
attivando temporaneamente l'invio degli allegati, altrimenti non permessi su
Visus.
I file sono:
Dondolio del corridoio.GIF
Variante del dondolio dell'elefante.
Dondolio del marinaio.GIF
Variante del dondolio dell'elefante
Dondolio dell'elefante.GIF
Dondolio dell'elefante o lungo.
Dondolio laterale.GIF
Dondolio laterale o breve.
Palming.GIF
Come mettere le mani per il palming.
Per la descrizione basta leggere "Il metodo Bates in una conchiglia".
Comunque nell'archivio passato dei messaggi ci sono molti spunti
interessanti, una rilettura te la consiglio vivamente, è salutare! Inoltre
capirai meglio alcuni passaggi del libro altrimenti un po ostici.
Comunque il consiglio personale che ti do è: *comincia subito*. I libri sono
un di più.
Ciao e buon miglioramento!
Mauro.
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
>
>grazie a tutti
>un saluto festoso e buon ponte
>Mauro
>help-me!
Group: Visus
Subject: Re: Orto-k
Message: 1009
From: olent.it
Date: mar apr 23, 2002 8.05
From: [email protected]
Date: mar apr 23, 2002 8.07
Caro Erio
I centri piu' vicini a te che conosco personalmente e che ti posso
raccomandare sono:
Ottica ferrarini di Guastalla RE. t. 0522825783
Ottica Candi Collecchio Parma t. 0521 806560
Cari saluti
Dr.Riccardo OLENT
C.so Vinzaglio 26 10121 TORINO Italy
Tel. (+39) 011 5611 030 / 011 5419 09
Fax. (+39) 178 2285 638
www.olent.it E-mail: [email protected]
----- Original Message ----From: "Erio Calderara" <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Wednesday, April 17, 2002 11:19 AM
Subject: [Visus] Orto-k
> Salve, sono di Modena e uso lenti a contatto da vari anni ma solo dai
messaggi in lista ho appreso dell'esistenza dell' ortocheratologia a cui
sono molto interessato.
> Ho fatto una breve ricerca su internet ma di centri di applicazione ho
trovato molto poco e inoltre lontano dalla mia città.
> Qualcuno forse sa dove trovare un elenco dei centri che trattano
ortocheratologia ?
> Grazie e saluti a tutti
> Erio Calderara
>
>
> [Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: New file uploaded to Visus
Message: 1010
Ciao,
desideriamo farti sapere che, nella sezione File del gruppo
Visus, troverai un nuovo file appena caricato.
File : /Programmi/FinePrint95_98_me.exe
Caricato da : cloudsruffler <[email protected]>
Descrizione : Fine print. Per stampare più pagine (anche 8) sun un solo foglio a4. Shareware
Puoi accedere al file dal seguente indirizzo:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/Programmi/FinePrint95_98_me.exe
Per ulteriori informazioni su come condividere i file con gli altri
iscritti al tuo gruppo, vai invece alla sezione di Aiuto al seguente
indirizzo:
http://help.yahoo.com/help/it/groups/files
Cordiali saluti,
cloudsruffler <[email protected]>
Group: Visus
Message: 1011
From: [email protected]>
Date: mer apr 24, 2002 1.39
Subject: Rif: Re: Schiarire gli occhi
>
>
>
>
>
>
>
>
Da: Alberto Tidu <[email protected]>
Data: 2002/04/23 Tue PM 02:13:14 CEST
A: [email protected]
Oggetto: Re: [Visus] Schiarire gli occhi
Ciao ragazzi! Avrei urgenza di sapere come schiarire
il colore degli occhi (i miei normalmente sono blu
il colore dell'iride deriva dalla concentrazione di pigmento nelle cellule che lo contengono(melanociti),variando da un minimo(iride azzurra)a un massimo(marrone),passando per un
tipo "intermedio"(verde).Alla nascita l'iride risulta più chiara,ma già in periodo adolescenziale la melanina si è accumulata a livello quasi permanente.Non credo che ci siano quindi
molte possibilità di schiarire la tonalità,anzi non ho mai sentito parlare di questo tipo di tecniche e ne sono curiosa,potresti dirci di più?
Alcuni iridologi classificano le tonalità in tre categorie,correlate anche a predisposizione a determinate malattie o addirittura alla...personalità!
L'iride azzurra(linfatica) denota la tendenza a disordini dell'apparato respiratorio superiore e corrisponderebbe ad una personalità meditativa ,creativa ma molto volta verso
l'interiore.L'iride marrone(sanguigna)segnalerebbe la predisposizione a problemi collegati alla circolazione(compresi anemia e congestione del fegato).I sanguigni dovrebbero
risultare più attivi ed estroversi.La verde(biliare) si accompagna spesso a disturbi delle vie biliari(fegato,cistifellea,dotti biliari).Il carattere dovrebbe essere una via di mezzo fra i
due precedenti,con frequenti oscillazioni e variazioni(anche d'umore)
Quanti di voi si ritrovano in queste tipologie?
Vorrei inoltre sapere se
> normalmente vengono considerati più attraenti gli
> occhi blu, quelli azzurri o quelli celesti. >
>
ma,se ti interessa,da un sondaggio al volo che ho fatto su un campione di 20 donne la risposta è: blu!Ma più che il colore,colpisce la forma e la profondità...quindi si risollevino le
iridi scure,che sanno essere molto intense!:)
Il blu è un colore molto bello e anche relativamente raro,perchè vuoi cambiarlo?
In ogni caso facci sapere!
Tanti saluti!
Giada______________________________________________________________________
>>
>
Group: Visus
Message: 1012
Subject: Ogg: Tecniche Bates (era: il libro di bates)
--- In [email protected], "skyrunner" <[email protected]> ha scritto:
> Dobbiamo avere edizioni diverse, io e te... IO ho l'edizione
originale in
> inglese e quella tradotta, ma di Disney non se ne fa menzione...
Caspita!
> Deve essere una rarità quel tuo libro, se è originale chissa quanto
vale...
>
> L'edizione in commercio è un edizione ridotta, tratta dal
libro "Perfect
> sight without glasses" (vista perfetta senza occhiali), dopo la
morte di
> Bates, dalla moglie. Il libro originale (lo ho anche messo, in
inglese,
> nell'area files di Visus) era n testo di divulgazione scientifica.
Se lo si
> preleva si vede chiaramente.
>
> Per capirlo, parlo dell'edizione ridotta, occorre leggerlo con
calma più di
> una volta.
> Tuttavia le tecniche sono semplicissime, al limite, se si ha
fiducia e non
> interessa sapere perchè, si potrebbe anche fare a meno di leggere
il libro
> (o i libri)
> L'importante è farle bene e con un pizzico di costanza.
> Farle bene significa anche farle tutte. Generalmente ci si
concentra su
> quelle, che, seppur "misteriose", sembrano avere un senso, e si
tralasciano
> le altre. Per esempio si tralasciano proprio le due forse piu
importanti, la
> lettura dei caratteri piccolissimi e quella della tabella di
Snellen, per
> dedicarsi al resto (con scetticismo)
>
> Il file "Il metodo Bates in una conchiglia" che ti è arrivato in
From: smile_boyit
Date: mer apr 24, 2002 9.55
automatico
> con l'iscrizione, contiene un sunto di tutte le tecniche. Sarebbe
> sufficiente quello per cominciare.
>
> Di libri buoni ce ne sono. I migliori in inglese ancora (forse mai)
non
> tradotti. Alcuni invece ti portano slo fuori strada...
>
> Ho inserito ora nell'area files, nella directory "Immagini" i
disegni delle
> varie tecniche. Non sono tutte, ma quelle più importanti.
>
> Per chi non è iscritto, le invio come allegato in formato .zip
(circa 125Kb)
> attivando temporaneamente l'invio degli allegati, altrimenti non
permessi su
> Visus.
>
> I file sono:
>
> Dondolio del corridoio.GIF
> Variante del dondolio dell'elefante.
>
> Dondolio del marinaio.GIF
> Variante del dondolio dell'elefante
>
> Dondolio dell'elefante.GIF
> Dondolio dell'elefante o lungo.
>
> Dondolio laterale.GIF
> Dondolio laterale o breve.
>
> Palming.GIF
> Come mettere le mani per il palming.
>
> Per la descrizione basta leggere "Il metodo Bates in una
conchiglia".
>
> Comunque nell'archivio passato dei messaggi ci sono molti spunti
> interessanti, una rilettura te la consiglio vivamente, è salutare!
Inoltre
> capirai meglio alcuni passaggi del libro altrimenti un po ostici.
>
> Comunque il consiglio personale che ti do è: *comincia subito*. I
libri sono
> un di più.
>
> Ciao e buon miglioramento!
>
> Mauro.
>
> &#8220;&#8230;Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates=
sono
> assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza
di essi.
> Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono
stati creati
> dalla natura.&#8221;
> Mauro Teodori
> [email protected]
> [email protected]
ciao,
grazie delle dritte, si mi e' stato inviato il file "bates in una
conchiglia" ma mi sono detto il libro e' meglio cosi l'ho
comprato.......non ricordo alla perfezione l titolo.....lo sfondo e'
bianco, le scritte in nero sottolineate, al fondo ha una tabella con
le lettere per esercitarsi......cmq ho gia' cominciato
- ho tolto gli occhiali quando vado torno da lavoro (conosco a
memoria il percorso)
- sul pulman li tolgo
- quando vado a correre ora non li metto piu'
- sbadiglio spesso (quello lo faccio da anni :D)
- palming
- al computer alterno la visione senza e con occhiali.
ho iniziato da meno di una settimana e sono scettico solo al 50%
per fortuna mi manca 'solo' 1.75 (SX) 2.0 (DX)
purtroppo sto tantissimo davanti al monitor: a lavoro 8 ore e piu' e
poi a casa spesso (invece di fare altro) gioco un 2-3 ore (sono un
drogato di games-on-line) quindi a conti fatti ho una media di 7-8
ore al di' :o ..........cio' allungera' di molto i tempi
di "guarigione?"
.....cmq l'impego c'e'.....
ciao
mauro
PS: ancora non so perke' certe volte viene fuori smile_boyit ed altre
mauro bisox, sono sempre io.
Group: Visus
Subject: Orto-K.
Message: 1013
From: BONFANTI GIANCARLO
Date: gio apr 25, 2002 9.45
Essendo interessato all'Ortocheratologia, desideravo sapere se siete a conoscenza di centri vicino a Trento (TN) specializzati in tale tecnica.
Grazie.
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: I: Orto-k
Message: 1014
From: Erio Calderara
Date: gio apr 25, 2002 7.36
Salve,
Vorrei sapere se qualcuno della lista ha usato o sta usando lenti orto-k e con quali risultati.
Saluti, Erio
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Re: I: Orto-k
Message: 1015
From: depetris
Date: lun apr 29, 2002 11.40
From: olent.it
Date: lun apr 29, 2002 7.35
----- Original Message ----From: "Erio Calderara" <[email protected]>
To: "Visus" <[email protected]>
Sent: Thursday, April 25, 2002 7:36 PM
Subject: [Visus] I: Orto-k
Salve,
Vorrei sapere se qualcuno della lista ha usato o sta usando lenti orto-k e
con quali risultati.
Saluti, Erio
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Re: I: Orto-k
Message: 1016
Puoi trovare una lettera scritta da uno che le ha provate su SOLARIS - Il
Network del Benessere http://www.solaris.it
> > ********************************************************
NEWS: Approfondimento sull'Ortocheratologia: addio a lenti e occhiali
Riccardo Olent
----- Original Message ----From: "depetris" <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Monday, April 29, 2002 11:40 AM
Subject: Re: [Visus] I: Orto-k
>
> ----- Original Message ----> From: "Erio Calderara" <[email protected]>
> To: "Visus" <[email protected]>
> Sent: Thursday, April 25, 2002 7:36 PM
> Subject: [Visus] I: Orto-k
>
>
>
>
>
> Salve,
> Vorrei sapere se qualcuno della lista ha usato o sta usando lenti orto-k e
> con quali risultati.
> Saluti, Erio
>
>
> [Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
> indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
>
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: Re: La visione è tutta nella mente.
Message: 1017
Ho caricato nell'area files un file MS Word che si chiama "Illusione Bates".
E' una esperienza visiva, che vi dimostrerà, se non ne siete convinti, che
la visione è nella mente. Vediamo quello che il cervello crede di vedere.
E' davvero molto interessante. Vale la pena di provare. Non vi dico cosa
succede così lo scoprite da soli...
SORPRESA!
Per accedere alla sezione files occorre essere registrati su Yahoo.
Il link è:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/
Quello diretto per il file:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/Illusione%20Bates.doc
Non fatelo se siete molto impressionabili!
Come fare:
1. Lasciate la mano sul mouse.
2. Fate doppio click sul simbolo qui sotto (Word vi ricorderà il pericolo di
Virus, questo è un file sicuro, continuate tranquilli)
3. Concentratevi sulla parte centrale del disegno per 30 secondi (Importante
30 secondi altrimenti non funziona!)
4. Adesso guardate la mano che tiene il mouse.
5. Non urlate!
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.12
Ciao a tutti.
"Noi vediamo soltanto ciò che vogliamo vedere, inconsciamente o
consciamente; in altre parole, solo una parte di ciò che vediamo proviene
dall' esterno, il resto si trova in noi. Le nostre interpretazioni sono
strettamente legate alle nostre esperienze passate.".
"Non è la materia che genera il pensiero...
è il pensiero che genera la materia".
(Giordano Bruno)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 1018
Subject: Re: Tecniche Bates (era: il libro di bates)
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.12
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.31
>-----Messaggio originale---->Da: smile_boyit [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 24 aprile 2002 9.56
>A: [email protected]
>Oggetto: Ogg: Tecniche Bates (era: [Visus] il libro di bates)
>grazie delle dritte, si mi e' stato inviato il file "bates in una
>conchiglia" ma mi sono detto il libro e' meglio cosi l'ho
>comprato.......non ricordo alla perfezione l titolo.....lo sfondo e'
HAi fatto bene a comprarlo!
>bianco, le scritte in nero sottolineate, al fondo ha una tabella con
>le lettere per esercitarsi......cmq ho gia' cominciato
>- ho tolto gli occhiali quando vado torno da lavoro (conosco a
>memoria il percorso)
>- sul pulman li tolgo
>- quando vado a correre ora non li metto piu'
>- sbadiglio spesso (quello lo faccio da anni :D)
>- palming
>- al computer alterno la visione senza e con occhiali.
>
>ho iniziato da meno di una settimana e sono scettico solo al 50%
>per fortuna mi manca 'solo' 1.75 (SX) 2.0 (DX)
Leggiti bene "il metodo Bates in una conchiglia" e se puoi anche il libro.
Da quello che scrivi vedo che manca qualcosina...
Poi decidi tu se vuoi seguire un'altro metodo.
>purtroppo sto tantissimo davanti al monitor: a lavoro 8 ore e piu' e
>poi a casa spesso (invece di fare altro) gioco un 2-3 ore (sono un
>drogato di games-on-line) quindi a conti fatti ho una media di 7-8
>ore al di' :o ..........cio' allungera' di molto i tempi
>di "guarigione?"
Chi puo dirlo? Dalla mia (piccola) esperienze la cosa che conta veramente è
cambiare il modo con il quale si usano gli occhi. Nel lavoro da vicino, se
uno è abituato male, è un po' difficile cambiare, quindi sarebbe meglio
ridurlo. Come dice Maurizio Cagnoli anche "disintossicarsi dal bisogno di
leggere".
Inltre come si diceva in passato, sarebbe megio non usare occhiali nel
lavoro da vicino oppure usarne un paio a gradazione ridotta.
Tu sei comunque avvantaggiato perche la tua miopia è lieve.
>PS: ancora non so perke' certe volte viene fuori smile_boyit ed altre
>mauro bisox, sono sempre io.
A volte lo fa perchè ci si è registrati prima via email e poi ci si registra
di nuovo sul sito e si usa la email di yahoo. In tal caso i messaggi vengono
spediti 2 volte, e se una volta si risponde ad un messaggio con un
indirizzo, ed una volta con un altro... Ho dto un'occhiata e non mi sembra
il tuo caso. Forse hai più di un profilo su yahoo, allora. Ma comunque non
mi sembra un problema.
Ciao!
Mauro.
Group: Visus
Message: 1019
Subject: Re: RECUPERO vista
>-----Messaggio originale---->Da: mauro biosx [mailto:[email protected]]
>Inviato: venerdì 19 aprile 2002 15.48
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] RECUPERO vista
>interessato a come poter migliorare la vista in maniera naturale,
>cosa che tuttavia mi lascia perplesso..
Provare per credere.
>Ultimamente sono tentato di sottopormi all'operazione chirurgica
>con il laser, ma un po' per denaro e un po' per diffidenza ho
>sempre rimandato, ora leggendo sul vs. sito e su alcuni articoli
>che non sempre tale operazione e' soddisfacente, anzi puo'
>peggorare le cose (vedi caso striscia la notizia), penso che la
>prospettiva di abbandonare gli occhiali sia ormai diventata una chimera...
>
>il mio deficit e'
>dx: 2.00 (o 1,75 con lente astigmatica)
>sx: 1.75
Con la tua gradazione hai un vantaggio notevole. Metodo e costanza
doovrebbere portarti a risultati concreti con una relativa facilità.
E non solo in termni di acutezza. Quella è solo un parametro.
Altro che chimera!
Io non ho visto la trasmissione ma me ne hanno parlato. Chi ne sà qualcosa?
"Nessuno puo' dirti a quale altezza potrai elevarti;
neppure tu lo saprai, sino a che non avrai spiegato le ali."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1020
Qualche tempo fa ho inviato un messaggio al Dr. Alessandro Fossetti, tratta
anche forniture per optometria.
Lo scopo era quello di sapere centri dove era presente l'accomotrac. In
particolare avevo chiesto della presenza di un apparecchio a Cagliari,
facendo seguito alla richiesta di Franco di qualche tempo fa.
Allego la risposta:
>-----Messaggio originale---->Da: Alessandro Fossetti
>Inviato: mercoledì 24 aprile 2002 9.50
>A: [email protected]
>Oggetto: centri VTS
>
>Ciao Mauro,
>ti ringrazio del promemoria. Mi ero scritto da qualche parte di dover fare
>un elenco dei centri, ma me lo ricordo solo ora.
>Per Cagliari mi sono informato, ma chi aveva il VTS l'ha venduto e al
>momento non so di altri centri che facciano biofeedback.
Domanda spontanea: Perchè il centro di Cagliari non si occupa più di
rieducazione?
Mi viene in mente un vecchio messaggio di Maurizio Cagnoli, che riproponeva
un mio, di messaggio, e che allego di seguito.
La riflessione e la risposta secondo me sono nello stralcio di messaggi che
ho allegato.
Io credo molto nell'accomotrac e simili, ed è uno strumento prezioso ed
altamente efficace.
Ma perchè non coniugare le scoperte di Bates alle tecniche di impiego dello
strumento?
In effetti già si fa così, sopratutto in alcuni centri, ma solo in parte.
Altri lo associano a veri e prorpi esercizi dell'occhio, non a tecniche di
riprogrammazione del sistema visivo. Altri ancora a tecniche di
rilassamento, fino ad arrivare a fare impiegare lo strumento ad uno
psicologo.
Una piena integrazione porterebbe sicuramente risultati più rapidi, duraturi
e risparmierebbe molte sofferenze, per dirla con Bates. Il vero metodo Bates
è stato per decenni visto come un'ostacolo a certi business troppo ricchi,
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.06
quindi è stato osteggiato e trascinato nel dimenticatoio. Ma perchè
continuare a privarsene?
La vera forza commerciale di alcuni prodotti validi è il passa parola.
A meno che non ci si guadagni davvero tanto, in tal caso è la pubblicità a
convincere...
Ma non è il caso della rieducazione visiva.
Saluti a tutti.
"La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere razionale.
Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in accordo con la
visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i fatti. Questi
potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo periodo; ma nel frattempo
il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e permane la molta sofferenza
che poteva essere evitata". - Dr. William Horatio Bates
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> ha scritto:
> Ho ritrovato un vecchio messaggio di skyrunner, che spiega bene
> l'accomotrack (l'IBIS è simile, anche se montotrizza un fenomeno diverso).
>
> La cosa che però mi ha spinto a rirpendere l'argomento è il fatto che
> viene citato Ligabue, come uno dei primi che hanno introdotto il
> procedimento. Ligabue stesso mi ha contattato un paio di mesi fa, per
> farsi cancellare dalla lista di Buena Vista, in quanto non pratica più
> l'accomotrack per "mancanza di risultati".
>
> Questo riflette quello che è capitato a molti che lo proponevano ai loro
> clienti: il biofeed back da una spinta e provoca un miglioramento, ma da
> solo non basta: dopo un po' l'effetto si attenua e scompare.
> Questo non per dire che non serva a niente, ma piuttosto che non può
> essere preso come una "scorciatoia" per evitare la consapevolezza di
> come si usano i propri occhi
>
>
>
> > --- In [email protected], "Skyrunner Wind" <[email protected]> wrote:
> > Per chi volesse saperne di più circa l'accomotrack qualcosa di
> > interessante.
> > Io lo ho trovato utile in abbinamento al metodo Bates, che è l'unico
> > metodo
> > efficace per riacquistare abiti visivi corretti.
> > Ossia reimparare di nuovo a vedere, utilizzando la vista (NON SOLO
> > L'OCCHIO!!!) in maniera corretta.
> > L'accomotrack da solo, potrebbe dare un miglioramento solo temporaneo.
>>
> > Forse un giorno ci si sorprendera' dei mezzi arcaici che si
> > usavano "una
> > volta" per far vedere bene le persone con una vista difettosa, invece
> > di risolvere il problema alla radice.
>>
> > Nota: L'accomotrack usa la tecnica del biofeedback, utilizzando una
> > apparecchiatura sofisticata e costosa.
> > Bates ha utilizzato il biofeedback in maniera geniale e
> > semplicissima, come
> > nel suo stile: Facendo LEGGERE TUTTI I GIORNI LA TABELLA DI SNELLEN.
> > La
> > messa a fuoco delle lettere sulla tabella, anche battendo
> > ripetutamente gli
> > occhi, è un mezzo semplice ed immediato per avere subito un
> > indicazione o
> > ritorno (feedback!) di come stiamo usando gli occhi!
> > Differenza: L'accomotrack usa un suono e Bates la vista stessa.
> > All'inizio
> > il suono può forse aiutare di più, ma avendoli provati entrambi posso
> > assicurarvi che è praticamente la stessa cosa!
Group: Visus
Subject: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1021
Qualche tempo fa ho inviato un messaggio al Dr. Alessandro Fossetti, tratta
anche forniture per optometria.
Lo scopo era quello di sapere centri dove era presente l'accomotrac. In
particolare avevo chiesto della presenza di un apparecchio a Cagliari,
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.16
facendo seguito alla richiesta di Franco di qualche tempo fa.
Allego la risposta:
>-----Messaggio originale---->Da: Alessandro Fossetti
>Inviato: mercoledì 24 aprile 2002 9.50
>A: [email protected]
>Oggetto: centri VTS
>
>Ciao Mauro,
>ti ringrazio del promemoria. Mi ero scritto da qualche parte di dover fare
>un elenco dei centri, ma me lo ricordo solo ora.
>Per Cagliari mi sono informato, ma chi aveva il VTS l'ha venduto e al
>momento non so di altri centri che facciano biofeedback.
Domanda spontanea: Perchè il centro di Cagliari non si occupa più di
rieducazione?
Mi viene in mente un vecchio messaggio di Maurizio Cagnoli, che riproponeva
un mio, di messaggio, e che allego di seguito.
La riflessione e la risposta secondo me sono nello stralcio di messaggi che
ho allegato.
Io credo molto nell'accomotrac e simili, ed è uno strumento prezioso ed
altamente efficace.
Ma perchè non coniugare le scoperte di Bates alle tecniche di impiego dello
strumento?
In effetti già si fa così, sopratutto in alcuni centri, ma solo in parte.
Altri lo associano a veri e prorpi esercizi dell'occhio, non a tecniche di
riprogrammazione del sistema visivo. Altri ancora a tecniche di
rilassamento, fino ad arrivare a fare impiegare lo strumento ad uno
psicologo.
Una piena integrazione porterebbe sicuramente risultati più rapidi, duraturi
e risparmierebbe molte sofferenze, per dirla con Bates. Il vero metodo Bates
è stato per decenni visto come un'ostacolo a certi business troppo ricchi,
quindi è stato osteggiato e trascinato nel dimenticatoio. Ma perchè
continuare a privarsene?
La vera forza commerciale di alcuni prodotti validi è il passa parola.
A meno che non ci si guadagni davvero tanto, in tal caso è la pubblicità a
convincere...
Ma non è il caso della rieducazione visiva.
Saluti a tutti.
"La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere razionale.
Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in accordo con la
visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i fatti. Questi
potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo periodo; ma nel frattempo
il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e permane la molta sofferenza
che poteva essere evitata". - Dr. William Horatio Bates
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> ha scritto:
> Ho ritrovato un vecchio messaggio di skyrunner, che spiega bene
> l'accomotrack (l'IBIS è simile, anche se montotrizza un fenomeno diverso).
>
> La cosa che però mi ha spinto a rirpendere l'argomento è il fatto che
> viene citato Ligabue, come uno dei primi che hanno introdotto il
> procedimento. Ligabue stesso mi ha contattato un paio di mesi fa, per
> farsi cancellare dalla lista di Buena Vista, in quanto non pratica più
> l'accomotrack per "mancanza di risultati".
>
> Questo riflette quello che è capitato a molti che lo proponevano ai loro
> clienti: il biofeed back da una spinta e provoca un miglioramento, ma da
> solo non basta: dopo un po' l'effetto si attenua e scompare.
> Questo non per dire che non serva a niente, ma piuttosto che non può
> essere preso come una "scorciatoia" per evitare la consapevolezza di
> come si usano i propri occhi
>
>
>
> > --- In [email protected], "Skyrunner Wind" <[email protected]> wrote:
> > Per chi volesse saperne di più circa l'accomotrack qualcosa di
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
interessante.
Io lo ho trovato utile in abbinamento al metodo Bates, che è l'unico
metodo
efficace per riacquistare abiti visivi corretti.
Ossia reimparare di nuovo a vedere, utilizzando la vista (NON SOLO
L'OCCHIO!!!) in maniera corretta.
L'accomotrack da solo, potrebbe dare un miglioramento solo temporaneo.
Forse un giorno ci si sorprendera' dei mezzi arcaici che si
usavano "una
volta" per far vedere bene le persone con una vista difettosa, invece
di risolvere il problema alla radice.
Nota: L'accomotrack usa la tecnica del biofeedback, utilizzando una
apparecchiatura sofisticata e costosa.
Bates ha utilizzato il biofeedback in maniera geniale e
semplicissima, come
nel suo stile: Facendo LEGGERE TUTTI I GIORNI LA TABELLA DI SNELLEN.
La
messa a fuoco delle lettere sulla tabella, anche battendo
ripetutamente gli
occhi, è un mezzo semplice ed immediato per avere subito un
indicazione o
ritorno (feedback!) di come stiamo usando gli occhi!
Differenza: L'accomotrack usa un suono e Bates la vista stessa.
All'inizio
il suono può forse aiutare di più, ma avendoli provati entrambi posso
assicurarvi che è praticamente la stessa cosa!
Group: Visus
Subject: Re: RECUPERO vista
Message: 1022
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.12
From: skyrunner
Date: lun apr 29, 2002 9.32
>-----Messaggio originale---->Da: mauro biosx [mailto:[email protected]]
>Inviato: venerdì 19 aprile 2002 15.48
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] RECUPERO vista
>interessato a come poter migliorare la vista in maniera naturale,
>cosa che tuttavia mi lascia perplesso..
Provare per credere.
>Ultimamente sono tentato di sottopormi all'operazione chirurgica
>con il laser, ma un po' per denaro e un po' per diffidenza ho
>sempre rimandato, ora leggendo sul vs. sito e su alcuni articoli
>che non sempre tale operazione e' soddisfacente, anzi puo'
>peggorare le cose (vedi caso striscia la notizia), penso che la
>prospettiva di abbandonare gli occhiali sia ormai diventata una chimera...
>
>il mio deficit e'
>dx: 2.00 (o 1,75 con lente astigmatica)
>sx: 1.75
Con la tua gradazione hai un vantaggio notevole. Metodo e costanza
doovrebbere portarti a risultati concreti con una relativa facilità.
E non solo in termni di acutezza. Quella è solo un parametro.
Altro che chimera!
Io non ho visto la trasmissione ma me ne hanno parlato. Chi ne sà qualcosa?
"Nessuno puo' dirti a quale altezza potrai elevarti;
neppure tu lo saprai, sino a che non avrai spiegato le ali."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: I: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1023
Qualche tempo fa ho inviato un messaggio al Dr. Alessandro Fossetti, tratta
anche forniture per optometria.
Lo scopo era quello di sapere centri dove era presente l'accomotrac. In
particolare avevo chiesto della presenza di un apparecchio a Cagliari,
facendo seguito alla richiesta di Franco di qualche tempo fa.
Allego la risposta:
>-----Messaggio originale-----
>Da: Alessandro Fossetti
>Inviato: mercoledì 24 aprile 2002 9.50
>A: [email protected]
>Oggetto: centri VTS
>
>Ciao Mauro,
>ti ringrazio del promemoria. Mi ero scritto da qualche parte di dover fare
>un elenco dei centri, ma me lo ricordo solo ora.
>Per Cagliari mi sono informato, ma chi aveva il VTS l'ha venduto e al
>momento non so di altri centri che facciano biofeedback.
Domanda spontanea: Perchè il centro di Cagliari non si occupa più di
rieducazione?
Mi viene in mente un vecchio messaggio di Maurizio Cagnoli, che riproponeva
un mio, di messaggio, e che allego di seguito.
La riflessione e la risposta secondo me sono nello stralcio di messaggi che
ho allegato.
Io credo molto nell'accomotrac e simili, ed è uno strumento prezioso ed
altamente efficace.
Ma perchè non coniugare le scoperte di Bates alle tecniche di impiego dello
strumento?
In effetti già si fa così, sopratutto in alcuni centri, ma solo in parte.
Altri lo associano a veri e prorpi esercizi dell'occhio, non a tecniche di
riprogrammazione del sistema visivo. Altri ancora a tecniche di
rilassamento, fino ad arrivare a fare impiegare lo strumento ad uno
psicologo.
Una piena integrazione porterebbe sicuramente risultati più rapidi, duraturi
e risparmierebbe molte sofferenze, per dirla con Bates. Il vero metodo Bates
è stato per decenni visto come un'ostacolo a certi business troppo ricchi,
quindi è stato osteggiato e trascinato nel dimenticatoio. Ma perchè
continuare a privarsene?
La vera forza commerciale di alcuni prodotti validi è il passa parola.
A meno che non ci si guadagni davvero tanto, in tal caso è la pubblicità a
convincere...
Ma non è il caso della rieducazione visiva.
Saluti a tutti.
"La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere razionale.
Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in accordo con la
visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i fatti. Questi
potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo periodo; ma nel frattempo
il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e permane la molta sofferenza
che poteva essere evitata". - Dr. William Horatio Bates
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> ha scritto:
> Ho ritrovato un vecchio messaggio di skyrunner, che spiega bene
> l'accomotrack (l'IBIS è simile, anche se montotrizza un fenomeno diverso).
>
> La cosa che però mi ha spinto a rirpendere l'argomento è il fatto che
> viene citato Ligabue, come uno dei primi che hanno introdotto il
> procedimento. Ligabue stesso mi ha contattato un paio di mesi fa, per
> farsi cancellare dalla lista di Buena Vista, in quanto non pratica più
> l'accomotrack per "mancanza di risultati".
>
> Questo riflette quello che è capitato a molti che lo proponevano ai loro
> clienti: il biofeed back da una spinta e provoca un miglioramento, ma da
> solo non basta: dopo un po' l'effetto si attenua e scompare.
> Questo non per dire che non serva a niente, ma piuttosto che non può
> essere preso come una "scorciatoia" per evitare la consapevolezza di
> come si usano i propri occhi
>
>
>
> > --- In [email protected], "Skyrunner Wind" <[email protected]> wrote:
> > Per chi volesse saperne di più circa l'accomotrack qualcosa di
> > interessante.
> > Io lo ho trovato utile in abbinamento al metodo Bates, che è l'unico
> > metodo
> > efficace per riacquistare abiti visivi corretti.
> > Ossia reimparare di nuovo a vedere, utilizzando la vista (NON SOLO
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
L'OCCHIO!!!) in maniera corretta.
L'accomotrack da solo, potrebbe dare un miglioramento solo temporaneo.
Forse un giorno ci si sorprendera' dei mezzi arcaici che si
usavano "una
volta" per far vedere bene le persone con una vista difettosa, invece
di risolvere il problema alla radice.
Nota: L'accomotrack usa la tecnica del biofeedback, utilizzando una
apparecchiatura sofisticata e costosa.
Bates ha utilizzato il biofeedback in maniera geniale e
semplicissima, come
nel suo stile: Facendo LEGGERE TUTTI I GIORNI LA TABELLA DI SNELLEN.
La
messa a fuoco delle lettere sulla tabella, anche battendo
ripetutamente gli
occhi, è un mezzo semplice ed immediato per avere subito un
indicazione o
ritorno (feedback!) di come stiamo usando gli occhi!
Differenza: L'accomotrack usa un suono e Bates la vista stessa.
All'inizio
il suono può forse aiutare di più, ma avendoli provati entrambi posso
assicurarvi che è praticamente la stessa cosa!
Group: Visus
Subject: Re: Accomotrac a Cagliari? No grazie
>
>
>
>
>
>
Message: 1024
From: Domenico Intelisano
Date: mar apr 30, 2002 4.24
From: franco
Date: mar apr 30, 2002 10.12
Da: "skyrunner" <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Mon, 29 Apr 2002 21:06:43 +0200
A: "T G Visus" <[email protected]>
Oggetto: [Visus] Accomotrac a Cagliari? No grazie
> Domanda spontanea: Perchè il centro di Cagliari non si occupa più di
> rieducazione?
Non conosco il centro di Cagliari e quanto segue é un parere sull'argomento
visione:
-Il Visual Training non si può identificare con l'accomotrac e similari.
-Per trattare i problemi visivi bisogna avere UNA preparazione specifica e
non UN SOLO strumento specifico; purtroppo chi li vende non può o non vuole
sapere se c'é anche la preparazione per utilizzarli nella maniera ottimale
cioè in un contesto in cui é il professionista della visione che gestisce i
vari strumenti e le varie tecniche di visual training.
-Chi credeva che uno strumento potesse fare un professionista si é sbagliato
di grosso, infatti la moda dell'accomotrac e simili é in fase calante da un
pezzo, tanti hanno comprato tali strumenti che adesso giacciono negli studi
e nei negozi inutilizzati.
-Coloro i quali lo utilizzavano e continuano ad utilizzarlo, nel contesto
ottimale, hanno uno strumento buono in più nell'arsenale optometrico per
avere buoni risultati.
Altro parere sulla lettura senza occhiali o con diottrie inferiori:
-Tale pratica dovrebbe essere utilizzata DOPO una prescrizione specifica
susseguente ad una analisi visiva.
Tramite l'analisi visiva si determinano le diottrie opportune per le
attività ravvicinate così come si determina la lente ottimale per la
visione a distanza, il tutto viene impostato in funzione o meno della
volontà del soggetto di seguire un programma di visual training.
L'analisi visiva NON é praticata da tutti gli optometristi quindi é
opportuno rivolgersi a chi la fa o chiedere, se é possibile avere tale
servizio, quando si prende l'appuntamento.
Il problema di qualsiasi professione non é la presenza di TROPPI colleghi
ma la presenza di PESSIMI colleghi.
Un cordiale saluto a tutti,
Domenico Intelisano
Group: Visus
Subject: R: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1025
:-(((
-----Messaggio originale----Da: skyrunner [mailto:[email protected]]
Inviato: lunedì 29 aprile 2002 21.07
A: T G Visus
Oggetto: [Visus] Accomotrac a Cagliari? No grazie
Qualche tempo fa ho inviato un messaggio al Dr. Alessandro Fossetti,
tratta anche forniture per optometria. Lo scopo era quello di sapere
centri dove era presente l'accomotrac. In particolare avevo chiesto
della presenza di un apparecchio a Cagliari, facendo seguito alla
richiesta di Franco di qualche tempo fa.
Allego la risposta:
>-----Messaggio originale---->Da: Alessandro Fossetti
>Inviato: mercoledì 24 aprile 2002 9.50
>A: [email protected]
>Oggetto: centri VTS
>
>Ciao Mauro,
>ti ringrazio del promemoria. Mi ero scritto da qualche parte di dover
>fare un elenco dei centri, ma me lo ricordo solo ora. Per Cagliari mi
>sono informato, ma chi aveva il VTS l'ha venduto e al momento non so di
>altri centri che facciano biofeedback.
Domanda spontanea: Perchè il centro di Cagliari non si occupa più di
rieducazione? Mi viene in mente un vecchio messaggio di Maurizio
Cagnoli, che riproponeva un mio, di messaggio, e che allego di seguito.
La riflessione e la risposta secondo me sono nello stralcio di messaggi
che ho allegato. Io credo molto nell'accomotrac e simili, ed è uno
strumento prezioso ed altamente efficace. Ma perchè non coniugare le
scoperte di Bates alle tecniche di impiego dello strumento? In effetti
già si fa così, sopratutto in alcuni centri, ma solo in parte. Altri lo
associano a veri e prorpi esercizi dell'occhio, non a tecniche di
riprogrammazione del sistema visivo. Altri ancora a tecniche di
rilassamento, fino ad arrivare a fare impiegare lo strumento ad uno
psicologo.
Una piena integrazione porterebbe sicuramente risultati più rapidi,
duraturi e risparmierebbe molte sofferenze, per dirla con Bates. Il vero
metodo Bates è stato per decenni visto come un'ostacolo a certi business
troppo ricchi, quindi è stato osteggiato e trascinato nel dimenticatoio.
Ma perchè continuare a privarsene? La vera forza commerciale di alcuni
prodotti validi è il passa parola. A meno che non ci si guadagni davvero
tanto, in tal caso è la pubblicità a convincere...
Ma non è il caso della rieducazione visiva.
Saluti a tutti.
"La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere
razionale. Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in
accordo con la visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i
fatti. Questi potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo
periodo; ma nel frattempo il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e
permane la molta sofferenza che poteva essere evitata". - Dr. William
Horatio Bates
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
--- In [email protected], maurizio cagnoli <[email protected]> ha scritto:
> Ho ritrovato un vecchio messaggio di skyrunner, che spiega bene
> l'accomotrack (l'IBIS è simile, anche se montotrizza un fenomeno
> diverso).
>
> La cosa che però mi ha spinto a rirpendere l'argomento è il fatto che
> viene citato Ligabue, come uno dei primi che hanno introdotto il
> procedimento. Ligabue stesso mi ha contattato un paio di mesi fa, per
> farsi cancellare dalla lista di Buena Vista, in quanto non pratica più
> l'accomotrack per "mancanza di risultati".
>
> Questo riflette quello che è capitato a molti che lo proponevano ai
> loro
> clienti: il biofeed back da una spinta e provoca un miglioramento, ma
da
> solo non basta: dopo un po' l'effetto si attenua e scompare.
> Questo non per dire che non serva a niente, ma piuttosto che non può
> essere preso come una "scorciatoia" per evitare la consapevolezza di
> come si usano i propri occhi
>
>
>
> > --- In [email protected], "Skyrunner Wind" <[email protected]> wrote: Per chi
> > volesse saperne di più circa l'accomotrack qualcosa di interessante.
> > Io lo ho trovato utile in abbinamento al metodo Bates, che è l'unico
> > metodo
> > efficace per riacquistare abiti visivi corretti.
> > Ossia reimparare di nuovo a vedere, utilizzando la vista (NON SOLO
> > L'OCCHIO!!!) in maniera corretta.
> > L'accomotrack da solo, potrebbe dare un miglioramento solo
temporaneo.
>>
> > Forse un giorno ci si sorprendera' dei mezzi arcaici che si usavano
> > "una volta" per far vedere bene le persone con una vista difettosa,
> > invece di risolvere il problema alla radice.
>>
> > Nota: L'accomotrack usa la tecnica del biofeedback, utilizzando una
> > apparecchiatura sofisticata e costosa. Bates ha utilizzato il
> > biofeedback in maniera geniale e semplicissima, come
> > nel suo stile: Facendo LEGGERE TUTTI I GIORNI LA TABELLA DI SNELLEN.
> > La
> > messa a fuoco delle lettere sulla tabella, anche battendo
> > ripetutamente gli
> > occhi, è un mezzo semplice ed immediato per avere subito un
> > indicazione o
> > ritorno (feedback!) di come stiamo usando gli occhi!
> > Differenza: L'accomotrack usa un suono e Bates la vista stessa.
> > All'inizio
> > il suono può forse aiutare di più, ma avendoli provati entrambi
posso
> > assicurarvi che è praticamente la stessa cosa!
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo: [email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Message: 1026
Subject: Re: Re:_La_visione_è_tutta_nella_mente.
From: rosalba canelli
Date: gio mag 02, 2002 10.25
Salve,
ho provato questa "Illusione Bates" è non ho "urlato" solo perkè mi ero preparata a non urlare ... ma è stato davvero impressionante! Vorrei sapere: questa cosa puo' essere un
vero e proprio esercizio per gli occhi?
Vorrei anche sapere se ci sono ottici qui a Verona che praticano l'accomotrak e che sono anche competenti in lenti orto-k. Grazie
skyrunner <[email protected]> ha scritto:
Ho caricato nell'area files un file MS Word che si chiama "Illusione Bates".
E' una esperienza visiva, che vi dimostrerà, se non ne siete convinti, che
la visione è nella mente. Vediamo quello che il cervello crede di vedere.
E' davvero molto interessante. Vale la pena di provare. Non vi dico cosa
succede così lo scoprite da soli...
SORPRESA!
Per accedere alla sezione files occorre essere registrati su Yahoo.
Il link è:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/
Quello diretto per il file:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/Illusione%20Bates.doc
Non fatelo se siete molto impressionabili!
Come fare:
1. Lasciate la mano sul mouse.
2. Fate doppio click sul simbolo qui sotto (Word vi ricorderà il pericolo di
Virus, questo è un file sicuro, continuate tranquilli)
3. Concentratevi sulla parte centrale del disegno per 30 secondi (Importante
30 secondi altrimenti non funziona!)
4. Adesso guardate la mano che tiene il mouse.
5. Non urlate!
Ciao a tutti.
"Noi vediamo soltanto ciò che vogliamo vedere, inconsciamente o
consciamente; in altre parole, solo una parte di ciò che vediamo proviene
dall' esterno, il resto si trova in noi. Le nostre interpretazioni sono
strettamente legate alle nostre esperienze passate.".
"Non è la materia che genera il pensiero...
è il pensiero che genera la materia".
(Giordano Bruno)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Yahoo! Groups Sponsor
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di Utilizzo del Servizio Yahoo!
--------------------------------Con Yahoo! vinci viaggi per i Mondiali FIFA 2002
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1027
Subject: Iridologia (era Re: Schiarire gli occhi)
Grazie a Giada per aver approfondito l'argomento colore dell'iride dal punto
di vista iridologico.
L'iridologia è una tecnica diagnostica "dolce", cioè non invasiva.
La cosa che lascia sorpresi è la sua assoluta precisione. Molti naturopati
oggi la usano come strumento di indagine che fornisce importanti
informazioni sullo stato di salute del corpo.
L'argomento potrebbe sembrare off-topic ed in parte lo è, ma chi si occupa
di visione a volte si fa una "infarinatura" di iridologia, che può essere
utile e di supporto. I testi di iridologia riportano spesso aneddoti
riguardanti presone messe sull'avviso ed invitati ad effettuare una visita
medica approfondita che ha rivelato poi l'inizio di stati patologici ancora
asintomatici.
Il vantaggio dell'iridologia è anche questo: rilevare stati si sofferenza
organica in via di sviluppo (e anche quelli passati) anche se ancora non ci
sono sintomi che ne facciano sospettare la presenza.
Credo molto in questa disciplina, ed ho letto molto al proposito. Consiglio
a tutti di approfondire.
Nel 1996 ho collaboato alla realizzazione di un "Iridoscopio
computerizzato", realizzato da IRIS Tecnologie.
Nella sezione files ho inserito, nella directory "Iridologia" una paio di
mappe dell'iride (secondo Costacurta), ed anche 3 brochure dell'iridoscopio
in questione, per chi fosse curioso di vedere come è e cosa fa uno strumento
del genere.
Quello nelle foto vicino l'apparecchio sono io, il vosto amato skyrunner,
nel 1996.
Non è pubblicità (non vi arrabbiate) , in quanto al momento la
commercializzazione dell'apparato è sospesa.
"Non conta il colore del gatto, conta che acchiappi il topo"(Confucio)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
From: skyrunner
Date: ven mag 03, 2002 2.26
>-----Messaggio originale---->Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 24 aprile 2002 1.40
>A: [email protected]
>Oggetto: Rif: Re: [Visus] Schiarire gli occhi
>il colore dell'iride deriva dalla concentrazione di pigmento nelle
>cellule che lo contengono(melanociti),variando da un minimo(iride
>azzurra)a un massimo(marrone),passando per un tipo
>"intermedio"(verde).Alla nascita l'iride risulta più chiara,ma già
>in periodo adolescenziale la melanina si è accumulata a livello
>quasi permanente.Non credo che ci siano quindi molte possibilità
>di schiarire la tonalità,anzi non ho mai sentito parlare di questo
>tipo di tecniche e ne sono curiosa,potresti dirci di più?
>
>Alcuni iridologi classificano le tonalità in tre
>categorie,correlate anche a predisposizione a determinate malattie
>o addirittura alla...personalità!
>L'iride azzurra(linfatica) denota la tendenza a disordini
>dell'apparato respiratorio superiore e corrisponderebbe ad una
>personalità meditativa ,creativa ma molto volta verso
>l'interiore.L'iride marrone(sanguigna)segnalerebbe la
>predisposizione a problemi collegati alla circolazione(compresi
>anemia e congestione del fegato).I sanguigni dovrebbero risultare
>più attivi ed estroversi.La verde(biliare) si accompagna spesso a
>disturbi delle vie biliari(fegato,cistifellea,dotti biliari).Il
>carattere dovrebbe essere una via di mezzo fra i due
>precedenti,con frequenti oscillazioni e variazioni(anche d'umore)
Group: Visus
Message: 1028
Subject: Re: Re:_La_visione_è_tutta_nella_mente.
Cara Rosalba
A Verona non conosco centri di esperienza.
Puoi rivolgerti con fiducia , per l'ortocheratologia a Vicenza, presso
l'optometrista Marcella Marciano' Tel.044 500000.
Cari saluti
Riccardo OLENT
C.so Vinzaglio 26 10121 TORINO Italy
Tel. (+39) 011 5611 030 / 011 5419 09
Fax. (+39) 178 2285 638
www.olent.it E-mail: [email protected]
> Vorrei anche sapere se ci sono ottici qui a Verona che praticano
l'accomotrak e che sono anche competenti in lenti orto-k. Grazie
> skyrunner <[email protected]> ha scritto:
> Ho caricato nell'area files un file MS Word che si chiama "Illusione
Bates".
> E' una esperienza visiva, che vi dimostrerà, se non ne siete convinti, che
> la visione è nella mente. Vediamo quello che il cervello crede di vedere.
> E' davvero molto interessante. Vale la pena di provare. Non vi dico cosa
> succede così lo scoprite da soli...
> SORPRESA!
> Per accedere alla sezione files occorre essere registrati su Yahoo.
> Il link è:
>
> http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/
>
> Quello diretto per il file:
>
> http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/Illusione%20Bates.doc
>
>
> Non fatelo se siete molto impressionabili!
>
> Come fare:
> 1. Lasciate la mano sul mouse.
> 2. Fate doppio click sul simbolo qui sotto (Word vi ricorderà il pericolo
di
> Virus, questo è un file sicuro, continuate tranquilli)
> 3. Concentratevi sulla parte centrale del disegno per 30 secondi
(Importante
> 30 secondi altrimenti non funziona!)
> 4. Adesso guardate la mano che tiene il mouse.
> 5. Non urlate!
>
>
From: olent.it
Date: ven mag 03, 2002 3.03
> Ciao a tutti.
>
> "Noi vediamo soltanto ciò che vogliamo vedere, inconsciamente o
> consciamente; in altre parole, solo una parte di ciò che vediamo proviene
> dall' esterno, il resto si trova in noi. Le nostre interpretazioni sono
> strettamente legate alle nostre esperienze passate.".
>
> "Non è la materia che genera il pensiero...
> è il pensiero che genera la materia".
> (Giordano Bruno)
>
> Mauro Teodori
> [email protected]
> [email protected]
>
>
> Yahoo! Groups Sponsor
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di
Utilizzo del Servizio Yahoo!
>
>
>
> --------------------------------> Con Yahoo! vinci viaggi per i Mondiali FIFA 2002
>
> [Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: astigmatismo
Message: 1029
From: Guido
Date: ven mag 03, 2002 6.39
Ciao a tutti: una domanda sull'astigmatismo
è possibile che il fatto di leggere molto mi abbia portato ad utilizzare molto la visione in orizzontale e poco quella in verticale tanto da provocare un indebolimento della vista in
senso verticale?
Saluti, Guido
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Re: astigmatismo
Message: 1030
Studi condotti dal dr. Forrest (optometrista) hanno messo in evidenza la
correlazione tra inclinazione degli assi visivi, inclinazione del materiale
di lettura e posizione della testa durante la lettura con lo sviluppo
dell'astigmatismo.
Egli ha dimostrato che un utilizzo non ottimale delle componenti coinvolte
può provocare astigmatismo che risponde a determinate caratteristiche in
funzione della relazione tra le 3 componenti succitate.
Sottolineo che tale lavoro, molto raffinato e profondo fu molto contestato
all'epoca.
Le correlazioni tra occhi, postura, cervello e visione erano ancora poco
nota ed egli essendo un grande precursore fu attaccato duramente
(caratteristica comune con il dr. Bates!).
Cordiali saluti,
Domenico Intelisano
From: Domenico Intelisano
Date: sab mag 04, 2002 10.25
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Da: "Guido" <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Fri, 3 May 2002 18:39:54 +0200
A: "Visus" <[email protected]>
Oggetto: [Visus] astigmatismo
Ciao a tutti: una domanda sull'astigmatismo
è possibile che il fatto di leggere molto mi abbia portato ad utilizzare molto
la visione in orizzontale e poco quella in verticale tanto da provocare un
indebolimento della vista in senso verticale?
Saluti, Guido
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Differenza sera-mattino
Message: 1031
From: mauri_ve64
Date: lun mag 06, 2002 10.55
Salve a Tutti !
Spendo qualche parola per definire la mia situazione :
la mia miopia e il conseguente uso degli occhiali è stata definita
alla scuole medie , ora , a 37 anni , mi ritrovo con un &#8211;1.5 sx e &#8=
211;
1.75 dx .
Oltre un anno fa ho appreso del metodo Bates e ho acquistato un
libricino a riguardo , &#8220;Migliorare la vista&#8221; di Jonathan Barnes=
,
non ho eseguito alcun esercizio , ma ho subito eliminato l&#8217;uso degli =
occhiali per quanto possibile : prima durante il giorno davanti al
PC , poi un po&#8217; alla volta in pausa pranzo , in palestra , quando
vado a ballare &#8230; insomma ora li uso solo per guidare , al cinema e
quando ne sento veramente il bisogno .
Più recentemente mi sono iscritto a questo newsgroup e ho messo in
atto alcuni degli accorgimenti suggeriti , per esempio aumentare la
risoluzione del monitor .
Da pochissimi giorni ho iniziato con serietà ad eseguire esercizi di
palming e con le tabelle di Snellen ( quelle accluse al libro) alla
sera prima di dormire e al mattino appena sveglio .
La mia domanda riguarda la differenza che noto tra sera e mattina , a
pari condizioni ambientali ( luce etc.) alla mattina riesco con
facilità a leggere due righe in più della tabella senza difficoltà .
A parte le considerazioni sulla stanchezza serale , volevo sapere se
è una cosa normale e se mi conviene continuare così o concentrare
gli &#8220;esercizi&#8221; in una delle due fasi della giornata .
Grazie nuovamente
Maurizio
Group: Visus
Message: 1032
From: skyrunner
Subject: Natural Vision Improvement versus Visual Training (NVI Vs. VTS - Era Accomotrac a Cagliari? No grazie)
----Messaggio originale---->Da: "Domenico Intelisano" <[email protected]>
>A: "[email protected]" <[email protected]>
>Cc:
>Ccn:
>Ogg.: Re: [Visus] Accomotrac a Cagliari? No grazie
>Tipo: IPM.Note
>Data: martedì 30 aprile 2002 15.23
>
>
>
>> Da: "skyrunner" <[email protected]>
>> Risposta: [email protected]
Date: ven mag 10, 2002 7.28
>> Data: Mon, 29 Apr 2002 21:06:43 +0200
>> A: "T G Visus" <[email protected]>
>> Oggetto: [Visus] Accomotrac a Cagliari? No grazie
>>
>> Domanda spontanea: Perchè il centro di Cagliari non si occupa più di
>> rieducazione?
>
>-Il Visual Training non si può identificare con l'accomotrac e similari.
Ciao Domenico.
Pienamente d'accordo con te.
Ogni dispositivo è diverso da altri simili.
Dispositivi simili sono diversi gli uni dagli altri a seconda delle
revisioni nell'Hardware, nel Software, nel Firmare.
Da quello che so, (anche se non li ho mai smontati, ne ho potuto mettere le
mani sugli schemi), il VTS, o visual training system dovrebbe, a livello
costruttivo, essere più avanzato rispetto all'accomotrac, che a sua volta è
più avanzato rispetto ad una semplice tabella di Snellen...
Ma parliamo sempre di feedback (o ritorno, in questo caso di una indicazione
di come si sta gestendo il sistema visivo, o DI COME QUESTO STA COMANDANDO
GLI OCCHI). "BIO" ce lo mettiamo davanti se il parametro monitorato è
convertito in una sensazione rilevabile sensorialmente e ritrasmessa , come
feedback (acustico, visivo, tattile, e, perchè no, olfattivo o gustativo) al
soggetto.
Con la definizione di visual training, si intende anche un insieme di
procedure per la rieducazione visiva basate anche sull'impiego di vari
strumenti. L'accomotrac, come altri dispositivi per il bio-feedback, è uno
di questi, ma anche il più importante, visto che è l'unico che riesce a
scavalcare direttamente la barriera dei riflessi accomodativi acquisiti e a
permettere, tramite il bio-feedback, una loro reimpostazione in tempi brevi,
spesso anche nel corso della prima seduta.
Questa mia é, come mio stile, pensata e scritta con riferimento ai canoni
NVI (Natural Vision Improvement), con una particolare attenzione alle
scoperte del Dr. W. H. Bates.
Rigetto, comunque, in pieno accordo con il pensiero NVI, il concetto di
pseudomiopia, che mi sembra più che altro un artifizio di una certa scuola
atto a spiegare come è possibile per un miope migliorare il suo vizio
refrattivo, visto che la miopia è "per definizione" incurabile e che le
variazioni possono essere solo in peggio. Si rattoppa cioè una definizione
che ormai fa acqua, con un'altra definizione che rasenta addirittura il
ridicolo.
É certo, comunque, che reimpostazione non significa affatto riprogrammare in
modo permanente. Per arrivare a quel punto occorre radicare in maniera
stabile i nuovi pattern (algoritmi saprà anche di "cyborg" ma forse rende
meglio l'idea) psicomotori.
E, aspetto importante, vorrei sottolineare come L'APPROCCIO AI PROBLEMI
VISIVI TIPICO DELLA NVI, che recepisce la maggior parte del lavoro di Bates
(non ne è sinonimo, lo abbraccia), È DIVERSO, SOSTANZIALMENTE DIVERSO IN
ALCUNI PUNTI, DA QUELLO CHE È L'APPROCCIO TIPICO DELLA OPTOMETRIA. Anche da
quella comportamentale.
Per non parlare dell'approccio tipico dell'oculistica (strano eh? Bates era
un'oculista).
Il giorno 8 c'è stata la conferenza a Roma di Maurizio Cagnoli.
Ha partecipato anche il Dr.Pietro Paffetti, optometrista molto preparato,
che ho il piacere di conoscere personalmente e che stimo molto. E che,
coattivamente, ho iscritto alla lista.
L'incontro è stato interessante, sia per i concetti espressi da Maurizio,
sia perchè Paffetti ha illustrato alcuni concetti e punti fermi del suo
lavoro e della sua esperienza di optometrista.
Io personalmente ho notato le differenze, come scrivo sopra, nell'approccio
alle problematiche della visione.
Ma ho anche, non senza emozione, visto che alcune cose, che sapevo essere
ignorate o scartate da una parte dell'"ufficialità", cominciano ad essere
capite e recepite!
>-Per trattare i problemi visivi bisogna avere UNA preparazione specifica e
>non UN SOLO strumento specifico; purtroppo chi li vende non può o non
vuole
>sapere se c'é anche la preparazione per utilizzarli nella maniera
ottimale
>cioè in un contesto in cui é il professionista della visione che
gestisce i
>vari strumenti e le varie tecniche di visual training.
>-Chi credeva che uno strumento potesse fare un professionista si é
sbagliato
>di grosso, infatti la moda dell'accomotrac e simili é in fase calante da
un
>pezzo, tanti hanno comprato tali strumenti che adesso giacciono negli
studi
>e nei negozi inutilizzati.
>-Coloro i quali lo utilizzavano e continuano ad utilizzarlo, nel
contesto
>ottimale, hanno uno strumento buono in più nell'arsenale optometrico per
>avere buoni risultati.
Questo che scrivi è pienamente condivisibilie. Ma come fa un povero diavolo
che cerca una prestazione professionale, magari perchè ci vede male, a
trovare un professionista preparato e , sopratutto, serio?
Ma questa è solo la prima delle difficoltà.
Quella enorme, anche se la meno visibile, sopratutto in certi aspetti è
un'altra:
Problema: CI VEDO MALE. MI "MANCA" 1 DIOTTRIA:
Risposte.
-E ereditaria, ecco qua gli occhiali.
Variante a: li porti sempre.
Variante b: li porti il meno possibile.
-Dipende dalo stile di vita di oggi, ecco qua gli occhiali.
Variante a: li porti sempre.
Variante b: li porti il meno possibile.
-Lei è miope. Fortunatamente oggi ci si può operare.
-Lei è miope perchè il suo occhio è troppo lungo. Fortunatamente oggi ci si
può operare.
-Lei è miope, possiamo correggere la forma della sua cornea una nuova
tecnica, l'orto-K.
-Si può fare della "ginnastica per gli occhi".
-Si può fare rieducazione visiva.
-Conosco uno sciamano...
etc...
Quindi non solo trovare un bravo professionista ma anche uno che ti proponga
la soluzione migliore.
E sul concetto di "migliore" non mi dilungo...
Mi sembra che generalmente, però, ognuno proponga quello che sa fare, e che
gli convenga fare, e non quello che "convenga" di più al soggetto-cliente.
Anche sul concetto di "convenienza" non mi dilungo...
Quello di cui sono convinto io è che in tutti i campi, quindi non solo nel
campo "visione", non si afferma, almeno non subito, quella che è la
soluzione migliore, ma quella che è più "comoda", "conveniente", "rapida",
"gestibile".
Interpretare i suddetti aggettivi dai diversi punti di vista.
Se poi detta soluzione è il prologo di un rapporto continuativo, anche se
ciò è una dipendenza, tanto meglio. E' una legge di mercato, purtroppo.
Forse questo, riferito al campo delle disfunzioni visive, può in parte
spiegare come mai si sia tanto a lungo ignorato quello che è il "core
concept", il concetto centrale, delle geniali intuizioni di W.H.Bates. E
aiutare a capire perché e dove esso non sia sufficientemente considerato o,
peggio, totalmente ignorato, persino nel concetto di "rieducazione visiva"
odierno. Non di rado persino da chi si professa istruttore di NVI.
Come dici giustamente tu:
>Il problema di qualsiasi professione non é la presenza di TROPPI
colleghi
>ma la presenza di PESSIMI colleghi.
Comunque per concludere il discorso di cui sopra, ci sono troppi approcci
diversi.
Non solo.
Quello che è peggio è spesso, nelle varie categorie, ognuno si sente
depositario della verità. Il verbo è stato rivelato solo a lui e ad altri
adepti della stessa professione.
E forse è anche giusto dare, quì, una definizione di "genialità", almeno di
come la intendo io, ossia della chiave che apre tutte quelle porte
altrimenti destinate a rimanere chiuse.
Genialità non è sinonimo di intelligenza, così come intelligenza non è
sinonimo di genialità.
Genialità. Più che una dote è una impostazione mentale, forse innata, si, ma
che può essere incoraggiata, sviluppata o inibita, e forse anche acquisita,
ponendosi semplicemente nella giusta prospettiva.
Percepiamo, valutiamo ed interagiamo con la nostra percezione del mondo in
base all'esperienza passata. Esperienza passata è da intendere anche (e
soprattutto, nell'ambito professionale e di ricerca) come istruzione (e
"inquadratura") ricevuta.
Consideriamo, sinteticamente, l'obiettivo dichiarato della formazione, oggi,
ed il risultato finale di essa.
Obiettivo dichiarato è fornire gli strumenti necessari per continuare a
crescere poi autonomamente; spesso il risultato finale, invece, è costituito
da individui che ragionano per dogmi; il loro sequencing mentale è una sorta
di partita a domino, dove la cosa che riesce loro meglio è quella di mettere
le varie tessere (prestampate, e sempre le stesse) una dietro l'altra, senza
prendere mai nulla di nuovo da fuori. Certamente tale sistema ha i suoi
innegabili vantaggi, primo tra tutti quello di garantire uno standard minimo
di competenza, oltre ad una continuità ed uniformità delle procedure.
Sorvolo sul concetto assoluto di qualità.
Ma torniamo al punto.
Genialità è saper prescindere. Genialità è sapersi tirare fuori dagli
schemi precostituiti e dalle gabbie della propria esperienza preconcetta.
Genialità è, anche solo per un'attimo, smettere di essere un pesce e tirare
fuori dall'acquario, per vedere come è visto da fuori.
Bates pagò un prezzo umanamente troppo alto, sacrificando carriera,
prestigio e guadagni allo sviluppo della sua scoperta più importante.
Senza citare le persecuzioni cui andò incontro. Ma si sa, quando si mettono
in discussione certi enormi interessi economici...
Si lo so che parlo spesso di Bates, ma c'è davvero troppo, ancora da dire.
Troppo da riscoprire.
Anzi visto che ci sono, e che gia la ho preparata per il convegno di
Firenze, il prossimo messaggio sarà la traduzione di una biografia di
W.H.Bates.
Inoltre è uno dei modelli di Genialità che apprezzo.
Il dr.William H. Bates era sicuramente un oculista ben preparato ed avviato
ad una brillante carriera.
Laurea e specializzazione a New York. Professò in diversi ospedali, fu
professore al N.Y. Post-Graduate Medical School and Hospital. Fu anche
ricercatore per 5 anni. A lui si deve anche lo sviluppo di nuove tecniche
operatorie, e non solo nel campo dell'oculistica. Cito qui l'ideazione
dell'intervento di perforazione o incisione del timpano per il trattamento
dei casi di sordità permanente (1886). E ricordo anche che a W. H. Bates si
deve la scoperta delle proprietà dell'estratto delle ghiandole surrenali,
successivamente commercializzato col nome di ADRENALINA (dice niente il
nome?).
Approfondimenti di questi aspetti in altro messaggio.
Probabilmente questi sono gia frutti della genialità.
Ma il grosso peso di una mente decisamente fuori dal comune si avverte nel
lavoro di Bates.
Lo strumento principale utilizzato nelle sue ricerche fu il retinoscopio,
con una tecnica che egli definì retinoscopia simultanea. Attraverso questa
tecnica Bates era in grado di determinare costantemente lo stato refrattivo
dell'occhio, analizzando in tempo reale le reazioni del sistema visivo in
relazione ad un qualsiasi fattore, esterno od interno, egli volesse
analizzare.
Da quello che ho avuto modo di constatare, comunque, nel VTS, cosí come in
altri metodi di impiego del Bio-feedback (cosí non dico "Accomotrac"), non
si utilizzano tecniche o strumenti idonei a stimolare direttamente
l'instaurarsi della fissazione centrale. Se questa avviene, lo fa
incidentalmente, per cause indirette.
Anzi, aggiungo che IL CONCETTO CARDINE DELLE SCOPERTE DI BATES, OSSIA LA
FISSAZIONE CENTRALE, E' TOTALMENTE SCONOSCIUTO, nel suo vero significato,
PER TROPPI OPERATORI.
VTS si lavora essenzialmente sull'aspetto accomodativo e nella sua
correlazione con la vergenza, con un occhio anche all'aspetto rilassamento.
Tecniche varie di Biofeedback visivo danno generalmente piú importanza
all'aspetto rilassamento.
Entrambe le principali "filosofie" sopra citate a volte impiegano alcune
tecniche prese a prestito dal metodo Bates, come il palming, il chiudere gli
occhi immaginando cose piacevoli, la lettura quotidiana della tabella di
Snellen, etc. Ma si tratta generalmente di un utilizzo frammentario,
episodico e approssimativo (con riferimento al metodo Bates vero).
Altro concetto cardine delle scoperte di Bates, secondo solo al concetto di
"fissazione centrale", è il concetto di rilassamento.
Rilassamento dinamico del sistema visivo. Mente in primis.
L'assistente di Bates M.D. Corbett diceva che la vista é per gli occhi
quello che la musica é per l'orecchio, e quello che gli odori sono per il
naso: senza sforzo ed automatica.
Bates scrisse che la vista é perfetta quando la memoria é perfetta. E che la
memoria é perfetta quando la mente é rilassata.
Non sono concetti semplicissimi, almeno a prima vista. Lo riconosco. Ma il
problema è che sono stati completamente travisati anche da molti istruttori
i NVI!
>Altro parere sulla lettura senza occhiali o con diottrie inferiori:
>-Tale pratica dovrebbe essere utilizzata DOPO una prescrizione specifica
>susseguente ad una analisi visiva.
> Tramite l'analisi visiva si determinano le diottrie opportune per le
>attività ravvicinate così come si determina la lente ottimale per la
>visione a distanza, il tutto viene impostato in funzione o meno della
>volontà del soggetto di seguire un programma di visual training.
> L'analisi visiva NON é praticata da tutti gli optometristi quindi é
>opportuno rivolgersi a chi la fa o chiedere, se é possibile avere tale
>servizio, quando si prende l'appuntamento.
>Il problema di qualsiasi professione non é la presenza di TROPPI
colleghi
>ma la presenza di PESSIMI colleghi.
Comprendo il concetto che vuoi qui stressare. E condivido anche questa tua
affermazione:
> L'analisi visiva NON é praticata da tutti gli optometristi quindi é
>opportuno rivolgersi a chi la fa o chiedere, se é possibile avere tale
>servizio, quando si prende l'appuntamento.
Anche se torno a ribadire il concetto che:
L'APPROCCIO AI PROBLEMI VISIVI TIPICO DELLA NVI, che recepisce la maggior
parte del lavoro di Bates (non ne è sinonimo, lo abbraccia), È DIVERSO,
SOSTANZIALMENTE DIVERSO IN ALCUNI PUNTI, DA QUELLO CHE È L'APPROCCIO TIPICO
DELLA OPTOMETRIA.
Quello che personalmente mi piacerebbe vedere, lo trovo auspicabile, sarebbe
l'individuazione delle sinergie.
Ma tra professionisti seri, non tra "praticoni".
Un caro saluto.
"Per capire come è un'acquario da fuori, è meglio non essere un pesce".
André Malraux.
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: Accomotrac a Cagliari? No grazie
Message: 1033
>-----Messaggio originale---->Da: franco [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 30 aprile 2002 22.13
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] Accomotrac a Cagliari? No grazie
>Priorità: Alta
> :-(((
Dai, su Franco... Non fare quella faccia... così rendi triste anche me...
SOB!!! : (
Magari qualcosa riusciamo a trovare!
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.47
Tu nel frattempo non mollare, rileggiti i vecchi messaggi dell'archivio
(magari stampati in caratteri piccolissimi, anche 1,5) , e vedi di trovare
la "levetta" buona che ti sblocchi.
Ciao e... * N O N * darci dentro! Ma, anzi, rilassati mentre ti leggi una
bella succulenta tabella bene in luce (Sul vetro della finestra?) e
continui, pigraaAAaaamente a dondolarti...
Nessuno ti corre dietro ed io faccio il tifo per te!
"Non conta il colore del gatto, conta che acchiappi il topo"(Confucio)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 1034
Subject: R: Re:_La_visione_è_tutta_nella_mente.
>-----Messaggio originale---->Da: rosalba canelli [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 2 maggio 2002 10.25
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: [Visus] Re:_La_visione_è_tutta_nella_mente.
>
>
>
>Salve,
>ho provato questa "Illusione Bates" è non ho "urlato" solo perkè
>mi ero preparata a non urlare ... ma è stato davvero
>impressionante! Vorrei sapere: questa cosa puo' essere un vero e
>proprio esercizio per gli occhi?
Ciao Rosalba. Sono contento che tu non abbia urlato, non mi piace spaventare
le donne...
..
..
.
...
BUUUHHH!!!
Adesso hai urlato, visto che non te lo aspettavi? : )
Non esistono esercizi per gli occhi. Anche perchè la muuscolatura degli
occhi è fortissima! Decine di volte più di quanto sia necessario per i
movimenti.. A che servirebbero gli esercizi?
Quello degli "esercizi per gli occhi" è un concetto errato, e purtroppo
diffuso, che occorre eliminare, PERCHE' PORTA FUORI STRADA!!!
Forse all'inizio potrebbe rende l'idea. Ma occorre CAPIRE che quello che si
va a fare sono delle "tecniche" che hanno lo scopo di "riprogrammare" il tuo
sistema visivo. Servono cioè a farti riaquisire quegli abiti visivi corretti
che tu hai abbandonato, facendo così funzionare il tuo sistema visivo in una
maniera innaturale. Fisiologicamente non corretta.
Si può chiamare esercizio:
Leggere una tabella concentrandosi solo sul colore e sul contrasto...
Dondolarsi pigramente di fronte ad una finestra concentrandoti solo sul
movimento relativodelle cose tra loro...
Rilassare brevemente gli occhi coprendoli con le mani...
...etc...
Non direi...
>Vorrei anche sapere se ci sono ottici qui a Verona che praticano
>l'accomotrak e che sono anche competenti in lenti orto-k. Grazie
La rieducazione con accomotrac (o altri apparecchi), o con altri metodi
naturali, e l'orto-K sono due cose diverse.
Antiteticamente diverse.
Ciao!
Mauro.
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.47
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: astigmatismo
Message: 1035
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.52
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.52
>-----Messaggio originale---->Da: Guido [mailto:[email protected]]
>Inviato: venerdì 3 maggio 2002 18.40
>A: Visus
>Oggetto: [Visus] astigmatismo
>
>
>Ciao a tutti: una domanda sull'astigmatismo
>è possibile che il fatto di leggere molto mi abbia portato ad
>utilizzare molto la visione in orizzontale e poco quella in
>verticale tanto da provocare un indebolimento della vista in senso
>verticale?
Ciao Guido!
Ti ha già risposto Domenico Intellisano in proposito.
Volevo solo aggiungere che anche qui è applicabile il discorso "lettura"
come ideato da Bates, quello della sottile liea bianca. Oltre che le altre
varie tecniche (palming di qualche secondo tra le pagine (aiuta anche a
memorizzare!), alzare gli occhi e guardare una tabella o un calendario al
muro per qualche secondo (no, non il calendario della Pirelli, birbante!!!).
Oltre alle atre tecniche, naturalmente!
Ciao!
Mauro.
P.S. Vedrò di trovarti io un calendario di "Frate indovino", è più adatto...
;)
Group: Visus
Subject: R: Differenza sera-mattino
Message: 1036
>-----Messaggio originale---->Da: mauri_ve64 [mailto:[email protected]]
>Inviato: lunedì 6 maggio 2002 10.55
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] Differenza sera-mattino
>Oltre un anno fa ho appreso del metodo Bates e ho acquistato un
>libricino a riguardo , &#8220;Migliorare la vista&#8221; di
>Jonathan Barnes= ,
Un bel libro, anche semplice. Ce lo ho anche io. Anche se pure Barnes non ha
resistito al tentativo di personalizzare un poco... Leggi anche il libro
originale di Bates.
>non ho eseguito alcun esercizio , ma ho subito eliminato
>l&#8217;uso degli =
>occhiali per quanto possibile : prima durante il giorno davanti al
>PC , poi un po&#8217; alla volta in pausa pranzo , in palestra , quando
>vado a ballare &#8230; insomma ora li uso solo per guidare , al cinema e
>quando ne sento veramente il bisogno .
Eliminare gli occhiali solamente non basta. Serve a poco se non a niente.
>Da pochissimi giorni ho iniziato con serietà ad eseguire esercizi di
>palming e con le tabelle di Snellen ( quelle accluse al libro) alla
>sera prima di dormire e al mattino appena sveglio .
E il resto????????
>La mia domanda riguarda la differenza che noto tra sera e mattina , a
>pari condizioni ambientali ( luce etc.) alla mattina riesco con
>facilità a leggere due righe in più della tabella senza difficoltà .
>A parte le considerazioni sulla stanchezza serale , volevo sapere se
>è una cosa normale e se mi conviene continuare così o concentrare
>gli &#8220;esercizi&#8221; in una delle due fasi della giornata .
La parolaccia "esercizi" non la commento. Ho già dato...
Molte persone ci vedono peggio al mattino, perchè come disse proprio Bates e
sottolinearono poi altri autori, "mettono in tensione il sistema visivo
durante il sonno". All'inizio mi sembrava un po una stuidaggine. Oggi non
più. Queste persone traggono un grosso beneficio da pochi minuto di dondolio
dell'elefante prima di andare a dormire.
Per come e quando eseguire le tecniche, cerc di "ascoltare" il tuo corpo.
Prova vari modi e varie tecniche. Con il feedback della tabella dovresti
capire quale è la combinazione migliore.
Scaricati dalla sezione files, anche se dovrebbe esserti arrivata in
automatico all'atto dell'iscrizione, la tabella pianificazione attività.
Usala che è comoda.
Ciao!
Mauro.
Group: Visus
Subject: Biografia di Bates
Message: 1037
Qui di seguito la Biografia del Dr. William Horatio Bates dalla Enciclopedia
Nazionale di Biografia Americana
A seguire il necrologio apparso sul New York Times, 11 luglio 1931.
"La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere razionale.
Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in accordo con la
visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i fatti. Questi
potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo periodo; ma nel frattempo
il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e permane la molta sofferenza
che poteva essere evitata". - Dr. William Horatio Bates
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
---------------------------------------------------------Opera originale di Bates: 1920
Riviste Better Eyesight: luglio 1919 – giugno 1930
Biografia di William H. BATES
Enciclopedia Nazionale di Biografia Americana, vol. 24, pp. 383-4
BATES, William Horatio, dottore in medicina, nacque a Newark, N. J., il 23
dicembre 1860, da Charles e Amelia (Halsey) Bates.
Si laureò in lettere all’università di Cornell nel 1881 e conseguì la laurea
in medicina nel collegio di medicina e chirurgia nel 1885. Cominciò a
praticare nella città di New York e prestò servizio per un certo periodo in
qualità di assistente clinico all’ospedale oftalmico-acustico di Manhattan.
Frequentò un corso di medicina all’ospedale di Bellevue nel periodo
1886-1888, all’ospedale oftalmico di New York e presso i dispensari Northern
e Northeastern tra il 1886 e il 1898. Divenne insegnante di oftalmologia
nella scuola medica per laureati e nell’ospedale di New York. Durante la sua
attività professionale Bates dedicò la sua attenzione, in primo luogo, ai
diversi organi della testa per poi, in un secondo tempo, concentrarsi sulla
funzione degli occhi. Nel 1896 cominciò a rinunciare agli impegni
ospedalieri per dedicarsi alla sperimentazione. Dopo aver esercitato la
professione per svariati anni a Grand Forks, nel North Dakota., tornò a New
York per studiare medicina all’ospedale di Harlem durante gli anni 1907-22.
Nel corso delle sue ricerche, Bates dimostrò in maniera sperimentale che la
fissazione normale dell’occhio è centrale ma mai stazionaria, e la tecnica
sviluppata da lui per il trattamento della vista imperfetta senza ricorrere
agli occhiali venne basata su questo principio.
Da un punto di vista fisiologico, questa tecnica non era certo l’
applicazione pratica della teoria psicologica del campo della coscienza,
definita come punto focale, il così detto punto di appercezione, circondato
da un contorno di crescente evanescenza. Il suo metodo avrebbe sviluppato
la fissazione centrale educando il paziente nella doppia arte di rilassare e
concentrare la vista. Durante l’esecuzione dei suoi esperimenti egli
sviluppò un metodo di fotografia dell’occhio per rivelare modifiche nella
curvatura della superficie durante il suo funzionamento. Questo lavoro viene
trattato in “Uno Studio delle Immagini Riflesse dalla Cornea, Iris, Lente e
Sclera” (N. Y. Med. Jour., 18 maggio 1918). Le sue ricerche sull’influenza
della memoria sul funzionamento della visione vengono descritte in “Memoria
come Supporto alla Visione” (N. Y. Med. Jour., 24 maggio 1919). Nel 1894,
From: skyrunner
Date: ven mag 10, 2002 11.54
mentre cerca di determinare l’effetto terapeutico sull’occhio dei principi
attivi delle ghiandole endocrine, scopre le proprietà severe ((secondo me è
ASTRINGENTI)) e emostatiche dell’estratto acquoso della capsula surrenale,
commercializzata in seguito sotto il nome di adrenalina. Nel 1896 annunciò
questa scoperta in un giornale letto davanti all’Accademia di Medicina di
New York. Nel 1886 inaugurò un tipo di operazione atta al miglioramento
della sordità permanente, che consisteva nel praticare forellini o incisioni
sulla membrana del timpano. Pubblicò un libro, “Vedere Perfettamente Senza
Occhiali” (1919), completamente a sue spese, dove esponeva le sue teorie per
la maggior parte contrarie all’oftalmologia canonica. Scrisse anche articoli
che descrivevano i suoi metodi. Fu membro della New York State Medical
Society e si affiliò alla Chiesa Protestante Olandese. Era appassionato di
sport, in particolare di tennis, dove vinse numerosi premi e durante la sua
residenza nel Nord Dakota fu anche campione nazionale. Era un eccellente
corridore e alla considerevole età di cinquantotto anni fu ancora in grado
di vincere un premio.
Bates era un nomo tranquillo e modesto, uno studente serio di letteratura e
astronomia, con una predilezione verso i bambini. Si sposò tre volte: (1)
nel 1883 con Edith Kitchell di New York, da cui ebbe un figlio, Halsey
Bates, che morì nel 1886; (2) con Margaret Crawford, che morì nel 1927
lasciando due figli, William Crawford e Milo Bates, moglie di Charles
McComb; e (3) il 9 agosto 1928 con Emily (Ackerman) Lierman, figlia di
Robert Ackerman, di Newark, N.J..
Bates morì a New York il 10 luglio 1931.
------------------------------------------------------------------------------Necrologio di William H. Bates, New York Times, 11 luglio 1931, p.13 colonna
1.
E’ MORTO IL DOTTOR W. H. BATES, UNO SPECIALISTA DELL’OCCHIO
Vittima da Molti Anni di una Strana Forma di Afasia, Egli E’ Scomparso Due
Volte.
SCOPRI’ UN FARMACO PREZIOSO
Aggiunse il Liquido Surrenale al Campo della Chirurgia Ottica – Scrisse un
Libro “Vedere Perfettamente Senza Occhiali”.
Il Dottor William H. Bates, specialista delle malattie dell’occhio, è
scomparso ieri, dopo una malattia durata un anno, nella sua residenza, 210
di Madison Avenue. Lo piangono la sua vedova, il cui nome da nubile è Emily
Ackerma Lierman, sua assistente e compagna di esperimenti per diciassette
anni prima del loro matrimonio celebrato nell’agosto 1928, e un figlio nato
dal primo dei suoi precedenti matrimoni. Il Dott. Bates era rimasto vedovo
per due volte. La sua scomparsa richiama alla memoria due sue strane
sparizioni, risalenti a qualche anno fa, giudicate dai medici come rilevanti
esempi di afasia o perdita di memoria. Nel 1902, sette anni dopo la sua
laurea al College di Medicina e Chirurgia, mentre si stava facendo
rapidamente strada nella professione e si stava dedicando ad un importante
trattato di medicina, scomparve misteriosamente. L’ultimo giorno in cui
venne visto, il 30 agosto, aveva scritto una affettuosa e particolare
lettera allamoglie, che nel frattempo era in visita a sua madre a Newport, e
le aveva inviato libri e strumenti dal suo appartamento in Lonsdale, 567
Madison Avenue.
Passati numerosi giorni senza che tornasse a casa, il custode ne avvertì la
Signora Bates, la sua seconda moglie, che si precipitò in città per cercare
il marito. Dopo sei settimane ella apprese che lui stava lavorando come
assistente nell’Ospedale Charing Cross a Londra, dove era arrivato come
paziente. La Signora Bates si recò a Londra dove trovò il marito in uno
stato di depressione confusionale, assolutamente incapace di ricordare gli
eventi più recenti. Lo portò all’Hotel Savoy, dove lui rimase per due giorni
per poi scomparire nuovamente. La Signora Bates cercò il marito in Europa
invano, prendendo nota di qualsiasi traccia le arrivasse. Morì prima di
rivederlo. Il modo in cui egli venne trovato e indotto a ritornare a New
York per riprendere le sue attività non è mai stato rivelato nei dettagli.
Secondo la versione più convincente, un amico oculista, il Dottor J. E
Kelly, trovò Bates per caso nel 1910 mentre lavorava a Grand Forks, N.D.
Dopo qualche mese i due uomini si misero a collaborare in questa città, dove
il Dottor Bates lavorò con la stessa alacrità e lo stesso successo di prima
delle sue sparizioni. Teorie e metodi per il trattamento dell’occhio usate
dal Dottor Bates non si trovano sempre in accordo con quelle della maggior
parte degli specialisti della vista. Egli fu l’originatore di un trattamento
delle imperfezioni della vista che consiste nel rilassamento mentale. Scoprì
l’adrenalina, ritenuta quasi valida quanto la cocaina nella chirurgia
ottica. L’opera più conosciuta tra quelle da lui scritte é “Vedere
Perfettamente Senza Occhiali”.
Group: Visus
Subject: Re: Biografia di Bates
Dear skyrunner,
Message: 1038
From: Ven Peter
Date: sab mag 11, 2002 6.27
Grazie per l` autobiographia di Bates. Non lo conoscevo.Ho
una mania per Bates e questo documento il piú punctuale
qelli dei miei.
Peter Ven - Hungeria
<[email protected]> írta:
> Qui di seguito la Biografia del Dr. William Horatio Bates
dalla Enciclopedia
> Nazionale di Biografia Americana
>
> A seguire il necrologio apparso sul New York Times, 11
luglio 1931.
>
>
> "La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un
essere razionale.
> Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono
in accordo con la
> visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i
fatti. Questi
> potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo
periodo; ma nel frattempo
> il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e permane la
molta sofferenza
> che poteva essere evitata". - Dr. William Horatio Bates
>
> Mauro Teodori
> [email protected]
> [email protected]
>
>
> --------------------------------------------------------->
> Opera originale di Bates: 1920
> Riviste Better Eyesight: luglio 1919 – giugno 1930
>
> Biografia di William H. BATES
>
> Enciclopedia Nazionale di Biografia Americana, vol. 24,
pp. 383-4
>
> BATES, William Horatio, dottore in medicina, nacque a
Newark, N. J., il 23
> dicembre 1860, da Charles e Amelia (Halsey) Bates.
> Si laureò in lettere all’università di Cornell nel 1881 e
conseguì la laurea
> in medicina nel collegio di medicina e chirurgia nel
1885. Cominciò a
> praticare nella città di New York e prestò servizio per
un certo periodo in
> qualità di assistente clinico all’ospedale oftalmicoacustico di Manhattan.
> Frequentò un corso di medicina all’ospedale di Bellevue
nel periodo
> 1886-1888, all’ospedale oftalmico di New York e presso i
dispensari Northern
> e Northeastern tra il 1886 e il 1898. Divenne insegnante
di oftalmologia
> nella scuola medica per laureati e nell’ospedale di New
York. Durante la sua
> attività professionale Bates dedicò la sua attenzione, in
primo luogo, ai
> diversi organi della testa per poi, in un secondo tempo,
concentrarsi sulla
> funzione degli occhi. Nel 1896 cominciò a rinunciare agli
impegni
> ospedalieri per dedicarsi alla sperimentazione. Dopo aver
esercitato la
> professione per svariati anni a Grand Forks, nel North
Dakota., tornò a New
> York per studiare medicina all’ospedale di Harlem durante
gli anni 1907-22.
> Nel corso delle sue ricerche, Bates dimostrò in maniera
sperimentale che la
> fissazione normale dell’occhio è centrale ma mai
stazionaria, e la tecnica
> sviluppata da lui per il trattamento della vista
imperfetta senza ricorrere
> agli occhiali venne basata su questo principio.
> Da un punto di vista fisiologico, questa tecnica non era
certo l’
> applicazione pratica della teoria psicologica del campo
della coscienza,
> definita come punto focale, il così detto punto di
appercezione, circondato
> da un contorno di crescente evanescenza. Il suo metodo
avrebbe sviluppato
> la fissazione centrale educando il paziente nella doppia
arte di rilassare e
> concentrare la vista. Durante l’esecuzione dei suoi
esperimenti egli
> sviluppò un metodo di fotografia dell’occhio per rivelare
modifiche nella
> curvatura della superficie durante il suo funzionamento.
Questo lavoro viene
> trattato in “Uno Studio delle Immagini Riflesse dalla
Cornea, Iris, Lente e
> Sclera” (N. Y. Med. Jour., 18 maggio 1918). Le sue
ricerche sull’influenza
> della memoria sul funzionamento della visione vengono
descritte in “Memoria
> come Supporto alla Visione” (N. Y. Med. Jour., 24 maggio
1919). Nel 1894,
> mentre cerca di determinare l’effetto terapeutico
sull’occhio dei principi
> attivi delle ghiandole endocrine, scopre le proprietà
severe ((secondo me è
> ASTRINGENTI)) e emostatiche dell’estratto acquoso della
capsula surrenale,
> commercializzata in seguito sotto il nome di adrenalina.
Nel 1896 annunciò
> questa scoperta in un giornale letto davanti
all’Accademia di Medicina di
> New York. Nel 1886 inaugurò un tipo di operazione atta al
miglioramento
> della sordità permanente, che consisteva nel praticare
forellini o incisioni
> sulla membrana del timpano. Pubblicò un libro, “Vedere
Perfettamente Senza
> Occhiali” (1919), completamente a sue spese, dove
esponeva le sue teorie per
> la maggior parte contrarie all’oftalmologia canonica.
Scrisse anche articoli
> che descrivevano i suoi metodi. Fu membro della New York
State Medical
> Society e si affiliò alla Chiesa Protestante Olandese.
Era appassionato di
> sport, in particolare di tennis, dove vinse numerosi
premi e durante la sua
> residenza nel Nord Dakota fu anche campione nazionale.
Era un eccellente
> corridore e alla considerevole età di cinquantotto anni
fu ancora in grado
> di vincere un premio.
> Bates era un nomo tranquillo e modesto, uno studente
serio di letteratura e
> astronomia, con una predilezione verso i bambini. Si
sposò tre volte: (1)
> nel 1883 con Edith Kitchell di New York, da cui ebbe un
figlio, Halsey
> Bates, che morì nel 1886; (2) con Margaret Crawford, che
morì nel 1927
> lasciando due figli, William Crawford e Milo Bates,
moglie di Charles
> McComb; e (3) il 9 agosto 1928 con Emily (Ackerman)
Lierman, figlia di
> Robert Ackerman, di Newark, N.J..
> Bates morì a New York il 10 luglio 1931.
>
> --------------------------------------------------------------------------> --->
> Necrologio di William H. Bates, New York Times, 11 luglio
1931, p.13 colonna
> 1.
> E’ MORTO IL DOTTOR W. H. BATES, UNO SPECIALISTA
DELL’OCCHIO
> Vittima da Molti Anni di una Strana Forma di Afasia, Egli
E’ Scomparso Due
> Volte.
> SCOPRI’ UN FARMACO PREZIOSO
> Aggiunse il Liquido Surrenale al Campo della Chirurgia
Ottica – Scrisse un
> Libro “Vedere Perfettamente Senza Occhiali”.
> Il Dottor William H. Bates, specialista delle malattie
dell’occhio, è
> scomparso ieri, dopo una malattia durata un anno, nella
sua residenza, 210
> di Madison Avenue. Lo piangono la sua vedova, il cui nome
da nubile è Emily
> Ackerma Lierman, sua assistente e compagna di
esperimenti per diciassette
> anni prima del loro matrimonio celebrato nell’agosto
1928, e un figlio nato
> dal primo dei suoi precedenti matrimoni. Il Dott. Bates
era rimasto vedovo
> per due volte. La sua scomparsa richiama alla memoria due
sue strane
> sparizioni, risalenti a qualche anno fa, giudicate dai
medici come rilevanti
> esempi di afasia o perdita di memoria. Nel 1902, sette
anni dopo la sua
> laurea al College di Medicina e Chirurgia, mentre si
stava facendo
> rapidamente strada nella professione e si stava dedicando
ad un importante
> trattato di medicina, scomparve misteriosamente. L’ultimo
giorno in cui
> venne visto, il 30 agosto, aveva scritto una affettuosa e
particolare
> lettera allamoglie, che nel frattempo era in visita a sua
madre a Newport, e
> le aveva inviato libri e strumenti dal suo appartamento
in Lonsdale, 567
> Madison Avenue.
> Passati numerosi giorni senza che tornasse a casa, il
custode ne avvertì la
> Signora Bates, la sua seconda moglie, che si precipitò in
città per cercare
> il marito. Dopo sei settimane ella apprese che lui stava
lavorando come
> assistente nell’Ospedale Charing Cross a Londra, dove era
arrivato come
> paziente. La Signora Bates si recò a Londra dove trovò il
marito in uno
> stato di depressione confusionale, assolutamente
incapace di ricordare gli
> eventi più recenti. Lo portò all’Hotel Savoy, dove lui
rimase per due giorni
> per poi scomparire nuovamente. La Signora Bates cercò il
marito in Europa
> invano, prendendo nota di qualsiasi traccia le arrivasse.
Morì prima di
> rivederlo. Il modo in cui egli venne trovato e indotto a
ritornare a New
> York per riprendere le sue attività non è mai stato
rivelato nei dettagli.
> Secondo la versione più convincente, un amico oculista,
il Dottor J. E
> Kelly, trovò Bates per caso nel 1910 mentre lavorava a
Grand Forks, N.D.
> Dopo qualche mese i due uomini si misero a collaborare in
questa città, dove
> il Dottor Bates lavorò con la stessa alacrità e lo stesso
successo di prima
> delle sue sparizioni. Teorie e metodi per il trattamento
dell’occhio usate
> dal Dottor Bates non si trovano sempre in accordo con
quelle della maggior
> parte degli specialisti della vista. Egli fu
l’originatore di un trattamento
> delle imperfezioni della vista che consiste nel
rilassamento mentale. Scoprì
> l’adrenalina, ritenuta quasi valida quanto la cocaina
nella chirurgia
> ottica. L’opera più conosciuta tra quelle da lui scritte
é “Vedere
> Perfettamente Senza Occhiali”.
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a:
[email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail
vuota al seguente indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto
alle http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
Vén Péter
Group: Visus
Subject: R: Biografia di Bates
Message: 1039
From: skyrunner
Date: dom mag 12, 2002 12.54
From: ideamatic1
Date: mer mag 15, 2002 12.29
From: maurizio cagnoli
Date: lun mag 27, 2002 7.50
>-----Messaggio originale---->Da: Ven Peter [mailto:[email protected]]
>Inviato: sabato 11 maggio 2002 6.27
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: [Visus] Biografia di Bates
>
>
>Dear skyrunner,
>Grazie per l` autobiographia di Bates. Non lo conoscevo.Ho
>una mania per Bates e questo documento il piú punctuale
>qelli dei miei.
>Peter Ven - Hungeria
Ciao Peter,
sono contento che ti abbia fatto piacere, lo ha fatto anche a me quando sono
riuscito a trovarla.
Anche io ho una mania per Bates... e uno dei miei Eroi preferiti. Seguito,
ma solo a distanza, da Tex Willer e da Paperinik! (No, Topolino, no....)
;)
Ma ce ne sono anche altri...
"Molti raggi convergono alla ruota.
Ma e il mozzo centrale che fa girare la ruota".(Lao Tzu)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Ogg: Differenza sera-mattino
Message: 1040
Ciao Maurizio,
Secondo me, è abbastanza normale che si veda peggio la sera, ma
alcune persone dicono di vedere peggio la mattina. Questo credo
dipenda dal fatto che usi male (come tutti i miopi) gli occhi di
giorno , e quelli che vedono peggio al mattino è perchè non riposano
bene gli occhi di notte.
Per me è ideale eseguire le tecniche mattina e sera, perchè di
mattina ti predispongono a usare meglio gli occhi di giorno, e la
sera, ti rilassano la vista e la mente, favorendo un migliore riposo
di entrambi.
Saluti
Paola
Group: Visus
Subject: Convegno di Firenze
Message: 1041
Visto che nessuno ne parla, metto in lista uqesto, che è il comunicato
stampa ufficiale del convegno. Lo troverete un po' freddino, ma quelli
che hanno partecipato (c'era Skyrunner, Silvio Caggia,Il 19 Maggio si è
svolto a Firenze il 1 Convegno degli educatori visivi italiani.
Oltre al metodo Bates esistono varie forme di educazione visiva e
diversi metodi, fin qui praticati in perfetto isolamento da oculisti,
ortottiste, optometristi, nonché praticanti di altre discipline, quali
il metodo Feldenkrais, lo Yoga, il Qigong.
E’ stata l’occasione per confrontare e anche sperimentare dal vivo
pratiche diverse, particolarmente nei due seminari pre e post convegno
di sabato 18 e lunedì 20.
Altre informazioni sul convegno si trovano a
http://www.metodobates.it/simposio.htm e
http://www.metodobates.it/programma.htm
Cordiali saluti
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri) Italy
tel 0039 0765 608283
[email protected]
Home page “Buena Vista” engl. fr. sp. port. deutsch
http://www.geocities.com/buena-vista/
Home page “Buena Vista” in italiano
http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: R: Digest Number 292
Message: 1042
From: Salvatore Silvio Caggia
Manca un pezzo di frase ma immagino cosa volevi dire.
Ho tante cose da dire sul convegno e sul seminario, il punto è che devo
ancora metabolizzarlo, ho una pila di cose da leggere sul comodino tra cui
ancora molti atti del convegno, tutte le tue riviste ecc.
Sto aspettando di trovare il tempo di condividere con voi della lista le
cose che ho provato e che ho imparato ma rischio di aspettare il prossimo
convegno! Poiché il meglio è nemico del bene provo comunque a dire due cose
che magari poi approfondirò:
E' stato molto bello!
Ho imparato tante nuove cose (e leggendo gli atti ne vedo emergere altre!)
Ci vedo meglio!
Ciao
P.S.: Ho raccolto molti "messaggi" interessanti dalle persone presenti,
qualcosa di difficile da spiegare e spiegarmi, diciamo una serie di
"coincidenze" dettate dal Caso... è capitato qualcosa del genere anche a voi
che avete partecipato?
-----Messaggio Originale----Da: <[email protected]>
A: <[email protected]>
Data invio: martedì 28 maggio 2002 11.29
Oggetto: [Visus] Digest Number 292
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
-----------------------------------------------------------------------Questo numero contiene 1 messaggio.
Argomenti in questa selezione:
1. Convegno di Firenze
Da: maurizio cagnoli <[email protected]>
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
Date: mar mag 28, 2002 3.57
Messaggio: 1
Data: Mon, 27 May 2002 13:50:19 +0800
Da: maurizio cagnoli <[email protected]>
Oggetto: Convegno di Firenze
Visto che nessuno ne parla, metto in lista uqesto, che è il comunicato
stampa ufficiale del convegno. Lo troverete un po' freddino, ma quelli
che hanno partecipato (c'era Skyrunner, Silvio Caggia,Il 19 Maggio si è
svolto a Firenze il 1 Convegno degli educatori visivi italiani.
Oltre al metodo Bates esistono varie forme di educazione visiva e
diversi metodi, fin qui praticati in perfetto isolamento da oculisti,
ortottiste, optometristi, nonché praticanti di altre discipline, quali
il metodo Feldenkrais, lo Yoga, il Qigong.
E' stata l'occasione per confrontare e anche sperimentare dal vivo
pratiche diverse, particolarmente nei due seminari pre e post convegno
di sabato 18 e lunedì 20.
Altre informazioni sul convegno si trovano a
http://www.metodobates.it/simposio.htm e
http://www.metodobates.it/programma.htm
Cordiali saluti
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri) Italy
tel 0039 0765 608283
[email protected]
Home page "Buena Vista" engl. fr. sp. port. deutsch
http://www.geocities.com/buena-vista/
Home page "Buena Vista" in italiano
http://www.metodobates.it
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: R: Convegno di Firenze
Message: 1043
Rimando lo stesso messaggio, perchè mi sono accorto che ne ho tagliato via
un pezzetto.
> Visto che nessuno ne parla, metto in lista uqesto, che è il comunicato
> stampa ufficiale del convegno. Lo troverete un po' freddino, ma quelli
> che hanno partecipato (c'erano Skyrunner, Silvio Caggia,
Riccardo Olent, sanno che è stato invece molto vivace, con alcuni punti
piacevolissimi. Eravamo molti in più di quanto avevamo programmato,
soprattutto perché erano presenti molti optometristi, grazie credo
soprattutto a Riccardo e alcuni altri conoscenti.
Tra le proposte operative messe in moto c'è l'idea di ripeterlo l'anno
prossimo, ingrandendosi un po' probabilmente nello stesso posto e stesso
periodo. La richiesta da parte di molti operatori di una formazione nel
metodo Bates. L'interesse a partecipare al convegno di Parigi del prossimo
ottobre.
E io credo che la lettura (lenta, perché è un malloppone) degli atti del
convegno costituirà una bella sorpresa per tutti.
A proposito, è possibile richiedere gli atti per posta (60 euro, sped
compresa).
>Il 19 Maggio si è
> svolto a Firenze il 1 Convegno degli educatori visivi italiani.
>
> Oltre al metodo Bates esistono varie forme di educazione visiva e
> diversi metodi, fin qui praticati in perfetto isolamento da oculisti,
> ortottiste, optometristi, nonché praticanti di altre discipline, quali
> il metodo Feldenkrais, lo Yoga, il Qigong.
> E’ stata l’occasione per confrontare e anche sperimentare dal vivo
> pratiche diverse, particolarmente nei due seminari pre e post convegno
> di sabato 18 e lunedì 20.
From: maurizio cagnoli
Date: mar mag 28, 2002 7.53
>
>
>
>
>
>
>
>
Altre informazioni sul convegno si trovano a
http://www.metodobates.it/simposio.htm e
http://www.metodobates.it/programma.htm
Cordiali saluti
Group: Visus
Subject: Re: R: Convegno di Firenze
Message: 1044
From: [email protected]
Date: gio mag 30, 2002 11.24
From: stefano caldiron
Date: gio mag 30, 2002 5.19
> Rimando lo stesso messaggio, perchè mi sono accorto che ne ho tagliato
via
> un pezzetto.
>
> > Visto che nessuno ne parla, metto in lista uqesto, che è il
comunicato
> > stampa ufficiale del convegno. Lo troverete un po' freddino, ma
quelli
> > che hanno partecipato (c'erano Skyrunner, Silvio Caggia,
> Riccardo Olent, sanno che è stato invece molto vivace, con alcuni
punti
> piacevolissimi. Eravamo molti in più di quanto avevamo programmato,
> soprattutto perché erano presenti molti optometristi, grazie credo
> soprattutto a Riccardo e alcuni altri conoscenti.
> Tra le proposte operative messe in moto c'è l'idea di ripeterlo l'anno
> prossimo, ingrandendosi un po' probabilmente nello stesso posto e
stesso
> periodo. La richiesta da parte di molti operatori di una formazione
nel
> metodo Bates. L'interesse a partecipare al convegno di Parigi del
prossimo
> ottobre.
> E io credo che la lettura (lenta, perché è un malloppone) degli atti
del
> convegno costituirà una bella sorpresa per tutti.
> A proposito, è possibile richiedere gli atti per posta (60 euro, sped
> compresa).
>
> >Il 19 Maggio si è
> > svolto a Firenze il 1 Convegno degli educatori visivi italiani.
>>
> > Oltre al metodo Bates esistono varie forme di educazione visiva e
> > diversi metodi, fin qui praticati in perfetto isolamento da
oculisti,
> > ortottiste, optometristi, nonché praticanti di altre discipline,
quali
> > il metodo Feldenkrais, lo Yoga, il Qigong.
> > E? stata l?occasione per confrontare e anche sperimentare dal vivo
> > pratiche diverse, particolarmente nei due seminari pre e post
convegno
> > di sabato 18 e lunedì 20.
>>
> > Altre informazioni sul convegno si trovano a
> > http://www.metodobates.it/simposio.htm e
> > http://www.metodobates.it/programma.htm
>>
> > Cordiali saluti
>>
Approfitto dell'occasione per fare i complimenti a tutti i partecipanti
(e ovviamente l'organizzatore).
Io ci sono stato come spettatore e devo dire che ne è valsa la pena
perché ho trovato un ottimo clima e buoni spunti per dare seguito al mio
percorso di miglioramento visivo.
Peccato per le assenze, ero molto curioso riguardo alle tecniche
posturali del metodo Alexander e alle discipline psicocorporee Reichiane
e bioenergetiche.
Ciao,
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://digilander.iol.it/bunix
Group: Visus
Subject: Fenomeni in caso di presbiopia
Message: 1045
Ho quarantaquattro anni e riesco a vedere (da vicino) fino a circa 25 cm di distanza.
Ora accade che, avvicinando ancora, riesco a vedere ancora abbastanza nitido, ma mano mano che avvicino l'immagine si rimpicciolisce.
Voglio dire gradualmente, come se allontanassi.
E' normale ?
La cosa accade ma non sempre e in realtà mi spaventa anche un po'...
Qualcuno ha spiegazioni o osservazioni ?
Grazie stefano
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: chiudere gli occhi = rilassarli ?
Message: 1046
From: Silver
Date: dom giu 02, 2002 2.40
From: maurizio cagnoli
Date: lun giu 03, 2002 12.20
From: Silver
Date: lun giu 03, 2002 10.03
Ciao.
Gli esercizi del Motodo Bates, a quanto ho capito, servono per far rilassare
l'occhio.
Ma non lo si fa già di notte?
E comunque, per rilassare l'occhio, non è sufficiente chiuderlo?
Ciao
Grazie a chi vorrà rispondermi
Remember
Silver
Group: Visus
Subject: R: chiudere gli occhi = rilassarli ?
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 1047
Ciao.
Gli esercizi del Motodo Bates, a quanto ho capito, servono per far rilassare
l'occhio.
Ma non lo si fa già di notte?
E comunque, per rilassare l'occhio, non è sufficiente chiuderlo?
Nein! Nein!
Chi ha problemi visivi gli occhi non li rilassa MAI, di giorno e tantomeno
di notte.
E questo perché è la mente in primo luogo ad essere costantemente sotto
tensione, anche quando è il subconscio al potere, come di notte.
Anche quando si fa palming, se la mente non indirizzata su cose amene tipo
nuvolette in cielo e onde che pigramente lambiscono spiagge tropicali, col
cavolo che gli occhi si rilassano!
Quindi, perchè locchio si rilassi ci vuole:
- movimento, a monte del palming
- oscurità ( con gli occhi semplicemente chiusi la retina lavora ancora un
bel po'
Ma questo non basta. Il metodo Bates serve a smontare pezzo per pezzo
l'abitudine MENTALE, oltre che visiva allo sforzo e alla tensione.
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: sul palming
Salve di nuovo.
Message: 1048
Una domanda sul palming...
So che consiste nell'appoggiare i palmi delle mani sulle orbite, facendo
incontrare le dita di mano destra e sinistra sulla fronte.
Se ho capito bene, il fatto che tali dita si incontrino garantirebbe che gli
occhi siano completamente coperti dai palmi delle mani.
A me invece sembra di riuscire a coprire la luce al 100% anche senza far
incontrare le dita.
Dite che non è possibile?
Lo chiedo perché se delle due mani si toccano solo appena i mignoli, trovo
che si tratti di una posizione più comoda, e addirittura mi sembra che
diminuisca il rischio di infiltrazione di luce, causata dall'imperfetta
congruenza fra eminenze ipotenar e lati del naso...
Grazie a chi vorrà rispondermi
Ciao
Remember
Silver
Group: Visus
Subject: R: sul palming
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 1049
From: maurizio cagnoli
Date: mar giu 04, 2002 2.44
From: skyrunner
Date: gio giu 06, 2002 2.31
Salve di nuovo.
Una domanda sul palming...
So che consiste nell'appoggiare i palmi delle mani sulle orbite, facendo
incontrare le dita di mano destra e sinistra sulla fronte.
Se ho capito bene, il fatto che tali dita si incontrino garantirebbe che gli
occhi siano completamente coperti dai palmi delle mani.
A me invece sembra di riuscire a coprire la luce al 100% anche senza far
incontrare le dita.
Dite che non è possibile?
Lo chiedo perché se delle due mani si toccano solo appena i mignoli, trovo
che si tratti di una posizione più comoda, e addirittura mi sembra che
diminuisca il rischio di infiltrazione di luce, causata dall'imperfetta
congruenza fra eminenze ipotenar e lati del naso...
Eccoci di nuovo.
Va bene anche questa posizione (tipo Reiki) a patto che:
- le palme non tocchino gli occhi
- le mani siano in grado di sostenere totalmente il peso della testa e
quindi il collo si possa rilassare
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Message: 1050
Subject: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
Ho reso disponibile, per tutti, la relazione da me presentata al convegno di
Firenze del 19/05/2002.
E' il testo integrale, ad eccezione della sezione su memoria, immaginazione
e tensione della mente che ho quasi tolto completamente per semplicità
descrittiva, oltre al fatto che la sto approfondendo ulteriormente.
Lo so, come parte era molto interessante, ma chi era li potrebbe parlarne in
lista, se vuole. Mi farebbe piacere, così verifico pure chi stava attento e
chi no... (eheheh!)
Il file, che si chiama “Metodo Bates. Il core concept” è in formato Acrobat
Reader , con estensione .pdf.
Per leggerlo occorre il lettore, gratuito, prelevabile (per chi
eventualmente non lo avesse ancora, ma è diffusissimo) su:
http://www.adobe.it/products/acrobat/readstep.html.
Il lavoro in questione contiene anche la nuova versione de “Il metodo Bates
in una conchiglia” e delle istruzioni per Visus. Questi due files sono
quelli che vengono inviati in automatico ai nuovi iscritti e sono già stati
aggiornati nella sezione files di Visus.
“Il metodo Bates in una conchiglia è stato rivisto abbastanza profondamente.
La stesura del documento in questione mi è costata tempo e fatica. Sono 27
pagine illustrate. Secondo me è un documento estremamente interessante,
anche se lo cedo quasi "gratis".
Quasi gratis perchè sarebbero molto graditi commenti, anche in negativo
(tanto non rispondo!).
Nella lista dei buoni metterò chi almeno due righe le scrive.
In quella dei cattivi chi scrive cosacce e chi non scrive affatto.
Vanno bene anche email private, anche se la lista servirebbe a parlare
proprio di questo.
Alla base di questo lavoro c'è la mia convinzione che il VERO Metodo Bates è
ancora da scoprire per la quasi totalità delle persone che se ne sono, per
un motivo o per l'altro, interessate.
La maggior parte delle volte che ne sento parlare, è a sproposito.
Non voglio vestire i panni del guru, nè cerco gloria e complimenti. Potreste
benissimo non essere d'accordo con quanto ho scritto.
Vorrei almeno sapere se:
- I concetti espressi sono chiari e comprensibili.
- Se ha chiarito, almeno un po di più, cosa c'è alla base del metodo Bates.
- Se in seguito a quanto letto si modificherà, anche solo marginalmente, la
propria esecuzione delle tecniche.
- Se si è d'accordo su quando esposto.
- Tutti gli altri commenti e suggerimenti ritenuti utili.
Chi è nato stanco può anche limitarsi ad un "grazie". Capirò che il lavoro è
stato apprezzato. Basterà.
Per la distribuzione del file “Metodo Bates. Il core concept” ho scelto una
modalità particolare.
Ho creato un Newgroup, denominato Visus-files.
A seguito dell'iscrizione verrà inviato, come allegato, il file “Metodo
Bates. Il core concept”.
Verrà inviato nel formato normale ed in quello fine print (8 pagine per
foglio. Ma i caratteri non sono piccolissimi, vanno bene per tutti).
Per ricevere automaticamente i suddetti files nella propria casella di posta
elettronica(circa 900Kb) , basta semplicemente mandare un messaggio vuoto a:
[email protected]
Il link diretto, eventualmente è:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus-files
Ho pensato a questa procedura perchè rende disponibili detti files anche a
chi non ha l'accesso diretto alla sezione files Visus.
Sottolineo che:
Visus-files non è una mail-list. Non vengono trattati o ritrasmessi
messaggi.
Visus-files serve solo ed esclusivamente al moderatore per la distribuzione
dei files collegati a Visus.
Saluti a tutti.
Mauro.
"Molti raggi convergono alla ruota.
Ma è il mozzo centrale che fa girare la ruota".(Lao Tzu)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 1051
Subject: Re: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: rosalba canelli
Date: gio giu 06, 2002 11.39
salve,
non sono "nata stanca" per cui potrei dire molto di piu' di un semplice "grazie", ma non posso dire nemmeno questo perchè non sono riuscita a trovare il file aggiornato ma solo
quello vecchio, ma dov'è?
Beh...intanto ho risposto... tanto per non essere inserita nella lista dei "cattivi" eppoi se mi dici come leggere daro' il mio commento. Potresti mandarmi un link da cliccare cosi' è +
semplice? Grazie.
ciao
skyrunner <[email protected]> ha scritto: Ho reso disponibile, per tutti, la relazione da me presentata al convegno di
Firenze del 19/05/2002.
E' il testo integrale, ad eccezione della sezione su memoria, immaginazione
e tensione della mente che ho quasi tolto completamente per semplicità
descrittiva, oltre al fatto che la sto approfondendo ulteriormente.
Lo so, come parte era molto interessante, ma chi era li potrebbe parlarne in
lista, se vuole. Mi farebbe piacere, così verifico pure chi stava attento e
chi no... (eheheh!)
Il file, che si chiama “Metodo Bates. Il core concept” è in formato Acrobat
Reader , con estensione .pdf.
Per leggerlo occorre il lettore, gratuito, prelevabile (per chi
eventualmente non lo avesse ancora, ma è diffusissimo) su:
http://www.adobe.it/products/acrobat/readstep.html.
Il lavoro in questione contiene anche la nuova versione de “Il metodo Bates
in una conchiglia” e delle istruzioni per Visus. Questi due files sono
quelli che vengono inviati in automatico ai nuovi iscritti e sono già stati
aggiornati nella sezione files di Visus.
“Il metodo Bates in una conchiglia è stato rivisto abbastanza profondamente.
La stesura del documento in questione mi è costata tempo e fatica. Sono 27
pagine illustrate. Secondo me è un documento estremamente interessante,
anche se lo cedo quasi "gratis".
Quasi gratis perchè sarebbero molto graditi commenti, anche in negativo
(tanto non rispondo!).
Nella lista dei buoni metterò chi almeno due righe le scrive.
In quella dei cattivi chi scrive cosacce e chi non scrive affatto.
Vanno bene anche email private, anche se la lista servirebbe a parlare
proprio di questo.
Alla base di questo lavoro c'è la mia convinzione che il VERO Metodo Bates è
ancora da scoprire per la quasi totalità delle persone che se ne sono, per
un motivo o per l'altro, interessate.
La maggior parte delle volte che ne sento parlare, è a sproposito.
Non voglio vestire i panni del guru, nè cerco gloria e complimenti. Potreste
benissimo non essere d'accordo con quanto ho scritto.
Vorrei almeno sapere se:
- I concetti espressi sono chiari e comprensibili.
- Se ha chiarito, almeno un po di più, cosa c'è alla base del metodo Bates.
- Se in seguito a quanto letto si modificherà, anche solo marginalmente, la
propria esecuzione delle tecniche.
- Se si è d'accordo su quando esposto.
- Tutti gli altri commenti e suggerimenti ritenuti utili.
Chi è nato stanco può anche limitarsi ad un "grazie". Capirò che il lavoro è
stato apprezzato. Basterà.
Per la distribuzione del file “Metodo Bates. Il core concept” ho scelto una
modalità particolare.
Ho creato un Newgroup, denominato Visus-files.
A seguito dell'iscrizione verrà inviato, come allegato, il file “Metodo
Bates. Il core concept”.
Verrà inviato nel formato normale ed in quello fine print (8 pagine per
foglio. Ma i caratteri non sono piccolissimi, vanno bene per tutti).
Per ricevere automaticamente i suddetti files nella propria casella di posta
elettronica(circa 900Kb) , basta semplicemente mandare un messaggio vuoto a:
[email protected]
Il link diretto, eventualmente è:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus-files
Ho pensato a questa procedura perchè rende disponibili detti files anche a
chi non ha l'accesso diretto alla sezione files Visus.
Sottolineo che:
Visus-files non è una mail-list. Non vengono trattati o ritrasmessi
messaggi.
Visus-files serve solo ed esclusivamente al moderatore per la distribuzione
dei files collegati a Visus.
Saluti a tutti.
Mauro.
"Molti raggi convergono alla ruota.
Ma è il mozzo centrale che fa girare la ruota".(Lao Tzu)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Yahoo! Groups Sponsor
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di Utilizzo del Servizio Yahoo!
--------------------------------Non perderti un solo gol!
Iscriviti al FIFA Vip Club
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1052
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: skyrunner
Date: gio giu 06, 2002 12.35
From: Guido
Date: gio giu 06, 2002 5.03
-----Messaggio originale---->Da: rosalba canelli [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 6 giugno 2002 11.40
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
>19/05/2002.
> non sono riuscita a trovare il file aggiornato ma solo quello vecchio,
>ma dov'è?
Ciao Rosalba,
il file "Il metodo Bates in una conchiglia 010602.txt" lo trovi anche
nell'archivio di Visus. Per chi ha l'accesso al sito il link è:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/
Mandando una email vuota all'indirizzo:
[email protected]
(Il link diretto, eventualmente è:
http://it.groups.yahoo.com/group/Visus-files )
Riceverai una email di conferma iscrizione alla quale dovrai rispondere,
dopodiché ti verranno inviati 3 messaggi con allegato:
- "Metodo Bates. Il core concept".
- "il metodo Bates in una conchiglia"
Tutto qui.
Ciao!
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
PS:
Il file, che si chiama “Metodo Bates. Il core concept” è in
formato Acrobat Reader , con estensione .pdf.
Per leggerlo occorre il lettore, gratuito, prelevabile (per chi
eventualmente non lo avesse ancora, ma è diffusissimo) su:
http://www.adobe.it/products/acrobat/readstep.html
Group: Visus
Message: 1053
Subject: Commento sulla relazione di Skyrunner: sei un "big"!
Ottimo lavoro! è uno dei migliori che ho letto sulla vista... e soprattutto fatto con molta passione!
Mi piace perchè è fatto con la mentalità dell'esploratore che si avventura nella giungla dell'NVI per riportare alla luce l'antico segreto....
Prima richiesta: puoi mettere in lista, il contenuto dello scritto che hai scannerizzato, ma che si legge poco bene della figura 4? Mi sembra un pelo tagliata sulla destra e le ultime
due frasi non si leggono... Mi pare comunque molto bella... Se vuoi, puoi! :-)
Seconda richiesta: ora che mi hai messo la pulce nell'orecchio: Che cos aintendeva in realtà William per memoria e mente?
Grazie per la tua lungimiranza! Spero di diventare lungimirante anch'io!
Ciao, Guido
PS: a presto con le prossime questions... non vorrei sovraccaricarti di lavoro! :-))
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1054
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: maurizio cagnoli
Date: gio giu 06, 2002 6.39
From: [email protected]
Date: ven giu 07, 2002 3.07
> Ho reso disponibile, per tutti, la relazione da me presentata al convegno di
> Firenze del 19/05/2002.
Per prima cosa pubblicherò il tuo messaggio nella pagina delle relazioni del
convegno. Sarebbe un segreto , esclusivamente per chi ha partecipato al
convegno, ma, mi raccomando, che resti tra noi: è a
http://www.metodobates.it/relazioni.htm
Poi lo metto anche su Buena Vista newsletter 34, che sto giusto finendo di
comporre. E, ci vogliamo rovinare, anche su Buena Vista Update, cambiando un
po' il tiro, visto che BVU arriva a urbis et orbis (nel senso di quelli che
non ci vedono tanto bene).
Poi, se sarò ancora vivo e pieno di interesse e motivazione, finalmente me
la leggerò. AHHHHH.
Un po' di pubblicità: su AAM Terra Nuova di Giugno c'è un articolo mio su
"osa c'è di nuovo nel metodo Bates".
C'è o non c'è del nuovo? Mah, leggetevi l'articolo.
Poi, su un numero non precisato di Donna moderna ci sarà (o c'è stato) un
articolo con tre interviste: una a me, una a Cristina Zandonella (occhi e
emozioni) e una a Luciana Magnaguagno (occhi e Qigong).
Se ne sapete qualcosa, segnalatemlo.
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Holiday on Eyes, vacanze per gli occhi
http://www.metodobates.it/corsital.htm
Group: Visus
Message: 1055
Subject: Re: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
> Ho reso disponibile, per tutti, la relazione da me presentata al
convegno di
> Firenze del 19/05/2002.
Grazie
> E' il testo integrale, ad eccezione della sezione su memoria,
immaginazione
> e tensione della mente che ho quasi tolto completamente per semplicità
> descrittiva, oltre al fatto che la sto approfondendo ulteriormente.
> Lo so, come parte era molto interessante, ma chi era li potrebbe
parlarne in
> lista, se vuole. Mi farebbe piacere, così verifico pure chi stava
attento e
> chi no... (eheheh!)
hem... hem... preferisco sorvolare...
> Il file, che si chiama ?Metodo Bates. Il core concept? è in formato
Acrobat
> Reader , con estensione .pdf.
> Per leggerlo occorre il lettore, gratuito, prelevabile (per chi
> eventualmente non lo avesse ancora, ma è diffusissimo) su:
> http://www.adobe.it/products/acrobat/readstep.html.
>
> Il lavoro in questione contiene anche la nuova versione de ?Il metodo
Bates
> in una conchiglia? e delle istruzioni per Visus. Questi due files sono
> quelli che vengono inviati in automatico ai nuovi iscritti e sono già
stati
> aggiornati nella sezione files di Visus.
> ?Il metodo Bates in una conchiglia è stato rivisto abbastanza
profondamente.
Fico, lo ho convertito anche in html, se vuoi ti posso mandare il file.
> La stesura del documento in questione mi è costata tempo e fatica.
Sono 27
> pagine illustrate. Secondo me è un documento estremamente
interessante,
> anche se lo cedo quasi "gratis".
> Quasi gratis perchè sarebbero molto graditi commenti, anche in
negativo
> (tanto non rispondo!).
Per darti un commento attendo di riuscire a stamparlo; la stampante
dell'ufficio mi da un errore postscript, più tardi proverò anche a casa.
Comunque visto che a Firenze c'ero posso dire che hai fatto un ottimo
lavoro che a me è piaciuto molto.
> Nella lista dei buoni metterò chi almeno due righe le scrive.
> In quella dei cattivi chi scrive cosacce e chi non scrive affatto.
> Vanno bene anche email private, anche se la lista servirebbe a parlare
> proprio di questo.
>
> Alla base di questo lavoro c'è la mia convinzione che il VERO Metodo
Bates è
> ancora da scoprire per la quasi totalità delle persone che se ne sono,
per
> un motivo o per l'altro, interessate.
> La maggior parte delle volte che ne sento parlare, è a sproposito.
> Non voglio vestire i panni del guru, nè cerco gloria e complimenti.
Potreste
> benissimo non essere d'accordo con quanto ho scritto.
La mia opinione è che su questo punto mi sembri un po' troppo pignolo
perché se qualcuno anziché eseguire rigorosamente il metodo Bates esegue
un metodo che pur con le sue differenze si ispira al metodo Bates e
comunque funziona lo stesso o addirittura meglio, secondo me la cosa è
tuttaltro che da condannare.
> Vorrei almeno sapere se:
> - I concetti espressi sono chiari e comprensibili.
> - Se ha chiarito, almeno un po di più, cosa c'è alla base del metodo
Bates.
> - Se in seguito a quanto letto si modificherà, anche solo
marginalmente, la
> propria esecuzione delle tecniche.
Dopo averti ascoltato a Firenze ho deciso di reinserire il dondolio
dell'elefante tra le tecniche che eseguo ogni giorno, ma per dirla
tutta continuo anche a fare le oscillazioni ampie che hai voluto far
notare che non fanno parte del metodo Bates.
> - Se si è d'accordo su quando esposto.
> - Tutti gli altri commenti e suggerimenti ritenuti utili.
>
> Chi è nato stanco può anche limitarsi ad un "grazie". Capirò che il
lavoro è
> stato apprezzato. Basterà.
>
> Per la distribuzione del file ?Metodo Bates. Il core concept? ho
scelto una
> modalità particolare.
> Ho creato un Newgroup, denominato Visus-files.
> A seguito dell'iscrizione verrà inviato, come allegato, il file
?Metodo
> Bates. Il core concept?.
> Verrà inviato nel formato normale ed in quello fine print (8 pagine
per
> foglio. Ma i caratteri non sono piccolissimi, vanno bene per tutti).
> Per ricevere automaticamente i suddetti files nella propria casella di
posta
> elettronica(circa 900Kb) , basta semplicemente mandare un messaggio
vuoto a:
>
> [email protected]
>
> Il link diretto, eventualmente è:
> http://it.groups.yahoo.com/group/Visus-files
>
> Ho pensato a questa procedura perchè rende disponibili detti files
anche a
> chi non ha l'accesso diretto alla sezione files Visus.
>
> Sottolineo che:
> Visus-files non è una mail-list. Non vengono trattati o ritrasmessi
> messaggi.
> Visus-files serve solo ed esclusivamente al moderatore per la
distribuzione
> dei files collegati a Visus.
>
>
> Saluti a tutti.
>
> Mauro.
>
>
> "Molti raggi convergono alla ruota.
> Ma è il mozzo centrale che fa girare la ruota".(Lao Tzu)
>
>
> Mauro Teodori
> [email protected]
> [email protected]
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: Dare una mano
Message: 1056
From: maurizio cagnoli
>
> Ciao,
>
> desideriamo farti sapere che, nella sezione File del gruppo
> Visus, troverai un nuovo file appena caricato.
>
> File : /Programmi/FinePrint95_98_me.exe
> Caricato da : cloudsruffler <[email protected]>
> Descrizione : Fine print. Per stampare più pagine (anche 8) sun un solo
> foglio a4. Shareware
>
> Puoi accedere al file dal seguente indirizzo:
> http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/Programmi/FinePrint95_98_me.exe
>
Giorgio Ferrario è un amico di Buena Vista e un operatore del metodo Bates
molto preparato.
Vorrei chiedervi di dare una mano a lui, sapendo che questo andrà a
vantaggio di tutti quanti lavorano per il miglioramento della vista in modo
naturale.
-Maurizio Cagnoli
[email protected]
http://www.metodobates.it
ecco il suo messaggio
Ciao Maurizio, sto raccogliendo alcuni dati che mi serviranno per la
tesi e forse tu, per la tua formazione anche scolastica, puoi darmi
qualche dritta. Mi serve sapere quante sono in Italia le persone (in
Date: dom giu 09, 2002 6.05
percentuale) che soffrono di problemi visivi (nel senso di numero
stimato di persone... visto che molti non sono a conoscenza del proprio
problema); sapere a quale ceto sociale appartengono; come sono
distribuiti sul territorio nazionale; il loro reddito medio (è un pò
una forzatura...); il loro livello culturale; ecc. Non sapresti dove
poter attingere a queste informazioni?
Se hai qualche dato relativo, o se sai come reperirli aggiornati, ti
ringrazio.
A presto.Giorgio Ferrario Tel. 347-94.67.357 e-mail
[email protected]
Group: Visus
Subject: Metodo Bates: il core concept
Message: 1057
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: lun giu 10, 2002 12.17
L'ho letto!
Apprezzo molto lo sforzo di riuscire a concentrare in così poche pagine così tanti concetti, il dono della sintesi è un grande dono. Anche in conferenza ti avevo già fatto i
complimenti per essere riuscito a spiegare in mezz'ora tutto questo. La cosa buffa è rendersi conto che prese ad una ad una sono cose che si sanno già, ma messe di fila ordinata
assumono un significato diverso, maggiore della somma delle parti.
Io ancora mi stupisco e mi chiedo perché dopo aver a suo tempo letto tutto il libro di Bates ne ho inconsciamente ed incoscientemente rimosso una buona parte delle tecniche
suggerite. Perché ho dovuto aspettare mesi per accettare di applicare la lettura dei caratteri piccolissimi? E poi ancora mesi per accettare di fare un po' di swing? E chissà quando
sarò pronto ad eseguirne appieno le tecniche?
Misteri dell'essere umano... mi sembra un po' di fare come la cicciona che sa cosa dovrebbe mangiare per dimagrire ed invece si ingozza di dolci e poi dice che non capisce perché
è così cicciona...
Skyrunner, grazie di esistere!
Prima o poi lo zio Skyrunner si renderà conto di essere la reincarnazione di Bates e cambierà mestiere... :-)
Non mi è chiara solo una cosa quando descrivi la posizione di Bates sulle emozioni e lo loro influenza sulla vista che sembri con quella frase negare, puoi essere più chiaro?
Ciao
---------------------------------------Salvatore Silvio Caggia
Direttore Tecnico di sede - Confor Informatica S.p.A.
Via Bossolasco, 11 - 10141 Torino
Tel.: 011 3820023 - Fax: 011 3820578 - Cell.: 335 5792887
e-mail: [email protected]
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1058
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
From: BRANCALEONE FABRIZIO
Date: mar giu 11, 2002 9.01
From: rosalba canelli
Date: mar giu 11, 2002 10.49
Grazie Mauro per averci donato gratuitamente una relazione così ben
fatta dove ancora una volta hai voluto sottolineare l'importanza dei
caratteri piccolissimi per raggiungere la fissazione centrale.
Ecco perché l'ho letta nel formato mini ritagliando le pagine e facendo
un libretto tascabile.
Penso anch'io che quando ti manca poco, questo esercizio sia
eccezionale, ma forse se uno inizia con 7, 8 diottrie di miopia è meglio
fare tanto esercizio con la tabella di snellen, vita all'aria aperta
ping-pong delineare ecc.
Quando poi arrivi a bassi livelli allora ok.
Una cosa invece che secondo me è importante è applicare la logica dei
caratteri piccolissimi progressivamente ossia facendo esercizi di
lettura con caratteri via via più piccoli.
Ad esempio io prima mi stampavo le mail di visus, 2see ecc a carattere
courier new 12, poi ho deciso di passare a 7 e tra un po' a 5.
Facendolo gradualmente il cervello si abitua a leggere caratteri più
piccoli e con sempre minore fatica e in tal modo raggiungo l'obiettivo
insito nei caratteri piccolissimi.
Lo stesso vale per lo zoom nei programmi word ed excel. Ogni settimana
un punto in meno ed ora il cervello che prima soffriva a vedere una
pag. con zoom 75% ora soffre quando ne vede una a 125%.
Volevo farti una domanda: che differenzi ci sono tra il tuo "core
concepì" e quanto afferma Robin Parsone su altre list di NVI visto che
lui punta l'attenzione su fissazione centrale e movimenti rapidi?
Ciao e grazie. Fabrizio
Group: Visus
Subject: Re: Dare una mano
Message: 1059
Salve, vorrei rispondere al messaggio consigliando al sig. Ferrario di mandare in lista un questionario con domande specifiche a cui potremmo rispondere tutti ed essere utili alla sua tesi,
maurizio cagnoli <[email protected]> ha scritto: >
> Ciao,
>
> desideriamo farti sapere che, nella sezione File del gruppo
> Visus, troverai un nuovo file appena caricato.
>
> File : /Programmi/FinePrint95_98_me.exe
> Caricato da : cloudsruffler <[email protected]>
> Descrizione : Fine print. Per stampare più pagine (anche 8) sun un solo
> foglio a4. Shareware
>
> Puoi accedere al file dal seguente indirizzo:
> http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/Programmi/FinePrint95_98_me.exe
>
Giorgio Ferrario è un amico di Buena Vista e un operatore del metodo Bates
molto preparato.
Vorrei chiedervi di dare una mano a lui, sapendo che questo andrà a
vantaggio di tutti quanti lavorano per il miglioramento della vista in modo
naturale.
-Maurizio Cagnoli
[email protected]
http://www.metodobates.it
ecco il suo messaggio
Ciao Maurizio, sto raccogliendo alcuni dati che mi serviranno per la
tesi e forse tu, per la tua formazione anche scolastica, puoi darmi
qualche dritta. Mi serve sapere quante sono in Italia le persone (in
percentuale) che soffrono di problemi visivi (nel senso di numero
stimato di persone... visto che molti non sono a conoscenza del proprio
problema); sapere a quale ceto sociale appartengono; come sono
distribuiti sul territorio nazionale; il loro reddito medio (è un pò
una forzatura...); il loro livello culturale; ecc. Non sapresti dove
poter attingere a queste informazioni?
Se hai qualche dato relativo, o se sai come reperirli aggiornati, ti
ringrazio.
A presto.Giorgio Ferrario Tel. 347-94.67.357 e-mail
[email protected]
var idGenerator = new IDGenerator(0); var editor = new Editor(idGenerator); editor.Instantiate();CarattereArialArial BlackArial NarrowComic Sans MSCourier NewSystemTimes New Roma
carattere","EditorOnBackgroundColor(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/parea.gif");backgroundColorButton.Instantiate();var alignLeftButton = new Button(editorIDGene
collegamento ipertestuale","EditorOnCreateHyperlink(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/wlink.gif");createHyperlinkButton.Instantiate();var insertSmileyButton = new Bu
["http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/1.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/2.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/3.gif","http://
(0);editorImageChooser0.Instantiate();CarattereArialArial BlackArial NarrowComic Sans MSCourier NewSystemTimes New RomanVerdanaWingdingsDimensioni1234567 [input] Visualizza H
(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/parea.gif");backgroundColorButton.Instantiate();var alignLeftButton = new Button(editorIDGenerator,"Allinea a sinistra","EditorOnAli
ipertestuale","EditorOnCreateHyperlink(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/wlink.gif");createHyperlinkButton.Instantiate();var insertSmileyButton = new Button(editorIDG
["http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/1.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/2.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/3.gif","http://
(0);editorImageChooser0.Instantiate();
--------------------------------Corri in negozio! Ti aspetta il CD originale Levi's Freedom to Move.
Clicca qui per saperne di più
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Clear flash?????
Message: 1061
From: tollin jessica
Date: mar giu 11, 2002 6.41
oggi pomeriggio esercitandomi con la tabella di snellen, mi sono accorta che sbattedo e chiudendo con forza gli occhi, riuscivo a vedere MOLTO meglio e più righe rispetto il solito!
Potrebbe essere un clear flash oppure è una forzatura che non ha nulla a che vedere con un miglioramento???
Grazie
J.
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R:
Message: 1062
Outlook non mi da l'indirizzo del mittente. Quindi non so chi ha mandato
questo messaggio.
due cose:
Che cavolo è quella lunghissima coda: qualche strana istruzione in Java o
che?
I dati di cui ha bisogno Giorgio non riguardano i partecipanti a visus ma la
popolazione italiana. Insomma ha bisogno di trovare fonti statistiche. E qui
particolarmente gli optometristi, ottici e oculisti della lista possono
avere dei suggerimenti.
Ciao
From: maurizio cagnoli
Date: mar giu 11, 2002 6.53
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
>
>
>
>
Salve, vorrei rispondere al messaggio consigliando al sig. Ferrario di
mandare in lista un questionario con domande specifiche a cui potremmo
rispondere tutti ed essere utili alla sua tesi, perchè in effetti detta
cosi' la cosa, "sembra un po una forzatura" come dice anche lui. Grazie.
> maurizio cagnoli <[email protected]> ha scritto: >
>> Ciao,
>>
>> desideriamo farti sapere che, nella sezione File del gruppo
>> Visus, troverai un nuovo file appena caricato.
>>
>> File : /Programmi/FinePrint95_98_me.exe
>> Caricato da : cloudsruffler <[email protected]>
>> Descrizione : Fine print. Per stampare più pagine (anche 8) sun un solo
>> foglio a4. Shareware
>>
>> Puoi accedere al file dal seguente indirizzo:
>> http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/files/Programmi/FinePrint95_98_me.exe
>>
> Giorgio Ferrario è un amico di Buena Vista e un operatore del metodo Bates
> molto preparato.
> Vorrei chiedervi di dare una mano a lui, sapendo che questo andrà a
> vantaggio di tutti quanti lavorano per il miglioramento della vista in modo
> naturale.
>
> -> Maurizio Cagnoli
> [email protected]
> http://www.metodobates.it
>
>
> ecco il suo messaggio
>
> Ciao Maurizio, sto raccogliendo alcuni dati che mi serviranno per la
> tesi e forse tu, per la tua formazione anche scolastica, puoi darmi
> qualche dritta. Mi serve sapere quante sono in Italia le persone (in
> percentuale) che soffrono di problemi visivi (nel senso di numero
> stimato di persone... visto che molti non sono a conoscenza del proprio
> problema); sapere a quale ceto sociale appartengono; come sono
> distribuiti sul territorio nazionale; il loro reddito medio (è un pò
> una forzatura...); il loro livello culturale; ecc. Non sapresti dove
> poter attingere a queste informazioni?
> Se hai qualche dato relativo, o se sai come reperirli aggiornati, ti
> ringrazio.
> A presto.Giorgio Ferrario Tel. 347-94.67.357 e-mail
> [email protected]
>
> var idGenerator = new IDGenerator(0); var editor = new
> Editor(idGenerator); editor.Instantiate();CarattereArialArial BlackArial
> NarrowComic Sans MSCourier NewSystemTimes New
> RomanVerdanaWingdingsDimensioni1234567 [input] Visualizza HTMLvar cutButton
> = new
>
Button(editorIDGenerator,"Taglia","EditorOnCut(0)","http://us.i1.yimg.com/us
.yimg.com
> /i/mail/dedit/cut.gif");cutButton.Instantiate();var copyButton = new
>
Button(editorIDGenerator,"Copia","EditorOnCopy(0)","http://us.i1.yimg.com/us
.yimg.com
> /i/mail/dedit/copy.gif");copyButton.Instantiate();var pasteButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Incolla
>
","EditorOnPaste(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/paste.g
if");past
> eButton.Instantiate();var boldButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Grassetto
>
","EditorOnBold(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/it/bold.
gif");bol
> dButton.Instantiate();var italicButton = new
>
Button(editorIDGenerator,"Corsivo","EditorOnItalic(0)","http://us.i1.yimg.co
m/us.yimg
> .com/i/mail/dedit/it/italic.gif");italicButton.Instantiate();var
> underlineButton = new
>
Button(editorIDGenerator,"Sottolineato","EditorOnUnderline(0)","http://us.i1
.yimg.com
> /us.yimg.com/i/mail/dedit/it/uline.gif");underlineButton.Instantiate();var
> foregroundColorButton = new Button(editorIDGenerator,"Colore in primo
>
piano","EditorOnForegroundColor(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mai
l/dedit/t
> paint.gif");foregroundColorButton.Instantiate();var backgroundColorButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Colore
>
carattere","EditorOnBackgroundColor(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i
/mail/ded
> it/parea.gif");backgroundColorButton.Instantiate();var alignLeftButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Allinea a
>
sinistra","EditorOnAlignLeft(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/d
edit/alef
> t.gif");alignLeftButton.Instantiate();var centerButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Centrato
>
","EditorOnCenter(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/center
.gif");ce
> nterButton.Instantiate();var alignRightButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Allinea a
>
destra","EditorOnAlignRight(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/de
dit/arigh
> t.gif");alignRightButton.Instantiate();var numberedListButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Elenco
>
numerato","EditorOnNumberedList(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mai
l/dedit/n
> list.gif");numberedListButton.Instantiate();var bullettedListButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Elenco
>
puntato","EditorOnBullettedList(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mai
l/dedit/b
> list.gif");bullettedListButton.Instantiate();var decreaseIndentButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Riduci
>
rientro","EditorOnDecreaseIndent(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/ma
il/dedit/
> ileft.gif");decreaseIndentButton.Instantiate();var increaseIndentButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Aumenta
>
rientro","EditorOnIncreaseIndent(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/ma
il/dedit/
> iright.gif");increaseIndentButton.Instantiate();var createHyperlinkButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Inserisci collegamento
>
ipertestuale","EditorOnCreateHyperlink(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.co
m/i/mail/
> dedit/wlink.gif");createHyperlinkButton.Instantiate();var
> insertSmileyButton = new Button(editorIDGenerator,"Inserisci
>
faccina","EditorOnStartInsertSmiley(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i
/mail/ded
> it/smiley.gif");insertSmileyButton.Instantiate();var editorImageChooser0 =
> new ImageChooser(editorIDGenerator,5,
>
5,["http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/1.gif","http://us.i1.y
img.com/u
>
s.yimg.com/i/mesg/tsmileys/2.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/
tsmileys/
>
3.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/4.gif","http://us.
i1.yimg.c
>
om/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/5.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/m
esg/tsmil
>
eys/6.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/7.gif","http:/
/us.i1.yi
>
mg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/8.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com
/i/mesg/t
>
smileys/9.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/a.gif","ht
tp://us.i
>
1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/b.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg
.com/i/me
>
sg/tsmileys/c.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/d.gif"
,"http://
>
us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/e.gif","http://us.i1.yimg.com/us.
yimg.com/
>
i/mesg/tsmileys/f.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/g.
gif","htt
>
p://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/h.gif","http://us.i1.yimg.com
/us.yimg.
>
com/i/mesg/tsmileys/i.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmiley
s/j.gif",
>
"http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/k.gif","http://us.i1.yimg
.com/us.y
>
img.com/i/mesg/tsmileys/l.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsm
ileys/m.g
>
if","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/n.gif","http://us.i1.
yimg.com/
>
us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/o.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg
/tsmileys
>
/y.gif"],EditorOnEndInsertSmiley);editorImageChooser0.SetUserData(0);editorI
mageChoos
> er0.Instantiate();CarattereArialArial BlackArial NarrowComic Sans MSCourier
> NewSystemTimes New RomanVerdanaWingdingsDimensioni1234567 [input]
> Visualizza HTMLvar cutButton = new
>
Button(editorIDGenerator,"Taglia","EditorOnCut(0)","http://us.i1.yimg.com/us
.yimg.com
> /i/mail/dedit/cut.gif");cutButton.Instantiate();var copyButton = new
>
Button(editorIDGenerator,"Copia","EditorOnCopy(0)","http://us.i1.yimg.com/us
.yimg.com
> /i/mail/dedit/copy.gif");copyButton.Instantiate();var pasteButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Incolla
>
","EditorOnPaste(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/paste.g
if");past
> eButton.Instantiate();var boldButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Grassetto
>
","EditorOnBold(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/it/bold.
gif");bol
> dButton.Instantiate();var italicButton = new
>
Button(editorIDGenerator,"Corsivo","EditorOnItalic(0)","http://us.i1.yimg.co
m/us.yimg
> .com/i/mail/dedit/it/italic.gif");italicButton.Instantiate();var
> underlineButton = new
>
Button(editorIDGenerator,"Sottolineato","EditorOnUnderline(0)","http://us.i1
.yimg.com
> /us.yimg.com/i/mail/dedit/it/uline.gif");underlineButton.Instantiate();var
> foregroundColorButton = new Button(editorIDGenerator,"Colore in primo
>
piano","EditorOnForegroundColor(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mai
l/dedit/t
> paint.gif");foregroundColorButton.Instantiate();var backgroundColorButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Colore
>
carattere","EditorOnBackgroundColor(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i
/mail/ded
> it/parea.gif");backgroundColorButton.Instantiate();var alignLeftButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Allinea a
>
sinistra","EditorOnAlignLeft(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/d
edit/alef
> t.gif");alignLeftButton.Instantiate();var centerButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Centrato
>
","EditorOnCenter(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/dedit/center
.gif");ce
> nterButton.Instantiate();var alignRightButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Allinea a
>
destra","EditorOnAlignRight(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mail/de
dit/arigh
> t.gif");alignRightButton.Instantiate();var numberedListButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Elenco
>
numerato","EditorOnNumberedList(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mai
l/dedit/n
> list.gif");numberedListButton.Instantiate();var bullettedListButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Elenco
>
puntato","EditorOnBullettedList(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mai
l/dedit/b
> list.gif");bullettedListButton.Instantiate();var decreaseIndentButton = new
> Button(editorIDGenerator,"Riduci
>
rientro","EditorOnDecreaseIndent(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/ma
il/dedit/
> ileft.gif");decreaseIndentButton.Instantiate();var increaseIndentButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Aumenta
>
rientro","EditorOnIncreaseIndent(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/ma
il/dedit/
> iright.gif");increaseIndentButton.Instantiate();var createHyperlinkButton =
> new Button(editorIDGenerator,"Inserisci collegamento
>
ipertestuale","EditorOnCreateHyperlink(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.co
m/i/mail/
> dedit/wlink.gif");createHyperlinkButton.Instantiate();var
> insertSmileyButton = new Button(editorIDGenerator,"Inserisci
>
faccina","EditorOnStartInsertSmiley(0)","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i
/mail/ded
> it/smiley.gif");insertSmileyButton.Instantiate();var editorImageChooser0 =
> new ImageChooser(editorIDGenerator,5,
>
5,["http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/1.gif","http://us.i1.y
img.com/u
>
s.yimg.com/i/mesg/tsmileys/2.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/
tsmileys/
>
3.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/4.gif","http://us.
i1.yimg.c
>
om/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/5.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/m
esg/tsmil
>
eys/6.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/7.gif","http:/
/us.i1.yi
>
mg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/8.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com
/i/mesg/t
>
smileys/9.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/a.gif","ht
tp://us.i
>
1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/b.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg
.com/i/me
>
sg/tsmileys/c.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/d.gif"
,"http://
>
us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/e.gif","http://us.i1.yimg.com/us.
yimg.com/
>
i/mesg/tsmileys/f.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/g.
gif","htt
>
p://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/h.gif","http://us.i1.yimg.com
/us.yimg.
>
com/i/mesg/tsmileys/i.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmiley
s/j.gif",
>
"http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/k.gif","http://us.i1.yimg
.com/us.y
>
img.com/i/mesg/tsmileys/l.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsm
ileys/m.g
>
if","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/n.gif","http://us.i1.
yimg.com/
>
us.yimg.com/i/mesg/tsmileys/o.gif","http://us.i1.yimg.com/us.yimg.com/i/mesg
/tsmileys
>
/y.gif"],EditorOnEndInsertSmiley);editorImageChooser0.SetUserData(0);editorI
mageChoos
> er0.Instantiate();
>
>
> --------------------------------> Corri in negozio! Ti aspetta il CD originale Levi's Freedom to Move.
> Clicca qui per saperne di più
>
> [Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
>
>
Group: Visus
Subject: Microcaratteri
Message: 1063
From: Guido
Date: mar giu 11, 2002 5.34
Con i micro caratteri è impossibile vedere senza centralizzare...
Non credo che questo sia corretto... dipende dalla distanza a cui tengo il foglio... se mi metto vicino posso leggere tutta la parola insieme! Quindi: qual è la distanza corretta da
adottare? La massima possibile?
Devo distanziare le lettere fra di loro?
Gratis per le risposte
Guido
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1064
Subject: R: Commento sulla relazione di Skyrunner: sei un "big"!
>-----Messaggio originale---->Da: Guido [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 6 giugno 2002 17.04
>A: Visus
>Oggetto: [Visus] Commento sulla relazione di Skyrunner: sei un "big"!
Ciao Guido e grazie della pronta risposta!
>Mi piace perchè è fatto con la mentalità dell'esploratore che si
>avventura nella giungla dell'NVI per riportare alla luce l'antico
>segreto....
Non ci sei mica andato tanto lontano! Infatti lo scopo l'obbiettivo
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
principale di questo lavoro, è stato quello di enfatizzare quelli che sono
i concetti che costituiscono il nucleo del metodo. Ed è proprio quello che
succede in fondo alle antiche costruzioni ormai sepolte dalla giungla.
Nascoste e quasi dimenticate.
Si sente spesso dire che il metodo Bates si è evoluto, che alcuni lo hanno
ampliato e corretto, o addirittura che è superato.
La verità è che il metodo Bates deve essere ancora scoperto!
Io ne sento spesso parlare a sproposito, anche in altre mail list estere.
Non dico leggere tutto quello che ha scritto (anche se, assurdo, troppo
spesso chi ne parla NON HA LETTO MAI NIENTE di W.H.Bates), ma almeno non
travisare, persino, i concetti più elementari di quello che ha scritto!
Poi guarda caso, vengono presentate come rivoluzionarie "scoperte" di cose
che Bates aveva già intuito ed utilizzato 80 anni fa. E la cosa che deve
essere ancora ben chiarita è il concetto di mente. Senza considerare il
concetto di mente applicato al sistema visivo.
>Prima richiesta: puoi mettere in lista, il contenuto dello scritto
>che hai scannerizzato, ma che si legge poco bene della figura 4?
>Mi sembra un pelo tagliata sulla destra e le ultime due frasi non
>si leggono... Mi pare comunque molto bella... Se vuoi, puoi! :-)
Lo trovi nell'area file, da oggi. E' "Natural Vision is mine for life"
E' un cartoncino che mi hanno dato quando ho fatto il corso di Janet
Goodrich in Australia. Faceva parte degli ausilii didattici del corso.
Serviva per una sorta di "auto assesment", per stabilire il proprio livello
di partenza e per i controlli intermedi.
Utile sia da vicino che da lontano.
>Seconda richiesta: ora che mi hai messo la pulce nell'orecchio:
>Che cos aintendeva in realtà William per memoria e mente?
Questo è un discorso mooOOOoolto lungo. Inoltre è un campo spinoso dove si
sente di tutto, di più e anche l'esatto contrario.
Sintetizzo in breve quello di cui sono convinto io:
Il processo accomodativo dell'occhio è comandato dalla mente. Le immagini
mentali costituiscono il termine di paragone attraverso il quale stabilire i
fattori di correzione al feedback.
Immagine reale < = > immagine mentale
Dice qualcosa il termine "miopia da spazio vuoto"?
Ne sanno qualcosa Piloti ed Astronauti. Quelli bravi, che studiano.
Mancando uno dei due termini di confronto il processo diviene difettoso.
Strain?
Però su questo mi piacerebbe sentire anche altre opinioni. Sono qui per uno
scambio, mica per un comizio!
Altrimenti non scrivo più.
Ecco!
Come firma...
...Scegliete voi quella che vi piace di più!
- "Se io do una cosa a te e tu dai una cosa a me
tutti e due abbiamo una sola cosa.
Se io do un'idea a te e tu dai un'idea a me
tutti e due abbiamo due ide".
- "Nessuno è così stupido da non poter dare nulla,
così come nessuno è così colto e sapiente da
non aver bisogno degli altri".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 1065
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
>-----Messaggio originale---->Da: maurizio cagnoli [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 6 giugno 2002 6.40
>A: [email protected]
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
>Oggetto: R: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
>19/05/2002.
>
>
>> Ho reso disponibile, per tutti, la relazione da me presentata al
>convegno di
>> Firenze del 19/05/2002.
>
>Per prima cosa pubblicherò il tuo messaggio nella pagina delle
>relazioni del
>http://www.metodobates.it/relazioni.htm
Visto!
>Poi, se sarò ancora vivo e pieno di interesse e motivazione, finalmente me
>la leggerò. AHHHHH.
Tu eri li, ma lo scritto è un'altra cosa... Ci sono anche le figure!!! E poi
mi farebbe piacere anche un tuo parere, oltre quello che mi hai dato già al
convegno.
Normalmente si fa prima lo scritto e poi l'orale, ma a ma piace cambiare...
>Poi, su un numero non precisato di Donna moderna ci sarà (o c'è stato) un
>articolo con tre interviste: una a me, una a Cristina Zandonella (occhi e
>emozioni) e una a Luciana Magnaguagno (occhi e Qigong).
Tutto tace... Spero di sapere qualcosa da chi legge donna moderna (ehm... io
no, ad essere sincero, però quel numero lo compro!)
Ciao!
MAuro.
Group: Visus
Subject: R: Metodo Bates: il core concept
Message: 1066
>-----Messaggio originale---->Da: Salvatore Silvio Caggia [mailto:[email protected]]
>Inviato: lunedì 10 giugno 2002 12.17
>A: VISUS
>Oggetto: [Visus] Metodo Bates: il core concept
Eilà, Silvio.
>dono. Anche in conferenza ti avevo già fatto i complimenti per
>essere riuscito a spiegare in mezz'ora tutto questo. La cosa buffa
Si, mi ha fatto davvero molto piacere, quando ti sei girato per dirmelo,
anche se non ho avuto modo di dirtelo lì.
>è rendersi conto che prese ad una ad una sono cose che si sanno
>già, ma messe di fila ordinata assumono un significato diverso,
>maggiore della somma delle parti.
>Io ancora mi stupisco e mi chiedo perché dopo aver a suo tempo
>letto tutto il libro di Bates ne ho inconsciamente ed
>incoscientemente rimosso una buona parte delle tecniche suggerite.
>Perché ho dovuto aspettare mesi per accettare di applicare la
>lettura dei caratteri piccolissimi? E poi ancora mesi per
>accettare di fare un po' di swing? E chissà quando sarò pronto ad
>eseguirne appieno le tecniche?
Ti capisco benissimo, è la stessa cosa che è successa a me.
E che continua a succedere alla quasi totalità delle persone che iniziano il
metodo Bates.
Dipende dalla nostra natura.
Quello che capiamo ha un senso e siamo portati a considerarlo.
Quello che non capiamo assume connotati di "non significatività" e viene
scartato.
E' per questo che torno spesso su certi punti. E' curioso, e a volte
divertente vedere come alcuni concetti "rimbalzino" sulle teste delle
persone, scivolino via come gocce d'acqua sul parabrezza di un' auto in
velocità...
E allora io insisto...
insisto...
insisto...
Eheheh! E mi diverto pure!
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Il mio vecchio consiglio di rileggere il libro di Bates molte volte è sempre
valido.
Anche per me stesso.
>Skyrunner, grazie di esistere!
>Prima o poi lo zio Skyrunner si renderà conto di essere la
>reincarnazione di Bates e cambierà mestiere... :-)
Grazie!
E grazie anche a te per l'impegno che metti nel condividere le tue
esperienze con gli altri. Ho molto apprezzato Visus Booster. NE riparleremo
con calma più avanti, magari.
>Non mi è chiara solo una cosa quando descrivi la posizione di
>Bates sulle emozioni e lo loro influenza sulla vista che sembri
>con quella frase negare, puoi essere più chiaro?
mm.. Non ho in mente la frase che dici. LA potresti citare, che mi
interessa?
Il concetto è:
Strain o tensione da sforzo NON significano "tensione emotiva, paura,
disagio, emozione negativa, trauma psichico, etc"
Questo è uno degli errori più grandi che ha portato molti fuori strada.
Ma non ho mai detto che le emozioni non abbino un ruolo.
Chi prova le "tensioni emotive" di cui sopra è indubbiamente più esposto.
Perchè legge di più e soprattutto divora libri e fumetti , ed il modo
migliore per "volare" sulle pagine è diffondere.
Perchè le emozioni negative hanno anche altri ruoli. Anche la noia, per
esempio, ha un ruolo importantissimo. Ne parla molto Huxley ne "L'arte della
Vista". Ed Huxley ebbe uno stretto contatto con W.H. Bates.
E le molte altre, sicuramente influenzano, probabilmente in modi anche molto
diversi.
Ma diciamo pane al pane e vino al vino. Prima di tutto.
Ciao!
"Che Dio ti conceda la serenità delle cose che non puoi cambiare, il
coraggio di cambiare quelle che puoi cambiare, la saggezza di poter
distinguere le une dalle altre."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 1067
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
>-----Messaggio originale---->Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
>Inviato: venerdì 7 giugno 2002 15.07
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
>19/05/2002.
Ciao, Bruno.
>Fico, lo ho convertito anche in html, se vuoi ti posso mandare il file.
E mandalo!?!
>Per darti un commento attendo di riuscire a stamparlo; la stampante
>dell'ufficio mi da un errore postscript, più tardi proverò anche a casa.
>Comunque visto che a Firenze c'ero posso dire che hai fatto un ottimo
>lavoro che a me è piaciuto molto.
Stampato? Forse dipende dal file .pdf?
Grazie!
>La mia opinione è che su questo punto mi sembri un po' troppo pignolo
>perché se qualcuno anziché eseguire rigorosamente il metodo Bates esegue
>un metodo che pur con le sue differenze si ispira al metodo Bates e
>comunque funziona lo stesso o addirittura meglio, secondo me la cosa è
>tuttaltro che da condannare.
Come dire...
“…Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi.
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati
dalla natura.”
Bates stesso utilizzava le sue tecniche adattandole. Ognuno di noi ha il suo
percorso ottimale in ceret cose. La bravura di un 'istruttore (e Bates penso
fosse bravo...) è sopratutto in questo.
Ma travisare e distorcere, no, quella è un'altra cosa.
I metodi che funzionano sono, esclusivamente, quelli che rispettano la
fisiologia unama.
Se poi qualcuno elabora un metodo per far vedere gli umani allo stesso modo
con il quale vedono le mosche... Beh... che dire... ne possiamo sempre
parlare. Ma i nostri occhi sono un po' diversi...
E comunque in tutte le pratiche di medicina naturale, alla base, c'è il
rimuovere la causa e non il sintomo.
Se c'è qualcuno che pretende che rimuovendo solo il sintomo (PER ESEMPIO LA
TENSIONE) si rimuova anche la causa... Quella non è NVI ma qualcosa d'altro.
E non credo funzioni BENE, nè, tantomeno, definitivamente.
>> - I concetti espressi sono chiari e comprensibili.
>> - Se ha chiarito, almeno un po di più, cosa c'è alla base del metodo
>Bates.
>> - Se in seguito a quanto letto si modificherà, anche solo
>marginalmente, la
>> propria esecuzione delle tecniche.
>
>Dopo averti ascoltato a Firenze ho deciso di reinserire il dondolio
>dell'elefante tra le tecniche che eseguo ogni giorno, ma per dirla
>tutta continuo anche a fare le oscillazioni ampie che hai voluto far
>notare che non fanno parte del metodo Bates.
Mai detto che le oscillazioni ampie non fanno parte del metodo Bates!
Avrò detto che spesso dsi fanno nella maniera sbagliata!
Anzi ricordo di aver fatto vedere tutte e due le oscillazioni nella
esecuzione corretta.
mmm... mumble... mi hai contraddetto, Bruno... mmm
Avevo preparato un foglio diviso in due, "Buoni" e "Cattivi".
Ma per te ho deciso di aggiungere la colonna "Birbantelli". Che ne pensi?
:)
Ciao!
Mauro.
Group: Visus
Message: 1068
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
>-----Messaggio originale---->Da: BRANCALEONE FABRIZIO [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 11 giugno 2002 21.02
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
>19/05/2002.
>Grazie Mauro per averci donato gratuitamente una relazione così ben
>fatta dove ancora una volta hai voluto sottolineare l'importanza dei
>caratteri piccolissimi per raggiungere la fissazione centrale.
Ciao Fabrizio, grazie anche a te per la risposta.
In effetti quella dei caratteri piccolissimi è una cosa sulla quale io tendo
a tornare spesso.
Perchè nessuno la fa!
>Ecco perché l'ho letta nel formato mini ritagliando le pagine e facendo
>un libretto tascabile.
MI hai letto nel pensiere. L'idea era quella.
>Penso anch'io che quando ti manca poco, questo esercizio sia
>eccezionale, ma forse se uno inizia con 7, 8 diottrie di miopia è meglio
>fare tanto esercizio con la tabella di snellen, vita all'aria aperta
>ping-pong delineare ecc.
>Quando poi arrivi a bassi livelli allora ok.
Nella mia esperienza, le persone con miopie medio alte ed alte, sono quelle
che adorano i caratteri piccolissimi.
All'inizio non ne vgliono sentir parlare. Poi li vedi con sottobraccio risme
di fogli stampate a caretteri piccolissimi, fotocopie ridottissime, etc.
LA misura dei caratteri della relazione comunque è già abbastanza grande...
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
>Una cosa invece che secondo me è importante è applicare la logica dei
>caratteri piccolissimi progressivamente ossia facendo esercizi di
>lettura con caratteri via via più piccoli.
>Ad esempio io prima mi stampavo le mail di visus, 2see ecc a carattere
>courier new 12, poi ho deciso di passare a 7 e tra un po' a 5.
>Facendolo gradualmente il cervello si abitua a leggere caratteri più
>piccoli e con sempre minore fatica e in tal modo raggiungo l'obiettivo
>insito nei caratteri piccolissimi.
Prova subito con corpo 2,5 oppure 2 o 1,5 . Anche 1 se ce la fai.
All'inizio è un po dura, ma ci si abitua presto.
Al di sotto di 3 sono caratteri piccolissimi o "diamond print".
Vedrai che con la pratica probabilmente riuscirai a "leggere" anche i corpo
1 !!!
E la copsa che voglio sottolineare è come sia percettibile il ritornare
della centralizzazione, sopratutto durante i clear flash.
Anzi qui vorrei sentire esperienze dirette...
Ci si accorcge che si sta "fissando" (non è il termine milgiore per dirlo"
solo un piccolo particolare di quello che si sta guardando. L'occhio è più
preciso di un laser in quei momenti, Lo sguardo è accuminato come uno
spillo, è questa la sensazione.
Ed è la *stessa sensazione* che si prova quando si leggono i caratteri
piccolissimi!!!
Chi dice la sua???
>Lo stesso vale per lo zoom nei programmi word ed excel. Ogni settimana
>un punto in meno ed ora il cervello che prima soffriva a vedere una
>pag. con zoom 75% ora soffre quando ne vede una a 125%.
Anche questa è un'idea. Sopratutto se non si sta attaccati allo schermo.
E , consiglio, meglio settare la risoluzione del monitor molto alta (es.
1024 x 768 su un 15').
Sono i caratteri piccoli quelli che NON affaticano la vista. NON quelli
grandi, che invece, incoraggiano abitudini scorrette.
>Volevo farti una domanda: che differenzi ci sono tra il tuo "core
>concepì" e quanto afferma Robin Parsone su altre list di NVI visto che
>lui punta l'attenzione su fissazione centrale e movimenti rapidi?
Altra firma...
"Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada."
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Robin Parsons ha delle idee interessanti. Ma gli manca la capacità di
renderle fruibili (la sintesi per dirla con Silvio).
Conseguenze della perdita di fissazione centrale è la perdita degli
spostamenti rapidi. Insieme ad altri danni, questa è solo una conseguenza.
Ho avuto uno "scambio di email" abbastanza "nutrito" con lui. Poi mi sono
stancato.
Non è possibilie ristabilire il "rapid shifting" volontariamente. Così come
non è possibile guarire dalla miopia volontariamente.
Leggi di nuovo la mia firma sopra. La dice lunga no?
Se ricominciamo a centralizzare, l'occhio ricomincerà spontaneamente a
manifestare la motilità fisiologicamente presente nell'occhio emmetrope ,
cioè "sano". Lo deve fare, perchè "la mente" lo comanda (è la sola che può
farlo) in tale modo per poter ricostruire l'immagine osservata (scansioni
successive, integrazione operata attraverso la memoria)
Perchè perdere mezzo secolo (tanto dice di averci messo Robin) a cercare di
far diventare volontario qualcosa che non lo è???
Ciao Fabrizio!
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 1069
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
Subject: R: Clear flash?????
>-----Messaggio originale---->Da: tollin jessica [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 11 giugno 2002 18.41
>A: Visus
>Oggetto: [Visus] Clear flash?????
>
>
>oggi pomeriggio esercitandomi con la tabella di snellen, mi sono
>accorta che sbattedo e chiudendo con forza gli occhi, riuscivo a
>vedere MOLTO meglio e più righe rispetto il solito!
>Potrebbe essere un clear flash oppure è una forzatura che non ha
>nulla a che vedere con un miglioramento???
>Grazie
In effetti è una forzatura. Però , secondo me, all'inizio aiuta molto, ed è
abbastanza comune. Certo, gli altri penseranno che hai un tic!
Io non penso che sia controproducente all'inizio, anzi! Ma è un parere
personale.
Cerca di non abusarne.
Il segreto è "lasciar andare gli occhi".
"Se stringi il pugno la tua mano è vuota. Solo con la mano aperta potrai
possedere tutto".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: Microcaratteri
Message: 1070
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.42
From: skyrunner
Date: mer giu 12, 2002 11.49
>-----Messaggio originale---->Da: Guido [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 11 giugno 2002 17.34
>A: Visus
>Oggetto: [Visus] Microcaratteri
>
>
>Con i micro caratteri è impossibile vedere senza centralizzare...
>Non credo che questo sia corretto... dipende dalla distanza a cui
>tengo il foglio... se mi metto vicino posso leggere tutta la
>parola insieme! Quindi: qual è la distanza corretta da adottare?
>La massima possibile?
Bates a volte faceva attaccare il foglio ad un'occhio. E alla fine si
vedevano i caratteri! Non chiedermi come , non lo ho mai provato.
Che misura usi per i caratteri?
Prova 1,5 od 1 (se ce la fai, sia tu che la stampante e la carta) e poi
dimmi...
Io ho messo un' esempio di stampa a lettere distanziate, nell'area files. Ma
non è necessario.
La distanza va bene quella normale per la lettura.
Il problema non è la lettura da vicino, ma la perdita di centralizzazione.
Logico però, che più allontani e più i caratteri diventano piccoli e più
devi centralizzare.
Ciao!
"Non conta il colore del gatto, conta che acchiappi il topo"(Confucio)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Ancora sul convegno di Firenze
Message: 1071
Volevo chiudere dicendo a chi era presente a Firenze, che mi sarebbe
piaciuto parlare di più con tutti, ma che volevo parlare con più gente
possibile. Quindi che dire... E' stato breve ma intenso!
Mi ha fatto molto piacere riuscire a dare un volto ad alcune delle persone
che offrono parte del loro tempo , e della loro esperienza, agli altri qui,
in lista.
Spero ci saranno altre occasioni di incontri e di chiacchierate.
E' stata una belissima giornata!
Grazie!!!
- "Se io do una cosa a te e tu dai una cosa a me
tutti e due abbiamo una sola cosa.
Se io do un'idea a te e tu dai un'idea a me
tutti e due abbiamo due ide".
Mauro Teodori
[email protected]..
[email protected]
Group: Visus
Subject: Re: Clear flash e fumetti
Message: 1072
From: Guido
Date: mer giu 12, 2002 8.41
Ciao Jessica,
quella che hai fatto è un'applicazione del metodo di rilassamento Jacobson, che consiste nel tendere il muscolo per poi rilasciarlo immediatamente. In questo modo il muscolo si
lascia andare e si rilassa. Si fa generalmente con tutti i muscoli del corpo.
Una volta lo facevo anch'io con gli occhi (facevo una serie di 10 "chiusure" consecutive)... ma ora, secondo me, è meglio usare dolcezza e flessibilità fin dall'inizio ed evitare lo
sforzo volontario ed involontario.
Spesso inoltre può essere che si veda meglio perchè si stende sull'occhio un leggero film lacrimale che cambia il potere rifrattivo (non vorrei aver detto una stupidata! :-))
Ciao, Guido
PS: partendo da una delle ultime mail dello Zio Sky, sono convinto che i fumetti siano una grande fonte di "decentralizzazione". Tempo fa, qando ho provato a trovare le cause
della mia miopia, mi sono accorto che i periodi di "crollo" corrispondevano a periodi di grandi letture di fumetti... in cui leggevo lo scritto e contemporaneamente cercavo di
guardare le immagini... A questo si potevano aggiungere mal posizionamenti e quindi riduzione della respirazione e tensione nei muscoli di collo e spalle....
Ri-ciao
>oggi pomeriggio esercitandomi con la tabella di snellen, mi sono
>accorta che sbattedo e chiudendo con forza gli occhi, riuscivo a
>vedere MOLTO meglio e più righe rispetto il solito!
>Potrebbe essere un clear flash oppure è una forzatura che non ha
>nulla a che vedere con un miglioramento???
>Grazie
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1073
Subject: Re: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
>
>
> >-----Messaggio originale----> >Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
> >Inviato: venerdì 7 giugno 2002 15.07
> >A: [email protected]
> >Oggetto: Re: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
> >19/05/2002.
>
> Ciao, Bruno.
>
> >Fico, lo ho convertito anche in html, se vuoi ti posso mandare il
file.
>
> E mandalo!?!
>
Fatto.
> >Per darti un commento attendo di riuscire a stamparlo; la stampante
> >dell'ufficio mi da un errore postscript, più tardi proverò anche a
casa.
> >Comunque visto che a Firenze c'ero posso dire che hai fatto un ottimo
> >lavoro che a me è piaciuto molto.
>
> Stampato? Forse dipende dal file .pdf?
> Grazie!
Adesso che lo ho anche letto posso confermare che è un ottimo lavoro, la
stesura è chiara e scorrevole e leggendolo ho avuto anche diversi clear
From: [email protected]
Date: mer giu 12, 2002 2.53
flash.
> >La mia opinione è che su questo punto mi sembri un po' troppo pignolo
> >perché se qualcuno anziché eseguire rigorosamente il metodo Bates
esegue
> >un metodo che pur con le sue differenze si ispira al metodo Bates e
> >comunque funziona lo stesso o addirittura meglio, secondo me la cosa
è
> >tuttaltro che da condannare.
>
> Come dire...
> ??Inoltre, i principi della visione identificati dal Dr Bates sono
> assolutamente corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di
essi.
> Tali principi non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati
creati
> dalla natura.?
> Bates stesso utilizzava le sue tecniche adattandole. Ognuno di noi ha
il suo
> percorso ottimale in ceret cose. La bravura di un 'istruttore (e Bates
penso
> fosse bravo...) è sopratutto in questo.
> Ma travisare e distorcere, no, quella è un'altra cosa.
> I metodi che funzionano sono, esclusivamente, quelli che rispettano la
> fisiologia unama.
> Se poi qualcuno elabora un metodo per far vedere gli umani allo stesso
modo
> con il quale vedono le mosche... Beh... che dire... ne possiamo sempre
> parlare. Ma i nostri occhi sono un po' diversi...
>
> E comunque in tutte le pratiche di medicina naturale, alla base, c'è
il
> rimuovere la causa e non il sintomo.
> Se c'è qualcuno che pretende che rimuovendo solo il sintomo (PER
ESEMPIO LA
> TENSIONE) si rimuova anche la causa... Quella non è NVI ma qualcosa
d'altro.
> E non credo funzioni BENE, nè, tantomeno, definitivamente.
>
> >> - I concetti espressi sono chiari e comprensibili.
> >> - Se ha chiarito, almeno un po di più, cosa c'è alla base del
metodo
> >Bates.
> >> - Se in seguito a quanto letto si modificherà, anche solo
> >marginalmente, la
> >> propria esecuzione delle tecniche.
>>
Sono daccordo con te su tutto, l'unica cosa che non capisco è a quali
travisamenti o distorsioni ti riferisci, perché secondo me dando per
fermi i principi base, delle variazioni tecniche che tengano come
riferimento gli stessi principi possono anche funzionare.
Per farti un esempio -seguire l'infinito tracciato con il ditoNon so chi abbia inventato questa tecnica (non mi risulta che sia stato
Bates) ma secondo me si integra benissimo all'interno del metodo.
>
>
>
>
>
>
>
>Dopo averti ascoltato a Firenze ho deciso di reinserire il dondolio
>dell'elefante tra le tecniche che eseguo ogni giorno, ma per dirla
>tutta continuo anche a fare le oscillazioni ampie che hai voluto far
>notare che non fanno parte del metodo Bates.
Mai detto che le oscillazioni ampie non fanno parte del metodo Bates!
Avrò detto che spesso dsi fanno nella maniera sbagliata!
Forse ho frainteso.
> Anzi ricordo di aver fatto vedere tutte e due le oscillazioni nella
> esecuzione corretta.
>
> mmm... mumble... mi hai contraddetto, Bruno... mmm
> Avevo preparato un foglio diviso in due, "Buoni" e "Cattivi".
> Ma per te ho deciso di aggiungere la colonna "Birbantelli". Che ne
pensi?
>:)
:-))) Questa cosa mi ricorda un po' i tempi di scuola, anche se studiavo
come un secchione alla fine ero sempre polemico con i professori.
> Ciao!
>
> Mauro.
>
Ciao,
Bruno
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: cause "emozionali"
Message: 1074
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio giu 13, 2002 2.26
Zio Sky,
mi riferivo alla pagina 23 del "Core concept".
Cito: "La tensione secondo Bates, origina dal modo errato con il quale si impiega il sistema visivo, e non da cause "emozionali".
E' questa la frase che vorrei approfondire con te e quanti altri volessero.
Per mettere qualcosa sull'altro piatto della bilancia farei riferimento ad uno degli altri atti scritti della conferenza che sono riuscito a leggere, in inglese con traduzione in italiano,
che illustra delle correlazioni tra difetto refrattivo e personalità, credo di Anna Bambridge (non ho qui i documenti, scusate se mi sbaglio!). L'hai letto? Che ne pensi? Che ne
direbbe Bates?
Grazie
Ciao
---------------------------------------Salvatore Silvio Caggia
Direttore Tecnico di sede - Confor Informatica S.p.A.
Via Bossolasco, 11 - 10141 Torino
Tel.: 011 3820023 - Fax: 011 3820578 - Cell.: 335 5792887
e-mail: [email protected]
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Fumetti
Message: 1075
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: gio giu 13, 2002 2.40
Guido ha scritto:
PS: partendo da una delle ultime mail dello Zio Sky, sono convinto che i
fumetti siano una grande fonte di "decentralizzazione". Tempo fa, qando ho
provato a trovare le cause della mia miopia, mi sono accorto che i periodi di
"crollo" corrispondevano a periodi di grandi letture di fumetti... in cui
leggevo lo scritto e contemporaneamente cercavo di guardare le immagini... A
questo si potevano aggiungere mal posizionamenti e quindi riduzione della
respirazione e tensione nei muscoli di collo e spalle....
Anch'io ne "La mia storia" avevo scritto:
"All'età di 6 anni cominciai a leggere assiduamente "Topolino", ogni settimana appena usciva correvo a comprarlo, poi mi mettevo rannicchiato nella mia poltrona preferita e lo
leggevo tutto di un fiato. Cominciai a scambiare i giornalini con il vicino di casa che aveva una collezione "storica" ereditata dai fratelli, certi giorni ne "divoravo" una pila. "
Probabilmente per voler leggere in fretta la storia con un occhio al disegno ed un occhio alla nuvoletta non ci siamo fatti un gran bene...
Vogliamo fare causa alla Disney e chiedere che aggiunga una scritta come quella sui pacchetti delle sigarette? :-)
A parte gli scherzi, che fare quando mio figlio comincerà a leggere i fumetti? (Per fortuna ho ancora un po' di tempo...)
grazie
Ciao
---------------------------------------Salvatore Silvio Caggia
Direttore Tecnico di sede - Confor Informatica S.p.A.
Via Bossolasco, 11 - 10141 Torino
Tel.: 011 3820023 - Fax: 011 3820578 - Cell.: 335 5792887
e-mail: [email protected]
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Programma Fine Print
Message: 1076
From: Guido
Date: gio giu 13, 2002 8.26
Ciao amici!!
Mi sono scaricato il programma Fine Print... era da un po' che sapevo che era nell'area file, ma non avevo voglia di scaricarlo, mi sembrava troppo massiccio..... poi sull'ondata di
Core Concept :-)) me lo sono scaricato e ne sono veramente entusiasta:
tutto automatico! E il risparmio di carta è veramente notevole!
Bravo Zio: un altro bel regalo.... Grazie
E voi cosa state aspettando? Scaricatevelo! :-))
Ciao a tutti, Guido
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Cause emozionali??
Message: 1077
From: Guido
Date: gio giu 13, 2002 3.43
Mi intrometto per dirvi la mia...
Ho sempre creduto che le cause emozionali fossero una cosa importante nello sviluppo dei problemi visivi... ma ora la mia posizione personale sta cambiando, infatti credo che le
"emozioni ed i comportamenti (timidezza, chiusura....) non siano tanto cause, quanto CONSEGUENZE!!
Faccio il mio caso....
Estroversissimo da piccolo, un vero pagliaccio, che divertiva ed amava stare con la gente, ad un certo punto della sua storia si "vede" arrivare una bella batosta: ciecato,
quattrocchi.... Ma il bimbetto non voleva essere quattrocchi e rimase senza occhiali.... non vedente, ma senza occhiali... Qui scattano le tensioni con maestri e professori che
insistono perchè metta gli occhiali.... Ecco che il "pagliaccione" diventa la "pecora nera", il "testone", tutti si mettono a fare i cavoli del pagliaccio perchè tutti vogliono dire la loro
(parenti, conosenti, compagni....)
E il pagliaccio si isola! Il pagliaccio vede che le persone di cui si fidava, lo "tradiscono" e diventa riservato: un pagliaccio un po' triste... :-))
Ma il paglaiccio continua nella sua vita sociale.... gioca al calcio.... peccato che quando gioca di sera, non vede molto bene, il pallone, valuta male le distanze.... e il pagliaccio
diventa pure "brocco"....
Può capitare che qualcuno saluta il pagliaccio per la strada.... ma il pagliaccio non lo riconosce a distanza.... :-)) Il tipo pensa "è sempre incazzato.... ma chi si crede di essere....."
e la volta dopo non lo saluta più.... Se per caso una volta il pagliaccio lo saluta allora diventa "lunatico!" :-))
E poi continua con altri migliaia di esempi....
Chi conosce bene il pagliaccio sa che non è così strano, sa che non è lunatico, sa che ama divertirsi e fare festa..... eppure chi non lo conosce bene lo reputa strano..."perchè non
ha voluto mettersi gli occhiali? Quello lì ha sempre delle strane fisse...."
E allora ditemi voi: cause o conseguenze?
Ciao, Guido
PS: pagliaccio non è in senso dispregiativo... ma in senso divertente! :-))
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: L''arte di leggere
Message: 1078
From: Guido
Date: gio giu 13, 2002 3.52
Una domanda sull'ARTE DI LEGGERE
Ma se mentre io leggo, "devo guardare gli spazi bianchi tra le righe e non direttamente lo stampatoo.... la centralizzazione non va a farsi benedire?
Grazie per le illuminanti risposte
Guido, sulla via dell'illuminazione :-))
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1079
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
Salve a tutti sono Caterina mi sono iscritta al gruppo da poco, non c'ero al
convegno, e fino ad ora ho letto con piacere i vostri commenti, ma non sono
riuscita a stampare la relazione sulla quale si attendono commenti perchè
sono un po' negata col PC!
Vorrei dire la mia sul discorso del rimuovere la causa del difetto visivo!
Premetto che ho scoperto da poco più di un anno l'esistenza del metodo
Bates, ho letto il suo e molti altri libri sull'argomento.
Non so se avete già letto la storia di mia figlia Alice, ma sta di fatto che
lei incarna il caso limite descritto da Bates: le sono stati asportati i
cristallini, senza sostituirli con gli artificiali, (data la sua età: 18
mesi
all'epoca dell'intervento) e prescritte lenti di 18 diottrie che non usa
vedendo piuttosto bene sia da vicino che da lontano per merito
delle indicazioni della dott.ssa De Michelis e del metodo Bates da me
adattato per poterlo applicare su una bimba così piccola! Immagino che molti
di voi avranno delle perplessità in merito come daltronde tutti i medici
oculisti che l' hanno visitata (non osservata!).
(la storia di Alice la potete trovare su www.visionebenessere.it )
Ciao a tutti!
Caterina.
-----Messaggio originale----Da: skyrunner <[email protected]>
A: [email protected] <[email protected]>
Data: martedì 11 giugno 2002 23.44
Oggetto: R: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
From: Caterina Polini
Date: gio giu 13, 2002 5.47
19/05/2002.
>
>
>>-----Messaggio originale---->>Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
>>Inviato: venerdì 7 giugno 2002 15.07
>>A: [email protected]
>
>E comunque in tutte le pratiche di medicina naturale, alla base, c'è il
>rimuovere la causa e non il sintomo.
>Se c'è qualcuno che pretende che rimuovendo solo il sintomo (PER ESEMPIO LA
>TENSIONE) si rimuova anche la causa... Quella non è NVI ma qualcosa
d'altro.
>E non credo funzioni BENE, nè, tantomeno, definitivamente.
>
Group: Visus
Message: 1080
Subject: I: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
-----Messaggio originale----Da: Caterina Polini <[email protected]>
A: [email protected] <[email protected]>
Data: giovedì 13 giugno 2002 17.47
Oggetto: R: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
19/05/2002.
>Salve a tutti sono Caterina mi sono iscritta al gruppo da poco, non c'ero
al
>convegno, e fino ad ora ho letto con piacere i vostri commenti, ma non sono
>riuscita a stampare la relazione sulla quale si attendono commenti perchè
>sono un po' negata col PC!
>Vorrei dire la mia sul discorso del rimuovere la causa del difetto visivo!
>Premetto che ho scoperto da poco più di un anno l'esistenza del metodo
>Bates, ho letto il suo e molti altri libri sull'argomento.
>Non so se avete già letto la storia di mia figlia Alice, ma sta di fatto
che
>lei incarna il caso limite descritto da Bates: le sono stati asportati i
>cristallini, senza sostituirli con gli artificiali, (data la sua età: 18
>mesi
>all'epoca dell'intervento) e prescritte lenti di 18 diottrie che non usa
>vedendo piuttosto bene sia da vicino che da lontano per merito
>delle indicazioni della dott.ssa De Michelis e del metodo Bates da me
>adattato per poterlo applicare su una bimba così piccola! Immagino che
molti
>di voi avranno delle perplessità in merito come daltronde tutti i medici
>oculisti che l' hanno visitata (non osservata!).
>(la storia di Alice la potete trovare su www.visionebenessere.it )
>Ciao a tutti!
>Caterina.
>
>-----Messaggio originale---->Da: skyrunner <[email protected]>
>A: [email protected] <[email protected]>
>Data: martedì 11 giugno 2002 23.44
>Oggetto: R: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
>19/05/2002.
>
>
>>
>>
>>>-----Messaggio originale---->>>Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
>>>Inviato: venerdì 7 giugno 2002 15.07
>>>A: [email protected]
>
>>
>>E comunque in tutte le pratiche di medicina naturale, alla base, c'è il
>>rimuovere la causa e non il sintomo.
>>Se c'è qualcuno che pretende che rimuovendo solo il sintomo (PER ESEMPIO
LA
>>TENSIONE) si rimuova anche la causa... Quella non è NVI ma qualcosa
>d'altro.
>>E non credo funzioni BENE, nè, tantomeno, definitivamente.
>>
>
From: Caterina Polini
Date: gio giu 13, 2002 5.51
>
Group: Visus
Subject: Re: Re: Clear flash e fumetti
Message: 1081
From: stefano caldiron
Date: ven giu 14, 2002 8.43
From: s_caggia
Date: ven giu 14, 2002 12.28
From: Guido
Date: ven giu 14, 2002 10.20
----- Original Message ----From: "Guido" <[email protected]>
To: "Visus" <[email protected]>
Sent: Wednesday, June 12, 2002 8:41 AM
Subject: [Visus] Re: Clear flash e fumetti
PS: partendo da una delle ultime mail dello Zio Sky, sono convinto che i
fumetti siano una grande fonte di "decentralizzazione". Tempo fa, qando ho
provato a trovare le cause della mia miopia, mi sono accorto che i periodi
di "crollo" corrispondevano a periodi di grandi letture di fumetti... in cui
leggevo lo scritto e contemporaneamente cercavo di guardare le immagini... A
questo si potevano aggiungere mal posizionamenti e quindi riduzione della
respirazione e tensione nei muscoli di collo e spalle....
-----------------------------------ciao a tutti,
vorrei rimarcare, da grande lettore di fumetti, che questi possano essere
fonte di decentralizzazione, ma non necessariamente.
Ho letto infatti tutta la vita, anche montagne di fumetti, e ci vedo ancora
piuttosto bene, sicuramente non sono miope.
La lettera di Guido mi fa pensare a un modo di leggere decentralizzante,
veloce, passatempo, in cui si scorre la pagina senza "mettere a fuoco" (fra
virgolette perché è detto in modo anche metaforico) neppure per un istante.
Certo non asserisco che questo sia stato il modo di Guido, ma è un modo
decentralizzante.
Nel fumetto, c'è anche tanto per centralizzare, particolari, espressioni
delle facce, minuzie del disegno, spesso fatto con tanta cura.
Godere, quindi, del disegno, anche solo un istante a vignetta.
Anche leggere (ma non solo il fumetto), con pause del pensiero, senza
fretta, ma assaporando (mi viene ora in mente come si beve un buon vino).
In effetti, quando leggo i fumetti, a volte penso che scorro velocemente su
tavole che hanno richiesto mesi di lavoro ...
Comunque, basta secondo me quell'attimo in più, per non cadere nel vortice
della decentralizzazione.
Anzi, si potrebbe scatenare il meccanismo opposto.
Ma quell'attimo in più, è più che altro un atteggiamento mentale diverso.
Saluti e grazie
stefano
Group: Visus
Subject: Ogg: Clear flash e fumetti
Message: 1082
--- In [email protected], "stefano caldiron" <[email protected]> ha scritto:
> La lettera di Guido mi fa pensare a un modo di leggere
decentralizzante,
> veloce, passatempo, in cui si scorre la pagina senza "mettere a
fuoco" (fra
> virgolette perché è detto in modo anche metaforico) neppure per un
istante.
> Certo non asserisco che questo sia stato il modo di Guido, ma è un
modo
> decentralizzante.
>
Non so Guido ma io di sicuro leggevo tutto d'un fiato la storia per
seguire appunto la storia, non mi soffermavo affatto sulla bellezza
del disegno e sui particolari. Tra le righe ho colto il consiglio che
cercavo.
Grazie
Ciao
Group: Visus
Subject: Re: Fumetti
Message: 1083
Ciao Stefano, ottima analisi: leggevo proprio così! :-)
Certo è che se l'avessi saputo prima:
- ne avrei letti di meno
- li avrei letti con più calma
- avrei osservato attentamente le figure
Anch'io pensavo sempre "Miseria, io una storia la leggo in 2 minuti, mentre il disegnatore ci avrà messo delle ore a farla!" Ma continuavo a leggerla in 2 minuti! Finchè non sai le
conseguenze a cui vai incontro, non ci fai nemmeno caso...
Ciao, Guido
Che ora legge quasi tutto in micro-caratteri! :-)
>La lettera di Guido mi fa pensare a un modo di leggere decentralizzante,
>veloce, passatempo, in cui si scorre la pagina senza "mettere a fuoco" (fra
>virgolette perché è detto in modo anche metaforico) neppure per un istante.
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: Re: Fumetti
Message: 1084
Va bhè che ho fatto un po' l'intrusa e sono imbranata (infatti ho inviato 2
volte lo stesso messaggio pensando di aver sbagliato qualcosa), ma possibile
che tutti mi ignoriate?! O continuo a sbagliare qualcosa nel modo di
comunicare?!
Caterina.
-----Messaggio originale----Da: Guido <[email protected]>
A: Visus <[email protected]>
Data: venerdì 14 giugno 2002 19.37
Oggetto: [Visus] Re: Fumetti
Ciao Stefano, ottima analisi: leggevo proprio così! :-)
Certo è che se l'avessi saputo prima:
- ne avrei letti di meno
- li avrei letti con più calma
- avrei osservato attentamente le figure
Anch'io pensavo sempre "Miseria, io una storia la leggo in 2 minuti, mentre
il disegnatore ci avrà messo delle ore a farla!" Ma continuavo a leggerla in
2 minuti! Finchè non sai le conseguenze a cui vai incontro, non ci fai
nemmeno caso...
Ciao, Guido
Che ora legge quasi tutto in micro-caratteri! :-)
>La lettera di Guido mi fa pensare a un modo di leggere decentralizzante,
>veloce, passatempo, in cui si scorre la pagina senza "mettere a fuoco" (fra
>virgolette perché è detto in modo anche metaforico) neppure per un istante.
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
From: Caterina Polini
Date: ven giu 14, 2002 8.32
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Subject: Pazienza
Message: 1085
From: Caterina Polini
Date: ven giu 14, 2002 8.49
Speravo di ricevere qualche risposta (almeno una!) prima di questa sera, infatti domani all'alba parto per una breve semi-vacanza, quindi per un pò non potrò più controllare la
posta, chiedo quindi scusa in anticipo, se qualcuno mi farà qualche cenno di interessamento alla mia esperienza, perchè potrò rispondere solo tra 8/10 giorni. CIAO
Caterina
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1086
Subject: CERCA TERAPEUTI DI MEDICINA NATURALE
From: retovital
Date: sab giu 15, 2002 12.41
From: maurizio cagnoli
Date: sab giu 15, 2002 9.12
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: ven giu 14, 2002 11.56
ho trovato un sito molto interessante sulla medicina naturale.
www.interNaturalis.com
cari saluti a tutti.
Group: Visus
Message: 1087
Subject: R: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Salve a tutti sono Caterina mi sono iscritta al gruppo da poco, non c'ero al
convegno, e fino ad ora ho letto con piacere i vostri commenti, ma non sono
riuscita a stampare la relazione sulla quale si attendono commenti perchè
sono un po' negata col PC!
Vorrei dire la mia sul discorso del rimuovere la causa del difetto visivo!
Premetto che ho scoperto da poco più di un anno l'esistenza del metodo
Bates, ho letto il suo e molti altri libri sull'argomento.
Non so se avete già letto la storia di mia figlia Alice, ma sta di fatto che
lei incarna il caso limite descritto da Bates: le sono stati asportati i
cristallini, senza sostituirli con gli artificiali, (data la sua età: 18
mesi
all'epoca dell'intervento) e prescritte lenti di 18 diottrie che non usa
vedendo piuttosto bene sia da vicino che da lontano per merito
delle indicazioni della dott.ssa De Michelis e del metodo Bates da me
adattato per poterlo applicare su una bimba così piccola! Immagino che molti
di voi avranno delle perplessità in merito come daltronde tutti i medici
oculisti che l' hanno visitata (non osservata!).
(la storia di Alice la potete trovare su www.visionebenessere.it )
Ciao a tutti!
Caterina.
ho conosciuto personalmente Meir Schneider che, partendo da una totale
cecità ha recuperato vista sufficiente a prendere la patente; e ho visto i
suoi occhi: "come fa a vedere questa persona?", verrebbe da chiedersi.
Insomma, l'occhio, o meglio la mente, riesce a trovare il modo di vedere
utilizzando quello che ha a disposizione (Lusseyran, autore di un libro non
tradotto in italiano riusciva a vedere senza occhi del tutto).
Mi andrò a leggere con piacere la tua storia .
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: I: cause "emozionali"
Message: 1088
Come temevo mi sbagliavo, l'atto a cui mi riferivo è quello di Martin Brofman "Vision as a metaphor", non quello di Anna Bambridge...
Ciao
-----Messaggio Originale----Da: Salvatore Silvio Caggia
A: VISUS
Data invio: giovedì 13 giugno 2002 14.26
Oggetto: cause "emozionali"
Zio Sky,
mi riferivo alla pagina 23 del "Core concept".
Cito: "La tensione secondo Bates, origina dal modo errato con il quale si impiega il sistema visivo, e non da cause "emozionali".
E' questa la frase che vorrei approfondire con te e quanti altri volessero.
Per mettere qualcosa sull'altro piatto della bilancia farei riferimento ad uno degli altri atti scritti della conferenza che sono riuscito a leggere, in inglese con traduzione in italiano,
che illustra delle correlazioni tra difetto refrattivo e personalità, credo di Anna Bambridge (non ho qui i documenti, scusate se mi sbaglio!). L'hai letto? Che ne pensi? Che ne
direbbe Bates?
Grazie
Ciao
---------------------------------------Salvatore Silvio Caggia
Direttore Tecnico di sede - Confor Informatica S.p.A.
Via Bossolasco, 11 - 10141 Torino
Tel.: 011 3820023 - Fax: 011 3820578 - Cell.: 335 5792887
e-mail: [email protected]
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Re: Pazienza
Message: 1089
From: rosalba canelli
Date: lun giu 17, 2002 10.56
Ciao Caterina, mi dispiace molto di non averti potuto srivere venerdi', purtroppo non ne ho avuto il tempo, sono una mamma "indaffarata" che ha il collegamento ad internet
solo in ufficio. Sono sicura che come me anche molte altre persone leggeranno la storia di Alice, io l'ho fatto immediatamente e visitando le altre pagine del sito alla fine non ho
avuto il tempo materiale per rispondere.
Capisco cosa hai provato in tutto questo calvario, intanto perchè ogni genitore preferirebbe che una qualsiasi "malattia" capitasse a se stesso piuttosto che al proprio figlio, eppoi
penso che sia un diritto dei malati NON ESSERE PRESI IN GIRO dai medici! La storia di tua figlia sembra quasi uno dei tanti casi di "malasanita'" con la differenza che quando
dimenticano una forbice nello stomaco di qualcuno non possono negare, mentre con Alice negano l'evidenza! Pensa che nell'ultimo anno di asilo della mia bimba + grande (tra
circa un mese compie 9 anni) mi hanno detto di farle fare una visita oculistica, il risultato è stato che era un po astigmatica ed aveva bisogno di lenti da riposo solo per quando
scriveva, ecc. Io avevo gia' sperimentato su me stessa il metodo Bates con successo ero un po' restia a farle mettere gli occhiali, pero' non era facile far fare ad una bimba non
tanto grande alla fine glie li ho comprati, ma li ha messi poco, quasi niente, ed io nell'essere un po' "combattuta" non ho insistito piu' di tanto. Il risultato? dopo un anno la riporto
al controllo ed era migliorata! Grazie agli occhiali...che non aveva messo!!! Purtroppo c'è un giro di soldi enorme dietro la vendita di occhiali lenti ecc. oramai non sanno + cosa
inventarsi: hai visto la pubblicita' delle lentine nigth&day, quelle che si tengono per 1 mese senza toglierle mai? Ma come si puo' pensare che un prodotto del genere non sia
dannoso per gli occhi? Eppoi cercano di scoprire chissa' quali strumenti per guarire quando gli strumenti il Padre Eterno ce li ha dati in natura! Hai mai sentito parlare di
"cheratologia pneumatica", io ho trovato un articolo proprio l'altro giorno su questo nuovo intervento per la miopia, dalla descrizione è allucinante pero' secondo l'articolo, pur
essendo ancora in via di sperimentazione dicono che non ha controindicazioni (come fanno ad affermarlo?) che è una tecnica "non invasiva" (sotto quali parametri? quelli del
laser?), e i risultati "potrebbero duare a lungo (?). Il "bello" di tutto cio' è che spendono anche tanti soldi per ricercare quello di cui non abbiamo bisogno.
Io volevo farti una domanda-proposta: visto che sono andate delle persone a Striscia per informare sugli effetti collaterali degli interventi con il laser, perchè non vai anche tu a far
conoscere a + gente i metodi naturali? La storia di Alice è l' ideale per aiutare tutte le persone che usano gli occhiali perchè non sanno che c'è dell'altro.Anche perchè penso che ci
sia un grosso interesse a NON far conoscere W.Bates.
In un altro sito ho letto che la federazione italiana oculisti vuole fare una visita a Jens Larsen: questa è un'ottima idea, ma poi...gli faranno mettere gli occhiali...e ai prossimi
mondiali ce lo rifilano peggio di prima e ci annulla altri gol! Anzi per evitare cio' propongo a tutti gli iscritti di fare un'offerta per regalare a Larsen un libro sulle tecniche di Bates!!!
Ciao, Rosalba
Caterina Polini <[email protected]> ha scritto: Speravo di ricevere qualche risposta (almeno una!) prima di questa sera, infatti domani all'alba parto per una breve semi-vacanza,
quindi per un pò non potrò più controllare la posta, chiedo quindi scusa in anticipo, se qualcuno mi farà qualche cenno di interessamento alla mia esperienza, perchè potrò
rispondere solo tra 8/10 giorni. CIAO
Caterina
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Yahoo! Groups Sponsor
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di Utilizzo del Servizio Yahoo!
--------------------------------Corri in negozio! Ti aspetta il CD originale Levi's Freedom to Move.
Clicca qui per saperne di più
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1090
Subject: CERCA TERAPEUTI ISCRIZIONI GRATIS
Terapeuti, Scuole, Cliniche, ecc
Sono aperte le iscrizioni GRATUITE per operatori del
settore della medicina naturale sul sito
WWW.INTERNATURALIS.COM
From: i_reto
Date: lun giu 17, 2002 5.46
Valido fino al 19.06.2002 ore 24:00 (attenzione, attualmente solo in
Italiano)
Scegliete il metodo tramite fax. Riempite tutti i campi richiesti.
Non inviate in seguito il fax ma
bensì un messaggio indicando il vostro
nome e cognome a [email protected]
se non vi iscrivete, consigliateci ad un amico.
Ciao e buona fortuna
Group: Visus
Subject: clear flash e caratteri piccolissimi
Message: 1091
From: BRANCALEONE FABRIZIO
Date: mar giu 18, 2002 9.30
From: BRANCALEONE FABRIZIO
Date: mar giu 18, 2002 9.30
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
Ciao Mauro,
nella precedente e-mail che ci ho inviato ad un certo punto chiedevi di
parlare delle nostre esperienze in merito ai clear flash in una
correlazione con la centralizzazione.
Nella mia esperienza la lettura dei caratteri piccolissimi rappresenta
un sistema per raggiungere uno stato di visione perfetta . In cui sono
io a provocare consciamente iil clear flash.
Quando mi pongo di fronte al foglio dove è stampato il metodo Bates in
una conchiglia dapprima partendo dai caratteri 2,5 li vedo in modo non
chiaro poi man mano che faccio scorrere lo sguardo sopra le parole le
lettere si stagliano sempre più nitidamente finché lla sbavatura si
azzera e ogni singola lettera viene vista nitida e senza veddiere le
lettere circostanti. Poi passo al carattere 2, 1,5 e 1; anche in
quest'ultimo caso riesco a vederle perfettamente nere a una distanza
di 22, 23 centimetri il che vorrebbe dire vedere il carattere di10 a
230 centimetri per cui ritengo che in quel momento la visione sia
ottima. Non so se quello che chiedevi di raccontare è questo; casoma i
rispondendo a questa mail potrai approfondire quanto che ha detto.
Ciao. Fabrizio
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: RAPID READING
Message: 1092
Ciao Mauro,
vistamista la grande quantità di messaggi che il convegno di Firenze
ha messo in moto vorrei chiedere alcuni commenti in merito alla
relazione che esiste tra centralizzazione e lettura rapida.
Secondo quello che tu dici la lettura rapida dovrebbe essere uno dei
più grandi nemici delladi centralizzazione in quanto abitua all'occhio a
vedere blocchi di testo.
Secondo dite una persona con vista normale che inizia a praticare la
lettura rapida carriera miopiadi?
Oppure ci è già miope praticando la lettura veloce aggrava in questo
modo il suo difetto?
Se qualcun altro della lista volesse intervenire per commentare gli
effetti della lettura rapida ne sarei felice.
Ciao e grazie. Fabrizio
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: Programma Fine Print
Message: 1093
>-----Messaggio originale---->Da: Guido [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 13 giugno 2002 8.27
>A: Visus
>Oggetto: [Visus] Programma Fine Print
>Mi sono scaricato il programma Fine Print... era da un po' che
>sapevo che era nell'area file, ma non avevo voglia di scaricarlo,
>mi sembrava troppo massiccio..... poi sull'ondata di Core Concept
>:-)) me lo sono scaricato e ne sono veramente entusiasta:
>tutto automatico! E il risparmio di carta è veramente notevole!
>Bravo Zio: un altro bel regalo.... Grazie
>E voi cosa state aspettando? Scaricatevelo! :-))
Vedo che "Il Core concept" è servito a qualcosa.
Grazie Guido, ma... ti do una brutta notizia: Ho inviato nell'area files la
nuova versione di "Fine Print 2000", Quindi te lo devi riscaricare... ARGH!
ARGH! ARGH! (inserire una risata sguaiata in questo punto).
Però ti mando un "regalino" via email così mi perdoni... Eheheh!
Ciao!
Mauro.
Group: Visus
Subject: R: Fumetti
Message: 1094
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
>-----Messaggio originale---->Da: Salvatore Silvio Caggia [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 13 giugno 2002 14.40
>A: VISUS
>Oggetto: [Visus] Fumetti
>
>
>Guido ha scritto:
> PS: partendo da una delle ultime mail dello Zio Sky, sono convinto che i
> fumetti siano una grande fonte di "decentralizzazione". Tempo
>fa, qando ho
> provato a trovare le cause della mia miopia, mi sono accorto che
>i periodi di
> "crollo" corrispondevano a periodi di grandi letture di fumetti... in cui
> leggevo lo scritto e contemporaneamente cercavo di guardare le
>immagini... A
> questo si potevano aggiungere mal posizionamenti e quindi riduzione della
> respirazione e tensione nei muscoli di collo e spalle....
>Anch'io ne "La mia storia" avevo scritto:
>"All'età di 6 anni cominciai a leggere assiduamente "Topolino",
>ogni settimana appena usciva correvo a comprarlo, poi mi mettevo
>rannicchiato nella mia poltrona preferita e lo leggevo tutto di un
>fiato. Cominciai a scambiare i giornalini con il vicino di casa
>che aveva una collezione "storica" ereditata dai fratelli, certi
>giorni ne "divoravo" una pila. "
>
>Probabilmente per voler leggere in fretta la storia con un occhio
>al disegno ed un occhio alla nuvoletta non ci siamo fatti un gran bene...
vevo inserito la voce fumetti (invece di generica lettura) proprio perchè la
lettura dei fumetti, secondo me, è quella che incoraggia di più labitudine
del "diffondere".
MI fa piacere che abbiate citato la vostra esperienza personale. Anche io ne
ho letti parecchi.
>A parte gli scherzi, che fare quando mio figlio comincerà a
>leggere i fumetti? (Per fortuna ho ancora un po' di tempo...)
Se non diventano "un rifugio" non penso dovrebbero creare problemi. E poi,
spesso, basta creare alternative valide e incoraggiare l'utilizzo del
sistema visivo nella maniera corretta.
Per esempio come diceva William, facendo leggere la Tabelladi Snellen ogni
giorno. O il calendario a scuola (visto che la tebella non la mettono), etc.
Ma da fare sopratutto prima per prevenzione e NON dopo...
CIao!
MAuro.
"Che Dio ti conceda la serenità delle cose che non puoi cambiare, il
coraggio di cambiare quelle che puoi cambiare, la saggezza di poter
distinguere le une dalle altre."
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: cause "emozionali"
Message: 1095
>-----Messaggio originale---->Da: Salvatore Silvio Caggia [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 13 giugno 2002 14.26
>A: VISUS
>Oggetto: [Visus] cause "emozionali"
>
>mi riferivo alla pagina 23 del "Core concept".
>Cito: "La tensione secondo Bates, origina dal modo errato con il
>quale si impiega il sistema visivo, e non da cause "emozionali".
>E' questa la frase che vorrei approfondire con te e quanti altri volessero.
>Per mettere qualcosa sull'altro piatto della bilancia farei
>riferimento ad uno degli altri atti scritti della conferenza che
>sono riuscito a leggere, in inglese con traduzione in italiano,
>che illustra delle correlazioni tra difetto refrattivo e
>personalità, credo di Anna Bambridge (non ho qui i documenti,
>scusate se mi sbaglio!). L'hai letto? Che ne pensi? Che ne direbbe Bates?
Ho citato quello che è il concetto primario di tensione secondo Bates.
E' quello ad essere spesso travisato.
"La tensione secondo Bates, origina dal modo errato con il
quale si impiega il sistema visivo, e non da cause "emozionali".
Questo non significa che le cause emozionali non abbiano la loro importanza.
MA il concetto primo di "Tensione da sforzo" rimane.
Negarlo, e dedicarsi ad altre "tensioni", diverse da quelle di cui parla
Bates significa NON eseguiretale metodo. E vorrei che chi lo fa lo dicesse
BEN chiaro.
A questo punto comunque non posso fare a meno di pensare ad un mio amico
psicanalista, la persona più serena del mondo, con una miopia alta. Almeno
ora dovrebbe essere guarito, no?
O al mio elettrauto, sempre a giocare a pallone da piccolo, senza problemi
particolari, anche lui con fondi di bottiglia.
O al mio amico "secchione", sempre pallido ed emaciato, timidissimo, ma con
vista perfetta.
Forse non significa niente, ma va considerato.
Ma se al metodo si vuole aggiungere una attenzione particolare al vissuto
interiore, ben venga.
Avevo già citato Huxley se ricordo bene, che stressava il concetto di tedio
già descitto da Bates.
E se vogliamo citare gli autori più moderni, basta leggere i libri di Janeth
Goodrich o quelli di Peter MAnsfield. Oltretutto, finora MAnsfield
(conosciuto personalmente, e del il quale ho seguito un corso nel Kent), è
l'unico autore che dedica un paragrafo del suo libro ai fiori di Bach.
Anzi, chi percepisce l'emozionale come fattore importante per se stesso,
dovrebbe approfondire l'argomento "Fiori di Bach". Consiglio il suo libro
originale, molto ben fatto, e di lasciar perdere gli inventori postumi.
Io sono come S.Tommaso, su certe cose, ma assivcuro che sui fiori di Bach
c'è davvero da ricredersi.
"Molti raggi convergono alla ruota.
Ma è il mozzo centrale che fa girare la ruota".(Lao Tzu)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Message: 1096
Subject: R: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
>-----Messaggio originale---->Da: [email protected] [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 12 giugno 2002 14.54
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: R: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
>19/05/2002.
>Sono daccordo con te su tutto, l'unica cosa che non capisco è a quali
>travisamenti o distorsioni ti riferisci, perché secondo me dando per
>fermi i principi base, delle variazioni tecniche che tengano come
>riferimento gli stessi principi possono anche funzionare.
>Per farti un esempio -seguire l'infinito tracciato con il dito>Non so chi abbia inventato questa tecnica (non mi risulta che sia stato
>Bates) ma secondo me si integra benissimo all'interno del metodo.
Bruno, il concetto di fondo rimane, come ho già scritto a Silvio:
>>Io ancora mi stupisco e mi chiedo perché dopo aver a suo tempo
From: skyrunner
Date: mar giu 18, 2002 10.40
>>letto tutto il libro di Bates ne ho inconsciamente ed
>>incoscientemente rimosso una buona parte delle tecniche suggerite.
>>Perché ho dovuto aspettare mesi per accettare di applicare la
>>lettura dei caratteri piccolissimi? E poi ancora mesi per
>>accettare di fare un po' di swing? E chissà quando sarò pronto ad
>>eseguirne appieno le tecniche?
>
>Ti capisco benissimo, è la stessa cosa che è successa a me.
>E che continua a succedere alla quasi totalità delle persone che
>iniziano il
>metodo Bates.
>Dipende dalla nostra natura.
>Quello che capiamo ha un senso e siamo portati a considerarlo.
>Quello che non capiamo assume connotati di "non significatività" e viene
>scartato.
Quindi è facile per chi comincia, tralasciare alcune tecniche.
Non ho nulla contro l'adattamento delle tecniche al prorio bisogno, ma
questo espone ad alcuni rischi.
Da tali rischi non sono immuni nemmeno gli istruttori del metodo, persino i
più bravi. Un conto è venire incontro alle esgenze di chi si ha davanti in
quel momento, un'altro è travisare e filtrare in base alla propria
percezione personale e non in base alla reattività di chi deve reimparare a
vedere.
Intendo dire che Bates era un genio che ha studiato quasi mmezzo secolo i
meccanismi della visione. La quasi totalità degli istruttori e degli autori
non sono dei geni e non hanno dedicato tutto quel tempo allo studio delle
problematiche della visione.
Quindi il concetto di base per me è:
- Il metodo Bates funziona.
- Altri metodi forse.
- Il metodi Bates, costituito da un'insieme di tecniche che operano in
sinergia, funziona se a tali sinergie è permesso di manifestarsi. Cosa che
spesso non avviene omettendone alcune (ved risposta a Silvio). Cosa che
spesso accade.
E' giusto adattare le tecniche a se stessi, ma senza sconvolgerne il
significato. Quindi i principi fondamentali vanno rispettati.
Se tu ti trovi bene aggiungendo l'oscillazione dell' 8 orizzontale, va
benissimo. Io su uesto non ho nulla in contrario! MA probabilmente se la
sostituisci alle altre di oscillazioni, ti stai tarpando le ali da solo. Gli
8 lenti sicuramente rilassano, ma il dondolio dell'elefante, dondolio
ristmico anche della grande muscolatura, rilassa per induzione, da quello
che ne so io, anche la muscolatura più piccola e quella involontaria. Il che
è diverso.
Ripeto: i principi fondamentali vanno rispettati. Semplicemente perchè:
“i principi della visione identificati dal Dr Bates sono assolutamente
corretti, ed è impossibile vedere chiaramente senza di essi. Tali principi
non sono stati inventati dal Dr Bates. Essi sono stati creati dalla natura.”
Ciao!
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Scommessa per miopi
Message: 1097
From: Salvatore Silvio Caggia
Date: mer giu 19, 2002 11.03
Guardo una tabella di Snellen a circa 3 metri di distanza.
Ho una miopia di -3,5 diottrie circa.
Un amico ipermetrope con lenti da +2,5 diottrie mi sfida che non potrò mai leggere l'ultima riga della tabella senza i miei occhiali.
Gli rispondo che scommetto di farlo guardando attraverso I SUOI occhiali.
L'amico accetta la sfida convinto che il mio difetto sommato al difetto virtuale generato dai suoi occhiali renda impossibile la mia visione.
Rullo di tamburi... suspance...
Prendo in mano i suoi occhiali e vi guardo attraverso tenendoli distante la distanza del mio braccio teso e comincio a sciorinare come una poesia tutta l'ultima riga della tabella di
Snellen compresi numerini piccolissimi delle frazioni delle distanze!
L'amico ascolta e guarda allibito...
Dove sta il trucco?
Non lo so, penso che Bates qui non centri niente, quello che capita a me è di vedere in questo modo le lettere perfettamente nitide e ingrandite ma SOTTOSOPRA!
Provare per credere! Credo si tratti solo di trovare la distanza giusta occhio-tabella e occhio-lente positiva in funzione della propria miopia e della lente positiva. Se inforco gli
occhiali con le lenti positive ovviamente ci vedo peggio, ma se li allontano vedo le cose attraverso questi sempre più ingrandite e sfocate finché ad una certa distanza si
capovolgono e diventano nitidissime! A dire il vero le lettere appaiono anche un po' deformate a seconda del punto della lente in cui le vedo, come se ci fosse una "ciambella"
sopra.
Con un po' di rilassamento (e qui Bates centra) riesco a leggere gli atti della conferenza da 3 metri di distanza (per comodità metto già il foglio all'incontrario così lo leggo diritto!)
e sembra quasi di leggere i caratteri piccolissimi che zio sky ci ricorda sempre.
C'è qualche ottico/oculista che sa darmi una spiegazione di questo divertente fenomeno?
E... per favore, mi confermate che capita anche a voi (miopi)? Per caso gli ipermetropi riescono a fare una cosa analoga (al contrario)?
Ciao
P.S.: tutto quello che guadagnate nelle scommesse si divide, eh! O almeno fate un po' di pubblicità ai miei Web Games...
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Re: Scommessa per miopi
Message: 1098
> Guardo una tabella di Snellen a circa 3 metri di distanza.
> Ho una miopia di -3,5 diottrie circa.
> Un amico ipermetrope con lenti da +2,5 diottrie mi sfida che non potrò
mai leggere l'ultima riga della tabella senza i miei occhiali.
> Gli rispondo che scommetto di farlo guardando attraverso I SUOI
occhiali.
> L'amico accetta la sfida convinto che il mio difetto sommato al
difetto virtuale generato dai suoi occhiali renda impossibile la mia
visione.
>
> Rullo di tamburi... suspance...
>
> Prendo in mano i suoi occhiali e vi guardo attraverso tenendoli
distante la distanza del mio braccio teso e comincio a sciorinare come
una poesia tutta l'ultima riga della tabella di Snellen compresi
numerini piccolissimi delle frazioni delle distanze!
> L'amico ascolta e guarda allibito...
>
> Dove sta il trucco?
>
E' come se vedevi con un telescopio rifrattore.
Il telescopio rifrattore è composto da una o più lenti obbiettivo che
sono lenti positive di cui tanto è maggiore la lunghezza focale tanto
maggiori sono gli ingrandimenti che si possono ottenere.
Il telescopio comprende anche delle lenti dette oculari che sono quelle
dove si poggia l'occhio per vedere. Queste lenti sono sostituibili per
poter scegliere l'ingrandimento desiderato. Il sistema completo è
composto da tutte queste lenti e anche da diaframmi per ridurre al
massimo le abberrazioni. In modo particolare l'abberrazione sferica.
> Non lo so, penso che Bates qui non centri niente, quello che capita a
me è di vedere in questo modo le lettere perfettamente nitide e
ingrandite ma SOTTOSOPRA!
> Provare per credere! Credo si tratti solo di trovare la distanza
giusta occhio-tabella e occhio-lente positiva in funzione della propria
miopia e della lente positiva. Se inforco gli occhiali con le lenti
positive ovviamente ci vedo peggio, ma se li allontano vedo le cose
attraverso questi sempre più ingrandite e sfocate finché ad una certa
distanza si capovolgono e diventano nitidissime! A dire il vero le
lettere appaiono anche un po' deformate a seconda del punto della lente
in cui le vedo, come se ci fosse una "ciambella" sopra.
>
> Con un po' di rilassamento (e qui Bates centra) riesco a leggere gli
atti della conferenza da 3 metri di distanza (per comodità metto già il
foglio all'incontrario così lo leggo diritto!) e sembra quasi di leggere
i caratteri piccolissimi che zio sky ci ricorda sempre.
>
> C'è qualche ottico/oculista che sa darmi una spiegazione di questo
divertente fenomeno?
Non sono un ottico ma ero appassionato di astronomia e da ragazzo mi
divertivo a costruirmi il telescopio.
> E... per favore, mi confermate che capita anche a voi (miopi)? Per
caso gli ipermetropi riescono a fare una cosa analoga (al contrario)?
>
From: [email protected]
Date: gio giu 20, 2002 9.00
> Ciao
>
> P.S.: tutto quello che guadagnate nelle scommesse si divide, eh! O
almeno fate un po' di pubblicità ai miei Web Games...
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
Ciao,
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: precisazioni
Message: 1099
From: Bruno Badiali
Date: gio giu 20, 2002 9.40
Prima ho scritto abberazione anziché aberrazione, scusate sono di Roma.
Per Silvio per rendere più completa la mia risposta per vedere meglio come funziona una lente positiva in un telescopio puoi provare il seguente piccolo esperimento:
prendi un foglio bianco e una lente positiva (anche una lente di ingrandimento).
A questo punto metti la lente tra il sole e il foglio e varia la distanza tra la lente ed il foglio.
Ti accorgerai che la dimensione del disco illuminato cambia, quasi a contatto con il foglio ha una dimensione che mammano che allontani la lente diminuisce fino ad un punto in
cui diventa molto piccola.
Questo punto è detto fuoco e non a caso quindi se non vuoi incendiare il foglio continua ad allontanare la lente e ad un certo punto avrai una perfetta immagine ribaltata del sole,
se ci sono saranno distinguibili anche le macchie solari.
Spero di aver chiarito meglio il concetto.
-Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: Esperimenti
Message: 1100
From: Guido
Date: gio giu 20, 2002 8.53
>E... per favore, mi confermate che capita anche a voi (miopi)? Per caso gli ipermetropi riescono a fare una cosa analoga (al contrario)?
Confermo, anche io con il braccio esteso e con in mano un paio di occhiali da presbite (+1,5) vedo le lettere ingrandite, un po' deformi e al contrario, ma nitide
Ciao, Guido
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: Ogg: Scommessa per miopi
Message: 1101
--- In [email protected], "[email protected]" <[email protected]> ha scritto:
> E' come se vedevi con un telescopio rifrattore.
> Il telescopio rifrattore è composto da una o più lenti obbiettivo
che
> sono lenti positive di cui tanto è maggiore la lunghezza focale
tanto
> maggiori sono gli ingrandimenti che si possono ottenere.
> Il telescopio comprende anche delle lenti dette oculari che sono
quelle
> dove si poggia l'occhio per vedere. Queste lenti sono sostituibili
per
> poter scegliere l'ingrandimento desiderato. Il sistema completo è
> composto da tutte queste lenti e anche da diaframmi per ridurre al
> massimo le abberrazioni. In modo particolare l'abberrazione sferica.
>
Fin qui ti seguo, ho giocato anch'io a smontate un cannocchiale
giocattolo da piccolo, ma DOV'E' L'OCULARE?
Esistono cannocchiali senza oculare ovvero con una sola lente?
Perché messa la lente POSITIVA ad una certa distanza io miope ci vedo
nitido? Seguendo il discorso della tua mail successiva vuoi dire che
il fuoco di queste lenti positive è a circa un braccio di distanza
per cui mettendole a quella distanza faccio coincidere il fuoco con
la mia retina (o qualcosa del genere)?
From: s_caggia
Date: gio giu 20, 2002 6.21
Un emmetrope ottiene lo stesso risultato? Alle stesse distanze?
E un ipermetrope?
E soprattutto: ti sei divertito? ;-) ()
Ciao
Group: Visus
Subject: Re: Ogg: Scommessa per miopi
Message: 1102
From: [email protected]
Date: ven giu 21, 2002 9.49
From: Bruno Badiali
Date: ven giu 21, 2002 10.38
> --- In [email protected], "[email protected]" <[email protected]> ha scritto:
> Fin qui ti seguo, ho giocato anch'io a smontate un cannocchiale
> giocattolo da piccolo, ma DOV'E' L'OCULARE?
L'oculare non c'è infatti vedi l'immaggine ribaltata. Ma se pensi ad un
sistema ottico che comprende anche il tuo cristallino sulla retina si
forma una immagine dritta; è il tuo cervello che la ribalta.
> Esistono cannocchiali senza oculare ovvero con una sola lente?
No.
> Perché messa la lente POSITIVA ad una certa distanza io miope ci vedo
> nitido?
Perché la distanza la regoli per la tua vista, il tuo amico ipermetrope
dovrà regolare un'altra distanza come succede con la rotellina per la
messa a fuoco dei binocoli.
Seguendo il discorso della tua mail successiva vuoi dire che
> il fuoco di queste lenti positive è a circa un braccio di distanza
> per cui mettendole a quella distanza faccio coincidere il fuoco con
> la mia retina (o qualcosa del genere)?
La distanza dipende dalla lunghezza focale della lente, o meglio delle
lenti perché dobbiamo considerare anche il cristallino per mettere a
fuoco sula retina.
> Un emmetrope ottiene lo stesso risultato? Alle stesse distanze?
> E un ipermetrope?
Ti ho già risposto prima.
> E soprattutto: ti sei divertito? ;-) ()
Intendi a giocare con i telescopi?
Si, ma adesso è un po' che non mi diletto con telescopi e obiettivi
fotografici. In compenso sto cercando di far funzionare meglio i miei
sistemi ottici naturali; gli occhi e la sfida è ancora più interessante
perché non è una mera regolazione di lenti ma è qualcosa che coinvolge
aspetti mentali, posturali, di respirazione ed anche ottici
naturalmente.
> Ciao
Ciao
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Subject: Aspartame and the Eye
Message: 1103
Vi volevo segnalare il seguente URL; avevo già letto altre cose negative
relative all'aspartame ma fino a questo momento non direttamente legate
alla vista.
http://www.i-see.org/aspartame_eye.html
-Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1104
Subject: buena vista update edizione speciale x visus
From: maurizio cagnoli
====================================================================
Buena Vista Update
Newsletter on line di Buena Vista
15 Giugno 2002
http://www.metodobates.it
====================================================================
IN QUESTO NUMERO
1 E’ uscita la newsletter n. 34
2.) Convegno degli educatori visivi a Firenze: inizio di molte cose
3.) Ultimi contributi usciti dal convegno di Firenze
4) HOLIDAY ON EYES 2002 VACANZE IN SABINA
5) Buone nuove sul fronte Corbett
6) Daddy Fadel e maurizio Cagnoli su AAM Terra Nuova di Settembre
7) Buena vista tace sul Dossier Skyrunner
====================================================================
====================================================================
1) ABBONATI A BUENA VISTA NEWSLETTER (rivista di carta), leggi i DOSSIER
Ogni tre mesi tutte le informazioni più importanti sulla vista. I
consigli dei grandi maestri; nuovi giochi e esercizi. Ogni numero
riporta articoli su un tema specifico. Sul numero 34, appena uscito:
appare il Dossier: Il convegno di Firenze; la percezione dello spazio.
http://www.metodobates.it/newsl.htm
====================================================================
====================================================================
2) CONVEGNO DEGLI EDUCATORI VISIVI A FIRENZE : INIZIO DI MOLTE COSE
Oltre al metodo Bates esistono varie forme di educazione visiva e
diversi metodi, fin qui praticati in perfetto isolamento da oculisti,
ortottiste, optometristi, nonché praticanti di altre discipline, quali
il metodo Feldenkrais, lo Yoga, il Qigong.
E’ stata l’occasione per confrontare e anche sperimentare dal vivo
pratiche diverse, particolarmente nei due seminari pre e post convegno
di sabato 18 e lunedì 20.
Una relazione estesa su numerosi temi affrontati si trova nella
newsletter n. 34 appena uscita.
E’ possibile ricevere gli atti del convegno al costo di 30 euro.
====================================================================
====================================================================
3) ULTIMI CONTRIBUTI DAL CONVEGNO DI FIRENZE
Si, un po’ “di straforo" anche tu puoi andare a
www.metodobates.it/relazioni.htm e leggerti alcune relazioni (o trovare
le indicazioni per scaricarle) tra quelle presentate al convegno, in
particolare quelle di Mario Biondi e di Ruth Schmid (quella di Mauro
Teodori sapete già come scaricarla)
====================================================================
====================================================================
4) HOLIDAY ON EYES: PORTA GLI OCCHI IN VACANZA Da NOI
Quest’anno Holiday on Eyes avviene quattro volte.
Prima vacanza. 1-8 Luglio per persone fortemente motivate a lavorare sul
miglioramento della propria vista. ATTENZIONE: il tempo
utile per iscriversi è scaduto.
Seconda vacanza 29 Luglio - 5 Agosto. Per tutti, con ampio spazio al
divertimento e al relax (ma mettendo gli occhi al primo posto). Chi
desidera una stanza singola deve prenotare al più presto.
Terza vacanza, 19-26 agosto riservata alle famiglie
ATTENZIONE: leggete attentamente la pagina del sito e prenotate CON
MOLTO ANTICIPO (45 giorni prima)
Quarta vacanza, 1-8 Settembre, per tutti in inglese (eh sì, dovete
parlarlo fluentemente).
Un’occasione di fare incontri molto interessanti.
Date: ven giu 21, 2002 5.39
http://www.metodobates.it/corsital.htm
====================================================================
====================================================================
5) Buone nuove sul fronte Corbett
Fabrizio Brancaleone si è assunto l'onere (l'onore glie lo diamo noi) di
scannerizzare le parti mancanti del libro di Margaret Corbett e di
aiutare Buena Vista a renderlo disponibile a uttti.. Il nostro scanner e
programma di lettura erano e sono lentissimi, con la necessità di
apportare moltissime correzioni e con tempi lunghissimi. Grazie
all'aiuto di Fabrizio contiamo di compiere l'opera ciclopica entro una
ventina di giorni.
====================================================================
====================================================================
6) Daddy Fadel e maurizio Cagnoli su AAM Terra Nuova di Settembre
Daddy Fadel è l'autrice della rassegna delle complicanze delle
operazioni di chirurgia refrattiva, inserito negli atti del convegno di Firenze.
Insieme stiamo preparando un articolo sullo stesso tema che apparirà sul
numero di settembre di AAM terra nuova (ottima rivista, tra l'altro.
====================================================================
====================================================================
7) Buena vista tace sul Dossier Skyrunner
... perché non lo ho ancora finito di leggere. Ma non pensate che il
core concept mi lasci indifferente.
====================================================================
====================================================================
Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri) Italy
tel 0039 0765 608283
[email protected]
Home page “Buena Vista” engl. fr. sp. port. deutsch
http://www.geocities.com/buena-vista/
Home page “Buena Vista” in italiano
http://www.metodobates.it
Group: Visus
Subject: Alice, risposta a Caterina
Message: 1105
>-----Messaggio originale---->Da: Caterina Polini <[email protected]>
>A: [email protected] <[email protected]>
>Data: giovedì 13 giugno 2002 17.47
>Oggetto: R: [Visus] Relazione presentata al convegno di Firenze del
>19/05/2002.
>>Vorrei dire la mia sul discorso del rimuovere la causa del difetto visivo!
>>Premetto che ho scoperto da poco più di un anno l'esistenza del metodo
>>Bates, ho letto il suo e molti altri libri sull'argomento.
>>Non so se avete già letto la storia di mia figlia Alice, ma sta di fatto
>che
>>lei incarna il caso limite descritto da Bates: le sono stati asportati i
>>cristallini, senza sostituirli con gli artificiali, (data la sua età: 18
>>mesi
>>all'epoca dell'intervento) e prescritte lenti di 18 diottrie che non usa
>>vedendo piuttosto bene sia da vicino che da lontano per merito
>>delle indicazioni della dott.ssa De Michelis e del metodo Bates da me
>>adattato per poterlo applicare su una bimba così piccola! Immagino che
>molti
>>di voi avranno delle perplessità in merito come daltronde tutti i medici
>>oculisti che l' hanno visitata (non osservata!).
>>(la storia di Alice la potete trovare su www.visionebenessere.it )
>
>Speravo di ricevere qualche risposta (almeno una!) prima di questa
>sera, infatti domani all'alba parto per una breve semi-vacanza,
E' molto interessante la storia di Alice.
La riporto qui in coda al messaggio.
Perplessità? Ne ho molte di più quando vedo granitiche CERTEZZE (dovute
spesso al fatto che NON SI E' CAPACI di guardarsi intorno ed accettare il
cambiamento o fatti nuovi).
In merito al caso di Alice non ho esperienze in merito, quindi non posso
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 12.40
essere più concreto. Ma non è poi così strano. In fondo ci sono molti casi
di persone che imparano ad usare gruppi muscolari in modo diverso per
supplire a a deficenze di altri gruppi o ad altre carenze organiche.
Grazie, Caterina.
Per quanto riguarda i tempi delle risposte, è normale che siano un pò
lunghi. Non ci si collega spesso e leggere e/o scrivere si fa quando si ha
un pò di tempo. Pazienza!
Per quanto mi riguarda io a volte rispondo anche dopo settimane... Ma non è
disinteresse.
"Non conta il colore del gatto, conta che acchiappi il topo"(Confucio)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
-------------------------------------------ALICE E' L'UNICA?
Alice ha due anni e ha visitato molti ospedali, mai per turismo.
Già da piccolissima, subito dopo le prime vaccinazioni ha cominciato a
soffrire di numerosi disturbi, bronchiti, dernatiti, infezioni urinarie,
gastroenteriti.
I disturbi migliorano in seguito ad una cura omeopatica. Ma a 18 mesi sua
mamma nota che uno dei due occhi è opaco: portata dal medico, Alice viene
operata d'urgenza per una cataratta che nessuno riesce a stabilire se sia
congenita o meno, e poco tempo dopo le viene operato anche l'altro occhio.
Alice ora è senza entrambi i cristallini e i medici lasciano poche speranze:
vedrà solo luci e ombre e deve subito cominciare a portare occhiali con
lenti da 18 diottrie.
Ulteriori indagini mediche rivelano una lieve ipotonia e un rene più piccolo
dell'altro di 1 centimetro.
I genitori di Alice le mettono gli occhiali, secondo prescrizione, ma si
accorgono che lei sembra tollelarli male e quando li toglie è come se fosse
ubriaca. Nel frattempo sua mamma, poco rassegnata, decide di farle fare dei
giochi che stimolino la percezione visiva.
Alice parla molto poco e non si può interrogarla direttamente, ma i suoi
genitori si accorgono che senza occhiali sembra vederci piuttosto bene:
evita gli ostacoli, riconosce le persone, anche in fotografia, al mare
raccoglie le conchigliette distinguendole dal resto, gioca con le bolle di
sapone, vede il mare, gli uccelli nel cielo.
Durante una visita presso una psicomotricista, Alice indica esattamente
tutte le parti del corpo di un omino disegnato, alto pochi centimetri.
Quando la mamma di Alice chiede alla psicomotricista di dare un giudizio
sulla vista della bambina, la psicomotricista ribatte "Perchè? Non ha visto
anche lei che ci vede?" Ma quando le viene detto che Alice è senza
cristallini, si astiene dal fare ulteriori commenti.
La mamma di Alice comincia faticosi pellegrinaggi presso vari reparti di
pediatria e oculisti privati: nessuno le da retta, nessuno accetta di
verificare quanto Alice sembri vedere. Tutti si limitano a esaminare gli
occhi di Alice, e appena constatano che è priva di cristallini, annunciano
automaticamente che non può vedere niente a nessuna distanza.
La mamma di Alice però ha letto i libri di Bates, dove è scritto che è
possibile imparare a vedere senza cristallini. Un giorno contatta un signore
a cui è stato asportato un cristallino e che le dice di vederci bene da
lontano e di avere bisogno di una correzione di sole 2,5 diottrie per
leggere. I medici non capiscono come mai. Il problema è che questo signore
ha subito l'asportazione del cristallino da adulto: che cosa cambia se i
cristallini vengono asportati prima ancora che la capacità visiva si sia
sviluppata completamente?
Per il momento sembra proprio che Alice ci veda bene, anche senza occhiali.
I suoi genitori hanno dovuto fare una scelta coraggiosa: arrendersi
all'evidenza e non ascoltare le minacce di medici che però si rifiutano di
prendere in considerazione un fenomeno che non è spiegato dalle loro attuali
conoscenze.
POSSIBILE CHE ALICE SIA L'UNICA?: SE CONOSCETE CASI SIMILI, SE SIETE SENZA
CRISTALLINI E CI VEDETE BENE, SE SIETE UN MEDICO E PENSATE DI POTERE DARE
MAGGIORI INFORMAZIONI SU QUESTO CASO, O DI ESSERE DISPOSTI A VISITARE ALICE
GUARDANDOLA DAVVERO, SCRIVETE A: ALICE , I suoi genitori ve ne saranno
grati.
Group: Visus
Subject: R: clear flash e caratteri piccolissimi
Message: 1106
Questo messaggio di Fabrizio è di una importanza fondamentale, secondo me.
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 1.21
Ed invito chi lo avesse letto di fretta a rileggerlo di nuovo con
attenzione. Perchè evidenzia una grande verità.
>-----Messaggio originale---->Da: BRANCALEONE FABRIZIO [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 18 giugno 2002 21.30
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] clear flash e caratteri piccolissimi
>nella precedente e-mail che ci ho inviato ad un certo punto chiedevi di
>parlare delle nostre esperienze in merito ai clear flash in una
>correlazione con la centralizzazione.
Ti ringrazio molto per il tuo feedback. Li trovo tutti interessanti,
davvero, ma questo è un messaggio davvero "particolare".
Nel tuo messaggio scrivevi:
>Nella mia esperienza la lettura dei caratteri piccolissimi rappresenta
>un sistema per raggiungere uno stato di visione perfetta . In cui sono
>io a provocare consciamente iil clear flash.
>Quando mi pongo di fronte al foglio dove è stampato il metodo Bates in
>una conchiglia dapprima partendo dai caratteri 2,5 li vedo in modo non
>chiaro poi man mano che faccio scorrere lo sguardo sopra le parole le
>lettere si stagliano sempre più nitidamente finché lla sbavatura si
>azzera e ogni singola lettera viene vista nitida e senza veddiere le
>lettere circostanti. Poi passo al carattere 2, 1,5 e 1; anche in
>quest'ultimo caso riesco a vederle perfettamente nere a una distanza
>di 22, 23 centimetri il che vorrebbe dire vedere il carattere di10 a
>230 centimetri per cui ritengo che in quel momento la visione sia
>ottima. Non so se quello che chiedevi di raccontare è questo; casoma i
>rispondendo a questa mail potrai approfondire quanto che ha detto.
Ti rispondo per punti.
>Nella mia esperienza la lettura dei caratteri piccolissimi rappresenta
>un sistema per raggiungere uno stato di visione perfetta . In cui sono
>io a provocare consciamente iil clear flash.
Consciamente hai potuto fare solo una cosa: smetterla di usare gli occhi
come dicevi tu e lasciare a loro, in totale autonomia , il compito di
vedere (processo che DEVE essere passivo!). Lasciando andare i tuoi occhi
hai potuto provocare il clear flash. Ma per lasciarli andare ci vuole un
"comando" "conscio", questo si. Può sembrare una contraddizione ma non lo è.
E' la filosofia che in fondo è alla base delle tecniche ideate da Bates.
>lettere si stagliano sempre più nitidamente finché lla sbavatura si
>azzera e ogni singola lettera viene vista nitida e senza veddiere le
>lettere circostanti. Poi passo al carattere 2, 1,5 e 1; anche in
>quest'ultimo caso riesco a vederle perfettamente nere a una distanza
>di 22, 23 centimetri il che vorrebbe dire vedere il carattere di10 a
>230 centimetri per cui ritengo che in quel momento la visione sia
>ottima.
Complimenti per il calcolo matematico! : )
Hai "visto" giusto, Fabrizio!
>230 centimetri per cui ritengo che in quel momento la visione sia
>ottima.
Questa è la grande verità, che sono certo, è sfuggita ai più, leggendo il
tuo messaggio magari un pò troppo in fretta...
E' vero: "IN QUEI MOMENTI LA VISIONE E' OTTIMA".
Forse a qualcuno potra scappare un sorrisetto di sufficienza leggendo
questo, perchè ottima da vicino non significa "ottima da Lontano".
Inviterei, in caso, questo qualcuno, a NON rendermene edotto, perchè a tale
sorrisetto risponderei con una risata così crassa, rumorosa e forse anche un
pò sguaiata, da fargli venire sicuramente un grosso mal di testa!!!
La maggior parte delle persone, se non tutti, miopi in primo luogo,
continuano a percepire il sintomo primario, la incapacità a "mettere a
fuoco" da lontano, come "IL PROBLEMA" e non come "UN SINTOMO" (cosa che
realmente e!!!).
Ribadisco: il miope NON VEDE BENE NEMMENO DA VICINO. Contariamente a quello
che si pensa normalmente.
In "quei momenti", tu stai agendo effettivamente sulla causa.
E quando la rimuovi ***la tua visione è perfetta***.
Rimuovi "la sbavatura", ma non solo, i caratteri sono "più neri" e la carta
"più bianca".
Quella è la vera visione. Non quel grigiore , da vicino e da lontano, che
nessuna lente riuscirà mai a correggere.
Rimossa la causa, col tempo sparirà il sintomo. MA continua ad eseguire
tutte le tecniche, dai modo a questo coordinamento sinergico di manifestarsi
e di far progredire il processo della "VIS MEDICATRIX NATURAE".
Continua così Fabrizio, e grazie per il bel messaggio!
Mauro.
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: Cause emozionali??
Message: 1107
>-----Messaggio originale---->Da: Guido [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 13 giugno 2002 15.43
>A: Visus
>Oggetto: [Visus] Cause emozionali??
>Ho sempre creduto che le cause emozionali fossero una cosa
>importante nello sviluppo dei problemi visivi... ma ora la mia
>posizione personale sta cambiando, infatti credo che le "emozioni
>ed i comportamenti (timidezza, chiusura....) non siano tanto
>cause, quanto CONSEGUENZE!!
Sono d'accordo con te.
Come ho scritto anche in passatto, possono essere anche un sintomo, e non la
causa.
Possono essere la causa se spingono a cercare rifugio nella lettura
"esasperata" di troppo materiale, forse fumetti in primo luogo.
Io in questo sposo in pieno la definizione di "tensione" di Bates. "Tensione
da sforzo".
Non nego, comunque ( lo dico perchè nei miei messaggi precedenti potrebbe
apparire il contrario) che anche lo stress o la tensione emozionale, possa
avere un ruolo.
Fatto sta comunque che chi ha seguito solo la strada della tensione
emozionale sta ancora al punto di partenza (e magari dice che "il metodo
Bates" non funziona). O NO???
Per il resto la tua lettera è molto interessante e molto "estoversa".
Che tu stia rimuovendo cause e sintomi? Eheheh!
Ciao!
Mauro.
>Faccio il mio caso....
>
>Estroversissimo da piccolo, un vero pagliaccio, che divertiva ed
>amava stare con la gente, ad un certo punto della sua storia si
>"vede" arrivare una bella batosta: ciecato, quattrocchi.... Ma il
>bimbetto non voleva essere quattrocchi e rimase senza occhiali....
>non vedente, ma senza occhiali... Qui scattano le tensioni con
>maestri e professori che insistono perchè metta gli occhiali....
>Ecco che il "pagliaccione" diventa la "pecora nera", il "testone",
>tutti si mettono a fare i cavoli del pagliaccio perchè tutti
>vogliono dire la loro (parenti, conosenti, compagni....)
>
>E il pagliaccio si isola! Il pagliaccio vede che le persone di cui
>si fidava, lo "tradiscono" e diventa riservato: un pagliaccio un
>po' triste... :-))
>
>Ma il paglaiccio continua nella sua vita sociale.... gioca al
>calcio.... peccato che quando gioca di sera, non vede molto bene,
>il pallone, valuta male le distanze.... e il pagliaccio diventa
>pure "brocco"....
>
>Può capitare che qualcuno saluta il pagliaccio per la strada....
>ma il pagliaccio non lo riconosce a distanza.... :-)) Il tipo
>pensa "è sempre incazzato.... ma chi si crede di essere....." e la
>volta dopo non lo saluta più.... Se per caso una volta il
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 1.36
>pagliaccio lo saluta allora diventa "lunatico!" :-))
>
>E poi continua con altri migliaia di esempi....
>
>Chi conosce bene il pagliaccio sa che non è così strano, sa che
>non è lunatico, sa che ama divertirsi e fare festa..... eppure chi
>non lo conosce bene lo reputa strano..."perchè non ha voluto
>mettersi gli occhiali? Quello lì ha sempre delle strane fisse...."
>
>E allora ditemi voi: cause o conseguenze?
>
>Ciao, Guido
>
>PS: pagliaccio non è in senso dispregiativo... ma in senso
>divertente! :-))
Group: Visus
Subject: R: L''arte di leggere
Message: 1108
>-----Messaggio originale---->Da: Guido [mailto:[email protected]]
>Inviato: giovedì 13 giugno 2002 15.52
>A: Visus
>Oggetto: [Visus] L'arte di leggere
>
>
>Una domanda sull'ARTE DI LEGGERE
>Ma se mentre io leggo, "devo guardare gli spazi bianchi tra le
>righe e non direttamente lo stampatoo.... la centralizzazione non
>va a farsi benedire?
>Grazie per le illuminanti risposte
>Guido, sulla via dell'illuminazione :-))
Quello non è necessariamente il modo di leggere che usa chi ci vede bene!
Quella è, sostanzialmente, una tecnica!
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada...
E' una tecnica che si può applicare sempre e che funzione benissimo.
Dall'archivio di Visus, alcuni frammenti...
Ciao!
Mauro.
Per leggere correttamente, non occorre affatto procedere lentamente.
L'importante e solo farlo nel modo corretto.
Usate la tecnica della sottile linea bianca, come descritta nei messaggi
passati. E' incredibilmente efficace per ristabilire la corretta motilità
degli occhi. Provare per credere.
> > Qualche giorno fa avevo letto un messaggio, non ricordo di chi fosse, in
> > cui si diceva di leggere lentamente e di non avere "ingordigia
> > intellettuale". Io invece pratico la lettura veloce, perché è
> una tecnica
> > utile per non perdere tempo nei punti del testo che non
> interessano, oppure
...
> > In che modo la lettura lenta migliorerebbe la vista? E la lettura veloce
> > quali controindicazioni avrebbe?
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
la lettura rapida accentua tendenze tipiche dei miopi. Tutti i miopi
tendono già per conto loro a diventare lettori veloci. Per fare ciò,
fissano lo sguardo, cioé occhi, collo, spalle), riducono il respiro al
minimo e allargano (diffondono) la vista fino a comprendere una parola,
poi una frase, poi un paragrafo. In questo modo si perde la
centralizzazione, cioé la capacità di vedere davvero nitido, che per sua
natura può avvenire solo in un'area molto piccola (una lettera).
Si crea insomma meccanismo specializzato, adatto solo alla lettura, che
viene poi applicato senza rendersene conto anche alla realtà, che viene
più "letta" che vista: ad esempio guardando una persona si cerca di
vedere il viso tutto intero e tutto insieme invece di "esplorarlo" con
una molteplicità di rapidi sguardi (che è il modo naturale).
Morale: mi sembra che con la lettura veloce un miope finisca per
accentuare proprio le abitudini che dovrebbe invece smantellare: la
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 1.44
>
>
>
>
>
>
>
>
fissità dello sguardo e la perdita della centralizzazione (che Bates
chiama "fissazione centrale" e altri autori "visione nucleare).
E poi nella lettura gli occhi lavorano, vengono sacrificati. Invece
hanno bisogno di fare le cose che sono nella loro natura: muoversi,
esplorare, curiosare, vedere cose varie, con grande varietà di forme,
colori, distanze, dimensioni etc etc.
Secondo me bisogna un po' disintossicarsi dal bisogno di leggere.
Parole sante!
Sono perfettamente d'accordo su quello che scrive Maurizio.
Il miope tiene fissi gli occhi su una riga e la legge tutta.
Chi ha più mobilità li sposta due tre o quattro volte.
Dopo un pò che si fa il long swing si diventa coscenti dei propri occhi e
con un pò di attenzione è facile rendersene conto.
Alcune teorie attribuiscono l'inizio della miopia proprio al modo sbagliato
di leggere. La miopia sarebbe quindi dovuta principalmente non alla tensione
nel guardare da lontano ma alla tensione nel guardare da vicino,
E' utile anche cambiare modo di leggere.
Ne elenco tre. Tutti e tre migliori della fissità accompagnata da
"diffusione".
Quando scrivo facendo scorrere significa che il movimento deve essere più
continuo possibile, in realtà non sarà comunque continuo ma sarà composto di
una serie molto rapida di piccoli movimenti.
1) Come descritto da Bates: Leggere scorrendo gli occhi lungo la linea
bianca presente da due righe, percependo però quello che è scritto nella
riga superiore .. Leggere il libro di Bates per anteriori dettagli.
2) Far scorrere lo sguardo subito sotto la riga che si vuole leggere.
3) Far scorrere lo sguardo lungo la riga che si vuole leggere le tornare
indietro, per la riga successiva, facendo scorrere lo sguardo lungo la linea
bianca.
E' importantissimo che si percepisca un bagliore bianco tra le righe,
significa che il cervello sta in qualche modo aumentando il contrasto e
dovrebbe essere indice di assenza di tensione.
Con un pò di pratica succederà!
In questo può aiutare l'immaginazione. Durante il palming immaginate una
tabella di snellen o anche solo una singola lettera estremamente nera e
godetevi il contrasto con una sfondo bianco, bianchissimo.
Oppure immaginate un paesaggio bianchissimo, affollato di oggetti bianchi
(es. distesa innevata con una fila di bianche lenzuola stese ad asciugare
accanto ad una casa bianca dove è ferma una mucca bianca alla quale una
ragazza vestita di bianco sta mungendo del latte in un secchio dipinto di
bianco, etc.)
Comunque sarete sorpresi di constatare che la velocità diventa elevata, col
primo metodo è sorprendente, anche se bisogna abituarsi.
Inoltre l'assenza di tensione facilita la memoria!
È comunque utile ogni volta che girate la pagina effettuare alcuni secondi
di palming, ottimi 30 secondi, durante il quale
ripassate quello che avete letto ciò vi aiuterà anche a memorizzare.
Non è possibile ristabilire volontariamente gli abiti visivi corretti.
Ma puoi impiegare tecniche specifiche per far si che ciò accada.
"Quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito".
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: Uscita temporanea da Visus
Message: 1109
From: michele_amato2000
Date: sab giu 22, 2002 5.28
Message: 1110
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 5.56
From: skyrunner
Date: sab giu 22, 2002 11.45
Devo uscire temporaneamente da
Visus. Rientrerò il prima possibile!
Ciao.
Group: Visus
Subject: R: Uscita temporanea da Visus
>-----Messaggio originale---->Da: michele_amato2000 [mailto:[email protected]]
>Inviato: sabato 22 giugno 2002 17.29
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] Uscita temporanea da Visus
>
>
>Devo uscire temporaneamente da
>Visus. Rientrerò il prima possibile!
Puoi anche fare in un altro modo.
Se sei registrato sul sito, puoi disattivare l'invio dei messaggi scegliendo
"Web only" dal menu "opzioni di invio".
Ciao e... torna presto! : )
Mauro.
Group: Visus
Subject: Lettura veloce (era RAPID READING)
Message: 1111
>-----Messaggio originale---->Da: BRANCALEONE FABRIZIO [mailto:[email protected]]
>Inviato: martedì 18 giugno 2002 21.30
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] RAPID READING
>relazione che esiste tra centralizzazione e lettura rapida.
>
>Secondo quello che tu dici la lettura rapida dovrebbe essere uno dei
>più grandi nemici delladi centralizzazione in quanto abitua all'occhio a
>vedere blocchi di testo.
>
>Secondo dite una persona con vista normale che inizia a praticare la
>lettura rapida carriera miopiadi?
>
> Oppure ci è già miope praticando la lettura veloce aggrava in questo
>modo il suo difetto?
Io, dopo aver approfondito molto sul discorso visione mi sono ritrovato,
dopo un'ampia parabola, al punto di partenza, con una nuova consapevolezza.
Che il lavoro svolto da Bates non è solo una pietra miliare, ma un punto di
partenza alla base di tutto. E, cosa più importante, che è ANCORA OGGI
semisconosciuto (non a
caso titolo e perchè del lavoro di Firenze).
Questo prologo per meglio chiarire che, secondo me, da certe logiche
funzionali non si scappa. Ossia che “i principi della visione identificati
dal Dr Bates sono assolutamente corretti, ed è impossibile vedere
chiaramente senza di essi. Tali principi non sono stati inventati dal Dr
Bates. Essi sono stati creati dalla natura."
Alla tua domanda, Fabrizio, ho risposto indirettamente sia in passato, sia
sulla relazione.
E lo ribadisco anche qui:
Il Dr. William H. Bates era nel giusto quando intuì l'effetto della perdita
di centralizzazione sul sistema visivo. E la lettura effettuata nel modo
fisiologicamente errato porta alla perdita, più o meno marcata, della
fissazione centrale con conseguenze a catena su tutti gli altri processi
collegati. E relativa degenerazione delle abilità visive.
Ciao!
Mauro.
"Molti raggi convergono alla ruota.
Ma è il mozzo centrale che fa girare la ruota".(Lao Tzu)
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Message: 1112
From: maurizio cagnoli
ALICE E' L'UNICA?
Alice ha due anni e ha visitato molti ospedali, mai per turismo.
Già da piccolissima, subito dopo le prime vaccinazioni ha cominciato a
soffrire di numerosi disturbi, bronchiti, dernatiti, infezioni urinarie,
gastroenteriti.
I disturbi migliorano in seguito ad una cura omeopatica. Ma a 18 mesi sua
mamma nota che uno dei due occhi è opaco: portata dal medico, Alice viene
operata d'urgenza per una cataratta che nessuno riesce a stabilire se sia
congenita o meno, e poco tempo dopo le viene operato anche l'altro occhio.
Alice ora è senza entrambi i cristallini e i medici lasciano poche speranze:
vedrà solo luci e ombre e deve subito cominciare a portare occhiali con
lenti da 18 diottrie.
Ulteriori indagini mediche rivelano una lieve ipotonia e un rene più piccolo
dell'altro di 1 centimetro.
I genitori di Alice le mettono gli occhiali, secondo prescrizione, ma si
accorgono che lei sembra tollelarli male e quando li toglie è come se fosse
ubriaca. Nel frattempo sua mamma, poco rassegnata, decide di farle fare dei
giochi che stimolino la percezione visiva.
Alice parla molto poco e non si può interrogarla direttamente, ma i suoi
genitori si accorgono che senza occhiali sembra vederci piuttosto bene:
evita gli ostacoli, riconosce le persone, anche in fotografia, al mare
raccoglie le conchigliette distinguendole dal resto, gioca con le bolle di
sapone, vede il mare, gli uccelli nel cielo.
Durante una visita presso una psicomotricista, Alice indica esattamente
tutte le parti del corpo di un omino disegnato, alto pochi centimetri.
Quando la mamma di Alice chiede alla psicomotricista di dare un giudizio
sulla vista della bambina, la psicomotricista ribatte "Perchè? Non ha visto
anche lei che ci vede?" Ma quando le viene detto che Alice è senza
cristallini, si astiene dal fare ulteriori commenti.
La mamma di Alice comincia faticosi pellegrinaggi presso vari reparti di
pediatria e oculisti privati: nessuno le da retta, nessuno accetta di
verificare quanto Alice sembri vedere. Tutti si limitano a esaminare gli
occhi di Alice, e appena constatano che è priva di cristallini, annunciano
automaticamente che non può vedere niente a nessuna distanza.
La mamma di Alice però ha letto i libri di Bates, dove è scritto che è
possibile imparare a vedere senza cristallini. Un giorno contatta un signore
a cui è stato asportato un cristallino e che le dice di vederci bene da
lontano e di avere bisogno di una correzione di sole 2,5 diottrie per
leggere. I medici non capiscono come mai. Il problema è che questo signore
ha subito l'asportazione del cristallino da adulto: che cosa cambia se i
cristallini vengono asportati prima ancora che la capacità visiva si sia
sviluppata completamente?
Per il momento sembra proprio che Alice ci veda bene, anche senza occhiali.
I suoi genitori hanno dovuto fare una scelta coraggiosa: arrendersi
all'evidenza e non ascoltare le minacce di medici che però si rifiutano di
prendere in considerazione un fenomeno che non è spiegato dalle loro attuali
conoscenze.
POSSIBILE CHE ALICE SIA L'UNICA?: SE CONOSCETE CASI SIMILI, SE SIETE SENZA
CRISTALLINI E CI VEDETE BENE, SE SIETE UN MEDICO E PENSATE DI POTERE DARE
MAGGIORI INFORMAZIONI SU QUESTO CASO, O DI ESSERE DISPOSTI A VISITARE ALICE
GUARDANDOLA DAVVERO, SCRIVETE A: ALICE , I suoi genitori ve ne saranno
grati.
In effetti un caso del generemi viene in mente e riguarda, guarda caso la
persona che per alcuni anni ha organizzato i seminari di Buena Vista a
Milano. Il discorso è del tutto analogo al signore citato: sostanzialmente
lei ci vedeva discretamente da lontano, bene a distanze medie e aveva
bisogno di un paio di occhiali da presbite per leggere, ma nemmeno troppo
forti: giusto + 2 D.
Ora questo riapre l'annosa querelle sull'accomodazione (= la messa a fuoco a
diverse distanze): bates diceva che erano i muscoli extraoculari, i suoi
detrattori dicevano che era solo il cristallino.
Avevano raqgione tutti e due, perlomeno su questo al giorno d'oggi c'è una
certa convergenza da parte di studiosi. E avevano torto tutti e due a dire
che quello era il SOLO meccanismo in atto: ce ne sono ancora altri.
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
Date: sab giu 22, 2002 9.37
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Message: 1113
Subject: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: s p l e e n
Date: lun giu 24, 2002 9.40
From: stefano caldiron
Date: lun giu 24, 2002 10.04
From: Brancaleone Fabrizio
Date: mar giu 25, 2002 7.53
Ciao a tutti,
Qualcheduno mi sa indicare se attualmente esistono valide soluzioni
al problema dell'"occhio secco", cioè di un occhio con scarsa
lacrimazione naturale ?
Contattologi e ottici m'hanno accennato in prima all'uso di lacrime
artificiali ad alto indice di viscosità (es: Opti Tears), da usarsi in
caso di necessità per umettare l'occhio...
Altra metodica consigliatami è quella di favorire il ricambio idrico
bevendo molta acqua...Cosa che di per sè faccio già (con questo caldo
poi) ...
:))
salutissimi e un pò di frescura,
Andrea.
_ s p l e e n _______________
http://digilander.iol.it/unnow
Group: Visus
Message: 1114
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
----- Original Message ----From: "s p l e e n" <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Monday, June 24, 2002 9:40 AM
Subject: [Visus] sull' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
> Qualcheduno mi sa indicare se attualmente esistono valide soluzioni
> al problema dell'"occhio secco", cioè di un occhio con scarsa
> lacrimazione naturale ?
Spesso nasce tutto dalla sospensione, involontaria e spesso causata da
situazioni innaturali, del naturale sbattere delle palpebre.
E' utile ricordare al proprio fisico che le palpebre si possono anche
chiudere e riaprire (a volte lo dimentica ma se lo ricorda subito)
Avevo il problema al computer (che effettivamente tende a bloccare il
naturale battito delle palpebre e conseguentemente la lacrimazione) e ho
ottenuto buoni risultati con i Rasterbrille.
Questi portano infatti a risvegliare il naturale suddetto movimento
regolare.
> Altra metodica consigliatami è quella di favorire il ricambio idrico
> bevendo molta acqua...Cosa che di per sè faccio già (con questo caldo
> poi) ...
Se bevi abbastanza da far traboccare l'occhio, funziona di sicuro.
Group: Visus
Subject: Caratteri piccolissimi e clear flash 2
Message: 1115
Ciao Mauro,
grazie per le risposte e commenti alla precedente mail e scusa per gli
errori dovuti alla fretta.
Volevo fare una precisazione in merito al raggiungimento del clear flash
durante la lettura dei caratteri piccolissimi.
Quello che volevo dire era che leggendo i caratteri piccolissimi
raggiungo sicuramente il clear flash mentre gli altri clear flash di
solito ti vengono quando meno te lo aspetti.
Era quindi inesatto dire che ottengo il clear flash consciamente;
intendevo dire che la lettura implica quasi sicuramente ( a meno che non
sia stanco) il clear flash o meglio la visione perfetta.
Vorrei inoltre chiederti se condividi questa mia affermazione.
Leggendo dei testi a caratteri piccoli si stimolano i movimenti
saccadici in senso orizzontale mentre quelli verticali hanno minor
beneficio a meno che uno non legga in verticale.
Ecco perché io al termine della riga faccio correre a ritroso lo sguardo
da destra verso sinistra sulla parte bianca che divide le due righe di
caratteri.
Il bianco riposa ma nello stesso tempo tracciando una linea immaginaria
evito la diffusione in verticale perché la linea è sottilissima.
Inoltre se leggo in terrazzo nel punto in cui le ringhiere si incrociano
ad angolo retto ho l’ulteriore beneficio che posso uscire dal foglio e
accomodare a 10 metri di distanza.
Riassumendo, la lettura così fatta mi dà i seguenti benefici
1) stimola i micromovimenti in orizzontale
2) riposa l’occhio quando guardo il bianco
3) combatte la diffusione verticale grazie alla linea bianca che
traccio
4) rilassa i muscoli del collo quando accompagno dolcemente lo
sguardo
5) accomodo lontano vicino evitando che il cristallino sia sempre
nella stessa posizione.
Ciao e grazie. Fabrizio
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1116
Subject: R: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Ciao a tutti,
Qualcheduno mi sa indicare se attualmente esistono valide soluzioni
al problema dell¹occhio secco", cioè di un occhio con scarsa
lacrimazione naturale ?
Contattologi e ottici m'hanno accennato in prima all'uso di lacrime
artificiali ad alto indice di viscosità (es: Opti Tears), da usarsi in
caso di necessità per umettare l'occhio...
Altra metodica consigliatami è quella di favorire il ricambio idrico
bevendo molta acqua...Cosa che di per sè faccio già (con questo caldo
poi) ...
Si, esiste il metodo Bates :-))
L'occhio secco dipende essenzialmente da come l'occhio viene usato: se viene
usato in modo naturale (= metodo Bates) è naturalmente umido; se viene
usato in modo innaturale, no.
Le lacrime artificiali sono per l'appunto artificiali e non risolvono il
problema (anzi, lo creano).
Il metodo Bates ti richiede di:
- non fissare mai lo sguardo (con conseguente diffusione della vista)
- Battere le palpebre in modo naturale (circa ogni 10 secondi)
Tutte le altre attività del metodo Bates sono funzionali e sostengono questi
aspetti. e quindi devono essere inserite nelle abitudini quotidiane.
Parlando di occhi secchi e occhi umidi, va ribadito che una cornea umida è
una cornea più elastica, e quindi in grado di fare la sua parte nella
visione (è una lente che può variare anche di molto il suo potere).
Quindi, il metodo Bates (soprattutto attraverso il blinking, o battito delle
palpebre) permette di migliorare anche questo aspetto della visione, che non
va sottovalutato.
Inoltre un occhio secchio è anche un occhio inespressivo, che non comunica
emozioni, e contribuisce a quella tendenza, molto diffusa tra i miopi, a
evitare un contatto emotivo con il mondo.
Si direbbe quasi che alcuni VOGLIANO tenere gli occhi in un atteggiamento
di non contatto (e quindi secchi e sbarrati), in maniera analoga a quella
From: maurizio cagnoli
Date: mar giu 25, 2002 4.38
con cui si evita di respirare più pienamente proprio per evitare di sentire
più pienamente le emozioni.
Ma questa è un'altra storia....
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Message: 1117
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: Antonio
Date: mar giu 25, 2002 8.16
From: [email protected]
Date: mer giu 26, 2002 9.43
prova il "COngar"; collirio omotossicologico, e vedi se funziona!
sappimi dire
antonio miclavez
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
Da: "s p l e e n" <[email protected]>
Risposta: [email protected]
Data: Mon, 24 Jun 2002 09:40:59 +0200
A: [email protected]
Oggetto: [Visus] sull' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
Ciao a tutti,
Qualcheduno mi sa indicare se attualmente esistono valide soluzioni
al problema dell'"occhio secco", cioè di un occhio con scarsa
lacrimazione naturale ?
Contattologi e ottici m'hanno accennato in prima all'uso di lacrime
artificiali ad alto indice di viscosità (es: Opti Tears), da usarsi in
caso di necessità per umettare l'occhio...
Altra metodica consigliatami è quella di favorire il ricambio idrico
bevendo molta acqua...Cosa che di per sè faccio già (con questo caldo
poi) ...
:))
salutissimi e un pò di frescura,
Andrea.
_ s p l e e n _______________
http://digilander.iol.it/unnow
Per
> inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe
> from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare
> una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
>
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
> http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Message: 1118
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
> prova il "COngar"; collirio omotossicologico, e vedi se funziona!
> sappimi dire
> antonio miclavez
>
Forse non hai letto la risposta di Maurizio o forse non sei d'accordo
con il suo contenuto o forse semplicemente ti sei trovato bene con quel
prodotto.
Io nel '95 usavo un prodotto analogo (Yalistyl) per poter usare delle
lenti a contatto semirigide, ma la cosa era diventata una schiavitù
perché gli occhi si seccavano in continuazione ed ero costretto a
versare gocce del costoso collirio.
Ora non uso più lenti e i miei occhi sono più umidi grazie al blincking
e quando vedo che questo non basta provo a muovere i bulbi oculari in
varie direzioni e a questo punto quasi sempre si verifica lacrimazione
abbondante; in quei rarissimi casi in cui questo non si verifica faccio
il massaggio cinese di arcate sopraccilliari, setto nasale e zigomi che
spesso mi fa lacrimare mentre tratto il setto nasale, una sola volta
nella mia vita mi sono poi bevuto un bicchiere d'acqua e ho ricominciato
dal blincking.
Ciao
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Message: 1119
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: Visione & Benessere
Date: mer giu 26, 2002 9.47
From: stefano caldiron
Date: mer giu 26, 2002 10.23
Ciao, una nostra socia soffriva di occhio secco da 3 anni e l'omeopata le ha
detto che questo è uno dei classici sintomi di un'alimentazione basata
troppo sui carboidrati. Niente più pasta pane e pizza. Niente più aria
condizionata e riscaldamento ad aria. Umidificatore. Propoli per un anno
intero e semi di pompelmo.
Adesso sta bene: era tutta la mucosa nasale e rinofaringea ad essere
disseccata
Cambiando un po' l'alimentazione, usando un collirio omotossicologico e
"blinkando" e "shiftando" dovrebbe proprio passare.
Ciao
V&B
www.visionebenessere.it
[email protected]
> > Ciao a tutti,
>>
> > Qualcheduno mi sa indicare se attualmente esistono valide soluzioni
> > al problema dell¹occhio secco", cioè di un occhio con scarsa
> > lacrimazione naturale ?
>>
> > Contattologi e ottici m'hanno accennato in prima all'uso di lacrime
> > artificiali ad alto indice di viscosità (es: Opti Tears), da usarsi in
> > caso di necessità per umettare l'occhio...
>>
> > Altra metodica consigliatami è quella di favorire il ricambio idrico
> > bevendo molta acqua...Cosa che di per sè faccio già (con questo caldo
> > poi) ...
>
>
>
> Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
>
> To unsubscribe from this group, send an email to:
> Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
indirizzo:
> [email protected]
>
>
>
> L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle
http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
>
Group: Visus
Message: 1120
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
----- Original Message ----From: "Visione & Benessere" <[email protected]>
To: <[email protected]>
Sent: Wednesday, June 26, 2002 9:47 AM
Subject: Re: [Visus] sull' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
> Ciao, una nostra socia soffriva di occhio secco da 3 anni e l'omeopata le
ha
> detto che questo è uno dei classici sintomi di un'alimentazione basata
> troppo sui carboidrati. Niente più pasta pane e pizza.
Va bene, ma da "basata troppo" a "niente più pasta pane e pizza" mi sembra
che si esageri.
Forse era passata dal "pasta pane e pizza" a "cereali integrali, cous-cous,
in Cina hanno molto riso" ?
Lo dico perché qualcuno potrebbe criminalizzare i carboidrati, come fonte
primaria di calorie, e sarebbe sbagliato.
> Niente più aria
> condizionata e riscaldamento ad aria.
Ecco.
saluti stefano.
Group: Visus
Message: 1121
Subject: Ogg: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: ideamatic1
Date: mer giu 26, 2002 10.25
From: Caterina Polini
Date: mar giu 25, 2002 11.29
--- In [email protected], "s p l e e n" <[email protected]> ha scritto:
> Ciao a tutti,
>
> Qualcheduno mi sa indicare se attualmente esistono valide soluzioni
> al problema dell'"occhio secco", cioè di un occhio con scarsa
> lacrimazione naturale ?
>
> Contattologi e ottici m'hanno accennato in prima all'uso di lacrime
> artificiali ad alto indice di viscosità (es: Opti Tears), da usarsi
in
> caso di necessità per umettare l'occhio...
>
> Altra metodica consigliatami è quella di favorire il ricambio idrico
> bevendo molta acqua...Cosa che di per sè faccio già (con questo
caldo
> poi) ...
>
> :))
>
> salutissimi e un pò di frescura,
> Andrea.
Ciao!
Avevo già risposto, ma non so che fine ha fatto la risposta...
Riassumendo, anch'io ne ho sofferto tempo fa, ho iniziato ad usare
colliri e ho scoperto che "lavano" via i lipidi ed altre sostanze
lubrificanti, peggiorando la cosa notevolmente dopo il sollievo
iniziale. Praticamente alla fine uno dovrebbe mettere le gocce in
continuazione.
Ho risolto con il long swing + palming, come consigliato nel libro di
Bates, prima di andare a dormire 5 min. tutte le sere.
Sapevate che esiste un'operazione chirurgica per l'occhio secco?
Praticamente ti chiudono il condotto lacrimale inferiore, così le
poche lacrime a disposizione non se ne vanno e restano nell'occhio...
Roba da x files.
Auguroni
Paola de S.
Group: Visus
Subject: R: Pazienza
Message: 1122
-----Messaggio originale----Da: rosalba canelli <[email protected]>
A: [email protected] <[email protected]>
Data: lunedì 17 giugno 2002 10.57
Oggetto: Re: [Visus] Pazienza
(Ciao Caterina, mi dispiace molto di non averti potuto srivere venerdi',
purtroppo non ne ho avuto il tempo, sono una mamma "indaffarata" che ha il
collegamento ad internet
solo in ufficio.)
Ecco tra mamme indaffarate ci si intende!
( Sono sicura che come me anche molte altre persone leggeranno la storia di
Alice, io l'ho fatto immediatamente e visitando le altre pagine del sito
alla fine non ho avuto il tempo materiale per rispondere.)
Sai che uno di loro mi ha scritto in privato:" Cara mamma hai sbagliato
mailing-list!"
(Capisco cosa hai provato in tutto questo calvario, intanto perchè ogni
genitore preferirebbe che una qualsiasi "malattia" capitasse a se stesso
piuttosto che al proprio figlio, eppoi penso che sia un diritto dei malati
NON ESSERE PRESI IN GIRO dai medici! La storia di tua figlia sembra quasi
uno dei tanti casi di "malasanita'" con la differenza che quando dimenticano
una forbice nello stomaco di qualcuno non possono negare, mentre con Alice
negano l'evidenza!)
Io sono un'ottimista in questo caso la malsanità ha un risvolto positivo mia
figlia in fondo ci vede malgrado tutto e tutti!
( Pensa che nell'ultimo anno di asilo della mia bimba + grande (tra circa un
mese compie 9 anni) mi hanno detto di farle fare una visita oculistica, il
risultato è stato che era un po astigmatica ed aveva bisogno di lenti da
riposo solo per quando scriveva, ecc. Io avevo gia' sperimentato su me
stessa il metodo Bates con successo ero un po' restia a farle mettere gli
occhiali, pero' non era facile far fare ad una bimba non tanto grande alla
fine glie li ho comprati, ma li ha messi poco, quasi niente, ed io
nell'essere un po' "combattuta" non ho insistito piu' di tanto. Il
risultato? dopo un anno la riporto al controllo ed era migliorata! Grazie
agli occhiali...che non aveva messo!!!)
Anch'io ho anche una figlia più grande di quasi 11 anni, anche dai nostri
figli abbiamo molto da imparare! E noi cerchiamo di educarli dimenticando
che alle volte l'istinto ci può salvare!
( Purtroppo c'è un giro di soldi enorme dietro la vendita di occhiali lenti
ecc. oramai non sanno + cosa inventarsi: hai visto la pubblicita' delle
lentine nigth&day, quelle che si tengono per 1 mese senza toglierle mai? Ma
come si puo' pensare che un prodotto del genere non sia dannoso per gli
occhi?)
Siamo proprio sulla stessa lunghezza d'onda: anch'io ho fatto gli stessi
pensieri sullo stesso prodotto!
( Eppoi cercano di scoprire chissa' quali strumenti per guarire quando gli
strumenti il Padre Eterno ce li ha dati in natura! Hai mai sentito parlare
di "cheratologia pneumatica", io ho trovato un articolo proprio l'altro
giorno su questo nuovo intervento per la miopia, dalla descrizione è
allucinante pero' secondo l'articolo, pur essendo ancora in via di
sperimentazione dicono che non ha controindicazioni (come fanno ad
affermarlo?) che è una tecnica "non invasiva" (sotto quali parametri? quelli
del laser?), e i risultati "potrebbero duare a lungo (?). Il "bello" di
tutto cio' è che spendono anche tanti soldi per ricercare quello di cui non
abbiamo bisogno.
Io volevo farti una domanda-proposta: visto che sono andate delle persone a
Striscia per informare sugli effetti collaterali degli interventi con il
laser, perchè non vai anche tu a far conoscere a + gente i metodi naturali?)
Cosa ti dicevo? Già fatto un paio di mesi fa, ho mandato una mail a
Striscia, fino ad ora nessuna risposta ma continuo a sperare.
Continuo a domandarmi perchè noi "alternativi" in senso naturale non
facciamo un po' più di rumore su queste possibilità poco conosciute poi ho
pensato che striscia è un potente mezzo che fa muovere anche le forze
dell'ordine oltre che le coscienze!
( La storia di Alice è l' ideale per aiutare tutte le persone che usano gli
occhiali perchè non sanno che c'è dell'altro.Anche perchè penso che ci sia
un grosso interesse a NON far conoscere W.Bates.)
Proverò anche con il Maurizio Costanzo Show!
(In un altro sito ho letto che la federazione italiana oculisti vuole fare
una visita a Jens Larsen: questa è un'ottima idea, ma poi...gli faranno
mettere gli occhiali...e ai prossimi mondiali ce lo rifilano peggio di prima
e ci annulla altri gol! Anzi per evitare cio' propongo a tutti gli iscritti
di fare un'offerta per regalare a Larsen un libro sulle tecniche di
Bates!!!)
Qui mi trovo spiazzata, non seguo il calcio, nemmeno i mondiali ma penso di
intuire che parli del guardalinee o l'arbitro della partita con l'Italia
Ciao, grazie di cuore.
Caterina
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
-----Messaggio originale----Da: maurizio cagnoli <[email protected]>
Message: 1123
From: Caterina Polini
Date: mer giu 26, 2002 10.26
A: [email protected] <[email protected]>
Data: domenica 23 giugno 2002 10.54
Oggetto: R: [Visus] Alice, risposta a Caterina
(> ALICE E' L'UNICA?
>
>
In effetti un caso del generemi viene in mente e riguarda, guarda caso la
persona che per alcuni anni ha organizzato i seminari di Buena Vista a
Milano. Il discorso è del tutto analogo al signore citato: sostanzialmente
lei ci vedeva discretamente da lontano, bene a distanze medie e aveva
bisogno di un paio di occhiali da presbite per leggere, ma nemmeno troppo
forti: giusto + 2 D.
Ora questo riapre l'annosa querelle sull'accomodazione (= la messa a fuoco a
diverse distanze): bates diceva che erano i muscoli extraoculari, i suoi
detrattori dicevano che era solo il cristallino.
Avevano raqgione tutti e due, perlomeno su questo al giorno d'oggi c'è una
certa convergenza da parte di studiosi. E avevano torto tutti e due a dire
che quello era il SOLO meccanismo in atto: ce ne sono ancora altri.)
Anch'io penso che avessere ragione tutti e due (mi pare però che i medici
oculisti credano solo all'accomodazione da parte del cristallino!), sono
infatti convinta che niente in natura sia inutile, se il cristallino c'è ha
una sua funzione (l'errore semmai è credere che ci sia una sola funzione
come nel caso dei muscoli oculari che non servono solo al movimento
dell'occhio e delle palpebre!) Però sono convinta che la natura è talmente
saggia che sa ovviare ad eventuali disfunzioni come nel caso della mancanza
di un rene, l'altro lavora per due e diventa più grande!
Il mio modesto parere è che nel caso di mia figlia (e negli eventuali casi
simili) una parte di lavoro sostitutivo al cristallino venga fatto appunto
dai muscoli extraoculari ed il resto venga fatto dalla rielaborazione del
cervello. Mi viene infatti sempre in mente quando in alcuni film polizieschi
avviene un caso in cui le telecamere riprendono il volto del malvivente ma
l'immagine è troppo lontana e sfocata o addirittura è nascosto da un
passamontagna, allora quest'immagine viene rielaborata da un apposito
programma che ricostruisce un immagine quasi perfetta in primo piano.
Penso che i dati raccolti nel cervello di Alice prima che i cristallini
fossero opacizzati le permettano di compensare alla totale messa a fuoco dei
muscoli rielaborando l'immagine nel cervello. Cosa ne pensa?
Caterina.
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
Message: 1124
From: Caterina Polini
Date: mer giu 26, 2002 10.26
From: Antonio
Date: mer giu 26, 2002 2.36
.
>
>
>"Non conta il colore del gatto, conta che acchiappi il topo"(Confucio)
>
>Mauro Teodori
>[email protected]
>[email protected]
>
>
Grazie per avermi risposto se puoi leggere la risposta che ho dato a
Maurizio Cagnoli vorrei con te poi concludere chiedendoti: secondo te il
fatto di non avere il cristallino può influire sulla salute dell'occhio non
avendo questa barriera alla luce, nel suo caso è consigliabile l'uso degli
occhiali da sole nei momenti di massima luminosità?
Questo appunto perchè in effetti il "mio gatto" pur avendo un colore
inusuale riesce a prendere comunque il topo! Però vorrei essere tranquilla
su eventuali altri scompensi in modo da prevenire eventuali problemi. Sai se
è ipotizzata qualche altra funzione del cristallino oltre a quella della
accomodazione, tipo magari, appunto, filtrare la luce?
Grazie.
Caterina.
Group: Visus
Message: 1125
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
1 - il Valistyl non e' omotossicologico, quandi tutt'altra cosa
2- se hai risolto il problema perche' chiedi aiuto?
non occerre mi rispondi, cari saluti
antoino miclavez
> Da: "[email protected]" <[email protected]>
> Risposta: [email protected]
> Data: Wed, 26 Jun 2002 09:43:39 +0200
> A: [email protected]
> Oggetto: Re: [Visus] sull' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
>
>> prova il "COngar"; collirio omotossicologico, e vedi se funziona!
>> sappimi dire
>> antonio miclavez
>>
>
> Forse non hai letto la risposta di Maurizio o forse non sei d'accordo
> con il suo contenuto o forse semplicemente ti sei trovato bene con quel
> prodotto.
> Io nel '95 usavo un prodotto analogo (Yalistyl) per poter usare delle
> lenti a contatto semirigide, ma la cosa era diventata una schiavitù
> perché gli occhi si seccavano in continuazione ed ero costretto a
> versare gocce del costoso collirio.
> Ora non uso più lenti e i miei occhi sono più umidi grazie al blincking
> e quando vedo che questo non basta provo a muovere i bulbi oculari in
> varie direzioni e a questo punto quasi sempre si verifica lacrimazione
> abbondante; in quei rarissimi casi in cui questo non si verifica faccio
> il massaggio cinese di arcate sopraccilliari, setto nasale e zigomi che
> spesso mi fa lacrimare mentre tratto il setto nasale, una sola volta
> nella mia vita mi sono poi bevuto un bicchiere d'acqua e ho ricominciato
> dal blincking.
> Ciao
>
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
> http://bunix.cjb.net
Per inviare messaggi in lista, spedire a:
> [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per
> cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente
> indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di
> Yahoo! Gruppi è soggetto alle http://it.docs.yahoo.com/info/utos.html
Group: Visus
Message: 1126
Subject: Re: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
From: [email protected]
Date: mer giu 26, 2002 2.55
From: napoleta
Date: gio giu 27, 2002 5.01
> 1 - il Valistyl non e' omotossicologico, quandi tutt'altra cosa
Yalistyl fa comunque parte di quei colliri definiti come lacrima
artificiale.
> 2- se hai risolto il problema perche' chiedi aiuto?
Veramente non ero io ad aver chiesto aiuto; ho solo voluto dare il mio
contributo in base alla mia esperienza personale.
> non occerre mi rispondi, cari saluti
> antoino miclavez
>
Ciao
Bruno Badiali
mailto:[email protected]
http://bunix.cjb.net
Group: Visus
Message: 1127
Subject: Appello ARPC (Associazione Ricerca Prevenzione Cancro)
Cari amici, ho bisogno del vostro aiuto.
Forse saprete che l'ARPC, nei suoi dieci anni esistenza, è stata più
volte oggetto di attacchi polizieschi e giudiziari. Ciò che si voleva
provare era la truffa; così si sarebbe screditata l'associazione e si
sarebbe tolta di mezzo una voce libera e un pericolo per l'oncologia
ufficiale e per i suoi immensi guadagni. Questa accusa non fu mai
provata, tanto è vero che ogni volta il procedimento venne archiviato.
Ultimamente abbiamo subito un altro attacco. Il 7 marzo scorso la
sede dell'ARPC è stata chiusa e messa sotto sequestro dall'autorità
giudiziaria; io e due collaboratrici indagati per truffa aggravata.
Le ragioni di tutto ciò sono inconsistenti. Anzi non esistono
proprio. La tesi è: "State raccogliendo offerte? allora vogliamo
controllare se ve le intascate. Per far questo vi indaghiamo per
truffa, chiudiamo la sede dell'associazione e vi impediamo di fare la
vostra attività, perché potrebbe essere truffaldina.
Se dimostrerete di esservi comportati correttamente, magari fra uno o
due anni (questi sono i tempi) potrete riprendere l'attività". Fino
al prossimo attacco; fino a quando un altro poliziotto o magistrato
dirà: "Andiamo a controllare cosa fanno". In parole semplici tutto
ciò significa distruggere l'ARPC, con buona pace del diritto di
associazione sancito dalla Costituzione Italiana.
All'inizio di quest'anno avevo iniziato a realizzare un progetto in
collaborazione col nostro amico Görgün, ricercatore e docente
universitario, candidato al premio Nobel, inventore del GEMM, un
apparecchio elettronico che ha dato splendidi risultati nel
trattamento del cancro. Il primo passo sarebbe stato la costituzione,
in Italia, di un centro in cui rendere disponibile questa macchina.
Per reperire i fondi necessari avevo creato una struttura di
telemarketing, firmando contratti e anticipando soldi di tasca mia
per le attrezzature. I tre mesi di chiusura hanno provocato un
indebitamento di molte migliaia di euro che dovrò sostenere io
personalmente.
Ho bisogno del vostro aiuto, di tutti quelli che apprezzato
l'attività dell'ARPC e che mi stimano. E' veramente IMPORTANTE !
Inviatemi a mezzo posta o fax (l'email è meno adatta, in quanto la
firma è importante) un messaggio in cui mi comunicate il
riconoscimento e la stima per quello che ho fatto con l'associazione.
Inviatemene il più gran numero che potete, da persone e associazioni
diverse. Mi serviranno a chiudere più velocemente il procedimento su
di me e l'ARPC.
Per quanto riguarda il "destino" dell'ARPC, non esiste più una sede:
abbiamo avuto lo sfratto. Ma il mio numero di cellulare (3488718706),
l'indirizzo email [email protected] e il fax (02700441631)
continueranno a funzionare, e io cercherò ancora, nei limiti del
possibile, di aiutare i malati che si rivolgeranno a me. A settembre
deciderà l'assemblea. Vi ringrazio fin d'ora e vi invio i miei più
cordiali saluti.
Il Presidente
Alberto R. Mondini
Group: Visus
Message: 1128
Subject: Avviso - Anniversario due anni di Visus
From: [email protected]
Date: sab giu 29, 2002 12.02
From: BONFANTI GIANCARLO
Date: lun lug 01, 2002 9.27
Messaggio di avviso per eventi.
Anniversario due anni di Visus
Data: Sabato, Luglio 6, 2002
Ora: Tutto il giorno
Il giorno 6 luglio Visus compirà due anni.
Auguri, Visus!
Group: Visus
Message: 1129
Subject: Informazioni sul metodo Brian Severson.
Ho letto su un libro, "EYEROBICS", che "Brian Severson, ingegnere e pilota, ha inventato un metodo approvato dagli oculisti che consiste nell'usare le lenti come una forza
contraria [lenti da presbite], al pari dei pesi, per irrobustire la vista. Il suo metodo si chiama "Vision Freedom" ed è stato trovato da molti utilissimo nella miopia. Ho cercato su
internet tale metodo e l' ho trovato all'indirizzo : http://web.singnet.com.sg/~hanwen/vf.htm, ma tale sito è in inglese, lingua che io non conosco. Mi sapreste spiegare in cosa
consiste tale metodo, quali esercizi comprende e se esiste un libro in italiano che ne descriva tale metodo?
Grazie.
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1130
Subject: Ogg: Informazioni sul metodo Brian Severson.
--- In [email protected], "BONFANTI GIANCARLO" <[email protected]> ha
scritto:
> Ho letto su un libro, "EYEROBICS", che "Brian Severson, ingegnere e
pilota, ha inventato un metodo approvato dagli oculisti che consiste
nell'usare le lenti come una forza contraria [lenti da presbite], al
pari dei pesi, per irrobustire la vista. Il suo metodo si
chiama "Vision Freedom" ed è stato trovato da molti utilissimo nella
miopia. Ho cercato su internet tale metodo e l' ho trovato
From: ideamatic1
Date: lun lug 01, 2002 10.57
all'indirizzo : http://web.singnet.com.sg/~hanwen/vf.htm, ma tale
sito è in inglese, lingua che io non conosco. Mi sapreste spiegare in
cosa consiste tale metodo, quali esercizi comprende e se esiste un
libro in italiano che ne descriva tale metodo?
> Grazie.
Il sistema fa lavorare con 3 diversi occhiali da presbite (lenti
positive). Si inizia dal più basso (di solito +1) e ci si esercita a
leggere delle lettere e testi il più lontano possibile, cercando di
allontanare sempre di più. Quando non le si può allontanare di più
si inizia daccapo con lettere più piccole, e quando anche queste si
riescono a vedere con il braccio disteso, si passa all'occhiale
successivo (+2) e così via fino ad utilizzare il +3.
Le lenti positive "allontanano" ciò che vediamo e questo, per i
miopi, è un esercizio nel senso che è come vedere sempre in
lontananza.
La efficacia delle lente positive risiede senz'altro nel riuscire a
mettere a fuoco le lettere (clear print). Se non lo si riesce a fare,
il metodo non funzionerà per noi.
Richiede comunque molta tenacia e pazienza, e rilassamento, e pare
funzioni sopratutto con chi ha bassa miopia.
Senz'altro Maurizio sa dire di più su queste cose, e se qualcuno è
interessato, posso tradurre l'articolo (con un po' di pazienza) :-)
Salutoni
Paola de S.
Group: Visus
Message: 1131
Subject: R: Ogg: Informazioni sul metodo Brian Severson.
From: BONFANTI GIANCARLO
Date: lun lug 01, 2002 11.37
Paola, ti ringrazio tanto per la tua celere risposta e ti sarei molto grata se tu potessi tradurmi l'articolo. Hai scritto che tale metodo potrebbe funzionare per miopie lievi; a me
mancano circa 2 diottrie per occhio. Potrei trarne giovamento da tale metodo? Inoltre scrivi che Maurizio Cagnoli "sa dire di più su queste cose"; dovrei porgli il quesito a lui
direttamente o basta la mia e-mail inviata a [email protected]? (Scusa la mia ignoranza!).
Grazie di nuovo.
----- Original Message ----From: ideamatic1
To: [email protected]
Sent: Monday, July 01, 2002 10:57 AM
Subject: [Visus] Ogg: Informazioni sul metodo Brian Severson.
--- In [email protected], "BONFANTI GIANCARLO" <[email protected]> ha
scritto:
> Ho letto su un libro, "EYEROBICS", che "Brian Severson, ingegnere e
pilota, ha inventato un metodo approvato dagli oculisti che consiste
nell'usare le lenti come una forza contraria [lenti da presbite], al
pari dei pesi, per irrobustire la vista. Il suo metodo si
chiama "Vision Freedom" ed è stato trovato da molti utilissimo nella
miopia. Ho cercato su internet tale metodo e l' ho trovato
all'indirizzo : http://web.singnet.com.sg/~hanwen/vf.htm, ma tale
sito è in inglese, lingua che io non conosco. Mi sapreste spiegare in
cosa consiste tale metodo, quali esercizi comprende e se esiste un
libro in italiano che ne descriva tale metodo?
> Grazie.
Il sistema fa lavorare con 3 diversi occhiali da presbite (lenti
positive). Si inizia dal più basso (di solito +1) e ci si esercita a
leggere delle lettere e testi il più lontano possibile, cercando di
allontanare sempre di più. Quando non le si può allontanare di più
si inizia daccapo con lettere più piccole, e quando anche queste si
riescono a vedere con il braccio disteso, si passa all'occhiale
successivo (+2) e così via fino ad utilizzare il +3.
Le lenti positive "allontanano" ciò che vediamo e questo, per i
miopi, è un esercizio nel senso che è come vedere sempre in
lontananza.
La efficacia delle lente positive risiede senz'altro nel riuscire a
mettere a fuoco le lettere (clear print). Se non lo si riesce a fare,
il metodo non funzionerà per noi.
Richiede comunque molta tenacia e pazienza, e rilassamento, e pare
funzioni sopratutto con chi ha bassa miopia.
Senz'altro Maurizio sa dire di più su queste cose, e se qualcuno è
interessato, posso tradurre l'articolo (con un po' di pazienza) :-)
Salutoni
Paola de S.
Yahoo! Gruppi - Sponsor
Per inviare messaggi in lista, spedire a: [email protected]
To unsubscribe from this group, send an email to:
Per cancellarsi da questa Mail List mandare una e-mail vuota al seguente indirizzo:
[email protected]
L'utilizzo, da parte tua, di Yahoo! Gruppi è soggetto alle Condizioni di Utilizzo del Servizio Yahoo!
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Message: 1132
Subject: R: Informazioni sul metodo Brian Severson.
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
From: maurizio cagnoli
Date: lun lug 01, 2002 4.17
From: Caterina Polini
Date: lun lug 01, 2002 2.44
Ho letto su un libro, "EYEROBICS", che "Brian Severson, ingegnere e pilota,
ha inventato un metodo approvato dagli oculisti che consiste nell'usare le
lenti come una forza contraria [lenti da presbite], al pari dei pesi, per
irrobustire la vista. Il suo metodo si chiama "Vision Freedom" ed è stato
trovato da molti utilissimo nella miopia. Ho cercato su internet tale
metodo e l' ho trovato all'indirizzo :
http://web.singnet.com.sg/~hanwen/vf.htm, ma tale sito è in inglese, lingua
che io non conosco. Mi sapreste spiegare in cosa consiste tale metodo,
quali esercizi comprende e se esiste un libro in italiano che ne descriva
tale metodo?
Grazie.
BUON COMPLEANNO, VISUS!
L'uso di lenti positive per miopi è un concetto che gira da parecchio tempo.
Se ne parla ogni tanto sulle liste in inglese. In Italia un anno fa c'era
stato un tentativo di proporre un libro on line (a pagamento) basato su
questi principi anche su questa lista. Se la cosa interessa cerca
powervision o rivediti i messaggi sull'archivio di visus.
Dicevo, se ne parla da anni. Il metodo può avere qualche utilità, ma in un
certo senso va contro al metodo Bates: all'idea di trovare il modo naturale,
spontaneo e senza sforzo di vedere, sostituisce l'idea tutta occidentale di
sforzarsi sempre di più per allenarsi e diventare più forte.
Io, insieme a Bates, Skyrunner e Lao Tse, penso che questa impostazione sia
grossolanamente unilaterale e saboti in larga misura i risultati che si
propone di ottenere. Il che non vuol dire che debba essere "scomunicata", ma
presa per quello che è, magari usata, ma non posta al centro della propria
ricerca di visione.
Il sito che citi non è più attivo da paecchi anni: era gestito da uno
studente di Singapore che affrontava la ricerca della visione con lo stesso
spirito, molto "occidentale" e orientato alla ricerca del risultato.
Sia il suo interesse verso il metodo di Brian Severson sia il fatto che
abbia piantato tutto dopo poco tempo rientrano in questo atteggiamento.
Ciao
-Maurizio Cagnoli
via Palica Tiburzi 32 02040 S. Polo Sabino (Ri)
tel 0765 608283 [email protected]
Home page ³Buena Vista² http://www.metodobates.it
Group: Visus
Message: 1133
Subject: R: Relazione presentata al convegno di Firenze del 19/05/2002.
Un po' di pubblicità: su AAM Terra Nuova di Giugno c'è un articolo mio su
"osa c'è di nuovo nel metodo Bates".
C'è o non c'è del nuovo? Mah, leggetevi l'articolo.
Poi, su un numero non precisato di Donna moderna ci sarà (o c'è stato) un
articolo con tre interviste: una a me, una a Cristina Zandonella (occhi e
emozioni) e una a Luciana Magnaguagno (occhi e Qigong).
Se ne sapete qualcosa, segnalatemlo.
Ciao
-Ho trovato l'articolo su Donna Moderna appena uscito in edicola, non è
nell'allegato sulla salute ma all'interno della rivista stessa, non l'ho
ancora potuto leggere ma ho visto che occupa perlomeno una pagina intera,
mentre quello su Starbene di giugno era proprio quasi un trafiletto!
Comunque complimenti, spero diventi un'argomento più conosciuto anche dalla
gente comune e gli articoli sui giornali servono molto a questo scopo!
Ciao.
Caterina
Group: Visus
Subject: I: Programma Fine Print
Message: 1134
Inoltro in lista la email di Sara Colarossi, come da sua richiesta.
Per quanto riguarda Fine print, do subito la mia risposta:
La versione presente nella sezione files dovrebbe funzionare anche su Win
2000.
Il sito del produttore è: http://www.fineprint.com/
Il core concept non è proprio in caratteri piccolissimi. Stampato così
dovrebbe andare bene un pò per tutti.
2.5 è sicuramente più piccolo. E più indicato per i miopi. Ma si può
scendere ancora, la dimensione minima che si riesce a leggere è anche
funzione del tipo di carattere usato.
Se hai un minimo di costanza i risultati arriveranno. Leggiti bene la
documentazione che hai ricevuto, l'ho elaborata perchè sia utile e fruibile,
non per passare il tempo (già mi passa da solo, e persino troppo
velocemente!)
E cerca di eseguire tutte le tecniche (sono sinergiche)
Ciao e facci sapere!
Mauro.
-----Messaggio originale----Da: Colarossi Rosaria Pia Rita
Inviato: mercoledì 3 luglio 2002 16.37
A: [email protected]
Oggetto: R: [Visus] Programma Fine Print
Vi scrivo per sapere se esiste una analoga versione del programma Fine Print
per Windows 2000 Professional che è il sistema operativo della mia macchina.
Ho provato a stamapare con Word alcuni documenti impostando il carattere a
2,5, ma il risultato mi è sembrato molto più piccolo di quello ottenuto
stampando il Core concept dove 8 pagine sono compattate in un foglio.
Avrei voglia di avvicinarmi al emtodo in maniera più seria approfittando
magari di momenti più calmi della mia vita.
La mia miopia è di circa 6 diottrie e sono anche astigmatica.
Da bimba a 6 anni mi è stata diagnosticata una ipermetropia con astigmatismo
e prescritti gli occhiali che da bimba diligente non toglievo mai. Nel giro
di poco,1 o 2 anni non ricordo, sono diventata miope. Da piccola ero una
lettrice scatenata, divoravo pile di libri in qualsiasi condizione di
luminosità e sempre con gli occhiali.
A 16 anni ho avuto un aumento di miopia di circa un grado e non tolleravo
più le lenti, cosi su consiglio dell'oculista sono passata alle lenti a
contatto ed ho cominciato ad usare gli occhiali sottograduati per leggere da
vicino.
Da allora, nella mia vita di tutti i giorni uso le lenti a contatto
all'aperto o per vedere da lontano e gli occhiali sottograduati per lavorare
al PC o vedere da vicino, a casa.
Da quando lavoro, ormai un bel pò di anni, spesso avverto stanchezza e
tensione agli occhi con qualsiasi mezzo sia occhiali, lenti o anche niente.
Provo sollievo nel passare da un stato all'altro, ma dura poco.
L'ultima maternità, che ho vissuto in un periodo piuttosto faticoso e
stressante a casa ( ma in cui onestamente non ho particolarmente sforzato
gli occhi) , mi ha fatto perdere un altro grado.
Vorrei tanto avvicinarmi seriamente a questo metodo anche se capisco che non
sarà nè facile nè mi darà risultati immediati, perchè implica un cambiamento
delle mie abitudini visive e non solo credo (vedi cercare di staccare di
tanto in tanto per riposare occhio e mente cosa che mi rendo conto di fare
abbastanza di rado).
Spero mi possiate aiutare dandomi indicazioni sul come approcciare al meglio
e compatibilmente con il poco tempo a disposizione che ho.
Grazie per l'attenzione.
From: skyrunner
Date: dom lug 07, 2002 12.59
Sara Colarossi
Netsiel S.p.A.
Group: Visus
Subject: Anniversario due anni di Visus
Message: 1135
From: skyrunner
Date: dom lug 07, 2002 1.05
From: Cristina Franzoni
Date: dom lug 07, 2002 5.41
Sabato 6 Luglio 2002 Visus ha compiuto 2 anni.
Ringrazio tutti coloro che hanno condiviso la loro esperienza con gli altri
iscritti.
E grazie a tutte le persone "in gamba" che ho avuto modo di conoscere
attraverso questa mail list, per quello che mi hanno dato, direttamente o
indirettamente.
Questa mail list è divenuta un punto di incontro importante e l'archivio dei
messaggi passati costituisce ora una base di conoscenza importantissima.
Spero che aiuti a dissipare la vergognosa cortina di silenzio ed omertà
creatasi intorno alla NVI e che contribuisca ad alleviare sofferenze
presenti e future.
Non dimentichiamoci, MAI, che un'occhio miope è significativamente più
espsoto a malattie anche gravi, che possono persino condurre alla cecità!
******AUGURIVISUS!!!******
"La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere razionale.
Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in accordo con la
visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i fatti. Questi
potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo periodo; ma nel frattempo
il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e permane la molta sofferenza
che poteva essere evitata". - Dr. William Horatio Bates
Mauro Teodori
[email protected]
[email protected]
Group: Visus
Subject: chi sono e...come faccio?
Message: 1136
Salve a tutti e per primo a Mauro che mi ha iscritto a questa mail-list, sono Cristina dal Mugello.
E' iniziata ormai da un mesetto circa la mia esperienza di lettura della vostra posta, mi è arrivato un sacco di materiale e ho incominciato ad acquisire informazioni sulle varie
tematiche che trattate, molto interessante ma... si pone una questione, ovvero la questione: come lo gestisco questo materiale? come procedo? da dove comincio questa mia
ricerca sulla visione?
Dunque avrei bisogno di un pò di indicazioni:un libro di Bates per esempio da tenere come base, io ho letto l'arte di vedere di Huxley poi l'ho prestato e non l'ho più visto appunto,
potrebbe essere un'idea oppure quale? In secondo luogo io sono presbite, mi mancano un grado a sinistra e un grado e mezzo a destra, e astigmatica, quale è il metodo che si
confà al mio problema?
Ormai da qualche mese uso i Rasterbrille che mi permettono di non affaticarmi nella lettura e anche mi hanno leggermente migliorato la vista ma alle volte la visione è confusa e
doppia. Che fare?
Grazie molte e buona continuazione Cristina
[Sono state eliminare la parti non di testo del messaggio]
Group: Visus
Subject: R: I: Programma Fine Print
Message: 1137
From: Caterina Polini
Date: lun lug 08, 2002 2.05
From: skyrunner
Date: mar lug 09, 2002 4.07
Scusate, ho bisogno di una verifica, ho l'impressione di aver avuto la posta
elettronica bloccata dal giorno 3 fino al 7 luglio escluso, oggi infatti ho
trovato 3 mail di visus, potete dirmi se i giorni 4, 5 e 6 non sono stati
mandati messaggi a questa mailing list?
Penso che in questo caso non sia un problema visivo : ) !
Ho come l'impressione che mi sia stata bloccata la corrispondenza da quando
mi sono collegata a 2 siti di medicina naturale "sotto sequestro" di una
squadra speciale di guardia di finanza! E' possibile? Grazie!
Se così fosse se qualcuno ha risposto alla mia corrispondenza me la potete
riinviare? Grazie ancora!
Caterina.
Group: Visus
Subject: R: Alice, risposta a Caterina
Message: 1138
>-----Messaggio originale---->Da: Caterina Polini [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 26 giugno 2002 10.27
>A: [email protected]
>Oggetto: R: [Visus] Alice, risposta a Caterina
>Grazie per avermi risposto se puoi leggere la risposta che ho dato a
>Maurizio Cagnoli vorrei con te poi concludere chiedendoti: secondo te il
>fatto di non avere il cristallino può influire sulla salute dell'occhio non
>avendo questa barriera alla luce, nel suo caso è consigliabile l'uso degli
>occhiali da sole nei momenti di massima luminosità?
Ho letto da qalche parte che il cristallino potrebbe svolgere un'azione di
filtro sugli ultravioletti. Potrebbe.
Esperimenti diretti, riferiti alla mancanza di cristallino, non sono a
conoscenza che ne siano stati fatti.
Se vogliamo parlare di ultravioletti, tieni presente che anche un
normalissimo pezzo di vetro trasparente li blocca quasi del tutto. Lenti
scure dilatano la pupilla. Ed inoltre gli UV filtrano dalle zone scoperte.
Quindi paradossalmente potrebbero essere migliori lenti neutre (o positive,
come suggeriva un oculista americano, ma non trovo chi) di vetro, piuttosto
che lenti di plastica scure, sopratutto se piccole.
Per es. in automobile non dovrebbero esserci problemi.
E protegge molto anche un cappello con la visiera.
L'iride che si chiude è già una valida protezione (negli esperimenti
condotti su animali di laboratorio l'iride veniva paralizzata aperta con
somministrazione di atropina). A volte si è mantenuta anche la palpebra
aperta forzatamente. Quindi esperimento falsato.
Dal punto di vista alimentare per la retina ottimi gli alimenti ricchi di
luteina e co. (spinaci, broccoli, etc,)
Mi dispiace ma non so dirti di più sulla funzione del cristallino riferitpo
alla luce. Forse altri in lista potrebbero riportare dati interessanti.
Ciao!
MAuro.
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
Uno stralcio che parla di uno di questi "esperimenti". Surrealismo.
Whom is the average lay person to believe, and how can anybody make a
decision in the face of this very controversial dilemma? It may be helpful
to analyze the reasons and logic given by both sides of the argument in
support of their directly opposing positions. Glaring headlines may
influence people to jump to conclusions without reading all the details and
small print in long scientific papers. For example, an article appeared in
the March, 1982 issue of the American Journal of Ophthalmology entitled
"Action Spectrum for Retinal Injury from Near-Ultraviolet Radiation in the
Aphakic Monkey" by William T. Ham, Jr., Ph.D.; Harold A. Mueller; John J.
Ruffolo, Jr., Ph.D.; Dupont Guerry, III, M.D.; and R. Kennon Guerry, M.D.
The article explains that all animals were first tranquilized with an
intramuscular injection. The pupils were dilated wide open and an
intravenous injection of sodium pentobarbital was used for deep anesthesia.
Hypothermia was prevented by enveloping the animal in a thermal blanket
controlled electronically by a rectal thermometer. A special device was used
to keep the eyelids open and frequent applications of physiological saline
prevented drying of the cornea. The entire radiation beam f rom a 2,500 watt
xcnon lamp, equipped with quartz optics, was used. Xenon lamps are extremely
intense sources of light containing high levels of ultraviolet radiation.
Exposure times ranged up to 1,000 seconds, which is a little more than 16
minutes. The results produced irreparable damage to rod and cone
photoreceptors.
Using the full beam of such an intense light source directly into the eye of
an anesthetized animal with the eyelid secured open and the pupil fully
dilated presents a totally abnormal and unrealistic condition and might be
compared to somebody thrusting his hand directly into the fire of a furnace
for a little more than 16 minutes and then jumping to the conclusion that we
must live at absolute zero temperature if this procedure produced any
blisters or burns on his fingers.
Group: Visus
Message: 1139
Subject: R: Informazioni sul metodo Brian Severson.
>-----Messaggio originale---->Da: BONFANTI GIANCARLO [mailto:[email protected]]
>Inviato: lunedì 1 luglio 2002 9.27
>A: [email protected]
>Oggetto: [Visus] Informazioni sul metodo Brian Severson.
>
>
>Ho letto su un libro, "EYEROBICS", che "Brian Severson, ingegnere
>e pilota, ha inventato un metodo approvato dagli oculisti che
>consiste nell'usare le lenti come una forza contraria [lenti da
>presbite], al pari dei pesi, per irrobustire la vista. Il suo
>metodo si chiama "Vision Freedom" ed è stato trovato da molti
From: skyrunner
Date: mar lug 09, 2002 4.07
>utilissimo nella miopia. Ho cercato su internet tale metodo e l'
>ho trovato all'indirizzo :
>http://web.singnet.com.sg/~hanwen/vf.htm, ma tale sito è in
>inglese, lingua che io non conosco. Mi sapreste spiegare in cosa
>consiste tale metodo, quali esercizi comprende e se esiste un
>libro in italiano che ne descriva tale metodo?
Giancarlo, ti hanno già risposto.
La mia posizione è che comunque bisogna agire sullla causa e non sul
sintomo.
Mi risulta che l'autore del metodo, che veniva venduto (Manualetto e tre
paia di ochiali da presbite da 1,2 e 3 diottrie) a 99 dollari, sia stato
anche in prigione (il che non significa un bel niente, comunque.)
Per un periodo è stato messo su anche un gruppo di persone che hanno provato
il metodo. Lo ho seguito ed i risultati sembra siano stati meno che
mediocri. Il gruppo è ora chiuso.
Ma la cosa che non finirà mai di sorprendermi è come si dia solo fiducia a
quello che costa. E si che di risorse gratuite ce ne sono...
Allego un'estratto dal manualetto che accompagava il metodo, in inglese,
purtroppo. Non ho il tempo di tradurlo, "Sorry".
Mauro.
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
Natural Vision Improvement
Using The Plus Lens Theory
Plus Lens Theory Notes in PDF format
What you are about to embark upon is a journey to improve your eyesight
through natural means. This is a self-improvement program. This manual will
teach you a set of exercises that will improve your eyesight. The second
part of the manual will teach you how to take care of your eyes. As a result
of what you will learn from this manual, you will not have to wear
corrective lenses for the rest of your life. Then follow what is in the
second part of the manual to take care of your eyes for the rest of your
life!!!
I am sure all of this sounds very exciting to you, but of course something
of this magnitude can't be reached overnight, you will have to work for it,
you will have to work very hard. Remember, anything in life worth having, is
worth working for.
I would recommend that you set aside a notebook or a folder that is reserved
for this program.
The very first thing that you must do is write down your goal. When you
write down your goal please do not be vague, you must be very specific.
Along with your specific written goal, you must make a calendar, and on the
calendar write down whether you will spend 30 minutes or 2 hours daily on
this program. Once you have written it down, you must be committed, once you
have made that commitment, stick to it. Also you must write down at what
time you'll do the exercises. Everyday do the exercises at that time. Once
you have finished the exercises for the day, cross out that day.
Everyday you must visualize, you must visualize for at least five minutes
everyday seeing the world perfectly, visualize seeing everything clearly,
visualize seeing street signs, birds, people's faces, etc.., perfectly. Just
close your eyes, and visualize your goal as if it was accomplished. Do it
for five minutes everyday.
Everyday you must say to yourself a positive affirmation 100 times. Make up
your own positive affirmation. My positive affirmation was: "day by day, my
vision is improving as a result of doing the eye exercises, very soon I will
have perfect 20/20 eyesight, I will be able to see the world perfectly, I
will be able to see people and things perfectly".
At first you may not believe what you are saying to yourself, but that is
ok. Just say the positive affirmations that you have written down, and
everyday say it to yourself 100 times.
Goal setting, visualization, and the positive affirmations are all the tools
that the most successful people in the world utilize to accomplish their
goals. Dr. Napoleon Hill, the author of many books on the subject of success
wanted to know what ALL successful people have in common, and setting goals,
having a positive mental attitude, and visualizing their goal as if it was
achieved are what they all have in common. Don't you think it's about time
you started to imitate successful people's techniques so you too can be
successful in whatever you want to accomplish?
An individual who is nearsighted can see near, but he/she can't see distant
objects clearly.
Today in our society, our eyes spend a considerable amount of time looking
at objects that are no more than 14 inches away from our eyes. A normal eye
that does not need prescription lenses to see clearly is perfectly round in
it's muscular shape. However, a myopic eye is oblong in it's muscular shape.
But do not worry, there is hope for you. Conventional medicine states that
myopia is inherited, I beg to differ. But right now I do not want to consume
your time as well as my time and get into this debate. The exercises that
you will be performing will strengthen your eyes muscles, and it will slowly
change your eyes shape from an oblong shape to a perfectly round shape.
I suggest that you buy yourself a snellen chart. This way you can
objectively see if your vision is improving or not. The key word in the last
sentence was "objective", so do not cheat yourself. You see, I want YOU to
prove to YOURSELF that your vision CAN improve. Therefore please do an
objective self-examination of yourself with the snellen chart everyday and
see the results for YOURSELF. I want to add that your vision is fluctuating
dally, do not take my word for it, prove it to YOURSELF right now. I am sure
someone in your household does not need prescription lenses to see, so
please ask that special someone to participate in this study. Tell him/her
to read the snellen chart, I can guarantee you that that person's vision
will be clear and sharp at the 20/20 level, and then at other times it will
be less than 20/20. You can do this experiment with yourself also, with your
glasses see how your vision is, and I can guarantee you that at one time it
will be at the 20/20 level, and at other times it will be less than 20/20.
So please do take alt of that into account when you are checking up on your
progress daily. When you are checking up on your progress, and if you can
see the snellen chart slightly better today than three days, or two day ago,
then what would you conclude? In your notebook, you should write down the
progress that you are making. When you are writing down your progress,
please be as specific as you can, do not be vague. Everyday check up on your
progress at least three times, and write down the results in your journal.
Your vision will improve as long as you do the exercises and you follow what
is in the manual. However, please be patient. Your vision didn’t deteriorate
overnight, don’t expect your vision to improve overnight. When you are doing
the exercises, you will be reversing your myopia.
Since you want to improve your vision, take your glasses or contacts off.
Glasses are nothing more than a crutch. The only time you should wear your
lenses is when you need them, such as when you are driving, or looking for a
street address. For those of you that wear contact lenses, do not wear
contact lenses, instead switch back to glasses, because with glasses, you
can easily put them on, and you can easily take them off. Anytime you need
to absolutely positively need your glasses, put them on, and then when you
are done, take them off about 80% to 90% of the time in the day you won't
need your lenses. But remember, you must do the exercises, and at the same
time not wear your glasses for your vision to improve. So don’t put on your
lenses if you are just sitting around, watching television, talking to a
friend, etc... Glasses are a crutch, they are a crutch because they are
doing all of the work for you. When you take your glasses off, you are
removing that crutch, and you will improve your vision at the same time if
you do the exercises.
When you have stopped wearing your glasses for 80 to 90 percent of the day,
usually it will take a week for you to adjust to it. Many people, especially
those that have worn glasses for many years will say to themselves "but
without my glasses, I can't see a thing, I am blind as a bat without my
glasses.." That problem is a mental one. You can see, the only problem is
that you can't see clearly. Think about that last statement.
If you follow what is in the manual, you do the exercises, and then if you
put on your lenses, all the improvement that you have made, as well as all
future improvement will go down the drain. That is the had news, but the
good news is that you can go back to that old level in 10 to 15 minutes
worth of exercise time.
First you will need to purchase three pairs of plus lenses. You must buy a
+1.00, +2.00, and a +3.00 lenses. I would advise you to purchase your lenses
from a wholesale distributor instead of a drug store. Just compare the
costs, you will save a substantial amount of money. First you will exercise
with the +1.00 lens, then with the +2.00 lens, and then when you are done
with the +3.00 lens, you will have 20/20 vision back again.
With the plus lenses, you will improve one slight blur at a time. The main
purpose of the plus lenses is that they are similar to weights for your
eyes. Notice what happens when you put on the +1.00 lens, everything looks
blurry, put on the +2.00 lens, and it is very blurry, now put on the +3.00
lens and everything looks very, very, very blurry.
Also you must buy several sheets of black construction paper, so you can
glue on print on the center of the construction paper. The size of the print
that you will glue on will depend on your vision. Just experiment with
yourself put on the +1.00 lens, now place the print up to the tip of your
nose, and now slowly push away. If it gets blurrier and blurrier then this
print is for you. If you place the print on the tip of your nose, and it's
not perfectly clear, then get some print that is slightly larger this time.
Some of you that have a very strong prescription will have to start out with
headlines and large print, but some of you that only have a moderate
prescription will start out with conventional print. By the time you can see
conventional print with your +3.00 lens, with your arms stretched out, you
will have 20/20 vision.
When you are on this program, you must always push the limit everyday. If
yesterday you stopped at a certain level, then today you must challenge that
level and what was blurry yesterday should be made clear today. Everyday you
must push the limit.
While you are on this program, some of you might get headaches, so expect
them. When you do get the headaches, take a pain reliever.
This is it!!! Now you will learn the principals that you will employ to
improve your vision. First before we begin the actual exercises, you must do
a warm up exercise first. This is an exercise that will help you to relax,
as well as to rush in oxygen into your body as well as your brain. So first
stand up straight. Now spread your two feet 16 inches apart, and also spread
your arms 36 inches apart from each other. Close your eyes and imagine the
deepest darkest black that you can imagine. While you are visualizing,
inhale through your nose, inhale while counting 1,2,3, and 4, stop when the
4 seconds are up. Now count up to 4 seconds, but this time just hold your
breath for 4 seconds. When the 4 seconds are up, exhale through your mouth
for 4 seconds, when the 4 seconds are up, stop exhaling, and begin to inhale
through your nose. Do this three part breathing exercise for 5 minutes.
Concentrate on the breathing and imagining the deepest darkest black that
you can imagine only, if your thoughts wonder off to anything else, then
immediately go back to concentrating on the deepest darkest black and the
breathing. Understand this exercise before moving on.
When you are done with the breathing exercise then you must do the next
step, which is progressive muscle relaxation.
You will use muscular tension to relax yourself. Lie down on your bed or the
floor. Tense up each of the following muscles one at a time: calf,
quadriceps, buttocks, stomach, lower back, shoulders, biceps, triceps,
forearms, and the neck. What you should do is tense them, act like you are
in a bodybuilding competition and you are showing them off. You should
tense those muscles up as hard as you can for 15 seconds, and then let go of
that tension and then go on to the next one.
You will be improving your eyesight by doing a certain set of exercises.
Many of you that have very bad vision will be happy to learn that the worse
your vision is, the faster it will improve. If your vision is moderate, it
will improve, but not as fast as a person whose vision is bad. If your
prescription is more than -6.00 diopters, then you can consider it "bad". If
your vision is below -6.00 diopters, then you can consider it moderate.
After you have done the breathing and the muscular tension exercise, put on
the +1.00 lens and lie down. Now have the printed material glued onto the
center of a black piece of construction paper, and place the print up to the
level where it's perfectly dear. Place the print up to the tip of your nose
if that is what you have to do.
The print must be perfectly clear, it must be perfectly clear. Now very,
very, very, very, very, very, very, very, very, slowly push it away. As soon
as the print is no longer perfectly clear, stop. Now close your eyes gently,
then open your eyes, and then open them as widely as possible, do this 10
times. In 10 sets, what was slightly blurry should be perfectly clear. Many
people have trouble with the opening your eyes as widely as possible. You
may think you are opening your eyes as widely as possible, but if your
eyebrows are not going up an inch, then you are not doing it correctly, and
therefore your vision will not improve.
Now do the exercise, push the print away slowly, as soon as it's no longer
perfectly clear, stop. Now do the exercise. When you can see the print
perfectly clear with the +1.00 lens when your arms are stretched out to
their entire length, go on to the +2.00 lens, and then the +3.00 lens. When
you are done with the +3.00 lens you'll have 20/20 vision.
Many of you, without your glasses can't see a regular sized print, such as a
book or a newspaper perfectly clearly if it were stretched out to your arms
length. Well if you do the exercises, for several days, I will guarantee you
that you'll be able to see that perfectly clearly. In other words, what you
could not accomplish before, now you will be able to accomplish as a result
of doing the exercises. If you could accomplish such a feat, what would you
conclude?
Now back to the subject, some of you probably didn’t experience the print
clearing up when you did the exercise, well the reason why that occurred is
because you placed the print too far. The exercises that you are doing is
just like any other exercise that you would normally perform. For example,
if you could only bench press 100 lbs., and if you tried to bench press 130
lbs. you probably wouldn't be able to do it. The reason is because you are
going over what your strength would allow you to do. But if you added only 3
lbs. and you attempted to bench press 103 pounds, you would be able to do
it. We will be using the same principles for your eyes.
At first it will only take you 10 blinks to see fuzzy print become perfectly
clear, but there are six other levels, and they are: 20 blinks, 30, 40, 50,
60, and the 120 blink level. Think of your eyes like a rubber band, at first
it will be easy, but as you progress it gets slightly harder. The six other
levels is like adding more resistance. You will see the fastest improvement
on the 60 blinks and the 120 blinks level.
Even if you placed the print to the print to the level where it was
perfectly clear, you slowly pushed it away, and you stopped when it no
longer it was perfectly clear, and you did the exercise, and you made sure
that you did not place the print too far, then the problem is that your eye
muscles are weak, very, very, very weak. Your eye muscles are so weak, that
they do not have the initial strength that is necessary to do the exercises.
Well then you must follow these directions to build up your initial
strength. Place the print where it's perfectly clear, now push it away very,
very, very, very, very, slowly. As soon as it's no longer perfectly clear,
stop. Now do the exercise, close your eyes gently, and open your eyes as
widely as possible. Even though the print may not clear up because of the
predicament that you are in, usually it takes anywhere from 50 to 75 hours
of exercise time before you can experience the thrill of seeing fuzzy print
become perfectly clear. Once you have experienced that, then you can go on.
When you are doing these exercises, and if the print clears up then it
becomes blurry again, or if it clears up only halfway, or if it does not
clear up at all, then you went too far. Place the print where you can see it
perfectly clear, now push it away very, very, very, very slowly, and as soon
as it is no longer becomes perfectly clear then stop, now do the exercise.
Some of you might have two different prescriptions for your eyes, the left
eye may have a prescription of -2.25, and the right eye may have a
prescription of -2.00. Thus the right eye is stronger than the left eye. So
if you are in this predicament, then do the exercises for the weaker eye
first, once it equals the strength of the other eye, then do the exercises
for both of your eyes.
Some of you are nearsighted, but you have astigmatism, therefore everyday
when you do the exercises, find the level where the print is perfectly clear
and then do the exercises. When you are doing the exercises, you are
building up muscle strength, and at the same time you are turning the shape
of your eyes from an oblong shape to a perfectly round shape. When you open
your eyes as widely as possible, that is what you are accomplishing, you are
changing the shape of your eyes to a perfectly round shape, the natural
shape it's supposed to be.
If you want to see the fastest improvement, then do the exercises for 2
hours daily. Don't do more than 2 hours, because 2 hours is the most that
your eyes can tolerate in a single day. If you decide to take this route,
you don't have to do the 2 hours worth of exercises all at one time. You can
break up the 2 hours into 4 thirty minute sessions or whatever blocks of
sessions you may prefer. While 2 hours is the most that you can do, 30
minutes a day is the least you can do if you want to see results. If you do
the exercises for less than 30 minutes, then you will not see any results.
Also one day you can do the exercises for 30 minutes, and the next day if
you have time to kill, you can do the exercises for 2 hours, or any time in
between the 30 minutes to the 2 hour range.
This part of the manual will teach you how to take care of your eyes. You
see, you are nearsighted because you did not take care of your eyes in the
first place. What would happen to your heart, lungs, hearing ability, etc..,
if you did not properly take care of it? It would malfunction. You need to
learn how to take care of your eyes this time around, so you won't have to
wear glasses ever again for the rest of your entire life. In this part of
the manual, you will learn how to take good care of your eyes.
Once you learn these methods, you must integrate them into your life. You
must make them a habit, you are a slave to your habits, the good habits and
the bad one's. At first it will be difficult, but soon they will become a
habit.
First of all, you have to change your nutrition slightly. If you eat the
right kinds of foods, then they will help to heal and rebuild your eye's
tissues. The fight kind of foods that you must eat everyday or at least
every other day are: carrots, vegetables, and fruits, all of which have lots
of vitamin A and beta carotene. Consume green leafy vegetables, green beans,
nuts, and oils which have vitamin E. Also consume grains, liver, and
sunflower seeds, which have vitamin B.
Do not use fluorescent lights, if you do have them in your home, then get
rid of them. Fluorescent lights are irritating to the eyes because they
"flicker". If you go close enough, you can observe the "flicker"- they go on
and off, on and off, on and off, etc.., but they do it extremely rapidly.
Subconsciously your eyes are responding to the "flickering" and it is
straining your eyes dramatically.
When you are reading, doing computer work, or watching television, never do
so in the dark or without proper lighting conditions. Not having enough
light will cause your eyes to strain tremendously. Also, at the same time
make sure that you have indirect lighting, because direct lighting causes a
reflection, and that isn't good for your eyes either.
From now on, you must listen to your eyes. When your mouth needs water, it
gets thirsty. Your eyes send you signals too when you overwork them. When
your eyes are: sore, itching, tired, hurt, red, swelling or if your distant
vision is beginning to blur or if your distant vision isn't as clear as it
once was, then your eyes are telling you to "stop what you are doing now,
please take good care of me". You see, all of those symptoms are signs that
you are overworking your eyes. When your eyes send out that message, listen
to them, stop whatever you are doing and follow the advice that is given
below.
When you take a break because your eyes are telling you to stop, do a little
bit of palming. Here is how palming works. Rub your hands together very
quickly. Create a lot of heat. Close your eyes and cover them with your
palms, do not put any pressure on your eyes. Just relax, and imagine the
deepest darkest black that you can imagine. Do this simple exercise for a
minute. Do it again if you want to, palming relaxes the optic nerves, it
enhances blood circulation around the eyes, and it relieves muscular
rigidity around the eyes.
Today, in our society, we spend a lot of time doing close work, we read,
write, or do computer work. So every three minutes look out into the
distance for just a split second, then look near, then look into the
distance, etc.. Do this several times, this will stretch out your eyes.
Don't just do close work with your eyes for hours at a time. Use your
distant vision as often as you can.
When you are doing close work for several hours, in between you should take
several breaks and stretch out the muscles of the eyes. This is how you
stretch out the muscles of the eye. Close your eyes shut, then open your
eyes as widely as possible. Then return the eyes to their normal way. Now
look up as far as possible, then look down as far as possible. Then blink
very quickly for a minute. Then look as far right as possible, then look as
far left as possible. Now blink rapidly once again for a minute. Look
diagonally up to the left, then look down to the right diagonally, look
diagonally up to the right, then look down to the left. Look diagonally down
to the left, then look diagonally up to the left. Look diagonally down to
the right, then look diagonally up to the left. You can also do eye
rotations. Rotate your eyes in slow circular motions. You can also stretch
your eyes out by looking at the tip of your nose, and then look at an object
that is out in the distance.
Stretch your eyes whenever you feel your eyes are tired, sore, itchy,
strained, teary, etc... Stretch your eyes out whenever you are going to do
close work for prolonged periods of time.
People that are nearsighted do not blink as often as people with normal
healthy vision do. Normally, a person should blink anywhere from 10 times to
20 times a minute. When we blink less than 10 to 20 times a minute, we dry
our eyes out. Also not blinking leads to staring. Blinking rests the eyes,
it stretches the ocular muscles, massages the eye balls, and it forces the
pupils to contract and expand. Blinking is even more important when you are
doing close computer work or reading. So blink as often as you can I would
like you to do this study for yourself Observe someone who is doing close
computer work or if that person is reading, check how many times that person
is blinking. Also check how many times you blink when you are doing close
computer work or reading. So whenever you are doing close work, blink, and
blink as often as yon can.
When you are not doing anything, move your eyes around. Move them, and move
them from one object to the next object as quickly as possible. This will
stretch out your eyes. Remember, we spend a substantial amount of time using
our close vision, but not our distant vision. Also, when you are not doing
anything, close your eyes, then open them as widely as possible, then return
them to their normal shape. You will notice a quick flash of slightly
improved vision.
When it comes to stretching your eye muscles, the possibilities are endless.
So just let your imagination run and you can invent your own method to
stretch out your eye's muscles.
Now I would like to end on a positive note, but unfortunately, many people
who try this method fail. Why do they fail, they fail because they give up
too easily. They face an obstacle, and instead of going up against this
obstacle, they will give up. I hope you persist, do not give up, remember,
you are about to accomplish something wonderful in your life, now don't you
think that this will cost you something?
Group: Visus
Message: 1140
From: skyrunner
Subject: Latte e cereali? No grazie (Era R: sull'' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione)- Lungo
>-----Messaggio originale---->Da: stefano caldiron [mailto:[email protected]]
>Inviato: mercoledì 26 giugno 2002 10.23
>A: [email protected]
>Oggetto: Re: [Visus] sull' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
>
>
>
>----- Original Message ---->From: "Visione & Benessere" <[email protected]>
>To: <[email protected]>
>Sent: Wednesday, June 26, 2002 9:47 AM
>Subject: Re: [Visus] sull' "Occhio secco" e scarsa lacrimazione
>
>
>> Ciao, una nostra socia soffriva di occhio secco da 3 anni e l'omeopata le
>ha
>> detto che questo è uno dei classici sintomi di un'alimentazione basata
>> troppo sui carboidrati. Niente più pasta pane e pizza.
>
>Va bene, ma da "basata troppo" a "niente più pasta pane e pizza" mi sembra
>che si esageri.
>
>Forse era passata dal "pasta pane e pizza" a "cereali integrali, cous-cous,
>in Cina hanno molto riso" ?
>
>Lo dico perché qualcuno potrebbe criminalizzare i carboidrati, come fonte
>primaria di calorie, e sarebbe sbagliato.
No, sarebbe giustissimo!
Ciao Stefano.
Il discorso sui carboidrati sarebbe lungo e off topics su questa lista.
Non voglio convincere nessuno e mi scuso per l'argomento parzialmente fuori
tema.
Date: mar lug 09, 2002 4.41
Io non li criminalizzo. Peggio!!!
Dico che i carboidrati "ad alta densità" (come pane, pasta, patate, riso,
etc) se assunti in grandi quantità (e la nostra dieta ce ne fa ingerire
quantita *E N O R M I*) hanno effetti deleteri sulla nostra salute.
I carboidrati li troviamo anche in frutta e verdura. La differenza e che in
questi sono associati anche ad una quantità di nutrienti. Pane e pasta sono
calorie vuote. Assorbono risorse invece che fornirle. Accellerano
l'invecchiamento (carino lo specchietto su Men's healt di questo mese),
deprimono il sistema immunitario, etc. etc.
Se poi a questa aggiungiamo anche il latte vaccino (domanda tipica: "ma... e
il calcio?") gli effetti sono devastanti.
Carie e molte malattie degenerative (tra cui l'osteoporosi) sono apparse
quando l'uomo ha iniziato a nutrirsi di granaglie (cibo per gli uccelli) e
di latte (cibo per i vitelli).
Non parliamo della sostituzione dellatte materno col latte veccino per i
bambini, poi...
Ma pensiamo agli interessi delle multinazionali. Tutto quello che è
stoccabile, conservabile, elaborabile e facilmente trasportabile è fonte di
guadagni immensi, spesso per poche compagnie. Che schiacciano tutto il
resto. Anche la verità.
I cereali in particolare hanno avuto un ruolo importante quando le capacità
di gestire il discorso nutrizione erano primitive. Cereali e formaggi si
conservavano bene, sempre.
Non sono cibi adatti a noi. Oggi se ne può fare a meno.
Punto.
Anche su suo ultimo libro (in italia è stato vendutissimo e sono sicuro che
molti in lista lo seguono) "The soy zone", Barry Sears cambia radicalmente
le sue posizioni su cosa far "sparire" dalla dispensa.
Ecco cosa scrive:
FOODS TO REMOVE FROM YOUR KITCHEN
• White and brown rice
• Pasta
• Breakfast cereals and cereal-based nutrition bars
• Instant mashed potato
• Polenta, couscous, bulgur wheat, and other grains (except barley and
steel-cut oatmeal)
• Bread (including whole wheat and whole grain), breadsticks, and tortillas
• Ice cream, sorbet, tofu ice cream, and Popsicles
• Potato chips, corn chips, pretzels, and crackers
• Cake, cookies, and other sweets
• White and whole wheat flour
* Cornstarch ~
• Sugar
• Juice (including orange juice and apple juice)
• Sugary sodas
• Sweetened yogurt
• Honey
Nota che fa togliere pane pasta riso...
Le traduzioni dei suoi libri in italia sono fatte per compiacere il grande
pubblico, sono ricette anche riadattate. Sul nuovo toglie quello che in
italiano è usato in grande quantità.
Ma d'altra parte anche la "dieta paleolitica" in italia è stata riadattata
(praticamente ti farebbero fare tutto il contrario)
Ma non è il solo testo da leggere.
La bibliografia è lunghissima.
Io ne ho letti , bene, 13. E ne ho una decina in libreria ora.
Parlo da ex-vegetariano, che di cereali ne ha mangiati...
Chi ha voglia può approfondire.
Allego un testo già circolato in lista tempo fa.
Mi scuso per la ripetizione e per il messaggio lungo.
vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvv
Siamo uomini o vitelli?
"Fino a due anni i bambini dovrebbero essere alimentati con latte materno.
Dopo i due anni, dimenticate ogni tipo di latte!". Questa vera e propria
bomba e stata fatta recentemente esplodere dal celeberrimo dottore Benjiamin
Spock, padre della moderna pediatria. Il suo libro "Baby and child care" ha
venduto ben 40 milioni di copie in tutto il mondo, affermandosi come il
vangelo dello svezzamento e della cura di neonati e bambini. Oggi Spock, che
aveva sempre consigliato il latte vaccino, ha radicalmente cambiato idea,
abbracciando le tesi che da anni molti medici ed esperti (nonché
vegetaliani, macrobiotici ed igienisti) propugnano: il latte vaccino fa
male, soprattutto in fase di crescita, perché può provocare molte deficienze
immunitarie e disturbi vari, tra cui l'anemia, allergie e persino un
insufficiente sviluppo cerebrale. Spock, dunque, si trova ora fianco a
fianco col Prof. Frank Oski, direttore del Reparto Pediatrico della
prestigiosa John Hopkins University di Baltimora ed ex-presidente della
Societh Americana per le ricerche in pediatria, che in molti libri (tra cui
il provocatorio "Non bere il tuo latte") sta da oltre quindici anni facendo
una crociata anti-latte di mucca.
Le multinazionali del latte, quelle che hanno imposto l'immagine del bianco
alimento come cibo perfetto per bambini, stanno tremando e hanno già fatto
scendere in campo i soliti professoroni in camice bianco.
Il rapporto preparato per la Conferenza Internazionale sulla Nutrizione
FAO/OMS che si terra a Roma in dicembre, riporta testualmente:
"all'allattamento al seno viene universalmente riconosciuto un ruolo di
primaria importanza per garantire il migliore stato di nutrizione del
bambino e per prevenire importanti malattie dell’età pediatrica (affezioni
gastrointestinali, allergie, obesità, ecc.)". Dice inoltre che "dopo i due
anni di età si osservano, con notevole frequenza, le stesse errate abitudini
alimentari riscontrabili nella popolazione adulta, caratterizzate da un
eccesso di proteine e grassi animali"
L'uomo e l'unico animale che continua a nutrirsi di latte anche dopo lo
svezzamento. Che sia il desiderio di non diventare mai adulti? Molti pensano
che da sempre l'uomo abbia consumato il latte di mucca, dandolo persino a
neonati e bambini. Non è cosi. Fino a tre secoli fa nessuno si era mai
sognato di dare latte di mucca come sostituto del latte materno e solo negli
ultimi 50 anni il consumo di latte vaccino ha conosciuto una vertiginosa
impennata, diffondendosi in tutti i paesi industrializzati. Anticamente il
latte di mucca era usato solo dai pastori-nomadi (adulti), mentre il burro,
ad esempio, veniva usato dai Romani dell'Impero di Augusto per farne
unguenti per la pelle.
... Il latte umano è l'unico nutrimento del bambino (almeno cosi dovrebbe
essere) fino al completamento della prima dentizione, detta, perciò, da
latte; pertanto, l'allattamento può protrarsi anche a 2 anni circa d’età. In
realtà lo svezzamento, che può iniziare verso il 5' – 6' mese, prosegue
lento e graduale fino a rendersi totale anche verso il 15' mese ed oltre,
con varianti dipendenti da molteplici fattori.
... Prima di tutto il latte di una madre sana e sempre fresco e
batteriologicamente puro, mentre ogni tipo di latte non umano deve subire un
processo di "cottura" ad alte temperature che ne distrugga gli organismi
nocivi (ma la stessa sorte tocca purtroppo anche alle vitamine). Latte
materno e latte vaccino non sono assolutamente uguali, se non nel colore: si
differenziano infatti nella composizione percentuale degli ingredienti
(essendo l'uno destinato a far crescere esseri umani e l'altro bovini), e
nella qualità di tali ingredienti (ad esempio le catene di aminoacidi sono
completamente diverse). Inoltre solo nel latte materno sono presenti
sostanze che immunizzano il neonato dalle infezioni (soprattutto quelle
respiratorie e intestinali), nonché la quantità di fosforo esattamente
necessaria al suo sviluppo cerebrale. Il "cucciolo" di uomo sviluppa
dapprima il cervello, mentre l'animale sviluppa prima la struttura ossea. La
quantità di lattosio, essenziale per lo sviluppo cerebrale del bambino, nel
latte umano e quasi il doppio rispetto a quella che si riscontra nel latte
vaccino. Questo fatto e facilmente spiegabile se si pensa che
l'accrescimento del cervello del bambino e molto più rapido di quello del
vitello. Usando il latte vaccino per alimentare i bambini, viene quindi a
soffrirne il loro sviluppo cerebrale e psichico. Il latte vaccino contiene
più del doppio delle proteine del latte umano, ma questo non e assolutamente
un vantaggio, perché come dice un vecchio adagio "il troppo storpia": per
essere tollerato dal neonato, infatti, va diluito, pena una forte reazione
di rigetto e danni renali. Riguardo alla presunta insostituibilità del latte
di mucca quale fonte di calcio (utile allo sviluppo di ossa e denti),
bisogna ricordare che i nostri progenitori non usavano assolutamente il
latte vaccino e avevano ossa e denti molto "compatti" e ben sviluppati, come
dimostrano i reperti fossili risalenti al Paleolitico. Il fatto che le
mucche producano un latte cosi ricco di calcio si spiega facilmente tenendo
conto delle necessita fisiologiche di accrescimento dei neonati vitelli che
inoltre dovranno sviluppare le corna. Il latte materno non deve contenere
più calcio del normale, perché e quella la quantità ottimale per far
crescere sano un bambino. Il latte vaccino, dovendo servire ai vitelli, che
hanno una velocità d'accrescimento fisico notevolmente superiore a quella
umana (raddoppiano il proprio peso dopo appena 47 giorni dalla nascita,
mentre il neonato umano lo raddoppia in 180 giorni), contiene dal 3,5% al 5%
di proteine, contro l'1,2% del latte umano. Tale notevole quantità di
proteine nel latte di mucca costituisce, quindi, una autentica overdose
proteica per un essere umano. Si è cosi accertato che quando le proteine
superano il normale fabbisogno del mammifero che assume un determinato
latte, l'eccesso determina un sovraccarico per il fegato e le reni, che
hanno il compito di eliminare i prodotti del metabolismo proteico. I neonati
umani, quando non incorrono in diarree pericolose, aumentano di peso, se
allattati con latte vaccino, molto più velocemente che se sono allattati con
latte umano. Tutto ciò ostacola lo sviluppo psichico del bambino perché
blocca, almeno parzialmente, la sua capacita d'apprendere. Tale velocità
d'accrescimento e tale che il raddoppio del peso del neonato si raggiunge
non in 180 giorni ma in soli 118, tanto che all’età di un anno, rispetto ai
coetanei nutriti con latte umano, sono più pesanti di circa 2 kg e più alti
circa di 5 centimetri, tutto ciò a causa dell'eccesso di proteine del latte
vaccino. I bambini che presentano disturbi nell'apprendimento sono l'80% di
quelli allattati con latte vaccino. Dato che il bambino presenta la massima
velocità d'accrescimento cerebrale nei primi 18 mesi di vita, alcuni
studiosi consigliano l'allattamento umano almeno sino a questa età. I medici
hanno riscontrato che oggi il giovane americano, alla visita di leva, ha già
concluso la crescita ossea, cosa che solo venti anni fa succedeva sei-sette
anni più tardi. Questo avviene perché vengono alimentati fin dalla nascita
con latte non specifico e con altri cibi iperproteici.
Ma questo dato, che ad alcuni può sembrare positivo, ha invece un lato
"oscuro" preoccupante: a una accelerazione innaturale del metabolismo e
quindi ad una crescita più veloce di quella geneticamente predeterminata si
associa un invecchiamento sicuramente più rapido.. ...Il calcio tanto
reclamizzato nel latte vaccino e in genere male assorbito dall'uomo, perché
e associato con una percentuale (relativamente) troppo alta di fosforo
(fattore inibente) e alla caseina. Nonostante ciò, nei paesi occidentali
"sviluppati" mangiamo cosi tanto da riuscire a fare un'overdose quotidiana
di calcio, il quale va a depositarsi sulle pareti delle arterie provocando,
insieme al colesterolo, l'indurimento delle stesse oppure forma calcoli
renali, o si accumula nelle articolazioni, dando vita a manifestazioni
artritiche. Il cinese medio assume appena 15 mg di calcio al giorno, eppure
ha meno carie e osteoporosi dell'americano medio, che ne ingurgita ben 800
mg.
Il latte vaccino contiene una bassissima percentuale di vitamine (da un
mezzo a un decimo rispetto a quello materno). La vitamina C che recenti
ricerche dell'Università di California hanno confermato essere un potente
fattore di prevenzione antitumorale e presente in abbondanza nel latte
materno, mentre e quasi assente in quello vaccino, anche non pastorizzato.
Il latte materno e ricco di lattosio, uno zucchero che rende più agevole al
bambino l'utilizzazione delle proteine. Inoltre il lattosio migliora
I'assorbimento del calcio e, creando un ambiente acido nel tratto
intestinale, non permette il proliferare di batteri putrefattivi. Invece il
latte vaccino contiene il galattosio che, generando un ambiente alcalino,
rende possibile lo sviluppo di tali batteri, pericolosi per il neonato. La
pastorizzazione ed il normale trattamento del latte alterano comunque le
vitamine (C,E, K e tutte quelle del gruppo B) e gli enzimi, fattori di
crescita e fattori anti-rigidità. Diversi anni fa il Dipartimento americano
per l'agricoltura fece un esperimento, allevando vitelli con latte
pastorizzato. Dopo tre mesi erano tutti morti.
Composizione del latte umano: 1,2-1,5 %di proteine, dal 3 al 5% di grassi,
dal 6,5 al 10% di carboidrati e 2% di sali: il giusto cocktail per dare al
neonato tutte le sostanze nutritive necessarie alla crescita e allo sviluppo
delle caratteristiche peculiari della specie umana. Il primo liquido secreto
dalle ghiandole mammarie della donna, subito dopo il parto, e il colostro,
ricco di proteine e lattosio, e poverissimo di grassi. Determinante in
questa prima fase la presenza di un aminoacido essenziale, la taurina,
importante per lo sviluppo del sistema nervoso centrale e della retina del
neonato, e delle immunoglobuline secretorie, che proteggono il neonato dalle
infezioni respiratorie e intestinali. Le immunoglobuline sono totalmente
assenti nel latte vaccino o in qualsiasi latte industriale. Si e notata
perciò una maggiore morbilita (cioè tendenza a contrarre infezioni) in quei
bambini allattati artificialmente.
... L'uomo e l'unico animale che si nutre di uova e latte per tutta la vita,
ed e anche l'unico animale, per quanto se ne sa, a morire giovane di
sclerosi coronarica e ad ammalarsi di arteriosclerosi in età avanzata.
Danni da latte
All'inizio del Neolitico, con l'avvento dell'agricoltura e dell'allevamento
di mammiferi erbivori, venne introdotto nell'alimentazione umana il latte
dei mammiferi non umani ed i derivati di tale latte.
Ogni mammifero produce un tipo di latte adatto solo alla propria specie.
Orbene, tra il latte umano e quello vaccino c’è un abisso! Tra i due latti
vi è la stessa differenza esistente tra una donna ed una mucca. Il latte
umano e, tra tutti i tipi di latte, quello che ha il contenuto proteico più
basso, in assoluto; ed e il più dolce.
Percentuali di proteine e glucidi (zuccheri) dei principali latti:
proteine glucidi
donna 1,2-1,5 7,00
vacca 3,50 4,80
bufala 3,67 3,60
capra 4,30 5,00
pecora 4,88 5,00
asina 2,02 5,90
Il problema dei latticini e degli altri sottoprodotti animali e molto
importante poiché essi apportano all'organismo gli stessi veleni della carne
(purine, colesterolo, ptomaine), talvolta in dosi ancor più elevate, sono
nocivi quanto e più della carne. ....Sempre più il latte d'oggigiorno
contiene sostanze chimiche d'ogni tipo, estranee alla normale composizione
del latte e dannose all'uomo. ... Un prodotto tossico. Il dottore S. Morini,
allergolo presso l'ospedale Regina Margherita di Roma, afferma che le
sostanze allergizzanti sono in prevalenza quelle del latte vaccino, che deve
essere escluso pertanto dalle diete di chi presenta allergie alimentari. Il
dottore F. Carrier, sostiene che la soppressione del latte e dei suoi
derivati, nei casi di asma, affezioni cutanee, di alcune affezioni
dell'apparato genitale femminile e di tumori produce sempre risultati
positivi ed in molti casi addirittura clamorosi.
Un danno provocato da uno dei derivati del latte vaccino, lo yogurt, è la
cateratta. In alcune zone dell'India dove lo yogurt si consuma
abbondantemente e quotidianamente la cateratta è molto diffusa. Sembra che
il galattosio in alte dosi favorisca la cateratta e lo yogurt è un alimento
tra i più ricchi in galattosio. Alcuni ne contengono sino al 24%. Il latte
negli anziani è controindicato anche per il calcio contenuto e che si
configura nettamente come un fattore di fatica e di esasperazione funzionale
della mucosa vasale e cardiaca, e promotore di arteriosclerosi e di
accidenti vascolari. Molti anziani viaggiano verso la tomba su un mare di
latte. Nel latte vaccino il calcio è presente nella misura di ben 175
milligrammi in 100 grammi di prodotto (calcio espresso come ossido di
calcio). Tale eccesso di calcio, paradossalmente, impedisce proprio
l'assorbimento del calcio stesso, come del resto è comprovato da sintomi di
rachitismo presenti in bambini nutriti con latte vaccino. E’ un luogo comune
ritenere che il latte vaccino sia indispensabile proprio per rifornirsi di
calcio; i nostri antenati, prima della domesticazione degli erbivori da
latte, avevano scheletri del tutto normali, come dimostrano i reperti
fossili. Al microscopio polarizzatore una sezione ossea di un uomo di
Neandertal evidenzia una struttura più elastica e resistente di quella di un
uomo moderno, consumatore di latte vaccino, che presenta invece alveoli
grandi in un osso duro e quindi fragile. Nei lattanti e negli adulti che
assumono latte vaccino si è potuta constatare una eccessiva eliminazione di
calcio con le urine, dovuta al forte contenuto proteico del latte di mucca.
Presso l'Istituto della Nutrizione dell’Università del Wisconsin, dopo
lunghe ricerche si è constatato che si elimina più calcio di quello che se
ne ingerisca consumando cibi ricchi di proteine. Il latte vaccino è legato
alla caseina che impedisce l'assorbimento del calcio, inoltre la maggioranza
dei consumatori di latte e di formaggi fa uso di prodotti pastorizzati,
omogeneizzati o comunque lavorati e tutte queste tecnologie degradano il
calcio rendendolo difficilmente assimilabile. Per avere calcio a sufficienza
basta mangiare verdura a foglia verde, frutta, frutti secchi, che ne
contengono abbastanza per i bisogni umani.
... Nel latte umano i grassi sono prevalentemente polinsaturi (acidi utili
contro l'arteriosclerosi), mentre nel latte vaccino prevalgono i grassi
saturi (causa di colesterolemia e arteriosclerosi) Nel latte vaccino vi è
una prevalenza di caseina, mentre nel latte umano prevale la lattoalbumina.
Un'indagine durata 30 anni in Scandinavia ha dimostrato gli innegabili
legami tra l'assunzione di latte vaccino e l'insorgere dell'artrite. Il
formaggio, a parte la carne, e molto probabilmente il peggiore alimento oggi
esistente, l'alimento più negativo per la salute umana, è un deposito finale
(una sorta di discarica) di tutti i farmaci somministrati alle mucche, degli
additivi di dubbia innocuità, dei diserbanti che passano nel corpo delle
mucche, e poi nel latte, a mezzo dei foraggi e delle granaglie che vengono
dati per alimento. Non c'e da meravigliarsi se qualche studioso ha detto che
il formaggio oggi in commercio è ai "limiti della tossicità". Un alimento
killer. Il latte in polvere si ottiene sottraendogli l'acqua di
costituzione, cioè essiccandolo. ... Uno studio condotto nel 1979 dall’
università di Berkley in California trovò che il triptofano, che è un
aminoacido presente nel latte vaccino e nei suoi derivati, stimola
abnormemente la ghiandola pituitaria accelerando l'invecchiamento del corpo.
Il dottore L.B.Franklin ( Università della Columbia inglese) condusse uno
studio su 1500 donne che presentavano noduli benigni al seno, tutte grandi
consumatrici di formaggi e altri derivati dal latte. Il latte vaccino
contiene un ormone, l'estradiolo, che promuove la rapida crescita dei
vitelli. Il dottore Franklin dimostro che era tale ormone a provocare i
noduli mammari, infatti quando queste donne eliminarono completamente i
prodotti del latte, guarirono nella misura dell'85% di esse.
Fatti e misfatti della BANDA DEL LATTE
A Roma la bufera del latte (infetto) ha imperversato su tutti i giornali
preoccupando gli abituali consumatori del bianco alimento .... Tanto più
sconvolgente, per i grandi e piccoli bevitori, in quanto il latte di vacca
ha una solida patente di alimento sano, naturale, addirittura indispensabile
alla crescita (ma qualcuno lo sa che grandi civiltà si sono sviluppate e
sono fiorite senza l'aiuto di una sola goccia di latte?). Questa patente,
per effetto automatico di "traslazione", "garantisce" anche i vari derivati
(latticini, burro, panna, formaggi freschi e stagionati, yogurt) e, grazie
alla pubblicità, madre delle più assurde e incrollabili convinzioni indotte,
viene estesa a un'infinita quantità di prodotti nella cui preparazione è
stato utilizzato latte, burro, oppure yogurt
... Meno ovvio e molto più "eversivo" raccontare come il consumo esagerato
di latte e derivati in questi ultimi decenni (in pratica dal secondo
dopoguerra) sia indissolubilmente legato alle cosiddette malattie della
civiltà. Ormai, l'abbiamo detto anche in precedenza, a tutti i livelli (a
cominciare dall'Organizzazione Mondiale per la Sanità) si riconosce che
l'overdose proteica che abbiamo fatto nell'ultimo cinquantennio non ha
portato altro che una preoccupante proliferazione delle malattie
degenerative, che sono poi quelle che affliggono l'uomo moderno, "ricco" e
industrializzato, rivelandosi in assoluto le principali cause di mortalità.
Fra i danni da overdose proteica (tenetevi forte) può essere inclusa anche
la famigerata osteoporosi, malattia sociale che colpisce strati sempre più
estesi di popolazione. A torto si è creduto (ispirati soprattutto
dall'aggressiva propaganda dell'industria lattiero-casearia) che le ossa
fatalmente perdano calcio perché non ne assumiamo abbastanza col cibo. Per
anni, allora, tutti a consigliare dosi massicce di latte e derivati perché
"tanto ricchi dell'indispensabile calcio". Oggi gli addetti ai lavori
(almeno quelli aggiornati, perché di esperti che hanno studiato solo su
libri di quarant'anni fa ne circolano ancora parecchi!) sanno che un eccesso
di proteine diminuisce la capacita dell'organismo di sintetizzare proprio il
prezioso calcio. L'incidenza di osteoporosi, infatti, è massima negli Stati
Uniti, in Finlandia, Svezia e Inghilterra, paesi dove si consumano più cibi
animali (carne, latte, burro, formaggi, uova) è minima in un paese come il
Giappone dove, per tradizione, e sempre stato rarissimo il consumo di latte
vaccino e latticini (ma anche qui, purtroppo, si registra una pericolosa
tendenza a introdurre questi alimenti nella dieta giornaliera, su modello
statunitense). Da una ricerca pubblicata già nel marzo l983 dal "Journal of
Clinical Nutrition", riguardante studi fatti su fasce di popolazione intorno
ai 65 anni, si evinceva che le donne consumatrici di proteine animali
avevano una perdita ossea del 35%, mentre le donne vegetariane solo del 7%.
Inoltre nei bambini allattati artificialmente con latte vaccino sono stati
spesso riscontrati sintomi di rachitismo
.... Verdura a foglia verde, frutta, frutti secchi, contengono abbastanza
calcio da poter soddisfare, se assunti correttamente, il fabbisogno umano
giornaliero. .... Ma chi è che non beve latte di mucca nel mondo? Il gruppo
etnico più numeroso è rappresentato dai cinesi (un miliardo di persone, pari
ad un quinto della popolazione mondiale), poi ci sono altre popolazioni
lattasi-deficienti (cioè sprovviste dell'enzima necessario a digerirlo) : il
90% degli abitanti di Taiwan, degli indiani d'America e degli Esquimesi, il
70% dei Neri d'America, il 20% almeno dei Finlandesi, degli Svedesi e degli
Svizzeri, e infine molti popoli africani, i quali negli anni passati si sono
visti sommergere dalle eccedenze di latte in polvere (spedito per "scopi
umanitari" dai paesi ricchi) che ha causato vere e proprie epidemie di
dissenteria. A questi vanno aggiunti tutti i lattanti su scala mondiale
durante l'allattamento al seno, i vegetaliani, i macrobiotici, gli aderenti
alle varie scuole igieniste, la maggior parte dei crudisti, i fruttariani e
tutti quelli allergici o ai quali semplicemente non piace.
... i latticini hanno effetti di accumulo su tutti gli organi ed in
particolar modo (essendo derivati dal latte, prodotto delle ghiandole
mammarie) tendono a concentrarsi maggiormente nel tessuto ghiandolare umano
e negli organi della riproduzione. E’ per questo che i più colpiti sono il
seno, l'utero, le ovaie, la prostata, la tiroide, le cavità nasali,
l'ipofisi, la coclea dell'orecchio e la zona cerebrale attorno al
mesencefalo. Raffreddori da fieno e problemi auditivi colpiscono molti
consumatori di latte e latticini, mentre, se l'accumulo avviene nei reni o
nella, vescicola biliare, si possono formare calcoli. Specie nei raffreddori
allergici, cessare completamente il consumo giornaliero di latte e derivati
porta rapidi e notevoli benefici. Ma in particolare le donne, ancor più
degli uomini, dovrebbero ridurre drasticamente o, meglio, eliminare
completamente latte, formaggi, panna e burro, perché tutti questi alimenti,
per le ragioni suddette, favoriscono perdite vaginali, cisti ovariche e al
seno, fibromi, tumori alla mammella e all'utero.
Come dimostrato da una ricerca condotta dall’Università della Colombia
inglese, è l'estradiolo, ormone presente nel latte vaccino e che consente ai
vitelli una rapida crescita fisica, ad accelerare l'ingrandimento di noduli
e cisti. Studiando 1500 donne che presentavano noduli benigni al seno, tutte
grandi consumatrici di formaggi e altri derivati dal latte, si constatò che,
eliminando questi prodotti, l'85% di esse guarì completamente. .... Sempre
in tema, ci sembra utile citare "La dieta di guerra ha protetto il seno", un
articolo apparso sul supplemento del Messaggero dedicato alla salute (suppl.
n.7 del 13/ 02/93), in cui si riporta che, secondo un dato emerso da uno
studio condotto in Scozia dall'organizzazione di ricerca sul cancro "Cancer
Research Campaign", le donne nate durante la seconda guerra mondiale hanno
meno probabilità di ammalarsi di tumore al seno. Secondo questi ricercatori,
la minore incidenza del male che in Inghilterra è la principale causa di
mortalità delle donne tra i 35 e i 65 anni potrebbe essere il risultato del
regime povero di calorie e proteine animali, ma ricco di vitamine (frutta e
verdura), che le 45-50enni di oggi furono costrette a seguire dato il
razionamento di carne, zucchero e latticini. Non tutti i mali vengono per
nuocere...
..... Il formaggio, specie se duro, salato e stagionato, è molto difficile
da eliminare. Rimane sotto forma di acidi grassi saturi nelle profondità
organiche, come la spina dorsale, il fegato, i reni (per non parlare delle
arterie, le cui pareti interne vengono rivestite da strati di colesterolo).
Per eliminare tutti i depositi inquinanti di latticini e formaggi ci
vogliono anni alcuni calcolano ne siano necessari almeno sette, ma tutto
dipende dal metabolismo individuale seguendo una dieta totalmente
vegetariana. Meglio ancora adottare un'alimentazione vegetariana crudista, a
base di verdure e frutta fresca (da coltivazioni biologiche, ovviamente),
che accelera la depurazione. Particolarmente preoccupante, inoltre, quanto
emerse da uno studio condotto nel 1979 dalla prestigiosa Università di
Berkley in California, durante il quale si appuro che il triptofano, un
aminoacido presente nel latte vaccino e nei suoi derivati, stimola
abnormemente la ghiandola pituitaria accelerando l'invecchiamento del corpo.
Ringiovanimento e longevità, quindi, non fanno rima con latte. A proposito
di questo è bene ricordare che il latte è veramente controindicato per gli
anziani, giacché la massiccia percentuale di calcio in esso contenuto (che,
come abbiamo già detto, associato ad altre sostanze presenti nel latte
vaccino, viene difficilmente assorbito dal nostro organismo) si configura
nettamente come un fattore di fatica e di esasperazione funzionale della
mucosa vasale e cardiaca, diventando promotore di arteriosclerosi e di
accidenti vascolari, specie coronarici. Nei lipidi del latte di mucca vi è
una quantità eccessiva di acido miristico ed anch'esso può causare
alterazioni delle arterie ed arteriosclerosi. Ma un altro dato si rivela
davvero inquietante riguardo al prodotto che beviamo oggigiorno: negli
odierni allevamenti industriali, dove le mucche sono costrette ad una
gestazione continua, esse vengono munte anche quando sono incinte e il loro
latte contiene trefoni, speciali sostanze eccito-formatrici, in pratica
ormoni della vita embrionale. Il latte vaccino oggi in commercio è ricco di
questi trefoni, per cui, al suo valore già in partenza iperplastico
(promotore cioè di un rapido accrescimento fisico), si aggiunge la forza
propulsiva di queste sostanze eccito-formatrici. Non è azzardato dedurre che
quest'impeto costruttivo abnorme (destinato a far crescere un embrione di
mucca e a farlo diventare un vitello) possa provocare moltiplicazioni
improvvise, disordinate ed incoercibili delle cellule somatiche nelle
diverse zone del corpo umano. In parole povere, riteniamo che il latte oggi
in commercio è da considerare, più che mai, potenzialmente cancerogeno. Ma,
allora, perché beviamo il latte? Prima di tutto, complice la classe medica
degli ultimi cinquant'anni, ci hanno fatto credere che fosse l'alimento
"perfetto", addirittura in grado di sostituire in tutto e per tutto il latte
materno nelle pr