Dossier
18
PANORAMA della SANITÀ • n°29 • luglio 2010
Molte differenze tra Regioni in parte ingiustificate
Troppi gli antibiotici
consumati in Italia
Un vasto studio sull’uso di antibiotici nel Bel Paese mette in guardia: serve maggior
controllo prescrittivo altrimenti il rischio è di renderli inefficaci a causa dell’ insorgenza
di resistenze. Reddito e condizioni di pagamento di questi farmaci guidano il livello dei
consumi a livello regionale
L’
Italia è un paese ad
alto consumo di antibiotici e con
molte differenze regionali su questo fronte, non sempre motivate
da diversi contesti socio-demografici. Campania, Sicilia e Calabria mostrano il consumo più alto
di antibiotici. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni
che ne consumano meno. Questa
disparità è solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella
struttura demografica e socioeconomica delle regioni, ma è difficile dire in modo chiaro quali
siano le regioni più virtuose e
quelle meno per quel che concer-
ne il consumo appropriato di questi farmaci.
È quanto emerso da una ricerca
coordinata da Massimo Filippini
dell’Università di Lugano e da
Giuliano Masiero dell’Università
di Bergamo e di Lugano.
Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni
Italiane per il periodo che va dal
2000 al 2007. I risultati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket regionale) e il
reddito, sono fattori importanti
per la comprensione delle differenze regionali nel consumo di
antibiotici. Analogamente a quanto emerso da uno studio effettua-
to sulla Svizzera, anche per l’Italia l’uso pro capite ambulatoriale
di antibiotici è pure influenzato
dalla struttura demografica della
popolazione e dal livello di mortalità. Inoltre, il livello di consumo di antibiotici di un certo anno
sembrerebbe influenzare il consumo di antibiotici nell’anno successivo. Il motivo di questa dinamica potrebbe essere che il loro
utilizzo forma delle resistenze batteriche che si trascinano nel tempo. È bene ricordare come la resistenza agli antibiotici (antibiotico-resistenza) possa contribuire
al fallimento terapeutico, vale a
dire che in casi di resistenza l’antibiotico non fa effetto. Se largamente diffuso, il problema della
resistenza agli antibiotici può
quindi rappresentare un grosso
pericolo per la salute di una società (aumento del tasso di mortalità da malattie infettive, aumento dei costi sanitari etc).
L’Italia è un paese a consumo
relativamente alto di antibiotici a
livello territoriale. Utilizzando i
dati resi disponibili dalla Sorveglianza Europea sul Consumo di
Antimicrobici (Esac) tra il 2000 e
il 2005, si vede che l’Italia è tra i
paesi europei che ne consumano
di più (consumo calcolato come
numero di dosi definite giornalie-
Dossier
PANORAMA della SANITÀ • n° 29 • luglio 2010
re per 1000 abitanti o DDD Figura 1). L’Italia figura tra i paesi
a maggior consumo. Al contrario,
Germania, Olanda, Danimarca e
Austria sono i paesi che consumano meno antibiotici.
Il livello medio di consumi di
antibiotici in Italia tra il 2000 e il
2007 è stato di 23,24 DDD, con
un picco nel 2006 (23,68 DDD) e
un minimo nel 2000 (22,35 DDD).
L’uso di antibiotici è rimasto sostanzialmente stabile per tutto il
periodo, ma un notevole grado di
eterogeneità dei consumi si osserva in tutte le Regioni. In generale,
quelle del centro Italia mostrano
un uso maggiore di antibiotici pro
capite (24,61 DDD) rispetto alle
Regioni del Nord (18,25 DDD) e
minore rispetto alle Regioni meridionali e nelle isole (28,36 DDD).
Il consumo complessivo di antibiotici misurato in DDD mostra
un aumento del 5,6% tra il 2000
e il 2007.
«Il nostro studio potrebbe contri-
buire ad indirizzare politiche regione-specifiche verso la progettazione di misure mirate a promuovere un migliore uso degli
antibiotici e, di conseguenza, a
ridurre l’impatto sociale dell’emergenza di nuove resistenze
batteriche ai farmaci», ha spiegato Filippini.
«Personalmente credo che questo
lavoro sia molto importante», ha
commentato Francesco Moscone
che lavora presso la Brunel Business School della Brunel University nel Middlesex, uno degli organizzatori del workshop. «Nel
nostro Paese, soprattutto in certe
Regioni del Centro-Sud Italia, il
consumo di antibiotici non è sotto controllo, impattando negativamente sui risultati di salute e
sui costi. In Inghilterra, al contrario, è diventato quasi impossibile
farsi prescrivere dal medico di
base un antibiotico. Gli inglesi
pubblicizzano continuamente
l’inefficacia degli antibiotici per
Consumo di antibiotici in Europa
(2005)
Consumo di antibiotici in Italia
(2007)
Paese
Paese
Austria
Belgio
Repubblica Ceca
Germania
Danimarca
Spagna
Finlandia
Ungheria
Irlanda
Islanda
Italia
Lussemburgo
Olanda
Polonia
Portogallo
Svezia
Slovacchia
Regno Unito
Francia
Grecia
Norvegia
Consumo di antibiotici*
12,99
24,30
17,32
14,61
14,61
19,29
18,10
19,54
20,54
23,25
23,60
25,18
10,51
19,60
24,48
14,89
25,08
15,44
28,96
34,72
16,76
Fonte: European Surveillance
of Antimicrobial Consumption(ESAC)
Piemonte
Valle d'Aosta
Lombardia
Trentino-A.Adige
Veneto
Friuli-Venezia G.
Liguria
Emilia Romagna
Toscana
Umbria
Marche
Lazio
Abruzzo
Molise
Campania
Puglia
Basilicata
Calabria
Sicilia
Sardegna
Consumo di antibiotici*
18,98
19,97
18,64
14,91
18,57
16,92
20,89
19,88
21,92
25,89
23,91
28,36
27,46
26,83
33,87
28,69
26,91
29,57
30,09
19,92
Fonte: Rapporto 2007 dell'Osservatorio
Nazionale sull'impiego dei Medicinali
(OsMed)
la cura di numerose malattie. In
Italia, invece, sembrerebbe che
anche al minimo sintomo di raffreddore si prescriva l’antibiotico. Se in Italia le politiche di
salute pubblica fossero implementate tenendo conto della evidence
based medicine, secondo me il
consumo di antibiotici sicuramente diminuirebbe, gli indicatori di salute migliorerebbero, e
la spesa sanitaria si ridurrebbe»,
ha concluso Moscone.
«A livello di sistema sanitario italiano servono maggiori incentivi
per favorire un uso più prudente
degli antibiotici», ha sottolineato
Filippini, «in modo da raggiungere
standard di consumo normali a
livello europeo». «Inoltre, in alcune Regioni varrebbe la pena promuovere una politica informativa
volta, da una parte, a favorire la
prescrizione di antibiotici da parte
dei medici solamente quando strettamente necessari e nelle dosi corrette, e dall’altra a sensibilizzare i
pazienti sul problema della resistenza (quello che vuole il Ministero in questo momento è che le
Regioni meno virtuose si assumano le loro responsabilità di spesa
chiedendo maggiori contributi ai
loro cittadini)». Ad esempio, il
Belgio è riuscito negli ultimi anni
a ridurre sensibilmente l’uso degli
antibiotici, diminuendo così il
problema delle resistenze farmacologiche.
Letture
di approfondimento
Masiero G., Filippini M., Ferech M.,
Goossens H. (forthcoming). Socioeconomic determinants of outpatient antibiotic use in Europe. International Journal of Public Health.
Filippini M., Masiero G., Moschetti
K. (2006). Socioeconomic determinants of regional differences in
outpatient antibiotic consumption:
Evidence from Switzerland. Health
Policy, vol. 78, issue 1, 77-92
19
Affaritaliani.it - Farmaci/ In Italia si consumano troppi antibiotici
Page 1 of 2
> Contattaci
> Accedi al tuo profilo
> Iscriviti alla newsletter
IL PRIMO QUOTIDIANO ONLINE
Giovedi 22 Luglio 12:23
HOME
POLITICA
COFFEE BREAK
ECONOMIA
ENERGIA
MERCATI
PMI - EUROPA
IL SOCIALE
METEO
GREEN
MEDIATECH
OROSCOPO
VIAGGI
CRONACHE
GIOCHI
MILANOITALIA
SCOMMESSE
ROMAITALIA
RUBRICHE
SPORT
FOTO-VIDEO
CULTURE
MOBILE
SPETTACOLI
SHOPPING
CASA
Fai di Affaritaliani la tua Home
ULTIMISSIME
Annunci Google
Danni del fumo
Disintossicazione Colon
Scopri tutti i pericoli del fumo. Visita il sito
Help !
Help-eu.com/non-fumare
Scopri perché la pulizia del colon è efficace
per perdere peso!
www.DrNatura.it
Farmaci/ In Italia si consumano troppi antibiotici
Giovedi, 15 Luglio 2010 - 12:53
L'Italia e' un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte differenze regionali, non
sempre motivate dai diversi contesti socio-demografici. Campania,Sicilia e Calabria
mostrano il consumo piu' alto. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto
Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno. Questa disparita' e' solo in parte
spiegabile sulla base di differenze nella struttura demografica e socioeconomica delle
regioni, ma e' difficiledire in mo o chiaro quali siano le regioni piu' virtuose equelle meno
per quel che concerne il consumo appropriato diquesti farmaci. E' quanto emerso da una
ricerca coordinata dalprofessor Massimo Filippini dell'Universita' di Lugano e dalprofessor
Giuliano Masiero dell'Universita' di Bergamo e diLugano, che viene presentata in
occasione del 2 HealthEconometrics Workshop, da oggi a sabato presso
l'Universita'Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Una tre giorni di lavoriche, organizzata e
promossa da CRISP - centro di ricercainteruniversitario per i servizi di pubblica
utilita',Universita' degli Studi di Milano-Bicocca, facolta' di Economiadell'Universita'
Cattolica di Roma, Universita' degli Studi diBergamo, vede riuniti professionisti e
accademici di altoprofilo per discutere su nuovi metodi e applicazioni diEconometria
Sanitaria. Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20Regioni Italiane per il
periodo che va dal 2000 al 2007. Irisultati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici
(prezzoe ticket regionale) e il reddito sono fattori importanti per lacomprensione delle
differenze regionali nel consumo diantibiotici. Analogamente a quanto emerso da uno
studioeffettuato sulla Svizzera, anche per l'Italia l'uso pro capiteambulatoriale di
antibiotici e' pure influenzato dallastruttura demografica della popolazione e dal livello
dimortalita'.
Tre pupe per promuovere Sanremo/ "La pupa
e il secchiello, reality o realtà" è il nuovo slogan
legato alla promozione turistica balneare ideato
dalla città di Sanremo per fidelizzare i propri
visitatori. Francesca Cipriani, Flo Marincea e
Lisandra Silva sono le pin-up testimonial di
questa divertente campagna promozionale che ha
come obiettivo quello di rinnovare l’immagine
turistica della città dei fiori, rendendola più
divertente e vicina al mondo dei giovani...
LE GALLERY
1
2
3
TUTTE LE FOTO
TORNA ALLA LISTA DELLE ULTIMISSIME DI OGGI
VAI ALLA HOME PAGE DI AFFARITALIANI.IT
Condividi >
Annunci Google
Esperti Medicina Online
Trova Tutte le Informazioni di cui Hai Bisogno su SapereSalute.it!
www.SapereSalute.it/Medicina
Hotel San Giuliano Terme
Alberghi a San Giuliano Terme. Con foto e descrizioni dettagliate.
Booking.com/Hotel
Notizie di Torino
Cronaca di Torino in Tempo Reale: Tieniti Sempre Aggiornato Su Agi.it
www.agi.it
Le notizie più gradite
<>
Il giornalismo è serio. In memoria
di Giorgio Alpi
Fini e la questione morale: "La
politica sia intrensigente". E...
P3, i pm dispongono indagini sui
conti di Verdini e Carboni. E...
P3/ "Cesare" spunta 23 volte nei
verbali. Leggi le carte
Stragi di mafia/ I pm: "Siamo a un
passo dalla verità"
Offerte Lavoro Dirigenti
Opportunità di Lavoro da € 50.000 Affidati ad oltre 6.000 Head Hunter
www.Experteer.it/OfferteLavoro
GIOCA CON LA COVER GIRL
Clicca qui per votare
I gadget di Affaritaliani.it
http://www.affaritaliani.it/ultimissime/flash.asp?ticker=150710125331
22/07/2010
SALUTE CONSUMO PIU ALTO ANTIBIOTICI IN CAMPANIA SICILIA E CAL...
Page 1 of 2
Prestiti INPDAP 80.000€
A Dipendenti e Pensionati anche con Altri Mutui in
Corso, Tutto in 48h!
www DipendentiStatali it/INPDAP
Finanziamenti al 3%?
Finanziamento Immediato e Comodo Confronta le
Direttore Responsabile Gianfranco Astori
BREAKING NEWS
HOME
CHI SIAMO
ECONOMIA
BORSE&MERCATI
POLITICA
ENTI LOCALI
SPORT
ATTUALITA'
FLASH
RICOSTRUZIONE ABRUZZO |
*** 12:19 - KOSOVO: NEL POMERIGGIO VERDETTO SULL'INDIPENDENZA
*** 12:18 - FEDERALISMO: TREMO
Utente Registrato
nome utente
password
non sei registrato clicca qui
15-07-2010
SALUTE: CONSUMO PIU' ALTO ANTIBIOTICI IN CAMPANIA,
SICILIA E CALABRIA
(ASCA) - Roma, 15 lug - Italiani forti consumatori di antibiotici, anche se
con differenze regionali. Campania, Sicilia e Calabria mostrano il
consumo piu' alto. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e TrentinoAlto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno. E' quanto
emerso da una ricerca coordinata da Massimo Filippini dell'Universita'
di Lugano e da Giuliano Masiero dell'Universita' di Bergamo e di
Lugano, presentata in occasione del 2* Health Econometrics Workshop
presso l'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma promossa da
CRISP, il centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica
utilita' che riunisce Universita' degli Studi di Milano-Bicocca, facolta' di
Economia dell'Universita' Cattolica di Roma e Universita' degli Studi di
Bergamo. Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20
Regioni italiane nel periodo che va dal 2000 al 2007.
| Home Page
| Copertina
| Focus
| Speciali
Ricostruzione Abruzzo
| Abruzzo/la ripresa
| Breaking News
| Economia
| Borse&Mercati
| Politica
| Enti Locali
| Sport
| Attualitá
| Energia e Mercati
| Terzo Settore
| Leggi&Regioni
| Cooperazione decentrata
| Vetrinaitaliana
| Attività di Governo
| Edizione Radiofonica
Governo.it
Governo.it focus
Governo.it estero
| Autonomie Locali
| Multimedia
| Ambiente e turismo
| Stampa estera
| Famiglia
| Energia e Petrolio
PARTNERS
''Il nostro studio potrebbe contribuire ad indirizzare politiche regionespecifiche verso la progettazione di misure mirate a promuovere un
migliore uso degli antibiotici - spiega Filippini - e, di conseguenza, a
ridurre l'impatto sociale dell'emergenza di nuove resistenze batteriche ai
farmaci''.
noe/sam/ss
(Asca)
Abruzzo
Basilicata
Bolzano
Calabria
Campania
Emilia Romagna
Friuli Ven. Giu.
IN TRE ELEMENTI KILLER DEL
GLUTINE LA CAUSA DELLA
CELIACHIA
FAZIO INSEDIA CONSULTA
ISTITUTO MEDITERRANEO
EMATOLOGIA
CERVELLO 'VEDE' OGGETTI
ANCOR PRIMA DI SENSAZIONE
TATTILE
CUORI MAMMA E FETO
BATTONO ALL'UNISONO GRAZIE
AL RESPIRO
AVERE ANULARE PIU' LUNGO
TRIPLICA RISCHIO TUMORE
PROSTATA
FAZIO INCONTRA PRESIDENTE
REGIONE LIGURIA E
ASSESSORE SANITA'
BOTULINO APPIANA-RUGHE,
PIU' FELICI SENZA BRONCIO
HIV, NEL REGNO UNITO
RADDOPPIA CONTAGIO TRA
'OVER 50'
PROBLEMI D'AMORE FANNO
MALE, ANSIA RADDOPIA
RISCHIO INFARTO
MAL DI SCHIENA, CON
CHIRURGIA MININVASIVA
RECUPERO PIU' RAPIDO
Scopri il Superprestito
Fino a 75.000€,
Supertasso, Zero Spese.
Anche Protestati. Scoprili!
www.aliprestito.net/prestiti
Corsi Di Trucco
Campania
Corsi di trucco
professionale con Beauty
Academy. Chiedi info ora
www.beautyacademy.it/trucco
Monitoraggio media
Un motore di ricerca
http://www.asca.it/regioni-SALUTE__CONSUMO_PIU__ALTO_ANTIBIOTICI_IN... 22/07/2010
Salute e Benessere Cybermed - Il Portale Europeo di informazione medico-scientifica
Page 1 of 3
cerca nel sito...
Home
CYBERMED NEWS
FARMACOVIGILANZA
FARMACI: IN ITALIA SI CONSUMANO TROPPI ANTIBIOTICI
Cybermed Time
FARMACI: IN ITALIA SI CONSUMANO TROPPI ANTIBIOTICI
Scritto da Cybermed, 15-07-2010 20:09
Pagina vista
32
Favoriti
7
Cybermed
Roma, 15 lug. - L'Italia e' un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte
differenze regionali, non sempre motivate dai diversi contesti socio-demografici.
Campania, Sicilia e Calabria mostrano il consumo piu' alto. Al contrario, Veneto, FriuliVenezia Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno.
Questa disparita' e' solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella struttura
demografica e socioeconomica delle regioni, ma e' difficile dire in modo chiaro quali
siano le regioni piu' virtuose e quelle meno per quel che concerne il consumo
appropriato di questi farmaci.
HOME
CONTATTI
MAPPA DEL SITO
CERCA NEL SITO
CYBERMED TEAM
WEBMAIL
PUBBLICITA'
E' quanto emerso da una ricerca coordinata dal professor Massimo Filippini
dell'Universita' di Lugano e dal professor Giuliano Masiero dell'Universita' di Bergamo
e di Lugano, che viene presentata in occasione del 2° Health Econometrics Workshop,
da oggi a sabato presso l'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Una tre giorni
di lavori che, organizzata e promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario
per i servizi di pubblica utilita', Universita' degli Studi di Milano-Bicocca, facolta' di
Economia dell'Universita' Cattolica di Roma, Universita' degli Studi di Bergamo, vede
riuniti professionisti e accademici di alto profilo per discutere su nuovi metodi e
applicazioni di Econometria Sanitaria. Gli esperti hanno studiato il consumo di
antibiotici in 20 Regioni italiane per il periodo che va dal 2000 al 2007. I risultati
suggeriscono che il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket regionale) e il reddito sono
fattori importanti per la comprensione delle differenze regionali nel consumo di
antibiotici. Analogamente a quanto emerso da uno studio effettuato sulla Svizzera,
anche per l'Italia l'uso pro capite ambulatoriale di antibiotici e' pure influenzato dalla
struttura demografica della popolazione e dal livello di mortalita'. Serv.: RSA Num.:
1014 Data: 12:12 - 15/07/2010 Sigla: . Sett.: ATT Tema: ATTUALITA' FARMACI: IN
ITALIA SI CONSUMANO TROPPI ANTIBIOTICI = (AGI) - Roma, 15 lug. - Inoltre, il
livello di consumo di antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo di
antibiotici nell'anno successivo. Il motivo di questa dinamica potrebbe essere che il
consumo di antibiotici forma delle resistenze batteriche che si trascinano nel tempo. E'
bene ricordare come la resistenza agli antibiotici (antibiotico-resistenza) possa
contribuire al fallimento terapeutico, vale a dire che in casi di resistenza l'antibiotico
non fa effetto. Se largamente diffuso, il problema della resistenza agli antibiotici puo'
quindi rappresentare un grosso pericolo per la salute di una societa' (aumento del
tasso di mortalita' da malattie infettive, aumento dei costi sanitari etc). L'Italia e' un
paese a consumo relativamente alto di antibiotici a livello territoriale. Utilizzando i dati
resi disponibili dalla Sorveglianza Europea sul Consumo di Antimicrobici (ESAC) tra il
2000 e il 2005 si vede che l'Italia e' tra i paesi europei che ne consumano di
piu' (consumo calcolato come numero di dosi definite giornaliere per 1000 abitanti.
L'Italia figura tra i paesi a maggior consumo. Al contrario, Germania, Olanda,
Danimarca e Austria sono i paesi che consumano meno antibiotici. Il livello medio di
consumi di antibiotici in Italia tra il 2000 e il 2007 e' stato di 23,24 DDD (dosi definite
giornaliere), con un picco nel 2006 (23,68 DDD) e un minimo nel 2000 (22,35 DDD).
L'uso di antibiotici e' rimasto sostanzialmente stabile per tutto il periodo, ma un
notevole grado di eterogeneita' dei consumi si osserva in tutte le Regioni. In generale,
quelle del centro Italia mostrano un uso maggiore di antibiotici pro capite (24,61 DDD)
rispetto alle Regioni del Nord (18,25 DDD) e minore rispetto alle Regioni meridionali e
ACCREDITAMENTO STAMPA
Motore di Ricerca
Naviga
Nuove segnalazioni
Segnalazioni sponsorizzati
Segnalazioni popolari
Segn. più votate
Segn. meglio votate
Segn. più recensite
Servizi
CYBERMED NEWS
CYBERMED JUNIOR
PER IL CONSUMATORE
PHARMA NEWS
PHARMA CONGRESSI
CERCA UN FARMACO
FARMACI CONTRAFFATTI
CERCA UNA FARMACIA
HEALTHCARE MARKET
DOWNLOADS
CATEGORIE FAQs
GLOSSARIO - DIZIONARIO
Aree Riservate
Accesso Medici
Accesso Veterinari
Accesso Farmacisti
Accesso Psicologi
Accesso Biologi
Accesso Tecnici e Terapisti
Accesso Infermieri
Accesso Aziende
Accesso Studenti Universitari
Sostieni Cybermed
Sponsored Links
nelle isole (28,36 DDD).
ANNUNCI
LETTERE AL DIRETTORE
DIRITTI DEL MALATO
RESP.DEL MEDICO
Pubblicato in : CYBERMED NEWS, FARMACOVIGILANZA
MOTORE DI RICERCA
NEWSLETTER CYBERMED
COMITATO MNC NEWS
Commenti utenti (0)
ADV
Aggiungi il tuo commento
Nessun commento postato
Aggiungi il tuo commento
mXcomment 1.0.5 © 2007-2010 - visualclinic.fr
License Creative Commons - Some rights reserved
Valutazione utente:
Scarso
/0
Ottimo
Valuta questo articolo
http://www.cybermed.it/index.php?option=com_content&task=view&id=26235&Ite...
22/07/2010
antibiotici: li usiamo male - donnamoderna com
Page 1 of 2
Antibiotici: li usiamo male
STARBENE
di Neva Ganzerla // 19 luglio 2010
Gli italiani continuano a usare gli antibiotici senza consultare il medico. Questo errore però ha gravi
conseguenze
Se prendi il sole
sei OK
Allattamento:
droga, nicotina,
Tutta quell'energia
nasconde un
Infertilità:
arrivano i
Caldo: è pericoloso Vacanze sicure con
anche per i giovani il passaporto della
VEDI TUTTI
In forma con le Star
il girovita
Quanto antibiotici si usano in una famiglia media italiana? Molti purtroppo.
Una ricerca presentata in occasione del 2* Health Econometrics Workshop sottolinea che il consumo di
antibiotici in Italia è mediamente molto alto, ma cambia se ci si sposta da una provincia all'altra.
I dati resi disponibili dalla Sorveglianza Europea sul Consumo di Antimicrobici (ESAC) tra il 2000 e il
2005 vedono l'Italia tra i paesi europei col consumo più alto: 23,24 DDD (dosi definite giornaliere, cioè il
numero di dosi definite giornaliere per 1000 abitanti).
Localmente, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne consumano
meno; mentre Campania, Sicilia e Calabria mostrano il consumo più alto.
Lo studio, coordinato dal Prof. Massimo Filippini e dal Prof. Giuliano Masiero delle Università di Lugano
e di Bergamo, ha cercato di capire cosa influenzasse questa discrepanza.
Ne è emerso che a influenzare il consumo di antibiotici delle famiglie italiane sono il prezzo degli
antibiotici stessi, il reddito, la struttura demografica e il livello di mortalità regionale.
Quello che però è importante è che la media di consumo di un mese condiziona quello seguente: se è stato
alto continuerà a salire. Il motivo potrebbe essere collegato alle resistenze batteriche che vengono
rafforzate dall'uso errato di farmaci e che quindi, di anno in anno, richiedono sempre maggior dosi di
principio attivo.
Vista la preoccupante diffusione del consumo massiccio di antibiotici, il problema della resistenza
batterica rappresenta un grosso pericolo per la salute di una società.
A lungo andare i batteri che attaccano l'uomo diventeranno sempre più difficilmente curabili con i
farmaci che abbiamo ora a disposizione e questo condurrà all'aumento del tasso di mortalità da malattie
infettive e dei costi sanitari. È nell'interesse di tutti capire la pericolosità di questo errore.
tumore al seno
Tester pericolosi
Diario della mia dieta
La dieta di coppia: fare la dieta insieme?
Intervista ...
La chetosi e la quiete dopo la tempesta ...
Ricette in dieta: omelette alle erbe fini con
fagiolini ...
Quante volte, quando e come pesarsi in dieta?
Lifestyle della bilancia ...
Preparato tisanoreica recensito dall'amica non a
dieta ...
Cosa si mangia in dieta tisanoreica? ...
Per invertire questa tendenza basta poco: chiedere sempre al medico se vi è effettiva necessità di
assumere antibiotici e attenersi scrupolosamente ai dosaggi consigliati. Mai fare di testa propria.
TAG: antibiotici, resistenza batterica, farmaci
GUARDA ANCHE
Vedi tutti
http://www.donnamoderna.com/layout/set/print/starbene/italia-uso-antibiotici-errato-r... 22/07/2010
Federfarma: Federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani
Page 1 of 1
Accesso riservato
username
password
Entra
registrazione
Ricordami
Le News di AGI Sanità
15/07/201012.46.24
FARMACI: IN ITALIA SI CONSUMANO TROPPI ANTIBIOTICI
(AGI) - Roma, 15 lug. - L'Italia e' un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte differenze
regionali, non sempre motivate dai diversi contesti socio-demografici. Campania, Sicilia e Calabria
mostrano il consumo piu' alto. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige sono
tra le Regioni che ne consumano meno. Questa disparita' e' solo in parte spiegabile sulla base di
differenze nella struttura demografica e socioeconomica delle regioni, ma e' difficile dire in modo
chiaro quali siano le regioni piu' virtuose e quelle meno per quel che concerne il consumo
appropriato di questi farmaci. E' quanto emerso da una ricerca coordinata dal professor Massimo
Filippini dell'Universita' di Lugano e dal professor Giuliano Masiero dell'Universita' di Bergamo e di
Lugano, che viene presentata in occasione del 2° Health Econometrics Workshop, da oggi a sabato
presso l'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Una tre giorni di lavori che, organizzata e
promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilita', Universita'
degli Studi di Milano-Bicocca, facolta' di Economia dell'Universita' Cattolica di Roma, Universita'
degli Studi di Bergamo, vede riuniti professionisti e accademici di alto profilo per discutere su nuovi
metodi e applicazioni di Econometria Sanitaria. Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici
in 20 Regioni italiane per il periodo che va dal 2000 al 2007. I risultati suggeriscono che il prezzo
degli antibiotici (prezzo e ticket regionale) e il reddito sono fattori importanti per la comprensione
delle differenze regionali nel consumo di antibiotici. Analogamente a quanto emerso da uno studio
effettuato sulla Svizzera, anche per l'Italia l'uso pro capite ambulatoriale di antibiotici e' pure
influenzato dalla struttura demografica della popolazione e dal livello di mortalita'. Serv.: RSA
Num.: 1014 Data: 12:12 - 15/07/2010 Sigla: . Sett.: ATT Tema: ATTUALITA' FARMACI: IN ITALIA
SI CONSUMANO TROPPI ANTIBIOTICI = (AGI) - Roma, 15 lug. - Inoltre, il livello di consumo di
antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo di antibiotici nell'anno successivo.
Il motivo di questa dinamica potrebbe essere che il consumo di antibiotici forma delle resistenze
batteriche che si trascinano nel tempo. E' bene ricordare come la resistenza agli antibiotici
(antibiotico-resistenza) possa contribuire al fallimento terapeutico, vale a dire che in casi di
resistenza l'antibiotico non fa effetto. Se largamente diffuso, il problema della resistenza agli
antibiotici puo' quindi rappresentare un grosso pericolo per la salute di una societa' (aumento del
tasso di mortalita' da malattie infettive, aumento dei costi sanitari etc). L'Italia e' un paese a
consumo relativamente alto di antibiotici a livello territoriale. Utilizzando i dati resi disponibili dalla
Sorveglianza Europea sul Consumo di Antimicrobici (ESAC) tra il 2000 e il 2005 si vede che l'Italia
e' tra i paesi europei che ne consumano di piu' (consumo calcolato come numero di dosi definite
giornaliere per 1000 abitanti. L'Italia figura tra i paesi a maggior consumo. Al contrario, Germania,
Olanda, Danimarca e Austria sono i paesi che consumano meno antibiotici. Il livello medio di
consumi di antibiotici in Italia tra il 2000 e il 2007 e' stato di 23,24 DDD (dosi definite giornaliere),
con un picco nel 2006 (23,68 DDD) e un minimo nel 2000 (22,35 DDD). L'uso di antibiotici e'
rimasto sostanzialmente stabile per tutto il periodo, ma un notevole grado di eterogeneita' dei
consumi si osserva in tutte le Regioni. In generale, quelle del centro Italia mostrano un uso
maggiore di antibiotici pro capite (24,61 DDD) rispetto alle Regioni del Nord (18,25 DDD) e minore
rispetto alle Regioni meridionali e nelle isole (28,36 DDD). .
https://www.federfarma.it/VisualizzaNews.aspx?type=Agi&key=5658
22/07/2010
Farmaci: consumo antibiotici più alto in Regioni Sud, Campania guida classifica - Sal... Page 1 of 2
motori24
Accedi
Notizie
Commenti&Idee
Norme e Tributi
Finanza
Economia
Tecnologie
luxury24
viaggi24
Cultura
casa24
multimedia
salute24
job24
blog
arteconomy24
shopping24
Area utenti registrati
altri
tools
altri
Entra
Registrati
User
Pass
Password dimenticata?
Tutti gli indici del mondo della
medicina
Aggiornato alle 11:58
giovedì, 22 luglio 2010
Home
Salute
pharmalab
sperimentazioni
Biotech
Farmaceutica
benessere e cosmetica
agenda
indici di settore
Bioetica
azioni
cerca
news
mySalute24
dipendenze
Flash News
Farmaci: consumo antibiotici più alto in Regioni Sud,
Campania guida classifica
Campania, Sicilia e Calabria mostrano il consumo più alto di antibiotici. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e TrentinoAlto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno. È quanto emerso da una ricerca coordinata da Massimo Filippini
dell’Università di Lugano e da Giuliano Masiero dell’Università di Bergamo e di Lugano, presentata in occasione del 2* Health
Econometrics Workshop presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma promossa da CRISP, il centro di ricerca
interuniversitario per i servizi di pubblica utilità che riunisce Università degli Studi di Milano-Bicocca, facoltà di Economia
dell’Università Cattolica di Roma e Università degli Studi di Bergamo. Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20
Regioni Italiane per il periodo che va dal 2000 al 2007. “Il nostro studio potrebbe contribuire ad indirizzare politiche regionespecifiche verso la progettazione di misure mirate a promuovere un migliore uso degli antibiotici - spiega Filippini - e, di
conseguenza, a ridurre l`impatto sociale dell’emergenza di nuove resistenze batteriche ai farmaci”.
flash news
Hiv: Gran Bretagna, raddoppia contagio tra
ultracinquantenni
Salute: lunghezza anulare associata a rischio cancro
prostata
Prematuri: presentata in Senato task-force medicoscientifica
Salute: mal di schiena, ne soffre 1 italiano su 4
Salute: AriSLA finanzia 5 progetti di ricerca su
Sclerosi laterale amiotrofica
Salute: creato sangue artificiale, progetto militare
Usa in attesa parere Fda
Salute: l`ecstasy può migliorare gli effetti della
psicoterapia in vittime traumi
pubbliredazionale
i più letti
oggi
1.
Doping regolare? La caffeina migliora la
resistenza dei muscoli
2.
Prova-costume? Occhio agli spuntini,
3.
Il cammino della Ru486: ecco i paesi in cui è
promosse le 100 calorie
stata approvata
4.
Arriva il biocomputer che parla con le
cellule
5.
Diagnosi dell’autismo: in anticipo grazie al
test della voce
http://salute24.ilsole24ore.com/flash_news/1783/Farmaci:_consumo_antibiotici_piu_...
22/07/2010
Salute: consumo antibiotici +5,6% in 7 anni - Salute24
motori24
Accedi
Notizie
Commenti&Idee
Page 1 of 2
Norme e Tributi
Finanza
Economia
Tecnologie
luxury24
Cultura
viaggi24
casa24
multimedia
salute24
job24
blog
arteconomy24
shopping24
Area utenti registrati
altri
tools
altri
Entra
Registrati
User
Pass
Password dimenticata?
Tutti gli indici del mondo della
medicina
Aggiornato alle 11:58
giovedì, 22 luglio 2010
Home
Salute
puntomalattie
cuore
Biotech
oncologia
Farmaceutica
genitori e figli
mentecorpo
indici di settore
Bioetica
alimentazione
azioni
cerca
news
mySalute24
lei e lui
età d'argento
charity
Flash News
Salute: consumo antibiotici +5,6% in 7 anni
Il consumo complessivo ha mostrato un aumento del 5,6% tra il 2000 e il 2007. È quanto emerge dall`analisi sui dati della
Sorveglianza Europea sul Consumo di Antimicrobici (ESAC) tra il 2000 e il 2005 condotta da Massimo Filippini dell’Università
di Lugano e da Giuliano Masiero dell’Università di Bergamo e di Lugano. Dallo studio presentato in occasione del 2* Health
Econometrics Workshop presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma promossa da CRISP, il centro di ricerca
interuniversitario per i servizi di pubblica utilità, emerge anche l`Italia distanzia paesi come Germania, Olanda, Danimarca e
Austria, meno abituati al ricorso agli antibiotici. Molte le differenze su base regionale, misurate in dosi giornaliere per 1000
abitanti. In generale, le Regioni del centro Italia mostrano un uso maggiore di antibiotici pro capite (24,61) rispetto alle
Regioni del Nord (18,25) e minore rispetto alle Regioni meridionali e nelle isole (28,36).
flash news
Hiv: Gran Bretagna, raddoppia contagio tra
ultracinquantenni
Salute: lunghezza anulare associata a rischio cancro
prostata
Prematuri: presentata in Senato task-force medicoscientifica
Salute: mal di schiena, ne soffre 1 italiano su 4
Salute: AriSLA finanzia 5 progetti di ricerca su
Sclerosi laterale amiotrofica
Salute: creato sangue artificiale, progetto militare
Usa in attesa parere Fda
Salute: l`ecstasy può migliorare gli effetti della
psicoterapia in vittime traumi
pubbliredazionale
i più letti
oggi
1.
Doping regolare? La caffeina migliora la
resistenza dei muscoli
2.
Prova-costume? Occhio agli spuntini,
3.
Il cammino della Ru486: ecco i paesi in cui è
promosse le 100 calorie
stata approvata
4.
Arriva il biocomputer che parla con le
cellule
5.
Diagnosi dell’autismo: in anticipo grazie al
test della voce
http://salute24.ilsole24ore.com/flash_news/1781/anteprima.php?t=flash_news&id=17... 22/07/2010
Antibiotici. Se ne consumano troppi : [email protected]
Page 1 of 4
[email protected]
Informazione al consumo a cura di Massimiliano Orlando
« Gas costoso? Per l'Autorita' e' colpa della posizione dominante di Eni | Homepage |
Scuola, doppio test per misurare la preparazione degli studenti »
venerdì, 16 luglio 2010
Antibiotici. Se ne consumano troppi
Luglio 2010
D
L
M
M
G
V
S
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
INIZIATIVE
[email protected]
Scrivici
Convenzione INTOLLERANZE
[email protected]
ALIMENTARI
DIABETE:settimana della
prevenzione
Newsletter
Manutenzione caldaie a soli 50€
Manutenzione caldaie. Parla
email
Iscriviti
Cancella la tua iscrizione
Invia
Categorie
1 CHI SIAMO
2 SCARICA PDF GIORNALE
3 MASSIMILIANO ORLANDO
4 MAIL LETTORI
5 MAILING LIST
6 COMUNICATI
7 GLI ARTICOLI
8 LE INIZIATIVE
L'Italia e' un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte differenze regionali,
non sempre motivate dai diversi contesti socio-demografici. Campania, Sicilia e
Calabria mostrano il consumo piu' alto. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia
e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno. Questa
disparita' e' solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella struttura
demografica e socioeconomica delle regioni, ma e' difficile dire in modo chiaro
quali siano le regioni piu' virtuose e quelle meno per quel che concerne il consumo
appropriato di questi farmaci. E' quanto emerso da una ricerca coordinata dal
professor Massimo Filippini dell'Universita' di Lugano e dal professor Giuliano
Masiero dell'Universita' di Bergamo e di Lugano, che viene presentata in occasione
del 2° Health Econometrics Workshop, da oggi a sabato presso l'Universita'
Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Una tre giorni di lavori che, organizzata e
promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica
utilita', Universita' degli Studi di Milano-Bicocca, facolta' di Economia
dell'Universita' Cattolica di Roma, Universita' degli Studi di Bergamo, vede riuniti
professionisti e accademici di alto profilo per discutere su nuovi metodi e
applicazioni di Econometria Sanitaria.
l'ESA
Problemi con Fastweb?
Sportello legale
EVENTO SPORTIVO
Moto Tour Molise
Termoli - Una vacanza da
campioni
ALIMENTI
AMBIENTE
ANIMALI
ANTITRUST
ASSICURAZIONI
AUTO
BANCHE
BENZINA
CANONE RAI
CINEMA
CLASS ACTION
CONDOMINIO
CULTURA EVENTI
DIRITTI UMANI
DIRITTO
DISABILITA'
DROGA
ECONOMIA
EDITORIA
ENERGIA
FAMIGLIA
FISCO
FRODI COMMERCIALI
GIUSTIZIA
IMMIGRAZIONE
INTERNET
INVESTIMENTI
ISTAT
IVA RIFIUTI
LAVORO
LIBRI
Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni Italiane per il periodo che va
dal 2000 al 2007. I risultati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket
regionale) e il reddito sono fattori importanti per la comprensione delle differenze regionali nel
consumo di antibiotici. Analogamente a quanto emerso da uno studio effettuato sulla
Svizzera, anche per l'Italia l'uso pro capite ambulatoriale di antibiotici e' pure influenzato dalla
struttura demografica della popolazione e dal livello di mortalita'.
Inoltre, il livello di consumo di antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo
di antibiotici nell'anno successivo. Il motivo di questa dinamica potrebbe essere che il
consumo di antibiotici forma delle resistenze batteriche che si trascinano nel tempo. E' bene
ricordare come la resistenza agli antibiotici (antibiotico-resistenza) possa contribuire al
fallimento terapeutico, vale a dire che in casi di resistenza l'antibiotico non fa effetto. Se
largamente diffuso, il problema della resistenza agli antibiotici puo' quindi rappresentare un
grosso pericolo per la salute di una societa' (aumento del tasso di mortalita' da malattie
infettive, aumento dei costi sanitari etc).
L'Italia e' un paese a consumo relativamente alto di antibiotici a livello territoriale. Utilizzando i
dati resi disponibili dalla Sorveglianza Europea sul Consumo di Antimicrobici (ESAC) tra il
2000 e il 2005 si vede che l'Italia e' tra i paesi europei che ne consumano di piu' (consumo
calcolato come numero di dosi definite giornaliere per 1000 abitanti. L'Italia figura tra i paesi a
maggior consumo. Al contrario, Germania, Olanda, Danimarca e Austria sono i paesi che
consumano meno antibiotici.
Il livello medio di consumi di antibiotici in Italia tra il 2000 e il 2007 e' stato di 23,24 DDD (dosi
definite giornaliere), con un picco nel 2006 (23,68 DDD) e un minimo nel 2000 (22,35 DDD).
L'uso di antibiotici e' rimasto sostanzialmente stabile per tutto il periodo, ma un notevole
grado di eterogeneita' dei consumi si osserva in tutte le Regioni. In generale, quelle del centro
Italia mostrano un uso maggiore di antibiotici pro capite (24,61 DDD) rispetto alle Regioni del
Nord (18,25 DDD) e minore rispetto alle Regioni meridionali e nelle isole (28,36 DDD).
Il consumo complessivo di antibiotici misurato in DDD mostra un aumento del 5,6% tra il 2000
e il 2007.
"Il nostro studio potrebbe contribuire ad indirizzare politiche regione-specifiche verso la
progettazione di misure mirate a promuovere un migliore uso degli antibiotici e, di
conseguenza, a ridurre l'impatto sociale dell'emergenza di nuove resistenze batteriche ai
farmaci", ha spiegato il professor Filippini.
"Personalmente credo che questo lavoro sia molto importante", ha commentato Francesco
Moscone che lavora presso la Brunel Business School della Brunel University nel Middlesex,
uno degli organizzatori del workshop. "Nel nostro paese, soprattutto in certe Regioni del
Centro-Sud Italia, il consumo di antibiotici non e' sotto controllo, impattando negativamente
sui risultati di salute e sui costi. In Inghilterra, al contrario, e' diventato quasi impossibile farsi
Ultimo numero
[email protected]
DICEMBRE 2009
OCCASIONI
Secondamano
Termoli:lavanderia self service
SPEEDY WASH
Associazioni
Acu
Adiconsum
Adoc
Aduc
Adusbef
http://consumatori.myblog.it/archive/2010/07/16/antibiotici-se-ne-consumano-troppi....
22/07/2010
Antibiotici. Se ne consumano troppi : [email protected]
LOTTERIE
MAFIA
MANUTENZIONE CALDAIE
MONDO
MULTE
MUTUI
NEWS BLOG
PREVIDENZA E PENSIONI
PREZZI
PRIVACY
RASSEGNA STAMPA
RIFIUTI
RISPARMIO
SALUTE
SANITA'
SCUOLA
SOCIAL CARD
Agenzia Help Consumatori
prescrivere dal medico di base un antibiotico. Gli inglesi pubblicizzano continuamente
l'inefficacia degli antibiotici per la cura di numerose malattie. In Italia, invece, sembrerebbe
che anche al minimo sintomo di raffreddore si prescriva l'antibiotico. Se in Italia le politiche di
salute pubblica fossero implementate tenendo conto della evidence based medicine, secondo
me il consumo di antibiotici sicuramente diminuirebbe, gli indicatori di salute migliorerebbero,
e la spesa sanitaria si ridurrebbe", ha concluso Moscone.
"A livello di sistema sanitario italiano servono maggiori incentivi per favorire un uso piu'
prudente degli antibiotici", ha sottolineato Filippini, "in modo da raggiungere standard di
consumo normali a livello europeo". "Inoltre, in alcune Regioni varrebbe la pena promuovere
una politica informativa volta, da una parte, a favorire la prescrizione di antibiotici da parte dei
medici solamente quando strettamente necessari e nelle dosi corrette, e dall'altra a
sensibilizzare i pazienti sul problema della resistenza (quello che vuole il Ministero in questo
momento e' che le Regioni meno virtuose si assumano le loro responsabilita' di spesa
chiedendo maggiori contributi ai loro cittadini)". Ad esempio, il Belgio e' riuscito negli ultimi
anni a ridurre sensibilmente l'uso degli antibiotici, riducendo cosi' il problema delle resistenze
farmacologiche.
20:03 Scritto da : consumatori in SANITA' | Link permanente | Commenti (0) | Trackback (0) |
Segnala |
OKNOtizie |
|
del.icio.us |
|
Digg |
Facebook
Trackback
sport
SPRECHI PUBBLICI
tecnologia
TELEFONIA
TERMOLI
TRASPORTI
TRUFFE
TURISMO
TV
VIAGGI
VIDEO
videogiochi
Antonio Lubrano
Assoutenti
Casa del consumatore
Cittadini Utenti Consumatori
Codacons
Federconsumatori
Lega consumatori
Movimento consumatori
Movimento Difesa del Cittadino
Professional Consumer
Unione Nazionale Consumatori
Link amici
Aadi Molise
Annunci gratuiti annuncia.it
B&B Il Belvedere
SPESA
SPETTACOLO
Altroconsumo
Annunci gratuiti
SOCIETA'
SOLIDARIETA'
Page 2 of 4
L'URL per fare un trackback su questo post è :
http://consumatori.myblog.it/trackback/2628168
BC Foto
Centro estetico B Club
Corsi libretto sanitario 50 €
Scrivi un commento
Flair Boutique
Francesca Poccetti myspace
Non sei connesso. Per connetterti, Log in
Italia Civile
La Taverna dell'Orco
Il tuo nome :
Locanda Alfieri albergo diffuso
Termoli
La tua mail :
Matrimoni - Musica
Moliseventi
La tua URL :
Moto Tour Molise
Musica per immagini
Il tuo commento :
Neurologia Oggi
Villa Ida
Commenti recenti
accipikkia82 su MAIL:
Servizi
TAG/SMARTCOM. COME
OTTENERE IL CODICE...
Bollettino Ufficiale Molise
chiara su Pacchi regalo e
Calcolo Bonus Famiglia
contratti 'estorti': Antitrust...
Consiglio Provinciale on line
maurizio su Somatoline
Gazzetta Ufficiale
Cosmetic Uomo: la crema che
riduce...
Pompe bianche
Ricorda questi dati:
Preventivi Rc Auto
IRMECOSA su Italcogim
energie. Contratti truffaldini?...
Voli Low Cost
Iscriviti a questo modulo
Arianna Birolo su Fallimento
Viaggi Ventaglio. Soprattutto
cosa...
Arianna Birolo su I VIAGGI DEL
Anteprima
Invia
Documenti
Codice del Consumo
VENTAGLIO - Non trascurare i
Garante: delibera 229/01
turisti
Guida alla compravendita
Lino su Italcogim energie.
Manuale risparmio energetico
Contratti truffaldini?...
Molise: Piano Sanitario
tonyo su INFO @
CONSUMATORI e FASTWEB. LA
NOSTRA...
Ovlas su NEL PROCESSO LA
Modelli
Modello Unico Mini
FOTOCOPIA VALE COME PROVA
hamid su Italcogim energie.
Contratti truffaldini?...
Link utili
Agicom - Garante Concorrenza
Post recenti
Mucca pazza, donna in fin di
vita a Livorno
RIMBORSO INDEBITO IVA:
MANCA LA SANZIONE
Mari saccheggiati, pesci
verso l'estinzione
Se Facebook ti racconta una
bugia, è solo a fin...
Sud, una famiglia su cinque
non ha soldi per il...
Alitalia, intesa con i
Consumatori sulla...
Condizionatore: istruzioni
per l'uso
Adiconsum aderisce alla
petizione per chiedere...
Primo traguardo per
"Danone per Haiti":
Allergie
Banconote contraffatte
Calcolo BONUS GAS
Centro Impiego CB
Di chi è la targa
Farmaci da banco
Furto Identità
Guida Consumatore
Ministero Comunicazioni
Ministero dei Trasporti
Mutui
Norme in rete
Page Rank
Qui Risparmio
Ratebook
Risparmiosuper.it
Saper mangiare
Sos Impresa
Statistiche siti web
ACCERTAMENTI DA STUDI
http://consumatori.myblog.it/archive/2010/07/16/antibiotici-se-ne-consumano-troppi....
22/07/2010
Salute: Troppi gli antibiotici usati in Italia - Newsfood.com
Page 1 of 1
Puoi ritrovare quest'articolo alla pagina: http://www.newsfood.com/q/3d3b0910/i/
FARMACI
Aumentato l'uso dal 2005 ad oggi
Salute: Troppi gli antibiotici usati in Italia
Soprattutto al Sud, registrato un alto consumo, a rischio la nascita di forme di resistenza
© Redazione NEWSFOOD.com - 21/07/2010
L'Italia e' un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte differenze regionali, non sempre motivate dai diversi contesti
socio-demografici. Campania, Sicilia e Calabria mostrano il consumo piu' alto. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia
e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno.
Questa disparita' e' solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella struttura demografica e socioeconomica delle
regioni, ma e' difficile dire in modo chiaro quali siano le regioni piu' virtuose e quelle meno per quel che concerne il
consumo appropriato di questi farmaci.
E' quanto emerso da una ricerca coordinata dal professor Massimo Filippini dell'Universita' di Lugano e dal professor
Giuliano Masiero dell'Universita' di Bergamo e di Lugano, che viene presentata in occasione del 2° Health Econometrics
Workshop, fino a sabato presso l'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
Una tre giorni di lavori che, organizzata e promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilita', Universita' degli Studi di MilanoBicocca, facolta' di Economia dell'Universita' Cattolica di Roma, Universita' degli Studi di Bergamo, vede riuniti professionisti e accademici di alto profilo per discutere
su nuovi metodi e applicazioni di Econometria Sanitaria.
Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni Italiane per il periodo che va dal 2000 al 2007. I risultati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici
(prezzo e ticket regionale) e il reddito sono fattori importanti per la comprensione delle differenze regionali nel consumo di antibiotici. Analogamente a quanto emerso da
uno studio effettuato sulla Svizzera, anche per l'Italia l'uso pro capite ambulatoriale di antibiotici e' pure influenzato dalla struttura demografica della popolazione e dal
livello di mortalita'.
Inoltre, il livello di consumo di antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo di antibiotici nell'anno successivo. Il motivo di questa dinamica potrebbe
essere che il consumo di antibiotici forma delle resistenze batteriche che si trascinano nel tempo. E' bene ricordare come la resistenza agli antibiotici (antibioticoresistenza) possa contribuire al fallimento terapeutico, vale a dire che in casi di resistenza l'antibiotico non fa effetto. Se largamente diffuso, il problema della resistenza
agli antibiotici puo' quindi rappresentare un grosso pericolo per la salute di una societa' (aumento del tasso di mortalita' da malattie infettive, aumento dei costi sanitari
etc).
L'Italia e' un paese a consumo relativamente alto di antibiotici a livello territoriale. Utilizzando i dati resi disponibili dalla Sorveglianza Europea sul Consumo di
Antimicrobici (ESAC) tra il 2000 e il 2005 si vede che l'Italia e' tra i paesi europei che ne consumano di piu' (consumo calcolato come numero di dosi definite giornaliere
per 1000 abitanti. L'Italia figura tra i paesi a maggior consumo. Al contrario, Germania, Olanda, Danimarca e Austria sono i paesi che consumano meno antibiotici.
Il livello medio di consumi di antibiotici in Italia tra il 2000 e il 2007 e' stato di 23,24 DDD (dosi definite giornaliere), con un picco nel 2006 (23,68 DDD) e un minimo
nel 2000 (22,35 DDD). L'uso di antibiotici e' rimasto sostanzialmente stabile per tutto il periodo, ma un notevole grado di eterogeneita' dei consumi si osserva in tutte le
Regioni. In generale, quelle del centro Italia mostrano un uso maggiore di antibiotici pro capite (24,61 DDD) rispetto alle Regioni del Nord (18,25 DDD) e minore
rispetto alle Regioni meridionali e nelle isole (28,36 DDD).
Il consumo complessivo di antibiotici misurato in DDD mostra un aumento del 5,6% tra il 2000 e il 2007.
"Il nostro studio potrebbe contribuire ad indirizzare politiche regione-specifiche verso la progettazione di misure mirate a promuovere un migliore uso degli antibiotici e,
di conseguenza, a ridurre l'impatto sociale dell'emergenza di nuove resistenze batteriche ai farmaci", ha spiegato il professor Filippini.
"Personalmente credo che questo lavoro sia molto importante", ha commentato Francesco Moscone che lavora presso la Brunel Business School della Brunel University
nel Middlesex, uno degli organizzatori del workshop. "Nel nostro paese, soprattutto in certe Regioni del Centro-Sud Italia, il consumo di antibiotici non e' sotto controllo,
impattando negativamente sui risultati di salute e sui costi. In Inghilterra, al contrario, e' diventato quasi impossibile farsi prescrivere dal medico di base un antibiotico.
Gli inglesi pubblicizzano continuamente l'inefficacia degli antibiotici per la cura di numerose malattie. In Italia, invece, sembrerebbe che anche al minimo sintomo di
raffreddore si prescriva l'antibiotico. Se in Italia le politiche di salute pubblica fossero implementate tenendo conto della evidence based medicine, secondo me il
consumo di antibiotici sicuramente diminuirebbe, gli indicatori di salute migliorerebbero, e la spesa sanitaria si ridurrebbe", ha concluso Moscone.
"A livello di sistema sanitario italiano servono maggiori incentivi per favorire un uso piu' prudente degli antibiotici", ha sottolineato Filippini, "in modo da raggiungere
standard di consumo normali a livello europeo".
"Inoltre, in alcune Regioni varrebbe la pena promuovere una politica informativa volta, da una parte, a favorire la prescrizione di antibiotici da parte dei medici solamente
quando strettamente necessari e nelle dosi corrette, e dall'altra a sensibilizzare i pazienti sul problema della resistenza (quello che vuole il Ministero in questo momento e'
che le Regioni meno virtuose si assumano le loro responsabilita' di spesa chiedendo maggiori contributi ai loro cittadini)".
Ad esempio, il Belgio e' riuscito negli ultimi anni a ridurre sensibilmente l'uso degli antibiotici, riducendo cosi' il problema delle resistenze farmacologiche.
Aduc.it
Redazione Newsfood.com+WebTV
Testata giornalistica - n. 638 del 23/02/2010 - Registro stampa Trib. Alessandria - Direttore responsabile: Giuseppe Danielli © 2005 Editrice Taro - P.IVA 01873460065 - 15100 Alessandria [Contatti]
powered by
http://www.newsfood.com/q/3d3b0910/salute-troppi-gli-antibiotici-usati-in-italia/
22/07/2010
Ordine dei Medici Palermo -
17-07-2010
22-07-2010
Ricerca
Individuate le molecole che
causano la celiachia ...
Altre news
Australia
Scoperta una mutazione nel virus
dell'influenza che apre la strada a
un vaccino efficace per tutta la
vita
Tumori al seno
Stati Uniti, la Food and Drug
Administration: no all'estensione
dell'utilizzo dell'anticorpo
monoclonale bevacizumab
Manovra
I sindacati medici: basta parole, si
scriva che non ci sarà il blocco del
turn over
Messina
Un uomo muore dopo il ricovero,
indagati cinque medici
Mucca pazza
In fin di vita una donna, è il
secondo caso in Italia
Mal di schiena
Ne soffre un italiano su quattro
Medicina
Ecco come funzionano le cellule
che inducono al sonno
Aids
Occhi puntati su un gel vaginale
capace di ridurre il rischio di
contagio del virus
Aids
The Lancet smonta dodici falsi
“miti” sulla relazione tra malati di
Hiv e droga
Page 1 of 2
Ricerca
Troppi antibiotici, rischio di comparsa di resistenze
batteriche
ROMA. In Italia si consumano troppi antibiotici, spesso in modo inappropriato, col rischio
che l'eccesso renda inefficaci tali farmaci per la comparsa di resistenze batteriche. Inoltre i
consumi sono mal distribuiti lungo lo stivale, segno di un uso in parte poco controllato e
motivato. E' quanto emerso da una ricerca coordinata da Massimo Filippini dell'Università
di Lugano e da Giuliano Masiero dell'Università di Bergamo, che sarà presentata al 2/o
Health Econometrics Workshop all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Gli esperti
hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni italiane per il periodo che va dal
2000 al 2007. Campania, Sicilia e Calabria sono le Regioni a più alto consumo; Veneto,
Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno,
differenze solo in parte motivate dalla diversa struttura demografica e socioeconomica
delle regioni.
L'Italia figura tra i paesi a maggior consumo in Europa; i più virtuosi sono invece
Germania, Olanda, Danimarca e Austria coi livelli minori di consumi. Il livello medio di
consumi in Italia tra il 2000 e il 2007 è stato di 23,24 DDD (numero di dosi definite
giornaliere per 1000 abitanti o DDD), con un picco nel 2006 (23,68 DDD) e un minimo nel
2000 (22,35 DDD). L'uso di antibiotici è rimasto sostanzialmente stabile per tutto il
periodo, ma un notevole grado di eterogeneità dei consumi si osserva tra le Regioni.
Quelle del centro Italia ne fanno un uso maggiore (24,61 DDD) rispetto alle Regioni del
Nord (18,25 DDD) e minore rispetto a quelle meridionali e alle isole (28,36 DDD).
Il consumo complessivo di antibiotici mostra un aumento del 5,6% tra il 2000 e il 2007.
Dallo studio è anche emerso che, oltre alla struttura demografica della popolazione (quota
di anziani per esempio), a influenzare i consumi è il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket
regionale), che spiegano in parte le differenze regionali nei consumi. E non è tutto: è
emerso infatti che il livello di consumo di antibiotici di un certo anno ne influenzerà il
consumo l'anno successivo, forse perché il consumo di antibiotici induce resistenze
batteriche che si trascinano nel tempo richiedendo l'aumento delle somministrazioni.
"Questo lavoro è importante - commenta uno degli organizzatori del workshop, Francesco
Moscone della Brunel University nel Middlesex - in Italia, soprattutto in certe Regioni del
Centro-Sud, il consumo di antibiotici non è sotto controllo, impattando negativamente sui
risultati di salute e sui costi. L'Italia è in ritardo, in Inghilterra, per esempio, é diventato
quasi impossibile farsi prescrivere dal medico di base un antibiotico. Gli inglesi
pubblicizzano continuamente l'inefficacia degli antibiotici per la cura di numerose malattie.
In Italia, invece, sembrerebbe che anche al minimo sintomo di raffreddore si prescriva
l'antibiotico".
"Servono maggiori incentivi per favorire un uso più prudente degli antibiotici - sottolinea
Filippini - in modo da raggiungere standard di consumo normali a livello europeo. Inoltre,
in alcune Regioni varrebbe la pena promuovere una politica informativa volta sia a favorire
la prescrizione di antibiotici solamente quando strettamente necessari e nelle dosi
corrette, sia a sensibilizzare i pazienti sul problema della resistenza".(ANSA).
Cerca
In Italia
Il 6,5 per cento dei bambini nasce
prematuro
Stress
Si trasmette in gravidanza da
madre a figlia
Ricerca Usa
“La depressione aumenta i rischi
di demenza”
In Sicilia
Siglato l'accordo integrativo per
gli oltre 4 mila medici di famiglia
Disegno di legge
L’Andi: buona la norma che
permetterà ai laureati in
Odontoiatria e protesi dentale di
diventare dirigenti del Ssn
Ricerca
Finanziamento di un milione e
mezzo per cinque progetti
scientifici sulla Sla
Lotta ai tumori
Studiosi italiani trovano un’arma
contro le cellule staminali del
cancro al seno
Sanità
Le ostetriche approvano il nuovo
codice deontologico
Infarto
Finanziamento al Policlinico San
Matteo per trovare una cura con
staminali adulte
Primo in Europa
Pisa, trapianto di rene da madre a
figlia con un robot
Assistenza
Sette regioni non hanno centri di
eccellenza di terapia intensiva
neonatale
Aids
Dalla conferenza di Vienna un
allarme per la diffusione della
http://www.ordinemedicipa.it/?act=news&id_news=15123
22/07/2010
In Italia si usano troppi antibiotici
Page 1 of 2
News – paginemediche.it: aggiornamenti su medicina, salute, benessere
Farmacologia Medica
In Italia si usano troppi antibiotici
L'Italia è un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte differenze regionali, non sempre motivate dai diversi contesti socio-demografici.
Campania, Sicilia e Calabria mostrano il consumo più alto. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne
consumano meno.
Questa disparità è solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella struttura demografica e socioeconomica delle regioni, ma è difficile dire in modo
chiaro quali siano le regioni più virtuose e quelle meno per quel che concerne il consumo appropriato di questi farmaci.
E' quanto emerso da una ricerca coordinata dal professor Massimo Filippini dell'Università di Lugano e dal professor Giuliano Masiero dell'Università di
Bergamo e di Lugano, che viene presentata in occasione del 2* Health Econometrics Workshop, da oggi a sabato presso l'Università Cattolica del Sacro
Cuore di Roma.
Una tre giorni di lavori che, organizzata e promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilità, Università degli Studi di
Milano-Bicocca, facoltà di Economia dell'Università Cattolica di Roma, Università degli Studi di Bergamo, vede riuniti professionisti e accademici di alto
profilo per discutere su nuovi metodi e applicazioni di Econometria Sanitaria.
Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni italiane per il periodo che va dal 2000 al 2007.
I risultati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket regionale) e il reddito sono fattori importanti per la comprensione delle differenze
regionali nel consumo di antibiotici.
Analogamente a quanto emerso da uno studio effettuato sulla Svizzera, anche per l'Italia l'uso pro capite ambulatoriale di antibiotici è pure influenzato dalla
struttura demografica della popolazione e dal livello di mortalità.
Inoltre, il livello di consumo di antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo di antibiotici nell'anno successivo.
Il motivo di questa dinamica potrebbe essere che il consumo di antibiotici forma delle resistenze batteriche che si trascinano nel tempo.
E' bene ricordare come la resistenza agli antibiotici (antibiotico-resistenza) possa contribuire al fallimento terapeutico, vale a dire che in casi di
resistenza l'antibiotico non fa effetto.
Se largamente diffuso, il problema della resistenza agli antibiotici può quindi rappresentare un grosso pericolo per la salute di una società (aumento del
tasso di mortalità da malattie infettive, aumento dei costi sanitari etc).
L'Italia è un paese a consumo relativamente alto di antibiotici a livello territoriale. Utilizzando i dati resi disponibili dalla Sorveglianza Europea sul Consumo
di Antimicrobici (ESAC) tra il 2000 e il 2005 si vede che l'Italia è tra i paesi europei che ne consumano di più (consumo calcolato come numero di dosi
definite giornaliere per 1000 abitanti).
L'Italia figura tra i paesi a maggior consumo. Al contrario, Germania, Olanda, Danimarca e Austria sono i paesi che consumano meno antibiotici.
Il livello medio di consumi di antibiotici in Italia tra il 2000 e il 2007 è stato di 23,24 DDD (dosi definite giornaliere), con un picco nel 2006 (23,68 DDD) e
un minimo nel 2000 (22,35 DDD). L'uso di antibiotici è rimasto sostanzialmente stabile per tutto il periodo, ma un notevole grado di eterogeneità dei
consumi si osserva in tutte le Regioni.
In generale, quelle del centro Italia mostrano un uso maggiore di antibiotici pro capite (24,61 DDD) rispetto alle Regioni del Nord (18,25 DDD) e minore
rispetto alle Regioni meridionali e nelle isole (28,36 DDD).
Per approfondire:
Il consumo di antibiotici in Italia e in Europa
Batteri: evoluzione della specie e resistenza agli antibiotici
AGI Salute
Data pubblicazione gio, 15 lug 2010
Data ultima modifica gio, 15 lug 2010
Ads by Google
Dentista Prezzi
Preventivi Gratuiti On-line,Impianto in Titanio € 495,00
www.Dentista.tv
Prestiti INPS
Immediato, a Condizioni VantaggioseRichiedi Qui un Preventivo Online !
www.PrestiPop.it
Impianti Dentali da 550 €
100% Risultati Estetici a Torino,1^ Visita Gratis, Preventivo Online
DentalSpaItalia.com
Se vuoi inserire un commento compila i campi sottostanti.
Se invece hai un dubbio o un problema da sottoporci, accedi al servizio l'Esperto risponde
Commenta con paginemediche.it
Commenta con facebook
Commenta come Medico
Inserisci un commento
Nome:
Email: (Non sarà resa visibile)
Oggetto del messaggio:
Messaggio:
Avvisami quando qualcuno risponde a questa discussione.
Codice di conferma:
Digita il codice visualizzato. Le lettere vanno digitate minuscole.
I commenti inviati dai lettori sono soggetti ad approvazione.
La redazione di paginemediche.it si riserva il diritto di non pubblicare commenti offensivi, diffamatori, scritti con linguaggio non adeguato, lesivi della dignità o morale altrui o non pertinenti con
l'argomento trattato. Inserisci un Commento
Pubblicità
Prestiti INPDAP 80.000€
Danni del fumo
A Dipendenti e Pensionati anche con Altri
Mutui in Corso, Tutto in 48h!
Scopri tutti i pericoli del fumo. Visita il sito
Help !
Network paginemediche.it:
Canali Tematici
http://news.paginemediche.it/it/230/ultime-notizie/farmacologia-medica/detail_13694... 22/07/2010
Pharmastar - Stampa l'articolo
Page 1 of 2
In Italia si consumano troppi antibiotici, record al Sud
15 luglio 2010
In testa per il consumo di antibiotici ci sono Campania, Sicilia e Calabria. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia
Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni più virtuose, che ne consumano meno. L'Italia e' un paese ad
alto consumo di antibiotici ma le disparità regionali sono solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella
struttura demografica e socioeconomica.
Questi dati provengono da una ricerca coordinata dal professor Massimo Filippini dell'Universita' di Lugano e
dal professor Giuliano Masiero dell'Universita' di Bergamo e di Lugano e presentata in occasione del 2° Health
Econometrics Workshop, che si svolgerà dal 15 al 17 luglio presso l'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di
Roma.
Saranno tre giorni di lavori per discutere su nuovi metodi e applicazioni di Econometria Sanitaria organizzati e
promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilità, Universita' degli Studi di
Milano-Bicocca, facolta' di Economia dell'Università Cattolica di Roma, Università degli Studi di Bergamo.
Gli esperti hanno analizzato il consumo di antibiotici in 20 Regioni Italiane nel periodo compreso fra il 2000 al
2007. I dati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket regionale) e il reddito sono fattori
importanti per la comprensione delle differenze regionali nel consumo di antibiotici, così come la struttura
demografica della popolazione e dal livello di mortalità.
Inoltre, il consumo di antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo di antibiotici nell'anno
successivo, forse perché si innescano resistenze batteriche che si trascinano nel tempo.
L'Italia e' un paese dove si consumano molto antibiotici al di fuori degli ospedali. Sulla base dei i dati dalla
Sorveglianza Europea sul Consumo di Antimicrobici (ESAC) raccolti tra il 2000 e il 2005, l'Italia figura tra i
paesi a maggior consumo. Germania, Olanda, Danimarca e Austria sono invece i paesi che consumano meno
antibiotici.
Tra il 2000 e il 2007, il consumo medio di antibiotici in Italia è stato pari a 23,24 DDD (defined daily dose), con
un picco nel 2006 (23,68 DDD) e un minimo nel 2000 (22,35 DDD). Tale dato e' rimasto stabile per tutto il
periodo (+5,6%), mentre sono notevoli le variazioni regionali. In testa il Sud e le isole (28,36 DDD), segue il
centro Italia (24,61 DDD) e in coda, si fa per dire, il Nord (18,25 DDD).
"Il nostro studio potrebbe contribuire ad indirizzare politiche regione-specifiche verso la progettazione di misure
mirate a promuovere un migliore uso degli antibiotici e, di conseguenza, a ridurre l'impatto sociale
http://www.pharmastar.it/popup/stampa.html?idlink=4023
22/07/2010
Pharmastar - Stampa l'articolo
Page 2 of 2
dell'emergenza di nuove resistenze batteriche ai farmaci", ha spiegato il professor Filippini. "Personalmente
credo che questo lavoro sia molto importante", ha commentato Francesco Moscone che lavora presso la
Brunel Business School della Brunel University nel Middlesex, uno degli organizzatori del workshop. "Nel
nostro paese, soprattutto in certe Regioni del Centro-Sud Italia, il consumo di antibiotici non e' sotto controllo,
impattando negativamente sui risultati di salute e sui costi. In Inghilterra, al contrario, e' diventato quasi
impossibile farsi prescrivere dal medico di base un antibiotico. Gli inglesi pubblicizzano continuamente
l'inefficacia degli antibiotici per la cura di numerose malattie. In Italia, invece, sembrerebbe che anche al
minimo sintomo di raffreddore si prescriva l'antibiotico. Se in Italia le politiche di salute pubblica fossero
implementate tenendo conto della evidence based medicine, secondo me il consumo di antibiotici sicuramente
diminuirebbe, gli indicatori di salute migliorerebbero, e la spesa sanitaria si ridurrebbe", ha concluso Moscone.
"A livello di sistema sanitario italiano servono maggiori incentivi per favorire un uso più prudente degli
antibiotici", ha sottolineato Filippini, "in modo da raggiungere standard di consumo normali a livello europeo".
[chiudi questa finestra]
http://www.pharmastar.it/popup/stampa.html?idlink=4023
22/07/2010
Troppi antibiotici: rischio di inefficacia
Page 1 of 1
Troppi antibiotici: rischio di inefficacia
Martedì 20 Luglio 2010 00:00
L'uso intensivo di antibioici rischia di provocarne l'inefficacia: questo è quanto emerso da una ricerca
coordinata da Massimo Filippini dell'Universita' di Lugano e da Giuliano Masiero dell'Universita' di Bergamo,
che sara' presentata al 2/o Health Econometrics Workshop all'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni italiane per il periodo che va dal 2000 al 2007.
Campania, Sicilia e Calabria sono le Regioni a piu' alto consumo; Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto
Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno, differenze solo in parte motivate dalla diversa struttura demografica e
socioeconomica delle regioni.
In Europa, dunque, l'Italia appare la più "indisciplinata", infatti il consumo complessivo di antibiotici mostra un aumento del 5,6% tra
il 2000 e il 2007. Diversamente, Germania, Olanda, Danimarca e Austria risultano le più virtuose, in quanto vi si registrano livelli
minori di consumi.
Come si legge in una nota: "Il livello medio di consumi in Italia tra il 2000 e il 2007 e' stato di 23,24 DDD (numero di dosi definite
giornaliere per 1000 abitanti o DDD), con un picco nel 2006 (23,68 DDD) e un minimo nel 2000 (22,35 DDD). L'uso di antibiotici e'
rimasto sostanzialmente stabile per tutto il periodo, ma un notevole grado di eterogeneita' dei consumi si osserva tra le Regioni.
Quelle del centro Italia ne fanno un uso maggiore (24,61 DDD) rispetto alle Regioni del Nord (18,25 DDD) e minore rispetto a
quelle meridionali e alle isole (28,36 DDD)".
Il prof. Filippini ha sottolineato che 'Servono maggiori incentivi per favorire un uso piu' prudente degli ntibiotici in modo da
raggiungere standard di consumo normali a livello europeo. Inoltre, in alcune Regioni varrebbe la pena promuovere una politica
informativa volta sia a favorire la prescrizione di antibiotici solamente quando strettamente necessari e nelle dosi corrette, sia a
sensibilizzare i pazienti sul problema della resistenza".
Redazione Web Prontoconsumatore - Redattore AM
Segnala questo articolo sui siti di Social Bookmarking
Commenti
Nuovo
Cerca
Commenta
Powered by !JoomlaComment 4.0 beta1
http://www.prontoconsumatore.it/index.php/notizie-ed-approfondimenti/1/30881-trop... 22/07/2010
Stampa :: Club3 - Vivere in Armonia - Gruppo San Paolo
Page 1 of 1
Pubblicato il 16/07/2010
Antibiotici, ne abusano in tanti
Secondo una recente ricerca, siamo tra i maggiori consumatori di questi
farmaci in Europa
In Italia si consumano troppi antibiotici, spesso in modo inappropriato, col
rischio che l'eccesso renda inefficaci questi farmaci per la comparsa di resistenze
batteriche. Inoltre, i consumi sono mal distribuiti lungo la Penisola, segno di un uso in parte
poco controllato e motivato. È quanto emerso da una ricerca coordinata da Massimo Filippini
dell'Università di Lugano e da Giuliano Masiero dell'Università di Bergamo, che sarà
presentata al secondo Health Econometrics Workshop all'Università Cattolica del Sacro
Cuore di Roma.
La mappa. Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni italiane per il
periodo che va dal 2000 al 2007. Campania, Sicilia e Calabria sono le Regioni a più alto
consumo; Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne
consumano meno, differenze solo in parte motivate dalla diversa struttura demografica e
socioeconomica delle regioni.
In Europa. L'Italia figura tra i paesi a maggior consumo in Europa; i più virtuosi sono
invece Germania, Olanda, Danimarca e Austria coi livelli minori di consumi. Il livello medio di
consumi in Italia tra il 2000 e il 2007 è stato di 23,24 Ddd (numero di dosi definite
giornaliere per 1000 abitanti), con un picco nel 2006 (23,68 Ddd) e un minimo nel 2000
(22,35 Ddd). L'uso di antibiotici è rimasto sostanzialmente stabile per tutto il periodo, ma un
notevole grado di eterogeneità dei consumi si osserva tra le Regioni. Quelle del centro Italia
ne fanno un uso maggiore (24,61 Ddd) rispetto alle Regioni del Nord (18,25 Ddd) e minore
rispetto a quelle meridionali e alle isole (28,36 Ddd). Il consumo complessivo di antibiotici
mostra un aumento del 5,6% tra il 2000 e il 2007.
Le ragioni. Dallo studio è anche emerso che, oltre alla struttura demografica della
popolazione (quota di anziani per esempio), a influenzare i consumi è il prezzo degli
antibiotici (prezzo e ticket regionale), che spiegano in parte le differenze regionali nei
consumi. E non è tutto: è emerso che il livello di consumo di antibiotici di un certo anno ne
influenzerà il consumo l'anno successivo, forse perché il consumo di antibiotici induce
resistenze batteriche che si trascinano nel tempo richiedendo l'aumento delle
somministrazioni.
Preferiti
Condividi questo articolo:
Delicious
Facebook
MySpace
Twitter
http://www.vivereinarmonia.it/stampa.aspx
22/07/2010
BIBIantibiotici.xml
Page 1 of 1
stampa | chiudi
Troppi antibiotici e usati impropriamente
15 luglio 2010
In Italia si consumano troppi antibiotici, e sono molte le disparità tra le regioni.
È emerso dalla ricerca coordinata da Massimo Filippini, dell’Università di Lugano, e da
Giuliano Masiero, dell’Università di Bergamo, che sarà presentata al secondo Health
Econometrics Workshop aperto oggi all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni italiane per il periodo
che va dal 2000 al 2007. Campania, Sicilia e Calabria sono le Regioni a più alto
consumo, mentre Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige ne consumano
meno.
Le differenze, secondo gli esperti, sono solo in parte motivate dalla diversa struttura
demografica e socioeconomica delle regioni e in molti casi sembrano riconducibili a
differenze sui sui ticket applicati a questi farmaci. I risultati infatti suggeriscono che il
prezzo degli antibiotici e il reddito sono fattori importanti per la comprensione delle
differenze regionali nel consumo di antibiotici.
«Nel nostro paese, soprattutto in certe Regioni del Centro-Sud Italia, il consumo di
antibiotici non è sotto controllo, impattando negativamente sui risultati di salute e sui
costi. In Inghilterra, al contrario, è diventato quasi impossibile farsi prescrivere dal
medico di base un antibiotico. Gli inglesi pubblicizzano continuamente l’inefficacia degli
antibiotici per la cura di numerose malattie. In Italia, invece, sembrerebbe che anche al
minimo sintomo di raffreddore si prescriva l’antibiotico. Se in Italia le politiche di salute
pubblica fossero implementate tenendo conto della evidence based medicine, secondo
me il consumo di antibiotici sicuramente diminuirebbe, gli indicatori di salute
migliorerebbero, e la spesa sanitaria si ridurrebbe», ha commentato Francesco Moscone
della Brunel University nel Middlesex, uno degli organizzatori del workshop.
«A livello di sistema sanitario italiano servono maggiori incentivi per favorire un uso più
prudente degli antibiotici, in modo da raggiungere standard di consumo normali a livello
europeo».
stampa | chiudi
http://www.ilsecoloxix.it/Facet/print/Uuid/594327fa-9020-11df-afe1-0003bace870a/T... 22/07/2010
Siamo malati di ipocondria « Terracina Social Forum
z
z
z
z
Page 1 of 7
Home
Già fatto!
Info sul T.S.F.
I Have a Dream
z
Cerca
Terracina Social Forum
Sito Pubblico del Social Forum di Terracina
Feeds:
Articoli
Commenti
Siamo malati di ipocondria
16 luglio 2010 di supermarco
Dal quotidiano gratuito Metro del 16 luglio 2010
SIAMO MALATI DI IPOCONDRIA
Italiani in fila al pronto soccorso. Ma la maggior parte non ci va per una vera emergenza. Le urgenze (codice giallo e codice
rosso) non superano infatti il 15% del totale degli accessi. Questo significa che più di 7 persone su 10 pur potendo rivolgersi al
proprio medico di famiglia, finiscono per intasare i pronto soccorso, a danno di chi ne ha bisogno. E pagando pure un forte dazio.
L’attesa prima di essere visitati – soprattutto nei grandi ospedali di alcune città (Roma e Napoli in testa) – è lunga: anche 4-5 ore
per un codice verde e un tempo indefinito per un codice bainco. Emerge dall’analisi elaborata dalla Società Medicina Emergenza
Urgenza.
Gli italiani, insomma, esagerano. Ma sono pure ipocondriaci, come risulta da un’altra analisi, coordinata da Massimo Filippini,
dell’Università di Lugano, e da Giuliano Masiero, dell’Università di Bergamo. Nel nostro Paese si consumano troppe medicine,
in particolare antibiotici: Campania, Sicilia e Calabria sono le regioni a più alto consumo, mentre Veneto, Friuli Venezia Giulia e
Trentino Alto Adige ne consumano meno. L’utilizzo, dicono gli esperti, è spesso inappropriato. E non è tutto: è emerso che il
livello di consumo di antibiotici di un certo anno influenzerà l’anno successivo, forse perché il consumo di antibiotici induce
resistenze batteriche che si trascinano nel tempo richiedendo l’aumento delle somministrazioni.
Ads by Google
Pubblicato in SALUTE | Lascia un commento
Commenti RSS
Lascia un Commento
http://terracinasocialforum.wordpress.com/2010/07/16/siamo-malati-di-ipocondria/
22/07/2010
ANTIBIOTICI: SE NE CONSUMANO TROPPI
Home
Sanità
Page 1 of 2
ANTIBIOTICI: SE NE CONSUMANO TROPPI
Unione Nazionale Consumatori Comitato Provinciale e Regionale della Calabria
Chi siamo
Ultime notizie
Dove siamo
Storia e finalità
Come associarsi
I nostri consulenti
Contatti
Mappa del sito
ANTIBIOTICI: SE NE CONSUMANO TROPPI
CI RISIAMO CON I CONSORZI DI
BONIFICA
22/07/2010
SICUREZZA STRADALE UE:
DIMEZZARE GLI INCIDENTI
STRADALI ENTRO IL 2020
22/07/2010
I DIRITTI DEI PENSIONATI
22/07/2010
DIVORZI E SEPARAZIONI SONO
AUMENTATE
22/07/2010
GUIDA IN STATO DI EBBREZZA:
LEGITTIMO IL SEQUESTRO
DELL'AUTO IN LEASING
22/07/2010
LA VACANZA "TUTTO
COMPRESO"
Condividi
Stampa
Troppi antibiotici consumati in Italia, e molte disparita' tra regioni. E' emerso
dalla ricerca coordinata da Massimo Filippini, dell'universita' di Lugano, e da
Giuliano Masiero, dell'universita' di Bergamo, che sara' presentata al 2/o Health
Econometrics Workshop aperto oggi all'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di
Roma
Gli esperti hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni italiane per il
periodo che va dal 2000 al 2007 Campania, Sicilia e Calabria sono le Regioni a
piu' alto consumo, mentre Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige
ne consumano meno. Le differenze, secondo gli esperti, sono solo in parte
motivate dalla diversa struttura demografica e socioeconomica delle regioni e in
molti casi sembrano riconducibili a differenze sui ticket applicati a questi
farmaci.
< Prec.
Succ. >
in collaborazione con
l'Unione Nazionale
Consumatori:
Master in
"GIURISTA D'EUROPA - La
tutela dei diritti nel quadro
dell’Unione europea" Scadenza: 31 luglio 2010
Dammi un consiglio!
Vai su
22/07/2010
GIARDINAGGIO: RELAX IN
SICUREZZA
22/07/2010
TRASPORTI: STRETTA SUI
PENDOLARI
22/07/2010
GITE IN MONTAGNA:
CONSULTARE IL SERVIZIO
METEOMONT
21/07/2010
Menu Principale
FINTI DANNI ALLO
SPECCHIETTO: SEQUESTRO
DEL VEICOLO PER EVITARE LA
REITERAZIONE DEL REATO
Home
Reggio Calabria Blog
Il Consumatore e i suoi
diritti
21/07/2010
TOUR OPERATOR: IL
VIAGGIATORE PUO' FARE
CAUSA PER I DISSERVIZI CHE
DIPENDONO DALL'OPERATORE
LOCALE
Notizie utili
Assicurazioni
21/07/2010
Autoveicoli e dintorni
FIGLI BAMBOCCIONI ?: UNA
GUIDA DELLA CASSAZIONE
PER I GENITORI
Finanziaria
Fisco
21/07/2010
Mobbing
CRISI ALLARME SOCIALE NEL
MEZZOGIORNO
Sanità
21/07/2010
Sicurezza alimentare
A CAUSA DEL CALDO IL GRANO
AUMENTA DEL 20% IN 15
GIORNI
Telefonia
Turismo
21/07/2010
CURE TERMALI PAGATE
ANCHE PER I LAVORATORI
CO.CO.CO.
Download
Amministrazione
21/07/2010
FISCO: LE CRTELLE DELLE
TASSE SI PAGHERANNO IN
TABACCHERIA E
SUPERMERCATI
l'UNC in TV
Bacheca
21/07/2010
ATTENZIONE ALLE SCOSSE
ELETTRICHE
20/07/2010
RESPONSABILITA' DEL
PADRONE NEL CASO IN CUI IL
CANE MORDA DA DIETRO IL
RECINTO
20/07/2010
ONDATE DI CALORE: BOOM DI
RICHIESTE DI AIUTO AL
NUMERO VERDE 1500
20/07/2010
VIETATA LA
VIDEOSORVEGLIANZA NEL
NEGOZIO SENZA CARTELLI E
TUTELE PER I DIPENDENTI
MULTE PHOTORED E
SENTENZA DI RIMBORSO
MARTEDì 01 GIUGNO ALLE
ORE
17,15
NELLA
TRASMISSIONE
RADIOFONICA
"RADIOARTICOLO1" L'AVV.
SAVERIO
CUOCO
DELL'UNIONE NAZIONALE
CONSUMATORI PARLERà
DI "MULTE PHOTORED" E
L'INNOVATIVA SENTENZA
DI RIMBORSO
20/07/2010
TRASPORTI: BAGAGLIO
FACILE, IL NUOVO SERVIZIO
TRENITALIA
20/07/2010
http://www.uniconsum.it/sanita/4774-antibiotici-se-ne-consumano-troppi.html
22/07/2010
Troppi gli antibiotici consumati in Italia - Yahoo! Notizie
Troppi gli antibiotici consumati in Italia
Page 1 of 1
Pubblicità
Ven 16 Lug - 11.26
Pensiero Scientifico"
L’Italia è un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte differenze regionali su questo
fronte, non sempre motivate da diversi contesti socio-demografici. Campania, Sicilia e
Calabria mostrano il consumo più alto di antibiotici. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia
Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno. Questa disparità
è solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella struttura demografica e
socioeconomica delle regioni, ma è difficile dire in modo chiaro quali siano le regioni più
virtuose e quelle meno per quel che concerne IL consumo appropriato di questi farmaci. È
quanto emerso da una ricerca coordinata dal professor Massimo Filippini dell’Università di
Lugano e dal professor Giuliano Masiero dell’Università di Bergamo e di Lugano, che viene
presentata in occasione del 2° Health Econometrics Workshop, dal 15 al 17 luglio presso
l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, una tre giorni di lavori che, organizzata e
promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilità,
Università degli Studi di Milano-Bicocca, facoltà di Economia dell’Università Cattolica di
Roma, Università degli Studi di Bergamo, vede riuniti professionisti e accademici di alto
profilo per discutere su nuovi metodi e applicazioni di Econometria Sanitaria. Gli esperti
hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni Italiane per il periodo che va dal 2000
al 2007. I risultati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket regionale) e il
reddito sono fattori importanti per la comprensione delle differenze regionali nel consumo di
antibiotici. Analogamente a quanto emerso da uno studio effettuato sulla Svizzera, anche
per l’Italia l'uso pro capite ambulatoriale di antibiotici è pure influenzato dalla struttura
demografica della popolazione e dal livello di mortalità. Inoltre, il livello di consumo di
antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo di antibiotici nell'anno
successivo. Il motivo di questa dinamica potrebbe essere che il consumo di antibiotici forma
delle resistenze batteriche che si trascinano nel tempo. È bene ricordare come la resistenza
agli antibiotici (antibiotico-resistenza) possa contribuire al fallimento terapeutico, vale a dire
che in casi di resistenza l’antibiotico non fa effetto. Se largamente diffuso, il problema della
resistenza agli antibiotici può quindi rappresentare un grosso pericolo per la salute di una
società (aumento del tasso di mortalità da malattie infettive, aumento dei costi sanitari etc).
Fonte: Ufficio stampa 2° Health Econometrics Workshop
Share
5
tweet
0
Invia questo articolo
Copyright ©2010 Yahoo! Tutti i diritti riservati
Versione stampabile
http://it.notizie.yahoo.com/25/20100716/thl-troppi-gli-antibiotici-consumati-in-bd646f4.html
http://it.notizie.yahoo.com/25/20100716/thl-troppi-gli-antibiotici-consumati-in-bd646... 22/07/2010
Troppi gli antibiotici consumati in Italia - Yahoo! Notizie
Troppi gli antibiotici consumati in Italia
Page 1 of 1
Pubblicità
Ven 16 Lug - 11.26
Pensiero Scientifico"
L’Italia è un paese ad alto consumo di antibiotici e con molte differenze regionali su questo
fronte, non sempre motivate da diversi contesti socio-demografici. Campania, Sicilia e
Calabria mostrano il consumo più alto di antibiotici. Al contrario, Veneto, Friuli-Venezia
Giulia e Trentino-Alto Adige sono tra le Regioni che ne consumano meno. Questa disparità
è solo in parte spiegabile sulla base di differenze nella struttura demografica e
socioeconomica delle regioni, ma è difficile dire in modo chiaro quali siano le regioni più
virtuose e quelle meno per quel che concerne IL consumo appropriato di questi farmaci. È
quanto emerso da una ricerca coordinata dal professor Massimo Filippini dell’Università di
Lugano e dal professor Giuliano Masiero dell’Università di Bergamo e di Lugano, che viene
presentata in occasione del 2° Health Econometrics Workshop, dal 15 al 17 luglio presso
l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, una tre giorni di lavori che, organizzata e
promossa da CRISP - centro di ricerca interuniversitario per i servizi di pubblica utilità,
Università degli Studi di Milano-Bicocca, facoltà di Economia dell’Università Cattolica di
Roma, Università degli Studi di Bergamo, vede riuniti professionisti e accademici di alto
profilo per discutere su nuovi metodi e applicazioni di Econometria Sanitaria. Gli esperti
hanno studiato il consumo di antibiotici in 20 Regioni Italiane per il periodo che va dal 2000
al 2007. I risultati suggeriscono che il prezzo degli antibiotici (prezzo e ticket regionale) e il
reddito sono fattori importanti per la comprensione delle differenze regionali nel consumo di
antibiotici. Analogamente a quanto emerso da uno studio effettuato sulla Svizzera, anche
per l’Italia l'uso pro capite ambulatoriale di antibiotici è pure influenzato dalla struttura
demografica della popolazione e dal livello di mortalità. Inoltre, il livello di consumo di
antibiotici di un certo anno sembrerebbe influenzare il consumo di antibiotici nell'anno
successivo. Il motivo di questa dinamica potrebbe essere che il consumo di antibiotici forma
delle resistenze batteriche che si trascinano nel tempo. È bene ricordare come la resistenza
agli antibiotici (antibiotico-resistenza) possa contribuire al fallimento terapeutico, vale a dire
che in casi di resistenza l’antibiotico non fa effetto. Se largamente diffuso, il problema della
resistenza agli antibiotici può quindi rappresentare un grosso pericolo per la salute di una
società (aumento del tasso di mortalità da malattie infettive, aumento dei costi sanitari etc).
Fonte: Ufficio stampa 2° Health Econometrics Workshop
Share
5
tweet
0
Invia questo articolo
Copyright ©2010 Yahoo! Tutti i diritti riservati
Versione stampabile
http://it.notizie.yahoo.com/25/20100716/thl-troppi-gli-antibiotici-consumati-in-bd646f4.html
http://it.notizie.yahoo.com/25/20100716/thl-troppi-gli-antibiotici-consumati-in-bd646... 22/07/2010
Scarica

Dossier 19-2010 - Università degli Studi di Bergamo