BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:48
Pagina 1
REPORT ANNUALE
2002
Attività Clinico-Scientifica
e di Ricerca Sperimentale
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:48
Pagina 3
Milano, novembre 2003
Eccoci a quello che sta diventando un consueto appuntamento annuale: la
presentazione del Report Clinico Scientifico dell’Istituto Nazionale Neurologico
“C.Besta”, attualmente relativo all’anno 2002.
In qualità di Commissario Straordinario vivo questo momento come un atto di
doverosa rendicontazione dell’attività di ricerca, diagnosi, cura ed assistenza svolta da
tutto il personale.
Ma vuole essere qualcosa di più. Seppur in sintesi il Report vuole essere un
quadro puntuale, trasparente ed oggettivo del ruolo che il nostro Istituto svolge nel
campo delle neuroscienze, degli sforzi compiuti e degli obiettivi raggiunti e delle mete
ancora da conseguire.
Ci dice anche quanto siamo stati in grado di rispondere ad una sanità che
comporta ritmi e modelli nuovi a cui dobbiamo adeguarci. Siamo chiamati ogni giorno
d una sanità che deve essere efficiente, economica, manageriale, traslazionale,
internazionale, innovativa, competitiva, ma che ci impone di ricordare che il motivo per
cui ci siamo ed esistiamo è la cura di ogni singolo paziente. Le malattie neurologiche
hanno un impatto sociale altissimo, e così le aspettative dei pazienti nel campo della
cura e della ricerca .
Questo Report mostra con forza che l’Istituto può vincere le sfide sanitarie
grazie alla collaborazione e all’integrazione; in Istituto non ci sono più Divisioni ma
Unità Organizzative e Dipartimenti; l’Istituto non è più una isola ma è collocato
all’interno di un sistema a rete le cui maglie sono rappresentate da un lato dal Ministero
della Salute, della Ricerca, del Welfare e dalla Regione e dall’altro dagli IRCCS, dalle
Aziende Ospedaliere d’eccellenza e da partner pubblici e privati. Tutti contribuiscono a
saldare e mantenere il servizio sanitario nazionale pubblico meritevole.
Ad una attenta lettura di questo Report è comprensibile ciò che qui in Istituto ogni
singola componente ha svolto per ogni singolo paziente e ciò che è: il luogo dove si
curano i malati e si studiano le malattie.
Dr. Graziano Arbosti,
Commissario Strordinario
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:48
Pagina 5
INDICE
Immagini dall’Archivio fotografico dell’Istituto Neurologico “Carlo Besta” . . . . .
Pag. 6-12
1.
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
15
2.
Organigramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
18
3.
Introduzione del Commissario Straordinario Dr. Graziano Arbosti . . . . . . . . .
»
19
4.
Relazione 2002 della Direzione Scientifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
23
5.
Direzione Generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
25
6.
Direzione Amministrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
29
7.
Direzione Scientifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
33
8.
Comitato Etico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
41
9.
Direzione sanitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• Grafici Attività Clinica 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
»
43
47
10. Dipartimento di Neuroscienze Cliniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurologia I - Disturbi del Movimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurologia II - Neuro-oncologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurologia III - Cefalee e Malattie Cerebrovascolari . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurologia IV - Malattie Neuromuscolari e Neuroimmunologia . . . . . . . .
• U.O. Neurologia V - Neuropatologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurofisiopatologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neuropsichiatria Infantile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurologia dello Sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Radioterapia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
53
55
61
67
73
83
91
95
103
109
11. Dipartimento di Ricerca Sperimentale e Diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Biochimica e Genetica del Sistema Nervoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurogenetica Molecolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurofisiologia Sperimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neuroradiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
»
»
»
»
»
113
115
119
123
129
135
12. Dipartimento di Neurochirurgia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• Attività generali del Dipartimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurochirurgia I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurochirurgia II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Neurochirurgia III . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• U.O. Anestesia e Rianimazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
»
»
»
»
»
143
145
147
151
155
159
13. Ricerca Corrente 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
165
14. Ricerca Finalizzata 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
171
15. Attività Didattica 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
• Corsi Accreditati ECM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
»
175
181
16. Meetings e Seminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
185
17. Pubblicazioni 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
193
18. Volontariato, Associazioni, Fondazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
209
19. Numeri Utili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
»
213
5
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:48
Pagina 6
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:48
Pagina 7
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
Dr. Carlo Besta (Archivio Besta)
8
10:48
Pagina 8
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:48
Pagina 9
Attestato dato al Dr. Besta dai reduci di guerra (Archivio Besta)
9
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 10
Progetto degli Architetti Tenca e Faravelli per Istituto Neurologico Vittorio Emanuele III (Archivio Besta)
10
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 11
Il Dr. Besta davanti al nuovo Istituto Neurologico di Via Celoria con benefattori, medici e pazienti (Archivio Besta)
11
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 12
La posa della prima pietra del nuovo reparto infantile dell’Istituto Neurologico (Archivio Besta)
12
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 13
INTRODUZIONE
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 15
INTRODUZIONE
1. La storia dell’Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta”
Alla fine del primo conflitto mondiale un medico valtellinese, Carlo Besta, vide la possibilità di
ricoverare e curare migliaia di reduci “feriti cerebrali di guerra” e creare, al contempo, le competenze
per migliorare la scienza medica nel campo delle “malattie nervose e mentali”.
Da medico condotto in Valtellina, Carlo Besta crebbe nella ricerca e negli studi a Pavia come
discepolo di Camillo Golgi, e poi a Venezia, a Padova, a Messina e infine a Milano. La sua vasta
esperienza di sperimentatore clinico e di laboratorio e i suoi studi dedicati alla neuroanatomia e alla
fisiopatologia neurologica hanno contribuito ad accrescere il patrimonio internazionale della
neurologia.
Quel medico, Carlo Besta, per primo in Italia, intuì la portata rivoluzionaria che l’organizzazione di
un complesso clinico monotematico dedicato alle neuroscienze avrebbe determinato.
Quello che fondò a Milano nel 1918 e che porta il suo nome, è oggi un Istituto di Ricovero e Cura a
Carattere Scientifico (IRCCS) riconosciuto di diritto pubblico nel 1978, centro di riferimento per
numerosi disturbi neurologici dell’età infantile ed adulta, in grado di confrontarsi, per qualità di
ricerca e competenza nella cura dei malati, con i più importanti istituti del mondo.
Il meccanismo che rende vincente la formula dell’Istituto Nazionale è che ricerca scientifica e attività
di ricovero e cura, le due “anime”dell’Istituto, hanno pari dignità e convivono in equilibrio fra loro.
Nell’ attività clinica del Besta ha origine quel circolo virtuoso che, attraverso la ricerca scientifica,
riconduce sempre e necessariamente alla cura del paziente.
2. Presentazione dell’Istituto
L’Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta” è diretto dal Commissario Straordinario che si
avvale di una Direzione Strategica composta dal Direttore Scientifico, dal Direttore Sanitario, dal
Direttore Amministrativo, dai Capi Dipartimento dei quattro dipartimenti organizzati a loro volta in
in Unità Operative. Il personale è composto da oltre 600 persone tra dipendenti, ricercatori, borsisti
e contrattisti.
Le Direzioni si avvalgono di una struttura di Epidemiologia e di un Clinical Trial Center,
quest’ultimo ha tra i suoi obiettivi principali la valutazione dell’efficacia e dei rischi dei trattamenti
terapeutici per le malattie neurologiche.
Le sperimentazioni cliniche che vengono effettuate in Istituto sono subordinate all’approvazione del
Comitato Etico, organismo indipendente di valutazione tecnica, e di appoggio ai pazienti per quesiti
di natura etica.
L’Istituto è dotato di una Biblioteca Scientifica fornita di tutte le riviste più qualificate, nazionali ed
internazionali, nell’ambito delle neuroscienze e discipline collegate.La biblioteca partecipa
attivamente al sistema Bibliotecario Biomedico Lombardo (SBBL) edne è il riferimento per la parte
neurosceinze.
I laboratori dell’Istituto partecipano al Controllo di Qualità regionale ed effettuano rigorosi controlli
interni per garantire l’attendibilità dei risultati.
La struttura ospedaliera dispone di 223 posti letto per degenza di cui 94 nei reparti di Neurologia, 55
in quelli di Neurochirurgia, 39 in Neuropsichiatria infantile, 10 in Neurorianimazione, 15 posti letto
sono riservati a ricoveri in day hospital e 10 posti letto per solventi.
L’Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta”, oltre ai Servizi di Staff, si articola in quattro
15
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 16
Dipartimenti, tre Dipartimenti clinici e di ricerca e uno amministrativo, suddivisi in varie Unità
Operative. Per maggiori dettagli sulla struttura organizzativa si vedano gli organigrammi allegati.
Il ricovero all’Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” può essere in convenzione con il Servizio
Sanitario Nazionale o come privato solvente. Non avendo l’Istituto per le sue caratteristiche di
monotematicità una struttura di Pronto Soccorso, il ricovero presso le Unità Operative di degenza
viene deciso da un medico specialista dell’Istituto dopo consultazione ambulatoriale o contatto
diretto con altro medico esterno o altra struttura ospedaliera.
All’Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”, oltre agli ambulatori di neurologia generale, di
neurochirurgia e di neuropsichiatria infantile, sono disponibili Ambulatori Speciali e Servizi
diagnostici dedicati a specifici disturbi neurologici.
L’Istituto ha avviato nel 2001 un progetto pluriennale di implementazione di un Sistema di Gestione
per la Qualità secondo le norme UNI EN ISO 9000:2000, il progetto prevede la certificazione di tutte
le unità e dei processi operativi per fasi successive ed avrà termine nel 2004.
L’Istituto fa parte della rete H.P.H. (Health Promoting Hospitals) dell’Organizzazione Mondiale della
Sanità con progetti di promozione della salute.
3. Missione e finalità istituzionali
È impegno degli Organi dell’Istituto e di ogni sua Componente organizzativa, di assolvere ai propri
compiti ed attribuzioni onde poter compiutamente perseguire i fini istituzionali propri, assicurando
la piena attuazione dei principi della correttezza e trasparenza amministrativa e gestionale,
coniugandoli con la massima efficienza ed economicità dell’azione di Governo.
In relazione alle peculiari caratteristiche proprie degli IRCCS, l’Istituto Nazionale Neurologico “C.
Besta” pone quali finalità fondamentali della propria organizzazione quelle di:
a) garantire ai cittadini, nel rispetto della dignità della persona umana e del diritto costituzionale alla
tutela della salute, i livelli d’assistenza previsti dalla legislazione nazionale e regionale;
b) assicurare un pieno e costante sviluppo e potenziamento dell’attività di ricerca sia corrente che
finalizzata anche a diretta evoluzione dell’attività clinica.
In tale contesto ed in relazione al modello organizzativo prefigurato dal “Piano di Organizzazione e
Linee Strategiche”, si individuano i sotto elencati obiettivi fondamentali:
* governare i processi di cambiamento in atto e creare un sistema organizzativo caratterizzato da
flessibilità ed integrazione delle diverse funzioni aziendali;
* promuovere la qualità dei servizi in generale anche in relazione ai requisiti di accreditamento e di
certificazione dei processi organizzativi;
* perseguire l’efficienza dei servizi recuperando in corretto rapporto risorse risultanti adottando il
processo di budget quale strumento fondamentale di gestione;
* sviluppare il grado di responsabilità di tutto il personale che a qualunque titolo partecipa alla vita
dell’Istituto ed in particolare della Dirigenza attraverso la capacità di programmare e gestire le aree
di competenza ed i volumi di risorse assegnate, sia umane che strumentali, sulla base degli
obiettivi e linee d’indirizzo fissati dal Commissario Straordinario e dalla Direzione Strategica;
* elaborare un sistema integrato delle informazioni che, a qualsiasi livello, costituiscono patrimonio
dell’Istituto, anche avuto riguardo ai rapporti con il cittadino e le altre istituzioni sia pubbliche che
private;
* programmare le attività di formazione continua ed aggiornamento professionale del Personale,
attraverso un loro costante incremento quali/quantitativo con particolare attenzione anche agli
aspetti d’innovazione organizzativo - gestionale.
16
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 17
4. Organizzazione Dipartimentale
L’Istituto si è organizzato sul presupposto che la competitività a livello scientifico sia elemento
trainante in un IRCCS, in quanto determina sia l’alta specialità, sia la produzione di nuovi mezzi
terapeutici e diagnostici, basati sulle conoscenze etiopatogenetiche prodotte dalla ricerca. Su questa
base si è, di fatto, realizzata una modalità di lavoro integrata che prefigura un’organizzazione
dipartimentale finalizzata alla cura dei pazienti con patologia del sistema nervoso. Il contesto di
integrazione di attività cliniche e di attività di ricerca si è tradotto in alta diagnostica, casistica rara e
completa, banche di cellule e DNA e terapie di avanguardia.
Su una premessa di pari dignità culturale e professionale tra attività di ricerca e attività clinica,
l’Istituto ha cercato quindi una soluzione integrata, di fatto, in un’ottica di dipartimento di scienze
neurologiche, pur mantenendo la tradizionale organizzazione ospedaliera in divisioni.
L’istituzione in dipartimenti formalizza quindi e rende più efficace una modalità di lavoro che
appartiene alla storia dell’Istituto.
Un’ulteriore evoluzione di tale logica ha portato all’individuazione di un dipartimento
prevalentemente dedicato alla ricerca sperimentale e di diagnostica che garantisse la migliore
interdisciplinarietà necessaria allo sviluppo tecnologico, in una più moderna programmazione della
ricerca. A questo proposito vanno studiati, identificati e proposti indicatori in grado di valutare il
trasferimento di plusvalore aggiunto della ricerca sperimentale alla clinica e all’assistenza.
Il modello dipartimentale qui previsto, è stato adottato in coerenza con le disposizioni contenute nel
Dl.vo n. 502/1992 e successive modifiche ed integrazioni, fermi restando i riferimenti alle singole
Strutture Complesse (Unità Operative) che compongono il Dipartimento per quanto attiene in
particolare:
a) la responsabilità clinica e/o gestionale;
b) la responsabilità in ordine al processo di budget.
17
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 18
ISTITUTO NAZIONALE NEUROLOGICO “CARLO BESTA”
ASSETTO ORGANIZZATIVO FUNZIONALE
(A Marzo 2003)
18
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 19
INTRODUZIONE
del Commissario Straordinario dell’Istituto Dr. Graziano Arbosti
A distanza di un anno dalla pubblicazione del Report Clinico Scientifico 2001 occorre ribadire alcuni
aspetti circa il ruolo degli IRCCS in generale e dell’Istituto Nazionale Neurologico in particolare. È
obbligo precisare che l’attuale Report Clinico Scientifico, relativo all’anno 2002, viene presentato
nell’Ottobre del 2003, anno in cui numerose novità legislative e organizzative stanno per innovare
gli IRCCS, ma che ovviamente non vengono trattate nella presente pubblicazione.
Oggetto di questo lavoro è soprattutto la presentazione dell’attività scientifica, clinica e formativa
svolta nel corso dell’anno 2002. Si tratta, in generale, di un anno di transizione per l’Istituto
Neurologico; nel Novembre del 2002, alla scadenza dei 7 anni del precedente mandato, è stata
rinnovata la Direzione Scientifica e la Direzione di alcuni importanti Dipartimenti: il nuovo Direttore
Scientifico è diventato Ferdinando Cornelio, Stefano Di Donato ha assunto la Direzione del
Dipartimento Ricerca Sperimentale e Diagnostica, Giuliano Avanzini quella del Dipartimento di
Neuroscienze Cliniche, mentre immutate sono rimaste le Direzioni del Dipartimento di Neuroscienze
Chirurgiche (Giovanni Broggi) e del Dipartimento Amministrativo (Roberto Pinardi). Alcuni dei
nostri Direttori hanno assunto importanti cariche nell’ambito delle Società Scientifiche a livello
nazionale e internazionale:
Nel corso del 2002, l’Istituto ha cercato di consolidare alcuni degli obiettivi delineati nel 2001 e di
rendere sempre più chiaro e visibile il ruolo stesso dell’Istituto, soprattutto a livello nazionale e
internazionale, oltre che regionale.
È proseguita la ricerca del ruolo di eccellenza, coniugando sempre più strettamente l’attività di
ricerca con quella di assistenza, esaltando il ruolo monospecialistico e di centro di ricoveri di
elezione, avviando, per le caratteristiche sopradescritte, una collaborazione e un’ alleanza con le altre
strutture IRCCS, sia per quanto riguarda l’Alleanza contro il cancro, sia per quanto riguarda la Rete
di Neuroscienze e riabilitazione.
Si è sempre più evidenziata la diversificazione tra la patologia neurologica dell’età adulta e quella
dell’età pediatrica, che presentano una sempre maggiore specificità clinica ma anche basi comuni e
unitarie per quanto riguarda la diagnostica e la ricerca clinica, con conseguente utilizzo di sempre più
rinnovati metodi diagnostici e terapeutici.
L’interazione tra strutture di ricerca biomedica (laboratori) ed i settori clinici si trasferisce nelle prassi
operative e da loro ne riceve gli input regolatori. L’attività operativa riveste caratteristiche di alta
specialità in grado di selezionare, affrontare e trattare al meglio casistiche anche molto complesse
e/o molto rare.
Il fatto che la ricerca sia inserita nella realtà della vita e dell’attività clinica dà all’Istituto
Neurologico, e agli altri IRCCS in generale, un ruolo visibile e coerente nei confronti del SSN poiché
permette di realizzare in tempi strettissimi l’interscambio delle conoscenze scientifiche con le, o
nelle, cliniche rendendo fittizio e fuorviante riconoscere due anime negli IRCCS: della ricerca e
dell’assistenza.
L’esaltazione della funzione di ricerca clinica traslazionale, la mono-disciplinarietà, la
specializzazione per l’età adulta e quella pediatrica, la funzione di centro di ricoveri di elezione,
l’attività di formazione specialistica e la collaborazione in rete con altre strutture di eccellenza, hanno
rafforzato il ruolo di Centro di riferimento dell’Istituto, che ha visto l’indicatore flussi, costituito dai
flussi di utenza extraregionale, passare dal 46% del 2001 al 48% del 2002. Diversi pazienti
soprattutto per l’area Neuropsichiatria infantile provengono anche dall’estero.
Prescindendo dal definitivo assetto istituzionale che avranno gli IRCCS a partire dal 2004, va
sottolineata l’importanza di salvaguardare l’unità e la qualità del lavoro clinico e di ricerca che si
svolge all’interno dell’Istituto Nazionale Neurologico Besta e degli IRCCS in generale.
Va pertanto chiarita, la particolare missione degli IRCCS e pertanto dell’Istituto Besta, che deve
19
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 20
vedere la centralità della persona malata in modo che gli input della ricerca scaturiscano dal
bisogno di cura del paziente che è alla base di ogni attività di conoscenza ed assistenza.
Altra è la missione dei due Istituti Superiori Centrali del Ministero della Salute (ISS e ISPELS) che
vede la centralità del cittadino anche non malato, così come altro è il ruolo del CNR dove trova
spazio la libertà d’indagine del ricercatore, al di là degli obiettivi degli IRCCS. Infine a livello
universitario la centralità del lavoro è rappresentata dallo studente, ed egli è alla base di ogni attività
di conoscenza.
Nel 2002 è iniziato per gli IRCCS il percorso per la creazione delle reti nazionali di centri di
eccellenza, dapprima nell’ambito dell’alleanza contro il cancro e, successivamente, nell’ambito delle
scienze Neurologiche (stroke unit etc). Tali percorsi si sono conclusi nel corso del 2003, e avranno
una ulteriore implementazione nell’anno 2004.
Per quanto riguarda l’eccellenza si è cercato di coniugare sempre più intimamente l’eccellenza nella
ricerca con quella assistenziale e con quella gestionale.
Abbiamo avviato nel 2002 lo studio di indicatori che siano attendibili sia per quanto riguarda
l’eccellenza assistenziale e scientifica (misura degli outcomes in relazione alla specialità, indice di
case mix, attività dipartimentale, certificazione di qualità, legata all’analisi di processo secondo
procedura internazionali) sia per quanto concerne il finanziamento della ricerca.
Sono stati attivati nel corso del 2002 gli strumenti economico gestionali di base (bilancio di esercizio
dell’Ente, bilancio delle attività di ricerca, conto economico gestionale) e si è avviato l’utilizzo di
indicatori di economicità (rapporto tra costi operativi e totale dei ricavi etc.).
Nel corso del primo semestre 2003 si conta di perfezionare tali indicatori, in modo da procedere ad
un monitoraggio costante dell’andamento economico gestionale dell’Ente.
In conclusione nel corso del 2002 si sono implementati le basi strumentali per dar luogo nel prossimo
biennio 2003 - 2004 ad una attività di eccellenza coordinata nei tre seguenti (ricerca-assistenzagestione) che determinano l’unità dell’Istituto nella eccellenza.
Rimandando al Direttore Sanitario le analisi dettagliate delle specifiche tabelle e dei grafici, mi
permetto di evidenziare alcune considerazioni sul lavoro svolto: per quanto riguarda l’attività di
ricerca nel 2002, rispetto al 2001, l’I.F.N.(impact factor normalizzato) appare lievemente ridotto in
termini assoluti con però una crescita dell’I.F.N. medio; va notato che alcuni lavori in corso nel 2002
sono stati pubblicati nel 2003, e inoltre che i cambiamenti dei vertici della Direzione Scientifica e dei
Dipartimenti di Ricerca Sperimentale hanno influito su questi risultati.
Va peraltro rilevato che nel corso del 2002 abbiamo attivato eventi formativi ECM, non presenti nel
corso del 2001. Sono stati attivati 13 corsi per un totale di crediti di circa 25000 punti con circa 1500
partecipanti. Nell’ambito della ricerca corrente sono state mantenute 10 linee come nel 2001 e i
progetti finalizzati attivi o attivati nel 2002 sono circa 80.
Per quanto riguarda l’attività clinica di ricovero è ulteriormente aumentata rispetto al 2001,
soprattutto per quanto riguarda il settore chirurgico. È continuata la riduzione della degenza media,
già registrata negli anni scorsi, realizzata grazie al contenimento delle degenze preparatorie e ad un
miglioramento nella programmazione coi servizi diagnostici.
I ricoveri ordinari riguardano casi sempre più complessi: tra i DRG più frequenti sono presenti le
craniotomie in pazienti adulti, le malattie degenerative del sistema nervoso, la sclerosi multipla, le
epilessie dell’infanzia. Questa caratterizzazione della patologia favorisce anche l’aumento del “peso
medio” (parametro che stima il consumo di risorse necessario per diagnosi e cura di gruppi omogenei
di patologie) dei DRG che, grazie anche ad una accurata codifica e ad un rigoroso controllo, aumenta
di quasi il 10%.
Il dato più interessante è però rappresentato dall’aumento dei ricoveri in regime di day hospital, ivi
compresi per analogia i ricoveri ordinari della durata di 0 – 1 giorni .
Oltre alla conferma dello sviluppo del D.H. per l’area neuropsichiatria infantile dove si raggiunge un
numero di ricoveri analogo a quello del regime ordinario, si rafforza la gestione con degenze diurne
anche in area neurologica soprattutto per le patologie neuromuscolari, per i trattamenti di
chemioterapia e per la sclerosi multipla.
20
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 21
In conclusione occorre esprimere soddisfazione per l’andamento della attività clinico scientifica e
gestionale che rafforza l’Istituto come centro di riferimento oggettivo nel settore neurologico a
livello regionale, nazionale e internazionale, per cui si può iniziare a parlare di avvio di un “sistema
Besta”. Ci auguriamo che tali risultati vengano rafforzati nel corso del 2003 e del 2004 e fissiamo
un appuntamento per la presentazione del Report clinico scientifico 2003 nella primavera del 2004.
Occorre ribadire che il biennio 2003 - 2004 sarà un periodo impegnativo e determinante per il futuro
degli IRCCS, in quanto periodo di avvio della tanto attesa “nuova disciplina per l’organizzazione
degli IRCCS (D.Leg.vo 288/2003).
21
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 23
RELAZIONE 2002
della Direzione Scientifica
Attività scientifica dell’Istituto
L’Istituto Nazionale Neurologico “C.Besta” è Centro di Eccellenza per lo studio e la cura delle
patologie neurologiche e per la ricerca nell’ambito delle neuroscienze. L’integrazione e la stretta
collaborazione fra clinica, ricerca e sperimentazione permette di sviluppare un’attività translazionale
che interessa la diagnosi precoce e gli indicatori di follow up, le terapie innovative, i modelli
sperimentali a proiezione translazionale, i protocolli neuro –riabilitativi per favorire il reinserimento
sociale.
Nel 2002 la produzione scientifica, intesa come pubblicazioni quantificabili attraverso il calcolo
dell’impact factor e del numero di pubblicazioni su riviste catalogate, si mantiene sostanzialmente
stabile confermando i livelli di eccellenza per la produzione relativa a singoli ricercatori e per
numero di pubblicazioni ottenute da attività autoctone sia di ricerca sperimentale che clinica.
Anche l’indice di attrazione, costituito da progetti di ricerca finanziati da soggetti esterni e progetti
di cooperazione internazionale, rimane sostanzialmente stabile.
Si è attivato di fatto il gruppo di lavoro dedicato alla rete delle malattie cerebrovascolari che, accanto
alla attività clinica specifica indirizzata prevalentemente al paziente post-acuto, ha acquisito una
serie di risultati nei tre campi peculiari per l’Istituto Neurologico quali le terapie restorative post
stroke, lo studio neuroradiologico ed il trattamento endovascolare.
Sempre nell’ambito della ricerca clinica, è aumentato il numero di trials clinici con un incremento
dei pazienti reclutati ed una ulteriore revisione dell’attività epidemiologica ha consentito di meglio
focalizzare il numero e l’estensione dei Registri di malattia ufficialmente riconosciuti e operativi in
Istituto.
Ribadendo il buon livello globale dell’attività scientifica dell’Istituto Besta, coerente con le linee di
ricerca che gli sono proprie e con gli obiettivi del Sistema Sanitario Nazionale, è opportuno
sottolineare i principali prodotti di buon livello transazionale, coerente con la missione degli IRCCS.
Per quanto riguarda l’epilessia ci si è soffermati soprattutto sulle forme focali farmacoresistenti, sia
infantili che adulte, con la messa a punto di criteri diagnostici e prognostici della encefalite di
Rasmussen e sui correlati imaging clinici e neurofisiologici delle epilessie temporali che
costituiranno un elemento cruciale per pianificare interventi chirurgici. Due registri sono
particolarmente attivi, quello regionale sulla popolazione di pazienti affetti da epilessia, e quello
europeo sui farmaci antiepilettici in gravidanza che ora raccoglie più di 50 Centri nazionali e
internazionali.
Lo studio delle malattie autoimmuni ha permesso di confermare la possibile genesi immunitaria
dell’encefalite di Rasmussen e di approntare un nuovo approccio terapeutico con
immunoassorbimento che rappresenta una via di elezione nel trattamento delle malattie
immunologiche da autoanticorpi.
La ricerca genetica, che esprime il valore più significativo di Impact Factor, è stata in grado di
caratterizzare nuovi loci di malattia nelle mitocondriopatie, una ulteriore caratterizzazione
molecolare genetica delle distonie primarie, del Parkinson e delle atassie ereditarie incrementando
così la potenzialità diagnostica e le possibili correlazioni genotipo-fenotipo.
Le malattie neurodegenerative costituiscono un corpus di ricerca clinica, preclinica e sperimentale
tra i più avanzati e produttivi dell’Istituto, strettamente correlata alla ricerca genetica, affronta in
particolare i temi delle demenze degenerative e trasmissibili anche alla luce di possibili interventi
terapeutici che nella malattia da prioni assumono una prospettiva estremamente interessante. Lo
studio clinico fenomenologico, e particolarmente quello intervenzionale nelle sindromi
23
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 24
parkinsoniane e nelle distonie, ha identificato una serie di modelli operativi e di protocolli che
costituiscono la base per linee guida del trattamento neurochirurgico.
Sempre per quanto attiene alle applicazioni di chirurgia funzionale, un contributo di grande interesse,
originale e autoctono dell’Istituto, è costituito dal trattamento della cefalea a grappolo cronica
intrattabile che si sta confermando come strumento di elezione per dominare questa patologia.
L’ambito neuro-oncologico si concretizza in una attività coordinata clinico-sperimentale molto
produttiva, correlata ad un Registro, unico in Italia, corroborata da una attività di ricerca sperimentale
particolarmente rivolta al trattamento biologico e radioterapico.
Per quanto riguarda la neurochirurgia, oltre al tradizionale orientamento verso le lesioni vascolari e
neoplastiche del sistema nervoso ed ai già ricordati approcci di chirurgia funzionale per le malattie
neurodegenerative e le cefalee a grappolo, è da sottolineare la messa a punto di una tecnica di
emisferotomia funzionale, unica in Italia.
I contributi principali del Servizio di neuroepidemiologia sono legati ai Registri che fanno capo al
Servizio, al coordinamento di trials clinici e soprattutto alla formalizzazione di percorsi diagnosticoterapeutici delle malattie neurologiche di cui l’Istituto è leader naturale. È importante il contributo
che a tutto ciò perviene dall’intensa collaborazione con Cochrane, di cui l’Istituto è Centro di
riferimento.
24
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 25
DIREZIONE GENERALE
Graziano Arbosti
Commissario Straordinario
Graziano Arbosti si è laureato presso l’Università degli Studi di Milano nel 1963. S è specializzato
in Medicina del Lavoro presso l’Università degli Studi di Milano e in Igiene e Medicina Preventiva
presso l’Università degli Studi di Pavia.
Nel 2002 si è certificato in Formazione Manageriale presso la Scuola di Direzione in Sanità della
Regione Lombardia.
Dagli anni ’90 ha guidato le direzioni di diverse strutture sanitarie della regione Lombardia: Direttore
Generale dell’Azienda Ospedaliera San Carlo Borromeo di Milano, Vice Commissario e Direttore
Sanitario della A.O. Niguarda Ca’ Granda e successivamente Direttore sanitario della Direzione
Regionale per la Sperimentazione della Rete Ospedaliera di Milano.
Dal 2000 ad oggi è Commissario Straordinario dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico
Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta” di Milano.
È autore di più di 200 pubblicazioni, tra cui 18 monografie, su temi di igiene e medicina del lavoro
e di organizzazione sanitaria.
Segreteria di direzione
Gilda Nuzzolo – coordinatore
Alessandra Marasca
Susanna Salvadeo
Tel. 02.2394.310
Fax 02.2394531
E-mail: [email protected]
Uffici in Staff
Controllo di gestione
Ufficio Relazioni con il Pubblico
Qualità e Accreditamento
Formazione e didattica
Sistemi informativi e informatici
Mario Carletti
Vice Commissario
Il Vice Commissario, nominato dal Ministro della Salute, esercita le funzioni vicarie e sostituisce il
Commissario Straordinario, nel caso di assenza o impedimento, in tutte le sue funzioni compresa la
rappresentanza legale dell’Istituto.
Mario Carletti si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia nel 1980
e ha conseguito negli anni successivi le specializzazioni in Medicina dello Sport, Ortopedia e
Traumatologia, Medicina Aeronautica e Spaziale. È Direttore Sanitario dell’Ambulatorio di
Medicina Sportiva e componente del Comitato di Consulenza Scientifica dell’Istituto di Medicina
Sociale. Dal 2002 è Esperto di Gabinetto per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali,
membro della Commissione per le Politiche sanitarie in materia di Disabilità del Ministero della
Salute, membro della Commissione Interministeriale sullo sviluppo e l’impiego delle tecnologie per
25
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 26
l’informazione delle categorie deboli, componente e rappresentante del Consiglio Superiore di Sanità
in seno al Comitato Tecnico-Amministrativo. Sempre dal 2002 è Vice Commissario Straordinario del
Nucleo di valutazione dell’Istituto Nazionale Neurologico “C.Besta”.
Svolge attività di insegnamento in qualità di Professore a contratto in Fisiologia Umana presso le
Università degli Studi di Pavia, Insubria di Varese, Scuola di Specialità di Medicina dello Sport.
UFFICIO RELAZIONI COL PUBBLICO
Livia Malesani
In particolare cura la rilevazione e l’elaborazione periodica della qualità percepita degli utenti.
Gestisce le relazioni con il pubblico – URP: accoglie le segnalazioni e osservazioni del pubblico,
risponde al bisogno informativo e collabora per affrontare i disagi percepiti.
URP- Ufficio Relazioni col Pubblico
- Sportello: lunedì - venerdì: 10.30- 12.30
- Telefono: 02-2394292
lunedì - venerdì: 10.30 - 12.30
Segreteria telefonica 24 ore su 24
- Mail: [email protected]
CONTROLLO DI GESTIONE
Cinzia Desti- responsabile
Luigi Pignataro*
Rosanna Salvatore
Tel. 02.2394.715 o 553
Fax 02.2394531
E-mail: [email protected]
L’attività di controllo di gestione supporta la Direzione e le diverse Unità Operative fornendo, in
termini analitici, indicazioni utili all’andamento dell’attività valutando ricavi e costi associati nel
rispetto dalla normativa vigente.
In particolare per assolvere alla propria funzione presidia l’andamento economico-gestionale
dell’Azienda attraverso un monitoraggio stretto, il budget e la reportistica interna ed esterna.
SISTEMI INFORMATIVI E INFORMATICI
Andrea Migliaro- responsabile
Rocco Zagari
Tel. 02.2394-303
Fax 02.2394531
E-mail: [email protected] - [email protected]
Il sistema informativo-informatico integra attività di sviluppo del sistema tecnologico aziendale con
la gestione ordinaria della strumentazione anche finalizzata a scopi assistenziali.
Partecipa alla pianificazione di alcune sperimentazioni fondamentali per la Telemedicina e la
evoluzione del sistema informativo sociosanitario -SISS.
26
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 27
Cura lo sviluppo del sistema per garantire:
- metodologia di produzione di dati
- coerenza e veridicità delle informazioni
- protezione e sicurezza dei flussi informativi.
FORMAZIONE e AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE
Angelo Sghirlanzoni – responsabile
Luisella Sangalli
Tel. 02.2394.547
Fax 02.2394547
E-mail: [email protected]
L’area di staff si dedica alla formazione e alla didattica.
Il servizio identifica il fabbisogno formativo del personale sanitario e amministrativo per poi
pianificare e organizzare il Piano di Formazione Aziendale.
Si occupa in particolare di elaborare e attuare eventi formativi nella programmazione di educazione
continua per gli operatori sanitari
QUALITÀ E ACCREDITAMENTO
Alberto Maspero - responsabile
Monica Lazzaroni
Manuela Rosiglioni
Chiara Sarati*
Tel. 02.2394-373
E-mail: [email protected]
L’ufficio promuove l’analisi dei processi ed il loro monitoraggio in conformità alla norma UNI EN
ISO 9001-2000. Interviene nell’identificazione degli indicatori di efficacia ed efficienza per il
sistema di accreditamento istituzionale. Partecipa attivamente al lavoro dei gruppi di miglioramento
che lavorano su specifici argomenti. È l’interfaccia istituzionale per la qualità tra l’Alta Direzione e
i Referenti per la qualità delle Unità Operative.
PREVENZIONE E PROTEZIONE
Alberto Maspero - responsabile
Francesca Andreetta
Dario Caldiroli
Salvatore Castorina
Elena Corsini
Vittorio Cucchi
Elio D’Onofrio
Laura Fariselli
Teresa Longo
Chiara Sarati*
Consulenti esterni della Fondazione “S. Maugeri” di Pavia
Tel. 02.2394-456
E-mail: [email protected]
27
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 28
Il Servizio Prevenzione e Protezione provvede, individuati i fattori di rischio, all’elaborazione del
Documento di Valutazione dei Rischi e del Piano di Emergenza e valuta le misure utili a
salvaguardare la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto delle normative vigenti.
Collabora a predisporre procedure operative attinenti la sicurezza; studia misure preventive e
protettive; organizza corsi di formazione e informazione dei lavoratori mirati soprattutto a formare
personale qualificato nella lotta antincendio e nella gestione dell’emergenza. Il Servizio Prevenzione
e Protezione si avvale delle competenze specifiche dei suoi componenti e di esperti esterni
specializzati in Igiene Ambientale e Tossicologia Industriale.
28
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 29
DIREZIONE AMMINISTRATIVA
Roberto Pinardi
Direttore Amministrativo
Roberto Pinardi si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano nel 1980 e
ha conseguito la specializzazione in management sanitario presso l’Università “L. Bocconi”.
Nel 1979 diventa funzionario regionale e dal 1992 fino al 1997 è Direttore Amministrativo
dell’ospedale “V.Buzzi” di Milano. In ambito USSL ha assunto incarichi di governo e di gestione
per l’assetto organizzativo e la contrattazione con funzioni vicarie al Commissario Straordinario
Dal 1998 al 2001 è Dirigente Amministrativo per la A.O. Istituti Clinici di Perfezionamento. Dal
2001 ad oggi è Direttore Amministrativo Aziendale dell’istituto Nazionale Neurologico “C.Besta” di
Milano, con compiti di programmazione strategica e di indirizzo delle attività dell’Istituto con
particolare responsabilità nella gestione economica e finanziaria e di revisione dei processi
organizzativi.
È componente della Segreteria Tecnica per la redazione dell’Accordo di Programma del nuovo
Istituto Besta
È autore di articoli di interesse giuridico pubblicati su riviste specializzate
Segreteria di direzione
Gilda Nuzzolo – coordinatore
Alessandra Marasca
Susanna Salvadeo
Paola De Vizzi
Tel. 02. 2394-310
Fax 02.2394531
E-mail: [email protected]
STAFF
Direttori di U.O.
Responsabili di Ufficio
Ufficio Affari Generali e Legali
U.O. Provveditorato –Economato
U.O. Risorse Umane
U.O. Funzioni tecniche
U.O. Economico-Finanziario
U.O. Segreteria Generale
PROVVEDITORATO- ECONOMATO
Tel. 02.2394.323
E-mail: [email protected]
Acquisizione di beni e servizi, gestione servizi economali (portierato, centralinisti, magazzinieri ecc.)
Direttore: Piergiorgio Berni
29
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 30
Segreteria
Raffaella Staropoli
Ufficio ordini
Sebastiano Nastasi
Patrizia Rossoni
Maria Pia Voza
Tina Giacchi
Gestione Fatture
Simona Invernizzi
Lisa Cargniello
Elisa Benzoni
Gestione Albo fornitori
Patrizia Molaschi
Ufficio Gare
Franco Mauro
Anna Ettini,
Daniele Perobelli
Ufficio Economato
Vittorio Cucchi
Teresa Perriello
AFFARI GENERALI E LEGALI
Tel. 02.2394311
Fax 02.70638217
La Struttura svolge attività di consulenza e di supporto operativo alla Direzione Amministrativa.
Gestisce il contenzioso legale e cura la predisposizione di convenzioni, tirocini formativi e
protocolli per la ricerca finalizzata. Ha la gestione delle polizze assicurative e delle istruttorie per
il diritto di accesso alla documentazione (ex L.241/90). Redige i regolamenti e coordina la
formazione e l’ informazione legislativa per l’intera organizzazione. Gestisce il Protocollo.
Responsabile: Sandra Bazzoni
Area legale
Angelo Carnelli
Convenzioni
Maria Teresa Pisani
Tina Sangermano
Protocollo
Savina Zecchini
Fattorini e autisti
Vincenzo De Santis
Salvatore Liccardo
30
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 31
ECONOMICO FINANZIARIA
Tel. 02.2394.320
Fax 02.2394.527
E-mail: [email protected]
La Unità Operativa si occupa prevalentemente della gestione di tutti i flussi finanziari dell’Istituto,
di entrata e di uscita, e attraverso la contabilità economico – patrimoniale provvede alla stesura dei
bilanci d’esercizio, preventivi e consuntivi, trasmettendo ulteriori report nel corso dell’anno sia alla
Regione che ai Ministeri.
Provvede alla contabilizzazione di tutta l’attività di ricerca sia corrente che finalizzata, agli
adempimenti fiscali e ai relativi versamenti periodici, contabilizza tutta l’Attività Libero
Professionale.
Direttore: Savino Lorusso
Segreteria e gestione
Attività di ricerca
Cinzia Gervasi
Rosario Aliberti
Settore Fornitori e Consulenze
Luca Galimberti
Stefano Dones
Gestione delle Entrate e Libera Professione
Elena Sedoni
Ersilia Lombardo
Gestione di Tesoreria
Sperimentazioni e Patrimonio
Anna Peluzzi
FUNZIONI TECNICHE
Tel. 02.2394325
Fax 02.2394359
E-mail: [email protected]
La Unità Operativa si occupa della gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura
e delle apparecchiature dell’Istituto.
Vigila sugli aspetti della sicurezza nel rispetto delle regole normative, controlla le apparecchiature e
programma gli interventi tecnici e di fornitura.
Direttore: Giampaolo Porta
Elio D’Onofrio
Vincenzo Moretti
Claudio Di Lallo
Franca Lorenzi
Sandro Naso
Ivano Pezzera
Gaetano Castelli
31
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 32
Danilo la Fauci
Giuseppe Lombardi
Luigi Nardella
Fabio Formenti
Angelo Garozzo
Simona Rabotti
RISORSE UMANE
Tel. 02.2394261
Fax 02.2394533
E-mail: [email protected]
Rientrano nelle funzioni dell’UO l’istruttoria dei provvedimenti della Direzione generale o
l’adozione di determinazioni del Direttore Risorse Umane, relativi ai concorsi, e altri rapporti di
lavoro e borse di studio, ai trasferimenti e alla mobilità, alle procedure di valutazione, alla
progressione di carriera, ai procedimenti disciplinari, al riconoscimento di permessi e aspettative, al
trattamento economico fisso e all’applicazione dei sistemi incentivanti, alla cessazione dei rapporti
di lavoro e alla gestione del contenzioso del lavoro. Fornisce supporto di staff alla Direzione
Generale per le relazioni sindacali e la con
Attività di ricerca
È stato intrapreso uno studio sperimentale di individuazione di popolazioni e famiglie professionali
finalizzato ad una classificazione del personale dell’Istituto, autonoma ed originale, con l’obiettivo
di definire, potendo disporre di elementi nuovi di focalizzazione del ruolo, un percorso di formazione
e fattori di valutazione. È in corso anche un progetto di ricerca relativo all’applicabilità di contratti
di lavoro alternativi. Con il progetto di ricerca ci si pone l’obiettivo di analizzare le varie tipologie
contrattuali recentemente modificate ed ampliate con la legge Biagi verificandone la loro
applicabilità, sia da un punto di vista giuridico che di convenienza e di opportunità, agli IRCCS.
Direttore: Marco Losi
STAFF
Segreteria
Daniela Sfameni
Sabrina Carrirolo
Barbara Lulla
Settore giuridico
Rossella Messe
Gestione presenze
Flora Mancini
Nadia Bonazzi
Settore stipendi e previdenza
Concetta Trappa
Maria Luisa Cappello
Anna Maria Casulli
Borse di studio, contratti e concorsi
Cristiana Gatti
Matteo Andreola
32
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 33
DIREZIONE SCIENTIFICA
Direttore: Ferdinando Cornelio
Gennaio-Ottobre 2002: Direttore Scientifico Stefano Di Donato.
Ferdinando Cornelio si è laureato presso l’Università degli Studi di Milano nel 1964 e si è
specializzato in Malattie Nervose e Mentali presso l’Università degli Studi di Milano nel 1968. Negli
anni ’80 è stato Professore di Neurobiologia presso il Neurological Institute della Columbia
University. È Vicepresidente della Federazione delle Società Scientifiche (FISM); è Presidente
dell’International Myasthenia Gravis Foundation (IMG). Il suo ambito culturale e di ricerca è
orientato alle malattie neuromuscolari e autoimmuni e all’innovazione gestionale in ambito sanitario.
In Istituto è stato Direttore Sanitario, Direttore della U.O. Malattie Neuromuscolari, Direttore del
Dipartimento di Neuroscienze Cliniche. Dal novembre 2002 è stato nominato Direttore Scientifico.
Segreteria di Direzione
Tel. 02 2394335
Tel. 02 2394498
Fax 02 2363973
eMail: [email protected]
Strutture complesse
U.O. Neuroepidemiologia
Tel. 02 2394381
Servizi
Ricerca europea e internazionale
Tel. 02 2394511/498
Fax 02 2363973
Clinical Trial Center
Tel. 02 2394496
Fax 02 2363973
Biblioteca
Tel. 02 2394339
Collaboratori
Ufficio di Staff
Roberto Spreafico
Matilde Leonardi
Donatella Panigada
Loredana Vincenzi
Vice Direttore Scientifico
tel. 022394335/498
[email protected]
Resp. Collaborazioni internazionali
e Progetto Disabilità
tel. 02 2394511
[email protected]
Assistente Amministrativo
tel. 02 2394498
[email protected]
Assistente Amministrativo
tel. 02 2394335
[email protected]
33
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 34
Clinical Trial Center
Guido Storchi
Resp Clinical Trial Center
tel. 02 2394496
[email protected]
U.O. di Neuroepidemiologia
Graziella Filippini
Resp. S.O. Neuroepidemiologia
tel. 02 2394381
[email protected]
Alessandra Solari
Neurologo, Neuroepidemiologia
tel. 02 2394381
Mariangela Farinotti Tecnico testista, Neuroepidemiologia
Clara Politi
Borsista, Neuroepidemiologia
Giuseppina Ferrari
Borsista, Neuroepidemiologia
Liliana Coco
Borsista, Neuroepidemiologia
Rita Farina
Borsista, Neuroepidemiologia
Deirdre Beecher
Consulente, Neuroepidemiologia
Gabriella Cazzaniga Consulente, Neuroepidemiologia
Roberta Lovati
Consulente, Neuroepidemiologia
Biblioteca Scientifica
Saba Motta
Responsabile Biblioteca
tel. 02 2394339
Alessandra Atterrato Coll bibliotecario (a contratto)
Rosalind Hendrichs Coll bibliotecario (a contratto)
[email protected]
Ricerca e relazioni nazionali e internazionali e Progetto Disabilità
Responsabile: Matilde Leonardi
Ricerca internazionale e partecipazione al VI programma Quadro di Ricerca Europea
Il lavoro di coordinamento e di sviluppo di una strategia europea per l’Istituto svolto dalla Direzione
Scientifica a livello dell’Unione Europea nel 2002 si è caratterizzato dalla partecipazione a diversi
meetings proposti dal Ministero della Salute per sviluppare la strategia nazionale di ricerca e di
numerosi contatti con l’ufficio internazionale della Regione Lombardia.
Il coordinamento interno ha visto la partecipazione di tutti i responsabili di progetti di ricerca del V
Programma Quadro, aderire alla strategia di lavoro proposta per il VI PQ. La direzione Scientifica
aggiorna sull’uscita dei bandi, trasferisce informazioni relative ai contenuti dei diversi workprograms, ha selezionato una agenzia di riferimento per la parte di gestione esterna amministrativa
Nel Novembre 2002 l’Istituto ha vinto un bando di partecipazione anche con uno stand, previa
selezione della Commissione, alla Conferenza di lancio del 6 Programma Quadro a Bruxelles, ed è
risultato essere l’unico Istituto Italiano, oltre al Ministero della Salute, presente.
Nel 2002 è cominciata una campagna interna di sensibilizzazione ai nuovi obiettivi proposti dall
Commissione Europea nell’ambito della ricerca ed è stata promossa la partecipazione dei ricercatori
alle fasi di selezione come esperti valutatori.
La Direzione Scientifica collabora dal 2001 in maniera sistematica, con le strutture organizzative
internazionali per la neurologia e le neuroscienze, sia scientifiche che laiche infatti continua a
sviluppare contatti con organismi di ricerca e associazioni come la European Brain Council,
European Federation Neurological Association e con l’Organizzazione Mondiale della Sanità.
34
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 35
Progetto Disabilità.
Uno dei principali obiettivi di lavoro del progetto disabilità coordinato dall Dr.ssa Leonardi è
l’introduzione in Italia della nuova Classificazione dell’OMS: ICF (International Classification of
Functioning Disability and Health) e dei principi ad essa correlati. Favorendo e promuovendo questo
lavoro di coordinamento, l’Istituto riconosce alla disabilità la valenza di un settore su cui, alla luce
anche dell’ICF, si possono sviluppare aree di ricerca specifica con un approccio innovativo. Proprio
il lavoro di introduzione in Italia dell’ICF, come strumento di misura della salute e della disabilità,
fa si che nel panorama nazionale l’Istituto si posiziona al centro delle azioni di promozione dell’ICF
e dello sviluppo di strategie per verificare l’applicabilità dell’ICF, e delle tematiche su salute e
disabilità ad esso collegate, in tutto il settore della neurologia, adulti e bambini
L’Istituto ha partecipato alla Conferenza mondiale di Trieste WHO Conference on Health and
Disability nell’aprile 2002 organizzata e coordinata, tra gli altri, dalla Dr.ssa Leonardi.
La Dr.ssa Leonardi nel settembre 2002 è stata nominata membro esperto del Ministero del Welfare
nell’Organismo Nazionale di Coordinamento per l’Anno Europeo delle Persone con disabilità 2003
e questo ha permesso di intensificare la collaborazione dell’Istituto sulle tematiche legate alla
“disabilità” con i Ministeri della Salute e del Welfare, con le Regioni Italiane, in particolare con la
Lombardia, con tutte le Organizzazioni Non Governative dei pazienti neurologici e con gli esperti
del settore.
Pubblicazioni selezionate
1. Organizzazione Mondiale della Sanità. ICF: Classificazione Internazionale del
Funzionamento della Disabilità e della Salute. (2002) Edizione Italiana a Cura di Matilde
Leonardi. Erickson Edizioni, Trento
2. Leonardi M., Ustun T.B. (2002). The Global Burden of Epilepsy. Epilepsia 43 (Suppl. 6) 2125,2002 . Blakwell publishing.
Attività didattica
Professore a contratto presso l’Università degli Studi di Ancona, Scuola Specialita in Fisiatra.
Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Unità di Neuroepidemiologia
Responsabile: Graziella Filippini
Le attività di ricerca clinica sono indirizzate ad alcuni obiettivi principali. Il primo è la produzione
di revisioni sistematiche della letteratura sulla accuratezza degli esami diagnostici e sulla efficacia
dei trattamenti nelle malattie neurologiche. L’Unità opera nella collaborazione Cochrane ed è la sede
editoriale del gruppo di revisione sulla sclerosi multipla. Questo gruppo si è costituito nel 1998 e si
occupa della conduzione e diffusione di revisioni sistematiche degli studi sulla prevenzione delle
ricadute e della progressione della disabilità, il trattamento delle ricadute, i trattamenti sintomatici,
palliativi e la riabilitazione. Il secondo obiettivo è la produzione di percorsi diagnostici e terapeutici
per le malattie neurologiche, incluse le malattie rare, basati sulla medicina delle prove. Il terzo
obiettivo riguarda la ricerca sugli outcome e in particolare le attività di traduzione-adattamento
culturale, validazione clinica e applicazione di misure di disabilità e di qualità della vita (QOL) nelle
malattie neurologiche. Un settore specifico di questa unità è dedicato al Registro Tumori dell’Istituto.
Attività di ricerca
Revisioni sistematiche Cochrane (Sclerosi Multipla): questa attività di ricerca vanta numerose
collaborazioni internazionali. Le revisioni sistematiche oltre a rappresentare le migliori fonti di dati
35
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 36
per la produzione di linee guida e di percorsi diagnostici e terapeutici, forniscono la base scientifica
per la realizzazione di nuovi studi clinici controllati. Le revisioni pubblicate dal gruppo sono
suddivise in base agli obiettivi degli interventi:
• Ridurre la frequenza delle ricadute
• Prevenire la progressione della disabilità
• Fornire un trattamento per i sintomi
• La riabilitazione
Il gruppo Cochrane SM ha pubblicato 8 revisioni e 12 protocolli. Nel 2003, the Lancet ha pubblicato
la revisione sugli interferoni beta nel trattamento della sclerosi multipla a decorso remittente e ha
dato ampio spazio al dibattito su questo argomento. Le revisioni sono pubblicate in Cochrane Library
(www.update-software.com/Cochrane/default.htm). Il progetto prevede inoltre l’aggiornamento del
Registro dei trial clinici, che attualmente include 1.316 studi randomizzati o controllati.
La qualità della vita delle persone con Sclerosi Multipla: I – Database Italiano dell’MSQOL54; II – Indagine longitudinale nella provincia di Milano: gli strumenti per la stima della QOL
sono essenziali per il monitoraggio dei pazienti e per valutare l’efficacia dei trattamenti. Tali misure
sono inoltre destinate a divenire parte integrante degli strumenti impiegati per la definizione delle
linee guida e nella pianificazione della politica sanitaria.
I - Database dell’MSQOL-54: dalla sua pubblicazione nel 1999, la versione italiana del 54-item MS
Quality of Life (MSQOL-54) è stata impiegata in decine di studi ed in oltre 1000 pazienti (Solari
1999). È stato attivato un database di questi studi per verificare le proprietà psicometriche del
questionario in un dataset ampio e rappresentativo della popolazione italiana, e fornire indicazioni
documentate per l’impiego dell’MSQOL-54 in ambito assistenziale e di ricerca.
II - Indagine longitudinale. A cinque anni da un’indagine postale conoscitiva su un campione
rappresentativo delle persone con SM residenti nella provincia di Milano, sarà rivalutata la coorte per
determinare l’evoluzione della malattia e l’impatto su QOL, attività familiari, sociali e stato
occupazionale.
Sclerosi laterale amiotrofica: si tratta di un progetto multicentrico finalizzato del Ministero della
Salute che abbiamo coordinato presso 11 centri italiani e che ha avuto come obiettivo la valutazione
prospettica della qualità e dei costi della assistenza ai pazienti con sclerosi laterale amiotrofica
(SLA). La SLA è una malattia degenerativa rara. In termini di benefici ai pazienti, la qualità di vita
(QOL) rappresenta una dimensione cruciale e in termini di costi vi è un uso considerevole di risorse
al di fuori dell’ospedale. Non vi sono studi in Italia sulla qualità e i costi per i pazienti con SLA. Le
questioni poste erano:
1 Le unità di cura multidisciplinari forniscono benefici e miglioramento di esiti clinici rilevanti
superiori rispetto alle unità di cura tradizionali ?
2 Come si confrontano unità multidisciplinari e unità tradizionali in termini di uso delle risorse?
I risultati indicano che la malattia ha un impatto globale sullo stato di salute in quanto, in tutti i
domini della QOL, i pazienti hanno punteggi significativamente inferiori a quelli della popolazione
generale di età simile. La QOL dei pazienti diminuisce significativamente e i costi aumentano con
l’aumentare della gravità (stadio) della malattia. Le unità di cura multidisciplinari hanno una
proporzione maggiore di pazienti in stadio avanzato della malattia rispetto alle unità tradizionali;
tuttavia, la differenza dei costi tra i due modelli di assistenza non è diversa. Le unità di cura
multidisciplinari hanno risultati migliori per gli esiti (QOL) nei pazienti in stadi intermedi di malattia
rispetto alle unità tradizionali. Sia le unità multidisciplinari che quelle tradizionali non hanno rapporti
di coordinamento o di collaborazione programmati e continuativi con i servizi del territorio e con i
medici curanti. Questa osservazione porta ad ipotizzare che le unità ospedaliere perdano i malati
negli stadi avanzati della malattia e che la cura a questi malati gravi completamente sui servizi del
territorio e sulle famiglie.
36
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 37
Percorsi diagnostici e terapeutici: la definizione maggiormente citata di percorso diagnosticoterapeutico è un iter di esami e terapie condiviso da tutti i medici che trattano una certa patologia e
adattato alle situazioni locali, sulla base di una linea guida o di una revisione sistematica della
letteratura scientifica (per quanto disponibili). Oltre a rappresentare uno strumento di aiuto ai medici
e agli operatori sanitari per prendere decisioni diagnostiche e terapeutiche appropriate nell’interesse
della salute dei pazienti e del sistema sanitario, i percorsi rappresentano uno strumento di
autovalutazione dell’attività e di verifica dei risultati conseguiti in rapporto alle risorse impiegate.
Essi forniscono anche la base più adeguata per migliorare l’informazione al paziente e alla famiglia.
Che le migliori conoscenze scientifiche vengano rapidamente trasferite dalla ricerca alla pratica
clinica e poi applicate è interesse prioritario dei pazienti e della società nel suo complesso. Da qui
l’interesse per i percorsi diagnostico-terapeutici da parte dei medici ma anche da parte di coloro che
si occupano di valutazione e programmazione dei servizi sanitari.
I risultati di una ricerca precedente dimostrano che, per quesiti diagnostico-terapeutici rilevanti
nell’area neurologica, o non esistono linee guida pubblicate o, se esistono, non hanno i requisiti
metodologici essenziali oppure non sono aggiornate. A questo scopo abbiamo iniziato una attività di
ricerca clinica con l’obiettivo di costruire percorsi diagnostico terapeutici clinici nei settori di attività
più rilevanti in Istituto.
Ricerca sugli outcome: la rilevanza delle misure di qualità della vita (QOL) nei processi di
approvazione dei farmaci è in continua crescita presso le maggiori istituzioni responsabili (NICE in
UK e FDA negli US). Abbiamo validato o applicato le seguenti misure: l’intervista Schedule for
Evaluation of Individual Quality of Life (SEIQOL-DW) una misura individuale di QOL e il
questionario SF-36 in studi sulla sclerosi laterale amiotrofica e sui tumori cerebrali; l’edizione
italiana dell’MSQOL-54, del Chicago Multiscale Depression Inventory, e due batterie
neuropsicologiche brevi per la stima del deficit cognitivo nella SM. È stato inoltre implementato un
database italiano dell’MSQOL-54 con studio longitudinale. Sono stati completati gli studi di
riproducibilità inter- ed intraesaminatore nella stima della forza mediante miometro nei pazienti con
atrofia muscolare spinale e gli studi sulle scale di disabilità e qualità della vita in collaborazione con
il Centro Cefalee dell’Istituto.
Unità Centrale di randomizzazione per le sperimentazioni cliniche controllate: le
sperimentazioni cliniche controllate rappresentano il gold standard per la valutazione di efficacia
degli interventi terapeutici. L’unità centralizzata di randomizzazione ha proceduto alla
randomizzazione dei seguenti trial multicentrici: (1) Spinal muscular atrophy randomised controlled
trial (SMART); (2) Interferone beta vs. azatioprina nei pazienti con SM; (3) Riabilitazione cognitiva
assistita dal computer nei pazienti con SM (CRIMS trial), e dei seguenti trial interni all’Istituto: (4)
ACNU vs. temodal nelle recidive da glioblastoma; (5) trattamento add-on con talidomide nei
glioblastomi; (6) Idebenone nell’ atassia di Friedreich. L’analisi statistica dei trial 1,3,6 è stata
condotta presso l’unità stessa.
Registro Tumori dell’Istituto Neurologico Carlo Besta: include tutti i tumori del sistema nervoso,
maligni e benigni, adulti e pediatrici, ricoverati in Istituto dal 1 Gennaio 1997. Il sistema operativo è
standardizzato sui criteri dell’European Cancer Registry Network. La banca dati è in linkage con la
banca dei tessuti della unità di Neuropatologia e con la banca dati dei referti istologici. Il Registro
include dati anagrafici e clinici, tipo istologico, interventi, trattamenti di radioterapia e di chemioterapia. Lo stato in vita dei pazienti è aggiornato semestralmente contattando le anagrafi dei comuni
di residenza. Al 31 Dicembre 2002 sono stati inclusi 4934 casi di tumori primitivi cerebrali e spinali e di metastasi, con una implementazione dell’89% nell’ultimo anno. I tumori maligni rappresentano il 60% di tutti i pazienti inclusi, che rappresenta una proporzione simile a quella riportata nel database US CBTRUS di popolazione. La sopravvivenza mediana è 18 mesi (IC 95% 16-19 mesi) e le
probabilità di sopravvivenza sono 69% (67-71) e 38% (36-40), rispettivamente a 1 anno e a 2 anni.
37
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 38
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
Rice GP, Incorvaia B, Munari L, Ebers G, Polman C, D’Amico R, Filippini G Interferon in relapsingremitting multiple sclerosis Cochrane Database Syst Rev 2003;(4):CD002002. Comment in: ACP J
Club. 2002 May-Jun;136(3):104.
G. Filippini, P Maisonneuve, M McCredie, R Peris-Bonet, B Modan, S Preston-Martin, B Mueller,
EA Holly, S Cordier, NW Choi, J Little, A Arslan, P Boyle. Relation of childhood brain tumors to
exposure of parents and children to tobacco smoke. The SEARCH international case-control study.
Int J Cancer 100:206-13;2002
G. Filippini. Preventing Alzheimer’s disease through a change in diet: a feasible research. Epidemiol
Prev. 26(3):106;2002
Solari A, Mancuso L, Motta A, Mendozzi L, et al. Comparison of Two Brief Neuropsychological
Batteries in People with Multiple Sclerosis. Multiple Sclerosis 2002;8(2):171-178
Solari A. Utilità della riabilitazione motoria nelle persone con sclerosi multipla. J Neurol Sci
2002;23: S139-S142
D’Amico D, Rigamonti A, Solari A, et al. Health-related quality of life in patients with cluster
headache during active periods. Cephalalgia 2002;22(10):818-821
Il Clinical Trial Center
Responsabile: Guido Storchi
È stato Istituito nel marzo del 2001 come struttura organizzativa indipendente nell’ambito della
Direzione Scientifica.
Il Centro è responsabile, in collaborazione con le Divisioni Cliniche, della gestione e del
coordinamento delle attività di Sperimentazione Clinica che si svolgono in Istituto.
Svolge inoltre funzione di interfaccia nei confronti dell’Industria Farmaceutica ed in generale del
mondo imprenditoriale privato.
“Missione” del Centro è promuovere e garantire le condizioni di base per la conduzione degli studi
clinici nonché il coordinamento ed il supporto alla gestione delle attività che devono essere messe in
atto presso l’Istituto, anche interagendo con il Comitato Etico, dalla pianificazione al reporting degli
studi clinici, nel rispetto dei principi stabiliti dalla convenzione di Helsinki e delle GCP (Good
Clinical Practice, Buona Pratica Clinica).
A tale scopo assicura la funzione di “trial coordination” e data management locale.
Il Centro promuove inoltre, a livello dei Ricercatori che operano nell’ Istituto, la coscienza della
necessità di proteggere la proprietà intellettuale, facendo in modo che sia garantita la possibilità di
ottenere brevetti a nome dell’Istituto.
Svolge inoltre attività di consulenza e supporto regolatorio ai Clinici ed al Comitato Etico.
Il Responsabile del Clinical Trial Center interagisce strettamente con il Comitato Etico, di cui svolge
funzione di Segreteria Scientifica, e partecipa alle sue riunioni senza diritto di voto.
38
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 39
Attività svolte / avviate nel corso del 2002:
Aggiornamento di procedure: Conduzione delle Sperimentazioni Cliniche, Consenso informato;
• Inizio della realizzazione ed alimentazione del Database degli Studi Clinici, quale strumento di
follow-up del loro andamento e di controllo dell’adempimento, da parte dei Clinici, degli obblighi
di reporting nei confronti del Comitato Etico e delle Autorità Regolatorie;
• Redazione di reports sull’andamento delle attività di sperimentazione clinica farmacologica per la
Direzione dell’Istituto, la Regione Lombardia ed il Ministero della Salute;
• Interazione e collaborazione con il Comitato Etico: esame preliminare delle domande di Giudizio
di Notorietà e dei protocolli di Sperimentazione Clinica e relativi moduli di consenso informato;
riscrittura del suo Statuto e Regolamento per adeguarlo alle normative vigenti e man mano emesse;
• Follow-up della regolamentazione della Ricerca Clinica;
• Supporto agli Sperimentatori nella stesura di Protocolli di Sperimentazione clinica mediante
elaborazione di una prima bozza di Template di Protocollo Clinico, completo ed in regola con i
requirements delle GCP, da usarsi come traccia per la scrittura dei protocolli originati all’interno
dell’istituto;
• Follow-up di delibere e convenzioni relative agli studi clinici sui nuovi farmaci;
• Partecipazione al Gruppo di Studio per la realizzazione di un Database Clinico di Istituto;
• Valutazione del mercato della Ricerca Clinica su nuovi farmaci in Italia;
• Contatti con Farmindustria e con numerose Aziende Farmaceutiche e follow-up dello sviluppo di
farmaci di interesse neurologico.
Biblioteca scientifica
Responsabile: Saba Motta
La Biblioteca dell’Istituto, dotata di un patrimonio librario considerevole, è specializzata nel campo
delle neuroscienze ed adempie le esigenze di studio ed aggiornamento di medici, ricercatori,
studenti, sia interni che esterni.
Dal 1994 la Biblioteca è Polo erogatore e tra i fondatori del Sistema Bibliotecario Biomedico
Lombardo (SBBL), progetto finanziato dalla Regione Lombardia con l’obiettivo di realizzare una
biblioteca virtuale per la sanità, raggiungibile e fruibile da tutti i professionisti della regione
attraverso Internet. È un Sistema fra i più avanzati per la distribuzione dell’informazione biomedica,
la formazione e la produzione di conoscenze.
Nell’ambito dello sviluppo dei processi di integrazione e condivisione delle risorse documentarie, la
Biblioteca ha presentato, in una riunione svoltasi alla fine dell’anno presso Ministero della Sanità,
una proposta di estensione del modello lombardo a livello nazionale, gettando le basi del progetto
BIBLIOSAN, volto alla realizzazione di una Rete di cooperazione tra le Biblioteche degli IRCCS ed
Enti di Ricerca, che permetterà la riorganizzazione e razionalizzazione dei servizi bibliotecari,
attraverso l’interscambio di documentazione scientifica e l’acquisto consortile di risorse elettroniche.
Natura e compito della Biblioteca Scientifica è quello di favorire il recupero dell’informazione
biomedica e l’accesso al patrimonio librario, con l’obiettivo di offrire supporto alle attività più
importanti dell’Istituto, la clinica e la ricerca.
A tal fine la Biblioteca nel corso del 2002 ha svolto le seguenti attività:
• Acquisire, catalogare e conservare le collezioni monografiche e periodiche su supporti cartacei ed
elettronici. L’incremento delle collezioni bibliografiche avviene attraverso abbonamenti, acquisti,
donazioni e attività consortili con SBBL, queste ultime soprattutto per la consultazione a circa
2000 riviste online a testo completo.
La consistenza più importante è data dai periodici, 450 testate di cui 260 attive, per la maggior
parte internazionali e indicizzate, con una copertura disciplinare rappresentata dalla neurologia
clinica e sperimentale, neuropsichiatria infantile e pediatria, neurochirurgia, neuroradiologia,
anestesia; le monografie sono più di 2700.
39
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 40
• Assicurare l’accesso alle collezioni della biblioteca attraverso il Catalogo elettronico e cartaceo.
Il Catalogo dei Periodici è disponibile nella pagina Web della Biblioteca (http://www.istitutobesta.it/biblioteca.htm); partecipa inoltre alla gestione online del Catalogo Collettivo dei Periodici
SBBL (http://sbbl.cilea.it/).
• Assicurare l’accesso all’informazione sia a livello nazionale che internazionale, attraverso uno
scambio di documenti con altre biblioteche. A questo proposito la Biblioteca è dotata di un servizio
di Document Delivery, completamente automatizzato e gestito in Internet, che ha il compito di
recuperare e trasmettere il documento, attraverso uno scambio interbibliotecario.
Nel 2002 la Biblioteca ha inviato più di 3800 articoli a biblioteche locali e nazionali contro poco
meno di 950 richiesti ad altri centri di documentazione. Ciò dimostra l’interesse che riveste il suo
patrimonio nei confronti dell’esterno e il persistere della posizione di creditrice in questo settore.
• Assistere e guidare gli utenti al recupero delle informazioni bibliografiche nei diversi percorsi di
ricerca attraverso l’uso di Banche Dati.
Il Sistema Bibliotecario Biomedico Lombardo (SBBL) mette a disposizione delle Biblioteche
convenzionate e del personale interno dell’Istituto, alcune fra le banche dati più importanti a livello
internazionale: Medline, Cancerlit, Healthstar, Embase, Cochrane Library, Cinahl. Per la
valutazione dei prodotti della ricerca attraverso un’analisi biometrica (impact factor), il ricercatore
dispone di un’altra banca dati, Journal Citation Report.
• Formare ed aggiornare gli utenti all’uso delle risorse informative biomediche. La Biblioteca
organizza periodicamente corsi sul migliore utilizzo di banche dati, riviste elettroniche, Internet,
SBBL.
40
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 41
COMITATO ETICO
dell’Istituto Nazionale Neurologico
Il Comitato Etico dell’Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta”, insediato nel gennaio 1997, è
un organismo indipendente composto secondo criteri di interdisciplinarietà, organo di consultazione
e di riferimento per ogni problema di natura etica che si possa presentare in Istituto nell’ambito della
Pratica Clinica e della Ricerca Biomedica.
In particolare esprime pareri in merito alla valutazione degli aspetti scientifici, metodologici ed etici
ed delle Sperimentazioni Cliniche, esprime i giudizi di notorietà dei farmaci ed approva i Protocolli.
Il Comitato Etico fa parte del Coordinamento dei Comitati di Bioetica.
La composizione ed il Regolamento del Comitato Etico sono adeguati ai dettami del D. M. 18 marzo
1998 “Linee Guida di riferimento per l’Istituzione ed il funzionamento dei Comitati Etici”.
Con l’eccezione dei membri “ex officio” (Direttore Scientifico, Direttore Sanitario, Farmacista
Ospedaliero) tutti i membri sono figure esterne all’Istituto.
I membri del Comitato Etico dell’Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta” sono individuati in
modo da garantire le qualifiche e l’esperienza necessarie a valutare gli aspetti etici e
scientifico/metodologici degli studi proposti. Per l’anno 2002 la composizione è la seguente:
1. Prof. Eugenio Müller, Presidente, Professore Ordinario di Farmacologia - Università degli Studi
di Milano
2. Dott.ssa Irene Floriani, Vice Presidente, Ricercatrice – Ist. di Ricerche Farmacol “Mario Negri”
– Milano
3. Dott. Ettore Beghi, Capo Unità Malattie Neurologiche del Laboratorio di Farmacologia Clinica,
Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” - Milano
4. Dott. Vittorio Crespi, Primario U.O. Neurologia - Ospedale di Vimercate (Milano), Presidente del
Comitato Bioetica dell’Ospedale San Gerardo – Monza, Responsabile Gruppo Bioetica - Società
Italiana di Neurologia
5. Giuseppe De Luca, Capo Servizi Sanitari Ausiliari - Ospedale di Lodi
6. Prof. Antonio Farneti, Ordinario di Medicina Legale, Direttore dell’Istituto di Medicina Legale e
delle Assicurazioni - Università degli Studi di Milano
7. Prof. Valerio Pocar, Docente di Sociologia del Diritto - Università degli Studi di Milano “Bicocca”
8. Dott. Guido Minghetti, Presidente dell’Associazione Tumori Cerebrali, Dipendente Banca Intesa
(Divisione Corporate) - Milano
9. Prof. Ferdinando Cornelio (ex-officio), Direttore Scientifico - Istituto Nazionale Neurologico
“Carlo Besta” - Milano
10. Dott. Marco Triulzi (ex-officio), Direttore Sanitario Aziendale - Istituto Nazionale Neurologico
“Carlo Besta” - Milano
11. Dott. Dario Cerri (ex-officio), Consulente Farmacista - Istituto Nazionale Neurologico “Carlo
Besta” - Milano
Il Comitato Etico si avvale del supporto dell’Ufficio di Segreteria, nominato dall’organo di
amministrazione dell’Istituto (Commissario Straordinario), composto da personale dipendente. Le
funzioni di segretario verbalizzante sono esercitate da un funzionario della Segreteria Generale
dell’Istituto (Dott. Angelo Carnelli).
Il Comitato Etico si avvale del supporto del Clinical Trial Center dell’Istituto (Direzione Scientifica)
per un esame preliminare delle domande di giudizio di notorietà, dei protocolli di studio e dei
documenti correlati (documentazione presentata a sostegno della domanda di giudizio di notorietà,
moduli di consenso informato, fogli informativi per il paziente), per valutazione di conformità alle
normative e leggi vigenti in materia di Sperimentazione Clinica ed alle norme di Good Clinical
Practice.
41
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 42
Il Responsabile del Clinical Trial Center (Dott. Guido Storchi) partecipa alle riunioni del Comitato
Etico senza diritto di voto.
Il Comitato Etico interagisce in modo attivo e propositivo con i Ricercatori che sottopongono alla
sua approvazione protocolli di ricerca ed i relativi moduli di consenso informato allo scopo di
migliorarne la formulazione, gli aspetti etici e la rispondenza alle normative vigenti in materia di
Sperimentazione Clinica. Alle riunioni del Comitato Etico può partecipare su chiamata, senza diritto
di voto, per fornire eventuali chiarimenti, il proponente della ricerca.
Nel corso del 2002 il Comitato si è riunito in 8 sedute. Dei 9 protocolli sottoposti alla sua
approvazione 8 sono stati approvati, 1 è stato respinto. Ha espresso 1 Giudizio di Notorietà.
42
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 43
DIREZIONE SANITARIA
CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DIRETTORE SANITARIO
DOTT. MARCO TRIULZI
Laureato in Medicina e Chirurgia, all’Università di Pavia, a pieni voti.
Specializzato in Igiene e Medicina Preventiva (indirizzo in Igiene e Tecnica Ospedaliera) e in
Medicina Legale e della Assicurazioni Sociali, all’Università di Milano, a pieni voti.
Munito di Idoneità alle funzioni direttive di Igiene e Organizzazione dei Servizi Ospedalieri, e del
certificato conferito con decreto dell’Assessore alla Sanità della Regione Lombardia per frequenza e
superamento con alto merito del Corso di Formazione Materiale per Direttore Sanitario di Azienda
Ospedaliera.
Dal 1977 ha lavorato nelle Direzioni Sanitarie di Aziende Sanitarie e IRCCS della Lombardia, tra i
quali: l’Ospedale Maggiore di Milano, del quale è stato Direttore Sanitario dal 26 aprile 1999.
Dal 1° settembre 2001 è direttore sanitario dell’Istituto C. Besta.
Negli anni 1997 1998, è stato membro del consiglio direttivo regionale della Società Scientifica
nazionale di Igiene (SItI) e, dal 1995 fino al febbraio 2000, presidente della sezione regionale della
Associazione nazionale dei medici delle direzioni ospedaliere (ANMDO).
Dall’ottobre 2001 è componente dell’Ufficio di coordinamento nazionale dei direttori sanitari degli
IRCCS.
Dal 1978 ha insegnato le principali materie di competenza in varie scuole per infermieri professionali
e corsi di specializzazione della Facoltà di Medicina, tra i quali, dal 1984 al 1987: “Organizzazione
e funzionamento degli Ospedali” nella Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva
dell’Università di Milano.
Autore di cinquantasei tra pubblicazioni scientifiche a stampa e relazioni in congressi scientifici, in
tema di: Igiene applicata nei servizi ospedalieri, Organizzazione dei servizi sanitari e ospedalieri,
Igiene e sicurezza del lavoro in ospedale.
CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DIRETTORE SANITARIO DI
PRESIDIO DOTT. ALBERTO MASPERO
Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano nell’anno accademico 1974-75
con voti 110 e lode su 110.
Specialità in Medicina del Lavoro e Specialità in Igiene e Medicina Preventiva.
Medico del lavoro dal 1976 al 1981. Responsabile del Servizio di Igiene Pubblica e Ambientale e di
Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro dal 1981 al 1988 presso USSL 12 di Cantù dal 1988 al 1994
presso la USSL 10 di Olgiate Comasco.
Nel 1992-93 comando presso il Servizio di Epidemiologia dell’Assessorato Regionale della Sanità
della Regione Lombardia nell’ambito del progetto per l’esame e la riorganizzazione dei flussi
informativi sull’attività sanitaria.
Coordinatore Sanitario della USSL 10 di Olgiate Comasco (CO) dal gennaio al dicembre 1994.
Direttore Sanitario dell’Azienda ASL 33 di Rho (150.000 abitanti e due presidi ospedalieri con 500
p.l.) dal 1995 al 1997. In questo triennio oltre a predisporre il piano di organizzazione aziendale ed
il piano strategico ed a riorganizzazione i presidi su base dipartimentale, si è anche avviato il
processo di certificazione ISO 9000 per il laboratorio di analisi ed il centro trasfusionale.
Nel 1998-1999 coordina, in qualità di consulente dell’Istituto di Economia Sanitaria di Milano, la
stesura del piano di organizzazione dell’Azienda ospedaliera “Ospedale di Niguarda Cà Granda”, ed
il progetto sull’analisi dell’attività di ricovero per i residenti nella ASL di Milano, analisi finalizzata
43
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 44
a supportare la contrattazione con le singole aziende ospedaliere ed a predisporre i controlli sulla
corretta codifica delle diagnosi di dimissione ospedaliera.
Direttore Sanitario dell’Istituto Neurologico Besta di Milano dal luglio 1999 ad oggi.
IL DIRETTORE SANITARIO svolge attività di consulenza, programmazione e controllo e
collabora con la Direzione Generale nella definizione delle linee strategiche dell’Istituto e per la
pianificazione del budget.
Ha la responsabilità di sovrintendenza a tutti i servizi sanitari dell’Istituto: per l’organizzazione dei
reparti, le attività ambulatoriali e diagnostiche, l’organizzazione del personale sanitario,
l’acquisizione di nuove apparecchiature medicali e tecnologiche. Vigila sull’applicazione delle
norme di legge relative agli aspetti igienico-sanitari e propone gli interventi edilizi di interesse
sanitario. Coordina le strutture di cui si compone la direzione sanitaria aziendale ed è componente
del Comitato Etico, del Comitato Tecnico-Scientifico, dell’Ufficio e del Collegio di Direzione. È,
inoltre, rappresentate della Direzione per la Qualità.
LA DIREZIONE (SANITARIA) DI PRESIDIO, ha le competenze più operative e igienistiche.
Titolare è il dottor Alberto Maspero.
L’articolazione in uffici e servizi della Direzione Sanitaria è la seguente:
Ufficio di segreteria della direzione sanitaria (di Istituto e di Presidio), aperto al pubblico nelle
giornate dal lunedì al venerdì non festivo dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 14 alle 17.
Telefono n° 02-2394-287, telefax n° 02-2665405, e-mail: [email protected]
Vi sono addette l’Assist. Amm. Sonia Fraccari e il Coadiutore amm. Daniela Vicini.
Servizio infermieristico, di cui è titolare la dottoressa Giacomina Clara Moreschi, direttamente
coadiuvata da Inf. Coord. Anna Francesca Floris.
Archivio centrale della documentazione sanitaria a cui sono assegnati il Assist. Amm. Giovanni
Meneghello, il coad. Amm. Silvana Sarcina e aus. spec. Giuseppe Benedici.
Centro unico di prenotazione, ai quali è preposto il collaboratore amministrativo dottor Francesco
Bernasconi a cui sono assegnati gli assistenti amministrativi, Cristina Favoriti, Silvia Grazioli, i coad.
Amministrativi, Sara Bellotti, Angela Catanzaro, Romina Di Prinzio,Marina Guardafreni, Manuela
Matarrese, Manuela Pessina, Manuela Rosiglioni e Angelo Tarascio; l’ausiliaria spec. Anna Castello.
Servizio di medicina preventiva per il personale a cui nell’anno si sono avvicendati prima il
consulente dottor Fabrizio Scafa e poi i consulenti dottori M.G. Ricci, S. Basilico e CD Nava,
coadiuvati dagli Ass. Sanitari Teresa Longo e Flavio Arienti.
Servizio di assistenza sociale cui è preposta l’Ass. Sociale Patrizia Vittoria Luna.
Servizio di assistenza religiosa cui è preposta suor Adriana Nardin.
Servizio mortuario, affidato a terzi per convenzione.
La Direzione Sanitaria sovrintende altresì al servizio di farmacia interna, cui è preposto il
consulente dottor Dario Cerri, collaborato da infermiere A. Bonaria Chighini e aus. Angela
Baraccani.
44
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 45
ATTIVITÀ DELLA DIREZIONE SANITARIA 2002
Nel corso dell’anno sono stati progettati e realizzati in sede, anche in più edizioni, i seguenti corsi di
formazione continua e aggiornamento per il personale infermieristico e del comparto:
• “Il processo di budgeting e reporting” integrazione del corso sul ruolo dell’Infermiere
Coordinatore nella realtà sanitaria.
• “Lezioni di Neurourologia”
• “Le malattie neurologiche pediatriche”
• “Il malato neurologico”
• “Il rischio legato al trattamento dei dati”
Nel corso dell’anno la Direzione sanitaria, oltre alle attività e servizi correnti, si è impegnata in
iniziative di speciale valore tra cui principalmente:
• la formulazione della Relazione Sanitaria a corredo della bozza del progetto generale funzionale
per la realizzazione di una nuova sede dell’Istituto in Milano - Bicocca;
• il concorso al miglioramento del risultato d’esercizio economico annuale rispetto a quello
dell’anno precedente;
• il concorso all’avvio nell’Istituto della contabilità economico-patrimoniale e del processo di
budget per la gestione funzionale ed economica;
• la definizione delle regole di accesso alle prestazioni sanitarie e al ricovero in Istituto e del
monitoraggio delle liste di attesa, e il miglioramento dell’accessibilità al Laboratorio Centrale
d’Analisi e al servizio di Neuroradiologia;
• la rilevazione periodica dei giudizi dell’utenza sulla qualità percepita dei servizi e prestazioni, e
definizione dei conseguenti provvedimenti;
• il concorso alla definizione e applicazione di un regolamento per la verifica e la valutazione del
personale dirigente medico e sanitario, con le cadenze temporali previste dal CCNL;
• il miglioramento dell’utilizzo delle risorse infermieristiche, in particolare conseguendo
l’incremento del rapporto tra DRG/ROD prodotti e infermieri impiegati e l’incremento degli
interventi chirurgici effettuati, anche a pazienti solventi, e infermieri impiegati;
• il concorso al raggiungimento della certificazione di qualità UNI EN ISO 9000 - 2000 nelle Unità
operative predefinite.
Caratteri generali dell’attività clinica dell’Istituto per il 2002
I dati sui ricoveri ospedalieri conclusi nel corso del 2002 permettono una analisi puntuale sullo
sviluppo di questo settore dell’attività clinica.
Il numero dei ricoveri in regime ordinario di durata superiore ad 1 giorno (grafico 1) conferma
l’aumento già registrato lo scorso anno, dovuto per la quasi totalità al maggior numero di casi dimessi
dalle neurochirurgie e dal reparto solventi.
Solo il 15% dei pazienti (grafico 2) risulta residente in Milano città. Il 18% di essi proviene dalla
provincia di Milano ed una ugual percentuale dalle altre province lombarde. Continua ad essere di
assoluta rilevanza l’attrazione dal resto dell’Italia (48%). Diversi pazienti, soprattutto per l’area
neuropsichiatria infantile, provengono anche dall’estero.
L’aumento dei casi appare ancor più significativo considerando che continua la riduzione della
degenza media (grafico 3), già registrata negli scorsi anni, realizzata grazie al contenimento della
degenza preoperatoria e ad un miglioramento nella programmazione con i servizi diagnostici.
I ricoveri ordinari riguardano casi sempre complessi: tra i DRG più frequenti (grafico 4) sono presenti le craniotomie in pazienti adulti, le malattie degenerative del sistema nervoso, la sclerosi multipla, le epilessie dell’infanzia. Questa caratterizzazione della patologia favorisce anche l’aumento
del “peso medio” (parametro che stima il consumo di risorse necessario per diagnosi e cura di gruppi omogenei di patologie) dei DRG che, grazie anche ad una più accurata codifica e ad un rigoroso
controllo, aumenta di quasi il 10% (grafico 5). Il grafico 6 rappresenta la frequenza relativa dei raggruppamenti diagnostici in pazienti dimessi da ricovero ordinario di durata superiore ad un giorno.
45
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 46
Il dato più interessante è però rappresentato dall’aumento dei ricoveri in regime di day hospital, ivi
compresi per analogia i ricoveri ordinari della durata di 0 – 1 giorni (grafico 7).
Come per i ricoveri ordinari anche per i ricoveri in regime di day hospital l’attrazione dell’Istituto è
considerevole (grafico 8): solo il 24% dei pazienti risulta residente in Milano città. Il 30% di essi
proviene dalla provincia di Milano ed il 21% dalle altre province lombarde. Rimane comunque di
assoluta rilevanza l’attrazione dal resto dell’Italia (25%).
Oltre alla conferma dello sviluppo del D.H. per l’area neuropsichiatria infantile dove si raggiunge
un numero di ricoveri analogo a quello del regime ordinario, si rafforza la gestione con degenze
diurne anche in area neurologica soprattutto per le patologie neuromuscolari, per i trattamenti di
chemioterapia e per la sclerosi multipla (grafico 9).
Nello scenario positivo evidenziato dai dati delle tabelle sembra necessario, per mantenere anche nel
2003 la crescita riscontrata lo scorso anno, considerare la possibilità di un puntuale intervento nelle
aree di criticità ancora presenti. A mero titolo di esempio si possono segnalare l’elevato numero di
ricoveri ordinari ancora attuati per malattie dei nervi cranici e periferici (77% dei ricoveri per quel
DRG a fronte di una soglia del 45 % individuata dalla regione Lombardia), la presenza di ricoveri
ripetuti, l’ancora significativa degenza preoperatoria. Il grafico 10 rappresenta la frequenza relativa
dei raggruppamenti diagnostici in pazienti dimessi da ricovero ordinario in regime di DH (0-1
giorno).
46
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 47
47
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
48
9-01-2004
10:49
Pagina 48
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 49
49
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 50
Grafico 7 - Ricoveri in D.H. e ricoveri in regime
ordinario di durata 0-1 giorni - Numero di casi
2500
2000
1500
1000
500
0
50
U.O. di
Neurochirurgia
U.O. di Neurologia
U.O. di
Neuropsich. inf.
1998
177
370
380
928
1999
184
387
573
1144
2000
215
461
865
1544
2001
261
561
1062
1927
2002
235
589
1192
2054
ISTITUTO
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 51
51
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 52
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 53
DIPARTIMENTO
DI
NEUROSCIENZE
CLINICHE
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
NOTA
Gennaio-Ottobre 2002
Dir. FERDINANDO CORNELIO
Dal Novembre 2002
Dir. GIULIANO AVANZINI
10:49
Pagina 54
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 55
U.O. NEUROLOGIA I: DISTURBI DEL MOVIMENTO
Direttore U.O. Alberto Albanese
Alberto Albanese si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore
nel 1977, si è specializzato in Neurologia nel 1981 e in Psichiatria nel 1985. È Professore associato
di Neurologia di ruolo presso l’università Cattolica del Sacro Cuore, Presidente dell’Associazione
Italiana per lo Studio del Sistema Neuro-vegetativo (associazione aderente alla Società Italiana di
Neurologia), Direttore del Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” presso l’Istituto Besta, professore a contratto presso la scuola di specialità di Neurologia
dell’Università di Milano Bicocca.
Dal 2000 è Direttore dell’U.O. Disturbi del Movimento presso l’Istituto Neurologico “Carlo Besta”.
Ha introdotto in Italia, in quanto neurologo, l’uso della neurostimolazione cerebrale per trattare la
malattia di Parkinson e i movimenti involontari. Ha sviluppato il primo progetto italiano sullo studio
genetico della malattia di Parkinson e della distonia, che ha dato luogo alla scoperta di due nuovi loci
genetici. Un altro interesse di ricerca è legato alla definizione dettagliata della semeiologia dei
movimenti involontari, che consente di tracciare correlati clinico-fisiopatologici utili alla diagnosi
dei pazienti con disturbi del movimento. È membro di numerose società scientifiche nazionali e
internazionali.
Numeri di riferimento generali
• segreteria divisionale: tel. 02 239-4552, fax 02 239-4539
• E-mail: [email protected]
• DH: tel. 02 2394-753
• caposala: tel. 02 239-4458, E-mail: [email protected]
Elenco Attività
• Unità di neuropsicologia – Responsabile Paola Soliveri
• Unità nervo periferico – Responsabile Davide Pareyson
• Unità analisi del movimento – Responsabile Francesco Carella
• Servizio di rieducazione funzionale adulti - Responsabile Barbara Reggiori
L’unità costituisce un centro di eccellenza nel campo della malattia di Parkinson e dei disturbi del
movimento, e offre ai pazienti percorsi diagnostici e terapeutici personalizzati e aggiornati. Sono
disponibili tutte le principali metodiche diagnostiche e tutti i presidi terapeutici riconosciuti. Inoltre,
si effettuano ricerche innovative in campo diagnostico e terapeutico. Le malattie seguite e studiate
sono: la malattia di Parkinson, le sindromi parkinsoniane (atrofia multisistemica, paralisi
sopranucleare progressiva, degenerazione corticobasale, malattia dei corpi di Lewy, ecc.), le distonie
(sia focali che generalizzate), la sclerosi laterale amiotrofica, le neuropatie periferiche, le altre
malattie neurodegenerative.
La ricerca è diretta prevalentemente a:
• Studio dei caratteri clinici e biologici delle sindromi parkinsoniane, al fine di evidenziarne i
caratteri differenziali
• Studio genetico delle sindromi parkinsoniane e della distonia, con lo scopo di classificare forme
cliniche poco conosciute o ancora non sistematizzate
• Valutazione delle indicazioni di terapie innovative, quali la neurostimolazione per i disturbi del
movimento o le terapie neuroprotettive per le malattie neurologiche degenerative
55
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 56
Elenco di tutti i collaboratori
Dirigenti medici, neurologi
Francesco Carella
Floriano Girotti
Davide Pareyson
Paola Soliveri
Daniela Testa
Luigi Romito
Tel.
02 239-4370
02 239-4458
02 239-4293
02 239-4368
02 239-4370
02 239-4448
Specializzandi
Francesca Del Sorbo
Cecilia Marelli
02 239-4448
02 239-4704
Infermieri professionali
Franco Andreini - Caposala
Giuseppe Bellina
Margaret Bergantin
Luigi Cardellino
Stefania Congiusta
Massimo Lupo
Francesco Nocente
Maddalena Russu
Monia Spongaro
Carmela Vitrani
02 239-4458
Ausiliari
Rosa Di Donato
Maddalena Russu
OTA
Rosa Daloiso
Antonio Faedda
Filomena Morabito
Palmorocco Veneziano
Assistenti amministrativi
Anna Moiana
Marina Vitali
02 239-4552
02 239-4552
Offerta assistenziale
Per le prenotazioni ambulatoriali:
Malattia di Parkinson (prenotazioni CUP 02 7063-1911).
Trattamento con tossina botulinica (prenotazioni 02 239-4237).
Malattia di Huntington (prenotazioni 02 239-4379).
Altri movimenti involontari (prenotazioni CUP 02 7063-1911).
Neuropatie periferiche (prenotazioni 02 239-4293).
Malattia del motoneurone (prenotazioni CUP 02 7063-1911).
Riabilitazione neurologica dei disturbi del movimento (prenotazioni 02 239-4244).
56
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 57
Attività
L’attività diagnostica è prevalentemente svolta su pazienti con sindromi neurologiche atipiche o rare.
Si tratta sovente di pazienti già studiati presso altri centri clinici, che richiedono un parere ulteriore.
Per queste ragioni, l’UO si avvale ampiamente del potenziale diagnostico dell’Istituto Besta, in
particolare dei laboratori di biochimica e genetica e del servizio di neuroradiologia. La provenienza
dei pazienti è in media per il 55% dalla Lombardia, mentre il restante 45% è extraregionale.
L’attività terapeutica copre le più avanzate metodiche di terapia dei disturbi del movimento, ivi
incluso l’uso della tossina botulinica e dei farmaci più innovativi per la terapia della malattia di
Parkinson. Presso l’UO è posta l’indicazione operatoria per i pazienti con impianti di
neurostimolazione dei gangli della base e ne viene seguito il decorso clinico. L’UO partecipa alla
maggior parte degli studi internazionali sulle terapie sperimentali per la malattia di Parkinson e le
altre malattie neurologiche degenerative, con particolare riguardo per i disturbi del movimento.
Presso l’UO si svolge il Corso Master di secondo livello dell’Università Cattolica del Sacro cuore
dal titolo “Diagnosi e terapia dei disturbi del movimento”.
Clinica-genetica dei disturbi del movimento
Sono studiati pazienti con disturbi del movimento di origine genetica, in collaborazione con l’UO di
biochimica e genetica. La nostra unità effettua lo studio clinico dei pazienti, in particolare per quanto
riguarda la caratterizzazione del fenotipo dei casi familiari di malattia di Parkinson e di distonia. Tra
i risultati più interessanti, vanno citati: l’individuazione di nuove mutazioni del gene parkina, di casi
atipici di distonia responsiva alla levodopa e di casi atipici di distonia da torsina. Sono stati studiati
casi omozi-goti di malattia di Huntington. Collaborazioni esterne: Istituto di Neurologia Policlinico
Gemelli (Roma), ICSS G. Mendel (Roma), Istituto C. Mondino (Pavia).
Impiego della neurostimolazione nei disturbi del movimento
La neurostimolazione dei gangli della base è una metodica chirurgica che, per essere attuata in modo
efficace, richiede un’elevata integrazione tra neurologi (che seguono i pazienti prima e dopo
l’intervento) e neurochirurghi (che effettuano il posizionamento millimetrico dell’elettrodo). Tali
competenze sono ampiamente rappresentate presso l’Istituto Besta. Nel corso del 2001 sono stati
avviati numerosi pazienti con malattia di Parkinson all’impianto di neurostimolazione del nucleo
subtalamico e i primi pazienti con distonia hanno ricevuto l’impianto nel globo pallido. È stato anche
avviato uno studio prospettico randomizzato in doppio cieco di impianto con stimolatori dei pazienti
affetti da distonia. Collaborazioni esterne: Istituto di Neurologia Policlinico Gemelli (Roma), Clinica
neurologica dell’Università di Bologna.
Cinematica dei disturbi del movimento
Questi studi si avvalgono di un sistema di video camere che permette l’analisi in vivo di movimenti
di diversi segmenti corporei. In particolare, il sistema individua la posizione di marcatori riflettenti,
posti sul soggetto in esame. Dalla variazione della posizione nello spazio dei marcatori si possono
dedurre variabili cinematiche, quali la velocità e l’accelerazione del segmento corporeo in esame. Le
informazioni che tali studi rendono disponibili possono suggerire nuove strategie terapeutiche e
riabilitative. Dal 2002 gli studi di cinematica sono svolti in collaborazione con il gruppo del prof.
M. Crivellini del Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano. In particolare è stato
messo a punto un sistema per lo studio di movimenti assiali, prossimali e distali dei pazienti
parkinsoniani. Tale modello verrà utilizzato per confrontare gli effetti della l-dopa rispetto a quelli
della stimolazione subtalamica.
Sindromi parkinsoniane atipiche
È proseguito il follow-up clinico dei parkinsonismi degenerativi, con particolare attenzione
all’organizzazione motoria, allo studio neuropsicologico delle funzioni esecutive di tipo frontale ed
all’analisi del profilo comportamentale. Sono stati esaminati pazienti con malattia di Parkinson, con
57
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 58
paralisi sopranucleare progressiva, con degenerazione corticobasale, con atrofia multisistemica
(variante parkinsoniana) e con demenza da corpi di Lewy. I dati raccolti hanno dimostrato una
prevalenza dei disordini aprassici e di elaborazione dei movimenti complessi nella degenerazione
corticobasale. La paralisi sopranucleare progressiva dimostra una maggior incidenza di disfunzioni
frontali, mentre la demenza da corpi di Lewy ha un’elevata incidenza di disordini psichiatrici
(prevalentemente depressione e disturbi psicotici). La malattia di Parkinson e l’atrofia multisistemica
mostrano un profilo simile di alterazioni cognitive, con prevalenti segni di disfunzione frontale. Lo
sviluppo ulteriore della ricerca sarà mirato a stabilire correlazioni tra i parametri motori e cognitvi e
con i dati di neuroimmagine funzionale.
Neuropsicologia clinica
L’unità, per quanto concerne l’ambito di Neuropsicologia Clinica, ha svolto attività diagnostica dei
disordini cognitivi focali e generalizzati, sia su pazienti ricoverati che ambulatoriali. Ha fornito
supporto psicologico, nell’ambito del counseling genetico, ai soggetti che hanno richiesto il test
genetico predittivo per la malattia di Huntington., ha partecipato al Centro UVA per la malattia di
Alzheimer dell’Istituto Neurologico ed ha collaborato con l’Unità per le malattie cerebrovascolari.
Ha svolto, inoltre, attività di ricerca con particolare interesse per le malattie degenerative corticali e
sottocorticali. In particolare sono stati approfonditi i temi dell’aprassia e della disartria progressiva.
È stato definito un protocollo di valutazione pre intervento per pazienti candidati alla stimolazione
cerebrale profonda (Malattia di Parkinson e distonia).
Collaborazioni esterne con: Università degli Studi e Politecnico di Torino – Centro di Scienza
Cognitiva - Facoltà di Psicologia, Istituto di Psicologia dell’Università degli studi di Milano.
Neuropatie periferiche
L’Unità nervo periferico svolge attività clinica diagnostica e di ricerca riguardante le neuropatie
periferiche ereditarie ed acquisite. La diagnostica prevede una valutazione clinica mediante
protocolli validati, lo studio delle fibre nervose intraepidermiche mediante biopsia cutanea, la
valutazione computerizzata della soglia per le sensibilità, oltre alle indagini elettrofisiologiche,
genetiche e morfologiche effettuate dalle UO di neurofisiologia, biochimica e genetica, e
neuropatologia. L’insieme di tali tecniche permette di effettuare una valutazione esaustiva e
d’avanguardia delle neuropatie periferiche. Nel periodo 2002-2003, in particolare, le linee di ricerca
hanno riguardato: (a) le neuropatie ereditarie, in particolare con: l’analisi delle caratteristiche clinicostrumentali delle più frequenti forme di malattia di Charcot-Marie-Tooth (CMT1A associata alla
duplicazione 17p11.2, CMTX da mutazioni del gene della Connessina 32, forme assonali CMT2),
allo scopo di definire criteri diagnostici e prognostici; la valutazione degli effetti di ormoni e
gravidanza sul decorso di tali neuropatie; l’analisi della qualità della vita nei pazienti affetti. (b) Lo
studio delle neuronopatie sensitive, mediante analisi delle alterazioni delle fibre sensitive
intraepidermiche, delle alterazioni delle vie sensitive cordonali posteriori alla risonanza magnetica
del midollo spinale, delle alterazioni delle soglie sensitive al Quantitative Sensory Testing
computerizzato. (c) La caratterizzazione immunoistochimica e morfologica delle terminazioni
nervose dermiche ed intraepidermiche da biopsia cutanea, in soggetti normali, in neuropatie
periferiche di eziologia diversa, in modelli animali. (d) La valutazione dell’efficacia di diverse
terapie, anche sperimentali, della neuropatia diabetica e delle neuropatie disimmuni.
Ulteriori linee di sviluppo per il futuro sono: la valutazione morfologica e immunoistochimica delle
fibre nervose mieliniche dermiche nelle neuropatie demielinizzanti sia acquisite che ereditarie, lo
studio della rigenerazione delle fibre nervose intraepidermiche in condizioni normali e patologiche e
come valutazione dell’efficacia di terapie sperimentali.
Collaborazioni esterne: Clinica Neurologica Università di Basilea, Istituto di Clinica Neurologica
dell’Università di Brescia, Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri - Milano e Bergamo,
Clinica Neurologica e Genetica Umana Università di Genova, Clinica Neurologica Università di
Verona, Fondazione Maugeri di Veruno. Istituto di Farmacologia Clinica, Università di Fire
58
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 59
Sclerosi laterale amiotrofica
L’UO effettua la diagnosi clinica e strumentale della sclerosi laterale amiotrofica e delle altre malattie
del motoneurone garantendo, attraverso un ambulatorio ad esse dedicato, anche i controlli periodici
dell’evoluzione clinica. Sono disponibili le terapie attualmente registrate e vi è l’expertise per
consulto sui nuovi sviluppi terapeutici. L’UO agisce in stretta collaborazione con il Centro di
Pneumologia Riabilitativa dell’INRCA di Casatenovo per la valutazione periodica della funzione
respiratoria. I pazienti sono valutati mediante spirometria, emogasanalisi, saturimetria notturna e
sotto sforzo, e polisonnografia; ove indicata una ventilazione non invasiva, i pazienti sono adattati al
ventilatore e successivamente monitorati, anche domiciliarmente per via telematica. È altresì
effettuata una valutazione nutrizionale e, se opportuno, il paziente è indirizzato al Centro Chirugico
di riferimento per la gastrostomia endoscopica percutanea. L’Istituto Neurologico partecipa, come
centro di riferimento per la malattia, sia ad un progetto di ricerca multicentrico finalizzati del
Ministero della Salute sulla qualità delle cure nella malattia, sia all’aggiornamento continuo del
Registro Lombardo della sclerosi laterale amiotrofica, sia a sperimentazioni terapeutiche
Protocolli di riabilitazione per pazienti con disturbi del movimento
Il trattamento riabilitativo delle distonie cervicali di torsione consente di realizzare una sinergia fra i
trattamenti farmacologici (in particolare, i blocchi neuromuscolari selettivi con tossina botulinica), e
un esercizio terapeutico in grado di migliorare le condizioni morfostrutturali (viscoelastiche, in
primo luogo) dei muscoli sottoposti ad infiltrazione. Questo approccio consente di ridurre le
alterazioni muscolari, posturali secondarie a compensi patologici, di istruire il paziente sulle modalità
di controllo funzionale dei segmenti corporei colpiti, durante le attività di vita quotidiana e le attività
lavorative. Le finalità del trattamento sono: incrementare il periodo intercorrente tra i trattamenti con
tossina botulinica, incrementare l’efficacia di ciascun trattamento, ridurre i compensi posturali
patologici del rachide, migliorare globalmente la qualità di vita. La riabilitazione nella malattia di
Parkinson è svolta in modo mirato, per problemi: (1) dolore da patologia articolare (sono valutate le
problematiche dolorose miofasciali ed articolari e sono impostati i programmi terapeutici
farmacologici e di verifica della possibilità d’intervento con esercizi specifici; (2) ricondizionamento
fisico (previa accurata valutazione funzionale, s’individuano gruppi omogenei su cui attuare un
programma di allenamento fisico, oltre che esercizi indirizzati alla disabilità specifica). Le finalità
dei due programmi sono, rispettivamente: (1) ridurre la disabilità da problematiche articolari, (2)
incrementare l’autonomia funzionale. In entrambi i casi è possibile migliorare la qualità di vita.
Collaborazioni esterne nazionali ed internazionali
• Hôpital Pitié-Salpêtrère, Università degli studi di Parigi
• Istituto di Neurologia Università Cattolica del Sacro Cuore, Policlinico Gemelli (Roma)
• IRCSS G. Mendel (Roma)
• Istituto C. Mondino (Pavia).
• Clinica neurologica dell’Università di Bologna.
• Politecnico di Milano
• Università degli Studi e Politecnico di Torino
• Centro di Scienza Cognitiva - Facoltà di Psicologia, Istituto di Psicologia dell’Università degli
studi di Milano
• Clinica Neurologica Università di Basilea
• Istituto di Clinica Neurologica dell’Università di Brescia
• Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri - Milano e Bergamo
• Clinica Neurologica e Genetica Umana Università di Genova
• Clinica Neurologica Università di Verona
• Fondazione Maugeri di Veruno
• Istituto di Farmacologia Clinica, Università di Fire
• Centro di Pneumologia Riabilitativa dell’INRCA di Casatenovo
59
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 60
Attività didattica
Prof. Alberto Albanese
• Docente di Neurologia presso la Scuola di specializzazione in Neurologia, Facoltà di Medicina e
Chirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore (20 ore per anno).
• Docente di Neurologia presso la Scuola di Diploma universitario di Tecnico di Neurofisiopatologia
dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (40 ore per anno).
• Docente di Neurologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia (corso di Laurea in Medicina e
Chirurgia) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (40 ore per anno).
• Direttore del Corso di perfezionamento “Diagnosi e terapia dei disturbi del movimento”
dell’Università Cattolica del Sacro Cuore:
• Direttore del Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del movimento”
dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
• Docente presso la Scuola di Specializzazione in Neurologia, Università degli Studi di MilanoBicocca
• Docente presso la Scuola di Specializzazione in Neurologia, Università degli Studi di Milano
• Docente presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica, Università degli Studi di Milano
Dr. F. Carella
• Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Dr. Floriano Girotti
• Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Dr. Davide Pareyson
• Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Dott.ssa Sylvie Piacentini
• Docente di Scienze e tecniche neuropsicologiche presso l’Università degli Studi Politecnico di
Torino, Centro di Scienza cognitiva, Facoltà di Psicologia.
Dr.ssa P. Soliveri
• Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Organizzazione eventi
2002: 1a Edizione Master Universitario di Secondo Livello in Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento.
Pubblicazioni selezionate 2002
Lauria G. Pareyson D. Sghirlanzoni A. Case 38-2001: paraneoplastic encephalomyelitis and
sensory ganglioneuropathy. N. Engl. J. Med. 2002 Mar 28; 346 (13):1029-30.
Lozano A.M., Carella F. Physiologic studies in the human brain in movement disorders.
Parkinsonism Relat. Disord. 2002 Sep 8 (6):455-8.
Soliveri P., Monza D., Piacentini S., Paridi D., Nespolo C., Gellera C., Mariotti C. , Albanese A.,
Girotti F. Cognitive and psychiatric characterisation of patients with Huntington’s disease and their
risk relatives. Neurol Sci 2002, 23: S105-S106 Springer Verlag, 2002.
Romito L.M., Scerrati M. Contarino M.F., Bentivoglio A.R., Tonali P.. Albanese A. Long-term follow
up of subthalamic nucleus stimulationin Parkinson’s disease. Neurology 2002 May 28; 58 (10):
1546-50.
Albanese A Dystonia in parkinsonian syndromes. Advances in Neurology, 91: 351-360, 2002.
60
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 61
U.O. NEUROLOGIA II: NEURO-ONCOLOGIA
Direttore: Amerigo Boiardi
Laurea con lode nel 66 - Specialità in cardiologia nel 68 - Specialità in neurologia e psichiatria con
lode nel 71 - Primario neurologo dal 93 presso l’Istituto Neurologico - Stage nel 89 presso il Moffitt
Hospital USF California - Dal 2000 capo dipartimento di neuro-oncologia dell’Istituto Neurologico
C. Besta. Responsabile di programmi di ricerca clinica sponsorizzati dal Ministero della Sanità.
Partecipazione attiva in diversi trials internazionali in campo neurooncologico. Relatore in molti
congressi nazionali ed internazionali. Direttore di 4 corsi di aggiornamento specialistico per
neurologi neurochirurghi e radiologi in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Medicina in
ambito neurooncologico dal 99 al 2002 Provider presso il Ministero della Sanità di corsi ECM dal
2001 Co-responsabile nazionale nella commissione ECM per l’aggiornamento in neuro-oncologia
nel 2002. Ha pubblicato più di 150 lavori su riviste nazionali ed internazionali, la magior parte delle
quali inerenti il tema specifico di neuro-oncologia. Autore del libro “La terapia dei tumori cerebrali
maligni dell’adulto e del bambino” ed Springer Verlag Milano 2002.
Elenco attività
- Neurooncologia
- Immuno-neuro-oncologia (Responsabile dr. Andrea Salmaggi)
- Sperimentazione di nuovi farmaci e di nuove vie di somministrazione (Responsabile dr. Antonio
Silvani)
L’Unità di Neuro-oncologia è provider ECM
Collaboratori:
Dirigenti medici, Neurologi
Dr. Andrea Salmaggi,
Dr. Antonio Silvani
Dr.ssa Marica Eoli
Dr.ssa Elena Lamperti
Dr. Angelo Sghirlanzoni
Borsisti
Dr. Claudio Lucchiari, laureato in psicologia
Dr. Maurizio Gelati, biologo
Dr. Marco De Rossi, biologo
Infermieri professionali
Gioffredi Vincenza Caposala facente funzione
Bagnato Adriano
Cerra Luigia
Cutolo Pasquale
De Marco Marinella
De Souza M Rosaria
Laudisio M. Rosaria
Liscia Michela
Mapelli Giacomina
Pezzulla Roberto
Schiavon Nadia
Stefanini Silvia
61
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 62
Ausiliari
Avitabile Antonio
OTA
Basilico Antonietta
Lodigiani Gabriella
Riccardi Grazia
Taccagna Vincenza
Zagarrio Giuseppe
Offerta assistenziale
La divisione di neuro-oncologia clinica risponde alle richieste dell’utenza mensilmente con circa 120
ricoveri ordinari, 60 accessi in regime di DH e 100 consulenze neurooncologiche con un’attesa per
queste ultime di non piu’ di 72 ore. L’ambulatorio dedicato alla patologia tumorale è organizzato in
collaborazione con i radioterapisti per il follow-up di alcuni tipi tumorali e per i secondarismi
cerebrali.
L’attività assistenziale della Divisione, si è meglio qualificata con il sostegno permanente di uno
psicologo che oltre alla valutazione della qualita’ della vita dei pazienti oncologici, presta la sua
competenza per il supporto psicologico dei pazienti ed eventualmente del loro nucleo familiare . Si
rende disponibile anche per migliorare l’atteggiamento assistenziale di tutta l’equipe infermieristica
della divisione, per meglio cogliere e soddisfare i bisogni dei pazienti.
Il 60% dell’utenza proviene da fuori regione e per migliorare l’offerta assistenziale la neurooncologia si è dotata di una foresteria per i parenti dei pazienti . È in corso di sperimentazione anche
una iniziativa supportata dalla Regione Lombardia e da una Fondazione non profit che mette a
disposizione per gli stessi pazienti neurooncologici una casa “protetta “ in grado di accogliere
paziente e familiare in tute le occasioni che non sia indispensabile un ricovero ospedaliero.
L’iniziativa ha successo con il 95% di occupazione della struttura dedicata La Regione Lombardia
ha visto molto favorevolmente questa iniziativa che , oltre a costituire un importante servizio socioassistenziale permette l’accesso a trattamenti in regime ambulatoriale o di DH o trattamenti di radio
terapia ad una popolazione che per la lontananza o perchè non autosufficiente ,avrebbe avuto
difficolta’ a continuarele terapie.
Prenotazioni per visite ambulatoriali: tel CUP: 02 70631911
Attivita 2002
L’attivita’ di base della neuro-ocncologia clinica si realizza secondo un iter diagnostico terapeutico
ottimizzato dall’esperienza e dalle indicazioni più attuali della letteratura, applicando protocolli
differenziati sia per patologia che per indicazioni di prima e di seconda linea. Ai trattamenti di base
si aggiungono sforzi diagnostici e terapeutici innovativi che qualificano e differenziano la
neurooncologia dell’Istituto:
a) definizione di una serie di markers prognostici mediante indagini molecolari che hanno una
immediata ricaduta sul piano clinico e giustificano la differenziazione dei trattamenti; ricerca
sperimentale di citostatici nell’ambito della neovasogenesi tumorale da associare a farmaci
citotossici.
b) trattamenti chemioterapici mirati a livello loco regionale con diretta somministrazione di farmaci
nell’area tumorale per il controllo locale della lesione. I chemioterapici iniettati direttamente
nell’area del tumore, possono essere somministrati come singoli boli ripetuti oppure con
microinfusione mediante pompa a pressione costante. Attraverso la stessa via di somministrazione
locale, è prevista l’associazione di delivery di radioimmunoterapia mediante isotopo radioattivo
veicolato da un anticorpo specifico direttamente sul residuo tumorale..
62
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 63
La nostra strategia è sempre stata quella di una chemioterapia up front, da effettuarsi appena dopo
l’intervento chirurgico, cui segue a sandwich la RT, terminata la quale la chemioterapia continua
come adiuvante per un totale di 5 cicli. Il trattamento standardizzato prevede l’associazione di
nitrosouree e di cis-platino. In linea generale, questo trattamento, nei gliomi maligni, permette un
disease free che varia tra 8 e 14 mesi, in relazione agli indici prognostici.
Strategia di Istituto è quella di effettuare una seconda exeresi tumorale al momento della recidiva,
per pazienti che rientrano nei criteri di inclusione (età Karnfsky performance status e disease free)
per il posizionamento locale di un serbatoio di Rickam in sede di intervento, al fine di permettere la
somministrazione di trattamenti loco-regionali con chemioterapia e radioimmunoterapia con Y90
veicolato da anticorpi anti tenascina.
Nel glioma maligno la recidiva compare nel 95% dei casi nelle stessa sede originaria di malattia.
Questo rende teoricamente vantaggioso un modello di terapia loco-regionale mirato
fondamentalmente al controllo locale della malattia. La somministrazione locale di un
chemioterapico permette di superare l’ostacolo della BEE e di ottenere localmente concentrazioni
terapeutiche elevate per periodi prolungati con una tossicità sistemica ridotta.
Tutti gli studi hanno dimostrato la fattibilità e la sostanziale tollerabilità dei trattamenti locali.
La nostra esperienza, perfezionata dal dr. Silvani e dalla dott.ssa Eoli è ancora preliminare, ma i
risultati sono incoraggianti, Abbiamo utilizzato più farmaci localmente, l’ACNU, il mitoxantrone e
la doxorubicina veicolata da liposomi in associazione con la temozolomide per via sistemica. I
trattamenti loco regionali permettono in genere un disese free di 8 mesi ed una sopravvivenza dalla
reciviva di 13 mesi: vi è quindi un aumento della sopravvivenza del 40-50% rispetto ai trattamenti
piùtradizionali riferiti in letteratura. Il limite del trattamento locale risiede sempre nella scarsa
diffusione del chemioterapico all’interno del parenchima tumorale: tale difficoltà si compensa
parzialmente con una nuova metodica di somministrazione con inoculo protratto di farmaci mediante
microinfusione a pressione costante “convection enhanced delivery” L’esperienza è iniziale e pare
promettente perchè fattibile senza particolari effetti secondari.
La convection-enhanced delivery (CED) costituisce una nuove prospettiva di trattamento poichè in
questo caso il farmaco si diffonde seguendo un gradiente di pressione mantenuto costante tramite
micropompa, ed il flusso resta costante indipendentemente dal peso molecolare del farmaco. Con tale
metodo di delivery (CED), si possono ottenere alte concentrazioni locali di macromolecole in
un’area di distribuzione dell’infuso che risulta proporzionale in modo lineare al volume dell’infuso.
Sono in corso anche esperienze di trattamenti locali con chemioterapici combinati localmente con
radio immunoterapia L’associazione è fattbile e non vi sono effetti secondari importanti. I risultati
preliminari non sembrano però dimostrare un significativo ulteriore vantaggio rispetto al trattamento
con soli chemioterapici. Oltre ai pazienti con tumori gliali il centro di neurooncologia dell’Ente è
riferimento per i linfomi cerebrali primitivi, per i medulloblastomi ed i germinami dell’adulto. Per i
linfomi ed i germinami, il protocollo chemioterapico permette di rimandare la radioterapia nei
pazienti responsivi con evidente limitazione degli effetti tossici tardivi indotti dalle irradiazioni.
Il dr. Claudio Lucchiari si interessa alla qualità di vita ed agli spetti psico sociali del paziente con
glioma maligno con valutazione delle aspettative e dei bisogni anche del nucleo familiare in
relazione alla malattia.
La ricerca della neuro-oncologia è di tipo transizionale, nel senso che ha un immediato riscontro
nell’attività clinica, per questo verte in particolare sulla individuazione di possibili markers biologici
con significato prognostico e terapeutico Lo studio di markers prognostici tumorali, è di routine
mediante indagini di biologia molecolare, (perdita di eterozigosi a livello 1p, 10q 19q e 17p.) I tumori
con componente oligodendrogliale ed astrocitaria, di II e III grado possono essere differenziati in due
gruppi: quelli con perdita di eterozigosi sui cromosomi 1p e 19q sembrano risultare responsivi sia
alla chemioterapia che alla radioterapia; quelli con perdita di eterozigosi sul cromosoma 10q e 17p
sarebbero più aggressivi, quindi con prognosi peggiore, e per questo da trattare più precocemente ed
in modalità più aggressiva. Il problema della chemiresistenza è fondamentale per il trattamento dei
63
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 64
glomi, per cui si studia costantemente la O6 achilguanina DNA metiltransferasi (MGMT) enzima
riparatore coinvolto nei meccanismi di resistenza tumorale con azione neutralizzante l’attività
citotossica delle nitrosouree, Se la porzione promoter del gene della MGMT presente nel tumore
gliale è metilata e quindi il gene è inattivo, la risposta al trattamento con nitrosouree è migliore e così
la sopravvivenza dei pazienti (queste indagini sono svolte dal laboratorio di terapia genica neurooncologica Dr. Finocchiaro).
Poichè l’esperienza clinica dimostra un’alta incidenza di eventi trombotici nei pazienti con glioma
maligno, si sono studiati vari markers plasmatici e genomici di predisposizione a trombosi venose
profonde in pazienti con glioblastoma. (Dr. Salmaggi).
L’incidenza di trombosi venose profonde (VTE) in pazienti con GBM è più alta (25-30%)di quella
riscontrabile nella popolazione normale (15%) non essendo in relazione con i deficit motori nè con
l’intervento chirurgico. Si studiano i fattori di rischio a) genomici : mutazione del fattore II, del V di
Laiden, polimorfismo del gene della MTHFR, polimorfismo del promotore del gene dell’inibitore
dell’attivatore del plasminogeno (PAI-1) e del plasminogeno tissutale (tPA/PLAT) e polimorfismo
del gene della crescita dell’endotelio vascolare (VEGF) b) plasmatici: omocisteina, PAI-1, tPA,
VEGF , d-dimero e lipoproteina A.
Per finalità terapeutica per il neurooncologo è importante potere stabilitre precocemente il viraggio
dal basso verso l’alto grado dei tumori inizialmente benigni . Si è cercato allora un marker relativo
alla densità di microvasi in glomi di basso grado, indice di iniziale neovascolarizzazione , quindi di
iniziale malignità. La densità microvascolare è stata riscontrata con positività per la chemochina
proangiogenica CXCL12: Questo riscontro dimostrabile anche su preparato fissato, può indicare
precocemente un viraggio della lesione verso una maggiore aggressività biologica. Dr. Salmaggi.
Markers prognostici sono ricercati anche in linfomi primitivi del SNC (Dr. Salmaggi) Il PCNSL è
riconosciuto essere un tumore chemoresponsivo ed in molti protocolli terapeutici la radioterapia
segue la chemioterapia. Poichè vi è un alto indice di complicanze neurologiche di tipo involutivo
demenziale, la nostra strategia attuale è quella di evitare la RT e di rimandarla sino al momento della
recidiva. In questa decisione si ricercano markers quali indici prognostici che possano confortare la
decisione di rimandare la RT. Nostri dati preliminari hanno evidenziato quale indice prognostico
negativo, una elevata concentrazione di IL-10 liquorale in pazienti con PCNSL. Anche molecole di
adesione quali (N-CAM ,HCAM, integrine, caderine/b-catenine) sono in studio circa il significato
prognostico nei linfomi.
Topotecan liposomiale è l’oggetto di uno studio farmacologico sperimentale (A. Silvani, A.
Salmaggi) finalizzato al miglioramento del trattamento locale dei glomi maligni. Si vuole utilizzare
un inibitore della topoisomerasi I, una camptotecina (Topotecan). Il farmaco è scarsamente efficace
quando somministrato per via sistemica per la scarsa concentrazione che si ottiene sulla lesione gliale
ma è risultato molto attivo quando somministrato localmente. Si vuole coniugare la camptotecina con
un materiale biodegradabile liposomiale per un trattamento loco regionale. Lo studio pre-clinico
comporta l’inserimento del farmaco del suo specifico liposoma in rapporto alle caratteristiche
chimico–fisiche del farmaco per una diversa capacità di capienza e di rilascio del farmaco (clinica
farmaceutica Università Pavia). Sono state analizzati vari lotti di liposomi a diversa composizione e
preparazione per ottimizzarne la capacità di carico e di rilascio. Si prevede uno studio su animale.
Collaborazioni
Unità operative di: Radioterapia, Radiologia, Neuropatologia, Laboratorio Analisi e Dipartimento di
Neurochirurgia dell’Istituto “C.Besta”.
Medicina Nucleare IEO Milano
Servizio di Psicologia Istituto Nazionale dei Tumori di Milano
Dipartimento di Farmacologia Clinica Università di Pavia
Neuropatologia con Università di Torino
64
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 65
Attività didattica
A. Boiardi
Corso “La gestione dei pazienti con tumori cerebrali primitivi e secondari”
Milano, 1 e 8 luglio 2002
Crediti ECM: 2
Il Dr. A. Salmaggi è stato correlatore di una tesi di laurea in scienze biologiche sui meccanismi di
azione antiangiogenica della talidomide (D.ssa Karen Pagani)
Dal 2000 al 2003 sono stati svolti complessivamente da parte di personale dell’Istituto Neurologico
21 seminari di argomento neuro-oncologico
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
Bissola L., Eoli M., Pollo B., Merciai B.M., Silvani A., Salsano E., Maccagnano C., Buzzone M.G.,
Fuhrman Conti A.M., Solero C.L., Piombini S., Broggi G., Boiardi A., Finocchiaro G. Association
of chromosome 10 losses and negative prognosis in oligoastrocytomas. Ann. Neurol. 2002, 52:
842-845
Salmaggi A., Silvani A., Eoli M., Lamperti E., Boiardi A. Temozolomide and cisplatin in the
treatment of leptomeningeal metastatic involvement from melanoma: a case report. Neurol. Sci.
2002, 23: 257-258
Silvani A., Eoli M., Salmaggi A., Erbetta A., Fariselli L, Boiardi A. Intra-arterial ACNU and
carboplatin versus intravenous chemotherapy with cisplatin and BCNU in newly diagnosed patients
with glioblastoma. Neurol. Sci. 2002, 23: 219-224
Ciusani E., Perego P., Carenini N., Corna E., Facchinetti F., Boiardi A., Salmaggi A., Zumino F.
Fas/CD95-mediated apoptosis in human glioblastoma cells: a target for sensitization to
topoisomerase I inhibitors. Biochem. Pharmacol. 2002, 63: 881-887
65
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 67
U.O. NEUROLOGIA III:
CEFALEE E MALATTIE CEREBROVASCOLARI
Direttore U.O.: Gennaro Bussone
Direttore dell’Unità Operativa “Cefalee e malattie cerebro vascolari” e Direttore del Centro
Regionale per la diagnosi e cura delle cefalee e delle algie cranio facciali.
È Professore a contratto c/o la Scuola di Specializzazione in Neurologia dell’Università degli Studi
di Milano-Bicocca, dove tiene un corso di lezioni sulla Fisiopatologia, clinica e terapia delle cefalee.
È co-fondatore dell’Associazione Scuola Cefalee (ASC) che tiene corsi residenziali formativi di alta
qualificazione accreditati dalla Commissione per l’Educazione Continua in Medicina, della durata di
tre anni. È Presidente Eletto dell’Associazione Neurologica Italiana per la Ricerca sulle Cefalee
(ANIRCEF), Società scientifica aderente alla Società Italiana di Neurologia (SIN).
Responsabile di progetti di ricerca finalizzata del Ministero della Salute. Relatore e organizzatore di
congressi nazionali ed internazionali nel campo delle neuroscienze e delle cefalee in particolare.
È stato Visiting Professor presso l’Headache Center della Thomas Jefferson University Hospital di
Philadelphia. Ha tenuto una serie di letture nel campo della cefalea a grappolo c/o i Dipartimenti di
Neuroscienze della Columbia University, Harvard University, Yale University e Darthmouth
University.
È Autore di oltre 400 pubblicazioni scientifiche la maggior parte delle quali edite sulle più prestigiose
riviste internazionali del settore. Ha scritto inoltre libri e capitoli sui più importanti trattati di
medicina.
Riferimenti generali
Reparto: tel. 02/2394435;
Segreteria Centro Cefalee: tel. 02/2394.209;
STRUTTURE ORGANIZZATIVE SEMPLICI
Struttura Organizzativa Dipartimentale Terapie Restorative
Banca cellule staminali neurali umane (02 2394.387/389)
ELENCO ATTIVITÀ
• Diagnostica, terapia e ricerca delle patologie cefalalgiche nelle varie espressioni cliniche con
particolare riguardo alla patologia emicranica ed alla cefalea a grappolo.
• Studi di genetica, neuroendocrinologia, epidemiologia, qualità di vita.
• Ricerca e terapia nelle forme cefalalgiche del bambino e dell’adolescente; in particolare sviluppo
di metodiche comportamentali (biofeedback).
• Terapia stereotassica della cefalea a grappolo cronica intrattabile.
• Diagnosi e terapia della patologia cerebrovascolare con particolare riferimento alle forme giovanili
(screening cardiovascolare ed ematologico).
• Studio di modelli sperimentali di terapie innovative nell’ambito delle patologie cerebrovascolari.
CENTRI DI RIFERIMENTO RICONOSCIUTI
• Centro di Riferimento Regionale per la diagnosi e cura delle Cefalee e delle Algie Cranio Facciali
• Banca Cellule Staminali Neurali Umane (accreditata dalla Regione Lombardia)
67
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 68
ELENCO DI TUTTI I COLLABORATORI
Equipe medica
Maria Rita Carriero
Domenico D’Amico
Licia Grazzi
Massimo Leone
Eugenio A. Parati
Clinica e terapia delle malattie cerebrovascolari (02 2394.385)
Clinica e ricerca nell’emicrania. Responsabile del Day Hospital
(02 2394.385)
Clinica e terapia della cefalea del bambino. Responsabile dell’Unità di
Bioofeedback. Trials clinici. (02 2394.385/340)
Fisiopatologia e genetica delle cefalee. Clinica e terapia della cefalea a
grappolo (02 2394.385)
Responsabile della clinica e terapia delle Malattie Cerebrovascolari e
Responsabile della Struttura Organizzativa Dipartimentale Terapie
Restorative. Banca cellule staminali neurali umane (02 2394.387/389)
Infermieri professionali
Adorno Antonia
Caposala
Besseghini Marisa
Buonocore Anna
Carnevale Patrizia
Paltenghi Amalia
Tornelli Milena
Vallarelli Alessia
Vela-Gomez Jesus
Vozza Vito Antonio
Infermieri generici
Massa Sergio
OTA
Mencoboni Elena
Passiante Luisa
Seri Marisa
Ausiliaria
Resinelli Teresina
Borsisti e Contrattisti
Marcella Curone
Medico Chirurgo
Giorgio Boncaraglio Medico Chirurgo
Frequentatori
Eliana Mea
Franca Moschiano
Andrea Rigamonti
Susanna Usai
Medico Chirurgo, Specializzanda in Neurologia
Dirigente medico, Specialista in Neurofisiologia Clinica
Medico Chirurgo, Specializzando in Neurologia
Medico Chirurgo, Specializzanda in Neurologia
Segreteria Centro Cefalee
Armando Maschini
Addetto di Segreteria
Ernestina Pappalardo Addetta di Segreteria
68
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 69
OFFERTA ASSISTENZIALE
Clinica
• Letti di degenza (22 letti)
• Day Hospital (2 letti)
Attività ambulatoriali (02 2394.209)
• Ambulatorio speciale Cefalee e Algie Facciali: Lunedì ore 9-12 (2 ambulatori)
• Ambulatorio per la cefalea giovanile: Lunedì ore 11-13 (1 ambulatorio)
• Ambulatorio per la patologia cefalalgica da abuso di farmaci: Giovedì ore 14-17 (1 ambulatorio)
• Biofeedback: Martedì e Giovedì ore 14-17 (secondo richieste)
• Ambulatorio Speciale Malattie Cerebrovascolari: Martedì ore 9-12 (1 ambulatorio)
• Attività libero professionale intramoenia
• 1 Laboratorio di Neurofarmacologia
• 1 Laboratorio per la diagnostica dei fattori trombofilici
ATTIVITÀ 2002
Clinica e Ricerca
L’U.O. Cefalee malattie cerebrovascolari è articolata in due sezioni che sono strettamente
interconnesse e che sviluppano, sia da un punto di vista clinico che di ricerca, gli studi su queste due
patologie di elezione.
L’attività di ricerca clinica nel campo della patologia cefalalgica ha permesso negli anni di far si che
l’istituto venga considerato riferimento nazionale per questa patologia, inoltre il Centro per la
diagnosi e cura delle cefalee e delle Algie cranio facciali è centro di riferimento regionale e coordina
attività di vari gruppi di studio delle cefalee nell’ambito della Regione per un Progetto Cefalee
Lombardia che ha lo scopo di valutare le strategie terapeutiche utilizzate nella profilassi
dell’emicrania rapportandole alle misure di qualità di vita e disabilità utilizzate come outcome.
Importanti contatti si sono consolidati a livello internazionale con collaborazioni continuative con
importanti centri di ricerca europei e statunitensi e hanno portato inoltre a contributi scientifici
rilevanti presentati a Congressi nazionali ed internazionali.
Il trattamento stereotassico della cefalea a grappolo cronica intrattabile costituisce una sintesi della
ricerca nurobiologica associata alla ricerca clinica. Questo trattamento terapeutico assolutamente
originale messo a punto presso la ns. U.O. per primi al mondo, ci permette di essere il riferimento
per studi multicentrici internazionali nel settore della patofisiologia e terapia della cefalea a grappolo.
Notevole incremento durante il corso dell’anno è stato anche riservato allo sviluppo di metodiche
comportamentali e alla ricerca clinica nelle cefalee del bambino e dell’adolescente.
Infine abbiamo continuato lo studio della patologia cefalalgica secondaria ad abuso di farmaco,
proponendo linee guida terapeutiche che verranno sviluppate nei prossimi anni, attraverso studi
clinici multicentrici.
Una ulteriore attività che contraddistingue la nostra U.O. è la coordinazione di trias clinici
multicentrici al fine di sviluppare nuovi farmaci per le patologie di eccellenza.
Nel campo della ricerca clinica vanno anche inquadrati gli studi sull’assetto fibrinolitico su
popolazioni selezionate di pazienti affetti da patologia cerebrovascolare.
In relazione a quanto detto si sono creati percorsi clinico-diagnostici che prevedono collaborazione
con la Neuroradiologia e il Laboratorio di analisi e percorsi terapeutici farmacologici o chirurgici in
relazione agli eventi cerebrovascolari ischemici.
69
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 70
COLLABORAZIONI ESTERNE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
Collaborazioni internazionali:
Peter J. Goadsby,
Professor of Neurology, Institute of Neurology, National Hospital for Neurology and Neurosurgery,
London, UK
Massimo Pandolfo,
Chef de service, Service de Neurologie,Université Libre de Bruxelles-Hôpital Erasme
Bruxelles, Belgium
Arne May,
Professor of Neurology, Regensburg University,
Germany
Frank Andrasik,
Professor of Psychology,
Institute for Human and Machine Cognition, University of West Florida
Pensacola, Florida, USA
Alan M. Rapoport,
Professor of Neurology, Columbia University College of Physicians & Surgeons, New York and
Founder and Director The New England Center for Headache
Stamford, USA
K. Michael A. WELCH
Professor of Neurology, President and Executive Officer,
Finch University of Health Sciences, The Chicago Medical School
Chicago, USA
Collaborazioni nazionali:
Pietro Cortelli,
Professore Associato in Neurologia, Università di Modena e Reggio Emilia,
Policlinico di Modena
Carlo Ferrarese,
Professore Ordinario, Clinica Neurologica, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Monza (MI)
Vincenzo Bonavita,
Professore Ordinario, Clinica Neurologica I Università degli Studi Federico II, Napoli
Giovanni D’Andrea,
Direttore U.O. Neurologia, Ospedale Civile di Este-Monselice (PD)
Giancamillo Manzoni,
Professore Ordinario di Neurologia, Istituto di Neurologia, Università degli Studi di Parma
70
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 71
ATTIVITÀ DIDATTICA
III Corso del I° modulo della Scuola di formazione sulle cefalee (ASC). Forme maggiori di
cefalee primarie
Frascati (Roma), 3-5 Maggio 2002
Titolo: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nelle cefalee di tipo tensivo”. D. D’Amico
Titolo: “Dal caso clinico alla diagnosi nella cluster e TACs”. M. Leone
Titolo: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nella cluster e TACs”. G. Bussone
IV Corso del I° modulo della Scuola di formazione sulle cefalee (ASC). Forme maggiori di
cefalee primarie
Frascati (Roma), 15-17 Novembre 2002
Titolo: “Dal caso clinico alla diagnosi nella cluster e TACs”. M. Leone
Titolo: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nelle cefalee di tipo tensivo”. D. D’Amico
Titolo: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nella cluster e TACs”. G. Bussone
Grand Round of Columbia University, Harvard University, Yale University e Darthmouth
University.
28 Ottobre-1 Novembre 2002
Titolo: “Cluster headache new developments in clinical management, pathophysiology and
treatment”. G. Bussone
Corso di Fisiopatologia e Clinica delle Cefalee e delle algie cranio facciali c/o la Scuola di
Specializzazione in Neurologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca anno accademico
2001-2002, tenuto dal Prof. Gennaro Bussone
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
D. D’Amico, A. Ferraris, M. Leone, A. Catania, A. Carlin, L. Grazzi, G. Bussone:
“Increased plasma nitrites in migraine and cluster headache patients in interictal period: basal
hyperactivity of L-arginine-NO pathway?”
Cephalalgia 2002; 22:33-36
M. Leone, A. Rigamonti, G. Bussone:
“Cluster headache sine headache: two new cases in one family”
Cephalalgia 2002; 22:12-14
D. D’Amico, A. Rigamonti, A. Solari, M. Leone, S. Usai, L. Grazzi, G. Bussone:
“Health-related quality of life in patients with cluster headache during active periods”
Cephalalgia 2002; 22:818-821
G. Bussone, D. D’Amico, K.A.McCarroll, W. Gerth, C.R. Lines:
Restoring migraine sufferers’ ability to function normally: a comparison of rizatriptan and other
triptans in randomized”.
Eur Neurol 2002; 48(3):172-177.
L. Grazzi, M. Leone, D. D’Amico, S. Usai, G. Bussone:
“Cluster Headache”
In: V. Guidetti, G. Russell, M. Sillanpaa, P. Winner. Headache and migraine in childhood and
adolescence. Martin Dunitz Ltd, London. 2002:259-272
71
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 72
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 73
U.O. NEUROLOGIA IV:
MALATTIE NEUROMUSCOLARI E NEUROIMMUNOLOGIA
Direttore U.O.: Renato Mantegazza*
Renato Mantegazza si è laureato presso l’Università degli Studi di Milano nel 1981, e ha conseguito
la specialità in Neurologia presso l’Università di Pavia nel 1986. Dal 1983 è entrato a far parte della
Divisione di Malattie Neuromuscolari dell’Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta” come
clinico e ricercatore e successivamente come Assistente Medico di Neurologia a tempo pieno. Nel
1994 è diventato Aiuto Corresponsabile della Divisione Malattie Neuromuscolari fino al Marzo
2003, mese in cui è diventato Responsabile della U.O. Neurologia IV - Malattie Neuromuscolari. Ha
trascorso diversi anni come ricercatore presso il Dipartimento di Biochimica dell’Università di
Ginevra (Svizzera) diretto dal Prof. B.W. Fulpius; il Dipartimento di Immunologia Chimica
dell’Istituto Weizmann, Rehovot (Israele), nel laboratorio diretto dalla Prof. S. Fuchs; nel
Dipartimento di Neurologia dell’Università di Stanford (CA), diretto dal Prof. L. Steinman. Il suo
ambito clinico e di ricerca comprende le malattie autoimmuni, neuromuscolari e degenerative del
sistema nervoso centrale e periferico. Svolge attività di consulenza scientifica per diverse riviste
scientifiche internazionali e di revisione di grants per diverse Società Scientifiche/Associazioni; è
esperto ad hoc per l’Organizzazione Mondiale della Sanità – Vaccines and Other Biologicals, The
V&B Safety of Vaccines Standing Committee. È Principal Investigator o Partner in diversi
collaborazioni scientifiche sia a livello europeo che internazionali.
Riferimenti
Segreteria Divisionale: Tel. 022394255; Fax 0270633874; e-mail: [email protected]
Strutture organizzative semplici
S.O. Immunologia e Patologia Muscolare (responsabile Dr. Renato Mantegazza)
S.O. Sclerosi Multipla (responsabile Dr.ssa Clara Milanese)
Elenco attività
• Attività clinica nell’ambito delle malattie neuromuscolari, autoimmuni, degenerative del sistema
nervoso centrale e periferico
• Unità Funzionale di emaferesi e immunoterapia
• Diagnostica patologica e genetica molecolare delle malattie neuromuscolari ereditarie, acquisite e
rare, con agobiopsia muscolare (attività esclusiva del centro, 250 biopsie/anno); servizio di
prevenzione e diagnosi delle miopatie ereditarie e degenerative
• Diagnostica sierologica, biologica e patologica delle malattie autoimmuni del sistema nervoso
centrale e periferico, e del muscolo
• Diagnostica e trials terapeutici nella sclerosi multipla
• Attività di ricerca clinico-scientifica di eccellenza, articolata come segue:
– Malattie autoimmuni del sistema nervoso periferico e del muscolo
– Malattie autoimmuni del sistema nervoso centrale
– Genetica molecolare delle distrofie muscolari e delle canalopatie
– Neuroimmunologia sperimentale
– Studio del modello sperimentale di sclerosi multipla
– Neuromiopatie e neuroimmunopatologia.
– Eccellenza Professionale di ricerca in Biologia della Cellula Muscolare
– Banca di cellule muscolari da pazienti con patologia neuromuscolare varia; questa banca ha
ottenuto un finanziamento da Telethon e dalla Comunità Europea
* Dal novembre 2002; subentra al dr. Ferdinando Cornelio, attualmente Direttore scientifico dell’Istituto Besta
73
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 74
Centri di riferimento riconosciuti
La U.O. Neurologia IV è sede del:
• Centro Regionale di Riferimento per la Prevenzione e Diagnosi delle Miopatie Ereditarie
• Centro Nazionale di Riferimento per la Ricerca, Diagnosi e Cura della Miastenia Gravis
• Centro Regionale Coordinatore dei Centri Prescrittori gli Interferoni nella Sclerosi Multipla
• Centro Regionale di Riferimento per la Cura della Sclerosi Multipla
• Sede Nazionale dell’Associazione Italiana per la Lotta contro la Miastenia (AIM),
Tel. +39-022360280, fax+39-0270633874.
Collaboratori
Dirigenti Medici, neurologi:
Dr. Antozzi Carlo
Dr. Confalonieri Paolo
Dr.ssa La Mantia Loredana
Dr.ssa Milanese Clara
Dr.ssa Morandi Lucia
Dirigenti Biologi:
Dr.ssa Andreetta Francesca
Dr. Baggi Fulvio
Dr.ssa Bernasconi Pia
Dr.ssa Mora Marina
Tecnici di Laboratorio:
Sig.ra Blasevich Flavia
Sig.ra Canioni Eleonora
Sig. Daniel Sergio
Sig.ra Mariani Elisabetta
Sig. Mauro Antonio
Sig.ra Simoncini Ornella
Infermieri Professionali:
Sig.ra Campanella Angela
Sig.ra Belloni Ilaria
Operatore Tecnico:
Sig.ra Mameli Ada
Contrattisti e Borsisti:
Dr.ssa Airoldi Elisa, Biologa Borsista
Dr. Brioschi Paolo, Biologo Contrattista
Dr.ssa Brugnoni Raffaella, Biologa Contrattista
Dr.ssa Cappelletti Cristina, Biologa Borsista
Dr. Cristaldini Piercarlo, Biologo Borsista
Dr.ssa Dassi Patrizia, Medico Borsista
Dr.ssa Di Blasi Claudia, Biologa Contrattista
Dr.ssa Gallo Barbara, Biologa Borsista
Dr.ssa Negri Mara, Biologa Contrattista
Dr.ssa Pedotti Rosetta, Medico Contrattista
Dr.ssa Ubiali Federica, Biologa Borsista
Dr.ssa Zanotti Simona, Biologa Borsista
74
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 75
Segreteria:
Sig.ra Boffa Antonietta
Sig.ra Tromellini Rita
Frequentatori:
Dr. Ferro Paolo, Biologo
Dr.ssa Mascoli Nerina, Medico
Sig.ra Musio Silvia, laureanda in Scienze Biologiche
Sig.ra Nava Sara, laureanda in Scienze Biologiche
Sig.ra Piga Daniela, laureanda in Scienze Biologiche
Sig.ra Riccio Letizia, laureanda in Scienze Biologiche
Sig. Scabeni Stefano, laureando in Scienze Biologiche
Offerta assistenziale
Reparto: 14 letti di degenza ordinaria (Tel. 022394333/435)
Day-Hospital: 2 letti
Ambulatorio Speciale per le Malattie Neuromuscolari (lunedì, martedì, mercoledì e giovedì, per
prenotazioni Tel. 022394255)
Ambulatorio Speciale Distrofie Muscolari (Dr.ssa Morandi, per prenotazioni Tel. 022394413)
Ambulatorio Speciale Sclerosi Multipla (4 volte/settimana, per prenotazioni Tel. 0270631911)
ATTIVITÀ 2002
Malattie autoimmuni del SNC e SNP
- Storia naturale della SM. In collaborazione con Centri SM nazionali sulla base di un database
network (iMED).
- Terapia della SM con particolare riguardo a farmaci immunomodulanti e immunosoppressori, in
collaborazione con i Centri SM della Regione Lombardia e del Nord Italia.
- Genetica della SM con particolare riguardo alla individuazione di markers genetici di suscettibilità
e allo studio di gemelli mono e dizigoti di cui uno affetto da SM.
Autoanticorpi contro antigeni mielinici e studio della degenerazione neuronale
Verificata la presenza di autoanticorpi anti-MOG nel siero di pazienti affetti da SM, abbiamo dosato
tali anticorpi anche nel liquor e per confronto, abbiamo considerato un gruppo di “pazienti controllo”
caratterizzati da altre malattie neurologiche. Dall’analisi statistica si osserva una differenza
significativa dei valori assoluti degli anticorpi anti-MOG, tra i due gruppi di pazienti considerati.
Tuttavia, il calcolo della sintesi intratecale specifica per anticorpi anti-MOG ha evidenziato un valore
patologico in 3/110 pazienti SM analizzati; questo comportamento si osserva in modo analogo anche
nelle patologie infiammatorie/infettive del SNC utilizzate come popolazione di controllo,
suggerendo che la presenza di anticorpi anti-MOG nel liquor di pazienti con malattie autoimmuni o
infiammatorie del SNC non è un evento significativo e specifico per la SM.
Encefalite di Rasmussen (ER)
Lo studio della presenza di autoanticorpi anti-GluR3 in pazienti affetti da ER e in pazienti con
epilessia parziale (EP) è stato approfondito valutando il legame di anticorpi presenti nel siero dei
pazienti su sezioni di cervello di ratto tramite metodica di istoblotting. Sia i sieri di pazienti affetti da
ER che da EP mostrano uno staining simile a quello osservato con anticorpi anti-GluR2,3,
confermando che la presenza d’autoanticorpi anti-GluR3 non è specifica per ER, come già
evidenziato dai test ELISA. Inoltre, l’utilizzo della metodica di istoblotting e il confronto con lo
75
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 76
staining ottenuto con anticorpi specifici per diversi recettori del SNC (GluR1, GluR4, NMDAR1,
NMDAR2A/B) ha rivelato che il siero di pazienti ER e EP contiene anticorpi che riconoscono
strutture positive per il recettore NMDAR2A/B. Il dato suggerisce che anche questi anticorpi
potrebbero contribuire ai meccanismi patogenetici di queste forme di epilessia. Lo studio è stato
condotto in collaborazione con il Dott. Roberto Spreafico (U.O. Neurofisiologia Sperimentale ed
Epilettologia) e con la Dott.sa Tiziana Granata (U.O. Neuropsichiatria Infantile).
Miastenia grave (MG)
(a) Lo studio dell’espressione di Toll-like receptor 4 (TLR4) nel timo di pazienti affetti da MG e di
controllo, mediante real time PCR, ha rivelato che i livelli di mRNA specifici per TLR4 sono
significativamente aumentati nei casi di timite rispetto ai casi di iperplasia, timoma e involuto e ai
timi di controllo. In timi iperplastici, involuti o con timite la proteina TLR4 colocalizza con cellule
citocheratina positive, identificabili come cellule epiteliali timiche (TECs), mentre nei timi di
controllo e di pazienti affetti da timoma il recettore è completamente assente oppure esclusivamente
espresso da alcune cellule CD14+ presenti nei tralci connettivali. Visto l’importante ruolo svolto dalle
TECs nei meccanismi di selezione linfocitaria nel timo, l’aumentata espressione di tale molecola e
la diversa distribuzione del recettore rispetto a timi di controllo sostengono l’ipotesi di una iniziale
risposta innata ad eventuali patogeni o stress cellulari nella MG.
(b) L’analisi dei livelli di sjTREC nel timo e nel sangue periferico di pazienti affetti da MG è stata
studiata in 17 iperplasie timiche, 10 timomi e 7 timi involuti, pre- e post-timectomia, fino a 12 mesi
di follow-up. È stato osservato che i livelli di sjTREC sono significativamente aumentati nei timomi,
e che sono paragonabili a quelli riscontrati nei timi infantili di controllo. I livelli di sjTREC nel
sangue periferico di pazienti con timoma sono risultati elevati, indicando che nei timomi la
timopoiesi è ancora molto attiva e che la presenza di tumore è in grado di sostenere l’esportazione di
cellule T potenzialmente autoreattive nella MG.
Miopatie infiammatorie (MI)
(a) L’analisi dell’espressione molecolare e proteica di tre chemochine inducibili da IFN-g (CXCL9,
CXCL10 e CXCL11), e del loro recettore comune (CXCR3), è stata condotta su biopsie muscolari
ottenute da pazienti affetti da MI e su mioblasti, isolati da biopsie MI, in condizioni basali e dopo
stimolo con citochine pro-infiammatorie. Lo studio molecolare indica che i livelli dei trascritti
specifici per le tre chemochine e il recettore sono aumentati nelle MI rispetto ai controlli,
raggiungendo la significatività nelle PM e IBM verso i controlli per la chemochina CXCL10 e nelle
IBM verso PM per il recettore CXCR3. L’analisi proteica mostra una forte positività per le tre
chemochine in corrispondenza dell’infiltrato infiammatorio (CD3+). I muscoli di controllo sono
scarsamente positivi. I mioblasti non esprimono costitutivamente le tre chemochine e il loro
recettore; dopo 24-48 ore di stimolazione con IFN-g e TNF-a, singolarmente o in associazione, sono
in grado di trascrivere e di rilasciare le proteine. I risultati ottenuti dimostrano che la presenza
costante di chemochine nel sito d’infiammazione contribuisce a mantenere una situazione “cronica”
di richiamo di cellule autoreattive e di aggressione delle fibre muscolari, e che le fibre muscolari in
un microambiente pro-infiammatorio possono comportarsi anche da cellule del sistema immunitario.
(b) Studio immunopatologico della risposta infiammatoria nelle miopatie genetiche. È stato condotto
uno studio immunoistochimico in un gruppo di pazienti affetti da distrofia muscolare con deficit di
disferlina (DYSF) con presenza di una componente infiammatoria a livello muscolare. La
caratterizzazione della componente infiammatoria (linfociti T, sottopopolazioni CD4 e CD8, linfociti
B e macrofagi), la valutazione dell’espressione del complesso maggiore di istocompatibilità (MHC
classe I e II), del complemento (C5b-9) e della citotossicità (enzima citotossico TIA-1) sono state
effettuate parallelamente in un gruppo di pazienti affetti da polimiosite (PM) o da distrofia muscolare
di Duchenne (DMD). Tutti i pazienti DYSF presentano una componente infiammatoria
quantitativamente meno rilevante rispetto al gruppo PM e caratterizzata da una prevalenza di
macrofagi, sparsi linfociti T endomisiali e perivascolari ed assenza di citotossicità diretta contro le
76
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 77
fibre. L’espressione di MHC di classe I è presente in 7/10 DYSF, in 15/15 PM e 0/8 DMD. Il quadro
immunopatologico dei pazienti DYSF risulta distinto da quello dei casi PM e non caratterizzato da
una significativa risposta autoimmune diretta contro le fibre muscolari; il quadro immunopatologico
e l’espressione di MHC di classe I risultano peraltro analoghi a quanto osservato nel modello murino
con deficit di disferlina e sottolinea la peculiare associazione presente fra il deficit di espressione di
questa proteina e l’attivazione del sistema immunitario muscolare.
IMMUNOTERAPIE INNOVATIVE DI MALATTIE DEL SNC E SNP
Modelli sperimentali di malattia autoimmune
a) EAMG. Abbiamo dimostrato che il modello sperimentale di Miastenia Grave (EAMG) può essere
indotto in ratti Lewis mediante immunizzazione con il peptide corrispondente alla regione 97-116
della subunità a del recettore dell’acetilcolina di ratto (r97-116) ma non con il corrispondente peptide
sintetizzato sulla base della sequenza del recettore di Torpedine (t97-116). La EAMG indotta con
peptide 97-116 costituisce un modello alternativo all’induzione con recettore nativo (AChR) e
altamente specifico verso la sequenza immunodominante; ciò permette di identificare un trattamento
capace di modulare in modo specifico la risposta autoimmune diretta verso questo epitopo T
miastenogenico. Sono stati affrontati due distinti aspetti: 1) caratterizzazione funzionale e molecolare
di linee T antigene (peptide) specifiche; 2) proliferazione antigene specifica indotta da cellule
dendritiche (professionali antigen presenting cell).
(1) Da animali immunizzati con r97-116 e t97-116 sono state isolate linee linfocitarie antigene
specifiche. Le linee sono state caratterizzate in termini di specificità antigenica (risposta proliferativa
verso entrambe le sequenze peptidiche), e pattern di citochine Th1/Th2 prodotte. Il complesso MHCpeptide antigenico è riconosciuto dalle regioni V-D-J delle catene a e b del TCR. L’analisi molecolare
del repertorio delle famiglie Vb espresso dalle due linee antigene-specifiche, condotto mediante PCR
con primers Vb specifici e Southern Blot ha mostrato che: 1) la linea linfocitaria specifica per r97116 utilizza due regioni variabili non omologhe, Vb6 e Vb19; 2) la linea specifica per t97-116 utilizza
unicamente la regione variabile Vb6. È in corso lo studio mediante sequenziamento del
riarrangiamento VDJ delle catene Vb identificate.
(2) Le cellule dendritiche (DCs) sono altamente specializzate nell’internalizzazione e processamento
di antigeni proteici e interagiscono con i linfociti T a livello degli organi linfoidi secondari; svolgono
un ruolo critico nell’ambito della risposta immunitaria in quanto coinvolte nell’induzione e nel
mantenimento della tolleranza verso gli antigeni self. Sono state isolate DCs da precursori linea
specifici di midollo osseo di ratti Lewis sani e differenziate in coltura in presenza di IL-4 e GM-CSF.
Le DCs isolate sono state caratterizzate fenotipicamente mediante analisi citofluorimetrica, mediante
l’espressione di molecole di superficie (CD11c, MHCII, OX62) e molecole di costimolazione (CD80
e CD86). La caratterizzazione funzionale delle DCs è stata condotta mediante esperimenti di cocoltura con una linea T linfocitaria T antigene-specifica per il peptide 97-116 della subunità a
dell’AChR. I risultati indicano che le DCs sono in grado di indurre una risposta proliferativa della
linea antigene specifica confrontabile con i valori di controllo (APC spleniche), anche nel caso in cui
le DCs sono preincubate con l’antigene specifico. Questo ultimo dato suggerisce l’uso di DCs per
indurre modulazione e/o anergia in cellule T antigene specifiche; è inoltre possibile diversificare
temporalmente la fase di uptake dell’antigene dalla fase di trattamento delle DCs con citochine ad
effetto regolatorio quali IL-10 o TGF-b.
b) EAE. Scopo del nostro lavoro è stato di esplorare il contributo delle risposte immunitarie
allergiche alla patogenesi della encefalite autoimmune sperimentale (EAE), il modello animale di
SM. A tal fine sono stati messi a punto i modelli sperimentali della EAE (relapsing-remitting nel topo
SJL mediante immunizzazione con il peptide PLP139-151, ed il modello chronic-progressive nel
topo C57Bl/6 mediante immunizzazione con il peptide MOG35-55) e le metodiche necessarie per lo
studio nella EAE della risposta immunitaria anticorpale e cellulare. Gli studi eseguiti fino al
77
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 78
momento attuale sembrano supportare l’ipotesi che diversi meccanismi e mediatori delle risposte
allergiche svolgano un ruolo significativo nella patogenesi e modulazione della EAE.
Immunocaratterizzazione di cellule staminali del SNC umano
Il trapianto di cellule staminali neuronali (NSC) eterologhe, anche se condotto in siti
immunoprivilegiati come l’SNC, può attivare processi di immunoreattività specifica. Questo aspetto
è stato studiato in collaborazione con la S.O. Neurobiologia e terapie restorative (responsabile Dr. E.
Parati), con esperimenti di “reazione mista linfocitaria” unidirezionale (one-way MLR) per definire
il grado di alloreattività tra cellule staminali neuronali e linfociti di sangue periferico (PBL) da
donatori sani, valutando la risposta proliferativa dopo 3 e 5 giorni di co-cultura. Inoltre abbiamo
studiato l’espressione di molecole antigeniche MHC di classe I e II sulla superficie cellulare di NSC,
mediante analisi citofluorimetrica. Le citochine proinfiammatorie, come IFNg e TNFa, sono in grado
di indurre aumentata espressione di molecole MHC in differenti tipi cellulari. Sono in corso
esperimenti per valutare, mediante analisi citofluorimetrica, variazioni nel livello di espressione di
molecole MHC in seguito a trattamento con IFNg o TNFa; parallelamente saranno eseguiti
esperimenti MLR unidirezionali.
Attività aferetica – immunoterapia
Per quanto concerne l’attività aferetico-immunoterapeutica, è proseguito lo studio sull’effetto della
rimozione selettiva delle immunoglobuline in pazienti con patologie neurologiche associate ad
autoanticorpi specifici. Abbiamo documentato l’efficacia del trattamento nella neuromiotonia
acquisita associata ad anticorpi anti-canale del potassio. In collaborazione con il laboratorio del Dr.
Spreafico, le immunoglobuline purificate sono state utilizzate per studi di immunocitochimica su
encefalo di ratto che hanno documentato la presenza di immunoreattività nei confronti di varie
strutture encefaliche (neuroni piramidali e cellule del Purkinje). È in corso di studio, sia a livello
clinico che immunocitochimico, un paziente affetto da atassia cerebellare associata ad anticorpi anticanale del calcio. Prosegue lo studio dell’efficacia dell’immunoassorbimento selettivo nell’encefalite
di Rasmussen; è stato iniziato il trattamento di un nuovo caso affetto da una forma ad esordio adulto,
con esito favorevole dopo i primi sei mesi di terapia (in collaborazione con il Dr. Villani).
Parallelamente, in collaborazione con la Dr.ssa Granata, è stata completata la verifica dell’esperienza
clinica sull’uso di vari approcci immunoterapeutici in una casistica selezionata di pazienti affetti da
encefalite di Rasmussen. Prosegue lo studio sull’effetto dell’immunoassorbimento in pazienti affetti
da sclerosi multipla in poussè non responsiva al trattamento steroideo ad alte dosi. Infine, è stato
messo a punto l’immunoassorbimento selettivo mediante anticorpi policlonali di pecora anti-IgG
umane. In collaborazione con il Dr. Pareyson, è iniziato lo studio sull’efficacia di tale metodica
innovativa in pazienti affetti da neuropatia associata ad anticorpi anti-MAG.
Malattie neuromuscolari
a) L’attività svolta nel corso del 2002 comprende l’attività diagnostica, con organizzazione di
ricoveri in day-hospital, per l’esecuzione di biopsia muscolare, studi di imaging e studi
neurofisiologici, o per cicli di infusione di farmaci in pazienti con miastenia, sclerosi multipla,
malattia del motoneurone. L’attività ambulatoriale è rivolta in particolare al follow-up dei pazienti
con malattie muscolari degenerative ereditarie, con utilizzo di protocolli specifici per patologia, con
valutazione della stenia segmentaria, anche quantitativa con miometro, e analisi di prove funzionali.
I protocolli sono stati disegnati in modo da definire il grado di compromissione globale e di gruppi
muscolari specificamente coinvolti nelle singole malattie. I dati così raccolti sono utilizzati per studi
di correlazione genotipo-fenotipo. L’attività clinica si inserisce nell’attività degli altri settori della
U.O., in particolare con il laboratorio di genetica e con il laboratorio di biologia della cellula
muscolare, da un lato fornendo dati clinici e materiale biologico per gli studi di ricerca sui
meccanismi patogenetici delle malattie, e dall’altro traendo elementi per fornire al paziente una
precisa diagnosi clinica e molecolare e per la consulenza genetica.
78
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 79
È stato organizzato un gruppo multidisciplinare per l’elaborazione di linee guida per l’iperCKemia
asintomatica.
b) Nell’ambito delle distrofie muscolari è proseguito lo sforzo di caratterizzazione geneticomolecolare della casistica afferente all’U.O. in accordo con i più recenti aggiornamenti nel campo.
L’analisi dell’espressione di alcuni ligandi dei sarcoglicani, proteine deficitarie in alcune forme di
distrofia dei cingoli, ha evidenziato un aumento significativo del trascritto di decorina e biglicano
(due proteine della matrice extracellulare) rispetto a controlli della stessa età, nel muscolo di pazienti
con deficit di sarcoglicano e di disferlina. Questi dati devono essere correlati con l’entità della fibrosi
negli stessi muscoli.
Nel modello animale canino di distrofia muscolare Xp21 è stata indagata la possibile presenza di
alterazioni nel muscolo fetale. Poiché non si sono rilevate anomalie chiare rispetto al muscolo di feti
normali, si rende pertanto necessaria l’analisi ultrastrutturale del muscolo nonché l’individuazione di
markers istopatologici specifici. Da alcuni di questi feti, in collaborazione col gruppo del Dr. Parati,
è stato prelevato materiale da vari distretti del sistema nervoso centrale per l’ottenimento di cellule
staminali neurali.
c) Citochine fibrogeniche ed inibitori delle metalloproteasi: studi su biopsie muscolari di pazienti
distrofici. Valutato espressione CTGF come trascritto e proteina. Studio dei meccanismi della fibrosi
muscolare nei modelli animali canino e murino di distrofia muscolare. È stata valutata l’espressione
di TGFbeta1 e CTGF nei diaframmi di topi mdx evidenziando un progressivo incremento delle
citochine fibrogeniche e dell’entita della fibrosi con l’incremento di età.
Collaborazioni esterne nazionali ed internazionali
• Prof. Carlo Alberto Angeletti, Università di Pisa, Pisa
• Dr. Corrado Angelini, Università di Padova, Padova
• Dr. Mauro Antimi, Ospedale Sant’Eugenio, Roma
• Dr. Giovanni Antonini, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Roma
• Dr.ssa MariaLuisa Bianchi, Istituto Auxologico di Milano, Milano
• Dr.ssa Annalisa Botta, Università “Tor Vergata”, Roma
• Dr.ssa Cristina Brahe, Università Cattolica di Roma
• Prof. Diana Conte Camerino, Istituto di Farmacologia dell’Università di Bari, Bari
• Dr. Giacomo Comi, Università degli Studi di Milano, Policlinico, Milano
• Dr.ssa Gabriela Constantin, Università di Verona, Verona
• Dr.ssa Amelia Evoli, Università Cattolica di Roma, Roma
• Dr. Pietro Ghezzi, Istituto di Ricerca Farmacologica “Mario Negri”, Milano
• Dr. Maurizio Moggio, Università degli Studi di Milano, Policlinico, Milano
• Dr. Roberto Massa, Università “Tor Vergata”, Roma
• Dr. Massimiliano Mirabella, Università Cattolica di Roma, Roma
• Dr.ssa Francesca Navone, CNR, Milano
• Dr. Giuseppe Novelli, Università “Tor Vergata”, Roma
• Dr. Luigi Poliani, Istituto dei Tumori, Milano
• Dr. Alessandro Prelle, Università degli Studi di Milano, Policlinico, Milano
• Dr. Antonio Uccelli, Università di Genova, Genova
• Dr.ssa Annamaria Vezzani, Istituto di Ricerca Farmacologica “Mario Negri”, Milano
• Prof. Annamaria DeLuca, Istituto di Farmacologia dell’Università di Bari, Bari
•
•
•
•
•
•
Prof. Steve Galli, Stanford University, Stanford, CA, USA
Dr.ssa Cécile Jaeger, AFM Genethon Parigi, Francia
Dr. George Karpati, Neurological Institute, McGill University, Montreal, Canada
Dr. Hanns Lockmüller , MTCC, Università di Monaco, Germania
Prof. Hiroshi Ohtsu, Tohoku University, Sendai, Giappone
Prof. Lawrence Steinman, Stanford University, Stanford, CA, USA
79
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 80
Partecipazione alla costituzione di un data base nazionale delle distrofie muscolari di Duchenne,
nell’ambito di un progetto di collaborazione italiano per lo studio clinico della distrofia muscolare,
con il sostegno di UILDM e Telethon.
In collaborazione con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche dell’Università degli
Studi di Milano e l’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia Molecolare, CNR di Milano, è stato iniziato
uno studio della fisiologia dell’esercizio e dell’ossigenazione del muscolo durante l’esercizio
muscolare mediante Near InfraRed Spectroscopy nei pazienti con miopatia mitocondriale e con
glicogenosi di tipo V.
Il Centro SM partecipa ai seguenti progetti nazionali e internazionali:
- Genetic analysis of multiple sclerosis in European Society (Studio GAMES). Coordinatore Prof.
Compston;
- Studio di concordanza su gemelli mono e dizigoti. Coordinatore Prof. Salvetti;
- Monitoraggio del decorso di malattia in corso di terapie immunomodulanti. Coordinatore Dr.ssa
Milanese;
- Meta-analisi di trials clinici con farmaci immunosoppressivi. Progetto Cochrane. Responsabile
Dr.ssa La Mantia;
- Interferone beta ricombinante versus azatioprina nella SMRR. Studio multicentrico randomizzato.
Responsabile Dr.ssa Milanese;
- Immunomodulating treatment: affective and cognitive aspects (Studio ITACA). Studio
multicentrico. Sponsor Aventis Pharma S.p.a.
ATTIVITÀ DIDATTICA
Dr. Renato Mantegazza
“Miastenia grave e sindromi miasteniche” Scuola di Specializzazione in Neurologia, Università di
Padova, Aprile 2002
Tutor presso la Scuola di Specializzazione in Applicazione Biotecnologiche, Università degli Studi
di Milano (specializzanda: Dr.ssa Pia Bernasconi)
Dr. Paolo Confalonieri
“Miopatie infiammatorie autoimmuni” Università di Milano, Dipartimento di Scienze Neurologiche,
Maggio 2002
Dr.ssa Clara Milanese
Tutor presso la Scuola di Specialità in Neurologia, Università Milano Bicocca (specializzanda:
Dr.ssa Nerina Mascoli)
Dr. Fulvio Baggi
Tutor presso la Scuola di Specialità in Chimica Clinica, Facoltà di Medicina, Università degli Studi
di Milano (specializzanda Dr.ssa Federica Ubiali)
Tutor presso la Facoltà di Scienze Biologiche, Università degli Studi di Milano (laureande: Sara
Paina e Elisabetta Peroni)
Dr.ssa Pia Bernasconi
Tutor presso la Facoltà di Scienze Biologiche, Università degli Studi di Milano (laureanda: Francesca
Pontiroli)
80
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 81
Dr.ssa Rosetta Pedotti
Seminario (15 Ottobre 2002 presso INNCB). “Multiple elements of the allergic arm of the immune
response modulate autoimmune demyelination”
Dr.ssa Marina Mora
Tutor presso la Facoltà di Scienze Biologiche, Università degli Studi di Milano (laureanda: Daniela
Piga)
Dr.ssa Lucia Morandi
Formazione per la diagnostica morfologica e clinica delle malattie neuromuscolari della Dr.ssa
Patrizia Dassi e della Dr.ssa Paola Cudia
ORGANIZZAZIONE EVENTI
XIII Congresso della Associazione Italiana di Neuroimmunologia (AINI) Moltrasio, Como, 17-19
Ottobre 2002.
Organizzazione dei seminari Dompè rivolti ai Centri SM della Regione Lombardia.
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
Bernasconi P, Cipelletti B, Passerini L, Granata T, Antozzi C, Mantegazza R, Spreafico R. Similar
binding to glutamate receptors by Rasmussen and partial epilepsy patients’ sera. Neurology 2002,
59:1998-2001
La Mantia L, Milanese C, Mascoli N, Incorvaia B, D’Amico R, Weinstock-Guttman B.
Cyclophosphamide for multiple sclerosis. The Cochrane Library; Issue 4 2002 (ISSN 1464-780 X)
Mantegazza R, Bernasconi P, Baggi F, Spreafico R, Ragona F, Antozzi C, Bernardi G, Granata T.
Antibodies against GluR3 peptides are not specific for Rasmussen’s encephalitis but are also present
in epilepsy patients with severe, early onset disease and intractable seizures. J Neuroimmunol 2002,
131:179-185
Merlini L, Mazzone ES, Solari A, Morandi L. Reliability of hand-held dynamometry in spinal
muscular atrophy. Muscle Nerve 2002, 26:64-70
Passerini L, Bernasconi P, Baggi F, Confalonieri P, Cozzi F, Cornelio F, Mantegazza R. Fibrogenic
cytokines and extent of fibrosis in muscle of dogs with X-linked golden retriever muscular dystrophy.
Neuromuscul Disord 2002, 12:828-835
81
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 83
U.O. NEUROLOGIA V - NEUROPATOLOGIA
Direttore U.O.: Orso BUGIANI (fino al febbraio 2003)
Il Prof. Orso Bugiani si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1963 e specializzato in
Neuropsichiatria presso l’Università di Genova dove ha conseguito anche la libera docenza in Clinica
delle Malattie Nervose e Mentali.
Tra il 1964 e il 1983 ha lavorato presso la Clinica Neurologica dell’Università di Genova dapprima
come assistente, quindi come aiuto e infine come professore associato.
Nel 1966 è stato borsista di Neuropatologia all’Istituto “Bunge”, Antwerp, Belgio, nel 1970-71 è
stato borsista di Microscopia Elettronica, presso l’”Université libre”, Bruxelles, Belgio, e nel 198182 è stato Lettore di Patologia, presso l’Indiana University, Indianapolis, IN, USA
Dal 1983 lavora all’Istituto Neurologico Besta, dapprima come aiuto, poi come Primario della
Divisione di Neuropatologia ed infine come Direttore della Struttura Complessa Unità Operativa di
Neuropatologia & Neurologia 5.
Dal 1987 al 1994 è stato Direttore scientifico dell’Istituto Neurologico Besta
È Autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche (articoli, capitoli, età)
Direttore U.O.: FABRIZIO TAGLIAVINI (dal marzo 2003)
Il Dr. Fabrizio Tagliavini si è laureato in Medicina e Chirurgia con lode nel 1975 e specializzato in
Neurologia con lode nel 1979 presso l’Università degli Studi di Parma. Nel 1985 ha conseguito la
specializzazione in Neuropatologia presso l’Università di Milano. Dal 1981 al 1984 ha lavorato
all’Istituto di Neuroanatomia dell’Università di Berna (CH) e nel 1989-90 presso il Dipartimento di
Patologia del New York University Medical Center, New York (USA). Dal dicembre 1984 lavora
all’Istituto Neurologico Besta, dapprima come assistente, quindi come aiuto e infine come
responsabile del laboratorio di Neuropatologia. Dal marzo 2003 è Direttore Incaricato della U.O. di
Neuropatologia e Neurologia 5.
Il suo ambito culturale e di ricerca è orientato alle demenze degenerative e trasmissibili (in
particolare malattia di Alzheimer, demenze fronto-temporali, malattia di Creutzfeldt-Jakob) indagate
sul piano clinico, biochimico, genetico e neuropatologico. È presidente della Associazione Italiana di
Neuropatologia, membro dell’Advisory Committee della Società Internazionale di Neuropatologia,
Temporary Advisor dell’OMS per le malattie da prioni, e vice-presidente della Task Force per le
encefalopatie spongiformi trasmissibili del Ministero della Salute. È autore di oltre 150 articoli su
riviste internazionali (fra cui Nature, Nature Medicine, Science, Cell, EMBO Journal, Proceedings
of the National Academy of Sciences USA, Lancet) con un impact factor totale negli ultimi dieci anni
di oltre 500.
Segreteria divisionale:
Telefono 02-2394260;
Fax 02-70638217,
e-mail [email protected]
Laboratorio:
02-2394260
02-2394248
Caposala Neurologia 5: 02-2394444
83
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 84
STRUTTURA COMPLESSA, UO NEUROPATOLOGIA & NEUROLOGIA 5
Struttura Organizzativa Semplice a valenza Dipartimentale “Laboratorio di Neuropatologia”
Responsabile Dr Fabrizio Tagliavini
Elenco attività
L’attività dell’UO Neuropatologia e Neurologia 5 è organizzata in due aree una clinica e una di
laboratorio.
area clinica
a) Degenza (O Bugiani, F Tagliavini, AR Giovagnoli e D Peluchetti): Sei posti letto per lo studio
delle “Demenze”
b) Attività ambulatoriale (O Bugiani, F Tagliavini, G Giaccone, AR Giovagnoli e D Peluchetti):
Ambulatorio di Neurologia Generale, “Unità Valutazione Alzheimer” e ambulatorio Speciale
Disturbi Cognitivi.
c) Neuropsicologia (AR Giovagnoli e un consulente psicologo a tempo parziale): Valutazione e
diagnosi neuropsicologica di pazienti ricoverati o ambulatoriali, affetti da malattie del Sistema
Nervoso Centrale.
area di laboratorio
1. Neuropatologia Generale (Dr. G Giaccone, due borsisti e un tecnico di laboratorio). Diagnostica
neuropatologica delle malattie del Sistema Nervoso Centrale per reparti dell’Istituto e per esterni.
È Centro di Riferimento Regionale per la diagnosi Neuropatologica delle Malattie da Prioni e
partecipa al Network di eccellenza europeo Brain-Net Europe.
2. Neuropatologia Oncologica (Dr.ssa B Pollo, un borsista, un tecnico di laboratorio). Diagnostica
istologica, anche intraoperatoria, delle neoplasie del Sistema Nervoso operate in Istituto e
consulenze per esterni. Fa parte del Dipartimento di Neurooncologia dell’Istituto.
3. Neuropatologia Ultrastrutturale (Dr.ssa M Morbin, un borsista) Diagnostica ultrastrutturale di
malattie metaboliche e degenerative del Sistema Nervoso Centrale e Periferico per reparti
dell’Istituto e per esterni.
4. Neuropatologia Molecolare (Dr Fabrizio Tagliavini, 5 borsisti e un tecnico di laboratorio).
Diagnostica genetica e biochimica delle demenze degenerative e trasmissibili (Malattia di
Alzheimer, taupatie e malattie da prioni)
Centri di eccellenza internazionali e regionali
“Network of the European brain and tissue banks for clinical and basic neuroscience” dell’Unione
Europea (Brain-Net)
Centro di riferimento Regionale per le Malattie da Prioni
Collaboratori
Dirigenti Medici Neurologi
Giaccone Giorgio
Giovagnoli Anna Rita
Morbin Michela
Peluchetti Dionisio
Pollo Bianca
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
Tecnico Laboratorio Biomedico
Cacciatore Francesca
Spinello Sonia
84
022394728
022394344
022394728
022394714
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 85
OTA
Ada Mameli (part-time)
Coadiutore Amministrativo
De Rosa Maria (part-time)
Segreteria U.O.
Borsisti e contrattisiti
Di Fede Giuseppe
Marcon Gabriella
Capobianco Raffaella
Mangieri Michela
Maderna Emanuela
Miccolo Claudia
Rossi Giacomina
Suardi Silvia
Limido Lucia
Mazzoleni Giulia
Colombo Elena
Pasquali Claudio
Carpanzano Sabrina
Medico Neurologo
Medico Neurologo
Medico Veterinario
Medico Veterinario
Biologo
Biologo
Biologo Borsista
Biologo
Biotecnologo
Laureato in Scienze Naturali
Psicologo part-time
Tecnico Laboratorio Biomedico
Coadiutore Amministrativo; segreteria di Laboratorio
Frequentatori
Catania Marcella
Tesista
OFFERTA ASSISTENZIALE
• Degenza (Caposala Neurologia 5: 02-2394444)
Sei posti letto per lo studio delle “Demenze”
OFFERTA AMBULATORIALE
1. Ambulatorio UVA – Alzheimer: tel. CUP 02-70631911
Prof. Orso Bugiani
Dr. Fabrizio Tagliavini
Dr. Giorgio Giaccone
Dr.ssa Anna Rita Giovagnoli
2. Ambulatorio Generale tel. CUP 02-70631911
Prof. Orso Bugiani
Dr. Dionisio Peluchetti
3. Ambulatorio Speciale Disturbi Cognitivi tel. CUP 02-70631911
Dr.ssa Anna Rita Giovagnoli
4. Ambulatorio Test Neuropsicologici tel. CUP 02-70631911
Dr.ssa Anna Rita Giovagnoli
Dr.ssa Elena Colombo
85
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 86
Offerta esami di laboratorio (Segreteria 022394260)
Il laboratorio di Neuropatologia offre un servizio diagnostico e di consulenza, accessibile da strutture
esterne, con particolare riferimento a:
Demenze Degenerative
Esami Neuropatologici su materiale autoptico e bioptico
Esami Biochimici e Genetici: analisi del gene PRNP,
analisi del gene tau (MAPT)
analisi del gene APP,
analisi dei geni presenilina 1
(PSEN1), presenilina 2 (PSEN2)
dosaggio proteina 14.3.3
dosaggio proteina tau
Esami ultrastrutturali su materiale bioptico ed autoptico
Neoplasie SNC e Periferico Esami istologici ed immunoistochimici su campioni bioptici
Malattie metaboliche
Esami ultrastrutturali di biopsie periferiche (cute, pellet) e centrali
Neuropatie Periferiche
Esame istologico e ultrastrutturale di nervo periferico
ATTIVITÀ
L’UO di Neuropatologia e Neurologia 5 studia le demenze degenerative e trasmissibili, indagandole
sul piano clinico, epidemiologico, neuropatologico, biochimico e genetico.
Svolge attività diagnostica e di ricerca di neuropatologia oncologica e di neuropatologia
ultrastrutturale per le malattie metaboliche del Sistema Nervoso Centrale e le neuropatie periferiche
CONSUNTIVI 2002
Attività clinica
Ricoveri
Visite ambulatoriali
Analisi Cognitive
107
3500
150
Attività di Laboratorio
Neuropatologia encefali in toto
Diagnosi neurooncologiche definitive
Diagnosi neurooncologiche estemporanee
Esami ultrastrutturali
Analisi DNA
Analisi Biochimiche (Liquor)
51
994
163
54
191
541
Demenze Degenerative
Malattia di Alzheimer e Taupatie (Demenza Frontotemporale, Malattia di Pick, Paralisi
Sopranucleare Progressiva, Degenerazione Cortico-Basale)
Il personale dell’UO ha seguito i pazienti sul piano clinico in regime di ricovero o ambulatoriale, e
coordina le attività dell’Unità di Valutazione Alzheimer. Ha effettuato inoltre la diagnostica
molecolare delle forme familiari di demenza (ricerca delle mutazioni dei geni APP, PS1, PS2, tau),
ed il dosaggio di markers liquorali.
L’UO ha coordinato e/o partecipato a numerosi progetti di ricerca volti all’identificazione della
patogenesi della malattia di Alzheimer, con particolare riguardo ai meccanismi dell’amiloidogenesi
e al ruolo dell’infiammazione sulla neurodegenerazione. Una seconda linea di ricerca ha riguardato
l’identificazione di nuovi farmaci e la terapia sperimentale genica e con cellule staminali.
86
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 87
L’UO è leader di un progetto multicentrico italiano volto allo studio epidemiologico, genetico e
morfologico delle “Taupatie familiari e sporadiche”.
Demenze Trasmissibili
Malattie da Prioni (Malattia di Creutzfeldt-Jakob, Malattia di Gerstmann-SträusslerScheinker, Insonnia Fatale Familiare)
L’UO, che è il Centro di Riferimento Regionale per le Malattie da Prioni, ha seguito i pazienti in
regime di ricovero utilizzando un protocollo clinico neuropsicologico, neuroradiologico,
neurofisiologico, biochimico (dosaggio proteina 14.3.3 e proteina tau su liquor) e genetico (analisi
del gene PRNP) che è stato sviluppato ad hoc per la diagnosi e il follow up di queste malattie.
L’UO coordina e/o partecipa a numerosi progetti di ricerca nazionali ed internazionali volti a:
1. caratterizzazione fenotipica e genotipica delle malattie da malattie da prioni umane;
2. studio della patogenesi e delle vie di propagazione del prione su modelli animali;
3. sviluppo di test diagnostici in vita;
4. identificazione e sperimentazione di farmaci.
Il principale risultato dell’attività di ricerca del 2002 è stato la dimostrazione del potenziale ruolo
terapeutico di composti derivati dalla tetraciclina, su modelli animali delle malattie da prioni.
Laboratorio di Neuropsicologia
Il Laboratorio di Neuropsicologia si è occupato della diagnosi dei disturbi cognitivi di pazienti con
lesioni del Sistema Nervoso Centrale, contribuendo sia all’inquadramento iniziale che al follow-up
delle demenze, delle sindromi da lesione focale e dell’epilessia. Ha collaborato al tirocinio di
psicologi ed ha organizzato corsi di aggiornamento in Neuropsicologia. Fa parte della
sottocommissione di Neuropsicologia della Lega Internazionale contro l’Epilessia, collaborando
all’organizzazione di corsi accreditati internazionali ed alla stesura di linee guida.
Neuropatologia Generale
La neuropatologia generale si è occupata della diagnosi istologica e immunoistochimica delle
malattie del Sistema Nervoso Centrale, sia su materiale bioptico che autoptico focalizzata
prevalentemente alle malattie degenerative e da prioni. Questo settore si è occupato dell’attività di
ricerca relativa alle demenze degenerative e trasmissibili e ha coordinato la sperimentazione animale.
Neuropatologia Oncologica
La Neuropatologia Oncologica ha svolto l’attività diagnostica istologica delle neoplasie del Sistema
Nervoso Centrale e Periferico dell’età adulta e pediatrica. L’attività di questo settore è in costante
aumento negli ultimi anni, con un incremento nel 2002 di oltre il 30% rispetto l’anno precedente. Si
è occupata anche dell’attività di ricerca, rivolta in particolare allo studio dell’istogenesi dei tumori
ed alla ricerca di fattori prognostici e di marcatori di differenziazione. Ha collaborato inoltre a studi
sperimentali di terapia genica. La Neuropatologia Oncologica fa parte del Dipartimento di
Neurooncologia dell’Istituto e partecipa a progetti di ricerca corrente e finalizzata. Nel 2002 la
ricerca nell’ambito neurooncologico ha permesso l’individuazione di nuovi markers molecolari in
alcune neoplasie gliali.
Neuropatologia Ultrastrutturale
La Neuropatologia Ultrastrutturale ha studiato istologicamente e ultrastrutturalmente biopsie di cute
e pellet leucocitari per la diagnosi di malattie “da accumulo” o “degenerative” del Sistema Nervoso
Centrale–e.g Ceroidolipofuscinosi neuronale, malattia di Lafora, Distrofia Neuroassonale Infantile,
CADASIL. La microscopia elettronica viene utilizzata quale ausilio diagnostico per alcune biopsie
cerebrali e per la diagnostica di neuropatie sensitive su biopsie di nervo periferico. Questo settore
partecipa alla ricerca corrente e finalizzata relativa alle demenze degenerative e trasmissibili
occupandosi prevalentemente della caratterizzazione ultrastrutturale di peptidi sintetici come
87
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 88
modello di base per lo studio dell’amiloidogenesi. Collabora inoltre con i reparti clinici dell’Istituto
per le attività di ricerca sulle neuropatie periferiche.
Neuropatologia Molecolare
Il settore di Neuropatologia Molecolare si è occupato prevalentemente della diagnostica delle
demenze degenerative e trasmissibili eseguendo analisi del DNA per mutazioni e polimorfismi
associati alla malattia di Alzheimer, alle taupatie e alle malattie da prioni. Nell’ultimo anno si è avuto
un incremento di oltre il 50% delle analisi su biochimiche liquorali (dosaggio proteine 14.3.3 e tau)
passando da 240 determinazioni del 2001 a 541 del 2002. Questo settore partecipa alla ricerca
corrente e finalizzata relativa alle demenze degenerative e trasmissibili.
COLLABORAZIONI ESTERNE NAZIONALI
ASS n.2 Caltanissetta
Dipartimento di Neuroscienze
Centro Regionale di Neurogenetica della Calabria
CNR Istituto di Tecnologie Biomediche Segrate (MI)
IRCSS San Raffaele Milano DIBIT
Istituto Superiore di Sanità
IZS Lombardia e Emilia Romagna, Milano
IZS Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta, Torino
Istituto Farmacologico “Mario Negri” Milano
Dr. L.M.E. Grimaldi
Dr. A Bruni
Dr. M. Musicco
Prof. R Sitia, Dr. A Vescovi
Dr. M Pocchiari
Dr. D Gelmetti
Dr. M Caramelli
Dr. M Salmona, Dr. P Forloni,
Dr. C Bendotti, Dr. T Mennini,
Ospedale di Arezzo
Neurologia
Dr. P Zolo
Università Cattolica di Roma Istituto di Neurologia
Prof. G. Gainotti
Università di Firenze
Clinica Neurologica
Prof. Sorbi
Università di Genova
Centro di Biotecnologie Avanzate Prof. G Schettini
Università di Genova
Dip di Medicina Sperimentale
Dr. M Tabaton
Università di Milano:
Istituto di Farmacologia,
Prof. F Clementi, Dr. L Sironi
Università di Napoli
Clinica Neurologica II
Dr. G Puoti, Prof S Carlomagno
Università di Pavia
Scienze Fisiologiche
Dr. C Daniela
Università di Roma TRE:
Dipartimento di Biologia
Prof. G Lauro
Università di Sassari
Clinica Neurologica
Prof. MG Piras
Università di Udine
Clinica Neurologica
Dr. G Marcon
Università di Verona
Anatomia Umana Normale
Prof. M Bentivoglio
Clinica Neurologica
Prof. S Monaco, Dr G Zanusso
COLLABORAZIONI ESTERNE INTERNAZIONALI
CEA Paris (F)
Prof. D Dormont, e membri del network di eccellenza
“Neuroprion” dell’Unione Europea
EORTC- Bruxelles (B)
European Organization for Research and Treatment of Cancer
Indiana University
Prof. B Ghetti, Indianapolis (USA)
Mc Gill University of Montreal (CA) Prof M Jones-Gotman e membri della Subcommission in
Neuropsicology della ILAE.
New York University (USA)
Prof. B Frangione, Dr E Levy New York
University of Glasgow (UK)
Dr. Alun Williams, membri del contratto
QLK3-CT-2001-00283 dell’Unione Europea
University of Munich (D)
Prof. H. Kretzschmar e membri del network di eccellenza
“Brain-net”
University of Porto (PT)
Prof A Martins da Silva, Prof JL Pasè Ribeiro
University of Vienna (A)
Prof. H. Budka e membri del contratto BMH4-CT98-6051
dell’Unione Europea
88
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 89
Attività didattica
1. Scuola di Specializzazione in Neurologia dell’Università degli Studi di Monza
Training neuropatologico di 3 specializzandi per 2 mesi all’anno (Prof Orso Bugiani)
2. Scuole di Specializzazione in Neurologia
Università Statale di Milano, (Prof Orso Bugiani)
Università Milano Bicocca
Università Federico II Napoli
3. Preparazioni di tesi di laurea o specializzazioni
a. Poli Claudia: Chimica e Tecnologie Farmaceutiche
tutor Dr. ssa Bianca Pollo
b. Catania Marcella: Biotecnologie Mediche
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
c. Dr. Suardi Silvia: specializzazione in Genetica Applicata
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
d. Dr Giacomina Rossi specializzazione in Genetica
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
e. Dr Iussich Selina specializzazione in
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
4. Tirocinio di laureandi e laureati in Psicologia
tutor Dr.ssa Anna Rita Giovagnoli
5. Docenza Master Universitario di II Livello “Diagnosi e Terapia dei disturbi del Movimento”
(Dr Fabrizio Tagliavini)
6. Relazioni a diversi corsi di aggiornamento nazionali (accreditati ECM) o Internazionali
a. Proteinosi cerebrali (Malattia di Alzheimer, Malattie da Prioni, tauopatie)
Dr Fabrizio Tagliavini, Dr Giorgio Giaccone Prof Orso Bugiani
b. Neurooncologia
Dr.ssa Bianca .Pollo
c. Neuropsicologia
Dr.ssa Anna Rita Giovagnoli
Pubblicazioni selezionate 2002
• Bissola L, Eoli M, Pollo B, Merciai BM, Silvani A, Salsano E, Maccagnano C, Bruzzone MG,
Fuhrman Conti AM, Solero CL, Giombini S, Broggi G, Boiardi A, Finocchiaro G. Association of
chromosome 10 losses and negative prognosis in oligoastrocytomas. Ann Neurol 2002;52:842-5.
• Bonetto V, Massignan T, Chiesa R, Morbin M, Mazzoleni G, Diomede L, Angeretti N, Colombo
L, Forloni G, Tagliavini F, Salmona M. Synthetic miniprion PrP106. J Biol Chem.
2002;277:31327-34.
• Forloni G, Iussich S, Awan T, Colombo L, Angeretti N, Girola L, Bertani I, Poli G, Caramelli M,
Grazia Bruzzone M, Farina L, Limido L, Rossi G, Giaccone G, Ironside JW, Bugiani O, Salmona
M, Tagliavini F. Tetracyclines affect prion infectivity. Proc Natl Acad Sci USA 2002;99:10849-54.
• Guentchev M, Siedlak SL, Jarius C, Tagliavini F, Castellani RJ, Perry G, Smith MA, Budka H.
Oxidative damage to nucleic acids in human prion disease. Neurobiol Dis 2002;9:275-81.
• Thellung S, Villa V, Corsaro A, Arena S, Millo E, Damonte G, Benatti U, Tagliavini F, Florio T,
Schettini G. p38 MAP kinase mediates the cell death induced by Prp106-126 in the SH-SY5Y
neuroblastoma cells. Neurobiol Dis 2002;9:69-81.
89
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 91
U.O. NEUROFISIOPATOLOGIA
Direttore U.O.: Giuliano Avanzini
Neurofisiologo, libero docente in Clinica delle Malattie nervose e mentali; dal 1999 al 2002 Direttore
del Dipartimento di Ricerca Sperimentale e Diagnostica, dal 2002 Direttore del Dipartimento di
Neuroscienze Cliniche. Si occupa dagli anni ’70 di ricerca clinica e sperimentale nel campo della
Neurofisiologia e delle Epilessie. È autore di 427 pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali e internazionali ed editore di 22 volumi. Editor in Chief di Neurological Sciences, membro del Comitato editoriale di European Journal of Neurology, Epilepsia, Epilepsy Research, Acta Neurologica
Scandinavica, Guest referee di Brain Research. Professore a contratto Università di Parma e Milano.
E’stato segretario (1980-1986) e presidente (1987-1989) della Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE).
Vice-presidente (1997 a tuttora) dell’European Academy of Epileptology (EUREPA). Vice-presidente (1993-1997), tesoriere (1997-2000) e Presidente (2000 a tuttora) della International League Against
Epilepsy (ILAE), Presidente della International School of Neurological Sciences, San ServoloVenezia, Direttore della Summer School of Epileptology, San Servolo-Venezia.
Riferimento generale
Segreteria divisionale: tel.02-2394253 ; fax: 02-70600775
e-mail: [email protected]
Unità Organizzative semplici
• Unità di Epilettologia – Responsabile dr. Silvana Franceschetti
• Tel: 02.2394250 - e-mail: [email protected]
• Unità di analisi dei segnali – Responsabile dott. ing. Ferruccio Panzica
• Tel: 02.2394301- e-mail: [email protected]
Settori Operativi
• Unità EEG e Video EEG – dr. Simona Binelli, dr. Marina Casazza, dr. Laura Canafoglia
Tel: 02.2394232/439/216
e-mail: [email protected]; [email protected]; [email protected]
• Unità EMG e Potenziali Evocati –
Tel: 02-2394240 -275
• Letti Tecnici di Epilettologia – dr. Flavio Villani
Tel: 02.2394216 e-mail: [email protected]
• Laboratori di Epilettologia e Neurofisiologia Cellulare – dr. Silvana Franceschetti,
Giulio Sancini; dr. Massimo Mantegazza (sede Besta-Bicocca, via L.Temolo,4)
Tel. 02.2394611/612 - e-mail: [email protected]
Centri di riferimento
L’UO di Neurofisiopatologia include il Centro per l’Epilessia (Centro Coordinazione Regionale).
L’attività ambulatoriale è integrata Assistenti Sanitari dedicati, che ricevono sia direttamente
richieste di intervento o di chiarimenti necessarie alla corretta gestione del trattamento o a tematiche
sociosanitarie.
Collaboratori
dr. Simona Binelli
dr. Laura Canafoglia
dr. Marina Casazza
dr. Claudia Ciano
dr. Silvana Franceschetti,
dr. Massimo Mantegazza
dr. Vidmer Scaioli
dr. Flavio Villani
Giulio Sancini
91
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 92
Tecnici di Neurofisiopatologia
Paola Anversa;
Antonella Bettinelli;
Sergio Curzi;
Laura Maria Grigoletti;
Grazia La Porta;
Angela Napolitano;
Antonina Pazzola;
Alessandra Peirano;
Barbara Rigoldi
Borsisti e Contrattisti– Area di Neurofisiologia Clinica
Dr. Pamela Agazzi
02.2394439
Dr. Flavia Tripaldi
02.2394240
Ing. Elisa Visani
02.2394301
Dr. Lucia Zinno
02.2394216
Borsisti e Contrattisti– Laboratori Sperimentali
Dr. Patrizia Aracri
02.2394435
Dr. Elena Armatura
02.2394611/612 (Besta Bicocca)
Dr. Elisa Colombo
02.2394435
Dr. Maia Chikhladze
02.2394435
Dr. Pinuccia Magnaghi
02.2394435
Dr. Massimo Mantegazza
02.2394611/612 (Besta Bicocca)
Dr. Paolo Scalmani
02.2394611/612 (Besta Bicocca)
e-mail : [email protected]
[email protected]
Assistenti Sanitari Centro Epilessia
Flavio Arienti;
02.2394239
Teresa Longo
02.2394239
Offerta assistenziale
Tutte le attività diagnostiche di Neurofisiologia Clinica sinteticamente elencate nel capitolo attività.
Centro Unico di Prenotazione 02-70631911
Ambulatorio speciale per le Epilessie (tre accessi settimanali)
Prime visite: 02-2394239.
Controlli: Centro Unico di Prenotazione 02-70631911
Ricoveri ordinari ed in day Hospital: letti tecnici di epilettologia
Attività
L’unità operativa comprende: una sezione diagnostica di neurofisiologia clinica, che esegue tutti gli
esami elettrofisiologici necessari alla diagnosi di malattie del sistema nervoso centrale e periferico,
e una sezione di Epilettologia che fornisce prestazioni diagnostico-terapeutiche sia ambulatoriali sia
in regime di ricovero ed include laboratori dedicati a studi sperimentali in campo epilettologico.
a. Neurofisiologia clinica: effettua esami EEG, EEG-poligrafici, Monitoraggi Video-EEG, Studi di
Potenziali Evocati, EMG e Studi Reflessologici sia in pazienti in età pediatrica che in adulti. Oltre
agli esami standard, vengono applicati protocolli di valutazione neurofisiologica specificamente
destinati alla diagnosi di malattie degenerative, di malattie geneticamente determinate, o di varie altre
patologie complesse afferenti ai diversi settori specialistici che operano all’interno dell’Istituto.
b. Epilettologia Clinica
Effettua attività diagnostica, destinata soprattutto a quadri complessi di Epilessia, afferenti alla
sezione di Epilettologia ed alle unità operative di Neuropsichiatria Infantile. Vengono utilizzati
monitoraggi Video-EEG e video-poligrafici in sonno. Su specifica indicazione, in regime di
ricovero, vengono inoltre operati monitoraggi prolungati in pazienti con epilessie resistenti al
trattamento farmacologico, per la preparazione ad interventi di trattamento chirurgico dell’epilessia.
92
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 93
c. Attività di ricerca sperimentale: laboratori di Neurofisiologia sperimentale destinati a meccanismi
di base dell’epilettogenesi sia in modelli animali di forme di epilessia umana, sia su modelli atti allo
studio delle epilessie geneticamente trasmesse e del meccanismo di azione di farmaci antiepilettici.
Campi specifici di applicazione diagnostica e ricerca
1. Epilessie infantili e giovanili associate a malattie evolutive del sistema nervoso centrale;
sindromi miocloniche
La diagnosi ed il trattamento di tali malattie, relativamente rare nella popolazione generale,
riguardano una rilevante parte di pazienti affetti da forme severe di epilessia, spesso associate ad
altri disturbi neurologici, seguiti direttamente presso il Centro per l’Epilessia e presso le Unità
operative di Neuropsichiatria infantile. Le valutazioni diagnostiche ed i progetti di studio vengono
effettuate in collaborazione con i laboratori delle Unità Operative di Biochimica e Genetica, di
Miopatologia, di Neuropatologia. Si avvalgono di collaborazioni con laboratori nazionali ed
internazionali
2. Epilessie idiopatiche geneticamente determinae. Tali forme di epilessia, spesso benigne,
richiedono una precisa caratterizzazione e classificazione Lo studio clinico è affiancato da specifici
progetti di elettrofisiologia sperimentali finalizzati ad identificare il difetto funzionale conseguente
alla anomalia genetica.
3. Epilessie con crisi farmacoresistenti; studio prechirurgico. Si avvale di monitoraggi Video-EEG
protratti, di studi mediante tecnologie che associano test-neurofisiologici ed esami di immagine.Sono
dedicati a pazienti con epilessie che non rispondono ai trattamenti farmacologico ed allo studio dei
meccanismi che sostengono alcune epilessie focali gravi.
4. Sviluppo di tecniche di analisi automatica dei segnali elettrofisiologici: un laboratorio di analisi
dei segnali sviluppa tecnologie adatte ad analizzare e quantificare i parametri elettrofisiologici (in
particolare elettroencefalogrammi, elettromiogrammi e potenziali evocati) fornendo un supporto
tecnologico sia in fase diagnostica che di ricerca.
5. Studi Reflessologici, elettroneuronografici ed elettromiografici. Applicazioni particolari
riguardano la diagnosi ed il monitoraggio di patologie del tronco-encefalico, di distonie o tremori
atipici, della malattia di Steinert, della risposta a terapie farmacologiche in neuropatia acquisite (In
campo sperimentale:
Studi integrati che associano esami neurofisiologici diversi (EEG, potenziali evocati, test
reflessologici) riguardano inoltre patologie specifiche come la malattia di Creutzfeld-Jakob, Eredoatassie e altre malattie geneticamente determinate del sistema nervoso. In collaborazione con Unità
di neuropsichiatria Infantile e Neurochirurgia compie inoltre attività di studio e monitoraggio in
bambini affetti da spina-bifida.
Attività di studio in campo sperimentale.
Forniscono importanti contributi tecnologici e di conoscenza alle attività clinico-diagnostiche e
riguardano.
• Modelli di epilessie associati a disordini dello sviluppo cerebrale;
• Modelli di eccitabilità neuronale epilettogena studiate in preparazioni in vitro.
• Modelli sperimentali di epilessia geneticamente determinata,
• Meccanismo di azione di farmaci antiepilettici
Attività didattica
• L’Istituto è una delle sedi che partecipano alle attività di formazione nell’ambito della Laurea
Breve per tecnico di Neurofisiologia. Nel 2002 hanno preparato la tesi presso l’UO di
Neurofisiopatologia otto Diplomandi
• Tesi di specializzazione in Neurologia Dr.ssa Pamela Agazzi
• Tesi di Laurea in Biologia Dr.ssa Elisa Colombo
• Attività di Ricerca nell’ambito del Dottorato in Scienze Fisiologiche: Dr.ssa Patrizia Aracri
Collaborazioni Esterne Nazionali ed Internazionali.
Progetto Europeo “Cystatin B and Epilepsy”
Università di Helsinki, Dept. of Medical Genetics
Università di Kuopio, Dept. of Neuroscience and Neurology
93
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 94
Progetto Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani “Mappaggio e identificazione dei geni
implicati nelle epilessie idiopatiche dell’infanzia”
IRCCS Gaslini,Genova
Progetto Finalizzato Ministero della Sanità “Modelli genetici e meccanismi molecolari delle
epilessie idiopatiche”
IRCCS Stella Maris, PISA
Università degli studi di Milano-Bicocca, Dipartimento di Biotecnologie
University of Toronto, Istituto di Genetica Medica
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
Anderson E, Berkovic S, Dulac O, Gardiner M, Jain S, Laue Friis M, Lindhout D, Noebels J, Ottman
R, Scaramelli A, Serratosa J, Steinlein O, Avanzini G, Bailey-Wilson J, Cardon L, Fischbach R,
Gwinn-Hardy K, Leppert M, Ott J, Lindblad-Toh K, Weiss K, Laue-Friis M. ILAE genetics
commission conference report: molecular analysis of complex genetic epilepsies. Epilepsia.
2002;43(10):1262-7.
Arroyo S, Brodie MJ, Avanzini G, Baumgartner C, Chiron C, Dulac O, French JA, Serratosa JM. Is
refractory epilepsy preventable? Epilepsia. 2002;43(4):437-44.
Battaglia G, Pagliardini S, Ferrario A, Gardoni F, Tassi L, Setola V, Garbelli R, LoRusso G, Spreafico
R, Di Luca M, Avanzini G. AlphaCaMKII and NMDA-receptor subunit expression in epileptogenic
cortex from human periventricular nodular heterotopia. Epilepsia. 2002;43 Suppl 5:209-16.
Cipelletti B, Avanzini G, Vitellaro-Zuccarello L, Franceschetti S, Sancini G, Lavazza T, Acampora
D, Simeone A, Spreafico R, Frassoni C. Morphological organization of somatosensory cortex in
Otx1(-/-) mice. Neuroscience. 2002;115(3):657-67.
Ganesh S, Delgado-Escueta AV, Suzuki T, Francheschetti S, Riggio C, Avanzini G, Rabinowicz A,
Bohlega S, Bailey J, Alonso ME, Rasmussen A, Thomson AE, Ochoa A, Prado AJ, Medina MT,
Yamakawa K. Genotype-phenotype correlations for EPM2A mutations in Lafora’s progressive
myoclonus epilepsy: exon 1 mutations associate with an early-onset cognitive deficit subphenotype.
Hum Mol Genet. 2002 15;11(11):1263-71.
94
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 95
U.O. NEUROPSICHIATRIA INFANTILE
Direttore UO.: Lucia Angelini
Lucia Angelini si è laureata presso l’Università degli Studi di Milano nel 1969, si è specializzata in
Psichiatria nel 1973 e in Neurologia nel 1975, acquisendo l’idoneità nazionale a primario di
Neuropsichiatria Infantile nel 1979.
Dal 2000 è Direttore della UO di Neuropsichiatria Infantile dell’Istituto (con incarico di primario dal
1996). Dal 2001 è Vice-Direttore Sanitario dell’Istituto stesso.
Professore a contratto in Semeiotica neuropsichiatrica infantile presso la Scuola di specializzazione
in Neuropsichiatria Infantile dell’Università degli Studi di Pavia dal 1989 e dal 2001 anche di
Patologia speciale neuropsichiatrica infantile presso la Scuola di specializzazione in Pediatria
dell’Università degli Studi di Milano.
Membro del Consiglio direttivo dell’Associazione P. Zorzi per le Neuroscienze dal 1988.
Ha acquisito nel 2002 il Certificato di Formazione manageriale per Struttura Complessa della Scuola
di Direzione in Sanità della Regione Lombardia, presso l’ Università Cattolica di Milano.
Ha avviato sin dagli anni 70-80 un interesse e sviluppato una esperienza nei disordini del movimento
in età pediatrica, che rappresenta attualmente una delle aree di eccellenza clinica della UO. Ha
sviluppato successivamente un’esperienza clinica e coordinato progetti di ricerca multicentrica sulle
complicanze neurologiche dell’infezione HIV/AIDS nel bambino e sui disordini neurologici
infiammatorio-immunomediati dell’età pediatrica.
Ha pubblicato 70 lavori scientifici su riviste internazionali e 2 volumi monografici. Ha ricevuto
finanziamenti per la ricerca scientifica dalla Harry De Jur Foundation di New York ( contributo
continuativo per 15 anni), dall’Istituto Superiore di Sanità, dal Ministero della Sanità e
dall’Associazione P. Zorzi per le Neuroscienze.
Riferimenti
Direttore UO: 02.2394231, e-mail: [email protected]
Segreteria divisionale: 02.2394210 (anche Fax dopo ore 16.30), e-mail [email protected]
DH: 02.2394360
Reparto/Caposala: 02.2394224
Elenco attività
Disordini del movimento –
Referente: dr. Nardo Nardocci e-mail [email protected]
Malattie genetiche metaboliche e degenerative –
Referente: dr.ssa Graziella Uziel e-mail: [email protected]
Epilessia
Farmacologia clinica dell’epilessia
Referente: dr.ssa Dina Battino: coordinatore internazionale EURAP(registro internazionale dei
farmaci antiepilettici in gravidanza); e-mail: [email protected]
Epilessia clinica
Referente: dr.ssa: Tiziana Granata: e-mail: [email protected]
Disordini neurologici immunomediati compresa la sclerosi multipla infantile e malattie
cerebrovascolari
Referente Nicoletta Milani: e-mail: [email protected]
95
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 96
Disordini generalizzati dello sviluppo e sindromi autistiche
Referente: dr.ssa: e-mail:[email protected]
Collaboratori
Dirigenti medici
Nardo Nardocci
Graziella Uziel
Isabella Moroni
Dina Battino
Tiziana Granata
Nicoletta Milani
Margherita Estienne
neurologo
neurologo
neurologo
neurologo
neurologo
e-mail: [email protected]
Borsisti e contrattisiti
Giovanna Zorzi
Marianna Bugiani
Daniela Mamoli
Sara Messina
Elena Freri
Francesca Ragona
Federica Zibordi
Monica Morbi
neuropsichiatra infantile
neuropsichiatra infantile
neurologo, coordinatore nazionale EURAP,
specializzanda in farmacologia clinica,
specializzanda in neuropsichiatria infantile
specializzanda in neuropsichiatria infantile
neuropsichiatria
psicologa
Frequentatori
Giorgio Seragni
medico
Infermiere Pediatriche
Annibale Maria Pia, caposala
Sangion Simona,
Arcidiacono Rachele,
Bossi Donatella,
Di Caprio Luisa,
Imparato Paola,
Mangia Elena,
Mariani Sabrina,
Marroccella Carmela,
Pondurno Rosa,
Scotti Ilaria,
Sanna Silvestra.
Mancinelli Daniela (DH)
Assistente amministrativo
Laura Di Palma
Offerta assistenziale
La UO di NPI è strutturata in un reparto di degenza con 26 posti letto e in un DH con 2 posti letto.
I ricoveri ordinari sono stati 827, quelli di DH 722, gli accessi ambulatoriali 2891.
Degenza media 8.3, tasso di occupazione 86%, intervallo di turnover 0.5, peso medio 0.92.
In accordo con la missione della UO i DRG prevalenti nei ricoveri ordinari sono stati: epilessia
(includente forme rare e complesse come quelle sintomatiche di displasie corticali, encefalopatie
96
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 97
epilettiche precoci, encefalite di Rasmussen), malattie neurologiche genetiche metaboliche e
degenerative del SN (comprendenti i disordini del movimento – distonie, tic e sindrome di Gilles de
la Tourette, altre ipercinesie-) malattie infiammatorio-immunomediate comprese la sclerosi multipla
infantile.
Afferenza extraregionale: 55% (fino all’85% per la patologia degenerativa).
L’attività di DH è stata in gran parte dedicata all’epilessia, ai disordini del movimento (follow up
delle distonie e in particolare di quelle sottoposte a intervento di stimolazione cerebrale profonda; tic
e malattia di Gilles de la Tourette), alla cefalea infantile.
Produttività scientifica: impact factor 23.04.
Offerta ambulatoriale: ambulatori divisionali con scelta del medico per la patologia di eccellenza e
attività libero-professionale intramuraria ( prenotazioni al CUP)
ATTIVITÀ 2002
Disordini del movimento:
Sono stati elaborati percorsi diagnostici e terapeutici mirati e messo a punto un sistema di
videoregistrazione e archiviazione digitale di immagine per tutti i pazienti affetti da disordini del
movimento. I dati di ciascun paziente sono inseriti in una cartella computerizzata, che include la
documentazione video ottenuta attraverso il sistema digitale. L’archivio, organizzato in data base
specifici per le differenti categorie di disordini del movimento, comprende attualmente 400 pazienti,
di cui 50 di prima osservazione nell’anno 2003.
L’attività clinica e di ricerca si avvale della collaborazione di altre UO cliniche e di ricerca
dell’Istituto e di numerose strutture italiane ed estere.
Programmi di ricerca specifici riguardano:
1. Studio clinico e genetico della distonie primarie ad esordio infantile
I pazienti affetti da distonia primaria e i loro familiari sono sottoposti ad uno studio che include una
caratterizzazione elettrofisiologica e genetica per la identificazione di mutazioni (DYT1, DYT5,
DYT11, DR2). L’insieme di queste tecniche fornisce possibilità diagnostiche di avanguardia, la
precisazione delle correlazioni genotipo-fenotipo e il prerequisito fondamentale per l’identificazione
di nuovi geni-malattia attraverso l’effettuazione di studi di linkage nelle famiglie risultate negative
per le mutazioni note.
2. Trattamento di stimolazione cerebrale profonda nella distonia ad esordio infantile
L’esperienza maturata in Istituto su una serie ormai numerosa di pazienti, unitamente ai dati della
letteratura, indica che la stimolazione cerebrale profonda può essere efficace nel trattamento della
distonia ad esordio infantile, ma i criteri di indicazione, l’efficacia a lungo termine ed il ruolo di
questo trattamento nell’ambito delle varie opzioni terapeutiche sono ancora da precisare. Lo studio
si propone di verificarne in maniera prospettica l’efficacia rispetto a variabili quali eziologia, durata
di malattia, distribuzione e tipo di distonia, presenza di altri movimenti involontari ritenute in grado
di condizionarla. Tutti i pazienti inclusi nello studio sono sottoposti a valutazioni standardizzate pre
e post-chirurgiche.
3. Studio del metabolismo della tetraidrobiopterina (BH4) nelle encefalopatie progressive
La possibilità di identificare disturbi del metabolismo della BH4 attraverso il dosaggio liquorale delle
pterine e dei metaboliti di neurotrasmettitori ha dimostrato che oltre alle iperfenilalaninemie maligne,
alterazioni del metabolismo della BH4 possono essere il substrato patogenetico di quadri clinici
differenti, ad esordio più tardivo ed ampio spettro fenotipico che includono disordini del movimento,
epilessia, sindromi autistiche. L’obiettivo del progetto, è quello di studiare il metabolismo della BH4
in pazienti affetti da encefalopatie progressive ad eziologia imprecisata caratterizzate dagli aspetti
clinici sopracitati. Questo progetto si avvale della collaborazione della Divisione di Biochimica
dell’University Children’s Hospital di Zurigo e della UO di Biochimica e Genetica dell’Istituto
97
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 98
4. Sindromi ticchiose e sindrome di Gilles de la Tourette
Le sindromi ticchiose croniche rappresentano una percentuale cospicua dei disordini del movimento
in età pediatrica. Negli ultimi anni ne è risultata evidente la eterogeneità clinica e soprattutto
eziologica che include determinanti genetiche, possibili meccanismi autoimmuni e fattori ambientali.
Si prosegue lo studio longitudinale per la delineazione clinica e della storia naturale della malattia di
Gilles de la Tourette, in particolare per quanto riguarda la co-morbidità tra tic e disturbo ossessivo
compulsivo e dell’attenzione con iperattività, fattore fondamentale nel guidare le strategie
terapeutiche. È in via di conclusione, in collaborazione con l’Istituto S. Raffaele di Milano, lo studio
genetico che prevede lo screening di geni candidati in una serie di famiglie affette da Gilles de la
Tourette. In collaborazione con la Divisione di Miopatologia dell’Istituto è stato iniziato uno studio
che prevede, attraverso tecniche di immunoistoblot, la identificazione di autoanticorpi circolanti in
pazienti con sindromi ticchiose croniche.
Malattie metaboliche e genetiche:
Leucodistrofie e leucoencefalopatie metaboliche.
Per lo studio clinico di questo gruppo di malattie è stata approntata una scheda di raccolta dei dati
clinico strumentali e biologici che consentono un orientamento diagnostico rapido per le forme
definite e l’individuazione di nuove forme di leucodistrofia. È stata instaurata una collaborazione con
la dott.ssa Boespflug Tanguy per la ricerca di mutazioni nella malattia di Alexander, nella atassia
cerebellare con ipomielinizzazione centrale e nella leucoencefalopatia con megaloencefalopatia
multicistica.
È inoltre stato approntato un protocollo di stadiazione della malattia per la leucodistrofia
metacromatica, la malattia di Krabbe e l’adrenoleucodistrofia che consente di evincere i criteri di
eligibilità al trapianto di midollo osseo in questi pazienti.
Encefalomiopatie mitocondriali.
Su questo gruppo di malattie esiste un’esperienza consolidata che consente la diagnosi biochimica e
molecolare delle numerose malattie ad esordio nell’infanzia.
È stato organizzato un data base dei pazienti in età infantile giunti alla nostra osservazione affetti da
encefalopatia mitocondriale. I parametri che si ritiene di dover archiviare riguardano, oltre i dati
anagrafici: l’età d’esordio, le modalità d’esordio, i sintomi presentati nel corso del tempo, il livello
di gravità, la registrazione dei parametri biochimici inclusa l’attività dei complessi della catena
respiratoria misurati su muscolo scheletrico e nei fibroblasti in coltura, i pattern neuroradiologici, i
risultati delle indagini molecolari.
I pazienti in età pediatrica diagnosticati presso il nostro Centro dal 1990 ad oggi sono 250 e la
raccolta dei dati sopraelencati è già a buon punto; il risultato atteso di questo tipo di lavoro è una
revisione critica della popolazione con definita encefalomiopatia mitocondriale, l’individuazione di
criteri diagnostici sia di inclusione che di esclusione e la selezione dei pazienti candidati ad
approfondire indagini molecolari al fine di definirne il difetto genetico.
Viene inoltre fornita consulenza genetica alle famiglie con un soggetto affetto.
Neuropatie
È in corso l’elaborazione di un database retrospettivo e prospettico per le forme ad esordio infantile
sia geneticamente determinate sia acquisite, allo scopo di migliorare l’approccio diagnostico e
terapeutico tramite la caratterizzazione dettagliata ed omogenea dei dati clinici, neurofisiologici ed
istopatologici. Si prevede, in collaborazione con il Laboratorio di Biochimica e Genetica,
l’ampliamento, in casi selezionati, delle indagini genetiche attualmente disponibili a quelle
mutazionali per nuovi geni (periassina, NF-L). È prevista inoltre una comparazione dell’efficacia
delle diverse strategie terapeutiche per le forme acquisite a patogenesi infiammatorioimmunomediata.
98
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 99
Epilessia
Oltre ai progetti storicamente in corso nella Divisione di NPI che riguardavano l’inquadramento
diagnostico e prognostico delle epilessie infantili e la sperimentazione clinica dei nuovi farmaci
antiepilettici, la ricerca è stata, più recentemente, mirata allo studio di quadri epilettologici legati a
eziologie particolari.
Caratterizzazione elettroclinica delle epilessie nei quadri malformativi cerebrali. La
sistematizzazione di una ampia casistica raccolta in Istituto ha contribuito alla conoscenza delle
caratteristiche epilettologiche, consentendo una migliore gestione clinica di questi pazienti da un
punto di vista medico e chirurgico. Inoltre il riconoscimento di casi familiari ha consentito la
caratterizzazione genetica di alcune malformazioni.
Caratterizzazione elettroclinica e riconoscimento di quadri sindromici nelle epilessie della prima
infanzia, con particolare riguardo ai quadri di encefalopatia epilettica
Encefalite di Rasmussen: studio clinico su una ampia casistica, con particolare attenzione ai criteri
per una diagnosi precoce, all’impiego di terapie mediche mirate e all’indicazione all’intervento di
emisferotomia. Contributo agli studi sulla patogenesi della malattia, con particolare riferimento alla
ipotesi di una patogenesi immunomediata. L’interesse per questa rara patologia risiede nel fatto che
l’encefalite di Rasmussen rappresenta un modello per altre forme di encefalopatie epiletttiche nella
cui genesi potrebbero essere implicati meccanismi immunomediati. Da questi studi è derivata
l’indicazione a trattamenti specifici, quali l’immunoassorbimento con la proteina A e l’impiego delle
immunoglobuline, terapie per le quali è in corso di studio l’indicazione in alcune encefalopatie
epilettiche gravi e resistenti ai FAE.
Caratterizzazione del fenotipo epilettico in cromosomopatie e malattie geneticamente determinate.
Contributo di casistica allo studio di caratterizzazione genetica della epilessia mioclonica severa
dell’infanzia in casi sporadici e familiari
Studio dei criteri di eligibilità al trattamento chirurgico anche in età precoce, in epilessie
farmacoresistenti.
Registro EURAP (registro internazionale dei farmaci antiepilettici in gravidanza).
Il registro internazionale e il registro italiano hanno sede all’Istituto Neurologico C: Besta.
Nel 2002 hanno iniziato il reclutamento attivo 21 nuove nazioni, per un totale complessivo di 31
nazioni attive. Nel 2002 sono stati reclutati 1481 nuovi cas. I casi italiani rappresentano circa il 25%
dei casi reclutati.Il 25% circa dei casi reclutati proviene dai circa 55 centri italiani.
Patologia neurologica infiammatorio-immunomediata
Patologia primitiva del sistema nervoso centrale
Vengono considerate in particolare la sclerosi multipla, l’encefalomielite acuta disseminata e le sue
forme ristrette (mieliti, cerebelliti, encefaliti del tronco, neuriti ottiche) e l’encefalopatia opsomioclonica di Kinsbourne.
Per quanto riguarda la patologia demielinizzante continua la raccolta della casistica e la caratterizzazione dei pazienti in follow-up dal punto di vista clinico, neuroradiologico ed immunologico (tipizzazione HLA e studio della risposta immunitaria umorale -anticorpi anti-MOG). Particolare attenzione verrà data alla revisione dei protocolli diagnostici e di trattamento, allo scopo di formulare
linee guida. Per quanto riguarda la sclerosi multipla, verrà definito un protocollo neuroradiologico
sia per la diagnosi sia per il follow up dei pazienti in trattamento con immunomodulatori.
Inizia invece nell’ambito del presente progetto la revisione della casistica e la caratterizzazione
clinico strumentale ed immunologica dell’encefalopatia mioclonica di Kinsbourne, nelle sua forma
parainfettiva e paraneoplastica, con particolare attenzione allo screening diagnostico del
neuroblastoma in quest’ultima.
99
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 100
Patologia secondaria a malattie immunomediate sistemiche
Vengono prese in considerazione le complicanze neurologiche delle connettiviti (lupus, corea di
Sydenham, panarterite nodosa), della sindrome da anticorpi antifosfolipidi, della malattia di Behçet
e della sarcoidosi.
Per questo gruppo di disordini neurologici è in corso l’aggiornamento della casistica di Istituto (già
revisionata nel corso di precedente progetto finalizzato della divisione) e la formulazione di
protocolli diagnostici e linee guida di trattamento.
Per quanto riguarda la patologia cerebrovascolare la UO di NPI partecipa al progetto generale di
Istituto sugli Stroke ed è stato elaborato in percorso diagnostico per quelli ad esordio infantile.
Caratterizzazione neurologica dei disturbi dello spettro autistico
Nel corso dell’anno 2002 è proseguito il progetto di studio clinico-diagnostico su una serie di
pazienti affetti da Disturbo Generalizzato dello Sviluppo afferenti alla Divisione di Neuropsichiatria
infantile del nostro Istituto.
Il progetto è stato finalizzato alla identificazione di condizioni neurologiche specifiche associate alla
sindrome comportamentale (autismo sintomatico), alla valutazione dell’incidenza e delle
caratteristiche dei segni di interessamento del SNC di tipo neuroradiologico e neurofisiologico
(autismo idiopatico e criptogenetico) con particolare riferimento alla presenza di epilessia o
alterazioni elettroencefalografiche, e all’inquadramento fenotipico comportamentale di questi
pazienti, con particolare riferimento alla caratterizzazione di sintomi associati di tipo ossessivocompulsivo e ticcoso.
La popolazione dei soggetti è stata studiata secondo un protocollo comprensivo di valutazione neurologica (esame obiettivo generale e neurologico, EEG in polisonnografia, RMN encefalo, RMN con
spettroscopia in casi selezionati, Potenziali evocati uditivi e studio delle onde lente al vertice,
Cariotipo, Analisi molecolare del DNA per analisi del gene FMR1, Cromatografia degli Aminoacidi
plasmatici e urinari, ulteriori indagini neurochimiche e genetico-molecolari eseguite in base al quadro clinico), valutazione comportamentale e cognitiva in base a scale di valutazione standardizzate.
È inoltre proseguito il progetto di ricerca in collaborazione con l’ Istituto Auxologico Italiano,
finalizzato a identificare la presenza di quadro sindromici a singolo locus maggiore (sdr. di
Angelman, sdr. di Rett, sdr. dell’X fragile), di meccanismi molecolari differenti che influenzino il
comportamento autistico e inoltre ad identificare il contributo potenziale apportato da un gruppo di
geni (UBE3A, ATP10C, RELN, GRIN2B e GRIK2) e da riarrangiamenti cromosomici (duplicazioni
e riarrangiamenti della regione 15q11-13, eventuali aberrazioni cromosomiche coinvolgenti altre
regioni gnomiche) alla determinazione del fenotipo autistico.
Nel corso dell’anno 2002 è proseguito il progetto di studio clinico-diagnostico su una serie di
pazienti affetti da Disturbo Generalizzato dello Sviluppo afferenti alla Divisione di Neuropsichiatria
infantile del nostro Istituto.
Il progetto è stato finalizzato alla identificazione di condizioni neurologiche specifiche associate alla
sindrome comportamentale (autismo sintomatico), alla valutazione dell’incidenza e delle
caratteristiche dei segni di interessamento del SNC di tipo neuroradiologico e neurofisiologico
(autismo idiopatico e criptogenetico) con particolare riferimento alla presenza di epilessia o
alterazioni elettroencefalografiche, e all’inquadramento fenotipico comportamentale di questi
pazienti, con particolare riferimento alla caratterizzazione di sintomi associati di tipo ossessivocompulsivo e ticcoso.
La popolazione dei soggetti è stata studiata secondo un protocollo comprensivo di valutazione
neurologica (esame obiettivo generale e neurologico, EEG in polisonnografia, RMN encefalo, RMN
con spettroscopia in casi selezionati, Potenziali evocati uditivi e studio delle onde lente al vertice,
Cariotipo, Analisi molecolare del DNA per analisi del gene FMR1, Cromatografia degli Aminoacidi
plasmatici e urinari, ulteriori indagini neurochimiche e genetico-molecolari eseguite in base al
quadro clinico), valutazione comportamentale e cognitiva in base a scale di valutazione
standardizzate.
100
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 101
È inoltre proseguito il progetto di ricerca in collaborazione con l’ Istituto Auxologico Italiano,
finalizzato a identificare la presenza di quadro sindromici a singolo locus maggiore (s.di Angelman,
s. di Rett, s. dell’X fragile), di meccanismi molecolari differenti che influenzino il comportamento
autistico e inoltre ad identificare il contributo potenziale apportato da un gruppo di geni (UBE3A,
ATP10C, RELN, GRIN2B e GRIK2) e da riarrangiamenti cromosomici (duplicazioni e
riarrangiamenti della regione 15q11-13, eventuali aberrazioni cromosomiche coinvolgenti altre
regioni gnomiche) alla determinazione del fenotipo autistico.
Attività didattica
Contratti di Insegnamento:
• Scuola di specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Università di Pavia:
Semeiotica neuropsichiatrica infantile (Angelini),
Patologia Speciale neuropsichiatrica infantile (Nardocci);
• Scuola di specializzazione in Pediatria Università di Milano:
Patologia speciale neuropsichiatrica infantile (Angelini);
• Scuola di specializzazione in Pediatria Università di Milano Bicocca:
Clinica neuropsichiatrica infantile (Nardocci/ Uziel)
Insegnamenti in Istituto: formazione specializzandi in Neuropsichiatria infantile, in Pediatria e in
Genetica clinica nell’ambito delle convenzioni con le rispettive Scuole di specializzazione.
Attività di tutoring per la preparazione di tesi di laurea e di specialità ( 4 nell’anno 2002).
Pubblicazioni selezionate 2002
1. Mantegazza R, Bernasconi P, Baggi F, Spreafico R, Ragona F, Antozzi C, Bernardi G, Granata T:
Antibodies against GluR3 peptides are not specific for Rasmussen’s encephalitis but are also
present in epilepsy patients with severe, early onset disease and intractable seizures.
J Neuroimmunol. 2002;131:179-85.
2. Bizzi A, Bugiani M, Salomons GS, Hunneman DH, Moroni I, Estienne M, Danesi U, Jajobs C,
Uziel G: X-linked creatine deficiency syndrome: a novel mutation in creatine transporter gene
SLC6A8. Ann Neurol. 2002; 52(2):227-31.
Moroni I, Bugiani M, Bizzi A, Castelli G, Lamantea E, Uziel G: Cerebral white matter
involvement in children with mitochondrial encephalopathies. Neuropediatrics. 2002;33(2):79-85.
3. Zorzi G, Garavaglia B, Invernizzi F, Girotti F, Soliveri P, Zeviani, M, Angelini L, Nardocci N.
Frequency of DYT1 mutation in early onset primary dystonia in italian patients. Mov Disord
2002;17:407-408
4. Ghezzi A, Pozzilli C, Liguori M, Marrosu MG, Milani N, Milanese C, Simone I, Zaffaroni M.
Prospective study of multiple sclerosis with early onset. Mult Scler 2002;8:115-118.
101
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 103
U.O. NEUROLOGIA DELLO SVILUPPO
Direttore U.O.: Daria RIVA
Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile ( Università di Milano) e Neurologia (Università di
Parma).
Master in Neuropsicologia Età Evolutiva Columbia University New York\Laboratorio
Developmental Neuropsychology: direttore Rita Rudel\ Istituto di Neurologia Pediatrica direttore
Prof De Vivo.
È Direttore del Laboratorio di Scienze Neurocognitive Età Evolutiva – UO Neurologia dello
Sviluppo\Istituto Besta, e dal 2002 dell’UO Neurologia dello Sviluppo dell’Istituto Nazionale
Neurologico C.Besta.
Segretario Regionale per la Neuropsichiatria Infantile per la Regione Lombardia dal 1991 al 1998 ed
è attualmente membro del Direttivo della Società per il secondo mandato consecutivo. È stato
membro del Direttivo dell’International Neuroposychological Society.
Vice-Direttore della Rivista Neuropsichiatria dell’Infanzia ed Adolescenza, organo ufficiale della
Società nazionale.
Membro dell’Editorial Board del J Child Neurolgy e di Developmental Neuropsychology.
Insegna Neurologia Cognitiva presso la Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile
dell’Università di Pavia.
Si occupa da 20 anni dello sviluppo cognitivo normale e patologico, con particolare riferimento alla
patologia neurologica precoce, disordini neuroevolutivi ed autismo, con l’individuazione di fenotipi
cognitivo\comportamentali distintivi.
Organizzatore di numerosi Congressi e simposi nazionali ed internazionali, Relatore a 250 congressi
nazionali ed internazionali. Numerose pubblicazioni e monografie sull’argomento.
Numeri di riferimento generale
• segreteria divisionale tel. 02-2394217; fax 02-70635350;
e-mail [email protected]
• DH 02 2394360
• caposala 02 2394227
Elenco attività
Studio clinico, neuropsicologico e diagnostico del Ritardo Mentale, dei disturbi dello sviluppo
cognitivo e dei disordini neuroevolutivi
Sindromologia genetico\clinica
Diagnosi e trattamento riabilitativo delle Paralisi Cerebrali Infantili, malformazioni cerebrali e
spinali, malattie neuromuscolari infantili
Diagnosi e trattamento riabilitativo dei disturbi delal comunicazione (autismo, linguaggio e
apprendimento)
Diagnosi, trattamento e follow-up dei tumori cerebrali in età pediatrica
Centri di riferimento riconosciuti
Centro di Riferimento Regionale per le Paralisi Cerebrali Infantili e i Disordini del Linguaggio e
dell’Apprendimento
Centro di Riferimento Regionale per i Tumori Cerebrali Infantili
103
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 104
Elenco collaboratori
dirigenti medici di 1° livello
• dr.ssa Giovanna Zardini (responsabile), disordini della comunicazione e dell’apprendimento;
• dr.ssa Bruna Molteni: disturbi della comunicazione e dell’apprendimento
• dr.ssa Renata Bono (responsabile) disordini sviluppo motorio;
• dr.ssa Emanuela Pagliano disordini sviluppo motorio
• dr.ssa Maria Rosa Balestrini : neuro-oncologia pediatrica;
• dr.ssa Chiara Pantaleoni: dismorfologia genetica
• drssa Veronica Saletti ; autismo e disordini neuro-evolutivi
dirigenti psicologi di 1° livello
• dr.ssa Adriana Anderloni : psicologia clinica esperta nei disordini dello sviluppo motorio
• dr.ssa Daniela Sarti: psicologia clinica esperta nei disordini comunicazione ed apprendimento
consulenze
• dr.ssa Ermellin Fedrizzi ( già primario di questa Divisione) : consulenza in Neuroscienze del
Movimento
tecnici delle neuropsicomotricità
• Cristina Semorile (coordinatrice)
• Marilena Estienne
• Simona Malinverni
• Luciana Percivalle
tecnici della riabilitazione del linguaggio
• Gloria Airaghi (coordinatrice)
• Santina Magazù
• Matilde Prunas
insegnanti elementari specializzate in handicap.
• Paola Maria Pirola
• Anna Maria Casiraghi
• Grazia Bucciolini
Borsisti e contrattisti di ricerca
• Francesca Nichelli
• Irene Arcolini
• Sara Bulgheroni
• Marcella Castorani
• Chiara Vago
Frequentatori
• Giulia Mantegazza
• Nicoletta Paruta
• Valentina Aggio
• Sara melgesini
• Cristina Perletti
104
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 105
Infermiere Pediatriche Reparto di Degenza
• Sonia Pontisso (caposala)
• Cristina Basso-Ricci
• Monica Quartieri
• Annalisa Annacito
• Ada Vergari
• Michela Giuffrida
• Vittoria Maria Iozza
• Immacolata D’Apice
• Valentina Russo
• Monica Ongarato
• Ilaria Brocca
Infermiera pediatrica DH
• Maria Aragona
Assistente Amministrativo
• Roberta Gerosa
OTA\Ausiliarie
• Maria Ciccarese
• Viviana Superti
VOLONTARI
• ABIO (Associazione Bambini In Ospedale)
coordinatrice Giovanna Ardemagni tel 02 69.000.255
• DOTTORI CLOWN della Fondazione Theodora
Offerta assistenziale
• Ricoveri: 13 posti letto per Ricoveri Ordinari e 2 letti per DH
• Servizio per la diagnosi ed il trattamento dei disturbi dello Sviluppo Motorio in età evolutiva
• Servizio per la diagnosi ed il trattamento dei disturbi della Comunicazione , Linguaggio E
dell’apprendimento
• Laboratorio clinico e sperimentale di Neuroscienze Cognitive per lo studio dei Disordini cognitivi
e neuropsicologici primari e secondari alla patologia neurologica dei bambini.
Visite:
• Ambulatorio Divisionale: martedì e venerdì (prenotazioni tutti i giorni da lunedì a venerdì al
02-70631911) con scelta nominale del medico
• Ambulatori speciali per
- Disordini dello sviluppo motorio (prenotazioni al 02-2394218 dal lunedì al venerdì dalle 14 alle
16) con scelta del medico
- Disordini della comunicazione e dell’apprendimento: tutte le mattine tranne il mercoledì
(prenotazioni al 02-2394218 dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 16) con scelta del medico
- Disordini neuroevolutivi, incluso autismo, 2° martedi’ di ogni mese mattina (Riva)
105
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 106
ATTIVITÀ 2002
• Valutazione di bambini con sindrome autistica con particolare riferimento alle lesioni del sistema
fronto\limbico \cerebellare, sindromi dismorfiche e alterazioni genetiche non legate a sindromi.
Trattamento psicofarmacologico, integrato con approccio neuriabilitativo di tipo cognitivo e
psico\motorio
• Trattamento psicofarmacologico, integrato con approccio neuriabilitativo di tipo cognitivo e
psico\motorio.
• Individuazione di fenotipi clinici e genetici delle sindromi dismorfiche, con parallelo studio del
fenotipo cognitivo\comportamentale e individuazione del trattamento riabilitativo.
• Follow-up clinico e neuropsicologico dei bambini con tumore cerebrale, in particolare dei gliomi
a basso grado del chiasma. Studio degli effetti tardivi delle terapie oncologiche sul funzionamento
mentale in partcolare Metothrexate intratecale.
• Studio clinico e riabilitativo di Diplegie Spastiche anche in relazione a patologia motoria
degenerativa come le Paraparesi Spastiche Evolutive, con la conseguente individuazione di
protocolli differenziati di diagnosi e tratatmento neuroriabilitativo.
• Studio clinico\genetico e riabilitativo della Para Paresi Spastiche familiari
• Studio clinico\genetico e neurocognitivo delle Neurofibromatosi
• Studio dei disordini della comunicazione con particolare riferimento all’individuazione di gesti
comunicativi, con l’impostazione di un archivio in relazione alla patologia (autismo\disturbi
specifici di linguaggio\disturbi mentali etc) ed archivio
COLLABORAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
Nazionali
• Clinica Universitaria Pediaatrica De marchi – Università degli studi di Milano
• Istituto di Fisiologia – Laboratorio per Lo studio del Movimento – Università degli Studi di Milano
(Dr Crenna )
• Istituto di Scienze Cognitive e Tecnologiche-CNR Roma ( Dr Volterra- Dr Caselli)
• IRCSS Bambin Gesù di Roma
• Neuropsicologia ( Dr Vicari)
• Raibilitazione Neuromotoria ( Prof Pierro)
Internazionali
• Center for Research in Language, University of California, San Diego, La Jolla, CA (Prof
Elizabeth Bates )
DIDATTICA
a. INSEGNAMENTI UNIVERSITARI
• Daria Riva: Neurologia Cognitiva \ Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile \
Facoltà di Medicina e Chirurgia \ Università di Pavia
• Giovanna Zardini: Aspetti neurofisiologici del linguaggio \ Scuola di Specializzazione in
psicologia del Ciclo di Vita \ Università Pavia
COORDINAMENTO GRUPPI NAZIONALI
• Gruppo Nazionale per lo Studio delle Paralisi Cerebrali Infantili
106
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 107
b. INSEGNAMENTI IN ISTITUTO
TIROCINI
• Tirocinio in Neurologia per gli Specializzandi di Neuropsichiatria Infantile della Scuola di
Specializzazione di Neuropsichiatria Infantile – Università di Pavia
• Tirocinio post-laurea per Psicologi Università Cattolica di Milano
• Tirocinio post-laurea per Psicologi -Università di Padova
• Tirocinio formativo per Psicologi intra-laurea -Università di Pavia
• Tirocinio del Diploma di Laurea per Tecnici della Neuropsicomotricità dell’età evolutiva –
Università di Pavia
TESI
• Tesi di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile – Università degli Studi di Torino
I disturbi della memoria in età evolutiva: aspetti neuropsicologci nella patologia dell’ippocampo
Giulia Mantegazza- 2002
• Tesi del Diploma di Laurea In Tecnici per la Neuropsicolotricità – Università degli Studi di Pavia
Paraparesi Spastica evolutiva. aspetti clinico\genetici e neuroriabilitativi – Daniela Cambiaghi –
2002
• Tesi di Laurea in Psicologia generale e Sperimentale- Università degli Studi di Padova:
Funzioni Mnestiche ed esecutive: trend evolutivi- Gabriella Scala-2002
ORGANIZZAZIONE EVENTI 2002
Approccio clinico al bambino con sindrome malformativa
• Corso Base: approccio metodologico
UO Neurologia dello Sviluppo (Chiara Pantaleoni), in collaborazione con la Clinica Pediatrica De
Marchi -Università di Milano (7-9 aprile 2002 Bologna)
Approccio clinico al bambino con sindrome malformativa
• Corso Avanzato la diagnosi clinica nel paziente con sindrome malformativa complessa con
coinvolgimento neurologico
UO Neurologia dello Sviluppo (Chiara Pantaleoni), in collaborazione con la Clinica Pediatrica
De Marchi -Università di Milano (10-11 aprile 2002 Bologna)
Fenotipi cognitivo\comportamentali
• Divisione Neurologia dello Sviluppo (Daria Riva ) in collaborazione con M Denkla \Krieger –
Kennedy Institute \J Hopkins University \ Baltimore (Portofino 21-23 novembre- 2002)
Congresso Nazionale della Società di Neuropsichiatria Infantile – Catania- ott 2002
• Daria Riva come membro del Direttivo
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
• Riva D, Giorgi C, Nichelli F, Bulgheroni S, Massimino M, Cefalo G, Gandola L, Giannotta M,
Bagnasco I, Saletti V, Pantaleoni C.: Intrathecal methotrexate affects cognitive function in children
with medulloblastoma. Neurology. 2002;59(1):48-53.
107
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 108
• Massimino M, Spreafico F, Cefalo G, Riccardi R, Tesoro-Tess JD, Gandola L, Riva D, Ruggiero
A, Valentini L, Mazza E, Genitori L, Di Rocco C, Navarria P, Casanova M, Ferrari A, Luksch R,
Terenziani M, Balestrini MR, Colosimo C, Fossati-Bellani F.: High response rate to
cisplatin/etoposide regimen in childhood low-grade glioma.
J Clin Oncol. 2002;20(20):4209-4216.
• Riva D, Saletti V, Nichelli F, Bulgheroni S.: Neuropsychologic effects of frontal lobe epilepsy in
children. J Child Neurol. 2002; 17(9):661-667.
• Faravelli F, D’Arrigo S, Bagnasco I, D’Incerti L, Selicorni A, Riva D, Pantaleoni C. Olygogyric
microcephaly in a child with Williams syndrome. Am J Med Genet. –26-35\ 2002.
• Riva D, Giorgi C, Nichelli F, Bulgheroni S, Massimino M, Cefalo G, Gandola L, Giannotta M,
Bagnasco I, Saletti V, Pantaleoni C.: Intrathecal methotrexate affects cognitive function in children
with medulloblastoma.Neurology Highlights 2002; 59(1):2
108
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 109
U.O. RADIOTERAPIA
Direttore: Laura Fariselli,
Laura Fariselli si è laureata a Pavia nel 1984 in medicina e chirurgia, è specializzata in
radiodiagnostica e radioterapia; è Direttore di U.O. di Radioterapia presso l’Istituto Nazionale
Neurologico “C.Besta” dal 1998. Professore a contratto di radioterapia presso l’Università degli studi
di Milano, si occupa dal 1986 elettivamente della sperimentazione di protocoli non convenzionali di
radioterapia nei tumori primitivi ad altro grado di malignità dell’encefalo.
È iscritta all’elenco nazionale dei medici autorizzati in Radioprotezione medica.
Executive master in management in sanità Università Bocconi di Milano
Ha effettuato attività lavorativa a tempo pieno come assistente medico, ed in seguito in qualità di
responsabile presso la divisione di radioterapia dell’Ospedale Niguarda Cà Granda in Milano
Ha effettuato uno stage in “Radiosurgery applications” presso il dipartimento di Radioterapia
dell’Ospedale Tenon- Parigi, quindi uno stage presso la divisione di Radioterapia dell’Università
Cattolica Policlinico Gemelli in Roma.
Grant dalla Regione Lombardia per uno studio su “Nuovi modelli di frazionamento delle dose nella
radioterapia dei gliomi maligni.”
Professore a contratto di radioterapia presso l’Università degli studi di Milano.
Diploma corso di direzione aziendale presso l’Università Bocconi in Milano.
Master in management in sanità delle Aziende sanitarie presso l’Università Bocconi in Milano.
È autrice di numerose pubblicazioni in oncologia e radioterapia, in particolare nell’ambito della
neurooncologia .
Numeri di riferimento generale
Tel. +39 02 2394399
Segreteria:
tel +30 02 2394 449 – 417
fax +39 02 2394 462
e-mail: [email protected]
ELENCO ATTIVITÀ
Radioterapia della patologia neoplastica benigna e maligna del Sistema Nervoso Centrale mediante:
• utilizzo di IMRT
• radiochirurgia
• radioterapia stereotassica ipofrazionata
• utilizzo di tecnica conformazionale con Micromultileaf
• utilizzo di protocolli non convenzionali di distribuzione della dose
CENTRO DI RIFERIMENTO REGIONALE per patologia neoplastica del Sistema Nervoso
Centrale
Collaboratori
Ida Maddalena Milanesi
Maria Luisa Fumagalli
Nazario Sagaria
Alberto Brunettin
Giorgio Corradino
Laura Gimosti
Anna Lacorte
dirigente medico
dirigente fisico sanitario
tecnico sanitario di radiologia medica (coordinatore)
tecnico sanitario di radiologia medica
tecnico sanitario di radiologia medica
tecnico sanitario di radiologia medica
infermiera professionale
109
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
Servizi comuni
Lorenzo Brait
Alberto Terrosin
Alessandra Gavazzi
10:49
Pagina 110
fisico consulente
fisico consulente
specializzanda in radioterapia
OFFERTA ASSISTENZIALE
Disponibilità di 2 letti presso la Neurologia II
Per ricovero contattare
segreteria 02 2394 440
02 2394 444 (caposala reparto Signora Angela Maria Gilardoni)
e-mail: [email protected]
Per ricovero in Day Hospital contattare:
Signora Enza Gioffredi (caposala DH)
Tel. 02 2394 753
Ambulatorio visite specialistiche (prenotazioni presso il CUP tel. 02 70631911):
Dr.ssa Laura Fariselli: mercoledì
Dr.ssa Ida Milanesi: giovedì
Dotazione strumentale
• Acceleratore lineare Philips SL 75/5
• TC simulatore Philips
• Collimatore multilamellare dinamico per radioterapia conformazionale, radioterapia stereotassica
e radiochirurgia (3D line)
• Sistema per piani di trattamento (treatment planning system TPS) 3D (Plato Nucletron)
• TPS per radioterapia conformazionale e radioterapia con modulazione di intensità (IMRT) Ergo
(3D line)
• Modulo per fusione di immaigni (3D line)
• TPS per trattamenti radiochirurgici (Nucletron)
• Sistema di immobilizzazione per radiochirurgia (Radionics)
ATTIVITÀ 2002
L’attività della unità operativa è diretta specificatamente alla cura delle patologie neoplastiche
primitive secondarie del sistema nervoso pur non tralasciando, in considerazione della particolare
situazione delle liste d’attesa per l’esecuzione di trattamenti radianti in regione Lombardia, la cura di
altre patologie d’organo. Si è dato largo spazio allo sviluppo di terapie associate (chirurgia,
radioterapia, chemioterapia) al fine di garantire al paziente un percorso diagnostico-terapeutico
coordinato e coerente. Sempre per questo motivo è stata garantita una continuità assistenziale e lo
sviluppo di protocolli non convenzionali di trattamento nell’ambito di specifici progetti di ricerca.
In particolare nell’anno in corso si è dato spazio alla pianificazione e allo sviluppo di sinergie con le
unità di neurooncologia e di neurochirurgia per la realizzazione di protocolli integrati radiochemioterapici loco-regionali nel trattamento del glioblastoma multiforme.
Altra sezione di particolare interesse è rappresentata dalla sperimentazione di protocolli di
radioterapia stereotassica ipofrazionata con collimatore multilamellare nel trattamento radiante di
metastasi (1-3) cerebrali in pazienti già pesantemente pretrattate con radio-chemioterapia in
associazione o meno a CT con temozolamide al fine di aumentare il controllo locale di malattia e
limitare la sintomatologia neurologica (ricerca corrente 2001 linea 8).
110
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 111
Si è aderito inoltre allo studio di fase III proposto dall’European Organization for Research and
Treatment of Cancer “No radiotherapy versus whole brain radiotherapy for 1 to 3 metastasis from
solid tumor after surgical resection or radiosurgery. A randomized phase III trial”.
Nel campo della tecnica radiochirurgica si è dato inoltre ampio spazio a trattamenti per patologie
benigne quali neurinomi e meningiomi a localizzazione nel basicranio nella valutazione
dell’efficacia della stessa in paragone alla tecnica chirurgica.
Nell’ambito delle valutazione di tecnologie innovative applicate alla clinica l’attenzione si è rivolta
sulla pianificazione delle tecniche di fusione di immagine TCRMN e nella valutazione su casi
simulati della intensity modulated radiation therapy (IMRT) nella distribuzione della dose in volumi
neoplastici con configurazione complessa.
Nell’ambito del Sistema Qualità l’U.O. di Radioterapia ha ottenuto la Certificazione, secondo la
norma UNI EN ISO 9001:2000
PROGETTI DI RICERCA
Titolo: “Sviluppo ed attuazione di un programma di ricerca e sperimentazione gestionale per
l’utilizzo ai fini diagnostico-terapeutici in ambito oncologico della tecnologia “Ciber Knife”.
COLLABORAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
“University of South California” di Los Angeles e la “Stanford University of San Francisco” USA.
ATTIVITÀ DIDATTICA
- Professore a contratto presso la Scuola di Specialità della I Università di Radioterapia di Milano
(Dr.ssa Laura Fariselli),
- Attività di Tutoring presso la Scuola di Specialità di Fisica Sanitaria dell’Università degli Studi di
Milano (Dr.ssa Luisa Fumagalli),
- Docente del Master Universitario del Politecnico di Milano, Dipartimento di Bioingegneria
“Ingegneria in Chirurgia” (Dr.ssa Laura Fariselli)
- Attività di Tutoring presso la Facoltà di Ingegneria Clinica del Politecnico di Milano (Dr.ssa Luisa
Fumagalli)
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
Silvani A, Eoli M, Salmaggi A, Erbetta A, Fariselli L, Boiardi A.
Intra-arterial ACNU and carboplatin versus intravenous chemotherapy with cisplatin and BCNU in
newly diagnosed patients with glioblastoma.
Neurol Sci. 2002 Dec;23(5):219-24.
“La radioterapia dei gliomi maligni”
L. Fariselli, I. Milanesi, M.L. Fumagalli da:
“La terapia dei tumori cerebrali maligni dell’adulto e del bambino”
Angelo Sghirlanzoni, Amerigo Boiardi
Springer-Verlag Italia, Milano 2002
111
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 112
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 113
DIPARTIMENTO
DI
RICERCA
SPERIMENTALE E
DIAGNOSTICA
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
NOTA
Da Gennaio-Ottobre 2002
Dir. Dr. GIULIANO AVANZINI
Dal Novembre 2002
Dir. Dr. STEFANO DI DONATO
10:49
Pagina 114
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 115
U.O. BIOCHIMICA E GENETICA DEL SISTEMA NERVOSO
Direttore U.O.*: Stefano di Donato
Stefano Di Donato dirige il Dipartimento di Ricerca Sperimentale e di Diagnostica, e la UO di
Biochimica e Genetica dell’Istituto Nazionale Neurologico C. Besta (INNCB), Milano.
Nel 1965 ha conseguito laurea cum laude in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Milano.
Dal 1965 al 1969 è stato Assistente Incaricato al Dipartimento di Chimica Biologica, Università di
Milano. Nel 1970 è nominato Assistente neurologo all’INNCB, e negli anni successivi Aiuto
Neurologo. Dal 1986 è Direttore della Divisione di Biochimica e Genetica del Sistema Nervoso
dell’INNCB.
Dal 1995 al 2002 è stato Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale Neurologico C. Besta.
Il suo interesse scientifico è focalizzato sui disordini metabolici e genetici nell’uomo,
particolarmente sulle malattie associate a difetti della beta-ossidazione mitocondriale e della catena
respiratoria mitocondriale, e sulle malattie neurodegenerative, incluse le atassie e le coree
degenerative. È stato assegnatario dei premi MilanoMedicina 1984, AIRH 1989, L Schaefer Award
Columbia University 1992.
È stato Presidente della Società Italiana Studio Errori Congeniti del Metabolismo e della Federazione
Italiana per lo Studio delle Malattie Ereditarie. È membro della Società Italiana di Neurologia, della
Società Europea di Neurologia, dell’European Foundation of Human Genetics, dell’American
Neurological Association, e membro dell’Editorial Board di Annals of Neurology.
Nell’anno 2000/2001 è stato Presidente della Società Europea di Neurologia (ENS).
Riferimenti generali
Tel 39-02-2394-257 (203)
Fax 39-02-26681-688
[email protected]
Elenco attività
• biochimica delle malattie lisosomiali
• biochimica patologica del metabolismo ossidativo degli acidi grassi, gas-cromatografia/
spettrometria di massa (GC/MS) e colture cellulari
• diagnostica molecolare delle malattie neurodegenerative, colture cellulari di linee linfoblastoidi
• ricerca di Patologia Cellulare, e diagnostica molecolare delle neuropatie periferiche
• Neurologia Clinica e Genetica Medica
Collaboratori
Sezione di biochimica delle malattie lisosomiali
Barbara Bertagnolio Dirigente Biologo, Referente.
Anna Venerando Tecnico Collaboratore
Sezione di biochimica patologica del metabolismo ossidativo degli acidi grassi, gas-cromatografia/
spettrometria di massa (GC/MS) e colture cellulari
Marco Rimoldi Dirigente Biologo, Referente
Simona Allievi Tecnico Collaboratore
* Dal novembre 2002
Gennaio-Ottobre 2002: Massimo Zeviani.
115
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 116
Sezione di diagnostica molecolare delle malattie neurodegenerative, colture cellulari di linee
linfoblastoidi
Cinzia Gellera Dirigente Biologo, Referente
Alessia Castucci Tecnico Collaboratore
Barbara Castellotti Borsista Biologo
Paola Passariello Contrattista Biologo
Daniela Vacca Borsista Biologo
Sezione di ricerca di Patologia Cellulare, e diagnostica molecolare delle neuropatie periferiche
Franco Taroni Dirigente Medico, Referente
Silvia Baratta Borsista Biologo
Viviana Seveso Borsista Farmacologo
Micaela Milani Contrattista Tecnico
Claudio Caccia Borsista Biologo
Sezione di Neurologia Clinica e Genetica Medica
Caterina Mariotti Dirigente Medico, referente
Silvia Genitrini, medico neurologo contrattista
ATTIVITÀ
L’attività generale della UO si è concentrata su ricerche di Patologia Cellulare, Analisi Geneticomolecolari, attività Clinica Diagnostica ambulatoriale di malattie genetiche del SN centrale e
periferico e di difetti della beta-ossidazione mitocondriale. Particolare rilevanza hanno lo studio
molecolare e patogenetico delle malattie genetiche da espansione di triplette, con analisi biochimica
e genetica delle malattie neurodegenerative dei disturbi del movimento incluse le atassie e le coree.
Di particolare qualità , controllate a livello internazionale, sono la analisi genetica quantitativa, il
sequenziamento automatizzato, la spettrometria di massa, la bioinformatica.
L’attività diagnostica dell’UO di Biochimica e Genetica nel 2002 si è distribuita su 94 diverse
tipologie di esami biochimici e 33 esami molecolari per un totale di oltre 10.000 test, forniti a tutto
il territorio nazionale. Per molti esami, l’UO è anche un centro di riferimento internazionale.
Il servizio diagnostico ha fornito la diagnosi di portatore nelle malattie autosomiche recessive, la
diagnosi presintomatica nelle malattie autosomiche dominanti ad esordio tardivo seguendo, ove
previsto, l’iter diagnostico indicato dalle linee guida proposte dal comitato etico internazionale. Il
servizio ha fornito inoltre diagnosi prenatali in collaborazione con la Clinica Ostetrica Mangiagalli
di Milano.
L’attività di diagnostica si è integrata come ogni anno ad un’importante attività di ricerca, che nel
2002 si è articolata nei seguenti progetti :
Meccanismi molecolari nella patogenesi dell’Atassia di Friedreich (FRDA) (Responsabile Dott.
Franco Taroni)
Eziopatogenesi molecolare delle neuropatie ereditarie (Responsabile Dott. Franco Taroni)
Banca del DNA e di linee linfoblastoidi perenni per lo studio di malattie neurogenetiche.
(Responsabile Dott.ssa Cinzia Gellera)
Screening mutazionale delle atassie spinocerebellari dominanti e recessive e delle malattie del
motoneurone. (Responsabile Dott.ssa Cinzia Gellera)
Finanziamenti di ricerca
L’UO di Biochimica e Genetica beneficia ogni anno di finanziamenti di ricerca da parte di Enti
Pubblici (Ministero della Salute-Comunità Europea-MIUR-FIRB) e Privati (Telethon, Fondazione
Mariani, Fondazione carialo, BRAIN, AIRC)
116
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 117
Attività didattica
Dr. Stefano Di Donato: Professore a contratto presoo la scuola di specialità in Neurologia, Facoltà di
Medicina e Chirurgia, Università degli Studi Statale di Milano.
Dr. Franco Taroni: Professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Genetica Medica,
Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Milano.
Dr.ssa Caterina Mariotti: Tutore clinico per attività di ambulatorio per medici specializzandi in
genetica medica. Anno accademico 2002-2003, Genetica Clinica Speciale II, Specializazione in
Genetica Medica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Milano.
Collaborazioni:
a) Gestione e follow-up dei pazienti con malattie lisosomiali/perossisomiali (LPD)- Diagnosi e
trattamento con trapianto di cellule staminali ematopoietiche e/o terapia enzimatica sostitutiva.
Partners: MOMIN-Monza/Milano Network for Lysosomal/Peroxisomal Diseases.Partners: Presidio
H. S. Gerardo di Monza - Clinica Pediatrica dell’Università di Milano Bicocca U.O. Centro trapianto
di midollo osseo
b) Studio clinico per l’identificazione e l’analisi di marcatori biologici per la malattia di Huntington
e per altre patologie neurodegenerative su base genetica associate ad espansioni di poliglutamine.
Partners: Presidio: - U.O. Istituto di Farmacologia - Università di Milano Centro di Eccellenza
malattie neurodegenerative - Prof. Elena Cattaneo
c) Trapianto neurale fetale per il trattamento della malattia di Huntington. Partner Capofila : Unitè
INSERM, prof Mark Peschanski, Creteil , France
d) Ricerca di nuovi loci malattia nelle atassie spinocerebellari dominanti mediante analisi di linkage
(“genome wide search”) in famiglie selezionate (“lod score” potenziale informativo) risultate
negative allo screening preliminare per geni e loci SCA noti. Presidio Università di Torino - (U.O.
Genetica Medica - Dr. Alfredo Brusco)
e) Ricerca mutazioni gene SOD1 in pazienti con sclerosi laterale amiotrofica familiare, come unico
marcatore genetico attualmente disponibile per le forme a trasmissione autosomico-dominante.
Partners: Presidio: Istituto Auxologico Italiano - Milano - U.O. Prof. Vincenzo Silani
f) Studio Italiano Multicentrico della Malattia di Anderson-Fabry (diagnosi e Terapia)
Partners:Presidio Unità operativa di Nefrologia e Dialisi - Ospedale di Vimercate (MI)
U.O. partecipanti: Clin Ped Università di Ancona - Ist di Clinica e Biologia età evol Cagliari - Clin
Ped Università di Catania- Ist Med Sperim e Biotecnologie CNR Cosenza-Lab Diagnosi pre-post
natale Mal Metab, Ist Gaslini Genova- Dip Ped Meyer Firenze- U.O. Citogenetica e Genetica AO
Careggi Firenze- Dip Ped Univ di Napoli - Ist Clin Ped Policl Gemelli Roma- Ist per l’infanzia Burlo
Garofalo Trieste
Struttura dipartimentale semplice di Neuro-oncologia Sperimentale e Terapia Genica.
Responsabile: Gaetano Finocchiaro
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Universita’ di Milano il 15 marzo 1979. Specializzato in
Neurologia presso l’Universita’ di Milano (1983).
Specializzato cum laude in Biochimica e Chimica Clinica presso l’Universita’ di Milano (1988).
Post-doctoral fellow nel dipartimento di Genetica Umana dell’Universita’ di Yale (New Haven, CT,
USA; 1984-1987).Assistente presso la divisione di Biochimica e Genetica del Sistema Nervoso
dell’Istituto Neurologico C. Besta dal 1 luglio 1987.Dirigente medico presso la Divisione di
Biochimica e Genetica del Sistema Nervoso dell’Istituto Neurologico C. Besta dal 13 dicembre 1993
ad oggi.Direttore pro-tempore della Divisione di Biochimica e Genetica (1996-1997).Reviewer di
grant nazionali ed europei, Consulente della Presidenza del Consiglio in ambito di terapia genica.
117
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 118
Collaboratori
Tecnico laureato, Donata Bianchessi
Borsisti senior: Serena Pellegatta ,Patrizia Tunici, Tiziana Piepoli
Borsista junior: Rosa Mola, Luisa Montanini
Consulenti scientifici: Lorena Bissola, Laura Cajola, Luigi Poliani
Consulente amministrativo: Maria Pia Cavalli
Studenti tesisti: Ettore Salsano, Francesca Manghi, Cristina Colombelli, Silvia Fabiole Nicoletto,
Sara Piccirillo
Attività
Biologia e genetica molecolare dei tumori cerebrali. Trasferimento genico nel cervello ed in cellule
staminali. Terapia genica e cellulare dei tumori cerebrali. Terapia genica e cellulare della
leucodistrofia a cellule globoidi.
In particolare attività di ricerca di mutazioni e alterazioni d’espressione di geni oncosoppressori
localizzati sul cromosoma 10 (LGI1 e KLF6) e di DNA mitocondriale. LGI1 è anche mutato in
famiglie affette da epilessia familiare.
La struttura di Neuro-Oncologia Sperimentale e Terapia Genica ha iniziato inoltre ad offrire nel 2002
un servizio di genetica clinica in ambito neuro-oncologico interno ed esterno all’Istituto che prevede
esami di perdita di eterozigosi su 5 cromosomi, metilazione del gene MGMT ed analisi d’espressione
del gene EGFR. Questi esami sono di supporto all’analisi patologica nel determinare la diagnosi a la
prognosi e la sensibilita’ alla chemioterapia dei gliomi.
È iniziata anche un’attività volta a caratterizzare in vitro ed in vivo cellule con potenziale staminale
derivate dal derma. È proseguito lo studio di approcci di terapia con cellule staminali neurali e vettori
lentivirali nel modello murino di leucodistrofia a cellule globoidi: i trapianti di cellule si
accompagnano ad un prolungamento significativo della sopravvivenza
Pubblicazioni selezionate 2002
1. Lamantea E, Tiranti V, Bordoni A, Toscano A, Bono F, Servidei S, Papadimitriou A, Spelbrink H,
Silvestri L, Casari G, Comi GP, Zeviani M. Mutations of mitochondrial DNA polymerase
gammaA are a frequent cause of autosomal dominant or recessive progressive external
ophthalmoplegia. Ann Neurol. 2002 Aug;52(2):211-9.
2. Manni I, Tunici P, Cirenei N, Albarosa R, Colombo BM, Roz L, Sacchi A, Piaggio G, Finocchiaro
G Mxi1 inhibits the proliferation of U87 glioma cells through down-regulation of cyclin B1 gene
expression. Br J Cancer. 2002 Feb 1;86(3):477-84
3. Bissola L, Eoli M, Pollo B, Merciai BM, Silvani A, Salsano E, Maccagnano C, Bruzzone MG,
Fuhrman Conti AM, Solero CL, Giombini S, Broggi G, Boiardi A, Finocchiaro G. Association of
chromosome 10 losses and negative prognosis in oligoastrocytomas. Ann Neurol. 2002
Dec;52(6):842-5.
4. Lamantea E, Carrara F, Mariotti C, Morandi L, Tiranti V, Zeviani M. A novel nonsense mutation
(Q352X) in the mitochondrial cytochrome b gene associated with a combined deficiency of
complexes I and III.Neuromuscul Disord. 2002 Jan;12(1):49-52.
5; Corona P, Lamantea E, Greco M, Carrara F, Agostino A, Guidetti D, Dotti MT, Mariotti C, Zeviani
M. Novel heteroplasmic mtDNA mutation in a family with heterogeneous clinical presentations.
Ann Neurol. 2002 Jan;51(1):118-22.
118
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 119
U.O. NEUROGENETICA MOLECOLARE
Direttore U.O.: Dr. Massimo Zeviani 1
Massimo Zeviani si è laureato in Medicina e Chirurgia cum laude presso l’Università di Padova nel
1980.Nel 1983 si è specializzato in Endocrinologia cum laude presso l’Università di Padova e nel
1990 ha ottenuto la specializzazione in Neurologia presso l’Università di Verona. PhD cum laude in
Genetica presso l’Université René Descartes.
È stato Direttore della U.O. Medicina Molecolare del’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”, di
Roma (1996-1997) e dal 1997 al 2002 Direttore della U.O. Biochimica e Genetica, Istituto Nazionale
Neurologico “C. Besta”
Interessi e attività scientifiche: Fisiopatologia muscolare; genetica delle malattie mitocondriali e
del metabolismo energetico; genetica delle malattie neurodegenerative ereditarie.
Ha pubblicato 130 articoli originali di livello internazionale, 45 monografie su riviste scientifiche e
capitoli di libri. Ha ricevuto 10 onori per le sue ricerche scientifiche. Ha ricevuto 11 finanziamenti
per progetti di ricerca di risonanza internazionale
Riferimenti
Tel. 02/2394-630
Tel. Segreteria 02/2394 - 618
Tel. Fax 02/2394 - 619
ELENCO ATTIVITÀ
• Centro per la Diagnostica Avanzata e la Ricerca sulla Patologia Neurologica Mitocondriale
dell’Infanzia
- diagnostica biochimica delle malattie mitocondriali, diagnostica molecolare e ricerca dei disturbi
del movimento, colture cellulari
- diagnostica molecolare e ricerca delle malattie mitocondriali, colture cellulari
• Ambulatorio Speciale Prelievi e Consulenza Genetico-molecolare
• Banche di materiale biologico per patologie ereditarie metaboliche e disturbi del movimento
- Banca DNA
- Banca di fibroblasti
- Banca di tessuti (muscolo, e altri tessuti specifici per le patologie d’interesse)
COLLABORATORI
Sezione di diagnostica biochimica delle malattie mitocondriali, diagnostica molecolare e ricerca dei
disturbi del movimento, colture cellulari
Barbara Garavaglia
Dirigente Biologo, Referente
Eleonora Lamantea
Borsista Biologo
Federica Invernizzi
Borsista Biologo
Daniele Ghezzi
Borsista Farmacologo
Maurizio Bada
Borsista Tecnico biomedico
Chiara Barzaghi
Studente Tesista
Elena Marelli
Studente Tesista
1
Dal 2003; dal 1997 al 2002 è stato direttore della U.O. Biochimica e Genetica
119
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 120
Sezione di diagnostica molecolare e ricerca delle malattie mitocondriali, colture cellulari
Valeria Tiranti
Dirigente Biologo, Referente
Franco Carrara
Tecnico Biomedico Coordinatore
Alessandro Agostino
Contrattista Biologo
Antonella Spinazzola
Contrattista Medico
Simona Alberio
Borsista Biologo
Egill Briem
Borsista Biologo
Gianfrancesco Ferrari
Borsista Biologo
Anna Limongelli
Borsista Biologo
Rossana Mineri
Borsista Biologo
Valentina Moretti
Studente Tesista
Ilaria Ponte
Studente Tesista
Servizi comuni
Patrizia Fiorucci
Dora Goldschmied
Nadina Zichichi
Collaboratore Amministrativo
Contrattista Amministrativo
Ausiliaria
Attività
L’UO di Neurogenetica Molecolare svolge principalmente un’attività diagnostica e di ricerca nel
campo delle malattie miocondriali e dei disturbi del movimento.
Malattie mitocondriali: dal punto di vista diagnostico l’UO di Neurogenetica Molecolare è in grado
di offrire ai pazienti e ai loro famigliari un “pacchetto” di test diagnostici integrati e completi, che
vanno dall’analisi biochimica della catena respiratoria, allo screening delle mutazioni più frequenti
del DNA mitocondriale, allo studio di tutti i geni nucleari responsabili di malattie mitocondriali,
all’analisi completa dell’intero genoma mitocondriale. Queste procedure, che si avvalgono di
strumentazioni di avanguardia e personale altamente qualificato, si integrano con la valutazione
clinica, il consiglio genetico, le analisi morfologiche sulla biopsia muscolare e gli esami
neuroradiologici in collaborazione con l’UO di Neuropsichiatria Infantile, l’UO di Neurologia IV e
l’UO di Neuroradiologia. Grazie ad un’esperienza pluridecennale viene attualmente proposto uno dei
“percorsi diagnostico-terapeutici” per le patologie mitocondriali tra i più completi e qualificati del
mondo. Nel periodo 2002-2003 sono stati effettuati più di 1500 esami biochimici e più di 6000 test
molecolari forniti a tutto il territorio nazionale. Il servizio ha fornito anche diagnosi prenatali in
collaborazione con la Clinica Ostetrica Mangiagalli di Milano.
L’attività diagnostica è integrata ad un’intensa attività di ricerca, finalizzata alla comprensione delle
basi genetiche delle malattie mitocondriali e dei meccanismi molecolari e cellulari che collegano i
difetti genetici alle diverse sindromi neurologiche. L’ UO di Neurogenetica Molecolare fa parte del
Consorzio europeo “MitEuro”, che raggruppa oltre 50 laboratori europei con lo scopo di chiarire i
meccanismi patogenetici delle malattie mitocondriali per identificare terapie efficaci. In
quest’ambito, l’ UO di Neurogenetica Molecolare svolge anche numerosi corsi di aggiornamento e
di formazione teorico-pratici rivolti a ricercatori e neurologi clinici a livello nazionale ed europeo.
I programmi di ricerca per il 2002-2003 sono stati:
- Studi sulla patogenesi molecolare di malattie della catena respiratoria
- Caratterizzazione di geni nucleari responsabili di malattie mitocondriali
- Caratterizzazione di geni responsabili di danni strutturali del mtDNA
- Epidemiologia e screening sistematico delle malattie della catena respiratoria
Disordini del movimento: l’attività sia di diagnosi che di ricerca è mirata alla caratterizzazione
clinica e genetica dei pazienti affetti da distonia primaria e distonia mioclonica in collaborazione con
120
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 121
l’UO di Neuropsichiatria Infantile e dei pazienti affetti da malattia di Parkinson in collaborazione con
l’UO di Neurologia I. Nel periodo 2002-2003 sono stati effettuati più di 1000 test molecolari,
fornendo anche la diagnosi di portatore nelle malattie autosomiche recessive e la diagnosi
presintomatica nelle malattie autosomiche dominanti seguendo, ove previsto, l’iter diagnostico
indicato dalle linee guida proposte dal comitato etico internazionale. Sono stati inoltre sviluppati i
seguenti programmi di ricerca corrente e finalizzata:
Caratterizzazione genetica e biochimica dei disturbi del movimento
Studio clinico e genetico dei parkinsonismi in Italia
Nel 2002 l’UO di Neurogenetica Molecolare è stata certificata UNI EN 9001:2000.
L’UO di Neurogenetica Molecolare, per la sua alta produttività scientifica, beneficia ogni anno di
finanziamenti di ricerca da parte di Enti Pubblici (Ministero della Salute, Comunità Europea) e
Privati (Telethon, Fondazione Mariani, Fondazione Cariplo)
Attività didattica
Dr. Massimo Zeviani
Organizzazione Seminari, corsi-workshops
- “Analisi del profilo trascrizionale globale durante il differenziamento di cellule dendritiche” (Prof.
Paola Ricciardi-Castagnoli Dip. Biotecnologie e Bioscienze – Università Bicocca) c/o Sala
Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (14 marzo 2002).
- “Recenti progressi sulla patogenesi molecolare delle distrofie muscolari progressive” (Prof.
Francesco Muntoni, Hammersmith Hospital, Londra) c/o Sala Multimediale, Laboratori Bicocca,
Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (6 maggio 2002).
- “The assembly of mitochondrial respiratory chain complexes and factors involved in this process”
(Dr. Leo Nijtmans, University Medical Center NiJmegen, The Netherlands) c/o Sala Multimediale,
Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (6 maggio 2002).
- “Mutazioni puntiformi indotte da RNA/DNA chimeraplasti: un approccio alternativo al trattamento
della distrofia muscolare di Duchenne” (Dr. Carmen Bertoni, Dept of Neurology and Neurological
Sciences, Standford University) c/o Sala Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale
Neurologico “C. Besta” (21 giugno 2002).
- “Geni,genomi e malattie” (Prof. Andrea Ballabio, Genetica Medica, Univ. Studi Napoli) c/o Sala
Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (24 giugno 2002).
- “La neuropatia ottica ereditaria di Leber (LHON) come modello di degenerazione del nervo ottico
da disfunzione mitocondriale (Dr. Valerio Carelli, Clinica Neurologica, Università degli Studi di
Bologna) c/o Sala Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (4
luglio 2002).
- “Genotype/phenotype correlation in mitochondrial disease: in vivo models. Workshops MitEURO
c/o Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (27-29 settembre 2002)
D.ssa Barbara Garavaglia
Attività seminariale su invito
- Lezione alla Scuola di Specialità in Genetica Medica, Università Statale di Milano (Milano, 16
giugno 2002)
- Lezione al Corso Master su Disturbi del Movimento dell’Università Cattolica (Milano, 22 ottobre
2002)
121
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 122
Pubblicazioni selezionate 2002
Lamantea E, Tiranti V, Bordoni A, Toscano A, Bono F, Servidei S, Papadimitriou A, Spelbrink H,
Silvestri L, Casari G, Comi GP, Zeviani M. Mutations of mitochondrial DNA polymerase gammaA
are a frequent cause of autosomal dominant or recessive progressive external ophthalmoplegia.
Ann Neurol. 2002 Aug;52(2):211-9.
Lamantea E, Carrara F, Mariotti C, Morandi L, Tiranti V, Zeviani M.
A novel nonsense mutation (Q352X) in the mitochondrial cytochrome b gene associated with a
combined deficiency of complexes I and III.
Neuromuscul Disord. 2002 Jan;12(1):49-52.
Corona P, Lamantea E, Greco M, Carrara F, Agostino A, Guidetti D, Dotti MT, Mariotti C, Zeviani
M. Novel heteroplasmic mtDNA mutation in a family with heterogeneous clinical presentations.
Ann Neurol. 2002 Jan;51(1):118-22.
Zorzi G, Garavaglia B, Invernizzi F, Girotti F, Soliveri P, Zeviani M, Angelini L, Nardocci N.
Frequency of DYT1 mutation in early onset primary dystonia in Italian patients.
Mov Disord. 2002 Mar;17(2):407-8.
122
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 123
U.O. NEUROFISIOLOGIA SPERIMENTALE
Direttore U.O.: Roberto Spreafico
Roberto Spreafico è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Milano (1972), ha
conseguito la specialità in Neurologia presso l’Università di Pavia ed il dottorato di ricerca in
Fisiologia presso l’Università di Milano. Vincitore di una borsa di studio (1979) del National Institute
of Health (USA), ha lavorato come ricercatore presso il Dipartimento di Neurofisiologia
dell’Università del North Carolina at Chapel Hill, dove in seguito fu chiamato come Invited
Professor.
Nel 1985 l’Accademia Nazionale dei Lincei gli ha conferito il premio “Camillo Golgi”.
Dal 1993 è direttore della UO di Neurofisiologia Sperimentale e Neuroanatomia e dal 2000 è viceDirettore Scientifico. Membro di numerose società scientifiche nazionali ed internazionali, è parte
della Commissione di Neurobiologia della International League Against Epilepsy (ILAE) e
dell’Editorial Board di “ Neurological Sciences”. Ha pubblicato 178 lavori scientifici su riviste
nazionali ed internazionali. I suoi interessi nell’ambito della ricerca biomedica riguardano: epilessia,
ontogenesi, neurofisiologia, neuroanatomia, modelli animali di patologie neurologiche con
particolare riferimento alle anomalie dello sviluppo cerebrale.
Riferimento generali
Segreteria divisionale: tel.02-2394242 ; fax: 02-70600775
e-Mail: [email protected] - [email protected]
Collaboratori
Dr. Battaglia Giorgio
Dirigente Medico responsabile
Laboratorio di Neuroanatomia Molecolare
Sede distaccata “Laboratorio Bicocca”
Dr. De Curtis Marco
Dirigente Medico responsabile
Laboratorio di Neurofisiologia dei Sistemi Corticali
D.ssa Frassoni Carolina
Dirigente Biologo responsabile
Laboratorio di Neuroanatomia dello Sviluppo
Sig.ra Regondi Maria Cristina
Tecnico di ricerca biomedica
Dr. Sancini Giulio
Tecnico di ricerca biomedica
Sig.ra Ierardo Stella
Ausiliaria
Borsisti e Contrattisti
Laboratorio di Neuroanatomia Umana
D.ssa Alessandra Meroni - borsista biologa - [email protected]
D.ssa Rita Garbelli - borsista biologa - [email protected]
D.ssa Arianna Ferrario - borsista biologa - [email protected]
Sig. Davide Bazzi - tesista
123
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 124
Sig. Alessandra Gilardini - tesista
Laboratorio di Neurofisiologia dei Sistemi Corticali
Dr. Vadym Gnatkovski - contrattista - [email protected]
D.ssa Laura Librizzi - borsista - [email protected]
D.ssa Laura Uva - borsista - [email protected]
Sig.na Chiara Pastori - studentessa
Laboratorio di Neuroanatomia dello Sviluppo
D.ssa Francesca Inverardi - borsista biologa - [email protected]
D.ssa Barabara Ortino - borsista biologa - [email protected]
D.ssa Giuseppina Magnaghi - contrattista
Sig.na Sana Beolchi - studentessa
Laboratorio di Neuroanatomia Molecolare
D.ssa Veronica Setola - borsista ricerca corrente 2002 - [email protected]
D.ssa Stefania Bassanini - borsista ricerca corrente 2002 - [email protected]
Dr. Alessio Giavazzi - borsista ricerca finalizzata 2002 - [email protected]
Tesisti: Roberta Dall’Orto - Rosa Costa - Isabella Ravling - Adele Finardi - Denise Locatelli.
Offerta ambulatoriale
prime visite: CRE: 02-2394239.
CUP è 02-70631911)
ATTIVITÀ 2002
Dott. Roberto Spreafico
Laboratorio di Neuroanatomia Umana e Neuropatologia della corteccia
Il laboratorio è prevalentemente indirizzato allo studio anatomo-funzionale delle malformazioni
epilettogene della corteccia cerebrale, allo scopo di fornire dati utilizzabili in ambito clinico che
permettono: 1) una migliore e più comprensibile classificazione delle varie informazioni, correlando
i dati neuropatologici con quelli elettroclinici e neuroradiologici, 2) verificare se e in che modo i
differenti sottogruppi di queste malformazioni sono correlabili all’esito della terapia chirurgica
elettiva per l’epilessia, 3) studiare attraverso indagini immunoistochimiche i possibili substrati
eziopatogenetici delle epilessie associate alle malformazioni corticali. Il lavoro è svolto in
collaborazione con il Centro Regionale di Chirurgia dell’Epilessia “C. Munari” di Niguarda. Il
tessuto, prelevato in corso di intervento elettivo da pazienti con epilessia farmaco-resistente, viene in
parte sottoposta ad indagini morfo-funzionali, utilizzando anticorpi in grado di fornire dati non solo
strutturali ma anche “funzionali” mirati allo studio di neurotrasmettitori e recettori di membrana.
In collaborazione con altri laboratori dell’Istituto sono state messe a punto metodiche anatomiche e
fisiologiche per lo studio e l’identificazione dell’encefalite di Rasmussen.
Dott. Marco De Curtis
Laboratorio di Neurofisiologia dei Sistemi Corticali
Il laboratorio è costituito da tre set-up sperimentali per lo studio del cervello di cavia mantenuto in
vitro tramite perfusione arteriosa. L’attività sperimentale è indirizzata allo studio elettrofisiologico
dell’attività cerebrale in condizioni normali e in modelli sperimentali di patologia (epilessie,
encefalite acuta, infarto cerebrale) utilizzando tecnologie consolidate (registrazioni intra ed
extracellulari) e nuove tecnologie (elettrodi multi-contatto silicon probes, amplificatori e sistemi di
acquisizione multicanale) sviluppate presso ditte e laboratori stranieri nell’ambito di un progetto di
ricerca finanziato dalla Comunità Europea.
124
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 125
Argomenti di ricerca:
1) Studio del ruolo delle spikes interictali nel controllo dell’attività epilettica in un modello di
epilessia focale, con particolare interesse allo studio del ruolo delle correnti calcio-dipendenti, del
pH, delle modificazioni di ambiente extracellulare nella periodicità delle spikes interictali, per
l’identificazione di elementi predittivi della transizione interictale-ictale che regolano l’insorgenza di
una crisi epilettica. È stato valutato il possibile ruolo protettivo della stimolazione cerebrale, di
potenziale interesse per la cura delle epilessie focali farmacoresistenti.
2) Studio della fisiologia sistemica della corteccia olfattoria e del lobo temporale, mediante
caratterizzazione fisiologica dei circuiti neuronali intrinseci e delle interazioni tra diverse strutture
corticali (corteccia piriforme e paraippocampali ed ippocampo).
3) Analisi dei meccanismi di generazione cellulare e circuitale dell’attività oscillatoria gamma e theta
che sottendono i processi di memoria nell’ippocampo e nella regione paraippocampale.
4) Negli ultimi anni è stata sviluppata una metodica che permette di valutare simultaneamente nel
preparato sperimentale del cervello di cavia isolato e mantenuto in vitro tramite perfusione arteriosa
a) l’attività neuronale (mediante registrazioni elettrofisiologiche extra ed intracellulari), b) le
modificazioni ioniche nello spazio extracellulare, c) le modificazioni di flusso cerebrale e d) la
funzionalità della barriera emato-encefalica.
Questa linea sperimentale innovativa è rivolta allo studio di diversi aspetti delle interazioni cerebrovascolari: i) studio delle correlazioni tra attività neuronale e flusso cerebrale in condizioni
fisiologiche ed in modelli in vitro di patologia neurologica (epilessia focale ed ischemia cerebrale),
ii) studio funzionale della barriera emato-encefalica e dei meccanismi di controllo della permeabilità
della barriera; iii) studio dei meccanismi precoci di eccititossicità indotti dal danno ischemico, iv)
studio dei meccanismi infiammatori in patologie infiammatorie del sistema nervoso centrale.
Dott. Giorgio Battaglia
Laboratorio di Neuroanatomia Molecolare
Il laboratorio di Neuroanatomia Molecolare è situato presso i nuovi laboratori dell’Istituto
Neurologico alla “Bicocca”. È un laboratorio attrezzato per lo studio morfologico e biochimicomolecolare del SNC, sia in animali sperimentali e transgenici, che in materiale umano da pazienti
affetti. Le seguenti sono le linee di ricerca principali del laboratorio:
a) lo studio dei meccanismi di neuro-degenerazione dei motoneuroni, con riguardo
particolare ai meccanismi patogenetici alla base della atrofia muscolare spinale o SMA. Questa linea
di ricerca si propone di studiare: i) l’espressione della proteina SMN, prodotto proteico del gene
responsabile della malattia, nel SNC e in tessuti periferici dei pazienti affetti da SMA; ii) la
localizzazione sub-cellulare e la funzione della stessa proteina in colture motoneuronali; iii) i
meccanismi di trasporto assonale della proteina SMN sia in animali di controllo che in modelli
transgenici della malattia.
b) lo studio della neurogenesi, della ipereccitabilità neuronale, e clinico-genetico delle disgenesie
cerebrali epilettogene, sia in pazienti umani che in modelli sperimentali. Questa linea di ricerca si
propone di studiare i meccanismi patogenetici alla base delle malformazioni dello sviluppo corticale
e della sintomatologia epilettica ad esse frequentemente associata, confrontando i dati forniti dallo
studio dei pazienti affetti con quelli forniti dallo studio degli animali con eterotopie cerebrali indotte
sperimentalmente. Inoltre, utilizzando la ampia casistica di pazienti affetti da disgenesie cerebrali,
che si è venuta creando nel corso degli ultimi 10-15 anni, questa linea di ricerca si occupa della
caratterizzazione clinica e genetica dei pazienti affetti, grazie alla collaborazione con le Unità
Operative di Neuropsichiatria Infantile, di Neuroradiologia, di Biochimica e Genetica e di
Neurofisiopatologia Clinica.
D.ssa Carolina Frassoni
Laboratorio di Neuroanatomia dello sviluppo
La linea sperimentale riguarda lo studio dei processi di differenziamento durante lo sviluppo del
125
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 126
prosencefalo, volto in particolare a chiarire alcuni aspetti relativi alla migrazione neuronale e
all’analisi anatomo-funzionale di modelli animali geneticamente determinati, caratterizzati da quadri
malformativi in parte sovrapponibili a quelli riscontrati nella patologia umana.
Nell’ambito dello studio embriologico, l’attività sperimentale è rivolta allo studio dinamico e
funzionale della migrazione neuronale. A tale scopo è stata messa a punto la metodica delle “colture
oganotipiche di tessuto embrionale” ,che consente di preservare il microambiente e l’organizzazione
originale del tessuto e costituisce un modo molto versatile per caratterizzare differenti processi che
hanno luogo durante lo sviluppo del SNC. Questa tecnica consente da un lato di individuare la
dinamica del percorso di migrazione dei neuroni che si originano da una particolare zona del
neuroepitelio in seguito al posizionamento di traccianti neuroanatomici fluorescenti, dall’altro di
valutare quale sia il ruolo funzionale di molecole e/o recettori durante la migrazione neuronale.
Nell’ambito dello studio anatomo-funzionale, lo studio è volto a chiarire quale sia il
rimaneggiamento delle strutture telencefaliche e le eventuali alterazioni di sottopopolazioni
neuronali in modelli animali caratterizzati da un’alterata morfogenesi cerebrale. Lo studio di recente
concluso su topi mutanti deficitari del gene OTX1 caratterizzati da microencefalia, iposviluppo della
neocorteccia e crisi epilettiche, ha dimostrato la presenza di neuroni eccitatori in posizione ectopica
e alterazioni nella popolazione inibitoria, confermando l’ipotesi iniziale secondo la quale
l’ipereccitabilità riscontrata in questi animali fosse in parte legata ad alterazioni del sistema
GABAergico e non-NMDA mediato.
La collaborazione con altri laboratori dell’Istituto è indirizzata da un lato a fornire dati anatomici
relativi all’espressione di proteine precocemente espresse durante lo sviluppo embrionale, dall’altro
all’analisi dell’immunoreattività, ottenuta da IgG purificate dal siero di alcuni pazienti colpiti da
malattie autoimmuni, associate a deficit neurologici al fine di confermare e/o ipotizzare una
eventuale diagnosi.
Collaborazioni esterne nazionali ed internazionali
Dott. Roberto Spreafico
➢ Dott. Laura Tassi e Dott. Carlo Galli, Centro Regionale Chirurgia dell’Epilessia e del Parkinson
“Claudio Munari”, Ospedale Niguarda, Milano;
➢ Dott. Esper. Cavalheiro e Dott. Alessandro Valotta da Silva - UNIFESP - EPM - San Paolo Brasile;
➢ Prof. Marina Bentivoglio - Istituto di Anatomia - Università di Verona.
Dott. Marco De Curtis
➢ Prof. Menno Witter, Free University Amsterdam - Olanda;
➢ Prof. Denis Pare, Rutgers University, New Jersey - USA;
➢ Dr. Ulrich Hoffmann, Institute of Signal Processing, University of Lubeck, Germania;
➢ Prof. Giancarlo Folco, Istituto Farmacologia, Università di Milano;
➢ Dr. Stefano Francione, Unità di Epilettologia. Ospedale Niguarda;
➢ Dr. Gerardo Biella e Dr. Jacopo Magistretti, Università di Pavia.
D.ssa Carolina Frassoni
➢ D.ssa A. Amadeo, D.ssa L. Vitellaro - Dipartimento di Fisiologia e Biochimica Generali, Sezione
di Istologia Anatomia Umana, Università degli Studi di Milano;
➢ Dr. A. Fairèn - Instituto di Neuroscience, CSIC-Universidad Miguel Hernandez, Alicante, Spain;
➢ D.ssa M. Matteoli - D.ssa F. Navone - CNR Cellular and Molecular Pharmacology Center,
Dipartimento di Farmacologia Medica, Milano;
➢ D.ssa N. Offenhauser - IFIOM, FIRC Institute for Molecular Oncology, Milano;
126
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 127
➢ Dr. M. Parenti - Università di Milano-Bicocca, Dipartimento di Medicina Sperimentale,
Ambientale e Biotecnologie Mediche.
Dr. Giorgio Battaglia
➢ Istituto di Ricerche Farmacologiche “M. Negri”, Milano;
➢ IRCCS Auxologico, Milano;
➢ Dipartimento di Scienze Farmacologiche ed Istituto di Endocrinologia, Università di Milano;
➢ Dipartimento di Scienze Morfologiche e di Scienze Neurologiche, Università di Verona;
➢ CEA-CNRS, Orsay, Parigi;
➢ Lab. Exp. Neurology, University of Utrecht.
Attività didattica
Dott. Roberto Spreafico
➢ Docente al 15° Corso d’aggiornamento in Epilettologia Clinica, Gargnano (BS), marzo e
novembre.
Dott. Marco De Curtis
➢ Docente al 15° Corso d’aggiornamento in Epilettologia Clinica, Gargnano (BS), marzo.
➢ Docente al Seminario “Organizzazione funzionale della regione paraippocampale” - Istituto
Fisiologia Generale - Pavia, gennaio.
➢ Faculty Member al “Advanced Internationale Residential Course” di San Servolo - Venezia, 21
luglio - 4 agosto.
Dott. Giorgio Battaglia
➢ Lezione: “La degenerazione motoneuronale: modelli sperimentali e malattie neurodegenerative
nell’uomo”, Corso Master in “Tecnologie avanzate applicate alle patologie neurodegenerative”
(Direttore: Prof. Cattabeni), Dipartimento di Scienze Farmacologiche, Università di Milano, 7
ottobre.
➢ Lezione: “Sviluppo del sistema nervoso centrale e tecniche di ablazione”, Corso Master in
“Tecnologie avanzate applicate alle patologie neurodegenerative” (Direttore: Prof. Cattabeni),
Dipartimento di Scienze Farmacologiche, Università di Milano, 6 marzo.
➢ Docente (con lezioni frontali ed esercitazioni pratiche nel laboratorio di Neuroanatomia
Molecolare) del corso Master “Tecnologie avanzate applicate alle patologie neurodegenerative”,
responsabile Prof. Flaminio Cattabeni, Dipartimento di Scienze Farmacologiche, Università di
Milano.
➢ Seminario: “Neurogenesis and intrinsic hyperexcitability in cerebral heterotopia from
experimental animals and human epileptic patients”; Grand Round Epilepsy Seminars, Cleveland
Clinic Foundation, Cleveland, USA, 8 novembre.
➢ Invited speaker
• “Subcellular localization of different SMN protein forms in cultured motor neurons.”, 32th
Annual Meeting, Society for Neuroscience, Orlando (FL), USA, 5 novembre: Invited speaker.
• “La proteina SMN nella atrofia muscolare spinale (SMA) e nella sclerosi laterale amiotrofica
(SLA)”, Simposio “An Update on ALS”, Policlinico di Monza, Monza, 17 ottobre.
• “The SMN protein is specifically localized in neuritic extensions of cultured motor neurons”,
Annual International Meeting, Families of SMA, Schaumburg, Chicago (IL), USA, 22 giugno.
• “Dalla conoscenza di base alla crisi epilettica”, Simposio “Epilessie associate a malformazioni
dello sviluppo corticale; inquadramento diagnostico e trattamento medico e chirurgico”, Roma,
Università Urbaniana, 14 marzo.
127
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 128
Tesi di laurea
- Tesi di Laurea in Farmacia: “Atrofia Muscolare Spinale (SMA): diagnosi molecolare, analisi
neuropatoilogica ed espressione della proteina SMN nel midollo spinale di pazienti affetti da
malattia di Werdnig-Hoffmann (SMA di tipo I)”; dr. Rosa Costa, Università di Milano, 18 luglio
2002.
- Tesi di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche: “Ruolo della proteina SMN nella Atrofia
Muscolare Spinale: caratterizzazione di diverse forme molecolari e studio morfologico in
motoneuroni in coltura”; dr. Roberta Dell’Orto, Università di Milano, 18 luglio 2002.
Organizzazione
Dott. Spreafico - 2002 - Secondo Simposio Internazionale sulla Sindrome di Rasmussen - Montreal
- 13-14 dicembre.
Dott. De Curtis - 2002 - Comitato Scientifico e Organizzativo Advanced International Course:
Bridging basic with clinical epileptology, San Servolo, 21 Luglio-4 agosto.
Pubblicazioni selezionate 2002
1. Biella G., Uva L. and De Curtis M.
Propagation of Neuronal Activity Along the Neocortical-Perirhinal-Entorhinal Pathway in the
Guinea Pig.
Journal of Neuroscience 22: 9972-9979 - 2002
2. Fairén, J., Morante-Oria, C. Frassoni.
The surface of developing cerebral cortex: still special cells one century later.
Progr Brain Res., 136: 281-91, 2002.
3. Cipelletti, G. Avanzini, L. Vitellaro-Zuccarello, S. Franceschetti, G. Sancini, T. Lavazza, D.
Acampora, A. Simeone, R. Spreafico and C. Frassoni
Morphological organization of somatosensory cortex in Otx1-/-mice.
Neuroscience, 115: 657-667, 2002.
4. Tassi L., Colombo N., Garbelli R., Lo Russo G., Mai R., Cardinale F., Cossu M., Ferrario A., Galli
C., Bramerio M., Citterio A., Spreafico R.:
Focal cortical dysplasia: neuropathological subtypes, EEG, neuroimaging and surgical
outcome.
Brain 125: 1719-1732, 2002.
5. Battaglia G., Pagliardini S., Ferrario A., Gardoni F., Tassi L., Setola V., Garbelli R., LoRusso G.,
Spreafico R., Di Luca M., Avanzini G.
AlphaCaMKII and NMDA-receptor subunit expression in epileptogenic cortex from human
periventricular nodular heterotopia.
Epilepsia. (2002) 43 Suppl 5:209-16. (I.F. = 3,271)
128
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 129
U.O. DI NEURORADIOLOGIA
Direttore: Mario Savoiardo
Il Dr. Mario Savoiardo, laureato a Milano nel 1965, è specializzato in Neurologia ed in Radiologia
diagnostica ed è neuroradiologo presso l’Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” dal 1972.
La sua formazione comprende una “residency” in neurologia a Boston con il Prof. N. Geschwind e
soggiorni nei reparti di Neuroradiologia pediatrica dell’Hospital for Sick Children di Toronto con il
Dr. D. Harwood-Nash e di Neuroradiologia dell’Hospital of the University of Pennsylvania,
Philadelphia.
Autore di numerosi articoli di cui diversi su riviste indicizzate e un rilevante numero di capitoli di
libri internazionli, ha svolto lezioni e conferenze su invito in Congressi e presso Istituti e Università
italiani e stranieri, tra cui l’Institute of Neurological Sciences di Glasgow, l’Università di Bergen, la
Boston University, la Harvard University, l’NIH e l’American Academy of Neurology. Si occupa di
tutti gli aspetti di neuroradiologia diagnostica, particolarmente delle malattie degenerative e
metaboliche del sistema nervoso centrale.
È professore a contratto presso la Scuola di Specialità in Radiologia all’Università degli Studi di
Milano, reviewer per varie riviste di Neurologia e Neuroradiololgia e membro dell’Editorial Board
di Neuroradiology e del Journal of Neurology.
Riferimenti generali
Tel. +39 02 2394451
e-mail [email protected]
Segreteria:
Tel. +39 02 2394449
Fax +39 02 2394543
e-mail [email protected]
STRUTTURE ORGANIZZATIVE SEMPLICI
Neuroradiologia Intervenzionale
Responsabile Dr.ssa Elisa Ciceri
Segreteria:
Tel. +39 02 2394449
Fax +39 02 2394543
e-mail [email protected]
ELENCO ATTIVITÀ
1. Neurooncologia clinica
2. Neurooncologia sperimentale
3. Epilessia
4. Malattie degenerative e metaboliche
5. Patologia vascolare
6. Malattie demielinizzanti
7. Neuroradiologia intervenzionale
129
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 130
Collaboratori
Neuroradiologi
Alberto Bizzi,
Maria Grazia Buzzone
Luisa Chiapparini
Elisa Ciceri
Ludovico D’Incerti
Alessandra Erbetta
Laura Farina
Marina Grisoli
Elio Maccagnano
Specializzandi in radiologia
Tiziana De Simone,
Caroline Regna-Gladin
Fisici
Dott. Ugo Danesi, consulente
Dott. Alberto Torresin, consulente
Dott. Enrico Giudici, consulente
Borsisti
Dott. Sergio Nappini,
Tecnici sanitari di radiologia medica
Luciana Caposio, coordinatore tecnico [email protected] Tel 02 2394 541
Silvana Curti, coordinatore tecnico
Filomena Belardo,
Gisella Cabiddu
Roberta Cambié
Domenico Papasso
Marinella Cova
Dagmar Di Fiore
Santo Di Maio
Francesca Epifani
Claudio Passarella
Fabiola Scarpina
Stella Silvestri
Servizi comuni
Angela Cafiero, infermiera professionale
Vincenzo Gianlorenzo, infermiere professionale
Maria Rossetti, infermiera professionale - archivista MariaPia Cavalli, collaboratore amministrativo,
consulente
Assunta Cottano, amministrativo
Marina Pedretti, amministrativo
Antonio Ricciardi, tecnico-archivista
Vitantonio Sperti, archivista
130
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 131
Offerta assistenziale
L’attività diagnostica dell’U.O. nel 2002 consta di 24400 esami neuroradiologici.
L’attività diagnostica è completata dall’attività di ricerca svolta sia autonomamente che in
collaborazione con le altre componenti dell’Istituto.
Numerosi progetti sono in avanzato stadio di realizzazione.
Attività clinica: Diagnostica per immagini TC e RM di tutte le malattie del Sistema Nervoso
dell’adulto e del bambino, Angio-TC e Angio-RM, Spettroscopia, Angiografia diagnostica e
intervenzionale, Ecodoppler TSA.
Attività di ricerca: neurooncologia clinica e sperimentale, malattie metaboliche e degenerative,
malattie da prioni, patologia vascolare (diagnosi e trattamento endovascolare), epilessia, sclerosi
multipla.
Diagnostica per immagini con TC e RM di tutte le patologie del Sistema Nervoso Centrale, in
particolare di neoplasie primitive del bambino e dell’adulto, malattie metaboliche, degenerative
(demenze, Parkinsonismi, malattia di Creutzfeldt-Jakob), malformazioni di sviluppo dell’encefalo,
displasie corticali, epilessia, danni perinatali, orecchio e massiccio facciale, patologia midollare,
sistema nervoso periferico.
Diagnostica con spettroscopia RM dei tumori cerebrali, leucoencefalopatie, malattie metaboliche del
SNC.
Diagnostica angiografica delle patologie vascolari dell’encefalo e del midollo.
Neuroradiologia intervenzionale con terapia endovascolare con “coils” e “colle” degli aneurismi e
delle malformazioni vascolari dell’encefalo e del midollo. Trattamento di stenosi vascolari con stent
intra- e extracranici.
Esami diagnostici per appuntamento presso il CUP: 02-70631911
Dotazione:
2 apparecchi di Risonanza Magnetica, rispettivamente da 0,5 e 1,5 Tesla
2 apparecchi per Tomografia Computerizzata, di cui uno spirale
1 angiografo digitale
2 apparecchi di radiologia convenzionale
1 ecotomografo
ATTIVITÀ 2002
Diagnostica per immagini con RM convenzionale e spettroscopia del protone per guidare la
resezione chirurgica o mirare la biopsia alle aree del tumore con indici di maggiore aggressività.
Applicazione della RM funzionale per individuare le aree eloquenti del SNC in pazienti con
neoplasie cerebrali candidati a trattamento chirurgico (in collaborazione con l’Ospedale San
Raffaele).
Messa a punto delle procedure di fusione delle immagini al fine di ottimizzare il trattamento
chirurgico e radioterapico delle neoplasie intracraniche.
Correlazione tra le caratteristiche RM di diversi tipi istologici di tumori cerebrali e la diversa
caratterizzazione genetica.
Studio con RM di tumori sperimentali in modelli animali trattati con diverse modalità terapeutiche.
Studi di RM cellulare con correlazione delle immagini RM con sezioni anatomo-patologiche per
testare l’affidabilità di nuovi mezzi di contrasto da utilizzare in RM nel monitoraggio dell’attività
migratoria delle cellule staminali.
131
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 132
Studio dell’epilessia parziale farmacoresistente e delle encefalopatie epilettiformi non evolutive
dell’età prescolare.
Partecipazione al gruppo di studio sulle encefalopatie di Rasmussen..
Studio RM con diffusione nei “battered children” con prima crisi epilettica e successivo sviluppo di
sclerosi temporale mesiale, in collaborazione con il Dept. of Radiology presso il “Children Hospital”
di Philadelphia (Dott. R.A. Zimmerman).
Studio con RM, spettroscopia, RM funzionale di malattie come la paralisi sopranucleare progressiva
(PSP), la degenerazione corticobasale (CBD), le atrofie multisistemiche (MSA-C, MSA-P), la
sclerosi laterale amiotrofica (SLA) per la definizione “in vivo” del danno neuronale precoce dei vari
processi degenerativi.
- Utilizzo della metodica di fusione delle immagini al fine di ottimizzare la definizione del bersaglio
chirurgico stereotassico nella malattia di Parkinson.
- Studio con RM , e con spettroscopia di malattie metaboliche e leucoencefalopatie per facilitare l’iter
diagnostico identificando nuovi pattern radiologici delle malattie.
Ricerca e sperimentazione di nuovi materiali e nuove procedure per il trattamento intravascolare di
aneurismi cerebrali e malformazioni vascolari. Integrazione fra queste procedure e altre terapie
(chirurgia e radioterapia).
Diagnosi neuroradiologica e terapia endovascolare in pazienti affetti da malattia cerebro-vascolare,
con particolare riferimento a pazienti affetti da patologia ischemica:
tecniche di rivascolarizzazione (angioplastica, stenting e trombolisi).
tecniche di trattamento di malformazioni vascolari spinali e cerebrali.
Collaborazione con il Centro Sclerosi Multipla dell’Istituto per protocolli di esami di RM nei trial
terapeutici.
Nell’ambito dell’attività clinica di U.O di Neuroradiologia, la Neuroradiologia Intervenzionale si
occupa di tutti i campi di applicazione della RM, TC e Angiografia, in particolare di diagnostica
angiografica della patologie vascolari dell’encefalo e del midollo, della terapia endovascolare con
“coil” e “colle” degli aneurismi e delle malformazioni vascolari dell’encefalo e del midollo, del
trattamento di stenosi vascolari con stent intra - ed extracranici.
È ora in funzione anche un ambulatorio per pazienti cerebrovascolari che prevede visita neurologica,
consulto di documentazione radiologica, Doppler TSA e/o Angio TC collo.
Ultimamente è inoltre iniziata una attività specifica intervenzionale rivolta alle patologie del rachide
con la possibilità di eseguire vertebro-plastiche in casi di osteoporosi, patologia tumorale dolorosa
della colonna.
COLLABORAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
- Dept. Radiology, Johns Hopkins Medical School - Dr. J. Bulte
- “ISUIA” International Study Unruptured Intracranial Aneurysms (Dr.ssa E. Ciceri)
ATTIVITÀ DIDATTICA
- Professore a contratto presso la Scuola di Specialità in Radiologia dell’Università di Milano, Dr.
Mario Savoiardo
- Professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione dell’Università di Catania, Dr. Carmelo
Maccagnano
- Attività di Tutoring presso la Scuola di Specialità di Radiologia dell’Università di Milano ( Dr.ssa
M.Grazia Bruzzone, Dr. Ludovico D’Incerti).
- Docente del Master Universitario del Politecnico di Milano, Dipartimento di Bioingegneria:
“Ingegneria in Chirurgia” (dr.ssa E. Ciceri).
132
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 133
Tutti i Medici della Divisione tengono regolarmente conferenze, relazioni su invito in convegni
nazionali ed internazionali, seminari in Istituto e, annualmente, lezioni di neuroradiologia presso la
Scuola di Specialità di Radiologia dell’Università di Milano.
ORGANIZZAZIONE DI EVENTI
Corso di Formazione per TSRM - Neuroradiologia diagnostica e intervenzionale e tecniche avanzate.
Milano, 18-19 ottobre 2002.
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
1. Mawad ME, Cekirge S, Ciceri E, Saatci I.
Endovascular treatment of giant and large intracranial aneurysms by using a combination of stent
placement and liquid polymer injection.
J.Neurosurg.2002 Mar;96(3):474-82
2. Bissola L, Eoli M, Pollo B, Merciai BM, Silvani A, Salsano E, Maccagnano C, Bruzzone MG,
Fuhrman Conti AM, Solero CL, Giombini S, Broggi G, Boiardi A, Finocchiaro G.
Association of chromosome 10 losses and negative prognosis in oligoasattrocytomas.
Ann. Neurol.2002 Dec;52(6):842-5
3. Bizzi A, Bugiani M, Salomons GS, Hunneman DH, Moroni I, Estienne M, Danesi U, Jakobs C,
Uziel G.
X-linked creatine deficiency syndrome: a novel mutation in creatine transporter gene SLC6A8.
Ann Neurol. 2002;52:227-231.
4. Chiapparini L, Farina L, D’Incerti L, Erbetta A, Pareyson D, Carriero MR, Savoiardo M.
Spinal radiological findings in nine patients with spontaneous intracranial hypotension.
Neuroradiology. 2002 ;44:143-150;
5. Farina L, Chiapparini L, Uziel G, Bugiani M, Zeviani M, Savoiardo M.
MR findings in Leigh syndrome with COX deficiency and SURF-1 mutations.
AJNR Am J Neuroradiol. 2002;23:1095-1100.
133
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 135
U.O. LABORATORIO DI ANALISI CHIMICO CLINICHE
Direttore U.O.: Danilo Croci
Danilo Croci si è diplomato in Chimica Nucleare, si è laureato in Scienze Biologiche presso
l’Università di Milano e si è specializzato in Patologia Clinica Generale presso l’Università di Pavia.
È componete della commissione di farmacologia clinica della Società Italiana di Biochimica Clinica
(SIBIOC), insegna presso la scuola di specialità di Biochimica Clinica dell’Università di Milano
(come professore a contratto) e negli ultimi 3 anni si è formato sui sistemi di Qualità Aziendali
acquisendo il diploma di Auditor Interno.
Lavora presso l’Istituto Neurologico “Carlo Besta” nella U.O. Laboratorio di Analisi Chimico
Cliniche di cui è diventato Direttore. Ha una buona esperienza sui sistemi di gestione informatica ed
ha diretto l’Ufficio Qualità ed Accreditamento. Il suo interesse scientifico si è rivolto
prevalentemente alla farmacologia clinica dei farmaci antiepilettici, ma ha studiato a fondo la
diagnostica liquorale, gli approcci farmacologici delle cefalee, e la coagulazione. Attualmente in
collaborazione con la seconda e la sesta divisione di neurologia sta occupandosi di chemochine ed
angiogenesi in neuroncologia, nonché della modulazione farmacologica della migrazione linfocitaria
transendoteliale.
Ha pubblicato 68 lavori scientifici completi, 5 capitoli di libri ed è stato relatore a 17 congressi o
convegni scientifici in Italia ed all’estero.
COME RAGGIUNGERE IL LABORATORIO
Il Laboratorio Analisi è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 15,30. Al
centro prelievi si accede dall’ingresso di via Ponzio 32; non è richiesta prenotazione. I numeri di
telefono di riferimento sono i seguenti:
• Segreteria e informazioni sugli esami 022394246
• Fax
022394535
• E-mail
[email protected]
STRUTTURE ORGANIZZATIVE SEMPLICI
1. SERVIZIO TRASFUSIONALE - EMATOLOGIA ED EMOCOAGULAZIONE
ELENCO ATTIVITÀ:
• Centro prelievi ambulatoriali (non è richiesta prenotazione)
• Diagnostica di Laboratorio ( 512 diverse tipologie di esami )
– Biochimica Clinica
– Farmacologia Clinica (antiepilettici)
– Servizio trasfusionale
- Ematologia e Coagulazione
- Immunoematologia
– Diagnostica Liquorale
– Diagnostica molecolare
– Citofluorimetria
135
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 136
• Attività di ricerca
– Studio delle interazioni farmacologiche fra farmaci antiepilettici ed antineoplastici
– Studio dell’attività antineoplastica dell’Acido Valproico (VPA) nei tumori gliali maligni del
sistema nervoso centrale
– Rilevanza delle chemochine nella regolazione dell’angiogenesi nei tumori gliali
– Studi di associazione tra polimorfismi localizzati in geni codificanti per molecole coinvolte
nell’angiogenesi e suscettibilità e prognosi di tumori cerebrali.
• Consulenza per strutture esterne afferenti al laboratorio nel campo della diagnostica liquorale e
della farmacologia clinica
• Attività didattico-formativa
• Attività di sperimentazione per nuove apparecchiature-tecnologie
CENTRI DI RIFERIMENTO RICONOSCIUTI:
Centro di riferimento per la diagnostica liquorale (componente del gruppo di studio internazionale
CSF2000, gruppo di esperti europei per la messa a punto di protocolli internazionali di diagnostica
liquorale)
Componente gruppo di studio SIBIOC sulla farmacologia clinica
ELENCO DI TUTTI I COLLABORATORI:
Dirigente di Struttura Complessa
Dr. Danilo Croci
e-mail: [email protected]
Tel. 02-2394307
Dirigente di Struttura Semplice
Dr. Gaetano Bernardi e-mail: [email protected]
Tel. 02-2394703
Dirigenti Biologi
Dr. Emilio Ciusani
e-mail: [email protected]
Tel. 02-2394705
(settori di interesse: citofluorimetria, isoelettrofocalizzazione,
biologia molecolare)
Dr.ssa Elena Corsini Tel. 02-2394355
(settori di interesse: immunoematologia, ematologia,
coagulazione)
Dr. Ugo de Grazia
Tel. 02-2394705
(settori di interesse: farmacologia clinica, HPLC,
biologia molecolare, biochimica)
Tecnici di Laboratorio Coordinatori Sig. Cesare Ariano
Sig.ra Nadia Danieli
Tecnici di Laboratorio Collaboratori Sig.ra Sara Brambilla
Sig.ra Donatella Ceglia
Sig. Massimo di Benedetto
Sig. Saverio di Ciocia
Sig.ra Francesca Gilardoni
Sig. Giancarlo Gobbi
Sig.ra Anna Porini
Sig. Francesco Vitello
Infermiere Professionale
Sig.ra Maria Barletta
Collaboratore Amministrativo
Sig.ra Maria Pia Cavallo
e-mail: [email protected]
Tel. 02-2394246
136
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
Ausiliaria
Borse di studio
10:49
Pagina 137
Sig.ra Giordana Girgenti
Dr. Marco Balzarotti
Tel. 02-2394455
Dr. Marco de Rossi
Tel. 02-2394455
ATTIVITÀ
L’attività diagnostica del Laboratorio Analisi nel 2002 si è distribuita su oltre 500 diverse tipologie
di esami per un totale di oltre 550.000 test. In particolare in aggiunta ai normali test di routine di un
laboratorio di chimica clinica, sono stati ulteriormente sviluppati molti test di diagnostica liquorale
e di farmacologia clinica degli antiepilettici ed antitumorali, settori per i quali il laboratorio da anni
si mette a disposizione di tutto il territorio regionale e nazionale.
L’attività di diagnostica è completata dall’attività di ricerca applicata svolta prevalentemente in
collaborazione con il personale della IIa divisione di neurologia coordinato dal dott. Andrea
Salmaggi e con il dott. Marco de Curtis della VIa.divisione di neurologia.
Il laboratorio inoltre è componente (con il dott. Bernardi) del gruppo di studio internazionale CSF
2000, un gruppo di esperti europei per la messa a punto di protocolli internazionali di diagnostica
liquorale, basato sul sistema di comunicazione via telematica Lotus Notes. Il gruppo di studio ha
definito le linee guida sui sistemi analitici dell’indagine delle proteine liquorali, (con relative
definizioni di sensibilità e specificità), sul controllo di qualità e sulle modalità di refertazione dei
risultati analitici. È stato allestito ed è attivo il sito Web: www.teamspace.net.
Numerosi sono i progetti di studio ed applicazione che sono in un avanzato stadio di realizzazione:
Studio delle interazioni farmacologiche fra farmaci antiepilettici ed antineoplastici nelle terapie dei
tumori cerebrali (in collaborazione con la IIa divisione di neurologia). I pazienti affetti da tumori
cerebrali necessitano spesso di essere trattati con farmaci chemioterapici associati con farmaci
antiepilettici. Questa associazione può provocare una diminuzione dell’efficacia terapeutica del
chemioterapico almeno per quelli di vecchia generazione. Il progetto è quindi volto a valutare le
eventuali interazioni nell’associazione tra farmaci antiepilettici ed antineoplastici di nuova
generazione. L’avanzamento del nostro progetto si è svolto attraverso tre distinte fasi. 1)
Arruolamento nuovi pazienti: continua il reclutamento dei pazienti che rientrano nei parametri
richiesti per la particolare associazione tra farmaci antiblastici e farmaci antiepilettici (AED) che
abbiamo descritto nella presentazione del progetto stesso. Attualmente sono stati inclusi nello studio
altri 10 pazienti oltre ai 4 già reclutati nel 2001; 2) Nuove metodiche analitiche: è stato messo a punto
il metodo analitico per la determinazione in HPLC di Topotecan, un nuovo farmaco antiblastico,
della classe delle camptotecine (inibitori delle DNA-topoisomerasi I), che sarà incluso nella
sperimentazione. Il metodo ha rivelato una buona sensibilità (10 ng/ml) e un’ottima linearità nel
range da 10 ng fino a 1 mg/ml. Anche l’interazione tra questo farmaco e gli AED considerati nello
studio di interazione sarà valutato allo steady-state (dopo almeno 7 giorni dall’inizio della terapia e/o
da eventuali modificazioni terapeutiche); 3) Valutazione di parametri da utilizzare per la misurazione
dell’efficacia dei trattamenti farmacologici; per valutare l’efficacia dei trattamenti farmacologici
sono stati raccolti 350 campioni di siero e di liquor da pazienti non affetti da patologie tumorali, 10
campioni da soggetti affetti da linfoma e 20 da soggetti affetti da tumori del sistema nervoso centrale.
Abbiamo infatti valutato come validi parametri biologici dei trattamenti farmacologici, alcuni
marcatori tumorali che in queste patologie possono essere riscontrati anche nel liquor. Più
esattamente saranno misurati, mediante immunofluorescenza, gli andamenti delle concentrazioni dei
seguenti marcatori: alfa-fetoproteina (AFP), CEA, e betaHCG.
137
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 138
Individuazione dei livelli di riferimento dei marcatori tumorali nel liquido cefalorachidiano per poter
identificare in modo precoce la ripresa del processo neoplastico e per un più accurato controllo e
monitoraggio dell’efficacia terapeutica (in collaborazione con la II a divisione di neurologia). Data la
scarsità di dati in letteratura sulle concentrazioni dei tre marcatori (CEA, AlfaFetoproteina e
BetaHCG) nei liquor umani si è scelto di testare la sensibilità delle metodiche correnti e trovare le
relative curve di concentrazione. Per ottenere queste curve si è ricorso ai classici algoritmi di Reiber
da noi modificati per la peculiare applicazione. Le curve (espressione dei nuovi algoritmi) da noi
ricavate sono attualmente sottoposte a verifica sperimentale. L’andamento della concentrazione di
questi marcatori nel liquor e il rapporto tra la concentrazione liquorale e quella serica dovrebbero
fornirci un utile indice dell’efficacia della terapia, come già verificato in uno dei nostri pazienti dove
l’indice si è drasticamente ridotto dopo asportazione chirurgica e successiva terapia radiante del
tumore. Saranno inoltre messi a punto i metodi analitici per la determinazione delle concentrazioni
di altri farmaci antitumorali comunemente utilizzati nella terapia dei tumori maligni del sistema
nervoso e saranno effettuate le determinazioni sui campioni dei pazienti reclutati nello studio per la
valutazione delle interazioni farmacologiche con i farmaci antiepilettici associati nella terapia. Un
altro obiettivo che sarà raggiunto è l’identificazione dei valori di riferimento liquorali per i tre
marcatori tumorali CEA, AlfaFetoproteina e Beta HCG. Parametri di particolare rilevanza per
monitorare l’efficacia della terapia antitumorale in tumori secernenti il marcatore. Dati preliminari
sembrano suggestivi di un’elevata sensibilità del marcatore Beta HCG nel rivelare la ricomparsa del
tumore dopo asportazione chirurgica, addirittura superiore a quella della diagnostica radiologica.
Rilevanza delle chemochine nella regolazione dell’angiogenesi nei tumori gliali. Stromal derived
factor-1 (SDF-1/CXCL12) è una chemochina capace di indurre chemiotassi di cellule
immunocompetenti (Bleul CC J Exp Med 1996; Sebastiani S Am J Pathos 1999), ma anche
endoteliali e che ha un ruolo non solo nella risposta immunitaria, ma anche nella crescita/invasione
tumorale soprattutto mediata dalla vasculo/angiogenesi (Salcedo R Am J Pathos 1999).
La neo-formazione dei vasi per reclutamento di vasi pre-esistenti (angiogenesi) o di precursori
endoteliali che si assemblano a formare vasi (vasculogenesi), è un punto cruciale nella crescita dei
gliomi maligni di alto grado, tumori altamente vascolarizzati e con prognosi infausta (Scott Jn Ann
Neurol. 1999). Nel corso del 2002 abbiamo valutato il ruolo di SDF-1/CXCL12 nella crescita dei
tumori cerebrali e nella angiogenesi correlata. Sono stati ottenuti i seguenti risultati:
Utilizzando un test colorimetrico per la valutazione della proliferazione cellulare, abbiamo
evidenziato che SDF-1/CXCL12, a differenti concentrazioni, non esercita un marcato effetto
proliferativo né su linee di glioma né su cellule endoteliali umane di vena ombelicale (HUVEC).
Tuttavia abbiamo evidenziato un effetto inibitorio di SDF-1/CXCL12 sulla proliferazione di HUVEC
indotta da bFGF.
Utilizzando metodiche citofluorimetriche, abbiamo analizzato ed evidenziato la presenza del
recettore per SDF-1/CXCL12 (CXCR4) in HUVEC, in cellule di endotelio fetale ed in linee di
glioma maligno (U373, U138, SW1783). L’espressione di CXCR4 è costitutiva nelle HUVEC,
nell’endotelio fetale e in tutte le linee studiate. Mentre l’espressione non è modulabile nelle HUVEC,
bFGF e VEGF sono in grado di up-regolare l’espressione di CXCR4 dulle cellule endoteliali fetali.
Mediante RT-PCR si confermava la presenza di questo recettore anche in cellule endoteliali di
microcircolo cerebrale. Tuttavia gli esperimenti condotti per evidenziare la presenza di CXCR4 in
sezioni di tessuto ottenuto da pazienti con tumore cerebrale, non ha dato risultati probabilmente a
causa della scarsa conservazione dell’antigene a seguito delle procedure di fissazione.
La presenza di SDF-1/CXCL12 è stata valutata nei liquidi endocavitari ottenuti da puntura mediante
reservoir posizionato a seguito dell’intervento con tecniche ELISA. SDF-1/CXCL12 era presente in
un ampio intervallo di concentrazioni (da 0 a 2000 pg/mL); abbiamo valutato possibili correlazioni
prognostiche senza tuttavia evidenziare andamenti significativi. I pazienti con valore superiore al
valore mediano, avevano un PFS più breve (4 mesi) rispetto agli altri senza tuttavia differenze
significative. I dosaggi nei surnatanti delle colture cellulari hanno evidenziato che questa
138
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 139
chemochina è principalmente prodotta dalle cellule di microcircolo vascolare cerebrale piuttosto che
dalle HUVEC o dalle linee cellulari di glioma. Inoltre bFGF sembra stimolare la produzione di SDF1/CXCL12 in cellule di microcircolo cerebrale. Abbiamo quindi formulato l’ipotesi che SDF1/CXCL12, che svolge un’azione chemotattica anche nei confronti di precursori
ematopoietici/emangioblasti, potrebbe indurre la loro migrazione nei tessuti tumorali favorendone la
vasculogenesi e secondariamente la loro crescita. La conferma verrebbe da: a) caratterizzazione di
precursori endoteliali circolanti nel sangue periferico di pazienti affetti da glioma maligno mediante
citofluorimetria marcando PBMNCs di sangue periferico con anticorpi monoclonali per markers
specifici (i.e. CD133, CD34, CD146 e CXCR4 recettore specifico di SDF-1/CXCL12); b) verifica
della capacità dei precursori endoteliali di differenziare in vitro in cellule endoteliali mature e di
formare strutture capillary-like in risposta allo stimolo con vascular endothelial growth factor
(VEGF); c) di muoversi in maniera specifica (chemiotassi) o aspecifica (chemiocinesi) in risposta a
SDF-1/CXCL12.
La percentuale di precursori endoteliali circolanti verrà correlata con il progression free survival e/o
il survival time dei pazienti affetti da glioma maligno e i livelli plasmatici di VEGF e/o bFGF che
sono significativamente più elevati che nei soggetti sani, come già evidenziato in un precedente
studio condotto nel nostro laboratorio (Salmaggi A. J Neurooncol 2003, in stampa).
Avendo ipotizzato che l’endotelio e i suoi precursori possano essere fondamentali nella
neoangiogenesi e nella crescita del tumore gliale maligno ci proponiamo di verificare che l’endotelio
in attiva proliferazione sia un possibile target nella immunoterapia del glioma. A tale fine, in
collaborazione con il laboratorio di neurofarmacologia del Dr. Eugenio Parati, ci proponiamo di
vaccinare ratti Fisher 344 con cellule endoteliali xenogeniche (endotelio di aorta bovina, BAECs) in
attiva proliferazione. Ad una settimana dall’ultima vaccinazione i ratti saranno inoculati con cellule
di gliosarcoma 9L sia sottocute che nel parenchima cerebrale per verificare l’eventuale riduzione
della crescita e dell’angiogenesi dei tumori così indotti.
In un modello animale si potrebbe poi verificare il percorso dei precursori ematopoietici,
adeguatamente marcati, dal midollo osseo al sangue periferico ed infine nel tessuto cerebrale.
Studi di associazione tra polimorfismi localizzati in geni codificanti per molecole coinvolte
nell’angiogenesi e suscettibilità e prognosi di tumori cerebrali (in particolare glioblastoma e linfomi
cerebrali) (in collaborazione con la II divisione di neurologia). Il Vascular Endothelial growth factor
(VEGF) gioca un ruolo importante nel sostenere l’angiogenesi e, di conseguenza, nel determinare
l’insorgenza e la crescita tumorale. I livelli plasmatici di VEGF sono quantitativamente molto
variabili in individui diversi. Questa variabilità é, almeno in parte, determinata da un polimorfismo,
il VEGF 936 C/T. Individui portatori della variante che determina un’alta produzione di VEGF
potrebbero essere più predisposti a sviluppare tumori o ad avere tumori con progressione più
rapida.Si intende quindi confrontare la distribuzione degli alleli di questo polimorfismo in un’ampia
casistica di pazienti con tumore cerebrale e in una popolazione di controllo.Sono stati raccolti
campioni di sangue periferico e plasma da 230 individui sani (donatori del centro AVIS), che
costituiscono una popolazione di controllo. Da tutti é stato estratto DNA genomico ed amplificata la
regione contenente il polimorfismo VEGF 936 C/T.Sono in corso di raccolta campioni di sangue
periferico di pazienti con tumori cerebrali. Da questi vengono isolati e conservati siero, plasma e
buffycoat da cui estrarre in seguito DNA genomico. Verranno indagati la distribuzione degli alleli di
VEGF 936 C/T in pazienti verso controlli e tra pazienti con diversa prognosi. Verranno misurati i
livelli plasmatici di VEGF nei diversi gruppi. Il materiale raccolto costituisce inoltre una risorsa sulla
quale poter fare ulteriori indagini.
Confronto fra citocentrifugazione e sedimentazione per la messa a punto della diagnosi citologica
liquorale.
Recenti segnalazioni suggeriscono che l’esame citologico del liquor risenta significativamente del
metodo con il quale le cellule vengono fissate al vetrino. Tuttavia recenti dati di letteratura (Kranz
139
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 140
BR Detection of rare malignant cells and their apoptotic fragments in cerebrospinal fluid. Lancet.
2000; 356: 1242-4) sottolineano che le metodiche di citocentrifugazione spesso non sono in grado di
identificare tumori con poche cellule esfoliate nel liquor ed in particolare linfomi cerebrali e
carcinomi metastatici;con una perdita di cellule circa 10 volte superiore rispetto a una metodica di
sedimentazione cellulare seguita da marcatori immunocitochimici specifici. Obiettivo del prossimo
anno sarà la messa a punto della diagnostica citologica liquorale. Si intende analizzare campioni di
liquor ed altri fluidi biologici confrontando le tecniche di sedimentazione e di citocentrifugazione
avvalendosi tuttavia - per la valutazione diagnostica - del supporto sia del Laboratorio di
Neuropatologia (Dott.ssa Bianca Pollo) del nostro Istituto che dell’U.O. di Anatomia Patologica
dell’Ospedale di Niguarda (Dott. Marcello Gambacorta).
COLLABORAZIONI ESTERNE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
• Studio dell’attività antineoplastica dell’Acido Valproico (VPA) nei tumori gliali maligni del
sistema nervoso centrale. In collaborazione con l’Istituto Oncologico Europeo di.Milano IEO.
• Studio della farmacocinetica degli antiepilettici di nuova generazione. In collaborazione con la
Neuropsichiatria Infantile (Dr.ssa Dina Battino) ed il Dott. Emilio Perucca (cattedratico della
facoltà di Farmacologia Clinica dell’Università di Pavia)
• Nuovi mezzi di somministrazione dei farmaci antitumorali (liposomi) In collaborazione con la II
Neurologia (Dott. Amarigo Boiardi) e la Dr.ssa Pavanetto della facoltà di Scienze
dell’Alimentazione dell’Università di Pavia.
ATTIVITÀ DIDATTICA
• Docenza alla Scuola di Specialità in Biochimica Clinica dell’Università di Milano (corso:
“Tecniche Analitiche Emergenti: HPLC teoria e applicazioni diagnostiche”).
• Docenza ai corsi CEFAR: “La diagnostica Liquorale: studio dei pattern proteici”
• Attività di tutoring per tesi a studenti in Biologia e per Tecnici di Laboratorio Biomedico (1-2
studenti per anno)
• Attività di tirocinio pratico per studenti in Biologia e per Tecnici di Laboratorio Biomedico (1
studente per anno)
ORGANIZZAZIONE EVENTI
• Corsi sui sistemi qualità per auditor interni
• Corso di formazione sulla diagnostica liquorale
140
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 141
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
1) Ciusani E, Perego P, Carenini N, Corna E, Facchinetti F, Boiardi A, Salmaggi A, Zunino F.
Fas/CD95-mediated apoptosis in human glioblastoma cells: a target for sensitisation to
topoisomerase I inhibitors. Biochem Pharmacol. 2002 Mar 1;63(5):881-7.
2) Salmaggi A, Gelati M, Dufour A, Corsini E, Pagano S, Baccalini R, Ferrero E, Scabini S, Silei V,
Ciusani E, De Rossi M. Expression and modulation of IFN-gamma-inducible chemokines (IP-10,
Mig, and I-TAC) in human brain endothelium and astrocytes: possible relevance for the immune
invasion of the central nervous system and the pathogenesis of multiple sclerosis. J Interferon
Cytokine Res. 2002 Jun;22(6):631-40.
3) Gelati M, Corsini E, De Rossi M, Masini L, Bernardi G, Massa G, Boiardi A, Salmaggi A.
Methylprednisolone acts on peripheral blood mononuclear cells and endothelium in inhibiting
migration phenomena in patients with multiple sclerosis. Arch Neurol. 2002 May;59(5):774-80.
4) Ghersa P, Gelati M, Colinge J, Feger G, Power C, Papoian R, Salmaggi A. MIG - differential gene
expression in mouse brain endothelial cells. Neuroreport. 2002 Jan 21;13(1):9-14.
5) Parati EA, Bez A, Ponti D, de Grazia U, Corsini E, Cova L, Sala S, Colombo A, Alessandri G,
Pagano SF. Human neural stem cells express extra-neural markers. Brain Res. 2002 Jan
25;925(2):213-21.
141
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 142
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 143
DIPARTIMENTO
DI
NEUROCHIRURGIA
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 145
ATTIVITÀ GENERALI DEL DIPARTIMENTO
Clinica, di ricerca e didattica
L’approccio alla neurochirurgia moderna in questi ultimi anni, non può prescindere dalle nuove
conoscenze mediche immunologiche e biotecnologiche del periodo postgenomico. In questi ultimi
10 anni infatti si è assistito ad un periodo di transizione in cui il neurochirurgo prima orientato
esclusivamente alla chirurgia ablativa e alla pratica clinica conseguente ha contribuito in maniera
attiva ed importante allo sviluppo delle nuove acquisizioni nel campo della biologia e
dell’informatica dedicata alle scienze biomediche e alle neuroscienze in particolare.
Questo ha portato ad una modificazione dell’approccio diagnostico con lo sviluppo del neuroimaging
applicato alla pianificazione e alla esecuzione degli interventi neurochirurgica sempre orientati alla
terapia eziologica e quindi alla rimozione delle lesioni ma sempre nel maggior rispetto della qualità
della vita postoperatoria dei pazienti. Questa nuova filosofia riassumibile nell’affermazione
anglosassone del “to cure and to care” ha modificato i complessi rapporti tra i neurochirurghi, il
personale infermieristico da una parte e i pazienti non più considerati solo come utenti dall’altra.
L’attività delle 4 Unità Operative che costituiscono il Dipartimento è stata improntata negli anni 2002
e conseguentemente nel 2003 a questa nuova filosofia della scienza.
Inoltre il Dipartimento è responsabile della gestione del “Reparto Solventi” che è situato nella
logistica di sua pertinenza e che ospita pazienti che hanno scelto i medici di tutto l’Istituto. La sua
gestione economico finanziaria è importante contributo alla economia dell’Istituto. Il personale
infermieristico che gestisce tale reparto è quella della Unità Operativa III alla quale si rimanda per i
dettagli anagrafici e di informazione.
Blocco Operatorio:
Direttore: Prof. Giovanni Broggi
Responsabile Operativo: Dott. Dario Caldiroli
Caposala: Sig.ra Antonietta Dessì
Infermieri Professionali Strumentisti e di assistenza anestesiologica: Vincenzo Andriulo, Claudio
Basciu, Giovanna Cadeddu, Ines Cavallo, Cinzia Fenu, Renata Maglieri, Gabriella Ninniri, Laura
Ortu, Elena Valli, Monica Viotto, Salvatore Cacciato, Gioacchino Cesareo, Franco Lavacca, Davide
Lo Presti, Gianni Superti, Sabrina Botti, Renata Trombi, Anna Rossi.
Infermiere Generiche: Anna Lombardi, Isa Monteverdi.
OTA: Monica Menna, Giuseppina Ranieri
Centro Sterile: Infermiera Professionale: Matilde Davoli e Stefania Tarantino.
OTA: De Bartolo Silvana, Giovanna Fiorella, Silvia Flora, Giovanna Causarano, Carmela Migliano,
M. Giovanna Rizza, Irene Gesmundo
Recovery Room: Infermiera Professionale Sig.ra Gabriella Di Franco.
Il Blocco Operatorio è costituito da 4 Sale Operatorie perfettamente attrezzate e dedicate alla
neurochirurgia dotate di: tavoli operatori dedicati, microscopi operatori con sedie dedicate,
coagulatori mono e bipolari aspiratore ad ultrasuoni, sistemi di neuronavigazione in 3 di esse, oltre
alla normale attrezzatura chirurgica. Nel blocco operatorio è anche presente una TC ad utilizzo intra
e postoperatorio.
Il centro sterile è dotato di 2 autoclavi e di sistemi di pulizia automatica degli strumenti chirurgici e
del loro magazzinaggio.
145
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 146
La recovery room, dotata di 4 letti attrezzati accoglie tutti i pazienti provenienti delle 4 Sale
Operatorie.
Le sale operatorie sono in funzione nei giorni feriali dalle 7.00 alle 18.00 oltre naturalmente alla
reperibilità per urgenze neurochirurgiche interne.
Nel 2002 sono stati eseguiti 2325 in anestesia generale con intubazione, in anestesia generale per via
venosa, in awake anaesthesia e in anestesia locoregionale e locale.
146
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 147
U.O. DI NEUROCHIRURGIA I
Direttore U.O.: Sergio Giombini
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Bologna, quindi ha conseguito la
specializzazione in Neurochirurgia a Padova e quella in Neurologia a Pavia. Ha iniziato la carriera
neurochirurgica a Verona e dal dicembre 1970 è assistente neurochirurgo dell’Istituto Nazionale
Neurologico “C. Besta” di Milano, aiuto neurochirurgo dal 1980 e dal 1995 Direttore della Unità
Operativa Complessa Neurochirurgia 1°.
Si è dedicato alla tecnica microchirurgica applicata alla neurochirurgia, in patologie di elezione quali:
lesioni tumorali benigne dell’encefalo e del midollo spinale, in particolare della base cranica
anteriore e della fossa cranica posteriore: tumori gliali cerebrali e intramidollari spinali; tumori della
regione ipotalamo-ipofisaria e della regione pineale; malattie vascolari malformative e acquisite sia
dell’encefalo e del midollo spinale; patologia degenerativa della colonna; neurochirurgia pediatrica.
La casistica operatoria personale comprende circa 3000 interventi di elezione in tutti questi ambiti.
Nel corso degli anni ha frequentato Centri neurochirurgici di rinomanza internazionale: Monaco di
Baviera, Liegi, Zurigo, Tolosa, Bombay, Rochester, Lubiana, Pittsburgh, Gainesville.
È autore o co-autore di circa 80 pubblicazioni a stampa, pubblicate su riviste e libri, come articoli
originali o interi capitoli, sia in lingua italiana che in inglese.
È Docente a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Neurochirurgia dell’Università di
Milano; è uno dei “Principal Investigators” dello Studio Internazionale sugli Aneurismi Non Rotti
(ISUIA); è “Past President” della Società Italiana del Basicranio. Socio della Società Italiana di
Neurochirurgia e della Società Italiana del Basicranio.
Numeri di riferimento generali
Segreteria Dipartimento di Neurochirurgia: Signora Alessandra Guasti, Signora Sabrina Sighinolfi e
Signora Cristina Trapani.
02/2394411/2 - fax 02/70635017 - E-mail: [email protected]
Reparto di Degenza: 02 2394418 / 9
Day-Hospital: 02 2394536
Caposala Sig.ra Antonella Paroletti: 02/2394515
Attività Ambulatoriale
Ambulatori Saub (Centro Prenotazioni Unico): 02 70631911
email Dott. Giombini: [email protected]
Elenco dei Collaboratori:
Dirigenti Medici:
Dott. Stefano Brock
[email protected]
Dott. Alberto Cusin
Dott. Sandro Lodrini
Dott. Marco Saini
[email protected]
Dott. Carlo Todaro
147
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 148
Staff infermieristico:
Antonella Paroletti (Caposala),
Antonio Di Lorenzo,
Guido Farolfi,
Fisium Khasay,
Angelo Simeone,
Tania Magliano,
Doriana Piciocco,
P. Daniela Palombo,
Elisabetta Pinna
Ota:
Anna Maria Saia,
Immacolata Pedico,
Giovanni Tartaglia,
Angelo Adragna
Aus. Sp.
Anna Demitri
ATTIVITÀ GENERALI
La U.O. Neurochirurgia 1° svolge attività di ricovero e cura di vasta patologia neurochirurgia, sia
encefalica che midollare, tutta d’elezione, essendo esclusa istituzionalmente quella traumatica.
Poiché un’alta percentuali di pazienti è di provenienza extraregionale, si cerca di ridurre al minimo
il disagio di un ricovero lontano dal proprio domicilio, con tempi di degenza abbreviati. I casi più
interessanti e complessi vengono discussi, durante o alla fine del loro iter diagnostico, nel corso di
riunioni settimanali in Neuroradiologia, che costituiscono un importante momento di collaborazione
e confronto interdisciplinare, essendovi coinvolte molteplici componenti cliniche di Istituto:
Neurologi, Neuroradiologi, Neurofisiologi, Neuropatologi, Neuroanestesisti e, naturalmente,
Neurochirurghi.
La U.O. ha la disponibilità giornaliera di 1 Sala Operatoria del Blocco Operatorio e di una seconda
Sala una o due volte la settimana: sono stati eseguiti oltre 600 interventi di elezione, che spesso
richiedono una degenza postoperatoria in Terapia Intensiva per la particolare complessità e impegno
di tempo e risorse umane e strumentali.
L’attività operatoria comprende interventi per malattie tumorali, vascolari e malformative dell’encefalo e del midollo, malattie degenerative della colonna e, in piccola parte, patologie del sistema nervoso periferico: per quanto possibile alcune di queste patologie sono trattate in regime di DH.
Sono in atto collaborazioni interne ed esterne all’Istituto in tema di malattie cerebro-vascolari
ischemiche ed emorragiche, di neuro-endocrinologia, di terapie complementari nelle neoplasie
maligne e benigne encefaliche, di monitoraggi neurofisiologici intraoperatori, di studio non invasivo
dell’emodinamica cerebrale. L’attività di ricerca è indirizzata alla validazione clinica delle nuove
tecniche diagnostiche e chirurgiche.
ATTIVITÀ
L’attività clinica è stata, anche nell’attuale biennio, preponderante, a conferma di una tendenza
“storica” in questo senso, anche se altre attività, come quelle di ricerca e didattica, sono sempre negli
obiettivi di Divisione.
148
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 149
Si è notato un miglioramento delle prestazioni verso i Pazienti sia nell’attività ambulatoriale (più di
2600 visite nel 2002, con un incremento del 15% rispetto al 2001) che in quella di ricovero (650
pazienti ricoverati nel 2002 e 350 nei primi sei mesi del 2003), con la più bassa degenza media mai
registrata (5.6 giorni nei casi “entro soglia”) a fronte di un peso medio superiore a 2, con ricavi che
hanno superato, nel 2002, quelli del 2001 di ben il 16%. Gli interventi di elezione nel 2002 sono stati
complessivamente 687, compresi quelli in “Day Surgery”, e 379 nei primi 6 mesi del 2003, con un
aumento sensibile rispetto agli anni precedenti. Questo dato, unitamente all’abbassamento della
degenza media già menzionato, riflette anche un ulteriore miglioramento qualitativo dei risultati, per
la riduzione o per lo meno il netto contenimento dei casi con complicazioni che richiedono quindi
una degenza protratta.
Per quanto concerne la tipologia dell’ attività chirurgica vi è evidente una preponderanza di
craniotomie per lesioni tumorali benigne (epidemiologicamente più rare) oppure malformative
vascolari, con particolare riguardo a sedi complesse come basicranio e midollo spinale. Si soddisfa
la richiesta di prestazioni per patologie degenerative spinali, spesso per recidive di malattia trattata
altrove: in questo ambito si stanno applicando nuove tecniche di stabilizzazione dinamica.
Sono in corso collaborazioni:
- con la Mayo Clinic di Rochester, MN, USA, e altri centri Neurochirurgica Italiani per lo studio
prospettico sulla storia naturale e sui risultati del trattamento negli aneurismi non rotti;
- con la Endocrinologia dell’Ospedale Niguarda per il trattamento pre- e post-operatorio della
patologia ipotalamo-ipofisaria;
La Divisione offre, per i pazienti degenti in Istituto anche in altre Divisione e a Pazienti
ambulatoriali, lo studio non invasivo dei flussi nelle principali arterie encefaliche mediante Doppler
Trans-Cranico. La metodica Doppler con microsonda viene utilizzata intraoperatoriamente per la
valutazione dei flussi nella chirurgia delle malformazioni vascolari.
Viene costantemente applicato ed è oggetto di un programma di ricerca specifico, il monitoraggio
intraoperatorio dei Potenziali Evocati Uditivi, unitamente al monitoraggio della funzione motoria dei
nervi cranici coinvolti nelle patologie del basicranio.
Gli interventi per via trans-naso-sfenoidale sono elemento di sviluppo tecnico e di ricerca per la
Divisione.
I Dirigenti Medici della U.O. hanno organizzato, nel 2002, il VII Congresso Nazionale della Società
Italiana del Basicranio.
Nell’ambito di tutte queste attività, i Dirigenti Medici dell’U.O. hanno le seguenti aree di particolare
interesse:
- Dott. Stefano Brock: monitoraggi neurofisiologici, chirurgia della colonna
- Dott. Alberto Cusin: chirurgia della colonna
- Dott: Sandro Lodrini: chirurgia endocrinologica e neuro-endoscopia
- Dott. Marco Saini: chirurgia del basicranio
- Dott. Carlo Todaro: studio non invasivo dell’emodinamica cerebrale e chirurgia neuro-vascolare.
A Congressi nazionali e internazionali sono state portate 14 tra relazioni, comunicazioni e
presentazioni con poster.
PUBBLICAZIONI 2002
Association of Chromosome 10 Losses and Negative Prognosis in Oligoastrocytomas.
L Bissola et al (including S Giombini)
Ann Neurol 52:842-845, 2002
149
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 151
U.O. DI NEUROCHIRURGIA II
Direttore U.O.: Carlo Lazzaro Solero
Laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli studi di Padova nel 1969. Ha conseguito la
specializzazione in Neurochirurgia presso l’Università degli studi di Padova nel 1973 e in Neurologia
presso l’Università degli studi di Pavia nel 1974. Nel 1970 è stato assunto come assistente
neurochirurgo all’Istituto Neurologico “C. Besta”, dove diviene Aiuto nel 1980 e Primario della II
Divisione di Neurochirurgia nel 1995, Ha presentato circa 150 comunicazioni a congressi Nazionali
e Internazionali. Ha frequentato centri neurochirurgici all’estero (Europa e USA) per apprendere
nuove tecniche neurochirurgiche. È autore o coautore di 120 lavori scientifici. È consulente
neurochirurgo dell’Istituto Ortopedico G. Pini dal 1977, dell’Istituto Nazionale Tumori dal 1981 e
dell’Istituto Oncologico Europeo dal 1966. Dopo un periodo di apprendistato microchirurgico in
laboratorio, dal 1971 ha eseguito come primo operatore più di 5000 interventi. Ha eseguito inoltre
molti interventi presso l’Istituto Nazionale Tumori, l’Istituto G. Pini e l’Istituto Oncologico Europeo
sviluppando tecniche ed approcci innovativi a patologie di “confine” in equipe multispecialistica.
Socio della Società Italiana di Neurochirurgia e della Società Italiana del Basicranio.
email: [email protected]; tel: 02-2394411/2
Numeri di riferimento generali
Segreteria Dipartimento di Neurochirurgia: Signora Alessandra Guasti, Signora Sabrina Sighinolfi e
Signora Cristina Trapani.
Tel: 02-2394411/2 - Fax: 02-70635017 - email: [email protected]
Capo Sala: Signor Salvatore Castorina 02-2394434/2
Elenco collaboratori:
Dirigenti Medici:
Dott. Francesco DiMeco (email: [email protected] - Tel. 02-2394411/2)
Dott. Giovanni Lasio (email: [email protected] - Tel. 02-2394411/2)
Dott.ssa Laura Valentini (email: [email protected] - Tel. 02-2394411/2)
Dott. Sergio Visintini (email: [email protected] - Tel. 02-2394411/2)
Specializzandi in Neurochirurgia:
Dott.ssa Cecilia Casali - Univ. di Sassari (email: [email protected] - Tel. 02-2394411/)
Dott.ssa Carmela Mendola - Univ. di Milano (email: [email protected])
Infermieri Professionali:
Rita Allegra, Elena Blasi, Lina Cordani, Enrica Del Barba, Assunta Di Laora, Maria Donatiello,
Patrizia Lattuada, Emanuela Pasquariello, Angela Pirozzi, Gianni Ranieri, Giovanni Scordi.
Ausiliari:
Giuseppina Di Gioia, Rosalia Napolitano, Jolanda Lorenzetti, Monica Trombacca
ATTIVITÀ ASSISTENZIALE
I medici della II Divisione di Neurochirurgia effettuano attività ambulatoriale in regime Saub e in
regime di libera-professione intramuraria tutti i giorni feriali.
151
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 152
Per appuntamenti Saub è necessario contattare il Centro Unico di Prenotazioni (CUP) al 0270631911.
Per visite private 02/70632303
La divisione II di Neurochirurgia è dotata di reparto di degenza con 16 letti. Ha a disposizione une 1
sala operatoria giornaliera e ulteriori 1 o 2 sale operatorie la settimana.
L’attivita’ clinica del 2002 è stata la seguente:
Interventi chirurgici: 672
Degenza media: 6.6 giorni
Peso Medio: 1,96
Prestazioni ambulatoriali: 1656
ATTIVITÀ GENERALE, CLINICA E DI RICERCA
Nell’ambito della Divisione vengono trattate tutte le patologie craniche e spinali di competenza
neurochirurgica. Una particolare competenza e ’stata acquisita nel trattamento chirurgico di neoplasie
in sedi “ad alto rischio” (fossa cranica posteriore, tumori sopra e parasellari, tumori endoventricolari,
tumori craniospinali e tumori del tronco cerebrale). In equipe multidisciplinare con i chirurghi della
Divisione di Oncologia della Testa e del Collo dell’Istituto Tumori, attraverso una collaborazione
ormai decennale, si è accumulata una esperienza chirurgica unica nell’ambito della patologia
tumorale maligna del basicranio anteriore, collezionando una casistica operatoria riconosciuta in
ambito scientifico come la più vasta in campo mondiale. Altre aree di eccellenza chirurgica sono
rappresentate dal trattamento dei gliomi del sistema nervoso centrale, partecipando a numerosi trial
clinici nazionali ed internazionali con traslazione alla clinica degli studi sperimentali clinici. Dalle
tecniche di chirurgia endoscopica nel trattamento dei tumori ipofisari, dell’idrocefalo e delle lesioni
endoventricolari; dal trattamento chirurgico della patologia pediatrica neoplastica e malformativa, sia
cranica (craniosinostosi) che spinale (disrafismi occulti con monitoraggio neurofisiologico
intraoperatorio); dal trattamento chirurgico delle malattie degenerative della colonna con utilizzo di
differenti mezzi di stabilizzazione e sintesi e della patologia oncologica spinale con tecniche di
sostituzione dei corpi vertebrali e di stabilizzazione.
Nell’ambito dell’attività clinico-scientifica della Divisione sono state identificate aree di specifico
interesse e di competenza:
Dott. Francesco Di Meco: Laboratorio di Neurooncologia Sperimentale e sviluppo di sistemi di
somministrazione intratumorale di chemioterapici, chirurgia dei tumori endocranici.
Dott. Giovanni Lasio: trattamento della patologia della regione sellare e parasellare con particolare
riguardo alla tecnica neuroendoscopica.
Dott. Laura Valentini: Neurochirurgia Pediatrica Malformativa.
Dott. Sergio Visintini: Neurochirurgia Spinale degenerativa e oncologica.
COLLABORAZIONI ESTERNE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI
• in collaborazione con la Divisione di Chirurgia Oncologica della Testa e del Collo dell ’Istituto
Nazionale dei Tumori (Dott.Giulio Cantù), è in atto uno studio clinico prospettico basato su
chemioterapia preoperatoria delle neoplasia maligne del basicranio anteriore; è in corso inoltre una
rivalutazione critica dei risultati a distanza su di un’ampia casistica di pazienti operati per tumore
maligno del basicranio;
• in collaborazione con il Dipartimento di Neurological Surgery della Università Johns Hopkins di
Baltimore (USA) (Prof. Henry Brem, Prof. Alessandro Olivi), è in corso un progetto di
realizzazione e valutazione preclinica di una serie di polimeri veicolanti agenti antitumorali quali
chemioterapici (in particolare: mitoxantrone, camptotechina e analoghi,adriamicina,carboplatino,
taxolo) e inibitori dell’angiogenesi (endostatina e derivati);
152
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 153
• in collaborazione con la Divisione di Endocrinologia dell’Ospedale di Niguarda e con la Divisione
di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale S.Paolo di Milano (Prof. Giovanni Felisati) è in corso uno
studio volto a verificare la validità della tecnica endoscopica nella patologia sellare;
• in collaborazione con sia con l’Istituto Ortopedico G.Pini di Milano e con la Divisione di
Ortopedia dell’Ospedale di Cremona (Dott. Sandro Luzzati) è in corso uno studio di valutazione
dei risultati clinici e biomeccanici dei mezzi di sintesi utilizzati nella patologia degenerativa del
rachide in pazienti operati di asportazione e sostituzione di corpi vertebrali;
• in collaborazione con l’Istituto M.Negri di Milano, la Facolta’ di Farmacologia dell’Universita’
degli Studi di Milano ed altri Centri Neurochirurgici italiani è in corso uno studio prospettico
multicentrico coordinato dalla Divisione sui fattori di rischio delle infezioni in Neurochirurgia.
• in collaborazione con alcuni Centri di Ginecologia e Neonatologia della Lombardia e con l’Istituto
Mario Negri è in corso un progetto di studio sui fattori di rischio, prognosi e trattamento delle
malformazioni del sistema nervoso centrale riscontrate in utero e diagnosticate mediante RM
fetale.
PUBBLICAZIONI SELEZIONATE 2002
1. Carson BS, Wu QZ,Tyler BM,Sukay L, Raychaudhuri R, F.DiMeco , Clatterbuck R, Olivi A, and
Guarnieri M. New approaches to tumor therapy for inoperable areas of the brain: chronic
intraparenchymal drug delivery. J Neuro-Oncology 60:151-158, 2002
2. F.DiMeco, K.W.Li, B.M.Tyler, A.Wolfe, H.Brem, A.Olivi. Local delivery of mitoxantrone for the
treatment of malignant brain tumors. J Neurosurg 97:1173-1178, 2002
3. Lasio G, Ferroli P, Felisati G, Broggi G. Image-guided endoscopic transnasal removal of recurrent
pituitary adenomas. Neurosurgery. 2002 Jul;51(1):132-6; discussion 136-7.
4. Bissola L, Eoli M, Pollo B, Merciai BM, Silvani A, Salsano E, Maccagnano C, Bruzzone MG,
Fuhrman Conti AM, Solero CL, Giombini S, Broggi G, Boiardi A, Finocchiaro G. Association of
chromosome 10 losses and negative prognosis in oligoastrocytomas. Ann Neurol. 2002
Dec;52(6):842-5.
5. Massimino M, Spreafico F, Cefalo G, Riccardi R, Tesoro-Tess JD, Gandola L, Riva D, Ruggiero
A, Valentini L, Mazza E, Genitori L, Di Rocco C, Navarria P, Casanova M, Ferrari A, Luksch R,
Terenziani M, Balestrini MR, Colosimo C, Fossati-Bellani F.High response rate to
cisplatin/etoposide regimen in childhood low-grade glioma. J Clin Oncol. 2002 Oct
15;20(20):4209-16.
153
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 155
U.O. NEUROCHIRURGIA III
Direttore U.O.: Giovanni Broggi
Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1965 Università di Milano.
Assistente in Fisiologia Umana all’Università degli Studi di Milano 1966-1967
International Fellowship NIH presso Albert EINSTEIN College of Medicine, NY, NY 1968-1969.
Specialità in Neurologia 1970 Università di Parma.
Libera docenza in Fisiologia Umana 1971.
Assistente neurologo Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” 1972
International Fellowship 1973 Universitat Klinik Zurigo, Dipartimento di Neurochirurgia
Assistente Neurochirurgo 1973 al 1985 Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”.
Specialità in Neurochirurgia 1980 Università di Milano.
Responsabile del Serv. di Neurochirurgia Funzionale 1986-1990 Ist. Naz. Neurologico “C. Besta”
Primario Neurochirurgo dal 1990 ad oggi Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”.
Direttore del Dipartimento di Neurochirurgia dal 1999 ad oggi Ist. Naz. Neurologico “C. Besta”. Nel
corso della sua carriera si è occupato dello sviluppo della neurochirurgia stereotassica e funzionale,
della neuroalgologia, della terapia della malattia di Parkinson e delle distonie focali e sistemiche,
della chirurgia delle epilessie, delle malformazioni vascolari e della chirurgia dei tumori endocranici
e spinali con neuronavigazione assistita da immagini.
Professore a contratto in Neurochirurgia Funzionale stereotassica Univ. di Ferrara dal 1986 al 1996.
Professore a contratto in Neurochirurgia Università di Milano, 1997 ad oggi.
Membro delle Società: SINCH (Società Italiana di Neurochirurgia), SIN (Società Italiana di
Neurologia), ESSFN (European Society Stereotactic and Functional Neurosurgery), SNLF (Societé
de Neurochirurgie de Langue Francaise), EANS (European Association of Neurosurgical Societies)
AANS (American Association Neurological Surgeon) e CNS (Congress Neurological Surgeon)
Attualmente Presidente della SINCH.
Vice Presidente ESSFN.
Autore e coautore di 254 pubblicazioni su riviste internazionali. Editore di 10 libri.
email: [email protected], [email protected]
Numeri di riferimento generali
Segreteria Dipartimento di Neurochirurgia: Signora Alessandra Guasti, Signora Sabrina Sighinolfi
e Signora Cristina Trapani
email: [email protected]
Tel. 02.2394411/2 - Fax 02.70635017
Capo Sala Sig. Ignazio Campanella 02/2394295
Elenco Collaboratori:
Dirigenti Medici:
Dott. Angelo Franzini (U. O. semplice: Neurochirurgia Funzionale)
Dott. Ivano Dones
Dott. Paolo Ferroli
Dott. Carlo Marras
Dott. Marco Sinisi
Specializzandi in Neurochirurgia:
D.ssa Vittoria Nazzi
Università di Milano
Dott. Marcello Marchetti
Università di Milano
Dott. Giovanni Tringali
Università di Catania
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
V anno
III anno
V anno
155
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 156
Borsisti:
Dott. Martin Lorenzetti (Università di Bratislava, Slovacchia)
Dott. Luciano Gallosi (Università di Buenos Aires, Argentina)
Personale Infermieristico:
Caposala Sig. Ignazio Campanella. Infermieri Professionali:Carbone Carmen, Sig.ra Caiafa M.
Luigia, Casula M. Grazia, Cinnirella M. Grazia, Costa Christian, Di Cosimo Giovanna, Donino
Anna, Massai Deborah, Della Corte Vincenzo. Operatori Tecnici Ausiliari: Spada Tiziana, Candidi
Francesca, Polisano Giuseppina, Francioso Emilia, Pirone Angela.
ATTIVITÀ ASSISTENZIALE
La Divisione di Neurochirurgia III + dotata di reparto di degenza con 18 letti. Ha a disposizione una
Sala Operatoria giornaliera e ulteriori 1 o 2 sale operatorie la settimana.
L’attività clinica nel 2002 è stata la seguente:
Interventi chirurgici: 929 nel 2002 (516 nel primo semestre 2003)
Degenza media: 7.9 giorni
Peso medio: 2.37
Prestazioni ambulatoriali 2002: 1567
Attività Ambulatoriale 02/70631911
ATTIVITÀ GENERALI
Clinica, di ricerca e didattica
L’Unità Operativa complessa di Neurochirurgia III ha sviluppato secondo modalità multidisciplinari
l’utilizzo di sistemi di imaging nella diagnosi preoperatoria delle patologie di interesse oncologico
(RM spettroscopica), di sistemi di neuronavigazione intraoperatoria con fusione di immagini TC e
RM morfologiche e funzionali (fRM) e di localizzazione anatomica di target utilizzati nel trattamento
di stimolazione cerebrale profonda nella chirurgia delle malattie con disturbi del movimento, nelle
sindromi dolorose croniche non oncologiche e nella modulazione di sindromi con disturbi
psichiatrici resistenti ai trattamenti convenzionali. L’U.O. III ha inoltre sviluppato competenza nel
campo del trattamento chirurgico della spasticità diffusa e segmentaria e nella terapia chirurgica delle
lesioni traumatiche, tumorali e canalicolari del sistema nervoso periferico. Ha inoltre continuato il
programma di chirurgia delle epilessie con interventi di lesionectomia nella sindrome da sclerosi
temporale mesiale e nelle malformazioni corticali, interventi di stimolazione del nervo vago per
epilessie multifocali e di emisferotomia funzionale.
Nel campo della chirurgia endoventricolare e del basicranio sono state sviluppate moderne tecniche
di endoscopia associata alla neuronavigazione cerebrale; tali tecniche sono state utilizzate nel
trattamento delle alterazioni della circolazione liquorale, nelle biopsie frameless e nell’asportazione
di lesioni espansive del basicarnio anteriore comprendenti la chirurgia della regione ipotalamo
ipofisaria. Questo tipo di sviluppo ha permesso, all’interno dell’Unità Operativa, di ampliare le
indicazioni al trattamento chirurgico e migliorare i risultati postoperatori nel campo della NeuroOncologia delle patologie vascolari e della Neuroalgologia. Particolare attenzione è stata rivolta
verso i tumori gliali per il trattamento dei quali sono in corso numerosi trial clinici con partecipazione
nazionale e internazionale. In questo campo e’ stato eseguito il primo intervento mondiale di
neuromodulazione per il trattamento della Cluster Headache farmacoresistente.
Uno degli obiettivi principali rimane comunque quello di garantire il continuo aggiornamento
professionale del personale infermieristico e di migliorare l’assistenza del paziente sia nella fase
156
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 157
diagnostica che terapeutica. L’U.O. III rappresenta inoltre un riferimento nazionale nel campo della
chirurgia stereotassica e nella stimolazione cerebrale profonda per il trattamento dei disturbi del
movimento e di sindromi dolorose croniche.
Il gruppo di lavoro ha inoltre diversificato nel suo interno competenze specifiche che hanno
permesso di ottenere eccellenti risultati in neurochirurgia oncologica, vascolare, funzionale, del
rachide vertebrale, del sistema nervoso periferico e della neuroendoscopia.
Ricerca
La ricerca clinica e di laboratorio si sviluppa in: neurooncologia, patologie vascolari, neurochirurgia
funzionale e sviluppo di tecniche di imaging diagnostico e intraoperatorio.
Nel campo della neuro-oncologia sono in corso differenti trial clinici con altre U.O. dell’Istituto
(Neurologia II, Neurochirurgia II e Radioterapia) che prevedono la somministrazione intratumorale
(enhanced delivery) con pompe computerizzate interne e esterne di chemioterapici (Mitoxantrone,
Doxorubicina), di altre molecole attive verso le cellule tumorali (tossina difterica modificata:
TransMid) e di radioisotopi all’interno della lesione nei pazienti con lesioni gliali de novo o recidive(
con la U.O. di Medicina Nucleare dell’Istituto Europeo di Oncologia)
E’ in corso uno studio sui recettori (CB1-CB2) che potrebbero fornire una migliore conoscenza della
biologia dei tumori cerebrali e aprire nuove prospettive terapeutiche.
Attraverso una stretta collaborazione tra neurochirurghi, neurorianimatori, neuroradiologi,
neuropatologi e fisici medici, è stato possibile sviluppare una tecnica di neuroimaging intraoperatorio
in grado di utilizzare immagini morfologiche e funzionali nel trattamento di patologie cerebrali
localizzate in aree eloquenti e correlarle con i risultati di mapping corticale in awake anaesthesia. Lo
stesso studio ha permesso di migliorare i sistemi di neuroimaging, migliorando la chirurgia
stereotassica e di utilizzare le tecniche bioptiche frameless.
Nel campo delle patologie vascolari sono in corso degli studi orientati verso la determinazione dei
fattori angiogenici (VEGF e FGF) nella storia naturale degli aneurismi endocranici e nella ricerca dei
fattori predittivi al vasospasmo dopo emorragia subaracnoidea.
Nel campo della neurochirurgia funzionale è stata messa a punto una tecnica di stimolazione
cerebrale nel trattamento della cluster headache ed è in corso uno studio di microregistrazione della
attività neuronale dell’ipotalamo posteriore per ottenere utili informazioni per una determinazione
delle basi neurofisiologiche di tale patologia. È inoltre continuata l’esperienza di stimolazione del
Gpi per il trattamento delle distonie primarie e sintomatiche.
La Neurochirurgia III è parte attiva del programma di training chirurgico della Scuola di
Specializzazione in Neurochirurgia dell’Università degli Studi Statale di Milano e svolge attività
tutoriale di neurochirurghi in formazione provenienti da altre Università.
La U.O. III ha inoltre organizzato nel Dicembre del 2002 un Corso di Neuronavigazione (ECM)
specifico per il campo della neurochirurgia con la partecipazione nazionale di oltre 100 persone.
Collaborano con il Prof. Giovanni Broggi i seguenti medici esperti in:
Dott. Angelo Franzini: chirurgia stereotassica (oncologica, neuroalgologica e dei movimenti
anormali), chirurgia vertebrale per via endoscopica, chirurgia dei tumori cerebrali e spinali.
Dott. Ivano Dones: trattamento della spasticità e del dolore, nella chirurgia spinale e
neuronavigazione.
Dott. Paolo Ferroli: neuronavigazione, chirurgia del basicranio e dei tumori cerebrali e spinali,
chirurgia della regione sellare endoscopica, chirurgia del dolore, chirurgia della colonna vertebrale e
chirurgia vascolare.
Dott. Carlo Marras: chirurgia stereotassica (oncologica e dei movimenti anormali), chirurgia
dell’epilessia, dei tumori cerebrali e neuronavigazione.
Dott. Marco Sinisi: chirurgia del sistema nervoso periferico, chirurgia del rachide.
157
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 158
PUBBLICAZIONI 2002
I risultati delle suddette ricerche hanno permesso di fornire contributi scientifici nell’ambito di
congressi e simposi nazionali ed internazionali e di produrre le seguenti pubblicazioni
La chirurgia dei gliomi dell’adulto
G Broggi, C Marras, I Dones, P Ferroli, A Franzini, M Marchetti
La terapia dei tumori cerebrali maligni dell’adulto e del bambino. Eds A.Sghirlanzoni, A Boiardi.
Springer 2002 157-167.
Indicazioni alla biopsia stereotassica
A Franzini, I Dones, P Ferroli, M Marchetti, C Marras,G Broggi.
La terapia dei tumori cerebrali maligni dell’adulto e del bambino. Eds A.Sghirlanzoni, A Boiardi.
Springer 2002; 231-233.
La Neuronavigazione
I Dones, P Ferroli, A Franzini, C Marras, M Marchetti, G Broggi.
La terapia dei tumori cerebrali maligni dell’adulto e del bambino. Eds A.Sghirlanzoni, A Boiardi.
Springer 2002; 235-237.
Does the presence of a pontine trigeminal lesion represent an absolute contraindication for
microvascular decompression in drug resistant trigeminal neuralgia?
Ferroli P, Franzini A, Farina L, La Mantia L, Broggi G.
J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2002, Jan; 72(1):122-3.
Parkinson disease
Ferroli P, Franzini A, Marras C, Broggi G.
J Neurosurg. 2002 Mar;96(3):641-3.
Image-guided endoscopic transnasal removal of recurrent pituitary adenomas.
Lasio G, Ferroli P, Felisati G, Broggi G.
Neurosurgery. 2002 Jul;51(1):132-7.
Association of chromosome 10 losses and negative prognosis in oligoastrocytomas.
Bissola S, Eoli M, Pollo B, Merciai BM, Silvani A, Salsano E, Maccagnano C, Bruzzone MG,
Furhman Conti AM, Solero CL, Giombini S, Broggi G, Boiardi A, Finocchiaro G.
Ann Neurol. 2002 Dec;52(6):842-5.
158
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 159
U.O. ANESTESIA E RIANIMAZIONE
Direttore U.O.: Dario Caldiroli
Laureato presso Università di Milano nel 1980, Specializzato in Anestesiologia e Rianimazione nel
1983 presso Università di Milano. Frequenta l’Istituto di neurochirurgia del Policlinico di Milano
fino al 1982. Fino al 1995 Assistente quindi Aiuto presso la Rianimazione dell’Ospedale di Legnano,
approfondendo interessi legati alla compromissione respiratoria del paziente affetto da lesione
mielica cervicale acuta e cronica ed allo studio dell’emodinamica invasiva nello shock. Con la
Clinica Medica dell’Università di Milano, pubblica i risultati dello studio sulla variabilità
cardiovascolare nei tetraplegici. Contribuisce all’introduzione ed alla diffusione in Italia ed Europa
della tracheotomia translaringea secondo Fantoni. Frequenta in questo periodo: la divisione des Soins
Intensifs Chirurgicaux dell’Hopital Cantonal Universitarie di Ginevra (maggio-giugno 1986), la
Terapia Intensiva degli Etablissements Helio-Marin di Berck sur Mer (marzo-aprile-maggio 198990), Laboratoires de Phisiologie Respiratoire dell’Hopital Notre Dame – Mc Gill University di
Montreal (settembre-ottobre1992). Dal 1995 al 1999 Primario Ospedaliero di Anestesia e
Rianimazione presso Azienda E. Morelli di Sondalo e dal 1997 anche Direttore del Dipartimento di
Emergenza e Urgenza, del Dipartimento Unità spinale Integrata e Coordinatore Locale dell’attività
di prelievo d’organo. Dal 1999 Direttore U.O. Anestesia presso Istituto Neurologico C. Besta di
Milano. Frequenta il Department of Neuroanesthesia and Intensive Care, Texas Medical Center di
Houston (2000). Ottiene il Diploma di Formazione Manageriale I.Re.F. nel 2001, frequenta il corso
di Management Sanitario per Responsabili di Dipartimento nel 2002 (Ce.Ri.S.Ma.S). E’ membro
della European Society of Anesthesiology, dell’American Society of Anesthesiology e
dell’Association of Anesthesia Clinical Directors Americana.
email: [email protected]
Elenco Attività
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Valutazione e preparazione del paziente pre-chirurgico
Attività anestesiologica in sala operatoria
Attività anestesiologica in Recovery Room
Attività anestesiologica in Radiologia
Rianimazione
Reperibilità per urgenze
Attività di consulenza anestesiologica e rianimatoria in tutti i reparti dell’Istituto
Numeri di riferimento generali
Segreteria Dipartimento di Neurochirurgia: Signora Alessandra Guasti, Signora Sabrina Sighinolfi
e Signora Cristina Trapani
email: [email protected]
Tel. 02.2394411/2 - Fax 02.70635017
Capo Sala Sig. Pinuccia Beretta 02/2394420
Elenco collaboratori
Dirigenti Medici:
Dott. Carlo Ferrazza,
Dott. Bruno Regi,
159
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 160
Dott. Franco Consonni,
Dott. Paolo Cortellazzi,
Dott. Giovanni D’onofrio,
Dott. Roberto Marchesi,
Dott.ssa Monica Bricchi,
Dott.ssa Carola Broggi,
Dott.ssa Adriana Scarmigli,
Dott.ssa Laura Grandi,
Dott.ssa Enrica Bruzzone,
D.ssa Amalia Scola
Infermieri Professionali
Sig.ra Pinuccia Beretta Capo sala
Francesca Carraro,
Marisa Catotti,
Stefano Crepaldi,
Anna De Bernardi,
Antonio Di Giovanni,
Costanza Gorini,
Laura Greco,
Loretta Gulluà,
Massimiliano Listrani,
Tommaso Lonuzzo,
Sonia Lorrai,
Margherita Nardomarino,
Roberto Pezzulla,
Cristiana Sergiampietri.
OTA:
Rosangela Sgualdi,
Sebastiana Loi
Ausiliari:
Gianna Pianu
Offerta assistenziale
L’attività Anestesiologica e Rianimatoria è organizzata in sette macroattività:
1. Valutazione e preparazione del paziente pre-chirurgico
2. Attività anestesiologica in sala operatoria. Viene svolta su quattro sale operatorie la mattina ed
una il pomeriggio su cinque giorni la settimana
3. Attività anestesiologica in Recovery Room. I pazienti sono ricoverati in recovery room (circa
2000) con una degenza media di 100 minuti, quotidianamente per cinque giorni la settimana, fino
al completo recupero stabile di coscienza, cardiocircolatorio e algido. Al termine
dell’osservazione viene il trasferimento in reparto od in Rianimazione. In recovery room vengono
anche effettuati 150 interventi in anestesia locale e generale: biopsie muscolari open, cutanee
profonde, rachicentesi in pazienti non collaboranti generale, tunnel carpali, posizionamento di
caschi stereotassici.
160
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 161
4. Attività anestesiologica in Radiologia L’impegno anestesiologico nelle procedure diagnostiche
e terapeutiche in radiologia consiste in: sedazione pediatrica per RM e TC, anestesie generali per
pazienti non collaboranti e claustrofobici, agobiopsie muscolari, rachicentesi pediatriche ed
angiografia interventistica. La creazione di protocolli di sedazione, ha consentito di ridurre
notevolmente il tempo di attesa per l’esecuzione di RM e la durata della degenza nei reparti di
Neuropsichiatria e di Neurologia. Parimenti, l’esecuzione di interventi di biopsie muscolari ad ago
ha permesso di azzerare la lista di attesa per questo tipo di procedura e di riservare le sale
operatorie ad interventi di elevata complessità. Nel 2002 sono state eseguite 535
sedazioni/anestesie generali, 40 agobiopsie e 35 interventi di radiologia interventistica, per un
totale di 610 anestesie. Nel primo semestre 2003 ne sono già state eseguite 414 anestesie generali.
5. Rianimazione:
La Rianimazione comprende 7 posti letto più uno per le urgenze ed uno dedicato alla Plasmaferesi
Nella tabella vengono riportati i dati di attività 2002
Ricoveri
LOS totale (gg)
Occupazione %
N° letti occupati/7
LOS medio
Turnover
Mortalità %
543
2039
79.8
5,6
3,7
2,9
2,4
Reparti da cui provengono i pazienti della Terapia Intensiva (2002)
Nch 1
Nch 2
Nch 3
Neu 1
Neu 2
Neu 3
NPI/NDS
Non Besta
157
180
136
7
18
8
16
18
29%
33%
25%
1,3
3,3
1,5
2,3
3,3
6. Reperibilità per urgenze: il Medico di sala operatoria pomeridiana è anche reperibile la notte
per urgenze anestesiologiche e rianimatorie
7. Attività di consulenza anestesiologica e rianimatoria in tutti i reparti dell’Istituto. Nell’anno
2002-2003 sono state effettuate 364 visite di consulenza per pazienti non degenti in terapia
Intensiva
L’U.O. è impegnata da anni nel monitoraggio dei processi della propria attività per migliorare
l’efficienza clinica e gestionale. Il monitoraggio dei tempi gestionali dell’attività anestesiologica e
chirurgica del blocco operatoria ha condotto ad una riduzione del turnover time che associata all’
attivazione della Recovery room ha consentito un incremento dell’attività operatoria di circa il 10%
annuo negli ultimi due anni.
161
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 162
Collaboratori.
l’organico dell’U.O. di Anestesia e Rianimazione è composto da 14 Medici:
1. Dott. Paolo Cortellazzi: Responsabile dell’Unità Organizzativa Semplice “Gestione della Terapia
Intensiva”. Componente del Comitato Infezioni Ospedaliere si occupa dell’epidemiologia delle
infezioni in Terapia Intensiva.
2. Dott. Bruno Regi: esperto in Anestesia in Radiologia. Si occupa di protocolli di sedazione
pediatrica e di monitoraggio respiratorio per neuroradiologia
3. Dott. Monica Bricchi: esperta in anestesia pediatrica, ematologia ed agopuntura.
4. Dott. Roberto Marchesi: esperto in anestesia loco-regionale e subaracnoidea.
5. Carlo Ferrazza: esperto nella gestione delle vie aeree difficili
6. Franco Consonni: esperto nelle tecniche di tracheotomia percutanea
7. Carola Broggi: esperta nella gestione emodinamica e respiratoria del paziente neurochirurgico
complicato
8. Laura Grandi: esperta nella valutazione respiratoria e broncoscopia
9. Amalia Scola: esperta nell’incannulamento venoso centrale pediatrico con tecnica ecoguidata
10. Enrica Bruzzone: esperta nella tecnica “awake anestesia” per il mappaggio della corteccia
cerebrale durante l’asportazione di tumori in area eloquente e motoria
11. Giovanni D’Onofrio: esperto in infezioni ospedaliere e componente del Comitato Infezioni
Ospedaliere
12. Adriana Scardigli: esperta in anestesia loco-regionale ed anestesia totalmente endovenosa
ATTIVITÀ DI RICERCA
L’attività scientifica si è sviluppata sul piano gestionale con la presentazione dei dati di attività
all’European Forum on Qualità Improvement di Edimburgo 2002. Sul piano clinico diverse
presentazioni e posters sono stati presentati nel 2003 sulla tecnica anestesiologica originale “awake”
per il mappaggio della corteccia cerebrale nell’asportazione di tumori in area motoria ed eloquente.
Per questa tecnica sono stati ospiti mensilmente colleghi anestesisti di altre strutture ospedaliere
interessate ad apprendere tale metodica.
L’U.O. è centro di riferimento italiano per lo studio della stimolazione elettrica funzionale del
diaframma a scopo ventilatorio nei pazienti affetti da insufficienza respiratoria cronica. Tre
stimolatori frenici sono stati impiantati con successo nel 2002/2003 a pazienti tetraplegici
ventilatore-dipendenti.
162
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 163
RICERCA
CORRENTE 2002
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 165
RICERCA CORRENTE 2002
LINEA DI RICERCA N. 1: Epilessia
1.1 Studi su popolazioni di pazienti affetti da epilessie. Validazione di protocolli diagnostici e
terapeutici
1.2 Eccitabilità corticale ed epilettogenesi: meccanismi proconvulsivanti geneticamente
determinati o risultanti da modulazioni del canale na+ da parte di secondi messaggeri.
1.3 Studio elettrofisiologico delle sindromi miocloniche e di patologie correlate. Applicazione di
metodiche innovative di analisi del segnale.
1.4 Epilessie parziali: studio sperimentale su modelli animali ed approccio integrato morfologico
ed elettroclinico in pazienti farmacoresistenti
LINEA DI RICERCA N° 2: Patologia dello sviluppo del cervello
2.1 Studio dei meccanismi di base dell’ontogenesi dell’uomo e in modelli animali geneticamente
determinati.
2.2 Studio genetico e anatomo-molecolare delle malformazioni dello sviluppo corticale (MCD):
correlazione con modelli sperimentali indotti.
2.3 Studio neuropatologico morfo-funzionale delle malformazioni dello sviluppo corticale (MCD)
e correlazioni elettrocliniche e MR nei pazienti affetti.
2.4 Fenotipi cognitivo-comportamentali nei disordini neuroevolutivi (sindromi dismorfico
/genetiche ed autismo): correlazioni anatomiche e con il genotipo.
2.5 La neurologia cognitiva del sistema fronto/limbico/cerebellare e della sostanza bianca in età
evolutiva.
2.6 Definizione di sindromi genetiche nei soggetti con dismorfismi e ritardo mentale.
LINEA DI RICERCA N. 3 : Patologia immunomediata
3.1 Aspetti immunopatogenetici
3.2 Aspetti clinici - Progetto Sclerosi Multipla
3.3 Immunoterapie innovative del sistema nervoso centrale e periferico.
LINEA DI RICERCA N° 4 : Patologia metabolica e genetica del sistema nervoso
4.1 Fisiopatologia della fosforilazione ossidativa mitocondriale e neurodegenerazione
4.2 Studio clinico e genetico-molecolare delle atassie spinocerebellari dominanti e recessive
4.3 Studio biochimico e genetico-molecolare dei disordini del movimento ad esordio giovanile
4.4 Leucodistrofie: approccio epidemiologico, diagnostico, eziologico e terapeutico.
LINEA DI RICERCA N° 5 : Malattie neuromuscolari
5.1 Degenerazione muscolare distrofica: patogenesi e terapia
5.2 Diagnosi e prevenzione delle malattie neuromuscolari
5.3 Studio della degenerazione fibrotica nelle patologie muscolari distrofiche
5.4 Studio dell’azione della miostatina sulla degenerazione muscolare e sul processo fibrotico nella
distrofia muscolare di duchenne
5.5 Messa a punto di un metodo di screening per la ricerca di mutazioni nei geni clcn1, scn4a,
cacna1s e ryr
5.6 Ruolo della proteina smn nei meccanismi di neurodegenerazione dei motoneuroni.
165
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 166
LINEA DI RICERCA N° 6 : Malattie Neurodegenerative
A. Demenze degenerative e trasmissibili
6.1 Demenze degenerative: basi genetico-molecolari della eterogeneità fenotipica
6.2 Ruolo della infiammazione nella patogenesi della malattia di Alzheimer: studio di modelli
animali
6.3 Basi molecolari delle amiloidosi cerebrovascolari: patologia umana e modelli animali
6.4 Malattie da prioni: basi molecolari, diagnosi e terapia
6.5 Interazione tra memoria e funzioni esecutive: studio nei pazienti con patologie del lobo frontale
e temporale
B. Sindromi parkinsoniane
6.6 Studio clinico dei disturbi del cammino nella PSP, DCB ed encefalopatia di Binswanger (F.
Girotti)
6.7 Analisi cinematica dei movimenti assiali, prossimali e distali dei pazienti parkinsoniani (F.
Carella)
6.8 Apprendimento motorio e aprassia (P. Soliveri)
6.9 Studio delle discinesie nella malattia di Parkinson (A. Albanese)
6.10 Neurochirurgia della malattia di Parkinson (A. Albanese, A. Franzini)
C. Sindromi ipercinetiche.
6.11 Valutazione dell’affettività nella malattia di Huntington e nella demenza di Alzheimer
6.12 Protocollo chirurgico della distonia
6.13 Sindromi distoniche e miocloniche progressive ad esordio infantile: strategie per la diagnosi e
la terapia
D. Neuropatie periferiche
6.14 Neuropatie Ereditarie
6.15 Neuropatia Diabetica
6.16 Neuropatie in età pediatrica
6.17 Chirurgia del sistema nervoso periferico (SNP)
E. Cellule staminali
6.18 Cellule staminali neurali umane: caratterizzazione fenotipica, transdifferenziamento e
meccanismi di regolazione dell’apoptosi
LINEA DI RICERCA N° 7a: Cefalee
7.1 Genetica dell’emicrania con aura e della cefalea a grappolo. (Dr. Massimo Leone)
7.2 Impatto funzionale e outcome delle cefalee primarie”
LINEA DI RICERCA N° 7b: Malattie cerebrovascolari.
7B.1 Database e creazione di percorsi diagnostici e terapeutici per la patologia cerebrovascolare postacuta
7B.2 Neuroradiologia intervenzionale
7B.3 Terapie neuroriparative
7B.4 Neurostimolazione
7B.5 Studio in vivo ed in vitro delle alterazioni della barriera ematoencefalica.
7B.6 Modello di cervello di cavia isolato e mantenuto in vitro
7B.7 Modello animale di ischemia cerebrale transitoria e permanente
166
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 167
LINEA DI RICERCA N° 8 : Neurooncologia
8.1 Neuro-oncologia medica
8.2 Genetica molecolare dei tumori cerebrali e terapie avanzate con vettori virali e cellule staminali
8.3 Registro tumori del sistema nervoso (responsabile generale
8.4 Diagnosi e trattamento dei tumori del snc in età pediatrica
8.5 Radioterapia delle neoplasie cerebrali
8.7 Molecole d’adesione e marker neuropatologici
LINEA DI RICERCA N° 9: Neurochirurgia
9.1 Chirurgia del basicranio.
9.2 Lesioni vascolari.
9.3 Neurochirurgia sperimentale oncologica.
9.4 Neurochirurgia endoscopica.
9.5 Studio delle infezioni intraoperatorie.
9.6 Patologia degenerativa e oncologica spinale – valutazione dei mezzi di sintesi.
9.7 Neurochirurgia pediatrica.
9.8 Studio delle indicazioni e dei limiti dell’utilizzo dei sistemi di neuronavigazione (progetto
triennale)
9.9 Formulazione di algoritmi intervento Anestesiologico “non O.R.” per procedure diagnostiche in
pazienti Pediatrici.
9.10 Applicazione dell’ “Awake Anesthesia” nella chirurgia delle lesioni espansive in area eloquente
e motoria che necessitano di mappaggio corticale intraoperatorio.
9.11 Studio neurofisiologico dell’asse frenico-diaframmatico ed impianto di phrenic nerve
stimulator per il recupero dell’attività ventilatoria.
9.12 Chirurgia funzionale.
9.13 Chirurgia dei disordini del movimento.
LINEA DI RICERCA N° 10: Neuroepidemiologia, gestione e sviluppo tecnologico
10.1 Revisioni sistematiche sull’efficacia dei trattamenti per la sclerosi multipla. Cochrane
Multiple Sclerosis Review Group - Editorial Base. (prosecuzione)
10.2 Linee Guida e profili diagnostico terapeutici
10.3 Misure di outcome per la sclerosi laterale amiotrofica: validazione di una scala di disabilità
(ALS-FRS) e di due scale di qualità di vita (SEIQoL e SF-36) e loro confronto (prosecuzione)
10.4 Accuratezza di due batterie neuropsicologiche brevi specifiche per la sclerosi multipla rispetto
ad una variabile di criterio basata sull’evidenza (prosecuzione)
10.5 Unità Centrale di randomizzazione per le sperimentazioni cliniche controllate (prosecuzione)
10.6 La qualità della vita delle persone con sclerosi multipla: I – Database Italiano dell’ MSQOL54; II-Indagine longitudinale nella provincia di Milano (nuova ricerca)
10.7 Valutazione del contributo della spettroscopia RM nella valutazione pre-operatoria dei tumori
cerebrali. (proseguimento)
10.8 Valutazione della sensibilità e della specificità della RM funzionale nell’identificazione delle
aree nobili adiacenti al tumore cerebrale in correlazione con i risultati della elettrocorticostimolazione intra-operatoria. (nuova ricerca)
10.9 Data base dei paziente affetti da epilessia seguiti in Istituto. (proseguimento)
10.10 Analisi e gestione del rischio legato all’uso delle apparecchiature elettromedicali (nuova
ricerca)
167
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 168
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 169
RICERCA
FINALIZZATA 2002
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 171
RICERCA FINALIZZATA 2002
RICERCA FINALIZZATA MINISTERO DELLA SALUTE
U.O. I - Disturbi del movimento
- Studio clinico e genetico dei parkinsonismi in Italia
- Correlati neurofisiologici, genetici e clinici delle discinesie da levodopa nella malattia di Parkinson
- Valutazione e riabilitazione del controllo posturale nei pazienti con neuropatia periferica
U.O. III - Neurofarmacologia
- Criobanca automatizzata di materiale biologico
- Trapianto di cellule staminali umane in modelli animali di malattie neurologiche
U.O. IV - Malattie neuromuscolari
- La timectomia nella miastenia, timomi e nelle malattie autoimmuni associate: dalla patogenesi
timica agli outcomes
- Malattie neurologiche immuno-mediate: meccanismi patogenetici e modelli sperimentali per
strategie selettive immunomodulatrici
- Le polineuropatie croniche disimmuni: studio trasversale e longitudinale delle variabili clinicobiologiche e della qualità della vita
U.O. V - Neuropatologia
- Patogenesi della BSE e della scrapie: studio comparativo neuropatologico e immunobiochimico dei
casi di BSE e scrapie italiani
- Patologia molecolare, propagazione per via orale e terapia sperimentale delle malattie da prioni
- Tauopatie familiari e sporadiche
U.O. NPI – Neuropsichiatria infantile
- Geni che condizionano tratti autistici in patologie del neurosviluppo su base mendeliana e
cromosomica
U.O. Biochimica e genetica
- Studio della funzione e disfunzione dell’huntingtina, proteina responsabile della malattia di
Huntington
- Sviluppo di un modello di consulenza genetica integrata per malattie ereditarie ad esordio tardivo
- Malattie genetiche neurologiche: screening diagnostico ad elevata efficienza e coordinamento
operativo sovraregionale
- Studio di linkage e mutazionale nella paraparesi spastica ereditaria”
- Modello per il coordinamento regionale per la diagnosi delle malattie genetiche rare e lo sviluppo
di progetti di ricerca
- Meccanismi di neurodegenerazione mediati dalla funzione mitocondriale nelle malattie ereditarie
ed acquisite del sistema nervoso
U.O. Neurogenetica molecolare
- SVILUPPO DI UN MODELLO DI CONSULENZA GENETICA INTEGRATA PER MALATTIE
EREDITARIE A ESORDIO TARDIVO
- MALATTIE MITOCONDRIALI: SCREENING DIAGNOSTICO AD ALTA EFFICIENZA DI
GENI MALATTIA E IDENTIFICAZIONE DI GENI MODULATOR
171
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 172
U.O. Neurofisiologia sperimentale
- Malattie del motoneurone: espressione genica e meccanismi cellulari
U.O. Laboratorio Analisi
- Inibizione della Istone Deacetilasi nella terapia dei tumori: valutazione dell’attività dell’Acido
Valproico nei tumori solidiMinistero
RICERCA FINALIZZATA FONDAZIONE CARIPLO
U.O. Biochimica e genetica
- Utilizzo di cellule staminali/progenitrici ematopoietiche e neurali per il trattamento di tumori
cerrebrali maligni
RICERCA FINALIZZATA MIUR
U.O. III - Neurofarmacologia
- Identificazione, purificazione, transdifferenziazione e banking di cellule staminali indirizzate verso
fenotipi propri e non propri da utilizzare per riparazione tissutale
- Caratterizzazione e uso di cellule staminali neurali in modelli animali di malattie del motoneurone
U.O. Biochimica e genetica
- Post-genomica dei disordini del metabolismo del ferro
- Strategie innovative per lo sviluppo di vettori virali per la terapia genica umana
RICERCA FINALIZZATA TELETHON
U.O. I - Disturbi del Movimento
- Quality of life and disability in patients with Charcot-Marie-Tooth disease. A multicentre and
multiperspective follow-up.
RICERCA FINALIZZATA EUROPEA
U.O. IV - Malattie neuromuscolari
- A European Network for Epidemiological and Public Health data collection on Rare Diseases
(Phase 2) (NEPHIRD 2)
U.O. V - Neuropatologia
- Integrated in vitro and in vivo testing of drugs in prion diseases: screening, development and
mechanisms of novel therapeutics
- Human transmissible spongiform encephalopathies: the European diagnostic laboratory
U.O. Neurogenetica molecolare
- CONCERTED ACTION ON MITOCHONDRIAL BIOGENESIS AND DISEASE
- GENDEAF Thematic Network
U.O. Neurofisiologia sperimentale
- Leukotrienes, signalling molecules in chronic diseases - LEUCHRON
ALTRO
Neurofarmacologia
- I determinanti molecolari del parkinsonismo come substrato di strategie terapeutiche innovative
172
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 173
ATTIVITÀ
DIDATTICA
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 175
ATTIVITÀ DIDATTICA DELL’ISTITUTO
DIREZIONE SCIENTIFICA
Dr. Matilde Leonardi
- Professore a contratto presso l’Università degli Studi di Ancona, Scuola Specialita in Fisiatra.
- Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
U.O. NEUROLOGIA I – DISORDINI DEL MOVIMENTO
Prof. Alberto Albanese
- Docente di Neurologia presso la Scuola di specializzazione in Neurologia, Facoltà di Medicina e
Chirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore (20 ore per anno).
- Docente di Neurologia presso la Scuola di Diploma universitario di Tecnico di Neurofisiopatologia
dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (40 ore per anno).
- Docente di Neurologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia (corso di Laurea in Medicina e
Chirurgia) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (40 ore per anno).
- Direttore del Corso di perfezionamento “Diagnosi e terapia dei disturbi del movimento”
dell’Università Cattolica del Sacro Cuore:
- Direttore del Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del movimento”
dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
- Docente presso la Scuola di Specializzazione in Neurologia, Università degli Studi di MilanoBicocca
- Docente presso la Scuola di Specializzazione in Neurologia, Università degli Studi di Milano
- Docente presso la Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica, Università degli Studi di
Milano
Dr. F. Carella
- Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Dr. Floriano Girotti
- Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Dr. Davide Pareyson
- Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
Dott.ssa Sylvie Piacentini
- Docente di Scienze e tecniche neuropsicologiche presso l’Università degli Studi Politecnico di
Torino, Centro di Scienza cognitiva, Facoltà di Psicologia.
Dr.ssa P. Soliveri
- Docente presso il Corso Master di secondo livello su “Diagnosi e terapia dei disturbi del
movimento” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
U.O. II - NEURO-ONCOLOGIA
A. Boiardi
- Corso “La gestione dei pazienti con tumori cerebrali primitivi e secondari”
Milano, 1 e 8 luglio 2002
175
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 176
Tesi di Laurea
Il dr. A. Salmaggi è stato correlatore di una tesi di laurea in scienze biologiche sui meccanismi di
azione antiangiogenica della talidomide (D.ssa Karen Pagani).
U.O. III – CEFALEE E MALATTIE CEREBROVASCOLARI
III Corso del I° modulo della Scuola di formazione sulle cefalee (ASC). Forme maggiori di cefalee
primarie - Frascati (Roma), 3-5 Maggio 2002
- D. D’Amico: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nelle cefalee di tipo tensivo”.
- M. Leone: “Dal caso clinico alla diagnosi nella cluster e TACs”.
- G. Bussone: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nella cluster e TACs”.
IV Corso del I° modulo della Scuola di formazione sulle cefalee (ASC). Forme maggiori di cefalee
primarie - Frascati (Roma), 15-17 Novembre 2002
- M. Leone : “Dal caso clinico alla diagnosi nella cluster e TACs” .
- D. D’Amico: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nelle cefalee di tipo tensivo”.
- G. Bussone: “Dalla fisiopatogenesi alla terapia nella cluster e TACs”.
Grand Round of Columbia University,
Harvard University, Yale University e Darthmouth
University. - 28 Ottobre-1 Novembre 2002
- G. Bussone: “Cluster headache new developments in clinical management, pathophysiology and
treatment”.
Gennaro Bussone
- Corso di Fisiopatologia e Clinica delle Cefalee e delle algie cranio facciali - Scuola di
Specializzazione in Neurologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca - anno accademico
2001-2002
U.O. IV – MALATTIE NEUROMUSCOLARI E NEUROIMMUNOLOGIA
Dr. Renato Mantegazza
“Miastenia grave e sindromi miasteniche” Scuola di Specializzazione in Neurologia, Università di
Padova, Aprile 2002
Dr. Paolo Confalonieri
“Miopatie infiammatorie autoimmuni” Università di Milano, Dipartimento di Scienze Neurologiche,
Maggio 2002
Dr.ssa Lucia Morandi
Formazione per la diagnostica morfologica e clinica delle malattie neuromuscolari della Dr.ssa
Patrizia Dassi e della Dr.ssa Paola Cudia
Dr.ssa Rosetta Pedotti
Seminario (15 Ottobre 2002 presso INNCB). “Multiple elements of the allergic arm of the immune
response modulate autoimmune demyelination”
176
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 177
Tutor
Dr. Renato Mantegazza
- Scuola di Specializzazione in Applicazione Biotecnologiche, Università degli Studi di Milano
(specializzanda: Dr.ssa Pia Bernasconi)
Dr.ssa Clara Milanese:
- Scuola di Specialità in Neurologia, Università Milano Bicocca (specializzanda: Dr.ssa Nerina
Mascoli)
Dr. Fulvio Baggi:
- Scuola di Specialità in Chimica Clinica, Facoltà di Medicina, Università degli Studi di Milano
(specializzanda Dr.ssa Federica Ubiali)
- Facoltà di Scienze Biologiche, Università degli Studi di Milano (laureande: Sara Paina e Elisabetta
Peroni)
Dr.ssa Pia Bernasconi
- Facoltà di Scienze Biologiche, Università degli Studi di Milano (laureanda: Francesca Pontiroli)
Dr.ssa Marina Mora
- Facoltà di Scienze Biologiche, Università degli Studi di Milano (laureanda: Daniela Piga)
U.O. V – NEUROPATOLOGIA
1. Scuola di Specializzazione in Neurologia dell’Università degli Studi di Monza
Training neuropatologico di 3 specializzandi per 2 mesi all’anno (Prof Orso Bugiani)
2. Scuole di Specializzazione in Neurologia
Università Statale di Milano, (Prof Orso Bugiani)
Università Milano Bicocca
Università Federico II Napoli
3. Preparazioni di tesi di laurea o specializzazioni
a. Poli Claudia: Chimica e Tecnologie Farmaceutiche
b. Catania Marcella: Biotecnologie Mediche
c. Dr. Suardi Silvia: specializzazione in Genetica Applicata
d. Dr Giacomina Rossi specializzazione in Genetica
e. Dr Iussich Selina specializzazione in
tutor Dr. ssa Bianca Pollo
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
tutor Dr. Fabrizio Tagliavini
4. Tirocinio di laureandi e laureati in Psicologia
tutor Dr.ssa Anna Rita Giovagnoli
5. Docenza Master Universitario di II Livello “Diagnosi e Terapia dei disturbi del Movimento”
(Dr Fabrizio Tagliavini)
6. Relazioni a diversi corsi di aggiornamento nazionali (accreditati ECM) o Internazionali
a) Proteinosi cerebrali (Malattia di Alzheimer, Malattie da Prioni, tauopatie)
Dr Fabrizio Tagliavini, Dr Giorgio Giaccone Prof Orso Bugiani
b) Neurooncologia
Dr.ssa Bianca .Pollo
c) Neuropsicologia
Dr.ssa Anna Rita Giovagnoli
177
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 178
U.O. VI – NEUROFISIOPATOLOGIA CLINICA
U.O. NEUROPSICHIATRIA INFANTILE
Contratti di Insegnamento:
Scuola di specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Università di Pavia:
• Semeiotica neuropsichiatrica infantile (Angelini),
• Patologia Speciale neuropsichiatrica infantile (Nardocci);
Scuola di specializzazione in Pediatria Università di Milano:
• Patologia speciale neuropsichiatrica infantile (Angelini);
Scuola di specializzazione in Pediatria Università di Milano Bicocca:
• Clinica neuropsichiatrica infantile (Nardocci/ Uziel)
Insegnamenti in Istituto: formazione specializzandi in Neuropsichiatria infantile, in Pediatria e in
Genetica clinica nell’ambito delle convenzioni con le rispettive Scuole di specializzazione.
Attività di tutoring per la preparazione di tesi di laurea e di specialità ( 4 nell’anno 2002).
U.O. NEUROLOGIA DELLO SVILUPPO
a. INSEGNAMENTI UNIVERSITARI
Daria Riva: Neurologia Cognitiva \ Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile\facoltà
di Medicina e Chirurgia \Università di Pavia
Giovanna Zardini: Aspetti neurofisiologici del linguaggio\Scuola di Specializzazione in psicologia
del Ciclo di Vita\Università Pavia
COORDINAMENTO GRUPPI NAZIONALI
Gruppo Nazionale per lo Studio delle Paralisi Cerebrali Infantili
b. INSEGNAMENTI IN ISTITUTO
TIROCINI
• Tirocinio in Neurologia per gli Specializzandi di Neuropsichiatria Infantile della Scuola di
Specializzazione di Neuropsichiatria Infantile – Università di Pavia
• Tirocinio post-laurea per Psicologi Università Cattolica di Milano
• Tirocinio post-laurea per Psicologi -Università di Padova
• Tirocinio formativo per Psicologi intra-laurea -Università di Pavia
• Tirocinio del Diploma di Laurea per Tecnici della Neuropsicomotricità dell’età evolutiva –
Università di Pavia
TESI
• Tesi di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile – Università degli Studi di Torino
I disturbi della memoria in età evolutiva: aspetti neuropsicologci nella patologia dell’ippocampo
Giulia Mantegazza- 2002
• Tesi del Diploma di Laurea In Tecnici per la Neuropsicolotricità – Università degli Studi di Pavia
Paraparesi Spastica evolutiva. aspetti clinico\genetici e neuroriabilitativi
Daniela Cambiaghi –2002
• Tesi di Laurea in Psicologia generale e Sperimentale- Università degli Studi di Padova:
Funzioni Mnestiche ed esecutive: trend evolutivi
Gabriella Scala-2002
178
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 179
U.O RADIOTERAPIA
- Professore a contratto presso la Scuola di Specialità della I Università di Radioterapia di Milano
(Dr.ssa Laura Fariselli),
- Attività di Tutoring presso la Scuola di Specialità di Fisica Sanitaria dell’Università degli Studi di
Milano (Dr.ssa Luisa Fumagalli),
- Docente del Master Universitario del Politecnico di Milano, Dipartimento di Bioingegneria
“Ingegneria in Chirurgia” (Dr.ssa Laura Fariselli)
- Attività di Tutoring presso la Facoltà di Ingegneria Clinica del Politecnico di Milano (Dr.ssa Luisa
Fumagalli)
U.O. BIOCHIMICA E GENETICA DEL SISTEMA NERVOSO
- Dr. Stefano Di Donato : Professore a contratto presoo la scuola di specialità in Neurologia, Facoltà
di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi Statale di Milano.
- Dr. Franco Taroni: Professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Genetica Medica,
Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Milano.
- Dr.ssa Caterina Mariotti: Tutore clinico per attività di ambulatorio per medici specializzandi in
genetica medica. Anno accademico 2002-2003, Genetica Clinica Speciale II, Specializazione in
Genetica Medica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Milano.
U.O. NEUROGENETICA MOLECOLARE
Dr. Massimo Zeviani
Organizzazione Seminari, corsi-workshops
- “Analisi del profilo trascrizionale globale durante il differenziamento di cellule dendritiche” (Prof.
Paola Ricciardi-Castagnoli Dip. Biotecnologie e Bioscienze – Università Bicocca) c/o Sala
Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (14 marzo 2002).
- “Recenti progressi sulla patogenesi molecolare delle distrofie muscolari progressive” (Prof.
Francesco Muntoni, Hammersmith Hospital, Londra) c/o Sala Multimediale, Laboratori Bicocca,
Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (6 maggio 2002).
- “The assembly of mitochondrial respiratory chain complexes and factors involved in this process”
(Dr. Leo Nijtmans, University Medical Center NiJmegen, The Netherlands) c/o Sala Multimediale,
Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (6 maggio 2002).
- “Mutazioni puntiformi indotte da RNA/DNA chimeraplasti: un approccio alternativo al trattamento
della distrofia muscolare di Duchenne” (Dr. Carmen Bertoni, Dept of Neurology and Neurological
Sciences, Standford University) c/o Sala Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale
Neurologico “C. Besta” (21 giugno 2002).
- “Geni,genomi e malattie” (Prof. Andrea Ballabio, Genetica Medica, Univ. Studi Napoli) c/o Sala
Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (24 giugno 2002).
- “La neuropatia ottica ereditaria di Leber (LHON) come modello di degenerazione del nervo ottico
da disfunzione mitocondriale (Dr. Valerio Carelli, Clinica Neurologica, Università degli Studi di
Bologna) c/o Sala Multimediale, Laboratori Bicocca, Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (4
luglio 2002).
- “Genotype/phenotype correlation in mitochondrial disease: in vivo models. Workshops MitEURO
c/o Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” (27-29 settembre 2002)
D.ssa Barbara Garavaglia
Attività seminariale su invito
- Lezione alla Scuola di Specialità in Genetica Medica, Università Statale di Milano (Milano, 16
giugno 2002)
- Lezione al Corso Master su Disturbi del Movimento dell’Università Cattolica (Milano, 22 ottobre
2002)
179
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 180
U.O. NEUROFISIOLOGIA SPERIMENTALE
U.O. NEURORADIOLOGIA
- Professore a contratto presso la Scuola di Specialità in Radiologia dell’Università di Milano, Dr.
Mario Savoiardo
- Professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione dell’Università di Catania, Dr. Carmelo
Maccagnano
- Attività di Tutoring presso la Scuola di Specialità di Radiologia dell’Università di Milano ( Dr.ssa
M.Grazia Bruzzone, Dr. Ludovico D’Incerti).
- Docente del Master Universitario del Politecnico di Milano, Dipartimento di Bioingegneria:
“Ingegneria in Chirurgia” (dr.ssa E. Ciceri).
Tutti i Medici della Divisione tengono regolarmente conferenze, relazioni su invito in convegni
nazionali ed internazionali, seminari in Istituto e, annualmente, lezioni di neuroradiologia presso la
Scuola di Specialità di Radiologia dell’Università di Milano.
U.O. LABORATORIO ANALISI
• Docenza alla Scuola di Specialità in Biochimica Clinica dell’Università di Milano (corso:
“Tecniche Analitiche Emergenti: HPLC teoria e applicazioni diagnostiche”.
• Docenza ai corsi CEFAR: “La diagnostica Liquorale: studio dei pattern proteici”
• Attività di tutoring per tesi a studenti in Biologia e per Tecnici di Laboratorio Biomedico ( 1-2
studenti per anno )
• Attività di tirocinio pratico per studenti in Biologia e per Tecnici di Laboratorio Biomedico ( 1
studente per anno )
U.O NEUROCHIRURGIA III
La Neurochirurgia III è parte attiva del programma di training chirurgico della Scuola di
Specializzazione in Neurochirurgia dell’Università degli Studi Statale di Milano e svolge attività
tutoriale di neurochirurghi in formazione provenienti da altre Università.
180
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 181
CORSI ACCREDITATI ECM
ORGANIZZATI DALL’ISTITUTO - 2002
1. Il malato Neurologico - IRCCS Neurologico “C.Besta” - 16-18 dicembre 2002
Crediti ECM: 10
2. Lezioni di Neurologia - IRCCS Neurologico “C.Besta” - 28 novembre 2002
Crediti ECM: 3
3. Malattie Neurologiche Pediatriche - IRCCS Neurologico “C.Besta” - 29-31 ottobre 2002
Crediti ECM: 8
4. Corso Tecnici di Radiologia - IRCCS Neurologico “C.Besta” Crediti ECM: 10
5. Neuronavigazione - IRCCS Neurologico “C.Besta” - 22-23 novembre 2002
Crediti ECM: 11
6. Sistema Qualità ISO 9001 - IRCCS Neurologico “C.Besta” - Ottobre 2002
Crediti ECM: 15
7. Budgeting e Reporting - IRCCS Neurologico “C.Besta”
Crediti ECM: 29
8. Gestione del Paziente Neuro-oncologico - IRCCS Neurologico “C.Besta”
Crediti ECM: 2
9. Terzo Corso Residenziale Annuale di Genetica Pediatrica “ Approccio clinico al bambino con
Sindrome Malformativa “ - Bologna, 15-19 aprile 2002
Crediti ECM: 25
10. Primo Corso Permanente in Neuroscienze Cognitive dello Sviluppo: Fenotipi cognitivo-comportamentali nei disordini neuroevolutivi - Portofino, 21-23 Novembre 2002
Crediti ECM: 9
11. Congresso nazionale Società Italiana Neuropsichiatria Infantile - Catania, 14-18 Ottobre 2002
Crediti ECM: 23
12. International School of Neurological Science: “Bridging basic with Clinical Epileptology” - San
Servolo, 21 luglio - 4 agosto 2002
Crediti ECM: 50
13. International Forum on Global Impact of Migraine - Roma, 27 settembre 2002
Crediti ECM: 4
181
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 182
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 183
MEETINGS
&
SEMINARI
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 185
SEMINARI
Gennaio
Martedì 8 Gennaio 2002, Ore 14.30
Dr. Paolo Ferroli Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Tumori Del Tronco Encefalico”
Dr. Marco Saini Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Tumori Intrassiali Della Fossa Cranica Posteriore”
Dr.Ssa Laura Valentini Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Medullo Blastoma”
Dr. Stefano Brock Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Emangioblastomi Cerebellari”
Martedì 15 Gennaio 2002, Ore 14.30
Dr. Alberto Bizzi (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Spettroscopia Rm Del Protone: 4 Anni Di Esperienza Al Besta”
Giovedì 17 Gennaio 2002, Ore 14.30
Dr. Carlo Marras Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“D.B.S. Nel Trattamento Della Distonia Infantile”
Dr. Ivano Dones Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Foraminotomia Cervicale Endoscopica”
Dr. Giovanni Lasio Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Meningiomi Del Forame Magno”
Dr. Angelo Franzini Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Sindrome Del Tunnel Carpale”
Martedì 22 Gennaio 2002, Ore 14.30
Dr. Gennaro Bussone, Dr Massimo Leone (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Nuovo Approccio Terapeutico Alla Cefalea A Grappolo: La Stereotassi Ipotalamica”
Martedì 29 Gennaio 2002, Ore 14.30
Dr. Ivan De Curtis – Unit Of Cell Adhesion – Dibit – San Raffaele Scientific Institute – Ospite Dr.
Marco De Curtis
“Meccanismi Di Regolazione Della Migrazione E Della Neuritogenesi”
Lunedì 28 Gennaio 2002, Ore 12.00
Prof. William Catterall – Department Of Pharmacology – University Of Washington, Seattle – Ospite
Dr. Massimo Mantegazza
“Calcium Channels And Neurotransmitter Release”
Febbraio
Martedì 5 Febbraio 2002, Ore 14.30
Prof. Alexis Brice (Hôpital De La Salpétrière, Inserm U 289, Paris) – Ospite Dr. Stefano Di Donato
“Genetic Of Parkinson”
185
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 186
Martedì 12 Febbraio 2002, Ore 14.30
Dr. Carlo L. Solero Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Vertebrectomia Spinale”
Dr. Sergio Visentini Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Tumori Spinali Intradurali Extramidollari”
Dr. Francesco Di Meco Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Tumori Spinali Intramidollari”
Martedì 19 Febbraio 2002, Ore 14.30
Dr. Sergio Giombini Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Aneurismi Giganti”
Dr.ssa Elisa Ciceri Et Al (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Trattamento Endovascolare”
Martedì 26 Febbraio 2002, Ore 14.30
Prof. Thomas Brandt (Klinikum Grosshadern, Neurologische Klinik, München) – Ospite Dr. Stefano
Di Donato
“Classification Of Central Vestibular Disorders“
Mercoledì, 27 Febbraio 2002, Ore 12.00
Prof. Lewis P. Rowland (Columbia University, New York) – Ospite Dr Stefano Di Donato
“Motor Neuron Disease”
Marzo
Martedì 5 Marzo 2002, Ore 14.30
Dr.ssa Saba Motta (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Il Portale Sbbl: Un Sistema Integrato Per Il Recupero Dell’informazione E Della Letteratura
Biomedica E Sanitaria”
Lunedì 11 Marzo 2002, Ore 12 – Seminario Straordinario
Dr.ssa Paola Leone (Associate Professor University Of Medicine And Dentistry Of New Jersey, RWJ
Medical School Director, Cell & Gene Therapy Center, Camden) – Ospite Dr. Eugenio Parati
“Terapia Genica Del Morbo Di Canavan Con Vettori Virali Adenoassociati”
Martedì 12 Marzo 2002, Ore 14.30
Prof. Reinhard Hohlfeld (Ludwig-Maximilians-Universität, Neurologische Poliklinik, München) –
Ospite Dr. Stefano Di Donato
“Neurotrophic Interactions In Multiple Sclerosis”
Martedì 19 Marzo 2002, Ore 14.30
Dr. Andrea Bernasconi (Assistant Professor, Epilepsy Clinic And Brain Imaging Center, Mc Gill
University And Montreal Neurological Hospital And Institute, Montreal) – Ospite Dr. Flavio Villani
“Nuove Tecniche Di Risonanza Magnetica: Applicazioni All’epilessia Focale”
Aprile
Martedì 2 Aprile 2002, Ore 14.30
Dr.ssa Elisa Ciceri (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Indicazioni Al Trattamento Endovascolare Nella Patologia Cerebrale E Spinale – Attualità E
Prospettive”
186
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 187
Mercoledì 3 Aprile 2002, Ore 16 – Aula Multimediale C/O Laboratori Bicocca – Via Temolo
Prof. Andrea Ballabio (Cattedra Di Genetica Medica, II Università Degli Studi Di Napoli – Direttore
Del TIGEM) – Ospite Dr. Massimo Zeviani
“Geni, Genomi E Malattie”
Martedì 9 Aprile 2002, Ore 14.30
Dr. Carlo Lazzaro Solero (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Tecniche Neurochirurgiche”
Martedì 23 Aprile 2002, Ore 14.30
Prof. Doug M. Turnbull (University Of Newcastle Upon Tyne) – Ospite Dr. Stefano Di Donato
“Mitochondria And Ageing”
Mercoledì, 30 aprile 2002
4a Conferenza B R A I N In Ricordo Di Renato Boeri:
Prof. Victor A. Mckusick
Professor Of Medical Genetics, Mc Kusick-Nathans Institute Of Genetic Medicine, Johns Hopkins
Hospital, Baltimore
“The Anatomy Of The Human Genome: A Neo-Vesalian Basis For Medicine In The 21st Century”
Maggio
Martedì 7 Maggio 2002, Ore 14.30
Prof. Mauro Giacca (Molecular Medicine Laboratory, ICGEB, Trieste) – Ospite Dr. Gaetano
Finocchiaro
“Induzione Di Neoangiogenesi E Reclutamento Di Progenitori Staminali Mediante Terapia Genica
Con Vettori Aav”
Martedì 14 Maggio 2002, Ore 14.30
Prof. Franco Tomasello (Direttore Istituto Di Neurochirurgia, Università Di Messina) - Ospite Prof.
Giovanni Broggi
“Conflitto Neurovascolare Tra Bulbo E Arteria Vertebrale”
Giovedì 16 Maggio 2002, Ore 14.30 – Seminario Straordinario
Dr Guido Storchi (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Ricerca Clinica E Clinical Trial Center”
Martedì 21 Maggio 2002, Ore 14.30
Dr.Ssa Maria Grazia De Simoni (Istituto Mario Negri) – Ospite Dr. Marco De Curtis
“Il Ruolo Del Complemento In Un Modello Di Ischemia Cerebrale Transitoria Murina”
Venerdì 24 Maggio 2002, Ore 12 – Seminario Straordinario
Prof. Freda Miller (Mcgill University, Montreal) – Ospite Dr Gaetano Finocchiaro
“Accessible Stem Cells For The Nervous System”
Martedì 28 Maggio 2002, Ore 14.30
Dr. Francesco Di Salle (Cattedra Di Neuroradiologia, Università Di Napoli, II Policlinico) – Ospite
Prof. Giovanni Broggi
“Risonanza Magnetica Funzionale Dell’encefalo. Soluzioni Per L’applicazione Neurologica E
Neurochirugica”
187
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 188
Giugno
Martedì 4 Giugno 2002, Ore 14.30
Prof. Roberto Melcangi (Dipartimento Di Endocrinologia, Università Di Milano) – Ospite Dr.
Davide Pareyson
“Ormoni Steroidei E Proteine Della Mielina Del Sistema Nervoso Periferico”
Martedì 11 Giugno 2002, Ore 14.30
Dr. Gaetano Finocchiaro – Dr. Amerigo Boiardi (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Identificazione Di Marker Genetici Di Interesse Clinico In Neuro-Oncologia”
Mercoledì 12 Giugno 2002, Ore 14.30 – Seminario Straordinario
Dr. Guido Storchi (Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta”)
“Ricerca Clinica E Clinical Trial Center”
Martedì 18 Giugno 2002, Ore 14.30
Dr. Filippo Martinelli Boneschi (Scientific Institute And University, Ospedale San Raffaele, Milano)
- Ospite Dr.Ssa Graziella Filippini
“Identificazione Del Gene Lgi1 In Famiglie Affette Da Epilessia Parziale Autosomica Dominante
Con Disturbi Uditivi (Adpeaf)”
Venerdì 21 Giugno 2002, Ore 14.30
Dr.ssa Carmen Bertoni (Department Of Neurology And Neurological Sciences, Stanford University
School Of Medicine) – Ospite Dr. Massimo Zeviani
“Mutazioni Puntiformi Indotte Da Rna/Dna Chimeraplasti: Un Approccio Alternativo Al
Trattamento Della Distrofia Muscolare Di Duchenne”
Lunedì 24 Giugno 2002, Ore 14.30
Prof. Andrea Ballabio (Cattedra Di Genetica Medica, Seconda Università Degli Studi Di Napoli –
Direttore Del TIGEM) - Ospite Dr. Massimo Zeviani
“Geni, Genomi E Malattie”
Martedì 25 Giugno 2002, Ore 14.30
Prof. Massimo Pandolfo (Université Libre De Bruxelles-Hôpital Erasme, Service De Neurologie,
Bruxelles) – Ospite Dr. Stefano Di Donato
“Le Epilessie Focali Familiari”
Luglio
Martedì 2 Luglio 2002, Ore 14.30
Prof. Sergio Ferrari (Dipartimento Scienze Mediche, Modena) – Ospite Dr. Eugenio Parati
“Studio Del Profilo Espressione Genica In Cellule Emotopoietiche”
Giovedì 4 Luglio 2002, Ore 14.30
Dr. Valerio Carelli (Clinica Neurologica Dell’università Degli Studi Di Bologna) – Ospite Dr.
Massimo Zeviani
“La Neuropatia Ottica Ereditaria Di Leber (Lhon) Come Modello Di Degenerazione Del Nervo
Ottico Da Disfunzione Mitocondriale”
188
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 189
Martedì 9 Luglio 2002, Ore 14.30
Prof. Marco Salvetti (Neurologia, II Facoltà Di Medicina E Chirurgia,Università Degli Studi Di
Roma “La Sapienza”) - Ospite Dr. Stefano Di Donato
“Sclerosi Multipla: Studi Patogenetici Con Possibili Applicazioni Terapeutiche
Giovedì 11 Luglio 2002, Ore 14.30–16.30 – Seminario Straordinario
Prof. Giuseppe Cinalli (Clinica Neurochirurgica Università Federico II, Napoli), Dr. Michele Naddeo
(Divisione Neurochirurgia CTO, Torino), Dr Paolo Ferroli (Istituto Nazionale Neurologico C. Besta)
Tavola Rotonda Su: “Controversie Nel Trattamento Dell’idro-Cefalo Pediatrico E Dell’adulto:
Terzoventricolocoster-Notomia Per Via Endoscopica O Derivazione Extra-Tecale”
Martedì 16 Luglio 2002, Ore 14.30
Dr. Franco Molteni (Villa Beretta, Costamasnaga) - Ospite Prof. Alberto Albanese
“Disordini Del Movimento: Approccio Riabilitativo Globale”
Venerdì 26 Luglio 2002, Ore 14.30
Dr. Ian Holt (Mitochondrial Diseases Group Leader, Medical Research Council, Dunn Human
Nutrition Unit - Cambridge, UK) – Ospite Dr. Massimo Zeviani
“Fixated-On Pathological Mitochondrial Dna Mutations”
Settembre
Martedì 3 Settembre 2002, Ore 14.30
Prof. Joshua Bederson (Department Of Neurosurgery, Mount Sinai School Of Medicine, New York)
– Ospite Prof. Giovanni Broggi)
“Advanced Applications Of Image-Guided Neurosurgery To Cerebrovascular Procedures”
Venerdì 6 Settembre 2002, Ore 12.00
E. Antonio Chiocca, MD Phd (Associate Professor Of Surgery Harvard Medical School - Associate
Visiting Neurosurgeon Massachusetts General Hospital ) – Ospite Dr. Gaetano Finocchiaro
“Biologic Therapies For Malignant Gliomas”
Martedì 10 Settembre 2002, Ore 14.30
Dr. Guido Storchi (Istituto Nazionale Neurologico C. Besta)
“Ricerca Clinica E Clinical Trial Center”
Mercoledì 11 Settembre 2002, Ore 14.30
Kazuo Tabuchi, MD Phd (Professor And Chairman Department Of Neurosurgery Saga Medical
School, Japan) - Ospite Dr. Gaetano Finocchiaro
“Induction Of Apoptosis In Glioma Cells By Recombinant Human Fas Ligand”
Ottobre
Martedì 1 Ottobre 2002, Ore 14.30
Dr. Francesco Carella (Istituto Nazionale Neurologico C. Besta)
“Microrecording Neuronale E Chirurgia Stereotassica Per I Disturbi Del Movimento”
Martedì 8 Ottobre 2002, Ore 14.30
Dr. Carlo Colosimo (Dipartimento Di Scienze Neurologiche, Università La Sapienza, Roma) - Ospite
Prof. Alberto Albanese
“Aggiornamenti Sulla Paralisi Sopranucleare Progressiva”
189
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 190
Martedì 15 Ottobre 2002, Ore 14.30
Dr.ssa Rosetta Pedotti (Istituto Nazionale Neurologico C. Besta)
“Allergic Responses To Self In Autoimmune Demyelinating Disease”
Martedì 29 Ottobre 2002, Ore 14.30
Prof. P. Gerundini, Dr. R. Benti, Dr. M. Castellani (U.O. Medicina Nucleare, Ospedale Maggiore
IRCCS Policlinico) – Ospite Dr. Eugenio Parati
Dr. Carlo Todaro (Istituto Nazionale Neurologico C. Besta)
“Nuove Metodiche Di Studio Della Perfusione Cerebrale”
Novembre
Lunedì 11 Novembre 2002, Ore 13.30
Prof. Josè Obeso (Dipartimento Di Neuroscienze, Università Di Pamplona)
Ospiti Dr.ssa Lucia Angelini E Prof. Giovanni Broggi
“Rilevanza Della Genetica Nella Terapia Chirurgica Delle Distonie”
Martedì 12 Novembre 2002, Ore 14.30
Prof. Marc Peschanski – U421 – INSERM – Faculté De Médecine, Creteil – Ospite Dr. Di Donato
« Cell And Gene Therapy For Huntington’s Disease : A Clinical Research Strategy »
Martedì 19 Novembre 2002, Ore 14.30
Prof. Luciano Fadiga, MD, Ph.D. (Dept. Of Biomedical Sciences – Faculty Of Medicine, University
Of Ferrara) - Ospite Dr. De Curtis
“Rappresentazioni Motorie Corticali Nel Primate Inferiore E Nell’uomo: Approccio
Elettrofisiologico”
Martedì 26 Novembre 2002, Ore 14.30
Prof. Giuseppe Micieli – Direttore U.O. Malattie Cerebrovascolari – Istituto Mondino – Pavia –
Ospite Dr. Parati
«Aspetti Clinico-Organizzativi Nella Gestione Del Paziente Cerebrovascolare In Fase Acuta»
Dicembre
Martedì 3 Dicembre 2002, Ore 14.30
Dr. Stefano Francione – Centro Di Chirurgia Dell’epilessia “C. Munari” – Ospedale Ca’ Granda
Niguarda – Milano – Ospite Dr. Villani
«Utilità Delle Stimolazioni Elettriche Intracerebrali Per La Localizzazione Delle Funzioni
Corticali»
Martedì 10 Dicembre 2002, Ore 14.30
Dr. Gino A. Cortopassi – University Of California At Davis – USA – Ospite Dr. Taroni
«Microarray Analysis Of Expression Profiles In Friedreich’s Ataxia Cells»
Martedì 17 Dicembre 2002, Ore 14.30
Dr. Flavio Villani - Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” - Milano
Dr. Paolo Vitali – Istituto Nazionale Neurologico “C. Besta” – Milano E Università Di Genova
«Uso Della Rm Funzionale In Epilettologia»
190
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 191
PUBBLICAZIONI
2002
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 193
PUBBLICAZIONI 2002
Anderson E, Berkovic S, Dulac O, Gardiner M, Jain S, Laue Friis M, Lindhout D, Noebels J, Ottman
R, Scaramelli A, Serratosa J, Steinlein O, Avanzini G, Bailey-Wilson J, Cardon L, Fischbach R,
Gwinn-Hardy K, Leppert M, Ott J, Lindblad-Toh K, Weiss K, Laue-Friis M
ILAE genetics commission conference report: molecular analysis of complex genetic epilepsies.
Epilepsia 2002;43(10):1262-1267
Angelini L., Erba A., Mariotti C., Gellera C.,Ciano C., Nardocci N
Myoclonic dystonia as unique presentation of isolated vitamin E deficiency in a young patient.
Mov Dis 2002;17:612-614
Arroyo S, Brodie MJ, Avanzini G, Baumgartner C, Chiron C, Dulac O, French JA, Serratosa JM
Is refractory epilepsy preventable?
Epilepsia 2002; 43(4):437-444
Avanzini G, Panzica F, Franceschetti S.
Brain maturational aspects relevant to pathophysiology of infantile spasms.
Int Rev Neurobiol 2002; 49: 353-365
Avanzini G, Villani F.
The use of immunoglobulin in the treatment of human epilepsy.
Neurol Sci 2002; 23 suppl 1:S33-S37
Bacci A, Sancini G, Verderio C, Armano S, Pravettoni E, Fesce R, Franceschetti S, Matteoli M
Block of glutamate-glutamine cycle between astrocytes and neurons inhibits epileptiform activity in
hippocampus
J Neurophysiol 2002; 88(5):2302-2310
Baranzini SE, Laxer K, Saketkhoo R, Elkins MK, Parent JM, Mantegazza R, Oksenberg JR.
Analysis of antibody gene rearrangement, usage, and specificity in chronic focal encephalitis
Neurology 2002; 58: 709-716
Battaglia G, Pagliardini S, Ferrario A, Gardoni F, Tassi L, Setola V, Garbelli R, LoRusso G, Spreafico
R, Di Luca M, Avanzini G.
AlphaCaMKII and NMDA receptor subunit expression in epileptogenic cortex from human
periventricular nodular heterotopia.
Epilepsia 2002; 43 suppl 5: 209-216
Battino D, Mamoli D, Messina S, Perucca E, Tomson T.
Malformations in the offspring of pregnant women with epilepsy. Presentation of an international
registry of antiepileptic drugs and pregnancy (EURAP).
Rev Neurol 2002; 34(5): 476-480
Beghi, E. Cornaggia, C.M. The REST-1 Group (members : G. Avanzini et al).
Morbidity and accidents in patients with epilepsy. Results of a European cohort study.
Epilepsia 2002; 43(9)1076-1083
Bentivoglio AR, Loi M, Valente EM, Ialongo T, Tonali P, Albanese A.
Phenotypic variability of DYT1 PTD: does the clinical spectrum include psychogenic dystonia?
Mov Dis 2002; 17(5):1058-1063
193
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 194
Bernasconi P, Cipelletti B, Passerini L, Granata T, Antozzi C, Mantegazza R, Spreafico R.
Similar binding to glutamate receptors by Rasmussen and partial epilepsy patients’ sera.
Neurology 2002; 59(2): 1998-2001
Biella G, Uva L, Hoffman U and de Curtis M
Associative interactions within the superficial layers of the entorhinal cortex of the guinea pig.
J Neurophysiol 2002; 88:1159-1165
Biella G, Uva L and de Curtis M
Propagation of Neuronal Activity Along the Neocortical-Perirhinal-Entorhinal Pathway in the
Guinea Pig
J Neuroscience 2002; 22: 9972-9979
Bissola L, Eoli M, Pollo B, Merciai BM, Silvani A, Salsano E, Maccagnano C, Bruzzone MG,
Fuhrman Conti AM, Solero CL, Giombini S, Broggi G, Boiardi Association of A, Finocchiaro G.
Chromosome 10 losses and negative prognosis in oligoastrocytomas.
Ann Neurol 2002; 52(6): 842-845
Bizzi A. Bugiani M, Salomons GS, Hunneman DH, Moroni I, Estienne M, Danesi U, Jakobs C,
Uziel G.
X-linked creatine deficiency syndrome: a novel mutation in creatine transporter gene SLC6A8.
Ann Neurol 2002; 52: 227-231
Bonetto V, Massignan T, Chiesa R, Morbin M, Mazzoleni G, Diomede L, Angeretti N, Colombo L,
Forloni G, Tagliavini F, Salmona M
Synthetic miniprion PrP106.
J Biol Chem 2002; 27: 731327-31334
Brighina L, Galbussera A, Lovati R, Filippini G, Testa D, Cavaletti G, Ferrarese C.
Impact of physioterapy on qualità of life in SLS patients
Neurol Sci 2002; 23: 64-64
Brisinda G, Maria G, Sganga G, Bentivoglio AR, Albanese A, Castagneto M.
Effectiveness of higher Doses of botulinum toxin to induce healing in patients with chronic anal
fissures
Surgery 2002; 131(2): 179-184
Broggi G, P Ferroli, A Franzini, I Dones, C Marras, M Marchetti C Maccagnano
CT-Guided Neurosurgery : Preliminary Experience
Acta Neurochir 2002; Suppl 85: 101104
Brugnoni R, Leone M, Rigamonti A, Moranduzzo E, Cornelio F, Mantegazza R, Bussone G
“Is the CACAN1A gene involved involved in familial migraine with aura?”
Neurol Sci 2002; 23: 1-5
Bruno C, Biancheri R, Garavaglia B, Biedi C, Rossi A, Lamba LD, Bada M, Greco M, Zeviani M,
Minetti C.
A novel mutation in the SURF1 gene in a child with Leigh disease, peripheral neuropathy, and
cytochrome-c oxidase deficiency.
J Child Neurol 2002; 17(3):233-236
Bussone G, D’Amico D, McCarroll KA, Gerth W, Lines CR
Restoring migraine sufferers’ ability to function normally: a comparison of rizatriptan and other
triptans in randomized”
Eur Neurol 2002; 48(3):172-177
194
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 195
Bussone G, Leone M
“Le trigeminal autonomic cephalalgias (TACs)
Neurol Sci 2002; 23:S59-S63
Carelli V, Baracca A, Barogi S, Pallotti F, Valentino ML, Montagna P, Zeviani M, Pini A, Lenaz G,
Baruzzi A, Solaini G
Biochemical-clinical correlation in patients with different loads of the mitochondrial DNA T8993G
mutation.
Arch Neurol 2002; 59(2):264-270
Carson BS, Wu QZ,Tyler BM,Sukay L, Raychaudhuri R, F.DiMeco , Clatterbuck R, Olivi A, and
Guarnieri M.
New approaches to tumor therapy for inoperable areas of the brain: chronic intraparenchymal drug
delivery.
J Neuro-Oncology2002; 60:151-158
Chiapparini L, Farina L, D’Incerti L, Erbetta A, Pareyson D, Carriero MR, Savoiardo M
Spinal radiological findings in nine patients with spontaneous intracranical hyopotension
Neuroradiology 2002; 44: 143-150
Cipelletti B, G. Avanzini, L. Vitellaro-Zuccarello, S. Franceschetti, G. Sancini, T. Lavazza, D.
Acampora, A. Simeone, R. Spreafico and C. Frassoni
“Morphological organization of somatosensory cortex in Otx1-/-mice.”
Neuroscience 2002; 115: 657-667
Ciusani E, Perego P, Carenini N, Corna E, Facchinetti F, Boiardi A, Salmaggi A, Zunino F.
Fas/CD95-mediated apoptosis in human glioblastoma cells: a target for sensitisation to
topoisomerase I inhibitors.
Biochem Pharmacol 2002; 63(5): 881-887
Corona P., Lamantea E., Greco M., Carrara F., Agostino A., Guidetti D., Dotti M.T., Mariotti C.,
Zeviani M.
Novel heteroplasmic mtDNA mutation in a family with heterogeneous clinical presentations.
Ann Neurol 2002; 51: 118-122
Corsaro A, Thellung S, Russo C, Villa V, Arena S, D’Adamo MC, Paludi D, Rossi Principe D,
Damonte G, Benatti U, Aceto A, Tagliavini F, Schettini G, Florio T
Expression in E. coli and purification of recombinant fragments of wild type and mutant human prion
protein.
Neurochem Int 2002; 41: 55-63
D’Alfonso S, Mellai M, Giordano M, Pastore A, Malferrari G, Naldi P, Repice A, Liguori M,
Cannoni S, Milanese C, Caputo D, Savettieri G, Momigliano-Richiardi P; The Italian Group for the
Study of Multiple Sclerosis Genetics.
Identification of single nucleotide variations in the coding and regulatory regions of the myelinassociated glycoprotein gene and study of their association with multiple sclerosis
J Neuroimmunol 2002; 126:196-204
D’Amico D, A. Rigamonti, A. Solari, M. Leone, S. Usai, L. Grazzi, G. Bussone:
“Health-related quality of life in patients with cluster headache during active periods”
Cephalalgia 2002; 22: 818-821
D’Amico D, Bussone G
“Emicrania emiplegica familiare”
Neurol Sci 2002; 23: S249-251
195
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 196
D’Amico D, Ferrarsi A, Leone M, Catania A, Carlin A, Grazzi L, Bussone G:
“Increased plasma nitrites in migraine and cluster headache patients in interictal period: basal
hyperactivity of L-arginine-NO pathway?”
Cephalalgia 2002; 22: 33-36
D’Amico D
“Impatto dell’emicrania sull’attività lavorativa: focus sui primi dati italiani”
Neurol Sci 2002; 23: S249-251
Dickson C and de Curtis M
Enhancement of temporal and spatial synchronization of entorhinal gamma activity by phase reset.
Hippocampus 2002;12(4: )447-456
DiMeco F, K.W.Li, B.M.Tyler, A.Wolfe, H.Brem, A.Olivi
Local delivery of mitoxantrone for the treatment of malignant brain tumors.
J Neurosurg 2002; 97: 1173-1178
DiMeco F, P.Rizzo, E.Ciceri, Casali, B.Pollo, G.Lasio.
Pigmented villonodular synovitis of the spine: case report and review of the literature.
J Neurosurg Sci 2002; 45: 216-219
Dionisi Vici C, Rizzo C, Burlina AB, Caruso U, Sabetta G, Uziel G, Abeni D.
Inborn errors of metabolism in the Italian pediatric population: a national retrospective study
J Pediatr 2002; 140(3): 321-327
Dobson-Stone C, Danek A, Rampoldi L, Hardie RJ, Chalmers RM, Wood NW, Bohlega S, Dotti MT,
Federico A, Shizuka M, Tanaka M, Watanabe M, Ikeda Y, Brin M, Goldfarb LG, Karp BI, Mohiddin
S, Fananapazir L, Storch A, Fryer AE, Maddison P, Sibon I, Trevisol-Bittencourt PC, Singer C,
Caballero IR, Aasly JO, Schmierer K, Dengler R, Hiersemenzel LP, Zeviani M, Meiner V, Lossos A,
Johnson S, Mercado FC, Sorrentino G, Dupre N, Rouleau GA, Volkmann J, Arpa J, Lees A, Geraud
G, Chouinard S, Nemeth A, Monaco AP
Mutational spectrum of the CHAC gene in patients with chorea-acanthocytosis
Eur J Hum Genet 2002; 10(11): 773-781
Fairén A, J. Morante-Oria, C. Frassoni
“The surface of developing ceebral cortex: still special cells one century later.”
Progr Brain Res 2002; 136: 281-291
Faravelli F, D’Arrigo S, Bagnasco I, D’Incerti L, Selicorni A, Riva D, Pantaleoni C.
Olygogyric microcephaly in a child with Williams syndrome.
Am J Med Genet 2002
Farina L, Chiapparini L, Uziel G, Bugiani M, Zeviani M, Savoiardo M
MR findings in Leigh syndrome with COX deficiency and SURF-1 mutations.
Am J Neuroradiol 2002; 23: 1095-1100
Ferroli P, Franzini A, Marras C, Broggi G
Parkinson disease.
J Neurosurg 2002; 96(3): 641-643
Ferroli P, Franzini A, Farina L, La Mantia L, Broggi G
Does the presence of a pontine trigeminal lesion represent an absolute contraindication for
microvascular decompression in drug resistant trigeminal nevralgia?
J Neurol Neurosurg Psychiatry 2002; 72:122-123
196
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 197
Filippini G, Maisonneuve P, McCredie M, Peris-Bonet R, Modan B, Preston-Martin S, Mueller B,
Holly EA, Cordier S, Choi NW, Little J, Arslan A, Boyle P.
Relation of childhood brain tumors to exposure of parents and children to tobacco smoke. The
SEARCH international case-control study.
Int J Cancer 2002; 100: 206-213
Forloni G, Iussich S, Awan T, Colombo L, Angeretti N, Girola L, Bertani I, Poli G, Caramelli M,
Grazia Bruzzone M, Farina L, Limido L, Rossi G, Giaccone G, Ironside JW, Bugiani O, Salmona M,
Tagliavini F.
Tetracyclines affect prion infectivity.
Proc Natl Acad Sci USA 2002; 99: 10849-10854
Ganesh S, Delgado-Escueta AV, Suzuki T, Francheschetti S, Riggio C, Avanzini G, Rabinowicz A,
Bohlega S, Bailey J, Alonso ME, Rasmussen A, Thomson AE, Ochoa A, Prado AJ, Medina MT,
Yamakawa K.
Genotype-phenotype correlations for EPM2A mutations in Lafora’s progressive myoclonus
epilepsy: exon 1 mutations associate with an early-onset cognitive deficit subphenotype.
Hum Mol Genet 2002; May 15;11(11):1263-1271
Gelati M, Corsini E, De Rossi M, Masini L, Bernardi G, Massa G, Boiardi A, Salmaggi A.
Methylprednisolone acts on peripheral blood mononuclear cells and endothelium in inhibiting
migration phenomena in patients with multiple sclerosis.
Arch Neurol 2002; May 59(5: )774-780
Ghersa P, Gelati M, Coline J, Feger G, Power C, Papoian R, Salmaggi A
MIG—differential gene expression in mouse brain endothelial cells
Neuroreport 2002; 13(1):9-14
Ghezzi A, Pozzilli c, Liguori M, Marrosu MG, Milani N, Milanese C, Simone I, Zaffaroni M.
Prospective Study of multiple sclerosis with early onset.
Mult Scler 2002; 8: 115-118
Grazzi L, Andrasik F, D’Amico D, Leone M, Usai S, Kass SJ, Bussone G.
“Behavioral and Pharmacologic treatment of transformed migraine with analgesic overuse: outcome
at 3 years”
Headache 2002; 42: 483-490
Guentchev M, Siedlak SL, Jarius C, Tagliavini F, Castellani RJ, Perry G, Smith MA, Budka H
Oxidative damage to nucleic acids in human prion disease.
Neurobiol Dis 2002; 9: 275-281
Guerrini U, Sironi L, Tremoli E, Cimino M, Pollo B, Calvio AM, Paoletti R, Asdente M
New insights into brain damage in stroke-prone rats: a nuclear magnetic imaging study
Stroke 2002; 33: 825-830
Khan NL, Valente EM, Bentivoglio AR, Wood NW, Albanese A, Brooks DJ et al.
Clinical and Subclinical dopaminergic dysfunction in PARK6-linked parkinsonism: an 18F-dopa
PET study.
Ann Neurol 2002; 52(6): 849-853
Lamantea E, Tiranti V, Bordoni A, Toscano A, Bono F, Servidei S, Papadimitriou A, Spelbrink H,
Silvestri L, Casari G, Comi GP, Zeviani M.
Mutations of mitochondrial DNA polymerase gammaA are a frequent cause of autosomal dominant
or recessive progressive external ophthalmoplegia.
Ann Neurol 2002; Aug 52(2): 211-219
197
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 198
Lamantea E., Carrara F., Mariotti C., Morandi C., Tiranti V., Zeviani M.
A novel nonsense mutation (Q352X) in the mitochondrial cytochrome b gene associated with a
combined deficiency of complexes I and III.
Neuromuscul Dis 2002; 12: 49-52
Lasio G, Ferroli P, Felisati G, Broggi G
Image-guided endoscopic transnasal removal of recurrent pituitary adenomas.
Neurosurg 2002; 51: 132-136
Lauria G, Pareyson D, Sghirlanzoni A
Case 38-2001: paraneoplastic encephalomyelitis and sensory ganglioneuropathy.
N Engl J Med 2002; 346(13):1029-1030
Leonardi M., Ustun B.T
The Global Burden of Epilepsy
Epilepsia 2002; 438 Suppl(6): 21-25
Leone M, Rigamonti A, Bussone G
“Cluster headache sine headache: two new cases in one family”
Cephalalgia 2002; 2: 1214
Levi D, Rampa F, Barbieri C, Pricca P, Franzini A, Pezzotta S
True 3D reconstruction for planning of surgery on malformed skulls.
Nerv Syst 2002; Dec;18(12): 705-706
Lozano AM, Carella F.
Physiologic studies in the human brain in movement disorders.
Parkinsonism Relat Disord 2002; 8(6): 455-458
Lurton D, Yacubian EM, Sanabria EG, da Silva AV, Vianna R, Garzon e, Sakamoto A, Spreafico R,
Cavalheiro EA
Immunohistochemical study of six cases of Taylor’s type focal cortical dysplasia: correlation with
electroclinical data.
Epilepsia 2002; 43(S5): 217-219
Man PY, Brown DT, Wehnert MS, Zeviani M, Carrara F, Turnbull DM, Chinnery PF
NDUFA-1 is not a nuclear modifier gene in Leber hereditary optic neuropathy.
Neurology 2002; Jun 25;58(12): 1861-1862
Manni I, Tunici P, Cirenei N, Albarosa R, Colombo BM, Roz L, Sacchi A, Piaggio G, Finocchiaro G
Mxi1 inhibits the proliferation of U87 glioma cells through down-regulation of cyclin B1 gene
expression
Br J Cancer 2002; Feb1;86(3): 477-484
Mantegazza R, Bernasconi P, Baggi F, Spreafico R, Ragona F, Antozzi C, Bernardi G, Granata T.
Antibodies against GluR3 peptides are not specific for Rasmussen’s encephalitis but are also present
in epilepsy patients with severe, early onset disease and intractable seizures.
J Neuroimmunol 2002; Oct 131 (1-2): 179-185
Martini F, Lazzarin L, Iaccheri L, Vignocchi B, Finocchiaro G, Magnani I, Serra M, Scotlandi K,
Barbanti-Brodano G, Tognon M.
Different semian virus 40 genomic regions and sequences homologous with SV40 large T antigen in
DNA of human brain and bone tumours and of leukocytes from blood donors.
Cancer 2002; Feb 15; 94(4):1037-1048
198
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 199
Massimino M, Spreafico F, Cefalo G, Riccardi R, Tesoro-Tess JD, Gandola L, Riva D, Ruggiero A,
Valentini L, Mazza E, Genitori L, Di Rocco C, Navarria P, Casanova M, Ferrari A, Luksch R,
Terenziani M, Balestrini MR, Colosimo C, Fossati-Bellani FHigh response rate to cisplatin/etoposide
regimen in childhood low-grade glioma.
J Clin Oncol 2002; 20(20): 4209-4216
Mawad ME, Cekirge S, Ciceri E, Saatci I
Endovascular treatment of giant and large intracranial aneurysms by using a combination of stent
placement and liquid polymer injection.
J Neurosurg 2002; 96(3): 474-482
Merlini L, Mazzone E, Solari A, Morandi L.
Reliability of hand-held dynamometry in spinal muscular atrophy.
Muscle & Nerve 2002; 26(1): 64-70
Morante-Redolat JM, Gorostidi-Pagola A, Piquer-Sirerol S, Saenz A, Poza JJ,Galan J, Gesk S,
Sarafidou T, Mautner VF, Binelli S, Staub E, Hinzmann B, French L, Prud’homme JF, Passarelli D,
Scannapieco P, Tassinari CA, Avanzini G, Marti-Masso JF, Kluwe L, Deloukas P, Moschonas NK,
Michelucci R, Siebert R, Nobile C, Perez-Tur J, Lopez de Munain A.
Mutations in the LGI1/Epitempin gene on 10q24 cause autosomal dominant lateral temporal epilepsy
Hum Mol Genet 2002; May 1;11(9): 1119-1128
Moroni I, Bugiani M, Bizzi A, Castelli G, Lamantia E, Uziel G
Cerebral white matter involvement in children with mitochondrial encephalopathies
Neuropediatrics 2002; 33(2): 79-85
Paloneva J, Manninen T, Christman G, Hovanes K, Mandelin J, Adolfsson R,Bianchin M, Bird T,
Miranda R, Salmaggi A, Tranebjaerg L, Konttinen Y, Peltonen L.
Mutations in two genes encoding different subunits of a receptor signaling complex result in an
identical disease phenotype.
Am J Hum Genet 2002; Sep; 71(3); 656-662
Passerini L, Bernasconi P, Baggi F, Confalonieri P, Cozzi F, Cornelio F, Mantegazza R.
Fibrogenic cytokines and extent of fibrosis in muscle of dogs with X-linked golden retriever
muscular dystrophy.
Neuromuscolar disord 2002; 12: 828-835
Parati EA, Bez A, Ponti D, De Grazia U, Corsini E, Cova L, Sala S, Colombo A, Alessandri G and
Pagano S F
Human Neural Stem Cells Express Extra-Neural Markers
Brain Research 2002; 92(2): 213-221
Pareyson D, Scaioli V, Lauria G, Sghirlanzoni A, Taroni F.
Neuropatie di Charcot-Marie-Tooth: rivisitazione della neurofisiopatologia nell’era della genetica
molecolare.
Neurol Sci 2002; 23 Suppl: S461-S466
Pomper MG, Constatinides CD, Barker PB, Bizzi A, Dobgan AS, Yokoi F, McArthur JC, Wong DF
Quantitative MR Spectroscopic Imaging of Brain Lesions in Patients with AIDS: Correlation with
[11C-Methyl]thymidine. PET and Thallium-201 SPECT.
Academic Radiology 2002; 9: 398-409
Prayson RA, Spreafico R, Vinters HV.
Pathologic characteristic of cortical dysplasia.
Neurosurg Clin N Am 2002; 13: 17-25
199
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 200
Rigamonti A, Carriero MR, Boncoraglio G, Leone M, Bussone G
“Cerebral vein thrombosis and mild hyperhomocysteinemia: three new cases”
Neurol Sci 2002; 23: 225-227
Riva D, Giorgi C, Nichelli F, Bulgheroni S, Massimino M, Cefalo G, Gandola L, Giannotta M,
Bagnasco I, Saletti V, Pantaleoni C.
Intrathecal methotrexate affects cognitive function in children with medulloblastoma.
Neurology 2002; 59(1): 48-53
Riva D, Saletti V, Nichelli F, Bulgheroni S.
Neuropsychologic effects of frontal lobe epilepsy in children.
J Child Neurol 2002;K 17(9):661-667
Romi F, Tysnes OB, Krakenes J, Savoiardo M, Aarli LA, Bindoff L
Cystic dilation of Virchow-Robin spaces in the midbrain
Eur Neurol 2002; 47: 186-188
Romito LM, Raja M, Daniele A, Contarino MF, Bentivoglio AR, Barbier A, Scerrati M, Albanese A
Transient mania With hypersexualityafter surgery for high frequency stimulation of the subthalamic
nucleus in Parkinson’s disease.
Mov Dis 2002; 17(6): 1371-1374
Romito LM, Scerrati M, Contarino MF, Bentivoglio AR, Tonali P, Albanese A.
Long-term follow up of Subthalamic nucleus stimulation in Parkinson’s disease.
Neurology 2002; 58(10): 1546-1550
Salmaggi A, Gelati M, Dufour A, Corsini E, Pagano S, Baccalini R, Ferrero E, Scabini S, Silei V,
Ciusani E, De Rossi M.
Expression and modulation of IFN-gamma-inducible chemokines (IP-10, Mig, and I-TAC) in human
brain endothelium and astrocytes: possible relevance for the immune invasion of the central nervous
system and the pathogenesis of multiple sclerosis.
J Interferon Cytokine Res 2002; Jun 22(6): 631-640
Salmaggi A, Silvani A, Eoli M, Lamperti E, Boiardi A
Temozolomide and cisplatin in the treatment of Leptomeningeal metastatic involvement from
melanoma: a case report.
Neurol Sci 2002; Dec 23(5): 257-258
Sanabria ER, da Silva AV, Spreafico R, Cavalheiro EA.
Demage, reorganization and abnormal neocortical hyperexcitability in the pilocarpine model of
temporal lobe epilepsy.
Epilepsia 2002; 43 S(5): 96-106
Savoiardo M, Zeviani M, Uziel G, Farina L.
MRI in Leigh syndrome with SURF1 gene mutation.
Ann Neurol 2002; Jan 51(1); 138-139
Sciacca FL, Ferri C, Veglia F, Andreetta F, Mantegazza R, Cornelio F, Franciotta D, Piccolo G, Cosi
V, Batocchi AP, Evoli A, Grimaldi LM.
IL-1 genes in myasthenia gravis: IL-1A -889 polymorphism associated with sex and age of disease
onset.
J Neuroimmunol 2002; 122: 94-99
200
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 201
Silva AV, Sanabria ER, Cavalheiro EA, Spreafico R.
Alterations of neocortical GABAergic system in the pilocarpine model of temporal lobe epilepsy:
neuronal demage and immunocytochemical changes in chronic epilptic rats.
Brain Res Bull 2002; 58: 417-421
Silvani A, Eoli M, Salmaggi A, Erbetta A, Fariselli L, Boiardi A
Intra-arterial ACNU and carboplatin versus intravenous chemotherapy with cisplatin and BCNU in
newly diagnosed patients with glioblastoma.
Neurol Sci 2002; 23(5): 219-224
Solari A, Mancuso L, Motta A, Mendozzi L, Serrati C
Comparison of Two Brief Neuropsychological Batteries in People with Multiple Sclerosis
Mult Scler 2002; 8(2): 171-178
Solari A.
Utilità della riabilitazione motoria nelle persone con sclerosi multipla.
J Neuro Sci 2002; 23: S139-S142
Soliveri P, Monza D, Piacentini S, Paridi D, Nespolo C, Gellera C, Mariotti C, Albanese A, Girotti F.
Cognitive and psychiatric characterization of patients with Huntington’s disease and their at-risk
relatives
Neurol Sci 2002; 23 Suppl2: S105-S106
Sugie K, Yamamoto A, Murayama K, Takahashi M, Mora M, Riggs JE, SJ Oh, Colomer J, Iturriaga
C, Saitoh S, Byrne E, DiMauro S, Nonaka I, Hirano M and Nishino I.
Clinicopathological features of genetically confirmed Danon disease.
Neurology 2002; 58: 1773-1778
Tassi L, Colombo N, Garbelli R, Francione S, Lo Russo G, Mai R, Cardinale F, Cossu M, Ferrario
A, Galli c, Bramerio M, Citteriio A, Spreafico R
Focal cortical dysplasia: neuropathological subtypes, Eeg, neuroimaging and surgical outcome.
Brain2002; 7:407-416
Testa D, Tiranti V, Girotti F
Unusual association of sporadic olivopontocerebellar atrophy and motor Neuron disease
Neurol Sci 2002; 23(5): 243-245
Tetto A, Manzoni P, Millul A, Beghi E, Garattini L, Tartara A, Avanzini G.
The costs of epilepsy in Italy: a prospective cost-of-illness study in referral patients with disease of
different severity.
Epilepsy Rev 2002; Feb; 48(3): 207-216
Thellung S, Villa V, Corsaro A, Arena S, Millo E, Damonte G, Benatti U, Tagliavini F, Florio T,
Schettini G
p38 MAP kinase mediates the cell death induced by PrP106-126 in the SH-SY5Y neuroblastoma
cells
Neurobiol Dis 2002; 9: 69-81
Torrente Y, M.Belicchi, F.Pisati, S.F.Pagano, F.Fortunato, M.Sironi, M.G.D’Angelo, E.A.Parati, G.
Scarlato and N. Bresolin
Alternative sources of neurons and glia from somatic stem cells
Cell transplant 2002; 1: 25-34
201
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 202
Valente EM, Brancati F, Caputo V, Graham EA, Davis MB, Ferraris A, Breteler MM, Gasser T,
Bonifati V, Bentivoglio AR, De Michiele G, Durr A, Cortelli P, Filla A, Meco G, Oostra BA, Brice
A, Albanese A, Dalla Piccola B and Wood NW
Park6 is a common cause of familial parkinsonism.
Neurol Sci 2002; Sep 23 Suppl2: S117-S118
Valente EM, Brancati F, Ferraris A, Graham EA, Davis MB, Breteler MM, Gasser T, Bonifati V,
Bentivoglio AR, De Michiele G, Durr A, Cortelli P, Wassilowsky D, Harhangi BS, Rawal N, Caputo
V, Filla A, Meco G, Oostra BA, Brice A, Albanese A, Dalla Piccola B and Wood NW
PARK6-linked parkinsonism occurs in several European families.
Ann Neurol 2002; 51(1): 14-18
Venturi N, Rovelli A, Parini R, Menni F, Brambillasca F, Bertagnolio F, Uziel G, Gatti R, Filocamo
M, Donati MA, Biondi A, Goldwurm S
Molecular analysis of 30 mucopolysaccharidosis type I patients: evaluation of the mutational
spectrum in Italian population and identification of 13 novel mutations
Hum Mutat 2002; Sep 20(3): 231-242
Verdun E, Isoardo G, Oggero A, Ferrero B, Ghezzi A, Montanari A, Zaffaroni M, Durelli L and The
Betaferon Safety Trial (BEST) Study Group (C Milanese, La Mantia et al).
Autoantibodies in multiple sclerosis patients before and during IFN–beta 1b: are they correlated with
the occurrence of autoimmune diseases?
J Interferon Cytokine Res 2002: 22: 245-255
Wu, Q., Tyler, B., Sukay,L., Rhines,F., DiMeco,F., Clatterbuck, R.E., Guarnieri, M., and Carson, B.S.
Experimental rodent models of brainstem tumors.
Veterinary Pathology 2002; 39(3): 293-299
Zorzi G, Garavaglia B, Invernizzi F, Girotti F, Soliveri P, Zeviani, M, Angelini L, Nardocci N.
Frequency of DYT1 mutation in early onset primary dystonia in italian patients.
Mov Dis 2002; 17: 407-408
Zorzi G. Redweik U, Trippe H, Penzien J.M., Thony B, Blau N.
Detection of sepiapterin in CSF of patients with sepiapterin reductase deficiency.
Mol Genet Metab 2002; 75: 174-177
Zorzi G., Thony B, Blau N.
Reduced nitric oxide metabolites in CSF of patients with tetrahydrobiopterin deficiency.
J Neurochem 2002; 80: 362-364
Riva D, Nichelli F, Bulgheroni
The neuropsychology of focal epilepsy
Gior Neuropsich Età evol 2002; 22: 11-20
Arcolini I, Bucciolini G, Pirola P, Zardini G
Un metodo di riabilitazione (programma di Arricchimento Strumentale) in bambini con disturbo
specifico di apprendimento
Gior Neuropsich Età evol 2002: 22: 146-154
Fatal involvement of the central nervous system in Langerhans cell histiocytosis
Di Cataldo A, G Bertuna, C Gambini, L Lo Nigro, M La Spina, C Maccagnano
Ital J Pediatr 2002; 28: 330-332
Scaioli V, Morandi L.
Repetitive nerve stimulation and muscle membrane excitability: case report and review
Electromyogr Clin Neurophysiol 2002; Sep 42(6): 333-336
202
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 203
La MA, Milanese C, Mascoli N, Incorvaia B, D’Amico R, Weinstock-Guttmann B
Cyclophosphamide for multiple sclerosis (Cochrane Review).
Cochrane Database Syst rev 2002; 4:CD002819
Mamoli D, Messina S, Perucca E
Assessing relative risks of fetal malformations following prenatal explosive to old and new
antiepileptic drugs: the international EURAP Pregnancy Registry invitation.
Acta Neurologica Taiwanica 2002; 11: 114-115
Vitali P, Avanzini G, Caposio L, Fallica E, Grigoletti L, Maccagnano E, Rigoldi B, Rodriguez G,
Villani F.
Cortical location of 10-20 years system electrodes on normalized cortical MRI suifaces
IJBEM 2002; 4: 147
Sessa A, Amato M, Meroni M, Battini G, Righetti M, maglia A, Spinsi C, Di Vito R, Di Guaglielmo
R, Giordano F, Bovan I, Tonitorelli L, Bertagnolio B.
Variante clinica “renale” della malattia di Anderson Faby
Giornale Italiano di nefrologia 2002; 2: 216-230
Limongelli A, Tiranti V
Inherited Mendelian defects of nuclear mitochondrial communication affectivy the stability of
mitochondrial DNA
Mitochondrion 2002; 2: 39-46
Albanese A.
Initial bromocriptine did not ch’ange mortalità in early mild Parkinson disease.
ACPJ Clus 2002; 136(3): 109
Filippini G
Preventing Alzheimer’s disease through a change in diet: a feasible research.
Epidemiol Prev 2002; 26(3): 106
Rice GP, Incorvaia B, Munari L, Ebers G, Polman C, D’Amico R, Filippini G.
Interferon in relapsing-remitting multiple sclerosis Cochrane
ACP J Club 2002; May-Jun 136(3): 104
Diomede L, Forloni G, Bugiani O, Tagliavini F, Salmona M
The prion protein and cellular cholesterol homeostasis
Neurobio Lipids 2002: http://neurobiologyoflipids.org/content/1/3/
Granata T, Battaglia G
Poroencephaly.
Gilman S, Goldstein GW, Waxman SG (eds). Neurobase. Arbor Publishing Corp, San Diego 2002
Granata T, Battaglia G
Schizecephaly.
Gilman S, Goldstein GW, Waxman SG (eds). Neurobase. Arbor Publishing Corp, San Diego 2002
Battaglia G, D’Incerti L, Granata T
Periventricular nodular heterotopia.
Gilman S, Goldstein GW, Waxman SG (eds). Neurobase. Arbor Publishing Corp, San Diego 2002
Zeviani M
Disorders of nuclear-mitochondrial intergenomic signaling.
Medlink-Neurology. S. Gilman ed. Medlink website 2002
203
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 204
Zeviani M, Antozzi C, Savoiardo M, Bertini E.
Ataxia in Mitochondrial disorders
The Cerebellum and its Disorders. M Pandolfo and MU Manto eds. Cambridge University Press,
Cambridge, UK 2002: 548-556
Avanzini G, Ptàcek L.J
Epilepsies as channelopathies
R. Guerrini, J. Aicardi, F. Andermann, M. Hallett (eds):
Cambridge: Cambridge University Press 2002:1-14
Epilepsy and Movement Disorders.
Zeviani M, Antozzi C, Savoiardo M, Bertini E
“Ataxia in mitochondrial disorders”.
The cerebellum and its disorders. Manto MU, Pandolfo M, eds. Cambridge Unviersity Press,
Cambridge, UK 2002: 548-561
Savoiardo M, Grisoli M
Magnetic resonance imaging of movement disorders
Parkingson’s disease and movement disorders. Jankovich JJ, Tolosa E, eds. Lippincott Williams &
Wilkins, Philadelphia, 2002: 596-609
Angelini L, bardare M, Martini A (eds)
Immune-mediated disorders of the central nervous system in children.
John Libbey and Company, London, 2002
Nardocci N, Fernandez-Alvarez E, Wood NW, Spacey SD, Richter A
The paroxysmal dyskinesias.
Guerrini R, Aicardi J, Andermann F, M. Hallet (eds). Epilepsy and Movement disorders. Cambridge
University Press. 2002; 125-139
L. Grazzi, M. Leone, D. D’Amico, S. Usai, G. Bussone
Cluster Headache
V. Guidetti, G. Russell, M. Sillanpaa, P. Winner. Headache and migraine in childhood and
adolescence. Martin Dunitz Ltd, London 2002; 259-272
F. Andrasik, B. Larsson, L. Grazzi:
Biofeedback treatment of recurrent headaches in children and adolescents
V. Guidetti, G. Russell, M. Sillanpaa, P. Winner. Headache and migraine in childhood and
adolescence. Martin Dunitz Ltd, London. 2002; 317-332
Brisinda G., Maria G., Bentivoglio A.R., Albanese A
The role of botulinum toxin in gastrointestinal disorders.
Scientific and therapeutic aspects of botulinum toxin, a cura di Brin MF, Jankovic J, Hallett M.
Lippincott, Williams & Wilkins, Philadelphia (USA) 2002; 269- 285
Conti-Fine BM, Diethelm-Okita B, Ostlie N, Wang W, Milani M
Immunopathogenesis of Myasthenia Gravis
Kaminski HJ (Ed) “Current Clinical Neurology: Myasthenia Gravis and Related Disorders”, Humana
Press Inc., Totowa, NJ, USA,2002; 2: 53-92
Leonardi M. editor
ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità e della Salute
OMS 2002
204
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 205
Di Donato S, Taroni F
Diseases associated with defects of beta-oxidation.
The molecular and genetics basis of neurologic and psychiatric diseases. RN Rosenberg SB Prusinei,
S Di Mauro and RL Bodri, eds (Oxford, Butterwoth- Heine Nomn) 2002
Garavaglia B
Rìiboflevin Responsive Disorders
Vitamin Responsive Conditions in Paediatric Neurology. Baxter eds. Mac Keith Press Sheffield, UK
2002; 47-53
Andreetta F, Antozzi C
Myasthenia gravis
Preedy VR, Peters TJ (Eds) Skeletal muscle: pathology, diagnosis and management of disease.
Greenwich Medical Media, London, 2002; 19: 219-227
Bernasconi P, Granata T, Baggi F, Passerini L, Mantegazza R.
Epilepsy and autoantibodies.
Vincent A and Martino G (Eds) “Autoantibodies in neurological diseases”, Springer-Verlag, Milano
2002; 12: 152-161
La Mantia L, Milanese C, Mascoli N, Incorvaia B, D’Amico R, Weinstock-Guttman B.
Cyclophosphamide for multiple sclerosis.
The Cochrane Library 2002: Issue 4
Mantegazza R, Baggi F, Bernasconi P.
Methods for examination of antibodies in skeletal muscle disease.
Preedy VR, Peters TJ (Eds) Skeletal muscle: pathology, diagnosis and management of disease.
Greenwich Medical Media, London 2002; 33: 361-370
Mantegazza R, Bernasconi P, Cornelio F
Idiopathic inflammatory myopathies: immunological aspects.
Vincent A and Martino G (Eds) “Autoantibodies in neurological diseases”, Springer-Verlag, Milano
2002; 6: 76-92
Brisinda G., Maria G., Bentivoglio A.R., Albanese A
The role of botulinum toxin in gastrointestinal disorders
Scientific and therapeutic aspects of botulinum toxin, a cura di Brin MF, Jankovic J, Hallett M.
Lippincott, Williams & Wilkins, Philadelphia (USA), 2002; 269-285
205
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 206
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 207
VOLONTARIATO,
ASSOCIAZIONI
E FONDAZIONI
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 209
ELENCO ASSOCIAZIONI DI PAZIENTI PRESENTI IN ISTITUTO
• Associazione Italiana Corea di Huntington – AICH Milano
Website: http://www.aichmilano.org/ - tel 02 2394498
• Associazione Italiana Miastenici – AIM Milano
Website: http://www.miastenia.it/ - tel. 2360380
• Associazione Italiana per i Tumori Cerebrali – AITC
website: http://tumoricerebrali.it/Aitc/text.htm
ASSOCIAZIONI PER IL SOSTEGNO E L’ASSISTENZA IN OSPEDALE
• Associazione Amici Divisione Infantile - CBDIN
• Associazione Bambini In Ospedale - ABIO (opera presso le divisioni di Neuropsichiatria
Infantile)
Website: http://www.abio.org/
ASSOCIAZIONI PER LA PROMOZIONE DELLA RICERCA NEL CAMPO NEUROLOGICO
• Associazione per la promozione delle ricerche neurologiche – ARIN
Website: http://www.eurispes.it/Eurispes/185/schede/arin.htm
• Associazione Renato Boeri Amici dell’Istituto Neurologico Besta - B.R.A.I.N.
• Associazione Paolo Zorzi per le neuroscienze
• Fondazione Pierfranco e Luisa Mariani
Website: http://www.fondazione-mariani.org/
209
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 210
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 211
I NUMERI UTILI
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 213
Centralino
02.23941
Sito web
www.istituto-besta.it
CUP - Centro Unico di Prenotazione
02.2394234-235
Direzione Sanitaria
02.2394392
Direzione Scientifica
02.2394335
Direzione amministrativa
02.2394310
URP - Ufficio Relazioni per il Pubblico
02.2394292
Archivio Cartelle Cliniche
02.2394332
Accoglienza ricoveri
02.2394316
Portineria
02.2394326
213
BESTA_REPORT ANNUALE 2002
9-01-2004
10:49
Pagina 216
A cura della Direzione Scientifica – Istituto Nazionale Neurologico “Carlo Besta”, IRCCS
Editor: Dr.ssa Matilde Leonardi
Hanno collaborato
Donatella Panigada
Loredana Vincenzi
www.istituto-besta.it
[email protected]
Stampa: GMB
Scarica

BESTA_REPORT ANNUALE 2002 - Istituto Neurologico Carlo Besta