Progetto [email protected]
IL DIRITTO ALLO STUDIO
DELL’ALUNNO MALATO
IL QUADRO NORMATIVO
Progetto [email protected]
Valorizza il ruolo delle tecnologie per
il diritto allo studio dell’alunno
in ospedale o in istruzione domiciliare
2
Progetto [email protected]
 Il Progetto utilizza le nuove tecnologie
multimediali a supporto delle attività di
insegnamento nel contesto della didattica
ospedaliera e dell’istruzione domiciliare,
favorendo il confronto e la cooperazione in
rete.
3
Un tema centrale: il diritto allo studio
• La nostra Costituzione garantisce il diritto allo
studio come diritto inalienabile, pieno ed
esigibile, cioè diritto soggettivo fondamentale,
volto a determinare il pieno sviluppo della
persona umana, al di là degli ostacoli che
possono verificarsi nel suo percorso di crescita.
( Art. 3 Costituzione)
4
Diritto allo studio e diritto alla salute
• Sono entrambi diritti fondamentali garantiti dalla
Costituzione (articoli 3, 34 e 38) come aspetti
inscindibili di una sola dinamica che ha lo scopo di
sostenere e incrementare il benessere fisico e
psichico di bambini e giovani.
5
Risoluzione del Parlamento Europeo
• La “Carta Europea dei diritti dei bambini
degenti in ospedale” del 13 Maggio 1986:
• Affermazione dei diritti costituzionalmente
garantiti
• Forte riconoscimento della cultura della
solidarietà a favore dei più deboli.
6
La scuola in ospedale
 Consente ai ragazzi malati di poter esercitare il
diritto allo studio nei periodi di degenza in
ospedale.
 Si riconosce il diritto - dovere all’ istruzione,
contribuendo a prevenire la dispersione scolastica e
l’abbandono.
7
Ricerca e innovazione
 E’ oggi diffusa in tutti gli ordini e gradi di scuola –
dell’infanzia, primaria e secondaria di I e II
grado – e nei principali ospedali e reparti
pediatrici.
 Costituisce un vero e proprio laboratorio di
ricerca e innovazione, i cui temi centrali sono:
 Flessibilità organizzativa
e
didattica,
personalizzazione, utilizzo delle tecnologie,
particolare cura della relazione educativa.
8
Un po’ di storia …
 La storia dello sviluppo
delle attività
educative in ospedale è essenzialmente
la storia di un’evoluzione pedagogica,
ancora in atto, che può essere compresa
solo se viene collegata alle trasformazioni
culturali della società.
9
Le sezioni scolastiche ospedaliere
 La C.M.
n. 345 del 12 Gennaio 1986
sancisce la nascita delle sezioni scolastiche
all’interno degli ospedali.
 Viene riconosciuto il carattere “normale”,
pur con necessità specifiche, della scuola
in ospedale, come sezione staccata della
scuola del territorio.
10
La C.M. n. 345 del 12/1/ 1986
“L’attività
didattica rivolta ai bambini ricoverati
nelle strutture ospedaliere riveste un ruolo
estremamente rilevante
in quanto garantisce
ai bambini malati il diritto all’istruzione e
contribuisce al mantenimento o al recupero del loro
equilibrio psicofisico” (C.M. 345 del 12/1/1986)
11
La C.M. n. 353 del 7 Agosto 1998:
• Riconosce
l’importanza e la valenza della
scuola in ospedale.
• Da evento episodico a livello volontario, diventa
struttura scolastica reale ed organizzata prevista
dall’ ampliamento dell’ offerta
formativa
nell’ambito della legge sull’autonomia (Art. 21
legge 59/97).
12
La formazione in servizio dei docenti
• L’ indispensabile competenza di base – curricolare
e didattica – si affianca ad una preparazione
specifica, che prevede:
• La conoscenza delle molteplici e differenti
metodologie
di
intervento
educativo,
consone alle situazioni individuali.
• Le opportunità didattiche offerte dall’uso
delle nuove tecnologie.
13
I percorsi formativi personalizzati
 L’attività scolastica in ospedale presuppone percorsi
formativi personalizzati a seconda dei bisogni di ciascun
alunno.
 Il supporto educativo e didattico deve essere adeguato e
rivolto al soggetto nella sua interezza.
14
Una funzione fondamentale
 La funzione fondamentale del docente in
ospedale è quella di promuovere il diritto
all’istruzione in un contesto così delicato e
complesso, oltre a garantire un ponte tra la
famiglia, l’ospedale e la scuola
di
provenienza.
15
Un ponte con la vita
• “Il nostro obiettivo è di creare un ponte con il
mondo che è fuori dall’ospedale, un ponte con la
vita”
Anna Rita Orsini, Docente Ospedale Bambino
Gesù di Roma
16
Le competenze specifiche
• Competenze organizzative: conoscere il contesto
e
pianificare il proprio lavoro in sinergia con le esigenze di
funzionamento della struttura.
• Competenze relazionali in contesti ad alta intensità
emotiva: capacità di
ascolto,
di accoglienza, di
mediazione tra malattia e benessere, flessibilità ed
adattabilità continue ed efficaci.
17
Le competenze specifiche
• Competenze
metodologico didattiche trasversali:
padroneggiare metodi della didattica attiva e breve;
pianificare e organizzare il lavoro con flessibilità rispetto a
tempi, età e patologie.
• Competenze disciplinari:
approfondita e aggiornata
conoscenza dei linguaggi e dei nuclei fondanti delle
discipline insegnate.
18
Le competenze tecnologiche
• Utilizzare le tecnologie multimediali per creare,
arricchire, implementare la proposta formativa e la
documentazione del lavoro svolto.
• Saper gestire un lavoro in rete, offrendo spazi
d’incontro e di condivisione.
19
Una rete integrata di interventi
E’ necessario un forte coordinamento tra istituzioni e
soggetti coinvolti, per costruire quella rete integrata di
interventi che ogni vera comunità educante realizza,
specie quando si rivolge alle fasce di utenza più deboli.
20
Una complessa dimensione formativa
 La scuola
in ospedale e l’istruzione domiciliare sono
un servizio pubblico reso all’alunno malato, volto ad
assicurargli pari opportunità nello sviluppo delle sue
potenzialità, capacità e competenze.
21
Il servizio di istruzione domiciliare
• Viene attivato per gli alunni impediti alla frequenza
scolastica per un periodo superiore a 30 giorni a causa della
malattia ed è finalizzato ad assicurare il reinserimento
dell’alunno nella classe di appartenenza.
22
Il servizio di istruzione domiciliare
• Si connota come una particolare modalità di esercizio
del diritto allo studio, che consente agli alunni già
ospedalizzati di continuare a casa il proprio processo di
apprendimento, usufruendo di forme di flessibilità e
personalizzazione.
23
Caratteristiche dell’istruzione domiciliare
• Personalizzazione e diversificazione degli interventi
educativi a seconda dei bisogni, dei ritmi e delle condizioni
di salute.
• Raccordo con la scuola di provenienza
• Cura della documentazione degli interventi
• Gestione delle relazioni tra operatori scolastici e sanitari.
24
Protocollo d’intesa Ministero
dell’Istruzione e Ministero della Salute
• Importante è il Protocollo d’intesa del 24 ottobre
2003 sulla “tutela del diritto alla salute e allo studio
dei cittadini di minore età, affetti da gravi patologie,
attraverso il servizio di istruzione domiciliare”.
25
Finalità del Protocollo d’intesa
• Vengono promosse e sostenute iniziative volte a
garantire la presa in carico globale dei minori
malati, sia sotto l’aspetto sanitario che scolastico,
assicurando la continuità dell’intervento, con
modalità di raccordo interistituzionale.
26
Il Comitato Tecnico Scuola in Ospedale
 Con Decreto MIUR del 13 ottobre 2004 viene istituito il
Comitato Tecnico scuola in ospedale e istruzione
domiciliare,
con
compiti
di coordinamento,
monitoraggio e sostegno alle attività di scuola in
ospedale e servizio di istruzione domiciliare.
27
Legge 440/1997 - Interventi prioritari
 Con la Direttiva n. 60 del
26 Luglio 2004 sono stati
individuati gli interventi prioritari in base alla Legge
440/1997.
 Tra le priorità, sono state individuate le iniziative volte
al potenziamento ed alla qualificazione dell’offerta
di integrazione scolastica degli alunni ricoverati in
ospedale o seguiti in regime di day hospital.
28
I progetti
 Progetto di ricerca “La scuola in ospedale come
laboratorio per le innovazioni nella didattica e
nell’organizzazione”
–
Il
primo
portale:
http://scuolainospedale.indire.it
 Progetto “[email protected]” che realizza un programma di
formazione nazionale per tutti i docenti ospedalieri:
[email protected]
 Progetto WISE, coordinato dal CNR di Genova, che
sviluppa strumenti e strategie di rete a supporto
dell’istruzione domiciliare.
29
Il Portale Scuola in Ospedale
 A seguito della Convenzione tra il MIUR – Direzione
Generale
per lo Studente e il Centro METID del
Politecnico di Milano, nasce il nuovo Portale:
http://pso.istruzione.it
30
Monitoraggio e condivisione
• Il Portale scuola in ospedale e istruzione
domiciliare fornisce un utile strumento di
monitoraggio delle azioni realizzate, un veicolo di
condivisione di nuovi percorsi educativi, nonché
di supporto alle scuole, alle famiglie ed agli
operatori scolastici.
31
Dai nativi digitali ai docenti digitali:
valorizzare le buone pratiche
32
Seminario Nazionale di Torino 29-31 Maggio 2012
 “La cultura del “farsi carico” attraverso la RETE a
servizio degli alunni assenti per malattia”
 Seminario
nazionale di
studio e produzione
per la scuola in ospedale e per l’istruzione
domiciliare.
33
“Il Registro on line come facilitatore di lavoro”
 Ruolo delle tecnologie e della comunicazione a
supporto:
 della documentazione
 della certificazione
 delle attività di apprendimento individualizzato e/o
collaborativo
34
Un impegno comune
• Sostenere un modello formativo e didattico
centrato sulla persona e sui suoi bisogni.
• Costruire ed ampliare le reti di collegamento tra le
diverse istituzioni ed il territorio
• Individuare con tempestività i bisogni formativi
cui dare risposta.
35
E per finire,
ricordiamo che ….
36
…. insieme si può regalare un sorriso …
37
Grazie per l’attenzione
38
Scarica

diritto allo studio - il Registro On Line