e d i t o r i a l e
Mentre gli imprenditori rischiano ogni giorno sulla propria pelle
La politica non vuole rischiare
L
e scelte coraggiose
arriveranno? Qualcuno di
noi sta ancora sperando, di
fronte a qualche timido segnale,
come la marcia indietro del
Governo sull’aumento dei
contributi per gli apprendisti, le
prime parziali liberalizzazioni,
l’esclusione delle piccole imprese
dalla nuova normativa sul TFR.
Adesso che le feste di Natale e la
Finanziaria sono alle spalle, ora
che il 2007 ci sta portando ad
affrontare i grandi temi come
quello della riforma
pensionistica, possiamo
cominciare a capire quale futuro
dovremo aspettarci per il nostro
Paese. Le prime mosse
dell’esecutivo in questo gennaio
appena trascorso non sono
ancora sufficienti ad alimentare
qualunque aspettiva. Ancora una
volta l’eterno teatrino della
politica rischia di prendere il
sopravvento, dimenticando i
solenni impegni che fino a ieri
hanno abbagliato gran parte
degli italiani.
Noi, ahimé, non ci eravamo
sbagliati lo scorso novembre,
quando ci siamo ritrovati a
Milano per protestare contro una
manovra che ha penalizzato non
solo l’artigianato e gli
imprenditori, ma tutto il mondo
produttivo, i giovani in cerca di
occupazione, i lavoratori
dipendenti, i pensionati. Lo
stesso viceministro
dell’Economia Visco ha ammesso
che “manca una visione
consapevole e condivisa del
futuro dell’Italia per indirizzare
l’azione del Governo”.
Certo, ci vogliono forza e
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
decisione per mettere mano a
questioni come la previdenza, il
welfare, il riassetto del settore
pubblico, le liberalizzazioni. Il
Governo dovrebbe impegnarsi in
un estenuante braccio di ferro
nel grande gioco degli interessi
contrapposti. Ma la politica
italiana, per sua natura,
preferisce non scontentare
nessuno, con il risultato di
paralizzare ogni seria riforma. Le
urgentissime misure che erano
state promesse nei prossimi
cinque mesi stanno già per essere
declassate a progetti da valutare
nell’arco della legislatura. Così
come non vediamo ancora
esempi concreti dell’impegno a
ridimensionare i privilegi di
banche, assicurazioni, imprese
elettriche e del gas, enti inutili.
Una politica che non ascolta il
Paese non potrà mai garantirgli
uno sviluppo e una crescita.
Circondati da un mondo che
cambia in modo vertiginoso e
assaliti da una concorrenza
senza tregua, abbiamo necessità
di un’Italia che funzioni.
Abbiamo bisogno di speranze, di
orizzonti, di progetti concreti. I
nostri partiti sono putroppo
ancora troppo ancorati a un
modo di ragionare e procedere
che appartiene al passato.
Sembra quasi che l’eco dei
radicali mutamenti in atto nella
società a livello mondiale non
riescano a perforare le mura del
“Palazzo”, fermo ai rituali e alle
liturgie di un tempo, incapace di
guardare al di là del proprio naso
e di uscire da una mediocre
gestione del quotidiano.
Noi facciamo gli imprenditori.
Cerchiamo di svolgere il nostro
lavoro seriamente, con passione
e coraggio. E’ troppo chiedere
che anche la politica faccia il suo
lavoro con altrettanto coraggio?
Arnaldo Redaelli
Presidente Confartigianato Lecco
L’ARTIGIANATO LECCHESE
N. 1 ■ 30 gennaio 2007
Aut. Tribunale di Lecco n. 61 del 28.3.1965
La quota associativa base è pari a € 175,00 di cui
€ 2,80 relativo al costo dell’abbonamento al periodico
“L’Artigianato Lecchese”. La quota associativa non è
divisibile. La dichiarazione viene effettuata ai fini postali
direttore responsabile: PAOLO GALBIATI
caporedattore: ALBERTO RICCI
redazione: LAURA CARSANIGA, FRANCESCO
CHIRICO, ARMANDO DRAGONI, ROBERTO
FERRARIO, MATILDE PETRACCA, ALBERTO
RIVA, ILDEFONSO RIVA, ANGELO TENTORI
stampa: Editoria Grafica Colombo snc
Via Roma 87, Valmadrera (Lc)
Tel. 0341 583015 - Fax 0341 583062
composizione: Studio Grafico Artego
Viale Costituzione 31, Lecco
Tel. e fax 0341 350457
Questo periodico è associato
alla Unione Stampa Periodica Italiana
www.artigiani.lecco.it E-mail: [email protected]giani.lecco.it
QUESTO NUMERO
VIENE DISTRIBUITO
IN 5.300 COPIE
R E G .N .1 5 7 9 -A
UNI EN ISO 9001:2000
3
v i t a
a s s o c i a t i v a
Le vantaggiose condizioni del Consorzio C.En.P.I. per il 2007
L’energia costa meno, l’impresa cresce
19 FEBBRAIO
Seminario sulla
sicurezza informatica
Sono disponibili gli ultimi posti per il
seminario gratuito “La sicurezza in rete
e le nuove tecnologie”, che si svolgerà
lunedì 19 febbraio alle ore 18.30 presso
Confartigianato Lecco. L’incontro, svolto
in collaborazione con la società Lecco
Servizi Web, illustrerà le tecniche di
salvaguardia dei sistemi
informatici da potenziali rischi
e/o violazioni dei dati, con
particolare riguardo alla loro
confidenzialità, integrità e
disponibilità. Verranno prese
in esame sia la sicurezza in
internet (virus e antivirus, firewall, spam
e antispam, hacker e cracker, Malfare,
Cavalli di Troia, Spyware e Dialers), sia
la sicurezza in locale (LAN), con
approfondimenti sulla tecnologia
wireless. Per iscrizioni: Ufficio Progetti
Speciali, tel. 0341-250200.
Utenze in bassa tensione €/kWh
Anche per l’anno 2007 Confartigianato Lecco, attraverso il Consorzio C.En.P.I, ha
ottenuto condizioni ancora più favorevoli rispetto al passato per quanto riguarda
l’acquisizione di energia elettrica nel mercato libero
Questo importante risultato è dovuto in
primo luogo all’accresciuta forza dell’aggregazione di imprese: nel corso del 2006
è stato raggiunto l’importante traguardo di
oltre 1.800 imprese servite, per un totale di
270 milioni di kWh negoziati. La ricerca di
un partner sempre più affidabile e con offerte convenienti ha portato a chiudere per
il 2007 un accordo con il fornitore “MPE Energia”, azienda del gruppo Merloni.
Grazie a questa intesa, gli utilizzatori di
energia in Bassa tensione potranno usufruire di un’offerta con un prezzo fissato
per tutto l’anno, o in alternativa di un bonus euro per kWh: data l’attuale situazione di mercato, la prima soluzione è senz’altro la tipologia di offerta più conveniente
per il cliente finale, in quanto prevede un
prezzo fisso indipendentemente dall’andamento del costo dell’energia nel corso dell’anno. Facendo un paragone con l’attuale
prezzo fissato dall’AEEG (Autorità per l’energia elettrica e il gas), la fornitura Cenpi
a prezzo fisso presenta le condizioni elencate nella tabella. Il prezzo pubblicato in
fattura sarebbe pertanto pari a 0,081992
euro/kWh. Un’offerta simile è riservata anche alle utenze in Media tensione. Un ulteriore vantaggio, inoltre, consiste nel fatto
che gli oneri per la componente CO2 saranno inclusi nel prezzo di fornitura, così
come gli oneri per i certificati verdi VE, e
non sarà dovuto alcun onere relativo alla
componente UC1 che viene addebitata ai
clienti del mercato vincolato ed ai clienti
del mercato libero che non contrattano
questa voce di costo (nel corso dell’anno
2006 coloro che non hanno contrattato tali voci di costo hanno sostenuto un costo
aggiuntivo pari a 0,0015 per la UC1 e per la
CO2 un costo tra 0,001 e 0,0015 euro kWh).
Per ogni ulteriore informazione: Confartigianato Lecco (L. Carsaniga, tel. 0341
250200, [email protected]; E.
Pensotti, tel. 0341-890370, [email protected]).
Prezzo PC*
Prezzo Cenpi
Perdite (10,8%)
Percentuale
di sconto su PC*
0,093900
0,074000
0,007992
12,68%
(*): il prezzo “PC” è la componente del prezzo complessivo che copre i costi di approvigionamento dell’energia elettrica per i clienti del mercato vincolato
Scadenza presentazione domande: 30 aprile 2007
Bando per il risparmio energetico e le fonti rinnovabili
La Provincia di Lecco, assessorato all’Ambiente e
Ecologia finanzia l’installazione di pannelli solari
termici e la sostituzione di caldaie obsolete con
nuovi impianti ad alto rendimento, alimentati a
gas naturale o a G.P.L.
Complessivamente sono a disposizione
456.000 euro.Le domande dovranno
essere presentate entro il 30 aprile 2007.
Saranno ammessi a contributo
esclusivamente gli interventi iniziati
dopo il 24 novembre 2006.
L’intervento diretto alla sostituzione
dei generatori di calore autonomi o
condominiali è rivolto a tutti i cittadini
della Provincia di Lecco (esclusi gli Enti
Pubblici). Il contributo è finalizzato all’installazione di
4
impianti ad alto rendimento (impianti a
condensazione) privilegiando inoltre gli impianti che
verranno dotati di valvole termostatiche e misuratori
di flusso.Il bando relativo al solare termico è diretto
all’installazione di nuovi impianti a pannelli
solari termici, collocati sul territorio
provinciale, destinati a produzione di acqua
sanitaria o riscaldamento degli ambienti. Il
contributo è rivolto a tutti i cittadini della
Provincia di Lecco e agli Enti Pubblici.Si
precisa che entrambi gli interventi dovranno
essere conclusi entro il 31 dicembre 2007.Il
regolamento completo con la relativa
modulistica per partecipare al bando è
disponibile sul sito della Provincia
http://www.provincia.lecco.it/bandienergia/
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
v i t a
a s s o c i a t i v a
Confartigianato ha ottenuto diverse modifiche alla Finanziaria
Ma la battaglia continua...
L’azione decisa e tenace esercitata quotidianamente da Confartigianato negli ultimi tre mesi ha consentito di modificare
l’iniziale impostazione della Legge Finanziaria 2007 che era fortemente sbilanciata a sfavore del lavoro autonomo e della
piccola impresa.
Un’attività di lobbying costruita ed attuata giorno dopo giorno, manifestazioni
di piazza, confronti serrati con i rappresentanti del Parlamento e del Governo,
campagne stampa realizzate in tutta Italia: il Sistema Confartigianato si è mostrata determinata e compatta nel promuovere iniziative di protesta e di proposta finalizzate a far comprendere alle istituzioni e all’opinione pubblica le ragioni e le aspettative di sviluppo espresse dagli artigiani e dai piccoli imprenditori.
Abbiamo ottenuto significativi ripensamenti da parte del Governo: sul fronte
fiscale, innanzitutto, il Protocollo firmato
con il Vice Ministro alle Finanze Visco e il
Ministro dello Sviluppo Economico Bersani scongiura il pericolo di trasformare gli
studi di settore in un punitivo ed automatico strumento di prelievo nei confronti
della nostra categoria.
Lo stesso Protocollo contiene impegni
altrettanto importanti per favorire lo sviluppo economico per l’artigianato e le piccole imprese.
Certo, si tratta di impegni che ora vanno tradotti in misure concrete ed applicabili alle nostre aziende.
Per questo, continueremo la nostra attività di vigilanza e di confronto con il Governo ed il Parlamento per definire ed attuare quanto previsto nel Protocollo.
La Confederazione è anche riuscita ad
attenuare l’impatto di un’altra misura iniqua prevista nella stesura iniziale della Finanziaria, riguardante l’introduzione dei
contributi previdenziali per gli apprendisti, ed ha ottenuto dal Governo il riconoscimento del ruolo economico e sociale
degli artigiani e delle micro-imprese.
Un risultato altrettanto significativo riguarda l’esclusione delle Pmi con meno
di 50 addetti dall’obbligo di trasferire il
TFR all’apposito Fondo istituito presso
l’Inps. La Finanziaria 2007 segna anche il
raggiungimento di un primo traguardo
nella battaglia che Confartigianato sta
conducendo dallo scorso anno per otteL’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
Il direttore Paolo Galbiati traccia
un bilancio dell’attività di lobby
condotta da Confartigianato per
attenuare l’impatto delle misure
previste nella stesura iniziale
della Finanziaria.
nere la riduzione dei premi INAIL. Infatti,
nella manovra economica si prevede, per
la sola Gestione dell’artigianato, una riduzione dei premi nella misura di 100 milioni di euro nel 2007 ed un’analoga ridu-
zione, fermo restando l’avanzo della Gestione artigianato, che vale 300 milioni di
euro nel 2008 e nel 2009.
Altre misure importanti riguardano la
promozione del made in Italy, l’aggregazione dei Consorzi fidi, l’applicazione degli ammortizzatori sociali all’artigianato,
l’innovazione tecnologica delle Pmi.
Nonostante questi risultati, conquistati grazie al grande impegno profuso da
tutto il Sistema Confederale, il nostro giudizio sulla Finanziaria rimane condizionato dall’approccio che ne caratterizzava
l’impostazione iniziale. Si tratta di una
manovra che non taglia sprechi e inefficienze della spesa pubblica e non contiene efficaci interventi di rilancio della competitività e di sostegno per la piccola impresa.
Ora bisogna voltare pagina: l’approvazione definitiva della Legge di bilancio,
non esaurisce la nostra battaglia per sollecitare l’avvio di quella che il Governo ha
definito la ‘fase due’, vale a dire la stagione di riforme strutturali indispensabili
per liberare il Paese e le imprese da vincoli ed ostacoli che ne frenano lo sviluppo: la liberalizzazione dei mercati dell’energia, la riforma della Pubblica Amministrazione, la semplificazione degli adempimenti burocratici, la riforma delle professioni e dei servizi pubblici locali.
Iscriviti a Confartigianato Lecco
La tua impresa
spicca il volo.
Confartigianato. Più forti, più preparati, più tutelati.
5
i n n o v a z i o n e
Finanziamenti regionali per biotecnologie e materiali avanzati
Contributi per l’innovazione
SERATA INFORMATIVA
La retribuzione e il cedolino
Il Gruppo Giovani, in collaborazione con
l’Associazione propone una serata
informativa sul tema “La retribuzione
dei dipendenti e i contenuti del cedolino
paga”. L’incontro è aperto a tutte le
imprese associate e si svolgerà nel
mese di marzo. Per informazioni: Ufficio
Formazione, tel. 0341.250200.
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
Opportunità per gli elettricisti
Sei un’azienda del settore elettrico ed elettronico? Vuoi ospitare in stage uno studente delle classi terze dell’I.P.S.I.A. “Fiocchi”
di Lecco? Grazie ad un progetto sperimentale sull’alternanza scuola-lavoro, Confartigianato Lecco ti offre l’opportunità di conoscere ragazzi che sono in prossimità di
conseguire la qualifica professionale triennale, avvicinando sempre di più le esigenze del mondo del lavoro a quelle della scuola. Per ogni informazione: Ufficio Formazione (Matilde Petracca, tel. 0341.0250200).
La Regione Lombardia ha pubblicato un
bando per la concessione di contributi a
fondo perduto per la realizzazione di progetti di innovazione tecnologica nei settori
delle biotecnologie e dei materiali avanzati nelle seguenti tre aree applicative: salute e sanità, energia e ambiente, alimentare.
Risorse stanziate: 800 mila euro per
progetti nel settore “biotecnologie”, 2 milioni di euro per progetti nel settore “materiali avanzati”. Per ciascun settore le risorse sono ripartite al 50% tra imprese di
nuova costituzione (da non più di 12 mesi
– INTEC 3) e imprese consolidate (costituite da più di un anno – INTEC 4).
Beneficiari: micro, piccole e medie imprese, incluse le artigiane, con sede operativa in Lombardia.
Progetti ammissibili: progetti di innovazione tecnologica con la finalità di ideare,
trasferire e applicare soluzioni esclusivamente nei seguenti ambiti:
• area salute (sanità+assistenza): sviluppo
prodotti alimentari funzionalizzati, riprogettazione ambienti domestici, protesi
funzionali con materiali innovativi
• area energia e ambiente: materiali innovativi per l’immagazzinamento dell’energia, materiali da costruzioni a risparmio
energetico, domotica, sistemi di monitoraggio ambientali
• area alimentare: film attivi per la confezione degli alimenti, sistemi di diagnostica molecolare.
Spese ammissibili: attrezzature tecnologiche, strumentazione informatica, spese per il personale interno e la sua formazione, spese generali, contratti con università, consulenze. Sono rendicontabili spese sostenute nei 12 mesi antecedenti la
presentazione della domanda e nei 20 mesi successivi la concessione del contributo.
Contributo: a fondo perduto, pari al 30%
delle spese ritenute ammissibili.
Domande: a partire dal 17 aprile, esclusivamente tramite consegna a mano a Milano (procedura “a sportello”, fino ad esaurimento risorse). Entro 120 giorni verrà
comunicato l’esito della valutazione.
Per ricevere il bando completo: Ufficio
Progetti Speciali, tel. 0341-250200.
PER VALSASSINA, VALVARRONE, VAL D’ESINO E RIVIERA
Arriva Internet senza fili
Á
Numerosi paesi della Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e
Riviera erano finora esclusi dai processi di informatizzazione a causa di condizioni geo-morfologiche
difficili che rendevano disagevole e costosa la posa
dei cavi da parte degli operatori telefonici tradizionali. Oggi finalmente è arrivata la risposta alle nostre
insistenti richieste di connettività ad alta velocità: la
tecnologia senza fili “wireless” (wi-fi e Hiperlan). Le tecnologie senza
fili non solo ovviano ai problemi della conformazione territoriale, ma
sono anche economiche e di basso impatto ambientale.
Linkem è l’azienda con la quale Confartigianato ha sottoscritto una
convenzione per portare la connettività wireless ad alta velocità nelle
aziende e nelle case degli associati.
Grazie alla convenzione, è possibile navigare in tutta libertà senza limiti di tempo e traffico. Linkem mette a disposizione dei clienti aziendali 3 diversi piani tariffari per andare incontro alle esigenze di ognuno. La convenzione prevede che tutti gli iscritti a Confartigianato Lecco
che si abbonano al servizio ADSL Linkem non paghino il contributo di
attivazione, con un risparmio fino a 150 euro.
Usufruire della convenzione è semplicissimo, infatti è sufficiente sottoscrivere il contratto di abbonamento Linkem che potrete scaricare di-
6
rettamente dal sito internet www.linkem.com all’interno della voce “dove acquistare” e inviarlo alla Linkem,
accompagnato da una dichiarazione di appartenenza
a Confartigianato Lecco, da richiedere all’ufficio Categorie. Per informazioni rivolgersi in sede (Roberto Ferrario, 0341.250.200) o alle delegazioni di Premana e Primaluna o consultare il nostro sito: www.artigiani.lecco.it
Linkem Life
Linkem Pro6 Linkem Pro 8
Banda Massima Download/Upload
4 Mbit/s
6 Mbit/s
8 Mbit/s
Banda Minima
Garantita Download/Upload
32 kb/s
64 kb/s
128 kb/s
ATTIVAZIONE
GRATUITA
€ 100,00
GRATUITA
€ 150,00
GRATUITA
€ 150,00
CANONE MENSILE
€ 30,00
€ 60,00
€ 100,00
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
v i t a
a s s o c i a t i v a
Si viaggia con la “strisciata”. Perché manca il bollino?
Il mistero del “Bollino blu”
Addio al “bollino blu”? Perché? La delibera
con la quale la Giunta Regionale ha confermato anche per il 2007 la campagna per il controllo dei gas di scarico non prevede più il rilascio della tradizionale vetrofania da esporre
sul parabrezza del veicolo, il cosiddetto “bollino blu”. Al suo posto sembra che sia sufficiente la strisciata che identifica la qualità dei
gas di scarico, attestando che il veicolo rispetta i valori di emissione. Tale documentazione
dovrà essere esibita in caso di controllo da
parte dei soggetti preposti.
Finora non si conoscono le reali motivazioni della mancata stampa dei Bollini blu. Dopo
tredici anni dall’istituzione della vetrofania,
molti autoriparatori hanno espresso la loro
perplessità sull’opportunità di sospenderne
l’applicazione.
Ricordiamo che sono assoggettati alla
Campagna di controllo dei gas di scarico per il
2007 gli autoveicoli pubblici e privati, adibiti
al trasporto di merci e/o persone immatricolati in tutte le Province lombarde e nelle Province non lombarde, ma di proprietà o in uso ai
residenti in Lombardia:
8 dotati di motore ad accensione a scintilla
(benzina, gpl, gas) ed immatricolati dal
01.01.1970 al 31.12.2002;
8 dotati di motore con accensione per compressione (diesel) ed immatricolati dal
01.01.1970 al 31.12.2002, in quanto quelli
immatricolati nel corso dell’anno 2003 saranno sottoposti, nell’anno 2007, alla
prima revisione prevista dal Nuovo Codice
della Strada;
8 immatricolati dal 1° gennaio 2004 e che
abbiano percorso più di 80.000 Km.
Si precisa che, ai fini della Campagna 2007,
è confermata per l’intero anno, decorrente
dalla data in cui è stato effettuato l’ultimo
controllo dei gas di scarico, la validità del
controllo medesimo.
Sono esenti dall’obbligo:
8 gli autoveicoli che nel corso dell’anno
2007 hanno superato l’apposita revisione
prevista dal Nuovo Codice della Strada.
8 gli autoveicoli considerati “storici”, come
individuati con la circolare della Motorizzazione 98/90 – D.c. IV del 27.07.90.
Adempimenti autof ficina autorizzata
dalla Provincia di Lecco:
8 Esporre in luogo ben visibile il contrassegno rilasciato dalla Provincia di Lecco.
8 Apporre il proprio timbro ed indicare
espressamente l’anno ed il mese di esecuzione del controllo sulla documentazione rilasciata ed attestante la regolarità
delle emissioni dei gas di scarico.
8 Applicare, quale tariffa per il controllo dei
gas di scarico, il prezzo di Euro 12,00 IVA
inclusa.
8 Effettuare la taratura delle apparecchiature utilizzate per il controllo di gas di scarico degli autoveicoli secondo i criteri e le
procedure riportati nell’Allegato 3 alla medesima d.g.r. 7 novembre 2006, n. 8/3476
e nel rispetto di quanto specificato al
punto 3 dello stesso Allegato 3;
8 Rispettare, nell’esercizio dell’attività in argomento, le vigenti disposizioni in materia di controllo dei gas di scarico, tra le
quali quelle contenute nella d.g.r. 7 novembre 2006, n. 8/3476 “Campagna per il
controllo dei gas di scarico degli autoveicoli - Anno 2007”;
8 Custodire la documentazione relativa alla
strumentazione analitica (libretto metrologico) ed a esibirla annualmente.
Il controllo dei gas di scarico deve attestare il rispetto delle prescrizioni tecniche contenute nell’allegato D.M. 05.02.96, emanato
dal Ministro dei Trasporti e della Navigazione
in attuazione alla direttiva comunitaria
n.92/55/CEE.
Si evidenzia che, in applicazione dell’art. 7
della Direttiva del Ministro dei Lavori Pubblici
del 7 luglio 1998, la suddetta attestazione ha
validità annuale per gli autoveicoli immatricolati dopo il 1 gennaio 1988 e semestrale per
gli autoveicoli immatricolati precedentemente a tale data.
1° FEBBRAIO: CAMBIA LA DENUNCIA DEGLI ASSICURATI
È scomparso Mario Dell’Oro
INAIL, novità per le assunzioni
Mario Dell’Oro ci ha lasciati prima di Natale, a 75 anni. Lo
ricordiamo per aver dedicato un lungo periodo di impegno
nella nostra Associazione.
Presidente della categoria
Minuterie metalliche dal 1983,
fu vicepresidente dell’Unione
Artigiani di Lecco dal 1988 al
1998, passando poi a fra parte
del Collegio dei Probiviri fino
al 2006. Apprezzato e
benvoluto come imprenditore
per ll sua forza di carattere e
per la sua coerenza, portò
occupazione e prestigio al
territorio valsassinese,
fondando il Mollificio Fede. Fu
tra i soci fondatori e consigliere del Consorzio Unionfidi, oltre
che sindaco di Taceno dal 1990 al 1995 e presidente della
Comunità Montana dal 1995 al 1997. I funerali si sono svolti il
23 dicembre nella chiesa di Taceno.
L’INAIL, con circolare n. 2 del 16 gennaio 2007, ha dato le proprie
indicazioni circa l’adempimento relativo alla denuncia nominativa
degli assicurati (D.N.A.) a seguito delle novità introdotte dalla legge
Finanziaria 2007 relativamente alle comunicazioni di assunzione.
La comunicazione all’INAIL è ammissibile:
8 con l’invio on-line tramite accesso al sito Inail – sezione Punto
Cliente-, disponibile per tutti i datori di lavoro titolari di posizione assicurativa e per i loro intermediari che sono in possesso di
un codice PIN rilasciato dall’Inail per l’accesso alla funzione;
8 con l’invio all’indirizzo [email protected], disponibile per tutti i datori
di lavoro, ivi compresi quelli non tenuti ad aprire un rapporto assicurativo con l’INAIL;
8 con collegamento telematico all’anagrafe tributaria per i datori di
lavoro abilitati;
8 con il contact center dell’INAIL(numero verde 803 164), per i soli
datori di lavoro domestici, che assumono colf e badanti.
L’Inail precisa che con decorrenza 1 febbraio 2007, non saranno
prese in considerazione le comunicazioni effettuate con modalità diverse da quelle elencate.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
7
v i t a
a s s o c i a t i v a
2000 EURO A CHI ROTTAMA
VECCHIO DIESEL IN LOMBARDIA
Il “Bando per incentivazione alla diffusione
di autovetture ecologiche” è rivolto alle
persone fisiche residenti in Lombardia e riguarda l’acquisto di un’auto “nuova di fabbrica” a gpl Euro 4, metano Euro 4, elettrica, ibrida (elettrica - benzina Euro 4) o bifuel (benzina - gpl o benzina - metano Euro
4) di cilindrata inferiore a 2000 cc, con la
contestuale demolizione di una autovettura alimentata a gasolio di classe Euro 0,
Euro 1, Euro 2 o Euro 3. Per ogni acquisto
sarà erogato un contributo a fondo perduto di 2.000 euro.
CONTRIBUTO MINISTERIALE
PER PASSARE A GPL O METANO
Il Ministro della Sviluppo Economico ha emanato il decreto che stabilisce le modalità di applicazione di un contributo di 350
euro spettante per le operazioni di installazione di impianti a metano o GPL su autoveicoli immatricolati come Euro 0 o Euro 1.
Per informazioni rivolgersi a Marco Bonacina, Ufficio Categorie, tel. 0341 250.200
La Lombardia vara la legge antinquinamento
Alt ai “pre Euro” a benzina
La Lombardia è la prima regione in Italia a
dotarsi di una legge organica contro l’inquinamento atmosferico. Il Consiglio regionale
l’ha approvata lo scorso 28 novembre. Si tratta di un provvedimento che affianca
ai molti interventi strutturali - che
comprendono risparmio energetico, migliorie tecnologiche, innovazione nel trasporto di merci e
persone – anche provvedimenti
sul traffico ed i riscaldamenti. In
merito al traffico, la nuova legge
stabilisce misure per limitare la circolazione e l’uso dei veicoli più inquinanti.
Euro 4 con i nuovi sistemi di abbattimento delle emissioni.
8 Dal 1 ottobre 2007 saranno limitati la circolazione e l’utilizzo anche di tutti i veicoli “pre Euro 1” a benzina; dal 1° ottobre 2008 il provvedimento riguarderà i veicoli diesel preEuro e “Euro
1”.
Sono esclusi dalle limitazioni i
veicoli elettrici, quelli a metano o
GPL, i diesel dotati di efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili, i ciclomotori e motocicli a
quattro tempi, i mezzi agricoli, i veicoli d’epoca, oltre ai mezzi speciali come quelli della Protezione Civile, delle Forze dell’ordine,
ecc. È previsto che i veicoli debbano esporre
una vetrofania colorata che renda facilmente
riconoscibile la classe Euro, ma la relativa
normativa deve ancora essere resa definitiva
dalla Regione.
v
8 Dal 1 luglio 2007 saranno limitati la circolazione e l’utilizzo, in tutta la Lombardia, degli autobus “pre Euro 1” e dei ciclomotori e delle moto “pre Euro 1” a due
tempi. A sostegno della sostituzione dei
nuovi autobus, la legge introduce un forte
credito d’imposta per l’acquisto di mezzi
Come capire a che categoria appartiene il veicolo
Ž
Di che euro sei? La risposta sul libretto
La Comunità Europea ha emanato dal 1991 una serie di direttive sull’emissioni di inquinanti da parte dei veicoli. Sono state individuate le seguenti categorie di appartenenza per gli autoveicoli.
Per sapere a quale categoria appartiene il nostro mezzo, dobbiamo controllare quale direttiva viene indicata
sulla carta di circolazione (libretto). Sulla carta di circolazione di nuovo tipo (formato A4) l’indicazione delle
direttive riguardanti le emissioni, è riportata alla lettera V.9 (riquadro 2) ed è spesso integrata con ulteriore
specifica nel riquadro 3. Sulla carta di circolazione di vecchio tipo l’indicazione si trova nel riquadro 2.
Immatricolazione
Direttive comunitarie
pre-Euro 1 (Euro 0)
Immatricolazione: dal 1-1-1985 al 31-12-1992
Euro 1
Immatricolazione: dal 1-1-1993 al 31-12-1996
Direttive comunitarie norma EURO 1
91/441 CEE; 91/542 CEE punto 6.2.1.A; 93/59 CEE
Euro 2
Immatricolazione: dal al 31-12-2000
Direttive comunitarie norma EURO 2
91/542 CEE punto 6.2.1.B; 94/12 CEE ; 96/1 CEE; 96/44 CEE
96/69 CE; 98/77 CE
Immatricolazione: dal 1-1-2001 al 31-12-2005
Direttive comunitarie norma EURO 3
98/69 CE; 98/77 CE rif. 98/69 CE; 1999/96 CE; 1999/102 CE rif.
98/69 CE; 2001/1 CE rif. 98/69 CE; 2001/27 CE; 2001/100 CE A
2002/80 CE A; 2003/76 CE A
Immatricolazione: dal 1-1-2006.
Direttive comunitarie norma EURO 4
98/69 CE B; 98/77 CE rif. 98/69 CE B; 1999/96 CE B; 1999/102
CE rif. 98/69 CE B; 2001/1 CE rif. 98/69 CE B; 2001/27 CE B;
2001/100 CE B; 2002/80 CE B; 2003/76 CE B
Euro 3
Euro 4
8
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
g r u p p o
g i o v a n i
Perché i giovani si mettono in proprio
Come rimanere in sella
Non sempre la tecnologia e l’innovazione
riescono a spodestare l’antica arte e la maestria dell’artigiano e dopo l’esperienza con il
liutaio Migliorini, è con piacere che varchiamo
la soglia di un altro piccolo laboratorio. Siamo
a Colle Brianza, in compagnia di Luciano Galbusera, anno di nascita 1968, professione costruttore di arcioni per selle.
Luciano è figlio di un artigiano, altro settore ma sempre di grande manualità. Suo padre
lavorava vimini costruendo gerle per il fieno,
cestini ad uso alimentare (ormai in disuso),
ecc.. Dopo un periodo di collaborazione con il
padre, Luciano ha fatto altri lavori (guida ruspe, monta mobili), fino all’incontro con un
imprenditore milanese in villeggiatura a Colle
Brianza, un fabbricante di selle per cavalli, il
quale tra una chiacchiera e l’altra gli propone
di imparare il mestiere da un artigiano di Mantova che lavora per lui ma che è prossimo alla
chiusura. Luciano dedica così i successivi due
anni, o meglio le sere dei due anni successivi,
a provare a costruire arcioni per selle, dietro le
indicazioni del artigiano mantovano. Dal 1999
inizia la sua attività imprenditoriale.
“Arcioni per selle”. Che cosa sono esattamente?
Si tratta dell’ossatura della sella per cavallo, ovvero la struttura esistente sotto il cuoio
della sella.
Ma le selle sono tutte uguali?
Principalmente gli arcioni che costruisco
sono per selle con monta inglese, selle per ippoterapia, per concorsi di salto, ecc. diverse
da quelle a monta americana, quelle che si vedono nei film. La sella è diversa per ogni cavallo e per ogni persona che la utilizza perché
a variare sono le misure del cavallo stesso e
della persona che monta il cavallo.
Quanti sono i tuoi clienti?
A dir il vero, solo uno, l’imprenditore che
mi ha iniziato a questa attività. Si tratta dell’azienda Pariani, notissima azienda costruttrice
di selle che si trova a Milano, in zona San Siro.
Ogni settimana mi invia il dettaglio delle misure di arcioni che devo costruire.
Quanti arcioni riesci a costruire alla settimana?
Solitamente siamo sui 10 pezzi la settimana, fermo restando che a volte ci sono delle
modifiche da attuare ad arcioni già costruiti.
Come si fa a costruire un arcione?
Fondamentale è il materiale, multistrato e
platano. Il platano (da essiccare) è molto plastico e unito al multistrato evita che questi di
storti. Poi la stoffa che ricopre l’arcione, aiuta
a tenerlo insieme.
Infine c’è anche una struttura metallica,
una lega speciale di alluminio, un materiale
che ha “memoria”. Se si piega torna alla sua
forma originaria.
Vedo che costruire arcioni non è la sola tua attività.
In effetti i tempi sono un po’ magri e la seconda attività è nata da una mia esigenza di
lavoro. Molto spesso mi trovavo a dover affilare lame per il mio lavoro e ho fatto l’investimento di acquistare una macchina per affilare.
E poi mi sono detto: perché non prendere anche lavoro esterno visto che, se ben organizzato, riesco a costruire gli arcioni e ho tempo
libero per affilare? Ora collaboro con alcune
ferramenta della provincia che mi consegnano
le lame.
E la concorrenza?
Il lavoro con un unico cliente è organizzato, programmato anche metodico ma purtroppo strettamente legato alla sua vita e alla sua
fortuna. Non temo la concorrenza perché si è
instaurato un rapporto che va al di là del solo
lavoro, ma senza dubbio sono preoccupato
dalla situazione generale del mercato e forse
anche dalla moda. Basti pensare che oggi a
San Siro non fanno più le corse di cavalli… Comunque vada, per un po’ ho respirato un’aria
diversa, lontano dalla mia quotidianità…
Rinnovata la convenzione con la Siae
Anche per il 2007 è stata confermata la convenzione fra la Confartigianato e la SIAE. L’accordo, come per il passato, prevede che le aziende artigiane associate possono ottenere il permesso di esecuzione musicale con una riduzione del 25% sui compensi stabiliti dalla
SIAE. Per usufruire dello sconto le aziende dovranno presentare alla
SIAE una nostra Dichiarazione, attestante la loro appartenenza a Confartigianato Lecco, disponibile presso la sede (Reception, Silvia Conti e Paola Dozio) e in tutte le delegazoini. Si ricorda che IL VERSAMENTO DOVRÀ ESSERE EFFETTUATO ENTRO E NON OLTRE IL 28 FEBBRAIO 2005 pena la decadenza del diritto di utilizzo dello sconto.
Prezzi in euro non comprensivi di IVA; applicata l’IVA saranno ridotti del 25 % per i Soci Confartigianato
Da 0 a 50 mq.
Da 51 a 100 mq.
Da 101 a 200 mq.
Da 201 a 400 mq.
Da 401 a 600 mq.
Da 601 a 800 mq.
21,87
43,74
52,60
73,89
86,30
101,66
Filodiffusione,giradischi
52,60
nastri magnetici
100,49
120,59
200,98
251,21
294,95
Televisori
70,34
137,13
170,83
382,44
567,46
702,22
Videoregistratori
206,88
411,99
411,99
411,99
411,99
411,99
Radioriceventi
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
9
a u t o t r a s p o r t o
Il calendario dei divieti di circolazione
Autotrasporto, gli “stop” del 2007
Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con il DM 2879 del 13/12/2006, ha comunicato i divieti di per l’anno 2007 riguardanti la circolazione, fuori dai centri abitati, ai veicoli ed ai complessi di veicoli, per il trasporto di cose, di massa complessiva massima autorizzata superiore
a 7,5 t., nei seguenti periodi:
8 TUTTE LE DOMENICHE DI GENNAIO, FEBBRAIO, MARZO, APRILE, MAGGIO, OTTOBRE, NOVEMBRE E DICEMBRE (dalle ore 8.00 alle ore 22.00);
8 TUTTE LE DOMENICHE DI GIUGNO, LUGLIO, AGOSTO E SETTEMBRE (dalle ore 7.00 alle ore 24.00);
8 E NEI GIORNI:
GIORNO
DATA
MESE
DALLE
ALLE
GIORNO
DATA
MESE
DALLE
ALLE
LUNEDI’
01
GENNAIO
08.00
22.00
VENERDI’
03
AGOSTO
16.00
24.00
SABATO
06
GENNAIO
08.00
22.00
SABATO
04
AGOSTO
07.00
24.00
VENERDI’
06
APRILE
16.00
22.00
SABATO
11
AGOSTO
07.00
24.00
SABATO
07
APRILE
08.00
22.00
MERCOLEDI’
15
AGOSTO
07.00
24.00
LUNEDI’
09
APRILE
08.00
22.00
SABATO
18
AGOSTO
07.00
24.00
MARTEDI’
10
APRILE
08.00
14.00
SABATO
25
AGOSTO
07.00
24.00
MERCOLEDI’
25
APRILE
08.00
22.00
SABATO
01
SETTEMBRE
07.00
24.00
SABATO
28
APRILE
16.00
22.00
GIOVEDI’
01
NOVEMBRE
08.00
22.00
MARTEDI’
01
MAGGIO
08.00
22.00
VENERDI’
07
DICEMBRE
16.00
22.00
SABATO
02
GIUGNO
07.00
24.00
SABATO
08
DICEMBRE
08.00
22.00
SABATO
30
GIUGNO
07.00
24.00
SABATO
22
DICEMBRE
16.00
22.00
SABATO
07
LUGLIO
07.00
24.00
LUNEDI’
24
DICEMBRE
16.00
22.00
SABATO
14
LUGLIO
07.00
24.00
MARTEDI’
25
DICEMBRE
08.00
22.00
SABATO
21
LUGLIO
07.00
24.00
MERCOLEDI’
26
DICEMBRE
08.00
22.00
VENERDI
27
LUGLIO
16.00
24.00
SABATO
29
DICEMBRE
16.00
22.00
SABATO
28
LUGLIO
07.00
24.00
Il testo completo del provvedimento è disponibile sul sito www.infrastrutturetrasporti.it
Attenzione alla scadenza del 17 agosto 2007
3.a edizione corso autotrasportatori
Dal 17 agosto 2005 l’accesso alla professione di trasportatore su strada di merci e
persone è regolato dal DLG 395/2000. Pertanto le imprese di autotrasporto di cose per
conto di terzi devono adeguarsi secondo le
seguenti scadenze:
• Iscritte all’albo tra l’1 gennaio 1978 e il 31
maggio 1987, con il beneficio dell’esenzione dalla dimostrazione dei requisiti della
capacità professionale e finanziaria previsto dalla precedente normativa, devono adeguarsi ai requisiti di cui agli articoli 5, 6,
7 Dlg 395/2000 entro il 17 agosto 2007
• entro il 17 agosto 2009 per le imprese scritte all’albo dalla data del 16 agosto 2005.
Confartigianato si è subito attivata per far
10
fronte a questa esigenza, accreditando il proprio ente di formazione, ELFI, presso il Ministero. Attualmente sono aperte le preiscrizioni per la terza edizione del corso di Accesso
alla professione di autotrasporto merci conto terzi nazionale e internazionale, la cui frequenza è requisito indispensabile per poter
sostenere l’esame.
Durata: 150 ore, avvio previsto marzo
2007. Lezioni il sabato mattina e infrasettimanali in orario serale nella sede di Lecco,
via Galilei 1.
Chi fosse interessato, anche solo per avere informazioni relativamente alla propria
posizione e ad un eventuale obbligo di adeguamento, può contattare la responsabile
dell’Ufficio Formazione.
Presso il Consaut srl in via Galiei a Lecco è
aperto per tutte le pratiche automobilistiche
lo sportello telematico dell’automobilista.
Proroga banco prova freni
A seguito delle richieste sostenute anche
da Confartigianato, si comunica che il
Ministero dei Trasporti ha disposto
un’ulteriore proroga di quattro mesi per
l’attrezzature non conformi al Decreto
dirigenziale 1699/404 del 7/9/2005.
Pertanto, il termine ultimo fissato per
l’uso di apparecchiature prova freni a
piastra per veicoli pesanti di tipo non
omologato è prorogato dal 31 dicembre
2006 al 30 aprile 2007.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
v i t a
a s s o c i a t i v a
Confartigianato aderisce all’agitazione nazionale
Gli autotrasportatori in corteo
Preso atto del mancato rispetto, da parte
del Governo, del Protocollo d’intesa siglato
il 20 ottobre 2006 tra Governo e Associazioni dell’autotrasporto, le associazioni di categoria aderenti al CUNA (il Coordinamento Unitario Autotrasporto di cui fa parte anche
Confartigianato) hanno dato attuazione a
una serie di manifestazioni nazionali di protesta.
Sabato 27 gennaio oltre 300 autotrasportatori con i loro mezzi hanno sfilato da Lecco
a Erba dando vita a un serpentone di oltre
dieci chilometri che ha attraversato il centro
del capoluogo lariano.
“Le ragioni dell’agitazione - spiega Luigi
Longoni, Presidente dell’Unione Regionale
Trasporto di Confartigianato Lombardia e
degli autotrasportatori di Confartigianato
Lecco - sono molteplici:
8 La spendibilità dei 200 milioni già stanziati nella Finanziaria 2006 per il 2005;
8 Lo stanziamento dei 575 milioni nella
Finanziaria 2007 per il 2006;
8 l’avvio della procedura per il recupero
del Bonus Fiscale;
8 La soppressione degli adempimenti
normativi non in linea con le Direttive
Europee (aumenti autostrade, obbligo
dei dispositivi paraspruzzi e delle stri-
Nel corso dell’assemblea conclusiva a Erba sono intervenuti il presidente regionale di Confar tigianato Trasporti Luigi Longoni e il direttore di Confartigianato Lecco Paolo Galbiati.
sce retroriflettenti);
8 La lentezza nella costruzione delle infrastrutture: BRE.BE.MI – PEDEMONTANA –
T.E.M.;
8 Il completamento della Riforma del settore con il coinvolgimento dei committenti, maggiori controlli mirati e norme
tecniche di sicurezza Europee.
8 Intermodalità: più TIR sui treni, sulle
navi e merci sui cargo.
“Per questi motivi - conclude Longoni - i
trasportatori di Confartigianato Lecco hanno
manifestato unitariamente con le altre associazioni provinciali di categoria aderenti al
Coordinamento dell’Autotrasporto nelle strade attorno al capoluogo lecchese nella giornata del 27 gennaio. Ad Erba si è tenuta una
partecipata assemblea assieme ai colleghi di
Como, Bergamo, Sondrio e Milano.
Se non arriveranno segnali di disponibilità da parte del Governo, è previsto il fermo
dei servizi di autotrasporto per conto terzi
dal 12 al 16 febbraio”.
AS Lecco calcio a 5
Sistema di gestione della qualità
Un sacco della Befana pieno di carbone per il Lecco, impegnato il
6 gennaio nel primo incontro del 2007 con la forte compagine del
Brianza. Avversari più forti e più in palla che espugnano meritatamente, con un secco 1-4, il Palanovella di Vercurago gremito di pubblico. Va meglio la domenica successiva in terra ligure, dove i blucelesti colgono un prezioso pareggio contro i genovesi del Via San
Vincenzo, con un risultato figlio di un’ottima prestazione. I nostri avrebbero meritato la vittoria, avendo colpito ben tre traverse e impegnato più volte il portiere locale.
Pareggio che è mancato per un soffio, purtroppo, nella 3° giornata di ritorno in trasferta sul campo della capolista Toniolo. Il Lecco soccombe per 4-3, nonostante la squadra non abbia mai abbandonato lo spirito combattivo e la determinazione.
Ricordiamo che la squadra sta selezionando nuovi elementi per il
suo vivaio: tutti i giovani dai 15 ai 20 anni sono invitati a farsi avanti. Per segnalare la propria disponibilità basta inviare una mail a:
[email protected]
Confartigianato Lecco ha realizzato un Servizio di Assistenza
per l’aggiornamento e il miglioramento del sistema di gestione
della qualità, caratterizzato da un pacchetto di interventi presso
l’azienda e di supporto nelle ricerche e interpretazioni di norme e
Direttive.
La gestione ed il mantenimento di un Sistema per l’Assicurazione della Qualità comporta tutta una serie di attività e/o di impegni che possiamo definire “ordinaria amministrazione” e che
sono facilmente espletabili da un Responsabile Qualità ben addestrato. Tuttavia, ci sono delle attività particolarmente impegnative
durante le quali la presenza di un consulente esperto di QUALITYNET può rivelarsi preziosa: • correzione delle carenze rilevate dall’Organismo di Certificazione; • Verifiche Ispettive Interne sull’area
Qualità e sulla Direzione; • riesami della Direzione; • approfondimenti sull’organizzazione e sui processi; • aggiornamenti resi necessari dall’adeguamento alla Norma UNI EN ISO 9001:2000.
Toniolo Milano
Brianza C/5
Ciriè calcio a 5
Domus Bresso
Interfive Vigevano
Valprint Futsal Fram
Bergamo C/5 A
Con lo scopo di fornire un servizio flessibile in relazione alle esigenze, QUALITYNET offre un servizio “aperto” basato su interventi da effettuare su richiesta.
34
33
32
30
27
25
25
A.S.LECCO C/5
S.Lorenzo d/Costa
I Bassotti SC
Bologna FF
Real Casalgrande
Tigullio calcio a 5
Via S.Vincenzo GE
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
24
21
15
15
15
13
9
Per ulteriori informazioni contattare l’Unione Artigiani (Uff. Qualità Elena Riva, tel. 0341.250200) o inviare la scheda allegata al n.
0341.250170.
11
a m b i e n t e
Contributi per processi e prodotti a basso impatto ambientale
Bando Salvambiente 2007
Al via la quinta edizione del bando regionale per il finanziamento di progetti finalizzati a migliorare l’impatto delle attività produttive e per la certificazione ambientale di
aziende artigiane. La Regione Lombardia ed
il Sistema camerale lombardo mettono a disposizione la somma complessiva di
1.450.000 Euro che verranno erogati in conto capitale e a fondo perduto.
Sono ammesse a partecipare le imprese
ed i consorzi lombardi, iscritti all’Albo delle
Imprese Artigiane e in regola con il pagamento del diritto annuale camerale, che presenteranno la loro domanda - debitamente
documentata - a partire dal 15 gennaio e fino al 15 marzo 2007.
Tipologie di progetti ammissibili:
8 conseguimento di certificazioni ambien tali
(EMAS, ISO 14000, Ecolabel, ecc.);
8 realizzazione di impianti di produzione di
energia da fonti rinnovabili quali impianti solari o fotovoltaici, eolici, da biomasse;
8 introduzione di tecnologie innovative che
riducano l’impatto ambientale in termini
di emissioni di aria, acqua, rifiuti, rumore
e consumo energetico;
8 soluzioni che permettano il risparmio di
materie prime, l’impiego di sostanze
meno inquinanti, la riduzione degli scarti
di lavorazione o la trasformazione di scarti/rifiuti in materie prime seconde riutilizzabili nello stesso processo produttivo;
8 interventi per diminuire le emissioni inquinanti sui mezzi di trasporto aziendali
(ad esempio filtri antiparticolato, impianti a GPL metano).
Non verranno finanziati progetti per adeguarsi, raggiungere o rispettare obblighi e limiti di legge; saranno ritenute finanziabili le
spese sostenute nel periodo compreso fra il
1° gennaio 2006 ed il 31 agosto 2007.
L’investimento deve avere un importo minimo di 15.000 Euro al netto dell’IVA ed essere già stato realizzato almeno nella misura
del 30% al momento della presentazione
della domanda; i contributi coprono il 25%
della spesa per le singole imprese, ed il 30%
per i consorzi artigiani.
Il regolamento completo ed il modulo per
la presentazione delle domande possono
essere scaricati dal sito della Camera di Commercio di Lecco (www.lc.camcom.it), oppure
ritirati presso:
8 sede Confartigianato di via Galilei 1;
8 sede camerale di via Amendola 4;
8 “SpazioRegione” di Lecco.
Per ulteriori informazioni: Marco Bonacina (tel. 0341.250200)
NORMATIVE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
■ Rumore
Si ricorda che dal 14 dicembre 2006, è in vigore il D. Lgs. n. 195 del
10.04.06 relativo all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli
agenti fisici (rumore).
Il nuovo decreto legislativo abrogando il precedente D.Lgs 277/91,
stabilisce nuovi limiti di esposizione al rumore e prescrive le misure
minime che il datore di lavoro deve adottare in caso di superamento
dei limiti.
Fra le novità di rilievo c’è da far osservare che ora la valutazione
del rumore diventa parte integrante della valutazione generale dei rischi di cui all’art. 4 del D. Lgs. n. 626/94 e l’esito della stessa va pertanto inserito nel documento di valutazione dei rischi.
Principali obblighi del datore di lavoro:
8 Misura strumentale del rumore prodotto dalle attrezzature (fonometria)
8 Dotazione di dispositivi di protezione individuale ai lavoratori
■ Vibrazioni
Ai sensi del D.Lgs 187/05, in vigore dal 1° gennaio 2006, la valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro deve estendersi anche ai rischi
prodotti dalle vibrazioni.
Si considerano vibrazioni sia quelle prodotte da attrezzature portatili (trapani percussori, smerigliatori, levigatori etc…) sia quelle trasmesse al corpo intero da attrezzature mobili, (carrelli elevatori, ruspe,
escavatori), sia quelle trasmesse dal pavimento (trancerie, stampaggio a caldo etc…).
12
Gli esiti della valutazione del rischio vibrazioni vanno inseriti nel
documento di valutazione dei rischi
Principali obblighi del datore di lavoro:
8 Misura strumentale o (se possibile) calcolo dell’entità delle vibrazioni trasmesse ai lavoratori
8 Dotazione di dispositivi di protezione individuale ai lavoratori
(dove possibile)
■ Atmosfere esplosive
In seguito all’entrata in vigore del D.Lgs. 233/03 il Datore di lavoro
deve predisporre un documento di valutazione delle atmosfere potenzialmente esplosive (Direttiva ATEX).
A titolo esemplificativo ma non esaustivo, le aree di lavoro in cui
possono formasi atmosfere esplosive sono: postazione di caricamento del carrello elevatore elettrico, impianto di adduzione del gas, presenza di sostanze infiammabili, polveri di legno o di metalli, ecc.
Obblighi del datore di lavoro:
8 valutazione dei rischi relativi all’esplosione;
8 predisposizione del “documento sulla protezione contro le esplosioni” (diventa parte integrante del “documento sulla valutazione
dei rischi” previsto dall’art. 4 del D. Lgs. 626/94);
8 ripartizione in zone delle aree con pericolo di esplosione;
8 applicazione delle prescrizioni di sicurezza (misure tecniche ed organizzative)
Economie Ambientali è a disposizione per chiarimenti in merito,
telefono 0341.286741.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
SICUREZZA, FORMAZIONE E MEDICINA DEL LAVORO
DOSSIER Comparto autoriparatori
Con la collaborazione di Economie Ambientali,
presentiamo una serie di guide informative sulle
normative vigenti e gli aggiornamenti in materia
di sicurezza, formazione e medicina del lavoro. Ognuno dei dossier sarà dedicato a un comparto e
illustrerà i rischi riguardanti le lavorazioni più comuni.
Ricordiamo che gli obblighi del D.Lgs. 626/94
si applicano alle seguenti tipologie d’azienda:
ditte individuali con almeno un dipendente; società di persone anche senza dipendenti (snc,
sas); società di capitali (srl, spa); cooperative
Le categorie interessate sono:
OFFICINE RIPARAZIONE AUTO, MOTO, CICLI; ELETTRAUTO; VULCANIZZATORI GOMME; V U LC ANIZZATORI GOMME; CARROZZERIE; LAVAGGIO ED
INGRASSAGGIO VETTURE; RACCOLTA ROTTAMI DEMOLIZIONI
ASSISTENZA ALLE IMPRESE
S i c u rezza • Qualità • A m b i e n t e
23900 LECCO - Viale Dante 14 - Tel. 0341 286741 - Fax 0341 286742
E - m a i l : i n [email protected] - www. e c o n o m i e a m b i e n t a l i . i t
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
13
g l i
s t a c c a b i l i
Il comparto si può dividere un
due sottogruppi: autoriparatori e
carrozzieri.
Gli autoriparatori effettuano
soprattutto interventi abituali
riguardanti la manutenzione
ordinaria dei veicoli.
Le operazioni svolte con
maggiore frequenza sono: la
sostituzione dell’ olio motore, dei
filtri, delle pastiglie freni e degli
pneumatici.
L’autoriparatore svolge inoltre
lavori a livello del motore, del
cambio e di tutte le parti
meccaniche, riparando i
componenti danneggiati o
sostituendoli con pezzi di
ricambio.
La parte elettrica è spesso curata
da una persona specializzata:
l’elettrauto a cui compete anche
dell’installazione di componenti
HI-FI.
Il ciclo lavorativo dei carrozzieri
può essere schematizzato nelle
seguenti fasi:
raddrizzatura, taglio, battitura
delle lamiere;
stuccatura e levigatura;
verniciatura, lucidatura.
14
d i
a l
Principali danni e patologie
■ INFORTUNI
I rischi per i lavoratori si originano
soprattutto nell’impiego di utensili
quali giraviti, martelli, strumenti con
lame e spigoli e nell’uso di apparecchiature elettriche portatili con organi
in movimento (pistole, trapani, flessibili).
Gli infortuni colpiscono soprattutto
gli arti superiori (tagli, traumi, schiacciamenti).
La saldatura, ormai sempre più oc-
casionale, può essere fonte di infortunio, causando scottature e ustioni.
Interventi necessari: valutazione dei
rischi specifici, formazione e informazione ai lavoratori, consegna dei dispositivi di protezione individuale.
■ RUMORE
Anche se nelle officine meccaniche
e carrozzerie non esiste un ciclo di lavoro sempre uguale e ripetitivo il rumore può in alcuni casi raggiungere
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
g l i
valori elevati, spesso in relazione ad
alcune operazioni particolari (smontaggio gomme con pistola pneumatica, uso martello sulla carrozzeria ecc).
I danni dall’esposizione al rumore
sono principalmente a carico dell’apparato uditivo ma possono insorgere
anche danni sul sistema nervoso centrale
Interventi necessari: valutazione
strumentale del rumore, formazione e
informazione ai lavoratori, consegna
dei dispositivi di protezione individuale.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
s t a c c a b i l i
■ RISCHIO CHIMICO
Per gli autoriparatori il rischio maggiore è rappresentato dai rischi da contatto con l’olio lubrificante usato normalmente per i lavori di manutenzione
o con quello esausto prelevato dai motori.
Per evitare il contatto cutaneo si
possono utilizzare accorgimenti preventivi quali pompe, vaschette di rac-
IL PROSSIMO DOSSIER
Abbigliamento
d i
a l
colta, e utilizzo di guanti.
Se tuttavia il contatto è ripetuto o
prolungato è possibile la manifestazione di dermatiti o effetti di sensibilizzazione dell’epidermide.
Nelle carrozzerie i rischi sono associati:
• all’utilizzo di stucchi e di solventi;
• all’utilizzo di catalizzatori nella preparazione di premier, stucchi e fondi;
• alle polveri emesse durante la levigatura;
• ai fumi di combustione.
15
g l i
s t a c c a b i l i
d i
a l
Cosa deve fare l’impresa
ORDINE LOGICO DEGLI ADEMPIMENTI PREVISTI DALLA NORMATIVA INERENTE LA SALUTE
E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO
zione del calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con potenzialità superiore a
100.000 Kcal/h.
8 DESIGNARE L’/ GLI INCARICATO/I DI
PRIMO SOCCORSO;
8 DESIGNARE L’/ GLI INCARICATO/I DI
PREVENZIONE INCENDI;
8 OTTENERE AUTORIZZAZIONE PER
LE EMISSIONI IN ATMOSFERA per
aziende soggette;
8 NOMINARE IL RAPPRESENTANTE
DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA;
8 DESIGNARE IL MEDICO COMPETENTE, QUALORA SI RISCONTRI LA
PRESENZA DI RISCHI CHE NE COMPORTINO L’OBBLIGO (es. rumore,
sostanze chimiche, ecc.);
8 EFFETTUARE LA VALUTAZIONE DEI
RISCHI ELABORANDO UNA DOCUMENTAZIONE SULL’ESITO DELLAVALUTAZIONE EFFETTUATA;
8 INFORMARE E FORMARE I LAVORATORI IN MERITO AI RISCHI PRESENTI IN AZIENDA;
8 FORNIRE AI LAVORATORI ADEGUATI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE;
8 EFFETTUARE VALUTAZIONE STRUMENTALE DEL RUMORE;
8 EFFETTUARE INDAGINE AMBIENTALE ALL’INTERNO DEI LUOGHI DI
LAVORO;
8 RIDUZIONE COMPOSTI ORGANICI
EMESSI, PER AZIENDE SOGGETTE
(500 kg/anno di solvente);
8 OTTENERE CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI per aziende soggette, tra cui:
• officine per la riparazione di auto-
veicoli con capienza superiore a 9
autoveicoli; officine meccaniche
per lavorazioni a freddo con oltre
25 addetti;
• officine o laboratori per la verniciatura con vernici infiammabili
e/o combustibili con oltre 5 addetti;
• stabilimenti e impianti ove si producono, impiegano o detengono
vernici, inchiostri e lacche infiammabile e/o combustibili con quantitativi globali in ciclo e/o in deposito superiori a 500 kg;
• officine con impianti per la produ-
8 GESTIRE RIFIUTI (FORMULARI, REGISTRO CARICO E SCARICO RIFIUTI
PER DENUNCIA DEI RIFIUTI) di seguito vengono elencati alcune possibili tipologie rifiuti prodotti nel
comparto
L’IMPRESA DEVE:
8 Registrare tutti i rifiuti pericolosi e
non pericolosi sul registro di carico
e scarico rifiuti mod A.
8 Presentare denuncia annuale rifiuti
MUD entro il 30 aprile per i soli rifiuti pericolosi.
8 Compilare sempre il formulario di
identificazione rifiuto quando si effettua lo smaltimento di qualsiasi
tipologia di rifiuto.
Tabella codici rifiuti
■ RIFIUTI PERICOLOSI
13.02.08*
Altri oli per motori, ingranaggi e lubrificazione
13.02.06*
16.01.07*
16.01.14*
16.06.01*
Scarti di olio sintetico per motori ingranaggi e lubrificazione
Filtri dell’olio
Liquido antigelo contenenti sostanze pericolose
Batterie al piombo
■ RIFIUTI NON PERICOLOSI
15.01.01
15.01.04
Imballaggi in carta e cartone
Imballaggio metallici
15.01.06
15.02.03
16.01.03
16.01.12
Imballaggi in materiali misti
Assorbenti, materiali filtranti, stracci e indumenti protettivi, diversi di quelli di cui alla voce 15.02.02
Pneumatici fuori uso
Pastiglie per freni, diverse di quelle di cui alla voce 16.01.11
16.01.17
16.01.19
Metalli ferrosi
plastica
16
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
F I S C A L E
Le principali novità per le imprese artigiane
La Finanziaria “definitiva”
E’ stata definitivamente approvata la Legge Finanziaria per il 2007, che, salvo specifiche disposizioni inserite nei singoli commi,
entra in vigore a partire dall’1/1/2007.
STUDI DI SETTORE
Gli studi di settore sono sottoposti per
l’ennesima volta a importanti modifiche. Riportiamo le principali:
8 l’attività di revisione degli studi dovrà avvenire al massimo ogni 3 anni (anziché 4)
8 è prevista, con decorrenza già dal 2006, l’utilizzazione di specifici indicatori di normalità economica, di significativa rilevanza, finalizzati all’individuazione dei ricavi/compensi fondatamente attribuibili al contribuente in relazione alle caratteristiche dell’attività svolta (c.d. supercoerenza);
8 il limite dei ricavi/compensi per l’esclusione dall’applicazione degli studi è fissato a
€ 7,5 milioni (in precedenza, tale limite
era pari a € 5.164.569). Tale disposizione
si applica a decorrere dal 2007;
8 non costituisce più, dal 2006, causa di
esclusione dagli studi l’ipotesi di inizio dell’attività, da parte dello stesso soggetto,
entro 6 mesi dalla cessazione, nonché l’ipotesi di “mera prosecuzione” dell’attività
svolta da altri soggetti. Quest’ultima fattispecie dovrebbe interessare le operazioni
di affitto/cessione/conferimento d’azienda.
8 non rappresenta più, dal 2007, una causa
di esclusione dagli studi l’ipotesi di periodo
d’imposta inferiore o superiore a 12 mesi;
8 sono introdotte, a decorrere dal 2007,
delle limitazioni all’accertamento nei confronti di contribuenti risultati congrui all’applicazione degli studi di settore
8 è prevista l’individuazione di specifici indicatori di normalità economica, idonei a
rilevare ricavi/compensi non dichiarati ovvero rapporti di lavoro irregolare, nei confronti dei soggetti per i quali non si applicano gli studi di settore.
8 è prevista la determinazione di specifici
indicatori di coerenza per le società di capitali nel primo esercizio di attività , che
risultano escluse dagli studi di settore, al
fine di individuare i requisiti minimi di
continuità dell’attività.
8 è stabilito infine l’inasprimento delle sanzioni in caso di omessa o infedele indicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di
settore, nonché nei casi di indicazione di
false cause di esclusione/inapplicabilità
degli stessi.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
OBBLIGO DI RITENUTA PER IL CONDOMINIO
È stato introdotto l’obbligo per il condominio di operare una ritenuta d’acconto pari
al 4% all’atto del pagamento dei corrispettivi dovuti per prestazioni relative a contratti
di appalto di opere o servizi effettuate nell’esercizio d’impresa ancorché di natura occasionale. La novità risulta di particolare rilievo
per le imprese artigiane che effettuano prestazioni nei confronti di condominii:
dall’1/1/2007 le fatture devono indicare la ritenuta d’acconta del 4%, che il condominio
non pagherà all’artigiano e verserà all’erario.
Il condominio dovrà altresì rilasciare all’artigiano apposita certificazione delle ritenute
d’acconto versate.
ESTENSIONE DEL “REVERSE CHARGE”
Il “reverse charge” si applicherà, oltre che
alle prestazioni di subappalto in edilizia, anche alle cessioni di:
8 telefonini, loro componenti e accessori;
8 personal computer, loro componenti e
accessori;
8 materiali e prodotti lapidei direttamente
provenienti da cave e miniere.
L’operatività della citata disposizione è
subordinata all’autorizzazione da parte dell’UE. Per l’applicazione del reverse charge in
edilizia si veda la nota informativa pubblicata anche sul sito e su “Artigianato Lecchese”.
DETRAZIONE 36% - IVA 10% RECUPERO
DEL PATRIMONIO EDILIZIO
È prorogata anche per il 2007 la detrazione IRPEF del 36% per le spese di recupero
del patrimonio edilizio. Il limite della spesa
agevolabile è fissato a ≠ 48.000 per unità
immobiliare oggetto di intervento. Prorogata, per tutto il 2007, anche l’applicazione dell’aliquota Iva agevolata del 10% sulle prestazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, effettuate sui fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata. N.B. Per poter
beneficiare della detrazione in esame e dell’aliquota IVA ridotta è necessario che nella
fattura sia esposto distintamente il costo riferito alla manodopera.
NOVITÀ IRAP (CUNEO FISCALE)
Sono state introdotte nuove deduzioni, in
aggiunta a quelle già esistenti. In particolare
per tutti i soggetti IRAP, escluse le banche,
assicurazioni e imprese operanti in concessione e a tariffa in particolari settori economici è deducibile:
8 un importo pari a € 5.000 su base annua
per ogni lavoratore a tempo indeterminato;
8 un importo pari a € 10.000 su base annua
per ogni lavoratore a tempo indeterminato impiegato nel periodo d’imposta in
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania,
Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;
8 i contributi assistenziali e previdenziali
relativi ai lavoratori a tempo indeterminato.
Le nuove deduzioni sopra esaminate sono ragguagliate ai giorni di durata del rapporto di lavoro e in caso di part-time.
Sono confermate le deduzioni:
8 pari a € 2.000/4.000/6.000/8.000 per i
soggetti il cui valore della produzione
non è superiore a ≠ 181.000;
8 pari a € 2.000 per dipendente, su base
annua, per i soggetti i cui componenti
positivi del valore della produzione sono
pari o inferiori a € 400.000;
8 per incremento della base occupazionale
di cui ai commi 4-quater e 4-quinquies
(c.d. bonus occupazione).
L’utilizzo della nuova deduzione pari a €
5.000 per ogni lavoratore a tempo indeterminato e quella relativa ai contributi previdenziali sono subordinate all’autorizzazione
UE; a decorrere dal febbraio 2007 spetta nella misura del 50% e da luglio 2007 per l’intero ammontare.
CONTRIBUTI PREVIDENZIALI
Con riguardo agli iscritti alla Gestione IVS
artigiani e commercianti è previsto un aumento dell’aliquota contributiva, fissata:
8 al 19,50% per il 2007;
8 al 20% per il 2008.
Dall’1.1.2007 l’aliquota contributiva per
gli iscritti alla Gestione separata INPS è stabilita nelle seguenti misure:
SOGGETTI
ALIQUOTE 2007
ISCRITTI ad altre forme
di previdenza obbligatorie
o titolari di pensione indiretta
16%
NON ISCRITTI ad altre forme
di previdenza obbligatorie:
23%*
Titolari di pensione diretta
(anzianità , invalidità o vecchiaia)
16%
(*) A tale percentuale si deve aggiungere lo
0,50% a titolo di maternità.
RICHIESTA PREVENTIVA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI NEL MODELLO F24
I soggetti titolari di partita IVA che intendono effettuare compensazioni per importi
superiori a € 10.000, sono tenuti a comunicare telematicamente all’Agenzia delle Entra-
17
F I S C A L E
FINANZIARIA 2007
In questo articolo vengono riportate le principali
novità di carattere generale introdotte dalla nuova
Legge Finanziaria
NUOVA STRUTTURADELL’IRPEF
È stata nuovamente modificata la struttura dell’IRPEF: in particolare sono state introdotte nuove aliquote e nuovi scaglioni e ripristinato il sistema
delle detrazioni d’imposta per i familiari a carico e
per le varie categorie di reddito.
Nuovi scaglioni e nuove aliquote
Fino a € 15.000
23%
Oltre € 15.000 fino a € 28.000
27%
Oltre € 28.000 fino a € 55.000
38%
Oltre € 55.000 fino a € 75.000
41%
Oltre € 75.000
43%
Nuove detrazioni
A favore dei soggetti con familiari a carico sono
reintrodotte le detrazioni da portare in diminuzione dell’IRPEF lorda. L’ammontare effettivamente
spettante trova una limitazione in funzione dell’aumento del reddito complessivo.
Coniuge a carico
Detrazione potenziale di 690 €
Figli e altri familiari a carico
Detrazione potenziale pari a € 900 che diminuisce con il crescere del reddito e aumentare il caso
di figli successivi al primo o in presenza di figli
portatori di handicap.
ALTRE DETRAZIONI
Sono reintrodotte le detrazioni per alcune categorie di reddito (lavoro dipendente e assimilati, di
pensione, di lavoro autonomo anche occasionale,
d’impresa anche occasionale).
Le detrazioni in esame, tra loro non cumulabili,
sono potenziali e spettano in misura decrescente
all’aumentare del reddito complessivo.
te l’importo e la tipologia dei crediti oggetto
della compensazione entro il 5° giorno antecedente a quello in cui intendono effettuare
tale operazione. L’entrata in vigore dell’adempimento è subordinata all’emanazione di apposito Provvedimento che fisserà le modalità
operative nonché le procedure di controllo
per impedire l’utilizzo indebito dei crediti.
TRASMISSIONE TELEMATICA
CORRISPETTIVI GIORNALIERI
L’obbligo dell’invio telematico dei corrispettivi giornalieri previsto dal Decreto Bersani non decorrerà dall’1.1.2007 ma da una
data futura che sarà individuata con un apposito Provvedimento da emanare entro
l’1.6.2008. È comunque previsto che i registratori di cassa immessi sul mercato a decorrere dall’1.1.2008 dovranno essere idonei
alla trasmissione telematica dei corrispettivi.
ELENCHI CLIENTI FORNITORI
Con il prossimo mese di aprile occorrerà
effettuare l’invio telematico dell’elenco dei
18
DETRAZIONE/DEDUZIONE IRPEF PER ACQUISTO
DI MEDICINALI
Adecorrere dall’1.7.2007 è previsto che ai fini della
detrazione/deduzione IRPEF l’acquisto di medicinali deve essere certificato da fattura o scontrino
fiscale contenente l’indicazione della natura, qualità e quantità dei beni nonché del codice fiscale
del destinatario.
INFORMAZIONI DA INDICARE NEGLI ATTI DI CESSIONE IMMOBILIARE
In aggiunta all’indicazione analitica del corrispettivo riferito all’immobile e alle relative modalità di
pagamento, nonché dell’ammontare della spesa
sostenuta per l’attività di intermediazione e delle
modalità di pagamento della stessa, sono ora richiesti i dati identificativi del mediatore immobiliare, il relativo numero di iscrizione al ruolo degli
agenti di affari di mediazione e della competente
CCIAA (in assenza di tali ultime informazioni il notaio è obbligato ad effettuare una specifica segnalazione all’Agenzia delle Entrate).
IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI
Sono apportate alcune “correzioni” alla disciplina
dell’imposta sulle successioni e donazioni già recentemente modificata. In particolare:
a favore dei fratelli/sorelle è prevista una franchigia di € 100.000 per ciascun beneficiario;
a favore dei soggetti portatori di handicap riconosciuto grave ai sensi della Legge n. 104/92, è prevista una franchigia pari a € 1.500.000.
È inoltre stabilita l’esclusione dall’imposta sulle
successioni e donazioni per i trasferimenti a favore dei discendenti, realizzati anche tramite patti di
famiglia ex art. 768-bis e segg, C.c., aventi ad oggetto aziende o rami d’azienda, quote sociali e
azioni.
clienti e fornitori per l’anno 2006. Relativamente all’elenco dei clienti ed ora anche per
l’elenco fornitori, per il solo anno 2006, è
consentito indicare in luogo del codice fiscale la sola partita IVA.
DEDUCIBILITÀ SPESE TELEFONICHE
Il limite di deducibilità per le quote d’ammortamento, i canoni di leasing o di noleggio e le spese per di impiego e manutenzione dei telefoni cellulari è elevato dal 50% al
80%. Tuttavia, la deducibilità dell’80% fa riferimento a tutti gli impianti di telefonia compresi quelli di telefonia fissa per i quali si determinerebbe una riduzione della deduzione
dal 100% all’80%. È confermata invece la deducibilità al 100% per gli apparecchi installati sui mezzi di trasporto merci delle imprese
di autotrasporto limitatamente ad un apparecchio per ciascun veicolo.
IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI
E DONAZIONI
Tra le ultime novità della riforma della ma-
DATI DEI FABBRICATI E ICI IN
DICHIARAZIONE DEI REDDITI
È introdotto l’obbligo di indicare in dichiarazione
dei redditi (mod. UNICO e 730) i dati identificativi
di ciascun fabbricato, nonché quelli relativi ai versamenti e ai conteggi dell’ICI. In particolare:
8 le dichiarazioni presentate nel 2007 dovranno
contenere nel quadro dei fabbricati solo l’importo dell’ICI dovuta per il 2006;
8 a decorrere dal 2008, i soggetti diversi dalle
società di capitali e dagli enti commerciali, dovranno indicare, oltre all’importo dell’ICI pagata nell’anno precedente, anche l’indirizzo, il
codice Comune, il foglio, la sezione, la particella ed il subalterno di ogni immobile;
8 le dichiarazioni delle società di capitali e degli
enti commerciali relative al periodo d’imposta
in corso al 31.12.2007 dovranno contenere tutti
i dati utili per il “trattamento” dell’ICI.
E’ inoltre riconosciuta ai comuni la possibilità di
istituire apposite imposte di scopo per finanziare
specifiche opere pubbliche.Tra le novità riservate
all’Ici anche quella che prevede che per abitazione
principale si intende quella di residenza anagrafica del contribuente.
DETRAZIONE 36% - IVA 10% RECUPERO DEL
PATRIMONIO EDILIZIO
È prorogata anche per il 2007 la detrazione IRPEF
del 36% per le spese di recupero del patrimonio
edilizio. Il limite della spesa agevolabile è fissato
a € 48.000 per unità immobiliare oggetto di intervento. Prorogata, per tutto il 2007, anche l’applicazione dell’aliquota Iva agevolata del 10% sulle
prestazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, effettuate sui fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata.
teria è stata inserita l’esclusione dall’imposta
sulle successioni e donazioni per i trasferimenti a favore dei discendenti, realizzati anche tramite patti di famiglia ex art. 768-bis e
segg, C.c., aventi ad oggetto aziende o rami
d’azienda, quote sociali e azioni. L’agevolazione è subordinata alla condizione che gli
aventi causa proseguano l’attività d’impresa
ovvero mantengano il controllo per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data del trasferimento; a tal fine, l’interessato deve rendere apposita dichiarazione contestualmente alla dichiarazione di successione o all’atto
di donazione.
TRATTAMENTO DELLE OPERAZIONI IMMOBILIARI DEL PERIODO 4.7 – 11.8.2006
I soggetti che hanno effettuato operazioni
immobiliari nel periodo 4.7 – 11.8.2006 possono ritenersi “coperti” in quanto sono considerate pienamente efficaci le cessioni/locazioni poste in essere sulla base di quanto
contenuto nell’originario DL n. 223/2006. Al
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
F I S C A L E
LE ALTRE NOVITA’ DI CARATTERE GENERALE
N.B. Per poter beneficiare della detrazione in
esame e dell’aliquota IVA ridotta è necessario che
nella fattura sia esposto distintamente il costo riferito alla manodopera.
AGEVOLAZIONI PER ACQUISTO VEICOLI
Sono introdotte una serie di disposizioni finalizzate ad agevolare il “rinnovo” del parco veicoli nazionale:
8 per l’acquisto di un’autovettura “EURO 4” o
“EURO 5” che emette non oltre 140 gr di CO2
al Km, previa rottamazione di un’autovettura o
autoveicolo per il trasporto promiscuo “EURO
0” o “EURO 1”, è concesso un contributo pari
a € 800 , nonché l’esclusione dal pagamento
del “bollo” per un periodo di 2 o 3 anni.
Analogo contributo, pari a € 2.000 , è attributo
per la sostituzione di un autocarro di peso complessivo non superiore a 3,5 t. É altresì concesso
un contributo pari a € 1.500 per l’acquisto di veicoli nuovi già omologati per l’alimentazione a metano, a GPL, elettrica o ad idrogeno. L’importo di
tale contributo è aumentato di ulteriori € 500 in
presenza di emissioni di CO2 inferiori a 120 gr per
Km ed è cumulabile con il contributo previsto per
la “rottamazione”. Le agevolazioni sono applicabili ai veicoli acquistati e risultanti da un contratto
stipulato a decorrere dal 3.10.2006 al 31.12.2007
(fino al 31.12.2009 per i citati veicoli a metano,
GPL, ecc.).
INDIVIDUAZIONE DEL VALORE NORMALE
NELLE CESSIONI IMMOBILIARI
A seguito delle nuove regole in materia di accertamento delle cessioni immobiliari introdotte dal DL
n. 223/2006, è ora attribuito all’Agenzia delle Entrate il compito di individuare, con apposito Prov-
vedimento, i criteri per la determinazione del valore normale dei fabbricati ceduti.
IMPOSTA SOSTITUTIVA PLUSVALENZE
IMMOBILIARI
Non è più possibile usufruire dell’imposta sostitutiva del 20% per le plusvalenze derivanti dalla
cessione di terreni edificabili.
IMPOSTA DI PUBBLICITÀ
Con un apposito Decreto ministeriale potranno
essere individuate le attività per le quali l’imposta
di pubblicità è dovuta per la sola superficie eccedente i 5 mq.
NUOVE DETRAZIONI IRPEF 19%
Sono previste nuove ipotesi di detrazione d’imposta relative a:
8 Spese palestra: riferita alle spese sostenute in relazione alla pratica sportiva dei ragazzi tra i 5 ed i
18 anni, per un ammontare massimo di € 210.
8 Canoni di locazione di studenti universitari
8 Spese di assistenza personale di soggetti non
autosufficienti
DETRAZIONI IRPEF SPESE DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICAEDIFICI
È prevista la detrazione del 55% delle spese sostenute entro il 31.12.2007 relative a una serie di
interventi di riqualificazione energetica di edifici
esistenti.
CONTRIBUTI PER NUOVI EDIFICI AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA
Per gli interventi di realizzazione di nuovi edifici di
volumetria superiore a 10.000 mc, in relazione ai
quali sono rispettati determinati parametri di efficienza energetica, è previsto un contributo pari al
55% degli extra costi sostenuti per conseguire i
predetti parametri.
cedente/locatore è concessa comunque la
possibilità di applicare le nuove disposizioni
che prevedono l’opzione per l’imponibilità
IVA, con applicazione delle imposte di registro e ipocatastali nelle nuove misure vigenti
dal 12.8.2006. L’opzione per l’imponibilità
IVA dovrà essere comunicata dall’interessato
nel mod. IVA 2007 relativo al 2006.
FRINGE BENEFIT AUTO AZIENDALI
Le nuova misure del fringe benefit (50%)
connesso con l’utilizzo dell’auto aziendale
hanno effetto soltanto a partire dal 2007.
SOCIETÀ DI COMODO
La disciplina delle società di comodo ha
subito nuove modifiche anche nelle percentuali per la determinazione dei ricavi minimi
e del reddito minimo.
RIFORMA DELLA PREVIDENZA
COMPLEMENTARE
È anticipato il decollo della previdenza
complementare all’1.1.2007, come già disposto dal DL n. 279/2006 che non sarà converL’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
DETRAZIONE PER ACQUISTO DI FRIGORIFERI
CLASSE “A+”
È introdotta la detrazione d’imposta pari al 20%
della spesa sostenuta nel 2007 per la sostituzione di frigoriferi/congelatori con analoghi apparecchi di classe energetica non inferiore ad “A+”. La
detrazione, di importo massimo pari a € 200, è
usufruibile in un’unica rata.
DETRAZIONE SPESE ASILI NIDO
È riconosciuta anche per le spese sostenute nel
2006 dai genitori per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido, nel limite di complessivi € 632 annui per figlio, la detrazione d’imposta nella misura del 19%.
DESTINAZIONE DEL 5‰ IRPEF
È stata nuovamente inserita la possibilità di destinare, da parte del contribuente il 5‰ dell’IRPEF a
favore di:
1. ONLUS ex art. 10, D.Lgs. n. 460/97, associazioni
di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali ex art. 7, Legge n.
383/2000 e associazioni riconosciute che operano
nei settori di cui all’art. 10, comma 1, lett. a), D.Lgs.
n. 460/97;
2. enti della ricerca scientifica e dell’Università ;
3. enti della ricerca sanitaria.
Non è più possibile, in particolare, destinare detta
quota al proprio Comune di residenza.
DETRAZIONE IRPEF ACQUISTO APPARECCHI
TV CON DIGITALE TERRESTRE
È prevista una nuova detrazione IRPEF pari al 20%
in relazione alle spese, sostenute entro il
31.12.2007 e fino all’importo massimo delle stesse di € 1.000, per l’acquisto di un apparecchio TV
dotato anche di sintonizzatore digitale integrato.
tito in Legge, con effetti sulle aziende e sui
dipendenti.
AGENTI IMMOBILIARI
Relativamente alle scritture private non
autenticate di natura negoziale (ad esempio,
preliminari di vendita) stipulate per la conclusione di affari, tra i soggetti tenuti all’obbligo di registrazione sono stati inseriti gli agenti immobiliari. I menzionati soggetti sono
solidalmente tenuti, con le parti contraenti,
al pagamento dell’imposta relativa a tali scritture.
TRATTAMENTO AGEVOLATO DELLE
AGGREGAZIONI AZIENDALI
Sono previste particolari agevolazioni fiscali in relazione ad operazioni di fusione o
scissione ovvero di conferimento d’azienda
ex art. 176, TUIR effettuate negli anni 2007 e
2008.
DEDUZIONE FORFETARIA IMPIANTI DI
DISTRIBUZIONE DI CARBURANT I
È applicabile anche per il 2007 la dedu-
zione forfetaria prevista a favore degli esercenti impianti di distribuzione di carburanti
per autotrazione.
CONTRIBUTO SSN SU PREMI DI
ASSICURAZIONE AUTOTRASPORTATORI
È prorogato il beneficio previsto a favore
degli autotrasportatori in relazione al contributo al SSN sui premi di assicurazione per responsabilità civile per i danni derivanti dalla
circolazione di veicoli a motore adibiti al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico non inferiore a 11,5 t. omologati ai
sensi della Direttiva 91/952/CEE.
DEDUZIONE FORFETARIA
AUTOTRASPORTATORI
Anche per il 2006 la deduzione forfetaria
per spese non documentate a favore degli
autotrasportatori di merci in conto terzi, è riconosciuta anche per i trasporti personalmente effettuati dall’imprenditore all’interno
del Comune in cui ha sede l’impresa di autotrasporto.
19
F I S C A L E
BREVI FISCALI
■ Tipografie scade il termine
per la trasmissione telematica
dei dati delle forniture fiscali
gola che in caso di superamento in corso d’anno dei limiti annuali
o trimestrali di presentazione degli elenchi occorre adottare la
nuova periodicità già a partire dal trimestre o mese successivo a
quello di superamento dei limiti. Le novità si applicano con riferimento agli elenchi di competenza dell’anno 2007 e quindi a partire dagli elenchi da presentare il 20 febbraio 2007 relativamente
agli scambi di gennaio 2007. I nuovi limiti sono i seguenti:
CESSIONI
Ammontare cessioni
intracomunitarieanno precedente
Superiore a € 250.000
mensile
Superiore a € 40.000 ma inferiore a € 250.000
Fino a € 40.000
Modalità tecniche di trasmissione
Le tipografie autorizzate alla stampa di documenti fiscali ed i soggetti autorizzati ad effettuarne la rivendita provvedono alla comunicazione dei dati:
8 direttamente tramite il servizio Entratel o il servizio Internet.
8 tramite gli intermediari abilitati che effettuano il serivzio.
Per ciascuna fornitura, i soggetti obbligati devono indicare:
• i propri dati identificativi (codice fiscale, partita IVA, denominazione o cognome, nome e ditta);
• i dati identificativi del rivenditore o dell’acquirente utilizzatore
(codice fiscale, partita IVA, denominazione o, se si tratta di imprenditore individuale, cognome, nome e ditta);
• numero degli stampati forniti con l’indicazione della serie e dei
relativi numeri iniziale e finale;
• il codice che individua le diverse tipologie di stampati, che costituiscono oggetto della fornitura;
• data della fornitura;
• estremi dell’autorizzazione rilasciata alla tipografia o al rivenditore.
■ Nuova periodicità elenchi Intrastat
Con recente provvedimento ministeriale sono stati innalzati i
limiti delle cessioni e degli acquisti intracomunitari che determinano la periodicità di presentazione degli elenchi intrastat e i limiti per l’indicazione dei dati statistici. E’ stata introdotta la re-
20
trimestrale
annuale
ACQUISTI
Ammontare acquisti
intracomunitari anno precedente
Ricordiamo la scadenza del 28 FEBBRAIO 2007, termine ultimo per la trasmissione telematica dei dati relativi alle forniture di
documenti fiscali effettuate, da parte delle tipografie autorizzate,
per l’anno 2006
Come è noto, l’azione sindacale determinante di Confartigianato nei confronti dei competenti organi ministeriali ha consentito di semplificare tale obbligo riducendolo ad un solo invio annuale anziché i quattro invii trimestrali previsti dalla normativa originaria. Si riepilogano di seguito le modalità tecniche di trasmissione.
PERIODICITA’
PERIODICITA’
Superiore a € 180.000
mensile
Fino a € 180.000
annuale
Il Decreto Ministeriale ha innalzato a 20 milioni di euro il limite oltre il quale occorre indicare i dati statistici relativi al valore
degli scambi, condizioni di consegna e modalità di trasporto.
■ Agevolazione Irap
Si ricorda che la Regione Lombardia, con la Legge n. 11 del 5
maggio 2004, art. 2 e art. 9, commi da 1 a 5, ha previsto una agevolazione a favore delle imprese di nuova costituzione, nonché
delle attività commerciali di vicinato esercitate nei comuni con
popolazione residente non superiore a 2000 abitanti.L’agevolazione consiste in una riduzione di un punto percentuale dell’aliquota Irap per quattro periodi d’imposta decorrenti da quello in
corso alla data di costituzione (per esempio: per le imprese costituite nel 2006, l’agevolazione spetta per gli anni 2006, 2007,
2008 e 2009). L’agevolazione è estesa ad ulteriori tre periodi
d’imposta per le imprese individuali e le società composte prevalentemente da uomini tra i 18 e i 35 anni di età e da donne. Per
poter accedere all’agevolazione occorre presentare domanda di
ammissione indirizzata a: Regione Lombardia, U.O. Tributi, Via
Pola n. 14, 20124 MILANO
Per la domanda di ammissione occorre utilizzare gli appositi
moduli. Il termine di presentazione è fissato al 31 marzo dell’anno successivo a quello di costituzione (31 marzo 2007 per le nuove imprese costituite nel 2006).
■ Nuovi modelli variazioni Iva
L’Agenzia delle Entrate ha varato i nuovi modelli da utilizzare
in caso di avvio di una nuova attività per richiedere il rilascio della partita iva o per comunicare ogni variazione o la cessazione
dell’attività con chiusura della p.iva. Nei nuovi modelli sono richieste nuove informazioni tra cui i dati dell’immobile nel quale
viene svolta l’attività, il codice fiscale dei soci di società e la percentuale di partecipazione al capitale, l’intenzione di effettuare operazioni intracomunitarie.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
f i s c a l e
Edilizia, dal 1° gennaio cambiano le fatture
Subappalto con il “reverse charge”
La Legge Finanziaria per il 2007 ha confermato l’introduzione dell’applicazione del meccanismo del REVERSE CHARGE alle prestazioni
di servizi dipendenti da contratti di subappalto
nel settore edile.
IMPRESA DI COSTRUZIONE/RISTRUTTURAZIONE
(SOGGETTO APPALTANTE)
Appalto
No reverse charge
COS’E’ IL REVERSE CHARGE
Il reverse charge (o “inversione contabile”)
consiste nell’inversione dell’obbligo di applicazione dell’IVA; in pratica l’iva viene applicata
anziché dal prestatore/cedente (come previsto
dai principi generali dell’ IVA) dall’acquirentecommittente. Pertanto per effetto dell’applicazione del reverse charge, alle prestazioni di servizi rese nel settore edile da un’impresa SUBAPPALTATRICE nei confronti:
8 di un’impresa di costruzione o di ristrutturazione di immobili;
ovvero
8 dell’appaltatore principale o di altro subappaltatore;
debitore dell’IVA è il soggetto appaltatore, anziché l’impresa subappaltatrice.
A QUALI PRESTAZIONI SI APPLICA
“Si applica alle prestazioni di servizi rese
nel settore edile da soggetti subappaltatori nei
confronti delle imprese che svolgono attività di
costruzione o ristrutturazione di immobili ovvero nei confronti dell’appaltatore
principale o di altro subappaltatore”.
Rientrano nel concetto di attività edile i
seguenti lavori:
8 i lavori generali di costruzione,
8 i lavori speciali di costruzione per edifici
e opere di ingegneria civile,
8 i lavori di completamento di un fabbricato,
8 i lavori di installazione in esso dei servizi.
Sono INCLUSI, per esempio, i nuovi lavori,
le riparazioni, i rinnovi e restauri, le aggiunte e
le alterazioni, la costruzione di edifici e strutture prefabbricate in cantiere e anche le costruzioni temporanee. Ancora sono soggetti al reverse charge i lavori generali di costruzione che
riguardano la costruzione di alloggi, edifici adibiti ad uffici, negozi, edifici pubblici, edifici agricoli ecc., nonche’ la costruzione di opere del
genio civile come autostrade, strade, ponti,
gallerie, strade ferrate, campi di aviazione, porti
e altre opere idrauliche, la costruzione di sisteL’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
SOGGETTO APPALTATORE
Subappalto
Si reverse
SUBAPPALTATORE
Sul nostro sito internet
www.artigiani.lecco.it
sono disponibili i modelli
di fattura in regime di
reverse charge che deve
emettere il subappaltatore,
con le integrazioni
da apporre da parte
del soggetto appaltatore
mi di irrigazione e di fognatura, impianti industriali,
condotte e linee elettriche,
impianti sportivi ecc..”
Si precisa che rientrano
nel campo di applicazione
del reverse charge anche i
soggetti che svolgono le suddette attività di costruzione
anche in via non esclusiva o
non prevalente.
Sono invece ESCLUSE dall’applicazione del reverse charge alcune attività
collaterali a quelle di costruzione quali l’installazione e manutenzione di prati e giardini, la
costruzione e installazione di attrezzature industriali, le attività di pulizia di immobili.
CONTRATTI SOGGETTI
AL REVERSE CHARGE
Si APPLICA in presenza di contratti di subappalto per prestazioni di servizi rese nei confronti dell’appaltatore o di altri subappaltatori.
NON SI APPLICA a:
8 contratti di appalto stipulati direttamente
nei confronti di imprese di costruzione o di
ristrutturazione
Si reverse
Subappalto
SUBAPPALTATORE
8 alle prestazioni intellettuali (geometri, ingegneri, architetti,…)
8 alle forniture di beni con semplice posa in
opera
COME FUNZIONA
SOGGETTO SUBAPPALTATORE
8 emette una fattura senza applicare l’iva ed
apponendo una dicitura del tipo: “fattura
soggetta al riverse charge ai sensi dell’art.
17, comma 6, D.P.R. n. 633/1972; l’applicazione dell’iva è a carico del destinatario
della fattura.”
8 annota la fattura nel registro delle fatture
emesse
SOGGETTO APPALTATORE
8 integra la fattura ricevuta, con l’indicazione
dell’aliquota IVA e della relativa imposta inserendo una dicitura del tipo: ”Integrazione ai sensi dell’art. 17, comma 5, D.P.R.
633/1972.”
8 annota la fattura integrata nel registro delle
fatture emesse entro il mese di ricevimento
ovvero anche successivamente, ma comunque entro quindici giorni dal ricevimento e
con riferimento alla liquidazione iva del
mese di ricevimento;
8 annota la fattura integrata anche nel registro degli acquisti
ENTRATA IN VIGORE
Il meccanismo del reverse charge è applicabile alle fatture emesse a partire dal 1 GENNAIO 2007. Si ribadisce che conta la data di
emissione della fattura a prescindere dal momento di esecuzione della prestazione.
Prima dell’emissione delle fatture potete
contattare gli addetti dell’ufficio fiscale per
avere ulteriori informazioni sulla corretta emissione.
21
P R E V I D E N Z A
Fissata la rivalutazione per il 2007
Le pensioni aumentano del 2%
Decorrenza
Minimi pensionistici mensili per dipendenti e autonomi
Pensioni sociali (importi mensili)
Assegni sociali (importi mensili)
MINIMI E ASSEGNI SOCIALI
1° gennaio 2007
436,14
320,88
389,36
Note: si tratta di valori stabiliti in via previsionale sulla base dell’aumento del 2%
Decorrenza
Aumento in perceniuale
Scaglioni mensili di pensione sui quali si applica l’aumento
PENSIONI SUPERIORI ALMINIMO
1° gennaio 2007
fino a 1282,74 €
oltre 1282,74 € e fino a 2137,90 €
oltre 2137,90 €
2,00%
1,80%
1,50%
Fissata la rivalutazione delle pensioni per il
2007, in seguito alla perequazione automatica
(costo della vita). L’aumento è stato stabilito
nella misura del 2%, con effetto dal 1° gennaio
2007, salvo conguaglio da effettuarsi quando
scatterà la perequazione automatica per l’anno
successivo.
I nuovi importi, per il 2007, sono stati calcolati, in via previsionale, sulla base dell’aumento
del 2%. La percentuale di variazione per il cal-
colo della perequazione automatica delle pensioni per il 2005, con effetto dal 1° gennaio
2006, è stata fissata nella misura definitiva del
1,7%, pari a quella previsionale. Questo significa che per il 2006 non ci saranno conguagli per
i pensionati.
Per le pensioni superiori al trattamento minimo INPS e per quelle a carico di un fondo esclusivo o sostitutivo dell’asicurazione generale
obbligatoria IVS (Stato, Inpdap e così via) la
percentuale di aumento per la variazione del
costo della vita si applica, secondo la legge
388/2000, per intero sull’importo di pensione
fino a tre volte il trattamento minimo del Fondo
pensioni lavoratori dipendenti, mentre per le
fasce d’importo comprese tra la parte eccedente tre volte il minimo e fino a cinque volte tale
misura, la percentuale di aumento viene ridotta
al 90%, e per la parte di pensione eccedente
cinque volte il minimo, si scende al 75%.
Il passaggio dal calcolo retributivo a quello contributivo
Pensioni basse per i giovani
I lavoratori assunti dopo la riforma Dini,
specialmente se precari o collaboratori coordinati e continuativi o a progetto, temono
che a lavori discontinui e a stipendi bassi seguano pensioni modeste.
Le rendite future sono infatti condizionate
dal calcolo contributivo introdotto nel 1995,
penalizzante rispetto al precedente sistema. I
più anziani si avvantaggiano del sistema di
calcolo retributivo, più favorevole, o di un sistema misto, retributivo-contributivo.
METODO RETRIBUTIVO
E’ ancora in vigore per le pensioni dei lavoratori che al 31 dicembre 1995 avevano almeno 18 anni di contributi. La rendita viene
calcolata in ragione del 2% della retribuzione
pensionabile per ogni anno di anzianità contributiva, con un massimo dell’80% della retribuzione lorda annua pensionabile in presenza di 40 anni e oltre di contributi.
METODO CONTRIBUTIVO
Si applica a chi ha iniziato a lavorare dopo
il 31 dicembre 1995 (riforma Dini). La pensione viene concessa dopo solo 5 anni di contributi a partire dal compimento dei 57 anni di
età (requisito non necessario per chi ha 40
anni di contributi). La rendita è data dalla
somma di tutti i contributi versati nella vita
22
lavorativa, il cosiddetto “montante individuale”, rivalutato in relazione al PI L( Prodotto Interno Lordo).
Il montante individuale viene poi moltiplicato per un “coefficiente di trasformazione”
Requisiti per il contributivo
Nel calcolo contributivo è prevista soltanto
la pensione di vecchiaia (e non di anzianità) che si può ottenere con almeno 57
anni di età, un minimo di 5 anni di versamenti effettivi (esclusi i figurativi) e una misura della rendita maturata che superi di
almeno il 20% l’assegno sociale dell’INPS.
In ogni caso, raggiunti i 65 anni, ci si può
ritirare dal lavoro qualunque sia l’importo
della pensione a cui si ha diritto. A differenza del criterio di calcolo retributivo, il
contributivo non contempla la possibilità
dell’integrazione dell’assegno previdenziale a un trattamento minimo di legge. Per i
periodi di lavoro precedenti i 18 anni di età
è prevista una maggiorazione del 50% (sei
mesi in più per ogni anno). In alternativa ai
57 anni, otterrà la pensione di vecchiaia
chi ha 40 anni di contributi (esclusi il riscatto degli studi e la volontaria).
corrispondente all’età di chi chiede la pensione. Infine, la somma di tutti i versamenti e gli
interessi maturati (montante contributivo)
viene moltiplicata per un coefficiente di trasformazione che rapporta il trattamento all’età del pensionando, premiando chi ha 65
anni.
SISTEMA MISTO
Il lavoratore che al 31 dicembre 1995 aveva versato contributi per meno di 18 anni otterrà la pensione con un sistema misto: con il
sistema retributivo per l’anzianità maturata al
31 dicembre 1995 e con le regole del contributivo per l’anzianità successiva.
LA REVISIONE
La riforma Dini prevedeva, poi, la ridefinizione dei coefficienti di trasformazione ogni
dieci anni. La revisione deve tener conto delle rilevazioni demografiche e del tasso di variazione del PIL. Ma nel 2005 è saltato il previsto aggiornamento dei coefficienti di “equità attuariale”.
La pensione calcolata con il contributivo è
una coperta stretta. Si stima una riduzione a
regime di circa il 7% della media delle prestazioni future. Ecco la richiesta dei lavoratori:
una revisione adeguata alla migliore speranza di vita.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
P R E V I D E N Z A
Le modalità di partecipazione alla spesa
L’assistenza sanitaria dal 1° gennaio 2007
FARMACI
CATEGORIE
Bambini sotto i sei anni
Anziani sopra i 65 anni
(con redditi familiari fino a € 36.151,98)
Fascia di età intermedia (6-65 anni)
FASCIA A
Esenti dal
1°/1/2001
Esenti dal
1/1/2001
ANALISI ED ESAMI (*)
FASCIA B
Soppressa dal 1°
luglio 2001
(art.85, comma 1
L.388/2000)
Soppressa
FASCIA C
A pagamento
SPECIALISTICADIAGNOSTICA
Esenti
A pagamento
A pagamento fino ad € 36,15 + €
10,00 quota fissa su ricetta (2)
Patologie di cui al DM 1.2.91 (e succ. mod.), DM
8.5.99 n.329 (modif. da DM 21.5.01 n.296)
(malattie croniche e invalidanti), DM 18.5.01 n.279
(malattie rare)
Esenti dal
1/1/2001
Soppressa
A pagamento
Esenti (per prestazioni correlate alla
patologia)
(art.68, commi 1 e 2 L. 448/98)
Soggetti danneggiati da vaccinaz. obblig., trasfus.
e sommin. emoderivati (L. 210/92)
Esenti
Soppressa
A pagamento
Esenti (per prestazioni correlate alla
patologia)
• Invalidi di guerra con pensione diretta vitalizia
• Grandi invalidi per servizio
• Invalidi civili al 100%, ciechi assoluti
• Inv. civ. con ind. accomp.
• Inv. civ. minori di 18 anni, con ind. frequenza o
accompagnamento
• Grandi invalidi del lavoro
• Ex deportati nei campi di sterminio nazista
• Vittime del terrorismo e della criminalità
organizzata
• Detenuti ed internati
Esenti
Soppressa
A pagamento
Esenti
• Invalidi di guerra 6^ e 8^ categoria
Esenti
Soppressa
A pagamento
Quota fissa fino a € 36,15 + 10,00 (2)
per prestazioni non correlate all’invali
• Patologie neoplastiche maligne e pazienti in
attesa di trapianto di organi
• Titolari di pens. o assegni sociali, e fam. a carico
• Pensionati al minimo oltre i 60 anni e fam. a
carico.
• Disoccupati e fam. a carico
Esenti dal
1/1/2001
Soppressa
A pagamento
Esenti (art.68, commi 1 e 2, Legge n.
448/98)
• Inv. del lavoro sotto i 2/3
• Infortunati INAIL e M.P.
• Invalidi per servizio 6^-8^categoria
Esenti dal
1/1/2001
Soppressa
A pagamento
Esenti (art.68 L.448/98) per le
prestazioni correlate alla patologia
invalidante
• Inv. civ. dal 67% al 99%
• Invalidi del lavoro dal 67% al 99%
• Invalidi per servizio 2^-5^ categoria
• Ciechi parz. e sordomuti
Esenti dal
1/1/2001
Soppressa
A pagamento
Esenti (art.68, commi 1 e 2, L. 448/98)
• Donne in stato di gravidanza
Esenti
Soppressa
A pagamento
Esenti da specialistica e diagnostica e
vaccinazioni di comprovata efficacia
(1) Con reddito familiare inferiore a € 8.263,31, incrementato fino ad € 11.362,05 in presenza del coniuge a carico e di ulteriori € 516,46 per ciascun figlio a carico; disoccupati a prescindere dall’età, se il reddito rientra nei limiti previsti per i titolari di pensione al minimo.
(2) In applicazione della L. 296/2006 (Finanziaria 2007), a decorrere dal 1°/01/2007 sono tenuti al pagamento della quota fissa di 10 Euro sulla ricetta,
per le prestazioni di assistenza specialistica e di diagnostica ambulatoriale, gli assistiti non esenti. La stessa legge finanziaria stabilisce il pagamento di
€ 25,00 per le prestazioni di pronto soccorso ospedaliero non seguite da ricovero (codice bianco), ad eccezione dei casi di traumatismi ed avvelenamenti acuti. La quota suddetta non deve essere comunque pagata dagli assistiti non esenti sotto i 14 anni di età.
(*) Dal 1°/1/2003 - Partecipazione da parte degli assistiti, ad esclusione dei soggetti esenti, al costo delle prestazioni termali per un importo di € 50
(art.52, comma 1, L. 289/02, Finanziaria 2003)
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
23
a n n u n c i
ANNUNCI
ATTIVITA’
Cedesi attività impresa di pulizia alto lago
di Como. Per informazioni 320.6644337
Cedesi vicinanze Lecco avviatissima attività per
la produzione di lampadine alogene di ogni
tipo e genere - Produzione unica in Italia dal
1979 - 3 dipendenti - alta redditività. Te l .
0341.606213
Cedesi autolavaggio avviato, in centro Merate,
self service 24 ore, 4 piste, 4 aspiratori, 1 lavatappeti, 1 distributore carta, fontana. Ottima
viabilità. Tel. 039.9210878 cell. 349.2913141
Cedesi avviato negozio di parrucchiere per signora in Monticello Brianza. Per informazioni:
334.1281772.
Cedo avviato e ampio laboratorio di vendita
gelato artigianale a Casatenovo per motivi familiari. Ottima posizione, attrezzature e arredi
nuovi, possibilità di ampio sviluppo. Cell.
339.4149791. Tel e fax 039.9960769
ATTREZZATURE
Vendesi Elettroerosione a tuffo ONA mod.
CS400 Anno 2002. Corse: X=600 Y=400
Z=400 + Cambio Elettrodi + Asse C. Ottime
condizioni. Tel. 0341.540449
Vendo causa cessazione attrezzatura di carrozzeria con alcuni pezzi interessanti. Tel.
0341.996685
Vendo centro di lavoro a CNC ad asse verticale GLORIA 2-40. Tel. 039.5310123
P ressa ecc. “IMS” mod. P50 – RE, nuova,
mai usata. Tel. 328.4509766
Monitor nuovissimo ultrapiatto 17 pollici
marca NEC LCD 72VM, prezzo trattabile.
Tel. 340.2432703.
Vendesi fresatrice “Giannotti” usata pochissimo
ideale per lavorazioni di esagonatura dadi, tagli
cacciavite, piani paralleli in serie. Possibilita’ di pagamento rateale. tel. 0341/660080
Vendo piattaforma aerea telescopica (simon cella)
m. 17, ottimo stato di conservazione. Prezzo interessante. Tel. 348.5862446
Causa cessazione vendiamo macchine da cucire
di vario tipo ed attrezzatura varia da attività di
confezioni biancheria per la casa. Tel.
039/9204381 oppure 039/9205177
Vendesi tre caschi elettronici bianchi nuovi a muro,
tre specchi bronzati 85x120, 60 pezzi di duciavital
da 2,50 ml per permanente. Tel.039958208
Causa cessazione vendiamo attrezzature (filieresaldatrici-geberit-carrelli elevatori ecc.) e materiali
vari da attività di impianti termoidraulici (tubi rameferro-plastica-rubinetteria-sanitarie ecc.) Tel.
0341.540429, cell. 335.1332953
IMMOBILI cOMMERCIALI
Bilocale uso ufficio affittasi, mq 70 circa, a
Lecco, via Amendola (vicino alla Guardia di
Finanza), piano rialzato, disponibilità immediata, euro 5000/anno. Tel. SDM
031.850894.
Affittasi in Oggiono, vicinissimo provinciale,
capannone di mq. 240 con ingresso e piazzale autonomo, ideale per attività industriale/artigianale o deposito. Tel 347.4024130
Affittasi capannone industriale artigianale mq.
250 circa a Lecco Bonacina, prezzo trattabile. Tel.
0341.493038.
Cernusco Lombardone affittasi nuovo box mq. 35
altezza mq 4 per caravan o uso deposito. Tel.
333.3112791
stello Brianza. Tel. 039.5310123
Società di Carpenteria di Sirone (Lecco)
cerca saldatore a filo continuo con esperienza. Tel. 031.853558
Impiegata 46 anni, con esperienza lavorativa
settore industria ed edile cerca lavoro come dipendente part-time. Tel. 334.3224495
Impresa edile artigiana + immobiliare cerca,
per ampliamento organico, persona valida e
qualificata (geometra, architetto, ingegnere)
con spiccate doti di personalità. Possibilità di
partecipazione con quota appropriata agli utili.
Mansioni proposte: preventivista, acquisizione
lavori, rapporti clientela. Completa autonomia,
ufficio disponibile. Tel. 339.1923048
Artigiano 35 anni offresi per lavoro serio di assemblaggio e cablaggio. Tel. 349.5937367
Officina meccanica a Ello cerca per inserimento
proprio organico tornitore per lavorazioni su
torni paralleli. Anche minima esperienza. Tel.
ore ufficio 0341.260496
Geometra, 33 anni, con esperienza nel settore
edile, offresi. Ottima conoscenza disegno tecnico e organizzazione del personale. Tel.
339.1853655
In Lecco Corso Emanuele Filiberto vendo capannone mq 400 coperti, altezza mt. 4,50 + terreno
550 mq + uffici e servizi. Ideale per attività industriale/artigianale o deposito. Tel. 348.5913121
Ingegnere gestionale 25enne, ottimo voto laurea, 2 anni esperienza in logistica movimentazione merci e automazioni, ottima conoscenza
lingua inglese e informatica offresi. Tel.
349/1690346
In Casatenovo affittasi porzione di capannone
artigianale - da 150 a 550 mq – con piazzale
esterno privato ad uso laboratorio, magazzino o
deposito. Tel. 039/9204381 oppure
039/9205177
VEICOLI cOMMERCIALI
Vendesi terreno vista lago per costruzione capannone con eventuale abitazione - zona artigianale
in comune di Vestreno Valvarrone a 5 minuti uscita superstrada nuovo svincolo di Dervio e a 25
minuti da Lecco. Tel. 0341 850712 - cell.
3296172098
LAVORO
Cercasi personale per attrezzaggio macchine per officina meccanica che esegue lavori
di tornitura e filettatura. sede di lavoro Ca-
Vendesi causa inutilizzo Fiat Fiorino gasolio
del 1993 revisionato con scadenza maggio
2008.
Prezzo
interessante,
tel.
335.1332953
Vendesi causa inutilizzo autocarro q.li 12,5 Peugeot Boxer 2.5 del 1995, km. 81.000, cassone
aperto, bianco, ottimo stato, prezzo interessante.
Cell. 338.7121291. Tel/fax 031.850573.
Vendesi causa poco utilizzo autocarro Nissan Europe NV Terrano II, 5 posti + carico, anno 2001,
grigio metallizzato, come nuovo, euro 12.000.
Tel. 333.3112791
Per pubblicare i tuoi annunci gratuiti invia un fax all’Ufficio stampa 0341.255123
o una mail a [email protected]
Per ragioni di spazio siamo spiacenti di non poter pubblicare annunci di veicoli e immobili non commerciali
24
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
V I T A
A S S O C I A T I V A
L’ASSISTENZA SANITARIA DEL
FUTURO E’ QUELLA PRIVATA
MUTUA
SANITARIA
VOLONTARIA
ALCUNE ASSISTENZE
Indennità o Rimborso
spese ospedaliere
Esami e Analisi cliniche
esclusi dall’assistenza
sanitaria nazionale
Odontoiatria
Oculistca
Infortunistica
Acustica
Visite Specialistiche
Medicina nucleare
Ecografie
Indennità per cure
termali e terapiche
fisiche
Vengono rimborsati i ticket:
pagati alla ASL per prestazioni mediche
esami di laboratorio e radiografie
UNICO DOCUMENTO RICHIESTO: STATO DI FAMIGLIA
C.SO MARTIRI, 85 - LECCO - TEL. 0341 362472
Per le informazioni riguardanti l’erogazione delle assistenze
gli uffici sono a vostra disposizione dal lunedì al venerdì
orario continuato dalle ore 8.30 alle ore 15.30
Tutti gli articoli di questo numero,
oltre agli arretrati de
“L’artigianato lecchese”
sono scaricabili da internet.
Sul sito è anche disponibile
la rassegna stampa quotidiana
con gli articoli dei giornali locali
e nazionali riguardanti le attività
della nostra associazione e le novità
dal mondo dell’artigianato.
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
25
s c a d e n z a r i o
FEBBRAIO 2007
■ 16
Sindacale
IRPEF Ritenute sul lavoro dipendente Nell’ambito dei versamenti unificati, mediante Mod. F24,scade il termine per il versamento delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente.
■ 16
Sindacale
INPS Contributi lavoro dipendente Nell’ambito dei versamenti unificati, mediante Modello F24, scade il termine per il versamento all’INPS dei contributi relativi ai lavoratori dipendenti, nonché la presentazione del Mod. 10/2.
■ 16
Sindacale
INPS Contributo 16% o 23.50% Co.Co.Co. e lavoratori a progetto Per i committenti scade il termine per versare all’INPS, medinate Mod. F24, il contributo ( 16% o
23.50%secondo casistica) da calcolarsi sui compensi del mese precedente.
■ 16
Sindacale
IRPEF Imposta sostitutiva sulla rivalutazione TFR Il 16 /02/2007 scade il termine per versare all’erario col codice tributo 1713 , il saldo d’imposta, pari all’11% calcolato
sulla rivalutazione T.F.R. dell’anno precedente. L’importo da versare dovrà tenere conto dell’acconto già versato in data 16/12/2006 col codice 1712.
■ 16
Sindacale
INAIL Dichiarazione salari; Autoliquidazione dei premi E’ questo il giorno di scadenza per i tradizionali adempienti annuali INAIL , quali il pagamento del premio annuale anticipato, la regolarizzazione dell’anno precedente e l’invio della denuncia annuale delle retribuzioni (Mod: 20SM).
■ 16
Fiscale
IVA soggetti mensili. Versamento dell’iva relativa al mese di gennaio 2007 (F24 telematico)
■ 16
Fiscale
IVA soggetti trimestrali speciali. Versamento dell’iva relativa al quarto trimestre 2006 al netto dell’eventuale acconto versato (F24 telematico)
■ 16
Fiscale
IVA-LETTERE INTENTO: invio telematico delle comunicazioni dati relative alle lettere d’intento ricevute nel mese di gennaio 2007
■ 16
Previdenziale
4° RATA FISSA ANNO 2006 DEI CONTRIBUTI DEGLI ARTIGIANI
■ 20
Sindacale
ENASARCO Agenti e rappresentanti Scade il termine per versare – mediante c/c postale – i contributi previdenziali ed assistenziali relativi agli agenti e rappresentanti.
■ 20
Fiscale
MODELLI INTRASTAT: presentazione dei modelli relativi a cessioni ed acquisti intracomunitari effettuati nel mese di gennaio 2007 da parte dei soggetti mensili (con
applicazione dei nuovi limiti)
■ 28
Sindacale
IRPEF Conguaglio annuale per i dipendenti Entro il termine ultimo del 28 febbraio le aziende hanno ancora la possibilità di rettificare le operazioni di conguaglio fiscale, rettificando le eventuali operazioni effettuate nei precedenti periodi, 12/2006 e 01/2007
■ 28
Fiscale
COMUNICAZIONE DATI IVA Presentazione in via telematica, diretta o tramite intermediario abilitato, della comunicazione dati Iva riferita all’anno 2006.
■ 28
Fiscale
STAMPATI FISCALI Trasmissione telematica, all’Agenzia delle Entrate, dei dati relativi alle forniture di documenti fiscali effettuate nel 2006 da parte delle tipografie e
dei soggetti autorizzati alla rivendita.
■ 28
Fiscale
TAXISTI E NOLEGGIATORI CON CONDUCENTE Termine per la presentazione alla circoscrizione Doganale competente di apposita domanda per usufruire del credito d’imposta sui consumi di carburante.
DENUNCE AMIANTO E MUD
PENSIONATI, ARRIVA IL “BUSTONE”
8 Entro il 28/02/2007 la denuncia delle acque scaricate in fognatura
ai sensi della Legge Regionale 25/81
L’INPS ha completato le operazioni di rinnovo delle pensioni 2007 adeguandole al costo della vita e sta inviando ai pensionati circa 15 milioni di plichi con: • la certificazione reddituale per il 2006 (CUD); • certificato di pensione con tutte le informazioni sulle pensioni: importi mensili, detrazioni, conguagli, addizionali varie, ecc. (modulo O bis M); • chi
usufruisce di prestazioni legate al reddito riceverà anche l’apposito modulo da riconsegnare tramite il CAAF (modello RED). • Informazioni sulla nuova disciplina relativa alla destinazione del trattamento di fine rapporto (TFR), Anche se quest’ultimo non riguarda direttamente i pensionati, la comunicazione viene affidata loro per la diffusione fra i propri
familiari e conoscenti che ancora lavorano, affinchè possano essere
ben informati per compiere le scelte appropriate.
L’arrivo del “bustone” è previsto per la seconda metà di febbraio.
8 Entro il 31/03/2007:
• la denuncia dell’amianto
• la denuncia delle acque prelevate dai pozzi
8 Entro il 30.04.2007 la dichiarazione annuale dei rifiuti (MUD).
Denunce amianto e Mud: tra i nuovi soggetti interessati alla denuncia,
figurano i trasportatori in proprio di rifiuti che hanno presentato la domanda alla CCIAA di Milano (tassa 50 euro).
Per informazioni di carattere generale: Marco Bonacina (Ufficio ambiente - tel. 0341.250200). Per le pratiche: Economie Ambientali,
0341.286741. Telefonare per richiedere appuntamento.
26
L’Artigianato Lecchese
n. 1 - 30 GENNAIO 2007
Scarica

La politica non vuole rischiare