MENSILE N.12 DICEMBRE 2014 € 3,50
CHE NATALE!
Senz’altro stupefacente.
Gli imperdibili
in sala e negli Usa
A N T E P R I M A
AMERICAN SNIPER
Eastwood fa centro con un
combat-film straziante
SENZA
FRONTIERE
Tertio Millennio compie
18 anni e diventa
più grande
Poste Italiane SpA - Sped. in Abb. Post. - D.I. 353/2003
(conv. in L. 27.02.2004, n° 46), art. 1, comma 1, DCB Milano
PER VISUALIZZARE I
CONTENUTI EXTRA SCARICA
L'APP DI AR-CODE
E INQUADRA LA COPERTINA
O LA LOCANDINA
DEL FLIM
fondazione ente™
dello spettacolo
G H I B L I
LA MENTE DICE SÌ
IL CUORE DICE
ASSOLUTAMENTE SÌ.
MASERATI GHIBLI. A PARTIRE DA 68.000 €*
LA NUOVA MASERATI GHIBLI È EQUIPAGGIATA CON UNA GAMMA DI AVANZATI MOTORI 3 LITRI
DOTATI DI CAMBIO AUTOMATICO ZF A 8 RAPPORTI, INCLUSO IL NUOVO PROPULSORE TURBODIESEL.
DISPONIBILE ANCHE CON IL SISTEMA A TRAZIONE INTEGRALE Q4.
maserati.com
MAIN SPONSOR
Fanpage Maserati Italia
VALORI MASSIMI (GHIBLI DIESEL): CONSUMO CICLO COMBINATO 5.9 L/100 KM. EMISSIONI CO2: 158 G/KM.
*PREZZO CHIAVI IN MANO, IPT ESCLUSA RIFERITO ALLA VERSIONE DIESEL. PREZZO DI LISTINO AL 01.04.2014
Instagram Maserati Italia
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
Punti di vista
1XRYDVHULH$QQRQGLFHPEUH
,QFRSHUWLQD Lo Hobbit - La battaglia delle Cinque
Armate GL3HWHU-DFNVRQ
Seguici anche su
FACEBOOK
&LQHPDWRJUDIRLW
(QWH6SHWWDFROR
TWITTER
#FLQHPDWRJUDIR,7
YOUTUBE
(QWH6SHWWDFROR
Oltre la crisi
',5(7725(5(63216$%,/(
Ivan Maffeis
Sull’anno che si chiudeQRQKDVPHVVRGLVRI²DUHXQYHQWRFKH
GH²QLUHIDVWLGLRVRVDUHEEHHXIHPLVWLFR&LVLULWURYDFRQVWLSHQGL
FKHKDQQRGLPLQXLWRLOORURSRWHUHG¬DFTXLVWRLQXQDFDVDVXGXH
LOPHWWHUHGDSDUWHTXDOFRVDqGLYHQWDWRXQPLUDJJLR&DPELDXQ
FRQWHVWRVRFLDOHHFDPELDUDSLGDPHQWHHLQSURIRQGLWjDQFKH
LOPRQGRGHOODYRURFRQLOYHQLUPHQRGLRSSRUWXQLWjG¬DFFHVVR
JDUDQ]LHHWXWHOH²QRDLHULGDWHSHUVFRQWDWH$XPHQWDQROH
VLWXD]LRQLGLLQFHUWH]]DHGLSUHFDUL]]D]LRQHVSHFLHWUDJOLDGXOWL
FKLSHUGHO¬RFFXSD]LRQHFR]]DFRQWURWDQWHSRUWHFKLXVH
&$325('$7725(
Marina Sanna
5('$=,21(
Gianluca Arnone, Federico Pontiggia, Valerio
Sammarco
&217$77,
[email protected]
$57',5(&725
Alessandro Palmieri
HANNO COLLABORATO
$QJHOD%RVHWWR$GULDQR(UFRODQL2ULR
&DOGLURQ*LDQOXLJL&HFFDUHOOL$QGUHD&KLPHQWR
%UXQR)RUQDUD*LDQORUHQ]R)UDQ]u*LXVHSSH
*DULD]]R0DUFR/HWL]LD0LULDP0DXWL0DVVLPR
0RQWHOHRQH)UDQFR0RQWLQL$QJHOD3UXGHQ]L
0DQXHOD3LQHWWL(PDQXHOH5DXFR0DUFR
6SDJQROL
REGISTRAZIONE AL TRIBUNALE DI ROMA
1GHOOXJOLR
,VFUL]LRQHDO52&QGHO
STAMPA
7LSRJUD²D6753UHVV6UO9LD&DUSL
3RPH]LD50
)LQLWDGLVWDPSDUHQHOPHVHGLQRYHPEUH
MARKETING E ADVERTISING
(XUHND6UO9LD/6RGHULQL0LODQR
7HO)D[
&HOO
HPDLOLQIR#HXUHNDLGHDLW
DISTRIBUTORE ESCLUSIVO
0(3(0LODQR
ABBONAMENTI
$%%21$0(1723(5/¬,7$/,$QXPHULHXUR
$%%21$0(1723(5/¬(67(52QXPHULHXUR
&&,QWHVWDWRD)RQGD]LRQH(QWHGHOOR6SHWWDFROR
PER ABBONARSI
DEERQDPHQWL#HQWHVSHWWDFRORRUJ
7HO
PROPRIETA’ ED EDITORE
35(6,'(17(
Ivan Maffeis
',5(7725(
Antonio Urrata
8)),&,267$03$
XI²FLRVWDPSD#HQWHVSHWWDFRORRUJ
&2081,&$=,21((69,/8332
Franco Conta - [email protected]
&225',1$0(1726(*5(7(5,$
Marisa Meoni - [email protected]
DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE
9LD$XUHOLD5RPD
7HO)D[
DPPLQLVWUD]LRQH#HQWHVSHWWDFRORRUJ
Marion
Cotillard nel
UHFHQWH²OP
dei Dardenne,
Due giorni, una
notte
La contrazioneGHLFRQVXPLFRLQYROJH
LQHYLWDELOPHQWHLOVHWWRUHFXOWXUDOHHTXLQGL
O¬LQGXVWULDFLQHPDWRJUD²FD1RQRVWDQWHTXHVWR
QHO3DHVHLOJUDQGHVFKHUPRVLFRQIHUPDDQFRUD
ODIRUPDGLLQWUDWWHQLPHQWRSUHIHULWD&RVu
SURVHJXRQRJOLLQYHVWLPHQWLSHUO¬DGR]LRQH
GHOODWHFQRORJLDGLJLWDOHFRQXQDPSOLDPHQWR
VLJQL²FDWLYRGHOO¬RIIHUWDGLFRQWHQXWLFXOWXUDOLH
XQDSURJUDPPD]LRQHFKHLQGLYLGXDHYDORUL]]D
O¬LGHQWLWjORFDOH$QFKHTXLQRQPDQFDQROH
GLI²FROWjODGLVSRQLELOLWjGLVRVWHJQRSXEEOLFR
HODSRVVLELOLWjGLVFRQWDUHLQIDWWXUDLOWD[FUHGLW
VLVFRQWUDQRFRQOHIDWLFKHGHJOLHVHUFHQWLGL
SRWHUGLVSRUUHGHOODOLTXLGLWjQHFHVVDULD&RVuVH
LPXOWLVDODUHJLVWUDQRO¬LQFUHPHQWRGLLQJUHVVLH
LQFDVVLDPSLH]RQHULVFKLDQRGLUHVWDUHHVFOXVH
GDOODGLVWULEX]LRQHSHUFKpSULYHGLXQOXRJRG¬LQFRQWUR
Come Fondazione Ente dello SpettacoloLO§ROWUHFKHDG
DVVLFXUDUHODTXDOLWjGHOO¬HGL]LRQHFDUWDFHDHGLJLWDOHGHOODRivista
§FLWURYHUjLPSHJQDWLDULQQRYDUHLVHUYL]LGHOOD&RPPLVVLRQH
1D]LRQDOH9DOXWD]LRQH)LOPQHOO¬LQWHQWRGLVWULQJHUHXQUDSSRUWR
SLIHFRQGRFRQLOWHUULWRULR$OWURDPELWRQRQVHFRQGDULRq
TXHOORFKHFLYHGUjRIIULUHLOQRVWURVXSSRUWRDOODUHDOL]]D]LRQH
GHOOD©%XVVRODGHOFLQHPDªLOSRUWDOHFKHOD'LUH]LRQH*HQHUDOH
SHULO&LQHPDGHO0L%$&7VWDUHDOL]]DQGRSHURULHQWDUHOH
SURGX]LRQLHFKLXQTXHYRJOLDJLUDUH²OPLQ,WDOLDIRUQLUj
LQGLFD]LRQLVXFRPHOR6WDWRLQWHUYLHQHLQDLXWRGHOOHSURGX]LRQL
DXGLRYLVLYHFRPHDJLVFRQROHYDULH)LOP&RPPLVVLRQTXDOLOH
ORFDWLRQGLVSRQLELOL/DQFHUHPRLQROWUHXQSURJHWWR(GXFDWLRQDO
SHUVRVWHQHUHLJLRYDQLWDOHQWLXQDVWUXWWXUDDJLOHLQJUDGRGL
IRUQLUHORURVXSSRUWRWHFQLFRHFRPXQLFDWLYR,QXWLOHGLUHFKHVL
WUDWWDGLXQDVFRPPHVVDLQFRQWURWHQGHQ]DFRQODFULVLDWWXDOH
QRQPDQFKHUjO¬RFFDVLRQHSHUULSDUODUQH
%XRQ1DWDOHEXRQDQQR
$VVRFLDWRDOO¬863,
8QLRQH6WDPSD3HULRGLFD,WDOLDQD
,QL]LDWLYDUHDOL]]DWDFRQLOFRQWULEXWRGHOOD
'LUH]LRQH*HQHUDOH&LQHPD0LQLVWHURGHL
%HQLHGHOOH$WWLYLWj&XOWXUDOLHGHO7XULVPR
/DWHVWDWDIUXLVFHGHLFRQWULEXWLVWDWDOLGLUHWWL
GLFXLDOODOHJJHDJRVWRQ
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
5
APRITEVI
A NUOVE OPPORTUNITÀ
GHIBLI, QUATTROPORTE, GRANTURISMO E GRANCABRIO
Per più di un secolo Maserati ha perfezionato l’arte di progettare e costruire automobili, producendo alcuni tra gli esemplari più ammirati
al mondo, nati per clienti raffinati e selezionati. Oggi, i frutti di questa gloriosa tradizione traspaiono distintamente nell’attuale gamma del
Tridente, composta da Ghibli, Quattroporte, GranTurismo e GranCabrio. Creazioni uniche in cui trova compimento la perfetta unione tra
lusso, tecnologia all’avanguardia, perfomance senza compromessi e uno stile mozzafiato - ognuna delle quali è realizzata con cura artigianale
e personalizzata con passione, per soddisfare una nuova ed altrettanto esigente clientela.
GHIBLI DIESEL - CONSUMO: (CICLO COMBINATO) 5,9 L/100 KM - EMISSIONI DI CO2: (CICLO COMBINATO) 158 G/KM.
QUATTROPORTE DIESEL - CONSUMO: (CICLO COMBINATO) 6,2 L/100 KM - EMISSIONI DI CO2: (CICLO COMBINATO) 163
G/KM. GRANTURISMO - CONSUMO: (CICLO COMBINATO) 14,3 L/100 KM EMISSIONI DI CO2: (CICLO COMBINATO) 330
G/KM. GRANCABRIO - CONSUMO: (CICLO COMBINATO) 14,5 L/100 KM - EMISSIONI DI CO2: (CICLO COMBINATO)
337 G/KM - MASERATI CONTACT CENTER: 800 008 008
I dati possono non riferirsi ai modelli rappresentati.
www.maserati.it
MAIN SPONSOR
Fanpage Maserati Italia
Instagram Maserati Italia
SOMMARIO
DICEMBRE 2014
18 Glamorous
12
12 Tertio Millennio Film Fest
The President di Makhmalbaf,
Alix Delaporte e non solo al
nostro Festival
14 Brividi di genere
16 COVER STORY
Goodbye Hobbit
Termina il viaggio di Peter Jackson
nella Terra di Mezzo.
18 Ian McKellen racconta:
“Preferisco questo Gandalf a
quello del Signore degli Anelli”
23 SPECIALE
Buon Natale!
ALIX DELAPORTE
A TERTIO MILLENNIO
54
30
BIG HERO 6
Guida per non perdersi
nell’offerta delle feste
24 Pacchi inattesi 26 Il ragazzo
invisibile: a tu per tu con
Salvatores 28 Giacomo Poretti:
“Ecco Il ricco, il povero e il
maggiordomo” 30 La Disney
prova a sbancare con Big Hero 6
32 L’Inghilterra dice Pride
34 Enigma Alan Turing: The
Imitation Game 36 Negli Stati
Uniti, intanto… 40 Clint spara
ancora: American Sniper
46 Peyman Moaadi
L’Iran ha il suo volto: intervista
all’attore, in sala con il
sorprendente Melbourne
40
AMERICAN
SNIPER
48 Torino non mente
Questione d’identità: esame
superato per la 32ª volta
54 Ritratti
BURT
LANCASTER
46
18
Burt Lancaster, dal circo al
grande schermo
57,²OPGHOPHVH
Recensioni, anteprime, colpi di
fulmine
72 Dvd & Blu-ray
Apes Revolution, Blade Runner
Ultimate Edition
INCONTRO
CON PEYMAN
MOAADI
78 Borsa del cinema
IAN McKELLEN È
ANCORA GANDALF
80 Libri
82 Colonne sonore
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
7
Ultimissime dal pianeta cinema: news e tendenze
glamorous
DFXUDGL Gianluca Arnone
3UHVHSH
KROO\ZRRGLDQR
A Natale, si sa, siamo tutti più buoni.
E anche questa rubrica si adegua: via
livore e bacchetta, per un sentito grazie
alle pie star dell’anno
Abbiamo usato spesso l’ironia con le star che
fanno parlare di sé per i motivi più scemi.
)RUVHDQFKHOD²ODQWURSLDqXQPRGRSHUIDUVL
SXEEOLFLWjSHUzqXQPRGRPLJOLRUH3XUH
LQXQDPELHQWHFRVuHI²PHURVLSXzDOOHVWLUH
un presepe con la faccia migliore dello star
system. Iniziando dal Lato B di Buono di
Jennifer Lopez e dal Sorriso Sincero della
Witherspoon, entrambe 9DULHW\3RZHURI
Women 2014, riconoscimento che ogni anno il
PDJD]LQHDVVHJQDDFKLVLqLPSHJQDWRGLSL
per una giusta causa.
8
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
,O&RQJRGL%HQ$I³HFN
/¬LPSHJQRGL%HQ$I³HFNLQ&RQJRqDPPLUHYROHQRQIRVVH
DOWURSHUODVFDUVDYLVLELOLWjGHOSDHVHDIULFDQRVXOOHSDJLQH
GHLJLRUQDOL6RVWLHQHODSRSROD]LRQHSRYHUDDWWUDYHUVR
O¬RUJDQL]]D]LRQHGDOXLIRQGDWDOD(DVWHUQ&RQJR,QLWLDWLYH
Clooney anti-regime
*HRUJH²QDQ]LDLOSURJHWWRGLRVVHUYD]LRQHVXLFULPLQLGL
JXHUUDHJOLDEXVLYHUVRLGLULWWLXPDQL6DWHOOLWH6HQWLQHO
3URMHFWÈVWDWRDUUHVWDWRD:DVKLQJWRQGXUDQWHODSURWHVWD
FRQWURLOUHJLPHGHOSUHVLGHQWHVXGDQHVH2PDUDO%DVKLU
/DFRSSLDSLEXRQDGHOPRQGR
%UDQJHOLQDQRQqVRORXQDFUDVLVWHOODUHPDXQDYHUDHSURSULDPXOWLQD]LRQDOH
GHOODFDULWjFRQRWWRPLOLRQLGLGROODULGRQDWLGDOODORURIRQGD]LRQHRJQLDQQR
%UDG3LWWH$QJHOLQD-ROLHVRQRLQSULPDOLQHDFRQWURODSRYHUWjHDIDYRUH
GHOO¬DPELHQWHHGHOODSUHVHUYD]LRQHGHOOHULVRUVHQDWXUDOL
0LD)DUURZSHULO'DUIXU
/¬H[FRPSDJQDGL:RRG\$OOHQq
GDWHPSRLPSHJQDWDQHOODFDXVD
GHO'DUIXU1RQRVWDQWHOHQXPHURVH
GHQXQFHVXOODVLWXD]LRQHQHOOD
SURYLQFLDGHO6XGDQLOSUREOHPD
SHUPDQHHQHVVXQRVHPEUD
LQWHQ]LRQDWRDULVROYHUOR$QFKHSHU
TXHVWRIRU]DHFRUDJJLR0LD
Ford al verde
+DUULVRQ)RUGUDFFRJOLH
IRQGLSHU&RQVHUYDWLRQ
,QWHUQDWLRQDOJUXSSR
OHDGHUQHOODULFHUFD
DPELHQWDOH6RUYRODSRL
UHJRODUPHQWHO¬+XGVRQ
5LYHUDERUGRGLXQ
HOLFRWWHURSHUFRQWUROODUH
ODVLWXD]LRQHGHOOHDFTXH
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
9
glamorousNews
Che succede in città? Eventi speciali, digitali,
on stage e live: tutto quello che non puoi e non devi perdere
Il cartellone
Cenerentola
Matisse on screen
Dal MoMA, la mostra
dedicata ai dipinti con
le forbici
La celebre favola
musicata da Gioachino
Rossini, nella versione
FLQHPDWRJUD²FDGLUHWWD
da Carlo Verdone.
Il 23 dicembre nelle
sale italiane con
Microcinema.
'RSRLOVXFFHVVRGL
Hermitage e Musei Vaticani
3DDUULYDVXOJUDQGHVFKHUPR
ODPRVWUDGHGLFDWDDJOLXOWLPL
DQQLGL+HQUL0DWLVVH0DUWHGu
GLFHPEUHJOLVSHWWDWRUL
SRWUDQQRDVVLVWHUHD©7KH
&XWRXWVªO¬DOOHVWLPHQWRGHOOD
7DWH0RGHUQGL/RQGUDHGHO
0R0$GL1HZ<RUNGHGLFDWR
DOODSURGX]LRQH²QDOHGHO
PDHVWURGHOO¬LPSUHVVLRQLVPR
©LGLSLQWLFRQOHIRUELFLª
FRVWUHWWRGDXQFDQFUR
DOO¬LQWHVWLQRHGDXQGHOLFDWR
LQWHUYHQWRFKLUXUJLFRDG
XWLOL]]DUHODVHGLDDURWHOOH
0DWLVVHUHDOL]]zLVXRLFHOHEUL
FROODJHVO¬DUWHFXLTXHVWD
PRVWUDqGHGLFDWD
Fidelio
L’evento lirico
dell’anno: il Fidelio di
Beethoven inaugura
la stagione alla Scala
di Milano. Dirige
Daniel Barenboim. Il 7
dicembre in sala con
Microcinema.
Il grande Lebowski
Il leggendario cult dei
fratelli Coen e il loro
Drugo tornano per tre
giorni nelle sale del
circuito The Space (1516-17 dicembre), in una
versione rieditata.
Quadrophenia
Cathedrals of Culture
Il meglio dell’Europa? Ve lo mostrano Wenders, Olin e Redford
,O²OPFDSRODYRUR
ispirato all’omonimo
album degli Who (che
quest’anno festeggiano
i 50 anni di carriera) al
cinema il 10 dicembre,
in versione restaurata.
Tempi moderni
Nel centenario della
nascita della maschera
più famosa del cinema,
Charlot, l’8 dicembre
la Cineteca di Bologna
porta in sala uno dei
VXRL²OPSLEHOOL
10
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
:LP:HQGHUV0LFKDHO*ODZRJJHU
0LFKDHO0DGVHQ5REHUW5HGIRUG
0DUJUHWK2OLQH.DULP$wQRX]RJQXQR
GLORURUDFFRQWDDVXRPRGRXQFHQWUR
YLYRGLFXOWXUDLQXQ²OP'GLYLVRLQ
GXHSDUWLQHOSULPROD)LODUPRQLFDGL
%HUOLQROD%LEOLRWHFD1D]LRQDOH5XVVD
HLO&DUFHUHGL+DOGHQQHOVHFRQGRLO
6DON,QVWLWXWHLO3DOD]]RGHOO¬2SHUDGL
2VORHLO&HQWUH3RPSLGRXCathedrals
of CultureVDUjDOFLQHPDLOH
GLFHPEUHFRQ,:RQGHU3LFWXUHV
eventi
OLTRE LA
DITTATURA
“Un tiranno caduto nell’inferno che ha costruito per il proprio
popolo”: The President, diretto da Mohsen Makhmalbaf. Che
inaugura il festival Tertio Millennio
di Federico Pontiggia
12
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
‘‘
Q
uando nasciamo siamo tutti bambini
innocenti, poi qualcuno può diventare simile a un dio e avere potere
VXOOH DOWUH SHUVRQH ,O PLR GLWWDWRUH
è un dio caduto nell’inferno che ha
FRVWUXLWRSHULOSURSULRSRSRORª3Drola del regista iraniano Mohsen Makhmalbaf, che
porta al 18° Tertio Millennio Film Fest The PresidentJLjWLWRORG¬DSHUWXUDGL2UL]]RQWLD9HQH]LD
3URWDJRQLVWD LO GLWWDWRUH 0LVKD *RPLDVKYLOL
di un immaginario paese caucasico che dopo un
colpo di stato deve scappare con il nipotino di
FLQTXHDQQL'DFKL2UYHODVKYLOLVFRSULUjLOWHUULWRULRFKHKDVRWWRPHVVRFRQRVFHUjLOSRSRORFKH
ha martoriato per anni…
©'RSRLOFROODVVRGLXQUHJLPHFKHVLDGLXQUHXQ
presidente o un despota, la violenza usata contro
GL ORUR GDOOH SHUVRQH GHO SDHVH SRUWHUj D QXRYH
YLROHQ]H 3HUFKp LO QXRYR SDUWLWR GRPLQDQWH QRQ
FRQFHGHUj SRWHUL SHUFKp KD SDXUD GL LQFRUUHUH
QHOOD VWHVVD ²QH YLROHQWDª RVVHUYD 0DNKPDOEDI
che vive da tempo lontano dalla propria patria:
©,QTXHVWLDQQLLOFLQHPDLUDQLDQRVLqGLYLVRLQGXH
parti: alcuni registi hanno scelto di lavorare fuori dal paese per realizzare le proprie opere, altri
VRQR ULPDVWL LQ ,UDQ GRYH WURYDQR GLI²FROWj D JLUDUH L SURSUL ODYRUL ( DOFXQL GL ORUR YHQJRQR DQFKH DUUHVWDWLª (SSXUH TXHO FKH ULPDQH XQR GHL
0LVKD*RPLDVKYLOL
in una scena di The
President
principi della nuova onda iraniana con titoli quali
Kish Tales (1999) e Viaggio a Kandahar (2001),
non è avvelenato sul qui e ora, anzi, trasgredisce
O¬LQGLFD]LRQHJHRJUD²FDWLSLFD§©The President è
LOULWUDWWRVDWLULFRQRQGLXQVLQJRORVSHFL²FRGHspota, ma di tutti i dittatori: visti da lontano fanno
SDXUDGDYLFLQRVRQRJURWWHVFKLSHU²QRULGLFROLª
§ H VWLJPDWL]]D XQ YXOQXV XQLYHUVDOH ©3ULPD FKH
VXXQGLWWDWRUHqXQ²OPVXOODYLROHQ]DYLROHQ]D
JHQHUDYLROHQ]DQRQVHQHHVFHª
Dunque, serve tendere la mano, credere in un altro
PRQGRSRVVLELOHSUHGLFDUHODULFRQFLOLD]LRQH©'Dchi rappresenta l’innocenza perduta dal nonno, la
VXDFRVFLHQ]DSHUGXWDª*Lj I bambini ci guardanoGLFHYDLOFRPSLDQWR9LWWRULR'H6LFDHO¬HUHGLWj
neomagicorealista di Mohsen non dimentica: nelle mani di un bambino, il mappamondo è solo un
JLRFRQRQDIIDUHGDGLWWDWRUL'XQTXHVH©GDXQ
lato c’è la sofferenza che questi dittatori causano
al popolo e dall’altro quella provocata dalle rivoluzioni, The President sposa la speranza che questo
FLUFRORYL]LRVRSRVVDHVVHUHVSH]]DWRª
-
SENZA FRONTIERE
Sono passati 18 anni e siamo diventati più grandi. A Roma dal 9 al 14 dicembre
Un tempo la frontiera era intesa come
il territorio da raggiungere, conquistare
RGROWUHSDVVDUH2JJLSLFKHXQFRQ²QH
LGHDOHRJHRJUD²FRqXQOHLWPRWLYFKH
DWWUDYHUVDOHFLQHPDWRJUD²HGHOPRQGR8QD
barriera da superare, rovesciare, rompere
RSSXUHGDFRQGLYLGHUHHFRPSUHQGHUH,Q
TXHVWDVHOH]LRQHGL²OPRUJDQL]]DWDGDOOD
)RQGD]LRQH(QWHGHOOR6SHWWDFRORDOOD6DOD
Trevi di Roma), i registi ne parlano ognuno con
il proprio linguaggio: c’è l’amore che supera
la malattia (7KH7KHRU\RI(YHU\WKLQJ), gli
affetti familiari nel toccante Le dernier coup
de marteau di Alix Delaporte, il muro del
IDQDWLVPRGHOOD©JLXVWL]LDªQHOSOXULSUHPLDWR
Court), lo scontro con un altro credo religioso
per la protagonista di Maryam (corto vincitore
D9HQH]LDRSHUXQD²OLSSLQDLQXQDIDPLJOLD
cinese di Singapore (Ilo Ilo$QLPHGLYHUVH
che si ritrovano e si ricongiungono in The
Passage di Roberto Minervini, il folgorante
esordio di un giovane che in breve è diventato
DXWRUH 06
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
13
brividi di genere
I FESTIVAL
DFXUDGLMassimo Monteleone
Agenda del
mese: ecco gli
appuntamenti da
non perdere
1 FESTIVAL
INTERNAZIONALE DEL
CINEMA DI SALERNO
Località 6DOHUQR,WDOLD
Periodo GLFHPEUH
Tel. WebIHVWLYDOGHOFLQHPDLW
Mail LQIR#IHVWLYDOGHOFLQHPD
LW
Resp.0DULR'H&HVDUH
ASIA FILM
2 ACROSS
FESTIVAL
Località &DJOLDUL,WDOLD
Periodo GLFHPEUH
Tel. WebDFURVVDVLDIIRUJ
Mail LQIR#DFURVVDVLDIIRUJ
Resp. 6WHIDQR*DODQWL0DULD
3DROD=HGGD
3 FESTIVAL
INTERNACIONAL DEL
NUEVO CINE
LATINOAMERICANO
IL FASCINO INDISCRETO
DEL VAMPIRO
Il mito del “Principe delle tenebre” attraverso i secoli. Senza
ammaccature, come dimostra il recente Dracula Untold
D
UDFXODqLPPRUWDOH
Il cinema lo ha
DPDWR²QGDLWHPSL
del muto e continua ad
amarlo. La recente uscita
di Dracula Untoldq
l’occasione per compiere
un viaggio alla (ri)scoperta
GLTXHL²OPFKHKDQQR
contribuito a rendere
ancora più immortale il
PLWRGHO©SULQFLSHGHOOH
WHQHEUHª6RUSUHQGH
sempre vedere come i
personaggi, i luoghi, le
situazioni descritte da
%UDP6WRNHUVLDQRVWDWH
adattate intrecciando
fedeltà e invenzioni
QDUUDWLYHH²JXUDWLYH
Se Nosferatu il vampiro
(1922) di Friedrich W.
0XUQDXHLOVXRUHPDNH
Nosferatu, il principe della
notte (1979) di Werner
+HU]RJVRQRGXH©FDSLWROL
DVpª²QGDOODGHVFUL]LRQH
²VLFDGHOFRQWHPROWH
altre opere disegnano
LQ²QLWHWUDLHWWRULHDWWRUQR
alla seduzione di un
personaggio ipnotico.
Dal Dracula (1931) di
Tod Browning con Bela
Lugosi a quello di John
Badham del 1979 con
)UDQN/DQJHOOD'DL²OP
di Terence Fisher con
Christopher Lee per la
Hammer, veri e propri
saggi sull’uso del colore (il
SULPRqDracula il vampiro
del 1958), a Dracula di
%UDP6WRNHU (1992) di
Francis Ford Coppola e
Dracula 3D (2012) di Dario
Argento, entrambi omaggi
anche al cinema delle
origini. Senza dimenticare
due gemme della
©EOD[SORLWDWLRQªFRQXQ
Dracula nero (interpretato
da William Marshall) per
le strade di Los Angeles:
Blacula (1972) di William
Crain e Scream Blacula
Scream (1973) di Bob
.HOOMDQGRYHLOYDPSLUR
incontra i riti voodoo.
GIUSEPPE GARIAZZO
Murnau fa
esordire il “non
spirato” sullo
schermo.
14
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
TO RIVER –
4 RIVER
FLORENCE INDIAN FILM
FESTIVAL
Località )LUHQ]H,WDOLD
Periodo GLFHPEUH
Tel. WebULYHUWRULYHULW
Mail LQIR#ULYHUWRULYHULW
Resp.6HOYDJJLD9HOR
NOIR IN
5 COURMAYEUR
FESTIVAL
Località &RXUPD\HXU,WDOLD
Periodo GLFHPEUH
Tel. ULID5RPD
WebQRLUIHVWFRP
Mail QRLU#QRLUIHVWFRP
Resp.*LRUJLR*RVHWWL0DULQD
)DEEUL
FORWARD FILM
6 THINK
FESTIVAL
Località 9HQH]LD,WDOLD
Periodo GLFHPEUH
Tel. WebWKLQNIRUZDUGIHVWLYDOLW
Mail [email protected]
WKLQNIRUZDUGIHVWLYDOLW
Resp. $OEHUWR&UHVSL5RFFR
*LXUDWR
FILM
7 INTERNATIONAL
FESTIVAL OF KERALA
Tre passi nelle tenebre
Nosferatu il vampiro / 1922
Località /¬$YDQD&XED
Periodo GLFHPEUH
Tel. WebKDEDQD²OPIHVWLYDOFRP
Mail IHVWLYDO#IHVWLYDOLFDLFFX
Resp.,YiQ*LURXG
Dracula / 1931
Con Bela
Lugosi diretto
da Browning,
Dracula parla.
'UDFXODGL%UDP6WRNHU / 1992
1HO²OPGL
Coppola il conte
dei Carpazi va al
cinema!
Località 7KLUXYDQDQWKDSXUDP
.HUDOD,QGLD
Periodo GLFHPEUH
Tel. WebNHUDOD²OPFRP
Mail LQIR#LIINLQ
Resp.%LQD3DXO9HQXJRSDO
FILM FESTIVAL
8 ROMA
Località 5RPD,WDOLD
Periodo GLFHPEUH
Tel. Mail SLQWDOGLDGULDQR#JPDLO
FRP
Resp.$GULDQR3LQWDOGL
COVER STORY
TERRA DI MEZZO,
Il viaggio di
Peter Jackson si
conclude con La
battaglia delle
Cinque Armate.
Ci mancherai,
Bilbo Baggins
di Adriano Ercolani
16
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
ADDIO!
Stavolta ci siamo, il viaggio si conclude
definitivamente. Una pagina indelebile di
storia del cinema fantasy giunge al termine.
Con Lo Hobbit Peter Jackson non è semplicemente tornato nella Terra di Mezzo. Lo ha
fatto a modo suo, mescolando tradizione e
sperimentazione come nessun altro cineasta contemporaneo ha saputo fare. Se infatti l’universo da lui immaginato era lo stesso
de Il Signore degli Anelli, non lo avevamo
comunque ancora ammirato esterrefatti nel
realismo stordente dei 48 fotogrammi al
secondo. Uno spettacolo impossibile da
dimenticare. Molti scommettono che La
battaglia delle Cinque Armate sarà uno
spettacolo indimenticabile, soprattutto grazie al già leggendario scontro che dà il titolo al film, della durata di ben quarantacinque minuti. Saluteremo dunque una volta
per tutte Gandalf, Galadriel e tutti gli altri
eterni personaggi creati dalla penna di
J.R.R. Tolkien. Ci mancherà soprattutto
Bilbo Baggins, interpretato magistralmente
da un Martin Freeman capace di dipingerlo
con tratti di grande umanità. Quasi certamente La battaglia delle Cinque Armate –
che fino all’aprile di quest’anno doveva intitolarsi There and Back Again – riuscirà a
superare gli incassi de La desolazione di
Smaug, l’episodio meno amato da critica e
pubblico ma comunque capace di incassare
ben 960 milioni di dollari in tutto il mondo.
Un successo annunciato dunque, che merita di chiudere al meglio una delle più grandi saghe cinematografiche mai concepite.
Grazie di tutto, Mr. Jackson!
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
17
COVER STORY
Segreti di mago
A tu per tu con Ian McKellen, sul set tolkeniano di
Wellington: “Preferisco il Gandalf de Lo Hobbit a quello
del Signore degli Anelli. E su Jackson…”
di Adriano Ercolani
W
ellington, Nuova
Zelanda. Quando
arriviamo sul set de Lo
Hobbit è autunno
inoltrato. Fuori la
pioggia è battente, di quelle che ti
entrano nelle ossa. Dopo essersi
seduto nella poltrona del suo camerino,
Sir Ian McKellen chiede alla sua
assistente una coperta per ripararsi dal
freddo. Avvolto in un plaid verde
appare lontano anni luce da Gandalf.
L’eleganza è composta, il sorriso
affabile. Eppure il timore reverenziale
persiste, trattandosi di uno dei più
grandi attori viventi. Da dove
cominciare?
“So cosa stai per chiedermi – inizia
invece scherzoso Sir McKellen –. Lo
fanno tutti, quindi ti evito la fatica.
Preferisco Gandalf il Grigio, è più
umano, non è ossessionato come
Gandalf il Bianco dall’idea
di dover salvare il mondo
a tutti i costi. E ti svelo
subito un segreto: lo
preferisce anche Peter
Jackson…”.
È per questo che è
tornato dopo la sua
iniziale diffidenza?
All’inizio ero un po’
ritroso, lo ammetto. Ciò
che mi ha convinto è il
cambio di tono rispetto a
Il Signore degli Anelli.
18
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
Negli altri film salvavamo il mondo,
tutto era spinto al limite. Lo Hobbit è
più un’avventura gioiosa, nel libro è
narrata da Tolkien in prima persona,
egli stesso fa commenti e battute sui
personaggi. Peter in fondo ha cercato
questa leggerezza nei suoi film, è un
progetto diverso. Anche il cast è stato
scelto in questa direzione: Martin
Freeman è un attore comico favoloso,
così come Barry Humphries in Un
viaggio inaspettato, Billy Connolly che
vedremo ne La battaglia delle Cinque
Armate, oppure Stephen Fry.
Insomma c’è una netta differenza di
stile.
In entrambe le trilogie Gandalf è a
capo di un gruppo all’avventura.
Quale pensa sia il suo preferito?
Penso la Compagnia dell’Anello perché
è un gruppo che ha selezionato
personalmente, deve assicurarsi che
porti a termine la missione. Ne Lo
Hobbit i nani sono già in viaggio e gli
chiedono aiuto. In questo caso vuole
garantire che non alterino gli equilibri
della Terra di Mezzo. Ciò che vogliono
è riconquistare le ricchezze e il regno
perduti, il che scontenta molti altri,
soprattutto Smaug.
Nel film abbiamo ampliato ciò che nel
libro era suggerito, e cioè quello che
succede a Gandalf quando non è con i
nani.
Pensa che essere conosciuto in tutto il
mondo come Gandalf abbia oscurato
il resto della sua carriera?
Non credo che Gandalf abbia
sovrastato gli altri personaggi che ho
interpretato. Penso di aver tenuto il
resto separato. Non ho risorse illimitate
come attore, forse ne ho usato alcuni
elementi per altri
personaggi, come ad
esempio la voce. Ma non
ho interpretato Gandalf
per così tanto tempo che
non posso fare altro. Negli
anni che hanno separato Il
Signore degli Anelli da Lo
Hobbit ho fatto Re Lear,
Aspettando Godot, ho
recitato Strindberg a
Broadway e a Londra.
Sono contento di fare
Gandalf, ma non mi ha
limitato.
Ian McKellen
è ancora Gandalf.
Pagina accanto,
Lo Hobbit - La
battaglia delle
Cinque Armate
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
19
COVER STORY
Non ero
molto convinto
di riprendere
il ruolo, lo
ammetto. Ma
non sopportavo
l’idea che potesse
farlo qualcun
altro
Non sembra un attore che in effetti
si siede sugli allori…
Il fatto è che adoro lavorare. Quando
non lo faccio mi sento sempre a
disagio finché non arriva un nuovo
progetto. E se sono fortunato non sarà
come quello precedente. Per me
tornare a fare Gandalf il Grigio è stata
quasi una contraddizione, lo ammetto,
non era la sfida che stavo cercando. Ma
non ho saputo resistere. Non volevo
che qualcun altro lo interpretasse.
Sono sempre alla ricerca di qualcosa
che non ho fatto e che non sono sicuro
di poter fare, deve essere una sfida
costante a cercare cose differenti.
Cerco sempre cose che possano
sorprendere la gente, come ad
esempio recitare nella soap opera
britannica Coronation Street.
Da cosa dipende secondo lei questa
continua necessità di lavorare?
Ci sono stati momenti della mia vita in
20
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
cui sono stato troppo fermo, e non
avrei dovuto. Il modo in cui cerco di
evitarlo adesso è circondarmi di molti
amici differenti. Anche di diverse età,
ho molti amici più giovani di me. Penso
sia importante per persone della mia
età ricordare che ci sono altri che si
stanno affermando, e puoi carpire il
loro entusiasmo e farti ancora
contaminare da esso.
La battaglia delle Cinque Armate, atto finale della Hobbit - saga. Sopra, Ian McKellen
SMART TV
PC
TABLET
SMARTPHONE
IL CECCHINO PIÙ LETALE
DELLA STORIA AMERICANA
PER VISUALIZZARE I CONTENUTI EXTRA DEL FILM
SCARICA L’APP DI AR-CODE E INQUADRA L’IMMAGINE
speciale Natale
SCORPACCIATA DI
TITOLI IN ARRIVO: DA
SALVATORES AL SUPER
ROBOT BIG HERO. E IN
AMERICA…
CHE LA
FESTA
COMINCI!
Hanno collaborato Gianluca Arnone, Angela Bosetto, Gianlorenzo
Franzì, Manuela Pinetti, Valerio Sammarco, Marina Sanna
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
23
speciale Natale
PACCHI
INATTESI
SOTTO L’ALBERO OCCHIO ALLE SORPRESE:
NON È LA SOLITA COMMEDIA
DOVREBBERO RICREARE LO STUPORE CHE ANCORA
sortiscono in molti di noi quei pacchi infiocchettati che
attendono sotto l’albero. Ma in realtà il Natale al
cinema è ben più avaro di sorprese, il suo rituale
ossidato. Dopotutto, durante le feste, che si potrà mai
volere se non una sana e inconsapevole evasione?
Parola d’ordine “spensieratezza”, tarata ovviamente sui
diversi profili della nazione. Eppure, a guardarlo bene,
questo cine-Natale è meno scontato di quanto non
sembri. Certo, c’è sempre la commedia, ovviamente
ripartita tra la farsa soft alla Aldo, Giovanni e Giacomo
(Il ricco, il povero e il maggiordomo) e quella postpanettone alla Neri Parenti (Ma tu di che segno 6?),
emigrato in Lucky Red dopo che Filmauro ha deciso di
rompere gli indugi e puntare sull’imprevedibilità di
L i l l o & G re g ( U n N a t a l e
stupefacente). Ma in mezzo
c ’è un’operazione meno
classificabile come quella
di Salvatores, che con Il
ragazzo invisibile tenta
l’impervia via del
fa n t a sy a l l ’ i t a l i a n a .
Nulla di paragonabile a
q u e l l o d i to l ke n i a n a
24
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
ascendenza – a proposito, arriva l’ultimo atto dello
Hobbit (vedi la nostra cover story), ma qualcosa a
metà strada tra un Kick-Ass nostrano e la Kryptonite di
Cotroneo. Rischia a suo modo anche la Disney: con Big
Hero 6, Topolino incontra Manga e Marvel in un film
solo. E poi c’è L’amore bugiardo di Fincher, nulla di più
alieno al Natale e forse proprio per questo il più
natalizio dei titoli: se vale ancora l’effetto sorpresa.
GIANLUCA ARNONE
DI TUTTO UN PO’
UN NATALE STUPEFACENTE
Regia Volfango De Biasi
Il classico cinepanettone targato
Filmauro è alla svolta? Sulla carta sì,
visto l’addio di Christian De Sica e il
passaggio di testimone alla regia tra
Neri Parenti e Volfango De Biasi. Che
riunisce Lillo e Greg, Ambra Angiolini,
Paola Minaccioni, Paolo Calabresi,
Francesco Montanari, Riccardo De
Filippis ed il piccolo Niccolò Calvagna.
La formula? Quella di sempre: equivoci
improbabili, gag a ripetizione, situazioni
esilaranti. Per tentare di riguadagnare
terreno nella corsa agli incassi.
V.S.
MA TU DI CHE SEGNO 6?
Regia Neri Parenti
Arriva una settimana prima, l’11
dicembre, la proposta natalizia della
controllata Lucky Red (Key Films),
che per l’occasione si affida proprio a
Neri Parenti: Ma tu di che segno 6? si
chiede la nuova commedia prodotta
dai fratelli Vanzina, strizzando l’occhio
al celebre Di che segno sei?, film a
episodi di Sergio Corbucci che nel ’75
riunì, tra gli altri, Celentano, Pozzetto,
Villaggio e Sordi. Stavolta toccherà a
Massimo Boldi, Ricky Memphis, Gigi
Proietti e Vincenzo Salemme, “le iene”
Pio e Amedeo, il comico Angelo
Pintus, Vanessa Hessler, Mariana
Rodríguez e Denise Tantucci. Tutti, in
un modo o nell’altro, ossessionati
dallo zodiaco.
V.S.
distribution. Ambientato sulla costa
salernitana, il film è interpretato dallo
stesso Siani, con Fabio De Luigi (in
abito talare…), Serena Autieri, Ana
Caterina Morariu, Giacomo Rizzo,
Paolo Triestino e Leo Gullotta.
Produce, anche stavolta, la Cattleya di
Riccardo Tozzi.
V.S.
SI ACCETTANO MIRACOLI
Regia Alessandro Siani
Bissare il trionfo ottenuto con
l’opera prima (Il principe abusivo, 15
milioni di euro incassati) non sarà
semplice. Anche per questo, forse, già
dal titolo Alessandro Siani le tenta
tutte: Si accettano miracoli, scritto
con Gianluca Ansanelli e la
collaborazione di Tito Buffulini, arriva
nelle sale il 1° gennaio con 01
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
25
speciale Natale esperimento fantasy
“Scomparire in
un’epoca dove la
visibilità sembra
essere l’unica cosa
che conta”. Ecco
Il ragazzo invisibile di
Gabriele Salvatores:
“Un film per tutte
le generazioni”
di Valerio Sammarco
ETERNO
el mare magnum dell’offerta
natalizia, tra Hobbit e cinepanettoni, grandi nomi (Fincher e Loach) e animazioni
d’assalto (Big Hero 6), l’Italia tenta anche la carta Salvatores, regista che –
ancora una volta – esplora nuove strade nel percorso di una filmografia nutrita e variegata. È la volta de Il ragazzo invisibile, film che racconta la storia
di Michele (l’esordiente Ludovico Girardello), adolescente poco popolare
che un bel giorno scoprirà di essere
diventato… invisibile. “L’idea del film –
racconta il regista Premio Oscar – l’ha
avuta il produttore Nicola Giuliano:
proviamo a fare un film fantasy con i
supereroi, disse, domandandosi poi
quale potesse essere il potere che non
richiedesse eccessivi costi per essere
rappresentato. L’invisibilità, abbiamo
pensato, ma è stata una supposizione
che non si è rivelata poi così esatta…”.
N
Poco più di 30 anni di carriera, siamo
al 16° lungometraggio. Il tempo passa ma la percezione è che in lei alberghi una sorta di eterna giovinezza. È così assurdo pensare al Ragazzo invisibile e associarlo a lei?
È divertente questa cosa e per certi
versi mi fa piacere, anche se il mio psicanalista non sarebbe così contento…
Sono cresciuto in un momento in cui
la musica, il cinema, i romanzi lasciavano aperto uno spazio enorme alla
fantasia: la contaminazione tra la
realtà e il fantastico è qualcosa che mi
porto dentro da sempre e che in un
certo modo mi ha allontanato dal
confronto con un cinema classico,
composto: ho bisogno di sentirmi
sempre in trincea, non tranquillo.
Dopo Io non ho paura e Come Dio comanda, si concentra ancora sull’adolescenza: è davvero il periodo più difficile per ciascuno di noi?
Uno è l’adolescenza, l’altro è la vecchiaia, il momento in cui l’imbuto si
stringe, la strada diventa sempre più
stretta. Durante l’adolescenza, però,
non sei ancora cinico: ti senti in prima
linea, sei in guerra.
L’invisibilità è un superpotere molto
intimo, che si lega proprio a quel periodo: un potere dell’anima, puoi solo
scomparire, in un’epoca come la nostra dove la visibilità sembra l’unico
elemento importante.
Il ragazzo invisibile arriva a breve distanza dall’esperimento Italy in a
Day, realizzato con il contributo di
chi ha inviato i propri video. In questo caso ha chiesto “collaborazione”
per quello che riguardava parte della
colonna sonora. È l’idea di un cinema
partecipativo che caratterizzerà i
film di domani?
Bisogna ripensare alla funzione del cinema, alle sue piattaforme distributi-
“Bisogna ripensare alla funzione del cinema, alle sue piattaforme distributive: non
26
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
FANCIULLO
ve: non c’è più solo un pubblico e non
c’è più la cultura come la consideravamo una volta. Un tempo si diceva “un
pozzo di saggezza”, oggi si parla di
Il ragazzo invisibile.
Qui Ludovico Girardello
e Valeria Golino. Sopra,
Gabriele Salvatores
Rete: un concetto di conoscenza
“orizzontale”. Quando facevo teatro
andavamo in giro per far crescere lo
spettacolo insieme al pubblico, discu-
tevamo con la gente... È un po’ la stessa cosa, provando a condividere dall’inizio il progetto che vuoi realizzare.
Il film esce il 18 dicembre. Considerando che la concorrenza sarà agguerrita, c’è una previsione d’incasso
che la renderebbe soddisfatta?
Sono un po’ spaventato da questa
scommessa, non lo nego: però credo
anche sia un film con enormi potenzialità, un racconto che possa emozionare generazioni diverse. Il mio obiettivo è quello di essere pop e se possibile non scemo.
E dopo Il ragazzo invisibile?
Dipende molto da come andrà questo, non mi dispiacerebbe affatto continuare su questa strada. So che Nicola Giuliano e gli altri sceneggiatori
stanno sviluppando un sequel del Ragazzo invisibile, e da quel poco che
ho letto sembra addirittura meglio di
questo…
c’è più solo un pubblico e non c’è più la cultura come la consideravamo una volta”
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
27
speciale Natale favole italiane
RICCHI E POVERI
Quattro anni dopo La banda
dei Babbi, torna il trio comico
con una storia di milionari
e maggiordomi. Parola di
Giacomo Poretti
di Gianlorenzo Franzì
“ALDO, GIOVANNI E IO siamo tre personalità ben distinte –
racconta, uno per tutti, Giacomo Poretti –, e in questo film, Il
ricco, il povero e il maggiordomo, abbiamo affrontato e
trattato la crisi. L’abbiamo immaginato in maniera un po’
farsesca: un ricco (io) che improvvisamente perde tutto. Poi
c’è il maggiordomo (Giovanni), uno all’antica, succube del
suo datore di lavoro: quindi quando entrambi si ritrovano
senza niente, casualmente vengono a contatto con il mondo
della povertà (quindi con Aldo, ndr), e l’ex ricco si chiede se
perdendo davvero tutto non si possa raggiungere qualche
altro tipo di ricchezza”.
La vostra arte sta principalmente nel destrutturare i tempi
comici classici per riassemblarli con i vostri gusti. C’è più
lavoro o improvvisazione in questo?
C’è molto istinto, perché se c’è una cosa che facciamo po-
28
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
co è lo studio, come viene tradizionalmente concepito: noi
osserviamo molto, abbiamo osservato molti nostri colleghi
anche più celebri e più bravi, e abbiamo imparato da loro.
Però alla fine credo che la comicità sia soprattutto un processo di intuizione, di istinto come dicevo prima, di talento
quasi naturale.
Certo, poi la nostra fatica è sottoporsi al giudizio critico di
noi stessi, di più non riesco a dirti…
Che rapporto avete con la vostra celebrità e quindi con le
aspettative da “comici” del pubblico?
Cerchiamo di pensare poco a come potrebbe ragionare chi
ci guarda. Ci siamo sempre detti che dobbiamo piacere a
noi stessi, essere convinti di ciò che facciamo: poi il gusto
del pubblico passa in secondo piano, nel senso che se un
film dovesse andar male restiamo convinti che fosse la cosa
DI TUTTO UN PO’
PADDINGTON
Regia Paul King
Creato dallo scrittore inglese Michael Bond – 70 libri
tradotti in 40 lingue e più di 30 milioni di copie vendute
in tutto il mondo – l’orsetto Paddington sbarca al
cinema con una storia ambientata ai giorni nostri e
interpretata tra gli altri da Nicole Kidman e Sally
Hawkins. Nato della giungla peruviana, Paddington è
stato allevato dalla zia Lucy coltivando il sogno di vivere
un giorno a Londra. Quando il destino gliene offrirà la
possibilità, l’orsacchiotto imparerà a sue spese che la
vita nella City non è quella che lui e la zia avevano
immaginato. Diretto da Paul King, all’esordio.
G.A.
L’AMORE BUGIARDO - GONE GIRL
Regia David Fincher
Amy Elliott Dunne (Rosamund Pike), moglie di Nick
(Ben Affleck), scompare improvvisamente il giorno del
loro quinto anniversario di matrimonio. Amy è molto
conosciuta. Amy è la Mitica Amy di un famoso libro per
l’infanzia scritto a
quattro mani dai suoi
genitori. Loro sì
scrittori, mentre Amy
ci ha provato e ha
fallito. Amy è la
perdente, Amy è la
vittima, Nick il sicario
o presunto tale. Ma
come stanno davvero le cose? Dal bestseller di Gillian
Flynn, una Guerra dei Roses travestita da mistery. Con
146 milioni di dollari al box office americano, è il
maggiore successo di Fincher in patria.
G.A.
migliore che potevamo fare. Questo ci permette di non essere schiavi di logiche di mercato, e allora andremo bene fin
quando il nostro gusto si incontrerà a metà strada con quello del pubblico.
Sembra spesso che i vostri caratteri prendano il predominio su ciò che raccontate.
È verissimo: essendo degli scarsissimi attori, non siamo capaci di calarci in qualsiasi copione ma possiamo solo essere
noi stessi ed esasperare le nostre caratteristiche.
Dai vostri film emerge una fortissima cinefilia: lei che cinema guarda?
Oggi non ho proprio tempo di andare al cinema; mi rimetterei però a vedere tutti i film di Hitchcock, Rossellini… i classici. Hanno insegnato a tutti come si fa il cinema e come lo si
racconta.
ST. VINCENT
Regia Ted Melfi
Costretta a lavorare fino a tardi, Maggie (Melissa
McCarthy) non ha altra scelta che lasciare il figlio
dodicenne Oliver (Jaeden Lieberher) nelle mani del loro
nuovo vicino, Vincent (Bill Murray), un pensionato
scorbutico con la passione per l’alcool e per le
scommesse. Insieme ad una spogliarellista incinta di
nome Daka (Naomi Watts), Vincent coinvolgerà Oliver
nella sua routine quotidiana, portandolo all’ippodromo,
in uno strip club e nel
baretto di fiducia.
Commedia umana
ricca di chiaroscuri,
con un cast di
prim’ordine e il solito,
magnifico, Bill Murray.
G.A.
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
29
speciale Natale cuore di robot
DISNEY
D’ACCIAIO
Marvel, manga e un automa
che sembra Dumbo: gli
Studios provano a bissare
Frozen, superandolo. Ecco
Big Hero 6
di Gianluca Arnone
biettivo ufficiale: offrire alle famiglie
uno svago edificante. Quello ufficioso:
bissare il successo straordinario di Frozen – oltre un miliardo di dollari d’incassi lo scorso anno – puntando apertamente sul
florido mercato orientale. Per farlo la Disney
scommette tutto su un’animazione da autentica
era globale, con una storia a cavallo tra due mondi e un cosmopolitismo creativo che porta Casa
Topolino a sconfinare e a mescolarsi con culture
altre e tradizioni narrative agli antipodi.
Il biglietto da visita di Big Hero 6 è di quelli che
suscita immediatamente curiosità: è tratto da un
fumetto Marvel tra i meno noti, parla di supereroi
che sembrano appartenere più all’universo dei
manga – e degli anime giapponesi – che a quello
occidentale, ha cuore e design incontrovertibilmente Disney. L’ambientazione è già tutta un pro-
O
30
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
gramma: San Fransokyo, una metropoli del futuro
che combina i celebri scenari della città del Nord
della California – le colline scoscese, il Golden Gate Bridge e la baia – con i grattacieli, la segnaletica al neon e le caratteristiche architetture floreali
dell’ex Impero del Sole. Ma America e Asia si intrecciano anche nella scelta dei nomi assegnati ai
personaggi, a partire dal protagonista, che si
chiama Hiro Hamada, ha 14 anni, ma potrebbe essere un qualunque nerd americano.
Hiro è sbalorditivamente intelligente per un ragazzo della sua età, tanto da essersi laureato a
13 anni. Il problema non è la testa, ma come la
usa: avete presente Real Steel, un film di qualche anno fa, sempre Disney, in cui Hugh Jackman e un bambino tostissimo costruivano robot
da combattimento per utilizzarli nelle gare clandestine? Ecco, Hiro passa il suo tempo facendo
Animazione
da era globale,
con una storia a
cavallo tra
due mondi e
un autentico
cosmopolitismo
creativo
più o meno la stessa cosa, per la disperazione
del fratello Tadashi, più avanti negli anni e più
saggio.
Genio e inventore anche lui, ma filantropo, Tadashi assembla robot utili al prossimo ed esorta
Hiro a fare altrettanto. Parole al vento. Quando
però Tadashi viene improvvisamente a mancare,
anche per Hiro arriva il momento di crescere. Di
più, c’è un pericolo letale che minaccia San
Fransokyo e che il ragazzino dovrà affrontare
senza l’amato fratello, ma non da solo: al suo
fianco altri cinque nerd disadattati e un robottone goffo, fedele e gentile, Baymax.
Se Frozen sembrava guardare più a un pubblico
femminile, questo Big Hero 6 pare rivolgersi
maggiormente ai coetanei dell’altro sesso, non
fosse altro perché il protagonista è un ragazzo,
e i conflitti che deve affrontare sono tipici di un
maschietto (la paura di crescere, il rapporto con
il fratello, ecc…).
La Disney però, più che al gender, guarda ai numeri: l’Oriente è diventato da qualche anno la
via della seta anche per l’industria hollywoodiana, e l’operazione Big Hero 6, con il suo smaccato ma promettente meticciato, va in quella direzione. Senza per questo perdere i connotati di
una tradizione gloriosa, basata come sempre
sulla qualità eccezionale dell’animazione, i personaggi a tutto tondo, la luminosità, il dettaglio
e l’armonia del disegno, la morale di vita e la
giusta dose di commozione e ironia. Con un jolly, quel beniamino che resterà per sempre nel
cuore di noi spettatori, accanto ai Bambi e ai
Rapunzel: Baymax, il robot domestico che sembra una specie di Marshmallow gigante, vale da
solo il prezzo del biglietto.
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
31
speciale Natale evergreen pop
Un tuffo negli anni ’80 con Pride di Matthew Warchus.
Minatori e gay nell’Inghilterra antagonista
ORGOGLIO BRITISH
di Manuela Pinetti
PRIMA ANCORA DI CONOSCERE i dettagli di Pride – che è basato su una storia vera, che molti dei suoi protagonisti
sono persone realmente esistite – ci
sono due o tre cose da dire: è uno di
quei film che regalano comfort, qualche
risata, spunti di riflessione. Il film ideale
da vedere durante le feste, anche se non
ci sono pupazzi di neve e canzoni smielate, ma una colonna sonora da urlo, sì:
Queen, Culture Club, Frankie Goes to
Hollywood e molto altro, direttamente
dal meglio del pop degli anni ottanta.
Questi i fatti: nel 1984 i minatori britannici entrarono in sciopero contro la politica di Margaret Thatcher, che si muoveva
feroce verso lo smantellamento di 20 siti
estrattivi. Lo sciopero si protrasse per
32
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
mesi, e in molti si prodigarono per supportare i minatori e le loro famiglie.
Non è la prima volta che il cinema inglese porta lo sciopero dei minatori sul
grande schermo. Per tutti Billy Elliot, il
cui piccolo protagonista deve combattere contemporaneamente i pregiudizi
che ostacolano il suo desiderio di studiare danza classica e un padre minatore abbrutito dallo sciopero.
In Pride, tra i più attivi nella raccolta
fondi per i minatori anche uno sparuto
gruppo di giovani londinesi riuniti nella
sigla LGSM. La “L” non sta per London,
come incautamente suppone un personaggio del film, ed è da questo misunderstanding che a beneficiare dell’aiuto
del gruppo Lesbians and Gays Support
the Miners (LGSM) è Onllwyn, villaggio
del Galles che vive grazie all’estrazione
del carbone, nonché l’unico disposto ad
accettare il loro aiuto. L’impatto tra le
due comunità (minatori e gay) è formidabile e devastante, eppure i giovani
londinesi insegneranno ai minatori come
reagire ai soprusi: loro ne subiscono
quotidianamente, e non tollerano la loro
esistenza.
E quando le cose si mettono davvero
male, visto che non siamo troppo lontani dallo spirito ottimista e un po’ dissacratore di Full Monty, la soluzione è
organizzare una gran festa per risollevare lo spirito e le finanze, perché no.
Come nella migliore tradizione della
commedia inglese, Pride – diretto da
Matthew Warchus – è ben scritto e ben
recitato, capace di sorprendere.
4 DICEMBRE AL CINEMA
/theroverIT
speciale Natale anteprima 2015
Con l’anno nuovo esce in sala The Imitation Game. Protagonista Cumberbatch,
nei panni del matematico che salvò la vita a milioni di persone
ratto dal romanzo biografico
Alan Turing: storia di un enigma di Andrew Hodges, The
Imitation Game (in uscita il 1°
gennaio 2015), racconta la vita del matematico e crittoanalista inglese Alan Turing (1912-1954), alternando tre momenti
della sua esistenza: la giovinezza a scuola; la Seconda Guerra Mondiale; gli ultimi
anni. In particolare, l’attenzione è focalizzata sul periodo di mezzo, quando si mise al servizio del governo e, in un momento delicato per tutto il Regno Unito,
riuscì a decifrare i messaggi scambiati
da diplomatici e militari tedeschi, decodificando i codici della macchina chiamata “Enigma”.
Morto suicida a soli 42 anni, Turing fu
vittima di diverse persecuzioni a causa
della sua omosessualità, all’epoca ancora
considerata reato. Negli anni cinquanta,
T
venne arrestato e costretto alla castrazione chimica, pur di evitare la galera:
un’umiliazione che lo portò ad avvelenarsi con una mela riempita di cianuro.
Oltre ad aver contribuito, grazie alla sua
macchina, a salvare milioni di vite umane
durante il conflitto bellico, Turing viene
oggi considerato un padre dell’informatica.
In The Imitation Game, nel non semplice
ruolo del matematico è stato scelto il
londinese Benedict Cumberbatch, uno
degli attori più richiesti del momento, reduce da Il quinto potere di Bill Condon,
in cui vestiva i panni di Julian Assange, e
12 anni schiavo di Steve McQueen. Accanto a lui, nel cast sono presenti tra gli
altri Matthew Goode, Keira Knightley e
Mark Strong. Dietro la macchina da presa, l’ancora poco conosciuto regista norvegese Morten Tyldum, la cui carriera ci-
nematografica è iniziata con Buddy
(2003) e Varg Veum - Falne engler
(2008): la svolta arrivò per lui nel 2011
con Headhunters, un thriller che ebbe un
grande successo di critica negli Stati
Uniti e si guadagnò una nomination per
il miglior film straniero ai Bafta Awards.
Hollywood l’ha chiamato per The Imitation Game ma ha in cantiere anche un
altro progetto a stelle e strisce: Pattern
Recognition, tratto da un romanzo di
William Gibson. Prima, però, il cammino
di Tyldum è pronto per un’altra tappa
importante: gli Oscar, dove The Imitation
Game potrebbe partire tra i titoli favoriti,
proseguendo la strada di The Millionaire
(2008), Il discorso del Re (2010) e proprio 12 anni schiavo che, dopo il successo al festival di Toronto, hanno ottenuto
la statuetta più prestigiosa dell’universo
cinematografico.
IL GIOCO DI BENEDICT
di Andrea Chimento
34
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
DAL REGISTA DI “SEVEN” E “FIGHT CLUB”
PROPERTÀ FOX. SOLO PER USO PROMOZIONALE. LA VENDITA, LA DUPLICAZIONE, O ALTRI TRASFERIMENTI DI QUESTO MATERIALE SONO SEVERAMENTE PROIBITI.
speciale Natale stelle e strisce
FAMILY FILM
OSCAR ALERT!
L’INTRUSO
Incantatori di famiglie, cacciatori di nomination, film d’autore:
negli Usa i fuochi d’artificio si fanno al cinema
AMERICAN
DREAMERS
di Angela Bosetto
36
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
e al box office
nostrano si scatenerà
una vera “Battaglia
delle Cinque Armate”
(Peter Jackson vs. Disney vs.
David Fincher vs. Gabriele
Salvatores vs. comici italiani),
cinematograficamente
parlando, cosa succederà a
Natale dall’altra parte
dell’oceano? Con gioia dei
cinéphiles più esigenti,
verranno distribuiti vari film
d’autore europei, alcuni già
visti in Italia (Due giorni, una
notte dei fratelli Dardenne, Il
regno d’inverno – Winter Sleep
di Nuri Bilge Ceylan) e altri
ancora inediti (Mr. Turner di
Mike Leigh, Leviathan di
Andrey Zvyagintsev, Beloved
Sisters di Dominik Graf),
incluso il cartone animato
irlandese Song of the Sea di
Tomm Moore.
Per quanto riguarda, invece, le
produzioni americane,
arriveranno le pellicole rivolte
a tutta la famiglia: commedie
leggere, musical e fantasy, fra
cui il gran finale de Lo Hobbit
(servizio a pag. 16). Ma il
periodo natalizio negli Usa
non significa solo incassi
eccellenti: rappresenta anche
il tappeto rosso su cui i
produttori fanno sfilare i più
probabili candidati per gli
Oscar, capitanati quest’anno
da Unbroken (il secondo film
da regista di Angelina Jolie),
che debutterà il 25 dicembre
(vedi pag 69).
Per chi avrà la fortuna di
trascorrere le feste in America
o per chi vuole sapere cosa
giungerà nelle nostre sale a
inizio 2015, ecco la lista
completa dei film “Made in
Usa” che usciranno in patria
durante la seconda metà di
dicembre: incantatori di
famiglie, cacciatori di
nomination e… un “terzo
incomodo”.
S
UNA NOTTE AL MUSEO 3 – IL SEGRETO DEL FARAONE
Terzo capitolo della saga fantasy di Shawn Levy, nonché addio cinematografico di
Mickey Rooney e Robin Williams, che veste per l’ultima volta i panni del presidente
Theodore Roosevelt. Stavolta Larry Daley (Ben Stiller) e i suoi amici sono in missione al
British Museum di Londra, per trovare il modo di prolungare il potere della tavola di
Ahkmenrah, senza la cui magia gli ospiti del museo non si risveglierebbero più la notte.
Guest star inglesi della pellicola: Sir Ben Kingsley e Dan Stevens.
TOP FIVE
Chris Rock scrive, dirige e interpreta la storia del comico Andre Allen, deciso a
reinventarsi come attore drammatico. A cavallo fra la realizzazione del nuovo film e i
preparativi per l’imminente matrimonio con una starlette dei reality, Andre accetta di
farsi intervistare da una giornalista (Rosario Dawson) tanto carina quanto arguta.
Presentata in anteprima a Toronto, questa frizzante commedia non è piaciuta solo al
pubblico, ma anche alla critica: c’è da scommettere che incasserà bene.
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
37
speciale Natale stelle e strisce
FAMILY FILM
OSCAR ALERT!
L’INTRUSO
ANNIE
Remake dell’omonimo musical di John Huston
(1982) riadattato dai potenti produttori Jay-Z e
Will Smith a misura della bambina prodigio
Quvenzhané Wallis. Alla sceneggiatura del film,
oltre al regista Will Gluck e ad Aline Brosh
INTO THE WOODS
McKenna (Il diavolo veste Prada), ha collaborato
anche Emma Thompson. Plauso all’astuzia: la
storia della simpatica orfanella Annie, che il
politico William Stacks (Jamie Foxx) salva dalla
crudele Miss Hannigan (Cameron Diaz), è un
distillato di buoni sentimenti natalizi.
Visto il successo de Les Misérables (2012), anche la
Disney ha deciso di puntare tutto su un musical
teatrale (creato da Stephen Sondheim e James Lapine
nel 1986) per sbancare il botteghino di Natale.
Omaggio all’universo fiabesco dei fratelli Grimm, il
film schiera un cast in cui spiccano Meryl Streep (la
strega), Johnny Depp (il lupo cattivo), Emily Blunt (la
moglie del fornaio), Anna Kendrick (Cenerentola) e
Chris Pine (il principe). Dirige Rob Marshall, autore di
Chicago (2002) e Nine (2009).
VIZIO DI FORMA
Riuscirà questo surreale mix
fra giallo e commedia
grottesca (tratto dall’omonimo
romanzo di Thomas Pynchon)
a mettere finalmente una
statuetta nelle mani di Paul
Thomas Anderson? O in quelle
di Joaquin Phoenix, che con il
bizzarro detective drogato
Larry “Doc” Sportello si
prepara a regalarci un altro
assolo dei suoi? Considerando
la natura popular del premio,
bisogna vedere quanto peserà
il “Restricted” (ossia il divieto
ai minori di 17 anni non
accompagnati) imposto dalla
censura americana.
38
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
SELMA
Nel 1965 a Selma, in
Alabama, gli attivisti
Martin Luther King (David
Oyelowo), James Bevel
(Common), Hosea
Williams (Wendell Pierce)
e John Lewis (Stephan
James) organizzarono tre
marce verso Montgomery,
capitale dello Stato e
distante oltre 80
chilometri dalla città, per
protestare contro la
violenza dei bianchi e
chiedere il diritto di voto
al presidente Lyndon B.
Johnson (Tom
Wilkinson). Scorse
molto sangue… Fra i
produttori del film di
Ava DuVernay
figurano anche Brad
Pitt e Oprah Winfrey.
BIG EYES
A un ventennio di distanza dal
bellissimo Ed Wood (1994), Tim
Burton ritorna al genere
biografico e (complice
l’ambientazione anni cinquantasessanta) pure agli sgargianti
colori pastello che
contraddistinguono il suo
cinema tanto quanto il bianco e
nero. Nei panni di Margaret
Keane, pittrice naïf che
conquistò l’America grazie ai
ritratti di bambini dagli enormi
occhi tristi (che, per parecchio
tempo, il marito
Walter/Christoph Waltz spacciò
per propri), Amy Adams punta
alla sesta nomination.
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
39
speciale Natale stelle e strisce
FAMILY FILM
OSCAR ALERT!
IL CECCHINO DI
CLINT
di Marina Sanna
Eastwood fa centro
con la biografia
del soldato Chris Kyle.
Bradley Cooper da
Oscar
40
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
L’INTRUSO
Nelle sue mani
questa storia si
trasforma in un
film potentissimo.
Sul sacrificio di
tutti i bravi ragazzi
che hanno
combattuto per
difendere la
Patria
C
lint Eastwood è un grande patriota. Lo sappiamo bene. Così
attaccato al suo paese, a quella bandiera che il veterano
Kowalski orgogliosamente sventolava
in Gran Torino contro i “musi gialli” del
vicinato. Ma ha anche un grande cuore,
che gli permette di raccontare la guerra oggi, l'Iraq (ancora), senza venire
meno ai suoi principi. Senza risparmiare vittime ma lasciando fuori lo spettacolo dei danni collaterali.
84 anni e oltre 50 film: nessuno è più
versatile, coraggioso, testardo e idealista di lui. Quando mette in scena pagine atroci dimenticate (Lettere da Iwo
Jima, Space Cowboys), la passione folgorante tra un uomo e una donna (I
ponti di Madison County). Lo Tsunami
indagando l'Aldilà (Hereafter). Ricordare come Mandela vinse l'Apartheid con
una partita (Invictus) e farci tornare al
settembre 2001 con il cecchino Chris e
le sue quattro missioni in Iraq. Prendere l'angelico, quasi effeminato, Bradley Cooper, con una nomination in
tasca se non l'Oscar stesso, e farlo
diventare una macchina da guerra,
un pezzo d'uomo con 18 chili in
più, che non sbaglia un colpo. Oltre 160 "selvaggi" eliminati, una
mira talmente precisa da
sconfiggere il nemico a distanze impossibili.
Leggenda tra i suoi stessi commilitoni e
al contempo una storia vera, tratta dal libro dello stesso Chris Kyle, nato nel 1974
e morto l'anno scorso. Che nelle mani di
Eastwood si trasforma in un film potentissimo, sul sacrificio di quei bravi ragazzi americani che hanno combattuto per
difendere la Patria. Sembra retorico?
Non lo è affatto. Scorre per oltre due
ore senza un momento di smarrimento.
A parte quello di Chris, a casa con moglie e figli, con lo sguardo fisso sul televisore spento. Spari, urla ed esplosioni
solo nella sua testa. Eppure alla fine ce
la fa, riesce a salvarsi dalla morte, dalla
follia della guerra. A reinserirsi nella
quotidianità famigliare, continuando a
salvare vite. Perché è questa la sua missione. E chi meglio di Eastwood può
raccontarlo? Riscrivere la vicenda
qualunque di un soldato
eccellente e renderla
universale. Farci
credere che nonostante tutto
g l i e ro i s i a n o
a n co ra t ra d i
noi, spesso però
con un destino
amaro.
Clint Eastwood:
84 anni e non sentirli.
Accanto, Bradley
Cooper in American
Sniper
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
41
speciale Natale stelle e strisce
FAMILY FILM
OSCAR ALERT!
L’INTRUSO
EXODUS - DEI E RE
Quando si parla di Esodo al
cinema, il termine di paragone
resta sempre lo stesso: I dieci
comandamenti di Cecil B. DeMille
(1956). Riusciranno Christian Bale
(Mosè) e Joel Edgerton (Ramses)
a competere con l’immortale
ricordo di Charlton Heston e Yul
Brynner? I tempi in cui i film
biblici dominavano la notte degli
Oscar sono lontani, ma il kolossal
di Ridley Scott (girato fra
Spagna, Inghilterra e Isole
Canarie) ha comunque buone
possibilità di nomination,
soprattutto nelle categorie
tecniche.
42
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
A MOST VIOLENT YEAR
Dopo aver raccontato il 2007 attraverso l’esplosione della crisi economica (Margin
Call, 2011), J.C. Chandor si lascia alle spalle l’oceano di All Is Lost (2013) e torna a
New York per focalizzarsi su un altro specifico anno: il 1981, considerato uno dei più
violenti nella storia della città. Jessica Chastain e Oscar Isaac hanno sostituito
Charlize Theron e Javier Bardem nei panni dei coniugi Morales, una coppia che
cerca di prosperare nonostante il crimine e la corruzione che li circondano.
THE GAMBLER
Rupert Wyatt rifà il
drammatico 40.000 dollari per
non morire (1974) con Mark
Wahlberg al posto di James
Caan nel ruolo di un professore
di letteratura con dipendenza
compulsiva da gioco d’azzardo,
che deve troppi soldi alla gente
sbagliata. La storia originale
(autobiografica) la scrisse
James Toback, mentre la nuova
sceneggiatura è di William
Monahan (premio Oscar per
The Departed), a
testimonianza di come il
progetto fosse stato concepito
inizialmente per la premiata
ditta Scorsese/DiCaprio.
THE INTERVIEW
Quando il produttore e il conduttore di un popolare talk
show ottengono la possibilità di intervistare il dittatore Kim
Jung-un, la CIA li ingaggia subito per assassinarlo. Nulla
andrà per il verso giusto. Far uscire il 25 dicembre la satira
politicamente scorretta che non solo ha fatto infuriare la
Corea del Nord, ma è anche la commedia meno natalizia che
possa esserci in giro, è l’ennesimo sberleffo a Hollywood del
duo Evan Goldberg/Seth Rogen (coprotagonista insieme al
fido James Franco).
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
43
intervista
Partire o restare? È il dilemma dei suoi personaggi, da
Una separazione al nuovo Melbourne. Lui, invece, ha
di Miriam Mauti
già deciso cosa fare
Peyman Moaadi
Un iraniano vero
HA COMINCIATO A RECITARE soltanto nel 2009, diretto da
Asghar Farhadi in About Elly, lo stesso regista che ha poi accompagnato a ricevere l’Oscar per Una separazione. Da allora
Peyman Moaadi, Orso d’Argento come miglior attore a Berlino proprio per quel film, è diventato il volto più riconoscibile
del nuovo cinema iraniano, quello che – dimenticato per un
po’ l’amore per il neorealismo – racconta l’Iran di oggi, quello
delle città, quello della borghesia, quello che guarda oltre
confine. Peyman Moaadi, classe 1970, un passato da sceneggiatore, a Venezia era protagonista addirittura di due film di
questa nuova onda: Tales, della regista Rakhshan Bani-E’temad, e Melbourne, l’opera prima di Nima Javidi finalmente arrivata nei cinema italiani il 27 novembre. Il dramma di una
coppia, che poche ore prima di partire per l’Australia deve affrontare la morte di un neonato che gli è stato affidato dai genitori. Cosa fare? “Quando ho letto il copione ero scioccato –
ci ha raccontato Peyman Moaadi – ma amavo la questione
morale che affrontava e questo per me è l’elemento fondamentale nella scelta di un ruolo. Poi però devo trovare me
stesso in quel personaggio, perché non sempre un buon copione mi basta. Melbourne poi era una bella sfida, si svolge in
tempo reale, in un’unica location. Per i due mesi e
mezzo nei quali abbiamo girato, abbiamo dovuto mantenere le emozioni in equilibrio, mettendoci anche una
settimana a girare una scena. E poi sono il personaggio portante, buona parte
della responsabilità del film
è sulle mie spalle. E mi piace.
Ma sa che ogni tanto si vorrebbe entrare nel film per
discutere con lei?
Peyman Moaadi
Vorrei farlo anche io! Era il
in Melbourne
mio obiettivo, far arrabbiare
46
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
il pubblico, fargli mangiare le unghie mentre sta scomodo sulla poltrona del cinema, maledirmi anche. Si chiedono, ma che
aspetti a parlare? Io personalmente non credo avrei preso le
decisioni che prende il mio personaggio.
Che è pronto a venire a patti con se stesso pur di partire.
Un desiderio così forte nella società iraniana?
L’immigrazione è un fenomeno mondiale, che lo vogliamo o
no. Si superano i confini ogni giorno e l’Iran non fa eccezione. Non giudico nessuno, perché la coppia di Melbourne
vuole trasferirsi in quella che ritiene la città migliore del
mondo. Ma io credo che se non sei un buon cittadino nella
tua patria, non lo sarai neanche fuori. La società moderna è
la stessa in tutto il mondo, le famiglie sono famiglie ovunque e la morte di un bambino è orribile ad ogni latitudine.
Mi sono concentrato su questo.
Ma lei ha la tentazione di trasferirsi? Quest’anno ha lavorato accanto a Kristen Stewart e Morgan Freeman in Camp
X-Ray e Last Knights.
No, non ho voglia di lasciare l’Iran, ho colto l’opportunità di
lavorare negli Stati Uniti, e spero mi capiti ancora. Ma amo il
cinema del mio paese e ci sono ancora molti registi con i
quali vorrei lavorare, più di
quanti non vorrei incontrare
ad Hollywood.
E l’idea di dirigere?
Ho realizzato il mio primo
film da regista un paio di anni fa, e dopo aver finito di
girare a New York (ndr dove
peraltro è nato, prima di trasferirsi a 5 anni a Teheran
con i suoi genitori emigrati)
Criminal Justice per la HBO
mi dedicherò alla mia seconda regia. Ho già scritto la
sceneggiatura.
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
47
TFF32
IERI,
48
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
Le anteprime? Ni. Gli ospiti? Ni. Eppure,
l’identità del festival non si discute. Il segreto?
Una scommessa (vinta) sul futuro
OGGI E TORINO
di Federico Pontiggia
COME SI FA UN FESTIVAL?
Risposta semplice: con i film e con il pubblico. Eppure, centrare la doppietta è
sempre più difficile, perché un festival è
soprattutto questione di identità. Licenziando la sua ultima Roma, Marco Müller
diceva che oggi solo Cannes e Toronto
hanno un’identità-festival, ancor prima
Alberto Barbera sottolineava che “non è
vero che gli spettatori e la risonanza di
Venezia siano in calo e la prova migliore è
che la Fox ha portato al Lido Birdman”,
ma contemporaneamente lanciava l’allarme sul “nodo delle anteprime assolute,
dell’assurda guerra in corso tra i festival:
come si fa a dire che un film è ‘vecchio’
perché due settimane fa è stato proiettato a Manila?! Per scioglierlo, però, serve
che un direttore possa decidere senza la
regola della ‘prima assoluta’, altrimenti si
procederebbe per eccezioni”. Questo nodo Torino l’ha sciolto da tempo: l’anteprima non è conditio sine qua non, soprattutto in Festa Mobile si cerca il bello senza il fardello dello ius primae noctis. Quest’anno, e non solo, si è preso tanto da
Cannes, dalla Chambre bleue di Amalric a
The Homesman di Tommy Lee Jones,
passando per la serie di Dumont, The Rover e il Lui e Lei di Eleanor Rigby, dal
Sundance è arrivato Infinitely Polar Bear,
mentre apertura e chiusura, ovvero Gemma Bovery e Wild, vengono da Toronto.
In nove giorni di festival, almeno alle nostre orecchie, non è arrivata una singola
lamentela per questo usato sicuro: né da
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
49
TFF32
chi aveva già visto, e in qualche caso ha
rivisto, né da chi non avendo visto se n’è
fregato della prelazione di altri festival.
Però succede solo a Torino, perché tra i
medio-grandi festival italiani è l’unico a
poterselo permettere: basta ripercorrere
l’ascesa e declino di Roma per sapere
quanto il nodo delle anteprime sia capzioso, persino letale. Torino no, non ne
soffre, perché ha un’identità dinamica,
aperta, gestaltica, costruita attraverso “il
rigore di Nanni Moretti, la passione cinefila di Gianni Amelio e l’intelligenza pop di
Paolo Virzì”. L’ha riconosciuto il neodirettore Emanuela Martini, già braccio destro
dei tre illustri predecessori: l’ultimo, Virzì,
è tornato da guest director della sezione
“al femminile” Diritti & Rovesci. Che volete di più? Gli ospiti, e avete ragione, soprattutto se siete giornalisti: il valore aggiunto della star che accompagna un film
pesa assai, ma Torino non se lo può permettere, ancor più con un budget decurtato (2 milioni e 200mila euro, 200mila in
meno del 2013). E dunque, Magic in the
Moonlight senza Woody Allen, Colin Firth
e d E m m a S to n e, W i l d s e n z a Re e s e
Witherspoon e tanti altri senza, ma è
davvero un problema? Sostiene la Martini
“importante è il film, non chi l’accompagna”, e non sta (solo) mettendo le mani
davanti al borsellino vuoto: Torino gli
ospiti li ha, gente come Eleonora Danco,
in concorso con l’ottimo N-Capace, che
oggi non è nessuno, almeno al cinema,
ma domani potrebbe divenire una certezza.
Del resto, l’album delle figurine, la politique du Panini, funziona – e manco sempre
– solo a Cannes, gli altri, tutti gli altri, devono scommettere sull’ignoto? Dunque,
viva il vivaio sotto la Mole, viva la cantera
piemontese, viva un festival che sa scommettere sul futuro. Del resto, Torino nasceva come Cinema Giovani, e non è ancora un ricordo: giovani si cresce.
L'album
delle figurine
funziona
soltanto a
Cannes.
Tutti gli altri
devono
scommettere
sull'ignoto
The Rover di
David Michôd e,
in alto, N-Capace
di Eleonora
Danco. Pagina
precedente,
Infinitely Polar
Bear di Maya
Forbes e P’tit
Quinquin di Bruno
Dumont
50
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
Potere alla musica: Gran Premio a
Julien Temple, il regista che rivelò
Sex Pistols e Joe Strummer
C
hi meglio di un regista punk autore di documentari
urbani e musicali, di film e drammi kitsch, di biografie inquiete, per rappresentare il Festival di Torino
alla sua 32ª edizione? Lo ha detto esplicitamente il direttore Emanuela Martini assegnando il Gran Premio Torino
2014 a Julien Temple, il regista che ha rivelato il vero cuore
di Sex Pistols e Joe Strummer.
Un regista di videoclip che passando al cinema ha cercato
di portarvi lo spirito della musica inglese tra gli anni ‘70 e
‘80, la sporcizia e la ricchezza culturale delle strade, ma
anche il lato mediatico e furbo dei fenomeni punk: non a
caso, il film che già all’esordio lo pone all’attenzione è La
grande truffa del rock ‘n’ roll, in cui ammiccando al mockumentary, con 15 anni di anticipo, intervista Malcolm
McLaren – produttore e inventore dei Sex Pistols – e svela
il trucco, ma anche il fascino della musica inglese dell’epoca, reinventando il mito del punk in The Filth and the Fury,
che Torino ha proiettato in occasione della consegna del
premio. Mito che seguirà per tutta la carriera, variando i
modi e adattando all’ottica punk anche ambiti musicali
estranei: non tanto il David Bowie scintillante di Absolute
Beginners, in cui l’aura glam del Duca Bianco si adatta al
jazz e al rock degli anni ‘60, quanto la sorprendente rilettura del Rigoletto di Verdi nel segmento di Aria, film collettivo a tema lirico in cui le arie dell’opera diventano lo sfondo di un Sesso, bugie e videotape più ironico e gustoso.
Temple, lungo quasi 30 anni di attività, ha reso cinema la
musica e Torino – il più rock tra i festival europei – non
poteva che rendere omaggio a un cineasta che, dal pop
più colorato (Le ragazze della Terra sono facili) al realismo
poetico (nel biopic Vigo, passione per la vita), ha trasfigurato il significato della musica per la cultura contemporanea, arrivando a sondare i territori e i luoghi in cui quel
suono si è formato, fornendo con film come London – The
Modern Babylon e Requiem for Detroit? ritratti di città che
rivaleggiano per occhio e capacità di entrare nella loro cultura con i documentari di Loach. Che non sarà punk e cinico e distruttivo, ma che sa bene cosa significhi la rabbia tra
i giovani e i più deboli, che nel cinema di Temple trovano
spesso un’arma potente: la musica.
PUNK IS NOT DEAD
di Emanuele Rauco
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
51
TFF32
I FANTASTICI 4
Sesti, De Lillo, Nicchiarelli e Gaglianone: elegia del
documentario, tra emotività e giudizio critico
di Angela Prudenzi
D
iritti & rovesci, TFFDoc, Onde… al Festival
di Torino i documentari fanno bella
mostra di sé ovunque. Quest’anno poi
che il guest director Paolo Virzì ha voluto
solo non fiction nella sezione da lui curata, salta
ancora più agli occhi la loro importanza. Ne sono
del resto prova quattro doc italiani assai diversi tra
loro: Senza Lucio di Mario Sesti, Let’s Go di
Antonietta De Lillo, Per tutta la vita di Susanna
Nicchiarelli e Qui (sul movimento dei No Tav) di
Daniele Gaglianone. Qualcosa a legarli?
Sicuramente una smaccata predisposizione al
cambio di prospettiva tra sguardo oggettivo e
soggettivo che si riflette sullo spettatore, chiamato
a essere emotivamente immerso nel racconto e
contemporaneamente sollecitato a un giudizio
critico, a una riflessione, a una valutazione dei fatti.
Ecco, i fatti. A quelli si aggrappa Gaglianone per
illuminare una delle vicende più oscure degli ultimi
anni, la costruzione della Tav Torino-Lione. Difficile
stabilire davvero chi abbia torto o ragione, certo le
voci piene di buon senso delle persone comuni
feriscono come lame. Il regista lascia parlare i
testimoni scegliendo di utilizzare al minimo il
montaggio tanto c’è poco da enfatizzare, i racconti
bastano e avanzano.
Più complessa la costruzione di Per tutta la vita
52
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
dove immagini di repertorio, home movies e
interviste si uniscono a formare un quadro della
società italiana alle prese con il referendum sul
divorzio. Con le donne al centro della Storia, divise
tra tradizione e voglia di cambiare il proprio
destino. L’approccio di Nicchiarelli è imparziale ma
quando in campo appare Paola, prototipo della
tranquilla combattente per i diritti civili, si capisce
da che parte batte il suo cuore.
Ragione e sentimento pervadono non meno Let’s
Go di De Lillo, autrice con un debole per gli
outsider. Della categoria è Luca Musella, reporter
napoletano rimasto senza occupazione, esodato
dalla vita e dal lavoro. Un uomo di confine, come
ama definirsi. Musella si confessa alla macchina da
presa senza filtri, concedendosi però il vezzo
intellettuale di scrivere una lettera aperta che
pervade il film e le coscienze. Un espediente che
sembra mettere in crisi l’obiettività della regista. Chi
vincerà il corpo a corpo?
Altra lotta apparentemente impari è quella rischiata
da Mario Sesti con Lucio Dalla. Sapientemente il
regista gioca di scarto ed elimina dal film corpo e
voce del cantautore, evocato essenzialmente
attraverso le foto private di Marco Alemanno. Senza
Lucio, ma con la dolorosa coscienza della sua
assenza. Se il cinema è anche evocazione, il ricordo
di Dalla è più che mai tangibile.
Let's Go di
Antonietta De
Lillo. In alto, Qui
di Daniele
Gaglianone.
Pagina accanto,
Senza Lucio di
Mario Sesti e Per
tutta la vita di
Susanna
Nicchiarelli
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
53
RITRATTI
di Orio Caldiron
Trapezista
al circo,
primo attoreproduttore
nella storia di
Hollywood:
Da qui
all’eternità
Burt Lancaster
Senza rete
54
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
Q
Burt Lancaster
nel ritratto di
Marco Letizia.
In alto, con
Claudia Cardinale
ne Il Gattopardo
Quando Burt Lancaster appare per la prima
volta sullo schermo in I gangsters (1946),
uno dei capolavori del noir, nessuno
sospetta che lo “Svedese”, immobile nel buio
della stanza d’albergo in attesa di essere
ammazzato, sia l’inizio della strepitosa
carriera di uno dei più dotati divi del
secondo dopoguerra americano. L’ultimo
grande dell’epoca d’oro di Hollywood – nato
a New York il 2 novembre 1913 e scomparso
a Century City, Los Angeles, il 20 ottobre
1994 – viene dal circo dove si è esibito per
un decennio come trapezista. Scoppiata la
guerra, organizza spettacoli per le truppe in
Nord Africa e in Europa. In Italia incontra
l’ausiliaria Norma Anderson, che diventa la
sua seconda moglie e da cui avrà cinque
figli. Sensibile, riservato, irascibile, non
accetta intrusioni nella sua vita privata. Sul
lavoro si sottrae ai diktat delle major
diventando il primo attore-produttore
dell’epoca.
Il grande successo popolare arriva con La
leggenda dell’arciere di fuoco (1950) e Il
corsaro dell’isola verde (1952), fortunate
rivisitazioni senza rete del cappa e spada in
cui l’esuberanza acrobatica del protagonista
rifà il verso a Douglas Fairbanks. Nel suo
versatile camaleontismo non esita a
cambiare registro interpretando il sergente
di carriera Warden di Da qui all’eternità
(1953), il melodramma antimilitarista dove fa
scalpore l’abbraccio appassionato con
Deborah Kerr sulla spiaggia di Honolulu. Non
meno sorprendenti il picaresco vilain di Vera
Cruz (1954) in gara con il fascino
intramontabile di Gary Cooper e l’eccentrico
camionista di La rosa tatuata (1955) che con
la sua esagitata buffoneria risveglia i sensi di
Anna Magnani. Il giornalista cinico e
megalomane di Piombo rovente (1957)
conferma che il perfezionismo non teme la
sgradevolezza.
Nel ’60 l’Oscar premia una delle sue
interpretazioni più vigorose, quella di Elmer
Gantry, lo scatenato predicatore di Il figlio di
Giuda che nel suo istrionismo svela
l’ambiguità delle sette religiose nell’America
di fine anni venti. L’intensa fisicità del corpo
atletico, il magnetismo dello sguardo, la
mimica espressiva del volto s’impongono in
una vivacissima galleria di personaggi, tra
cui spiccano il giudice compromesso con il
nazismo di Vincitori e vinti (1961),
l’ergastolano ornitologo di L’uomo di
Alcatraz (1962), il generale golpista di Sette
giorni a maggio (1964), mentre più esplicite
si fanno le sue convinzioni liberal. Sul set di Il
Gattopardo (1963) riesce a capovolgere
l’iniziale diffidenza di Visconti nella partecipe
identificazione con il principe di Salina,
malinconicamente presago della fine del suo
mondo. Nella foltissima filmografia dei
decenni seguenti, che vanta titoli importanti
di qua e al di là dell’oceano, il suo congedo
dal grande cinema coincide con Atlantic
City, Usa (1980), dove l’anziano gangster
dall’oscuro passato si illude di poter essere
almeno una volta protagonista, sullo sfondo
di una città al tramonto. Senza mai svelare il
suo segreto. Forse aveva ragione Visconti: “A
volte penso che Burt sia l’uomo più
misterioso che io abbia mai incontrato”.
“L’uomo più
misterioso che abbia
mai incontrato”
(LUCHINO VISCONTI)
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
55
KMSTUDIO
NICOLA GIULIANO FRANCESCA CIMA E RAI CINEMA PRESENTANO
UN FILM DI
GABRIELE SALVATORES
LUDOVICO GIRARDELLO VALERIA GOLINO FABRIZIO BENTIVOGLIO CHRISTO JIVKOV
NOA ZATTA ASSIL KANDIL RICCARDO GASPARINI ENEA BAROZZI FILIPPO VALESE VERNON DOBTCHEFF VILIUS TUMALAVICIUS VINCENZO ZAMPA
E CON KSENIA RAPPOPORT
DAL 18 DICEMBRE AL CINEMA
WWW.ILRAGAZZOINVISIBILE.IT
T
SEGUICI SU
D
C
G
I TOP 5
58
al Cinema
OTTIMO BUONO SUFFICIENTE MEDIOCRE SCARSO
Jimmy’s Hall
61
64
I pinguini di Madagascar
69
Hungry Hearts
66
Un amico molto speciale
Viviane
61
69
Foxcatcher
Ogni maledetto Natale
62
Magic in the Moonlight
66
These Final Hours
58 Jimmy’s Hall
61 Viviane
61 Ogni maledetto Natale
62 Magic in the Moonlight
64 I vichinghi
64 I pinguini di Madagascar
66 Un amico molto
speciale
66 These Final Hours
69 Preview
Hungry Hearts
Foxcatcher
The Theory of
Everything
Unbroken
The Water Diviner
Sei mai stata sulla
luna?
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
57
i film del mese
Mai una scena
di troppo, una
battuta sbagliata,
un personaggio
fuori luogo
58
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
JIMMY’S HALL
Terra e libertà in una sala da ballo. E Ken Loach sempre
al passo coi tempi
In uscita
Regia Ken Loach
Con Barry Ward, Simone
Kirby
Genere Drammatico (109’)
V
iene difficile credere
che questo sarà il suo
ultimo film, pure se
parliamo di un uomo di 78
anni. Ken Loach appartiene
a quella meravigliosa
generazione di cineasti
(come Woody Allen e de
Oliveira) che invecchiando
migliorano. Un po’ come il
whisky che aveva tenuto
banco nel suo precedente
lavoro (La parte degli
angeli).
Il regista britannico fa
sembrare il cinema la cosa
più semplice al mondo: nel
suo realismo secco e
immediato, non c’è mai una
scena di troppo, un
movimento di macchina
inopportuno, una battuta
sbagliata, un personaggio
fuori luogo. La storia che
racconta e gli eroi che ci
propina sono da decenni gli
stessi, ma la chiave è ogni
volta inusuale, le corde
toccate quelle giuste: la
fabbrica, la guerra, il calcio,
l’alcool, l’amore e, ora, il
ballo. Sostenuto come al solito
dall’ottima sceneggiatura di
Paul Laverty, Ken Loach ci
regala con Jimmy’s Hall un
altro energico ritaglio dalla
storia fuori dai libri di storia:
la ribalta la merita stavolta
James Gralton (Barry
Ward), l’unico uomo
irlandese ad essere stato
espulso dal proprio paese.
Siamo negli anni ‘20 e
Gralton è un giovane e
carismatico attivista
politico, costretto suo
malgrado ad emigrare
dall’Irlanda negli Stati Uniti.
Tornato in patria dieci anni
dopo e forte dell’esperienza
col jazz vissuta in terra
americana, Gralton decide
di ripetere il felice
esperimento del Music Hall,
una sala da ballo e un luogo
di ritrovo in cui poter
studiare (varie discipline:
dalla letteratura alla boxe,
passando dal disegno),
confrontarsi ed emanciparsi
da un destino di
sottomissione e di
ignoranza. Il progetto trova
entusiastica adesione da
parte degli uomini e delle
donne del villaggio, ma
anche la forte ostilità delle
istituzioni locali, in primis
dei rappresentanti della
Chiesa, timorosi di perdere
il proprio potere d’influenza
(anche se al suo interno le
posizioni sono più sfumate
di quanto non sembri).
Il conflitto non tarderà ad
esplodere, riproponendo
una delle classiche
contrapposizioni del cinema
di Loach, comunismo vs.
religione, che sta
ovviamente per libertà vs.
autorità. E torna anche la
questione irlandese, con
buona pace dei suoi
connazionali (gli inglesi non
gliel’hanno mai perdonata).
Con il consueto movimento
narrativo a fisarmonica (dal
focus principale ad altri
temi sotterranei, e ritorno),
il registro ora drammatico e
ora ironico (mai sbilanciato
in un senso o nell’altro), la
capacità di perorare la
propria causa passando
sempre dal vissuto umano,
Loach parla netto e parla
chiaro, e ne ha per tutti.
Parla soprattutto agli
spettatori del presente
ricordando loro che la vita
non è in delega a politici,
banche o venditori di
pentole, ma è affar nostro
ed è ora di andarcela a
riprendere: balliamo?
GIANLUCA ARNONE
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
59
LISTINO 2015
SI ACCETTANO MIRACOLI
FATHERS AND DAUGHTERS
SEI MAI STATA SULLA LUNA?
CAST: ALESSANDRO SIANI, FABIO DE LU
LUIGI,
CAST: RUSSELL CROWE, AMANDA SEYFRIED, AARON PAUL,
ANA CATERINA MORARIU
MORARIU, SERENA AUTIERI
DIANE KRUGER, JANE FONDA, OCTAVIA SPENCER
PRODUZIONE: CATTLEYA CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
PRODUZIONE: VOLTAGE PICTURES
NAZIONALITÀ: USA-ITALIA
CAST: RAOUL BOVA, LIZ SOLARI, NINO FRASSICA,
SABRINA IMPACCIATORE, NERI MARCORÈ, GIULIA MICHELINI,
SERGIO RUBINI, PAOLO SASSANELLI, EMILIO SOLFRIZZI,
PIETRO SERMONTI, ROLANDO RAVELLO, DINO ABBRESCIA
REGIA: ALESSANDRO SIANI
REGIA: GABRIELE MUCCINO
UN’ESCLUSIVA PER L’ITALIA LEONE FILM GROUP E RAI CINEMA
TUTTO PUO’ ACCADERE
A BROADWAY
REGIA: PETER BOGDANOVICH
CAST: OWEN WILSON, IMOGEN POOTS,
MIA MADRE
CAST: MARGHERITA BUY, JOHN TURTURRO,
PRODUZIONE: LAGNIAPPE FILMS, VENTURE FORTH
NAZIONALITÀ: USA
GIULIA LAZZARINI, NANNI MORETTI
UN’ESCLUSIVA PER L’ITALIA LEONE FILM GROUP E RAI CINEMA
TALE OF TALES
(IL RACCONTO DEI RACCONTI)
REGIA: MATTEO GARRONE
CAST: VINCENT CASSEL, SALMA HAYEK, TOBY JONES, JOHN C. REILLY
PRODUZIONE: ARCHIMEDE, LE PACTE, RAI CINEMA,
RECORDED PICTURE CO.
NAZIONALITÀ: ITALIA-FRANCIA-UK
REGIA: PHILIPPE DE CHAUVERON
CAST: CHRISTIAN CLAVIER, CHANTAL LAUBY, ARY ABITTAN,
MEDI SADOUN, FRÉDÉRIC CHAU, NOOM DIAWARA,
FRÉDÉRIQUE BEL, JULIA PIATON, EMILIE CAEN,
ELODIE FONTAN, PASCAL NZONZI
PRODUZIONE: SACHER FILM E FANDANGO
CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
PRODUZIONE: LES FILMS DU 24, TF1 DROITS AUDIOVISUELS,
TF1 FILMS PRODUCTION
NAZIONALITÀ: FRANCIA
UN’ESCLUSIVA PER L’ITALIA ITALIAN INTERNATIONAL FILM
LATIN LOVER
REGIA: CRISTINA COMENCINI
CAST: ANGELA FINOCCHIARO, VALERIA BRUNI TEDESCHI,
VIRNA LISI, MARISA PAREDES, JORDI MOLLÀ,
NERI MARCORÈ, FRANCESCO SCIANNA
CAST: ADAM DRIVER, ALBA ROHRWACHER
PRODUZIONE: LUMIÈRE & CO. CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
E CON ROBERTA MAXWELL
PRODUZIONE: WILDSIDE CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
REGIA: GIORGIA FARINA
ADRIANO GIANNINI, ELENA SOFIA RICCI, IAIA FORTE
PRODUZIONE: BIBI FILM CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
THE GUNMAN
REGIA: PIERRE MOREL
SAMBA
CAST: SEAN PENN, JAVIER BARDEM, JASMINE TRINCA,
REGIA: ERIC TOLEDANO, OLIVIER NAKACHE
IDRIS ELBA, RAY WINSTONE
CAST: OMAR SY, CHARLOTTE GAINSBOURG,
PRODUZIONE: NOSTROMO PICTURES,
SUBURRA
REGIA: STEFANO SOLLIMA
CAST: PIERFRANCESCO FAVINO, ELIO GERMANO, CLAUDIO AMENDOLA,
TAHAR RAHIM, IZÏA HIGELIN
SILVER PICTURES, STUDIOCANAL
NAZIONALITÀ: SPAGNA-UK-FRANCIA
PRODUZIONE: SPLENDIDO, QUAD CINEMA, TEN FILMS,
GAUMONT, KOROKORO, TF1 FILMS PRODUCTION
NAZIONALITÀ: FRANCIA
UN’ESCLUSIVA PER L’ITALIA ITALIAN INTERNATIONAL FILM
IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA
JEAN-HUGHES ANGLADE, GRETA SCARANO
PRODUZIONE: CATTLEYA CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
THE LAST FACE
REGIA: SEAN PENN
CAST: CHARLIZE THERON, JAVIER BARDEM
THE SEARCH
REGIA: MICHEL HAZANAVICIUS
SE DIO VUOLE
CAST: BÉRÉNICE BEJO, ANNETTE BENING
REGIA: EDOARDO FALCONE
PRODUZIONE: LA PETITE REINE,
CAST: ALESSANDRO GASSMANN,
LA CLASSE AMÉRICAINE
NAZIONALITÀ: FRANCIA
MARCO GIALLINI E CON LAURA MORANTE
PRODUZIONE: FILMHAVEN ENTERTAINMENT, GERBER PICTURES,
PRODUZIONE: WILDSIDE CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
MATT PALMIERI PRODUCTIONS, RIVER ROAD ENTERTAINMENT
NAZIONALITÀ: USA
UN’ESCLUSIVA PER L’ITALIA LEONE FILM GROUP E RAI CINEMA
TORNO INDIETRO
E CAMBIO VITA
LA GRANDE SEDUZIONE
REGIA: CARLO VANZINA
LA CORRISPONDENZA
CAST: RAOUL BOVA, GIULIA MICHELINI, RICKY MEMPHIS,
REGIA: GIUSEPPE TORNATORE
MAX TORTORA, PAOLA MINACCIONI
PRODUZIONE: PACO CINEMATOGRAFICA
PRODUZIONE: CATTLEYA CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
IL NUOVO FILM DI
LEONARDO PIERACCIONI
HUNGRY HEARTS
REGIA: SAVERIO COSTANZO
HO UCCISO NAPOLEONE
CAST: MICAELA RAMAZZOTTI, LIBERO DE RIENZO,
PRODUZIONE: PEPITO PRODUZIONI CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
NON SPOSATE LE MIE FIGLIE!
REGIA: NANNI MORETTI
JENNIFER ANISTON, RHYS IFANS, KATHRYN HAHN
REGIA: PAOLO GENOVESE
CAST: FABIO VOLO, SILVIO ORLANDO, CARLO BUCCIROSSO,
NANDO PAONE, MIRIAM LEONE
PRODUZIONE: CATTLEYA CON RAI CINEMA
NAZIONALITÀ: ITALIA
IL NUOVO FILM DI
PIF
www.raicinemachannel.it www.01distribution.it
REGIA: MASSIMO GAUDIOSO
IL NUOVO FILM DI
SYDNEY SIBILIA
seguici su
01 distribution
CREDITI NON CONTRATTUALI
PER
UN
O
ANN O
RICC
DI
SE
PRE
R
SO
VIVIANE
L'ultimo atto della trilogia dei fratelli Elkabetz. Applausi
nell’aula di un tribunale rabbinico,
Viviane segue, udienza dopo udienza,
nel corso dei mesi e degli anni, un
processo per divorzio. La moglie,
Viviane Amsalem (interpretata dalla
regista), ha chiesto il divorzio dal
marito Elisha, che non acconsente.
E senza l’approvazione del consorte, i
giudici non possono fare nulla.
Lo sguardo è frontale, immobile come
la situazione descritta e che sembra
non conoscere via d’uscita, accentuata
dalla pressoché totale assenza di
musica. Sono invece i dettagli
(sui piedi, l’abbigliamento, i volti) e i
personaggi maschili e femminili quasi
da commedia a creare delle traiettorie
interne alle immagini nel tentativo di
esplorare i comportamenti di chi è
obbligato per un tempo imprecisato a
condividere uno spazio ristretto.
GIUSEPPE GARIAZZO
“GETT” in ebraico significa divorzio.
Ed è il titolo originale di Viviane, terzo
film di una trilogia - iniziata con Ve’
Lakhta Lehe Isha (Prendere moglie,
2004) e proseguita con Shiva (I sette
giorni, 2008) - sulle relazioni di coppia
e familiari realizzata dai cineasti
israeliani Ronit e Shlomi Elkabetz,
sorella e fratello i cui lavori
costituiscono pagine rilevanti del
cinema d’Israele del nuovo millennio.
Tutto ambientato nel corridoio e
In sala
Regia Ronit e Shlomi Elkabetz
Con Ronit Elkabetz, Simon Abkarian
Genere Drammatico (115’)
OGNI
MALEDETTO
NATALE Dal trio di Boris un
insolito cinepanettone
In sala
Regia M. Torre, L. Vendruscolo, G. Ciarrapico
Con A. Mastronardi, A. Cattelan
Genere Commedia (95’)
GIULIA (Mastronardi) e Massimo
(Cattelan) si incontrano per caso: è
amore a prima vista, ma di lì a poco
sopraggiunge il Natale. Il loro rapporto
sopravvivrà all’incontro con le rispettive
famiglie? Da una parte i Colardo, in una
Tuscia immaginaria, creature emerse
dalla terra che sembrano lottare contro
le tenebre, dall’altra i Marinelli Lops,
miliardari in un sontuoso palazzo del
centro di Roma, ma completamente
fuori dal mondo. La sfida di Ogni
maledetto Natale è questa: mettere a
confronto la follia “animalesca” dei
Colardo con l’ipocrisia impettita di casa
Marinelli, naturalmente nel giorno più
significativo dell’anno. Il trio di Boris
sceglie la carta della coralità e del
doppio ruolo (Pannofino, Morante,
Mastandrea, Giallini, Corrado e Caterina
Guzzanti etc. impersonano gli uni e gli
altri) per servire la doppia faccia della
stessa medaglia: il ritratto è insieme
grottesco e sui generis, lontano dai
cliché di certe commedie natalizie ma al
tempo stesso quasi incapace di graffiare
fino in fondo, lasciando carta bianca alla
verve degli interpreti, su tutti Morante,
Mastandrea e Guzzanti, quest’ultimo nei
panni del domestico filippino capace di
riportare a galla i fasti di una televisione
(e di certe maschere) che non esiste
(esistono) più.
VALERIO SAMMARCO
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
61
i film del mese
MAGIC IN THE MOONLIGHT
Quando l’amore non è un trucco: Woody Allen “incanta” in Costa Azzurra
In sala
Regia Woody Allen
Con Colin Firth, Emma Stone
Genere Romantico (’97)
FINE ANNI ‘20. Stanley (Colin Firth),
nome d’arte Wei Ling Soo, è il mago, il
prestidigitatore, l’illusionista più
celebre al mondo, e non c’è da
stupirsi: solo lui può far scomparire un
elefante dal palcoscenico. Eppure,
Stanley è un razionalista duro e puro,
uno scienziato, poco incline a farsi
illudere, a credere in una realtà altra
rispetto a quella sensibile e
logicamente comprensibile: Stanley è
convinto che ogni fenomeno abbia
una spiegazione qui e ora, e pazienza
se l’infelicità personale ne è logica
conseguenza. Ma la situazione sta per
evolvere repentinamente: viene
chiamato in Costa Azzurra da un
amico, mago pure lui, perché
62
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
smascheri una bella ragazza
americana, Sophie (Emma Stone), che
si accredita facoltà sovrannaturali, tra
cui il parlare con l’aldilà. Ma è davvero
la truffatrice che si direbbe? Sul caso
indaga Stanley, ma è una missione ad
alto rischio, in primis cardiaco…
È tornato Woody Allen, ed è in un
discreto stato di forma: Magic in the
Moonlight è fresco, romantico,
delizioso. Innanzitutto, le battute
vanno a segno con una certa facilità,
per esempio questo scambio tra
Stanley e Sophie è da ricordare: “Non
ti posso perdonare, solo Dio può” –
“Ma hai appena detto che Dio non
esiste” – “Appunto”. I costumi, firmati
da Sonia Grande, sono stupendi:
complice la naturale eleganza, Firth è
il gentiluomo (misantropo, ma quello è
un altro discorso) per antonomasia, e
le mise della Stone non sono da meno.
Dopo la performance da Oscar in
Birdman, un’altra prova di bravura per
l’attrice americana, vezzosa come lo
scenario richiede. Insomma, quasi
tutto bene, a parte il palese imbarazzo
di Firth nelle scene più affettuose:
l’attore inglese ha 54 anni, la Stone 26,
forse i 28 anni di differenza pesano, e
non ci riferiamo solo alla “credibilità”
poetica. Eppure, Woody Allen non se
ne cura, e non ci sorprende: tra lui e la
moglie Soon-Yi corrono 38 primavere.
Ma son dettagli, c’è davvero qualcosa
di magico sotto la luna: si chiama
amore, effetto vintage.
FEDERICO PONTIGGIA
Dopo Birdman, un'altra prova di
bravura per Emma Stone
S PRESENTANO
LUIGI E AURELIO DE LAURENTII
LILLO&GREG
RICCARDO
DE FILIPPIS
CONCEPT BY
PHOTO: ANTONELLO&MONTESI
LÒ FRANCESCROI
O
C
IC
N
LO
O
A
P
PAOLA
MONTANA
A
N
G
A
AMBRA
LV
A
C
I
ES
R
B
LA
A
C
ANGIOLINI MINACCIONI
REGIA DI
VOLFANGO
DE BIASI
UN FILM
FILMAURO
PRODUTTORE ESECUTIVO
MAURIZIO AMATI
PRODOTTO DA
AURELIO &
LUIGI DE LAURENTIIS
DAL 18 DICEMBRE AL CINEMA
/UnNataleStupefacente
/Filmauro_srl
PER VISUALIZZARE I CONTENUTI EXTRA DEL FILM SCARICA L’APP DI AR-CODE E INQUADRA L’IMMAGINE
i film del mese
I VICHINGHI Anonima rivisitazione della mitologia norrena
mezza di evasione a encefalogramma
piatto, di mari in tempesta, foreste in
fiamme, polvere, spade, frecce e teste
mozzate. I magnifici scenari di Capo di
Buona Speranza (Sudafrica) – dove il
film è stato girato – forniscono un
suggestivo background a queste
avventure per soli uomini, ma il resto è
noia. La scelta di utilizzare attori poco
noti – segnaliamo Charlie Murphy
perché è l’unica donna, e Johan Hegg
perché è il frontman della band heavy
metal degli Amon Amarth – è
apprezzabile ma suicida quanto a
carisma. Lo script è pieno di imprevisti
però avaro di sorprese, la regia
anonima, l’operazione senza ironia. Per
concludere, I vichinghi stanno tra il
Valhalla Rising di Refn e Le Crociate di
Ridley Scott: più che una terra di mezzo
però, la loro è una terra di nessuno.
GIANLUCA ARNONE
DOPO UN APPRODO di fortuna in un
ostile lembo di Scozia, un gruppo di
vichinghi fuorilegge si troverà prima a
fronteggiare l’intero esercito del re, poi
sequestrerà la figlia del reggente, quindi
s’imbatterà in un monaco guerriero,
infine dovrà sfuggire a un branco di
spietati mercenari – chiamati a scanso
d’equivoci i “Lupi” – mandati dal
sovrano per toglierli di mezzo.
Piatta rivisitazione della mitologia
norrena, I vichinghi offrono un’ora e
In sala
Regia Claudio Fäh
Con Tom Hopper, Charlie Murphy
Genere Avventura (98’)
I PINGUINI DI
MADAGASCAR
Chi fa da sé non fa per
tre: l’assolo di Skipper &
Co. stecca
In sala
Regia Eric Darnell, Simon J. Smith
Genere Animazione (91’)
NON TUTTI gli spin-off riescono. Anzi.
Stavolta tocca ai pinguini di
Madagascar, che mollano Alex il Leone,
Marty la Zebra, Melman la Giraffa e
Gloria l’Ippopotamo per tentare
l’avventura in solitaria: lasciato
l’Antartico, dove sono il soggetto di un
documentario naturalistico (la voce
nell’originale è di Werner Herzog),
finiscono prima a Venezia, quindi a
Shanghai, infine a New York. Sono loro,
il capo Skipper, la mente Kowalski, il
pirotecnico Rico e la new entry Soldato
che incarna il surplus di coccolosità, ma
64
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
non sono soli: la nemesi è metamorfica
e tentacolare, si chiama Dr. Octavius
Tentacoli detto Dave e persegue
vendetta contro quei pinguini che di
zoo in zoo l’hanno spodestato nello
stupore e nell’ammirazione dei
visitatori. Riusciranno i nostri eroi
pennuti a sconfiggerlo? Vedremo, ma
“dalla loro” è anche l’organizzazione
Vento del Nord, capitanata da Agente
Segreto… Secondo passo falso della
DreamWorks Animation dopo Dragon
Trainer 2, I pinguini ribadisce che non
tutti nascono per essere protagonisti:
deliziosi caratteristi nella trilogia
Madagascar, Skipper & Co. annoiano
sotto i riflettori. Qualche trovata va a
segno, ma il troppio stroppia: poverini,
prezzemolini e spiumati questi pinguini.
FEDERICO PONTIGGIA
SANDRO PARENZO
PRESENTA
people’s choice award 2014
VINCITORE DEL FESTIVAL DI TORONTO
ALAN TURING. L’ENIGMA DI UN GENIO
UN’INCREDIBILE STORIA VERA
+++++
+++++
AVVINCENTE E STRUGGENTE
UN GRANDE FILM
COMPLESSO, IMPECCABILE,
UNICO. DA OSCAR ®
HOLLYWO
O OD
D REP
P ORTER
VARII ETY
BENEDICT
C U M B E R B ATC H
KEIRA
KNIGHTLEY
T H E I M I TAT I O N G A M E
DAL 1 GENNAIO AL CINEMA
connesso oltre lo schermo
theimitationgame.libero.it
i film del mese
UN AMICO MOLTO SPECIALE
Il gemello gentile di Babbo bastardo
CHI NON RICORDA Babbo bastardo,
spassosissimo cult di oltre un
decennio fa in cui Billy Bob Thornton
interpretava uno scassinatore
sboccato travestito da Santa Claus?
Di certo lo ricordano i francesi che
con Un amico molto speciale ne
del piccolo Antoine, che lo scambia
davvero per il vecchio sulla slitta, il
travestimento finirà per diventare la
sua identità. Se lo spunto non è
inedito, il tema della paternità non è
nuovo. Ma Alexandre Coffre (Tutta
colpa del vulcano) dirige con mano
sicura un film senza magia né troppe
sbavature: la sceneggiatura è a prova
di ferro, la melassa tutto sommato
accettabile, lo score furbetto (con hit
come Bonfire Heart di James Blunt) e
la confezione impeccabile, dal sapore
autenticamente natalizio. Se a questo
aggiungiamo che tra Tahar Rahim (in
un ruolo insolito ma molto più
convincente di quello regalatoci in
The Cut di Fatih Akin) e Victor Cabal
l’affiatamento c’è – e si sente – il
lavoro è fatto. Pulito pulito.
hanno realizzato una versione gentile
e vietata ai maggiori. Il Babbo
bastardo stavolta ha la faccia ripulita
di Tahar Rahim che però, come
l’originale, è un ladro sotto l’abito di
Père Noël. Ma quando la vigilia di
Natale s’intrufola nell’appartamento
GIANLUCA ARNONE
australiano Zak Hilditch racconta
l’avvicinarsi dell’apocalisse facendo
coesistere con intensità figurativa
violenza e tenerezza, euforia e terrore,
follia e lucidità dei sentimenti.
Nell’attesa che l’esplosione si
manifesti, che una luce bianca
inghiotta ogni cosa, un uomo e una
bambina si incontrano e attraversano
la città: lui, James, ha lasciato la
moglie per incontrare ancora una volta
l’amante; lei, Rose, è in cerca del
padre. Rimarranno insieme per poche
ore. Ma quell’incontro, fatto di parole,
silenzi, sguardi, li aiuterà ad affrontare
un ultimo contatto con le persone
amate (Rose accanto al cadavere del
padre, James vicino alla moglie, dalla
quale è tornato).
In sala
Regia Alexandre Coffre
Con Tahar Rahim, Victor Cabal
Genere Commedia (81’)
THESE FINAL
HOURS Convince quest’apocalisse
in salsa australiana
In uscita
Regia Zak Hilditch
Con Nathan Phillips, Angourie Rice
Genere Thriller (87’)
MANCANO POCHE ORE alla fine del
mondo. Ovunque è delirio. Le persone
fuggono, si uccidono, anche tra
familiari, per non arrivare a vivere quel
momento definitivo. Un appuntamento
con la morte che una stazione
radiofonica e la luce cangiante,
conseguenza di quella alterata del
sole, fanno incombere, scena dopo
scena, in un countdown doloroso e,
come dice la moglie del protagonista
nell’istante in cui la catastrofe finale
arriva dal cielo e dal mare, “bellissimo”.
Con These Final Hours (basato sul suo
corto Transmission) il regista
66
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
GIUSEPPE GARIAZZO
Guai in vista per
Meghan Miles
ELIZABETH
BANKS
JAMES
MARSDEN
IN VENDITA DAL 18 DICEMBRE IN DVD E BLU-RAY
TM
D I ST RI B U TO R E U FFICIAL E P E R L’ ITAL IA
/Kmedia2
V ia R ipamonti 8 9 , 2 0 1 4 1 M ila n o • Te l + 3 9 0 2 5 7 3 7 4 2 • Fa x + 39 02 57374219 • i t a l i a @ ko c h m e d i a . c o m • w w w. ko c h m e di a. i t
i film del mese preview
a cura di Manuela Pinetti
HUNGRY HEARTS
UNBROKEN
FOXCATCHER
MINA È ITALIANA, Jude americano. Si
incontrano per caso nel bagno di un
ristorante a New York, si innamorano,
si sposano. La favola romantica sfocia
nel thriller psicologico quando Mina si
scopre incinta, e in seguito si
convince che il suo è un bambino
speciale, che va accudito e nutrito in
modo non convenzionale. Duplice
Coppa Volpi per i protagonisti
all’ultima Mostra del Cinema di
Venezia.
ATLETA OLIMPICO, prigioniero di
guerra, eroe americano. Prima o poi
doveva accadere che l’incredibile vita
di Louis “Louie” Zamperini arrivasse sul
grande schermo. Ci sono anche i fratelli
Coen a scrivere la sceneggiatura,
adattamento del libro di Laura
Hillenbrand Sono ancora un uomo. Una
storia epica di resistenza e coraggio.
Opera seconda dell’attrice Premio
Oscar Angelina Jolie, qui anche
produttrice.
UN MILIARDARIO ECCENTRICO,
minato da disturbi psicotici, offre
l’occasione della vita a un giovane
lottatore: lo allenerà e lo finanzierà
per le Olimpiadi. Siamo nel 1988, e la
storia è quella – vera – dei fortissimi
eppure fragili fratelli statunitensi Mark
e Dave Schultz, entrambi medaglia
d’oro nella lotta libera. Accolto con
entusiasmo dalla critica a Cannes, il
film è valso a Bennett Miller il Premio
per la miglior regia.
Regia Saverio Costanzo
Con Alba Rohrwacher, Adam Driver
Regia Angelina Jolie
Con Jack O’Connell, Garrett Hedlund
Regia Bennett Miller
Con Channing Tatum, Mark Ruffalo
SEI MAI STATA
SULLA LUNA?
THE WATER
DIVINER
LA TEORIA DEL TUTTO - THE
THEORY OF EVERYTHING
CAMPAGNA O CITTÀ? Amore o
carriera? Per la bella trentenne Guia
(Solari) il problema non si è mai
posto. Vive tra Milano e Parigi, si
sposta su un jet privato e lavora per
un’importante rivista di moda. Un
viaggio in Salento la farà incontrare
con Renzo (Bova), aitante contadino
per il quale mettere tutto in
discussione… o forse no. Curiosità: il
titolo è stato scelto tramite sondaggio
sui social network.
RUSSELL CROWE aggiunge anche il
suo nome alla lista di attori lanciati
nella carriera di regista, e lo fa con già
all’attivo due documentari e un corto.
Per l’esordio nel lungometraggio
sceglie un dramma storico
ambientato durante la Grande Guerra,
che racconta il viaggio di un
contadino australiano (lo stesso
Crowe) alla ricerca dei suoi tre figli,
perduti in Turchia all’indomani della
Guerra di Gallipoli.
A 21 ANNI i medici dissero che aveva
due anni di vita per una malattia
degenerativa dei motoneuroni. Erano i
primi anni ‘60, e da allora Stephen
Hawking - fisico, matematico,
cosmologo e astrofisico britannico si è sposato due volte, ha avuto figli,
ha formulato teorie che l’hanno reso
immortale. Marsh (Man on Wire) si
muove tra il biopic e la love story,
basandosi sulla biografia di Jane
Hawking, ex moglie del fisico.
Regia Paolo Genovese
Con Raoul Bova, Liz Solari
Regia Russell Crowe
Con Russell Crowe, Olga Kurylenko
Regia James Marsh
Con Eddie Redmayne, Felicity Jones
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
69
Dvd /// Blu-ray /// SerieTv /// Borsa del cinema /// Libri /// Colonne sonore
TELECOMANDO
A cura di Valerio Sammarco
Dvd &
Blu-ray
Libri
Belluscone, Pane e
cioccolata restaurato
Borsa del
cinema
Se l’investimento
arriva dal privato
Lo script del
Giovane favoloso
e non solo
Colonne
sonore
Gone Girl: Reznor
& Atticus Ross
FESTE BESTIALI
Sotto l’albero, spettacolo Apes Revolution
TELECOMANDO
/// Dvd &
e Blu-ray ///--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Apes
Revolution
Il pianeta delle
scimmie
Anche in 3D il nuovo
capitolo della saga. Con
oltre due ore di extra
È
disponibile in Blu-ray 3D, Blu-ray
e Dvd il nuovo capitolo della saga
sul (nuovo) Pianeta delle scimmie, stavolta diretto da Matt Reeves. Siamo agli albori dello scontro tra uomini
e scimmie. Quello di Matt Reeves è un
film che ragiona anche sulla leadership
e sulla messa in discussione della stessa:
Cesare, meglio di altri suoi simili, ha
avuto modo di conoscere anche i lati
positivi degli umani e, piuttosto che
mandare allo sbaraglio la sua razza, preferisce accogliere le istanze di Malcolm
(Jason Clarke), tra i pochi convinti di
poter ragionare con le scimmie.
Oltre due ore di extra: ricchissimi di
scene tagliate, dietro le quinte e featurette con interviste a Andy Serkis su come ha interpretato Cesare, riuscendo a
rendere in modo realistico il rapporto
tra l’uomo e le scimmie. Apes Revolution in Blu-ray e Dvd permette di scoprire come questi animali intelligenti e
il loro mondo siano stati portati alla vita
con innovativi effetti speciali.
DISTR. 20TH CENTURY FOX H.E.
72
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Laclasse
deiclassici
a cura di Bruno Fornara
Belluscone
Una storia siciliana
Winchester ‘73
A
rriva in Blu-ray e Dvd l’ultima fatica di
Franco Maresco, riflessione amara e irresistibile sul fallimento umano, politico e artistico del nostro paese. Sì, perché Belluscone –
Una storia siciliana è operazione ben più complessa dell’argomento “dichiarato”: lo storico e
critico cinematografico Tatti Sanguineti arriva a
Palermo per ricostruire le vicissitudini del film
mai finito di Maresco, film che avrebbe voluto
raccontare il rapporto unico tra Berlusconi e la
Sicilia… Attraverso la sovrapposizione di figure e
contesti, prende così vita una creatura multiforme, un esplosivo mix in cui finiscono per coabitare gli spettri di trattative tra poteri forti e i “mostri” che Maresco non ha smesso di inseguire, filmare, amare come oggetto di ricerca quasi antropologica, viscerale, specchio dei tempi e simulacro di mondi. Tra gli extra: “Come lui vede le
donne”; “L’imprevisto”; “Neomelodici”; “I venti
miliardi”.
DISTR. LUCKY RED
Richard Curtis
Boxset
Ne ho fatte di tutti i
colori
Christine - La
macchina infernale
Il regalo perfetto
per scaldare il
Natale con un
po’ di romanticismo. Dalla penna
di uno degli sceneggiatori più apprezzati, nonché vincitore del Premio Oscar
per la Miglior Sceneggiatura Originale, Richard Curtis, tre film divertenti, toccanti ed originali per
un Boxset da collezione. Il cofanetto comprende il recente e
graziosissimo Questione di tempo, poi Love Actually e il cult
Notting Hill.
Un viaggio – tra
passato e presente
– nella memoria e
nel cuore del
grande cinema italiano attraverso la
figura del più grande press
agent, Enrico Lucherini, accompagnato da amici e colleghi come Ettore Scola, Giuseppe Tornatore, Carlo Verdone e da talent come la sua ultima ‘scoperta’ Adua Del Vesco. Nei contenuti speciali, scene tagliate e intervista con il regista del doc,
Marco Spagnoli.
Finalmente in Bluray l’horror firmato nel 1983 da
John Carpenter,
tratto dal romanzo
di Stephen King.
Il film è incentrato su una Plymouth Fury rossa del ’58 che,
20 anni dopo essere stata dimenticata, viene rimessa in sesto da un timido adolescente
che non sa a cosa a sta andando incontro… Christine, questo
il nome dell’auto, ora punta su
Leigh, la ragazza di Arnie: l’altra
donna…
DISTR. UNIVERSAL PICTURES H.E.
DISTR. MUSTANG ENTERTAINMENT
Siamo a Dodge City, nel
1873. Due anni buoni: il
1873 sta in quel periodo
d’oro in cui sono
ambientati tanti grandi
western, tra la guerra civile
e la fine del secolo; e il
1950 è uno di quegli anni in
cui di western se ne
producono molti e
parecchi sono buoni.
Anthony Mann, gran
regista in generale, è un
gran regista di western: ne
dirige tre in quell’anno.
Questo è organizzato
lungo un percorso
circolare. Il protagonista è
un fucile, l’ultimo modello
di Winchester, appunto del
1873. Il coprotagonista è
James Stewart, qui nel
primo dei cinque western
girati con Mann. Il
Winchester ‘73 è speciale,
spara 17 colpi e pesa solo 3
kg e mezzo. A Dodge City
fanno una gara di tiro,
primo premio il nuovo
fucile. Vince Lin McAdam
(Stewart) battendo Dutch
Brown che non si dà pace
e ruba il fucile. Il fucile
continua a passare di
mano in mano, di uomo in
uomo, e il film e Lin
seguono, passo passo,
questo viaggio fino a una
rivelazione. In un ruolo
minore c’è anche Tony
Curtis (Anthony nei titoli) e
il capo indiano è Rock
Hudson. Film affascinante.
Regia Anthony Mann Con
James Stewart, Shelley Winters
Genere Western (Usa, 1950)
Distr. A & R Production
DISTR. UNIVERSAL PICTURES H.E.
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
73
TELECOMANDO
/// Dvd & Blu-ray ///------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Senso
Per la prima volta
in Blu-ray, il capolavoro di Luchino
Visconti con Alida
Valli, Farley Granger e Massimo Girotti. Realizzato nel 1954, il film,
ambientato a Venezia alla vigilia
della terza Guerra d’Indipendenza, racconta la storia di una patrizia veneta, la contessa Livia
Serpieri, cugina del patriota marchese Ussoni. La donna si innamora perdutamente di un giovane ufficiale austriaco, Franz Mahler. La passione non tarda a privarla di ogni dignità al punto
ch’ella consegna all’uomo il denaro destinato ai patrioti italiani.
Franz è infatti un individuo equivoco e vile che finge di amare
Livia mirando solamente al suo
tornaconto economico.
DISTR. CRISTALDI FILM
Pane e cioccolata
In occasione delle
celebrazioni per il
decennale dalla
scomparsa di Nino
Manfredi, arriva
per la prima volta
in Dvd e in Blu-ray la nuova edizione restaurata (Cineteca di Bologna) del capolavoro di Franco
Brusati, che racconta la storia di
Nino, emigrato in Svizzera, che
viene privato del permesso del
soggiorno all’indomani del licenziamento come cameriere. L’uomo però decide di non arrendersi… Negli extra: l’interessante
approfondimento di oltre un’ora,
“Una macchina con due morti:
Franco Brusati e la realizzazione
di Pane e cioccolata”, “A proposito di Pane e cioccolata: conversazione tra Paolo Virzì e Andrea
Occhipinti”, “Il restauro”.
DISTR. LUCKY RED
74
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
Blade Runner
Ultimate Collector’s Edition
A
Natale quale occasione migliore
per mettere sotto l’albero il capolavoro sci-fi di Ridley Scott,
realizzato nel 1982, ma ancora tremendamente attuale? Per celebrare questo
classico visionario della fantascienza,
Warner Bros. propone un’imperdibile
edizione da collezione contenente 3 di-
schi Blu-ray, un’art card, un libro fotografico di 72 pagine e la “Blade Runner
Spinner Car”.
L’edizione contiene quattro versioni del
film (inclusa la versione “The Final Cut”
di Ridley Scott), la versione Copia Lavoro del film, il documentario Dangerous
Days ed un esclusivo art book con fotografie dal dietro le quinte, storyboard,
disegni e molto altro. “Ho visto cose che
voi umani…”.
DISTR. WARNER HOME VIDEO
dicembre 2014
/// Serie Tv ///------------------------------------------------
TELECOMANDO
-----------------------------
The Fall
[CANALE 110 DI SKY]
Dal 3 dicembre in Italia la miniserie britannica con Gillian Anderson
A
ndrà in onda a partire da mercoledì 3 dicembre su Sky Atlantic (ch. 110 del bouquet Sky)
The Fall, miniserie britannica (5 episodi)
ideata da Allan Cubitt e interpretata
dall’ex X-Files Gillian Anderson (nei
panni della detective Stella Gibson) e
Jamie Dornan, nel ruolo del serial killer
Paul Spector.
Ambientata nel nord dell’Irlanda, The
filminorbita
76
Fall è incentrata sulle indagini che la
polizia locale sta portando avanti riguardo ad alcuni casi di omicidio.
Dopo quasi un mese di ricerche infruttuose, viene chiamata dalla Metropolitan Police la sovrintendente Stella Gibson: l’obiettivo è quello di dare una
svolta alle indagini per fermare Paul
Spector, serial killer artefice della morte
di giovani donne, single e in carriera,
tutte uccise a Belfast. Nessuna traccia
apparente sulla scena del crimine, se
non gli evidenti rituali misogini con cui
l’uomo mette fine alla vita delle sue vittime. Stella è la prima a capirlo, ed è
l’unica forse che potrà stanarlo. Paul,
nel frattempo, deve continuare a condurre la propria (doppia) vita senza destare sospetti, tra lavoro, famiglia e… ricerca delle prossime vittime.
a cura di Federico Pontiggia
I Moschettieri
Our Xmas!
Cattive
Italia 1
Studio Universal
Studio Universal
In prima tv dal 12
dicembre, tornano i
“fantastici quattro” di
Dumas: garanzia BBC, son
spadaccini di qualità.
Vigilia con E.T., il 25 con i
Gremlins, il 26 con
Batman, il 27 con Casper,
l’Ultimo con Dreamer:
Natale con chi vuoi.
Ogni lunedì (21.15), le
bad girls di Hollywood,
dalla Gardner dei
Gangsters alla Dietrich di
Scandalo internazionale.
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
PER VISUALIZZARE
I CONTENUTI EXTRA DEL FILM,
SCARICA L’APP DI AR-CODE
E INQUADRA L’IMMAGINE
/// Borsa del cinema ///-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
TELECOMANDO
CACCIA AL
TESORO
Declino dell’intervento pubblico? Le
produzioni corrono ai ripari e si pensa al
modello francese, dove le società
raccolgono fondi da privati cittadini
di Franco Montini
A
lla ricerca di nuovi strumenti di
sostegno: il cinema italiano riuscirà a sostituire il progressivo ed
inarrestabile declino dell’intervento pubblico a favore della produzione? In dieci
anni, l’apporto diretto dello Stato, che si
concretizza attraverso i finanziamenti del
Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo si è drasticamente ridotto, scendendo dai 94 milioni di euro
del 2004 a poco più di 19 milioni.
Benché strumento utile e decisivo, il tax
credit da solo non è sufficiente a ripianare l’enorme sforbiciata pubblica: da qui
la richiesta da parte degli operatori del
settore di introdurre anche altri strumenti
che consentano di raccogliere risorse.
78
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
Ancora una volta si guarda al modello
francese e la richiesta più pressante è
l’introduzione anche sul nostro mercato
delle Sofica, nate oltralpe nel 1985. Si
tratta di società che raccolgono fondi da
privati cittadini per destinarli ad investimenti cinematografici. Il meccanismo è
molto semplice: il singolo investitore si
affida alla società che, in base alle proprie specifiche conoscenze nel settore,
decide i progetti da sostenere. Grazie a
questo sistema, in Francia sono stati mediamente raccolti ogni anno 60 milioni di
euro. Ogni persona fisica può investire
fino a 18mila euro, beneficiando di una
deduzione fiscale dal reddito netto imponibile. Il successo del meccanismo è an-
che frutto dei risultati finora ottenuti dalle Sofica, che hanno garantito agli investitori rendimenti medi in 5 anni – il periodo previsto per l’investimento – fra il
16 e il 26%. Insomma un buon affare per
tutti.
Un altro concreto aiuto al cinema italiano
potrebbe arrivare da un’iniziativa lanciata
da Nuovo Imaie, l’istituto mutualistico
che tutela i diritti degli artisti interpreti o
esecutori, e che si occupa di riscuotere e
distribuire i proventi di attori, cantanti,
doppiatori, musicisti, direttori d’orchestra
derivanti dalle utilizzazioni delle loro
opere registrate. Insomma il Nuovo
Imaie si occupa, per un’altra categoria di
artisti, delle stesse funzioni che per gli
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
autori svolge la Siae. Il
progetto del Nuovo
Imaie, denominato ArtistiInPrimaFila, offre alle
banche che intendono finanziare progetti cinematografici, realizzati in Italia con artisti italiani, una
garanzia sul rischio di impresa previsto nell’accordo. In questo modo gli
istituti di credito, sentendosi maggiormente protetti, saranno ovviamente
più disponibili a finanziare progetti ritenuti validi e
interessanti.
Un primo accordo è stato
siglato con Banca Generali, ma vari abboccamenti sono in corso anche
con altri istituti. “Si tratta
– afferma Andrea Miccichè, presidente Nuovo
Imaie – di un progetto
molto ambizioso, che
darà ossigeno al nostro
settore in un momento
difficile e che con scelte
mirate sarà in grado di
autoalimentarsi”.
Oltre l’aspetto meramente
economico, con l’offerta
di risorse aggiuntive alla
produzione, l’intervento
del Nuovo Imaie è importante anche perché può
aiutare investitori esterni
al cinema a valutare la
bontà di un progetto e il
possibile rendimento. In
altre parole, l’intervento
di un soggetto competente può agevolare
il superamento delle diffidenze e delle incomprensioni che esistono nei confronti
di un settore, quello cinematografico, per
molti versi anomalo, in quanto produttore di beni immateriali.
Le Sofica hanno
garantito agli
investitori
rendimenti fra il 16
e il 26%
Surfing
Marco Spagnoli
Parola d’ordine: condivisione
La sala diventerà meno rilevante. I contenuti saranno
sempre più centrali sui vari network
olto presto i
Social Media
potrebbero
diventare l’alternativa
digitale alla
‘condivisione’ storica
della sala
cinematografica. Un
po’ come accade oggi
per i Reality Show
giudicati in diretta da
migliaia di spettatori e
così come è accaduto
la scorsa primavera
per La grande
bellezza, il pubblico
potrebbe
‘commentare’ i film
sulle varie piattaforme,
durante le cosiddette
première nei singoli
segmenti di
sfruttamento dalla
televisione a Internet.
“Il cinema nella sala
cinematografica così
come lo conosciamo
rimarrà per sempre”, ci
dice in maniera
rassicurante un
executive di uno
Studio hollywoodiano
che, però, vuole
restare anonimo. “Il
problema è che
diventerà sempre
meno rilevante e i film
saranno disponibili su
tutte le piattaforme
contemporaneamente:
sulla pay per view, su
Dvd e sul cosiddetto
VoD ovvero il Video on
Demand. In questo
senso Google +,
Facebook, Twitter,
Instagram e Pinterest
conquisteranno
sempre più spazio per
la diffusione dei
M
contenuti”. Quale sarà
la loro funzione in uno
scenario che sembra
fantascientifico, ma
che – in realtà – lo è
molto meno di quello
che sembra? “Oggi il
passaparola che in
inglese si chiama
‘word of mouth’ è
diventato
determinante. Non
basta più rendere
disponibile un
prodotto e farlo
vedere in televisione”.
Spiega il manager: “La
gente vuole sapere se
qualcuno che
conoscono e di cui si
‘fidano’ lo ha provato e
cosa ne pensa.
Qualsiasi contenuto
dovrà essere come
‘certificato’ dai Social
Media per essere fruito
dalle masse e – in
ultima analisi –
‘venduto’ da parte
nostra”. I Social Media
sono quindi lo
strumento di diffusione
del cosiddetto ‘content
marketing’, legato a
prodotti come film,
serie tv e altri
contenuti che trovano
facile diffusione via
Internet. Un sistema
integrato di
promozione e vendita
di prodotti che trova
sponda nella visione
della ‘corporate
Hollywood’ dove i
profitti sono
massimizzati e dove il
contenuto è
disponibile per tutti,
ovunque e allo stesso
momento. Un piano
produttivo dove ‘l’arte
cinematografica’ ha
una sovranità limitata e
si scontra con la
necessità di alimentare
un mondo integrato di
produzione,
promozione e vendita
tramite soprattutto
franchise consolidate.
In questo senso vanno
lette le scelte di Pixar
di dare via a nuovi
sequel e dei tanti film
Marvel. Tutte decisioni
‘commentate’
positivamente sui
Social Network. Chi
ben comincia…
Alcuni frame di The Social Network
dicembre 2014
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
79
TELECOMANDO
/// Libri ///------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Tra le righe
Mario Martone,
Ippolita di Majo
Il giovane
favoloso. La vita
di Giacomo
Leopardi
Per tutti quelli che hanno amato
la pellicola di Mario Martone (capace di portare al cinema le stesse folle di ragazzi che di solito
maledicono Silvia e l’ermo colle),
ma anche per coloro che sono rimasti dubbiosi davanti alla visione e sono usciti di sala chiedendosi quali fossero le intenzioni
delle singole sequenze (o magari
da dove venisse il titolo), ecco la
sceneggiatura completa di quello
che è diventato il film italiano
più visto, recensito, criticato e discusso della stagione. Concludono il volume le riflessioni di Ippolita di Majo (storica dell’arte
del Rinascimento e dell’Età moderna, che debutta come sceneggiatrice firmando il copione insieme al marito regista) e una
breve selezione di lettere leopardiane.
(Mondadori, Pagg. 128, € 19,90)
Scrivere
Leopardi
Rileggere Il giovane
favoloso. Poi Taviani,
“frammenti” perduti e la
critica online
ANGELA BOSETTO
Fratelli d’Italia
AA.VV.
Fratelli di
cinema. Paolo e
Vittorio Taviani
in viaggio dietro
la macchina da
presa
L’agile volumetto curato da Silvia Panichi e dedicato ai fratelli
più noti del cinema italiano si
divide in due parti. La prima, incentrata sulla vita, cultura e formazione, ospita sia la loro lectio
magistralis tenuta all’Università
80
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
di Pisa, sia i rispettivi ricordi autobiografici. La seconda, invece,
ne analizza l’arte attraverso i
saggi di Marco Barabotti (“Il
mio amarcord con Paolo e Vittorio Taviani”), Remo Bodei
(“Teatro e redenzione. A proposito di Cesare deve morire dei
fratelli Taviani”), Roan Johnson
(“Il cinema dei Taviani e il seme
dell’utopia”), Bruna Niccoli
(“Del costume nel cinema alla
maniera di Lina Nerli Taviani”) e
Roberto Perpignani (“Il montaggio, l’arte di dare forma alle
emozioni”).
(Donzelli, Pagg. 112, € 18,50)
ANGELA BOSETTO
dicembre 2014
Giulio Questi
Domenico
Monetti, Luca
Pallanch (a cura di)
Se non ricordo
male –
Frammenti
autobiografici
In Italia non ne abbiamo molte
di figure alla Giulio Questi, capaci di attraversare la vicenda del
paese a 360°. Partigiano, salvatore di ebrei, trafficante di armi, cineasta osannato da Tarantino, attore per Fellini, romanziere para-
gonato a Fenoglio, compagno di
bevute di García Márquez e Marco Ferreri, e tanto altro. Un curriculum straordinario che da solo
basterebbe a giustificare la lettura
di Se non ricordo male, autobiografia per frammenti raccolti da
Domenico Monetti e Luca Pallanch. L’entusiasmante romanzo di
formazione di un novantenne e
insieme la memoria viva di una
generazione che ha avuto l’ambizione di fare la storia. E all’autore
di capolavori come Se sei vivo
spara, il TFF 32 ha dedicato
un’imperdibile retrospettiva.
(Rubbettino, pagg. 196, € 14,00).
GIANLUCA ARNONE
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Gattopardo
Spielberg’s
List
“Volevo così tanto essere un regista
che avrei fatto di tutto, tranne
uccidere”. Serve altro?
di film coniugando la discussione
(intelligente) all’analisi critico-sociale? E, soprattutto, gli articoli
online possono resistere nel tempo o la loro necessità di immediatezza li condanna “a scadere”,
al contrario della carta stampata?
Riunendo in un libro le recensioni pubblicate sul sito MicroMega
(da Tra le nuvole, 2009, a Le meraviglie, 2014), Nazzaro dimostra
che non conta il mezzo di diffusione, quanto come si scrive: se
un’analisi è acuta e ben fatta,
(ri)leggerla a distanza di anni resta un utile piacere.
(Bietti, Pagg. 224, € 16,00)
di Angela Bosetto
ANGELA BOSETTO
Innocenza perduta
Il regista Steven
Spielberg
Paolo Cavara,
Tonino Guerra,
Alberto Moravia
L’occhio
selvaggio
Parliamo di cinema
Giona A.
Nazzaro
Il conflitto delle
idee. Al cinema
con MicroMega
Nell’epoca delle recensioni compulsive sul web, delle tifoserie
che si urlano a vicenda “Non capisci niente di cinema!” e dei
prodotti tanto voracemente consumati quanto frettolosamente
dimenticati, si può ancora parlare
Nonostante le firme illustri, L’occhio selvaggio (1967), girato da
Carvara quale riflessione dopo
l’esperienza nei mondo movies, è
un film dimenticato, ma da riscoprire perché, come spiega Alberto Pezzotta nell’introduzione Il cinema e l’oscenità della morte
(che precede la sceneggiatura integrale), ha colto in anticipo il
problema attorno a cui girerà tutto il filone finto-documentaristico, ossia che la realtà non può
essere ripresa obiettivamente, ma
solo ricreata perché “chi sta dietro la macchina da presa non è
mai innocente. Chi guarda nemmeno”. In appendice, il trattamento originale, scritto da Carvara con Fabio Carpi e Ugo Pirro,
due saggi e le testimonianze di
Philippe Leroy e Lars Bloch.
(Bompiani, Pagg. 320, € 18,00)
ANGELA BOSETTO
Steven Spielberg
Dopo quello di Franco La Polla, ecco
un altro Castoro nuovo di zecca per
celebrare la carriera, l’inventiva e
l’immaginario di Steven Spielberg,
uno dei maggiori registi americani
contemporanei (per influenza
artistica, successo di pubblico e
riscontro critico), nonché uno dei
produttori più potenti in circolazione
(pure se si lamenta del fatto che “i
budget gonfiati stanno rovinando
Hollywood”). Alla base del lavoro di
Spielberg resta sempre lo stesso
motore che contraddistingue ogni
buon cineasta, ovvero la voglia di
narrare perché “se hai una buona
immaginazione, ti piace raccontare
storie e senti che puoi uscir fuori e
comunicare questi pensieri a un
mucchio di sconosciuti, allora forse
devi metterti a scrivere o iniziare a
girare film in 8mm”. Una vocazione
su cui lui non ha mai avuto dubbi:
“Volevo così tanto essere un regista
che avrei fatto di tutto, tranne
uccidere”. Resmini snoda dunque
l’imponente filmografia del creatore
di E.T. (inclusi i titoli dalla dubbia
paternità come Poltergeist, 1982),
analizzandola nel dettaglio e con la
consueta perizia a cui ci ha abituato
la collana. Tuttavia, pur esaltandone i
momenti migliori e l’eccellenza
tecnica, l’autore non risparmia al
regista alcune bacchettate per certe
evitabilissime cadute. Resistere alla
tendenza dominante di santificare
Spielberg in blocco e trattarlo con
seria obiettività è un valore aggiunto
non trascurabile.
TELECOMANDO
/// Colonne sonore ///--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
JIMMY’S HALL
Il compositore George Fenton ritrova
il regista Ken Loach: non fa notizia, il
sodalizio è annoso, da Il vento che
accarezza l’erba a La parte degli
angeli. Meno male che Jimmy’s Hall
non è l’ultimo film di Ken il rosso,
perché entrambi hanno fatto di
meglio: musica tradizionale irlandese
mescolata con jazz e spiritual anni ’30,
nulla da eccepire, l’atmosfera è resa
bene, quella maledetta balera si anima
davvero, ma… Come per il film si sente
che manca qualcosa, ovvero che le
buone maniere – si legga,
ricostruzione storica, affresco sociale –
barattano forma per sostanza.
F.P.
ARRIVEDERCI AMORE, CIAO
NON C’È RISPOSTA agli interrogativi in musica di
Trent Reznor, nuovamente affiancato da Atticus
Ross nella sua nuova vita da compositore per film.
Per Gone Girl Reznor non descrive una paranoia
come in The Social Network, ma (come e forse più
che in Millennium - Uomini che odiano le donne)
raffigura ambienti idilliaci (What Have We Done to
Each Other), introducendo poco a poco elementi
disturbanti come i personaggi che li abitano.
Personaggi che nascondono un mistero impossibile
da scoprire. Eventi che rendono insicuro quel tetto
domestico fino ad ora calmo e rassicurante (Like
Home): la paranoia giunge così improvvisa, ti assale,
per poi dileguarsi e fare capolino in nuovi scenari
fintamente bucolici, continuamente invasi e
destrutturati da rumori, percussioni, loop e feedback
impetuosi e incalzanti. The Way He Looks at Me, in
questo senso, è quasi terrificante, come pure la
successiva Technically Missing: il paesaggio da
cartolina americano ruota su se stesso, come fosse
posto sopra una piattaforma girevole, rivelando
l’oscurità di un incubo claustrofobico condotto da
Reznor e Ross a una velocità folle, di quelle che non
lasciano respiro. Nemmeno dopo i sei minuti finali e
monocordi di At Risk, al termine della quale risuona
minacciosa e dissonante una ghost track senza
titolo. Nemmeno la fine è una risposta.
GIANLUIGI CECCARELLI
82
rivista del cinematografo
fondazione ente dello spettacolo
dicembre 2014
RAGAZZI ASCOLTABILI
Non uno, ma tre vincitori
del bando “Una canzone
per Il ragazzo invisibile”, il
nuovo film di Gabriele
Salvatores: Marialuna
Cipolla (Wrong Skin), Luca
Benedetto (Halloween
Party) e Carillon (In a Little
Starving Place). Bravi! F.P.
IMMORTAL(E)
Un lavoro, accurato, robusto, eppure,
mai davvero entusiasmante: la
colonna sonora rockeggiante (rock di
magazzino…) del buon Henry
Jackman non entrerà negli annali della
musica per film, ma si fa ascoltare. In
ogni caso, il rinnovato sodalizio
Disney-Marvel ha in serbo una
canzone fine-di-mondo per farci
saltare sulle poltroncine: Immortal(e),
commissionata ad hoc alla band Usa
Fall Out Boy. Un traccia letteralmente
esplosiva, che rimbalza più volte nel
montaggio e quindi si impossessa dei
titoli di coda: no, non la
dimenticherete. Applausi selettivi. F.P.
SMART TV
PC
TABLET
SMARTPHONE
SMART TV
PC
TABLET
SMARTPHONE
Scarica

Scarica PDF - Cinematografo