I punti pubblici di accesso nel Veneto
Chiaranda Tranquillo
Regione del Veneto
Direzione Sistemi Informativi
Unità complessa tecnologie, reti e banda larga
Il progetto [email protected]
[email protected]
• Cosa sono
[email protected]
• Quanti e dove
[email protected]
• Obblighi dei beneficiari
[email protected]
• Monitoraggio
[email protected]
• Sviluppi del progetto
[email protected]
• Alcune riflessioni
Non basta realizzare le sole
infrastrutture.
Bisogna creare i servizi,
oltre alle condizioni per poterli
utilizzare nella maniera più
corretta,
intervenendo pertanto sulla conoscenza
e sulla alfabetizzazione.
Cosa sono i [email protected]
Sono punti di accesso pubblico ovvero spazi destinati ad attività per la
riduzione del digital divide:
@CCESSO
- @SSISTENZA
- @CCULTURAZIONE
-
L’accesso ai Centri e l’utilizzo dei servizi
erogati sono completamente gratuiti e
rivolti a tutti i Cittadini.
[email protected] - Lozzo di Cadore (BL)
Quali servizi offre il Centro [email protected]
@CCESSO:
Servizi che consentono ai cittadini di disporre di
una postazione individuale per accedere alla
tecnologia informatica, utilizzarne gli strumenti e
connettersi alla rete Internet.
[email protected] - Codognè (TV)
Quali servizi offre il Centro [email protected]
@SSISTENZA:
Presso il centro verrà garantita
adeguata assistenza a tutti i
Cittadini privi o con limitate
conoscenze informatiche, per
un'efficace utilizzo di Internet
con particolare attenzione ai
servizi digitali erogati dalle
Pubbliche Amministrazioni.
[email protected] - Chiampo (VI)
Quali servizi offre il Centro [email protected]
@CCULTURAZIONE:
E’prevista l'erogazione di un servizio base di alfabetizzazione
informatica finalizzato alla
riduzione del digital divide
per i Cittadini e le famiglie
che intendono avvicinarsi alla
Società dell'Informazione.
[email protected] - Roncade (TV)
Esempi di
@CCULTURAZIONE:
Alcuni Centri [email protected] hanno organizzato
delle serate dove sono state trattate
queste tematiche:
Sicurezza e protezione “Sistemi per
proteggersi da virus informatici ed altre
minacce”;
Ebook “Cos'è l'ebook, come si usa e la
lettura digitale”;
Dispositivi di puntamento “Mouse,
trackball ed altri per muovere il cursore”;
Social Network “Informazioni e capacità
dei nuovi strumenti di comunicazione”;
Driver “Cosa sono a cosa servono”.
Alcuni Centri [email protected], oltre alle [email protected]
appena citate, garantiscono anche:
@GGREGAZIONE
[email protected] - Cimadolmo (TV)
@CCESSIBILITÀ
[email protected] - San Donà di Piave (VE)
Beneficiari del progetto [email protected] ed
entità del contributo
 Tutti i Comuni del Veneto:
 fino a 5.000 abitanti, contributo di € 7.000 per
realizzare un [email protected] con almeno 3 postazioni;
 oltre i 5.000 abitanti, contributo di € 9.000 per
realizzare un [email protected] con almeno 4 postazioni;
 con 2 Avvisi pubblici nel 2010 e nel 2012 sono stati destinati
complessivamente € 2,3 milioni;
 collaborazione e coinvolgimento delle Associazioni di
volontariato sul territorio per la gestione dei Centri.
Principali obblighi dei beneficiari
 Attivazione del centro per almeno 24 mesi;
 Apertura per almeno 12 ore settimanali su almeno tre giorni;
Raccolta periodica
dei dati per il
monitoraggio;
Collaborazione con
le iniziative regionali.
[email protected] - Lozzo di Cadore (BL)
Dove sono situati i [email protected]
 Biblioteche Civiche;
 Associazioni culturali;
 Associazioni di volontariato;
 Patronati;
 Pro Loco;
 Informagiovani;
 Centri sociali.
[email protected] - Cimadolmo (TV)
Distribuzione dei Centri [email protected]
TOTALE INTERVENTI
PROVINCIA
CENTRI
FINANZIATI
VERONA
44
45
VICENZA
45
46
BELLUNO
29
29
TREVISO
32
33
VENEZIA
29
35
PADOVA
52
55
ROVIGO
42
45
VENETO
273
288
47%
53%
COMUNI
BENEFICIARI
COMUNI CON
ALMENO UN
[email protected]
COMUNI SENZA
[email protected]
Monitoraggio valutativo dei Centri [email protected]
 Durante i primi due anni di attività del centro
è stato realizzato un monitoraggio valutativo
volto ad ottenere la determinazione delle
performance dei centri [email protected];
 La rilevazione dei dati di monitoraggio è
avvenuta attraverso apposita procedura web.
Monitoraggio valutativo dei
Centri [email protected]
Nei primi due anni di attività del progetto:
 sono stati attivati 166 Centri [email protected] su 156 Comuni del
Veneto;
 Gli utilizzatori dei centri [email protected] sono stati quasi 134.000;
 Si sono dedicati all’assistenza e all’acculturazione nei centri
[email protected] oltre 200 volontari.
[email protected] - Sorgà (VR)
L’utenza dei Centri [email protected]
Comuni per classi di popolazione
Popolazione per classi d’età
Popolazione
n° di
Comuni
%
< 5.000
81
52%
5.001 - 10.000
42
27%
10.001 - 20.000
23
15%
20.001 - 50.000
6
4%
> 50.001
4
2%
Totale
156
100%
Classi d’età
0-14
15-24
25-54
55-74
OLTRE 75
TOTALE
Popolazione
222.765
147.562
718.814
386.185
177.339
1.652.665
13,5
8,9
43,5
23,4
10,7
100
Comp. %
Chi utilizza i Centri [email protected]
Gli utilizzatori sono distribuiti quasi
omogeneamente per genere.
40%
60%
MASCHI
FEMMINE
(Italiani: M 55% F 45% Stranieri: M 65% F 35%)
21%
ITALIANI
79%
STRANIERI
I Centri sono frequentati non solo da cittadini italiani,
ma anche da stranieri.
Chi utilizza i Centri [email protected]
0-14 anni
15%
15-24
anni
9%
> 75 anni
11%
55-74
anni
23%
25-54
anni
44%
Oltre alla scontata partecipazione giovanile, si è registrato un buon
coinvolgimento degli “over 50” comprese le persone non più in età
lavorativa.
Chi utilizza i Centri [email protected]
ALTRO
7%
PENSIONATO
12%
STUDENTE
37%
DISOCCUPATO
16%
OCCUPATO
28%
Grazie ai Centri [email protected], anche i
pensionati, considerata categoria
“svantaggiata” ai fini dell’inclusione
digitale, hanno potuto avvicinarsi
alle nuove tecnologie.
Servizi erogati presso i Centri [email protected]
E-GOVERNMENT
4%
E-MAIL
17%
INTERNET
37%
ALTRO
2%
HARDWARE
20%
SISTEMA
OPERATIVO
12%
SOFTWARE
OFFICE
AUTOMATION
6%
SOFTWARE
AUDIO-VIDEO
2%
Prossimi sviluppi
Consolidare e ampliare la rete dei Centri [email protected] attraverso:
 la creazione di nuovi Centri [email protected] nei Comuni non ancora




raggiunti;
il potenziamento dei Centri [email protected] esistenti, rinnovando
hardware e software;
il finanziamento di attività di animazione in tema di inclusione
digitale;
la promozione dei Centri sul territorio;
la diffusione di nuove tecnologie come i tablet.
Tutte rose e fiori?
 Curare maggiormente i contatti con i Centri [email protected], anche
attraverso visite ed incontri;
 Puntare sulla qualità dei servizi offerti e sulla preparazione
del personale addetto all’assistenza, in modo da garantire uno
standard minimo ed omogeneo;
 Promuovere i Centri [email protected] sul territorio, in particolare per
attrarre non solo potenziali utilizzatori ma anche per
reclutare volontari.
Tutte rose e fiori?
 Creare una community per collegare i Centri [email protected] tra loro
in modo da condividere e valorizzare le esperienze, le
iniziative e le attività svolte;
A tal proposito è stata
creata, in via sperimentale,
una pagina ufficiale su
facebook, che sta avendo un
discreto seguito.
Ringrazio per l’attenzione.
[email protected]
Scarica

P3 - Regione Veneto