Viaggio… a Lisbona!
Vitale Caterina
Ciccarelli Gea
Rambone Laura
Fiumara Giulia
Capaldo Alessandra
Di:
La nostra prof. di italiano, storia e geografia
Macerelli ci ha assegnato un lavoro di geografia:
dovevamo, attraverso internet, libri, ecc… , creare
un viaggio virtuale con Microsoft PowerPoint
attraverso le città della Spagna e del Portogallo.
Ci hanno diviso in gruppi e a noi e capitata LISBONA,
capitale del Portogallo.
Con duro, durissimo lavoro, impegno e dedizione siamo
riuscite a formare questa presentazione.
Speriamo che il nostro lavoro sia di vostro
gradimento e vi auguriamo
BUONA VISIONE!
La piantina di Lisbona
Un po’ di storia della città
Lisbona
Storia, arte e tempo libero
Cenni storici
Le origini: Secondo la leggenda, le origini di Lisbona sarebbero
legate all'eroico Ulisse. Gli storici attribuiscono invece la sua
fondazione, avvenuta nel 1200 a. C. ai Fenici, che la
chiamarono "Rada serena". La città costituiva uno scalo
importante per i popoli del Mediterraneo che commerciavano
con il nord dell'Europa: conquistata prima dai Greci, poi dai
Cartaginesi, divenne romana nel 138 a. C.
Dopo le invasioni barbariche, cadde per quattro secoli sotto
dominio arabo nel 714 e fu ribattezzata Lissabona.
L'occupazione perdurò fino al 1147 quando il re Alfonso
Henriques s'impadronì della città con l'ausilio di una flotta
della seconda crociata. Nel 1255 Alfonso III ne fece la capitale
del regno al posto di Coimbra.
Il monastero…
L’età delle scoperte

Il periodo d'oro della città si apre con l'era delle grandi scoperte
geografiche. Ambiziosi disegni, spirito d'avventura, brame di ricchezza: ogni
grandioso progetto di conquista ha il suo battesimo presso il porto di
Lisbona, da dove salpa, nel 1415, una flotta forte di oltre 200 navi che
fanno capo al re Giovanni I e ai suoi figli. Il sovrano metterà fine, con la
presa di Ceuta, alle scorrerie dei pirati barbareschi e darà inizio a una lunga
epopea di avventure in mare alla ricerca di nuovi territori da esplorare.
L'isola di Madera è scoperta nel 1419, le Azzorre nel 1427; nel 1434 Gil
Eanes supera il capo Bojador, che segnava allora il confine del mondo
conosciuto, aprendo così alla strada ad un altro celebrato navigatore,
Bartolomeu Dias, (nella foto, scolpito in marmo assieme ad altri grandi Padri
delle Scoperte) che nel 1488 doppia il capo di Buona Speranza. Grande
errore di Lisbona, invece, fu quello di rifiutare i progetti troppo ambiziosi di
un navigatore italiano sposato a una portoghese, Cristoforo Colombo, che
nel 1492 salpa per le Indie approdando invece nel Nuovo Mondo.
Padrao dos descobrimentos
La tragedia

Il 1° novembre 1755 la città viene scossa
da un violentissimo terremoto, che fa
crollare su se stesse la maggior parte delle
abitazioni, provocando la morte di migliaia
di persone. I superstiti terrorizzati
scappano dal centro e si dirigono verso il
Tago ma, come se non bastasse, un'onda
immensa sommerge e devasta la città
bassa. Secondo Voltaire, almeno 40.000
persone morirono nel terribile cataclisma.
Il regime e la rivoluzione
• Nel 1932, per tentare di uscire da una grave crisi politica ed
economica, il generale Carmona chiama al governo un
professore dell'università di Coimbra, Oliveira Salazar. Prima
Ministro delle Finanze poi Presidente del Consiglio, egli
ripristinerà sì l'ordine e la stabilità monetaria ma istituendo un
feroce regime dittatoriale con tanto di polizia segreta e abolizione
di tutti i comuni diritti civili, compresa la libertà di stampa.
Salazar muore in un incidente nel 1968 ma la dittatura continua
sotto il suo successore, Caetano. Il 25 aprile 1974, alle 4.30 del
mattino, inizia il colpo di Stato condotto dal generale de Spinola;
i suoi uomini prendono il potere senza alcuna violenza, al punto
da piantare un garofano rosso nella canna del fucile: questa
giornata verrà difatti per sempre ricordata come la Rivoluzione
dei Garofani. La popolazione in massa acclama
entusiasticamente i rivoluzionari, invadendo la centralissima
Praça do Comércio .
Praça do Comércio
Castello di San Jorge
 Situata sulla sponda settentrionale del fiume
Tago, Lisbona si estende su sette colline
orientate verso il porto: Estrela, Santa
Catarina, São Pedro de Alcantara, São Jorge,
Graca, Senhora do Monte e Penha de Franca.
In cima a ciascuna di queste colline si trova un
belvedere o, nel caso di São Jorge un castello,
con vista magnifica sul panorama circostante.
Castello
La torre di Belem
► Nella
parte occidentale della città si incontra
la zona monumentale di Belem, con la
famosa torre (a lato) ed il Monastero dos
Jeronimos, veri gioielli dell’architettura
manuelina.
Belem
I mezzi pubblici e i tram

Lisbona è un continuo saliscendi: il modo migliore per
assaporarne la bellezza è usufruire dei tram. Frequenti
e pittoreschi, i mezzi pubblici si inerpicano sui colli fino
a raggiungere i quartieri situati più in alto, dai quali si
gode una vista meravigliosa della città bassa.
Assolutamente da non perdere è il Bairro Alto,
quartiere popolare che ha conservato inalterati il suo
carattere e il suo fascino, diventando al tempo stesso
ritrovo di moda con i suoi atelier, locali, ristoranti e
case di fado.
I tram
Alfama
 Con il suo dedalo di viuzze sinuose e
vicoli interrotti da scalinate ed archi,
l'Alfama è la "Città bianca", un quartiere
dagli accenti nordafricani, affascinante e
misterioso. Le case, spesso diroccate,
sono adorne di balconi in ferro battuto e
di pannelli di azulejos. In questo quartiere
si trova inoltre la chiesa più antica di
Lisbona, la bellissima cattedrale
romanica Sé Patriarcal.
Alfama
Il Palacio dos Marqueses de
Fronteira

Il Palacio dos Marqueses de Fronteira è un
edificio storico di raro splendore. Costruito
dai marchesi nel '600 e inizialmente adibito a
palazzina di caccia, offre un percorso di
eccezionale bellezza tra saloni, gallerie,
terrazze e giardini.
Il Palacio dos Marqueses de
Fronteira
Parque Eduardo VII
► Un
grande parco alla francese che incorna
l'Avenida da Liberdade. Dall'alto si apre una
magnifica prospettiva sulla città bassa e sul
Tago, tra i colli del castello di São Jorge e
del Barrio Alto. Un giro sulla grande ruota
panoramica che domina il parco è un must
fra i turisti.
Parque Eduardo VII
Il fado

Espressione profonda dell'animo popolare di Lisbona,
il fado avvolge gli ascoltatori in un'atmosfera di dolce
tristezza, carica di emozione. Questa melodia
nostalgica è l'essenza stessa della sausade, uno stato
d'animo carico di melanconia agrodolce. La fadista
più celebre è indubbiamente Amalia Rodrigues, che
ha contribuito a far conoscere il fado nel mondo. Tra
le case di fado più rinomate ricordo la Adega do
Ribatejo, nel Barrio Alto, e la Parreirinha de Alfama,
nel quartiere omonimo.
Rua das Portas de St. Antao
Una delle cose a cui un abitante di Lisbona
non rinuncerebbe mai è il pranzo. Altro che
piccolo spuntino, ad ogni angolo spuntano
trattorie che offrono lauti pasti a base di
crostacei e altro a bassissimo prezzo.
Dopo il pranzo ogni ora è buona per il rito
della ginjinha, un delizioso liquore
portoghese a base di ciliegie servito in
piccoli bicchieri in polverosi, minuscoli
ritrovi (come quelli storici in rua das Portas
de St. Antao)
Rua das Portas
I docas
• Quando escono, gli abitanti della città
amano procedere con comodo e i locali
vengono generalmente frequentati fino a
tarda notte. Durante una serata tipica è
buona regola cambiare due o tre volte
locale, e anche quartiere. Particolarmente
affollati sono i "docas" de Santo Amaro e
d'Alcantara: un tempo occupati da
magazzini e stazioni fluviali, questi
capannoni sul porto sono oggi un mosaico
di bar, caffè, ristoranti e discoteche
all'ultima moda.
I docas
Pastéis de nata

I pasticcini di Belem, i celebri "pastéis de nata",
attirano schiere di lisbonesi e di turisti golosi. E'
qui, nell'Antiga Confeitaria de Belem, che
vengono fabbricati i famosi pasticcini di pasta
sfoglia ripieni di creme brulée (secondo una
ricetta centenaria e gelosamente custodita) negli
antichi forni che conferiscono loro quel sapore
inconfondibile. La pasticceria, con le sue
prelibatezze e le sale adorne di azulejos, è
un'autentica istituzione di Lisbona
Pastéis de nata
La fiera de ladra

La Feira da Ladra è il mercatino delle
pulci di Lisbona che ha luogo in
Campo St. Clara, nell'Alfama, tutti i
martedì e i sabati. Pittoresco e
straordinariamente animato, vi si può
trovare dall'abbigliamento
all'argenteria, dai mobili ai libri antichi
La fiera de ladra
Arte romanica
Si sviluppa intorno al XI sec. per via degli
influssi stilistici, politici, culturali della
non lontana Francia: le chiese e i
conventi costruiti in questo periodo
conservano quindi le forme del romanico
francese. Sobria e imponente, la
cattedrale di Lisbona Sé Patriarcal è
l'edificio romanico per eccellenza, pur
essendo stata più volte rimaneggiata,
soprattutto a causa del grande terremoto
del 1755 che la distrusse in parte.
Arte romanica
Arte gotica

Si diffonde soprattutto
nel sud del Paese alla
fine del XIII sec. e trova
massima espressione
nei monasteri, che
vengono edificati con
uno stile gotico
fiammeggiante e
internazionale. Il più
bello e maestoso si
trova a Batalha (a lato),
un capolavoro
architettonico di arte
gotica, nonostante sia
stato ultimato nel
periodo manuelino.
Lo stile manuelino

Lo stile manuelino segna nell'arte
portoghese la transizione dal gotico
al rinascimento. Il nome, coniato
nell'800, ricorda che questo stile fiorì
durante il regno di Dom Manuel I e,
nonostante la sua brevità (14901520), assume per la sua innegabile
originalità un'importanza capitale
nella storia dell'arte portoghese. Ei il
riflesso naturale della passione che
infervora allora il paese per il mare e
le terre lontane appena scoperte, che
si traduce in un'arte grandiosa e di
ampio respiro, esotica e ricca di
decorazioni, di cui è magistrale
esempio lo splendido Monastero dos
Jeronimos (a lato).
Lo stile barocco
►
Lo stile barocco prende nome dalla
parola portoghese "barroco" che indica
una perla di forma irregolare. Opposto
all'impostazione simmetrica dell'arte
classica, il barocco manifesta un
peculiare senso del movimento, del
volume e della grandiosità. Il vero
barocco portoghese si sviluppa nel nord
(Porto, Braga - dove si evolverà poi in
rococò) ma un esempio monumentale di
arte barocca, carico di marmi, pilastri,
motivi floreali, decorazioni e statue
cesellate, si trova a sud ed è l'imponente
palazzo-convento di Mafra (a lato), a
circa 40 Km da Lisbona.
Gli azulejos
Sezione a parte meritano gli azulejos,
componente fondamentale del patrimonio
artistico ed architettonico portoghese.
Originariamente importati dalla Spagna, gli
azulejos erano inizialmente pezzetti di
ceramiche smaltate tagliati ed assemblati
assieme finchè l'italiano Nicoloso non
introdusse la tecnica della maiolica. In tempi
austeri, per decorare con poca spesa le
pareti di case e chiese, si utilizzano
largamente questi graziosi e raffinati pannelli
dalle mille raffigurazioni: dai temi religiosi
alle scene mitologiche, dalle allegorie ai
paesaggi. Gli azulejos del '700 sono quasi
esclusivamente azzurri e bianchi: una
tendenza che trova la sua origine nelle
porcellane cinesi in auge nel periodo delle
grandi scoperte geografiche, uno stile
armonioso e delicato che ha reso quest'arte
celebre in tutto il mondo.
Il viaggio,
l’albergo,
I ristoranti
Il viaggio di andata
Compagnia: Swiss
International Airlines
Classe: turistica
Partenza: 24/11/06
Roma-Zurich (07.15-09.00)
Zurich-Lisbona (09.55-11.45)
Il viaggio di ritorno
Compagnia aerea: Lufthansa
Classe: turistica
Partenza: 27/11/06
Lisbona-Monaco (06.20-10.25)
Monaco-Roma (13.15-14.55)
Costo aereo
Viaggio andata e ritorno
Costo a persona: € 189.11
Costo totale:€ 955.45
L’albergo
Amazonia Hotel, Lisbona
Amazonia Hotel, Lisbona
Indirizzo: Travessa Da
Fabrica Dos Pentes,
12/20, Lisbona 1250106.
L’ albergo, situato al
centro della città, è
circondato da servizi
termali completi.
E’ molto vicino
all’aeroporto di Lisbona.
Costo albergo:€ 159 a
persona
Ecco a voi l’Amazonia Hotel!
Mappa albergo
La hall
La piscina
Le camere
La sala da pranzo
I Ristoranti
1 ° sera: ristorante Doca Peixe
2°sera: Ristorante Tamarind
3° sera: Ristorante ‘O Madeirense
Le ricette sul baccalà
• Baccalà dolce
Si prende un pezzo di baccalà e dopo
averlo ammollato, si scola e si spina e
si taglia a pezzi. In una padella si
prepara una base di cipolla finemente
tritata che si fa imbiondire in olio
abbondante. Quindi si aggiunge il
passato di pomodoro e pomodoro a
pezzi, una manciata di uva passa e
qualche prugna secca fatta rinvenire
in acqua tiepida. Salare, pepare e far
cuocere ed insaporire per una decina
di minuti. Poi si aggiungono i pezzi di
baccalà e si lascia cuocere per circa
mezz'ora a fuoco dolce. Si serve
caldo
Baccalà gratinato

Baccalà gratinato
(per 4 persone)
500 g di baccalà già bagnato, 500 g di patate,
100 g di cipolle, 100 g di olive nere, uno spicchio
d’aglio, un ciuffo di prezzemolo tritato, 3 dl
d’olio, 4 chiodi di garofano, sale, pepe.

Lavare il baccalà, tagliarlo a pezzi, metterlo in un
tegame e ricoprirlo con acqua fredda. Portare a
ebollizione a fuoco moderato e lasciare cuocere
per circa 10 minuti. Lavare le patate e farle
lessare, scolandole ancora un po’ al dente. Pelarle
e tagliarle a
fette. Tagliare le cipolle a rondelle e tritare
finemente l’aglio. Mettere un po’ di olio in un
tegame e fare imbiondire le cipolle, facendo
attenzione che non prendano troppo colore.
Quando saranno pronte, toglierle dal fuoco e
unire ad esse l’aglio tritato.
Ungere una pirofila con dell’olio, disporvi uno
strato di patate; salare e pepare; poi uno strato
di baccalà; cospargere con le cipolle e con l’aglio,
mettere un chiodo di garofano e continuare così a
strati fino ad esaurim ento degli ingredienti.
Dopo l’ultimo strato mettere in superficie le olive
nere, precedentemente snocciolate.
Bagnare con il rimanente olio e mettere a
cuocere in forno a 180° per circa 20 minuti. La
superficie dovrà risultare bella gratinata.
Cospargere allora con il prezzemolo e servire
caldo.
Questo piatto fornisce circa 366 Kcal a porzione.
Zeppole di baccalà


Ingredienti per 6 persone:
1 kilo di baccalà dissalato ed ammollato in
acqua fredda,
300 gr. di farina,
300 gr. di olive verdi,
abbondante olio per friggere,
2 uova,
sale e pepe q.b.
1 litro di acqua minerale gasata.
Preparazione:
Preparate una pastella abbastanza
elastica con la farina e l'acqua minerale
gasata aggiunta a poco a poco, quindi unite
le uova, il pepe e poco sale.
Pulite il baccalà, tagliatelo a piccoli pezzi ,
eliminando pelle e spine ed immergete i
pezzi nella terrina con la pastella.
Friggeteli in abbondante olio
bollente.Sgrondate poco i pezzi fritti e
disponeteli ben unti in una seconda padella
priva di olio; abbassate il fuoco e
completate la cottura a fuoco moderato,
rivoltando delicatamente le zeppolelle
perché imbiondiscano uniformemente.
Servite ben calde le zeppolelle
accompagnandole con delle olive verdi ed
un fresco vino bianco e secco.
Baccalà gratinato con panna


Ingredienti per 6 persone
600 g baccalà già ammollato - 600 g patate - 600
g
cipolle - 1 tuorlo - limone - 1/2 litro di
besciamella già
pronta - 2 dl panna liquida - formaggio
grattugiato senape - olio extravergine d’oliva - sale - pepe
Lessare il baccalà e privarlo della pelle e delle
lische. Friggere le patate a tocchetti senza
farle dorare molto.
In un grande tegame soffriggere le cipolle
nell’olio
extravergine d’oliva, unire il baccalà, le patate
fritte,
salare, pepare e amalgamare il tutto.
Versare nella besciamella intiepidita il succo di
limone,
la panna, un cucchiaio di senape, il tuorlo d’uovo e
una
manciata di formaggio, mescolando bene.
In una pirofila versare il baccalà con le cipolle e
le
patate e coprire con la besciamella; spolverizzare
con
altro formaggio e mettere in forno a gratinare.
Questo è stato il primo piatto di baccalà che ho
assaggiato al mio arrivo a Lisbona (12 anni or
sono) al quale ne sono seguiti un’infinità, tutti
diversi e sempre molto gustosi.
Baccalà fritto



Ingredienti:
1 Kg di Baccalà,
3 spcchi d'aglio,
120 gr di olive nere snocciolate,
700 gr di pomodoro pelati,
prezzemolo,
olio casereccio
peperoncino rosso.
Preparazione:
Friggere il baccalà in abbondante
olio, tritare l'aglio e aggiungerlo al
baccalà,insieme al prezzemolo e
alle olive nere. Aggiungervi pure i
pomodori pelati e il sale.
Coprire il tegame e far cuocere
per una mezz'ora circa.
Quindi a chi piace spolverarlo con
peperoncino rosso e servire.
Baccalà ripieno



Ingredienti
700 gr di baccalà,
100 gr di tonno,
100 gr di acciughe,
50 gr di capperi,
prezzemolo,
olio casereccio
peperoncino rosso macinato.
Preparazione:
Tenere a bagno il baccalà per molto
tempo, spinarlo e imbottirlo con
questo impasto: acciughe diliscate e
tritate, un po' di mollica di pane
bagnata nell'acqua e sbriciolata, il
tonno a pezzi. Mettere tutto su una
metà del baccalà e ricoprire con
l'altra. Passare con lo spago per
tenerlo chiuso.
Porlo in una teglia con molto olio e
infornare per mezz'ora circa,
bagnandolo ogni tanto con il suo
stesso olio.
Togliere lo spago, a fine cottura, e
servire.
A chi piace, spolverare con
peperoncino rosso.
Pastelle di baccalà
Ingredienti per 6
persone:
g. 500 di farina;
acqua e sale;
g. 200 di baccalà;
un pezzo di lievito
Preparazione:
Impastare la farina con
l'acqua, il sale e il lievito.
Fare lievitare almeno
un'ora. Aggiungere al
composto il baccalà fatto a
pezzi. Con un cucchiaio
prendere un pò d'impasto
e baccalà e friggerlo in
abbondante olio caldo.
Le pastelle vanno servite
calde (sono ottime anche
fredde) insieme ai
peperoni ripieni.
Spesa ristoranti
1°sera:€ 158(€32.60 a persona)
2°sera:€145(€29.00 a persona)
3°sera:€115(€23.00 a persona)
Spesa totale:€ 418.00
Lisbona notturna…

Lisbona, la "città bianca", riserva
sorprese per chi non ne vuole
sapere di andare a dormire prima
dell’alba. Non solo fado, ma tutte le
sonorità possibili e immaginabili
risuonano nei locali della notte
portoghese. Il quartiere della notte
per eccellenza è da sempre il
Bairro Alto, ma nell’ultimo
decennio l’area lungo i cais, le rive
de Tago, è diventata un vero
proprio punto di riferimento per la
vita notturna della città.
Il più moderno bar di Lisbona
•
Il più moderno club-bar di Lisbona,
molto chic e underground, è Lux
Frágil (St. Apolónia, Av. Infante
D.Henrique, Armazém A, Cais De
Pedra). Al piano inferiore c’è la sala da
ballo, dove ci si può scatenare al ritmo
delle musiche più trendy del momento
selezionate dai migliori DJ portoghesi
e internazionali: house, techno ed
electro-pop sono la ricetta ideale per
una notte indimenticabile. Al primo
piano invece si trova un ambiente più
intimo e “cool” dove domina il colore
rosso. Nelle serate speciali si può
assistere a performance live di artisti
famosi come gli americani Peaches o il
duo tedesco Kruder&Dorfmeister.
Bar storico
•
Uno dei bar storici di Lisbona
è l’ Hot Club de Portugal Jazz
Club (Praça de Allegria, 39),
chiamato più semplicemente
“Hot” dagli affezionati
frequentatori. Caratterizzato
da un ambiente intimo e
minimal, è un locale dove si
sono esibiti i più leggendari
nomi internazionali del jazz.
E’ un luogo perfetto per tutti
gli amanti di questo genere
musicale, ma anche per chi
ama le calde atmosfere del
blues.
Bar comune

Aperto poco più di due anni
fa il Cafè dos Teatros
(Rua António Maria
Cardoso, 58), è invece un
ritrovo abituale per tutti
coloro che lavorano
nell’ambiente teatrale,
inclusi attori e registi.
Situato vicino al teatro S.
Luiz, sopra il teatro Mário
Viegas Studio e di fronte al
S. Carlos, questo
bar/ristorante/caffè
rappresenta un’eccellente
alternativa quanti vogliono
cenare in tarda serata (la
cucina non chiude mai).
L’arredamento è minimal e
nei toni del rosa e la
musica di sottofondo fa da
piacevole colonna sonora
alle animate serate
portoghesi.
Bar orientale

Al Pavilhão Chinês (Rua Dom Pedro
V, 89) non si trova solo musica,
decori e altre influenze asiatiche. Il
solo elemento orientale è dato dalla
vasta selezione di tè. Decorato con
elementi Art Nouveau - miniature di
soldati, vecchi cappelli, accessori
militari e lavori del noto artista e
caricaturista Rafael Bordalo Pinheiro
- il Pavilhão Chinês è uno dei più
originali e caratteristici bar di Lisbona.
Situato a Princípe Real, vicino al
Bairro Alto, è un locale popolare,
frequentato da persone di diverse età
(dai 18 agli 80 anni). La lista di drink
proposta è infinita, con una scelta tra
più di 100 cocktails, molti dei quali
creati esclusivamente per il bar.
Pub per giovani e non
• Dovendo scegliere un locale che
rappresenti al meglio la vita
notturna di Lisbona, il Frágil (Rua
da Atalaia 126), sarebbe vincente
per molti. Negli anni 80 era la più
nota discoteca di Lisbona e ancora
oggi attira giovani e non. Diviso in
aree distinte, una con un bar
l’altra con una pista da ballo, il
Frágil è situato dentro un vecchio
edificio sottoposto a restauro.
All’interno invece lo stile è
moderno, anche un po’ “dark”, con
musica house e alternativa a fare
da colonna sonora.
Bar alla moda

Tra i club più particolari di
Lisbona spicca Indochina
(Rua Da Cintura Do Porto
De Lisboa, Armazém H). Le
decorazioni ricordano il
parigino “Buddha Bar”, ma
le differenze si notano
soprattutto nel tipo di
musica proposta. Qui si
beve e si balla nelle due
sale al ritmo delle hit del
momento: pop, rock e
latinoamericane.
Bar da incontro
Se si avvista un edificio bianco
a due piani completamente
illuminato con un fiume di
gente in attesa di entrare, ci si
trova di fronte proprio al
Kapital (Avenida 24 De Julho,
68). Decorato dal famoso
designer Maria José Salavisa,
questo club è dotato di due
zone bar, di un enorme sala da
ballo e anche di una terrazza
sul tetto. Questo è il luogo
preferito per gli incontri del Jet
Set portoghese di ogni età,
spesso ospiti delle numerose
feste qui organizzate.
Costo a persona locali
1°
2°
3°
4°
5°
6°
7°
locale:
locale:
locale:
locale:
locale:
locale:
locale:
€45
€27
€22
€30
€25
€40
€38
Tot. a testa: € 227
Il primo giorno

Il primo
giorno
visiteremo…
…
Museu da Gama
 Il museo portoghese “Museu
da Gama” è aperto dal lunedì
alla domenica dalle 10 alle18.
E’ chiuso il sabato e durante le
festività. Noi pagheremo
l’entrata €1,5. il museo ha un
programma con visite guidate
e centri a disposizione di
visitatori individuali, gruppi,
associazioni e progetti
scolastici. La visita dura
un’ora. Visiteremo questo
museo nel pomeriggio dopo un
buon pasto in un tipico
ristorante portoghese.
Il quartiere di Belem

Le caravelle portoghesi salparono
verso l’ignoto da Belém, e tutto il
quartiere disteso lungo il fiume è un
monumento alle scoperte
geografiche. Il Convento dos
Jerónimos, ad esempio, capolavoro
di architettura manuelina del XVI
secolo, fu realizzato per celebrare la
scoperta da parte di Vasco de Gama
della via marittima per le Indie. Poco
lontano sorge la Torre de Belém,
simbolo della gloria marinara del
Portogallo. L’imponente monumento
alle scoperte, affacciato sul fiume,
ha la forma di una caravella e risale
al 1960. Nei pressi si trovano anche
il Centro Cultural de Belém, sede di
eventi, mostre e spettacoli tra i più
importanti di Lisbona, e il museo
Nazionale delle Carrozze, il più
visitato del Paese.
Il secondo giorno
Il
secondo
giorno
vedremo….
Il quartiere della “Baixa”
 Ricostruito dopo il pauroso terremoto del 1755, il
quartiere di Baixa offre bei viali e strade pedonali
ricche di piacevoli caffè all’aperto. L’attrazione
principale della zona è l’Elevador de Santa
Justa, un ascensore in ferro con caffè sulla vetta
che raggiunge Bairro Alto. Costruita nel 1902 da
un allievo di Gustave Eiffel, questa gemma
architettonica ha più di un punto in comune con
la celebre torre parigina.
Monastero dos Jeronimos
• Nelle vicinanze altro
monumento del 1500,
sempre in stile
manuelino, il Monastero
Dos Jeronimos del quale,
oltre agli interni sono
molto belli il portale ed il
chiostro.
Dintorni di Lisbona
 Nei dintorni di Lisbona abbiamo
visitato la parte costiera con
Estoril e Cascais, quindi il Cabo
de Roca, punto più occidentale
d'Europa, il palazzo reale estivo
di Queluz, quindi Sintra con il
Palazzo Nazionale, del quale
ricordo i due enormi camini
conici, ed una stupenda fontana
moresca. Infine il Castello dos
Mouros, resti di bastioni di un
castello moresco con ottime
viste su Sintra e Lisbona.
Palazzo della Pena
 Sulla cima di una
delle colline della
Serra, sopra Sintra, il
Palazzo da Pena,
strana e coloratissima
residenza reale
estiva, risalente alla
fine del 1800.
Il terzo giorno
Il
terzo
giorno
visiteremo
……
Abbazia di Batalha
• L'abbazia domenicana di
Santa Maria de Vitoria di
Batalha, considerata un
capolavoro
dell'architettura gotica,
presenta un chiostro
reale con archi e trafori
manuelini finemente
lavorati.
Molto belle le decorazioni
della cappelle incompiute
Convento do cristo di Tomar
 Altro monumento in stile
manuelino è il Convento
do Cristo di Tomar.
Fondato nel 1162 dal
maestro dei Templari per
celebrare i monaci
cavalieri.
Molto bello l'oratorio dei
Templari, detto Charola, il
chiostro e, in assoluto, la
grande finestra
manuelina.
Coimbra

Coimbra è famosa per
essere la città universitaria
del Portogallo e per aver
dato i natali a ben sei re.
La sede dell'Università è nel
palazzo reale, parte alta
della città; vi si accede
attraverso la Porta Ferrea.
Bella sia la biblioteca
Joanina che la Cappella di
Sao Miguel oltre alla Sala
Grande dos Actos
Braga
• Braga è una moderna cittadina
con un piccolo centro storico.
Nelle sue vicinanze il famoso
Santuario Bom Jesus do
Monte; il Santuario si
raggiunge percorrendo una
lunga e spettacolare scalinata
lungo la quale vi sono
cappelle, all'interno delle quali
si trovano sculture in terracotta
a grandezza d'uomo, oltre a
fontane e decorazioni
simboliche.
Guimares

Guimares ha un piccolo
ma stupendo quartiere
medievale.
Sulla piazza il Monastero
di Santa Signora da
Oliveira, belle case ed
importanti edicole.
Nell'immediata periferia il
Castello di Sao Miguel con
l'omonima chiesetta
romanica.
Casa de Mateus
 Sulle verdi e dolci colline
della regione del Douro,
in mezzo ad estesi
vigneti, visitiamo la bella
Solar de Mateus (la Casa
de Mateus è
rappresentata sulle
etichette dell'omonimo
vino) preceduta da una
grande piscina e con
giardini molto originali in
particolare il tunnel
formato da cedri.
Il nostro viaggio è terminato

Il viaggio è
terminato e noi
dobbiamo tornare
a casa, ma non
dimenticheremo
mai le splendide
giornate vissute
nella città di
LISBONA!!!!
Spesa a persona
Viaggio aereo: € 189.11
Albergo: € 159.00
1°ristorante: € 32.60
2°ristorante: € 29.00
3°risrorante: € 23.00
Tram: € 14.00
Musei:€ 1.50
Mc Donald:€ 13.50
Pub e locali vari:€ 115.00
Spesa a persona: € 576.71
Il nostro viaggio
Finora avete
visto la parte
“seria” del
nostro viaggio, e
ora...
IL
DIVERTIMENTO!
I nostri litigi
Come i nostri compagni
sanno, siamo
specializzate nel litigare
per cose inutili e
sciocche. Ovviamente,
anche Lisbona doveva
conoscerci!
I nostri litigi…..
Laura: Ragazze,secondo me dobbiamo andare a
destra..!
Gea: no... a sinistra!
Caterina: e invece si va dritto!!!!
Giulia: secondo me abbiamo proprio sbagliato
strada!
Alessandra: Perché invece non andiamo al
negozio di modellismo?!?!?!
Caterina, Laura, Gea, Giulia: Alessandra!?!?!?!?!
Gea: Ale, a Lisbona si fa shopping!!!!!!!!
Laura : Concordo con Gea!!
Ale: Si, ho capito, ma a me interessano le
macchinine!!!!!!!!!Vabè se non mi volete io
vado alla mia gara!!!!!!!!!!!
Caterina, Giulia: Scusate ragazze, però forse
potrebbe essere interessante vedere la gara
di Ale!!!!!
Gea, Laura:si, interessante come un vestito della
collezione 2005/2006?! Voi fate come volete,
ma noi andiamo a fare Shopping!!!!!
Caterina, Giulia: e va bene allora noi
raggiungiamo Ale!
Laura e Gea vanno a fare shopping mentre
Caterina e Giulia seguono Ale alla gara.
A gara finita, con la ovvia vittoria di Ale……
Ale: Che fine hanno fatto Laura e Gea?
Giulia: sono andate a fare shopping!
Caterina: Sentite, anche se siamo
litigate……MI
MANCANOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Giulia e Ale: Si anche a noi!!!
Ale:Allora; che aspettiamo? ANDIAMO DA
LORO!!!!!!!!!!!
Giulia: mi sembra una buona idea!!
Ale: si, ma dove le troviamo?
Caterina: è chiaro le possiamo trovare in una
delle tante vie del centro!!!!!!!!!
La pace…
Caterina, Giulia e Ale
raggiungono Laura e Gea.
Giulia, Ale,Caterina:
Facciamo pace!!
Laura,Gea:si!!
Gea: Non litighiamo più!!
Così ci divertimmo
tantissimo!!
Ed eccoci qui, 5 amiche di
ritorno da un viaggio nella
fantastica Lisbona.
Ripercorrendo le magnifiche
avventure passate
insieme, non
dimenticheremo mai gli
splendidi momenti passati
in questa meravigliosa
città!!!!!
Allora,a questo punto
diciamo solo una cosa:
Arrivederci e al prossimo
viaggio!!!!!!!!!!
Scarica

Viaggio virtuale a Lisbona di Capaldo Alessandra