Poste Italiane - Spedizione in a.p.
Tab. “D” Aut. DCO/DC - CZ/038/2003
valida dal 4 febbraio 2003
Supplemento straordinario n. 3 al n. 3 del 16 febbraio 2011
Parti I e II - Anno XLII
REPUBBLICA ITALIANA
BOLLETTINO UFFICIALE
DELLA REGIONE CALABRIA
Catanzaro, venerdì 25 febbraio 2011
DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE CATANZARO, VIA ORSI (0961) 775522
Le edizioni ordinarie del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria
sono suddivise in tre parti che vengono cosı̀ pubblicate:
Il 1o e il 16 di ogni mese:
PARTE PRIMA
ATTI DELLA REGIONE
SEZIONE I
Leggi
Regolamenti
Statuti
SEZIONE II
Decreti, ordinanze ed atti del Presidente della Giunta regionale
Deliberazioni del Consiglio regionale
Deliberazioni della Giunta regionale
Deliberazioni o comunicati emanati dal Presidente o dall’Ufficio
di Presidenza del Consiglio regionale
Comunicati di altre autorità o uffici regionali
PARTE SECONDA ATTI DELLO STATO
E DEGLI ORGANI GIURISDIZIONALI
SEZIONE I
Provvedimenti legislativi statali e degli organi giurisdizionali
che interessano la Regione
SEZIONE II
Atti di organi statali che interessano la Regione
Circolari la cui divulgazione è ritenuta opportuna e gli avvisi prescritti dalle
leggi e dai regolamenti della Regione
Ordinariamente il venerdì di ogni settimana
PARTE TERZA ATTI DI TERZI
Annunzi legali
Avvisi di concorso
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6403
SOMMARIO
Regione Calabria
BOLLETTINO UFFICIALE
Via P. Orsi − CATANZARO
PARTE PRIMA
SEZIONE II
Il pubblico si riceve:
Martedì e Giovedì,
dalle ore 10 alle ore 12
DECRETI DEI DIRIGENTI
DELLA REGIONE CALABRIA
Informazioni telefoniche:
Martedì e Giovedì,
Regione Calabria
dalle ore 10 alle ore 12
Giunta Regionale
Tel. e fax 0961/775522
Ufficio Legislativo
DECRETO n. 349 del 24 gennaio 2011
Dirigente di settore dott. Luigi Bulotta – Attribuzione incarico e assegnazione obiettivi anno 2011
pag. 6420
DECRETO n. 354 del 24 gennaio 2011
Dirigente di settore dott. Salvatore Alcaro – Attribuzione
obiettivi anno 2011
pag. 6422
DECRETO n. 357 del 24 gennaio 2011
Dirigente dott.ssa Gioconda de Marco – Assegnazione
obiettivi anno 2011
pag. 6424
Dipartimento n. 2
PRESIDENZA.
DECRETO n. 14884 del 27 ottobre 2010
Legge Regionale n. 31/75 s.m.i. – O.P.C.M. n. 2469/96 Settore Protezione Civile – Comune di Crotone. Lavori di realizzazione dello scolmatore Papaniciaro con attraversamenti
stradali, FF.SS. ed Anas. Intervento n. 9/12abc. Liquidazione
credito finale lavori c 194.606,46
pag. 6426
DECRETO n. 15732 del 15 novembre 2010
Impegno di spesa servizi di manutenzione straordinaria
impianti di condizionamento strutture del Settore Regionale
della Protezione Civile. Periodo Gennaio – Marzo 2010
pag. 6428
REGIONE CALABRIA
BOLLETTINO UFFICIALE
A V V I S O
Si evidenzia agli Enti e ai soggetti, pubblici e privati, che inviano avvisi da pubblicare sul Bollettino Ufficiale la necessità
che gli avvisi stessi siano redatti in conformità ai disposti del D.Lgs. 196/2003, con particolare riferimento alla disciplina
dei dati sensibili.
6404
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 17299 del 1 dicembre 2010
DECRETO n. 17857 del 7 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditta Sgromo
pag. 6429
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditte intervenute nei
Comuni di Parghelia, Briatico, Zambrone ed altri
pag. 6441
DECRETO n. 17307 del 1 dicembre 2010
Contratto ospitalità di ponti radio con la società Protel
s.r.l.. Liquidazione canone postazione periodo gennaio – febbraio 2010, ditta Towertel
pag. 6430
DECRETO n. 17466 del 2 dicembre 2010
Campagna AIB 2010. Delibera G.R. n. 427 del 07.06.2010.
Costituzione Gruppo di Lavoro
pag. 6430
DECRETO n. 17887 del 7 dicembre 2010
L’esperienza operativa italiana dei Centri Funzionali e le
ricerche della Comunità Scientifica nel settore. Impegno di
spesa
pag. 6442
DECRETO n. 17892 del 7 dicembre 2010
Intervento della struttura Regionale Operativa di Protezione Civile nel Comune di Placanica (RC) nel mese di ottobre 2010 – Impegno di spesa
pag. 6443
DECRETO n. 17467 del 2 dicembre 2010
Partecipazione al R.E.A.S. – Salone dell’emergenza dal 8
al 10 ottobre 2010 presso il Centro Fiera del Garda di Montichiari (BS). Liquidazione Fatture
pag. 6432
DECRETO n. 17526 del 2 dicembre 2010
Liquidazione fornitura eliocopie Ditta «Eliocopia» di Rotundo Luigina
pag. 6432
DECRETO n. 17722 del 3 dicembre 2010
L.R. 8/2010 art. 2, comma 3 – Liquidazione contributo Villaggio «Jammin» con sede nel comune di Condofuri (RC) per
danni verificatisi in via Lungomare di Condofuri – fraz. Marina
pag. 6433
DECRETO n. 17723 del 3 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditta SpesaPiù Comune di Gioia Tauro
pag. 6435
DECRETO n. 17898 del 7 dicembre 2010
Intervento della struttura Regionale Operativa di Protezione Civile nel Comune di San Luca (RC) nel mese di settembre 2010 – Impegno di spesa
pag. 6444
DECRETO n. 17899 del 7 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio del Comune di Cassano Ionio. Impegno di spesa
pag. 6445
DECRETO n. 17900 del 7 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio del Comune di
Roggiano Gravina. Impegno di spesa
pag. 6445
DECRETO n. 17906 del 7 dicembre 2010
Uffici Settore Regionale Protezione Civile locali Ex Comalca. Impegno di spesa
pag. 6446
DECRETO n. 17908 del 7 dicembre 2010
DECRETO n. 17724 del 3 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditte intervenute nel
Comune di Paola
pag. 6437
DECRETO n. 17725 del 3 dicembre 2010
L.R. 8/2010 art. 2, comma 3 – Liquidazione contributo
ditta Villaggio Turistico «La Perla Ionica» con sede nel Comune di Bova Marina (RC) per danni verificatisi sullo stesso
Villaggio in Via San Pasquale di Bova Marina (RC)
pag. 6438
DECRETO n. 17819 del 6 dicembre 2010
Contratto rep. n. 115 del 16.02.2010 servizio aereo regionale mediante l’impiego di n. 5 elicotteri da impiegarsi in
attività di prevenzione, estinzione incendi boschivi, trasporto
aereo e servizi di protezione civile nel territorio della Regione
Calabria. Liquidazione Fattura n. 56 del 15.10.2010
pag. 6440
Informazione e divulgazione dei temi inerenti la protezione civile. Impegno di spesa
pag. 6447
DECRETO n. 18018 del 9 dicembre 2010
Emergenza «No Ponte» del 19/12/2009 – Comune di Villa
San Giovanni (RC) – Rimborso spese Associazione di Volontariato – ai sensi degli artt. 9 e/o 10 del D.P.R. 194/2001. Impegno e liquidazione
pag. 6448
DECRETO n. 18019 del 9 dicembre 2010
Emergenza Gennaio 2009 – Comune di Luzzi – Rimborso
spese Associazioni di Volontariato partecipanti ai sensi degli
artt. 9 e/o 10 del D.P.R. 194/2001. Associazione «Tutela Civium». Impegno e liquidazione
pag. 6449
DECRETO n. 18104 del 9 dicembre 2010
Servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria sistemi
informativi, hardware e software del settore regionale della
Protezione Civile – Impegno di spesa
pag. 6450
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6405
DECRETO n. 18156 del 10 dicembre 2010
DECRETO n. 18901 del 29 dicembre 2010
Impegno di spesa per fornitura servizi assicurativi mezzi
ed attrezzature
pag. 6451
Impegno – emergenza idrogeologica del 7 e 17 febbraio
2010 – nel Comune di Cervicati e Mongrassano (CS) – Rimborso spese Associazione «Nucleo Emergenze» volontari – ai
sensi dell’art. 10 del D.P.R. 194/2001
pag. 6460
DECRETO n. 18164 del 10 dicembre 2010
Partecipazione dal 25 al 29 novembre 2010, all’esercitazione internazionale di protezione civile Terex 2010. Impegno
di Spesa
pag. 6451
DECRETO n. 18362 del 15 dicembre 2010
Servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria sistemi
informativi, hardware e software del settore regionale della
Protezione Civile – Liquidazione alla Ditta The Brainwork di
Catanzaro
pag. 6452
DECRETO n. 18363 del 15 dicembre 2010
L’esperienza operativa italiana dei Centri Funzionali e le
ricerche della Comunità Scientifica nel settore. Liquidazione
Fatture
pag. 6453
DECRETO n. 18437 del 20 dicembre 2010
Impegno di spesa manutenzione rete radio di emergenza
della Protezione Civile, affidamento ditta L.A.T. di Reggio
Calabria
pag. 6454
DECRETO n. 18453 del 20 dicembre 2010
Installazione e realizzazione di un sistema locale di allertamento sul bacino del torrente Budello nel Comune di Gioia
Tauro. Impegno di spesa
pag. 6455
DECRETO n. 18456 del 20 dicembre 2010
Concessione contributo al Comune di Trebisacce per attività di protezione civile del COM di cui al protocollo d’intesa
con «l’Associazione Volontari Protezione Civile». Impegno
di spesa
pag. 6456
DECRETO n. 18458 del 20 dicembre 2010
Pagamento canone idrico, per l’anno 2008, rimborso alla
Corte dei Conti di Catanzaro – Impegno di spesa
pag. 6457
DECRETO n. 18895 del 29 dicembre 2010
Legge Regionale n. 31/75 s.m.i. – Legge 109/94 s.m.i. –
D.lgs. 163/2006 (Codice dei contratti). O.P.C.M. n. 2469/96
Dipartimento Protezione Civile. Comune di Crotone – Intervento n. 9/12abc. Lavori di realizzazione dello scolmatore
Papaniciaro con attraversamenti stradali, FF.SS. ed Anas.
Nomina Responsabile Unico del Procedimento
pag. 6458
DECRETO n. 18899 del 29 dicembre 2010
Contributo al comune di Vazzano (VV) per l’organizzazione del Campo Scuola d’addestramento di Protezione
Civile
pag. 6459
Dipartimento n. 3
PROGRAMMAZIONE
NAZIONALE E COMUNITARIA.
DECRETO n. 221 del 19 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013 – Asse IX «Assistenza tecnica e cooperazione interregionale» – Obiettivo Operativo
9.1.1.1.1 Linea di Intervento 9.1.1 Operazione 9.1.1.1.1 «Nomina componenti Segreteria Tecnica dell’Autorità di Gestione» periodo 1/1/2011-31/3/2011
pag. 6461
Dipartimento n. 5
ATTIVITÀ PRODUTTIVE.
DECRETO n. 83 del 12 gennaio 2011
Variante al progetto autorizzato per la realizzazione di un
parco eolico denominato «Piano San Biagio» – Comune di
Crotone – Società San Biagio Wind Farm S.r.l.
pag. 6463
DECRETO n. 84 del 12 gennaio 2011
Autorizzazione Unica ai sensi del D.Lgs. 387/2003 e della
L.R. 42/2008 – progetto di un impianto di produzione di
energia elettrica da fonte fotovoltaica denominato «Maida
6,99 MWp», della potenza nominale di 6,99 MWp, da realizzarsi in località «Canne» nel Comune di Maida (CZ) – società «Sorgente Solare Calabria s.r.l. unipersonale»
pag. 6464
DECRETO n. 86 del 12 gennaio 2011
Autorizzazione unica ai sensi del D.Lgs. 387/2003 e della
L.R. 42/2008 – progetto di un impianto di produzione di
energia elettrica da fonte eolica denominato «Ampliamento
Parco Eolico Il Fortino» ubicato nel Comune di Scandale Società Clean Energy 1 s.r.l.
pag. 6470
DECRETO n. 87 del 12 gennaio 2011
Legge 215/92 – Revoca decreto di concessione agevolazioni
L. 215/92. N. 2887 del 22 Marzo 2002 – Imprenditoria Femminile – Ditta «Farmanatura della Dott.ssa Longo Giuseppina» – Via Gaetano Ruffo, 12 – 89030 Bovalino (RC)
pag. 6476
DECRETO n. 115 del 13 gennaio 2011
Bando pubblico «PIA – Pacchetti Integrati di Agevolazione» approvato con D.D.G. n. 7373 del 06/05/2009 a valere
sul POR Calabria 2007/2013 linea d’intervento 7.1.4.1 Decreto di autorizzazione all’erogazione a saldo del contributo
alla ditta Infomobility.it s.p.a. Progetto 1220000046/Piano
Servizi Reali
pag. 6478
6406
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 117 del 13 gennaio 2011
DECRETO n. 270 del 20 gennaio 2011
Bando pubblico «CI – Contratti d’Investimento» approvato con D.D.G. n. 8452 del 30.06.2008. Rettifica decreto n.
14117 del 13/10/2010 concessione provvisoria delle agevolazioni al Consorzio ICT Sud – Rende (CS)
pag. 6480
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4941 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Zagari Antonella – Via Gramsci 49 – 89012 Delianuova (RC)
– Ingiunzione di pagamento
pag. 6496
DECRETO n. 208 del 18 gennaio 2011
DECRETO n. 271 del 20 gennaio 2011
Mis. 4.2 – az. C) del POR Calabria 2000/06. Modifica del
decreto di concessione provvisoria delle agevolazioni dell’impresa I.P.E.A. S.r.l. – Presa d’atto della fusione per incorporazione della IPEA S.r.l. nella System House S.r.l. Unipersonale
pag. 6481
Dipendente Regionale Avv. Vitaliano Opipari, matricola
001131 – Cat. D1. Affidamento incarico di Responsabile del
Procedimento delle attività relative ai processi del Controllo
Strategico e del Controllo di Gestione del Settore 2 – Politiche Energetiche, Attività Estrattive e Risorse Geotermiche
del Dipartimento 5 – Attività Produttive
pag. 6498
DECRETO n. 212 del 18 gennaio 2011
DECRETO n. 272 del 20 gennaio 2011
Impresa SA.GI S.r.l. – Misura 4.2 az. c) del POR Calabria
2000/06. Revoca D.D.G. n. 3242 del 26/03/2003
pag. 6483
Dipendente Regionale Dott.ssa Tina Alessandra Bufano,
matricola 98175 – Cat. D3. Affidamento incarico di Responsabile del Procedimento delle attività relative ai processi del
Controllo Strategico e del Controllo di Gestione del Dipartimento 5 – Attività Produttive
pag. 6499
DECRETO n. 213 del 18 gennaio 2011
Impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria –
Mis. 4.2 – az. c) del POR Calabria 2000/2006. Revoca D.D.G.
n. 3247 del 26/03/2003
pag. 6485
DECRETO n. 216 del 19 gennaio 2011
Autorizzazione alla Società «Serreti Gas Petroli S.r.l.», con
Sede in Rosarno (RC), Via Nazionale Nord, 71, per la realizzazione di un deposito di Oli Minerali (gasolio e benzina agricola) sito in C.da Baraccone, Comune di Candidoni (RC)
pag. 6487
DECRETO n. 261 del 20 gennaio 2011
Partecipazione della Regione Calabria al «MACEF – Salone Internazionale della Casa» – edizione primavera – Milano 26-30 gennaio 2011
pag. 6489
DECRETO n. 267 del 20 gennaio 2011
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4957 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Delta Service di Scalercio Alessandra – Via D. Bendicenti, 20
– 87100 Cosenza – Ingiunzione di pagamento
pag. 6490
DECRETO n. 268 del 20 gennaio 2011
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4975 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Di Nardo Monica – Via G. Arena 2 – 88100 Catanzaro – Ingiunzione di pagamento
pag. 6492
DECRETO n. 269 del 20 gennaio 2011
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4969 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Scuola e Corsi di formazione speciale di Simonetta Paola –
Via Gaspare del Fosso 56 – 89100 Reggio Calabria – Ingiunzione di pagamento
pag. 6494
DECRETO n. 273 del 20 gennaio 2011
Dipendente Regionale Avv. Emanuela Carmen Bonacci,
matricola 001146 – Cat. D1. Affidamento incarico di Responsabile del Procedimento delle attività relative ai processi del
Controllo Strategico e del Controllo di Gestione del Settore
1– Industria, Commercio e Artigianato del Dipartimento 5 –
Attività Produttive
pag. 6501
DECRETO n. 274 del 20 gennaio 2011
Conferimento incarico ad interim al dr. Felice Iracà del
Servizio «Program. Distribuzione Commerciale – Direttiva
sevizi – Aiuti al Commercio» del Dipartimento 5 «Attività
Produttive»
pag. 6503
DECRETO n. 290 del 20 gennaio 2011
DGR n. 739 del 16 novembre 2010. Nomina Commissione
Tecnico-Amministrativa – Progetto Società Editoriale Crotonese s.r.l.
pag. 6504
Dipartimento n. 6
AGRICOLTURA, FORESTE,
FORESTAZIONE.
DECRETO n. 121 del 13 gennaio 2011
DM 9/11/2007 Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro
il Punteruolo rosso della palma Rhynchophorus ferrugineus
(Olivier). Recepimento decisione della Commissione 2007/
365/CE – Prescrizioni fitosanitarie per il controllo ed il contenimento del Rhyncophorus ferrugineus
pag. 6507
DECRETO n. 209 del 18 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione al Commercio all’ingrosso di Patate
da Seme e Patate da Consumo. Autorizzazione all’uso del
Passaporto delle Piante CEE. Ditta F.lli Alessi di Luigi S.n.c.
pag. 6508
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6407
DECRETO n. 280 del 20 gennaio 2011
DECRETO n. 460 del 28 gennaio 2011
PSR Calabria 2007-2013. Nomina Responsabile di Misura
del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Dr. Gregorio
Caracciolo
pag. 6509
Programma attività promozionali all’Estero – Manifestazione fieristica Fruit Logistica 2011 (Berlino 09-11 Febbraio
2011). Autorizzazione partecipazione
pag. 6516
DECRETO n. 283 del 20 gennaio 2011
DECRETO n. 461 del 28 gennaio 2011
D.M. 14 Aprile 1997 – D.lgs. n. 151/2000 e D.G.R. n. 7024
del 29/12/1997. Ditta: Azienda Agricola Vivai Piante Gugliotta Graziella
pag. 6510
D.M. 14 Aprile 1997 – D.Legs n. 151/2000 e D.G.R. n. 7024
del 29/12/1997. Ditta: Furfari Lorella
pag. 6517
DECRETO n. 286 del 20 gennaio 2011
Contributo ordinario della Regione Calabria per il finanziamento dell’A.R.S.S.A. (Agenzia Regionale Servizio Sviluppo Agricoltura) Art. 13 – lett. A della L.R. 14/12/93 n. 15 –
Impegno della somma di c 13.333.333,34 a titolo di Ia rata
dello stanziamento per l’annualità 2011. Cap. 5122206
pag. 6511
DECRETO n. 344 del 24 gennaio 2011
Comune di Rose – Autorizzazione svincolo somme provenienti dalle alienazioni di terreni di uso civico
pag. 6511
DECRETO n. 380 del 24 gennaio 2011
DECRETO n. 462 del 28 gennaio 2011
D.M. 14 Aprile 1997 – D.Legs n. 151/2000 e D.G.R. n. 7024
del 29/12/1997. Ditta: Azienda Agricola Vivai piante Milone
Maria Grazia
pag. 6518
Dipartimento n. 7
ORGANIZZAZIONE
E PERSONALE.
DECRETO n. 27 del 5 gennaio 2011
Dipendente regionale Bevacqua Luigi matr. 965030. Distacco funzionale presso l’Amministrazione Provinciale di
Catanzaro
pag. 6519
PSR Calabria 2007-2013. Dr. Francesco Chiellino. Responsabile di Misura del Programma di Sviluppo Rurale
2007-2013. Attivazione procedura liquidazione trattamento
accessorio
pag. 6513
DECRETO n. 32 del 7 gennaio 2011
DECRETO n. 381 del 24 gennaio 2011
DECRETO n. 65 del 11 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione alla produzione e commercio di frutti
di Citrus. Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori
(R.U.P.) Autorizzazione all’uso del Passaporto delle Piante
CEE. Ditta: Abrigata Antonio
pag. 6514
POR Calabria 2000-2006 – Misura 6.3 Società dell’Informazione «Piano per la realizzazione di progetti pilota di
e-democracy sul territorio calabrese – Progetto «Botricello
comune globale» a valere su risorse liberate – Presa d’atto
sentenza TAR Calabria − Catanzaro ed ordinanza Consiglio
di Stato e rimodulazione termini convenzione
pag. 6520
DECRETO n. 382 del 24 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Autorizzazione alla produzione di piante e dei relativi materiali di propagazione. Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori (R.U.P.). Autorizzazione all’uso del Passaporto delle
Piante CEE. Ditta Green Vision
pag. 6514
DECRETO n. 424 del 27 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione alla produzione e commercio di frutti
di Citrus. Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori
(R.U.P.). Autorizzazione all’uso del Passaporto delle Piante
CEE. Ditta Galatà Domenico
pag. 6515
DECRETO n. 425 del 27 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione al commercio di frutti di Citrus.
Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori (R.U.P.). Autorizzazione all’uso del Passaporto delle Piante CEE. Ditta:
Commercio Ortofrutta Mar. Noc. di Nocella Andrea
pag. 6516
Dip. Riitano Salvatore – matr. n. 695115 – Liquidazione
ferie non fruite, anno 2010
pag. 6519
DECRETO n. 71 del 12 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013. Conferimento incarico
Responsabile Unità di Verifiche e Controllo di 1o Livello, dip.
Condito Giovanni – matricola 195350
pag. 6522
DECRETO n. 72 del 12 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Olivito Giancarlo – matricola 598595
pag. 6523
DECRETO n. 73 del 12 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Pisacane Francesco – matricola 656100
pag. 6524
DECRETO n. 74 del 12 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Pirrò Francesco – matricola 654875
pag. 6524
6408
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 75 del 12 gennaio 2011
DECRETO n. 265 del 20 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Polifrone Nicola – matricola 663900
pag. 6525
Dipendenti Cimino Giovanna, matr. 177225 – Griffo Anna,
matr. 380500 – Griffo Luigi, 380705 – Melidoni Maria, matr.
530550 – Vetrano Giovanni – Distacco Funzionale per il periodo di un anno presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Segreteria della Conferenza permanente per i rapporti
tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome
pag. 6532
DECRETO n. 176 del 17 gennaio 2011
Comando Dott.ssa Mancini Maria Giulia presso il Dipartimento «Politiche dell’Ambiente»
pag. 6526
DECRETO n. 192 del 17 gennaio 2011
Parziale rettifica decreto dirigenziale n. 26 del 05.01.2011
pag. 6527
DECRETO n. 193 del 17 gennaio 2011
Dip. Martino Salvatore – matr. n. 509000 – Liquidazione
Ferie
pag. 6527
DECRETO n. 279 del 20 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico D – F» – dipendente
D’Ambrosio Andrea matricola 232990
pag. 6533
DECRETO n. 281 del 20 gennaio 2011
Dip. Anania Andrea – matr. n. 29500 – Liquidazione congedo ordinario non fruito, anno 2010
pag. 6534
DECRETO n. 282 del 20 gennaio 2011
DECRETO n. 194 del 17 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013 – Erogazione retribuzione
di risultato – dipendente Spagnolo Luciano matricola 782800
pag. 6534
Dip. Valente Francesco – matr. n. 835250 – Liquidazione
Ferie
pag. 6528
DECRETO n. 285 del 20 gennaio 2011
DECRETO n. 195 del 17 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013 – Erogazione retribuzione
di risultato – Dipendente Papaleo Guglielmo – matricola
619370
pag. 6535
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico C» – dipendente Principe Anna Maria matricola 671500
pag. 6528
DECRETO n. 288 del 20 gennaio 2011
DECRETO n. 196 del 17 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico B» – dipendente Sinibaldo Esposito matricola 283880
pag. 6529
DECRETO n. 197 del 17 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile Obiettivo Specifico A – dipendente Celentano Antonio matricola 159000
pag. 6530
DECRETO n. 198 del 17 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013. Conferimento incarico per
la responsabilità dell’Unità di Monitoraggio – dipendente
Rijllo Domenico matricola 695125
pag. 6530
DECRETO n. 199 del 17 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013. Rinnovo incarico per la responsabilità dell’Unità di Monitoraggio – dipendente Parente Angelo matricola 621365
pag. 6531
DECRETO n. 200 del 17 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013. Rinnovo incarico responsabile Unità di Monitoraggio – dipendente Baldo Giancarlo
matricola 50650
pag. 6532
POR FESR 2007-2013. Conferimento Posizione Organizzativa per la responsabilità della Linea d’Intervento 5.1.1.1.
al dipendente Anoja Michelangelo matricola 31900
pag. 6536
DECRETO n. 289 del 20 gennaio 2011
POR 2007-2013. Conferimento Responsabilità della Linea
di Intervento – Dip. Galati Giuseppe matricola 335500
pag. 6537
DECRETO n. 291 del 20 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico O» – dipendente Costa
Antonio – matricola 210400
pag. 6537
DECRETO n. 292 del 20 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico E» – dipendente Scrivano Renato matricola 760900
pag. 6538
DECRETO n. 293 del 20 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Operativi I2-L3» – dipendente
De Filippis Antonio – matricola 243100
pag. 6538
DECRETO n. 397 del 25 gennaio 2011
Arch. Pandullo Giovanni. Conferimento incarico di Dirigente del Servizio n. 7 «Coordinamento Uffici Decentrati,
Polizia Locale, Bollettino Ufficiale»
pag. 6539
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 410 del 26 gennaio 2011
Sig. Giubilei Maurizio: Presa d’atto dell’ordinanza resa
nel procedimento ex art. 700 c.p.c. dal Giudice del Lavoro del
Tribunale di Catanzaro
pag. 6540
Dipartimento n. 8
URBANISTICA
E GOVERNO DEL TERRITORIO.
DECRETO n. 18873 del 29 dicembre 2010
Impegno di spesa per realizzazione di un Help Desk Urban
Center del Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio
pag. 6542
6409
Dipartimento n. 9
INFRASTRUTTURE,
LAVORI PUBBLICI,
POLITICHE DELLA CASA,
E. R. P., A. B. R.,
RISORSE IDRICHE,
CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE.
DECRETO n. 12105 del 23 agosto 2010
Legge regionale 22/05/02, n. 23, art. 6 comma 10 – integrata con L.R. 14/2003 e n. 8/2005. DGR n. 722 del 09/11/
2007. Trasferimento somme al Comune di Acri per il pagamento del contributo in conto capitale per il recupero della
prima casa nel Comune di Acri a favore del/della sig./sig.ra
Chimento Gregorio
pag. 6552
DECRETO n. 18875 del 29 dicembre 2010
Capitolo 32020313. Spese per le attività del Nucleo di Valutazione Urbanistico Territoriale (art. 9 L.R. 16 aprile 2002,
n. 19). Impegno di spesa
pag. 6542
DECRETO n. 18876 del 29 dicembre 2010
Capitolo 12040603. Spese inerenti la gestione del demanio
marittimo regionale. Impegno di spesa
pag. 6543
DECRETO n. 12107 del 23 agosto 2010
Legge regionale 22/05/02, n. 23, art. 6 comma 10 – integrata con L.R. 14/2003 e n. 8/2005. DGR n. 722 del 09/11/
2007. Trasferimento somme al Comune di Acri per il pagamento del contributo in conto capitale per il recupero della
prima casa nel Comune di Acri a favore del/della sig./sig.ra
Caruso Pasquale
pag. 6553
DECRETO n. 18877 del 29 dicembre 2010
DECRETO n. 16799 del 25 novembre 2010
Implementazione, gestione e funzionamento del Centro
Cartografico Regionale. Impegno di spesa
pag. 6544
Delibera di Giunta Regionale n. 374 del 26/05/2008 e n. 494
del 28/07/2008 – Legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per
l’edilizia scolastica», Piano Annuale di Attuazione 2008 –
«Messa in Sicurezza ed adeguamento statico della Scuola
Elementare» importo complessivo c 300.000,00 – Comune di
Joppolo – Erogazione 2o acconto
pag. 6554
DECRETO n. 18878 del 29 dicembre 2010
Funzionamento Centro Cartografico Regionale – Impegno
di spesa per Partenariato Interregionale Sigma Ter
pag. 6545
DECRETO n. 18880 del 29 dicembre 2010
Impegno di spesa per rimborso spese e indennità relative
alla partecipazione delle attività progettuali del Centro Cartografico Regionale
pag. 6546
DECRETO n. 18881 del 29 dicembre 2010
Capitolo 32020305. Redazione, pubblicazione e divulgazione del Quadro Territoriale Regionale (QTR) (artt. nn. 17 e
25 della L.R. 16 aprile 2002, n. 19). Impegno di spesa
pag. 6547
DECRETO n. 18882 del 29 dicembre 2010
D.Lgs. 7/3/2005 n. 82 «Codice dell’Amministrazione Digitale» integrato con D.Lgs. 6/4/2006 n. 159. Riuso del Sistema
Informativo «Sistema Workflow» Ministero della Salute.
DDS n. 18721 del 27/12/2010. Affidamento servizi di installazione e aggiornamento procedura al Consorzio CBIM di
Pavia
pag. 6548
DECRETO n. 18913 del 30 dicembre 2010
Proroga dei contratti: rep n. 3665/2009, 3666/2009 e 3667/
2009 dell’1 settembre 2009 e decreto n. 17432/2010
pag. 6550
DECRETO n. 17203 del 30 novembre 2010
Delibera di Giunta Regionale n. 374 del 26/05/2008 e n. 494
del 28/07/2008 – Legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per
l’edilizia scolastica», Piano Annuale di Attuazione 2008 –
«Ristrutturazione edificio scolastico Scuola Primaria Satriano Centro sito in Piazza Dante», importo c 266.607,84 –
Comune di Satriano – Proroga Convenzione ed erogazione 2o
acconto
pag. 6556
DECRETO n. 17204 del 30 novembre 2010
Delibera di Giunta Regionale n. 736 del 09/11/2007 – Legge
11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per l’edilizia scolastica»,
Piano Annuale di Attuazione 2007 – «Messa in sicurezza e
miglioramento strutturale del Liceo Classico Galluppi di Catanzaro» – importo c 580.000,00 – Amministrazione Provinciale di Catanzaro – Proroga Convenzione ed erogazione 1o
acconto
pag. 6558
DECRETO n. 17598 del 3 dicembre 2010
Legge regionale 22/05/02, n. 23, art. 6 comma 10 – integrata con L.R. 14/2003 e n. 8/2005. Rilascio dell’autorizzazione alla vendita di un alloggio già oggetto di contributo regionale concesso a favore dei coniugi Raschillà Francesco
Marino e Lucà Rosita
pag. 6560
6410
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 18210 del 13 dicembre 2010
DECRETO n. 245 del 20 gennaio 2011
L. 18.05.1989 n. 183 – Comune di Malvito – Lavori di risanamento idrogeologico – Autorizzazione all’utilizzo delle
economie per c 120.487,12 per la realizzazione dei lavori di
«Completamento progetto principale»
pag. 6561
Accreditamento sedi formative – Ente: Rinascita Cooperativa Sociale
pag. 6578
DECRETO n. 18213 del 13 dicembre 2010
D.L. 11.06.1998 n. 180 convertito nella legge 03.08.1998 n.
267 e L.R. n. 31/75 Comune di Civita – Lavori di bonifica e
consolidamento per eliminazione condizione di pericolo del
costone roccioso denominato la Sentinella sovrastante l’abitato. Autorizzazione all’utilizzo delle economie per c
19.602,25 per la realizzazione dei lavori di «Completamento
progetto principale»
pag. 6562
Dipartimento n. 10
LAVORO,
POLITICHE DELLA FAMIGLIA,
FORMAZIONE PROFESSIONALE,
COOPERAZIONE
E VOLONTARIATO.
DECRETO n. 202 del 18 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013 – Asse VI Assistenza Tecnica – Obiettivo operativo 6.O.1 Bilancio regionale anno 2011
Segreteria Tecnica Comitato di Sorveglianza – Impegno di
Spesa
pag. 6564
DECRETO n. 203 del 18 gennaio 2011
Segreteria Tecnica autorità di Certificazione – DGR n. 540
del 7 agosto 2009 – Retribuzione Accessoria. Impegno di
spesa anno 2011
pag. 6567
DECRETO n. 246 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: Nemesi A.C.E.S.
pag. 6579
DECRETO n. 248 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: Capimed
pag. 6580
DECRETO n. 251 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Integrazione Decreto Definitivo n. 16912 del 29/11/2010 dell’Ente Associazione Promoteo
pag. 6581
DECRETO n. 253 del 20 gennaio 2011
Accreditamento Definitivo sedi formative – Ente: A.N.
S.F.A.P.
pag. 6583
DECRETO n. 254 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: AG Formazione
pag. 6584
DECRETO n. 257 del 20 gennaio 2011
Accreditamento Definitivo sedi formative – Modifica Decreto n. 16923 del 29/11/2010 dell’Ente Associazione Domus
Aurea – Accademia di Arte Orafa e Gemmologia
pag. 6585
DECRETO n. 275 del 20 gennaio 2011
DECRETO n. 204 del 18 gennaio 2011
Por Calabria FSE 2007-2013. Retribuzione Accessoria Posizione Organizzativa Responsabili Obiettivi Operativi. Impegno di spesa
pag. 6569
DECRETO n. 205 del 18 gennaio 2011
Por Calabria FSE 2007-2013 Retribuzione Accessoria Posizione Organizzativa Unità di Monitoraggio e controllo. Impegno di spesa anno 2011
pag. 6571
DECRETO n. 206 del 18 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013 Asse VI «Assistenza Tecnica» Ob. 6.O.1 Retribuzione Tredicesima mensilità – Unità
di Monitoraggio e controllo. Impegno di spesa
pag. 6573
DECRETO n. 243 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: Full Forming
pag. 6575
DECRETO n. 244 del 20 gennaio 2011
Accreditamento Definitivo sedi formative – Ente: Integrazione Decreto n. 66 del 12/01/09 dell’Ente C.I.S.ME Soc.
Coop.
pag. 6576
Impegno somme su Fondo Regionale per l’Occupazione
relativo al finanziamento di interventi di politica attiva dell’impiego, finalizzati alla progressiva e graduale stabilizzazione occupazionale (Artt. 2 e 3 della LR 30.01.2001, n. 4, art.
1, commi 1 e 2 della LR 11.01.2006, n. 1
pag. 6587
DECRETO n. 294 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. CNC
Cantiere Navale Crotone Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6588
DECRETO n. 295 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Sviluppo Discount SpA (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6590
DECRETO n. 296 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Tecnovese SpA (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6592
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6411
DECRETO n. 297 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 306 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Bar
Gardenia (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6595
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Automotor Reggina Srl (CIG – Prima Concessione)
pag. 6613
DECRETO n. 298 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 307 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Pacenza Antonio (Mobilità – Prima Concessione). Annullamento Decreto n. 18465 del 20/12/2010
pag. 6597
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Frangella Roberto (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6615
DECRETO n. 299 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. D.T.S.
di Chiodo Vincenzina (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6599
DECRETO n. 300 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Simef
Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6601
DECRETO n. 301 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. CO.
R.I.GE. Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6603
DECRETO n. 302 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Calabria Beltheng s.n.c. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6605
DECRETO n. 308 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Moda
Italia s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6617
DECRETO n. 309 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Fenix
Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6620
DECRETO n. 310 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Edil
Gattuso & Scordo (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6622
DECRETO n. 311 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Zeta 3
s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6624
DECRETO n. 312 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 303 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Smeco
SpA (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6607
DECRETO n. 304 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Toto
Costruzioni S.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6609
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Pellicanò srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6626
DECRETO n. 313 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Scerra
Alba Maria (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6629
DECRETO n. 314 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 305 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Ecotec
Servizi SpA (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6611
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Why
Not Outsourcing (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6631
6412
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 315 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 324 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Cosmopol Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6633
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Elettroschok Srl (CIG – Prima Concessione)
pag. 6653
DECRETO n. 316 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 325 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Iacopino Annunziato (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6635
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Punto
Com Srl (CIG – Prima Concessione)
pag. 6655
DECRETO n. 317 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 326 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009.
D’Auria Costruzioni Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6637
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Studio
Notaio Fausto Poggio (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6658
DECRETO n. 318 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 327 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Costruzioni e Restauri di Urizio Luana (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6639
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Parisi
Giovanni Maria (Mobilità – Prima Concessione) pag. 6660
DECRETO n. 319 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 328 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. DSE
di Pace Donatella (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6641
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Tecnovese S.p.A. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6662
DECRETO n. 320 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Turello Domenico (CIG – Prima Concessione)
pag. 6643
DECRETO n. 321 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Metalmeccanica Falcone Srl (CIG – Prima Concessione)
pag. 6645
DECRETO n. 329 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Consorzio Cavet (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6664
DECRETO n. 330 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Baldassini-Tognozzi-Pontello (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6666
DECRETO n. 322 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 331 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Calautti Salvatore & Figli Srl (CIG – Prima Concessione)
pag. 6648
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Ardente Giovanni & Figli (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6668
DECRETO n. 323 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 332 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Eurobirre Distribuzione Srl (CIG – Prima Concessione)
pag. 6650
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009.
CO.GEN Costruzioni Generali Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6670
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6413
DECRETO n. 333 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 430 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Cimino Angelo (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6672
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Borelli
Mario (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6706
DECRETO n. 334 del 21 gennaio 2011
DECRETO n. 431 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Akros
SpA (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6674
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. AND
di Cilione (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6708
DECRETO n. 335 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Bijou
Center Sas (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6676
DECRETO n. 336 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Catapano Antonio (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6678
DECRETO n. 403 del 25 gennaio 2011
Autorizzazione al funzionamento Comunità Alloggio per
anziani «Casa Sorriso» con sede in Reggio Calabria Loc.
pag. 6680
Archi, via SS 18 IIo Tratto, 10: Proroga
DECRETO n. 405 del 25 gennaio 2011
Approvazione co-finanziamento progetti di protezione sociale e reinserimento per donne e minori vittime di tratta relativi all’Avviso n. 11 – 2010 della Presidenza del Consiglio
dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità
pag. 6681
DECRETO n. 432 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. 7Net
Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6710
DECRETO n. 433 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Geo
Hotel Srl (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6712
DECRETO n. 434 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Why
Not (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6714
DECRETO n. 435 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. SCR
Moda Sas (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6716
DECRETO n. 422 del 27 gennaio 2011
Liquidazione sussidio agli Enti firmatari delle Convenzioni di tipo «B» per i soggetti impegnati in Lavori di Pubblica Utilità (LPU – LSU ex art. 7 – ex Corsisti ENEL), a
titolo di anticipazione – Periodo Dicembre 2010 – Gennaio/
Marzo 2011
pag. 6684
DECRETO n. 423 del 27 gennaio 2011
DECRETO n. 436 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Bull
Italia SpA (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6718
DECRETO n. 437 del 27 gennaio 2011
Liquidazione integrazione agli Enti firmatari delle convenzioni di tipo «A» e «B», per i soggetti impegnati in Lavori
Socialmente Utili e di Pubblica Utilità (LPU – LSU – LSU ex
art. 7 – ex Corsisti ENEL) a titolo di anticipazione – Periodo
Ottobre/Dicembre 2010 – Gennaio/Marzo 2011 pag. 6694
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Algieri
Francesco (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6721
DECRETO n. 429 del 27 gennaio 2011
DECRETO n. 438 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. A & D
di Perronace (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6704
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Eurotransit s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6723
6414
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 439 del 27 gennaio 2011
DECRETO n. 448 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Dorsetti Giovanni (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6725
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: I.G.
Costruzioni s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6744
DECRETO n. 440 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Ing.
Demetrio, Pietro e Domenico Cozzupoli s.r.l. (Mobilità –
Prima Concessione)
pag. 6727
DECRETO n. 449 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Moviter s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6746
DECRETO n. 441 del 27 gennaio 2011
DECRETO n. 450 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Duomomotori s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione) pag. 6729
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Raffa
di Angelo & Antonio s.n.c. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6748
DECRETO n. 442 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Cantafio Industria Infissi in Alluminio (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6731
DECRETO n. 451 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Miroglio Fashion s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6751
DECRETO n. 443 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Commisso Stefania (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6733
DECRETO n. 444 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Pa.Ca.
s.a.s. di Panza Michele (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6735
DECRETO n. 445 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Casa
di cura Madonna della Catena (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6738
Dipartimento n. 13
TUTELA DELLA SALUTE,
POLITICHE SANITARIE.
DECRETO n. 18523 del 20 dicembre 2010
Comitato dei garanti area dirigenza medica e veterinaria –
Impegno di spesa
pag. 6753
DECRETO n. 18544 del 21 dicembre 2010.
Corso di formazione specifica in medicina generale
triennio 2010/2013 – Nomina Coordinatore delle attività pratiche e Coordinatore delle attività teoriche
pag. 6754
DECRETO n. 18557 del 21 dicembre 2010
Art. 20 Legge Regionale 26 giugno 2003, n. 8 – Proroga
utilizzazione dr. Paolo Ficchì
pag. 6755
DECRETO n. 446 del 27 gennaio 2011
DECRETO n. 18559 del 21 dicembre 2010
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Bruzia
s.r.l. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6740
Temporaneo utilizzo ai sensi dell’art. 20 L.R. 8/2003 – Dott.ssa Anna Trapasso
pag. 6755
DECRETO n. 18651 del 23 dicembre 2010
DECRETO n. 447 del 27 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009: Nuova
Edil s.n.c. (Mobilità – Prima Concessione)
pag. 6742
Presa d’atto regolarizzazione società di fatto «Farmacia
Eredi dr. Aloia Giovanni» in società in accomandita semplice
«Farmacia Eredi dr. Aloia Giovanni di Crispini Maria Gabriella & c. S.a.s.» sita in Comune di San Marco Argentano
(CS) alla Via Vittorio Emanuele III n. 23
pag. 6756
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6415
DECRETO n. 18659 del 23 dicembre 2010
DECRETO n. 211 del 18 gennaio 2011
Liquidazione compenso contratto collaborazione coordinata e continuativa dott.ssa Maria Giovanna Spada – Periodo 17/11/2010-16/12/2010
pag. 6757
Comune di Fuscaldo (CS) – Ditta Poltero Lucia – Applicazione sanzione art. 167 e art. 181 comma 1 quater del D.Lgs.
22/1/2004, n. 42, Legge del 15/12/2004, n. 308 – Pronuncia
Accertamento di Compatibilità Paesaggistica
pag. 6766
DECRETO n. 62 dell’11 gennaio 2011
Temporaneo utilizzo ai sensi dell’art. 20 L.R. 8/2003 dott.
Laino Tullio
pag. 6758
DECRETO n. 63 dell’11 gennaio 2011
Temporaneo utilizzo ai sensi dell’art. 20 L.R. 8/2003 rag.
Pietro Surace
pag. 6758
DECRETO n. 150 del 14 gennaio 2011
Costituzione gruppo di supporto nelle azioni sulla farmaceutica previste dal Piano di Rientro
pag. 6759
Dipartimento n. 14
POLITICHE DELL’AMBIENTE.
AVVOCATURA REGIONALE.
DECRETO n. 31 del 7 gennaio 2011
CT n. 3023 del 2010 − Ricorso al TAR Calabria – Catanzaro. Comune di Trebisacce c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio e nomina di un difensore.
Conferimento incarico all’avv. Franceschina Talarico dell’Avvocatura Regionale
pag. 6768
DECRETO n. 40 del 10 gennaio 2011
CT n. 2719/2010 − Ricorso giurisdizionale al TAR della
Calabria – Catanzaro. De Vito Antonio c/Regione Calabria.
Determinazione di costituzione in giudizio e nomina del difensore. Conferimento incarico all’Avv. Sandro Boccucci
pag. 6768
DECRETO n. 41 del 10 gennaio 2011
DECRETO n. 64 dell’11 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007/2013 – Conferimento incarico
Responsabile Linea di Intervento – Dipendente: Funzionario
geom. Mario Trozzo – Matr. n. 827750
pag. 6760
CT n. 2538/2010 − Ricorso giurisdizionale al TAR della
Calabria – Catanzaro. Pubblyeurope Srl c/Regione Calabria.
Determinazione di costituzione in giudizio e nomina del difensore. Conferimento incarico all’Avv. Sandro Boccucci
pag. 6769
DECRETO n. 90 del 12 gennaio 2011
DECRETO n. 42 del 10 gennaio 2011
POR Calabria 2007/2013 – Asse III «Ambiente» – Linea di
Intervento 3.5.1.1 «Azione per garantire la sostenibilità ambientale delle politiche di sviluppo: Sistema di Contabilità
Ambientale» – D.D.G. n. 17005 del 22/9/2009 – Art. 12 allegato «B» – Ulteriore proroga convenzioni
pag. 6761
CT n. 3055 del 2010 − Ricorso ex art. 117 cpa proposto
dinanzi al TAR Calabria Sede di Catanzaro. Fondazione Betania Onlus c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio e nomina di un difensore. Conferimento incarico all’avv. Franceschina Talarico dell’Avvocatura Regionale
pag. 6769
DECRETO n. 91 del 12 gennaio 2011
POR Calabria 2000/2006 – Asse I Risorse Naturali – Misura 1.8 – Azione 1.8 b – «Messa in sicurezza bonifica e riqualificazione ambientale dei siti inquinati» Attuazione Delibera
G.R. n. 44 del 5/2/2009 avente ad oggetto «Integrazione delibera G.R. n. 796 del 14/11/2006 restituzione alla Regione Calabria di aree di territorio prive di fonti inquinate e ambientalmente recuperate» – Proroga convenzioni
pag. 6763
DECRETO n. 159 del 17 gennaio 2011
Conferimento incarico di Dirigente del Servizio n. 1 del
Dipartimento Politiche dell’Ambiente al dott. Domenico Gaglioti
pag. 6764
DECRETO n. 210 del 18 gennaio 2011
Comune di Fiumefreddo Bruzio (CS) – Ditta Mannarino
Aldo – Applicazione sanzione art. 167 e art. 181 comma 1
quater del D.Lgs. 22/1/2004, n. 42, Legge del 15/12/2004,
n. 308 – Pronuncia Accertamento di Compatibilità Paesaggistica
pag. 6765
DECRETO n. 43 del 10 gennaio 2011
CT n. 509 del 2007 − Corte di Appello di Catanzaro – Sez.
Civile – Atto di citazione in appello avverso la Sentenza n.
2646/09 del Tribunale di Cosenza proposto da Morrone Sabina c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione e
nomina di difensore. Conferimento incarico all’avv.to Rodolfo Elia
pag. 6770
DECRETO n. 56 del 10 gennaio 2011
CT n. 2920/10 − Tribunale Amministrativo Regionale –
Catanzaro – Ricorso Gatto Costruzioni S.p.A. c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio, e conferimento incarico all’Avv. Giovanni Spataro, del libero foro
pag. 6770
DECRETO n. 57 del 10 gennaio 2011
CT n. 2921/10 − Tribunale Amministrativo Regionale –
Catanzaro – Ricorso – Fondazione FIELD + altri c/Regione
Calabria + 1. Determinazione di costituzione in giudizio, e
conferimento incarico all’Avv. Alfredo Gualtieri, del libero
foro
pag. 6771
6416
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 58 del 10 gennaio 2011
DECRETO n. 81 del 12 gennaio 2011
CT n. 2567/10 − Tribunale Amministrativo Regionale –
Catanzaro – Ricorso Di Tommaso Angela c/Regione Calabria + altri. Determinazione di costituzione in giudizio, e conferimento incarico all’Avv. Francesca De Marco, del libero
foro
pag. 6771
CT n. 1688/04 − Corte di Appello di Catanzaro – Reclamo
dei Sigg.ri Lia Salvatore e Gigliotti Teresa avverso ordinanza
depositata dalla stessa Corte il 21/10/2010. Determinazione
di costituzione in giudizio, e conferimento incarico all’Avv.
Beatrice Biamonte, del libero foro
pag. 6776
DECRETO n. 59 del 10 gennaio 2011
CT n. 1651/2010 − Tribunale di Catanzaro – Comune di
Soverato c/Regione Calabria ed altri – Determinazione di costituzione in giudizio – Assegnazione incarico di difensore all’avv. Mariano Calogero dell’Avvocatura regionale
pag. 6772
DECRETO n. 60 del 10 gennaio 2011
CT n. 2422/2010 − Ricorso al TAR Catanzaro – Brogno
Umile c/Regione Calabria – Determinazione di costituzione
in giudizio – Assegnazione incarico di difensore all’avv. Mariano Calogero dell’Avvocatura regionale
pag. 6773
DECRETO n. 61 del 10 gennaio 2011
CT n. 3743/93 − Tribunale di Catanzaro – Autoservizi
Bressi s.n.c. c/Regione Calabria – Determinazione di riassumere il giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo – Assegnazione incarico di difensore all’avv. Mariano Calogero dell’Avvocatura regionale
pag. 6773
DECRETO n. 77 del 12 gennaio 2011
CT n. 3121 del 2010 − Ricorso al TAR Calabria – Catanzaro. Biomedical srl + altri c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio e nomina di un difensore.
Conferimento incarico all’avv. Franceschina Talarico dell’Avvocatura Regionale
pag. 6774
DECRETO n. 78 del 12 gennaio 2011
CT n. 1730/10 − Tribunale di Catanzaro, Sezione Civile –
Atto di citazione proposto dalla sig.ra Garzia Maria Angela
c/Regione Calabria (Dipartimento Attività Produttive). Determinazione di costituzione in giudizio e nomina di un difensore. Conferimento incarico all’Avv. Massimiliano Manna
dell’Avvocatura Regionale
pag. 6774
DECRETO n. 79 del 12 gennaio 2011
CT nn. 2367-2396-2397/10 − N. 3 ricorsi al TAR Calabria –
Catanzaro, rispettivamente proposti da Ierardi Luigina, Canino Marcello, Piscitelli Antonio c/la Regione Calabria + 1
(Dipartimento Tutela della Salute). Determinazione di costituzione in giudizio e nomina di un difensore. Conferimento
incarico all’Avv. Antonella Coscarella dell’Avvocatura regionale
pag. 6775
DECRETO n. 80 del 12 gennaio 2011
CT n. 2960/10 − Tribunale Civile di Catanzaro in funzione
di Giudice del Lavoro – Ricorso ex art. 700 c.p.c. proposto da
Marino Domenico + 27. Determinazione di costituzione in
giudizio, e conferimento incarico all’Avv. Alfredo Gualtieri,
del libero foro
pag. 6775
DECRETO n. 123 del 14 gennaio 2011
CT n. 2876/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Tedeschi Fabio c/Equitalia – E.TR.
Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in
giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Lucio Romualdo dell’Avvocatura regionale – Sezione
di Reggio Calabria
pag. 6776
DECRETO n. 124 del 14 gennaio 2011
CT n. 2875/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Roseto Legno srl c/Equitalia –
E.TR. Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele Rausei dell’Avvocatura regionale –
Sezione di Reggio Calabria
pag. 6777
DECRETO n. 125 del 14 gennaio 2011
CT n. 2873/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Scutellà Angelino c/Equitalia –
E.TR. Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele Rausei dell’Avvocatura regionale –
Sezione di Reggio Calabria
pag. 6777
DECRETO n. 126 del 14 gennaio 2011
CT nn. 1067-1068-1069/2007 − Corte d’Appello di Catanzaro – Sez. Lavoro – Gallella Giuseppe – Baggio Patrizia –
Canino Angela + altri c/Ministero della Salute + Regione Calabria – Determinazione di costituzione e nomina di difensore. Conferimento incarico all’avv. Roberta Ventrici dell’Avvocatura Regionale. (Dipartimento Tutela della Salute e
Politiche Sanitarie)
pag. 6778
DECRETO n. 127 del 14 gennaio 2011
CT n. 2874/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Porretta Angela c/Equitalia –
E.TR. Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele Rausei dell’Avvocatura regionale –
Sezione di Reggio Calabria
pag. 6778
DECRETO n. 128 del 14 gennaio 2011
CT n. 2891/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Pata Francesco c/Equitalia – E.TR.
Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in
giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di
Reggio Calabria
pag. 6779
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6417
DECRETO n. 129 del 14 gennaio 2011
DECRETO n. 139 del 14 gennaio 2011
CT n. 2915/10 − Tribunale Amministrativo Regionale per
la Calabria – Sez. di Reggio Calabria – Ricorso – Arone Giuseppe ed altri c/Regione Calabria, Consorzio di Bonifica Alto
Ionio Reggino e sig. Musco Giuseppe. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Angela Marafioti dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6779
CT n. 2893/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Maiolo Rosa Antonia c/Equitalia –
E.TR. Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Dario Borruto dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6784
DECRETO n. 130 del 14 gennaio 2011
DECRETO n. 140 del 14 gennaio 2011
DECRETO n. 131 del 14 gennaio 2011
CT n. 2871/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Tripodi Antonio c/Equitalia –
E.TR. Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Dario Borruto dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6784
Assegnazione Avv. Benito Spanti – Dirigente Regionale al
Settore dell’Avvocatura «Affari Generali»
pag. 6780
DECRETO n. 141 del 14 gennaio 2011
Assegnazione Dott.ssa Eugenia Montilla – Dirigente Regionale al Settore dell’Avvocatura «Affari Generali»
pag. 6780
DECRETO n. 134 del 14 gennaio 2011
CT n. 1918/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Reggio Calabria – Ricorso – Stagno Anna Maria Lina c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio
nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio
Calabria
pag. 6781
DECRETO n. 135 del 14 gennaio 2011
CT n. 2689/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Cosenza – Ricorso – «Nuova Bature Bature» srl c/Regione
Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché
nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele
Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6781
CT n. 1712/10 − Tribunale Civile di Reggio Calabria – Sezione Lavoro – Ricorso – Chironna Chiara c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Antonio Ferrara dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6785
DECRETO n. 142 del 14 gennaio 2011
CT n. 2877/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Brancia Diego Antonio c/Equitalia
– E.TR. Spa e Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Lucio Romualdo dell’Avvocatura regionale –
Sezione di Reggio Calabria
pag. 6785
DECRETO n. 143 del 14 gennaio 2011
DECRETO n. 136 del 14 gennaio 2011
CT n. 2715/08 − Tribunale di Catanzaro – G.E. – Atto di
pignoramento presso terzi – Larosa Aniello c/Regione Calabria. Determinazione di opposizione all’esecuzione nonché
nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Ferdinando Mazzacuva dell’Avvocatura regionale – Sezione di
Reggio Calabria
pag. 6782
DECRETO n. 137 del 14 gennaio 2011
CT nn. 2761/10-2762/10-2763/10-2764/10-2765/10-2766/
10-2767/10-2768/10-2873/09-2874/09 − Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Calabria – n. 10 sentenze di cui
all’allegato elenco. Determinazione di proposizione di appello nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Iolanda Mauro dell’Avvocatura regionale – Sezione di
Reggio Calabria
pag. 6782
DECRETO n. 138 del 14 gennaio 2011
CT n. 2870/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Vibo Valentia – Ricorso – Romano Rosaria c/Regione Calabria ed Agenzia delle Entrate di Vibo Valentia. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore.
Conferimento incarico all’avv. Dario Borruto dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6783
CT n. 1681/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Reggio Calabria – Ricorso – Giordanelli Ugo c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele
Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6786
DECRETO n. 144 del 14 gennaio 2011
CT n. 1815/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Reggio Calabria – Ricorso – Palamara Placido c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele
Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6786
DECRETO n. 145 del 14 gennaio 2011
CT n. 1899/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Reggio Calabria – Ricorso – Pipari Antonia Marisa c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio
nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio
Calabria
pag. 6787
6418
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 146 del 14 gennaio 2011
DECRETO n. 156 del 14 gennaio 2011
CT n. 1900/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Reggio Calabria – Ricorso – Scappatura Angela c/Regione
Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché
nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele
Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6787
CT n. 2837/10 − Tribunale di Locri – Procedimento Penale
RGNR n. 767/09 e R.GIP n. 1091/09 a carico di Mesiti Angela+1. Determinazione di costituzione di parte civile e nomina
difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele Rausei
dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6791
DECRETO n. 147 del 14 gennaio 2011
CT n. 1901/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Reggio Calabria – Ricorso – Vardè Annunziato c/Regione
Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché
nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele
Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6788
DECRETO n. 158 del 14 gennaio 2011
CT n. 2574/10 − Tribunale Amministrativo Regionale per
la Calabria – Sez. di Reggio Calabria Ricorso – Comune di
Amato + 5 c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Antonio Ferraro dell’Avvocatura regionale
Sezione di Reggio Calabria
pag. 6792
DECRETO n. 148 del 14 gennaio 2011
CT n. 1917/10 − Commissione Tributaria Provinciale di
Reggio Calabria – Ricorso – Ursino Leonardo c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Michele
Rausei dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6788
DECRETO n. 151 del 14 gennaio 2011
CT n. 2935/10 − Tribunale Amministrativo Regionale per
la Calabria – Catanzaro – Ricorso – Abitcoop Calabria c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio
nonché nomina difensore. Conferimento incarico agli avv.ti
Benito Spanti e Michele Rausei dell’Avvocatura regionale –
Sezione di Reggio Calabria
pag. 6789
DECRETO n. 152 del 14 gennaio 2011
CT n. 2910/2010 − Giudice di Pace di Chiaravalle Centrale
– Atto di citazione in opposizione ex artt. 615 e 617 c.p.c. –
Platì Teresa c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio e nomina difensore. Conferimento dell’incarico all’avv. Giuseppe Alcaro dell’Avvocatura Regionale, con
delega e domiciliazione esterna
pag. 6789
DECRETO n. 153 del 14 gennaio 2011
CT n. 2717/2010 − Ricorso dinanzi al TAR Calabria – Catanzaro promosso da Comune Greco Annabella c/Regione
Calabria. Determinazione di costituzione e nomina di un difensore. Conferimento incarico all’Avv. Dianora de Nobili
dell’Avvocatura Regionale
pag. 6790
DECRETO n. 154 del 14 gennaio 2011
CT n. 2171/2010 − Tribunale Civile di Catanzaro – atto di
citazione proposto da Pilar Zamparelli c/Regione Calabria –
Determinazione di costituzione e nomina di difensore. Conferimento incarico all’Avv. Rodolfo Elia dell’Avvocatura regionale
pag. 6790
DECRETO n. 155 del 14 gennaio 2011
CT n. 2822/2010 − Giudice di Pace di Catanzaro – D.I. n.
1053/2010. Liparota Peppino c/Regione Calabria. Determinazione di opposizione in giudizio e nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Giuseppe Alcaro dell’Avvocatura
Regionale
pag. 6791
DECRETO n. 217 del 19 gennaio 2011
2425/10 − Ricorso dinanzi al Tribunale di Catanzaro in
funzione di Giudice del Lavoro – Lo Giudice Stefania c/Regione Calabria ed altri. Determinazione costituzione in giudizio. Conferimento incarico all’Avv. Dianora de Nobili dell’Avvocatura Regionale
pag. 6792
DECRETO n. 218 del 19 gennaio 2011
CT n. 2928/10 − Decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale
di Crotone, Sezione Lavoro in favore di Perpiglia Domenico
c/Regione Calabria (Dipartimento Personale). Determinazione di costituzione in giudizio e nomina di un difensore.
Conferimento incarico all’Avv. Massimiliano Manna dell’Avvocatura Regionale, con delega e domiciliazione esterna
pag. 6793
DECRETO n. 219 del 19 gennaio 2011
CT n. 2739/10 − Giudice di Pace di Crotone – Ricorso in
opposizione ad ordinanza ingiunzione, proposto dalla Di Più
Distribuzione S.r.l. c/Regione Calabria. Determinazione di
costituzione in giudizio e nomina di un difensore (Dipartimento Tutela della Salute). Conferimento incarico all’Avv.
Massimiliano Manna dell’Avvocatura Regionale, con delega
e domiciliazione esterna
pag. 6793
DECRETO n. 220 del 19 gennaio 2011
CT n. 1348/10 − Giudice di Pace di Strongoli – Ricorso in
opposizione ad ordinanza ingiunzione, proposto dai sigg.ri
Pingitore Antonietta e Russo Giuseppe c/Regione Calabria.
Determinazione di costituzione in giudizio e nomina di un
difensore (Dipartimento Bilancio). Conferimento incarico all’Avv. Massimiliano Manna dell’Avvocatura Regionale, con
delega e domiciliazione esterna
pag. 6794
DECRETO n. 224 del 19 gennaio 2011
CT n. 2653/2010 − Tribunale di Catanzaro – Boccalone
Salvatore +6 c/Regione Calabria ed altri – Determinazione di
costituzione in giudizio – Assegnazione incarico di difensore
all’avv. Mariano Calogero dell’Avvocatura regionale
pag. 6794
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6419
DECRETO n. 225 del 19 gennaio 2011
DECRETO n. 232 del 19 gennaio 2011
CT n. 1907/2010 − Tribunale Civile di Catanzaro. Atto di
citazione proposto dai Sigg.ri Cirillo Nicola e Cosentino Salvatore nei confronti della Regione Calabria. Determinazione
di costituzione in giudizio e nomina di difensore. Conferimento incarico all’avv.to Sandro Boccucci
pag. 6795
CT n. 2686/2010 − Tribunale di Palmi – Sezione Lavoro –
Ricorso – Barbaro Saverio c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore.
Conferimento incarico all’avv. Ferdinando Mazzacuva dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6798
DECRETO n. 226 del 19 gennaio 2011
CT n. 5/2011 − Tribunale di Vibo Valentia – Comune di
Vibo Valentia c/Regione Calabria – Determinazione di costituzione e nomina di difensore. Conferimento incarico all’avv.
Roberta Ventrici dell’Avvocatura Regionale e nomina di procuratore domiciliatario. (Dipartimento Politiche dell’Ambiente)
pag. 6795
DECRETO n. 227 del 19 gennaio 2011
CT n. 2838/2010 − Ricorso giurisdizionale al TAR della
Calabria – Catanzaro. Dott. Marasco Serafino + altri c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio e
nomina del difensore. Conferimento incarico all’Avv. Antonella Coscarella
pag. 6796
DECRETO n. 228 del 19 gennaio 2011
CT n. 956/2010 − Tribunale di Catanzaro – Giudizio promosso da: Cioccoloni Francesco c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio. Assegnazione incarico
all’avv. Roberta Ventrici dell’Avvocatura Regionale. (Dipartimento Bilancio)
pag. 6796
DECRETO n. 229 del 19 gennaio 2011
CT n. 2957/10 − Tribunale di Vibo Valentia – Opposizione
ad ordinanza-ingiunzione – Comune di Pizzo c/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico all’avv. Fabio Postorino dell’Avvocatura regionale – Sezione di Reggio Calabria
pag. 6797
DECRETO n. 230 del 19 gennaio 2011
CT n. 3130/10 − Corte di Appello di Reggio Calabria –
Ricorso – D’Errigo Paola ed altri c/ARDIS – Agenzia Regionale per il Diritto allo Studio. Determinazione di costituzione
in giudizio nonché nomina difensore. Conferimento incarico
all’avv. Iolanda Mauro dell’Avvocatura regionale – Sezione
di Reggio Calabria
pag. 6797
DECRETO n. 231 del 19 gennaio 2011
CT n. 3123 del 2010 − Commissione Tributaria Provinciale
–Roma – Ricorso proposto da Saba Italia S.p.a. c/Regione
Calabria + altri. Determinazione di costituzione e nomina di
difensore. Conferimento incarico all’Avv. Rodolfo Elia dell’Avvocatura Regionale con delegazione esterna
pag. 6798
DECRETO n. 233 del 19 gennaio 2011
CT n. 771/10 − Consiglio di Stato – La Falce/Regione Calabria ed altri. Determinazione di costituzione in giudizio e
indicazione del difensore. Conferma incarico all’Avvocato
Giuseppe Naimo dell’Avvocatura regionale, con delega e domiciliazione esterna (Agricoltura)
pag. 6799
DECRETO n. 234 del 19 gennaio 2011
CT n. 2676/2010 − Presidente del Tribunale di Vibo Valentia – E.U.R.O.P. e Pileggi s.a.s. c/Regione Calabria – Determinazione di costituzione in giudizio – Assegnazione incarico di difensore all’avv. Mariano Calogero dell’Avvocatura
regionale
pag. 6799
DECRETO n. 235 del 19 gennaio 2011
CT n. 2687/09 − Corte Appello CZ GL – Regione Calabria/
Palumbo. Determinazione di costituzione in giudizio e nomina difensore. Conferimento incarico all’Avvocato Giuseppe Naimo (Sanità)
pag. 6800
DECRETO n. 236 del 19 gennaio 2011
CT n. 3300/09 − Trib. CZ G.L. – Spatafora/Regione Calabria. Determinazione di costituzione in giudizio e nomina difensore. Conferimento incarico all’Avvocato Giuseppe
Naimo (Personale)
pag. 6800
DECRETO n. 237 del 19 gennaio 2011
CT n. 952/07 − Corte di Cassazione: Mancuso/Regione Calabria ed altri. Determinazione di costituzione in giudizio e
nomina di un difensore. Conferimento incarico all’Avv. Giuseppe Naimo, con delega e domiciliazione esterna (Personale)
pag. 6800
DECRETO n. 238 del 19 gennaio 2011
CT n. 2613/10 − Ricorsi al TAR CZ – FEDERLAB Calabria ed altri/Regione Calabria ed altri. Determinazione di
costituzione in giudizio e nomina di difensore. Conferimento
incarico all’Avvocato Giuseppe Naimo (Tutela salute)
pag. 6801
6420
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
PARTE PRIMA
SEZIONE II
DECRETI DEI DIRIGENTI
DELLA REGIONE CALABRIA
Regione Calabria
Giunta Regionale
Ufficio Legislativo.
— che gli obiettivi, una volta definiti, devono essere formalmente comunicati agli interessati.
RAVVISATA la necessità di provvedere all’assegnazione al
predetto dirigente degli obiettivi per l’anno in corso tenuto conto
delle competenze che il predetto regolamento attribuisce all’Ufficio legislativo, di confermarlo nelle funzioni vicarie e di attribuire allo stesso ulteriori compiti di diretta collaborazione con il
Capo dell’Ufficio legislativo.
VISTO decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, relativo al
riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle amministrazioni pubbliche, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59, che detta regole
anche per la valutazione del personale con incarico dirigenziale
nelle pubbliche amministrazioni.
DECRETA
DECRETO n. 349 del 24 gennaio 2011
Dirigente di settore dott. Luigi Bulotta – Attribuzione incarico e assegnazione obiettivi anno 2011.
IL CAPO UFFICIO LEGISLATIVO
PREMESSO:
— che con Regolamento regionale n. 8 del 10 maggio 2010 è
stato istituito l’Ufficio legislativo della Giunta regionale, come
struttura di diretta collaborazione della Giunta medesima;
— che in base a suddetto Regolamento l’Ufficio legislativo si
compone oltre che del Capo Ufficio, anche di un dirigente di
Settore;
— che con decreto del Presidente della Giunta regionale n.
136 del 24 maggio 2010 il Cons. Nicola Durante è stato nominato Capo dell’Ufficio legislativo;
— che con delibera della Giunta regionale n. 440/2010 è stato
assegnato all’Ufficio legislativo, quale dirigente di Settore, il
dott. Luigi Bulotta e che lo stesso è attualmente in servizio;
— che con decreto del Capo Ufficio legislativo 27/7/2010
prot. 01.01 si è proceduto all’assegnazione al dott. Bulotta degli
obiettivi per l’anno 2010;
— che con decreto del Capo Ufficio legislativo 1/10/2010
prot. 01.02 al dott. Bulotta sono state attribuite le funzioni vicarie.
ATTESO:
— che l’art. 23 della legge regionale del 21 agosto 2006, n. 7,
ha introdotto un nuovo sistema di valutazione dei dirigenti;
— che con il regolamento n. 4 del 28 dicembre 2006 è stato
disciplinato il sistema dei controlli interni ed, in particolare, con
gli articoli 4 e 5 sono stati individuati procedure, modalità e termini della valutazione dei dirigenti.
RILEVATO che ai sensi del citato regolamento n. 4/2006,
nonché dell’art. 29 del CCNL dei dirigenti delle Regioni ed enti
locali del 23 dicembre 1999, il procedimento di valutazione dei
dirigenti inizia con l’assegnazione degli obiettivi;
— che ai Dirigenti generali, al Dirigente dell’Avvocatura gli
obiettivi sono assegnati dal Presidente della Giunta, mentre ai
dirigenti di Settore gli obiettivi sono assegnati dai Dirigenti generali;
— che il processo di individuazione degli obiettivi consiste
nella disarticolazione progressiva degli obiettivi generali della
Regione, desunti dagli atti fondamentali di programmazione, da
ripartire tra i vari Dipartimenti, secondo le rispettive competenze, da distribuire, poi, a cascata ai dirigenti di settore ed a
quelli di servizio, coerentemente con le linee e gli orientamenti
strategici dell’Amministrazione;
Di confermare il dott. Luigi Bulotta quale dirigente che eserciterà le funzioni vicarie del Capo Ufficio legislativo, in caso di
assenza o impedimento di quest’ultimo, che si protragga per un
periodo superiore a tre giorni, e di assegnare allo stesso le funzioni vicarie ai fini dell’attuazione degli adempimenti previsti
dall’art. 27 L.R. 13/5/1997 e s.m.i. e dagli artt. 4 e 5 del regolamento regionale 28/12/2006 n. 4 in materia di valutazione dei
dirigenti.
Di demandare al dott. Luigi Bulotta gli atti di gestione del
personale, informandone il Capo Ufficio legislativo e, in particolare: l’assegnazione del personale alle unità operative e il riparto
degli affari da trattare secondo le competenze stabilite; la cura
delle disposizioni che regolano lo svolgimento dei rapporti di
lavoro e l’esercizio delle funzioni disciplinari nei conforti del
personale, nel rispetto delle competenze degli specifici organi
previsti dalla legge; la determinazione, sentito il Dipartimento
personale, dell’orario di servizio e dell’orario di apertura al pubblico nell’ambito delle previsioni contrattuali, informandone le
competenti organizzazioni sindacali; l’adozione di ogni altro atto
di gestione del personale, avente natura negoziale e/o provvedimentale.
Di assegnare al dott. Luigi Bulotta gli obiettivi per l’anno 2011
così come individuati nella scheda allegata.
Di dare atto:
— che per il raggiungimento degli obiettivi il dirigente si avvarrà delle risorse umane e strumentali di cui attualmente dispone l’Ufficio, nonché delle eventuali risorse finanziarie che
saranno assegnate nel corrente esercizio finanziario;
— che il predetto dirigente sarà valutato sulla base della relazione che sarà elaborata e presentata dallo stesso in conformità
delle apposite schede relazione approvate con delibera della
Giunta regionale n. 673 del 26 ottobre 2009.
Precisare che, ai fini della valutazione dei risultati dell’attività
dirigenziale:
— nel caso in cui, nel corso dell’anno, emergano comprovate
necessità di riconsiderare gli obiettivi assegnati, anche in relazione a nuove situazioni od elementi sopravvenuti, ad eventi imprevisti od imprevedibili, può procedersi a rimodulazione degli
stessi anche su richiesta del dirigente.
Di disporre la pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione.
Catanzaro, lì 24 gennaio 2011
Cons. Nicola Durante
(segue allegato)
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6421
6422
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETA
DECRETO n. 354 del 24 gennaio 2011
Dirigente di settore dott. Salvatore Alcaro – Attribuzione
obiettivi anno 2011.
IL CAPO UFFICIO LEGISLATIVO
PREMESSO CHE:
— con Regolamento regionale n. 8 del 10 maggio 2010 è stato
istituito l’Ufficio legislativo della Giunta regionale;
— con decreto del Presidente della Giunta regionale n. 136
del 24 maggio 2010, il Cons. Nicola Durante è stato nominato
Capo dell’Ufficio legislativo;
— con delibera della Giunta regionale n. 635 del 28 settembre
2010 è stato assegnato all’Ufficio legislativo, quale dirigente di
settore, il dott. Salvatore Alcaro, stabilendo che sarà cura del
Capo dell’Ufficio Legislativo provvedere all’attribuzione di un
incarico.
RITENUTO di dover procedere all’assegnazione al predetto
dirigente degli obiettivi per l’anno in corso, tenendo conto delle
competenze che il Regolamento n. 8/2010 attribuisce all’Ufficio
legislativo.
VISTO il Regolamento n. 4 del 28 dicembre 2006, con cui è
stato disciplinato il sistema dei controlli interni ed, in particolare,
gli articoli 4 e 5, che individuano procedure, modalità e termini
della valutazione dei dirigenti.
Su proposta del Dirigente generale vicario, dott. Luigi Bulotta.
Di assegnare al dott. Salvatore Alcaro gli obiettivi per l’anno
2011 così come individuati nella scheda allegata.
Di dare atto:
— che per il raggiungimento degli obiettivi il dirigente si avvarrà delle risorse umane e strumentali di cui attualmente dispone l’Ufficio;
— che il predetto dirigente sarà valutato sulla base della relazione che sarà elaborata e presentata dallo stesso in conformità
delle apposite schede relazione approvate con delibera della
Giunta regionale n. 673 del 26 ottobre 2009.
Precisare che, ai fini della valutazione dei risultati dell’attività
dirigenziale:
— nel caso in cui, nel corso dell’anno, emergano comprovate
necessità di riconsiderare gli obiettivi assegnati, anche in relazione a nuove situazioni od elementi sopravvenuti, ad eventi imprevisti od imprevedibili, può procedersi a rimodulazione degli
stessi anche su richiesta del dirigente.
Di stabilire che il predetto dirigente sarà valutato sulla base
della relazione elaborata sul lavoro svolto.
Di disporre la notifica del presente decreto agli interessati ed
al Dipartimento Organizzazione e Personale, nonché la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione.
Catanzaro, lì 24 gennaio 2011
Cons. Nicola Durante
(segue allegato)
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6423
6424
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 357 del 24 gennaio 2011
Dirigente dott.ssa Gioconda de Marco – Assegnazione
obiettivi anno 2011.
RAVVISATA la necessità di provvedere all’assegnazione al
predetto dirigente degli obiettivi per l’anno in corso tenuto conto
delle competenze che il predetto regolamento attribuisce all’Ufficio legislativo.
— che con Regolamento regionale n. 8 del 10 maggio 2010 è
stato istituito l’Ufficio legislativo della Giunta regionale, come
struttura di diretta collaborazione della Giunta medesima;
VISTO decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, relativo al
riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle amministrazioni pubbliche, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59, che detta regole
anche per la valutazione del personale con incarico dirigenziale
nelle pubbliche amministrazioni.
— che in base a suddetto Regolamento l’Ufficio legislativo è
diretto dal Capo Ufficio;
Su proposta del Dirigente generale vicario, dott. Luigi Bulotta.
— che con decreto del Presidente della Giunta regionale n.
136 del 24 maggio 2010 il Cons. Nicola Durante è stato nominato Capo dell’Ufficio legislativo;
DECRETA
IL CAPO UFFICIO LEGISLATIVO
PREMESSO:
— che con delibera della Giunta regionale n. 803 del 14 dicembre 2010 è stata assegnata all’Ufficio legislativo la Dirigente
dott.ssa Gioconda de Marco e che la stessa ha assunto servizio
presso questo Ufficio in data 22 dicembre 2010.
ATTESO:
— che l’art. 23 della legge regionale del 21 agosto 2006, n. 7,
ha introdotto un nuovo sistema di valutazione dei dirigenti;
— che con il regolamento n. 4 del 28 dicembre 2006 è stato
disciplinato il sistema dei controlli interni ed, in particolare, con
gli articoli 4 e 5 sono stati individuati procedure, modalità e termini della valutazione dei dirigenti.
RILEVATO che ai sensi del citato regolamento n. 4/2006,
nonché dell’art. 29 del CCNL dei dirigenti delle Regioni ed enti
locali del 23 dicembre 1999, il procedimento di valutazione dei
dirigenti inizia con l’assegnazione degli obiettivi;
— che ai Dirigenti generali, al Dirigente dell’Avvocatura gli
obiettivi sono assegnati dal Presidente della Giunta e ai Dirigenti
di Servizio gli obiettivi sono assegnati dai Dirigenti generali su
proposta del Dirigente di Settore;
— che il processo di individuazione degli obiettivi consiste
nella disarticolazione progressiva degli obiettivi generali della
Regione, desunti dagli atti fondamentali di programmazione, da
ripartire tra i vari Dipartimenti, secondo le rispettive competenze, da distribuire, poi, a cascata ai dirigenti di settore ed a
quelli di servizio, coerentemente con le linee e gli orientamenti
strategici dell’Amministrazione;
— che gli obiettivi, una volta definiti, vanno formalmente comunicati agli interessati.
Di prendere atto dell’assegnazione all’Ufficio legislativo della
Dirigente dott.ssa Gioconda de Marco, disposta con delibera n.
803/2010 della Giunta regionale.
Di assegnare alla Dirigente dott.ssa Gioconda de Marco gli
obiettivi per l’anno 2011, così come individuati nella scheda allegata.
Di dare atto:
— che per il raggiungimento degli obiettivi la Dirigente si
avvarrà, per quanto di competenza, delle risorse umane e strumentali di cui attualmente dispone l’Ufficio;
— che la predetta Dirigente sarà valutata sulla base della relazione che sarà elaborata e presentata dallo stesso in conformità
delle apposite schede relazione approvate con delibera della
Giunta regionale n. 673 del 26 ottobre 2009.
Precisare che, ai fini della valutazione dei risultati dell’attività
dirigenziale:
— nel caso in cui, nel corso dell’anno, emergano comprovate
necessità di riconsiderare gli obiettivi assegnati, anche in relazione a nuove situazioni od elementi sopravvenuti, ad eventi imprevisti od imprevedibili, può procedersi a rimodulazione degli
stessi anche su richiesta del dirigente.
Di disporre la pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione.
Catanzaro, lì 24 gennaio 2011
Cons. Nicola Durante
(segue allegato)
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6425
6426
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Dipartimento n. 2
PRESIDENZA.
DECRETO n. 14884 del 27 ottobre 2010
Legge Regionale n. 31/75 s.m.i. – O.P.C.M. n. 2469/96 Settore Protezione Civile – Comune di Crotone. Lavori di realizzazione dello scolmatore Papaniciaro con attraversamenti
stradali, FF.SS. ed Anas. Intervento n. 9/12abc. Liquidazione
credito finale lavori c 194.606,46.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO che in tale programma è compreso l’intervento n.
9/12abc, denominato «Lavori di realizzazione dello scolmatore
Papaniciaro con attraversamenti stradali, FF.SS. ed Anas» in
Crotone, per l’importo complessivo di c 11.660.839,13, con Ente
attuatore la Regione Calabria e finanziamento gravante sulle risorse finanziarie messe a disposizione con la legge 30.03.1998 n.
61, art. 17.
VISTO il progetto esecutivo relativo a tale intervento redatto
dagli ingg. Antonio Bevilacqua, Dionigi Gugliotta, Giuseppe
Perri e Francesco Tricoli, coordinati dal Prof. ing. Francesco Calomino.
VISTA l’Ordinanza Commissariale n. 303/k del 14.05.2003
con la quale è stato approvato il progetto esecutivo dei lavori
sopra indicati e, contestualmente, è stata dichiarata la pubblica
utilità e l’urgenza ed indifferibilità delle opere.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTI gli atti della gara d’appalto con cui i lavori sono stati
aggiudicati all’A.T.I. «General Costruzioni scarl» (mandataria),
«Crotoscavi s.p.a.» e «Perrone s.a.s.» (mandanti) per l’importo
netto di c 7.317.832,37, comprensivo degli oneri per la sicurezza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
VISTA l’Ordinanza n. 290/UCD del 13.08.2003 con cui i lavori sono stati definitivamente aggiudicati all’Impresa «General
Costruzioni – Società Consortile a r.l.» con sede in Catanzaro.
VISTO il Decreto n. 354 del 21 giugno 1999 del Presidente
della Regione, che riguarda la separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTA l’Ordinanza n. 458 del 29/12/2004 del Presidente della
Giunta Regionale, nella sua qualità di Commissario Delegato per
l’attuazione delle OO.MM. n. 2469 e 2478 del 1996, con la quale
è stato disposto, a far data dal 01/01/2005, il passaggio alla gestione ordinaria degli interventi infrastrutturali in corso di esecuzione o di completamento di cui alle predette OO.MM., trasferendone le competenze al Dipartimento Regionale Lavori Pubblici ed Acque, nonché il trasferimento dei fondi residui,
accreditati sul conto unico di contabilità speciale n. 1759 presso
la Banca d’Italia, sul Capitolo n. 2141231 del Bilancio della Regione Calabria.
VISTO il Decreto n. 5593 del 11/04/2005 del D.G. del Dipartimento Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della
Casa, con il quale:
Il Settore 32 del medesimo Dipartimento è stato incaricato,
con decorrenza 01/01/2005, della gestione ordinaria degli interventi di cui alle OO.MM. n. 2469/96 e n. 2478/96 in corso di
esecuzione e fino al loro completamento.
VISTA la disposizione del Dirigente Generale alla Presidenza
n. 1192 del 17/02/2006 con la quale è stato disposto che le competenze del Capitolo n. 2141231 del Bilancio regionale, siano
attribuite al Dipartimento della Presidenza, Settore Protezione
Civile.
VISTA la nota di precisazione n. 404/GAB. del 23/01/2007
del Presidente della Giunta Regionale.
VISTO il Piano – 4a rimodulazione – degli interventi infrastrutturali e di emergenza per Crotone di cui all’O.P.C.M. n. 2469
del 19.11.1996 – Dipartimento della Protezione Civile, adottato
con Ordinanza Commissariale n. 136/K del 26.07.1999 ed in relazione al quale il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale ha comunicato la propria presa d’atto in data 16.09.1999
con nota n. 32847.
VISTO il contratto d’appalto del 19.11.2003 n. 21125 di rep.,
col quale i lavori in questione sono stati affidati all’impresa «General Costruzioni – Società Consortile a r.l.» con sede in Catanzaro per l’importo di c 7.317.832,37 comprensivo per gli oneri
della sicurezza ed al netto del ribasso prefissato del 10%.
VISTA l’Ordinanza Commissariale n. 339/k del 29.10.2003 di
rimodulazione del quadro economico con la quale è stato rettificato il quadro economico del progetto ed approvato il quadro
economico redatto in seguito alla gara d’appalto dei lavori sopraindicati.
VISTA l’Ordinanza Commissariale n. 304/k del 15.05.2003
con la quale l’ing. Saverio Francesco Spatafora è stato incaricato
della direzione dei lavori in questione; incarico successivamente
formalizzato con convenzione dell’11.11.2003, n. 21119 di rep.
VISTO il decreto n. 1612 del 03.03.2006 del Dirigente del
Settore Protezione Civile, con il quale il Geom. Eugenio Ripepe,
funzionario della Regione Calabria in servizio presso il Dipartimento della Presidenza, è stato nominato Responsabile del Procedimento dei lavori in questione.
VISTO il verbale di consegna redatto dalla Direzione Lavori
in contraddittorio con il rappresentante legale dell’Impresa precitata, da cui risulta l’avvenuto definitivo inizio dei lavori con
decorrenza 11.02.2004.
VISTI i verbali di sospensione redatti dalla Direzione Lavori
con i quali, i lavori in argomento, sono stati sospesi per tre volte
ed in ultimo, a decorrere dal 12.07.2006, da cui non hanno più
avuto prosieguo, a causa del ritrovamento, dopo una preliminare
campagna scavi per lo scortecciamento del suolo seguita dall’Ufficio Scavi di Crotone per conto della Soprintendenza Archeologica, di una «ricchissima stratigrafia» con reperti di particolare interesse e significato ricollegabili ad epoca risalente al
VIo secolo A.C., per la cui salvaguardia si rende necessaria la
modifica progettuale del tracciato del corso d’acqua.
VISTO il Decreto del Direttore Generale del Dipartimento n.
2 della Presidenza, n. 5256 del 6.05.2006, con cui è stata revo-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6427
cata la procedura espropriativa ed è stata disposta la restituzione
dei terreni e degli immobili non più necessari per l’esecuzione
dei lavori di che trattasi.
Per competenze tecniche (Prog. – Dir. lav. – Sic. – Incentivo
ex art. 18 – Collaudi – ecc.) compresa IVA ed altri oneri c
446.120,12
VISTI i relativi decreti di liquidazione delle indennità di occupazione temporanea in favore degli aventi diritto.
Per spese generali (All. Enel – Spostamento cavi tel. ed elettrici – caratterizzazione siti inquinati – oneri FF.SS. – oneri Soprintendenza Archelog. Consulenze, ecc.) compresa IVA ed altri
oneri c 450.527,69
VISTA la nota n. 3031 del 28.05.2009 con cui il Responsabile
del procedimento ha comunicato all’impresa la volontà di recedere dal contratto ai sensi dell’art. 134 del D.Leg.vo n. 163/2006,
invitando la Direzione Lavori a porre in essere tutti gli adempimenti per la redazione della contabilità finale e per la definizione
del contenzioso in essere.
VISTO lo stato di consistenza finale del 21.09.2009 redatto in
contraddittorio tra il rappresentante dell’Impresa e la Direzione
Lavori, da cui risulta un avanzamento complessivo dei lavori
pari ad c 1.128.662,46 al netto dell’offerto ribasso del 10%, sottoscritto dall’appaltatore con riserve esplicitate con una richiesta
di maggiori compensi per complessivi c 3.609.126,52.
VISTO il certificato di pagamento n. 3 ed ultimo, in data
7.10.2009, a firma del Responsabile del procedimento, da cui
risulta il credito finale netto dell’Impresa per c 162.170,38 oltre
IVA al 20% per c 32.434,08.
VISTA la fattura n. 2/10 dell’importo complessivo di c
194.604,46 comprensivo di c 32.434,08 per IVA, emessa in data
6.04.2010 dall’Impresa «General Costruzioni – Società Consortile a r.l.» di Catanzaro, relativa al credito residuo dei lavori quale
saldo finale risultante dallo stato di consistenza del 21.09.2009
per l’esecuzione dei «Lavori di realizzazione dello scolmatore
Papaniciaro con attraversamenti stradali, FF.SS. ed Anas» in
Crotone.
VERIFICATA la regolarità della fattura suindicata emessa dall’Impresa «General Costruzioni – Società Consortile a r.l.».
CONSIDERATO che del finanziamento complessivo dell’intervento di c 11.600.839,13, fino alla data del 31/12/2004 ed in
regime di contabilità speciale, sono stati erogati c 1.138.705,96 e
quindi rimanevano da erogare ed erano disponibili per la gestione dell’intervento in contabilità ordinaria complessivi c
10.462.133,17.
CHE con Decreto n. 13584 del 15/09/2005 del Dirigente dei
Settore 32, Programmazione e Coordinamento Opere Pubbliche,
è stato assunto l’impegno n. 3732 del 13/09/05 della complessiva
spesa di c 21.717.287,74 (di cui c 10.462.133,17 per i lavori in
questione) per la gestione, in contabilità ordinaria, degli interventi infrastrutturali di cui alle Ordinanze n. 2478/96 e n.
2469/96 a valere sul Capitolo n. 2141231 del Bilancio della Regione Calabria.
CHE con Decreto n. 16830 del 05/11/2007 del Dirigente del
Settore Protezione Civile con il quale è stato rinnovato il predetto impegno di spesa.
CHE i lavori di cui all’intervento n. 9/12abc in argomento,
sulla complessiva spesa residua di c 10.462.133,17 in contabilità
ordinaria, detratto quanto corrisposto e liquidato, presentano nel
quadro economico, la seguente disponibilità:
Per lavori ed oneri della sicurezza c 6.351.340,29
Per IVA 20% sui lavori c 1.149.990,15
Per espropri e relativi oneri c 155.729,72
Per imprevisti c 621.038,88
Per premio di accelerazione compreso IVA c 473.522,16
Totale c 9.648.269,01
CONSIDERATO che sono presenti le risorse finanziarie necessarie per il pagamento del saldo all’Impresa esecutrice per
come risulta dalla predetta ripartizione della disponibilità per
l’intervento in questione.
CONSIDERATO che ai sensi dell’art. 37 bis, comma 8, punto
2o, della L.R. n. 10 del 22/09/1998, della L.R. n. 13/05 e dall’esame della documentazione summenzionata è possibile procedere all’accreditamento dell’importo complessivo di c
194.604,36 per quanto sopra specificato e per come risulta specificamente dalla fattura presentata all’impresa.
TENUTO CONTO che sono stati acquisiti tutti i documenti
che comprovano il diritto del creditore e che, quindi, si sono
realizzate le condizioni per la liquidazione della spesa (art. 45
della L.R. 04/04/2002, n. 8).
DATO ATTO che con raccomandata AR del 04.10.2010, acquisita agli atti di questo Settore al n. 18913 del 07.10.2010, la
General Costruzioni ha diffidato la Regione Calabria a voler procedere con immediatezza al pagamento dei crediti vantati a seguito della risoluzione del contratto d’appalto per fatto non imputabile all’appaltatore.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di recedere dal contratto d’appalto in data 19.11.2003 n.
21125 di rep., col quale i lavori in questione furono affidati all’impresa «General Costruzioni – Società Consortile a r.l.» con
sede in Catanzaro, ai sensi e per gli effetti di cui dell’art. 134 del
D.Leg.vo n. 163/2006 (codice dei contratti) demandando ogni
adempimento conseguente al competente Settore Regionale.
Di approvare lo stato di consistenza al 21.09.2009 e gli atti di
contabilità finale dei «Lavori di realizzazione dello scolmatore
Papaniciaro con attraversamenti stradali, FF.SS. ed Anas» in
Crotone – intervento n. 9/12abc – del «Piano» (IVa rimodulazione) degli interventi infrastrutturali di emergenza di Crotone di
cui all’Ordinanza n. 2469/96 della Presidenza del Consiglio dei
Ministri – Dipartimento Nazionale della Protezione Civile.
6428
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di liquidare, la fattura n. 2/10 del 06.04.2010, per l’esecuzione dei predetti lavori, la spesa complessiva di c 194.604,46 di
cui c 162.170,38 per rata di saldo lavori ed c 32.434,08 per la
relativa IVA, a favore dell’Impresa «General Costruzioni – Società Consortile a r.l.», C.F. e P. IVA 02541590796, con sede
legale in Via E. Buccarelli, 49, 88100 Catanzaro, in persona del
Legale rappresentante Geom. Giovanni Mazzei, nato a Castelsilano (KR) il 18.03.1958 e residente a Crotone in Via E. Mattei n.
47 – località Passovecchio, C.F. MZZ GNN 58C18 B968Q, con
accredito sul conto corrente n. 845172, presso Banca Popolare
del Mezzogiorno, sede di Crotone in Via Vittorio Veneto; IBAN:
IT 23W 05256 22200 000000 845172.
Di gravare la relativa spesa di c 194.604,46 sul capitolo
2141231 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n.
3732 del 3.09.2005 assunto con Decreto n. 13584 del
15.09.2005.
Di autorizzare la Ragioneria Generale all’emissione del relativo mandato di pagamento dando atto che è stata effettuata la
procedura di verifica con Equitalia spa con esito negativo, come
da attestazione in atti.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 27 ottobre 2010
CHE in occasione delle visite periodiche di manutenzione ordinaria, sono stati effettuati interventi sugli impianti di condizionamento del Settore Regionale della Protezione Civile.
CHE per come stabilito dal sopra citato contratto rep. n. 63 del
15.01.2008, gli interventi di tipo «B manutenzione straordinaria»
devono essere anticipatamente autorizzati previa presentazione
di appositi preventivi.
CHE la ditta ASTEL impianti ha presentato il preventivo di
spesa n. 14 del 31.03.2010 approvato con determina n. 1 del
05.04.2010 dal Responsabile del Procedimento relativamente ai
lavori autorizzati.
RITENUTO di dover disporre l’impegno di spesa di c
2.650,00 sul cap. 2142101 del bilancio regionale 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la L.R. n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
DECRETO n. 15732 del 15 novembre 2010
Impegno di spesa servizi di manutenzione straordinaria
impianti di condizionamento strutture del Settore Regionale
della Protezione Civile. Periodo Gennaio – Marzo 2010.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
Di disporre, per i motivi in premessa indicati, l’impegno di
spesa di c 2.650,00 IVA Inclusa, per interventi di manutenzione
straordinaria di tipo «B» degli impianti di condizionamento affidati alla ditta ASTEL Impianti con contratto triennale n. 63 del
15.01.2008.
Di stabilire che la spesa complessiva di c 2.650,00, IVA inclusa, trova copertura sul capitolo 2142101 del bilancio 2010.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
Di autorizzare la Ragioneria Generale all’assunzione del relativo impegno di spesa.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE con contratto triennale rep. n. 63 del 15.01.2008 è stato
affidato alla ditta ASTEL Impianti il servizio di manutenzione
ordinaria e straordinaria di tutti gli impianti di condizionamento
delle strutture del Settore della Protezione Civile.
Di dare altresì atto che avverso il presente Decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa
data.
Catanzaro, lì 15 novembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 17299 del 1 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditta Sgromo.
6429
CONSIDERATO:
CHE la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome ha approvato il piano di riparto del Fondo Regionale di Protezione Civile istituito dall’art. 138, comma 16,
della Legge 23.12.2000, n. 388 (legge finanziaria 2001).
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
CHE il territorio Calabrese, a seguito delle forti precipitazioni
che si sono abbattute nei mesi di settembre ed ottobre 2010, è
stato gravemente danneggiato, sono state emesse ordinanze di
sgombero ad alcune famiglie che hanno dovuto abbandonare le
loro abitazioni, nonché la chiusura di alcune strade di primaria
importanza per la viabilità.
CHE la Giunta regionale con propria deliberazione n. 688 del
19.10.2010, ha richiesto al Governo Nazionale la dichiarazione
dello stato di emergenza ai sensi dell’art. 5 della legge 225/1992,
per gli eventi alluvionali e di dissesto idrogeologici, che hanno
colpito il territorio regionale.
CHE nella situazione di emergenza, la Struttura Regionale
della Protezione Civile è immediatamente intervenuta per ripristinare lo stato dei luoghi e rimuovere le situazioni di pericolo
incombenti a salvaguardia della pubblica e privata incolumità.
CHE i primi interventi urgenti nei comuni colpiti sono stati
effettuati direttamente dal Settore Regionale della Protezione Civile, anche attraverso l’attivazione di Ditte disponibili all’interno
dei territori comunali di residenza o immediatamente vicini.
CHE è nelle possibilità di questo Dipartimento attivare «Interventi in emergenze diverse (eccezionali eventi atmosferici)» per
fini di protezione civile, trovando copertura sul capitolo
71010202, «Interventi urgenti di protezione civile» del bilancio
regionale.
VISTO il D.D.S. n. 15349 del 08/11/2010, avente per oggetto
«Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di
pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese di ottobre
2010. Impegno di spesa», con il quale è stato assunto l’impegno
n. 4801/2010.
PRESO ATTO che è stata attivata la Ditta Sgromo Costruzioni
srl nel comune di Paola.
VISTO il certificato della Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura – Uffici Registro delle Imprese, attestanti il nulla osta ai fini dell’art. 10 della legge 31 maggio 1965,
n. 575 e successive modificazioni, della Ditta interessata.
RITENUTO dover procedere alla liquidazione della fattura n.
133 del 17.11.2010 di c 49.956,00 presentata dalla Ditta Sgromo
Costruzioni srl.
DATO ATTO che per la spesa si provvedere gravando la
somma di c 49.956,00 sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n. 4801/2010, assunto con
Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare la fattura n. 133 del 17.11.2010 di c 49.956,00
presentata dalla Ditta Sgromo Costruzioni srl.
Di gravare la relativa spesa di c 49.956,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa
n. 4801/2010, assunto con Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
6430
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di autorizzare la Ragioneria Generale, su richiesta del dirigente del Settore regionale della Protezione Civile, all’emissione
del relativo mandato di pagamento dando atto che è stata effettuata la procedura di verifica con Equitalia spa con esito negativo, come da attestazione in atti.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 1 dicembre 2010
CHE la spesa per il pagamento del canone relativo al periodo
gennaio – 10 febbraio 2010 è di c 588,00 aggiornata dell’intera
variazione dell’indice ISTAT, come previsto dal contratto.
CHE con DDS n. 15743 del 15/11/2010 è stato assunto l’impegno di spesa n. 4802 del 05/11/2010 per la somma di c 588,00
sul capitolo 71010202 Bilancio 2010.
VISTA la fattura emessa dalla ditta Towertel S.p.a. con sede in
via Zanella, 21 – 20035 Lissone (MB), P.I. 03114340965 per il
periodo gennaio – febbraio 2010 n. RE/02680/PD del 03/08/
2010 di c 588,00.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20/09/2010.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETO n. 17307 del 1 dicembre 2010
DECRETA
Contratto ospitalità di ponti radio con la società Protel
s.r.l.. Liquidazione canone postazione periodo gennaio – febbraio 2010, ditta Towertel.
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
VISTI gli artt. 28 e 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale del Dipartimento della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010 di conferimento incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO:
CHE con atto rep. 9041 del 27/03/06 la Regione Calabria ha
stipulato un contratto per il fitto di postazioni radiofoniche con la
ditta Protel Comunicazioni s.r.l. con sede in via Spontini, 3 Milano P. IVA n. 11597390159, per l’ospitalità di apparecchiature
necessarie a garantire l’operatività del sistema di Radiocomunicazioni della Protezione Civile Regionale.
CHE con atto del Notaio Claudio Sironi rep. n. 17.775 Racc.
n. 8.341 del 20 novembre 2008, iscritto al registro imprese in
data 26 novembre 2008, la Società Protel s.r.l. è stata fusa per
incorporazione nella Società Towertel S.p.a., pertanto, subentrando dal 26 novembre 2008, in tutti i rapporti relativi alla Protel
S.r.l., ha ottenuto la competenza esclusiva ad essere parte contrattuale dell’accordo in corso con questo Settore.
CHE con nota raccomandata n. 25243 del 03/11/2009, è stata,
comunicata alla società Towertel la rescissione dal suddetto contratto.
CHE per come previsto dal contratto, la risoluzione è stata
comunicata a mezzo lettera raccomandata tre mesi prima della
data di risoluzione invocata.
CHE per l’anno 2010 la Regione ha usufruito dell’ospitalità in
tale postazione sino al giorno 10 del mese di febbraio.
Di liquidare la fattura emessa dalla ditta Towertel S.p.a. con
sede in via Zanella, 21 – 20035 Lissone (MB), P.I. 03114340965
per il periodo gennaio – febbraio 2010 n. RE/02680/PD del 03/
08/2010 di c 588,00 iva inclusa.
Di gravare la somma di c 588,00 iva inclusa sull’impegno n.
4802 del 05/11/2010, assunto con decreto n. 15743 del 15/11/
2010.
Di autorizzare il Settore della Ragioneria Generale della Regione Calabria ad emettere, su richiesta del Dirigente del Settore
Regionale Protezione Civile, il relativo mandato di pagamento.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Catanzaro, lì 1 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17466 del 2 dicembre 2010
Campagna AIB 2010. Delibera G.R. n. 427 del 07.06.2010.
Costituzione Gruppo di Lavoro.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6431
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
VISTO l’art. 23 comma 2, della L.R. n. 19 del 12.06.2009,
«Riduzione delle spese per consulenze, studi, incarichi professionali».
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
VISTO, altresì, l’art. 6 della L.R. n. 22 del 11.08.2010, «Misure di razionalizzazione e riordino della spesa pubblica regionale».
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
VISTI gli Indirizzi operativi del Presidente del Consiglio dei
Ministri per fronteggiare il rischio incendi boschivi per l’anno
2010.
VISTA la Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dipartimento della Protezione Civile per la Campagna AIB
2010.
VISTO l’art. 3 della legge 21.11.2000, n. 353, «Legge quadro
in materia di incendi boschivi», che le regioni devono provvedere ad approvare il piano regionale per la programmazione delle
attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi
boschivi.
VISTA la D.G.R. n. 427 del 07.06.2010, con la quale è stato
approvato il Piano Antincendi Boschivi AIB della Regione Calabria per il triennio 2010-2012 ed è stato confermato che la SOUP
è ubicata presso la sede di Protezione Civile regionale ed opera
in conformità alle direttive ministeriali e alle disposizioni impartite dal Coordinatore AIB.
RILEVATO che il suddetto piano disciplina le attività finalizzate a migliorare le capacità di previsione del fenomeno, a migliorare le attività di prevenzione e a razionalizzare l’impiego di
risorse, uomini e mezzi destinati alla lotta contro gli incendi boschivi.
VALUTATI i curricula presentati dai Sigg. Geom. Careri Vincenzo, Dott. Fabio Verderami e P.A. Butelli Alessio, dai quali si
evince che hanno le specifiche competenze per essere nominati.
DATO ATTO che per ciascun componente si provvedere ad un
compenso pari ad c 200,00 lordi giornalieri di effettiva prestazione, per un massimo di dieci sedute mensili, oltre al diritto del
rimborso delle spese di viaggio, in analogia a quanto previsto
dalla D.G.R. n. 626 del 04.08.2003.
DATO ATTO, altresì, che l’incarico rientra tra quelli previsti
dal comma 2, art. 23 della L.R. n. 19 del 12.06.2009.
PRESO ATTO che per la spesa si provvedere gravando le
somme sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, giusta
impegno di spesa n. 3420 del 28.06.2010, assunto con Decreto n.
9889 del 29.06.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
SU proposta del Responsabile del Coordinatore AIB che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di nominare, il Geom. Careri Vincenzo, il Dott. Fabio Verderami e il P.A. Butelli Alessio componenti del Gruppo di Lavoro
per il rilievo delle aree percorse dal fuoco nella stagione AIB
2010 e la redazione di un programma per la gestione delle emergenze in materia di incendi boschivi.
Di dare atto che l’incarico rientra tra quelli previsti dal comma
2, art. 23 della L.R. n. 19 del 12.06.2009.
VISTE le Procedure Operative per la Campagna A.I.B. 2010,
che determinano l’organizzazione del modello A.I.B. a livello
regionale con la costituzione della Sala Operativa Unificata Permanente (S.O.U.P.) presso la sede del settore di protezione civile
della Regione Calabria in località Germaneto di Catanzaro e di
cinque Centri Operativi Provinciali (C.O.P.) presso i comandi
dei Vigili del Fuoco di Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia.
Di stabilire per ciascun componente un compenso pari ad c
200,00 lordi giornalieri di effettiva prestazione, per un massimo
di dieci sedute mensili, oltre al diritto del rimborso delle spese di
viaggio, in analogia a quanto previsto dalla D.G.R. n. 626 del
04.08.2003.
VISTO il Contratto rep. n. 115 del 16.02.2010 che regola il
servizio aereo regionale mediante l’impiego di n. 5 elicotteri da
impiegarsi in attività di prevenzione, estinzione incendi boschivi,
trasporto aereo e servizi di protezione civile nel territorio della
Regione Calabria.
Di trasmettere copia del presente provvedimento alla competente sezione della Corte dei Conti.
CONSIDERATO, che nello stesso contratto è previsto che a
fine campagna AIB devono essere rilevate le aree di maggiore
interesse che sono state percorse dal Fuoco.
CONSIDERATO, altresì, che si rende necessario formare un
gruppo di lavoro con personale che abbia specifica professionalità con esperienze lavorative in materia di salvaguardia del territorio, realizzazione software e gestione elicotteri.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 2 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
6432
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 17467 del 2 dicembre 2010
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
Partecipazione al R.E.A.S. – Salone dell’emergenza dal 8
al 10 ottobre 2010 presso il Centro Fiera del Garda di Montichiari (BS). Liquidazione Fatture.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE con D.P.C.M. del 12 settembre 2000 sono stati individuati i beni e le risorse finanziarie, umane, strumentali e organizzative da trasferire alle regioni ed agli enti locali per l’esercizio
delle funzioni e dei compiti amministrativi di cui all’articolo 108
del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, in materia di protezione civile.
CHE in data 10.02.2005 è stato trasferito dallo Stato alla Regione Calabria Settore Protezione Civile, il C.AP.I. (Centro Assistenziale di Pronto Intervento) compresi i beni ivi depositati.
CHE il Dipartimento Bilancio della Regione Calabria ha istituito apposito capitolo di spesa n. 2142101 avente ad oggetto
«Spese per l’esercizio delle funzioni e compiti amministrativi
conferiti alla regione ai sensi dell’art. 108 del D. Lgs. 31.3.1998,
n. 112 (DD.PP.CC.MM. 12.9.2000, 19.12.2000 e 22.12.2000)».
CHE una delle attività della Struttura Regionale di Protezione
Civile è la sensibilizzazione della popolazione, attraverso Mass
Media, Convegni, Seminari, ecc. per far conoscere le situazioni
di pericolo presenti sul territorio e la messa in atto di accorgimenti per ridurre gli effetti di probabili eventi calamitosi, e che,
l’evento di cui sopra mira ad ottenere tutte le informazioni necessarie per stare a passo con le nuove tecnologie ed applicativi
sulle attrezzature e mezzi che sono in dotazione ai Centri di Assistenza e Pronto Intervento.
VISTO il D.D.S. n. 16245 del 19/11/2010, avente per oggetto
«Partecipazione al R.E.A.S. – Salone dell’emergenza dal 8 al 10
ottobre 2010 presso il Centro Fiera del Garda di Montichiari
(BS). Impegno di spesa», con il quale è stato assunto l’impegno
n. 4860/2010.
ACCERTATO che l’Agenzia Ibisco Rosso, incaricata per
l’esecuzione del servizio, ha regolarmente effettuato quanto ordinato.
RITENUTO, pertanto, dover procedere alla liquidazione della
fattura n. 74/Ter del 30.10.2010 di c 7.850,00 presentata dall’Agenzia Ibisco Rosso.
DATO ATTO che per la spesa si provvedere gravando la
somma di c 7.850,00 sul capitolo 2142101 del bilancio regionale
2010, giusta impegno di spesa n. 4860/2010, assunto con Decreto n. 16245 del 19.11.2010.
VISTA la L.R. n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare la fattura n. 74/Ter del 19.11.2010 di c 7.850,00
presentata dall’Agenzia Ibisco Rosso.
Di gravare la relativa spesa di c 7.850,00 sul capitolo 2142101
del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n. 4860/
2010, assunto con Decreto n. 16245 del 19.11.2010.
Di autorizzare la Ragioneria Generale, su richiesta del dirigente del Settore regionale della Protezione Civile, all’emissione
del relativo mandato di pagamento dando atto che è stata effettuata la procedura di verifica con Equitalia spa con esito negativo, come da attestazione in atti.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 2 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17526 del 2 dicembre 2010
Liquidazione fornitura eliocopie Ditta «Eliocopia» di Rotundo Luigina.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento competente per l’istruttoria ha accertato:
RAVVISATA la necessità della fornitura di eliocopie del progetto preliminare delle infrastrutture del Radar di Montepecoraro redatto da questo Settore.
VISTO, il preventivo appositamente richiesto alla Ditta «Eliocopia» di Catanzaro, per l’importo complessivo di c 1.771,56
IVA inclusa.
VISTO, il preliminare 24308 del 20.10.2009, con il quale il
responsabile del procedimento, ha affidato, sulla base del preventivo sopra citato, alla Ditta «Eliocopia» di Catanzaro, la for-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6433
nitura di quanto sopra per l’importo sopra evidenziato, alla cui
spesa si farà fronte parte dell’impegno di spesa n. 5688/07, assunto sul capitolo 71010202.
— di dare atto che per il pagamento non sussistono le condizioni per la procedura di verifica di cui la D.M. del 18 gennaio
2008, n. 40;
VISTA la nota n. 24308 del 20.10.2009, con la quale è stata
richiesta la fornitura di che trattasi alla Ditta «Eliocopia» di Catanzaro.
— di autorizzare la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria;
VISTO il DDT n. 811 del 02.11.2009, che attesta l’avvenuta
consegna della fornitura.
VISTA la fattura n. 924 del 11.11.2009, dell’importo di c
1.771,56 IVA compresa.
— di dare atto che avverso il presente decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa.
Catanzaro, lì 2 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
VISTI:
— l’art. 28 e 30 della legge reg. n. 7/96;
— la D.G.R. n. 2661/1999;
— il D.P.G.R. n. 354 del 24.6.99;
— il D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000;
— l’art. 45 della legge reg. n. 8/02, atteso che si sono verificate le condizioni stabilite;
— la legge reg. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.010 di conferimento incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 2 – Presidenza
all’avv. Francesco Zoccali.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
— la premessa è parte integrante del presente atto;
— di liquidare la somma c 1.771,56 iva compresa di cui alla
fattura n. 924 del 11.11.2009, relativa alla fornitura, alla Ditta
«Eliocopia» di Catanzaro di Rotundo Luigina;
— di dare atto che la spesa complessiva di c 1.771,56 iva
compresa trova copertura sul capitolo 71010202 del bilancio
2010 di cui all’impegno di spesa n. 5688/07;
— di autorizzare la Ragioneria Generale alla liquidazione
della spesa di c 1.771,56 iva compresa trova copertura sul Capitolo 71010202 bilancio regionale 2010, giusto impegno di spesa
n. 5688/07;
— dare atto che la liquidazione rientra nel «Piano dei Pagamenti» di cui alla D.G.R. n. 620 del 22.09.2010, la cui mancata
esecuzione entro l’anno 2010, costituisce causa accertata e certificata dal Dirigente del Settore di grave danno all’amministrazione e di ulteriori rilevanti oneri per interessi e rivalutazione;
DECRETO n. 17722 del 3 dicembre 2010
L.R. 8/2010 art. 2, comma 3 – Liquidazione contributo Villaggio «Jammin» con sede nel comune di Condofuri (RC) per
danni verificatisi in via Lungomare di Condofuri – fraz. Marina.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
VISTE le O.P.C.M. n. 3734 del 16 gennaio 2009 e n. 3741 del
18 febbraio 2009.
VISTO l’art. 2, comma 3, della L.R. 8/2010 in cui si stabilisce:
— che la Giunta regionale è autorizzata ad erogare la somma
di euro 1.500.000,00 a favore delle imprese turistico-balneari calabresi colpite dagli eventi calamitosi del dicembre 2008 e gennaio 2009, a titolo di anticipazione sui fondi statali riconosciuti
con Ordinanze della Presidenza del Consiglio n. 3734 del 16
gennaio 2009 e n. 3741 del 18 febbraio 2009;
— che «Avranno titolo ad ottenere l’anticipazione dei fondi
prioritariamente le attività turistico-balneari della provincia di
Reggio Calabria che hanno prodotto regolare domanda per l’accesso ai contributi per i danni subiti, così come previsto dal dispositivo delle suddette ordinanze»;
— che «è demandata al Dipartimento Protezione Civile la determinazione e l’erogazione del risarcimento tenendo conto di
quanto prescritto dall’O.P.C.M. n. 3734 del 16.1.2009, dall’O.P.C.M. n. 3741 del 18.2.2009, dall’Ordinanza del Commissario Delegato della Regione Calabria n. 1/3734 del 6.4.2009 e
dall’ordinanza del Commissario Delegato della Regione Calabria n. 1/3741 del 6.4.2009».
6434
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
PREMESSO
— che con DGR n. 241 del 15 marzo 2010, la Giunta Regionale ha approvato le direttive concernenti i contributi concessi ai
sensi della L. regionale 8/2010, stabilendo che la liquidazione, a
seguito dell’istruttoria compiuta dal Settore Protezione Civile,
sarà effettuata dal Dipartimento Attività Produttive;
— che con Decreto Dirigenziale n. 4842 del 6 aprile 2010 il
Dipartimento Attività Produttive ha impegnato la somma di c
1.500.000,00 (conto impegno n. 1589 del 25 marzo 2010) a valere sul pertinente capitolo di bilancio regionale n. 6125201;
— che con DGR n. 750 del 19 novembre 2010 la Giunta Regionale ha modificato la sopraccitata deliberazione n. 241/2010,
in contrasto con quanto sancito dall’art. 2 comma 3 della L. regionale 8/2010, demandando al Settore Protezione Civile l’erogazione del risarcimento;
— che con DGR n. 17014 del 29 novembre il Dipartimento
Attività Produttive ha autorizzato il Settore Protezione Civile alla
liquidazione dei contributi per come previsto dall’art. 2, comma
3, della L. regionale n. 8/2010 di cui al citato impegno n. 1589
del 25 marzo 2010 a valere sul capitolo n. 6125201 del Bilancio
Regionale 2010.
CONSIDERATO
— che la Sig.ra Iiriti Caterina, in qualità di titolare della ditta
Villaggio «Jammin» in relazione al danneggiamento subito dalla
suddetta azienda, a seguito delle mareggiate dicembre 2008 e
gennaio 2009, ha trasmesso, al Comune di Condofuri, la domanda di contributo ai sensi dell’art. 2, comma 3, della L.R.
8/2010, acquisita al protocollo n. 0902983 del 24/03/2009.
VISTO il Decreto del Dirigente del Settore Protezione Civile
n. 8805 del 09/06/2010 con cui è stato nominato RUP l’Ing. Vincenzo Manfredi per la redazione delle istruttorie necessarie alla
«determinazione e l’erogazione del risarcimento» per come dettato dall’art. 2, comma 3, della L.R. 8/2010.
PRESO ATTO della relazione conclusiva di istruttoria del
RUP, assunta al protocollo del Settore Protezione Civile al n.
23743 del 01/12/2010, effettuata sulla scorta della documentazione tecnico-amministrativa prodotta dalla Sig.ra Iiriti, in cui si
attesta nella parte conclusiva della citata relazione che «lo stabilimento balneare Jammin era attivo e funzionale prima dell’evento calamitoso e che è stato necessario sospendere l’attività
per un periodo di circa 60 giorni per effettuare i necessari ripristini (periodo ragionevolmente congruente con il danno lamentato e dimostrato con le riprese video presentate su supporto informatico in atti), visto quanto prescritto nell’OPCM 3734 art. 2
comma 1 lett. a, ritenendo di poter applicare la massima aliquota
contributiva concedibile (50%) ai sensi della suddetta norma,
l’importo del contributo è determinato pari ad c 70.166,36 (diconsi euro settantamilacentosessantasei/36)», per come stabilito
nelle conclusioni della sopracitata relazione dei danni lamentati
e quelli riconosciuti ammissibili sinteticamente riportati nella tabella sottostante:
Tipo di Bene
Beni Immobili
Beni Mobili (arredi,
attrezzature etc.)
Tot.
Dichiarato
(euro)
Ammissibile
(euro)
128.382,84
96.988,98
91.860,12
43.343,73
220.242,96
140.332,71
Liquidabile
50%
70.166,36
RITENUTO quindi di dover concedere a favore della Sig.ra
Iiriti Caterina, in qualità di titolare della ditta Villaggio
«Jammin», con sede in Condofuri, il contributo di c 70.166,36.
CONSIDERATO INOLTRE
— che con nota prot. n. 23746 del 01.12.2010 trasmessa a
mezzo fax e valevole come trasmissione ufficiale ai sensi dell’art. 6, comma 2 L. 412/91 è stato comunicato l’esito della suddetta Relazione Conclusiva di Istruttoria alla Sig.ra Iiriti Caterina;
— che con nota acquisita al prot. n. 23797 del 02.12.2010 la
Sig.ra Iiriti Caterina ha dichiarato ai sensi dell’art. 47 del DPR
28.12.2000 n. 445 di accettare in maniera piena ed incondizionata le risultanze della suddetta Relazione Conclusiva di Istruttoria di cui al prot. n. 23743 del 01.12.2010 e di rinunciare pertanto a qualsiasi tipo di riserva e/o ricorso.
DATO ATTO che per la spesa si provvedere gravando la
somma complessiva di c 70.166,36 sul capitolo n. 6125201 del
bilancio regionale 2010, giusto impegno di spesa n. 1589 del 25
marzo 2010, assunto con Decreto Dirigenziale n. 4842 del 6
aprile 2010, che ne presenta la necessaria disponibilità.
RITENUTO pertanto, di dover liquidare la somma di c
70.166,36 a favore della Sig.ra Iiriti Caterina, in qualità di titolare della ditta Villaggio «Jammin», con sede in Condofuri.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
VISTA la L.R. 34/2002 e s.m.i., ritenuta la propria competenza.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare la somma di c 70.166,36 a favore della Sig.ra
Iiriti Caterina, in qualità di titolare della ditta Villaggio
«Jammin», con sede in Condofuri per danni verificatisi in via
Lungomare di Condofuri – fraz. Marina.
Di gravare la spesa di c 70.166,36 sul capitolo 6125201 conto
impegno n. 1589 del 25 marzo 2010, assunto con Decreto Dirigenziale n. 4842 del 6 aprile 2010.
Di autorizzare il Settore Ragioneria Dipartimento Bilancio
della Regione Calabria ad emettere il relativo mandato di pagamento tramite bonifico bancario su c/c IBAN
IT06T0760116300000084371921, presso Poste Italiane, intestato a Iiriti Caterina, dando atto che è stata effettuata la procedura di verifica con Equitalia spa con esito negativo, come da
attestazione in atti.
Di comunicare il presente decreto al rappresentante legale
della ditta villaggio Jammin, con sede in Condofuri.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 3 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17723 del 3 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditta SpesaPiù Comune di Gioia Tauro.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
6435
volontariato, componenti la Colonna Mobile Regionale, attivate
dal settore regionale della Protezione Civile, i quali hanno anche
provveduto, a somministrare pasti caldi alla popolazione.
CHE la Ditta SpesaPiù dei F.lli Ficarra, di Ficarra Antonio, via
Nazionale 18, Gioia Tauro, ha immediatamente dato la disponibilità per la fornitura di derrate alimentari per la preparazione dei
pasti e di quanto altro occorrente alla somministrazione degli
stessi.
CONSIDERATO:
CHE la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome ha approvato il piano di riparto del Fondo Regionale di Protezione Civile istituito dall’art. 138, comma 16,
della Legge 23.12.2000, n. 388 (legge finanziaria 2001).
CHE è nelle possibilità di questo Dipartimento attivare «Interventi in emergenze diverse (eccezionali eventi atmosferici)» per
fini di protezione civile, trovando copertura sul capitolo
71010202, «Interventi urgenti di protezione civile» del bilancio
regionale.
VISTO il D.D.S. n. 15349 del 08/11/2010, avente per oggetto
«Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di
pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese di ottobre
2010. Impegno di spesa», con il quale è stato assunto l’impegno
n. 4801/2010.
RITENUTO dover procedere alla liquidazione delle fatture
dal n. 14/2010 al n. 50/2010, presentate dalla Ditta SpesaPiù:
Fatt. n.
Anno
Importo c
14
2010
560,35
15
2010
715,20
16
2010
412,19
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
17
2010
377,00
18
2010
131,78
19
2010
104,40
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
20
2010
963,53
21
2010
59,26
22
2010
81,90
23
2010
405,93
24
2010
680,40
25
2010
679,10
26
2010
276,42
27
2010
208,79
28
2010
280,80
29
2010
1.000,57
30
2010
120,00
31
2010
13,75
32
2010
151,20
33
2010
501,83
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE il territorio Calabrese, a seguito delle forti precipitazioni
che si sono abbattute nei mesi di settembre ed ottobre 2010, è
stato gravemente danneggiato, sono state emesse ordinanze di
sgombero ad alcune famiglie che hanno dovuto abbandonare le
loro abitazioni, nonché la chiusura di alcune strade di primaria
importanza per la viabilità.
CHE la Giunta regionale con propria deliberazione n. 688 del
19.10.2010, ha richiesto al Governo Nazionale la dichiarazione
dello stato di emergenza ai sensi dell’art. 5 della legge 225/1992,
per gli eventi alluvionali e di dissesto idrogeologici, che hanno
colpito il territorio regionale.
CHE nella situazione di emergenza, la Struttura Regionale
della Protezione Civile è immediatamente intervenuta per ripristinare lo stato dei luoghi e rimuovere le situazioni di pericolo
incombenti a salvaguardia della pubblica e privata incolumità.
CHE nel Comune di Gioia Tauro è stato necessario evacuare
oltre 200 persone che sono state assistite dalle associazioni di
6436
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Fatt. n.
Anno
Importo c
Fatt. n.
Anno
Importo c
34
2010
269,13
16
2010
412,19
35
2010
169,23
17
2010
377,00
36
2010
371,80
18
2010
131,78
37
2010
1.329,53
19
2010
104,40
38
2010
1.308,62
20
2010
963,53
39
2010
366,37
21
2010
59,26
40
2010
244,44
22
2010
81,90
41
2010
673,34
23
2010
405,93
42
2010
200,84
24
2010
680,40
43
2010
664,26
25
2010
679,10
44
2010
188,85
26
2010
276,42
45
2010
234,53
27
2010
208,79
46
2010
800,96
28
2010
280,80
47
2010
1.001,47
29
2010
1.000,57
48
2010
690,96
49
2010
201,39
30
2010
120,00
50
2010
67,98
31
2010
13,75
32
2010
151,20
33
2010
501,83
34
2010
269,13
35
2010
169,23
36
2010
371,80
37
2010
1.329,53
38
2010
1.308,62
39
2010
366,37
40
2010
244,44
41
2010
673,34
42
2010
200,84
43
2010
664,26
44
2010
188,85
45
2010
234,53
46
2010
800,96
47
2010
1.001,47
48
2010
690,96
49
2010
201,39
2010
67,98
Totale
16.508,10
DATO ATTO che per la spesa complessiva si provvederà gravando la somma di c 16.508,10 sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n. 4801/2010,
assunto con Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare le fatture dal n. 14/2010 al n. 50/2010, presentate
dalla Ditta SpesaPiù:
Fatt. n.
Anno
Importo c
14
2010
560,35
50
15
2010
715,20
Totale
16.508,10
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di gravare la relativa spesa di c 16.508,10 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa
n. 4801/2010, assunto con Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
Di autorizzare la Ragioneria Generale, su richiesta del dirigente del Settore regionale della Protezione Civile, all’emissione
del relativo mandato di pagamento dando atto che è stata effettuata, la procedura di verifica con Equitalia spa con èsito negativo, come da attestazione in atti.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 3 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17724 del 3 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditte intervenute nel
Comune di Paola.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
CHE il territorio Calabrese, a seguito delle forti precipitazioni
che si sono abbattute nei mesi di settembre ed ottobre 2010, è
stato gravemente danneggiato, sono state emesse ordinanze di
sgombero ad alcune famiglie che hanno dovuto abbandonare le
loro abitazioni, nonché la chiusura di alcune strade di primaria
importanza per la viabilità.
6437
CHE la Giunta regionale con propria deliberazione n. 688 del
19.10.2010, ha richiesto al Governo Nazionale la dichiarazione
dello stato di emergenza ai sensi dell’art. 5 della legge 225/1992,
per gli eventi alluvionali e di dissesto idrogeologici, che hanno
colpito il territorio regionale.
CHE nella situazione di emergenza, la Struttura Regionale
della Protezione Civile è immediatamente intervenuta per ripristinare lo stato dei luoghi e rimuovere le situazioni di pericolo
incombenti a salvaguardia della pubblica e privata incolumità.
CHE i primi interventi urgenti nei comuni colpiti sono stati
effettuati direttamente dal Settore Regionale della Protezione Civile, anche attraverso l’attivazione di Ditte disponibili all’interno
dei territori comunali di residenza o immediatamente vicini.
CONSIDERATO:
CHE la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome ha approvato il piano di riparto del Fondo Regionale di Protezione Civile istituito dall’art. 138, comma 16,
della Legge 23.12.2000, n. 388 (legge finanziaria 2001).
CHE è nelle possibilità di questo Dipartimento attivare «Interventi in emergenze diverse (eccezionali eventi atmosferici)» per
fini di protezione civile, trovando copertura sul capitolo
71010202, «Interventi urgenti di protezione civile» del bilancio
regionale.
VISTO il D.D.S. n. 15349 del 08/11/2010, avente per oggetto
«Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di
pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese di ottobre
2010. Impegno di spesa», con il quale è stato assunto l’impegno
n. 4801/2010.
PRESO ATTO che sono state attivate, nel comune di Paola le
Ditte: Idromax srl, Tecnosud srl, CO.DE.SER. srl, Cascardo Antonio & C. srl, Eurocostruzioni, F.lli Pinnola srl, Zicarelli, Tir
Bitumi srl, MI.RA Costruzioni srl, Edilizia San Francesco srl.
VISTI i certificati della Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura – Uffici Registro delle Imprese, attestanti
il nulla osta ai fini dell’art. 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575
e successive modificazioni, delle Ditte interessate.
RITENUTO dover procedere alla liquidazione delle fatture:
— n. 41 del 30.11.2010 di c 37.176,00 presentata dalla Ditta
Idromax srl;
— n. 19 del 29.11.2010 di c 38.610,00 presentata dalla Ditta
Tecnosud srl;
— n. 155/A del 15.11.2010 di c 8.940,00 presentata dalla
Ditta CO.DE.SER. srl;
— n. 07 del 16.11.2010 di c 9.444,00 presentata dalla Ditta
Cascardo Antonio & C. srl;
— n. 18 del 15.11.2010 di c 8.976,00 presentata dalla Ditta
Eurocostruzioni;
— n. 03 del 19.10.2010 di c 8.970,00 presentata dalla Ditta
F.lli Pinnola srl;
— n. 80 del 15.11.2010 di c 9.360,00 presentata dalla Ditta
Zicarelli;
— n. 232 del 18.11.2010 di c 9.120,00 presentata dalla Ditta
Tir Bitumi srl;
6438
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— n. 11 del 16.11.2010 di c 8.988,00 presentata dalla Ditta
MI.RA Costruzioni srl;
— n. 14 del 15.11.2010 di c 9.180,00 presentata dalla Ditta
Edilizia San Francesco srl;
— n. 272 del 16.11.2010 di c 9.012,00 presentata dalla Ditta
Francesco Ventura Costruzioni Ferroviarie srl.
DATO ATTO che per la spesa complessiva si provvederà gravando la somma di c 157.776,00 sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n. 4801/2010,
assunto con Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
Di gravare la relativa spesa di c 157.776,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa
n. 4801/2010, assunto con Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
Di autorizzare la Ragioneria Generale, su richiesta del dirigente del Settore regionale della Protezione Civile, all’emissione
del relativo mandato di pagamento dando atto che è stata effettuata, singolarmente, la procedura di verifica con Equitalia spa
con esito negativo, come da attestazione in atti.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 3 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare le fatture:
DECRETO n. 17725 del 3 dicembre 2010
L.R. 8/2010 art. 2, comma 3 – Liquidazione contributo
ditta Villaggio Turistico «La Perla Ionica» con sede nel Comune di Bova Marina (RC) per danni verificatisi sullo stesso
Villaggio in Via San Pasquale di Bova Marina (RC).
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
— n. 41 del 30.11.2010 di c 37.176,00 presentata dalla Ditta
Idromax srl;
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
— n. 19 del 29.11.2010 di c 38.610,00 presentata dalla Ditta
Tecnosud srl;
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
— n. 155/A del 15.11.2010 di c 8.940,00 presentata dalla
Ditta CO.DE.SER. srl;
— n. 07 del 16.11.2010 di c 9.444,00 presentata dalla Ditta
Cascardo Antonio & C. srl;
— n. 18 del 15.11.2010 di c 8.976,00 presentata dalla Ditta
Eurocostruzioni;
— n. 03 del 19.10.2010 di c 8.970,00 presentata dalla Ditta
F.lli Pinnola srl;
— n. 80 del 15.11.2010 di c 9.360,00 presentata dalla Ditta
Zicarelli;
— n. 232 del 18.11.2010 di c 9.120,00 presentata dalla Ditta
Tir Bitumi srl;
— n. 11 del 16.11.2010 di c 8.988,00 presentata dalla Ditta
MI.RA Costruzioni srl;
— n. 14 del 15.11.2010 di c 9.180,00 presentata dalla Ditta
Edilizia San Francesco srl;
— n. 272 del 16.11.2010 di c 9.012,00 presentata dalla Ditta
Francesco Ventura Costruzioni Ferroviarie srl.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
VISTE le O.P.C.M. n. 3734 del 16 gennaio 2009 e n. 3741 del
18 febbraio 2009.
VISTO che l’art. 2, comma 3, della L.R. 8/2010 stabilisce:
— che la Giunta regionale è autorizzata ad erogare la somma
di euro 1.500.000,00 a favore delle imprese turistico-balneari calabresi colpite dagli eventi calamitosi del dicembre 2008 e gennaio 2009, a titolo di anticipazione sui fondi statali riconosciuti
con Ordinanze della Presidenza del Consiglio n. 3734 del 16
gennaio 2009 e n. 3741 del 18 febbraio 2009;
— che «Avranno titolo ad ottenere l’anticipazione dei fondi
prioritariamente le attività turistico-balneari della provincia di
Reggio Calabria che hanno prodotto regolare domanda per l’accesso ai contributi per i danni subiti, così come previsto dal dispositivo delle suddette ordinanze»;
— che «è demandata al Dipartimento Protezione Civile la determinazione e l’erogazione del risarcimento tenendo conto di
quanto prescritto dall’O.P.C.M. n. 3734 del 16.1.2009, dall’O.P.C.M. n. 3741 del 18.2.2009, dall’Ordinanza del Commis-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
sario Delegato della Regione Calabria n. 1/3734 del 6.4.2009 e
dall’ordinanza del Commissario Delegato della Regione Calabria n. 1/3741 del 6.4.2009».
PREMESSO
— che con DGR n. 241 del 15 marzo 2010, la Giunta Regionale ha approvato le direttive concernenti i contributi concessi ai
sensi della L. regionale 8/2010, stabilendo che la liquidazione, a
seguito dell’istruttoria compiuta dal Settore Protezione Civile,
sarà effettuata dal Dipartimento Attività Produttive;
— che con Decreto Dirigenziale n. 4842 del 6 aprile 2010 il
Dipartimento Attività Produttive ha impegnato la somma di c
1.500.000,00 (conto impegno n. 1589 del 25 marzo 2010) a valere sul pertinente capitolo di bilancio regionale n. 6125201;
— che con DGR n. 750 del 19 novembre 2010 la Giunta Regionale ha modificato la sopraccitata deliberazione n. 241/2010,
in contrasto con quanto sancito dall’art. 2 comma 3 della L. regionale 8/2010, demandando al Settore Protezione Civile l’erogazione del risarcimento;
— che con DGR n. 17014 del 29 novembre il Dipartimento
Attività Produttive ha autorizzato il Settore Protezione Civile alla
liquidazione dei contributi per come previsto dall’art. 2, comma
3, della L. regionale n. 8/2010 di cui al citato impegno n. 1589
del 25 marzo 2010 a valere sul capitolo n. 6125201 del Bilancio
Regionale 2010.
CONSIDERATO che il sig. Branca Guglielmo, legale rappresentante della ditta Villaggio Turistico «La Perla Ionica», in relazione al danneggiamento subito dalla suddetta azienda, a seguito delle mareggiate dicembre 2008 e gennaio 2009, ha trasmesso, al Comune di Bova Marina, la domanda di contributo ai
sensi dell’art. 2, comma 3, della L.R. 8/2010, acquisita al protocollo n. 2201 del 26.03.2009.
VISTO il Decreto del Dirigente del Settore Protezione Civile
n. 8805 del 09/06/2010 con cui è stato nominato RUP l’Ing. Vincenzo Manfredi per la redazione delle istruttorie necessarie alla
«determinazione e l’erogazione del risarcimento» per come dettato dall’art. 2, comma 3, della L.R. 8/2010.
PRESO ATTO della relazione conclusiva di istruttoria del
RUP, assunta al protocollo del Settore Protezione Civile al n.
23744 del 01/12/2010, effettuata sulla scorta della documentazione tecnico – amministrativa prodotta dal Sig. Branca Guglielmo, in cui si attesta nella parte conclusiva della citata relazione che «il Villaggio Turistico era attivo e funzionale prima
dell’evento calamitoso e che è stato necessario sospendere l’attività per un periodo di circa 60 giorni per effettuare i necessari
ripristini (periodo ragionevolmente congruente con il danno lamentato e dimostrato con le fotografie presentate sia su supporto
informatico che cartaceo in atti), visto quanto prescritto nell’OPCM 3734 art. 2 comma 1 lett. (a), ritenendo di poter applicare la massima aliquota contributiva concedibile (50%) ai sensi
della suddetta norma, l’importo del contributo è determinato pari
ad c 127.855,71 (diconsi euro centoventisettemilaottocentocinquantacinque/71)», corrispondente al 50% dell’importo ammissibile pari ad c 255.711,42.
RITENUTO quindi di dover concedere a favore della Sig.
Branca Guglielmo, in qualità di legale rappresentante della ditta
Villaggio Turistico «La Perla Ionica», con sede in Bova Marina,
il contributo di c 127.855,71.
6439
CONSIDERATO INOLTRE
— che con nota prot. n. 23747 del 01.12.2010 trasmessa a
mezzo fax e valevole come trasmissione ufficiale ai sensi dell’art. 6, comma 2 L. 412/91 è stato comunicato l’esito della suddetta Relazione Conclusiva di Istruttoria al Sig. Branca Guglielmo;
— che con nota acquisita al prot. n. 23800 del 02.12.2010 il
Sig. Branca Guglielmo ha dichiarato ai sensi dell’art. 47 del DPR
28.12.2000 n. 445 di accettare in maniera piena ed incondizionata le risultanze della suddetta Relazione Conclusiva di Istruttoria di cui al prot. n. 23744 del 01.12.2010 e di rinunciare pertanto a qualsiasi tipo di riserva e/o ricorso.
DATO ATTO che per la spesa si provvederà gravando la
somma complessiva di c 127.855,71 sul capitolo n. 6125201 del
bilancio regionale 2010, giusto impegno di spesa n. 1589 del 25
marzo 2010, assunto con Decreto Dirigenziale n. 4842 del 6
aprile 2010, che ne presenta la necessaria disponibilità.
RITENUTO pertanto, di dover liquidare la somma di c
127.855,71 a favore del Sig. Branca Guglielmo, in qualità di legale rappresentante della ditta Villaggio Turistico «La Perla Ionica», con sede in Bova Marina.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
VISTA la L.R. 34/2002 e s.m.i., ritenuta la propria competenza.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare la somma di c 127.855,71 a favore della Sig.
Branca Guglielmo, in qualità di legale rappresentante della ditta
Villaggio Turistico «La Perla Ionica», con sede in Bova Marina
per danni verificatisi sullo stesso Villaggio in Via San Pasquale
di Bova Marina (RC).
Di gravare la spesa di c 127.855,71 sul capitolo 6125201 conto
impegno n. 1589 del 25 marzo 2010, assunto con Decreto Dirigenziale n. 4842 del 6 aprile 2010.
Di autorizzare il Settore Ragioneria Dipartimento Bilancio
della Regione Calabria ad emettere il relativo mandato di pagamento tramite bonifico bancario su c/c IBAN
IT90R01030813100000017224.72, presso Banca MPS, intestato
a Branca Guglielmo, dando atto che è stata effettuata la procedura di verifica con Equitalia spa con esito negativo, come da
attestazione in atti.
Di comunicare il presente decreto al rappresentante legale
della ditta villaggio «La Perla Ionica», con sede in Bova Marina.
6440
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 3 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17819 del 6 dicembre 2010
Contratto rep. n. 115 del 16.02.2010 servizio aereo regionale mediante l’impiego di n. 5 elicotteri da impiegarsi in
attività di prevenzione, estinzione incendi boschivi, trasporto
aereo e servizi di protezione civile nel territorio della Regione
Calabria. Liquidazione Fattura n. 56 del 15.10.2010.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTA la D.G.R. n. 105 del 12.02.2010.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 2 – Presidenza
all’avv. Francesco Zoccali.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE con D.D.G. n. 12312 del 25 giugno 2009 è stata indetta
una procedura aperta ai sensi dell’art. 55 del D. Lgs n. 163/2006
e sono stati approvati il Bando di Gara, il Capitolato Speciale di
Appalto e il Disciplinare di Gara, relativi all’affidamento del servizio aereo regionale con l’impiego di cinque elicotteri da impiegarsi in attività di AIB (prevenzione, estinzione incendi boschivi), trasporto aereo e servizi di Protezione Civile nel territorio della Regione Calabria, per un importo a base d’asta di c
2.380.000,00 (duemilionitrecentottantamila/00) annui, oltre
IVA, per cinque anni.
CHE il punto 5 del dispositivo del citato decreto n. 12312/
2009 prevede che «la complessiva spesa annua pari ad c
2.380.000,00 (duemilionitrecentottantamila/00) annui, oltre IVA
per la durata contrattuale stabilita in cinque anni, sarà impegnata,
in ragione d’anno, sul capitolo 2233211 o corrispondenti dei relativi esercizi finanziari».
CHE con decreto n. 1230 del 15 febbraio 2010 la gara per
l’affidamento del servizio in argomento è stata aggiudicata in via
definitiva alla Società Elimediterranea S.p.A., con sede in Catanzaro via Francesco Massara, 22.
CHE dal ribasso d’asta presentato dalla Società Elimediterranea S.p.A. risulta che la somma annua necessaria per il pagamento del servizio in questione è pari ad c 2.826.000,00 IVA
inclusa.
VISTO il contratto Rep. n. 115 del 16.02.2010 stipulato tra la
Regione Calabria e la Società Elimediterranea S.p.A.
VISTE le richieste formulate dalla Ditta Elimediterranea
S.p.A. in data 01.10.2010, con allegata la fattura n. 56 di c
267.163,87 I.V.A. compresa, concernente il servizio di nolo con
stazionamento di n. cinque elicotteri nel periodo decorrente dal
01.10.2010 al 15.10.2010, per complessive n. 04.88 ore di volo,
come da contratto.
VISTA la rendicontazione allegata alla richiesta di cui sopra,
comprensiva delle certificazioni di cui al Contratto principale, e
che la stessa è stata regolarmente acquisita agli atti del Settore.
RITENUTO di dover procedere alla liquidazione delle fatture
n. 56 del 15.10.2010 di c 267.163,87 I.V.A. compresa.
DATO ATTO che per la spesa si provvederà gravando la
somma di c 534.327,73 I.V.A. compresa, sul capitolo 2233211
del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n. 1757 del
01.04.2010, assunto con Decreto n. 5104 del 08.04.2010.
VISTA la legge Regionale n. 22 del 11.08.2010, si attesta che
l’atto di spesa è compatibile con il Piano dei Pagamenti.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di liquidare alla società Elimediterranea S.p.A. la fattura n. 52
del 01.10.2010 di c 267.163,87 I.V.A. compresa per il periodo
decorrente dal 01.10.2010 al 15.10.2010, come da contratto.
Di gravare la relativa spesa di c 267.163,87 sul capitolo
2233211 del bilancio regionale 2010, giusto impegno di spesa n.
1757 del 01.04.2010, assunto con Decreto n. 5104 del
08.04.2010.
Dato atto che: ai sensi dell’art. 1 comma 533 della L. 266/2005
l’impresa è in regola con gli adempimenti INPS ed INAIL, per
come risulta dal DURC.
Di dare atto che la liquidazione rientra nel «Piano dei Pagamenti» di cui alla D.G.R. n. 620 del 22.09.2010, la cui mancata
esecuzione entro l’anno 2010, costituisce causa accertata e certificata dal Dirigente del Settore di grave danno all’amministrazione e di ulteriori rilevanti oneri per interessi e rivalutazione.
Di dare atto che è stata effettuata la «procedura di verifica» di
cui al D.M. 18.1.08 n. 40 con esito negativo riportando la dicitura Non Inadempiente, come da attestazione rilasciata in data
19.10.2010 da Equitalia spa, in atti.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6441
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
stinare lo stato dei luoghi e rimuovere le situazioni di pericolo
incombenti a salvaguardia della pubblica e privata incolumità.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
CHE i primi interventi urgenti nei comuni colpiti sono stati
effettuati direttamente dal Settore Regionale della Protezione Civile, anche attraverso l’attivazione di Ditte disponibili all’interno
dei territori comunali di residenza o immediatamente vicini.
Catanzaro, lì 6 dicembre 2010
CONSIDERATO:
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17857 del 7 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese
di ottobre 2010. Liquidazione Fatture Ditte intervenute nei
Comuni di Parghelia, Briatico, Zambrone ed altri.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
CHE il territorio Calabrese, a seguito delle forti precipitazioni
che si sono abbattute nei mesi di settembre ed ottobre 2010, è
stato gravemente danneggiato, sono state emesse ordinanze di
sgombero ad alcune famiglie che hanno dovuto abbandonare le
loro abitazioni, nonché la chiusura di alcune strade di primaria
importanza per la viabilità.
CHE la Giunta regionale con propria deliberazione n. 688 del
19.10.2010, ha richiesto al Governo Nazionale la dichiarazione
dello stato di emergenza ai sensi dell’art. 5 della legge 225/1992,
per gli eventi alluvionali e di dissesto idrogeologici, che hanno
colpito il territorio regionale.
CHE nella situazione di emergenza, la Struttura Regionale
della Protezione Civile è immediatamente intervenuta per ripri-
CHE la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome ha approvato il piano di riparto del Fondo Regionale di Protezione Civile istituito dall’art. 138, comma 16,
della Legge 23.12.2000, n. 388 (legge finanziaria 2001).
CHE è nelle possibilità di questo Dipartimento attivare «Interventi in emergenze diverse (eccezionali eventi atmosferici)» per
fini di protezione civile, trovando copertura sul capitolo
71010202, «Interventi urgenti di protezione civile» del bilancio
regionale.
VISTO il D.D.S. n. 15349 del 08/11/2010, avente per oggetto
«Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di
pericoli incombenti sul territorio Calabrese nel mese di ottobre
2010. Impegno di spesa», con il quale è stato assunto l’impegno
n. 4801/2010.
PRESO ATTO che per superare le prime criticità sono state
attivate, le Ditte: IN.CA Srl, Edil Sud Srl, Edil Scavi Snc, Scordamaglia Maria e Figli Snc, Grande Ferdinando, Edil Fabiano,
La Torre Antonio, Vincenzo Restuccia Costruzioni.
VISTI i certificati della Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura – Uffici Registro delle Imprese, attestanti
il nulla osta ai fini dell’art. 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575
e successive modificazioni, delle Ditte interessate.
RITENUTO dover procedere alla liquidazione delle fatture:
— n. 86 del 30.11.2010 di c 49.644,00, presentata dalla Ditta
IN.CA Srl;
— n. 23 del 03.12.2010 di c 20.370,00, presentata dalla Ditta
Edil Sud Srl;
— n. 26 del 19.10.2010 di c 4.044,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
— n. 27 del 20.10.2010 di c 2.064,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
— n. 28 del 21.10.2010 di c 2.064,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
— n. 29 del 22.10.2010 di c 2.064,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
— n. 30 del 15.11.2010 di c 9.721,97, presentata dalla Ditta
Edil Fabiano;
— n. 09 del 15.11.2010 di c 28.616,304, presentata dalla Ditta
Grande Ferdinando;
6442
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— n. 29 del 15.11.2010 di c 31.393,48, presentata dalla Ditta
Scordamaglia Maria e Figli Snc;
— n. 34 del 15.11.2010 di c 18.422,40, presentata dalla Ditta
La Torre Antonio;
— n. 135/A del 03.12.2010 di c 78.000,00, presentata dalla
Ditta Vincenzo Restuccia Costruzioni.
DATO ATTO che per la spesa complessiva si provvederà gravando la somma di c 246.404,15 sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n. 4801/2010,
assunto con Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
Di gravare la relativa spesa di c 246.404,15 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa
n. 4801/2010, assunto con Decreto n. 15349 del 08.11.2010.
Di autorizzare la Ragioneria Generale, su richiesta del dirigente del Settore regionale della Protezione Civile, all’emissione
del relativo mandato di pagamento dando atto che è stata effettuata, singolarmente, la procedura di verifica con Equitalia spa
con esito negativo, come da attestazione in atti.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare le fatture:
— n. 86 del 30.11.2010 di c 49.644,00, presentata dalla Ditta
IN.CA Srl;
— n. 23 del 03.12.2010 di c 20.370,00, presentata dalla Ditta
Edil Sud Srl;
— n. 26 del 19.10.2010 di c 4.044,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
DECRETO n. 17887 del 7 dicembre 2010
L’esperienza operativa italiana dei Centri Funzionali e le
ricerche della Comunità Scientifica nel settore. Impegno di
spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
— n. 27 del 20.10.2010 di c 2.064,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
— n. 28 del 21.10.2010 di c 2.064,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
PREMESSO che il responsabile del procedimento ha accertato:
— n. 29 del 22.10.2010 di c 2.064,00, presentata dalla Ditta
Edil Scavi Snc;
— la Protezione Civile svolge tra l’altro un ruolo di previsione e di prevenzione dei rischi promuovendo una serie di attività finalizzate all’adozione di interventi diretti alla minimizzazione dell’impatto degli eventi;
— n. 30 del 15.11.2010 di c 9.721,97, presentata dalla Ditta
Edil Fabiano;
— n. 09 del 15.11.2010 di c 28.616,304, presentata dalla Ditta
Grande Ferdinando;
— n. 29 del 15.11.2010 di c 31.393,48, presentata dalla Ditta
Scordamaglia Maria e Figli Snc;
— n. 34 del 15.11.2010 di c 18.422,40, presentata dalla Ditta
La Torre Antonio;
— n. 135/A del 03.12.2010 di c 78.000,00, presentata dalla
Ditta Vincenzo Restuccia Costruzioni.
— in tema di previsione e di prevenzione rivestono un ruolo
fondamentale gli studi scientifici volti ai fenomeni ed alla definizione delle condizioni di rischio con l’utilizzo di sistemi tecnologici di raccolta e di elaborazione di informazioni che consentono di segnalare con il massimo anticipo le probabilità che si
verifichino eventi catastrofici;
— in questa ottica strumento essenziale per assolvere quelli
che sono le funzioni istituzionali di Protezione Civile rientrano i
Centri funzionali che hanno il compito di raccogliere, elaborare e
scambiare dati scientifici, in particolare meteorologici, idropluviometrici ed idraulici.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
RITENUTO opportuno creare una rete di scambio di informazioni inerenti le attività di previsione di prevenzione dei rischi
naturali ai fini di protezione civile svolte nelle altre Regioni.
VISTO che ricorre il decennale dell’evento meteorologico che
scatenò l’esondazione del Torrente Beltrame abbattendosi sul
Camping Le Giare, situato nel Comune di Soverato, provocando
la morte di tredici persone.
CONSIDERATO che
— questo Dipartimento nell’ottica dell’informazione ha promosso una giornata di studio con a conclusione un convegno
presso il teatro comunale di Soverato coinvolgendo i Centri Funzionali delle altre regioni e vari istituti di ricerca;
— per raggiungere l’obbiettivo di cui sopra sono stati richiesti
relativi preventivi di spesa ad alcune Ditte interessate:
− Agenzia Annozero – Comunicazione Eventi – Catanzaro;
− Raggio di Sole srl – Marcellinara (CZ);
− Agenzia Viaggi Guercio – Sellia Marina;
− Agenzia Viaggi Ibisco Rosso – Sellia Marina.
DATO ATTO che la suddetta somma trova copertura sul capitolo 71010202 del bilancio Regionale 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di impegnare la somma di c 11.500,00 sul capitolo 71010202
del bilancio regionale 2010, occorrente alla successiva liquidazione.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
6443
DECRETO n. 17892 del 7 dicembre 2010
Intervento della struttura Regionale Operativa di Protezione Civile nel Comune di Placanica (RC) nel mese di ottobre 2010 – Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE nei giorni 02/03 ottobre 2010, nella ricorrenza dell’apparizione di Maria SS. dello Scoglio si tiene il grande incontro di
preghiera al quale partecipano decine di migliaia di fedeli provenienti da varie regioni italiane e anche dall’estero.
CHE in tale occasione la Fondazione «Madonna dello Scoglio» ha richiesto assistenza, allo scopo di prevenire il verificarsi
di eventuali situazioni di emergenza, alla Presidenza della Giunta
Regionale.
CHE il Dipartimento della Presidenza della Giunta Regionale,
tenuto conto dell’eccezionalità dell’evento e dell’alto numero di
fedeli affluiti negli anni precedenti, ha disposto l’intervento della
struttura operativa regionale della Protezione Civile per fronteggiare i complessi aspetti della prefigurata emergenza in occasione dell’evento.
ATTESO che per lo svolgimento della manifestazione è stato
necessario attrezzare i siti individuati anche con bagni chimici.
PRESO ATTO che con nota n. 12234 del 24.09.2010, è stato
richiesto il relativo preventivo di spesa alla Ditta Eurochimica
concessionaria Sebach per la provincia di Reggio Calabria, unica
fornitrice del prodotto richiesto.
VISTO il preventivo di spesa, di c 7.200,00 del 24.09.2010
approvato dal responsabile del Procedimento.
DATO ATTO che per la spesa, pari ad c 7.200,00, si provvederà imputando la somma sul capitolo 71010202 del bilancio
regionale 2010, approvato con L.R. n. 10 del 26.02.2010, che ne
presenta la necessaria disponibilità.
RITENUTO dover procedere all’impegno della spesa.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
6444
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
TENUTO CONTO dell’eccezionalità dell’evento e dell’alto
numero delle adesioni ricevute dal comune di San Luca, questo
Settore, è intervenuto per fronteggiare i complessi aspetti della
prefigurata emergenza.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
ATTESO che per lo svolgimento della manifestazione è stato
necessario attrezzare i siti individuati con bagni chimici.
Di impegnare la relativa spesa di c 7.200,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, approvato con L.R. n. 10
del 26.02.2010, che ne presenta la necessaria disponibilità.
PRESO ATTO che con note fax del 27 agosto e del 28 settembre 2010 sono stati richiesti i preventivi di spesa alla Ditta
Sebach, unica fornitrice del prodotto richiesto, per il tramite del
concessionario della provincia di Reggio Calabria.
DECRETA
Di autorizzare la Ragioneria Generale ad effettuare l’impegno
di spesa.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare altresì atto che avverso il presente Decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa
data.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17898 del 7 dicembre 2010
Intervento della struttura Regionale Operativa di Protezione Civile nel Comune di San Luca (RC) nel mese di settembre 2010 – Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE con nota 5146/2010, il Sindaco del comune di San Luca,
ha comunicato che nella propria cittadina, in località Polsi il 01,
02 e 29 settembre si sono svolte delle importanti manifestazioni
in onore della Madonna delle Montagne, prevedendo un grosso
afflusso di persone provenienti da più parti e, pertanto, richiede
di allestire la zona con bagni chimici.
VISTI i preventivi di spesa del 30 agosto pari ad c 6.000,00
oltre IVA al 20%, e del 28 settembre 2010 pari ad c 3.000,00 oltre
IVA al 20%, approvati dal Responsabile del Procedimento.
DATO ATTO che per la spesa si provvederà imputando la
somma complessiva di c 10.800,00 sul capitolo 71010202 del
bilancio regionale 2010.
RITENUTO dover procedere all’impegno della spesa.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di impegnare la relativa spesa complessiva di c 10.800,00 sul
capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010.
Di autorizzare la Ragioneria Generale ad effettuare l’impegno
di spesa.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare altresì atto che avverso il presente Decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa
data.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 17899 del 7 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio del Comune di Cassano Ionio. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del procedimento ha accertato:
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
CHE il territorio Calabrese, a seguito delle forti ondate di maltempo che si sono abbattute nel corso di quest’anno, è stato gravemente danneggiato, sono state emesse ordinanze di sgombero
a molte famiglie che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni, la maggior parte delle strade ed autostrade sono state
chiuse ed hanno subito danni ingenti, senza contare i danni lungo
le coste sia Ionica che Tirrenica causati da forti mareggiate.
CHE il Settore Regionale Protezione Civile, di concerto con
l’Autorità di Bacino Regionale, il Settore 2 del Dipartimento
LL.PP. e con le Amministrazioni Provinciali ha avviato una puntuale ricognizione sui luoghi colpiti dagli eventi nonché una raccolta delle segnalazioni e della documentazione trasmessa dagli
enti territoriali interessati, al fine di predisporre specifici interventi di messa in sicurezza, per ripristinare lo stato dei luoghi e
rimuovere le situazioni di pericolo incombenti a salvaguardia
della pubblica e privata incolumità.
CHE la Struttura Operativa della Protezione Civile Regionale,
al fine di scongiurare la totale chiusura della strada comunale
Lauropoli – Ribecchi, nel Comune di Cassano Ionio, ha autorizzato il Sig. Sindaco ad intervenire immediatamente ad effettuare
i lavori necessari per la messa in sicurezza del sito, prevedendo
una spesa di c 70.000,00.
CONSIDERATO:
CHE la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome ha approvato il piano di riparto del Fondo Regionale di Protezione Civile istituito dall’art. 138, comma 16,
della Legge 23.12.2000, n. 388 (legge finanziaria 2001) con assegnazione alla Regione Calabria della somma di euro
8.589.108,22, per l’annualità 2007.
6445
CHE è nelle possibilità di questo Settore assegnare contributi
finalizzati ad «Interventi in emergenze diverse (eccezionali
eventi atmosferici)» per fini di protezione civile, trovando copertura sul capitolo 71010202, «Interventi urgenti di protezione civile» del bilancio regionale.
RITENUTO che, in relazione alla gravità degli eventi, si rende
necessario impegnare la somma di c 70.000,00 occorrente per le
successive liquidazioni.
PRESO ATTO che la suddetta somma trova copertura sul capitolo 71010202 «interventi urgenti di protezione civile» del bilancio Regionale 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di impegnare la relativa spesa di c 70.000,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17900 del 7 dicembre 2010
Interventi di somma urgenza per il ripristino e l’eliminazione di pericoli incombenti sul territorio del Comune di
Roggiano Gravina. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
6446
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del procedimento ha accertato:
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
CHE il territorio Calabrese, a seguito delle forti ondate di maltempo che si sono abbattute nel corso di quest’anno, è stato gravemente danneggiato, sono state emesse ordinanze di sgombero
a molte famiglie che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni, la maggior parte delle strade ed autostrade sono state
chiuse ed hanno subito danni ingenti, senza contare i danni lungo
le coste sia Ionica che Tirrenica causati da forti mareggiate.
CHE il Settore Regionale Protezione Civile, di concerto con
l’Autorità di Bacino Regionale, il Settore 2 del Dipartimento
LL.PP. e con le Amministrazioni Provinciali ha avviato una puntuale ricognizione sui luoghi colpiti dagli eventi nonché una raccolta delle segnalazioni e della documentazione trasmessa dagli
enti territoriali interessati, al fine di predisporre specifici interventi di messa in sicurezza, per ripristinare lo stato dei luoghi e
rimuovere le situazioni di pericolo incombenti a salvaguardia
della pubblica e privata incolumità.
CHE la Struttura Operativa della Protezione Civile Regionale,
al fine di scongiurare danni a cose e persone per l’aggravarsi
della situazione di pericolo in località Farneto nel Comune di
Roggiano Gravina, ha autorizzato il Sig. Sindaco ad intervenire
immediatamente ad effettuare i lavori necessari per la messa in
sicurezza del sito, prevedendo una spesa di c 50.000,00.
CONSIDERATO:
CHE la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome ha approvato il piano di riparto del Fondo Regionale di Protezione Civile istituito dall’art. 138, comma 16,
della Legge 23.12.2000, n. 388 (legge finanziaria 2001) con assegnazione alla Regione Calabria della somma di euro
8.589.108,22, per l’annualità 2007.
CHE è nelle possibilità di questo Settore assegnare contributi
finalizzati ad «Interventi in emergenze diverse (eccezionali
eventi atmosferici)» per fini di protezione civile, trovando copertura sul capitolo 71010202, «Interventi urgenti di protezione civile» del bilancio regionale.
RITENUTO che, in relazione alla gravità degli eventi, si rende
necessario impegnare la somma di c 50.000,00 occorrente per le
successive liquidazioni.
PRESO ATTO che la suddetta somma trova copertura sul capitolo 71010202 «interventi urgenti di protezione civile» del bilancio Regionale 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di impegnare la relativa spesa di c 50.000,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 17906 del 7 dicembre 2010
Uffici Settore Regionale Protezione Civile locali Ex Comalca. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del procedimento ha accertato:
CHE la Giunta Regionale con delibera n. 424 del 07.07.2007
ha autorizzato la stipula di un contratto di leasing operativo per
l’acquisizione di immobili ed aree di proprietà della società Comalca per ospitare la sede della Protezione Civile Regionale.
CHE, come comunicato con nota n. 9222 del 14.05.2010, è
stato attualmente possibile trasferire solo gli Uffici del Settore,
mentre per la Sala Operativa, il Centro Mezzi e il CAPI, si farà
fronte successivamente, e comunque, dopo aver eseguito i lavori
necessari per ospitare le attrezzature e gli automezzi.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
ACCERTATO che è necessario eseguire ulteriori lavori e forniture complementari per l’immediata ed idonea fruizione dei
locali.
PRESO ATTO che da indagini di mercato esperite attraverso
richiesta di preventivi di spesa, è necessario impegnare la somma
di c 53.000,00, occorrente per i lavori e forniture complementari.
DATO ATTO che per la spesa si provvederà imputando la
somma di c 53.000,00 sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010 approvato con L.R. n. 10 del 26.02.2010, che ne presenta la necessaria disponibilità.
RITENUTO dover procedere all’impegno della spesa.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
6447
DECRETO n. 17908 del 7 dicembre 2010
Informazione e divulgazione dei temi inerenti la protezione civile. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di impegnare la relativa spesa di c 53.000,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, che ne presenta la necessaria disponibilità.
Di autorizzare la Ragioneria Generale ad effettuare l’impegno
di spesa.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare altresì atto che avverso il presente Decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa
data.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
CHE alla luce della vigente normativa si rende quanto mai
necessaria una maggiore informazione e divulgazione dei temi
inerenti la protezione civile, nonché una maggiore sensibilizzazione sui programmi portati avanti a livello nazionale e regionale
in materia di previsione e prevenzione delle calamità naturali.
CHE l’informazione della popolazione sui grandi rischi che
possono minacciare il proprio ambiente di vita e di lavoro, oltre
ad essere un diritto previsto dalle leggi vigenti, rappresenta un
presupposto indispensabile per il buon funzionamento dei piani
di emergenza.
CHE rendere attiva e consapevole la popolazione rappresenta
la premessa indispensabile per rendere attuabili i piani di emergenza organizzati dalle Istituzioni locali, un piano di gestione
delle emergenze non funziona se non applicato su una comunità
preventivamente preparata e formata all’autoprotezione e alla
conoscenza precisa dei rischi.
CHE per raggiungere l’obbiettivo di cui sopra si rende necessario stampare degli opuscoli illustrativi, in forma di calendari,
sulle attività del settore regionale della Protezione Civile.
CHE a tal fine, sono state interessate alcune Ditte per la presentazione di idee e relative offerte, precisamente:
— Grafica Cosentina di Cosenza;
— Artemis srl di Reggio Calabria;
— Tipografia la Modernissima di Lamezia Terme (CZ);
— Grafiche Trapasso di Catanzaro;
— La Spig Sud di Lamezia Terme (CZ);
— Grafica & Stampa Monteleone di Vibo Valentia.
CHE in data 26.10.2010 presso la sede del Settore Regionale
Protezione Civile sito in Viale Europa Loc. Germaneto 88100
Catanzaro, si è proceduto all’apertura delle buste, pervenute nei
termini ed a redigere apposito verbale di gara.
PRESO ATTO dallo stesso verbale di gara che l’offerta presentata dalla Ditta Artemis srl di Reggio Calabria, per un importo
complessivo pari ad c 149.400,00 compreso IVA, è risultata la
più vantaggiosa per l’Amministrazione.
6448
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DATO ATTO che la suddetta somma trova copertura sul capitolo 71010202 del bilancio Regionale 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di approvare il verbale di gara, in atti al Settore, redatto in
data 26.10.2010, dal Responsabile del Procedimento Geom. Nicola Giancotti e dei Sigg. Pristerà Francesco e Guercio Ernesto.
Di impegnare la somma di c 149.400,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 7 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
ACCERTATA, la regolarità amministrativa contabile della documentazione presentata.
CHE, il Settore Regionale di Protezione Civile, in virtù di
quanto previsto dalla circolare n. DPC/VRE/54056 del 26/11/04
del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale,
provvede direttamente alla liquidazione delle suddette somme da
rimborsare alle Associazioni di volontariato di che trattasi, richiedendo successivamente al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile il rimborso delle somme erogate.
CHE, al pagamento dell’importo di c 1.965,00, si farà fronte
sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, che presenta
la regolare disponibilità.
VISTI gli artt. 9 e/o 10 del D.P.R. 194/2001.
VISTI l’art. 123, punto 5, della L.R. n. 34 del 12/8/2002 ed il
Regolamento Regionale 29/4/2003, n. 5 «Regolamento di attuazione dell’Albo regionale del volontariato di protezione civile».
VISTI gli artt. 28 e 30 della L.R. n. 7/1996.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999.
VISTO il decreto del Presidente della Regione n. 354 del 24
giugno 1999.
VISTO il decreto n. 206 del 15/12/2000 del Presidente della
Giunta Regionale.
VISTO l’art. 43 e 45 della legge reg.le n. 8 del 4/2/02.
VISTA la L.R. 10 del 26/2/2010.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 3/5/2010, di conferimento incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Presidenza «Avv.
Francesco Zoccali».
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14/7/2010 di conferimento incarico di Dirigente del Settore di Protezione Civile «Dott. Salvatore Mazzeo».
DECRETO n. 18018 del 9 dicembre 2010
Emergenza «No Ponte» del 19/12/2009 – Comune di Villa
San Giovanni (RC) – Rimborso spese Associazione di Volontariato – ai sensi degli artt. 9 e/o 10 del D.P.R. 194/2001. Impegno e liquidazione.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
CONSIDERATO
CHE, la Prefettura di Reggio Calabria, con nota n. 80227
dell’11/12/2009, ha chiesto l’intervento della Protezione Civile,
per la manifestazione «No Ponte», nel Comune di Villa San Giovanni (RC), per assistenza e soccorso alla popolazione, (distribuzione viveri, assistenza sociale, sanitaria e informativa).
CHE, per tale richiesta, il Settore di Protezione Civile, con
nota n. 28484 del 14/12/2010, ha attivato diverse Associazioni di
volontariato, tra queste l’Associazione A.N.P.A.N.A. di Condofuri (RC).
CHE, con nota n. 02/2010, l’Associazione sopra citata, ha trasmesso, la documentazione inerente le spese sostenute durante
l’emergenza sopra ritratta, per un totale complessivo di c
1.965,00, per come riportato nel prospetto allegato che forma
parte integrante e sostanziale del presente atto.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20/9/2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
La premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto.
Dato atto, che, la spesa rientra fra quelle previste al punto a,
del «Piano dei pagamenti 2010», approvato con delibera di
Giunta Regionale n. 620 del 20/9/2010.
Di riconoscere per le motivazioni esposte in narrativa, il debito di c 1.965,00, nei confronti dell’Associazione di volontariato A.N.P.A.N.A. Gepa di Condofuri (RC), nella misura per
come a fianco indicato, nell’allegato elenco che ne forma parte
integrante e sostanziale del presente atto.
Di impegnare la somma di c 1.965,00 sul capitolo 71010202,
dell’anno finanziario 2010 che presenta la regolare disponibilità.
Di autorizzare la Ragioneria Generale ad emettere, giusta documentazione in atti, il relativo mandato di pagamento a favore
dell’Associazione, nei modi e termini richiesti.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di liquidare la somma di c 1.965,00 sul capitolo 71010202
dell’anno finanziario 2010 che presenta la necessaria responsabilità.
Di richiedere al Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. 194/2001, la somma di c
1.965,00.
Di dare mandato al responsabile del procedimento di provvedere nei tempi minimi all’attuazione del punto precedente.
Di trasmettere il presente decreto alla competente Sezione
della Corte dei Conti, ai sensi dell’art. 23, comma 5, della legge
289/2002.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente decreto è ammesso ricorso
in sede giurisdizionale innanzi al TAR Calabria, da chiunque ne
abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e, ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 9 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
6449
CHE, al pagamento dell’importo di c 729,20, si farà fronte sul
capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, che presenta la
regolare disponibilità.
VISTI gli artt. 9 e/o 10 del D.P.R. 194/2001.
VISTI l’art. 123, punto 5, della L.R. n. 34 del 12/8/2002 ed il
Regolamento Regionale 29/4/2003, n. 5 «Regolamento di attuazione dell’Albo regionale del volontariato di protezione civile».
VISTI gli artt. 28 e 30 della L.R. n. 7/1996.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999.
VISTO il decreto del Presidente della Regione n. 354 del 24
giugno 1999.
VISTO il decreto n. 206 del 15/12/2000 del Presidente della
Giunta Regionale.
VISTO l’art. 43 e 45 della legge reg.le n. 8 del 4/2/02.
VISTA la L.R. 10 del 26/2/2010.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 3/5/2010, di conferimento incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Presidenza «Avv.
Francesco Zoccali».
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14/7/2010 di conferimento incarico di Dirigente del Settore di Protezione Civile «Dott. Salvatore Mazzeo».
DECRETO n. 18019 del 9 dicembre 2010
Emergenza Gennaio 2009 – Comune di Luzzi – Rimborso
spese Associazioni di Volontariato partecipanti ai sensi degli
artt. 9 e/o 10 del D.P.R. 194/2001. Associazione «Tutela Civium». Impegno e liquidazione.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
CONSIDERATO
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20/9/2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
La premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto.
CHE, nel mese di gennaio 2009, a seguito dell’emergenza
idrogeologica, connessa alle piogge intense abbattutesi sul versante Tirrenico in particolare nel Comune di Luzzi (CS), il Settore di Protezione Civile della Regione Calabria, ha attivato con
la nota n. 2053 del 25.1.2009, l’Associazione di volontariato
«Tutela Civium» di Luzzi (CS), per garantire attività di supporto,
ripristino della viabilità, assistenza e soccorso alla popolazione,
ricognizione e monitoraggio legate ad attività di logistica in genere.
Dato atto, che, la spesa rientra fra quelle previste al punto a,
del «Piano dei pagamenti 2010», approvato con delibera di
Giunta Regionale n. 620 del 20/9/2010.
CHE, l’Associazione di volontariato sopra richiamata, ha trasmesso con nota n. 033 del 30.4.2009, la documentazione inerente le spese sostenute durante l’emergenza sopra ritratta, per
un totale complessivo di c 729,20, per come riportato nel prospetto allegato che forma parte integrante e sostanziale del presente atto.
Di impegnare la somma di c 729,20 sul capitolo 71010202,
dell’anno finanziario 2010 che presenta la regolare disponibilità.
ACCERTATA, la regolarità amministrativa contabile della documentazione presentata.
CHE, il Settore Regionale di Protezione Civile, in virtù di
quanto previsto dalla circolare n. DPC/VRE/54056 del 26/11/04
del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale,
provvede direttamente alla liquidazione delle suddette somme da
rimborsare alle Associazioni di volontariato di che trattasi, richiedendo successivamente al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile il rimborso delle somme erogate.
Di riconoscere per le motivazioni esposte in narrativa, il debito di c 729,20, nei confronti dell’Associazione di volontariato
Tutela Civium di Luzzi (CS), nella misura per come a fianco
indicato, nell’allegato elenco che ne forma parte integrante e sostanziale del presente atto.
Di autorizzare la Ragioneria Generale ad emettere, giusta documentazione in atti, il relativo mandato di pagamento a favore
dell’Associazione, nei modi e termini richiesti.
Di liquidare la somma di c 729,20 sul capitolo 71010202 dell’anno finanziario 2010 che presenta la necessaria responsabilità.
Di richiedere al Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. 194/2001, la somma di c
729,20.
Di dare mandato al responsabile del procedimento di provvedere nei tempi minimi all’attuazione del punto precedente.
6450
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di trasmettere il presente decreto alla competente Sezione
della Corte dei Conti, ai sensi dell’art. 23, comma 5, della legge
289/2002.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente decreto è ammesso ricorso
in sede giurisdizionale innanzi al TAR Calabria, da chiunque ne
abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e, ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 9 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 18104 del 9 dicembre 2010
Servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria sistemi
informativi, hardware e software del settore regionale della
Protezione Civile – Impegno di spesa.
— il D.P.G.R. n. 354 del 24.6.1999;
— il D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000;
— l’art. 43 della legge reg. n. 8 del 4.2.02, atteso che si sono
verificate le condizioni stabilite;
— la legge reg. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14.5.07 di riordino della struttura
organizzativa della Giunta Regionale.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.9.07.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 2 – Presidenza
all’avv. Francesco Zoccali.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO che il responsabile del procedimento per l’istruttoria ha accertato:
— che con D.D.S. n. 15027 del 15.11.06 è stato approvato il
CSA e il Capitolato d’Oneri relativo al servizio di manutenzione
ordinaria e straordinaria dei sistemi informativi, hardware e software del Settore Regionale della Protezione Civile e di attivazione della procedura d’appalto di cui all’art. 125, commi 9 e 11,
del D.Lgs. n. 163/06 e s.m.i.;
— che con D.D.S. n. 4541 del 20.4.07 il servizio di che trattasi è stato definitivamente aggiudicato alla ditta The Brainwork
– che in data 23.5.07 rep. n. 12205 è stato stipulato il relativo
contratto d’appalto.
PRESO ATTO della scadenza naturale del contratto con nota
10745 del 27.05.2010 è stato comunicato alla azienda The
Brainwork che nelle more dell’approvazione del nuovo progetto
e comunque fino all’aggiudicazione della relativa gara ad evidenza pubblica per l’affidamento della gestione ordinaria e
straordinaria dei sistemi informativi, hardware e software del
Settore il proseguo del servizio finora svolto.
RITENUTO che al fine di procedere al pagamento della spesa
occorre impegnare la somma di c 32.276,16 sul capitolo
71010202 del Bilancio Regionale 2010.
VISTO la legge Regionale n. 22 del 11.08.2010, si attesta che
l’atto di spesa è compatibile con il Piano dei Pagamenti; e che la
liquidazione rientra nel «Piano dei Pagamenti» di cui alla D.G.R.
n. 620 del 22.09.2010, la cui mancata esecuzione entro l’anno
2010, costituisce causa accertata e certificata dal Dirigente del
Settore di grave danno all’amministrazione e di ulteriori rilevanti
oneri per interessi e rivalutazione.
VISTO il D.Lgs. n. 163/06.
VISTI:
— l’art. 28 e 30 della legge reg. n. 7/96;
— la D.G.R. n. 2661/1999;
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
— la premessa è parte integrante del presente atto;
— di disporre, per le motivazioni in premessa, l’impegno
della somma di c 32.276,16 per il pagamento delle rate mensili a
favore della The Brainwork srl di Catanzaro per la manutenzione
degli apparati di Protezione Civile;
— di stabilire che la spesa di c 32.276,16 trova copertura sul
capitolo 71010202, del Bilancio Regionale 2010;
— di dare atto che la liquidazione rientra nel «Piano dei Pagamenti» di cui alla D.G.R. n. 620 del 22.09.2010, la cui mancata esecuzione entro l’anno 2010, costituisce causa accertata e
certificata dal Dirigente del Settore di grave danno all’amministrazione e di ulteriori rilevanti oneri per interessi e rivalutazione;
— di autorizzare la Ragioneria Generale ad effettuare il relativo impegno di spesa;
— disporre la pubblicazione del presente atto sul B.U.R.C.;
— di dare atto che avverso il presente decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa.
Catanzaro, lì 9 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 18156 del 10 dicembre 2010
Impegno di spesa per fornitura servizi assicurativi mezzi
ed attrezzature.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
Di impegnare per le motivazioni espresse in narrativa, la
somma di c 11.480,02 sul cap. 71010202 del bilancio regionale
2010, che ne presenta la necessaria disponibilità.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 10 dicembre 2010
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE con D.D.S. n. 6634 del 30.04.2010, avente per oggetto
«Impegno di spesa per fornitura servizi assicurativi», è stato assunto l’impegno n. 2113 del 20.04.2010, per la copertura assicurativa dei mezzi assegnati in comodato d’uso gratuito alle Associazioni di Volontariato per tutto il 2010, nonché la copertura
assicurativa dei rischi per il leasing «Comalca».
CHE nel predetto impegno di spesa non è stata prevista la
copertura finanziaria delle polizze riferite alla cucina da campo
targa AB 89741 per c 4.446,38, all’autocarro Magirus targa CY
544 BY per c 6.567,71 ed al Carrello targa AE 00699 di c 465,93,
al fine di non interrompere il servizio di copertura assicurativa
per i mezzi di cui sopra, occorre disporre l’impegno di spesa
complessivo di c 11.480,02 sul cap. 71010202 del bilancio 2010,
che ne presenta la necessaria disponibilità.
RITENUTO di dovere procedere al suddetto impegno di
spesa.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
6451
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 18164 del 10 dicembre 2010
Partecipazione dal 25 al 29 novembre 2010, all’esercitazione internazionale di protezione civile TEREX 2010. Impegno di Spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE con D.P.C.M. del 12 settembre 2000 sono stati individuati i beni e le risorse finanziarie, umane, strumentali e organizzative da trasferire alle regioni ed agli enti locali per l’esercizio
delle funzioni e dei compiti amministrativi di cui all’articolo 108
del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, in materia di protezione civile.
CHE in data 10.02.2005 è stato trasferito dallo Stato alla Regione Calabria Settore Protezione Civile, il C.A.P.I. (Centro Assistenziale di Pronto Intervento) compresi i beni ivi depositati.
CHE il Dipartimento Bilancio della Regione Calabria ha istituito apposito capitolo di spesa n. 2142101 avente ad oggetto
«Spese per l’esercizio delle funzioni e compiti amministrativi
conferiti alla regione ai sensi dell’art. 108 del D. Lgs. 31.3.1998,
n. 112 (DD.PP.CC.MM. 12.9.2000, 19.12.2000 e 22.12.2000)».
CHE dal 25 al 29 novembre 2010, in Toscana tra la Garfagnana e la Lunigiana, si svolgerà l’esercitazione internazionale
di protezione civile TEREX 2010, dove sarà simulato un terremoto di magnitudo 6.4, analogo a quello che si era verificato
nella stessa zona il 7 settembre del 1920.
CHE TEREX 2010 ha l’obiettivo di verificare l’efficacia del
sistema di Protezione Civile a livello nazionale e internazionale,
in particolare, l’esercitazione mira a sperimentare la capacità di
6452
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
risposta delle componenti e delle strutture operative del Servizio
Nazionale, e la capacità dell’Europa di fronteggiare una grave
calamità attraverso l’attivazione del meccanismo europeo di protezione civile.
CHE al progetto hanno aderito cinque Paesi di cui quattro europei: Italia, Austria, Croazia, Francia, Slovenia e Federazione
Russa, i rappresentanti dei cinque Stati hanno lavorato, come
«Core Group», alla preparazione dell’esercitazione e loro
squadre di intervento ed esperti partecipano attivamente alle attività di addestramento sul territorio italiano.
CHE è intenzione del Settore Regionale di protezione civile
partecipare all’esercitazione medesima con personale tecnico ed
osservatori.
CHE per far fronte alle spese di gestione di uomini e mezzi
che parteciperanno all’esercitazione, si rende necessario impegnare la somma di c 15.000,00.
DATO ATTO che per la spesa si provvederà imputando la
somma complessiva di c 15.000,00 sul capitolo 2142101 del bilancio regionale 2010, che presenta la necessaria disponibilità.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la L.R. n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di partecipare dal 25 al 29 novembre 2010, all’esercitazione
internazionale di protezione civile TEREX 2010, dove sarà simulato un terremoto di magnitudo 6.4, analogo a quello che si
era verificato nella stessa zona il 7 settembre del 1920.
Di impegnare la relativa spesa di c 15.000,00 sul capitolo
2142101 del bilancio regionale 2010.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
DECRETO n. 18362 del 15 dicembre 2010
Servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria sistemi
informativi, hardware e software del settore regionale della
Protezione Civile – Liquidazione alla Ditta The Brainwork di
Catanzaro.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO che il responsabile del procedimento per l’istruttoria ha accertato:
— che con D.D.S. n. 15027 del 15.11.06 è stato approvato il
CSA e il Capitolato d’Oneri relativo al servizio di manutenzione
ordinaria e straordinaria dei sistemi informativi, hardware e software del Settore Regionale della Protezione Civile e di attivazione della procedura d’appalto di cui all’art. 125, commi 9 e 11,
del D.Lgs. n. 163/06 e s.m.i.;
— che con D.D.S. n. 4541 del 20.4.07 il servizio di che trattasi è stato definitivamente aggiudicato alla ditta The Brainwork;
— che in data 23.5.07 rep. n. 12205 è stato stipulato il relativo
contratto d’appalto.
PRESO ATTO della scadenza naturale del contratto con nota
10745 del 27.05.2010 è stato comunicato alla azienda The
Brainwork che nelle more dell’approvazione del nuovo progetto
e comunque fino all’aggiudicazione della relativa gara ad evidenza pubblica per l’affidamento della gestione ordinaria e
straordinaria dei sistemi informativi, hardware e software del
Settore il proseguo del servizio finora svolto.
PRESO ATTO della richiesta formulata dalla Ditta The
Brainwork con allegate le fatture n. 100 del 26.06.2010 di c
4.610,88; n. 107 del 27.07.2010 di c 4.610,88; n. 115 del
27.08.2010 di c 4.610,88; n. 134 del 27.09.2010 di c 4.610,88; n.
150 del 26.10.2010 di c 4.610,88; n. 162 del 24.11.2010 di c
4.610,88.
RITENUTO che al fine di procedere al pagamento delle fatture sopra menzionate si provvederà con l’impegno di spesa n.
5536 del 07.12.2010 di cui al D.D.G. n. 18104 del 09.12.2010.
VISTO la legge Regionale n. 22 del 11.08.2010, si attesta che
l’atto di spesa è compatibile con il Piano dei Pagamenti; e che la
liquidazione rientra nel «Piano dei Pagamenti» di cui alla D.G.R.
n. 620 del 22.09.2010, la cui mancata esecuzione entro l’anno
2010, costituisce causa accertata e certificata dal Dirigente del
Settore di grave danno all’amministrazione e di ulteriori rilevanti
oneri per interessi e rivalutazione.
VISTO il D.Lgs. n. 163/06.
VISTI:
— l’art. 28 e 30 della legge reg. n. 7/96;
— la D.G.R. n. 2661/1999;
— il D.P.G.R. n. 354 del 24.6.1999;
— il D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000;
Catanzaro, lì 10 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
— l’art. 43 della legge reg. n. 8 del 4.2.02, atteso che si sono
verificate le condizioni stabilite;
— la legge reg. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14.5.07 di riordino della struttura
organizzativa della Giunta Regionale.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.9.07.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 2 – Presidenza
all’avv. Francesco Zoccali.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
— la premessa è parte integrante del presente atto;
— di liquidare alla Ditta The Brainwork di Catanzaro le fatture sotto elencate:
1) n. 100 del 26.06.2010 di c 4.610,88;
2) n. 107 del 27.07.2010 di c 4.610,88;
3) n. 115 del 27.08.2010 di c 4.610,88;
4) n. 134 del 27.09.2010 di c 4.610,88;
5) n. 150 del 26.10.2010 di c 4.610,88;
6) n. 162 del 24.11.2010 di c 4.610,88;
— di gravare la relativa spesa di c 27.665,28 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, giusto impegno di spesa
n. 5536 del 07.12.2010, assunto con Decreto n. 18104 del
09.12.2010;
— dato atto che: ai sensi dell’art. 1 comma 533 della L. 266/
2005 l’impresa è in regola con gli adempimenti INPS ed INAIL,
per come risulta dal DURC;
— di dare atto che la liquidazione rientra nel «Piano dei Pagamenti» di cui alla D.G.R. n. 620 del 22.09.2010, la cui mancata esecuzione entro l’anno 2010, costituisce causa accertata e
certificata dal Dirigente del Settore di grave danno all’amministrazione e di ulteriori rilevanti oneri per interessi e rivalutazione;
— di dare atto che è stata effettuata la «procedura di verifica»
di cui al D.M. 18.1.08 n. 40 con esito negativo riportando la
dicitura Non Inadempiente, come da attestazione rilasciata in
data 10.12.2010, da Equitalia spa, in atti;
— disporre la pubblicazione del presente atto sul B.U.R.C.;
— di dare atto che avverso il presente decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa.
Catanzaro, lì 15 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
6453
DECRETO n. 18363 del 15 dicembre 2010
L’esperienza operativa italiana dei Centri Funzionali e le
ricerche della Comunità Scientifica nel settore. Liquidazione
Fatture.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
— la Protezione Civile svolge tra l’altro un ruolo di previsione e di prevenzione dei rischi promuovendo una serie di attività finalizzate all’adozione di interventi diretti alla minimizzazione dell’impatto degli eventi;
— in tema di previsione e di prevenzione rivestono un ruolo
fondamentale gli studi scientifici volti ai fenomeni ed alla definizione delle condizioni di rischio con l’utilizzo di sistemi tecnologici di raccolta e di elaborazione di informazioni che consentono di segnalare con il massimo anticipo le probabilità che si
verifichino eventi catastrofici;
— in questa ottica strumento essenziale per assolvere quelli
che sono le funzioni istituzionali di Protezione Civile rientrano i
Centri funzionali che hanno il compito di raccogliere, elaborare e
scambiare dati scientifici, in particolare meteorologici, idropluviometrici ed idraulici;
— questo Dipartimento nell’ottica dell’informazione ha promosso una giornata di studio con a conclusione un convegno
presso il teatro comunale di Soverato coinvolgendo i Centri Funzionali delle altre regioni e vari istituti di ricerca.
VISTO il D.D.S. n. 17887 del 07/12/2010, avente per oggetto
«L’esperienza operativa italiana dei Centri Funzionali e le ricerche della Comunità Scientifica nel settore. Impegno di spesa»
con il quale è stato assunto l’impegno n. 5403/2010.
ACCERTATO che le Ditte incaricate per l’esecuzione del servizio hanno regolarmente effettuato quanto ordinato.
RITENUTO, pertanto, di dover procedere alla liquidazione
delle relative fatture presentate:
1. n. 74 del 15/11/2010 di c 4.500,00 emessa dall’Agenzia
AnnoZero;
2. n. 44 del 2/12/2010 di c 4.480,00 emessa da Raggio di
Sole;
3. n. 119 del 09/12/2010 di c 2.520,00 emessa da Agenzia
Viaggi Guercio.
6454
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DATO ATTO che per la spesa si provvederà gravando la
somma di c 11.500,00 sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa n. 5403/2010, assunto con
Decreto n. 17887 del 7/12/2010.
VISTO l’art. 45 della L.R. 8/2002.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la L.R. n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di liquidare le fatture n. 74 del 15/11/2010 di c 4.500,00
emessa dall’Agenzia AnnoZero, n. 44 del 2/12/2010 di c
4.480,00 emessa da Raggio di Sole, n. 119 del 09/12/2010 di c
2.520,00 emessa da Agenzia Viaggi Guercio.
Di gravare la relativa spesa di c 11.500,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, giusta impegno di spesa
n. 5403/2010, assunto con Decreto n. 17887 del 07/12/2010.
Di autorizzare la Ragioneria Generale, su richiesta del dirigente del Settore regionale della Protezione Civile, all’emissione
dei relativi mandati di pagamento.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 15 dicembre 2010
vizio di assistenza tecnica specialistica poteva essere affidato alla
L.A.T. di Reggio Calabria, ditta che esegue in Calabria l’assistenza tecnica delle reti radio di propria realizzazione;
— che, con D.D.S. n. 18661 del 19.10.2009, il servizio di
assistenza tecnica specialistica sulla suddetta rete radio è stato
aggiudicato alla ditta L.A.T., impresa dotata dei necessari requisiti di competenza ed affidabilità, poiché già esecutrice del servizio di assistenza tecnica sulle reti radio realizzate da SELEX
nel territorio della Regione Calabria, nonché in grado di garantire pronto e tempestivo intervento, per far fronte alle urgenze
connaturate alla gestione delle emergenze, avendo sede nel comune di Reggio Calabria;
— che in data 31.10.2010 è terminato il periodo di incarico
dell’assistenza tecnica della ditta L.A.T.;
— che con nota n. 21364 del 08.11.2010 è stata richiesta alla
suddetta ditta un’offerta per l’assistenza tecnica di secondo livello per la durata di un anno, utilizzando la procedura negoziata
di cui all’art. 57, comma 2 lettera b), del D.Lgs. n. 163/06 e
s.m.i.;
— che con nota del 09.11.2010, la ditta L.A.T. ha trasmesso
la propria offerta di prestazioni tecniche specialistiche di manutenzione per le reti simulcast della Protezione Civile della Regione Calabria, per un importo annuo di c 50.000,00 oltre I.V.A.
per complessivi n. 80 interventi su tutto il territorio regionale e
10 giornate di affiancamento e supporto tecnico al personale del
laboratorio radio, con fatturazione trimestrale;
— che l’ing. Libero Cannarozzi, consulente del Dipartimento
della Presidenza in materia di radiocomunicazioni, con nota del
25.11.2010, ha espresso in forma analitica il parere di congruità
sull’offerta presentata dalla ditta L.A.T.;
— che la relativa spesa c 60.000,00 compreso I.V.A. trova
sufficiente disponibilità sul cap. 71010202 del bilancio 2010.
VISTI:
— il D.Lgs. n. 163/06 e s.m.i.;
— l’art. 28 e 30 della legge reg. n. 7/96;
— la D.G.R. n. 2661/1999;
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
— il D.P.G.R. n. 354 del 24.6.99;
— il D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000;
— la legge reg. n. 4/97;
DECRETO n. 18437 del 20 dicembre 2010
— l’art. 43 della legge reg. n. 8/02;
Impegno di spesa manutenzione rete radio di emergenza
della Protezione Civile, affidamento ditta L.A.T. di Reggio
Calabria.
— la legge reg. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14.5.07 di riordino della struttura
organizzativa della Giunta Regionale.
PREMESSO:
— che il Settore della Protezione Civile per far fronte alle
esigenze di radiocomunicazione in emergenza, dispone di una
rete radio isofrequenziale sincrona fornita dalla ditta SELEX;
— che la suddetta ditta, essendo scaduto il periodo di garanzia, con nota n. 5239 del 24.6.09, ha comunicato che il ser-
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.9.07.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale del Dipartimento della Presidenza.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010 di conferimento incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
— di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende integralmente trascritto;
— di impegnare la relativa spesa di c 60.000,00 compreso
I.V.A. sul cap. 71010202 del bilancio 2010, che ne presenta adeguata disponibilità;
— di affidare per un anno alla ditta L.A.T. con sede in Via F.
Baracca, 1/19 Reggio Calabria, il servizio di assistenza tecnica
specialistica di manutenzione per le reti radio simulcast della
Protezione Civile della Regione Calabria;
— di provvedere alla liquidazione della spesa di cui sopra
con atto separato;
— di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto
A del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del
20.09.2010;
— di disporre la pubblicazione del presente provvedimento
sul BURC.
Catanzaro, lì 20 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 18453 del 20 dicembre 2010
Installazione e realizzazione di un sistema locale di allertamento sul bacino del torrente Budello nel Comune di Gioia
Tauro. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
6455
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
CHE il territorio Calabrese, a seguito delle forti precipitazioni
che si sono abbattute nei primi giorni del mese di novembre
2010, è stato gravemente danneggiato, sono state emesse ordinanze di sgombero ad alcune famiglie che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni, nonché la chiusura di alcune strade di
primaria importanza per la viabilità.
CHE la Giunta regionale con proprie deliberazioni, ha richiesto al Governo Nazionale la dichiarazione dello stato di
emergenza ai sensi dell’art. 5 della legge 225/1992, per gli eventi
alluvionali e di dissesto idrogeologici, che hanno colpito il territorio regionale.
CHE con DPCM del 5.11.2010 è stato dichiarato lo stato
d’emergenza inerente gli eventi alluvionali occorsi nella Regione
Calabria.
CHE nelle more della realizzazione di interventi strutturali di
sistemazione del torrente Budello e di difesa delle aree allagabili
latistanti occorre realizzare un sistema locale di allertamento su
base idro-pluviometrica in tempo reale.
CHE in data 9 Novembre u.s. è stato effettuato un sopralluogo
operativo presso i comuni di Gioia Tauro e Rizziconi da parte di
un gruppo tecnico composto da funzionari della Protezione Civile Regionale e del Centro Funzionale Multirischi della Regione
Calabria, accompagnati dal Sindaco di Gioia Tauro e dal capo
ufficio tecnico comunale, dove sono state constatate le diverse
criticità di tipo idraulico e idrogeologico presenti lungo il corso
d’acqua denominato Budello, che attraversa i territori dei comuni citati.
CHE con nota 22234 del 17.11.2010, è stato richiesto alla
Ditta CAE, già fornitrice del servizio di manutenzione ed installazione dei sistemi di allertamento, giusto contratto n. 11047 del
28.11.06, di voler proporre, con l’urgenza che il caso richiede, un
preventivo di spesa per la fornitura chiavi in mano di un sistema
di monitoraggio ed allerta comprensivo di tutte le forniture hardware e software.
CHE in data 18.11.2010, la Ditta CAE ha presentato l’offerta
L/1115-1072 per la fornitura, installazione e realizzazione di sistema locale di allertamento sul bacino del Torrente Budello nel
comune di Gioia Tauro per un importo di c 197.880,00 IVA inclusa.
CONSIDERATO:
CHE la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome ha approvato il piano di riparto del Fondo Regionale di Protezione Civile istituito dall’art. 138, comma 16,
della Legge 23.12.2000, n. 388 (legge finanziaria 2001).
CHE è nelle possibilità di questo Dipartimento intervenire immediatamente in emergenze diverse come quelle di eccezionali
eventi atmosferici per fini di protezione civile, trovando copertura sul capitolo 71010202, «Interventi urgenti di protezione civile» del bilancio regionale.
RITENUTO che, in relazione alla gravità degli eventi, si rende
necessario impegnare la somma c 197.880,00 occorrente per la
realizzazione di che trattasi.
6456
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
PRESO ATTO che la suddetta somma trova copertura sul capitolo 71010202 «interventi urgenti di protezione civile» del bilancio Regionale 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di impegnare la somma di c 197.880,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010, occorrente per la fornitura chiavi in mano di un sistema di monitoraggio ed allerta comprensivo di tutte le forniture hardware e software.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 20 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 18456 del 20 dicembre 2010
Concessione contributo al Comune di Trebisacce per attività di protezione civile del COM di cui al protocollo d’intesa
con «l’Associazione Volontari Protezione Civile». Impegno
di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE la Regione Calabria – Settore Regionale della Protezione
Civile ha realizzato due progetti per la fornitura di dotazioni e
mezzi ai 64 Centri Operativi Misti costituiti sul territorio regionale, con le risorse finanziarie del Fondo regionale di Protezione
Civile.
CHE con ulteriore progetto è stata realizzata la dotazione di
apparati radio ai suddetti COM al fine di consentire appositi collegamenti con la rete radio regionale di P.C. per la gestione delle
emergenze e con la Sala Operativa regionale.
CHE è interesse primario del Settore Regionale della P.C. rendere operativi i citati COM che devono svolgere attività ordinarie (popolamento della banca dati, aggiornamento dei piani
d’emergenza del Comune sede del COM e dei Comuni afferenti,
presidio del territorio, ecc.) ed attività straordinarie in caso di
emergenza.
CHE nelle more di adozione di apposite linee guida da parte
della Giunta Regionale, si è ritiene opportuno, in via sperimentale, coinvolgere, nelle attività dei COM, le Associazioni di Volontariato che, stante le fisiologiche difficoltà degli Enti Locali
nel presidiare le sedi dei COM stessi, possono assicurare una
fattiva collaborazione a supporto dei responsabili delle protezioni civili locali.
CHE in tale ottica, in via sperimentale, sono stati concessi al
Comune di Trebisacce, sulla base di protocolli d’intesa con la
locale «Associazione Volontari di Trebisacce», un contributo di
c 20.000,00 per l’anno 2008/2009 (D.D.S. n. 3439 del 2.4.08) ed
un contributo di c 30.000,00 per l’anno 2009/2010 (D.D.S. n.
9650 del 1.6.09), per svolgere una serie di attività di protezione
civile sia nella sede del COM che nei 15 Comuni afferenti.
CHE l’«Associazione Volontari di Trebisacce», al termine
delle attività sperimentali di ciascun anno ha presentato una relazione-consuntivo di tutte le attività svolte.
CHE dette relazioni hanno evidenziato l’importanza strategica
delle attività di protezione civile del COM dimostrando efficacemente che la sperimentazione sostenuta dalla Protezione Civile
regionale, nella fattispecie, ha prodotto risultati significativi nell’ambito degli obiettivi che si erano prefissati.
CHE il Comune di Trebisacce, con nota n. 7064 del 20.7.2010,
ha richiesto nuovamente la concessione di un contributo per il
prosieguo delle attività di cui sopra.
RITENUTO pertanto, sulla base dei risultati raggiunti nel periodo di sperimentazione biennale sopra descritto, di potere confermare la concessione di un contributo al Comune di Trebisacce
a sostegno delle attività contemplate nel sopra citato protocollo
d’intesa che costituirà un modello operativo da recepire nelle
linee guida regionali.
RITENUTO infine di potere concedere al Comune di Trebisacce, per le finalità sopra descritte, un contributo per anni due di
c 30.000,00/anno, a valere sul Fondo Regionale di Protezione
Civile, capitolo 71010202 del bilancio 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la
propria competenza.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6457
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
RITENUTO di dover riconoscere il debito del Settore regionale della Protezione Civile alla Corte dei Conti per l’importo di
c 275,56 iva inclusa e di dover provvedere al relativo pagamento
di che trattasi.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
DATO ATTO che per la spesa, pari ad c 275,56 iva inclusa, si
provvederà imputando la somma sul capitolo 32010135 del bilancio 2010.
DECRETA
Di concedere, per le motivazioni in premessa indicate, al Comune di Trebisacce un contributo di c 60.000,00 a sostegno delle
attività di protezione civile del proprio COM disciplinate dal
protocollo d’intesa approvato con Delibera n. 105 del 15.7.2010.
Di dare atto che la spesa complessiva di c 60.000,00, trova
copertura sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010, che
presenta adeguata copertura.
Di autorizzare la Ragioneria Generale ad effettuare l’impegno
di spesa.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare altresì atto che avverso il presente Decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da
chiunque ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa
data.
Catanzaro, lì 20 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 18458 del 20 dicembre 2010
Pagamento canone idrico, per l’anno 2008, rimborso alla
Corte dei Conti di Catanzaro – Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE
Il Responsabile del procedimento competente per l’istruttoria
ha accertato:
PREMESSO:
RITENUTO di dover procedere, conseguentemente, all’impegno delle somme occorrenti per il pagamento pro quota della
cartella di pagamento sopra richiamata.
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996 recante
Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla Dirigenza Regionale e successive modificazioni.
VISTA la Deliberazione Giunta Regionale n. 2661 del 21/06/
1999 recante Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R.
7/96 e dal D.Lgs 29/93 e successive integrazioni e modificazioni.
VISTA la D.G.R. n. 2661/1999.
VISTA la D.P.G.R. n. 354/99 e n. 206/2000.
VISTA la legge regionale n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
VISTO l’articolo 43 della Legge Regionale n. 8/2002, ed atteso che sono verificate le condizioni ivi stabilite.
VISTO l’art. 125 del D.L.vo 163/2006 e s.i.m.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28/09/07 di modifica della struttura organizzativa della Giunta Regionale.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 2 – Presidenza
all’avv. Francesco Zoccali.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla correttezza e regolarità tecnica.
DECRETA
La premessa è parte integrante e sostanziale del presente atto.
CHE il Comune di Catanzaro, Servizio acquedotto, ha inviato
alla Sezione regionale di controllo per la Calabria della Corte dei
Conti, la cartella di pagamento n. 09031 del 13.05.2010, relativa
al pagamento del canone idrico dell’anno 2008 per un importo di
c 826,68 afferenti ai consumi registrati al medesimo stabile della
Regione Calabria.
Di impegnare la spesa di c 275,56 iva inclusa, sul capitolo
32010135 del bilancio 2010, che presenta la necessaria disponibilità.
CHE lo stesso stabile è occupato per 2/3 dalla Corte dei Conti
e per 1/3 dal Centro Funzionale regionale, a suo tempo dipendenza del Settore Regionale della Protezione Civile.
Dare atto che la liquidazione rientra nel «Piano dei Pagamenti» di cui alla D.G.R. n. 620 del 22.09.2010, la cui mancata
esecuzione entro l’anno 2010, costituisce causa accertata e certificata dal Dirigente del Settore di grave danno all’amministrazione e di ulteriori rilevanti oneri per interessi e rivalutazione.
CHE la Corte dei Conti, al fine di evitare interessi moratori, ha
provveduto al pagamento dell’importo integrale della fattura riferito all’anno 2008, comprendenti anche la quota spettante all’Ufficio regionale.
Di autorizzare la Ragioneria Generale ad effettuare l’impegno
di spesa.
Di trasmettere il presente provvedimento alla Corte dei Conti
di Catanzaro.
6458
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di autorizzare la pubblicazione del presente provvedimento
sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Di dare atto che avverso il presente decreto è ammesso ricorso
in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque abbia
legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e ricorso al
Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa.
Catanzaro, lì 20 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 18895 del 29 dicembre 2010
Legge Regionale n. 31/75 s.m.i. – Legge 109/94 s.m.i. –
D.lgs. 163/2006 (Codice dei contratti). O.P.C.M. n. 2469/96
Dipartimento Protezione Civile. Comune di Crotone – Intervento n. 9/12abc. Lavori di realizzazione dello scolmatore
Papaniciaro con attraversamenti stradali, FF.SS. ed Anas.
Nomina Responsabile Unico del Procedimento.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la L.R. n. 31/75 e s.m.i.
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
VISTA la legge n. 109/94 e s.m.i.
VISTO il D.lgs. n. 163 del 12.04.2006.
VISTO il D.P.R. 21.12.1999 n. 554 (Vigente regolamento di
attuazione della legge quadro n. 109/94 e s.m.i.).
VISTO il Decreto n. 354 del 21 giugno 1999 del Presidente
della Regione, che riguarda la separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTA l’Ordinanza n. 458 del 29/12/2004 del Presidente della
Giunta Regionale, nella sua qualità di Commissario Delegato per
l’attuazione delle OO.MM. n. 2469 e 2478 del 1996, con la quale
è stato disposto, a far data dal 01/01/2005, il passaggio alla gestione ordinaria degli interventi infrastrutturali in corso di esecuzione o di completamento di cui alle predette OO.MM., trasferendone le competenze al Dipartimento Regionale Lavori Pubblici ed Acque, nonché il trasferimento dei fondi residui,
accreditati sul conto unico di contabilità speciale n. 1759 presso
la Banca d’Italia, sul Capitolo n. 2141231 del Bilancio della Regione Calabria.
VISTO il Decreto n. 5593 del 11/04/2005 del D.G. del Dipartimento Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della
Casa, con il quale il Settore 32 del medesimo Dipartimento è
stato incaricato, con decorrenza 01/01/2005, della gestione ordinaria degli interventi di cui alle OO.MM. n. 2469/96 e n. 2478/96
in corso di esecuzione e fino al loro completamento.
VISTA la disposizione del Dirigente Generale alla Presidenza
n. 1192 del 17/02/2006 con la quale è stato disposto che le competenze del Capitolo n. 2141231 del Bilancio regionale, siano
attribuite al Dipartimento della Presidenza, Settore Protezione
Civile.
VISTO il decreto n. 4273 del 12.04.2006 del Dirigente Generale del Dipartimento n. 2 Presidenza della Giunta Regionale, col
quale è stata trasferita allo stesso dipartimento la competenza
della gestione in contabilità ordinaria degli interventi infrastrutturali di emergenza di cui alle OO.MM. n. 2469/96 e n. 2478/96.
VISTA la nota di precisazione n. 404/GAB. del 23/01/2007
del Presidente della Giunta Regionale.
VISTO il Piano – 4a rimodulazione – degli interventi infrastrutturali e di emergenza per Crotone di cui all’O.P.C.M. n. 2469
del 19.11.1996 – Dipartimento della Protezione Civile, adottato
con Ordinanza Commissariale n. 136/K del 26.07.1999 ed in relazione al quale il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale ha comunicato la propria presa d’atto in data 16.09.1999
con nota n. 32847.
VISTO che in tale programma è compreso l’intervento n.
9/12abc, denominato «Lavori di realizzazione dello scolmatore
Papaniciaro con attraversamenti stradali, FF.SS. ed Anas» in
Crotone, per l’importo complessivo di c 11.660.839,13, con Ente
attuatore la Regione Calabria e finanziamento gravante sulle risorse finanziarie messe a disposizione con la legge 30.03.1998 n.
61, art. 17.
VISTA l’Ordinanza Commissariale n. 303/k del 14.05.2003
con la quale è stato approvato il progetto esecutivo dei lavori
sopra indicati e, contestualmente, è stata dichiarata la pubblica
utilità e l’urgenza ed indifferibilità delle opere.
VISTA l’Ordinanza n. 290/UCD del 13.08.2003 con cui i lavori sono stati definitivamente aggiudicati all’Impresa «General
Costruzioni – Società Consortile a r.l.» con sede in Catanzaro.
VISTO il contratto d’appalto del 19.11.2003 n. 21125 di rep.,
col quale i lavori in questione sono stati affidati all’impresa «General Costruzioni – Società Consortile a r.l.» con sede in Catanzaro per l’importo di c 7.317.832,37 comprensivo per gli oneri
della sicurezza ed al netto del ribasso prefissato del 10%.
VISTA l’Ordinanza Commissariale n. 339/k del 29.10.2003 di
rimodulazione del quadro economico con la quale è stato rettificato il quadro economico del progetto ed approvato il quadro
economico redatto in seguito alla gara d’appalto dei lavori sopraindicati.
VISTO il verbale di consegna redatto dalla Direzione Lavori
in contraddittorio con il rappresentante legale dell’Impresa precitata, da cui risulta l’avvenuto definitivo inizio dei lavori con
decorrenza 11.02.2004.
VISTI i verbali di sospensione redatti dalla Direzione Lavori
con i quali, i lavori in argomento, sono stati sospesi per tre volte
ed in ultimo, a decorrere dal 12.07.2006, da cui non hanno più
avuto prosieguo, a causa del ritrovamento, dopo una preliminare
campagna scavi per lo scortecciamento del suolo seguita dal-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
l’Ufficio Scavi di Crotone per conto della Soprintendenza Archeologica, di una «ricchissima stratigrafia» con reperti di particolare interesse e significato ricollegabili ad epoca risalente al
VIo secolo A.C., per la cui salvaguardia si rende necessaria la
modifica progettuale del tracciato del corso d’acqua.
CONSIDERATO che per effetto dei predetti ritrovamenti archeologici non è stato più possibile procedere con l’esecuzione
dei lavori secondo il tracciato previsto nel progetto originario, e
si è dovuto, pertanto, addivenire alla risoluzione del contratto di
appalto.
6459
DECRETO n. 18899 del 29 dicembre 2010
Contributo al comune di Vazzano (VV) per l’organizzazione del Campo Scuola d’addestramento di Protezione Civile.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO l’art. 30 della L.R. n. 7/96.
VISTA la D.G.R. n. 631 del 28.09.2007 di Riorganizzazione
del Settore Regionale della Protezione Civile.
VISTO l’atto di recesso dal contratto ai sensi dell’art. 134 del
D.lgs. n. 163/2006, adottato con provvedimento n. 3031/Gab. del
28.05.2009.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 03.05.2010 di conferimento incarico all’Avv. Francesco Zoccali di Dirigente Generale della Presidenza.
VISTO il D.D.S. n. 15232 del 04.11.2010 di approvazione
dell’accordo bonario transattivo e di liquidazione delle riserve.
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14.07.2010, di conferimento
incarico di Dirigente del Settore n. 4 Protezione Civile al Dott.
Salvatore Mazzeo.
CONSIDERATO che dovendosi procedere ad una nuova progettazione dell’intervento infrastrutturale in questione, al suo appalto ed esecuzione, occorre provvedere, ai sensi dell’art. 7 della
legge 109/94, del D.P.R. n. 554/99 e dell’art. 10 del D.lgs. n.
163/2006, alla nomina di un Responsabile Unico del Procedimento.
RITENUTO:
— che l’incarico di Responsabile Unico del Procedimento,
per l’intervento di che trattasi, può essere affidato al Geom. Nicola Giancotti, Funzionario Regionale in servizio presso il Settore Protezione Civile della Regione Calabria;
— che l’individuazione del Responsabile Unico del Procedimento nella persona del predetto dipendente regionale, è motivata dalla sua conoscenza dell’intervento in questione, nonché
degli altri compresi nel piano di attuazione dell’O.P.C.M. n.
2469/96.
A termini delle vigenti disposizioni legislative.
DECRETA
Di nominare, per i motivi in narrativa ed ai sensi del vigente
D.lgs. 12.04.2006, n. 163 (Codice dei contratti), il Geom. Nicola
Giancotti, Funzionario regionale in servizio presso il Settore Protezione Civile della Regione Calabria, quale Responsabile Unico
del Procedimento per la nuova progettazione, appalto ed esecuzione dei lavori, nel comune di Crotone, denominati «Costruzione Scolmatore Papaniciaro, con attraversamenti stradali,
FF.SS. ed ANAS», intervento n. 9/12 abc del Piano di attuazione
dell’Ordinanza n. 2469/96 della Presidenza del Consiglio dei
Ministri – Dipartimento della Protezione Civile.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
PREMESSO che il Responsabile del Procedimento ha accertato:
CHE com’è noto, l’attività del Sistema di Protezione Civile in
ambito regionale riveste, per le comunità, particolare importanza
ai fini della tutela dell’integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente, dai danni derivanti dal verificarsi di calamità naturali o altri eventi eccezionali.
CHE considerevoli sono le competenze affidate alla Regione
dalla Legge n. 225/92 istitutiva del «Servizio Nazionale di Protezione Civile», nonché dall’art. 108 del Decreto Legislativo n.
112/98 che definisce, ai diversi livelli (Nazionale, Regionale,
Provinciale e Comunale), compiti e funzioni del sistema di protezione civile.
CHE con nota del 26.10.2010 il comune di Vazzano ha fatto
richiesta di un contributo per allestire un campo scuola per l’addestramento di protezione civile denominata «Subsicinum» in
collaborazione con la Croce Rossa Italiana, l’Università degli
studi di Catanzaro Magna Grecia, ed il 118 di Vibo Valentia.
CHE il settore regionale di Protezione Civile, nel manifestare
l’apprezzamento per le finalità dell’iniziativa, ha espresso l’intenzione di sostenere l’iniziativa, che rappresenta un valido momento di incontro, di confronto, di formazione e di addestramento per le componenti operative del sistema di protezione civile regionale, riconoscendo un contributo di c 6.000,00.
CHE nell’occasione si avrà modo di sperimentare parte del
modulo base della Colonna Mobile Nazionale delle Regioni che
prevede un campo per l’assistenza di 250 persone.
DATO ATTO che per la spesa si provvederà imputando la
somma di c 6.000,00 sul capitolo n. 71010202 del bilancio regionale 2010.
VISTO l’art. 43 della L.R. 8/2002.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010.
VISTA la L.R. n. 34 del 2002 e s.m.i., ritenuta la propria competenza.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità tecnica.
6460
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO il D.P.R. 194/2001 ed in particolare l’art. 10.
DECRETA
Di confermare quanto indicato in premessa che qui si intende
integralmente trascritto.
Di dare atto che la spesa rientra tra quelle previste al punto A
del piano dei pagamenti di cui alla D.G.R. n. 620 del 20.09.2010.
Di impegnare la relativa spesa di c 6.000,00 sul capitolo
71010202 del bilancio regionale 2010.
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria da chiunque
ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e
ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa data.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Il Dirigente
Dott. Salvatore Mazzeo
DECRETO n. 18901 del 29 dicembre 2010
Impegno – emergenza idrogeologica del 7 e 17 febbraio
2010 – nel Comune di Cervicati e Mongrassano (CS) – Rimborso spese Associazione «Nucleo Emergenze» volontari – ai
sensi dell’art. 10 del D.P.R. 194/2001.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
CONSIDERATO
CHE, a seguito delle avversità e continue condizioni idrogeologiche, che hanno provocato diverse frane e dissesti, nel comune di Cervicati e Mongrassano (CS), si è resa indispensabile
la presenza di volontari per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità del territorio.
CHE, con le note n. 2119 del 7/2 e n. 3084 del 17/2/2010, la
Sala Operativa del Settore di Protezione Civile, ha attivato l’Associazione Nucleo Emergenze volontari di Cervicati e Mongrassano (CS), per l’emergenza sopra descritta.
VISTI l’art. 123, punto 5, della L.R. n. 34 del 12/8/2002 ed il
Regolamento Regionale 29/4/2003, n. 5 «Regolamento di attuazione dell’Albo regionale del volontariato di protezione civile».
VISTI gli artt. 28 e 30 della L.R. 7/1996.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999.
VISTO il decreto del Presidente della Regione n. 354 del 24
giugno 1999.
VISTI gli artt. 43 della legge reg.le n. 8 del 4/2/02.
VISTA la L.R. 10 del 26/2/2010.
VISTO il D.P.G.R. n. 98 del 3/5/2010 di conferimento incarico di Direttore Generale del Dipartimento Presidenza «avv.
Francesco Zoccali».
VISTO il D.P.G.R. n. 214 del 14/7/2010 di conferimento incarico a Dirigente del Settore di Protezione Civile «Dott. Salvatore
Mazzeo».
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20/9/2010.
SU proposta del Responsabile del Procedimento che ha
espresso parere favorevole sulla coerenza e regolarità amministrativa.
DECRETA
La premessa, costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto;
— dato atto, che, la spesa rientra fra quelle previste al punto
a), «del Piano dei pagamenti 2010», approvato con delibera n.
620 del 20/9/2010;
— di dare atto, che l’importo del rimborso spesa da riconoscere, ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. 194/2001, all’Organizzazione di volontariato è di c 1.887,40 come da scheda allegata;
— di impegnare, la somma di c 1.887,40 sul capitolo
71010202, dell’anno finanziario 2010 che presenta la necessaria
disponibilità;
CHE, con nota acquisita agli atti di questo Settore in data 20/
10/2010 al prot. n. 19850, la stessa Associazione con nota n. 15
dell’1/6/2010, rimetteva documentazione relativa alle spese sostenute durante l’emergenza per un importo pari ad c 1.887,40,
per come descritto nell’allegato che forma parte integrante e sostanziale del presente atto.
— di richiedere, al Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, in virtù della circolare sopra menzionata, il rimborso
della suddetta somma di c 1.887,40;
CHE, il Settore Regionale di Protezione Civile, in virtù di
quanto previsto dalla circolare n. DPC/VRE54056 del 26/11/04
del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale,
provvede direttamente alla liquidazione delle suddette somme da
rimborsare all’Organizzazione di volontariato di che trattasi, richiedendo successivamente allo stesso Dipartimento il rimborso
delle somme erogate.
— di disporre, la pubblicazione del presente provvedimento
sul BURC;
ACCERTATA, la regolarità amministrativa contabile della documentazione presentata.
CHE, al pagamento dell’importo di che trattasi si può far
fronte sul capitolo 71010202 del bilancio regionale 2010 che
presenta la regolare disponibilità.
— di dare mandato, al responsabile del procedimento di provvedere nei tempi minimi all’attuazione del punto precedente;
— di dare atto che avverso il presente Decreto è ammesso
ricorso in sede giurisdizionale innanzi al Tar Calabria, da
chiunque ne abbia legittimo interesse entro 60 giorni dalla conoscenza e, ricorso al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla stessa
data.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Salvatore Mazzeo
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Dipartimento n. 3
PROGRAMMAZIONE
NAZIONALE E COMUNITARIA.
DECRETO n. 221 del 19 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013 – Asse IX «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale» – Obiettivo Operativo
9.1.1.1.1 Linea di Intervento 9.1.1 Operazione 9.1.1.1.1 «Nomina componenti Segreteria Tecnica dell’Autorità di Gestione» periodo 1/1/2011-31/3/2011.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE
— la Linea di intervento 9.1.1.1 «Supporto all’Autorità di
Gestione, al Comitato di Coordinamento del Programma, ai Responsabili degli assi/settori Prioritari nella realizzazione delle attività di coordinamento e gestione del POR» dell’Asse IX «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale» del POR Calabria FESR 2007/2013 contempla la costituzione della Segreteria
Tecnica dell’Autorità di Gestione del Programma medesimo;
— con deliberazione n. 570 del 24/8/2009 la Giunta Regionale ha disposto di:
i Responsabili degli Assi Prioritari nella realizzazione delle attività di programmazione operativa, coordinamento, gestione, monitoraggio, controllo e valutazione del POR;
— la Linea di Intervento 9.1.1.1 del POR Calabria 2007/2013
prevede il supporto alle attività di competenza dell’Autorità di
Gestione ai sensi dell’art. 60 del Regolamento 1083/2006;
— il Documento di attuazione dell’Asse IX «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale» del POR Calabria FESR
2007/2013, approvato dal Comitato di coordinamento del Programma medesimo con procedura di consultazione scritta conclusasi positivamente con nota n. 4801 del 15/9/2009 e dalla
Giunta regionale con deliberazione n. 629 del 21/9/10, contempla tra le operazioni ammissibili al cofinanziamento comunitario a valere sulla Linea di Intervento 9.1.1.1, l’operazione
9.1.1.1.1 denominata «Segreteria Tecnica dell’Autorità di Gestione» con decorrenza 1/1/2010 e fino al 31/12/2015 per un
costo complessivo riferito all’intero periodo stimato in c
1.493.133,00.
RITENUTO DI
— approvare la composizione della Segreteria Tecnica dell’Autorità di Gestione per il periodo 1/1/2011-31/3/2011, secondo il prospetto di seguito riportato e di procedere alla nomina
dei dipendenti ivi elencati:
Cognome Nome
− istituire nell’ambito del Dipartimento Programmazione
Nazionale e Comunitaria – Autorità di Gestione del POR Calabria FESR 2007/2013 una Segreteria Tecnica a cui affidare lo
svolgimento dei compiti connessi alle attività di competenza dell’Autorità di Gestione previsti dai regolamenti comunitari, dal
POR FESR 2007/2013 e dalla Descrizione del Sistema di Gestione e Controllo del Programma, composta da n. 8 (otto) unità
di personale, riconducibile alle strutture ausiliarie di cui all’art.
5, lett. b), della Legge regionale n. 7/96;
6461
categoria
Dolce Albino − Matr. 274265
B
Fiocca Pierino – Matr. 306100
C
Mancini Claudio – Matr. 473350
D
Mittaridonna Giuseppina – Matr. 551960
C
− riconoscere, al personale facente parte di detta Segreteria
Tecnica, il trattamento economico stabilito dalla deliberazione
della Giunta Regionale n. 47 del 15/1/02 e s.m.i.;
Mungo Maurizio – Matr. 569680
C
Prejanò Gaetano – Matr. 668965
D
− imputare l’onere economico derivante dalla istituzione
di detta Segreteria Tecnica, sulla Linea di intervento 9.1.1.1 dell’Asse IX «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale»;
Rhodio Silvia – Matr. 849
D
Silipo Giuseppe – Matr. 770942
D
− demandare al Dirigente Generale del Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria in quanto Autorità di Gestione del POR Calabria FESR 2007/2013 la designazione dei
componenti della Segreteria Tecnica suddetta e il conferimento
dei relativi incarichi secondo le esigenze che dallo stesso ritenute
prioritarie per il buon funzionamento della struttura e in ottemperanza a quanto risulta dagli atti d’ufficio;
— il POR Calabria FESR 2007-2013, Asse IX «Assistenza
Tecnica e Cooperazione Interregionale» Settore «Assistenza
Tecnica» ha come obiettivo specifico quello di sostenere l’Amministrazione regionale nelle attività di gestione e sorveglianza
del Programma Operativo al fine di accrescere i livelli di efficienza nell’implementazione degli interventi del POR e migliorare la capacità amministrativa della struttura regionale incaricata della loro attuazione;
— l’Obiettivo Operativo 9.1.1 prevede di supportare l’Autorità di Gestione, il Comitato di Coordinamento del Programma,
VISTI:
— il Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1783/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11
luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di
Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di
Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
6462
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
sione alla competente commissione consiliare, per l’esercizio
delle competenze ad essi attribuite dall’art. 11 della L.R. n.
3/2007»;
— il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile
2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 per quanto
riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— la deliberazione di Giunta regionale n. 459 del 24/7/2009
che modifica la DGR n. 1021 del 16/12/2008 e la DGR n. 163
dell’8/4/2009 ed approva il documento recante descrizione dei
Sistemi di Gestione e Controllo ai sensi dell’art. 71, paragrafo 1,
del Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11 luglio
2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1341/2008 del Consiglio del 18
dicembre 2008 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006
per quanto riguarda alcuni progetti generatori di entrate;
— il Regolamento (CE) n. 397/2009 del Parlamento Europeo
e del Consiglio del 6 maggio 2009 che modifica il regolamento
(CE) n. 1080/2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale per quanto riguarda l’ammissibilità degli investimenti a favore dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili nell’edilizia abitativa;
— il Quadro Strategico Nazionale per la Politica Regionale di
Sviluppo 2007-2013, approvato dalla Commissione Europea con
decisione C(2007) 3329 del 13/7/07;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FESR 20072013, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n.
C(2007) 6322 del 7/12/07;
— la deliberazione della Giunta regionale n. 881 del 24/12/07
con la quale si è preso atto dell’approvazione da parte della Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6322 del 7/12/07
del Programma Operativo Regionale Calabria FESR 2007-2013;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 221 del 19/3/08
di presa d’atto del Piano Finanziario del POR Calabria FESR
2007-2013 per Assi Prioritari, Settori di Intervento e Obiettivi
Operativi con la consequenziale iscrizione nel bilancio regionale, approvato con L.R. n. 17 del 13/6/08, dei capitoli afferenti
al Programma in corrispondenza degli Obiettivi Operativi di ciascun Asse Prioritario;
— la deliberazione di giunta regionale n. 240 del 24/4/2009
con la quale si è proceduto alla rimodulazione del Piano finanziario per Assi Prioritari, Settori e Linee di Intervento del POR
Calabria FESR 2007/2013;
— la deliberazione di Giunta regionale n. 654 del 16/9/2008
avente ad oggetto: «Definizione e Organigramma delle Strutture
Amministrative della Giunta Regionale responsabili dell’attuazione degli Assi Prioritari, dei Settori e delle Linee di Intervento
del POR Calabria FESR 2007-2013, approvato con Decisione
della Commissione Europea C(2007) 6322 del 7/12/07»;
— la deliberazione n. 8 del 13/1/10 di presa d’atto della descrizione del sistema di gestione e controllo del POR Calabria
FESR 2007/2013 in seguito all’accettazione da parte della Commissione Europea;
— la deliberazione n. 520 del 3/8/09 con la quale è stata rimodulata la struttura organizzativa del Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria.
VISTI inoltre:
— la Legge regionale del 13 maggio 1996, n. 7 e s.m.i. recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa
della Giunta regionale e sulla dirigenza regionale».
— la Legge regionale 12 agosto 2002, n. 34, e s.m.i. e ritenuta
la propria competenza;
— la Legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 e s.m.i.;
— la Legge regionale 7 agosto 2002, n. 31 recante: «Misure
organizzative di razionalizzazione e di contenimento della spesa
per il personale»;
— il D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 relativo alla separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella gestionale, per come modificato ed integrato con il
D.P.G.R. n. 206 del 5 dicembre 2000;
— il D.Lgs. 30 marzo 2001 n. 165, modificato ed integrato
dalla legge 15 Luglio 2002, n. 154;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 422 del 7/6/
2010 con la quale la dott.ssa Anna Tavano è stata nominata Dirigente Generale del Dipartimento n. 3 «Programmazione Nazionale e Comunitaria»;
— la deliberazione di Giunta regionale n. 335 del 9/6/2009
con la quale si è proceduto alla rettifica della succitata deliberazione;
— il decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 159 del
14/6/2010 con il quale è stato conferito alla dott.ssa Anna Tavano
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 3 «Programmazione Nazionale e Comunitaria».
— la deliberazione n. 24 del 28/1/10 di riapprovazione dell’Organigramma di attuazione del POR Calabria FESR 2007/
2013;
VISTA la legge regionale n. 36 del 29/12/2010 concernente
l’approvazione del bilancio di previsione esercizio finanziario
anno 2011.
— la deliberazione della Giunta regionale n. 95 del 23/2/2009
recante: «Presa d’atto dei criteri di selezione del POR Calabria
FESR 2007/2013, approvati dal comitato di sorveglianza ai sensi
dell’art. 65, lett. a) del Regolamento (CE) n. 1083/2006, trasmis-
Su conforme proposta del Dirigente Generale sulla base dell’istruttoria effettuata dall’Unità Operativa competente e per le
motivazioni espresse in premessa che si intendono integralmente
confermate.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETA
Per i motivi indicati in premessa che qui si intendono tutti
integralmente confermati:
— di approvare la composizione della Segreteria Tecnica dell’Autorità di Gestione del POR Calabria 2007/2013 per il periodo 1/1/2011-31/3/2011 come da elenco sotto riportato:
Cognome Nome
categoria
Dolce Albino − Matr. 274265
B
Fiocca Pierino – Matr. 306100
C
Mancini Claudio – Matr. 473350
D
Mittaridonna Giuseppina – Matr. 551960
C
Mungo Maurizio – Matr. 569680
C
Prejanò Gaetano – Matr. 668965
D
Rhodio Silvia – Matr. 849
D
Silipo Giuseppe – Matr. 770942
D
— di conferire gli incarichi di componenti la Segreteria Tecnica dell’Autorità di Gestione per il periodo 1/1/2011-31/3/2011
come da prospetto sopra riportato;
— con successivo atto si provvederà alla copertura finanziaria dei relativi oneri della Segreteria medesima, le cui spese
ricadono sulla Linea di Intervento 9.1.1.1, l’operazione 9.1.1.1.1
denominata «Segreteria Tecnica dell’Autorità di Gestione»;
— di notificare il presente decreto:
− al Settore n. 2 «Coordinamento dei Programmi e dei Progetti» per il seguito di competenza;
− al settore n. 3 «Verifiche e Controlli dei Programmi e dei
Progetti»;
− ai Settori Economico e Giuridico del Dipartimento Organizzazione e Personale;
Di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 19 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Dott.ssa Anna Tavano
6463
Dipartimento n. 5
ATTIVITA
v PRODUTTIVE.
DECRETO n. 83 del 12 gennaio 2011
Variante al progetto autorizzato per la realizzazione di un
parco eolico denominato «Piano San Biagio» – Comune di
Crotone – Società San Biagio Wind Farm S.r.l.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
POLITICHE ENERGETICHE,
ATTIVITÀ ESTRATTIVE
E RISORSE ENERGETICHE
RICHIAMATA la L.R. n. 7 del 13 maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» e ss.mm.ii.
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21.04.2010 con la quale è stato
nominato Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività
Produttive» la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTO il D.P.G.R. n. 99 del 3 maggio 2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5
«Attività Produttive» alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 07.06.2010 con la quale è stato
confermato l’incarico di Dirigente di Settore all’ing. Ilario De
Marco.
VISTA la L.R. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la domanda di autorizzazione unica alla costruzione ed
all’esercizio del parco eolico denominato «Piano San Biagio»,
per una potenza prevista di 30 MW ubicato nel comune di Crotone, presentata dalla società CEA S.r.l. con sede legale in Crotone, via Pietro Raimondi n. 63, P. IVA n. 02167530795 in data
4.10.2006 ed acquisita al protocollo del Dipartimento Attività
Produttive al numero 2941.
VISTA la nota prot. n. 9977/Dip del 23.10.2008 con la quale la
società Piano San Biagio Wind Farm s.r.l. ha comunicato alla
Regione Calabria Settore Politiche Energetiche che la società
CEA S.r.l. ha provveduto a costituire la società Piano San Biagio
Wind Farm s.r.l. conferendole l’intero ramo di azienda consistente in un impianto di produzione di energia da fonte eolica
denominato «Parco Eolico San Biagio».
VISTO il proprio Decreto Dirigenziale n. 16376 del
10.09.2009, di autorizzazione unica ai sensi del D.Lgs. 387/03 e
della L.R. n. 42/08, alla costruzione ed all’esercizio del parco
eolico denominato «Piano San Biagio», per una potenza prevista
di 30 MW installati su 12 aerogeneratori, ubicato nel comune di
Crotone, rilasciato a favore della società Piano San Biagio Wind
Farm s.r.l.
VISTA la comunicazione e la documentazione progettuale di
variante al progetto, presentata dalla Società proponente al Settore Politiche Energetiche della Regione Calabria in data
27.04.2010 e acquisita al protocollo del Dipartimento Attività
Produttive con il n. 6300.
VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento
Politiche dell’Ambiente n. 17784 del 06/12/2010 di annullamento del precedente DDG n. 13448 del 20/09/2010, che si allega al presente decreto e ne costituisce parte integrante e sostanziale, rilasciato sulla base del parere espresso dal Nucleo VIA-
6464
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VAS-IPPC nella seduta del 25/11/2010, nella quale il nucleo ha
ritenuto di esprimere parere favorevole con prescrizioni in merito alla compatibilità ambientale per variante al progetto autorizzato relativo alla realizzazione di un parco eolico in loc.
«Piano San Biagio» nel Comune di Crotone, con esclusione degli
aerogeneratori contrassegnati con i codici WTG5 e WTG12 limitatamente ai quali si ritiene necessario esperire ulteriore procedura di VIA.
DECRETO n. 84 del 12 gennaio 2011
Autorizzazione Unica ai sensi del D.Lgs. 387/2003 e della
L.R. 42/2008 – progetto di un impianto di produzione di
energia elettrica da fonte fotovoltaica denominato «Maida
6,99 MWp», della potenza nominale di 6,99 MWp, da realizzarsi in località «Canne» nel Comune di Maida (CZ) – società «Sorgente Solare Calabria s.r.l. unipersonale».
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
POLITICHE ENERGETICHE,
ATTIVITÀ ESTRATTIVE
E RISORSE ENERGETICHE
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa, che si intendono qui
riportate e confermate, di:
1. prendere atto della variante al progetto di parco eolico
denominato «Piano San Biagio» autorizzato con il proprio Decreto Dirigenziale n. 16376 del 10.09.2009, in conformità al decreto di compatibilità ambientale n. 17784 del 06.12.2010, rilasciato dalla Regione Calabria – Dipartimento Politiche dell’Ambiente, con esclusione degli aerogeneratori contrassegnati con i
codici WTG5 e WTG12;
2. disporre con riferimento agli aerogeneratori contrassegnati con i codici WTG5 e WTG12 la riapertura della conferenza
di servizi ai fini dell’approvazione della variante qualificata
come sostanziale con decreto di compatibilità ambientale n.
17784 del 06.12.2010, rilasciato dalla Regione Calabria Dipartimento Politiche dell’Ambiente;
3. notificare il presente provvedimento a tutti gli Enti competenti che hanno già espresso parere nella Conferenza di servizi
convocata ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs 387/03 e della L.R.
42/08 per l’approvazione del progetto di parco eolico denominato «Piano San Biagio», già richiamati nel precedente decreto
di Autorizzazione Unica n. 16376 del 10.09.2009;
4. disporre che il presente decreto sia pubblicato, unitamente
alla pronuncia di compatibilità ambientale di cui al decreto n.
17784 del 06.12.2010 rilasciato dal Dipartimento Politiche dell’Ambiente della Regione Calabria, sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria;
5. disporre che, a cura e spese della società proponente, il
presente decreto venga pubblicato su un quotidiano a diffusione
regionale ed uno a diffusione nazionale.
Entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla pubblicazione, i
soggetti interessati potranno proporre avverso il presente atto ricorso giurisdizionale al Tribunale amministrativo di Catanzaro
oppure, entro il maggior termine di 120 (centoventi) giorni, ricorso straordinario al Capo dello Stato.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Il Dirigente di Settore
Ing. Ilario De Marco
VISTI
— il Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001
n. 327 «Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari
in materia di espropriazione per pubblica utilità» e s.m.i.;
— la direttiva 2001/77/CE del Parlamento Europeo e del
Consiglio, del 27 settembre 2001, sulla promozione dell’energia
elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato
interno dell’elettricità;
— il Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 «Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell’energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel
mercato interno dell’elettricità»;
— la Deliberazione del Consiglio Regionale n. 315 del 14
febbraio 2005 che approva il Piano Energetico Ambientale Regionale (P.E.A.R.) della Regione Calabria;
— la L.R. n. 42 del 29 Dicembre 2008 «Misure in materia di
energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili»;
— l’allegato sub 1 alla L.R. n. 42 del 29 dicembre 2008 «Procedure ed indirizzi per l’installazione e l’esercizio di nuovi impianti da fonti rinnovabili, interventi di modifica, potenziamento,
rifacimento totale o parziale e riattivazione, nonché opere connesse ed infrastrutture indispensabili alla loro costruzione ed
esercizio in applicazione del Decreto Legislativo 29 dicembre
2003, n. 387 di Attuazione della direttiva 2001/77/CE».
VISTA la domanda di autorizzazione alla costruzione ed all’esercizio dell’impianto di produzione di energia elettrica da
fonte fotovoltaica denominato «Maida 6,99 MWp», nonché delle
opere connesse e delle infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto stesso, da realizzarsi in località «Canne» nel
Comune di Maida – CZ (prot. n. 5357/Dip del 25/06/2008) presentata dalla società «Resit s.r.l.» con sede legale in Lamezia
Terme, via Garibaldi 9, P.I. n. 06116981009, iscritta al R.E.A.
CCIAA di Catanzaro con il n. 948259.
VISTA la documentazione progettuale inoltrata dalla società
«Resit s.r.l.», per una potenza nominale di 6,99 MWp.
VISTA la documentazione integrativa che la società «Resit
s.r.l.» ha prodotto (prot. n. 10756/dip del 04/08/2009), così come
richiesto dal Settore Politiche Energetiche (nota prot. n. 6999/dip
del 25/05/2009), ai fini dell’adeguamento della domanda di autorizzazione alla L.R. n. 42 del 29/12/2008.
VISTA la STMG fornita da ENEL Divisione Infrastrutture e
Reti (prot. n. Enel-DIS-18/09/2008-0446400) con la conferma di
connessione alla rete di distribuzione MT con tensione nominale
20 kV tramite inserimento in antenna con linea dedicata dalla
Cabina Primaria, di proprietà Enel, denominata Girifalco.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA l’accettazione della STMG (rif. GOAL 13340) da parte
della società «Resit s.r.l.» del 12/11/2008.
VISTA la Deliberazione del Consiglio Comunale di Maida n.
20 del 27 luglio 2009 con oggetto: «Accoglimento proposta realizzazione impianto di produzione energia elettrica da fonte solare fotovoltaica, da insediare nel territorio di Maida – ditta Resit
– approvazione schema di convenzione per la realizzazione, gestione e manutenzione del predetto impianto.
VISTI
— il certificato a firma del responsabile dell’Ufficio Tecnico
Comunale del Comune di Maida (prot. n. 39 del 21/05/2008) con
cui attesta che:
− la destinazione urbanistica del terreno distinto al Catasto
Terreni individuato al foglio 32 part.lle 63-69-70-71-72-76-7897-130-132-133 (insiste fabbricato) -173-174, è zona omogenea
«E agricola»;
− sul terreno distinto al Catasto Terreni individuato al foglio 32 part.lle 63 per metà circa -76-132-173 insiste un vincolo
paesaggistico;
— il certificato a firma del responsabile del Settore Area Tecnica del Comune di Maida (del 23/05/2008) con cui si attesta:
− che il terreno, distinto in catasto al foglio di mappa n. 32
part.lle 63-69-70-71-72-76-78-97-130-132-133-173-174 non risulta compreso tra i siti di importanza comunitaria (SIC e ZPS) ai
sensi della direttiva comunitaria n. 92/43/CEE «Habitat» e che
non esistono vincoli inibitori ai sensi del D.Lgs n. 490/99 e della
L.R. n. 23/90;
− che il terreno, distinto in catasto al foglio 32 part. n. 71
per intero, parte della 70 e della 72 nei limiti imposti dei 150
metri, è sottoposto a vincolo tutore-paesaggistico ambientale di
cui al D.Lgs 42/2004 art. 142 – comma I lett. C;
− che l’area non risulta compresa tra quelle a rischio PAI
della Regione Calabria;
— il certificato a firma del responsabile del Settore Area Tecnica del Comune di Maida (del 17/01/2010) con cui si attesta
che:
− l’area distinta al Catasto al Foglio di mappa n. 32 part.lle
69-70 e 133 non è interessata da vincoli inibitori ai sensi del
D.Lgs 42/2004;
− la part.lla n. 70, in parte e nei limiti imposti dei 150 metri,
è sottoposta a vincolo tutore paesaggistico ambientale di cui al
D.Lgs 42/2004 comma I lettera c;
— il certificato a firma del responsabile del Settore Area Tecnica del Comune di Maida (del 22/01/2010) con cui si attesta
che:
− l’area ricadente nel Comune di Maida, interessata dalla
costruzione della linea MT in cavo interrato atto a collegare il
sito fotovoltaico, con cabina di consegna posta in Girifalco:
− non risulta essere compresa tra i siti d’importanza comunitaria (SIC) della rete Europea Natura 2000, delimitati ai sensi
della Direttiva Comunitaria n. 92/43/CEE «Habitat»;
− non risulta essere compresa tra quelle indicate dalla
Legge n. 365/2000;
6465
− risulta soggetta a tutela ai sensi del D.Lgs n. 42 del
22.01.2004 art. 142 comma 1 lett. C, per 1250 ml partendo dal
ponte sul fiume Pesipe a salire verso Cortale;
− risulta essere sottoposta a vincolo idrogeologicoforestale, imposto ai sensi dell’art. 1 del R.D. 30.12.1923, n.
3267;
− il cavidotto da posare sulla SP 88, interessa un punto di
attenzione, posizionato cartograficamente sul ponte sul fiume
Pesipe cosi per come riportato nella tavola del PAI della Regione
Calabria. Il cavidotto come evidenziato negli elaborati tecnici
presentati, risulta attraversare il ponte sul fiume Pesipe staffato
lateralmente ad esso. Il cavidotto nel tratto di SP n. 89 partendo
dal ponte sul fiume Pesipe a salire verso Cortale dopo i primi 626
ml e per 375 ml interessa una zona di attenzione così per come
riportato nella tavola del PAI della Regione Calabria;
— il certificato a firma del responsabile dell’Ufficio Tecnico
del Comune di Cortale del 23/11/2009 il quale attesta che l’area
ricadente nel Comune, interessata dalla costruzione della linea
MT in cavo interrato atto a collegare il sito fotovoltaico, posto in
agro di Maida, con la cabina di consegna posta in Girifalco, interessante la Strada Provinciale 89, la Strada Provinciale 92 e la
strada comunale «Zafaro»:
− non risulta essere compresa tra i siti d’importanza comunitaria (SIC) della rete Europea Natura 2000 delimitati ai sensi
della direttiva comunitaria n. 92/43/CEE «Habitat»;
− non risulta essere compresa fra quelle indicate dalla
legge 365/2000;
− non risulta essere compresa ha le aree perimetrate dal
PAI della Regione Calabria, approvato con Delibera del Consiglio Regionale n. 115 del 28.12.2001 a, rischio idrogeologico;
− risulta essere in parte soggetta a tutela ai sensi dell’art.
142 del D.Lgs. n. 42 del 22.01.2004;
− risulta essere sottoposta a vincolo idrogeologico – forestale, imposto ai sensi dell’art. 1 del R.D. 30.12.1923 n. 3267;
— il certificato a firma del responsabile dell’Area Tecnica del
Comune di Girifalco il quale attesta:
− che l’area relativa alla costruzione di linea MT in cavo
interrato di collegamento sito fotovoltaico Maida – cabina di
consegna Girifalco lungo le strade comunali e provinciali del
Comune è al di fuori dei rischi di attenzione idraulico e frana
previste dal PAI (R1-R2-R3-R4);
− che sull’area interessata non sussistono vincoli paesaggistici ambientali di cui al D.Lgs. 42/04 e ss.mm.ii.
VISTO il Decreto Dirigenziale del Dipartimento Politiche dell’Ambiente – Settore Nucleo VIA n. 9866 del 03/06/2009
(BURC Supplemento straordinario n. 2 al n. 21 del 16 novembre
2009) con cui è stabilito di non assoggettare all’ulteriore procedura di VIA il progetto del parco fotovoltaico da realizzarsi in
località «Canne» del Comune di Maida (CZ), a condizione che,
in fase di rilascio di tutte le autorizzazioni necessarie per l’inizio
dell’attività, vengano rispettate le prescrizioni obbligatorie:
— in fase di cantiere, siano adottate tutte le misure necessarie
a limitare al massimo la rumorosità e la produzione di polveri o
altri agenti aerodispersi in atmosfera;
6466
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— siano adottati opportuni interventi di mitigazione, quali la
piantumazione di vegetazione autoctona appartenente alla zona
fitoclimatica di pertinenza, lungo la recinzione che delimita
l’area di intervento;
— sia preventivamente acquisita autorizzazione rilasciata
dall’autorità competente, relativa alla realizzazione dell’impianto in area parzialmente gravata (foglio di mappa 32, par.lla
70) da vincolo tutore paesaggistico ambientale di cui al Decreto
Legislativo 42/2004;
— gli scavi, i movimenti di terra e le eventuali fondazioni non
siano realizzati ad una profondità maggiore di 150 cm dal livello
del terreno;
— i cavi di interconnessione alla rete Enel siano interrati;
— nella realizzazione di tutte le opere, sia scrupolosamente
rispettata una distanza maggiore di 150 m dall’alveo del Torrente
Pesipe, peraltro individuato come «area di attenzione» dallo
stralcio del PAI inviato dai progettisti ad integrazione della documentazione progettuale;
— sia assolutamente vietato l’abbattimento di alberi ad alto
fusto o di pregio senza aver preventivamente acquisito l’autorizzazione del Corpo Forestale dello Stato competente territorialmente;
— la vegetazione insistente sull’area dell’intervento sia decespugliata meccanicamente e, comunque, senza l’utilizzo di diserbanti;
— non sia effettuato alcun tipo di lavorazione o deposito di
materiali al di fuori dell’area recintata;
— sia garantito il ripristino della naturalità dei luoghi al momento della cessazione dell’esercizio dell’impianto, a qualsiasi
causa imputabile;
— sia necessario attuare scrupolosamente il piano di dismissione dell’impianto a fine attività;
— le terre da scavo, purché non contaminate, siano realizzate
nella fase di cantierizzazione o, altrimenti, conferite in discariche autorizzate;
— tutti i rifiuti prodotti durante le varie fasi di cantierizzazione siano smaltiti nel rispetto della normativa vigente.
VISTO il Verbale della Conferenza di Servizi del giorno 29
luglio 2010 con cui è stato approvato il progetto proposto dalla
società «Resit s.r.l.» relativo all’impianto di produzione di
energia elettrica da fonte fotovoltaica denominato «Maida 6,99
MWp», nonché alle opere connesse e alle infrastrutture indispensabili alla costruzione ed all’esercizio dell’impianto stesso, da
realizzarsi in località «Canne» nel Comune di Maida – CZ, per
una potenza nominale di 6,99 MWp a seguito dei pareri favorevoli espressi dagli enti competenti che di seguito si riportano:
— Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione
Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria –
Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria: parere
favorevole di massima (prot. n. 16377 del 02/10/2009) con le
seguenti inderogabili prescrizioni:
− una approfondita ricognizione dell’area con identificazione di ogni emergenza antica, che costituirà la base per una
lettura stratigrafica del territorio del progetto, e la realizzazione
di una nuova cartografia georeferenziata sulla quale, a livello
GIS, dovranno essere riportate sia le informazioni d’archivio che
quelle della ricognizione di superficie;
− nelle zone archeologicamente a rischio prospezioni geofisiche di tipo archeologico che integreranno la lettura di cui al
punto precedente;
− nelle aree di maggiore indizio archeologico l’esecuzione
di sondaggi stratigrafici con conseguente conservazione e valorizzazione di quanto emerso;
− al termine delle operazioni previste sarà redatta una esaustiva e documentata relazione sullo stato del territorio oggetto
dell’intervento;
− tali lavori dovranno essere eseguiti da collaboratori archeologi, esperti nei settori di ricerca inerenti il presente lavoro,
topografi e tecnici rilevatori specialisti in rilievi archeologici
esterni all’amministrazione; gli oneri finanziari relativi a tale
collaborazione dovranno essere corrisposti della società richiedente;
— Comando Militare Esercito «Calabria»: Nulla Osta in merito agli aspetti demaniali (prot. n. 0006969 del 08/10/2009) condizionato all’intervento di bonifica dell’area interessata a cura
della Ditta Appaltatrice;
— Comando Militare Marittimo Autonomo in Sicilia – Uff.
Infrastrutture sez. Demanio: parere favorevole ai soli fini di
eventuali interferenze con gli interessi militari marittimi (prot. n.
INFR/DEM/06/58342/);
— ENAC – Area infrastrutture aeroportuali – Servizio operatività: nulla osta (prot. n. 0083290/DIRGEN/AOC del 25/11/
2009);
— Regione Calabria – Dip. n. 9 – LL.PP. – Settore n. 1 –
Servizio 1: parere favorevole (prot. n. 937/mar del 22/02/2010)
con cui si trasmette la nota (prot. 857 del 09/02/2010) della SoRICal Spa che rileva quattro interferenze ed un costeggiamento
con l’intervento di che trattasi esprimendo parere tecnico favorevole a condizione che vengano osservate le prescrizioni indicate:
− si evidenzia che l’intervento dovrà risultare attuabile
senza pregiudizio per la funzionalità della rete gestita e che la
Sorical dovrà predisporre specifica convenzione da stipularsi con
l’istante previo nulla osta da parte degli uffici dell’Ente scrivente;
− l’intervento andrà eseguito a cura di SoRiCal Spa a spese
interamente a carico dell’istante;
− si ravvisa, altresì che, poiché nello specifico, l’intervento
consiste nell’attraversamento di condotte regionali, la società
istante dovrà rivolgere preventiva istanza di concessione alle
competenti strutture del Dip. Patrimonio della Regione Calabria
per come disposto all’art. 14 della L.R. n. 15/1992;
— Aeronautica Militare – Comando Scuole A.M./3o Regione
Aerea – Reparto Territorio e Patrimonio: nulla osta militare per
gli aspetti demaniali di competenza (prot. n. M-D.ABA001.19124 del 08/04/2010);
— Amministrazione Provinciale di Catanzaro – Settore
Espropri – Servizio tecnico concessioni stradali: parere preventivo favorevole di massima alla posa del cavidotto, nelle pertinenze delle strade provinciali n. 89-88-92-162/2 (prot. n. 40979
del 27/04/2010);
— Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese: nulla osta
(prot. n. 1218 del 28/04/2010) subordinato alle seguenti condizioni:
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— la ditta istante dovrà far pervenire all’ufficio apposita dichiarazione nella quale si attesti che il terreno sul quale verrà
realizzato l’impianto non subirà alcuna compattazione o modificazione superficiale tale da modificare la sua capacità di deflusso
e che, pertanto, l’installazione dei pannelli non influirà sulla portata convogliata nei fossi di colo di competenza del Consorzio,
rimanendo, comunque a carico dell’istante tutti gli eventuali
danni, da imputarsi a fenomeni di esondazione, che si dovessero
verificare a causa dell’eventuale scarico delle acque bianche dell’impianto;
— relativamente alla posa del cavo in MT per il collegamento
dell’impianto alla cabina di consegna dell’Enel, il cavidotto, l’attraversamento di eventuali fossi di colo dovrà avvenire posizionando i cavidotti – opportunamente segnalati — ad una profondità non inferiore ad 1,5 metri dal punto più depresso dei fossi
medesimi;
— Comune di Cortale – Ufficio Tecnico: parere preventivo
favorevole di massima alla posa in opera del cavidotto interrato
lungo la strada comunale «Zafaro» (prot. del 07/05/2010) con le
seguenti prescrizioni:
1. siano sempre fatti salvi ed impregiudicati i diritti dei terzi;
2. il parere deve essere tramutato in autorizzazione definitiva prima dell’inizio dei lavori, a pena nullità;
3. il cavidotto, considerato che altre società hanno già costeggiato la strada in parola, deve essere realizzato congiuntamente alla società «Amaroni Energia», società già autorizzata,
utilizzando lo stesso scavo, nell’intesa che copia dell’accordo
venga depositata agli atti di questo Comune, costituendo atto essenziale, prima del materiale rilascio dell’autorizzazione definitiva;
4. devono essere versate le somme che saranno quantificate
dall’Ufficio Tecnico Comunale, a titolo di imposizione di servitù, una tantum a favore del Comune di Cortale, prima del rilascio dell’autorizzazione definitiva, a pena nullità della presente;
5. devono essere rispettate tutte le disposizione di legge vigenti in materia edilizia, urbanistica, sicurezza, ambientale, inquinamento, tutela del territorio, ecc.;
6. devono essere tutte le leggi vigenti e quelle che potranno
essere emanate in futuro sulla circolazione e sulla tutela delle
strade;
7. la viabilità comunale dovrà essere ripristinata a cura e
spesa della società titolare della presente, secondo le prescrizioni
tecniche che saranno impartite nell’autorizzazione definitiva;
8. la società dovrà assumere la responsabilità per gli eventuali danni derivanti dai lavori in oggetto e rendere sollevato ed
indenne il comune di Cortale da qualsiasi molestia e litigio che
potesse provenire da parte di enti e terzi;
9. l’autorizzazione in questione non esula la società richiedente dal munirsi delle autorizzazioni e nulla osta, da parte degli
altri Enti interessati nel procedimento, necessari per la realizzazione dell’opera, tra cui quella del Comune di Girifalco e quelli
necessari alla realizzazione emessa in esercizio di linee elettriche
di cui alla L.R. n. 17/2000;
10. l’autorizzazione di massima si intende rilasciata con
l’espressa clausola che la società Resit s.r.l., tramuti la stessa in
autorizzazione definitiva prima dell’inizio dei lavori, restando
obbligata ad adempiere a tutte le prescrizioni e condizioni che
6467
saranno stabilite dai vari Enti interessati dal procedimento di rilascio del provvedimento definitivo, le quali dovranno trovare
riscontro nell’autorizzazione definitiva;
11. l’autorizzazione di massima si intende rilasciata con
l’espressa clausola che la Società resta obbligata ad adempiere
nei riguardi degli impianti, alle prescrizioni e condizioni che saranno stabilite ed anche a demolire gli impianti qualora non si
ritenesse di accordare l’autorizzazione definitiva, restando ben
chiaro che nessun diritto comporterà alla società per chiedere
compensi o indennizzi di sorta;
— Comune di Maida – Settore Area Tecnica: nulla osta (del
07/05/2010) per il passaggio del cavidotto interrato in media tensione, con passaggio sulla SP 88 e SP 89;
— Agenzia delle Dogane: parere favorevole ai soli fini fiscali
(prot. n. 11588 del 24/05/2010);
— Comune di Girifalco – Area Tecnica: nulla osta (del 04/06/
2010) per il passaggio nel territorio del comune del cavidotto
interrato in media tensione, con passaggio sulla SP 162/2;
— Ministero dello Sviluppo Economico – Dip. per l’energia
– sez. U.N.M.I.G.: nota (prot. n. 3231 del 18/06/2010) con cui si
allega il parere precedentemente espresso (nota n. 4515 05/11/
2009) con cui veniva rilasciato il nulla osta alla costruzione ed
all’esercizio dell’impianto alla seguente condizione:
− che la società proponente si impegni a modificare il tracciato nei tratti in cui, all’atto della costruzione dello stesso elettrodotto, fossero in corso lavori minerari temporanei o permanenti (perforazioni di pozzi, esercizio di impianti fissi di raccolta
e trattamento di idrocarburi, ecc.) affinché vengano rispettate le
distanze previste dal D.P.R. 9 aprile 1959, n. 128 sulle «Norme di
Polizia delle miniere e delle cave»;
— Amministrazione Provinciale di Catanzaro – Settore Protezione Civile e Geologico – Servizio Autorizzazioni Paesaggistiche e Servizio Demanio Fluviale:
− nota con cui si comunica che non ravvisano elementi tali
da esprimere motivato dissenso (prot. n. 70333 del 27/07/2010);
− nota (prot. n. 60269 del 23/06/2010) con cui, per quanto
attiene alle competenze demaniali, non si rilevano motivi ostativi alla realizzazione dell’intervento con l’obbligo da parte della
ditta di provvedere con separato atto da acquisire prima dei lavori, regolare concessione demaniale a titolo oneroso;
— Provincia di Catanzaro – Settore Tutela Ambientale – Servizio Impianti Produzione Energia: parere favorevole limitatamente al cavidotto e opere annesse (nota acquisita in CdS del
23/06/2010) con le seguenti prescrizioni ai sensi dell’art. 3 L.R.
17/2000:
− esonerare l’ente Provincia da ogni responsabilità a danni
persone e cose, anche durante l’esecuzione dei lavori;
− obbligare la ditta a comunicare l’inizio dei lavori almeno
30 giorni prima;
− per i campi elettromagnetici si dovrà certificare il rispetto
dei limiti vigenti previsti dalla L. n. 36/2001;
− obbligare la ditta a trasmette alla provincia di Catanzaro
servizio Impianti produzione energia il certificato di regolare
esecuzione dei lavori nonché tutto quanto disposto dall’art. 20
della L.R. 17/2000;
6468
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
− obbligare la ditta nella costruzione dell’impianto e nel
successivo esercizio, di osservare le disposizioni in materia di
sicurezza, in particolare delle norme di cui alla legge n. 339/86 e
D.M. n. 4549/88, nonché delle norme UNI CEI applicabili;
− per quanto concerne la procedura di esproprio relativa al
cavidotto, la società proponente dovrà ottemperare a quanto prescritto dall’art. 4 comma 1 della L.R. 17/2000 e dal regolamento
provinciale approvato con D.C.P. n. 36/4 del 28/07/2003;
− in caso di inosservanza o difformità nella costruzione del
cavidotto e opere annesse rispetto agli elaborati grafici progettuali la provincia di Catanzaro provvederà alla revoca del presente parere. Si evidenzia che il parere viene rilasciato fatti salvi
i diritti di terzi, nonché pareri e concessioni degli altri enti coinvolti nel procedimento, relativamente al cavidotto;
— Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni Ispettorato Territoriale Calabria: nulla osta definitivo alla costruzione del cavidotto (prot. n. 8315 del 08/07/2010);
— ARPACAL – Dipartimento Provinciale di Catanzaro –
Servizio Tematico Suolo e Rifiuti: parere favorevole (prot. n.
5635 del 12/07/2010), a condizione che vengano rispettate le disposizioni del seguente quadro prescrittivo:
− il documento esaminato risulta privo di studio geologico;
tale documento, certificato da un tecnico abilitato, dovrà essere
acquisito dal Dipartimento preliminarmente alla realizzazione
dell’opera;
− la gestione dei rifiuti prodotti dall’impianto in regime di
«deposito temporaneo», deve essere effettuata nel rispetto delle
condizioni stabilite dall’art. 183 comma 1 lettera m del D.lgs.
152/06. Per tali rifiuti dovranno essere privilegiati le attività di
recupero secondo principi e le finalità previste dall’art. 179 del
D.Lgs 152/06 e s.m.i.;
− relativamente alla produzione di rifiuti nella fase di costruzione dovrà essere prevista per gli stessi una adeguata zona
di stoccaggio debitamente controllata;
− nel caso in cui non fosse possibile riutilizzare completamente le terre di scavo per la risistemazione delle aree, dovranno
essere applicati i disposti dell’art. 186 del D.Lgs. n. 152/06 e
s.m.i.;
− al fine di non creare ruscellamenti diffusi lungo il pendio,
dovrà essere garantita una idonea regimazione dell’intera zona
mediante la realizzazione di opere adeguatamente dimensionate,
atte a drenare le acque di precipitazione meteorica, sia nella fase
di cantiere che nella fase di gestione dell’impianto, verso il corpo
recettore;
− al fine di contenere e minimizzare le emissioni di polveri
in atmosfera nella fase di costruzione dell’impianto, si dovrà
procedere alla costante bagnatura di tutte le aree e piste di cantiere; si dovrà inoltre provvedere a umidificare le strade sterrate
percorse dai mezzi d’opera, alla regolare pulizia dei mezzi utilizzati in uscita dalle zone di lavorazione e alla telonatura dei mezzi
che eventualmente trasporteranno materiale polverulento;
− qualora per il lavaggio periodico dei pannelli dovessero
essere utilizzate soluzioni contenenti sostanze potenzialmente
contaminanti, queste dovranno essere recuperate e smaltite correttamente;
− in caso di sversamento accidentale di sostanze in grado
di contaminare il sito dovranno essere messe in atto tutte le procedure previste dall’art. 242 del D. Lgs 152/06 e s.m.i.;
− dovrà essere evitato qualsiasi rischio di inquinamento al
momento della cessazione definitiva delle attività. La ditta dovrà
provvedere al ripristino finale ed al recupero ambientale dell’area in caso di chiusura dell’attività autorizzata ai sensi della
normativa vigente in materia di bonifiche e ripristino ambientale;
— Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione
Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria: parere favorevole (prot. n. 4379 del 07/07/2010) pur considerando
che l’intervento ricade in minima parte nella fascia di rispetto del
vincolo paesaggistico purché, prima dell’avvio dei lavori, si proceda ad effettuare le seguenti operazioni:
− una attenta ricognizione dell’area di progetto con identificazione delle emergenze antiche, che costituirà la base per una
lettura stratigrafica, e la redazione di una nuova cartografia georeferenziata GIS su cui si riporteranno informazioni d’archivio e
dati della ricognizione di superficie;
− prospezioni geofisiche nelle zone archeologicamente a
rischio che integrino i risultati delle precedenti operazioni;
− sondaggi stratigrafici da eseguire nelle aree di maggiore
indizio archeologico e conservazione di eventuali materiali rinvenuti.
In conclusione a tali operazioni si produrrà una esaustiva relazione sullo stato dell’area indagata. I lavori saranno eseguiti da
collaboratori archeologi di provata esperienza, topografi e tecnici rilevatori esterni all’amministrazione con oneri a carico della
società richiedente.
VISTE altresì le seguenti note:
— Regione Calabria – Dip. n. 9 – LL.PP. – Settore n. 2: nota
(prot. n. 21874 del 04/11/2009) con la quale si precisa che ai fini
dell’autorizzazione sismica è necessario che la società, a seguito
dell’ottenimento del Decreto di Autorizzazione Unica, ai sensi
del D.Lgs. n. 387/2003, trasmetta, al Servizio Tecnico Regionale
competente per territorio, il progetto esecutivo, redatto in conformità al D.M. 14 gennaio 2008, della Circolare Ministero Infrastrutture e Trasporti 2 febbraio 2009 n. 617, corredato dalle
relative dichiarazioni di conformità e responsabilità necessarie,
debitamente firmate da tutti i tecnici intervenuti nella progettazione;
— Regione Calabria – Dip. n. 6 – Agricoltura Foreste e Forestazione – Area Territoriale Centrale: (prot. n. 58693 del 21/12/
2009) con cui si comunica che l’area interessata non è sottoposta
a vincolo e pertanto non è dovuto alcun parere di competenza nei
riguardi forestali e idrogeologici;
— Enel Divisione Infrastrutture e Reti Calabria: (prot. EnelDIS-11/03/2010-0225937) con cui si comunica che è stata rimessa al produttore la soluzione tecnica minima generale
(STMG) nella quale è stata indicata la modalità di realizzazione
della connessione alla rete elettrica e si conferma la validità della
soluzione di allaccio alla rete secondo quanto previsto nella
STMG comunicata al produttore;
— A.S.P. CZ – S.P.I.S.A.L.: nota (prot. 931/RG del 31/05/
2010) con la quale si comunica che l’ente non deve esprimere
parere di competenza in quanto sono previste meno di tre unità
lavorative per la gestione ed esercizio dell’impianto;
— Regione Calabria Dip. n. 8 – Urbanistica e Governo del
Territorio – Settore n. 1: nota (prot. n. 9511 del 22/06/2010) con
la quale si comunica che l’intervento non necessita di nessun
parere urbanistico se rientra tra le tipologie di cui all’art. 2,
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
comma 1, lett. b) e c) del D.Lgs. 387/03 ed in coerenza con
quanto stabilito all’art. 12 comma 7 del medesimo D.Lgs.;
— Regione Calabria – Autorità di Bacino Regionale: (prot. n.
100002641 del 18/06/2010) con la quale si comunica che l’intervento non ricade in aree a «rischio» vincolate dal PAI e pertanto,
in merito non è dovuto alcun parere;
— ARPACAL – Radiazioni non ionizzanti e Rumore: nota
(prot. n. 991/NIR-R/10 del 23/06/2010) con cui si allega il pronunciamento tecnico già precedentemente trasmesso (prot. n.
1831/NIR-R/09 del 22/09/2009) nel quale si comunica che dalla
documentazione tecnica di impianto non emergono presupposti
che attengono alle tematiche istituzionali di cui l’ufficio è competente;
— Comune di Girifalco: nota (del 09/12/2010) in cui il Responsabile dell’area tecnica attesta che l’area individuata al foglio 9 part. 221 (punto di consegna):
− è al di fuori dei rischi di attenzione, idraulico e frana
previste dal PAI (R1-R2-R3-R4);
− sull’area interessata (foglio 9 part. 221):
− non sussistono vincoli paesaggistici – ambientali di cui al
D.Lgs. 42/04 e ss.mm.ii.;
− non sussistono siti di interesse archeologico;
− non sussistono vincoli d’importanza Comunitaria (SIC,
ZPS), ai sensi della Direttiva Comunitaria n. 92/43/CEE «Habitat»;
− non sussistono vincoli di cui alla legge 365/2000 (Decreto Soverato).
VISTA la nota (prot. n. 17662/dip del 02/11/2010) con cui la
società «Resit srl» comunica che in data 22 ottobre 2010 per atto
rogato dall’avv. Antonio Germani, notaio in Roma, ha costituito
una società a responsabilità limitata unipersonale denominata
«Sorgente Solare Calabria s.r.l.» conferendole la piena titolarità
del progetto per la realizzazione e gestione dell’impianto (Rep.
n. 11482/8206 in corso di registrazione).
CONSIDERATO che la società secondo quanto previsto dell’Allegato sub 1 della L.R. n. 42/2008 ha provveduto a documentare la sussistenza della capacità economico finanziaria con
idonea dichiarazione bancaria.
RICHIAMATA la L.R. n. 7 del 13 maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» e ss.mm.ii.
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21/04/2010 con la quale è stato
nominato Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività
Produttive» la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTO il D.P.G.R. n. 99 del 03/05/2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5
«Attività Produttive» alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 07/06/2010 con la quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente di Settore del Dipartimento n. 5
«Attività Produttive» all’ing. Ilario De Marco.
VISTO il D.P.G.R. n. 239 del 25/08/2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente di Settore del Dipartimento n. 5
«Attività Produttive» all’ing. Ilario De Marco.
6469
VISTA la L.R. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
RICHIAMATI
— il Decreto n. 13046 del 02/07/09 con cui il Dirigente del
Settore Politiche Energetiche ha approvato il modello di schema
di convenzione relativo al rilascio dell’autorizzazione unica alla
costruzione ed all’esercizio di impianti per la produzione di
energia elettrica da fonti rinnovabili;
— la Convenzione stipulata con la società «Sorgente Solare
Calabria s.r.l. unipersonale», n. Rep. 1476 del 29/11/2010.
DECRETA
— di autorizzare, ai sensi e per gli effetti dell’art. 12 del Decreto Legislativo 387/2003 e della L.R. n. 42 del 29/12/2008, la
società «Sorgente Solare Calabria s.r.l. unipersonale» con sede
legale in Lamezia Terme (CZ), via Garibaldi 9, P.I n.
03134920796, iscritta al R.E.A. CCIAA di Catanzaro con il n.
188044, fatti salvi i diritti dei terzi, alla costruzione e all’esercizio:
− dell’impianto di produzione di energia elettrica da fonte
fotovoltaica denominato «Maida 6,99 MWp» da realizzarsi in
località «Canne» nel Comune di Maida – CZ, composto da 2.499
stringhe da 16 moduli, per un totale di 39.984 moduli da 175 Wp,
e per una potenza nominale di 6,99 MWp;
− delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili
alla costruzione ed all’esercizio dell’impianto stesso, quali:
− il cavidotto di connessione alla rete di distribuzione MT
con tensione nominale 20 kV tramite inserimento in antenna con
linea dedicata dalla Cabina Primaria, di proprietà Enel, denominata Girifalco;
− il locale tecnico (L 7,80 x P 7,80 x H 3,00 m) comprendente la cabina di consegna per le apparecchiature elettriche MT,
la cabina Enel, il locale ufficio e wc;
− i locali tecnici (L 8,00 x P 5,00 x H 3,20 m) adibiti a
cabina di trasformazione per le apparecchiature elettriche
BT/MT;
il tutto in conformità al progetto definitivo approvato in sede
di Conferenza di Servizi e con le prescrizioni così come esposte
in premessa che s’intendono qui integralmente riportate;
— di dare atto che il rilascio della presente autorizzazione e
l’approvazione del progetto equivalgono a dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza delle opere, ai sensi e per gli
effetti dell’art. 12 comma 1 e 3 del Decreto legislativo n. 387 del
23/12/2003;
— di demandare, a norma dell’articolo 27 comma 1 del T.U.
380/2001, al Comune di Maida (CZ) il controllo e la verifica
della regolare e conforme esecuzione delle opere a quanto autorizzato con il presente provvedimento. Gli Enti e le Amministrazioni che nell’esprimere il parere di rispettiva competenza hanno
apposto prescrizioni alla realizzazione ed all’esercizio dell’impianto oggetto della presente Autorizzazione Unica saranno, altresì, preposti al monitoraggio del rispetto delle prescrizioni medesime e responsabili del controllo delle stesse. La Regione Calabria – Settore Politiche Energetiche, Attività Estrattive e
Risorse Geotermiche, si riserva ogni eventuale successivo accertamento ulteriore;
6470
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— di notificare il presente decreto alla società istante e al Comune di Maida (CZ);
— di stabilire che i lavori dovranno iniziare entro 90 giorni
dalla data di rilascio dell’autorizzazione unica e concludersi
entro il termine di 36 mesi, così come da perizia giurata del 14
luglio 2009 depositata dalla Società Proponente. Tale termine è
prorogabile per una sola volta con le modalità di cui al punto 11
della L.R. 42/08;
— di disporre che il presente decreto sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria;
— di disporre che a cura e spese della Società «Sorgente Solare Calabria s.r.l. unipersonale» il presente decreto venga pubblicato su un quotidiano a diffusione regionale e uno a diffusione
nazionale.
Entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla pubblicazione, i
soggetti interessati potranno proporre avverso il presente atto ricorso giurisdizionale al Tribunale amministrativo di Catanzaro
oppure, entro il maggior termine di 120 (centoventi) giorni, ricorso straordinario al Capo dello Stato.
— l’allegato Sub 1 alla L.R. n. 42 del 29 dicembre 2008 «Procedure ed indirizzi per l’installazione e l’esercizio di nuovi impianti da fonti rinnovabili, interventi di modifica, potenziamento,
rifacimento totale o parziale e riattivazione, nonché opere connesse ed infrastrutture indispensabili alla loro costruzione ed
esercizio in applicazione del Decreto Legislativo 29 dicembre
2003, n. 387 di Attuazione della direttiva 2001/77/CE».
VISTO il Decreto Dirigenziale n. 5741 del 10/05/2007 del Dirigente del Settore Politiche Energetiche con il quale è stato autorizzata la costruzione e l’esercizio dell’impianto eolico denominato «Il Fortino» della potenza nominale di 4 MW ubicato nel
Comune di Scandale.
VISTA la domanda di autorizzazione unica (Prot. n. 4833/dip
del 18/09/2007) per l’ampliamento ed esercizio dell’impianto di
produzione di energia elettrica da fonte eolica denominato «Il
Fortino», nonché delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto stesso, da realizzarsi
nel Comune di Scandale (KR), presentata dalla società «Clean
Energy S.r.l.», con sede legale in Scandale (KR), via Sant’Antonio, P.I. n. 02727670792.
VISTA la documentazione progettuale inoltrata dalla società
«Clean Energy S.r.l.».
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Ing. Ilario De Marco
DECRETO n. 86 del 12 gennaio 2011
Autorizzazione unica ai sensi del D.Lgs. 387/2003 e della
L.R. 42/2008 – progetto di un impianto di produzione di
energia elettrica da fonte eolica denominato «Ampliamento
Parco Eolico Il Fortino» ubicato nel Comune di Scandale Società Clean Energy 1 s.r.l.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
POLITICHE ENERGETICHE,
ATTIVITÀ ESTRATTIVE
E RISORSE ENERGETICHE
VISTI
— la direttiva 2001/77/CE del Parlamento Europeo e del
Consiglio, del 27 settembre 2001, sulla promozione dell’energia
elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato
interno dell’elettricità;
— il D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387 «Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell’energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell’elettricità»;
— la Deliberazione del Consiglio Regionale n. 315 del 14/02/
2005 che approva il Piano Energetico Ambientale Regionale
(P.E.A.R.) della Regione Calabria;
— la D.G.R. n. 55 del 30.01.2006 che approva il documento
«L’eolico in Calabria: Indirizzi per l’inserimento degli impianti
da fonti rinnovabili sul territorio regionale»;
— il Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001
n. 327 «Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari
in materia di espropriazione per pubblica utilità» e s.m.i.;
— la L.R. n. 42 del 29 Dicembre 2008 «Misure in materia di
energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili»;
VISTO il Decreto del Dirigente del Dipartimento Politiche
dell’Ambiente n. 900 dell’11/02/2008 con cui si stabilisce di
escludere dall’ulteriore procedura di VIA, il progetto di ampliamento del parco eolico denominato «Il Fortino» da realizzarsi
nel comune di Scandale (KR), nonché delle opere connesse e
delle infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto
stesso, con le seguenti prescrizioni obbligatorie:
— venga redatta valutazione di incidenza, ai sensi del D.P.R.
357/1997 e presentata all’Ente di competenza, per le aree protette di Natura 2000 prossime e limitrofe al progetto;
— è fatto divieto assoluto ubicare le torri eoliche ad una distanza inferiore ai 500 m dai fabbricati regolarmente censiti e
stabilmente abitati;
— siano realizzate le misure e gli accorgimenti per la mitigazione degli impatti riportati previsti nella individuazione e valutazione degli impatti ambientali;
— siano adottate colorazioni degli aerogeneratori in modo da
minimizzare l’impatto visivo;
— non vengano realizzati in alcun modo aerogeneratori in
aree boscate;
— la rete elettrica interna al parco deve essere realizzata in
cavo interrato e nel rispetto dei valori limite di esposizione al
campo magnetico;
— le fondazioni degli aerogeneratori vanno realizzate con
l’estradosso posto ad una profondità non inferiore a 0.80 m dal
piano campagna a sistemazione avvenuta, tale da permettere a
dismissione dell’impianto, il ricarico con terreno vegetale per la
restituzione del territorio alla destinazione originaria;
— adottare i necessari accorgimenti al fine del riutilizzo del
materiale di risulta (scavi e rinterri);
— eventuali aumenti della potenza installata possono essere
realizzati mantenendo fisso il numero delle macchine e l’altezza
massima delle torri;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6471
— per le opere accessorie alla immissione in rete, dovranno
essere richieste le autorizzazioni e nulla osta in riferimento alla
normativa vigente ad esse applicabile, da parte dell’esecutore;
dificata, devono essere ripristinate alle condizioni originarie,
dopo la fase di costruzione dell’impianto eolico, al fine di garantire la conservazione e sicurezza dei luoghi;
— non siano abbattuti alberi di nessuna specie e qualora si
dovesse presentare l’esigenza di farlo è necessario richiedere le
opportune autorizzazioni agli enti competenti ed effettuare trapianti di tipo compensativo;
— è necessario non collocare aerogeneratori nelle aree boschive;
— è fatto obbligo, durante la costruzione del parco tramite
esperti del settore, di monitorare il territorio interessato dai lavori e di presentare report trimestrali all’ARPACAL nel quale si
valutino gli effetti reali indotti sull’ambiente ed in caso di effetti
negativi definire le proposte di mitigazione;
— a lavori ultimati nel periodo di funzionamento del parco,
l’obbligo di continuare il monitoraggio per almeno 2 anni, con
specifico interesse per quale sia evidenziata la reale incidenza
sull’ambiente circostante e sulle specie di avifauna interessate
con eventuali proposte di mitigazione.
VISTO il decreto del Dipartimento Politiche dell’Ambiente n.
1570 del 23/02/2009 con cui si esprime valutazione di incidenza
favorevole con prescrizioni per il progetto ampliamento del
parco eolico sito nel comune di Scandale (KR) denominato «Il
Fortino» ricadente all’esterno della perimetrazione del SIC e
ZPS «Foce Neto e Marchesato e Fiume Neto» nel comune di
Scandale (KR) con le seguenti prescrizioni:
— attuare le misure e gli accorgimenti per la mitigazione
degli impatti redatte nella Valutazione di Incidenza;
— la rete elettrica interna al parco deve essere realizzata in
cavo interrato e nel rispetto dei valori limite di esposizione al
campo magnetico;
— le fondazioni degli aerogeneratori vanno realizzate con
l’estradosso posto ad una profondità non inferiore a 0.80 m dal
piano campagna a sistemazione avvenuta, tale da permettere a
dismissione, dell’impianto, il ricarico con terreno vegetale per la
restituzione del territorio alla destinazione originaria;
— adottare i necessari accorgimenti al fine del riutilizzo del
materiale di risulta (scavi e rinterri);
— le opere siano realizzate in conformità a quanto proposto,
al fine della realizzazione dell’opera. Si provveda, inoltre a ripristinare l’habitat nella situazione preesistente laddove venga modificato nella fase di costruzione;
— eventuali aumenti della potenza installata possono essere
realizzati mantenendo fisso numero delle macchine e l’altezza
massima delle torri;
— per tutte le opere necessarie e/o accessorie alla immissione
in rete, dovranno essere richieste le autorizzazioni e nulla osta in
riferimento alla normativa vigente ad esse applicabile, da parte
dell’esecutore;
— siano realizzati, per come proposto nello studio di valutazione di incidenza, in un’area esterna al parco gli interventi preposti ad incrementare la densità delle prede per i rapaci, in quanto
specie a maggior rischio di impatto, attraverso la realizzazione,
in un’area esterna al parco, di interventi preposti ad incrementare
la densità delle prede;
— le strade che si devono creare per trasportare i pali o quelle
che si devono modificare, quindi la viabilità di servizio, devono
ottenere tutte le autorizzazioni necessarie alla costruzione delle
stesse. Infine la viabilità creata ex novo e/o quella esistente mo-
— è fatto divieto di realizzare piste ed infrastrutture in aree
boschive;
— è obbligo, durante la costruzione del parco, tramite esperti
nel settore di monitorare il territorio interessato dai lavori e di
presentare report trimestrali alla Regione Calabria Assessorato
Ambiente nel quale si valutino gli effetti reali indotti sull’ambiente ed in caso di effetti negativi le proposte di mitigazione;
— a lavori ultimati nel periodo di funzionamento del parco
eolico, l’obbligo di continuare il monitoraggio per almeno 2
anni, con specifico interesse per l’avifauna pretendendo un report annuale nel quale sia evidenziata la reale incidenza sull’ambiente circostanza e sulle specie di avifauna interessate con le
eventuali proposte di mitigazione ed in ultima analisi l’impegno
di reintroduzione di esemplari.
VISTO il D.D. n. 14433 del 29/07/2009 con il quale il nucleo
V.I.A. ha ritenuto di esprimere parere favorevole in merito alla
compatibilità ambientale del progetto «Realizzazione di un parco
eolico denominato Il Fortino in località Lustra – Istanza di riesame nel Comune di Scandale (KR).
VISTA la documentazione integrativa che la società «Clean
Energy Srl» ha prodotto nei termini con nota prot. n. 5733/Dip.
del 04/05/2009, così come richiesto dal Settore Politiche Energetiche (nota prot. n. 1014/DIP del 30/01/2009) ai fini dell’adeguamento della domanda di autorizzazione alla L.R. n. 42 del 29/12/
2008.
VISTA la STMG fornita da Terna del 30/04/2008 (prot. n. TE/
P2008007364) con la conferma di connessione alla rete di distribuzione RTN e che prevede che la centrale venga collegata a 150
kV in antenna alla sezione a 150 kV della stazione 380 kV di
Scandale, previo ampliamento della stessa stazione ed installazione di un terzo ATR.
VISTA l’accettazione della STMG da parte di «Clean Energy
S.r.l.» del 12/05/2008.
VISTA la Deliberazione del Consiglio Comunale di Scandale
n. 10 del 05.06.2008 con oggetto: «Richiesta presa d’atto progetto parco eolico «Il Fortino» – in cui si esprime parere favorevole sul medesimo progetto.
VISTA l’attestazione del responsabile dell’area urbanistica del
Comune di Scandale (KR) del 15/07/2010, con cui si attesta che:
— le aree ricadenti nel comune di Scandale al foglio 15 part.lle 32, 34, 37, 38, 41, 58, 61, 67, 68, 69, 72, 74, 75, 84 e 137
hanno la seguente destinazione urbanistica: Zone di uso agricolo, E;
e si certifica che:
— l’area di cui all’intervento non è afferente alla rete Natura
2000 come di seguito indicata: Siti di Importanza Comunitaria
(SIC) – Siti di Importanza Nazionale (SIN) – Siti di Importanza
Regionale (SIR), e che da dette aree, indicate per la realizzazione
dell’opera, sono distanti almeno Km 0,5;
— non esistono vincoli inibitori ai sensi del D.Lgs 490/99 e
della legge regionale n. 23/90;
6472
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— le aree di progetto non ricadono in zone a vincolo paesaggistico individuate ai sensi dell’art. 142 del D.lgs 22.01.2004 n.
42 («Codice Urbani»);
— le aree di progetto non ricadono in zone a vincolo archeologico monumentale e paesaggistico individuate ai sensi del
D.Lgs 22.01.2004 n. 42 («Codice Urbani»), comprese in una fascia di rispetto di almeno Km 0,5;
— le aree interessate non risultano comprese tra quelle di cui
al P.A.I. (Piano Assetto Idrogeologico), approvato con delibera
del Consiglio Regionale n. 115 del 28.12.2001, pubblicato sul
BUR Calabria del 25.03.2002;
— le aree interessate non risultano comprese tra quelle di cui
alla Legge 365/2000 (Decreto Soverato);
— le aree interessate non sono comprese in zone umide individuate ai sensi della Convenzione internazionale di Ramsar
(«Lago dell’Angitola»);
— le aree non sono incluse in zone di riserva statale, regionale o oasi naturalistiche, comprese in una fascia di rispetto di
almeno Km 0,5.
VISTA la successiva integrazione del certificato suddetto del
19/11/2010 in cui il responsabile dell’Ufficio Tecnico attesta che
le particelle interessate alla costruzione dell’impianto eolico denominato «Ampliamento Il Fortino» ricadenti nel comune di
Scandale al foglio 15 sono le seguenti: 32, 34, 37, 38, 41, 58, 61,
66, 67, 68, 69, 72, 74, 75, 84 e 137 ed hanno la seguente destinazione urbanistica: Zone di uso agricolo, E, e certifica che:
— l’area di cui all’intervento non è afferente alla rete Natura
2000 in particolare Siti di Importanza Comunitaria (SIC) – Siti di
Importanza Nazionale (SIN) – Siti di Importanza Regionale
(SIR), e che da dette aree, indicate per la realizzazione dell’opera, sono distanti almeno Km 0,5;
— le aree di progetto:
− non ricadono in zone a vincolo paesaggistico individuate
ai sensi dell’art. 142 del D.lgs 22/01/2004, n. 42 («Codice Urbani»);
− non ricadono in zone a vincolo archeologico monumentale e paesaggistico individuate ai sensi del D.Lgs. 22.01.2004 n.
42 («Codice Urbani»), comprese in una fascia di rispetto di almeno 0.5 km;
− non risultano comprese tra quelle di cui al P.A.I. (Piano
Assetto Idrogeologico), approvato con delibera del Consiglio
Regionale n. 115 del 28/12/2001, pubblicato sul BUR Calabria
del 25.03.2002;
− non risultano comprese tra quelle di cui alla Legge 365/
2000 (Decreto Soverato);
− non sono comprese in zone umide individuate ai sensi
della Convenzione internazionale di Ramsa («Lago dell’Angitola»);
− non sono incluse in zone di riserva statale, regionale o
oasi naturalistiche, comprese in una fascia di rispetto di almeno
km 0.5;
— sull’area non esistono vincoli inibitori ai sensi del D.Lgs.
490/99 e della legge regionale n. 23/90.
VISTA la nota prot. n. 3888/Dip. del 17/03/2010 con la quale
il Settore Politiche Energetiche del Dipartimento Attività Pro-
duttive della Regione Calabria ha indetto la conferenza di servizi
ai sensi del D.Lgs. 387/03 e della L.R. 42/08 per l’autorizzazione
dell’ampliamento dell’impianto di produzione di energia elettrica da fonte eolica denominato «Il Fortino» da realizzarsi nel
comune di Scandale (KR).
VISTO il Verbale della Conferenza di Servizi del 20/04/2010
in cui sono stati espressi i seguenti pareri favorevoli da parte
degli enti competenti e che di seguito si riportano:
— Consorzio di Bonifica «Ionio Crotonese»: nota prot. n. 923
del 25/03/2008 con la quale si comunica che nessun servizio attinente le proprie competenze istituzionali risulta presente nell’area interessata dal progetto;
— Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per
l’Energia – Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche sezione UNMIG: Nulla Osta (nota prot. n. 3788 del 22/
09/2009) alla costruzione ed all’esercizio dell’impianto in oggetto alla condizione che la Società si impegni a modificare il
tracciato nei tratti in cui, all’atto della costruzione dello stesso
impianto, fossero in corso lavori minerari temporanei o permanenti (perforazione di pozzi, esercizio di impianti fissi di raccolta
e trattamento di idrocarburi, ecc.) affinché vengano rispettate le
distanze previste dal D.P.R. 9 aprile 1959, n. 128 sulle «Norme di
Polizia delle miniere e delle cave»;
— Regione Calabria – Dipartimento n. 8 – Urbanistica e Governo del Territorio Settore 1: Nota prot. n. 6269 del 14/09/2009
con la quale si comunica di essere impossibilitati ad esprimere
parere di competenza in quanto a tutt’oggi non risulta pervenuta
copia degli elaborati progettuali;
— Comunità Montana Alto Marchesato Crotonese: Parere
Favorevole (nota prot. n. 43 del 15/01/2008) per l’ampliamento
dell’impianto;
— Provincia di Crotone – Settore Ambiente: Nota prot. n.
22358 del 20/04/2010 con la quale si comunica che:
− gli ultimi elaborati trasmessi rappresentano una diversa
soluzione per il cavidotto da quella già presentata;
− mancano agli atti alcuni documenti ed alcuni pareri riguardanti gli attraversamenti delle opere;
non è stata dimostrata con adeguata documentazione di supporto il rispetto delle distanze di 500 mt dalle unità abitative;
— Regione Calabria Dipartimento 5 – Attività Produttive Ufficio Miniere – Cave: Nulla Osta (nota prot. n. 1864 del 14/04/
2008) alla realizzazione dei lavori in oggetto dal punto di vista
esclusivamente minerario ai sensi del R.D. 11/12/1933 n. 1755;
— Regione Calabria – Dipartimento n. 9 Infrastrutture Lavori
Pubblici Edilizia Residenziale: Nota prot. n. 1669/MAR del 19/
04/2010 con la quale si comunica che il settore non deve esprimere alcun parere in merito vista la nota della Clean Energy Srl
del 16/04/2010 con la quale la società istante dichiara di rinunciare alla promozione della procedura espropriativa per la realizzazione dell’impianto e la nota con la quale l’Ufficio Tecnico del
Comune di Scandale certifica che nell’area interessata dall’intervento non esistono infrastrutture acquedottistiche regionali;
— Agenzia delle Dogane: Parere Favorevole (nota prot. n.
A/4433 del 18/03/2008) alla realizzazione dell’impianto in oggetto. Almeno 30 giorni prima della messa in esercizio dell’impianto dovrà essere presentata denuncia dell’officina di produzione di energia elettrica all’ufficio competente, che si riserva di
sottoporre a verifica l’impianto e di dettare ogni eventuale prescrizione volta alla salvaguardia degli interessi erariali;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— Comando Militare Esercito Calabria: Parere Favorevole
(nota prot. n. 0006999 del 15/09/2008) alla realizzazione dei lavori in oggetto. Il rilascio del Nulla Osta è subordinato all’effettuazione, da parte della Ditta appaltatrice dei necessari interventi
di bonifica dell’area in questione, in considerazione del fatto che
nell’area sono stati pervenuti n. 3 ordigni bellici;
— Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione
Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria:
Nota (prot. n. 1660 del 01/04/2008) con la quale si comunica che
la Direzione Regionale visto il certificato rilasciato dal Comune
di Scandale attestante la mancanza del vincolo paesaggistico non
ha più competenza ad esprimere parere;
— Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione
Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria –
Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria: Parere
Favorevole (nota prot. n. 4346 del 06/03/2008) alla realizzazione
dei lavori con le seguenti inderogabili prescrizioni:
1. una preliminare ed adeguata informazione storico – archeologica sulla zona verificando fondi di archivio ed integrando
tali informazioni con una ricognizione approfondita dell’area
nella quale sarà censita ogni emergenza antica;
2. la raccolta della cartografia precedente e la realizzazione
di una nuova cartografia georeferenziata sulla quale, a livello di
GIS dovranno essere riportate le informazioni da archivio e della
ricognizione di superficie;
3. una approfondita ricognizione dell’area con identificazione di ogni emergenza antica che costituirà la base per una
lettura stratigrafica del territorio del progetto;
4. nelle zone archeologicamente a rischio, prospezioni geofisiche di tipo archeologico che integrano la lettura di cui ai punti
precedenti;
5. nelle aree a maggior indizio archeologico l’esecuzione di
sondaggi stratigrafici con conseguente conservazione e valorizzazione di quanto emerso;
6. al termine delle operazioni previste la redazione di una
accurata e documentata relazione sullo stato del territorio oggetto dell’intervento;
— Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone – Dipartimento
di Prevenzione: parere favorevole con prescrizioni (nota prot. n.
881/ML del 24/04/2008) alla realizzazione del progetto con la
seguente prescrizione:
− sia redatto il documento di valutazione dei rischi entro 90
giorni dall’inizio dell’attività con particolare riferimento a rumore e IPA.
Resta fermo il rispetto della normativa vigente in tema di prevenzione e sicurezza in fase di attività, nonché autorizzazioni di
legge da parte di altri organi;
— Aeronautica Militare Comando Scuole A.M./III R.A. Reparto Territorio e Patrimonio: Nulla Osta Militare (nota prot. 698
del 23/05/2008) per gli aspetti demaniali di propria competenza;
— Aeronautica Militare Centro Informazione Geotopografiche Aeronautiche: Nulla Osta (nota prot. n. 3720 del 27/05/
2008) alla realizzazione dei lavori con le seguenti prescrizioni:
− il nulla osta è condizionato dal fatto che sarà espresso
parere negativo ad ogni qualsivoglia eventuale futura richiesta
da parte della Ditta in parola di istituire una zona vietata al sor-
6473
volo degli aeromobili a protezione dell’impianto in oggetto, in
quanto tale divieto comporterebbe una forte penalizzazione dell’operatività civile e militare;
− l’amministrazione non risponderà di eventuali danni all’impianto eolico in argomento riconducibili alle operazioni di
volo da parte degli aeromobili civili e/o militari;
− la valutazione di cui sopra è stata svolta ai soli fini di
individuare eventuali interferenze con le procedure strumentali
di volo di specifica competenza dell’Aeronautica Militare e non
prevede né la verifica inerente il rispetto delle aree demaniali
dell’Amministrazione Difesa e dei piani aeroportuali, né lo
studio di possibili interferenze elettro-magnetiche, valutazioni
queste non di competenza del CIGA;
− il parco eolico non dovrà generare interferenze elettromagnetiche tali da compromettere le comunicazioni radio terra/
bordo/terra, le presentazioni dei sistemi radar e le indicazioni
elettromagnetiche fornite dalle radioassistenze ubicate nelle vicinanze del sito in parola;
— Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali –
Corpo Forestale dello Stato: Parere Favorevole (nota prot. n.
2746 del 05/06/2008) alla realizzazione dei lavori con le seguenti
prescrizioni:
− i lavori devono essere realizzati secondo il progetto presentato che rimane depositato agli atti d’ufficio;
− i movimenti di terra devono essere contenuti al minimo
indispensabile;
− i lavori devono essere realizzati in maniera tale da non
turbare le condizioni di equilibrio idrogeologico della zona interessata;
− devono essere realizzate tutte le opere atte a garantire il
deflusso regolare delle acque meteoriche in modo da evitare dilavamenti e ruscellamenti;
− il cavidotto di collegamento tra le torri T03-T04-T05 all’interno del rimboschimento deve essere realizzato lungo la
pista esistente, senza comportare il taglio o l’espianto di alberi,
evitando ogni danneggiamento della vegetazione arborea;
− è consentita la localizzazione della torre T05 nella particella n. 32 foglio 15 del Comune di Scandale; non è consentita la
realizzazione nelle aree soggette a vincolo di rimboschimento
anche se degradate;
— Ministero della Difesa Direzione Generale dei Lavori e del
Demanio: Nulla Osta (nota prot. n. M_D/GGEN/02/412563/262/
G-8-/08 del 11/06/2008) all’istallazione degli aerogeneratori, a
condizione che alla società sia fatto obbligo di attenersi alle direttive allegate al foglio n. 146/394/4422 del 09/08/2000 di STAMADIFESA, riguardanti la segnalazione delle opere costituenti
ostacolo alla navigazione aerea, sia in fase di realizzazione, che
per tutto il tempo di durata dell’attività, sino allo smantellamento
della struttura. Si evidenzia che, data la particolare struttura degli
apparati generatori, la quota massima dell’ostacolo dal suolo, da
tenere presente per l’applicazione della richiamata direttiva, è
data dall’altezza della torre aumentata della dimensione dell’elemento rotante (pala). Alla luce delle caratteristiche dell’opera e
tenuto conto del fatto che la zona interessata ai lavori non è stata
oggetto di bonifica sistematica e che nei terreni limitrofi al Comune di Scandale (KR) sono stati rinvenuti n. 3 ordigni bellici, il
presente nulla osta è subordinato all’effettuazione a cura della
ditta appaltatrice ed a proprie spese, delle opere di bonifica da
ordigni bellici dell’area in questione, previa richiesta delle relative «prescrizioni tecniche» al competente 10o reparto Infrastrut-
6474
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
ture – Ufficio BCM di Napoli. Si richiama l’attenzione sull’obbligo nel quale incorre il proprietario dell’opera, oltre a quello di
dotare con immediatezza l’impianto della prescritta segnalazione, di comunicare formalmente, 30 gg. prima dell’inizio dei
lavori, con lettera raccomandata, al Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche (C.I.G.A) Aeroporto di Pratica di Mare
00040 Pomezia (Roma) le caratteristiche e i dati tecnici dell’opera, necessari per la rappresentazione sulle carte aeronautiche. Ulteriore obbligo per il proprietario è costituito dall’immediata comunicazione delle avarie agli impianti di segnalazione,
da inoltrare al Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche (C.I.G.A.);
— Ministero dello Sviluppo Economico Comunicazioni –
Ispettorato Territoriale Calabria: parere favorevole (nota prot.
10015/ALS del 25/07/2008) alla realizzazione dei lavori. Si rimane in attesa di ricevere, da parte della società, il progetto esecutivo delle opere e delle eventuali interferenze geometriche e la
relazione di calcolo delle forze elettromotrici indotte con impianti della rete Pubblica di Comunicazione delle varie Società
autorizzate al fine di avviare il procedimento di rilascio dei nulla
osta di competenza e, al termine dei lavori, la relativa comunicazione per poter permettere ai funzionari preposti la prevista visita tecnica. Sarà cura dei responsabili del Ministero verificare il
rispetto da parte della società, di tutte le prescrizioni previste
nella dichiarazione di impegno e rilasciare a codesta Regione
Calabria il conclusivo attestato di conformità;
— Regione Calabria – Autorità di Bacino Regionale: Nota
(prot. 1125/ABR del 07/04/2008) con la quale si comunica che
l’intervento in oggetto non ricade in aree a «rischio» vincolate
dal PAI e pertanto non è dovuto alcun parere da parte dell’Autorità di Bacino Regionale;
minare la stessa solo in corrispondenza del passaggio della pala
nella parte più alta della sua rotazione per un arco di cerchio di
30o circa.
La società potrà eventualmente proporre una soluzione alternativa, purché parimenti efficace allo scopo di segnalare l’ostacolo in sommità, come ad esempio l’utilizzo di luci di sommità
da installare sull’estradosso delle navicelle del rotore. In tal caso
dovrà essere comunicato a questo Ente la relativa proposta che
sarà oggetto di specifica valutazione.
Dovrà essere prevista a cura e spese della società una procedura manutentiva che preveda, fra l’altro, il monitoraggio della
segnaletica con frequenza minima mensile e la sostituzione delle
lampade al raggiungimento dell’80% della prevista vita utile.
Inoltre dovrà essere comunicata con almeno 30 giorni prima
dell’inizio e fine lavori alla Direzione Aeroportuale di Lamezia
Terme ed all’ENAV, ai fini della pubblicazione in AIP e per la
comunicazione della attivazione della richiesta procedura manutentiva che andrà trasmessa all’ENAC.
Infine, qualora la Società ritenga opportuno, al fine di limitare
la segnaletica diurna e notturna ad una parte dei generatori contenendo al contempo l’impatto ambientale, potrà presentare uno
studio aeronautico che identifichi gli ostacoli più significativi;
— ENAC: Nota (prot. n. 27418/AOC/DIRGEN del 24/04/
2009) di conferma del Nulla Osta già espresso con la precedente
nota 18122/AOC/DIRGEN del 19/03/2009 con prescrizioni;
— ANAS: parere espresso in conferenza di servizi in quanto
l’opera non ricade nella fascia di pertinenza della Società e riconfermato con nota prot. n. 20142-P del 20/05/2010;
— Regione Calabria – Agenzia Regionale per la Protezione
dell’Ambiente della Calabria: Parere Tecnico (nota prot. n.
4634/08 del 31/07/2008) di conformità dell’opera alla normativa
vigente di riferimento;
— SNAM Rete Gas: parere, espresso in conferenza di servizi,
alla realizzazione dell’opera in quanto dalla visione del progetto
non si evince nessuna interferenza con i metanodotti Snam Rete
Gas;
— Marina Militare Comando in Capo del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio e del Canale d’Otranto Taranto: nota
prot. n. 018903/UI-DEM/2010 con la quale si conferma il nulla
Osta (nota prot. 2753 del 22/01/2008) alla realizzazione dell’ampliamento in oggetto. Si ritiene opportuno sottolineare l’esigenza
che la Società interessata provveda alla installazione della segnaletica ottico – luminosa delle strutture a sviluppo verticale, che
sarà prescritta dall’Autorità competente per la tutela del volo a
bassa quota;
— Società Terna Ufficio Connessioni RTN: il rappresentante
della società nella persona dell’Ing. Cataldo Franco, in conferenza di servizi, dichiara che per ottemperare alle richieste del
Codice di Rete è necessario che la Società integri la documentazione progettuale trasmessa con il progetto dell’ampliamento
della sezione a 150 kV della stazione RTN di Scandale.
— ENAC: Nulla Osta (nota prot. 37044/AOC/DIRGEN del
12/06/2008) alla realizzazione del Parco Eolico con le seguenti
prescrizioni:
Segnaletica diurna
le pale dovranno essere verniciate con n. 3 bande, rosse,
bianche e rosse di m. 6 l’una di larghezza, in modo da impegnare
solamente gli ultimi 18 m. delle pale stesse. Ciò è richiesto per
gli aerogeneratori che superano in totale (comprese le pale) i 45
m di altezza e le cui pale siano di lunghezza superiore ai 30 m. Se
le pale sono di dimensione uguale o inferiore a 30 m., la verniciatura sarà limitata ad un terzo della lunghezza stessa delle pale
(divisa in tre fasce rossa, bianca e rossa). La manutenzione della
verniciatura dovrà essere garantita sempre a cura e spese del proprietario del bene.
Segnaletica notturna
le luci dovranno essere posizionate all’estremità delle pale eoliche e collegate ad un apposito interruttore al fine di poter illu-
CONSIDERATO che la Società proponente in sede di conferenza ha esibito copia della ricevuta della raccomandata con la
quale trasmette gli elaborati progettuali al Dipartimento n. 8 in
data 13/08/2009.
VISTO il Verbale della Conferenza di Servizi del 03/06/2010
in cui sono stati espressi i seguenti pareri favorevoli da parte
degli enti competenti e che di seguito si riportano:
— ARPACAL Centro funzionale strategico NIR: (nota prot.
n. 531/NIR-R/10 del 19/04/2010) con la quale si comunica che si
riconferma quanto già detto nella nota n. 4634/08 del 31/07/08
che rilasciava parere tecnico di conformità alla normativa vigente di riferimento;
— Comando in capo del Dipartimento Militare Marittimo
dello Jonio e del Canale d’Otranto: (nota prot. n. 019911/UIDEM/2010 del 20/04/2010) con la quale si comunica che per
quanto di competenza, in ordine ai soli interessi della Marina
Militare, non si intravedono motivi ostativi all’ampliamento dell’impianto eolico in oggetto;
— Agenzia delle Dogane: (nota prot. n. 7886 del 06/04/2010)
con la quale si esprime per quanto di competenza ed ai soli fini
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
fiscali, parere favorevole alla realizzazione dell’impianto in oggetto. Almeno 30 giorni prima della messa in esercizio dell’impianto dovrà essere presentata Denuncia dell’Officina di produzione di Energia Elettrica allo scrivente Ufficio, che si riserva di
sottoporre a verifica l’impianto e di dettare ogni eventuale prescrizione volta alla salvaguardia degli interessi erariali;
— Provincia di Crotone Settore Viabilità – Servizio Concessione Trasporti Eccezionali: (nota prot. n. 26663 del 11/05/2010)
con la quale si precisa che i lavori in oggetto non interessano la
S.P. 56, bensì una strada che dagli elaborati tecnici non risulta
essere di competenza di questo ente;
— Regione Calabria – Autorità di Bacino Regionale: (nota
prot. n. 100001715 del 19/04/2010) con la quale si precisa che
dal raffronto tra gli elaborati tecnici trasmessi e quelli del Piano
Stralcio di Bacino per l’Assetto Idrogeologico della Regione Calabria (PAI) si evince che l’intervento in oggetto non ricade in
aree a «rischio» vincolate dal PAI stesso e, pertanto, in merito
non è dovuto alcun Parere da parte di questa Autorità di Bacino
Regionale;
— ANAS Spa: (nota prot. n. CCZ-0020142-P del 20/05/
2010) con la quale si precisa che l’area su cui dovrà sorgere l’ampliamento del Parco Eolico il Fortino, ricade al di fuori dei limiti
di fascia di pertinenza della S.S. 106 Ionica e S.S. 107 «SGS» per
cui, si conferma il parere favorevole già espresso in fase della
prima conferenza di servizi;
— Provincia di Crotone – Settore «Ambiente e Polizia Provinciale» – Servizio «Energia»: (nota prot. n. 31429 del 3/06/
2010) Nulla Osta Non Favorevole alla realizzazione del progetto;
— Società Terna Ufficio Connessioni RTN: il rappresentante
della società nella persona dell’Ing. Cataldo Franco, in conferenza di servizi, dichiara che la parte di progetto riguardante le
opere di rete per la connessione (ampliamento della sezione a
150 KV della stazione elettrica RTN di Scandale comprensiva
dell’istallazione di un nuovo ATR) risulta rispondente ai requisiti
tecnici del Codice di Rete fermo restando la prescrizione alla
Società proponente di inviare a Terna le modifiche progettuali
sull’impianto di utenza (di proprietà della Società proponente).
VISTO il Verbale della Conferenza di Servizi del 22/07/2010
in cui sono stati espressi i seguenti pareri favorevoli da parte
degli enti competenti e che di seguito si riportano:
— Provincia di Crotone – Settore Ambiente e Polizia Provinciale: Nulla Osta (nota prot. 42286 del 21/07/2010), in relazione
alle competenze assegnate al Servizio «Energia» Settore «Ambiente e Polizia Provinciale», al rilascio dell’autorizzazione alla
costruzione ed all’esercizio del Parco eolico «Il Fortino-Ampliamento», con le seguenti prescrizioni:
− il cavidotto di collegamento all’interno del Parco Eolico
dovrà essere realizzato, per le aree non ricadenti su infrastrutture
primarie e relative pertinenze ad una profondità non inferiore a 1
mt. In relazione alle aree interessate da infrastrutture primarie e
alle relative pertinenze sarà acquisito specifico parere/nulla-osta
dagli enti competenti;
− dovranno essere rispettate le prescrizioni riportate nel
Decreto Regionale 1570/2009 in merito alla valutazione di incidenza;
− siano rispettate le prescrizioni del CFS contenute nel nulla-osta idrogeologico.
VISTE altresì le seguenti note:
6475
— Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione
Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria:
nota (prot. n. 1242 del 16/12/2010) con la quale il Ministero comunica di non aver competenza ad esprimere parere in quanto
l’impianto in oggetto non ricade in zona sottoposta a tutela ai
sensi del D.Lgs 42/2004 e che non sussistono ad oggi, procedimenti di tutela ovvero di procedure di accertamento della sussistenza di beni archeologici in itinere. Rimangono comunque valide le prescrizioni già impartite dalla Soprintendenza archeologica con note n. 2357 del 01/02/2006 e n. 4346 del 06/03/2008;
— Regione Calabria – Dipartimento n. 8 – Urbanistica e Governo del Territorio Settore 1: (Nota Prot. n. 4761 del 01/07/
2010);
— Certificazione del Comune di Scandale in data 14/12/2010
con la quale si attesta che l’area interessata al progetto ricade in
zona agricola e pertanto l’intervento non si pone in contrasto con
la destinazione urbanistica della zona interessata.
CONSIDERATO che la Società proponente:
— ha depositato n. 2 copie del progetto definitivo aggiornato
alle determinazioni conclusive della Conferenza dei Servizi;
— ha provveduto a documentare la sussistenza della capacità
economica finanziaria;
— in data 03/06/2010 ha comunicato alla Regione Calabria
(prot. n. 9252/Dip.) la costituzione della società di scopo denominata Clean Energy 1 S.r.l., con sede legale in Scandale, via S.
Antonio P.I. 03055380798 iscritta al R.E.A. CCIAA di Crotone
con il n. 171758, alla quale ha sottoscritto e liberato il capitale
della società conferendo la titolarità di ogni diritto relativo alla
realizzazione del succitato impianto eolico.
RICHIAMATA la L.R. n. 7 del 13 maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» e ss.mm.ii.
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21.04.2010 con la quale è stato
nominato Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività
Produttive» la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTO il D.P.G.R. n. 99 del 3 maggio 2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5
«Attività Produttive» alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 07.06.2010 con la quale è stato
confermato l’incarico di Dirigente di Settore all’ing. Ilario De
Marco.
VISTA la L.R. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
RICHIAMATI
— il decreto n. 13046 del 02/07/09 con cui il Dirigente del
Settore Politiche Energetiche ha approvato il modello di schema
di convenzione relativo al rilascio dell’autorizzazione unica alla
costruzione ed all’esercizio di impianti per la produzione di
energia elettrica da fonti rinnovabili;
— la Convenzione stipulata con la Società Clean Energy 1
Rep. n. 1573 del 23/12/2010.
DECRETA
— di autorizzare, ai sensi e per gli effetti dell’art. 12 del Decreto Legislativo 387/2003 e della L.R. n. 42 del 29.12.2008, la
6476
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Società Clean Energy 1, con sede legale in Scandale (KR), via S.
Antonio, P.I. n. 03055380798, iscritta al R.E.A. CCIAA di Crotone con il n. 171758, fatti salvi i diritti dei terzi, alla costruzione
e all’esercizio:
− dell’impianto eolico denominato «Ampliamento parco
Eolico il Fortino», per una potenza prevista di 12 MW, ubicato
nel Comune di Scandale (KR), composto da 6 aerogeneratori;
− delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili
alla costruzione dell’impianto con connessione in antenna a 150
kV alla sezione a 150 kV della stazione 380 kV di Scandale
previo ampliamento della stessa stazione ed installazione di un
terzo ATR;
il tutto in conformità al progetto definitivo approvato in sede
di Conferenza di Servizi e con le prescrizioni così come esposte
in premessa che s’intendono qui integralmente riportate;
— di dare atto che il rilascio della presente autorizzazione e
l’approvazione del progetto definitivo equivalgono a dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza delle opere, ai
sensi e per gli effetti dell’art. 12 comma 1 e 3 del Decreto legislativo n. 387 del 23.12.2003;
— di demandare, a norma dell’articolo 27 comma 1 del T.U.
380/2001, al Comune di Scandale (KR) il controllo e la verifica
della regolare e conforme esecuzione delle opere a quanto autorizzato con il presente provvedimento. Gli Enti e le Amministrazioni che nell’esprimere il parere di rispettiva competenza sulla
realizzazione e sull’esercizio dell’impianto oggetto della presente Autorizzazione Unica hanno apposto prescrizioni alla realizzazione dell’opera saranno, altresì, preposti alla verifica del
rispetto delle prescrizioni medesime e responsabili delle stesse.
La Regione Calabria – Settore Politiche Energetiche, Attività
Estrattive e Risorse Geotermiche, si riserva ogni eventuale successivo accertamento ulteriore;
DECRETO n. 87 del 12 gennaio 2011
Legge 215/92 – Revoca decreto di concessione agevolazioni
L. 215/92. N. 2887 del 22 Marzo 2002 – Imprenditoria Femminile – Ditta «Farmanatura della Dott.ssa Longo Giuseppina» – Via Gaetano Ruffo, 12 – 89030 Bovalino (RC).
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA la legge 25 Febbraio 1992, n. 215, recante «Azioni
positive per l’imprenditoria femminile».
VISTO il D.P.R. 28 Luglio 2000 n. 314 recante il nuovo regolamento di attuazione della Legge 25 Febbraio 1992, n. 215, per
la concessione delle agevolazioni a favore dell’imprenditoria
femminile.
VISTA la circolare esplicativa del 2 Febbraio 2001 n. 1138443
sulle modalità e procedure per la concessione ed erogazione delle
agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile.
VISTO il Decreto Ministeriale del 2 Febbraio 2001 che determina le misure del contributo in conto capitale da concedere a
favore dell’imprenditoria femminile.
VISTO il Decreto Ministeriale del 2 Febbraio 2001 che individua i criteri di priorità da utilizzare per la formazione delle
graduatorie delle domande ammissibili alle agevolazioni.
VISTO il Decreto Ministeriale del 2 Febbraio 2001 che fissa i
termini di presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni relative al 4o Bando.
VISTO il Decreto del Dirigente Generale n. 62 del 9 Gennaio
2002, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria
del 22 Gennaio 2002, con il quale sono state approvate le graduatorie delle domande ammesse alle agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile previste dalla Legge 215/92 «IV Bando
2000», articolate nei macrosettori: «Agricoltura», «Manifatturiero e assimilati», «Commercio Turismo e Servizi».
— di notificare il presente decreto alla società proponente e al
Comune di Scandale (KR);
VISTE le Deliberazioni n. 1055 del 17 Novembre 2001 e n. 64
del 29 Gennaio 2002 con le quali la Giunta Regionale ha preso
atto delle suddette graduatorie.
— di stabilire che i lavori dovranno iniziare entro 90 giorni
dalla data di rilascio dell’autorizzazione unica e concludersi
entro il termine di 36 mesi, così come da dichiarazione giurata
del 30/03/2009. Tale termine è prorogabile per una sola volta con
le modalità di cui al punto 11 della L.R. 42/08;
VISTO il decreto di concessione n. 2887 del 22 Marzo 2002
avente ad oggetto: «Legge 215/92 agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Farmanatura della
Dott.ssa Longo Giuseppina» – Via Gaetano Ruffo, 12 – Cap
89030 – Bovalino (RC) – Progetto n. 2001/CL1/1412, Macrosettore: Manifatturiero».
— di disporre la pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria;
— di disporre che a cura e spese della Società Clean Energy 1
S.r.l., il presente decreto venga pubblicato su un quotidiano a
diffusione regionale e uno a diffusione nazionale.
Entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla pubblicazione, i
soggetti interessati potranno proporre avverso il presente atto ricorso giurisdizionale al Tribunale amministrativo di Catanzaro
oppure, entro il maggior termine di 120 (centoventi) giorni, ricorso straordinario al Capo dello Stato.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Il Dirigente di Settore
Ing. Ilario De Marco
VISTO il decreto di erogazione della prima quota di finanziamento a titolo di SAL/Anticipazione n. 14720 del 13 Novembre
2002 per un importo pari ad Euro 85.689,30.
VISTO il decreto di erogazione della quota di finanziamento a
titolo di Saldo n. 13816 del 27 Agosto 2004 per un importo pari
ad Euro 199.941,70.
CONSIDERATO CHE:
— l’azienda con nota del 23 Maggio 2006 ha comunicato di
aver completato l’investimento ammesso alle agevolazioni e di
aver raggiunto l’anno di regime produttivo;
— con nostra nota n. 67 del 3 Febbraio 2006 è stato chiesto
alla Ditta Beneficiaria di presentare la documentazione necessaria al fine di consentire la verifica del rispetto degli indicatori
posti a base del punteggio attribuito in fase di istruttoria, ai sensi
e per gli effetti degli artt. 7 e 8 della Legge 241/90 e successive
modifiche e integrazioni;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— la Ditta ha presentato il libro matricola dipendenti in data
30/03/2009;
— dalla verifica effettuata dal competente Ufficio Legge 215
è emerso che:
1. l’indicatore «Occupati attivati dall’iniziativa/investimento complessivo ammissibile» ha subito uno scostamento negativo superiore al 30%;
2. l’indicatore «Donne occupate attivate dall’iniziativa/investimento complessivo» ha subito uno scostamento negativo
superiore al 30%;
3. la media degli scostamenti ha superato uno scostamento
negativo superiore al 20%;
— con nostra nota prot. n. 14328 del 7 Settembre 2010 è stato
comunicato l’avvio del procedimento di revoca;
— la Ditta nei successivi 10 giorni ha presentato memoria
scritta con la richiesta di integrazione dei dipendenti da assumere
per sanare lo scostamento riscontrato;
— con nostra nota n. 17388 del 28/10/2010 è stata esclusa
ogni possibile integrazione da realizzarsi dopo l’anno di regime.
VISTO l’art. 9 del Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, n. 123.
RITENUTO di doversi procedere alla revoca del citato decreto di concessione n. 2887 del 22 Marzo 2002 a valere sulla L.
215/92 – IV Bando, in quanto sono venuti meno le condizioni
stabilite dall’articolo 20, comma 1-3 e dell’articolo 10, comma 2
del regolamento n. 54, allegato 1 della Legge n. 59/1977 (Decreto del Presidente della Repubblica 28 Luglio 2000, n. 314).
VISTI:
— il D.D.G. n. 10967 del 6 settembre 2002 avente ad oggetto
«legge 215/92 Cap. 43030103 – U.P.B. di spesa 4.3.03.01 Impegno di Spesa;
— la L.R. 07 Agosto 2002, n. 31 – Misure organizzative di
razionalizzazione e di contenimento della spesa per il personale;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del presidente della
Giunta regionale recante – Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione, per come
modificato ed integrato D.P.G.R. n. 206 del 15 Dicembre 2000;
— le Deliberazioni della G.R. n. 869 del 7 Ottobre 2005 e n.
770 del 22 novembre 2006 recanti – Riordino della Struttura
della G.R.;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 334 del 21/4/
2010, con la quale è stato nominato Dirigente del Dipartimento
n. 5 «Attività Produttive» la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò;
— il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 03/05/2010,
con il quale è stato conferito alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò
l’incarico di Dirigente Generale;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 440 del 07/06/
2010 con la quale si conferisce, al Dott. Marco Aloise l’incarico
di Dirigente di Settore;
— il D.D.G. n. 105 del 13/01/2009 repertorio 1 del 12/01/
2009 con il quale si conferisce, al Dott. Felice Iracà, l’incarico di
Dirigente del Servizio n. 2 «Artigianato, Sviluppo del Sistema
Produttivo, Imprenditoria Femminile e Giovanile» del Dipartimento;
— la L.R. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza.
6477
SU CONFORME PROPOSTA del Responsabile del procedimento, formulata alla stregua dell’istruttoria compiuta e della
dichiarazione di regolarità espressa dallo stesso.
DECRETA
Per le motivazioni di cui in premessa, che si intendono riportate in dispositivo, di:
REVOCARE ai sensi del D.P.R. n. 314 del 28 Luglio 2000
avente ad oggetto: «Regolamento per la semplificazione del procedimento recante la disciplina del procedimento relativo agli
interventi a favore dell’imprenditoria femminile» n. 54, allegato
1-3 della Legge 59/1997 il decreto di concessione n. 2887 del 22
Marzo 2002 avente ad oggetto: «Legge 215/92 agevolazioni a
favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Farmanatura della Dott.ssa Longo Giuseppina», Via Gaetano Ruffo, 12 –
89030 Bovalino (RC) Progetto n. 2001/CL1/1412, per le seguenti motivazioni:
1. l’indicatore «Occupati attivati dall’iniziativa/investimento complessivo ammissibile» ha subito uno scostamento negativo superiore al 30%;
2. l’indicatore «Donne occupate attivate dall’iniziativa/investimento complessivo» ha subito uno scostamento negativo
superire al 30%;
3. la media degli scostamenti ha superato uno scostamento
negativo superiore al 20%.
INTIMA
La restituzione della somma di c 285.631,00 (Duecentottantacinquemilaseicentotrentuno/00) maggiorata di un interesse, pari
al tasso ufficiale di sconto vigente alla data di restituzione, calcolato per il periodo intercorrente dalla data dall’erogazione del
contributo alla data della sua restituzione, accreditandola sul c.c.
IT M 03067 04599 000000099009 (coordinate IBAN) con Causale Restituzione Somme Legge 215/92 IVo Bando, presso la
Banca Carime intestato alla Regione Calabria – Tesoreria Regionale, dandone comunicazione a questo Dipartimento.
In caso di mancata restituzione delle somme, previste dal presente Decreto, nel termine di giorni 30 naturali e consecutivi decorrenti dalla data di notifica, si procederà ai sensi del combinato
disposto dall’Articolo 9, comma 5, del DLGS 123/98 – recante
«Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese a norma dell’articolo 4, comma 4,
lettera c), della Legge 15 Marzo 1997, n. 59» e dell’art. 40 bis
della Legge Regionale n. 8 del 4 Febbraio 2002 – recante «Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria»,
mediante ingiunzione e conseguente iscrizione al ruolo ex Regio
Decreto 4 Aprile 1910 n. 639 e s.m.i.
DISPONE
— di comunicare il presente Decreto al Ministero dello Sviluppo Economico, DGSAI Ufficio Imprenditoria Femminile, ed
alla istante Ditta;
— di pubblicare lo stesso nel BURC.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Dott.ssa Maria Grazia Nicolò
6478
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 115 del 13 gennaio 2011
Bando pubblico «PIA – Pacchetti Integrati di Agevolazione» approvato con D.D.G. n. 7373 del 06/05/2009 a valere
sul POR Calabria 2007/2013 linea d’intervento 7.1.4.1 Decreto di autorizzazione all’erogazione a saldo del contributo
alla ditta Infomobility.it s.p.a. Progetto 1220000046/Piano
Servizi Reali.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
— la D.G.R. n. 2661 del 21-06-1999, recante «adeguamento
delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione
delle disposizioni recate dalla legge Regionale n. 7/96 e dal
D.Lgs. 29/93 e successive modificazioni ed integrazioni»;
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la L.R. n. 34 del 12/08/2002, sul riordino delle funzioni
amministrative regionali e locali, e ritenuta propria la competenza;
— la D.G.R. n. 770 del 11/11/2006, relativa al nuovo ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale;
— la Delibera di Giunta Regionale n. 334 del 21/04/2010 con
la quale la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò è stata nominata Dirigente Generale;
— il D.P.G.R. n. 99 del 03/05/2010, con il quale è stato conferito alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente
Generale del Dipartimento 5 «Attività Produttive»;
— la Delibera di Giunta Regionale n. 440 del 07 giugno 2010
con il quale il Dott. Marco Aloise è stato nominato Dirigente a
tempo determinato del Dipartimento Attività Produttive;
— il D.P.G.R. n. 2218 del 20 luglio 2010 con il quale il Dott.
Marco Aloise è stata nominato Dirigente del Settore Industria,
Commercio e Artigianato;
— il D.D.G. n. 105 del 13/01/2009 repertorio 1 del 12/01/
2009 con il quale si conferisce al dott. Felice Iracà l’incarico di
Dirigente del Servizio n. 2 «Artigianato, Sviluppo del Sistema
Produttivo, Imprenditoria Femminile e Giovanile» del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive».
VISTI altresì:
— il Regolamento (CE) n. 1080/2006, del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
— il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del
07.04.09, che modifica il Regolamento (CE) 1083/2006, per
quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FESR 2007/
2013 – CCI n. 2007 IT 161 PO 008, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6322 del 07.12.07;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 881 del
24.12.07 con la quale si è preso atto del POR Calabria FESR
2007/2013 approvato con Decisione n. C(2007) 6322 del
07.12.07.
PREMESSO che:
— con deliberazione n. 220 del 19 Marzo 2008 avente ad
oggetto «Approvazione delle Direttive di Attuazione dei Pacchetti Integrati di Investimento e del Contratto di investimento
Industria, Servizi ed Artigianato» sono state approvate, ai sensi e
per gli effetti dell’art. 24 della L.R. 9/2007, le Direttive di Attuazione dei PIA (Pacchetti Integrati di Investimento) e le Direttive
di Attuazione del Contratto di investimento Industria, Servizi ed
Artigianato demandando al Dipartimento «Attività Produttive»
tutti gli adempimenti per l’esecuzione della deliberazione medesima;
— con la deliberazione suddetta è stato, altresì, determinato
lo stanziamento complessivo da destinare all’attuazione dei Pacchetti Integrati di Agevolazioni per un totale di risorse di Euro
84.000.000,00 (ottantaquattromilioni/00) e di Euro
56.000.000,00 per i Contratti di Investimento demandando ai
competenti Dipartimenti «Attività Produttive», «Cultura, Pubblica Istruzione, Università, Ricerca Scientifica e Innovazione
Tecnologica» e «Lavoro, Formazione Professionale, Politiche
della Famiglia, Cooperazione e Volontariato» l’assunzione dei
relativi impegni di spesa;
— con deliberazione di Giunta regionale n. 424 del 18/6/2008
avente ad oggetto «POR Calabria 2000/2006, POR Calabria
FERS 2007/2013, POR Calabria FSE 2007/2013 – Direttive di
Attuazione dei Pacchetti Integrati di Agevolazioni e del Contratto di Investimento Industria, Servizi ed Artigianato di cui alla
delibera di Giunta regionale n. 220 del 19 marzo 2008. Presa atto
del parere favorevole della Commissione Consiliare e approvazione degli stanziamenti da destinare al finanziamento dei bandi
per la concessione di agevolazioni» è stato recepito il parere della
competente Commissione Consiliare in ordine alle Direttive di
Attuazione approvate con deliberazione n. 220 del 19 marzo
2008;
— che con D.D.G. n. 8452 del 30.06.2008 sono stati approvati i Bandi Pubblici «PIA – Pacchetti Integrati di Agevolazione»
e «Contratti d’Investimento Industria, Servizi e Artigianato» in
conformità alle direttive approvate con la predetta deliberazione
della Giunta Regionale n. 220 del 19.03.2008;
— che con D.D.G. n. 8234 del 26/06/2008 modificato con
successivo D.D.G. n. 9743 del 18/07/2008 è stato approvato il
bando di selezione per l’affidamento del servizio di istruttoria
tecnico economica, verifica e controllo, erogazione ed eventuale
recupero del credito, per gli interventi di sostegno pubblico alle
imprese;
— che con D.D.G. n. 14768 del 13/10/2008 il suddetto servizio è stato aggiudicato definitivamente alla ditta Artigiancassa
S.p.A.;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— che con D.D.G. n. 18263 del 18/11/2008 successivamente
rettificato dal D.D.G. n. 19643 del 27/11/2008 è stato nominato il
Comitato Tecnico di Valutazione dei Piani di Sviluppo Aziendale/Interaziendale;
— che con decreto n. 22801 del 30/12/2008 è stato approvato
l’elenco dei progetti PIA valutati positivamente e la graduatoria
dei progetti PIA ammessi alle agevolazioni;
— che con decreto n. 22800 del 30/12/2008 è stato approvato
l’elenco dei progetti PIA non ammessi alle agevolazioni;
— che a seguito di richieste di riesame da parte di diversi
richiedenti con D.D.G. n. 3038 del 13/03/2009 sono stati sospesi,
ai sensi e per gli effetti dell’art. 21 quater della Legge 241/90 e
s.m.i., con effetto immediato ed in via cautelare, i propri decreti
n. 22801 del 30/12/2008 e n. 22800 del 30/12/2008, inerenti
l’elenco dei progetti PIA valutati positivamente, la graduatoria
dei progetti PIA ammessi e l’elenco dei progetti PIA non ammessi alle agevolazioni, fino alla data del 31/03/2009;
— che con D.D.G. n. 4911 del 02/04/2009, a seguito di conforme richiesta da parte del Soggetto Gestore il termine di sospensiva dell’efficacia dei DDG n. 22800 e n. 22801 del 30 Dicembre 2008, già fissato al 31/3/2009 con DDG nr. 3038 del 13
Marzo 2009 è stato prorogato fino al 30 Aprile 2009;
— che a seguito di relazione tecnica-istruttoria prodotta dal
Soggetto Gestore, con D.D.G. n. 7373 del 06/05/2009 è stato
riapprovato l’elenco dei progetti positivi e la graduatoria dei soggetti ammessi alle agevolazioni;
— che con D.D.S. n. 9263 del 28/05/2009 è stata impegnata
la somma di c 28.701.965,30 per far fronte alla spesa derivante
dalla concessione di contributi per i Piani di Insediamenti Produttivi e per i Piani dei Servizi Reali;
— che con D.D.S. n. 22742 del 10/12/2009 è stata impegnata
la somma di c 9.700.444,1 ad integrazione della somma necessaria per far fronte alla spesa derivante dalla concessione di contributi per i Piani di Insediamenti Produttivi e per i Piani dei
Servizi Reali;
— che con D.D.S. n. 22276 del 04/12/2009 è stato trasferito
ad Artigiancassa il 30% dei fondi necessari per far fronte alla
spesa derivante dalla concessione di contributi per i Piani di Insediamenti Produttive per i Piani dei Servizi Reali;
— che con D.D.S. n. 190 del 13/01/2010 sono state approvate
le linee guida e la modulistica per la gestione e la rendicontazione dei piani specifici «Piani di Insediamenti Produttivi e per i
Piani dei Servizi Reali».
RICHIAMATA la D.G.R. n. 840 del 14/12/2009 avente ad oggetto «POR Calabria FESR 2007/2013 – Pacchetti Integrati di
Agevolazione e Contratti di Investimento – Bando Pubblico approvato con Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento
Attività Produttive n. 8452 del 30/6/2008 – Misure di accelerazione della spesa».
DATO ATTO:
— che con D.D.S. n. 17203 del 28/09/2009 è stato concesso
alla ditta Infomobility s.p.a., con sede legale a Teramo (TE) via
Isidoro e Lepido Facii – S. Atto, un contributo in via provvisoria
pari a c 1.170.000,00 (c 125.000,00 per Piano Integrato Servizi
Reali ed c 1.045.000,00 per Piano di Innovazione Aziendale) in
virtù dell’atto di adesione ed obbligo debitamente firmato e restituito ai sensi dell’art. 30 del bando PIA a valere su un pro-
6479
gramma di investimento di Euro 250.000,00 per il Piano Integrato Servizi Reali ed Euro 1.310.000,00 per il Piano di Innovazione Aziendale.
CONSIDERATO:
— che l’Atto di Adesione ed Obbligo sopra richiamato prevede, tra l’altro, l’erogazione del contributo per stati di avanzamento (SAL), dietro presentazione di apposita richiesta ad Artigiancassa S.p.a.;
— che la ditta Infomobility s.p.a. ha prodotto richiesta di erogazione di contributo a titolo di contabilità finale – Piano Servizi
Reali – al soggetto gestore Artgiancassa S.p.a. per un totale di
spesa rendicontata di Euro equivalente al 100% del programma
ammesso;
— che al termine dell’istruttoria di rito il soggetto gestore
Artigiancassa S.p.a., con nota del 26/11/2010, acquisita al protocollo del Dipartimento n. 18851/Dip del 26/11/2010, ha rilasciato regolare nulla osta per l’erogazione, alla ditta Infomobility
s.p.a., a titolo di 1o ed unico SAL, di un contributo in conto capitale di c 125.000,00 attestando nel contempo che la documentazione prodotta dalla ditta è risultata completa e regolare;
— che con la stessa nota il predetto Soggetto gestore, Artigiancassa s.p.a., ha prodotto la sotto elencata documentazione a
supporto del nulla osta all’erogazione:
1) check list di verifica documentale;
2) rendiconto finanziario;
3) prospetto erogazione;
4) copia accertamenti Equitalia (Soggetto non inadempiente) – Identificativo nr. 201000001444890.
A termini delle richiamate disposizioni legislative.
DECRETA
Per i motivi espressi in premessa e che si intendono integralmente riportati:
— di autorizzare, acquisito il Nulla Osta alla liquidazione da
parte del Soggetto Gestore Artigiancassa s.p.a., per come riportato in narrativa, l’erogazione del contributo, a titolo di 1o ed
unico SAL, pari ad c 125.000,00, a favore della ditta Infomobility s.p.a., con sede legale a Teramo (TE) via Isidoro e Lepido
Facii – S. Atto, P. IVA 00884550674, per la realizzazione del
programma di investimenti sul bando pubblico «PIA – Pacchetti
Integrati di Agevolazione» Industria, Servizi e Artigianato approvato D.D.G. n. 7373 del 06/05/2009 a valere sul POR Calabria 2007/2013 linea d’intervento 7.1.4.1, giusto impegno di
spesa n. 3378/2009 capitolo 29050104;
— di disporre la trasmissione del presente decreto ad Artigiancassa s.p.a. per quanto di successiva competenza;
— di pubblicare il presente provvedimento sul BUR della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 13 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore I
Dr. Marco Aloise
6480
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 117 del 13 gennaio 2011
Bando pubblico «CI – Contratti d’Investimento» approvato con D.D.G. n. 8452 del 30.06.2008. Rettifica decreto n.
14117 del 13/10/2010 concessione provvisoria delle agevolazioni al Consorzio ICT Sud – Rende (CS).
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTI:
— la D.G.R. n. 2661 del 21-06-1999, recante «Adeguamento
delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione
delle disposizioni recate dalla Legge Regionale n. 7/96 e dal
D.Lgs. 29/93 e successive modificazioni ed integrazioni»;
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la L.R. n. 34 del 12/08/2002, sul riordino delle funzioni
amministrative regionali e locali, e ritenuta propria la competenza;
— la D.G.R. n. 770 del 11/11/2006, relativa al nuovo ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale;
— la Delibera di Giunta Regionale n. 334 del 21/4/2010 con
la quale la D.ssa Maria Grazia Nicolò è stata nominata Dirigente
Generale;
— il D.P.G.R. n. 99 del 3/5/2010, con il quale è stato conferito
alla D.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente Generale
del Dipartimento 5 «Attività Produttive».
VISTI:
— il Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11
luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di
Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di
Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
— il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del
07.04.09, che modifica il Regolamento (CE) 1083/2006, per
quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Quadro Strategico Nazionale per la Politica Regionale di
Sviluppo 2007-2013, approvato dalla Commissione Europea con
Decisione C(2007) 3329 del 13.07.07;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FESR 2007/
2013 – CCI n. 2007 IT 161 PO 008, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6322 del 07.12.07;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FSE 2007/
2013 – CCI n. 2007 IT 051 PO 002, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6711 del 17.12.07;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 881 del
24.12.07 con la quale si è preso atto del POR Calabria FESR
2007/2013 approvato con Decisione n. C(2007) 6322 del
07.12.07;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 882 del
24.12.07 con la quale si è preso del POR Calabria FSE 2007/
2013 approvato con Decisione n. C(2007) 6711 del 17.12.07;
— l’Obiettivo operativo 7.1.5 del POR Calabria FERS 2007/
2013 «Promuovere e sostenere la cooperazione tra le imprese in
una logica di filiera o di territorio» e la correlata linea d’intervento 7.15.1 «Contratti di investimento per la creazione o il potenziamento di reti/cluster di imprese nei settori strategici dell’economia regionale»;
— l’Obiettivo operativo 1.1.3. del POR Calabria FERS 2007/
2013 «Migliorare la competitività delle imprese regionali attraverso lo sviluppo e/o l’adozione di innovazioni tecnologiche e
organizzative» linea d’intervento 1.1.3.2 «Realizzazione dei
Piani di Innovazione Aziendali ed Interaziendali previsti dai Pacchetti Integrati di Agevolazioni e dai Contratti di Investimento».
RILEVATO:
— che, ai sensi dell’art. 31 del bando CI, il Soggetto Attuatore ha trasmesso l’esito delle istruttorie delle domande di agevolazione pervenute ed ha predisposto l’elenco dei Piani di Sviluppo Aziendale/Interaziendale ammessi alle agevolazioni;
— che con D.D.G. n. 22799 del 30/12/2008 è stato approvato
l’elenco dei progetti CI valutati positivamente, fermo restando
che il contributo spettante era subordinato alla positiva conclusione della successiva attività di negoziazione, ai sensi dell’art.
31 del bando;
— che con Decreto del Dirigente del Settore Industria n. 9263
del 28/05/2009 è stata impegnata la somma di c 4.288.566,00 per
i Piani di Investimenti Produttivi Interaziendali e per i Piani Integrati dei Servizi Reali sul capitolo n. 2905105 impegno n.
3379/2009;
— che con D.D.S. nr. 21259 del 25/11/2009 del Dipartimento
Istruzione Alta Formazione e Ricerca Scientifica è stato assunto
impegno di spesa nr. 6818 del 19/11/2009, per un importo complessivo di Euro 2.815.477,00, a valere sulle risorse POR Calabria 2007/2013 – Obiettivo Operativo 1.1.3 – Capitolo 48010103
– per la concessione delle agevolazioni dei Piani di Innovazione
Aziendale/interaziendale di cui al Bando pubblico «Contratti
d’Investimento Industria, Servizi e Artigianato» approvato con
D.D.G. n. 8452 del 30.06.2008;
— che con nota n. 9976/Dip del 20/07/2009 è stata trasmessa
al Nucleo Regionale di Valutazione e Verifica Investimenti Pubblici la documentazione necessaria all’avvio della fase di negoziazione dei Programmi integrati d’Investimento relativa ai progetti presentati dai Consorzi CO.SVIP, Legno Arreda Calabria e
ICT Sud;
— che con nota n. 62 del 09/02/2010 il Nucleo Regionale di
Valutazione e Verifica Investimenti Pubblici ha trasmesso la relazione finale della fase negoziale prevista dagli articoli 31 e 32
del bando, relativamente ai soli consorzi CO.SVIP e Legno Arreda Calabria;
— che a seguito della trasmissione della documentazione richiesta in sede di procedura negoziale da parte del Consorzio
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6481
ICT Sud, la stessa è stata inoltrata al Nucleo Regionale di Valutazione e Verifica Investimenti Pubblici per il prosieguo di competenza;
importo dell’investimento ammissibile per il piano di innovazione aziendale, l’importo di euro 2.000.043,00 anziché euro
2.043.000,00;
— che con decreto n. 6702 del 03/05/2010 è stata approvata
la graduatoria del bando pubblico «Contratti d’Investimento Industria, Servizi e Artigianato» approvato con D.D.G. n. 8452 del
30.06.2008;
Art. 2
— che con nota n. 3616 del 17/05/2010 il Nucleo Regionale
di Valutazione e Verifica Investimenti Pubblici ha trasmesso la
relazione finale della fase negoziale prevista dagli articoli 31 e
32 del bando, relativamente al consorzio ICT Sud;
— che con decreto n. 14117 del 13/10/2010 è stato confermato il contributo spettante al consorzio ICT Sud s.c.r.l. a valere
sul bando pubblico «Contratti d’Investimento Industria, Servizi
e Artigianato» approvato con D.D.G. n. 8452 del 30.06.2008 e
già determinato con D.D.G. n. 22799 del 30/12/2008;
— che Artigiancassa S.p.a. con nota acquisita al protocollo
del Dipartimento n. 19229/dip del 01/12/2010 ha comunicato che
per mero errore materiale è stato indicato quale importo dell’investimento ammissibile per il piano di innovazione aziendale,
riportato nel decreto n. 14117 del 13/10/2010, un totale di euro
2.043.000,00 anziché euro 2.000.043,00.
RITENUTO pertanto necessario modificare il decreto n.
14117 del 13/10/2010 con il quale è stato confermato il contributo spettante al consorzio ICT Sud s.c.r.l. a valere sul bando
pubblico «Contratti d’Investimento Industria, Servizi e Artigianato», già determinato con D.D.G. n. 22799 del 30/12/2008,
nella parte relativa all’importo dell’investimento ammissibile
per un totale di Euro 2.000.043,00 come precisato dal Soggetto
Gestore – Artigiancassa s.p.a. – con la nota assunta al protocollo
Dipartimentale al nr. 19229 del 1/12/2010.
RITENUTO altresì necessario procedere alla concessione
provvisoria del contributo spettante al consorzio ICT-Sud S.c.r.l.
– P. IVA 02815710781 con sede legale a Rende (CS), in Piazza
Vermicelli – Polo Tecnologico Unical, Cap 87036 – per come
disciplinato all’art. 33 del Bando Pubblico «Contratti Investimento Industria, Servizi e Artigianato», approvato con DDG Dipartimento Attività produttive nr. 8452 del 30/6/2008.
DATO ATTO che ai sensi dell’art. 32 del Bando Pubblico
«Contratti Investimento Industria, Servizi e Artigianato», il consorzio ICT-Sud S.c.r.l. ha restituito l’atto di adesione ed obbligo,
allegato al presente decreto per farne parte integrale e sostanziale, al Soggetto Gestore poi trasmesso a questa Amministrazione al fine di procedere alla concessione del contributo spettante allo stesso.
A temimi delle richiamate disposizioni legislative.
DECRETA
Per i motivi espressi in premessa e che si intendono integralmente riportati:
Art. 1
— di rettificare, per come rappresentato dal Soggetto gestore
Artigiancassa s.p.a. con nota assunta al protocollo del Dipartimento n. 19229/dip del 01/12/2010, il decreto n. 14117 del 13/
10/2010 con il quale è stato confermato il contributo spettante al
consorzio ICT Sud s.c.r.l. a valere sul bando pubblico «Contratti
Investimento Industria, Servizi e Artigianato» indicando come
— di concedere, ai sensi e per gli effetti di quanto disciplinato
all’art. 33 del Bando Pubblico «Contratti Investimento Industria,
Servizi e Artigianato», approvato con DDG Dipartimento Attività produttive nr. 8452 del 30/6/2008, al consorzio ICT-Sud
S.c.r.l. – P. IVA 02815710781 con sede legale a Rende (CS), in
Piazza Vermicelli – Polo Tecnologico Unical, Cap 87036 – il
contributo (per il piano interaziendale/innovazione/formazione)
di c 1.583.303,00 per la realizzazione del progetto inserito nella
graduatoria dei progetti CI approvata con D.D.G. n. 14117 del
13/10/2010;
— il suddetto contributo è così articolato:
− Piano Investimenti Produttivi: c 0,00;
− Piano Integrato di Servizi Reali: c 0,00;
− Piano di Innovazione Aziendale: c 1.515.477,00;
− Piano di Formazione Aziendale: c 67.826,00;
— l’ammontare del predetto contributo è calcolato in via
provvisoria e sarà rideterminato a conclusione del programma di
investimenti, sulla base delle spese ammissibili effettivamente
sostenute e della verifica relativa al rispetto delle intensità massime di aiuto previste dalla disciplina comunitaria;
— di trasmettere copia del presente provvedimento alla ditta
interessata, ai Dirigenti Generali dei Dipartimenti n. 10 e n. 11 e
al Soggetto Gestore – Artigiancassa s.p.a. – per gli adempimenti
di rispettiva competenza;
— di pubblicare il presente provvedimento sul BUR della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 13 gennaio 2011
Dr.ssa Maria Grazia Nicolò
DECRETO n. 208 del 18 gennaio 2011
Mis. 4.2 – az. C) del POR Calabria 2000/06. Modifica del
decreto di concessione provvisoria delle agevolazioni dell’impresa I.P.E.A. S.r.l. – Presa d’atto della fusione per incorporazione della IPEA S.r.l. nella System House S.r.l. Unipersonale.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTO il decreto n. 983 del 31/01/2002 del D.G. dell’ex dipartimento n. 7, pubblicato nel BURC del 08/02/2002 con il
quale è stato indetto il bando per la concessione di aiuti agli investimenti, tramite selezioni riservate, distintamente, alle medie
imprese ed alle piccole imprese secondo la procedura di cui all’art. 6 del D. Lgs. 123/98, (procedura negoziale), nei settori dell’informatica e della telematica, a valere sulla misura 4.2 az. c
(ex d ed e) del POR Calabria 2000-2006: «Attrazione di iniziative imprenditoriali strategiche per lo sviluppo della cooperazione produttiva interregionale».
6482
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la D.G.R. n. 577 dell’8/07/2002, con la quale la Regione Calabria ha stabilito che MCC S.p.A. svolgesse l’attività
di valutazione economica finanziaria di cui al predetto bando.
VISTO il D.D.G. n. 2515 del 14/03/2003 con il quale è stata
approvata la graduatoria riservata alle Piccole Imprese – tipologia Call Center.
VISTO il D.D.G. n. 3260 del 26/03/2003, con il quale è stato
concesso all’impresa IPEA S.r.l., con sede legale in Via Villini
Svizzeri, dir. Gullì, n. 33 – 89100 Reggio Calabria a fronte di un
programma di investimenti riconosciuto agevolabile per un importo pari a c 4.510.000,00, un contributo provvisorio in conto
capitale di c 2.010.000,00 determinato secondo le modalità previste dall’art. 2 del D.D.G. pro-tempore n. 983 del 31/01/2002,
pubblicato nel BURC — SS. n. 4 al n. 2 dell’1/02/2002.
VISTA la nota del 12/02/2009, acquisita al prot. n. 1804 del
17/02/2009, con la quale la System House S.r.l. Unipersonale
con sede legale in C.da Gagliardi Loc. Arangea n. 60 – 89131
Reggio Calabria, ha comunicato di aver perfezionato la fusione
per incorporazione della IPEA S.r.l., azienda agevolata a valere
sulla misura POR Calabria 2000/2006, con atto di fusione per
incorporazione rep. 46.070 raccolta n. 6436 del 12/11/2008, che
è così subentrata nella titolarità dei rapporti giuridici e delle obbligazioni derivanti dal decreto di concessione n. 3260 del 26/03/
2003.
VISTI i D.D.G. n. 22733 del 16/12/2004 e n. 12990 dell’1/07/
2009, con i quali è stata rinnovata la convenzione con MCC
S.p.A., ora UniCredit Mediocredito Centrale.
CONSIDERATO che, con dichiarazione sostitutiva dell’atto
di notorietà, il legale rappresentante della System House S.r.l.
Unipersonale, società subentrante, si è espressamente impegnato
ad assolvere a tutti gli obblighi assunti dall’impresa IPEA S.r.l.
nei confronti della Regione Calabria, impegnandosi a non distogliere dall’uso previsto le immobilizzazioni materiali o immateriali agevolate, prima dei 5 anni dalla relativa data di entrata in
funzione e di osservare nei confronti dei lavoratori dipendenti le
norme sul lavoro ed i contratti collettivi di lavoro, nonché operare nel pieno rispetto delle vigenti norme edilizie, urbanistiche e
di salvaguardia ambientale.
VISTO il decreto n. 16161 del 7/10/2004, con il quale è stata
erogata all’impresa IPEA S.r.l., la somma di c 402.000,00, a titolo di anticipazione, pari al 20% del contributo concesso in via
provvisoria.
VISTA la nota prot. n. 12279/dip del 28 agosto 2009, con a
quale è stato richiesto un parere a Unicredit MedioCredito Centrale S.p.A. in merito alla fusione per incorporazione dell’azienda agevolata IPEA Srl nella System House Srl.
VISTO il decreto n. 20915 del 22/12/2005, con il quale è stata
erogata all’impresa IPEA S.r.l., la somma di c 442.000,00, a titolo di primo stato avanzamento lavori, pari al 22% del contributo concesso in via provvisoria.
CHE, con note prot. n. 15235/Dip. del 6/11/2009 e n. 7405/
Dip. del 19/05/2010, Unicredit MedioCredito Centrale è stato
sollecitato ad esprimere il citato parere.
VISTO il contratto rep. n. 3148 del 9 giugno 2004 stipulato tra
Regione Calabria e l’impresa beneficiaria.
VISTO il decreto n. 6221 del 26/05/2006, con il quale è stata
erogata all’impresa IPEA S.r.l., la somma di c 502.500,00, a titolo di secondo stato avanzamento lavori, pari al 25% del contributo concesso in via provvisoria.
VISTO il decreto n. 7601 dell’11/06/2007, con il quale è stata
erogata all’impresa IPEA S.r.l., la somma di c 202.976,00, a titolo di terzo stato avanzamento lavori, pari al 10,10% del contributo concesso in via provvisoria.
VISTO il decreto n. 14215 del 26/06/2007, con il quale è stata
erogata all’impresa IPEA S.r.l., la somma di c 204.710,00, a titolo di quarto stato avanzamento lavori, pari al 10,18% del contributo concesso in via provvisoria.
VISTO il D.D.G. n. 11192 dell’8/08/2008, con il quale è stata
erogata all’impresa IPEA S.r.l., la somma di c 196.096,00, pari
alla differenza tra il credito vantato (c 255.810,00, a titolo di
saldo di cui al contributo in conto capitale determinato in c
2.010.000,00, alla luce delle spese effettivamente sostenute, e
l’importo del pignoramento (c 59.713,91), comunicato da Equitalia Servizi S.p.A.), sospendendo la liquidazione della somma
di c 59.713,91 in attesa di ulteriori determinazioni da parte di
Equitalia Servizi S.p.A. e/o del relativo concessionario.
VISTO il decreto n. 17060 del 10/11/2008, con il quale è stata
erogata all’impresa IPEA S.r.l., la somma di c 59.713.91, già
sospesa con il citato D.D.G. n. 11192 dell’8/08/2008, giusta nota
prot. n. 28122 del 21/10/2008 con la quale Equitalia Etr S.p.A.
ha comunicato che l’impresa IPEA S.r.l. ha definito la situazione
di inadempienza in quanto ha provveduto a regolarizzare la propria posizione debitoria e, conseguentemente, trattasi di soggetto
non inadempiente.
VISTA la nota dell’8/07/2008, con la quale l’impresa IPEA
S.r.l. ha comunicato, ai sensi e per gli effetti dell’art. 5, comma 2,
del citato contratto sottoscritto il 9/06/2004 al rep. n. 3148, l’intenzione di procedere ad un progetto di fusione mediante incorporazione nella System House S.r.l. Unipersonale.
VISTA la nota n. 11577 del 5/07/2010 acquisita al prot. n.
12251 del 9/07/2010 con la quale Unicredit-MedioCredito Centrale S.p.A., ha confermato in capo al nuovo soggetto la sussistenza di tutti i requisiti per la concessione delle agevolazioni
anche in virtù del sopralluogo aziendale effettuato presso l’unità
produttiva dell’impresa IPEA S.r.l. il 30/09/2009 e dei certificati
identificativi CCIAA di entrambe le imprese che attestano l’assenza delle procedure concorsuali e la dicitura antimafia.
VISTA la citata nota con la quale Unicredit MedioCredito
Centrale Spa ha espresso parere favorevole al subentro della System House S.r.l. Unipersonale alla IPEA S.r.l. nel contratto n.
3148 del 9/06/2004.
VISTI:
— la legge regionale 13 maggio 1996, n. 7 recante «Norme
sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza Regionale» ed in particolare l’art. 28
che individua compiti e responsabilità del Dirigente generale;
— il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 recante
«Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze
delle amministrazioni pubbliche» come modificato con legge n.
145/2002;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Giunta Regionale recante «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di Gestione», per come
modificato ed integrato con D.P.G.R. n. 206 del 15 dicembre
2000;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 770/2006, recante «Ordinamento generale della Struttura organizzativa della
Giunta Regionale» (art. 7, L.R. n. 31/2002);
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 334 del 21/4/
2010, con la quale la dr.ssa Maria Grazia Nicolò è stata nominata
Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 3/5/2010, con
il quale è stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— la Delibera di Giunta Regionale n. 440 del 07 giugno 2010
con il quale il Dott. Marco Aloise è stato nominato Dirigente a
tempo determinato del Dipartimento Attività Produttive;
6483
DECRETO n. 212 del 18 gennaio 2011
Impresa SA.GI S.r.l. – Misura 4.2 az. c) del POR Calabria
2000/06. Revoca D.D.G. n. 3242 del 26/03/2003.
IL DIRIGENTE GENERALE
— la Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 e s.m.i.;
VISTO il decreto n. 984 del 31/01/2002 del D.G. dell’ex dipartimento n. 7, pubblicato nel BURC del 08/02/2002 con il
quale è stato indetto il bando per la concessione di aiuti agli investimenti, tramite selezioni riservate, distintamente, alle medie
imprese ed alle piccole imprese, secondo la procedura di cui all’art. 6 del D. Lgs. 123/98 (procedura negoziale), nei settori del
tessile e delle industrie per la fabbricazione dei prodotti in cuoio,
pelle e similari, a valere sulla misura 4.2 – az. c (ex d ed e) del
POR Calabria 2000-2006: «Attrazione di iniziative imprenditoriali strategiche per lo sviluppo della cooperazione produttiva
interregionale».
— la Legge regionale n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria
competenza.
VISTO il D.D.G. n. 2512 del 14/03/2003 con il quale è stata
approvata la graduatoria riservata alle Piccole Imprese.
— il D.P.G.R. n. 2218 del 20 luglio 2010 con il quale il Dott.
Marco Aloise è stata nominato Dirigente del Settore n. 1 «Industria, Commercio e Artigianato»;
— il D.D.G. n. 105 del 13/01/2009 repertorio 1 del 12/01/
2009 con il quale si conferisce al dott. Felice Iracà l’incarico di
Dirigente del Servizio n. 2 «Artigianato, Sviluppo del Sistema
Produttivo, Imprenditoria Femminile e Giovanile» del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
DECRETA
La narrativa, che qui di seguito si intende integralmente trascritta, è parte integrante del presente decreto.
PRENDERE ATTO della fusione per incorporazione dell’impresa IPEA S.r.l. (incorporata) nella System House S.r.l. Unipersonale (incorporante), con sede legale in C.da Gagliardi Loc.
Arangea n. 60 – 89131 Reggio Calabria intervenuta con atto di
fusione per incorporazione rep. 46.070 raccolta n. 6436 del 12/
11/2008 – Dr.ssa Rossella Maria De Giorgio, Notaio in Reggio
Calabria.
PRENDERE ATTO del parere favorevole all’uopo espresso
da Unicredit-MedioCredito Centrale S.p.A. con la nota n. 11577
del 5/07/2010 acquisita al prot.n. 12251 del 9/07/2010 con la
quale, è stata confermata in capo al nuovo soggetto incorporante
System House S.r.l. Unipersonale con sede legale in C.da Gagliardi Loc. Arangea n. 60 – 89131 Reggio Calabria, la sussistenza di tutti i requisiti per la concessione delle agevolazioni.
CONFERMARE, in dipendenza dell’avvenuta incorporazione
e previo parere favorevole espresso da Unicredit-MedioCredito
Centrale S.p.A., il D.D.G. n. 3260 del 26/03/2003, con il quale è
stato concesso all’impresa IPEA S.r.l., con sede legale in Via
Villini Svizzeri, dir. Gullì, n. 33 – 89100 Reggio Calabria a fronte
di un programma di investimenti riconosciuto agevolabile per un
importo pari a c 4.510.000,00, un contributo provvisorio in conto
capitale di c 2.010.000,00, nei confronti dell’impresa System
House S.r.l. Unipersonale con sede legale in C.da Gagliardi Loc.
Arangea n. 60 – 89131 Reggio Calabria, alla quale pertanto sono
trasferiti tutti gli obblighi ed il contributo di cui al decreto medesimo, fermo restando l’esito dell’informativa antimafia in relazione al quale il presente provvedimento è adottato con espressa
clausola risolutiva, che opera nel caso in cui da detta certificazione dovessero emergere motivi ostativi alla concessione.
DISPORRE la notifica del presente provvedimento a System
House S.r.l. Unipersonale con sede legale in C.da Gagliardi Loc.
Arangea n. 60 – 89131 Reggio Calabria e la trasmissione dello
stesso a Unicredit-MedioCredito Centrale S.p.A.
DISPORRE la pubblicazione del presente decreto Bollettino
Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr.ssa Maria Grazia Nicolò
VISTO il D.D.G. n. 3242 del 26/03/2003, con il quale è stato
concesso all’impresa SA.GI S.r.l., con sede legale in Via Monte
Baldo, 18, 87100 – Cosenza, a fronte di un programma di investimenti riconosciuto agevolabile per un importo pari a c
2.459.000,00, un contributo provvisorio in conto capitale di c
2.190.000,00 determinato secondo le modalità previste dall’art.
2 del D.D.G. pro-tempore n. 984 del 31/01/2002, pubblicato nel
BURC – S.S. n. 4 al n. 2 dell’1/02/2002.
VISTO il contratto rep. n. 1131 del 13/11/2003, stipulato tra la
Regione Calabria e l’impresa SA.GI S.r.l.
VISTO il decreto n. 2477 del 16/03/2004 con il quale è stata
erogata all’impresa SA.GI S.r.l., con sede legale in Via Monte
Baldo, 18, 87100 – Cosenza, la somma di c 438.000,00 a titolo di
anticipazione pari al 20% del contributo concesso di c
2.190.000,00.
VISTO il decreto n. 18389 del 9/11/2004 con il quale è stata
erogata la somma di c 657.000,00 all’impresa SA.GI S.r.l. a titolo di primo stato avanzamento lavori pari al 30% del contributo
concesso in via provvisoria di c 2.190.000,00.
VISTO il decreto n. 23044 del 21/12/2004 con il quale è stata
erogata la somma di c 219.000,00 all’impresa SA.GI S.r.l. a titolo di secondo stato avanzamento lavori pari al 10% del contributo concesso in via provvisoria di c 2.190.000,00.
VISTO il decreto n. 7899 del 23/06/2006 con il quale è stata
erogata la somma di c 65.220,74 all’impresa SA.GI S.r.l. a titolo
di terzo stato avanzamento lavori.
VISTO il decreto n. 5839 del 10/05/2007 con il quale è stata
erogata la somma di c 193.901,86 all’impresa SA.GI S.r.l. a titolo di integrazione del terzo stato avanzamento lavori.
VISTO il D.D.G. n. 13712 del 19/09/2007 con il quale è stata
nominata la Commissione di collaudo finale per la verifica tecnico-amministrativa all’impresa SA.GI S.r.l.
VISTA la nota prot. n. 6658/Dip. del 20/11/2007 con la quale è
stata comunicata all’impresa SA.GI S.r.l. la data della verifica
ispettiva in loco e contestualmente è stata invitata a predisporre
la relativa documentazione.
CHE, con nota del 6/12/2007, la citata, Commissione di collaudo finale, ai fini del completamento del controllo, ha richiesto
all’impresa SA.GI. S.r.l. ulteriore documentazione.
6484
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la nota prot. n. 1681/Dip. del 16/02/2009, con la quale
l’impresa SA.GI. S.r.l. è stata invitata a trasmettere la documentazione relativa alla verifica degli indicatori nell’anno a regime.
PRESO ATTO che non si sono realizzate le condizione di cui
all’art. 3 comma 3, lett. a) del contratto rep. n. 1131 del 13/11/
2003, stipulato tra la Regione Calabria e l’impresa SA.GI. S.r.l.
CHE, con nota prot. n. 4926/Dip. del 16/04/2009, la Commissione di collaudo finale è stata sollecitata a concludere entro il
30/04/2009, le operazioni di competenza.
CONSIDERATO ancora che i fatti e le circostanze anzidette
concretizzano grave violazione degli obblighi gravanti sul soggetto beneficiario in forza del contratto e delle disposizioni di
legge.
VISTA la nota del 29/04/2009, acquisita al prot. n. 5652/Dip.
del 30/04/2009, con la quale la Commissione di verifica tecnico
– amministrativa ha trasmesso la relazione sullo stato finale del
programma di investimenti relativa all’impresa SA.GI. S.r.l.
CHE nella citata relazione, la Commissione, sulla base degli
esiti dell’istruttoria finale tecnico amministrativa, non ha confermato l’agevolabilità dell’iniziativa in quanto l’impresa SA.GI.
S.r.l. non ha rispettato l’indicatore D) – totale macchinari impianti e attrezzature in quanto lo stesso supera lo scostamento
massimo previsto dall’art. 3, punto 3, lett. a) del contratto stipulato con la Regione Calabria in data 13/11/2003, rep. n. 1131,
evidenziando uno scostamento negativo pari al 66,18% e rimandando inoltre alla Commissione di verifica degli indicatori nell’anno a regime la valutazione relativa agli altri indicatori.
CHE, con nota prot. n. 5833/Dip. del 5/05/2009, è stata trasmessa a Unicredit Mediocredito Centrale la relazione di verifica
tecnico – amministrativa sullo stato finale dell’investimento relativo all’impresa SA.GI. S.r.l., redatta dalla citata Commissione.
CHE, a fronte delle evidenziate criticità, con nota prot. n.
7931/Dip. del 9/06/2009, il Responsabile del procedimento notificava, ai sensi e per gli effetti degli artt. 7 e 8 della Legge regionale n. 19/2001, l’avvio del procedimento di revoca per le motivazioni indicate nella citata relazione sullo stato finale del programma di investimenti.
CHE, con nota del 17/06/2009, acquisita al prot. n. 8515/Dip.
in pari data, l’impresa SA.GI. S.r.l. ha richiesto l’accesso agli atti
e l’estrazione della copia della relazione di verifica tecnico-amministrativa.
VISTA la nota del 24/06/2009, acquisita al prot. n. 9277/Dip.
del 29/06/2009, con la quale l’impresa SA.GI. S.r.l. ha trasmesso
le controdeduzioni.
RITENUTO pertanto necessario revocare il D.D.G. n. 3242
del 26/03/2003 con il quale è stato concesso, in via provvisoria,
all’impresa SA.GI. S.r.l., con sede legale in Via Monte Baldo,
18, 87100 – Cosenza, a fronte di un programma di investimenti
riconosciuto agevolabile per un importo pari a c 2.459.000,00,
un contributo provvisorio in conto capitale di c 2.190.000,00.
VISTO l’impegno di spesa n. 671 del 24/03/2003, assunto sul
capitolo 6411202 del bilancio regionale 2003 con D.D.G. n. 3239
del 26/03/2003.
VISTE le disposizioni contenute nel POR Calabria 2000/06 e
nel Complemento di Programmazione con riferimento alle iniziative relative all’attuazione della Mis. 4.2 az. c).
VISTO il regolamento n. 1260/99, recante disposizioni generali sui Fondi strutturali ed in particolare le lettere e, g, h, dell’art.
18.
VISTA la circolare prot. n. 1380 del 6/04/2006 del Dipartimento n. 3 «Programmazione Nazionale e Comunitaria».
VISTI:
— la legge regionale 13 maggio 1996, n. 7 recante «Norme
sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza Regionale» ed in particolare l’art. 28
che individua compiti e responsabilità del Dirigente Generale;
— il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 recante
«Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze
delle amministrazioni pubbliche» come modificato con legge n.
145/2002;
VISTA la nota prot. n. 9583/Dip. del 3/07/2009 con la quale
sono state trasmesse alla Commissione di collaudo le controdeduzioni presentate dall’impresa in questione.
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Giunta Regionale recante «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di Gestione», per come
modificato ed integrato con D.P.G.R. n. 206 del 15 dicembre
2000;
CHE, con note prot. n. 1225/Dip. del 4/02/2010 e n. 14491/
Dip. del 9/09/2010, la citata Commissione è stata sollecitata a
concludere le operazioni di competenza.
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 770/2006, recante «Ordinamento generale della Struttura organizzativa della
Giunta Regionale» (art. 7, L.R. n. 31/2002);
CHE, con nota prot. n. 14010/Dip, del 27/08/2010, è stata richiesta all’Autorità di Pagamento la deduzione dalla Domanda
di Pagamento dell’importo di c 1.573.122,60.
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 334 del 21/4/
2010, con la quale la dr.ssa Maria Grazia Nicolò è stata nominata
Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
VISTA la nota del 16/09/2010, acquisita al prot. n. 14774/Dip.
in pari data, con la quale la Commissione di collaudo, valutate le
controdeduzioni dell’impresa SA.GI., ha trasmesso le risultanze
dell’ulteriore istruttoria, dalla quale si evince che è stato confermato il precedente orientamento espresso nella relazione trasmessa il 29/04/2009, riproponendo pertanto la revoca delle agevolazioni.
VISTA la nota prot. n. 17250/Dip. del 25/10/2010 con la quale
è stata confermata all’impresa beneficiaria la revoca delle agevolazioni.
— il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 3/5/2010, con
il quale è stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— la Delibera di Giunta Regionale n. 440 del 07 giugno 2010
con il quale il Dott. Marco Aloise è stato nominato Dirigente a
tempo determinato del Dipartimento Attività Produttive;
— il D.P.G.R. n. 2218 del 20 luglio 2010 con il quale il Dott.
Marco Aloise è stata nominato Dirigente del Settore n. 1 «Industria, Commercio e Artigianato»;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— il D.D.G. n. 105 del 13/01/2009 repertorio 1 del 12/01/
2009 con il quale si conferisce al dott. Felice Iracà l’incarico di
Dirigente del Servizio n. 2 «Artigianato, Sviluppo del Sistema
Produttivo, Imprenditoria Femminile e Giovanile» del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— la Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 e s.m.i.;
— la Legge regionale n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria
competenza.
DECRETA
Per quanto esposto in premessa, che qui si intende integralmente riportato, di:
REVOCARE, ai sensi delle disposizioni che regolano la concessione delle agevolazioni pubbliche e per effetto dell’art. 3,
comma 3, lett. a) del contratto rep. n. 1131 del 13/11/2003, stipulato tra la Regione Calabria e l’impresa SA.GI S.r.l., con decorrenza immediata, il D.D.G. n. 3242 del 26/03/2003, con il quale è
stato concesso, in via provvisoria, un contributo in conto capitale
di c 2.190.000,00 all’impresa SA.GI. S.r.l., con sede legale in
Via Monte Baldo, n. 18, 87100 Cosenza.
DISPORRE che Unicredit Mediocredito Centrale, ai sensi dell’art. 3, comma 3 del citato contratto rep. n. 1131 del 13/11/2003,
provveda ad effettuare il recupero dei contributi erogati, rispettivamente con decreti n. 2477 del 16/03/2004, n. 18389 del 9/11/
2004, n. 23044 del 21/12/2004, n. 7899 del 23/06/2006 e n. 5839
del 10/05/2007, per un totale di c 1.573.122,60, secondo le disposizioni di cui all’art. 9 del decreto legislativo 31/03/2008, n.
123. Il conto corrente bancario sul quale effettuare l’accredito
delle
somme
da
restituire
è
il
seguente:
IT78M0306704599000000099009 (coordinate IBAN) – causale
«Restituzione somme POR Calabria 2000/06 – Misura 4.2 az. c –
progetto n. 12042».
NOTIFICARE il presente provvedimento all’impresa SA.GI.
S.r.l., con sede legale in Via Monte Baldo, n. 18, 87100 Cosenza.
TRASMETTERE il presente decreto a Unicredit Mediocredito Centrale, all’Autorità di Pagamento dei Fondi POR 2000/
2006, all’Autorità di Gestione del POR 2000/2006, all’Organismo di Controllo di II livello.
DISPORRE la pubblicazione del presente decreto nel BURC.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr.ssa Maria Grazia Nicolò
DECRETO n. 213 del 18 gennaio 2011
Impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria –
Mis. 4.2 – az. c) del POR Calabria 2000/2006. Revoca D.D.G.
n. 3247 del 26/03/2003.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTO il decreto n. 984 del 31/01/2002 del D.G. dell’ex dipartimento n. 7, pubblicato nel BURC dell’08/02/2002 con il
quale è stato indetto il bando per la concessione di aiuti agli investimenti, tramite selezioni riservate, distintamente, alle medie
imprese ed alle piccole imprese, secondo la procedura di cui all’art. 6 del D. Lgs. 123/98 (procedura negoziale), nei settori del
tessile e delle industrie per la fabbricazione dei prodotti in cuoio,
6485
pelle e similari, a valere sulla misura 4.2 – az. c (ex d ed e) del
POR Calabria 2000-2006: «Attrazione di iniziative imprenditoriali strategiche per lo sviluppo della cooperazione produttiva
interregionale».
VISTO il D.D.G. n. 2512 del 14/03/2003 con il quale è stata
approvata la graduatoria riservata alle Piccole Imprese.
VISTO il D.D.G. n. 3247 del 26/03/2003, con il quale è stato
concesso all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna
Maria, con sede legale in Via Caminona, 29, 87069 – S. Demetrio Corone (CS), a fronte di un programma di investimenti riconosciuto agevolabile per un importo pari a c 2.152.000,00, un
contributo provvisorio in conto capitale di c 1.840.000,00 determinato secondo le modalità previste dall’art. 2 del D.D.G. protempore n. 984 del 31/01/2002, pubblicato nel BURC – S.S. n. 4
al n. 2 dell’1/02/2002.
VISTO il contratto rep. n. 1132 del 13/11/2003, stipulato tra la
Regione Calabria e l’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro
Anna Maria.
VISTI i D.D.G. n. 22733 del 16/12/2004 e n. 12990 dell’1/07/
2009, con i quali è stata rinnovata la convenzione con MCC
S.p.A., ora UniCredit Mediocredito Centrale.
VISTO il decreto n. 2460 del 15/03/2004 con il quale è stata
erogata all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria,
con sede legale in Via Caminona, 29, 87069 S. Demetrio Corone
(CS), la somma di c 368.000,00 a titolo di anticipazione pari al
20% del contributo concesso in via provvisoria di c
1.840.000,00.
VISTO il decreto n. 18387 del 09/11/2004 con il quale è stata
erogata all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria,
con sede legale in Via Caminona, 29, 87069 S. Demetrio Corone
(CS), la somma di c 552.000,00 a titolo di primo stato avanzamento lavori, pari al 30% del contributo concesso in via provvisoria di c 1.840.000,00.
VISTA la nota prot. n. 069239 del 28/11/2005, acquisita al
prot. n. 3950 del 2/12/2005, con la quale MCC S.p.A. ha comunicato la variazione della sede legale da S. Demetrio Corone
(CS), a Corigliano Calabro (CS), Zona Industriale di Schiavonea.
VISTO il D.D.G. n. 20916 del 22/12/2005 con il quale è stata
erogata all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria,
la somma di c 479.217,56 a titolo di secondo stato avanzamento
lavori.
VISTO il decreto n. 18375 del 15/12/2006 con il quale è stata
erogata all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria,
la somma di c 132.335,84 a titolo di integrazione del secondo
stato avanzamento lavori di cui al decreto n. 20916 del 22/12/
2005, alla luce delle modifiche del Complemento di Programmazione del POR Calabria 2000/2006.
VISTO il D.D.G. n. 13702 del 19/09/2007, con il quale è stata
nominata la Commissione di collaudo finale per la verifica tecnico-amministrativa all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro
Anna Maria.
VISTA la nota dell’11/09/2008, acquisita al prot. n. 7494 in
pari data, con la quale la Commissione di verifica tecnico – amministrativa ha comunicato che, ai fini del completamento del
controllo, ha richiesto ulteriore documentazione.
VISTA la nota prot. n. 7610/Dip. del 18/09/2008 con la quale è
stato concesso lo slittamento dell’esercizio a regime all’anno
2008.
6486
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la nota prot. n. 7894/Dip. del 24/09/2008, con la quale
si invitava l’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna
Maria a trasmettere la documentazione integrativa richiesta dalla
citata Commissione.
VISTA la nota del 27/10/2008, acquisita al prot. n. 10169/Dip.
del 27/10/2008, con la quale l’impresa Mauro Gruppo Tessile di
Mauro Anna Maria ha trasmesso la documentazione richiesta
dalla citata Commissione di collaudo.
CHE con nota del 3/12/2008, acquisita al prot. n. 11963/Dip.
in pari data, la Commissione di collaudo, a seguito della verifica
della documentazione inoltrata dall’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria in data 27/10/2008, ha richiesto alla
stessa ulteriore documentazione.
VISTA la nota prot. n. 6516/Dip. del 14/05/2009 con la quale
si invitava l’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna
Maria a trasmettere la documentazione relativa alla verifica degli
indicatori nell’anno a regime.
VISTA la nota del 19/05/2009, acquisita al prot. n. 7163/Dip.
del 26/05/2009, con la quale l’impresa beneficiaria ha comunicato che non ha provveduto all’assunzione dei dipendenti e
quindi all’avvio dell’anno a regime per la mancanza totale di
commesse, stante il grave periodo di crisi nel settore del tessile.
VISTA la nota del 29/09/2009, acquisita al prot. n. 13861
dell’8/10/2009, con la quale la Commissione di verifica tecnicoamministrativa ha trasmesso la relazione sullo stato finale del
programma di investimenti, relativa all’impresa l’impresa
Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria.
CHE, nella citata relazione, la Commissione ha evidenziato
che, alla data del sopralluogo, l’impresa Mauro Gruppo Tessile
di Mauro Anna Maria non svolgeva alcuna attività e pertanto,
sulla base degli esiti dell’istruttoria finale tecnico amministrativa, non ha confermato l’agevolabilità dell’iniziativa in quanto
la citata impresa, in relazione all’art. 3, punto 3 del contratto
stipulato in data 13/11/2003 – rep. n. 1132, con l’amministrazione, non ha rispettato gli indicatori di seguito elencati:
1) A-B-C, relativi ai dati del reddito, non sono stati verificati
dalla Commissione in quanto l’impresa non ha fornito la documentazione necessaria;
2) D (totale macchinari impianti e attrezzature), ha subito
uno scostamento negativo pari al 100%;
3) F-G-H, relativi al dato occupazionale, non sono stati verificati dalla Commissione in quanto l’impresa non ha fornito la
documentazione necessaria;
4) I (Certificazione EMAS) – l’impresa non ha presentato
alcuna certificazione.
CHE, a fronte delle evidenziate criticità, con nota prot. n.
14081/Dip. del 14/10/2009 il Responsabile del procedimento notificava, ai sensi degli artt. 7 e 8 della L.R. n. 19 del 4/09/2001,
l’avvio del procedimento di revoca.
CHE, con fax del 22/10/2009, acquisito al prot. n. 14578/Dip.
in pari data, l’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna
Maria ha richiesto l’accesso agli atti e l’estrazione della documentazione elencata nel citato fax.
CHE, con nota prot. n. 14632/Dip. del 23/10/2009 la citata
impresa è stata convocata in data 27/10/2010.
VISTA la nota del 30/10/2009, acquisita al prot. n. 15032/Dip.
del 2/11/2009, con la quale l’impresa Mauro Gruppo Tessile di
Mauro Anna Maria ha trasmesso le controdeduzioni.
RICHIAMATA la precorsa corrispondenza con l’Organismo
di Controllo sui Fondi Comunitari in sede di Controllo di 2o livello ed in particolare l’ultima nota prot. n. 25606 del 5/11/2009,
acquisita al prot. n. 15242/Dip. del 6/11/2009 con la quale il citato Organismo ha preso atto della relazione della Commissione
di collaudo redatta in data 29/09/2009 dalla Commissione all’uopo designata, con la quale è stata proposta la revoca totale
delle agevolazioni con il conseguente recupero delle stesse e
contestualmente ha proposto la deduzione dalla Domanda di Pagamento della somma di c 1.399.217,56, oggetto del controllo
per l’annualità 2005.
VISTA la nota prot. n. 15382/Dip. del 10/11/2009 con la quale
sono state trasmesse alla Commissione di collaudo le controdeduzioni presentate dall’impresa in questione.
CHE con nota prot. n. 15624/Dip. del 16/11/2009, è stata richiesta all’Autorità di Pagamento, in via precauzionale, la deduzione dalla Domanda di Pagamento dell’intero importo erogato
all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria pari ad
c 1.531.553,40.
VISTA la nota del 17/12/2009, acquisita al prot. n. 17470/Dip.
in pari data, con la quale la Commissione di collaudo ha confermato il contenuto della citata relazione trasmessa il 29/09/2009,
evidenziando che, in riferimento al punto 4 delle controdeduzioni presentate dall’impresa, per mero errore di trascrizione, la
certificazione che si contestava all’impresa di non aver prodotto,
non è la EMAS ma bensì la ISO 14001.
VISTA la nota prot. n. 249/Dip. dell’11/01/2010 con la quale è
stata trasmessa a Unicredit MedioCredito Centrale e all’impresa
in questione la citata nota del 17/12/2009.
VISTA la nota del 18/01/2010, acquisita al prot. n. 976/Dip.
del 29/01/2010 con la quale l’impresa Mauro Gruppo Tessile di
Mauro Anna Maria ha richiesto la sospensione del procedimento
di revoca e contestualmente un incontro tra le parti.
CHE, con nota prot. n. 1222/Dip. del 4/02/2010 è stato fissato
l’incontro con la citata impresa in data 10/02/2010.
CHE, in data 10/02/2010, l’impresa Mauro Gruppo Tessile di
Mauro Anna Maria ha presentato ulteriori integrazioni alle controdeduzioni inoltrate il 30/10/2009.
CONSIDERATO CHE, con nota del 30/11/2010, acquisita al
prot. n. 19065/Dip. in pari data, la Commissione di collaudo,
valutate le controdeduzioni dell’impresa, ha trasmesso le risultanze dell’ulteriore istruttoria, dalla quale si evince che è stato
confermato il contenuto delle precedenti relazioni e pertanto
viene confermata la revoca delle agevolazioni.
VISTA la nota prot. n. 19567/Dip. del 6/12/2010 con la quale è
stata confermata all’impresa beneficiaria la revoca delle agevolazioni.
PRESO ATTO che non si sono realizzate le condizione di cui
all’art. 3 ed in particolare il punto 3 del contratto rep. n. 1132 del
13/11/2003, stipulato tra la Regione Calabria e l’impresa Mauro
Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria.
CONSIDERATO ancora che i fatti e le circostanze anzidette
concretizzano grave violazione degli obblighi gravanti sul soggetto beneficiario in forza del contratto e delle disposizioni di
legge.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
RITENUTO pertanto necessario revocare il D.D.G. n. 3247
del 26/03/2003 con il quale è stato concesso, in via provvisoria,
all’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria un contributo in conto capitale di c 2.140.000,00.
VISTO l’impegno di spesa n. 671 del 24/03/2003, assunto sul
capitolo 6411202 del bilancio regionale 2003 con D.D.G. n. 3239
del 26/03/2003.
VISTE le disposizioni contenute nel POR Calabria 2000/2006
e nel Complemento di Programmazione con riferimento alle iniziative relative all’attuazione della Mis. 4.2 az. c).
VISTO il regolamento n. 1260/99, recante disposizioni generali sui Fondi strutturali ed in particolare le lettere e, g, h, dell’art.
18.
VISTA la circolare prot. n. 1380 del 6/04/2006 del Dipartimento n. 3 «Programmazione Nazionale e Comunitaria».
VISTI:
— la legge regionale 13 maggio 1996, n. 7 recante «Norme
sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza Regionale» ed in particolare l’art. 28
che individua compiti e responsabilità del Dirigente generale;
— il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 recante
«Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze
delle amministrazioni pubbliche» come modificato con legge n.
145/2002;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Giunta Regionale recante «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di Gestione», per come
modificato ed integrato con D.P.G.R. n. 206 del 15 dicembre
2000;
DECRETA
Per quanto esposto in premessa, che qui si intende integralmente riportato, di:
REVOCARE, ai sensi delle disposizioni che regolano la concessione delle agevolazioni pubbliche e per effetto dell’art. 3,
punto 3 del contratto rep. n. 1132 del 13/11/2003, stipulato tra la
Regione Calabria e l’impresa Mauro Gruppo Tessile di Mauro
Anna Maria, con decorrenza immediata, il D.D.G. n. 3247 del
26/03/2003, con il quale è stato concesso, in via provvisoria, un
contributo in conto capitale di c 1.840.000,00 all’impresa Mauro
Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria, con sede legale in Zona
Industriale di Schiavonea 87065 – Corigliano Calabro (CS).
DISPORRE che Unicredit Mediocredito Centrale, ai sensi dell’art. 3, comma 3, del citato contratto rep. n. 1132 del 13/11/
2003, provveda ad effettuare il recupero dei contributi erogati,
rispettivamente con decreti n. 2460 del 15/03/2004, n. 18387 del
09/11/2004, n. 20916 del 22/12/2005 e n. 18375 del 15/12/2006
per un totale di c 1.531.553,40, secondo le disposizioni di cui
all’art. 9 del decreto legislativo 31/03/2008, n. 123. Il conto corrente bancario sul quale effettuare l’accredito delle somme da
restituire è il seguente: IT78M0306704599000000099009 (coordinate IBAN) – causale «Restituzione somme POR Calabria
2000/06 – Misura 4.2 az. c – progetto n. 12036».
NOTIFICARE il presente provvedimento all’impresa Mauro
Gruppo Tessile di Mauro Anna Maria, con sede legale in Zona
Industriale di Schiavonea 87065 – Corigliano Calabro (CS), a
Unicredit Mediocredito Centrale, all’Autorità di Pagamento dei
Fondi POR 2000/2006, all’Autorità di Gestione del POR 2000/
2006 e all’Organismo di Controllo di II livello.
DISPORRE la pubblicazione del presente decreto nel BURC.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr.ssa Maria Grazia Nicolò
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 770/2006, recante «Ordinamento generale della Struttura organizzativa della
Giunta Regionale» (art. 7, L.R. n. 31/2002);
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 334 del 21/4/
2010, con la quale la dr.ssa Maria Grazia Nicolò è stata nominata
Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 3/5/2010, con
il quale è stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— la Delibera di Giunta Regionale n. 440 del 07 giugno 2010
con il quale il Dott. Marco Aloise è stato nominato Dirigente a
tempo determinato del Dipartimento Attività Produttive;
— il D.P.G.R. n. 2218 del 20 luglio 2010 con il quale il Dott.
Marco Aloise è stata nominato Dirigente del Settore n. 1 «Industria, Commercio e Artigianato»;
— il D.D.G. n. 105 del 13/01/2009 repertorio 1 del 12/01/
2009 con il quale si conferisce al dott. Felice Iracà l’incarico di
Dirigente del Servizio n. 2 «Artigianato, Sviluppo del Sistema
Produttivo, Imprenditoria Femminile e Giovanile» del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— la Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 e s.m.i.;
— la Legge regionale n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria
competenza.
6487
DECRETO n. 216 del 19 gennaio 2011
Autorizzazione alla Società «Serreti Gas Petroli S.r.l.», con
Sede in Rosarno (RC), Via Nazionale Nord, 71, per la realizzazione di un deposito di Oli Minerali (gasolio e benzina agricola) sito in C.da Baraccone, Comune di Candidoni (RC).
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO:
— il R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741, convertito nella legge
8/02/1934, n. 367, ed il relativo Regolamento di esecuzione, approvato con R.D. 20 luglio 1934, n. 1303;
— il D.P.R. 31 gennaio 2001, n. 22, concernente la disciplina
delle scorte di riserva di prodotti petroliferi;
— il D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203, recante norme in materia
di qualità dell’aria relativamente a specifici agenti inquinanti e di
inquinamento prodotto da impianti industriali;
— il D.P.R. 25 luglio 1991, concernente modifiche di indirizzo e coordinamento in materia di emissioni poco significative
e di attività a ridotto inquinamento atmosferico;
— la legge 9 gennaio 1991, n.9;
6488
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— il D.Lgs 3 febbraio 1993, n. 29;
— il D.P.R. 18 aprile 1994, n. 420;
— il D.L. 8 agosto 1994, n. 490;
— la legge 23 agosto 2004, n. 239, relativa al riordino del
settore energetico, nonché delega al Governo per il riassetto delle
disposizioni vigenti in materia di energia;
— l’articolo 1, comma 55, della predetta legge che prevede
che «le regioni esercitano le funzioni amministrative in materia
di lavorazione, stoccaggio e distribuzione di oli minerali non riservate allo Stato»;
— la circolare del 7 ottobre 2004, n. 165, della Direzione Generale per l’Energia e le Risorse Minerarie, concernente le
«prime indicazioni per il settore petrolifero» in applicazione alla
citata legge 239/2004;
— il D.Lgs 128/2006;
— la Circolare Ministeriale n. 0006004 del 31.03.2006, con
oggetto: Decreto Lgs. Di attuazione dell’art. 1, comma 52, legge
23 agosto 2004, n. 239.
VISTO la richiesta del sig. Serreti Salvatore, Amministratore
Unico della società Serreti Gas Petroli S.r.l. del 14.07.2010, acquisita al protocollo dell’Ente con n. 12615 del 20.07.2010, relativa alla autorizzazione per la realizzazione di un deposito di
Oli Minerali (Gasolio e Benzina Agricola) in C.da Baraccone del
Comune di Candidoni (RC).
ATTESO che la documentazione di rito, la cui completezza e
regolarità è stata verificata dai competenti uffici del Settore, risulta acquisita agli atti d’Ufficio.
VISTO il parere favorevole ai soli fini fiscali, espresso in merito dall’Agenzia delle Dogane di Reggio Calabria, prot.
0021770 del 18.11.2010, con le seguenti prescrizioni:
1. i serbatoi contenenti i prodotti energetici sopracitati devono essere dotati di idoneo sistema per il prelievo di campioni;
VISTO la D.G.R. n. 334 del 21 aprile 2010 con la quale la
Dott.ssa Maria Grazia Niccolò è stata nominata Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 Attività Produttive.
VISTO il D.P.G.R. n. 99 del 03 maggio 2010 con il quale è
stato conferito alla dott.ssa Maria Grazia Niccolò l’incarico di
Dirigente Generale del Dipartimento 5 Attività Produttive.
VISTO la D.G.R. n. 440 del 07/6/2010 di conferma dell’incarico di Dirigente del Settore Politiche Energetiche – Attività
Estrattive e Risorse Geotermiche, all’Ing. Ilario De Marco.
DECRETA
Per i motivi espressi in premessa che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto:
Art. 1
La società «Serreti Gas Petroli S.r.l.» è autorizzata ad installare ed esercire un deposito di Oli Minerali (Gasoli e Benzina
agricola), ubicato nel Comune di Candidoni (RC), Loc. Baraccone, così costituito:
— n. 03 serbatoi metallici interrati di gasolio denaturato uso
agricolo della capacità di 30,00 mc cadauno;
— n. 01 serbatoio interrato di benzina denaturata uso agricolo
della capacità di 15 mc;
— n. 01 distributore automatico di carburante per benzina denaturata uso agricolo;
— n. 01 distributore automatico di carburante per gasolio denaturato uso agricolo, entrambi installati su apposita isola di distribuzione;
— n. 01 braccio per il carico per le autocisterne.
Art. 2
2. tutto il deposito dovrà essere recintato con muro e/o rete
metallica a maglie fitte di altezza non inferiore a mt. 2,50 del
piano di calpestio, la recinzione dovrà essere munita di varco
carrabile sulla via principale, o di via prevista collegata al sistema viario pubblico liberamente transitabile da parte degli addetti alla vigilanza;
Alla ditta è fatto obbligo di eseguire i lavori di cui al precedente art. 1 in conformità al progetto presentato a corredo dell’istanza e a quanto determinato e prescritto dalle Amministrazioni interpellate nel corso della relativa istruttoria.
3. il deposito dovrà essere munito di idonei strumenti (bilancia a piattaforma, stadera a ponte, bilico ecc.) per l’accertamento a peso dei prodotti movimentati.
La ditta, per quanto riguarda le scorte di riserva di prodotto
petroliferi, è tenuta ad osservare le disposizioni stabilite dal
D.P.R. n. 22 del 31.01.01 e successive modificazioni.
VISTO il parere favorevole di conformità ai soli fini antincendio, espresso, con condizioni, dal Comando Provinciale dei
VV.FF. di Reggio Calabria, prot. n. 13937 del 10.08.2010.
Art. 4
VISTO il parere favorevole, espresso con nota n. 2076 del 02
dicembre 2010 dal Responsabile dell’Area Tecnica del Comune
di Candidoni (RC).
VISTO il parere favorevole espresso con nota n. 21734 del 23
Dic. 2010 dal Dipartimento Politiche dell’Ambiente della Regione Calabria.
VISTA la legge 34/2002 e ss.mm.ii. e ritenuta la propria competenza.
RITENUTA l’opportunità di accogliere l’istanza.
Art. 3
La ditta, sotto pena di decadenza, è tenuta ad ultimare i lavori,
oggetto della presente autorizzazione, nel minor tempo possibile, in ogni caso, non oltre i due anni a decorrere dalla data del
presente decreto, dandone comunicazione alla Regione Calabria,
Dipartimento Attività Produttive, Settore Politiche Energetiche.
Eventuali proroghe potranno essere concesse con provvedimento
della Regione Calabria, Dipartimento Attività Produttive, Settore Politiche Energetiche.
Art. 5
Alla ditta è fatto obbligo di tenere costantemente in efficienza
ed in perfetto stato di conservazione il deposito.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Art. 6
La ditta, ai sensi dell’art. 11 del D.P.R. 18 aprile 1994 n. 420,
non potrà iniziare l’esercizio delle nuove opere prima del collaudo o della verifica definitiva delle stesse da parte di un’apposita Commissione composta: dal Responsabile dell’Ufficio Oli
Minerali della Regione Calabria, con funzioni di presidente; da
un funzionario tecnico dell’Agenzia delle Dogane competente
per territorio; da un rappresentante del Comando Provinciale dei
VV.FF. competente per territorio. Alle operazioni di verifica presenzieranno rappresentanti della ditta.
Art. 7
Qualora la Commissione di collaudo accertasse che l’opera
realizzata non è conforme al progetto di massima approvato,
l’esercizio definitivo dell’opera non potrà essere accordato e la
presente autorizzazione potrà essere revocata salvo idoneo adeguamento entro i termini indicati dalla Commissione.
Art. 8
Restano fermi tutti gli obblighi previsti dalle disposizioni citate nella premessa, nonché quelli derivanti dalla vigente normativa in materia.
Art. 9
Il presente decreto sarà pubblicato nel BURC e notificato alla
Ditta interessata, sarà inoltre trasmesso: all’Agenzia delle Dogane U.T.F. di Reggio Calabria, al Comune di Candidoni (RC),
al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria.
Art. 10
Di dare atto che avverso il presente decreto è ammesso ricorso
in sede giurisdizionale innanzi al TAR Calabria entro 60 giorni
dalla legittima conoscenza e ricorso straordinario al Capo dello
Stato entro 120 dalla stessa data.
Catanzaro, lì 19 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
Ing. Ilario De Marco
DECRETO n. 261 del 20 gennaio 2011
Partecipazione della Regione Calabria al «MACEF – Salone Internazionale della Casa» – edizione primavera – Milano 26-30 gennaio 2011.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTI:
— la Legge regionale 13 maggio 1996, n. 7 recante «Norme
sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21-06-1999, recante «Adeguamento
delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione
delle disposizioni recate dalla legge Regionale n. 7/96 e dal
D.Lgs. 29/93 e successive modificazioni ed integrazioni»;
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «Separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
6489
— la L.R. n. 19 del 4 settembre 2001 recante «Norme sul
procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti ed il diritto
di accesso. Disciplina della pubblicazione del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria»;
— la L.R. n. 34 del 12/08/2002, sul riordino delle funzioni
amministrative regionali e locali, e ritenuta propria la competenza;
— il Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 ad oggetto
«Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture
in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE»;
— la D.G.R. n. 770 del 11/11/2006, relativa al nuovo ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale e ss.mm.ii.;
— la Legge Regionale n. 8 del 04.02.2008;
— la D.G.R. n. 334 Del 21 aprile 2010 con cui è stata nominata la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò – Direttore Generale del
Dipartimento «Attività Produttive»;
— il D.P.R. n. 99 del 3.05.2010 con il quale è stato conferito
alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive».
CONSIDERATO che:
— nel mese di settembre 2010, il Dipartimento Attività Produttive, su impulso dell’Assessore al ramo, ha partecipato all’edizione autunnale della Fiera MACEF 2010, attraverso il coinvolgimento delle cinque Camere di Commercio regionali;
— le Aziende che hanno preso parte alla manifestazione
hanno plaudito all’iniziativa, richiedendo a più voci, anche attraverso le Associazioni di categoria, il proseguo delle attività in
tale prospettiva;
— la società Fiera di Milano Rassegne S.p.a., organizzatore
in esclusiva della manifestazione fieristica «MACEF – Salone
Internazionale della Casa», ha previsto l’edizione primavera dal
27 al 30 gennaio p.v.;
— tale manifestazione, per le particolari peculiarità e unicità
del target e dei servizi proposti, rappresenta il punto di riferimento e di aggiornamento per tutte le aziende artigianali che,
attraverso la presentazione delle produzioni locali, esprimono e
rappresentano in maniera efficace la cultura e le eccellenze produttive caratteristiche del territorio;
— il progetto complessivo prevede la partecipazione oltre che
del Dipartimento Attività Produttive, anche il coinvolgimento
delle cinque Camere di Commercio presenti sul territorio calabrese.
ATTESO che, stante l’esperienza positiva, è intendimento del
Dipartimento Attività Produttive, di concerto con l’Assessore al
ramo, partecipare alla nuova edizione della fiera MACEF primavera 2011.
VISTA la legge regionale n. 34/2002 e successive modificazioni ed integrazioni.
RAVVISATA la propria competenza.
Tutto ciò premesso
6490
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETA
Le premesse sono parte integrante e sostanziale del presente
atto.
1. di autorizzare la partecipazione del Dipartimento Attività
Produttive all’edizione primavera «MACEF – Salone Internazionale della Casa», previsto dal 27 al 30 gennaio p.v.;
2. di stabilire quale tetto massimo di spesa per l’organizzazione dell’evento c 195.000,00, da imputare sul capitolo di spesa
n. 6125201;
3. di demandare al Dirigente del competente Settore 1,
l’adozione di tutti gli atti consequenziali per l’attuazione del presente Decreto;
4. di disporne la pubblicazione sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Dr.ssa Maria Grazia Nicolò
DECRETO n. 267 del 20 gennaio 2011
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4957 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Delta Service di Scalercio Alessandra – Via D. Bendicenti, 20
– 87100 Cosenza – Ingiunzione di pagamento.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTO il Dlgs nr. 123/98 recante «Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a
norma dell’articolo 4, comma 4, lettera c), della L. 15 marzo
1997, n. 59».
VISTA la legge 25 Febbraio 1992, n. 215, recante «Azioni
positive per l’imprenditoria femminile».
VISTO il D.P.R. 28 Luglio 2000 n. 314 recante il nuovo regolamento di attuazione della Legge 25 Febbraio 1992, n. 215, per
la concessione delle agevolazioni a favore dell’imprenditoria
femminile.
VISTA la circolare esplicativa del 2 Febbraio 2001 n. 1138443
sulle modalità e procedure per la concessione ed erogazione delle
agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile.
VISTO il Decreto Ministeriale del 2 Febbraio 2001 che fissa i
termini di presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni relative al 4o Bando.
VISTO il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze
del 02 Novembre 2004 con cui sono state emanate le direttive
concernenti i criteri e le modalità per la concessione delle agevolazioni di competenza del Ministero delle Attività Produttive.
VISTO il Decreto del Dirigente Generale n. 62 del 9 Gennaio
2002, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria
del 22 Gennaio 2002, con il quale sono state approvate le graduatorie delle domande ammesse alle agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile previste dalla Legge 215/92 «IV Bando
2000», articolate nei macrosettori: «Agricoltura», «Manifatturiero e assimilati», «Commercio Turismo e Servizi».
VISTE le Deliberazioni n. 1055 del 17 Novembre 2001 e n. 64
del 29 Gennaio 2002 con le quali la Giunta Regionale ha preso
atto delle suddette graduatorie.
VISTO il Decreto di concessione n. 3408 del 28 Marzo 2002
avente ad oggetto: «Legge 215/92 agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Delta Service di Scalercio Alessandra» Via D. Bendicenti, 20 – 87100 Cosenza –
Progetto n. 2001/CLI/1085, Macrosettore: C.T.S.».
VISTO il Decreto di erogazione della prima quota di finanziamento a titolo di SAL/Anticipazione n. 14669 del 13 Novembre
2002 per un importo pari ad Euro 8.290,50.
VISTO il Decreto di erogazione della quota di finanziamento
a titolo di Saldo n. 20421 del 29 Novembre 2004 per un importo
pari ad Euro 17.950,74.
VISTO il Decreto n. 4957 del 07/04/2010 avente ad oggetto:
«Revoca Decreto di concessione agevolazioni L. 215/92 IVo
Bando n. 3408 del 28/03/2002 «Legge 215/92 agevolazioni a
favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Delta Service di Scalercio Alessandra» – Via D. Bendicenti, 20 – 87100
Cosenza – Progetto n. 2001/CL1/1085, Macrosettore: C.T.S.»; e
correlata richiesta di restituzione del contributo indebitamente
percepito per un totale di Euro 26.241,24.
CONSIDERATO CHE:
— il Decreto di revoca DDG n. 4957 del 07/04/2010 è stato
notificato con nota n. 13481/Dip. del 11/08/2010, alla Ditta
«Delta Service di Scalercio Alessandra» – 87100 Cosenza con la
richiesta di restituzione della somma di c 26.241,24 già erogata a
titolo di contributo maggiorata degli interessi legali;
— nonostante gli inviti rivolti da questa Amministrazione Regionale alla data odierna la Ditta non ha provveduto alla restituzione della suddetta somma;
— occorre pertanto procedere al recupero coattivo delle
somme indebitamente riscosse, ai sensi e per gli effetti di quanto
statuito all’art. 40 bis L.R. 8/2002 e dall’art. 17 del Regolamento
Regionale 23 Marzo 2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria»
disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi, delle
somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le altre
somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale,
mediante ingiunzione di cui al Testo Unico approvato con Regio
Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni;
— le somme dovute contabilizzate al 31/12/2010 ammontano
ad un totale di c 30.574,14 così distinte:
1. c 8.290,50 per somme corrisposte a titolo di Io S.A.L. con
DDG n. 14669 del 13/11/2002, più c 1.690,81 per interessi legali
maturati dal 13/11/2002 al 31/12/2010 per un totale di c
9.981,31;
2. c 17.950,74 per somme corrisposte a titolo di saldo con
DDG n. 20421 del 29/11/2004, più c 2.642,09 per interessi legali
maturati dal 29/11/2004 al 31/12/2010 per un totale di c
20.592,83.
RICHIAMATO l’art. 40 bis della Legge Regionale n. 8 del 04
Febbraio 2002 introdotto dall’art. 26 comma 4 della Legge Regionale n. 1 dell’11/01/2006 nel quale è testualmente riportato
che «la riscossione delle entrate non tributarie, aventi causa in
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
rapporti di Diritto Pubblico o Privato, può essere effettuata anche
mediante l’ingiunzione disciplinata nel Testo Unico approvato
con Regio Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni. L’ingiunzione è effettuata nelle forme del
Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento competente all’accertamento».
VISTO l’art. 38 della Legge Regionale 12 giugno 2009, n. 19
recante «Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2009) – Art. 3, comma 4, della legge regionale 4
febbraio 2002, n. 8.
RICHIAMATO altresì il Regolamento Regionale 23 Marzo
2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e
della contabilità della Regione Calabria» ed in particolare l’art.
17 disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi,
delle somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le
altre somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale mediante iscrizione a ruolo.
VISTA la Legge Regionale nr. 34 del 2002 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la Legge Regionale n. 8 del 04/02/2002 e s.m.i. recante
«Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria».
VISTA la Legge Regionale n. 7/96 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della G.R. e sulla Dirigenza Regionale».
VISTA la Legge 7 agosto 1990 nr. 241 e sue modifiche e integrazioni recante «Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi».
VISTA la Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante
«Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti
ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
VISTO il Regio Decreto 14/04/1910 n. 639 recante «Approvazione del testo unico delle disposizioni di legge relative alla
riscossione delle entrate patrimoniali dello stato».
VISTO il D.P.R. n. 354 del 24/06/1999 avente ad oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo
da quella della gestione».
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21/04/2010, con la quale è stata
nominata Dirigente del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»
la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
6491
Tanto premesso
ORDINA
Alla Sig.ra Scalercio Alessandra nata a Cosenza il 28/12/1972
titolare della Ditta «Delta Service di Scalercio Alessandra» Via
D. Bendicenti, 20 – 87100 Cosenza, (C.F.
SCLLSN72T68D086J), (P.I. 02330800786) la restituzione della
somma di c 26.241,24 indebitamente percepita a titolo di contributo «Legge 215/92 agevolazioni a favore dell’imprenditoria
femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto
capitale a favore della Ditta «Delta Service Di Scalercio Alessandra» Via D. Bendicenti – 87100 Cosenza – Progetto n. 2001/
CL1/1085, Macrosettore: C.T.S. oltre interessi per un totale di
Euro 4.332,90 calcolati al 31/12/2010 a partire dalla data di erogazione del beneficio applicando il TUS in vigore.
INGIUNGE
Alla Sig.ra Scalercio Alessandra nata a Cosenza il 28/12/1972
titolare della Ditta «Scalercio Alessandra» Via D. Bendicenti –
87100 Cosenza, (C.F. SCLLSN72T68D086J) (P.I.
02330800786) di versare la somma complessiva di c 30.574,14
con la seguente modalità «Bonifico Bancario intestato a Carime
Tesoreria Regione Calabria – Codice IBAN: IT 78 M 03067
04599 000000099009 – con la causale «Restituzione somme
Legge 215/92 IVo Bando 2000 – Progetto n. 2001/CL1/1085
Macrosettore: C.T.S.».
Specificare che la somma di Euro 30.574,14 risulta così definita:
a) Euro 26.241,24 per il debito principale;
b) Euro 4.332,90 per sanzioni ed interessi.
Il rimborso delle somme per come sopra definite dovrà essere
effettuato entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica della presente comunicazione.
In mancanza di pagamento entro il suddetto termine si procederà nei suoi confronti mediante esecuzione forzata per il recupero coattivo della somma ingiunta.
Entro il termine di giorni 10 dall’avvenuto versamento e comunque entro il termine finale di 30 giorni per come sopra fissato, dovrà essere inviata in originale e/o copia autentica a questo
Dipartimento n. 5 – Attività Produttive, la quietanza dell’avvenuto versamento, indicando come riferimento gli estremi della
presente Ordinanza.
VISTO il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 3/5/2010,
con il quale è stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività
Produttive».
Avverso la presente ingiunzione è ammesso ricorso davanti al
Giudice competente entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica
del presente provvedimento.
ACQUISITA in calce al presente atto, la positiva istruttoria
tecnico amministrativa per come condotta dall’U.O. competente
e/o dal responsabile del procedimento all’uopo designato ai sensi
e per gli effetti della Legge Regionale nr. 19 del 4/9/2001 recante
«Norme procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti ed
il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del Bollettino
Ufficiale della Regione Calabria».
DECRETA
SU espressa dichiarazione di legittimità e regolarità del presente atto resa dal Dirigente di Settore e dal Dirigente di Servizio
alla stregua dell’istruttoria compiuta dalla struttura interessata.
Di notificare il presente provvedimento:
— alla Sig.ra Scalercio Alessandra titolare della Ditta «Delta
Service di Scalercio Alessandra» Via D. Bendicenti, 20 – 87100
Cosenza.
Di trasmettere copia della presente Ordinanza al Dipartimento
Bilancio e Patrimonio.
6492
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Di disporre la pubblicazione integrale della presente Ordinanza sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria ai sensi
dell’art. 50 della Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante «Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità
degli atti ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione
del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Dott.ssa Maria Grazia Nicolò
DECRETO n. 268 del 20 gennaio 2011
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4975 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Di Nardo Monica – Via G. Arena 2 – 88100 Catanzaro – Ingiunzione di pagamento.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTO il Dlgs nr. 123/98 recante «Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a
norma dell’articolo 4, comma 4, lettera c), della L. 15 marzo
1997, n. 59».
VISTA la legge 25 Febbraio 1992, n. 215, recante «Azioni
positive per l’imprenditoria femminile».
VISTO il D.P.R. 28 Luglio 2000 n. 314 recante il nuovo regolamento di attuazione della Legge 25 Febbraio 1992, n. 215, per
la concessione delle agevolazioni a favore dell’imprenditoria
femminile.
VISTA la circolare esplicativa del 2 Febbraio 2001 n. 1138443
sulle modalità e procedure per la concessione ed erogazione delle
agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile.
VISTO il Decreto Ministeriale del 2 Febbraio 2001 che fissa i
termini di presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni relative al 4o Bando.
VISTO il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze
del 02 Novembre 2004 con cui sono state emanate le direttive
concernenti i criteri e le modalità per la concessione delle agevolazioni di competenza del Ministero delle Attività Produttive.
VISTO il Decreto del Dirigente Generale n. 62 del 9 Gennaio
2002, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria
del 22 Gennaio 2002, con il quale sono state approvate le graduatorie delle domande ammesse alle agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile previste dalla Legge 215/92 «IV Bando
2000», articolate nei macrosettori: «Agricoltura», «Manifatturiero e assimilati», «Commercio Turismo e Servizi».
VISTE le Deliberazioni n. 1055 del 17 Novembre 2001 e n. 64
del 29 Gennaio 2002 con le quali la Giunta Regionale ha preso
atto delle suddette graduatorie.
VISTO il Decreto di concessione n. 3232 del 27 Marzo 2002
avente ad oggetto: «Legge 215/92 agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Di Nardo Monica»
Via G. Arena 2 – 88100 Catanzaro – Progetto n. 2001/CLI/2455,
Macrosettore: C.T.S.».
VISTO il Decreto di erogazione della prima quota di finanziamento a titolo di SAL/Anticipazione n. 14667 del 13 Novembre
2002 per un importo pari ad Euro 22.581,90.
VISTO il Decreto di erogazione della quota di finanziamento
a titolo di Saldo n. 10778 del 31 Luglio 2003 per un importo pari
ad Euro 45.484,63.
VISTO il Decreto n. 4975 del 07/04/2010 avente ad oggetto:
«Revoca Decreto di concessione agevolazioni L. 215/92 IVo
Bando n. 3232 del 27/03/2002 «Legge 215/92 agevolazioni a
favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Di Nardo
Monica» – Via G. Arena, 2 – 88100 Catanzaro – Progetto n.
2001/CL1/2455, Macrosettore: C.T.S.»; e correlata richiesta di
restituzione del contributo indebitamente percepito per un totale
di Euro 68.066,53.
CONSIDERATO CHE:
— il Decreto di revoca DDG n. 4975 del 07/04/2010 è stato
notificato con nota n. 5581/Dip. del 13/04/2010, alla Ditta «Di
Nardo Monica» – 88100 Catanzaro con la richiesta di restituzione della somma di c 68.066,53 già erogata a titolo di contributo maggiorata degli interessi legali;
— nonostante gli inviti rivolti da questa Amministrazione Regionale alla data odierna la Ditta non ha provveduto alla restituzione della suddetta somma;
— occorre pertanto procedere al recupero coattivo delle
somme indebitamente riscosse, ai sensi e per gli effetti di quanto
statuito all’art. 40 bis L.R. 8/2002 e dall’art. 17 del Regolamento
Regionale 23 Marzo 2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria»
disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi, delle
somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le altre
somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale,
mediante ingiunzione di cui al Testo Unico approvato con Regio
Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni;
— le somme dovute contabilizzate al 31/12/2010 ammontano
ad un totale di c 80.976,37 così distinte:
1. c 22.581,90 per somme corrisposte a titolo di Io S.A.L.
con DDG n. 14667 del 13/11/2002, più c 4.605,47 per interessi
legali maturati dal 13/11/2002 al 31/12/2010 per un totale di c
27.187,37;
2. c 45.484,63 per somme corrisposte a titolo di saldo con
DDG n. 10778 del 31/07/2003, più c 8.304,37 per interessi legali
maturati dal 31/07/2003 al 31/12/2010 per un totale di c
53.789,00.
RICHIAMATO l’art. 40 bis della Legge Regionale n. 8 del 04
Febbraio 2002 introdotto dall’art. 26 comma 4 della Legge Regionale n. 1 dell’11/01/2006 nel quale è testualmente riportato
che «la riscossione delle entrate non tributarie, aventi causa in
rapporti di Diritto Pubblico o Privato, può essere effettuata anche
mediante l’ingiunzione disciplinata nel Testo Unico approvato
con Regio Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni. L’ingiunzione è effettuata nelle forme del
Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento competente all’accertamento».
VISTO l’art. 38 della Legge Regionale 12 giugno 2009, n. 19
recante «Provvedimento generale recante norme di tipo ordina-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
mentale e finanziario (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2009) – Art. 3, comma 4, della legge regionale 4
febbraio 2002, n. 8.
RICHIAMATO altresì il Regolamento Regionale 23 Marzo
2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e
della contabilità della Regione Calabria» ed in particolare l’art.
17 disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi,
delle somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le
altre somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale mediante iscrizione a ruolo.
VISTA la Legge Regionale nr. 34 del 2002 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la Legge Regionale n. 8 del 04/02/2002 e s.m.i. recante
«Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria».
VISTA la Legge Regionale n. 7/96 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della G.R. e sulla Dirigenza Regionale».
VISTA la Legge 7 agosto 1990 nr. 241 e sue modifiche e integrazioni recante «Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi».
VISTA la Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante
«Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti
ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
VISTO il Regio Decreto 14/04/1910 n. 639 recante «Approvazione del testo unico delle disposizioni di legge relative alla
riscossione delle entrate patrimoniali dello stato».
VISTO il D.P.R. n. 354 del 24/06/1999 avente ad oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo
da quella della gestione».
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21/04/2010, con la quale è stata
nominata Dirigente del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»
la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTO il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 3/5/2010,
con il quale è stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività
Produttive».
ACQUISITA in calce al presente atto, la positiva istruttoria
tecnico amministrativa per come condotta dall’U.O. competente
e/o dal responsabile del procedimento all’uopo designato ai sensi
e per gli effetti della Legge Regionale nr. 19 del 4/9/2001 recante
«Norme procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti ed
il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del bollettino
Ufficiale della Regione Calabria».
SU espressa dichiarazione di legittimità e regolarità del presente atto resa dal Dirigente di Settore e dal Dirigente di Servizio
alla stregua dell’istruttoria compiuta dalla struttura interessata.
Tanto premesso
ORDINA
Alla Sig.ra Di Nardo Monica nata a Catanzaro il 13/07/1972
titolare della Ditta «Di Nardo Monica» Via G. Arena, 2 – 88100
Catanzaro, (C.F. DNRMNC72L53C352M), (P.I. 02274130794)
la restituzione della somma di c 68.066,53 indebitamente perce-
6493
pita a titolo di contributo «Legge 215/92 agevolazioni a favore
dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione
contributo in conto capitale a favore della Ditta «Di Nardo Monica» Via G. Arena 2 – 88100 Catanzaro – Progetto n. 2001/CL1/
2455, Macrosettore: C.T.S. oltre interessi per un totale di Euro
12.909,84 calcolati al 31/12/2010 a partire dalla data di erogazione del beneficio applicando il TUS in vigore.
INGIUNGE
Alla Sig.ra Di Nardo Monica nata a Catanzaro il 13/07/1972
titolare della Ditta «Di Nardo Monica» Via G. Arena, 2 – 88100
Catanzaro, (C.F. DNRMNC72L53C352M) (P.I. 02274130794)
di versare la somma complessiva di c 80.976,37 con la seguente
modalità «Bonifico Bancario intestato a Carime Tesoreria Regione Calabria – Codice IBAN: IT 78 M 03067 04599
000000099009 – con la causale «Restituzione somme Legge
215/92 IVo Bando 2000 – Progetto n. 2001/CL1/2455 Macrosettore: C.T.S.».
Specificare che la somma di Euro 80.976,37 risulta così definita:
a) Euro 68.066,53 per il debito principale;
b) Euro 12.909,84 per sanzioni ed interessi.
Il rimborso delle somme per come sopra definite dovrà essere
effettuato entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica della presente comunicazione.
In mancanza di pagamento entro il suddetto termine si procederà nei suoi confronti mediante esecuzione forzata per il recupero coattivo della somma ingiunta.
Entro il termine di giorni 10 dall’avvenuto versamento e comunque entro il termine finale di 30 giorni per come sopra fissato, dovrà essere inviata in originale e/o copia autentica a questo
Dipartimento n. 5 – Attività Produttive, la quietanza dell’avvenuto versamento, indicando come riferimento gli estremi della
presente Ordinanza.
Avverso la presente ingiunzione è ammesso ricorso davanti al
Giudice competente entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica
del presente provvedimento.
DECRETA
Di notificare il presente provvedimento:
— alla Sig.ra Di Nardo Monica titolare della Ditta «Di Nardo
Monica» Via G. Arena, 2 – 88100 Catanzaro.
Di trasmettere copia della presente Ordinanza al Dipartimento
Bilancio e Patrimonio.
Di disporre la pubblicazione integrale della presente Ordinanza sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria ai sensi
dell’art. 50 della Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante «Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità
degli atti ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione
del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Dott.ssa Maria Grazia Nicolò
6494
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 269 del 20 gennaio 2011
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4969 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Scuola e Corsi di formazione speciale di Simonetta Paola –
Via Gaspare del Fosso 56 – 89100 Reggio Calabria – Ingiunzione di pagamento.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTO il Dlgs nr. 123/98 recante «Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a
norma dell’articolo 4, comma 4, lettera c), della L. 15 marzo
1997, n. 59».
VISTA la legge 25 Febbraio 1992, n. 215, recante «Azioni
positive per l’imprenditoria femminile».
VISTO il D.P.R. 28 Luglio 2000 n. 314 recante il nuovo regolamento di attuazione della Legge 25 Febbraio 1992, n. 215, per
la concessione delle agevolazioni a favore dell’imprenditoria
femminile.
VISTA la circolare esplicativa del 2 Febbraio 2001 n. 1138443
sulle modalità e procedure per la concessione ed erogazione delle
agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile.
VISTO il Decreto Ministeriale del 2 Febbraio 2001 che fissa i
termini di presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni relative al 4o Bando.
VISTO il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze
del 02 Novembre 2004 con cui sono state emanate le direttive
concernenti i criteri e le modalità per la concessione delle agevolazioni di competenza del Ministero delle Attività Produttive.
VISTO il Decreto del Dirigente Generale n. 62 del 9 Gennaio
2002, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria
del 22 Gennaio 2002, con il quale sono state approvate le graduatorie delle domande ammesse alle agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile previste dalla Legge 215/92 «IV Bando
2000», articolate nei macrosettori: «Agricoltura», «Manifatturiero e assimilati», «Commercio Turismo e Servizi».
VISTE le Deliberazioni n. 1055 del 17 Novembre 2001 e n. 64
del 29 Gennaio 2002 con le quali la Giunta Regionale ha preso
atto delle suddette graduatorie.
VISTO il Decreto di concessione n. 3096 del 26 Marzo 2002
avente ad oggetto: «Legge 215/92 agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Scuola e corsi di
formazione speciale Simonetta Paola» Via Gaspare del Fosso, 56
– 89100 Reggio Calabria – Progetto n. 2001/CLI/1394, Macrosettore: C.T.S.».
VISTO il Decreto di erogazione della prima quota di finanziamento a titolo di SAL/Anticipazione n. 8984 del 30 Giugno 2003
per un importo pari ad Euro 31.301,70.
VISTO il Decreto di erogazione della quota di finanziamento
a titolo di Saldo n. 11912 del 23 Luglio 2004 per un importo pari
ad Euro 73.037,30.
VISTO il Decreto n. 4969 del 07/04/2010 avente ad oggetto:
«Revoca Decreto di concessione agevolazioni L. 215/92 IV
Bando n. 3096 del 26/03/2002 «Legge 215/92 agevolazioni a
favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Scuola e
Corsi di formazione speciale di Simonetta Paola» – Via Gaspare
del Fosso, 56 – 89100 Reggio Calabria – Progetto n. 2001/CL1/
1394, Macrosettore: C.T.S.»; e correlata richiesta di restituzione
del contributo indebitamente percepito per un totale di Euro
104.339,00.
CONSIDERATO CHE:
— il Decreto di revoca DDG n. 4969 del 07/04/2010 è stato
notificato con nota n. 5939/Dip. del 20/04/2010, alla Ditta
«Scuola e Corsi di formazione speciale di Simonetta Paola» –
89100 Reggio Calabria con la richiesta di restituzione della
somma di c 104.339,00 già erogata a titolo di contributo maggiorata degli interessi legali;
— nonostante gli inviti rivolti da questa Amministrazione Regionale alla data odierna la Ditta non ha provveduto alla restituzione della suddetta somma;
— occorre pertanto procedere al recupero coattivo delle
somme indebitamente riscosse, ai sensi e per gli effetti di quanto
statuito all’art. 40 bis L.R. 8/2002 e dall’art. 17 del Regolamento
Regionale 23 Marzo 2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria»
disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi, delle
somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le altre
somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale,
mediante ingiunzione di cui al Testo Unico approvato con Regio
Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni;
— le somme dovute contabilizzate al 31/12/2010 ammontano
ad un totale di c 121,527,29 così distinte:
1. c 31.301,70 per somme corrisposte a titolo di Io S.A.L.
con DDG n. 8984 del 30/06/2003, più c 5.794,67 per interessi
legali maturati dal 30/06/2003 al 31/12/2010 per un totale di c
37.096,37;
2. c 73.037,30 per somme corrisposte a titolo di saldo con
DDG n. 1 1912 del 23/07/2004, più c 11.393,62 per interessi
legali maturati dal 23/07/2004 al 31/12/2010 per un totale di c
84.430,92.
RICHIAMATO l’art. 40 bis della Legge Regionale n. 8 del 04
Febbraio 2002 introdotto dall’art. 26 comma 4 della Legge Regionale n. 1 dell’11/01/2006 nel quale è testualmente riportato
che «la riscossione delle entrate non tributarie, aventi causa in
rapporti di Diritto Pubblico o Privato, può essere effettuata anche
mediante l’ingiunzione disciplinata nel Testo Unico approvato
con Regio Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni. L’ingiunzione è effettuata nelle forme del
Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento competente all’accertamento».
VISTO l’art. 38 della Legge Regionale 12 giugno 2009, n. 19
recante «Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2009) – Art. 3, comma 4, della legge regionale 4
febbraio 2002, n. 8.
RICHIAMATO altresì il Regolamento Regionale 23 Marzo
2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e
della contabilità della Regione Calabria» ed in particolare l’art.
17 disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi,
delle somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le
altre somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale mediante iscrizione a ruolo.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la Legge Regionale nr. 34 del 2002 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la Legge Regionale n. 8 del 04/02/2002 e s.m.i. recante
«Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria».
VISTA la Legge Regionale n. 7/96 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della G.R. e sulla Dirigenza Regionale».
VISTA la Legge 7 agosto 1990 nr. 241 e sue modifiche e integrazioni recante «Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi».
VISTA la Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante
«Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti
ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
VISTO il Regio Decreto 14/04/1910 n. 639 recante «Approvazione del testo unico delle disposizioni di legge relative alla
riscossione delle entrate patrimoniali dello stato».
VISTO il D.P.R. n. 354 del 24/06/1999 avente ad oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo
da quella della gestione».
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21/04/2010, con la quale è stata
nominata Dirigente del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»
la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTO il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 3/5/2010,
con il quale è stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività
Produttive».
ACQUISITA in calce al presente atto, la positiva istruttoria
tecnico amministrativa per come condotta dall’U.O. competente
e/o dal responsabile del procedimento all’uopo designato ai sensi
e per gli effetti della Legge Regionale nr. 19 del 4/9/2001 recante
«Norme procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti ed
il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del Bollettino
Ufficiale della Regione Calabria».
SU espressa dichiarazione di legittimità e regolarità del presente atto resa dal Dirigente di Settore e dal Dirigente di Servizio
alla stregua dell’istruttoria compiuta dalla struttura interessata.
Tanto premesso
ORDINA
Alla Sig.ra Simonetta Paola nata a Reggio Calabria il 23/05/
1960 titolare della Ditta «Scuola e Corsi di formazione speciale
di Simonetta Paola» Via Gaspare del Fosso, 56 – 89100 Reggio
Calabria, (C.F. SMNPLA60E63H224T), (P.I. 02102510803) la
restituzione della somma di c 104.339,00 indebitamente percepita a titolo di contributo «Legge 215/92 agevolazioni a favore
dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione
contributo in conto capitale a favore della Ditta «Scuola e Corsi
di formazione speciale di Simonetta Paola» Via Gaspare del
Fosso 56 – 89100 Reggio Calabria – Progetto n. 2001/CL1/1394,
Macrosettore: C.T.S. oltre interessi per un totale di Euro
17.188,29 calcolati al 31/12/2010 a partire dalla data di erogazione del beneficio applicando il TUS in vigore.
6495
INGIUNGE
Alla Sig.ra Simonetta Paola nata a Reggio Calabria il 23/05/
1960 titolare della Ditta «Scuola e Corsi di formazione speciale
di Simonetta Paola» Via Gaspare del Fosso, 56 – 89100 Reggio
Calabria, (C.F. SMNPLA60E63H224T) (P.I. 02102510803) di
versare la somma complessiva di c 121.527,29 con la seguente
modalità «Bonifico Bancario intestato a Carime Tesoreria Regione Calabria – Codice IBAN: IT 78 M 03067 04599
000000099009 – con la causale «Restituzione somme Legge
215/92 IVo Bando 2000 – Progetto n. 2001/CL1/1394 Macrosettore: C.T.S.».
Specificare che la somma di Euro 121.527,29 risulta così definita:
a) Euro 104.339,00 per il debito principale;
b) Euro 17.188,29 per sanzioni ed interessi.
Il rimborso delle somme per come sopra definite dovrà essere
effettuato entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica della presente comunicazione.
In mancanza di pagamento entro il suddetto termine si procederà nei suoi confronti mediante esecuzione forzata per il recupero coattivo della somma ingiunta.
Entro il termine di giorni 10 dall’avvenuto versamento e comunque entro il termine finale di 30 giorni per come sopra fissato, dovrà essere inviata in originale e/o copia autentica a questo
Dipartimento n. 5 – Attività Produttive, la quietanza dell’avvenuto versamento, indicando come riferimento gli estremi della
presente Ordinanza.
Avverso la presente ingiunzione è ammesso ricorso davanti al
Giudice competente entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica
del presente provvedimento.
DECRETA
Di notificare il presente provvedimento:
— alla Sig.ra Simonetta Paola titolare della Ditta «Scuola e
Corsi di formazione speciale di Simonetta Paola» Via Gaspare
del Fosso, 56 – 89100 Reggio Calabria.
Di trasmettere copia della presente Ordinanza al Dipartimento
Bilancio e Patrimonio.
Di disporre la pubblicazione integrale della presente Ordinanza sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria ai sensi
dell’art. 50 della Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante «Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità
degli atti ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione
del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Dott.ssa Maria Grazia Nicolò
6496
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 270 del 20 gennaio 2011
Legge 215/92 – Decreto di revoca agevolazioni concesse –
N. 4941 del 07/04/2010 – Imprenditoria Femminile – Ditta:
Zagari Antonella – Via Gramsci 49 – 89012 Delianuova (RC)
– Ingiunzione di pagamento.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTO il D.lgs nr. 123/98 recante «Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a
norma dell’articolo 4, comma 4, lettera c), della L. 15 marzo
1997, n. 59».
VISTA la legge 25 Febbraio 1992, n. 215, recante «Azioni
positive per l’imprenditoria femminile».
VISTO il D.P.R. 28 Luglio 2000 n. 314 recante il nuovo regolamento di attuazione della Legge 25 Febbraio 1992, n. 215, per
la concessione delle agevolazioni a favore dell’imprenditoria
femminile.
VISTA la circolare esplicativa del 2 Febbraio 2001 n. 1138443
sulle modalità e procedure per la concessione ed erogazione delle
agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile.
VISTO il Decreto Ministeriale del 2 Febbraio 2001 che fissa i
termini di presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni relative al 4o Bando.
VISTO il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze
del 02 Novembre 2004 con cui sono state emanate le direttive
concernenti i criteri e le modalità per la concessione delle agevolazioni di competenza del Ministero delle Attività Produttive.
VISTO il Decreto del Dirigente Generale n. 62 del 9 Gennaio
2002, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria
del 22 Gennaio 2002, con il quale sono state approvate le graduatorie delle domande ammesse alle agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile previste dalla Legge 215/92 «IV Bando
2000», articolate nei macrosettori: «Agricoltura», «Manifatturiero e assimilati», «Commercio Turismo e Servizi».
VISTE le Deliberazioni n. 1055 del 17 Novembre 2001 e n. 64
del 29 Gennaio 2002 con le quali la Giunta Regionale ha preso
atto delle suddette graduatorie.
VISTO il Decreto di concessione n. 3440 del 28 Marzo 2002
avente ad oggetto: «Legge 215/92 agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Zagari Antonella»
Via Gramsci, 49 – 89012 Delianuova (RC) – Progetto n. 2001/
CL1/1281, Macrosettore: C.T.S.».
VISTO il Decreto di erogazione della prima quota di finanziamento a titolo di SAL/Anticipazione n. 16452 del 05 Dicembre
2002 per un importo pari ad Euro 13.313,70.
VISTO il Decreto di erogazione della quota di finanziamento
a titolo di Saldo n. 2083 del 08 Marzo 2004 per un importo pari
ad Euro 20.559,33.
VISTO il Decreto n. 4941 del 07/04/2010 avente ad oggetto:
«Revoca Decreto di concessione agevolazioni L. 215/92 IVo
Bando n. 3440 del 28/03/2002 «Legge 215/92 agevolazioni a
favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando 2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della Ditta «Zagari
Antonella» – Via Gramsci, 49 – 89012 Delianuova (RC) – Pro-
getto n. 2001/CL1/1281, Macrosettore: C.T.S.»; e correlata richiesta di restituzione del contributo indebitamente percepito per
un totale di Euro 33.873,03.
CONSIDERATO CHE:
— il Decreto di revoca DDG n. 4941 del 07/04/2010 è stato
notificato con nota n. 5935/Dip. del 20/04/2010, alla Ditta «Zagari Antonella» – 89012 Delianuova con la richiesta di restituzione della somma di c 33.873,03 già erogata a titolo di contributo maggiorata degli interessi legali;
— nonostante gli inviti rivolti da questa Amministrazione Regionale alla data odierna la Ditta non ha provveduto alla restituzione della suddetta somma;
— occorre pertanto procedere al recupero coattivo delle
somme indebitamente riscosse, ai sensi e per gli effetti di quanto
statuito all’art. 40 bis L.R. 8/2002 e dall’art. 17 del Regolamento
Regionale 23 Marzo 2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria»
disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi, delle
somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le altre
somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale,
mediante ingiunzione di cui al Testo Unico approvato con Regio
Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni;
— le somme dovute contabilizzate al 31/12/2010 ammontano
ad un totale di c 39.963,81 così distinte:
1. c 13.313,70 per somme corrisposte a titolo di Io S.A.L.
con DDG n. 16452 del 05/12/2002, più c 2.691,19 per interessi
legali maturati dal 05/12/2002 al 31/12/2010 per un totale di c
16.004,89;
2. c 20.559,33 per somme corrisposte a titolo di saldo con
DDG n. 2083 del 08/03/2004, più c 3.399,59 per interessi legali
maturati dal 08/03/2004 al 31/12/2010 per un totale di c
23.958,92.
RICHIAMATO l’art. 40 bis della Legge Regionale n. 8 del 04
Febbraio 2002 introdotto dall’art. 26 comma 4 della Legge Regionale n. 1 dell’11/01/2006 nel quale è testualmente riportato
che «la riscossione delle entrate non tributarie, aventi causa in
rapporti di Diritto Pubblico o Privato, può essere effettuata anche
mediante l’ingiunzione disciplinata nel Testo Unico approvato
con Regio Decreto 14 Aprile 1910, n. 639 e successive modifiche e integrazioni. L’ingiunzione è effettuata nelle forme del
Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento competente all’accertamento».
VISTO l’art. 38 della Legge Regionale 12 giugno 2009, n. 19
recante «Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario (Collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2009) – Art. 3, comma 4, della legge regionale 4
febbraio 2002, n. 8.
RICHIAMATO altresì il Regolamento Regionale 23 Marzo
2010, nr. 2 recante «Regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 8 del 04 Febbraio 2002 2 «Ordinamento del bilancio e
della contabilità della Regione Calabria» ed in particolare l’art.
17 disciplinante le procedure di riscossione coattiva dei tributi,
delle somme dovute a titolo di sanzioni tributarie e di tutte le
altre somme a qualsiasi titolo dovute all’Amministrazione Regionale mediante iscrizione a ruolo.
VISTA la Legge Regionale nr. 34 del 2002 e ritenuta la propria
competenza.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la Legge Regionale n. 8 del 04/02/2002 e s.m.i. recante
«Ordinamento del bilancio e della contabilità della Regione Calabria».
VISTA la Legge Regionale n. 7/96 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della G.R. e sulla Dirigenza Regionale».
VISTA la Legge 7 agosto 1990 nr. 241 e sue modifiche e integrazioni recante «Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi».
VISTA la Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante
«Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti
ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
VISTO il Regio Decreto 14/04/1910 n. 639 recante «Approvazione del testo unico delle disposizioni di legge relative alla
riscossione delle entrate patrimoniali dello stato».
VISTO il D.P.R. n. 354 del 24/06/1999 avente ad oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo
da quella della gestione».
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21/04/2010, con la quale è stata
nominata Dirigente del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»
la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò.
VISTO il Decreto del Presidente della G.R. n. 99 del 3/5/2010,
con il quale è stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività
Produttive».
6497
con la seguente modalità «Bonifico Bancario intestato a Carime
Tesoreria Regione Calabria – Codice IBAN: IT 78 M 03067
04599 000000099009 – con la causale «Restituzione somme
Legge 215/92 IVo Bando 2000 – Progetto n. 2001/CL1/1281
Macrosettore: C.T.S.».
Specificare che la somma di Euro 39.963,81 risulta così definita:
a) Euro 33.873,03 per il debito principale;
b) Euro 6.090,78 per sanzioni ed interessi.
Il rimborso delle somme per come sopra definite dovrà essere
effettuato entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica della presente comunicazione.
In mancanza di pagamento entro il suddetto termine si procederà nei suoi confronti mediante esecuzione forzata per il recupero coattivo della somma ingiunta.
Entro il termine di giorni 10 dall’avvenuto versamento e comunque entro il termine finale di 30 giorni per come sopra fissato, dovrà essere inviata in originale e/o copia autentica a questo
Dipartimento n. 5 – Attività Produttive, la quietanza dell’avvenuto versamento, indicando come riferimento gli estremi della
presente Ordinanza.
Avverso la presente ingiunzione è ammesso ricorso davanti al
Giudice competente entro 30 (trenta) giorni dalla data di notifica
del presente provvedimento.
ACQUISITA in calce al presente atto, la positiva istruttoria
tecnico amministrativa per come condotta dall’U.O. competente
e/o dal responsabile del procedimento all’uopo designato ai sensi
e per gli effetti della Legge Regionale nr. 19 del 4/9/2001 recante
«Norme procedimento amministrativo, la pubblicità degli atti ed
il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione del bollettino
Ufficiale della Regione Calabria».
— alla Sig.ra Zagari Antonella titolare della Ditta «Zagari
Antonella» Via Gramsci 49 – 89012 Delianuova (RC).
SU espressa dichiarazione di legittimità e regolarità del presente atto resa dal Dirigente di Settore e dal Dirigente di Servizio
alla stregua dell’istruttoria compiuta dalla struttura interessata.
Di trasmettere copia della presente Ordinanza al Dipartimento
Bilancio e Patrimonio.
Tanto premesso
ORDINA
Alla Sig.ra Zagari Antonella nata a Oppido Mamertina (RC) il
08/07/1975 titolare della Ditta «Zagari Antonella» Via Gramsci,
49 – 89012 Delianuova (RC), (C.F. ZGRNNL75L48G082Y),
(P.I. 02102320807) la restituzione della somma di c 33.873,03
indebitamente percepita a titolo di contributo «Legge 215/92
agevolazioni a favore dell’imprenditoria femminile – IV Bando
2000 – Concessione contributo in conto capitale a favore della
Ditta «Zagari Antonella» Via Gramsci, 49 – 89012 Delianuova
(RC) – Progetto n. 2001/CL1/1281, Macrosettore: C.T.S. oltre
interessi per un totale di Euro 6.090,78 calcolati al 31/12/2010 a
partire dalla data di erogazione del beneficio applicando il TUS
in vigore.
INGIUNGE
Alla Sig.ra Zagari Antonella nata a Oppido Mamertina il 08/
07/1975 titolare della Ditta «Zagari Antonella» Via Gramsci, 49
– 89012 Delianuova (RC), (C.F. ZGRNNL75L48G082Y) (P.I.
02102320807) di versare la somma complessiva di c 39.963,81
DECRETA
Di notificare il presente provvedimento:
Di disporre la pubblicazione integrale della presente Ordinanza sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria ai sensi
dell’art. 50 della Legge Regionale 4 settembre 2001, n. 19 recante «Norme sul procedimento amministrativo, la pubblicità
degli atti ed il diritto di accesso. Disciplina della pubblicazione
del Bollettino Ufficiale della Regione Calabria».
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Dott.ssa Maria Grazia Nicolò
6498
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 271 del 20 gennaio 2011
Dipendente Regionale Avv. Vitaliano Opipari, matricola
001131 – Cat. D1. Affidamento incarico di Responsabile del
Procedimento delle attività relative ai processi del Controllo
Strategico e del Controllo di Gestione del Settore 2 – Politiche Energetiche, Attività Estrattive e Risorse Geotermiche
del Dipartimento 5 – Attività Produttive.
IL DIRIGENTE GENERALE
PREMESSO CHE:
— in attuazione del D.lgs 286/99 di «Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione
dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle
amministrazioni pubbliche, a norma dell’art. 11 della Legge 15
Marzo 1997, n. 59», la Regione nell’ambito degli strumenti diretti al miglioramento delle attività e dei processi amministrativi
riconosce importanza strategica all’implementazione dei sistemi
di controllo interno, ed in particolare al Controllo Strategico e al
Controllo di Gestione, la cui realizzazione comporta l’esigenza
di una condivisione a vario titolo e livello di tutta la struttura
regionale ovvero il coinvolgimento di tutte le risorse regionali
(Dirigenti Regionali, Dirigenti di Settore/Servizio e altre risorse);
— l’impianto normativo regionale è contraddistinto da
quanto di seguito elencato:
− Art. 10 bis della Legge Regionale n. 27 del 13 Settembre
1999, con il quale la Regione Calabria disciplina l’avvio e l’implementazione del Controllo di Gestione quale «metodo permanente di verifica dei risultati», avente ad oggetto l’attività amministrativa e gestionale dell’Ente considerata in tutta la sua interezza, ivi compresa quella degli enti strumentali e delle aziende
sanitarie ospedaliere;
− Art. 19 della Legge regionale n. 1 dell’11 Novembre
2006 – laddove, la Regione Calabria, nell’ambito della propria
autonomia organizzativa e legislativa – ha inteso recepirne le
disposizioni contenute e, con riferimento al Controllo Strategico,
ha definito analiticamente:
− l’ambito d’applicazione;
− i soggetti destinatari e loro obblighi;
− la struttura dipartimentale competente del coordinamento del processo;
− l’Organismo d’indirizzo e controllo;
− le misure sanzionatorie;
− Artt. 29-36 della Legge Regionale n. 8 del 4 Febbraio
2002, con i quali è regolamentato – in maniera organica e dettagliata – il Controllo di Gestione quale misura «[...] volta a verificare l’efficacia, l’efficienza e l’economicità dell’azione amministrativa della Regione, al fine di ottimizzare, anche mediante
tempestivi interventi di correzione, il rapporto tra costi e risultati
ed il Piano Operativo quale strumento di raccordo tra le funzioni
di gestione attribuite ai Dirigenti per la realizzazione degli obiettivi agli stessi assegnati»;
— con deliberazione n. 544 del 3 Agosto 2007 la Giunta Regionale, allo scopo di rendere unitari e integrati i cicli di Programmazione e Controllo, strategico e gestionale, e nella consapevolezza che il sistema dei controlli interni è tanto più efficace
quanto più risultano integrate tra loro le due tipologie di con-
trollo, ha approvato l’Action Plan ovvero il Documento descrittivo del percorso operativo cui riferirsi per l’implementazione
del Sistema Integrato;
— l’attività di pianificazione strategica così delineata è stata
poi formalizzata attraverso l’approvazione e relativa adozione
del Piano degli Obiettivi Strategici (POS) valido per il triennio
2008-2010, di cui alla delibera di Giunta Regionale n. 534 del 4
Agosto 2008 (e successivo aggiornamento per il triennio 20102012 di cui alla D.G.R. n. 187 del 3 Marzo 2010) riportante le
Linee Strategiche desunte dal Programma di Governo e dagli
altri Documenti Programmatici declinati in Obiettivi Strategici
in capo ad ogni struttura dipartimentale;
— l’attività di programmazione operativa, come prima delineata è stata poi formalizzata attraverso l’approvazione e relativa
adozione del Piano degli Obiettivi Specifici, in attuazione della
predetta Legge Regionale n. 8/2009, con deliberazione di Giunta
Regionale n. 193 del 3 marzo 2010, così come modificata dalla
deliberazione n. 551 del 2 agosto 2010, è stato approvato il Piano
Operativo Annuale – POA 2010, ovvero il documento che «precisa gli obiettivi di gestione, affida la realizzazione di tali obiettivi ai dirigenti titolari di centri di responsabilità amministrativa
e assegna le dotazioni umane, strumentali e finanziarie, per la
realizzazione degli obiettivi medesimi»;
— con riferimento agli Obiettivi Specifici, trattandosi di una
serie di attività a più breve raggio di azione (trimestrale/annuale)
il documento di cui alla precedente alinee, prevede che la misurazione del relativo grado di realizzazione avvenga a seconda
della specificità dell’obiettivo medesimo ovvero attraverso «stati
di avanzamento – in corrispondenza dei quali vengono indicate
le percentuali di realizzazione delle singole attività che concorrono alla realizzazione dell’obiettivo – o valori target per i quali
è altresì necessario prevedere lo standard di riferimento trimestrale o annuale a cui tendere»;
— con nota prot. 5470/dip del 16 ottobre 2007, il Direttore
Generale pro-tempore del Dipartimento Bilancio e Patrimonio,
ha richiesto – ad ogni Direttore – a capo delle strutture dipartimentali – l’individuazione di un team interno (controller periferici) a cui demandare l’operatività dei sistemi di controllo;
— con nota prot. n. 579 del 17 gennaio 2011, in risposta a
quanto summenzionato, il Dirigente Generale del Dipartimento
5, ha individuato, tra gli altri, quale controller periferico assegnato al Settore 2, Servizio 4 – Energia e Fonti Rinnovabili,
l’avv. Vitaliano Opipari, matricola 001131.
CONSIDERATO
— necessario provvedere all’individuazione del responsabile
del procedimento amministrativo, di cui alle attività delle precedenti alinee e limitatamente agli obiettivi specifici in capo Settore 2 – Politiche Energetiche, Attività Estrattive e Risorse Geotermiche del Dipartimento 5 – Attività Produttive.
PRESO ATTO CHE
— con DDG nr. 15070 del 2 novembre 2010 l’avv. Vitaliano
Opipari, matricola 001131, è stato comandato dagli Uffici del
Consiglio Regionale a quelli della Giunta Regionale;
— con nota del Dipartimento Organizzazione e Personale
prot. nr. 18739 del 4 novembre 2010, è stata disposta la presa di
servizio dell’avv. Vitaliano Opipari al medesimo Dipartimento e
contestuale assegnazione al Dipartimento 5 – Attività Produttive;
— con nota del Dipartimento Attività Produttive prot. n.
17733 del 4 novembre 2010, l’avv. Vitaliano Opipari ha preso
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
regolarmente servizio presso il Dipartimento Attività Produttive
e assegnato contestualmente al Settore 2 – Politiche Energetiche,
Attività Estrattive e Risorse Geotermiche.
VISTI
— i requisiti culturali e l’esperienza professionale in materia
dell’avv. Vitaliano Opipari.
RITENUTA
— la propria competenza a norma degli artt. 28 e 30 della
Legge Regionale n. 7/1996.
VISTO
— il D.lgs. n. 165 del 30 Marzo 2001, recante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche» così come modificato dalla Legge n. 145
del 15 Luglio 2002;
— il Regolamento Regionale n. 4 del 28 Dicembre 2006, concernente l’Organizzazione dei sistemi di controllo interno.
VISTA
— la D.G.R. n. 770 del 11.11.06 avente ad oggetto «Ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale, art. 7, L.R. n. 31/2002»;
— la D.G.R. n. 258 del 14.05.08 avente ad oggetto «Modifiche all’ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale»;
6499
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa, che si intendono qui
riportate e confermate, di:
1. nominare l’avv. Vitaliano Opipari, funzionario regionale
cat. «D1», matricola 001131, responsabile del procedimento
delle attività relative ai processi del Controllo Strategico e del
Controllo di Gestione quest’ultimo limitato agli obiettivi individuati nel Piano Operativo Annuale per il Settore 2 – Politiche
Energetiche, Attività Estrattive e Risorse Geotermiche, Dipartimento 5 – Attività Produttive;
2. trasmettere il presente provvedimento al Dipartimento n.
7 – Organizzazione e Personale, Settore Giuridico e Settore Economico Previdenziale per gli adempimenti di competenza;
3. notificare il presente provvedimento:
— al diretto interessato;
— al Settore 2 – Politiche Energetiche, Attività Estrattive e
Risorse Geotermiche;
— ai Dirigenti del Dipartimento 5 – Attività Produttive;
4. pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Maria Grazia Nicolò
— la D.G.R. 534 del 4 agosto 2008 avente ad oggetto «Approvazione Piano degli Obiettivi Strategici (POS) 2008-2010
Art. 19 Legge Regionale n. 1/2006»;
— la D.G.R. 521 del 12 luglio 2010 recante «Modifiche ed
integrazioni della struttura organizzativa della Giunta Regionale».
VISTO
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «Separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la D.G.R. n. 334 del 21 aprile con la quale la dr.ssa Maria
Grazia Nicolò è stata nominata Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— il D.P.G.R. n. 99 del 03 maggio 2010 con il quale è stato
conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente
Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive».
VISTA
— la Legge Regionale n. 7 del 13 Maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’articolo 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente
con funzioni di Dirigente Generale;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs
29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
SENTITI i Dirigenti di Settore del Dipartimento 5 – Attività
Produttive.
DECRETO n. 272 del 20 gennaio 2011
Dipendente Regionale Dott.ssa Tina Alessandra Bufano,
matricola 98175 – Cat. D3. Affidamento incarico di Responsabile del Procedimento delle attività relative ai processi del
Controllo Strategico e del Controllo di Gestione del Dipartimento 5 – Attività Produttive.
IL DIRIGENTE GENERALE
PREMESSO CHE:
— in attuazione del D.lgs 286/99 di «Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione
dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle
amministrazioni pubbliche, a norma dell’art. 11 della Legge 15
Marzo 1997, n. 59», la Regione nell’ambito degli strumenti diretti al miglioramento delle attività e dei processi amministrativi
riconosce importanza strategica all’implementazione dei sistemi
di controllo interno, ed in particolare al Controllo Strategico e al
Controllo di Gestione, la cui realizzazione comporta l’esigenza
di una condivisione a vario titolo e livello di tutta la struttura
regionale ovvero il coinvolgimento di tutte le risorse regionali
(Dirigenti Regionali, Dirigenti di Settore/Servizio e altre risorse);
— l’impianto normativo regionale è contraddistinto da
quanto di seguito elencato:
− Art. 10 bis della Legge Regionale n. 27 del 13 Settembre
1999, con il quale la Regione Calabria disciplina l’avvio e l’implementazione del Controllo di Gestione quale «metodo permanente di verifica dei risultati», avente ad oggetto l’attività ammi-
6500
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
nistrativa e gestionale dell’Ente considerata in tutta la sua interezza, ivi compresa quella degli enti strumentali e delle aziende
sanitarie ospedaliere;
rono alla realizzazione dell’obiettivo – o valori target per i quali
è altresì necessario prevedere lo standard di riferimento trimestrale o annuale a cui tendere»;
− Art. 19 della Legge regionale n. 1 dell’11 Novembre
2006 – laddove, la Regione Calabria, nell’ambito della propria
autonomia organizzativa e legislativa – ha inteso recepirne le
disposizioni contenute e, con riferimento al Controllo Strategico,
ha definito analiticamente:
— con nota prot. 5470/dip del 16 ottobre 2007, il Direttore
Generale pro-tempore del Dipartimento Bilancio e Patrimonio,
ha richiesto – ad ogni Direttore – a capo delle strutture dipartimentali – l’individuazione di un team interno (controller periferici) a cui demandare l’operatività dei sistemi di controllo;
− l’ambito d’applicazione;
− i soggetti destinatari e loro obblighi;
− la struttura dipartimentale competente del coordinamento del processo;
− l’Organismo d’indirizzo e controllo;
− le misure sanzionatorie;
− Artt. 29-36 della Legge Regionale n. 8 del 4 Febbraio
2002, con i quali è regolamentato – in maniera organica e dettagliata – il Controllo di Gestione quale misura «[...] volta a verificare l’efficacia, l’efficienza e l’economicità dell’azione amministrativa della Regione, al fine di ottimizzare, anche mediante
tempestivi interventi di correzione, il rapporto tra costi e risultati
ed il Piano Operativo quale strumento di raccordo tra le funzioni
di gestione attribuite ai Dirigenti per la realizzazione degli obiettivi agli stessi assegnati»;
— con deliberazione n. 544 del 3 Agosto 2007 la Giunta Regionale, allo scopo di rendere unitari e integrati i cicli di Programmazione e Controllo, strategico e gestionale, e nella consapevolezza che il sistema dei controlli interni è tanto più efficace
quanto più risultano integrate tra loro le due tipologie di controllo, ha approvato l’Action Plan ovvero il Documento descrittivo del percorso operativo cui riferirsi per l’implementazione
del Sistema Integrato;
— l’attività di pianificazione strategica così delineata è stata
poi formalizzata attraverso l’approvazione e relativa adozione
del Piano degli Obiettivi Strategici (POS) valido per il triennio
2008-2010, di cui alla delibera di Giunta Regionale n. 534 del 4
Agosto 2008 (e successivo aggiornamento per il triennio 20102012 di cui alla D.G.R. n. 187 del 3 Marzo 2010) riportante le
Linee Strategiche desunte dal Programma di Governo e dagli
altri Documenti Programmatici declinati in Obiettivi Strategici
in capo ad ogni struttura dipartimentale;
— l’attività di programmazione operativa, come prima delineata è stata poi formalizzata attraverso l’approvazione e relativa
adozione del Piano degli Obiettivi Specifici, in attuazione della
predetta Legge Regionale n. 8/2009, con deliberazione di Giunta
Regionale n. 193 del 3 marzo 2010, così come modificata dalla
deliberazione n. 551 del 2 agosto 2010, è stato approvato il Piano
Operativo Annuale – POA 2010, ovvero il documento che «precisa gli obiettivi di gestione, affida la realizzazione di tali obiettivi ai dirigenti titolari di centri di responsabilità amministrativa
e assegna le dotazioni umane, strumentali e finanziarie, per la
realizzazione degli obiettivi medesimi»;
— con riferimento agli Obiettivi Specifici, trattandosi di una
serie di attività a più breve raggio di azione (trimestrale/annuale)
il documento di cui alla precedente alinee, prevede che la misurazione del relativo grado di realizzazione avvenga a seconda
della specificità dell’obiettivo medesimo ovvero attraverso «stati
di avanzamento – in corrispondenza dei quali vengono indicate
le percentuali di realizzazione delle singole attività che concor-
— con nota prot. n. 579 del 17 gennaio 2011, in risposta a
quanto summenzionato, il Dirigente Generale del Dipartimento
5, ha individuato, tra gli altri, quale controller periferico assegnato alla Sua Segreteria in qualità di componente, la Dott.ssa
Tina Alessandra Bufano, matricola 98175.
CONSIDERATO
— necessario provvedere all’individuazione del responsabile
del procedimento amministrativo, di cui alle attività delle precedenti alinee e limitatamente agli obiettivi specifici in capo all’U.O.A. Tutela dei Consumatori.
PRESO ATTO CHE
— con DDG nr. 7763 del 14 maggio 2009 la Dott.ssa Tina
Alessandra Bufano, matricola 98175, è stata assegnata alla Segreteria della Direzione Generale del Dipartimento Attività Produttive in qualità di componente.
VISTI
— i requisiti culturali e l’esperienza professionale in materia
della Dott.ssa Tina Alessandra Bufano.
RITENUTA
— la propria competenza a norma degli artt. 28 e 30 della
Legge Regionale n. 7/1996.
VISTO
— il D.lgs. n. 165 del 30 Marzo 2001, recante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche» così come modificato dalla Legge n. 145
del 15 Luglio 2002;
— il Regolamento Regionale n. 4 del 28 Dicembre 2006, concernente l’Organizzazione dei sistemi di controllo interno.
VISTA
— la D.G.R. n. 770 del 11.11.06 avente ad oggetto «Ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale, art. 7, L.R. n. 31/2002»;
— la D.G.R. n. 258 del 14.05.08 avente ad oggetto «Modifiche all’ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale»;
— la D.G.R. 534 del 4 agosto 2008 avente ad oggetto «Approvazione Piano degli Obiettivi Strategici (POS) 2008-2010
Art. 19 Legge Regionale n. 1/2006»;
— la D.G.R. 521 del 12 luglio 2010 recante «Modifiche ed
integrazioni della struttura organizzativa della Giunta Regionale».
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO
6501
DECRETO n. 273 del 20 gennaio 2011
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «Separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la D.G.R. n. 334 del 21 aprile con la quale la dr.ssa Maria
Grazia Nicolò è stata nominata Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive»;
— il D.P.G.R. n. 99 del 03 maggio 2010 con il quale è stato
conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente
Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive».
VISTA
— la Legge Regionale n. 7 del 13 Maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’articolo 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente
con funzioni di Dirigente Generale;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal DLgs
29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
SENTITI i Dirigenti di Settore del Dipartimento 5 – Attività
Produttive.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa, che si intendono qui
riportate e confermate, di:
1. nominare la d.ssa Tina Alessandra Bufano, funzionario
regionale cat. «D», matricola 98175, responsabile del procedimento delle attività relative ai processi del Controllo Strategico e
del Controllo di Gestione quest’ultimo limitato agli obiettivi individuati nel Piano Operativo Annuale per l’U.O.A. Tutela dei
Consumatori, Dipartimento 5 – Attività Produttive;
2. trasmettere il presente provvedimento al Dipartimento n.
7 – Organizzazione e Personale, Settore Giuridico e Settore Economico Previdenziale per gli adempimenti di competenza;
3. notificare il presente provvedimento:
Dipendente Regionale Avv. Emanuela Carmen Bonacci,
matricola 001146 – Cat. D1. Affidamento incarico di Responsabile del Procedimento delle attività relative ai processi del
Controllo Strategico e del Controllo di Gestione del Settore
1– Industria, Commercio e Artigianato del Dipartimento 5 –
Attività Produttive.
IL DIRIGENTE DI SETTORE
PREMESSO CHE:
— in attuazione del D.lgs 286/99 di «Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione
dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle
amministrazioni pubbliche, a norma dell’art. 11 della Legge 15
Marzo 1997, n. 59», la Regione nell’ambito degli strumenti diretti al miglioramento delle attività e dei processi amministrativi
riconosce importanza strategica all’implementazione dei sistemi
di controllo interno, ed in particolare al Controllo Strategico e al
Controllo di Gestione, la cui realizzazione comporta l’esigenza
di una condivisione a vario titolo e livello di tutta la struttura
regionale ovvero il coinvolgimento di tutte le risorse regionali
(Dirigenti Regionali, Dirigenti di Settore/Servizio e altre risorse);
— l’impianto normativo regionale è contraddistinto da
quanto di seguito elencato:
− Art. 10 bis della Legge Regionale n. 27 del 13 Settembre
1999, con il quale la Regione Calabria disciplina l’avvio e l’implementazione del Controllo di Gestione quale «metodo permanente di verifica dei risultati», avente ad oggetto l’attività amministrativa e gestionale dell’Ente considerata in tutta la sua interezza, ivi compresa quella degli enti strumentali e delle aziende
sanitarie ospedaliere;
− Art. 19 della Legge regionale n. 1 dell’11 Novembre
2006 – laddove, la Regione Calabria, nell’ambito della propria
autonomia organizzativa e legislativa – ha inteso recepirne le
disposizioni contenute e, con riferimento al Controllo Strategico,
ha definito analiticamente:
− l’ambito d’applicazione;
− i soggetti destinatari e loro obblighi;
— alla diretta interessata;
— all’U.O.A. Tutela dei Consumatori;
— ai Dirigenti del Dipartimento 5 – Attività Produttive;
4. pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Maria Grazia Nicolò
− la struttura dipartimentale competente del coordinamento del processo;
− l’Organismo d’indirizzo e controllo;
− le misure sanzionatorie;
− Artt. 29-36 della Legge Regionale n. 8 del 4 Febbraio
2002, con i quali è regolamentato – in maniera organica e dettagliata – il Controllo di Gestione quale misura «[...] volta a verificare l’efficacia, l’efficienza e l’economicità dell’azione amministrativa della Regione, al fine di ottimizzare, anche mediante
tempestivi interventi di correzione, il rapporto tra costi e risultati
ed il Piano Operativo quale strumento di raccordo tra le funzioni
di gestione attribuite ai Dirigenti per la realizzazione degli obiettivi agli stessi assegnati»;
— con deliberazione n. 544 del 3 Agosto 2007 la Giunta Regionale, allo scopo di rendere unitari e integrati i cicli di Programmazione e Controllo, strategico e gestionale, e nella consapevolezza che il sistema dei controlli interni è tanto più efficace
quanto più risultano integrate tra loro le due tipologie di con-
6502
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
trollo, ha approvato l’Action Plan ovvero il Documento descrittivo del percorso operativo cui riferirsi per l’implementazione
del Sistema Integrato;
— l’attività di pianificazione strategica così delineata è stata
poi formalizzata attraverso l’approvazione e relativa adozione
del Piano degli Obiettivi Strategici (POS) valido per il triennio
2008-2010, di cui alla delibera di Giunta Regionale n. 534 del 4
Agosto 2008 (e successivo aggiornamento per il triennio 20102012 di cui alla D.G.R. n. 187 del 3 Marzo 2010) riportante le
Linee Strategiche desunte dal Programma di Governo e dagli
altri Documenti Programmatici declinati in Obiettivi Strategici
in capo ad ogni struttura dipartimentale;
— l’attività di programmazione operativa, come prima delineata è stata poi formalizzata attraverso l’approvazione e relativa
adozione del Piano degli Obiettivi Specifici, in attuazione della
predetta Legge Regionale n. 8/2009, con deliberazione di Giunta
Regionale n. 193 del 3 marzo 2010, così come modificata dalla
deliberazione n. 551 del 2 agosto 2010, è stato approvato il Piano
Operativo Annuale – POA 2010, ovvero il documento che «precisa gli obiettivi di gestione, affida la realizzazione di tali obiettivi ai dirigenti titolari di centri di responsabilità amministrativa
e assegna le dotazioni umane, strumentali e finanziarie, per la
realizzazione degli obiettivi medesimi»;
— con riferimento agli Obiettivi Specifici, trattandosi di una
serie di attività a più breve raggio di azione (trimestrale/annuale)
il documento di cui alla precedente alinea, prevede che la misurazione del relativo grado di realizzazione avvenga a seconda
della specificità dell’obiettivo medesimo ovvero attraverso «stati
di avanzamento – in corrispondenza dei quali vengono indicate
le percentuali di realizzazione delle singole attività che concorrono alla realizzazione dell’obiettivo – o valori target per i quali
è altresì necessario prevedere lo standard di riferimento trimestrale o annuale a cui tendere»;
— con nota prot. 5470/dip del 16 ottobre 2007, il Direttore
Generale pro-tempore del Dipartimento Bilancio e Patrimonio,
ha richiesto – ad ogni Direttore – a capo delle strutture dipartimentali – l’individuazione di un team interno (controller periferici) a cui demandare l’operatività dei sistemi di controllo;
— con nota prot. n. 579 del 17 gennaio 2011, in risposta a
quanto summenzionato, il Dirigente Generale del Dipartimento
5, ha individuato, tra gli altri, quale controller periferico assegnato al Settore 1 – Industria, Commercio e Artigianato, l’avv.
Emanuela Carmen Bonacci, matricola 001146.
CONSIDERATO
— necessario provvedere all’individuazione del responsabile
del procedimento amministrativo, di cui alle attività delle precedenti alinee e limitatamente agli obiettivi specifici in capo al Settore 1 – Industria, Commercio e Artigianato.
PRESO ATTO CHE
— con DDG n. 26 del 5 gennaio 2011 l’avv. Emanuela
Carmen Bonacci, matricola 001146, è stata assegnata dagli Uffici del Consiglio Regionale da quelli della Giunta Regionale;
— con dispositivo n. 27 del 7 gennaio 2011 del Dirigente del
Servizio 2, Settore 1 del Dipartimento Organizzazione e Personale, l’avv. Emanuela Carmen Bonacci, matricola 001146, è stata
assegnata al Dipartimento Attività Produttive con decorrenza 10
gennaio 2011.
VISTI
— i requisiti culturali e l’esperienza professionale in materia
dell’avv. Emanuela Carmen Bonacci.
RITENUTA
— la propria competenza a norma degli artt. 28 e 30 della
Legge Regionale n. 7/1996.
VISTO
— il D.lgs. n. 165 del 30 Marzo 2001, recante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche» così come modificato dalla Legge n. 145
del 15 Luglio 2002;
— il Regolamento Regionale n. 4 del 28 Dicembre 2006, concernente l’Organizzazione dei sistemi di controllo interno.
VISTA
— la D.G.R. n. 770 del 11.11.06 avente ad oggetto «Ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale, art. 7, L.R. n. 31/2002»;
— la D.G.R. n. 258 del 14.05.08 avente ad oggetto «Modifiche all’ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale»;
— la D.G.R. 534 del 4 agosto 2008 avente ad oggetto «Approvazione Piano degli Obiettivi Strategici (POS) 2008-2010
Art. 19 Legge Regionale n. 1/2006»;
— la D.G.R. 521 del 12 luglio 2010 recante «Modifiche ed
integrazioni della struttura organizzativa della Giunta Regionale».
VISTO
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «Separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la D.G.R. n. 440 del 7 luglio e 12 luglio 2010 con la quale
è stato conferito l’incarico dirigenziale di settore al Dott. Marco
Aloise;
— il D.P.G.R. n. 219 del 20 luglio 2010 è stato assegnato
l’incarico al Dott. Marco Aloise quale Dirigente del Settore Industria, Commercio e Artigianato del Dipartimento Attività Produttive.
VISTA
— la Legge Regionale n. 7 del 13 Maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’articolo 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente
con funzioni di Dirigente Generale;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs
29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa, che si intendono qui
riportate e confermate, di:
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
1. nominare l’avv. Emanuela Carmen Bonacci, funzionario
regionale cat. «D1», matricola 001146, responsabile del procedimento delle attività relative ai processi del Controllo Strategico e
del Controllo di Gestione quest’ultimo limitato agli obiettivi individuati nel Piano Operativo Annuale per il Settore 1 – Industria, Commercio e Artigianato, Dipartimento 5 – Attività Produttive;
2. trasmettere il presente provvedimento al Dipartimento n.
7 – Organizzazione e Personale, Settore Giuridico e Settore Economico Previdenziale per gli adempimenti di competenza;
3. notificare il presente provvedimento:
6503
CONSIDERATO che ai sensi dell’art. 10, comma 3, della
legge regionale n. 31/2002 è demandato al Dirigente Generale
l’adozione dei decreti di conferimento degli incarichi relativi alle
strutture organizzative di propria pertinenza.
VISTO l’art. 13 del vigente C.C.N.L. relativo all’area della
dirigenza del comparto «Regioni – Autonomie Locali» sottoscritto il 23/12/1999, nonché l’art. 12 del vigente C.C.D.I. del
personale del ruolo della Giunta Regionale con qualifica dirigenziale e gli artt. 24, comma 2, della L.R. 7/96 e 19 del D.Lgs.
165/01, così come modificato dall’art. 3 della Legge 145/02 in
materia di incarichi dirigenziali.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale n. 334 del 21 aprile
con la quale la dr.ssa Maria Grazia Nicolò è stata nominata Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive».
— alla diretta interessata;
— al Settore 1 – Industria, Commercio e Artigianato;
— ai Dirigenti del Dipartimento 5 – Attività Produttive;
4. pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Dr. Marco Aloise
DECRETO n. 274 del 20 gennaio 2011
Conferimento incarico ad interim al dr. Felice Iracà del
Servizio «Program. Distribuzione Commerciale – Direttiva
sevizi – Aiuti al Commercio» del Dipartimento 5 «Attività
Produttive».
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA la L.R. n. 7/96, recante «Norme sull’ordinamento della
Struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale» e successive modifiche ed integrazioni.
VISTO il Regolamento regionale 28 dicembre 2006, n. 4 «Organizzazione dei sistemi di controllo interno».
VISTA l’art. 23 della Legge regionale n. 7/2006 «Provvedimento Generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario (collegato alla manovra di assestamento di bilancio per
l’anno 2006 ai sensi dell’art. 3, comma 4, della Legge regionale
4 febbraio 2002, n. 8».
CONSIDERATO:
— che con Delibera della Giunta regionale n. 440 del 7 luglio
e 12 luglio 2010 sono stati conferiti gli incarichi di Dirigente di
Servizio al personale dirigente, già in forza presso il Dipartimento Attività Produttive;
— che con Decreto Dirigenziale n. 15506 del 10 novembre
2010 è stato assegnato al Dr. Felice Iracà il Servizio 2 «Artigianato, Sviluppo del Sistema Produttivo» del Settore 1 del Dipartimento Attività Produttive.
RILEVATO che per quel che attiene il Servizio «Program. Distribuzione Commerciale – Direttiva sevizi – Aiuti al Commercio» non si è ancora provveduto a nominare il Dirigente di
Servizio.
VISTO il D.P.G.R. n. 99 del 03 maggio 2010 con il quale è
stato conferito alla dr.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive».
VISTA la DGR n. 440 del 7 giugno 2010 e del 12 luglio 2010
con la quale sono stati individuati quali Dirigenti Esterni all’Amministrazione Regionale il dr. Marco Aloise e l’ing. Ilario De
Marco.
VISTA la DGR n. 521 del 12 luglio 2010 avente ad oggetto
«Modifiche ed integrazioni della Struttura Organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTO il D.P.G.R. n. 218 del 20 luglio 2010 con il quale è
stato conferito l’incarico di Dirigente del Settore Industria, Commercio e Artigianato, del Dipartimento Attività Produttive, al dr.
Marco Aloise.
DECRETA
Per quanto espresso in premessa che qui si intende confermato, di:
1. conferire al dr. Felice Iracà l’incarico ad interim del Servizio «Program. Distribuzione Commerciale – Direttiva sevizi –
Aiuti al Commercio» del Settore n. 1 «Industria, Commercio e
Artigianato» per anni uno a decorrere dalla data di approvazione
del presente atto;
2. stabilire che a seguito dell’approvazione del Piano Operativo Annuale 2011 da parte della Giunta Regionale, il presente
atto sarà integrato dai pertinenti obiettivi funzionali alla valutazione annuale sull’attività del medesimo Dirigente;
3. disporre la trasmissione del presente provvedimento:
— al dr. Felice Iracà;
— al Dirigente del Settore 1 «Industria, Commercio e Artigianato del Dipartimento Attività Produttive»;
— al Dipartimento «Organizzazione e Personale»;
— all’Unità Organizzativa Autonoma «Coordinamento Direzioni Generali e Controlli Interni»;
4. disporre, altresì, la pubblicazione del presente decreto sul
Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Maria Grazia Nicolò
6504
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 290 del 20 gennaio 2011
DGR n. 739 del 16 novembre 2010. Nomina Commissione
Tecnico-Amministrativa – Progetto Società Editoriale Crotonese s.r.l.
IL DIRIGENTE GENERALE
PREMESSO CHE:
— la Regione Calabria, nell’ambito del Programma Operativo Plurifondo 1994/1999, metteva a punto un sistema di interventi volto a promuovere ed a sostenere la nascita sul territorio
regionale di iniziative imprenditoriali;
— la Società Consortile a.r.l. SVI Calabria, partecipata da SPI
SpA, Fincalabra SpA e Banca Carime SpA, in base alla convenzione firmata il 14.11.1997 (aggiornata successivamente in data
31.12.1999, 03.03.2000, 07.12.2001 e 08.08.2002) con la Regione Calabria, Assessorato Industria ed Artigianato, riceveva
incarico di svolgere la funzione di «soggetto attuatore (SA)»
della Misura 2.1. Azione A, B e C del Programma Operativo
Plurifondo Calabria 1994-99;
— a seguito della pubblicazione della manifestazione di interesse della SVI – Regione Calabria, avvenuta in data 02.11.1999
la Soc. Editoriale Crotonese S.r.l., in data 10.12.1999, formulava
domanda per ottenere un contributo volto ad acquistare una rotativa nuova;
— la SVI, già con nota n. 1577/99 del 30 dicembre 1999,
comunicava ad Editoriale Crotonese Srl che, in base alla valutazione preistruttoria circa i requisiti di ammissibilità formale della
medesima, la domanda era stata ritenuta ammissibile;
— con successiva nota prot. n. 452/2000 del 27.04.2000, a
seguito della prima fase istruttoria, SVI informava Editoriale
Crotonese S.r.l. che la Regione Calabria aveva avviato la procedura per il finanziamento della graduatoria di merito dei progetti
ammessi alla Manifestazione di interesse in oggetto, e la invitava, nel contempo, a trasmettere il progetto operativo, che puntualmente veniva inviato con plico acquisito al protocollo in data
31.05.2000, con n. 568;
— poiché il Bando (punto I.1.) stabiliva che «Il termine ultimo per l’erogazione a saldo dell’agevolazione da parte della
SVI Calabria è fissato al 31.12.2001. Al fine di consentire il
pieno rispetto di detto termine ultimo per l’erogazione a saldo
dell’agevolazione, quello per la presentazione della documentazione finale di spesa, normalmente previsto in non oltre sei mesi
dopo l’ultimazione del programma, per tali iniziative è fissato in
non oltre il 30 giugno 2001», la Società Editoriale Crotonese Srl
procedeva in data 21 maggio 2001 all’acquisto – presso la Gross
Graphic Sistem Ltd – della rotativa oggetto del progetto senza
ricevere alcuna agevolazione aggiuntiva;
— del resto, il procrastinare l’acquisto della rotativa al momento di effettiva erogazione del contributo, oltre a far insorgere
un motivo di decadenza dal finanziamento, avrebbe snaturato la
stessa ratio del contributo (l’avvio di un’attività imprenditoriale
economicamente giustificata), ritenuto che il piano industriale
costituente presupposto del finanziamento afferiva ad indagini di
mercato e prospettive per gli anni 2000 – 2003, e che il mancato
rispetto dei tempi di acquisto avrebbe reso il piano inattuabile e,
quindi, il finanziamento incoerente con la Misura 2.1. del POP
Calabria 1994/1999;
— la Regione Calabria, però, nonostante che il Soggetto Attuatore ed il «valutatore di business» (Deloitte & Touche) avessero ultimato l’iter istruttorio, finalizzato alla redazione della
graduatoria di merito per l’individuazione dei beneficiari del
suddetto finanziamento, non rispettava il termine del 31.12.2001
da essa stessa fissato per l’erogazione del finanziamento, ed in
riguardo del quale la società aveva provveduto all’acquisto della
predetta rotativa;
— in conseguenza di ciò, in data 13 marzo 2002, Editoriale
Crotonese Srl era stata costretta a stipulare un contratto di mutuo
per far fronte agli impegni economici e gestionali – già assunti
con l’acquisto della rotativa di cui sopra, effettuato entro il termine del 30 giugno 2001, per come previsto dalla Manifestazione di interesse;
— successivamente, l’Editoriale Crotonese, al fine di alleggerire il carico economico derivante dalla stipulazione del contratto di mutuo e dal perdurante ritardo nel perfezionamento del
procedimento che avrebbe dovuto portare all’erogazione del finanziamento, si vedeva costretta a ricorrere al beneficio del credito d’imposta, di cui all’art. 8 della Legge n. 388/2000;
— solo con la delibera di G.R. n. 738 del 6 agosto 2002,
avente ad oggetto: «POP Calabria Mis. 2.1. – Manifestazione di
interesse per il Settore Edizioni e Stampa Giornali curata dal
Soggetto Attuatore SVI Calabria – Determinazioni», la Regione
Calabria prendeva atto degli atti istruttori svolti dal Soggetto Attuatore, ed autorizzava il Dirigente Generale del Dipartimento n.
7 a sottoscrivere atto aggiuntivo della convenzione Regione –
SVI Calabria attuativa della Mis. 2.1., per pervenire alla redazione della graduatoria definitiva della selezione di cui all’oggetto;
— in attuazione della suddetta delibera di G.R. n. 738/02, in
data 08.08.2002 veniva sottoscritto l’Atto aggiuntivo tra la Regione Calabria, Dipartimento Industria Commercio ed Artigianato e la SVI Calabria (prot. SVI n. 433/02 del 09.08.2002), nell’ambito del quale si conveniva in particolare all’art. 6 «In attuazione al deliberato della DGR n. 738 del 6 agosto 2002 e nelle
more che possano essere definitivamente determinate le somme
presuntivamente destinabili al finanziamento dei progetti selezionati, la SVI Calabria è autorizzata a procedere alla definizione
della graduatoria di merito dei progetti ammissibili a finanziamento, rinviandosi a specifico successivo atto di concertazione
l’indicazione delle modalità di gestione delle procedure di liquidazione dei regimi di aiuti a favore delle imprese, (...)»;
— con nota n. 512 del 31.10.2002, la SVI Calabria trasmetteva al Dipartimento Industria la tabella riepilogativa dei risultati
dell’istruttoria di merito dei progetti operativi e, altresì, la relativa graduatoria di merito relativa alle istanze giudicate ammissibili. Dalla suddetta istruttoria scaturiva che erano state giudicate ammissibili due iniziative (su numero 19), presentate rispettivamente da Gazzetta del Sud S.p.A. ed Editoriale Crotonese
S.r.l., con un contributo presunto concedibile di lire
18.318.000.000 (pari ad c 9.460.457,48), così ripartito: lire
16.227.000.000 (pari ad c 8.380.546,10) per l’iniziativa di Gazzetta del Sud S.p.A. e lire 2.091.000.000 (pari ad c 1.079.911,38)
per l’iniziativa Editoriale Crotonese S.r.l.;
— la Regione Calabria – Presidenza – Ufficio di Gabinetto,
con nota del 26.04.2004, indirizzata ad una delle società il cui
progetto era stato ritenuto ammissibile, confermava che il Dipartimento Bilancio e Programmazione, Sett. Politiche Comunitarie
– stava provvedendo a definire i conteggi relativi al POP 19941999 e che, non appena ricevuta la lettera del saldo, l’Assessore
all’Industria avrebbe proceduto alla copertura del POP inerente il
Settore Edizioni e Stampa, di cui all’oggetto;
— non essendo intervenuta alcuna attività procedimentale da
parte della Regione Calabria, la SVI, con nota n. 494 del
17.05.2006, indirizzata alla Presidenza della Regione Calabria,
sollecitava la rapida definizione del procedimento, allo stato
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
fermo all’assunzione dell’impegno finanziario, anche a cagione
delle richieste di chiarimento e delle paventate ipotesi di danno
conseguenti al ritardo intercorso tra la data di inizio del procedimento di individuazione dei beneficiari e la data di effettiva erogazione, ancora non intervenuta, avanzate da parte delle imprese
il cui progetto era stata già dichiarato ab origine ammissibile;
— nelle more, e ritenuto il lasso di tempo trascorso, il Dirigente Generale pro tempore del Dipartimento Economia, con
atto n. 400817 registrato al Registro dei decreti dei Dirigenti
della Regione Calabria al n. 21205 del 30.12.2005, decretava di
impegnare la somma di c 3.000.000,00 sul capitolo 22020204 –
U.P.B. 2.2.02.02 – bilancio 2005, quale parziale finanziamento a
favore dei soggetti titolari dei progetti presentati a seguito della
Manifestazione di interesse per il Settore Editoria e Stampa giornali – Mis. 2.1. del POP Calabria 1994-1999 ed approvati, a seguito della selezione di cui sopra, da Sviluppo Italia Calabria,
nella sua qualità di Soggetto Attuatore;
— considerato quanto sopra, con delibera di G.R. n. 342 del
22.05.2006, «({) ritenuto di dover prestare esecuzione al disposto con la legge n. 8/2005, procedendo al finanziamento della
restante somma mediante reperimento delle risorse necessarie in
due tranches, nella manovra di assestamento del Bilancio 2006 e
nel Bilancio di previsione 2007; e rilevato che entrambe le iniziative (ritenute ammissibili: Gazzetta del Sud e Editoriale Crotonese) superano la soglia di investimento di c 1.549.370,69 per
la quale il Regolamento attuativo della legge n. 488/92 impone il
previo assoggettamento a collaudo tecnico amministrativo; considerato che lo stanziamento di c 3.000.000,00 e quello successivo, in favore delle ditte beneficiarie, resta subordinato all’esito
positivo del predetto collaudo; (...), deliberava di:
− prendere atto dell’esito dell’istruttoria di merito eseguita
su incarico di SVI Calabria e per conto dell’Ente Regione, dalla
Società specializzata Deloitte & Touche, formalmente trasmesso
al Dipartimento Industria e Commercio ed Artigianato con nota
del 31.10.2002, n. 512, acquisita in data 07.11.2002, prot. n.
3936, per come prescritto dall’art. 4 della L.R. 2.3.2005, n. 8;
− dare mandato a SVI Calabria S.p.A., già Soggetto Attuatore della Mis. 2.1. del POP Calabria 1994-1999, di procedere al
riesame dei progetti ritenuti ammissibili ed alla comunicazione
dell’esito per l’adozione dei conseguenti atti da parte dell’Amministrazione regionale;
− prevedere la nomina di una specifica Commissione di
Collaudo a cura del Soggetto Attuatore, individuando come componenti due soggetti designati dai Dipartimenti Presidenza ed
Economia, ai quali si aggiungerà un terzo componente, designato
dal Soggetto Attuatore;
− subordinare la concessione del contributo all’esito favorevole del collaudo tecnico-amministrativo, inteso a verificare il
rispetto dei vincoli di destinazione degli investimenti fissi ammissibili, il perdurare nell’attività imprenditoriale, l’acquisizione delle certificazioni prescritte dalla vigente normativa in
materia, nonché la verifica dei presupposti previsti dal bando e
dalla normativa vigente nonché alla verifica della compatibilità
dei regimi di aiuto a suo tempo previsti;
— in attuazione della suddetta delibera (come parzialmente
modificata con delibera di G.R. n. 690 del 15.10.2007), veniva,
quindi, designata la Commissione per il collaudo tecnico-amministrativo, la quale solo in data 28.07.2008 consegnava il verbale
di accertamento tecnico-amministrativo in relazione al progetto
a suo tempo presentato dalla Società Editoriale Crotonese S.r.l.,
in cui quel progetto veniva dichiarato inammissibile «...in quanto
alla data di verifica da parte di questa Commissione il soggetto
proponente aveva ricevuto agevolazioni di altra natura, non compatibili con la manifestazione di interesse di cui al P.O.P. Cala-
6505
bria 1994/99, Misura 2.1...», intendendo per «agevolazioni incompatibili» la citata concessione del beneficio del credito d’imposta;
— non essendo intervenuto alcun successivo provvedimento
da parte dell’Ente Regione, conclusivo del predetto procedimento amministrativo, la Società Editoriale Crotonese invitava
reiteratamente la Regione Calabria a procedere in tal senso,
senza ottenere alcun riscontro, finché in data 01.04.2009 veniva
stipulato l’atto di transazione rep. n. 1880, registrato il 3.4.2009,
con cui la Regione Calabria, nella persona del Dirigente di Settore del Dipartimento Presidenza, si obbligava di versare in favore dalla Editoriale Crotonese la somma di c 710.839,00, a soddisfazione e tacitazione dei diritti vantati dalla società a titolo di
risarcimento del danno conseguente alla condotta omissiva dell’amministrazione;
— conseguentemente, con successivo decreto del Dirigenziale n. 21998 del 3 dicembre 2009, la Regione Calabria provvedeva ad impegnare la somma di cui sopra sul capitolo di bilancio
22020204, dell’esercizio corrente, demandando ad un successivo
atto la liquidazione di quanto dovuto alla Società Editoriale Crotonese Srl.
CONSIDERATO CHE
— non essendosi dato ulteriore seguito alla transazione così
stipulata, in data 9 marzo 2010 veniva notificato alla Regione
Calabria il Decreto ingiuntivo n. 113/2010, con il quale la Società Editoriale Crotonese intimava alla Regione Calabria il pagamento della somma di c 710.839,00 come sopra pattuita, oltre
interessi legali dal 15 ottobre 2009 sino all’effettivo soddisfo;
— il decreto ingiuntivo veniva ritualmente opposto, e che il
relativo processo è attualmente pendente.
RITENUTO CHE
— pur sussistendo ragioni giuridiche tali da presumere ragionevolmente l’infondatezza della pretesa monitoria avanzata in
via contrattuale dalla Società Editoriale Crotonese Srl nei confronti della Regione Calabria, sotto il profilo extracontrattuale si
prospettano gravi ragioni di pregiudizio in capo alla suddetta Società per il mancato espletamento – nei termini dettati dalla normativa vigente al momento di emanazione della Manifestazione
di interesse – del procedimento amministrativo di determinazione della graduatoria di merito beneficiaria dei contributi di
cui alla Misura 2.1;
— la Società ha già manifestato, con propria nota raccomandata del 10-11.11.2008, la propria intenzione di tutelare l’interesse pretensivo sotteso alla presentazione della domanda di partecipazione alla manifestazione d’interesse sopra menzionata;
— è pacifico in giurisprudenza la qualificazione di un’ipotesi
di danno dovuto in conseguenza del ritardo nell’emanazione di
un atto, da considerare di per sé solo «...elemento sufficiente per
configurare un danno ingiusto, con conseguente obbligo di risarcimento, nel caso di un procedimento amministrativo lesivo di
un interesse pretensivo dell’amministrato, ove tale procedimento
sia da concludere con un provvedimento favorevole per il destinatario... » (cfr ex plurimis: T.A.R. Lazio, Roma, Sez. III, 6
maggio 2010, n. 9940; Consiglio di Stato, Sez. IV, 23 marzo
2010, n. 1699; T.A.R. Abruzzo, L’Aquila, Sez. I, 14 gennaio
2010, n. 2; T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. II, 25 settembre 2009, n.
1539).
CONSIDERATO CHE
— la Commissione per il collaudo tecnico-amministrativo –
di cui alla delibera di G.R. n. 342 del 22.05.2006 e s.m.i., ha
6506
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
proceduto solo parzialmente all’esplicazione ed al riscontro delle
verifiche richieste dalla delibera di G.R. n. 342 del 22.05.2006,
poiché ha sospeso le operazioni non appena preso atto del dato
fattuale (ammissione al beneficio del credito d’imposta), ritenendolo di per sé incompatibile con la concessione del beneficio;
— viceversa, in considerazione di tutte le predette circostanze, appare necessario tutelare l’Amministrazione rispetto ad
un’azione risarcitoria fondata sul diritto al risarcimento del
danno per la lesione dell’interesse pretensivo della società Editoriale Crotonese al corretto svolgimento del procedimento amministrativo (cfr., Cass. Civ. SS.UU., 25 marzo 2010, n. 7160; 13
giugno 2006, n. 13659), causato dalla violazione delle norme che
regolavano il procedimento ordinato all’esercizio del potere (nel
caso di specie individuabile nelle clausole di cui alla Manifestazione di interesse di cui al POP Calabria, Misura 1.2), in uno con
l’esito favorevole che avrebbe avuto lo stesso procedimento (documentato da quanto deliberato con la citata delibera GR 342/
2006);
— l’accertamento del secondo dei due presupposti cennati è
legato all’esito delle verifiche demandate con la più volte citata
delibera GR 342/2006 alla Commissione di collaudo tecnicoamministrativo, il quale dovrà essere completato;
— con Delibera di Giunta regionale n. 739 del 16 novembre
2010, è stata demandata al Dipartimento Attività Produttive la
nomina di una nuova Commissione di Collaudo composta da un
membro, con funzioni di Presidente, da nominarsi a cura del Dirigente del Dipartimento Attività Produttive, e da altri due
membri che dovranno essere nominati a cura uno del Dirigente
del Dipartimento Presidenza e l’altro del Dirigente del Dipartimento Bilancio e Programmazione;
— la sopraccitata deliberazione stabilisce, inoltre, che detta
Commissione avrà il compito di completare l’attività svolta dalla
Commissione di collaudo tecnico-amministrativo in relazione al
progetto presentato dalla Società Editoriale Crotonese Srl e, in
particolare, di completare l’istruttoria svolta dalla precedente
Commissione di collaudo ai sensi e per gli effetti della delibera
di G.R. n. 342 del 22.05.2006, finalizzata alla verifica dei presupposti ivi espressamente indicati (rispetto dei vincoli di destinazione degli investimenti fissi ammissibili, il perdurare nell’attività imprenditoriale, l’acquisizione delle certificazioni prescritte dalla vigente normativa in materia, nonché la verifica dei
presupposti previsti dal bando e dalla normativa vigente nonché
alla verifica della compatibilità dei regimi di aiuto a suo tempo
previsti), specificando le eventuali cause di inammissibilità al
finanziamento della domanda presentata dalla società Editoriale
Crotonese srl, nonché la data in esse siano maturate (se successiva o precedente al 31.12.2001).
VISTE le note del 18 gennaio 2011 del Dipartimento Presidenza e del Dipartimento Bilancio e Programmazione di nomina
dei componenti la Commissione di Collaudo.
VISTA la D.G.R. n. 334 del 21 aprile 2010 con cui è stata
nominata la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò – Direttore Generale
del Dipartimento «Attività Produttive».
VISTO il D.P.R. n. 99 del 3.05.2010 con il quale è stato conferito alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò l’incarico di Dirigente
Generale del Dipartimento n. 5 «Attività Produttive».
VISTA la legge regionale n. 34/2002 e successive modificazioni ed integrazioni.
RAVVISATA la propria competenza.
Tutto ciò premesso
DECRETA
Per la narrativa che precede e si intende qui di seguito integralmente riportata e trascritta:
1. la Commissione di Collaudo tecnico-amministrativo in
relazione al progetto presentato dalla Società Editoriale Crotonese Srl è così composta:
— Ing. Achille Labrini – dirigente di Servizio del Dipartimento Attività Produttive – (con funzioni di Presidente);
— Avv. Francesca Palumbo – dirigente di Servizio del Dipartimento Presidenza;
— Dott.ssa Fortunata Raschellà – dirigente di Servizio del
Dipartimento Bilancio;
2. stabilire che la Commissione avrà il compito di completare l’attività svolta dalla Commissione di collaudo tecnico-amministrativo in relazione al progetto presentato dalla Società Editoriale Crotonese Srl e, in particolare, di completare l’istruttoria
svolta dalla precedente Commissione di collaudo ai sensi e per
gli effetti della delibera di G.R. n. 342 del 22.05.2006, finalizzata
alla verifica dei presupposti ivi espressamente indicati (rispetto
dei vincoli di destinazione degli investimenti fissi ammissibili, il
perdurare nell’attività imprenditoriale, l’acquisizione delle certificazioni prescritte dalla vigente normativa in materia, nonché la
verifica dei presupposti previsti dal bando e dalla normativa vigente nonché alla verifica della compatibilità dei regimi di aiuto
a suo tempo previsti), specificando le eventuali cause di inammissibilità al finanziamento della domanda presentata dalla società Editoriale Crotonese srl, nonché la data in esse siano maturate (se successiva o precedente al 31.12.2001);
3. stabilire che i lavori della Commissione in argomento dovranno concludersi entro e non oltre 30 (trenta) giorni dall’insediamento di detta Commissione;
4. il Presidente della Commissione dovrà provvedere alla
convocazione per l’insediamento della stessa entro 5 (cinque)
giorni dalla notifica del presente provvedimento;
5. trasmettere il presente decreto agli interessati e al B.U.
della Regione Calabria per la prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Dr.ssa Maria Grazia Nicolò
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Dipartimento n. 6
AGRICOLTURA, FORESTE,
FORESTAZIONE.
DECRETO n. 121 del 13 gennaio 2011
DM 9/11/2007 Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro
il Punteruolo rosso della palma Rhynchophorus ferrugineus
(Olivier). Recepimento decisione della Commissione 2007/
365/CE – Prescrizioni fitosanitarie per il controllo ed il contenimento del Rhyncophorus ferrugineus.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione».
VISTO il D.D.G. n. 11256 del 02 agosto 2010 con il quale la
Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio
n. 10 del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D.P.R. del 24 luglio 1977 n. 616, in virtù del quale è
stata confermata allo Stato la determinazione degli interventi obbligatori in materia fitosanitaria (art. 71 comma 1 lettera C).
6507
PRESO ATTO del verbale di sopralluogo redatto dall’Ispettore Fitosanitario Pino Cipolla (nota n. 2339 del 15-11-2010
Prot./Sett. 4), dal quale risulta accertata la presenza di palme attaccate da Rynchophorus ferrigeneus nella località Belvedere
Marittimo (CS), che vengono di seguito riportate:
Comune di Belvedere Marittimo:
— n. 1 palma di Phoenix Canariensis sita in località Palazza
«Villaggio Ipanema» area condominiale – amministratore Sig.
Agrimino Antonio;
— n. 1 palma di Phoenix Canariensis sita in località Palazza
«Villaggio Ipanema» area, privata in comproprietà dei Signori
Pinto Lucia, Mingrone Antonio e De Buono Francesco.
CONSIDERATO che il Rhynchophorus ferrugineus (Olivier)
è un coleottero curculionide originario dell’Asia Sud orientale
che provoca gravi danni e una mortalità rilevante in diverse
specie di palme.
CONSIDERATO che le piante attaccate costituiscono fonte di
propagazione e diffusione dell’organismo nocivo e possono rappresentare un grave pericolo per l’incolumità pubblica dei cittadini e per il popolamento palmizio regionale.
TENUTO CONTO che l’Organizzazione Europea e Mediterranea per la protezione delle piante (EPPO) ha inserito il Rhynchophorus ferrugineus (Oliver) in Alert List, cioè tra i parassiti
che presentano un rischio per l’introduzione e la diffusione nell’area EPPO.
VISTO il D.Lgs 4 giugno 1997 n. 143 sul Conferimento alle
Regioni delle funzioni amministrative in materia di agricoltura e
pesca e riorganizzazione dell’amministrazione centrale.
RITENUTO di dover adottare sul territorio regionale specifiche misure fitosanitarie volte al controllo e all’eradicazione del
Rhynchophorus ferrugineus (Oliver) ai sensi del D.Lgs 214/05,
art. 50, lettere a), c), d), g), h), i), l), n).
VISTO il D.Lgs. 30 luglio 1999 n. 300 Riforma dell’organizzazione del Governo a norma dell’articolo 11 della legge 15
marzo 1997, n. 59.
PRESO ATTO delle misure fitosanitarie approvate con D.D.G.
del 03.03.2010 n. 2199, per eliminare detto Parassita.
VISTO il D.Lgs. 19 agosto 2005 n. 214 Attuazione della direttiva 2002/89/CE concernente le misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella comunità di organismi nocivi ai
vegetali o ai prodotti vegetali ed in particolare gli articoli 50
comma 1 lettera g) e 54 comma 23.
VISTO il D.M. 9 novembre 2007 Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro il Rhynchophorus ferrugineus che ha recepito
la decisione della Commissione 2007/365/CE ed in particolare
l’art. 7 comma 1 che indica le misure ufficiali da attuare nelle
zone delimitate.
VISTA la Decisione della Commissione 2007/365/EC del 25
maggio 2007, modificata dalle Decisioni 2008/776/CE del 06
ottobre 2008 e 2010/467/UE del 17 agosto 2010, concernenti
Misure d’emergenza per impedire l’introduzione e la diffusione
nella Comunità di Rhynchophorus ferrugineus.
VISTO il D.D.G. del 08 gennaio 2010 n. 107 «Delimitazione
della zona infestata, zona cuscinetto e area delimitata ai sensi del
D.M. di lotta obbligatoria del 09.11.2007 Lotta al Rhynchophorus ferrugineus» con cui è stata dichiarata infestata l’area
compresa nel raggio di un chilometro dal punto dove si è riscontrata la presenza dell’organismo nocivo e ricadente nel Comune
di Belvedere Marittimo (CS).
RITENUTO di poter applicare le predette misure fitosanitarie,
si prescrive quanto segue:
— l’abbattimento dovrà effettuarsi entro 30 giorni decorrenti
dalla data di pubblicazione del presente decreto e la distruzione
dovrà avvenire entro le 24 ore successive; nel caso ciò non fosse
possibile la pianta infestata dovrà essere integralmente ricoperta
con una rete antinsetto che impedisca la fuoriuscita degli individui adulti. Tale alternativa deve rimanere una misura temporanea anche in quanto la pianta attaccata, pur incappucciata, può
rappresentare un pericolo per la pubblica incolumità;
— gli abbattimenti dovranno essere effettuati nelle prime ore
del mattino di giornate fresche, evitando giorni con forte piovosità che può rallentare l’esecuzione degli interventi e giornate
con ventosità eccessiva che può favorire il volo degli adulti;
— l’area sottostante la proiezione della chioma della pianta
da abbattere deve essere coperta con teli plastici di adeguato
spessore (0,40 mm) e resistenza alfine di agevolare le operazioni
di raccolta delle parti vegetali e di tutti gli stadi di sviluppo dell’insetto caduti accidentalmente a terra;
— il taglio deve essere effettuato a sezioni asportando prima
le foglie e l’apice vegetativo evitandone la caduta libera a terra;
6508
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— tutte le parti di pianta che presentano cavità con presenza
anche sospetta di larve, crisalidi o adulti devono essere imbustate
o confinate in contenitori chiusi;
— nel corso delle operazioni si deve provvedere con tempestività alla soppressione degli adulti e degli stadi preimmaginali
(larve e bozzoli), che potrebbero accidentalmente liberarsi nell’area circostante ricorrendo a qualsiasi mezzo idoneo alla loro
soppressione, quali la raccolta manuale ed il confinamento in
recipienti chiusi e attivati con sostanze insetticide, l’eliminazione per compressione meccanica o la bruciatura con bruciatori
a gas;
— il trasporto del materiale di risulta deve essere effettuato
con camion chiusi, telonati e con accorgimenti tali da evitare la
dispersione accidentale degli insetti;
— la distruzione del materiale deve avvenire mediante cippatura/triturazione con macchine operatrici in grado di ridurre il
materiale vegetale a dimensioni estremamente ridotte, al massimo 2 cm, o bruciatura/incenerimento, nel rispetto delle disposizioni di legge in materia. Nel caso di cippatura il materiale di
risulta dovrà essere sottoposto ad un ulteriore trattamento, o chimico con insetticida di contatto o termico (130o C per 3 minuti);
— i soggetti obbligati al rispetto di dette prescrizioni comunicheranno, con congruo anticipo, al Servizio Fitosanitario Regionale, la data prevista per le operazioni di abbattimento e distruzione che dovranno essere eseguite alla presenza di un Ispettore Fitosanitario.
Il mancato rispetto delle predette disposizioni comporterà
l’applicazione della sanzione amministrativa del pagamento di
una somma da euro 500,00 a euro 3.000,00 così come previsto
dall’art. 54 del D.lgs. 214/2005 o nei casi di legge, la denuncia
all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 500 c.p.
Le spese per gli adempimenti prescritti come misure ufficiali
in applicazione dell’art. 56 comma 2 del D.Lgs. 214/2005 e dell’art. 11, comma 1 del DM 09/11/2007, sono a carico dei soggetti
interessati, cioè dei proprietari o conduttori, a qualsiasi titolo, di
luoghi dove sono presenti piante sensibili al Rhyncophorus ferrugineus (Olivier).
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto di:
— attuare le sopra prescritte misure fitosanitarie al fine di
evitare la diffusione dell’organismo nocivo;
— applicare le previste sanzioni al cospetto di inadempienze
alle disposizioni del presente decreto;
— notificare il presente atto a:
− Sig. Sindaco del Comune di Belvedere Marittimo;
− Sig. Agrimino Antonio;
− Sig.ra Pinto Lucia;
− Sig. Mingrone Antonio;
− Sig. De Buono Francesco;
— trasmettere altresì, nel rispetto delle prescrizioni di legge e
delle competenze dei destinatari il presente decreto a:
− l’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza – Dipartimento Prevenzione – Ufficio di Epidemiologia Sanità Pubblica;
− il Servizio Fitosanitario Centrale di Roma;
— trasmettere, infine, il presente decreto al B.U.R.C. per la
successiva pubblicazione.
Catanzaro, lì 13 gennaio 2011
Il Dirigente del Servizio Fitosanitario
Dott.ssa Sabrina Blasco
DECRETO n. 209 del 18 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione al Commercio all’ingrosso di Patate
da Seme e Patate da Consumo. Autorizzazione all’uso del
Passaporto delle Piante CEE. Ditta F.lli Alessi di Luigi S.n.c.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante Separazione dell’attività amministrativa di
indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTO il D.D.G. n. 11256 del 02/08/2010 con il quale la Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio n. 10
del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D. Lgs. n. 214 del 19 agosto 2005 che ha attuato la
Direttiva 2002/89/CE concernente le misure di protezione contro
l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi
ai vegetali ed ai prodotti vegetali ed in particolare gli artt. 19, 20
e 26.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d) del D.Lgs 214/2005.
VISTO il D.D.G. n. 7616 del 8 maggio 2009 sulla procedura
volta al rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 19 del richiamato decreto legislativo.
CONSIDERATO che il Signor Alessi Ferdinando rappresentante legale della Fratelli Alessi di Luigi S.n.c. Via Circonvallazione n. 229 del Comune di Taurianova (RC) P. IVA
00248740805 – C.F. LSSFDN47D10L063F ha presentato
istanza di autorizzazione per i seguenti Settori d’attività: Commerciante all’ingrosso di Patate da Seme e Patate da Consumo, ai
sensi degli artt. 19, 20, 26 del D.lgs. 214/2005.
PRESO ATTO dell’istruttoria della pratica curata dall’Ispettore fitosanitario Nicola Cuccomarino e conclusasi positivamente, come si evince dal verbale agli atti d’ufficio.
CONSIDERATO che detta verifica è stata espletata e conclusa
con esito positivo ai fini del rilascio dell’autorizzazione all’eser-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
cizio di attività di commercializzazione di vegetali e prodotti vegetali di cui all’art. 19 D.lgs. 214/2005, di iscrizione al Registro
dei Produttori delle Piante CEE di cui all’art. 20, del rilascio
dell’autorizzazione all’uso del passaporto dei vegetali di cui all’art. 26 del richiamato D.lgs, come si evince dal verbale trasmesso dal nominato Ispettore.
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere al rilascio di dette autorizzazioni.
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto, di:
— autorizzare ai sensi del richiamato art. 19 la menzionata
Ditta a Commercializzare all’ingrosso Patate da Seme e Patate
da Consumo;
— iscrivere successivamente la Società Fratelli Alessi di
Luigi S.n.c. Via Circonvallazione n. 229 del Comune di Taurianova (RC) al Registro Ufficiale dei Produttori con il n. 1301 per
il Settore di attività: Commerciante all’ingrosso di Patate da
Seme e Patate da Consumo;
— autorizzare l’Ispettore Fitosanitario Pietro Perri a rilasciare alla menzionata Ditta copia della certificazione e a provvedere all’invio dei relativi dati al Servizio Fitosanitario Nazionale;
— autorizzare la menzionata ditta all’uso del passaporto delle
piante per il Settore di attività richiesto, (Commerciante all’ingrosso di Patate da Seme);
— pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Il Dirigente di Servizio
Dr.ssa Sabrina Blasco
DECRETO n. 280 del 20 gennaio 2011
PSR Calabria 2007-2013. Nomina Responsabile di Misura
del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Dr. Gregorio
Caracciolo.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA la L.R. n. 7 del 13/05/96 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla Dirigenza Regionale» ed in particolare l’art. 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21/06/1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. n. 7 del 13/05/96 e
dal D.Lgs n. 29/93 e successive modifiche ed integrazioni».
VISTO l’art. 1 del D.P.G.R. n. 354 del 24/06/1999 relativo alla
separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella della gestione, come modificato con D.P.G.R. n.
206 del 15/12/2000.
6509
VISTA la D.G.R. n. 387 del 17/05/2010, nonché la successiva
integrazione D.G.R. n. 452 del 22/06/2010, con le quali il Prof.
Giuseppe Zimbalatti è stato nominato Dirigente Generale del Dipartimento «Agricoltura, Foreste e Forestazione».
VISTO il D.P.G.R. n. 133 del 21/05/2010 con il quale al Prof.
Giuseppe Zimbalatti è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 6 «Agricoltura, Foreste e Forestazione».
VISTA la Delibera G.R. n. 565 del 23.08.2010 con la quale il
dott. Maurizio Nicolai è stato designato Autorità di Gestione del
Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013.
VISTA la L.R. n. 34 del 12/08/2002 recante «Riordino delle
funzioni amministrative regionali e locali» e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la Decisione della Commissione Europea n. C(2007)
6007 del 29 novembre 2007 di approvazione del P.S.R. 2007/
2013 della Regione Calabria, presupposto necessario per l’operatività degli interventi.
VISTA la Delibera della Giunta Regionale n. 760 del 12/12/
2007 di adozione del P.S.R. Calabria 2007/2013 a seguito approvazione della Commissione Europea con decisione n. C(2007)
6007 del 29 Novembre 2007.
VISTA la Delibera del Consiglio Regionale della Calabria n.
240 del 18/03/2008 di approvazione del P.S.R. 2007/2013.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale n. 940 del 9/12/2008
avente per oggetto «Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013. Decisione CE C(2007) 6007 del 29/
11/2007. Individuazione dei Responsabili di Misura».
VISTA la Delibera di Giunta Regionale n. 942 del 09.12.2008
che individua le competenze della Autorità di Gestione e del Dipartimento Agricoltura nell’attuazione del PSR 2007-2013.
VISTO il decreto del Dirigente Generale del Dipartimento
Agricoltura, Foreste e Forestazione n. 3273 del 28 dicembre
2009, registro generale decreti dirigenziali n. 23776 del 28/
12/09, avente ad oggetto «Manifestazione d’interesse per la formazione di una lista di idonei a ricoprire la funzione di responsabile di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013».
VISTI i decreti n. 23776 del 28/12/2009, n. 9542 del 21/06/
2010 ed il successivo decreto n. 9618 del 22/06/2010 del Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione, con i quali è stata nominata la Commissione per l’espletamento della procedura di valutazione degli idonei.
PRESO ATTO che la suindicata Commissione di valutazione,
espletati i colloqui, ha trasmesso i relativi esiti al Dirigente Generale del Dipartimento n. 6 per i successivi adempimenti di cui
alla D.G.R. n. 940/2008.
CONSIDERATO che, in conformità a quanto stabilito nella
DGR 940/2009, i Responsabili di Misura del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Calabria devono essere
individuati, di concerto con l’Autorità di Gestione, dal Dirigente
Generale del Dipartimento n. 6.
CONSIDERATO che il Responsabile delle misure 124 – 132 –
133 dott. Vincenzo De Lorenzo, nominato con DDG n. 10149 del
08/07/2010, con nota protocollo n. 53098 del 24 novembre 2010
ha comunicato le dimissioni dall’incarico di Responsabile delle
misure 124 – 132 – 133.
6510
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
RITENUTO pertanto necessario dover procedere alla formalizzazione della nomina del nuovo Responsabile di Misura, in
sostituzione del Funzionario dott. Vincenzo De Lorenzo, a decorrere dal 01/02/2011.
CONSIDERATO che il Funzionario Dr. Gregorio Caracciolo
è risultato essere idoneo a ricoprire la funzione di Responsabile
di misura sulla base degli atti trasmessi dall’apposita commissione del Dipartimento Agricoltura nominata con DDG n. 9542
del 21/06/2010 e successivo decreto n. 9618 del 22/06/2010.
RITENUTO, inoltre, in conformità alle previsioni di cui alla
delibera G.R. n. 940/2008, dover prevedere per il nuovo Responsabile di Misura Dr. Gregorio Caracciolo un trattamento economico accessorio corrispondente alla retribuzione di posizione organizzativa 2a fascia e di risultato, come stabilito dalle norme del
CCNL del personale del comparto Regioni ed Autonomie Locali
quantificato in c 12.910,00 + 3.227,50 lordi l’anno, la cui copertura finanziaria è garantita dalle risorse previste dalla misura
5.1.1 del PSR Calabria 2007-2013.
TENUTO CONTO delle risultanze delle Commissioni appositamente istituite.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono
integralmente richiamate e trascritte:
— di nominare, quale Responsabile delle Misure 124 – 132 –
133 del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione
Calabria il Funzionario Dr. Gregorio Caracciolo;
— di corrispondere al R.d.M. Dr. Gregorio Caracciolo un trattamento economico accessorio corrispondente alla retribuzione
di posizione organizzativa 2a fascia e di risultato, come stabilito
dalle norme del CCNL del personale del comparto Regioni ed
Autonomie Locali quantificato in c 12.910,00 + 3.227,50 lordi
l’anno, la cui copertura finanziaria è garantita dalle risorse previste dalla misura 5.1.1 del PSR Calabria 2007-2013;
— di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale
della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Prof. Giuseppe Zimbalatti
DECRETO n. 283 del 20 gennaio 2011
D.M. 14 Aprile 1997 – D.lgs. n. 151/2000 e D.G.R. n. 7024
del 29/12/1997. Ditta: Azienda Agricola Vivai Piante Gugliotta Graziella.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO
VISTA la L.R. n. 7/96 recante norme sull’Ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 Giugno 1999 del Presidente
della Giunta Regionale recante Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTO il D.D.G. del 2 agosto 2010 n. 11256 con cui la Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio n. 10
del Dipartimento «Agricoltura, Foreste e Forestazione».
VISTO il D.Lgs. del 19 Agosto 2005 n. 214 concernente le
misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella
Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali.
VISTO il D.M. 14/04/1997 che ha recepito le Direttive della
Commissione n. 93/48/CEE del 23 giugno 1993 n. 93/64/CEE
del 05 Luglio 1993 relative alle norme tecniche sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da
frutto e delle piante da frutto destinate alla produzione di frutto.
VISTO il D.Lgs n. 151/2000 Attuazione della Direttiva 98/
56/CE relativa alla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali.
VISTO il DM 9 Agosto 2000 che ha recepito le Direttive della
Commissione n. 99/66/CE, n. 99/67/CE, n. 99/68/CE, n. 99/
69/CE del 28 Giugno 1999, relative alle norme tecniche sulla
commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle
piante ornamentali in applicazione del D.Lgs. 19 Maggio 2000 n.
151.
VISTO in particolare l’art. 9 del richiamato Decreto Ministeriale che disciplina la procedura di accreditamento del fornitore
cui sono obbligati ad uniformarsi coloro che commercializzano
il materiale de quo.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d) del D.Lgs. n. 214/2005.
CONSIDERATA la richiesta di accreditamento e registrazione
fornitore presentata al Servizio Fitosanitario Regionale in data
15/11/2010 Prot. n. 51479 dalla Signora Gugliotta Graziella –
Azienda Agricola Vivai Piante Gugliotta Graziella – per la produzione e commercializzazione di piante e dei materiali di moltiplicazione, limitatamente alle piante di fruttiferi e ortive e ai
soli «materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali».
PRESO ATTO che la predetta Ditta è già iscritta al Registro
Ufficiale dei Produttori con il n. 1300 in data 01/12/2010.
TENUTO CONTO del verbale di sopralluogo del 18/11/2010
agli atti del Servizio, con cui l’Ispettore Fitosanitario Giuseppe
Scordovillo, accertando il possesso dei requisiti richiesti relativamente ai mezzi, alle strutture ed alla professionalità come riportati nell’allegato VI del citato decreto, ha concluso che sussistono le condizioni per procedere all’accreditamento della citata
Ditta per la commercializzazione delle piante da frutto, delle
piante ortive e dei loro relativi materiali di moltiplicazione e ai
soli materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali.
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere all’accreditamento della menzionata Ditta e successivamente all’Iscrizione nell’apposito registro dei fornitori con il n.
CZ0045/FRU/ORT/ORN.
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa che costituiscono parte integrante del presente decreto:
— accreditare la Ditta Azienda Agricola Vivai Piante Gugliotta Graziella alla «commercializzazione delle piante da
frutto, delle piante ortive e dei loro relativi materiali di moltiplicazione e ai soli materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali»;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— notificare il presente atto alla menzionata Ditta;
— pubblicare il presente atto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Servizio
Dr.ssa Sabrina Blasco
DECRETO n. 286 del 20 gennaio 2011
Contributo ordinario della Regione Calabria per il finanziamento dell’A.R.S.S.A. (Agenzia Regionale Servizio Sviluppo Agricoltura) Art. 13 – lett. A della L.R. 14/12/93 n. 15 –
Impegno della somma di c 13.333.333,34 a titolo di Ia rata
dello stanziamento per l’annualità 2011. Cap. 5122206.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA, la Legge Regionale n. 7 del 13 Maggio 1996 recante:
«norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’articolo 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente
con funzioni di Dirigente Generale.
VISTA, la D.G.R. n. 387 del 17/05/2010 con la quale il Prof.
Giuseppe Zimbalatti è stato nominato Dirigente Generale del Dipartimento n. 6 Agricoltura, Foreste, Forestazione e successiva
integrazione D.G.R. n. 452 del 22 Giugno 2010.
VISTO, il D.P.G.R. n. 133 del 21/05/2010 con il quale al Prof.
Giuseppe Zimbalatti è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 6 Agricoltura Foreste e Forestazione.
VISTA, la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per
l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.
Lgs. 29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
VISTO, il Decreto n. 354 del 24 Giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione».
VISTA la Legge Regionale n. 34 del 29/12/2010 di approvazione del Bilancio Regionale per l’anno 2011.
CHE, con la predetta Legge Regionale n. 34 art. n. 40, il termine del 31/12/2010 per la liquidazione dell’ARSSA è stato prorogato al 30/06/2011.
VISTA, la Legge Regionale n. 34 del 2002 e s.m.i. e ritenuta la
propria competenza.
CONSIDERATO: che la struttura competente per l’istruttoria
ha accertato:
CHE, il bilancio Regionale per l’anno 2011 prevede sul capitolo 5122206 la disponibilità di c 40.000.000,00 quale contributo ordinario della Regione Calabria per il finanziamento dell’A.R.S.S.A. (art. 13 lett. A della L.R. 15/93).
CHE, l’ARSSA con nota n. 147 del 13/01/2011 evidenziando
la necessità di procedere al pagamento degli emolumenti relativi
ai mesi di Gennaio e Marzo, ha richiesto l’erogazione della
6511
somma di c 13.333.333,34, pari ai quattro dodicesimi dello stanziamento, a titolo di Ia rata dello stanziamento per l’annualità
2011.
CHE, pertanto, si deve impegnare la somma di c
13.333.333,34 per far fronte al pagamento degli emolumenti ralativi ai mesi di Gennaio e Marzo pari ai quattro dodicesimi dello
stanziamento del contributo ordinario annualità 2011.
VISTO, la L.R. del 4 febbraio 2002, n. 8 ed, in particolare
l’art. 43 (Impegno di spesa).
SU PROPOSTA, del dirigente del settore n. 1 eseguita alla
stregua dell’istruttoria compiuta dalla struttura interessata, con
l’espressa dichiarazione di regolarità dell’atto resa dal medesimo
dirigente.
DECRETA
La narrativa che precede è parte integrante del presente decreto:
DI IMPEGNARE, essendosi verificate le condizioni di cui all’art. 43 della L.R. n. 8/02, la somma di c 13.333.333,34, pari ai
quattro dodicesimi, del contributo ordinario, da corrispondere all’A.R.S.S.A. (Agenzia Regionale Servizi Sviluppo Agricoltura),
per le attività ed i compiti di cui alla L.R. 15/93, facendola gravare sul capitolo 5122206 del bilancio regionale esercizio 2011.
DI PROCEDERE, con successivo atto alla liquidazione della
somma di c 13.333.333,34, pari ai quattro dodicesimi a titolo di
Ia rata dello stanziamento per l’annualità 2011.
DI PUBBLICARE, il presente decreto sul Bollettino Ufficiale
della Regione Calabria a cura del Dipartimento Agricoltura, Foreste Forestazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Prof. Giuseppe Zimbalatti
DECRETO n. 344 del 24 gennaio 2011
Comune di Rose – Autorizzazione svincolo somme provenienti dalle alienazioni di terreni di uso civico.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA la L.R. del 13/5/96 n. 7 recante «norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla Dirigenza Regionale» ed in particolare l’art. 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale n. 387 del 17/05/2010
con la quale il Prof. Dr. Giuseppe Zimbalatti è stato nominato
Dirigente Generale del Dipartimento n. 6 «Agricoltura, Foreste e
Forestazione».
VISTO il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n.
133 del 21/05/2010 con il quale al Prof. Dr. Giuseppe Zimbalatti
è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 6 «Agricoltura, Foreste e Forestazione».
VISTA la Delibera di Giunta Regionale n. 2661 del 21/06/
1999 recante: «adeguamento delle norme legislative e regola-
6512
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
mentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla
L.R. n. 7/96 e dal Decreto Legislativo n. 29/1993 e successive
modifiche ed integrazioni».
VISTO l’art. 1 del Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 354 del 24 Giugno 1999 relativo alla «separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella della
gestione» come modificato dal Decreto del Presidente della
Giunta Regionale n. 206 del 15/12/2000.
VISTA la legge regionale 21/08/07, n. 18 e successive modifiche ed integrazione che, nel dettare norme in materia di usi
civici, ha adottato una disciplina organica delle funzioni amministrative in materia di usi civici e di gestione delle terre civiche.
CONSIDERATO che a norma dell’art. 14, primo comma della
L.R. n. 18/2007, le funzioni amministrative concernenti la liquidazione degli usi civici, la verifica demaniale di terre oggetto di
usi civici, la legittimazione di occupazioni abusive e l’affrancazione, la gestione e la classificazione dei terreni di uso civico,
sono state conferite ai Comuni.
PRESO ATTO che a norma dell’art. 25, al momento di entrata
in vigore della legge regionale, sono cessate di diritto le competenze esercitate dalla Regione, mentre, in via transitoria, i procedimenti amministrativi instaurati su istanza di parte privata prima
dell’entrata in vigore della legge, sono definiti dall’Amministrazione Regionale con l’applicazione delle nuove disposizioni.
CONSIDERATO che l’art. 6 della succitata legge regionale,
in conformità alle disposizioni di principio contenute negli artt.
36 e 50 dello statuto regionale, riserva alla competenza della
Giunta Regionale le sole funzioni di programmazione, indirizzo,
coordinamento e controllo e che, pertanto, le funzioni gestionali
relative alla definizione dei procedimenti in corso alla data di
entrata in vigore della L.R. 18/2007, devono essere ricondotte
alla sfera di competenza dirigenziale, previo atto di indirizzo
della Giunta.
VISTA la delibera della Giunta Regionale n. 1081 del 23/
12/08 con la quale è stato approvato apposito atto di indirizzo al
fine della definizione dei procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della legge regionale 18/07.
CHE il predetto atto di indirizzo demanda al Dipartimento n. 6
«Agricoltura, Foreste e Forestazione» la verifica della sussistenza dei presupposti di legittimità di cui alla legge regionale
18/07 nonché la verifica delle condizioni di merito per l’accoglimento delle istanze private, in esito all’istruttoria del perito
istruttore demaniale.
CHE l’atto di indirizzo in questione demanda, altresì, al Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione, la definizione dei procedimenti amministrativi in materia
di usi civici e di gestione delle terre civiche instaurati su istanza
di parte privata, prima dell’entrata in vigore della L.R. 18/07.
VISTA la Legge 16/06/1927 n. 1766.
VISTO il R.D. 26/02/1928 n. 332.
VISTO il D.P.R. 15/01/1972 n. 11.
VISTO il D.P.R. 24/07/1977 n. 616.
VISTO il D. Legs. 04/06/1977 n. 143.
VISTO il secondo comma dell’art. 4 e il secondo comma dell’art. 25 della Legge Regionale n. 18 del 21/08/2007.
CHE con Deliberazione n. 301 del 01/06/2007 la Giunta Regionale ha autorizzato l’Amministrazione Comunale di Rose alla
sdemanializzazione, cambio di destinazione d’uso e alla alienazione di alcuni quozienti di terreno nelle località «Pianete –
Arente».
CHE il Comune di Rose ha provveduto a disporre diverse alienazioni di lotti di terreno nelle località sopraccitate a favore di
privati e che alla data odierna i proventi corrispondono ad una
somma pari ad c 156.997,81 (c centocinquantaseimilanovecentonovantasette,81).
CONSIDERATO che il Comune di Rose ha provveduto a vincolare la predetta somma in titoli di Stato cointestati con la Regione Calabria, per essere destinati alla realizzazione di opere
pubbliche di interesse collettivo così come disposto dagli art. 33
del R.D. del 28/02/1928 n. 332 e dall’art. 24 della Legge 1766
del 16/06/1927.
VISTA la richiesta del Sindaco protempore del Comune di
Rose, acquisita in data 07/12/2010 col prot. n. 54829, a seguito
della Delibera di Giunta Comunale n. 168 dell’11/11/2010, con
la quale chiede l’autorizzazione allo svincolo di c 130.000,00 (c
centotrentamila,00), dagli accantonamenti delle alienazioni versati dai diversi privati, utili per la realizzazione di «Opere di
urbanizzazione primaria» nelle aree Arente e Pianette.
CONSIDERATO che tale opera è da considerarsi di interesse
generale della popolazione del Comune stesso.
VISTI gli art. 33 del R.D. del 28 febbraio 1928 n. 332 e art. 24
della Legge n. 1766 del 16/06/1927 circa l’affranco dei canoni di
legittimazione e la loro destinazione.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i. e ritenuta la
propria competenza.
SU PROPOSTA del Dirigente del Settore n. 1, formulata alla
stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate,
nonché dall’espressa dichiarazione di regolarità dell’atto resa dal
Dirigente medesimo.
DECRETA
Per i motivi indicati in premessa, parte integrante del presente
provvedimento:
— di autorizzare il Comune di Rose a svincolare la somma di
c 130.000,00 (c centotrentamila,00) provenienti dai capitali di
alienazioni a favore di diversi privati;
— di utilizzare detta somma per la realizzazione di «Opere di
urbanizzazione primaria» nelle aree Arente e Pianete, per come
previsti nella progettazione approvata con Delibera del Consiglio Comunale n. 168/2010, nell’interesse generale della popolazione;
— di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale
della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 24 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Zimbalatti
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 380 del 24 gennaio 2011
PSR Calabria 2007-2013. Dr. Francesco Chiellino. Responsabile di Misura del Programma di Sviluppo Rurale
2007-2013. Attivazione procedura liquidazione trattamento
accessorio.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA la L.R. n. 7 del 13/05/96 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla Dirigenza Regionale» ed in particolare l’art. 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21/06/1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. n. 7 del 13/05/96 e
dal D.Lgs n. 29/93 e successive modifiche ed integrazioni».
VISTO l’art. 1 del D.P.G.R. n. 354 del 24/06/1999 relativo alla
separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella della gestione, come modificato con D.P.G.R. n.
206 del 15/12/2000.
VISTA la D.G.R. n. 387 del 17/05/2010, nonché la successiva
integrazione D.G.R. n. 452 del 22/06/2010, con le quali il Prof.
Giuseppe Zimbalatti è stato nominato Dirigente Generale del Dipartimento «Agricoltura, Foreste e Forestazione».
VISTO il D.P.G.R. n. 133 del 21/05/2010 con il quale al Prof.
Giuseppe Zimbalatti è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 6 «Agricoltura, Foreste e Forestazione».
VISTA la L.R. n. 34 del 12/08/2002 recante «Riordino delle
funzioni amministrative regionali e locali» e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la Decisione della Commissione Europea n. C(2007)
6007 del 29 novembre 2007 di approvazione del P.S.R. 2007/
2013 della Regione Calabria, presupposto necessario per l’operatività degli interventi.
VISTA la Delibera della Giunta Regionale n. 760 del 12/12/
2007 di adozione del P.S.R. Calabria 2007/2013 a seguito approvazione della Commissione Europea con decisione n. C(2007)
6007 del 29 Novembre 2007.
VISTA la Delibera del Consiglio Regionale della Calabria n.
240 del 18/03/2008 di approvazione del P.S.R. 2007/2013.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale n. 940 del 9/12/2008
avente per oggetto «Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013. Decisione CE C(2007) 6007 del 29/
11/2007. Individuazione dei Responsabili di Misura».
VISTO il decreto del Dirigente Generale del Dipartimento
Agricoltura, Foreste e Forestazione n. 3273 del 28 dicembre
2009, registro generale decreti dirigenziali n. 23776 del 28/
12/09, avente ad oggetto «Manifestazione d’interesse per la formazione di una lista di idonei a ricoprire la funzione di responsabile di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013».
6513
VISTA la Delibera G.R. n. 565 del 23.08.2010 con la quale il
dott. Maurizio Nicolai è stato designato Autorità di Gestione del
Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013.
VISTA la Delibera G.R. n. 843 del 21.12.2010 di integrazione
della Delibera G.R. n. 565 del 23.08.2010.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale n. 942 del 09.12.2008
che individua le competenze della Autorità di Gestione e del Dipartimento Agricoltura nell’attuazione del PSR 2007-2013.
VISTO il DDG 18588 del 21 dicembre 2010 di nomina del
Dott. Francesco Chiellino – funzionario ARSSA – quale Responsabile della Misura 312 del PSR Calabria 2007/2013 dalla data
del 01/01/2011.
CONSIDERATO che il suddetto DDG 18588 del 21 dicembre
2010 ha previsto per il Dr. Francesco Chiellino un trattamento
economico accessorio corrispondente alla retribuzione di posizione organizzativa 2a fascia e di risultato, come stabilito dalle
norme del CCNL del personale del comparto Regioni ed Autonomie Locali, quantificato in c 12.910,00 + 3.227,50 lordi l’anno
per il dipendente oltre al carico ente, la cui copertura finanziaria
è garantita dalle risorse previste dalla misura 5.1.1 del PSR Calabria 2007-2013.
CONSIDERATO ALTRESÌ che tale trattamento accessorio è
comprensivo delle trattenute previdenziali e assistenziali nonché
di quelle fiscali con esclusione di qualsivoglia altra trattenuta
che, qualora effettuata, resterebbe a carico dell’ARSSA non risultando ammissibile alla spesa del fondo FEASR – Mis. 5.1.1.
TENUTO CONTO che per la liquidazione del suddetto trattamento economico accessorio dovrà essere attivata, presso l’Organismo Pagatore Regionale A.R.C.E.A., dovuta procedura di
pagamento a favore della Regione Calabria per la successiva liquidazione al Dr. Francesco Chiellino per il tramite dell’ARSSA.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono
integralmente richiamate e trascritte:
— di autorizzare, per la liquidazione del trattamento economico accessorio al Dott. Chiellino Francesco, quale RdM, l’attivazione di apposita procedura presso l’O.P. ARCEA per il successivo pagamento per il tramite dell’ARSSA;
— di trasmettere il presente decreto all’ARSSA;
— di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale
della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 24 gennaio 2011
Prof. Giuseppe Zimbalatti
6514
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 381 del 24 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione alla produzione e commercio di frutti
di Citrus. Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori
(R.U.P.) Autorizzazione all’uso del Passaporto delle Piante
CEE. Ditta: Abrigata Antonio.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione».
VISTO il D.D.G. n. 11256 del 02 agosto 2010 con il quale la
Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio
n. 10 del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D. Lgs. n. 214 del 19 agosto 2005 che ha attuato la
direttiva 2002/89/CE concernente le misure di protezione contro
l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi
ai vegetali ed ai prodotti vegetali ed in particolare gli artt. 19, 20,
e 26.
VISTO il D.D.G. n. 7616 del 08 maggio 2009 sulla procedura
volta al rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 19 del richiamato decreto legislativo.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d del D. Lgs. 214/2005.
VISTA la richiesta pervenuta dal Sig. Abrigata Antonio con
sede legale nel comune di Corigliano Calabro (CS) via Zara n. 4
ai sensi degli artt. 19, 20, 26, del D. Lgs. n. 214/2005.
VISTA l’istruttoria della pratica affidata al Responsabile del
procedimento Ispettore Fitosanitario Egidio Ranù con nota n.
1621 del 28/10/2009 del Dirigente del Servizio n. 10 del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
CONSIDERATO che l’istruttoria è stata espletata e conclusa
con esito positivo ai fini del rilascio dell’autorizzazione all’esercizio di attività di produzione e commercializzazione di vegetali
e prodotti vegetali di cui all’art. 19 D. Lgs. 214/2005, della successiva iscrizione al R.U.P. e del rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto dei vegetali, come si evince dagli atti d’ufficio.
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere a detta autorizzazione e successiva iscrizione al R.U.P. e al
rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto delle piante.
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto, di:
— autorizzare ai sensi del richiamato art. 19 la menzionata
Ditta a produrre e commercializzare agrumi;
— iscrivere la Ditta: Abrigata Antonio con sede legale nel
comune di Corigliano Calabro (CS) via Zara n. 4 – Partita IVA
02228040784 – Codice Fiscale BRG NTN 36B24 D005J –
centro aziendale n. 001 agro di Corigliano Calabro – località
Foggia – al Registro Ufficiale dei produttori con il n. 1304 per il
Settore di attività: Produttore di Agrumi; ai sensi degli artt. 19,
20, 26 del D. Lgs. n. 214/2005;
— rilasciare alla menzionata Ditta copia della certificazione e
a provvedere all’invio dei relativi dati al Servizio Fitosanitario
Nazionale;
— autorizzare la menzionata ditta all’uso del passaporto delle
piante per il Settore di attività richiesto, (Produzione di Agrumi);
— trasmettere il presente atto alla menzionata Ditta;
— pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 24 gennaio 2011
Il Dirigente di Servizio
Dott.ssa Sabrina Blasco
DECRETO n. 382 del 24 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Autorizzazione alla produzione di piante e dei relativi materiali di propagazione. Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori (R.U.P.). Autorizzazione all’uso del Passaporto delle
Piante CEE. Ditta Green Vision.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’Ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione».
VISTO il D.D.G. n. 11256 del 02 agosto 2010 con il quale la
Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio
n. 10 del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D. Lgs. n. 214 del 19 agosto 2005 che ha attuato la
direttiva 2002/89/CE concernente le misure di protezione contro
l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi
ai vegetali ed ai prodotti vegetali ed in particolare gli artt. 19, 20,
e 26.
VISTO il D.D.G. n. 7616 del 8 maggio 2009 sulla procedura
volta al rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 19 del richiamato decreto legislativo.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d) del D.Lgs 214/2005.
VISTA la richiesta pervenuta dalla Signora Fazzari Giovanna
via S. Quasimodo fraz. Caroni di Limbadi (VV), titolare della
Green Vision sita in agro del comune di Limbadi (VV), ai sensi
degli artt. 19, 20, 26 del D.lgs. 214/2005.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA l’istruttoria della pratica curata dall’Ispettore fitosanitario Pasquale Figliuzzi.
CONSIDERATO che detta verifica è stata espletata e conclusa
con esito positivo ai fini del rilascio dell’autorizzazione all’esercizio di attività di produzione e commercializzazione di vegetali
e prodotti vegetali di cui all’art. 19 D.lgs. 214/2005, della successiva iscrizione al R.U.P. e del rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto dei vegetali, come si evince dalla nota trasmessa dal nominato Ispettore.
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere a detta autorizzazione e successiva iscrizione al R.U.P. e al
rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto delle piante.
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto, di:
— autorizzare ai sensi del richiamato art. 19 la menzionata
Ditta;
— iscrivere la Green Vision di Fazzari Giovanna Via S. Quasimodo fraz. Caroni del Comune di Limbadi (VV), P. IVA
03121000792 – C.F. FZZGNN78H56D976A al Registro Ufficiale dei Produttori con il n. 1305 per il seguente Settore di attività: Materiale vivaistico – Ortive – Ornamentali;
— autorizzare l’Ispettore fitosanitario Pietro Perri a rilasciare
alla menzionata Ditta copia della certificazione e a provvedere
all’invio dei relativi dati al Servizio Fitosanitario Nazionale;
— autorizzare la menzionata ditta all’uso del passaporto delle
piante per il Settore di attività richiesto, (Materiale vivaistico);
— trasmettere il presente atto alla menzionata Ditta;
— pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 24 gennaio 2011
Il Dirigente di Servizio
Dr.ssa Sabrina Blasco
6515
VISTA la D.G.R. n. 387 del 17 maggio 2010 con la quale il
Prof. Giuseppe Zimbalatti è stato nominato Dirigente Generale
del Dipartimento n. 6 – Agricoltura, Foreste e Forestazione e
s.m.i. D.G.R. n. 452 del 22 giugno 2010.
VISTO il D.D.G. n. 974 del 13 febbraio 2009 con il quale la
Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio
n. 10 del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D. Lgs. n. 214 del 19 agosto 2005 che ha attuato la
direttiva 2002/89/CE concernente le misure di protezione contro
l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi
ai vegetali ed ai prodotti vegetali ed in particolare gli artt. 19, 20,
e 26.
VISTO il D.D.G. n. 7616 del 8 maggio 2009 sulla procedura
volta al rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 19 del richiamato decreto legislativo.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d) del D.Lgs 214/2005.
VISTE le richieste pervenute dalla Ditta del Signor Galatà
Domenico sita in agro del comune di Francavilla Angitola (VV)
Via Cetrara, ai sensi degli artt. 19, 20, 26 del D. Lgs. 214/2005.
VISTA l’istruttoria della pratica curata dall’Ispettore fitosanitario Giuseppe Scordovillo.
CONSIDERATO che detta verifica è stata espletata e conclusa
con esito positivo ai fini del rilascio dell’autorizzazione all’esercizio di attività di produzione e commercializzazione di vegetali
e prodotti vegetali di cui all’art. 19 D. Lgs. 214/2005, della successiva iscrizione al R.U.P. e del rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto dei vegetali, come si evince dal verbale trasmesso dal nominato Ispettore.
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere a detta autorizzazione e successiva iscrizione al R.U.P. e al
rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto delle piante.
DECRETA
DECRETO n. 424 del 27 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione alla produzione e commercio di frutti
di Citrus. Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori
(R.U.P.). Autorizzazione all’uso del Passaporto delle Piante
CEE. Ditta Galatà Domenico.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione».
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto, di:
— autorizzare ai sensi del richiamato art. 19 la menzionata
Ditta a produrre agrumi;
— iscrivere la Ditta del Signor Galatà Domenico Via Cetrara
del comune di Francavilla Angitola (VV) P. IVA 00955450796 –
C.F. GLTDNC62P19F106X al Registro Ufficiale dei Produttori
con il n. 1303 per il Settore di attività: Produttore di Agrumi;
— autorizzare l’Ispettore Fitosanitario Pietro Perri a rilasciare alla menzionata Ditta copia della certificazione e a provvedere all’invio dei relativi dati al Servizio Fitosanitario Nazionale;
— autorizzare la menzionata ditta all’uso del passaporto delle
piante per il Settore di attività richiesto, (Produttore di Agrumi);
6516
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— trasmettere il presente atto alla menzionata Ditta;
— pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 27 gennaio 2011
Il Dirigente di Servizio
Dott.ssa Sabrina Blasco
DECRETO n. 425 del 27 gennaio 2011
Artt. 19, 20, 26 Decreto Legislativo 19 Agosto 2005 n. 214.
Rilascio autorizzazione al commercio di frutti di Citrus.
Iscrizione al Registro Ufficiale dei Produttori (R.U.P.). Autorizzazione all’uso del Passaporto delle Piante CEE. Ditta:
Commercio Ortofrutta Mar. Noc. di Nocella Andrea.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione».
VISTO il D.D.G. n. 11256 del 02 agosto 2010 con il quale la
Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio
n. 10 del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D. Lgs. n. 214 del 19 agosto 2005 che ha attuato la
direttiva 2002/89/CE concernente le misure di protezione contro
l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi
ai vegetali ed ai prodotti vegetali ed in particolare gli artt. 19, 20,
e 26.
VISTO il D.D.G. n. 7616 del 08 maggio 2009 sulla procedura
volta al rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 19 del richiamato decreto legislativo.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d) del D. Lgs 214/2005.
VISTA la richiesta pervenuta dal Sig. Nocella Andrea titolare
della ditta: «Commercio Ortofrutta Mar. Noc. di Nocella Andrea» con sede legale nel comune di Corigliano Calabro (CS)
c/da Torre Marina – ai sensi degli artt. 19, 20, 26, del D. Lgs. n.
214/2005.
VISTA l’istruttoria della pratica affidata al Responsabile del
procedimento Ispettore Fitosanitario Egidio Ranù con nota n.
1621 del 28/10/2009 del Dirigente del Servizio n. 10 del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
CONSIDERATO che l’istruttoria è stata espletata e conclusa
con esito positivo ai fini del rilascio dell’autorizzazione all’esercizio di attività di commercializzazione di vegetali e prodotti vegetali di cui all’art. 19 D. Lgs. 214/2005, della successiva iscrizione al R.U.P. e del rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto dei vegetali, come si evince dagli atti d’ufficio.
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere a detta autorizzazione e successiva iscrizione al R.U.P. e al
rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto delle piante.
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto, di:
— autorizzare ai sensi del richiamato art. 19 la menzionata
Ditta a commercializzare agrumi;
— iscrivere la Ditta: Commercio Ortofrutta Mar. Noc. di Nocella Andrea con sede legale nel comune di Corigliano Calabro
(CS) c/da Torre Marina – Partita IVA 03086970781 Codice Fiscale NCL NDR 82B13 H579K – centro aziendale n. 001 agro di
Corigliano Calabro – c/da Torre Marina – al Registro Ufficiale
dei produttori con il n. 1306 per il Settore di attività: Commercio
all’ingrosso di agrumi; ai sensi degli artt. 19, 20, 26 del D. Lgs. n.
214/2005;
— rilasciare alla menzionata Ditta copia della certificazione e
a provvedere all’invio dei relativi dati al Servizio Fitosanitario
Nazionale;
— autorizzare la menzionata ditta all’uso del passaporto delle
piante per il Settore di attività richiesto, (Commercio all’ingrosso
di Agrumi);
— trasmettere il presente atto alla menzionata Ditta;
— pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 27 gennaio 2011
Il Dirigente di Servizio
Dott.ssa Sabrina Blasco
DECRETO n. 460 del 28 gennaio 2011
Programma attività promozionali all’Estero – Manifestazione fieristica Fruit Logistica 2011 (Berlino 09-11 Febbraio
2011). Autorizzazione partecipazione.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA la Legge Regionale n. 7 del 13 Maggio 1996 recante
«norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale».
VISTO l’art. 1 del DPGR n. 354 del 24 Giugno 1999 relativo
alla «separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di
controllo da quello gestionale» come modificato dal DPR del
12.12.2000.
VISTA la D.G.R. n. 387 del 17/05/2010 con la quale il Dr.
Giuseppe Zimbalatti è stato nominato Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e s.m.i. e ritenuta la
propria competenza.
CONSIDERATO che con D.D.G. n. 12253 del 25/08/2010 veniva impegnata la somma di c 188.496,00 per la partecipazione
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
della Regione Calabria – Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione alla manifestazione fieristica Fruit Logistica (Berlino,
09-11 Febbraio 2011).
CHE, per l’importanza che tale partecipazione assume per la
promozione dei prodotti agro-alimentari regionali e delle relative aziende sui mercati esteri, si ritiene opportuna ed oltremodo
utile la partecipazione alla manifestazione fieristica Fruit Logistica (Berlino, 09-11 Febbraio 2011) del Dr. Giacomo Giovinazzo nella sua qualità di Dirigente del Settore 2 «Valorizzazione e Promozione Produzioni Agricole e Filiere Produttive».
Per quanto espresso in premessa che si intende integralmente
trascritto.
DECRETA
— di autorizzare la partecipazione del Dr. Giacomo Giovinazzo alla manifestazione fieristica Fruit Logistica (Berlino,
09-11 Febbraio 2011).
Catanzaro, lì 28 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Dr. Giuseppe Zimbalatti
DECRETO n. 461 del 28 gennaio 2011
D.M. 14 Aprile 1997 – D.Legs n. 151/2000 e D.G.R. n. 7024
del 29/12/1997. Ditta: Furfari Lorella.
6517
69/CE del 28 giugno 1999, relative alle norme tecniche sulla
commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle
piante ornamentali in applicazione del D. Lgs. 19 maggio 2000
n. 151.
VISTO in particolare l’art. 9 del richiamato decreto ministeriale che disciplina la procedura di accreditamento del fornitore
cui sono obbligati ad informarsi coloro che commercializzano il
materiale de quo.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d) del D.Lgs 214/2005.
CONSIDERATA la richiesta di accreditamento e registrazione
fornitore presentata al Servizio Fitosanitario Regionale in data
11/11/2010 Prot. n. 51059 dalla Signora Furfari Lorella – titolare
della Ditta omonima – per la produzione e commercializzazione
di piante da frutto e dei loro relativi materiali di moltiplicazione.
PRESO ATTO che la predetta Ditta è già iscritta al Registro
Ufficiale dei Produttori con il n. 814 in data 25/11/2003.
TENUTO CONTO del verbale di sopralluogo del 13/12/2010
agli atti del Servizio, con cui l’Ispettore Fitosanitario Francesco
Pititto, accertando il possesso dei requisiti richiesti relativamente
ai mezzi, alle strutture ed alla professionalità come riportati nell’allegato VI del citato decreto e ha concluso che sussistono le
condizioni per procedere all’accreditamento della citata Ditta per
la commercializzazione delle piante da frutto e dei loro relativi
materiali di moltiplicazione.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante Separazione dell’attività amministrativa di
indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTO il D.D.G. del 02 agosto 2010 n. 11256 con cui la Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio n. 10
del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D.Lgs. del 19 agosto 2005 n. 214 concernente le
misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella
Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali.
VISTO il D.M. 14.04.1997 che ha recepito le Direttive della
Commissione n. 93/48/CEE del 23 giugno 1993 n. 93/64/CEE
del 5 luglio 1993 relative alle norme tecniche sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da frutto e
delle piante da frutto destinate alla produzione di frutto.
VISTO il D. Lgs. n. 151/2000 Attuazione della Direttiva 98/
56/CE relativa alla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali.
VISTO il D.M. 9 agosto 2000 che ha recepito le Direttive della
Commissione n. 99/66/CE, n. 99/67/CE, n. 99/68/CE, n. 99/
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere all’accreditamento della menzionata Ditta e successivamente per l’iscrizione nell’apposito registro dei fornitori con il n.
RC0046/FRU.
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto di:
— accreditare la Ditta Furfari Lorella alla commercializzazione delle piante da frutto e dei loro relativi materiali di moltiplicazione;
— trasmettere il presente atto alla menzionata Ditta;
— pubblicare il presente atto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 28 gennaio 2011
Il Dirigente del Servizio
Dott.ssa Sabrina Blasco
6518
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 462 del 28 gennaio 2011
D.M. 14 Aprile 1997 – D.Legs n. 151/2000 e D.G.R. n. 7024
del 29/12/1997. Ditta: Azienda Agricola Vivai piante Milone
Maria Grazia.
IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO
VISTO la L.R. n. 7/96 recante norme sull’ordinamento della
struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza
Regionale.
VISTO il Decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante Separazione dell’attività amministrativa di
indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTO il D.D.G. del 02 agosto 2010 con cui la Dott.ssa Sabrina Blasco è stata nominata Dirigente del Servizio n. 10 del
Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione.
VISTO il D.Lgs. del 19 agosto 2005 n. 214 concernente le
misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella.
Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali.
VISTO il D.M. 14.04.1997 che ha recepito le Direttive della
Commissione n. 93/48/CEE del 23 giugno 1993 n. 93/64/CEE
del 5 luglio 1993 relative alle norme tecniche sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante da frutto e
delle piante da frutto destinate alla produzione di frutto.
VISTO il D. Lgs. n. 151/2000 Attuazione della Direttiva 98/
56/CE relativa alla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali.
VISTO il D.M. 9 agosto 2000 che ha recepito le Direttive della
Commissione n. 99/66/CE, n. 99/67/CE, n. 99/68/CE, n. 99/
69/CE del 28 giugno 1999, relative alle norme tecniche sulla
commercializzazione dei materiali di moltiplicazione delle
piante ornamentali in applicazione del D. Lgs. 19 maggio 2000
n. 151.
VISTO in particolare l’art. 9 del richiamato decreto ministeriale che disciplina la procedura di accreditamento del fornitore
cui sono obbligati ad informarsi coloro che commercializzano il
materiale de quo.
VISTO il D.M. del 12/11/2009 n. 26250 che determina i requisiti di professionalità e della dotazione minima delle attrezzature
occorrenti per l’esercizio dell’attività di produzione, commercio
e importazione di vegetali e prodotti vegetali, ai sensi dell’art. 49
comma 2 lettera d) del D.Lgs 214/2005.
CONSIDERATA la richiesta di accreditamento e registrazione
fornitore presentata al Servizio Fitosanitario Regionale in data
15/11/2010 Prot. n. 51478 dalla Signora Milone Maria Grazia –
Azienda Agricola Vivai Milone Maria Grazia – per la produzione
e commercializzazione di piante e dei materiali di moltiplicazione, limitatamente alle piante di fruttiferi e ortive e ai soli materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali.
PRESO ATTO che la predetta Ditta è già iscritta al Registro
Ufficiale dei Produttori con il n. 1299 in data 01/12/2010.
TENUTO CONTO del verbale di sopralluogo del 18/11/2010
agli atti del Servizio, con cui l’Ispettore Fitosanitario Giuseppe
Scordovillo, accertando il possesso dei requisiti richiesti relativamente ai mezzi, alle strutture ed alla professionalità come riportati nell’allegato VI del citato decreto e ha concluso che sussistono le condizioni per procedere all’accreditamento della citata Ditta per la commercializzazione delle piante da frutto, delle
piante ortive e dei loro relativi materiali di moltiplicazione e ai
soli materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali.
RITENUTO, pertanto, che ricorrono le condizioni per procedere all’accreditamento della menzionata Ditta e successivamente per l’iscrizione nell’apposito registro dei fornitori con il n.
CZ0044/FRU/ORT/ORN.
DECRETA
Per le motivazioni in narrativa, che costituiscono parte integrante del presente decreto di:
— accreditare la Ditta Azienda Agricola Vivai piante Milone
Maria Grazia, alla commercializzazione delle piante da frutto,
delle piante ortive e dei loro relativi materiali di moltiplicazione
e ai soli materiali di moltiplicazione delle piante ornamentali;
— trasmettere il presente atto alla menzionata Ditta;
— pubblicare il presente atto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria e sul sito web: www.assagri.regione.calabria.it.
Catanzaro, lì 28 gennaio 2011
Il Dirigente del Servizio
Dott.ssa Sabrina Blasco
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Dipartimento n. 7
ORGANIZZAZIONE
E PERSONALE.
DECRETO n. 27 del 5 gennaio 2011
Dipendente regionale Bevacqua Luigi matr. 965030. Distacco funzionale presso l’Amministrazione Provinciale di
Catanzaro.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO:
CHE, con nota n. 95185 del 29.10.2010, l’Assessorato allo
Sport della Provincia di Catanzaro ha manifestato la volontà di
proseguire il progetto «Corsi Provinciali di Mountain Bike» avviato presso il Parco della Biodiversità nell’anno 2008 in collaborazione con il Dipartimento «Turismo, Sport, Spettacolo, Politiche Giovanili».
CHE con nota n. 007112 del 23.11.2010 a firma del Dirigente
Generale del Dipartimento «Turismo, Sport, Spettacolo, Politiche Giovanili», pervenuta in data 1.12.2010 ed acquisita al protocollo del dipartimento al n. 20963, è stato espresso parere favorevole alla prosecuzione del progetto;
6519
DECRETA
Di richiamare quanto riportato in preambolo, narrativa e motivazioni come parte integrante del presente provvedimento;
1. distaccare il dipendente Bevacqua Luigi, all’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, per le esigenze del Dipartimento
«Turismo, Sport, Spettacolo, Politiche Giovanili», in qualità di
Direttore dei «Corsi Provinciali di Mountain Bike» avviati
presso il Parco della Biodiversità di Catanzaro;
2. di dare atto che il presente provvedimento non comporta
oneri aggiuntivi a carico di questo Ente;
3. di incaricare il competente ufficio di questo Settore per la
notifica del presente provvedimento:
— al Sig. Bevacqua Luigi a Tiriolo in c.da Ferrito, Località
Malfone;
— al Dipartimento «Turismo, Sport, Spettacolo, Politiche
Giovanili»;
— a tutte le Strutture interessate;
4. di provvedere alla pubblicazione integrale del presente
provvedimento sul BURC.
Catanzaro, lì 5 gennaio 2011
CHE per l’espletamento di questa attività il Dipartimento «Turismo, Sport, Spettacolo, Politiche Giovanili», ha messo a disposizione dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro un’unità
di personale con compiti di istruttore di Mountain Bike.
Dott.ssa Rosalia Marasco
CHE il Sig. Bevacqua Luigi nato a Lanzo Torinese il
23.05.1962 e residente a Tiriolo in c.da Ferrito, Località Malfone
– dipendente a tempo indeterminato della Regione Calabria,
matr. 73550, cat. B posizione economica B1 in servizio presso il
Dipartimento Turismo, Sport, Spettacolo, Politiche Giovanili,
data la comprovata competenza in materia è stato designato dal
Dirigente pro tempore per assolvere alle mansioni di Direttore
presso i predetti corsi.
DECRETO n. 32 del 7 gennaio 2011
CONSIDERATO che con nota n. 007774 del 14.12.2010, acquisita al protocollo di questo dipartimento al n. 22070 in data
15.12.2010, il Dirigente Generale del Dipartimento «Turismo,
Sport, Spettacolo, Politiche Giovanili», in riscontro alla nota di
questo settore n. 21904 del 13.12.2010, ha comunicato il nulla
osta all’assunzione del presente provvedimento di distacco funzionale del dipendente Bevacqua Luigi.
— il signor Riitano Salvatore, nato a Catanzaro il 19/01/1951,
già dipendente della Regione Calabria, matr. 695115, cat. B1,
posizione economica B3, in servizio presso il Dipartimento Organizzazione e Personale – Settore n. 4 – Servizio n. 7, Organizzazione e Gestione Autoparco, in data 31 dicembre 2010 veniva
collocato a riposo per dimissioni volontarie;
RITENUTO, per le ragioni sopra esposte, di dover provvedere
al riguardo.
VISTI:
— la Legge Regionale n. 7 del 13 maggio 1996 e ss. mm.;
— il decreto Legislativo n. 165 del 30 marzo 2001 e s.m.i.;
— il DPGR n. 354/99;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
SU proposta dell’Ufficio interessato, formulata alla stregua
dell’istruttoria compiuta dalle Strutture competenti.
Dip. Riitano Salvatore – matr. n. 695115 – Liquidazione
ferie non fruite, anno 2010.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO CHE,
— con istanza prot. n. 00030 del 03/01/2011 il signor Riitano
chiedeva la liquidazione dei giorni di congedo ordinario maturati
e non fruiti nell’anno 2010 per indifferibili esigenze di servizio,
allegando istanza/giustificativo di assenza, prot. n. 31566/10 del
18/10/2010, con la quale la Dirigente del Settore rigettava le ferie
richieste, rinviandole per esigenze di servizio e dichiarazione sostitutiva, datata 03/01/2010, nella quale il signor Riitano attestava la spettanza di giorni 28 di ferie, maturati e non goduti al 31
dicembre 2010.
VISTI
— l’art. 18 comma 16 del vigente CCNL Regioni Enti Locali,
che consente il pagamento sostitutivo delle ferie, qualora le
stesse, all’atto della cessazione del rapporto di lavoro, non siano
state fruite per esigenze di servizio;
— la D.G.R. n. 548 del 06/06/05.
6520
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
RITENUTO dover provvedere a riguardo.
SU conforme proposta dell’Ufficio competente, formulata alla
stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono
integralmente riportate, di:
— liquidare al signor Riitano Salvatore, nato a Catanzaro il
19/01/1951, già dipendente della Regione Calabria, matr.
695115, in servizio presso il Dipartimento Organizzazione e Personale – Settore n. 4 – Servizio n. 7, Organizzazione e Gestione
Autoparco, cessato dal servizio il 31 dicembre 2010, una somma
pari alla retribuzione complessiva per giorni 28 di congedo ordinario non fruito nell’anno 2010 per indifferibili esigenze di servizio, come previsto dall’art. 18 comma 16 del vigente CCNL
Regioni Enti Locali;
— dare mandato al Settore Economico di adottare i conseguenti provvedimenti di competenza;
— notificare il presente Decreto al Settore Gestione Economica del Personale e all’interessato, signor Riitano Salvatore,
residente a Catanzaro, in C.da Ianò, n. 184;
— pubblicare il presente provvedimento sul BUR Calabria.
Catanzaro, lì 7 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
— l’art. 6 di detta convenzione prevedeva l’impegno del Comune di Botricello ad elaborare il progetto definitivo che doveva
essere approvato dalla Regione Calabria;
— il Comune di Botricello ha presentato il progetto e le
schede degli interventi, per un importo di c 1.239.500,00, giusta
nota prot. n. 7156 del 04.10.2007, e tale progetto è stato approvato con decreto dirigenziale n. 16060 del 24.10.2007.
CONSIDERATO CHE:
— con decreto dirigenziale n. 5855 del 15.05.2008 è stata disposta la revoca-risoluzione della convenzione, ai sensi dell’art.
14 della convenzione medesima;
— il Comune di Botricello ha proposto ricorso dinanzi al
TAR Calabria – Catanzaro (Giudizio R.G. 864/2008), avverso il
provvedimento di revoca-risoluzione della convenzione;
— il G.A., con sentenza n. 348/2009 ha accolto il ricorso proposto dal comune di Botricello ed ha – conseguentemente – annullato il provvedimento impugnato;
— la Regione Calabria ha proposto appello avverso la suddetta sentenza del TAR Calabria – Catanzaro dinanzi al Consiglio di Stato (giudizio R.G. 6718/2009), avanzando domanda di
sospensione dell’efficacia esecutiva della sentenza impugnata;
— il Consiglio di Stato ha respinto l’istanza cautelare, giusta
ordinanza n. 4615/2009, depositata in segreteria in data
15.09.2009 ed il giudizio è tuttora pendente per la trattazione del
merito.
DECRETO n. 65 del 11 gennaio 2011
RITENUTO che la revoca-risoluzione della Convenzione ed i
contenziosi amministrativi che ne sono conseguiti hanno posto il
Comune di Botricello nell’impossibilità di adempiere alle prescrizioni e rispettare le scadenze temporali previste dalla Convenzione medesima, provocando il blocco dell’operazione.
POR Calabria 2000-2006 – Misura 6.3 Società dell’Informazione «Piano per la realizzazione di progetti pilota di
e-democracy sul territorio calabrese – Progetto «Botricello
comune globale» a valere su risorse liberate – Presa d’atto
sentenza TAR Calabria − Catanzaro ed ordinanza Consiglio
di Stato e rimodulazione termini convenzione.
RILEVATA la necessità di provvedere alla rimodulazione dei
termini della Convenzione a suo tempo sottoscritta con il Comune di Botricello, al fine di consentire a tale Ente la regolare
esecuzione delle attività connesse alla realizzazione del progetto,
come da schema che si allega al presente provvedimento, per
costituirne parte integrante e sostanziale.
IL DIRIGENTE GENERALE
PREMESSO CHE:
— con la deliberazione di G.R. n. 722 del 08.08.2010 è stato
approvato il «Piano per la realizzazione di progetti pilota di
e-democracy sul territorio calabrese» ed è stato destinato per la
realizzazione dei progetti pilota, un importo di c 3.098.741,39,
giusto impegno di spesa n. 5756 del 01.08.2001, implementato
per un importo di c 1.500.000,00 con delibera di G.R. n. 149 del
25.2.2003, giusto impegno di spesa n. 5 del 15.01.2003;
— il Comune di Botricello, selezionato per la sperimentazione, ha presentato un progetto approvato con delibera di Giunta
Comunale n. 98 del 29.05.2007, coerente con le finalità indicate
nelle sopra citate delibere;
— con decreto dirigenziale n. 10245 del 12.07.2007 è stato
approvato il progetto e lo schema di convenzione, per definire i
rapporti giuridici ed economici tra la Regione Calabria ed il comune di Botricello;
— in data 02.08.2007 si è addivenuti alla stipula della convenzione (Rep. n. 13214);
PRESO ATTO CHE:
— il Progetto denominato «Botricello Comune globale» con
beneficiario l’Amministrazione Comunale di Botricello risulta
inserito tra i progetti a valere sui fondi POR Calabria 2000-2006
– misura 6.3 C – Risorse liberate, al n. 48693, giusta autorizzazione del Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria n. 5236 del 08.10.2009;
— l’importo destinato al progetto di cui sopra, pari ad
c 1.239.500,00 trova già copertura finanziaria sul capitolo del
bilancio regionale 2010, n. 7003201 (ex capitolo n. 2532201), ex
impegni di spesa n. 5756/01, pari ad c 842.521,00 e n. 5/03, pari
ad c 396.979,00, caduti in perenzione amministrativa ed assunti
con le Delibere di G.R. di cui in premessa.
VISTA la Decisione della Commissione Europea C(2006)
3424 del 01.08.2006 «Orientamenti sulla Chiusura degli interventi (2000-2006) dei Fondi Strutturali».
ATTESO che il paragrafo 6.3.6 del QCS, recante disposizioni
sull’utilizzo delle risorse liberate, prevede il tempestivo reinvestimento delle risorse rivenienti dai rimborsi comunitari e nazionali relativamente ai progetti coerenti di I e II fase per la realiz-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
zazione di progetti che sono coerenti con i contenuti delle Misure
e rispondono ai requisiti previsti dai criteri di selezione dei CdP.
VISTO il Documento del MISE, recante «Modalità di attuazione dei progetti finanziari con le risorse liberate» approvato
dal Comitato di Sorveglianza del QCS con procedura di consultazione scritta conclusasi positivamente con nota n. 16293 del
25.07.2008.
VISTO, in particolare, il punto 2.d) del suddetto Documento
del MISE, rubricato: Sospensione dei termini, a mente del quale
«In caso di procedure giudiziarie e/o amministrative che determinino direttamente il blocco delle operazioni, i termini di impegno e pagamento sono sospesi».
VISTA la nota prot. n. 8895 del 13.12.2010, con la quale l’Autorità di Gestione del POR Calabria 2000-2006 ha confermato
l’applicazione del suddetto punto 2.d) all’operazione di che trattasi e, pertanto, la circostanza che i termini di impegno e pagamento del progetto de quo sono rimasti sospesi per effetto delle
procedure giudiziarie che hanno determinato il blocco della
operazione.
VISTO il Complemento di Programmazione del POR Calabria 2000-2006 nel testo modificato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 07.12.2004, in particolare la scheda relativa alla Misura 6.3 – Azione C dell’Asse VI.
VISTO l’art. 97 della Costituzione.
VISTA la legge n. 241/90.
VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modifiche ed integrazioni.
VISTA la legge regionale n. 19 del 4 settembre 2001.
VISTA la legge regionale 13 maggio 1996, n. 7 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale».
VISTA la legge regionale 7 agosto 2002, n. 31 recante «Misure organizzative di razionalizzazione e di contenimento della
spesa per il personale».
VISTO l’art. 30 della legge regionale 13 maggio 1996, n. 7.
VISTO l’art. 43 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26 febbraio 2010, con la
quale è stato approvato l’esercizio finanziario 2010.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20 settembre 2010.
VISTA la deliberazione della Giunta regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante «adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla legge regionale 7/1996 e dal decreto legislativo 165/2001, e
successive modifiche ed integrazioni».
6521
VISTA la D.G.R. n. 694 del 29.10.2010, di trasferimento del
settore Società dell’Informazione dal Dipartimento n. 2 «Presidenza» al Dipartimento n. 7 «Organizzazione e Personale».
VISTO il D.P.G.R. n. 127 del 12.05.2010 di conferimento dell’incarico all’Avv. Umberto Nucara, quale Dirigente Generale
del Dipartimento n. 7 «Organizzazione e Personale».
VISTA la L.R. 34/2002 e ritenuta la propria competenza.
DECRETA
1) di prendere atto della sentenza n. 348/2009 del TAR Calabria – Catanzaro, con la quale è stato disposto l’annullamento
del decreto dirigenziale n. 5855 del 15.05.2008, nonché dell’ordinanza n. 4615/2009 del Consiglio di Stato, depositata in segreteria in data 15.09.2009, con cui è stata respinta l’istanza di sospensiva proposta dalla Regione Calabria in sede di appello alla
suddetta sentenza del TAR Calabria – Catanzaro;
2) di approvare la rimodulazione dei termini della Convenzione rep. n. 13214, sottoscritta con il Comune di Botricello in
data 02.08.2007, secondo il testo che, distinto sotto la lett. A),
viene allegato al presente decreto per costituirne parte integrante
e sostanziale;
3) di dare atto che il finanziamento del progetto in argomento, di importo pari ad c 1.239.500,00, trova copertura finanziaria sul capitolo del bilancio regionale 2010 n. 7003201 (ex
capitolo n. 2532201), giusto impegno di spesa n. 5756/01, pari
ad c 842.521,00 e n. 05/2003, pari ad c 396.979,00, entrambi
caduti in perenzione amministrativa ed assunti con le D.G.R. di
cui in premessa;
4) di notificare il presente provvedimento:
— al Dipartimento «Programmazione nazionale e comunitaria»;
— al Comune di Botricello;
5) di disporre la pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria;
6) di dare atto che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al TAR entro 60 giorni dalla sua conoscenza, ovvero – in alternativa – ricorso straordinario al Presidente della
Repubblica, entro 120 giorni.
Catanzaro, lì 11 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Avv. Umberto Nucara
VISTO il decreto del Presidente della Giunta regionale n. 354
del 24 giugno 1999, relativo alla separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella gestionale, per
come modificato ed integrato con decreto del Presidente della
Giunta regionale n. 206 del 15 dicembre 2000.
VISTA la vigente deliberazione della Giunta regionale sull’ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta regionale.
(segue allegato)
6522
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 71 del 12 gennaio 2011
VISTI:
POR Calabria FESR 2007-2013. Conferimento incarico
Responsabile Unità di Verifiche e Controllo di 1o Livello, dip.
Condito Giovanni – matricola 195350.
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
IL DIRIGENTE
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 628 del 21 settembre 2009, avente ad oggetto «POR Calabria FESR 2007-2013 – Istituzione Posizioni
Organizzative» sono stati istituiti, n. 11 Posizioni Organizzative
di Unità di Verifiche e Controlli, una presso ogni dipartimento
regionale coinvolto nell’attuazione del POR Calabria FESR
2007/2013;
— con nota prot. n. 20054 del 20.12.2010, acquisita al protocollo di questo Settore Giuridico il 27.12.2010 n. 22700, il Dirigente Generale del Dipartimento Attività Produttive, ha nominato il dipendente Condito Giovanni, responsabile dell’Unità di
Verifiche e Controllo di 1o livello.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Condito Giovanni, matricola 195350, al conferimento
dell’attribuzione della Posizione Organizzativa per la responsabilità dell’Unità di Verifiche e Controlli.
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE l’incarico della Posizione Organizzativa per
la responsabilità dell’Unità di Verifiche e Controlli, al dipendente Condito Giovanni, matricola 195350, nato il 23.06.63, residente a Botricello in Via Milano n. 54, in servizio presso il
Dipartimento Attività Produttive.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DI DARE ATTO che, per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 628/09 sopra indicate, viene corrisposto al dipendente
Condito Giovanni, il trattamento di indennità pari alle Posizioni
Organizzative di 2a fascia i cui costi sono a carico dell’Asse IX –
«Assistenza tecnica» del POR FESR 2007/2013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre dal 03.12.2010 e avrà
durata fino al 31 dicembre 2010.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Condito Giovanni, al Dipartimento Attività Produttive, ai Settori
competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per
gli adempimenti consequenziali ed al BURC per la prescritta
pubblicazione.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 72 del 12 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Olivito Giancarlo – matricola 598595.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
6523
— 2.2.7 «Interventi di conservazione del patrimonio forestale» al dipendente Sig. Olivito Giancarlo.
RITENUTO pertanto necessario, dover provvedere nei confronti del dipendente Olivito Giancarlo matricola 598595 al rinnovo della responsabilità delle misure sopra indicate.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
— la D.G.R. n. 940 del 09.12.2008, avente per oggetto «Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013
decisione CE C(2007) 6007 del 29.11.2007. Individuazione dei
Responsabili di Misura»;
DI RINNOVARE l’incarico delle responsabilità delle misure:
— la D.G.R. n. 942 del 09.12.2008, che individua le competenze dell’Autorità di Gestione e del Dipartimento Agricoltura
Foreste e Forestazione nell’attuazione del PSR 2007-2013;
— 2.2.7 «Interventi di conservazione del patrimonio forestale» al dipendente Sig. Olivito Giancarlo nato il 17.10.56, residente a Cosenza in Via Sciascia n. 2 in servizio presso il Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione.
— il decreto n. 9618 del 22.06.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», con il quale è stata indetta una manifestazione d’interesse per la formazione di una lista di idonei a ricoprire la funzione di responsabili di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013;
— Decreto n. 10149 del 08.07.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», di concerto con l’Autorità di Gestione del P.S.R. 20072013, con il quale sono stati nominati i Responsabili di Misura
del P.S.R. e successivamente modificato con D.D.G. n. 13727
del 27/09/2010;
— la D.G.R. n. 512 del 12.07.2010 che, a integrazione della
D.G.R. n. 940 del 9.12.2008, ha demandato al Dipartimento Organizzazione e Personale tutti gli adempimenti necessari al conferimento della responsabilità di misura al personale individuato.
PREMESSO che con nota n. 252 del 16.12.2010, pervenuta al
protocollo di questo Settore Giuridico il 20.12.2010 ed acquisita
al n. 22461, il Dirigente Generale del Dipartimento «Agricoltura
Foreste e Forestazione» ha comunicato il rinnovo senza soluzione di continuità dell’attribuzione della responsabilità delle
misure:
— 2.1.6 «Sostegno agli investimenti non produttivi»;
— 2.1.6 «Sostegno agli investimenti non produttivi»;
DI DARE ATTO che per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 628/09 sopra indicate viene corrisposto al dipendente
Olivito Giancarlo il trattamento di indennità pari alle posizioni
organizzative di 2a fascia la cui copertura finanziaria è garantita
dalle risorse previste dalla misura 5.1.1. del PSR Calabria 20072013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre senza soluzione di continuità dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31 dicembre 2011.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Olivito Giancarlo, al Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione, all’Autorità di Gestione e ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti
consequenziali.
DI DISPORRE la pubblicazione del presente decreto sul
BURC.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
6524
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 73 del 12 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Pisacane Francesco – matricola 656100.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
— la D.G.R. n. 940 del 09.12.2008, avente per oggetto «Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013
decisione CE C(2007) 6007 del 29.11.2007. Individuazione dei
Responsabili di Misura»;
— la D.G.R. n. 942 del 09.12.2008, che individua le competenze dell’Autorità di Gestione e del Dipartimento Agricoltura
Foreste e Forestazione nell’attuazione del PSR 2007-2013;
— il decreto n. 9618 del 22.06.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», con il quale è stata indetta una manifestazione d’interesse per la formazione di una lista di idonei a ricoprire la funzione di responsabili di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013;
— Decreto n. 10149 del 08.07.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», di concerto con l’Autorità di Gestione del P.S.R. 20072013, con il quale sono stati nominati i Responsabili di Misura
del P.S.R. e successivamente modificato con D.D.G. n. 13727
del 27/09/2010;
— la D.G.R. n. 512 del 12.07.2010 che, a integrazione della
D.G.R. n. 940 del 9.12.2008, ha demandato al Dipartimento Organizzazione e Personale tutti gli adempimenti necessari al conferimento della responsabilità di misura al personale individuato.
PREMESSO che con nota n. 252 del 16.12.2010, pervenuta al
protocollo di questo Settore Giuridico il 20.12.2010 ed acquisita
al n. 22461, il Dirigente Generale del Dipartimento «Agricoltura
Foreste e Forestazione» ha comunicato il rinnovo senza soluzione di continuità dell’attribuzione della responsabilità della
misura – 1.1.3 «Prepensionamento degli imprenditori e dei lavoratori agricoli» al dipendente Sig. Pisacane Francesco.
RITENUTO pertanto necessario, dover provvedere nei confronti del dipendente Pisacane Francesco matricola 656100 al
rinnovo della responsabilità della misura sopra indicata.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI RINNOVARE l’incarico della responsabilità della misura
1.1.3 «Prepensionamento degli imprenditori e dei lavoratori agricoli» al dipendente Sig. Pisacane Francesco nato il 12.11.47, residente a Catanzaro in Viale de Filippis n. 292 in servizio presso
il Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione.
DI DARE ATTO che per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 628/09 sopra indicate viene corrisposto al dipendente Pisacane Francesco il trattamento di indennità pari alle posizioni
organizzative di 2a fascia la cui copertura finanziaria è garantita
dalle risorse previste dalla misura 5.1.1. del PSR Calabria 20072013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre senza soluzione di continuità dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31 dicembre 2011.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Pisacane Francesco, al Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione, all’Autorità di Gestione e ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti
consequenziali.
DI DISPORRE la pubblicazione del presente decreto sul
BURC.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 74 del 12 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Pirrò Francesco – matricola 654875.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
— la D.G.R. n. 940 del 09.12.2008, avente per oggetto «Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013
decisione CE C(2007) 6007 del 29.11.2007. Individuazione dei
Responsabili di Misura»;
— la D.G.R. n. 942 del 09.12.2008, che individua le competenze dell’Autorità di Gestione e del Dipartimento Agricoltura
Foreste e Forestazione nell’attuazione del PSR 2007-2013;
— il decreto n. 9618 del 22.06.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», con il quale è stata indetta una manifestazione d’interesse per la formazione di una lista di idonei a ricoprire la funzione di responsabili di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013;
— Decreto n. 10149 del 08.07.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», di concerto con l’Autorità di Gestione del P.S.R. 20072013, con il quale sono stati nominati i Responsabili di Misura
del P.S.R. e successivamente modificato con D.D.G. n. 13727
del 27/09/2010;
— la D.G.R. n. 512 del 12.07.2010 che, a integrazione della
D.G.R. n. 940 del 9.12.2008, ha demandato al Dipartimento Organizzazione e Personale tutti gli adempimenti necessari al conferimento della responsabilità di misura al personale individuato.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
PREMESSO che con nota n. 252 del 16.12.2010, pervenuta al
protocollo di questo Settore Giuridico il 20.12.2010 ed acquisita
al n. 22461, il Dirigente Generale del Dipartimento «Agricoltura
Foreste e Forestazione» ha comunicato il rinnovo senza soluzione di continuità dell’attribuzione della responsabilità delle
misure:
— 4.1.0 «Strategie di sviluppo locale»;
6525
zione, all’Autorità di Gestione e ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali.
DI DISPORRE la pubblicazione del presente decreto sul
BURC.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
— 4.2.1 «Cooperazione internazionale e transnazionale»;
— 4.3.1 «Costi di gestione, animazione, acquisizione di competenza» al dipendente Sig. Pirrò Francesco.
RITENUTO pertanto necessario, dover provvedere nei confronti del dipendente Pirrò Francesco matricola 654875 al rinnovo della responsabilità delle misure sopra indicate.
DECRETO n. 75 del 12 gennaio 2011
PSR 2007-2013 – Rinnovo Incarico Responsabile di Misura dipendente Sig. Polifrone Nicola – matricola 663900.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI RINNOVARE l’incarico della responsabilità delle misure:
— 4.1.0 «Strategie di sviluppo locale»;
— 4.2.1 «Cooperazione internazionale e transnazionale»;
— 4.3.1 «Costi di gestione, animazione, acquisizione di competenza» al dipendente Sig. Pirrò Francesco nato il 15.09.52, residente a Montepaone in Via Kennedy n. 7 in servizio presso il
Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione.
DI DARE ATTO che per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 628/09 sopra indicate viene corrisposto al dipendente
Pirrò Francesco il trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative di 2a fascia la cui copertura finanziaria è garantita
dalle risorse previste dalla misura 5.1.1. del PSR Calabria 20072013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre senza soluzione di continuità dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31 dicembre 2011.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Pirrò Francesco, al Dipartimento Agricoltura Foreste e Foresta-
VISTI:
— la D.G.R. n. 940 del 09.12.2008, avente per oggetto «Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013
decisione CE C(2007) 6007 del 29.11.2007. Individuazione dei
Responsabili di Misura»;
— la D.G.R. n. 942 del 09.12.2008, che individua le competenze dell’Autorità di Gestione e del Dipartimento Agricoltura
Foreste e Forestazione nell’attuazione del PSR 2007-2013;
— il decreto n. 9618 del 22.06.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», con il quale è stata indetta una manifestazione d’interesse per la formazione di una lista di idonei a ricoprire la funzione di responsabili di misura del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013;
— il decreto n. 10149 del 08.07.2010, adottato dal Dirigente
Generale del Dipartimento «Agricoltura Foreste e Forestazione», di concerto con l’Autorità di Gestione del P.S.R. 20072013, con il quale sono stati nominati i Responsabili di Misura
del P.S.R. e successivamente modificato con D.D.G. n. 13727
del 27/09/2010;
— la D.G.R. n. 512 del 12.07.2010 che, a integrazione della
D.G.R. n. 940 del 9.12.2008, ha demandato al Dipartimento Organizzazione e Personale tutti gli adempimenti necessari al conferimento della responsabilità di misura al personale individuato.
PREMESSO che con nota n. 252 del 16.12.2010, pervenuta al
protocollo di questo Settore Giuridico il 20.12.2010 ed acquisita
al n. 22461, il Dirigente Generale del Dipartimento «Agricoltura
Foreste e Forestazione» ha comunicato il rinnovo senza soluzione di continuità dell’attribuzione della responsabilità delle
misure:
— 2.1.1 «Indennità compensativa zone montane»;
— 2.1.2 «Indennità compensativa zone non montane» al dipendente Sig. Polifrone Nicola.
RITENUTO pertanto necessario, dover provvedere nei confronti del dipendente Polifrone Nicola matricola 663900 al rinnovo della responsabilità delle misure sopra indicate.
6526
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI RINNOVARE l’incarico della responsabilità delle misure:
— 2.1.1 «Indennità compensativa zone montane»;
— 2.1.2 «Indennità compensativa zone non montane» al dipendente Sig. Polifrone Nicola nato il 07.04.69, residente ad Acri
in Via Michelangelo Buonarrotti n. 52/6, in servizio presso il
Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione.
DI DARE ATTO che per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 628/09 sopra indicate viene corrisposto al dipendente
Polifrone Nicola il trattamento di indennità pari alle posizioni
organizzative di 2a fascia la cui copertura finanziaria è garantita
dalle risorse previste dalla misura 5.1.1. del PSR Calabria 20072013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre senza soluzione di continuità dal 1.01.2011 e avrà durata fino al 31 dicembre 2011.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Polifrone Nicola, al Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione, all’Autorità di Gestione e ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali.
DI DISPORRE la pubblicazione del presente decreto sul
BURC.
Catanzaro, lì 12 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
dipendenti A.R.P.A.Cal., tra i quali era inserito il nominativo
della Dott.ssa Giordano Antonietta, nata a Cosenza il 21 gennaio
1974.
CHE con nota n. 17195 del 12 novembre 2010, pervenuta al
Prot. di questo Dipartimento il 15 novembre 2010 ed acquisita al
n. 19266, il Commissario dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente «A.R.P.A.Cal.», ha comunicato l’intenzione della dipendente summenzionata di non volersi più avvalere di ulteriori proroghe del comando.
CHE con Delibera n. 1343 del 15 novembre 2010, l’Agenzia
Regionale di cui sopra, prendeva atto della richiesta documentata da parte della Dott.ssa Giordano Antonietta e ne disponeva il
rientro in servizio presso l’A.R.P.A.Cal. stessa, autorizzando la
proroga del comando per il restante personale.
CHE con nota dell’1 dicembre 2010, il Dirigente Generale del
Dipartimento «Politiche dell’Ambiente», Ing. Bruno Gualtieri,
ha manifestato l’intenzione di avvalersi della collaborazione
della Dott.ssa Mancini Maria Giulia, nata a Nocera Terinese il 24
luglio 1970 e residente in Marina di Nocera Terinese alla Via del
Progresso n. 7, dipendente A.R.P.A.Cal. – Categoria D3, in sostituzione della Dott.ssa Giordano Antonietta.
VISTA la nota Prot. n. 19746 del 30 dicembre 2010, con la
quale la Direzione Amministrativa dell’A.R.P.A.Cal, ha trasmesso la delibera n. 1629 del 29 dicembre 2010, relativa alla
concessione del nulla-osta al comando in argomento.
RITENUTO: dover provvedere in tal senso.
VISTI:
— il D.P.G.R. n. 354/99, per come modificato ed integrato
con D.P.G.R. n. 206/2000;
— la Legge Regionale 13 maggio 1996, n. 7 e ss.mm.;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi;
VISTO il C.C.N.L. Comparto Regioni Autonomie Locali.
SU conforme proposta dell’Ufficio interessato, formulata alla
stregua dell’istruttoria compiuta dalle Strutture competenti.
DECRETA
Di richiamare quanto riportato in preambolo, narrativa e motivazioni come parte integrante del presente dispositivo.
1. di prendere atto della nota dell’1 dicembre 2010, del Dirigente Generale del Dipartimento «Politiche dell’Ambiente»,
Ing. Bruno Gualtieri;
DECRETO n. 176 del 17 gennaio 2011
Comando Dott.ssa Mancini Maria Giulia presso il Dipartimento «Politiche dell’Ambiente».
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO:
CHE con decreto dirigenziale, formalizzato da questo Settore
in data 11 novembre 2010 e successivamente registrato il 1 dicembre 2010 al n. 17258, è stata disposta la proroga del comando
presso il Dipartimento «Politiche dell’Ambiente», con decorrenza 11 novembre 2010 e fino all’11 novembre 2011, di alcuni
2. di rettificare il decreto dirigenziale n. 17258, sostituendo
il nominativo della Dott.ssa Giordano Antonietta con quello della
Dott.ssa Mancini Maria Giulia, Collaboratore Amministrativo
Professionale Esperto dell’A.R.P.A.Cal, a decorrere dalla data di
effettiva presa di servizio e fino all’11 novembre 2011, salvo
proroga e/o anticipata risoluzione;
3. di stabilire che, allo scadere del comando, laddove non vi
sia richiesta di rinnovo, l’interessata dovrà rientrare all’Ente di
appartenenza, senza necessità di ulteriore comunicazione o
adempimento da parte di questa Amministrazione;
4. di dare atto che, la spesa relativa all’utilizzo, in posizione
di comando, della Dott.ssa Mancini Maria Giulia, ivi compresi
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
gli oneri previdenziali ed assistenziali, rimane a carico della Regione Calabria, che provvederà direttamente e mensilmente a
rimborsare quanto dovuto all’A.R.P.A.Cal;
5. di dare mandato ai Settori Giuridico ed Economico-Previdenziale, perché provvedano a tutti gli atti consequenziali al presente provvedimento;
— il D.P.G.R. n. 172 del 6 luglio 2009;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
SU proposta dell’Ufficio interessato, formulata alla stregua
dell’istruttoria compiuta dalle Strutture competenti.
6. di notificare il presente decreto:
— alla Dott.ssa Mancini Maria Giulia, Via del Progresso n. 7
– Marina di Nocera Terinese (CZ);
— all’A.R.P.A.Cal, Via Lungomare Loc. Mosca – 88063 Catanzaro Lido;
— alla Segreteria del Dirigente Generale del Dipartimento
«Politiche dell’Ambiente» – Sede;
— a tutte le Strutture interessate;
7. di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto sul BUR Calabria.
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
6527
DECRETA
Di richiamare quanto riportato in preambolo, narrativa e motivazioni come parte integrante del presente dispositivo;
1. di prendere atto che, nel decreto dirigenziale n. 26 del 5
gennaio 2011, il Sig. Barillà Giuseppe è stato confuso con un
omonimo dipendente e che lo stesso, risulta esattamente essere
nato a Reggio Calabria il 2 gennaio 1953 ed ivi residente in Via
Nicolò da Reggio n. 10, matricola 55250 – categoria D1;
2. di stabilire che, il decreto di cui sopra resta invariato in
ogni sua parte, rettificando esclusivamente le generalità del dipendente Barillà Giuseppe;
3. di dare mandato ai Settori Giuridico ed Economico-Previdenziale, per gli adempimenti conseguenti al presente provvedimento;
4. di notificare il presente decreto:
DECRETO n. 192 del 17 gennaio 2011
Parziale rettifica decreto dirigenziale n. 26 del 05.01.2011.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO:
— che con decreto dirigenziale n. 26 del 5 gennaio 2011, è
stata disposta l’assegnazione temporanea (comando) di sei dipendenti regionali presso il Consiglio Regionale della Calabria e
contestualmente di sei dipendenti del Consiglio Regionale presso
la Giunta Regionale, per la durata di dodici mesi, decorrenti dalla
effettiva presa di servizio;
— che per mero errore materiale, nel decreto di cui sopra, al
dipendente regionale Barillà Giuseppe sono state attribuite le generalità anagrafiche di un omonimo dipendente, mentre le esatte
generalità risultano essere, Barillà Giuseppe, nato a Reggio Calabria il 2 gennaio 1953 ed ivi residente in Via Nicolò da Reggio
n. 10, matricola 55250 – categoria D1.
RITENUTO dover prendere atto di quanto sopra rappresentato e rettificare il precedente decreto, esclusivamente nella parte
riguardante il Sig. Barillà Giuseppe.
VISTI:
— la Legge Regionale n. 7 del 13 maggio 1996;
— il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001 e ss. mm.;
— la Legge Regionale 22 novembre 2005 n. 16;
— la Legge Regionale 19 aprile 2007, n. 8;
— la deliberazione della Giunta Regionale n. 356 del 18
giugno 2009;
— al Sig. Barillà Giuseppe, Via Nicolò da Reggio n. 10 –
Reggio Calabria;
— al Consiglio Regionale, Via C. Portanova – 89100 Reggio
Calabria;
— a tutte le Strutture competenti;
5. di provvedere alla pubblicazione integrale del presente
provvedimento sul B.U.R. Calabria.
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 193 del 17 gennaio 2011
Dip. Martino Salvatore – matr. n. 509000 – Liquidazione
Ferie.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO CHE,
— il signor Martino Salvatore, nato a Catanzaro il 30/07/
1947, già dipendente della Regione Calabria, in servizio presso il
Dipartimento Organizzazione e Personale Settore Trasporto Pubblico, con sede a Catanzaro, matr. 509000, in data 01 gennaio
2011 veniva collocato a riposo per dimissioni volontarie;
— con istanza prot. n. 00726 del 12/01/2011 il signor Martino
chiedeva la monetizzazione dei giorni di congedo ordinario maturati e non fruiti nell’anno 2010 per indifferibili esigenze di servizio;
6528
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— alla domanda di riconoscimento economico inoltrata è allegata la richiesta del dipendente di fruire di n. 7 giorni di ferie,
rigettata dal Dirigente per inderogabili esigenze di servizio, connesse all’attività lavorativa.
— alla domanda di riconoscimento economico inoltrata è allegata la richiesta del dipendente di fruire di n. 25 giorni di ferie,
rigettata dal Dirigente per inderogabili esigenze di servizio, connesse all’attività lavorativa.
VISTI
VISTI
— l’art. 18 comma 16 del vigente CCNL Regioni Enti Locali,
che consente il pagamento sostitutivo delle ferie, qualora le
stesse, all’atto della cessazione del rapporto di lavoro, non siano
state fruite per esigenze di servizio;
— l’art. 18 comma 16 del vigente CCNL Regioni Enti Locali,
che consente il pagamento sostitutivo delle ferie, qualora le
stesse, all’atto della cessazione del rapporto di lavoro, non siano
state fruite per esigenze di servizio;
— la D.G.R. n. 548 del 06/06/05.
— la D.G.R. n. 548 del 06/06/05.
RITENUTO dover provvedere a riguardo.
RITENUTO dover provvedere a riguardo.
SU conforme proposta dell’Ufficio competente, formulata alla
stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate.
SU conforme proposta dell’Ufficio competente, formulata alla
stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate.
DECRETA
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono
integralmente riportate, di:
Per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono
integralmente riportate, di:
— liquidare al signor Martino Salvatore, nato a Catanzaro il
30/07/1947, già dipendente della Regione Calabria matr.
509000, in servizio presso il Dipartimento Organizzazione e Personale Settore Trasporto Pubblico, cessato dal servizio il 31 dicembre 2010, una somma pari alla retribuzione complessiva per
giorni 7 (sette) di congedo ordinario non fruito nell’anno 2010
per indifferibili esigenze di servizio, come previsto dall’art. 18
comma 16 del vigente CCNL Regioni Enti Locali;
— liquidare al signor Valente Francesco, nato a Sersale il 29/
09/1948, già dipendente della Regione Calabria matr. 835250, in
servizio presso il Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione, cessato dal servizio il 31 dicembre 2010, una somma pari
alla retribuzione complessiva per giorni 25 (venticinque) di congedo ordinario non fruito nell’anno 2010 per indifferibili esigenze di servizio, come previsto dall’art. 18 comma 16 del vigente CCNL Regioni Enti Locali;
— dare mandato al Settore Economico di adottare i conseguenti provvedimenti di competenza;
— dare mandato al Settore Economico di adottare i conseguenti provvedimenti di competenza;
— notificare il presente Decreto al Settore Gestione Economica del Personale e all’interessato, signor Martino Salvatore,
residente a Catanzaro, in Via Bezzecca n. 2;
— notificare il presente Decreto al Settore Gestione Economica del Personale e all’interessato, signor Valente Francesco,
residente a Catanzaro Lido, in Via Bellino n. 227;
— pubblicare il presente provvedimento sul BUR Calabria.
— pubblicare il presente provvedimento sul BUR Calabria.
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
Dott.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 194 del 17 gennaio 2011
DECRETO n. 195 del 17 gennaio 2011
Dip. Valente Francesco – matr. n. 835250 – Liquidazione
Ferie.
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico C» – dipendente Principe Anna Maria matricola 671500.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE,
— il signor Valente Francesco, nato a Sersale il 29/09/1948,
già dipendente della Regione Calabria, in servizio presso il Dipartimento Agricoltura Foreste e Forestazione, con sede a Catanzaro, matr. 835250, in data 01 gennaio 2011 veniva collocato a
riposo per dimissioni volontarie;
— con istanza prot. n. 00674 del 11/01/2011 il signor Valente
chiedeva la monetizzazione dei giorni di congedo ordinario maturati e non fruiti nell’anno 2010 per indifferibili esigenze di servizio;
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 704 del 29.10.2010, avente per oggetto
«POR Calabria FSE 2007-2013 – Responsabili di Obiettivo Operativo – Istituzione di posizioni organizzative», sono state istituite dodici posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo
Operativo presso i Dipartimenti regionali coinvolti nell’attuazione del POR;
— al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato sono state istituite nove posizioni organizzative;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— con nota n. 42182 del 29.12.2010 acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 30.12.2010 al n. 23024, il Dirigente
Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato ha comunicato l’assegnazione della posizione organizzativa di responsabile «Obiettivo Specifico C» alla dipendente Principe Anna
Maria.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti della
dipendente Principe Anna Maria, matricola 671500, al conferimento della responsabilità dell’Obiettivo Specifico C.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996, recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei
Servizi.
6529
DECRETO n. 196 del 17 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico B» – dipendente Sinibaldo Esposito matricola 283880.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 704 del 29.10.2010, avente per oggetto
«POR Calabria FSE 2007-2013 – Responsabili di Obiettivo Operativo – Istituzione di posizioni organizzative», sono state istituite dodici posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo
Operativo presso i Dipartimenti regionali coinvolti nell’attuazione del POR;
— al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato sono state istituite nove posizioni organizzative;
— con nota n. 42182 del 29.12.2010 acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 30.12.2010 al n. 23024, il Dirigente
Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato ha comunicato l’assegnazione della posizione organizzativa di responsabile «Obiettivo Specifico B» al dipendente Sinibaldo Esposito.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Sinibaldo Esposito, matricola 283880, al conferimento
della responsabilità dell’Obiettivo Specifico B.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE alla dipendente Principe Anna Maria, matricola 671500, nata il 21.01.52, residente a Catanzaro in Via Cacciatori n. 8 la responsabilità dell’Obiettivo Specifico C.
DI STABILIRE CHE:
— l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31
dicembre 2011;
— per l’espletamento dell’incarico in oggetto spettano lo
stesso trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
di 2a fascia previsto dalla deliberazione n. 662 dell’8.10.2007, i
cui costi vengono imputati sull’asse VI «Assistenza tecnica» del
POR FSE 2007/2013.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento alla dipendente Principe Anna Maria, al Dipartimento Lavoro, Politiche
della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al
BURC per la prescritta pubblicazione.
VISTI:
— la legge regionale n. 7 del 13 Maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE al dipendente Sinibaldo Esposito, matricola
283880, nato l’8.04.53, residente a Catanzaro in Via Milazzo/D
la responsabilità dell’Obiettivo Specifico B.
DI STABILIRE CHE:
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
— l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31
dicembre 2011;
— per l’espletamento dell’incarico in oggetto spettano lo
stesso trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
6530
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
di 2a fascia previsto dalla deliberazione n. 662 dell’8.10.2007, i
cui costi vengono imputati sull’asse VI «Assistenza tecnica» del
POR FSE 2007/2013.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Sinibaldo Esposito, al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato,
ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al BURC per la
prescritta pubblicazione.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE al dipendente Celentano Antonio, matricola
159000, nato il 21.06.49, residente a Reggio Calabria in La Boccetta n. 9/A, la responsabilità dell’Obiettivo Specifico A.
DI STABILIRE CHE:
— l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31
dicembre 2011;
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 197 del 17 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile Obiettivo Specifico A – dipendente Celentano Antonio matricola 159000.
IL DIRIGENTE
— per l’espletamento dell’incarico in oggetto spettano lo
stesso trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
di 2a fascia previsto dalla D.G.R. n. 662 dell’8.10.2007, i cui
costi vengono imputati sull’asse VI «Assistenza tecnica» del
POR FSE 2007/2013.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Celentano Antonio, al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato,
ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al BURC per la
prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 704 del 29.10.2010, avente per oggetto
«POR Calabria FSE 2007-2013 – Responsabili di Obiettivo Operativo – Istituzione di posizioni organizzative», sono state istituite dodici posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo
Operativo presso i Dipartimenti regionali coinvolti nell’attuazione del POR;
— al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato sono state istituite nove posizioni organizzative;
D.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 198 del 17 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013. Conferimento incarico per
la responsabilità dell’Unità di Monitoraggio – dipendente
Rijllo Domenico matricola 695125.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— con nota n. 42182 del 29.12.2010, acquisita al protocollo
di questo Settore Giuridico il 30.12.2010 al n. 23024, il Dirigente
Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato ha comunicato l’assegnazione della posizione organizzativa di responsabile «Obiettivo Specifico A» al dipendente Celentano Antonio.
— le attività di monitoraggio e di controllo di 1o livello, relative al Programma Operativo Regione Calabria FSE 2007-2013,
sono state definite nel documento dei sistemi di controllo e gestione;
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Celentano Antonio, matricola 159000, al conferimento
della responsabilità dell’Obiettivo Specifico A.
— il sistema di monitoraggio prevede la costituzione di unità
operative di monitoraggio presso ogni dipartimento per l’attuazione degli interventi cofinanziati dal FSE.
VISTI:
— la legge regionale n. 7 del 13 Maggio 1996 recante
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
VISTA la nota n. 69 del 04.01.2011, acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 04.01.2011 al n. 203, con la quale il
Dirigente Generale del Dipartimento «Cultura, Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione Tecnologica, Alta Formazione, e
Beni Culturali» ha conferito la responsabilità di Posizione Organizzativa per l’Unità di Monitoraggio al dipendente Rijllo Domenico.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Rijllo Domenico, matricola 695125, al conferimento
della Posizione Organizzativa per l’Unità di Monitoraggio.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
6531
lontariato» ha comunicato i nominativi del personale già individuato per il rinnovo della responsabilità di posizioni organizzative per l’Unità di Monitoraggio.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Parente Angelo, matricola 621365, al rinnovo della posizione organizzativa con funzioni di monitoraggio per:
— Identificazione progetti POR;
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE l’incarico della responsabilità dell’Unità di
Monitoraggio al dipendente Rijllo Domenico, matricola 695125,
nato il 26.04.55, residente a Borgia, in Trav.sa S. Martino n. 7, in
servizio presso il Dipartimento Cultura, Istruzione, Università,
Ricerca, Innovazione tecnologica, Alta Formazione, e Beni Culturali.
DI DARE ATTO che per l’espletamento dell’incarico in oggetto spetta lo stesso trattamento di indennità pari alle posizioni
organizzative di 2a fascia i cui costi vengono imputati sull’asse
VI «Assistenza tecnica» del POR FSE 2007/2013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà
durata fino al 31 dicembre 2011.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Rijllo Domenico, al Dipartimento «Cultura, Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione Tecnologica, Alta Formazione, e Beni
Culturali», ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali.
DI DISPORRE la pubblicazione del presente decreto sul
BURC.
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 199 del 17 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013. Rinnovo incarico per la responsabilità dell’Unità di Monitoraggio – dipendente Parente Angelo matricola 621365.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— le attività di monitoraggio e di controllo di 1o livello, relative al Programma Operativo Regione Calabria FSE 2007-2013,
sono state definite nel documento dei sistemi di controllo e gestione;
— il sistema di monitoraggio prevede la costituzione di unità
operative di monitoraggio presso ogni dipartimento per l’attuazione degli interventi cofinanziati dal FSE.
VISTA la nota n. 4111 del 20.12.2010, acquisita al protocollo
di questo Settore Giuridico il 20.12.2010 al n. 22463, con la
quale il Dirigente Generale del Dipartimento «Lavoro, Politiche
della famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Vo-
— Monitoraggio Finanziario, fisico e procedurale secondo i
sistemi di classificazione dei Regolamenti Comunitari e del
QRSN;
— Verifica della qualità e della esaustività dei dati.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI RINNOVARE senza soluzione di continuità l’incarico
della responsabilità della Unità di Monitoraggio al dipendente
Parente Angelo, matricola 621365, nato il 7.01.65, residente a
Catanzaro Lido, in Via Livorno n. 7, in servizio presso il Dipartimento «Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato».
DI DARE ATTO che per l’espletamento dell’incarico in oggetto spetta lo stesso trattamento di indennità pari alle posizioni
organizzative di 2a fascia i cui costi vengono imputati sull’asse
VI «Assistenza tecnica» del POR FSE 2007/2013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre senza soluzione di continuità dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31 dicembre 2011.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Parente Angelo, al Dipartimento «Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato»,
ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali.
DI DISPORRE la pubblicazione del presente decreto sul
BURC.
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
6532
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 200 del 17 gennaio 2011
DECRETO n. 265 del 20 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013. Rinnovo incarico responsabile Unità di Monitoraggio – dipendente Baldo Giancarlo
matricola 50650.
Dipendenti Cimino Giovanna, matr. 177225 – Griffo Anna,
matr. 380500 – Griffo Luigi, 380705 – Melidoni Maria, matr.
530550 – Vetrano Giovanni – Distacco Funzionale per il periodo di un anno presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Segreteria della Conferenza permanente per i rapporti
tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome.
IL DIRIGENTE
PREMESSO che la D.G.R. n. 628 del 21 settembre 2009
avente ad oggetto «POR Calabria FESR 2007-2013 – Istituzione
Posizioni Organizzative» prevede, di istituire n. 11 Posizioni Organizzative di Unità di Monitoraggio, una presso ogni dipartimento regionale coinvolto nell’attuazione del POR Calabria
FESR 2007/2013.
VISTA la nota n. 1823, del 23.12.2010, acquisita al protocollo
di questo Settore giuridico il 29.12.2010 al n. 22834, con la quale
il Dirigente Generale del Dipartimento Urbanistica e Governo
del Territorio ha comunicato, il rinnovo dell’attribuzione della
Posizione Organizzativa per l’Unità di Monitoraggio, al dipendente Baldo Giancarlo matricola 50650.
RITENUTO pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Baldo Giancarlo al rinnovo della posizione organizzativa per l’Unità di Monitoraggio.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante: «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D. Lgs.
29/93 e ss. mm. e ii.»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI RINNOVARE l’incarico della Posizione Organizzativa per
l’Unità di Monitoraggio al dipendente Baldo Giancarlo matricola 50650, nato il 25.03.56, residente a Crotone in P.zza
Beethoven n. 3, in servizio presso il Dipartimento Urbanistica e
Governo del Territorio.
DI DARE ATTO che per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 628/09 sopra indicate viene corrisposto al dipendente
Baldo Giancarlo il trattamento di indennità pari alle posizioni
organizzative di 2a fascia i cui costi sono a carico dell’Asse IX –
«Assistenza tecnica» del POR FESR 2007/2013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre dall’1 gennaio 2011 e
avrà durata fino al 31 dicembre 2011.
DI NOTIFICARE il presente provvedimento al dipendente
Baldo Giancarlo, Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio, al Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria, ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e
Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al BURC per
la prescritta pubblicazione.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO:
CHE con accordo del 29 luglio 2010 – intervenuto tra Governo, Regioni e province autonome – è stato stabilito che l’Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra
lo Stato, le Regioni e le Province Autonome può avvalersi per le
prestazioni di livello non dirigenziale anche di personale «di prestito» in posizione di distacco, di cui all’art. 9 del D.Lgs. 303/99,
proveniente dalle Regioni e Province Autonome, in possesso di
specifiche capacità e competenze professionali e da esse assegnato per l’espletamento dei compiti istituzionali del predetto
Ufficio.
CHE il punto 2 del suddetto accordo statuisce che, fermo restando il rapporto di dipendenza organica del personale distaccato con le amministrazioni di appartenenza, cui compete il provvedimento di assegnazione, l’Ufficio di Segreteria è legittimato
all’esercizio dei poteri gerarchici, in analogia a quanto avviene
per i dipendenti comandati presso la Presidenza del Consiglio
dei Ministri.
CHE al successivo punto 3 è stato stabilito di estendere la
disciplina relativa alla gestione del rapporto di lavoro del personale comandato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri
anche al personale assegnato, ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs.
281/97, alla Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome e che, pertanto, i provvedimenti di assegnazione del personale distaccato
sono da rinnovarsi di anno in anno e la loro efficacia cessa al
cessare delle esigenze di servizio che ne hanno determinato
l’emanazione, o qualora venga meno l’assenso del personale interessato.
CHE in virtù di tale accordo la spesa per la corresponsione
delle competenze fisse del trattamento economico fondamentale
spettante al medesimo personale è a carico delle rispettive amministrazioni di provenienza, mentre, gli oneri per il trattamento
economico accessorio sono a carico della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
CHE la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Segretariato
Generale Dipartimento per le Politiche di gestione e di Sviluppo
delle Risorse Umane, con nota Prot. n. 0050632 P-2.67.3.1.7 del
23 dicembre 2010, pervenuta al protocollo di questo Settore il 27
dicembre 2010 ed acquisite in pari data al n. 22791, acquisito il
preventivo assenso degli interessati, ha chiesto di continuare ad
avvalersi in posizione di distacco funzionale per le esigenze della
Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo
Stato, le Regioni e le Province Autonome, dei sotto elencati dipendenti:
— Cimino Giovanna, nata a Crotone il 14 maggio 1961, residente a Roma in Via della Martinica, 165 – Cat. D1;
— Griffo Anna, nata a S. Onofrio il 6 dicembre 1948, e ivi
residente in Via Ipponio c/o Griffo Angelo – Cat. D1;
Catanzaro, lì 17 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
— Griffo Luigi, nato a S. Onofrio il 25 febbraio 1957, residente a Roma – Artena in c.da La Grazia, 1/a – Cat. C;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— Melidoni Maria, nata a Briatico il 07 luglio 1958, residente a Roma in Via Clemente IX/31 – Cat. D1;
— Vetrano Giovanni, nato a Guardavalle il 12 dicembre 1950,
residente ad Anzio (Roma) in Via del Quadrato, 12 – Cat. B3.
RITENUTO dover prendere atto di quanto sopra rappresentato e, per l’effetto, distaccare presso la Presidenza del Consiglio
dei Ministri i succitati dipendenti della Giunta Regionale della
Calabria.
DARE ATTO che ai sensi della D.G.R. n. 620 del 20 Settembre 2010 il presente provvedimento non comporta a carico
della Giunta Regionale alcun aggravio di spesa.
VISTI:
— la Legge Regionale n. 7 del 13 maggio 1996 e ss.mm.;
— il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001 e ss.mm.;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi;
— il DPGR n. 354/99;
— l’art. 12 c. 4 della L. 400/88;
— l’art. 10 c. 2 del D.Lgs. 281/97;
6533
5. di dare atto che, la spesa relativa al trattamento economico spettante agli interessati, per l’intero periodo di distacco
resta a carico di questa amministrazione e, che ai sensi della
D.G.R. 620 del 20 settembre 2010 non vi è aggravio di spesa sul
bilancio Regionale;
6. di dare mandato ai Settori Giuridico ed Economico-Previdenziale, per gli adempimenti conseguenti al presente provvedimento;
7. di notificare il presente Decreto:
— agli interessati;
— all’Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per
i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome in Via
della Stamperia, 8 – 00187 – Roma;
— alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale – Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo
delle Risorse Umane – Servizio reclutamento e mobilità;
— a tutte le Strutture competenti;
8. di provvedere alla pubblicazione integrale del presente
provvedimento sul B.U.R. Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
— DPCM 19 marzo 1999 n. 98 e ss.mm. e ii.;
Dott.ssa Rosalia Marasco
— l’accordo del 29 luglio 2010.
SU proposta dell’Ufficio interessato, formulata alla stregua
dell’istruttoria compiuta dalle Strutture competenti.
DECRETA
Di richiamare quanto riportato in preambolo, narrativa e motivazioni come parte integrante del presente dispositivo;
1. di prendere atto della nota della Presidenza del Consiglio
dei Ministri – Segretariato Generale Dipartimento per le Politiche di gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane, n. 0050632
P-2.67.3.1.7 del 23 dicembre 2010, con la quale è stata chiesta la
prosecuzione del distacco funzionale dei dipendenti della Giunta
già distaccati per le esigenze della Segreteria della Conferenza
Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province
Autonome, nonché delle dichiarazioni di assenso degli interessati;
2. di disporre il distacco funzionale ai sensi degli artt. 12 c. 4
della L. 400/88, 10 c. 2 del D.Lgs. 281/97 e del DPCM 19 marzo
1999 n. 98 e ss.mm. e ii., nonché dell’accordo del 29 luglio 2010,
dei dipendenti, come sopra generalizzati, presso l’Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato,
le Regioni e le Province Autonome;
3. di stabilire che, i distacchi in questione vengono disposti
per un periodo di dodici mesi, a decorrere dalla data dell’1 gennaio 2011 e scadranno con decorrenza 31 dicembre 2011, salvo
cause di cessazione anticipata previste dalla disciplina in materia;
4. di stabilire che, allo scadere dei distacchi in argomento,
qualora non intervenga proroga, gli interessati dovranno rientrare nei Dipartimenti di appartenenza delle rispettive Amministrazioni, senza necessità di ulteriori comunicazioni o adempimenti da parte di questo Settore Giuridico;
DECRETO n. 279 del 20 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico D – F» – dipendente
D’Ambrosio Andrea matricola 232990.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 704 del 29.10.2010, avente per oggetto
«POR Calabria FSE 2007-2013 – Responsabili di Obiettivo Operativo – Istituzione di posizioni organizzative», sono state istituite dodici posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo
Operativo presso i Dipartimenti regionali coinvolti nell’attuazione del POR;
— al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato sono state istituite nove posizioni organizzative;
— con nota n. 42182 del 29.12.2010 acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 30.12.2010 al n. 23024, il Dirigente
Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato ha comunicato l’assegnazione della posizione organizzativa di responsabile «Obiettivo Specifico D – F» al dipendente D’Ambrosio Andrea.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente D’Ambrosio Andrea, matricola 232990, al conferimento della responsabilità dell’Obiettivo Specifico D – F.
6534
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei
Servizi.
DECRETA
— alla domanda di riconoscimento economico inoltrata è allegata la richiesta del dipendente di fruire di n. 18 giorni di ferie,
rigettata dal Dirigente per inderogabili esigenze di servizio, connesse all’attività lavorativa.
VISTI
— l’art. 18 comma 16 del vigente CCNL Regioni Enti Locali,
che consente il pagamento sostitutivo delle ferie, qualora le
stesse, all’atto della cessazione del rapporto di lavoro, non siano
state fruite per esigenze di servizio;
— la D.G.R. n. 548 del 06/06/05.
RITENUTO dover provvedere a riguardo.
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE la responsabilità dell’Obiettivo Specifico
D – F, al dipendente D’Ambrosio Andrea, matricola 232990,
nato il 03.07.74, residente a Cosenza in Via Montevideo n. 53/A.
SU conforme proposta dell’Ufficio competente, formulata alla
stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono
integralmente riportate, di:
DI STABILIRE CHE:
— l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31
dicembre 2011;
— per l’espletamento dell’incarico in oggetto spettano lo
stesso trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
di 2a fascia previsto dalla deliberazione n. 662 dell’8.10.2007, i
cui costi vengono imputati sull’asse VI «Assistenza tecnica» del
POR FSE 2007/2013.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
D’Ambrosio Andrea, al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato,
ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al BURC per la
prescritta pubblicazione.
— liquidare al signor Anania Andrea, nato a Melito Porto
Salvo il 01/08/1944, già dipendente della Regione Calabria matr.
29500, in servizio presso il Dipartimento n. 10 Settore Politiche
Sociali, cessato dal servizio il 31 dicembre 2010, una somma
pari alla retribuzione complessiva per giorni 18 (diciotto) di congedo ordinario non fruito nell’anno 2010 per indifferibili esigenze di servizio, come previsto dall’art. 18 comma 16 del vigente CCNL Regioni Enti Locali;
— dare mandato al Settore Economico di adottare i conseguenti provvedimenti di competenza;
— notificare il presente Decreto al Settore Gestione Economica del Personale e all’interessato, signor Anania Andrea, residente a Monasterace (RC), in Via Nazionale Jonica n. 239;
— pubblicare il presente provvedimento sul BUR Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 281 del 20 gennaio 2011
Dip. Anania Andrea – matr. n. 29500 – Liquidazione congedo ordinario non fruito, anno 2010.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO CHE,
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 282 del 20 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013 – Erogazione retribuzione
di risultato – dipendente Spagnolo Luciano matricola
782800.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
— il signor Andrea Anania, nato a Melito Porto Salvo il 01/
08/1944, già dipendente della Regione Calabria, in servizio
presso il Dipartimento n. 10 Settore Politiche Sociali con sede a
Catanzaro, matr. 29500, in data 01 gennaio 2011 veniva collocato a riposo per dimissioni volontarie;
PREMESSO che la D.G.R. n. 628 del 21 settembre 2009,
avente ad oggetto «POR Calabria FESR 2007-2013 – Istituzione
Posizioni Organizzative», ha istituito n. 11 Posizioni Organizzative di Unità di Monitoraggio, una presso ogni Dipartimento Regionale coinvolto nell’attuazione del POR Calabria FESR 2007/
2013.
— con istanza prot. n. 01301 del 17/01/2011 il signor Anania
chiedeva la monetizzazione dei giorni di congedo ordinario maturati e non fruiti nell’anno 2010 per indifferibili esigenze di servizio;
CONSIDERATO che, con nota n. 2420 del 09.12.2010 trasmessa dal Dirigente Generale del Dipartimento Infrastrutture,
Lavori Pubblici, Politiche della Casa, ERP, ABR, Risorse
Idriche, Ciclo Integrato delle Acque e acquisita al protocollo di
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
questo Settore Giuridico al n. 22047 del 15.12.2010, si comunica
la positiva valutazione, per l’arco temporale di riferimento e precisamente dal 1.01.2010 al 30.10.2010, dell’attività espletata del
dipendente Spagnolo Luciano in ordine alla responsabilità della
Posizione Organizzativa per l’Unità di Monitoraggio.
ACCERTATO:
— che il trattamento economico è equiparato al livello retributivo di 2a fascia come definito nell’allegato C) dalla deliberazione n. 662 dell’08.10.07 come di seguito specificato:
1) retribuzione di posizione nella misura di Euro 12.910,00
annui lordi per 13 mensilità;
2) retribuzione di risultato in ragione del 25% della somma
di cui al punto 1) a seguito di valutazione annuale da parte del
Dirigente Generale del Dipartimento a cui l’Unità di Monitoraggio fa riferimento;
— che la copertura finanziaria è a carico dell’Asse IX – «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale» del POR Calabria FESR 2007/2013.
RITENUTO, quindi, che al dipendente di che trattasi va corrisposta la residua somma di c 2.689,50 al lordo delle ritenute di
legge, quale retribuzione di risultato.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del presente dispositivo.
DI RICONOSCERE al responsabile della Posizione Organizzativa per Unità di Monitoraggio, Sig. Spagnolo Luciano, matricola 782800, nato il 14.01.52, residente a Roccella Jonica in Via
V. Emanuele n. 78, a seguito della valutazione positiva espressa
dal competente Dirigente Generale del Dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici, Politiche della Casa, ERP, ABR, Risorse
Idriche, Ciclo Integrato delle Acque, la retribuzione di risultato
nella misura di c 2.689,50 così come determinata dagli atti in
narrativa richiamati e precisamente dal 01.01.2010 al
30.10.2010.
DI STABILIRE che gli oneri conseguenti alla liquidazione di
tale trattamento economico graveranno sulle risorse all’Asse IX
– «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale» del POR
Calabria FESR 2007/2013.
6535
DI AUTORIZZARE il Dirigente del Settore Economico del
Dipartimento Organizzazione del Personale, alla liquidazione
della somma di cui al presente decreto.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Spagnolo Luciano, al Dipartimento Programmazione Nazionale
e Comunitaria e al BURC per la prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Dott.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 285 del 20 gennaio 2011
POR Calabria FESR 2007-2013 – Erogazione retribuzione
di risultato – Dipendente Papaleo Guglielmo – matricola
619370.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO che la D.G.R. n. 628 del 21 settembre 2009,
avente ad oggetto «POR Calabria FESR 2007-2013 – Istituzione
Posizioni Organizzative», ha istituito n. 36 Posizioni Organizzative di Responsabile di Linea di Intervento, di cui quindici presso
il Dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici, Politiche della
Casa, ERP, ABR, Risorse Idriche, Ciclo Integrato delle Acque.
CONSIDERATO che con nota n. 5266 del 7.12.2010, trasmessa dal Dirigente del Settore n. 3 del Dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici, Politiche della Casa, ERP, ABR, Risorse
Idriche, Ciclo Integrato delle Acque e acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 15.12.2010 al n. 22059, si comunica
la positiva valutazione per l’arco temporale di riferimento e precisamente dal 23.12.2009 al 4.11.2010, dell’attività espletata del
dipendente Papaleo Guglielmo in ordine alla responsabilità delle
Linee d’Intervento 6.1.4.5. – Sicurezza Stradale.
ACCERTATO CHE:
— il trattamento economico è equiparato al livello retributivo
di 2a fascia come definito nell’allegato c) alla deliberazione n.
662 dell’08.10.07 come di seguito specificato:
a) retribuzione di posizione nella misura di Euro 12.910,00
annui lordi per 13 mensilità;
b) retribuzione di risultato in ragione del 25% della somma di
cui al punto 1) a seguito di valutazione annuale da parte del Dirigente di Settore del Dipartimento a cui la linea di intervento fa
riferimento;
— la copertura finanziaria è a carico dell’Asse IX «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale» del POR Calabria
FESR 2007/2013.
RITENUTO, necessario, corrispondere la residua somma di c
2.806,04 al lordo delle ritenute di legge, quale retribuzione di
risultato al dipendente Papaleo Guglielmo.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
6536
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— con nota n. 466 dell’11.01.2011, il Dirigente Generale del
succitato Dipartimento, comunica le dimissioni dall’incarico di
responsabile della linea di intervento del dipendente Labonia
Franco, dal 16.11.2010.
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
VISTA la nota del 17.11.2010, n. 416, acquisita a questo Settore Giuridico al prot. n. 20047, del 22.11.2010, il Dirigente Generale del Dipartimento «Politiche dell’Ambiente» ha assegnato
la responsabilità della linea di intervento 5.1.1.1. «Sviluppo di
attività economiche sostenibili» al dipendente Anoja Michelangelo.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI RICONOSCERE, al responsabile della Linea d’Intervento
6.1.4.5. – Sicurezza Stradale, Sig. Papaleo Guglielmo, matricola
619370, nato il 14.05.73, residente a San Mauro Marchesato in
Via Nazionale, a seguito della valutazione positiva espressa dal
Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Infrastrutture, Lavori
Pubblici, Politiche della Casa, ERP, ABR, Risorse Idriche, Ciclo
Integrato delle Acque, la retribuzione di risultato nella misura di
c 2.806,04 così come determinata dagli atti in narrativa richiamati e precisamente dal 23.12.2009 al 4.11.2010.
DI STABILIRE che gli oneri conseguenti alla liquidazione di
tale trattamento economico graveranno sulle risorse all’Asse IX
– «Assistenza Tecnica e Cooperazione Interregionale» del POR
Calabria FESR 2007/2013.
DI AUTORIZZARE il Dirigente del Settore Economico del
Dipartimento Organizzazione del Personale, alla liquidazione
della somma di cui al presente decreto.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Papaleo Guglielmo, al Dipartimento Programmazione Nazionale
e Comunitaria e al BURC per la prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 288 del 20 gennaio 2011
POR FESR 2007-2013. Conferimento Posizione Organizzativa per la responsabilità della Linea d’Intervento 5.1.1.1.
al dipendente Anoja Michelangelo matricola 31900.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 628 del 21 settembre 2009, avente ad oggetto «POR Calabria FESR 2007-2013 – Istituzione Posizioni
Organizzative» sono state istituite n. 36 Posizioni Organizzative
di Responsabile di Linea di Intervento;
— con successiva D.G.R. n. 866 del 29.12.10, sono state istituite ulteriori n. 3 Posizioni Organizzative e contestualmente si è
provveduto a modificare la distribuzione ai vari dipartimenti
delle Posizioni Organizzative, istituite con la sopra citata D.G.R.
n. 628/09;
— con decreto n. 12742 del 2.09.10, è stato conferito al dipendente Labonia Franco, matricola 411800, in servizio presso il
Dipartimento Politiche dell’Ambiente, la responsabilità della
linea di intervento 5.1.1.1. «Sviluppo di attività economiche sostenibili» con decorrenza 3.08.2010 al 31.12.2010;
RITENUTO necessario:
— prendere atto delle dimissioni del dipendente Labonia
Franco;
— conferire la Posizione Organizzativa per la responsabilità
della linea di intervento 5.1.1.1. «Sviluppo di attività economiche sostenibili» al dipendente Anoja Michelangelo.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI PRENDERE ATTO delle dimissioni di responsabile della
linea di intervento 5.1.1.1., del dipendente Labonia Franco dal
16.11.2010.
DI CONFERIRE l’incarico della Posizione Organizzativa per
la responsabilità della linea di intervento 5.1.1.1. «Sviluppo di
attività economiche sostenibili» al dipendente Anoja Michelangelo, matricola 31900, nato il 07.08.53, residente a Badolato in
Via Nazionale 68.
DI DARE ATTO che per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 662/07, viene corrisposto al dipendente Anoja Michelangelo, il trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
di 2a fascia i cui costi sono a carico dell’Asse IX – «Assistenza
tecnica» del POR FESR 2007/2013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre dal 17.11.2010 e avrà
durata fino al 31.12.2010.
DI NOTIFICARE il presente provvedimento ai dipendenti
Anoja Michelangelo e Labonia Franco, al Dipartimento «Politiche dell’Ambiente», al Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria, ai Settori competenti del Dipartimento Organizzazione e Personale per gli adempimenti consequenziali e
al BURC per la prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 289 del 20 gennaio 2011
POR 2007-2013. Conferimento Responsabilità della Linea
di Intervento – Dip. Galati Giuseppe matricola 335500.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 628 del 21 settembre 2009, avente ad oggetto «POR Calabria FESR 2007-2013 – Istituzione Posizioni
Organizzative» sono state istituite n. 36 Posizioni Organizzative
di Responsabile di Linea d’Intervento;
— con successiva D.G.R. n. 866 del 29.12.2010, sono state
istituite ulteriori n. 3 Posizioni Organizzative, e si è provveduto a
modificare la distribuzione ai vari Dipartimenti delle Posizioni
Organizzative istituite con la succitata D.G.R. n. 628/09.
VISTA la nota del 23.12.10, prot. n. 13783, acquisita al protocollo di questo Settore Giuridico il 10.01.2011 al n. 522, con la
quale il Dirigente Generale del Dipartimento Cultura, Istruzione,
Università, Ricerca, Innovazione Tecnologica, Alta Formazione
e Beni Culturali ha assegnato la responsabilità delle Linee di
Intervento:
6537
— 5.2.2.3 «Portale (Calabria Cultura)»;
— 5.2.2.4 «Azioni per lo sviluppo dell’Arte Contemporanea
in Calabria» del POR Calabria FESR 2007-2013 al dipendente
Galati Giuseppe, matricola 335500, nato il 02.08.49 e residente a
Montepaone in Via delle Regioni n. 9, in servizio presso il Dipartimento Cultura, Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione
Tecnologica, Alta Formazione e Beni Culturali.
DI DARE ATTO che per effetto delle previsioni di cui alla
D.G.R. 662/07, sopra indicate viene corrisposto al dipendente
Galati Giuseppe, il trattamento di indennità pari alle posizioni
organizzative di 2a fascia i cui costi sono a carico dell’Asse IX –
«Assistenza tecnica» del POR FESR 2007/2013.
DI STABILIRE che l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà
durata fino al 31 dicembre 2011.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Galati Giuseppe, al Dipartimento Programmazione Nazionale e
Comunitaria, ai Settori competenti del dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al
BURC per la prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
— 5.2.2.1 «Azioni per la qualificazione e valorizzazione del
Sistema Museale Regionale»;
D.ssa Rosalia Marasco
— 5.2.2.2 «Azioni per la qualificazione e la valorizzazione
del Sistema dei Teatri Regionale»;
— 5.2.2.3 «Portale (Calabria Cultura)»;
DECRETO n. 291 del 20 gennaio 2011
— 5.2.2.4 «Azioni per lo sviluppo dell’Arte Contemporanea
in Calabria» del POR Calabria FESR 2007-2013 al dipendente
Galati Giuseppe.
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico O» – dipendente Costa
Antonio – matricola 210400.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Galati Giuseppe, matricola 335500, al conferimento
dell’incarico di responsabile delle Linee di intervento: 5.2.2.1 −
5.2.2.2 − 5.2.2.3 − 5.2.2.4.
IL DIRIGENTE
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e
dei Servizi.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE l’attribuzione della Posizione Organizzativa
per la responsabilità delle Linee di Intervento:
— 5.2.2.1 «Azioni per la qualificazione e valorizzazione del
Sistema Museale Regionale»;
— 5.2.2.2 «Azioni per la qualificazione e la valorizzazione
del Sistema dei Teatri Regionale»;
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 704 del 29.10.2010, avente per oggetto
«POR Calabria FSE 2007-2013 – Responsabili di Obiettivo Operativo – Istituzione di posizioni organizzative», sono state istituite dodici posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo
Operativo presso i Dipartimenti regionali coinvolti nell’attuazione del POR;
— al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato sono state istituite nove posizioni organizzative;
— con nota n. 74 del 04.01.2011, acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 10.01.2011 al n. 473, il Dirigente Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato ha comunicato l’assegnazione della posizione organizzativa di responsabile «Obiettivo Specifico O» al dipendente Costa Antonio.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Costa Antonio, matricola 210400, al conferimento
della responsabilità dell’Obiettivo Specifico O.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
6538
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei
Servizi.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE la responsabilità dell’Obiettivo Specifico O,
al dipendente Costa Antonio, matricola 210400, nato il 29.11.53,
residente a Catanzaro in Vico IV Ospedale Civile n. 16.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente Scrivano Renato, matricola 760900, al conferimento
della responsabilità dell’Obiettivo Specifico E.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei
Servizi.
DI STABILIRE CHE:
— l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31
dicembre 2011;
— per l’espletamento dell’incarico in oggetto spettano lo
stesso trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
di 2a fascia previsto dalla deliberazione n. 662 dell’8.10.2007, i
cui costi vengono imputati sull’asse VI «Assistenza tecnica» del
POR FSE 2007/2013.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Costa Antonio, al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia,
Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale»
per gli adempimenti consequenziali ed al BURC per la prescritta
pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
DECRETO n. 292 del 20 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Specifico E» – dipendente Scrivano Renato matricola 760900.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE la responsabilità dell’Obiettivo Specifico E,
al dipendente Scrivano Renato, matricola 760900, nato il
13.04.51, residente a Cosenza in Via Don Carlo de Cardona n.
19.
DI STABILIRE CHE:
— l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31
dicembre 2011;
— per l’espletamento dell’incarico in oggetto spettano lo
stesso trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
di 2a fascia previsto dalla deliberazione n. 662 dell’8.10.2007, i
cui costi vengono imputati sull’asse VI «Assistenza tecnica» del
POR FSE 2007/2013.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
Scrivano Renato, al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, ai
Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al BURC per la
prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 704 del 29.10.2010, avente per oggetto
«POR Calabria FSE 2007-2013 – Responsabili di Obiettivo Operativo – Istituzione di posizioni organizzative», sono state istituite dodici posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo
Operativo presso i Dipartimenti regionali coinvolti nell’attuazione del POR;
— al Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato sono state istituite nove posizioni organizzative;
— con nota n. 42182 del 29.12.2010 acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 30.12.2010 al n. 23024, il Dirigente
Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato ha comunicato l’assegnazione della posizione organizzativa di responsabile «Obiettivo Specifico E» al dipendente Scrivano Renato.
DECRETO n. 293 del 20 gennaio 2011
POR FSE 2007-2013. Assegnazione Posizione Organizzativa responsabile «Obiettivo Operativi I2-L3» – dipendente
De Filippis Antonio – matricola 243100.
IL DIRIGENTE
PREMESSO CHE:
— con D.G.R. n. 704 del 29.10.2010, avente per oggetto
«POR Calabria FSE 2007-2013 – Responsabili di Obiettivo Operativo – Istituzione di posizioni organizzative», sono state istituite dodici posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo
Operativo presso i Dipartimenti regionali coinvolti nell’attuazione del POR;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— al Dipartimento Cultura, Istruzione, Università, Ricerca,
Innovazione Tecnologica, Alta Formazione e Beni Culturali, è
stata istituita una posizione organizzativa;
— con nota n. 13782 del 23.12.2010 acquisita al protocollo di
questo Settore Giuridico il 10.11.2011 al n. 520, il Dirigente Generale del Dipartimento Cultura, Istruzione, Università, Ricerca,
Innovazione Tecnologica, Alta Formazione e Beni Culturali, ha
comunicato l’assegnazione della posizione organizzativa con
funzioni di responsabilità degli «Obiettivi Operativi I2-L3» al
dipendente De Filippis Antonio.
RITENUTO, pertanto, dover provvedere nei confronti del dipendente De Filippis Antonio, matricola 243100, al conferimento della responsabilità degli «Obiettivi Operativi I2-L3».
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale»;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «Separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il vigente Regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei
Servizi.
DECRETA
DI RICHIAMARE le motivazioni e le considerazioni in premessa esposte come parte integrante del dispositivo.
DI CONFERIRE la responsabilità «Obiettivi Operativi I2L3», al dipendente De Filippis Antonio, matricola 243100, nato
il 14.03.50, residente a Catanzaro in Via Angitola 2/B.
DI STABILIRE CHE:
— l’incarico decorre dall’1.01.2011 e avrà durata fino al 31
dicembre 2011;
— per l’espletamento dell’incarico in oggetto spettano lo
stesso trattamento di indennità pari alle posizioni organizzative
di 2a fascia previsto dalla deliberazione n. 662 dell’8.10.2007, i
cui costi vengono imputati sull’asse VI «Assistenza tecnica» del
POR FSE 2007/2013.
DI TRASMETTERE il presente provvedimento al dipendente
De Filippis Antonio, al Dipartimento Cultura, Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione Tecnologica, Alta Formazione e
Beni Culturali, ai Settori competenti del Dipartimento «Organizzazione e Personale» per gli adempimenti consequenziali ed al
BURC per la prescritta pubblicazione.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
D.ssa Rosalia Marasco
6539
DECRETO n. 397 del 25 gennaio 2011
Arch. Pandullo Giovanni. Conferimento incarico di Dirigente del Servizio n. 7 «Coordinamento Uffici Decentrati,
Polizia Locale, Bollettino Ufficiale».
IL DIRIGENTE
PREMESSO:
— che l’art. 10, comma 3 della Legge Regionale 7 agosto
2002, n. 31 prevede che «gli incarichi di funzioni dirigenziali
sono conferiti dai dirigenti con funzioni di livello generale ai
dirigenti assegnati alle strutture di propria competenza con Deliberazione della Giunta Regionale, assunta su proposta dell’Assessore al Personale»;
— che la Giunta Regionale, con deliberazione n. 815 del 14
Dicembre 2010, ha disposto, tra l’altro, di assegnare l’arch. Pandullo Giovanni, dirigente di ruolo dell’Ente, al Dipartimento
«Organizzazione e Personale» quale Dirigente di Servizio;
— che con Delibera di Giunta regionale n. 440/2010 si è provveduto a specificare che gli incarichi dei dirigenti, appartenenti
al ruolo regionale, sono attribuiti per il periodo di tre anni, fatti
salvi i successivi provvedimenti di rotazione, ai sensi dell’art.
24, comma 5, della Legge Regionale n. 7 del 13 maggio 1996.
PRESO ATTO:
— che, ai sensi dell’art. 28 della Legge Regionale n. 7 del 13
maggio 1996 e s.m.i., la proposizione alle strutture dipartimentali del personale assegnato è di competenza del Dirigente Generale;
— che l’art. 23 della Legge Regionale n. 7 del 21 agosto 2006,
disciplina il sistema di valutazione dei Dirigenti;
— che l’art. 5 del Regolamento n. 4 del 28 dicembre 2006
stabilisce che gli obiettivi annuali sono attribuiti dal Dirigente
Generale ai Dirigenti assegnati al Dipartimento.
VISTI:
— la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996, recante «Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e
sulla dirigenza regionale» ed in particolare l’art. 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente Generale;
— il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente della
Regione recante: «separazione dell’attività di indirizzo e di controllo da quella di gestione», modificato con D.P.G.R. 206 del 15
dicembre 2000;
— il D.P.G.R. n. 127 del 12 maggio 2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento «Organizzazione e Personale»;
— la L.R. n. 7 del 21 agosto 2006;
— il D.Lgs. n. 165 del 30 marzo 2001 e s.m.i.
6540
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETA
DI CONFERIRE al dirigente regionale arch. Pandullo Giovanni, assegnato a questo Dipartimento giusta deliberazione di
Giunta n. 815 del 14 dicembre 2010 – l’incarico di Dirigente del
Servizio n. 7 «Coordinamento Uffici Decentrati, Polizia Locale,
Bollettino Ufficiale» del Settore n. 4 «Provveditorato, Economato, Bollettino Ufficiale» del Dipartimento «Organizzazione e
Personale».
DI STABILIRE che in riferimento all’incarico di cui al precedente punto gli obiettivi per l’anno 2011 saranno specificati con
successivo provvedimento e notificati da questa Direzione Generale.
DI NOTIFICARE il presente provvedimento al Dirigente interessato arch. Pandullo Giovanni, al Settore n. 1 «Organizzazione, Giuridico, Esternalizzazione» del Dipartimento «Organizzazione e Personale» all’UOA «Coordinamento delle Direzioni
Generali e Controlli interni».
DI DISPORRE la pubblicazione integrale del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 25 gennaio 2011
Il Dirigente Generale
Avv. Umberto Nucara
DECRETO n. 410 del 26 gennaio 2011
Sig. Giubilei Maurizio: Presa d’atto dell’ordinanza resa
nel procedimento ex art. 700 c.p.c. dal Giudice del Lavoro del
Tribunale di Catanzaro.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
PREMESSO:
— che, il Sig. Giubilei Maurizio ha adito con ricorso ex art.
700 c.p.c. il Giudice del lavoro del Tribunale di Catanzaro affinchè, fosse accertato il suo diritto «all’assorbimento» per effetto della delibera di Giunta n. 283 del 25.3.2010 «nell’organico
del personale regionale e alla stipula, con urgenza ed immediatezza il contratto di lavoro a tempo indeterminato con il ricorrente»;
— che il Giudice del lavoro adito, sentite le parti, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 24.11.2010 con ordinanza depositata in cancelleria il 29 novembre 2010, ha acclamato «seppure nei limiti del giudizio sommario proprio della
fase, il diritto del ricorrente a proseguire il suo rapporto di lavoro
subordinato alle dipendenze della Regione Calabria» e pertanto
ha così testualmente provveduto:
− «Accoglie il ricorso e per l’effetto dispone che la Regione Calabria, dando seguito alla deliberazione della giunta Regionale n. 283 del 25.3.2010, subentri nel rapporto di lavoro subordinato intrattenuto con la “Agris Coldiretti”;
− Condanna la Regione Calabria a rifondere al ricorrente le
spese del giudizio che liquida in c 700,00 (di cui c 430,00 per
diritti) oltre accessori di legge».
PRECISATO:
— che con la Delibera n. 283 del 25.3.2010 la Giunta Regionale ha disposto ed autorizzato – ai sensi dell’interpretazione che
il legislatore regionale – con l’art. 42 co. 4 della L.R. 15/08 – ha
dato dell’art. 10 co. 2 della L.R. 19/99, così come modificato
dall’art. 13 co. 1 L.R. 22/07:
a) «il subentro nel contratto, relativo al personale in questione
e di cui all’allegato 1» (ex dipendenti della disciolta Agris
Coldiretti) «della regione e per essa del Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione»;
b) «il Dipartimento Organizzazione e Personale ad assicurare
tutto l’avvalimento necessario per la gestione del citato contratto
significando che il Dipartimento Agricoltura, Foresta e Forestazione autorizzerà il Dipartimento Organizzazione e Personale ad
effettuare i pagamenti relativi al personale di cui al contratto con
i fondi allocati sul capitolo 5112101 “spese per le attività di divulgazione in agricoltura (L.R. 26.7.99 n. 19)”»;
— che, in riferimento all’attuazione della sopra citata deliberazione, il Dipartimento del personale – già nella fase istruttoria
che ha preceduto l’approvazione della Delibera di Giunta n. 283
del 25.03.2010 e successivamente all’approvazione della stessa,
rispettivamente con nota prot. n. 396 del 21 aprile 2009 a firma
del pro tempore direttore generale e con nota prot. n. 11489 del
13 luglio 2010 a firma del Dirigente del settore Giuridico, aveva
rappresentato che, a fronte di evidenti profili d’illegittimità rispetto alla normativa nazionale sul pubblico impiego, non si potesse, per quanto di propria competenza, dare esecuzione alla
stessa;
— che in particolare con la sopra citata nota prot. n. 11489 del
13 luglio 2010, a fronte dell’atto con cui il Dr. Giubilei Maurizio
ha diffidato il Dipartimento del Personale a dare esecuzione alla
Delibera di Giunta n. 283/2010, si è ritenuto informare delle problematiche sottese all’attuazione del provvedimento giuntale le
varie Direzioni generali interessate, invitando le stesse a valutare, ognuno per quanto di propria competenza, i provvedimenti
da assumere;
— che nelle more del procedimento istruttorio di cui ai precedenti punti, avendo il Dr. Giubilei proceduto per le vie legali, il
Giudice del lavoro, adito in via d’urgenza ai sensi dell’art. 700
c.p.c., ha condannato la Regione Calabria a subentrare nel rapporto di lavoro subordinato precedentemente intrattenuto dal Dr.
Giubilei con «Agris Coldiretti».
RITENUTO:
— di dovere – su conforme parere espresso su analogo contenzioso dall’Avvocatura Regionale con nota prot. n. 0952/U del
26.10.2010, procedere a prendere atto della sopra citata Ordinanza emessa dal Giudice del Lavoro del Tribunale di Catanzaro
e pertanto, dando seguito alla delibera di Giunta n. 287 del
25.03.2010, assumere il ricorrente Sig. Giubilei Maurizio subentrando nel rapporto di lavoro subordinato dallo stesso precedentemente intrattenuto con l’Agris Coldiretti;
— di fare comunque salvo ogni diritto ed azione all’esito di
un eventuale giudizio di merito;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— di precisare che gli oneri che ne derivano devono essere
riconosciuti come debito fuori bilancio ai sensi dell’art. 45 bis
della Legge Regionale 4 febbraio 2002, n. 8 e s.m.i.
VISTO:
— la Delibera di Giunta n. 287 del 25.03.2010;
— l’art. 10 della Legge Regionale n. 19/1999 così come modificata dalla Legge Regionale n. 22/2007;
— la Legge Regionale n. 7/96;
— il D.P.G.R. 354 del 24/06/99 avente ad oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione» e successive modifiche.
DECRETA
Richiamare quanto riportato in preambolo, narrativa e motivazioni come parte integrante del presente dispositivo.
Prendere atto dell’Ordinanza cautelare emessa nel giudizio
iscritto al n. 13452 del ruolo generale degli affari contenziosi –
che costituisce parte integrante del presente atto – con la quale il
Giudice del Lavoro del Tribunale di Catanzaro, nell’accogliere il
ricorso proposto dal sig. Giubilei Maurizio ha così testualmente
provveduto:
— «Accoglie il ricorso e per l’effetto dispone che la Regione
Calabria, dando seguito alla deliberazione della giunta Regionale n. 283 del 25.3.2010, subentri nel rapporto di lavoro subordinato intrattenuto con la “Agris Codiretti”;
— Condanna la Regione Calabria a rifondere al ricorrente le
spese del giudizio che liquida in c 700,00 (di cui c 430,00 per
diritti) oltre accessori di legge».
Subentrare, per effetto di quanto sopra, nel rapporto di lavoro
precedentemente intercorso fra il Sig. Giubilei Maurizio e la disciolta «Agris Coldiretti».
Fare salvo ogni diritto ed azione all’esito di un eventuale giudizio di merito, qualora quest’ultimo dovesse avere un esito difforme dalla fase cautelare.
6541
Di riconoscere che gli oneri derivanti dall’esecuzione del
provvedimento giurisdizionale di che trattasi costituiscono debito fuori bilancio ai sensi dell’art. 45 bis della Legge Regionale
4 febbraio 2002, n. 8 e s.m.i. demandando al settore Economico e
Previdenziale gli adempimenti di cui al comma 2 del citato articolo.
Di dare atto che il settore Giuridico del Dipartimento n. 7 «Organizzazione e Personale», provvederà, previa verifica del precedente rapporto a cui si subentra, alla costituzione nei confronti
del Sig. Giubilei Maurizio del rapporto di lavoro con la stipula
del relativo contratto individuale.
Demandare al Settore Economico e Previdenziale l’adozione
degli necessari all’esatta esecuzione del giudicato, verificando
preventivamente ai sensi del comma 2 dell’art. 45 bis della L.R.
8/2002 le risorse a disposizione ed in caso negativo richiedendo
al Dipartimento Bilancio e Patrimonio le opportune variazioni al
bilancio.
Di trasmettere ai sensi del comma 3, dell’art. 45 bis della
Legge Regionale 4 febbraio 2002, n. 8 e s.m.i. copia del seguente
provvedimento di riconoscimento di debito fuori bilancio alla
Corte dei Conti per l’accertamento di eventuali responsabilità.
Incaricare il competente Ufficio del Settore Giuridico alla notifica del presente atto all’interessato Sig. Giubilei Maurizio elettivamente domiciliato presso lo Studio dell’Avv. Giuseppe Pitaro in Via F. Acri n. 88 – 88100 – Catanzaro, al Settore Economico in sede, al Dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione
ed all’Avvocatura Regionale di Catanzaro in via De Filippis n.
280.
Disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto
sul BUR Calabria.
Catanzaro, lì 26 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
Dr.ssa Rosalia Marasco
6542
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Dipartimento n. 8
URBANISTICA
E GOVERNO DEL TERRITORIO.
DECRETO n. 18873 del 29 dicembre 2010
Impegno di spesa per realizzazione di un Help Desk Urban
Center del Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la Legge Regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante
«Norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la deliberazione di Giunta Regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. n. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000.
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 3 maggio 2010, con il quale è
stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento
n. 8 Urbanistica e Governo del Territorio all’Arch. Saverio Putortì.
VISTO il D.D.G. n. 11204 del 02/08/2010 con il quale è stato
conferito al dott. Antonio Nicola De Marco l’incarico di Dirigente del Settore n. 3 «Programmazione e Politiche del Territorio, Pianificazioni Territoriali» del Dipartimento n. 8.
VISTO il DDG n. 15876 del 16.11.2010, con il quale è stato
conferito alla d.ssa Mattia Vittoria Pennestrì l’incarico di Dirigente del Servizio n. 8 «Politiche del Paesaggio, Beni Paesaggistici, Disegno del Territorio – Tutela, riqualificazione e recupero
dei centri storici e urbani, aree sottoutilizzate – Accordi di Programma Quadro» del Settore n. 3.
CONSIDERATO che il Dipartimento Urbanistica e Governo
del Territorio – al fine di realizzare un servizio che possa fornire
informazioni e assistenza ai Comuni calabresi in materia di pianificazione territoriale ed urbanistica – intende realizzare un
Help Desk Urban Center presso il Dipartimento Urbanistica e
Governo del Territorio, cui affidare, altresì, un’attività di monitoraggio e di affiancamento nella soluzione delle problematiche
più ricorrenti registrate dai Comuni medesimi.
RITENUTO, pertanto, di dover impegnare la somma di c
50.000,00, sul capitolo 32020308 del bilancio regionale che presenta la necessaria disponibilità.
VISTA la L.R. n. 8/2002 e constatato che si sono verificate le
condizioni previste dall’art. 43.
VISTA la L.R. n. 34/2002 e s.m. e i. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010 di approvazione del bilancio della Regione Calabria per l’anno finanziario 2010.
VISTA la DGR. n. 151 del 27.02.2010 con la quale è stato
approvato il documento tecnico.
VISTA la DGR. n. 152 del 27.02.2010 con la quale è stato
approvato il documento dipartimentale.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010 avente ad oggetto:
«Misure per favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010
e approvazione del «Piano dei pagamenti 2010». Atto di indirizzo per l’attuazione dell’art. 1 della Legge Regionale n. 22
dell’11 agosto 2010 – Misure di razionalizzazione e riordino
della spesa pubblica regionale.
RITENUTO che al riguardo, rimane comunque ferma ogni
autonoma valutazione del competente Settore Ragioneria del Dipartimento Bilancio e Patrimonio circa la compatibilità di quanto
disposto con il presente decreto e l’andamento complessivo delle
spese regionali anche in ordine ai riflessi che lo stesso potrebbe
avere in termini di concorrenza al mancato rispetto del patto di
stabilità, per come riportato nella delibera di G.R. n. 620 del 20
settembre 2010, e conseguenti sanzioni.
SU PROPOSTA del Dirigente del Servizio n. 8 che attesta la
legittimità del provvedimento ed ha previamente verificato e
controllato gli adempimenti di competenza.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa, che si intendono qui
integralmente riportate e confermate:
— di impegnare la somma di c 50.000,00 sul cap. 32020308
che presenta la necessaria disponibilità, per la realizzazione di un
Help Desk Urban Center presso il Dipartimento Urbanistica e
Governo del Territorio;
— di disporre la pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Dott. Antonio Nicola De Marco
DECRETO n. 18875 del 29 dicembre 2010
Capitolo 32020313. Spese per le attività del Nucleo di Valutazione Urbanistico Territoriale (art. 9 L.R. 16 aprile 2002,
n. 19). Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante:
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione, recante: «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.00.
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 03.05.2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 8
«Urbanistica e Governo del Territorio» all’Arch. Saverio Putortì.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 440 del 07/
06/2010 e del 12/07/2010, con la quale alla dott.ssa Minniti Giuseppa, matricola 547250, è stato conferito l’incarico di Dirigente
di Settore, assegnandola al Dipartimento n. 8 «Urbanistica e Governo del Territorio».
VISTO il DDG n. 11203 del 02.08.2010 con il quale la Dott.ssa Giuseppa Minniti è stata incaricata della direzione del Settore n. 1 «Urbanistica ed Edilizia, Demanio Marittimo L.R.
17/05, Pianificazione Integrata Zone Costiere, Strumenti Pianificazione Negoziata» con delega ad assumere tutti gli atti endoprocedimentali e ad adottare e sottoscrivere tutti i provvedimenti
conclusivi relativi alle materie rientranti nella competenza del
Settore n. 1.
CONSIDERATO:
CHE all’interno del bilancio regionale è compreso, per quanto
attiene al Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio, il
capitolo 32020313 riferito a spese per le attività del Nucleo di
Valutazione Urbanistico Territoriale (art. 9 L.R. 16 aprile 2002,
n. 19).
CHE in relazione al capitolo sopra elencato è disponibile la
somma pari ad c 65.000,00 (sessantacinquemila/00).
CHE con deliberazione n. 97 del 31/01/2008, la Giunta Regionale ha istituito il Nucleo di Valutazione Urbanistico Territoriale,
ai sensi dell’art. 9 della L.R. n. 19/2002.
CHE con DPGR n. 226 del 30.07.2010 sono stati nominati, ai
sensi dell’art. 9 c. 4 della L.R. n. 19/2002, i 5 esperti di seguito
elencati:
— Ing. Tommaso Fasano;
— Ing. Francesco Misasi;
— Ing. Pietro Salvatore Abiuso;
— Arch. Caterina Visetti;
— Avv. Aldo Costa.
CHE con D.D.S. n. 17357 del 01.12.2010 è stato approvato lo
schema di contratto da sottoscrivere con i suddetti esperti.
CHE per far fronte alle competenze spettanti per l’attività che
i suddetti professionisti dovranno svolgere anche per l’anno 2011
si rende necessario impegnare sul capitolo n. 32020313, che presenta la necessaria disponibilità, la somma pari ad c 65.000,00.
CHE si rende necessario, per la prosecuzione di ogni connesso
iter amministrativo, il relativo impegno.
VISTO l’art. 43 della legge regionale n. 8 del 2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e succ. modif. ed
integr. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26/02/2010 di approvazione del Bilancio Regionale per l’anno finanziario 2010.
6543
VISTA la D.G.R. n. 151 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il documento tecnico.
VISTA la D.G.R. n. 152 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il documento dipartimentale.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010 avente ad oggetto:
«Misure per favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010
e approvazione del «Piano dei pagamenti 2010». Atto di indirizzo per l’attuazione dell’art. 1 della Legge Regionale n. 22
dell’11 agosto 2010 – Misure di razionalizzazione e riordino
della spesa pubblica regionale.
RITENUTO che al riguardo, rimane comunque ferma ogni
autonoma valutazione del competente Settore Ragioneria del Dipartimento Bilancio e Patrimonio circa la compatibilità di quanto
disposto con il presente decreto e l’andamento complessivo delle
spese regionali anche in ordine ai riflessi che lo stesso potrebbe
avere in termini di concorrenza al mancato rispetto del patto di
stabilità, per come riportato nella delibera di G.R. n. 620 del 20
settembre 2010, e conseguenti sanzioni.
DECRETA
Per le motivazioni esposte in premessa che qui si intendono
integralmente riportate e trascritte:
— di impegnare la somma di c 65.000,00 (sessantacinquemila/00) sul capitolo 32020313, che presenta la necessaria disponibilità, e finalizzato alle spese per le attività del Nucleo di Valutazione Urbanistico Territoriale (art. 9 L.R. 16 aprile 2002, n. 19);
— di disporre la pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Dott.ssa Giuseppa Minniti
DECRETO n. 18876 del 29 dicembre 2010
Capitolo 12040603. Spese inerenti la gestione del demanio
marittimo regionale. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante:
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione, recante: «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.00.
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 03.05.2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 8
«Urbanistica e Governo del Territorio» all’Arch. Saverio Putortì.
6544
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 440 del 07/
06/2010 e del 12/07/2010, con la quale alla dott.ssa Minniti Giuseppa, matricola 547250, è stato conferito l’incarico di Dirigente
di Settore, assegnandola al Dipartimento n. 8 «Urbanistica e Governo del Territorio».
VISTO il DDG n. 11203 del 02.08.2010 con il quale la Dott.ssa Giuseppa Minniti è stata incaricata della direzione del Settore n. 1 «Urbanistica ed Edilizia, Demanio Marittimo L.R.
17/05, Pianificazione Integrata Zone Costiere, Strumenti Pianificazione Negoziata» con delega ad assumere tutti gli atti endoprocedimentali e ad adottare e sottoscrivere tutti i provvedimenti
conclusivi relativi alle materie rientranti nella competenza del
Settore n. 1.
CONSIDERATO che all’interno del bilancio regionale è compreso, per quanto attiene al Dipartimento Urbanistica e Governo
del Territorio, il capitolo 12040603 – Spese per le attività inerenti la gestione del demanio marittimo regionale.
CONSIDERATO, altresì, che in relazione al capitolo sopra
elencato, è disponibile la somma pari ad c 15.000,00 (quindicimila/00).
CONSIDERATO che, per le attività che questo Dipartimento
andrà a svolgere per la migliore gestione del demanio marittimo
regionale, si rende necessario impegnare sul capitolo 12040603,
che presenta la necessaria disponibilità, la somma di c 15.000,00
(quindicimila/00).
VISTO l’art. 43 della legge regionale n. 8 del 2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e succ. modif. ed
integr. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26/02/2010 di approvazione del Bilancio Regionale per l’anno finanziario 2010.
VISTA la D.G.R. n. 151 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il documento tecnico.
— di impegnare la somma di c 15.000,00 (quindicimila/00)
sul capitolo 12040603 che presenta la necessaria disponibilità e
finalizzata alle spese per le attività inerenti la gestione del demanio marittimo regionale;
— di disporre la pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Dott.ssa Giuseppa Minniti
DECRETO n. 18877 del 29 dicembre 2010
Implementazione, gestione e funzionamento del Centro
Cartografico Regionale. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante:
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la deliberazione di Giunta regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. n. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000.
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 03 maggio 2010, con il quale è
stato conferito all’arch. Saverio Putortì l’incarico di Dirigente
Generale del Dipartimento n. 8 «Urbanistica e Governo del Territorio».
VISTA la D.G.R. n. 152 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il documento dipartimentale.
VISTO il D.P.G.R. n. 224 del 30/07/2010 con il quale il dott.
Giorgio Margiotta è stato incaricato della direzione del Settore n.
2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia Regionale».
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010 avente ad oggetto:
«Misure per favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010
e approvazione del «Piano dei pagamenti 2010». Atto di indirizzo per l’attuazione dell’art. 1 della Legge Regionale n. 22
dell’11 agosto 2010 – Misure di razionalizzazione e riordino
della spesa pubblica regionale.
VISTO il D.D.G. n. 12074 del 19 agosto 2010 con il quale il
dott. Giorgio Margiotta è stato delegato ad assumere tutti gli atti
endoprocedimentali e ad adottare e sottoscrivere tutti i provvedimenti conclusivi relativi alle materie rientranti nella competenza
del Settore n. 2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia
Regionale».
RITENUTO che al riguardo, rimane comunque ferma ogni
autonoma valutazione del competente Settore Ragioneria del Dipartimento Bilancio e Patrimonio circa la compatibilità di quanto
disposto con il presente decreto e l’andamento complessivo delle
spese regionali anche in ordine ai riflessi che lo stesso potrebbe
avere in termini di concorrenza al mancato rispetto del patto di
stabilità, per come riportato nella delibera di G.R. n. 620 del 20
settembre 2010, e conseguenti sanzioni.
DECRETA
Per le motivazioni esposte in premessa che qui si intendono
integralmente riportate e trascritte:
PREMESSO:
CHE col progetto PSM «Villa Margherita» è stato realizzato il
Centro Cartografico Regionale, incardinato in questo Dipartimento n. 8 «Urbanistica e Governo del Territorio» con D.G.R. n.
770 dell’11/11/2006 avente a oggetto: «Ordinamento generale
delle strutture organizzative della giunta regionale (art. 7, L.R. n.
31/2002)».
CHE nel Centro Cartografico Regionale è in corso di esecuzione l’aggiornamento della Carta tecnica regionale alla scala
1:5000 e la realizzazione di quella a 1:2000 con i relativi DBT e
DTM, nonché la realizzazione di progetti di e-government per
l’erogazione di servizi cartografici a Enti, imprese e cittadini.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
CHE CCR rappresenta il punto di forza per i sistemi d’interoperabilità, l’armonizzazione dei set di dati territoriali e i servizi
di rete, secondo quanto previsto dalla direttiva Inspire.
CHE per quanto precede si rende necessario e urgente procedere all’implementazione, gestione e funzionamento del Centro
Cartografico Regionale per assicurare la continuità dei servizi.
CHE i tecnici del CCR hanno quantificato un fabbisogno di
spesa di c 11.497,00 per procedere a quanto anzidetto.
CHE i beneficiari finali, oltre al Centro Cartografico Regionale, saranno gli Enti della PA, le imprese e i cittadini del territorio calabrese.
VISTO l’articolo 43 della Legge Regionale 4 febbraio 2002,
n. 8.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010 relativa a misure per
favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010 e approvazione del Piano dei pagamenti 2010. Atto di indirizzo per l’attuazione dell’art. 1 della L.R. n. 22 dell’11.08.2010. Misure di razionalizzazione e riordino della spesa pubblica regionale».
ATTESTATO CHE per quanto disposto dalla DGR 620/2010
il presente atto non comporta oneri economici sull’esercizio finanziario in corso in merito a liquidazione di spesa e rispetta
l’art. 1 lett. m).
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e succ. modif. ed
integr. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26/02/2010 di approvazione del Bilancio Regionale per l’anno finanziario 2010.
VISTA la D.G.R. n. 151 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il Documento Tecnico.
VISTA la D.G.R. n. 152 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il Documento Dipartimentale.
SU PROPOSTA del Dirigente del Servizio n. 6 «Interoperabilità e di Rete per Cartografia e Sito-Centro Cartografico Regionale», che attesta la legittimità del provvedimento ed ha previamente verificato e controllato gli adempimenti di propria competenza.
DECRETA
Per le motivazioni riportate in premessa, che qui si intendono
integralmente riportate:
— di impegnare la somma di c 11.497,00 sul capitolo
12030111 del corrente bilancio 2010, che presenta la necessaria
disponibilità;
— di pubblicare il presente decreto nel BURC.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Dott. Giorgio Margiotta
6545
DECRETO n. 18878 del 29 dicembre 2010
Funzionamento Centro Cartografico Regionale – Impegno
di spesa per Partenariato Interregionale Sigma Ter.
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante:
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la deliberazione di Giunta regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. n. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000.
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 03 maggio 2010, con il quale è
stato conferito all’arch. Saverio Putortì l’incarico di Dirigente
Generale del Dipartimento n. 8 «Urbanistica e Governo del Territorio».
VISTO il D.P.G.R. n. 224 del 30/07/2010 con il quale il dott.
Giorgio Margiotta è stato incaricato della direzione del Settore n.
2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia Regionale».
VISTO il D.D.G. n. 12074 del 19 agosto 2010 con il quale il
dott. Giorgio Margiotta è stato delegato ad assumere tutti gli atti
endoprocedimentali e ad adottare e sottoscrivere tutti i provvedimenti conclusivi relativi alle materie rientranti nella competenza
del Settore n. 2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia
Regionale».
PREMESSO:
CHE il Centro Cartografico Regionale partecipa al progetto di
Partenariato interregionale Sigma Ter (Servizi Integrati catastali
e Geografici per il Monitoraggio Amministrativo del TERritorio), il cui programma è stato approvato dal Dipartimento per
l’Innovazione e le Tecnologie nell’ambito dell’attuazione del
Piano d’azione di e-government nazionale, all’interno di un contesto caratterizzato dal Piano di Decentramento del Catasto ai
Comuni, in esecuzione della Legge n. 59 del 1997, così come
definito dal D. Lgs. n. 112 del 31/3/1998.
CHE nell’ambito di Sigma Ter il Portale del progetto PR5SIT
è stato dotato e implementato di soluzioni tecnologiche per il
trasferimento dei dati catastali e applicazioni web per l’interrogazione degli stessi dati.
CHE la Regione Emilia coordinatore del Gruppo Guida per la
gestione del progetto in parola con nota del 7/12/2010 n. PG/
2010/0305156 ha richiesto alla Regione Calabria – Dipartimento
Urbanistica e Governo del Territorio il versamento al Partenariato di Sigma-Ter della somma di c 58.775,00 per le attività
relative al triennio 2008/2010.
CHE con DGR n. 624 del 16/09/2008 si è aderito al Partenariato di Cooperazione Interregionale per la conduzione ed evoluzione del sistema Sigma-Ter, impegnando una prima somma di c
25.000,00, impegno di spesa n. 3739 del 04/09/2008.
6546
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
CHE per quanto precede bisogna ora impegnare la differenza
di c 33.775,00, sull’importo complessivo di c 58.775,00, da versare al Partenariato Sigma Ter per il triennio 2008/2010.
VISTO l’articolo 43 della Legge Regionale 4 febbraio 2002,
n. 8.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010 relativa a misure per
favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010 e approvazione del Piano dei pagamenti 2010. Atto di indirizzo per l’attuazione dell’art. 1 della L.R. n. 22 dell’11.08.2010. Misure di razionalizzazione e riordino della spesa pubblica regionale».
ATTESTATO CHE per quanto disposto dalla DGR 620/2010
il presente atto non comporta oneri economici sull’esercizio finanziario in corso in merito a liquidazione di spesa e rispetta
l’art. 1 lett. m).
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e succ. modif. ed
integr. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26/02/2010 di approvazione del Bilancio Regionale per l’anno finanziario 2010.
VISTA la D.G.R. n. 151 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il Documento Tecnico.
VISTA la D.G.R. n. 152 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il Documento Dipartimentale.
SU PROPOSTA del Dirigente del Servizio n. 6 «Interoperabilità e di Rete per Cartografia e Sito-Centro Cartografico Regionale», che attesta la legittimità del provvedimento ed ha previamente verificato e controllato gli adempimenti di propria competenza.
VISTA la deliberazione di Giunta regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. n. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», e successive
modifiche ed integrazioni.
VISTO il D.P.G.R. n. 92 del 16 aprile 2010 con il quale è stata
nominata la Giunta Regionale, con assegnazione delle deleghe
agli Assessori.
VISTA la D.G.R. n. 770 dell’11 novembre2006 avente per oggetto: «Ordinamento generale delle strutture organizzative della
giunta regionale (art. 7, L.R. n. 31/2002)», con la quale il Centro
Cartografico Regionale è stato inserito nel Dipartimento n. 8
«Urbanistica e Governo del Territorio».
VISTI la D.G.R. n. 332 del 21 aprile 2010 e il successivo
D.P.G.R. n. 100 del 3 maggio 2010, con cui è stato conferito
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 8 «Urbanistica e Governo del Territorio» all’arch. Saverio Putortì.
VISTO il D.P.G.R. n. 224 del 30 luglio 2010 con il quale è
stato conferito l’incarico di Dirigente Settore n. 2 «Sistema Informativo e Cartografia Regionale» al Dott. Giorgio Margiotta.
VISTO il D.D.G. n. 12074 del 19 agosto 2010 con il quale il
dott. Giorgio Margiotta è stato delegato ad assumere tutti gli atti
endoprocedimentali e ad adottare e sottoscrivere tutti i provvedimenti conclusivi relativi alle materie rientranti nella competenza
del Settore n. 2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia
Regionale».
PREMESSO CHE:
DECRETA
Per le motivazioni riportate in premessa, che qui si intendono
integralmente riportate:
1. di impegnare la somma di c 33.775,00 sul capitolo
12030111 del bilancio per il corrente esercizio, quale differenza
da versare al Partenariato Interregionale Sigma-Ter;
2. di disporre la pubblicazione del presente decreto nel
BURC.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Dott. Giorgio Margiotta
DECRETO n. 18880 del 29 dicembre 2010
Impegno di spesa per rimborso spese e indennità relative
alla partecipazione delle attività progettuali del Centro Cartografico Regionale.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante:
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
— l’attività del Centro Cartografico Regionale si sviluppa su
tematiche che afferiscono le dinamiche dei dati geografici e territoriali, progetti che prevedono la partecipazione a incontri, riunioni, tavoli di lavoro del Cisis, del Comitato Permanente Sistemi Geografici, di DigitPA, dell’Agenzia del Territorio, dell’Istituto Geografico Militare Italiano, del Ministero
dell’Ambiente, del Progetto Sigmater, del Progetto Catasto, Fiscalità Territorio e Federalismo, nonché alla realizzazione di progetti in essere presso l’Infrastruttura tecnologica di Lamezia
Terme;
— per il continuo sviluppo delle moderne tecnologie e specifiche tecniche sui dati territoriali è necessario il confronto con gli
Enti produttori di informazioni geografiche nonché con lo stesso
mondo scientifico che determina lo sviluppo di nuove metodologie;
— i progetti in corso di esecuzione prevedono lo svolgimento
di attività tecnico-amministrative per la loro conduzione;
— per le predette attività progettuali si prevede la partecipazione attiva dei Dirigenti di Settore e di Servizio, nonché dei
funzionari assegnati, che dovranno effettuare le missioni necessarie.
CONSIDERATO, per quanto precede, che occorre impegnare
un congrua somma onde consentire la partecipazione alle suddette attività e ai progetti in corso di realizzazione che può essere
quantificata in c 10.000,00.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010 relativa a misure per
favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010 e approva-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
zione del Piano dei pagamenti 2010. Atto di indirizzo per l’attuazione dell’art. 1 della L.R. n. 22 dell’11.08.2010. Misure di razionalizzazione e riordino della spesa pubblica regionale».
ATTESTATO CHE per quanto disposto dalla DGR 620/2010
il presente atto non comporta oneri economici sull’esercizio finanziario in corso in merito a liquidazione di spesa e rispetta
l’art. 1 lett. m).
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e succ. modif. ed
integr. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26/02/2010 di approvazione del Bilancio Regionale per l’anno finanziario 2010.
VISTA la D.G.R. n. 151 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il Documento Tecnico.
6547
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione, recante: «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.00.
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 03.05.2010 con il quale è stato
conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 8
«Urbanistica e Governo del Territorio» all’Arch. Saverio Putortì.
VISTO il D.D.G. n. 11204 del 02/08/2010, con il quale si è
proceduto a delegare il Dott. Antonio Nicola De Marco della
direzione del Settore n. 3 «Programmazione e Politiche del Territorio, Pianificazione Territoriale» di questo Dipartimento con
delega ad assumere tutti gli atti endoprocedimentali e ad adottare
e sottoscrivere tutti i provvedimenti conclusivi relativi alle materie rientranti nella competenza del Settore n. 3.
VISTA la D.G.R. n. 152 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il Documento Dipartimentale.
VISTA la Deliberazione di Giunta Regionale n. 16 del 19 gennaio 2007 con la quale sono state approvate le procedure per la
redazione del Quadro Territoriale Regionale (QTR).
SU PROPOSTA del Dirigente del Servizio n. 6 «Interoperabilità e di Rete per Cartografia e SITO – Centro Cartografico Regionale», che attesta la legittimità del provvedimento ed ha previamente verificato e controllato gli adempimenti di propria
competenza.
VISTO il paragrafo 4 dell’«Atto di Indirizzo per l’elaborazione del Quadro Territoriale Regionale» che prevede, per la redazione del QTR, l’istituzione di un apposito Gruppo Tecnico di
Lavoro coordinato da una Direzione Tecnico-Scientifica Esecutiva composta da esperti e da una Segreteria Tecnica.
CONSIDERATO:
DECRETA
Per le motivazioni riportate in premessa, che qui si intendono
integralmente riportate:
1. di impegnare la somma di c 10.000,00 quale rimborso
spese ed indennità di missione per la partecipazione alle attività
progettuali del Centro Cartografico Regionale sul capitolo
12030111 del corrente bilancio 2010, che presenta la necessaria
disponibilità;
2. di pubblicare il presente decreto nel BURC.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Dott. Giorgio Margiotta
DECRETO n. 18881 del 29 dicembre 2010
Capitolo 32020305. Redazione, pubblicazione e divulgazione del Quadro Territoriale Regionale (QTR) (artt. nn. 17 e
25 della L.R. 16 aprile 2002, n. 19). Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante:
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
CHE all’interno del bilancio regionale è compreso, per quanto
attiene al Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio, il
capitolo 32020305 riferito alla redazione, pubblicazione e divulgazione del Quadro Territoriale Regionale (QTR) (artt. nn. 17 e
25 della L.R. 16 aprile 2002, n. 19).
CHE in relazione al capitolo sopra elencato, è disponibile la
somma pari ad c 18.264,81 (diciottomiladuecentosessantaquattro/81).
CHE, la Giunta Regionale con deliberazione n. 331 del
21.04.2010 ha provveduto a ritirare per integrazioni la bozza di
QTR (Quadro Territoriale Regionale) già approvata con DGR n.
10 del 13.01.2010.
CHE con deliberazione n. 604 del 14.09.2010 la Giunta Regionale ha provveduto all’attuazione della legge regionale 16/4/
2002 n. 19 artt. 17 e 25 – quadro territoriale regionale a valenza
paesaggistica (qtr/p) – adeguamento del qtr/p al nuovo indirizzo
politico amministrativo.
CHE per l’elaborazione del QTR sono stati contrattualizzati
collaboratori esterni all’Amministrazione Regionale, di cui ai
DDG n. 5353 del 07.04.09, DDG n. 5608 – 5609 e 5610 del
09.04.09, DDG n. 7919 e 7920 del 12.05.09.
CHE, pertanto, sarà necessario provvedere, nell’esercizio successivo, alla liquidazione delle competenze anche per l’anno
2010 poiché nel corso dell’anno, per effetto della deliberazione
di Giunta Regionale n. 620 del 20.09.2010, non si è potuto procedere alla predisposizione del decreto di liquidazione.
CHE, quindi, si rende necessario, per la prosecuzione, di ogni
connesso iter amministrativo, il relativo impegno.
CHE sono pervenuti presso questo Dipartimento atti legali di
diffida al pagamento da parte dei suddetti collaboratori che fa
prevedere l’attuazione di azioni giudiziarie per il recupero delle
spettanze con aggravio per la Regione Calabria, il cui esito negativo appare maggiore di quello determinato dalla DGR n. 620/
2010 per il rispetto del Patto di Stabilità Interno.
6548
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO l’art. 43 della legge regionale n. 8 del 2002.
VISTA la legge regionale n. 34 del 2002 e succ. modif. ed
integr. e ritenuta la propria competenza.
VISTA la legge regionale n. 10 del 26/02/2010 di approvazione del Bilancio Regionale per l’anno finanziario 2010.
VISTA la D.G.R. n. 151 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il documento tecnico.
VISTA la D.G.R. n. 152 del 27/02/2010 con la quale è stato
approvato il documento dipartimentale.
VISTA la D.G.R. n. 620 del 20.09.2010 relativa alle misure
per favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010.
VISTO il punto 1 lettere a – m) della citata DGR 620/2010
relativamente alla spesa il cui mancato pagamento arrecherebbe
un maggior danno all’Amministrazione.
DECRETA
Per le motivazioni esposte in premessa che qui si intendono
integralmente riportate e trascritte:
— di impegnare la somma di c 18.264,81 (diciottomiladuecentosessantaquattro/81) sul capitolo 32020305 – Redazione,
pubblicazione e divulgazione del Quadro Territoriale Regionale
(QTR) (artt. nn. 17 e 25 della L.R. 16 aprile 2002, n. 19);
— di disporre la pubblicazione del presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Dott. Antonio Nicola De Marco
DECRETO n. 18882 del 29 dicembre 2010
D.Lgs. 7/3/2005 n. 82 «Codice dell’Amministrazione Digitale» integrato con D.Lgs. 6/4/2006 n. 159. Riuso del Sistema
Informativo «Sistema Workflow» Ministero della Salute.
DDS n. 18721 del 27/12/2010. Affidamento servizi di installazione e aggiornamento procedura al Consorzio CBIM di
Pavia.
I DIRIGENTI DEI SETTORI 2 E 3
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996 recante
«norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 giugno 1999 recante «Adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore per
l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs.
29/93, e successive integrazioni e modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante «separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000.
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 3 maggio 2010 con il quale è
stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento
Urbanistica e Governo del Territorio all’Arch. Saverio Putortì.
VISTO il D.P.G.R. n. 224 del 30/7/2010 ed il D.D.G. n. 12074
del 19/8/2010 con i quali è stato conferito l’incarico al Dr.
Giorgio Margiotta di Dirigente del Settore 2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia Regionale» del Dipartimento n. 8.
VISTO il D.D.G. n. 11204 del 2 agosto 2010 con il quale è
stato conferito l’incarico al Dr. Antonio Nicola De Marco di Dirigente del Settore 3 «Programmazione e Politiche del Territorio,
Pianificazioni Territoriali» del Dipartimento n. 8, in esecuzione
alla D.G.R. n. 440 del 7/6/2010 e 12/7/2010.
VISTI gli artt. 68, 69 e 70 del D.Lgs. 7 marzo 2005 n. 82,
recante «Codice dell’Amministrazione Digitale», così come integrato e modificato dal D.Lgs. 6 aprile 2006 n. 159.
VISTA la Direttiva del Ministero per l’Innovazione e le Tecnologie del 19 dicembre 2003, concernente «Sviluppo ed utilizzazione dei programmai informatici da parte delle pubbliche amministrazioni», contenente l’indicazione di criteri tecnici ed operativi per gestire il processo di acquisizione di programmi
informatici, fra cui il riuso.
CONSIDERATO CHE la Regione Calabria – Dipartimento
Urbanistica e Governo del Territorio ha apprezzato ed ha inteso
avvalersi del Sistema informativo «Workflow», messo a punto
dal Ministero della Salute – Direzione Generale Ricerca Scientifica e Tecnologica, per la gestione, il monitoraggio, l’aggiudicazione e la valutazione dei risultati dei Progetti al fine della gestione dei Bandi previsti dal Programma Operativo Regionale
(POR Calabria) FESR 2007/2013, sia dell’implementazione del
Sistema Informativo Territoriale del Dipartimento, sia di altre
iniziative progettuali in ambito Regionale.
CHE il Sistema informativo «Sistema Workflow» del Ministero della Salute è stato predisposto ed implementato dal Consorzio di ricerca CBIM (Consorzio di Bioingegneria e Informatica Medica) di Pavia, che ne detiene quindi la proprietà intellettuale ed i diritti, mentre il Ministero della Salute è proprietario
della procedura considerata.
CHE ai sensi della richiamata normativa (D.Lgs. 7/3/2005 n.
832 integrato e modificato dal D.Lgs. 6/4/2006 n. 159) è possibile che una Amministrazione cedente conceda in riuso una procedura informatica ad altra Amministrazione richiedente, nel rispetto dei diritti delle Società che hanno prodotto il sistema.
CHE il Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio
della Regione Calabria ha richiesto con nota prot. 1789/DG del
13/12/2010 al Ministero della Salute – Direzione Generale Ricerca Scientifica e Tecnologica il riuso ai sensi del «Codice dell’Amministrazione Digitale» del Sistema Informativo «Sistema
Workflow», proponendo uno schema di Convenzione.
CHE la Direzione Generale Ricerca Scientifica e Tecnologica
del Ministero della Salute ha confermato con nota prot. 7399P
del 16/12/2010 la disponibilità al riuso gratuito del Sistema Informativo «Sistema Workflow», proponendo integrazioni allo
schema di Convenzione inoltrato.
CHE nella nota emarginata del Ministero della Salute è stato
confermato che la proprietà dei Codici sorgenti del Sistema Informativo, in base alla Convenzione stipulata tra Ministero della
Salute e Consorzio CBIM di Pavia, è esclusiva del Consorzio
medesimo, precisando che non potranno rimanere a carico del
Ministero stesso i costi di adeguamento del sistema in questione
e l’installazione dello stesso sui Server della Regione Calabria, e
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
gli eventuali costi collegati al supporto operativo, che dovranno
formare oggetto di separato atto tra Regione Calabria e Consorzio CBIM di Pavia.
CHE con D.D.S. n. 18721 del 27/12/2010 è stata approvata la
sottoscrizione della Convenzione da stipulare tra Regione Calabria – Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio e Ministero della Salute – Direzione Generale Ricerca Scientifica e
Tecnologica per il riuso del «Sistema Informativo Workflow».
CHE in data 27/12/2010 si è quindi proceduto alla stipula della
Convenzione tra Regione Calabria – Dipartimento Urbanistica e
Governo del Territorio e Ministero della Salute – Direzione Generale Ricerca Scientifica e Tecnologica per il riuso del «Sistema
Informativo Workflow», repertoriata al n. 1579 del 27/12/2010.
CHE la Convenzione del 27/12/2010 all’art. 1 rinvia a successivo atto la regolazione onerosa dei rapporti tra Regione Calabria
– Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio con il Consorzio di ricerca CBIM (Consorzio di Bioingegneria Informatica
e Medica) di Pavia per l’installazione e l’aggiornamento e messa
in esercizio del «Sistema Informativo Workflow» ceduto dal Ministero della Salute, ed all’art. 2 prevede che le attività di installazione, avviamento, formazione e manutenzione del modulo
software ceduto in riuso sono a carico della Regione Calabria
nell’ambito dei diritti esclusivi del Consorzio CBIM di Pavia.
CHE il Consorzio di ricerca CBIM (Consorzio di Bioingegneria Informatica e Medica) di Pavia, ha presentato con nota
prot. 103/2010 del 14/12/2010 al Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio della Regione Calabria l’Offerta per i servizi
di installazione e configurazione del sistema, aggiornamento e
personalizzazione delle procedure del Sistema Workflow, ai
sensi dell’art. 2 della Convenzione stipulata tra Regione Calabria
e Ministero della Salute, per un importo pari ad Euro 85.080,00
(IVA compresa), in atti.
CHE il Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio intende aderire alla proposta del Consorzio CBIM di Pavia condividendo l’offerta ritenuta congrua.
CHE ai sensi del D.Lgs. 7/3/2005 n. 832 integrato e modificato dal D.Lgs. 6/4/2006 n. 159 per il riuso è prevista ed ammessa la procedura di affidamento diretto di fornitura di beni e
servizi per le Società che mantengono il diritto di esclusiva sulle
procedure oggetto del riuso per l’aggiornamento e personalizzazione delle procedure.
CHE ricorrono quindi le condizioni per l’affidamento diretto
di servizi al Consorzio CBIM di Pavia per il «Sistema Informativo Workflow» ai sensi dell’art. 19 comma 2 e dell’art. 147 del
D.Lgs. 163 del 12/4/2006.
CONSIDERATO CHE, come previsto nel DDS n. 18721 del
27/12/2010, il Sistema Informativo «Workflow», acquisito in
riuso dalla Regione Calabria – Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio, è finalizzato alla gestione delle procedure di
monitoraggio di progetti e attività connesse al SITO (Sistema
Informativo Territoriale e Osservazioni sulle trasformazioni territoriali), di cui all’art. 8 della L.R. 19/2002, che ha inteso acquisire e unificare i diversi strumenti di osservazione e monitoraggio dei sistemi informativi territoriali e di bandi/progetti,
quale strumento di monitoraggio delle diverse iniziative sulle
trasformazioni territoriali, ancorché finalizzato a contribuire alla
costruzione in atto del Portale Telematico «SITO», nonché alla
gestione e monitoraggio di bandi e Progetti a valere sul POR
Calabria FESR 2007/2013.
CHE, a tal fine, il costo del Sistema Informativo Workflow
rientra tra le attività di sostegno al SI.T.O. della Regione Calabria inserite nell’Accordo di Programma-Quadro inerente il set-
6549
tore «Emergenze Urbane e Territoriali» (Delibera CIPE n. 17 del
9/3/2003), e viene computato sul Capitolo 33020201 UPB
3.3.02.02 del Bilancio Regionale a valere sull’impegno contabile
n. 5354/2005 di cui al D.D.G. n. 11105 del 22/11/2005, che presenta la dovuta disponibilità.
VISTA la L.R. 34/2002 e successive modificazioni ed integrazioni, e ritenuta la propria competenza.
SU CONFORME PROPOSTA delle competenti Unità Operativa dei Settori 2 e 3, formulata alla stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate, nonché dell’espressa dichiarazione di legittimità resa dagli stessi Dirigenti.
DECRETA
Per i motivi espressi in premessa che qui si intendono integralmente richiamati:
— di affidare al Consorzio di ricerca CBIM (Consorzio di
Bioingegneria e Informatica Medica) di Pavia la fornitura dei
servizi per l’installazione, la messa in opera e l’aggiornamento e
personalizzazione del Sistema Informativo «Sistema Workflow»
acquisito da parte della Regione Calabria dal Ministero della Salute attraverso la Convenzione del 27/12/2010 repertorio n.
1579/2010, a seguito del D.D.S. n. 18721 del 27/12/2010 nell’ambito del «riuso» di cui al Codice dell’Amministrazione Digitale (D.Lgs. 7/3/2005 n. 82 integrato dal D.Lgs. 6/4/2006 n.
159);
— di approvare di conseguenza l’offerta n. 103/2010 del 14/
12/2010 del Consorzio di ricerca CBIM (Consorzio di Bioingegneria e Informatica Medica) di Pavia per il Progetto di riuso del
Sistema informativo «Sistema Workflow» del Ministero della
Salute, per un importo di Euro 85.080,00 IVA compresa;
— di autorizzare la stipula con separato atto della Convenzione con il Consorzio di ricerca CBIM (Consorzio di Bioingegneria e Informatica Medica) di Pavia per i servizi oggetto del
presente atto;
— di dare atto che, la copertura dei costi dei servizi oggetto
del presente atto, pari ad Euro 85.080,00, rientra tra le attività di
sostegno al SI.T.O. della Regione Calabria inserite nell’Accordo
di Programma-Quadro inerente il settore «Emergenze Urbane e
Territoriali» (Delibera CIPE n. 17 del 9/3/2003), e vanno a gravare sul Capitolo 33020201 UPB 3.3.02.02 del Bilancio Regionale a valere sull’impegno contabile n. 5354/2005 di cui al
D.D.G. n. 11105 del 22/11/2005, che presenta la dovuta disponibilità;
— di notificare il presente provvedimento al Consorzio di ricerca CBIM di Pavia;
— di pubblicare il presente provvedimenti sul B.U.R. della
Regione Calabria.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore 2
Dr. Giorgio Margiotta
Il Dirigente del Settore 3
Dr. Antonio Nicola De Marco
6550
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 18913 del 30 dicembre 2010
Proroga dei contratti: rep n. 3665/2009, 3666/2009 e 3667/
2009 dell’1 settembre 2009 e decreto n. 17432/2010.
IL DIRIGENTE GENERALE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13 maggio 1996, recante:
«Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare
l’art. 28, che individua compiti e responsabilità del Dirigente con
funzioni di Dirigente Generale.
VISTA la deliberazione di Giunta Regionale n. 2661 del 21
giugno 1999, recante: «Adeguamento delle norme legislative e
regolamentari in vigore per l’attuazione delle disposizioni recate
dalla L.R. 7/96 e dal D.Lgs. n. 29/93 e successive integrazioni e
modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 24 giugno 1999 del Presidente
della Regione recante: «Separazione dell’attività amministrativa
di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con
D.P.G.R. n. 206 del 15.12.2000.
VISTA la deliberazione di Giunta Regionale n. 770 dell’11/11/
2006 avente per oggetto: «Ordinamento generale delle strutture
organizzative della giunta regionale (art. 7, L.R. n. 31/2002)».
VISTO il D.P.G.R. n. 100 del 03 maggio 2010, con il quale è
stato conferito all’arch. Saverio Putortì l’incarico di Dirigente
Generale del Dipartimento n. 8 «Urbanistica e Governo del Territorio».
VISTO il D.P.G.R. n. 224 del 30/07/2010 con il quale il dott.
Giorgio Margiotta è stato incaricato della direzione del Settore n.
2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia Regionale».
VISTO il D.D.G. n. 12074 del 19 agosto 2010 con il quale il
dott. Giorgio Margiotta è stato delegato ad assumere tutti gli atti
endoprocedimentali e ad adottare e sottoscrivere tutti i provvedimenti conclusivi relativi alle materie rientranti nella competenza
del Settore n. 2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia
Regionale».
TENUTO CONTO che i contratti stipulati con il dott. Tonino
Caracciolo, il dott. Vincenzo Marra e l’ing. Gaetano Scarnati
sono scaduti il 31 agosto 2010 e con decreto n. 17432/2010 sono
stati prorogati al 30 novembre 2010.
CONSIDERATO CHE il dott. Tonino Caracciolo, il dott. Vincenzo Marra e l’ing. Gaetano Scarnati hanno svolto con diligenza
attività di supporto coordinando, progettando e conducendo le
attività regionali che riguardano la cartografia ed i Sistemi Informativi Territoriali nel suo complesso.
CONSIDERATO CHE il numero e la tipologia delle attività in
corso presso il Settore n. 2 del Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio – richiedono l’utilizzo di forme organizzative complesse di management e di competenze altamente specialistiche e che occorre garantire continuità ai numerosi interventi in corso attraverso le funzioni di direzione tecnicoscientifica.
TENUTO CONTO che per lo svolgimento dell’incarico di cui
sopra sono inderogabilmente richieste approfondite competenze
specialistiche geotopografiche, cartografiche e-gis, in uno con
competenze di ordine informatico ed amministrativo relative ad
attività e tecnologie di datawarehousing anche relative all’erogazione di servizi in rete ed alla creazione di servizi business.
CONSIDERATO CHE alla manifestazione d’interesse per la
mobilità interna del personale dipendente pubblicata il 9 novembre 2010, sono pervenute due domande che non presentano
le professionalità richieste, e che pertanto diventa necessario ricorrere a pubblico avviso per l’indizione di una gara di selezione,
affinché l’Amministrazione si doti delle figure professionali necessarie allo svolgimento delle funzioni richieste.
ACCERTATO PERTANTO CHE nell’organico dell’Amministrazione, allo stato attuale, non sono disponibili unità che abbiano tutte le suddette competenze professionali e possano conciliare la quantità di impiego previsto con le altre incombenze
istituzionali.
VISTI i contratti:
— rep n. 3665/2009 stipulato con il dott. Tonino Caracciolo
— rep n. 3666/2009 stipulato con il dott. Vincenzo Marra
— rep n. 3667/2009 stipulato con l’ing. Gaetano Scarnati
CONSIDERATO CHE al punto 6 dei succitati contratti è previsto l’istituto della proroga.
VISTO il decreto n. 17432/2010 con cui i succitati contratti
sono stati prorogati al 30 novembre 2010.
DATO ATTO CHE nel decreto n. 17432/2010 si è tenuto conto
dell’obbligo normativo di ridurre le spese per come previsto dall’art. 23 della legge regionale n. 19/2009 e dalla DGR 385/2009 e
che la spesa per la tipologia di incarico sostenuta dal Dipartimento per l’anno 2008 è stata di euro 63.158,00 e che per la
presente procedura, ridotta del 20%, è pari a euro 50.526,40
annui.
VISTI i curriculum del dott. Tonino Caracciolo, del dott. Vincenzo Marra e dell’ing. Gaetano Scarnati che hanno redatto, diretto e coordinato tutte le attività ed i progetti del Settore n. 2 del
Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio.
CONSIDERATO CHE gli stessi a vario titolo sono impegnati
nella direzione di attività in essere.
CONSIDERATO CHE il dott. Tonino Caracciolo, il dott. Vincenzo Marra e l’ing. Gaetano Scarnati hanno redatto progetti a
valenza altamente specialistica quali:
— Formazione del Database Topografico e Carta Tecnica Numerica di tutto il territorio regionale
— Rete di stazioni GPS permanenti
— APQ Società dell’Informazione – Progetto Pr5SIT
— Progetto «[email protected]» (Bando riuso CNIPA)
— Progetto «Interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia
Terme» che prevede la nuova rete geodetica regionale, l’aggiornamento cartografico, la derivazione del DB25K dal DB5K e
sviluppo di interoperabilità fra i dipartimenti regionali
— Progetto Pictometry
— Progetto Carta dei Luoghi
ATTESO che gli sviluppi futuri delle attività del Settore n. 2
del Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio per il periodo 2010-2011 prevedono:
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— Completamento programma cartografico
— Pianificazione della rete dei servizi per il governo del territorio
— Progettazione di Database Topografici a grande scala e
servizi correlati
— Gestione dei servizi di posizionamento satellitare
— Realizzazione del Progetto [email protected]
— Realizzazione del Centro servizi catastali per l’erogazione
di servizi ai comuni
— Realizzazione del Progetto Pictometry
— Progetto SITO
RITENUTO di indire in seguito una selezione pubblica di
esperti con le seguenti competenze:
— Progetti Strategici e sviluppo d’infrastrutture
— Progetti Cartografici e sviluppo di banche dati
— Progetti Sistemi Informativi e sviluppo di servizi
RITENUTO CHE per il livello di complessità attualmente raggiunto e per l’alto livello specialistico richiesto dalle attività del
Settore n. 2 del Dipartimento Urbanistica e Governo del Territorio occorre garantire continuità all’attività di consulenza tecnico-scientifica in corso.
RILEVATO che continua a sussistere l’esigenza, non altrimenti soddisfabile di avvalersi, sia pure a tempo determinato
delle attività professionali del dott. Tonino Caracciolo, del dott.
Vincenzo Marra e dell’ing. Gaetano Scarnati, non disponendo il
Dipartimento di risorse umane di specifica competenza e professionalità nel settore, al fine di non pregiudicare le attività in
corso.
CONSIDERATO CHE i succitati professionisti continuano regolarmente a svolgere le prestazioni al fine di non pregiudicare
le attività incorso.
RAVVISATA, pertanto, la necessità di prorogare in sanatoria
ai succitati professionisti l’incarico di consulenza finalizzati allo
svolgimento di attività relative a:
— Progetti Strategici e sviluppo d’infrastrutture
— Progetti Cartografici e sviluppo di banche dati
— Progetti Sistemi Informativi e sviluppo di servizi
RICHIAMATA la nota-circolare n. 1237/DG del 13 marzo
2007 del Dirigente Generale del Dipartimento di Presidenza, in
ordine alla pertinenza alle funzioni del medesimo Dirigente Generale del potere di stipula dei contratti di consulenza.
VISTA la DGR 291/2008 concernente «Criteri di razionalizzazione delle procedure di selezione per il conferimento di incarichi individuali di studio, professionali e di consulenza».
VISTA la DGR 620/2010 recante «Misure per favorire il rispetto del patto di stabilità interna 2010 e approvazione del Piano
dei pagamenti 2010. Atto di indirizzo per l’attuazione dell’art. 1
della L.R. n. 22 dell’11.08.2010. Misure di razionalizzazione e
riordino della spesa pubblica regionale», e constata la rispondenza del presente atto di proroga contrattuale su impegno contabile già accesso ai dettami di cui al punto 1) lettera h).
TENUTO CONTO CHE per quanto disposto dalla DGR 620/
2010 il presente atto non comporta pagamenti nell’esercizio fi-
6551
nanziario in corso e che le relative competenze verranno liquidate con successivi atti nel corso dell’anno finanziario 2011.
CONSIDERATO, inoltre, che la proroga dei suddetti contratti
non rientrano nella fattispecie prevista al punto 13 della DGR
620/2010, in quanto trattasi di contratto di consulenza professionale senza vincolo di subordinazione.
VISTO il Decreto Legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive modifiche ed integrazioni.
VISTA la Legge Regionale del 13 maggio 1996, n. 7 e s.m.i.
VISTA la Legge Regionale n. 34 del 2002 e succ. mod. ed
integr. e ritenuta la propria competenza.
VISTO l’articolo 43 della Legge Regionale 4 febbraio 2002,
n. 8.
SU PROPOSTA del Dirigente del Settore n. 2 «Sistema Informativo Territoriale e Cartografia Regionale», che attesta la legittimità del provvedimento ed ha previamente verificato e controllato, ai sensi della lett. e) dell’art. 30, 1o c. della L.R. n. 7/1996,
gli adempimenti di competenza settoriale.
DECRETA
Per le motivazioni riportate in premessa, che qui si intendono
integralmente riportate:
1. di disporre la proroga temporanea in sanatoria, per tre
mesi, dall’1 dicembre 2010 al 28 febbraio 2011, dei contratti:
— rep n. 3665/2009 stipulato con il dott. Tonino Caracciolo
— rep n. 3666/2009 stipulato con il dott. Vincenzo Marra
— rep n. 3667/2009 stipulato con l’ing. Gaetano Scarnati
nelle more dell’espletamento della gara di selezione;
2. di stabilire che il compenso mensile per ogni professionista è di c 3.439,98 oltre IVA e CPA e che il predetto importo è
stato ridotto del 20% rispetto al compenso previsto nell’anno
2008 per le medesime prestazioni lavorative, in ottemperanza
all’art. 23 della legge regionale n. 19 del 12 giugno 2009;
3. di stabilire che l’onere dei relativi al presente decreto
grava sul capitolo di perenzione n. 7003201 ex capitolo
12030105 del bilancio regionale, facendo fronte alla spesa con
l’ex impegno n. 6598/2004 assunto con decreto n. 22660 del
16.12.2004;
4. stabilire altresì che al pagamento delle competenze professionali si provvederà con successivi separati atti, ai sensi dell’art. 45 della Legge Regionale 4 febbraio 2002, n. 8;
5. di trasmettere il presente atto alla Sezione di controllo
della Corte dei Conti per la Regione Calabria;
6. di disporre la pubblicazione del presente decreto nel
BURC;
7. di disporre la pubblicazione sul Sito Web della Regione.
Catanzaro, lì 29 dicembre 2010
Arch. Saverio Putortì
6552
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Dipartimento n. 9
INFRASTRUTTURE,
LAVORI PUBBLICI,
POLITICHE DELLA CASA,
E. R. P., A. B. R.,
RISORSE IDRICHE,
CICLO INTEGRATO DELLE ACQUE.
DECRETO n. 12105 del 23 agosto 2010
Legge regionale 22/05/02, n. 23, art. 6 comma 10 – integrata con L.R. 14/2003 e n. 8/2005. DGR n. 722 del 09/11/
2007. Trasferimento somme al Comune di Acri per il pagamento del contributo in conto capitale per il recupero della
prima casa nel Comune di Acri a favore del/della sig./sig.ra
Chimento Gregorio.
IL DIRIGENTE DI SETTORE DELL’UOA
VISTA la Legge Regionale n. 7, del 13 maggio 1996, recante
«norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare:
a) l’art. 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente Generale;
b) l’art. 30 relativo alla competenza ed ai poteri del Dirigente
Responsabile del Settore;
c) l’art. 1 – comma 3, che opera – per quanto non previsto
dalla legge regionale n. 7/1996 – il rinvio recettizio alle disposizioni del D.Lgs 29/1993 e successive integrazioni e modificazioni nonché ai contratti collettivi nazionali.
VISTI:
— la D.G.R. n. 2661 del 21-06-1999, recante «adeguamento
delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione
delle disposizioni recate dalla legge Regionale n. 7/96 e dal
D.Lgs. 29/93 e successive modificazioni ed integrazioni»;
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la L.R n. 34 del 12/08/2002, sul riordino delle funzioni
amministrative regionali e locali, e ritenuta propria la competenza;
— la D.G.R. n. 770 del 11/11/2006, relativa al nuovo ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale;
— la D.G.R. n. 425 del 07/06/2010 con la quale è stato nominato il Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 – Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, Autorità di Bacino;
— il D.P.G.R. n. 156 dell’11/06/2010 con il quale è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 –
Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, Autorità di Bacino;
— la D.G.R. n. 453 del 22/06/2010 di nomina del Dirigente di
Settore dell’U.O.A.;
— il D.D.G. n. 167 del 28/06/2010 di conferimento della delega di funzioni al Dirigente di Settore dell’U.O.A.
VISTI
— le leggi regionali n. 23/02, art. 6 comma 10 – integrata con
L.R. 29/07/03, n. 14; L.R. n. 18/04 e L.R. n. 8/05;
— la delibera di D.G.R. n. 699, del 22 settembre 2003, con la
quale è stato approvato il bando di concorso per la formazione di
graduatorie mensili relative all’erogazione di contributi in conto
capitale per l’acquisto e il recupero della prima abitazione;
— la D.G.R. n. 722 del 09.11.2007 pubblicata nel B.U.R.C.
n. 23 del 15/12/2007, con la quale la competenza istruttoria relativa alla concessione dei contributi in conto capitale per l’acquisto o il recupero della prima abitazione è stata trasferita ai
Comuni della Calabria;
— l’art. 4 della delibera n. 722 del 09.11.2007.
RILEVATO che l’istruttoria dei competenti uffici regionali ha
accertato che:
— con DDS della UOA n. 357 del 17/01/2008, n. 6139 del
20/04/2009 e n. 3191 del 17/03/2010, sono state trasferite al Comune di Acri le pratiche di competenza tra le quali risulta inserita
quella del/della sig./sig.ra Chimento Gregorio;
— il Comune di Acri ha provveduto ad effettuare l’istruttoria
di competenza;
— con Determina del Responsabile dell’Area 3 – Settore 3 n.
54 del 19/07/2010 il Comune di Acri ha richiesto alla Regione
Calabria il trasferimento delle somme necessarie al pagamento
del contributo in conto capitale per il recupero della prima casa a
favore del/della sig./sig.ra Chimento Gregorio nato/a a Cosenza
il 22/06/1969 con codice fiscale CHM GGR 69H22 D086N, pari
ad c 20.995,65.
RITENUTO pertanto
— di dover procedere al trasferimento della somma richiesta
di cui alla Determina del Responsabile dell’Area 3 – Settore 3
del Comune di Acri sopra indicata;
— che, ai sensi della circolare del Dipartimento Bilancio e
Programmazione del 10.06.2008 Prot. 6077, non trova applicazione il dispositivo combinato di cui all’art. 48 bis del D.P.R.
602/1973 in quanto trattasi di meri trasferimenti di fondi.
VISTO:
— il DDS n. 3130 del 16 marzo 2010 con il quale, al fine di
procedere alla concessione ed erogazione di contributi a favore
dei concorrenti ammessi, è stato autorizzato l’impegno della
somma di c 54.063,003,27 e sono stati puntualizzati i limiti attribuiti a ciascuna provincia distinti per le finalità di acquisto o
recupero;
— che per la provincia di Cosenza, per la tipologia recupero,
l’impegno assunto è il n. 1169 del 16/03/2010 sul capitolo
32020136.
TENUTO CONTO che sono stati acquisiti tutti i documenti
che comprovano il diritto del creditore e che quindi si sono realizzate le condizioni stabilite per la liquidazione della spesa ai
sensi dell’art. 45 della L.R. 04/02/2002, n. 8.
VISTA:
— la L.R. n. 10 del 26/02/2010;
— la D.G.R. n. 151/2010;
— la D.G.R. n. 152/2010.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETA
Le premesse sono parte integrante del presente atto,
1. la Ragioneria Generale è autorizzata ad accreditare al Comune di Acri l’importo di c 20.995,65 per far fronte al pagamento del contributo in conto capitale per il recupero della prima
casa a favore del/della sig./sig.ra Chimento Gregorio nato/a a
Cosenza il 22/06/1969 con codice fiscale CHM GGR 69H22
D086N;
6553
— la D.G.R. n. 770 del 11/11/2006, relativa al nuovo ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale;
— la D.G.R. n. 425 del 07/06/2010 con la quale è stato
nominato il Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 – Lavori
Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, Autorità di
Bacino;
2. alla suddetta spesa si farà fronte con fondi di cui all’impegno n. 1169 del 16/03/2010 sul capitolo 32020136;
— il D.P.G.R. n. 156 dell’11/06/2010 con il quale è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 –
Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, Autorità di Bacino;
3. di notificare il presente provvedimento al Comune interessato;
— la D.G.R. n. 453 del 22/06/2010 di nomina del Dirigente di
Settore dell’U.O.A.;
4. di pubblicare il presente atto nel BUR Calabria.
Catanzaro, lì 23 agosto 2010
Il Dirigente di Settore dell’UOA
Ing. Antonio Capristo
DECRETO n. 12107 del 23 agosto 2010
Legge regionale 22/05/02, n. 23, art. 6 comma 10 – integrata con L.R. 14/2003 e n. 8/2005. DGR n. 722 del 09/11/
2007. Trasferimento somme al Comune di Acri per il pagamento del contributo in conto capitale per il recupero della
prima casa nel Comune di Acri a favore del/della sig./sig.ra
Caruso Pasquale.
IL DIRIGENTE DI SETTORE DELL’UOA
VISTA la Legge Regionale n. 7, del 13 maggio 1996, recante
«norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare:
a) l’art. 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente Generale;
b) l’art. 30 relativo alla competenza ed ai poteri del Dirigente
Responsabile del Settore;
c) l’art. 1 – comma 3, che opera – per quanto non previsto
dalla legge regionale n. 7/1996 – il rinvio recettizio alle disposizioni del D.Lgs 29/1993 e successive integrazioni e modificazioni nonché ai contratti collettivi nazionali.
VISTI:
— la D.G.R. n. 2661 del 21-06-1999, recante «adeguamento
delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione
delle disposizioni recate dalla legge Regionale n. 7/96 e dal
D.Lgs. 29/93 e successive modificazioni ed integrazioni»;
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la L.R n. 34 del 12/08/2002, sul riordino delle funzioni
amministrative regionali e locali, e ritenuta propria la competenza;
— il D.D.G. n. 167 del 28/06/2010 di conferimento della delega di funzioni al Dirigente di Settore dell’U.O.A.
VISTI
— le leggi regionali n. 23/02, art. 6 comma 10 – integrata con
L.R. 29/07/03, n. 14; L.R. n. 18/04 e L.R. n. 8/05;
— la delibera di D.G.R. n. 699, del 22 settembre 2003, con la
quale è stato approvato il bando di concorso per la formazione di
graduatorie mensili relative all’erogazione di contributi in conto
capitale per l’acquisto e il recupero della prima abitazione;
— la D.G.R. n. 722 del 09.11.2007 pubblicata nel B.U.R.C.
n. 23 del 15/12/2007, con la quale la competenza istruttoria relativa alla concessione dei contributi in conto capitale per l’acquisto o il recupero della prima abitazione è stata trasferita ai
Comuni della Calabria;
— l’art. 4 della delibera n. 722 del 09.11.2007.
RILEVATO che l’istruttoria dei competenti uffici regionali ha
accertato che:
— con DDS della UOA n. 357 del 17/01/2008, n. 6139 del
20/04/2009 e n. 3191 del 17/03/2010, sono state trasferite al Comune di Acri le pratiche di competenza tra le quali risulta inserita
quella del/della sig./sig.ra Caruso Pasquale;
— il Comune di Acri ha provveduto ad effettuare l’istruttoria
di competenza;
— con Determina del Responsabile dell’Area 3 – Settore 3 n.
53 del 19/07/2010 il Comune di Acri ha richiesto alla Regione
Calabria il trasferimento delle somme necessarie al pagamento
del contributo in conto capitale per il recupero della prima casa a
favore del/della sig./sig.ra Caruso Pasquale nato/a a Acri il 27/
04/1973 con codice fiscale CRS PQL 73D27 A053V, pari ad
c 17.061,67.
RITENUTO pertanto
— di dover procedere al trasferimento della somma richiesta
di cui alla Determina del Responsabile dell’Area 3 – Settore 3
del Comune di Acri sopra indicata;
— che, ai sensi della circolare del Dipartimento Bilancio e
Programmazione del 10.06.2008 Prot. 6077, non trova applicazione il dispositivo combinato di cui all’art. 48 bis del D.P.R.
602/1973 in quanto trattasi di meri trasferimenti di fondi.
6554
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO:
— il DDS n. 3130 del 16 marzo 2010 con il quale, al fine di
procedere alla concessione ed erogazione di contributi a favore
dei concorrenti ammessi, è stato autorizzato l’impegno della
somma di c 54.063.003,27 e sono stati puntualizzati i limiti attribuiti a ciascuna provincia distinti per le finalità di acquisto o
recupero;
— che per la provincia di Cosenza, per la tipologia recupero,
l’impegno assunto è il n. 1169 del 16/03/2010 sul capitolo
32020136.
TENUTO CONTO che sono stati acquisiti tutti i documenti
che comprovano il diritto del creditore e che quindi si sono realizzate le condizioni stabilite per la liquidazione della spesa ai
sensi dell’art. 45 della L.R. 04/02/2002, n. 8.
VISTA:
— la L.R. n. 10 del 26/02/2010;
— la D.G.R. n. 151/2010;
— la D.G.R. n. 152/2010.
DECRETA
Le premesse sono parte integrante del presente atto,
1. la Ragioneria Generale è autorizzata ad accreditare al Comune di Acri l’importo di c 17.061,67 per far fronte al pagamento del contributo in conto capitale per il recupero della prima
casa a favore del/della sig./sig.ra Caruso Pasquale nato/a a Acri il
27/04/1973 con codice fiscale CRS PQL 73D27 A053V;
2. alla suddetta spesa si farà fronte con fondi di cui all’impegno n. 1169 del 16/03/2010 sul capitolo 32020136;
3. di notificare il presente provvedimento al Comune
interessato;
4. di pubblicare il presente atto nel BUR Calabria.
Catanzaro, lì 23 agosto 2010
Il Dirigente di Settore dell’UOA
Ing. Antonio Capristo
DECRETO n. 16799 del 25 novembre 2010
Delibera di Giunta Regionale n. 374 del 26/05/2008 e n. 494
del 28/07/2008 – Legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per
l’edilizia scolastica», Piano Annuale di Attuazione 2008 –
«Messa in Sicurezza ed adeguamento statico della Scuola
Elementare» importo complessivo c 300.000,00 – Comune di
Joppolo – Erogazione 2o acconto.
VISTA la delibera di G.R. n. 2661/99 Adeguamento delle
norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle
disposizioni recate dalla L.R. n. 7/96 e dal D. Lgs. n. 29/93 e
successive modifiche ed integrazioni.
VISTO il D.P.G.R. n. 354 del 21.6.1999 Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di
gestione.
VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 770 dell’11.11.2006,
con la quale è stato approvato l’ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/
2002).
VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 258 del 14.05.2007,
con la quale sono state apportate modifiche all’ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale.
VISTA la delibera della G.R. n. 425 del 7/06/2010 con la quale
è stato nominato il Dirigente Generale del Dipartimento 9 «Infrastrutture, LL.PP., Politiche della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse
Idriche, Ciclo integrato delle Acque».
VISTO il decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 156
dell’11/06/2010 con il quale è stato conferito l’incarico al Dirigente Generale del Dipartimento 9 «Infrastrutture, LL.PP., Politiche della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse Idriche, Ciclo integrato
delle Acque».
VISTA la delibera della G.R. n. 440/2010.avente per oggetto:
«Conferimento incarichi dirigenziali di Settore – Assegnazione
alle strutture della Giunta Regionale».
VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento 9
n. 11493 del 6/08/2010, con il quale è stato conferito l’incarico di
funzione al Dirigente del Settore 2 «Programmazione e Coordinamento Opere Pubbliche, Amministrazione, Norme Sismiche,
Assistenza APQ, Difesa del Suolo».
VISTA la Legge 11.01.1996, n. 23, recante «Norme per l’edilizia scolastica», e successive modifiche ed integrazioni, con particolare riferimento alle procedure definite dall’art. 4 per l’approvazione da parte delle Regioni dei piani generali triennali e
dei relativi piani annuali di attuazione.
VISTA la Legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello
Stato», ed in particolare il comma 625 dell’art. 1, che ha autorizzato, per l’attivazione dei piani di edilizia scolastica previsti dall’art. 4 della Legge 23/1996 precitata, la spesa di 50 milioni di
euro per l’anno 2007 e di 100 milioni di euro per ciascuno degli
anni 2008 e 2009, fermo restando che il 50% di dette somme sia
destinato al completamento delle attività di messa in sicurezza e
di adeguamento a norma degli edifici scolastici e che, in tale
ambito, ogni singolo intervento per tali finalità vada compartecipato in parti eguali con la Regione e l’Ente locale interessato.
VISTO il Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione del
16.07.2007, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 26.07.2007,
emanato con il parere favorevole formulato nella Conferenza
Permanente tra Stato, Regioni e Province Autonome di Trento e
Bolzano del 12/07/2007.
VISTA la legge regionale n. 7 del 13.05.96, Norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della Giunta Regionale.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale, n. 797 del
10.09.2007, contenente disposizioni per la concessione di contributi in conto capitale ai Comuni e alle Province per interventi in
materia di edilizia scolastica, con allegato l’Avviso Pubblico.
VISTI gli artt. 16 e 17 del D. Lgs. n. 29/93 e succ. modif. ed
integrazioni.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale, n. 736 del 09/11/
2007, Legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per l’edilizia scola-
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6555
stica» – Approvazione del Piano Triennale 2007/2009 e del Piano
Annuale di Attuazione 2007 in materia di edilizia scolastica.
− euro 51.855,46 pari al 33,50% dell’importo richiesto a
carico del Comune di Joppolo;
VISTA la delibera della Giunta Regionale n. 374 del 26
maggio 2008, legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per l’edilizia
scolastica» – Approvazione del Piano Annuale di Attuazione
2008 in materia di edilizia scolastica.
− la restante parte pari ad euro 51.344,65 dell’importo richiesto a carico della Regione Calabria;
VISTA la delibera della Giunta Regionale n. 494 del 28 luglio
con la quale viene preso atto delle osservazioni del Ministero
della Pubblica Istruzione, con la rimodulazione dei Piani Annuali di Attuazione 2007 e 2008 e per gli stessi Piani viene impegnata la quota di finanziamento regionale, rispettivamente impegno n. 3010 del 24 luglio 2008 dell’importo di c 3.176.809,88
sul capitolo 42010113 anno 2008 ed impegno n. 3011 del 24
luglio 2008 dell’importo di c 6.269.971,74 sul capitolo
42010113 anno 2008.
VISTO il Piano Annuale di Attuazione 2008 in materia di edilizia scolastica, approvato con le citate delibere di Giunta Regionale n. 374/2008 e 494/2008, nel quale è riportato tra gli interventi ammessi a finanziamento quello proposto dal Comune di
Joppolo (VV) riguardante «Messa in Sicurezza ed adeguamento
statico della Scuola Elementare» importo complessivo euro
300.000,00 – e la cui copertura finanziaria è la seguente:
— Euro 100.000,00 pari al 33,33% dell’importo complessivo
con fondi a carico dello Stato;
— Euro 100.500,00 pari al 33,50% dell’importo complessivo
con fondi a carico del Comune di Joppolo;
— Euro 99.500,00 pari al 33,17% dell’importo complessivo
con fondi a carico della Regione Calabria.
VISTO il proprio Decreto n. 14408 del 09/10/2008 con il quale
è stato approvato lo schema tipo dell’atto di convenzione, regolante il rapporto degli Enti Attuatori con la Regione Calabria.
VISTO il proprio Decreto n. 13459 del 10/07/2009 con il quale
è stata impegnata la quota di finanziamento statale per i
Piani Annuali di Attuazione 2007 e 2008 in materia di edilizia
scolastica, Legge 23/96, impegno n. 4968 del 09/07/2009 dell’importo complessivo di euro 10.499.260,16 sul cap. 42010109
anno 2009.
VISTO l’atto di convenzione, sottoscritto in data 13/05/2009,
rep. n. 21748, relativo alla realizzazione dell’intervento «Messa
in Sicurezza ed adeguamento statico della Scuola Elementare»
dell’importo complessivo pari ad euro 300.000,00.
CONSIDERATO CHE:
— la durata della convenzione, ai sensi dell’art. 8, è di mesi
15 e che, quindi, la scadenza è fissata al 13/08/2010;
— con decreto dirigenziale n. 15340 del 08/11/2010 la Convenzione è stata prorogata di mesi 6 (sei), fissando la nuova scadenza al 13/02/2011;
— il Comune di Joppolo, con nota ultima prot. n. 4472 del
13/10/2010, pervenuta via Fax il 19/10/2010, chiede l’erogazione del 2o acconto (1o SAL e 2o SAL finale dei lavori – allo
stato non completati per avvenuta rescissione del contratto d’appalto con l’impresa esecutrice – compreso I.V.A.) del finanziamento statale e regionale, ai sensi dell’art. 13 dell’atto di convenzione, per l’importo complessivo di c 154.792,42 di cui:
− euro 51.592,31 pari ad 33,33% dell’importo richiesto a
carico dello Stato;
— la Regione Calabria, in favore del Comune di Joppolo, sui
finanziamenti statale e regionale ha erogato un 1o acconto per la
complessiva somma di c 39.900,00 così ripartita:
− euro 20.000,00 a carico dello Stato;
− euro 19.900,00 a carico della Regione Calabria;
— dall’importo complessivo a carico dello Stato e della Regione pari ad c 102.936,96 occorre decurtare la somma già erogata di c 39.900,00.
RITENUTO, pertanto, necessario liquidare il 2o acconto del
finanziamento statale e regionale per l’importo complessivo di
euro 63.036,96 (102.936,96 – 39.900.00) distinto come segue:
— l’importo pari ad euro 31.592,31 (c 51.592,31 –
c 20.000,00) quale quota parte del finanziamento statale, da
far valere sul capitolo 42010109 del bilancio 2010, impegno di
spesa n. 4968 del 09/07/2009;
— l’importo pari ad euro 31.444,65 (c 51.344,65 –
c 19.900,00) quale quota parte del finanziamento regionale, da
far valere sul capitolo n. 42010113 del bilancio 2010, impegno di
spesa n. 3011 del 24/07/2008.
TENUTO CONTO che sono stati acquisiti tutti i documenti
che comprovano il diritto del creditore e che, quindi, si sono
realizzate le condizioni per la liquidazione della spesa ai sensi
dell’art. 45 della legge regionale 04/02/2002, n. 8.
VISTA la Legge Regionale n. 8 del 04.02.2002.
VISTA la Legge Regionale n. 34 del 2002 e s.m.i. e ritenuta la
propria competenza.
VISTA la Legge Regionale n. 10 del 26/02/2010 con la quale è
stato approvato il Bilancio di Previsione della Regione Calabria
per l’anno finanziario 2010 e il Bilancio pluriennale per il
triennio 2010/2012.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 151 del 27/
02/2010 con la quale è stato approvato il documento tecnico,
articolato per unità previsionali di base e per capitoli, inerente al
bilancio di previsione per l’anno 2010.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 152 del 27/
02/2010 con la quale è stato approvato il Bilancio Dipartimentale per l’anno 2010 articolato per unità previsionali di base e per
capitoli.
VISTA la nota del Dirigente Generale Dipartimento n. 9,
LL.PP., n. 3052/DG del 19 agosto 2008, nella quale, in analogia
all’operato della Ragioneria dello Stato, si da atto, che i pagamenti effettuati nei confronti di soggetti pubblici, non essendo
correlati ad alcuna prestazione del beneficiario, si configurano
come mero trasferimento di fondi, quindi non assoggettabili alla
verifica preliminare di cui all’art. 48 bis del D.P.R. n. 602/1973 e
Decreto M.E.F. n. 40/2008, recanti disposizioni in materia di pagamenti della pubblica amministrazione, e comunica, per dette
fattispecie, di conformarsi alla nota n. 4077 del 20/06/2008 del
Dirigente Generale Dipartimento Bilancio e Patrimonio non
inoltrando più richieste di verifica e non dando seguito a quelle
già inoltrate.
6556
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 620 del
20.09.2010 sulle misure per favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010 e approvazione del piano dei pagamenti 2010.
CONSIDERATO che la liquidazione in oggetto non ricade in
alcuno dei punti previsti dall’art. 1 della citata deliberazione
della Giunta Regionale n. 620 del 20.09.2010.
CONSIDERATO, inoltre, che la Regione Calabria ha stipulato un rapporto di convenzione con il Comune di Joppolo in cui,
tra l’altro, è previsto che i pagamenti vengano effettuati entro 60
giorni dalla documentata richiesta da parte del Soggetto Attuatore.
RITENUTO, pertanto, che occorre procedere alla liquidazione
entro il 2010 in quanto la mancata liquidazione espone la Regione Calabria ad eventuali contenziosi da parte del soggetto attuatore con possibile richiesta di interessi moratori per il ritardo
nel pagamento.
A TERMINI delle richiamate disposizioni legislative.
RISCONTRATA la regolarità degli atti.
DECRETA
Per i motivi espressi in narrativa e che si intendono qui integralmente riportati:
Art. 1
Di autorizzare in favore del Comune di Joppolo (VV) l’accreditamento dell’importo complessivo di euro 63.036,96 (sessantatremilatrentasei/96) quale 2o acconto del finanziamento statale
e regionale assegnato per la realizzazione dell’intervento «Messa
in Sicurezza ed adeguamento statico della Scuola Elementare»
importo complessivo euro 300.000,00, distinto come segue:
— l’importo pari ad euro 31.592,31 (c 51.592,31 –
c 20.000,00) quale quota parte del finanziamento statale, da far
valere sul capitolo 42010109 del bilancio 2010, impegno di spesa
n. 4968 del 09/07/2009;
— l’importo pari ad euro 31.444,65 (c 51.344,65 –
c 19.900,00) quale quota parte del finanziamento regionale, da
far valere sul capitolo n. 42010113 del bilancio 2010, impegno di
spesa n. 3011 del 24/07/2008.
Art. 2
Di autorizzare la Ragioneria Generale a procedere alla liquidazione dell’importo complessivo di euro 63.036,96 in favore
del Comune Joppolo (VV) quale 2o acconto del finanziamento di
che trattasi presso la Banca Monte dei Paschi di Siena Agenzia di
Nicotera – Tesoreria Comunale – Codice IBAN IT 91 I 01030
42650 000001055012.
Art. 3
Di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria.
Catanzaro, lì 25 novembre 2010
Il Dirigente del Settore
Ing. Salvatore Siviglia
DECRETO n. 17203 del 30 novembre 2010
Delibera di Giunta Regionale n. 374 del 26/05/2008 e n. 494
del 28/07/2008 – Legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per
l’edilizia scolastica», Piano Annuale di Attuazione 2008 –
«Ristrutturazione edificio scolastico Scuola Primaria Satriano Centro sito in Piazza Dante», importo c 266.607,84 –
Comune di Satriano – Proroga Convenzione ed erogazione 2o
acconto.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13.05.96, Norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della Giunta Regionale.
VISTI gli artt. 16 e 17 del D. Lgs. n. 29/93 e succ. modif. ed
integrazioni.
VISTA la delibera di G.R. n. 2661/99 Adeguamento delle
norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle
disposizioni recate dalla L.R. n. 7/96 e dal D. Lgs. n. 29/93 e
successive modifiche ed integrazioni.
VISTO il D.P.G.R. n. 354 del 21.6.1999 Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 770 dell’11.11.2006,
con la quale è stato approvato l’ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/
2002).
VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 258 del 14.05.2007,
con la quale sono state apportate modifiche all’ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale.
VISTA la delibera della G.R. n. 425 del 7/06/2010 con la quale
è stato nominato il Dirigente Generale del Dipartimento 9 «Infrastrutture, LL.PP., Politiche della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse
Idriche, Ciclo integrato delle Acque».
VISTO il decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 156
dell’11/06/2010 con il quale è stato conferito l’incarico al Dirigente Generale del Dipartimento 9 «Infrastrutture, LL.PP., Politiche della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse Idriche, Ciclo integrato
delle Acque».
VISTA la delibera della G.R. n. 440/2010, avente per oggetto:
«Conferimento incarichi dirigenziali di Settore – Assegnazione
alle strutture della Giunta Regionale».
VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento 9
n. 11493 del 6/08/2010, con il quale è stato conferito l’incarico di
funzione al Dirigente del Settore 2 «Programmazione e Coordinamento Opere Pubbliche, Amministrazione, Norme Sismiche,
Assistenza APQ, Difesa del Suolo».
VISTA la Legge 11.01.1996, n. 23, recante «Norme per l’edilizia scolastica», e successive modifiche ed integrazioni, con particolare riferimento alle procedure definite dall’art. 4 per l’approvazione da parte delle Regioni dei piani generali triennali e
dei relativi piani annuali di attuazione.
VISTA la Legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello
Stato», ed in particolare il comma 625 dell’art. 1, che ha autorizzato, per l’attivazione dei piani di edilizia scolastica previsti dall’art. 4 della Legge 23/1996 precitata, la spesa di 50 milioni di
euro per l’anno 2007 e di 100 milioni di euro per ciascuno degli
anni 2008 e 2009, fermo restando che il 50% di dette somme sia
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
destinato al completamento delle attività di messa in sicurezza e
di adeguamento a norma degli edifici scolastici e che, in tale
ambito, ogni singolo intervento per tali finalità vada compartecipato in parti eguali con la Regione e l’Ente locale interessato.
VISTO il Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione del
16.07.2007, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 26.07.2007,
emanato con il parere favorevole formulato nella Conferenza
Permanente tra Stato, Regioni e Province Autonome di Trento e
Bolzano del 12/07/2007.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale, n. 797 del
10.09.2007, contenente disposizioni per la concessione di contributi in conto capitale ai Comuni e alle Province per interventi in
materia di edilizia scolastica, con allegato l’Avviso Pubblico.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale, n. 736 del 09/11/
2007, Legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per l’edilizia scolastica» – Approvazione del Piano Triennale 2007/2009 e del Piano
Annuale di Attuazione 2007 in materia di edilizia scolastica.
VISTA la delibera della Giunta Regionale n. 374 del 26
maggio 2008, legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per l’edilizia
scolastica» – Approvazione del Piano Annuale di Attuazione
2008 in materia di edilizia scolastica.
VISTA la delibera della Giunta Regionale n. 494 del 28 luglio
con la quale viene preso atto delle osservazioni del Ministero
della Pubblica Istruzione, con la rimodulazione dei Piani Annuali di Attuazione 2007 e 2008 e per gli stessi Piani viene impegnata la quota di finanziamento regionale, rispettivamente impegno n. 3010 del 24 luglio 2008 dell’importo di c 3.176.809,88
sul capitolo 42010113 anno 2008 ed impegno n. 3011 del 24
luglio 2008 dell’importo di c 6.269.971,74 sul capitolo
42010113 anno 2008.
VISTO il Piano Annuale di Attuazione 2008 in materia di edilizia scolastica, approvato con le citate delibere di Giunta Regionale n. 374/2008 e 494/2008, nel quale è riportato tra gli interventi ammessi a finanziamento quello proposto dal Comune di
Satriano (CZ) riguardante «Ristrutturazione edificio scolastico
Scuola Primaria Satriano Centro sito in Piazza Dante», importo
c 266.607,84 – e la cui copertura finanziaria è la seguente:
— Euro 88.869,28 pari ad 1/3 dell’importo complessivo con
fondi a carico dello Stato;
— Euro 88.887,05 pari al 33,34% dell’importo complessivo
con fondi a carico del Comune di Satriano;
— la restante parte pari ad euro 88.851,51 con fondi a carico
della Regione Calabria.
VISTO il proprio Decreto n. 14408 del 09/10/2008 con il quale
è stato approvato lo schema tipo dell’atto di convenzione, regolante il rapporto degli Enti Attuatori con la Regione Calabria.
VISTO il proprio Decreto n. 13459 del 10/07/2009 con il quale
è stata impegnata la quota di finanziamento statale per i Piani
Annuali di Attuazione 2007 e 2008 in materia di edilizia scolastica. Legge 23/96, impegno n. 4968 del 09/07/2009 dell’importo
complessivo di euro 10.499.260,16 sul cap. 42010109 anno
2009.
VISTO l’atto di convenzione, sottoscritto in data 04/03/2009,
rep. n. 21706, relativo alla realizzazione dell’intervento «Ristrutturazione edificio scolastico Scuola Primaria Satriano Centro
sito in Piazza Dante», importo c 266.607,84.
6557
CONSIDERATO CHE:
— la durata della convenzione, ai sensi dell’art. 8, è di mesi
16 e che, quindi, la scadenza è fissata al 04/07/2010;
— il Comune di Satriano con determina del Responsabile del
Servizio n. 251 del 22/09/10 chiede la proroga della Convenzione fino al 30/10/2010;
— con note n. 3726/10, 5657/10, 5729/10 e 7220 del 22/09/
2010 il predetto Comune chiede, tra l’altro, ai sensi dell’art. 13
dell’Atto di Convenzione, l’erogazione del 2o acconto (1o e 2o
SAL più competenze tecniche) per la complessiva somma di euro
157.627,96 di cui:
− c 52.542,65 pari ad 1/3 dell’importo da erogare a carico
dello Stato;
− c 52.553,16 pari al 33,34% dell’importo da erogare a carico del Comune di Satriano;
− la restante parte pari ad euro 52.532,15 a carico della
Regione;
— la Regione Calabria, in favore del Comune di Satriano, sui
finanziamenti statale e regionale ha erogato un 1o acconto per la
complessiva somma di c 35.544,15 di cui:
− euro 17.773,85 a carico dello Stato;
− euro 17.770,30 a carico della Regione Calabria;
— dall’importo complessivo a carico dello Stato e della Regione pari ad c 105.074,80 occorre decurtare la somma già erogata di c 35.544,15.
RITENUTO, pertanto, necessario accogliere la richiesta del
Comune di Satriano e concedere una proroga della Convenzione
fino al 30 dicembre 2010 anziché al 30/10/2010 per consentire la
chiusura del rapporto di cui in Convenzione, e liquidare il 2o
acconto del finanziamento statale e regionale per l’importo complessivo di euro 69.530,65 (105.074,80 – 35.544,15) distinto
come segue:
— euro 34.768,80 (c 52.542,65 – c 17.773,85) quale quota
parte del finanziamento statale da far valere sul capitolo
42010109 del bilancio 2010, impegno n. 4968 del 09/07/2009;
— euro 34.761.85 (c 52.532,15 – c 17.770,30) quale quota
parte del finanziamento regionale da far valere sul capitolo
42010113 del bilancio 2010, impegno n. 3011 del 24/07/2008.
TENUTO CONTO che sono stati acquisiti tutti i documenti
che comprovano il diritto del creditore e che, quindi, si sono
realizzate le condizioni per la liquidazione della spesa ai sensi
dell’art. 45 della legge regionale 04/02/2002, n. 8.
VISTA la Legge Regionale n. 8 del 04.02.2002.
VISTA la Legge Regionale n. 34 del 2002 e s.m.i. e ritenuta la
propria competenza.
VISTA la Legge Regionale n. 10 del 26/02/2010 con la quale è
stato approvato il Bilancio di Previsione della Regione Calabria
per l’anno finanziario 2010 e il Bilancio pluriennale per il
triennio 2010/2012.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 151 del 27/
02/2010 con la quale è stato approvato il documento tecnico,
articolato per unità previsionali di base e per capitoli, inerente al
bilancio di previsione per l’anno 2010.
6558
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 152 del 27/
02/2010 con la quale è stato approvato il Bilancio Dipartimentale per l’anno 2010 articolato per unità previsionali di base e per
capitoli.
VISTA la nota del Dirigente Generale Dipartimento n. 9,
LL.PP., n. 3052/DG del 19 agosto 2008, nella quale, in analogia
all’operato della Ragioneria dello Stato, si da atto, che i pagamenti effettuati nei confronti di soggetti pubblici, non essendo
correlati ad alcuna prestazione del beneficiario, si configurano
come mero trasferimento di fondi, quindi non assoggettabili alla
verifica preliminare di cui all’art. 48 bis del D.P.R. n. 602/1973 e
Decreto M.E.F. n. 40/2008, recanti disposizioni in materia di pagamenti della pubblica amministrazione, e comunica, per dette
fattispecie, di conformarsi alla nota n. 4077 del 20/06/2008 del
Dirigente Generale Dipartimento Bilancio e Patrimonio non
inoltrando più richieste di verifica e non dando seguito a quelle
già inoltrate.
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 620 del
20.09.2010 sulle misure per favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010 e approvazione del piano dei pagamenti 2010.
CONSIDERATO che la liquidazione in oggetto non ricade in
alcuno dei punti previsti dall’art. 1 della citata deliberazione
della Giunta Regionale n. 620 del 20.09.2010.
CONSIDERATO, inoltre, che la Regione Calabria ha stipulato un rapporto di convenzione con il comune di Satriano in cui,
tra l’altro, è previsto che i pagamenti vengano effettuati entro 60
giorni dalla documentata richiesta da parte del Soggetto Attuatore.
RITENUTO, pertanto, che occorra procedere alla liquidazione
entro il 2010 in quanto la mancata liquidazione espone la Regione Calabria ad eventuali contenziosi da parte del soggetto attuatore con possibile richiesta di interessi moratori per il ritardo
nel pagamento.
A TERMINI delle richiamate disposizioni legislative.
RISCONTRATA la regolarità degli atti.
DECRETA
Per i motivi espressi in narrativa e che si intendono qui integralmente riportati:
Art. 1
Di autorizzare in favore del Comune di Satriano (CZ) l’accreditamento dell’importo complessivo di euro 69.530,65 (sessantanovemilacinquecentotrenta/65), quale 2o acconto del finanziamento statale e regionale e relativo alla realizzazione dell’intervento «Ristrutturazione edificio scolastico Scuola Primaria
Satriano Centro sito in Piazza Dante», importo c 266.607,84;
distinto per come segue:
— euro 34.768,80 (c 52.542,65 – c 17.773,85) quale quota
parte del finanziamento statale da far valere sul capitolo
42010109 del bilancio 2010, impegno n. 4968 del 09/07/2009;
— euro 34.761.85 (c 52.532,15 – c 17.770,30) quale quota
parte del finanziamento regionale da far valere sul capitolo
42010113 del bilancio 2010, impegno n. 3011 del 24/07/2008.
del Comune di Satriano (CZ) quale 2o acconto del finanziamento
di che trattasi presso Servizio Tesoreria – Codice IBAN
IT17F0525642850000000893009.
Art. 3
Di prorogare il termine di cui all’art. 8 della Convenzione fino
al 30/12/2010 anziché al 30/10/2010 e stabilire che la durata
della Convenzione sarà di mesi 21 (ventuno) e giorni 16 anziché
mesi 16 (sedici) e che l’importo del finanziamento rimarrà invariato.
Art. 4
Di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria.
Catanzaro, lì 30 novembre 2010
Il Dirigente del Settore
Ing. Salvatore Siviglia
DECRETO n. 17204 del 30 novembre 2010
Delibera di Giunta Regionale n. 736 del 09/11/2007 – Legge
11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per l’edilizia scolastica»,
Piano Annuale di Attuazione 2007 – «Messa in sicurezza e
miglioramento strutturale del Liceo Classico Galluppi di
Catanzaro» – importo c 580.000,00 – Amministrazione Provinciale di Catanzaro – Proroga Convenzione ed erogazione
1o acconto.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la legge regionale n. 7 del 13.05.96, Norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della Giunta Regionale.
VISTI gli artt. 16 e 17 del D. Lgs. n. 29/93 e succ. modif. ed
integrazioni.
VISTA la delibera di G.R. n. 2661/99 Adeguamento delle
norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione delle
disposizioni recate dalla L.R. n. 7/96 e dal D. Lgs. n. 29/93 e
successive modifiche ed integrazioni.
VISTO il D.P.G.R. n. 354 del 21.6.1999 Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione.
VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 770 dell’11.11.2006,
con la quale è stato approvato l’ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/
2002).
VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 258 del 14.05.2007,
con la quale sono state apportate modifiche all’ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale.
Art. 2
VISTA la delibera della G.R. n. 425 del 7/06/2010 con la quale
è stato nominato il Dirigente Generale del Dipartimento 9 «Infrastrutture, LL.PP., Politiche della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse
Idriche, Ciclo integrato delle Acque».
Di autorizzare la Ragioneria Generale a procedere alla liquidazione dell’importo complessivo di euro 69.530,65 in favore
VISTO il decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 156
dell’11/06/2010 con il quale è stato conferito l’incarico al Diri-
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
gente Generale del Dipartimento 9 «Infrastrutture, LL.PP., Politiche della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse Idriche, Ciclo integrato
delle Acque».
VISTA la delibera della G.R. n. 440/2010, avente per oggetto:
«Conferimento incarichi dirigenziali di Settore – Assegnazione
alle strutture della Giunta Regionale».
VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento 9
n. 11493 del 6/08/2010, con il quale è stato conferito l’incarico di
funzione al Dirigente del Settore 2 «Programmazione e Coordinamento Opere Pubbliche, Amministrazione, Norme Sismiche,
Assistenza APQ, Difesa del Suolo».
VISTA la Legge 11.01.1996, n. 23, recante «Norme per l’edilizia scolastica», e successive modifiche ed integrazioni, con particolare riferimento alle procedure definite dall’art. 4 per l’approvazione da parte delle Regioni dei piani generali triennali e
dei relativi piani annuali di attuazione.
VISTA la Legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello
Stato», ed in particolare il comma 625 dell’art. 1, che ha autorizzato, per l’attivazione dei piani di edilizia scolastica previsti dall’art. 4 della Legge 23/1996 precitata, la spesa di 50 milioni di
euro per l’anno 2007 e di 100 milioni di euro per ciascuno degli
anni 2008 e 2009, fermo restando che il 50% di dette somme sia
destinato al completamento delle attività di messa in sicurezza e
di adeguamento a norma degli edifici scolastici e che, in tale
ambito, ogni singolo intervento per tali finalità vada compartecipato in parti eguali con la Regione e l’Ente locale interessato.
6559
impegno n. 3010 del 24/07/2008 dell’importo di euro
3.176.809,88 sul capitolo 42010113 anno 2008, ed impegno n.
3011 del 24/07/2008 dell’importo di euro 6.269.971,74 sul capitolo 42010113 anno 2008.
VISTO il proprio Decreto n. 14408 del 09/10/2008 con il quale
è stato approvato lo schema tipo dell’atto di convenzione, regolante il rapporto degli Enti Attuatori con la Regione Calabria.
VISTO il proprio Decreto n. 13459 del 10/07/2009 con il quale
è stata impegnata la quota di finanziamento statale per i Piani
Annuali di Attuazione 2007 e 2008 in materia di edilizia scolastica, Legge 23/96, impegno n. 4968 del 09/07/2009 dell’importo
complessivo di euro 10.499.260,16 sul cap. 42010109 anno
2009.
VISTO l’atto di convenzione, sottoscritto in data 23/12/2008,
rep. n. 21669, relativo alla realizzazione dell’intervento «Messa
in sicurezza e miglioramento strutturale del Liceo Classico Galluppi di Catanzaro» – importo c 580.000,00.
CONSIDERATO CHE:
— la durata della convenzione, ai sensi dell’art. 8, è di mesi
16 e che, quindi, la scadenza è fissata al 23/04/2010;
— l’art. 13 dell’atto di convenzione prevede l’erogazione del
1o acconto, pari al 20% del contributo statale e regionale assegnato, previa trasmissione del quadro economico rideterminato
dopo l’aggiudicazione definitiva dei lavori;
VISTO il Decreto del Ministero della Pubblica Istruzione del
16.07.2007, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 26.07.2007,
emanato con il parere favorevole formulato nella Conferenza
Permanente tra Stato, Regioni e Province Autonome di Trento e
Bolzano del 12/07/2007.
— con nota ultima n. 100350 del 16/11/2010 il Responsabile
Unico del Procedimento ha trasmesso la documentazione integrativa più volte richiesta e sollecitata, necessaria per l’erogazione del 1o acconto;
VISTA la Delibera di Giunta Regionale, n. 797 del
10.09.2007, contenente disposizioni per la concessione di contributi in conto capitale ai Comuni e alle Province per interventi in
materia di edilizia scolastica, con allegato l’Avviso Pubblico.
— con la predetta nota 100350/10, tra l’altro, ha trasmesso
richiesta di proroga della Convenzione per complessivi mesi 16
(sedici), che si allega in copia e forma parte integrante e sostanziale del presente decreto.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale, n. 736 del 09/11/
2007, Legge 11 gennaio 1996, n. 23 «Norme per l’edilizia scolastica» – Approvazione del Piano Triennale 2007/2009 e del Piano
Annuale di Attuazione 2007 in materia di edilizia scolastica.
VISTO il Piano Annuale di Attuazione 2007 in materia di edilizia scolastica, approvato con la citata Delibera di Giunta Regionale n. 736/2007, nel quale è riportato tra gli interventi ammessi
a finanziamento quello proposto dall’Amministrazione Provinciale di Catanzaro riguardante «Messa in sicurezza e miglioramento strutturale del Liceo Classico Galluppi di Catanzaro» –
importo c 580.000,00 – e la cui copertura finanziaria è la seguente:
— Euro 193.333,33 pari al 33,33% dell’importo complessivo
a carico dello Stato;
— Euro 262.044,00 pari al 45,18% dell’importo complessivo
a carico dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro;
— Euro 124.622,67 pari al 21,49% dell’importo complessivo
a carico della Regione Calabria.
VISTA la Delibera di Giunta Regionale, n. 494 del 28/07/
2008, con la quale viene preso atto delle osservazioni del Ministero della Pubblica Istruzione, con la rimodulazione dei Piani
Annuali di Attuazione 2007 e 2008, e per gli stessi Piani viene
impegnata la quota di finanziamento regionale, rispettivamente
RITENUTO, pertanto, di dover accogliere la richiesta dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro e concedere una
proroga della Convenzione per la durata complessiva di mesi 16
(sedici), e liquidare il 1o acconto del finanziamento statale e regionale assegnato dell’importo complessivo di euro 63.591,19
distinto come segue:
— l’importo pari ad euro 38.666,66 (20% di c 193.333,33)
quale quota parte del finanziamento statale, da far valere sul capitolo 42010109 del bilancio 2010, impegno di spesa n. 4968 del
09/07/2009;
— l’importo pari ad euro 24.924,53 (20% di c 124.622,67)
quale quota parte del finanziamento regionale, da far valere sul
capitolo n. 42010113 del bilancio 2010, impegno di spesa n.
3010 del 24/07/2008.
TENUTO CONTO che sono stati acquisiti tutti i documenti
che comprovano il diritto del creditore e che, quindi, si sono
realizzate le condizioni per la liquidazione della spesa ai sensi
dell’art. 45 della legge regionale 04/02/2002, n.8.
VISTA la Legge Regionale n. 8 del 04.02.2002.
VISTA la Legge Regionale n. 34 del 2002 e s.m.i. e ritenuta la
propria competenza.
6560
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la Legge Regionale n. 10 del 26/02/2010 con la quale è
stato approvato il Bilancio di Previsione della Regione Calabria
per l’anno finanziario 2010 e il Bilancio pluriennale per il
triennio 2010/2012.
— l’importo pari ad euro 38.666,66 (20% di c 193.333,33)
quale quota parte del finanziamento statale, da far valere sul capitolo 42010109 del bilancio 2010, impegno di spesa n. 4968 del
09/07/2009;
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 151 del 27/
02/2010 con la quale è stato approvato il documento tecnico,
articolato per unità previsionali di base e per capitoli, inerente al
bilancio di previsione per l’anno 2010.
— l’importo pari ad euro 24.924,53 (20% di c 124.622,67)
quale quota parte del finanziamento regionale, da far valere sul
capitolo n. 42010113 del bilancio 2010, impegno di spesa n.
3010 del 24/07/2008.
VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 152 del 27/
02/2010 con la quale è stato approvato il Bilancio Dipartimentale per l’anno 2010 articolato per unità previsionali di base e per
capitoli.
Art. 2
VISTA la nota del Dirigente Generale Dipartimento n. 9,
LL.PP., n. 3052/DG del 19 agosto 2008, nella quale, in analogia
all’operato della Ragioneria dello Stato, si da atto, che i pagamenti effettuati nei confronti di soggetti pubblici, non essendo
correlati ad alcuna prestazione del beneficiario, si configurano
come mero trasferimento di fondi, quindi non assoggettabili alla
verifica preliminare di cui all’art. 48 bis del D.P.R. n. 602/1973 e
Decreto M.E.F. n. 40/2008, recanti disposizioni in materia di pagamenti della pubblica amministrazione, e comunica, per dette
fattispecie, di conformarsi alla nota n. 4077 del 20/06/2008 del
Dirigente Generale Dipartimento Bilancio e Patrimonio non
inoltrando più richieste di verifica e non dando seguito a quelle
già inoltrate.
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 620 del
20.09.2010 sulle misure per favorire il rispetto del patto di stabilità interno 2010 e approvazione del piano dei pagamenti 2010.
Di autorizzare la Ragioneria Generale a procedere alla liquidazione dell’importo complessivo di euro 63.591,19 in favore
dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro quale 1o acconto
del finanziamento di che trattasi presso Banco di Napoli filiale di
Catanzaro – Tesoreria Provinciale – codice IBAN
IT95Y0101004405100000046099.
Art. 3
Di prorogare il termine di cui all’art. 8 della Convenzione di
mesi 16 (sedici) con scadenza il 23/08/2011 e stabilire che la
durata della Convenzione sarà di mesi 32 (trentadue) anziché
mesi 16 (sedici) e che l’importo del finanziamento rimarrà invariato.
Art. 4
Di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della
Regione Calabria.
Catanzaro, lì 30 novembre 2010
CONSIDERATO che la liquidazione in oggetto non ricade in
alcuno dei punti previsti dall’art. 1 della citata deliberazione
della Giunta Regionale n. 620 del 20.09.2010.
CONSIDERATO, inoltre, che la Regione Calabria ha stipulato un rapporto di convenzione con l’Amministrazione Provinciale di Catanzaro in cui, tra l’altro, è previsto che i pagamenti
vengano effettuati entro 60 giorni dalla documentata richiesta da
parte del Soggetto Attuatore.
RITENUTO, pertanto, che occorre procedere alla liquidazione
entro il 2010 in quanto la mancata liquidazione espone la Regione Calabria ad eventuali contenziosi da parte del soggetto attuatore con possibile richiesta di interessi moratori per il ritardo
nel pagamento.
A TERMINI delle richiamate disposizioni legislative.
RISCONTRATA la regolarità degli atti.
DECRETA
Per i motivi espressi in narrativa e che si intendono qui integralmente riportati:
Art. 1
Di autorizzare in favore dell’Amministrazione Provinciale di
Catanzaro l’accreditamento dell’importo complessivo di euro
63.591,19 (sessantatremilacinquecentonovantuno/19), quale 1o
acconto del finanziamento statale e regionale assegnato per la
realizzazione dell’intervento di «Messa in sicurezza e miglioramento strutturale del Liceo Classico Galluppi di Catanzaro» –
importo c 580.000,00; distinto come segue:
Il Dirigente del Settore
Ing. Salvatore Siviglia
DECRETO n. 17598 del 3 dicembre 2010
Legge regionale 22/05/02, n. 23, art. 6 comma 10 – integrata con L.R. 14/2003 e n. 8/2005. Rilascio dell’autorizzazione alla vendita di un alloggio già oggetto di contributo regionale concesso a favore dei coniugi Raschillà Francesco
Marino e Lucà Rosita.
IL DIRIGENTE DI SETTORE DELL’UOA
VISTA la Legge Regionale n. 7, del 13 maggio 1996, recante
«norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale e sulla dirigenza regionale» ed in particolare:
a) l’art. 28 che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente Generale;
b) l’art. 30 relativo alla competenza ed ai poteri del Dirigente
Responsabile del Settore;
c) l’art. 1 – comma 3, che opera – per quanto non previsto
dalla legge regionale n. 7/1996 – il rinvio recettizio alle disposizioni del D.Lgs 29/1993 e successive integrazioni e modificazioni nonché ai contratti collettivi nazionali.
VISTI:
— la D.G.R. n. 2661 del 21-06-1999, recante «adeguamento
delle norme legislative e regolamentari in vigore per l’attuazione
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
delle disposizioni recate dalla legge Regionale n. 7/96 e dal
D.Lgs. 29/93 e successive modificazioni ed integrazioni»;
— il D.P.G.R. n. 354 del 21 giugno 1999 recante «separazione dell’attività amministrativa d’indirizzo e di controllo da
quella di gestione»;
— la L.R n. 34 del 12/08/2002, sul riordino delle funzioni
amministrative regionali e locali, e ritenuta propria la competenza;
— la D.G.R. n. 770 del 11/11/2006, relativa al nuovo ordinamento generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale;
— la D.G.R. n. 425 del 07/06/2010 con la quale è stato nominato il Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 – Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, Autorità di Bacino;
— il D.P.G.R. n. 156 dell’11/06/2010 con il quale è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 –
Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, Autorità di Bacino;
— la D.G.R. n. 453 del 22/06/2010 di nomina del Dirigente di
Settore dell’U.O.A.;
— il D.D.G. n. 167 del 28/06/2010 di conferimento della delega di funzioni al Dirigente di Settore dell’U.O.A.
VISTI
— le leggi regionali n. 23/02, n. 14/03, n. 18/04 e n. 8/05;
— la delibera di D.G.R. n. 699, del 22 settembre 2003, con la
quale è stato approvato il bando di concorso per la formazione di
graduatorie mensili relative all’erogazione di contributi in conto
capitale per l’acquisto e il recupero della prima abitazione;
— il DDS n. 9303 del 21/07/2006, che qui si intende integralmente riportato, con il quale è stato concesso ai coniugi Raschillà
Francesco Marino e Lucà Rosita (nati rispettivamente a Crotone
il 05/03/1967 ed a Petilia Policastro il 28/03/1974, entrambi residenti a Catanzaro al Viale De Fillippis, 156 e con rispettivi
codici fiscali: RSCFNC67C05D122E e LCURST74C68G508D)
un contributo in conto capitale di c 37.200,00 per l’acquisto della
prima casa nel comune di Catanzaro al Viale De Fillippis, 156,
identificato al NCU al foglio n. 64, particella n. 10, sub. 28, Categoria A/3;
— la note acquisite con protocollo n. 471 del 22/01/2009, 470
del 11/02/2010 n. 1876 del 29/04/2010 e n. 4520 del 10/11/2010
con la quale i coniugi Raschillà Francesco Marino e Lucà Rosita
hanno richiesto a questo Ufficio l’autorizzazione ad alienare
l’immobile, già oggetto di contributo, a causa di sopragiunti
gravi motivi;
— la delibera di G.R. n. 5794 del 21/11/1997.
CONSIDERATO che
— l’art. 12 del bando di concorso prevede che un alloggio,
già oggetto di contributo, può essere alienato o locato, nei primi
cinque anni dall’erogazione del contributo previa autorizzazione
della Regione Calabria ai sensi dell’art. 20, comma 1 della legge
179/92 modificata dalla legge n. 85/94;
— la D.G.R. n. 5794 del 21/11/1997 all’art. 1 punto a) annovera come grave motivo il trasferimento in altra sede di residenza o domicilio, per motivi di lavoro dell’assegnatario;
6561
— nell’istanza di cui sopra i coniugi Raschillà Francesco Marino e Lucà Rosita hanno attestato e certificato il trasferimento in
altra sede di residenza per motivi di lavoro;
— che il nuovo acquirente identificato nelle persone della
Gemelli Maria Luisa nata a Catanzaro il 01/08/1982, per come si
evince dalle dichiarazioni rese, sono in possesso dei requisiti
soggettivi previsti all’art. 2 dal bando.
VISTA la D.G.R. n. 722 del 09.11.2007 pubblicata nel
B.U.R.C. n. 23 del 15/12/2007, con la quale la competenza istruttoria relativa alla concessione dei contributi in conto capitale per
l’acquisto o il recupero della prima abitazione è stata trasferita ai
Comuni della Calabria.
RITENUTA la propria competenza sulla funzione amministrativa trattata.
DECRETA
Le premesse sono parte integrante del presente atto,
1) di autorizzare i coniugi Raschillà Francesco Marino e
Lucà Rosita alla vendita dell’alloggio già oggetto di contributo
regionale a condizione che il nuovo acquirente, Sig.ra Gemelli
Maria Luisa, nell’atto di compravendita ripeta i vincoli e gli obblighi di cui dall’art. 12 del bando di concorso per come già
espressi, senza eccezione alcuna, dagli stessi coniugi nell’atto
unilaterale d’obbligo registrato a Catanzaro il 27/03/2006 con
repertorio n. 141745 e n. 38260 di raccolta. Tale atto, unitamente
alla nota di trascrizione, dovrà essere trasmesso alla Regione Calabria;
2) di notificare il presente atto agli interessati
3) di pubblicare il presente atto nel BUR Calabria.
Catanzaro, lì 3 dicembre 2010
Il Dirigente di Settore dell’UOA
Ing. Antonio Capristo
DECRETO n. 18210 del 13 dicembre 2010
L. 18.05.1989 n. 183 – Comune di Malvito – Lavori di risanamento idrogeologico – Autorizzazione all’utilizzo delle
economie per c 120.487,12 per la realizzazione dei lavori di
«Completamento progetto principale».
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la Legge Regionale 13.05.1996 n. 7 recante «norme
sull’ordinamento della struttura organizzativa della G.R. e sulla
dirigenza regionale».
VISTI gli artt. 16 e 17 del D.Lgs. n. 29/93 e succ. modif. ed
integrazioni.
VISTA la Delibera della G.R. 21.06.1999 n. 2661 recante
«adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore
per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. n. 7/96 e dal
D.Lgs. n. 29/93 e succ. modif. ed integrazioni».
VISTO il Decreto 21.06.1999 n. 354 del presidente della Regione, recante «separazione dell’attività amministrativa in indirizzo e di controllo da quella di gestione».
6562
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la delibera di G.R. n. 770 del 11.11.2006 con la quale è
stato approvato l’ordinamento generale delle strutture della
Giunta Regionale (art. 7 della L.R. n. 31/2002).
VISTA la Delibera n. 258 del 14/05/2007 con la quale la
Giunta Regionale ha approvato le «Modifiche all’ordinamento
generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale».
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 152 del
27.02.2010 con cui è stato approvato il bilancio dipartimentale
per l’anno 2010 articolato per unità previsionali di base e per
capitoli.
VISTA la L.R. 11.01.2006, n. 1 «Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario».
VISTA la Delibera G.R. 07.06.2010, n. 425 con la quale è
stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento
n. 9 «Infrastrutture Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse Idriche, Ciclo Integrato
delle Acque».
VISTA la Delibera di G.R. 20.03.2006, n. 194 «Conferimento
funzioni Amministrative alle Provincie – Approvazione protocollo d’intesa».
VISTO il Decreto del Presidente Regione Calabria
11.06.2010, n. 156 con il quale è stato conferito l’incarico al
Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 «Infrastrutture Lavori
Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, E.R.P.,
A.B.R., Risorse Idriche, Ciclo Integrato delle Acque».
VISTA la Delibera di G.R. 31.07.2006, n. 498 «Atto di indirizzo e direttiva per il trasferimento degli atti concernenti il conferimento delle funzioni amministrative alle Provincie – Attuazione LL.RR. n. 34/2002 e n. 1/2006».
VISTA la Delibera della G.R. n. 440/2010, avente per oggetto
«conferimento incarichi dirigenziali di Settore – Assegnazione
alle strutture della Giunta Regionale».
VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento n.
9 n. 11493 del 06.08.2010, con il quale è stato conferito l’incarico di funzione al Dirigente del Settore n. 2 «Programmazione e
Coordinamento Opere Pubbliche Amministrazione, Norme Sismiche, Assistenza APQ Difesa del Suolo».
VISTA la L.R. n. 34/2002 «Riordino delle funzioni amministrative regionali e locali» e s.m.i., e ritenuta la propria competenza.
VISTA la L.R. 10.11.1975, n. 31 e successive modifiche ed
integrazioni.
VISTA la legge 183/89 – D.P.R. 09.05.01 n. 331.
VISTO il decreto 09.10.2006 n. 12692 del Dirigente del Settore n. 2 che a norma della L.R. n. 34/2002 e L.R. n. 1/2006 ha
trasferito all’Amministrazione Provinciale di Cosenza sia le risorse finanziarie che la documentazione cartacea dell’intervento
«Lavori di risanamento idrogeologico» – per l’importo complessivo di c 774.685,35 assegnato al comune di Malvito.
VISTA la nota n. 67733 del 06.07.2010 dell’Amministrazione
Provinciale di Cosenza, integrata con nota n. 87458 del
21.09.2010 da cui si evince che sull’intervento «Lavori di ri
sanamento idrogeologico» – per l’importo complessivo di
c 774.685,35 assegnato al comune di Malvito si è registrata
un’economia di c 120.487,12.
CHE nella stessa nota da parte dell’Amm. Prov. di Cosenza si
prende atto delle spese sostenute nel progetto principale e si
prende atto inoltre degli elaborati progettuali di completamento
approvati dal comune di Malvito con delibera di Giunta Comunale n. 45 del 10.05.2010.
VISTA la Delibera della G.R. n. 181 del 03.03.2008.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010, con cui è stato approvato
«Bilancio di previsione della Regione Calabria per l’anno finanziario 2010 e bilancio pluriennale per il triennio 2010 – 2012».
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 151 del
27.02.2010 con cui è stato approvato il documento tecnico, articolato per unità previsionali di base e per capitoli, inerenti al
bilancio di previsione per l’anno 2010.
VISTO in particolare il punto 1 del Protocollo d’intesa.
RITENUTA accoglibile la richiesta, ai sensi dell’art. 5 della
L.R. 10.11.1975 n. 31.
A TERMINI delle richiamate disposizioni legislative.
DECRETA
Art. 1
Per quanto in premessa l’importo residuo di c 120.487,12 può
essere utilizzato dal Comune di Malvito per l’intervento «Lavori
di risanamento idrogeologico».
Art. 2
Di disporre la pubblicazione sul B.U.R. Calabria del presente
Decreto.
Catanzaro, lì 13 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Ing. Salvatore Siviglia
DECRETO n. 18213 del 13 dicembre 2010
D.L. 11.06.1998 n. 180 convertito nella legge 03.08.1998 n.
267 e L.R. n. 31/75 Comune di Civita – Lavori di bonifica
e consolidamento per eliminazione condizione di pericolo
del costone roccioso denominato la Sentinella sovrastante
l’abitato. Autorizzazione all’utilizzo delle economie per
c 19.602,25 per la realizzazione dei lavori di «Completamento progetto principale».
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la Legge Regionale 13.05.1996 n. 7 recante «norme
sull’ordinamento della struttura organizzativa della G.R. e sulla
dirigenza regionale».
VISTI gli artt. 16 e 17 del D.Lgs. n. 29/93 e succ. modif. ed
integrazioni.
VISTA la Delibera della G.R. 21.06.1999 n. 2661 recante
«adeguamento delle norme legislative e regolamentari in vigore
per l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. n. 7/96 e dal
D.Lgs. n. 29/93 e succ. modif. ed integrazioni».
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO il Decreto 21.06.1999 n. 354 del presidente della Regione, recante «separazione dell’attività amministrativa in indirizzo e di controllo da quella di gestione».
VISTA la delibera di G.R. n. 770 del 11.11.2006 con la quale è
stato approvato l’ordinamento generale delle strutture della
Giunta Regionale (art. 7 della L.R. n. 31/2002).
VISTA la Delibera n. 258 del 14/05/2007 con la quale la
Giunta Regionale ha approvato le «Modifiche all’ordinamento
generale delle strutture organizzative della Giunta Regionale».
VISTA la Delibera G.R. 07.06.2010, n. 425 con la quale è
stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento
n. 9 «Infrastrutture Lavori Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, E.R.P., A.B.R., Risorse Idriche, Ciclo Integrato
delle Acque».
VISTO il Decreto del Presidente Regione Calabria
11.06.2010, n. 156 con il quale è stato conferito l’incarico al
Dirigente Generale del Dipartimento n. 9 «Infrastrutture Lavori
Pubblici, Edilizia Residenziale, Politica della Casa, E.R.P.,
A.B.R., Risorse Idriche, Ciclo Integrato delle Acque».
VISTA la Delibera della G.R. n. 440/2010, avente per oggetto
«conferimento incarichi dirigenziali di Settore – Assegnazione
alle strutture della Giunta Regionale».
VISTO il Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento n.
9 n. 11493 del 06.08.2010, con il quale è stato conferito l’incarico di funzione al Dirigente del Settore n. 2 «Programmazione e
Coordinamento Opere Pubbliche Amministrazione, Norme Sismiche, Assistenza APQ Difesa del Suolo».
VISTA la L.R. n. 34/2002 «Riordino delle funzioni amministrative regionali e locali» e s.m.i., e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la L.R. 10.11.1975, n. 31 e successive modifiche ed
integrazioni.
VISTO il decreto 14.07.2006 n. 8958 del Dirigente del Settore
n. 2 che a norma della L.R. n. 34/2002 e L.R. n. 1/2006 ha trasferito all’Amministrazione Provinciale di Cosenza sia le risorse
finanziarie che la documentazione cartacea dell’intervento «Lavori di bonifica e consolidamento per eliminazione condizione di
pericolo del costone roccioso denominato la Sentinella sovrastante l’abitato» per l’importo complessivo di c 1.675.147,32 assegnato al comune di Civita.
VISTA la nota n. 19418 dell’Amministrazione Provinciale di
Cosenza, da cui si evince che sull’intervento «Lavori di bonifica
e consolidamento per eliminazione condizione di pericolo del
costone roccioso denominato la Sentinella sovrastante l’abitato»
per l’importo complessivo di c 1.675.147,32 assegnato al comune di Civita si è registrata un’economia di c 19.602,25.
CHE nella stessa nota da parte dell’Amm. Prov. di Cosenza si
prende atto delle spese sostenute nel progetto principale e si
6563
prende atto inoltre degli elaborati progettuali di completamento
approvati dal comune di Civita con delibera di Giunta Comunale
dell’08.04.2010.
VISTA la Delibera della G.R. n. 181 del 03.03.2008.
VISTA la L.R. n. 10 del 26.02.2010, con cui è stato approvato
«Bilancio di previsione della Regione Calabria per l’anno finanziario 2010 e bilancio pluriennale per il triennio 2010 – 2012».
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 151 del
27.02.2010 con cui è stato approvato il documento tecnico, articolato per unità previsionali di base e per capitoli, inerenti al
bilancio di previsione per l’anno 2010.
VISTA la Deliberazione della Giunta Regionale n. 152 del
27.02.2010 con cui è stato approvato il bilancio dipartimentale
per l’anno 2010 articolato per unità previsionali di base e per
capitoli.
VISTA la L.R. 11.01.2006, n. 1 «Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario».
VISTA la Delibera di G.R. 20.03.2006, n. 194 «Conferimento
funzioni Amministrative alle Provincie – Approvazione protocollo d’intesa».
VISTO in particolare il punto 1 del Protocollo d’intesa.
VISTA la Delibera di G.R. 31.07.2006, n. 498 «Atto di indirizzo e direttiva per il trasferimento degli atti concernenti il conferimento delle funzioni amministrative alle Provincie – Attuazione LL.RR. n. 34/2002 e n. 1/2006».
RITENUTA accoglibile la richiesta, ai sensi dell’art. 5 della
L.R. 10.11.1975 n. 31.
A TERMINI delle richiamate disposizioni legislative.
DECRETA
Art. 1
Per quanto in premessa l’importo residuo di c 19.602,25 può
essere utilizzato dal Comune di Civita per i lavori di completamento «Lavori di bonifica e consolidamento per eliminazione
condizione di pericolo del costone roccioso denominato la Sentinella sovrastante l’abitato».
Art. 2
Di disporre la pubblicazione sul B.U.R. Calabria del presente
Decreto.
Catanzaro, lì 13 dicembre 2010
Il Dirigente del Settore
Ing. Salvatore Siviglia
6564
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Dipartimento n. 10
LAVORO,
POLITICHE DELLA FAMIGLIA,
FORMAZIONE PROFESSIONALE,
COOPERAZIONE
E VOLONTARIATO.
DECRETO n. 202 del 18 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013 – Asse VI Assistenza Tecnica – Obiettivo operativo 6.O.1 Bilancio regionale anno 2011
Segreteria Tecnica Comitato di Sorveglianza – Impegno di
Spesa.
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTI:
— il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/
1999;
— il Regolamento (CE) n. 396 del 6 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo
del FSE;
— il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11
luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di
Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di
Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
— il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile
2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 per quanto
riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo
e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Quadro Strategico Nazionale per la Politica Regionale di
Sviluppo 2007-2013, approvato dalla Commissione Europea con
decisione C(2007) 3329 del 13.07.07;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FSE 20072013, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C
(2007) 6711 del 17.12.07;
— la Deliberazione della Giunta regionale n. 882 del
24.12.07 con la quale si è preso atto dell’approvazione da parte
della Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6711 del
17.12.07 del Programma Operativo Regionale Calabria FSE
2007-2013;
— il Piano di Comunicazione POR Calabria FSE 2007-2013;
— la D.G.R. n. 24 del 9 Gennaio 2008, recante «POR Calabria FSE 2007-2013 – Istituzione del Comitato di Sorveglianza
del P.O. ai sensi dell’art. 63 del Regolamento (CE) 1083/2006»;
— la D.G.R. n. 121 del 9/03/2009 recante «Attuazione disposizioni D.G.R. n. 24 del 9.01.2008 – art. 9 Regolamento interno
del Comitato di Sorveglianza del POR Calabria FSE 20072013».
PREMESSO CHE:
— con DGR. n. 121 del 9/03/2009 l’Autorità di Gestione del
POR Calabria FSE 2007/2013 è autorizzata ad avvalersi della
Segreteria Tecnica del Comitato di Sorveglianza individuata con
la DGR n. 24/2008;
— con DGR n. 678 del 19/10/2010 è stata modificata la DGR
n. 121/2009 portando il numero dei componenti della Segreteria
Tecnica del Comitato di Sorveglianza a non più di n. 10 Unità;
— con DGR n. 846 del 21/12/2010 e DGR n. 4 del 7 gennaio
2011, per motivi organizzativi e funzionali è stata ulteriormente
integrata la Segreteria Tecnica del Comitato di Sorveglianza di
ulteriori unità;
— l’Autorità di Gestione del POR Calabria FSE 2007-2013
al fine di garantire la complessità delle funzioni e dei compiti ad
essa assegnati dal Regolamento (CE) 1083 – art. 60, nonché gli
ulteriori compiti derivanti dall’avanzamento del Programma
Operativo, le cui attività da gestire attraverso la Segreteria del
C.d.S diventano sempre più articolate e ampie, in relazione all’espletamento delle funzioni di redazione, predisposizione ed
elaborazione della documentazione da sottoporre alle decisioni
del C.d.S, nonché da tutti i compiti derivanti dall’attività di sorveglianza e di concertazione con le parti sociali, e quelli concernenti gli aspetti organizzativi del Comitato di Sorveglianza, ha
ravvisato la necessità di implementare il numero delle Unità
della Segreteria Tecnica, rispetto a quanto già stabilito con delibera della Giunta n. 846 del 21/12/2010, portando la composizione della stessa a n. 15 Unità;
— le spese di funzionamento, attribuiti dall’art. 60 del Regolamento 1083/2006 alla Segreteria Tecnica del Comitato di Sorveglianza sono spese ammissibili, ai sensi dell’art. 9 della
«Norma Generale per l’Ammissibilità della Spesa» e di cui al
Punto 5.1 del Vademecum per l’ammissibilità della Spesa al FSE,
approvato il 3 Novembre 2008.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
CONSIDERATO CHE:
— con la citata DGR n. 121 del 9/03/2009 è stato demandato
all’Autorità di Gestione del POR Calabria 2007-2013 l’adozione
dei provvedimenti necessari per la designazione del personale
facente parte della suddetta struttura ausiliaria;
— al personale facente parte della Segreteria Tecnica del Comitato di Sorveglianza, l’Autorità di Gestione ha proceduto ad
assegnare, compiti specifici, così come da scheda allegata al presente provvedimento;
RITENUTO doversi provvedere, ai fini dell’erogazione degli
emolumenti, per il periodo Gennaio/Dicembre 2011, alla copertura dell’onere complessivo pari ad Euro 392.985,90, mediante imputazione sul Capitolo 13010403 – Assistenza Tecnica PO
FSE 2007-2013 – Obiettivo operativo 6.0.1 Bilancio regionale
di previsione anno 2011.
6565
— il personale provvederà periodicamente a presentare una
relazione sulle attività svolte;
— gli incarichi assegnati potranno comunque essere revocati,
prima della scadenza, su disposizione dell’Autorità di Gestione.
DATO ATTO che ai componenti della Segreteria Tecnica del
Comitato di Sorveglianza del POR Calabria 2007-2013 sarà corrisposta una indennità forfetizzata, commisurata alla categoria di
inquadramento per la qualità delle prestazioni individuali rese
oltre i normali compiti di ufficio e di seguito riportata:
VISTA la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «norme
sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale» ed in particolare l’art. 28
che individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di Dirigente generale.
6566
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO il D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei
dati personali.
VISTO il D. Lgs 445/2000 – Testo Unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «adeguamento delle norme legislative e regolamenti in vigore per
l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.
Lgs. 29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 21 Giugno 1999 del Presidente
della Giunta Regionale recante «separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con D.P.G.R. n. 206 del 15/12/2000.
1. di conferire ai dipendenti di cui al prospetto sopra indicato, l’incarico di componente la Segreteria Tecnica del Comitato di Sorveglianza per l’anno 2011, con decorrenza Gennaio/
Dicembre 2011;
2. l’onere relativo al periodo Gennaio – Dicembre 2011 è
pari a complessivi Euro 392.985,90 di cui:
— c 295.478,12 per Indennità di Struttura;
— c 97.507,78 per Oneri a Carico Ente;
3. di impegnare la somma complessiva di c 392.985,90 sul
Capitolo 13010403 – Assistenza Tecnica PO FSE 2007-2013 –
Obiettivo operativo 6.0.1, del Bilancio regionale di previsione
anno 2011 che presenta la necessaria disponibilità;
VISTA la L.R. n. 8 del 4 Febbraio 2002 artt. 43, 44, 45.
VISTO il D.P.G.R. n. 158 del 14 giugno 2010 di Conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione
e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 12 luglio 2010 «Conferimenti
incarichi dirigenziali di Settore» Assegnazione alle strutture
della Giunta Regionale.
VISTO il D.D.G. n. 11385 del 4 agosto 2010 di assegnazione
incarico del Settore n. 4 del Dipartimento n. 10 al Dr. Giuseppe
Mazzeo.
VISTO il D.D.G. n. 13714 del 27.09.2010 con il quale al Dirigente Dott. Giuseppe Mazzeo è stata conferita dal Dirigente
Generale Dipartimento n. 10 la delega per l’assunzione di atti
endo-procedimentali relativi alla competenza della materia del
Settore n. 4.
4. il Settore Economico del Personale è autorizzato ad erogare, secondo le norme regionali ai dipendenti la retribuzione
accessoria secondo l’importo attribuito a fianco di ciascuno, in
ragione del periodo, oltre agli oneri a carico dell’Ente;
5. il Dipartimento Bilancio e Patrimonio – Ragioneria Generale – è autorizzato ad emettere i relativi mandati in partita di
giro;
6. disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul
BURC.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr. Giuseppe Mazzeo
ACQUISITO il parere di conformità con la normativa comunitaria e di coerenza programmatica con i contenuti del QSN per
la Politica regionale di sviluppo 2007/2013, del POR Calabria
FSE 2007/2013, rilasciato dall’Autorità di Gestione del POR Calabria FSE 2007-2013, che si allega al presente Decreto quale
parte integrante e sostanziale.
ATTESA la propria competenza ai sensi della legge regionale
34/2002 e della legge regionale 1/2006.
ATTESTATA la regolarità amministrativa del presente provvedimento ai sensi dell’art. 43 della L.R. n. 8 del 4 febbraio 2002.
SULLA base dell’istruttoria tecnica compiuta dalla struttura
interessata.
DECRETA
Per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono
integralmente approvate, quanto segue:
(segue allegato)
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 203 del 18 gennaio 2011
Segreteria Tecnica autorità di Certificazione – DGR n. 540
del 7 agosto 2009 – Retribuzione Accessoria. Impegno di
spesa anno 2011.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
— il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/
1999;
— il Regolamento (CE) n. 396 del 6 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo
del FSE;
— il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11
luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di
Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di
Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
6567
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
— il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile
2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 per quanto
riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo
e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Quadro Strategico Nazionale per la Politica Regionale di
Sviluppo 2007-2013, approvato dalla Commissione Europea con
decisione C(2007) 3329 del 13.07.07;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FSE 20072013, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C
(2007) 6711 del 17.12.07;
— la Deliberazione della Giunta regionale n. 882 del
24.12.07 con la quale si è preso atto dell’approvazione da parte
della Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6711 del
17.12.07 del Programma Operativo Regionale Calabria FSE
2007-2013;
— il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 20072013;
6568
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— la D.G.R. n. 540 del 7 agosto 2009, recante Istituzione
della Segreteria Tecnica dell’Autorità di Certificazione;
— la nota 394/SP del 29/12/2009 con la quale è stata data
comunicazione, fra l’altro, al Comitato di Sorveglianza del POR
Calabria FSE dell’inserimento nell’Obiettivo Operativo O1 dell’Asse VI Assistenza Tecnica del Supporto all’Autorità di Certificazione nella realizzazione delle attività del POR FSE 20072013;
— il Decreto n. 15949 del 01/09/2009 con il quale è stato
designato il personale della Segreteria Tecnica a supporto dell’Autorità di Certificazione;
— il D.D.G. n. 556 del 25 gennaio 2010 di rettifica ed integrazione al Decreto n. 15949/2009;
— il Decreto n. 18601 del 22 Dicembre 2010 di rettifica ed
integrazione al Decreto n. 15949/2009.
l’art. 9 della «Norma Generale per l’Ammissibilità della Spesa»
e di cui al Punto 5.1 del Vademecum per l’ammissibilità della
Spesa al FSE, approvato il 3 Novembre 2008.
DATO ATTO che al personale assegnato alla Segreteria Tecnica dell’Autorità di Certificazione del POR Calabria FSE 20072013 sarà corrisposta una indennità forfetizzata, commisurata
alla categoria di inquadramento per la qualità delle prestazioni
individuali rese oltre i normali compiti di ufficio, adottando le
tabelle previste dalla D.G.R. n. 47 del 13 gennaio 2002, e modificate con Legge regionale n. 8 del 19 Aprile 2007 e di seguito
riportate:
Catg.
Compenso
Lordo
Mensile c
Compenso
mesi dodici
c
Oneri a
carico Ente
33% c
Totale
complessivo annuo c
D
1.844,63
22.135,56
7.304,73
29.440,29
C
1.431,08
17.172,96
5.667,07
22.840,03
B
1.267,85
15.214,20
5.020,68
20.284,88
CHE la Segreteria Tecnica dell’Autorità di Certificazione del
POR Calabria FSE è composta da 9 unità, è riconducibile alle
strutture ausiliarie, di cui all’art. 5 della Legge Regionale n.
7/1996, lettera b), e c) e i cui oneri, graveranno sulle risorse dell’Asse VI «Assistenza Tecnica del P.O.».
CHE è stato fissato nell’emolumento accessorio annuo la onnicomprensività delle indennità, la sostituzione dei compensi per
lavoro straordinario, nonché della produttività, in relazione delle
qualità prestate.
CHE le spese di funzionamento, della Segreteria Tecnica dell’Autorità di Certificazione sono spese ammissibili, ai sensi del-
CHE si rende necessario provvedere all’impegno di spesa relativo all’erogazione della retribuzione spettante come di seguito:
Catg.
Retribuzione mensile
c
Gennaio Dicembre
2011 c
Oneri a carico Ente c
Totale c
Cariati Giuseppe
D
1.844,63
22.135,56
7.304,73
29.440,29
Perri Rosina
D
1.844,63
22.135,56
7.304,73
29.440,29
Pileggi Gennaro
D
1.844,63
22.135,56
7.304,73
29.440,29
Faragò Raffaele
D
1.844,63
22.135,56
7.304,73
29.440,29
Teti Agostino
C
1.431,08
17.172,96
5.667,08
22.840,04
Pullano Carmine
C
1.431,08
17.172,96
5.667,08
22.840,04
Pirrò Rosamaria
C
1.431,08
17.172,96
5.667,08
22.840,04
Giglio Giacomo
C
1.431,08
17.172,96
5.667,08
22.840,04
Scozzafava Antonio
C
1.431,08
17.172,96
5.667,08
22.840,04
174.407,04
57.554,32
231.961,36
Nominativo
Totali
RITENUTO doversi provvedere, ai fini dell’erogazione degli
emolumenti alla copertura dell’onere complessivo relativo al periodo marzo – dicembre 2010 quantificato a complessivi c
231.961,36, mediante imputazione sul Capitolo 13010403 – Assistenza Tecnica PO FSE 2007-2013 – Obiettivo operativo 6.0.1
Bilancio regionale di previsione anno 2010 – L.R. n. 10 del
26.2.2010.
VISTA la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale» ed in particolare l’art. 28 che
individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di
Dirigente generale.
VISTO il D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei
dati personali.
VISTO il D. Lgs 445/2000 – Testo Unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «adeguamento delle norme legislative e regolamenti in vigore per
l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.
Lgs. 29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 21 Giugno 1999 del Presidente
della Giunta Regionale recante «separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con D.P.G.R. n. 206 del 15/12/2000.
VISTA la L.R. n. 8 del 4 Febbraio 2002 artt. 43, 44, 45.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO il D.P.G.R. n. 158 del 14 giugno 2010 di Conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione
e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 12 luglio 2010 «Conferimenti
incarichi dirigenziali di Settore» Assegnazione alle strutture
della Giunta Regionale.
VISTO il D.D.G. n. 11385 del 4 agosto 2010 di assegnazione
incarico del Settore n. 4 del Dipartimento n. 10 al Dr. Giuseppe
Mazzeo.
VISTO il D.D.G. n. 13714 del 27.09.2010 con il quale al Dirigente Dott. Giuseppe Mazzeo è stata conferita dal Dirigente
Generale Dipartimento n. 10 la delega per l’assunzione di atti
endo-procedimentali relativi alla competenza della materia del
Settore n. 4.
ACQUISITO il parere di conformità con la normativa comunitaria e di coerenza programmatica con i contenuti del QSN per
la Politica regionale di sviluppo 2007/2013, del POR Calabria
FSE 2007/2013, rilasciato dall’Autorità di Gestione del POR Calabria FSE 2007-2013, che si allega al presente Decreto quale
parte integrante e sostanziale.
ATTESA la propria competenza ai sensi della legge regionale
34/2002 e della legge regionale 1/2006.
ATTESTATA la regolarità amministrativa del presente provvedimento ai sensi dell’art. 43 della L.R. n. 8 del 4 febbraio 2002.
SULLA base dell’istruttoria tecnica compiuta dalla struttura
interessata.
DECRETA
Per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono
integralmente approvate, quanto segue:
1. è attribuito ai dipendenti di cui al prospetto sopra indicato, la retribuzione accessoria di componente la Segreteria Tecnica dell’Autorità di Certificazione del POR Calabria FSE 20072013;
2. l’onere relativo al periodo Gennaio – Dicembre 2011 è
pari ad c 231.961,36 di cui:
— c 174.407,04 per Indennità di Struttura;
— c 57.554,32 per Oneri a Carico Ente;
3. di impegnare la somma complessiva di c 231.961,36 sul
Capitolo 13010403 del Bilancio regionale di previsione anno
2011 – Assistenza Tecnica PO FSE 2007-2013 – Obiettivo operativo 6.O.1 – che presenta la necessaria disponibilità;
4. il Settore Economico del Personale è autorizzato ad erogare, secondo le norme regionali ai dipendenti la retribuzione
accessoria secondo l’importo attribuito a fianco di ciascuno, in
ragione del periodo, oltre agli oneri a carico dell’Ente;
5. il Dipartimento Bilancio e Patrimonio – Ragioneria Generale – è autorizzato ad emettere i relativi mandati in partita di
giro;
6. disporre la pubblicazione in forma integrale del presente
provvedimento sul BURC.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr. Giuseppe Mazzeo
6569
DECRETO n. 204 del 18 gennaio 2011
Por Calabria FSE 2007-2013. Retribuzione Accessoria Posizione Organizzativa Responsabili Obiettivi Operativi. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
1. il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/
1999;
2. il Regolamento (CE) n. 396 del 6 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo
del FSE;
3. il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11
luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di
Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di
Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
4. il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo
e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
5. il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
6. il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del 7
aprile 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 per
quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
7. il Quadro Strategico Nazionale per la Politica Regionale
di Sviluppo 2007-2013, approvato dalla Commissione Europea
con decisione C(2007) 3329 del 13.07.07;
8. il Programma Operativo Regionale Calabria FSE 20072013, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C
(2007) 6711 del 17.12.07;
9. la Deliberazione della Giunta regionale n. 882 del
24.12.07 con la quale si è preso atto dell’approvazione da parte
della Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6711 del
17.12.07 del Programma Operativo Regionale Calabria FSE
2007-2013;
10. il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 20072013;
11. l’art. 71 del regolamento (CE) 1083/2006 relativo alla istituzione dei sistemi di gestione e controllo del POR Calabria FSE
2007-2013.
6570
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
PREMESSO CHE:
— con DGR n. 784 del 27/10/2008 è stato definito l’organigramma delle strutture amministrative della Giunta Regionale
responsabili dell’attuazione degli Assi prioritari, degli Obiettivi
Specifici e degli Obiettivi Operativi ed è stato demandato a successiva Deliberazione la definizione di Responsabili di Obiettivi
operativi – linee di intervento per il conferimento dei relativi
incarichi a funzionari di Categoria «D»;
— con DGR n. 704 del 29 ottobre 2010 sono state istituite n.
9 posizioni organizzative di Responsabile di Obiettivo Operativo
di cui 8 presso il Dipartimento n. 10 e n. 1 presso il Dipartimento
n. 11 Istruzione;
— il POR Calabria FSE 2007-2013 al paragrafo 1.3 «Struttura del sistema» prevede la possibilità di attribuire la responsabilità degli Obiettivi operativi a Funzionari di Categoria D, ove
ne ricorrono i requisiti di esperienza e professionalità e che in tal
caso è corrisposta una indennità per la durata dell’incarico a carico del POR, correlata alle specifiche funzioni, in misura non
superiore a quella prevista per analoghe funzioni;
— sono stati individuati allo stato n. 6 Funzionari di fascia D
per il Dipartimento n. 10 e n. 1 Funzionario di fascia D per il
Dipartimento n. 11, di seguito indicati, per il conferimento della
responsabilità degli Obiettivi Operativi per il periodo Gennaio
Dicembre 2011.
Asse Adattabilità
Obiettivo Specifico A – Dott. Antonio Celentano matr. 159000
Obiettivo Specifico B – Arch. Sinibaldo Esposito matr.
283880
Obiettivo Specifico C – Dr.ssa Anna Principe matr. 671500
Asse Occupabilità
Obiettivo Specifico E – Dr. Renato Scrivano matr. 760900
Obiettivo Specifico D e F – Dr. Andrea D’Ambrosio matr. 740
Asse Assistenza Tecnica
Obiettivo Operativo O – Funzionario Costa Antonio Matr.
210400
Asse Capitale Umano
Obiettivo Operativo I.2 L.3 – Dr. Antonio De Filippis
STABILITO che per l’espletamento dell’incarico conferito
alle unità su indicate spetta il trattamento di indennità pari alla
posizione organizzativa di seconda categoria, i cui costi vengono
imputati sul Capitolo 13010403 dell’Asse VI «Assistenza Tecnica» del POR Calabria FSE 2007-2013 Ob. 6.01 del Bilancio
Regionale di previsione anno 2011 – che presenta la necessaria
disponibilità.
CHE l’importo lordo da corrispondere mensilmente a ciascuna
unità è pari ad c 993,08, oltre la 13 esima mensilità ed c 3.227,50
per premio di risultato, oltre agli oneri a carico della Regione.
CHE occorre, pertanto, procedere all’impegno finanziario per
l’indennità di Posizione organizzativa per le suddette unità come
segue:
c 993,08 x 7 Unità x 13 mesi = 90.370,28
c 3.227,50 x 7 = 22.592,50
7 Unità pari ad c 90.370,28 oltre c 22.592,50 per l’indennità di
risultato, c 37.277,71 per i relativi oneri a carico Regione, per un
totale complessivo di c 150.240,49
RITENUTO dover provvedere all’impegno, mediante imputazione sul Capitolo 13010403 – Assistenza Tecnica PO FSE 20072013 – Obiettivo operativo O.1 – Bilancio anno 2011, della
somma complessiva pari ad c 150.240,49 necessaria per la corresponsione ai Funzionari incaricati della Responsabilità degli
Obiettivi Operativi della indennità di posizione organizzativa di
seconda categoria per il periodo Gennaio – Dicembre 2011.
VISTA la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale» ed in particolare l’art. 28 che
individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di
Dirigente generale.
VISTO il D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei
dati personali.
VISTO il D. Lgs 445/2000 – Testo Unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «adeguamento delle norme legislative e regolamenti in vigore per
l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.
Lgs. 29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 21 Giugno 1999 del Presidente
della Giunta Regionale recante «separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con D.P.G.R. n. 206 del 15/12/2000.
VISTA la L.R. n. 8 del 4 Febbraio 2002 artt. 43, 44, 45.
VISTO il D.P.G.R. n. 158 del 14 giugno 2010 di Conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione
e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 12 luglio 2010 «Conferimenti
incarichi dirigenziali di Settore» Assegnazione alle strutture
della Giunta Regionale.
VISTO il D.D.G. n. 11385 del 4 agosto 2010 di assegnazione
incarico del Settore n. 4 del Dipartimento n. 10 al Dr. Giuseppe
Mazzeo.
VISTO il D.D.G. n. 13714 del 27.09.2010 con il quale al Dirigente Dott. Giuseppe Mazzeo è stata conferita dal Dirigente
Generale Dipartimento n. 10 la delega per l’assunzione di atti
endo-procedimentali relativi alla competenza della materia del
Settore n. 4.
ACQUISITO il parere di conformità con la normativa comunitaria e di coerenza programmatica con i contenuti del QSN per
la Politica regionale di sviluppo 2007/2013, del POR Calabria
FSE 2007/2013, rilasciato dall’Autorità di Gestione del POR Calabria FSE 2007-2013, che si allega al presente Decreto quale
parte integrante e sostanziale.
ATTESA la propria competenza ai sensi della legge regionale
34/2002 e della legge regionale 1/2006.
ATTESTATA la regolarità amministrativa del presente provvedimento ai sensi dell’art. 43 della L.R. n. 8 del 4 febbraio 2002.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
SULLA base dell’istruttoria tecnica compiuta dalla struttura
interessata.
DECRETA
Per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono
integralmente approvate, quanto segue:
1. procedere all’impegno finanziario della somma complessiva di c 150.240,49 sul Capitolo 13010403 – Bilancio regionale
di previsione anno 2011 – Asse Assistenza Tecnica PO FSE
2007-2013 – Obiettivo operativo 6.O.1, così ripartita:
c 993,08 x 7 Unità x 13 mesi = 90.370,28
c 3.227,50 x 7 = 22.592,50
7 Unità pari ad c 90.370,28 oltre c 22.592,50 per l’indennità di
risultato, c 37.277,71 per i relativi oneri a carico Regione, per un
totale complessivo di c 150.240,49
2. il Settore Economico del Personale è autorizzato ad erogare, secondo le norme regionali ai dipendenti di cui alle premesse, la retribuzione relativa alla Posizione Organizzativa di
seconda categoria in ragione del periodo, oltre agli oneri a carico
dell’Ente;
3. il Dipartimento Bilancio e Patrimonio – Ragioneria Generale – è autorizzato ad emettere i relativi mandati in partita di
giro;
4. disporre la pubblicazione in forma integrale del presente
provvedimento sul BURC.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr. Giuseppe Mazzeo
DECRETO n. 205 del 18 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013 Retribuzione Accessoria
Posizione Organizzativa Unità di Monitoraggio e controllo.
Impegno di spesa anno 2011.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTI:
— il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/
1999;
— il Regolamento (CE) n. 396 del 6 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo
del FSE;
— il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11
luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di
Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di
Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
— il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
6571
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
— il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile
2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 per quanto
riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo
e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Quadro Strategico Nazionale per la Politica Regionale di
Sviluppo 2007-2013, approvato dalla Commissione Europea con
decisione C(2007) 3329 del 13.07.07;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FSE 20072013, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C
(2007) 6711 del 17.12.07;
— la Deliberazione della Giunta regionale n. 882 del
24.12.07 con la quale si è preso atto dell’approvazione da parte
della Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6711 del
17.12.07 del Programma Operativo Regionale Calabria FSE
2007-2013;
— il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 20072013;
— l’art. 71 del regolamento (CE) 1083/2006 relativo alla istituzione dei sistemi di gestione e controllo del POR Calabria FSE
2007-2013.
VISTO il documento relativo alla descrizione dei sistemi di
gestione e controllo del Programma operativo FSE 2007-2013,
inviato dall’IGRUE alla Commissione Europea via SFC, unitamente ai pareri di conformità.
CHE nel predetto documento sono state, altresì, definite le
attività di monitoraggio e controllo puntualizzate nel Manuale
delle procedure dell’Autorità di Gestione del POR Calabria FSE
2007-2013.
CHE al fine di proseguire le funzioni operative legate ai sistemi di monitoraggio e controllo di 1o livello, con note del Dipartimento n. 41111 del 20.12.2010 sono stati comunicati al Dipartimento Personale, per il rinnovo della responsabilità di posizione organizzativa per il periodo Gennaio – Dicembre 2011, i
nominativi del personale addetti a tali funzioni, gli stessi vengono di seguito indicati:
— Sarno Ernesto
— Lobello Francesco
— Elia Giampiero
— Marino Erminio
— Mannucci Elisa
— Vatrano Domenico
— Parente Angelo
— Mascaro Giuseppe
6572
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— Plastino Anna
— Bonarrigo Maria
— Campisi Giuseppe
— Lupoi Angelo
— Zumbo Laura
STABILITO che per l’espletamento dell’incarico conferito
alle unità sopra indicate spetta il trattamento di indennità pari
alla posizione organizzativa di seconda categoria, i cui costi vengono imputati sul Capitolo 13010403 dell’Asse VI «Assistenza
Tecnica» del POR Calabria FSE 2007-2013 Ob. 6.01 del Bilancio Regionale di previsione anno 2011 – che presenta la necessaria disponibilità.
CHE l’importo lordo da corrispondere mensilmente a ciascuna
unità è pari ad c 993,08, oltre la 13 esima mensilità ed c 3.227,50
per premio di risultato, oltre agli oneri a carico della Regione.
CHE occorre, pertanto, procedere all’impegno finanziario per
l’indennità di Posizione organizzativa per le suddette unità come
segue:
VISTO il D.D.G. n. 11385 del 4 agosto 2010 di assegnazione
incarico del Settore n. 4 del Dipartimento n. 10 al Dr. Giuseppe
Mazzeo.
VISTO il D.D.G. n. 13714 del 27.09.2010 con il quale al Dirigente Dott. Giuseppe Mazzeo è stata conferita dal Dirigente
Generale Dipartimento n. 10 la delega per l’assunzione di atti
endo-procedimentali relativi alla competenza della materia del
Settore n. 4.
ACQUISITO il parere di conformità con la normativa comunitaria e di coerenza programmatica con i contenuti del QSN per
la Politica regionale di sviluppo 2007/2013, del POR Calabria
FSE 2007/2013, rilasciato dall’Autorità di Gestione del POR Calabria FSE 2007-2013, che si allega al presente Decreto quale
parte integrante e sostanziale.
ATTESA la propria competenza ai sensi della legge regionale
34/2002 e della legge regionale 1/2006.
ATTESTATA la regolarità amministrativa del presente provvedimento ai sensi dell’art. 43 della L.R. n. 8 del 4 febbraio 2002.
SULLA base dell’istruttoria tecnica compiuta dalla struttura
interessata.
c 993,08 x 13 Unità x 13 mesi = 167.830,52
c 3.227,50 x 13 unità = 41.957,50
12 Buoni mensili x 12 mesi x 8,26 x 13 Unità 15,462,72
13 Unità pari ad c 167.830,52 per Indennità Struttura oltre ad
c 41.957,50 per l’indennità di risultato, c 69.230,04 per oneri a
carico Regione, ed c 15.462,72 per i Buoni pasto per un totale
complessivo di c 294.480,78
VISTA la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale» ed in particolare l’art. 28 che
individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di
Dirigente generale.
VISTO il D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei
dati personali.
VISTO il D. Lgs 445/2000 – Testo Unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «adeguamento delle norme legislative e regolamenti in vigore per
l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.
Lgs. 29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 21 Giugno 1999 del Presidente
della Giunta Regionale recante «separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con D.P.G.R. n. 206 del 15/12/2000.
VISTA la L.R. n. 8 del 4 Febbraio 2002 artt. 43,44,45.
VISTO il D.P.G.R. n. 158 del 14 giugno 2010 di Conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione
e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 12 luglio 2010 «Conferimenti
incarichi dirigenziali di Settore» Assegnazione alle strutture
della Giunta Regionale.
DECRETA
Per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono
integralmente approvate, quanto segue:
1. procedere all’impegno finanziario della somma complessiva di c 294.480,78 sul Capitolo 13010403 – Bilancio regionale
di previsione anno 2011 – Asse Assistenza Tecnica PO FSE
2007-2013 – Obiettivo operativo 6.O.1, così ripartita:
— c 167.830,52 per indennità di Posizione organizzativa;
— c 41.957,50 per l’indennità di risultato;
— c 69.230,04 per i relativi oneri a carico Regione;
— c 15.462,72 per i Buoni pasto;
2. il Settore Economico del Personale è autorizzato ad erogare, secondo le norme regionali ai dipendenti di cui alle premesse, la retribuzione relativa alla Posizione Organizzativa di
seconda categoria in ragione del periodo, oltre agli oneri a carico
dell’Ente, alla relativa indennità di risultato ed ai Buoni pasto per
le giornate di martedì, giovedì e venerdì;
3. il Dipartimento Bilancio e Patrimonio – Ragioneria Generale – è autorizzato ad emettere i relativi mandati in partita di
giro;
4. disporre la pubblicazione in forma integrale del presente
provvedimento sul BURC.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr. Giuseppe Mazzeo
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 206 del 18 gennaio 2011
POR Calabria FSE 2007-2013 Asse VI «Assistenza Tecnica» Ob. 6.O.1 Retribuzione Tredicesima mensilità – Unità
di Monitoraggio e controllo. Impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTI:
— il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/
1999;
— il Regolamento (CE) n. 396 del 6 maggio 2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo Sociale
Europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo
del FSE;
— il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11
luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di
Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di
Coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999;
— il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo
e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione
dell’8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul
Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione e del Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale;
— il Regolamento (CE) n. 284/2009 del Consiglio del 7 aprile
2009 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 per quanto
riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;
— il Quadro Strategico Nazionale per la Politica Regionale di
Sviluppo 2007-2013, approvato dalla Commissione Europea con
decisione C(2007) 3329 del 13.07.07;
— il Programma Operativo Regionale Calabria FSE 20072013, approvato dalla Commissione Europea con Decisione n. C
(2007) 6711 del 17.12.07;
— la Deliberazione della Giunta regionale n. 882 del
24.12.07 con la quale si è preso atto dell’approvazione da parte
della Commissione Europea con Decisione n. C(2007) 6711 del
17.12.07 del Programma Operativo Regionale Calabria FSE
2007-2013;
6573
— il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 20072013;
— le D.G.R. n. 881 e n. 882 del 24/12/2007 con le quali la
Giunta Regionale ha preso atto dei Programmi operativi Regionali Calabria FESR e FSE 2007-2013;
— l’art. 71 del regolamento (CE) 1083/2006 relativo alla istituzione dei sistemi di gestione e controllo del POR Calabria FSE
2007-2013;
— il documento relativo alla descrizione dei sistemi di gestione e controllo del Programma operativo FSE 2007-2013, inviato dall’IGRUE alla Commissione Europea via SFC, unitamente ai pareri di conformità.
CHE nel predetto documento sono state, altresì, definite le
attività di monitoraggio e controllo puntualizzate nel Manuale
delle procedure dell’Autorità di Gestione del POR Calabria FSE
2007-2013.
PREMESSO CHE:
— con DDG nn. 16259 dell’8.09.2009, 3044 del 15.03.2010
e 9139 del 15.06.2010, al fine dell’espletamento delle funzioni
operative legate ai sistemi di monitoraggio e controllori funzionari di seguito indicati, sono state conferite le Posizioni Organizzative di 2a fascia;
— con i medesimi DDG sono state, altresì, impegnate le
somme necessarie per la retribuzione del trattamento di indennità per le posizioni organizzative, e per la corresponsione della
Indennità di risultato;
— per mero errore materiale, nell’anno 2009 e nell’anno
2010, negli importi calcolati al fine della corresponsione della
predetta indennità di Posizione Organizzativa alle Unità sopra
indicate, non è stata calcolata la quota della tredicesima mensilità.
CHE, pertanto, si rende necessario, ai fini della corretta gestione amministrativa, apportare le dovute correzioni contabili,
procedendo al computo delle quote di tredicesima mensilità da
corrispondere ai Funzionari incaricati.
RITENUTO necessario, al fine della corresponsione della
quota di tredicesima, procedere all’impegno finanziario, sul Capitolo 13010403 del Bilancio regionale 2011 – Asse Assistenza
Tecnica Obiettivo Operativo 6.0.1 dell’importo pari ad c
1.845,25 per l’anno 2009 ed c 13.956,74 per l’anno 2010 per un
totale complessivo di c 15.801,99 oltre ad c 5.214,66 per i relativi oneri a carico Regione, per un totale complessivo di c
21.016,65, per come di seguito specificato:
Computo quota 13a mensilità
Periodo Iniziale
Periodo Finale
Importo
Spettante anno
2009 c
Periodo Iniziale
Periodo Finale
Importo
Spettante anno
2010 c
18.08.2009
31.12.2009
369.65
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Battaglia Anna
Maria
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Sarno Ernesto
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Nominativo
Callà Francesco
6574
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Nominativo
Periodo Iniziale
Periodo Finale
Importo
Spettante anno
2009 c
Importo
Spettante anno
2010 c
Periodo Iniziale
Periodo Finale
Mascaro Giuseppe
18.10.2010
31.12.2010
204,00
Plastino Anna
01.02.2010
31.12.2010
910,25
Bonarrigo Maria
18.10.2010
31.12.2010
204,00
Costa Antonio
18.10.2010
31.12.2010
204,00
Campisi Giuseppe
18.10.2010
31.12.2010
204,00
Lupoi Angelo
18.10.2010
31.12.2010
204,00
Santelli Pia
18.10.2010
31.12.2010
204,00
Zumbo Laura
18.10.2010
31.12.2010
204,00
Scrivano Renato
18.08.2009
31.12.2009
369.65
01.01.2010
31.10.2010
827,50
Elia Giampiero
18.08.2009
31.12.2009
369.65
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Lobello Francesco
18.08.2009
31.12.2009
369.65
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Marino Erminio
18.08.2009
31.12.2009
369.65
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Bifezzi Teresa
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Mannucci Elisa
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Vatrano Domenico
01.01.2010
31.12.2010
993,08
Parente Angelo
18/03/2010
31.12.2010
777,5
Conforto Rosa
01.01.2010
31/10/2010
827,5
Totale
ATTESO CHE l’impegno, pertanto, costituisce un debito fuori
bilancio da segnalare di seguito alla Corte dei Conti, ai sensi
della normativa vigente.
ACQUISITO il Parere di coerenza programmatica e di conformità con i Regolamenti.
VISTA la L.R. n. 7 del 13 Maggio 1996 recante «norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale» ed in particolare l’art. 28 che
individua compiti e responsabilità del Dirigente con funzioni di
Dirigente generale.
VISTA la L.R. n. 8, del 4 Febbraio 2002, artt. 43, 44, e 45.
VISTO il D. Lgs 196/03 – Codice in materia di protezione dei
dati personali.
VISTO il D. Lgs 445/2000 – Testo Unico delle disposizioni
legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTA la D.G.R. n. 2661 del 21 Giugno 1999 recante «adeguamento delle norme legislative e regolamenti in vigore per
l’attuazione delle disposizioni recate dalla L.R. 7/96 e dal D.
Lgs. 29/93 e successive integrazioni e modificazioni».
VISTO il decreto n. 354 del 21 Giugno 1999 del Presidente
della Giunta Regionale recante «separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da quella di gestione», rettificato con D.P.G.R. n. 206 del 15/12/2000.
1.848,25
13.956,74
VISTO il D.P.G.R. n. 18 del 14 giugno 2010 di Conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione
e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la D.G.R. n. 440 del 12 luglio 2010 «Conferimenti
incarichi dirigenziali di Settore» Assegnazione alle strutture
della Giunta Regionale.
VISTO il D.D.G. n. 11385 del 4 agosto 2010 di assegnazione
incarico del Settore n. 4 del Dipartimento n. 10 al Dr. Giuseppe
Mazzeo.
VISTO il D.D.G. n. 13714 del 27.09.2010 con il quale al Dirigente Dott. Giuseppe Mazzeo è stata conferita dal Dirigente
Generale Dipartimento n. 10 la delega per l’assunzione di atti
endo-procedimentali relativi alla competenza della materia del
Settore n. 4.
ATTESA la propria competenza ai sensi della legge regionale
34/2002 e della legge regionale 1/2006.
SULLA base dell’istruttoria tecnica compiuta dalla struttura
interessata.
DECRETA
Per le motivazioni indicate in premessa, che qui si intendono
integralmente approvate, quanto segue:
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
1. procedere all’impegno finanziario, al fine della corresponsione della quota di tredicesima mensilità alle Unità in Posizione Organizzativa con Funzioni Operative di Monitoraggio e
Controllo, della somma complessiva di c 21.016,65, sul Capitolo
13010403 – Assistenza Tecnica PO FSE 2007-2013 – Obiettivo
operativo 6.0.1 del Bilancio Regionale di previsione 2011, di cui
c 1.845,25 per l’anno 2009 ed c 13.956,74 per l’anno 2010 per
un totale complessivo di c 15.801,99 oltre ad c 5.214,66 per i
relativi oneri a carico Regione;
2. il Settore Economico del Personale è autorizzato ad erogare, secondo le norme regionali ai dipendenti di cui alle premesse, la retribuzione della Indennità di Risultato della Posizione Organizzativa di seconda categoria in ragione del periodo,
oltre agli oneri a carico dell’Ente;
3. il Dipartimento Bilancio e Patrimonio – Ragioneria Generale – è autorizzato ad emettere i relativi mandati in partita di
giro;
4. disporre la pubblicazione in forma integrale del presente
provvedimento sul BURC;
5. di trasmettere il presente provvedimento alla Corte dei
Conti.
Catanzaro, lì 18 gennaio 2011
Dr. Giuseppe Mazzeo
DECRETO n. 243 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: Full Forming.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
6575
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
6576
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la richiesta di accreditamento n. 35471 per la Form.
Continua e n. 35473 per la Form. Superiore del 10/11/10, dell’ente: Full Forming.
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare dei formulari,
allegati alle richieste di cui sopra è risultata positiva.
CONSIDERATO che dall’audit effettuato, in data 29/12/10
dall’Ufficio regionale competente, la sede formativa risulta in
possesso dei requisiti previsti dal Regolamento regionale n. 2 del
09/12/2004.
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. Giuseppe De Marco
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di accreditare temporaneamente l’Ente Full Forming con
sede legale in Palmi Via Affaccio, 8, per la seguente sede, numero di ore e macrotipologie:
1. Palmi – Via Concordato, 97 – per complessive numero di
ore pari a 10400 di cui: ore 5200 per la Formazione Continua e
ore 5200 per la Formazione Superiore;
— che l’accreditamento è concesso in via temporanea per 12
mesi a decorrere dalla data del presente decreto;
— di disporre la trasmissione all’ente interessato e la pubblicazione del suddetto atto sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
DECRETO n. 244 del 20 gennaio 2011
Accreditamento Definitivo sedi formative – Ente: Integrazione Decreto n. 66 del 12/01/09 dell’Ente C.I.S.ME Soc.
Coop.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
6577
VISTA la richiesta di integrazione n. 2969 del 03/12/10 dell’ente: C.I.S.ME Soc. Coop, per l’ottenimento dell’utenza speciale «immigrati» anche per la macrotipologia di Formazione
continua.
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare del formulario,
allegato alla richiesta di cui sopra è risultata positiva, si esprime
parere favorevole.
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. De Marco Giuseppe
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
CONSIDERATO il possesso da parte dell’ente della Certificazione di Qualità, relativa anche alla sede formativa, per come
previsto dall’art. 7 del Regolamento regionale n. 2 del 09/12/
2004.
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
DECRETA
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
CONSIDERATO l’ente C.I.S.ME Soc. Coop. è già accreditato
definitivamente con decreto n. 66 del 12/01/09 per le macrotipologie di Formazione Superiore – «Immigrati» e Formazione Continua.
Per i motivi di cui in premessa:
— di integrare il decreto n. 66 del 12/01/09 dell’Ente
C.I.S.ME Soc. Coop. con sede legale in Reggio Calabria Via
Aldo Moro, 54 per la seguente sede, numero di ore e macrotipologie:
1. Reggio Calabria – Via Aldo Moro, 54 – per complessive
ore pari a 6240 di cui: ore 3120 per la Formazione Continua –
Immigrati e ore 3120 per la Formazione Superiore – Immigrati;
— che l’ente è tenuto a comunicare annualmente al Settore
Formazione Professionale il mantenimento dei requisiti propri
dell’accreditamento di cui all’art. 6 del Regolamento regionale
n. 2 del 09/12/2004;
— che l’Amministrazione regionale si riserva di verificare
quanto autocertificato e comunicato dall’ente;
— che l’ente sarà inserito nell’elenco di cui all’art. 12 del
Regolamento n. 2 del 09/12/04;
— l’accreditamento decorre dalla data di emissione del presente decreto;
— di disporre la trasmissione del suddetto atto all’ente interessato e la pubblicazione sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
6578
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 245 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: Rinascita Cooperativa Sociale.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTA la richiesta di accreditamento n. 3739 per la Form.
Continua e n. 3741 per la Form. Superiore del 02/02/10, dell’ente: Rinascita Cooperativa Sociale.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare dei formulari,
allegati alle richieste di cui sopra è risultata positiva.
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
CONSIDERATO che dall’audit effettuato, in data 30/12/10
dall’Ufficio regionale competente, la sede formativa risulta in
possesso dei requisiti previsti dal Regolamento regionale n. 2 del
09/12/2004.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. Giuseppe De Marco
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di accreditare temporaneamente l’Ente Rinascita Cooperativa Sociale con sede legale in Melito Porto Salvo Via Filippo
Turati, 105, per la seguente sede, numero di ore e macrotipologie:
1. Melito Porto Salvo – Via Filippo Turati, 105 – per complessive numero di ore pari a 4160 di cui: ore 2080 per la Formazione Continua – Disabili e ore 2080 per la Formazione Superiore – Disabili;
— che l’accreditamento è concesso in via temporanea per 12
mesi a decorrere dalla data del presente decreto;
— di disporre la trasmissione all’ente interessato e la pubblicazione del suddetto atto sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
DECRETO n. 246 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: Nemesi A.C.E.S.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
6579
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
6580
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la richiesta di accreditamento n. 29937 per la Form.
Continua e n. 29939 per la Form. Superiore del 24/09/10, dell’ente: Nemesi A.C.E.S.
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare dei formulari,
allegati alle richieste di cui sopra è risultata positiva.
CONSIDERATO che dall’audit effettuato, in data 19/11/10
dall’Ufficio regionale competente, la sede formativa risulta in
possesso dei requisiti previsti dal Regolamento regionale n. 2 del
09/12/2004.
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. Giuseppe De Marco
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di accreditare temporaneamente l’Ente Nemesi A.C.E.S.
con sede legale in Cosenza Via XXIV Maggio, 28/D, per la seguente sede, numero di ore e macrotipologie:
1. Cosenza – Via XXIV Maggio, 28/D – per complessive
numero di ore pari a 4160 di cui: ore 2080 per la Formazione
Continua e ore 2080 per la Formazione Superiore;
— che l’accreditamento è concesso in via temporanea per 12
mesi a decorrere dalla data del presente decreto;
— di disporre la trasmissione all’ente interessato e la pubblicazione del suddetto atto sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
DECRETO n. 248 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: Capimed.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6581
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. Giuseppe De Marco
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di accreditare temporaneamente l’Ente Capimed con sede
legale in Agrigento Via Imera, per la seguente sede, numero di
ore e macrotipologie:
1. Crotone – Via A. Avogadro, 5 – per complessive numero
di ore pari a 4160 di cui: ore 2080 per la Formazione Continua e
ore 2080 per la Formazione Superiore;
— che l’accreditamento è concesso in via temporanea per 12
mesi a decorrere dalla data del presente decreto;
— di disporre la trasmissione all’ente interessato e la pubblicazione del suddetto atto sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la richiesta di accreditamento n. 34911 per la Form.
Continua e n. 34913 per la Form. Superiore del 02/10/09, dell’ente: Capimed.
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare dei formulari,
allegati alle richieste di cui sopra è risultata positiva.
CONSIDERATO che dall’audit effettuato, in data 19/10/10
dall’Ufficio regionale competente, la sede formativa risulta in
possesso dei requisiti previsti dal Regolamento regionale n. 2 del
09/12/2004.
DECRETO n. 251 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Integrazione Decreto Definitivo n. 16912 del 29/11/2010 dell’Ente Associazione Promoteo.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Re-
6582
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
gionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA l’istanza per l’integrazione delle utenze speciali di:
«Immigrati e Detenuti», n. 79 del 04/01/11, dell’ente: Ass. Promoteo.
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare dei formulari,
allegati alla richiesta di cui sopra è risultata positiva.
CONSIDERATO che l’ente richiedente risulta in possesso dei
requisiti previsti dal Regolamento regionale n. 2 del 09/12/2004.
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. De Marco Giuseppe
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di integrare il decreto n. 16912 del 29/11/10 dell’Ente Associazione Promoteo con sede legale in Cosenza Via T. Tavolaro,
32/36 – per la seguente sede, e utenze speciali:
1. Cosenza – Via T. Tavolaro, 32/36 – utenze speciali di:
«Detenuti e Immigrati» rientranti nelle macrotipologie già possedute;
— che l’ente è tenuto a comunicare annualmente al Settore
Formazione Professionale il mantenimento dei requisiti propri
dell’accreditamento di cui all’art. 6 del Regolamento regionale
n. 2 del 09/12/2004;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6583
— che l’Amministrazione regionale si riserva di verificare
quanto autocertificato e comunicato dall’ente;
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
— che l’ente sarà inserito nell’elenco di cui all’art. 12 del
Regolamento n. 2 del 09/12/04;
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
— l’accreditamento decorre dalla data di emissione del presente decreto;
— di disporre la trasmissione del suddetto atto all’ente interessato e la pubblicazione sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
DECRETO n. 253 del 20 gennaio 2011
Accreditamento Definitivo sedi formative – Ente: A.N.
S.F.A.P.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
6584
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
DECRETO n. 254 del 20 gennaio 2011
Accreditamento sedi formative – Ente: AG Formazione.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTA la richiesta di accreditamento n. 11790 per la Form.
Continua e n. 11792 per la Form. Superiore del 07/04/10, dell’ente: A.N.S.F.A.P.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare dei formulari,
allegati alle richieste di cui sopra è risultata positiva.
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
CONSIDERATO che dall’audit effettuato, in data 09/11/10
dall’Ufficio regionale competente, la sede formativa risulta in
possesso dei requisiti previsti dal Regolamento regionale n. 2 del
09/12/2004.
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. De Marco Giuseppe
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
CONSIDERATO il possesso da parte dell’ente della Certificazione di Qualità, relativa anche alla sede formativa, per come
previsto dall’art. 7 del Regolamento regionale n. 2 del 09/12/
2004.
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di accreditare definitivamente l’Ente A.N.S.F.A.P. con
sede legale in Cariati Via G. Natale, per la seguente sede, numero
di ore e macrotipologie:
1. Cariati – Via G. Natale – per complessive ore pari a 8320
di cui: ore 4160 per la Formazione Continua e ore 4160 per la
Formazione Superiore;
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
— che l’ente è tenuto a comunicare annualmente al Settore
Formazione Professionale il mantenimento dei requisiti propri
dell’accreditamento di cui all’art. 6 del Regolamento regionale
n. 2 del 09/12/2004;
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
— che l’Amministrazione regionale si riserva di verificare
quanto autocertificato e comunicato dall’ente;
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
— che l’ente sarà inserito nell’elenco di cui all’art. 12 del
Regolamento n. 2 del 09/12/04;
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
— l’accreditamento decorre dalla data di emissione del presente decreto;
— di disporre la trasmissione del suddetto atto all’ente interessato e la pubblicazione sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
6585
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. Giuseppe De Marco
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di accreditare temporaneamente l’Ente AG Formazione
con sede legale in Paola Via Larghetto San Leonardo, 4, per la
seguente sede, numero di ore e macrotipologie:
1. Paola – Via Larghetto San Leonardo – per complessive
numero di ore pari a 4160 di cui: ore 2080 per la Formazione
Continua e ore 2080 per la Formazione Superiore;
— che l’accreditamento è concesso in via temporanea per 12
mesi a decorrere dalla data del presente decreto;
— di disporre la trasmissione all’ente interessato e la pubblicazione del suddetto atto sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
VISTA la richiesta di accreditamento n. 33435 per la Form.
Continua e n. 33437 per la Form. Superiore del 21/10/10, dell’ente: AG Formazione.
CONSIDERATO che l’istruttoria preliminare dei formulari,
allegati alle richieste di cui sopra è risultata positiva.
CONSIDERATO che dall’audit effettuato, in data 11/11/10
dall’Ufficio regionale competente, la sede formativa risulta in
possesso dei requisiti previsti dal Regolamento regionale n. 2 del
09/12/2004.
DECRETO n. 257 del 20 gennaio 2011
Accreditamento Definitivo sedi formative – Modifica Decreto n. 16923 del 29/11/2010 dell’Ente Associazione Domus
Aurea – Accademia di Arte Orafa e Gemmologia.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.
1784/1999 (G.U.C.E. L. 210/12 del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 396/2009 del 6 maggio 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo
sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1828/2006 dell’8 dicembre
2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento
(CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali
sul FESR, sul FSE e sul Fondo di coesione e del regolamento
(CE) 1080/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo
al FESR (G.U.C.E. L. 371/1 del 27/12/2006).
VISTO il Regolamento (CE) 846/2009 del 1 settembre 2009
che modifica il regolamento (CE) n. 1828/2006 che stabilisce
modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e
del regolamento (CE) n. 1080/2006.
VISTO il Regolamento (CE) n. 1083/2006 dell’11/07/06 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Re-
6586
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
gionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione che
abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 (G.U.C.E. L. 210/25
del 31/07/2006).
VISTO il Regolamento (CE) n. 284/2009 del 7 aprile 2009 che
modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria.
VISTO il Regolamento (UE) n. 539/2010 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni
generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la
semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative
alla gestione finanziaria.
VISTO il Piano di Comunicazione – POR Calabria FSE 2007/
2013 – approvato dal Comitato di Sorveglianza nella seduta del 9
Aprile 2008.
VISTA la Delibera n. 427 del 24/07/07 Con la quale è stato
approvato il complemento di programmazione.
VISTA la decisione della Comunità Europea C(2007) 6711 del
17/12/2007 che approva il Programma Operativo della Regione
Calabria.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il DPR n. 354 del 24/06/99, avente per oggetto «Separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e di controllo da
quella della gestione».
VISTA la L.R. n. 7/1996 recante «Norme sull’ordinamento
delle strutture organizzative della G.R., e sulla dirigenza regionale».
VISTO il DPR 206 del 15 dicembre 2000 avente ad oggetto:
«D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 ad oggetto: «separazione
della attività amministrativa di indirizzo e di controllo, da quella
della gestione» – Rettifica».
VISTA la DGR n. 770 del 22 novembre 2006 avente ad oggetto «ordinamento generale delle strutture organizzative della
Giunta Regionale (art. 7 L.R. n. 31/2002)».
VISTA la D.G.R. n. 258 del 14/05/2007 recante «Modifiche
all’ordinamento generale della struttura organizzativa della
Giunta Regionale».
VISTA la DGR n. 521 del 12/07/2010 avente ad oggetto «modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa della Giunta
Regionale».
VISTA la DGR n. 424 del 07 giugno 2010, con la quale l’Avv.
Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
VISTO il DPGR n. 158 del 14 giugno 2010, che conferisce
l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento 10 – Lavoro,
Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato – all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la DGR n. 440 del 12 luglio 2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti di Settore.
VISTA la DGR n. 13715 del 27/09/10 di conferimento dell’incarico di Dirigente di Settore n. 3 del Dipartimento Lavoro n. 10
– Formazione Professionale, e Servizi Ispettivi – alla Dott.ssa
Concettina Di Gesu.
VISTO la Legge Quadro in materia di formazione professionale n. 845/78.
VISTO la L.R. 19/4/1985 n. 18, ordinamento sulla formazione
professionale in Calabria.
VISTA la legge n. 196/97 contenente norme in materia di promozione dell’occupazione e riordino del sistema formativo.
VISTO l’accordo in Conferenza Stato-Regioni del 18/02/2000
relativo all’accreditamento delle strutture formative.
VISTO il D.M. n. 166/2001 del Ministero del Lavoro e P.S. di
approvazione delle norme sull’accreditamento delle sedi formative.
VISTO la deliberazione della G.R. n. 877 del 23/11/2004 con
la quale è stato approvato il Regolamento per l’accreditamento
delle sedi formative della Regione Calabria e il relativo avviso
pubblico, pubblicate sul BURC del 15/12/2004 – supplemento
straordinario n. 8 al n. 22 dell’1/12/2004 e sul BURC del 10/01/
2005 – Suppl. Straordinario n. 4 al n. 24 del 31/12/2004.
VISTA la L.R. n. 34/02 e L.R. n. 1/06 e ritenuta la propria
competenza.
CONSIDERATO che l’ente Associazione Domus Aurea è già
accreditato con i decreti n. 4974 del 02/04/09 e n. 16923 del
29/11/10.
CONSIDERATO il possesso da parte dell’ente della Certificazione di Qualità, relativa anche alla sede formativa, per come
previsto dall’art. 7 del Regolamento regionale n. 2 del 09/12/
2004.
CONSIDERATO che l’Associazione Domus Aurea per mero
errore materiale è stato accreditato «Temporaneamente» invece
che «Definitivamente».
VISTO il documento istruttorio redatto dal responsabile dell’ufficio nonché del procedimento, Sig. De Marco Giuseppe
giusta DD n. 951 del 15/02/2006, ai sensi e per gli effetti dell’art.
4 e segg. della L.R. n. 19/2001.
CONSIDERATO che il presente provvedimento non comporta spese per cui non rientra tra i casi previsti dalla DGR n. 620
del 20/09/10.
SU proposta del suddetto Funzionario designato quale responsabile del procedimento, che ne ha curato anche l’istruttoria e
confermato la regolarità tecnico-amministrativa.
DECRETA
Per i motivi di cui in premessa:
— di modificare il decreto n. 16923 del 29/11/2010 dell’Ente
Associazione Domus Aurea con sede legale in Cosenza Via Campagna, 4 per la seguente sede, numero di ore e macrotipologie:
1. Cosenza – Via Campagna, 4 – per complessive ore pari a
6240 di cui: ore 3120 per la Formazione Continua e ore 3120 per
la Formazione Superiore;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— che l’ente è tenuto a comunicare annualmente al Settore
Formazione Professionale il mantenimento dei requisiti propri
dell’accreditamento di cui all’art. 6 del Regolamento regionale
n. 2 del 09/12/2004;
— che l’Amministrazione regionale si riserva di verificare
quanto autocertificato e comunicato dall’ente;
— che l’ente sarà inserito nell’elenco di cui all’art. 12 del
Regolamento n. 2 del 09/12/04;
— l’accreditamento decorre dalla data di emissione del presente decreto;
— di disporre la trasmissione del suddetto atto all’ente interessato e la pubblicazione sul BURC.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
D.ssa Concettina Di Gesu
DECRETO n. 275 del 20 gennaio 2011
Impegno somme su Fondo Regionale per l’Occupazione
relativo al finanziamento di interventi di politica attiva dell’impiego, finalizzati alla progressiva e graduale stabilizzazione occupazionale (Artt. 2 e 3 della LR 30.01.2001, n. 4, art.
1, commi 1 e 2 della LR 11.01.2006, n. 1.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE
VISTO il Decreto Legislativo n. 29/93 e successive modificazioni.
VISTA la Legge Regionale n. 7 del 2 maggio 1996, recante
norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della
Giunta Regionale e sulla Dirigenza Regionale.
VISTI i Decreti n. 354/99 e n. 206/2000 del Presidente della
Regione recanti norme sulla separazione dell’attività amministrativa di indirizzo e controllo, da quella di gestione.
VISTO il DPR 445/2000 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
VISTO il D.P.G.R. del 2 maggio 2005, nr. 71, avente ad oggetto il riordino della Giunta Regionale.
VISTA la D.G.R. nr. 770 dell’11.11.2006, avente ad oggetto
ordinamento generale della struttura organizzativa della Giunta
Regionale.
6587
VISTO il Decreto del Presidente della Regione n. 158 del 14
Giugno 2010, che conferisce l’incarico di Dirigente Generale del
Dipartimento 10 all’Avv. Bruno Calvetta.
VISTA la D.G.R. nr. 440 del 07/06/2010 con la quale sono
stati assegnati i Dirigenti ai Settori.
VISTO il D.D.G. nr. 13743 del 28/09/2010 del Dipartimento
nr. 10, con il quale è stato conferito l’incarico di Dirigente del
Settore nr. 1 «Politiche del Lavoro e Mercato del lavoro – Vertenze Ammortizzatori e Previdenza» alla D.ssa Michelina Ricca.
VISTA la Legge Regionale n. 20 del 19 novembre 2003
«Norme volte alla stabilizzazione occupazionale dei lavoratori
impegnati in lavori socialmente utili e di pubblica utilità».
VISTA la Legge Regionale 29 dic. 2010, n. 34 con la quale
sono state prorogate le convenzioni in essere, ai sensi della Legge
regionale 20/2003, fissando il termine finale di attuazione del
piano di stabilizzazione al 31 dicembre 2011.
CONSIDERATO che la richiamata proroga per l’utilizzazione
dei lavoratori di cui all’art. 2 della LR n. 20/2003, riguarda anche
i soggetti impegnati nei Dipartimenti Regionali.
CHE la proroga riguarda anche i soggetti individuati dal
comma 5 dell’art. 1 della Legge Regionale 11 agosto 2004, n. 18,
e si concretizza mediante la riattivazione della convenzione sottoscritta con il Comune di Rossano, quale Ente utilizzatore dei
lavoratori ex corsisti ENEL.
CHE con D.G.R. n. 539 del 31 luglio 2006, sono stati autorizzati gli Enti utilizzatori a dare corso alle attività integrative.
CHE i Dipartimenti sono autorizzati a far effettuare, ai soggetti LSU/LPU utilizzati, prestazioni integrative fino ad un massimo di 16 ore settimanali, secondo le prescrizioni della DGR n.
573 del 08.08.2006 e della DGR n. 927/2006.
CONSIDERATO che si rende necessario procedere all’impegno di Euro 33.000.000,00 imputandola sul capitolo 43020209
del Bilancio Regionale, Esercizio 2011 che presenta la necessaria disponibilità, per far fronte all’anticipazione del pagamento
dei sussidi e delle integrazioni dei soggetti di cui alla Legge Regionale n. 20 del 19 novembre 2003 ed alla legge Regionale 11
agosto 2004, n. 18 (Ex corsisti ENEL).
CONSIDERATO che, con la proroga delle convenzioni, si
sono realizzate le condizioni previste dalla lettera b), dell’art. 45
della Legge Regionale n. 8 del 4 febbraio 2002 e dell’art. 43
della medesima legge, per quanto riguarda l’impegno di spesa.
ATTESO che i Comuni ed i Dipartimenti Regionali hanno
l’obbligo di trasmettere la rendicontazione della spesa relativamente alle somme erogate dalla Regione Calabria.
VISTA la L.R. 12 agosto 2002, n. 34 e s.m.i. e ritenuta la
propria competenza in merito.
VISTA la D.G.R. nr. 258 del 14.05.2007 avente ad oggetto
modifica dell’ordinamento della struttura organizzativa della
Giunta Regionale.
SU conforme proposta del Dirigente del Servizio, che viste le
motivazioni espresse nell’atto, attesta la legittimità del presente
provvedimento.
VISTA la delibera di GR n. 521 del 12.7.2010 avente ad oggetto «Modifiche ed integrazioni della struttura organizzativa
della Giunta Regionale».
DECRETA
VISTA la delibera di GR n. 424 del 7 Giugno 2010, con la
quale l’Avv. Bruno Calvetta è stato designato per il conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10.
Per i motivi espressi in premessa che qui si intendono integralmente riportati ed approvati;
— di impegnare la somma di Euro 33.000.000,00, per far
fronte all’anticipazione del pagamento dei sussidi e delle inte-
6588
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
grazioni dei soggetti di cui alla L.R. n. 20 del 19 novembre 2003
ed alla LR 11 agosto 2004, n. 18 (Ex corsisti ENEL), imputandola sul capitolo 43020209 del Bilancio Regionale, Esercizio
2011 che presenta la necessaria disponibilità;
— di autorizzare il Dipartimento Economia, Ragioneria Generale, ai sensi dell’art. 45, L.R. n. 8/2002, all’impegno di Euro
33.000.000,00, per far fronte all’anticipazione del pagamento dei
sussidi e delle integrazioni dei soggetti di cui alla Legge Regionale n. 20 del 19 novembre 2003 ed alla legge Regionale 11
agosto 2004, n. 18 (Ex corsisti ENEL);
— di prendere atto che i Comuni ed i Dipartimenti Regionali
hanno l’obbligo di trasmettere la rendicontazione della spesa relativamente alle somme erogate dalla Regione Calabria;
— di provvedere, con successivi atti, alle successive liquidazioni di competenza;
— di autorizzare la pubblicazione del presente provvedimento integralmente sul BUR Calabria.
Catanzaro, lì 20 gennaio 2011
Il Dirigente del Settore
Dr.ssa Michelina Ricca
DECRETO n. 294 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. CNC
Cantiere Navale Crotone Srl (Mobilità – Prima Concessione).
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTI:
— il Decreto legislativo 29/93 e s.m.i.;
— la L.R. 7/96, recante norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale;
— il D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 nel testo modificato
ed integrato, sulla separazione dell’attività di indirizzo e di gestione;
— il D.P.G.R. n. 158 del 14 Giugno 2010 di conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10 e dell’autorità di gestione del POR Calabria 2007-2013 all’Avv.
Bruno Calvetta;
— il D.D.G. n. 13743 del 28 Settembre 2010 di conferimento
di Dirigente di Settore «Politiche del Lavoro» alla D.ssa Michelina Ricca e di conferimento della delega per l’assunzione di atti
endoprocedimentali relativi alla materia di competenza del settore;
— l’art. 2, comma 138, della legge 23 dicembre 2009, n. 191
(Legge Finanziaria 2010), recante disposizioni ai fini della concessione degli ammortizzatori sociali, che in particolare prevede
la possibilità per il Ministero del Lavoro, della Salute e delle
Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e
delle Finanze, di intervenire con la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, nel caso di programmi finalizzati alla
gestione di crisi occupazionali con riferimento ad aree regionali;
— l’art. 19 del decreto legge n. 185/2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 2/2009 e successivamente dalla legge 9
aprile 2009, n. 33;
— l’accordo Stato – Regioni del 12 febbraio 2009 «Interventi
a sostegno del reddito ed alle competenze», in base al quale la
Calabria, unitamente alle regioni sottoscrittrici, si è impegnata
ad integrare il costo del sostegno al reddito, spettante a ciascun
lavoratore in cassa integrazione o in mobilità in deroga e a garantire misure di politica attiva e passiva del lavoro con risorse derivanti dal Fondo sociale europeo (POR FSE Calabria 20072013) nella misura di 56,9 milioni di euro, ovvero con altre risorse proprie;
— il verbale di accordo istituzionale redatto in data 12
Maggio 2010, presso la Regione Calabria, alla presenza dell’Assessore al Lavoro e dei sindacati datoriali e dei lavoratori, che
individua le misure idonee a consentire il superamento di crisi
occupazionali, conferendo all’Assessore al Lavoro la delega a
stipulare l’accordo governativo di cui al citato comma 138, art. 2
L. 191/09 (Legge Finanziaria 2010);
— l’accordo stipulato Ministero del Lavoro, della Salute e
delle Politiche Sociali e la Regione Calabria in data 6 maggio
2010, finalizzato a individuare risorse finanziarie a valere sui
fondi nazionali per la concessione in deroga alla vigente normativa di trattamenti di cassa integrazione guadagni, di mobilità, di
disoccupazione speciale e ad attivare, unitamente alle predette
misure, ulteriori interventi mediante uno specifico finanziamento a valere su risorse FSE-POR Calabria 2007/2013 per la
realizzazione di politiche attive in favore degli interessati.
CONSIDERATO che:
— in data 27 maggio 2009 è stata trasmessa dal Ministero del
Lavoro, con nota n. 17/VII/0009313, la versione definitiva dell’ammissibilità dei principi, dei criteri e delle modalità gestionali
relative agli interventi per il sostegno al reddito e alle competenze dei lavoratori nell’ambito del POR – FSE 2007 2013;
— in data 4 Giugno 2009 è stata sottoscritta tra INPS e Regione Calabria la convenzione concernente le modalità attuative,
gestionali e i flussi informativi relativi agli ammortizzatori sociali in deroga;
— di tale convenzione la Giunta regionale ha preso atto con
deliberazione n. 351 del 9 Giugno 2009;
— il Regolamento CE 1081/2006 all’art. 11, paragrafo 3, prevede l’ammissibilità delle spese relative ad indennità o retribuzioni versate da un terzo a beneficio dei partecipanti ad una operazione e certificate al beneficiario;
— la legge 20.05.1975, n. 164 recante la disciplina dei provvedimenti per la garanzia del salario;
— con Decreto n. 13181 6 luglio 2009 del Dirigente Generale
del Dipartimento n. 10 avente tra l’altro ad oggetto la riorganizzazione interna per la gestione delle misure anticrisi, è stata prevista in capo al Dipartimento n. 10 l’istruttoria degli accordi e
l’emissione dei provvedimenti autorizzatori di cui all’art. 3 della
citata convenzione INPS – Regione Calabria.
— la legge 23.7.1991, n. 223, recante norme in materia di
cassa integrazione, mobilità, trattamento di disoccupazione speciale in materia di mercato del lavoro;
ATTESO che il responsabile dell’unità di crisi, istituita con
deliberazione regionale n. 6 del 5 gennaio 2007 cura la gestione
degli accordi, organizzano il calendario degli incontri, redigono i
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
verbali, li sottoscrivono unitamente alle parti sociali ed economiche interessate e ne trasmettono copia al Dipartimento n. 10
mediante nota formale.
RILEVATO CHE con istanza acquisita al protocollo del dipartimento 10 al n. 37665 del 26/11/2010, le OO.SS. hanno richiesto
la Mobilità in deroga a favore degli ex lavoratori dell’azienda
CNC Cantiere Navale Crotone Srl, con sede legale in Crotone
(KR) Partita Iva 02811930797, settore Navale, CCNL applicato
ai dipendenti addetti al settore Navale, iscritta all’INPS di Crotone, e la corresponsione del trattamento della Mobilità di cui
all’art. 2, comma 36 e seguenti della legge n. 203 del 2008
(Legge Finanziaria 2009), relativamente al periodo indicato nell’elenco allegato (A), per ogni singolo lavoratore.
DATO ATTO CHE
— la struttura preposta alla sottoscrizione degli accordi ha
trasmesso al Dipartimento n. 10 con nota n. 39694 del 09/12/
2010 il verbale di accordo redatto presso la sede dell’Assessorato al Lavoro della Regione Calabria in data 09/12/10, relativo
alla prima concessione della Mobilità in deroga, comprensivo
dell’elenco dei lavoratori e delle relative dichiarazioni di immediata disponibilità;
— il Dipartimento n. 10 con nota n. 40630 del 15/12/2010 ha
trasmesso all’INPS il verbale d’accordo sopra citato, comprensivo degli allegati, per la prevista verifica dei requisiti richiesti
per i lavoratori oggetto dell’indennità della Mobilità in deroga, il
cui elenco è parte integrale e sostanziale del presente atto.
CONSIDERATO che i lavoratori interessati dall’accordo in
questione non risultano in Mobilità in Deroga per effetto della
legge 223 del 91 e che a seguito dell’istruttoria è stato rilevato
che sussistono le condizioni per intervenire con misure di sostegno al reddito, sostenendo i lavoratori nei percorsi di formazione e di politiche attive del lavoro.
PRESO ATTO:
— della nota della Direzione Regionale dell’INPS Calabria n.
2280 21/01/2009.0000053, che indica, per gli anni 2007 e 2008,
i dati di spesa relativi ai trattamenti di mobilità e CIG in deroga
ed il residuo attivo di c 20.714.414,15, da utilizzare per l’anno in
corso per come autorizzato dal Ministero del Lavoro e della Salute e delle Politiche Sociali;
— del Decreto n. 45080 del 19 febbraio 2009 del Ministero
del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali di assegnazione
provvisoria dei fondi per la concessione degli ammortizzatori
sociali in deroga per l’anno 2009 che destina alla Calabria c
10.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 22 aprile 2009 con il
quale vengono assegnati ulteriori c 29.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 06 Maggio 2010 con
il quale vengono assegnati c 50.000.000;
— del Decreto n. 13181 del 6 luglio 2009 «Dipartimento Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione, Cooperazione e Volontariato» con il quale viene accreditata all’INPS la somma di c
7.000.000,00 quale primo acconto dell’importo stabilito sul
fondo regionale per la compartecipazione al pagamento del sostegno al reddito pari al 30% del totale delle prestazioni.
6589
TENUTO conto che il costo complessivo stimato dei sostegni
al reddito per la concessione della mobilità in deroga per i lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, è di c 19.141,65
di cui:
c 3.051,84 a carico Regione (30%)
c 16.086,81 a carico del fondo nazionale (70%) al quale si
imputa ulteriormente l’intero costo della contribuzione figurativa
c 19.141,65 costo totale
VISTA la L.R. 34/02 e s.m.i. e ritenuta la competenza in merito.
SU espressa dichiarazione di legittimità e regolarità del presente atto resa dal Dirigente, alla stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate ed in attesa della stipula dell’accordo Governativo tra il Ministero del Lavoro e la Regione Calabria.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che si intendono integralmente riportate ed approvate:
— di autorizzare la concessione in deroga della Mobilità per
gli ex lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, che
forma parte integrante e sostanziale del presente atto, in qualità
di ex dipendenti dell’azienda CNC Cantiere Navale Crotone Srl,
con sede legale in Crotone (KR) Partita Iva 02811930797, settore Navale, CCNL applicato ai dipendenti addetti al settore Navale, iscritta all’INPS di Crotone;
— di dare atto che i dipendenti interessati hanno presentato
dichiarazione di immediata disponibilità ai sensi delle vigenti
disposizioni;
— di stabilire che il costo complessivo stimato dei sostegni al
reddito per la concessione della mobilità in deroga per i lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, è di c 19.141,65
di cui:
c 3.051,84 a carico Regione (30%)
c 16.086,81 a carico del fondo nazionale (70%) al quale si
imputa ulteriormente l’intero costo della contribuzione figurativa
c 19.141,65 costo totale
— di prevedere ove intervenga il Fondo sociale europeo,
l’avvio di politiche attive in favore dei lavoratori interessati dall’accordo in questione garantendo la correlazione tra indennità
percepita e attività eseguita e proporzionalità tra il valore della
politica attiva e l’indennità di partecipazione;
— di autorizzare l’INPS Regionale a procedere all’erogazione della relativa indennità, provvedendo al pagamento diretto,
nonché ad attivare le procedure di controllo della spesa e degli
impegni previsti nella Convenzione del 4 giugno 2009, con l’avvertenza che l’erogazione del trattamento avverrà fino al 31/12/
2010 o fino alla concorrenza delle risorse disponibili;
— di pubblicare il presente provvedimento sul BURC.
Catanzaro, lì 21 gennaio 2011
Dott.ssa Michelina Ricca
6590
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Ditta: CNC Cantiere Navale Crotone
Cognome e Nome
Luogo di
Nascita
Data di Nascita
Residenza
Data Ass.ne
Data Licen.to
Dal – Al
Riggiero Giuseppe
Crotone
23/02/1961
Crotone
04/06/2008
17/10/2009
31/01/2010
31/12/2010
Totale c
19.141,65
DECRETO n. 295 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Sviluppo Discount SpA (Mobilità – Prima Concessione).
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTI:
— il Decreto legislativo 29/93 e s.m.i.;
— la L.R. 7/96, recante norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale;
— il D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 nel testo modificato
ed integrato, sulla separazione dell’attività di indirizzo e di gestione;
— il D.P.G.R. n. 158 del 14 Giugno 2010 di conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10 e dell’autorità di gestione del POR Calabria 2007-2013 all’Avv.
Bruno Calvetta;
— il D.D.G. n. 13743 del 28 Settembre 2010 di conferimento
di Dirigente di Settore «Politiche del Lavoro» alla D.ssa Michelina Ricca e di conferimento della delega per l’assunzione di atti
endoprocedimentali relativi alla materia di competenza del settore;
— la legge 20.05.1975, n. 164 recante la disciplina dei provvedimenti per la garanzia del salario;
— la legge 23.7.1991, n. 223, recante norme in materia di
cassa integrazione, mobilità, trattamento di disoccupazione speciale in materia di mercato del lavoro;
— l’art. 2, comma 138, della legge 23 dicembre 2009, n. 191
(Legge Finanziaria 2010), recante disposizioni ai fini della concessione degli ammortizzatori sociali, che in particolare prevede
la possibilità per il Ministero del Lavoro, della Salute e delle
Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e
delle Finanze, di intervenire con la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, nel caso di programmi finalizzati alla
gestione di crisi occupazionali con riferimento ad aree regionali;
— l’art. 19 del decreto legge n. 185/2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 2/2009 e successivamente dalla legge 9
aprile 2009, n. 33;
— l’accordo Stato – Regioni del 12 febbraio 2009 «Interventi
a sostegno del reddito ed alle competenze», in base al quale la
Calabria, unitamente alle regioni sottoscrittrici, si è impegnata
ad integrare il costo del sostegno al reddito, spettante a ciascun
lavoratore in cassa integrazione o in mobilità in deroga e a garan-
tire misure di politica attiva e passiva del lavoro con risorse derivanti dal Fondo sociale europeo (POR FSE Calabria 20072013) nella misura di 56,9 milioni di euro, ovvero con altre risorse proprie;
— il verbale di accordo istituzionale redatto in data 12
Maggio 2010, presso la Regione Calabria, alla presenza dell’Assessore al Lavoro e dei sindacati datoriali e dei lavoratori, che
individua le misure idonee a consentire il superamento di crisi
occupazionali, conferendo all’Assessore al Lavoro la delega a
stipulare l’accordo governativo di cui al citato comma 138, art. 2
L. 191/09 (Legge Finanziaria 2010);
— l’accordo stipulato Ministero del Lavoro, della Salute e
delle Politiche Sociali e la Regione Calabria in data 6 maggio
2010, finalizzato a individuare risorse finanziarie a valere sui
fondi nazionali per la concessione in deroga alla vigente normativa di trattamenti di cassa integrazione guadagni, di mobilità, di
disoccupazione speciale e ad attivare, unitamente alle predette
misure, ulteriori interventi mediante uno specifico finanziamento a valere su risorse FSE-POR Calabria 2007/2013 per la
realizzazione di politiche attive in favore degli interessati.
CONSIDERATO che:
— in data 27 maggio 2009 è stata trasmessa dal Ministero del
Lavoro, con nota n. 17/VII/0009313, la versione definitiva dell’ammissibilità dei principi, dei criteri e delle modalità gestionali
relative agli interventi per il sostegno al reddito e alle competenze dei lavoratori nell’ambito del POR – FSE 2007 2013;
— in data 4 Giugno 2009 è stata sottoscritta tra INPS e Regione Calabria la convenzione concernente le modalità attuative,
gestionali e i flussi informativi relativi agli ammortizzatori sociali in deroga;
— di tale convenzione la Giunta regionale ha preso atto con
deliberazione n. 351 del 9 Giugno 2009;
— il Regolamento CE 1081/2006 all’art. 11, paragrafo 3, prevede l’ammissibilità delle spese relative ad indennità o retribuzioni versate da un terzo a beneficio dei partecipanti ad una operazione e certificate al beneficiario;
— con Decreto n. 13181 6 luglio 2009 del Dirigente Generale
del Dipartimento n. 10 avente tra l’altro ad oggetto la riorganizzazione interna per la gestione delle misure anticrisi, è stata prevista in capo al Dipartimento n. 10 l’istruttoria degli accordi e
l’emissione dei provvedimenti autorizzatori di cui all’art. 3 della
citata convenzione INPS – Regione Calabria.
ATTESO che il responsabile dell’unità di crisi, istituita con
deliberazione regionale n. 6 del 5 gennaio 2007 cura la gestione
degli accordi, organizzano il calendario degli incontri, redigono i
verbali, li sottoscrivono unitamente alle parti sociali ed economiche interessate e ne trasmettono copia al Dipartimento n. 10
mediante nota formale.
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
RILEVATO CHE con istanza acquisita al protocollo del dipartimento 10 al n. 10424 del 24/03/2010, le OO.SS. hanno richiesto
la Mobilità in deroga a favore degli ex lavoratori dell’azienda
Sviluppo Discount SpA, con sede legale in Via Famagosta, 75 –
Milano Partita Iva 11247460154, settore Commercio, CCNL applicato ai dipendenti addetti al settore Commercio, iscritta all’INPS di Milano, e la corresponsione del trattamento della Mobilità di cui all’art. 2, comma 36 e seguenti della legge n. 203 del
2008 (Legge Finanziaria 2009), relativamente al periodo indicato nell’elenco allegato (A), per ogni singolo lavoratore.
DATO ATTO CHE
— la struttura preposta alla sottoscrizione degli accordi ha
trasmesso al Dipartimento n. 10 con nota n. 39692 del 09/12/
2010 il verbale di accordo redatto presso la sede dell’Assessorato al Lavoro della Regione Calabria in data 07/12/10, relativo
alla prima concessione della Mobilità in deroga, comprensivo
dell’elenco dei lavoratori e delle relative dichiarazioni di immediata disponibilità;
— il Dipartimento n. 10 con nota n. 40479 del 15/12/2010 ha
trasmesso all’INPS il verbale d’accordo sopra citato, comprensivo degli allegati, per la prevista verifica dei requisiti richiesti
per i lavoratori oggetto dell’indennità della Mobilità in deroga, il
cui elenco è parte integrale e sostanziale del presente atto.
CONSIDERATO che i lavoratori interessati dall’accordo in
questione non risultano in Mobilità in Deroga per effetto della
legge 223 del 91 e che a seguito dell’istruttoria è stato rilevato
che sussistono le condizioni per intervenire con misure di sostegno al reddito, sostenendo i lavoratori nei percorsi di formazione e di politiche attive del lavoro.
PRESO ATTO:
— della nota della Direzione Regionale dell’INPS Calabria n.
2280 21/01/2009.0000053, che indica, per gli anni 2007 e 2008,
i dati di spesa relativi ai trattamenti di mobilità e CIG in deroga
ed il residuo attivo di c 20.714.414,15, da utilizzare per l’anno in
corso per come autorizzato dal Ministero del Lavoro e della Salute e delle Politiche Sociali;
— del Decreto n. 45080 del 19 febbraio 2009 del Ministero
del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali di assegnazione
provvisoria dei fondi per la concessione degli ammortizzatori
sociali in deroga per l’anno 2009 che destina alla Calabria c
10.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 22 aprile 2009 con il
quale vengono assegnati ulteriori c 29.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 06 Maggio 2010 con
il quale vengono assegnati c 50.000.000;
— del Decreto n. 13181 del 6 luglio 2009 «Dipartimento Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione, Cooperazione e Volontariato» con il quale viene accreditata all’INPS la somma di c
7.000.000,00 quale primo acconto dell’importo stabilito sul
fondo regionale per la compartecipazione al pagamento del sostegno al reddito pari al 30% del totale delle prestazioni.
TENUTO conto che il costo complessivo stimato dei sostegni
al reddito per la concessione della mobilità in deroga per i lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, è di c 30.161,70
di cui:
6591
c 4.808,96 a carico Regione (30%)
c 25.352,74 a carico del fondo nazionale (70%) al quale si
imputa ulteriormente l’intero costo della contribuzione figurativa
c 30.161,70 costo totale
VISTA la L.R. 34/02 e s.m.i. e ritenuta la competenza in merito.
SU espressa dichiarazione di legittimità e regolarità del presente atto resa dal Dirigente, alla stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate ed in attesa della stipula dell’accordo Governativo tra il Ministero del Lavoro e la Regione Calabria.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che si intendono integralmente riportate ed approvate:
— di autorizzare la concessione in deroga della Mobilità per
gli ex lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, che
forma parte integrante e sostanziale del presente atto, in qualità
di ex dipendenti dell’azienda Sviluppo Discount SpA, con sede
legale in Via Famagosta, 75 – Milano Partita Iva 11247460154,
settore Commercio, CCNL applicato ai dipendenti addetti al settore Commercio, iscritta all’INPS di Milano;
— di dare atto che i dipendenti interessati hanno presentato
dichiarazione di immediata disponibilità ai sensi delle vigenti
disposizioni;
— di stabilire che il costo complessivo stimato dei sostegni al
reddito per la concessione della mobilità in deroga per i lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, è di c 30.161,70
di cui:
c 4.808,96 a carico Regione (30%)
c 25.352,74 a carico del fondo nazionale (70%) al quale si
imputa ulteriormente l’intero costo della contribuzione figurativa
c 30.161,70 costo totale
— di prevedere ove intervenga il Fondo sociale europeo,
l’avvio di politiche attive in favore dei lavoratori interessati dall’accordo in questione garantendo la correlazione tra indennità
percepita e attività eseguita e proporzionalità tra il valore della
politica attiva e l’indennità di partecipazione;
— di autorizzare l’INPS Regionale a procedere all’erogazione della relativa indennità, provvedendo al pagamento diretto,
nonché ad attivare le procedure di controllo della spesa e degli
impegni previsti nella Convenzione del 4 giugno 2009, con l’avvertenza che l’erogazione del trattamento avverrà fino al 31/12/
2010 o fino alla concorrenza delle risorse disponibili;
— di pubblicare il presente provvedimento sul BURC.
Catanzaro, lì 21 gennaio 2011
Dott.ssa Michelina Ricca
6592
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
Ditta: Sviluppo Discount SpA
Luogo di
Nascita
Data di
Nascita
Residenza
Data Ass.ne
Data Licen.to
Qualifica
Dal – Al
Condemi Andrea
Castrovillari
01/02/1980
Via delle
Mimose –
Castrovillari
04/11/2008
10/04/2010
Impiegato
11/04/2010
31/12/2010
Magurno Barbara
Cosenza
04/05/1980
C.da
Macchia –
Cosenza
26/01/2007
10/04/2010
Impiegato
11/04/2010
31/12/2010
Totale c
30.161,70
Cognome e Nome
DECRETO n. 296 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Tecnovese SpA (Mobilità – Prima Concessione).
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTI:
— il Decreto legislativo 29/93 e s.m.i.;
— la L.R. 7/96, recante norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale;
— il D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 nel testo modificato
ed integrato, sulla separazione dell’attività di indirizzo e di gestione;
— il D.P.G.R. n. 158 del 14 Giugno 2010 di conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10 e dell’autorità di gestione del POR Calabria 2007-2013 all’Avv.
Bruno Calvetta;
— il D.D.G. n. 13743 del 28 Settembre 2010 di conferimento
di Dirigente di Settore «Politiche del Lavoro» alla D.ssa Michelina Ricca e di conferimento della delega per l’assunzione di atti
endoprocedimentali relativi alla materia di competenza del settore;
— la legge 20.05.1975, n. 164 recante la disciplina dei provvedimenti per la garanzia del salario;
— la legge 23.7.1991, n. 223, recante norme in materia di
cassa integrazione, mobilità, trattamento di disoccupazione speciale in materia di mercato del lavoro;
— l’art. 2, comma 138, della legge 23 dicembre 2009, n. 191
(Legge Finanziaria 2010), recante disposizioni ai fini della concessione degli ammortizzatori sociali, che in particolare prevede
la possibilità per il Ministero del Lavoro, della Salute e delle
Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e
delle Finanze, di intervenire con la concessione degli ammortiz-
zatori sociali in deroga, nel caso di programmi finalizzati alla
gestione di crisi occupazionali con riferimento ad aree regionali;
— l’art. 19 del decreto legge n. 185/2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 2/2009 e successivamente dalla legge 9
aprile 2009, n. 33;
— l’accordo Stato – Regioni del 12 febbraio 2009 «Interventi
a sostegno del reddito ed alle competenze», in base al quale la
Calabria, unitamente alle regioni sottoscrittrici, si è impegnata
ad integrare il costo del sostegno al reddito, spettante a ciascun
lavoratore in cassa integrazione o in mobilità in deroga e a garantire misure di politica attiva e passiva del lavoro con risorse derivanti dal Fondo sociale europeo (POR FSE Calabria 20072013) nella misura di 56,9 milioni di euro, ovvero con altre risorse proprie;
— il verbale di accordo istituzionale redatto in data 12
Maggio 2010, presso la Regione Calabria, alla presenza dell’Assessore al Lavoro e dei sindacati datoriali e dei lavoratori, che
individua le misure idonee a consentire il superamento di crisi
occupazionali, conferendo all’Assessore al Lavoro la delega a
stipulare l’accordo governativo di cui al citato comma 138, art. 2
L. 191/09 (Legge Finanziaria 2010);
— l’accordo stipulato Ministero del Lavoro, della Salute e
delle Politiche Sociali e la Regione Calabria in data 6 maggio
2010, finalizzato a individuare risorse finanziarie a valere sui
fondi nazionali per la concessione in deroga alla vigente normativa di trattamenti di cassa integrazione guadagni, di mobilità, di
disoccupazione speciale e ad attivare, unitamente alle predette
misure, ulteriori interventi mediante uno specifico finanziamento a valere su risorse FSE-POR Calabria 2007/2013 per la
realizzazione di politiche attive in favore degli interessati.
CONSIDERATO che:
— in data 27 maggio 2009 è stata trasmessa dal Ministero del
Lavoro, con nota n. 17/VII/0009313, la versione definitiva dell’ammissibilità dei principi, dei criteri e delle modalità gestionali
relative agli interventi per il sostegno al reddito e alle competenze dei lavoratori nell’ambito del POR – FSE 2007 2013;
— in data 4 Giugno 2009 è stata sottoscritta tra INPS e Regione Calabria la convenzione concernente le modalità attuative,
gestionali e i flussi informativi relativi agli ammortizzatori sociali in deroga;
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— di tale convenzione la Giunta regionale ha preso atto con
deliberazione n. 351 del 9 Giugno 2009;
— il Regolamento CE 1081/2006 all’art. 11, paragrafo 3, prevede l’ammissibilità delle spese relative ad indennità o retribuzioni versate da un terzo a beneficio dei partecipanti ad una operazione e certificate al beneficiario;
— con Decreto n. 13181 6 luglio 2009 del Dirigente Generale
del Dipartimento n. 10 avente tra l’altro ad oggetto la riorganizzazione interna per la gestione delle misure anticrisi, è stata prevista in capo al Dipartimento n. 10 l’istruttoria degli accordi e
l’emissione dei provvedimenti autorizzatori di cui all’art. 3 della
citata convenzione INPS – Regione Calabria.
ATTESO che il responsabile dell’unità di crisi, istituita con
deliberazione regionale n. 6 del 5 gennaio 2007 cura la gestione
degli accordi, organizzano il calendario degli incontri, redigono i
verbali, li sottoscrivono unitamente alle parti sociali ed economiche interessate e ne trasmettono copia al Dipartimento n. 10
mediante nota formale.
RILEVATO CHE con istanze acquisite al protocollo del dipartimento 10 ai n. 33675 del 25/10/2010, n. 32099 del 11/10/2010,
n. 35933 e n. 35941 del 15/11/2010 le OO.SS. hanno richiesto la
Mobilità in deroga a favore degli ex lavoratori dell’azienda Tecnovese – Tecnologie delle Costruzioni SpA, con sede legale in
Via Dismano, 45 – Ravenna, Partita Iva 02078740392, settore
Edile, CCNL applicato ai dipendenti addetti al settore Edile,
iscritta all’INPS di Ravenna, e la corresponsione del trattamento
della Mobilità di cui all’art. 2, comma 36 e seguenti della legge
n. 203 del 2008 (Legge Finanziaria 2009), relativamente al periodo indicato nell’elenco allegato (A), per ogni singolo lavoratore.
DATO ATTO CHE
— la struttura preposta alla sottoscrizione degli accordi ha
trasmesso al Dipartimento n. 10 con nota n. 39692 del 09/12/
2010 il verbale di accordo redatto presso la sede dell’Assessorato al Lavoro della Regione Calabria in data 07/12/10, relativo
alla prima concessione della Mobilità in deroga, comprensivo
dell’elenco dei lavoratori e delle relative dichiarazioni di immediata disponibilità;
— il Dipartimento n. 10 con nota n. 40485 del 15/12/2010 ha
trasmesso all’INPS il verbale d’accordo sopra citato, comprensivo degli allegati, per la prevista verifica dei requisiti richiesti
per i lavoratori oggetto dell’indennità della Mobilità in deroga, il
cui elenco è parte integrale e sostanziale del presente atto.
CONSIDERATO che i lavoratori interessati dall’accordo in
questione non risultano in Mobilità in Deroga per effetto della
legge 223 del 91 e che a seguito dell’istruttoria è stato rilevato
che sussistono le condizioni per intervenire con misure di sostegno al reddito, sostenendo i lavoratori nei percorsi di formazione e di politiche attive del lavoro.
PRESO ATTO:
— della nota della Direzione Regionale dell’INPS Calabria n.
2280 21/01/2009.0000053, che indica, per gli anni 2007 e 2008,
i dati di spesa relativi ai trattamenti di mobilità e CIG in deroga
6593
ed il residuo attivo di c 20.714.414,15, da utilizzare per l’anno in
corso per come autorizzato dal Ministero del Lavoro e della Salute e delle Politiche Sociali;
— del Decreto n. 45080 del 19 febbraio 2009 del Ministero
del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali di assegnazione
provvisoria dei fondi per la concessione degli ammortizzatori
sociali in deroga per l’anno 2009 che destina alla Calabria c
10.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 22 aprile 2009 con il
quale vengono assegnati ulteriori c 29.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 06 Maggio 2010 con
il quale vengono assegnati c 50.000.000;
— del Decreto n. 13181 del 6 luglio 2009 «Dipartimento Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione, Cooperazione e Volontariato» con il quale viene accreditata all’INPS la somma di c
7.000.000,00 quale primo acconto dell’importo stabilito sul
fondo regionale per la compartecipazione al pagamento del sostegno al reddito pari al 30% del totale delle prestazioni.
TENUTO conto che il costo complessivo stimato dei sostegni
al reddito per la concessione della mobilità in deroga per i lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, è di c 65.797,59
di cui:
c 10.459,08 a carico Regione (30%)
c 55.338,51 a carico del fondo nazionale (70%) al quale si
imputa ulteriormente l’intero costo della contribuzione figurativa
c 65.797,59 costo totale
VISTA la L.R. 34/02 e s.m.i. e ritenuta la competenza in merito.
SU espressa dichiarazione di legittimità e regolarità del presente atto resa dal Dirigente, alla stregua dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate ed in attesa della stipula dell’accordo Governativo tra il Ministero del Lavoro e la Regione Calabria.
DECRETA
Per le motivazioni espresse in premessa che si intendono integralmente riportate ed approvate:
— di autorizzare la concessione in deroga della Mobilità per
gli ex lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, che
forma parte integrante e sostanziale del presente atto, in qualità
di ex dipendenti dell’azienda Tecnovese – Tecnologie delle Costruzioni SpA, con sede legale in Via Dismano, 45 – Ravenna,
Partita Iva 02078740392, settore Edile, CCNL applicato ai dipendenti addetti al settore Edile, iscritta all’INPS di Ravenna;
6594
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
— di dare atto che i dipendenti interessati hanno presentato
dichiarazione di immediata disponibilità ai sensi delle vigenti
disposizioni;
— di stabilire che il costo complessivo stimato dei sostegni al
reddito per la concessione della mobilità in deroga per i lavoratori e per i periodi indicati nell’elenco allegato, è di c 65.797,59
di cui:
c 10.459,08 a carico Regione (30%)
c 55.338,51 a carico del fondo nazionale (70%) al quale si
imputa ulteriormente l’intero costo della contribuzione figurativa
c 65.797,59 costo totale
— di prevedere ove intervenga il Fondo sociale europeo,
l’avvio di politiche attive in favore dei lavoratori interessati dall’accordo in questione garantendo la correlazione tra indennità
percepita e attività eseguita e proporzionalità tra il valore della
politica attiva e l’indennità di partecipazione;
— di autorizzare l’INPS Regionale a procedere all’erogazione della relativa indennità, provvedendo al pagamento diretto,
nonché ad attivare le procedure di controllo della spesa e degli
impegni previsti nella Convenzione del 4 giugno 2009, con l’avvertenza che l’erogazione del trattamento avverrà fino al 31/12/
2010 o fino alla concorrenza delle risorse disponibili;
— di pubblicare il presente provvedimento sul BURC.
Catanzaro, lì 21 gennaio 2011
Dott.ssa Michelina Ricca
(segue allegato)
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
DECRETO n. 297 del 21 gennaio 2011
Autorizzazione alla concessione degli ammortizzatori in
deroga per l’annualità 2010. Attuazione dell’art. 3 della convenzione INPS – Regione Calabria del 4 Giugno 2009. Bar
Gardenia (Mobilità – Prima Concessione).
IL DIRIGENTE DI SETTORE
VISTI:
— il Decreto legislativo 29/93 e s.m.i.;
— la L.R. 7/96, recante norme sull’ordinamento delle strutture organizzative della Giunta Regionale e sulla Dirigenza regionale;
— il D.P.G.R. n. 354 del 24 giugno 1999 nel testo modificato
ed integrato, sulla separazione dell’attività di indirizzo e di gestione;
— il D.P.G.R. n. 158 del 14 Giugno 2010 di conferimento
dell’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento n. 10 e dell’autorità di gestione del POR Calabria 2007-2013 all’Avv.
Bruno Calvetta;
— il D.D.G. n. 13743 del 28 Settembre 2010 di conferimento
di Dirigente di Settore «Politiche del Lavoro» alla D.ssa Michelina Ricca e di conferimento della delega per l’assunzione di atti
endoprocedimentali relativi alla materia di competenza del settore;
— la legge 20.05.1975, n. 164 recante la disciplina dei provvedimenti per la garanzia del salario;
— la legge 23.7.1991, n. 223, recante norme in materia di
cassa integrazione, mobilità, trattamento di disoccupazione speciale in materia di mercato del lavoro;
— l’art. 2, comma 138, della legge 23 dicembre 2009, n. 191
(Legge Finanziaria 2010), recante disposizioni ai fini della concessione degli ammortizzatori sociali, che in particolare prevede
la possibilità per il Ministero del Lavoro, della Salute e delle
Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell’Economia e
delle Finanze, di intervenire con la concessione degli ammortizzatori sociali in deroga, nel caso di programmi finalizzati alla
gestione di crisi occupazionali con riferimento ad aree regionali;
— l’art. 19 del decreto legge n. 185/2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 2/2009 e successivamente dalla legge 9
aprile 2009, n. 33;
— l’accordo Stato – Regioni del 12 febbraio 2009 «Interventi
a sostegno del reddito ed alle competenze», in base al quale la
Calabria, unitamente alle regioni sottoscrittrici, si è impegnata
ad integrare il costo del sostegno al reddito, spettante a ciascun
lavoratore in cassa integrazione o in mobilità in deroga e a garantire misure di politica attiva e passiva del lavoro con risorse derivanti dal Fondo sociale europeo (POR FSE Calabria 20072013) nella misura di 56,9 milioni di euro, ovvero con altre risorse proprie;
— il verbale di accordo istituzionale redatto in data 12
Maggio 2010, presso la Regione Calabria, alla presenza dell’Assessore al Lavoro e dei sindacati datoriali e dei lavoratori, che
individua le misure idonee a consentire il superamento di crisi
occupazionali, conferendo all’Assessore al Lavoro la delega a
stipulare l’accordo governativo di cui al citato comma 138, art. 2
L. 191/09 (Legge Finanziaria 2010);
6595
— l’accordo stipulato Ministero del Lavoro, della Salute e
delle Politiche Sociali e la Regione Calabria in data 6 maggio
2010, finalizzato a individuare risorse finanziarie a valere sui
fondi nazionali per la concessione in deroga alla vigente normativa di trattamenti di cassa integrazione guadagni, di mobilità, di
disoccupazione speciale e ad attivare, unitamente alle predette
misure, ulteriori interventi mediante uno specifico finanziamento a valere su risorse FSE-POR Calabria 2007/2013 per la
realizzazione di politiche attive in favore degli interessati.
CONSIDERATO che:
— in data 27 maggio 2009 è stata trasmessa dal Ministero del
Lavoro, con nota n. 17/VII/0009313, la versione definitiva dell’ammissibilità dei principi, dei criteri e delle modalità gestionali
relative agli interventi per il sostegno al reddito e alle competenze dei lavoratori nell’ambito del POR – FSE 2007 2013;
— in data 4 Giugno 2009 è stata sottoscritta tra INPS e Regione Calabria la convenzione concernente le modalità attuative,
gestionali e i flussi informativi relativi agli ammortizzatori sociali in deroga;
— di tale convenzione la Giunta regionale ha preso atto con
deliberazione n. 351 del 9 Giugno 2009;
— il Regolamento CE 1081/2006 all’art. 11, paragrafo 3, prevede l’ammissibilità delle spese relative ad indennità o retribuzioni versate da un terzo a beneficio dei partecipanti ad una operazione e certificate al beneficiario;
— con Decreto n. 13181 6 luglio 2009 del Dirigente Generale
del Dipartimento n. 10 avente tra l’altro ad oggetto la riorganizzazione interna per la gestione delle misure anticrisi, è stata prevista in capo al Dipartimento n. 10 l’istruttoria degli accordi e
l’emissione dei provvedimenti autorizzatori di cui all’art. 3 della
citata convenzione INPS – Regione Calabria.
ATTESO che il responsabile dell’unità di crisi, istituita con
deliberazione regionale n. 6 del 5 gennaio 2007 cura la gestione
degli accordi, organizzano il calendario degli incontri, redigono i
verbali, li sottoscrivono unitamente alle parti sociali ed economiche interessate e ne trasmettono copia al Dipartimento n. 10
mediante nota formale.
RILEVATO CHE con istanza acquisita al protocollo del dipartimento 10 al n. 34990 del 18/11/2010 le OO.SS. hanno richiesto
la Mobilità in deroga a favore degli ex lavoratori dell’azienda
Bar Gardenia, con sede legale in Via Nazionale – Gallico (RC),
Cod./Fisc. – P. Iva MLNGPP57B15B373N, settore Commercio,
CCNL applicato ai dipendenti addetti al settore Commercio,
iscritta all’INPS di Reggio Calabria, e la corresponsione del trattamento della Mobilità di cui all’art. 2, comma 36 e seguenti
della legge n. 203 del 2008 (Legge Finanziaria 2009), relativamente al periodo indicato nell’elenco allegato (A), per ogni singolo lavoratore.
DATO ATTO CHE
— la struttura preposta alla sottoscrizione degli accordi ha
trasmesso al Dipartimento n. 10 con nota n. 39635 del 09/12/
2010 il verbale di accordo redatto presso la sede dell’Assessorato al Lavoro della Regione Calabria in data 03/12/10, relativo
alla prima concessione della Mobilità in deroga, comprensivo
dell’elenco dei lavoratori e delle relative dichiarazioni di immediata disponibilità;
— il Dipartimento n. 10 con nota n. 40649 del 15/12/2010 ha
trasmesso all’INPS il verbale d’accordo sopra citato, comprensivo degli allegati, per la prevista verifica dei requisiti richiesti
6596
25-2-2011 Supplemento straordinario n. 3 al B.U. della Regione Calabria - Parti I e II - n. 3 del 16 febbraio 2011
per i lavoratori oggetto dell’indennità della Mobilità in deroga, il
cui elenco è parte integrale e sostanziale del presente atto.
CONSIDERATO che i lavoratori interessati dall’accordo in
questione non risultano in Mobilità in Deroga per effetto della
legge 223 del 91 e che a seguito dell’istruttoria è stato rilevato
che sussistono le condizioni per intervenire con misure di sostegno al reddito, sostenendo i lavoratori nei percorsi di formazione e di politiche attive del lavoro.
PRESO ATTO:
— della nota della Direzione Regionale dell’INPS Calabria n.
2280 21/01/2009.0000053, che indica, per gli anni 2007 e 2008,
i dati di spesa relativi ai trattamenti di mobilità e CIG in deroga
ed il residuo attivo di c 20.714.414,15, da utilizzare per l’anno in
corso per come autorizzato dal Ministero del Lavoro e della Salute e delle Politiche Sociali;
— del Decreto n. 45080 del 19 febbraio 2009 del Ministero
del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali di assegnazione
provvisoria dei fondi per la concessione degli ammortizzatori
sociali in deroga per l’anno 2009 che destina alla Calabria c
10.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 22 aprile 2009 con il
quale vengono assegnati ulteriori c 29.000.000,00;
— dell’accordo tra il Ministero del Lavoro della Salute e delle
Politiche Sociali e la Regione Calabria del 06 Maggio 2010 con
il quale vengono assegnati c 50.000.000;
— del Decreto n. 13181 del 6 luglio 2009 «Dipartimento Lavoro, Politiche della famiglia, Formazione, Cooperazione