40 ANNI CONTRO IL CORO
50305
9 771124 883008
GIOVEDÌ 5 MARZO 2015
Direttore Alessandro Sallusti
CAOS POLITICO
La Lega si spacca, Renzi si incarta
Tosi e i suoi lasciano il Carroccio. La prescrizione fa litigare Pd e Ncd: maggioranza in crisi
Berlusconi chiude l’Aventino, ma sulle riforme voterà no
La politica italiana è sempre più nel caos. Nella giornata di
ierilac’èstatalaprimascissionedellaLega:Tosieilsuogruppo
abbandonano il Carroccio guidato da Salvini. Nelle stesse ore
la maggioranza di governo è andata in crisi sul tema giustizia.
Inparticolaresullanormachemodificaitempidiprescrizione,
Ncd non ha votato il testo sostenuto dal partito democratico.
NelfrattempoBerlusconihadeciso:iparlamentaridiForzaItalia torneranno in Aula, ma sulle riforme voteranno no.
servizi da pagina 4 a pagina 7
LA FINTA PATRIMONIALE DI GRILLO
CHE TOSA PECORE GIÀ TOSATE
di Nicola Porro
I
eriBeppeGrilloinun’insolita, perché sobria, intervista al Corriere della
Sera,hatiratofuoridalcilindro l’ideona di tassare di
più i ricchi. Al fine di trovare le
coperture per la sua proposta
diredditodicittadinanzahadichiarato di voler «prendere lo
0,5-1% alle persone che hannodue-tremilioni direddito».
Non si tratta di una patrimoniale: infatti quest’ultima graverebbe anche su immobili e
altre forme di ricchezza. No.
LapropostadiGrillovuoletassare di più i redditi. Sono in
vendita in queste settimane
delleberlineagasoliodiun’importante casa automobilistica
tedesca. Il motore è piccolino,
maèdotatodiungadgetformidabile: ha registrato il rumore
di scarico di un otto cilindri a
benzina di grande potenza.
Quandosisgasa,daglialtoparlantiemettonounsuonopiùsimile a quello di una Ferrari
cheaquellodiunmodestogasolio.Ecco.LapropostadiGrillo ha lo stesso rumore. Falso.
Ma appariscente.
Vediamo perché. In Italia i
redditi prodotti dalle persone
fisichesonoparia800miliardi
di euro l’anno. Applicando a
tuttilanuovasovratassadiGrillo(eperdipiùl’ipotesipiùelevatadell’1%)ilTesoroincasse-
rebbe 8 miliardi. Ovviamente
nessuno, e neanche il leader a
Cinque stelle, fa una proposta
così folle. Inoltre su 41 milioni
di contribuenti, la bellezza di
10 non pagano un euro di imposte.Grilloinfattiparladiredditisuperioria2-3milioni.Ebbene nel 2012 (fonte Giulio
Tremonti) in Italia c’erano solo796contribuentichedichiaravano un reddito superiore a
un milione di euro.
Ricapitoliamo.Grillopropone una sovrattassa sui ricchi.
Fissa delle soglie e un’aliquota. Ma in Italia, ad andare bene,cisonoalmassimo(masaranno ovviamente meno) 796
individui che dichiarano più
diduemilionidieuro.Daiqualiperaltro(comepertuttiicontribuenti che hanno un reddito superiore ai 300mila euro,
da quattro anni già si applica
un contributo di solidarietà
del 3 per cento) quanto volete
che si possa ricavare? Il Tesoro,sevabene,siprocurerebbe
un paio di centinaia di milioni
di extragettito.
Inumeriparlanochiaro.AumentareletasseinItalianonsi
può.Perragionidiprincipioinnanzitutto. Ma in fin dei conti
ancheperpiùprosaichemotivazioni di cassa. Quando una
pecoral’haitosataperbene,se
continui, l’accoppi o scappa.
l’appunto
Il lungo mese
del decisionismo
a singhiozzo
di Adalberto Signore
BANDA LARGA E TLC
N
on saranno solo le maceriedelpattodelNazareno a rendere impervia la strada del governo, ma è
unfattocheormaidaunmesea
questa parte Matteo Renzi sia
costrettoa una seriedi stop and
go che per la prima volta da
quando è a Palazzo Chigi (...)
Risiko delle reti,
Matteo pretende
di dare le carte
Gian Maria De Francesco
a pagina 11
segue a pagina 4
L’UE CAMBIA IDEA: «GIUSTO COOPERARE COI REGIMI»
I fondi per i migranti? Servono per i funerali
Il sindaco di Pozzallo denuncia: «Le sepolture ci costano 170mila euro»
Carola Parisi
IlsindacodiPozzallononha
più soldi né lacrime. Ha speso
entrambi per seppellire i migranti morti nel Canale di Sicilia. Luigi Ammatuna fa il triste
conto della serva: sui 500mila
euro «generosamente» elargiti
al paese epicentro dell’emergenzasbarchi,170milaeurosono stati spesi per le esequie dei
tanti disperati annegati.
QUERELE PER «STRISCIA»
Dal calcio in tv a «Masterchef»
L’eterno derby Sky-Mediaset
Maurizio Caverzan
a pagina 23
FATTE SALVE ECCEZIONI TERRITORIALI (VEDI GERENZA)
»
il dubbio
Perché il Papa
non parla
di Adamo ed Eva
di Piero Ostellino
U
n amico mi fa notare
che papa Francesco
nonparlamaidelpeccatooriginale.Noncredonon
ne parli per una sorta di adesione a una modernità che
non mette più il peccato della
carne al centro della vita morale individuale e collettiva.
Non siamo neppure alla confermadellaprofeziadiNostradamus secondo la quale sarebbe salito al soglio pontificio un «uomo della Compagnia» (un gesuita) che avrebbe immesso veleno nella dottrina.Mauncontoèattribuire
l’umana malvagità al peccato
di superbia di Adamo e Eva come sosteneva Sant’Agostino e aveva sostenuto la Chiesafinoaieri-unaltroattribuirla,comefaquestoPapa,alrapporto fra ricchi e poveri, al
mondomoderno-chedell’autonomia della politica (...)
segue a pagina 11
PADOAN DIFENDE S&P
Golpe del rating,
così il governo
diventa complice
a pagina 3
Fabbri a pagina 3
ROM E IPOCRISIE
di Renato Farina
Il diritto di dare
del delinquente
Q
uasi quasi le agenzie
di rating declassandocicihannofattounpiacere.Nonsitoccano.Al massimo poi, vedremo, se ci saranno fatti nuovi, forse una causa
civile. Queste le tesi, tradotte
in italiano corrente e un po’
volgare, del governo italiano.
Il quale non si mette contro
Standard & Poor's e la grande
banca americana che ne è
comproprietaria. Ci mancherebbe. Questa la risposta ufficiale del ministro Pier Carlo
Padoan alla richiesta (...)
di Vittorio Feltri
H
anno ragione coloro
(tra i quali Antonio Padellaro) che si sono
scandalizzati perché Gianluca
Bonanno, parlamentare europeo della Lega, ha detto che i
rom sono la «feccia della società»? Un minimo di creanza impone in effetti una norma: mai
definire (...)
segue a pagina 3
ICONE CONTRO Carlo Cracco, re di «Masterchef», e il Gabibbo
L’«ECONOMIST» RILANCIA LA TEORIA DI UN LIBRO
*
SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE – D.L. 353/03 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) – ART. 1 C. 1 DCB-MILANO
G ilgiornale.it
Anno XLII - Numero 54 - 1.40 euro*
Per fare un’Olimpiade serve una buona dittatura
di Giuseppe De Bellis
NELLA CHIESA DI SAN CRISTOFORO
S
A Milano scoperto per caso
un affresco dimenticato del ’400
ono rimaste Almaty e Pechino. Due sole città in
corsa per ospitare le Olimpiadi invernali del
2022, le altre si sono ritirate. Almaty o Pechino,
cioèKazakistanoCina.Nonesattamenteduedemocrazieliberali.Nellostessoannoimondialidicalciosaranno in Qatar e quattro anni prima saranno in Russia. I
grandi eventi sportivi sono diventati appetibili soltantoaPaesicosì,unpo’indietronellaclassificadellelibertà civili e individuali. Paesi ricchi o comunque con disponibilitàsufficientiaorganizzarecostosissimemanifestazioni.Le grandi democrazie sono fuori, oquantomeno lo (...)
segue a pagina 15
Manila Alfano
Nell’annodell’Expounregaloinaspettatorendeancor più bella Milano: nella chiesa di San Cristoforo i
lavorihannoriportatoallaluceunaffrescodelQuattrocento da secoli, coperto da un controsoffitto. Un
tesoro inestimabile di cui si erano perse le tracce.
a pagina 17
Iacobini a pagina 17
segue a pagina 8
2 IL FATTO
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
ITALIA SOTTO ASSEDIO Il terrorismo
il retroscena
di Fausto Biloslavo
A
ltro che Mare nostrum,
l’abortitamissionebuonista e salva clandestini
della nostra Marina. I russi si
stanno espandendo con la loro flotta nel Mediterraneo
«conquistando» porti a Cipro
e mettendo in piedi manovre
navali anti terrorismo con
l’Egitto, che già interviene in
Libia contro le bandiere nere
del Califfato.
Lo sa bene il premier Matteo
Renzi, che questa mattina al
Cremlino chiederà alla Russia
una mano per la Libia. A cominciare dal voto in Consiglio
disicurezzadell’Onuperunintervento più incisivo che potrebbe prevedere la fornitura
diarmialgovernodiTobrukriconosciuto dalla comunità internazionale, un blocco navaleoazionimirateantiIsisetraf-
MANOVRE
Intanto Mosca avanza
con la sua flotta
nel Mediterraneo
ficantidiuomini. VladimirPutin ci aiuterà a stabilizzare l’ex
regno di Gheddafi salvandoci
da mezzo milione di migranti
previsti per il 2015? Il ministro
degli Esteri russo, Serghei Lavrov, sembra quasi preannunciarlo in un’intervista all’Agi.
Mosca«comprendeleparticolari preoccupazioni dell’Italia
per la situazione nel Mediterraneomeridionaleeinparticolarein Libia»dichiaraalla vigiliadell’arrivodiRenzialCremlino. E aggiunge che la Russia
«terrà conto dei legittimi interessi italiani nell’esame, al
Consiglio di sicurezza dell’Onu, di misure pratiche per
la lotta contro il terrorismo e
per la stabilizzazione della situazionenella regione delMedio Oriente e del Nord Africa».
Tutto perfetto, ma se vogliamo l’aiuto russo è un po’ dura
andarlo a chiedere con il dito
sul grilletto delle sanzioni per
l’Ucraina, che colpiscono Moscae danneggianol’economia
del nostro paese.
Prima di partire per la tappa
aKiev,Renzisiècollegatoinvideoconferenzaconileadereuropeiedilpresidenteamericano Barack Obama ribadendo
che se la tregua in Ucraina non
reggesse piomberanno nuove
sanzioni sulla Russia. Ed i no-
Renzi in missione da Putin
chiede aiuto sul dossier Libia
Il premier tenta di coinvolgere la Russia nella
stabilizzazione dell’ex regno di Gheddafi
Ma resta il nodo delle sanzioni sull’Ucraina
stri Eurofighter pattugliano i
cieli dei paesi baltici contro i
caccia di Mosca.
Renzi dovrà esibirsi in qualche piroetta diplomatica per
convincere Putin ad aiutarci
sullaLibia,mentrelobastoniamo per l’Ucraina.
La flotta russa certo non attende le contorsioni occidentali e avanza nel Mediterraneo
aldifuoridellastoricabasenavale sovietica di Tartus in Siria. Il 26 febbraio lo stesso presidente Putin, in visita a Cipro,
ha battezzato l’accordo per
l’utilizzo dei porti dell’isola da
parte delle navi da guerra russe. Oggi, oltre a Renzi, è a Mosca il ministro della Difesa egiziano,SedkiSobhiper mettere
apuntoconilsuoomologorussoSergeyShoiguunpattodicooperazione militare. La flotta
russa potrebbe ottenere una
nuova base in Egitto e Shoigu
ha annunciato grandi manovrenavalicongiunteantiterrorismonelMediterraneo.Ladata non è stata ancora fissata,
ma verranno impiegate navi
dasbarcoeunaForzadireazio-
A KIEV
Il capo del
governo
Matteo Renzi
incontra a
Kiev il
presidente
ucraino Petro
Poroshenko:
«L’Italia
vuole il
rispetto della
sovranità
dell’Ucraina»
nerapida.L’Egittostagiàbombardando le basi dello Stato
islamicoin Libiae hacondotto
blitz dei corpi speciali nell’area di Derna. I russi appoggianoleoperazioniconl’intelligence e anche la Francia aiuta. L’Italia, che vuole guidare
la stabilizzazione della Libia,
spera di metterci il cappello
con la visita di Renzi a Mosca.
Non è un caso che abbiamo
lanciato le manovre «Mare
aperto», al largo della Libia,
proprio in questi giorni. AncheseiverticidellaDifesahanno paura a dirlo si tratta di
un’operazione preventiva di
3-4 navi compresa quella da
sbarco San Giorgio. A bordo ci
sono i marines del reggimento
San Marco e i Comsubin, i corpi speciali della Marina.
L’obiettivo è tenersi pronti per
difenderelapiattaforma di Sabrata, al largo delle coste libiche,possibileobiettivodeiterroristi e snodo dell’impianto
Eni di Mellita, da dove parte il
gasdotto che arriva in Sicilia.
Mare aperto raccoglierà anche informazioni con droni e
sottomarini sull’Isis in Libia e i
trafficanti di uomini.
NEL GIORNO IN CUI RENZI VEDE POROSHENKO
L’appello dello zar:
«Basta omicidi politici»
Basta omicidi politici in Russia. L’appello è
del presidente Putin, che ieri, durante un
vertice al ministero dell’Interno ha detto
che bisogna «liberare la Russia dalla
vergogna» di delitti «che hanno una grande
risonanza, compresi quelli a sfondo
politico» come «l’omicidio sfacciato di Boris
Nemtsov proprio nel centro della capitale».
Oggi Putin incontrerà Renzi che ieri era a
Kiev, in visita dal presidente ucraino
Poroshenko. Renzi ha detto che «occorre
andare spediti verso una pace duratura» e
ribadito che l’Italia farà «ogni sforzo perché
gli accordi di Minsk possano trovare piena
efficacia», oltre ad assicurare il sostegno
economico a Kiev e ad aver chiesto «il
rispetto dell’indipendenza e della
sovranità dell’Ucraina»
Regno Unito choc Intanto è polemica sugli stupratori islamici
Da Londra 550mila euro di sussidi a «Jihadi John»
La notizia nel giorno in cui l’Ukip presenta il piano per ridurre l’immigrazione
A partire dal 1996, quando ottenne
asilo in Gran Bretagna, la famiglia del
tagliagole dell’Isis, Mohammed
Emwazi, più noto come Jihadi John, è
costata ai contribuenti britannici
JIHADISTA
Il terrorista
dello Stato
islamico
divenuto
famoso come
«Jihadi John»
è Mohammed
Enwazi. I suoi
familiari
ottennero
lo status di
rifigiati
dal Kuwait
400mila sterline (550mila euro) tra il
pagamento dell’affitto delle 5 case in
cuisonostatiinaffittonelcorsodi20anniedaltri benefit.Lanotiziasvelatadal
Daily Mail arriva proprio nel giorno in
cui il leader dell’Ukip, il partito euroscetticobritannico,hascaldatoimotori in vista delle elezioni del 7 maggio e
annunciato il suo piano sull’immigrazione:unsistemaapuntiperlaconcessionedeivisti,sulmodellodiquelloaustraliano, l’istituzione di una commissioneparlamentareperridurrel’immigrazione e il rafforzamento del personale alle frontiere, con l’assunzione di
oltre2.500 nuoviagenti. Il leadereuroscettico ha prima parlato di un tetto
massimo di 50mila immigrati, ma poi
fattounamezzaretromarcia,sostenendo che l’obiettivo dell’Ukip è riportare
l’immigrazione alla «normalità». Co-
me di consueto, non è mancata la dichiarazionechocperl’alleatodelMovimento Cinque Stelle in Italia: Farage
ha affermato che si dovrebbe vietare
l’ingressonelRegnoUnitoaglistranierichesonomalatiterminali,inserendolinell’elencodellepersonechenonsono benvenute, come chi ha precedenti
penaliechinonpuòcontaresuunacopertura medica.
Intanto, mentre Farage incalza sul temaimmigrazione,ilMaildenunciacomeilWestminsterCityCouncilstarebbeancorapagandol’affittodell’appartamento del valore di 600mila sterline
nelqualerisiedevalafamigliaEmwazi,
sebbenele regoleimpongano che i pagamenti debbano essere sospesi dopo
13 settimane di assenza. Il tabloid britannico ha ricostruito la vicenda della
famigliadiJihadiJohn,chelasciòilKu-
waitdopolaPrimaGuerradelGolfosostenendo di essere soggetta a persecuzioni perché accusata di avere appoggiatol’invasioneirachenadel1990.Gli
Emwazi ottennero lo status di rifugiati
in Gran Bretagna nel 1996. Cinque annidopoottenneroanchelacittadinanzaed iniziaronoa fare avanti eindietro
con il natio Kuwait. «Hanno abusato
dellanostraospitalità.Queisoldidevono essere restituiti», tuona il deputato
ToryPhilipHollobone,mentreilcollegaDavidDavieschiedeunostopimmediato dei sussidi «ad una famiglia che
non ha chiaramente bisogno di asilo
nel Regno Unito».
E ieri il Times ha rilanciato la richiesta
di aprire un dibattito nazionale sul temadegliabusiperpetratidamusulmaniaidannidiragazzineminorenni.Per
15 anni circa, nell’Oxfordshire 370 ragazzine sono state stuprate e abusate
daunagang formataprevalentemente
da asiatici, soprattutto pakistani.
IL FATTO 3
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
ITALIA SOTTO ASSEDIO L’invasione
il caso
di Roberto Fabbri
N
eanche a farlo apposta.
L’ecodegliavvertimenti giunti dai Paesi arabi
(«C’èun’invasionediimmigrati in arrivo, e l’Isis intende approfittarneperinfiltrareterroristi diretti in Europa», ha detto
peresempioilcuginodeldefunto dittatore libico Muammar
Gheddafi) non si è ancora dissolta e già la cronaca s’incarica
didareloroconferma.Elarisposta di Bruxelles lascia più che
perplessi:suggeriscedichiedere aiuto a quegli stessi regimi
dittatorialiche hacontribuito a
fare abbattere.
Solo nella giornata di martedìeranostatepocomenodimille(941 per laprecisione) lepersone recuperate vive dalla nostra Guardia Costiera nel canale di Sicilia. Dieci, invece, i corpiripescatisenzavita.Sonostate24oredifuoco,consetteoperazioni di soccorso coordinate
dalla capitaneria di porto in
una zona di mare a circa 50 migliaanord dellaLibia.Ieri èstato recuperato un altro gommone con 94 persone a bordo.
Leprovenienzedichiaratedaglistraniericheavevanolasciato le coste libiche a bordo di affollatissimigommoniemalconcibarconi(unodeiqualisièanche ribaltato) sono le solite: Siria, Palestina, Libia, Tunisia e
vari Paesi dell’Africa nera. Anche le conseguenze di questo
Immigrati, lo sbarco dei mille
E l’Ue chiede aiuto ai dittatori
Naufraga un barcone, 10 morti e 941 soccorsi. Salvini: «Renzi ha le mani insanguinate»
L’Italia fu condannata per l’intesa con Gheddafi, ma ora Bruxelles ha cambiato idea
ennesimocapitolodell’invasione strisciante del nostro Paese
sono le solite: centri di accoglienza sempre più stracolmi,
con tanto di proteste da parte
dei loro ospiti per la lentezza
nella gestione delle pratiche
perlostatusdirifugiato.LaProcura di Siracusa, inoltre, ha
apertoun’inchiestapernaufragio e omicidio plurimo.
Masonolerispostedell’Europa all’emergenza immigrazione davanti alle nostre coste a
sollevareancorpiùpreoccupazioni. Un dibattito che lo stesso
vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans ha definito «piuttosto acceso» si è tenuto nel «governo
di Bruxelles» all’indomani del
maxi-salvataggio nel Canale di
Sicilia.Inunaconferenzastampa congiunta Timmermans e il
commissario all’immigrazioneDimitrisAvramopouloshanno caldeggiato la necessità di
dialogareancheconregimidittatoriali pur di ottenere risultati nella lotta al traffico di esseri
umani: un concetto che viene
sdoganato oggi nel momento
incuil’emergenzarischiaditracimare oltre i confini italiani,
ma è difficile dimenticare le
asprecriticherivoltealgoverno
Berlusconi quando strinse un
accordointalsensoconlaLibia
di Gheddafi.
Oggi i toni sono ben diversi.
«QuestetragedienelMediterraneo rafforzano il sentimento di
urgenza», ha detto Timmermanssottolineandolanecessi-
tà di«proteggere meglio»i confini dell’Ue. Ancor più esplicito
Avramopoulos, secondo cui
«non dobbiamo essere ingenui:ilfattochecooperiamocon
deiregimidittatorialinonsignificachelilegittimiamo,madobbiamo cooperare laddove abbiamo deciso di lottare contro
l’intervista
Carola Parisi
Alfano: «Regole per punire l’accattonaggio»
CARRETTE Una delle tante barche fatiscenti soccorse questi mesi
Pozzallo cerca di scrollarsi di
dosso il marchio di nuova Lampedusa, ma le rotte della nuova
ondata di profughi dall’Africa la
mettonoalcentrodiquestofenomeno che pare non aver mai fine. Per chi non lo vive ogni giorno sulla propria pelle è facile liquidare questo dramma come
routine. Le immagini dei profughichetendonolamano eperfinoquelledellebarecihannoanestetizzato, ma a rendere le dimensionidellatragediabastaun
numero incredibile: il Paese ha
speso170milaeuroperlesolesepolture dei profughi morti. Una
cifra che dà la dimensione di
quello che sta succedendo nel
mare davanti alla Sicilia. Ma anchedell’inadeguatezzadegliaiuti dal governo e dall’Europa, che
haelargito 500mila euro.
Gli «sbarchi» hanno perso
quelladimensionediunicità,trasformandosiinunadrammatica
routine.Sembrachetuttisisiano
abituati.Ancheaimorti.Eppure,
chiaPozzallocivive,neparlaco-
Il commento
IL DIRITTO DI DARE DEL DELINQUENTE A CHI LO È
dalla prima pagina
(...) qualcuno «brutto, sporco e cattivo»
anche se è bruttissimo, sporchissimo e
cattivissimo.Maèevidentechenelcaso
nonpuoineppureaffermarechesiabello,pulitoebuono,altrimentiloprenderesti in giro, e sarebbe peggio.
Pertanto non capisco per quale motivo non si possano criticare quei signori
che, a onta del progresso civile e materiale,siostinanoaviverenelleroulottee
nelle baracche nonché a sbarcare il lunario ricorrendo a espedienti ai limiti
della legalità, pretendendo inoltre sussidi e vari aiuti pubblici. Intendiamoci.
Ciascuno è libero di campare come gli
Il sindaco Ammatuna
«Fondi a Pozzallo?
Solo di sepolture
spesi 170.000 euro»
VERTICE COI SINDACI SULL’IMMIGRAZIONE
Il ministro dell’Interno Angelino Alfano promette che le istituzioni
useranno il pugno di ferro contro accattonaggio e carità molesta. E
per dar vita ad una legge contro il degrado urbano, capace al tempo
srtesso di garantire la sicurezza nelle città, oggi incontrerà il presidente dell’Anci, Piero Fassino, . «Dopo l’intervento della Consulta è
necessario delimitare i poteri d’ordinanza dei sindaci e varare normepiùsevericontrocomportamenticomel’accattonaggioelacarità
molesta»,haspiegatoAlfano.ACagliari,poi,ierihafirmatounprotocollo sulla legalità, annunciando un osservatorio permanente al Viminale sugli atti intimidatori e l’istituzione di un fondo assicurativo
persindacieamministratorivittimediattentatiperchéaloro«sichiede di prestare un servizio alla comunità, non di essere eroi».
il traffico di esseri umani».
Colpisce anche la singolare
visionedell’urgenzadellaCommissione europea: Timmermans ha annunciato che per
fronteggiare l’onda umana in
arrivodallaLibial’agendaeuropeasullemigrazioniverrà anticipata «da metà luglio a metà
maggio». Come se non fosse
bennotochegiàallafinedell’inverno il Canale di Sicilia si trasformainunatragicapistaliquidasucuiprosperanoimercanti
di uomini.
Divampano naturalmente le
polemiche politiche italiane: Il
leader leghista Salvini ha accusato il premier Renzi e il ministro dell’Interno Alfano di avere «le mani sporche di sangue».
In questo scoraggiante contesto,laresponsabiledellapoliticaesteradiBruxellescercadiindicareunaprospettiva dilungo
termine.PerFedericaMogherini una buona gestione del problema immigrazione sarà possibilesoloricostruendounaveraautoritàstataleinLibiaerisolvendo la crisi siriana. Compiti
arduiperun’Europacuimanca
una visione condivisa.
garba, persino nel modo pessimo descritto sopra, ma a condizione che se la
cavi in proprio, senza importunare il
prossimo,dedicarsiallaquestua,istruire minori affinché suscitino pena nei
passanti, inducendoli a sganciare, e
possibilmente senza fare razzie sui treni e nelle case.
Non pochi, specialmente progressistipoliticallycorrect,sostengonochebisogna rispettare la cultura dei rom e accettarliqualisono,rinunciandoallavelleità di mutarne i costumi. La tesi è discutibile. Infatti, l’umanità è soggetta
da sempre all’evoluzione della specie e
tende a migliorare la propria esistenza,
cercando di renderla decente sul piano
igienico,professionaleedell’educazione.
L’ItaliauntempoeraunPaesediemigranti,tracui numerosipoveri contadinianalfabeti, che di puntoin bianco venivano catapultati dalla masseria a
New York, suppongo con qualche disagio e tanta fatica, eppure erano capaci
di integrarsi e di fare strada. Come si
spiega,invece,cheirom(trannelodevoli eccezioni) continuano a non essere
stanziali e tirano sera secondo usi immutati da secoli? Non sarà che preferiscono, per indolenza, arrangiarsi come
sappiamopiuttostochelavorareecomportarsiinbasealleregoleosservatedalla stragrande maggioranza dei cittadi-
ni?Almenoundubbioènecessarioporselo se non si vuole liquidare il problema dando del razzista a chiunque sia
perplesso sullostile dei rom, i quali non
saranno la feccia della società, ma agiscono sovente come se lo fossero.
Se gli alberi si giudicano dai frutti e gli
uomini dalle opere, quelle degli zingari
non meritano applausi. Anni fa, ladri e
farabutti di ogni genere godevano di
una giustificazione fornita loro dalle
ideologie all’epoca correnti: colpa della società ingiusta che li spinge a delinquere. Mi pare che per pigrizia mentale
si adotti ancora quel criterio ignobile di
valutazione.
Vittorio Feltri
AVVILITO
«Turismo massacrato
E il governo ci nega
i fondi per rilanciarlo»
me di una città spaccata in due.
Da una parte c'è (o meglio c'era)
laricezioneturistica,ilcorsopienodi negozi,i bar,le discoteche,
le manifestazioni di piazza; dall'
altrailCie,glisbarchi,lamacchina dell'accoglienza e i cadaveri
da seppellire. Due mondi paralleli che solo apparentemente
nons’incontrano.
Ierisonoarrivatialtri183immigrati. Il quinto sbarco dall'inizio
dell'anno.Ma«colbeltemposaranno quasi quotidiani» sottolinea il sindaco di Pozzallo, Luigi
Ammatuna.
Èfortelaconsapevolezzadiun'
Europa che se ne frega facendo
fintadiniente.IlcomunediPozzallo non se la passa certo bene:
casseinrossoeunpianodiriequilibrioappenaapprovato.Poi,c'è
la voce «funerale e sepoltura dei
cadaveri» che pesa sulle spalle
dell'amministrazione locale.
«Peri45corpiarrivatiloscorsoluglio-spiegaAmmatura-hapagatoilcomunediPozzallo,mailministeroavevastanziatounfondo
concuisiamorientratidellespesesostenute:di500milaeuro,ne
abbiamousatisolo170milaperi
funerali.Finanziamentoche,però,puòessereutilizzatofinoal31
marzo2015».Dopodiché,«ognunoperséeDiopertutti»?Cosìpare.«Sedovesseroarrivarealtricadaveri, il Comune non avrebbe
soldi per funerali e sepolture. Se
nonutilizzato,ilfondovarestituito al ministero» spiega amareggiatoil sindacodi Pozzallo. Eaggiunge: «Ho chiesto al ministro
Alfanosoldiperrilanciarelacittà
di Pozzallo e le strutture turistiche sul territorio...». Ma? «Pare
che non si possa fare». Insomma,ilministerodell'Internosembraaverrecepitoalmegliole«direttive europee».
4 INTERNI
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
SCENARI POLITICI Manovre di Palazzo
l’appunto
dalla prima pagina
(...) ne stanno minando l’immagine di
decisionista risoluto.
Laprimaavvisaglialasièavutatresettimanefasulleriformeistituzionali,perchélospettacolodellaCameracostretta alla sedute notturne per approvare
nonundecretoinscadenzamalalegge
che dopo quasi settant’anni dovrebbe
riscriverelaCostituzioneecancellareil
Senato è stato pessimo e senza precedenti. Una chiara forzatura che si è im-
la giornata
di Antonio Signorini
Roma
Roma Un mea culpa un po’ farlocco, limitato solo al metodo,
comefacevailvecchioPciquando si autoassolveva dalle sconfitteelettoraliconun«noncisiamofatti capire».Poiun’apertura al governo che sa tanto di
trappola,nellaqualesonocaduti Sel e la sinistra Pd (non Matteo Renzi). E che, comunque, è
durata meno di una giornata.
Beppe Grillo ha scelto il CorrieredellaSeraperunadellesuerarissimeinterviste,conl’obiettivo di lanciare al premier Matteo Renzi due messaggi distensivi. «Siamo pronti al dialogo
con tutti, anche con il Pd, sul
redditodicittadinanzaelariforma della Rai».
Per quanto riguardail primo,
la proposta del Movimento 5
Stelle è un sussidio di disoccupazione allargato. «È destinato
achiperdeillavoro,achinonlo
raggiunge.Sono780euroalmese, ma varia a seconda del numero dei componenti familiari» e «chi ne usufruisce segue
un percorso con lo Stato. Gli si
offrono due-tre lavori, se non li
accetta, perde il reddito». Costo,intornoai15miliardi,dapagare secondo il leader del M5S
contagliallespesepergliarmamenti, dal gioco d’azzardo e da
una patrimoniale. Fino all’uno
percento da chi ha«2-3 milioni
di reddito».
Sulla Rai, la proposta resta
quella dei pentastellati: «Cambiare i meccanismi di nomina
delconsigliodiamministrazione, per renderlo finalmente indipendente dal potere politico
e governativo».
Entusiasta la sinistra-sinistra. «Vogliamo la Rai dei cittadinienondeipartitiodelgoverno?VogliamocomeintuttaEuropa il reddito minimo che può
essere una delle risposte contro la povertà e contro i ricatti?
In Parlamento c’è una maggioranza possibile. Facciamolo»,
ha commentato Nichi Vendola
via Twitter.
Nella maggioranza Pd solo il
renziano Michele Anzaldi ha
apertoaGrillo.«Ilsognodeipar-
mediatamentetrasformatainunsegnale di evidente debolezza, quella di una
maggioranza che nonostante numeri
bulgariha avutopaura di rimanere imbrigliata nell’ostruzionismo.
Daallora sono passatiuna ventina di
giorni-edètrascorsopocopiùdiunmesedall’elezionealCollediSergioMattarella che ha sancito la rottura dell’intesa tra Renzi e Silvio Berlusconi - e il governo appare sempre più impantanato.L’ultimoattoierisulfrontegiustizia,
con il disegno di legge sulla corruzione
annunciato in aula al Senato per oggi e
cheinvece viene rinviato (perla quarta
volta). D’altra parte nella maggioranza
l’accordosulfalsoinbilancio(sanzioni
esoglie di punibilità) non c’è e dunque
la capigruppo di Palazzo Madama non
potevacherinviarnel’esame(peroraal
17 marzo). E non vanno meglio le cose
alla Camera, dove il governo problemi
di numeri certo non ne ha. Ieri, infatti,
in commissione Giustizia è saltata la
maggioranza sulla nuova legge sulla
prescrizione,conNcdchehavotatoin-
siemeaForzaItaliaeM5S.L’affanno,insomma, è evidente. Anche perché solo
24orefaaslittareerastatalariformadellascuola. Con Renzi chedopo tanti annunci roboanti si è limitato a presentare una bozza e rimandare il tutto a settembre.
LaconfermacheaPalazzoChigisiregistraunacertapreoccupazionestatuttanell’interesse con cui in queste ore si
stavalutandol’aperturaaldialogoarrivatadaBeppeGrillo.IlleaderdelM5Ssi
è infatti detto disponibile al confronto
Grillo apre al Pd
Ma la nuova alleanza
dura solo poche ore
Il leader M5S: confrontiamoci. Esultano minoranza dem e Sel
Poi il botta e risposta con Guerini costringe Beppe al dietrofront
titi fuori dalla Rai sempre più a
portatadimano»,haspiegatoil
segretario della Vigilanza Rai.
Soddisfatti i firmatari Pd e Sel,
comeVincenzoVitaePippoCivati, che hanno depositato una
proposta non incompatibile.
Molto più cauto il capogruppoallaCameraRobertoSperanza.«SeleparolediGrillononso-
no mera propaganda, pronti a
confrontarci nel merito delle
questioni. Senza pregiudizi».
Freddezza che ha fatto subito
tornare Grillo sulle posizioni di
partenza:«IlM5Shasempreaccolto suggerimenti e miglioramenti sulle proprie proposte in
Parlamento, che però è stato
espropriato dal governo Ren-
L’IPOTETICO ASSE
SENZA NUMERI AL SENATO
ALLA CAMERA
426
Totale
26
309
91
23
13
33
70
20
9
36
630
Sel
Partito democratico
Movimento 5 Stelle
Scelta civica
Per l'Italia - Centro democratico
Area popolare (Ncd-Udc)
Forza Italia
Lega Nord
Fratelli d'Italia
Misto
Totale
321
Sel
Partito democratico
Movimento 5 Stelle
Gal
Per le Autonomie
Area popolare (Ncd-Udc)
Forza Italia
Lega Nord
Misto
Scuola, Mattarella pretesto
dei renziani in difficoltà
Roma Troppe promesse, nessuna voglia di altre brutte figure. Troppe materie e non tutte con i necessari requisiti
di«necessitàeurgenza». Dunquelavolontà di «non stressare il Quirinale»
conl’ennesimodecretodidubbialegittimità.Ma,soprattutto,lacopertaultracorta dei conti pubblici, come prova il
colloquio di ieri tra il ministro Padoan
eun preoccupato presidente Mattarella.Così, sulle rampe del Colle, al loro
primo e inconsapevole atto di moral
suasion,èfallitoil«pianoscuola»predispostodaRenzi.Proprioquellochedoveva costituire il fiore all’occhiello del
governo, che sulla riforma scolastica
ha avanzato una delle puntate più cospicue fin dai primi giorni. Sembra ormaiassodatoche ilnodo principaledel
repentinocambiodimarciasiaaddebitabileaicontipubblici:necessaritremiliardidi euroentro il2016, in gran parte
da destinare all’assunzione di una
quantitàdiprecarinonmeglioprecisata. Dubbi e perplessità che l’assessore
scolastico pugliese, Alba Sasso, ieri
ben sintetizzava: «Il legittimo sospetto
èchequestoprovvedimentoancorapo-
156
L’EGO
toepoicirisaleimmediatamente. D’altra parte in questi mesi
cihaabituatiacambidilineacosìrepentinidageneraresospetti»,hacommentatoilvicesegretario Lorenzo Guerini.
Disinnescata la bomba di un
M5S di governo (ipotesi che
non sarebbe dispiaciuta a moltisimpatizzanti, comeemergeva ieri dai commenti al blog del
leader), l’unica notizia di giornata,perquantoriguardailmovimento, è il fatto che Grillo ha
quasi rinnegato i vaffa day. «Le
piazzenonfunzionanopiù.Resteremosottoilpalcoestaremo
con la gente».
Quanto al divieto di andare
in tv, Grillo dice di preferire
semprelaretema,afferma,«capisco che ci sia una fetta di elettoratochesiinformaconicanali tradizionali. Può essere che
abbiasbagliatoio».Tradotto:io
sono nel giusto, sono gli altri
che capiscono male. Scuola
Frattocchie.
dietro le quinte »
Scaricabarile sul Colle
per lo stop alla riforma
AL SENATO
7
113
36
15
17
36
60
15
22
zie della sua centralità con una
raffica di decreti legge. Confidiamoinundibattitoparlamentarepubblicoeaperto.Forseèil
Pd che deve cambiare rotta,
dritto verso la democrazia».
Scattod’orgogliochesembra
quasiavererassicuratoilPdgovernativo. «Come volevasi dimostrare: Grillo scende dal tet-
su Rai e reddito di cittadinanza e Renzi
si è ben guardato dal chiudere la porta.
Dopo la maggioranza che ha dato la fiducia al governo (Pd-Ncd-Sc), quella
che ha approvato le riforme (Pd-NcdSc-Forza Italia), quella che ha votato
l’Italicum (Pd-Ncd-Sc-Forza Italia ma
senza la minoranza dem) e quella che
ha eletto Mattarella al Quirinale (PdNcd-Sc-Sel) non è affatto escluso che
Renzinonstiaragionandosuunquinto
fornoconilM5S.Unamossaragionevoleeallostessotempoazzardata,perché
-lodimostranogliaffannidiquestesettimane- teneretuttoinsiemepotrebbe
risultare sempre più difficile.
Adalberto Signore
cochiaro(quantiequaliidocentidaassumere?) non abbia copertura finanziaria».
Lacomplessitàdellamatassahaconvinto il premier a scaricare sul Parlamento la patata bollente della scuola
mediaticamentepuntandosulrispetto
delmonitodiMattarellasull’abusodella decretazione d’urgenza (il Quirinale
smentisce qualsiasi altro intervento
successivo). Anche perché tanti sono
ancora i nodi da sciogliere, in primis la
questionedeglisgravifiscaliperleparitarie sui quali gli alleati del Ncd si dicono irremovibili. Neppure i tempi per
riuscire ad assumere i precari prima
dell’inizio del nuovo anno scolastico
sono certi, anzi in molti pensano che
non ce la si farebbe nemmeno con un
decreto (non a caso ieri il ministro Poletti ha cercato di dare rassicurazioni).
Gettare la riforma della scuola nella
gabbia dei leoni, porto delle nebbie o
mercato delle vacche che dir si voglia
delParlamento,garantisceaRenzitempi meno pressanti ed alibi precostituito. Già emerso nella conferenza stampa dell’altra sera: «Decida il Parlamento se procedere in tempi serrati o se
bloccarele assunzioni deiprecaridella
scuolaconl’ostruzionismo».PonzioPilato non sarebbe stato più chiaro.
RoS
’
Il premier costretto alla politica del rinvio
Apertura a tempo
L’EX COMICO
Su reddito
di cittadinanza
e Rai
dialoghiamo
con tutti,
anche con il Pd
Ma ci deve
essere onestà
intellettuale
Aperti a qualsiasi
discussione se
ci sono proposte
INTERNI 5
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
il caso
di Laura Cesaretti
Roma
P
roprio mentre per Matteo Renzi sembra riaprirsi il «forno» grillino,
almeno sulla riforma Rai, la
maggioranza di governo si
spacca clamorosamente sulla
giustizia.
È successo ieri in commissione alla Camera, dove si stava esaminando la riforma dellaprescrizione,edoveilgoverno ha presentato una modifi-
Renzi tenta il dialogo sulla Rai
Giustizia, maggioranza spaccata
Il premier ha chiesto un incontro con l’ex comico per riformare insieme la tv di Stato
Caos in commissione: sulla prescrizione i centristi non votano con i democratici
ca che porta da dieci a diciotto
anni - praticamente raddoppiandoli-itempidiprescrizione per i reati di corruzione. Sia
i centristi di Area popolare sia
i socialisti si sono dissociati,
votandocontro insieme aForza Italia. «Sembra quasi che il
governo voglia cercare di farsi
perdonare dai magistrati per
avergli fatto lo sgarbo della responsabilità civile», si sfoga
un esponente di Ncd.
Fatto sta che la maggioranza non può presentarsi divisa
in aula, quando a metà marzo
vi approderà il provvedimento, e quindi dopo l’inciampo
di ieri si sta tentando una ricucitura:«Lamaggioranzatroveràun accordo,cisistagiàlavorando e sono fiduciosa che si
troverà», rassicurava ieri sera
il ministro Maria Elena Bo-
SOTTO TRACCIA
E i dissidenti Pd
sperano di modificare
l’Italicum coi voti grillini
TRATTATIVA
Il leader
del
Movimento
cinque stelle
Beppe
Grillo
schi. Le fa eco il Guardasigilli
Andrea Orlando: «Discuteremo, l’iterdelprovvedimento è
solo all’inizio». Ma il ministro
sottolinea che deve restare un
inasprimentoperireatidi corruzione: «Va salvaguardata la
specificità della corruzione».
IlviceministroNcdallaGiustizia,Enrico Costa,assicurache
«il testo avrà dei correttivi».
Ma la bufera nella maggioranza coincide con uno scambio di segnali di interesse tra
Pd e Movimento Cinque Stelle. Nella sua intervista al Corriere della Sera Beppe Grillo
lancia un esplicito segnale in
direzione del governo: «Su
Rai e reddito di cittadinanza
dialoghiamo con tutti, anche
con il Pd». Un’apertura che,
sotto sotto, a Palazzo Chigi si
aspettavano:tantoche lostessoMatteoRenzi,giornifa,aveva chiesto per vie diplomatiche un incontro col comico
con un solo punto all’ordine
del giorno, la Rai appunto.
L’incontro non c’è stato, ma a
stretto giro di posta è arrivata
STRATEGIA
Il presidente
del Consiglio
e segretario
del Pd
Matteo
Renzi
l’intervista di Grillo, che proprio di quello parla.
«Sulla riforma della Rai le
posizioni dei grillini e le nostre sono in diversi punti molto vicine, a cominciare dall’estromissionedeipartitidalla governance», spiega il renziano punta di diamante della
commissionediVigilanza,Michele Anzaldi. Dunque il fornogrillinopotrebbeessereassaiutilealpremierpermandare avanti in modo spedito
un’operazione, quella di ridisegno della tv pubblica, che
troverà in Parlamento grandi
resistenze: l’idea di Renzi, di
cuisiègiàdiscussonel «tavolo
di lavoro» coi parlamentari
convocato dal premier venerdìscorsoal Nazareno,èquella
di trovare in fretta i capisaldi
di uno schema di riforma (già
oggi si terrà un’apposita riunione dei membri Pd della vigilanza) su cui trattare con gli
M5S per un iter rapido, entro
l’estate. Se poi alla fine i grillini facessero il loro solito gioco
e mandassero tutto all’aria, il
premier avrà a quel punto un
ottimo argomento per fare la
riformaperdecreto,ipotesiaccantonataperlasciarelaparola al Parlamento. Ieri dunque
ilpremiereisuoihannoaccolto con cauta disponibilità le
avancediGrillo,attentiavedere le carte prima di aprire la
trattativa vera. Più impulsivo
il capogruppo Roberto Speranza, che ha ironizzato sulla
«inversionedirotta» delcomico,suscitandounapiccatareazione grillina: «Se mai è il Pd
che deve cambiare rotta». La
minoranza Pd intanto guarda
aldisgelodel comicocon lasegreta speranza di riuscire ad
attirarlo in un fronte comune
contro la legge elettorale, per
mandare in soffitta l’Italicum.
«Ma si illudono - assicura un
dirigente renziano - sulla legge elettorale il premier non
consentirà blitz a nessuno.
Chi cerca di farla saltare rischia di far saltare la legislatura».
Il retroscena Le mosse degli alfaniani
Il mal di pancia Ncd si sposta su welfare e banche
Fabrizio de Feo
Roma Le fibrillazioni mattutine
pergli ammiccamentitra il Pd e il
Movimento 5 Stelle sulla riforma
dellaRai.Ilterremotopomeridianosullaprescrizione,conleforze
di governo schierate, l’una contro l’altra armata, su fronti opposti. È una giornata di non ordinariatensioneneirapportitraNcde
Partito democratico. È vero che,
come ha dimostrato la vicenda
dell’elezione del capo dello Stato, il partito guidato da Angelino
Alfano dimostra una non comunecapacitàdiincassare.Maicolpi inferti dal partito di Matteo
Renzinonrisultanocertoindolori.
Soltanto una settimana fa Roberto Formigoni aveva salutato
conentusiasmolablindaturadell’asse Pd-Ncd. «Le 3 alleanze che
Renzisivantavadiavere15giorni
fa sono crollate, vive solo quella
di governo con Ncd. Faccia bene
Pronti alla battaglia anche su viale Mazzini. Il nodo Regionali
suoicalcoli»,ilmonitodell’exgovernatore lombardo. A pochi
giorni da quella che appariva come la fotografia di un cambio di
passoneirapportitrailgrandeeil
piccolo alleato, il partito del premier prima apre a una possibile
collaborazione con Beppe Grillo
sullariformadellaRai.Poiincommissione Giustizia della Camera
spaccalamaggioranzasullariformadellaprescrizione:AreaPopolare-NcdeUdc-sischieranocontrolapropostadelgoverno(chea
suavoltafaasseconSel)spiegando che di fatto andrebbe a raddoppiare i termini per prescrivere i reati di corruzione. AlessandroPagano,capogruppoincommissione, spiega che il rischio è
quello di far arrivar la prescrizionea25-30anni,scadenza«inammissibile per un Paese civile che
devegarantiregliinnocentieuna
ragionevole durata del processo». E ancora: «Se la commissione ha deciso di mandare a casa il
governo se ne prenda atto, in nome di una presunta autonomia
se ne fregano delle posizioni della maggioranza». Un affondo durissimo che spinge Maria Elena
BoschieilministroAndreaOrlando a gettare acqua sul fuoco e a
spiegarechearriverannomodifiche al testo in aula a metà marzo.
L’altrofrontecaldoèquellodei
rapporti tra Pd e Beppe Grillo.
Una storia contrastata sulla qualeègiàfragorosamenteinciampatoPierLuigiBersaniecheoratorna ad accendere le fantasie soprattutto della sinistra Pd. Da via
del Nazareno arriva la consueta
apertura: «Pronti a confrontarci
sulmeritodellequestioni».Epuntuale il fuoco di sbarramento di
Ncd. «L’apertura a Grillo è un’altra mina della minoranza Pd per
destabilizzare il governo?» si
CONFRONTO
Il leader Ncd
Angelino
Alfano
Le posizioni sulla corruzione
1
Il veto
di Area popolare
Ap contro il nuovo testocheallungalaprescrizione per i reati
di corruzione
2
L’ottimismo
della Boschi
«Stiamo lavorando,
individuataun’ipotesi di accordo», dice il
ministro Boschi
3
L’ok alla norma
senza i centristi
La norma passa in
commissione Giustizia con il voto contrario Ap, Fi e M5S
chiedelacapogruppodiAp,NunziaDe Girolamo. Ancora più nettoèMaurizio Sacconicheagitalo
spettro della crisi di governo. «Se
si dovesse produrre una maggioranzaspuriasutemirilevantidella politica pubblica, come la tv di
Stato o il welfare, la conseguenza
sarebbe la crisi di governo. Solo i
temi eticamente sensibili possonoesseresottrattialvincolodicoalizione perché investono la coscienza delle persone». Come se
nonbastasseilquadernodellelamentele comprende anche la
questione della trasformazione
in spa delle banche popolari su
cui i centristi già affilano le armi.
Sotto traccia i parlamentari Ncd
non nascondono la stanchezza
per il «trattamento Renzi»: «Non
possiamosemprefareglialleatia
comando».Ec’èancheilnodoRegionaliadacuireimalumori.Presto dovrebbe arrivare il faccia a
faccia tra Silvio Berlusconi e Angelino Alfano con cui blindare
l’accordosullaCampania.Accordo già raggiunto a livello locale,
ma che l’intricata matassa veneta rischia di complicare.
6 INTERNI
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
__
LE MOSSE DEL CENTRODESTRA
il retroscena
di Paolo Bracalini
S
altosulCarroccio(delvincitore).Unassedio,richieste che arrivano anche a
parlamentarisenzacariche,peones leghisti che d’improvviso,
conSalvini a gonfie vele, diventano preziosi contatti per farsi
raccomandareesperarediessere ammessi nel gruppo Lega
Nord. Le selezioni, molto scrupolose, sono in corso, e all’ultimoConsigliofederaleèstatafatta una relazione al leader (che
nonèparlamentare)suideputati e senatori di altri partiti che
chiedono di entrare nella Lega.
Lacifrechegiranosononotevoli: «Una decina al Senato e una
quindicinaallaCamera»assicu-
Ecco il dossier segreto:
25 parlamentari pronti
a salire sul Carroccio
Le richieste arrivano anche a leghisti senza cariche: tutti vogliono
entrare nel partito. Le aree di provenienza sono tre: Ncd, Fi e M5S
lamentaridelNord,pernoncreare tensioni con la militanza leghista delle sezioni, che si vedrebbe scavalcata da un ex avversario. Quindi, no ai settentrionali,sìaicentro-meridionali, ma con moltissima prudenza. Il segretario ha dato indicazionedistudiarecongrande attenzione ogni richiesta («Riciclatinonnevogliamo»),lavalutazionesaràcompetenzadelcapogruppo,poidelsegretariolocale interessato (se a fare do-
mandaèunparlamentarediAncona,sarà il segretario della Lega di Ancona a fornire informazionisullapersona)epoidaultimo la parola sarà di Salvini.
Interessante è anche la geografiadei«richiedentiasilo»nella Lega Nord. I partiti di provenienza sono tre. Forza Italia,
Ncd e anche M5S, non solo ex
ma anche Cinque stelle in carica.Il grossoperò arriva dal centrodestra, gente che vuole mollare Forza Italia e il Ncd di Alfa-
no.Propriodalì,daglialfaniani,
proviene Barbara Saltamartini,
laprimaafareoutingedichiarare ufficialmente di voler passare col Carroccio. Domanda che
nonsaràperòfacilmenteaccettata, visto che a Salvini è stato
consegnatoundossiersulladeputataexNcdchesottolineadiverse criticità, legate al mondo
diprovenienza(ladestraromana tendenza alemanniana), e a
qualche problema giudiziario
della famiglia. Anche suo mari-
EX AMICI
Il segretario
della Lega
Matteo Salvini
abbraccia
il sindaco
di Verona e
numero uno
della Liga
veneta
Flavio Tosi: è
passato poco
più di un
anno ma
sembra un
secolo. Ora
i due sono su
fronti opposti
sul caso delle
Regionali
in Veneto
Salvini l’ha
commissariato
e Tosi
minaccia
l’addio
OBIETTIVO CENTRO-SUD
L’idea della segreteria
è allargarsi in zone
elettoralmente nuove
ra un parlamentare leghista a
conoscenza della pratica. Va
detto che i numeri oscillano secondo gli equilibri interni alla
Lega.Perdire,undeputatovicino a Tosi, il ribelle veronese
pronto a rompere, ridimensiona le cifre: «Venticinque? Nooo
troppi! Saranno sei o sette alla
Camera, al Senato non so». Ci
sono le richieste formali che
passano dai capigruppo, o da
Calderoli, responsabile organizzativo del partito («C’è la fila
per venire da noi!»), a cui si aggiungonoperòquellechepassanodaonorevoli«semplici».«Soloio,chenonhoruolidicomandoqui, sono stato avvicinato da
duedeputatichevorrebberoentrarenellaLega»raccontaunaltro onorevole padano.
Non è una campagna acquisti finalizzata a pesare di più in
Parlamento,obiettivosecondario. Il progetto, invece, è di presentarsi e raccogliere voti ancheal Centro-Sud, dove la Lega
non esiste o muove i primi passi.Edèlìchequalcheparlamentare preso da fuori, purché senza scheletri nell’armadio, potrebbe tornare utile. La linea è
direspingerelerichiestedapar-
10
Sono i nuovi ingressi nel
Carroccio in base alle richieste ricevute a Palazzo
Madama
15
I deputati che militano
con Ncd, Forza Italia o Cinque Stelle che vogliono
passare alla Lega
to, Pietro Di Paolo, consigliere
regionaleNcdinLazio,èdatoin
partenza verso la Lega. Alla lettura del «dossier Saltamartini»
si dice, però, che Salvini abbia
storto il naso.
Dal Lazio, e dalla ex Roma ladrona, c’è molta richiesta. E se
NcdeLeganonsipossonovedere,èproprio dal Ncdche provanoilcambiocasaccaintanti,com’è successo qualche mese fa
quando sei consiglieri Ncd, tra
Comune e consigli municipali
diRoma,sonopassaticonlaLega. E in Campidoglio è nato il
gruppo«VersolaLegadeiPopoli con Salvini». I dirigenti della
Legaraccontanodipellegrinaggidielettiedesponenti(moltidi
ForzaItalia)chechiedonol’ammissione. Mentre nei consigli
comunali,danordasud,siassistealla trasmigrazione. Da Trapani,doveunconsiglierecomunale ex Pdl è passato a «Noi con
Salvini» (il movimento parallelo alla Lega da presentare al
Sud),adAosta,doveunexconsigliere regionale Pdl si è iscritto
alla Lega. Tutti provano a saltare sul Carroccio (del vincitore).
il caso
In extremis un tentativo di mediazione
Strappo in Veneto: Tosi e i suoi se ne vanno
A un passo dalla scissione. In
Regione Veneto, come anticipato ieri dal Giornale, è già iniziata,
conl’uscitadalgruppoconsiliare
della Lega di due tosiani di ferro,
e la creazione di un nuovo gruppo(«ImpegnoperilVeneto»),primomattonedellalistaTosiperle
regionali, anche perché la presenzadiungrupporegionalepermettedi nondover presentarele
firmeper candidarsi. Trai consiglieri leghisti fedeli al sindaco, e
quindi sotto osservazione per le
prossime mosse, ce ne sono altri
4,dicui3chericopronoilruolodi
assessori della giunta Zaia. Se
mollassero anche loro sarebbe
unbelguaio,magiàcosìlagrana
è grossa e rischia di complicare
una partita, il Veneto, che finora
sembravaindiscesa.Bastaleggereleragionidellarotturadeiconsiglieriveneti,persentireinsottofondola voce di Tosi: «La Lega di
Salvini ha svoltato a destra, va in
piazza con CasaPound, il nostro
gruppocivicovuoleraccogliereil
consenso dei tanti moderati di
In Regione un nuovo gruppo, il sindaco verso la candidatura contro Zaia
centrodestrachenonvoterebbero Lega». Risponde Luca Zaia,
candidato di Salvini (e di Forza
Italia): «Io hoi veneti al miofianco quindi vado avanti nella mia
direzione poi in democrazia
ognunofa quellochevuole».
Per sapere come si conclude il
casoTosi,deflagratoconl’ultimatumdiviaBellerio(«Lascialatua
fondazione o fuori dalla Lega») e
il commissariamento sulle liste
elettorali (vigilerà Giampaolo
Dozzo, inviato di Salvini), bisognaaspettarestasera,conilconsiglio nazionale della Liga veneta
convocato in serata, finalmente
resadeiconti.Spaziperlaricomposizione non sembrano esser-
SALVINI
«Mi auguro che nessuno
abbia voglia di rompere
Flavio con noi ha futuro»
ci,ancheseinseratasiregistraun
ultimo tentativo di mediazione
perevitarelostrappo.IntantoTosi sta reclutando il suo esercito,
composto anche da numerosi
parlamentari, quasi tutti quelli
elettiinVeneto(eilsospetto,trai
parlamentari della Lega, è che si
preparino a lasciare i gruppi),
sondati nella giornata romana
peruncolloquioconAlfano,ilcui
Ncd è pronto a sostenerlo in Veneto.
Il segretario Salvini, che lo ha
messonell’angoloconunamossa astuta (senza cacciarlo ma, di
fatto,costringendoloauscire)tiene aperta la porta del Carroccio:
«Mi auguro che nessuno abbia
voglia di litigare, rompere, polemizzare. Non diamo quella soddisfazioniallasinistra,pensiamo
avincere.Domani(oggi,ndr)c’è
il Consiglio nazionale in Veneto,
miaugurochetuttifaccianolaloroparte.IohostimadiTosi,come
sindaco e come dirigente politico, e credo che se faremo una
campagna seria a fianco di Zaia
perFlavio Tosici saràtantofuturoinLega».Basteràperconvincere il sindaco a non proseguire la
guerra?Anchedaquelchescrive
la sua fondazione politica (e domani Tosi presenterà a Palermo
una nuova sede) pare proprio di
no. «Incompatibile la tessera dei
Fari di Tosi, mentre nessun problema per chi si iscrive a Noi con
Salvini?». Nel consiglio di stasera,doveilsegretariohalamaggioranza(quasi tuttiuominisuoi),e
che verrà disertato dagli antitosiani(ilsindacodiPadovaMassimo Bitonci: “questo consiglio
“nonhavalidità”),Tosipotrebbe
mettere ai voti di respingere il
commissariamento deciso da
Milano, rivendicando l’autonomiadellaLigavenetacomedastatuto.In altreparole, laguerra.
PBra
FRATELLI D’ITALIA
Corsaro lascia,
Meloni gelida:
«Sopravvivremo
senza di lui»
Fabrizio de Feo
Roma L’addiodiMassimoCorsaroaFratellid’Italia,anticipato da il Giornale ieri, arriva in
mattinataconunaletteraindirizzataaGiorgiaMeloniealcapogruppo Fabio Rampelli. Subalterna a Matteo Salvini e
«comprimaria a CasaPound».
Così l’ex An, ex Pdl, tra i fondatori di Fratelli d’Italia, vede la
giovane leader nella lettera in
cui annuncia la sua uscita dal
partito. Nella missiva il deputato milanese spiega i motivi
della sua scelta. A giudizio di
Corsaro la linea politica del
partito si è ormai allontanata
daquellaper cuisi decisedifar
nascere il movimento; a partire dal fallimento del progetto
di ricostituire un soggetto che
potesseospitare tutti gli orfani
della destra, anche a causa di
quellichedefinisce«livorievetiincrociati»tragliexcolonnelli.AIntelligonews,poi,aggiunge:«LascioFdIperchèèprevalsa una linea economica totalmente sovrapponibile a quelladiLandinieilpartitoèdiventato lo sparring partner di Salvini».
Le reazioni dei dirigenti del
partito sono tese a minimizzarel’addio. «L’uscitadiCorsaro
noncambiamolto,sopravviveremo. Da tempo massimo non
lavorava per la crescita di Fdi,
non ho ancora capito quali sono le reali ragioni del suo gesto»diceGiorgiaMeloni.«Corsaro dice di essere andato via
per la nostra linea sulla Lega e
il nostro rapporto con Salvini sottolinea il presidente di Fdi ma secondo me sono altre le
vere ragioni del suo addio. È
curioso che Massimo usi gli
stessi toni usati da Gianfranco
Fini...vorreiricordarglichelui
èstatoquandoerainAnequindi nel Pdl alleato con Lega di
Bossi,quindi non capisco. Comunque,loripeto,sopravviveremo». Ignazio La Russa si dicedispiaciutoperché«formalmente lascia Milano senza un
deputato del nostro partito.
Era infatti subentrato a me dopo che avevo optato per la Puglia.Vorràdirechemisdoppierò e che tornerò ad occuparmi
a tempo pieno di Milano».
PerFratellid’Italiaarrivano,
invece, buone notizie da Roma. Lavinia Mennuni, consigliere comunale, lascia Ncd e
approda in FdI.. «Per onestà
verso me stessa e gli elettori,
ho deciso di operare una scelta coerente con i miei principi.
LascioNcd. Unpartito le cuilineenonsono più damecondivisibili, divenuto piedistallo
di un governo di sinistra di cui
nonapprovogliindirizzipolitici, che sostiene posizioni
inammissibilievotaprovvedimenti inaccettabili. Un partitocheperpreservarelapoltrona, ha avallato l'elezione di un
Presidente la cui candidatura
non era condivisa, riconfermandosi stampella di Renzi».
INTERNI 7
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
LE MOSSE DEL CAVALIERE
il retroscena
di Francesco Cramer
Roma
A
ventino addio ma pollice verso sulle riforme.
Forza Italia ratifica
l’orientamento del Cavaliere in
unariunionedelgruppoallaCamera.Nonc’èilpienone,adirla
verità:25/30deputatisu70.Tuttavia si vuole fare il punto sulla
linea da tenere in vista del voto
finale sul nuovo Senato. Partita
che dovrebbe chiudersi martedì prossimo. Introduce la questione Francesco Paolo Sisto
che, fino a quando il patto del
Nazareno era vivo e vegeto, era
uno dei relatori delle riforme
istituzionali a Montecitorio:
«Finché c’è stato il patto abbiamolavoratoconilPd,atrattianche bene, e votato cose che non
cipiacevanofinoinfondo-dice
-Poi,andatacomeandata,èovviocheorapossiamo sentirciliberididiresìsoloaquello checi
piace». Già, ma cosa? Nel complesso le riforme vanno bene o
no? Ilgruppo, all’unanimità,ritienedino.Certo,consfumaturediverse;chevannodachiritienecheinognicaso«ilPaesevuole riforme» (Gregorio Fontana,
vicinoaVerdini)achihaapplaudito alla scelta dell’Aventino
(Brunettaintesta).Dallariunione esce una linea dura ma non
durissima nel senso che Forza
Berlusconi chiude l’Aventino
ma in Aula sarà voto contrario
Sulle riforme Forza Italia voterà no al testo del governo
E domani per il leader ultima visita a Cesano Boscone
30
I deputati di Forza Italia
presenti ieri all’assembleasui70checompongono il gruppo
2,5 miliardi
PagatidalTesoronel2011
a Morgan Stanley per il
contratto sui derivati: per
Fi è la prova del golpe
RESTRIZIONI ADDIO
Da domenica Silvio
Berlusconi potrà rincasare
dopo le 23 e spostarsi
ovunque in Italia
ItaliarientreràinAulaabbandonando la protesta in stile Grillo.
Lo stesso capogruppo Brunetta, nei giorni prossimi, lavorerà
perpresentareunaventinadiordini del giorno per correggere
qualcosa, ma saranno soprattutto battaglie di bandiera visto
cheinumeriperapprovarlinon
ci sono. Quello che importa è
che gli azzurri, al voto finale al
provvedimento, diranno di no.
Al semaforo rosso di Fi ha decisamentecontribuitoilfaredefinito «arrogante» del premier:
definizionediBrunettamacon-
divisa da molti.
Incalzare il premier, quindi.
Questa la linea berlusconiana
chesitraduce,questavoltaalSenato,inunarichiestaalgoverno
dicostituirsipartecivilenelprocesso di Trani: «Domani (oggi
perchilegge,ndr.)scadonoiter-
miniefinoaoranon èavvenuto
nulla»,denunciailsenatoreLuigiD’AmbrosioLettieriillustrando l’interrogazione a firma sua
ediPaoloRomanieAnnaMaria
Bernini. La vicenda riguarda il
procedimentogiudiziarioaperto nei confronti dell’agenzia di
rating, Standard & Poor’s che
nel 2011, governo Berlusconi,
declassò il rating italiano da A a
BBB+.Secondol’ipotesiaccusatoria della Procura, il ministero
dell’Economia pagò poi 2,5 miliardi di euro per l’estinzione di
un contratto derivato con Morgan Stanley. Lettieri rilancia
quindi la proposta di una commissione d’inchiesta «per capire se le ipotesi del complotto di
cui si parla con riferimento alla
volontà di screditare il governo
Berlusconi fino alle sue dimissioni hanno fondamento o no».
Berlusconi che, domani, presteràservizioaCesanoBoscone
perl’ultimavoltavistochel’affidamento in prova ai servizi socialitermineràufficialmentel’8
marzo.IlCavalierepotràlasciareArcore comeequandovorrà,
senzadoverchiedereilpermesso al magistrato; potrà rincasareoltrele23,rimanereaRomao
partecipareaqualsiasiappuntamento politico in ogni parte
d’Italia e in qualunque giorno
dellasettimana.UnabuonafettadilibertàriconquistacheilCavalierehaintenzionedispendereperrimettereordineinunpartitocheparesenzabussola;esoprattuttosenzaquattrinivistala
nuova legge sul finanziamento
pubblicoaipartiti.Leggechepone un tetto anche al finanziamento privato; motivo per cui
Berlusconi può fare ben poco e
Brunetta lo ha ricordato giusto
ieri chiedendo ai deputati di
«darsi da fare per reperire fondi»;econsegnandopureunmodulo per le donazioni personali.
8 INTERNI
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
ASSALTO GIUDIZIARIO
l’inchiesta
di Carmine Spadafora
Napoli
I numeri
Attacco al forzista Fiori 5,7
Il sequestro di Pompei
diventa un caso politico 10
I milioni di euro in beni di sequestro conservativo eseguito dalla Gdf nei confronti dell’ex commissario Fiori
U
n sequestro conservativo di beni, per la somma
dicirca5milionie779milaeuroèstatoeseguitodallaGuardia di finanza nei confronti dell’ex commissario delegato per
l’emergenzadegliscaviarcheologicidiPompei,MarcelloFiori,responsabiledei Club Forza Silvio.
L’indagineèstatacoordinatadal
sostituto procuratore generale
dellaCortedeiconti,DonatoLuciano che, oltre a Fiori ha messo
Nel mirino della Corte dei conti regionale l’ex commissario e i lavori
fatti negli anni dell’emergenza. Forza Italia: «È tutta una bufala»
vanocostare450milaeuromalievitatifino acirca8milioni.
Forza Italia fa quadrato intornoaFiorieSilvioBerlusconiesprimesolidarietà:«Mihatelefonato
-diceildirigentediFi-iohorimessoilmiomandatoeluimihadetto “non scherziamo”». Renato
Brunetta lo difende in conferenzastampa:«Lanotiziaèunabufala, non c’è stato un sequestroma
unprovvedimentocautelativorispetto a un possibile danno erariale emerso da un procedimento penale in corso». Giovanni
Totiaggiunge:«Unabufalagiudi-
ziaria, abbiamo piena fiducia in
lui».EFiori: «Non sonomai stato
condannato da nessun giudice e
trovoabnormechecisimuovacosì».
Su questa storia è in corso un
processo presso il Tribunale di
Torre Annunziata, con sette im-
I dirigenti ministeriali e regionali, compreso Fiori, che hannoricevutol’invitoafornirededuzioni
79
I milioni di euro stanziati nei
dueannidistatodiemergenza
per la messa in sicurezza dell’area archeologica di Pompei
IL DIRIGENTE DI FI
«Mai stato condannato,
misura abnorme». Il Cav
respinge le dimissioni
sottoinchiestaaltrinove,tradirigentidelministerodeiBeniculturali e della Regione Campania. I
dieci hanno ricevuto un invito a
fornirededuzioni.Lavicendafinitasottolalentediingrandimento
dellaProcuraregionaledellaCorte dei conti per la Campania è
quella dei lavori complementari
realizzatinel2010perlafornitura
di attrezzature per spettacolo e
perl’allestimentoscenicodelTeatro grande di Pompei «esorbitantirispettoall’obiettivodimessa in sicurezza, conservazione e
restauro del patrimonio del sito
archeologico»spieganoleFiammegiallediTorreAnnunziata.Lavoriche,secondol’accusa,dove-
TEATRO E
PARLAMENTO
Renato
Brunetta e
Marcello Fiori
ieri alla
Camera per la
conferenza
stampa
Sopra, il
Teatro Grande
di Pompei
dopo il
restauro
putati,traiqualilostessoFiori.Le
accuse sono di abuso d’ufficio,
frode nelle pubbliche forniture e
truffaaidannidelloStato.Èlasolitastoria.Siavvicinanoleelezioni
e tornano le inchieste che sembrano scattare ad orologeria per
diventare«politiche».Ilsitopiùvisitatoalmondocontinuaamieterevittimeeaportarmale,soprattuttoaForzaItalia.Nel2010l’allora ministro per i Beni culturali,
Sandro Bondi fu costretto a dimettersi per le polemiche innescate dal Pd a seguito del crollo
della Domusdei Gladiatori. Uno
degliartefici dellabagarre,Dario
Franceschinièoggiministroesul
nuova caso ha commentato:
«C’è la giustizia che deve fare il
propriomestiere.Èmoltosemplice». La sinistra non perde il vizio
di cavalcare i guai giudiziari altrui. Ma, intanto, anche sotto il
suo ministero, Pompei continua
acrollare,ildegradoèsottogliocchidellemigliaiadivisitatoristraniericheognigiornoaffollanogli
scavi. Gli inquirenti, inoltre, sostengono che «l’affidamento dei
lavori è stato effettuato senza gara, ed è avvenuto in violazione
delle disposizioni emergenziali
cheimponevanoalcommissario
delegatol’attuazionedellemisure dirette alla messa in sicurezza
esalvaguardiadell’areaarcheologica». La storiaccia trae origine
dal decreto del presidente del
Consigliodel4luglio2008che«in
considerazione dei numerosi
crolli verificatisi e del grave pericolo in atto nell’area archeologicadiPompei»,dichiaròfinoal30
giugno2009,lostatodiemergenza, poi prorogato fino al 30 giugno 2010. Con lo stato di emergenza furono emanate nell’arco
di due anni diverse ordinanze di
protezionecivile, paria 79 milioni di euro, stanziati per la messa
insicurezza degliscavi.
il commento Mediolanum International Life LTD
Sede Legale Iona Building, Block B, 4th Floor
Shelbourne Road, Dublin 4, IrelaND.
Società per Azioni - Sede Legale 20080 Basiglio - Milano 3 (Mi)
Palazzo Meucci - Via F. Sforza
Capitale Sociale euro 87.720.000 i.v. - Società con unico Socio
POLIZZE DI PIÙ
POLIZZE DI PIÙ
Valore titolo al 31/01/15
Valore titolo al 31/01/15
Nome prodotto
DiPiù Platinum Money 2008
DiPiù Money 2008
DiPiù Platinum 2008/10
DiPiù Platinum 2008/8
DiPiù 2008/5
DiPiù 4 Markets 2008
DiPiù Ecology 2008
DiPiù 4 Markets 3
DiPiù New World 9 Bis
DiPiù Key 13 Bis-1
DiPiù Money 2007/11
DiPiù New World 9
DiPiù Key 13 Bis
DiPiù Key 13
DiPiù New World 8
DiPiù 2007/2
DiPiù Platinum Power 2009/6
DiPiù Platinum Money 2009/8
DiPiù Power 2009/6
DiPiù Platinum Money 2008/2
DiPiù Money 2008/1
DiPiù 4 Markets 2008/3
DiPiù 4 Markets 2008/2
DiPiù Platinum Money 2009/1
DiPiù Money 2009/1
DiPiù Platinum Power 2009
DiPiù Power 2009
DiPiù Platinum Money 2009
DiPiù Money 2009
DiPiù 4 Markets 2008/1
Nome prodotto
DiPiù Platinum 2008/9
DiPiù Platinum Money 2007/4
DiPiù Step 2007/3
DIPIU’ Platinum Money 2006/3
DIPIU’ Money 2006/3
DiPiù Platinum Money 2006/1
DiPiù Money 2006/1
DiPiù Platinum 2006/7
DiPiù 2006/6
DiPiù Platinum 2006/4
DiPiù 2006/4
DiPiù Platinum 2006/2
DiPiù 2006/2
Valore
Rating
titolo Emittente
(S&P)
104,90
104,14
107,43
106,69
106,64
95,43
95,66
95,38
95,43
95,43
101,89
95,43
95,43
95,43
95,43
95,44
132,68
97,59
130,01
101,56
100,64
96,12
94,55
100,37
99,72
137,54
132,27
101,81
101,19
99,04
BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB-
Valore
Rating
titolo Emittente
(Moody’s)
99,91
104,50
109,61
104,64
104,06
101,92
101,30
99,81
99,81
99,70
99,70
99,81
99,70
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
DiPiù 2005/12
DiPiù Platinum Money 2007/2
DiPiù Step 2007
DiPiù Platinum Money 2007
DiPiù Platinum Money 2006/21
DiPiù Platinum Money 2006/20
DiPiù Step 2006/3
DiPiù Platinum Money 2006/18
DiPiù Platinum Money 2009/9
DiPiù Power Key 52
DiPiù Power 2009/5
DiPiù Platinum Money 2009/6
DiPiù Platinum Power 2009/5
DiPiù Platinum Money 2009/5
DiPiù Platinum Poker D’Assi 1
DiPiù Poker D’Assi 1
DiPiù Power Key 41
DiPiù Platinum Money 2006/16
DiPiù Key Platinum 9
DiPiù Key 9
100,00
100,53
105,58
98,75
96,11
96,22
102,00
97,39
99,35
152,51
133,87
98,44
139,54
98,47
139,02
134,64
154,61
98,87
124,77
121,87
Baa1
A3
A3
A3
A3
A3
A3
A3
A2
Ba3
Ba3
Ba3
Ba3
Ba3
Ba3
Ba3
Ba3
Baa2
Baa2
Baa2
Valore
Rating
titolo Emittente
Nome prodotto
DiPiù Platinum Power 2009/7
DiPiù Power Key 58
DiPiù Power Key 54
DiPiù Platinum Money 2009/7
DiPiù Platinum Money 2009/4
DiPiù Platinum Power 2009/4
DiPiù Power 2009/4
DiPiù Platinum Money 2009/3
DiPiù Platinum Power 2009/3
DiPiù Power 2009/3
DiPiù Power Key 47
DiPiù Platinum Power 2009/2
DiPiù Power 2009/2
DiPiù Power Bric
DiPiù Platinum Money 2009/2
DiPiù Money 2009/2
DiPiù Power Key 43
DiPiù Platinum Power 2009/1
DiPiù Power 2009/1
DiPiù Key 37
DiPiù Platinum Money 2008/1
DiPiù Platinum 2005/9 T
DiPiù 2005/21 T
DiPiù Platinum 2005/7 T
DiPiù 2005/15 T
DiPiù Key 31
137,80
149,51
154,59
98,91
99,04
140,52
133,40
99,44
139,34
133,76
152,75
140,86
134,94
133,66
101,41
100,68
132,89
140,09
134,10
127,20
100,91
99,95
99,95
99,95
99,95
140,00
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
NR
Ulteriori indicazioni, quali ad esempio la Denominazione dell’Emittente sono disponibili sul
sito internet www.mediolanuminternationallife.it. In caso di più Società di rating, è stato
prudenzialmente indicato il rating minore.
ND: valore non disponibile in quanto le società del gruppo Lehman Brothers sono attualmente sottoposte a procedura concorsuale.
NR: alla data della presente documentazione l’Ente Emittente non è stato oggetto di valutazione da parte di agenzie di rating
Valore
Rating
titolo Emittente
(Moody’s)
Nome prodotto
DiPiù 1024
99,17
DiPiù 1060
103,07
DiPiù 1064
125,17
DiPiù 1066
102,63
DiPiù 1068
99,90
DiPiù 1078
101,36
DiPiù 1081
104,13
DiPiù 1091
96,78
DiPiù 2005/17T
99,85
DiPiù 2005/18T
99,85
DiPiù 4 Markets
107,71
DiPiù 4 Markets Bis
98,74
DiPiù 4 Markets Ter
99,77
DiPiù Key 30
105,91
DiPiù Key 32
139,13
DiPiù Key 32 Bis
139,17
DiPiù Key 32 Ter
139,08
DiPiù Key 33
102,51
DiPiù New World 6
98,13
DiPiù New World 7
97,89
DiPiù Platinum 2005/5T
99,85
DiPiù Platinum Money 2006/14 101,95
DiPiù Platinum Money 2007/10 105,57
DiPiù Platinum Money 2007/12 102,84
DiPiù Platinum Money 2007/15 107,97
DiPiù Platinum Money 2007/6 106,71
DiPiù Step 2007/5
106,89
DiPiù Step 2007/9
107,78
A2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
B1
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
A2
A2
A2
A2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Baa2
Ba3
Ba3
Baa2
Nome prodotto
Valore
Rating
titolo Emittente
(S&P)
DiPiù 1027
99,20
DiPiù 1034
124,01
DiPiù 1042
102,66
DiPiù 1044
102,25
DiPiù 1045
100,65
DiPiù 1048
100,86
DiPiù 1052
101,06
DiPiù 4 Markets 2
95,30
DiPiù 4 Markets Quater
95,64
DiPiù Key 27
99,95
DiPiù Key 28
117,20
DiPiù Platinum 2006/4 Bis 99,15
DiPiù Platinum 2006/9
99,84
DiPiù Platinum Money 2006/12 103,27
DiPiù Platinum Money 2006/5 105,35
DiPiù Platinum Money 2006/8 101,73
DiPiù Platinum Money 2006/9 102,47
DiPiù Step 2006/1
111,95
DiPiù Step Platinum 2006/1 113,26
Nome prodotto
DiPiù Platinum 2005/5
AAAAAAABBBBBBBBBBBBAAAAAAAA-
Valore
Rating
titolo Emittente
ND
ND
INDICE DI RIFERIMENTO al 31/01/2015
HFRX GLOBAL
XINHUA/FTSE CHINA 25
1.214,91
18.545,78
Ulteriori indicazioni, quali ad esempio la Denominazione dell’Emittente, sono
disponibili sul sito internet www.mediolanumvita.it. In caso di più Società di
rating, è stato prudenzialmente indicato il rating minore.
ND: valore non disponibile in quanto le società del gruppo Lehman Brothers
sono attualmente sottoposte a procedura concorsuale.
Mediolanum International Life LTD
Sede Legale Iona Building, Block B, 4th Floor
Shelbourne Road, Dublin 4, IrelaND.
DOUBLE PREMIUM
Valore titolo al 30/01/15
Nome prodotto
Double Premium 2008/3
Double Premium 2008/6
Double Premium 2009
Double Premium Coupon
Double Premium Coupon 2
Double Premium Coupon 3
Double Premium Coupon 4
Double Premium Coupon 5
Double Premium Coupon 6
Double Premium Coupon 7
Valore
Rating
titolo Moody’s
98,31
139,35
177,50
101,54
101,30
99,93
102,69
102,15
105,20
105,05
Ba3
Ba3
Baa1
Baa1
Baa1
Baa1
A3
Ba3
Ba3
Ba3
Double Premium Coupon 8
104,10 Ba3
Double Premium Coupon 9
104,10 Ba3
Double Premium Coupon 10
104,22
A2
Double Premium Coupon 11
104,01
A2
Double Premium Coupon 12
103,59
A2
Double Premium Coupon 13
102,31
A2
Double Premium Coupon 1
101,33 Baa1
“In caso di più Società di rating, è stato
prudenzialmente indicato il rating minore”
Ulteriori indicazioni, quali ad esempio la
Denominazione dell’Emittente, sono disponibili sul
sito internet www.mediolanuminternationallife.it
MILANO Via Senato, 8
TEL 02 3658 6750 - FAX 02 3658 6774
ROMA
Via della Purificazione, 94
TEL 06 9521 3200-01-02 - FAX 06 9521 3233
[email protected] - www.visibilia.eu
COSÌ LE AGENZIE DI RATING
HANNO AFFOSSATO L’ITALIA
MA PADOAN LE DIFENDE
dalla prima pagina
(...) espressa lunedì dal Giornale a Matteo Renzi. Non partirà per Trani nessun
aereo o elicottero blu per scaricare un
paio di avvocati dello Stato e sostenere
l'accusa per tutelare gli interessi dei risparmiatori italiani.
Infatti, secondo Padoan, «è oggettivamente molto arduo» misurare come e
quanto l'abbassamento del rating ci abbia danneggiati. Per cui no, il governo lascia perdere. Il lessico è serpentesco. Dice: «In conclusione la costituzione di
parte civile costituisce opzione processuale per la richiesta di danni alternativa rispetto a quella da proporre in sede
civile. Sicché, allorché dovessero emergere elementi ulteriori se ne terrà conto». Traslazione della presa in giro: se
confessano di averci fregato, forse faremo causa civile. Campa cavallo.
Se fossimo le agenzie di rating messe
sotto processo per aver manipolato il
mercato contro l'Italia, lo ingaggeremmo subito come difensore. In questo, il
ministro dell'Economia e delle Finanze
Pier Carlo Padoan, è stato magnifico.
Ascoltandolo ieri pomeriggio alla Camera sembrava il rappresentante del gover-
DAL SEN FUGGITO Il ministro dell’Economia
Pier Carlo Padoan ieri al question time
no di una Repubblica che non c’entra
nulla con quella degli italiani, la Repubblica di Eldorado, con sede più vicina a
Wall Street che a casa di noialtri.
Non stiamo scherzando. Le tesi
espresse dal ministro sono identiche a
quelle dei grandi avvocati che difendono le agenzie di rating. I quali sostengono in pratica l’insindacabilità del giudizio di dette agenzie. Come diceva Boskov: «È rigore se arbitro ha fischiato».
Padoan dice: hanno fischiato, dunque
era rigore, e noi non possiamo farci niente.
Peccato che un giudice terzo e super
partes, non il pubblico ministero, abbia
ritenuto gli elementi portati in tribunale niente affatto impalpabili, come giura Padoan, ma probanti la manipolazione del mercato a danno dell'Italia. E abbia accettato come parti civili associazioni di risparmiatori e singoli cittadini
ritenendoli danneggiati.
Nemmeno ha suscitato un minimo
non diciamo di furore ma di increspamento dell'umore, il fatto che il governo
Monti abbia pagato sull'unghia a Morgan Stanley 2,5 miliardi di penale per
una clausola che è scattata grazie alla
Standard & Poor’s di cui la Morgan è
comproprietaria. Ma sì. In fondo i ministri sono gente di mondo, magari un
giorno li vedremo ai vertici di qualche
banca americana, come è capitato ai
predecessori di Padoan su quella stessa
poltrona, Domenico Siniscalco e Vittorio Grilli. Pensar male però è peccato.
Renato Farina
10 INTERNI
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
L’ITALIA DEI TRASFORMISTI
LA MAPPA DEI SENZA BANDIERA
29
I senatori del gruppo misto al Senato,
con di cui fa parte
anche Mario Monti
7
14mila
I partiti ai quali ha
aderito Della Vedova dal 1994 ad oggi
compresi Pdl e Fli
Lo stipendio dell’ex
«cittadino» espulso
perché si rifiutava
di restituire la paga
IL PROFESSORE
Mario Monti
è uscito da
Scelta civica il
17 ottobre 2013
10
I mesi da sottosegretariodell’Economia nel governo
Amato del 1992
IL PRESIDENTE
Pino Pisicchio
ex Dc guida
il gruppo Misto
alla Camera
il caso
di Andrea Cuomo
Roma
L’
hotel Gruppo Misto
ha due sedi (Montecitorio e Palazzo Madama) e porte girevoli che non si
fermano mai. Chi entra, chi
esce, chi chiede di cambiare
stanza, chi si ferma una notte,
chi tutta la legislatura. I clienti
assomigliano a mariti che hanno litigato con la moglie e hanno lasciato casa, e qui rifiatano
esiriorganizzanoinattesadiun
domiciliopiùstabile.Ilristorante serve misto di salumi, fettuccine mari&monti (con la «m»
minuscola) e frittura mista.
Unacombriccoladifuoriuscitiedesuli,diminevagantieapolidi che ha il suo peso, però. Al
Senato sono 29 e costituiscono
il quinto gruppo parlamentare
dopoPd(113),Forza Italia (60),
AreaPopolareeM5S(36ciascuno).AllaCameraaddiritturasonolaquartaforzacon36deputati che ora diventeranno 37 con
l’annunciato sbarco di Massimo Corsaro, che lascia Fratelli
IL PAROLAIO
Massimo Artini
è stato cacciato
da Beppe Grillo
il 30 novembre
6
9
I partiti di cui ha fatto parte Fava dal
1992adoggiinsole
due legislature
I deputati espulsi
dalM5Sil27gennaio scorso di cui Rizzetto faceva parte
IL GIORNALISTA
Claudio Fava
era in Sel prima
di passare
al gruppo Misto
LO SPOCCHIOSO
Walter Rizzetto
ha provato pure
a fare il sindaco
senza successo
Fuoriusciti, esuli, mine vaganti:
benvenuti nel caos gruppo Misto
Al Senato è il quinto «partito», composto da 29 membri. Alla Camera è la quarta forza
con 36 deputati. Vincono gli ex grillini (33 su 65). E Della Vedova è «Mr. mixed zone»
Macché. Al Senato gli ex pentastellati sono divisi in quattro
aree distinte: la componente
Movimento X, che comprende
Laura Bignami, Maria Mussini, Bartolomeo Pepe e Maurizio Romani; la componente
Ilic (che non è un terzino slavo
del Palermo ma l’acronimo da
cantiere Italia Lavori in Corso)
conFabrizioBocchinoeFrancesco Campanella; la monocomponente Liguria Civica di
Maurizio Rossi; e dieci apolidi
tra cui Paola De Pin, Adele
Gambaro,MarinoMastrangeli e Luis Alberto Orellana. Alla
Cameraci sonoidieci exgrillini
PORTOGALLO
LISBONA, FATIMA E OBIDOS
COME L’ARCA DI NOÈ
Ci sono anche nomi
illustri tra cui Piano, che
però non si è mai visto
d’Italia perché «è prevalsa una
lineaeconomicatotalmentesovrapponibile a quella di LandinieilpartitoèdiventatolosparringpartnerdiSalvini».Ilcheckinèstatogiàfatto,unacameralibera all’hotel Gruppo Misto è
sempre pronta.
Che poi è un hotel a cinque
stelle. Inteso come MoVimento: 17 dei 29 componenti al Senatoe16su36allaCamerasono
fuoriusciti del partito di Grillo.
Iltotalefa 33su 65: la metà esatta più. Poca brigata vita beata?
L’EX RADICALE
Benedetto
Della Vedova è
sottosegretario
agli Affari esteri
Partenza da Milano, Roma e Venezia
giovedì 16 aprile; rientro in Italia
domenica 19 aprile 2015.
Per informazioni e prenotazioni:
Passatempo, tel. 035/403530;
[email protected]
diAlternativaLibera(tracuiMara Mucci e Walter Rizzetto) e
sei cani sciolti: Tommaso Currò, Alessandro Furnari, Cristian Iannuzzi, Vincenza Labriola, Paola Pinna e Alessio
Tacconi.
All’hotel Gruppo Misto puoi
incontrarechiunqueenessuno
si scandalizza. Ci sono ex presidenti della Repubblica come
CarloAzeglioCiampi,expresidentidel consiglio come Mario
Monti (con la «M» maiuscola),
earchitettidifamamondialecome Renzo Piano, uno che non
ha mai progettato di trascorrereanchesoloungiornodasena-
INDISCRETO/1
INDISCRETO/2
FIGURACCIA SU TWITTER
DOPO LE FRASI CONTRO I ROM
La Geloni gelata
dalla finta Boschi
Gogna Facebook:
cacciato Buonanno
In gergo si
chiama epic
fail. Stavolta a
finirenellabufera è Chiara
Geloni (nella
foto)lafedelissima bersaniana ex direttore di Youdem, la televisione
del Partito democratico e
ora editorialista all’HuffingtonPost (gruppo Repubblica) che ha risposto a un tweetdelprofilofakeMadiaElenaBosch(accorgersidelfalsoeraun’impresa?)chescriveva: «Ho gelato la Geloni.
Prossimamente occuperò
Cuperlo e faxerò Fassina.
Grillo invece si fa gli autogrill». La direttora ci casca
come un’allocca e risponde
stizzita: «Ma che dichiarazioneèscusaministro?».Eil
websièscatenato...Chefiguraccia.
«Facebook
ha emesso
unaveraepropria Fatwa
nei miei confronti. Hanno
rimosso il video su quello che penso dei
rom («Feccia della società»,
aveva detto a Piazza Pulita)
edeglizingaridapiazzapulita e mi hanno impedito l’accesso per 24 ore». Così si è
sfogato l’eurodeputato leghista Gianluca Buonanno
(nella foto) a La Zanzara su
Radio 24, che vuole portare
il caso a Bruxelles dopo che
sarà tornato dalla Libia:
«Zuckerberg è come il Califfo-haaccusato-ilvideosivede ovunque. Ho il sospetto
che Zuckerberg sia di originerom.Oralemultinazionali decidono pure chi deve
parlare e cosa deve dire».
torea vita. Cisono i sette comunistidiSel,cheaPalazzoMadama occupano tutti i posti di comando del gruppo (presidente
Loredana de Petris, vicepresidentePeppeDeCristofaro,segretario Massimo Cervellini,
tesoriere Luciano Uras), ci sono facce di bronzo come Benedetto Della Vedova, che èstato
nei Radicali, in Forza Italia, nel
Pdl, in Futuro&Libertà, in Scelta Civica e ora anche nel governo Renzi da sottosegretario:
unoche potrebbe dire«ilGruppoMistoc’estmoi».Epoic’èSalvatore Margiotta, senatore Pd
lucanoquiinpenitenzadalgiornoincuièstatocondannatodallaCorted’Appelloa18mesiperché avrebbe intascato una tangente da un’azienda petrolifera. L’hotel Gruppo Misto chiudeunocchioanchesullafedina
penale.
Alla Camera la clientela dell’hotel è ancora più variopinta.
Ecosmopolita.Cisonoleminoranzelinguistiche:glialtoatesinidelSüdtirolerVolksparteiDaniel
Alfreider,
Renate
Gebhard, Albrecht Plangger e
Manfred Schullian e anche
Mauro Ottobre, che è trentino.
E gli eletti all’estero dello spesso indecifrabile gruppo Maie:
gliargentiniMauroBorghesee
RicardoAntonioMerloelabrasiliana Renata Bueno, ai quali
si è unito Franco Bruno da Cosenza, eletto nel Centro Democratico di Bruno Tabacci. Ci sono quelli dell’operazione-nostalgia di Psi e Pli, quattro dei
qualielettinellefiladelPd(LelloDiGioia,MarcoDiLello,Pia
Elda Locatelli e Oreste Pastorelli), uno in Sel (Claudio Fava)eunonelM5S(IvanCatalano). Epoi BarbaraSaltamartini,chestausandolamixedzone
come disimpegno tra il passato
nell’Ncd e il futuro nella Lega,
loscrittoreEdoardoNesi,montiano deluso, l’ex presidente
della Sardegna in quota Pdl
Mauro Pili, ei due ex-«tabaccisti» Pino Pisicchio e Aniello
Formisano. Sull’arca di Noè
forsesistavapiùstrettimadicerto c’era meno varietà.
INTERNI 11
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
SCENARI ECONOMICI
»
il dubbio
dalla prima pagina
Perché il Papa
non parla
del peccato
originale
l’analisi
di Gian Maria De Francesco
Roma
«D
ecido io chi, come e
quando». La politicadel governo Renzi in materia di telecomunicazioni (ma anche di industria in
sensopiùampio)sipuòsintetizzare benissimo in questo modo.Nonsitrattadisostenerecordate, amici e amici degli amici,
madi stabilireunprincipioinequivocabileeinderogabile:senza il consenso preventivo di PalazzoChiginonsivadanessuna
parte.Laposizionedell’esecutivoinfluenzerà l’evolversi del risiko delle tlc, ma non nel senso
diunasponsorizzazionediretta
sul modello D’Alema con i «capitanicoraggiosi»del1999,bensì con uno sguardo dall’alto.
Lo dimostrano chiaramente
le parole del consigliere economico di Palazzo Chigi, Yoram
Gutgeld, pubblicate ieri dal Foglio. Uno «statalismo creativo»
cheprevedeuninterventoatuttocampo.L’esempiodellabanda larga è emblematico ed evocativo. Il piano di investimenti
di Telecom, ha sottolineato, si
basa su una «tecnologia meno
costosa» (Fttc che porta la fibra
nelle cabine fuori dai palazzi;
ndr),maconvelocitàditrasmissione «inferiore a quella offerta
conlafibraacasa».Eccoperché
«servono»i6miliardidiincentivi pubblici fino al 2020 per svi-
1
3 9
7 2
5
gettorazionalistailcuidifettoèconsistitoproprionelnontenerecontodegliuomini come sono, ma di fondarsi
sugli uomini come dovrebbero essere.
Questo Papa, terzomondista, demagogo e pauperista, non mi piace e
non piace neppure a molti cattolici.
Forse, conquisterà qualche nuovo
credente nelle zone del mondo, come l’America Latina, da dove viene e
dove più forti sono le diseguaglianze
sociali.Matemoche,colsuosoggettivismo, farà più danni che apportare
vantaggi alla religione. Capisco e rispetto quei credenti che vedono in
lui l’autorità che la storia del cattolicesimo gli attribuisce. Ma se la forza
(storicaepolitica)dellaChiesaèsempre consistita nella sua capacità di
adeguarsiallecircostanze,lasistematicarottura,dapartedelPapa,digran
parte delle circostanze storiche nelle
qualilacristianitàviveminacciadiessere ora più un danno che un vantaggio. Quello che il papato sta attraversandononèunmomentodirinnovamento, come qualcuno vuole far credere, ma di oscurantismo.
Piero Ostellino
[email protected]
Parte il risiko sulla banda larga
In ballo una torta da 6 miliardi
Il governo è pronto a finanziare il potenziamento della rete internet entro
il 2020. Il premier vuol tenere sotto controllo un affare che fa gola a molti
LA RETE DEL FUTURO
Quanto è estesa la banda larga fissa L’Italia a confronto con gli altri Paesi L’attuale quota degli operatori
% di famiglie raggiunte (2012)
Regno Unito
Germania
Francia
Spagna
ITALIA
86%
82%
77%
67%
55%
La velocità di connessione
14,5
14,1
Svizzera Svezia
14
% di persone
che usano internet
1ª Islanda
2ª Norvegia
3ª Svezia
48,7%
Banda larga
ogni 100 abitanti
15,2%
96,5 Monaco
44,7
95,1 Svizzera
43
94,8 Danimarca 40,2
ITALIA 64ª 58,5 ITALIA 40ª
22,3
14,2%
12,3%
3,4%
6,1%
Altri
Dati ultimo trimestre 2014, valori in megabyte al secondo
13,9
12,3
Olanda Irlanda
11,7
11,4
10,7
Rep. Finlandia Norvegia Regno
Ceca
Unito
9,1
8,7
7,8
5,5
6,9
4,7
3,6
Russia Germania Spagna Francia ITALIA Emirati Sudafrica
Arabi U.
L’EGO
tiePrestiti,controllataamaggioranzadalministerodell’Economia, potrebbe essere coinvolta
in questa serie di investimenti,
potrebbe diventare un partner
decisivo per la rete sia quella
nuovasiaquella«vecchia»inrame che il governo voleva spegnereperdecreto.Ecco,quindi,
cheinunmomentoditransizione nel mercato globale delle tlc
luppareilbroadband.Seimiliardi da sommarsi a quelli degli
operatori.
Eppure il piano di Telecom
Italia garantisce nel periodo
2014-2020 la stessa cifra messa
in campo dallo Stato. Dunque,
perchéquestointerventoagamba tesa? E perché deve essere il
governoasindacaresullavaliditàdiunprogetto?CassaDeposi-
Il Sudoku
7
ai gesuiti il progetto di una società
perfetta,regolata daun’Autorità morale, nella quale gli uomini assolvessero alle loro esigenze naturali, compresequelledimangiareediprocreare, al suono di una campana manovrata dagli stessi gesuiti; insomma, è
l’idea di una società perfetta che ha
ispirato gliautoritarismi ei totalitarismi del XX secolo. Che piaccia o no,
Papa Francesco più che ubbidire a
un principio teologico, ripropone un
modello reazionario di convivenza
politicadellaspeciediquellichehanno tenuto l’uomo nell’oscurantismo
medievale e negli schemi di un pro-
(...) rispetto alla religione è il superamento;unmondomodellatosulconcetto di utilità, su quello di produzionediricchezzaesullaricercadellafelicità.
Papa Francesco pare credere all’idea di Rousseau che l’uomo nasca
innocente e si corrompa vivendo in
società; in particolare, nella società
democratico-liberale e capitalista,
dove la libertà e la proprietà privata
produrrebbero, a suo avviso, solo diseguaglianze generatrici di ingiustizie. È la stessa idea che aveva ispirato
Tempi
Come si gioca
5
4 8
3 6
2
4
6 1
8 7
7
8 1
9 7
3
4
loStatosifaavantidiscretamente. Vivendi o altri gruppi esteri
sono interessati all’Italia e a Telecom?C’èunasoluzioneinterna e «governativa» già pronta!
Chi criticherebbe mai la salvaguardiadell’italianitàsel’esecutivo è «presentabile» e di sinistra?
Il governo deve sapere. Il governonon puòesseretenutoal-
Completare lo schema,
riempiendo le caselle
vuote, cosicché ciascuna
riga orizzontale, colonna
verticale e riquadro 3x3
(col bordo più spesso)
contenga una sola volta
tutti i numeri dall’1 al 9.
Buon divertimento
Facile
Medio
Difficile
Impossibile
La soluzione di ieri
6
8
7
2
4
9
3
5
1
3
2
4
1
6
5
8
9
7
9
5
1
7
8
3
6
2
4
8
6
9
3
1
2
4
7
5
5
1
3
4
7
6
2
8
9
4
7
2
9
5
8
1
3
6
7
4
8
5
2
1
9
6
3
1
3
6
8
9
7
5
4
2
2
9
5
6
3
4
7
1
8
l’oscuro. L’offerta di Ei Towers
del gruppo Mediaset sulle torri
di trasmissione di Rai Way lo
aveva colto di sorpresa. Tutto
bloccato.Ecosìsonotuttiavvisati:anchegliinvestitorichevolessero avvicinarsi a Inwit, le torri
di trasmissione che saranno
scorporatedall’exmonopolista
tlc. Un produttore di contenuti
vuolestringereun’alleanzacon
Il Lotto
un operatore? Si prega cortesementediinformareRenzi&C.E
nonvalesoloperColognoMonzese, ma anche per Sky, FastWeb, Vodafone e tutti quanti.
A essere maliziosi, verrebbe da
pensare che anche Tre Italia e
Wind,chedaunadecinad’anni
pensano a un matrimonio e poi
puntualmente lo rinviano, una
benedizione da Piazza Colonna forse dovrebbero andare a
chiederla.
A essere maliziosi, verrebbe
dapensarechesealpremiereal
suo «giglio magico» scattano i
cinque minuti, potrebbe partireunpianodiriallocazionedellefrequenzepergarantirelosviluppo della banda ultralarga in
mobilità,cioèil4G,ancheinanticipo rispetto alla tabella dell’Ue che ha come orizzonte il
2030.Cosìgiustoperfarcapirea
broadcaster e operatori chi è
checomanda.Cheèunpo’ilmedesimo principio adottato con
la riforma delle Popolari che da
cooperative dovranno diventarespa.Vabenel’aperturaaifondidiinvestimento,vabenelanecessità di garantirsi in autonomia le riserve patrimoniali, ma
quello «scossone» ai potentati
locali restii a piegarsi al nuovo
corsononèaffattounasubordinata rispetto alle esigenze del
mercato, anzi.
Bastava guardare al progetto
diriformadellaRaichemiraariportarne i fili di comando a Palazzo Chigi. «Ci sono le sentenzedellaCorteCostituzionale:le
prerogative del Parlamento
non si possono calpestare», avvertel’exministroMaurizioGasparri.Che ha capitol’antifona.
I NUMERI
IN RITARDO
Sono indicati i 4 numeri attesi da più estrazioni
Numero ritardatario
Estratto
34
Cagliari
203
46
8
Roma
201
60
55
Bari
196
54 64
54
82
Bari
193
48
55 77
54
67
Venezia
191
51
65 36
53
71
Cagliari
191
34
74 22
62
47
Bari
189
50
62
64
49 72
44
28
Bari
187
15 116
25
59
40
59 83
52
53
Venezia
182
84 100
22
91
34
66
3
59
11
Torino
181
69
29
62
22
54 39
53
31
85
64
54
8
Cagliari
74
79
89
67
Firenze
26 130
22
72
Genova
25
60
27
Milano
85
84
Napoli
54 102
8
86
Roma
75
52
2
51
70
62 33
14
64 38
56
57
56
81
78
76
53
76
78
Torino
Venezia
Ora inizio
------------------Ora fine
-------------------
Ritardo
Estrazioni di ritardo
Bari
Palermo
I 10 MAGGIORI
RITARDI STORICI
Nazionale 65
Il gioco è vietato ai minori di anni 18
12 INTERNI
»
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
L’ITALIA DEL MALAFFARE
il caso
Chiacchiere
da Camera
di Mariateresa Conti
di Romana Liuzzo
Il bracciadito cult
che piace alla Morani
L’ultima di Alessia Morani?Ladeputatadem,caschettodicapellinerolucido,conosciuta ai più per il suo tatuaggio sul piede, ora sfoggia, con
orgoglio, il bracciadito, ultimo accessorio cult del momento tra le giovani nelle discoteche. La domanda sorge
spontanea: e se ad indossarlo
fosse stata una parlamentare
delcentrodestra?Apriticielo,
che scandalo, vergogna.
L’accento di Renzie
si ascolta nella fiction
E
ccoli lì, in prima fila, seduti su
poltronechecontano.Lì,unpo’
stupiti di fronte al doppio terremoto - quello dell’indagine per mafia
sul paladino della legalità, il presidente degli industriali siciliani Antonello
Montante,el’arresto,duegiornifa,della bandiera antiracket Roberto Helg, il
presidente della Camera di CommerciodiPalermobeccatoafarel’estorsore - che ha scosso l’aura di impunità
che sinora ha protetto il pianeta antimafia. Quel mondo dorato che loro
hanno costruito a colpi di patenti di
mafiosoaffibbiatealprossimo,didivisioni del mondo in squadre di buoni
(loro, ça va sans dire) e di cattivi.
«Professionistidell’antimafia»,sintetizzavanel 1987 il Corrieredella sera nel
titolodiuncelebrearticolodiLeonardo
Matteo Renzi, dopo essersi ascoltato mentre parla inglese, ha deciso che deve perfezionareilsuoaccento.E,caparbiocom’è,celastamettendo tutta. Si è rivolto ad un tutor? Si è iscritto alla migliore
scuola della capitale? No, il
metodoètuttosuo:nonsiperde nemmeno una puntata di
Houseofcards,losceneggiato
preferitodiObamasugliintrighi del potere. Oh, yes.
Eravamo da Ciampini
per cambiare il mondo
CiampiniinpiazzainLucina, bar a pochi metri dalla sedediForzaItalia,èdiventatoil
quartier generale del consigliere del partito Giovanni
Totiedellatesoriera,lasenatrice Mariarosaria Rossi. Quando è cattivo tempo i due, cui si
aggiungespessolaresponsabiledellacomunicazioneDeborah Bergamini, sono nella saletta riservata. Col primo sole
torneranno allo scoperto.
Quegli inglesismi
che uccidono l’italiano
Siamo proprio inclini alla
sudditanza, o al vassallaggio
chedirsivoglia.Dall’altraparte del mondo coniano i modi
di dire, l’Unione europea li
certifica, l’Italia li inghiotte,
cottiocrudi chesiano, e litravasa nei giornali: flex security,
voluntary disclosure, quantitative easing, bail in, basis
point, investitor retail. Pigriziamentale? No, il messaggio
deve arrivare a pochi eletti.
La faida al Senato
tra Marcucci e Zanda
Èantagonismotrailsenatore Luigi Zanda e Andrea Marcucci (capo dei senatori renziani)? Dalla convocazione
delle riunioni pare di sì. Forse
ilbraccio destro non sa quello
che fa il sinistro. Oppure lo sa
benissimo. Fattosta che il primoindìceunmeetingpermercoledìsera,ilsecondo risponde invitando la maggioranza
renziana il giorno prima.
[email protected]
Quante carriere furbette
costruite sull’antimafia
L’arresto del paladino antiracket Helg alza il velo su quelli
che hanno usato la bandiera della legalità per le poltrone
Da Orlando a Crocetta e Ingroia, ecco chi ha fatto strada
Sciascia. Furbetti dell’antimafia, potremmo definirli oggi. Da Leoluca Orlando,sindacooggicomeallora(einfatti citato pur senza nome nell’articolo
del Corsera di 31 anni fa) che sull’antimafia ha marciato da sempre (anche a
costo di travolgere chi la mafia la combattevapermestiere,vedilastoriadelle
«carteneicassetti»cheaGiovanniFalconecostòunprocedimentoalCsm),aRosario Crocetta, governatore di una Siciliasull’orlodel fallimento,che non lesina aiuti agli amici (vedi l’ex baby asses-
soreNelliScilabrauscitadallagiuntadoverischiava la sfiducia ma portata nella
sua segreteria, a spese del contribuente) e che però distribuisce patenti antimafiaadestraeamanca,echilocriticaè
mafioso. Da Giuseppe, anzi Beppe Lumia,senatore,giàpresidentedellacommissioneAntimafia,chedimafiaelegalità predica sempre, (tralasciando fatti
imbarazzanticheloriguardanocomela
causa intentatagli dal suo ex addetto
stampaepersadalgiornalista),adAntonioIngroia,l’expmchedopoilfloppoli-
SEMPRE IN SELLA
1985
2002
25
Èl’annodellaprimavoltadasindaco di Leoluca Orlando. Quello attuale, iniziato a maggio del 2012,
è il suo quarto mandato
È l’anno in cui Rosario Crocetta diventa sindaco di Gela, il suo trampolino di lancio. Ora è governatore di Sicilia dal 2012
Gli anni da pm di Antonio Ingroia.
Ha lasciato la toga per la politica
nel 2012. Ora è presidente di Sicilia e-Servizi, società regionale
ticohatrovatoinCrocettailsuonumetutelare,vistocheilgovernatorelohasistematoalverticediunasocietàregionale.
Helg, intercettato e beccato con
100mila euro di mazzetta, ha ammesso
tuttoestaparlando,oggicisaràl’udienza di convalida del fermo. Intanto, l’inchiestaprosegue,epuntaaindividuare
una eventuale cricca che taglieggiava i
commercianti in aeroporto. Si spulciano gli appalti della Gesap, la società di
gestionedelloscalodicuiHelgeravicepresidente, già al centro di un’altra inchiesta. Nel frattempo, però, tutti si
smarcano dall’ormai ex simbolo antiracket.IlpresidentediConfcommercio
CarloSangalliinvoca«fermezzaassoluta senza se e senza ma». Orlando su
Helg non si sbilancia: sobria nota di sostegno ai giudici e annuncio di costituzione di parte civile del Comune di Palermo. Silenzio da Ingroia. Certo, l’ex
pmtrapolemichelegatealmaxi-stipendio (200mila euro, ha scritto l’Espresso,
«cifre sballate per colpirmi» ha replicato lui) e inchiesta della Corte dei conti
che loha messo sotto accusa come amministratorediSiciliae-Servizi,haaltro
acuipensare.LumiarinnegaHelg,consideratoaluivicino:«Fattogravissimo».
MailcapolavoroèdelsuoamicoCrocetta, che proclama: «La si smetta di dire
cheHelgeraunrappresentantedellalottaallamafiaealracket».Fatto,vial’eroe
indisgraziaviailproblemaperl’antimafia delle carriere. Chiosa il giurista GiovanniFiandaca,consideratoereticodagliantimafiosidocvistochehacriticato
il processo sulla trattativa Stato-mafia:
«Fattidipubblicodominiofannoapparire verosimile che l’antimafia sia stata
strumentalizzata per fini di consenso e
di potere». Gli anatemi dei distributori
dipatentiantimafiaarriveranno.Scommettiamo?
L’intervista Annamaria Cancellieri
«Macché Quirinale, noi donne tagliate fuori»
Stefano Zurlo
Èstatailprimoprefettodonna.
E ha rischiato di arrivare anche al
Quirinale. Annamaria Cancellieri, però, non si è montata la testa:
«Noncihomaicreduto».
Al Quirinale?
«Mano,nonc’eranolecondizioni.Ioeroestraneaallelogichepolitiche,allafinehannosceltoSergio
Mattarella,peraltrounottimocandidato,cherappresentavalasintesimigliorefralediverseesigenze».
Però il suo nome è circolato
comequellodellasuacollega
Paola Severino.
«Ma lei diceva di non essere in
gara».
Beh, negare era ed è il modo
migliore per non bruciare il
proprio nome.
«Appunto. Lei negava, io non
eroingara.Però...Sericorda,ilnostrinomiequellidialtredonnesono stati fatti all’inizio, il mio ad
esempio da Monti che ringrazio
perilsuoaffetto».
Poi?
«Poisisonopersiperstrada».
E la Finocchiaro?
«Èvero,laFinocchiaroharesistitodipiù.Perònoidonnesiamorimaste fuori dalla partita finale,
Esce il libro dell’ex Guardasigilli: «Non ho mai creduto alla candidatura al Colle»
quelladecisiva».
Un pregiudizio?
«Ma no. È andata così. E poi, se
proprio lo vuol sapere questa storiadelcandidatodonnanonmiappassiona».
A quanto pare appassionava
Renzi.
«Io vorrei essere valutata per
quellochehofatto.Perché,spero,
sono brava, non perché sono una
donna».
Forse il segreto straordinario
dellasuacarrieraèproprioquello:
Cancellieri ha buttato alle ortiche
tutta la retorica sulle quota rosa.
Cosìèandata moltolontano eora
che può tirare il fiato si racconta
nel libro autobiografico Una vita
bellissima, Mondadori, che verrà
presentatoalteatroFrancoParenti di Milano oggi: l’autrice dialogherà con Giangiacomo Schiavi,
don Gino Rigoldi, Sveva Casati
Modignani.
Leiè stata duevolteministro:
conMontiepoiconLetta.Partiamodalprofessoremilanese:nonèchegliitalianilorimpiangano.
«Oggi, col senno di poi, tutti lo
criticano.Maiohobenpresenteil
clima che si respirava nelle prime
settimane: il ministro del Tesoro
doveva fare i salti mortali per raggranellare i fondi per questo o
quel provvedimento; avevamo
tuttidavantil’incubodellaGrecia.
Eselospreadscendevadiunpunto era festa grande. Ora tutti sono
prontiaspiegarecheMontihasbagliato e ha ucciso l’Italia con troppetasse.Facile,moto facileparlaredopo».
Però dall’inchiesta di Trani
emerge che il downgrade deciso dalle agenzie di rating fu
probabilmentetiratopericapelli.
«Ho letto e posso risponderle
che noi ci siamo sempre mossi in
perfettabuonafede.Altrononso».
Che differenza ha trovato fra
Letta e Monti?
«Con Monti, capo di un governo
tecnico,iconsiglideiministrisiallungavano per ore e ore, con discussioni puntigliose. Con Letta,
invece, le riunioni dei ministri si
esaurivano nel giro di mezz’ora,
un’oraalmassimo».
Ma Letta è stato tradito da
“
Il Cdm
Con Monti
durava ore
Con Letta
più veloci
Il caso Ligresti
Ho fatto solo
il mio dovere
E ho chiuso
a testa alta
Renzi?
«Nonl’homaicapito.Qualchesegaledipericoloperòcieraarrivato
sicapivachel’arianonerabuona.
InognicasononhopiùsentitoLettaenonhoavutomododichiederglielo».
C’èchihachiestolesuedimissioni quando è esploso lo
scandalo Ligresti...
«Antonino Ligresti mi telefonò
per ricordare che la nipote, detenuta,incella,eramalatadianoressia.Eiohofattoquelchedovevofare: ho comunicato la notizia al dipartimento delle carceri. Faccio
notare che il suicidio è sempre
una grave sconfitta per lo Stato.
Mabendueprocure,RomaeTorino, non hanno trovato nulla di
anomalo nel mio comportamento. Posso dire di aver concluso la
mai esperienza politica a testa alta».
È proprio arrivata a fine stagione?
«La politica non mi interessa. Ora
sono una pensionata felice. Faccio sport, mi dedico finalmente ai
miei interessi, viaggio. E non ho
rimpianti».
Flagshispstore - via Manzoni, 24 - Milano
ATTUALITÀ 15
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
il fenomeno
In lizza
PARADOSSI Uno studio rilanciato dall’«Economist»
di Giuseppe De Bellis
dalla prima pagina
(...) sembrano (nonostante i
prossimiappuntamenti diRio
2016ediTokyo2020):nellagara per il 2022, Oslo e quindi la
Norvegia, si è ritirata qualche
giornofa.Troppocostosoepoco conveniente, troppo rischioso. Perché la storia recentehainsegnato cheil lascito dei Giochi o dei mondiali è
una voragine nel bilancio cittadino o nazionale, è la quasi
totale certezza che gli impianti resteranno inutilizzati: lo
stadio di Brasilia costruito per
i mondiali appena disputati
ha 40milaposti, ma oggiè usa-
Olimpiadi e mondiali
sono un affare
ma solo per i regimi
La storia insegna che i Giochi lasciano in eredità voragini economiche
Così oggi solo i Paesi «meno liberi» si possono permettere la candidatura
Il Qatar ospita i Mondiali del
2022. Doha si era candidata
per le Olimpiadi del 2020 ed è
pronta a riproporsi per il 2024
Kazakistan
contro Cina
Per le Olimpiadi invernali del
2022 sono candidate due città
(dopo il ritiro di Oslo): la cinese
Pechino e la kazaka Almaty
I giochi
del Caucaso
Per le Olimpiadi del 2020 (che
sarannoaTokio)sieranocandidate Doha (Qatar) e la capitale
dell’Azerbaigian, Baku
IL SUCCESSO
DI PECHINO
Una immagine
della cerimonia
inaugurale delle
Olimpiadi del
2008, quando
il presidente
cinese era
ancora Hu Jintao
ORGANIZZAZIONE
Qatar, Cina, Kazakhstan:
sono loro in gara. Fuori
le grandi democrazie
to da una squadra che fa 1.500
spettatoridimedia.Dell’inutilità economica delle grandi
manifestazionisportivesiscrivedaanni.Èunateoriadiscutibilequantosi vuole,madiventata quasi dominante. Però in
questi giorni un libro sta aggiungendo qualcosa. Si chia-
Qatar
«pigliatutto»
maCircusMaximus:theeconomic gamble behind hosting the
Olympics and the World cup.
L’hascrittol’economistaamericano Andrew Zimbalist. Ne
haparlatol’Economistla settimana scorsa e tra le righe sostiene appunto che in futuro
gli unici Paesi che avranno in-
teresse a ospitare mondiali di
calcio o Olimpiadi saranno le
dittature o le democrazie non
compiuteo,al massimo,i Paesi in via di sviluppo che - pur
conprecariepolitichesuidiritti civili e le libertà individuali cercano visibilità.
Lastoriadicequalcosa,effetti-
vamente: nel Novecento le
Olimpiadi non democratiche
sono state solo tre, in Germania nazista nel 1936, in UnioneSovieticanel1980 einJugoslavia nel 1984 (invernali).
Idem i mondiali: Italia 1934,
Brasile 1950 e Argentina 1978.
Treedizioni ciascunoinunse-
colo. Il Duemila riuscirà a
eguagliare il risultato in un
quarto del tempo, nonostante
lapercentualediPaesinondemocratici sia molto diminuita
rispetto al secolo precedente.
LatesidiZimbalistèdrammaticamente semplice: siccome
il costo economico (e politi-
co)ètroppoelevato,iPaesidemocraticirinunciano.Lagrande responsabilitàè delle organizzazioni sportive internazionali: nel 1960 il Comitato
olimpico internazionale lasciò a Roma il 96 per cento dei
proventideiGiochi,trattenendo per sé il 4 per cento. Nel
2012, il Cio a Londra ha lasciato il 30 per cento, tenendosi il
70 per cento. E questo nonostante i costi per candidarsi,
vincere la gara per ospitare i
Giochi e poi realizzare le opere siano moltiplicati. Così è
praticamente impossibile recuperarela spesaeperquanto
il periodo dell’evento trasformi in meglio praticamente
ognicittà,i risultatisonodeludenti anche per il turismo: a
Londra sono stati di più i turistinell’estatedel2011,diquelli dell’estate 2012. Stesso periodo,macontrointuizionelogica: invece di essere un’attrazione turistica,i Giochi diventano un deterrente. È un altro
dei motivi che ha portato al
crollo delle candidature per
ospitare i grandi eventi: si è
passati da una media di 12 città (o Nazioni) a 5.
Ledittature,i Paesinondemocraticiequelliborderlinehanno la strada libera: non avendo contropoteri reali possono
spenderedipiù econpiù serenità politica. Giochi olimpici
e mondiali di calcio sono per
lorouninvestimento incomunicazione. Visibilità e propaganda: guardate come siamo
bravi. Dare il 70 per cento dei
ricavinon èun problema, perchél’obiettivononènéguadagnare, né avere un record o
unagrandestoriadaraccontare. Vogliono il centro del palcoscenico, se lo prendono. E
lo pagano caro.
16 ATTUALITÀ
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
GENOVA, MINORENNE RISCHIA LA VITA
L’EX TERRORISTA RIFUGIATOSI IN BRASILE
Scova farmaco sul web e fa abortire la fidanzatina Battisti, il governo chiederà di nuovo l’estradizione
L’ha fatta abortire a 17 anni somministrandole un farmaco trovato in Internet e la fidanzatina ha rischiato di morire per una emorragia. Da quanto si sa, la giovane preoccupata dal mancato arrivo del
ciclomestruale,enonvolendoparlarneconigenitori,hachiestoaiutoalcompagno,unventennegenovese.Chenonhatrovatodimeglio
chericorrereal«faidate».Sulwebhascopertol’esistenzadiungastroprotettore, il Cytotecche, che, assunto in determinate quantità, può
riattivaretantoilciclomestrualequantoprovocarel’aborto.Cosìilragazzo è riuscito a farselo prescrivere dal proprio medico dicendo di
soffrire di male di stomaco e quindi lo ha dato alla ragazza.
sopravvissuti/36
di Giovanni Terzi
T
utto potrebbe ricominciare grazie a un
libro «Giuro di dire la
verità, nient'altro
che la verità» scritto da CarolinaTanaperraccontarelastoria
dellasua vitae chiederescusa a
suo padre. In realtà sia CarolinacheilpadreEnzoAlbertoTana sono due vittime di una malefica donna portoghese AuroraPereiraVazcheperoltrevent'
anni ha compromesso la vita di
padre e figlia.
CarolinanasceaGinevrail21
marzodel1983;suopadreEnzo
Alberto, all'epoca cinquantenne presidente della Borsa valoridiRoma,èundistintosignore
dell'alta borghesia romana,
suamadre, Aurora Pereira Vaz,
una giovane e bella donna portoghese.Manonc'eragiornoin
cui Aurora non faccia presente
alla figlia quanto sia stato doloroso e faticoso averla avuta. La
bellacasaaiPariolielevacanze
a Forte dei Marmi nell'agiatezza più assoluta nascondono in
realtàunavitatristeelitigiosa,e
quando Carolina compie otto
anni i genitori si dividono. Da
quel giorno per Carolina ed il
padreEnzoAlbertonullasarebbe stato più come prima: «Per
me le porte dell'inferno si erano spalancate e stavano per accogliermi e fagocitarmi radendoalsuolotuttalamiainnocenzaelamiavita»raccontaCarolina nel suo libro.
Aurora ha come obiettivo
non solo l'affidamento esclusivo di Carolina ma soprattutto
distruggere umanamente, fisicamente e socialmente il marito. La piccola Carolina diventa
cosìilpernodausaremalvagiamente per colpire quel marito
che, per evitare continue discussioni, l'aveva lasciata. Carolina partecipa insieme alla
madreainterminabiliappuntamenti con avvocati e psicologi.
Per arrivare all'affidamento
esclusivodellafiglia,AuroraPereiracostringelabambinaamicidiale lavaggio del cervello allabambinaraccontandodipresunte molestie che il padre le
avrebbe fatto, così riuscì a plagiarelapiccolaCarolinacheaccusò di molestie il padre pur
non avendone memoria.
Nel 1994 la sentenza definitiva sanciva l'affidamento esclusivo di Carolina alla madre, ma
nellugliodel1996EnzoAlberto
Tana viene scagionato dall'accusa di pedofilia nei confronti
della figlia perché «il fatto non
sussiste».Unasentenzachescagiona Enzo Alberto e chegiudicaleaffermazionidiAuroraco-
L’Italia è pronta a rinnovare la richiesta di estradizione di Cesare
Battisti:seilprovvedimentoemessodalleautoritàbrasiliane,chedovrebbeportare all’espulsionedalBrasilediBattisti(nellafoto) venisseconfermato,larichiestadiestradizioneandrebberipresentatasullabase delnuovoprovvedimentoerivolta adaltriPaesi.A spiegarlo è
il ministro di Giustizia, Andrea Orlando. «Abbiamo avviato tutti i canalidiplomatici,ilministerosièattivatopercapireleconseguenzedi
questa sentenza che, però, non è definitiva», ha detto ieri. «Se fosse
confermata, non porterebbe all’estradizione, ma all’espulsione di
Battisti verso i Paesi che sono ipotizzati», come Francia o Messico.
FIGLI USATI COME ARMI L’incredibile odissea di una persona perbene
La bimba che rovinò papà
per la follia della mamma
Carolina Tana accusò il padre di molestie mai subite. Oggi gli chiede scusa
con un libro. Che narra di una madre pronta a tutto per distruggere un uomo
me «palesemente mendaci».
Carolina però è un robot nelle
mani di una diabolica madre
checercadiotteneredall'exmaritodenari eumiliazione sociale.
Mentre il processo è in corso,
nel 1995, Enzo Alberto Tana
sfugge ad una trappola che gli
viene tesa dalla ex moglie con
lo scopo di screditarlo nei confronti della opinione pubblica.
Un paio di persone con la complicitàdi un maresciallo dei carabinieri, che patteggia poi diciottomesidireclusione,inseriscono delle bustine di droga e
materiale pedo-pornografico
ODIO IMPLACABILE
Per colpire l’ex marito
Aurora Pereira arrivò
al tentato omicidio
nell'auto dell’uomo. Aurora
aiutata dal nuovo fidanzato,
l'industriale Danilo Chemello
(finito in rovina anche lui durantelarelazioneconladonna)
preparano un agguato il 23 novembre del 1996: due sconosciuti, ingaggiati dalla donna,
sparanoallegambeadEnzoAlberto all'uscita del circolo Ca-
nottieri Aniene a
Roma, ferendologravemente.
Quel giorno
Carolina guarda il telegiornale quando vede
improvvisamente il nome del padre spuntare nei titoli: «Agguato all'ex
presidente della borsa Alberto Tana».
Carolinagridaedimpreca contro la madre
edilsuocompagno,liaccusa di essere i mandanti di
quell'agguato. Il risultato è
drammatico per la piccola ragazza;AuroraeDanilolamettonoatacereconinauditaviolenzaverbale.DaquelgiornoCarolinanonaspettaaltrochediven-
I protagonisti
Il padre
gambizzato
PLAGIATA Carolina Tana, 32 anni, e la sua atroce verità
La mamma
arrestata
EnzoAlbertoTana,expresidente della Borsa dei Valori di Roma. Fu gambizzato da due uomini mandati dalla moglie
Aurora Pereira Vaz, portoghese,exmogliediTana,arrestata
per estorsione nel caso della
piccola Madeleine McCann
tare maggiorenne, scappare
via e denunciare quella madre
terribilechel'avevapersempre
allontanata dal padre. Quella
madrecheera riuscita aplagiareancheunaltrouomo.Aurora
eDanilohannoaltriduefiglitra
cuiuna bambina che, grazie alladenunciadiCarolinavieneliberata dalla polizia francese.
La piccola di cinque anni viene
trovata rinchiusa in una stanza
buia dell'abitazione in Costa
Azzurra, legata con il nastro
adesivo, denutrita, maltrattata
e costretta a nutrirsi con
solo cibi liquidi e a dormire senza pigiama.
Oggi i due amanti in
seguitoalladenuncia
diCarolinasonorinchiusi in carcere in
Portogallo, dove
devono scontare
moltianniperassociazioneadelinquere finalizzata alla
truffa oltre
che accuse
pesantissime di rapimento
diminoritracuiquellodella piccola Maddie McCann
scomparsa dieci anni fa in Portogallo e mai più ritrovata.
Carolina è una giovane donna chesta cercando di curarele
cicatricichelavitaglihaprovocato.Unadonnachehalafortuna adesso di avere al suo fianco
un uomo che la sostiene e la
comprende, una donna che ha
però un sogno come scrive nel
suo libro: «Spero tanto che il
mio amato papà, quello che tenevopermanodabimba,ilmio
eroeche,miomalgrado,hoquasi ucciso dal dolore, possa un
giorno perdonarmi e leggere la
miaverità».Unavicendadrammatica, figlia della follia, che
aspetta però una parola di perdono per cominciare a scrivere
tuttaun’altrastoria.Protagonisti un padre e una figlia ritrovati.
Dramma Il suicidio di Ghisolfi
Il pioniere dell’energia verde morto di depressione
Il manager a capo di un impero chimico aveva finanziato le primarie di Renzi
“
La famiglia
Da tempo
Guido
soffriva
di forti crisi
Ilmaledivivere,cosìinsopportabile da uccidere. Sarebbe stata
la depressione a spingere Guido
Ghisolfi, 58 anni, vicepresidentee
amministratore delegato del
Gruppo Mossi Ghisolfi, a togliersi
la vita, l’altro ieri, sparandosi un
colpo di fucile nella sua auto.
A «ufficilizzarlo», dopo che già
gli investigatori avevano escluso
ipotesi diverse da quella del suicidio, sono stati ieri la famiglia e il
verticidellamultinazionalechimica di cui l’imprenditore cinquantottenneeravicepresidente.«Guido Ghisolfi- si legge-, vicepresidente e amministratore delegato
delGruppoMossiGhisolfi,cihalasciati.Aseguitodiforticrisidepressivedicuisoffrivadatempo,hadeciso di compiere un estremo atto
chehapostofineallasuavita»,illaconico comunicato. Il corpo dell’industriale, che aveva 58 anni,
erastatotrovatonelpomeriggiodi
martedìsullasuaauto,inunastrada secondaria di Carbonara Scrivia,vicinoaTortonadoveabitava.
«Era - prosegue il cumicato della
famigliaedelladirezionedelgruppo-unimprenditoreitalianodirara capacità, tenacia, intuizione e
ha saputo portare - insieme al padre Vittorio e al fratello Marco - il
Gruppo Mossi Ghisolfi in una dimensione internazionale».
Nonostante non siano state trovate lettere o ultimi messaggi fin
da subito gli investigatori hanno
escluso l’ipotesi del delitto.
IscrittoalPartitoDemocraticoe
grandeestimatore di Matteo Renzi,Ghisolficonsideratounpionieredellagreeneconomy,avevacontribuito a finanziarne la campagna alle primarie del 2013 con un
contributodi100milaeuro.Edera
consideratoallastreguadiunconsigliere del premier in materia di
impresa ed occupazione. Ghisolfi
aveva fatto parte del comitato di
sorveglianza di Intesa San Paolo,
subentrando ad Elsa Fornero
quandovennenominataministro
del lavoro nel 2011.
Figlio del presidente e fondatore del gruppo, Vittorio, Ghisolfi
aveva focalizzato il suo impegno
manageriale sui biocarburanti.
Era presidente e amministratore
delegato di Beta Renewables spa,
società del gruppo e meno di due
anni fa, all’inaugurazione della
bioraffineria di Crescentino (Vercelli)illustròaunafolladiimprenditoriefinanzierilegrandipossibilità di sviluppo e di mercato dei
combustibili «verdi» ottenuti da
scartinonalimentari.Unprogetto
che ha portato il gruppo ad essere
uno dei leader nel settore.
ATTUALITÀ 17
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
la storia
BENI CULTURALI Un gioiello di cui si erano perse le tracce
di Manila Alfano
L
a sorpresa e l’emozione,
per caso, per fortuna.
L’equipe della dottoressa Valentina Parodi, dello studio Formica di Milano, si era
messaallavorodapochigiorni.
Il progetto per la sistemazione
dell’Annunciazione, sull’arco
della chiesa di San Cristoforo a
Milano aveva appena preso il
via: i ponteggi, le imbracature,
ledueassistenti,SaraRossottie
IreneScarcellaallavorodipulitura dell’arco. «Poi, un giorno,
siamo saliti sul sottotetto e abbiamo scoperto quello che
ognirestauratorevorrebetrovare: un tesoro nascosto. L’affresco non si fermava all’arco per
cui eravamo stati chiamati, ma
proseguiva. Si immagini il nostro stupore nel trovarlo. C’era
un Dio Padre benedicente in
un una mandorla di cherubini». Un gioiello del 1400 dal valoreinestimabile.Intuttiquesti
anniilsoffittoinlegnoavevatenuto segreto e preservato il restodell’affresco,cadendoinun
paradossale oblio. È Milano
la tendenza
A Milano scoperto per caso
tesoro dimenticato del ’400
Sorpresa nella chiesa di San Cristoforo: nell’anno dell’Expo i lavori restituiscono
un affresco nascosto da secoli da un controsoffitto. L’esperta: «È inestimabile»
che nell’anno dell’expo riscoprequasipercasoisuoigioielli,
le sue bellezze dimenticate.
E così oggi quel progetto iniziale,ilrecuperodell’arcosiamplia e prende il volo per un sogno: «Abbiamo parlato con il
Soprintendentedeimonumenti e il Soprintendente dei Beni
Artistici, la nostra proposta è
quella di rendere in qualche
modo visibile almeno una parte del soffitto in modo che tutti
possanoammiraretantabellez-
za».UnaperlararaSanCristoforo, chiesetta simbolo di Milano,entratanellastoriadelcinema quando Sofia Loren e Mastroiannilasciavanolacittà,sullo sfondo proprio San Cristoforo,patronodeipellegrini,affac-
ciata sul Naviglio Pavese, strada per andare in Lomellina,
cuore romantico della città.
Chiesa al confine; la periferia è
proprio lì, basta un passo, il degrado,ilgrigio,glizingarieifurgoni coi finestrini rotti usati co-
GIOIELLI
La chiesa di
San Cristoforo
a Milano.
Accanto l’arco
in questo
momento
sottoposto al
restauro, dove
si intravede il
soffitto che
cela il tesoro
nascosto.
Sotto, il volto
della
Madonna
STUPORE
I restauratori: «Che
emozione, quell’opera
ha resistito al tempo»
Dantee le pagine più intense di
Dostoevskij.
È lui, grande punto di riferimento che ha coltivato il sogno
del restauro della chiesa. «Abbiamoiniziatonel2011perlasistemazionedellacontrofacciata-continuaParodi,unodeirariaffreschideiprimidelquattrocentolombardoaccompagnati
dalla firma dell’autore: Bassanolo de Magistris della cappellaDucale,laCrocefisionenelregistro inferiore, e la Madonna
in trono affiancata da due santi
nelsecondoregistro». Illavoro,
costatocirca30milaeuro,ancora sponsorizzato dai fedeli, è
statoscrupolosoeattento.«Abbiamofattounannodimonitoraggio microclimatico, per capire l’umidità dei muri, grande
nemico delle opere d’arte». Le
nuove tecniche che si scontrano con quelle passate. «Negli
anni ’80, quando è stato fatto
l’ultimointervento,sullepareti
era stata applicata una malta
grigianontraspirante.El’affresco, era stato come tappezzato
daunaserieditoppe.L’approccio di oggi è diverso, prima di
tutto, trattandosi di un dipinto
ancora in buono stato, con una
letturaancoranitida,siècercatodiconsiderarlo noncome un
frammento ma come un’opera
uniformeequindigliinterventi
sonostatimenopunitivi».Eilrisultatoèstatodavverosorprendente.
Sottoscrizioni «dal basso» in nome del bello
Quante bellezze d’Italia
salvate dalle collette popolari
A San Quirico d’Orcia il paese si autotassa per il suo bassorilievo
Gianpaolo Iacobini
Gli stranieri si comprano
l’Italia, gli italiani la difendono
con le collette.
I giapponesi della Hitachi si
sono presi l’Ansaldo Breda e i
suoi treni. I loro cugini occhi a
mandorladiCinahannoportato a Pechino i diritti televisivi
pallonari (anche) della serie A.
GlisceicchidelQatarinungiornosolohannomessonelcarrello della spesa 28 grattacieli, in
pratica l’intero quartiere sul
quale le torri svettano, quello
milanese di Porta Nuova. Perché i mercanti venuti da Oriente hanno soldi. A fiumi: c’è chi
rastrella quote societarie, chi
predilige palazzi e terreni, chi
punta sulle opere d’arte. Roma
guarda e lascia fare, ma all’ombradei campanili larivolta è vivaedaglisquilliditrombadella
colonizzazionesirispondesuonando le campane dell’orgoglio patrio. La culla della nuova
resistenzaèaSanQuiricod’Orcia,2.700 anime sparse sui colli
dellaprovinciasenese.Unodegliemblemidella storia cittadina, il bassorilievo che riproduce scene della vita di Abramo,
era finito all’asta dopo essere
stato venduto dalla famiglia
proprietaria.Forteerailrischio
cheil blocco scultoreo, risalente alla metà del XII secolo, cadesse nelle mani di collezionisti esteri. Allora i sanquirichesi
si sono organizzati. E lanciata
unasottoscrizionehannomesso insieme uno sopra l’altro i
32.000eurooccorrentipereser-
citareildirittodiprelazione.Così dall’11 aprile l’Abramo d’OrciatorneràapalazzoChigiZondadari, nel cuore del borgo toscano.«Eraimportanteriportare a casa una delle opere d’arte
più antiche del nostro piccolo
paese e l’esserci riusciti in tempi difficili – dice raggiante l’assessore comunale alla cultura,
Ugo Sani – crediamo sia il mi-
I precedenti
Padova e la Deposizione
Nel novembre dell’anno scorsoo a Padova il comune lancia
colletta per tenere in Italia un
quadro di Jacopo Montagnana, la «Deposizione nel sepolcro» appartenente a una collezioneprivata.Costodell’operazione: 80mila euro.
Venezia e l’isola
A Venezia, maggio dell’anno
scorso, i cittadini si riuniscono
in un comitato per comprarsi
l’isola di Poveglia. Vengono
raccolti 420mila euro, ma Ad
aggiudicarsil'isolaèLuigiBrugnaro«patron» della società
Reyer di pallacanestro
Lecco e la Viscontea
A Lecco, ottobre 2014, i cittadini si costituiscono in associazione per comprarsi l’isola Viscontea, bene “dal grande valore storico e culturale” con oltre 35mila visitatori dal 2011
ad oggi. Mettono sul piatto
900mila euro ma non basta
glior segnale di coesione e sensodiappartenenzadellanostra
comunità». Lo stesso al quale
nelle settimane passate s’è appellato il Comune di Padova
permetterealsicuro unatela di
Jacopo da Montagnana, tra gli
artisti più attivi della seconda
metà del Quattrocento. Per
blindareildipinto, raffigurante
la deposizione di Cristo nel Sepolcro, servirebbero almeno
80.000 euro: la sottoscrizione è
incorso.Conmoltomenoafine
gennaio s’è invece conclusa
con successo la missione del
gruppo «Amici del museo per
Via»,scesoincampopertoglieredai circuitideimercati d’arte
l’originale ottocentesco della
stampaeffigiantePieveelaConca del Tesino, un pugno di case
stese su un fazzoletto di campi
a pochi chilometri da Trento: i
269 abitanti si sono tassati pur
diriprendersi–dopo 180 anni–
lo scatto figlio del fotografo tedesco Frederick Martens, uno
dei primi dagherrotipisti europei.AFrancavillaalmare,invece, cittadini in campo a difesa
diunodeipiùpreziosiquadridi
FrancescoPaoloMichetti,ilpittore che Gabriele D’Annunzio
nel suo testamento spirituale
definì«miofratello».Perriuscirenell’impresa,quotepopolari
eportaaportaincittà,purdiraggranellare i 30.000 euro indispensabili a prender parte all’asta. E vincerla, perché quandosiperdesondolori.InSardegna, nel 2013, l’isola di Budelli
era stata acquistata da un banchiere neozelandese:peravere
me magazzini.
Poi invece giri l’angolo e nella piazzetta trovi San Cristoforo, come una benedizione, che
racconta un’altra storia, di bellezza e comunione, a partire
dal suo genere, prototipo delle
«chiese doppie», composta da
dueedifici, la chiesa piùantica,
quelladisinistra,delXIIsecolo,
doveirestauratorisonoall’opera,easinistra,lacappellaDucaleviscontea del1400, ledue aule che si uniscono nel 1600.
Che San Cristoforo racconta
una storia diversa lo capisci
guardando la gente che la frequenta,sponsordeirestauri,fedeli a prendere appunti durante le prediche di don Pier Luigi
Lia, il sacerdote, professore all’Università Cattolica che cita
nelle sue seguitissime omelie
«Via della Croce» di De Andrè,
gli strumenti giuridici e i soldi
necessariafarvalerelaprelazione s’è dovuta modificare addirittura la Legge di Stabilità.
Per questo a Venezia hanno
sudato freddo quando hanno
saputo che l’isola di Poveglia
era stata aggiudicata ad un acquirente diverso dal comitato
natoperdifendernelavenezianità: la paura è passata solo
quando s’è sparsa voce che il
compratore era pure lui un veneziano, l’imprenditore Luigi
Brugnaro.Chesubitos’èaffrettato a precisare: «L’ho fatto per
scongiurare il rischio che qualcheinvestitoreesterocomprasse un bene inestimabile della
città».
Lo straniero avanza tintinnante, gli italiani lo aspettano
in trincea, sulla linea del Piave.
Azienda milanese
servizi ambientali
Via Olgettina, 25 - 20132 Milano
tel. 02/27298.316-361-417-970-897
telefax 02/27298.354-465
www.amsa.it
ESTRATTO DI BANDO DI GARA
Amsa S.p.A. indice Procedura Aperta n°
5/2015, (CIG 612031213D) con modalità interamente telematica, ai sensi del D.Lgs. n.
163/06 e s.m.i. e secondo la procedura prevista dal DPR 207/2010 e s.m.i., per la fornitura di ricambi originali o equivalenti per
autospazzatrici e lavastrade marca Dulevo
in dotazione al parco veicolare Amsa. Periodo: tre anni dalla data di inizio della fornitura. Importo base di gara: 693.000,00 IVA
esclusa. Documenti di gara disponibili presso il sito www.pleiade.it/amsa, all’interno
dell’apposita area di gara. Termine ricezione
offerte: 13/04/2014 ore 12,00. Il Bando di
gara è stato inviato alla Gazzetta Ufficiale
dell’Unione Europea in data 20/02/2015.
A2A S.p.A. Mandataria Incaricata
Luca Camerano
MEDIOLANUM BEST BRANDS
OICVM autorizzati dalla Banca Centrale Irlandese ai sensi della Normativa della
Comunità Europea del 2011 e successive modifiche (Organismi di Investimento
Collettivo in Valori Mobiliari)
AVVISO AI SOTTOSCRITTORI
Mediolanum International Funds Limited, società di gestione di Mediolanum Best
Brands (il “Fondo”), desidera informare i Sottoscrittori dei comparti Coupon
Strategy Collection, New Opportunities Collection, Infrastructure Opportunity
Collection, Convertible Strategy Collection, Mediolanum Carmignac Strategic
Selection e Mediolanum Invesco Balanced Risk Coupon Selection (i “Comparti”)
del Fondo, che a partire dal 16 febbraio 2015 o in prossimità di tale data che il
paragrafo “Strumenti dei mercati monetari” della “Scheda Informativa sui comparti”
riferita ai predetti comparti, sarà così riformulato:
«I Comparti possono esporsi mediante strumenti derivati, pertanto è possibile
che in un qualsiasi momento, le attività dei Comparti risultino investite, al fine di
sostenere tali esposizioni, in liquidità o strumenti del mercato monetario a breve
termine (tra cui Buoni del Tesoro, certificati di deposito, titoli trasferibili a tasso
fisso e variabile, inclusi obbligazioni e titoli di debito societario) emessi da emittenti
sovrani, enti sovranazionali e/o società con un rating pari a investment grade al
momento dell’acquisto, assegnato da Moody’s o da altra agenzia internazionale di
rating universalmente riconosciuta.»
Copia del Prospetto aggiornato, datato 16 febbraio 2015, sarà gratuitamente
disponibile su richiesta presso la sede legale della Società di Gestione, tutti gli
uffici dei Promotori Finanziari di Banca Mediolanum e presso la sede del Soggetto
Incaricato dei Pagamenti.
Mediolanum International Funds Limited
2 Shelbourne Buildings
Shelbourne Road,
Ballsbridge
Dublin 4,
Irlanda.
5 marzo 2015
18 ATTUALITÀ
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Oscar Grazioli
TENDENZE Quando a incassare è il «parente» a 4 zampe
È lecito pensare di lasciare il
proprio patrimonio a un'associazionechesioccupadiprotezione degli animali? Certo che
èlecitoe,selaleggenonconsente di lasciare la propria eredità
direttamentea Fido oSilvestro,
nessuno dovrebbe impedire al
privato di fare testamento lasciando parte delle sue sostanze a una Onlus, ovviamente riconosciuta dallo Stato.
Proprio perché la legislazione non è chiara e si presta a diverse interpretazioni, la LAV,
ha deciso di fare un minimo di
chiarezzasull'argomentointerpellando esperti che, dopo la
primariunionediRoma,incontreranno chi ne vorrà sapere di
più a Milano, il 7 marzo dalle
ore 10,00 presso la Fondazione
Matalon, Foro Buonaparte 67.
D'altronde,secondoidatiappena divulgati dall'Eurispes,
gli italiani si schierano decisamente ed inequivocabilmente
dalla parte degli animali: si di-
I vip lasciano l’eredità al gatto
Le regole per il testamento
Da Lagerfeld a Margherita Hack, è un fenomeno sempre più diffuso
anche tra la gente comune. Ora c’è un vademecum che spiega come si fa
chiarano contrari alle pellicce
(90,7%), alla vivisezione (87%),
alla caccia (78,8%), ai circhi
(68,3%).
Inumeri parlanodiun'attenzionediffusadeicittadiniitalianiperglianimalieperillorobenessere, una propensione che
si mantiene solida, nonostante
la crisi. Il 33% degli Italiani ha
deciso di condividere la propria vita con uno o più animali,
di dedicare loro affetto, atten-
zioni e spesso un impegno sociale per trarli in salvo da situazioni di degrado, abbandono,
maltrattamento. Non è quindi
sorprendente che, soprattutto
chi è anziano e vive solo con
l'unico affetto rimasto, pensi
anchealsuofuturoqualoradovesse venire a mancare prima
di lui.
È la storia del Signor Mario,
che dopo aver adottato Nico,
PATRIMONI BESTIALI
Stilisti divisi, Lagerfeld
al micio e McQueen ai
cani: fedeltà premiata
APPUNTAMENTO
Milano ospiterà un
convegno con gli esperti
in lasciti «pelosi»
FELINO
BENESTANTE
Un gattino tra
un mare di
soldi, avrà
ricevuto una
ricca eredità?
Karl Lagerfeld
Pazzo per il suo
micio Choupette
un cane salvato dalla Lav da un
canile-lager,hadecisodiinserirel'associazionetraibeneficiaridelsuotestamento,persostenerne le iniziative ed i progetti,
assicurando che il proprio impegno per gli animali continui
a vivere nei gesti e nelle azioni
di chi ogni giorno si batte per la
loro tutela.
Ma per un signor Mario che
vuole mantenere l'anonimato
ci son personaggi pubblici di
60,5 milioni
Gli animali domestici in
Italia: uno per abitante di
media. Gatti preferiti dai
single, cani in famiglia
grandenotorietàchehannofattoohannointenzionedifarealtrettanto,sianelnostrocheilaltri paesi.
ÈilcasodiKarlLagerfeld,stilista, fotografo e regista tedesco
difamamondiale,inseparabile
dalla sua Choupette, una gatta
di razza Birmano, che viaggia
sul suo jet privato con il suo necessaire.
«Choupette» ha dichiarato
Lagrfeld alla stampa «ha la sua
piccola fortuna in caso mi succedessequalcosa,èun'ereditiera. Chi si occupa di lei non sarà
maiinmiseria,isoldidellefotografie nelle quali èapparsa non
li prendo, li metto da parte per
lei». E si badi bene che la gatta è
protagonista del calendario
Opel Corsa 2015, quindi non si
tratta di noccioline.
Più vicino a noi, ha il profumodelgialloilcasodell'astrofisica Margherita Hack, morta
nelgiugnodel2013,chepareabbiatestatoafavoredialcuneassociazioni della sua città (Trieste)chesioccupanodituteladeglianimali,mentreilmarito,deceduto dopo un paio d'anni, ha
lasciato tutto il patrimonio alla
badante.
Insommabenvengamaggiorechiarezzaperchi,deltuttolegittimamente, voglia lasciare,
almenoinparte,ilsuopatrimonioadassociazioniriconosciute e affidabili che operano nel
mondo del benessere animale.
STAR RUSSA NEL MIRINO DEGLI ANIMALISTI
Margherita Hack
Una fetta di
eredità al gatto
Alex McQueen
I suoi cani
sono ora ricchi
Il mistero del micio rosa
Vivo o ucciso dalla tintura?
Minacce di morte alla padrona
Ma il gattino dipinto di rosa dalla star
russa Elena Lenina è morto oppure no?
Lenina era finita nell’occhio del ciclone
perché per partecipare a un esclusivo
Pink Party aveva deciso di portare con sé
un micetto e di pitturarlo di rosa. Poi il
«Daily Mail» ha divulgato la notizia della
morte del micio, proprio a causa di
un’intossicazione derivante dalla tintura.
Ora pare che la notizia della morte del
micio sia stata smentita. Intanto la
padrona continua a ricevere centinaia
minacce di morte sul web.
19
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
__
I migliori
Valore
FTSE MIB
FTSE Italia All Share
FTSE Italia Mid Cap
FTSE Italia Star
22.131,080
23.556,390
30.509,320
22.268,230
%
0,65
0,65
0,65
0,21
1) It Way
2) Cr Valtellinese
3) Space
4) Beghelli
5) B Carige Rsp
Valore
var% su rif.
2,230
1,273
12,200
0,450
1,570
13,20
6,97
6,09
5,12
4,67
I peggiori
Valore
var% su rif.
1) Tas
0,497
2) Conafi Prestito’
0,352
3) Saras
1,195
4) Salini Impregilo Rsp 10,120
5) Cairo Communication 5,410
-4,48
-4,17
-3,16
-3,16
-3,13
NEW YORK
NEW YORK
LONDRA
FRANCOFORTE
PARIGI
TOKYO
ZURIGO
Dow Jones
Nasdaq
FTSE 100
Dax 30
Cac 40
Nikkei 225
SMI
18.114,800
4.966,760
6.919,240
11.390,400
4.917,350
18.703,600
8.992,500
-0,49
-0,26
0,44
0,98
0,99
-0,59
0,42
CAMBI
PIAZZA AFFARI
BORSE ESTERE
Economia
DOLLARO
STERLINA
FRANCO
YEN
DOLLARO
DOLLARO
CORONA
Americano
Inglese
Svizzero
Giapponese
Australiano
Canadese
Danese
1,112
0,726
1,069
133,150
1,419
1,392
7,458
-0,39
-0,23
-0,39
-0,44
-0,68
-0,42
0,06
SVOLTE I nuovi programmi nell’annuale «convention» del gruppo
Mediolanum dice «addio» al Biscione
Ennio Doris svela il cambio del brand. «Mediobanca? Resterà uno zoccolo di soci». E in platea spunta Davide Serra
Cinzia Meoni
Pesaro Restyling completato
perBancaMediolanum.Dopoil
passaggio del testimone nell’estate del 2008 tra il fondatore
Ennio Doris e il figlio Massimo,
divenuto poi anche protagonista delle campagne pubblicitarie della «banca costruita intornoate»,Mediolanummettemano al marchio.
Ilcerchioazzurro,simbolodel
gruppo grazie ad un efficace
marketing,siapreperospitareal
suointerno una“m“minuscola,
mandando in soffitta il logo del
Biscionechecaratterizzaval’istituto.Unarivoluzionegraficaannunciata dallo stesso fondatore
e dall’amministratore delegato
Massimo Doris, assieme a tutta
la prima linea manageriale, con
un evento in grande stile all’Adriatic Arena di Pesaro: platea composta da 4.500 family
banker provenienti da tutta Italiaperlaconventionannuale,oltrechedaunaseriediprestigiosi
ospiti.TraiqualiAlessandroBenettoneOscarFarinetti, chedovrebbe introdurre la giornata di
oggi.PresenteancheDavideSerra, l’amico del premier Matteo
Renzi e patron del fondo Algebris, recentemente al centro di
polemiche per gli investimenti
nellebanchepopolari.Lacuipresenza potrebbe essere spiegata
megliocon gli annunci di oggi.
TralepartitecheMediolanum
si troverà a giocare con un ruolo
daprotagonistanelprossimofuturo, non manca quella che, almeno per Piazza Affari, è il ma-
il caso
tch per eccellenza: Mediobanca,partecipatadalgruppofinanziarioconil3,83percento.Afrontedelle indiscrezionidi mercato
diffusenegliultimigiornisulpossibile scioglimento del patto a
settembre, Doris ha affermato:
«Nonhoavutocolloquiconnessun altro partecipante del pat-
QUOTA FININVEST
Il fondatore: «Ho
consigliato a Berlusconi
di restare azionista»
to».L’imprenditoretuttavia,dopoaverlodatolacapacitàdelmanagementdiMediobancadigui-
dare il cambiamento avvenuto
negliultimianni,hasottolineato
la strategicità dell’investimento
nella prima banca d’affari tricoloree,perquantoriguardapiùdirettamenteilpatto,sièdettoconvintochecomunque«unozoccolo duro resterà». Doris, infine, si
è detto aperto alla possibile cessione della partecipazione in
Banca Esperia, joint venture pariteticatraMediolanumeMediobanca specializzata nel private
banking, se dovesse arrivare
un’offerta ricca.
La convention di Pesaro è servitaancheperpresentarelemoltenovitàdiprodotto,inparticolare quelle tecnologiche (dalla
appconcomandivocaliallarevi-
sionedellapiattaformaMyFreedom). A colpire l’immaginario
collettivo è stato comunque soprattutto il restyling che parte
dal brand e si estenderà alla rete
di family office del gruppo Mediolanum(iprimitreprogettipilota saranno lanciati entro giugno). «Nulla è più come prima»,
OSPITI
Tra gli invitati Benetton
e Farinetti, che parla
oggi ai 4.500 «bankers»
hadettopiùvoltelostessofondatore aprendo i lavori armato di
martello. «Il vecchio logo, che
CAMBIO
Il fondatore di
Mediolanum,
Ennio Doris,
assieme al
figlio Massimo,
attuale
amministratore
delegato del
gruppo.
A fianco, il
nuovo logo di
Mediolanum
che sostituisce
lo storico
marchio
del Biscione
porteremosemprenelcuoreera
pocoleggibile, mentre il cerchio
èormaipertuttisimbolodiBanca Mediolanum, un cerchio che
simboleggialavolontàdimettere al centro il cliente e di volerlo
difendere dai rischi insiti nel
mercato. Un cerchio quindi che
è anche un bastione di difesa»,
ha spiegato Ennio Doris.
L’imprenditore ha ripercorso
le fasi salienti della costituzione
dellasocietà,natanel1982come
ProgrammaItaliaconFininvest,
poi riorganizzata in Mediolanum e quotata in Borsa. E proprio per quanto riguarda Silvio
Berlusconi, a cui Bankitalia ha
imposto la discesa sotto al 10%
delcapitale(oltreil20%inmeno
rispetto alla quota detenuta attualmente),ilmanagersièauguratocheilleaderdiForzaItaliarimanga azionista di Mediolanum. «Gli ho consigliato di non
vendere, se può, perché secondomeèuninvestimentochedarà soddisfazioni anche in futuro». Sulla questione è attesa la
pronuncia da parte del Tar il
prossimo 22 aprile.
Frattanto resta aperto il contenzioso con il fisco. Nel mirino
cisonoirapportitralecontrollateitaliane delgruppo equelleirlandesi. Da quanto emerge dal
bilancio,acausadinuovecontestazioni,secondoilfiscol’imponibilenondichiaratodalgruppo
salirebbe a 923 milioni. A fronte
del quale viene chiesto il pagamentodi506milionitraimposte
nonversateesanzioni.Gliaccantonamentisalgonoda53,3a94,1
milioni.
IlprimoluglioloStatositroveràfralemaniil4%delMonte
Paschi, sul cui portone da ieri
è ufficialmente appeso il cartello «vendesi»: tra fine maggio (forse lunedì 25) e inizio
giugno partirà infatti il previsto aumento di capitale da 3
miliardi, previo raggruppamentodelle azionidiunanuova ogni venti possedute, con
cui Rocca Salimbeni rimedia
alla bocciatura ricevuta agli
stress test della Bce e alla conseguente pulizia di bilancio. Il
calendario era ieri sul tavolo
del cda, che ha fissato per il 14
aprile (il 16 in seconda convocazione) la decisiva assemblea dei soci chiamata ad ap-
Grecia, all’Ue
piano in 6 punti
Euro in caduta
Il dossier Grecia resta ancoraaperto,conAtenecheannuncia un piano di riforme in sei
punti per provare a convincere
l’Europa a sborsare subito una
parte dei soldi rimanenti del
suo ultimo salvataggio, mentre
continua la caduta dell’euro.
La moneta unica è calata ai minimida11annirispettoaldollaro scendendo a 1,1072, il livello
più basso dal settembre 2003.
Un andamento al ribasso che
nulla ha a che vedere con le vicende elleniche, e molto con le
attese per i nuovi dettagli sul
quantitative easing che fornirà
oggilaBce.Rinviatialcuni nodi
difficili come privatizzazioni,
pensioni, liberalizzazioni, licenziamentivolutidaUe,Fmie
Bce, Atene porterà a Bruxelles
unarazionalizzazionedelsistemafiscale,dovelaUesiattende
unastrettaalleesenzioni;unintervento sui debiti verso l’amministrazione,doveAtenepromettedimigliorarelafedeltàfiscale dei greci con verifiche
esattoriali mirate. L’impegno
contro la povertà, invece, è imperniato in un ampio pacchetto che comprende elettricità
gratuita nella prima casa, indennità di affitto e sussidi alimentari per gli indigenti.
Siena cerca un cavaliere bianco
Monte Paschi, lo Stato avrà il 4% post aumento
Massimo Restelli
CRISI
Il 14 aprile l’assemblea, ricapitalizzazione a fine maggio. Per il Tesoro lock up di sei mesi
provareiconti,laricapitalizzazione e a nominare il vertice,
oltre ad alcune modifiche statutariechiestedallaVigilanza.
Il ministero dell’Economia
diventa con il 4% il secondo
azionista di Mps alle spalle di
Fintech (4,5%), perché visto il
profondo-rossodel2014,ilprimo luglio l’ad Fabrizio Viola
non potrà che pagare in carta
gli interessi dei Monti Bond
(243 milioni di euro, pari al
9,5%). Il Tesoro si è comunque
impegnato a un lock up di 180
giorni, così da «allinearsi alla
prassi del mercato» e ridurre
per un «ragionevole periodo
di tempo» il rischio di un over
hang (eccesso di offerta) dopo
la ricapitalizzazione. Come
detto,l’aumento da 3miliardi,
il cui ammontare è sostanzialmente equivalente all’attuale
capitalizzazione del Monte
RINNOVO
Il presidente
del Monte
Paschi,
Alessamndro
Profumo e
l’ad Fabrizio
Viola scadono
insieme al
cda con
l’assemblea
di aprile
(+2,5%inBorsa),promettecomunque di portare a Siena un
nuovopadronedicasa,accantoallaFondazioneMps(cuirestaunresiduo2,5%)eaisuoialleati sudamericani di Fintech
eBtgPactual:gliindiziatirestano Ubi o Bnp Paribas.
L’aumento promette comunque di essere molto diluituvoperchinonfaràlasuaparte:perpiazzarel’aumentodella scorsa estate, il consorzio di
garanzia aveva offerto uno
scontosul«terp»,ilprezzoteorico post stacco del diritto, parial35,5percento.Restadacapire che cosa farà l’ente di PalazzoSansedoni,chehaaffidatolagestionedellaliquiditàalla società Quaestio (la stessa
di Cariplo). Al momento il tripartito di «maggioranza» ha
concentrato il 9% di Mps in un
accordo di blocco con l’ambi-
zione di esprimere la maggioranza del prossimo consiglio.
«Quando comunicheremo la
lista con i sei nomi per il cda
avrete una bella sorpresa», ha
detto ieri sibillino Marcello
Clarich, presidente della Fondazione Mps. Dove, poco prima, aveva incontrato i rappresentantidi Btg Pactual e Fintech per analizzare l’aumento e
la lista del cda.
Quest’ultimo ha intanto cooptato l’argentino Christian
Wharmond,direttorediFintech in Europa, al posto del dimissionario David Manuel
Martinez. Viola e il presidente
AlessandroProfumo,chehannogiàricevutol’investituraufficiosa della Fondazione e dei
francesidiAxa(3,1%),dovrebbero essere confermati al comando, ma nulla è al momentodeciso.Soprattuttoconsiderando il silenzio di Profumo.
20 ECONOMIA
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Maddalena Camera
TLC I conti 2014 dell’operatore del gruppo Hutchison
«3» Italia sfonda il tetto dei
10milionidiclienticonunacrescita,nel2014,del4%eunaquota di mercato in aumento all’11,5%.
Il lancio degli aggressivi piani «all inclusive» ha dato buoni
frutti pur provocando i borbottii dei concorrenti. Tim e Vodafone, infatti, hanno smesso la
cosiddetta guerra delle tariffe
con il risultato che «3» è stato,
nel2014,l’unicooperatoremobilearegistrareunsaldopositivointerminidiattivazioni, pari
a circa 350mila in un mercato
che ha perso più di 4 milioni di
sim. La società guidata da VincenzoNovarihainoltremantenutolaleadershipnella«portabilità»,sottraendocirca600milaclientiaglialtrioperatori.Restano comunque anche per il
quarto operatore mobile le ristrettezze normative che già
nel 2013 avevano penalizzato i
conti. Il risultato è che i ricavi,
nell’anno appena concluso,
nonsonocresciutiattestandosi
a 1,7 miliardi di euro, in linea
con il risultato del 2013.
Quanto all’ebitda, ossia al
margine lordo prima di tasse e
ammortamenti,siconfermapositivo ma in discesa, in linea
«3» oltre i 10 milioni di clienti
Ricavi fermi: si stringe su Wind
TÜV RHEINLAND
Seicentomila nuovi utenti dalla «portabilità»
Ma il fatturatostabile e i margini in calo
sembranoindicarela strada della fusione
con il trend del mercato, dai
279 milioni del 2013 ai 248 milioni del 2014 in seguito all’aumentodeicosticommercialirelativi ai clienti acquisiti. Per
quanto riguarda il debito, comenoto«3»èespostaesclusivamente con il suo azionista, tramite un prestito pluriennale.
SoddisfattoNovari:«Cresciamoinuncontestoestremamen-
CONCORRENZA
L’ad Novari: «Cresciamo
in un contesto
sempre più competitivo»
te competitivo e per il secondo
anno consecutivo siamo topperformerpercrescitadelmercato mobile equesto grazie alla
strategia del value-for-money,
cioèlamassimavalorizzazione
della spesa della clientela, alla
leadership nel mondo dell’Internetmobileeadunastrategia
commercialeaggressivacheha
premiatol’aziendaedatobeneficio ai consumatori».
Lasocietàhacomunquepuntualizzato che i clienti con contratto, cioè ad alto valore, sono
cresciuti di 2 punti percentuali
e costituiscono il 50% del totale, contribuendo per il 74% alla
MERCATO SMARTPHONE
Sorpasso di Apple su Samsung
Samsung ha
chiuso il 2014
con una
diminuzione
degli utili. E
sale la quota di
mercato
mondiale di
Apple (nella
foto Tim Cook)
negli
smartphone al
20,4% (era al
17,8%), mentre
Samsung si è
fermata al
19,9% dal 20,5%
del 2013
MODA
A Pogliano
Moncler ha raddoppiato l’utile
l’Italia che piace E punta sull’Asia per crescere
ai tedeschi
Moncler raddoppia l’utile e batte le
RISULTATI
Antonio Risolo
L’Italia è ancora in grado di
attrarrecapitalistranierinonostante l’oppressione fiscale, la
malagiustizia,laburocrazia insopportabile.Èl’Italiacheinnova e che crede nel cambiamento offrendo competitività sul
mercatoglobale.«Corriamoinsieme una gara vincente». È lo
slogan della presentazione del
nuovo polo tecnologico italiano. Il gruppo tedesco Tüv
Rheinland-quartier generalea
Colonia - leader indiscusso nel
settore della certificazione e
presente in 65 Paesi con oltre
18miladipendenti,hainvestito
3 milioni nella filiale italiana di
PoglianoMilaneseconl’obiettivodisviluppareunodeipolitecnologici per test Emc, R&Tte,
gasechimicoall’avanguardiaa
livello internazionale, ma soprattutto in grado di affiancare
le imprese italiane che mirano
a un veloce time to market. Tüv
Rheinland Italia, incubatore di
tecnologiaeinnovazione,èstato inaugurato ufficialmente ieriancheseoperativodalsettembre dello scorso anno. «Questo
progetto - dice Boris Tuzza, ad
della filiale italiana - segna una
tappa ulteriore di crescita per
Tüv Rheinland, in Italia e nel
mondo, e sottolinea l’impegno
delgruppotedesconeiconfronti dell’area geografica italiana,
riconoscendone il valore e il
ruolo strategico. Si tratta di una
risorsadivaloreinternazionale
che in Italia catalizzerà nuove
opportunità di business e favorirà l’investimento dell’azienda in risorse umane».
La filiale italiana del gruppo 70 dipendenti, 10 milioni di ricavi-èstatainsignitadel«GtacGlobal Technology Assessment Center», il massimo riconoscimento in fatto di tecnologie e servizi, il settimo in tutto il
mondo.
formazione dei ricavi da servizi. Inoltre nell’ultimo trimestre
dell’anno,«3»èstatol’operatoreleader nelleacquisizioni con
iPhone grazie alle offerte «allinclusive». Nel corso dell’anno,l’aziendahacontinuatoancheadinvestire ininnovazione
eadareilpropriocontributoalla riduzione del digital divide,
portando la propria rete Internet veloce al 97% della popolazione.Inparticolare,lacopertura 4G Lte è stata quasi raddoppiata, raggiungendo il 42% degli italiani. Ora gli occhi sono
puntatisulpossibileconsolidamento del mercato.
Datemposiparladellapossibilità di integrazione tra «3» e
Wind, un’operazione che starebbe accelerando proprio in
questesettimaneecheavrebbe
grande senso industriale. Ma
non è di facile realizzazione. In
compenso la capogruppo Hutchison, per la sua controllata
britannica«3»,hainiziatoagennaio una trattativa per acquisiredaTelefonical’operatoremobile O2 per 13 miliardi di euro.
In questo modo, in Gran Bretagna «3» diventerebbe il maggior operatore mobile del Paese. Il gruppo in Europa può già
contaresu30milionidiclientie
ricavi in crescita del 6%.
stime: 130,3 milioni di euro nel 2014
(+71%)contro i 76,1 milioni di utile net- Ricavi in aumento del 20%
to del 2013. I ricavi sono cresciuti del Ridotto l’indebitamento
20% a 694,2 milioni di euro mentre l’inIl dividendo sale a 0,12 euro
debitamentofinanziarionettosièridotto a 111,2 milioni a fine anamministratore delegato,
no. Il consensus indicava
Remo Ruffini. «Guardando
680milionidifatturatoe118
al2015,nonostantepermanmilionidiutili.Aisoci-silegge in una nota - sarà propogano nel mondo situazioni
sta la distribuzione di un didi incertezza, sono fiduciovidendo di 0,12 euro per
so- sottolinea - sullo svilupazione (0,10 euro la cedola
po del nostro marchio». La
distribuita sull’esercizio
notorietà di Moncler «si è
2013), pari al 23% dell’utile
rafforzata in tutti i mercati
nettoconsolidato.Laperforin cui operiamo, continuiamance dei ricavi è stata gui- LUSSO
mo a perseguire l’eccellendata dal +29% a cambi cor- Remo Ruffini
zainognicosachefacciamo
renti del canale retail (430,6
apartiredalprodotto,epromilioni) e dal +7% del wholesale (263,5 seguiamo nel nostro progetto di svilupmilioni). Per l’anno in corso il gruppo po di un network di negozi retail di alta
dei piumini (+0,6% in Borsa) prevede qualità». Dopo le 27 nuove aperture del
uno scenario di crescita.
2014perl'annoincorsoilgrupposiègià
«Sono molto soddisfatto dei risultati assicuratouna ventina dilocation, conraggiunti da Moncler nell’esercizio centrate soprattutto in Asia, tra cui un
2014 che hanno, ancora una volta, visto flagship store a Tokio Ginza. Il gruppo
crescite a doppia cifra sia del fatturato punta a entrare su nuovi mercati, come
chedegliutilieunasignificativagenera- Macao e Singapore, e prevede di prosezione di cassa», afferma il presidente e guire l'espansione negli Usa .
FONDI ESTERI ARMONIZZATI UE
FONDI ASSICURATIVI UNIT LINKED
',675,%8,72'$
%$1&$0(',2/$1806S$
1XPHUR9HUGH
ZZZEDQFDPHGLRODQXPLW
3$571(57,0(6S$
1XPHUR9HUGH
Quotazioni del
* Euroequity Opportunità
* Euroequity Sviluppo
* Euroequity Protezione
* Eurobond Opportunità
* Eurobond Sviluppo
* Eurobond Breve Termine
Azionario Intraprendenza
Azionario Dinamismo
Azionario Protezione
Obbligazionario Crescita
Obbligazionario Moderazione
Obbligazionario Liquidità
Balanced
Country
Dynamic
Moderate
Opportunity
03-03-2015 02-03-2015
6,691
7,237
7,288
7,990
7,405
7,040
4,942
5,413
6,398
7,774
7,230
6,903
6,448
5,499
6,053
6,242
5,808
6,668
7,211
7,284
7,995
7,410
7,040
4,925
5,394
6,395
7,779
7,235
6,904
6,438
5,478
6,041
6,239
5,788
Quotazioni del
Alternative Fund 1
Alternative Fund 2
Alternative Fund 3
02-03-2015 23-02-2015
5,64595
6,00256
6,26406
5,60330
5,91217
6,15020
03-03-2015 02-03-2015
Prudent
Sector
Azionario Fedeltà
Azionario Intraprendenza bis
Azionario Dinamismo bis
Obbligazion. Evoluzione bis
Obbligazion. Crescita bis
Obbligazion. Moderazione bis
Obbligazion. Breve Termine bis
Obbligazion. Stabilità bis
Balanced bis
Country bis
Dynamic bis
Moderate bis
Opportunity bis
Prudent bis
Sector bis
',675,%8,72'$
%$1&$0(',2/$1806S$
1XPHUR9HUGH
ZZZEDQFDPHGLRODQXPLW
Quotazioni del
3UH]]RGLYHQGLWDLOFRUULVSRQGHQWHSUH]]R
GLDFTXLVWRqPDJJLRUHGHO
9DORULLQ(XUR
Quotazioni del
Trio Fund 1
Trio Fund 2
Trio Fund 3
6,384
5,450
2,989
6,032
6,162
5,651
6,081
5,971
5,696
5,565
6,431
6,416
6,572
6,266
6,314
5,623
6,795
6,386
5,427
2,989
6,011
6,140
5,649
6,086
5,976
5,697
5,566
6,422
6,391
6,558
6,263
6,293
5,624
6,767
3UH]]RGLYHQGLWDLOFRUULVSRQGHQWHSUH]]R
GLDFTXLVWRqPDJJLRUHGHO
9DORULLQ(XUR
02-03-2015 23-02-2015
4,62314
4,29962
2,85513
4,57284
4,24534
2,80656
',675,%8,72'$
%$1&$0(',2/$1806S$
1XPHUR9HUGH
ZZZEDQFDPHGLRODQXPLW
/HJHQGD$ DGDFFXPXOD]LRQHGHLSURGYHQWL
% DGLVWULEX]LRQHGHLSURYHQWLFRS FRSHUWD
CHALLENGE FUNDS - CLASSI MEDIOLANUM
Quotazioni del
04-03-2015
Precedente
Quotazioni del
CH North American Equity - Med. L
CH European Equity - Med. L
CH Italian Equity - Med. L
CH Germany Equity - Med. L
CH Spain Equity - Med. L
CH Pacific Equity - Med. L
CH Emerging Markets Equity - Med. L
CH Energy Equity - Med. L
CH Cyclical - Med. L
CH Counter Cyclical Equity - Med. L
CH Financial Equity - Med. L
CH Technology Equity - Med. L
CH Liquidity Euro - Med. L
CH Liquidity Us Dollar - Med. L
CH Euro Income - Med. L-A
CH Euro Income - Med. L-B
CH International Income - Med. L-A
CH International Income - Med. L-B
CH Euro Bond - Med. L-A
CH Euro Bond - Med. L-B
CH International Bond - Med. L-A
CH International Bond - Med. L-B
CH International Equity - Med. L-A
CH Flexible Fund - Med. L-A
CH North American Equity Med. S
CH European Equity - Med. S
CH Italian Equity - Med. S
CH Germany Equity - Med. S
CH Spain Equity - Med. S
CH Pacific Equity - Med. S
CH Emerging Markets Equity - Med. S
CH Energy Equity - Med. S
CH Cyclical - Med. S
CH Counter Cyclical Equity - Med. S
CH Financial Equity - Med. S
CH Technology Equity - Med. S
CH Liquidity Us Dollar - Med. S
CH Euro Income - Med. S-A
CH Euro Income - Med. S-B
CH International Income - Med. S-A
CH International Income - Med. S-B
CH Euro Bond - Med. S-A
CH Euro Bond - Med. S-B
CH International Bond - Med. S-A
CH International Bond - Med. S-B
CH International Equity - Med. S-A
CH Flexible Fund - Med. S-A
CH Solidity & Return - Med. S-A
CH North American Equity Med. L cop.
CH European Equity - Med. L cop.
CH Pacific Equity - Med. L cop.
CH International Income - Med. L-A cop.
CH International Income - Med. L-B cop.
CH International Bond - Med. L-A cop.
CH International Bond - Med. L-B cop.
CH International Equity - Med. L-A cop.
CH North American Equity Med. S cop.
CH European Equity - Med. S cop.
CH Pacific Equity - Med. S cop.
CH International Income - Med. S-A cop.
CH International Income - Med. S-B cop.
CH International Bond - Med. S-A cop.
CH International Bond - Med. S-B cop.
CH International Equity - Med. S-A cop.
CH Solidity & Return - Med. S-B
8,406
5,908
4,998
6,206
8,504
6,948
8,863
7,709
6,677
5,413
3,803
3,580
6,758
4,762
7,463
4,922
5,534
5,389
10,341
6,961
6,306
6,005
8,248
4,704
10,975
10,123
8,681
11,927
18,566
9,214
19,817
15,043
13,547
8,437
5,956
5,069
6,266
8,608
6,911
8,871
7,723
6,703
5,434
3,817
3,605
6,758
4,757
7,465
4,923
5,524
5,380
10,363
6,976
6,310
6,008
8,280
4,713
11,016
10,205
8,803
12,043
18,793
9,163
19,835
15,070
13,599
MEDIOLANUM BEST BRANDS - CLASSI MEDIOLANUM
Quotazioni del
04-03-2015
Precedente
Quotazioni del
US Collection Med. L
European Coll Med. L
Pacific Coll Med. L
Em Markets Coll Med. L
Glb Tech Coll Med. L
Euro Fixed Income Med. L A
Euro Fixed Income Med. L B
Glb High Yield Med. L A
Glb High Yield Med. L B
Dynamic Coll Med. L
Equity Power Coup. Coll Med. L
Med.Blackrock Glo Sel Med. L A
Med. JP Morgan Glo Sel Med. L A
Med. Morgan Stanley Glo Sel Med. L A
Premium Coupon Coll Med. L
US Collection Med. S
European Coll Med S
Pacific Coll Med. S
Em Markets Coll Med. S
Glb Tech Coll Med. S
Euro Fixed Income Med. S A
Euro Fixed Income Med. S B
Glb High Yield Med. S A
Glb High Yield Med. S B
Dynamic Coll Med. S
Equity Power Coup. Med. S A
Med. Blackrock Glo Sel Med. S A
Med. JP Morgan Glo Sel Med. S A
Med. Morgan Stanley Glo Sel Med. S A
Premium Coupon Coll Med. S
US Collection Med. L cop
European Coll Med L cop
Pacific Coll Med. L cop
Glb High Yield Med. L A cop
Glb High Yield Med. L B cop
Equity Power Coup. Med. L cop
Med. Blackrock Glo Sel Med. L cop
Med. JP Morgan Glo Sel Med. L cop
Med. Morgan Stanley Glo Sel Med. L cop
Premium Coupon Coll. Med. L cop
Glb Tech Coll Med. L cop
Dynamic Coll Med. L cop
US Collection Med. S cop
European Coll Med S cop
Pacific Coll Med. S cop
Glb High Yield Med. S A cop
Glb High Yield Med. S B cop
Equity Power Coup. S cop
Med.Blackrock Glo Sel Med. S cop
Med. JP Morgan Glo Sel Med. S
Med. Morgan Stanley Glo Sel Med. S cop
Premium Coupon Coll. Med. S cop
Glb Tech Coll Med. S cop
Dynamic Coll Med. S cop
Med. DWS MegaTrend Sel L
Med. DWS MegaTrend Sel L Cop
Med. Franklin Templeton EM Sel L
Med. Pimco Inflation Strategy Sel L
Med. DWS MegaTrend Sel S
Med. DWS MegaTrend Sel S Cop
Med. Franklin Templeton EM Sel S
Med. Pimco Inflation Strategy Sel S
Coupon Strategy Collection La
Coupon Strategy Collection La Cop
Coupon Strategy Collection Lb
Coupon Strategy Collection Lb Cop
Coupon Strategy Collection Sa
Coupon Strategy Collection Sa Cop
Coupon Strategy Collection Sb
Coupon Strategy Collection Sb Cop
New Opportunities collection Lca
New Opportunities collection Lhc
New Opportunities collection Sca
New Opportunities collection Shc
Premium Coupon Coll L B
Premium Coupon Coll L B Hed
Premium Coupon Coll S B
Premium Coupon Coll S B Hed
Equity Power Coup. Coll L B
Equity Power Coup. Coll L B Hed.
Equity Power Coup. Coll S B
Equity Power Coup. Coll S B Hed.
Med. Invesco Balanced Risk Coup. Sel LA
Med. Invesco Balanced Risk Coup. Sel LB
Med. Invesco Balanced Risk Coup. Sel SB
Med. Invesco Balanced Risk Coup. Sel SA
Med. Carmignac Strategic Sel LA
Med. Carmignac Strategic Sel SA
Conv. Strategy Coll LA
Conv. Strategy Coll LB
Conv. Strategy Coll LA Hedged
Conv. Strategy Coll LB Hedged
Conv. Strategy Coll SA
Conv. Strategy Coll SB
Conv. Strategy Coll SA Hedged
Conv. Strategy Coll SB Hedged
Infra. Opportunity Coll LA
Infra. Opportunity Coll LB
Infra. Opportunity Coll LA Hedged
Infra. Opportunity Coll LB Hedged
Infra. Opportunity Coll SA
Infra. Opportunity Coll SB
Infra. Opportunity Coll SA Hedged
Infra. Opportunity Coll SB Hedged
Med. Pimco Inflation Strategy Sel LB
Med. Pimco Inflation Strategy Sel SB
5,888
7,074
6,861
11,460
2,671
6,042
4,746
11,469
5,789
7,149
7,198
7,321
7,589
8,316
6,674
9,307
10,633
9,964
18,708
8,003
11,688
9,241
17,021
9,158
12,348
11,225
14,235
14,755
16,171
13,094
6,512
7,355
6,214
7,551
5,213
6,327
6,075
6,332
7,194
6,343
8,921
7,047
12,445
13,932
11,870
14,567
10,046
12,153
11,798
12,302
13,964
12,426
17,267
PORTFOLIO FUND - CLASSI MEDIOLANUM
Quotazioni del
04-03-2015
PO ACTIVE 100 FUND S
PO ACTIVE 80 FUND S
PO ACTIVE 40 FUND S
PO ACTIVE 10 FUND S
PO AGGRESSIVE FUND S
PO AGGRESSIVE FUND SH
PO AGGRESSIVE PLUS FUND S
PO AGGRESSIVE PLUS FUND SH
5,890
7,075
6,847
11,461
2,665
6,043
4,747
11,464
5,786
7,135
7,187
7,322
7,597
8,324
6,669
9,309
10,635
9,943
18,710
7,983
11,691
9,244
17,014
9,154
12,325
11,207
14,237
14,770
16,187
13,085
6,517
7,358
6,220
7,554
5,215
6,318
6,081
6,343
7,205
6,340
8,903
7,035
12,455
13,938
11,884
14,572
10,049
12,137
11,810
12,325
13,986
12,420
17,232
Precedente
11,917
11,959
10,794
10,822
11,249
11,272
10,804
10,816
12,467
12,510
11,210
11,260
12,669
12,709
11,551
11,598
Quotazioni del
PO DYNAMIC FUND S
PO DYNAMIC FUND SH
PO BALANCED FUND S
PO BALANCED FUND SH
PO MODERATE FUND S
PO MODERATE FUND SH
PO LIQUIDITY FUND S
PO LIQUIDITY FUND SA
04-03-2015
Precedente
11,282
7,420
8,601
9,547
13,212
9,582
10,934
10,655
18,100
13,205
12,456
11,874
10,677
9,098
12,036
9,745
8,039
7,252
6,939
5,232
8,783
6,755
8,716
19,111
15,651
14,018
12,257
10,290
15,115
12,731
17,050
10,725
11,325
7,446
8,660
9,536
13,215
9,584
10,914
10,636
18,139
13,234
12,463
11,881
10,718
9,114
12,040
9,814
8,107
7,247
6,939
5,232
8,807
6,775
8,758
19,195
15,782
14,008
12,257
10,290
15,158
12,768
17,133
10,728
04-03-2015
Precedente
13,729
6,911
6,442
5,844
5,653
13,557
12,592
11,465
11,143
6,836
6,142
5,779
5,174
13,464
12,055
11,384
10,176
6,278
5,752
12,404
11,363
5,583
5,340
11,164
10,619
5,943
5,529
11,754
10,957
5,741
5,490
10,923
11,425
5,973
11,884
6,088
5,931
5,772
5,616
12,112
11,801
11,473
11,177
6,332
6,125
5,993
5,790
12,577
12,166
11,906
11,507
4,946
9,841
13,704
6,898
6,434
5,833
5,665
13,531
12,576
11,443
11,167
6,833
6,143
5,777
5,174
13,459
12,057
11,379
10,177
6,289
5,763
12,424
11,386
5,579
5,337
11,156
10,613
5,933
5,521
11,736
10,943
5,749
5,498
10,938
11,440
5,965
11,868
6,076
5,920
5,763
5,608
12,090
11,779
11,456
11,161
6,342
6,134
6,006
5,803
12,596
12,184
11,933
11,533
4,956
9,862
04-03-2015
Precedente
12,178
12,219
11,412
11,459
12,036
12,068
11,631
11,668
11,672
11,698
11,428
11,457
11,089
11,089
11,223
11,223
BORSA ITALIANA 21
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
EI TOWERS
RCS
ITALCEMENTI
AIFI
Su Opas Raiway oggi audizione Consob Clessidra interessata alle radio
Dimezza le perdite, aumenta il dividendo Il private equity torna ad investire
Oggi la Consob sentirà di vertici di Ei Towers sull’OpasperRaiway.L’offertasaràapertail20aprilee
chiuderàil12giugno.Il16marzolasocietàtrasmetteràaConsobilprospettoinformativo;il27l’assemblea straordinaria per l’aumento di capitale. C’è attesa anche per le risposte di Ei Towers al Senato.
Italcementi ha registrato nel 2014 un risultato negativoper48,9milioni,rispettoalleperditeper88,2
milionidel2013.Iricaviconsolidatisonostatiparia
4,1miliardieincalodell’1,8%dal2013.IlCdapropone un dividendo di 0,09 euro per azione (0,06 euro
nel 2013).
»
La giornata
in Piazza Affari
Corrono Fca
e Diasorin
Giù Luxottica
Terminacon ilsegno positivolaseduta apiazza Affari:il
Ftse Mib sale dello 0,65% a
22.131 punti. Sul listino, guidanoirialziititolidelcompartobancario, con Mps in ripresa (+2,55%) nel giorno del
cda. Brillante Fiat Chrysler
(+2,57%) sulle attese per la
quotazioneFerrari.InevidenzaDiasorin(+4,5%).Nelcomparto bancario, corrono Bper
(+3,03%) e Bpm (+2,65%); su
Ubi (+1,4%) e Unicredit
(+1,36%) mentre Intesa
Sanpaolo lima lo 0,14%. Nell’energia, invariata Eni; su
Enel(+0,98%)eA2a(+0,39%).
Rialzinelcompartoindustriale(Pirelli+0,53%,Finmeccanica +0,46%). Bene Telecom
(+1,67%). Nel lusso, è ancora
in calo Luxottica (-0,37%) dopo la presentazione dei conti
2014. Sotto la parità Mediaset
(-0,40%);fuoridalFtseMib,in
rosso anche Rai Way (-0,5%)
edEiTowers(-1,49%).Terminainbuonrialzo,invece,Carige (+2,21%) sul possibile incrementodellaquotadellafamiglia Malacalza.
Nelle altre Borse europee,
Francoforte avanza dello
0,98%, Londra dello 0,44% e
Parigi sale dello 0,99%.
ultimo
PETROLIO
Light Sweet Crude Oil
AGRICOLTURA (CBOT)
Frumento
Mais
Prezzo
AZIONE
chiusura
AAcea
Acotel Group
Acsm-Agam
Aedes
Aeffe
Aegon
Aeroporto di Firenze
Ageas
Ahold Kon
Alba Private Eq
Alcatel-Lucent
Alerion
Allianz
Ambienthesis
Amplifon
Anima Holding
Ansaldo STS
Arena
Ascopiave
Astaldi
Astm
Atlantia
Autogrill
Autos Meridionali
Axa
Azimut
A2a
BB Carige
B Carige Rsp
B Desio Bria Rnc
B Desio e Brianza
B Ifis
B Intermobiliare
B M.Paschi Siena
B P di Sondrio
B P Emilia Romagna
B Pop Etruria e Lazio
B Pop Milano
B Pop Spoleto
B Profilo
B Santander
B Sardegna Rsp
Banca Generali
Banco Popolare
Banzai
Basf
Basicnet
Bastogi
Bayer
BB Biotech
B&C Speakers
Bca Finnat
Be
Beghelli
Beni Stabili
Best Union Company
Bialetti Industrie
Biancamano
Biesse
Bioera
Bmw
Bnp Paribas
Boero
Bolzoni
Bon Ferraresi
Borgosesia
Borgosesia Rsp
Brembo
Brioschi
Brunello Cucinelli
Buzzi Unicem
Buzzi Unicem Rsp
CCad It
Cairo Communication
Caleffi
Caltagirone
50,52
495,25
381
10,85
13,16
1,26
2,55
2,348
6,795
14,66
32,09
14
2,356
3,474
2,9
150,4
0,511
5,74
5,26
9,355
0,005
2,01
6,54
12,27
22,98
8,17
15,81
22,54
22,68
0,898
0,074
1,57
2,59
2,69
16,9
3,484
0,564
4,002
7,15
0,583
0,832
1,794
0,39
6,495
10,89
24,83
13,4
6,05
85,4
2,772
2,324
131,3
271
6,87
0,579
0,53
0,45
0,728
1,88
0,54
0,488
16,22
0,313
112,7
51,85
20
3,154
26,3
0,767
0,89
33,4
0,108
18,64
12,32
7,78
4,16
5,41
1,25
2,24
Ultima
2015
Capital.
Var. Uff. in mln
min. max.
-0,459
0,998
-1,254
2,982
-0,512
-2,136
0,438
1,727
-0,458
3,645
0,468
-2,294
-0,087
4,262
-0,053
0,752
1,317
0,409
-0,606
0,989
-1,495
1,715
-0,657
0,391
2,207
4,667
-0,154
-1,17
2,545
2,248
3,026
2,654
0,749
0,854
0,276
-0,201
1,515
-1,466
-0,35
-0,716
-0,172
-0,53
0,743
-0,145
0,784
0,189
5,116
-1,222
-1,571
0,186
-2,32
3,444
-2,065
1,167
1,27
-2,11
-0,755
-1,16
-0,388
1,69
-0,64
-0,404
-0,575
0,144
-3,133
-0,239
-
2310,67
54,88
96,54
27,88
252,09
1072,41
132,45
75464,82
1668,64
23,85
8051,03
126,38
68266,56
47,37
1290,01
1576,97
1871
9
471,17
643,7
1079,76
18976,52
2078,45
69,17
47089,63
3249,01
2811,78
753,42
4,01
34,19
314,73
909,41
544,23
2885,71
1814,45
3441,36
126,62
2685,43
53,37
264,1
91323,51
71,87
2874,22
4853,21
245,72
78835,18
169,07
277,4
100358,09
3211,35
75,57
209,93
71,5
90
1651,01
17,58
40,5
16,61
444,32
11,27
67844,86
47292,18
86,81
81,98
147,94
29,1
0,8
2230,6
85,3
1267,52
2037,1
316,74
37,36
423,84
15,63
269,07
8,9
10,22
1,061
1,01
1,797
5,96
12,68
28,9
14
2,15
2,78
2,386
133,9
0,353
4,884
3,8
8,19
0,005
1,76
4,41
9,45
19,15
6,06
14,89
18,23
17,64
0,792
0,055
1,095
2,012
2,03
13,62
3,43
0,4
2,84
4,804
0,358
0,534
1,794
0,305
5,91
9,6
22,23
8,915
6,05
66,5
2,226
2,1
109,8
196,7
5,67
0,395
0,485
0,389
0,568
1,83
0,53
0,421
9,36
0,248
85,15
44,89
19,5
2,608
22,7
0,746
0,8
26,65
0,086
17,09
9,63
5,88
3,61
4,71
1,233
1,81
49,59
508,75
382
Titolo
ultimo
Riso
FARINE E SEMI (CBOT)
Farina di Soia
Semi di soia
10,35
preced.
10,36
341,5
1011
341,8
1008,75
Quote al 04/03
Oro
Argento
Platino
Palladio
$ x Oz
1201,52
16,18
1179,7
827,3
€x Gr
34,89
0,4694
34,01
23,95
MOT-TITOLI DI STATO
Codice
Isn
Ced. Prezzo d’asta Rend.
sem. ultimo preced. lordo
Scadenza
15.04.2015
15.06.2015
15.07.2015
1.8.2015
01.11.2015
01.12.2015
15.04.2016
15.05.2016
1.08.2016
15.09.2016
15.11.2016
15.12.2016
01.02.2017
01.05.2017
15.05.2017
01.06.2017
1.8.2017
01.11.2017
15.1.2018
01.02.2018
01.06.2018
01.08.2018
01.12.2018
1.2.2019
01.03.2019
01.05.2019
1.8.2019
01.09.2019
01.12.2019
1.2.2020
01.03.2020
01.09.2020
01.03.2021
01.05.2021
1.8.2021
01.09.2021
15.12.2021
01.03.2022
15.04.2022
01.09.2022
01.11.2022
01.05.2023
01.08.2023
15.09.2023
1.11.2023
22.12.2023
01.03.2024
01.09.2024
01.12.2024
01.03.2025
1,5
1,5
2,25
1,88
1,5
1,38
1,88
1,13
1,88
2,38
1,38
0,75
2
2,38
0,58
2,38
2,63
1,75
0,38
2,25
1,75
2,25
1,75
2,13
2,25
1,25
0,75
2,13
0,53
2,25
2,13
2
1,88
1,88
1,88
2,38
1,08
2,5
0,22
2,75
2,75
2,25
2,38
1,3
4,5
4,25
2,25
1,88
1,25
2,5
15/04/2015
15/06/2015
15/07/2015
01/08/2015
01/11/2015
01/12/2015
15/04/2016
15/05/2016
01/08/2016
15/09/2016
15/11/2016
15/12/2016
01/02/2017
01/05/2017
15/05/2017
01/06/2017
01/08/2017
01/11/2017
15/01/2018
01/02/2018
01/06/2018
01/08/2018
01/12/2018
01/02/2019
01/03/2019
01/05/2019
01/08/2019
01/09/2019
01/12/2019
01/02/2020
01/03/2020
01/09/2020
01/03/2021
01/05/2021
01/08/2021
01/09/2021
15/12/2021
01/03/2022
15/04/2022
01/09/2022
01/11/2022
01/05/2023
01/08/2023
15/09/2023
01/11/2023
22/12/2023
01/03/2024
01/09/2024
01/12/2024
01/03/2025
100,32
100,81
101,61
101,49
101,89
101,94
104,02
102,49
105,01
106,92
104,29
102,27
107,18
109,68
101,98
110,03
111,99
108,47
101,21
112,11
110,08
113,88
111,43
114,71
115,98
108,19
104,25
116,43
102,11
118,77
117,72
117,59
117,07
117,05
117,44
123,92
107,73
127
102,29
131,54
131,8
125,51
128,09
121,4
163,2
164,97
126,76
120,9
110,12
133,49
100,33
100,82
101,63
101,51
101,91
101,97
104,04
102,51
105,03
106,94
104,3
102,31
107,21
109,69
101,99
110,05
112
108,49
101,26
112,15
110,14
113,97
111,51
114,81
116,03
108,32
104,35
116,6
102,21
118,95
117,89
117,76
117,24
117,24
117,68
124,09
107,84
127,22
102,41
131,79
132,09
125,87
128,27
121,24
163,63
164,97
126,96
121,29
110,43
133,78
chiusura
Caltagirone Editore
Campari
Carraro
Carrefour
Cattolica Assicurazioni
Cembre
Cementir Holding
Centrale del Latte To
Cerved Information Sol
Chl
Cia
Ciccolella
Cir
Class Editori
Cnh Industrial
Cofide
Cogeme Set
Conafi Prestito’
Cr Valtellinese
Credem
Credit Agricole
Csp International
Cti Biopharma
DDada
Daimler
Damiani
D’Amico
Danieli & C
Danieli & C Rsp
Danone
Datalogic
Dea Capital
Delclima
De’Longhi
Deutsche Bank
Deutsche Telekom
Diasorin
Digital Bros
Dmail Group
EEdison Rsp
Eems
Ei Towers
El En
Elica
Emak
Enel
Enel Green Power
Enervit
Engineering
Eni
E.On
Erg
Ergycapital
Espresso
Esprinet
Eukedos
Eurotech
Exor
Exprivia
FFalck Renewables
Fiat Chrysler
Fidia
Fiera Milano
Fincantieri
FinecoBank
Finmeccanica
Fnm
Fullsix
GGabetti
Gas Plus
Gdf Suez
Gefran
Generali
Geox
Gtech
HHera
11
15,5
1,283
2,74
2,348
6,92
15,33
32,28
14
2,356
3,536
2,9
151,3
0,614
5,745
5,26
9,39
0,005
2,01
6,55
12,3
23,54
8,17
16,35
22,7
23,42
0,918
0,074
1,57
2,594
2,72
17,55
3,546
0,619
4,094
7,495
0,613
0,844
1,794
0,404
7,065
11,23
25,7
13,88
6,57
86,6
2,792
2,44
132,1
271
6,89
0,604
0,552
0,45
0,738
2
0,581
0,524
16,51
0,323
114,3
52,6
21
3,296
27,05
0,797
0,9
34,2
0,116
19,9
12,72
7,985
4,254
5,96
1,4
2,24
1
6,09
2,29
29,62
7,005
11,9
6,11
4,1
5,34
0,053
0,287
0,241
1,044
0,399
7,365
0,511
0,048
0,352
1,273
7,3
12,74
1,78
2,18
2,956
88
1,39
0,462
21,43
14,08
61,05
10,45
1,792
2,42
18,91
28,65
16,68
37,62
4,47
2,5
0,86
0,14
46,3
30,34
1,928
0,869
4,114
1,863
3,98
48,1
16,33
14,03
11,43
0,106
1,164
7,655
1,017
1,98
39,45
0,8
1,118
13,98
3,56
7,075
0,81
5,69
10,94
0,64
1,721
0,89
3,988
18,86
3,69
18,34
3,146
19,78
2,108
0,412
-0,866
-0,779
0,677
-0,326
3,275
-0,466
2,136
-1,034
0,967
-0,225
0,684
1,188
-4,167
6,975
-1,084
0,236
-0,28
2,927
1,581
2,744
0,072
-0,773
0,047
0,571
-1,293
-1,135
1,415
3,863
2,828
-0,174
1,956
4,5
0,63
-0,29
-1,197
-1,489
0,63
-0,976
-1,531
0,982
0,054
1,015
1,799
-0,355
-1,125
-0,377
-2,185
1,795
1,7
0,559
1,649
-1,478
-0,089
2,568
0,282
0,212
3,121
1,246
0,459
1,187
-1,375
2,358
-0,3
-0,737
1,934
0,438
0,064
1,176
-0,753
125
3537,07
105,32
20879,22
1220,93
202,3
972,22
41
1041,3
11,84
26,49
43,56
829,24
112,95
9981,93
367,52
2,97
16,36
1411,59
2426,46
28363,6
59,2
384,76
49,31
84882,81
114,81
195,48
876,05
569,18
31367,62
610,77
549,45
361,98
2827,05
16355,11
72746,82
2104,77
63,08
3,83
94,68
6,12
1308,55
146,37
122,09
142,38
38685,41
9315
70,84
601,25
59346,25
28074,03
1718,16
17,64
479,61
401,16
18,38
70,32
9713,77
41,51
325,8
17963,17
18,24
298,19
1369,77
3451,07
6324,97
278,12
19,24
38,89
179,1
41372,12
53,14
28553,06
815,47
3462,71
3139,95
0,81
4,93
1,831
23,63
5,5
10,21
4,882
2,684
4,04
0,036
0,23
0,21
0,847
0,286
6,245
0,403
0,048
0,235
0,72
6,23
9,94
1,397
1,922
2,414
66,3
1,205
0,432
20,09
13,28
52,8
8,8
1,621
1,805
14,73
23,67
12,79
33,33
3,03
2,094
0,839
0,124
41,31
26,53
1,666
0,842
3,442
1,635
3,34
36,83
13,37
12,64
9,02
0,087
0,893
5,73
0,918
1,61
33,15
0,696
0,874
9,465
2,894
6,105
0,706
4,438
7,35
0,516
1,612
0,73
3,4
18,24
2,992
16,43
2,572
16,53
1,921
0,15
0,1
0,07
0,07
0,11
0,11
0,14
0,14
0,18
0,18
0,2
0,22
0,24
0,25
0,24
0,27
0,25
0,29
0,31
0,32
0,37
0,4
0,42
0,45
0,46
0,52
0,53
0,54
0,6
0,62
0,65
0,73
0,83
0,91
0,95
0,95
0,98
1,02
1,03
1,13
1,16
1,22
1,24
0,05
1,28
1,27
1,33
1,4
1,4
1,42
Codice
Isn
Titolo
Ced. Prezzo d’asta Rend.
sem. ultimo preced. lordo
Scadenza
1,035
6,09
2,32
29,62
7,25
11,9
6,54
4,174
5,6
0,054
0,297
0,245
1,059
0,443
7,645
0,516
0,048
0,367
1,3
7,43
12,87
1,872
2,18
2,956
88
1,443
0,493
22,51
15,6
62,2
10,87
1,843
2,42
18,91
29,31
16,68
37,62
4,47
2,84
0,871
0,173
49,01
31,6
2,006
0,909
4,158
1,915
4,19
48,1
16,68
14,42
11,56
0,114
1,236
7,725
1,14
2,198
39,85
0,835
1,133
14,1
3,64
7,49
0,81
5,71
10,97
0,64
1,78
0,954
4,1
19,95
3,9
18,7
3,202
19,78
2,22
chiusura
II Grandi Viaggi
Igd
Il Sole 24 Ore
Ima
Immsi
Industria e Innovazione
Ing Groep
Intek Group
Intek Group Rsp
Interpump
Intesa Sanpaolo
Intesa Sanpaolo Rsp
Invest e Sviluppo
Irce
Iren
Isagro
Isagro Azioni Sviluppo
It Way
Italcementi
Italmobiliare
Italmobiliare Rsp
Ivs Group
JJuventus FC
KKering
Kinexia
K.R.Energy
LLa Doria
Landi Renzo
Lazio S.S.
L’Oreal
Luxottica Group
Lventure Group
LVMH
MMaire Tecnimont
Marr
M&C
Mediacontech
Mediaset
Mediobanca
Mediolanum
Meridie
Mid Industry Capital
Mittel
Moleskine
Molmed
Moncler
Mondadori
Mondo TV
Monrif
Moviemax
Munich RE
Mutuionline
NNice
Noemalife
Nokia Corporation
Nova Re
OOlidata
Orange
Ovs
PPanariaGroup
Parmalat
Philips
Piaggio
Pierrel
Pininfarina
Piquadro
Pirelli e C.
Pirelli e C. Rsp
Poligrafica S.Faustino
Poligrafici Editoriale
Prelios
Premuda
Prima Industrie
Prysmian
RRai Way
Ratti
IT0005090318
IT0004644735
IT0001086567
IT0001174611
IT0004889033
IT0001278511
IT0005024234
IT0001444378
IT0003256820
IT0003535157
IT0003934657
IT0004286966
IT0004532559
IT0004545890
IT0004923998
IT0005083057
01.06.2025
01.03.2026
1.11.2026
1.11.2027
01.09.2028
1.11.2029
01.03.2030
01.05.2031
1.2.2033
01.08.2034
1.2.37
01.08.2039
01.09.2040
15.09.2041
01.09.2044
01.09.2046
0,38
2,25
3,63
3,25
2,38
2,63
1,75
3
2,88
2,5
2
2,5
2,5
1,28
2,38
1,63
101
130,19
160,42
155,03
135,75
143,69
121,81
156,64
155,77
145,97
130,1
149,9
150,3
139,7
149,81
118,66
101,2
130,56
160,89
155,48
136,24
144,29
122,41
157,35
156,49
146,61
130,99
151,26
151,85
139,73
151,57
119,83
1,41
1,53
1,59
1,68
1,8
1,86
1,85
1,95
2,06
2,14
2,29
2,35
2,39
0,86
2,41
2,44
01/06/2025
01/03/2026
01/11/2026
01/11/2027
01/09/2028
01/11/2029
01/03/2030
01/05/2031
01/02/2033
01/08/2034
01/02/2037
01/08/2039
01/09/2040
15/09/2041
01/09/2044
01/09/2046
It
It
15.09.2016
It
It
15.9.2017
It
15.09.2018
15.09.2019
It
It
15.9.2021
15.09.2024
15.9.2026
15.9.2035
1,23
1,78
1,05
1,28
1,13
1,05
1,08
0,85
1,18
0,83
0,63
1,05
1,18
1,55
1,18
102,45
104,19
103,19
103,72
104,18
105,68
104,88
106,62
111,35
106,59
105,59
113,67
120,62
131,41
135,54
102,44
104,16
103,1
103,66
104,09
105,52
104,83
106,38
110,9
106,62
105,61
113,29
120,1
130,99
134,99
0,12
0,23
0,01
0,25
0,27
0,01
0,31
0,03
0,05
0,35
0,24
0
0,17
0,32
0,52
26/03/2016
11/06/2016
15/09/2016
22/10/2016
22/04/2017
15/09/2017
12/11/2017
15/09/2018
15/09/2019
23/04/2020
27/10/2020
15/09/2021
15/09/2024
15/09/2026
15/09/2035
01.09.2015
15.12.2015
01.07.2016
Tf
1.03.2017
15.06.2017
15.10.2017
15.04.2018
01.11.2018
15.11.2019
15.12.2020
0,19
0,5
0,3
1,5
0,19
1,35
0,5
0,6
1
0,69
0,5
100,13
100,59
100,31
104,97
100,31
105,26
101,56
102,34
105,45
103,88
101,94
100,13
100,59
100,31
104,97
100,32
105,28
101,59
102,35
105,48
103,93
102
0,11
0,24
0,36
0,86
0,22
0,41
0,38
0,45
0,54
0,57
0,66
01/09/2015
15/12/2015
01/07/2016
01/12/2016
01/03/2017
15/06/2017
15/10/2017
15/04/2018
01/11/2018
15/11/2019
15/12/2020
30.06.2015
31.12.2015
29.04.2016
30.08.2016
Zc
-
99,98
99,9
99,8
99,69
99,47
99,98
99,91
99,81
99,7
99,47
0,08
0,12
0,17
0,21
0,27
30/06/2015
31/12/2015
29/04/2016
30/08/2016
27/02/2017
BTPI
IT0004806888
IT0004821432
IT0004682107
IT0004863608
IT0004917958
IT0004085210
IT0004969207
IT0004890882
IT0004380546
IT0005012783
IT0005058919
IT0004604671
IT0005004426
IT0004735152
IT0003745541
2,25%
0,75%
5,35%
0,1%
0,5%
Paesi euro
Polonia lombard
Russia tasso di sconto
Svizzera lombard
Usa federal funds
0,05%
2%
8,25%
0,5%
0,25%
Divisa
4000 Dollaro Usa
4003 Yen Giapponese
4014 Dollaro Canadese
Titoli
Var.
quot.
Cambio
per doll.
1,1124
1,1168
1,0000
133,1500 133,7400
119,6965
1,3922
1,3981
Divisa
Ultima
Var.
quot.
Cambio
per doll.
4007 Corona Norvegese
8,6145
8,6095
7,7441
27,4640
27,4530
24,6890
306,4700 305,0700
275,5043
4008 Corona Ceca
1,2515
4010 Fiorino Ungherese
1,4191
1,4288
1,2757
4011 Zloty Polacco
4002 Franco Svizzero
1,0694
1,0736
0,9613
4015 Dollaro Neozelandese
4001 Sterlina Inglese
0,7259
0,7276
0,6526
4017 Rand Sudafricano
4005 Corona Svedese
9,2379
9,2765
8,3045
4020 Dollaro Hong Kong
8,6266
8,6609
7,7550
4004 Corona Danese
7,4575
7,4533
6,7040
4027 Dollaro Singapore
1,5207
1,5222
1,3670
domanda
offerta
519,04
520,18
1.060,75
1.068,19
448,55
999,52
629,82
1.017,94
1.239,46
617,18
632,32
1.174,31
1.187,83
546,99
1.109,87
680,74
1.136,46
1.378,95
4,1727
4,1582
3,7511
1,4650
1,4807
1,3170
13,1071
13,1696
11,7828
MONETE D’ORO
Quotazione
Quotazione
domanda
offerta
Moneta
238,97
245,04
245,04
190,34
187,46
186,44
186,44
186,44
242,62
278,94
283,94
283,94
216,51
213,58
210,37
210,37
210,37
279,06
10 $ Liberty
10 $ Indiano
20 $ Liberty
20 $ St. Gaudens
4 Ducati Austria
100 Corone Austria
100 Pesos Cile
Krugerrand
50 Pesos Messico
Sterlina (v.c.)
Sterlina (n.c.)
Sterlina (post 74)
Marengo Italiano
Marengo Svizzero
Marengo Francese
Marengo Belga
Marengo Austriaco
20 Marchi
CTZ
IT0004938186
IT0004978208
IT0005020778
IT0005044976
IT0005089955
BOT
EURIBOR (aggiornato al 03/03)
0,49
0,643
0,56
35,21
0,54
0,311
10,4
0,319
0,575
11,46
2,248
1,972
0,432
1,72
0,873
1,376
1,215
1,417
4,582
17,31
13,99
6,35
0,218
159
0,852
0,735
8,11
0,985
0,486
134,5
44,91
0,679
126,2
1,625
14,26
0,086
0,721
3,172
6,465
5,09
0,093
6,1
1,165
0,99
0,414
10,68
0,825
1,695
0,275
0,026
161,3
4,7
2,672
4,482
6,31
0,7
0,319
13,47
4,07
1,245
2,358
23,05
2,348
0,681
3,06
1,415
10,68
9,86
5,66
0,225
0,25
0,138
13,47
14,43
3,166
2,32
0,594
0,845
0,79
43,4
0,706
0,414
13,42
0,368
0,636
13,72
2,984
2,7
0,61
1,979
1,18
1,835
1,41
2,23
7,18
25,86
18,56
7,69
0,241
184,9
1,5
1,018
14,05
1,086
0,529
162,7
56
0,916
164,9
2,26
16,2
0,114
0,968
4,262
8,285
6,825
0,126
6,475
1,57
1,33
0,505
13,47
1,012
3,57
0,352
0,028
185,9
6
3,158
4,77
7,25
0,8
0,395
16,4
4,12
1,89
2,528
26,83
2,878
0,741
4,2
1,72
13,69
12,5
6,76
0,299
0,381
0,23
18,04
17,9
4,08
2,65
99,710
100,000
-
Prezzo
ultimo
prec.
99,558
99,885
-
99,611
100,000
-
Titolo
chiusura
Rcs Mediagroup
Recordati
Renault
Reno De Medici
Reply
Retelit
Ricchetti
Risanamento
Roma A.S.
Rosss
Rwe
SSabaf
Saes Getters
Saes Getters Rsp
Safilo Group
Saipem
Saipem Rcv
Salini Impregilo
Salini Impregilo Rsp
Salvatore Ferragamo
Sanofi
Sap
Saras
Sat
Save
Screen Service
Seat Pagine Gialle
Seat Pagine Gialle Rsp
Servizi Italia
Sesa
Sias
Siemens
Sintesi
Snai
Snam
Societe Generale
Sogefi
Sol
Sorin
Space
Stefanel
Stefanel Rsp
STMicroelectronics
TTamburi
Tas
Telecom Italia
Telecom Italia Rsp
Telecom Italia Media
Telecom Italia Media Rsp
Telefonica
Tenaris
Terna
Ternienergia
Tesmec
Tiscali
Tod’s
Total
Trevi
Txt e-solutions
UUbi Banca
Unicredit
Unicredit Rsp
Unilever
Unipol
Unipol p
UnipolSai
UnipolSai Rsp A
UnipolSai Rsp B
VValsoia
Vianini Industria
Vianini Lavori
Vittoria ass
Vivendi
WWorld Duty Free
YYoox
ZZignago Vetro
Zucchi
Zucchi Rsp
Giorni
Prezzo
Rend. Lordo
Periodo
360
365
9
27
41
57
71
86
100
118
132
149
163
180
194
224
99,996
99,998
99,999
99,995
99,991
99,981
99,998
99,986
99,990
99,976
99,976
99,963
99,985
99,963
0,205
0,027
0,007
0,036
0,050
0,084
0,008
0,043
0,028
0,060
0,055
0,076
0,029
0,061
1 mese
3 mesi
6 mesi
9 mesi
12 mesi
-0,006
0,038
0,109
0,159
0,228
-0,006
0,039
0,111
0,161
0,231
Tasso riferimento principale
Depositi
Rifinanziamento marginale
0,05
-0,20
0,30
TASSI BCE
Fondo
Alpha Immobiliare
AMUNDI RE Europa
AMUNDI RE Italia
Atlantic 1
Atlantic 2
Beta
Bnl Portfolio Imm
Delta Immobiliare
Estense Distrib
Europa Imm 1
Immobiliare Dinamico
Immobilium 2001
Invest Real Sec
Quantità
in migliaia
124,995
64,000
-
1,128
16,16
85,1
0,347
73,7
0,637
0,285
0,14
0,531
1,246
24,41
12,26
7,535
6,74
13,43
9,16
18
4,112
10,12
27,48
87,1
62,85
1,195
14,5
12,63
0,038
0,004
146
4,814
15,22
9,32
97,85
0,065
1,638
4,504
40,93
3,008
7,11
2,95
12,2
0,339
145
8,33
3,138
0,497
1,095
0,877
1,035
0,601
13,77
12,78
3,984
1,799
0,616
0,059
91,2
47,24
3,142
9,345
6,875
5,975
8,165
39
4,534
4,5
2,61
247
2,604
19,6
1,27
5,62
9,5
21,36
10,6
19,31
5,245
0,055
0,162
Ultima
2015
Capital.
Var. Uff. in mln
min. max.
1,53
0,248
1,916
-1,027
0,683
-2,896
3,026
-1,118
0,891
-1,652
-1,526
0,266
-0,517
-1,827
-1,08
0,784
-3,158
0,512
0,115
-0,238
-3,16
2,185
-0,786
2,857
-0,537
-1,806
-0,321
-0,051
0,309
0,491
1,213
-0,462
1,075
1,282
1,724
6,087
0,207
0,909
1,357
-4,481
1,671
-0,51
0,194
0,732
-0,699
0,353
1,696
-0,645
0,338
0,829
0,34
-2,724
1,797
1,401
1,357
0,246
-0,102
-0,176
-0,133
0,85
-0,153
1,031
-0,548
-0,707
-0,367
0,141
2,614
3,207
-1,224
0,735
-0,062
588,66
3379,46
24248,15
131
689,31
104,64
23,32
251,4
210,91
14,42
12776,32
141,4
110,55
49,73
839,84
4042,32
1,99
2023,81
16,35
4627,91
114582,27
77039,2
1136,45
142,97
698,94
5,26
231,36
0,99
136,58
238,21
2120,32
89454,8
2,74
191,36
15766,87
23769,17
356,75
644,88
1412,28
158,6
28,62
0,29
7586,48
450,24
20,75
14750,7
5284,91
106,92
3,3
64787,8
15087,26
8007,81
67,66
65,96
110,39
2791,58
112044,21
517,75
110,49
6199,52
35033,39
20
66874,38
2013,07
1230,66
5939,4
315,38
982,21
204,93
38,23
246,14
640,1
24995,6
2697,91
1196,53
461,56
20,87
0,55
0,827
12,85
60
0,271
59,05
0,557
0,209
0,093
0,499
1,16
22,13
10,64
5,81
5,035
10,39
7,19
18
2,74
9,3
19,76
73,25
54,3
0,794
13,01
12,49
0,038
0,002
85,05
3,99
12,4
7,85
91,3
0,05
1,261
3,91
32,7
2,04
6,575
1,89
9,6
0,281
145
6,07
2,574
0,335
0,85
0,68
0,954
0,533
11,36
11,25
3,556
1,418
0,565
0,05
69,45
40,15
2,5
7,38
5,315
4,91
7,72
31,84
3,834
3,876
2,12
192,5
2,126
14,88
1,166
4,87
8,225
20,05
7,965
15,73
4,918
0,05
0,156
1,244
16,26
85,6
0,351
74,4
0,68
0,289
0,145
0,559
1,26
26,14
12,7
7,78
6,9
13,99
9,435
18,05
4,132
10,5
27,56
89
63
1,266
14,5
13,72
0,038
0,004
146
4,88
15,64
9,595
102,9
0,08
1,698
4,524
41,55
3,04
7,12
2,95
12,2
0,35
146
8,33
3,17
0,52
1,095
0,882
1,053
0,66
13,92
13,67
4,03
1,799
0,655
0,061
92,15
48,48
3,492
9,375
7,185
5,975
8,175
39,1
4,68
4,654
2,64
250
2,642
19,6
1,277
5,76
9,76
21,77
10,6
20,47
5,54
0,059
0,172
Alerion TF 2015-2022 Eur
Atla Nv18 3,625% Eur
Banco Popolare Nv20 5.5% Eur
Bei 97/2017 2,53734%
BERS-98/18 Lifestyle
Bim Imi 98/2018 Sd
Bimi Gn17 Tv Eur
Bimi Mg19 Tm Bancoposta CFloor
Bimi 27.11.2016 Brl 10%
Bnp Arbitr Tf 10% Dc17 Brl
Bnp Arbitr 02.02.2020 4,5% Mxn
Bnp Arbitr 02.02.2020 8% Try
Bpop Mg17 Mc Eur
Centrob 98/2018 Cap Rf
Centrob 98/2018 Zc
Citi 18.02.2022 Mc Usd
Comit 97/2027 Zc
Cr Suisse Ag15 TF
Crediop 98/2018 Cap Rf
Dexi Mz16 Eur 4,85%
Enel TF 2010/2016
Enel Tv 2012/2018
Enel TV 2010/2016
Enel 20.2.2018 4,875%
Eni Ot17 Tv Eur
Eni 06/2015 Eurbr6M+0,89
Eni 11/10/17 4,875%
IADB 98-18 Rev.Float.Capped
Intek TF 2015-2020 Eur
ISP fb28 zc
Mb Gn21 Tv
Mb Mg20 P Atto 4,5%
Mb Nv20 Eur 5%
Titoli
Prezzo
chiusura
Eukedos 3% Cv 2012-2016
Sias 17 Cv 2,625%
Valore Italia 2,5 Cv 2014-2019
99,770
107,610
-
Prezzo
ultimo
prec.
99,761
107,607
-
Quantità
in migliaia
99,761
107,649
-
6,825
-
OBBLIGAZIONI PIÙ TRATTATE NELLA GIORNATA
Prezzo d’asta Rend. Scadenza
ultimo
lordo
105,760
111,548
107,824
39,535
145,358
145,710
98,866
104,152
105,066
101,607
99,586
92,770
106,293
112,437
95,380
99,641
76,458
110,027
108,061
103,201
103,182
108,022
100,568
112,691
106,661
100,260
111,610
117,617
104,404
75,064
110,973
115,686
114,192
5,00
0,51
3,95
1,31
0,83
1,70
1,10
4,11
6,79
9,18
4,60
9,97
1,36
3,27
1,64
4,08
2,29
0,05
3,11
1,59
0,25
0,56
0,31
0,57
0,46
0,25
0,35
1,34
3,96
2,24
2,69
1,36
2,27
FONDI CHIUSI
Scadenza
13.03.2015
31.03.2015
14.04.2015
30.04.2015
14.05.2015
29.05.2015
12.06.2015
30.06.2015
14.07.2015
31.07.2015
14.08.2015
31.08.2015
14.09.2015
14.10.2015
Per la vostra pubblicità su
[email protected] - www.visibilia.eu
22,05
620,21
33,37
1558,56
230,88
9,55
27003,04
123,35
31,54
1467,69
45795,2
2458,05
3,26
55,67
1361,35
42,79
19,59
17,63
2343,61
573,64
294,18
253,19
241,76
22931,83
73,5
29,79
423,77
113,51
35,46
98012,56
26114,39
16,11
80790,68
654,44
1053,09
51,21
17,06
4715,46
7082,24
4911,41
6,21
27,33
136,78
266,92
111,22
3347,5
252,83
86,62
50,7
2,08
38184,7
233,12
366,33
36,38
27556,88
9,72
13,34
41646,58
935,24
82,55
4501,72
25817,53
1097,57
33,88
126,7
85,85
6332,1
153,14
7,98
38,28
185,04
39,89
187,23
3788,28
1082,56
72,37
Prezzo
chiusura
B Interm 15 Cv 1,50%
Chl Cv 2014-2018
Comp. dla Ruota 6,5 Cv 2014-19
4016 Dollaro Australiano
Moneta
-0,366
-2,265
1,05
0,189
-0,95
-0,171
1,236
0,225
1,943
-0,59
-0,138
0,996
-0,581
0,051
0,524
0,172
-1,777
13,198
0,978
0,233
-0,498
0,419
-0,055
-1,946
-2,227
-2,705
-0,198
0,576
0,868
-0,368
0,276
1,228
-0,372
0,063
1,504
-0,964
-0,399
1,235
-1,04
1,695
1,33
0,129
-1,719
0,636
0,601
-2,912
0,986
-0,295
-0,484
3,691
1,543
-0,168
0,485
2,723
0,252
1,229
-0,546
0,738
-1,044
-0,143
-1,312
3,448
-0,174
0,529
0,563
-1,109
0,381
-0,923
-2,746
-0,778
-0,5
-0,151
MOT-OBBLIGAZIONI
Ultima
CCT
IT0004404965
IT0004620305
IT0004518715
IT0004874399
IT0004584204
IT0004809809
IT0004652175
IT0004716319
IT0004922909
IT0005009839
IT0005056541
0,49
0,82
0,77
42,32
0,678
0,408
13,1
0,357
0,63
13,48
2,89
2,636
0,514
1,979
1,152
1,743
1,382
2,23
6,71
25,86
18
6,5
0,24
181,2
1,31
0,9
13,67
1,009
0,524
162,7
54,2
0,91
164,9
2,142
15,83
0,108
0,925
3,992
8,2
6,66
0,12
6,475
1,556
1,258
0,475
13,39
0,967
3,278
0,338
0,028
185
5,9
3,158
4,76
7,25
0,72
0,392
15,93
4,12
1,82
2,458
26,55
2,788
0,715
4,2
1,717
13,31
12,5
6,685
0,29
0,365
0,213
17,86
17,48
3,98
2,646
Prezzo
AZIONE
OBBL.CONVERTIBILI
Australia tus
Canada tus
Cina p/t
Giappone tus
G. Bretagna tus
Ultima
2015
Capital.
Var. Uff. in mln
min. max.
Prezzo
AZIONE
CAMBI DELL’EURO
Titolo
BTP
IT0004568272
IT0004615917
IT0004840788
IT0003844534
IT0004656275
IT0004880990
IT0004712748
IT0004917792
IT0004019581
IT0004761950
IT0004960826
IT0004987191
IT0004164775
IT0004793474
IT0005023459
IT0004820426
IT0003242747
IT0004867070
IT0005058463
IT0004273493
IT0004907843
IT0004361041
IT0004957574
IT0003493258
IT0004423957
IT0004992308
IT0005030504
IT0004489610
IT0005069395
IT0003644769
IT0004536949
IT0004594930
IT0004634132
IT0004966401
IT0004009673
IT0004695075
IT0005028003
IT0004759673
IT0005086886
IT0004801541
IT0004848831
IT0004898034
IT0004356843
IT0004243512
IT0000366655
IT0000366721
IT0004953417
IT0005001547
IT0005045270
IT0004513641
Ultima
2015
Capital.
Var. Uff. in mln
min. max.
Prezzo
AZIONE
TASSI UFFICIALI
METALLI PREZIOSI
preced.
L’economia italiana è in una fase di rilancio e anche
il settore degli investimenti alternativi ha ripreso
coraggio.Adindicarloèun’analisidell’Aifi(Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital).
Le imprese del private equity, secondo i dati Aifi
2014, occupano circa 480mila persone.
MERCATO AZIONARIO
MATERIE PRIME
Titolo
Domani il cda di Rcs, oltre alla possibile cessione
del settore libri a Mondadori, dovrà valutare anche
un'offertadiClessidraperletreradiocontrollateinsieme alla famiglia Hazan tramite Finelco. Il 100%
di Finelcovale sui110 milioni. Rcshain manoil45%
della società.
11-02-2022
30-11-2018
18-11-2020
20-02-2017
18-12-2018
04-11-2018
30-06-2017
31-05-2019
27-11-2016
02-12-2017
02-02-2020
02-02-2020
31-05-2017
20-10-2018
30-01-2018
18-02-2022
08-01-2027
28-08-2015
15-10-2018
07-03-2016
26-02-2016
20-02-2018
26-02-2016
20-02-2018
11-10-2017
29-06-2015
11-10-2017
06-11-2018
20-02-2015
17-02-2028
13-06-2021
14-05-2020
15-11-2020
Titolo
Prezzo d’asta Rend. Scadenza
ultimo
lordo
Mb 18.04.2023 5,75%
Mcr Centr 98/2028 Zc
Mcr Lomb 2018 75 R F
Mcr Lomb 2019Eu Sd Ind
Mcr Lomb 2019EU 3 Rfc
Mcr Lomb 98/2028 25Zc
Medio Cen-98/18 S-D 10%
Mediob Ap19 TM Eur
Mediob Dc 15 Tv Eur
Mediob MB25 TM CF 2023
Mediob 12.12.2017 Zc Eur
Mpaschi 99/29 t.m. 4a emiss
Mps 29.09.2017 Mc Eur
RBS Ap19 Royal 5,5%
Rbs Fb16 Royal TV
RBS Gn16 Royal 70/100 Zc
Rbs Mz20 Royal 5% Flex Eur
RBS Ott19 Tsf
Sg Ap15 5,6 Inr
Sg Issuer 04.02.2019 6,75% Zar
Sg Issuer 04.12.2018 3,75% Mxn
Sg Issuer 05.12.2016 10% Brl
Sg 29.01.2019 7,25% Idr
Spaolo 97/2022 115 Zc
Tip 4,75% 2014-2020
Ubi Gn19 SubLT2FixFloat
Ubi Mz19 Mc Sub Call
Ubi Nov15 LowT2Amor
Ubi Nv17 Eur 4,3%
Ubi Nv18 Mc Eur
Ubi 08.10.19 6% lt2
Ubi 16/06/11-18 5,5%
119,981
74,169
114,143
97,741
112,799
74,382
137,137
100,905
101,671
107,502
97,469
139,237
105,023
118,780
100,775
99,103
96,528
99,799
98,933
98,595
98,843
100,027
100,577
88,850
107,177
101,352
100,483
99,816
103,163
98,466
108,017
104,854
2,96
2,34
3,14
2,25
3,10
2,31
3,04
3,35
0,61
3,58
0,93
4,30
2,43
0,84
0,24
0,69
5,87
0,86
13,47
7,16
4,07
10,08
7,03
1,73
3,17
1,73
1,94
1,18
2,41
1,54
2,51
2,76
18-04-2023
10-02-2028
06-11-2018
15-01-2019
18-02-2019
18-02-2028
24-12-2018
02-04-2019
13-12-2015
30-10-2023
12-12-2017
01-02-2029
29-09-2017
20-04-2019
22-02-2016
26-06-2016
23-03-2020
08-10-2019
30-04-2015
04-02-2019
04-12-2018
05-12-2016
29-01-2019
30-01-2022
14-04-2020
30-06-2019
13-03-2019
28-11-2015
05-11-2017
18-11-2018
08-10-2019
16-06-2018
Dati ed elaborazioni di borsa sono curati da
ultimo
prec.
1265,000
1095,000
1062,000
375,900
118,000
182,000
517,000
41,100
956,500
729,000
69,300
1665,000
821,500
1241,000
1116,000
1078,000
363,000
120,000
189,500
516,500
42,100
973,500
732,000
70,100
1652,000
819,500
Fondo
Investietico
Mediolanum Re A
Mediolanum Re B
Obelisco
Polis
Risp Imm Uno Energia
Securfondo
Socrate
Sofipa Eq Fund
Tecla
Unicredit Imm Uno
Valore Imm Globale
ad?agjfYd]
Milano TEL 02 3658 6750 FAX 02 3658 6774
Roma TEL 06 9521 3200-01-02 FAX 06 9521 3233
ultimo
prec.
1666,000
2,884
2,264
532,500
787,000
7400,000
1082,000
223,400
180,000
122,000
2000,000
1640,000
1664,000
2,820
2,274
531,000
770,000
7400,000
1083,000
219,000
180,000
124,200
2003,000
1627,000
Milano Finanza è parte del Gruppo Class Editori.
Per informazioni e abbonamenti numero verde
800 822195
22
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Album
Daniele Abbiati
«C
ertedonnes’impongono d’un
tratto e imprimono e pesano,
restandoperuntempobreve;altre ti segnano man mano, costanti, con ritmo e senza fretta e
stanziano per sempre». Lo dice,
in tono vagamente dannunziano,unuomo.Masicapiscesubitoche a farglielodire èuna donna.L’uomoèQuintilioPolimanti, «un bel giovane, alto, capelli
biondiericciuti»(questolodicono le cronache del tempo, anni
didisgrazia1913-14),diciannovenne, integerrimo attendente
deiBersaglieridistanzaaSanremo. La donna è Elisabetta Bucciarelli, scrittrice che scrive per
contodiMariaElenaTiepoloOggioni. La quale ultima, come a
volte accade alle donne che
amano troppo, prima si godette
inlungo ein largo lacompagnia
delsoldatino,ammiratadalmodo in cui faceva divertire sulla
spiaggia, incurante degli sguardipettegoli,i di lei pargoliGianna e Guido, avuti dall’ufficiale
dei suddetti Bersaglieri Carlo
Ferruccio. Poi, probabilmente
recando in grembo il frutto del
peccato,lofeceseccoconuncolpo di rivoltella.
Elisabetta Bucciarelli non
puòessereaccusatadicomplicità nell’omicidio (anche perché
la sentenza fu di assoluzione),
essendonataoltreunsecolodopolasua...comevogliamochiamarla? «Amica» è troppo inti-
COME ALLA TATE GALLERY
Maxxi, da ottobre ingresso gratis
alla collezione permanente
«Daottobre2015l’accessodelpubblicoallacollezionepermanentedelMaxxisarà
gratuito.Sipagherannosologliingressiallemostre,comeallaTateGallery».AdannunciarloèilpresidentedellaFondazione Maxxi, GiovannaMelandri.«Quando sonoarrivata-prosegue-ilrapportoera72%dirisorsepubblichee28%dirisorseprivate.Oggi,dopometàmandato,siamoa54%pubblichee46%private,anchesenzaancoral’artbonus.Ilnostroobiettivoèdiarrivarea50e50entrolafinedelmandato».
L’ANTOLOGIA «Il cuore nero delle donne»
Se l’omicidio è femmina
e uccide il femminismo
Otto autrici per otto criminali,
da Clitennestra a Pia Bellentani
E per tutte l’attenuante generica
di appartenere al... sesso debole
mo, «cliente» è troppo formale,
«musa» è troppo ridondante.
Nonchiamiamola,dunque.Fatto sta che nell’antologia di racconti Il cuore nero delle donne
(Guanda, pagg. 277, euro 17,50,
acuradiLucaCrovi,daogginellelibrerie)checomprendeilsuo
L’ordinanza la solidarietà femminiledelleautricineiconfrontidelle (liberamente)romanzatecriminalièilfiloconduttore,il
cordoneombelicalechenessun
uomopotràrecidere.Esonotuttedonnelequali,percitareilpo-
SENZA APPELLO
Seduzioni e veleni, follie
e vendette dal mito
al secondo dopoguerra
vero Quintilio, «ti segnano man
mano,costanti,conritmoesenza fretta e stanziano per sempre»aoccuparelecasellediunrisiko il cui scopo è, ben più della
libertà dopo misfatti veri o presunti,lafascinazionedelpubblico e della Storia.
Missione abbondantemente
compiutadatutteeotto.Oltrealla nobildonna Maria Elena, infatti, son tutte femmine rimaste
a lungo sulla bocca dell’opinionepubblica,finoadentrarenell’ipotetico «Canone del crimine». Prendete Clitennestra,
«quel perfido mostro», come la
chiama il marito Agamennone
rivolgendosi a Ulisse nell’Ade.
Clitennestrao del crimine, scrisse un’altra donna, Marguerite
Yourcenar,Ifuochisullamonta-
Signore da galera
Marianna
de Leyva
Nota come la Monaca di Monza (Milano, 1575-1650), La sua
relazione con Gian Paolo Osio
fu all’origine di alcuni omicidi
Leonarda
Cianciulli
Nata a Montella (Avellino) nel
1894 e morta nel manicomio di
Pozzuolinel1970,èdetta«lasaponificatrice di Correggio»
Caterina
Fort
Colpevole dell’uccisione della
mogliedelsuoamanteedeisuoi
trefigli,nacqueaBudoia,inFriuli,nel’15emorìa Firenzenell’88
gna,scriveinveceMartaMorazzoni,lasciandosiandareaunalicenzapoeticacheaggiungesale
alleferitesubitementreedulcora il male compiuto. Oppure
prendete la meno nota, ma altrettantodark,avvelenatriceLocusta, fra le prime serial killer
dellaStoria.Nella Roma del primo secolo prima di Cristo, con
vari intrugli fece alcune vittime,
salvo poi, narra la leggenda, subireunasingolarecondannaad
bestias: divorata dalle fiere ma,
prima,violentatadaunagiraffa.
Lagiraffanonnevuolesapere,titolo del racconto di Barbara Di
Gregorio, ha un che di assurdo
chestrideconladisgustosapenitenza.
«Qualcosa gli faceva pensare
cheseDiosieraincarnatosecoli
prima a Betlemme, il demonio
siera fattoumanoadesso a Correggio», scrive Michael Gregorio del giudice Filippo Leonetti.
La diavolessa di Correggio è ovviamente Leonarda Cianciulli,
la saponificatrice di tre ingenue
pensionate. Per gli autori (Michael Gregorio è il nom de plume che nasconde Daniela De
Gregorio e Michael G. Jacob) è
Ladonnachespaventòlamorte,
ilcasopiùneronell’Italianeradi
epoca fascista. «Se Hitler attaccalaRussia,avremoaltriproblemi a cui pensare», taglia corto il
capodellapoliziaCarmineSenise. Infatti... Ciò non toglie che
pensareallaLandruin gonnella
mette ancora i brividi. E poi Lucrezia Borgia, e la «belva di San
Gregorio» Rina Fort, amante,
contemporaneamente, di Eros
eThanatosnellaMilanodell’immediato dopoguerra, e la contessa Pia Bellentani...
Ma, confessiamolo, l’unica in
gradodi suscitareun filodi simpatiaresta lamonaca diMonza.
Vista da Ben Pastor con un occhio che s’insinua nel pertugio
lasciato incustodito da don Lisander,MariannadeLeyva,modellodellaGertrudemanzoniana, viene di fatto scagionata. La
sventurata può finalmente rispondere a modo suo. È pur
sempre una donna, no?
Libro intervista Ideale per «Che tempo che fa»
Pennac scrive all’insaputa di Pennacchioni
Massimiliano Parente
Q
uando uno scrittore fa un libro intervista c’è da diffidare
nel novantanove per cento
dei casi. Prendiamo Daniel
Pennac, di cui Feltrinelli pubblica
L’amico scrittore, una conversazione
conFabioGambaro,traimiglioriamici di Pennac, all’anagrafe Daniel Pennacchioni. Tuttavia il problema di
Pennacchionièesserebuonoesimpatico,perquestononc’èunsuoromanzomemorabilematantiromanzicarini.
Dal brillante dialogo si apprende
cheleggereèunattodilibertà,laletturaelascritturadevonoessereunpiacere, il romanzo qualcosa che «invita gli
adultiaaccettare laparteinfantilenascostadiognunodinoi»,lameraviglia
qualcosachetispingea scrivere. Silamenta che il suo decalogo del lettore
hasuscitatodellecriticheperchéreputato banale, ma va? E poi, va da sé, i
Banalità buoniste e luoghi comuni nella conversazione con Fabio Gambaro
suoilibrisonounacosaeluièun’altra.
Èdapiùdiunsecolochevaavantiquesta storia, dal «je est un autre» di RimbaudalControSainte-BeuvediProust
finoallaseparazionediintentiooperis
e intentio auctoris sviluppata dagli
strutturalisti. Stranamente ci provò
Pasolini,in una lettera a Moravia, a rivendicare l’identità dell’io narrante e
dell’io biografico. Con scarsi risultati,
a cominciare da se stesso: infatti il libroacuistavalavorando,Petrolio,era
in terza persona, e il protagonista che
fa sesso orale seriale con i ragazzini
nei pratoni romani si chiama Carlo,
neppure Pierpaolo.
Tra l’altro non è che Pennacchioni
ci rimetterebbe, a dichiararsi uguale
ai suoi libri.Sono libri buoni,non fanno male a nessuno, sono piacevoli e
colti e a lui piace frequentare i ragazzi
e le scuole, potrebbe essere un mini-
stro dell’Istruzione modello
gono».Percarità,nondiscridelgovernoRenzi.Umilissiminiamo nessuno. La sinimo,tienea precisareche esstraculturaleèpienadiquesereunoscrittorenonsignifistetiritere egualitarie,infatca niente. «Non considero
ti ha ucciso la meritocrazia.
l’idea di scrittore in termini
Tutto deve essere uguale. E
di valore. Uno scrittore non
non solo in Italia ma nel
vale di per sé più di un’altra
mondo, dove per ambire al
persona che svolge qualsiaNobel devi essere del terzosi altro lavoro. Il lavoro di
mondooalmenodichiarataunoscrittorenonèpiùnobi- SCONTATO
mente terzomondista.
le di altri». Sarebbero rispo- Pennac (1944)
Mi ricordo di una discussteperfette perstrappareun
sione con Carla Benedetti,
applauso a Che tempo che fa, guarda la critica di Antonio Moresco: lei mi
caso Pennacchioni è sempre stato rimproveravadiusareiltermine«lettel’ospite ideale di Fazio, e vedrete se ratura» in senso gerarchico. Meglio
non sarà invitato a breve.
qualcosa di diverso. Tipo? «La Forza»
Attenzione: non solo essere uno risposelei,eiolafissaisperandoalmescrittore non è un valore, ma neppure nositrasformasseinObiWanKenobi.
leggere: «se si considerasse la lettura Comesepoilaforzanonfosseunconun valore si discriminerebbero auto- cetto gerarchico. Come se poi tutta la
maticamentetutticolorochenonleg- vitaeognisuomiglioramentononim-
plicasseunadistinzionetramiglioree
peggiore, più bravo e meno bravo.
«Tuttoèstuprofinoaprovacontraria»
scrisseilsaggistaRobertHughesneLa
culturadelpiagnisteo,ormaiunclassicocontroilbuonismodelpoliticamente corretto, proponendo ironicamente di eliminare le linee dai campi da
tennis per non dispiacere a nessuno.
Non ce l’ho con Pennacchioni. Il
punto è che uno scrittore, per potersi
permettereunlibrointervistainteressante, deve essere un vero stronzo.
Uno tipo Thomas Bernhard o Witold
Gombrowicz,percapirci.GiàAldoBusitiattaccherebbeunafilippicamoraleesociale cheneppure unparroco di
campagna. Già Michel Houellebecq
sarebbetropporuffianoeparaculoeti
risponderebbe che non ce l’ha con
Islam,anzi.Infattiilmigliorlibrointervistaaunoscrittoreèunlibroinventato: Igiene dell’assassino di Amélie
Nothomb. Alla fine resta comunque
una bella scoperta: Pennacchioni è il
miglioramicodell’uomo.Iodabambino lo avrei voluto come zio, oppure lo
ingaggerei adesso per farmi fare bella
figura alle riunioni di condominio.
ALBUM 23
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
I «PASSAGGI»
Maurizio Caverzan
IL CASO Dopo le rivelazioni di Ricci sui vincitori del talent
L’ultimo capitolo è quello
piùteatralee,percertiversi,più
clamorosoperchécoinvolgedirettamente i telespettatori. Almeno un milione e mezzo, si
prevede,perlafinaledellaquartastagionedi Masterchef,stasera su SkyUno. È l’ultimo capitolo della guerra tra Mediaset e
Sky Italia, una guerra che viene
da lontano e che, dopo i massimiverticidelleaziendetelevisive e i manager dei diritti sportivi,oracoinvolgeanchevoltinoti e star del video. Una guerra
chefiniràintribunale,probabilmente: le querele, infatti, non
basta annunciarle, bisogna anche presentarle.
Dopoladiffida formaleinviata l’altro ieri agli uffici di Canale
5 una volta appresa l’intenzione di Striscia la notizia di svelareinanticipoilnomedelvincitore di Masterchef, i legali della
pay tv di Murdoch stanno valutando la situazione. Cioè, esistendo l’istituto della «querela
temeraria»,secisianoobiettivamente gli elementi del danno
procurato. E se sia opportuno
andarealloscontroatuttocampo con l’azienda di Cologno
Masterchef-Striscia
Si accende
la guerra delle tivù
LO SBERLEFFO
Lo «spoiler» sul vincitore
viola il codice del
mondo dello spettacolo
Monzese.Nonètutto.Oltreallo
sberleffo di spifferare il vincitore, Striscia ha anche accusato
Skydiavertaroccatoilprogramma.Equic’èlasecondaquerela
annunciatadaMagnolia,aziendaproduttriceche,«ritenendosidanneggiatadalservizioinoggetto, valuterà la possibilità di
adirelevielegali»perdifendersi
dalleaccusediviolazionedelregolamentocheprevedetraiconcorrenti solo chef dilettanti.
Quelli del tg satirico di Antonio
RiccihannosoffiatocheNicolò,
uno dei tre candidati alla vittoriafinale(glialtrisonoStefanoe
Amelia)avrebbelavoratoalungopressoilnotoristorantemilanese Sadler. E magari avrebbe
imparato proprio lì la preparazione delle complicatissime
«alidirazzamediterranee»presentateasorpresalaprimapuntata. Circostanza smentita dallostessoClaudioSadlercheparla di «invenzione destituita di
qualsiasi fondamento».
Violazioneomenodelregolamento del talent, il vero caso riguarda lo spoiler del vincitore
spifferatodaCanale5.Dopolafinale di Masterchef dello scorso
anno,inparteregistrataeinparte indiretta, con relative discrepanze estetiche e temporali (il
peggior infortunio nella storia
diSky), quest’annoilvice presidente della pay tv Andrea Scrosatiaveva decisoperla registrazione integrale, ormai alcuni
Dai diritti per la Champions a Italia’s Got Talent
lo scontro tra emittenti potrebbe finire in tribunale
mesi fa, della puntata conclusiva. Considerata la quantità di
persone che gravitano attorno
alla produzione di un simile
evento-concorrenti,amiciefamiliari, tecnici, autori e registi,
conduttori e addetti vari - è oggettivamentedifficileproteggere il segreto sull’ultimo atto di
un programma tanto atteso.
Tuttavia, esiste un codice non
scritto nel mondo della cultura
e dello spettacolo che sconsi-
gliavivamentelosvelamentodi
partisignificative diunqualsiasishow.«SequantofattodaStrisciafosselanormalità-siosserva in una lunga nota di Sky - sarebbeinfattiimpossibile,dadomani,organizzareinItaliaanteprime di film, presentazioni di
fiction,dilibri,di spettacoliteatrali, perché il finale degli stessi
rischierebbediesserecostantementerivelatoprimacheilpubblico possa vederli, leggerli, ap-
passionarsiedemozionarsicon
il frutto del lavoro intellettuale
di autori, scrittori, registi, attori». Sui social network, Twitter
in particolare, la gran parte degli internauti è schierata contro
il clamoroso spoiler. Ma non è
da escludere che il fatto non
inorgogliscaRicci, fierodicoltivarelafamadiCattivodelvillaggio. Al contrario, c’è chi ritiene
chequellodeltgsatiricodiCanale 5sia stato un autogol, avendo
CHAMPIONS LEAGUE
Pogba durante la partita
della Juventus contro
l’Olympiacos. Dall’anno
prossimo le partite
di Champions passano
da Sky a Mediaset
ITALIA’S GOT TALENT
Il format «importato» da
Canale 5 sarà condotto
da una squadra di giudici
tra i quali (nella foto)
Vanessa Incontrada,
Claudio Bisio e Nina Zilli
acceso un nuovo riflettore sulla
puntata conclusiva di Masterchefchequest’anno,nonostanteirecorddiascolti,haavutominore visibilità sui media.
A Cologno Monzese e a Santa
Giulia, comunque, il clima resta teso. I rapporti tra le due
aziendesonocomplicatidauna
guerracheormaièditrincea,iniziata quando, estate 2013, Sky
soffiò a Mediaset i diritti della
MotoGpalcostodi30milionidi
euro (operazione completata
con l’arruolamento di Guido
Meda, storico volto del motorismodelBiscione).Qualchemese dopo, dicembre 2013, alla vigilia della gara per i diritti delle
coppeeuropee,lasezionesportivadiSkydecisedinonprorogare lo scambio dei match Champions/EuropaLeaguegiàattuato nei due anni precedenti. A
quel punto, per aggiudicarsi
l’esclusiva della Champions
periltriennio2015-2018Mediasetbuttòsulpiattola cifradi600
milioni. La replica di Sky, con la
complicità di Fremantle Media
che già produce diversi programmi per la pay tv, fu la conquista di Italia’s Got Talent, da
treanniinondasu Canale5. Sul
frontesportivo,invece, Skyten-
DISTENSIONE
Il tweet autoironico di
Scrosati: «Vogliono farci
fare la finale in diretta»
I FINALISTI
Da sinistra:
la 26enne
Amelia Falco,
il 42enne
Stefano
Callegaro,
e il 21enne
Nicolò Prati
l’intervista
__
tò, senza riuscirci, di ottenere
l’esclusiva dei diritti della Serie
A per fino al 2018. Infine, il penultimo capitolo del gennaio
scorso, è stato il raddoppio di
Skysuldigitaleterrestreconl’acquistodaClassEditoredelcanale 27 per trasmettere in chiaro
SkyTg24. Insomma, una guerra
duraesenzaesclusionedicolpi.
Ma che, in fondo, appartengono alle logiche del mercato. Lo
spoiler su un fortunato programma concorrente potrebbe
addirittura alimentare un’ulteriore escalation. Si vedrà.
Intanto, in attesa di sapere se
le querele arriveranno per davvero, va registrata l’autoironia
con cui Scrosati ha commentato tutta la faccenda, postando
suTwitter: «È tuttouncomplotto per spingerci a rifare la finale
indiretta». Alla fine, si parla pur
sempre di varietà...
Bruno Barbieri
«Accanimento contro di noi. Nicolò? No comment»
Giovanni Masini
AnchedopolarivelazionediStriscia la Notizia, che martedì sera ha
anticipatoilnomedelvincitoredella
quarta edizione di Masterchef, Bruno Barbieri non perde la voglia di
Così lo chef commenta le indiscrezioni uscite sui cuochi e sul programma
chiacchierare. E al netto dell’irritazione,sembradivertito.TiraleorecchieairagazzidiAntonioRiccicome
se parlasse ad uno dei giovani aspi-
INDISCRETO
PENTOLE CHE SCOTTANO
Quel concorrente chiacchierato da mesi
M Macosac’èdiveronelleillazioniraccolte da Striscia sul giovane aspirante
cuocoNicolòPrati?HaeffettivamentelavoratoalristoranteSadlerprimadipartecipareallatrasmissione?IltitolareClaudio Sadler ha smentito con decisione
conuntweet:«NicolòdelMC,nonèmai
statoasvolgerenessunaattivitàpressoil
mio ristorante...». Esmentiscono anche
i suoi compagni di scuola. Però la voce
circolava da tempo, proprio nell’ambiente dei cuochi stellati. Al ristorante
Sadlercomerisultaanchedalsitoèpossibilefare dei microcorsi dicucina. Che
Nicolò sia passato da uno di quelli?
QuantoalfattocheadessolavoridaCraccoinretec’èchilotrovadicattivogustoe
c’è chilo scusa. Con la crisi chec’è ...
ranti chef.
Barbieri... Lo Striscia-Gate...
«Chestress... (ride, ndr)».
Come giudica l’anticipazione
di Striscia?
«È un gesto senza senso, che non
tiene conto del lavoro e dei sacrifici
di chi fa il programma. Contro Masterchef c’è un accanimento».
C’è invidia verso di voi?
«Questo non posso dirlo. Sicuramente è una mancanza di rispetto,
per chi lavora al programma e per il
pubblico».
Bastianich ha avvertito gli spettatori di non credere a tutto ciò
che si legge. È una smentita?
«Nonloso.Non...Diciamocheèassurdoparlarneprima.Lafinaleèstasera,godiamocelaallatv.Bastaquello!Mettiamodapartelepolemichee
commentiamo i piatti. Secondo me
“
Successo
Non importa,
la gente
ci guarderà
lo stesso
gliitalianiciguarderannolostesso».
Se le anticipazioni dovessero
essere confermate, soprattutto
l’accusaaNicolòdiavergiàlavoratoinunristorante,ilprogramma perderebbe in credibilità?
«I giudici non sono carabinieri,
non possono sapere quello che fannoiconcorrentialdifuoridellacucina,dove vivono,dove abitano...».
E se Nicolò dovesse aver lavorato da Cracco?
«NonpossoandareapicchiareNicolò (ride, ndr). E nemmeno Cracco».
Quindi è tutto regolare?
«Se non fosse uno spettacolo vero
noncimettereilafaccia.Nessunomi
ha mai detto come giudicare i piatti.
E se ha lavorato da Cracco, saranno
Cracchiamari.Manonpreoccupatevi.Le polemiche finiranno stasera».
24 ALBUM
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
prima visione
DRAMMATICO
DRAMMATICO
Costner, nonno senza pathos
Annoia il lungo mélo bellico
Poco emozionante melò, incentrato sulla
spinosa situazione di chi è metà bianco e
metà nero. Uno scontro e il ricco avvocato
ElliottAndersonrestavedovo.Solonellavilla con la nipotina di colore Eloise, nata dall’unionetrasuafiglia,mortadiparto,eiltossiconero Reggie,che orane pretende l'affidamento. E battaglia legale sia. Kevin Costner, l’aria sempre afflitta, si scola un bicchierone di whisky a ogni cambio di scena.
Forse per dimenticare un film così sciapo.
MB
5
5/6
BLACK OR WHITE
di Mike Binder con Kevin Costner, Octavia Spencer 116 minuti
Quanta demagogia sulla torre
Lotta di classe con sbadigli. La piccola fabbrica torinese sta per chiudere, lasciando a
spassoitrentaoperai.IlruvidosicilianoSalvo non ci sta. Così sale sulla torre, per farsi
sentire dalle tv, presto raggiunto dal sindacalistaGiorgio.Unappassionatoedemagogicodrammasociale,chescavanelladisperazione e nella rabbia di chi sta per perdere
il lavoro. Infilando nel racconto mille immaginidellarecentestoriaitaliana.Pannofino è più a suo agio nello spot di Italo.
MA
5
PATRIA
di F. Farina con Francesco Pannofino, Roberto Citran 87 min.
DOCUMENTARIO
Un toccante ricordo di Dalla
Sono già passati tre anni dalla morte di Lucio Dalla. Mario Sesti lo ricorda con un bel
documentario,conmolte,stupendeimmaginie,asorpresa,pochissimecanzoni.Tantissimi invece i personaggi uniti nell’affettuosamemoriadelgrandecantautore.Che
ne esce plebiscitariamente come perfezionistanellavoroegenerosonelprivato.Letestimonianze più curiose di Paolo Taviani,
stupitodaisuoipoteritelepatici, ediRenzo
Arbore, figlio di un’amica di sua madre.
MB
7
5
THE SEARCH
di Michel Hazanavicius con Bérénice Bejo 159 minuti
Una storia d’amore
snob e poco originale
DRAMMATICO
LO SCONSIGLIO
Due truffe troppo improbabili
Maurizio Acerbi
Massimo Bertarelli
D
elia (Jasmine Trinca), nutrizionista al limite del fanatismo,
esce di casa con il viso tirato. Deve andare a cena con Gaetano(RiccardoScamarcio),sceneggiatoredisit-comconambizioni
dascrittoreesuoex marito,nonchè padre deisuoidue figli.Devonodiscuteredellevacanzeestivedeiragazzi,pretestoperdemolirsieaccusarsiavicendasulperché,semprechecenesia(solo)uno,
della fine del loro rapporto. Il tutto, intervallato da lunghi flashback che raccontano la loro storia d’amore, passionale e quasi viscerale all’inizio, ma che poi si trasforma in cattiveria, indifferenza,tradimento.Ungrandeamorecomeilloro,però,puòesseredefinitivamentemorto?Unastoriadicoppiachesembraracchiudernetante,ordinaria,narrataconleparole,debordantiedeccessive,
piùche conleimmagini.Con l’intenzione,difondo, diraccontare
ilmalesseresocialediunagenerazionenatatrai«calcinacci»,dallemaceriedelMurodiBerlinoaquelledell’11settembre,chesembra perdente. Solo sulla carta, perché Nessuno si salva da solo, diretto da Castellitto con taglio colto snob, tratto, tanto per cambiare,dalromanzoomonimodellamoglieMargaretMazzantini,peccadimancanzadioriginalità.Tuttosembragiàvisto,giàsentitoin
centinaia di dialoghi (molto meno volgari di questi) e non certo
rappresentatoda alcune caricature dipersonaggi, come i genitori
di lui o il grottesco sceneggiatore di grido. I sentimenti che si decompongono arrivano allo spettatore, così come la percezione
chesottoleceneri diun grande amore sipossa sempre riaccendere una fiamma. Scamarcio e la Trinca (bravo lui, discreta lei) trasmettonopassioneederotismo(altrocheleSfumature).Però,alla
fine,seaccettiamocheilcuoresipossaanchescaldareinchisiede
in platea, non succede all’anima, che rimane imperturbabile davanti ad una rappresentazione che poco stupisce e tramortisce.
NESSUNO SI SALVA DA SOLO
di S. Castellitto con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca 100 minuti
SENZA LUCIO
di Mario Sesti 87 minuti
Cecenia,1999.Dopol’uccisionedeigenitori,unbimbodinoveannifuggeconinbraccio il fratellino neonato.La sorella maggioresimetteallalororicerca.Ilragazzinosarà
aiutato da Carole, che si occupa di diritti
umani.AmbiziosoesentitoprogettodiHazanavicius che abbandona la commedia
per un film serio. Il risultato? Un lungo
mélo bellico, poco toccante. Con scivolate
dipietismoequalcheretoricaditroppoche
lo fanno sprofondare al limite della noia.
MA
5
Anche se l’irraggiungibile maestro Hitchcock
ha dato superbe lezioni di inverosimiglianza,
il troppo stroppia. La storia del simpatico truffatoreWillsSmithedellasuabiondasociaMargotRobbienonstaproprioinpiedi.Leduelaboriose stangate, al Superbowl di New Orleans e
all’autodromo di Buenos Aires fanno ridere i
polli. Forse perfino i due bidonati.
FOCUS. NIENTE È COME SEMBRA
di G. Ficarra e J. Requa con Will Smith, Margot Robbie 101 minuti
DOCUMENTARIO
A scuola di danza overdose di noia
5
A novantatrè anni l’arzilla Maria Lux insegna ancora danza nella sua scuola di Buenos Aires. Si muove poco, ma con grande
eleganza, la maestra tra i tanti allievi, alcuniconhandicap,cheripetonocondevozione ogni suo gesto. Insomma il ballo riesce
ad essere anche un’inedita forma di terapia.Lamacchinadapresasilimitaadosservare con esagerata discrezione, ma dopo
unquartod’ora,perfinoCarlaFracciavrebbe bisogno dei sali per overdose di noia.
MB
DANCING WITH MARIA
di Ivan Gergolet 75 minuti
musica
LEGGERA
CLASSICA
JAZZ
ALTRI SUONI
Noel Gallagher da applausi L’Umanesimo sinfonico Che duo tromba-bandoneòn Jimi prima di Hendrix
Paolo Giordano
Giovanni Gavazzeni
Franco Fayenz
Antonio Lodetti
La fortuna di essere Noel. Può citare gli Oasis
(comeinRiverman)perchélihainventatilui.Può
suonare molto simile a Marc Bolan o a Bowie o a
StatusQuoperchéluièfigliodiquelpoprockinglesecheinBalladofthemightyIvienecelebratoaddiritturadall’ospitatadiJohnnyMarr.InfondoNoel
Gallagher con questo Chasing Yesterday confermadiessereunbrand:sevipiace,èildiscoperfetto e perfettamente calibrato. Altrimenti è inutile
criticare:questo ècomunque un ottimo disco.
«Il direttore d’orchestra è, prima di tutto, un
predicatore.Unpredicatore dibellezza, dibontà,diverità.d’amore".CosìdisseYurijTemirkanov, direttore russo e «predicatore» unico fra i
sommid’oggi.Lasinfonia-universoResurrezione di Mahler, opera di un grande compositoredirettored'orchestra,santificalamissioneinterpretativa additata da Temirkanov. Esecuzione
elegantissimaeintensa,esaltazionedell’essenza etica e umanista di Mahler.
Chi abbia apprezzato in concerto Paolo FresutrombaeflicornoconDanieleDiBonaventurabandoneòn,èconsapevolechesitrattadiuno
dei migliori duo italiani in circolazione. Eccoli
qui adesso, in questo impegnativo cd Ecm impreziosito da una serie di immagini in luce notturna di Fabrizio Ferraro, fra le quali ce n’è una
doveidueprotagonistiascoltanol’esitodellaregistrazione insieme con il boss Manfred Eicher,
quasi anticipando la perfezione dei loro suoni.
Jimi(omeglioJimmycome sichiamavaallora)primadiHendrix.Finalmentenellemanidella famiglia Hendrix (dopo un lungo contenziosoiniziatotraJimieEdChalpin,ilprimoaincidere quei nastri) escono i primi brani (seguiranno
altri cd) remixati e ripuliti da Eddie Kramer (fedele tecnico del suono di Hendrix) incisi tra il
’65eil’66conCurtisKnight,quandoJimieraancora uno sconosciuto chitarrista «di fila». R’n’b
leggero per gli esordi di una futura leggenda.
NOEL GALLAGHER Chasing yesterday
TEMIRKANOV Mahler: Sinfonia n.2 (Melodya)
FRESU-DI BONAVENTURA In maggiore (Ecm)
CURTIS KNIGHT You Can’t Use My name (Sony)
C
L
A
S
S
T
V
Sky 221
Tivù Sat 55
Sky 507
Cubo Vision
web tv - IP TV
7.00 Caffè Affari Rubrica
10.00 Linea Mercati Mattina
Rubrica
11.10 Trading Room Rubrica
12.30 Analisi Tecnica Attualità
13.40 BCE: l’annuncio sui
tassi Attualità
14.30 La Conferenza Stampa
della BCE Evento
15.00 Linea Mercati Wall
Street Rubrica
16.10 Le decisioni della Bce
Attualità
17.00 Alert Mercati
Attualità
18.00 Report - Il TG della Finanza Attualità
19.10 I Vostri Soldi Attualità
20.00 Patrimoni Attualità
21.00 La Stanza dei Bottoni
Attualità
22.00 Linea Mercati Notte
Rubrica
22.30 Italia Oggi TG
Rubrica
8.00 Class Horse TG
Notiziario
8.50 Weekend Review
Rubrica
9.50 Special Class: Stefano
Brecciaroli Documenti
10.50 Global Horse News
Rubrica sportiva
12.15 Special Class: II Seminario FISE Documenti
17.00 Class Horse Tv Live
Rubrica
20.45 CHTV Speciale Elezioni
Attualità
21.30 Master Class:
Completo Rubrica
21.55 Longines FEI World
Cup 2015: Gothenburg
Evento sportivo
1.10 Class Horse TG
Notiziario
1.20 Global Horse News
Rubrica sportiva
Cubo Vision
Web Tv
IP TV
Sky 180
Tivù Sat 56
8.30 Fashion Dream Reality
show
10.00 Breakout Rubrica
11.00 Models New York
Real Tv
14.00 Full Fashion Designer
Rubrica
16.00 Milano Models Real Tv
18.00 Full Fashion Designer
Rubrica
20.30 Fashion Dream Reality
show
21.00 Full Fashion Designer
Rubrica
23.30 Ladies
Rubrica
Design&Living Il gusto del Made in Italy
Top Lot Le aste in diretta
Ride&Drive Le novità per un viaggio
straordinario
My Tech - La tecnologia utile
Tempo di Lusso - Vivere
e conoscere ciò che fa la
differenza
Sapori&Profumi Ecco le eccellenze
culinarie
Art TV Il mondo dell’arte
Class Life 7 Il meglio del lifestyle
25
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
__
Domenico Latagliata
Torino Magaribruciadavvero.O
forse è solo pretattica. Fatto sta
chelaJuventusnonvincelaCoppa Italia da venti anni esatti (stagione 1994/95, battuto il Parma)
edaalloraha persotrevolteinfinale. È ferma a nove trofei, la Signora.Desiderosadisalireadieci,primasquadraeventualmenteariuscircivistochelaRomaha
giàfinitolasuacorsa.Saràanche
perquesto-forse-cheieriAllegri
habuttatolìl'ipotesicheilturnover possa semmai riguardare il
match di campionato di lunedì
contro il Sassuolo piuttosto che
lasemifinale diandatadistasera
contro la Fiorentina: Stadium
esaurito,avversariodaprendere
con le molle e anche qualcosa di
più, desiderio di continuare ad
averenelmirinotutti gliobiettivi
possibili. Perfetto Juve-style, ecco.«Magarisceglieròchihafinora giocato di più e farò qualche
cambio lunedì.La Coppa Italia è
un obiettivo importante, abbiamo il dovere di provarci dopo
vent'annididigiuno.LaFiorentina gioca un buon calcio a livello
tecnicoehaunabuonacondizionepsicofisica».Comedelrestola
Juve,maquilanotizianonc'ènonostante la mezza arrabbiatura
per la rimonta subita dalla Roma.
Semmai,c'èdacapirelaconsequenzialità del ragionamento di
Allegriquando spiegache «sono
passate soltanto 36 ore dalla trasferta di Roma. Dobbiamo recuperareleenergie,avròbisognodi
forze fresche». Tradotto, allora:
nessuna rivoluzione esagerata,
VIA COLANTUONO
ARRIVA REJA
’
Sport
ESONERO ALL’ATALANTA
Conuncomunicatostampasulsitodelclub,l’Atalantaharesonotodi
«averesoneratol’allenatore Stefano Colantuono chesarà sostituito
daEdyReja.Lasocietàesprimelapropriaprofondastimaegratitudine nei confronti di Colantuono in virtù della qualificata opera svolta
negli ultimi cinque anni». L’Atalanta è quartultima in classifica con
23 punti, tre in più del Cagliari terzultimo.
OGGI SEMIFINALE COI VIOLA La Signora è ferma a 9 trofei
Allegri... e pure ingordi Le frasi
gioca
«Coppa obiettivo doc Montella
un buon calcio
loro stanno bene
Ci manca da 20 anni» ePogba
in campo
SULLA FIORENTINA
Il tecnico: «Nessuno ci regalerà nulla, ma siamo in corsa
per tutto. Dal campionato al sogno della Champions...»
madentrotreoquattrocambirispetto ai soliti undici: Storari per
Buffon è scontato al pari di Llorente per Morata, ma potrebbe
essercispazioancheperOgbonna e Padoin al posto di Chiellini
edEvra.EsiccomelaCoppa non
viene considerata una coppetta,
Pogbasaràalsuopostodopoavere smaltito l'affaticamento che
ne ha consigliato la panchina
controi giallorossi.
Si fa sul serio, insomma. Con
possibilerilancio-magariincorsod'opera-ancheperBarzagli,finalmente disponibile dopo infinitiguaieadiecimesidall'ultima
apparizione in bianconero. Due
SUL PARI DI ROMA
Se stacchi la spina,
l’uomo in più non
conta. Vanno lette
meglio le partite
TECNICI D’ORO Sopra, Vincenzo Montella,
40 anni, allenatore della Fiorentina
A destra, Massimiliano Allegri, 47 anni,
con Pogba che oggi sarà in campo
Ha smaltito l’affaticamento muscolare
gli obiettivi: passare il turno ovviamente,maanche«migliorare
nella lettura della partita senza
avere cali di tensione» tipo quello accusato nel finale del match
dell'Olimpico.«Dobbiamocapire che le partite non finiscono
mai.ARomalasquadrahaoffertounabuonaprovaper70minuti.Poihastaccatolaspinaeaquel
punto avere un uomo in più non
conta niente. Tra Borussia Dortmund e Roma abbiamo 160 minuti fatti bene e 20 da cancellare».Èlìchebisognalavorare,perché in Champions gli errori vengono puniti e basta. Al di là della
soddisfazione per la classifica
del campionato, serpeggia un
certo fastidio nel prendere atto
della ripetitività di certi errori vistocheilcolpodelkoèmancatoa
Udine,CesenaeappuntoRoma.
«Forsenonabbiamoancoracapitolalezione,mitoccheràspiegare come si gestisce la partita».
Mandandoli anche a ripetizione
perevitarediprenderealtrigolsu
calcio da fermo, visto che 3 dei 6
incassati nelle ultime cinque gare sono arrivati sugli sviluppi di
angoliopunizioni.«Servepiùattenzione. Cerchiamo una soluzionechecigarantiscamaggiore
sicurezza».Parelaricercadelpelonell'uovo,manonloèvistoche
siègiuntiallafasepiùcaldadella
stagione: «Siamo arrivati a marzo in corsa per tutte le competizioni,manessunociregalerànulla.Finchélamatematicanondaràcertezze,ilcampionatorimarrà aperto. Della Coppa Italia che
manca da tanto tempo sappiamo.ElaChampionsèunsogno».
Dainseguirea occhiaperti.
FIORENTINA IN EMERGENZA
TORINO, ORE 20.45
TV: Raiuno e Raiuno Hd
Montella: «Abbiamo voglia di alzare un trofeo»
Arbitro: Valeri
JUVENTUS
FIORENTINA
30 STORARI
1 NETO
26 LICHTSTEINER 4 RICHARDS
15 BARZAGLI
2 GO.RODRIGUEZ
5 OGBONNA 19 BASANTA
20 PADOIN
23 PASQUAL
23 VIDAL
10 AQUILANI
8 MARCHISIO 5 BADELJ
6 POGBA
16 KURTIC
7 PEPE
72 ILICIC
14 LLORENTE 33 M.GOMEZ
11 COMAN
74 SALAH
All. Allegri
All. Montella
Firenze. StaseralaFiorentinasigiocalasemifinalediandataportandosiaTorinoqualcheproblema: oltreall’assenzacronicadiPepito Rossi eBernardeschi,si contanoiforfaitdiSavic,Tomovic,Babacar,ePizarro.Tatarusanuègiàfuoridagiorni.BorjaValeroè
partito per Torino, manon sarà trai titolari. L’emergenza difesa hacostretto Montella a
convocare il croato classe ’95 Ricardo Bagadur, difensore centrale. C’è molta incertezzasullaformazioneealcuniballottaggi.TraipaliNeto-chel’annoprossimoquasicertamente vestirà la maglia della Juve - Richards, Gonzalo, Basanta e Alonso o Pasqual. In
mediana Aquilani, Badelj e Kurtic. Davanti uno tra Ilicic e Diamanti, a sostegno di GomezeSalah.Itifosiviolasarannopiùdi2000.«IDellaVallehannolasmaniadialzareun
trofeo e se lo meriterebbero per quanto fatto e investito finora. L’anno scorso ci siamo
andati vicini, ora ci riproveremo per loro e per noi stessi», così il tecnico Montella. MT
Coppa Italia
Nella semifinale di andata un pari favorevole agli azzurri
Gabbiadini risponde a Klose: il Napoli sorride
Marcello Di Dio
Roma Al terzo tentativo, Miroslav Klose interrompe uno dei
pochitabùrimastinellasualunga e brillante carriera: fare un
golalNapoli.Peccatochel’ottava rete stagionale del panzer,
tornato a livelli realizzativi importanti (quasi un gol ogni partita e mezza), non sia sufficientepermataregliazzurridiBenitez. Che al netto del gol di Gabbiadini,semprepiùdecisivoda
quando è sbarcato alla corte di
De Laurentiis, sembra favorito
perilpassaggioinfinalediCoppa Italia visto che giocherà il ritorno al San Paolo l’8 aprile.
All’Olimpico, davanti a me-
Primo gol del tedesco ai partenopei
Nella ripresa l’esterno gela l’Olimpico
LAZIO
NAPOLI
no di 30mila persone (c’è il divietoditrasfertaperitifosiospiti, come accadde in campionato a gennaio), sono di fronte
una squadra in ascesa e un’altradelusadall’ultimaprestazione. Sono le ultime due formazioni che hanno alzato la Coppa Italia e intendono concedere il bis a giugno. Così i più coraggiosiadaffrontareuna serata piovosa e fredda assistono a
unmatch combattuto ericco di
capovolgimenti di fronte.
La gara è aperta, le occasioni
Lazio: Berisha 6,5; Basta 6, De Vrij 6,
Mauricio 5,5, Radu 6; Cataldi 6,5, Biglia
6,5, Parolo 6; Candreva 5,5 (28’ st Keita
sv), Klose 7 (37’ st Perea sv), Felipe Anderson 6,5. All. Pioli 6.
sisusseguonosenzasosta,29alla fine i tiri totali: cinque (dei
sei) di Klose finiscono nello
specchio della porta, uno di
questi sul palo ad Andujar battuto, l’altro in rete sull’ottimo
assistdiFelipeAnderson(negli
ultimi tre mesi ne ha praticamente regalato in media uno a
partita). Primo gol ai partenopei, anche se nel 2012 ne aveva
già segnato uno con la mano e
conungestodisportivitàammise l’irregolarità. La Lazio spingemolto,marischianelleripar-
1
1
Marcatori:33’pt Klose,12’stGabbiadini.
Napoli:Andujar6;Mesto6, Albiol 6,Britos 6 (32’ st Koulibaly sv), Ghoulam 5,5;
Inler 6, David Lopez 6,5; Gabbiadini 6,5
(28’ st Callejon sv), De Guzman 6 (36’ st
Hamsiksv),Mertens5,5;Higuain6,5.All.
Benitez 6.
TABÙ SFATATO Per Miro Klose
primo gol al Napoli in carriera
Arbitro: Damato 6.
Ammoniti: Britos, Basta, Mesto, Gabbiadini, Albiol, Klose, Keita, Inler.
Spettatori: 28.000 circa.
tenze napoletane con GabbiadinieHiguain.El’iniziodellaripresa legittima la pericolosità
degli azzurri: la traversa di David Lopez e il miracolo di BerishasuGabbiadinièsolol’antipasto del gol segnato proprio
dall’esterno - ottimo colpo del
mercato di gennaio - servito da
Higuain in area.
Ibiancocelesticercanodiimpostare il gioco, ma il Napoli è
pronto a sfruttare gli errori dei
biancocelesti per attaccarli in
velocità. Il risultato non cambia più e la truppa di Benitez
guardaconottimismoalreturn
match casalingo di aprile. Prima del fischio d’inizio, lo sgradevolecorodellacurvadellaLazioversoNapoli(«lavalicolfuoco, o Vesuvio lavali col fuoco»).
Possibileunasqualificadelsettore del tifo biancoceleste.
26 SPORT
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
FAR PLAY FINANZIARIO «Preoccupato dall’indagine Uefa? Non particolarmen-
L’INTER: «ATTENDIAMO L’UEFA
MA NON SIAMO PREOCCUPATI»
te,attendiamolecomunicazioniepoilevaluteremo»,risponde il dg Fassone. Probabilmente per il club di
Thohircisaràunamultapecuniariadi6-7milioni,magari l'obbligo di fare un mercato limitato e ridurre la rosa
per la lista Uefa da 24 a 21 giocatori.
SOCCER USA I calciatori della Major League Soccer americana sono
FALLITO L’ACCORDO
I CALCIATORI SCIOPERANO
pronti allo sciopero dopo il fallimento dei colloqui per il
nuovocontrattocollettivo.La20ªstagionedellaMLSdovrebbeiniziare domani con idetentori del titolo LosAngelesGalaxyospitideiChicagoFire.AlviaancheiToronto Fc dell'ex attaccante della Juventus Giovinco.
CAPOLINEA PARMA
Tony Damascelli
C'era una volta un calciatore
natonellacittàanticadiBari,detta Bari Vecchia. Quel calciatore
si chiamava e si chiama ancora
Antonio Cassano e, a luglio, il
giorno dodici, compirà trentatréanni.Hacessatolasuaattività agonistica il ventisei gennaio
scorso,rescindendoilcontratto
chelolegavaalParmapermilioni di euro quattro, dopo aver rifiutato, detto da lui medesimo,
offerte pervenutegli dagli Stati
Uniti di America e da un Paese
arabo.
Cassano Antonio ha partecipato,traserieA,coppenostrane
einternazionali,a490partite,realizzando 138 reti; in nazionale
si è presentato 39 volte con 10
golintotale.HagiocatoperilBari, la Roma, il Real Madrid, la
Sampdoria, il Milan, l'Inter e il
Parma, dove, per l'appunto, ha
interrotto la carriera. Dal ventisei di gennaio al due di febbraio
del Duemilaquindici nessun
clubha voluto osaputo prendereindotazioneilcalciatorebarese.
LostessoCassanohadichiarato di avere rifiutato non una,
non due ma quattro volte, le offerte della Juventus. Però! Si potrebbe dire e supporre che sia
unprofessionistatuttodiunpezzo. Ma, al tempo stesso, la domanda sorge spontanea: come
maiuntalentoditalecifra,unuomochenonsipiegaenemmeno
si spezza, un professionista che
Paradosso Cassano:
l’unico gioiello libero
ma nessuno l’ha preso
Si è sfilato appena in tempo dal crac degli emiliani
dice di avere rifiutato 4 volte la Juve, ma non gioca più
ha messo la faccia nella miserabile vicenda del Parma e si sfila
prima che la nave, o meglio la
zattera, vada alla deriva, un calciatore con un curriculum illustredicuisopraeconnumeritecnici che tutti conosciamo, non
abbia trovato una nuova sistemazione?Forseperchéilnostro
football abbonda di fenomeni e
dunque un Cassano in più non
serveanessuno?Forseperchéil
barese avanza richieste di salario pesante? O forse perché, alla
fine della favola, ci si è accorti
cheCassanoAntonio èun buon
calciatore,loèstato,mai grandi
calciatori sono altri, non quelli
che fanno la cronaca ma quelli
che scrivono la storia che altri
poi leggono e imparano. In fondoatradireCassanoèstatoCassano stesso, perché si è concessoquellochesoltantoifuoriclas-
L’ex Arnoux:
«Alonso si è sentito
male al volante»
Ilgiornodopol’annunciodelladecisionediAlonsodinonprenderepartealprimoGp,aMelbourne, fra due domeniche, è soprattuttoilgiornoincuiilmondodella
F1 deve metabolizzare la notizia.
Perchélevarieversioni,dalvento
allascossa,nonhannoconvintoe
ilforfaitdecisodalpilota«suconsigliodeisuoimedici»-comesottolineatomille volte nel comunicato della McLaren che da tempo
aveva allertato il 3˚ pilota - non
puòchefarpensare cheilmotivo
del botto nei test sia un altro: un
malore discretamente serio che,
se le cause non venissero individuate, potrebbeprotrarre laconvalescenzaoltrel’Australiaometterearischiolacarriera.
Dettociò,ipiloti,oexpiloti,gentechesiconosceeodoraechecapiscebenecertecose,sonoespliciti.HainiziatoSebVettelparlando
acaldodi«unincidentestranovistodadietrodovemitrovavo»eha
proseguito l’ex Ivan Capelli «c’è
omertàinF1,vatuttochiaritoancheperlatranquillitàdeglialtripiloti...». Infine è intervenuto l’ex
René Arnoux: «Ho guidato in F1,
sodicheparlo,l’impattoèstatolaterale,Fernandohacolpitodistriscio,equestononspiegaildanno.
Sono fermamente convinto che
Alonsosisiasentitomalealvolante».
ROSSI E LO SKY VR46 TEAM
«Fenati per iltitolo
Pizzarotti: «Giocare? Speranze in calo» Marquez? Non deve
Ma Tavecchio: «Ho un piano per farlo» scapparmi via...»
SI È DIMESSO IL DG LEONARDI
IL FATTO NON SUSSISTE
Vecchio crac Parma:
prosciolti 11 ex
calciatori emiliani
Non luogo a procedere perchè
il fatto non sussiste. Con questamotivazioneilgupAlessandro Conti ha prosciolto dall’accusa di concorso in bancarotta
fraudolenta undici giocatori,
campioni dei tempi d’oro del
Parma, accusati dalla Procura
diavereagevolatoladistrazione di somme dalla Parmalat
confalsicontrattidisponsorizzazione. Non andranno quindi
a processo Crespo, Veron,
Asprilla, Apolloni, Thuram,
Chiesa, Dino Baggio, Stoichkov, Brolin, Minotti e Crippa.
Ieri in aula hanno rilasciato
delle dichiarazioni spontanee
al giudice proprio Brolin e Crespo. In particolare l’ex attaccanteargentino,oggiallenatore della Primavera del Parma,
hacommentatocome«lavicenda fosse paradossale. Oggi a
quasi quarant’anni, firmo un
contratto di cinque e dopo sette mesi sono parte lesa; allora,
a 22 anni e senza sapere l’italiano, avrei dovuto sapere che
nel2003,tre annidopoaver lasciato il Parma, la società sarebbe fallita. È un momentaccio».
se possono permettersi, da MaradonaaCruyff,daPuskasaPlatini,i qualinon avevano dicerto
unavitadafratibenedettini,ma
sul campo hanno segnato un'
epocaerestanoneilibriditesto.
CassanoAntonio,dunque,oggièunuomosoloenemmenoal
comando.Evitatodamolti,dico
degliallenatoricheaparolelocelebranoancoramanelpraticosi
guardano bene di suggerirne
l'acquisto. E questa sua storia fa
montarelarabbia,perchénonsi
può buttare via così un talento
vero,spontaneo,nonsipuòbruciare,comeluihafattopercattivi consigliori, una carriera girovagandoallaricercanondeidenari ma del football perduto.
NellascorsaestateCesarePrandellidecise diconsegnare a lui e
aBalotellilechiavidicasaItalia,
dimora senza antifurti e con
troppi spifferi. Il mondiale in
Brasile non ha lasciato traccia,
al punto che si fatica addirittura
aricordareinqualipartiteCassano abbia giocato e quali prestazioni abbia offerto. Sette mesi
dopo, il barese è disoccupato e
l'altrofenomenofalariservanella città dei Beatles.
Verrà l'estate e Cassano potrebbe ripensarci, togliere le
scarpe dal chiodo (!?) e scendere di nuovo in campo. Dubito e
sono curioso, comunque, di vedere chi sarà il primo a fare un
passo in avanti.
Sognare non costa nulla. Il
conto arriva al risveglio.
DOPO LA RINUNCIA AL GP
GRANDI OCCASIONI Antonio Cassano senza squadra
dopo essere passato da Roma (118 partite), Real (19),
Milan (33), Inter (28) e avere giocato 39 volte in nazionale
«C’èunpianoperfargiocaredefinivamente la partita di domenica, l’ho
giàsottopostoadalcuniclubdiAeora
lospiegheròancheaicalciatoridelParma». L’annuncio di Carlo Tavecchio
scuotel’ennesimagiornatadicaosattornoalclubemiliano.IeriilpresidentedellaFedercalciohaincontratoaRomailsindacoPizzarotti,entrato invia
Allegri molto pessimista («la percentuale che Parma-Atalanta si giochi è
scesaal40percento»)euscitoconun
po’ di positività in più («diciamo che
siamorisalitial50»).Domaniarriverà
la decisione da parte della Lega di A,
mentreicalciatoriaCollecchiohanno
regolarmente svolto l’ allenamento.
«Noi stiamo facendo il massimo per
salvareilnomedellacittà,nonlasocietàinquantotalechefaràilsuopercorso - ha precisato Pizzarotti -. Penso
chesarebbeancheunbelsegnaleilfattocheseunasocietàvamalefalliscee
siripartedalleregolecondivise».
Intanto a Sky Sport 24 ha parlato
GiampietroManenti,ilpresidentedel
club emiliano finora prodigo di promessemairealizzate.«Sonoun bluff?
Probabilmentesì, probabilmenteno,
poilovedremo-sottolineaManenti-.
Isoldicisono,altrimentinoncisaremmoimbarcatiinquestaavventura.Sono arrivati già da tempo, ma non sui
contidelParmacalcio.Stiamocercandodipreparareidocumentidapresentare,inmodochecisiaunpianocredibileeduraturoneglianni».
L’ATTACCO DI MACALLI
«Giocatori ipocriti: ritardano
le partite e hanno le Ferrari di
22 metri. Pensino agli operai»
Il patron continua a ripetere che la
soluzionedellacrisisiaaportatadimano:«Laprossimasettimanacipresenteremo in Procura con alcuni pagamenti fatti. Chi me l’ha fatto fare? In
mec’èun’innatapassioneperlosport
e per il calcio, poi credo nel progetto
chestiamoportandoavanti.Da24annilavoroinEstEuropa,sicontanosulleditadiunamanolepersonecheparlanomaledime.Isoldiarrivanodainvestitoriitaliani,europeiedextraeuropei.Nontuttipossonoessereproprietari del Parma: ora sono io, chi vuole
trattarevengadame».Enelfrattempo
molla Pietro Leonardi, dimessosi dal
ruolodidgperragionidisalute.
Sullavicendaèintervenutoancheil
numero uno della Lega Pro Macalli:
«Il ritardo di un quarto d’ora in A?
Un’ipocrisia, i calciatori dovrebbero
vergognarsi. Se mettessero 5000 euro
a testa, si risolverebbe temporaneamente il problema, consentendo al
Parma di giocare le partite. Iniziamo
30minutidopoperilavoratoridell’Ilva di Taranto, magari a 1.000 euro al
mese o senza prendere stipendio, o
usciamo da Collecchio con le Ferrari
lunghe22metri?».
Tavullia. L’inno scritto e cantato
dall’amicoCesareCremoninieil
battesimodelmaestroValentino
Rossi:perilteamSkyVR46lanuovastagionenonpotevacominciare in modo migliore. La squadra
nataunannofadalconnubio fra
ilDottoreel’emittentesatellitare
ha riacceso i motori ieri, a meno
di un mese dall’inizio del Motomondiale che scatterà il 29 marzoinQatar.L’obiettivoèconquistareilprimotitoloinMoto3,anche se per ora il sogno iridato restanelcassettoelaparolad’ordineè:lavorareatestabassaperarrivareprontiallaprimagara.
La squadra schiera due moto
Ktm, pilotiRomano Fenati eAndrea Migno. Dopo il divorzio da
Vittoriano Guareschi, il ruolo di
team manager è stato affidato a
Pablo Nieto, figlio del campione
spagnoloAngelNieto.IlprimopilotarestaFenati,reducedalquintopostodellascorsastagioneimpreziosito da ben quattro vittorie. «Romano può arrivare al top
madeveesserepiùcostante»,ha
confermato Rossi parlando del
suo pupillo:«Lo scorso anno abbiamoimparatotanto,oraabbiamosistematoalcunecosepercercare di portare Fenati davanti
sempre».Quantoalui,allaMotoGpeaMarquez:«Marcnonvafattoscappare».
Dossier Motori 29
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
AL VIA LA PIÙ IMPORTANTE RASSEGNA EUROPEA
Parola d’ordine: stupire
L’auto diventa regina
di Pierluigi Bonora
A
Ginevralavogliadistupireprimeggiasututto.Piùpassione,piùimponenza,piùsupercar,più...vogliadi
automobile. Non è un caso che a dominaresonoproprioloro,gli«odiati»Suvocrossover che siano (tra un po’ i detrattori aggiungerannoquesto termine al lorovocabolario), glistessi, anche se di dimensioni
«mini» e compatte, presi di mira in tante
città.Èfalsodirechesonotuttiinquinanti,
visto che, oltre a esibire motorizzazioni a
benzinaedieselvirtuose,lamaggiorparte
di essi offre l’alternativa ibrida. Semmai
È un trionfo di Suv e supercar insieme ai capolavori
dei designer e alle proposte per tutti i giorni
L’allarme dei big su possibili nuove «eco-tasse»
quelliditagliaXXLsonoingombrantie,in
questocaso, sta al buonsenso di chi li guidafarneunusorazionale.MaGinevra,dovenonmancanoovviamentecity-car,stationwagon, minivan e berline, èanche un
trionfo di supercar. Il sogno, dunque, da
toccareconmano(perivisitatori)edagui-
dare (per chi può). Ferrari, Lamborghini,
Ford, Honda, Audi, Porsche, McLaren,
AstonMartin, senzacontaregliesemplari
unici esposti dai carrozzieri, come la magnificaSergiodiPininfarinaolafuoriserie
della Carrozzeria Touring Superleggera,
che si ispira sempre a una Ferrari. In Sviz-
zera, inoltre, il lusso made in Italy la fa da
padrone, come nel caso della vetrina
esclusivaoffertadall’abbinamentotraMaseratiedErmenegildo Zegna.Efinalmentesirafforzailfrontediprotestadeitopmanager contro l’ignoranza (la demagogica
guerra al diesel), quindi a salvaguardia
delsettore.Nelmirinocisonopossibiligabelle pseudo-verdi che minerebbero la
lenta ripresa. Aveva lanciato l’allarme al
Salone di Parigi del 2014 l’ad di Volkswagen,MartinWinterkorn,nellescorsesettimane si sono lamentati i francesi e l’altro
giorno, ad alzare la voce, è stato Sergio
Marchionne. Avanti così.
LUNGIMIRANZA ALLA ROVESCIA
Altro che «Stupid Useless Vehicle», il mercato ora lo fanno loro
di Piero Evangelisti
Cercare di attribuire la paternità del primo Sport utility vehicle è un’operazione di
scarsa importanza giacché tante sono state
lecase che, a posteriori, si sono vantatedi essere state le prime a lanciarne uno. Quando,
alla metà degli Anni ’80, iniziò la trasformazionedeirudifuoristradainnuovimodellidestinati a un confortevole uso quotidiano, si
trattò di un fenomeno trasversale, che coin-
volsecostruttoriinUsaeinEuropa.Sportutility vehicle stava a indicare, appunto, un veicolo funzionale, sempre 4x4, ma dotato di
prestazioni dinamiche tipiche di una vettura.Analistiedespertiditendenzealungotermine dissero che i Suv non sarebbero durati,
trasformando la dote della versatilità in un
fattore negativo: la mancanza di una precisa
personalità che portò anche a una nuova lettura dell’acronimo Suv: Stupid useless vehicle. A 30 anni di distanza il fenomeno dei Suv
e dei più sportivi crossover è in continua crescita in termini di volumi di vendita e di modelli e si può tranquillamente affermare che
la categoria è l’unica veramente globale nel
panorama automobilistico mondiale.
Partita dall’alto con giganti come i Chevrolet Suburban e le europee Bmw X5e Mercedes Classe M (entrambe costruite in stabilimenti americani aperti ad hoc), (...)
segue a pagina 30
30 Dossier Motori
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Salone di Ginevra
FERRARI La 488 Gtb, gioiello di Maranello
La voglia di ripresa
viaggia su quattro ruote
Ecco le magnifiche 900
BMW La novità a sette posti Gran Tourer
Tutte le novità della rassegna: boom per Suv e crossover,
le supercar da sogno, le vetture da guidare tutti i giorni
Enrico Artifoni
LAMBORGHINI L’Aventador Superveloce
FORD La Gt all’esordio sul palcoscenico europeo
MCLAREN La supercar P1 Gtr è tra le vedette
AUDI La nuova R8: le prestazioni sono al top
La voglia di ripresa è il motivo dominante della 85˚ Salone
internazionale dell’auto di Ginevra, che dopo i due giorni di
anteprime riservate a 10mila
rappresentanti dei media apre
oggi i battenti del Palexpo al
grandepubblico: suuna superficiedi80milametriquadri,220
espositoriprovenientida30Paesi espongono 90 anteprime
mondiali e 40 europee, oltre a
decine di novità presentate dai
produttori di componentistica
e accessori.
La rassegna più importante
in Europa e, probabilmente,
nelmondo,portaaldebuttomodellidestinatiadominarelascena un po’ in tutte le categorie di
prodotto, ma soprattutto quelladi granmodadei Suv-crossover. Con un filo conduttore, la
sportività,chedàunaforteconnotazione a gran parte delle
nuove proposte, oltreché ai più
avveniristici prototipi, mentre
ha perso un po’ di appeal il tema delle vetture «verdi», tra le
quali si può classificare ormai
oltreil10%dei900modelliesposti.Altitolodireginedellarassegna si candidano, ancora una
volta, le supercar: la Ferrari
488 Gtb, evoluzione dalla 458
Italiachesegnailritornodelturbosulleberlinettedi Maranello
a trazione posteriore; la versione Superveloce (con potenza
aumentataa 750cv) dellaLamborghiniAventador;lapiùesuberante delle McLaren stradali
siglata 675 Lt, la rinata Ford Gt
in anteprima europea e la worldpremièredellasecondagenerazione di Audi R8. Oltre a una
pattugliadihypercar dapistain
cui spiccano la versione Gt3 di
Mercedes Amg, Aston Martin
BENVENUTI Maurice Turrettini,
presidente del Salone ginevrino
Vulcaneilprototipodiun’altra
McLaren, P1 Gtr.
Exp10conceptèilnomedella due posti secchi coupé mostrata da Bentley. Un sommo
esempio di raffinatezza ed
esclusività è il primo dei sei
esemplari, tutti personalizzati,
dellaPininfarinaSergio,mentre uno sguardo al futuro delle
auto più lussuose, oltreché ad
alte prestazioni, lo dà la concept Gea di Italdesign Giugiaro. Sulla passione, le emozioni
e il piacere di guida fa leva pure
l’agguerrita schiera delle
coupé, spider e cabrio. Con un
concept in evidenza: Volkswagen Sport Coupé Gte, quattro
porte ibrida che fa pensare a
un’erede di Passat Cc. E poi ci
sono Alfa 4C Spider in anteprima europea, Lotus Evora 400 e
Porsche Cayman Gt4.
Come conciliare spazio e
brio? Su questo tema dicono la
loro,AudiconlaconceptPrologue Avant, Bmw con Serie 2
Gran Tourer a 7 posti e Mercedes con Cla Shooting Brake,
Kia con il prototipo di una wagonbattezzato-appunto-SportspaceeSubaruconLevorg,familiare al debutto europeo. Più
orientateallapraticitàlemonovolumeelemultispazio,ilcuire-
vival è testimoniato dalle nuove Volkswagen Touran e Citroën Berlingo e dal restyling
di Fiat Doblò, proposto anche
in versione Trekking.
Fa storia a sé l’aggiornamento della Ds5, che segna anche
l’affrancamento definitivo del
branddaCitroën,mentrelaversione Alltrack della Volkswagen Passat porta l’attenzione
sultemadelletutto-terreno,declinato più sul versante dell’offroad da una piccola 4x4, la
SuzukiiM-4Concept,einchiavequasiesclusivamentestradale da un’infilata di Suv-crossover che va da Hyundai Tucson
a SsangYong Tivoli, Renault
Kadjar,leversioniperl’Europa
di Honda Hr-v e Mazda Cx-3.
Ecco poi Range Rover Evoque
al primo restyling, nuove varianti di Fiat 500X e Jeep Renegadeeuntrisdiprototipicheanticipano altrettanti modelli
compatti:InfinitiQx30,Mitsubishi Xr Phev 2 e una concept
di Seat: il Suv compatto 20V20.
Su un’architettura più convenzionalepoggianolevarianti
adaltotassodiadrenalinadi alcunecompatte(FordFocusRs,
Audi Rs Sportback, Honda CivicType-ReKiaCee’dGtLine)
acuisiaffiancanol’AlfaGiuliettaconlaseriespecialeCollezione,laridisegnataBmwSerie1e
la rinnovata Toyota Auris. Tra
leutilitarie,marche giapponesi
ancora sugli scudi con la nuova
HondaJazzeNissanSwayconcept, ma anche Peugeot con il
restyling di 208. Lexus Lf-Sa è,
invece, il concept di un mini
crossover.Opelmostraimuscoli con Corsa Opc e il sorriso con
la piccola Karl, mentre Fiat tieneabattesimodueseriespeciali della 500 e di Panda: Vintage
’57 e K-Way.
KIA Ecco lo slanciato concept Sportspace
HYUNDAI Il nuovo Tucson dei coreani
CITROËN La filante nuova Ds5 francese
ALFA ROMEO La 4C Spider alla prima europea
LUNGIMIRANZA ALLA ROVESCIA
Qualcuno li aveva definiti «Stupid Useless Vehicle»
segue da pagina 29
ASTON MARTIN La Dbx domina lo stand
HONDA Il ritorno del mito giapponese Nsx
(...)l’espansionedeiSuvsièallargataasegmentiinferiori addolcendo unpo’ le linee,offrendo
anchelatrazionesuunsoloassemaconservandosemprelaposizionediguidarialzata,ilfattoredecisivonelsuccessodiSuvecrossoverditaglia medio compatta che quest’anno, in Europapotrebberoraggiungere500milaimmatricolazioni.Ingombranti, spesso utilizzati da automobilistiineducati,scarsamenteamatidamoltisindaciitaliani,eppurenellaloroarchitettura
conbaricentroalto,sonoveicolimoltopiùsicuridellamedia.Lalorodiffusione,delresto,negli
Usa,èlegatafindagliinizialpubblicofemminile che si sentiva fortemente protetto e favorito
dall’ottimavisibilità.ISuvnonlicompranoicultoridell’understatementmachivuoleapparire,
eallora sonosempre quelli di taglia extra-large
afaretendenzaedopoPorsche Cayenne, Au-
di Q7 e Volkswagen Touareg (oltre agli antesignani Bmw, Mercedes e Range Rover),altri
marchitopstannopermettereinstradailloro
primo Suv. Entro l’anno toccherà a Maserati
Levanteche verrà prodotto a Mirafiori epunterà su Usa e Cina. Ma anche Jaguar si getta
nellamischiaconilsuoF-Pace.Scartatoilprimo concept, il Suv definitivo di Bentley lo vedremonel2016,sichiameràBentaygaeverrà
coniugatoancheinunaversionecoupé.Rimanendo nel gruppo Volkswagen, dove presto i
SuvAudipotrebberospaziaredaQ1aQ9,sembra ormai aver sciolto il nodo del Suv di Lamborghini,ilpoderosoUruschepotrebbeessere costruito a Sant’Agata Bolognese. Non un
Suv ma un everywhere vehicle quello che sarà
comunque il primo Sport utility di RollsRoyce. Manca qualche brand dal Gotha dell’automobile? Sì, la Ferrari, ed è meglio così.
Piero Evangelisti
RENAULT Il crossover Kadjar in anteprima
MAZDA Cx-3 è un ambizioso Suv compatto
32 Dossier Motori
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Salone di Ginevra
Ferrari 488 Gtb, dalla pista alla strada
Aerodinamica esasperata, superfici mozzafiato, 670 cv di potenza: il Cavallino stupirà sempre
Piero Evangelisti
Va in pensione, per iniziare
una seconda vita nel mondo
dei collezionisti, la Ferrari 458
Italia, e arriva la nuova 488 Gtb
chedebuttainquestigiorniaGinevra. Motore V8, turbo, collocato in posizione posteriore
centrale, l'ultima nata di Maranello(lanciataineraMarchionne ma ovviamente concepita
sottoMontezemolo)hanellasigla la sua carta d’identità: 488
cc è la cilindrata unitaria, mentreleletterestannoperGranTurismoBerlinetta.L’aerodinamica sempre più esasperata, che
avvicina le prestazioni in pista
a quelle su strada (rispetto alla
458 Speciale il carico dinamico
èaumentatodel50%),nonpermettono ai designer di Gt così
estremegrandilibertànellapersonalizzazione della vettura
nella parte frontale. Nelle fiancate e nella coda, invece, i designer del Centro stile Ferrari diretto da Flavio Manzoni sono
riuscitiascolpiresuperficimozzafiato definite da linee che
sembrano in continuo movimento che vanno a confluire in
una coda daitratti semplici, essenziali,mainconfondibilmente Ferrari.
Da sempre, il cuore di ogni
Ferrarièilmotorechedevesem-
MARANELLO La nuova Ferrari 488 Gtb al debutto mondiale
pre rispondere a precisi e inderogabili requisiti, indipendentemente dall’utilizzo al quale è
destinata l’auto che lo monta:
elevate prestazioni abbinate
adaltiregimidirotazione,pron-
tezza immediata ai comandi,
spinta sempre crescente,
sound coinvolgente. Il nuovo
V8 è inoltre la rispostaalla sfida
posta ogni giorno agli ingegneridiMaranello:superareconti-
VERTICI Il presidente Sergio Marchionne e l’ad Amedeo Felisa
nuamente i traguardi raggiunti
perfissarenuoviparametridiriferimento, impresa non facile
quando si opera a questi livelli
di tecnologia automobilistica.
L’obiettivoèstatonuovamente
centrato. Il V8 da 3.902 cc offre,
infatti, le prestazioni più elevatedisempre,nontrasmettenessun turbo lag e dai suoi scarichi
esce un suono emozionante e
unico. Eroga 670 cva 8.000 giri/
TRA MODENA E GRUGLIASCO
Maserati a braccetto con Ermenegildo Zegna, il lusso made in Italy
Dopo i successi ottenuti nel 2014 in tutto il mondo, con crescite a tre zeri in
alcunimercati,elecelebrazionidelCentenariodellamarca,Maseratischieraal
Saloneginevrino le sueultime creazionirealizzate in partnership con ErmenegildoZegna,un’aziendaeunagriffechenelmondosonoiconedelmadeinItaly
ai massimi livelli. Sullo stand, accanto a quello della Ferrari con il quale forma
unformidabileconnubio,cisonounaQuattroporteeunaGhibli(infoto,laSQ4
Ermenegildo Zegna) rifinite in materiali e colori tipici della griffe piemontese
chenonsono piùconceptma versionispeciali ordinabiliregolarmente. La pelle Poltrona Frau completa l’esclusività di queste Maserati «ambasciatrici».
PEv
minuto, con la potenza specifica di 172 cv/litro, un record anche per una Ferrari; la coppia
massimaèdi760Nminsettima
e il tempo di risposta al comandoacceleratoreèdisolidi0,8secondi a 2.000 giri in terza (il
Cambio è l’F1 doppia frizione 7
rapporti). Così equipaggiata la
nuova Berlinetta di Maranello
accelera da 0 a 100 in 3 secondi
netti e passa da 0 a 200 in 8,3”,
mentrelavelocitàmassimaèdi
330orari. Incasa Ferrari le auto
stradali sono sempre più simili
aquelledacompetizioneecontinuo è il travaso delle tecnologie sperimentate in gara. Perchéciòsiapossibileèindispensabile disporre di una formidabile telaistica che consenta di
gestire nell’uso quotidiano potenzesemprepiùelevateecarichi aerodinamici stratosferici.
Anche con la 488 Gtb (lunga
4,57 metri, larga 1,95 e alta 1,21
m), promettono a Maranello,
ognigiornopotràportareesperienze di guida entusiasmanti
sotto tutti i profili, anche e soprattuttoquellodellamaneggevolezza e dell’agilità di questa
Gtda670cv.Duesonolecondizioni indispensabili per vivere
questi speciali momenti: essere comunque dotati di buonsenso e possedere un portafoglio molto ben fornito.
Offerta valida per immatricolazioni fino al 31/03/2015. Ford Mondeo: consumi da 4,2 a 7,6 litri/100 km (ciclo misto); emissioni CO2 da 99 a 176 g/km. Esempio di finanziamento per Mondeo Plus 5 P 2.0 TDCi 150CV comprensiva di Garanzia Ford Protect 5 Anni/120.000 km
a € 27.775. Anticipo € 5.000, 36 quote da € 390,46 escluse spese incasso Rid € 3, più quota finale denominata VFG pari a € 12.084. Importo totale del credito di € 23.935,71 comprensivo dei servizi facoltativi Guida Protetta, Assicurazione vita, Invalidità e disoccupazione.
Totale da rimborsare € 26.248,56. Spese gestione pratica € 300. Imposta di bollo in misura di legge all’interno della prima quota mensile. TAN 3,95%, TAEG 4,94%. Solo per i concessionari aderenti all’iniziativa. Salvo approvazione FCE Bank plc. IPT e contributo per
lo smaltimento pneumatici esclusi. Documentazione precontrattuale in concessionaria. Per condizioni e termini dell’offerta finanziaria e delle coperture assicurative fare riferimento alla brochure informativa disponibile presso il FordPartner o sul sito www.fordcredit.it.
Le condizioni ed i termini di Garanzia Ford Protect sono disponibili presso i FordPartner o sul sito www.ford.it. L’immagine presentata è a titolo puramente illustrativo e può contenere accessori a pagamento.
Light the way.
NUOVA FORD MONDEO
Dynamic LED Headlights
Vivi ogni viaggio sotto un’altra luce. Nuova Ford Mondeo,
con fari adattivi intelligenti a LED. Il fascio di luce si modifica
in base alle condizioni della strada con 8 diverse modalità.
€ 395 al mese con Idea Ford
5 anni di garanzia Ford Protect inclusi
Anticipo € 5.000 TAN 3,95% TAEG 4,94%
e dopo 3 anni sei libero di restituirla.
Scoprila in tutti gli Showroom Ford.
ford.it
Dossier Motori 35
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Salone di Ginevra
ALFA ROMEO L’Alfa Romeo 4C Spider al debutto in Europa
Massimo Mambretti
AGinevralapresenzadeimarchidi
maggior diffusione di Fiat Chrysler
Automobiles è sostenuta da tante novità ed è guidata dall’evoluzione dei
modelli dimaggiore successo.Questo
tema,però,èaffiancatodallapresentazione di un modello inedito per il Vecchiocontinente,inquantohadebuttatoalSalonediDetroitingennaio.Èl’Alfa Romeo 4C Spider, pronta per essere commercializzata anche in Europa
come indica il prezzo fissato in 60.403
euro, più tasse. «Scoperta» significativapoichésottolinealaroad-mapintrapresadalmarchio,èovviamenteestrapolatadall’omonimaCoupédellaquale mantiene l’architettura meccanica:
motoreturboainiezionediretta1.8da
240 cv sistemato in posizione centrale
abbinatoalcambioadoppiafrizionea
6marce.Accanto alla4C Speider sfilano Giulietta e MiTo in nuovi allestimenti. La prima porta allo scoperto la
versioneCollezione,chesiponealvertice della gamma tanto per la ricercatezza quanto per la completezza della
dotazione, che accompagna anche
FIAT La 500 Vintage ’57 in onore della gloriosa antenata
JEEP L’inedita versione di Renegade denominata Hard Steel
Fca celebra il mito 500
e «apre» il bolide Alfa 4C
L’icona Fiat nella speciale versione Vintage ’57 con interni
in pelle Frau. Jeep Renegade si trasforma in Hard Steel
l’esordio nella famiglia Giulietta del
motore turbodiesel 1.6 litri da 120 cv.
Laseconda,invece,proponeilmodelloRacer,ches’incentrasullapersonalizzazione sportiva della carrozzeria e
dell’abitacolo, nel quale spicca anche
il sistema d'infotainment UConnect
con touchscreen da 5”.
Fiat prosegue nell’ampliamento
della famiglia 500X dove approda la
versione a trazione anteriore spinta
dalmotoreaturboabenzina1.4da140
cv abbinato, di serie, al cambio a doppia frizione. Tuttavia evolve anche la
famiglia 500 con la sfiziosa variante
Vintage’57chetraeispirazioniformali dalla capostipite. Si presenta con un
allestimento interno lussuoso, con
tantodiselleriarivestitainpelleFraue
abbinamenticromaticitabaccoeavorio. Sotto i riflettori ginevrini sfilano
DA SCOPRIRE
Nuova selezione
di colori per Lancia Ypsilon
30th Anniversary
novità anche nella famiglia Panda, la
versione personalizzata secondo i vivaci dettami K-Way, e di Doblò. In
questo schieramento ecco la variante
Trekking che al taglio country abbina
anche il sistema Traction+ (ottimizza
la motricità sui fondi a bassa aderenza).
PerLancia,invece,Ginevraèl’occasione per festeggiare il 30˚ compleanno della fashion-car Ypsilon attraverso un’edizione speciale chiamata
30th Anniversary che, come il resto
dellafamiglia,puntaanchesull’esalta-
zionedellatavolozzadefinitaperlevesti introducendo nuove e specifiche
tinte.
PrincipalenovitàdicasaJeepè,invece, una nuova versione di Renegade.
Infatti, è spinta, dal motore MultiAir
1.4nellavarianteda140cvedèproposta, unicamente, con il cambio automaticoa9marceeconlatrazioneintegrale Active Drive. Accanto al più recente modello dell’iconico brand Usa
si pone anche una show-car: la RenegadeHardSteel.Realizzataincollaborazione con Mopar, marchio di riferimentoperiservizioltrechei ricambie
gli accessori per tutti i modelli di Fca,
anticipa future soluzioni dedicate alla
più giovane delle Jeep. La realizzazioneècostituitadaunaRenegadeopportunamente personalizzata che traina
un rimorchio, che riprende il design
della vettura, che ospita degli altoparlanti e un touch-screen che visualizza
tuttelefunzionalitàoffertedalsistema
UConnect. Principale attrazione allo
stand Abarth è la 595 Competizione
spintadalmotore1.4litriabenzinasovralimentato nell’inedita interpretazione da 180 cavalli.
38 Dossier Motori
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Salone di Ginevra
Show dei Maestri italiani del design
Da Pininfarina a Italdesign Giugiaro: la scuola piemontese è sempre in cattedra. Largo anche ai giovani dello Ied
Enrico Artifoni
È ormai tradizione, a Ginevra, la forte presenza degli atelier italiani, da sempre maestri
nel coniugare il lusso con l’eleganza, la tecnologia e la sportività,enell’anticipareletendenzedelcardesign.Edavveroemblematiche sono le novità presentatequest’annodaPininfarinaeItaldesignGiugiaro.Come la rassegna svizzera, Pininfarina compie 85 anni nel 2015
eli festeggia sul suo stand con il
primo dei sei esemplari della
Ferrari Sergio, roadster su base458Spiderchecelebralospiritoeivaloridelcarrozzieretorinese.Adueannidallapresentazione, sempre a Ginevra, della
conceptcar,laSergioèdiventatadunquerealtà:unaverafuoriserie, poiché ciascuna unità è
realizzata con un colore e una
configurazione interna differente. Proprio la capacità di disegnareecostruireautouniche
o in piccole serie, interpretandocosìi sognideiclienti,èstata
all’origine negli Anni ’30 e ’40
del secolo scorso della notorietà di Pininfarina. Su questa vocazione torna a puntare adesso
l’atelier di Cambiano: «Giunti
altraguardodegli85anni,ripartiamo con nuovo slancio proprio dalle nostre radici», dice
PININFARINA Ferrari Sergio, roadster su base 458 Spider
l'ad Silvio Pietro Angori.
Italdesign Giugiaro è a sua
volta protagonista con la concept Gea, studio per l’automobile di lusso del prossimo futuro. Disegnata, progettata e co-
leedalleporteconaperturaalibrochedannoaccesso,passando per un red carpet virtuale
proiettatoaterradaluciaLed,a
una vera e propria lounge. Con
l’adozione della tecnologia Pi-
loteddriving(guidasemi-automatica), il centro di controllo si
sposta dalla plancia a una sfera
traisediliposterioriconnessaa
uno smartphone Lg G-Flex, dal
qualesipuòinterveniresututte
IL CASO
Gli artigiani-battilastra esempio unico del lavoro fatto a mano
C’eranounavoltaibattilastra,artigiani specializzati nel trattamento a
mano dei metalli che lasciarono il segno su molti capolavori dell’industria
auto italiana. Ci sono ancora: seguendoleistruzionideldesignerdellaCarrozzeria Touring Superleggera, gli
ultimibattilastrahannodatoformaalla scocca in alluminio della BerlinettaLusso,fuoriserierealizzatasullaba-
R UVIDITÀ
Nuova Suzuki
Consumo ciclo combinato max 5,7 l/100km. CO2
www.suzuki.it
ITALDESIGN Ecco Gea, l’auto di lusso del prossimo futuro
struita a Moncalieri, Gea ha dimensioni da ammiraglia (5,37
metri di lunghezza) e un’architettura da classica berlina a tre
volumi, contraddetta però dall’assenza del montante centra-
E
sedellaFerrariF12berlinetta.Ilrisultato è lì da vedere, Ginevra: una vettura
chesullapurezzadellelineedell’originaleinnestaunafirmastilistica,lanervatura che corre lungo le fiancate, ripresa dalla Ferrari 166 Mm Inter che
fu di Gianni Agnelli. È, per ora, un
esemplare unico, commissionato da
un facoltoso collezionista.
EAr
R AFFINATEZZA
lefunzionidellavettura:oltrealle regolazioni più tradizionali,
trediversiambientichetrasformano Gea in ufficio viaggiante,
palestra di esercizi o vero letto
daFirstclass.Difrontealguidatore,iltradizionalequadrostrumenti è sostituito da un cluster
con uno schermo digitale da
12”, altri due da 3,5” sui lati e 6
pulsantitouch.Nellaparteinferiore del volante ridotto quasi a
unacloche,tretasticlassiciservono invece ad avviare o spegnere la vettura, selezionare le
marceolafunzionePiloteddriving. Materiali pregiati (dalla
pelle pergamena alla seta) e la
cura delle finiture secondo la
grande tradizione della manifattura italiana completano
un’opera che esalta il concetto
del lusso anche sottopelle, con
l’impiego di una scocca in alluminio, carbonio e magnesio e
di un futuristico powertrain
(quattromotorielettrici,perun
totaledi570kW,e375litridibatterie ricaricabili per induzione). Completano la passerella
l’interessante prototipo di una
coupé ibrida, realizzato dagli
studenti dell’Istituto europeo
didesigndiTorinoincollaborazione con Quattroruote e la
Touring Superleggera BerlinettaLusso,dicuiparliamodiffusamente a parte.
40 Dossier Motori
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Salone di Ginevra
PEUGEOT La 208 è tra le reginette esposte
CITROËN Il versatile Berlingo Multispace
RENAULT Il crossover Kadjar, novità del 2015
CITROËN La filante, raffinata e ambiziosa Ds5
DACIA Duster 10th Anniversary (gruppo Renault)
CITROËN Un’altra immagine del nuovo Berlingo
PEUGEOT La nuova 208 mentre viene svelata
RENAULT Kadjar è tra le più belle auto esposte
Massimo Mambretti
Dalla vicinissima Francia
approdanoa Ginevra con tante
importantinovitàPeugeoteCitroën che, con la neonata Ds
formanoilgruppoPsa,elarivale Renault. Sullo stand di quest’ultima sfila in prima visione
assolutaKadjar.ÈilprimocrossoverditagliamediadicasaRenault (è lungo 4,45 m) e si pone
peraspettoecontenutigeneralisopraCaptur,estrapolatadalla più compatta Clio. Ha una
personalità che la distacca nettamentedaKoleos,Suvgenerato da un modello coreano di
Samsung, marchio legato a Renault(comeNissaneInfiniti)oltre che Dacia, ed è il frutto di
quantooffronolesinergiediun
gruppo del settore automotive.
Infatti,sottolevestièlargamente imparentato con Nissan
Qashqai, modello di grande
successo, anche se le linee mu-
CITROËN
Sullo stand Berlingo
Multispace e le
nuove C4 e C3 Picasso
scolosemimetizzanoquestolegame attraverso stilemi che richiamano una recente showcar di casa Renault: Dezir. Kadjar, che all’aspetto sportiveggianteabbinaunabitacoloarredato in maniera sfiziosa, è proposta sia in versioni a trazione
integrale by Nissan che prevede tre modalità di funzionamento (Auto, Locke2wd) siain
varianti a trazione anteriore,
dotatediExtendedGrip.Èunsistema elettronico che ottimizza la motricità sui fondi a bassa
aderenza. Il repertorio motori,
invece,ètuttomadeinRenault.
Nel gruppo rientra, con Nissan
e Infiniti delle quali si parla a
parte,ancheDaciachepresenta le serie evocative 10th Anniversary di tutti i suoi modelli.
CitroënsipresentaaGinevra
con il nuovo Berlingo Multispace, affiancato anche dalla
concept-car Mountain Vibe rivolta agli amanti delle attività
outdoor, oltre che con la nuova
gammadellaberlinaC4elarinnovata C3 Picasso, anche nell’edizione speciale Black Top.
Berlingo Multispace alla grande funzionalità portata alla ribalta dai progenitori, impressa
Psa si fa in tre con «Ds»
I francesi sono iperattivi
Ds5 vuol dire la sua nel premium, Peugeot rinnova il best seller 208
Renault Kadjar entra in concorrenza nei Suv con l’alleata Nissan
tantodall’ampiezzaedallamodularità dell’interno quanto da
altri contenuti, affianca una
personalitàdistampoautomobilistico generata anche dall’adozioneditecnologie diultima generazione. Ecco, allora,
che viene proposto con motori
più efficienti, con l’Active City
Brake che attiva la frenata
d’emergenzaallebasseandature e il sistema d’infotainment
Touch Pad da 7”. La famiglia
dellaC4edizione2015,invendita in Italia solo per la clientela
Business, si caratterizza per il
leggeromaquillagecheinteressa soprattutto il frontale, l’adozionedelTouchPadda7”eilsistema di apertura e avviamento vettura senza chiavi, nonché
motoriabassoimpattoambientale. Si tratta dei benzina della
serie PureTech e dei turbodie-
sel BlueHdi, che ovviamente
con specifiche cilindrate e potenzeequipaggianoanchelefamiglie di Berlingo Multispace e
C3 Picasso. Innalzato recentemente al rango di marchio, Ds
debuttaconlanuovagenerazione di Ds5: l’ammiraglia dello
schieramento che porta allo
scoperto la nuova identità del
brand attraverso l’inedita
espressione del frontale e nu-
merosi contenuti hi-tech.
Ed eccoci al capitolo Peugeot.Lanovitàdispiccodellacasa
diSocheauxèlarinnovatafamigliadellacompatta208.Invenditadalprossimogiugno,rivela
lesue nuoveambizioni grazie a
un design esterno e interno aggiornatoe,soprattutto,aun’offerta piu ampia. Infatti, è arricchita da nuove motorizzazioni
Euro6(arrivanoanchetrenuo-
viturbodieselBlueHdieuninedito benzina PureTech) ed
equipaggiamenti più attuali.
Tra questi rientrano sia l’inedito cambio automatico a 6 marce sia dispositivi come il Mirror
Screen,checonsentedireplicare lo schermo dello smartphone nel display touchscreen del
sistemad’infotainment elafrenata d’emergenza che entra in
funzionesottoi30orari,oltreall’opzionale telecamera posteriore.
L’esordio della nuova famiglia208ècompletatodall’introduzione dello sportiveggiante
allestimentoGtLine,giàdisponibile per le 308 e 508, e da
un’edizione speciale della Gti.
Si tratta della 30th Anniversary che adotta un motore con
potenza innalzata a 208 cv, differenziale Torsen e impianto
frenante maggiorato rispetto a
quello delle consanguinee meno potenti.
PROGETTI
Quella voglia di «grandeur» che strizza l’occhio al lusso
Sotto la Torre Eiffel prende corpo un nuovo concetto di eleganza. E il marchio Ds si pone come battistrada
VEL SATIS
Renault, dopo
i lanci poco
fortunati di
Safrane
e Vel Satis
(nella foto),
può ora
beneficiare
delle nuove
sinergie con
Mercedes
Piero Evangelisti
C’è un dettaglio che al Salone di Ginevra sfuggirà
ai più; è un piccolo emblema, ma la sua scomparsa
dallarinnovataDs5 haun grandesignificato.Parliamo del double chevron che d’ora in avanti troveremosoltanto sulleCitroën enon sulleDsdivenute da
alcuni mesi una famiglia indipendente. Il lusso alla
francese,interpretatoconilgiustospirito,stainsomma prendendo corpo in un progetto nato appena
quattroannifaeletteralmenteesplosoconunagamma che in Europa può contare su soli tre modelli.
Per Citroën si tratta di un ritorno nei piani alti del
mercato dell’auto dove si era imposta con la prima
Dèesselanciatanel1955,l’autogiustaperilnazionalismo e la grandeur francesi, originale fino alla trasgressione e capace di conquistare anche americani. Il generale Charles De Gaulle poteva finalmente
DÈESSE
Citroën con la
nuova gamma
Ds intende
tornare nei
piani alti del
mercato. La
prima Dèesse
(nella foto uno
dei modelli) è
stata lanciata
nel 1955
contare su un’auto (debitamente trasformata da
Chapron)chenonsfiguravaconlelimousinedeglialtri capi di Stato. Il lusso, la cura dei dettagli, la scelta
di materiali pregiati, la qualità delle Ds di oggi sono
tuttaun’altracosa,perchésonoconiugaticontecnologied’avanguardianell’assistenzaalguidatore.Illavoro fatto sulla rinnovata Ds5 potrebbe apparire di
finetuninga unosguardodistratto,ma sitrattainvecediunaseriediinterventidecisivineldefinireilnuovo look della vettura.
Sul nuovo frontale spiccano la calandra verticale
DsWingsdiformaesagonale,lanuovafirmaluminosaeineditiproiettoricheabbinanoletecnologieLed
e Xeno. Posteriormente la carreggiata larga fornisce
alla Ds5 una raffinata imponenza. All’interno continuaarisaltareiltaglioaeronauticoconledueconsolecentralieuntouchscreenchecomprendeanchela
funzionediintegrazionedeglismartphoneNewMir-
ror Link. I motori con i quali Ds5 si presenterà sul
mercatoingiugnosonounThpda165cvconcambio
automatico,treBlueHdida120,150e180cveundiesel Hybrid 4x4 da 200 cavalli.
Èun’autopremiumDs5?Senelmondodellequattro ruote esiste una sola «patente» premium, vale a
dire quella del terzetto tedesco, allora Ds5 non lo è.
Ma crediamo che non voglia nemmeno esserlo potendocontaresustile,eleganza,charmeepersonalitàbenabbinateaunaqualitàcostruttivaeccellentee
a motori potenti, silenziosi eparchi nei consumi. Èil
lussosecondoifrancesiperilqualeicinesistannoletteralmente impazzendo.
UnlussoalqualeancheRenault,dopoinfeliciepisodi come Safrane o Vel Satis, potrebbe nuovamenteavvicinarsinonconunmodellomaconlivellidiallestimento al top (Initiale) per futuri modelli sfruttando anche la partnership con Mercedes-Benz.
Dossier Motori 43
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Salone di Ginevra
Gianfranco Fiumi
Due mesi e qualche giorno:
l’anno, in fondo, è appena cominciato. Eppure il numero di
modelli all’esordio dei marchi
tedeschi è già consistente, oltre
che significativo, come si può
notare a Ginevra. A cominciare
da Audi, che toglie i veli alla secondagenerazionedellasportiva R8, che monterà solo il 5.2
V10 Fsi condiviso con Lamborghini, in due varianti di potenza:610Cvperlapiù performanteR8 V10Plus e 540 cv per la R8
V10. Velocità massime rispettivamentedi330e323orari,da0a
100in 3,2e3,5 secondi. Cambio
solo S tronic a doppia frizione a
I tedeschi non fanno sconti
«Siamo i primi della classe»
Le anteprime dei «big» del premium abbracciano ormai tutti i segmenti
Tra Audi e Volkswagen duello in famiglia. L’eterna lotta Bmw-Mercedes
slanciata: Cla Shooting Brake,
modelloconlui lacasacompletala gammadellecompatteche
l’haproiettatainaltonelleclassifichedivendita,permettendole
di raggiungere un pubblico che
inmolticasinonavevamaicomprato una vettura del marchio.
Svelata al pubblico per la prima
volta a Ginevra, Cla Shooting
Brake è disponibile anche con
trazioneintegraleenellaversio-
CORSAIOLA
Porsche con Cayman Gt4
e Gt3 Rs, la più estrema
della gamma 911
ne super sportiva Cla 45 Amg
con motore 2.0 quattro cilindri
con turbo a doppio stadio da
360 cv e 250 orari (limitati elettronicamente),conaccelerazio-
NOVITÀ DA MONACO
Si chiama MyKIDIO
l’applicazione dedicata
ai bambini a bordo
neda0a100in4,7secondi.EspostoancheilconceptV-VisionE:
monovolume ibrido plug-in.
Da Bmw ecco la nuova Serie 2
Gran Tourer. Si tratta della varianteasettepostidellagiànota
Serie2ActiveToureredèlunga
4,55 metri (+21 cm) e alta 1,60
metri (+5 cm), con un passo di
2,78 metri (+11 cm). Curiosità:
laGranTourerportaaldebutto
lanuovaappMyKIDIO,chefornirà ai passeggeri più piccoli un
intrattenimentodedicatoattraverso tablet compatibili. Due le
novitàhighperformancediPorsche: la Cayman Gt4 realizzata
dalrepartoMotorsportedequipaggiata con il 6 cilindri boxer
3.8 da 385 cv derivato dalla 911
CarreraSelaGt3Rs,lapiùestremadellagamma911(500cv),supersportivacheconfermalatradizione Porsche in materia di
vetture ad alte prestazioni che
uniscono il mondo delle corse
con quello delle auto stradali
AUDI Presentata la seconda generazione della sportiva R8
7rapporti, nuova la trazione integrale quattro con autobloccante posteriore e frizione elettroidraulicamultidiscoanteriore,inluogodelprecedentegiuntoviscosoecapaceditrasmettere fino al 100% della coppia a
uno soltanto dei due assi. Più
leggeradi50kggrazieall’adozione di nuovi materiali leggeri, la
R8 non manca di finezze hightech: come i gruppi ottici anteriori laser o, per l’abitacolo, lo
scenograficocruscottoAudivirtualcockpitchehaesorditosulla Tt. Dal prodotto alle concept:
la novità Audi è la Prologue
Avant, variante a cinque porte
della coupé svelata in novembre al Salone di Los Angeles.
Lunga 5,11 metri e larga 1,97, la
Prologue è un’Avant come non
si era mai vista prima: filante e
slanciata, si avvicina più all’ideadiuna«sportback»diprestigio che a quella di una vera
wagon.Rispettoallacoupécambiail motore: inluogo del V8 biturbo da 605 cv dell’originale,
qui trova posto il diesel-ibrido
plug-in della Q7 e-tron quattro,
ulteriormente sviluppato in
chiave prestazionale, come testimoniato da 5,1” dichiarati
nello0-100.Abordolamultimedialitàregna sovrana,con tanto
di funzione ribattezzata «butler» che riconosce chi si avvicina all’auto grazie al suo smartphone, e imposta di conseguenza tutte le preferenze: musica, temperatura, regolazioni
dei sedili.
Come Audi, anche Volkswagen ha una concept per Ginevra: Sport Coupé Concept Gte,
sichiamaeprefiguraunacoupé
a quattro porte su base Passat,
masoprattuttomostraperlaprimavoltailnuovocorsostilistico
del marchio, sotto forma di un
modello caratterizzato da proporzioni particolarmente sportive.Quantoalprodottodiserie,
VolkswagenfadebuttarelaPassat Alltrack, una variante più
«tuttoterreno»dellastationPassat con assetto rialzato e trazioneintegrale 4Motion e la nuova
Touran, più lunga di 13 cm rispetto all’attuale a beneficio di
unamaggioreabitabilitàediun
bagagliaio più capiente. Ampia
sceltaperimotori:l’offertacomprende tre benzina Tsi, da 110,
150 e 180 cv e altrettanti diesel
Tdi, da 110, 150 e 190 cv.
Da Mercedes arriva una station dalla linea molto sportiva e
FORD E OPEL
Ecco la Focus più prestazionale di sempre
Corsa Opc e la «baby» Karl si presentano
FORD
Ford Rs si riconosce per il
frontale rivisto per
accogliere le prese d’aria
maggiorate, mentre al
posteriore spiccano
l’alettone e il diffusore
che ingloba i due
possenti terminali di
scarico cromati. Sistema
d’infotainment Sync 2
BMW Abitacolo da sette posti per l’innovativa Gran Tourer
OPEL
In 3 metri e 68 di
lunghezza e 1,48 di
altezza la nuova city-car
Opel Karl, nella foto, offre
posto per 5 persone. Con
un passo di 2,38 metri è
ottimo anche lo spazio a
disposizione dei bagagli:
la casa dichiara fino a
1.000 litri (divanetto giù)
MERCEDES Cla Shooting Brake è una station dalla linea sportiva
VOLKSWAGEN Passat Alltrack, variante «tuttoterreno» di Passat
PORSCHE Gt3 Rs la più estrema della gamma 911 (500 cv)
BMW La Serie 1 si propone come un modello tutto nuovo
Fordaccelera conlesportivepresentando
aGinevralaRs,ovverolaFocuspiùprestazionale di sempre. Opel si rilancia nel segmento
delle city-car con Karl e da una ex city-car come laCorsa ricava una piccola Gt,ribattezzata Opc. Costruttori generalisti sì, Ford e Opel,
maanchemoltoattentiallaqualitàdelprodotto. Prendiamo la Focus Rs. Sotto il cofano
montaunquattrocilindriEcoboostconturbocompressore twin-scroll di 2.3 litri da oltre
320cve420Nmdicoppia,abbinatoauncambio manuale a 6 rapporti: è lo stesso motore
che equipaggia la nuova Mustang.
La trazione è integrale con Dynamic Torque Vectoring, con una ripartizione intelligentedellacoppiasuidueassifinoaunmassimo del 70% al posteriore (con il 100% su ogni
singolaruota),massimizzandocosìstabilitàe
trazione.
Lamessaapuntodelledinamichediguidaè
stata completata con sospensioni sportive
con molle, boccole e barre antirollio più rigide rispetto alla Focus St. Gli ammortizzatori
possono essere regolati in modalità strada o
pistaperunassettoancorapiùprecisodurante i track-day. Il servosterzo elettrico (Epas) è
statocalibratoperlavorare insinergia consospensionianterioriepiùrigideeconbraccetti
alunghezzaridotta,pertrasmettereuncontattoancorapiùdirettoereattivoconlastrada. A
livello estetico, la Rs si riconosce per il frontalerivistoperaccoglierelepresed’ariamaggiorate, mentre al posteriore spiccano l’alettone
eil diffusore che ingloba i due possenti terminali di scarico cromati. L’abitacolo propone
sedili in pelle sportivi e il sistema d’infotainment Sync 2 con touchscreen da 8”.
EoraOpel:in3metrie68dilunghezzae1,48
di altezza la nuova city-car Karl offre spazio
per5persone.Conunpassodi2,38metrièottimoanchelospazioadisposizionedeibagagli:
la casa dichiara fino a 1.000 litri abbattendo il
divanetto posteriore frazionabile (40/60, optional).Sottoilcofanodebuttaun1.0trecilindri dialluminio a benzina Ecotec da75cv, abbinato al cambio manuale a 5 marce. Anche
graziealpesocontenutoin939kgeall’aerodinamica ottimizzata, la city-car tedesca prometteconsumiedemissionimedinell’ordine
di 4,3 litri/100 km e di 99 grammi/km di CO2.
Tre i livelli di allestimento previsti, Essentia,
Enjoy e Cosmo, dieci i colori per la carrozzeria.RealizzatadalPerformancecenterdiRüsselsheim, la nuova Corsa Opc monta un propulsore1.6abenzinaturboda207cve245Nm
dicoppiadisponibile tra1.900 e5.800 giri, abbinato a un cambio manuale a 6 marce dal leveraggio corto. E grazie alla funzione overboost è possibile disporre di ulteriori 35 Nm. La
Corsa Opc monta pneumatici sportivi da
215/45 su cerchi da17” eun impianto frenantecondischianteriorida308mm.Quantoalle
prestazioni,accelerada0a100in6,8”etoccai
230 orari. Numeri degni di una compatta racing: non a caso il telaio, dotato di un sistema
di ammortizzatori a smorzamento selettivo
infunzionedellafrequenza(FrequencySelective Damping), è stato sviluppato in una serie
di test specifici al Nürburgring.
GFiu
44 Dossier Motori
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Salone di Ginevra
HONDA Linea più giovane per la nuova Jazz
SUZUKI Tra le novità ecco la i-M4
TOYOTA La nuova Avensis esposta sullo stand
LEXUS Il concept Lf-Sa, un mini crossover
NISSAN Il concept prefigura un’erede di Micra
MITSUBISHI Xr-Phev II, concept ibrido plug-in
SUBARU Levorg è un’inedita wagon sportiva
INFINITI Qx30, futuro crossover compatto
Piùcheuntaccuinoservirebbe un lenzuolo per contenere
l'elenco delle novità che i costruttori asiatici fanno esordire
a Ginevra. È un vero tourbillon
di modelli che promette di ridisegnare la torta delle vendite di
auto,apartiredaquelleditaglia
media,chenotoriamentecostituiscono il cuore del mercato
europeo. Prendete Honda, tra i
giapponesi.AGinevrapresenta
unpokerdinovitàsignificativo:
Jazz,Hr-V,JazzeCivicType-R.
Giuntaallaterzagenerazionela
Jazz, disponibile in Europa in
estate,sfruttaun’ineditapiattaforma tecnica condivisa con la
nuova crossover Hr-V e che
mantienelaparticolareposizione del serbatoio sotto ai sedili
anteriori, lasciando così ampio
spazio nella zona posteriore sia
per i passeggeri che per i bagagli. Alla Jazz si affianca la Hr-V,
anch’essa attesa per l’estate,
nelleversioniatrazioneanterio-
L’OFFERTA
Dalle city-car ai Suv
Le ultime proposte
in tema di ibrido plug-in
re con motori Euro 6 1.5 i-Vtec
benzina con130 cv e 1.6 i-dTEC
diesel da 120 cv.
Sulfrontesicurezza,imodelli
offrirannodiserielafrenataautomatica a bassa velocità. Con
la Type-R spinta da un poderoso motore Vtec 2.0 turbo, invece, Honda torna in grande stile
nelsettoredellecompatteadalte prestazioni.
Dal prodotto alle concept, la
ritrovata vitalità dei marchi
giapponesitrovaconfermanelle due proposte Suzuki, ribattezzate iK-2 e iM-4. Scelta non
casuale, quella di portarle alla
rassegna elvetica, dato che le
nuoveshow-carsonocaratterizzate da dimensioni compatte e
sembrano pensate proprio per
il mercato europeo. La iK-2, in
particolare, interpreta il tema
della compatta pensata per la
città, mentre la iM-4 affronta il
tema della «mini-fuoristrada»,
segmentodoveSuzukihastoria
ed esperienza da vendere.
Restyling, ma importanti,
quelli svelati da Toyota. Due i
modelli interessati: Auris e
Avensis. Quest’ultima, sempre
proposta nelle varianti berlina
e wagon, è stata profondamen-
Il derby Giappone-Corea
Risultato: novità a raffica
Scatenata Honda con Jazz, Hr-V e Type-R. Le risposte di Suzuki, Nissan-Infiniti,
Toyota-Lexus, Subaru e Mitsubishi. Hyundai con Tucson, Kia presenta il futuro
terivistaalivelloesteticosoprattutto sul frontale, per allineare
lostileaquellodeglialtrimodellidellacasagiapponese.PerAurisilrestylingnonstravolgeildesign ma lo rende più dinamico,
mentreper imotori, oltre a propulsori a benzina e diesel aggiornati,previstal’immancabileibrida,chenel2014 hapesato
per circa la metà delle vendite
totalidelmodello.Tornandoal-
le concept, una novità in casa
Toyota arriva dal marchio
LexusconlaLf-Sa,unminicrossover. Ed è un concept anche
l’anteprima di Mitsubishi: XrPhev II, che anticipa una crossovercompattaconpowertrain
ibrido plug-in, che sul mercato
potrebbe affiancare la Outlander Phev. Subaru, invece, si fa
indue,nelsenso dinovità: Outback e Levorg. Questa torna
con uno stile completamente
rinnovatoecontenutihitechcomeilpacchettodi assistenzaalla guida EyeSight. Levorg è una
propostadeltuttoineditadistation wagon sportiva. Da Nissan
unaconceptmoltoimportante:
Sway, che prefigura lo stile di
un’erede della Micra, che non
potrebbe essere più diversa da
quella attuale ed è un concept
anche la novità di Infiniti,
branddiprestigioNissan.Sitratta della Qx30, crossover compatto destinato principalmente all’Europa. E i coreani? DebuttoeuropeoperMazdaCX-3,
interessante Suv dalle dimensioni compatte.
Kia stupisce con Sportspace
Concept, che in un solo colpo
mostra il futuro del design del
marchio e prefigura l’arrivo di
un’inedita wagon nella gam-
ma, chiaro riferimento all’interesse verso il mercato europeo,
visto che è stata disegnata dal
Centro stile di Francoforte. Oltre alla Sportspace, Kia espone
sia il restyling della city-car Picanto, in vendita a fine anno
con la consueta garanzia valida
7 anni o 150mila km inclusa nel
prezzo, sia un nuovo motore a
benzina 3 cilindri 1.0 da 120 cv
dipotenzamassimaperlagammaCee’d,perl’occasionearricchita dalla disponibilità di un
kit estetico sportivo ribattezzato Gt Line. Hyundai espone la
nuova Tucson, Suv erede della
iX35 e che sarà in vendita nella
seconda metà dell’anno con
cinquemotoriericchedotazioni tra cui un nuovo navigatore
più rapido con sette anni di aggiornamenti Tom Tom Live inclusi.NovitàSuvcondimensionicompatteenomeitaliano,Tivoli, da Ssangyong.
GFiu
SUPERCAR
Linee estreme, prestazioni incredibili: i sogni da toccare
Honda rilancia il mito Nsx e Ford quello Gt. I «fulmini» di Lamborghini, McLaren, Amg e Aston Martin
LAMBORGHINI
Lo stand
di Lamborghini
con il bolide
Aventador
Lp 750-4
Superveloce,
supercar più
estrema
e reattiva di
sempre con i
suoi 750 cv
Gianfranco Fiumi
Incredibili, ma supercar. Nel tempio politeista
dell’automobile,dove alberga ogni genere didivinità,ilvariopintorecintodelleautoadaltissimeprestazioninon èmai stato tanto vivace come oggi e un po’
dovunque c’è sempre un compratore pronto a mettersi pazientemente in lista. Del resto, basta dare
un’occhiataalletantenovitàesposteaGinevra,ilSalone più glamour dell’anno, per rendersi conto di
quanto sia effervescente il settore delle supercar.
Un successo annunciato, e svelato in prima europea, è il ritorno di un mito: Honda Nsx, come la Nsx
lanciata esattamente 25 anni fa. Inedito il V6 biturbo, così come il cambio doppia frizione a 9 marce e i
tre motori elettrici del sistema Sport Hybrid e anche
la scocca, uno spaceframe multi materiale particolarmente rigido e leggero, si preannuncia all’avan-
HONDA
In casa Honda
torna il mito
Nsx, modello
lanciato 25
anni fa.
Inedito il V6
biturbo e lo
spaceframe
multi
materiale
rigido e leggero
guardia per i materiali adottati: fibra di carbonio, alluminio e acciai ad alta resistenza. Spettacolare la
nuovaLamborghiniAventador Lp750-4Superveloce,lapiùestremaereattivadisempregraziealV12
aspiratodi6.5litripotenziatoa750cvperunavelocità massima di oltre 350 orari e accelerazione da 0 a
100 in 2,8 secondi. Sarà in vendita dalla prossima
estate, alprezzo di 327.190 euro. Battesimo europeo
aGinevraperlaFordGt:èl’eredespiritualediquella
Gt40 che dominò la 24 Ore di Le Mans dal 1966 al
1969.LaGthamotorecentrale,trazioneposterioree
fa ampio uso di materiali leggeri come l’alluminio e
la fibra di carbonio per un rapporto peso/potenza ai
vertici della categoria. Il motore, lasciato in bella vista, è un 3.5 V6 EcoBoost biturbo da oltre 600 cv: è il
piùpotenteEcoBoostdisempre.DaMcLarenarriva
la coupé 675Lt, il modello più veloce della gamma
Sport Series che già comprende la 625C e la 650S.
Sottoilcofano,montaun3.8V8biturboda675cvche
si avvale di parti per il 50% inedite rispetto a quelle
delmodellod’origine:nuovesonoleturbine,cosìcomealcunidettaglidellatestata,icollettoridiscarico,
gli alberi a camme e la pompa della benzina. Secondo quanto reso noto dalla casa inglese, la 675LT copre lo sprint 0-100 in 2,9 secondi, raggiunge i 200 in
7,9 secondi e tocca una velocità di punta pari a 330
orari. A fianco della 675LT, debutta a Ginevra una
McLaren da corsa: la P1 Gtr con un powertrain ibrido che eroga 1.000 cv, di cui 200 erogati dal motore
elettrico. Altra supercar da competizione made in
England è la Aston Martin Vulcan con motore V12
7.0 da oltre 800 cv: sarà prodotta in 24 esemplari ma
nonsaràomologataperl’usostradale.NascepercorrereanchelaGt3:èlaversioneracingdellacoupéultra sportiva Amg Gt: è l'erede della Sls GT3 che tanti
successi ha conquistato in pista dal 2010 a oggi.
46 LA PAROLA AI LETTORI
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
»
il Giornale
Direttore responsabile
ALESSANDRO SALLUSTI
Vice Direttori
GIUSEPPE DE BELLIS
NICOLA PORRO
SALVATORE TRAMONTANO
Capo Redazione Romana
VITTORIO MACIOCE
Società Europea di Edizioni spa
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
Presidente
GIAN GALEAZZO BIAZZI VERGANI
Amministratore Delegato
ANDREA FAVARI
Consiglieri
ALESSIA BERLUSCONI
LUNA BERLUSCONI
PAOLO BERLUSCONI
ANDREA CANEPA
FEDELE CONFALONIERI
MAURO CRIPPA
ALESSANDRO MUNARI
GIUSEPPE ORLANDO
GIOVANNI PUERARI
Direttore operativo
LUCA ZUCCOLI
Responsabile grafico
MAURO BROLIS
Sedi
20123 Milano
Via G. Negri 4 - Tel. 02/85661
Telefax 02/72023859-72023880
00193 Roma
Via Terenzio 35
Tel. 06/69003.1
Interni Fax 06/6786826
E-MAIL
[email protected]
CONCESSIONARIADIPUBBLICITÀ
VISIBILIAsrl-COMMERCIALENAZIONALE-VIASENATO n. 8 - 20121 MILANO - TEL. 02/36586750 - FAX
02/36586774 - VIA DELLA PURIFICAZIONE n. 94/95 00187 ROMA - TEL. 06/95213200/01/02 - FAX
06/95213233-e-mail:info visibilia.eu
@
FINANZIARIA,SERVIZISPECIALI,ANNUNCIECONOMICI,RICERCHEEOFFERTEDIPERSONALE,NECROLOGIE, LEGALE-NAZIONALE; EDIZIONE MILANO
DISTRIBUTORE NAZIONALE:
PRESS-DI SRL - VIA MONDADORI 1 - SEGRATE (MI)
la stanza di Mario Cervi
IlsignorRenziamaciangottaredisprechi,rottamazioni,spendingreview, e ovviamente non dà il buon esempio. Eccolo, il simil Granduca
di Toscana, che per andare da Firenze a Roma sale su un elicottero,
nonsoseblu.Mainsommachecosavuoledimostrare?Dipoterusare
imezzipagatidanoipoveritartassaticomeunbimbochevuoleungiocattolo nuovo? Mattarella che dirà?
Daniela Portaluppi
e-mail
Cara amica, sono un nemico giurato delle auto blu e della spocchia arrogante con cui molti personaggi pubblici se ne servono. Tranne casi
palesemente eccezionali - come quelli del capo dello Stato e del capo
del governo - questi privilegiati potrebbero e anzi dovrebbero fare un
largousoditassì,senzaautistiimpalatiadattenderliaccantoallevettu-
Alfano perde consensi
ma mantiene le poltrone
ABBONAMENTI: PRESS-DI S.R.L.
TEL. 199118800 (tariffa max, nazionale, 0,1188+
IVA alminuto senzascatto allarisposta; da telefonia mobile in base alle tariffe del gestore); FAX
0307772390; e-mail
[email protected]
INFORMATIVA ABBONATI
Aisensidell'articolo13delD.lgs.196del2003,laSocietàEuropeadiEdizioni,titolaredeltrattamentoinformagliabbonaticheidatipersonaliverrannotrattati con modalità informatiche o manuali solo per
l'inviodeIlGiornale,ancheavvalendosidiresponsabiliedincaricatiprepostidall'Editoreall'esecuzione
deiserviziperlaspedizioneolaregistrazionecontabile. L'editore garantisce la massima riservatezza
deidatifornitidagliabbonatielapossibilitàdirichiedernegratuitamentelarettificaolacancellazioneai
sensidell'art.7D.leg.196/2003scrivendoalresponsabile del trattamento Press-Di Srl, Ufficio Privacy Via Mondadori 1 - 20090 Segrate (Mi) - Email: [email protected]
TARIFFE ABBONAMENTI POSTALI
5 numeri settimanali
ANNUALE (LUN-VEN): ...............................................EURO 265
SEMESTRALE (LUN-VEN): .......................................EURO 135
TRIMESTRALE (LUN-VEN): .......................................EURO 70
4 numeri settimanali
ANNUALE (MAR-VEN): ............................................EURO 215
SEMESTRALE (MAR-VEN): .....................................EURO 108
TRIMESTRALE (MAR-VEN): ....................................EURO 57
PREZZIVENDITE CONGIUNTE OBBLIGATORIE
LIGURIA E ZONE LIMITROFE: + IL GIORNALE
DELLA LIGURIA .........................................................EURO 1,40
PREZZIALL’ESTERO (solo per l’edizione cartacea)
F .................................................................................... EURO 2,40
SLO................................................................................EURO 2.80
HR .................................................................................HRK 21.00
CH .....................................................................................CHF 3.50
ILGIORNALE
Reg. Trib. Milano N. 215 del 29-5-1982
ILGIORNALE DEL LUNEDÌ
Reg. Trib. Milano N. 500 DEL 24-12-1982
Responsabile del trattamento dati
(D.Lgs. 196/2003): il direttore responsabile
CERTIFICATO ADS N. 7972
DEL 09-02-2015
LA TIRATURA DI MERCOLEDÌ 4.3.2015
È STATA DI 165.256 COPIE
La vignetta di Krancic
Franca Gentili
e-mail
IL CASO NEMTSOV
Obama non ha titolo
per sollecitare i russi
Giuseppe Monti
e-mail
Il duo Salvini-Meloni
e il «pericolo fascista»
Disponibili le copie degli ultimi dodici mesi, salvo
esaurimento scorte, a 4,00 cad. con richiesta all’Ufficio Arretrati. Servizio clienti: LUN.-VEN. DALLE 10.00 ALLE 13.00 E DALLE 14.00 ALLE 16.00 TEL.
02/85.66.484;FAX02/85.66.391;[email protected]
ilgiornale.it
Acquista su: store.ilgiornale.it
Nobel economisti si sono
espressi proprio sulla positività dell’uscita da questa fallimentare moneta unica, in special modo per Paesi come Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Grecia e Irlanda. Che Salvini e Marine Le Pen abbiano effettivamente ragione?
Alfano piùfa la voce grossa e più
fa mancare i risultati. Al seguito
del Pd è trascinato in decisioni
cheuntempoaborriva.Cosìprocedendo il suo partitino, anche
sepagodipoltroneepotere,continueràaperdereconsensi, perché gli elettori di centrodestra,
contrariamente a come li dipingono i mistificatori della sinistra, non sono tutti scemi.
SOLITO ALIBI DELLA SINISTRA
ARRETRATI QUOTIDIANO:
re. Nelle critiche spesso e volentieri rivolte ai dignitari in blu (auto) mi
paretuttaviadi rilevareuna contraddizione.Se usanoun mezzodiStato viene legittimamente deplorato lo spreco di denaro del contribuente.Mase-comeSergioMattarellaeprimadiluiSandroPertini-viaggiano, si fa per dire, come un comune cittadino affollando aerei, tram e
trenidipoliziotti,carabinierieseguito,siparladidemagogia,osservandocheacontifattilascelta«democratica»èpiùcostosadellasceltaprevista dal protocollo. Ma forse, l’ho già scritto, la colpa non è del mezzo
ditrasporto. Lacolpaè diuna annunciteacausadella qualegiornalisti,
telereporter,fotoreportersannoinanticipodoveandràilpotente,ecome ci andrà. Mi pare che questo tipo di accusa non possa essere mossa
al trasferimento in elicottero di Renzi, reso noto per il maltempo. Poi si
può discutere all’infinito sulla opportunità e sulla necessità dei viaggi.
Penso che le alte cariche ne facciano troppi, in gran parte inutili.
Anzi, l’italiana
Ha visto caro Granzotto?
Renzihapromossounacommissione per far imparare a
tutti gli italiani l’uso corretto della lingua italiana in
un’ottica rispettosa di entrambi i generi. Per la gioia
della presidenta Boldrina e
di tutti quelli che al liceo in
Italiano prendevano sempre3.Allafacciadelbicarbonato di sodio avrebbe detto
Totò.
Massimiliano Pusceddu
e-mail
ELETTORI DI CENTRODESTRA
DALLE 16.30 ALLE 20.00;
FAX 02/85.66.270;
e-mail: [email protected]
QUALIPRINTERS S.R.L., Via Enrico Mattei 2, Villasanta (MB), Tel. 039/302992 - STAMPA QUOTIDIANA S.R.L., Loc. Colle Marcangeli, Oricola (AQ), Tel.
0863/997451-S.T.S.S.P.A.,Zonaindustrialestrada
5ª n. 35, Catania, Tel. 095/591303 - FINEGIL EDITORIALE SpA Divisione Nuova Sardegna z.i. Predda
Niedda,strada 31, 07100 Sassari,Tel. 079/222400
Renzi difende
I viaggi delle alte cariche dello Stato? Troppi e quasi tutti inutili l’italiano
NECROLOGIE: TEL. 02/85.66.280
STAMPA:
di Paolo Granzotto
L’angolo
di Granzotto
Andiamoci piano a bollare tutto subito come «estremismo di
destrapericoloso»,comesuccede praticamente da 70 anni in
Italia appena si muove qualcosa in quell’area. Ora tocca al
duo Salvini-Meloni. Non tutto
condivisibileciòchedicono,parole forti, ma anche tante verità
che in questa situazione tanta
gente avverte come esigenza di
chiarezza. Né si incantano più
le persone prospettando «il pericolo fascista» perché ci sono
migliaia di persone più che altro nostalgiche; è un alibi della
sinistra per far dimenticare la
propria storia. Bisogna solo
pensare all’unità del centrodestra per le «regionali». Per il seguito, è prematuro sapere se favorirà Renzi il presunto «estremismo con chiarezza» oppure
il «moderatismo con confusione». Purtroppo il momento è
questo.
Pietro Ferretti
e-mail
E IL DEBITO PUBBLICO SALE...
Matteo vuole assumere
150mila insegnanti
Altra propaganda pagata dai
cittadini: Matteo Renzi assume 150mila nuovi insegnanti.
Il premier sostiene così di voler stabilizzare i precari, in realtàindiceunconcorsopubblico e incrementa i dipendenti
statali. Infligge, così, un nuovo
colpo al debito pubblico. Ma
dove li prende i soldi? Come
per gli 80 euro, dalle tasche di
chi non ce la fa più. Prima ci sarebbe da ricostruire la cultura
dell’insegnante che, per decenni,èstata distrutta,epoi vedere se davvero occorrono tutti questi dipendenti o serve solo più qualità.
Patrizio Pesce
Livorno
PROCESSO AGENZIE DI RATING
BIMBA MORTA DENUTRITA
Renzi se ne frega
dei miliardi di penale
Dal Comune di Milano
nessun aiuto ai genitori
Renato Farina si illude se pensa
che il ragazzo fiorentino, premier per decreto presidenziale,
prendaunaereoecondueavvocativadaaTrani,doveiltribunale locale sta indagando sulla
brutta faccenda del 2011 quando Berlusconi fu disarcionato
dapremieraoperadispeculatorifinanziaridilivellointernazionale.Renzi,infatti,sièinstallato
a Palazzo Chigi con l’assenso di
queipotericheasuotempoinsediarono prima Monti e poi Letta. Ergo non può andare contro
chi lo ha creato presidente del
Consiglio. E chi se ne frega dei
miliardicheilBelPaesehadovuto sborsare come penale.
Dall’intervista del papà della
bambina morta a Milano per
denutrizione emerge che i genitori, senza lavoro né mezzi
di sostentamento, si erano rivolti al Comune, quello retto
da Pisapia che mette al primo
posto il proletariato.
E in tutta risposta si sono beccati un due di picche in quanto
nonsposati e quindi nonmeritevoli di aiuto. I miei complimenti, anche a chi ha votato
quei pagliacci e soprattutto a
chi non sta dicendo una parolasull’accaduto,macheavrebbe vomitato di tutto se il sindaco fosse stato un ignobile berlusconiano o un becero leghista che pensa solo alla Padania.
Piero Casati
e-mail
ALLEANZE ELETTORALI
Giorgio Reguzzoni
e-mail
Il Cav scelga la Lega
PRIMO IMPEGNO ALL’ESTERO
e lasci perdere Angelino Mattarella corre
Berlusconifarebbeungraveerro- a trovare la Merkel
rese,messodifronteall’alternati-
vaSalvinioAlfano,dovesseoptare per il secondo. Per il semplice
fatto(ma non solo) che elettoralmente Salvini vale cinque volte
Alfano. Per cui solo un’alleanza
con il leghista consentirebbe a Fi
di superare il M5S e raggiungere
il secondo posto. Che, con la legge elettorale alle viste, è la condizione necessaria per andare al
ballottaggio (sempre che il Pd rimanga sotto il 40 per cento, com’è del resto prevedibile). Poi, al
ballottaggio,tuttoèpossibile.Persinoche vincaFi.Cosa che mai si
verificherebbe se Berlusconi dovesse allearsi con Alfano.
Giglio Reduzzi
e-mail
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si reca
per la prima volta all’estero, e
guarda caso va in Germania da
Angela Merkel: una genuflessione?
Riccardo Dietrich
Milano
ITALIA AL VERDE
Perché non è possibile
uscire dall’euro?
Vorrei capire perchéquasi tuttiipartiti sonocontrariall’uscita da questo euro disastroso
che ha ridotto in ginocchio la
nostra economia e in miseria
tanti italiani, soprattutto considerando che parecchi premi
Da che pulpito viene la predica, verrebbe da dire. Il presidente degli Usa, Barack Obama, sollecita le autorità russe a
fare chiarezza sull’omicidio
del dissidente Boris Nemtsov.
Provi lui, invece, a dirci chi ha
ucciso Kennedy perché da oltremezzosecoloilmondo ècostretto ancora a credere alle
bufale contenute nel rapporto
Warren.
Tiziano Dalla Riva
Bologna
NERAZZURRI DELUSI
Kovacic non è proprio
un giocatore da Inter
L’Inter ha perso in casa con la
Fiorentina e, purtroppo, ha
giocato in dieci per più di
un’ora, ovvero sino a che è restato in campo Kovacic. Non
riesco a capire come il giovane
croato,dalla stampa specializzata d anche da Mancini possa
essereconsiderato un giocatore da Inter. Uno che non verticalizza mai ma dribbla e appoggia la palla sempre indietro, uno che non è mezza punta né regista di centrocampo e
che per giunta è lento, non può
giocare titolare nella Beneamata, al massimo può entrare
negli ultimi dieci minuti, se si
sta vincendo, per far perdere
ritmo e concentrazione pure
agli avversari con i suoi ripetuti titic e titoc corti a ritroso.
Da quanto ho letto, caro Pusceddu,uncomitato«compostodaesperteedesperti»,tanto per essere subito linguisticamente corretti, presenterà
le«lineeguida»perglistatalie
per«ilsettoredeimedia».Detto in italiano, gli organi di informazione. Essendoci dentro,lelineedovrannoguidare
ancheme.Nonstonellapelle.
Fineultimodellariformarenziana è la rivoluzione. Legga
qui:«Promuovereunlinguaggioprivodistereotipiedivisioni degradanti del femminile
(quello“delmaschile”puòrestare.Davvero,nonc’ègiustizia,ndr)fapartediunarivoluzioneculturalecheènecessariaperlalottaallaviolenzasulledonne».Bon,fermorestando che io, le donne, nemmeno con un fiore, mi chiedo
qualisianoglistereotipi,qualilevisionidegradantichelarivoluzione vorrebbe emendare.Vistal’ipersensibilitàdigenere, credo che non si potrà
più scrivere, mettiamo, «Gli
uomini preferiscono le bionde» (degradante nei confronti delle brune. Per non parlar
delle rosse), come da titolo
delfilmdiHowardHawkscon
Jane Russell e Marilina. O
«Cherchez la femme», come
da indicazione di Dumas padre.«Cherchezl’homme»andràinvecebenone.Per«cherchez la tapette» si attendono
disposizioni.Iocomunquesonoaposto,essendomidatempoportatoavantinelfemminilizzarequandoserveper«promuovereunlinguaggio»indiscriminante: capitana, briganta, nipota, presida, consorta,ereda,testimona,burocrata, amanta, capastazione,
coccodrilla («ella versava lacrimedicoccodrilla»)eviaandare.Piùrivoluzionariodicosìnonsipuò.SfidolaPresidenta Boldrina ad affermare il
contrario.
Roberto Brambilla
Milano
»
Il santo del giorno
www.rinocammilleri.com
Conone
Al tempo dell’imperatore Decio viveva a Magydos in Panfilia (oggi in Turchia)uncristianodinomeCononechelagentechiamava«l’ortolano»perché coltivava un suoorto e di quellocampava.Scoppiata la persecuzione
nel249,incappòinunaretatadicristianiordinatadalprefettoPollione.Al
processo,aCononefuchiesto,perprassiburocratica,nomeeprovenienza.Dissediessere nato aNazarete diappartenerealla famigliadiCristo.
Indispettitodallarispostailmagistratoordinòdipiantarglideichiodinei
piedi e di farlo correre davanti a una biga finché non schiattava.
TELEVISIONE 47
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Il consiglio
Lo sconsiglio
Anna Karenina
La mala educaciòn
21.10 CANALE 5
(Usa, 2012) di
Joe Wright con
Keira Knightley
- Prima tv
Durata: 2.01
VOTO
7/8
COMMEDIA Mosca, 1874. Cerca di
frenare l'improvvisa passione AnnaKarenina(KeiraKnightley),infelicementesposataall'influenteministroAlexsejKarenin(JudeLaw),che
le ha dato un figlio. Ma non resiste
alla corte di uno sfrontato farfallone, il conte Alexsej Vronskij (Aaron
Taylor-Johnson). E il treno dei desideri all'incontrario va. Raffinato,
sontuoso,emozionantemelò,ennesima,finalmentemagnifica,trasposizione del romanzo di Tolstoj. La
grande trovata, indigeribile per il
pubblicodeIpopcorn,èl'ambientazione tetrale. Quattro nomination,
senza alcun Oscar, per fotografia,
languorosacolonnasonora,scenografia e costumi.
di Massimo
Bertarelli
DRAMMATICO Madrid, 1980. Il giovane regista Enrique (Fele Martinez)riceveconfastidiol'anticocompagno di studi Ignacio (Gael Garcia
Bernal). Adesso michiamo Angel,ti
hoportato unmioracconto ispirato
allanostrainfanziaincollegio,chissà che non ti possa servire. Contorto, sconcio e pallosissimo dramma
sentimentale dell'irrecuperabile
presunto genio Pedro Almodovar,
che, per la prima volta interamente
al maschile, s'inabissa in una complicatissima storia d'amicizia e
d'amore.Unapiramidediscatolecinesi costruita con fumosa abilità,
dacuinonescemancounadonna,e
che lascerà l'amaro in bocca perfino ai tanti fan della sua sponda.
21.00 IRIS
(Spagna, 2004)
di Pedro
Almodovar con
Gael Garcia
Bernal
Durata: 1.44
VOTO
0
» L’@sociale
di Alessandro Gnocchi
Il karaoke diventa globale con Musixmatch
Q
uantevolte,ascoltandounbranocheamate,visietechiestiqualesiaesattamenteiltesto, perché vi sfugge qualche parola? Probabilmentemolte.Perovviareall’inconvenienteSpotify,serviziodimusicainstreaming,halanciatoun
nuovo aggiornamento dell’applicazione per desktop:c’èunnuovotasto,accantoallabarradiriproduzione, che consente di visualizzare il testo
delbrano chestate canticchiando.Volendo, poi,
potete sfogliare e ricercare i testi delle canzoni
top su Spotify. Ma chi ha messo a disposizione
questoimmensodatabase?Econlerisposta,arrivanolesorprese.Trattasidiuna(ex)startupdiBologna,Musixmatch,fondatadaMassimoCiociola. Una applicazione, già molto diffusa, che consentedivisualizzareitestidellecanzonioltreche
di riconoscerle. Musixmatch è nata nel gennaio
2010 nella città di Lucio Dalla grazie a Massimo
Ciociola e Gianluca delli Carri a cui si sono uniti
poiGiuseppeCostantino,FrancescoDelfino,Valerio Paolini e Loreto Parisi. Musixmatch ha già
una community di 30 milioni di utenti. Quelli di
Spotifysono65milioni.«Vogliamoarrivarea100
milionidiutentinelgirodi2/3anni–spiega aRepubblicailfondatore,Massimo Ciociola–. Adessosiamoin38personemacontinuiamoacercare
sviluppatorieingegneri.Questoaccordopermette di creare un’esperienza completamente nuova:primaitestisicercavanosuGoogleosusitipirata, ora invece basterà premere un bottone per
averlituttiadisposizione».Equelgiornoilkaraoke sarà globale.
twitter: @alessandrogn
Raiuno
Raidue
Raitre
Canale 5
Italia 1
Rete 4
La7
6.45 Unomattina Attualità.
Condotto da Francesca
Fialdini e Franco Di Mare
10.00 Storie Vere Rubrica
11.00 TG1 - Che tempo fa Informaz.
11.10 A conti fatti “Osteoporosi”
Rubrica
12.00 La prova del cuoco “Cannoli
di ricotta e scarola” Varietà.
Condotto da Antonella Clerici
13.30 TG1 Informazione
14.00 TG1 Economia Informazione
14.05 Dolci dopo il Tiggì
Rubrica. Condotto da
Antonella Clerici
14.40 Torto o ragione? Il verdetto
finale “Doppio tradimento”
Real Tv. Condotto da Monica
Leofreddi
16.00 La vita in diretta Attualità.
Condotto da Marco Liorni e
Cristina Parodi
18.50 L’eredità Gioco. Condotto da
Fabrizio Frizzi
20.00 TG1 Informazione
20.30 Calcio, Coppa Italia: Tim Cup
2014/2015 Semifinale. Gara
di andata Juventus Fiorentina Evento sportivo
(Diretta)
TG1 60 Secondi Informazione
23.10 Porta a Porta “Ospiti: Il Volo”
Attualità. Condotto da Bruno
Vespa
0.45 TG1 Notte - Che tempo fa
Informazione
7.10 Streghe “I 4 dell’Apocalisse”
“Desideri pericolosi” Telefilm
8.30 Il tocco di un angelo “L’errore
di Monica” “Agli occhi di Dio”
Telefilm con Roma Downey
10.00 TG2 Insieme Attualità
11.00 I Fatti Vostri Attualità
13.00 TG2 Giorno Informazione
13.30 TG2 Costume e Società Rub.
13.50 TG2 Medicina 33 Rubrica
14.00 Detto fatto Attualità
16.15 Ghost Whisperer “Maternità
negata (Figli di fantasmi)”
Telefilm con Jennifer Love
Hewitt, David Conrad
17.00 Cold Case “Le due gemelle”
Telefilm con Kathryn Morris
17.45 Rai Parlamento TG Attualità
18.00 Rai TG Sport - Meteo 2
Informazione
18.20 TG2 Informazione
18.50 Blue Bloods “La divisa” Tf
19.40 N.C.I.S. “Fede” Telefilm
20.30 TG2 - 20.30 Informazione
21.00 Lol:-) Sit com. Con Réal Bossé
21.10 Virus - Il contagio delle idee
“Chi ha paura di Salvini e
della piazza di destra?”
Attualità. Condotto da Nicola
Porro
23.50 TG2 - TG2 Punto di vista Inf.
0.05 Obiettivo Pianeta “I predatori perfetti” Documentario
1.05 Prima tv Rai Detroit 1-8-7
“Royal Bubbles - Morte di un
DJ” Telefilm
7.30 TGR Buongiorno Regione Att.
8.00 Agorà Attualità
10.05 Rai Parlamento Spaziolibero
Rubrica
10.15 Mi manda Raitre Attualità
11.00 Elisir Attualità
12.00 TG3 Informazione
12.25 TG3 Fuori TG “Mutui” Attualità
12.45 Pane quotidiano Rubrica
13.10 Il tempo e la storia “La famiglia e la chiesa” Docum.
14.00 TG Regione - Meteo Inform.
14.20 TG3 - Meteo 3 Informazione
14.50 TGR Leonardo Rubrica
15.05 TGR Piazza Affari Rubrica
15.10 Terra nostra 2 - La speranza
“Puntata 176” Soap
15.55 Aspettando Geo Docum.
16.40 Geo Documentario
19.00 TG3 - TG Regione Informaz.
20.00 Blob Varietà
20.15 Sconosciuti - La nostra personale ricerca della felicità
Rubrica
20.35 Un posto al sole Soap
21.05 Cinema Rai3 presenta:
L’angolo rosso - Thriller (Usa
1997). Di Jon Avnet, con
Richard Gere, Bai Ling,
Bradley Whitford, Byron Mann
23.15 Prima tv Rai Scandal “Saluti
al mio vecchio amico” Telefilm
con Kerry Washington
0.00 TG3 Linea notte Attualità
TG Regione Informazione
(all’interno)
6.00 Prima Pagina Informazione
7.55 Traffico - Meteo.it
Informazione
8.00 TG5 Mattina Informazione
8.45 Mattino Cinque Attualità.
Condotto da Federica
Panicucci e Federico Novella
11.00 Forum Real Tv. Condotto da
Barbara Palombelli
13.00 TG5 - Meteo.it Informazione
13.40 Beautiful Soap
14.45 Uomini e Donne Talk show.
Condotto da Maria De Filippi
16.10 L’isola dei famosi Reality
show
16.20 Il segreto Soap con Alex
Gadea, Maria Bouzas
17.00 Pomeriggio Cinque Attualità.
Condotto da Barbara d’Urso
18.45 Avanti un altro Gioco.
Condotto da Gerry Scotti
20.00 TG5 - Meteo.it Informazione
20.40 Striscia la Notizia - La voce
dell’indecenza Attualità.
Condotto da Ficarra & Picone
21.10 Prima tv Mediaset Anna
Karenina - Drammatico
(UK/Irl/Fra 2012). Di Joe
Wright, con Keira Knightley,
Matthew Macfadyen
0.30 SuperCinema Rubrica
1.05 TG5 Notte - Rassegna
Stampa - Meteo 5
Informazione
1.25 Striscia la Notizia - La voce
dell’indecenza Attualità (R)
7.35
8.00
8.30
10.30
6.50 Miami Vice “Nessuno vive in
eterno” “Di ricordi si muore” Tf
8.35 Cuore Ribelle Soap
9.30 Carabinieri 2 “Appuntamenti”
Telefilm con Manuela Arcuri
10.35 Sai cosa mangi? Rubrica
10.45 Ricette all’italiana Rubrica.
Condotto da Davide Mengacci
e Michela Coppa
11.30 TG4 - Meteo.it Informazione
12.00 Dietro le quinte Documenti
12.05 Un detective in corsia
“Un’amara verità” Telefilm
13.00 La signora in giallo “L’ultimo
numero sulla memoria” Tf
14.00 Lo sportello di Forum Real Tv
15.30 Hamburg Distretto 21 “Senza
dimora” Telefilm
16.35 Ieri e oggi in tv Varietà
17.00 Walker, Texas Ranger:
Processo Infuocato - Azione
(Usa 2005). Di Aaron Norris
18.55 TG4 - Meteo.it Informazione
19.30 Tempesta d’amore Soap
20.30 Dalla vostra parte Attualità
21.15 Cast Away - Drammatico (Usa
2000). Di Robert Zemeckis, con
Tom Hanks, Helen Hunt
TGCom - Meteo.it
Informazione (all’interno)
0.05 Prima tv Major Crimes
“Offerta di fine anno” Telefilm
con Mary McDonnell, G.W.
Bailey, Tony Denison
1.05 TG4 Night News
Informazione
6.00 TGLa7 Morning News Meteo - Oroscopo Informazione Informazione
7.00 Omnibus - Rassegna Stampa
Attualità
7.30 TG La7 Informazione
7.50 Omnibus meteo Informaz.
7.55 Omnibus Attualità
9.45 Coffee Break Attualità.
Condotto da Tiziana Panella
11.00 L’aria che tira Attualità.
Condotto da Myrta Merlino
13.30 TG La7 Informazione
14.00 TG La7 Cronache Attualità
14.35 Il commissario Maigret “Il
porto delle nebbie” Telefilm
16.15 Le strade di San Francisco
“Finchè morte ci divida”
“Amore filiale” Telefilm
18.05 L’ispettore Barnaby “Quattro
funerali e un matrimonio” Tf
19.55 Meteo Informazione
20.00 TG La7 Informazione
20.35 Otto e mezzo Attualità.
Condotto da Lilli Gruber
21.10 Servizio Pubblico Attualità.
Condotto da Michele Santoro
(Diretta)
0.00 TG La7
Attualità
0.15 Otto e mezzo Attualità.
Condotto da Lilli Gruber
(Replica)
0.55 Coffee Break Attualità.
Condotto da Tiziana Panella
(Replica)
Canali digitali free
Rai 4
19.35
20.20
21.10
21.55
Stargate Atlantis “Vendetta” Tf
Enterprise “Il settimo” Telefilm
Teen Wolf “Strozzalupo” Telefilm
Prima tv Supernatural “Citizen
Fang” Telefilm
22.45 Prima tv free Orange is the New
Black “La caccia alla gallina” Tf
Iris
17.25 Il frullo del passero (Drammatico,
1988) con Philippe Noiret Film
19.15 Supercar “Bocca di serpente seconda parte” Telefilm
20.05 A-Team “Terrore in fabbrica” Tf
21.00 La mala educación (Drammatico,
2004) con Gael García Bernal Film
22.55 L’immagine del desiderio
(Drammatico, 1997) con Aitana
Sánchez-Gijón Film
Rai Movie
17.40 In nome di Dio - Il texano (West.,
1948) con John Wayne Film
19.35 Sfrattato cerca casa equo canone (Commedia, 1983) con Tano
Cimarosa Film
21.15 W.E. - Edward e Wallis (Sent.,
2011) con Abbie Cornish Film
23.20 Movie.Mag Rubrica
23.55 Killer in viaggio (Commedia,
2012) con Alice Lowe Film
Rai Storia
19.00 Anatomia di un omicidio Docum.
19.25 Tablet “Viaggio nell’Italia che
cambia - Città perdute” Docum.
20.30 Il giorno e la storia Documentario
20.50 Il tempo e la storia Documentario
21.30 Nuova edizione A.C.d.C. - Le civiltà del passato “Da Oriente a
Occidente: tra due fiumi” Doc.
22.30 A.C.d.C. - Le civiltà del passato
“L’epoca d’oro dell’impero egizio: i
faraoni del sole” Documentario
12.25
13.00
13.25
13.55
14.10
14.35
15.00
15.50
16.35
16.40
18.30
19.00
19.55
20.30
21.10
0.40
1.45
Heidi Cartoni
Sailor Moon, la luna splende
Una mamma per amica Tf
Everwood “In ricordo di Irv”
“Non si può fingere per sempre” Telefilm
Studio Aperto - Meteo.it Inf.
Sport Mediaset Rubrica
Sport Mediaset Extra Rub.
L’Isola dei Famosi Reality
I Simpson Cartoni
I Griffin Cartoni
Arrow “Per il bene altrui” Tf
The Vampire Diaries “La rivelazione” Telefilm
Love Bugs Sit com
Dr. House - Medical Division
“Intrappolato” “Una spiegazione semplice” Telefilm
Studio Aperto - Meteo.it Inf.
Chicago Fire “La verità ha un
prezzo” Telefilm
L’Isola dei Famosi Reality
C.S.I. Miami “Fuga dalla
tomba” Telefilm
Le Iene Show “Tra i servizi:
Inquinamento, è possibile
disintossicarsi?” Varietà.
Condotto da Ilary Blasi, Teo
Mammucari e la Gialappa’s
Fronte del Palco “La grande
musica dal vivo di Italia 1 - JAx” Evento. Condotto da
Simone Annicchiarico
Premium Sport Notiziario
sportivo
Mediaset Premium
La 5
19.00 L’isola dei famosi - Extended
Version Real Tv
19.50 Lina’s hair and style Real Tv
20.20 Prima tv La5 Hart of Dixie
“L’ultima possibilità” Telefilm
21.10 Prima tv La5 The Carrie Diaries “Il
passato non ritorna” “Una nuova
amicizia” Telefilm
22.55 Uomini e Donne Talk show
Canale Italia
20.30 W l’Italia Rubrica
21.00 Cantando e Ballando Varietà
23.30 Cantando e Ballando - Story Var.
Boing
15.05
15.35
16.25
17.20
18.15
18.40
19.05
Zoey 101 Telefilm
Doraemon Cartoni animati
Adventure Time Cartoni animati
Eroi in blocco Ragazzi
Regular Show Cartoni animati
Spongebob Cartoni animati
Doraemon Cartoni animati
Cielo
18.15
19.15
20.15
21.10
Fratelli in affari Documentario
Hell’s Kitchen Italia Real Tv
Top 20 Funniest Real Tv
I Puffi (Avventura, 2011) con Hank
Azaria Film
23.15 L’arte di vincere (Drammatico,
2011) con Brad Pitt Film
1.30 Amore e sesso in India
Documentario
La 7D
18.05
18.55
19.00
21.10
0.10
1.10
1.15
Cambio moglie Reality show
TG La7 Notiziario
Cuochi e fiamme Real Tv
Cambio moglie Reality show
La Mala EducaXXXion Talk show
Anica Flash Notiziario
I menù di Benedetta Rubrica
(Replica)
Film
19.00 Il fuggitivo (Thriller, 1993) con H.
Ford Premium Cinema Energy
19.05 The Words (Drammatico, 2012)
con B. Cooper Premium Cinema
19.15 Revolutionary Road (Dram., 2008)
con Leonardo DiCaprio
Premium Cinema Emotion
20.45 Il vendicatore mascherato
(Commedia, 2013) con Ed
Premium Cinema
Oxenbould
21.15 Cose dell’altro mondo (Com.,
2011) con Diego Abatantuono
Premium Cinema Emotion
21.15 Getaway - Senza via di fuga
(Thriller, 2013) con Ethan Hawke
Premium Cinema Energy
21.15 1921 - Il mistero di Rookford
(Thriller, 2011) con Rebecca Hall
Premium Cinema
21.15 Awake - Anestesia Cosciente
(Thriller, 2007) con Hayden
Studio Universal
Christensen
22.45 Wrong Turn (Horror, 2003) con
Desmond Harrington
Studio Universal
22.50 2 Fast 2 Furious (Azione, 2003)
con Paul Walker
Premium Cinema Energy
22.50 E se domani (Commedia, 2005)
con Luca Bizzarri
Premium Cinema Emotion
23.05 Changeling (Drammatico, 2008)
con A. Jolie
Premium Cinema
Telefilm
19.10 Due uomini e mezzo “Salsiccia
affumicata”
Joi
19.30 Una mamma per amica “Il salvaMya
tore della città”
19.30 Supernatural “La casa infernale”
Action
Canali Satellitari
19.35 Royal Pains “Auguri fuori stagione - seconda parte”
Joi
20.25 Royal Pains “Bentornato Hank!”
Joi
20.25 The Last Ship “Tentativi” Action
20.25 Gossip Girl “Vite da strega” Mya
21.15 Arrow “Canaries”
Action
21.15 Prima tvThe Vampire Diaries
Mya
“Voltare pagina”
21.15 Prima tv PremiumAiutami Hope!
“L’amore non ha età”
Joi
21.40 Prima tv PremiumAiutami Hope!
“I genitori di Burt”
Joi
22.00 Gotham “Paura profonda” Action
22.05 The Originals “Vivi e vegeti” Mya
22.05 Prima tv PremiumAiutami Hope!
“Macho-gurt”
Joi
22.35 Due uomini e mezzo “Le pillole
Joi
della scimmia”
Sport
15.00 Calcio, Serie A 2013/2014 Inter Napoli (Anticipo 35a giornata)
Premium Calcio
(Replica)
17.00 Premium Sport Premium Calcio
17.30 Premium Sport Premium Calcio
18.00 Premium Sport Premium Calcio
18.30 Premium Sport Premium Calcio
19.00 Premium Sport Premium Calcio
19.30 Aspettando l’Europa League
Premium Calcio
20.30 Highlights Serie B
Premium Calcio
21.00 The Legend
Premium Calcio
22.00 The Legend
Premium Calcio
23.00 Aspettando l’Europa League
Premium Calcio
Documentari
21.15 Vite Sotto Zero
BBC Knowledge
22.00 Quando muore un elefante
BBC Knowledge
Film
21.00 La Pantera Rosa (Com., 2006) con
Steve Martin Sky Cinema Comedy
21.00 Prima tv Clara e il segreto degli
orsi (Commedia, 2012) con R.
Zimmerer
Sky Cinema Family
21.00 Il quinto potere (Biogr., 2013) con
B. Cumberbatch Sky Cinema Cult
21.00 Hates - House at the End of the
Street (Thriller, 2012) con Jennifer
Sky Cinema Max
Lawrence
21.00 Universitari - Molto più che
amici (Commedia, 2013) con S.
Riccioni
Sky Cinema Passion
21.10 The Call (Thriller, 2013) con Halle
Berry
Sky Cinema Hits
21.10 La gente che sta bene
(Commedia, 2013) con Claudio
Bisio
Sky Cinema 1
22.40 Torno a vivere da solo
(Commedia, 2008) con Jerry Calà
Sky Cinema Comedy
22.40 Tommy e il mulo parlante
(Commedia, 2009) con Grant
Barker
Sky Cinema Family
22.45 Welcome to the Punch - Nemici
di sangue (Thriller, 2013) con
James McAvoy Sky Cinema Max
22.50 Hitchcock (Drammatico, 2013) con
Anthony Hopkins Sky Cinema Hits
22.50 Alex and Emma (Com., 2004) con
Kate Hudson Sky Cinema Passion
23.05 Il diavolo veste Prada
(Commedia, 2006) Sky Cinema 1
23.10 Tutto su mia madre (Dram., 1999)
con Patxi Freytez Sky Cinema Cult
Telefilm
21.00 Beauty and the Beast “Una
nuova bestia”
Fox
21.00 Prima tvLe streghe dell’East End
“Buon compleanno”
Fox Life
21.00 Criminal Minds “Hashtag”
Fox Crime
21.10 In Treatment Italia “Sara - 3a settimana” “Dario - 3a settimana”
Sky Atlantic
21.50 Beauty and the Beast “Senza
Fox
maschera”
21.55 N.C.I.S. “La città della mezza luna seconda parte”
Fox Crime
22.10 In Treatment Italia “Alice - 3a settimana” “Pietro e Lea - 3a settimana”
Sky Atlantic
22.45 New Girl “Natale con i tuoi” Fox
22.45 Scandal “La chiave”
Fox Life
22.45 N.C.I.S. “Pagina non trovata”
Fox Crime
23.15 Prima tv Legends “Chimica” Fox
Sport
17.00 Biathlon, Mondiali 2015 Da
Kontiolahti (Finlandia) Staffetta
Eurosport
mista (Diretta)
19.00 Golf, World Golf Championships Cadillac Championship 2015 Da
Miami 1a giornata (D) Sky Sport 2
21.00 Wrestling, WWE Domestic Raw
Sky Sport 3
21.00 Goal Deejay Europa Sky Sport 1
21.30 Buffa racconta: Johan CruijffSky
Sport 1
22.00 Biathlon, Mondiali Da Kontiolahti
Staffetta mista (Replica) Eurosport
22.30 Speciale Pelè: l’immortalità esiSky Sport 1
ste
22.45 I mille colori di Sochi Sky Sport 3
23.00 Calcio femminile, Coppa Algarve
Giappone-Danimarca (R)Eurosport
23.00 Goal deejay
Sky Sport 1
23.30 History Remix
Sky Sport 1
23.45 Basket, NBA 2014/2015 Toronto Cleveland (Replica) Sky Sport 3
2.00 Basket, NBA 2014/2015 Chicago Oklahoma (Diretta) Sky Sport 2
Milano
il Giornale
TURE
COPERra
bili
insupe iaio
in acc
A
SISMIC
ANTIpe
rabile
insu
in acciaio
Giovedì
5 marzo 2015
www.stilmetalsrl.it
NUOVE REGOLE
Il Comune snobba le feste di via
Le organizzeranno le Zone
servizio a pagina 6
LA DENUNCIA
MOSTRE
«Traditi dal governo
sul gran premio a Monza»
I Rolling Stones mai visti:
a spasso tra foto e musica
servizio a pagina 12
Alessandro Mattioni a pagina 13
VERSO EXPO
IL CASO
L’Albero ha messo la chioma aspettando i turisti
Giannino della Frattina
Inevitabile ora pensare
alla Tour Eiffel costruita per
l’Expo di Parigi nel 1889.
Conlesue90tonnellatedilegno, 150 di acciaio e 7 chilometridiled,l’Alberodellavita tutto in acciaio e larice saràl’icona del Padiglione Italia. Ieri è stata issata la chioma a 35 metri di altezza per
farne la costruzione più alta
di Expo. Diametro di 45 metri, è stata costruita dal consorzio di aziende Orgoglio
Brescia che ha investito oltre3milionidieuro.UnAlbero ipertecnologico che con i
suoi effetti speciali garantirà 1.260 spettacoli. (...)
segue a pagina 4
Piste ciclabili come killer:
incidenti a raffica e disagi
bile di viale Tunisia, dove non
c’è spazio e le auto ora si buttano sulla preferenziale del
tram».Ilproblemaspazioritorna. E non è l'unica nota stonata
sullaquestionedellapista:ipalisonostaticriticatidamoltisoprattutto perché ne sono stati
piantati diversi sopra il percorso perle bici. Ma è successo anche di peggio: ne hanno messo
unoaunmetrodaibalconidicasa. Se lo è ritrovato davanti un
anziano: «Mi hanno detto anche che non possono spostarlo
perchédevonostareadalmeno
30 centimetri dalla pista».
Bonessa a pagina 3
RIPA DI PORTA TICINESE
Presto un ostello
nel vecchio covo
degli anarchici
Nonimportachisaràl’allenatore, è lo schema di gioco
che cambia. Anzi, è già saltato. La partita delle Comunali,
perilcentrosinistra,èappena
iniziata, ma già si capisce comeandràafinire.L’era«arancione» non esiste più.
Dopo una gara pubblica
vinta dalla società costituita
dallaGastamecosrledall’Hotel Maison Casa Borella, diventeràunostelloaprezzicalmierati e con funzioni sociali
(previsti un centro medico e
uno sportello di microcredito) lo stabile di 2mila100 metri quadrati affacciato sul Naviglio in Ripa di Porta Ticinese83.Finoalgiugno2010ilpalazzodiringhieraerastatooccupato dagli anarchici del
Lab 0, mentre l’ultimo sgombero risale all’agosto di due
anni fa. Intanto ieri è stato
sgomberato senza problemi
in via Cancano, a Baggio, il
centro sociale Soy Mendel.
SoddisfazionedapartediForza Italia a Palazzo Marino e in
Consiglio di zona 7.
Alberto Giannoni a pagina 2
servizio a pagina 9
Viale Tunisia: in due giorni un’auto ribaltata e un pedone investito
I residenti infuriati per la preferenziale. E non è l’unico progetto folle
Lapistaciclabile divialeTunisia è ancora nel mirino. E ancora per i problemi causati dal
restringimentodellacarreggiata: una Mini si è ribaltata dopo
aver urtato un’auto in sosta.
Non ci sono stati gravi conseguenze, ma sembra proprio
che la diminuzione dello spazio dedicato alle auto sia ancora causa di problemi: il Giornale ha riportato tempo fa le critiche alla pista arrivate dal quartiere, come quelle di Massimiliano Rositano, consigliere e
tramviere: «Pisapia - ha detto avrebbedovutoascoltarelecritiche e i suggerimenti per questasceltasciaguratadellacicla-
www.stilmetalsrl.it
LE MOSSE NEL CENTROSINISTRA
Pisapia o no,
il Pd archivia
l’era arancione
Elicotteri
in Regione?
Maroni atterra
le polemiche
«La Regione Lombardia
nonhaunsuoelicotteroeio,a
differenza di Matteo Renzi,
nonhomaiusato,néuserò,tale mezzo per i miei spostamenti».IlpresidentedellaRegione Roberto Maroni ha risposto con una nota ufficiale
alle critiche di Pd e M5S sulla
riaperturadell’eliportosultettodiPalazzoLombardia.L’eliporto, ha spiegato Maroni,
«verrà riaperto perché c’è
Expo e servirà unicamente
per servizi di urgenza, emergenza di carattere sanitario,
ed eventualmente per accogliere le delegazioni istituzionali dei Paesi che parteciperannoall’esposizioneuniversale che ne avessero bisogno». Il presidente della Regione ha criticato esponenti
del Pd e più in generale delle
opposizioni che lo hanno attaccatoperladeliberaconcui
vienerimessoinfunzionel’eliporto: «Prima di fare certe affermazioni inesatte, qualcuno farebbe meglio ad informarsi, così da rendere un serviziomiglioreaicittadinilombardi». È Infrastrutture Lombarde,controllatadellaRegione, la società incaricata di ripristinare l’operatività della
pista, con una spesa prevista
di circa 130mila euro.
Le opposizioni si oppongono alla decisione di riaprire
l’eliporto e il M5Stelle lo definisce «un capriccio di Formigoni costato caro alle tasche
dei cittadini». «Maroni ripristinailsimbolodellamagnificenza formigoniana», il commento del consigliere regionale del Pd, Onorio Rosati,
che ha proposto un referendum per chiedere a chi abita
vicinoalPalazzoseèfavorevole«a vedereatterraresinoa 32
elicotteri a settimana con i
problemiambientalieacustici» che ciò comporta.
2 MILANO CRONACA
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
LE GRANDI MANOVRE
Nelle foto piccole
il sindaco Giuliano Pisapia
e il segretario Pd Pietro
Bussolati. Nella grande
Pierfrancesco Majorino e il
vicesindaco Ada De Cesaris
VERSO LE COMUNALI La guerra di successione a sinistra
Pisapia o no, cambierà tutto
Il Pd archivia l’era arancione
Alberto Giannoni
Non importa chi sarà l’allenatore,èloschemadigiocoche
cambia. Anzi, è già saltato. La
partita delle Comunali, per il
centrosinistra,èappenainiziata, ma già si capisce come andrà a finire. L’era «arancione»
non esiste più. L’incognita da
cui tutto dipende si chiama ovviamente Giuliano Pisapia. Il
sindacononbrilla,moltinelprimo partito sono insoddisfatti,
ma nessuno al momento è in
condizione di defenestrarlo.
Anchese qualcunofa già i conti
coldopo,matocca aluidecidere. Solo a lui, anche in virtù del-
Le ipotesi: Martina, Mosca, Majorino o il bis del sindaco uscente
E una certezza: lo schema è saltato, i renziani vogliono la svolta
le possibili vie d’uscita - più o
meno allettanti - che gli saranno offerte. Anzi, al Pd milanese
unanuovacandidaturadi«Giuliano»toglierebbe anchemolte
castagne dal fuoco, e consentirebbe di prenotare per il 2018 il
Pirellone, che sta a cuore a LorenzoGuerini,exsindacodiLodi e oggi braccio destro di Matteo Renzi a Roma.
Lasuccessioneponedueproblemi: tempi e nomi. Pisapia sa
chehaaltri tre mesiabbondan-
tipersciogliereilnodo.Luipartì nell’estate del 2010 ed ebbe
tuttoiltempodi costruirela vittoria della primavera 2011. Il
tempoc’è.Inveceilnomespendibile per l’eventuale dopo-PisapiaèunbeldilemmaperilPd
e soprattutto per i renziani che
loreggonosaldamenteatuttiilivelli. Un Piero Fassino, un nome che metta tutti d’accordo,
oggi non c’è. Per questo ci si
sbizzarriscesugliidentikit.Inomi. I giovani vorrebbero una di
loro, una deputata che dicono
stia ben figurando: Lia Quartapelle. Ai piani alti del mondo
renzianopiacemoltol’eurodeputataAlessiaMosca.Altriparlano di Emanuele Fiano, che
vanta crediti non da poco, essendo rimasto finora escluso
da nomine pesanti. Gira il nomedelministroMaurizioMartina, che però è bergamasco ed
è stato segretario regionale dei
Dsfindal2006.Unnomedaannotare, poi, è certamente quel-
lo di Pierfrancesco Majorino.
L’assessore si sgola da mesi per
proporsi come il diretto erede
dell’esperienza«arancione»,facendo quotidiana professione
di fede in Pisapia e di lealtà per
Renzi. Ed è qui che sta il vero
nocciolo della questione: il segretario regionale Alessandro
Alfieri ha spiegato in pratica
cheil«modello del2011con Rifondazione» non è replicabile.
Majorino si è subito affrettato a
contraddirlo.«Lapensoesatta-
mente al contrario - ha fatto sapere - Milano deve difendere la
sua esperienza. Un centrosinistraunito».PerMajorino«laradicalità di alcune proposte, ad
esempio su diritti civili o questioni sociali, non va addomesticata da nessun esperimento
politicista». In realtà, l’esempio di Majorino conferma che
la lettura politicista è tutta sua:
le «proposte» sui diritti civili altro non sono che poche e poco
rilevanti iniziative adottate, e
soprattutto sbandierate, con
l’evidenteintenzionedisbarrarelastradaaun’ipotesialternativaallasua:l’alleanzaconicentristi. Qui si parla, ovviamente,
da tempo, della corsa del ministro Maurizio Lupi. Ma lo stesso Renzi l’ha volutamente bruciata. La linea renziana oggi
non prevede come priorità l’alleanzaconlesiglecentriste(peraltroriottoseocontrariealivellolocale)maunanuovaformula, in cui il Pd non è più altraino
mafa damotore all’alleanza, in
posizioneegemonica.Datoper
scontato l’addio a Rifondazione (e non solo), anche se ci fosseunPisapiabis(oancheseper
ipotesifosseMajorinoadincarnarlo)iltemaveroèl’aperturaa
un mondo centrista, civico e riformista.La«lobbydei51»,l’altaborghesiachesostennePisapia,èsfarinata odelusa.Il blocco del 2011, questo è l’assunto
dacui parte il Pd, non esiste più
o deve essere rivisto. Serve un
assetto del tutto nuovo. E una
nuova linea, su tutta l’agenda
amministrativa, dalle privatizzazioniallasicurezza.SecondariochepoilamettainpraticaPisapia,conunvicesindacopolitico del Pd, o Majorino, o un sindaco renziano. Secondario che
si passi dalle primarie. Quel
che conta è la svolta.
MILANO CRONACA 3
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
LA CROCIATA ANTI-AUTO Il quartiere in rivolta
Viale Tunisia, la pista ciclabile killer
Altri due incidenti nella strada ristretta da una corsia preferenziale che non piace a nessuno (neanche ai ciclisti)
DANNI
A destra l’incidente di martedì: una Mini
si è ribaltata dopo aver urtato un’auto in
sosta: nessun danno grave ma sembra
che la riduzione dello spazio sia la
causa. Sopra, le transenne che
crollarono sulle auto in sosta. A sinistra il
palo spostato e attaccato allo stabile: per
gli inquilini è motivo di preoccupazione
Michelangelo Bonessa
La pista ciclabile diviale Tunisia è ancora nel mirino. E ancora per i problemi causati dal
restringimentodellacarreggiata: una Mini si è ribaltata dopo
aver urtato un’auto in sosta.
Non ci sono stati gravi conseguenze, ma sembra proprio
che la diminuzione dello spazio dedicato alle auto sia ancora causa di problemi: il Giornale ha riportato tempo fa le critiche alla pista arrivate dal quartiere, come quelle di Massimiliano Rositano, consigliere e
tramviere: «Pisapia - ha detto avrebbedovutoascoltarelecritiche e i suggerimenti per questasceltasciagurata dellaciclabile di viale Tunisia, dove non
c’è spazio e le auto ora si buttano sulla preferenziale del
tram».Ilproblemaspaziooraritorna. E non è l'unica nota stonatasullaquestionedellapista:
ipalisonostaticriticatidamolti
soprattuttoperché ne sono statipiantatidiversisoprailpercorso per le bici. Ma è successo anche di peggio: ne hanno messo
RESIDENTI ANGOSCIATI
I pali spostati ora sono
un «trampolino» per far
entrare i malintenzionati
unoaunmetrodaibalconidicasa.SeloèritrovatodavantiGiuseppe Saibene, 75 anni: «Ho
chiamatoilresponsabiledeilavori–racconta–perchémisembra veramente molto vicino al
balcone, oltrettutto all’altezza
del primo piano c’è una barra
orizzontale che faciliterebbe
un malintenzionato, ma mi
hannodettocheanormadilegge devono stare a un metro dalle case: qui sarà un metro e poco più, ma poi mi hanno detto
anche che non potevano allontanarlo perché devono stare ad
almeno 30 centimetri dalla pista, ma poco più in là li hanno
messipropriosulpercorso».Intanto al primo piano - il signor
Saibene che abita al secondo lo
sottolinea - c'è un grande ufficio vuoto e subito sotto la filiale
diunabanca.LucaLongo,presidente dell'Asscomm Porta Venezia, ha commentato duramente l’incidente della mini:
«Ecco la ciclabile di viale Tunisia che sta arrecando solo incidenti a causa del restringimen-
todella carreggiata gli automobilistidevonoguidareincondizioni a dir poco tragiche, mentreipedonidevonostareattenti
al dislivello». Su Facebook si è
scatenata la reazione dei sostenitori dell’intervento: mentre
argomentavano che l’incidente era tutta colpa della velocità
dell’autoechelapistaservean-
che a diminuire quella media
delle macchine, un pedone veniva investito in viale Tunisia
da un’auto di una delle compagniedicarsharingattiveincittà.
L’andaturadelleautononsembra aver subito grosse modifiche, come non si è interrotto il
fiume guai di ogni genere per
quella che alcuni chiamano la
ciclabile d’oro a causa dei costi
giudicati esorbitanti: la scorsa
estate per il vento crollarono 40
metriditransenneaddossoalle
auto in sosta. Ma da quando le
ruspe hanno iniziato a lavorare
sonoarrivatecritichedatuttele
parti, comprese le associazioni
diciclisti eda esperti in materia
dipisteciclabilicomel'architetto Matteo Dondè. E spesso sonopartitedaicosti,giudicatieccessivi, passante per la decisionedelluogo,suunvialeparalleloneesistevagiàunaeinmezzo
aglialberi,earrivateallemodalità con cui sta prendendo forma.Adesempio,graziealgradino presente in molte parti dell'
opera qualcuno si è fatto male:
le anziane signore di passaggio
sono volate per terra più di una
volta. E i pali citati prima sono
distribuitianchesullapistastessa. Se poi si chiede ai commercianti di zona, la lista delle pecche è molto più lunga.
CONTESTAZIONI
I progetti assurdi:
i casi del Castello
e di piazzale Susa
Viale Tunisia è forse il
più eclatante.Macertamentenonè
l’unico caso
dipisteciclabili discusse, mal concepiteecontestate. In CRITICHE
Piazzale Susa
centro, per
esempio, si
è molto parlato della ciclabile
del Castello, che ha ulteriormenteridottolospazio,giù sacrificato alla pedonalizzazione, in modo del tutto inutile:
per gli stessi esperti la corsia
preferenziale, vista l’area pedonale, era un doppione non
necessario. Ma anche in zona
3 fioccano progetti discutibili.
Per esempio la nuova pista ciclabile che verrà realizzata in
piazzaleSusa:«Comesipuòvedere facilmente - spiega il capogruppo di Forza Italia MarcoCagnolati-lasituazioneèallucinante. Scivoli più corti rispetto alle strisce pedonali
presenti e poi dislivelli, pali in
mezzo al passaggio delle biciclette,altridislivelli fralapista
e i cordoli circostanti, in linea
con la pista realizzata in viale
Tunisia». «Il Comune avrebbe
fattomeglioaspenderequesti
soldi per riqualificare la nostracittà-aggiunge-peresempio per eliminare le buche presentisullenostrestradechecostituiscono un vero e proprio
pericolo per i ciclisti, gli automobilisti, i pedoni. Invece la
giunta preferisce spendere e
buttare via soldi per la costruzionedioperefaraoniche,penso agli 800mila euro usati per
viale Tunisia o a quelli che verrannospesi per piazzale Susa,
per opere che non faranno altro che aumentare il pericolo».
4 MILANO CRONACA
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
VERSO IL 1° MAGGIO
segue da pagina 1
(...) Ieri, intanto, durante la sua audizione in commissione comunale il direttore generale Eventi di Expo Piero
Galli ha confermato l’obiettivo dei 20
milioni di visitatori, di cui 12 dall’Italia. Una previsione confortata dagli
8,5 milioni di biglietti già venduti, di
cui 5 all’estero. I «visitatori in giornata» saranno il 30%: italiani o europei
provenientidaiPaesiconfinanti oben
collegati con voli low cost . Per quanto
riguardailpernottamento, glistranieri preferiscono alberghi a massimo 30
minuti dal sito Expo, mentre gli italiani puntano su bed&breakfast anche
piùlontani.Importanteilturismoreli-
Issata la chioma sull’Albero della Vita
E al Papa la medaglia commemorativa
gioso che prevede flussi nei giorni prima e dopo gli Angelus o le «uscite del
Papa» e una presenza di salesiani da
tutto il mondo, soprattutto dal Brasile
in arrivo a Torino per l’anniversario di
DonBosco.EierialPapa,inoccasione
dell’udienza generale, è stata consegnata la medaglia commemorativa di
Expo:con150millimetrididiametrosi
tratta della «più grande coniazione
mai realizzata per una Esposizione
Cresce la struttura simbolo di Rho
Già venduti 8,5 milioni di biglietti
Universale»edè,nellaversioneinmetalli ecologici, l’oggetto ricordo più richiesto all’Expo Gate. Incisa una frase
di Papa Francesco: «La Terra non è
una eredità che noi abbiamo ricevuto
dai nostri genitori, ma un prestito che
PONTEFICE Al Papa la
medaglia di Expo 2015
fanno i nostri figli a noi».
Nel cantiere di Rho-Pero è stato ieri
presentato il padiglione della CocaCola ideato per celebrare la Contour,
la celebre bottiglietta nata cento anni
fa da un’idea del designer americano
Earl R. Dean e divenuta un’icona pop
delXXsecolo.Unastrutturarealizzato
in legno, vetro, acciaio e acqua, con
materiale«chesaràriciclatoal100%»e
definito proprio da una serie di bottigliette.L’internoavrà ledimensionidi
un campo da basket, illuminato da un
lampadario composto da 600 bottigliette originali in vetro. «Un involucro semplice - spiega l’architetto
Giampiero Peia -, l’intero progetto è
stato elaborato pensando alla sua secondavita.DopoExpoilpadiglionesaràrimontatolàdoveilComunediMilano,ounaltro Comunedella zona,vorràmettereun campodabasketchesarà l’eredità di Coca-Cola».
Giannino della Frattina
I numeri
1,2
i milioni di euro messi a disposizionedaRegione Lombardia
perfinanziareilavoridiristrutturazione di via Rugabella
1.200
i metri quadrati della struttura. I due piani del polo sanitario comprendono sale visite,
sale prelievi, Cup e sala attesa
14
gli ambulatori di oculistica, ginecologia,cardiologia,dermatologia, radiologia, odontoiatria, otorinolaringoiatria
8-24
gli orari in cui sarà disponibile
la guardia medica telefonica
peribambinieperleemergenze pediatriche
8-21,30
gli orari degli ambulatori specialistici dal lunedì al venerdì.
È previsto anche un servizio
nel fine settimana fino alle 13
LA SFIDA DEL 2015 In via Rugabella
Expo della salute:
un team di medici
per curare i turisti
Maria Sorbi
Per ora ci sono ancora le impalcature e i secchi pieni calce.
Mailavoridiristrutturazionefiniranno entro la metà di aprile.
Giusto il tempo dei collaudi.
Poi sarà tutto pronto per Expo.
Dal primo maggio i turisti
avranno il loro punto di riferimentosanitario eunserviziodi
guardia medica attivo dalle ore
8alle24.SaràinviaRugabella,a
600 metri da piazza Duomo e a
un passo dal Policlinico e dall’ospedale Pini. Lì, nei vecchi
palazzoni appena rimessi a
nuovo, ci saranno ambulatori,
saleprelieviespazidedicatialastre e radiografie.
A gestire la struttura saranno
gli Istituti clinici di perfezionamentodirettidaFulvioOdinolfi e a disposizione dei turisti ci
sarà un’equipe di medici specializzati, pronti a far fronte a
qualsiasi tipo di emergenza. Ci
saranno oculisti, ginecologi,
cardiologi, dermatologi, odontoiatri,radiologieotorinolaringoiatri. Non solo, agli sportelli
sarà reclutato personale multi-
FONDI
Regione Lombardia
ha finanziato il progetto
con 1,2 milioni di euro
lingue e, se non bastasse, sarà
costantemente a disposizione
delpersonaleunservizioditraduttori e mediatori linguistici.
Non sarà un pronto soccorso, ma assomiglierà più al modello degli ambulatori per le
piccole emergenze realizzati a
Londra per le Olimpiadi del
2012. In sostanza si occuperà
dei casi meno gravi, l’equivalente dei codici bianchi. La
strutturasarà utilesiaperglioltre20milionidivisitatoriprevisi da maggio in avanti, sia per i
mento di 1,2 milioni di euro,
prevede la ristrutturazione di
due piani: nei 430 metri quadri
al piano rialzato ci saranno il
centro di prenotazione, le sale
diattesaedueambulatoridedicati alla guardia medica Expo.
Nei quasi 800 metri quadri al
primo piano ci saranno invece
14 ambulatori specialistici e le
saleprelievi.Dallunedìalladomenica, dalle 8 alle ore 24, sarà
attivo anche un servizio telefonicoperleemergenzepediatriche. Se fosse necessaria una visitaoqualsiasialtrotipodiassistenza ai bambini, la guardia
medicaExpo«dirotterà»ibambinialprontosoccorsodelBuzzi.Finesettimanacompreso.In
sostanza, via Rugabella farà da
«centrodismistamento»deipazienti: i casi più gravi saranno
ovviamente portati negli ospedalivicini,quellipiùleggeripotranno avere in ambulatorio
tutta l’assistenza necessaria.
Un nuovo poliambulatorio
a disposizione dei visitatori
pagando un ticket da 30 euro
IL SERVIZIO
Le strutture resteranno
aperte sette giorni
su sette, dalle 8 alle 24
milanesi.
Per accedere alla struttura i
turistipagherannounticket:ancora da decidere se sarà modulato o fisso per tutti a 30 euro.
«Mettendo un «filtro» a pagamento-spiegaDaniloMazzacane,sindacalista della Cisl che si
sta occupando dei contratti del
personaledellastruttura-eviteremo che gli ambulatori di via
Rugabella vengano utilizzati
per by-passare le code al pron-
Quando, un paio di anni fa, si è
cominciato a parlare del poliambulatoriodiExpo,tuttierano della stessa idea: ricalcare le
lineeguidamesseinattoperaccogliere i pellegrini quando
venneilPapanel2012.Quelpianofunzionòallaperfezione.All’epocaerastatacreataunarete
fra le varie strutture esistenti e
individuatounpuntodismistamentoprimariodovefarconfluire i turisti.
to soccorso. Lo scopo del nuovo centro non è certo questo».
Deve piuttosto essere un centro che assicuri visite in tempi
rapidi e con un metodo snello.
Dopo la prima visita i medici
valuteranno se è il caso di indirizzareilpazienteaunospecialista, sempre interno alla strutturaeinquelcasoscatteràunsecondo pagamento.
Ilprogetto,per cui laRegione
Lombardiahadatounfinanzia-
SPECLIASTI Un poliambulatorio sarà allestito per Expo
La ricerca All’Humanitas di Rozzano
Da un dottore milanese speranze contro il cancro
Daniela Uva
Lachiaveperfermarealcunitipi di tumore è nascosta in un piccolissimo gene. Si chiama Ptx3 e
funziona come una specie di frenonaturale.E'statoscopertovent'
anni fa da Alberto Mantovani, un
big della ricerca italiana, direttore scientifico dell'Istituto clinico
Humanitas di Rozzano e docente
della Humanitas University. Ma
adessoc'èunanovitàimportante,
perché l'immunologo milanese
ha scoperto che questa molecola
èdavveromoltospeciale:èunoncosoppressore.Cioè,un frenodei
tumori. «Se potessimo usare una
metafora potremmo dire che il
cancro è come un'automobile.
Perché possa correre occorrono
genioncogenichepigianosull'acceleratore, ma anche geni oncosoppressori, che invece usano il
freno–spiega lospecialista -.Per-
Alberto Mantovani ha scoperto un gene in grado di frenare alcuni tipi di tumori
ECCELLENZA
Alberto
Mantovani,
direttore
scientifico
dell’Humanitas
di Rozzano
chéuntumorecrescaoccorreche
l'acceleratore sia schiacciato al
massimo e i freni siano rotti». Ma
questi freni nel nostro organismo
ci sono. E fra loro c'è anche Ptx3.
«Questogenenonsitrovaall'interno delle cellule tumorali, ma
nel microcosmo nelle quali queste crescono, che noi chiamiamo
nicchie ecologiche – prosegue -.
All'interno di queste nicchie esistono anche cellule infiammatorie che, anziché aiutare l'organismo a difendersi, permettono al
cancro di svilupparsi. La molecola che stiamo studiando agisce
proprio a questo livello, solo che
inalcuneformeditumoreèinattiva».Insomma,ilfreno c'èma funzionamale. Questa scoperta ècosìimportante–tantodaesserestatapubblicatasullaprestigiosarivi-
sta scientifica Cell – perché per la
primavoltahapermessodicapire
comeagiscequestogenecosìspeciale:tienesottocontrollolarisposta infiammatoria, invece di agire
direttamentesullacellulatumoralecometuttiglialtrioncosoppressori fino a oggi noti. Insomma, lo
studiohadimostratochePtx3frenalaformazionedelcancro,spiegando anche come ci riesce. Tanto che la molecola presto potrebbediventareunaterapia.«Adesso
lastiamotestandocomepotenzialefarmacoperimpedireleinfezioni da Aspergillus nei pazienti con
tumoreedifeseimmunitariecompromesse – prosegue Mantovani
-.Oggi,questanuovascopertafornisceun ulteriore motivoperattivareunasperimentazioneclinica
di Ptx3 contro i tumori. Il nostro
obiettivo è di iniziare i test clinici
al massimo per l'inizio del 2016».
Un traguardo storico per la ricercaitaliana.Soprattuttosesipensa
chequestostudio, dalle radici cosìlontaneneltempo,ètuttomade
in Milano, grazie al supporto di
cervelli del nostro Paese. «Quandoabbiamocominciato,vent'anni fa, c'era una collaborazione fra
due gruppi di ricercatori, il mio e
quello di Elisabetta Dejana, con
Martino Introna e Ferruccio Breviario. Allora si andava a caccia di
geni–confermailmedico-.Abbiamo avuto il coraggio di metterci a
pesca e ci siamo concentrati su
una famiglia di molecole che sonounadelleparolechiavedell'immunologia, le interleuchine. Io
eroametàdellamiacarrierascientifica».
Infiniti Q50
DECIDI D’ISTINTO,
GUIDA CON PASSIONE.
DA OGGI, L’OFFERTA IRRESISTIBILE È DI SERIE.
La berlina sportiva Q50 coniuga tecnologia e piacere di guida. Il motore Turbo Diesel a iniezione
diretta da 2,2 litri ad alte prestazioni, con emissioni di CO2 pari a 114 g/km, ti entusiasmerà.
L’innovativa tecnologia dello Sterzo elettronico diretto (Direct Adaptive Steering - DAS) offre una
maggiore manovrabilità mentre il doppio schermo touchscreen Infiniti InTouch sulla consolle centrale
permette un controllo di guida senza precedenti.
DA
429 €
AL MESE*
1,99% TA N, 2,86% TA EG
Senza maxi-rata finale
Libera le tue emozioni, prenota subito una prova di guida su WWW.INFINITI.IT
INFINITI MILANO
Via Arona 15
20149 Milano
02 9709461
Interni esclusivi**
* E sempio di finanziamento su Infiniti Q50 2,2d 6MT: importo totale del credito € 22.563 ; anticipo € 12.311; 60 rate da € 429 comprensive, in caso di adesione, di
Finanziamento Protetto. Importo totale dovuto dal consumatore € 25.769; TAN 1,99% (tasso fisso); TAEG 2,86%; spese istruttoria pratica € 300 (incluse nella rata) +
imposta di bollo in misura di legge, spese di gestione pratica e incasso mensili € 3. Salvo approvazione Infiniti Financial Services. Informazioni europee di base sul
credito ai consumatori disponibili presso i punti vendita della Rete Infiniti; messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Offerta della Rete Infiniti che aderisce
all’iniziativa valida fino al 31.03.2015. Infiniti ti invita a guidare sempre con prudenza: rispettare I limiti di velocità aiuta a contenere i consumi e a salvaguardare
l’ambiente. ** Interni visualizzati nell’immagine: Q50 Sport CA.
Modello visualizzato: Infiniti Q50 2,2d Sport. Consumi ufficiali per Q50 2,2d CM Sport (l/100km): 5,7
(ciclo urbano); 3,8 (ciclo extra urbano); 4,5 (ciclo combinato). Emissioni di CO2: 118 g/km.
6 MILANO CRONACA
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
IL CASO La giunta comunale non decide
Feste di quartiere:
fra tasse e vincoli
l’assessore scappa
Marta Bravi
Il regolamento delle feste di
via? Uscito dalla porta è rientrato dalla finestra. Tradotto: l’assessore al Commercio Franco
D’Alfonso nel luglio 2013 aveva
deliberatounnuovoregolamento per l’organizzazione delle feste di quartiere, che introducevanuovetariffe,criteripiùstringentipergliorganizzatoriemulte salate anche per colpe «involontarie». Il piano, prevedeva
che solo il 30% delle bancarelle
L’OPPOSIZIONE
Girtanner: «Ignorati
per tre anni e ora
due norme diverse»
potesse avere carattere commerciale, mentre il restante 70
dovesse essere dedicato a banchi culturali o di intrattenimento, eventi sociali e culturali
avrebberoesserevalutatidaapposite commissioni, una sorta
di «X Factor» casereccio, così
molto limitante era il calendario. Salatissimo anche il canone
perpartecipare,vistigliaumentivertiginosidelcanonedioccupazione di suolo pubblico deliberatipocoprima.PalazzoMarino prevedeva sanzioni importanti (dai 50 ai 480 euro) per chi
osavaattirare i clienti con untono di voce troppo alta e chi peccava di cattivo gusto con le proprie bancarelle.
Sommersa da una valanga di
emendamenti in consiglio comunale,dapartedell’opposizione ma non solo, la delibera era
stato ritirata da D’Alfonso.
Ma il 5 dicembre l’assessore ha
portatoingiuntaunanuovadeliberachedelegaaiconsiglidizona la patata bollente delle feste
divie.Leregolesonopiùomeno
quelle presentate in consiglio,
cheperònondovràpiùdiscuterne.Accadecosìcheiparlamentini, completamente dimenticati
dall’amministrazione centrale
(atto definitivo la cancellazione
dell’assessorato al Decentramento)sitrovanounminimodi
potere, seppur «di risulta». O di
comodo, come «rifugio» diciamo per le delibere che non riesconoapassareinconsiglio.Nobililemotivazioniufficiali:«Considerato che una gestione diretta di queste iniziative da parte
delle zone di decentramento
consentirebbeuna piùproficua
AMIACQUE SRL
Via Rimini, 34/36 - 20142 MILANO
Tel. 02/89520.487 - Fax 02/89520443
www.amiacque.it
AVVISO DI PROCEDURA APERTA
PER ESTRATTO
Appalto per la progettazione, la fornitura, l’installazione, il collaudo e la gestione di servizi di primo intervento su allarme, di un sistema di video
analisi intelligente, presso gli impianti di depurazione presidiati dal Gruppo Cap - Importo d’appalto 1.300.000,00 + IVA - CIG 6152920E32.
Bando pubblicato integralmente sul sito
www.amiacque.it. Termine presentazione offerte: ore 14.00 del 12.05.2015 - Apertura offerte: la data verrà comunicata ai partecipanti.
Informazioni possono essere acquisite c/o l’Ufficio Appalti (tel. 02/89520.487).
Trasmesso UE il 26.02.2015
IL DIRETTORE GENERALE
Dott. Tommaso Bertani
Difficile far passare in consiglio
il nuovo regolamento?
D’Alfonso molla tutto alle Zone
50
le feste di quartiere che
tradizionalmente vengono organizzate durante
l’anno dai commercianti
edattentaselezionefondatasullaqualitàesostenibilitàdelleiniziative stesse e che in particolarelezonedidecentramentopotrebberovalutarelameglioilrilasciodelleautorizzazioniinordine agli aspetti logistici, di gradimento da parte dei cittadini e di
compatibilitàrispetto al tessuto
commerciale esistente in sede
CONTESTATO L’assessore
al Commercio Franco D’Alfonso
si era attirato le ire degli
operatori, dei commercianti
e dei consiglieri comunali
fissa». «Perché l’assessore non
ci ha pensato prima allora? - si
chiede polemicamente Massimo Girtanner, ex presidente di
zona6(FdI)-Iconsiglidizonasono stati dimenticati per tre anni
emezzo, equando fa comodo si
rifilalorolapatatabollente.Non
solo, ora è il caos perché vigono
due regolamenti, con il conse-
guenterischiodiricorsialTarda
parte dei commercianti»
Ora però a confusione si somma confusione: non solo perché le associazione dei negoziantihanno presentato tutte le
richieste per il 2015 in base alle
regole del 2002 (non essendo
passatoilregolamentoinconsiglio), mentre il 5 dicembre la
giuntahaapprovatoilnuovotesto, ma anche perché contestualmente alla nuova delibera, non è stato annullato il vecchio testo. Sono quindi in vigore due regolamenti diversi e
nemmeno gli addetti ai lavori
sono a conoscenza della nuova
delibera. «In questo modo - attacca Alessandro Fede Pellone,
capogruppodiForzaItaliainzona9-vienemenolavisionediinsieme, con il rischio che due vie
contigue appartenenti a zone
diverse organizzino eventi in
contemporanea. Un esempio?
Viale Zara e viale Sarca. I commercianti sarebbero doppiamentebeffati,dopoaverpagato
per partecipare si troverebbero
la concorrenza inconsapevole
dei colleghi delle altre vie. Il rischio è il caos assoluto, anche a
danno dei residenti».
0,5
EXPO
All’Ortomercato
6 mesi di musica
e spettacoli
«Il progetto che abbiamo
presentatoporteràincittànuove occasioni di divertimento e
diincontropertutti».Cosìilsindaco Giuliano Pisapia descrive
Estathé Market Sound, l’area
dei Mercati Generali palcoscenico del festival che, dal 1 maggio al 31 ottobre, «trasformerà
la zona in un luogo in cui ascoltaremusica,stareinsiemeeentrare in contatto con la filiera
dell’alimentazione - spiega il
sindaco - Ci saranno concerti,
spettacoli, iniziative culturali e
sarà allestita un’area dedicata
allo street food di qualità».
VIA ALLE PRENOTAZIONI
Iniziativa Atm
Biglietti gratis
per i poveri
Alviaoggialle12leprenotazioniperlapresentazionedella
domandedicircamilleabbonamenti urbani annuali gratuiti
Atm,chel’assessoratoallePolitiche per il Lavoro del Comune
metteadisposizionedidisoccupati e precari. «Abbiamo stanziato nuove risorse per riproporre “Milano viaggia con te”,
moltoapprezzatadaicittadinihaspiegatol’assessoreCristina
Tajani -. Crediamo sia un aiuto
a chi ha perso il lavoro o vive in
situazioni di precarietà. Per
equità, destineremo le risorse
per aiutare chi non ha avuto
agevolazione l’anno scorso».
il coefficiente per la tassa
di occupazione di suolo
pubblico specifico per le
feste di quartiere
BANCARELLE
Uno degli eventi
di quartiere della città:
si tratta della festa
di via Spallanzani,
in zona Porta Venezia
La fotografia Una città che cambia
Via Imbonati, regno dei cinesi ripara-cellulare
I negozi tradizionali chiudono, quelli stranieri cambiano di continuo
Giuliana De Vivo
InfondosistagliaancoralatorrerossadellaexCarloErba,quellasucuianovembre2010salironoperprotesta cinqueoperai.Mal'occhio,inviaImbonati, cade prima su alcuni dei moderni
edifici sorti al posto della vecchia fabbricafarmaceutica:coloriaccesiebrillanti, forme asimmetriche che sembra
diessereaBerlino.Partonodallatraversa di via Bracco, si chiamano «Mac 5»,
«Mac6»e«Mac7».Dentro,spiegal'uomo alla reception con accento francese, sorriso gentile e fisico da bodyguard,cisonogliufficidiStar,AxaAssicurazioni, Bruxelles Airlines,il gruppo
editorialeHearst.Architetturecheattirano l'attenzione, ti distraggono dall'
incredibile affollamento di negozi per
la riparazione di cellulari. Ce ne sono
persino più che in via Padova o viale
Monza, come se qualcuno si fosse accordato per concentrarli qua. Hanno
leinsegneinarabooincinese,lenazionalitàchegestisconoquasituttiinegozi intorno: piccoli market, internet
point, phone centre e money transfer,
bar, kebabbari. Via Imbonati è così, un
miscuglio continuo di vecchio e nuovo,riccoepovero.Lecasepopolaribassee cadenti ei nuovipalazzi, moltopiù
alti, ancora neanche completamente
abitati.Inegoziettitrasandaticondentro di tutto un po' e le strutture tirate a
lucido del «villaggio fitness» Virgin
(cuisiaccedeconscalemobili)edelsupermercatosoloperanimali.L'isoladigitale con le auto elettriche del Comuneelesaracinescheabbassatedichiha
CONTRASTO
Il palazzone
in stile
berlinese
sede degli
uffici (tra cui
Axa e Star)
spicca tra i
palazzi più
vecchi.
Sempre più
saracinesche
abbassate e
negozi chiusi
chiuso.Comeaccantoalpalazzodelcivico 9, scalcinato e in ristrutturazione:
«Eraunnegoziodiabbigliamentogestito da cinesi, stranamente è rimasto
aperto solo sette mesi. Ha preso il postodi un ristorante,sempre cinese. All'
inizio vendeva un sacco di articoli, poi
èandatosvuotandosi»raccontano ValerioeAndreaRoveda,titolaridellagioielleria subito prima, l'unica della zona, memoria storica di questa strada:
era del padre, è lì da 35 anni. Più avanti
un'altra saracinesca giù: «C'era un ristorantesudamericano, eprima ancora una lavanderia» dice Gabriele Baravalle, dell'edicola accanto. «Pare vogliano farci una pasticceria, ma al momentoètuttofermo».Lamentaildegrado,Baravalle, accusa leforze dell'ordine che «hanno il comando qui vicino
ma non si addentrano mai in questa
strada, dove si spaccia anche di giorno
e molti parcheggiano dove non si
può». Dice che la zona è peggiorata,
machealmenoquestinuovipalazzisonomegliodellafabbricachiusa.ViaImbonati è un limbo: il tram dal centro si
ferma in piazza Maciachini, segnando
unconfine. Chivuole proseguireverso
Dergano, l'ex cittadella industriale,
prendeilbus70.Vedidonnecolvelo ei
passeggini e ragazze con il tacco e la
borsafirmatacheesconodainuoviuffici.Ametàstradailsolitoangoloconidistributori automatici di bevande e
snack: il tratto distintivo di quelle zone
che, alla fine, non capisci mai bene se
siano centro o periferia.
Twitter @giulianadevivo
Piacenza Expo, 6 • 7 • 8 marzo 2015
L A G R A N D E F I E R A D I P R I M AV E R A
Mostra Mercato delle Piante Ornamentali e Agrarie, Florovivaismo,
Sementi ed Attrezzature per Giardinaggio e Orticoltura Amatoriale
L AB
DEGUST
IONI GRA
MTITEERLISITICI
CARA
Mostra Mercato Internazionale di Apicoltura, dei Prodotti e delle Attrezzature Apistiche
TE
TU I
32°
AZ
O
ATORI
DI
RA
POTATU
OR
I
ITALIAN
Mostra Mercato di Enogastronomia
A
NT
NA ATTE
CI
L A CU
POCA
SPESAESA
R
TANTA
VENERDÌ E SABATO ORE 9-19 • DOMENICA ORE 9-18,30
PIACENZA EXPO QUARTIERE FIERISTICO di PIACENZA
www.piacenzaexpo.it
COMUNE
DI PIACENZA
PROVINCIA
DI PIACENZA
MILANO CRONACA 9
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
LA TRASFORMAZIONE Il bando di Palazzo Marino
Un ostello nel rifugio degli anarchici
In Porta Ticinese nasce un albergo a basso costo. Sgomberato anche un centro sociale a Baggio
Darifugiodianarchiciadalbergo a destinazione sociale
-low cost. Il centro sociale «Laboratorio 0» (meglio noto come«Lab0»)erastatosgomberatoda lì l’ultima volta nel giugno
2010,dopochevennedichiarato inagibile e privo dei requisiti
di sicurezza. Ieri lo storico palazzodiringhieradi2.100metri
quadratiinRipadiPortaTicinese 83, affacciato sul Naviglio dove, nel novembre 2009, era
stato arrestato Valerio Ferrandi,figlio diMario, exesponente
del gruppo di estrema sinistra
Prima Linea - è stato assegnato
dal Comune di Milano, dopo
una regolare gara pubblica alla
società costituita dalla Ga-
stameco srl e dall’Hotel Maison Casa Borella.
Lo stabile ospiterà un nuovo
ostelloconvenzionatoconilComune. I nuovi proprietari, come esplicitamente richiesto da
Palazzo Marino, destineranno
e di 40 euro nei periodi di maggiore affluenza - e il restante 30
per cento a funzioni aperte alla
cittadinanza. In particolare, ci
sarannounosportellodimicrocredito per sostenere piccoli
progettiimprenditoriali diper-
sonevulnerabilidalpuntodivistaeconomicoesocialeeunafiliale del Centro medico Sant’Agostino con uno sportello
d’ascoltoeorientamentopsicologico per donne incinte e giovani madri. E ancora: un bar ri-
storante, un info-point turistico e uno spazio polifunzionale
per incontri e iniziative.
«Grazie a questa assegnazione ampliamo l’offerta ricettiva
della città, dotandola di una
struttura low cost capace di co-
SOSTEGNO
La struttura avrà 224
posti letto e sportelli per
aiutare chi è in difficoltà
LEGALITÀ
Smantellato il collettivo
Soy Mendel. Altri
antagonisti nel mirino
il 70 per cento degli spazi alla
funzione alberghiera - 224 posti letto in quadruple, quintupleesestupleperunprezzomedio di 20 euro in bassa stagione
niugare servizi di qualità con
unlivellocontenutodeiprezzispieganoilvicesindacoAdaLucia De Cesaris e l’assessore al
Commercio, Franco D’Alfonso
-. Una modalità molto apprezzatadaigiovaniviaggiatoriche,
comedimostranoidatisulturismo in città, vedono la fascia
dai20ai27anniincrescita,raggiungendooggiil20%dellepresenzeafrontedell’80%divisitatori di età superiore».
Intanto ieri mattina le forze
dell’ordine hanno sgomberato
il centro sociale Soy Mendel,
che lo scorso ottobre aveva occupato abusivamente uno stabileinviaCancano,aBaggio,all’ingresso del Parco delle Cave.
«Esprimiamo tutta la nostra
soddisfazione per questo risultato, oggi finalmente è stata ripristinatalalegalità»commentanoPietroTatarella,capogruppodiForzaItaliaaPalazzoMarinoeMarcoBestetti,consigliere
di zona 7, entrambi residenti
nelquartiere.«Subitodopol’occupazione, Forza Italia aveva
presentato in Consiglio di zona
larichiestadisgombero -riferisconoTatarellaeBestetti-mail
Pdetuttalasinistraavevanoincredibilmente votato contro,
rendendosi colpevoli di una
graveconnivenzaversogliabusi dei centri sociali».
«Il nostro ringraziamento va
alle Forze dell’Ordine che hannocondottoegregiamentequestaoperazione- hannoconcluso - ma chiediamo che si intervenga presto in tutte le altre situazioni di illegalità che registriamo quotidianamente, soprattutto nelle periferie».
RC
ANTAGONISTI A destra l’ultimo sgombero, nell’agosto 2012, dello
stabile di Ripa di porta ticinese 83 che, fino al giugno 2010 aveva
ospitato il centro sociale anarchico Lab 0. Sopra lo sgombero di
ieri del centro sociale Soy Mendel, a Baggio.
Il paradosso dopo la regolarizzazione
L’ira del Leonka: «Il Comune ci snobba e non si consulta con noi»
Da 21 anni esatti occupano «gratis et
amore Dei» 4mila metri quadrati in via
Watteau 7 di proprietà dei Cabassi ma solo «per il bene della città». Stanchi però di
questo precariato, ieri hanno preso carta
e penna per lamentarsi non solo per non
essere stati ancora regolarizzati e anche
perché non vengono mai consultati dalla
Giunta sullo sviluppo futuro della città.
Comedire:«Macomepensatedigovernare Milano senza di noi del Leoncavallo?».
Unalungalettera,comeècostumedella
logorroicasinistraradicale, persegnalare
come la regolarizzazione del Leonka langua ormai da mesi: «Ci avevano detto che
in Comune si sta discutendo di una permuta (i 4mila metri al Comune in cambio
del diritto di edificare in altre aree ai Cabassi, ndr). Stiamo assistendo a tutt’altro».Madopoessersiconferitiunaseriedi
medaglieperl’altoimpegnosvoltoafavore della città, i leoncavallini denunciano
dinon esseremai consultati circale scelte
dell’amministrazione.Cosìaccusanolasi-
nistra «attaccata con la colla alle poltrone
comunali. Che daibalconi diPalazzo Marinotifa perlaconflittualità soloquando è
praticata da altri, che mette la natura in
verticale per ricavare più metri cubi di cemento e si occupa di appartamenti di lussomentreparladidegradodelleperiferie.
Quanto a noi mai siamo stati chiamati a
nessuna di queste discussioni, fatto che
da solo racconta molte cose». Come dire
«Poi se governate male non venite a piangere da noi».
La storia In viale Abruzzi
La fidanzata è troppo bella, lui la chiude in casa
Paola Fucilieri
Nel residence di viale Abruzzi
la vicenda la conoscono tutti e da
unpo’.Maiperòavrebberoimmaginato che «il signor Stefano» sarebbe arrivato a tanto: far sequestrareincasaDebora,lasuabellissima e giovane donna, per gelosia. A dirla tutta non sembra che
lei gli abbia dato ragione per lamentarsietantomenopersospettarediunasuapossibileinfedeltà.
Tuttavia la sua avvenenza, sommataalfattochelaragazza,unacatalana di 25 anni, ha la metà degli
annidilui,commerciante48enne
dioriginesicilianaeconmoltiprecedenti alle spalle, non fanno stare per niente tranquillo Stefano.
A guardia della donna un amico finito in manette
Che, forse per non restare in preda all’ansia durante un viaggio di
lavoro chedoveva durarealmeno
4 giorni (e invece è finito prima di
48 ore), ha preferito andare sul sicuro.Chiedendoall’amicocoetaneo Luigi - l’unico che forse poteva comprenderlo - di «badare» a
Debora,installandosinell’appartamentochedivideconleinelresidence per non farla uscire fino a
quando Stefano non fosse tornato.
L’amoreèl’amore,sisa,maesagerarenonèmaibuonacosa.EDebora,chesaràpureinnamoratadi
Stefano, questa versione moder-
na di un Barbablù buono non l’ha
mandata giù. Forse ci ha anche
provato a stare in casa rinchiusa e
controllataavistadaquelLuigiimpossessatosi del suo cellulare. Un
conto, però, è una sera, mezza
giornata. Cinquantasei ore non
stop sono davvero un po’ troppe.
Cosìlaragazza,cheprobabilmente sa che Luigi non solo non è uno
stinco di santo (anche lui ha una
serie di precedenti e tuttora qualcheguaioconlagiustizia)maadora bere, dopo un paio di giorni di
«prigionia» ha deciso che ne avevaabbastanzaedovevaliberarsia
ogni costo di quel guardiano fin
INTERVENTO Sul
posto sono arrivati
i carabinieri
troppo ligio a svolgere fino in fondoilcompito affidatogli dall’amico.
La bellissima catalana non ha
cercatod’irretireilsuocarceriere,
no. Si è messa a preparare un bel
po’ di sangria, fingendo di voler
compiacereil suocarceriere. Luigi, dopo un iniziale assaggino, ha
iniziatoascolarsiunbicchieredopol’altra; Deboraintanto, ripreso
possessodelcellulare,hachiamatoun’amicache,asuavolta,haavvertito i carabinieri del sequestro
della ragazza. I militari sono arrivati subito in viale Abruzzi alle
3.30 dell’altra notte. Hanno arrestatoLuigi.Edenunciato Stefano.
L’amore?Messocosìaduraprova
potrebbe svanire. Ma chissà..
BREVI
Il processo
Evasione fiscale
Assolto Corona
Assoluzione per Fabrizio Corona. Il tribunale, chiamato ieri a
pronunciarsiinmeritoall’accusa di omessa dichiarazione dei
redditi in merito a una presunta evasione di circa un milione
dieuro,commessanel2007,ha
dichiarato per l’ex re dei paparazziil «nondoversiprocedere»
per un «difetto di estradizione
specifica». La ragione è che, al
momentodeifatti,Coronasitrovava in Portogallo, ma per lui
nonsarebbestataemessaalcuna richiesta di estradizione.
In Appello
«Condannate a 7 anni
don Alberto Barin»
Il sostituto pg di Milano Laura
Barbaini, nel corso del processo d’appello, ha chiesto di aumentarefinoa7annie4mesila
penaperdonAlbertoBarin, l’ex
cappellano delcarcere milanese di San Vittore arrestato nel
2012peri12presuntiabusisessuali su alcuni detenuti. In primogrado,nelmarzodelloscorsoanno, il religioso è stato condannato a 4 anni di reclusione.
Sesto San Giovanni
Rapine a camion:
arrestati in nove
I carabinieri di Sesto San Giovannihannoarrestatonoveuominiaccusatiavariotitolodifar
parte di un’organizzazione a
delinquere che terrorizzava da
mesiitrasportatorieirivenditoridimetallidell’hinterlandmilanese. Secondo gli investigatori
labandahamessoasegnonon
meno di tre rapine ai danni di
tir, un assalto a un distributore
di carburante e non meno di 30
furti di automezzi ai danni di
aziende del settore dei metalli,
peril valore disvariate centinaia di migliaia di euro. Per tutti
l’accusaè diassociazioneadelinquere finalizzata a rapine,
furto, rapine e riciclaggio.
Piazza Sant’Agostino
Dopo il colpo in banca
la polizia lo riconosce
È andata male al rapinatore
chemenodiunmesefa,l’11febbraio,haassalitoavoltoscopertoe armatodiuna forbicela Ubi
Banca-BancodiBresciadipiazza Sant’Agostino l’11 febbraio
scorsoportandosivia2milaeuro. Guardando i filmati dell’istituto di credito gli investigatori
della squadra mobile lo hanno
riconosciuto e sono andati ad
arrestarloacasa sua,in viaSan
Dionigi, dov’era giàsorvegliato
specialedabenseianni.Sitratta di Alessandro Bisceglie, pregiudicato e disoccupato di 31
anni. L’uomo potrebbe aver
commesso altre rapine.
MILANO CRONACA 11
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
LO STUDIO I dati dell’Istat
Record a Milano, uno su 4 è single
In città il più alto numero di cuori solitari d’Italia. Sono 380mila, un fenomeno in costante crescita
Daniela Uva
InItalia sono7,7milioni. Un
veroi e proprio esercito che ha
in Milano la sua capitale. Perchéproprioall'ombradellaMadonnina c'è il più alto numero
di single del Paese. In totale sono380mila,circaunoogniquattroabitanti.Eilnumeropotrebbeesserepiùaltovistocheildatodell'Istat–riferitoal2014–tiene conto solo dei residenti.
Ilfemenoèincrescitacostante, basti pensare che dal 2005 a
oggi il numero delle persone
adulteche vivono da solein città è cresciuto del 37 per cento.
Edèancorapiùallarmantesesi
tiene conto che i single sono
quasi il doppio delle persone
che vivono in coppia: 379.035
contro 164.435. In totale i nucleifamiliari–sposatioconvinventi – a Milano sono 718.674.
Ma non finisce qui, perché sonoinnettoaumentoancheicosiddetti nuclei monoparentali,
quellineiqualimadriepadriseparati vivono da soli con i propri figli. IntuttaItalia queste ultime sono circa quattro milioni, a Milano sono ben 92 mila.
Cioèunasuquattro,rispettoalle218mila famiglieconfigliche
risultanodaidati2014dell'anagrafe del Comune.
Insomma, i single non sono
più l'eccezione. E non lo sono
soprattutto il Lombardia, dove
ormai hanno toccato quota un
milione330mila.Eppurechivivedasolopersceltaopernecessitànonsidàpervinto.Laricercadell'animagemellanonsiferma mai, così come non si spegne la speranza di trovarla. E
questospiegailprofilerarediattivitàchebasanoilpropriobusiness proprio sull'incontro perfetto. Solo a Milano le agenzie
matrimoniali tradizionali sono
13.Ognuna di lorohacirca milleclienti, e nell'insieme la cate-
BUSINESS
Le imprese si adeguano
con servizi pensati per
chi vuole stare da solo
di conoscenze, ma offre anche
servizi inediti: palestra, benessere, make up, consulenza, feste ed eventi.
La novità parte proprio dalla
Lombardia, perché “le agenzie
matrimoniali tradizionali e i siti di dating non bastano più –
spiegal'ideatore,GiorgioGallinotto -. Così abbiamo pensato
aquestasortadivillaggiocheinteressa i single a 360 gradi”. A
PRIMATO
Milano
detiene
il record
italiano
per il numero
di residenti
single, quasi
380mila.
In Lombardia,
poi, i cuori
solitari
hanno ormai
raggiunto
quota
un milione
e 330mila
gue i single uno per uno e quindieliminaqualunquefattore di
rischio. Che, invece, si nascondenellamaggiorpartedeiservi-
INCOGNITE DI INTERNET
Si moltiplicano i siti
di incontri, ma si rischia
con le false identità
zisuinternet.Bastipensareche
leinsidiemaggioririguardanoi
“fake”-leidentitàfalsificatesui
profili messi in Rete -, le truffe –
nei social network destinati
agliincontripossonofacilmentenascondersipersonemaleintenzionate-,ladiffusionedidati personali – è possibile che foto, video o altro materiale sia
sottrattoeusatoaspropositosu
internet -, l'incolumità personale.
la storia
Una scuola particolare
Teoria e pratica della seduzione:
a lezione per conquistare le ragazze
Giuliana De Vivo
Per cominciare a fare esercizio si
puòtentareconleHB6.Quandocisisaràimpratichitisipotràpassare ailivelli
superiori.FinoalleHB9,comeleshowgirl, e alle HB10, le modelle. Le ragazze, le donne, quella fetta di umanità
che appartiene al genere femminile
non vengono chiamate in nessun altro
modo se non con questa classificazione. La terminologia è fondamentale
per comprendere ciò che insegnano
neicorsidi«PuaTraining»,doveconseminari teorici e pratici si addestrano
aspiranti latin lover all’arte del cuccare. O, come preferiscono dire i coach,
della seduzione.
Deve funzionare, se oltre 30 maschi
– diversi per età e vissuto – sono disposti a passare una domenica pomeriggio chiusi in una sala congressi a Milanoperascoltareisegretidiununiverso
femminilealtrimentiinaccessibile.Ea
Uomini in classe con i guru dell’«abbordaggio»
Anche 2mila euro per seminari di una settimana
pagare, anche. I prezzi variano dai 600
euro del bootcamp - weekend in cui si
alternanoteoriae«streetgame»,laprova pratica di abbordaggio per strada –
finoai2milaeurodellasettimanacompleta. Durante la quale si affrontano
tanti temi: dalla psicologia femminile
all’ «inner game» (il primo approccio),
dal «day-one» (primo appuntamento), alla «sexual escalation». Fino all’
«F-closing», dove F sta per l’inglese
«fuck». L’obiettivo insomma è quello,
«f-chiudere»,comedicononellorogergo. Non a caso il corteggiamento lo
chiamano «game»: come un videogioco, con ostacoli da superare (gli strani
comportamentidi lei)perraggiungere
l’ultimo livello. Il primo passo è «aprire»,cioèapprocciare,quantepiùragaz-
goria vanta un fatturato da otto
milionidieurol'anno.Nonmale in un periodo di crisi globale.
Numerirecord ci sono anche
sul web, visto che le chat di incontro hanno 150mila iscritti,
con un fatturato complessivo
che supera i 15 milioni di euro,
così come risulta da una recenteindaginecompiutadaPianetacoppia.Mac'èanchechiguardaavanti,conunprogettotutto
nuovo rivolto ai single. Si chiamaSingleclubvillageedèunvero eproprio villaggio percercare l'anima gemella. Lo spazio è
rivolto a tutti coloro i quali vogliano allargare il proprio giro
zepossibili.Almeno 15-20algiorno.In
metropolitana, per strada, nei locali la
sera(inquestocasopiùdiuna,spostandosi da un punto all’altro per gestire le
varie «aperture»). Solo così si acquista
sicurezza,diceChristian,27enneexallievo«disuccesso»,oggiunodeiduecoach del seminario. Oppure è la legge
dei grandi numeri: tenta e ritenta, prima o poi una che ci sta la trovi.
Per conoscere la verità rivelata da
Christian e Steve, l’altro insegnanteguru, sono venuti da Bologna, Torino,
Venezia, Roma. Qualcuno addirittura
in aereo da Berlino. Sbagliato pensare
che siano persone con problemi: sembrano ragazzi normali. Roberto, 33enne tecnico di laboratorio, ammette:
«Sochenonc’èunaformulamagica,se-
L’INIZIATIVA
Piano dell’infanzia:
arrivano 11 milioni
I numeri
7,7 milioni 379mila
È il numero dei single in Italia
secondo i dati forniti dall’istat
e riferiti al 2014.
partire dalla loro estetica, che è
“il primo passo per piacere e
per piacersi”, prosegue Gallinotto.Questanuovaagenziase-
SonoisinglechevivonoaMilano, pari a circa uno ogni quattro abitanti della città.
+37%
Èl’aumentodelnumerodeisingle a Milano dal 2005 a oggi.
STUDENTI
Nei corsi di
«PuaTraining»
si insegna
agli uomini
come sedurre
e conquistare
le ragazze
Sono 11 i milioni di euro in arrivo dal
nuovo Piano Infanzia che serviranno a
disegnare il nuovo modello di welfare
allamilanese:centralileazionidestinate al sostegno alle famiglie e alla genitorialità, alla tutela dei minori e dei
bambini ospedalizzati e all’impegno
percreareunacittà-sottolineailComune - che sia davvero a misura di bambino. Illustrato anche il progetto «Una
scuola a misura di bambino per scoprire il mondo in tutta sicurezza» realizzato da Lysoform in collaborazione con il
Comune ed Energie Sociali Jesurum
Lab che prevede la donazione di kit di
prontosoccorsoematerialedicancelleriaper80.000euroa151scuolediMilano.Questo progettoè un esempiodella
sinergia tra pubblico e privato che ha
permesso la realizzazione di numerose iniziative nel campo del sociale.
guoicorsiperfareunlavorosumestesso. Le mie storie erano tutte uguali: la
donnatendevaacomandare,acontrollare». Andrea, 25 anni, studente di
Scienze politiche, ora ha «più o meno
unaragazza,maèunasituazioneindefinita, voglio capire di più il mondo
femminile».Perogniproblemacisono
soluzioni ad hoc: cuccare è una scienzaesatta,dicuiledonnesonoinconsapevoli oggetti. E per la quale «bisogna
investire su se stessi», anzitutto a livello estetico. Fioriscono statistiche: «6
donnesu10preferisconol’uomopeloso. Ma tra le HB9 e le HB10 va di più
quello depilato».
Interessante la parte dedicata alla
LTR, long term relation, relazione un
po’ più lunga. Nemmeno tanto: Christian mi racconta di averne una da dicembre. Poco più di due mesi. Il segretoqui,comunque,paresiala«capacità
di farla soffrire», di dare alla HB di turno«ilbastoneelacarota».Perché«sela
fai soffrire e poi la ricompensi hai una
leva di manovra», spiega Christian,
chefornisceesempiconcretidaluisperimentatierivelatisi«funzionanti».Bisogna «essere un virus, entrare nel suo
cervello e poi farla deragliare come un
treno». Poi cede la parola a Steve per la
seconda parte del seminario, dedicata
al «chat game», corteggiamento via
chat. Steve, che nella vita fa anche l’attore e infatti la sua lezione somiglia a
una recita, proietta una scena del film
“Propostaindecente”(oltrelametàdegli studenti non lo conosce, e poi vi
chiedete perché una donna non esce
con voi): è un invito ad avere coraggio,
«usciredallapropriacomfortzone,sfidareiproprilimiti».Poieccoitrucchetti: se non si è abili nella «transizione»
(cioècogliereciòcheleidiceperproseguirelachiacchierata,quellocheinitaliano si chiama «comprendere il proprio interlocutore»), prepararsi delle
parole chiave da cui attingere, dopo
aver osservato la foto del profilo di lei
online. Le piace il mare? Evocare concetticomelibertàenatura.Haunapettinatura strana? Scommettere che è
originale e creativa. Porta i capelli raccolti? Plaudere al suo essere «una ragazza semplice ». Argomenti vietati:
politica, religione e motori. Di tanto in
tanto ricordarsi di fare il «cap», «commento acido programmato»: serve a
nonfarlemontarelatesta,èlaversione
web del bastone e carota. Donne, siete
avvisate.
12 MILANO CARTELLONE
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
LA POLEMICA Saltano ancora gli sgravi fiscali
«Traditi dal governo
per il Gp di Monza»
L’on. Grimoldi (Lega) e l’assessore Sala (Fi)
attaccano Renzi per le promesse mancate
«Dica chiaramente se lo vuole portare via»
Giannino della Frattina
«Ilgovernosenestafregandodel
GranPremiod’ItaliaedellaVillaReale di Monza. E per quattro volte ha
mentito sulla defiscalizzazione degli investimenti già previsti da RegioneLombardia».A denunciarloil
deputatodellaLegaPaoloGrimoldi
chepuntailditosuquellachedefinisce «l’estenuante melina» del premier Matteo Renzi. Nel mirino gli
sgravi fiscali promessi per gli stanziamenti a favore dell’autodromo.
«Ungovernobugiardo,menefreghistaeincompetente-attaccaGrimoldi - sta prendendo in giro il Paese».
Parole durissime, giustificate con
undossiercheparladiben«quattro
promesse mancate». Secondo Grimoldi «niente sgravi fiscali nella
Legge di Stabilità e nel Milleproroghe, ma mancate anche le occasioni del decreto Imu al Senato perché
il governo non ha preso in carico la
questione e del decreto banche popolariallaCameradovelostessogovernononhaaccoltoilmioemendamento sulla defiscalizzazione».
Una protesta che arriva anche da
Palazzo Lombardia. «Se il governo
continua su questa linea - attacca
durol’assessoreaExpoeInternazionalizzazione delle imprese FabrizioSala-èevidentechelasuavolon-
tàèdiimpedireuninvestimentodella Regione per salvare il Gran Premio d’Italia». Con Sala che censura
labocciaturadellaCommissioneFinanzeeAttivitàproduttivedellaCamera degli emendamenti al Decreto Legge sui Sistemi bancari «volti a
favorire la defiscalizzazione di un
possibileinvestimento della RegionenelcomplessodelParco diMonza». Emendamenti depennati con
la motivazione che «non recano disposizionistrettamenteconnesse o
consequenziali a quelle contenute
nel testo del DL». Per Sala «Renzi a
questo punto ci dica chiaramente
qual è il problema: non vuole più il
Gran Premio d’Italia o semplicemente non lo vuole a Monza?».
Per l’assessore regionale allo
Sport Antonio Rossi «se il presidente del consiglio e il governo continuano a ignorare il problema dell’Autodromo e non autorizzano la
defiscalizzazione dell’investimento,èinevitabilecheilpresidenteMa-
L’ACCUSA
«Beffata la Regione pronta
a mettere soldi e rilanciare
il circuito simbolo della F1»
IL FASCINO Il Gp di Formula 1 di Monza vanta una tradizione unica
roni e Regione Lombardia si tirino
indietro». E per questo il deputato
Grimoldi dice che «non chiediamo
soldi a Renzi, solo un passaggio burocratico per salvarlo. E solo grazie
ai soldi della Regione. Il governo, al
contrario, non solo non mette un
centesimo, ma si rifiuta di fare anchesolounafirma. ORenzihadeciso di uccidere il Gran Premio d’Italia, boicottandolo, oppure come
suosolitohagiàstrettoaccordiconi
signori della finanza per trasferirlo
da qualche altra parte».
L’INIZIATIVA
Il rugby apre ai bimbi
tra campus, campioni
e giochi nei parchi
Gian Piero Scevola
Diego Dominguez, icona
del rugby italiano, attualmente
allenatoredelTolonemaconla
voglia matta di tornare in Italia
comectdegli azzurri(«Occorre
cambiarementalitàefilosofiaa
tutto il movimento partendo
daibambini»),ritornanellasua
Milano e «va in meta» con la seconda edizione del Medioban- IDOLO
ca Rugby Camp. Un momento Diego
unico e totalmente gratuito per Dominguez
51 ragazzi dai 12 ai 15 anni che
dal 29 giugno al 3 luglio saranno impegnati nel
campuschesiterràaMilanoall’IstitutoLeoneXIII. Sotto la guida del grande italo-argentino e del
suostaffiminiatletipotrannoconfrontarsiconla
realtàdelrugbymoderno,conmomentidedicati
all’insegnamento delle regole e dei valori dello
sport, a momenti di formazione personale, oltre
allebuoneregoledicomportamentoconunadietaequilibrataeunostiledivitasanochericalchiil
più fedelmente possibile quello di un campione
professionista.
Ma non solo Mediobanca Camp per Dominguezche,aderendoallerichiestedelRugbyMilanorimastoglinelcuore(Diegoin8anniconlaMediolanum vinse 4 scudetti e una coppa Italia),
parteciperà dall’11 aprile alla quarta edizione di
«Rugby nei parchi», a Segrate, al parco Nord e
TrennodiMilano,aCernuscoconlagrandechiusura del 21 maggio alla Civica Arena. «Saranno
grandigiornatedifestaedisport all’ariaaperta»,
conclude Dominguez.
AgendaMilano
MUSEI
Castello Sforzesco. Piazza Castello, Tel. 02.88463703. Orario: 917.30. Chiusura: lunedì. Ingresso € 3,00-1,50.
Cenacolo Vinciano. Piazza Santa Maria delle Grazie 3, Tel.
02.89421146. Orario: 8.15-18.45. Chiusura: lunedì. Ingresso €
7,50-4,25 [€ 1,00 per prenotazione].
Pinacoteca di Brera. Via Brera 28, telefono 02.722631. Orario:
8.30-19.30. Chiusura: lunedì. Ingresso € 5,00-2,50.
Pinacoteca Ambrosiana. Piazza Pio XI 2, telefono 02.806921.
Orario: 10-17.30. Chiusura: lunedì. Ingresso € 7,50-4,00.
Museo del Novecento. Piazza del Duomo, Tel. 02.88444061.
Orario: 9.30-19.30; lunedì 14.30-19.30. giovedì e sabato 9.3022.30. Ingresso € 5,00.
Galleria d’Arte Moderna. Via Palestro 16, Tel.02.88445947. Orario: 9-13; 14-17.30. Chiusura: lunedì. Ingresso libero.
Museo Poldi Pezzoli.Via Manzoni 12, telefono 02.794889. Orario: 10-18. Chiusura: lunedì. Ingresso € 8,00-5,50.
Museo Teatrale alla Scala. Largo Ghiringhelli 1 [piazza della
Scala], Tel. 02.43353521. Orario: 9-12.30; 13.30-17.30. Sempre
aperto. Ingresso € 5,00 [gruppi € 4,00; scuole € 2,50].
Museo del Duomo. Piazza del Duomo 14, telefono 02.860358.
Orario: 10-13.15; 15-18. Sempre aperto. Ingresso € 6,00-3,00.
Museo Diocesano.Corso di Porta Ticinese 95, Tel. 02.89420019.
Orario: 10-18. Chiusura: lunedì. Ingresso € 6,00.
Museo Archeologico.Corso Magenta 15, telefono 02.86450011.
Orario: 9-17.30. Chiusura: lunedì. Ingresso € 2,00-1,00.
Museo Bagatti Valsecchi.Via Santo Spirito 10, Tel. 02.76006132.
Orario: 13-17.45. Chiusura: lunedì. Ingresso € 6,00.
Museo Civico di Storia Naturale. Corso Venezia 55 [all’interno
dei Giardini pubblici], Tel. 02.88463280. Orario: 9-18; sabato,
dom. e festivi: 9.30-18.30. Chiusura: lunedì. € 3,00-1,50.
Villa Reale. Via Palestro 16, Tel. 02.88445947. Orario: 9-17.30.
Chiusura: lunedì. Ingresso gratuito.
Museo della Scienza e della Tecnologia. Via S. Vittore 21, Tel.
02.485551. Orario martedì - venerdì : 9.30-17.00, sabato - domenica : 9.30-18.30. Chiusura: lunedì. Ingresso € 7,00-10,00. ETI
MERCATI
Oggi i mercati sono in via Ampere, via Calatafimi, via
Calvi, via di Rudinì, viale Elvezia, via Jacopino da Tradate, via Orbetello, via Osoppo, via Rombon, via San
Marco, via Segneri, via Tonezza, via Fratelli Antona Traversi, viale Ungheria, via Val Maira.
Domani i mercati sono in via Benaco, parcheggio Centro
Commerciale Bonola, via F.lli di Dio, via Canaletto, via
Catone, via Cittadini, via Crema, via Curiel, via Dei Guarneri, via Baroni, via M. Aurelio, via Neera, largo V Alpini,
via Pistoia, via Stresa.
TRASPORTI
BENZINAI NOTTURNI
Viale Marche 32 ............................................dalle 22 alla 1
Piazzale Accursio ..........................................dalle 22 alle 7
Viale Liguria 12...............................................dalle 22 alle 7
Piazzale Baracca...........................................dalle 22 alla 1
Viale Certosa 228 ................................................fino alle 23
SERVIZI
Comune .........................................................................02.0202
Gas A2A .........................................................................02.5255
Elettricità A2A ..............................................................02.2521
Elettricità Enel .................................................................16441
Acquedotto ........................................................02.84772000
TELEFONI UTILI
114 Emergenza Infanzia....................................................114
Associazione vittime incidenti stradali...........800.171012
Telefono Amico [24 ore su 24] ...................................02.6366
Telefono Amico Milano Centro .......................02.55230200
Telefono Amico Milano Sud ..............................02.8240185
Telefono Azzurro [Linea gratuita per bambini] .........19696
City Angels Milano ............................................02.26809435
Telefono Donna..............................................02.64443043/4
Voce Amica .........................................................02.70100000
EMERGENZE
Ambulanze..................................................................118-112
PRONTO SOCCORSO
Guardia medica ....................................................02.34567
Fatebenefratelli....................................................02.63631
Niguarda .................................................................02.64441
Policlinico ...............................................................02.55031
San Carlo .................................................................02.40221
San Paolo ................................................................02.81841
San Raffaele...........................................................02.26431
Luigi Sacco..............................................................02.39041
Servizio medico pediatrico a domicilio
[in funzione 24 ore su 24].......02.3319233/33100000
PRONTO INTERVENTO
Carabinieri..........................................................................112
Polizia [Volante].......................................................113-112
Polizia [Stradale]................................................02.326781
Vigili del Fuoco ........................................................115-112
guardia di Finanza...........................................................117
Vigili urbani ......................................02.77271/02.77031
Emergenze ambientali .........................................02.1515
ASSISTENZA
ASL Milano..............................................................02.85781
Anziani.............................................................02.89125125
Odontoiatrico..............................02.865460/02.863624
Oftalmico.................................................................02.63631
Ortopedico ...........................................................02.582961
Ostetrico.......................................02.7423291/02.57991
Antiveleni........................................................02.66101029
Ustioni................................02.64442381/02.64442625
Un amico in Comune .....................................800.667733
Telefono per Sordomuti Dts .....................02.77203222
Aiutiamoli .........................02.58309285/02.32960836
Centro Ascolto Problemi
Alcolcorrelati ................................................02.33029701
Drogatel ............................................................800.016600
FARMACIE
TURNO DIURNO [dalle 8.30 alle 20]
Centro: piazza S. Maria Beltrade, 1, ang. via Torino; corso Monforte, 19; via Moscova, 22, ang. corso di Porta Nuova; via Boccaccio, 26.
Nord: via Cinque Maggio, 1, ang. via Mambretti; via Grigna, 9,
ang. viale Monte Ceneri; via Ciaia, 3/a; via De Angelis, 15; via Tonale, 26, angolo via Melchiorre Gioia.
Sud: piazzale Gabrio Rosa, 11; piazzale P.ta Lodovica, 2; via Barrili, 20; via Lodovico il Moro, 3.
Est: via Vitruvio, 11; via Rovereto 14 ang. viale Monza; v. Maiocchi, 14, ang. via Stoppani; via Palmanova, 65; viale Porpora, 148;
viale Romagna, 25; corso XXII Marzo, 23, ang. via P. Calvi; viale
Umbria, 19; via Ungheria, 10.
Ovest: via Solari, 40; via Lorenteggio, 208, ang. via Inganni; via
Bagarotti, 38; via Zanzottera, 12; via Pollak, 8 ang. via Novara,
90; via Marghera, 18, ang. via Ravizza; via Collecchio, 4; piazza
Sempione, 8.
TURNO NOTTURNO [dalle 20 alle 8.30]
viale Zara 38, piazza Principessa Clotilde 1, piazza Cinque Giornate 6, via Ruggero di Lauria 22, corso San Gottardo 1.
ORARIO CONTINUATO [24 ore su 24]
Ambreck [via Stradivari 1] Boccaccio [via Boccaccio 26] Santa Teresa [C.so Magenta 96 ang. P.le Baracca], Stazione Porta Garibaldi [piazza S. Freud], Corvetto [Viale Lucania, 6], Fulvio Testi
[Viale Fulvio Testi, 90], Stazione Porta Genova [piazzale Porta
Genova, 5], Comunale 70 [viale Famagosta, 36].
SERVIZIO TELEFONICO [24 ore su 24]
Il numero telefonico 800.801185 fornisce gli indirizzi delle farmacie aperte in orario continuato [8.30-21] e di quelle
che svolgono servizio notturno [21-8.30].
TvLocali
Mtv
Tel- 02.762117240
14.05 Film 50 Volte il primo bacio
16.00 Telefilm New Girl
16.50 Real Tv Ginnaste: Vite Parallele
17.40 Real Tv Catfish: false identità
18.30 Telefilm Diario di una nerd
19.25
20.20
21.10
23.20
superstar
Telefilm New Girl
Attualità Il testimone
Film In her shoes - Se fossi lei
Fiction Geordie Shore
Tv Svizzera
Tel- 0041918035111
16.05 Telefilm Il Commissario Kress
17.10 Rubrica Piattoforte
18.10 Gioco Zerovero
19.00 Attualità Il Quotidiano
19.45 Gioco Il rompiscatole
20.00 Telegiornale - Meteo
20.40 Gioco Black Jack
21.10 Attualità Falò
22.35 Culturale Il filo della storia
23.45 Telefilm King & Maxwell
Italia 7 gold
Tel- 0143.828701
13.35 Documentario Wildlife
14.30 Rub. Pomeriggio con Casalotto
18.00 Attualità Sette Sera
18.30 Attualità Sapori e.Com Tv
19.00 TG7- TG7 Sport
20.00 Rubrica Casalotto
20.30 TG7 Sport
21.10 Film I dinamitardi
22.55 Rubrica sportiva Diretta Stadio...
Tempi supplementari
Antenna 3
Tel- 02.393521
7.45 Televendita Primi in Lombardia
8.00 Televendita Shopping in Poltrona
12.05 Attualità Orario continuato
13.00 Televendita Shopping in Poltrona
18.40 Televendita Primi in Lombardia
19.00 Azzurro Italia news
20.00 Musicale Concerto In Piazza
20.30 Rubrica sportiva Azzurro Italia
23.00 Rubrica sportiva Azzurro Italia
Notte
Odeon
Tel- 02.935151
13.00 Televendita Odeon Shopping
19.05 Attualità Family TG
19.15 Rubrica Amore con il mondo
19.30 Fiera Internaz. della Musica
19.45 Musicale Ora Musica
20.00 Rubrica A come Alpi
20.30 Rubrica Con i piedi per terra
21.30 Rubrica sportiva Safe Drive
22.00 Fiera Internaz. della Musica
22.30 Rub. Il campionato dei campioni
BergamoTv
Tel- 035.325411
13.00 Attualità Redazionali
14.00 Bergamo Tg
17.15 Rubrica CGIL Diritti e Rovesci
17.30 Rub. Verso casa, aspettando il Tg
19.00 Meteo
19.30 Bergamo Tg - Economia
20.20 Meteo
20.50 Attualità Trentatre
22.00 Rubrica sportiva Ora Basket
22.30 Rubrica Sottorete con la Foppa
TeleCampione
Tel- 02.332131
6.00 Televendita Emporio TV
12.30 Telegiornale
13.00 Televendita Emporio TV
20.00 Telegiornale
20.30 Rubrica Con i piedi per terra
21.30 Rubrica A come Alpi
22.00 Rubrica sportiva Safe Drive
22.30 Rubrica sportiva Il campionato
dei campioni
0.00 Rubrica sportiva Hard trek
TeleNova
Tel- 02.480731
7.30 Rassegna Stampa
8.00 Dal Duomo di Milano Evento
13.00
13.15
18.30
19.15
19.45
20.30
23.00
Santa Messa
Rubrica Le ricette di Guerrino
Rubrica Vie verdi
Attualità La Chiesa nella città
TGN Sera
Novastadio sprint
Rubrica Griglia di partenza
Telefilm La strada per Avonlea
TeleLombardia
Tel- 02.393521
13.05 Attualità Orario continuato
13.45 QSVS News
14.30 Televendita Shopping in Poltrona
18.00 Rubrica Riunione in Redazione
19.00 TGL
19.25 Televendita Primi in Lombardia
19.45 Rubrica Happy Hour
20.00 TG Calcio 24
20.30 Talk show Iceberg Lombardia
23.00 Rubrica Forum PMI
TeleReporter
Tel- 02.332131
7.00 Informazione
8.00 Televendita Shopping
12.00 Film
13.30 Rubrica Mondo Crociera
14.00 Televendita Shopping
18.00 Musicale Ora Musica
18.10 Docum. I paesi delle meraviglie
20.30 Rubrica sportiva Il campionato
dei campioni (Diretta)
23.30 Televendita Shopping
MILANO ALBUM 13
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
MOSTRE L’esposizione alla Galleria Leica chiuderà l’11 aprile
A spasso nel rock con le foto degli Stones
Sotto i riflettori gli scatti di Jim Marshall, artista e amico della band guidata da Mick Jagger
Alessandro Mattioni
Quando la musica si identificavaconilrock,rivoluzionediritmoe
stile di vita, il fotografo americano
Jim Marshall documentava al meglio il fermento di un’epoca che ha
travolto passioni e lasciato un segno indelebile. La mostra «Like a
Rolling Stones», in programma da
oggi nelle sale della Galleria Leica
di Milano in via Mengoni 4, raccoglieunaselezionediscattidelmaestrodell’obiettivostatunitense,capace di immortalare con la sua
macchinaLeica,traglianniSessantaeSettanta,tuttiipiùgrandiartisti
della scena mondiale, con un occhio di riguardo per Mick Jagger e
compagni.
Grazie ai suoi profondi legami di
amicizia con la leggendaria band,
Marshallèriuscitoaritrarliinsituazioni particolari e momenti unici.
Non solo nei concerti, ma soprattutto istanti privati come le pause
prova,ilbackstageodurantelavita
quotidiana.
Jim Marshall nasce nel 1936 e si
forma nel Fillmore district di San
Francisco,culladelrock,sededifestival e location per memorabili
show.Giàdaragazzosiappassiona
all’ambiente musicale iniziando a
frequentareilocalidiNorthBeach,
mentre pochi anni dopo riprende
gliartistichesialternanoinperformance live sul palcoscenico di
club o affollati concerti. Ma risalta
subitol’insolito stile per ilperiodo,
fatto di scatti spontanei e in luce
ambiente. È stato l’unico fotografo
ammesso all’ultimo concerto dei
Beatles in California, e soprattutto
haseguitoperannii RollingStones
nei tour in giro per il mondo, accompagnandoli come amico personale piuttosto che professionista del’obbiettivo, vivendo insieme a loro momenti pubblici e inti-
SPONTANEITÀ
Alcune fra
le immagini
in mostra
alla Galleria
Leica di via
Mengoni dove
è allestita
la mostra
«Like a Rolling
Stones» con i
celebri scatti
dedicati a
Mick Jagger e
alla sua band.
Si tratta di
una carrellata
che illustra il
complesso
sia durante
i concerti,
sia nelle
pause e nei
momenti di
svago e relax
quotidiano
mi senza mai tradire la fiducia.
InquelperiodoMarshallèriuscitoacreareuncorpodilavorocapace di trasmettere nelle immagini la
personalità di Mick Jagger o Keith
Richardpiùchel’egodelfotografo.
E c’è chi addirittura ha definito i
suoi scatti «musicali», tanto riuscivano a entrare nell’atmosfera. Un
aspetto, però, piaceva da morire ai
Rolling Stones: durante il lavoro
Marshall non forniva indicazioni,
né consigli, se non naturalezza ed
espressività. Nessun parrucchiere
neicameriniotruccatoreèpresentesulset,mentre lamacchinafotografica diveniva complice di una
storia narrativa. Scrutando le immagini in mostra si torna indietro
conlamemoriadioltrequarant’anni, con le foto di Mick Jagger e soci
alle prime esperienze oppure alla
soglia dei trent’anni, tra sale registrazioni, motorhome e totale relax.
Per celebrare degnamente la retrospettiva milanese sono previste
nelle prossime settimane eventi a
ISPIRAZIONE
Immagini di quotidianità
e di scena: solo Marshall
era benvisto dai cantanti
tema, aperitivi o presentazioni
aperte ai fan. L’appuntamento
clou è in calendario giovedì all’interno della Galleria con una serata
organizzata assieme al magazine
RollingStone.L’iniziativamiraarealizzare un dialogo creativo tra il
pianeta della fotografia e l’universomusicalesfruttandolapotenzialità della comunicazione digitale e
l’effetto immediato dei social
network.Unprogettorivoltoaigiovani, che avranno la possibilità di
visitarelamostra,aingressogratuito, fino a sabato 11 aprile.
Teatro Al Piccolo fino a metà mese
Quando l’economia diventa uno spettacolo
Paolo Stefanato
Intempidicrisiilrapportodellepersone con il denaro è più difficile e tormentato e i meccanismi dell’economia diventano più importanti nella vita di tutti. Ma c’è una contraddizione:
poichélaculturafinanziariaèpocodiffusa, i più preferiscono delegare ad altri le scelte sui propri investimenti,
spesso con leggerezza e senza reale
consapevolezza.
Sarà anche in virtù di questi concetti
che l’economia, in una Milano patria
della finanza, da qualche tempo sale
sul palcoscenico dei teatri, quasi cercando di attrarre a sé l’attenzione di
quello stesso pubblico che in banca
passafrettolosamenteemalvolentieri.
Al Piccolo sta riscuotendo ampio successoLehman Trilogy,commediatratta dal libro di Stefano Massini e messa
inscenadaLucaRonconi:èl’ultimolavoro del regista appena scomparso ed
è in cartellone fino a metà marzo.
Lehman è il cognome dei tre fratelli
Henry, Emanuel e Mayer, approdati
dallaBavierainAlabama«perfarfortuna in America»; è un esempio di sogno
americano, si tratta dei fondatori di un
impero durato l’arco di un secolo e
mezzo,una storiaattraverso laquale si
Ascesa e caduta di Lehman brothers «vista» da Ronconi, l’esempio più recente
può riconoscere l’evoluzione stessa
delcapitalismo: dalla merce, inquesto
caso il cotone, ai commerci, fino alla
smaterializzazione del denaro, alla finanza e alle complesse fantasie che
l’hannotrasfigurata.Èlasagadiunafamiglia che si conclude, come tutti sanno, nel fallimento del 2008, inizio di
una catastrofe mondiale che non è ancora terminata.
Unpassotrasmettelospiritodelcapitalismo. Philip, figlio di Emanuel e nipote di Mayer dice, rivolto a Charles
Dow: «Non hoil timore di dirle che siamo commercianti di denaro. La gente
normale,vede,usaisoldisolopercomprare.Ma chi, come noi,ha unabanca,
usa i soldi per comprare soldi, per venderesoldi,perprestaresoldi,perscambiare soldi». Ma i soldi, non solo per i
banchieri,sonolegatiaisogni,edèquestointreccioatrasmettereampisuggerimenti allo spettatore; Lehman Trilogynonèunasempliceriflessioneteorica, ma una galleria di personaggi vivi,
che raccontano il proprio ruolo nell’evoluzione del benessere degli Stati
Uniti. Lo spettacolo è stato presentato
ancheinBorsa,eperlaprimavoltailte-
atro è entrato a piazza Affari.
Al Franco Parenti il denaro si è affacciato, per la seconda stagione, con un
cartellone di quattro spettacoli realizzati in collaborazione con una società
di gestione del risparmio, «AcomeA»,
che ha scelto la via della rappresentazione per trasmettere al pubblico dei
principidieconomiarealeedifinanza.
Quasidellelezioniinformateatrale,affidateadattoriedeconomisti,attraver-
I FRATELLI Gli interpreti di «Lehman
trilogy» in scena al Piccolo Teatro
so le quali gli spettatori sono spinti a
trarre insegnamenti e nuove idee sul
denaro.L’ultima,andatainscenalasettimana scorsa, s’intitolava I conti di famiglia: la verità su ricchezza e povertà,
tema articolato in varie storie. Le altre
seratedellastagionesonostatededicateaBrettonWoodseaiprincipidiunsistema monetario mondiale moderno
e stabile, all’evoluzione del benessere
degli italiani negli ultimi 150 anni, all’inventore James Watt e al sistema di
protezione delle idee.
Lo scorso anno una serata era stata
dedicataancheaJohnLaw,loscozzese
che tre secoli fa «inventò» la cartamoneta e, con essa, l’inflazione. A un altro
grande tema economico, di strettissimaattualità,hadedicatounaserataanche lo «Spazio Teatro No'hma Teresa
Pomodoro», che ha messo in scena un
bellissimomonologoscrittodalgiornalistaMarzio Mian,dedicato all’Esposizione universale di Chicago del 1893.
Un racconto avvincente su un evento
chediedeunagrandespintaall’economiaechecambiòlastoriadell’architettura.UnafollecorsachetrasformòChicago nella metropoli dei sogni.
CONVEGNO
Oggi la Statale
celebra
50 anni di «linus»
Marta Calcagno Baldini
In copertina potreste trovare Charlie Brown, ma anche
Snoopie o altri Peanuts di
Schulz,comeLucyoLinus.Proprioquest’ultimodàilnomealinus,appunto,laprimarivistadi
fumetti italiana (con la l minuscola), nata nel 1965, che cominciò a guardare al mondo
dei Comics con occhio adulto,
critico, pubblicando anche autori stranieri più complessi di
Disney,riservatoairagazzi.Ilfumetto come un universo che
solleva stimoli e porre questionisull’attualitàanzituttosociale: linus nasce con questi scopi
in una Milano progressista e
idealista, che guarda al futuro
con curiosità e dinamismo.
Protagonistidiquestaimpresa sono Giovanni Gandini
(1929-2006) e sua moglie Anna
Maria, che raccolgono a casa
propria(primasededellaredazione) un gruppo di appassionatiqualiFrancoCavallone,RanieriCaranoeSalvatoreGregorietti: quasi nessuno, allora, in
Italia,vedevaildisegnoafumetti come uno spunto intellettuale. Solo loro seppero concepire
l’unica rivista che si dedicò
esclusivamenteallemigliorifirme del disegno a fumetti e dell’illustrazione americana, inglesee,soloinunsecondotempo, italiana. In 50 anni linus è
cambiata,haavutoaltridirettori e proprietari.
Perfesteggiareilmezzosecolodivita, l’UniversitàStataleha
organizzato un convegno per
oggialle15,nellaSalaNapoleonicadiviaS.Antonio12.Parteciperanno Bruno Falcetto, UmbertoEco,BrunoCavallone,DanieleBarbieri, Giulio Giorelloe
GianPieroPiretto,ovveroalcuni dei «valentuomini» (come li
chiamò allora la rivista) che furono tra i protagonisti e artefici
dellanascitadilinusoltreaifondatori. Sarà presentato il film
Da Charlie Brown a Valentina
con il regista Elia Romanelli. Il
convegno è organizzato da
«Apice»,ilcentrochefacapoall’ateneo e da 10 anni raccoglie
fondibibliograficiedocumenti
di intellettuali del XX secolo,
spessodonatidaglieredistessi.
«Si va da libri a lettere, opuscoli
e carte – dice Claudia Piergigli,
direttorediApice-.Stiamodigitalizzando pian piano tutto,
dando la precedenza alle testimonianze più fragili e rovinate». Il «fondo Gandini» è nato
nel 2007 ed è stato acquistato
dall’università: comprende la
corrispondenza con Fellini,
Shulz, Munari, Sciascia e altri,
oltre alla rassegna stampa di linus, il materiale preparatorio
delle riviste e le altre esperienzeeditoriali diGandini. Ma che
tipo era Gandini? «Fu un uomo
d’intuitonotevole,colseunanecessità italiana, un rinnovamento culturale necessario».
e
l
a
n aly
r
o
i
il Gl made in It
per i
Portafoglio
da uomo
€299
€249
Borsa
Borsellino
da donna
€87
€69
€69
€54
Acquista su www.ilgiornale.it
o direttamente su store.ilgiornale.it
MILANO CARTELLONE 15
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
Le mostre
Bar Pichi
«Io sono Jalal»
Fondazione Mudima
Simone Turra «Erratico»
Museo MA*GA Gallarate
«Voglio Vedere le mie montagne»
InviaM.Pichiilprimoappuntamentoconl’artedibarPichi,chesipropone come spazio espositivo piccoloe temporaneo, denominatoPavel PibiriTinyTemporaryexpo,conl’intentodifarconoscereartistichevivono
e lavorano in un angolo della città dove realtà culturali di eccellenza e
molteplicità etniche hanno da anni un punto di incrocio e incontro.
InviaTadino26lapersonalechesicomponediunaquindicinadisculture di medie e grandi dimensioni e di alcuni disegni che abbracciano gli
ultimi anni di attività dell’artista trentino e si concentra su un nuovo e
ineditogruppodilavoricheriunisconomaterialidiversicomelegni,pietra, marmo e bronzo.
Invia DeMagri 1 a Gallaratela mostra promossa daPro Helvetia che attraversole opere di 18 artisti italiani e svizzeri si prefigge di rappresentare il paesaggio transalpino contemporaneo che corrisponde a un
area di confine espanso, in continuo processo di ridefinizione, di ritrattazione e continuamente alla ricerca di una propria precisa identità.
Orario di apertura al pubblico: 7-18. Ingresso libero tutti i giorni
fino al 19 marzo.
Orario di apertura al pubblico: 11-13 e 15-19,30. Chiuso sabato e
domenica. Fino al 6 marzo.
Orario di apertura al pubblico: 9.30-12.30 e 14.30-18; sabato e
domenica 11-18.30. Chiuso lunedì. Fino al 15 marzo.
CinemaMilano
ANTEO SPAZIOCINEMA
Via Milazzo, 9 tel. 026597732
Maraviglioso Boccaccio
½
Drammatico di Paolo Taviani, Vittorio Taviani. Con Lello Arena
15.10-17.40-20.10-22.30 (Sala 100 posti 100)
€ 5,50-8,00
Buoni a nulla
Commedia di Gianni Di Gregorio. Con Gianni Di Gregorio, Marco Marzocca
15.00-16.50-18.40-20.30-22.30 (Sala 200 posti 200)
€ 2,70
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza) ½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
17.45-20.10-22.30 (Sala 400 posti 400)
€ 5,50-8,00
The Search
Drammatico di Michel Hazanavicius. Con Berenice Bejo, Annette Bening
15.00-17.00-19.50 (Sala 50 posti 50)
€ 5,50-8,00
Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza
Commedia drammatica di Roy Andersson. Con Holger Andersson
15.00-22.30 (Sala 50 posti 50)
€ 5,50-8,00
Non sposate le mie figlie!
I più visti
Film
Settimana
di proiezione
1 Birdman
2 50 sfumature di grigio
3 Spongebob
4 Kingsman: Secret Service
5 Noi e la Giulia
Presenze
settimanali
Presenze
totali
4
14.559
54.106
3
9.742
65.516
1
8.295
8.295
1
6.325
6.325
2
5.409
10.753
Film
Settimana
di proiezione
6 Non sposate le mie figlie
7 Vizio di forma
8 Zanetti Story
9 Mortdecai
10 Whiplash
Presenze
settimanali
Presenze
totali
4
4.052
27.041
1
3.990
3.990
1
3.642
3.642
2
3.612
7.831
3
2.914
7.150
APOLLO SPAZIOCINEMA
The Old Vic’s The Crucible
Gall. De Cristoforis 3 tel. 02780390
Black Or White
½
Drammatico di Mike Binder. Con Kevin Costner, Octavia Spencer
12.40-15.00-17.10 (Sala Dafne posti 130)
€ 5,50-8,00
Whiplash
Drammatico di Damien Chazelle. Con Miles Teller, Melissa Benoist
13.00-15.00 (Sala Dafne posti 130)
€ 5,50-8,00
The Search
Drammatico di Michel Hazanavicius. Con Berenice Bejo, Annette Bening
13.00-15.30-16.50-19.30-22.00 (Sala Elettra posti 150)
€ 5,50-8,00
Timbuktu
½
Drammatico di Abderrahmane Sissako. Con Ibrahim Ahmed, Toulou Kiki
13.00-15.00 (Sala Fedra posti 200)
€ 5,50-8,00
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza) ½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
12.40-17.20-19.40-22.00 (Sala Gea posti 300)
€ 5,50-8,00
Vizio di forma
Commedia di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix
15.30-18.00-21.00 (Sala Urania posti 130)
€ 5,50-8,00
ARCOBALENO FILMCENTER
Viale Tunisia 11 tel. 199208002
Vizio di forma
Commedia di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix
15.30-18.15-21.00 (Sala 1 posti 320)
Whiplash
Drammatico di Damien Chazelle. Con Miles Teller, Melissa Benoist
15.00-17.15-19.20-21.20 (Sala 2 posti 110)
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza) ½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
15.00-17.00-19.20-21.30 (Sala 3 posti 110)
ARIOSTO SPAZIOCINEMA
Via Ariosto, 16 tel. 0287085730
Il nome del figlio
½
Commedia di Francesca Archibugi. Con Alessandro Gassman
15.30-17.40-21.00 (Sala 1 posti 280)
€ 5,00-7,00
ARLECCHINO
Via S. Pietro all’Orto, 9 tel. 0276001214-899678903
Vizio di forma
Commedia di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix
15.30-19.00-22.00-V.O.sott. (Sala 1 posti 300)
BELTRADE
Via Oxilia, 10 tel. 0226820592
Banana
½
Commedia di Andrea Jublin. Con Ascanio Balbo, Anna Bonaiuto
22.20 (Sala 1 posti 208)
€ 6,50
Comandante
Documentario di Oliver Stone.
21.00 (Sala 1 posti 208)
Il limite
Documentario di Rossella Schillaci.
20.00 (Sala 1 posti 208)
La danza della realta’
€ 6,50
€ 6,50
Biografico di Alejandro Jodorowsky. Con Brontis Jodorowsky
14.40-V.O.sott. (Sala 1 posti 208)
€ 6,50
Life itself
Documentario di Steve James. Con Martin Scorsese, Werner Herzog
18.00-V.O.sott. (Sala 1 posti 208)
€ 6,50
Vento. L’Italia in bicicletta lungo il Po
Documentario di Paolo Casalis.
17.00 (Sala 1 posti 208)
CENTRALE MULTISALA
Via Torino 30/32 tel. 02874826
Turner
€ 6,50
Biografico di Mike Leigh. Con Timothy Spall, Dorothy Atkinson
15.00-18.10-21.20 (Sala 1 posti 120)
€ 4,50-7,00
½
Drammatico di Christian Petzold. Con Nina Hoss, Ronald Zehrfeld
16.15-18.20-20.30 (Sala 2 posti 90)
€ 4,50-7,00
Melbourne
Drammatico di Nima Javidi. Con Payman Maadi, Negar Javaherian
14.10-22.30 (Sala 2 posti 90)
€ 4,50-7,00
Il segreto del suo volto
CINEMAX SAN CARLO
Via Enrico Morozzo della Rocca, 12 tel. 02 48199689
Selma - La strada per la libertà
½
Biografico di Ava DuVernay. Con David Oyelowo, Tom Wilkinson
18.45-21.15 (Sala 1 posti 326)
€ 8,00
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
½
Animazione di Mark Burton, Richard Starzack.
17.00 (Sala 1 posti 326)
€ 6,00
COLOSSEO
V.le Monte Nero, 84 tel. 0259901361-899678903
Focus - Niente è come sembra
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
15.30-17.50-20.20-22.30 (Sala Berlino posti 170)
Vizio di forma
Commedia di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix
15.00-17.05-19.50-22.30 (Sala Cannes posti 150)
Non sposate le mie figlie!
½
Commedia di Philippe de Chauveron. Con Christian Clavier, Chantal Lauby
15.00-17.50-20.20-22.30 (Sala Locarno posti 60)
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza) ½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
15.00-17.30-20.00-22.30 (Sala Sundance posti 160)
Nessuno si salva da solo
Drammatico di Sergio Castellitto. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca
15.30-17.50-20.20-22.30 (Sala Venezia posti 360)
DUCALE MULTISALA
Piazza Napoli 27 tel. 199208002
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
15.00-17.00-19.15-21.30 (Sala 1 posti 350)
Vizio di forma
Commedia di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix
15.30-18.15-21.00 (Sala 2 posti 126)
Nessuno si salva da solo
Drammatico di Sergio Castellitto. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca
15.00-17.30-19.30-21.30 (Sala 3 posti 118)
½
Commedia di Philippe de Chauveron. Con Christian Clavier, Chantal Lauby
15.10-17.35-20.05-22.25 (Sala 9 posti 267)
€ 7,20-9,20
American Sniper
Azione di Clint Eastwood. Con Bradley Cooper, Sienna Miller
19.00-22.00 (Sala 10 posti 267)
€ 9,20
Spongebob - Fuori dall’acqua
½
Animazione di Paul Tibbitt.
14.20-16.40 (Sala 10 posti 267)
€ 7,20
Interstellar
Fantascienza di Christopher Nolan. Con Matthew McConaughey
17.30-21.00 (Sala 11 posti 248)
€ 4,00
Notte al museo 3 - Il segreto del faraone
Avventura di Shawn Levy. Con Ben Stiller, Robin Williams
14.45 (Sala 11 posti 248)
€ 7,20
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
½
Animazione di Mark Burton, Richard Starzack.
14.10-16.15-18.25 (Sala 12 posti 179)
€ 7,20
Black Or White
½
Drammatico di Mike Binder. Con Kevin Costner, Octavia Spencer
15.10-19.15 (Sala 4 posti 118)
Noi e la Giulia
Commedia di Edoardo Leo. Con Luca Argentero, Edoardo Leo
17.10-21.30 (Sala 4 posti 118)
ELISEO MULTISALA
Via Torino 64 tel. 0272008219-899678903
Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza
GLORIA MULTISALA
Corso Vercelli 18 tel. 0248008908
Nessuno si salva da solo
Drammatico di Sergio Castellitto. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca
15.30-17.40-20.15-22.30 (Sala Garbo posti 316)
€ 5,50-8,50
American Sniper
Azione di Clint Eastwood. Con Bradley Cooper, Sienna Miller
22.45 (Sala Marilyn posti 329)
€ 8,50
Cinquanta sfumature di grigio
Drammatico di Sam Taylor-Johnson. Con Jamie Dornan, Dakota Johnson
20.30 (Sala Marilyn posti 329)
€ 8,50
Interstellar
Fantascienza di Christopher Nolan. Con Matthew McConaughey
17.20 (Sala Marilyn posti 329)
€ 4,00
Spongebob - Fuori dall’acqua
½
Animazione di Paul Tibbitt.
15.20 (Sala Marilyn posti 329)
€ 5,50
MEXICO
Via Savona, 57 tel. 0248951802
The Imitation Game
Biografico di Morten Tyldum. Con Benedict Cumberbatch, Keira Knightley
13.00-15.20-17.40-20.00-22.20-V.O.sott. (Sala 1 posti 362) € 4,50-7,00
ODEON - THE SPACE CINEMA
Via Santa Radegonda, 8 tel. 892111
Focus - Niente è come sembra
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
12.00-14.30-17.00-19.30-22.00 (Sala 1 posti 912)
€ 7,20-9,00
½
Animazione di Paul Tibbitt.
12.00-14.30-17.00 (Sala 2 posti 429)
€ 7,20-9,00
Spongebob - Fuori dall’acqua
Superfast & Superfurious
Commedia di Jason Friedberg, Aaron Seltzer. Con Alex Ashbaugh
12.10-14.35-17.00-19.25-22.15 (Sala 3 posti 201)
€ 7,20-9,00
Drammatico di Sam Taylor-Johnson. Con Jamie Dornan, Dakota Johnson
13.00-16.00-19.00-22.00 (Sala 4 posti 131)
€ 7,20-9,00
Nessuno si salva da solo
Drammatico di Sergio Castellitto. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca
12.00-14.25-17.00-19.25-21.50 (Sala 5 posti 115)
€ 7,20-9,00
Cinquanta sfumature di grigio
Senza Lucio
Documentario di Mario Sesti.
19.30-21.30 (Sala 5 posti 115)
Animazione di Alexandre Heboyan, Benoit Philippon.
12.00 (Sala 6 posti 122)
Lei
Commedia di Spike Jonze. Con Joaquin Phoenix, Scarlett Johansson
17.00-21.00 (Sala 1 posti 225)
€ 5,00-6,00
The Repairman
Commedia di Paolo Mitton. Con Daniele Savoca, Hannah Croft
19.10 (Sala 1 posti 225)
Commedia drammatica di Roy Andersson. Con Holger Andersson
17.45-20.15-22.30 (Sala Kubrick posti 148)
Whiplash
Drammatico di Damien Chazelle. Con Miles Teller, Melissa Benoist
15.30-17.45-22.30 (Sala Kubrick posti 148)
Maraviglioso Boccaccio
½
Drammatico di Paolo Taviani, Vittorio Taviani. Con Lello Arena
15.00-17.30-20.00 (Sala Olmi posti 148)
The Search
Drammatico di Michel Hazanavicius. Con Berenice Bejo, Annette Bening
14.45-17.20-19.55-22.30 (Sala Scorsese posti 148)
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza) ½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
15.00-20.00-22.30 (Sala Truffaut posti 148)
Mune - Il guardiano della luna
Teatro di Yael Farber. Con Richard Armitage, Harry Attwell
20.30 (Sala 12 posti 179)
PALESTRINA
Via Palestrina, 7 tel. 0287241925
½
€ 7,20
Commedia di Edoardo Leo. Con Luca Argentero, Edoardo Leo
14.05-16.40-19.15-21.50 (Sala 6 posti 122)
€ 7,20-9,00
Mortdecai
Commedia di David Koepp. Con Johnny Depp, Gwyneth Paltrow
16.50-19.25-22.10 (Sala 7 posti 126)
€ 7,20-9,00
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
½
Animazione di Mark Burton, Richard Starzack.
11.50-14.00 (Sala 7 posti 126)
€ 7,20
Automata
½
Fantascienza di Gabe Ibanez. Con Antonio Banderas, Dylan McDermott
13.30 (Sala 8 posti 72)
€ 7,20
Selma - La strada per la libertà
½
Biografico di Ava DuVernay. Con David Oyelowo, Tom Wilkinson
16.20 (Sala 8 posti 72)
€ 7,20
Le leggi del desiderio
Commedia di Silvio Muccino. Con Silvio Muccino, Nicole Grimaudo
19.35-22.10 (Sala 9 posti 114)
€ 9,00
Kingsman - Secret Service
½
Azione di Matthew Vaughn. Con Colin Firth, Mark Hamill
13.30-16.20-19.20-22.15 (Sala 9 posti 114)
€ 7,20-9,00
Noi e la Giulia
PLINIUS MULTISALA
Focus - Niente è come sembra
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
15.00-17.30-20.20-22.30 (Sala 1 posti 438)
½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
15.30-17.50-20.10-22.30 (Sala 2 posti 250)
Cinquanta sfumature di grigio
Drammatico di Sam Taylor-Johnson. Con Jamie Dornan, Dakota Johnson
21.15 (Sala 3 posti 250)
Spongebob - Fuori dall’acqua
½
Animazione di Paul Tibbitt.
15.00-17.00-19.30 (Sala 3 posti 250)
Kingsman - Secret Service
½
Azione di Matthew Vaughn. Con Colin Firth, Mark Hamill
15.00-17.30-20-22.30 (Sala 4 posti 250)
Nessuno si salva da solo
Drammatico di Sergio Castellitto. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca
15.30-17.50-20.10-22.30 (Sala 5 posti 141)
Mortdecai
Commedia di David Koepp. Con Johnny Depp, Gwyneth Paltrow
20.30 (Sala 6 posti 75)
Noi e la Giulia
Commedia di Edoardo Leo. Con Luca Argentero, Edoardo Leo
15.00 (Sala 6 posti 75)
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Superfast & Superfurious
Commedia di Jason Friedberg, Aaron Seltzer. Con Alex Ashbaugh
17.30-22.30 (Sala 6 posti 75)
UCI CINEMAS BICOCCA
Viale Sarca, 336 tel. 892960
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
14.35-17.10-19.50-22.35 (Sala 1 posti 264)
€ 7,20-9,20
Selma - La strada per la libertà
½
Biografico di Ava DuVernay. Con David Oyelowo, Tom Wilkinson
22.10 (Sala 2 posti 679)
€ 9,20
Spongebob - Fuori dall’acqua
½
Animazione di Paul Tibbitt.
15.10-17.30-19.50 (Sala 2 posti 679)
€ 7,20-9,20
Superfast & Superfurious
Commedia di Jason Friedberg, Aaron Seltzer. Con Alex Ashbaugh
15.15-17.40-20.10-22.40 (Sala 3 posti 395)
€ 7,20-9,20
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
14.00-16.20-19.00-21.30 (Sala 4 posti 303)
€ 7,20-9,20
Cinquanta sfumature di grigio
Drammatico di Sam Taylor-Johnson. Con Jamie Dornan, Dakota Johnson
14.10-17.00-19.45-22.35 (Sala 5 posti 248)
€ 7,20-9,20
Focus - Niente è come sembra
Laura Mvula live at The Paradiso with The Metropole Orkest
€ 15,00
Commedia di Edoardo Leo. Con Luca Argentero, Edoardo Leo
14.30-17.10-22.30 (Sala 6 posti 179)
€ 7,20-9,20
The Search
Drammatico di Michel Hazanavicius. Con Berenice Bejo, Annette Bening
15.30-18.30-21.30 (Sala 7 posti 179)
€ 7,20-9,20
Nessuno si salva da solo
Drammatico di Sergio Castellitto. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca
14.55-17.25-19.55-22.25 (Sala 8 posti 248)
€ 7,20-9,20
20.30 (Sala 6 posti 179)
Noi e la Giulia
UCI CINEMAS CERTOSA
Via Stephenson, 29 tel. 892960
Kingsman - Secret Service
Azione di Matthew Vaughn. Con Colin Firth, Mark Hamill
19.35-22.30 (Sala 1 posti 167)
½
€ 9,20
Fantascienza di Christopher Nolan. Con Matthew McConaughey
17.30-21.00 (Sala 2 posti 167)
€ 5,60
Focus - Niente è come sembra
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
19.50-22.25 (Sala 3 posti 281)
€ 9,20
Spongebob - Fuori dall’acqua
½
Animazione di Paul Tibbitt.
17.25 (Sala 3 posti 281)
€ 7,20
Kingsman - Secret Service
½
Azione di Matthew Vaughn. Con Colin Firth, Mark Hamill
17.00 (Sala 4 posti 167)
€ 7,20
Interstellar
Superfast & Superfurious
Commedia di Jason Friedberg, Aaron Seltzer. Con Alex Ashbaugh
17.00-20.00-22.30 (Sala 4 posti 167)
€ 7,20-9,20
Drammatico di Sergio Castellitto. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca
17.15-19.45-22.15 (Sala 5 posti 167)
€ 7,20-9,20
Focus - Niente è come sembra
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
17.25 (Sala 6 posti 167)
€ 7,20
Spongebob - Fuori dall’acqua
½
Animazione di Paul Tibbitt.
20.00 (Sala 6 posti 167)
€ 9,20
Cinquanta sfumature di grigio
Drammatico di Sam Taylor-Johnson. Con Jamie Dornan, Dakota Johnson
19.50-22.40 (Sala 7 posti 70)
€ 9,20
Noi e la Giulia
Commedia di Edoardo Leo. Con Luca Argentero, Edoardo Leo
17.15 (Sala 7 posti 70)
€ 7,20
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza) ½
Commedia di Alejandro Gonzalez Inarritu. Con Michael Keaton
19.40-22.20 (Sala 8 posti 70)
€ 9,20
Mortdecai
Commedia di David Koepp. Con Johnny Depp, Gwyneth Paltrow
22.20 (Sala 8 posti 70)
€ 9,20
Notte al museo 3 - Il segreto del faraone
Avventura di Shawn Levy. Con Ben Stiller, Robin Williams
17.10 (Sala 8 posti 70)
€ 7,20
Nessuno si salva da solo
CINEMA D’ESSAI
AUDITORIUM SAN CARLO
Corso Matteotti 14 tel. 0276020496
Legenda
GIUDIZIO
V
PESSIMO
VV
DISCRETO
VVV
BUONO
VVVV
OTTIMO
VVVVV
ECCEZIONALE
ORFEO MULTISALA
Viale Coni Zugna, 50 tel. 0289403039
Non sposate le mie figlie!
½
Commedia di Philippe de Chauveron. Con Christian Clavier, Chantal Lauby
20.30-22.30 (Sala Blu posti 290)
€ 8,00
Spongebob - Fuori dall’acqua
½
Animazione di Paul Tibbitt.
14.45-16.40 (Sala Blu posti 290)
€ 5,00-8,00
Spongebob - Fuori dall’acqua (3D)
½
Animazione di Paul Tibbitt.
18.35 (Sala Blu posti 290)
€ 10,00
Focus - Niente è come sembra
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
15.15-17.40-20.05-22.30 (Sala Rossa posti 720)
€ 5,00-8,00
Kingsman - Secret Service
½
Azione di Matthew Vaughn. Con Colin Firth, Mark Hamill
15.00-17.30-20.00-22.30 (Sala Verde posti 290)
€ 5,00-8,00
€ 6,00
Viale Abruzzi, 28/30 tel. 0229531103
€ 15,00
½
Drammatico di Mike Binder. Con Kevin Costner, Octavia Spencer
14.15-17.00-19.50-22.30 (Sala 13 posti 179)
€ 7,20-9,20
Mortdecai
Commedia di David Koepp. Con Johnny Depp, Gwyneth Paltrow
14.50-17.20-20.00-22.35 (Sala 14 posti 248)
€ 7,20-9,20
Cinquanta sfumature di grigio
Drammatico di Sam Taylor-Johnson. Con Jamie Dornan, Dakota Johnson
15.30-18.30-21.30 (Sala 15 posti 303)
€ 7,20-9,20
Kingsman - Secret Service
½
Azione di Matthew Vaughn. Con Colin Firth, Mark Hamill
16.15-19.30-22.35 (Sala 16 posti 395)
€ 7,20-9,20
Focus - Niente è come sembra
½
Thriller di Glenn Ficarra, John Requa. Con Will Smith, Margot Robbie
15.00-17.30-20.00-22.40 (Sala 17 posti 679)
€ 7,20-9,20
Il settimo figlio
Avventura di Sergej Bodrov. Con Ben Barnes, Jeff Bridges
17.30-19.50-22.20 (Sala 18 posti 264)
€ 7,20-9,20
Mune - Il guardiano della luna
½
Animazione di Alexandre Heboyan, Benoit Philippon.
15.15 (Sala 18 posti 264)
€ 7,20
Black Or White
PUBBLICO
v
PESSIMO
vv
DISCRETO
vvv
BUONO
vvvv
OTTIMO
vvvvv
ECCEZIONALE
RIDUZIONI
Ai possessori
della tessera
«vieni al cinema»,
nei locali
convenzionati,
riduzione del
30%,tutti i lunedì e
martedì non
festivi. Nei locali
aderenti alla Fice
la riduzione è
estesa
a tutti i giorni
esclusi festivi
e prefestivi.
Inoltre per accordi
intercorsi tra
l’Agis
e il Comune
di Milano,
nei pomeriggi
dei giorni feriali,
Due giorni, una notte
½
Drammatico di Jean-Pierre e Luc Dardenne. Con Marion Cotillard
15.30-20.30
ai possessori
della «Carta 60»
è riconosciuta
la riduzione
del 40-50 %
AUDITORIUM SAN FEDELE
Via Hoepli, 3/B tel. 0286352231
Sils Maria
Drammatico di Olivier Assayas. Con Angela Winkler, Johnny Flynn
15.15-20.45
€ 7,00
MUSEO DEL CINEMA (MIC)
Viale Fulvio Testi, 121 tel. 02 87242114
Lunedi’ Mattina
Comico di Otar Iosseliani. Con Jacques Bidouy, Arrigo Mozzo
17.00
€ 5,50
Drammatico di Otar Iosseliani. Con Sigalon Sagna, Binta Cisse
15.00
€ 5,50
Un incendio visto da lontano
HANDICAP
I locali
contrassegnati
dal simbolo o
sono accessibili
ai portatori di
handicap;i locali
contassegnati
dal simbolo p
sono accessibili
ai portatori di
handicap con
aiuto
ROSETUM
Via Pisanello, 1 tel. 0248707203
La teoria del tutto
Biografico di James Marsh. Con Eddie Redmayne, Felicity Jones
17.00-21.00
€ 5,00
SPAZIO OBERDAN CINETECA ITALIA
Viale Vittorio Veneto 2 tel. 0277406300
I misteri del giardino di Compton House
Commedia di Peter Greenaway.
16.00
Il ventre dell’architetto
€ 3,50+tessera-5,50
Drammatico di Peter Greenaway. Con B. Dennehy, C. Webb
18.15
€ 5,50+tessera-7,00
Io sono le montagne che non ho scalato
Documentario Con Nives Meroi e Romano Benet
21.15
€ 10,00
16 MILANO CARTELLONE
Giovedì 5 marzo 2015 il Giornale
CinemaHinterland
ASSAGO
UCI CINEMAS MILANOFIORI
Viale MilanoFiori - Tel. 892960
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Cinquanta sfumature di grigio
Kingsman - Secret Service
Superfast & Superfurious
Nessuno si salva da solo
Interstellar
Non sposate le mie figlie!
Interstellar
Spongebob - Fuori dall’acqua
Kingsman - Secret Service
Superfast & Superfurious
Cinquanta sfumature di grigio
Noi e la Giulia
Il settimo figlio
Notte al museo 3 - Il segreto del faraone
Selma - La strada per la libertà
Mortdecai
Spongebob - Fuori dall’acqua
Focus - Niente è come sembra
22.35
17.00-19.50
17.10-22.30
20.10
17.15-19.40-22.10
18.00
21.45
21.00
17.25
19.40
17.20-22.30
22.25
17.10-19.50
22.25
17.20
19.45
17.20-22.25
19.50
17.30-20.00-22.30
BELLINZAGO LOMBARDO
ARCADIA
C.C. La Corte Lombarda - Tel. 02954164445
Notte al museo 3 - Il segreto del faraone
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Superfast & Superfurious
Il settimo figlio
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
Spongebob - Fuori dall’acqua
Kingsman - Secret Service
Cinquanta sfumature di grigio
Vizio di forma
Focus - Niente è come sembra
The Search
Nessuno si salva da solo
Noi e la Giulia
BUSNAGO
17.25
19.40-22.20
17.45-20.35-22.50
19.55-22.40
17.05
17.30-20.30
17.10-20.00-22.50
17.00-19.50-22.35
22.15
17.40-20.10-22.30
17.50-21.00
17.20-19.45-22.10
17.15-20.05-22.45
MOVIE PLANET CENTRO COMMERCIALE GLOBO
c/o Centro Commerciale Il Globo - Tel. 039 695182 (pren.) - 039 6956516 (programmazione)
Superfast & Superfurious
Nessuno si salva da solo
Kingsman - Secret Service
Cinquanta sfumature di grigio
Focus - Niente è come sembra
Spongebob - Fuori dall’acqua
Il settimo figlio
CERRO MAGGIORE
Via Turati, 62 - Tel. 892111
17,00-19,15-21,30
17,00-19,15-21,30
16,30-19,05-21,40
16,30-19,00-21,30
16,50-19,10-21,30
17,20-19,20
21,30
THE SPACE CINEMA SPA CERRO MAGGIORE
Spongebob - Fuori dall’acqua
Cinquanta sfumature di grigio
Automata
Nessuno si salva da solo
Non sposate le mie figlie!
Kingsman - Secret Service
Superfast & Superfurious
Cinquanta sfumature di grigio
Mune - Il guardiano della luna
Vizio di forma
Focus - Niente è come sembra
Senza Lucio
Vizio di forma
Spongebob - Fuori dall’acqua
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
Il settimo figlio
Noi e la Giulia
Focus - Niente è come sembra
Mortdecai
Le leggi del desiderio
16.35
18.50-21.45
16.50
17.30-20.00-22.30
19.25-21.45
16.25-19.20-22.15
17.00-19.25-21.50
16.25
17.35
19.15
22.25
19.50-22.00
16.00
19.10
21.30
17.30
19.55
22.25
16.45-19.20-21.55
17.20-19.50
22.20
CESANO BOSCONE
CRISTALLO
Via Pogliani, 7/A - Tel. 024580242
Selma - La strada per la libertà
Italiano medio
LISSONE
Via Madre Teresa - Tel. 892.960
16.00
21.15
UCI CINEMAS LISSONE
Mortdecai
Nessuno si salva da solo
Noi e la Giulia
17.30-20.00-22.30
17.20-19.50-22.20
22.20
Non sposate le mie figlie!
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
Focus - Niente è come sembra
Spongebob - Fuori dall’acqua
Superfast & Superfurious
Kingsman - Secret Service
Focus - Niente è come sembra
Cinquanta sfumature di grigio
Spongebob - Fuori dall’acqua
Superfast & Superfurious
Le leggi del desiderio
Selma - La strada per la libertà
Superfast & Superfurious
Il settimo figlio
Interstellar
20.00
17.30
22.10
17.20
19.40
17.10-19.55-22.40
17.30-20.00-22.30
17.00-19.45-22.30
17.50-20.10
22.30
22.30
19.50
17.20
17.30-20.00-22.30
17.30-21.00
MELZO
ARCADIA MULTIPLEX
Via Martiri della Liberta` - Tel. 0295416444
Nessuno si salva da solo
Spongebob - Fuori dall’acqua
Cinquanta sfumature di grigio
Superfast & Superfurious
Kingsman - Secret Service
Focus - Niente è come sembra
MELZO
Piazza Risorgimento 19 - Tel. 0292278742
17.10-20.10-22.10
17.25-20.25
22.20
17.40-20.20-22.35
17.20-20.00-22.30
17.30-20.30-22.40
CINEMA TEATRO TRIVULZIO
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
21.00
MONZA
MULTISALA CAPITOL
Via A. Pennati 10 - Tel. 039324272
Noi e la Giulia
The Search
21.15
21.00
MONZA
MULTISALA METROPOL
Via Cavallotti 124 - Tel. 039740128
Focus - Niente è come sembra
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Black Or White
MONZA
Via Cortelonga 4 - Tel. 039323788
20.30-22.30
20.00-22.30
20.10-22.30
MULTISALA TEODOLINDA
Nessuno si salva da solo
Maraviglioso Boccaccio
21.15
21.15
PADERNO DUGNANO
LE GIRAFFE
Via Brasile, 4 - Tel. 0291084250
Cinquanta sfumature di grigio
Il settimo figlio
Le leggi del desiderio
Cinquanta sfumature di grigio
Spongebob - Fuori dall’acqua
Selma - La strada per la libertà
Noi e la Giulia
Superfast & Superfurious
Spongebob - Fuori dall’acqua
Focus - Niente è come sembra
Notte al museo 3 - Il segreto del faraone
Mortdecai
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
Black Or White
Taken 3 - L’ora della verità
Automata
Kingsman - Secret Service
Nessuno si salva da solo
Focus - Niente è come sembra
16.40-19-21.20
16.40-20.40
18.40-22.40
17.30-20.20-22.40
16.40-18.40-20.30
22.30
16.20-18.30-20.40-22.50
17-19-21
17-19
21.20
16.40-18.40
20.40-22.40
16.30-18.30
20.20-22.40
18.40
16.30-21
16.30-19-21.30
16.30-18.30-20.30-22.30
16.30-18.30-20.30-22.30
PIOLTELLO
Via San Francesco, 33 - Tel. 892960
UCI CINEMAS PIOLTELLO
Noi e la Giulia
Nessuno si salva da solo
Interstellar
Il settimo figlio | Imax (3D)
Cinquanta sfumature di grigio
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Notte al museo 3 - Il segreto del faraone
Focus - Niente è come sembra
Superfast & Superfurious
Kingsman - Secret Service
Spongebob - Fuori dall’acqua
Focus - Niente è come sembra
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
Automata
Kingsman - Secret Service
17.00-19.40-22.15
17.30-19.50-22.10
17.30-21.00
17.30-19.50-22.15
17.00-19.50-22.40
19.40-22.15
17.20
17.40-20.15-22.45
18.20-20.30-22.40
22.15
17.30-20.00
19.40-22.10
17.30
22.35
16.55-19.45
Black Or White
Non sposate le mie figlie!
Mortdecai
16.55-19.35-22.15
17.10-19.45-22.10
17.15-19.40-22.10
ROZZANO
THE SPACE CINEMA ROZZANO
C.so Pertini, 20 - Tel. 892111
Spongebob - Fuori dall’acqua
Mortdecai
Cinquanta sfumature di grigio
Kingsman - Secret Service
Noi e la Giulia
Mune - Il guardiano della luna
Focus - Niente è come sembra
Mortdecai
Le leggi del desiderio
Vizio di forma
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Senza Lucio
Nessuno si salva da solo
Automata
Il settimo figlio
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
Non sposate le mie figlie!
Spongebob - Fuori dall’acqua
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Focus - Niente è come sembra
Superfast & Superfurious
16.30-18.50
21.50
15.30-18.25-21.40
15.40-18.35-21.35
19.30-22.15
15.00-17.10
14.55-17.25-20.00-22.30
16.15
18.45
21.25
16.10
18.50-21.00
14.50-17.20-19.50-22.25
16.50
19.30-22.10
14.50-17.00
19.15-21.40
15.10-17.30
19.45-22.20
16.30-19.00-21.30
14.55-17.15-19.35-22.00
SAN GIULIANO MILANESE MOVIE PLANET CENTRO COMMERCIALE S.GIULIANO
S.S. 9 Via Emilia, angolo Via Tolstoj - Tel. 02 98245409 - 899 552578 (pren.)
Spongebob - Fuori dall’acqua
Noi e la Giulia
Focus - Niente è come sembra
Cinquanta sfumature di grigio
Kingsman - Secret Service
Nessuno si salva da solo
17,20-20,00
22,30
17,20-19,50-22,30
17,20-19,50-22,30
17,00-19,40-22,30
17,20-20,00-22,30
SESTO SAN GIOVANNI
SKYLINE MULTIPLEX
c/o Centro Sarca - Tel. 0224860547
Mune - Il guardiano della luna
The Search
Le leggi del desiderio
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
Noi e la Giulia
Focus - Niente è come sembra
Spongebob - Fuori dall’acqua
Cinquanta sfumature di grigio
Kingsman - Secret Service
Superfast & Superfurious
Nessuno si salva da solo
Black Or White
Interstellar | Imax
SESTO SAN GIOVANNI
RONDINELLA
Viale Matteotti, 425 - Tel. 0222478183
Non dico altro
VIMERCATE
Via Torri Bianche, 16 - Tel. 892111
17.40
15.00-19.35-22.20
17.30
15.05-19.50-22.20
15.10-17.40-20.10-22.35
15.15-17.40-20.10-22.30
15.10-17.40
20.20-22.35
15.15-19.40-22.20
15.20-17.35-20.15-22.35
15.15-17.35-20.05-22.15
15.05-17.30-20.00-22.30
21.30
21.15
THE SPACE CINEMA TORRIBIANCHE
Focus - Niente è come sembra
Spongebob - Fuori dall’acqua
Cinquanta sfumature di grigio
Cinquanta sfumature di grigio
Taken 3 - L’ora della verità
Shaun, Vita da Pecora - Il Film
Mortdecai
Il settimo figlio
The Search
Vizio di forma
Selma - La strada per la libertà
Mune - Il guardiano della luna
Le leggi del desiderio
Noi e la Giulia
Nessuno si salva da solo
Non sposate le mie figlie!
Senza Lucio
Notte al museo 3 - Il segreto del faraone
Focus - Niente è come sembra
Superfast & Superfurious
Spongebob - Fuori dall’acqua
Kingsman - Secret Service
Birdman o (l’Imprevedibile Virtù dell’Ignoranza)
18.20-20.55
14.55-17.15-19.40
22.00
18.00-21.00
22.10
17.25-19.40
16.30-21.30
19.00
18.05-21.10
18.10
21.45
16.40
18.30-21.05
18.55-21.40
16.30-18.55-21.25
16.55-19.25-21.50
19.15-21.30
16.35
17.00-19.30-22.05
17.10-19.40-22.10
16.50
18.40-21.35
19.10-21.55
TeatriMilano
TEATRO ALLA SCALA
MM DUOMO
Piazza della Scala
Tel. 02/88791
Foyer Toscanini, Ensemble - Giorgio Bernasconi
Direttore Marco Angius
Ingresso gratuito con invito
ore 17.00
Cello Suites (In den Winden im Nichts)
Coreografia Heinz Spoerli. Musica Johann Sebastian Bach
€ 43.20-152.40
La Prima-ore 20.00
ATELIER CARLO COLLA E FIGLI
MM2 ABBIATEGRASSO
Via Montegani, 35/1
Tel. 02/89531301
La bella addormentata nel bosco
Regia di Eugenio Monti Colla
€ 8.00-16.00
ore 10.00
AUDITORIUM DI MILANO FONDAZIONE CARIPLO
Largo G. Mahler
Tel. 02/83389201
Stagione Sinfonica
Direttore e pianoforte Olli Mustonen
€ 15.00-35.00
ore 20.30
CAMPO TEATRALE
Via Cambiasi, 10
Tel. 02/26113133
La favola della buonanotte
con Chiara Anicito, Matilde Facheris. Regia di Marcela Serli
€ 12.00-18.00
ore 21.00
CARCANO
MM CROCETTA
Corso di Porta Romana, 65
Tel. 02/55181377
Erano tutti miei figli
Regia di Giuseppe Dipasquale
€ 25.00-34.00
ore 20.30
TEATRO DELL’ARTE
MM CADORNA
Via Emilio Alemagna, 6
Tel. 02/89011644
Ma/Mains tenat le vide Di Alberto Giacometti
€ 22.00-25.00
ore 20.30
Buono come il pane
Di Eleonora Marino
€ 11.00-25.00
ore 19.00
ELFO PUCCINI
MM LIMA
Corso Buenos Aires, 33
Tel. 02/00660606
Sala Bausch, Dal 6/03, La palestra della felicita’
con Elena Russo Arman, Cristian Gianmarini
€ 16.00-30.50
ore 19.30
Sala Shakespeare, Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi
con Ermanna Montanari, Roberto Magnani. Regia di Marco Martinelli
€ 16.00-30.50
ore 21.00
FRANCO PARENTI
MM PORTA ROMANA
Via Pier Lombardo, 14
Tel. 02/59995206
Sala 3, Il ballo
di e con Sonia Bergamasco
€ 15.00-32.00
ore 18.30
Sala Grande, La scuola
con Silvio Orlando, Marina Massironi
€ 15.00-32.00
ore 21.30
LA CRETA
Via dell’Allodola, 5
Tel. 02/55211300
Le avventure di Pinocchio
adattamento Gianni Colla. Regia Stefania Mannacio Colla
€ 8.00-16.00
ore 10.30
LINGUAGGICREATIVI
MM ROMOLO
Via Eugenio Villoresi, 26
Tel. 02/39543699
Dal 6/03, Barbie e’ morta Di e con Serena Facchini e Elena Parretti
€ 10.00-12.00
ore 20.30
LIBERO
MM PORTA GENOVA
Via Savona, 10
Tel. 02/8323126
Mercurio
con Monica Faggiani, Gianni Quillico. Regia di Corrado d’Elia
€ 13.00-19.00
ore 21.00
LITTA
MM CADORNA
Corso Magenta, 24
Tel. 02/86454545
Confidenze troppo intime
Con Caterina Bajetta, Gaetano Callegaro. Regia di Antonio Syxty
€ 11.00-21.00
ore 20.30
Sala La Cavallerizza, Sapevo esattamente cosa fosse l’amore
prima d’innamorarmi
con Claudia De Candia, Stefano Pietro Detassis
€ 10.00
ore 19.30
MANZONI
MM MONTENAPOLEONE
Via Manzoni, 42
Tel. 02/7636901
Cercando segnali d’amore nell’universo
di Luca Barbareschi. Con Marco Zurzolo e la sua band
€ 15.00-32.00
ore 20.45
MENOTTI - TIEFFE
Via Ciro Menotti, 11
Tel. 02/36592544
La fila (line) con Paola De Crescenzo, Sergio Filippa
€ 12.50-25.00
ore 20.30
NUOVO
MM SAN BABILA
Piazza San Babila
Tel. 02/794026
Sono nata il ventitre’ di e con Teresa Mannino
€ 30.00-40.00
ore 20.45
Cirano di Bergerac Regia di Maximilian Nisi
€ 15.00
ore 15.00
OUT OFF
Via Mac Mahon, 16
Tel. 02/34532140
Mozart e Salieri
con Mino Manni, Davide Lorenzo Palla. Regia di Alberto Oliva
€ 9.00-18.00
ore 20.45
PICCOLO TEATRO GRASSI
MM CORDUSIO
Via Rovello, 2
Tel. 848.800304
Lehman Trilogy - Seconda parte: Padri e figli
con Robert Lehman Fausto Cabra. Regia di regia Luca Ronconi
€ 26.00-33.00
ore 19.30
PICCOLO TEATRO STREHLER
MM LANZA
Largo Greppi, 1
Tel. 848.800304
Re Lear Con Michele Placido e Gigi Angelillo
€ 18.00-33.00
ore 19.30
Scatola Magica, Benvenuti al Piccolo
ore 9.45-11.15
MM ZARA
Tel. 02/69015733
Amalia e basta
testo, regia e interpretazione Silvia Zoffoli
€ 9.00-14.00
ore 21.00
SPAZIO TEATRO NO’HMA
MM PIOLA
Via Orcagna, 2
Tel. 02/45485085
L’acqua, la terra e le relazioni tra gli uomini - Le dune del Sahel
Di e regia Charlie Owens. Con Mohamed Ba, Moussa Gning
Ingresso libero
ore 21.00
SPAZIO TEATRO 89
MM BISCEGLIE
Via F.lli Zoia, 89
Tel. 02/40914901
Pierpaolo Lauriola presenta il suo ultimo album - L’ego
€ 10.00
ore 21.00
SPAZIO TERTULLIANO
Via Tertulliano, 6
Tel. 02/49472369
Cappuccetto Rosso con Caroline Baglioni, Cecilia Elda Campani
€ 10.00-16.00
ore 21.00
TEATRO ARIBERTO
MM S.AGOSTINO
Via Daniele Crespi, 9
Tel. 02/89400055
Pane e ugualianza di e con Chiara Continisio
€ 8.00-12.00
ore 21.00
TEATRO CABOTO
Via Caboto, 2
Tel. 02/70605035
Dracula Con Gianluca Frigerio. Regia di Giorgio Di Salvo
€ 8.00-12.00
ore 21.00
TEATRO DAL VERME
MM CAIROLI
Via San Giovanni sul Muro, 2
Tel. 02/87905
Sala Grande, Leonardo. Una Vita - Corso di storia dell’arte 2015
€ 3.00-10.00
ore 18.00
TEATRO DELFINO
Via Dalmazia, 11
Tel. 333/5730340
Amori, dolori... ma cosa mi metto?
con Marisa Della Pasqua, Paola Della Pasqua
€ 12.00-18.00
ore 21.00
TEATRO DELLA CONTRADDIZIONE
Via Della Braida, 6
Tel. 02/5462155
Due+Due=5
di Lara Guidetti. Con Lara Guidetti, Paola Bedoni
€ 12.00-15.00
ore 20.45
TEATRO DELLA COOPERATIVA
Via Hermada, 8
Tel. 02/64749997 - 02/6420761
Per una biografia della fame
con Annagaia Marchioro. Regia di Alessia Gennari
€ 9.00-18.00
ore 20.45
TEATRO DELLA MEMORIA
Via Cucchiari, 4
Tel. 02/313663
Il 7/03, Recital per Milano
Con Walter Di Gemma
€ 10.00-15.00
ore 21.00
ingresso gratuito
SALA FONTANA
Via Boltraffio, 21
Il 7/03, Arlecchino, servitore in cerca di padroni
Con Mago Demis
€ 7.00
ore 16.00
TEATRO FILODRAMMATICI
MM DUOMO
Via Filodrammatici, 1
Tel. 02/36727550
Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni
con Daria Deflorian, Antonio Tagliarini
€ 10.00-20.00
ore 21.00
TEATRO I
MM PORTA GENOVA
Via Gaudenzio Ferrari, 11
Tel. 02/8323156
Dal 6/03, Nikola Tesla. Lectures
di e con Lorenzo Bazzocchi
€ 10.00-16.00
ore 21.00
TEATRO MARTINITT
MM LAMBRATE
Via Pitteri, 58
Tel. 02/36580010
Piccole Gonne
Con Alessandro Fullin, Tiziana Catalano, Sergio Cavallaro
€ 16.00-20.00
ore 21.00
TEATRO NAZIONALE
MM WAGNER
Piazza Piemonte, 12
Tel. 02/00640888
Dal 6/03, Sara’ perche’ ti amo
Coreografie di Andrea Verzicco
€ 26.00-46.00
ore 20.45
TEATRO OFFICINA
MM GORLA
Via Sant’Erlembaldo, 2
Tel. 02/2553200
Dal 6/03, Diario di un pazzo
di Nikolaj Gogol. Con Roberto De Francesco. Regia di Andrea Renzi
€ 10.00
ore 21.00
TEATRO OSCAR - PACTA DEI TEATRI
Via Lattanzio, 58
Tel. 02/36503740
Donne donnine donnacce
con Gianna Coletti e Giovanna Rossi
€ 9.00-18.00
ore 21.00
TEATRO RINGHIERA
MM ABBIATEGRASSO
Via Boifava, 17
Tel. 02/84800372
Italia anni dieci
Regia Serena Sinigaglia. Con Mattia Fabris, Stefano Orlandi
€ 7.50-15.00
ore 20.45
GRAN TEATRO LINEAR4CIAK
Piazzale V. Cuoco
Tel. 02 5466367
Tango de mi Buenos Aires
€ 23.00-40.00
ore 21.00
TEATRO STUDIO FRIGIA CINQUE
MM VILLA SAN GIOVANNI
Via Frigia, 5
Tel. 3482903851-3925191682
La panne
con Santino Preti, Stefano Fiorentino
€ 10.00-12.00
ore 21.15
TEATRO VERDI
Via Pastrengo, 16
Tel. 02/60736060
Buon Lavoro
con Lorenzo Frediani, Marta Lunetta. Regia di Maurizio Schmidt
€ 10.00-20.00
ore 21.00
Scarica

La Lega si spacca, Renzi si incarta