ISTRUZIONI D’USO
V200 Work Station Extended,
V300 Work Station Extended
Sistema di visione di sicurezza
I
Istruzioni d’uso
V200/V300
Il presente manuale è coperto da diritti d’autore. Tutti i diritti che ne derivano appartengono alla ditta SICK AG.
Il manuale o parti di esso possono essere fotocopiati esclusivamente entro i limiti previsti dalle disposizioni di
legge in materia di diritti d’autore. Non è consentito modificare o abbreviare il presente manuale senza previa
autorizzazione scritta della ditta SICK AG.
2
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Indice
V200/V300
Indice
8012229/TA69/2009-11-27
1
A proposito di questo documento....................................................................................6
Funzione di questo documento............................................................................6
1.1
1.2
Destinatari .............................................................................................................6
1.3
Grado di informazione ..........................................................................................6
1.4
Campo di applicazione..........................................................................................7
1.5
Abbreviazioni utilizzate .........................................................................................7
1.6
Simboli utilizzati ....................................................................................................7
2
Sulla sicurezza ...................................................................................................................9
2.1
Persone competenti..............................................................................................9
2.2
Campi d’impiego del dispositivo ........................................................................10
2.3
Uso conforme a norma .......................................................................................10
2.4
Note di sicurezza generali e misure di protezione ............................................11
2.5
Comportamento per rispettare l’ambiente........................................................12
2.5.1
Smaltimento ......................................................................................12
2.5.2
Raccolta differenziata dei materiali .................................................12
3
Descrizione del prodotto.................................................................................................13
3.1
Caratteristiche particolari ...................................................................................13
3.2
Funzionamento del dispositivo...........................................................................13
3.3
Esempi di campi d’impiego ................................................................................14
3.4
Funzioni configurabili..........................................................................................15
3.4.1
Blocco al riavvio ................................................................................15
3.4.2
Controllo dei contattori esterni (EDM) .............................................17
3.5
Elementi di visualizzazione.................................................................................18
3.5.1
LED di stato del V200/V300 ............................................................18
3.5.2
LED di diagnostica del V200/V300 .................................................19
4
Montaggio ........................................................................................................................20
4.1
Verifica delle dimensioni del campo protetto....................................................20
4.1.1
Dimensioni consentite per un campo protetto con una
risoluzione di 20 mm ........................................................................20
4.1.2
Dimensioni consentite per un campo protetto con una
risoluzione di 24 mm ........................................................................21
4.1.3
Dimensioni consentite per un campo protetto con una
risoluzione di 30 mm ........................................................................21
4.2
Calcolare la distanza di sicurezza ......................................................................22
4.2.1
Distanza di sicurezza in conformità a prEN ISO 13 855 e
EN ISO 13 857...................................................................................23
4.2.2
Distanza di sicurezza nel campo di applicazione di OSHA e
ANSI ...................................................................................................25
4.3
Evitare l’esistenza di aree non sorvegliate ........................................................26
4.4
Fasi di montaggio del sistema di visione di sicurezza ......................................28
4.4.1
Montaggio sul telaio..........................................................................29
4.4.2
Montaggio nel telaio .........................................................................30
4.4.3
Montaggio del nastro riflettente.......................................................31
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
3
Indice
Istruzioni d’uso
V200/V300
5
Installazione elettrica..................................................................................................... 34
5.1
Connessione di sistema M12 × 8....................................................................... 35
Connessione del V200/V300 senza controllo dei contattori
5.2
esterni (EDM), senza blocco al riavvio interno e senza pulsante di
autoapprendimento a chiave esterno ............................................................... 36
5.3
Connessione del V200/V300 con controllo dei contattori
esterni (EDM), con blocco al riavvio interno e con pulsante di
autoapprendimento a chiave esterno ............................................................... 36
5.4
Due V200/V300 con sincronizzazione.............................................................. 38
5.5
Esempi di collegamento ..................................................................................... 39
5.5.1
V200/V300 e UE410 Flexi con controllo dei contattori
esterni (EDM) e blocco al riavvio sia per il V200/V300 che
per lo spegnimento di emergenza ................................................... 39
5.5.2
V200/V300 e UE10C3OS con controllo dei contattori esterni
(EDM) e blocco al riavvio interno ..................................................... 40
6
Esempi di applicazione................................................................................................... 41
6.1
Applicazione con un V200/V300 ...................................................................... 41
6.2
Applicazione con due V200/V300 .................................................................... 42
6.3
Applicazione con accesso sicuro su tre lati (posto di lavoro ergonomico)...... 43
6.4
Applicazione con trasporto automatico del materiale nella stazione di
lavoro................................................................................................................... 44
7
Messa in servizio............................................................................................................. 45
7.1
Indicazioni sulla verifica ..................................................................................... 45
7.2
Verifica preventiva alla prima messa in servizio............................................... 45
7.3
Regolarità della verifica del dispositivo di protezione da parte di
persone competenti ........................................................................................... 45
7.4
Verifiche del dispositivo di protezione da parte di persone incaricate ed
autorizzate .......................................................................................................... 46
8
Configurazione ................................................................................................................ 47
8.1
Autoapprendimento............................................................................................ 47
8.2
Blocco al riavvio interno ..................................................................................... 50
8.3
Controllo dei contattori esterni .......................................................................... 51
8.4
Bloccare il pulsante di autoapprendimento interno ......................................... 52
9
Cura e manutenzione...................................................................................................... 53
10 Diagnostica delle anomalie ........................................................................................... 54
10.1 Comportamento in caso di anomalia ................................................................ 54
10.2 Supporto SICK..................................................................................................... 54
10.3 Avvertenze e visualizzazione di anomalie dei LED ........................................... 55
11 Dati tecnici ...................................................................................................................... 56
11.1 Scheda tecnica ................................................................................................... 56
11.2 Disegni quotati.................................................................................................... 60
11.2.1
Disegno quotato V200/V300 .......................................................... 60
11.2.2
Disegno quotato di set di fissaggio ................................................. 61
12 Dati di ordinazione .......................................................................................................... 62
12.1 Sistemi di visione di sicurezza ........................................................................... 62
12.2 Accessori ............................................................................................................. 63
4
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Indice
V200/V300
13 Appendice.........................................................................................................................64
13.1 Dichiarazione di conformità CE ..........................................................................64
13.2 Lista di verifica per il costruttore........................................................................66
13.3 Indice delle tabelle..............................................................................................67
13.4 Indice delle figure................................................................................................67
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
5
A proposito di questo
documento
Capitolo 1
Istruzioni d’uso
V200/V300
1
A proposito di questo documento
Vi preghiamo di leggere attentamente il presente capitolo prima di iniziare a lavorare con
la documentazione e il sistema di visione di sicurezza V200 Work Station Extended o
V300 Work Station Extended, di seguito chiamato brevemente V200/V300.
1.1
Funzione di questo documento
Queste istruzioni d’uso forniscono al personale tecnico del produttore o del gestore della
macchina le istruzioni necessarie per un sicuro montaggio, l’installazione elettrica, la
messa in funzione e per il funzionamento e la manutenzione del sistema di visione di
sicurezza V200/V300.
Queste istruzioni d’uso non guidano all’uso della macchina a cui è stato o verrà integrato il
sistema di visione di sicurezza. Le informazioni a riguardo sono contenute nel manuale
istruzioni d’uso della macchina.
1.2
Destinatari
Queste istruzioni d’uso sono destinate ai progettisti, costruttori e responsabili di impianti
da rendere sicuri con uno o più sistemi di visione di sicurezza V200/V300. Sono dirette
anche alle persone che provvedono ad integrare il V200/V300 in una macchina, che lo
mettono in funzione o provvedono alla sua manutenzione per la prima volta.
1.3
Grado di informazione
Queste istruzioni d’uso contengono informazioni sul sistema di visione di sicurezza
V200/V300:
installazione elettrica
diagnostica ed eliminazione delle
anomalie
messa in servizio
codici numerici
cura e manutenzione
conformità e omologazione
montaggio
La progettazione e l’impiego di dispositivi di protezione come il V200/V300 richiedono
inoltre particolari conoscenze tecniche, non fornite dal presente documento.
Vanno fondamentalmente rispettate le prescrizioni di autorità e di legge durante il
funzionamento del V200/V300.
Informazioni generali sulla protezione antinfortunistica con l’aiuto di dispositivi di
protezione optoelettronici si trovano nell’opuscolo “Sicurezza Industriale con protezioni
optoelettroniche”.
Nota
Utilizzate anche la home page della SICK in internet sotto www.sick.com.
Vi trovate:
esempi e rapporti di applicazioni complementari agli esempi di applicazioni riportati nel
capitolo 6
una lista delle domande frequenti sul V200/V300
queste istruzioni d’uso in varie lingue da visualizzare e stampare
i certificati della prova di omologazione del campione, la dichiarazione CE di conformità
ed altri documenti
6
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
A proposito di questo
documento
Istruzioni d’uso
Capitolo 1
V200/V300
1.4
Campo di applicazione
Il presente documento è una traduzione dell’originale.
Note
Le presenti istruzioni d’uso valgono per il sistema di visione di sicurezza V200/V300 che
riporta sulla sua targhetta alla voce Operating Instructions la scritta: 8012225/TA69.
Il presente documento fa parte del codice numerico SICK 8012225 (istruzioni d’uso
“V200/V300 – Sistema di visione di sicurezza” in tutte le lingue disponibili).
1.5
ANSI
American National Standards Institute
EDM
External device monitoring = controllo dei contattori esterni
ESPE
Electro-sensitive protective equipment = dispositivo elettrosensibile di protezione (p. es.
V200/V300)
LED
OSSD
V200/V300
Light emitting diode = diodo emettitore di luce
Output signal switching device = uscita di segnale del dispositivo di protezione verso il
comando utilizzato per disattivare il movimento pericoloso
Denominazione breve del sistema di visione di sicurezza
V200 Work Station Extended/V300 Work Station Extended
1.6
Raccomandazione
Nota
,
,
,
Abbreviazioni utilizzate
,
Simboli utilizzati
Le raccomandazioni aiutano a prendere una decisione inerente l’applicazione di una
funzione o di un provvedimento tecnico.
Le note informano su particolarità del dispositivo.
I simboli degli LED descrivono lo stato di un LED. Esempi:
Il LED è spento.
Il LED è illuminato costantemente.
Il LED lampeggia uniformemente (acceso per 0,5 secondi, spento per 0,5 secondi).
Il LED si spegne brevemente (acceso per 0,9 secondi, spento per 0,1 secondo).
Il LED scintilla brevemente (spento per 0,9 secondi, acceso per 0,1 secondo, …).
Questi simboli descrivono in abbinamento ai simboli degli LED di quale LED si tratta:
Il LED “Stop” (OSSD disattivati) è illuminato costantemente.
Il LED “Attenzione” lampeggia.
Il LED “OK” (OSSD attivati) è spento.
Agite …
Le istruzioni su come agire sono contrassegnate da una freccia. Leggete e seguite
attentamente le istruzioni su come agire.
Avvertenza!
ATTENZIONE
Un’avvertenza vi indica dei pericoli concreti o potenziali. Esse hanno il compito di
proteggervi dagli incidenti.
Leggete e seguite attentamente le avvertenze!
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
7
Capitolo 1
A proposito di questo
documento
Istruzioni d’uso
V200/V300
Il termine “stato pericoloso”
Nelle figure di questo documento lo stato pericoloso (termine di norma) della macchina è
costantemente considerato come movimento di un componente della macchina. Nella
pratica sono possibili vari stati pericolosi:
movimenti della macchina
componenti a carica elettrica
radiazione visibile o invisibile
una combinazione di vari pericoli
8
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Sulla sicurezza
Capitolo 2
V200/V300
2
Sulla sicurezza
Questo capitolo serve alla vostra sicurezza e a quella degli operatori dell’impianto.
Vi preghiamo di leggere attentamente il presente capitolo prima di lavorare con il
V200/V300 o con la macchina protetta dal V200/V300.
2.1
Persone competenti
Soltanto persone competenti sono autorizzati a montare, mettere in funzione o eseguire la
manutenzione del sistema di visione di sicurezza V200/V300. Viene considerato
competente chi
dispone di sufficienti conoscenze nel settore dello strumento di lavoro azionato con
forza che è da controllare, e le ha acquisite mediante un’adeguata formazione tecnica e
la dovuta esperienza
e
è stato istruito dal responsabile della sicurezza macchine nell’uso e nelle direttive di
sicurezza vigenti
e
ha sufficiente dimestichezza con le rispettive prescrizioni nazionali per la sicurezza sul
lavoro e antinfortunistiche, con le direttive e regole tecniche comunemente riconosciute
(p. es. norme DIN, normativa VDE, regole tecniche di altri stati membri dell’CE) così da
poter valutare lo stato antinfortunistico dello strumento di lavoro azionato con forza
e
ha letto le istruzioni d’uso e ha la possibilità di accedere a esse.
Si tratta generalmente di persone competenti appartenenti alle aziende costruttrici di
ESPE oppure anche di persone adeguatamente addestrate dal costruttore degli ESPE, che
si occupano generalmente di verifiche di ESPE e che sono state incaricate dal gestore
degli ESPE.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
9
Sulla sicurezza
Capitolo 2
Istruzioni d’uso
V200/V300
2.2
Campi d’impiego del dispositivo
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 è un dispositivo elettrosensibile di protezione
(ESPE).
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 può essere messo in funzione con 3
risoluzioni diverse. Le dimensioni massime del campo protetto cambiano in funzione della
risoluzione:
Tab. 1: dimensioni massime
del campo protetto in
funzione della risoluzione
Risoluzione
Dimensioni del campo protetto [m]
[mm]
Minimo
Massimo
Nota
20
0,40 × 0,40
1,00 × 1,00
24
0,40 × 0,40
1,20 × 1,20
30
0,60 × 0,60
1,50 × 1,50
Per il dimensionamento del campo
protetto va considerato il rapporto
tra i lati (vedere la sezione 4.1
“Verifica delle dimensioni del campo
protetto” a pagina 20 pp.)
Il dispositivo è un ESPE di tipo 3 (V300 Work Station Extended) o tipo 2 (V200 Work
Station Extended) secondo IEC 61 496C1 e IEC/TR 61 496C4 e può dunque essere
impiegato in comandi con categoria 3 secondo EN ISO 13 849C1. Il dispositivo è adatto per
proteggere i punti pericolosi (protezione delle mani).
Il raggiungimento del punto di pericolo deve essere possibile soltanto attraverso il campo
protetto. Finché il punto di pericolo non è libero l’impianto non deve poter avviarsi. Una
rappresentazione dei modi di protezione si trova nella sezione 3.3 “Esempi di campi
d’impiego” a pagina 14.
Impiegate il sistema di visione di sicurezza esclusivamente come misura di protezione
indiretta!
ATTENZIONE
Un dispositivo di protezione optoelettronico protegge indirettamente, p. es. disattivando la
forza nella fonte di pericolo. Esso non può proteggere da parti lanciate verso l’esterno, né
da radiazioni fuoriuscite. Gli oggetti invisibili non vengono riconosciuti.
A seconda dell’applicazione, oltre al sistema di visione di sicurezza possono risultare
necessari dei dispositivi di protezione meccanici.
Il sistema di visione di sicurezza è previsto esclusivamente per l’impiego in ambienti
industriali. Il suo impiego in aree residenziali può provocare dei radiodisturbi.
2.3
Uso conforme a norma
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 deve essere utilizzato esclusivamente come
specificato nella sezione 2.2 “Campi d’impiego del dispositivo”. Deve essere utilizzato
esclusivamente da personale specializzato ed esclusivamente sulla macchina in cui è
stato montato e messo in funzione la prima volta da una persona competente ai sensi di
queste istruzioni d’uso.
Se il dispositivo viene usato per altri scopi o in caso di sue modifiche, anche in fase di
montaggio o di installazione, decade ogni diritto di garanzia nei confronti della SICK AG.
10
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Sulla sicurezza
Istruzioni d’uso
Capitolo 2
V200/V300
2.4
Note di sicurezza generali e misure di protezione
Osservate le indicazioni di sicurezza!
ATTENZIONE
Per garantire l’uso del sistema di visione di sicurezza V200/V300 secondo norma ed in
modo sicuro si devono osservare i punti seguenti.
Per l’installazione e l’uso del sistema di visione di sicurezza come pure per la messa in
servizio e le ripetute verifiche tecniche sono valide le normative nazionali/internazionali,
in particolare:
– la Direttiva Macchine 2006/42/CE
– la Direttiva sugli operatori di attrezzature di lavoro 89/655/CEE
– le prescrizioni antinfortunistiche/le regole di sicurezza
– altre prescrizioni di sicurezza importanti
I costruttori e gli operatori della macchina su cui viene impiegato il sistema di visione di
sicurezza devono accordare, sotto la propria responsabilità, tutte le vigenti prescrizioni e
regole di sicurezza con l’ente di competenza e sono anche responsabili della loro
osservanza.
Si devono osservare tassativamente le indicazioni, in particolare le prescrizioni di
verifica (vedi sezione 7.1 “Indicazioni sulla verifica” a pagina 45) di queste istruzioni
d’uso (come p. es. per l’impiego, per il montaggio, l’installazione o per l’integrazione nel
comando macchina).
Le verifiche devono essere effettuate da persone competenti, oppure da persone
autorizzate ed incaricate appositamente; e devono essere documentate in modo da
essere comprensibili in qualsiasi momento.
Le modifiche della configurazione dei dispositivi possono compromettere la funzione di
protezione. In seguito a qualsiasi tipo di modifica della configurazione dovrete verificare
che il dispositivo di protezione sia efficace. La persona che esegue la modifica è anche
responsabile del mantenimento della funzione di protezione del dispositivo.
I raggi ottici della telecamera possono venire deviati da superfici riflettenti. Questo può
portare al non rilevamento di un oggetto. motivo per cui non sono consentite superfici
riflettenti sul nastro riflettente o nel campo protetto.
Le istruzioni d’uso devono essere messe a disposizione dell’operatore della macchina
dotata della sistema di visione di sicurezza V200/V300. L’operatore della macchina
deve essere istruito da persone competenti ed esortato a leggere le istruzioni d’uso.
Per soddisfare quanto richiesto dalle norme di prodotto in materia (p. es. la
EN 61 496C1), uno dei requisiti a cui deve adempiere l’alimentazione di tensione
esterna dei dispositivi (SELV) è di essere in grado di compensare una mancanza di rete
di 20 ms. Gli alimentatori conformi alla EN 60 204C1 soddisfano questo requisito. Degli
alimentatori idonei possono essere ordinati presso la SICK come accessori (vedere
sezione 12.2 “Accessori” a pagina 63).
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
11
Sulla sicurezza
Capitolo 2
Istruzioni d’uso
V200/V300
2.5
Comportamento per rispettare l’ambiente
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 è stato progettato in modo da avere un
impatto ambientale minimo. Consuma un minimo di energia e di risorse.
Abbiate sempre riguardo dell’ambiente anche sul posto di lavoro.
2.5.1
Smaltimento
Smaltite i dispositivi inutilizzabili o non riparabili sempre attenendovi alle prescrizioni
nazionali vigenti in materia di smaltimento dei rifiuti (p. es. Codice Europeo Rifiuti
16 02 14).
Nota
Vi supportiamo volentieri nello smaltimento dei dispositivi. Contattateci.
2.5.2
Raccolta differenziata dei materiali
La separazione dei materiali per la raccolta differenziata deve essere eseguita
esclusivamente da persone competenti!
ATTENZIONE
I dispositivi vanno smontati attentamente. È possibile subire delle lesioni.
Prima di poter inserire i dispositivi in un processo di riciclaggio a tutela dell’ambiente è
necessario separare i vari materiali del V200/V300.
Separate il contenitore dagli altri componenti (in particolare dalla scheda di circuito
stampato).
Consegnate i componenti che avrete separato agli appositi punti di riciclaggio:
Tab. 2: prospetto dello
smaltimento dei componenti
Componenti
Smaltimento
Prodotto
Involucro
Riciclaggio del metallo (alluminio)
Circuiti stampati, cavi, connettori, parti
di collegamenti elettrici
Riciclaggio di componenti elettronici
Imballo
12
Cartone, carta
Riciclaggio di carta e cartoni
Imballi di polietilene
Riciclaggio di materiali plastici
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
V200/V300
3
Descrizione del prodotto
Questo capitolo vi informa sulle particolarità del sistema di visione di sicurezza
V200/V300. Descrive la struttura ed il funzionamento del dispositivo, in particolare i vari
modi operativi.
Leggete assolutamente questo capitolo prima di montare, installare o mettere in
funzione il dispositivo.
3.1
Caratteristiche particolari
V200 Work Station Extended: ESPE tipo 2 in conformità a IEC 61 496C1
V300 Work Station Extended: ESPE tipo 3 in conformità a IEC 61 496C1
corrisponde ai requisiti del livello di sicurezza “Control reliable”
funzionamento protetto con possibile selezione tra blocco al riavvio interno o esterno
(realizzato sulla macchina)
possibilità di collegamento per pulsante di ripristino
possibilità di collegamento per il controllo dei contattori esterni (EDM)
visualizzazione dello stato attraverso indicatori luminosi
3.2
Funzionamento del dispositivo
Fig. 1: funzionamento del
V200/V300
profilo di montaggio
verso il lato macchina
telecamera
nastro riflettente sui lati
opposti della telecamera
campo protetto
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 è composto da una telecamera e da un
nastro riflettente che definisce il contorno da sorvegliare.
La telecamera sorveglia le interruzioni nella superficie delimitata dal suo angolo visivo e
dal nastro riflettente, ossia il campo protetto. Quando il V200/V300 rileva un’interruzione
del campo protetto la telecamera disattiva le sue uscite di sicurezza.
La scheda tecnica si trova nel capitolo 11 “Dati tecnici” a pagina 56. I disegni quotati si
trovano a pagina 60.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
13
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
V200/V300
3.3
Nota
Esempi di campi d’impiego
Per motivi di semplificazione, le figure seguenti riportano solo la rappresentazione grafica
del montaggio dei dispositivi.
Per un montaggio corretto osservare le note nel capitolo 4 “Montaggio” a pagina 20.
Fig. 2: protezione dei punti
pericolosi con un
V200/V300, montaggio nel
telaio (immagine a sinistra)
Fig. 3: protezione dei punti
pericolosi con un
V200/V300, montaggio sul
telaio (immagine a destra)
Fig. 4: protezione dei punti
pericolosi con due
V200/V300, una telecamera
opposta all’altra (immagine a
sinistra)
Fig. 5: protezione dei punti
pericolosi con due
V200/V300, disposizione ad
angolo (immagine a destra)
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 può adempiere la sua funzione di protezione
soltanto se le condizioni seguenti sono soddisfatte:
Il comando della macchina deve essere elettrico.
Lo stato pericoloso della macchina deve poter essere portato in qualsiasi momento ad
uno stato sicuro.
La telecamera e il nastro riflettente devono essere predisposti in modo da rilevare con
sicurezza gli oggetti che penetrano nell’area di pericolo del V200/V300.
Il pulsante di ripristino deve essere predisposto fuori dall’area di pericolo, ed in modo
tale, da non poter essere usato da una persona che si trova nell’area di pericolo.
L’operatore deve avere inoltre la visione totale dell’area di pericolo quando aziona il
pulsante di ripristino.
Durante montaggio e impiego dei dispositivi vanno rispettate le normative di autorità e
di legge in vigore.
Le dimensioni del campo protetto necessarie non devono superare il rapporto tra i lati
consentito (vedere sezione 4.1 “Verifica delle dimensioni del campo protetto” a
pagina 20).
14
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Descrizione del prodotto
Istruzioni d’uso
Capitolo 3
V200/V300
3.4
Funzioni configurabili
La presente sezione descrive le funzioni configurabili del sistema di visione di sicurezza
V200/V300.
Verificate il dispositivo di protezione dopo aver eseguito delle modifiche!
ATTENZIONE
In seguito ad ogni modifica del dispositivo di protezione o del suo collegamento dovete
verificare l’efficacia dell’intero dispositivo di protezione (vedi sezione 7.1 “Indicazioni sulla
verifica” a pagina 45).
3.4.1
Blocco al riavvio
Fig. 6: rappresentazione
schematica del
funzionamento di protezione
Il V200/V300 possiede un blocco al riavvio interno. Lo stato pericoloso della macchina
( ) in caso di interruzione del campo protetto ( ) viene bloccato e non più reso agibile
( ), fino a quando l’operatore non aziona il pulsante di ripristino.
Note
Per impiegare il V200/V300 senza il blocco al riavvio interno, dovete realizzare un
blocco al riavvio esterno, e dunque nella macchina.
Non scambiate il blocco al riavvio con il blocco all’avvio della macchina. Il blocco
all’avvio impedisce che la macchina si avvii dopo l’accensione. Il blocco al riavvio
impedisce che la macchina si riavvii dopo un errore o un’interruzione del fascio di luce.
Se impiegate il V200/V300 potete realizzare il blocco al riavvio in due modi:
con il blocco al riavvio interno del V200/V300:
Il V200/V300 controlla il riavvio.
con il blocco al riavvio della macchina (esterno):
Il V200/V300 non ha il controllo sul riavvio.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
15
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
V200/V300
La tabella seguente indica gli abbinamenti possibili:
Tab. 3: configurazioni
ammesse per il blocco al
riavvio del V200/V300
Blocco al riavvio
del V200/V300
Blocco al riavvio
della macchina
Applicazione
ammessa
Disattivato
Disattivato
Solo se …
non si può accedere con le gambe
dietro al sistema di visione di sicurezza.
Osservare la EN 60 204C1!
è garantito che nessuno indossa un
abbigliamento da lavoro con riflettori.
Disattivato
Attivato
Tutte
Attivato
Disattivato
Solo se non si può accedere con le gambe
dietro al sistema di visione di sicurezza.
Osservare la EN 60 204C1!
Attivato
Attivato
Tutte. Il blocco al riavvio del V200/V300
assume la funzione di ripristino (vedere
“Ripristinare” più sotto).
Configurate l’applicazione sempre con blocco al riavvio!
ATTENZIONE
Assicuratevi che vi sia sempre un blocco al riavvio. Il V200/V300 non è in grado di
verificare se il blocco al riavvio è collegato. Se disattivate sia il blocco interno al riavvio sia
quello esterno, mettete gli operatori dell’impianto in condizioni di estremo rischio.
Ripristinare
Se attivate sia il blocco al riavvio del V200/V300 (interno) che un blocco al riavvio nella
macchina (esterno), andrà assegnato ad ogni blocco un pulsante proprio.
Azionando il pulsante di ripristino (per il blocco al riavvio interno) …
il V200/V300 attiva le uscite di comando.
il V200/V300 passa al verde.
Solamente il blocco al riavvio esterno impedisce qui il riavvio della macchina. Dopo aver
premuto il pulsante di ripristino del V200/V300 l’operatore deve spingere anche il
pulsante di riavvio della macchina. Se il pulsante di ripristino ed il pulsante di riavvio non
vengono premuti nell’ordine indicato lo stato pericoloso dovrà rimanere interrotto.
Raccomandazione
Con l’aiuto del pulsante di ripristino potete escludere l’azionamento involontario del
pulsante di riavvio esterno. L’operatore deve prima confermare lo stato privo di pericolo
con il pulsante di ripristino.
Il collegamento elettrico del pulsante di ripristino è descritto nella sezione 5.3 a pagina 36.
La configurazione del blocco al riavvio interno è descritta nella sezione 8.2 “Blocco al
riavvio interno” a pagina 50.
16
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Descrizione del prodotto
Istruzioni d’uso
Capitolo 3
V200/V300
3.4.2
Controllo dei contattori esterni (EDM)
Il V200/V300 è dotato di un controllo dei contattori esterni. Attivando il controllo dei
contattori esterni il V200/V300 verifica se i contattori ricadono veramente quando il
dispositivo di protezione si attiva. Se il controllo dei contattori esterni dopo un tentativo di
ripristino/riavvio ed entro 300 ms non constata nessuna reazione da parte dei dispositivi
di comando ridisattiva le relative uscite. In tal caso la segnalazione del sistema di visione
di sicurezza sarà la seguente:
Il sistema rimane al rosso. Il LED dello stato
Il LED dello stato
Il LED di diagnostica 2
Nota
8012229/TA69/2009-11-27
è illuminato.
scintilla.
scintilla.
Se a causa del non funzionamento di un contattore, il sistema non può realizzare uno
stato di funzionamento sicuro, esso si blocca del tutto (“lockCout”, vedi pagina 54). Il
collegamento elettrico del controllo dei contattori esterni è descritto nella sezione 5.3 a
pagina 36. La configurazione del controllo dei contattori esterni è descritta nel capitolo 8
“Configurazione” a pagina 47pp.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
17
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
Istruzioni d’uso
V200/V300
3.5
Elementi di visualizzazione
Gli indicatori luminosi (LED) del V200/V300 segnalano il suo stato di funzionamento.
3.5.1
LED di stato del V200/V300
Fig. 7: LED di stato
del V200/V300
LED di stato
“Stop”
“Attenzione”
“OK”
Tab. 4: significato dei LED di
stato del V200/V300
Visualizzazione
Pulsante di
autoapprendimento interno
Colore
Significato
Rosso
OSSD disattivati (p. es. oggetto nel campo protetto
o “lockCout”)
Verde
OSSD attivati. Campo protetto libero
Giallo
Non è stata appresa una configurazione valida (stato
di fornitura)
Eseguire il procedimento di autoapprendimento
(vedere sezione 8.1 “Autoapprendimento” a
pagina 47).
Lampeggio uniforme: è necessario ripristinare
Azionate il pulsante di ripristino.
Avvertenza
Eseguite una diagnostica delle anomalie (vedi
capitolo 10 “Diagnostica delle anomalie” a
pagina 54).
Errore
Eseguite una diagnostica delle anomalie (vedi
capitolo 10 “Diagnostica delle anomalie” a
pagina 54).
18
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Descrizione del prodotto
Capitolo 3
V200/V300
LED di diagnostica del V200/V300
3.5.2
La telecamera indica delle informazioni di diagnostica con l’aiuto di quattro indicatori
luminosi.
Fig. 8: LED di diagnostica
del V200/V300
LED di
diagnostica
Tab. 5: significato dei
LED di diagnostica
Visualizzazione
…
…
…
1
2
3
4
assegnazione
dei LED di
diagnostica
al settore del
campo protetto
Significato
Sequenza di accensione: all’accensione del V200/V300 e ad ogni
autoapprendimento segue la sequenza di accensione. Inizia a
lampeggiare il LED di diagnostica 1 e, trascorso un secondo, seguirà il
prossimo finché non lampeggeranno tutti e 4 i LED di diagnostica.
Settore del campo protetto libero
Interruzione del campo protetto nel settore di campo protetto
assegnato (vedi Fig. 8). Un settore di campo protetto corrisponde a un
quarto del campo visivo del V200/V300.
Funzionamento ad autoapprendimento (vedi sezione 8.1
“Autoapprendimento” a pagina 47)
Avvertenza (vedi capitolo 10 “Diagnostica delle anomalie” a
pagina 54)
Errore (vedi capitolo 10 “Diagnostica delle anomalie” a pagina 54)
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
19
Montaggio
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
V200/V300
4
Montaggio
Questo capitolo descrive i preparativi e l’esecuzione del montaggio del sistema di visione
di sicurezza V200/V300. Il montaggio richiede le fasi seguenti:
verifica delle dimensioni del campo protetto (vedere in basso)
calcolare la distanza di sicurezza (vedere pagina 22)
montaggio della telecamera (vedere pagina 26)
montaggio del nastro riflettente (vedere pagina 31)
In seguito al montaggio è necessario procedere come segue:
effettuare i collegamenti elettrici (vedere capitolo 5 a pagina 34)
verificare l’installazione (vedi sezione 7.1 a pagina 45)
4.1
Verifica delle dimensioni del campo protetto
Impiegare il sistema di visione di sicurezza V200/V300 soltanto se è possibile
rispettare il rapporto dei lati consentito per il campo protetto!
ATTENZIONE
Nota
Il superamento, del rapporto tra i lati, del massimo consentito può provocare una reazione
sbagliata del sistema di visione di sicurezza. In questo caso l’operatore è esposto ad un
pericolo.
Per tutte le risoluzioni vale:
Il rapporto tra i lati del campo protetto non deve essere superiore a 2:1.
Se il campo protetto richiesto è più grande di quello realizzabile con un unico
V200/V300 si potrà montare due V200/V300 paralleli uno opposto all’altro.
realizzando così due campi protetti sovrapposti (vedere 6.2 “Applicazione con due
V200/V300” a pagina 42).
4.1.1
Dimensioni consentite per un campo protetto con una risoluzione di 20 mm
I lati del campo protetto sorvegliato non devono essere più corti di 0,40 m, né più lunghi di
1,00 m.
Tab. 6: dimensioni consentite
per un campo protetto
rettangolare con una
risoluzione di 20 mm
(i valori intermedi sono
ammessi)
Lato più corto
del campo protetto
Lato più lungo del campo protetto
Minimo
Massimo
0,40 m … <0,50 m
= lato più corto
2 × lato più corto
0,50 m … 1,00 m
= lato più corto
1,00 m
Esempio 1: Il lato inferiore è lungo 0,43 m. In tal caso il lato superiore dovrà essere lungo
come minimo 0,43 m e non superare 2 × 0,43 m = 0,86 m.
Esempio 2: Il lato inferiore è lungo 0,78 m. In tal caso il lato superiore dovrà essere lungo
come minimo 0,78 m e al massimo 1 m.
20
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Montaggio
Capitolo 4
V200/V300
4.1.2
Dimensioni consentite per un campo protetto con una risoluzione di 24 mm
I lati del campo protetto sorvegliato non devono essere più corti di 0,40 m, né più lunghi di
1,20 m.
Tab. 7: dimensioni consentite
per un campo protetto
rettangolare con una
risoluzione di 24 mm
(i valori intermedi sono
ammessi)
Lato più corto
del campo protetto
Lato più lungo del campo protetto
Minimo
Massimo
0,40 m … <0,60 m
= lato più corto
2 × lato più corto
0,60 m … 1,20 m
= lato più corto
1,20 m
Esempio 1: Il lato inferiore è lungo 0,43 m. In tal caso il lato superiore dovrà essere lungo
come minimo 0,43 m e non superare 2 × 0,43 m = 0,86 m.
Esempio 2: Il lato inferiore è lungo 0,78 m. In tal caso il lato superiore dovrà essere lungo
come minimo 0,78 m e al massimo 1,20 m.
4.1.3
Dimensioni consentite per un campo protetto con una risoluzione di 30 mm
I lati del campo protetto sorvegliato non devono essere più corti di 0,60 m, né più lunghi di
1,50 m.
Tab. 8: dimensioni consentite
per un campo protetto
rettangolare con una
risoluzione di 30 mm
(i valori intermedi sono
ammessi)
Lato più corto
del campo protetto
Lato più lungo del campo protetto
Minimo
Massimo
0,60 m … <0,75 m
= lato più corto
2 × lato più corto
0,75 m … 1,50 m
= lato più corto
1,50 m
Esempio 1: Il lato inferiore è lungo 0,63 m. In tal caso il lato superiore dovrà essere lungo
come minimo 0,63 m e non superare 2 × 0,63 m = 1,26 m.
Esempio 2: Il lato inferiore è lungo 0,78 m. In tal caso il lato superiore dovrà essere lungo
come minimo 0,78 m e al massimo 1,50 m.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
21
Montaggio
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
V200/V300
4.2
Calcolare la distanza di sicurezza
Il sistema di visione di sicurezza deve essere montato con una sufficiente distanza di
sicurezza tra campo protetto e punto di pericolo. Questa garantisce che il punto di pericolo
sia raggiungibile soltanto quando lo stato pericoloso della macchina è completamente
inattivo.
Nessuna funzione di protezione è sicura se la distanza di sicurezza non è corretta!
ATTENZIONE
Nota
Fig. 9: distanza di sicurezza
dal punto di pericolo
Il montaggio del sistema di visione di sicurezza alla corretta distanza di sicurezza dal
punto di pericolo è presupposto indispensabile per l’effetto di protezione del sistema di
visione di sicurezza.
Con un allineamento verticale il campo protetto si estende dal centro della lente della
telecamera fino al bordo del nastro riflettente più vicino al punto di pericolo. (Il punto di
riferimento per la distanza di sicurezza S non è quindi il centro del nastro riflettente. Cfr.
Fig. 9.)
distanza di sicurezza S (Ds)
altezza del
campo protetto
punto di
pericolo
nastro
riflettente
perimetrale
In caso di campo protetto in posizione obliqua analizzare separatamente la distanza di
sicurezza!
ATTENZIONE
Fare attenzione che in tutti i punti del campo protetto
obliquo sia rispettata la dovuta distanza di sicurezza tra il
punto di accesso e quello del pericolo.
S (Ds)
Osservare che per i campi protetti obliqui potrebbero
valere delle prescrizioni per il calcolo della distanza di
sicurezza differenti.
Per la realizzazione di applicazioni speciali chiedere il
supporto della propria sede SICK.
22
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
V200/V300
4.2.1
Distanza di sicurezza in conformità a prEN ISO 13 855 e EN ISO 13 857
La distanza di sicurezza in conformità a prEN ISO 13 855 e EN ISO 13 857 dipende da:
tempo di arresto totale della macchina o dell’impianto
(Il tempo di arresto totale viene indicato nella documentazione della macchina o va
rilevato con apposita misura.)
tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione (V200/V300: 20 ms)
velocità di avvicinamento del corpo o delle mani
ulteriori parametri dettati dalla normativa a seconda dell’applicazione
Come calcolare la distanza minima di sicurezza S in conformità a prEN ISO 13 855 e
EN ISO 13 857:
Nota
Il seguente schema mostra un esempio per il calcolo della distanza di sicurezza. Lo
schema di calcolo parte dal presupposto che l’avvicinamento al campo protetto sia
verticale.
A seconda dell’applicazione e delle condizioni ambientali può risultare necessario un’altro
schema di calcolo.
Formula di partenza: S = K × T + 8 × (d – 14)
Significa …
S = Distanza di sicurezza in [mm]
K = 2000 mm/s
Definizione e valore in conformità alla prEN ISO 13 855, dedotte da dati sulla
velocità di avvicinamento del corpo o di parti corporee
T = Tempo di arresto totale dell’intero sistema in [s]
Tempo di arresto totale dell’intero sistema = Tempo di arresto totale della macchina
+ Tempo di risposta del dispositivo di protezione dopo l’interruzione del fascio di
luce
d = La capacità di rilevamento (risoluzione) del dispositivo di protezione in [mm]
La velocità di avvicinamento del corpo/delle mani fa già parte della formula di calcolo.
a
Con K = 2000 mm/s si evince la 1 formula di calcolo:
a
1 formula di calcolo: S = 2000 × T + 8 × (d – 14)
Se il risultato è S
di sicurezza.
Nota
100 mm e S
500 mm, utilizzare il valore calcolato come distanza
Confomemente alla prEN ISO 13 855 una distanza di sicurezza S < 100 mm non è
consentita. Preghiamo di contattare il servizio di assistenza SICK se dal calcolo
effettuato dovesse risultare un valore S < 100 mm.
Se il risultato è S > 500 mm, impiegare nella formula di calcolo per K = 1600 mm/s e
ricalcolare S:
a
2 formula di calcolo: S = 1600 × T + 8 × (d – 14)
Se il valore nuovo è S > 500 mm utilizzate il valore risultante dal nuovo calcolo come
distanza minima di sicurezza.
Se il nuovo valore per S è
sicurezza.
8012229/TA69/2009-11-27
500 mm, utilizzare 500 mm come distanza minima di
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
23
Montaggio
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
V200/V300
Esempio:
I valori sono:
Tempo di arresto totale della macchina = 290 ms
Tempo di risposta del V200/V300 dopo l’interruzione del fascio di luce = 20 ms
Capacità di rilevamento (risoluzione) d del V200/V300 = 20 mm
Nota
I valori per il tempo di risposta e la risoluzione del V200/V300 si trovano nel capitolo 11
“Dati tecnici” a pagina 56.
Calcolo della distanza minima di sicurezza:
Passo 1: calcolare il tempo di arresto totale dell’intero sistema:
T = 290 ms + 20 ms = 310 ms = 0,31 s
a
Passo 2: inserire i valori nella 1 formula di calcolo (S = 2000 × T + 8 × (d – 14)):
S = 2000 × 0,31 + 8 × (20 – 14) = 668 mm
Passo 3: verificare il valore di S.
a
S > 500 mm. Per questo va applicata la 2 formula di calcolo.
a
Passo 4: inserire i valori nella 2 formula di calcolo (S = 1600 × T + 8 × (d – 14)):
S = 1600 × 0,31 + 8 × (20 – 14) = 544 mm
Passo 5: verificare il valore di S.
S > 500 mm. Per questo va applicata una distanza di sicurezza minima di 544 mm.
24
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
V200/V300
4.2.2
Distanza di sicurezza nel campo di applicazione di OSHA e ANSI
1)
La distanza di sicurezza per il campo di applicazione di OSHA e ANSI dipende da:
tempo di arresto totale della macchina o dell’impianto
(Il tempo di arresto totale viene indicato nella documentazione della macchina o va
rilevato con apposita misura.)
tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione (V200/V300: 20 ms)
velocità di avvicinamento del corpo o delle mani
ulteriori parametri dettati dalla normativa a seconda dell’applicazione
Come calcolare la distanza di sicurezza Ds nel campo di applicazione di OSHA e ANSI1):
Nota
Il seguente schema mostra un esempio per il calcolo della distanza di sicurezza. A
seconda dell’applicazione e delle condizioni ambientali può risultare necessario un’altro
schema di calcolo.
Calcolate Ds con la formula seguente:
Ds = Hs × (Ts + Tc + Tr + Tbm) + Dpf
Significa …
Ds = La distanza minima in pollici (o millimetri) tra punto pericoloso e dispositivo di
protezione
Hs = Un parametro in pollici/secondo oppure in millimetri/secondo basato sulla
velocità di avvicinamento delle mani, del corpo o di parti del corpo. Per Hs viene
impiegato spesso il valore di 63 pollici/secondo (1600 millimetri/secondo).
Ts = Tempo di arresto totale della macchina rilevato dall’ultimo elemento di comando
Tc = Tempo di arresto totale del comando
Tr = Tempo di risposta dell’intero dispositivo di protezione dopo l’interruzione del
fascio di luce (V200/V300: 20 ms)
Tbm = Tempo di risposta supplementare che compensa il controllo di usura dei freni
Nel calcolo vanno presi in considerazione tutti gli altri tempi di risposta.
Nota
Dpf = Una distanza supplementare che va sommata alla distanza di sicurezza totale.
Questo valore si basa sulla penetrazione verso il punto di pericolo prima
dell’azionamento del dispositivo di protezione elettrosensibile (ESPE). I valori
variano da 0,25 fino a 48 pollici (6 fino a 1220 millimetri), a seconda
dell’applicazione.
Esempio:
In caso di protezione verticale da un dispositivo di protezione optoelettronico con
una risoluzione effettiva inferiore a 2,5 pollici (64 millimetri), è possibile definire
approssimativamente il valore Dpf con la formula seguente:
Dpf (pollici) = 3,4 × (risoluzione effettiva – 0,276), ma non inferiore a 0.
1)
8012229/TA69/2009-11-27
Distanza di sicurezza conforme ad ANSI B11.19:2003C0C4, appendice D e alle Code of Federal Regulations,
edizione 29, parte 1910.217 … (h) (9) (v).
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
25
Montaggio
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
V200/V300
4.3
Evitare l’esistenza di aree non sorvegliate
Provvedere a una protezione speciale delle aree non sorvegliate!
ATTENZIONE
Un montaggio non corretto del sistema di visione di sicurezza V200/V300, o l’interferenza
tra vari sistemi, può essere causa di aree non sorvegliate che potrebbero consentire
all’operatore di raggiungere il punto di pericolo.
Proteggere le aree non sorvegliate mascherandole meccanicamente.
Per evitare la presenza di aree non sorvegliate osservare le avvertenze e le precauzioni
seguenti!
Evitare il montaggio nel telaio!
ATTENZIONE
Il montaggio nel telaio provoca, per sua natura, la presenza di aree non sorvegliate che
potrebbero consentire all’operatore di raggiungere il punto pericoloso.
Montare la telecamera sopra al telaio anziché al suo interno per escludere sin dall’inizio
la presenza di aree non sorvegliate (vedi sezione 4.4.1 “Montaggio sul telaio” a
pagina 29).
Tuttavia, qualora un montaggio nel telaio risultasse inevitabile, sarà indispensabile
rilevare le aree non sorvegliate con l’aiuto dell’asta di verifica e proteggerle con
mascheramenti meccanici.
Nel montaggio nel telaio, l’area non sorvegliata si estende dal lato interno dell’angolo di
montaggio fino al punto in cui l’asta di verifica è riconosciuta con sicurezza (vedere
Fig. 10).
Fig. 10: evitare la presenza di
aree non sorvegliate a causa
del montaggio sul telaio
montaggio nel telaio
aree non
sorvegliate!
montaggio sul telaio
marcature nel contenitore
a
asta di verifica
campo protetto
Tab. 9: lunghezza dell’area
non sorvegliata in caso di
montaggio nel telaio
26
Risoluzione
Lunghezza a dell’area non sorvegliata
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
campo protetto
20 mm
24 mm
30 mm
>0,40 m
>0,40 m
>0,60 m
8012229/TA69/2009-11-27
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
V200/V300
Osservate durante il montaggio la larghezza massima del campo protetto!
ATTENZIONE
Fig. 11: errore di montaggio
grave: superamento della
larghezza del campo protetto
massima
La SICK sconsiglia
vivamente questo
tipo di montaggio.
Se il montaggio supera la larghezza massima del campo protetto di uno o due sistemi di
visione la telecamera non sarà più in grado di rilevare il nastro riflettente opposto
Provocando così un’area non sorvegliata. L’operatore è esposto a un pericolo!
aree non
sorvegliate!
area non
sorvegliata!
larghezza massima del campo protetto per il sistema di visione sinistro
larghezza massima del campo protetto per il sistema di visione destro
Impedite le interferenze sui sistemi adiacenti!
ATTENZIONE
Se due V200/V300 sono posizionati in modo da visionare interamente o parzialmente lo
stesso nastro riflettente, le due telecamere possono influenzarsi a vicenda. Questo può
disturbare la funzione di protezione del sistema. In questo caso l’operatore è esposto ad
un pericolo.
Prendere provvedimenti adeguati per impedire un’interferenza reciproca:
Se le due telecamere sono impiegate per applicazioni differenti:
– invertire la direzione di supervisione di uno dei sistemi.
– scegliere un altro tipo di montaggio (vedere sezione 4.4 “Fasi di montaggio del
sistema di visione di sicurezza” a pagina 28).
– montare delle pareti di schermatura non riflettenti.
Se le due telecamere sono impiegate nella stessa applicazione eseguire una
sincronizzazione dei due sistemi (vedere sezione 5.4 “Due V200/V300 con
sincronizzazione” a pagina 38).
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
27
Montaggio
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
V200/V300
4.4
Fasi di montaggio del sistema di visione di sicurezza
Durante il montaggio prestate particolare attenzione a:
evitare le aree non sorvegliate descritte nella sezione precedente.
ATTENZIONE
montare la telecamera sempre su un fondo piano.
montare la telecamera sempre su una superficie metallica assicurando un buon
contatto meccanico. Questo garantirà l’adeguata evacuazione del calore del dispositivo.
fare attenzione nel montaggio che la telecamera e il nastro riflettente siano allineati in
modo corretto. Il V200/V300 accetta una tolleranza laterale definita (vedere
sezione 4.4.3 “Montaggio del nastro riflettente” a pagina 31).
prendete gli appositi provvedimenti per ridurre le vibrazioni se la sollecitazione supera i
valori di resistenza agli urti riportati nella sezione 11.1 “Scheda tecnica” a pagina 56.
rispettate nel montaggio la distanza di sicurezza del sistema. Leggete in proposito la
sezione 4.2 “Calcolare la distanza di sicurezza” a pagina 22.
montate il sistema di visione di sicurezza in modo tale da escludere che si possa
penetrare con le mani al disopra, al disotto di essa o stazionare dietro ad esso, ed
escludendo qualsiasi spostamento della camera.
Fig. 12: mediante un
montaggio corretto (in alto)
si escludono gli errori (in
basso) di penetrare con le
mani al disopra, al disotto
o stazionare dietro
Assicurare che le due viti di fissaggio non possano allentarsi involontariamente.
Dopo il montaggio dovete attaccare una o varie etichette autoadesive previste per le
indicazioni ed incluse nella fornitura:
– Per le indicazioni utilizzate esclusivamente delle etichette nella lingua parlata dagli
operatori della macchina.
– Incollate le etichette con le indicazioni in modo che siano visibili ad ogni operatore
durante il funzionamento previsto. Le etichette con le indicazioni non devono venire
nascoste neanche in seguito al montaggio di oggetti supplementari.
– Incollate l’etichetta con l’indicazione “Indicazioni importanti” su un punto visibile
dell’impianto, vicinissimo al sistema di visione di sicurezza.
28
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
V200/V300
Le possibilità di montaggio più diffuse sono:
fissaggio sul telaio
fissaggio nel telaio
Nota
Per ulteriori possibilità di montaggio consultare gli esempi di applicazioni nel sito
www.sick.com.
4.4.1
Note
Montaggio sul telaio
Fissare sempre la telecamera con minimo due viti utilizzando i fori di fissaggio sui due
lati opposti del contenitore.
Assicurare che le due viti di fissaggio non possano allentarsi involontariamente.
Applicare sempre delle rondelle sotto alle viti (cfr. figura).
Per fissare la telecamera servirsi degli appositi tasselli per il sistema di profili impiegato,
ovvero delle staffette di fermo disponibili come accessori (vedere sezione 12.2
“Accessori” a pagina 63).
Per scegliere la lunghezza adatta delle viti considerare lo spessore della flangia della
telecamera (vedere sezione 11.2 “Disegni quotati” a pagina 60).
Fig. 13: esempio: montaggio
con tasselli su profili di
spessore diverso
marcature nel
contenitore
montaggio su un profilo di 40 mm
marcature nel
contenitore
montaggio su un profilo di 60 mm
Fig. 14: esempio: montaggio
con staffette di fermo su
profili di spessore diverso
marcature nel
contenitore
montaggio su un profilo di 30 mm
marcature nel
contenitore
montaggio su un profilo di 50 mm
Allineare la telecamera in modo che le marcature sul contenitore siano in linea con il
lato interno del profilo del telaio. (Il campo protetto si estende tra le marcature del
contenitore e le estremità del nastro riflettente.)
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
29
Montaggio
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
V200/V300
4.4.2
Montaggio nel telaio
Fig. 15: montaggio nel telaio
Note
Fissare sempre la telecamera con minimo due viti utilizzando i fori di fissaggio sui due
lati opposti del contenitore.
Assicurare che le due viti di fissaggio non possano allentarsi involontariamente.
Applicare sempre delle rondelle sotto alle viti (cfr. figura).
Utilizzare per il fissaggio della telecamera i tasselli idonei al sistema di profili impiegato.
Per scegliere la lunghezza adatta delle viti considerare lo spessore della flangia della
telecamera (vedere sezione 11.2 “Disegni quotati” a pagina 60).
Proteggere le aree non sorvegliate mascherandole meccanicamente!
ATTENZIONE
30
Adottare dei provvedimenti organizzativi per garantire la protezione delle aree non
sorvegliate (vedi sezione 4.3 “Evitare l’esistenza di aree non sorvegliate” a pagina 26).
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Montaggio
Istruzioni d’uso
Capitolo 4
V200/V300
4.4.3
Montaggio del nastro riflettente
Prima di montare il nastro riflettente osservare le note seguenti:
Note
Pianificare esattamente l’applicazione del nastro riflettente prima di incollarlo.
l’incollaggio del nastro riflettente è particolarmente durevole. Non è possibile ristaccare
il nastro senza danneggiarlo. Per staccare il nastro riflettente è necessario l’impiego di
un solvente idoneo (vedere 12.2 “Accessori” a pagina 63).
Se si deve incollare il nastro riflettente in varie sezioni fare attenzione che nelle giunture
non si formi uno spazio vuoto, una piega o una sfalsatura. Il nastro riflettente deve
percorrere il contorno da sorvegliare senza nessun tipo di interruzione nei giunti.
Il V200/V300 autoapprende solo la sezione unita più lunga del nastro riflettente. Se la
riflessione presenta dei vuoti, il sistema di visione di sicurezza ignorerà la parte più
corta del nastro riflettente.
Fig. 16: disposizione corretta
dei nastri riflettenti nei punti
di giunzione
Se è prevedibile che l’applicazione danneggerà il nastro riflettente, p. es. perché sulla
superficie di lavoro saranno movimentati oggetti pesanti o con spigoli taglienti, sarà da
adottare uno dei montaggi seguenti:
– Montare la telecamera nel telaio in basso.
– Montare la telecamera più in profondità rispetto alla superficie di appoggio davanti al
telaio.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
31
Montaggio
Capitolo 4
Istruzioni d’uso
V200/V300
Come montare il nastro riflettente:
Il nastro riflettente viene semplicemente incollato.
Pulire la superficie su cui verrà applicato finché non presenta più residui.
Staccare la pellicola di protezione nel retro del nastro riflettente e applicare il nastro
perpendicolarmente rispetto all’asse ottico della telecamera. La telecamera tollera solo
uno scostamento minimo rispetto all’asse ottico (cfr. Fig. 17pp.).
Fig. 17: scostamento del
nastro riflettente consentito
rispetto all’asse ottico della
telecamera in funzione della
distanza con una risoluzione
di 20 mm
(rappresentazione dello
scostamento non in scala)
V200/V300
distanza del nastro riflettente [m]
tolleranza laterale
±9,2°
area d’impiego
consentita
nastro riflettente
scostamento del nastro riflettente consentito [mm]
V200/V300
tolleranza laterale
±9,2°
distanza del nastro riflettente [m]
Fig. 18: scostamento del
nastro riflettente consentito
rispetto all’asse ottico della
telecamera in funzione della
distanza con una risoluzione
di 24 mm
(rappresentazione dello
scostamento non in scala)
area d’impiego
consentita
nastro riflettente
scostamento del nastro riflettente consentito [mm]
32
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Montaggio
Capitolo 4
V200/V300
Fig. 19: scostamento del
nastro riflettente consentito
rispetto all’asse ottico della
telecamera in funzione della
distanza con una risoluzione
di 30 mm
(rappresentazione dello
scostamento non in scala)
V200/V300
distanza del nastro riflettente [m]
tolleranza
laterale
±9,2°
area
d’impiego
consentita
nastro
riflettente
scostamento del nastro riflettente consentito [mm]
Premere per fare aderire bene il nastro riflettente e assicurarsi che i bordi siano ben
incollati. Come impedire l’infiltrazione di sporco e di liquidi sotto al nastro riflettente.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
33
Installazione elettrica
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
V200/V300
5
Installazione elettrica
Togliere la tensione all’impianto!
ATTENZIONE
Durante i lavori di collegamento dei dispositivi l’impianto potrebbe avviarsi
involontariamente.
Assicurarsi che l’intero impianto non sia sotto tensione durante la fase di installazione
elettrica.
Collegare l’OSSD1 e l’OSSD2 separati l’un dall’altro!
L’OSSD1 e l’OSSD2 non vanno collegati tra di loro o la sicurezza del segnale non sarà
garantita.
Assicuratevi che il comando macchina elabori i due segnali separatamente.
I contattori collegati devono essere a guida positiva e sorvegliati (vedere nella
sezione 5.3 “Controllo dei contattori esterni (EDM)” a pagina 37).
Collegate agli OSSD soltanto un unico elemento di commutazione!
Ogni uscita di comando (OSSD) può essere collegata soltanto ad un elemento di
commutazione (p. es. ad un relè o a un contattore). In caso siano necessari vari
elementi di commutazione dovrete scegliere un sistema che moltiplichi i contatti in
modo idoneo.
Impedire che si crei una differenza di potenziale tra carichi e dispositivo di protezione!
Note
OSSD2
OSSD1
OSSD2
OSSD1
Se si allacciano agli OSSD dei carichi non protetti contro l’inversione di polarità, sarà
indispensabile che le connessioni 0 V di questi carichi e quelle del dispositivo di
protezione corrispondente vengano allacciate singolarmente e direttamente nella
stessa morsettiera a listello 0 V. Solo così si impedirà la presenza di una differenza di
potenziale tra le connessioni 0 V dei carichi e quelle del dispositivo di protezione
corrispondente.
Le due uscite sono protette contro i corto circuiti verso 24 V cc e 0 V. Se il fascio di luce
è libero il livello di segnale delle uscite è di cc ALTA (in base al potenziale), se il fascio di
luce è interrotto, o in caso di errore del dispositivo, esso è di cc BASSA.
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 adempie alle normative di protezione da
radiodisturbi (EMC) per il settore industriale (classe di protezione da radiodisturbi A). Il
suo impiego in aree residenziali può provocare dei radiodisturbi.
Per rispondere ai requisiti di compatibilità EMC la messa a terra funzionale TF deve
essere collegata.
34
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
V200/V300
Per soddisfare quanto richiesto dalle norme di prodotto in materia (p. es. la
EN 61 496C1), uno dei requisiti a cui deve adempiere l’alimentazione di tensione
esterna dei dispositivi (SELV) è di essere in grado di compensare una mancanza di rete
di 20 ms. Gli alimentatori conformi alla EN 60 204C1 soddisfano questo requisito. Degli
alimentatori idonei possono essere ordinati presso la SICK come accessori (vedere
sezione 12.2 “Accessori” a pagina 63).
Le dimensioni della protezione della telecamera devono corrispondere a quanto
indicato nella sezione 11.1 “Scheda tecnica” a pagina 56.
5.1
Connessione di sistema M12 × 8
Fig. 20: connessione di
sistema V200/V300
Il V200/V300 è dotato di un cavo con connettore fisso (lunghezza: circa 30 cm) con una
spina M12 × 8.
Tab. 10: assegnazione dei
pin connessione di sistema
V200/V300
Nota
8012229/TA69/2009-11-27
Pin
Colore
Segnale
Funzione
1
Bianco
RESTART
Ripristinare/riavvio (optional)
2
Marrone
+24 V cc
24 V cc (alimentazione di tensione)
3
Verde
TEACH/SYNC
Autoapprendimento/sincronizzazione
4
Giallo
EDM
Controllo dei contattori esterni (EDM)
(optional)
5
Grigio
OSSD1
OSSD1 (uscita di comando sicura 1)
6
Rosa
OSSD2
OSSD2 (uscita di comando sicura 2)
7
Blu
GND
0 V cc (alimentazione di tensione)
8
–
TF
Messa a terra funzionale
I cavi di allacciamento di diverse misure sono disponibili come accessorio (vedere
sezione 12.2 “Accessori” a pagina 63). Se si impiegano dei cavi di allacciamento di propria
configurazione fare attenzione che la messa a terra funzionale (pin 8) resti conservata.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
35
Installazione elettrica
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
V200/V300
5.2
Nota
Fig. 21: connessione del
V200/V300 senza controllo
dei contattori esterni (EDM),
senza blocco al riavvio
interno e senza pulsante
di autoapprendimento
a chiave esterno
Connessione del V200/V300 senza controllo dei
contattori esterni (EDM), senza blocco al riavvio interno
e senza pulsante di autoapprendimento a chiave
esterno
Per impiegare il V200/V300 senza il blocco al riavvio interno, dovete realizzare un blocco
al riavvio esterno, e dunque nella macchina.
+24 V
pulsante di
autoapprendimento
interno
1
2
3
4
5
6
7
8
RESTART
+24 V
TEACH/SYNC
EDM
OSSD1
OSSD2
GND
TF
K2
K1
0V
5.3
Fig. 22: connessione del
V200/V300 con controllo
dei contattori esterni (EDM),
con blocco al riavvio interno
e con pulsante di autoapprendimento a
chiave esterno
Connessione del V200/V300 con controllo dei
contattori esterni (EDM), con blocco al riavvio interno e
con pulsante di autoapprendimento a chiave esterno
+24 V
pulsante di
autoapprendimento a chiave
k1
pulsante di
autoapprendimento
interno
1
2
3
4
5
6
7
8
RESTART
+24 V
k2
TEACH/SYNC
EDM
OSSD1
OSSD2
GND
TF
K2
K1
0V
36
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
V200/V300
Pulsante di ripristino/riavvio
Per l’impiego del V200/V300 con blocco al riavvio interno (vedere sezione 3.4.1 “Blocco al
riavvio” a pagina 15) l’operatore deve premere il pulsante di ripristino prima di riavviare.
Scegliere l’ubicazione giusta del pulsante di ripristino!
ATTENZIONE
Installate il pulsante di ripristino all’esterno dell’area di pericolo e in modo che non possa
venire azionato dall’interno di essa. L’operatore deve avere inoltre la visione totale
dell’area di pericolo quando aziona il pulsante di ripristino.
Eseguire un procedimento di autoapprendimento dopo ogni modifica della
connessione!
Il V200/V300 attiverà il blocco al riavvio interno solo dopo la successiva procedura di
autoapprendimento. In caso contrario il sistema non passerà al verde.
La configurazione del blocco al riavvio interno è descritta nella sezione 8.2 “Blocco al
riavvio interno” a pagina 50.
Controllo dei contattori esterni (EDM)
Dal punto di vista elettrico dovete realizzare il controllo dei contattori esterni con i due
contatti (N/C) (k1, k2) a guida positiva a chiudersi quando gli organi di comando (K1, K2)
raggiungono la loro posizione di riposo dopo la risposta del dispositivo di protezione.
All’ingresso del controllo dei contattori esterni ci sono adesso 24 V. Se dopo la risposta del
dispositivo di protezione non sussistono 24 V, uno degli organi di comando è difettoso ed il
controllo dei contattori esterni non permette il riavvio della macchina.
Eseguire un procedimento di autoapprendimento dopo ogni modifica della
connessione!
ATTENZIONE
Il V200/V300 attiverà il controllo dei contattori esterni solo dopo il prossimo procedimento
di autoapprendimento. Se dopo aver collegato i contatti degli organi di comando
all’ingresso Controllo dei contattori esterni (EDM) si attiva il sistema senza aver eseguito
l’autoapprendimento, il controllo dei contattori esterni rimarrà disattivato. Il sistema potrà
quindi passare al verde anche se i contattori sono difettosi.
La configurazione del controllo dei contattori esterni è descritta nella sezione 8.3
“Controllo dei contattori esterni” a pagina 51.
Pulsante di autoapprendimento a chiave esterno
Per consentire che l’autoapprendimento sia eseguito da un’altra parte e/o per proteggere
la configurazione si potrà collegare un pulsante di autoapprendimento a chiave esterno e
bloccare il pulsante di autoapprendimento interno.
Note
Dopo aver azionato il pulsante di autoapprendimento a chiave , il V200/V300 bloccherà
il pulsante di autoapprendimento interno salvando questa configurazione nel
dispositivo. L’autoapprendimento potrà avvenire ora soltanto tramite il pulsante di
autoapprendimento a chiave esterno (vedere sezione 8.4 “Bloccare il pulsante di
autoapprendimento interno” a pagina 52).
Se si impiegano in un’applicazione due V200/V300 essi si divideranno lo stesso
pulsante di autoapprendimento a chiave esterno (vedere Fig. 23 a pagina 38).
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
37
Installazione elettrica
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
V200/V300
5.4
Fig. 23: connessione di
due V200/V300 con
sincronizzazione
Due V200/V300 con sincronizzazione
+24 V
pulsante
di autoapprendimento
interno
1
2
3
4
5
6
7
8
pulsante di
k1
autoapprenRESTART
dimento
+24 V
k2
a chiave
TEACH/SYNC
EDM
OSSD1
OSSD2
GND
TF
K2
K1
K3
k3
k4
K4
1
2
3
4
5
6
7
8
pulsante
di autoapprendimento
interno
0V
Se due V200/V300 sono posizionati in modo da visionare interamente o parzialmente lo
stesso nastro riflettente, le due telecamere possono influenzarsi a vicenda. Per impedirlo
è necessario che le telecamere siano sincronizzate.
Come sincronizzare due V200/V300:
Collegare il pin 3 di una telecamera a quello dell’altra. Ad ogni avvio e procedimento di
autoapprendimento le telecamere si sincronizzeranno.
Note
Azionando il pulsante di autoapprendimento a chiave esterno o uno dei due pulsanti di
autoapprendimento interni, i due dispositivi apprenderanno contemporaneamente il
loro rispettivo campo protetto.
Se si impiega il blocco al riavvio interno sarà possibile scegliere per tutte e due le
telecamere di collegare dei pulsanti di ripristino separati o un pulsante di ripristino
comune.
Se si impiega il controllo dei contattori esterni sarà necessario allacciare per tutte e due
le telecamere dei contatti (N/C) in apertura separati (k1, k2).
38
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Installazione elettrica
Istruzioni d’uso
Capitolo 5
V200/V300
5.5
Note
Esempi di collegamento
Osservare le singole istruzioni d’uso di ogni dispositivo integrato!
Per ulteriori esempi di collegamento consultare il sito www.sick.com.
5.5.1
V200/V300 e UE410 Flexi con controllo dei contattori esterni (EDM) e blocco
al riavvio sia per il V200/V300 che per lo spegnimento di emergenza
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 è integrabile in un controllore a relè/controllore a contattori con l’aiuto di un minicontrollore di sicurezza modulare UE410 Flexi
(UE410CMU con ampliamento UE410CXU). Funziona con il controllo dei contattori esterni e
il blocco al riavvio interno del V200/V300, e con il blocco al riavvio del spegnimento di
emergenza.
Fig. 24: esempio di collegamento del V200/V300 con
l’UE410 Flexi
+24 V
S1.1
pulsante
di autoapprendimento
interno
1
2
3
4
5
6
7
8
RESTART
+24 V
TEACH/SYNC
EDM
OSSD1
OSSD2
GND
TF
I1 I2 A1
X1
S1.2
X2
k1
k3
k2
k4
S1 S2
S3
TF
UE410CMU/XU
I3 I4 A2 Q1 Q2 Q3 Q4 EN
K1
K3
K2
K4
0V
Funzionamento
Quando il fascio di luce del V200/V300 è libero e le condizioni di ingresso dell’UE410
valide il sistema è pronto per essere avviato e in attesa di un segnale di ingresso/di avvio.
Premendo e rilasciando il relativo pulsante S1 si dà il via libera al singolo percorso logico
del sistema. La relativa uscita dell’UE410 va sotto tensione. Quando le condizioni di ingresso non saranno più soddisfatte, le uscite corrispondenti dell’UE410 si disattiveranno.
Analisi degli errori
I corto circuiti e i corti trasversali dei cavi di allacciamento del V200/V300 vengono rilevati
e provocano il “lockCout” (vedi pagina 54). I malfunzionamenti dei contattori da K1 a K4
vengono rilevati. La funzione di spegnimento viene mantenuta. In caso di manipolazioni
dei pulsanti S1.x (p. es. se incastrati) il sistema non darà il via libera ai circuiti di uscita.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
39
Installazione elettrica
Capitolo 5
Istruzioni d’uso
V200/V300
V200/V300 e UE10 3OS con controllo dei contattori esterni (EDM) e blocco
al riavvio interno
5.5.2
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 può essere integrato in un controllo a
relè/controllo a contattori grazie all’ausilio del relè di sicurezza UE10.3OS. Funzionano con
il controllo dei contattori esterni (EDM) e il blocco al riavvio interno.
Fig. 25: esempio di collegamento del V200/V300 con
l’UE10 3OS
+24 V
pulsante
di autoapprendimento
interno
1
2
3
4
5
6
7
8
S1
RESTART
+24 V
TEACH/SYNC
EDM
OSSD1
OSSD2
GND
TF
pulsante di
autoapprendimento
a chiave
B1 B3 Y1 13 23 33 41
UE10.3OS
B2 B4 Y2 14 24 34 42
0V
Funzionamento
Se il fascio di luce è libero e l’UE10.3OS è in posizione di riposo e senza errori, il LED dello
stato
del V200/V300 lampeggerà (ripristino necessario). Il sistema è pronto all’avvio
e attende il segnale di ingresso/di avvio. Premendo e rilasciando il pulsante S1 si dà il via
libera al sistema. Le uscite OSSD1 e OSSD2 danno tensione. L’UE10.3OS si accende. In
caso di interruzione del fascio di luce le uscite OSSD1 e OSSD2 disattiveranno
l’UE10.3OS.
Analisi degli errori
I corto circuiti e i corti trasversali delle uscite OSSD1 e OSSD2 vengono rilevati e
provocano il “lock.out” (vedi pagina 54). I malfunzionamenti dell’UE10.3OS vengono
riconosciuti. La funzione di spegnimento viene mantenuta. In caso di manipolazioni del
pulsante S1 (p. es. se incastrato) il sistema non darà il via libera ai circuiti di corrente di
uscita.
40
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Esempi di applicazione
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
V200/V300
6
Esempi di applicazione
Nota
Gli esempi riportati vogliono essere soltanto un supporto alla progettazione. Potrebbe
risultare necessario che per la vostra applicazione siano presi degli ulteriori provvedimenti
di sicurezza.
6.1
Applicazione con un V200/V300
Se le dimensioni del campo protetto richiesto sono raggiungibili con un solo V200/V300
montare la telecamera sopra a un angolo del telaio o all’interno di un angolo del telaio.
Applicare il nastro riflettente sui lati opposti.
Fig. 26: applicazione con
un campo protetto piccolo
(1 × V200/V300)
V200/V300
campo protetto
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
nastro
riflettente
41
Esempi di applicazione
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
V200/V300
6.2
Applicazione con due V200/V300
Se l’applicazione richiede una larghezza del campo protetto superiore alla capacità di
copertura di un V200/V300, o se è necessario proteggere il punto in modo ergonomico, è
possibile montare due V200/V300 in parallelo l’uno opposto all’altro (vedere Fig. 27)
oppure ad angolo (vedere Fig. 28). realizzando così due campi protetti sovrapposti.
Note
Montare i dispositivi parzialmente sovrapposti come indicato nella figura (non retro
contro retro), altrimenti possono formarsi delle aree non sorvegliate.
Fare attenzione che le marcature delle due telecamere siano allineate tra di loro.
È necessario sincronizzare i due V200/V300 tra di loro affinché non possano
influenzarsi a vicenda (vedi sezione 5.4 a pagina 38).
Fig. 27: applicazione con
campo protetto grande
(2 × V200/V300)
aree non
sorvegliate!
campo protetto 1
campo protetto 2
nastro
riflettente
perimetrale
area sovrapposta dei due campi protetti
42
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Esempi di applicazione
Istruzioni d’uso
Capitolo 6
V200/V300
6.3
Applicazione con accesso sicuro su tre lati (posto di
lavoro ergonomico)
Per rendere un posto di lavoro ergonomico e al tempo stesso effettivo, è possibile montare
due sistemi di visione di sicurezza ad angolo. Questo permetterà l’accesso delle mani al
punto di pericolo in modo sicuro su tre lati.
Nota
Fig. 28: posto di lavoro
ergonomico grazie
all’impiego di due
V200/V300
(vista dall’alto)
La disposizione diagonale dei campi protetti e la distanza di sicurezza necessaria
potrebbero comportare per questa applicazione una maggiore distanza di lavoro
dell’operatore.
area di pericolo
campo protetto
Note
supporto angolare per
il montaggio del nastro
riflettente
2 × V200/V300
Prestare attenzione in questa applicazione che il montaggio dei nastri riflettenti sia
corretto come indicato nella figura. I nastri riflettenti devono essere sempre montati
perpendicolari all’estensione del campo protetto.
In questa applicazione l’area sorvegliata è normalmente inferiore alla superficie di
lavoro disponibile. Contrassegnare quindi sulla superficie di lavoro il contorno dell’area
sorvegliata, nel caso non fosse già garantito dal nastro riflettente.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
43
Esempi di applicazione
Capitolo 6
Istruzioni d’uso
V200/V300
6.4
Applicazione con trasporto automatico del materiale
nella stazione di lavoro
Se l’applicazione richiede il trasporto automatico del materiale nella stazione di lavoro si
potrà montare il sistema di visione di sicurezza in modo che sorvegli soltanto l’area sopra
al materiale trasportato.
Provvedere ad altre misure per proteggere il trasporto del materiale!
In questo tipo di montaggio il V200/V300 non sorveglia il trasporto del materiale.
ATTENZIONE
Proteggere i due lati delle aree non sorvegliate del trasporto del materiale con dei
dispositivi di protezione meccanica.
Impedire tramite provvedimenti organizzativi che le persone possano introdurre le mani
nell’area di trasporto del materiale e raggiungere il punto pericoloso (p. es. aumentando
la distanza di sicurezza).
Fig. 29: montaggio con
trasporto automatico del
materiale nella stazione
di lavoro
V200/V300
campo protetto
profilo di supporto
con nastro
riflettente
apertura per il trasporto del materiale
44
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
dispositivo di protezione
meccanica
8012229/TA69/2009-11-27
Messa in servizio
Istruzioni d’uso
Capitolo 7
V200/V300
7
Messa in servizio
Nessuna messa in servizio senza verifica da parte di persona competente!
ATTENZIONE
Prima di mettere in servizio per la prima volta un impianto protetto dal sistema di visione
di sicurezza V200/V300, l’impianto deve essere controllato e ritenuto idoneo da una
persona competente. Osservate in riguardo le indicazioni del capitolo 2 “Sulla sicurezza” a
pagina 9.
7.1
Indicazioni sulla verifica
Le verifiche descritte di seguito servono a confermare i requisiti di sicurezza richiesti dalle
prescrizioni nazionali/internazionali, in particolare i requisiti di sicurezza della Direttiva
Macchine o della Direttiva per gli operatori di attrezzature di lavoro (conformità CE).
Queste verifiche servono anche a rilevare le interferenze sull’effetto di protezione
provocate da fonti di luce indesiderate e da altri fattori ambientali particolari.
Queste verifiche sono quindi da effettuare in qualsiasi caso.
7.2
Verifica preventiva alla prima messa in servizio
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione della macchina in tutti i modi operativi
in essa impostabili secondo la lista di verifica nell’appendice (vedere 13.2 “Lista di
verifica per il costruttore” a pagina 66).
Assicurate che gli operatori della macchina protetta dal sistema di visione di sicurezza
vengano istruiti da persone competenti del responsabile della sicurezza macchine
prima di iniziare il lavoro. Il responsabile della sicurezza macchine ha la responsabilità
di tale istruzione.
7.3
Regolarità della verifica del dispositivo di protezione da
parte di persone competenti
Verificate l’impianto in conformità alle prescrizioni nazionali valide e entro i termini
richiesti da esse. Questo serve a scoprire modifiche della macchina o manipolazioni sul
dispositivo di protezione dopo la prima messa in servizio.
Riverificate l’impianto in base alla lista di verifica dell’appendice in seguito a modifiche
importanti su macchina o dispositivo di protezione o in seguito ad un nuovo
equipaggiamento o alla riparazione del sistema di visione di sicurezza.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
45
Messa in servizio
Capitolo 7
Istruzioni d’uso
V200/V300
7.4
ATTENZIONE
Verifiche del dispositivo di protezione da parte di
persone incaricate ed autorizzate
Nessun ulteriore funzionamento se durante la verifica si illuminano il indicatore
luminoso (LED) verde o giallo. Durante la verifica dovrà essere illuminato solo
l’indicatore luminoso Rosso!
Se durante la verifica si illumina il indicatore luminoso o – anche solo brevemente –
non è più permesso lavorare con la macchina. In questo caso una persona competente
dovrà verificare l’installazione del sistema di visione di sicurezza.
Quand’è necessario controllare il dispositivo di protezione?
Il dispositivo di protezione deve essere verificato quotidianamente da persone
autorizzate e incaricate.
Il dispositivo di protezione va controllato ogni volta che cambia l’operatore.
Come controllare il dispositivo di protezione:
Verificate se il dispositivo di protezione è collocato correttamente e presenta
danneggiamenti, in particolare il punto di fissaggio, la connessione elettrica , il
frontalino e il nastro riflettente.
Verificate che le persone o parti del loro corpo possano penetrare nell’area di pericolo
esclusivamente tramite il campo protetto del V200/V300 (p. es. che non sia stato tolto
un dispositivo di protezione meccanico).
Verificate che il dispositivo di protezione sia efficace per il modo operativo impostato.
Scegliere l’asta di verifica adatta alla risoluzione impiegata. Il diametro dell’asta di
verifica deve corrispondere alla risoluzione effettiva raggiunta tramite il set di
risoluzione impiegato.
Conducete lentamente l’asta di verifica lungo il margine esterno del campo protetto
come indicato in Fig. 30.
Fig. 30: verifica giornaliera
del dispositivo di protezione
con l’asta di verifica
46
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Configurazione
Istruzioni d’uso
Capitolo 8
V200/V300
8
Configurazione
Impostare l’impianto in modo che non presenti pericoli!
ATTENZIONE
Durante i lavori di configurazione del sistema di visione di sicurezza l’impianto potrebbe
avviarsi involontariamente.
Assicurarsi che l’intero impianto non presenti nessun pericolo durante la fase di
configurazione.
8.1
Autoapprendimento
Prima della prima messa in servizio va eseguito il procedimento di autoapprendimento.
Durante l’autoapprendimento succede quanto segue:
Il V200/V300 riconosce l’attuale configurazione di connessione e configura il blocco al
riavvio interno, il controllo dei contattori esterni e il blocco del pulsante di
autoapprendimento interno. Al momento della fornitura queste funzioni sono
disattivate.
Il V200/V300 riconosce il campo protetto tramite il nastro riflettente. Al momento della
sua fornitura il V200/V300 non è ancora in grado di riconoscere nessun campo
protetto.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
47
Configurazione
Capitolo 8
Istruzioni d’uso
V200/V300
Come fare apprendere configurazione e forma del campo protetto attuali:
Assicurarsi che la telecamera e il nastro riflettente siano montati correttamente e che
siano stati realizzate le connessioni elettriche.
Accendere il V200/V300. L’indicatore luminoso
è illuminato costantemente.
Assicurarsi che durante l’autoapprendimento nel campo protetto non siano presenti
degli oggetti indesiderati!
ATTENZIONE
Il V200/V300 autoapprende solo la sezione unita più lunga del nastro riflettente. Se la
riflessione presenta degli spazi vuoti, p. es. a causa di un danneggiamento del nastro
riflettente o per la presenza di un oggetto nel campo protetto, il sistema di visione di
sicurezza ignorerà la parte più corta del nastro riflettente.
Avviare l’autoapprendimento come segue:
Tab. 11: avvio dell’autoapprendimento
Tramite il pulsante di autoapprendimento interno
Azionare con la penna di autoapprendimento il
pulsante di autoapprendimento interno come
segue:
Azionare per circa 5 secondi
(il LED di diagnostica 4
lampeggia 5
volte).
Se il V200/V300 non reagisce, il pulsante di
autoapprendimento interno è presumibilmente bloccato. Avviare il processo di
autoapprendimento con il pulsante di
autoapprendimento a chiave o sbloccare il
pulsante di autoapprendimento (vedi
sezione 8.4 “Bloccare il pulsante di
autoapprendimento interno” a pagina 52).
Tramite il pulsante di
autoapprendimento a chiave.
Azionare il pulsante di
autoapprendimento a chiave
esterno per minimo 0,5 secondi.
Il LED di diagnostica 4
illuminato.
è
Rilasciate ora il pulsante di
autoapprendimento a chiave.
Il LED di diagnostica 4
spegne.
si
Rilasciare per circa 2 secondi
(il LED di diagnostica 4
lampeggia 2
volte).
Azionare per circa 5 secondi
(il LED di diagnostica 4
lampeggia 5
volte).
Importante: Togliere ora la mano dal campo
protetto per permettere che il V200/V300
rilevi completamente il campo protetto.
Il V200/V300 apprende adesso la configurazione e la forma del campo protetto attuali.
Il processo dura circa 15 secondi. Durante l’autoapprendimento, i LED di diagnostica
lampeggianti indicano la configurazione riconosciuta:
Tab. 12: significato dei LED
di diagnostica durante
l’autoapprendimento
48
Visualizzazione
Significato
1
OSSD riconosciuti e OK
2
Controllo dei contattori esterni (EDM) riconosciuto e attivato
3
Pulsante di ripristino riconosciuto e blocco al riavvio attivato
4
Pulsante di autoapprendimento interno sbloccato
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Configurazione
Capitolo 8
V200/V300
Controllare tramite gli indicatori luminosi se l’autoapprendimento è stato concluso con
successo:
Tab. 13: visualizzazione degli
indicatori luminosi dopo
l’autoapprendimento
LED di stato
LED di diagnostica
1
2
3
Significato
4
L’autoapprendimento si è concluso con
successo. Se il campo protetto è libero e il
blocco al riavvio disattivato il V200/V300
passa al verde.
L’autoapprendimento si è concluso con
successo. Se il campo protetto è libero e il
blocco al riavvio attivato, il V200/V300
attende che il pulsante di ripristino venga
azionato.
L’autoapprendimento non ha avuto
successo (per le misure vedere in basso).
Verificare assolutamente il campo protetto in seguito all’autoapprendimento (vedere
sezione 7.4 “Verifiche del dispositivo di protezione da parte di persone incaricate ed
autorizzate” a pagina 46).
Se l’autoapprendimento non riesce:
Verificare ed eventualmente eliminare le cause seguenti:
– Il riflettore c’è ed è pulito?
– L’allineamento del riflettore è perpendicolare all’estensione del campo protetto?
– Il nastro riflettente o le sue parti sono molto corti?
– Sono presenti altri oggetti riflettenti nelle immediate adiacenze che potrebbero
disturbare il sistema (p. es. strisce riflettenti su abbigliamento di sicurezza, pellicole
di imballaggio, ecc.)?
Eliminare la causa.
Rieseguire l’autoapprendimento.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
49
Capitolo 8
Configurazione
Istruzioni d’uso
V200/V300
8.2
Blocco al riavvio interno
La configurazione del blocco al riavvio viene definita dal cablaggio esistente al momento
del primo ovvero ultimo processo di autoapprendimento.
Come attivare il blocco al riavvio interno:
Realizzare gli allacciamenti elettrici del pulsante di ripristino (vedere
sezione 5.3 a pagina 36).
Accendere il V200/V300.
Eseguire un procedimento di autoapprendimento.
Se nell’ingresso Ripristino/riavvio non è presente nessun segnale, il sistema di visione
di sicurezza attiverà il blocco al riavvio interno salvando questa configurazione nel
dispositivo. Il dispositivo è in attesa dell’attivazione del pulsante di ripristino.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 7.1
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 45.
Come disattivare il blocco al riavvio interno:
Collegare l’ingresso Ripristino/riavvio in modo permanente a 24 V (vedi sezione 5.2 a
pagina 36).
Accendere il V200/V300.
Eseguire un procedimento di autoapprendimento.
Quando nell’ingresso Ripristino/riavvio sono presenti 24 V, il sistema di visione di
sicurezza disattiva il blocco al riavvio interno salvando questa configurazione nel
dispositivo.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 7.1
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 45.
50
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Configurazione
Istruzioni d’uso
Capitolo 8
V200/V300
8.3
Controllo dei contattori esterni
Al momento della fornitura il controllo dei contattori esterni è disattivato.
Come attivare il controllo dei contattori esterni:
Realizzare gli allacciamenti elettrici (vedi sezione 5.3 a pagina 36).
Accendere il V200/V300.
Eseguire un procedimento di autoapprendimento.
Se i contatti degli organi di comando da sorvegliare sono collegati all’ingresso del
controllo dei contattori esterni (EDM) il sistema di visione di sicurezza attiva il controllo
dei contattori esterni memorizzando questa configurazione nel dispositivo.
Senza il procedimento di autoapprendimento il controllo dei contattori esterni
rimane disattivato!
ATTENZIONE
Se dopo aver collegato i contatti degli organi di comando all’ingresso Controllo dei
contattori esterni (EDM) si attiva il sistema senza aver eseguito l’autoapprendimento, il
controllo dei contattori esterni rimarrà disattivato. Il sistema potrà quindi passare al
verde anche se i contattori sono difettosi.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 7.1
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 45.
Come disattivare il controllo dei contattori esterni:
Collegare l’ingresso Controllo dei contattori esterni (EDM) in modo permanente a 0 V
(vedi sezione 5.2 a pagina 36).
Accendere il V200/V300.
Eseguire un procedimento di autoapprendimento.
Se nell’ingresso Controllo dei contattori esterni (EDM) non è presente nessun segnale,
ovvero sono presenti 0 V, il sistema di visione di sicurezza disattiverà il controllo dei
contattori esterni salvando questa configurazione nel dispositivo.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 7.1
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 45.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
51
Capitolo 8
Configurazione
Istruzioni d’uso
V200/V300
8.4
Bloccare il pulsante di autoapprendimento interno
Al momento della fornitura il pulsante di autoapprendimento interno non è bloccato, e può
quindi essere utilizzato. Per consentire che l’autoapprendimento sia eseguito da un’altra
parte e/o per proteggere la configurazione si potrà collegare un pulsante di
autoapprendimento a chiave esterno e bloccare il pulsante di autoapprendimento interno.
Come bloccare il pulsante di autoapprendimento interno:
Collegare un pulsante di autoapprendimento a chiave esterno (vedi sezione 5.3 a
pagina 36).
Accendere il V200/V300.
Eseguire un procedimento di autoapprendimento con il pulsante di
autoapprendimento a chiave.
Il V200/V300 blocca il pulsante di autoapprendimento interno salvando questa
configurazione nel dispositivo. L’autoapprendimento sarà ora eseguibile soltanto con il
pulsante di autoapprendimento a chiave.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 7.1
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 45.
Come sbloccare il pulsante di autoapprendimento interno:
Accendere il V200/V300.
Azionare il pulsante di autoapprendimento a chiave per minimo 60 secondi.
Il V200/V300 sblocca il pulsante di autoapprendimento interno e salva questa
configurazione nel dispositivo.
Quando non si avrà più bisogno del pulsante di autoapprendimento a chiave rimuoverlo
dall’installazione elettrica. In caso contrario il V200/V300 ribloccherà il pulsante di
autoapprendimento interno la prossima volta che si azionerà il pulsante di
autoapprendimento a chiave.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 7.1
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 45.
52
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Cura e manutenzione
Istruzioni d’uso
Capitolo 9
V200/V300
9
Cura e manutenzione
Il sistema di visione di sicurezza V200/V300 funziona senza necessità di manutenzione. Il
frontalino del V200/V300 e il nastro riflettente vanno puliti regolarmente e non appena si
sporcano.
Non usare detergenti aggressivi.
Non usare detergenti abrasivi.
Nota
A causa della carica si attaccano al frontalino e al nastro riflettente dei granelli di polvere.
È possibile attenuare questo effetto utilizzando per la pulizia il detergente antistatico per
plastica della SICK (codice num. SICK 5600006) e il panno SICK per dispositivi ottici
(codice num. SICK 4003353).
Come pulire il frontalino e il nastro riflettente:
Spolverare il frontalino e il nastro riflettente con un pennello morbido pulito.
Passare poi sul frontalino e sul nastro riflettente un panno umido pulito.
Nota
Verificare dopo la pulizia che la posizione della telecamera sia corretta e il nastro
riflettente intatto per garantire l’impossibilità di accesso al dispositivo di protezione con
le mani dal basso o dall’alto e delle gambe da dietro.
Verificate l’efficacia del dispositivo di protezione come descritto nella sezione 7.1
“Indicazioni sulla verifica” a pagina 45.
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
53
Diagnostica delle anomalie
Capitolo 10
Istruzioni d’uso
V200/V300
10
Diagnostica delle anomalie
Questo capitolo descrive come riconoscere ed eliminare gli errori del sistema di visione di
sicurezza.
10.1
Comportamento in caso di anomalia
Nessun funzionamento se non è chiaro come intervenire!
ATTENZIONE
Disattivate la macchina se non riuscite ad attribuire l’anomalia a una causa in modo
univoco e se non sapete come eliminarla definitivamente.
Lo stato del sistema “lockFout”
In caso di alcuni errori o di configurazione anomala il sistema può passare allo stato
“lockCout”. Il LED dello stato scintilla
(acceso brevemente/spento a lungo). Per
rimettere in funzione il dispositivo:
Eliminare la causa dell’errore seguendo le informazioni di questo capitolo.
Spegnete e riaccendete l’alimentazione elettrica del V200/V300 (p. es. disinserendo e
quindi reinserendo il connettore di sistema).
10.2
Supporto SICK
Se non riuscite ad eliminare un’anomalia con l’aiuto delle informazioni del capitolo
presente, vi preghiamo di contattare la vostra sede SICK di riferimento.
54
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Diagnostica delle anomalie
Istruzioni d’uso
Capitolo 10
V200/V300
10.3
Avvertenze e visualizzazione di anomalie dei LED
La sezione presente spiega il significato delle visualizzazioni degli indicatori luminosi in
caso di avvertenze e anomalie e come reagire ad esse.
Il procedimento per l’eliminazione delle anomalie in caso di avvertenze
e segnalazione
di errori
si distingue solo nella sua ultima fase: In presenza di un errore bisognerà
riavviare il V200/V300 dopo averlo eliminato.
LED di stato
LED di diagnostica
1
2
3
Significato
Come eliminare l’errore
4
Avvertenza
Errore
Avvertenza
Errore
Corto circuito o
sovracorrente su
un OSSD
Controllate il contattore. Sostituirlo se
necessario.
Controllo dei
contattori esterni
Verificate i contattori e il loro cablaggio
ed eliminate l’eventuale errore di
cablaggio.
Controllate se il cablaggio presenta un
corto circuito oppure un corto
trasversale.
Spegnete e riaccendete il dispositivo.
Controllate la configurazione del
controllo dei contattori esterni (vedere
pagina 17).
Avvertenza
Errore
Pulsante di
ripristino
Verificare che il pulsante di ripristino
funzioni. È probabile che il pulsante sia
difettoso o incollato.
Controllare se il cablaggio del pulsante
di ripristino presenta un corto circuito
verso 24 V.
Avvertenza
Ingresso TEACH
Verificare la connessione del pulsante di
autoapprendimento a chiave esterno.
Errore di sistema
Interrompere la tensione di alimentazione del V200/V300 per minimo
3 secondi.
Errore
Errore
Se il problema continua a sussistere,
fate cambiare l’unità.
Tab. 14: visualizzazioni ad autoapprendimento concluso
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
55
Dati tecnici
Capitolo 11
Istruzioni d’uso
V200/V300
11
Dati tecnici
11.1
Scheda tecnica
Tab. 15: scheda tecnica
V200/V300
Minimo
Tipico
Massimo
Dati generali del sistema
Dimensioni del campo protetto
Vedi sezione 4.1 “Verifica delle dimensioni del
campo protetto” a pagina 20pp.
Tipo
V200 Work Station Extended
2 (EN 61 49641, IEC/TR 61 49644)
V300 Work Station Extended
3 (EN 61 49641, IEC/TR 61 49644)
Livello di integrità di sicurezza
2)
V200 Work Station Extended
SIL1 (IEC 61 508)
V300 Work Station Extended
SIL2 (IEC 61 508)
2)
Limite SIL dichiarato
V200 Work Station Extended
SILCL1 (EN 62 061)
V300 Work Station Extended
SILCL2 (EN 62 061)
Categoria
V200 Work Station Extended
2 (EN ISO 13 84941)
V300 Work Station Extended
3 (EN ISO 13 84941)
2)
Performance Level
V200 Work Station Extended
PL c (EN ISO 13 84941)
V300 Work Station Extended
PL d (EN ISO 13 84941)
Frequenza dei test
Frequenza richiesta
50 ¹/s (EN ISO 13 84941)
3)
30 ¹/min (EN ISO 13 84941)
–9
PFHd (probabilità media di un malfunzionamento pericoloso all’ora)
3,2 × 10
TM (durata di utilizzo)
20 anni (EN ISO 13 849)
Classe di protezione
III (EN 50 178)
Grado di protezione
IP 54 (EN 60 529)
Risoluzione
20 mm, 24 mm o 30 mm
Angolo visivo
103° ± 3°
Temperatura di funzionamento
0 °C
+50 °C
Temperatura di
immagazzinamento
–25 °C
+70 °C ( 24 h)
Umidità in considerazione dei limiti EN 61 49641, sezione 5.1.2 e sezione 5.4.2 nonché
di temperatura di funzionamento
a IEC/TR 61 49644, sezione 5.4.2
Umidità dell’aria (senza condensa)
15 %
Limite di fatica
5 g, 10–55 Hz (EN 60 0684246)
Resistenza agli urti
10 g, 16 ms (EN 60 06842427)
2)
3)
56
95 %
Per informazioni più dettagliate sull’impostazione esatta della vostra macchina, o del vostro impianto,
preghiamo di contattare la vostra sede SICK di riferimento.
Per i V200 Work Station Extended vale: Tra due richieste di reazione di sicurezza del dispositivo devono
essere stati eseguiti come minimo 100 test interni, ovvero esterni.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 11
V200/V300
Minimo
Tipico
Massimo
Illuminazione
Lunghezza d’onda
850 nm
Sicurezza per gli occhi
Fotobiologicamente innocuo (IEC 62 47147)
Involucro
Materiale
Pressofusione di alluminio
Dimensioni
Vedi sezione 11.2 “Disegni quotati” a pagina 60.
Peso totale
0,355 kg
Nastro riflettente (lunghezza ×
larghezza) per risoluzione:
20 mm
1,00 m × 37 mm
24 mm
1,20 m × 37 mm
30 mm
1,50 m × 48 mm
Ritardo all’accensione dopo
l’applicazione della tensione di
alimentazione
6s
Dati elettrici
Tensione di alimentazione UV
4)
del dispositivo (SELV)
Resistenza consentita per il cavo
di alimentazione
Ondulazione residua
5)
19,2 V
24 V
28,8 V
1
±5 %
Corrente di esercizio
con 24 V senza carico di uscita
165 mA
con carico di uscita massimo
690 mA
Assorbimento
con 24 V senza carico di uscita
4W
con carico di uscita massimo
19 W
Connessione elettrica
Lunghezza cavo con sezione del
conduttore di 0,25 mm²
Sincronizzazione
4)
5)
8012229/TA69/2009-11-27
M12 × 8 (vedi sezione 5.1 a pagina 35)
7,5 m
Elettrica (vedi sezione 5.1 a pagina 35)
Per soddisfare quanto richiesto dalle norme di prodotto in materia (p.es. la EN 61 49641), uno dei requisiti a
cui deve adempiere l’alimentazione di tensione esterna dei dispositivi (SELV) è di essere in grado di
compensare una mancanza di rete di 20 ms. Gli alimentatori conformi alla EN 60 20441 soddisfano questo
requisito. Degli alimentatori idonei possono essere ordinati presso la SICK come accessori (vedi sezione 12.2
“Accessori” a pagina 63).
Entro i limiti di UV.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
57
Capitolo 11
Dati tecnici
Istruzioni d’uso
V200/V300
Minimo
Tipico
Massimo
Ingresso controllo dei contattori
esterni (EDM)
Resistenza HIGH
2k
Capacità
15 nF
Tensione (IEC 61 131C2)
HIGH
11 V
24 V
30 V
LOW
–3 V
0V
5V
Corrente statica
6 mA
15 mA
Ingresso Ripristino/riavvio
(RESTART)
Resistenza HIGH
2k
Capacità
15 nF
Tensione (IEC 61 131C2)
HIGH
LOW
24 V
30 V
–3 V
0V
5V
Corrente statica
6 mA
Tempo di azionamento del
dispositivo di azionamento
120 ms
Ingresso Autoapprendimento/
sincronizzazione (TEACH/SYNCH)
58
11 V
15 mA
L’ingresso va azionato tramite un pulsante a chiave
(contatto).
Resistenza HIGH
2k
Capacità
15 nF
Tensione HIGH
11 V
Corrente statica
6 mA
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
24 V
30 V
15 mA
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 11
V200/V300
Minimo
Uscite di comando (OSSD)
Tensione di commutazione
HIGH (attiva, Ueff) con 250 mA
Corrente di fuga
Massimo
6)
2 semiconduttori PNP, protetti da corto circuiti ,
e con controllo di corto trasversale fra le stesse
UV – 2,7 V
Tensione di commutazione LOW 0 V
(inattiva)
Corrente di commutazione
source
Tipico
UV
0V
3,5 V
7)
6 mA
250 mA
8)
250 µA
Carico induttivo
2,2 H
Carico capacitativo con 50
2,2 µF
Resistenza di linea permessa
9)
tra dispositivo e carico
2,5
10)
Dati di impulsi test
Ampiezza impulsi di test
230 µs
Frequenza di test
120 ms
Tempo di risposta
Tempo di spegnimento
Tempo di accensione degli
OSSD da rosso a verde
300 µs
20 ms
100 ms
30 ms
Contattori
6)
7)
8)
9)
10)
8012229/TA69/2009-11-27
Tempo di disattivazione
permesso
300 ms
Tempo di chiusura permesso
300 ms
Vale per tensioni in aree tra UV e 0 V.
Per brevi periodi ( 100 ms) sono consentite delle correnti di comando 500 mA.
In caso di errore (interruzione del cavo 0 V) scorrerà al massimo la corrente di fuga sul cavo dell’ OSSD.
L’elemento di comando collegatogli deve riconoscere questo stato LOW. Un PLC (Programmable Logic
Controller) sicuro deve riconoscere questo stato.
Limitate a questo valore la singola tensione del filo conduttore verso il dispositivo collegato. Viene così
riconosciuto in modo sicuro un corto trasversale tra le uscite. (Osservate inoltre l’EN 60 204 Equipaggiamenti
Elettrici per Macchine, parte 1: Requisiti generali.)
Le uscite in stato attivo vengono controllate ciclicamente (commutazione LOW breve). Selezionando gli
elementi di comando da connettere, dovete assicurarvi che gli impulsi di test con i parametri sopraindicati
non provochino una disattivazione.
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
59
Dati tecnici
Capitolo 11
Istruzioni d’uso
V200/V300
11.2
Disegni quotati
11.2.1
Disegno quotato V200/V300
Fig. 31: disegno quotato
V200/V300
50
93,9
8
6,2
9
7,8
93,9
6,2
lunghezza cavo 400 mm (incluso il cavo con spina)
7
6,2
32
62,8
6,2
6,1
3,2
3,2
6,2
4,6
6,2
6,1
45°
41
25
connettore M12 × 8
11,9
26,9
60
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Dati tecnici
Capitolo 11
V200/V300
11.2.2
Disegno quotato di set di fissaggio
Fig. 32: disegno quotato
di set di fissaggio
4
8
1 × 45°
6
12
16,64
30,64
5,8
R55
17
0,8 × 45°
1,4
6,9
codice numerico 2045375
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
61
Dati di ordinazione
Capitolo 12
Istruzioni d’uso
V200/V300
12
Dati di ordinazione
12.1
Nota
Tab. 16: codici numerici
sistemi di visione di sicurezza
Sistemi di visione di sicurezza
Oltre al sistema di visione di sicurezza è richiesto uno dei set di risoluzione.
Descrizione
Codice numerico
Sistemi di visione di sicurezza
composti da telecamera, penna di autoapprendimento, adesivo “Note
importanti”, istruzioni d’uso su CDCROM e quick start (istruzioni per
una messa in servizio rapida), multilingue
V200 Work Station Extended (cat. 2 in conformità a
EN ISO 13 849C1)
1042027
V300 Work Station Extended (cat. 3, PL d in conformità a
EN ISO 13 849C1)
1041542
Set di risoluzione
composti da asta di verifica (adatta alla risoluzione) e 2 nastri
riflettenti
Set di risoluzione per una risoluzione di 20 mm
2051336
Set di risoluzione per una risoluzione di 24 mm
2051338
Set di risoluzione per una risoluzione di 30 mm
2051339
Esempio di ordinazione
Si desidera impiegare nella propria applicazione un V300 con una
risoluzione di 20 mm. Sarà necessario ordinare quanto segue:
62
V300 Work Station Extended (cat. 3, PL d in conformità a
EN ISO 13 849C1)
1041542
Set di risoluzione per una risoluzione di 20 mm
2051336
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Dati di ordinazione
Capitolo 12
V200/V300
12.2
Tab. 17: codici numerici
degli accessori
Accessori
Descrizione
Codice numerico
Nastri riflettenti
Versione robusta. Adatto per le applicazioni in cui il nastro riflettente è
sottoposto ad attriti o sollecitato da pesi.
Per una risoluzione di 20 mm, 2 pezzi da 1,0 m
2046005
Per una risoluzione di 24 mm, 2 pezzi da 1,2 m
2051581
Per una risoluzione di 30 mm, 2 pezzi da 1,5 m
2051582
Aste di verifica
Per una risoluzione di 20 mm, 1 pezzo con un
di 20 mm
2022600
Per una risoluzione di 24 mm, 1 pezzo con un
di 24 mm
2045592
Per una risoluzione di 30 mm, 1 pezzo con un
di 30 mm
2022602
Set di fissaggio
Per un montaggio del V200/V300 sul telaio profilato, 2 staffe di
tensione, viti incluse
2045375
Portaasta
Per conservare l’asta di verifica nella macchina
2052249
Alimentazione elettrica
Alimentatore 24 V, 100/240 V CA, 50 W
7028789
Alimentatore 24 V, 100/240 V CA, 95 W
7028790
Cavo di allacciamento
Con connettore M12 × 8, scatola diritta/spelatura preparata
2,5 m
6020537
5m
6020354
7,5 m
6020353
Altri accessori
Penna di autoapprendimento
4052939
Detergente antistatico per materiale plastico
5600006
Panno ottico
4003353
Solvente per adesivi, flacone vaporizzatore, 200 ml
Adatto per rimuovere il nastro riflettente
5602135
Istruzioni d’uso
Istruzioni d’uso multilingue su CDCROM
2044268
Istruzioni d’uso in versione stampata, formato DIN A4, in lingua …
8012229/TA69/2009-11-27
Tedesco
8012226
Inglese
8012227
Francese
8012229
Italiano
8012229
Spagnolo
8012230
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
63
Appendice
Capitolo 13
Istruzioni d’uso
V200/V300
13
Appendice
13.1
Dichiarazione di conformità CE
Fig. 33: dichiarazione di
conformità CE (pagina 1)
64
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 13
V200/V300
Fig. 34: dichiarazione di
conformità CE (pagina 2)
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
65
Capitolo 13
Appendice
Istruzioni d’uso
V200/V300
13.2
Lista di verifica per il costruttore
Lista di verifica destinata a costruttori/equipaggiatori per l’installazione di dispositivi elettrosensibili di protezione
(ESPE)
I dati relativi ai punti trattati in seguito devono essere a disposizione per lo meno alla prima messa in funzione, dipendono tuttavia dal tipo
di applicazione di cui il costruttore/equipaggiatore è tenuto a verificare i requisiti.
Consigliamo di conservare accuratamente la presente lista di verifica, oppure di custodirla assieme alla documentazione della macchina,
affinché possa servire da riferimento per i controlli periodici.
1. Sono state rispettate le prescrizioni di sicurezza ai sensi delle direttive/norme valide per la macchina?
Sì
No
2. Le direttive e le norme applicate sono riportate nella dichiarazione di conformità?
Sì
No
3. ll dispositivo di protezione corrisponde ai PL/SILCL e PFHd richiesti conformemente a
EN ISO 13 849.1/EN 62 061 e al tipo previsto conformemente a EN 61 496.1?
Sì
No
4. Corpo e mani accedono al punto di pericolo soltanto attraverso il campo protetto ESPE?
Sì
No
5. Sono state prese le misure atte ad impedire lo stazionamento non protetto nell’area pericolosa (protezione
meccanica contro l’accesso delle gambe dal retro) o a controllarlo in caso di protezione dei punti di pericolo, ed è
assicurato che tali dispositivi non possano essere rimossi?
Sì
No
6. Sono prese ulteriori misure di protezione meccaniche per impedire l’accesso delle mani dall’alto, dal basso e dal
retro, ed è assicurato che questi dispositivi non possano essere manipolati?
Sì
No
7. È stato verificato il valore del tempo massimo di arresto oppure del tempo di arresto totale della macchina,
indicato e riportato (sulla macchina e/o nei documenti della macchina)?
Sì
No
8. Viene rispettata la necessaria distanza di sicurezza tra l’ESPE e il punto pericoloso più vicino?
Sì
No
9. I dispositivi ESPE sono fissati a regola d’arte e sono stati protetti contro gli spostamenti involontari dopo essere
stati registrati?
Sì
No
10. Le misure di protezione contro le scosse elettriche sono efficaci (classe di protezione)?
Sì
No
11. È presente il dispositivo di azionamento che comanda il ripristino del dispositivo di protezione (ESPE), oppure che
comanda il riavvio della macchina, ed è installato ai sensi delle normative?
Sì
No
12. Le uscite degli ESPE (OSSD, interfaccia AS.Interface Safety at Work) sono integrate secondo il PL/SILCL richiesto,
conformemente a EN ISO 13 849/EN 62 061, e la loro integrazione corrisponde agli schemi elettrici?
Sì
No
13. La funzione di protezione è controllata in base alle indicazioni sulla verifica di questa documentazione?
Sì
No
14. Le funzioni di protezione indicate sono efficaci in qualsiasi posizione del selettore dei modi operativi?
Sì
No
15. I dispositivi di comando controllati dall’ESPE, p. es. contattori esterni, valvole, vengono sorvegliati?
Sì
No
16. L’ESPE agisce durante la durata complessiva dello stato pericoloso?
Sì
No
17. Uno stato pericoloso attivato si ferma quando l’ESPE viene spento/disinserito, se si cambia da un modo
operativo a un altro o se si cambia dispositivo di protezione?
Sì
No
18. L’etichetta con le indicazioni per il controllo giornaliero è affissa in modo ben visibile dall’operatore?
Sì
No
La presente lista di verifica non sostituisce l’intervento di una persona competente per la prima messa in servizio e per il controllo
regolare da effettuare.
66
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 13
V200/V300
13.3
Indice delle tabelle
Tab. 1:
dimensioni massime del campo protetto in funzione della risoluzione ...............10
Tab. 2:
prospetto dello smaltimento dei componenti ........................................................12
Tab. 3:
configurazioni ammesse per il blocco al riavvio del V200/V300 .........................16
Tab. 4:
significato dei LED di stato del V200/V300 ..........................................................18
Tab. 5:
significato dei LED di diagnostica...........................................................................19
Tab. 6:
dimensioni consentite per un campo protetto rettangolare con una
risoluzione di 20 mm...............................................................................................20
Tab. 7:
dimensioni consentite per un campo protetto rettangolare con una
risoluzione di 24 mm...............................................................................................21
Tab. 8:
dimensioni consentite per un campo protetto rettangolare con una
risoluzione di 30 mm...............................................................................................21
Tab. 9:
lunghezza dell’area non sorvegliata in caso di montaggio nel telaio ...................26
Tab. 10: assegnazione dei pin connessione di sistema V200/V300 .................................35
Tab. 11: avvio dell’autoapprendimento ................................................................................48
Tab. 12: significato dei LED di diagnostica durante l’autoapprendimento.........................48
Tab. 13: visualizzazione degli indicatori luminosi dopo l’autoapprendimento...................49
Tab. 14: visualizzazioni ad autoapprendimento concluso...................................................55
Tab. 15: scheda tecnica V200/V300....................................................................................56
Tab. 16: codici numerici sistemi di visione di sicurezza ......................................................62
Tab. 17: codici numerici degli accessori...............................................................................63
8012229/TA69/2009-11-27
13.4
Indice delle figure
Fig. 1:
funzionamento del V200/V300..............................................................................13
Fig. 2:
protezione dei punti pericolosi con un V200/V300, montaggio nel telaio
(immagine a sinistra)...............................................................................................14
Fig. 3:
protezione dei punti pericolosi con un V200/V300, montaggio sul telaio
(immagine a destra) ................................................................................................14
Fig. 4:
protezione dei punti pericolosi con due V200/V300, una telecamera
opposta all’altra (immagine a sinistra)...................................................................14
Fig. 5:
protezione dei punti pericolosi con due V200/V300, disposizione ad
angolo (immagine a destra) ....................................................................................14
Fig. 6:
rappresentazione schematica del funzionamento di protezione .........................15
Fig. 7:
LED di stato del V200/V300...................................................................................18
Fig. 8:
LED di diagnostica del V200/V300........................................................................19
Fig. 9:
distanza di sicurezza dal punto di pericolo ............................................................22
Fig. 10:
evitare la presenza di aree non sorvegliate a causa del montaggio sul
telaio.........................................................................................................................26
Fig. 11:
errore di montaggio grave: superamento della larghezza del campo
protetto massima ....................................................................................................27
Fig. 12:
mediante un montaggio corretto (in alto) si escludono gli errori (in basso)
di penetrare con le mani al disopra, al disotto o stazionare dietro ......................28
Fig. 13:
esempio: montaggio con tasselli su profili di spessore diverso ...........................29
Fig. 14:
esempio: montaggio con staffette di fermo su profili di spessore diverso ..........29
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
67
Capitolo 13
Appendice
Istruzioni d’uso
V200/V300
68
Fig. 15:
montaggio nel telaio ............................................................................................... 30
Fig. 16:
disposizione corretta dei nastri riflettenti nei punti di giunzione ......................... 31
Fig. 17:
scostamento del nastro riflettente consentito rispetto all’asse ottico della
telecamera in funzione della distanza con una risoluzione di 20 mm ................ 32
Fig. 18:
scostamento del nastro riflettente consentito rispetto all’asse ottico della
telecamera in funzione della distanza con una risoluzione di 24 mm ................ 32
Fig. 19:
scostamento del nastro riflettente consentito rispetto all’asse ottico della
telecamera in funzione della distanza con una risoluzione di 30 mm ................ 33
Fig. 20:
connessione di sistema V200/V300 ..................................................................... 35
Fig. 21:
connessione del V200/V300 senza controllo dei contattori esterni (EDM),
senza blocco al riavvio interno e senza pulsante di autoapprendimento
a chiave esterno...................................................................................................... 36
Fig. 22:
connessione del V200/V300 con controllo dei contattori esterni (EDM),
con blocco al riavvio interno e con pulsante di autoapprendimento a
chiave esterno......................................................................................................... 36
Fig. 23:
connessione di due V200/V300 con sincronizzazione ........................................ 38
Fig. 24:
esempio di collegamento del V200/V300 con l’UE410 Flexi .............................. 39
Fig. 25:
esempio di collegamento del V200/V300 con l’UE10C3OS ................................. 40
Fig. 26:
applicazione con un campo protetto piccolo (1 × V200/V300)........................... 41
Fig. 27:
applicazione con campo protetto grande (2 × V200/V300) ................................ 42
Fig. 28:
posto di lavoro ergonomico grazie all’impiego di due V200/V300...................... 43
Fig. 29:
montaggio con trasporto automatico del materiale nella stazione di lavoro ...... 44
Fig. 30:
verifica giornaliera del dispositivo di protezione con l’asta di verifica................. 46
Fig. 31:
disegno quotato V200/V300 ................................................................................. 60
Fig. 32:
disegno quotato di set di fissaggio ........................................................................ 61
Fig. 33:
dichiarazione di conformità CE (pagina 1)............................................................. 64
Fig. 34:
dichiarazione di conformità CE (pagina 2)............................................................. 65
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 13
V200/V300
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
69
Capitolo 13
Appendice
Istruzioni d’uso
V200/V300
70
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
8012229/TA69/2009-11-27
Istruzioni d’uso
Appendice
Capitolo 13
V200/V300
8012229/TA69/2009-11-27
© SICK AG • Industrial Safety Systems • Germania • Tutti i diritti riservati
71
8012229/TA69/2009-11-27 ∙ RV/XX ∙ Printed in Germany (2009-12) ∙ Subject to change without notice ∙ The specified product features and technical data do not represent any guarantee ∙ A4 sw int34
Australia
Phone+61 3 9497 4100
1800 33 48 02 – tollfree
E-Mail [email protected]
Belgium/Luxembourg
Phone +32 (0)2 466 55 66
E-Mail [email protected]
Brasil
Phone+55 11 3215-4900
E-Mail [email protected]
Ceská Republika
Phone+420 2 57 91 18 50
E-Mail [email protected]
China
Phone+852-2763 6966
E-Mail [email protected]
Danmark
Phone+45 45 82 64 00
E-Mail [email protected]
Deutschland
Phone+49 211 5301-301
E-Mail [email protected]
España
Phone+34 93 480 31 00
E-Mail [email protected]
France
Phone+33 1 64 62 35 00
E-Mail [email protected]
Great Britain
Phone+44 (0)1727 831121
E-Mail [email protected]
India
Phone+91–22–4033 8333
E-Mail [email protected]
Israel
Phone+972-4-999-0590
E-Mail [email protected]
Italia
Phone+39 02 27 43 41
E-Mail [email protected]
Japan
Phone+81 (0)3 3358 1341
E-Mail [email protected]
Österreich
Phone+43 (0)22 36 62 28 8-0
E-Mail [email protected].at
Polska
Phone+48 22 837 40 50
E-Mail [email protected]
Republic of Korea
Phone+82-2 786 6321/4
E-Mail [email protected]
Republika Slovenija
Phone+386 (0)1-47 69 990
E-Mail [email protected]
România
Phone+40 356 171 120
E-Mail [email protected]
Russia
Phone+7 495 775 05 34
E-Mail [email protected]
Schweiz
Phone+41 41 619 29 39
E-Mail [email protected]
Singapore
Phone+65 6744 3732
E-Mail [email protected]
Suomi
Phone+358-9-25 15 800
E-Mail [email protected]
Sverige
Phone+46 10 110 10 00
E-Mail [email protected]
Taiwan
Phone+886 2 2375-6288
E-Mail [email protected]
Türkiye
Phone+90 216 587 74 00
E-Mail [email protected]
United Arab Emirates
Phone+971 4 8865 878
E-Mail [email protected]
USA/Canada/México
Phone+1(952) 941-6780
1 800-325-7425 – tollfree
E-Mail [email protected]
Nederlands
Phone+31 (0)30 229 25 44
E-Mail [email protected]
Norge Phone+47 67 81 50 00
E-Mail [email protected]
SICK AG | Waldkirch | Germany | www.sick.com
More representatives and agencies
in all major industrial nations at
www.sick.com
Scarica

V200 Work Station Extended, V300 Work Station Extended