Scuola web 2.0:
La Scuola dell’inclusione?
Convegno [email protected] 2.0
Bologna 8 settembre 2010
Gruppo di lavoro:
Sc. Ferraris – Modena
Sc. Petrarca di Pontenure – IC di Cadeo (PC)
Sc. Leonardo da Vinci - Reggio Emilia
Struttura dell’intervento
•
•
•
•
•
Condivisione del concetto di inclusione
I nostri contesti: le [email protected] 2.0
I possibili livelli di intervento
Le strategie attivate in un’ottica web 2.0
Selezione di attività significative
Inclusione
Con il termine "inclusione” intendiamo il processo
attraverso il quale il contesto scuola, con i suoi
diversi protagonisti (organizzazione scolastica,
studenti, insegnanti, famiglia, territorio), assume le
caratteristiche di un ambiente che risponde ai
bisogni di tutti gli studenti.
La scuola dell’inclusione
Per attuare un modello di lavoro inclusivo caratterizzato da strategie
educativo-didattiche e prassi efficaci sul singolo e sul gruppo-classe è
necessario lavorare sui contesti, e non soltanto sui singoli individui, per
promuovere la partecipazione sociale e il coinvolgimento di tutte le
persone.
Una scuola dell’inclusione si realizza, quindi, attraverso la creazione di
ambienti accoglienti e facilitanti le diversità in cui, attraverso buone
strategie educativo-didattiche, si possa contribuire allo sviluppo e alla
crescita cognitiva e psicosociale dei ragazzi.
La diversità all'interno del contesto scolastico rappresenta, infatti, una
sfida che coinvolge tutti i principali agenti di cambiamento: insegnanti,
dirigenti scolastici, comunità scolastica, famiglie e territorio, ognuno con
specifiche funzioni.
Le nuove tecnologie per…
• Includere ciascuno secondo le proprie caratteristiche: le nuove
tecnologie come strumento di democrazia intellettuale dove ognuno
ha la possibilità di esprimersi e trovare un piano di lavoro
personalizzato che trascenda dall’impiego classico del libro
scolastico
• Includere i singoli nella ricerca e costruzione del sapere utilizzando
la grande facilitazione interdisciplinare offerta dalle nuove
tecnologie, la possibilità di far emergere conoscenze e competenze
che diversamente, in un curricolo di tipo tradizionale, non
emergerebbero
• Includere le famiglie nel processo di formazione dei loro figli anche
al di fuori dei momenti istituzionali previsti dalla scuola. Rapporti
mediati dalle nuove tecnologie anche con i genitori.
Modena:
La [email protected] 1L
Modena: [email protected] 2.0
• Classe a tempo prolungato
• Costituita da 22 alunni di cui uno con certificazione e 8
provenienti da altri Paesi
• Molto eterogenea come livello di competenze
scolastiche e di scolarizzazione
• Atteggiamento generalmente positivo nei confronti delle
proposte scolastiche
• Obiettivo:
Creazione di un doppio ambiente di apprendimento, classe
e docenti, in cui progettare e sperimentare percorsi
didattici che, attraverso l’uso delle tecnologie,
permettano un miglioramento del processo di
insegnamento-apprendimento.
Pontenure (Pc)
La [email protected] 1A
• Classe a tempo prolungato
composta da 21 alunni
• Livelli molto eterogenei dal punto di vista didattico
• Atteggiamento poco partecipativo per difficoltà di ascolto,
comunicazione, socializzazione
Obiettivo:
Necessità di costruire un gruppo-classe unito e coeso come
base per l’apprendimento, favorendo la collaborazione tra
pari e la partecipazione attiva attraverso attività motivanti
Reggio Emilia
•
•
•
•
Scuola di frontiera
quote di immigrazione
•Altissime
PROBLEMI
Riqualificazione
-la paura dell’Istituto
di sbagliare
Ricerca
di nuovele
strategie
-tradurre
paroledidattiche/educative
in pratiche
-quale materiale?
-dare fiducia ai ragazzi
-più fiducia in se stessi
-accettare il rischio di sbagliare
Obiettivi:
-
-
-
migliorare la comprensione del “dove vivo”, perché sono incluso
(e non escluso) se ben conosco le opportunità del territorio in cui
vivo
sviluppare le proprie capacita di apprendimento e autoapprendimento personali e modulate sulle proprie capacità
linguistiche e cognitive attraverso i mezzi offerti dalle moderne
tecnologie
includersi nella conoscenza significa saper intercettare e gestire
gli strumenti che mi permettono di giungere a un sapere
trovare e gestire cultura sulla rete
includersi nel lavoro collaborativo con i compagni attraverso le
nuove tecnologie
costruirsi insieme: capacità di sviluppare e collaborare a progetti
I LIVELLI DI AZIONE
Le azioni in ottica web 2.0
Le azioni in ottica web 2.0
Le azioni in ottica web 2.0
Le azioni in ottica web 2.0
Dare senso ai saperi
Lezione
verticale
L’uso delle
tecnologie
Riassumere
Presentare lavori
Mappe
concettuali
Lavorare per
modelli
Prendere appunti
in coppia
Cruciverba
Laboratorio scientifico
virtuale
Blog
Casella di posta elettronica
Selezione
di attività
significative
Pontenure
• Attività interdisciplinare di Educazione alla Cittadinanza
realizzata nel periodo ottobre 2009/gennaio 2010
• Le fasi del percorso sono documentate nel video “La
libertà e le regole” realizzato al termine dell’attività
Risultati ottenuti:
• È stato il primo intervento teso a migliorare l’ascolto e la comunicazione tra
pari e con gli insegnanti promovendo il dialogo, il confronto, lo scambio di
idee, una riflessione individuale e collettiva
• C’è stato il raggiungimento di soluzioni, idee e definizioni condivise
• Si è incentivato il lavoro cooperativo per migliorare i rapporti interpersonali
• Sono state proposte le prime attività con la LIM ed i computer accolte con
entusiasmo
• E’ stato realizzato un prodotto finale appartenente a tutta la classe per
favorire il senso di appartenenza
• Sono stati archiviati e conservati tutti i documenti dell’attività
• C’è stata una collaborazione proficua tra insegnanti coinvolti
• Sono stati resi partecipi i genitori spiegando e presentando il video durante
una riunione
LE REGOLE DELLA 1°A
RISPETTARSI
2. ASSUMERE UN COMPORTAMENTO CORRETTO NEI
CONFRONTI DEGLI INSEGNANTI, DEL PERSONALE
E DEL DIRIGENTE SCOLASTICO
3. ASCOLTARE GLI ALTRI
4. LASCIARE
ESPRIMERE I COMPAGNI SENZA
GIUDICARLI
5. NON
INTERROMPERE I COMPAGNI E GLI
INSEGNANTI QUANDO PARLANO
6. AVERE CURA DEL MATERIALE SCOLASTICO
7. STARE SEDUTI E COMPOSTI AL PROPRIO BANCO
8. NON USARE IL CELLULARE IN CLASSE
9. NON PRENDERE IN GIRO I COMPAGNI
10. NON AFFACCIARSI ALLE FINESTRE
11. NON CORRERE NEI CORRIDOI
12. NON LANCIARE OGGETTI
13. NON CHIUDERE LA PORTA NEI CAMBI DELL' ORA
14. RIVOLGERSI ALL'INSEGNANTE IN SITUAZIONI DI
PERICOLO
15. NON FARE SCHERZI
16. NON MANGIARE O BERE IN CLASSE
17. NON ESCLUDERE NESSUNO
18. RIVOLGERSI AGLI ALTRI CON EDUCAZIONE
19. NON
CHIACCHIERARE O DIRE COSE FUORI
LUOGO
20. AIUTARE I COMPAGNI IN DIFFICOLTA'
1.
Modena: progetto interdisciplinare
“Ti presento la mia città”
Il consiglio di classe ha condiviso un
progetto comune “Ti presento la mia città”
Ogni docente ha progettato e realizzato
con i ragazzi dei “materiali” per
presentare la propria città, Modena, a una
[email protected] 2.0 gemellata in provincia di
Udine.
DISCIPLINA
ATTIVITA’
LETTERE
Folklore a Modena:
gastronomia,detti,
leggende e tradizioni
modenesi
Gli argomenti sono stati affrontati alla luce del gemellaggio e
per permettere agli studenti di conoscere meglio e in modo
diverso la città dove abitano
LIM
Computer
Foto
Scanner
Internet
STORIA E
GEOGRAFIA
Laboratorio Cartografia:
il cambiamento del
paesaggio attraverso le
carte.
Modena medioevale
Attraverso il confronto tra mappe e carte di epoche diverse è
possibile ricostruire la storia della nostra città.
LIM
Computer
Foto
Scanner
Internet
SCIENZE
“Rocce e minerali:
investigare la Terra”
Fare Scienze fuori dall’aula e
dentro l’aula: partendo dalla
visita al museo di geologia della
città vengono approfonditi i temi
legati alla geologia.
Foto digitali
LIM
Power point
MATEMATIC
A
TuttoCittà:
orientarsi con le mappe
Utilizzando TuttoCittà gli studenti hanno
individuato i “luoghi sensibili”:
la scuola, le proprie abitazioni...
Scanner
LIM
MOTIVAZIONE
STRUM.
TECN.
Internet
TECNOLOGI
A
Le nostre carte di
identità
Chi siamo? Un modo per presentarci imparando a usare alcuni
software
Computer
LIM
INGLESE E
FRANCESE
Le comunità e i luoghi:
indicazioni stradali
Sei un turista nella nostra città? Voi visitare alcuni luoghi tipici?
Detto, fatto: ecco alcune indicazioni stradali informazioni
turistiche in inglese e in francese: puoi scegliere!
Foto digitali
LIM
Power point
Cmputer
internet
RELIGIONE
La Sinagoga di Modena:
i libri di pietra
raccontano
Immagini, documenti e testimonianze sulla Sinagoga di
Modena: la presenza della comunità ebraica a Modena.
Foto
Viewer
LIM
Contenuti didattici
digitali prodotti dagli
alunni con Notebook
MUSICA
Canzoni della tradizione
modenese
Alla scoperta di alcune canzoni della tradizione
modenese
Computer
Internet
REGGIO EMILIA
La partenza
Tutti in comunicazione
oltre la classe e le
ore di lezione.
Prof
prof…faccia
mo un blog!
E che roba è?
Per concludere...
...vogliamo dissociarci da una diffusa visione pessimistica della
Scuola e degli studenti condividendo il messaggio riportato da
questo striscione affisso davanti a una scuola.
Gli studenti non sono il problema, ma sono la
soluzione e con loro va costruita la Scuola del XXI
secolo
Scarica

Ferraris_Cadeo_Reggio