S Risultati della Prima Fase
SISTEMA
I
La Sorveglianza
N
e la prevenzione
I
degli incidenti:
un percorso per
A
gli operatori
C
L’Aquila 17 aprile 2007
A
Alessio Pitidis
ISS/Dipartimento Ambiente e Prevenzione Primaria
IL SINIACA
Legge n, 493 del 3 Dicembre 1999, G,U, n, 303 del 28 Dicembre 1999
"Norme per la tutela della salute nelle abitazioni e istituzione
dell'assicurazione contro gli infortuni domestici"
L’Articolo 4 prevede che presso l'Istituto Superiore di Sanità sia attivato un
sistema informativo per la raccolta dei dati sugli infortuni negli ambienti di civile
abitazione rilevati dagli osservatori epidemiologici regionali, in collaborazione
con le unità sanitarie locali, per i seguenti obiettivi:


a) la valutazione e l'elaborazione dei predetti dati;
b) la valutazione dell'efficacia delle misure di prevenzione e di educazione
sanitaria messe in atto;
 c) la redazione di piani mirati ai rischi più gravi e diffusi per prevenire i
fenomeni e rimuovere le cause di nocività;
 d) la stesura di una relazione annuale sul numero degli infortuni e sulle
loro cause,
Flusso Informativo Base Dati SINIACA
Sistema
Informativo
Regionale
SDO
PS
Documenti
Uscite
DB SINIACA
ISTAT
RDBMS
SQL
Server
Scheda
Rilevazione
PS
Pacchetto
Applicativo
Statistico
Video
ODBC
Morti
Stata
Dati
Memo
VB
Inserimento Manuale
Dati
Memo
Or
SQL
VB Access
Viste
Tabelle
Procedure
Estrazione
Dati
Viste
Tabelle
Procedure
Data Set
SQL
Specifico
Manipolazione
Architettura di Sistema
Postazione Lavoro
Postazione Lavoro
Internet
Internet
FTP
Internet FTP
FTP
Postazione Lavoro
SINIACA Linux
Server
FTP
FTP
Intranet
Internet
FTP
Sistema
Informativo
Regionale
Scheda
Fig. 7PS
Accettazione
SDO
PS
FTP
Trasmissione
Dati
Internet
Postazione Lavoro
ED
SINIACA Win
Server
PANNELLO COMANDI PRINCIPALE PROGRAMMA
DATA-ENTRY SORVEGLIANZA DI PS SINIACA
MASCHERA DI RILEVAZIONE ACCESSI IN PS
OSPEDALIERO PER INCIDENTE DOMESTICO
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE ALL’INCIDENTE
(DESCRIZIONE CAUSA ESTERNA TRAUMA)
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE ALLA DESCRIZIONE
INCIDENTE STRADALE
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE ALLA DESCRIZIONE
INCIDENTE STRADALE
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE ALLA DESCRIZIONE
INCIDENTE STRADALE
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE ALLA DESCRIZIONE
INCIDENTE STRADALE
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE ALLA DESCRIZIONE
INCIDENTE STRADALE
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE AL TRAUMA
(DESCRIZIONE TRAUMA)
MODALITA’ VARIABILI RELATIVE AL TRAUMA
(DESCRIZIONE TRAUMA)
MENU’ UTILITA’
INVIO DATI
SISTEMA WEBDAV TRASMISSIONE
SICURA PROTOCOLLO SSH
CERTIICATI PROTEZIONE
INTEGRATO IN WINDOWS
ACCESSIBILE INTERFACCIA WEB
EU Injury Database
What?
The Injury Database (IDB) is an internet database set up by DG SANCO under the
Injury Prevention Programme in 1999, in order to provide central access to the
data collected in the Member States under the EHLASS Programme (European
Home and Leisure Accident Surveillance System).
Why?
Injury as a key public health issue. Injury presents the fourth major cause of death in Europe, after cardiovascular diseases,
cancerand respiratory diseases. In children and adolescents it even ranks as the number one killer Home and leisure
accidents - an issue of rising importance. In the areas of traffic and workplacesafety much progress has been made in the
European Union through collaborative actions and enhanced regulatory frameworks. Owing to these efforts the actualinjury
rates related to traffic and work related injuries are on the decrease in most of the Member States. However the number
of injuries as a result of home and leisure injury is now in fact on the increase. Injury prevention needs data. In traffic and
work place safety it goes without saying that data on the external causes of injuries is indispensable, provided at EU level
through the CARE and ESAW databases. In the home and leisure area - where more than two thirds of all injuries occur –
adequate data collection is still far from routine.
Who?
The IDB - a joint venture between DG SANCO and the Member States. The European Commission is responsible for the
overall control and management of the system - which is realised through projects for data quality control prior to the data
upload to the central database, and through the EUPHIN programme as far as the central IT facilities are concerned. The
Member States areresponsible for the implementation of the system - which is realized through data collection in a
representative sample of hospitals in the participating IDB member states.
Applicazione Rilevazione HLA – modulo intervento
Data Entry – products form
Data Entry- Activity Form
Structured Response module
IL CAMPIONE DI PRONTO SOCCORSO
SINIACA Sorveglianza PS
Centri Pilota e HLA
San Daniele del Friuli
Thiene-Schio
Aosta
Dolo-Mirano
Rovigo
Chiavari Forlì
Genova
Senigallia Osimo
Siena
Centri Pilota
Camerino
Spoleto
Teramo - Pescara
Centri Approfondimento - HLA
L’Aquila
Chieti
Lazio
Frascati
Barletta
Bari
Basilicata
Lodi
Cagliari
Palermo
Catania
Sciacca
Distribuzione percentuale per età popolazione Centri Di Approfondimento
HLA ed Italia 2005 – Maschi
18,0
Popolazione Italiana
16,0
Popolazione Centri di
Approfondimanto HLA
14,0
%
12,0
10,0
8,0
6,0
4,0
2,0
0,0
0 anni
1-4
anni
5-9
anni
10-14
anni
15-19
anni
20-29
anni
30-39
anni
40-49
anni
50-59
anni
60-64
anni
65-69
anni
70-74
anni
75-79 80 anni
anni e oltre
Distribuzione percentuale per età popolazione Centri Di Approfondimento
HLA ed Italia 2005 - Femmine
18,0
Popolazione Italiana
16,0
Popolazione Centri di
Approfondimanto HLA
14,0
%
12,0
10,0
8,0
6,0
4,0
2,0
0,0
0 anni
1-4
anni
5-9
anni
10-14
anni
15-19
anni
20-29
anni
30-39
anni
40-49
anni
50-59
anni
60-64
anni
65-69
anni
70-74
anni
75-79 80 anni
anni e oltre
STIMA DELLA DIMENSIONE CAMPIONARIA
Centro di Pronto
Soccorso
Incidenza
rilevata x 1,000
ab,/anno
Bacino
Numerosità minima per
d'utenza scostamento di 1 x 1,000
ab,/anno
(alpha 0,01 potenza 99,9%)
Forlì
34,1
169,000
15,157
Siena
13,4
52,586
7,167
Melfi
32,7
58,012
14,629
Cagliari
7,9
119,511
4,935
Osimo
22,0
62,524
10,554
Barletta
16,2
93,210
8,280
Chiavari
14,4
98,952
7,541
Frascati
16,6
81,564
8,441
Rovigo
11,5
87,426
6,393
San Daniele del Friuli
27,0
47,687
12,473
Spoleto
84,3
45,975
33,030
Totale
23,1
916,447
10,958
L'incidenza rilevata dal SISI è di 31,7 incidenti per 1,000 ab,/anno
Serie Storica Accessi in PS per Incidente Domestico e del Tempo Libero
CDA - HLA Italia – Numero Indice Qualità Rilevazione
Anno 1986 1987 1988 1989 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2002 2003 2005
Acce
ssi
Cen
tri
Acce
ssi /
Cen
tri
Ind.
Quali
tà
918
9.660
8.838
706
7.651
9.831
8.234 11.553 9.812 14.366 15.152 13.523 10.355 9.151 12.972 18.950 34.324
2
4
4
1
6
8
4
6
7
6
5
5
3
6
6
7
7
459
2.415
2.210
706
1.275
1.229
2.059
1.926
1.402
2.394
3.030
2.705
3.452
1.525
2.162
2.707
4.903
1,0
3,6
3,4
1,0
2,9
3,3
3,2
3,6
3,3
4,1
4,6
4,2
4,5
3,2
3,9
4,7
7,1
ID INCIDENZA ACCESSI PS
2005
Centro di Pronto
Soccorso
Incidenza
rilevata x
100.000
ab./anno
Bacino
d'utenza
I.C. 99%
Osimo
3.172
62.524
2.991 – 3.352
Barletta
1.705
93.210
1.596 – 1.815
Chiavari
1.587
98.952
1.484 – 1.688
Thiene - Schio
4.360
182.404
4.237 – 4.483
Rovigo
2.194
87.426
2.066 – 2.322
San Daniele del Friuli
2.956
47.843
2.756 – 3.155
Spoleto
9.329
45.975
8.980 – 9.678
Totale
2.956
618.244
2.900 – 3.011
Incidenza SISI ‘89: 3.170 incidenti per 100.000 ab,/anno – (Pop = 698.328)
ID RAPPORTO INCIDENZA ACCESSI PS
Centro di Pronto
Soccorso
Incidenza
rilevata x
100.000
ab./anno
Bacino
Rapporto
d'utenza Incidenza
HLA/SISI
I.C. 99%
Osimo
3.172
62.524
1,001
0,942 – 1,063
Barletta
1.705
93.210
0,537
0,503 – 0,574
Chiavari
1.587
98.952
0,500
0,469 – 0,535
Thiene - Schio
4.360
182.404
1,375
1,330 – 1,422
Rovigo
2.194
87.426
0,692
0,651 – 0,736
San Daniele del Friuli
2.956
47.843
0,932
0,869 – 1,001
Spoleto
9.329
45.975
2,943
2,825 – 3,066
Totale
2.956
618.244
0,932
0,909 – 0,957
Campione
HLA
SISI
% pop.
Italia
1,06
1,23
Anno
2005
1989
Incidenza SISI ‘89: 3.170,0 incidenti per 100.000 ab,/anno – (Pop = 698.328)
Accessi in PS: analisi della concordanza tra
i tre campioni rispetto alle classi di età
Coefficiente di concordanza W di Kendall per il numero di accessi
in pronto soccorso per classe di età nei tre campioni anni 2003/4:
•
•
•
Centri pilota
Centri del Lazio
Centri di approfondimento HLA
Varianza calcolata della Σi dei ranghi tra tutti i campioni
W=
Varianza massima possibile della Σi dei ranghi tra tutti i campioni
Dove con i si indicano le classi di età
friedman pilota lazio HLA
Friedman = 35,6476
Kendall = 0,9140
p-value = 0,0007
15
Accessi in PS per incidente domestico nei tre campioni per classe di età
Centri Pilota n=14.922 HLA n=11.846 Lazio n=25.138
anni 2003/4
5
0
% di accessi
10
Kendall = 0,9140
p-value = 0,0007
Classe di età
Pilota
Lazio
HLA
Distribuzione percentuale incidenti domestici per ora arrivo in PS,
Centri Pilota (n=13.921), Centri Approfondimento (n=8.698)
anni 2003/4
9.0
Centri Pilota
8.0
Centri Approfondimento HLA
Percentuale
7.0
6.0
5.0
4.0
3.0
2.0
1.0
0.0
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24
Ora
Distribuzione arrivi/anno in PS per ID per sesso ed età, Centri Pilota + Centri di
Approfondimento HLA (n=26.766)
anni 2003/4
2,500
N. Arrivi
2,000
1,500
M
F
1,000
500
0
0
1-4
5-9
10-14
15-19
20-29
30-39
40-49
Età
50-59
60-64
65-69
70-74
75-79
80 +
ID DISTRIBUZIONE ACCESSI PS PER SESSO ED ETA ’
CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
2.000
Maschi
Femmine
1.800
N. Accessi PS
1.600
1.400
1.200
1.000
800
600
400
200
0
0-0
1-4
5-9 10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80+
Età
ID INCIDENZA ACCESSI PS PER SESSO ED ETA ’
CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
9.000
N. Accessi PS x 100.000 abitanti/anno
8.000
7.000
Maschi
Femmine
6.000
5.000
4.000
3.000
2.000
1.000
0
0-0
1-4
5-9
10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80+
Età
30
Distribuzione % degli accessi in PS per età all'interno di ogni classe di triage
10
20
anni 2003/4
0
Percentuale di accessi
Centri pilota n=9.818
Classe di età
bianco
verde
giallo
rosso
fe
m
ar
ti
or
/b
ri
co
llo
co
pe
rio
e
su
o
an
i
cr
ac
fe
m
in
or
)
a
e
in
e
te
ba
rn
ci
o
no
tro
nc
o
07
e
-A
co
vv
llo
el
en
am
09
en
.E
to
le
08
ttr
oc
-U
uz
st
io
12
io
ne
n
-L
e
/R
es
ad
su
ia
11
pe
zi
13
-S
rfi
on
c
of
-A
i
ed
fo
m
c
pu
es
am
ta
te
en
zi
rn
on
to
e,
ia
di
rti
st
or
e
si
sc
on
hi
i
ac
ci
am
en
14
to
-M
ul
tit
ra
um
a
ra
um
on
e
o
a
nc
tro
on
e
fe
r(n
in
sa
zi
ar
ti
Lu
s
ra
/
06
-T
ra
ttu
05
-F
sa
zi
ra
/L
us
ra
t/L
us
s
04
-F
ra
um
on
e
01
-T
sa
zi
Lu
s
ra
/
ra
ttu
03
-F
ra
ttu
02
-F
%
DISTRIBUZIONE % ACCESSI PS PER ETA ’ E TRAUMA
ID CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
90,0
80,0
70,0
60,0
50,0
40,0
0-14
15-69
70+
30,0
20,0
10,0
0,0
Trauma
40.0
36
27.6
21.6
ISS/Dipartimento Ambiente e Prevenzione Primaria
altro/non
specificato
arti
inferiori
arti
superiori
0.7
0.5
2.9
3.5
addome
5.9
5.1
torace
testa
0.7
0.9
10
5
0
collo, gola
35
30
25
20
15
Centri di
Approfondimento HLA
21.7
28.4
50
45
40
Distribuzione per distretto corporeo accessi al pronto soccorso per
incidente domestico Centri Pilota n=14.922 CDA HLA n=11.846
anni 2003/4
Centri Pilota
Distribuzione % degli arrivi in PS per incidente domestico per dinamica
Centri Pilota + Centri Approfondimento + Lazio
n=40.758 anni 2003/4
0,35%
8,18%
0,01%
29,95%
0,16%
0,94%
45,96%
6,72%
4,71%
2,52%
0,49%
Altro meccanismo
Avvelenamento/Intossicazione
Corpo Estraneo
Reazione termica o chimica
Sforzo acuto
Urto, Taglio
Annegamento (0,35%)
Caduta
Elettricità, Radiazioni
Sconosciuto
Soffocamento (0,16%)
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER TIPO ASSISTENZA
CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
Dinamica Incidente
10- Altra dinamica
09- Sforzo acuto
08- Elettricità/Radiazione
07- Reazione termica
Ricoveri
Arrivi PS
06- Reazione chimica
05- Soffocamento
04- Corpo estraneo
03- Tagli, punture, schiacciamenti
02- Urto da oggetto, persona, animale
01- Caduta
10,0
20,0
30,0
40,0
50,0
%
0,0
60,0
70,0
80,0
90,0 100,0
tu
ra
/L
Tr
us
Fr
au
at
sa
tu
m
z
i
ra
a
on
Fr
/
cr
Lu
e
at
an
tro
ss
/L
ico
u
az
nc
Fr
ss
i
o
at
o
ar
ne
e
tu
ti
co
ra
a
i
n
/L
r
llo
t
f
is
er
us
(
u
sa
no
pe
zio
rio
fe
Tr
m
ne
ri
au
o
r/b
fe
m
m
a
ac
or
in
in
e
te
)
e
rn
ba
o
tro
cin
nc
o
o
Av
e
co
ve
llo
le
na
El
m
et
en
tro
to
cu
Le
zio
Us
s
tio
ne
su
ne
/R
pe
a
rfi
Am
di
c
az
So
ed
pu
io
f
ta
ni
fo
es
zio
c
te
am
rn
ni
en
e,
ar
to
ti
d
ist
e
sc
or
sio
hi
ac
cia ni
m
en
M
to
ul
tit
ra
um
a
at
Fr
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER TIPO TRAUMA
ACCESSI PS CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
100%
Altra dinamica
Sforzo acuto
80%
Elettricità/Radiazione
60%
Ustione
Corrosione
40%
Soffocamento
Corpo estraneo
20%
Tagli/punture/schiac.
Urto
0%
Caduta
Trauma
05
-F
Trauma
az
io
n
rfi
c
in
fe
m
e
ia
m
en
ac
c
tit
ra
um
a
to
io
ni
en
to
m
is
to
rs
14
-M
ul
hi
sc
er
ne
,d
es
t
fo
ca
io
ne
to
co
llo
en
am
en
e
ba
ci
no
in
)
ac
08
-U
st
11
-S
of
el
07
-A
vv
o
e
or
/b
ri
co
llo
co
pe
rio
e
su
tro
nc
fe
m
or
e
te
rn
o
ia
rti
ed
a
on
e
o
ar
ti
o
nc
an
i
cr
30,0
pu
t
su
pe
ra
um
sa
zi
on
e
fe
r(n
in
sa
zi
tro
a
%
40,0
13
-A
m
12
-L
es
ar
ti
Lu
s
ra
/
06
-T
ra
ttu
ra
t/L
us
s
04
-F
ra
/L
us
ra
um
on
e
01
-T
sa
zi
Lu
s
ra
/
ra
ttu
03
-F
ra
ttu
02
-F
DISTRIBUZIONE % RICOVERI PER ETA ’ E TRAUMA
ID CDA-HLA (n=961) anno 2005
60,0
50,0
0-14
15-69
70+
20,0
10,0
0,0
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER ETA’
ACCESSI PS CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
100%
Altra dinamica
Sforzo acuto
80%
Elettricità/Radi
azione
Ustione
60%
Corrosione
Soffocamento
40%
Corpo
estraneo
Tagli/punture
20%
Urto
Caduta
0%
0-0
1-4
5-9
1014
1519
2029
3039
4049
5059
6064
Età
6569
7074
75- 80+ Tot
79
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER SESSO:
ETA’ LAVORATIVE (18-65) CDA-HLA (n=20.715)
anno 2005
45,0
40,0
Maschi
Femmine
35,0
30,0
25,0
20,0
15,0
10,0
5,0
o
A
ic
a
ltr
a
or
z
Sf
di
na
m
ut
o
ac
io
ne
/R
ad
ità
tr
ic
et
El
Età
ia
z
st
io
ne
U
or
ro
s
C
ca
m
So
ffo
io
ne
to
en
ne
o
tr
a
es
C
or
po
un
tu
re
rt
o
Ta
gl
i/p
U
ad
ut
a
0,0
C
%
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER AMBIENTE CASA
ACCESSI PS CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
100%
Altra dinamica
Sforzo acuto
80%
Elettricità/Radiazione
Ustione
60%
Corrosione
Soffocamento
40%
Corpo estraneo
Tagli/punture/schiac
20%
Urto
Caduta
si
d
re
a
A
re
le
To
ta
al
e
zi
en
,p
at
o
iv
Vi
al
e
pr
da
po
am
C
Ambiente
ar
k
o
in
G
ia
rd
o
oc
gi
e,
in
t
es
te
r
n
on
zi
ta
zi
ta
bi
A
A
bi
on
e,
i
e,
nt
in
er
te
r
ne
ia
er
Sc
al
no
,l
av
an
d
er
a
ag
B
Sa
lo
tto
,c
am
C
uc
in
le
t
a
0%
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER ATTIVITA’
ACCESSI PS CDA-HLA (n=20.715) anno 2005
100%
Altra dinamica
Sforzo acuto
80%
Elettricità/Radiazione
Ustione
60%
Corrosione
Soffocamento
40%
Corpo estraneo
Tagli/punture/schiac
Urto
20%
Caduta
Pu
lir
e,
C
uc
in
ar
ra
e
ss
et
G
ta
ia
re
r
d
La
in
vo
ag
ri
gi
do
o
La
m
es
vo
tic
ro
A
i
f
tti
ai
vi
da
tà
-te
ed
G
uc
io
co
at
iv
,a
e
tti
v
Sp
ità
or
TL
t,
at
le
tic
a
D
or
m
Pa
i re
s
,
rip ti
Ig
ie
A
os
tti
ne
ar
vi
pe
e
tà
rs
vi
on
ta
al
qu
e
ot
id
ia
C
na
am
A
ltr
m
e
in
at
ar
tiv
e
A
i
tà
tti
,s
vi
p
tà
no ec
n
sp
ec
To
ta
le
0%
Attività
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER PRODOTTO CAUSA
ACCESSO PS CDA-HLA (n=20.569)
Materiali grezzi, semimanufatti
Elemento struttura
Particella
Scheggia, pezzo
Attrezzatura permanente
Superfici, Esterni
Superfici naturali
Parte di edificio
Installazioni sanitarie
Elettrodomestici
Mobilio
Posate, stoviglie
Attrezzi/Utensili
Scalette, impalcature
Strumenti per il giardino
Autoveicolo
Articoli igiene
Cibo
Prodotti chimici
Prodotti Farmaceutici
Contenitori, imballlaggi
Esseri Umani
Animali
Elementi naturali
Vegetazione
Nessun prodotto
Altro prodotto non speciicato
Totale
Caduta
0,6
0,6
0,0
0,1
1,0
6,6
3,8
60,5
3,2
0,2
3,3
0,1
0,2
1,0
0,1
0,1
0,1
0,1
0,0
0,0
0,3
0,5
0,0
0,7
0,6
0,9
15,4
100,0
Urto
3,8
6,4
0,1
2,2
2,9
0,2
0,1
15,6
3,3
2,2
21,2
1,2
1,3
0,6
0,6
2,3
0,2
0,2
0,1
0,0
1,7
3,1
0,7
0,3
5,4
0,6
23,6
100,0
Tagli/punt Corpo est
1,2
0,3
5,5
0,4
0,2
57,9
7,8
9,4
1,2
0,1
0,1
0,1
0,0
0,1
4,3
0,1
0,3
0,0
4,2
0,0
2,1
0,1
16,6
0,1
13,6
1,9
0,1
0,0
3,4
0,1
1,9
0,0
0,7
2,7
0,4
4,9
0,0
1,0
0,0
0,1
3,1
0,1
0,1
0,2
15,8
0,6
0,0
0,2
2,1
1,3
0,3
0,4
15,2
18,0
100,0
100,0
Soffoc
Corrosio Ustione Elettricità Sforzo ac
0,0
0,0
0,6
0,0
0,9
0,0
0,5
0,8
0,0
1,1
0,0
4,3
0,8
1,8
0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
0,1
0,0
0,0
0,0
0,0
0,8
0,0
0,0
0,0
0,0
3,3
0,0
0,0
0,0
0,0
3,8
0,0
0,0
0,8
0,0
14,8
0,0
0,0
0,2
0,0
1,4
0,0
0,0
8,8
1,8
1,1
0,0
0,0
0,0
0,0
5,4
0,0
0,5
5,2
0,0
0,5
0,0
0,5
0,6
21,4
0,7
0,0
0,0
0,0
0,0
0,7
0,0
0,0
0,0
0,0
1,2
0,0
0,5
0,0
0,0
0,2
5,9
2,9
0,4
0,0
0,0
17,6
3,8
33,1
0,0
0,2
64,7
60,1
4,8
0,0
0,0
0,0
4,3
0,0
0,0
0,0
0,0
0,0
0,6
0,0
5,0
0,0
0,0
0,0
0,0
9,2
0,0
0,0
0,0
0,0
0,2
0,0
0,5
21,8
1,8
0,6
0,0
0,5
0,0
0,0
1,4
0,0
0,0
0,4
0,0
19,6
11,8
21,6
21,2
73,2
27,7
100,0
100,0
100,0
100,0
100,0
Altro
0,1
0,3
1,7
0,6
0,1
0,1
0,1
1,5
0,1
0,5
0,1
0,5
0,2
0,1
0,1
0,0
0,0
0,6
1,0
0,7
0,2
0,7
1,5
0,1
0,1
0,9
87,8
100,0
Totale
1,2
2,7
4,9
3,1
1,2
2,8
1,7
28,3
1,9
1,8
5,1
4,6
4,0
0,6
1,0
0,9
0,5
1,4
0,9
0,1
1,4
1,1
4,2
0,9
1,7
1,4
20,6
100,0
DISTRIBUZIONE % ID ACCESSI PS PER DIFFERENZA
ORA ARRIVO – INCIDENTE
CDA-HLA (n=15.565) anno 2005
70,0
60,0
Totalei
1-4
15-19
40-49
70-74
80 e oltre
50,0
%
40,0
30,0
20,0
10,0
0,0
0
1
2
3
4
5
6
Ore
7
8
9
10
11
12
Copertura territoriale delle SDO rilevate dal
SINIACA
FASE PILOTA
Piemonte
Lombardia
Marche
Umbria
Abruzzo
Puglia
P,A, Bolzano
Rovigo
Forlì
21,881,531 abitanti
38,5% popolazione
italiana
242 ospedali
32,3% istituti
italiani
Stima della Dimensione Campionaria
Centro di
Pronto
Soccorso
% accessi in PS
cui segue il
ricovero
Accessi in
PS
Numerosità minima per
scostamento di 2 punti %
(alpha=0,01 potenza=0,80)
Forlì
6,95
5.757
2.004
Siena
9,19
707
2.549
Melfi
8,71
1.895
2.433
Cagliari
15,16
950
3.851
Osimo
4,06
1.378
1.259
Barletta
14,99
1.514
3.818
Chiavari
9,28
1.423
2.568
Frascati
4,42
1.358
1.353
Spoleto
4,64
3.876
1.413
Totale
7,58
18.858
1.956
Centri pilota
9,22 [8,77 – 9,69]
Lazio
7,95 [7,62 – 8,29]
Alpha=0,01
Media ponderata
8,43 [8,08 – 8,79]
TRE SCENARI
Ricoveri
ospedalieri
per ID
Calcolo su
incidenza degli
arrivi in PS
secondo quanto
registrato da ogni
centro
Centro di
Pronto
Soccorso
Bacino
d'utenza
Ricoveri
Incidenza Incidenza
Ricoveri attesi in
Ricoveri
attesi da osservata attesa x
Italia da media dei
osservati media dei
x 1,000
1,000
centri di PS
centri di PS ab,/anno ab,/anno
Forlì
169.000
400
485
2,37
2,87
166.198
Siena
52.586
65
60
1,24
1,13
65.594
Melfi
58.012
165
160
2,84
2,75
159.371
Cagliari
119.511
144
80
1,20
0,67
38.782
Osimo
62.524
56
116
0,90
1,86
107.527
Barletta
93.210
227
128
2,44
1,37
79.247
Chiavari
98.952
132
120
1,33
1,21
70.161
Frascati
81.564
60
114
0,74
1,40
81.230
Spoleto
45.975
180
327
3,92
7,11
411.319
Totale
781.334
1.429
1.783
1,83
2,28
132.085
Calcolo su
incidenza degli
arrivi in PS
secondo quanto
registrato dal SISI
(31,7 x 1,000
ab,/anno)
Campione
SISI
Dati SDO
7 regioni
154.854
21.881.531
43.451
1,99
114.951
Distribuzione % ricoveri per ID per classe di età
40
Centri Pilota n=1.408 HLA n=697 SDO n=43.451
0
10
20
30
Kendall = 0,950
p-value = 0,000
0
1-4
5-9 10-1415-1920-2930-3940-4950-5960-6465-6970-7475-79 80 +
Classe di età
Pilota
HLA
SDO
ID distribuzione percentuale per età ricoveri ospedalieri nei Maschi
CDA-HLA 2005 (n=313) e SDO Italia 2003 (n=33.154)
25,0
W Kendall
p-value
=
=
0.9626
0.0229
20,0
SDO 03
HLA 05
%
15,0
p(x)% Maschi HLA = 32.6 ; IC 99%: 25.7 – 39.4
p(x)% Maschi SDO = 37.1
10,0
5,0
0,0
0-0
1-4
5-9 10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80+
Età
ID distribuzione percentuale per età ricoveri ospedalieri nelle Femmine
CDA-HLA 2005 (n=648) e SDO Italia 2003 (n=56.182)
25,0
W Kendall
p-value
=
=
0.9335
0.0287
20,0
SDO 03
HLA 05
%
15,0
p(x)% Femmine HLA = 67.4 ; IC 99%: 62.7 – 72.2
p(x)% Femmine SDO = 62.9
10,0
5,0
0,0
0-0
1-4
5-9 10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80+
Età
Rischi relativi di ricovero dei maschi per classe di età rispetto alle femmine di 15-19 anni
20
10
0
Rischio relativo
30
IC 99%
Classe di età
RR
IC (inf)
IC (sup)
20
10
0
Rischio relativo
30
Rischi relativi di ricovero delle femmine per classe di età rispetto all'età 15-19 anni
IC 99%
Classe di età
RR
IC (inf)
IC (sup)
Distribuzione percentuale ricoveri per dinamicaa Incidente
Domestico - Lazio 2004 (n.=1.469)
0.1
0.5
14.4
0.6
1.9
11.5
58.3
12.6
CADUTA
ALTRA_DINAMICA
AVVELENAMENTO
CORPO_ESTRANEO
PUNTURA_PENETRAZIONE
URTO
SOFFOCAMENTO
NON_INDICATO
DISTRIBUZIONE % DINAMICA ID PER PRODOTTO CAUSA
RICOVERO CDA-HLA (n=961) anno 2005
Altro prodotto non speciicato
100%
Nessun prodotto
Elementi naturali
80%
Sapone, detergente
Prodotti Chimici
Cibo
60%
Scalette, impalcature
Attrezzi/Utensili
Posate, stoviglie,
40%
Materiali Tessili
Mobilio
20%
Installazioni sanitarie
Parte di edificio
Superfici naturali
0%
e
Attrezzatura perma
Scheggia, pezzo
A
ltr
a
al
a
di
zo
or
Sf
To
t
io
U
st
Dinamica
na
m
ic
ac
ut
o
ne
e
on
C
or
r
os
i
m
en
t
ca
es
tr
ffo
So
C
or
p
o
re
/s
tu
un
i/p
gl
Ta
o
o
an
e
ac
ch
i
rt
U
C
ad
ut
a
o
Superfici, Esterni
Elemento struttura
FREQUENZA RICOVERI PER DINAMICA ED ETA’
ID CDA-HLA (n=961)
400
N. Accessi PS
Caduta
350
Urto
300
Tagli/punture/schi
ac
Corpo estraneo
250
Soffocamento
Corrosione
200
Ustione
Sforzo acuto
150
Altra dinamica
100
50
0
0-0
1-4
5-9
1014
1519
2029
3039
Età
4049
5059
6064
6569
7074
7579
80+
Distribuzione percentuale ricoveri per ambiente accadimento ID Lazio 2004 (n.=2.001)
11%
12%
10%
2%
15%
ALTRI_LOCALI_SOGGIORNO
CUCINA
1%
CORTILE
1%
SCALA_BALLATOIO
BAGNO
2%
TERRAZZO_BALCONE
GARAGE
CANTINA
NON_INDICATO
46%
Percentuali di mortalità per causa esterna e causa nosologica
Percentuali di mortalità
Causa Esterna
Causa Nosologica
Avvelenamento
Caduta
Incendio Annegamento e
e fuoco soffocamento
Altro
incidente
Totale
Trauma cranico
0,0
89,1
0,0
0,0
10,9
100,0
Frattura del collo e del tronco
0,0
95,9
0,0
0,0
4,1
100,0
Frattura degli arti
0,0
98,8
0,0
0,0
1,2
100,0
Traumatismi interni del torace,
addome, pelvi
0,0
66,0
0,0
0,0
34,0
100,0
Ustioni
0,0
0,0
90,1
0,0
9,9
100,0
Avvelenamento da farmaci,
medicamenti e prodotti
biologici
94,5
0,0
0,0
0,0
5,5
100,0
Effetti tossici di sostanze di
origine principalmente non
medicamentosa
97,7
0,0
0,0
0,0
2,3
100,0
Altre cause
0,7
9,8
0,4
56,4
32,7
100,0
Totale
7,8
68,1
8,4
4,4
11,3
100,0
Distribuzione % morti per ID all'interno dei gruppi d'età
0
20
40
60
80
Italia 2000/2001
Classe di età
Avvelenamento e Intossicazione
Ustione
Altro
Caduta
Soffocamento e Corpo Estraneo
Degenza Media ricoveri ID per età e sesso- SDO SINIACA 2002 (n.=43.451)
14.0
12.0
10.0
y = 0.6082x + 2.2715
2
Giorni
R = 0.9589
8.0
Maschi
Femmine
M+F
6.0
Lineare (M+F)
4.0
2.0
0.0
0
1-4
5-9
10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80 e
oltre
Età
Costo Totale ricovero ospedaliero ID per età e sesso - Italia 2002
180,000,000.00
160,000,000.00
140,000,000.00
Costo Totale Italia = 395.310.081,33
Euro
120,000,000.00
100,000,000.00
80,000,000.00
60,000,000.00
y = 2E+06e0.275x
R2 = 0.8388
40,000,000.00
20,000,000.00
0.00
0
1-4
5-9
10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79
Età
80 e
oltre
Rapporto Indici Occupazione posti letto per età e sesso ID (base Femmine 1014 anni = 1)
SINIACA SDO 2002 (n.=43.451)
80.0
70.0
60.0
IOR
50.0
Maschi
Femmine
40.0
30.0
20.0
10.0
0.0
0
1-4
5-9
10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80 e
oltre
Età
Composizione percentuale Costo Totale ricoveri ospedalieri ID per gruppi
sesso-età specifici - Italia 2002
15%
19%
16%
31%
15%
35%
Femmine80e+
Femmine70-79
Maschi70e+
AltroF
AltroM
Andamento Costo Medio Ricovero Ospedaliero per ID per etàLombardia 1997/2002
4.500,00
4.000,00
3.500,00
1997
1998
1999
2000
2001
2002
Euro
3.000,00
2.500,00
2.000,00
1.500,00
1.000,00
500,00
0,00
0
Fig. 19
1-4
5-9
10-14 15-19 20-29 30-39 40-49 50-59 60-64 65-69 70-74 75-79
Età
80 e
oltre
Peso percentuale su ricoveri ospedalieri per incidente domestico
anziani (>=70 anni) per sesso - Lombardia 1997/2002
70,0
60,0
50,0
40,0
%
Maschi
Femmine
30,0
20,0
10,0
0,0
1997
Fig. 18
1998
1999
2000
Anni
2001
2002
In questo quadro così complesso e variegato,
l’esame delle descrizioni aperte dell’infortunio
si è rivelato uno strumento insostituibile
per comprendere meglio cosa effettivamente sia successo
E per individuare quali siano le linee da seguire
per identificare possibili azioni di prevenzione.
Abbiamo analizzato per questo rapporto:
-20.000 descrizioni aperte del progetto SISI (1989-1995);
-10.000 descrizioni aperte dei centri di PS del Siniaca che
hanno partecipato alla fase prototipale di collaudo del
programma di rilevazione degli accessi al PS (2003-2004);
-10.000 descrizioni aperte dei Centri di Approfondimento,
Centri di PS particolarmente dedicati alla rilevazione
degli infortuni in ambiente di civile abitazione.
(Gruppo analisi descrizioni “aperte”:
A.De Martino, G.Fondi, A.Crenca, C.Cedri)
LA DESCRIZIONE “APERTA” DELL’INFORTUNIO
Le informazioni che da questa analisi
discendono sono estremamente preziose,
e fortemente indicative
della strada da seguire
nello sviluppo del SINIACA.
Anticipiamo qualche risultato.
SINIACA
- Incidenti in casa
NUMORD= 360939
NUMORD= 361596
-
ETA = 0
ETA = 0
NUMORD= 461753
-
ETA = 0
NUMORD= 461786
-
ETA = 0
NUMORD=
NUMORD=
NUMORD=
NUMORD=
NUMORD=
NUMORD=
510047
550515
550636
550749
550899
561733
-
ETA
ETA
ETA
ETA
ETA
ETA
NUMORD= 561781
-
ETA = 0
NUMORD=
NUMORD=
NUMORD=
NUMORD=
661833
862103
862115
862127
-
ETA
ETA
ETA
ETA
NUMORD= 961388
NUMORD=1020157
-
ETA = 0
ETA = 0
=
=
=
=
=
=
=
=
=
=
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0- 0
MASCHI
Meno di un anno
DORMIVA CAMERA E` CADUTO DALLA CULLA
VENIVA CAMBIATO CAMERA FASCIATOIO E` CADUTO
DAL FASCIATOIO
STAVA SUL FASCIATOIO CAMERA CASA SI E`
SPINTO PUNTANDO I PIEDI
ERA NEL LETTO MATERNO CAMERA GIRANDOSI E`
CADUTO IMPROVVISAMENTE A TERRA
DORMIVA CAMERA DA LETTO CADUTA DALLA CULLA
CASA CAMERA SCIVOLAVA DAL LETTO
CASA CADEVA DA LETTO
CASA CAMERA CADEVA DAL LETTO
CASA SALOTTO CADEVA DIVANO
ERA SEDUTO SUL LETTO IN CASA E` CADUTO DAL
LETTO
SEDUTO SUL LETTO IN CASA CAMERA DA LETTO E`
CADUTO DAL LETTO
ROTOLANDOSI
IL BIMBO E' CADUTO DAL LETTO DEI GENITORI
E' CADUTO DAL SEGGIOLONE
E' CADUTO DAL LETTINO
E' CADUTO DAL TAVOLO
E' CADUTO PER LE SCALE, DAL GIRELLO
STAVA NEL GIRELLO DOMESTICO CADEVA PER LE
SCALE
ISS/Dip.Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria, reparto “Ambiente e Traumi”
SINIACA - Alcune descrizioni “aperte” relative a
bambini tra 1 e 4 anni
NUMORD=1141541 - ETA = 2
INGERIVA INSETTICIDA
STAVA GIOCANDO AMBIENTE DOMESTICO ELUDENDO LA SORVEGLIANZA DEI GENITORI
NUMORD=2313454 - ETA = 3
TOPICIDA
STAVA GIOCANDO CUCINA SFUGGE ALLA SORVEGLIANZA DEI GENITORI E INGERISCE
NUMORD=1141713 - ETA = 1
farmaco cardiovascolare)
GIOCAVA IN CUCINA AMBIENTE DOMESTICO INGESTIONE DI COMPRESSE DI *** (noto
NUMORD= 841322 - ETA = 2
STAVA GIOCANDO CUCINA INGESTIONE DI ALCOOL
NUMORD= 742422 - ETA = 2
VERMOUT
STAVA BEVENDO LATTE DOMICILIO LA MADRE DILUIVA ERRONEAMENTE IL LATTE CON
NUMORD= 441570 - ETA = 2
STAVA GIOCANDO CUCINA DI CASA INGESTIONE DI *** (prodotto per l’igiene della casa)
NUMORD= 641758 - ETA = 1
STAVA GIOCANDO CUCINA DI CASA INGESTIONE DA CANFORA
NUMORD= 142507 - ETA = 3
STAVA GIOCANDO AMBIENTE DOMESTICO CUCINA INGESTIONE DI VARICHINA
NUMORD=1252502 - ETA = 4
PRODOTTI PER LA CASA
NESSUNA PROPRIA ABITAZIONE SFUGGIVA AL CONTROLLO DEI GENITORI INGERIVA
NUMORD=1242070 - ETA = 1
GIOCAVA IN CASA CUCINA DI CASA INGERIVA TRIELINA
SINIACA
- Incidenti in casa
1- 4 MASCHI
***************************************************************************
NUMORD= 360907 - ETA = 2
CASA HA MESSO LA MANO NEL FRULLATORE
NUMORD= 360918 - ETA = 1
GIOCAVA BAGNO CASA SOSTANZA TOSSICA IPOCLORITO
NUMORD= 361087 - ETA = 2
IL PADRE STAVA LAVANDO IL BIMBO CASA NELL`ASCIUGARE IL PENE HA
FORZATO TROPPO CON LA MANO
NUMORD= 361689 - ETA = 1
GIOCAVA IN GARAGE VICINO LA LAVATRICE GARAGE ACIDO CLORIDRICO
NUMORD= 361703 - ETA = 1
GIRAVA ATTORNO LA MAMMA CHE SBOLLENTAVA DEI POLLI ACQUA CALDA
NUMORD= 420235 - ETA = 1
GUARDAVA LA MAMMA SI USTIONAVA CON ACQUA BOLLENTE
NUMORD= 610095 - ETA = 4
SI TIRAVA ADDOSSO UN PENTOLINO CONTENENTE OLIO
NUMORD= 640934 - ETA = 2
IL BAMBINO ERA IN CUCINA DA SOLO LA MADRE FACEVA LE PULIZIE
NELLE CAMERE CUCINA DI CASA INGOIA UN PO' DI UN PRODOTTO PER
STAPPARE IL LAVANDINO (FORSE NIAGARA) CHE ERA SOTTO IL
LAVANDINO
NUMORD= 661774 - ETA = 2
HA TOCCATO CON LA MANO IL FORNO DELLA CUCINA
NUMORD= 720581 - ETA = 1
GIOCAVA DOMESTICO INGERIVA DEL RAME CAFFARO
NUMORD= 741020 - ETA = 1
ERA IN CUCINA CASA SI ROVESCIAVA LA PENTOLA COL LATTE BOLLENTE
NUMORD= 761862 - ETA = 3
GIOCAVA IN GIARDINO CON IL FERTILIZZANTE PER PIANTE
NUMORD= 761992 - ETA = 4
SI USTIONA CON IL FERRO DA STIRO
NUMORD= 820406 - ETA = 1
GIOCAVA DOMESTICO "OPTALIDON" INGERIVA 3 COMPRESSE DI OPTALIDON
NUMORD= 920136 - ETA = 1
GIOCAVA DOMESTICO SI USTIONAVA TOCCANDO IL FORNO ACCESO
NUMORD= 961373 - ETA = 1
HA APPOGGIATO IL PALMO DELLA MANO SUL VETRO DEL FORNO
NUMORD=1040478 - ETA = 1
GIOCAVA CASA BEVEVA VIM LIQUIDO SITUATO SOTTO IL LAVANDINO
NUMORD=1051197 - ETA = 3
CASA SI USTIONAVA CON ACQUA BOLLENTE
NUMORD=1110068 - ETA = 2
GIOCAVA CASA PIRAMIDONE INGESTIONE DI FARMACI LASCIATI
NUMORD=1251118 - ETA = 1
CASA (CUCINA) SI USTIONAVA CON PENTOLA CALDA SUL TAVOLO
NUMORD= 121568 - ETA = 3
GIOCAVA DOMESTICO SI USTIONAVA CON ACQUA BOLLENTE
NUMORD= 121646 - ETA = 2
GUARDAVA LA NONNA CUCINARE METTEVA UN DITO NEL FRULLATORE
NUMORD= 350519 - ETA = 2
STAVA IN PIEDI DAVANTI A LAVATRICE CASA IPOCLORITO DI NA
INGESTIONE DI QUALCHE GOCCIA
NUMORD= 311442 - ETA = 3
GIOCAVA CON DELL`ALCOOL CASA SI AVVICINAVA AD UNA FIAMMA
NUMORD= 530314 - ETA = 3
GIOCAVA IN CUCINA PROPRIA ABITAZIONE INVESTITA DA ACQUA
BOLLENTE
NUMORD= 540432 - ETA = 1
DOMESTICO SOSPETTA INGESTIONE DI PASTIGLIE DI TAVOR LASCIATE IN
UNA TAZZINA DAL NONNO
NUMORD= 561501 - ETA = 3
ERA IN CUCINA CON I NONNI VICINO AI FORNELLI ACQUA BOLLENTE GLI
SI E` ROVESCIATA ADDOSSO LA PENTOLA
NUMORD= 661921 - ETA = 2
ERA IN CASA HA PRESO LA BOTTIGLIA DEL ACE
NUMORD= 920199 - ETA = 1
GIOCAVA DOMESTICO TOPICIDA INGERIVA GRANULI DI TOPICIDA
1-4 anni
ISS/Dip.Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria, reparto “Ambiente e Traumi”
Italian Home Injury Scenario
n. injured people x year
Current Data ISS estimate Discrepancy
Deaths
ED attendances
Inpatients
2,000
4,500
?
1,300,000 – 1,800,000
85,000
120,000 – 170,000
2,500 (55%)
?
35,000 (29%)
Conclusioni
Il campione degli accessi in PS ha numerosità consistente ed è ben
distribuito territorialmente;
ci sono ancora alcuni problemi di completezza nella rilevazione;
tuttavia c’è una buona concordanza tra i campioni osservati nella
distribuzione dei casi per gruppi età-sesso specifici;
l’osservazione della casistica di PS fornisce interessanti informazioni su
tipologia di incidente, orario di accadimento, gravità della lesione ecc,
I dati delle SDO hanno una buona numerosità campionaria e una buona
distribuzione territoriale; c’è concordanza tra i dati SDO e i campioni di PS
nella distribuzione dei casi per gruppi età-sesso specifici;
si può dare una stima di incidenza e si possono individuare i gruppi a
rischio di ID età-sesso specifici;
dal confronto tra i dati di morbosità con quelli di mortalità si può ipotizzare
una matrice di frequenza/gravità degli eventi.
La ricchezza e completezza dei dati registrati permette di incrociare le
informazioni anche a livello di singolo record e ricostruire le modalità degli
eventi accidentali e le tipologie di maggior interesse (base analisi
determinanti; strumento orientamento prevenzione e valutazione efficacia)
Scarica

Risultati del Siniaca