F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
“Amicus Plato, sed magis amica veritas”
– La Letterina n. 420 – giovedì 18 dicembre 2014 –
AL DIRIGENTE SCOLASTICO
ALL’ALBO
AL DIRETTORE SGA
AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO D’ISTITUTO
LA LUCE DEL NATALE SULLA “BUONA SCUOLA”
Iniziano le vacanze di Natale e l’augurio più bello
è sperare che sia la stella e la luce del Natale ad
illuminare i giorni del nuovo anno
Il prossimo settembre 2015 sarà l’anno della Buona
scuola e si auspicano progetti e innovazioni capaci
di apportare migliore qualità nel servizio scolastico
e nell’efficienza organizzativa delle comunità
scolastiche.
In questo numero ospitiamo alcune notizie di vita
scolastica e riflessioni che ci aiutano a
comprendere come i risultati di un’azione di
rinnovamento sono determinati dai protagonisti che
come piccole formiche o api operose non smettono
mai di agire, pensando a quel che è meglio fare per
conseguire risultati efficaci.
La pausa delle festività natalizie favorisca, insieme
al meritato riposo dalla frenetica operatività del
quotidiano, momenti di serenità e di libertà per
meglio pensare e progettare il dono di un nuovo
anno, che inizia carico di speranze e di buoni
propositi
Siamo alla vigilia di un evento
unico che ci fa fare memoria del Dio
che si è fatto uomo, per farci
riscoprire tutta la bellezza e la
profondità della nostra umanità.
Gli eventi dolorosi di questi mesi,
ed in particolare le morti dei piccoli Semyon 9
mesi, Andrea Lorys di 8 anni di Santa Croce
Camerina , e i cento bambini morti della scuola
di Peshawar, in Pakistan ci consegnano un’umanità
tradita, ingannata, violata, ed in parte viene messo
in discussione il nostro ruolo di educatori, quando
non si riesce ad incidere sulla realtà sociale.
La scuola italiana, attraverso ciascuno di noi Voi
ha un ruolo insostituibile: colmare molti gap non
solo culturali, ma anche sociali ed etici che hanno
contribuito alla crisi ed hanno accelerato il
conseguente degrado della nostra società italiana.
La crisi economica , forse, ci sta aiutando a
recuperare la gioia delle cose semplici e a ritrovare
il coraggio del sacrificio, della rinuncia della
ricerca dell’essenziale, evitando gli sprechi ed il
superfluo.
Giuseppe Adernò
[email protected]
Vai al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
1
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
Sommario

AGRIGENTO: I BENEFICI DELLA LEGGE 104

PICCOLE VITE STRONCATE TROPPO PRESTO
(Don Fortunato di Noto, fondatore “Meter”)

CINEMA E SCUOLA: L’UNIONE FA LA FORZA!
(Gianluca Badi)
VERSO LA BUONA SCUOLA – Riflessioni e commenti
 LA SCUOLA CHE CAMBIA: I PROCESSI DI VALUTAZIONE, MERITO E QUALITÀ

LE SPERANZE DI UNA “BUONA” SCUOLA
NOTIZIE

SCUOLA SUPERIORE A LIBRINO
(Redazione)

PREMIO REGIONALE IL POSITIVO - VALORI IN MOVIMENTO
Iniziativa dell’Assessore all’Istruzione del Comune di Adrano
(Salvo Sidoti)
 GARA NAZIONALE DI CHIMICA 2015
(Edoardo Palazzo)

CONCORSO “ SICILIA, MY LOVE IN…ARTE”
CONTENZIOSO: La rubrica sui conflitti della scuola.
 SUPPLENZE A DOCENTI DI LINGUA STRANIERA “NON ABILITATI”
( Roberto Tripodi)
CONCORSO NUOVI DIRIGENTI
******************************
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di
Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
2
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
AGRIGENTO: I BENEFICI DELLA LEGGE 104
L’indagine sulle false attribuzioni delle invalidità
permanenti e parziali in provincia di Agrigento va
avanti. Il censimento su quanti hanno chiesto di
fruire, nelle scuole statali, dei benefici della legge
104, è stato effettuato. Gli atti sono stati trasmessi
alla sede dell'Inps di Agrigento chiedendo che
venga disposto un piano di accertamenti medicolegali mirato a verificare non soltanto la
permanenza dei requisiti, ma anche se il personale
che si è avvalso della "104", al momento del
riconoscimento dello status di disabile o di invalido
civile, lo fosse davvero o meno. Sia l'ufficio
scolastico territoriale, che l'Inps, sono stati
convocati, nei giorni scorsi, in Prefettura.
Il prefetto Diomede, dopo l'inchiesta della Procura,
segue la vicenda. "L'ufficio scolastico provinciale ha spiegato il prefetto - ha comunicato la
ricognizione sugli ultimi due anni. L'INPS sta
verificando, a seconda dei paletti e dei limiti che
gli verranno comunicati dall'Inps regionale e dalla
direzione generale, se sarà possibile ed in che
termini continuare a procedere a ritroso". Il
censimento a partire dal 2007 viene chiesto, e a
gran voce, dall'associazione "Insegnanti in
movimento".
La decisione più semplice sarebbe quella di
eliminare i permessi e gli esoneri dal lavoro legati
alla legge 104, che disarticolano l’attività didattica,
lasciano gli studenti senza vigilanza, richiedono
supplenze improvvisate che spesso i presidi non
possono pagare. Del resto chi fruisce delle legge
104 ottiene spesso l’assegno di accompagnamento,
o l’esenzione dal ticket o altri aiuti. Speriamo che
anche questo ennesimo scandalo non finisca nella
solita palude.
La Redazione
Annamaria Ajello, Paolo Mazzoli e Davide Faraone
(indovinate chi dei tre non è laureato)
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di
Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
3
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
PICCOLE VITE STRONCATE TROPPO PRESTO
Una riflessione Di Don Fortunato Di Noto, fondatore di "Meter" sugli ultimi casi di bambini uccisi,
"finiti nell'indifferenziato delle coscienze"
aveva deciso per lui l’eliminazione di una vita in
prospettiva "scadente". Per sempre. Per lei che gli
aveva dato la vita quel bambino non aveva il diritto
di vivere.
Ma non c’è mai una vita "scadente", degna
dell'immondizia. Che vergogna questo pensiero!
Poi c'è il tragico e luttuoso evento di Andrea Lorys,
8 anni, ucciso a Santa Croce Camerina in
provincia di Ragusa.
In attesa dell’esito delle indagini, resta il dramma
della morte del bimbo ed il coinvolgimento
dell’intera comunità scolastica e cittadina.
Un altro fatto riguarda il padre che dopo aver
ucciso la moglie, abbraccia il figlio Alessio, meno
di un anno, e si butta dal balcone... Mi sembra la
“soluzione finale” per una vita, tante vite, che
dovevano essere vissute.
Sono numerosi i bambini che hanno subito lo
stesso destino: eliminati come si elimina
un file, una fotografia istantanea, come si buttano
nell'indifferenziato - e nella nostra indifferenza - i
rifiuti delle tragiche storie umane non sanate, non
guarite. Rifiuti organici, poco importa.
È la seconda lettera che scrivo apertamente in
questi ultimi giorni. Mi sento triste, amareggiato,
ma non sconfitto. Penso a Semyon, 9 mesi, che
adesso riposa nel profondo del mare. Affogato da
sua madre che ha pensato di sopprimerlo perché
ritenuto
malato
(epilessia,
schizofrenia).
Un'eutanasia, una dolce morte non manifestata e
subita dal piccolo indifeso. Per alcuni - oscuro
pensiero che invoca un diritto - meglio una morte
così che una vita di sofferenze: le sue condizioni di
salute nel tempo avrebbero potuto peggiorare
estremamente.
La madre – tra le velate dichiarazioni agli
inquirenti - forse si era convinta che la vita di
Semyon sarebbe stata “scadente”. No, non si gioca
a eliminare il più debole, l’inerme, il piccolo
indifeso. Eppure sua madre l'ha abbracciato ed
inabissato nella profondità del mare. Un bambino
di 9 mesi annega a un pelo dall’acqua, gesto
semplice e crudele; per non udire le urla che
possono arrivare anche a 120 decibel, per non udire
il pianto, le lacrime che si confondono con le gocce
del mare. Semyon urlava, aveva paura
dell’abbandono. Ma nessuno lo sentiva. Nessuno
accorreva in suo aiuto. Neanche sua madre che
Don Fortunato di Noto
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
4
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
CINEMA E SCUOLA: L'UNIONE FA LA FORZA!
Presentato a Roma "Ciak si sKuola", il progetto che vuole avvicinare gli studenti liceali
al linguaggio cinematografico e ai mestieri del cinema
«Il segreto del successo di "Nuovo Cinema
Paradiso" è dovuto al fatto che generazioni di
persone in tutto il mondo ritengono la sala
cinematografica
un
luogo
di
educazione». Giuseppe Tornatore motivava così
l’inaspettato successo del suo secondo film,
vincitore del Premio Oscar come Miglior Film
Straniero. Il segreto, a detta dello stesso Autore, sta
nel valore educativo del cinema, concetto che nel
suo film emerge in modo straordinario.
Ed è esattamente sull’aspetto educativo del cinema
che si fonda il progetto “CIAK… si sKuola”
dell’Istituto di Istruzione Superiore 'Giosuè
Carducci' di Roma, ideato e organizzato dalla
scuola romana con il contributo della Regione
Lazio e con il sostegno del Vittorio Veneto Film
Festival - Festival Internazionale di Cinema per
Ragazzi.
L'idea del progetto - presentata in conferenza
stampa alla Casa del Cinema a Roma lo scorso 9
dicembre - nasce dall’iniziativa del dirigente
scolastico del suddetto istituto Paola Senesi,
coadiuvata da tre professori, mossi tutti dalla forte
convinzione che l’alfabetizzazione al linguaggio
cinematografico e l’avvicinamento ai mestieri del
cinema costituiscono oggi importanti strumenti per
lo sviluppo della coscienza critica dei giovani e per
l’avvicinamento al mondo del lavoro.
“Ciak… si sKuola” è articolato in tre momenti
confluenti:
provenienti da varie scuole del Lazio.
MOSAICI 2.0
Concorso nazionale per cortometraggi. Il concorso
è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di
secondo grado del territorio nazionale. I
cortometraggi presentati, realizzati non prima del
1° settembre 2013 e presentati entro il 10 gennaio
2015, dovranno durare tra i 5 e 20 minuti. Il tema
del concorso è “L’Italia dei giovani è un mosaico di
realtà spesso contraddittorie. Raccontala dal tuo
punto di vista”. Tra tutte le produzioni proposte ne
verranno selezionate dieci e due giurie, di cui una
di qualità e una formata dai 500 studenti
partecipanti a “I Mestieri del Cinema”, ne
premieranno tre. I tre vincitori riceveranno un
premio in denaro. Lo Scopo di questa seconda fase
del progetto è spingere i ragazzi a trovare un modo
originale con cui comunicare il loro pensiero e il
loro punto di vista riguardo la società in cui
vivono.
LE MASTER CLASS
Due giorni di full immersion nel mondo del cinema
con quattro personaggi illustri della settima arte
(per regia, montaggio, sceneggiatura e musica per
il cinema) che vestiranno i panni di docenti. Questa
terza parte ha l’intento di strappare il cinema alla
dimensione astratta per cui spesso viene percepito
e immergere gli studenti nella sua realtà pratica.
Per questa fase verranno selezionati studenti della
Regione Lazio, fino ad un massimo di 100
partecipanti.
Questo progetto si configura come un originale
percorso educativo e didattico, in cui i ragazzi del
Lazio e d’Italia avranno la possibilità di entrare in
stretto contatto con il mondo lavorativo
cinematografico, nonché di pensare il cinema da un
punto di vista differente. Uno dei forti
insegnamenti che si vuol dare agli studenti è infatti
la dimensione corale del cinema. Il cinema troppo
spesso viene visto dai giovani come l’occasione
I MESTIERI DEL CINEMA
Tre film saranno proiettati in tre giorni diversi al
Cinema Adriano. Alle proiezioni seguiranno
dibattitti con registi e professionisti del cinema
italiano per approfondire aspetti tecnici e teorici
dei film proiettati. L’intenzione è quella di far
esplorare ai ragazzi il mondo del film,
dall’ideazione alla produzione, analizzando i
differenti aspetti relativi alla sua realizzazione. Ad
ogni incontro potranno partecipare 500 studenti
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
5
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
l’incontro con figure specifiche del cinema può
aiutare i ragazzi a formarsi. Gli adolescenti con le
potenzialità tecnologiche che hanno, i mezzi,
l’intelligenza e un pizzico di umiltà, possono girare
buoni film a basso costo. Queste iniziative sono
quelle che danno ai giovani una possibilità in più».
Ecco quindi l’ultimo aspetto che fa di questo
progetto una grande iniziativa: la possibilità di
formare studenti e dare loro un orientamento per il
futuro. Il passaggio che i giovani compiono dal
liceo all’università o al mondo del lavoro è vissuto
come un salto nel vuoto; le incertezze e le paure
troppo spesso prendono il sopravvento e la scuola
non sempre è in grado di accompagnarli verso una
scelta coscienziosa e responsabile. Iniziative come
questa, sostenute da professori che decidono di
mettersi in gioco per il futuro degli studenti, hanno
la possibilità di fornire qualche certezza in più agli
studenti, di dar loro un’occasione per sperimentare
le proprie capacità, per trovare la loro strada.
Cinema e scuola in questo progetto lavorano
paralleli per il futuro degli studenti, chissà che
dietro al vincitore del concorso non si nasconda il
nuovo Fellini o il nuovo Zavattini…
per diventare famosi, dando così importanza
unicamente al ruolo dell’attore. In questo modo
corrono il rischio di non prendere in
considerazione tutte quelle figure tecniche e
professionali che lavorano dietro la cinepresa, che
non vivono sotto la luce dei riflettori e senza le
quali non esisterebbe la complessa macchina del
Cinema.
Questo è uno dei motivi per cui il Vittorio Veneto
Film Festival, eccezionale ed emergente realtà per i
giovani, è stato entusiasta di sostenere questo
progetto che dà la possibilità a molti studenti di
relazionarsi con tutte quelle realtà che lavorano nel
cinema e che a volte vengono ignorate.
A dare il suo sostegno a “CIAK… si sKuola”,
presente anche durante la conferenza stampa, è il
celebre giornalista e critico cinematografico Franco
Mariotti, collaboratore dei principali premi
cinematografici
italiani
e
della
Mostra
Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.
Mariotti, che sarà Presidente della giuria di qualità
del concorso Mosaici 2.0, si è detto felice di essere
stato invitato a stare con i ragazzi: «a Venezia ho
avuto la possibilità di conoscere tanti giovani
registi divenuti poi celebri, da Tornatore a Cinzia
Torrini, per cui sono molto entusiasta quando si
parla di giovani. Questa è un’iniziativa seria,
Da Zenit - Gianluca Badii
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
6
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
VERSO LA BUONA SCUOLA – Riflessioni e commenti
LA SCUOLA CHE CAMBIA: I PROCESSI DI VALUTAZIONE, MERITO E QUALITÀ
I dirigenti scolastici sono stati convocati al castello
Utveggio, sede del Cerisdi di Palermo, dall’Ufficio
scolastico regionale per la Sicilia per riflettere sulla
scuola che cambia ed i processi di valutazione,
merito e qualità. Un’occasione, alla vigilia di un
anno scolastico che, nelle intenzioni del governo
nazionale, dovrebbe costituire una svolta. Nel
seminario si è discusso di mettere la scuola al
passo con i tempi e dotare ogni istituto di un
organico funzionale di docenti, ma anche di
finanziare le connessioni alla rete, agevolare
l’alternanza scuola-lavoro, digitalizzare i servizi
amministrativi.
La scuola non è più il luogo in cui si impara a
leggere, scrivere e far di conto. Il vocabolario si
affolla di parole nuove, i linguaggi si
sovrappongono, si confondono. Si può sapere
leggere e scrivere e conoscere la tavola pitagorica
ed essere analfabeti. I ragazzi hanno confidenza
con l’elettronica, mentre gli adulti arrancano.
Si socializza attraverso facebook, tweet e mail, più
che a scuola. Ai dirigenti scolastici è richiesto di
ricoprire il ruolo di capro espiatorio, di parafulmine
dei carabinieri, degli ispettori, dei vigili del fuoco,
dei genitori, dei giudici. Il dirigente ha perso
l’autorevolezza che gli allievi concedevano una
volta a piene mani, ed anche il rispetto degli adulti
che, sempre più, si schierano dalla parte dei
discenti. Si guarda ai dirigenti scolastici come a
responsabili di ogni insuccesso, benché siano privi
di poteri di valutazione sul personale e persino di
poteri disciplinari sugli stessi studenti.
Il 4 dicembre, a Roma, davanti l’ingresso
dell’auditorium Antonianum dove si teneva il
convegno sul decennale INVALSI, tre professori
vestiti da sessantottini distribuivano volantini che
riportavano queste frasi: “L’INVALSI celebra il
decennale della sua servitù”, “E’ stata invitata
tutta la cupola del potere economico finanziario”,
“Se sei un insegnante, non prestarti a fare a fare il
manovale per la somministrazione dei test, se sei
uno studente non compilare i test, se sei un
genitore non permettere che tuo figlio sia
sottoposto a una batteria di test, se sei un dirigente
scolastico, rifiutati di fare il vigilante”. Il fatto che
lo Stato elargisca uno stipendio a tali docenti che in
modo eversivo istigano alla disobbedienza nei
confronti delle leggi, dovrebbe far preoccupare il
governo, ma se questo è rappresentato dal
sottosegretario Faraone, che si dice favorevole alle
occupazioni, allora si comprende come questa
deriva sia inarrestabile.
ASASi
I COBAS si sono
lamentati di non essere
stati invitati al seminario
dell’INVALSI per poter
portare le loro “voci
autenticamente critiche o
dissidenti”. Infatti erano
presenti solo dirigenti e
docenti interessati e
partecipi.
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
7
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
LE SPERANZE DI UNA BUONA SCUOLA
La «buona scuola» del governo Renzi . salutata del
Ministro Giannini
come “la più grande
consultazione mai fatta in Europa» si appresta a
dare i primi risultati.
Dalla consultazione emergono alcune integrazioni
o correzioni di rotta rispetto al documento iniziale.
Appare indispensabile potenziare la formazione
rafforzare l'anno di prova,
rendere attuabile
l'organico funzionale e quello di cattedra,
valorizzando le positive esperienze realizzate .
L’impianto organico dovrebbe essere pronto prima
che si concluda l’anno scolastico, cosicché il
prossimo settembre 2015 si possa iniziare con il
piede giusto. Le promesse
e le proposte
cominciano a diventare realtà
Sull'organico funzionale, le indicazioni maggiori si
sono concentrate nell'utilizzo per «rafforzare la
didattica nelle classi con maggior concentrazione
di alunni» e «per sostenere gli studenti nel recupero
formativo».
Incrementare il tempo di servizio scolastico per i
docenti dovrebbe comportare un incremento
stipendiale e se ciò non avverrà, pretendendo
innovazione e qualità a costo zero, vorrà dire che la
qualità non è un elemento prioritario nella
progettualità innovativa e la scuola potrà essere
“quasi buona”, ma non veramente “buona” come a
parole si proclama.
Nelle 73 pagine del libretto che riporta i risultati si
scopre che ad essere «molto d'accordo» è 1'87%
dei dirigenti scolastici, interessati alla nascente
figura del «preside manager» che chiamerà
direttamente i docenti per comporre quella che nel
gergo neoliberale viene definita la «squadra».
Favorevole anche il 70% dei genitori che hanno
partecipato
alla
consultazione.
Altre proposte emerse dalla consultazione
riguardano il rendere obbligatoria la scuola
dell'infanzia,
agevolare e favorire una reale
integrazione per alunni stranieri o disabili,
prevenendo
la
dispersione
scolastica.
Sul tema caldo della valutazione dei docenti, la
consultazione ha mostrato un fronte ampiamente
favorevole, ma la valutazione dovrebbe essere
finalizzata soprattutto per «costruire percorsi di
miglioramento» e per «determinare il ruolo nella
scuola.
Sulle competenze da potenziare nella scuola il
primo posto lo conquista la lingua inglese, mentre
vi
è una crescente richiesta di dare visibilità
all'educazione civica.
Leggendo le molteplici osservazioni e proposte per
una buona scuola, emerge
una forte
consapevolezza dei punti deboli della scuola
italiana
«Gli italiani vogliono che si esca da scuola con
una buona conoscenza delle lingue straniere,
chiedono educazione alla cittadinanza, più musica
e più arte. Ora tocca a noi, con la collaborazione
delle forze parlamentari -ha affermato il Ministro confezionare provvedimenti che tengano conto di
questi elementi».
Redazione
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
8
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
NOTIZIE
SCUOLA SUPERIORE A LIBRINO
Gli abitanti di Librino, quartiere satellite di Catania, (80 mila abitanti e sette mila studenti) hanno da
tempo richiesto l’attivazione di una scuola superiore nel quartiere, evitando ai ragazzi, come scrive il
parroco Don Piero Sapienza, notevoli disagi per il trasporto. I ragazzi per andare alle scuole superiori del
centro città sono costretti a prendere anche tre o quattro autobus che non sempre garantiscono la
puntualità e l’efficienza.
La non frequenza della scuola superiore, di contro, favorisce l’abbandono e quindi la delinquenza,
incrementando il disagio della popolazione del quartiere.
L’amministrazione comunale di Catania ha presentato una delibera di Giunta, impegnandosi a garantire
per il prossimo anno scolastico l’avvio dell’attività didattica della scuola secondaria di secondo grado nel
quartiere di Librino.
La proposta prevede la trasformazione degli attuali sette
istituti comprensivi in “istituti
omnicomprensivi”, consentendo agli studenti di proseguire l’attività didattica del secondo grado nella
stessa scuola media.
Il quotidiano “La Sicilia” ha celebrato l’evento, titolando a quattro colonne: “Librino avrà le sue scuole
superiori così cancelleremo una vergogna”
L’iniziativa, che è un “atto politico”, molto forte, è stata ben accolta con positività dagli studenti e dai
genitori, sperando che quanto promesso si possa mantenere.
L’idea progettuale e sperimentale dell’istituto omnicomprensivo , consentendo ai ragazzi di proseguire
gli studi nelle scuole del quartiere, ritenuta buona soluzione al problema, dovrà essere approvata dalla
Direzione Regionale e si dovranno fare i conti con la disponibilità dell’organico.
Condizioni e limiti che non dipendono dal Comune di Catania.
L’Osservatorio del VII vicariato, che opera nel quartiere, nella preoccupazione che la sperimentazione
dei sette” istituti omnicomprensivi “ risulti poco efficace, propone che venga istituita una Scuola
superiore autonoma con diversi indirizzi , tenendo conto delle scelte dei ragazzi e le esigenze del
territorio, privilegiando la formazione tecnica e professionale.
Si auspica , infatti, non l’attivazione della “scuola di Librino”, (come se fosse destinata solo ai giovani
del quartiere), bensì di una “scuola superiore che si trova a Librino”, perché la scuola è di tutta la città.
Con questo auspicio si attendono buone notizie per il nuovo anno scolastico 2015-2016
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
9
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
PREMIO REGIONALE IL POSITIVO – VALORI IN MOVIMENTO
Iniziativa dell’Assessorato all’Istruzione del Comune di Adrano
Consegnati i premi agli alunni che si sono distinti per altruismo e impegno nello studio
L’iniziativa realizzata ad Adrano ha premiato gli
studenti meritevoli di tutte le scuole statali e paritarie
del Paese e la consegna dei premi è stata scandita dagli
intermezzi musicali.
eseguiti dalla Schola Cantorum e dell'orchestra del 1°
istituto comprensivo "Guzzardi".
Il primo alunno premiato è stato il piccolo Massimo Iu,
un cinese di 8 anni che frequenta il 1° circolo didattico
"Sante Giuffrida", esempio di grande integrazione e di
come la scuola può essere vissuta e amata sin da
piccoli. Massimo manifesta ogni giorno il suo piacere di
stare a scuola, da cui afferma di "non volere andare
via".
E a seguire le storie di tutti gli altri alunni che nelle loro
scuole si distinguono per il sostegno che offrono ai
compagni in difficoltà. Come Sofia Musarra del 2°
circolo didattico "Don Antonino La Mela" e Paolo
Amoroso del 3° circolo didattico "San Nicolò Politi".
Premio anche ad Andrea Panebianco del liceo Verga
definito "studente modello". Altra storia di amicizia e
solidarietà quella della IV Afm del "Branchina", per la
"sensibilità, l'affetto, la disponibilità dimostrati
nell'accoglienza e nell'inserimento di Marco nel gruppoclasse. Due i premi per profitto e comportamento per
alunni del 2° istituto comprensivo: Angelo La Spina e
Rachele Iozzia. Un premio anche per Nicolò Schilirò
dell'istituto paritario S. Antonio, talento del tennis
nazionale. Il 1° istituto comprensivo "Guzzardi" è stato
inoltre premiato per il gruppo musicale e la Schola
cantorum promossa dalla prima direttrice, ora in
pensione, prof. Enza Bonomo.
Sono stati consegnati dei premi anche alla scultrice
Adriana Tomasello, al preside Giuseppe Adernò, a
Vincenzo Lorefice, presidente provinciale Unicef e alla
prof. Angela Laudani, docente in pensione, da tutti
stimata come insegnante modello.
L’assessore, Prof.ssa Chiara Longo, nel segnalibro
omaggiato a tutti gli studenti ha scritto: In una società
dà particolare enfasi ai disvalori e ad espressioni di
negatività, l’Amministrazione comunale di Adrano ha
messo in luce elementi di positività culturale e
valoriale” Oggi si parla di Adrano non per i soliti fatti
di mafia e di malaffare, ma per il bene e la positività dei
suoi cittadini.
Il teatro Bellini di
Adrano, ha fatto da
scenario
ad
un’iniziativa, che ha
puntato i riflettori sugli
alunni che si sono
distinti a scuola non
solo per il profitto scolastico ma soprattutto per il
comportamento adottato in cui sono emersi valori
positivi. Si tratta del Premio regionale siciliano "Il
Positivo - Valori in movimento", e al Bellini ieri era
presente l'ideatore del premio, il preside Giuseppe
Adernò, il cui progetto è stato accolto dall'assessore
alla Pubblica istruzione del Comune di Adrano, Chiara
Longo che ha curato la manifestazione.
L’iniziativa è stata promossa nel 2006 presso l’Istituto
Parini di Catania, in risposta ad un articolo de “La
Sicilia” che denunciava l“La scuola, come lo specchio
di una società malata”. Tutto ciò è vero, è stato
risposto, ma è altrettanto vero che nella scuola, come in
altri settori della società civile ci sono tanti elementi di
positività e di bene, che non vengono resi noti e non
trovano eco nella stampa, sempre alla ricerca dello
scoop che produce anche maggiori benefici economici.
Nella prima edizione del premio siciliano (2006), sono
stati coinvolti gli studenti di tutte le scuole di ogni
ordine e grado, statali e paritarie, segnalati dai rispettivi
dirigenti e docenti per essersi distinti scuola per un
messaggio di positività nel gruppo classe e per le
qualità di generosità e bontà manifestate, attraverso un
impegno serio nello studio con il conseguimento di
significativi traguardi nel settore della musica, della
poesia, della scrittura di testi, dello sport, del
volontariato o dell’integrazione
Convinto che “fa più rumore un albero che cade e non
una foresta che cresce” il preside Giuseppe Adernò si è
reso, quindi, promotore dell’iniziativa che è stata ben
accolta dalla Direzione Regionale della Pubblica
istruzione e trasmessa a tutte le scuole della Sicilia.
Anche nelle successive edizioni del premio sono stati
valorizzati i talenti presenti nelle scuole, lanciando un
messaggio di ricerca del positivo che c’è nella nostra
società e sono state segnalate per il premio “il Positivo”
anche alcune aziende siciliane che si sono distinte nel
promuovere, quasi dal nulla una nuova cultura e uno
stile di creatività ed imprenditorialità siciliana.
Salvo Sidoti
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
10
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
GARA NAZIONALE DI CHIMICA 2015
L’Istituto di Istruzione Superiore “L. di Savoia” di Chieti, vincitore della Gara Nazionale di Chimica
edizione 2014, organizza l’edizione per l’anno in corso, secondo le direttive del MIUR contenute nella
nota n. 6921 del 13/11/2014.
La manifestazione si svolgerà a Chieti presso la sede dell’Istituto nei giorni 23 e 24 aprile 2015 e sarà
basata sui contenuti dei programmi ministeriali, nuovo ordinamento, del IV anno del corso di studi.
Si prevede lo svolgimento di due prove: una scritta in forma di test a risposta multipla ed una pratica di
laboratorio su argomenti relativi alle discipline di indirizzo svolti nelle classi terze e quarte.
Potrà partecipare alla competizione uno studente per ogni scuola, frequentante la classe quarta nell’anno
scolastico in corso. Ogni Istituto, con modalità proprie, individuerà lo studente più idoneo a
rappresentarlo.
Il programma di massima prevede per i docenti accompagnatori visita della città e ad aziende
particolarmente significative del territorio, con cena di gala finale per tutti i partecipanti.
La gara è un momento interessante per favorire il confronto sui livelli di preparazione tecnica degli
studenti e costituisce un’occasione di confronto fra docenti dello specifico indirizzo, per arricchire ed
innovare la propria offerta formativa.
Il MIUR ha stabilito, a carico di ogni scuola, una quota di iscrizione di € 180,00, oltre alle spese di
viaggio e soggiorno. Il nostro istituto sta scegliendo la struttura alberghiera più idonea e provvederà alle
prenotazioni sulla base delle adesioni raccolte.
Si prevede la sistemazione in camera singola per ogni partecipante docente accompagnatore ed alunno.
L’istituto organizzerà tutti gli spostamenti necessari per lo svolgimento delle prove e per le altre attività
previste dal programma.
La quota di partecipazione aggiuntiva che si stima sarà compresa tra le 250/300 euro sarà comunicata
quanto prima. Al fine di organizzare al meglio l’evento, si invita ad effettuare l’iscrizione compilando la
scheda allegata che andrà restituita all’indirizzo: [email protected]
Successive indicazioni, fra le quali le modalità di pagamento ed il programma dettagliato, saranno fornite
alle scuole partecipanti subito dopo le iscrizioni. La scheda va restituita improrogabilmente entro il 21
gennaio 2015.
Si chiede di allegare i programmi della classe III e IV relativi alle seguenti discipline:
Analisi Chimica
Chimica Organica
Tecnologie Chimiche Industriali
Potete tenervi aggiornati consultando il sito: www.itisavoia.ch.it, dove sarà disponibile una sezione
dedicata alla gara.
Per eventuali chiarimenti potrà rivolgersi a:
DSGA tel. 0871450901 – [email protected]
Prof.ssa Iezzi Anna Maria – [email protected]
Prof. Valter Damonti – [email protected]
Prof.ssa Donatella Minichilli – [email protected]
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof. Edoardo Palazzo
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
11
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
CONCORSO “SICILIA, MY LOVE IN…ARTE”
Con riferimento alla Legge regionale siciliana n.9 del 31 maggio 2011, relativa alla promozione, alla valorizzazione
e all’insegnamento della storia, della storia dell’arte, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle
scuole di ogni ordine e grado, l’Archivio Gianbecchina, di Palermo - l’Accademia di Belle Arti Kandinskij e il
Centro culturale Adranon indicono la prima edizione del concorso pittorico “SICILIA MY LOVE IN…ARTE”
con la finalità di valorizzare i caratteri ed il patrimonio storico e artistico-culturale della Sicilia, nonché di far
conoscere la figura e l’opera del grande Artista Gianbecchina, nella copertina del Romanzo“Sicilia, my love” di
Enzo Randazzo, con invito alla lettura di Gisella Mondino, ideata e curata da Alessandro Becchina e Nicolò
Randazzo.
Il concorso si articola in tre sezioni:
- la prima, rivolta agli studenti degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore, Accademica e Universitaria,
consisterà nell’elaborazione di rappresentazioni grafiche, pittoriche e fotografiche aventi come argomento i temi
portanti della Sicilia, terra dell'alterità per eccellenza, punto di incontro, integrazione e accoglienza, ieri e oggi,
nonché l’amore e il Paesaggio Siciliano nelle opere di Gianbecchina e nel romanzo “Sicilia, my love” di Enzo
Randazzo.
- la seconda è indirizzata agli alunni della Scuola secondaria di I grado e consisterà in rappresentazioni grafiche,
pittoriche e fotografiche, aventi come tema l’amore e il Paesaggio Siciliano nelle opere di Gianbecchina e nel
romanzo “Sicilia, my love” di Enzo Randazzo.
- la terza è indirizzata a tutti gli altri alunni delle classi della Scuola Primaria e dell’Infanzia che dovranno produrre
semplici opere grafiche o pittoriche, secondo le tecniche artistiche studiate, aventi come tema l’amore e il
Paesaggio Siciliano nelle opere di Gianbecchina e nel romanzo “Sicilia, my love” di Enzo Randazzo.
Modalità tecniche, stilistiche e formali:
Le opere ispirate al tema del concorso, dovranno essere eseguite con tecniche grafiche, pittoriche e fotografiche a
libera scelta del concorrente.
Il formato di ogni singolo elaborato realizzato su supporto cartaceo dovrà avere una dimensione di cm.34x54.₳
Le stesse Scuole aderenti a “Sicilia, my love in…Arte” provvederanno a selezionare, secondo i criteri indicati, i
primi classificati delle tre sezioni ed inviarli all’Archivio Gianbecchina con sede in Via Cavour, 106 Palermo
90133.
Email: [email protected] cell. 333 3556614
.
Gli elaborati dovranno pervenire alla segreteria dell’Archivio entro il giorno 10 gennaio 2015.
Ai primi classificati di ogni sezione saranno assegnati attestati ed altri significativi riconoscimenti.
La cerimonia di consegna degli attestati e dei premi si svolgerà entro il 28 gennaio 2015 presso la Sala Gialla
dell’Assemblea Regionale Siciliana, alla presenza degli studenti delle scuole aderenti, dei docenti, dei
rappresentanti istituzionali della cultura e istruzione e della giuria.
Il Presidente dell’Archivio
Alessandro Becchina
Il Direttore dell’Accademia Kandinskij
Silvia Guaiana
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
12
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
CONTENZIOSO: La rubrica sui conflitti della scuola.
SUPPLENZE A DOCENTI DI LINGUA STRANIERA “NON ABILITATI”
Ill.mo Amico,
Ti invio una deliberazione della Corte dei Conti per avere un Tuo autorevole parere in
merito per un ricorso. Il 25 novembre 2014 la Corte dei Conti Siciliana mi ha
notificato una deliberazione dell’adunanza del 24 ottobre 2014 che invalida il
contratto di supplenza a tempo determinato da me stipulato il 21 settembre 2013 con una docente
di lingua cinese. Il 6 maggio 2014 la Ragioneria territoriale dello Stato di Trapani aveva investito la
Corte del problema in quanto ad avviso della Ragioneria il contratto non poteva essere stipulato in
quanto la docente non era ancora laureata. Inutile era stata la mia memoria difensiva che
documentava che nella graduatoria d’istituto non erano presenti docenti laureati, inutile il parere
dell’USRS che mi dava ragione, inutile dimostrare che non esistevano altri docenti che potessero
insegnare la disciplina.
Cordialità
Lettera firmata
Caro collega,
La questione da te sollevata mi sembra molto grave e interessante al tempo stesso. Infatti a mio
avviso, la Ragioneria Territoriale dello Stato di Trapani ha abusato del suo ufficio nel segnalare alla
Corte dei Conti la presunta illegittimità del contratto di supplenza da te stipulato. Infatti al dirigente
scolastico sono riconosciuti i poteri derivanti dalla posizione “privatistica” dell’Art.5 d. lgs. n.
165/2001, comma 2: “Nell‘ambito delle leggi e degli atti organizzativi di cui all'articolo 2, comma
1, le determinazioni per l'organizzazione degli uffici e le misure inerenti la gestione dei rapporti di
lavoro sono assunte dagli organi preposti alla gestione con la capacità e i poteri del privato datore
di lavoro.” È opportuno precisare che sono attribuite, non alla Ragioneria o alla Corte, ma al giudice
ordinario in funzione di giudice del lavoro le controversie di cui all’art.63 relative a questioni
attinenti al periodo del rapporto di lavoro successivo al 30 giugno 1998. Rientrano, invece, nel
diritto privato perché “assunte dagli organi preposti alla gestione con la capacità e i poteri del
privato datore di lavoro, le determinazioni per le misure inerenti alla gestione dei rapporti di
lavoro” (v. art. 5 comma 2 del d.lgs. n. 165/2001).
Ora a me sembra che il tuo provvedimento (il contratto a tempo determinato) vi siano i connotati di
legittimità: in primo luogo la causa che consiste nella funzione, riconosciuta e tutelata
dall’ordinamento, a cui l’atto amministrativo assolve. Nei provvedimenti, i quali possono essere
adottati solo in quanto una norma giuridica lo consenta, tale funzione è insita nella stessa norma e
quindi è sempre predeterminata.
Altrettanto presente è la forma che è il mezzo attraverso il quale il soggetto esterna la sua volontà.
Nell’attività amministrativa, pur non essendovi al riguardo una norma espressa di carattere generale,
la forma normalmente usata per l’esternazione dell’atto è quella scritta che, secondo dottrina e
giurisprudenza, è assolutamente necessaria nel provvedimento. Tale interpretazione appare ancor
più consolidata dall’entrata in vigore della l. n. 241/1990 che ha introdotto la regola della
motivazione degli atti amministrativi che, in via generale, sembra poter trovare una effettiva
soddisfazione solo attraverso la forma scritta.
Ritengo pertanto che, gli attori che avrebbero potuto invalidare il contratto potessero essere solo
l’USRS o l’UST da questo delegato (ma il direttore generale dichiara legittimo il contratto), o il
giudice del lavoro, o il giudice civile (in caso di ricorso o controversia, ma non mi sembra questo il
caso poiché nessun altro ambiva alla supplenza), o il TAR, dove nessuno ha presentato ricorso.
Ma andiamo al cuore del problema: un atto amministrativo si definisce invalido quando è difforme
dal modello astratto delineato dalla legge. Tre sono le specie di invalidità riscontrabili nell’atto
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
13
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
amministrativo: la nullità, l’annullabilità, l’irregolarità. La maggiore o minore gravità del vizio
dell’atto determina il tipo di invalidità a cui lo stesso è esposto
Ai sensi dell’art. 21 septies della legge 241 del 1990 e sue modificazioni e integrazioni, è nullo il
provvedimento amministrativo che manca degli elementi essenziali, che è viziato da difetto assoluto
di attribuzione, che è stato adottato in violazione o elusione del giudicato, nonché negli altri casi
espressamente previsti dalla legge: non mi sembra che nel tuo atto siano contenute queste
violazioni. Un atto amministrativo è annullabile quando, pur avendo tutti gli elementi essenziali per
la sua esistenza, presenta un vizio relativamente ad uno dei suoi requisiti di legittimità. Sono
requisiti di legittimità quelle componenti dell’atto, ulteriori rispetto agli elementi essenziali, previste
dall’ordinamento e perciò necessarie ai fini della sua validità.
Ma ciò che a me sembra massimamente importante è che per legge l’atto annullabile, pur essendo
invalido, è idoneo a produrre i suoi effetti finché non sia stato annullato o sospeso dal giudice
amministrativo, o dallo stesso soggetto che lo ha emanato (autotutela). E’ necessaria la
compresenza con la fattispecie viziata di un interesse pubblico concreto ed attuale alla eliminazione
del provvedimento invalido (ex multis, Cons. St., parere adun. gen. del 10.06.1999 e sent. sez. IV,
07.11.2002, n. 6113) e io non riesco a trovare il motivo di un interesse pubblico all’insegnamento
del cinese in un liceo.
La legge prevede: Annullamento d’ufficio e vizi ex art. 21-octies, comma 2: “Non è annullabile il
provvedimento adottato in violazione di norme sul procedimento o sulla forma degli atti qualora,
per la natura vincolata del provvedimento, sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe
potuto essere diverso da quello in concreto adottato”. A me sembra che non esistessero alternative
per assicurare l’insegnamento del cinese nel liceo.
Inoltre ex art. 21-nonies il provvedimento amministrativo recita: “può essere annullato d’ufficio,
sussistendone le ragioni di interesse pubblico”. E credo che vi fossero ragioni di interesse pubblico
nell’impedire l’insegnamento del cinese visto che è necessario che l’amministrazione faccia
riferimento, nell’apposita motivazione, all’attualità e concretezza dell’interesse pubblico che con il
provvedimento di annullamento si mira a perseguire (da ultimo Cons. St., sez. V, 11.10.2005, n.
5479).
Ai sensi della previsione ex art. 21-nonies il provvedimento amministrativo illegittimo può, infatti,
essere annullato d’ufficio sussistendone le ragioni d’interesse pubblico “entro un termine
ragionevole e tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati” = necessaria
valutazione dell’interesse pubblico all’annullamento non come interesse isolato, bensì come
necessariamente rapportato agli altri interessi pubblici e privati concretamente coinvolti. Come
vedi, anche in questo caso l’interesse dei destinatari (docente e allievi) era rispettivamente di
lavorare e di apprendere il cinese, mentre non vedo contro interessati.
In particolare, un provvedimento emanato ad anni di distanza, di rimozione di una precedente
determinazione ampliativa della sfera giuridica di un privato, deve recare puntuali precisazioni in
merito all’interesse pubblico in concreto tutelato, che vadano al di là del mero interesse al ripristino
della legalità e che abbiano specifico riguardo al pregiudizio che, a causa dell’affidamento
ingenerato, l’annullamento d’ufficio sia in grado di produrre nella sfera del singolo (ad es. Cons.
St., sez. V, 19.02.2003, n. 899). L’interesse al mantenimento della situazione di vantaggio del
privato va ponderato con l’interesse pubblico all’annullamento dell’atto, sempre che, naturalmente,
vi sia stata buona fede da parte del destinatario del provvedimento che ora si vuole annullare (da
ultimo Cons. St., sez. V, 09.05.2000, n. 2648)
L’atto annullato - a differenza di quello nullo - può essere convalidato dall’amministrazione, cioè
corretto in modo da eliminarne i vizi, entro un termine ragionevole e quando sussistano le ragioni di
interesse pubblico. La convalida comporta quindi l’emanazione di un provvedimento nuovo ed
autonomo di carattere costitutivo che si ricollega all’atto convalidato al fine di mantenerne fermi gli
effetti sin dal momento in cui esso venne emanato.
Sorprende quindi che il magistrato dott. Di Pietro, della Corte dei Conti, sezione di controllo per la
Regione Siciliana, nella qualità di relatore per il collegio giudicante, abbia dichiarato “la non
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
14
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
conformità a legge del provvedimento e manda all’Amministrazione per l’adozione delle
consequenziali misure di competenza”.
A mio modesto avviso infatti la Corte avrebbe dovuto dichiarare irricevibile la segnalazione della
Ragioneria Territoriale, in quanto in contraddizione con le disposizioni emanate dallo stesso
Procuratore Generale presso la Corte dei Conti il 28 febbraio 1998 con prot. 1C/16 (trasmessa alle
pubbliche amministrazioni, ai ministeri e alle scuole) con la quale stabiliva che le denunce, per
essere ricevibili, dovessero avere tre requisiti: l’individuazione del responsabile, l’individuazione
della illegittimità dell’atto, la definizione del danno arrecato all’Erario. A me non pare che sia stato
arrecato un danno all’Erario, essendo stato svolto il corso di cinese con soddisfazione degli utenti,
pertanto la generica denuncia della Ragioneria non poteva essere accolta.
Più correttamente la Ragioneria avrebbe dovuto allertare l’USRS che avrebbe disposto ispezione
per verificare l’eventuale sussistenza di illeciti. Infatti la Ragioneria non è superore gerarchico dei
dirigenti scolastici e non può giudicare nel merito i loro atti.
Esiste poi una considerazione che non possiamo esimerci dall’evidenziare: Ma la Ragioneria, cui
viene inviato il contratto in copia (oltre che all’UST) in tempo reale il 21 settembre 2013, solo il 6
maggio 2014 si accorge che il contratto non sarebbe valido? La Ragioneria, per propria inerzia e
inefficienza, avrebbe dunque lasciato che un contratto, ipoteticamente illegittimo, avesse esplicato i
suoi effetti per otto mesi e ne pretenderebbe l’invalidità a conclusione del lavoro.
Caro collega, il mio consiglio è che tu sospenda cautelativamente il contratto con la docente di
lingua cinese in attesa che l’USRS, cui la Corte chiede l’adozione di consequenziali misure di
competenza, convalidi l’atto e ti ingiunga l’emanazione di un provvedimento nuovo ed autonomo di
carattere costitutivo che si ricollega all’atto convalidato al fine di mantenerne fermi gli effetti sin
dal momento in cui esso venne emanato.
Roberto Tripodi
Piero Cipollone: uno dei tre partecipanti al
decennale dell’INVALSI, su trecento,
favorevole alla valutazione del personale.
L’ex sottosegretaria attuale Consulente del Ministro
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
15
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
CONCORSO NUOVI DIRIGENTI
FORMAZIONE AL CONCORSO A DIRIGENTE SCOLASTICO
Il corso, articolato in moduli in presenza e on line con 400 item con risposta, che saranno integrati subito
dopo l’emanazione del bando, consentirà di acquisire un’adeguata preparazione utile al superamento delle
prove. La metodologia delle lezioni in presenza: lezioni frontali, seminari di lavoro di gruppo, moduli
pluridisciplinari, e-learning, esercitazioni in presenza, simulazioni della prova. Saranno trattare le aree
disciplinari: giuridiche, amministrative, gestionali e pedagogiche. La verifica e la valutazione periodiche sarà
effettuata attraverso test attitudinali ed esercitazioni in presenza. Quota di partecipazione al corso: €
300,00 per iscritti ANIEF e scuole associate ASASi, € 450.00 per i non associati ANIEF o ASASi. Gli
Incontri Seminariali avranno luogo presso l’aula magna del liceo Umberto I di Palermo - dalle ore 15.00 alle
ore 18.00). il corso è finalizzato alla preparazione al test di accesso. La prova preselettiva sarà di natura
oggettiva ed ha carattere culturale e professionale. E' volta ad appurare le competenze dei candidati. Questo
il programma di massima, che potrà subire variazioni a seguito della pubblicazione del bando ministeriale:
1. Sabato 17 gennaio 2015 Anna Armone Esperta Funzione pubblica (BO) “Stato giuridico del
personale della scuola e relazioni interorganiche, funzioni dei dirigenti, la peculiarità della dirigenza
scolastica.”
2. Lunedì 26 gennaio 2015 Adriana Bongiorno Dirigente scolastico emerito “Modalità di conduzione
delle organizzazioni complesse e gestione dell’istituzione scolastica, con riferimento alle strategie di
direzione”.
3. Lunedì 2 febbraio 2015 Giusi Buccola Dirigente scolastico emerito “L’area organizzativa,
relazionale e comunicativa, con riguardo all’integrazione interculturale e alle modalità di
comunicazione istituzionale”.
4. Lunedì 9 febbraio 2015 Roberto Tripodi Dirigente scolastico emerito “La Contrattazione
integrativa d’istituto, norme di attuazione della L. 15 del 4 marzo 2009, Riforma della disciplina del
rapporto di lavoro alle dipendenze delle P.A., Privacy a scuola e protezione dei dati,”
5. Lunedì 16 febbraio 2015 Lucia Rovituso Formatrice Formez “L’area socio-psicopedagogica, con
riferimento ai processi di apprendimento, alla valutazione dell’istituzione scolastica, alla
motivazione. Autonomia Scolastica e qualità del Sistema scolastico e formativo.”
6. Lunedì 23 febbraio 2015 Vito Lo Scrudato Dirigente scolastico: “La gestione dell’istituzione
scolastica, predisposizione e gestione del piano dell’offerta formativa nel quadro dell’autonomia
delle istituzioni scolastiche e in rapporto alle esigenze formative del territorio.”
7. Lunedì 2 marzo 2015 Giuseppe Pintaldi Direttore S.G.A. “L’area giuridico -amministrativo finanziaria, con riferimento alla gestione integrata del piano dell'offerta formativa e del programma
annuale”
8. Lunedì 9 marzo 2015 Gaetano Festa Direttore S.G.A. “Decreto Interministeriale 1 febbraio 2001, n.
44, Regolamento concernente le Istruzioni generali sulla gestione amministrativo -contabile delle
istituzioni scolastiche".
9. Lunedì 16 marzo 2015 Domenico Doro (ing. elettronico - esperto) “tecnologie informatiche e
comunicazione Uso dei nuovi linguaggi multimediali nell’insegnamento, competenze software e
hardware”
10. Lunedì 23 marzo 2015 (docente di lingua inglese) lingua straniera prescelta: inglese.
“Metodologia CLIL, comunicazione in lingua inglese, comprensione e analisi del testo)”.
Torna al sommario
**************************************************************************
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
16
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
L’ASASI PROMUOVE L’USO DEL SOFTWARE LIBERO
L’ASASI aderisce alle raccomandazioni Europee sulle specifiche di uso da parte delle P.A. del software
libero e pertanto, la Letterina viene diffusa in formato internazionale ODT open document.
In alternativa la Letterina è distribuita nel formato PDF Portable Document Format.
Questo formato è leggibile con il software gratuito Acrobat Reader, scaricabile mediante il seguente link
Download Acrobat Reader . Sul sito www.asasicilia.org sono reperibili i numeri arretrati della letterina
ISCRIZIONE ALL’ASASi
Per ottenere l’adesione all’ASASi di una scuola o di una rete di scuole e per pagare la quota annuale:
1) Delibera del Consiglio di Circolo/Istituto o dell’organo preposto se si tratta di una rete di scuole; non è
obbligatorio inviarla; basta citarne gli estremi nella lettera di adesione;
2) Lettera di adesione: va inviata una comunicazione presso la sede operativa sotto indicata anche per
posta elettronica e registrazione on-line da effettuare sul sito dell’ASASi;
3) Pagare la quota associativa annuale:
SINGOLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE : 50,00 euro
RETI DI SCUOLE: 25,00 euro x numero di scuole che compongono la rete (esempio: rete di 10 scuole
= 250,00 euro)
Il versamento, a favore dell’Associazione, va fatto tramite bonifico bancario, utilizzando l’IBAN riportato
di seguito. La spesa va imputata, nell’ambito del Programma Annuale.
Associazione delle Scuole Autonome della Sicilia, c/o ITIS Volta, Viale dei Picciotti 1, 90123
Palermo.
Banco Popolare Siciliano- IT07 Z 05034 04603 000000147624, via Buonriposo, 110, 90124
Palermo, ag. N°3.
ORGANIGRAMMA ASASI 2013-2016
Presidente Onorario Roberto Tripodi ([email protected])
Presidente Lo Scrudato Vito Liceo Classico Umberto I (PA), ([email protected])
Vicepresidente Salvatore Indelicato ITI Cannizzaro di Catania, ([email protected])
Tesoriera Francesca Paola Puleo ICS E. Ventimiglia di Belmonte Mezzagno (PA) ([email protected])
Comitato di coordinamento
Attinasi Pietro IS Petralia Sottana (PA), ([email protected])
Linda Piccione SMS Pluchinotta S. Agata li Battiati (CT)
Grande Valentina III ICS S. Lucia (SR),( [email protected])
Novelli Maria IIS RipostoI.T.N. + I.T.G. + I.P.S.I.A.M. (CT), ([email protected])
Teresa Buscemi Liceo Scientifico Statale "Ettore Majorana" (AG),
Bongiorno Adriana (PA). ([email protected])
Comitato dei Garanti
Maria Paola Iaquinta (CT)
Mauthe Degerfeld Fabio ICS GIOVANNI XXIII (Trabia PA), ([email protected])
D’Agata Laura ICS Padre Gabriele Allegra (Valverde CT)
Rampulla Angela ICS Giovanni Paolo II (Belpasso CT), supplente ([email protected])
Casertano Mario Liceo Scientifico Einstein (PA) supplente.
Collegio dei Sindaci
Ficicchia Francesco IIS De Felice Giuffrida (CT), ([email protected])
Finocchiaro Giampiero IC Lanza Baronessa (Carini PA), [email protected]
Santangelo Margherita ITI Volta (PA) ( [email protected])
Triolo Paola IC Don Bosco (Ribera AG), supplente ([email protected])
Russo Giuseppe (PA), supplente
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
17
F.N.A.S.A. Federazione Nazionale delle Associazioni delle Scuole Autonome - Statuto del 2001Sede legale : Via dei Prefetti 47 - Roma - c/o ANCI - Sede Operativa: c/o ITIS A. Volta, Passaggio dei Picciotti 1, 90123 Palermo
Tel. 091 6494211 - 091 6494216 - fax 091 474126 - sito web: www.associazionescuole.it - e-mail: [email protected]
Redazione della LETTERINA
Direttore responsabile Luca Giuseppe ([email protected])
Direttore redazionale Giuseppe Adernò ([email protected])
Redazione
Roberto Tripodi ([email protected]), Lucia Rovituso ([email protected]), Giuseppe Adernò
([email protected]), Adriana Bongiorno ([email protected]), Gaetano Bonaccorso ([email protected]),
Bianca Boemi ([email protected]), Giovanna Orlando ([email protected]), Concetta Guagenti,
Pietro Attinasi ([email protected]).
L’ASASI aderisce a FNASA Federazione delle scuole autonome
(Federazione Nazionale delle Associazioni Scuole Autonome)
Campania Associazione della Scuole della Campania
Emilia Romagna Associazione scuole autonome Bologna
Friuli Venezia Giulia Associazione delle Scuole del Friuli Venezia Giulia
Lazio Associazione Scuole Autonome del Lazio
Lombardia Associazione Scuole Autonome Bresciane
Lombardia Associazione Istituzioni Scolastiche Autonome Mantovane
Lombardia Associazione delle Scuole Autonome Provincia di Bergamo
Lombardia Associazione Scuole Varese
Piemonte Associazione Scuole Autonome del Piemonte
Puglia Associazione Scuole Autonome della Puglia
Sardegna Associazione Scuole Autonome della Sardegna
Sicilia Associazione Scuole Autonome della Sicilia
Consultare per le news dal mondo della scuola il sito scolastico siciliano www.aetnanet.org e i siti web delle Associazione
Scuole Autonome
Copyright
Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli. Unica condizione: mettere in evidenza che il testo
riprodotto è tratto da www.asasicilia.org
Condizioni per riprodurre i materiali:
Tutti i materiali, i dati e le informazioni pubblicati sono “no copyright”, nel senso che possono essere riprodotti, modificati,
distribuiti, trasmessi, ripubblicati o in altro modo utilizzati, in tutto o in parte, senza il preventivo consenso di ASASi, a
condizione che tali utilizzazioni avvengano per finalità di uso personale, studio, ricerca o comunque non commerciali e che sia
citata la fonte attraverso la seguente dicitura, impressa in caratteri ben visibili: “www.asas.sicilia.it”. Ove i materiali, dati o
informazioni siano utilizzati in forma digitale, la citazione della fonte dovrà essere effettuata in modo da consentire un
collegamento ipertestuale (link) alla home page www.asasicilia.org o alla pagina dalla quale i materiali, dati o informazioni
sono tratti.
Informativa ai sensi della Legge n. 675 del 31/12/96
In relazione al D.Lgs 196/2003 riguardante la “Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali”,
garantiamo che tali dati vengono solo da noi utilizzati con la massima riservatezza,esclusivamente per l’invio della rivista on
line che non contiene proposte pubblicitarie.
Gli indirizzi e-mail sono trattati in base alla legge sulla Privacy - D.L. 196/03. Qualora, non vogliate più ricevere il
nostro bollettino potete inviare una e-mail, avente per oggetto cancellami, all’indirizzo [email protected]
Tiratura nazionale attuale 40.000 copie esclusivamente in formato elettronico
Torna al sommario
La Letterina, settimanale on line dell’A.S.A.Si. Sicilia - Rete delle scuole autonome della Sicilia - Statuto del 29.01.2003 dal notaio La Fata di Palermo Direttore Responsabile: Giuseppe Luca - Iscrizione al registro del Tribunale di Palermo II sez. civile al n.8/2010
18
Scarica

asasi 420 - Associazione delle scuole autonome della Sicilia