I DISTRETTI DELLA
ASL ROMA G
DISTRETTO DI TIVOLI
Poliambulatorio
Piazza Massimo n.1
tel. 0774.3164735
Orario: da lun. a ven. ore 7.30-11.30 e
14.30-15.45
sab. ore 7.30-11.30
Urp: Ospedale Tel. 0774/3164332 Fax
0774/313772
e.mail [email protected]
Distretto Tel. 0774/3164709
0774/3464737 Fax 0774/317139 e.mail
[email protected]
PRESIDIO DI VICOVARO
Poliambulatorio Via Cesare Battisti
Orario: da lun. a ven. 10.00-12.00
Informazioni: presso il distretto tel.
0774.498596
DISTRETTO DI COLLEFERRO
Colleferro Via Giotto n.40,
tel. 06.97091543
Orario: da lunedì a venerdì
ore 7.00-19.00
sabato ore 7.00-13.00
Urp: Tel. Fax 06/97223532
[email protected]
DISTRETTO di GUIDONIA
Palombara Sabina Guidonia
Montecelio
Abitanti Guidonia - Montecelio 114142
Urp: Tel . 0774/6545713 0774/353637
Fax 0774/353517
[email protected]
tel. 0774.6545714
Orario:
Mattina: Dal Lunedi al Venerdì 8.3012.00
Pomeriggio: Martedì e Giovedì
15.00–17.00
Ambulatori Distrettuali presso
Ospedale S.Salvatore – Palombara
Sabina
Viale Possenti – Tel.0774.6541
Fax 0774.65032
Orario dal lunedì al venerdì
8.00-18.00,
sabato 8.00-12.00
DISTRETTO DI PALESTRINA
Poliambulatorio ex Inam
Via Pedemontana n.36,
tel. 06.95321
Orario: da lun. a sab.
ore 8.00-12.00
mar. mer. gio. ven. anche
ore 15.00-17.00
DISTRETTO DI SUBIACO
Via Cadorna,8 - 00028
Tel. 0774.84964
Orari 8.00-14.00 dal lunedì
al venerdi
Lunedì e mercoledì 14.30 - 17.30
Presidio di Arsoli:
Via del Massimo n.1 tel. 0774.92005
Apertura – lunedì/ venerdì :
8.00-14.00
Mercoledì e venerdì :8.00/14.00
14.30-18.00
Presidio di Olevano Romano:
Via san Francesco D’ Assisi
tel 06.9564186
Orario al pubblico
dal lunedì al venerdì
ore 8-14 - Merc. Ven.ore
14.30-19.30
Urp: Ospedale Tel. Fax 0774/8115210
[email protected]
Distretto Tel. Fax 0774/824122 e.mail
[email protected]
DISTRETTO
DI MONTEROTONDO
Via Garibaldi 7
Te. 06.90075911
Fax 06.90625513
Orari 8.45–19.00 dal lunedì
al venerdì
Giovedì e sabato 8.45-14.00
Urp: Ospedale Tel. fax 06/90075802
Fax 06/9068707
[email protected]
Distretto Tel. 06/90075935 5938 Fax
06/90625513
e.mail [email protected]
G
Roma
Mensile di comunicazione sanitaria divulgativa a cura del Progetto Archimede
[
2]
Premio
Mepa
2007
news
n. 3 anno 1
Giugno 2007
[
3]
Call Center
per le adozioni
URP PALOMBARA
Ospedale: Tel. 06/90075935 5938 Fax
06/90625513
[email protected]
URP PALESTRINA
Ospedale Tel. 06/95321 fax
06/95322001
[email protected]
Distretto Tel. Tel. 06/95322603
Fax 06/9534280
[email protected]
Guidonia Via F.lli Gualandi, 35
AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE ROMA G
Via Tiburtina, 22A - 00019 - Tivoli
Tel. 0774.3161 Fax 0774.317711
www.aslromag.it
[
UNA NUOVA
VOCE PER
I CITTADINI
Direttore Generale: Dott. Giovanni Di Pilla
Direttore Sanitario: Dott. Ugo Gremigni
Direttore Amministrativo: Avv. Domenico Carano
Redazione: Stefania Onori, Bianca M. Aloisi, Alessandra
Maggiani, Bruno Lucarelli
7]
Coordinamento editoriale:
Fulvio Ventura
Responsabile della redazione:Ugo Gremigni
Progetto grafico e impaginazione:
Medigrafic s.r.l.
Via G. Antonelli, 41
00197 - Roma,
Tel. 06 80690766 - fax 06 80693048
www.progettoarchimede.com
Quando portare il
bimbo al Pronto
Soccorso
[
Regione Lazio
4]
Premio
Mepa 2007
L
a nostra ASL è prima in Italia
per l’utilizzo del mercato elettronico. L’RM G si è aggiudicata
il primo premio Mepa – mercato elettronico amministrazione – per la
categoria sanità. Questo nuovo sistema di acquisto, che avviene sia con
cataloghi offerti in rete sia con la partecipazione a gare, è un ottimo strumento per razionalizzare le spese
dell’Azienda Sanitaria. <<Questo
riconoscimento – ha commentato
Giovanni Di Pilla, Direttore Generale
ASL Roma G - ha uno straordinario
valore e giunge in un momento di
grave difficoltà della Sanità del Lazio
che testimonia lo sforzo che si sta
compiendo per realizzare risparmi
significativi e modernizzare e innovare il sistema pubblico regionale contribuendo anche alla modernizzazione e alla crescita delle piccole e
medie imprese, che con il Mepa possono entrare in un mercato nazionale altrimenti inaccessibile per
loro>>.
Tanti e vari i vantaggi introdotti dal
Mepa che ha portato a sostanziali
risparmi in termini di: costi, tempi di
attesa e risorse umane messe a
disposizione dell’acquisizione di beni
e servizi. Sin’ora, per la RM G, si è riusciti a ridurre del 15% i costi ed il
30% sui tempi e sulle procedure.
Oltre a questo c’è un grande guadagno in termini di trasparenza.
<<L’adesione al Mepa – spiega il
Direttore Generale Giovanni Di Pilla –
è un elemento decisivo per noi.
Siamo rimasti stupiti dei benefici ricevuti che sono anche andati oltre le
G
2 Roma
news
Il Direttore Generale - Giovanni di Pilla
Nuovi servizi per
Guidonia.
Dal connubio Asl – Comune di Guidonia
Croce Rossa: un passo verso i cittadini.
U
nostre aspettative. Il Mercato elettronico ci offre la possibilità di rendere
trasparente il settore, spesso opaco,
degli acquisti. L’adesione a questo
sistema è stata una delle mie prime
decisioni prese dalla mia nomina a
direttore generale>>.
<< Noi siamo aperti a proseguire e,
ovviamente, ampliare l’uso di questo
strumento – conclude il dottor Di
Pilla - che ormai abbiamo scoperto,
valutato e apprezzato. Ma dipende
anche da consip, dall’offerta che ci si
presenterà. Più questa sarà ampia e
diversificata, più potremo corrispondere. Da parte nostra c’è la piena
disponibilità, anche perché, avendo
sperimentato il MePA, ne siamo pienamente soddisfatti. E’ uno strumento che introduce innovazione nel
sistema pubblico e qui nel Lazio questa caratteristica assume valore particolare relativamente alla sanità, un
comparto che vive un momento di
grave difficoltà, in quanto rappresenta un segnale positivo e di fiducia>>.
Giu. 2007 - n. 3 anno I
n grande passo verso la cittadinanza è stato fatto dall’Asl
RMG insieme al Comune di
Guidonia Montecelio ed alla Croce
Rossa Italiana. Il primo giugno, infatti, sono stati attivati due importanti
servizi: uno sportello per l’autorizzazione delle ricette a Colleverde ed un
servizio di consegna gratuita di farmaci a domicilio.
I l p r i m o , in collaborazione anche
con la circoscrizione di Colleverde, è
attivo presso gli stessi uffici circoscrizionali e vi sarà possibile autorizzare
ricette per: presidi per il diabete,
insufficienza renale, morbo celiaco,
presidi per colostomizzati, tesserini di
esenzione tickets per patologia e per
reddito, libretti per scelta e revoca del
medico, piani terapeutici. L’ufficio
sarà aperto ogni mercoledì dalle ore
10 alle ore 12 in via Monte Gran
Paradiso 35. Le ricette da autorizzare
che verranno consegnate, si potranno ritirare il mercoledì successivo.
I cittadini interessati dovranno compilare il modulo di richiesta del servizio e consegnarlo alla Circoscrizione.
Tale modulo è reperibile presso la
Circoscrizione stessa e scaricabile dal
sito internet www.distrettosociosanitariormg2.it.
Per ulteriori informazioni contattare i
Servizi Sociali del Comune di
Guidonia: 0774-310.224 / 341;
oppure la SOS Medicina di Base del
Distretto: 0774-654.57.39
Si precisa che:
Le ricette per i presidi integrativi per il
Giu. 2007 - n. 3 anno I
diabete dovranno essere compilate in
ogni parte (dati anagrafici, data di
compilazione, esenzione 013); l’autorizzazione potrà essere rinnovata a
scadenza (mensile, bimestrale o trimestrale).
Le ricette per gli alimenti aproteici
per insufficienza renale dovranno
essere compilate in ogni parte (dati
anagrafici, data di compilazione,
esenzione 023); l’autorizzazione
potrà essere rinnovata a scadenza
mensile.
Le ricette per utenti colostomizzati
dovranno essere compilate in ogni
parte (dati anagrafici, data di compilazione, esenzione 048, C01, C02,
C03); la prima volta dovranno essere
corredate da prescrizione specialistica e l’autorizzazione potrà essere rinnovata a scadenza mensile.
Per il rilascio e/o il rinnovo dell’esenzione ticket per patologia inviare il
certificato dello specialista ed il vecchio tesserino se si deve rinnovare.
Per il rilascio e/o il rinnovo dell’esenzione ticket per reddito, inviare l’apposito modulo di autocertificazione
compilato e firmato (presso la circoscrizione e/o scaricabile dal sito internet
www.distrettosociosanitariormg2.it) insieme al vecchio tesserino se si deve rinnovare.
Per la scelta e/o la revoca del medico
occorre allegare il vecchio libretto.
N.B.: E’ necessario che il cittadino
indichi un numero telefonico di recapito per eventuali comunicazioni sul
servizio.
I l s e c o n d o , invece, è in collaborazione anche con le farmacie locali e
prevede un servizio gratuito di consegna a domicilio di farmaci. Potranno
usufruire del servizio:
residenti sopra i 65 anni d’età che
hanno inoltrato domanda di assistenza domiciliare ma che risultano
al 01.06.2007 ancora in lista d’attesa
e che NON usufruiscono di altro tipo
d’assistenza pubblica.
residenti portatori di handicap che
hanno inoltrato domanda di assistenza domiciliare ma che risultano
al 01.06.2007 ancora in lista d’attesa
e che NON usufruiscono di altro tipo
d’assistenza pubblica.
coloro che sono in possesso di tutti i
seguenti requisiti: essere residenti nel
Comune di Guidonia Montecelio,
vivere da soli, essere impossibilitati a
recarsi in farmacia e presso il medico
curante, non avere congiunti validi o
dipendenti che possono provvedere
al loro bisogno.
Chi volesse ricevere questo servizio
deve inoltrare la domanda ai Servizi
Sociali del Comune di Guidonia
Montecelio, che valuteranno le
richieste e predisporranno l’elenco
dei beneficiari. Gli aventi diritto
saranno informati dagli stessi Servizi
Sociali. Il servizio sarà operante dalle
ore 9 alle ore 19, e dal lunedì al
venerdì. Per ulteriori informazioni
contattare il Servizio Sociale ai numeri: 0774-310.224\341\223.
G
Roma
news
7
UNA NUOVA VOCE
PER I CITTADINI
Sta per concludersi il lavoro dell’Audit Civico e per il suo piano locale
di miglioramento dei servizi alla cittadinanza
riticare e valutare l’operato
dell’Asl è ora possibile.
L’Azienda Sanitaria, che ha
deciso di aderire al progetto regionale dell’Audit Civico promosso dal
movimento Cittadinanza Attiva –
Tribunale per i Diritti del Malato, è in
attesa dei risultati delle indagini che
si stanno effettuando in tutto il suo
territorio. I dati, che si stanno raccogliendo con interviste e questionari,
saranno poi analizzati da un’Equipe
locale, formata da operatori
dell’Azienda affiancati da cittadini,
sia singoli che membri di altre associazioni civiche e di volontariato, che
si presteranno a titolo gratuito.
L’Equipe ha anche il compito di individuare aree critiche e formulare delle
proposte di intervento per il miglioramento del servizio sanitario erogato.
I dati raccolti riguardano: la qualità
del servizio, la sicurezza, l’accesso
alle strutture e la circolazione delle
C
G
6 Roma
news
informazioni. Ad essere intervistati sono i
cittadini che utilizzano le strutture sanitarie pubbliche. I risultati verranno poi messi
a disposizione della
Direzione aziendale
che, così facendo,
avrà a disposizione
un’ulteriore chiave di
lettura per verificare i
servizi offerti. Le informazioni
raccolte
saranno utili per una critica e sistematica valutazione locale, effettuata
con il punto di vista dei cittadini, e
saranno un buon fondamento per i
prossimi interventi della RM G. Il
lavoro prodotto dell’Equipe, poi, sarà
inoltrato anche alla Regione dove,
insieme a quelli di altre Asl, fornirà
un quadro reale della situazione sanitaria del Lazio.
Il progetto risponde al dovere istituzionale di dare voce a chi utilizza i
servizi sanitari e favorire “l’autonoma
iniziativa dei cittadini per lo svolgimento di attività di interesse generale sulla base del principio di sussidiarietà”, come afferma l’articolo 118
della Costituzione Italiana.
CALL CENTER
PER LE ADOZIONI
I
l call center G.I.L. Adozioni è un
Gruppo Integrato di Lavoro,
opera con l’obiettivo di implementare il Servizio Adozioni e per
informare in modo completo ed
esauriente gli utenti che desiderano
adottare un bambino.
Inaugurato il 19 Aprile 2007 presso il
Distretto Sanitario di Guidonia, il call
center è stato realizzato su contributo della Regione Lazio grazie all’impegno
degli
operatori
del
Dipartimento dell’Integrazione sociosanitaria e della Tutela della
Maternità e dell’Infanzia della Asl
diretto dal Prof. Mario Primicerio, del
Direttore del Distretto di Guidonia
dell Resp. G.I.L. adozioni e di tutti gli
operatori del settore.
Nato da un protocollo stipulato dalle
istituzioni competenti in materia, il
G.I.L. Adozioni opera dal 1998 sul
territorio della Asl RM G ed è costituito da un gruppo di Assistenti Sociali
e Psicologi dei Comuni e della Asl
che svolgono la loro attività di formazione continua su tutti gli aspetti
legati all’adozione. L’orientamento
che viene fornito, va dall’informazione alle giovani coppie che desiderano
intraprendere un’adozione, all’assistenza sull’andamento del nuovo
sistema familiare, fino all’acquisizione di elementi sull’idoneità all’adozione.
DOVE SIAMO / RECAPITI
• Per coloro che desiderano ricevere
informazioni sono attivi: sportello
i n f o r m a t i v o ( s t a n z a n° 1 0 5 ) e u n C a l l
Center (tel. 0774.6545705) presso la
sede centrale del GIL Adozioni (V.
F.lli Gualandi 35) nei giorni Lun.
9.30/11.30 - Merc. 14.30/17.30 e
Sab. 9.30/12.30, o alla seguente email: [email protected]
• Le altre sedi operative distrettuali si
trovano a: Tivoli in V.Galli 39, tel.
0774.3164686;
• Monterotondo in V.le Mazzini 28, tel.
06.9061952;
• Colleferro in L.go Oberdan, tel.
06.9781194
• Palestrina in V. Porta San Martino 38,
tel. 06.95322484
• G u i d o n i a V i a F . l l i G u a l a n d i I° p i a n o
s t a n z a n° 1 0 3
Giu. 2007 - n. 3 anno I
Giu. 2007 - n. 3 anno I
G
Roma
news
3
PILLOLE DI BUON SENSO E
CONOSCENZA
A cura di Bianca Aloisi e Giorgio Bracaglia
u questo numero e nei prossimi
due abbiamo pensato di rendere un servizio utile a mamme e
papà su come ridurre le preoccupazioni nei riguardi dei vostri figli. Non
vogliamo certo insegnarvi il buon
senso ma solo fornirvi qualche conoscenza in più che potrà esservi d’aiuto in tanti momenti di vita famigliare.
(Non siamo certo all’ altezza di insegnare il buon senso ma forse in
grado di fornirvi qualche conoscenza
in più che potrà esservi d’ aiuto in
tanti momenti della vostra vita fami-
S
gliare e d’ ausilio nello stimolare quel
buon senso che è patrimonio di tutti
noi genitori.) Il connubio buon senso
e conoscenza sarà sufficiente a far
fronte a molte situazioni.
Per questo abbiamo chiesto aiuto al
Dott. Giorgio Bracaglia, Primario
Pediatra dell’ Ospedale di Colleferro,
che dall’ analisi attenta della letteratura scientifica e facendo conto sulla
sua esperienza professionale, ci aiuterà a trasmettere qualche informazione in più ai genitori.
Su questo numero riportiamo fedel-
mente quanto estratto dal Corriere
della sera Salute e realizzato da due
specialisti del Dipartimento di
Emergenza e Accettazione dell’
Ospedale pediatrico Bambino Gesù
di Roma. I due medici hanno realizzato una rassegna delle più comuni
evenienze che i genitori dovranno
valutare per decidere se condurre o
meno il proprio bambino al Pronto
Soccorso, fermo restando che il
pediatria di famiglia deve rappresentare l’ insostituibile punto di riferimento privilegiato per i genitori.
Quando portare il bimbo al
Pronto Soccorso
Come comportarsi quando un bambino è malato o ha subito un trauma?
I criteri per capire se è necessaria una cura urgente
ome comportarsi quando il
bambino è malato o ha subito
un trauma? Un bambino è
spesso fonte di preoccupazione ed
ansia per un genitore, e lo è soprattutto quando è malato o ha subito
un trauma.
Il buon senso e qualche conoscenza
su come affrontare i tanti piccoli problemi in cui i genitori si possono
imbattere con i propri figli, sono
spesso sufficienti a far fronte a molte
situazioni.
Certamente il proprio Pediatra di
fiducia deve rappresentare l’interlocutore privilegiato per i genitori,
essendo colui che meglio conosce il
bambino. Nelle situazioni di urgenza
o nell’impossibilità di contattare il
proprio pediatra, il Pronto Soccorso
rappresenta la struttura di riferimento.
Ma quando bisogna considerare davvero la possibilità di portare un piccolo al Pronmto Soccorso (possibilmente pediatrico)?
Maria Antonietta Barbieri e Antonio
Reale, specialisti del Dipartimento
C
G
4 Roma
news
Emergenza e Accettazione dell'
Ospedale Bambin Gesù di Roma
hanno realizzato una rassegna delle
più comuni evenienze in cui i genitori possono trovarsi a dover poter
valutare l’opportunità di condurre o
meno il proprio bambino al Pronto
Soccorso, fornendo alcuni elementi
chiavi per la valutazione del caso.
Se il bambino ha febbre
La febbre elevata preoccupa molto i
genitori ma bisogna che questi valutino sempre le condizioni generali del
bambino e gli eventuali segni e sintomi associati.
Importante, inoltre, è l’età del bambino: un bambino con età inferiore a
tre mesi deve essere sempre visitato
dal pediatra curante e, se questi non
reperibile, condotto in Pronto
Soccorso, anche in assenza di altri
sintomi.
Nei bambini più grandi è necessaria
una visita medica urgente se la febbre è elevata, persistente, risponde
poco alla terapia antipiretica e si
accompagna a sintomi quali vomito
e cefalea intensa che non migliorano
in seguito alla somministrazione di
antifebbrili e/o blandi antidolorifici.
Se in presenza di febbre il bambino
presenta crisi convulsive va condotto
in Pronto Soccorso soprattutto se di
età inferiore ad un anno.
Se il bambino ha vomito
Il bambino ha bisogno di cure se presenta vomito ripetuto (più di 5 episodi in poche ore) e non riesce ad assumere liquidi.
È inoltre necessario far visitare il bambino se oltre al vomito presenta altri
sintomi che possono condurre alla
disidratazione come febbre e diarrea
(più di 5 scariche in poche ore).
Segni di allarme di disidratazione in
un bambino, soprattutto se piccolo
(età inferiore ad 1 anno), sono:
• la secchezza della cute e della
mucosa orale,
• occhi cerchiati,
• mancanza di lacrime,
• ridotta emissione di urine nelle
ore successive alla comparsa della
sintomatologia.
Giu. 2007 - n. 3 anno I
Un bambino, soprattutto se di età
inferiore a 1 anno, che vomita e
non evacua da 24 ore deve essere
visitato con urgenza.
Bambini con vomiti francamente
ematici (con sangue) o con contenuto verde scuro o di colore "caffé"
devono essere valutati in Pronto
Soccorso urgentemente.
Se il bambi no ha d iarrea
Bisogna far visitare il bambino se
presenta diarrea da oltre 24 ore con
più di 5-6 scariche al giorno e non
assume liquidi oppure presenta
segni di disidratazione.
Diarrea francamente ematica (con
sangue) o la sola emissione di sangue tipo "gelatina di ribes" deve
essere valutata con la massima
urgenza.
S e il ba m bin o h a ma l d i p an cia
I bambini accusano spesso "mal di
pancia".
Questo sintomo deve destare preoccupazione se il piccolo non evacua da oltre 24 ore e presenta vomito e febbricola e se il dolore viene
localizzato nelle regioni inferiori
destra dell’addome (regione appendicolare).
Inoltre, i bambini vanno visitati in
urgenza se presentano dolore
addominale nelle ore successive ad
un trauma della regione interessata.
In ca so d i t rau ma cra n ico
Tutti i bambini con trauma cranico
devono essere sottoposti a visita
medica in Pronto Soccorso per poi
proseguire, eventualmente, l’osservazione a domicilio se le condizioni
cliniche lo permettono.
Deve essere visitato con urgenza un
bambino che:
• ha perso conoscenza al momento dell’impatto (trauma cranico
commotivo), o
• presenta vomito, qualche ora
dopo il trauma, con tendenza
all’addormentamento, con pianto inconsolabile, strabismo, difficoltà alla deambulazione, cefalea.
Il vomito, immediatamente dopo il
trauma, non deve destare preoccupazione così come un pianto prolungato
In caso d i mal di tes ta
Un bambino deve essere condotto
Giu. 2007 - n. 3 anno I
in Pronto Soccorso se presenta cefalea accompagnata o meno da vomito che non regredisce con la somministrazione di comuni antidolorifici.
Un mal di testa intenso accompagnato da febbre deve destare preoccupazione se non migliora con il
decremento della temperatura e se
si associa a vomito ripetuto.
Tosse
Bisogna recarsi in Pronto Soccorso
se, oltre alla tosse, sono presenti
sintomi quali:
• difficoltà a respirare, il bambino
appare sofferente, “respira con
la pancia”, ha dei rientramenti a
livello delle coste ed al giugulo
(fossetta alla base del collo),
• è pallido, presenta delle apnee,
• improvvisamente compare tosse
abbaiante (come il verso di una
foca),
• inspira con difficoltà, è presente
febbre elevata e salivazione
abbondante (scialorrea) che
sono sintomi di epiglottite, possibile causa di decesso (in questo
caso il bambino/a deve essere
visitato con la massima urgenza).
Ustioni
Le ustioni devono essere valutate e
trattate in Pronto Soccorso in quanto vanno prese in considerazione
alcune caratteristiche che ne stabiliscono la gravità come la estensione,
la sede e la profondità.
Ina la zi on e di co rpo est ran eo
I bambini, soprattutto nella fascia di
età compresa fra 6 mesi e 2 anni,
possono, in maniera accidentale,
inalare corpi estranei (noccioline,
pezzi di giocattoli ecc.).
Pertanto, se il bambino presenta
un’improvvisa crisi di soffocamento
con cianosi (diventa "blu") o improvvisa tosse in seguito alla somministrazione di un alimento, o anche
nel solo dubbio di inalazione, il
bambino deve essere valutato in
Pronto Soccorso.
In caso di ingestione
di sostanze chimiche
Non tutte le sostanze chimiche
sono tossiche.
Sono sostanze NON TOSSICHE o a
BASSA TOSSICITA':
• detersivi per piatti a mano (liquidi e in polvere);
• detersivi per panni a mano e a
macchina;
• tavolette e spirali per zanzare;
• spray e polvere insetticide a base
di piretro e aletrina;
• amido per stiratura,
• inchiostri per stilografiche e biro;
• colori a tempera e acquarelli;
• fiammiferi;
• Shampoo, bagni schiuma, saponette, schiuma da barba, creme,
mascara.
Sono sostanze MOLTO PERICOLOSE:
• Insetticidi a base di esteri fosforici (per scarafaggi e formiche)
• Sgorgatoi di intubazioni,
• Antiruggine,
• Smacchiatori di tutti i tipi,
• Puliture per superfici.
• Brillantante per lavastoviglie.
Se un bambino ha ingerito una
sostanza di cui non si conosce l’innocuità o la composizione è sempre
buona norma contattare un Centro
Antiveleni e comportarsi secondo le
indicazioni date.
Un bambino che ha ingerito una
sostanza sicuramente caustica o
tossica deve essere condotto con
urgenza in un Pronto Soccorso.
È buona norma portare in Pronto
Soccorso la confezione della sostanza ingerita.
Pu n tu re di i ns et t i
Le reazioni avverse alle punture
delle più svariate specie di insetti
sono estremamente variabili e
vanno dalla semplice reazione cutanea locale fino allo shock anafilattico, in realtà di rara osservazione.
Vanno condotti in Pronto Soccorso i
bambini che a seguito della punture presentano:
• cute pallida, sudorazione, sensazioni di vertigini, tosse, respiro
irregolare, perdita di coscienza,
orticaria diffusa, edema palpebrale.
M o r so d i c an e
Il morso di cane provoca in genere
una lesione cutanea più o meno
ampia e a volte profonda. Bisogna
recarsi sempre al Pronto Soccorso:
• per la eventuale sutura della ferita,
• per sottoporsi, se necessita, a
cure antibiotiche e a trattamento antirabbia.
G
Roma
news
5
Scarica

I DISTRETTI DELLA ASL ROMA G