G U I DA P E R L ’ U T E N T E
@TIME IMPRESA
Pur dichiarando il proprio impegno a mantenere questo documento costantemente aggiornato, non garantiamo che, in ogni momento, sia del tutto
corrispondente al Servizio reso disponibile all’utente e che le schermate (utilizzate a scopo dimostrativo e che fanno riferimento a dati fittizi)
rispecchino completamente ciò che è reso visibile all’utente.
G U I DA P E R L ’ U T E N T E - I N D I C E
Guida per l’utente - Indice ...................................................................................................................2
Descrizione del servizio .......................................................................................................................4
Accesso al servizio........................................................................................................................................ 4
Procedura di identificazione ....................................................................................................................... 5
Menu, navigazione, utilizzo dei pulsanti e dei link,…............................................................................... 6
Menu: descrizione ........................................................................................................................................ 7
Conti Correnti .............................................................................................................................................. 7
Riepilogo................................................................................................................................................................7
Movimenti..............................................................................................................................................................8
Titoli ............................................................................................................................................................ 10
Dossier .................................................................................................................................................................10
Saldo Titoli ..........................................................................................................................................................11
Utilità .......................................................................................................................................................... 11
Dati azienda .........................................................................................................................................................11
Nominativi ...........................................................................................................................................................12
Ricerca ABI/CAB ................................................................................................................................................13
Pagamenti, Incassi e distinte: introduzione ............................................................................................. 14
Pagamenti ................................................................................................................................................... 15
Bonifico ...............................................................................................................................................................15
Bonifico estero .....................................................................................................................................................17
Stipendio ..............................................................................................................................................................22
Giroconto .............................................................................................................................................................22
Effetti ...................................................................................................................................................................23
Incassi.......................................................................................................................................................... 24
Ri.Ba….Disp. Ri.Ba.: inserimento di una ricevuta bancaria................................................................................24
M.Av….Disp. M.Av.: inserimento di un “Pagamento mediante Avviso” ...........................................................25
R.I.D….Disp. R.I.D.: inserimento di Rapporti Interbancari Diretti .....................................................................26
Ri.Ba, M.Av., R.I.D.….Pagati e Insoluti .............................................................................................................27
Distinte ........................................................................................................................................................ 27
Importa ....................................................................................................................................................... 29
File CBI................................................................................................................................................................29
Nominativi ...........................................................................................................................................................30
Stato avanzamento ...............................................................................................................................................31
Sicurezza ..................................................................................................................................................... 31
Cambio password.................................................................................................................................................31
Censimento ..........................................................................................................................................................31
Nuovo utente........................................................................................................................................................32
Info .............................................................................................................................................................. 32
Uscita........................................................................................................................................................... 33
Istruzioni operative............................................................................................................................34
Postazione di accesso al servizio ............................................................................................................... 34
Configurazione della postazione............................................................................................................... 34
Configurazione del browser...................................................................................................................... 34
Crittografia SSL a 128 bit ......................................................................................................................... 35
2
Normative...........................................................................................................................................36
Glossario ............................................................................................................................................38
Appendice...........................................................................................................................................40
3
D E S C R I Z I O N E D E L S E RV I Z I O
Quello che descriviamo in questa guida è un servizio di Corporate Banking Interbancario e fa
parte dei “Servizi Internet Banking”, che consentono al cliente della Banca di operare dal proprio
personal computer con un comune browser.
In particolare permette ad un’Azienda di ricevere dati informativi relativi ai rapporti con i propri
Istituti e di inoltrare disposizioni da recapitare alle Banche destinatarie,
§
§
§
§
senza recarsi in banca
in qualunque momento
utilizzando un personal computer e una connessione ad Internet
senza alcun software aggiuntivo: non vi è la necessità di eseguire un’installazione preventiva di software sul
PC (o sulla rete aziendale) del cliente.
L’esigenza dell’utente multi-banca è soddisfatta, in termini generali e per le funzionalità di base, dal
servizio C.B.I. (maggiori informazioni possono essere reperite all’indirizzo www.abi.it nella sezione
dedicata agli standard tecnici del CBI).
Tutti i dati inseriti o ricevuti dall’utente sono memorizzati in un ‘server’ collocato presso una
Struttura Tecnica della Banca e sono sempre a disposizione dell’utente stesso via Internet.
Per quanto riguarda la sicurezza, al cliente viene fornita una ‘ protezione in linea ’ , ottenuta
attraverso l’applicazione di una crittografia di linea usata nel collegamento tra il ‘ sistema centrale della
Banca ’ ed il Personal computer del cliente. La protezione dei dati durante il collegamento avviene
utilizzando una connessione sicura del tipo SSL3 a 128 bit (una delle tecniche più attuali e sicure
disponibili).
La navigazione all’interno del servizio è molto semplice ed intuitiva in quanto utilizza tecniche e
modalità tipiche della navigazione dei siti Internet.
Per attivare il servizio è sufficiente recarsi nella propria Filiale e sottoscrivere il contratto che
consentirà di entrare in possesso:
• della Login (o Codice Utente) e della Password, contenute all’interno della busta discreta ricevuta
nel momento di sottoscrizione del contratto; è possibile cambiare in qualsiasi momento la password
fornita dalla banca utilizzando la funzione di “Cambio password”;
• del codice SIA, assegnato con un’operazione di censimento e comunicato all’utente dopo qualche
giorno, a causa della necessità di attivare opportune procedure.
Accesso al ser viz io
Per accedere al servizio, è sufficiente che il Cliente si colleghi ad Internet al sito indicato dalla
Banca.
Le istruzioni operative (o specifiche tecniche), allegate a questo manuale, consentono di verificare se la
postazione di lavoro del Cliente è configurata nella maniera corretta. Si veda a tal proposito la sezione
del ‘ Istruzioni operative ’ del manuale.
4
Pr ocedura di identificaz ione
Nella pagina di apertura del servizio, il Cliente deve inserire i dati seguenti:
•
•
•
Codice SIA
Codice utente (o Login)
Password
Nel corso del primo collegamento, per garantire ulteriormente la riservatezza dell’identificazione,
viene richiesto di cambiare la password assegnata. Non viene verificato che tale cambiamento venga
realmente effettuato, lasciando all’utente piena responsabilità in merito.
Nel caso in cui una qualunque delle tre informazioni non risulti essere corretta, l’accesso al servizio
viene impedito e un messaggio d’errore chiede che vengano reinserite (“Utente errato”, “Password
errata”).
ATTENZIONE
Nel caso in cui, per più di 7 volte, sia inserita dall’utente una errata password di accesso, la postazione verrà d’ufficio
disabilitata. Per riattivarla è necessario che l’utente si ripresenti in filiale per ricevere una nuova busta contenente una
nuova coppia ‘Codice Utente e Password’.
Dopo la pagina di apertura, si ha accesso al servizio. E’ visualizzata una prima schermata con le
informazioni sui conti correnti del Cliente, sulla destra, e il menu che permette di navigare nel servizio,
nella parte a sinistra della schermata.
Le operazioni che possono essere eseguite sono raggruppate per categorie nel menu nel modo
seguente:
Figura 1.
Il menu
A ciascuna di tali scelte di menu, corrispondono delle operatività specifiche che possono essere:
lettura di dati informativi ricevuti dalle banche in cui sono accesi i conti correnti del Cliente, invio di
disposizioni alle medesime banche, memorizzazione di anagrafiche di beneficiari/debitori, …
Per motivi di sicurezza, trascorso un periodo di inoperatività (cioè assenza traffico dati tra
cliente e Banca) superiore ad un limite fissato dal servizio, la sessione di collegamento sarà interrotta e
5
sarà quindi necessario ripetere l’operazione di ‘login’.
M e n u , n a v i ga z i o n e, u t i l i z z o d e i p u l s a n t i e d e i l i n k , …
In questa sezione forniamo all’utente alcune importanti indicazioni che gli consentono di
utilizzare il servizio in maniera appropriata.
Il menu che si presenta all’utente subito dopo la pagina di apertura è suddiviso per tipologia di
operazione: ciascuna voce di menu contiene però al suo interno una ulteriore suddivisione che può
essere visualizzata dall’utente con un semplice click del mouse sulla freccia (posta in corrispondenza di
ciascuna voce di menu). Per esempio, nel caso dei “Conti Correnti”, si ha la seguente situazione:
situazione iniziale
dopo il click del mouse
Con un click del mouse su “Conti Correnti”, si può tornare alla situazione iniziale.
Come si deduce dall’esempio, la freccia a destra indica che ci sono delle voci di menu raggruppate sotto il
“titolo” a cui punta la freccia stessa, la freccia in giù indica invece che l’utente ha espanso una voce di
menu che contiene al suo interno varie funzionalità, il pallino rappresenta infine una funzionalità di base.
Quando, partendo da una voce di menu, l’utente arriva a visualizzare una maschera, deve
ricordare che, se seleziona un’altra voce di menu, gli eventuali dati che sta inserendo non saranno
memorizzati (a meno che non abbia prima confermato l’inserimento dei dati con il pulsante
opportuno).
Invece, nel caso in cui l’utente stia solo visualizzando dei dati, può passare dalla situazione in cui si trova
ad un’altra usando eventuali pulsanti che gli sono forniti (per esempio,
utilizzando il menu che è sempre presente.
), o
Per potersi muovere da una maschera ad un’altra, o per recuperare informazioni ai fini
dell’inserimento di nuovi dati (per esempio, per recuperare l’anagrafica di un beneficiario nel momento
dell’inserimento di una disposizione di pagamento), l’utente ha a disposizione una serie di “pulsanti” e
di “link” che gli consentono tali operazioni. Per esempio:
•
dalla maschera di un bonifico, la “lente di ingrandimento”
gli consente di leggere
l’archivio dei nominativi e di selezionare in esso il dato di suo interesse;
•
dalla lista delle distinte appartenenti ad una certa tipologia, può passare al dettaglio di una
singola distinta usando il link
ogni riga;
•
posto in corrispondenza della data visualizzata per
dalla visualizzazione di movimenti relativi a un conto corrente, si può ‘leggere’ tutto l’elenco dei
movimenti ricevuti dalla Banca utilizzando i pulsanti
o “pagina
6
successiva ”.
Da quanto detto, risulta evidente che non si rende mai necessario l’utilizzo del pulsante “Back” (o
“Indietro”) messo a disposizione dai browser.
Menu: descriz ione
Durante la navigazione nel servizio, compare sempre, nella parte sinistra delle schermate via via
presentate al Cliente, il menu che permette di operare nel servizio.
Nei paragrafi che seguono descriveremo le funzionalità associate alle varie scelte di menu.
Premettiamo fin d’ora che quando ci riferiremo a
Ø “flussi informativi”, intenderemo i dati relativi ai movimenti e ai saldi che l’utente riceve dalle Banche
presso le quali ha dei conti correnti accesi;
quando invece parleremo di
Ø “flussi dispositivi”, o “disposizioni” ci riferiremo ai dati che l’utente del Servizio spedisce alla Banca
sotto forma di pagamenti da effettuare o di incassi da ricevere.
Conti C or r enti
Riepilogo
Figura 2.
Riepilogo Conti Correnti
Nella schermata viene visualizzato l’elenco dei conti correnti accesi presso la “banca proponente”
dall’azienda che si è collegata al servizio (con i relativi saldi espressi nella divisa del C/C). Un pop-up
menu, visualizzato solo nel caso in cui il Cliente abbia acceso dei conti correnti presso banche diverse
da quella che con cui ha attivato il servizio (“banche passive”), permette di selezionare un’altra banca di
cui si vuole verificare il riepilogo dei C/C.
7
Ciascuna delle voci dell’elenco corrisponde ad un C/C acceso presso una filiale della banca selezionata.
In ciascuna riga sono riportate le seguenti informazioni: CAB, C/C, divisa, data contabile, saldo
contabile.
Dal riepilogo del C/C si passa al dettaglio dei movimenti relativi ad esso con un semplice click del
mouse sul link posto sotto la coppia CAB-C/C, come indicato nella figura seguente.
Figura 3.
.
Link Conto Corrente per visualizzazione movimenti
Invece, il link posto in corrispondenza del saldo contabile (per esempio,
, indicato in
rosso se in negativo e in nero, altrimenti), permette di visualizzare la seguente schermata nella quale
sono disponibili all’utente le liquidità future.
Può essere visualizzato (se ricevuto dalla Banca) il controvalore contabile nel caso in cui il C/C sia
espresso in EURO: si tratta del saldo contabile convertito in Lire.
Figura 4.
Liquidità
Movi menti
Con questa voce di menu si possono consultare i movimenti relativi a ciascuno dei conti correnti
dell’azienda. Nel caso in cui la schermata non riesca a visualizzare tutta la lista dei movimenti, sono resi
disponibili all’utente due tasti che consentono di passare ai “movimenti precedenti” o ai “movimenti
successivi” (“pagina precedente” e “pagina successiva”, rispettivamente). Se l’utente ha più di un conto
corrente acceso, anche presso banche diverse, ha la possibilità di passare dalla visualizzazione dei
movimenti di un conto corrente a quella dei movimenti del conto corrente precedente o successivo,
servendosi del pulsante corrispondente (“C/C precedente” e “C/C successivo”).
Viene data all’utente la possibilità:
8
-
-
di attivare un filtro tramite il link “Attiva filtro”
, allo scopo di
visualizzare soli i movimenti che gli interessano;
di decidere quanti movimenti visualizzare per pagina, cioè di modificare l’ampiezza della
pagina visualizzata in termini di numero di movimenti, utilizzando il pop-up menu posto
accanto a ‘ Righe per pagina ’ ;
di paginare in modo quasi diretto, puntando direttamente ad una pagina
. Con questa
paginazione, viene combinato l’accesso sequenziale ( “pagina precedente”, “pagina successiva”)
con quello diretto (pagina 1,2,..n). Per motivi di spazio e prestazioni, tuttavia, l’elenco delle
pagine raggiungibili con l’utilizzo di un link è limitato ad un intervallo di 10/15 pagine rispetto
alla pagina attuale. Esempi simili di paginazione vengono utilizzati da vari motori di ricerca.
Figura 5.
Elenco movimenti
Dalla schermata indicata nella figura precedente si passa a quella della figura seguente, utilizzando il
pulsante ‘Attiva filtro ’, che consente all’utente di selezionare i movimenti che desidera visualizzare,
utilizzando un criterio di ricerca da lui stesso assegnato.
Per applicare il “filtro”, l’utente deve impostare i dati da utilizzare come criteri di ricerca:
- Data Contabile: da… a…
- Data valuta: da… a …
- Importo: da… a …
- Causale: scelta da un pop-up menu, tra quelle previste dagli standards CBI
e utilizzare il pulsante “Applica”.
Utilizzando il pulsante “Reset”, possono essere ‘pulite’ le aree in cui devono essere inseriti i parametri
per l’utilizzo del filtro.
Il pulsante ‘Stampa’ (che equivale alla funzione di stampa del menu del browser), infine, permette di
stampare la lista dei movimenti visualizzata, con il “filtro” applicato.
9
Per disattivare il filtro è sufficiente premere il mouse in corrispondenza di “Disattiva filtro”.
Disattivandolo, scompare anche la parte dei dati di filtro, e la visualizzazione dei movimenti è completa.
In pratica si ritorna alla prima schermata.
Figura 6.
Filtro per selezione movimenti
In alcuni casi, i movimenti possono riportare una descrizione maggiormente dettagliata, che l’utente
visualizza utilizzando il link Dettaglio.
Titoli
Dossi er
La sezione del menu relativa al Dossier Titoli, visualizza all’utente la lista dei Dossier suddivisa per
Banca. Con il pop-up menu “Seleziona Banca”, nel caso in cui l’utente disponga di Conti Correnti
accesi su banche diverse, si può decidere di visualizzare solo i Dossier relativi ad una singola Banca.
Le informazioni visualizzate sono il CAB e il numero di riferimento di ciascun Dossier.
Figura 7.
Lista Dossier Titoli
Il link posto nella parte inferiore del numero di dossier, consente all’utente di visualizzare un
“dettaglio” del singolo dossier, con le informazioni relative a:
10
•
Codice ISIN
•
Descrizione del titolo
•
Saldo attuale
•
Divisa: codice SWIFT della divisa del titolo
•
Data saldo
• Data scadenza,
come esemplificato nella figura seguente:
Figura 8.
Dettaglio Dossier Titoli
Il link posto in corrispondenza del codice ISIN di un titolo, permette di visualizzare i movimenti
relativi al Dossier stesso. Dalla schermata contenente il dettaglio della movimentazione, si ha la
possibilità di ritornare alla precedente.
Figura 9.
Movimentazione Dossier Titoli
In base agli standards CBI, contrariamente a quanto avviene per la rendicontazione dei C/C, ogni
Banca è tenuta ad inviare la rendicontazione dei dossier solo al verificarsi di una qualsivoglia
movimentazione, salvo con altra cadenza concordata con i singoli clienti . Nel caso non siano presenti
movimenti, la rendicontazione potrà essere composta dai soli record di saldo.
S a ld o Ti tol i
Questa sezione consente di visualizzare le informazioni relative ad un singolo Dossier titoli e alla
sua movimentazione, nello stesso modo ottenuto utilizzando il menu descritto nel paragrafo appena
descritto e riassunto dalle due figure precedenti.
Utilità
Da ti a z i en da
La schermata presentata all’utente permette di verificare i dati che la Banca ha ricevuto per
effettuare il censimento e l’attivazione al servizio.
11
Alcuni dati sono soltanto visualizzati, altri invece sono anche modificabili da parte dell’utente.
In particolare, il campo ‘Descrizione abbreviata è quello che viene utilizzato nell’inserimento delle
disposizioni di incasso Ri.Ba. (“Denominazione”).
Figura 10.
Anagrafica azienda
Nomi na ti vi
Utilizzando questa voce di menu è visualizzata la lista dei nominativi inseriti dall’utente. Tali
nominativi sono quelli che possono essere usati nell’inserimento di pagamenti e incassi in qualità di
beneficiari o debitori: infatti, le informazioni che li riguardano possono essere recuperate dall’archivio
dei nominativi con il semplice utilizzo della “lente di ingrandimento” che compare in tutte le maschere
di inserimento relative ai pagamenti e agli incassi.
E’ consigliabile che l’inserimento del nominativo avvenga facendo precedere il cognome al nome in
modo tale che risulti agevole utilizzare i link che portano a visualizzare i nominativi relativi ad una certa
lettera dell’alfabeto (basta un click del mouse sul link posto sulla parte inferiore della lettera dell’alfabeto
che interessa, scelta in uno dei due elenchi resi disponibili all’utente).
Partendo dall’elenco dei nominativi, è possibile:
Ø creare un nuovo nominativo, utilizzando il link visualizzato nella pagina (“CREA UN NUOVO
NOMINATIVO”); la medesima operazione è possibile a partire dalla voce di menu che
descriviamo nel seguito;
Ø modificare un nominativo precedentemente inserito, con un semplice click del mouse sul link posto
in corrispondenza del nominativo che interessa.
Utilizzando il link “CREA UN NUOVO NOMINATIVO”, si possono inserire i dati relativi
ad un riferimento da usare come beneficiario o debitore delle operazioni che l’utente effettua con la
Banca.
Le informazioni che devono essere inserite sono le seguenti:
• Beneficiario/Debitore
12
•
•
Cod. debitore: codice con il quale il debitore è conosciuto dal creditore
Tipo cod. deb.: scelto da un pop-up menu, fra i seguenti valori: utenza, matricola, codice fiscale, codice
cliente, codice fornitore, portafoglio commerciale, altro
• Descrizione: descrizione libera del beneficiario/debitore
• Tipo nominativo: scelto da un pop-up menu tra i seguenti valori: Creditore, Debitore,
Creditore/Debitore, Estero; nel caso di ‘Nominativo estero, si può notare che vengono modificate le
indicazioni date all’utente relativamente ai campi ritenuti obbligatori e facoltativi (in colore azzurro)
al fine di un corretto inserimento del record.
• Dipendente – Esterno: impostazione alternativa
• C.F./P. IVA: codice fiscale o partita IVA, sul cui valore viene effettuato un controllo di correttezza
formale
Residenza del debitore/beneficiario:
• Indirizzo: via, numero civico e/o nome della frazione
• Comune: comune di residenza del beneficiario/debitore
• CAP: codice di avviamento postale
• Provincia: sigla della provincia
Dati relativi alle coordinate bancarie del beneficiario/debitore (possono essere digitati o recuperati,
tramite la “lente di ingrandimento” dall’archivio ABI/CAB):
• Banca: ragione sociale della Banca
• ABI: codice ABI della Banca
• CAB: codice CAB dello sportello della Banca
• Località
• Conto corrente: conto corrente del beneficiario/debitore
• CIN: CIN delle coordinate bancarie
• Codice Banca
• Divisa: scelta in un pop-up menu
R i c e r c a A B I/ C A B
Utilizzando questa voce di menu è possibile ottenere informazioni su uno specifico sportello di
una banca di cui sono note almeno alcune informazioni (per esempio, i codici ABI e CAB, la ragione
sociale, …).
Per effettuare la ricerca possono essere digitate parzialmente le informazioni che si conoscono,
facendo precedere o seguire i dati da un asterisco: premendo il pulsante “cerca” viene visualizzato
l’elenco degli sportelli corrispondenti alle informazioni inserite, se ne esistono, o viene visualizzato un
messaggio che informa l’utente che non è stato individuato nessuno sportello rispondente alle
caratteristiche indicate.
La possibilità di effettuare una ricerca, utilizzando una maschera come quella presentata dal menu che
stiamo descrivendo, è offerta all’utente anche nella fase di inserimento di un incasso o di un pagamento:
basta utilizzare la lente di ingrandimento, posta a fianco delle informazioni riguardanti le coordinate
bancarie.
Le informazioni che possono essere inserite ai fini della ricerca sono le seguenti:
• Banca: ragione sociale della Banca
• Sportello: descrizione dello sportello (esempio: “Agenzia 1”)
• ABI: codice ABI della Banca
• CAB: codice CAB della Banca
13
•
•
•
•
•
Indirizzo
Località
Comune
CAP
Provincia
Pa ga m e n t i , I n c a s s i e d i s t i n t e : i n t r o d u z i o n e
Questa parte del menu, suddivisa per tipo di pagamento/incasso, deve essere utilizzata per
effettuare disposizioni di pagamento/incasso da parte del Cliente: costituisce la parte del servizio
riguardante i flussi dispositivi da inviare alla Banca. Tutte le disposizioni inserite sia nell’area dei
Pagamenti che in quella degli Incassi, vengono visualizzate nello stato di “Sospese” nell’area del menu
“Distinte”.
Per tutti i tipi di pagamento/incasso, è presentata all’utente una maschera che permette l’inserimento
delle informazioni utili ai fini della creazione della disposizione (le “etichette” delle informazioni
facoltative, il cui mancato inserimento non impedisce l’elaborazione da parte della Banca, sono
visualizzate in colore diverso). Alcune informazioni devono essere inserite servendosi dei pop-up menu
presenti nella maschera (per esempio, la “Causale Pagamento” nella maschera di inserimento dei
Bonifici).
Alla fine dell’inserimento dei dati, premendo il pulsante “Conferma”, posto nella parte inferiore
della maschera presentata all’utente, viene effettuato un controllo sulla correttezza dei dati stessi, in
base al tipo di informazione, alla formattazione usata, ai controlli sulle date utilizzati dalla Banca,
all’obbligatorietà dell’inserimento del dato,… Nel caso in cui vengano rilevati degli errori, l’utente
continuerà a vedere la maschera iniziale nella quale inserire le opportune correzioni; altrimenti, se
l’inserimento è avvenuto correttamente, un messaggio informa l’utente che è stata creata la prima
disposizione e presenta la maschera appena usata per predisporre l’utente ad una nuova operazione. In
questo momento, si può inserire un’altra disposizione, che sarà aggiunta alla distinta creata con
l’inserimento della prima disposizione; per inserire invece una disposizione in una diversa distinta, deve
essere riutilizzata la voce di menu opportuna (Pagamenti -> Bonifici, oppure Pagamenti -> Stipendi,
Incassi -> M.Av. …).
L’utente può decidere di raggruppare le disposizioni inserite creando delle distinte o può
scegliere di lasciare che ogni distinta sia costituita da una sola disposizione. Non appena è avvenuto
l’inserimento di una disposizione, la corrispondente distinta che viene a crearsi automaticamente, risulta
visualizzata nella sezione delle Distinte, dedicata all’operazione di incasso o pagamento corrispondente,
nello stato di “sospesa”. L’utente deve tenere presente che nel caso in cui raggruppi in un’unica distinta
più disposizioni, una volta che è stata inserita la prima delle disposizioni che andranno a costituire la
distinta, gli saranno poste le seguenti limitazioni:
Ø non potrà modificare la Banca interessata dal flusso dispositivo
Ø non potrà modificare la scelta del conto corrente scelto nella Banca selezionata
Ø non potrà modificare la divisa usata nella prima operazione.
Perché avvenga l’effettiva spedizione alla Banca della disposizione è indispensabile “firmare e
inoltrare” la distinta, con l’apposito pulsante
. Ciascuna distinta passerà poi nello
stato di “confermata” solo quando verrà inviata dalla Banca una ”conferma” dell’operazione. Tale
conferma è da intendersi alla pari di una ricevuta di ritorno di una raccomandata A.R.., cioè viene
fornita dalle Banche a prescindere dalla effettiva elaborazione applicativa del flusso ricevuto.
In definitiva, per ognuno dei pagamenti o degli incassi predisposti dall’utente, le fasi che si devono
14
attraversare sono le seguenti:
ü inserimento della disposizione (stato della distinta corrispondente: “Sospesa”);
ü firma e invio della distinta a cui la disposizione appartiene (stato della distinta corrispondente: “Firmata”);
ü ricezione della conferma inviata dalla Banca (stato della distinta corrispondente: “Confermata”).
A titolo esemplificativo, visualizziamo la maschera di inserimento per i bonifici.
Figura 11.
Inserimento disposizione
Descriviamo ora in maniera più dettagliata le singole maschere di inserimento dei Pagamenti e degli
Incassi e vediamo poi come i dati inseriti sono visualizzati nella sezione del menu dedicata alle Distinte.
Tutte le maschere - nel caso in cui l’utente sia in una situazione “multi-banca” e cioè abbia richiesto il
collegamento al servizio ad altre banche oltre alla Proponente – presentano all’utente un pop-up menu
da cui può essere scelta la Banca con cui si desidera operare per predisporre il pagamento o l’incasso.
Pa ga m e n t i
B oni f i c o
•
CAB – C/C addebito: conto corrente da scegliere nel pop-up menu, relativo alla banca
selezionata nel pop-up menu posto nella parte superiore della finestra (presente solo nel
caso in cui l’utente sia una situazione “multi-banca”)
Dati relativi al beneficiario del bonifico (possono essere digitato singolarmente, o recuperati
dalle informazioni già introdotte nell’archivio dei Nominativi servendosi della “lente di
15
ingrandimento”):
•
Beneficiario: nominativo del beneficiario
•
Indirizzo: indirizzo del beneficiario
•
Comune: comune di residenza del beneficiario
•
CAP: codice di avviamento postale del beneficiario
•
Provincia: provincia di residenza del beneficiario
•
C/C accredito: conto corrente di accredito del beneficiario
•
CIN: codice di controllo delle coordinate bancarie del beneficiario
•
ABI: codice ABI della banca del beneficiario
• CAB: codice CAB della banca del beneficiario
Dati relativi al bonifico:
•
Importo: importo del bonifico e relativa divisa di addebito, scelta dal pop-up menu
•
Tipo pagamento: deve essere selezionato dal pop-up menu (Bonifico, Assegno circ.,
Assegno circ. N/T, F.A.D.)
•
Causale Pagamento: deve essere scelta dal pop-up menu (Bonifici generici, Emolumenti
pensione, Emolumenti generici)
•
Data valuta: valuta di accredito al beneficiario
•
Data esecuzione: data di esecuzione dell’operazione
•
Descrizione: descrizione dell’operazione che si sta effettuando (esempio: pagamento
fattura n. X del gg/mm/aaaa, …)
16
B oni f i c o ester o
L’inserimento dei dati di questo tipo di pagamento, può essere effettuato dall’utente seguendo due
diverse modalità (inserimento semplificato o inserimento completo), come ricorda un messaggio presente nella
maschera di inserimento. Con un click del mouse in corrispondenza dei link semplificato e completo si
passa da una modalità all’altra di inserimento.
Per descrivere come effettuare questo tipo di pagamento, forniamo all’utente le indicazioni da
seguire, suddividendole per tipologia di informazione:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Ordinante
Beneficiario
Banca di copertura
Importo
Modalità di pagamento
Istruzioni speciali di pagamento
Descrizione
Dettaglio CVS
Identificativo ordine
Descriviamo il caso del bonifico estero in forma “completa”, in quanto la forma “semplifica”
contiene un minor numero di informazioni, che possono essere individuate tra quelle che descriviamo.
Ordinante
Figura 12.
Bonifico estero - Ordinante
I dati dell’ordinante vengono assunti automaticamente.
CAB - C/C: attraverso un pop-up menu, il cliente, può scegliere uno tra i conti disponibili (se più di
uno) della “Banca proponente” o delle “Banche passive”.
Il codice SIA ed i successivi campi contenenti la ragione sociale, l’indirizzo ed il comune sono relativi ad un
eventuale ordinante alternativo rispetto al titolare del servizio; possono riguardare un soggetto diverso
dal contraente che abbia la facoltà di operare sul conto da addebitare (sarà cura della Banca verificare
l’esistenza di un collegamento tra i due soggetti).
Beneficiario
17
Figura 13.
Bonifico estero – Beneficiario
I riferimenti relativi al beneficiario del bonifico estero, possono essere inseriti nel momento della
compilazione della scheda del bonifico estero, o ricavati utilizzando l’archivio dei nominativi (ogni
nominativo contiene le coordinate bancarie del beneficiario e i dati del beneficiario estero che sono stati
inseriti). A questo archivio si accede cliccando sull’icona della lente di ingrandimento, posta sulla destra
dello schermo.
Il campo Codice Rapporto contiene il C/C del Beneficiario, mentre il campo Codice Banca identifica la
Banca del Beneficiario.
Il riquadro relativo al beneficiario, si chiude con un campo della divisa. La valorizzazione di questo
campo, comporta la pattuizione a livello di banche ricevente e trasmittente di un tasso di cambio per
l’accredito in un conto espresso in una divisa diversa da quella del trasferimento.
Banca di copertura
Figura 14.
Bonifico estero – Banca di copertura
Il codice banca si riferisce al codice SWIFT composto di undici caratteri alfanumerici che
identificano la banca e lo sportello. L’inserimento di tale codice può essere integrato con l’ulteriore
indicazione descrittiva della denominazione e della località: in mancanza dell’indicazione del codice SWIFT,
questi due ultimi dati diventano indispensabili per l’effettuazione del pagamento, salvo che il cliente non
voglia dare disposizione a una corrispondente estera della Banca stessa di emettere un assegno da
inviare direttamente al beneficiario per posta, oppure che il cliente decida di far emettere alla Banca un
assegno a favore del beneficiario.
18
Importo
Figura 15.
Bonifico estero – Importo
In questa sezione campi obbligatori sono l’importo e la divisa da trasferire all’estero. E’ opportuno
ricordare che per le divise che prevedono i decimali (al massimo due cifre), l’importo deve contenere i
decimali dopo la virgola. Per quando riguarda le divise accettate, in realtà sono solo quelle operative
(generalmente quelle liberamente convertibili). Ordini che contenessero errori relativi a questi campi,
comporterebbero la non elaborazione da parte della Banca.
I campi successivi sono tutti facoltativi e riguardano:
la data disponibilità/accredito: campi alternativi tra loro e che si riferiscono alla data di disponibilità o
la valuta di accredito per il beneficiario che non sono da valorizzare se non in casi particolari previo
avviso alla banca alla quale si indirizza il flusso. Normalmente queste operazioni vengono eseguite con
la valuta dei regolamenti internazionali che è di due giorni lavorativi;
il cambio di accredito: si vedano le indicazioni fornite a proposito della divisa del conto del creditore;
la data esecuzione/addebito: campi che si riferiscono rispettivamente alla possibilità di posticipare la
data di esecuzione dell’ordine o la valuta di addebito. A questo proposito ricordiamo che normalmente
entrambi i casi prevedono che la data di esecuzione e di addebito coincidano con quella dell’effettiva
esecuzione dell’operazione da parte della Banca che può dipendere dall’orario di esecuzione dell’ordine
in rapporto ai tempi di estrazione dei flussi, nonché dall’effettiva possibilità dell’operatore di filiale di
dar corso subito all’esecuzione;
il cambio di addebito: può essere valorizzato per segnalare l’eventuale pattuizione di un cambio con
la filiale della Banca destinataria. Ricordiamo comunque che è un campo facoltativo, utilizzarlo equivale
a creare un promemoria per l’operatore della filiale per lo scarico della prenotazione.
Modalità di pagamento
Figura 16.
Bonifico estero – Modalità di pagamento
Aprendo il pop-up menu, si renderanno disponibili quattro scelte per definire la modalità di
pagamento, che sotto elenchiamo:
19
ü
ü
ü
ü
(Blank, equivalente a ) Accredito sul conto del beneficiario
Invio assegno da parte della banca ordinante
Trattenere presso la banca del creditore
Invio assegno da parte della banca del creditore
Lo stesso dicasi per l’addebito delle commissioni: aprendo il pop-up menu, si potrà scegliere tra le
seguenti opzioni:
ü (Blank, equivalente a ) Ciascuna parte paga le commissioni relative alla propria banca (S)
ü Commissioni interamente a carico del beneficiario bonifico (B)
ü Commissioni a carico dell’ordinante del bonifico (O)
Il conto di addebito commissioni è un campo facoltativo che può essere usato ad esempio nel caso in cui un
cliente operando l’addebito su un conto valutario per l’importo facciale del bonifico, voglia, per le sole
competenze, addebitare il conto ordinario in Lire o Euro.
Anche per le istruzioni di esecuzione nel menù tendina ci sono tre possibilità:
ü Blank: semplice addebito in conto corrente senza ulteriori specifiche;
ü Applicato a conto anticipi: si riferisce alla possibilità che il cliente chieda che il bonifico sia applicato ad un conto
anticipi secondo gli accordi con la sua Banca.
ü Applicato a contratto cambi: il cliente specifica che occorre fare riferimento ad un contratto in cambi che obbligherà
alla valorizzazione del campo seguente identificativo contratto, nel quale sarà indicato il numero dell’eventuale
prenotazione del cambio concordato preventivamente dal cliente con la Banca destinataria del flusso.
Istruzioni speciali di pagamento
Figura 17.
Bonifico estero – istruzioni speciali di pagamento
Le istruzioni speciali di pagamento sono facoltative: riguardano una serie di informazioni,
eventualmente ripetibili nel successivo riquadro della descrizione, e comunicabili alla Banca del
beneficiario, volte ad avvisare il beneficiario nel modo più celere possibile.
Il campo istruzioni di pagamento, dà la possibilità di scegliere tra due opzioni:
ü Avviso per telefono
ü Avviso per telex
Il campo contatto contiene anch’esso due scelte:
ü Tramite banca
ü Per notifica a terzi
Gli altri campi indicano l’ufficio referente ed il nominativo, all’attenzione del quale indirizzare il pagamento.
Descrizione
20
Figura 18.
Bonifico estero - Descrizione
In questa parte, si possono inserire i riferimenti del pagamento per il beneficiario come (ad
esempio, il numero e la data di una fattura) nella descrizione, o, in alternativa, si possono fornire analoghe
informazioni in maniera più dettagliata.
Al massimo, si può fare riferimento a quattro documenti, indicando il tipo di documento (scelto tra i
possibili valori fattura commerciale, nota di credito, commissioni, nota di addebito, contratto) con i
relativi dettagli di codice e data.
Dettaglio CVS
Figura 19.
Bonifico estero – Dettaglio CVS
Il riquadro della C.V.S è, come tutta la mappa qui descritta, improntata alle norme CBI e non
include tutti gli elementi necessari per redigere una segnalazione completa.
Pertanto, nella forma richiesta, si valorizzeranno i primi due campi della data contratto e della data
sdoganamento, quindi il numero CVS eventualmente già segnalata e della banca CVS (con il codice ABI), la
tariffa doganale (codice merce, costituita da quattro caratteri numerici), l’importo complessivo
dell’operazione alla quale il pagamento si riferisce in tutto od in parte, ed infine la causale valutaria, scelta
in un pop-up menu.
21
Identificativo ordine
Figura 20.
Bonifico estero – Identificativo ordine
In quest’ultimo riquadro deve essere inserito l’identificativo dell’ordine, cioè il numero progressivo
dell’operazione attribuito dal cliente mittente che va riscontrato nella contabile di addebito
dell’operazione.
Il riquadro viene completato dall’opzione clean payment, da utilizzare quando la Banca del beneficiario è
estera.
Dopo aver confermato l’inserimento dei dati, con il pulsante
,si potrà procedere
alla fase di trasmissione del flusso, se tutti i dati risulteranno essere corretti, altrimenti un messaggio
fornirà all’utente l’indicazione delle correzioni da apportare campo per campo.
Per inoltrare il pagamento alla Banca, il cliente, come al solito, dopo aver selezionato il menu Distinte,
cliccando sulla riga della distinta, potrà completare l’invio apponendo la firma.
S t i p e nd i o
• CAB – C/C addebito: conto corrente di addebito, da cui viene eseguita l’operazione
Dati relativi al beneficiario dello stipendio (possono essere digitato singolarmente, o recuperati dalle
informazioni già introdotte nell’archivio dei Nominativi servendosi della “lente di ingrandimento”):
•
Beneficiario: nominativo del beneficiario
•
Indirizzo: indirizzo del beneficiario
•
Comune: comune di residenza del beneficiario
•
CAP: codice di avviamento postale del beneficiario
•
Provincia: provincia di residenza del beneficiario
•
C/C accredito: conto corrente di accredito del beneficiario
•
CIN: codice di controllo delle coordinate bancarie del beneficiario
•
ABI: codice ABI della banca del beneficiario
• CAB: codice CAB della banca del beneficiario
Dati relativi alla disposizione:
•
Importo: importo dello stipendio e relativa divisa di addebito, scelta dal pop-up menu
•
Data valuta: valuta di accredito al beneficiario
•
Data esecuzione: data di esecuzione dell’operazione
•
Descrizione: descrizione dell’operazione che si sta effettuando
G i r oc onto
22
•
CAB – C/C ordinante: conto corrente dell’ordinante del giroconto
•
CAB – C/C destinatario: conto corrente del destinatario dell’operazione di giroconto
•
Importo: importo del giroconto e relativa divisa di addebito, scelta dal pop-up menu
•
Data valuta: valuta di accredito al beneficiario
•
Descrizione: descrizione libera dell’operazione che si sta effettuando.
ATTENZIONE
Perché l’operazione di giroconto possa aver luogo, è necessario che i due conti siano conti correnti con il medesimo
intestatario, all’interno dei rapporti sulla stessa banca.
Ef f etti
Nel caso del “Pagamento effetti”, non viene presentata all’utente una maschera di inserimento, ma
viene invece visualizzata la lista degli effetti che l’utente stesso ha ricevuto dalla o dalle banche presso le
quali ha acceso dei conti correnti. Le colonne della lista presentata hanno il seguente significato:
•
Data scadenza: data in cui l’effetto scade
•
Creditore: descrizione del creditore del pagamento
•
CAB – C/C: conto corrente di addebito (assume un valore non nullo solo nel caso in cui sia
stato associato all’effetto un conto corrente, scelto fra quelli della banca selezionata)
• Importo: importo e relativa divisa di addebito
Stato dell’effetto:
•
P (effetto che deve entrare a far parte di una distinta di “effetti da pagare”)
•
R (effetto che deve entrare a far parte di una distinta di “effetti da rifiutare”)
•
S: sospeso (stato in cui si trova l’effetto appena ricevuto dalla Banca)
Figura 21.
Avvisi di pagamento
Per “creare” le disposizioni da inviare alla banca presso cui si vuole effettuare il pagamento
dell’effetto, si deve seguire il procedimento che ora descriviamo:
Procedura per creazione distinta con avvisi
Settare 'P' o 'R' negli avvisi che devono costituire la distinta (con effetti 'da pagare' o 'da
rifiutare')
•
Premere il pulsante ‘Conferma’ in fondo alla pagina
•
Si apre una finestra in cui si associa il conto corrente agli avvisi selezionati.
Si preme ‘Conferma’ per associare il conto agli avvisi
•
23
•
•
Si preme ‘Torna alla lista’ per tornare alla lista degli effetti e confermare l’operazione
appena fatta (associazione del C/C agli effetti selezionati)
Una volta tornati nella lista, si preme conferma per creare la distinta: compare il
messaggio 'La distinta è stata creata' e, sotto, il pulsante ‘Torna alla lista’ (che può servire se si
vuole creare un'altra distinta)
Si passa al menu Distinte - Pagamento effetti - Pagati o Distinte - Pagamento effetti - Rifiutati
per firmare e inoltrare la distinta
Partendo da una distinta di effetti, si può decidere di aggiungere un altro effetto...
Si preme il pulsante ‘Aggiungi disposizione’, posto sotto la lista delle disposizioni nel dettaglio
di una distinta creata: si torna così alla lista degli effetti, dove si selezionano gli effetti da aggiungere
alla distinta.
•
•
Si sceglie l'effetto (o gli effetti) da aggiungere alla distinta e si mette il flag 'P' (o 'R' se era da
rifiutare) e si preme ‘Conferma’
•
Si sceglie il conto corrente nella schermata successiva; si preme conferma per assegnare il C/C e
si preme il pulsante ‘Torna alla lista’ per finire
•
Si preme ‘Conferma’ dalla lista degli effetti e si vede comparire il messaggio 'La disposizione è
stata aggiunta alla distinta, insieme al pulsante ‘Torna alla lista (degli effetti).
Per la firma e l'inoltro delle distinta, si va nell'apposito menu Distinte e si procede nel solito modo.
ATTENZIONE
E’ necessario, al fine della creazione di una distinta di effetti, che le disposizioni in essa contenute siano tutte della
stessa tipologia (disposizioni “da pagare” oppure disposizioni “da rifiutare”).
La distinta risulta creata con il semplice utilizzo del pulsante “Conferma” posto nella parte inferiore
della lista. Al momento non è previsto lo scambio elettronico di effetti tra banche, pertanto il conto
corrente da selezionare dovrà essere tra quelli relativi alla banca mittente l’avviso.
Nel caso in cui un effetto risulti essere scaduto (e quindi visualizzato all’utente in ‘grigio’) , un
messaggio avvertirà l’utente di questa situazione, nel momento stesso in cui cercherà di “entrare” nel
dettaglio dell’effetto.
Incassi
Ri.Ba….Disp. Ri.Ba.: inserimento di una ricevuta bancaria
•
CAB – C/C: CAB e conto corrente che l’utente chiede di accreditare, scelto da un pop-up
menu
• Denominazione: denominazione sociale del creditore in forma abbreviata
Informazioni che identificano il debitore:
•
Debitore: descrizione del debitore
•
Debitore banca: flag da attivare solo nel caso in cui il debitore sia una Banca
•
C.F. /P. IVA: codice fiscale del debitore
24
•
Indirizzo
•
Comune
•
CAP: codice di avviamento postale
• Provincia: sigla della Provincia
Coordinate bancarie del debitore:
•
ABI
•
CAB
• N. rapporto: conto corrente del debitore
Informazioni relative all’incasso:
•
Importo: importo e relativa divisa, scelta dal pop-up menu
•
Data scadenza: data di scadenza della ricevuta
•
Descrizione: riferimento al debito
•
N. ricevuta: numero ricevuta attribuito dal creditore (viene proposto un valore in
automatico)
•
Tipo documento: indica il tipo di documento da rilasciare al debitore al momento
dell’esazione dell’incasso; deve essere selezionato nel pop-up menu tra i possibili valori:
ricevuta bancaria, conferma d’ordine, accordi bilaterali (il cliente chiede alla banca di comportarsi
secondo accordi bilaterali predefiniti)
•
Notifica pagato: da scegliere in un pop-up menu tra le voci: secondo accordi, con facoltà di
notifica, senza facoltà di notifica
•
Stampa avviso: flag da selezionare se l’avviso è da predisporre e da inviare a cura della
Banca domiciliataria.
M.Av….Disp. M.Av.: inserimento di un “Pagamento mediante Avviso”
•
CAB – C/C: conto corrente che il cliente chiede di accreditare Informazioni relative al
debitore:
•
Debitore: descrizione del debitore
•
Indirizzo
•
Comune
•
CAP: codice di avviamento postale
• Provincia: sigla provinciale
Informazioni relative all’incasso:
•
Tipo bollettino: può assumere uno dei valori scelti dal pop-up menu:
•
•
•
•
il cliente chiede alla banca di comportarsi secondo accordi bilaterali predefiniti;
il cliente chiede alla banca di emettere un bollettino MAV standard postale;
il cliente chiede alla banca di emettere un bollettino MAV valido solo per il circuito
bancario;
Importo: importo e relativa valuta (scelta nel pop-up menu) della disposizione
•
Data scadenza: data di scadenza della disposizione
25
•
Descrizione: riferimento al debito
•
N. ricevuta: numero della disposizione assegnato dal creditore (compare un valore
automaticamente)
•
Bollo: flag che può assumere uno dei valori disponibili nel pop-up menu:
•
•
•
•
•
il cliente chiede alla banca di comportarsi secondo accordi bilaterali predefiniti;
la disposizione è soggetta a bollo;
la disposizione è esente da bollo in quanto emessa per l’incasso di corrispettivi di
operazioni assoggettate a I.V.A.;
la disposizione è esente da bollo in quanto emessa per l’incasso di spese di condominio negli
edifici;
la disposizione è esente da bollo in quanto emessa per l’incasso di rate di premi assicurativi.
R.I.D….Disp. R.I.D.: inserimento di Rapporti Interbancari Dir etti
• CAB – C/C: conto corrente del cliente ordinante l’incasso
Informazioni relative al debitore:
•
Debitore: descrizione del debitore
•
Codice debitore: codice con il quale il debitore è conosciuto dal creditore
•
Tipo codice debitore: deve assumere obbligatoriamente uno dei valori scelti dal pop-up
menu:
•
• Utenza
• Matricola
• Codice fiscale
• Codice cliente
• Codice fornitore
• Portafoglio commerciale
• Altri
Debitore banca: deve essere selezionato solo nel caso in cui il debitore sia una Banca
•
Indirizzo
•
Comune
•
CAP: codice di avviamento postale
• Provincia: sigla provinciale
Informazioni relative alla Banca domiciliataria:
•
ABI: codice ABI della banca domiciliataria delle richieste di incasso
•
CAB: codice CAB dello sportello della banca
• N. rapporto: codice conto corrente del debitore
Informazioni relative all’incasso:
•
Importo: importo della disposizione di incasso e relativa divisa
•
Data scadenza: data scadenza dell’incasso
•
Prima rata: deve essere valorizzato nel caso di “primo R.I.D ”
•
Descrizione: riferimenti al debito
26
•
Notifica pagato: deve essere valorizzato se il cliente chiede alla banca la notifica del pagato
•
Storno: indica la facoltà di storno della disposizione da parte del soggetto debitore
Ri.Ba, M.Av., R.I.D.….Pagati e Insoluti
Per tutti e tre i tipi di Incasso, la voce di menu “Pagati” permette all’utente di avere la
visualizzazione delle ricevute bancarie, dei M.Av. e delle disposizioni di incasso R.I.D. “pagati”: la
banca assuntrice trasmette la segnalazione di “pagato” al cliente creditore a seguito di comunicazione da
parte della banca domiciliataria.
La voce di menu “Insoluti”, invece, permette all’utente di avere la visualizzazione delle disposizioni
di incasso “insolute”. La banca assuntrice trasmette una segnalazione al cliente creditore a seguito del
verificarsi di uno dei seguenti eventi: la disposizione era formalmente irregolare o comunque inidonea al
trattamento; la disposizione è stata stornata per insufficienza fondi, la disposizione è stata stornata per
contestazione del debitore,…
Selezionando la voce di menu “Pagati” o “Insoluti” in corrispondenza al tipo di incasso che interessa,
viene presentata all’utente una lista con le seguenti informazioni:
•
Data valuta o data scadenza dell’incasso
•
Importo
•
Ragione sociale del debitore
•
ABI del debitore: ABI della banca domiciliataria della richiesta di incasso
•
ABI del creditore: codice ABI della banca assuntrice della richiesta di incasso
In corrispondenza a ciascuno degli elementi della lista, è posto un link che permette di entrare nel
dettaglio del singolo esito e di visualizzare ulteriori informazioni relative ad esso; da questa maschera si
può tornare alla precedente servendosi del pulsante “Torna alla distinta”.
Premendo invece il pulsante ‘Promemoria contabile ’, si possono visualizzare le informazioni relative a
spese, commissioni, … dell’esito che si sta esaminando.
Distinte
Bonifici
Stipendi
Giroconto
Ri.Ba.
M.Av.
R.I.D.
Pagamento effetti
In questa sezione del menu, suddivisa per tipologia di disposizione, si visualizzano le distinte che
sono state create servendosi dei menu relativi all’inserimento dei Pagamenti e degli Incassi. Le
operazioni che possono essere eseguite dall’utente sono le seguenti:
(a) visualizzazione delle liste delle distinte inserite, suddivise per stato (Confermata, Firmata, In
elaborazione differita, Ricevuta SSB, Scartata SSB, Sospesa, Tutti gli stati);
(b) visualizzazione della lista delle disposizioni appartenenti a una distinta (selezionata dalla lista
precedente, utilizzando il link posto in corrispondenza della data di creazione della distinta);
27
possibilità, solo nel caso di distinte nello stato “Sospesa”, di compiere una delle seguenti operazioni:
1. eliminare tutte le disposizioni della distinta (con il pulsante “Elimina”);
Nel caso particolare del pagamento effetti, utilizzando il pulsante “Elimina”, si ha il
passaggio degli effetti alla situazione iniziale: vengono resi di nuovo disponibili all’utente
in corrispondenza della voce di menu “Pagamenti…Effetti”, per poter essere
eventualmente riutilizzati per comporre un’altra distinta.
2. aggiungere una disposizione a quelle già inserite nella distinta che si sta visualizzando
(con il pulsante “Aggiungi disposizione”);
3. firmare ed inviare la distinta con il pulsante ‘firma e inoltra’.
(c) visualizzazione del dettaglio di una disposizione (selezionata dalla lista precedente, utilizzando il link
posto in corrispondenza della disposizione che interessa esaminare), con possibilità di compiere una
delle seguenti operazioni (nel caso di una distinta “sospesa”):
1. modificare la disposizione (con il pulsante “modifica”);
2. eliminare la disposizione dalla distinta a cui appartiene (con il pulsante “elimina”);
3. tornare alla distinta da cui era stata selezionata la disposizione che si sta
visualizzando (con il pulsante “torna alla distinta”);
4. spostarsi dalla disposizione visualizzata alla precedente o alla successiva, nel caso in
cui la distinta sia composta da più disposizioni, utilizzando i pulsanti “disposizione
precedente” e “disposizione successiva”, rispettivamente.
Per ciascun tipo di distinta, le informazioni visualizzate nelle liste descritte nei precedenti punti (a) e
(b) sono le seguenti:
• Lista delle distinte
•
•
•
•
•
•
•
Data di creazione della distinta
Numero totale di disposizioni contenute nella singola distinta
Importo totale della distinta
Divisa in cui è espresso l’importo totale
Codice ABI della banca ordinante le disposizioni di pagamento
Stato della distinta (Sospesa, Firmata, Confermata, …)
Origine (Manuale o Importata): indica che la distinta è stata inserita dall’utente oppure
che è stata importata
Nel caso di distinta “Scartate da SSB”, l’utente ha la possibilità di visualizzare un dettaglio del
motivo dello scarto (che visualizziamo nella figura seguente), premendo sul link posto in
corrispondenza di Scartata SSB:
Figura 22.
•
Dettaglio distinta scartata
Lista delle disposizioni di una singola distinta
•
Data valuta/scadenza della disposizione
•
Importo della disposizione
28
•
Ragione sociale del cliente destinatario
•
ABI della banca destinataria della disposizione di pagamento
•
•
Stato della disposizione (Sospesa, Firmata o Confermata)
Riconciliata: nel caso in cui la distinta sia stata creata con questo Servizio, ne viene data
indicazione in questa colonna, per le disposizioni di incasso.
Impor ta
Riferendoci agli “Standard tecnici CBI - Rel. 4.4” ( si veda, per ulteriori informazioni, la
documentazione fornita dall’ABI all’indirizzo http://www.abi.it), in questa sezione indichiamo come
devono essere strutturati i files che possono essere utilizzati per le operazioni di importazione (si veda
in proposito la descrizione del menu “file CBI”).
Le informazioni fornite all’interno degli “Standard tecnici CBI” possono risultare utili all’utente anche
ai fini della comprensione dei dati che gli vengono richiesti nell’inserimento di una disposizione o nella
visualizzazione di una distinta.
Viene inoltre fornita, alla voce “Importa Nominativi” una funzione, parametrizzabile dall’utente,
per la creazione dell’archivio nominativi a partire da un file di dati preesistente.
Alla fine dell’importazione, un messaggio fornito all’utente indicherà se l’operazione è avvenuta
correttamente o se invece è stata annullata per la presenza di errori nel file utilizzato.
File CBI
Con questa voce di menu l’utente ha la possibilità di importare delle disposizioni da distinte
composte in modo tale da rispettare le Normative dettate dal Corporate Banking Interbancario sopra
esposte.
Oltre ai files in formato CBI, è possibile anche importare files in formato SETIF.
Viene presentata all’utente una schermata in cui inserire il nome del file da usare per
l’importazione, utilizzando, eventualmente anche il pulsante “Sfoglia” per cercare il file nella directory
opportuna. Dopo aver indicato il file, basta premere il pulsante “Importa” per avviare l’operazione di
importazione: un messaggio segnalerà all’utente che l’operazione si è conclusa correttamente o che si
sono verificati degli errori (per esempio, è stato rilevato che il file non era del tipo previsto dagli
standard CBI).
All’interno degli “Standard tecnici CBI” sono dettagliate le tipologie di flussi che si possono utilizzare
nel colloquio con le Banche. L’applicazione al momento prevede l’importazione delle distinte seguenti:
ü Ri.Ba.
ü R.I.D.
ü M.Av.
ü Bonifici
ü Stipendi
I files, utilizzabili per le operazioni di importazione, devono essere files in formato testo, suddivisi
in record di lunghezza fissa 120 caratteri, delimitati dai caratteri standard di fine record (CR+ LF).
Ogni tipo di record è costituito da un insieme di campi, ciascuno dei quali con lunghezza e formato
29
diverso, da valorizzare in modo diverso a seconda della tipologia da utilizzare.
L’importatore, all’esecuzione della funzione, farà i controlli relativi alla tipologia di flusso richiesta,
verificata dalla valorizzazione del “tipo record” presente nel primo record del flusso stesso. Verranno
scartati i file con “tipi record” non previsti dalle varie possibili tipologie di flusso.
Verranno altresì scartati i file che presentino “codice sia mittente” diverso dal codice SIA della
postazione, oppure un conto corrente di addebito (o accredito) non coincidente con uno dei conti
correnti dell’azienda.
Al termine dell’importazione la distinta potrà essere visualizzata tramite la voce opportuna del menu
Distinte, e, tramite lo stesso, firmata ed inviata alla Banca destinataria.
Nomi na ti vi
Con questa voce di menu l’utente ha la possibilità di importare dei nominativi nell’archivio
corrispondente utilizzando un file. Del file da usare per l’importazione, deve fornire le specifiche della
struttura, utilizzando la maschera che gli viene proposta e che ora descriviamo.
Prima ancora della compilazione della maschera che gli viene proposta, all’utente viene chiesto di
decidere se desidera scaricare nel proprio computer un applet certificata che gli consente di inviare il file
di dati in maniera più rapida, mediante la compressione dei dati stessi. Nel caso in cui l’utente decida
invece di non voler usare la compressione dei dati (perché sa che spedirà dei files di piccole
dimensioni), è sufficiente che prema il tasto “No” nella finestra di installazione dell’applet.
Il file dei nominativi da importare deve essere strutturato come una sequenza di record contenenti i dati
nell’ordine che l’utente indica. Alcune informazioni sono obbligatorie e sono indicate in grassetto (13
campi), altre invece sono facoltative. La posizione dei dati deve essere indicata dall’utente nella
maschera che gli viene proposta.
La pagina presentata all’utente per l’importazione dei nominativi fornisce una serie di indicazioni utili ai
fini della comprensione dei passi da effettuare perché l’importazione vada a buon fine.
La prima informazione che l’utente deve indicare è il numero di campi di cui è composto ciascun
record contenuto nel file. Poi, almeno per ciascuno dei campi obbligatori, deve indicare la posizione
occupata dal campo all’interno di ciascun record del file che utilizza per l’importazione. I campi presenti
nel file devono essere separati con punto e virgola (;).
Indichiamo le codifiche che devono essere utilizzate per alcuni dei campi della maschera:
•
•
•
Tipo codice debitore (codifica numerica – un carattere):
•
1 – utenza
•
2 – matricola
•
3 - codice fiscale
•
4 - codice cliente
•
5 - codice fornitore
•
6 - portafoglio commerciale
•
7 - altri
Tipo nominativo (codifica alfanumerica – un carattere)
•
C- Creditore
•
D - Debitore
•
E - Creditore/Debitore
Flag dipendente (codifica alfanumerica – un carattere)
•
S - SI
30
•
N - NO
Stato avanzamento
Figura 23.
Situazione importazione
Con questa voce di menu, l’utente ha la possibilità di controllare qual è lo stato di avanzamento del
processo di importazione di ciascun file importato. Un file importato può essere eliminato solo alla fine
dell’operazione di import: la cancellazione può essere utile nel caso di un file importato con errori.
S i c u r ez z a
Ca mb i o pa ssw ord
Utilizzando questa voce di menu, l’utente ha la possibilità di modificare la propria password per
accedere al servizio.
La maschera presentata consente di introdurre le seguenti informazioni:
•
Codice utente: codice dell’utente che sta chiedendo di cambiare la password
•
Password: “vecchia” password
•
Nuova password: password da sostituire alla precedente
• Conferma password: come il valore precedente
L’utente è avvisato da un messaggio che compare su una successiva schermata se l’operazione di
modifica della password è avvenuta correttamente, o se invece è stata annullata.
Censimento
La voce di menu “Censimento” permette all’utente del servizio di dare accesso al
servizio a degli utenti secondari che “censisce” appunto utilizzando questo menu.
La prima schermata presentata all’utente è una schermata riepilogativa nella quale sono elencati gli
“utenti secondari” dell’azienda attualmente inseriti. La lista riassume le seguenti informazioni:
• cognome e nome;
31
•
•
codice utente;
stato: ricorda all’utente se l’utente è attualmente abilitato (attivo) o non abilitato (sospeso) ad
accedere al servizio.
A partire da questa schermata le operazioni consentite all’utente sono (individuate dai link posti in
corrispondenza delle azioni indicate nella parte superiore della finestra):
• inserimento di un nuovo “utente secondario” (“Nuovo utente”);
• visualizzazione dei dati dell’utente “principale” (“Dati azienda”).
Nuovo utente
Le informazioni che possono essere inserite ai fini del censimento di un nuovo utente sono le
seguenti:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Cognome e nome
Codice fiscale
Nazione: scelta dal pop-up menu (Italia; Estero)
Codice utente: il codice che sarà utilizzato nella fase di accesso al servizio, insieme al codice
SIA e alla password
Stato: viene indicato se l’utente è attivo o se è disabilitato (nel secondo caso non ha accesso al
servizio)
Livello di sicurezza: scelto nel pop-up menu (“Firma con password”, da scegliersi nel caso in cui
si voglia abilitare l’utente secondario a compiere operazioni di invio disposizioni alla Banca, o
“Solo informativo”)
Password: parola chiave assegnata all’utente ‘secondario’ che viene censito dal ‘supervisore’ o
‘utente principale’, modificabile dall’utente ‘secondario’
Conferma password: dato che deve essere identico al precedente
Lista delle funzioni abilitate per l’utente secondario: è presentata la lista di tutte le voci di
menu di cui l’utente principale dispone e fra le quali deve selezionare (con un click del mouse
sui check box corrispondenti) soltanto quelle che vuole rendere disponibili all’utente secondario
di cui sta inserendo i dati.
Info
Con questa voce di menu viene visualizzata all’utente una serie di informazioni che possono
essere così raggruppate:
•
•
•
•
•
Ragione sociale azienda
Codice SIA
versione prodotto
eventuali informazioni riguardanti servizio Help Desk
Eventuali link a siti o ad indirizzi di posta
32
Figura 24.
Il menu Info
Uscita
E’ la voce di menu da utilizzare per uscire dal servizio. L’utente ritorna alla pagina iniziale da cui
aveva attivato il collegamento a questo servizio (tramite la maschera in cui aveva inserito il codice SIA,
il codice utente (o login) e la password).
33
I S TRUZ I O NI O P ER A TI V E
Po s t a z i o n e d i a c c e s s o a l s e r v i z i o
L’accesso al servizio può avvenire da una qualsiasi postazione collegata alla rete Internet che utilizzi
uno dei seguenti browser:
Microsoft Internet Explorer
versione 4.01 e successive
oppure
Netscape Navigator
versione 4.72 e successive.
Per un corretto utilizzo dell'applicazione è necessario configurare il browser seguendo le istruzioni
sotto riportate.
Configuraz ione della postaz ione
Non ci sono particolari configurazioni che riguardino la postazione di lavoro per un corretto
funzionamento del prodotto. Tuttavia è consigliabile:
•
•
l’utilizzo di un collegamento a Internet con un modem di velocità non inferiore a 33.600 bps;
l’impostazione della modalità video a 800x600 punti o superiore.
Per utilizzare meglio l’applicazione su schermi da 15”, si consiglia di visualizzare il browser a
schermo intero (usando il tasto F11 nel caso di Internet Explorer)
IMPORTANTE: Le prestazioni che si rilevano durante l’utilizzo del sistema dipendono in larga
misura dal collegamento in Internet, che risulta influenzato dalla velocità del modem, dal traffico nei
vari rami e dal Provider.
Configuraz ione del br ows er
Per poter usufruire della protezione offerta dalla crittografia è necessaria l'abilitazione dei protocolli
SSL versione 3. Vediamo quali sono le impostazioni da dare al browser utilizzato per ottenere questo:
Netscape Communicator
• versione 4.x Inglese
Pulsante Security à Navigator: selezionare Enable SSL v3.
• versione 4.x Italiano
Pulsante Sicurezza à Navigator: selezionare Abilita SSL v3.
• versione 6 Inglese
Tasks à Privacy and Security à Security Manager: Premere Advanced / Options e:
34
Selezionare
Selezionare
Deselezionare
Enable SSL Version 2
Enable SSL Version 3
Enable TLS
Microsoft Internet Explorer
• versione 4.x Inglese
View à Internet Options à Advanced à Security: selezionare SSL 3.0.
• versione 4.x Italiano
Visualizza à Opzioni Internet à Avanzate à Protezione: selezionare SSL 3.0.
• versione 5.x Italiano
Strumenti à Opzioni Internet à Avanzate à Protezione: selezionare Usa SSL 3.0
IMPORTANTE: il browser Microsoft Internet Explorer versione 3.x non consente la
connessione con un sito autocertificato come quello del servizio che descriviamo.
C r i t t og r a f i a S S L a 1 2 8 b i t
Per poter sfruttare la crittografia con chiave a 128 bit, e quindi utilizzare il prodotto con il massimo
della sicurezza, è necessario:
Microsoft Internet Explorer
installare l’ “High Encryption Pack”.
A tale scopo, aprire il browser e scegliere
?àInformazioni su Internet Explorer;
comparirà una finestra dove viene indicata la versione del browser e il livello di codifica (chiave
di crittografia). Se questa risulta inferiore a 128 bit, deve essere aggiornata cliccando sul link Update
Information. Da qui in poi seguire le istruzioni.
Per l’installazione si possono in alternativa utilizzare i seguenti link:
x windows 2000:
http://www.microsoft.com/windows2000/downloads/recommended/encryption/default.asp;
x windows 95-98-NT:
http://www.microsoft.com/msdownload/iebuild/highenc/it/highenc.htm.
Netscape Communicator
bisogna scaricare e installare l’upgrade a “128-bit SSL Encryption” disponibile all’URL:
www.netscape.com/it/info/security-doc.html oppure scegliendo ?à Sicurezza direttamente dal
browser.
In alternativa si può installare Netscape Communicator versione 4.75 o successiva.
IMPORTANTE: Senza il supporto della chiave a 128 bit l’applicazione non è utilizzabile.
35
NORMATIVE
Riportiamo in questa sezione alcune informazioni utili all’utente, contenute nel documento
relativo agli “Standard tecnici CBI - Release 4.4”.
Per maggiori informazioni, è possibile consultare il sito proposto dall’ABI all’indirizzo
http://www.abi.it nella sezione dedicata al CBI.
Il Servizio di “Corporate Banking Interbancario”, di seguito definito “Servizio”, consente ad un
Cliente di una pluralità di banche di scambiare, tramite colloquio telematico ed utilizzando regole
operative e tecniche standard, con una di tali banche, di seguito definita “Banca Proponente”, i flussi
elettronici che riguardano altre imprese o le banche di cui è cliente, di seguito definite “Banche Passive”, e
che contengono le disposizioni e le informazioni accordate con la Banca Proponente e con tutte le
Banche Passive.
Termini temporali
I flussi elettronici contenenti i “saldi” ed i “movimenti” devono essere resi disponibili
quotidianamente al Cliente entro le ore 8 del primo giorno lavorativo successivo a quello della
registrazione in conto delle operazioni.
“Conferma di ricezione” e “Presa in carico”
La Banca Passiva, a fronte di ogni flusso dispositivo da essa ricevuto, è tenuta a fornire alla
Banca Proponente la “conferma di ricezione” che costituisce una semplice comunicazione di ricezione
dei flussi elettronici.
La “conferma di ricezione” deve essere inviata, ovvero messa a disposizione, dalla Banca Passiva nel
corso dell’arco temporale di un'ora dalla ricezione, ovvero dalla messa a disposizione, del flusso
originario.
Il Servizio prevede inoltre che la Banca Passiva destinataria dei flussi elettronici inviati dal Cliente
provveda ad inoltrare a quest’ultimo nei casi, con le modalità i termini e gli effetti previsti delle regole di
cui agli allegati n. 4 e n. 5 presenti nella sezione “Normativa” degli “Standard tecnici CBI - Release 4.4”.
Appendice, il messaggio di “presa in carico”. Detto messaggio costituisce la comunicazione del
soggetto destinatario dei medesimi flussi di essere in grado di elaborare le singole informazioni in esse
contenute.
Fase di esecuzione del Servizio…dalla parte del Cliente
Il Cliente è tenuto ad inviare i flussi elettronici concordati mediante il collegamento telematico
posto in essere con la Banca ed a ricevere, mediante il medesimo collegamento, i flussi elettronici
predisposti dalla Banca e dalle Banche Passive e di cui risulta destinatario.
Il Cliente è responsabile dell'esattezza, della completezza e dell’autenticità delle istruzioni date nonché
della correttezza formale dei flussi inviati.
Il Cliente ha diritto di scambiare con la Banca Proponente flussi relativi alla propria operatività e,
nell’ipotesi in cui il Cliente faccia parte di un Gruppo e ne gestisca i flussi con modalità accentrate
nonché in tutte le altre ipotesi ammesse dal titolare del Marchio di gestione di flussi di terzi, anche quelli
relativi alla operatività finanziaria e commerciale di tutti i soggetti facenti parte del medesimo Gruppo
e/o di soggetti terzi, in entrambi i casi anch’essi Clienti del Servizio.
36
Fase di esecuzione del Servizio…dalla parte della Banca
La Banca Proponente è tenuta a porsi in grado di ricevere dal Cliente i flussi elettronici relativi
al Servizio, prendere in carico le istruzioni in essi contenute, far proseguire detti flussi alle Banche
Passive ed inviare al Cliente i flussi elettronici provenienti dalle Banche Passive ed ad esso destinati.
La Banca si riserva, altresì, la facoltà di non mettere a disposizione del Cliente flussi elettronici, inviati
da Banche Passive, non rispondenti alle specifiche del Servizio.
La Banca garantisce la riservatezza delle informazioni trattate dal Servizio e la loro integrità, mediante
l’adozione di tecniche di crittografia ed adeguata protezione da accessi non autorizzati e si impegna a
non prendere conoscenza ed a non intervenire nel contenuto dei flussi elettronici destinati alle Banche
Passive e di quelli da esse provenienti.
Sicurezza
L'erogazione del Servizio deve avvenire nel rispetto di criteri di sicurezza che garantiscano la
riservatezza e l'autenticazione dei flussi elettronici, nonché la protezione dei dati contenuti nei medesimi
flussi da accessi non autorizzati.
37
GLOSSARIO
Banca Assuntrice
E’ l’Istituto di credito che intrattiene il rapporto di conto con il cliente creditore e che si avvale di
canali elettronici per inoltrare le disposizioni di incasso alle Banche domiciliatarie.
Banca Ordinante
E’ l’Istituto di credito che intrattiene il rapporto di conto con il cliente debitore, e che si avvale di
canali elettronici per inoltrare le disposizioni di pagamento alle banche dei fornitori.
Banca Domiciliataria
E’ l’Istituto di credito che, nel caso di disposizioni di incasso, intrattiene il rapporto di conto con
il cliente debitore.
Banca Destinataria
E’ l’Istituto di credito che, nel caso di disposizioni di pagamento, intrattiene il rapporto di conto
con il creditore.
Banca Passiva
E’ la banca con la quale l'impresa lavora ed ha rapporto di conto. Presso di essa l'impresa non si
reca più fisicamente presso la banca passiva in quanto è la banca proponente a farlo, elettronicamente,
in sua vece.
La banca passiva:
• riceve le disposizioni;
• tratta le informazioni ricevute nel rispetto delle norme concordate per i servizi di incasso e pagamento;
• invia i dati di ritorno previsti;
• invia le informazioni con le modalità e nei tempi concordati.
La banca proponente e la banca passiva possono entrambe gestire il servizio direttamente oppure
avvalersi di una struttura, la Struttura Tecnica Delegata, affinché gestisca gli aspetti tecnici del servizio
in loro vece.
Banca proponente
E’ la banca che offre il servizio CBI e con la quale l'impresa stipula il contratto. La banca
proponente
• si pone come interfaccia verso il sistema interbancario;
• si fa carico dello scambio delle disposizioni e delle informazioni con le altre banche;
• garantisce la sicurezza delle informazioni attraverso l'archiviazione su supporti di memoria permanente e
l'applicazione di salvataggi periodici;
38
•
•
•
•
garantisce la riservatezza delle informazioni, grazie all'impiego di appositi sistemi di cifratura;
effettua il controllo dei dati;
cura l'installazione del software CBI sul computer dell'impresa;
è responsabile della corretta esecuzione del servizio nei confronti del sistema bancario e dell'impresa.
Dal punto di vista operativo:
• acquisisce le informazioni inviate dall'impresa e le inoltra alle banche passive;
• riceve i dati dalle banche passive nei tempi e con le modalità concordate;
• invia i dati all'impresa nei tempi e con le modalità concordate.
Beneficiario
E’ la persona fisica o giuridica che riceve dall’azienda l’accredito di una disposizione di
pagamento.
Per esempio, si può trattare di fornitori (che ricevono un bonifico) o di dipendenti (che ricevono lo
stipendio).
Creditore
E’ il soggetto che deve ricevere somme di denaro dall’azienda; coincide con il beneficiario al
momento dell’emissione di una disposizione di pagamento.
Debitore
Si tratta del cliente che ha un debito nei confronti dell’azienda utente del servizio.
Destinatario
E’ un termine generico per indicare un qualsiasi soggetto che è appunto il destinatario di una
disposizione, sia essa di incasso (debitore) o di pagamento (beneficiario).
Disposizione
Ordine di incasso o di pagamento inviato dall’azienda alla Banca di competenza, attraverso le
procedure rese disponibili dalla banca Proponente con questo servizio.
La disposizione è sempre contenuta all’interno di una distinta.
Distinta
Raggruppamento omogeneo di disposizioni (anche una sola) che viene presentato dall’azienda
alla banca di competenza.
Le distinte sono compilate nel rispetto del tracciato CBI che garantisce la completezza e la correttezza
formale dei dati in essa contenuti.
39
Flusso
Insieme di dati che vengono inviati o ricevuti dall’azienda. Nel primo caso si parla di flussi
dispositivi (Ri.Ba., R.I.D., M.Av., Bonifici, …); nel secondo caso, si parla di flussi informativi
(Movimenti, Saldi, Esiti, …).
APPENDICE
Caratteri ammessi nella composizione dei flussi
Di seguito è elencato l’insieme dei caratteri ammessi nella composizione dei flussi trattati dal
Corporate Banking Interbancario.
Un’ eventuale presenza nel flusso di caratteri non presenti in tabella, può comportare sia un’ alterazione
del contenuto per il destinatario, sia un errato esito nel calcolo delle cifre di autenticazione, sia
l'impossibilità, per il ricevente, di recepire correttamente il messaggio nella sua interezza.
CBI - SET DI CARATTERI AMMESSI
Carattere
Spazio
"
$
%
&
'
(
)
*
+
,
.
/
0123456789
:
;
<
=
>
?
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ
_
abcdefghijklmnopqrstuvwxyz
Come si nota, non è ammesso il carattere “Invio”.
40
Scarica

Guida per l`utente