Allegato 1
(Deliberazioni n. 306 del 13/05/2015 – n. 481 del 01/07/2015)
Procedura aperta ex art. 55 del D.Lgs. 163/2006 per la fornitura dei prodotti (alimenti, dispositivi ed
attrezzature) necessari per la Nutrizione Enterale Domiciliare (NED) dei pazienti residenti nel
territorio di competenza dell’Azienda USL Roma H, ivi compresi quelli presi in carico alle RSA e dagli
Hospices, ubicati sul proprio territorio e degenti presso i reparti ospedalieri.
N. Gara 6118044
DISCIPLINARE/CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO
ART. 1 - OGGETTO DELL’APPALTO
ART. 2 - DURATA DELLA FORNITURA
ART. 3 - SOSPENSIONE E VARIAZIONE DELLA TERAPIA
ART. 4 - AMMISSIONE ALLA GARA
ART. 5 - CARATTERISTICHE DELLA FORNITURA
ART. 6 - CONFEZIONAMENTO DEI PRODOTTI E DEI DISPOSITIVI
ART. 7 - STANDARD QUALITATIVI DEI PRODOTTI/DISPOSITIVI E AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO
ART. 8 - OFFERTA ECONOMICA
ART. 9 - OFFERTA TECNICA
ART. 10 - CAMPIONATURA
ART. 11 - MODALITA’ DI ESECUZIONE DELLA FORNITURA E DI CONSEGNA DEI PRODOTTI
ART. 12 - STOCCAGGIO- MAGAZZINO
ART. 13 - ARCHIVIO INFORMATIZZATO
ART. 14 - MODALITA’ DI AGGIUDICAZIONE
ART. 15 - AGGIUDICAZIONE
ART. 16 - ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALLA AGGIUDICAZIONE
ART. 17 - GARANZIA FIDEIUSSORIA
ART. 18 - NUOVI PRODOTTI
ART. 19 - MODALITA’ DELLA FORNITURA DI BENI
ART. 20 - DIVIETO DI CESSIONE E DI SUBAPPALTO DELLA FORNITURA
ART. 21 - MODALITA’ DI PAGAMENTO
ART. 22 -TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI
ART. 23 - PENALITA’
ART. 24 - CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA EX ART. 1456 c.c.
ART. 25 - RESPONSABILITA’
ART. 26 - DIVIETO DI CESSIONE DEI CREDITI
ART. 27 - CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA
ART. 28 - RINVIO ALLE NORME REGOLAMENTARI E LEGISLATIVE VIGENTI
ART. 29 - COMUNICAZIONI E RICHIESTE DI INFORMAZIONI RELATIVE ALLA GARA
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
1
In esecuzione delle deliberazioni n.306 del 13/05/2015 e n. 481 del 01/07/2015 questa Azienda USL
RM H ha indetto una gara con procedura comunitaria aperta, suddivisa in 3 (tre) Lotti, per
l’affidamento della fornitura dei prodotti (alimenti, dispositivi ed attrezzature) necessari per la
Nutrizione Enterale Domiciliare (NED) con consegna a domicilio dei pazienti residenti nel territorio
di competenza dell’Azienda USL Roma H, ivi compresi quelli presi in carico alle RSA e dagli
Hospices, ubicati sul proprio territorio e degenti presso i reparti ospedalieri.
Lotto n. 1 - Importo annuo a base di Gara €. 250.000,00 oltre Iva – CIG. 6339438DB8
Raggruppamento A1(Lotto1)
• Diete polimeriche normocaloriche bilanciate
• Diete polimeriche, ipercaloriche-iperproteiche
• Diete per nutrizione enterale domiciliare di lunga durata
• Diete per diabete
•
Raggruppamento A2 (Lotto1)
Diete Polimeriche pediatriche per prima e seconda infanzia
•
Raggruppamento B (Lotto 1)
Diete elementari o monomeriche
Lotto n. 2 - Importo annuo a base di Gara €. 100.000,00 oltre Iva – CIG. 6339460FDF
Raggruppamento C
• Acquagel
• Polveri addensanti
Lotto n. 3 - Importo annuo a base di Gara €. 20.000,00 oltre Iva – CIG. 6339473A9B
Raggruppamento D
• Proteine del siero di latte.
L’importo complessivo annuale dei lotti ammonta ad € 370.000,00 oltre iva di cui
all’autorizzazione R.L. n. 440576 del 31/07/2014.
La procedura aperta è disciplinata come segue:
ART. 1
OGGETTO DELL’APPALTO
La presente lettera di invito - capitolato speciale, ha per oggetto la fornitura dei prodotti (alimenti,
dispositivi ed attrezzature) necessari per la Nutrizione Enterale Domiciliare (NED) con consegna a
domicilio dei pazienti residenti nel territorio di competenza dell’Azienda USL Roma H, ivi
compresi quelli presi in carico alle RSA e dagli Hospices, ubicati sul proprio territorio e degenti
presso i reparti ospedalieri ove necessario.
Si precisa che le quantità presuntive riportate nell’allegato tengono conto esclusivamente del
fabbisogno storico della Azienda USL Roma H e non tengono in considerazione delle necessità
che potrebbero insorgere in sede di esecuzione della fornitura e delle integrazioni e/o
cessazioni che potrebbero essere necessarie durante la pendenza del contratto.
Ai fini della partecipazione alla presente gara la Ditta interessata dovrà garantire, oltre alla
fornitura di pompe e dispositivi, la consegna a domicilio del paziente nelle modalità di seguito
indicate.
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
2
L’importo offerto dovrà essere comprensivo delle spese di consegna, imballo, spese doganali,
scarico e trasporto al domicilio del paziente indicato dall’Azienda ed ogni altra spesa afferente la
fornitura, ad eccezione dell’I.V.A. che è a carico dell’Azienda.
La fornitura comprende:
- le formule nutrizionali per via enterale
- le apparecchiature
- i kit per la somministrazione dei prodotti nutrizionali (compresa la piantana o lo zainetto)
- i kit per la gestione quotidiana della stomia
- il trasporto e la distribuzione di tutti i materiali a domicilio
Sono escluse le sonde nasogastriche, naso-enterali e quelle per le stomie, che verranno acquistate
dalla UOC Farmacia Territoriale e distribuite direttamente alla UO NAD aziendale.
La fornitura riguarderà i pazienti già in trattamento, stimati nel numero di 300 alla data del
31/12/14, e i nuovi pazienti che progressivamente inizieranno la NED, stimati nel numero di 90
/anno1, per un totale di 40.000 giornate complessive di trattamento/anno.
I numeri sopra indicati sono puramente indicativi e non vincolanti per l’AUSL, in quanto trattasi di
una tipologia di gara legata alle necessità di un utenza variabile, anche in relazione al livello
culturale ed alla sensibilità dei differenti ambienti sanitari che richiedono l’intervento delle UUOO
NAD regionali.
L’attivazione del servizio dovrà avvenire tassativamente entro 30gg dalla stipula del contratto
presso il domicilio dei pazienti indicati dalla ASL;
ART. 2
DURATA DELLA FORNITURA
La presente lettera di invito – capitolato speciale si ispira al principio della presupposizione essendo
l’entità della fornitura commisurata al bisogno. Le quantità indicate , sono puramente indicative e
non costituiscono un impegno od una promessa dell’Azienda, essendo i consumi non esattamente
prevedibili in quanto subordinati a fattori variabili e ad altre cause e circostanze legate alla
particolare natura dell’attività Aziendale, nonché ad eventuali manovre di contenimento della spesa
sanitaria disposta dallo Stato o dalla Regione Lazio, ivi inclusi processi d’acquisto centralizzati,
aggregazione d’acquisto attivate fra più Aziende del Servizio Sanitario Regionale o convenzioni
CONSIP e similari stipulate ai sensi della Legge 23.12.1999 n. 488, art. 26 e successive
modificazioni ed integrazioni. Rientrano in tale previsione anche le decisioni Aziendali connesse a
processi di esternalizzazione dei Servizi ora gestiti direttamente o l’attivazione di nuove metodiche
e/o la modifica di quelle ora in uso. Di conseguenza la ditta ritenuta idonea sarà tenuta a fornire, alle
condizioni economiche e tecnico-organizzative risultanti in sede di gara, solo ed esclusivamente le
quantità di prodotti che verranno effettivamente ordinate, senza poter avanzare alcuna eccezione o
reclamo qualora le quantità ordinate, al termine della fornitura, risultassero diverse da quelle
preventivabili a seguito delle informazioni fornite. Verificandosi tale ipotesi l’Impresa non potrà
pretendere maggiori compensi rispetto ai prezzi indicati in offerta. La fornitura dovrà, quindi, essere
regolarmente eseguita sia per quantitativi minori che per quantitativi maggiori rispetto a quelli
indicati.
Il contratto avrà durata di 12 (dodici) mesi a partire dalla data di stipula dello stesso. Il contratto
potrà essere prorogato, alle medesime condizioni pattuite qualora nel termine ordinario di scadenza
non sia possibile stipulare nuovo contratto di appalto.
1
con circa 60 dimissioni /anno
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
3
ART. 3
SOSPENSIONE E VARIAZIONE DELLA TERAPIA
La ASL in caso di variazione, sospensione temporanea o definitiva dei trattamenti in corso, ne darà
comunicazione alla ditta aggiudicataria, con le identiche modalità effettuate per l’attivazione.
L’Aggiudicatario, nel caso di interruzione definitiva del trattamento, sospenderà l’erogazione e
provvederà al ritiro immediato di quanto in dotazione.
La ASL non riconoscerà nessuna variazione definitiva o temporanea del servizio fornito se non
preventivamente autorizzato a seguito delle verifiche che verranno effettuate a posteriori.
La ASL procederà a richiedere l’emissione di note di credito in caso di fatturazione di materiale
fornito a pazienti cessati.
ART. 4
AMMISSIONE ALLA GARA
Per essere ammessa alla gara la Ditta dovrà far pervenire entro e non oltre le ore 12,00 del
giorno 24/09/2015, direttamente a mano o a mezzo raccomandata a/r, farà fede il protocollo di
ricezione aziendale, presso la sede amministrativa della Azienda USL Roma H di Albano Laziale
sita in Borgo Garibaldi, 12 00041 Albano Laziale (Rm), una busta chiusa, sigillata con ceralacca e
controfirmata sui lembi di chiusura, con su scritto il nome della Ditta, l’oggetto della gara, il/i
lotto/i di partecipazione, il numero di protocollo indicato sulla presente e contenente distinti plichi
o buste, a loro volta singolarmente chiusi e firmati nel modo di cui sopra e recanti le seguenti
diciture:
- “A” CONTIENE DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA.
- “B” CONTIENE L’OFFERTA TECNICA.
- “C” CONTIENE OFFERTA ECONOMICA.
La busta “A”- Documentazione amministrativa, e gli estremi del concorrente, contenente, a
pena di esclusione, la documentazione di cui ai numeri 1/2/3/4/5/6/7/8/9 e 10, come segue:
1. copia della presente lettera invito - capitolato speciale e suoi allegati, debitamente
sottoscritti in originale in ogni loro pagina dal Legale Rappresentante o da persona dotata di
idonei poteri di firma dell’impresa.I suddetti documenti, pubblicati sul sito dell’Azienda USL Roma
H, sono immodificabili e pertanto qualsiasi eventuale variazione degli stessi è ritenuta nulla;
2. n. 2 idonee dichiarazioni bancarie attestanti la capacità economico/finanziaria della Ditta;
3. dichiarazione sostitutiva, sottoscritta dal legale rappresentante, corredata da copia
fotostatica di documento d’identità non scaduto del sottoscrittore, resa ai sensi del D.P.R.
28/12/2000 n. 445, in conformità all’ Allegato B) del presente disciplinare, oltre alle
dichiarazioni di cui agli Allegati B.bis) e B.ter).
4. documento comprovante la costituzione di idonea cauzione provvisoria pari al 2% dell’importo
presunto a base di gara distinto per ogni lotto di partecipazione, nelle forme previste dall’art. 75
D.Lgs. 163/2006;
5. dichiarazione di un fidejussore ai sensi dell’art. 75 comma 8 del D.Lgs. 163/2006, contenente
l’impegno a rilasciare, qualora l’offerente risultasse affidatario, la garanzia fidejussoria per
l’esecuzione del contratto di cui all’art. 113 del D.Lgs. suddetto;
6. copia autentica dell’atto o documento che attesti i poteri di firma di chi sottoscrive, nel caso in
cui non sia il Legale Rappresentante;
7. copia del versamento ai sensi dell’art.1 comma 67 L. 266/05, secondo le modalità indicate
nella deliberazione dell’Autorità 10 gennaio 2007, pubblicata sul sito
www.autoritalavoripubblici.it. Tale versamento è condizione di ammissibilità all’offerta.
Lotto 1 - di € 70,00
Lotto 2 - di €.20,00,
Lotto 3 - Non dovuto
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
4
8. documento attestante l’attribuzione del “PASSOE” ovvero il Pass dell’Operatore
Economico, rilasciato previa registrazione al sistema AVCpass con cui la stazione appaltante
procederà alla verifica del possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico organizzativo ed
economico-finanziario, ai sensi dell’art. 6-bis del d. lgs. 163/2006 e s. m. i e della delibera
attuativa dell’AVCP n. 111 del 20 dicembre 2012; fatto salvo quanto previsto dal comma 3 del
citato art. 6 bis.
Si evidenzia comunque che la mancata registrazione presso il servizio AVCpass, nonché
l’eventuale mancata trasmissione del PASSOE, non comportano l’esclusione dalla presente
procedura.
L’U.O.C Acquisizione beni e servizi dell’Azienda USL Roma H ha richiesto, ai sensi delle
disposizioni di cui alla L. 136/2010, il codice identificativo gara (CIG) al fine di consentire gli
adempimenti dovuti per legge.
La ditta dovrà altresì presentare: (Inseriti nella documentazione Amministrativa Busta A.)
9. istanza di partecipazione come da Allegato C), indicando i lotti di partecipazione.
10. elenco della documentazione prodotta.
N.B.: ogni documento dovrà recare sul frontespizio il numero di riferimento come sopra indicato
Non è ammessa la sostituzione dei certificati e delle dichiarazioni con fotocopie e duplicati non autenticati
nelle forme previste dagli artt.18 e 19 del D.P.R. n. 445/2000.
L’Azienda in caso di irregolarità formali non compromettenti per la “par condicio” delle ditte concorrenti
potrà invitare le medesime a mezzo di opportuna comunicazione a completare e/o chiarire il contenuto dei
certificati, dei documenti e delle dichiarazioni presentati, ai sensi dell’art 46 del D.Lgs n. 163/2006.
In ordine alla veridicità delle dichiarazioni presentate l’Ausl procederà secondo quanto previsto
dall’art. n. 48 del D.Lgs n. 163/2006 e dagli art. 43 – 71 del D.P.R. n. 445/2000, tramite AVCPass.
La busta “B” - Offerta Tecnica, distinta per ogni Lotto di partecipazione, dovrà contenere a pena
di inammissibilità:
1) Una relazione tecnica relativa ai prodotti offerti, in particolare, dalla suddetta relazione dovranno
potersi individuare:
a) le caratteristiche dei prodotti offerti, gli eventuali brevetti di esclusiva e le autorizzazioni
all’immissione in commercio;
b) le condizioni di consegna e assistenza post vendita.
Si precisa che i prodotti offerti dovranno necessariamente:
a) rispondere alla normativa vigente;
b) essere registrati presso il Ministero della Sanità Italiana, o pari normativa degli Stati Membri;
c) riportare il marchio CE;
d) essere di nuova produzione e, pertanto, non rigenerati;
La Busta “C” - Offerta economica, distinta per ogni Lotto di partecipazione, dovrà prevedere il
costo die per ogni assistito con le modalità descritte all’art.8 del presente disciplinare.
ART.5
CARATTERISTICHE DELLA FORNITURA
Raggruppamento A1 (lotto 1)
• Diete polimeriche normocaloriche bilanciate (1 Kcal/ml – circa 4 gr. Prot/ 100 gr.);
• Diete polimeriche, ipercaloriche-iperproteiche (1,5 – 2 Kcal/ml – circa 6 gr Pot. / 100 gr);
• Diete per nutrizione enterale domiciliare di lunga durata (polimeriche normo e ipercaloriche
arricchite di fibre solubili e insolubili)
• Diete per diabete
AZIENDA USL ROMA H
5
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
Raggruppamento A2 (lotto 1)
•
Diete Polimeriche pediatriche per prima e seconda infanzia normocaloriche (1 Kcal/ml),
ipercaloriche (1,5 Kcal/ml) e con fibra.
Raggruppamento B (lotto 1)
• Diete elementari o monomeriche: contengono nutrienti in forma semplice e sono privi di
residuo e lattosio. Indicate in situazioni di ridotta capacita’ digestiva e/o malassorbimento.
Raggruppamento C (lotto 2)
• Acquagel
• Polveri addensanti per i liquidi a base di maltodestrine e/o gomma di xanthan e/o gomma di
guar
Raggruppamento D (lotto 3)
• Proteine del siero di latte per casi specifici che richiedono una integrazione proteica.
Tutti i prodotti debbono avere la seguente caratteristica: glutine assente e lattosio assente o presente
in tracce inferiori a 1 gr. / lt.
2.
Pompa per nutrizione (assieme prodotti nutrizionali lotto 1)
La Ditta deve fornire in uso una pompa per nutrizione enterale, garantendo una totale assistenza
tecnica, la manutenzione (ordinaria e straordinaria) con sostituzione immediata di quelle che
eventualmente non funzionassero (fornitura di doppia pompa a domicilio in caso di bambini). La
pompa deve essere:
-
-
-
3.
Leggera (max tollerato 1000 gr.), di modico ingombro (max tollerato 150 x 100 x 100 mm),
facilmente posizionabile in apposito zainetto per i pazienti deambulanti, senza possibilità di
torsione e piegatura del deflussore;
Dotata di morsetto per posizionamento su asta da fleboclisi
Semplicità d’uso: facile allestimento, con comandi essenziali e semplici, non ridondanti;
display facilmente leggibile in lingua italiano e inglese (è consentito, nel caso di sola lingua
inglese dei messaggi, accompagnare l’apparecchio da una scheda illustrativa in italiano dei
differenti messaggi che compaiono sul display; non è consentita lingua diversa dall’inglese nel
caso di unica lingua del display)
dati essenziali programmabili: a) velocità di infusione b) dose limite
velocita' flusso programmabile con range di almeno 10-250 ml / ora con precisione + / - 10%;
autonomia almeno 18 ore a velocità = 125 ml/ora;
con i seguenti allarmi: funzionamento irregolare, batteria in esaurimento, contenitore vuoto,
occlusione del sistema)
Piantana (assieme prodotti nutrizionali lotto 1)
(da non fornire se richiesto kit per pazienti deambulanti)
Asta in metallo regolabile in altezza, stabile, con rotelle per lo spostamento e aggancio per la pompa
e con cestino portaflacone o reggisacca, a norma antinfortunistica.
4.
Kit per pazienti deambulanti (assieme prodotti nutrizionali lotto 1)
Al posto della piantana, per i pazienti in grado di deambulare: zainetto in grado di contenere la
pompa ed i contenitori delle miscele nutrizionali, consentire la fuoriuscita del deflussore per la
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
6
connessione alla sonda e consentire facilmente la lettura del display e la modifica della
impostazione.
5.
Sacca per miscela nutrizionale (assieme prodotti nutrizionali lotto 1)
Sacche sterili facilmente riempibili e facilmente collocabili in piantana. Può trattarsi di sacche
integrali con annesso deflussore, in tal caso il deflussore deve essere compatibile con il tipo di
pompa dato in uso.
Le sacche possono essere sostituite dai contenitori di miscele nutrizionali in pack o altra confezione
che ne consenta l’attacco diretto al deflussore; in tal caso il deflussore deve essere compatibile con
il contenitore della miscela nutrizionale.
6.
Deflussore (assieme prodotti nutrizionali lotto 1)
Deve possedere attacco universale per tutti i tipi di sonde e per tutti i tipi di contenitori di miscela
nutrizionale, con fornitura di connettori specifici in caso di vie di accesso con attacco non
universale. A riguardo del punto di attacco al contenitore della miscela esso deve essere in ogni
caso compatibile con quest’ultimo e a buona tenuta.
Il deflussore deve essere compatibile con il tipo di pompa data in uso. In casi particolari e limitati,
indicati dalla UONAD, il deflussore deve essere a gravità, quindi senza l’uso della pompa.
7.
Kit di gestione settimanale (assieme prodotti nutrizionali lotto 1)
Deve essere così composto:
-
7 (sette) siringhe monouso da 50-100 cc con connettore adattabile alla sonda in uso, attacco
EN –LOCK se sondino o Peg con tale attacco;
7 pacchetti di garze sterili TNT imbustate singolarmente, per il portatore di PEG;
2 cerotti in PU trasparente 5 x 5 circa per i portatori di sonda naso gastrica o naso enterale
14 paia di guanti non sterili per pulizia quotidiana del peristoma e del naso;
-
La Ditta si impegna a:
-
-
-
-
mettere a disposizione le attrezzature in service ed i dispositivi medici necessari; tutti muniti
di marcatura CE e conformi alle direttive CEE e comunque a tutte le norme vigenti in
materia di igiene e sicurezza
garantire un servizio di pronto intervento 24 / 24 ore per 365 giorni l’anno, relativamente alla
sostituzione della pompa infusionale, nonché assistenza ai pazienti per le problematiche di
tipo tecnico e quelle inerenti il corretto utilizzo delle attrezzature. A tale scopo la ditta deve
rendere disponibile un numero verde dedicato. Attraverso tale numero il paziente (o il
personale della ASL) potrà richiedere informazioni riguardanti il funzionamento degli
apparecchi, comunicare il cattivo funzionamento ed eventuali problemi d’uso.
La manutenzione ordinaria e straordinaria delle attrezzature si intende a carico della ditta
aggiudicataria, la quale si impegna altresì alla sostituzione delle stesse per il periodo
eventualmente necessario alla riparazione, come pure la verifica, i controlli ed i collaudi che
devono essere effettuati a cadenze stabilite secondo il manuale d’uso delle pompe.
prendere in carico pazienti residenti in qualunque zona della ASL Roma H, anche c/o gli
ospedali e le strutture residenziali extraospedaliere (RSA, Hospice);
garantire la piena conformità alle disposizioni di legge al momento vigente dei dietetici, del
materiale sanitario, dei dispositivi medici, del confezionamento e delle attrezzature
consegnate al domicilio dei pazienti;
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
7
-
-
-
garantire la fornitura di report mensile in formato elettronico delle consegne effettuate
indicando, per ciascun paziente, la data di consegna, la quantità consegnata e i giorni reali di
NED;
mettere a disposizione un software specifico accessibile anche da portale aziendale per la
gestione dei pazienti che fruiscono del servizio oggetto di gara che si integri con il software
amministrativo contabile in uso presso l’ASL RMH per la gestione integrata ordini/fatture
(oracle).
La Ditta aggiudicataria dovrà segnalare al Servizio di assistenza farmaceutica della ASL e
all’equipe UO Nad aziendale il nominativo del Referente e del Responsabile del servizio, con
relativo numero telefonico, fax e indirizzo mail. Tale referente dovrà mantenere un contatto
continuo con il Responsabile del Servizio di Assistenza farmaceutica o suo delegato per tutte
le problematiche relative al servizio.
La Ditta si impegna inoltre a:
-
garantire di tutti i materiali previsti al presente articolo direttamente al domicilio degli assistiti
o presso le strutture residenziali collettive;
sostituire i prodotti ordinati erroneamente;
ritirare prodotti scaduti o prossimi alla scadenza sostituendoli con uguali quantità senza alcun
onere per la ASL
fornire materiali e/o servizi didattici, opuscoli informativi o manuali in collaborazione con la
UO NAD;
ritirare i lotti giudicati non idonei dalla AUSL;
ritirare dal domicilio i materiali giacenti per dimissione dalla NED.
ART. 6
CONFEZIONAMENTO DEI PRODOTTI E DEI DISPOSITIVI
I prodotti/dispositivi offerti dovranno essere confezionati in modo tale da garantire la corretta
conservazione, anche durante le fasi di trasporto.
Il materiale di confezionamento a diretto contatto col prodotto dovrà essere a norma del D.M.
21/03/73 e successivi aggiornamenti e garantire l’assenza di difetti di fabbricazione.
All’esterno di ogni confezione dovrà risultare impresso in modo chiaro e ben visibile il numero del
lotto, la descrizione del contenuto, la quantità, il dosaggio, la data di preparazione e quella della
scadenza; dette diciture dovranno figurare sia sul confezionamento primario,sia sull’imballaggio
esterno.
Eventuali avvertenze o precauzioni particolari da attuare per la conservazione dei prodotti dovranno
essere leggibili.
ART.7
STANDARD QUALITATIVI DEI PRODOTTI/DISPOSITIVI E AGGIORNAMENTO
TECNOLOGICO
Durante tutto il periodo di fornitura dovrà essere garantito il mantenimento dello standard dei
prodotti e dispositivi aggiudicati con specifico riguardo ai componenti e relativi valori,
formulazione,volume e confezionamento, come risultanti dalle schede presentate in sede di offerta .
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
8
In ogni caso la Ditta aggiudicataria si impegna espressamente a comunicare tempestivamente alla
ASL eventuali variazioni intervenuti nei componenti,valori,formulazioni ecc. indicate nelle schede
prodotto.
Qualora, in corso di fornitura, la Ditta aggiudicataria dovesse commercializzare un prodotto o un
dispositivo tecnologicamente aggiornato e migliorativo rispetto a quello aggiudicato, dovrà fornirlo
autonomamente e senza maggiorazione di prezzo, previa autorizzazione della ASL.
ART.8
OFFERTA ECONOMICA
L’offerta dovrà essere compilata in cifre ed in lettere e sottoscritta dal Legale Rappresentante della
Ditta.
La Ditta è tenuta a presentare 4 offerte differenziate a seconda del raggruppamento di cui all’art 4,
punto 1 (prodotti nutrizionali), ritenendosi che questa sia la parte che maggiormente incide sulla
variabilità del costo complessivo della fornitura.
Il prezzo complessivo per ogni raggruppamento dovrà essere comprensivo del servizio di trasporto,
consegna e ritiro al domicilio del paziente, dell’assistenza e manutenzione ordinaria e straordinaria
delle pompe, delle verifiche periodiche di sicurezza e conformità alla normativa CE.
Schema di presentazione dell’offerta:
LOTTO 1
Raggruppamento
A1
Raggruppamento
A2
Raggruppamento
B
costo formule
raggrupamento
costo formule
raggrupamento
costo formule
raggruppamento
Costo pompa+
dispositivi +
kit, etc
Costo
trasporto
costo 6 vasetti acquagel
LOTTO 2
Raggruppamento
C
LOTTO 3
Raggruppamento
D
Costo polvere addensante in grado
di addensare allo stato cremoso 750
cc di acqua
Costo formula
Costo
trasporto
Costo
trasporto
Costo totale per
Giornata di NED
Costo totale per
Giornata di NED
Costo totale per
Giornata di NED
Costo totale per
giornata di
fornitura
Costo totale per
giornata di
fornitura
Costo totale per
giornata di
fornitura
NOTA
LOTTO 1: il costo per giornata, tenuto conto della variabilità dei raggruppamenti va rapportato ad
una fornitura corrispondente al fabbisogno calorico medio di un adulto, pari a 1500 - 2000 Calorie
(raggruppamento A1 e raggruppamento B) e di un bambino di età compresa fra 0 e 12 anni
(raggruppamento A2).
LOTTO 2: il costo per giornata va apportato ad una fornitura media di 6 vasetti /die di acqua
gelificata + tanti barattoli / settimana di polvere addensante utili a produrre una consistenza cremosa
a 750 cc di acqua al giorno.
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
9
L’utilizzo alternativo della sola acqua gelificata o della sola polvere addensante in casi particolari
non dovrà comportare variazioni di costo per giornata di fornitura. In ogni caso l’equivalente è la
gelificazione (consistenza cremosa) di 1500 cc di acqua al giorno.
LOTTO 3: Il costo per giornata va rapportato ad una fornitura media di 20 gr di proteine del siero
di latte.
Le offerte dovranno avere validità per almeno un anno solare dalla data di scadenza fissata nella
lettera d’invito, al fine di poter dal modo alla ASL di poter adempiere alle formalità necessarie per
addivenire all’aggiudicazione.
ART. 9
OFFERTA TECNICA
La Ditta dovrà fornire la seguente documentazione tecnica:
- schede tecniche descrittive delle formule, degli apparecchi, degli accessori e dei set;
- indicazione, per i dispositivi medici, degli estremi della registrazione da parte del Ministero
della Sanità per gli articoli la cui registrazione è prevista dalla vigente normativa nazionale e/o
comunitaria, ovvero la dichiarazione che i medesimi non sono soggetti a tale formalità;
- certificazione CE o copia conforme, per tutti i prodotti offerti, ai sensi delle direttive CEE
recepite con D. Lgs. N. 46/97 e successive modificazioni;
- dichiarazione che le apparecchiature offerte in service sono coperte da adeguate polizze
assicurative
- descrizione del servizio offerto per la gestione del paziente.
ART. 10
CAMPIONATURA
Al fine di eseguire le valutazioni dei prodotti offerti e della relativa attribuzione del punteggio di
qualità da parte della Commissione giudicatrice, le ditte concorrenti dovranno, entro gli stessi
termini di scadenza dell’offerta, presentare la seguente campionatura allo stesso indirizzo Azienda
USL Roma H, Ufficio Protocollo Borgo Garibaldi, 12 00041- Albano Laziale
Per lotto 1
-
n. 1 pompa nutrizionale completa di deflussore;
n. 1 zainetto per paziente deambulante
n. 1 sacca sterile con deflussore, o sacca integrale con deflussore o deflussore e relativa
bottiglia o pack con eventuali adattatori.
Kit di medicazione dello stoma
Cerotto di fissaggio del SNG/SNE
Per lotto 2
-
1 vasetto acquagel
1 barattolo polvere addensante
Per lotto 3
-
2 bustine proteine siero latte da 20 g.
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
10
I campioni presentati in sede di gara non dovranno essere fatturati poiché considerati parte
integrante dell’offerta stessa.
La campionatura dovrà essere accompagnata da una distinta specifica o documento di trasporto
relativa a tutta la merce campionata.
ART. 11
MODALITA’ DI ESECUZIONE DELLA FORNITURA E DI CONSEGNA DEI PRODOTTI
La UO NAD aziendale, che svolge anche funzioni di Equipe NAD per le prescrizioni provenienti da
altre UO NAD Regionali, attiva la fornitura a domicilio inoltrando la prescrizione e proposta
personalizzata alla Farmacia di riferimento, competente per distretto di appartenenza dell’assistito.
Il piano recante la prescrizione di NED deve contenere, oltre alle generalità del paziente, tutte le
indicazioni necessarie ad individuare il tipo di dieta e le modalità di somministrazione, i fabbisogni
e la tipologia del dispositivo medico in uso, come previsto dalle norme regionali di riferimento.
La prescrizione ha validità stabilita di volta in volta dallo specialista del servizio di nutrizione
clinica e va rinnovata, alla sua scadenza, a cura del medesimo proscrittore.
Le farmacie territoriali aziendali avranno cura di attivare le forniture inviando le richieste per via
telematica quindicinali/mensili tramite apposito software, che sarà accessibile dal portale ASL
RMH di cui al precedente art.5 (gestionale integrato con strumento amministrativo contabile
aziendale in uso).
Il report dovrà essere reso disponibile sia informa cartacea che in file excel; quest’ultimo potrà
essere trasmesso anche per via posta elettronica agli indirizzi che verranno comunicati in seguito.
La Ditta Aggiudicataria dovrà impegnarsi ad interfacciare il proprio programma informatico di
magazzino con il programma contabile in uso presso il Servizio di Assistenza Farmaceutica della
ASL per garantire informazioni ed i collegamenti relativi al flusso delle merci a magazzino, delle
consegne e dei ritiri assistiti.
In particolare l’interfacciamento dovrà prevedere la condivisione di anagrafiche e la trasmissione
delle informazioni attraverso tracciati record predefiniti.
Le informazioni contenute nei tracciati dovranno consentire di conoscere tutte le informazioni
riguardanti le forniture effettuate ai pazienti in tempo reale. Dovrà essere prevista la connessione
informatica con i servizi competenti dell’ASL per l’invio dei flussi informativi mensili ed annuali
La prima fornitura deve avvenire entro 24 ore lavorative dall’attivazione del servizio o in caso di
urgenza, espressamente segnalata dalla ASL, entro 12 ore lavorative. Le successive consegne
devono avvenire con cadenza quindicinale, eventualmente con cadenza mensile, secondo le
indicazioni della AUSL. Prima di effettuare le consegne la ditta dovrà contattare il paziente per
concordare le modalità di consegna del materiale ( giorni ed orari).
Il fornitore si impegna a garantire il rispetto di tutte le norme di buona distribuzione dei prodotti
oggetto della presente fornitura, ivi compresa la conservazione dei medesimi nelle fasi di
stoccaggio, trasporto e consegna a domicilio.
-CONDIZIONI CONSEGNA E ASSISTENZA POST VENDITA
Le consegne dovranno essere accompagnate da apposita bolla descrittiva della merce in
triplice copia. La bolla deve essere firmata per ricevuta dal paziente, una al fornitore e la
terza sarà inviata alla farmacia distrettuale competente con cadenza mensile unitamente
all’elenco dei pazienti riforniti nei periodi di riferimento ed alle fatture.
La ditta dovrà esibire le bolle di consegna sia in formato cartaceo che in formato elettronico con
allegato report periodo mensile in excel.
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
11
Nel report mensile dovranno essere riepilogate tutte le forniture per singolo distretto e per singolo
paziente in ordine alfabetico. Le bolle di consegna dovranno essere presentate nel medesimo ordine
con il quale sono indicate le forniture nel report mensile e dovrà obbligatoriamente indicare:
-luogo di consegna della merce;
-tipologia e quantità degli articoli consegnati;
-riferimento ordine;
Il paziente effettuerà direttamente il controllo sulla tipologia e sulla qualità e quantità dei prodotti
e/o dispositivi ricevuti. La firma per ricevuta delle merci non impegna la ASL che, pertanto, si
riserva il diritto di comunicare le proprie osservazioni e le eventuali contestazioni per iscritto, anche
successivamente alla consegna.
In caso di contestazione, la Ditta, su specifica richiesta dell’ASL dovrà provvedere alla fornitura dei
materiali mancanti o in caso di difetto dei requisiti,alla sostituzione degli stessi senza ulteriore onere
a carico della ASL assumendosi tutte le responsabilità per danni che dovessero derivarne al
paziente.
La ditta dovrà garantire,mediante proprio personale qualificato,l’addestramento del paziente o suo
familiare o altro personale addetto alla somministrazione ivi compresi gli operatori sanitari inviati
dalla ASL, circa l’utilizzo dei dispositivi e delle attrezzature e dovrà rilasciare il relativo manuale
redatto in lingua italiana.
L’avvenuto addestramento deve essere certificato dalla ditta aggiudicataria e sottoscritto dal
caregiver e trasmesso alla ASL.
ART.12
STOCCAGGIO- MAGAZZINO
La ditta aggiudicataria dovrà provvedere a garantire un’area idonea per l’immagazzinamento e lo
stoccaggio dei prodotti e dei dispositivi .
La ditta dovrà altresì garantire la corretta gestione delle merci e dovranno far pervenire idonea
documentazione dei locali che all’uopo verranno utilizzati per lo scopo con l’indicazione del
relativo indirizzo di ubicazione.
ART.13
ARCHIVIO INFORMATIZZATO
L’aggiudicatario del servizio di consegna a domicilio dovrà mettere disposizione dell’ASL un
software con architettura web-server (protocollo https in grado di garantire la trasmissione dei dati
in modalità criptata) per la gestione informatica della cartella clinica del paziente comprendente:
-dati anagrafici del paziente (es. codice fiscale, nome cognome indirizzo);
-dati prescrittivi (tipologia e quantità dei prodotti e dispositivi);
-dati economici (monitoraggio del costo per singolo paziente e per centro di costo).
Dovrà essere prevista la connessione informatica con la sede individuata dall’ASL in tempo reale
per le seguenti informazioni:
-generali e particolari dei pazienti (n° totale dei pazienti,caratteristiche anagrafiche, ecc)
-report statici;
-report epidemiologici;
-analisi economiche;
-analisi amministrative.
Inoltre, dovrà essere trasmesso un report, suddiviso per distretto, che contenga i seguenti dati
mensili di attività:
-nome e cognome dei pazienti in trattamento,
- tipo di somministrazione (A,B,C,D);
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
12
-prezzo unitario per giornata di terapia;
-giornate di terapia erogate;
-data di attivazione e/o sospensione
Il report dovrà essere reso disponibile sia in forma cartacea che in file excel, quest’ultimo potrà
essere trasmesso anche via posta elettronica agli indirizzi che verranno comunicati in seguito
all’impresa aggiudicataria del servizio.
ART. 14
MODALITA’ DI AGGIUDICAZIONE
La fornitura sarà aggiudicata alla Ditta che avrà presentato l’offerta economicamente più
vantaggiosa ai sensi dell’art. 83 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., valutabile sui parametri congiunti della
qualità e del prezzo.
Apposita Commissione Tecnica, debitamente nominata, provvederà PER OGNI LOTTO
all’assegnazione dei punteggi di qualità secondo tali criteri:
A) PUNTEGGIO QUALITA’ = MAX 60 PUNTI
Verranno assegnati tenendo conto:
• della qualità delle pompe, dei deflussori e degli altri materiali / presidi offerti: max 20 punti
• della qualità dei prodotti di nutrizione enterale (confezionamento, sistemi di raccordo con i
deflussori, qualità del nutriente, precedente utilizzo clinico, ecc,): max 20 punti. Per i
prodotti gelificanti in polvere si terrà conto della capacita gelificante a parità di quantità di
polvere, dell’aspetto etrasparenza, della facilità di preparazione, del sapore, della solubilità,
della costanza di densità, della sicurezza, della resa per barattolo.
• delle modalità di espletamento del servizio e di eventuali proposte migliorative non previste
dal presente capitolato: max 10 punti
• del software di gestione integrato: max 10 punti
Le Ditte verranno escluse allorché i prodotti non risultino conformi alla richiesta o non abbiano
ottenuto almeno 36 punti.
I componenti della Commissione Giudicatrice procederanno all’attribuzione del punteggio secondo
il metodo di cui all’Allegato “P”, lettera a) n.4 del D.P.R. 207/2010 (Regolamento di esecuzione del
Codice contratti), ovvero:
Ogni singolo commissario attribuirà per ognuno dei criteri di qualità sopra stabiliti un coefficiente
variabile da 0,00 a 1,00 sulla base della seguente scala di valutazione:
SCALA DI VALUTAZIONE COEFFICIENTE
Non valutabile/insufficiente
Sufficiente
Discreto
Buono
Ottimo
0
0,60
0,70
0,80
1,00
• Nel caso in cui le valutazioni non siano espresse all’unanimità, si calcola la media aritmetica dei
coefficienti attribuiti discrezionalmente dai singoli commissari e la si moltiplica per il punteggio
massimo a disposizione per ciascun criterio;
• Si sommano quindi i punteggi attribuiti ai diversi criteri e si ottiene la valutazione complessiva
della singola ditta prima della eventuale riparametrazione;
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
13
• Riparametrazione: se nessuna ditta ha ottenuto per ogni Elemento di valutazione il massimo dei
relativi punti a disposizione, all’offerta che ha ottenuto il punteggio maggiore sarà attribuito il
punteggio massimo previsto e proporzionalmente il punteggio a tutte le altre (vd. indicazioni di
cui alla determinazioni dell’AVCP n.7 del 24/11/2011 par. 5.2);
• Solo le offerte che a seguito della riparametrazione avranno superato la soglia di sbarramento
sopra esplicitata saranno ammesse alla successiva fase di valutazione economica.
PUNTEGGIO PER IL PREZZO = MAX 40 PUNTI
Verranno assegnati 40 punti all’offerta economicamente più bassa e alle altre verranno attribuiti
punteggi inversamente proporzionali in base alla seguente formula:
PUNTEGGIO MAX = 40 x pm (prezzo più basso offerto)_
P(prezzo dell’offerta in esame)
Poiché è prevista l’aggiudicazione ad unica ditta per i lotto 1 e 2, è stata individuata una modalità
originale per pervenire al calcolo del “prezzo medio ponderato” da confrontarsi fra i diversi
concorrenti.
Il sistema originale di calcolo tiene conto del prezzo assegnato per ciascun raggruppamento di
prodotti nutrizionali riportati all’art. 5 punto 1) e della “frequenza” relativa, vale a dire ad un
numero standardizzato di giornate prevedibili di trattamento per raggruppamento sulla base dei
consumi storicizzati negli anni più recenti.
Per chiarezza e trasparenza si indica di seguito lo schema di calcolo per arrivare ad un prezzo medio
unico per giornata di NED onde comparare in maniera indiscutibile le offerte delle varie ditte:
Figura 1: schema da utilizzare per il calcolo dell’offerta come costo medio ponderato (l’importo risultante sarà quello
da comparare per valutare le offerte delle varie ditte). Nella colonna “giornate” sono indicate le giornate storicizzate di
trattamento con i diversi “raggruppamenti”.
LOTTO 1
A
formula
B
costo/ die formula (compresi
pompa, device e trasporto)
1 standard
2 infanzia
3 speciali
totali
4
COSTO MEDIO / GIORNATA
OFFERTO
5
C
D
giornate
costo tot. previsto
14.424
3.606
5.770
SOMMA
C1:C3
B1 X C1
B2 X C2
B3 X C3
SOMMA D1:D3
D4/C4
LOTTO 2
A
formula
B
costo/ die formula (compreso
trasporto)
1 ACQUAGEL
2 POWDER ADDENSANTE
3
4
totali
COSTO MEDIO / GIORNATA
OFFERTO
C
D
giornate
costo tot. previsto
6.897
6.897
SOMMA
C1+C2
B1 X C1
B2 X C2
D1+D2
D3/C3
LOTTO 3
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
14
A
formula
B
costo/ die formula (compreso
trasporto)
C
D
giornate
costo tot. previsto
13.333
B1 X C1
1 Proteine siero di latte
2
COSTO MEDIO / GIORNATA
OFFERTO
D1/C1
ART. 15
AGGIUDICAZIONE
Si darà corso alla aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida.
In caso di parità tra più offerte valide, l’Azienda si riserva di chiedere un miglioramento
dell’offerta.
L’aggiudicazione, immediatamente vincolante per il soggetto aggiudicatario, non è obbligatoria per
l’Amministrazione aggiudicatrice sino a quando non sarà approvata con formale atto deliberativo da
parte dell’organo deliberante.
L’aggiudicazione, è condizionata alla verifica delle dichiarazioni rilasciate in sede di gara, nonché
alla verifica dell’inesistenza delle cause ostative previste dalla vigente normativa antimafia o
derivanti da condanna per qualsiasi reato che incida sulla moralità professionale, o per delitti
finanziari, o derivanti da condanna per uno dei delitti richiamati dall’articolo 32 quater c.p., ai quali
consegue l’incapacità di contrarre con la pubblica amministrazione.
Per i primi tre mesi la fornitura si intende conferita a titolo di prova al fine di consentire all’Azienda
di verificare la rispondenza e la tenuta qualitativa dei prodotti aggiudicati.
Qualora nel suddetto periodo dovessero emergere problematiche per le quali risulti impossibile
trovare una soluzione, l’Azienda risolverà il contratto di fornitura con la ditta aggiudicataria.
ART. 16
ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALLA AGGIUDICAZIONE
Il responsabile del procedimento, comunica l’esito della gara al soggetto aggiudicatario e agli altri
concorrenti mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento.
Successivamente alla comunicazione di aggiudicazione la Ditta verrà invitata a sottoscrivere il
contratto relativo alla fornitura e in tale sede dovrà costituire garanzia fideiussoria definitiva
secondo le modalità riportate al successivo art. 17 e dovrà trasmettere la documentazione richiesta
dall’Azienda e necessaria alla stipula del contratto di fornitura. Sono a carico dell’Aggiudicatario le
spese di bollo e di registrazione del contratto.
ART. 17
GARANZIA FIDEIUSSORIA
Ai sensi dell’art 113 del D. Lgs. 163/2006, la ditta aggiudicataria è obbligata a costituire una
garanzia fidejussoria del 10% dell’importo contrattuale con le modalità previste dal citato articolo.
Si rinvia all’art. 75 c. 7 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i. per fruire del beneficio della riduzione del
50% dell’importo della garanzia.
La fideiussione bancaria o la polizza assicurativa deve prevedere espressamente la rinuncia al
beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all’eccezione di cui all’art.
1957 c. 2 del codice civile, nonché l’operatività delle garanzie medesime entro 15 giorni, a semplice
richiesta scritta dell’Azienda USL Roma H di Albano Laziale.
AZIENDA USL ROMA H
15
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
La mancata costituzione della garanzia determina la revoca dell’affidamento e l’acquisizione della
cauzione provvisoria da parte dell’ASL che aggiudica l’appalto al concorrente che segue nella
graduatoria.
La cauzione versata a garanzia dell'affidamento resterà vincolata fino a quando, eseguito
integralmente il servizio, sarà stato liquidato l'ultima fattura e saranno state definite tutte le
contestazioni e le vertenze che fossero eventualmente insorte tra le parti.
ART. 18
NUOVI PRODOTTI
Il Fornitore si impegna ad informare l’Azienda Sanitaria, con un preavviso di almeno 30 giorni
solari, della evoluzione scientifica dei prodotti oggetto della gara e di possibili variazioni da
apportare alle forniture ed alla prestazione dei servizi oggetto del rapporto contrattuale (es. per
cessata produzione del codice offerto). Dovrà, inoltre, espressamente indicare quali prodotti aventi
identiche o migliori caratteristiche intenda offrire in sostituzione, fermo restando le stesse
condizioni contrattuali. L’Azienda procederà alla verifica tecnica e alla accettazione dei nuovi
prodotti, dandone comunicazione al Fornitore; qualora la verifica non abbia esito positivo, il
fornitore, nei 15 (quindici) giorni successivi alla comunicazione da parte dell’Azienda Sanitaria
dovrà adeguare la propria offerta. L’Azienda procederà all’esame della nuova offerta, riservandosi,
in caso di esito negativo, di acquistare il prodotto sul libero mercato e addebitare il costo al
Fornitore.
Nel caso in cui i prodotti aggiudicati vengano sostituiti (es. per cessata produzione del codice
offerto) o affiancati da altri di più recente produzione, sarà facoltà dell’Azienda Sanitaria acquistare
i nuovi prodotti corrispondendo lo stesso prezzo convenuto in sede di gara, ovvero rifiutarli, a
giudizio insindacabile dell’Azienda Sanitaria, qualora i nuovi prodotti non siano ritenuti rispondenti
alle specifiche esigenze dei settori di utilizzo.
L’Azienda Sanitaria può richiedere, nel corso dell’esecuzione del contratto, la fornitura di prodotti
diversi rispetto a quelli indicati in sede di gara ma rientranti comunque nelle tipologie dei lotti
aggiudicati al Fornitore e presenti nel listino, fermo restando l’applicazione della stessa percentuale
di sconto offerta in sede di gara per la tipologia di prodotto.
ART. 19
MODALITA’ DELLA FORNITURA DI BENI
La ditta aggiudicataria dovrà effettuare le consegne di materiale a proprio rischio e spese di
qualunque natura. Rimane fermo comunque per l’Ente il diritto di acquisire presso altre Ditte i
prodotti occorrenti a danno del fornitore inadempiente.
I documenti di trasporto (in caso di fatturazione differita), ai sensi della legislazione vigente,
devono obbligatoriamente indicare:
- luogo di consegna della merce;
- data e luogo d’ordine.
In mancanza di tali dati, qualora la merce venisse respinta, non saranno accettati reclami dalla Ditta
fornitrice.
La Ditta deve garantire che, anche durante la fase di trasporto verranno rigorosamente osservate le
idonee modalità di conservazione dei prodotti sanitari.
In caso di interruzione o di irregolarità nella esecuzione delle forniture, ferma restando la
facoltà di risoluzione del contratto, l’Azienda potrà:
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
16
- effettuare l’acquisto presso terzi, in danno dell’aggiudicatario inadempiente, con addebito allo
stesso delle maggiori spese sostenute;
In caso di inadempimento delle disposizioni contrattuali, l’Azienda potrà rivalersi, senza alcuna
formalità ed in qualsiasi momento, sulla cauzione disponibile, ovvero sull’importo delle fatture in
attesa di liquidazione.
ART. 20
DIVIETO DI CESSIONE E DI SUBAPPALTO DELLA FORNITURA
Ai sensi dell’art. 37 del D. Lgs. 163/06, la Ditta partecipante dovrà indicare nelle relazioni tecniche
e nell’offerta economica, la parte dell’appalto che intendono eventualmente subappaltare a terzi. E’
espressamente vietato alla Ditta aggiudicataria cedere a terzi, o comunque subappaltare parte della
stessa, senza la preventiva autorizzazione scritta della Amministrazione appaltante.
La disciplina del subappalto sarà regolata dall’art. 118 del D. Lgs. 163/06.
ART. 21
MODALITA’ DI PAGAMENTO
La Ditta aggiudicataria è tenuta ad emettere la fatturazione secondo la diligenza e le norme che
regolano la materia, comunque in modo chiaro e lineare per rendere i riscontri più facili ed
immediati. A tal fine, la fattura dovrà riportare il numero d’ordine ricevuto, il conto economico, il
distretto di riferimento e il numero di riferimento del documento di accompagnamento della merce.
I pagamenti avverranno con le modalità ed i tempi stabiliti con deliberazione della Giunta
Regionale del Lazio n. 689 del 26 settembre 2008, in deroga al D. Lgs 231/02 e senza obbligo
dell’aggiudicatario di adesione alla predetta DGR 689, entro 180 giorni dalla data di emissione della
fattura, ove non risultino contestazioni in ordine alle prestazioni eseguite. In quest’ultima ipotesi il
termine indicato decorre dal momento della regolarizzazione. Per aderire alle suddette modalità di
pagamento la ditta dovrà formulare formale richiesta on-line sul sito www.regionelazio.it (sanità
accordo pagamenti) e successivamente sottoscrivere specifico accordo.
A seguito della sottoscrizione dell’accordo, in caso di ritardato pagamento, troveranno applicazione
i seguenti tassi di interesse:
Tasso legale di cui all’art. 1284 c.c pro tempore in vigore, divisore 365, dal 181° giorno fino
al 240°;
Euribor ad un mese maggiorato di 1 punto percentuale, divisore 365, dal 241° al 360°
giorno;
Euribor ad un mese maggiorato di 3 punti percentuali, divisore 365, dal 361° fino alla data
di effettivo pagamento.
Data la natura di pubblico servizio dell’attività oggetto del presente contratto, l’impresa rinuncia
espressamente al diritto di cui all’art. 1460 c.c, impegnandosi ad adempiere regolarmente le
prestazioni contrattuali anche in caso di mancata tempestiva controprestazione da parte del
committente.
ART: 22
TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI
Con la sottoscrizione della presente lettera di invito – capitolato speciale la Ditta concorrente si
obbliga in caso di aggiudicazione a consentire la tracciabilità dei flussi finanziari in ossequio delle
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
17
previsioni di cui all’art. 3 L. 136/10. In caso di mancato rispetto di tale vincolo il contratto
sottoscritto e la relativa fornitura saranno considerati risolti.
ART. 23
PENALITA’
L’Azienda avvalendosi dei propri uffici, vigilerà costantemente sulla esecuzione della fornitura.
Ove si verifichino inadempienze dell’impresa nella esecuzione del contratto, sarà applicata
dall’Azienda una penale rapportata, in ragione della gravità dell’inadempimento, in una misura
variabile dallo 0,3 per mille all’1 per mille dell’ammontare netto contrattuale.
L’applicazione della penale sarà preceduta da contestazione della inadempienza.
La Ditta nei due giorni successivi alla notifica della inadempienza, potrà presentare le proprie
giustificazioni scritte sulle quali deciderà l’Azienda.
L’ammontare delle penali sarà ritenuto dalle somme dovute alla Ditta e, all’occorrenza, sarà
prelevato dalla cauzione.
In caso di inadempienze gravi o ripetute, l’Azienda si riserva di risolvere il contratto con tutte le
conseguenze di legge che la risoluzione comporta.
L’Azienda si riserva la facoltà di non attendere l’esecuzione della prestazione ovvero la sostituzione
dei prodotti contestati e di rivolgersi ad altra impresa per la forniture laddove ragioni di urgenza lo
giustifichino ponendo a carico del Fornitore l’addebito delle eventuali maggiori spese sostenute e la
quota della penale.
Resta, altresì, fermo l’obbligo del Fornitore di risarcire l’Azienda per i maggiori danni derivanti dal
ritardo o dalla mancata consegna dei prodotti richiesti.
Nel caso del ripetersi di ritardi nelle consegne che comportino almeno tre contestazioni formali, e,
in ogni caso, decorsi 30 (trenta) giorni dalla scadenza del termine di consegna l'Azienda potrà
dichiarare risolto il contratto "ipso facto et de jure", comunicando per iscritto al Fornitore
l’inadempimento alle obbligazioni contrattuali.
La risoluzione del contratto comporta l’incameramento del deposito cauzionale definitivo, ovvero
sull’importo delle fatture in attesa di liquidazione, fatto salvo il risarcimento dei maggiori danni
patiti. L’Azienda si riserva altresì la facoltà di escludere la ditta dalla partecipazione a future gare.
ART. 24
CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA EX ART. 1456 c.c.
Il contratto si risolve con provvedimento motivato e previa comunicazione del provvedimento
stesso:
1) qualora, nel corso dell’esecuzione del contratto, siano state applicate con le modalità di cui
all’art. 17, numero tre penalità;
2) in caso di cessione a terzi del contratto o subappalto parte della Ditta, senza la preventiva
autorizzazione scritta della Amministrazione appaltante in violazione al disposto di cui all’art. 22;
3) in caso di cessione del credito senza la preventiva autorizzazione scritta della Amministrazione
appaltante in violazione al disposto di cui al successivo art. 26;
3) per gravi inadempienze, frode o altro, tali da giustificare l’immediata risoluzione del contratto;
4) per motivate esigenze di pubblico interesse specificate nel provvedimento di risoluzione;
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
18
5) violazione della normativa di cui all’art. 3 l 136/10 come riportato all’art. 22
ART. 25
RESPONSABILITA’
L’appaltatore è responsabile dell’esatto adempimento del contratto e della perfetta riuscita della
fornitura. A tal fine dovrà adottare durante l’esecuzione del servizio tutte le cautele necessarie, con
l’obbligo di controllo dello stesso e conseguente responsabilità a suo esclusivo carico. Pertanto, è
fatto obbligo all’appaltatore di mantenere l’Amministrazione sollevata e indenne da ogni
responsabilità civile derivante dall’esecuzione del contratto, per danni di qualsiasi specie che,
comunque, derivassero a persone od a cose e per eventuali conseguenti richieste di risarcimento
danni nei confronti della stessa Amministrazione.
ART. 26
DIVIETO DI CESSIONE DEI CREDITI
Le cessioni di credito sono ammesse, previa espressa autorizzazione dell’Amministrazione.
ART. 27
CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA
L’Azienda si riserva, a suo insindacabile giudizio, di sospendere o annullare il presente
procedimento di gara per adesione alla CONSIP o al Consorzio delle Aziende Sanitarie della
Regione Lazio ai sensi del Decreto Legge 347/01 convertito con Legge n. 405 del 16.11.01, o per
altri motivi senza che alcuna ditta partecipante possa vantare alcuna pretesa.
ART. 28
RINVIO ALLE NORME REGOLAMENTARI E LEGISLATIVE VIGENTI
Per quanto non espressamente previsto, o non regolamentato, nel presente capitolato speciale
d’appalto si intendono espressamente richiamate e sottoscritte le norme legislative e le altre
disposizioni vigenti in materia e in particolare le norme contenute nel D. Lgs 12 aprile 2006 n. 163
e successive modificazioni, nonché la normativa statale e regionale in materia e le vigenti norme
volte a regolamentare il settore dei contratti pubblici.
ART. 29
COMUNICAZIONI E RICHIESTE DI INFORMAZIONI RELATIVE ALLA GARA
Le richieste di informazione per qualsiasi chiarimento relativamente alla procedura di gara,
disciplinare, capitolato o riferito a quanto altro avesse relazione con la gara in questione, saranno
accolte solo se trasmesse a mezzo E-mail PEC [email protected]
Le eventuali controversie che dovessero insorgere tra l’Amministrazione e l’Aggiudicatario nella
esecuzione della fornitura verranno deferirete al Giudice competente del Tribunale di Velletri.
IL DIRETTORE ABS
Dott. Danila Fiorillo
Timbro della ditta ………………………….……………………..
Firma del Legale rappresentante
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
19
Ai sensi dell'art. 1341 e 1342 del c.c., la ditta esplicitamente dichiara di conoscere ed accettare
espressamente ed incondizionatamente gli artt. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17,
18, 19, 20, 21, 22 , 23, 24,25,26,27,28 e 29 della presente lettera di invito - capitolato speciale,
fermo restando anche l'inderogabilità delle altre norme contrattuali, nonché quanto riportato negli
allegati costituenti parte integrante della presente.
Timbro della ditta ………………………….……………………..
Firma del Legale rappresentante
Per accettazione
AZIENDA USL ROMA H
Borgo Garibaldi 12 – 00041 Albano Laziale (Roma)
Tel. 0693271 – fax 0693273866
PI 04737811002
20
Scarica

Disciplinare-Capitolato Gara NED - All.1