CGTI
Guidaelaboratae redattada una equipecoordinatada
GIANLUCAROSSI
CaafCgilLombardia
TROMBETTI
STEFANIA
Nazionale
CaafCgil
"NORMATIVA"
del Consorzio
Responsabile
FEDERICO
TOCCACIETI
CaafCgil
Nazionale
Consorzio
compostada
AlessandraBaluganti
AlessioBarberini
Monica Costa
OrnellaCrestanelli
GiovannaPiazzo
SandraRodella
BarbaraZulian
CaafCgilToscana
CaafCgilLazio
CaafCgilEmiliaRomagna
CaafCgilNordest
CaafCgilPiemonteVdAosta
CaafCgilNordest
CaafCgilNordest
con la collaborazionedi
Titti Basso
FrancescoCimino
SaraDe Zorzi
GiulianaMaffei
Stefania Magrassi
Maria TeresaRocco
DanielaSgaravatto
DanielaSiri
CosimoStefani
CaafCgilSicilia
CaafCgilCalabria
CaafCgilNordest
CaafCgilNordest
CaafCgilPiemonteVdAosta
CaafCgilToscana
CaafCgílNordest
CaafCgilNordest
CaafCgilPuglia
ll presentevolume è utilizzatoesclusivamenteper scopi formativi interni al CAAF CGIL.
L'elaborazione
dei testi, anche se curata con scrupolosaattenzíone,non può comportare
per eventualierrorio inesattezze.
specifiche
responsabilità
NAZIONALE
CAAFCGIL
CONSORZIO
Romanovembre2011
cotl
t
INDICE
PartelCapitolo1
ISE-ISEE
PRINCIPI
GENERAII
1. 1 lr pERcoRsoNoRMATtvoATTRAVERso
tLquAtg NAscEL'tsE
PAG.L2
1.2lsE- lsee: Dertruz|one
PA6,13
1.3Ll DSU- DrcHtARAzlorue
Sosnrurrvn
Unrcn
PAG.13
.
r
.
.
.
.
L.3.LA chi e come si presentala dichiarazione
L.3.2Assistenza
alla correttacompilazione
dellaDSU- Ruolodel CAF
1.3.3Le responsabilità
nellacompilazione
dellaDSU
!.3.4 Quandosi presentala DSU
1.3.5Validitàdella DSU
L.3.6Cosasi deve ricordareprima di presentarela DSU
Pao
14
pag. 14
Pàs- 16
Pas. 17
Pas
17
Pae. L7
1.4 6tI ENTIERoGAToRI
E tE MoDIFICHE
cHEPossoNoAPPoRÎARE
PAG.18
1,5 h CnsrulRto DELL'AsstsrEtrtzA
PA6.19
1.6 II SISTEMA
DEIcoNTRoLLI
PA6.19
1.7 LEsAilzIoNIAI RICHIEDENTE
PAG.20
1.8 LESANZIoNI
AI CAAF
r
1.8.1 ll ritardo nella trasmissionedella DSUalla bancadati dell'lstituto
|
7.8.2Difformitàtra idati trasmessialla bancadati dell'lstitutoe ouellicontenutinel modulo di
pAG.2L
pae. 21
I
r
dichiarazione
1..8.3Ritrasmissione
dichiarazione
con valoriinalterati
presentatada soqgettoinesistenteo deceduto
1.8.4Dichiarazione
1.9[r Faeosnlrps
Pas )1
Pap. 21
pag. 21
Pr&22
ParteI Capitolo2
LADICHIARAZIONE
SOSTITUTIVA
UNICA:
COMPOSIZIONE
DELMODELIO
2.LPRIMAFACCIATA:
PnesTAzIo'{I
socIAtIcHEsI INTENDo
R'CHIEDERE
PA6,26
2.2Seconoe FAcclAfA!GUfDARAptDA
AUAcoMpttAztoilE
PAG,27
2.lTeazx FAcCIATA:
coMposlzlorus
DEtNUctEoFAMIUAftE
PAG,28
2. 4Teszt ttconrl: I auADntA - B - C- D
PAc.28
2. 5 QUARTA
FACCTATA:
5OîTOSCR|Z|ONE
DEil-AD|CH|ARAZIONE
PAG.29
2 . 6 Quanrn FACCIATA:
ATTEsrAztoNE
DELT
A pREsENTAztot'JÉ
PAG,29
2.7 FRoNfEFoGtIoALLEGATo:
Ft- F2.FI
PA6.30
2 . 8 RernoFocuo ALLEGATo
: F4 - tS - F6- sorîoscntztoNE
Focrro
PAG.3t.
Parte lCapitolo 3
PRESTAZIONISOCIALI
CHESI INTENDORICHIEDERE
3,1LA coMPIIAzIoNEDEtQUADRo
pA6.14
ParteI Capitolo4
LACOMPOSIZIONE
DEtNUCTEO
FAMITIARE
EQUADRO
A
4. 1 !A FAMÍGLIAAÍ{AGRAFICA
PA6,76
4 .2CA9I PARTICOLARIDI DEFIN]zIofÚEDELfìIUcLEo
.
4.2.7 | soggetti fiscalmente a carico
Pas. 38
.
.
.
r
4.2.2lconiueiche hanno la stessaresidenzaanasrafica
4.2.3I coniueiche hannodiversaresidenzaanasrafica
4.2.4| fieli minori
4.2.5 I soggettiche si trovano in convivenzaanaqrafica
pAG,37
Pap. 39
Pas. 39
Pas
4O
Pag. 40
GOll
tt
DrcoMpostztor{E
DELNUctEo
4.3Ar.cul'rrEsEMpr
PAG.41
DETQUADRO
A
ECOMPITAZIONÉ
4.4CoIIue I NONCoNVIVENTI
pnc.41
4. 5lr coDtcE
"TtPo"
.
4.s.7Comeouòvariareil "Codice
Tipo"
PAG.42
DAtQUAttRITEVARE
I DATI
4.5 I DoCUMENTI
PAc.44
4. 7 RtEpttocoEcoMPttAztoNEDEtQUADRoNuctEo FAMILIARE
pae.44
4.8 LEFAo DÉLL,INPS
PAG.46
Pae.43
Parte I Capitolo 5
qUADROB
ISEEPIÙVANTAGGIOSO
UN CALCOLO
CHEDETERMINANO
CONDIZIONI
5.I INTRoDUZIONE
pne.52
pERMANENîE
At 65%
o trvluorÀ supERloRE
GRAvE
DrpERsoNE
coNHAirorcAp
5.2 PREsENZA
pne.52
DtF|GUMtNoRt
EsoLouNoDEtGENlroRl
5 .3 Pneseruzl
pne.53
I GENITORI
TAVORANO
DI FIGTI
MINORIEDENTRAMBI
5.4 PRESENZA
pee.54
DAIQUALIRILEVARE
I DATI
5.5 I DoCUMENTI
PAG.57
D€t euADRoB
5.6 Rrepnoao E coMprrA:zroNE
PAc.57
5 .7 Le Fle ogt-t-'lttps
PAG.58
PartelCapitolo 6
FAMILIARE
DELNUCLEO
LA CASADIABITAZIONE
6. 1 INTRoDUZIONE
PAG.60
6 . 2 ConnerNDtvtouARELAcAsA Dt ABlrAzloNEDELNucLEo
prc.60
cAsAol ABlrAzloNE
6.3 PnopnrsrÀ/ roclztorue DETLA
r
6.3.1lntestatariodel contrattodi locazione
r
del contrattodi locazione
6.3.2Estremidi registrazione
r
6 î ? Cànónedi locazione
prc.61
Pas. 61
Pag. 62
Pag. 62
6.4ALcuNI ESEMPI
PAG.64
I DATI
6. 5 | DocuMENîo DAtQUAlt RILEVARE
pec.65
6 . 6 Rrenloeo EcoMptlAztoNr ost eunono C
plc.65
6.7 LsFle osr.t-'lnps
pnc.66
PartelCapitolo7
DETLAPRESENTAZIONE
ETATTESTAZIONE
DELTE
DICHIARAZIONE
LASOTTOSCRIZIONE
DAPARTE
DEtDICHIARANTE
7.1[A SoÍOSCRIZIONE
PAG.72
7 . 2 h sorroscRrzroNEDA pARTEDt uN soGGEîToDlvÉRsoDAt DICHIARANîE
r
di impedimentoallafirma
7.2.1Condizione
.
lesale
7-2.2Condizione
di raooresentanza
pne.73
DAlQUALIRILEVARE
I DATIPERTASOTTOSCRIZIONE
7 .3 I DoGUMENTI
p*a.74
DlsorroscRlzloNE
DEL
EcoMp[-AztoNÉ
7 .4 RrEprtoco
QUADRo
pAG.75
DETIA
PRESENTAZIONE
7. 5 TArrESÎAZIONE
PAc.76
Pae. 73
Pae. 74
cotl
t
ParteI Capitolo8
ILFOGLIO
ALLEGATO
ALLADSU
8.11 pnrncrpr
cENEMr.r
PAG.78
DErFocuoATTEGATo
8.2 [A sorroscRrzroNE
PAG.79
Parte I Capitolo 9
qUADRIFL-F2-F3
IL FOGLIOATLEGATO
9.1quADRo F1: I oATrANAGRAFTCT
PAG.82
ALLADtcHrARAzroNE
9 . 2 QUADRoF2: rA pARTEctpAzroNE
pee.83
9.3QUADRo F3: ArnvIrA DEISoGGETTO
pac.83
9. 4 tA coMPITAzIoNE
DEIQUADRI
FT - F2 -F3
prc.84
9.5 [E FAQDELL,INPS
pae.85
9.61coDrcr
Asr
PAG.86
Parte I Capitolo10
LA SITUAZIONE
REDDITUALE
QUADROF4
10.1Pnrrucrpr
cENERALI
r
nelouadroF4
10.1.1Ladefinizione
deiredditida indicare
r
L0.1.2Le modificheintrodottedal "Colleeatoal lavoro"
PAG.90
Pas. 90
Pas. 91
10. 2 IL REDDITo
AI FINIIRPEF
coMPtEsstvoDICHIARATO
PAG.91
DAAGGIUNGERE
At REDDITo
GoMPTESSIVO
1O . 3 I nuovl REDDITI
r
ad impostasostitutiva
10.3.LRedditida lavorodipendentee assimilatiassoggettati
r
ad impostasostitutiva
L0.3.2Redditidi lavoroautonomoe di impresaassoggettati
ple.93
prR I'TNcREMENTo
DErrApRoourttvttÀ
10.4SoMME ERoGATÉ
PAG.96
PRESTATO
NELIEZONEDI FRONTIERA
1 O . 5 It REDDITo
DAIAVORODIPENDENTE
r
10.5.1.
Comeindividuarel'importodel redditoda lavorodipendenteprestatonellezonedi
frontiera
pac.98
BANDIERA
ESTERA
1O . 6 It REDDIToDEI tAVoRAToRIMARITTIMIIMBARCATISUNAVIBATTÉNTI
PAc.101
IMMOBITI
DATIIN TOCAZIONE
1O . 7 I REDDITI
DEGTI
AD UsOAEITATIVO
PAG.101
oarr'nRTtcoto 2135 DErcoDrcEctvttE
10 . 8 | pRoDUTroRt
AGRrcouLEATTtvtrA|NDTCATE
r
L0.8.1Comeindividuarel'importodel redditoasrarioda sottrarreal redditocomplessivo
pne.102
1O,9 PRoVENTIDA ATTIVITÀAGRICoTEAI FINI IRAP
PAc.103
r
10.9.1IRAP
Comeindividuarel'importonelladichiarazione
Pag.93
Paq.94
Pae. 98
Pag. 102
Pag. 103
1 O. 1O I REDDTTI
DEttA SITUAZIONE
REDDITUATE
cHENoN RtLEvANoAI FINIDEILADETERMINAZIoNE
PAG.105
DALI-A
DEIREDDITI
E TACASADIABITAZIONE
1O . 1 1 I SoGGETÎI
ESONERATI
DICHIARAZIoNE
PAG.105
ERMTA
DEIREDDITI
o CoMPITAZIONE
1O . 1 2 OMESSA
PRESENTAZIoNE
DEttADICHIARAZIoNE
PAG.107
I DATI
10.13I DoCUMENTI
DAIQUALIRILEVARE
PAG.107
10.14 RIEPII.oGo
EcoMPItAzIoNE
DEtQUADRo
F4
PAG.108
10.15te Faeoerr'llvps
pAG.109
[,.
Ir
PartelCapitolo11
It PATRIMONIO
MOBITIARE
1 1.1lrurnoouaonr
pta.tt2
11,2 tE coMPoNENTI
MoBIttARE
DEtPATRtMoNIo
pte.tl2
a
r
r
r
t
!
r
r
Pag. 113
dì deposito,buonifruttiferiedassimilati
11.2.2Titolidi Stato,obblieazioni,certificati
11.2.3Azionio quote di orsanismidi investimentocollettivodi risoarmio(OICR)italianiod esteriPae. 114
Pas. 114
11.2.4Partecipazioniazionariein societàitaliane ed estere quotate in mercati reeolamentari
in
1.L.2.5
Partecipazioni
azionariein societànon quotatein mercatiregolamentati- Partecipazioni
Pae. 115
societànon azionarie- lmorese individuali
Paq. 118
1L.2.6Massepatrimonialiaffidate in sestionead un sogeettoabilitato
Pas. 118
11.2.7Altristrumentierapporti finanziari-Contratti di assicurazionevita
DEGTI
IMPoRTI
1 1. 3 ARRoTONDAMENTo
PAG.118
1 1 ,4 I SoGGETÍI
It PATRIMoNIo
MoBIIIARE
cHEGEsTIscoNo
plc. 118
DAtQUATIRIIEVARE
I DATI
1 1.5 I DoCUMENTI
PAG.119
1 1.6 RrEprLoGo
EcoMprLAzrouroel euaono F5
pre.119
11.7 ESEMPI
DtcoMPILAZIONE
DEI.QUADRO
F5
pae.t2t
1 1.8 LEFae oerr'llps
Pee.t22
Parte I Capitolo12
IMMOBILIARE
IL PATRIMONIO
sEcoNDoQUANToDtsPosrooA[['ARt. 2 oEt
TERRENT
EDAREE
EDrFrcABrLr,
12. l DerNtztoNEDtFABBR|CAT|,
pne.l24
1992
DtGsN. 504 orl 30 DICEMBRE
ol PossEsso
EPERloDo
l2.2TrrorARrrÀoel plrnlmoNrotMMoBtUARE
pae.t24
PossEDUTt
12.31rvALoRE
DEGU
tMMoBru
pee.125
r
r
t
valoreai fini lCl
12,3.1Fabbricati- Determinazione
valoreai fini lCl
L2.3.2Terreniagricoli- Determinazione
valoreai fini lCl
12.3.3Térreniedificabili- Determinazione
r
1) 3.4 Ripoiloso determinazione del valore desli immobili ai fini lCl
1 2 ,4 DETRAZIONE
SULPATRIMONIOIMMOBILIARE
r
.
12.4.1Capitaleresiduodel mutuo
1) 4 ) f)ptrazianener ahilazionenrincioale
Pas. 126
Pag. 126
]ae. L26
Pae. 127
pts.t27
Pas. 127
Pag, 128
D€GLIIMPORTI
1 2. 5 ARROTONDAMENTO
pea.128
1 2 .6 | DocuMENTr DAt QUALTRILEvAREI DArt
pne.128
1 2 . 7 RIEPILoGOE cOMPttAZtONÉDETQUADROF6
PAG.129
12.8rrraeoerr'lups
pac. 131
Parte I Capitolo13
ISEE ISEE
IL CALCOLO
DEGLIINDICATORI
13 . 1 MoDAUTA DI CALCOLODEGI-IINDICATORI
PAG.134
DtcAtcotooru-'lsEE
1 3 . 2 ALcuNrEsEMpt
PAc.135
13.3 RtEPrroGo
DEtcArcolo
pne.136
PartelCapitolo14
ISEE ISEE
It CALCOLO
DEGLIINDICATORI
1 4. 1 FlrrrsrAztoNE oEtoATr
pne.140
€Gl1
tt
ISEE
14 . 2 RETTIFICA
DI UNAATTESTAZIONE
PAG.141
IsE
14 . 3 ANNUTI.AMEIVTo
Dt UNAATTESTAZIONE
PAG,']2
t4.4LE Fle oru-'lrups
PAG.142
14. 5 Flc srrvrrlE
ArrEsrAzloNeenaessloau'INPS
PAG.143
Parte ll Capitolo1
ECONOMICA
EQUIVALENTE
PERYUNIVERS|TA
ISEEUINDTCATORE
DELTASITUAZIONE
I.I INTRoDUZIoNE
PAG.146
1.2 ELEMENîcHEsr DtvERsrFrcANo
DALL'IsE
PAG.146
1 . 3 LAcoMPosIzIoNEDELNUCLEO
FAMILIARE
r
1.3.1Lacondizionedi studente"indipendente"
PAG.t47
Paq. 147
Pae. 747
Pag. 148
r
1 q 7 lnsfrrdenfenon"inriínendente"
r
1.3.3ll nucleofamiliarein casodi senitoriseparatio divorziati
1 .4 II NUcLEoFAMIL'ARE
NELMoDETTo
DIcALCoLoISEEU
PAG.148
1.5I REDDITI
DADICHIARARÉ
E I PATRIMONI
.
1.5.1 | redditi e i patrimoni dei fratelli e delle sorelle
r
1.5.2 | redditi e i patrimoni all'estero
|
1.5.3 | reddití e í oatrimoní deelístudentí rifueiati Dolitícied aoolidi
PAG.149
Pag. 149
Pas. 149
Pae. 75O
PÉRGLISTUDENTI
STRANIERI
NON
I.6VAI.UTAZIoNEDETIAcoNDIzIoNEEcof{oMIcAE PATRIMoNIALE
ALL,UNIONE
EUROPEA
APPARTENENTI
PAG.150
DI CATcoTo
ISEEU
1,7I REDDITI
E I PATRIMoÍ\II
NELMODELLo
PAG.151
1.8 LA RICHIESTA
DELcAlcoto ISEEU
PAG.151
1.9lL cALcoLoISEEU
PAG.153
NELMoDÉtto DrcAtcoto rsEEU
1.10GLr rNDrcAToRr
PAG.154
1. 1 1 I DoCUMENTI
DAIQUALIRITEVARE
I DATIPERILcAtCOToISEEU
PAG.155
1. 12 MoDIFICHE
cHEFANNoVENIRMEf{oIt DIRITTo
PAG.155
1.13 RrEPrLocAirDo
PAc. 155
Parte lll Capitolo1
ASSEGNO
DI MATERNITÀ
1. I INTRoDUZIoNE
PAG.158
1 . 2 1 1R u o L oD Ect o M u N l
PAG.158
pERtLDrRrrroAlt'assecNo
1.3 CoNDrztoNr
oGGETTTVE
PAG.158
Pas. 159
'
1.3-1 La cittadinanza della madre
1 . 4 CoNDtztoNt REDDtruAu pERtt DtRtrro AIL'ASSEGNo
PAG.161
1.5 tA RICHIESTA
DALIA MADRE
FATTADA PERSoNEDIVERSE
PAG.162
1.6 LA PRESTAZIoNE
DELI-ADoMANDA E I DoCUMENTIATTEGATI
PAG.163
1.7 LAcoNcEsstoNE
EtA MtsuRA
oEtt'Assecno
PAG.164
1.8 CUMULo
DErBENEFTCI
PAG.165
1.9 RrEPrLoGo
PAG.165
1.10uFneorlr'lnps
pnc. 166
Parte lll Capitolo2
A[ NUCLEO
ASSEGNO
2.I INTRoDUZIONE
pnc.168
o Ecr o M U N l
2 . 2 l r R U o LD
pne.168
pERlLDtRtrroAtt'Assecro
oGGETTtvE
2 . 3 CoNDtztoNt
PAG.168
pERtt DtRlrroALL'ASSEGNo
2 . 4 CoNDtzloNt
REDDtruAl-t
PAc.169
osrr'AssecNo
ADAtrRtSoGGETTI
2.5 CoNcEssroruE
pne.170
DELLA
DoMANDA
Dt pRESENTAztoNE
2 . 6 MoDAUTÀETERMIN|
plle.77t
DoPo LADoMANDA
DELIAstruAztoNEFAMtttARE
2 , 7 vARtAztoNE
PAc.LTl
DELDrRtrro
EcEssAztoNE
2.8 DEcoRRENzA
PAG.171
E tA MrsuRADE[L'assEGtuo
2 .9 rA coNcEssroNE
pne.t72
DErBENEFTcI
2. 1 0Cutvrur-o
PAG.173
2.TTLÉ.FAQDELL,INP5
PAG.173
Parte lll Capitolo3
E GAS
I BONUSSOCIALI:
ELETTRICO
GENERALI
BONUSSOCIALI
PRINCIPI
3.1.1 lNTRoDUzroNE
3.t.2
DEtBoNUs
cotNvotn NEttAGEsrtoNE
| SoGGETTT
pna.176
PAG.176
EDETCAAF
3. 1.3 II RUoLODEICOMUNE
paa.t77
I BoNus
3. 1.4 CoMER|CHTEDERE
pnc. 178
3.1.5
lr clcro Dl vtrA DEttADoMANDAI coNTRotu E I suot srATl[AVoRATlvl
L,ESITO
DE[[ADOMANDA
3. 1.5 CoMEVERIFICARE
PAG.178
pec. 182
.MISURATORE
GAS
oELLEFoRNITURE
EGAS: PoD * PDR. PESSE
ETETTRICA
3 . 1 .7 rume ruTIIDENTIFICATIVI
crAssE
G6
IL BONUSELETTRICO
3.2.1 lrurnoouzroNE
pac. 182
pea.184
3.2.2
.
.
.
- AVENTI
ECONOMICA
DIRITTO
PERDISAGIO
IL BoNUsEtETTRIco
3.2.2.LQuantovale il bonuselettricoper disaeioeconomico
3.2.2.2| documentida alleearealladomandadi bonuselettricoper disasioeconomico
duratae rinnovodel bonuselettricoper disagioeconomico
3.2.2.3Decorrenza,
PAG.184
3.2.3
.
.
.
pERDISAGIo
FIsIco- AVENTI
DIRITTO
It BoNUsELETTRICo
3.2.3.1Quantovale il bonuselettricoper disagiofisico
3.2.3.2| documentida allesarealla domandadi bonuselettricoper disasiofisico
3.2.3.3Decorrenza.
duratae cessazione
del bonuselettricoper disasiofisico
pnc. 188
Pas. 185
Pag. 186
Pag. 186
Pae. 189
Pag. 189
Pas. 190
3.2.4 Modificadelle condizioniche hanno determinatoil diritto al bonuselettrico
pne.190
3 .2 . 5 La modulistica da utilizzareper la domanda di bonus elettrico
PAG.191
BONUSGAS
3.3.1lNTRoDuzroNE
pae.192
3.3.2 lLeor'rusees- AvsnrtDrRrrro
ple.193
GAs
3.3.3 Qunnro vALErLBoNUs
PAG.194
AttA DOMANDA DI SONUSGAS
3.3.4 I DoCUMENTIDA ALLEGARE
PAG.196
3.3.5 MooaurÀ ot eRoeAzroNE
DErBoNusGAs
pae.195
DEttAAGEvotAztoNE
DURATA
ERrNNovo
3.3.6 DECoRRENZA,
pne.197
At BONUS
GAS
DETERMINATO
ILDIRTTTO
CONOIZIoNI
CHEHANNO
3.3.7 MooIrIcA DELLE
pae.199
pERtA DoMANDA
GAs
DAulLtzzARE
BoNUs
3.3.8 tA MoDULrsncA
pne.200
Parte lll Capitolo4
CARTAACQUISTIO SOCIALCARD
DALI.A
4. 1 DTTIIìIIzIoIIIE
PREVISTE
NoRMA
4.2I REQUISITI
PERITBENEFICIo
r
4.2.1| trattamentida considerare
lesatial reddito
4.2.'1,.11
Trattamentiorevidenziali
o assistenziali
o assistenziali
non leeatial reddito
4.2.1.2| Trattamentiprevidenziali
o assistenziale
Non titolari di alcuntrattamentoprevidenziale
4.2.1-.3
4.2.1.4f príncipalitrattamentilegatial reddito
4.2.7.5Periododi riferimentodei trattamenti
,
|SEE
4.2.2L,indicatore
4.?.2.1Terminidell'ISEE
.
4.2.3Proprietariocon una quota superioreo ugualeal25% di più di un immobilead uso
abitativo
4.2.4Proprietariocon una quota superioreo ugualeal 7O%,di immobilinon ad uso abitativo
o di catesoriacatastalec7
4.2.5Titolaredi un patrimoniomobiliaresuperiorea € 15.000
ISEE
4.2.5Terminidel requisitoanagraficoe dell'attestazione
.
.
.
prc.2O2
pae.2O2
Pas. 204
Pap,. 2O4
Pag. 205
Pas. 205
Pas. 205
Pae. 2OG
Pas.206
Pas,.2O7
Pas. 207
Paq' 208
Pas. 208
Pas. 208
DETTA
ACQUISTI
4. 3 GI-IINTESTATARI
CARTA
PAG.2O9
CARTA
ACQUISTI
4.4 IL VALoRE
DETTA
PAG.2O9
AcQUtsn
4 . 5 CoME puÒ ssssRrspesAtA CARTA
.
4.5.1Utilizzatoridi Gasnaturaleo GPL
PAG.21O
Pae' 2tO
AcQutsrt
4 . 6 At-cunetNFoRMAztoNt
sull'unltzzo DEttACARTA
PAG.211
tA CARTA
ACQUISTI
4.7 CoMEsIoTTIENE
PAG.211
4. 8t nnooru-r
DtDoMANDA
PAG.2L2
4. 9 Donnerol RESPTNTA
PAG.2l2
4. lOSceornzADEttADOMANDA
PAc.2l2
DALDIRITTO
4. 1 1 DEcAoENzA
pae.2l2
Parte lll Capitolo5
I FONDIDISOLIDARIETÀ
DEIMUTUI
Forrroo
DrSoUDARTETA
PER
MUTUI
5. 1. l lNTRoDuzroNE
prc.216
5.1.2llFondo
PAG.216
BENEFICIARI
5.1.3 I SOGGETTI
prc.215
L'AccEssoAttE AGEVotA:zloNl
5.1.4r REqursrnEGLIEVENTT
cHEDETERMTNANo
pae.216
5. 1. 5 tA pRESENTAztoNE
E t'trERDEttADoMANDA
PAG.218
DEttEAGEVOIAZIONI
5.l.6OGGETTO EDAMMONTARE
pra.219
5.1.7 REvocADErrEAGEvorAzroNl
pae.22O
5.l..8RrEPrLoGo
pae.22O
GGTl
t
FAMITIARI
MONOGENITORIATI
DELLE
GtovANtcopptEo DEINUCTEI
FotrtoopeRt'tccgsso ALcREDtroDApARTE
5.2.1lNTRoDuzroNE
prc.221
FrNANzlAToRr
ADERENTT
Att'tNtztAttvn
5.2.2 SoGGETTT
PAG.22L
5.2.3 CmlrrrRrsrcHE EREqursrnDErRTcHTEDENTT
pae.22l
5.2.4 CmlrreRrsncHE E REeursrnDE[['rMMoBr[E
pte.223
DEttADoMANDA
5.2.5 tA PRESENTAZIoNE
pas.223
5.2.6 CanlrreRrsncHEDELFTNANZIAMENTo
PAG.224
DEtFoNDo
5.2.7 CmnrrrRrslcHE DELLAGARANZTA
PAc.224
5.2.8 Reptoco
PAG.224
Parte lll Capitolo6
BUONIVACANZA
5.1 INTRoDUZIoNE
pte.226
6,2 lN cosA coNstsrE['AGEVoLAztoNE
PAG.226
6.3 cHrpuÒ RTcHTEDERE
I BUoNrvAcANzE
pnc.226
I BUoNIVACANZE
5.4 CoMEsI RIcHIEDoNo
pac.228
5.5 Urtuzzo DErBUoNrvAcANzE
P^c.229
DEIBUoNIVAGANZE
6.6 SCADENZA
pae.229
NoN spEsl
6.7 CHEcosA FARE
coN I BUoNtvAcANzEEVENTUATMENTE
PAG.230
DErBUoNrvAcANzE
o SMARRTMENTo
6.8 lN cAso DrFURTo
pnc.230
-
CGIl
tt
lse- lsee
PrincipiGenerali
ParteI
Capitolo1
L'tsE
ATTRAVERso
tLeuAtENAscE
1.1 ll prncoRso
NoRMATrvo
1.2 lse- lsre: DEFrNrztoNE
1.3 Laosu- DrcHrnRAzroNE
SosrrruttveUrutce
' 1.3.1A chie comesi presentala dichiarazione
' t.S.2Assistenza
dellaDSU- Ruolodel CAF
allacorrettacompilazione
' 1.3.3Leresponsabilità
dellaDSU
nellacompilazione
, L.3.4Quandosi presentala DSU
r 1.3.5ValiditàdellaDSU
' 1.3.6Cosasi devericordareprimadi presentare
la DSU
APPORTARE
rRoeaToRI
ELEMODIFICHE
CHE
POSSONO
1.4 GTIEruTI
1.5 ll casrluRroDE[L'AsstsrENzA
1.6 lr-srsrEMA
DErcoNTRorrl
T.7 Lr SANZIoNIAL
RIcHIEDENTE
1.8 LesANzroNrA[
CAAF
'
1.8.1ll ritardo nellatrasmissionedella DSUalla bancadati dell'lstituto
r L.8.2Difformitàtra i dati trasmessialla bancadati dell'lstitutoe quelli contenuti nel modulo di
.
dichiarazione
'
1.8.3Ritrasmissione
dichiarazionecon valori inalterati
. 1.8.4Dichiarazionepresentatada soggettoinesistenteo deceduto
1.9 [r rnq Drrr'rrups
GGIl
ttPn
INCIPIGENERALI
nasce
Con la Legge449 del27 dicembre L997,art.59 comma 51, è stata data delegaalGoverno per prowedere
per la definizione
...
di uno o piùrdecretilegislativi
all'emanazione
"..di criteri unificati di volutozionedello situazioneeconomicodei soggetti che richiedonoprestazionisocíali
ogevolatenei confronti di amministrozionipubbliche,nonchédi modalità per l'ocquisizionedelle
informozioni e l'effettuozione dei controlli"
stabilendonel contempo "principi e criteri direttivi'cui gli stessidecreti dovevanoattenersi:
agevolatain basea
economicadel soggettoche richiedela prestazione
dellasituazione
a) determinazione
condizioniredditualee patrimonialedel soggettostesso,dei soggetticon i quali convívee di quelli
considerati
a suo caricoai fini dell'IRPEF;
dell'unitàfamiliaremediantescaledi
con la composizione
dei dati redditualie patrimoniali
b) correlazione
equivaf
enza;
c) obbligo per il richiedentela prestazioneagevolatadi fornire preventivamentele informazioni
per la valutazione
economica;
necessarie
dellasituazione
pubblicheche eroganoprestazioni,
per fe amminístrazíoni
nonchéper i comunie per i CAF,
d) possibilità
con validitàtemporalmentelimitata,attestantela situazioneeconomica
di rilasciare
una certificazione,
dichiarata;
pubblicheerogatricidi prowedere a controllisulla veridicitàdella
e) obbligo per le amministrazioni
familiaredichiarata;
situazione
f)
di
inclusionenei programmiannualidi controllofiscaledellaGuardiadi finanzadei soggettibeneficiarí
prevedendo
l'effettuazione
anche
prestazioniagevolateindividuatisullabasedi appositicriteriselettivi,
finanziari.
dì indaginibancariee pressogli intermediari
emanati:
Sullabasedella Leggedelegasono statisuccessivamente
il DLgs31 marzo 1998 n. 109, cosìcome modificato con "dísposìzioniintegrative e correttive":
- DLgs3 maggio 2000 n. 130, con il quale si è provvedutoalla definizionedi criteri unificati della
-
-
socialiagevolate;
economicadei soggettiche richiedonoprestazioni
situazione
comma t44 art.1 tegge 24 dicembre 2OO7n.244 con il quale è stato previstoil ruolo dell'Agenzia
dei
e nellaeffettuazione
dell'ISEE
dellaDSU,nelladeterminazione
delleentratenellapresentazione
controlli;
leggedel4 novembre2010 n. 183 in vigoredal24 novembre2010con la quale,all'art.34 è stato
anchenelleattivitàdi controlloe sono stati
delleentratee dell'INPS
ridefinitoil ruolo dell'Agenzia
ai fini lSE.
del redditocomplessivo
rivistii criteridi determinazione
il DPCMdel 7 maggio1999 n.22L, modificatodal DPCMdel 4 aprile 2001 n. 242, con il quale è stato
dei criteriunificati
le modalitàattuativee gli ambitidi applicazione
definitoil Regolamento
concernente
prestazioni
richiedono
agevolate;
dei
economica soggettiche
divalutazione
dellasituazione
il DPCM del 18 maggio 2001 con il quale sono stati approvatii modelli-tipodella Dichiarazione
nonchéle relativeistruzioniper la compilazione;
Sostitutiva
Unicae dell'Attestazione,
ll DecretoLeggedel3l maggio2010 n. 78 con íl quale:
dell'assistenza;
all'art.L3 è statoistituitoil casellario
all'art. 38 sono state introdotte sanzioni nei confronti di soggettiche, ín ragíonedel maggíorreddito
socialiagevolate.
di prestazioni
accertato,hannofruito illegittimamente
"
r
E' in questo quadro normativo che sono definiti i criteri per la determinazione
dell'lSE: IndicatoreSituazioneEconomicae
dell'ISEE:IndícatoreSituazioneEconomicaEquivalente
I
cell
- |SEE;
1.2rSE
t
Per il cittadinoche richiedealle pubblicheamministrazioni,
prestazioniassistenzialí
legateal reddito o
servizi pubblici agevolati,è prevista la valutazione della situazione economica del richiedente, con
riferimentoal suo nucleofamiliare;a tale fine vengonocalcolatidue indicatoriche permettonodi valutare
in manierasinteticale condizioni
economiche
dellefamiglie:
tsE
familiarenel suo complesso
economica
ed è determinato
dallasomma
Indicatore Riguardala situazione
Situazione
Economica
dei redditi (compresoil rendimentodelle attività finanziarie)
e del venti per cento del
patrimonioimmobiliare(maggioridettagliverrannofornitinel capitolodedicatoal calcolo).
ISEE
la situazione
familiaread un valoreper i singolicomponentidel nucleofamiliare
Indicatore Riconduce
stesso,in manierache si possanofare confrontitra nucleifamiliaridiversiper numerositàed
Situazione
dal rapportotra l'lSEe il parametrodesuntodalla scaladi
altre caratteristiche.
Scaturisce
Economica equivalenza
(maggiori
dettagliverrannofornitinelcapitolodedicato
al calcolo).
Equivalente
Si evidenziache i criteri unificatidi valutazionedella situazioneeconomicariguardanosoltanto
o servizidi pubblicautilità non
coloro che richiedonoprestazionio servizisocialio assistenziali
destinatiallageneralitàdeisoggettiocomunquecollegatiadeterminatesituazionieconomiche.
previdenziali
sociali
e alcuneprestazioni
Restanoescluse,per esplicitaprevisionenormativa,le prestazioni
quali:
r
l'integrazione
al minimo,
.
.
la maggiorazione
socialedellepensioni,
l'assegno
e la pensionesociale,
.
di invaliditàcivile,
la pensionee l'assegno
.
e assimilate.
le indennitàdi accompagnamento
SostitutivaUnica
1.3LaDSU- Dichiarazione
Al fine di determinarela situazioneeconomicadel nucleo familiare del dichiarante(lSE),quando si
richiedono quelle che la legge chiama prestazioni sociali agevolate, il cittadino deve fornire
preventivamente
dellaDSU.
necessarie
le informazioni
attraversola compilazione
La dichiarazionesostitutivaè detta unicaperchési compilauna solavolta l'anno e vale per tutti
,JÍ',
i componentiil nucleofamiliare.
La dichiarazionesostitutivaè un atto importante,che il cittadinopresentaassumendosila
responsabilità,anchepenale,di quanto dichiara.
il contenuto della dichiarazioneanche
controllaresuccessivamente
E' compito dell'amministrazione
finanziari.
attraversol'effettuazione
di indaginibancariee pressogli intermediari
Per questeragionila dichiarazione
deve essereleggibile,completae deve riguardaretutta la situazione
economicadel nucleofamiliare.
è dunqueun atto la cui redazionerichiedeparticolareattenzione,ma offre al cittadinoil
La dichiarazione
vantaggiodi evitaredi esibiremolti documentie certificati.
coll,
t
1.3.1A chi e come si presenta la dichiarazione
La dichiarazionesostitutiva unica può esserepresentatada parte del cittadino alternativamente:
r all'enteche forniscela prestazionesocialeagevolata;
r
al comune;
.
ad un centrodiassistenzafiscaleCAF;
alla sedeINPScompetenteper territorio.
.
Uente a cui la DSUviene presentata raccogliele informazioni e le trasmette entro i successivi10 giorni ad
una apposita banca dati costituita e gestita dall'lNPS.
ll cittadino ha perciòtanti "sportellí"a cui si può rivolgereper presentarela DSU, al fine di ottenere una
attestazione dell'awenuta presentazionedella dichiarazionee della sua trasmissione al sistema
informativo dell'ISEEistituito pressoflNPS.
E' comunque consentita la presentazioneall'lNPS,in via telematica, della dichiarazionesostitutiva unica
^r! direttamente a cura del soggetto richiedente la prestazioneagevolata (co. 3 art. 34 L. 183/20L0).
-'
: ll servizioè accessíbile
S
aí cittadinipossessori
di un PIN(PersonalldentificationNumber),cioè di un
personaleche non può essereutilizzatoda altri.
codicedi identificazione
L'INPSdeterminal'indicatoredellasituazioneeconomicaequivalentein relazioneai dati autocertificatidal
soggettorichiedentela prestazioneagevolata,rendendodisponibileal dichiarante,direttamenteo tramite
l'ente a cui è stata presentatala dichiarazione,
una attestazioneriportantei datí che sono statí acquisitied
il calcolodell'lSEE.
Tale attestazionepotrà essere poi usata da qualunque componente il nucleo familiare per richiedere
prestazionisocialiagevolate,nonchéagevolazioni
ai servizidi pubblicautilità.
nell'accesso
La dichiarazionepuò esserepresentata in vari modi:
r consegnandola
in sua presenza;
di personaall'addettodell'ufficioe sottoscrivendola
r
trasmettendolaall'ufficio, completa della sottoscrizionee di una fotocopia del documento di
riconoscimento;
'
rendendo la dichiarazionedirettamenteall'addettoall'ufficio,se chí díchíaranon sa o non può
r
firmare;
presentandola dichiarazionecon la firma già autenticataai sensi di legge (questa è solo una
per chi abbiaprowedutodisua iniziativa
allaautentícazione).
eventualità,
1.3.2 Assistenza alla corretta compilazione della DSU- Ruolo del CAF
I Comuni, gli enti erogatori e le sedí INPS pressoi quali è presentatala DSU,assicuranol'assistenza
necessariaal dichiarante per la corretta compilazione della DSU attraverso i propri uffici owero in
collaborazioneo in convenzionecon i CAF(art. 3 DPCM18.05.2001).
Assistereil cittadino nella corretta compilazionedella DSUè quindi un compito che il CAFsvolge se gli
viene richiesto attraverso una convenzionecon:
.
il Comune,
r
l'ente erogantela prestazione,
.
l'lNPs.
dellaDSUma si
allacompilazíone
il CAFnon avrebbealcunobbligodi assistenza
In assenza
di convenzione
potrebbe limitare ad acquisirlacosì come il cittadino l'ha compilata e a trasmetterla alla banca dati
dell'lNPS.
ln questianni, oltre alle eventualiconvenzioniche i Comunie/o gli Entierogatorihannostipulatocon i CAF
fin dal 2OO2hasottoscritto
e che hanno un caratterelimitato alla territoríafítàe/o alla prestazione,l'lNPS,
con i CAFuna convenzioneoperante su tutto il territorio Nazionale.
La convenzione,che scadevail 3L dicembre 2007, non fu in quel momento rinnovata a seguito delle
intervenutemodifícheintrodotte dal comma 344 art. L Legge24 dicembre20O7n.244, ma fu prorogatada
una deliberazionedel Consigliodi Amministrazionedell'lstituto "fino al completomentodel quadro
normativo" .
Negli anni 2008, 2OO9e 20L0 si è continuatoad operare secondoquanto prevedevala convenzionecon
l'INPSscadutaal3L.72.2007poi prorogata,non avendotrovato attuazionequanto prevedevail comma 344
n.244.
art. l dellaL.24.12.2007
Ad oggiè in fase di rinnovo la nuova convenzionecon l'tNPSalla luce anchedel quadro normativo che si
è determinatocon il D.L.31.5.2010n. 78 (artt. 13 e 33) e con la L.4.tl.z0t3 n. 183 (art. 34).
Nella convenzionecon l'INPS
il CAFsi impegna:
'
.
r
r
ad assistereil soggetto dichiarantedurante la compilazionedella DSU ai fini del calcolo delf'lSEe
dell'ISEE;
a riceveree verificare la completezzadella DSUsecondoil modello-tipo;
a controllarel'identità del dichiaranteconservandocopiadel documentodi riconoscímento;
a controllare la correttezza del codice fiscale di tutti i componenti del nucleo tramite il relativo
documento oppure tramite l'interrogazionedell'appositabanca dati telematica dell'Agenziadelle
entrate;
'
a rilasciareall'utente:
r
.
r
- copia dell'attestazione prowisoria e della certificazione relativa alla situazione economica
dichiarata,contenenteil calcolodell'lSEe dell'ISEEe recante l'identificazionedel CAFe la firma
dell'operatore;
- dichiarazionecontenente l'impegno a trasmettere i dati alla bancadati dell'INPSentro dieci giorni;
- una nuova attestazione, a seguito dei conrolli automatici dell'Agenzia delle entrate (art. 34 L.
t83/2}t}l contenentele omissioniodífformitàrilevatetra idatiautocertificatie quelli in possesso
del Sistema informativo dell'anagrafe tributaria, che sostituisce l'attestazione rilasciata
precedentemente;
a trasmetterei dati per vía telematicaall'appositabancadati dell'INPSper il calcolodell'lSEe dell'lSEE,
a quello
della DSU,a decorreredall'ora00.01del giorno successívo
entro 10 giorni dalla presentazione
dellastessapresentazione;
ad informare il soggetto richiedente che un'unica DSUè valida per un anno e per tutte le prestazioni
previste;
a non accettare, nell'arco dell'anno di validità, per lo stessonucleofamiliare, dichiarazionisuccessive
a quellagià certificata,con valori ínalteratinellecomponentieconomichee anagrafiche;
ad effettuare, nel caso di errori materiali commessi dall'operatore, correzioni di DSU,
precedentementetrasmessee ancora in corso di validità, esclusivamenteattraverso la specifica
funzionedi rettifica disponibileon-linenellasezioneISEEdel sito internetdell'INPS;
a stipulareappositapolizzaassicurativaal fine di garantireadeguatacoperturaper gli eventualidanni
delle
provocatida errorí materialie inadempienzecommessidai proprí operatorinella predisposizione
pratiche.
Cosìcome previstodal comma 4art.6 del D.L.109 del 31.03.1998ed indicatoanche nella Convenzione,i
CAFdevono consen are i dati acquisiti dalle DSUin formato cartaceo o elettronico, trascorsi 2 anni dalla
trasmissionedei dati all'lNPS,i CAFprocedono alla distruzionedei dati medesimi.
coll
t
iee
Nellaconvenzionecon l'INPS
l'lstituto siimpegna:
entro le 24 ore successivealla trasmissionedei dati da parte del CAF,ad inviare la conferma circa
f'esattezzadel calcolo degli indicatori ISEe ISEE;nella stessacomunicazione,verranno evidenziatii
nominativi relativi alle dichiarazioninon accettate inviate dal CAF che prowederà a darne
al cittadino;
comunicazione
a rendere disponibili i dati presenti nella banca dati affinché il CAF possa verificare l'ultima
dichiarazionepresentatadall'utente, nel caso in cui fossero intervenutevariazionidel reddito e/o
l'utente non fosse certo degli ultimi dati inviati; tale accessopotrà awenire solo dietro specifica
delega rilasciatadall'interessatoe che il CAFsi impegnaa conservareed esibirea fronte di controlli
dell'lstituto.
E' stato introdotto un regime sanzionatorioche non era presente nelle precedenticonvenzionie che
viene meglio specificatonel paragrafodedicato.
: È;;;iì;ii;;id;;ì; ;;il;i;h;ìi óÀÀ;;ì;ffil;;iÈ ;;;;;;i';; ;; h;;;; iiNi'i;À;;;';;;ú ;i;;; '
r!g'-T-?9iP
-- i
9e!-q,99Yi-.
$1!-e-.-qrdhry-q9
et9!:!9r-9
: {qt'js'.tr,
1.3.3[e responsabilitànella compilazionedella DSU
La compilazionedella DSUe dei relatívífoglí allegatiè una dichiarazioneresa dal cittadino ai sensi degli
che trattano rispettivamente:
articofi 43,46,47,7L e 76 del DPRn. 445 del 28,t2.2OO0
I
r
r
r
r
articolo43 - Accertamentid'ufficio;
sostitutive
di certificazioni;
articolo46 - Dichiarazioni
sostitutive
dell'attodi notorietà;
articolo47 Dichiarazioni
articolo7L - Modalitàdei controlli;
articolo76 - Normepenali.
dal cittadinoche, con la firma, ne assumela
Si tratta quindi di una dichiarazioneresain autocertificazíone
responsabilità
anche penale.E' questoun aspettoche va chiaritobene al cittadinoin virtù anchedelle
mendaci.
conseguenze
derivantidal rilasciodi dichiarazioni
del Modello730, nell'assistenza
In sintesiil CAAF,a differenzadel ruolo che assumenellacompilazione
alla compilazionedella DSUe dei relativi fogli allegatiNON HA UOBBLIGODEt VISTODl CONFORMITA'
chevienevisionata.
sulladocumentazione
e dellaconsulenzache offre al cittadino,deve,se questi lo richiede
fI CAAFperò, nell'ambitodell'assistenza
ed in virtù della convenzionesottoscrittacon l'lNPS,assistereil cittadino nella compilazionedella DSUe
nei confrontidellaPubblica
dei relativifogli allegatisenzaperaltroesserecoinvoltoin alcunaresponsabilità
Amministrazione
in riferimentoai dati esposti.
nei confrontidel cittadinoche si rivolgea noi per la compilazione
Rimanecomunqueuna responsabilità
della DSU in riferimento ad eventuali danni che possono essere provocati da errori materiali e
dellepratiche.
inadempienze
commessinellapredisposizione
sottoscrittadal
visionataed una dichiarazione
A tal fine si ritiene utile conservarela documentazione
presentato
questi
ha
al CAAF.
cittadinocontenentela lista dei documentiche
se il cittadinonon intendeesibiredocumentima presentauna DSUgià
ln alternativaalladocumentazione,
compilata,è bene farsi rilasciaredallo stessouna dichiarazioneche attesti che gli importi e le condizioni
rappresentatesono stati da lui stesso dichiarati, assolvendoil CAAFda ogni responsabilitànei suoi
confronti.
GClL
1.3.4Quandosipresentala DSU
tt
E' possibilepresentarela dichiarazionein qualunque momento dell'anno in occasionedella richiestadi
una prestazionesocialeagevolata.
1.3.5Validitàdella DSU
La dichiarazioneha validità di un anno a partire dall'attestazionedella presentazionee il CAAFè tenuto a
non accettare,nell'arco dell'anno di validità, per lo stessonucleo familiare,dichiarazionisuccessivea
quella già certificata,con valori inalteratinelle componentieconomichee anagrafiche(salvoespressa
previsionedella singolaprestazionerichiestaes.: bonus gas/energia).
5i veda in tal sensoanche la parte
relativaalle sanzioni.
Essendoil CAAF,attraversoun suo operatoreabilitato,tra i soggettiai quali è riconosciutol'accessoalla
banca dati ISEdell'lNPS,deve consultaretale banca dati, prima di inviare una nuova DSU, al fine di
verificareche non siagià presenteuna dichiarazione
"valida".
In tale periodo, il sistema informativo istituito presso l'INPS terrà memoria del contenuto della
dichiarazionein modo tale che tutti i componentiil nucleofamiliare possanorichiedereprestazionisociali
agevolatesenzaripetere la dichiarazionepiù volte.
Nel periodo di validitàdella dichiarazione
il legislatoreha previstole condizioniche al loro verificarsi,
possonodeterminarela presentazionedi una nuova DSU:
r
l'Ente erogatore della prestazionepuò richiederela presentazionedi una nuova DSUse quella
presentata,ed ancora valida, non dovessecontenere i dati sulla situazionereddituale relativa
delladichiarazione;
all'annosolareprecedentequellodellapresentazione
.
il cittadino, entro il periodo di validità della DSU, ha la facoltà di presentare una nuova
qualoraintendafar rilevarei mutamentidellecondizionifamiliaried
economicheai
dichiarazione,
fini del calcolodell'ISEE
del proprionucleofamiliare.In tal casogli enti erogatoripossonostabilire,
per le prestazionida
deglieffettiditali nuovedichiarazioni.
essierogate,la decorrenza
1.3.5Cosasideve ricordareprima di presentarela DSU
Prima di compilare la DichiarazioneSostitutiva Unica è importante ricordare che:
bisognaverificareche non siagià statapresentata
una DSUe che questasiain corsodivalidità;
un'altra
la dichiarazione
ha validitàun anno ma può esserepresentata,prima dellascadenza,
piùrvantaggiose;
per far valeresituazioni
dichiarazione
i residentiall'estero
non possonopresentare
la DSU;
i residentiail'esteronon possonofar parte del nucleofamiliare;
i cittadinistranieriresidentiin ltaliaper poter presentarela DSUdevonoesserein possesso
del
permessoo dellacartadi soggiorno;
{
chi sottoscrivela DSUsi assumela responsabilità
anchepenaledi quantodichiaratoper falsità
in atti e dichiarazioni
mendaci;
{
della DSU;
il nucleofamiliareda prenderein considerazione
è quello alladata di presentazione
I
le situazíoniche danno diritto ad un calcolopiù vantaggioso(presenzadi soggetticon handicap,
figli minori)sonoriferiteal momentodellapresentazione
dellaDSU;
{
i redditi da dichiararesono quelli relativiall'annoprecedentequello di presentazione
della
DSU;
CGII.
tt
segue.. Prima di compilare la DichiarazioneSostitutiva Unica è importante ricordare che:
r
è possibiledichiararei redditi di due anni prima,se al momento della presentazionedella DSU
non fosse ancora stata presentatala dichiarazionedei redditi o non fosse ancora stato
consegnatoil CUDcon i redditi relativiall'annoprecedente;
r
il patrimoniomobiliareed immobiliareda dichiarareè quello risultantealla data del 31
dellaDSU;
dicembredell'annoprecedentealla presentazione
gli Entierogatoridellaprestazionerichiestapossonochiedereun aggiornamentodei dati in caso
dí díchiarazíoniancora in corso di validità, presentatecon redditi e patrimonio non riferiti
all'annoprecedentela richíestadellaprestazione;
r
r
solo in particolaricondizioniè possibiledichiarareredditidiversi,ad es. prestazionisocialíper le
quali I'Enteerogatorechiedei redditidi un anno specifico;
r
è quello risultantealla data di
il canonedi locazioneannualeda prendereín considerazione
presentazione
dellaDSU;
la DSUpuò essereutilizzataancheper richiedereprestazionisocialidiverseda quelle che sono
r
state barratenel modello;
r
non è necessariovisionarei documentí,si può presentare una DSUprecompilatao si possono
autocertificaregli importi da dichiarare.
Gli Enti erogatori della prestazioneagevolata,ai quali compete la fissazionedei requisiti per fruire di
ciascunaprestazione,possono:
/
prevedere, accanto all'lndicatore della SituazioneEconomicaEquivalente,criteri ulteriori di
{
selezionedei beneficiari;
tenere conto, fatta salva l'unicità della DSU, di rilevanti variazioni della situazione economica
successiveatla presentazionedella dichiarazione,nel rispetto della disciplinadelle prestazioni
r'
sociali agevolate;
per particolari prestazioni, assumere come unità di riferimento una composizione del nucleo
familiareestratta nell'ambítodei soggettiindicatinel nucleofamiliarepresentenellaDSU;
per le prestazioni erogate nell'ambito del diritto allo studio universitario, il nucleo familiare del
,/
richiedentepuò essereintegratocon quellodi altro soggettoche è considerato,sostenerel'obblígo
di mantenimentodel richiedente;
evidenziare la situazione economica del solo assistito limitatamente alle prestazioni sociali
r'
agevolate assicurate nell'ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria,
a ciclo diurno o continuativo,rivolte a personecon
erogatea domicilioo in ambienteresidenziale
non
handicapgrave{art.3 comma 3 e art. 4L.IO4/L992) nonchéa soggettiultrasessantacinquenni
autosufficientiaccertatitali dalleunità sanitarielocali.
+t
Gli enti erogatoridi prestazioniagevolatepossonoquindi,nei casisopradescritti,prevedere
standard, ma in ogni caso, I'eventuale diversa
situazioni che si discostano dall'ISE-ISEE
composizionedel nucteo, estratta dai soggetti presenti nella DSU, rileva unicamente per la particolare
)i
€;.
prestazionecui si riferisce.
Ogni eventualeelemento che l'Enteerogatoredovesseprevedereper l'accessoad una prestazíonee che
standard,presupponeuna certificazionediversadall'lSE
non è tra quelli previsti per il calcolodell'ISE-ISEE
che quindi non dovrà seguirele regole previste per la DSUe per la trasmissionealla banca dati dell'lNPS.
e la gestionedei dati, dei redditi e di altre
"Caseffariodell'assistenza"per la raccolta,la conservazione
informazioni
relativiai soggettiaventititolo alleprestazioni
di naturaassistenziale.
ll Casellariocostituisce l'anagrafe generale delle posizioni assistenzialie delle relative prestazioni,
no profit e gli
condivisatra tutte le amministrazioni
centralidello Stato,gli enti locali,le organizzazioni
organismigestori di forme di previdenzae assistenzaobbligatoriei quali sono tenuti a fornire i dati e le
per la
informazionicontenutenei propriarchivie banchedati per la realizzazione
di una baseconoscitiva
miglioregestionedellarete dell'assistenza
sociale,dei servizie dellerisorse.
in via telematicaal
Gli enti, le amministrazioni
e i soggettiinteressatitrasmettonoobbligatoriamente
Casellarioi dati e le informazionirelativi a tutte le posizionirisultanti nei propri archivi e banche dati
secondocriterie modalitàstabilitidall'lNPS.
Premesso
chevengonodemandatead un successivo
decretodel Ministrodel lavoroe delle
politichesociali,di concertocon il Ministrodell'Economia
e dellefinanzele modalitàdi attuazione,
è però deltutto evidente la volontà del legislatore
di attivare una rete conoscitivavolta anche ad intensificarei controlli.
1 . 6l l s
La dichiarazionesostitutivaunica resa dal richiedente,costituiscea tutti gli effetti una autocertificazione
rilasciataai sensi degli articoli46 e 47 del D.P.R.28 dicembre20OOn. 445 e, pertanto,si sottolinea
ulteriormente l'aspetto anche penale che può avere, per il dichiarante,il rilasciodi una dichiarazione
mendace.
ll sistemadei controlliè stato integratodai commada L a 3 dell'art.38 D.L.31.5.20L0n. 78 e dall'art34
dellaL. 4.Lt.2010n. 183 con il quale,a parzialemodificadell'art.4 del D.Lgsdel 31.3.L998n. 109,è stato
ridefinitoil ruolo dell'Agenzia
delleentratee dell'INPSanchenelleattivitàdi controllo.
ll sistemadeicontrolli, cosìcom'è oggi,siarticola su più livellie prevedel'interazionedidiverse Autorità:
AUTORITA'
ATTIVITÀDICONTROLLO
Agenzia
Entrate
ln relazíone
aí datíautocertificati
dal ríchiedente,
sullabasedí apposíticontrollíautomatici:
. individual'esistenza
di omissionio difformitàrispettoaglielementiconoscitivi
in possesso
del
sistemainformativodell'anagrafe
tributaria;
. comunicaall'INPS
gli esitidell'attívitàdi controlloautomatico;
. effettua,sullabasedi criteriselettivied in presenza
di omissionio difformitàrilevate,controlli
relativi alla determinazionedel patrimonio mobiliare attraversoapposite richieste di
informazionia banche,posteitalianeS.p.A,intermediarifinanziari,impresedi investimento,
organismidi investimentocollettivodel risparmio,societàdi gestionedel risparmiononché
ogni altro operatorefinanziario.I nominatividei richiedentinei cui confronti emergono
divergenzenella consistenzadel patrimoniomobiliare,sono comunicatialla Guardiadi
finanza.
necessarie
Scambia
con l'INPStutte le informazioni
all'emersione
dei soggettiche ín ragíonedel
maggiorreddito accertatoin via definitiva,non avrebberopotuto fruire o avrebberofruito in
socialiagevolate.
misurainferioredelleprestazioni
GGIt
tt
ATTIVITÀDICONTROLTO
AUTORITA'
delle entrate ai
Prowedead inoltraregli esiti dei controlliautomaticiricevutidall'Agenzia
soggettiche hannoricevutole dichiarazioni
{CAF,Comune,Enteerogatore)i quali rilasciano
la precedente.(*|
chesostituisce
all'utenteunanuovaattestazione
ricevute,
Comunical'esitodegli accertamentiagli enti che, sulla basedelle comunicazioni
ai soggettiemersi.
agevolate
risultanoavererogatoprestazioni
C o m u n i c a n oa l l ' I N P Si d a t i d e i s o g g e t t ic h e , a s e g u i t od e l l a p r e s e n t a z i o n ed e l l ' l S E E ,h a n n o
beneficiatodi prestazioniagevolate.
Enti
eroganti la
prestazione
Eseguono singolarmenteo mediante un apposito servizio comune, tutti i controlli ulteriori
necessaria verificare la veridicità della situazione familiare dichiarata con riferimento alle
risultanzedei controlli automatici effettuati dall'Agenziadelle entrate.
Sono legittimati a richiedere idonea documentazioneatta a dimostrare la completezzae la
veridicitàdei dati dichiarati;
prowedono ad ogni adempimento conseguentealla non veridicità dei dati dichiarati anche ai
fini dell'eventualerevocadei beneficiconcessi.
della posizioneredditualee
Effettuaverifichefinalizzateal controllosostanziale
delleprestazioni.
beneficiari
dei nucleifamiliarideisoggetti
Guardiadi
finanza
I controlli:
. sonosuccessivi
dellaprestazione;
all'erogazione
. tengonoconto dei nominatívisegnalati
delleentrateper i
dall'Agenzia
la stessaha
rawisatocriticitàsul patrìmoniomobiliare;
socialiagevolate,
di prestazioni
. sono limitatie selettivirispettoal numerocomplessivo
più anomalie rilevantitra quelliistruiti
per loro naturaai casifiscalmente
indirizzati
essendo
dagliEntigestori.
può presentareuna nuovaDSU
(*l In presenzadí omissionio difformitàil soggettorichiedentela prestazione
owero può comunque richiedere la prestazione mediante l'attestazione relatíva alla dichiarazione
presentatarecantele omissionirilevatedall'Agenziafatto salvo il diritto deglienti erogatoridi richiedere
idoneadocumentazioneatta a dimostrarela completezzae la veridicitàdeidati indicati.
1.7 Le
lil,....,.
l
mendace,con il Decretoleggedel 31 maggio
ad una dichiarazione
Oltre agli aspettipenaliconseguenti
20i.0 n. 78, articolo38 comma3 è stata introdottauna sanzione"tributaria" neiconfrontideisoggetti che,
in ragionedel maggiorreddito accertato,hannofruito illegittimamentedelle prestazionisocialiagevolate.
La medesimasanzionesi applicanei confrontidi coloroper i qualisi accerti,sullabasedello scambiodi
informazionitra l'INPSe l'Agenziadelle Entrate,una discordanzatra il reddito dichiarato ai fini fiscali e
il soggettoabbia avuto accessoalle
quello indicato nella DSU,qualorain ragionedi tale discordanza
prestazioni
socialiagevolate.
A tal fine, in primo luogoè stato stabilitoche gli enti che eroganoprestazionisocialiagevolate,comprese
della DSU,comunicanoall'INPSi
a seguitodí presentazione
quelleper il diritto allo studio universitario,
dati dei soggetti che hanno beneficiato delle prestazionistesse.
Fermo restando la restituzione del vantaggio conseguito per effetto dell'indebito accessoalla prestazione
socialeagevolata,nei confronti dei soggettiche in ragionedel maggior reddito accertato hanno fruito
si applicala sanzioneda 500 a 5.000euro.
socialiagevolate,
delleprestazioni
illegittimamente
celf
t
La sanzioneviene irrogatadall'INPSche,ai fini dellarestituzione
del vantaggioindebitamente
conseguito,
comunical'esito degli accertamentiagli enti che risultanoaver erogato prestazioniagevolateai soggetti
emersi,così come rísultadalle comunicazíoní
che glí enti stessihanno fatto all'INPS(co. L art. 38 D.L.
3 1 . 5 . 2 0 1n0. 7 8 ) .
In riferimentoai controllied alle sanzioni,l'lNPS,al momento,si è espressa
con la circolaren. 118 del 3
settembre2010.
per i datí espostinellaDSUin quanto,comegià più
Fermorestandoche íl CAAFnon può esseresanzíonato
volte precisato,si tratta di elementiche il richiedenteesponein autocertificazione,
sono però previste,
nella nuova convenzione INPS,sanzioni che riguardano inadempienzeriferite all'attività specifica che il
CAAFsvolgein rapporto con l'lstituto.
In particolarele sanzioniríguardano:
.
'
r
.
il ritardonellatrasmissione
delleDSUallabancadati dell'lstituto;
la difformità tra i dati trasmessialla banca dati dell'lstituto e quelli contenuti nel modulo di
dichiarazione;
la ritrasmissione
convaloriinalterati;
di dichiarazione
presentata
la dichiarazione
da soggettoinesistente
o deceduto.
1.8.1 tl ritardo nella trasmissionedella DSUalla banca dati dell'lstituto
Perognidichiarazione
trasmessa
dellaDSUè applicata
oltre il terminedi L0 giornidalladatadi acquisizione
una penalecommisurata
al ritardo:
. da 11 a 30 giorni
€
5,00
. da 31 a 180 giorni
15,00
€
. oltre 180 giorni
30,00
€
Nel conteggiodei giorni sono esclusele festivitàe, per una solavolta, il sabatoe la domenica.
1.8.2Difformitàtra i dati trasmessialla bancadati dell'lstitutoe quelli contenuti nel modulo di
dichiarazione
le
Per le difformitàtra i dati trasmessialla bancadati dell'lstitutoe quelli contenutinelle dichiarazioni,
graduate
indícato:
sanzioniapplicatevengono
comedi seguito
. nel casodi difformità che non incidonosul valore finale ISE/ISEE
5,00
€
'
nel casodi difformità che incidonosul valorefinale ISE/ISEE
15,00
€
1.8.3Ritrasmissione
dichiarazionecon valori inalterati
per un numerodivolte superiorea due è applicata
Perognidichiarazione
con valoriinalterati,ritrasmessa
una penalepariad € 25,00.
1.8.4 Dichiarazionepresentata da soggetto inesistenteo deceduto
Perogni dichiarazione
trasmessae riferitaa soggettoinesístenteo decedutoè applicatauna penalepari ad
€ 300,00.
Attenzione
Le sanzionisopra rappresentate,che verranno applicateal momento dell'entrata in vigore della
nuova convenzione,sono quelle ad oggi ipotizzatedall'lNPS.Potrebbero subire modifiche in
ó',.1,, sede di stesura definitiva della nuova convenzioneCAF/INPSche, al momento defla stampa di
questaguida non è ancoradefinitivamentechiusa.
cetl
t
tirfLri:t!;:,iti
dellaD.S.U.
Modalitàdi compilazione
e trasmissione
Quati sono le date da prendere in
per I'indicazione
considerazione
dei dati
contenutinellaDSU?
il nucleo fomiliare è quello esistente ol momento della
presentozionedello DSU
il reddito, per cioscun componente di detto nucleo, è quello
indicato nell'ultimo dichiorozionepresentata ai fini delle imposte
sul reddito delle persone fisiche. 5e al momento della
presentazione della OSU non si è oncors presentato la
dichiorozione dei redditi per l'anno corrente, bisognerù dichiarare t9/05/20o3
il reddito indicoto nello dichiarazione lrpef delt'anno precedente
(che si riferisce quindi ol reddito relativo a due onni primo della
presentazionedella DSU)
il potrimonio mobiliareed ímmobilioredeve esserequello esistente
dlla datq del 3L dicembredell'onnoprecedentealla presentozione
deilq DSU
presentondo uno nuova D.S.U, contenente i
doti
5i
ll dichiarantepuò aggiornare/modificare
questa
secondo
D.S.U.
si A/A3/20O3
già
effetti
di
aggiornoti/modificoti.
Gli
dati
contenuti
in
una
D.S.U.
i
produrronnodal giorno della sua sottoscrizione.
presentata?
L'apposizione
dellafirma in calcead ogni
foglio allegato deve essere sempre
quella del dichiaranteovvero guella di Deveesserequellodel dichiarantedel modulobase.
coloro ai quali i dati riportati sono
riferiti?
TDA: Titolarideldiritto
28/02/2003
di accessoalla banca dati ISE/ISEE
ll PINpuò esseredato al CISSA
{Consorzio
è un insiemedi Comuni.Per quonto ríguordo
lntercomunale dei
servizi socio-5i in quantoil Consorzio
In caso positivo, chi è il il rappresentonte,si veda I'accordostipuloto tro iComuni owero la 27102/2003
assistenziali)?
rappresentanteche deve sottoscriverepersonachesaròindividuotqdoi Comunistessi.
questarichiesta?
Passono occedere allo Banco doti ISEISEEdell'INPS le Pubbliche
Amministrozioni
erogatrici di prestozioni sociali agevolate ed i CAF.
^,,^
Quali soggetti possono accedere o"o
Possonooccedere anche, ma solo per la consultozione,i soggetti 27/o2/2oo3
bancadati ISE/ISEE
dell'INPS?
privoti erogatori di servizidi pubblico utilitù che siano stoti equiparoti,
dolleAuthority competenti,ogli Enti erogatori (esempioTelecom).
cGll
t
Altre tipologiedi quesiti
L'|SE/|5EE
si applicaanchenelle regionia nozionale,soràla Regionea Stotuto Specialea stabilirese odottare 27/O2(2AO3
porametri ulteriori da opplicare qll'ISEISEEgià determinoto in bqse ol
statutospeciale?
D.Lgs.109/1998 comemodificoto dal D.Lgs.130/2000.
No, ma gli Enti erogotori at fine di individuare i beneficiori delle
prestazioni,possonoprevedere,occantoall'indicatoredello situazione
diversoeconomico equivolente colcoloto ai sensi dell'art. 2 del D.Lgs
Può l'INPScalcolareun ISE/ISEE
da quello determinato ai sensi dell'art. 2 130/20CI0(ISEISEEstandard), "ulteriori criterì" di selezione(ad es. l9lo5/20a3
presenzanel nucleodel capofomigliadisoccupatoo di un componente
del D.Lgs.I3O/2OOO?
involido civile o onziono sopra und certa soglia di etA, ecc.) che si
affi ancano ail' lSEl SEEstondard.
Soloin casi porticolori la legge consenteoll'Ente erogotore di tener
conto di un ISE/1iEEdiverso (ISEflSEEprestazione) rispetto a quello
stqndord perchè colcoloto in base ai doti reddituoli e patrimonioli di
un nuclea diverso (più ristretto o piÌt ollorgoto) do quello individuoto
oi fÍni dell'BEISEE stondord. L'Ente erogqtore può prendere in
considerqzione:
7) un nucleo ristretto rispetto a quello stondord (art' 3 comma 2
130/2000);
109/98
e
D.Lgs
norme
integrate
Può I'Enteutilizzareun ISE/ISEEdiverso 2) il nucleo familiare dello studente integrato con quello di chi è
da quello previsto dafl'art.2 del D.Lgvconsiderotosostenerel'onere del mantenimentaper le prestazioniper t9/O5/2CIO3
il diritto ollo studio universitorio {stt. 3 commo 2bis norme integrate
1,30/2000?
130/2000);
e
109/98
D.Lgs.
3) lo situozioneeconomicodel solo sssistitoper le prestazionisocioli
ogevolote di naturo sociosanitoriarivolte o persone con handicap
permanente grove e a soggetti ultro sessontocinquennila cui non
outosufficienzo fisica o psichica sio stoto accertato daile ASL(ort. 3
commo 2ter norme integrqte D.lgs. rc9/98 e 130/2000).
Nei casi1) e 3) le informozionisu questodiversonucleodevonoessere
pur sempredesuntedollo bancodoti ISEISEEdell'INPS.
CGTl
t
appunti
coll,
tt
LaDichiarazione
SostitutivaUnica:
composrztone
del modello
ParteI
Capitolo2
RICHIEDERE
2. 1 PnIrua FACCIATA:
SOCIAI,I
CHESIINTENDONO
PRESTAZIONI
2.2 SecoruoAFAccIATA:
GUIDA
RAPIDA
AII.ACOMPIIAZIONE
FAMITIARE
2.3 Trnzn FAccIATA:
DELNUCLEO
coMPOsIztONE
2.4Traza FAcctATA:
I euADRrA - B - C- D
2.5 Qunnre FAcctATA:
sorroscntztoNEDEttADtcHtARAzloNE
pRESENTAZIoNE
2.6 Quenre FAcctATA:
DELTA
ATTEsrAztoNE
2.7 Fnoure Focuo ArreGATo:Fl - F2 - F3
Focuo
F4 - F5 - F6 - sorroscRtzroNE
2.8 Rrrno FoGLroALLEGATo:
GGIl
ttLn
E SOSTITUTIVA
DICHIARAZION
UNICA
Con i DPCMdel 18 maggio200L sono stati approvatii modellí-tipodella dichiarazionesostitutivaunica e
dell'attestazione.
La DSUè compostada un modello base e da un numero di fogli allegatiche sarannotanti quanti sono i
componentiil nucleofamiliare.
Dí seguito viene fatta una rappresentazionesintetica del modello e del foglio allegato,rimandandoai
capitolisuccessivi
il dettaglíodellacompilazione
di ciascunquadro.
2.t
unica
Dichiarazione$ostitutiva
valeìJoleper la richiestadi prestazhflisoci*i agevdate
o per I'accessoagevolatoai seMzi rli p.rbuicaulilità
(decretolegblativo31 marao1998,n. 109,mrne rTmdmcata
daldecretCI
Fgislativo3 mqgb 2fi)0, n- {30)
Prestazieni$cciali EheEi int*núono richie*lere:
(MîrandpIa
/e pres&azbni
cne i sogfgBtfcomponend
trndlcare
casÉJta
Éurff$pondenfeJ
disf'rara&fie
il nrcEo furniliarcmfefidoflondlie&re suÍlaàasedefrapresenúB
E
f,
nu**g* peril nucleofamitiarecontreflgli minori
nr*"gno di mahmità
perI'inîanzia
asinnkloe altriservizieclucativi
E
fnrcn""scdastiche
f,
I
|I
chesi
Prestazionisociali
richiedere:
intendono
f
I u" barrataatmenouna
I Uetlecasellerelativealle
horsedistudio,ecc.) |
mesazloniscdasliche(ribriscorastici,
,,ll,:tj^1tj:11:il^,
e/o I suor
I
dtcnrarante
per
Agevohzioni tasseuniver$itarie
intendono
tamiliari
I
richiedere'
frestazlonideldirittoallostudiounitrersitario
;
;
rhnricitiari
s**ia s,missanitari
f]
Su*iti socio sffitari diumi, residenziali,ecc.
f,
I
I
!
II }",j:::f
la prestazrone
tndrcatail':::'Í::
I
Agevolazioniper servizirli pubblicautilità {telefono,luce, gas)l
I
rufe prestiazionieconornicheassìstenziati
|I
fl ruro{specmcare}:
n affo tspecifrcare):
richiestache non rientra
nelletipologiedescritte
nelle
"-"- precedenticaselle
-
..rd +flffi drl dbhllf|úrÈ
lulltqqf d.d till llÉcr.ll
{rr$mlo r0 d*6* tr{A|l el dlr.{nhrr t0íú. n- 6?6!
hÍ$?Fr4irr
I rllli fanrffirli rc$rùriri 6a l,r F|r|.tiE
didrlseeiorn rdrrttulirt:
.
úure$i i3ia71e knrili Far &lbfmfrrr|t
b ritirat*$16 rcorwsrrce dr* nudeo f*nnilian dd li.*raadsfit* unr pút.Ésris(ìc tocido
renùolNúe- ei rHrÉi dC dacreb l€Sisldù{q n, tflg del 199ts. e suqc€Éire l?|odifiÈrritti. È del d€cúeb d€* PrEs*r€niE del
Corx$f$o dri ttinic8i ? meg$o lgg$. n. E!, e strÈtÉtrivÉ nrcÉfceiorÚ:
r
rylehr so'
lil#rlr. *rd lf'lFg} É !ffil5|}.
€#r}rdE, sdfdrt rfi r*lifllffiJ
rflîo rrtsólti d|f,F.Gli tsnÉrtan{
trnt.rs0|*to.!.
irhmffirr.
$ ioh fiffi di.regùfi l1 pff$.dsnl
|g4rrh fitroúr{rr
rr***
gErfier
r
e*a
ú ttdr.|rr* r |{a
rEarlEbrt Ít I F*rdrÈf rot o carnr*nror{i rt lrn rfa'fF dr*r *'rrmr.
Fsrrs*1ú- arrilr
snfirhhùr&lqni w,i}Ícaa* F|' i qontalb Fttrli*:
G F.r
.
m,s krí$.ari
dr{| Érmrc
brneg drt daS-*{F& Fcr il €d6ls d*irdicrbrr
tÈongtnisr rrf'r||.filr
|rrtFotÉr
tr#r*nflrirne
d.i oontrstr ftítlÉli:
r
rsro cr*ssi e dispo=íeiooe dctrente crogrùe.E de Fs!È ddflHFS Fer sofiientirè di proc€rrers rd inirgrea*rr* É * vedazicni,
prr rdLilturrn cÉ*$offi o prr *&|*1
nd n:pe{h' dcnr vigr:li *lcporiaiocli $d1| ù&*r rl|d drli FùrttrtS. src brns ddl
n" IOS drl
{"úiù {ld dr{mù1 irg*r,úts
r$d|Yr rÉ5 ìrfnú úrfra gr||úr$onl roc*rl út..rd
arl'g$r. * r*rri ditrsdrÉb
rf**" . ru6oóifi
so,rfi6*|rlml.
gffrtftfo|'r
t* dlst?ffr$ilfl
hdrfi
s rffi$rdrftf
ti d|gll{rfinlr Bu* flrdsfr.,
rr ognl mon*rw, |fÈ' fird ri autg hr ptrflr{&
il blo€fis td Eff.ri
d |erg
cts**rn*
annrrfr.lr.rt krlrgnncr, r|fte*xr
o G|risdlril.
c** to ryl*drt4
r lil* *|rl}ú**r!lrnta
r&, *r bnúirti la virh*h*r
ffrtlrn
di hg!# (r|Gta*a t3 drll* blgr n- fff d.a tgnol
L d*rt*reiru
o l'.8*rla!rEflG, illSS a $i eflti efogt*d . àd senú trsfarsfFi i d.ti &&lÉ
L'affiÈ C rstslÈ vilnc grFrrÉb
dd úeti cias,crJfioper le tirye{irc cót'|pèEnmdhà*a8eiod sonoliùdki ddffi.rNÈfrio
cetl
tt
2.2 Seconda,
DEttA DICHIARAZIONE
SOSTITUTIVA
UNICA
GUIDARAPIDAAttA COMPIIAZIONE
La dichiarazionesostitutiva è composta dal presente modello base, che a pagina 3 raccogliei dati generali relativi al nucleo familiare, e da
i er la
t a n t i f o g l i a l l e g a t iq u a n t i s o n o i c o m p o n e n t ii l n u c l e of a m i l i a r e .Q u e s t ag u i d a r a p i d aè d a i n t e n d e r s ci o m e u n a s i n t e s id e l l e i s t r u z i o n p
c o m p i l a z i o n ep: e r q u a l u n q u ed u b b i o ,v a n n oc o m u n q u ec o n s u l t a t el e i s t r u z i o ndi e t t a g l i a t e .
1. Composizionedel nucleo familiare
A i f i n i d e l l ' I S E Eo,g n i p e r s o n ap u ò a p p a r t e n e r ea d u n s o l o n u c l e of a m i l i a r e .l l n u c l e of a m i l i a r ed a d i c h i a r a r eè q u e l l o c h e r i s u l t aa l l a d a t a d i
o r e s e n t a z i o ndee l l ad i c h i a r a z i o n e .
1 . 1 l l n u c l e of a m i l i a r e c: a s og e n e r a l e
ll nucleo familiare del dichiarante,da dichiarare nella tabella di pag. 3 del presente modello base,si compone, in via generale,dei seguenti
soggetti:
.
i l d i c h i a r a n t e( c o d i c et i p o , g i à i n d i c a t o ,D ) ;
.
i l c o n i u g ed e l d i c h i a r a n t e( c o d .t i p o , d a i n d i c a r e C
, );
.
i figli minori del dichiarantee/o del coniuge,se con essiconviventi(cod. tipo, da indicare,F);
.
le altre persone presenti nello stato di famiglia del dichiarante(consultarele istruzionise si tratta di soggetti a carico ai fini IRPEFdi
altre personenon presenti nello stato di famiglia)(cod.tipo, da indicare,P);
.
le persone non presenti nello stato di famiglia, ma a carico ai fini IRPEFdel dichiaranteo del coniuge o di altra persona presente nello
stato di famiglia (consultarele ìstruzionise si tratta di minori o di personeconlugate);dichiarareanche i figli minori conviventicon queste
p e r s o n e( c o d .t i p o , d a i n d i c a r e l,) .
i e i s e g u e n t ci a s ip a r t i c o l a rsi i c o n s u l t i n ol e i s t r u z i o nei l ' a p p e n d i c e" A 2 . R e g o l ep e r l a c o m p o s i z i o n ed e l
1 . 2 l l n u c l e of a m i l i a r e :c a s ip a r t i c o l a rN
n u c l e of a m i l i a r e " :
.
i l d i c h i a r a n t eè c o n i u g a t om
, a i l c o n i u g eh a u n a d i v e r s ar e s i d e n z a ;
o qualcunotra i soggettipresenti nello stato di famiglia è coniugato,ma il coniugeha una diversaresidenza;
.
d i p e r s o n en o n p r e s e n t in e l s u o s t a t o d i f a m i g l i a ;
i l d i c h i a r a n t en o n è c o n i u g a t oe d è a c a r i c oa i f i n i I R P E F
.
il dichiarante non è componente di una famiglia anagrafica(ad esempio,è residente in un istituto di cura o in un istituto religiosoo in
c a s e r m ao i n u n i s t i t u t od i d e t e n z i o n e ) ;
.
tra i soggettielencatial punto 1.1vi sono minori affidati a terzi con prowedimento del giudice;
.
tra i soggettielencatial punto 1.1 vi sono personeche hanno rlcevuto minori in affidamentocon provvedimentodel Siudice;
.
tra le personea caricoai fini IRPEFvi sono soggettia caricodi più persone.
2. La casadi abitazione del nucleo
L a c a s a d i a b i t a z i o n ed e l n u c l e o , d a i n d i c a r en e l q u a d r o C d e l p r e s e n t em o d e l l o b a s e ,è , i n v i a g e n e r a l e ,q u e l l a i n c u i r i s i e d o n ot u t t i i
componenti del nucleo. Se i componenti risiedono in piir abitazioni,è lasciatafacoltà al dichiarante di indicare come casa di abitazione del
n u c l e ou n a a s c e l t at r a l e a b i t a z i o ni n c u i r i s i e d ea l m e n ou n c o m p o n e n t ed e l n u c l e o .
.
Se la casadi abitazionedel nucleo è in locazione,nel quadro C deve essereindicato:l'intestatariodel contratto di locazione(se più
di uno, è sufficienteindicareun solo locatarioa condizioneche faccia parte del nucleofamiliare del dichiarante);gli estremi di
registrazionedel contratto; il canoneannualedella locazionecome previsto dal contratto stesso,
.
S e l a c a s aè d i p r o p r i e t à ,n e l f o g l i o a l l e g a t od e l l a d i c h i a r a z i o nrei g u a r d a n t ei l p r o p r i e t a r i od e l l ' i m m o b i l eq, u a d r o F 6 ,l a c a s ad i a b i t a z i o n e
a l l ' i m m o b i l e( s i v e d a p i ù ra v a n t i ,i n q u e s t aG u i d a r a p i d a ,i l
d e l n u c l e od e v e e s s e r ei n d i c a t ac o n u n s e g n oX n e l l a c a s e l l ac o r r i s p o n d e n t e
punto "4. La situazione patrimoniale"). In caso di piit proprietari, la casa di abitazione va indicata con le modalità suddette nei fogli
allegatirelativi a ciascunproprietario.
3. La situazionereddituale
Neì fogli allegati della dichiarazionesostitutiva unica riguardanti i singoli componenti il nucleo familiare, la sezione relativa alla situazione
reddituale (quadro F4) deve esserecompilata per tutti i percettori di reddito. ll reddito complessivodichiarato ai fini IRPEFè quello indicato
n e l l ' u l t i m ad i c h i a r a z i o n d
e e i r e d d i t i p r e s e n t a t a( r i g o " R e d d i t oc o m p l e s s i v o "a; d e s e m p i o ,r i g o R N 1d e l m o d e l l o U N I C Oa n n o 2 0 0 1 ) ,o q u e l l o
indicato nell'ultima certificazione sostitutiva ricevuta (ad esempio, al punto n. 1 del CUD anno 2001) se non è stata presentata la
dichiarazione. Per gli imprenditori agricoli, consultare le istruzioni. Se nell'anno solare precedente la presentazionedella dichiarazione
sostitutiva non è stato percepito alcun reddito, è possibileindicaretale assenzadi reddito: in tal caso però sono previsti specificicontrolli da
p a r t ed e l l ' I N P S
e d e g l ie n t i e r o g a t o r i .
4, La situazionepatrimoniale
N e i f o g l i a l l e g a t id e l l a d i c h i a r a z i o n e
s o s t i t u t i v au n i c a r i g u a r d a n t i s i n g o l ic o m p o n e n t ii l n u c l e of a m i l i a r e ,l e s e z i o n ir e l a t i v ea l l a s i t u a z i o n e
p a t r i m o n i a l e( q u a d r iF 5 e F 5 ) d e v o n oe s s e r ec o m p i l a t ep e r t u t t i i s o g g e t t i n p o s s e s s o
d i p a t r i m o n i om o b i l i a r ee i m m o b i l i a r ea l l a d a t a d e l 3 1
d i c e m b r ep r e c e d e n t el a d a t a d e l l ap r e s e n t a z i o ndee l l ad i c h i a r a z i o nseo s t i t u t i v au n i c a .
.
ll patrimonio mobiliare (quadro F5) dei singolisoggettiva indicato nella sua consìstenzacomplessivaal 31 dicembre precedente:
ad esempio,per i singolisoggettiin possessodi patrimonio mobiliareva fatta la somma del saldo in tale data del conto corrente, del
, c c .( p e r u n a d e f i n i z i o n ed i t u t t e l e c o m p o n e n t d
i e l p a t r i m o n i om o b i l i a r es, i v e d a n ol e i s t r u z i o n i ) .
c o n t ot i t o l i ,d e l c o n t o p o s t a l ee
.
l l p a t r i m o n i oi m m o b i l i a r e( q u a d r oF 6 )v a i n d i c a t oi n t u t t e l e s u e c o m p o n e n t i i,m m o b i l ep e r i m m o b i l e ,n e l l as u a c o n s i s t e n za l 3 1
. iascuna
, e r i l q u a l ev a i n d i c a t o :s e s i t r a t t a d i
r i g ad e l l at a b e l l an e l q u a d r oF 6 i n d i v i d u au n s i n g o l oc e s p i t e p
d i c e m b r ep r e c e d e n t eC
fabbricato (codiceF),terreno edificabile(cod. TE)o terreno agricolo(cod. TA); il comune in cui è situato l'immobile; qual è la quota
possedutadal soggettoa cui è intestato il foglio allegato;il valore di tale quota ai fini lCl; il valore della quota capitale residua
dell'eventualemutuo contratto per quel singolocespite;ed infine, se si tratta della casadi abitazionedel nucleo,già individuatanel
q u a d r oC d e l m o d e l l ob a s e( i n q u e s t oc a s o ,c o n t r a s s e g n a rl e
' ì m m o b ì l ec o n u n s e g n oX n e l l ' u l t i m ac a s e l l ad e l l ar i g a
c o r r i s p o n d e n t e )l l. v a l o r el C l d e l l ' i m m o b i l ev a i n d i c a t oa n c h es e l ' i m m o b i l eè e s e n t ed a t a l e i m p o s t a .
GGTl
t
2;3
losottoscritt...-.
il lssto
2000,
n.lg5,recante
ftlls Repub$ba
2Edicembre
aisensidegliarlicdi46e 47deldecrelo
delPrc$idente
didtiafoquanto
in materia
didocumontszion€
amministrativa,
unicodelledisposizioni
legislative
e regolamenlari
segue;
COMPOSIZIONE
DELNUCLEO
FAMILIARE
Tlpo
l,lome
Coonomc
Datadl nasclla
D
Composizionedel
nucleofamiliare:
Vanno indicatii
componenti del
nucleofamiliare
definito al
momento della
presentazionedella
dichiarazione
sostitutiva unica.
componenti
il nucleofamiliare:
Totalenumeroperson€
|
|
QuadroA
Quadro A:
pertuttoI'annodi validitàdelladichiarazione,
i coniugi,
conil dichiarante,
Nelcasodi coniuge
nonresidente
quello:
di riferimento
scelgono
comestatodi famiglia
lpotesi di coniugi
non residenti.
I
deldichiarante
f] delconiuge
Quadro
B
Quadro B:
descrifta)
Barraree nmpilarasolosesl venfcala situazione
!
permanente
grave
superiore
al 660/o
o invalidità
n.l-l soggetti
conhandicap
Nelnucleo
sonopresenti
rilasciata
da
secondo
certificazione
presentifigli
minorie
solounodeilorogenitori
sono
l__lNelnucleo
!
(o l'unimgenitore
è composto
se il nucleo
di figliminori,
entrambi
i genitori
Netnudeo,in presenza
per
genitore
di lavoro
o di impresa
hanno
svolto
atlività
dall'unim
e daisuoifigliminori)
asclusivamente
quidichiarati
i redditi
incuisono
statiprodotti
almeno
seimesinell'anno
QuadroC:
Situazione
riguardante la casa
di abitazionedel
nucleofamiliaredi
riferimento al
momento di
presentazionedella
dichiarazione
sostitutiva unica
Presenzadi
condizionidi
disagio sociale
all'internodel
nucleofamiliaredi
riferimento.
Quadro
C
n.'l*-.-l
invia
delnucleo
è situata
LacasadiabÍtazione
-Prov'f_-l
l-J dipropricta
è:
Lasuddetta
&itazione
I intocuionc
ln lxazlqn:
Perll nucls cherlsledeln abftazlone
ll conkafio
dilocazionc
Òint$tatoa;
contratto
dilocazim€:
delsuddelto
Estemidiregistrazione
prevBto
dalconta[o:
Canor annuals
dellalocazione,
Quadro D:
D
Quadro
in:
Ladichiarazione
è compilata
integralmente
I rire
! euro
Dal 2OO2l'unica scelta possibile
della valuta è quella in Euro.
CGIl
t
2.5 Quarta
OELLA DICHIARAZIONE
SOÎTOSCRIaOT{É
Sottoscrizione:
dichiarazionedi
responsabilitàda
parte del
dichiarante.
lo sottoscritt ..,, consapevoledclle rcsponsabilitapenali dre mi 6s,sumo.ai sensi dcll'articolo78 del decretodèl Presidenicdélla
Repubbfica28 dicembre 2m0, n. 445, per hlsità in atti e diclìiarazioni rnandaci, dichiaro di aver compilato la tiab€lla sulla
compo6i:inn dcl nucl.o femiliaree i quadriA n, B n. C n, D n di peS.3 dèl pnscnte rnodcllobaeee n. ...... fogli all.gati,
relativi a ciascun componenteil nucleo familiare, e dre quantc in essi espresso è vero ed è accerbtúb ai sensi dell'anicolo 43
del cilaio DPR n.445 dcl 2000, owero documentabih eu richiestadell. amrninisbaziJflicomp.rtenti.
Dicùiaro, altresl, di essere a coloscenza che sui dati dichiarati pofanno casere efiettuati coiltrolli ai sensi dell'articolo 71 del
DPR n.445 dcl 2000; nd caso di sogazion€ di una preetazioncsocialc agsvolata, potranno a33cr?c3€g[Iili confolli, ditetti ad
accertare la veridicM dcllé inirmazidti fornítc èd efettuati, da partc della Guardia di finanza, pfesso gli istituti di credito c gli
altri interm€diarifinamiari cfre ges{isconoil pafimonio mobiliare, ai scnsi degli artimli 4, comma 2, d€l d€crelo legislatiw 31
m.rro 1998,n. 109,e 6, comrna3, dcl dcqcto d€l Pr$idcntÈ dèl Con3igliodei Minilti 7 màggio1999,n,ni,a $rco!$ive
modificazioni;potrannoesrcre èfelúaîi contrdlisulla eerlthilà della situezionehmlliare dicfiiareta e conftonti dei dati reddifuali
e petrimooialicon i dati in posselgo dcl sistema informativodel Minictrro ddle finanze.
(data)
(luoSo)
dd loggrtto cr|. ri trcvt in una rituazi$na di imF€dirnanto lamporÍìao, pGf
i jLa pr€$€nle dichleraritnc Ò r|!a nall'intira||a
rèEiqni conflesse allo 3taio dí raluiÈ. dal oo.rirjgtc o. in 3u3 ssScna, dd figlio o. in mancafia di qu6îo. da dfo patrrE in
,rnea retta o cdlalerals firc d isre grdo. d pubblíco utfci.lc, pr€virt .ec.rtamcnla
dcll"id"ritila dd dicúirnntc (banere le
càsellà * ri€fiÈ il carol;
dictria|rlbnc
à rc3t in rEmc È pGr conto dcl logEc{io iilctpaiè
L] Lr pru*nt"
la casèlla Èe ricoíÈ il cdto),
dr chr fic ha It rrppr.lr|ftntr
della
Sottoscrizione
dichiarazione:
lÈgslG (btrdr
Sc ncètr? uno dd csr rudd€tii, ogni rlcnmcnto rl'disht!
rntÉ", cofitlnulo i p€Ona 3 d€l prcacnie írodcllo bús.. ft€| togh
rllègatt. è dr inLndcr|i éofiic rifrlrranló
al 3€,!!oùo impc<lito o incepaéc ndl'inlcrúB3a o FGr €onto dól qurla è rrdrtta la
dichiareziónè.
INDI€AR€ I OATI ANASRAFICI OELLA PERSO{IIA CHE DICHIARA NELL'INTERESSÉ DEL SOqG€TTO IMPEDITO O IN
NOME S PER CONIO D€L SOGGETTO INCAPACE
r per contodi un
soggetto
temporaneamente
impedito;
] cognome
Comuné o stalo atlirè
proY. _
di
rper contodi un
soggettoincapace.
Date dl
CAF
n. trlafonlco ([email protected]
I Indirizrèén 6ivic6
2.6 Quarta
ATTEÉTAZIOiIE
DÉLLA PRESETÎAZIOI|E OCLLA DICHIARAJZIO'{ÉSOAT|ÎUÎIVA U'{IGA
rilr'ciata rl r€flri d.ll'rîti€olo 4 drl dG€rÉtoLgblrtlvo 3t mre 1996. n. 10O.c succa*hÉ tnodlflctzloîi
Attestazione della
presentazione:
L'ufficio che riceve
la DSUattesta
l'awenuta
presentazionedella
dichiarazionestessa
AîfÉatAzK[tE
1{.
DÉLL'Et{fE
la té{toùcriÉo
è Sti'it pf€lcfitiila.
rddctro dl'aflkto_
n{leCo c*rc:
al rénli delte viqÉnti digDoslzhfir, la dtshiarazionc dcl ... slq, . "
a ooatltúita del pra..ni.
Amfió, dtaal. étra L di(*rlùadone
c o f t r p a r a z i o nd . l n u d . o f . m i t r . r . r t ( F r . d r i l [ _ ] , e I
iCIlD[
(lr,oeo}
(rlrlr)
Ìroddb
b|Úa. dl Èul aóno 3tatl cùmflilrd
t o g Édi l . g s ù .
]olpca.s..d,.n...
{tirnbro da|rcrtr
a ftmr
la taballr
3{lla
drll'.ddrlto)
La prÉrfi{a dkùlúflaiofia hr rr|llditt dl un rfinÒ drfta datr ru tndlcrùr. a pué aùal| ut$ru|ta nd parlsdo di vdld[ó da.iaa€r,rn
qs3ió ulfoto, t ùr
éflrfol}I, pr!.|ó
cúnpon3rl.
[ Íudro tltilLrc.
Crrplr dcllú dlch,rf.Jffi
a diipónlb$., paf a{frtuall
t'lfùùJto nraqda
daflt
nlqmaaffr
n c3ra contrrutc tm
iracreil
etrc det glomi d r|daru inúorroOw chll'ISEE pr6s
pddrnzr
mttrh {INPS).
CGIl
t
OUADRO Fî . DAÎI A}.IAGRAFICI
QuadroFl:
Dati anagraficidel
componente il
nucleofamiliare
riferiti al momento
della presentazione
della dichiarazione
sostitutiva unica
Cognome
codi".
sesso
fi"""l"
La pafta sotfost€nte d6l p.èsente quadrc, relativa ella t€stdenza e al codlcè USL del soggatto, deve
essare obbngatoriamente complldte per ll dlchlarante; per gli altrl cfrmponentl ll nucleo femlllare la
compllazlon€ è obbllgetoria solo quanclo I dati sono dtversl da qu€lli del dlchiarente.
no civico I
Indirizzo cli residenza: via
ptou.l---l cepl.------l
n'. tèléfonolracottuttuo;
F
OUAOROFE
PARÎÉC|PAAOilE ALIA DICIIIAR'IAOHE
garrars un'un'na casclla in warunzt cafi il codic,èlrpo dslla ldbelta dipalint
IJ o - dlchierent€
t i c - conlug€
i-l F - llgllo minotc o minorÈqffideto
L_i P - altra prrsone prcrentr n€tlottf,to di ftmiglis
{ i N - coniugo c flgli non prar€ntanollo ltato di lamiglh
i l | - eoggettoI €srho El fint IRPSF
it R - roeponsebilr dsl mantBnirn€ntodel dhhiarant€
Attività svolta dal
soggetto alla data
di presentazione
della dichiarazione
sostitutiva unica
E
prou. l--l
comune / etato estero di n"""it"
"o,nun.
CodiceaziendaUSUl-----l
QuadroF3:
fi\il l
Quadro F2:
3 dt nodtllc àoss.
Codificadella
partecipazionealla
dichiarazionedel
componente il
nucleofamiliare
alla data di
presentazionedella
dichiarazione
sostitutiva unica
GIUADRO F3
DEL goGcEîîo
AîfrvtrÀ
Compttar€ fa1oltattvamente; la comptlazlone è cot slgtlate nèl éaso ln oul sl rlchladano preatazlonl per le
quali è obbilgatorlo tndtcaré refilvltà del 6ègg€tto. Barrerc un'unlca oesallen
tl
n
f]
tf
t]
t]
t]
n
tl
Tl
Levoratoredlp€ndente
Lavorator€ ln cassa lnt€grazlona straordlnarla, o tn mobil|tà, o lmPl.rgato In lavorl socielment€ utill
L6vorgtore con contratto dl @llaborezlone coordlneta € contlnuallva
Levorator€ autonomo
Ltb€roprofÉsslonista
lmpréndltoré
olsoccupato I In cerca dl occupazloné
Pénrloneto
carallnga
studcnte
Mlnore In étA non acolErg
GGIl
t
2'lRóiro.iiàdì81
,
OUADRO F4. SITUAZIONEREDDITUALEDEL SOGGETTO
ArrotoÒdaré
alls I 1.0N sup!.tiorisc b uftin tr' clftasupcrano
fio, a quafiainlorioriìn caspcontnrio(pct 1.&1, sctivut
per 1.500.
2.Q00:
scrivcÌt1.M/ Pcrdi euro,aftotondar.atlntaÌopÌùviclno(par1,51scÉwt 2: par1,5sctiwt€1).
QuadroF4:
Situazione
redditualedel
soggetto
Reddito complessivodichlarato ai fni IRPEF
(alnettodeirÈdditi
agreridcll'imprcnditorÈ
ogricob)
Provènti agrari da dichiarazloneIRAP
agricolil
iperi soliimprenditori
Anno di Droduzionad€t r6ddito
OUADRO
F6 - SITUAZIONE
PATRIMoNIALE:
PATRIMoNIO
MoBILIARE
DEL SoccETîo
poasaduto dal soggstto alla d.ta dat 31 dlùmbru doll'enno pe.dúta
lndì@rc ll prtrimnlo
mbili.rc
cotwl.stvamcntc
alla pÉgantedon. dclla prescnt dìchlarazion. costltutlve. Arotond.ra por dlf.tto al mlllú. di lirc o tl srcl multlpli (pcr
9.9OO.OOA,wiv.rc g.OAA.AAA: pqr gQO.OOO,Ecrlwre O): par g,l .ura eÍotcnd'.re p.r dtfttto .í &O.urc ó .l suot multlpli (p.r
5.9OO, scdwrc 5.5OA; pcr 5.4OO, scrlwp 5.O0O: pcr 49O, scrlwrc O.
QuadroF5:
Consistènza
del patrimonlo
moblllere
DAII gUI t}OCCEffI
Situazionerelativa
al patrimonio
mobiliaredel
soggetto
Codlce lnterm€dlerlo
CHE GESTÉCONO
IL PATRIIIONIO
'IIOBILIARÉ
E€lcrlzlone Intorm.dlarlo .t gertors
(indlc.rc sa Btnat, Posta, slM, lmp/lg di lnv$tlm.nto
o geltore
^^Àt,^ir-É-
^
-Aéa4"^11'd)
-
^
|
FATRIHOT{IO
IÍ*fTOgILIAItg
O=' 3OGGETYO
OUADRO
FS.3ITUAZIOHE
PATRI]IIOI{IALE:
paragnl îlg'. drrr! faàdfr solîoofenl'! pos*dúo
6tl e€gfctto dl. dtta dal3l
lndiaerc il patritnanio imtúlr/tr(a
lun c's$.
praaanta
proqcdrnút
prlotntarFfrc
dwilartaala
'prArU,,Ht. Arrglondarp @trra prr tù
drcrfib/o
dcu'.ana
ar|r
da,l!
sifua"ioffa rudditustè lQu'dro F4).
(vúùorè d€llr guotr potrcdutt
dall'hrmottla. éorna drfiaala ai
(vdo{.
OELMUruO
d.llr quot
QuadroF6r
po...dufr,
Situazionerelativa
al patrimonio
immobiliare
del
soggetto
îAtt tt nl ryrlcoll.
códlah Fúfabulo.ùi îl:tc}Tanl.dHcrbili,
utali:zff. ircgu|n{
conira3sconàré con unN X ró*o lr cat€llr rulrtlva lll'immoblùa alictrltatno cùrrG ct36 dl Nblutona
n{l qurdro C drl |noócllo Saar.
Sottoscrízionedel
foglio allegato:
Dichiarazione
di
responsabilitàda
parte del
dichiarante.
dcl nudco tsìillt|l
SOTTOSCRIZIONE
DELFOGLIO
ALLEGATO
pendl
76drlOPR!!diqpn [email protected],n.
losottosditt
..., conrapcvolc
dtemiasumo,
aiscnsi
dlll'sr0colo
dallcrcspnsabifia
i quadri
445,
nendaci,
didriaro
diavacompilab
F1,F2,ru l, F4n F5[, FOn d€l
inatti'cdidriarazioni
Wrfalsits
pr$ente
pdteinkgrante
inesi espresso
è veroedè
sosttfivauni€,e chequanto
hglioallegato,
delladiúiarazione
perle diúiaraionieostlutiw
è acceftbile,
di
competenti
ovvcro
docurnentabile
su riúiedadclleemminislrujoni
dcll'alicolo
43dclcitalo
n.445
ccrtilicarionc,
aisensi
OPR
dd3m.
GOtl
t
appunti
GCll
t
Prestazionisociali
chesi intendono
richiedere
Parte I
Capitolo3
3.1 L,qcoMpIIAjzIoNE
DELQUADRo
GGII
il
RICHIEDERE
CHESIINTENDONO
SOCIATI
PngsrRzIONI
i::::trrrr::r;l1t
ì,r:itititiii!:$!i*,i!!xl !${i:i*i!1t
r:i.$
"i.
legateall'lSEche si intendono
le prestazionisocialile5
Vanno indicate,barrandola casellacorrispondente,
che di uno dei componenti
stesse,siada partedel dichiarante
aglienti erogatoridelleprestazioni
richiedere
il nucleofamiliare.
del
Le prestazioniindicatesono quelle che erano di maggiorerilevanzaal momento dell'approvazione
modello,nel casoin cui si debbarichiedereuna prestazionenon previstanel quadro,tale prestazionedovrà
esserespecificataallavoce "Altro".
di "
la possibilità
E'obbligatorioindicarnealmenouna ricordandochela sceltaeffettuatanon pregiudica
richiederenuove prestazioniagevolate,diverseda quelle indicate,durante l'anno di validità della i
dichiarazione.
I
allaspecifica'
allegare,
maè sufficiente
In questocasonondeveesserepresentataunanuovadichiarazione
l'atte-stazionef
S-E-E
goffojif"!{Là. - -l
agevola_zio!e_{aIIeJ91t19
glf e*n-te-eJgg-alo1g,
31c-o1a-il
_d_o191d_a_di
Dichiarazionesostitutivaunica
valevole per la richiestadi pr$tazioni sociali agevolate
o per I'accessoagevolaùoai servizi di pubblica utllftA
(decreto legislativo31 marzo 1998, n. f Og,come modmcato
dal decreto legislativo3 maggio 2000, n. 130)
Prsetazlonl soclall ch€ 3l Intcndono rlchlcdsre:
tndicare (banando la caselle conispondentl) le prestazioni che i aoggetti componenti
ll nucteo familtare tntendano rlchledere sulla bagé deila presente dlchlaraalone
n Asssgno per il nucleo familiarecon tre figli mínori
n Assegno di mat€rnità
T Aeifi nido e altri servizieducativi per J'inÍanzla
u Mense $colastiche
tlibri scolaetici,borse di studio, ecc.)
n Préstazloníecolastlche
n Agevolazioniper tasse universitarie
allo studio universilario
n Pro8tazlonidel dirittodomiciliari
S€rvizi
socio
saniùari
n
diurni,residenziall,ecc.
n Servizisocíoganitari
per servizídi pubblíceutilíta (telefono,luc6, gas)
n Agevolazioni
pr$tazionl
economicheassistenziali
Alîre
u
n
n
Atro (gpeclficare):
Altro (spedlicare):
Barrare le caselledelle prestazioni
(almenouna).
chesi intendonorichiedere
Nellecaselle"Altro"
va indicatala prestazionerichiesta
che non rientranelletipologiedescritte
nelleprecedentiscelte.
cen
t
Lacomposizione
del
nucleofamiliare
'{í;
e
''I!î
quadroA
ParteI
Capitolo4
4.1 La FAMIGLIA
ANAGRAFICA
4.2 CnsIPARTICoLARI
DIDEFINIZIONE
DEINUctro
. 4.2.1I soggettifiscalmentea carico
. 4.2.2 | coniugiche hanno la stessaresidenzaanagrafica
. 4.2.3 | coniugiche hanno diversaresidenzaanagrafica
. 4.2.4lfigli minori
. 4.2.5 | soggetti che si trovano in convivenzaanagrafica
DrcoMPosrztoNE
4.3 Ar-curril
ESEMpr
DEtNUctEo
4.4 CorurueI NoNcoNvrvENTr
EcoMpr-AztoNe
oel Qunono A
4.5 lr-coorcl"TtPo"
r 4.5.1 Comepuò variare il "CodiceTipo"
4.6 I oocuruENTlDAIQUALIRITEVARE
I DATI
4.7 RIeplIoeoEcoMPILAZIONE
D€LQUADRO
NUcI.Eo
FAMILIARE
4.8Lerneorrr'rlps
cort
ttIr-ruucrco
FAMILIAREDI RIFERIMENTO
la composizionedel nucleofamiliaredeve essereindividuataal momento della
Al fine di determinarel'ISEE,
del 7 maggioL999 n. 22L, così come
presentazione
della DSU ed è definitadall'art.1 bis del D.P.C.M.
d .e l4 a p r i l e2 O 0 In . 2 4 2 .
m o d i f i c a tdoa l D . P . C . M
il nucleofamiliaredi riferimentoda indicarenellaDSUcoincidecon la famigliaanagrafica
Salvocasiparticolari,
certificatadallo stato di famiglia.
4.L
definitodal DPRdel30 maggioL989n. 223 all'art.4prevede:
Anagrafico",
ll "Regolamento
al comma ! "ogli effetti anagrofici per famiglio si intende un insieme di persone legate da vìncoli di
matrimonio, parentelo, affÍnitù, odozíone, tuteld o da vincoli affettÍvi, coabitqnti ed oventi dimora obituale
nello stessocomune."
Al comma 2 "uno famiglìo andgrafica può esserecostituita da una soldpersono."
rvrNcoLl
Matrimonio
DAL CODICECIVILE
tE DEFINIZIONIPREVISTE
V i n c o l o c h e v i e n e a m a n c a r ec o n l a m o r t e d i u n o d e i c o n i u g i o p p u r e i n c a s o d i d i v o r z i o o
scioglimento
del matrimonio.
Art.74 Parentela
da unostessostipite.
Laparentela
è il vincolotra le personechediscendono
Art.75 Lineedellaparentela
Sonoparenti:
. in linearettale persone
dall'altra;
di cuil'unadiscende
. ín lineacollaterale
l'unadall'altra
nondiscendono
quelleche,puravendounostipitecomune,
Parentela Art. 75 Computodeigradi
. Nellalinearettasi computano
escluso
lo stipíte;
altrettantigradiquantesonole generazioni,
'
da unodei parentifinoallo
salendo
dallegenerazioni,
i gradisi computano
nellalineacollaterale
lo stipite.
parente,
escluso
restando
sempre
questo
all'altro
discendendo
stipitecomunee da
Art.77 Limitedellaparentela
La leggenon riconosceil vincolodi parentelaoltre il sestogrado, salvoche per alcuni effetti
specialmente
determinati.
Art. 78 Affinità
L'affinità
è il vincolotra un coniugee i parentidell'altroconiuge.
coniuge'
egliè affinedell'altro
Nellalineae nelgradoin cuitalunoè parented'unodeidueconiugi,
Affinità
per
alcuni
tlaffinitànon cessaper la morte,anchesenzaprole,del coniugeda cui deriva,salvoche
gli
di cui
salvi
effetti
nullo,
matrimonio
è
dichiarato
se
il
Cessa
determinati.
specialmente
effetti
afl'art.87,n. 4.
Art. 291e seguentiAdozione
Adozione
Tutela
Affettivi
L'adozioneè un prowedimento dispostocon sentenzadel Tribunaleper effetto del quale la persona
adottata acquistalo stato di fígliolegittimodegliadottantí,dei quali assumee trasmette il cognome.
Art. 343e seguentiTutela
e
adottatodal GiudiceTutelareche nominauna personaal fine di rappresentare
Prowedimento
gli
e
straordinaria
di
ordinaria
atti
persona
in
tutti
dísabileinabilitatao interdetta
assistere
altra
amministrazione.
nel
di permanenza
causa"derivanteda liberasceltaaffettiva,concaratteristica
Legame"affectionis
allacoabitazione.
e impegnoreciproco
tempo,costanza
(brevicoabitazioni
con spiritodi ospitalità);
rapporti
occasionali
in
tale
concetto:
Non rientrano
rapporti che danno originead un obbligogiuridicodi fonte contrattuale(es. collaborazione
familiare)
ll certificatodi stato di famigliaè il documentocheriportala composizione
dellaFAMIGIIAANAGRAFICA :
:
lale certificatopuò essereprodotto anchein autocertificazione.
:
:
{-
tA FAMIGLIA
ANAGRAFICA
che può esserecostituitaancheda una solapersonae chevienecertificatanellostatodi
Lafamigliaanagrafica,
presuppone
la sussistenza
famiglia,
didue requisitieprecisamente:
.
.
la coabitazione
e l'esistenzadi vincoli di matrimonio,parentela,affinità,adozionefino ad arrivareal semplicevincolo
affettivo.
E' possibileche all'internodellastessaabitazionecoabitinosoggettichetra loro non hannoalcunodei vincoli
sopracitaticomead esempio:domesticiconviventlcon il datoredi lavoro,soggettiche coabitanoper motividi
lavoroo di studio.A tale riguardoil Mínisterodell'lnternocon la circolaren. 15 del 26 settembre2001 ha
chiaritoche in casodi due nucleifamiliariconviventima senzavincolidi matrimonio,né di parentela,affinità,
adozioneo di tipo affettivo,i componentidei due nuclei possonoattivarsi per chiedereal Comune di
residenzail rilasciodi due distintistati di famiglia.
A differenzadeglialtri vincoli,il vincolodi tipo affettivonon è accertabilema dipendeda quanto dichiarano
i soggettiinteressati.
sotto la propriaresponsabilità,
all'anagrafe,
giuridico,pur coabitando
nellostesso
I componenti"coppiedi fatto", che non hannonessunriconoscimento
immobile,semprepiù spessochiedonoagli uffici anagrafedi esserecollocatiin due stati di famigliadistinti
dichiarandodi non esserelegatida alcunvincoloneppureaffettivo.
l'ufficioanagrafe
non può respingere
deisoggetti,
di responsabilità
E'evidentechea frontedi unadichiarazione
tale richiesta.
i due stati di
dei genitori,riunificano
Alla nascitadi un figliodellacoppiamolti comuni,previaconvocazione
delfiglioun legameaffettivotra i duegenitori.
famigliaprecedentemente
separatirawisandonellanascita
dei due statidi famigliadichiarando
la separazione
In molticasipoi gli stessigenitorichiedonosuccessivamente
di non averepiù legamiaffettívi.
la realtàdei fatti, alcuniComuni,soprattuttoper i Servizi
Perowiare a questesituazioniche pocorispecchiano
che tengacontodel nucleo
cosìdetta di prestozione
standardun'ISEE
Educativi,
chiedonodi affiancareall'ISEE
familiarecompostoda minore/ie genitori.
il nucleofamiliaredi riferimento,che deve essereindividuato con la
Ai fini della determinazionedell'ISEE
della DSUe che coincidecon la famigliaanagrafica
situazionein essereal momento della presentazione
risultantedallo stato di famiglia,il legislatoreha però introdotto alcuneeccezioniche possonoportare alla
definizionedi un nucleofamiliarediversoda quellopresentenellostatodi famiglia.
Postocheciascunsoggettopuò apparteneread un solonucleofamiliare,fannopartedel nucleo
ai sensidell'art.4 del DPR30 maggioL989n.223
familiarei soggetticomponenti
la famigliaanagrafica
salvoquanto PrevistoPer:
I
I
I
I
I
I
I
I
It
I
lr
I
l!
I
l'
I
i soggettifiscalmentea caricol
i coniugifiscalmentea caricodi altri;
i coniugiche hanno diversaresidenzaanagrafica;
ifigli minori;
i soggettiche si trovano in convivenzaanagrafica.
I
I
I
I
I
I
eolt
Itttlt|l
a carico
4.2.L,soggettifiscalmente
fiscalmente
a caricosono:
lfamiliarichepossono
essereconsiderati
Coniugenon legalmenteed effettivamente
separato*
Altri familiaridi cui all'art.433 del codicecivile*:
- coniugelegalmenteed effettivamenteseparato;
- discendenti
dei figli;
Figli,naturaliriconosciuti,
adottivi,affidatio
affiliati*
- genitorie ascendenti
prossimi,
anchenaturali;
- genitoriadottivi;
- generie nuore;
anchese non conviventicon il soggetto
che sostieneil caricofiscale*
- suoceroe suocera;
ANNUO
IL REDDITO
COMPLESSIVO
DELFAMILIARENON DEVEESSERE
A
SUPERIORE
**
€ 2840,51
Gli altri familiarídevonoconviverecon il soggetto
che sostieneil caricooppure ricevereda lui
assegnialimentarinon risultantida
prowedimento dell'autoritàgiudiziaria*
- fratellie sorelleancheunilaterali.
* Nel determinarei componentidel nucleoda indicarenellaDSU,NON possonoessereconsideratii
soggettiNON residentiin ltalia anchese hanno i requisitiper esserefiscalmentea carico.
** ll reddito complessivoda considerareper determinareil limite:
.
è quello relativo all'anno cui fa riferimento la situazionereddituale (quadro F4) così come
previstoal capitolo11 paragrafo1.1.
.
Nel limite di reddito di euro 2.840,51che il familiare deve possedereper essereconsiderato
fiscalmente a carico, devono essere computate anche le retribuzionicorrisposteda Enti e
e consolari,Missioni,dalla SantaSede,
Rappresentanze
díplomatiche
OrganismiInternazionali,
dagliEntigestitidirettamenteda essae dagliEntiCentralidellaChiesaCattolica,nonchéla quota
esentedei redditidi lavorodipendenteprestatonellezonedi frontieraed in altri Paesilimitrofi in
via continuativae come oggetto esclusivodel rapporto lavorativoda soggetti residenti nel
territorio dello Stato; inoltre va considerato il reddito d'impresa o di lavoro autonomo
del regimeagevolatoprevistoper contribuenti
ad impostasostitutivain applicazione
assoggettato
minimi.
GOll
*,
Le regoleda seguire
per individuareil nucleofamiliaredi appartenenza
del soggettofiscalmentea carico:
'
"l
r I soggettifiscalmentea carico,anchese componentialtra famigliaanagrafica,
fanno parte del
nucleofamiliaredellepersonedi cui sonoa carico.
tt
r
Se il soggettoè fiscalmentea caricodi più soggetti,farà parte del nucleofamiliare del soggettocon
cui risulta convivente.
r
Se il soggettoè fiscalmentea caricodi più soggettie non convivecon alcunodi essi, farà partedel
nucleofamiliaredel soggettoche è tenuto agli alimentiai sensidell'articolo433 del codicecivilee
nell'ordine
ivi stabilito,
cioè:
1) il coniuge;
i discendentiprossimi,anche
2) i figli legittimio legittimatio naturalio adottivi,e, in loro mancanza,
naturali;
gliascendenti
prossimi,
anchenaturali;gliadottanti;
3) igenitorie,in loromancanza,
4 ) i g e n e r i el e n u o r e ;
5) il suoceroe la suocera;
deigermanisugliunilaterali.
con precedenza
6) i fratellie le sorellegermanio unilaterali,
In presenzadi più personeobbligateaglialimentinellostessogrado,il soggettofiscalmentea carico
si consideracomponentedel nucleofamíliaredellapersonatenutaaglialimentiin misuramaggiore.
Quindi il soggettofiscalmentea caricodi altri (ad esclusionedei coniugi),viene attratto nel nucleo
familiaredi chi sostieneil carico.
4.2.21coniugichehannola stessaresidenzaanagrafica
I coniugiche hannola stessaresidenzaanagrafica,
anchese risultanofiscalmentea caricodi altri,formano un
nucleofamiliarea sé stante;nei loro confrontisi applicail solo criteriodellafamigliaanagrafica,non vengono
quindi mai attratti in un nucleofamiliarediversodal loro.
4.2.3| coniugiche hannodiversaresidenzaanagrafica
a caricodi altri,fanno parte
I coniugiche hannodiversaresidenza
anagrafica,
anchese risultanofiscalmente
di uno dei coniugiche di
di comuneaccordo,nellafamigliaanagrafica
dellostessonucleofamiliareindividuato,
qualeresidenza
familiare.Nel casoin cui i coniugiabbianodiversa
conseguenza
ai fini ISEEverràconsiderata
residenza
anagrafica,
uno dei due,a loro scelta,vieneattratto nellafamigliaanagraficadell'altro,ne consegue
chefarannocomunquepartedel medesimonucleofamiliarema non a sé stante.
In presenzadi coniugiche hannodiversaresidenzaanagrafica,
dovrà esserecompilatoancheil quadroA così
punto4.3.
comerappresentato
al successivo
L'attrazionedi un coniugenel nucleofamiliaredell'altronon operaquando:
r
'
r
giudiziale(art. 15L codicecivile)cioè quandosi verificano,anche
è stata pronunciata
separazione
la
indipendentemente
dallavolontàdi uno o di entrambii coniugi,fatti tali da rendereintollerabile
prosecuzione
dellaconvivenza;
(art.7L1codiceproceduracivile);
è intervenutal'omologazione
dellaseparazione
consensuale
in pendenzadi giudizio(art. t26 codicecivile)in seguitoa propostadi
è stataordinatala separazione
domandadi nullitàdel matrimonio;
.
la diversaresidenza
è stataconsentitaa seguitodi prowedimentitemporaneied urgentidel giudice(in
civile);
tra i coniugiart.708codicedi procedura
casodi mancataconciliazione
GGIT
quandouno dei coniugiè stato esclusodalla potestàsuifigli o è stato adottato,(art.333 codicecivile)
il prowedimentodi allontanamentodallaresidenzafamiliare;
quandosi è verificatouno dei casidi cui all'art.3 della Legge1 dicembreL970 n. 898 ed è stata
propostadomandadi scioglimentoo cessazione
deglieffetti civilidel matrimonio;
o dallapubblicaautoritàcompetente
sussisteabbandonodel coniugeaccertatoin sedegiurisdizionale
in materiadi servizisociali.
a prowedimentidelgiudice,
Le predettesituazionisonotutte conseguenti
una sempliceseparazione
di fatto non comportala divisionedel nucleofamiliare.
lConiugi
Sesonoentrambifiscalmentea caricodei rispettivigenitori,sarannoconsiderati:
r componenti
del nucleofamiliaredeterminato
sullabasedel lorostatodi famigliasesonoconviventi;
r
sullabasedellostatodi famigliadi uno dei due se non sono
componentidel nucleofamiliaredeterminato
conviventi.
Non faranno mai parte del nucleodei rispettivigenitori di cui sono a caricose questi non convivonocon loro
o con uno di loro.
le stesseregoledei
ovveroil minoredi anni18 cheabbiacompiutoi L6 anni,si applicano
Al minoreconiugato,
coniugi.
[e regoleprevisteper i coniugisi applicanosia che si tratti del coniugedel dichiarantesia che si tratti di un
altro soggettoconiugatopresentenel nucleofamiliare del dichiarante.
Da ciò ne consegueche se in una famigliaanagraficaè presenteun soggettoconiugatoma non è presenteil
la volontàcomunedei coniugisu qualestato di famigliaessi
suo coniuge,occorreche il dichiaranteacquisisca
voglionoprenderea riferimento.
Del nucleosceltoda entrambii coniugifarannoparteanchei loro figli minori.
Una volta effettuata questascelta,essavarrà per tutto l'anno di validità della DSU.
4.2.41figliminori
Pergenitorie figli devonointendersii soggettitra i qualiintercorreun rapportodi filiazionelegittima,naturaleo
adottiva.
ll figlio minore,anchese fiscalmentea caricodi altre persone,fa parte del nucleofamiliaredel genitorecon il
qualerisultaresidente.
I minori in affidamento preadottivo o in affidamento temporaneo pressoterzi, dispostoo reso esecutivocon
provvedimento
del giudice,fanno parte del nucleofamiliaredell'affidatarioanchese sono presentiin un'altra
famigliaanagrafica
ed anchese risultanofiscalmentea caricodi soggettodiversodall'affidatario.
è consideratonucleoa sé stante.
ll minorein affidamentoe collocatopressocomunitào istituti di assistenza
4.2.5, sogtgettiche si trovano in convivenzaanagrafica
Laconvivenzaanagraficaè cosadiversadallafamigliaanagrafica.
Anagrafico",
definitodal DPRdel 30 maggio1989n. 223 all'art.5 prevede:
ll "Regolamento
al comma ! "Agli effetti anagraficiper convivenzas'intendeun insiemedi personenormalmentecoabitanti per
motivi religiosi,di cura, di assistenzo,militari, di pena e simili, aventi dimora abituale nello stessocomune."
Getl
t
Al comma 2 "Le persone dddette alla convivenzo per ragioni di impiego o di lavoro, se vi convivono
abitualmente, sonoconsideratemembri della convivenzo,purchénon costituisconofamiglie o se stanti."
Al comma 3 "Le persone ospitate anche obÍtuolmente in alberghi, locande,pensionie simili non costÍtuiscono
convivenza anagrafica. "
Al fine della determinazionedel nucleo familiare da indicare nella DSU,i soggetti in convivenzaanagrafica
sono consideratinucleofamiliarea sé stante.
Taleregolavienemeno:
r se il soggettoin convivenzaanagraficaè coniugato:in questocasofa parte del nucleofamiliaredel
r
r
coniuge;
se il soggettoin convivenza
anagraficaè fiscalmentea caricodi altri: in questocasofa partedel nucleo
famílíare
dellapersonadi cuiè a carico;
se nella stessaconvivenzaanagraficavi è un genitorecon figlio minore,entrambifanno parte dello
stessonucleofamiliare.
4.3Alcuniesempi
di r
Esempio1
a caricodi suopadre
non è coniugato
e risiedeconduesuoiamici,ma è fiscalmente
Mario è il dichiarante,
Antonio.
Mario ai fini ISEEfarà partedel nucleofamiliaredi suo padreAntonio,e dovràprocedereindicandoAntonio
rigadellatabella.
con"Tipo"R nellaseconda
(lamoglie
del nucleofamiliaredi Antonioai fini ISEE
Neirighisuccessivi
dovrannoessereindicatii componenti
queste
persone
iconiugidi
stato
difamiglia
diAntonio,
ifigli
le
risultano
nello
minori,
altre
che
diAntonio,
tutto il nucleofamiliareai fini
persone,i soggettia caricoai fini IRPEF,
eglidovràdichiarare
ecc..)In sostanza,
e s u oc a r i c oa i f i n iI R P E F .
ISEd
Ei s u op a d r ea, c u i e g l i a p p a r t i e pn e ri l f a t t od i e s s e r a
Esempio2
la mogliedi Marioe due figli
oltrea Mario,i suoigenitorianziani,
Nellostatodi famigliadi Mariosonopresenti,
ma
è
fiscalmente
a caricodi Mario.
figlio
non
vive
da
solo,
coniugato
non coniugatidi Mario;un terzo
Tutti questi soggettifanno parte dello stessonucleofamiliareai fini ISEEe devonoesseredichiarati,chiunque
di loro sia il dichiarante.
Esempio3
Due coniugidisoccupatirisultanonello stessostato di famiglia,ma entrambisono fiscalmentea caricodei
proprigenitori,chehannoun'altraresidenza.
I due coniugisarannoconsideraticomponentidel nucleofamiliare basatosul loro stato di famiglia,e non su
quello dei rispettivigenitori.
4.4 Coniuginon
(ad esempioper motividi lavoroo più spessoper goderedi
La residenza
dei coniugipuò non coincidere
familiare":i
una "residenza
ha awertitola necessità
di individuare
agevolazioni
fiscali)tant'èche il legislatore
famiglia
secondole
della
familiare
e
fissano
la
residenza
concordano
tra
loro
l'indirizzo
vita
coniugi
della
del
di entrambie quellepreminentidellafamigliastessa,principiosu cui si basala compilazione
esigenze
QuadroA dellaDSU.
ll quadroA va compilatosolodal dichiaranteconiugato,il cui coniugeha una diversaresidenza.
di comuneaccordoqualedeveessere
Cosìcomerappresentato
al punto4.2.3,inquestocasoiconiugiscelgono
per la composizione
del nucleofamiliare.
lo statodi famigliadi riferimento
{
GGTl
t
QuadroA
Nal caso dl coniugenon resldentecon ll diehlrlgnte,i conlugl,per tutto I'snno dl valldit$della dlchlaraAone,
scelgonocomestab dlfamlgliadl rllerimentoquello:
Barrarela casella
se
i coniugi,
condiversaresidenza,
scelgono
di prenderea riferimento
lo statodifamigliadeldichiarante
nelqualequindiverràattrattoil coniuge
Barrarela casellase
i coniugi,con diversaresidenza,
scelgonodi prenderea riferimento
lo stato difamigliadel coniuge
quale
quindi verrà attratto il dichiarante
nel
Esempio
Raffaele,
il dichiarante
suamoglie,hannodiversaresidenza.
e Susanna,
hannosceltodi
e Susanna
Susanna
vive insiemeai suoidue figli minoridi anni L8 e ai suoigenitori.Raffaele
allaresidenza
dellafamiglia)è quellodi
comuneaccordoche lo statodi famigliadi riferimento(corrispondente
Susanna.
Raffaeleviene attratto nel nucleofamiliaredi Susannaed ai fini ISEEtale nucleosaràcompostooltre che da
Raffaele,Susannae i suoi figli, anche dai genitori di Susanna,in quanto personepresenti nello stato di
famigliadi riferimento.
CONUNA X LA CASELLA
ANDRA'BARRATA
"de|
E' lL DICHIARANTE,
Nel QuadroA della DSUin cui RAFFAELE
coniuge".
4r.5.ll
del nucleofamiliare,identificala relazione
ll codice"Tipo" da indicarenellaprimacolonnadellacomposizione
tra il soggettodi cui viene indicatocognome,nome,data di nascitae il dichiarante.Una volta identificatoil
le altrepersonefacentipartedel nucleofamilìaresecondole
se presenti,
dichiarante
dellaDSUvannoindicate,
regoleprecedentemente
descritte.A secondadel loro ruolo e legamecon il dichiarante,va indicatoil relativo
codicetipo:
Codice
Componenteil nucleofamiliaredi riferimento
nelprimorigodelquadro.
il codicetipoè già indicato
Díchiarante:
coldichiarante.
del dichiarante:
anchesenonresidente
Coniuge
e/o delconiuge.
Figliminorideldichiarante
Altre personepresentinellostatodifamigliadeldichiarante.
ma fiscalmente
a caricodel dichiarante
Altrepersone,
non presentinellostatofamigliadel dichiarante,
o delconiugeo di altrapersonapresentenellostatofamigliadel dichiarante
quandoil dichiarante
è a caricodi altrapersonama non è residente
del mantenimento:
Responsabile
va indicatocon"R".
delsuomantenimento
il responsabile
conla stessa,
Coniugie figli minori di altre personepresentinello stato di famigliadel dichiarante,ma non residenti
con le stesse.
cell
t
4.5.1Comepuòvariareil "Codice
Tipo"
dellapersona
il legame
A seconda
chevieneindlcata
comedichiarante,
variail codicetipo cheidentifica
familiare.
esistente
conglíaltricomponenti
delnucleo
Esempio:
Statodi famigliacompostoda Saracheè vedovae daisuoiduefigli:
Marcocelibe,maggiorenne
e fiscalmente
nona carico;
Lucanona caricoe coniugato
conCarlacherisiedealtrove.
Primadi tutto, visto che all'internodello stato di famigliac'è una personaconiugata,in questocasoLuca,va
fa parteattraendo
stabilitose vuolefar partedel nucleodellamoglieo del nucleofamiliaredi cui anagraficamente
però ancheCarlaed eventualifigli minorio altre personeche risultanoa suo caricoai fini lrpef (non presentiin
questocaso).
Se Lucadecidedi prenderea riferimentoil proprionucleofamiliare,a secondadellapersonache vieneindicata
del "Codice
Tipo":
comedichiarante
si avràla seguente
indicazione
è Sara:
a) SeDichiarante
Tipo
Cognome
b) SeDichiarante
è Luca:
Nome
Data di
nascita
Tipo
D
SARA
P
MARCO
LUCA
P
CARLA
N
il nucleofamiliare: 4
Totalenumeropersonecomponenti
Cognome
Nome
Data di
nascita
LUCA
CARLA
MARCO
P
SARA
P
componenti
il nucleofamiliare:
Totalenumeropersone
D
c
4
è Marco:
c) SeDichiarante
Tipo
Cognome
Nome
Data di
nascita
D
P
P
MARCO
SARA
LUCA
N
CARLA
Totalenumeropersonecomponenti
il nucleofamiliare:
4
Se luca decidedi prenderea riferimentoil nucleofamiliaredi sua moglieCarlaed eventualicomponentiivi
previsti,a secondadellapersonache víeneindicatacomedichiarante
del "Codice
si avràla seguenteíndicazione
Tioo":
è Sara:
b) SeDichiarante
è Marco:
a) SeDichiarante
Tipo
Cognome
Nome
Datadi
nascita
D
SARA
P
MARCO
Totalenumeropersonecomponenti
il nucleofamiliare:
Tipo
2
Cognome
Nome
Data di
nascita
MARCO
D
P
SARA
il nucleofamiliare:
componenti
Totalenumerooersone
2
ATTENZIONE:
Se Carlasi trovassenellacondizionedi dover presentareuna DSU,il suo nucleofamiliareai fini ISEsarebbecomposto
ancheda Lucache avevaprecedentementesceltodi prenderea riferimentola famigliadi Carla:
a) Se Dichiaranteè Carla:
Tipo
Cognome
Nome
D
CARLA
c
LUCA
Data di
nascita
il nucleofamiliare:
Totalenumeropersonecomponenti
2
c9u
tt
4;61,
della DSUè una dichiarazione
La compilazione
assumela responsabilità
anchepenale.
i
EssendoIo stato di famigliaun documentoche per leggeil cittadinopuò produrrein autocertificazione,
componentiil nucleofamiliarepossonoessererilevati:
.
r
sostitutivadellostatodi famiglia;
o dall'autocertificazione
dallostatodi famigliarilasciatodall'anagrafe
delle personenon presentinellostato di famígliama facentíparte
autocertificazione
con l'indicazione
del nucleosecondole regoleprevistedall'lSEE.
núgiOrxà*iliàrí:lr...,.t:
4.7
r,i rl.t
Premesso
che
Lo stato di famiglia di riferimentoè quello del dichiaranteal momento della presentazionedella DSU(nel
lo statodifamiglíadi riferimentosaràquelloindicato
casoin cui i due coniuginon abbíamola stessaresídenza
nelquadroA),
al fine di individuarei componentiil nucleofamíliareda indicarenellaDSU,
partendo dallo stato di famigliadel dichiarante,è necessarioverificareper ogni componente:
/
/
se è sposatocon soggettonon presentenellostatodi famiglia;
se è fiscalmentea caricodí soggettinon presentinellostatodífamiglia;
se ha fiscalmentea caricoaltri soggettinon presentinellostatodi famiglia;
{
se ha figli minorinon presentinellostatodi famiglia.
/
Senon sussistenessunadelle condizionisopracitate,
il nucleofamiliareda indicarenellaDSUcorrispondeallafamigliaanagraficaindicatanello stato difamiglia.
Diversamente,
per individuarecorrettamenteil nucleoè necessarioseguirefe seguentiregole:
{
ognisoggettopuò apparteneread un solo nucleofamiliare;
r'
i coniugi,non legalmenteed effettivamenteseparati,anche se minorenni,fanno sempre parte dello
stessonucleo,anchese non conviventied anchesefiscalmentea caricodi altre persone;
{
i coniugifiscalmentea caricodi altre personeche non convivonocon le stessefanno nucleoa sé stante;
/
i figli minori non coniugati,fanno sempreparte del nucleofamiliaredei genitori o del genitorecon cui
convivono;
/
i minori in affidamento preadottivoo temporaneofanno parte del nucleo della persona a cui sono
affidati;
r'
le personefiscalmentea carico,non coniugate,fanno parte del nucleodella personadi cui sono a carico,
se sono a caricodi più personee non convivonocon
anchese componentidi altrafamigliaanagrafica;
il maggíoroneredi mantenimento.
nessuna
di queste,fannopartedel nucleodi quellachesostiene
La prima riga è sempreriservataal
Cognome,Nomee datadi nascitadel
Dichiarante
lo sottoscritt...
IndicareCognomee Nome del Dichiarante
v
,
ai sensidegliarticoli e 47 del decrelodcl Presidcnte
dellaRepubblica
28 dicembre2000,n. 445,récanteilteslo
legislativee regolamentari
in matgriadi documentazione
amministrstiva,
dichiaroquanto
COiTPOSTIONE DEL NUCLEO FAMILIARE
IndicareCognome- Nome e data di nascitadi ogni componentedel nucleo
Totalenumeropèrsonècompnentiilnucleofamiliara:
Perognicomponente
il nucleoindicareil codicetipo
in relazione
al rapportocheintercorreconil dichiarante:
del dichiarante:anchese non residentecol dichiarante.
Figliminori del dichiarantee/o del
nellostato di f
Altre persone,non presenti nello stato di famiglia del dichiarante,ma
fiscalmentea carico del dichiaranteo del coniuge o di altra persona
te nellostato di f
Coniugie figli minori di altre personepresentinello stato di famigliadel
dichiarantema non residenticon le stesse.
lndicare
il numerototal€dei
componentiil
nucleofamigliare.
cctl
t
a.6,11
t:'talarit:i
iil::f.::l:i:tii::::iii:ii::::i.ll:
at::ì:a:t:.:i
NF:NucleoFamiliare
La nuovadichiarozionesostituisceintegrolmentelo vecchiaper i soggetti
compresine!nuovonucleo.Lo prima dichiorozionepresentotaresto valido
per gli oltri componenticompresinel nucleo:esseho comunquevolidità
annuoleo menachei componentidel nucleoritengonopii.topportuno
28102/2003
modificorta. Gli Enti erogotori, peroltro, possonotener conto, nello disciplino
delleprestozionisacioliogevolate,di rilevontivoriozionidellosituszione
allo presentozionedella DSU(ort.3,commo7 del
economicasuccessive
D.Lvo109/L998comemodificotodal D.Lvo130/2000).
Bisognainnonzituttopremetterechelo DSUho validitàonnuole,o portire
dalla dota di sottoscrizionedello dichiorozione.Senel corso dell'onno di
presentato
de! nucleofamiliore si modifico,i componentinon
Un cittadinoha
nell'annovotiditàlo composizione
2OO3la DSU,inserendoi redditi
sonoobbligotia presentareunctnuovodichiorozione.GIi Entierogatori
relativiall'anno2OO2,
ma a maggio possonocomunquetener conto,nello disciplinadelleprestozionisocioli
perchéva ad agevolote,di rilevantivariazionidellosituozioneeconomicasuccessive
ollo
2003cambiaresidenza
presentazionedello DSU(art. 3, commo1d. lgs. 109/98 comemodificatodal
abitarecon la suocera.Adessoil
d. lgs.130/2000).Piìtin porticolare,gli Entierogotori,nel tener conto di toli
Comunechiedeal cittadinodi
22/0L/2oo4
prenderein considerazione
i redditi dei
inerentela "rilevontivoriazioni", possono
aggiornare
la situazione
composizione
del nucleofamiliare, fomiliori nonfocenti parti del nucleo,se honnoprevistotole eventuolità
pretendendo
dei nelladisciplinadelleprestozionisociolido loro erogate.Nelcqsospecifico,
ancheI'inserimento
redditidell'anno 2A02dellasuocera. quindi, il Comunepotrà tener conto dei redditi della suoceropurché ciò sia
previstodolla disciplinogeneroledell'Entecomunale.E' beneprecisareche
ll comunestaoperando
giò
non incidein alcunmodo sul calcolodell'ISEE
tole sceltodiscrezionqle
correttamente?
ottenuto,chesi determinasempreollo streguodei criterifissoti dollo
normotivain moteria
Ladichiarazione
sostitutivaunica
continuaad averevaliditàanche
quandoun componente
del nucleo
familiarecontraematrimonio
e
presenta
unadichiarazione
sostitutivaunicarelativaal nuovo
nucleoformatosi?
Perun nucleofamiliarecompostoda
tre minori,il lorogenitore
(dichiarante)
e il nuovoconiugedi
quest'ultimo
deveessereindicataal
quadroB la x cheindicagenitore
solo?La
domandasorgein quantole
istruzioni
riportanoa pag.16 p. 3.2:
"Siricordachepergenitoree figli
devonointendersii soggettifra i
qualiintercorreun rapportodi
filiazionelegittima,naturaleo
adottiva".
Nella secandoriga del Quadra B va messolo uX', in quanto per il presente
cosanelle ìstruzioni è richiesto Io presenzadi figli minori e un solo loro
genitore,e per genitoresi intendesolo quellolegittimo,naturaleo odottivo.
terzariga del QuadroB, invece,lo "X" non vo messoperché
Nella successiva
per questo cosole istruzionirichiedonolo presenzadi figli minori ed
"entrambii loro genitori" owero "soltonta"un genitore,senzocioèla
presenzodi oltri soggetti.
28/02/2003
I coniugio ifamiliariresidenti
all'estero
fannopartedel nucleo
familiare?
No,nessunoresidenteoll'esterofo parte del nucleo,neppurei coniugie i
familiori iscrittioll'anogrofedegli ltaliani residentioll'estero(AIRE),perché
l'apportenenzootlofomiglio onogrofica che,per
è indispensabile
ai fini ISE
definizione,ricomprendesolo i fomiliari iscríttioll'anogrofeitoliono.
28/o2l2oo3
Fannopartedi un uniconucleodue No,igenitori non coniugatie residentiin comunidiversio anchein
genitorinon coniugati
e viventiin
abitozionidiversenello stessocomunenonfanno parte della stessafomiglia
comunidiversi?
anografica.
281o2/2003
I comoonenti
dei nucleifamiliari
residentiin coabitazione
senza
rapportidi parentela,affinitàowero
pressoi Comuniper ottenerestoti di fomiglio seporoti,
non legatida vincoliaffettivi(dueo Devonoattivorsi
parte
oltrimentifanno
dello stessonucleofamiliore.
piùcolleghicheconvivono
per
possono
ragionidi economicità)
essereconsideratislegatitra loro?
27/02/2AO3
In casodi dichiarazione
ISE/ISEE
da
partedi unavedovaconun figlio,il No,il nucleofomiliare da consideroreè quelloesistenteol momentodello
dichiorozioneed i redditi devonoriferirsiai comporlentidi detto nucleo.
redditodel maritodefuntodeve
I
essereinseritonelladichiarazione?
I
28/02/2003
i
:
I
I
GGIl
SegueNucleoFamiliare
t
I nomodiitalíoni, uno volto stabilitola dimors abitusle,seguonole regole
dei cittodini italiani; i nomodistranieriper essereiscrittioll'anogrofedevono
overeil permessodi soggiornoda almenoun anno e dimorarestabilmente
Comevalutarele situazioni
familiari
pressoil Comunenel quolehannostobilitola dimoro obituole.E'possibile
28/02/2003
d e i" n o m a d i " ?
chei nomadinon obbíonoreddito.Rientranonellecotegoriedei nomadi,pur
producendoreddito, i circensie i giostrai. Essihanno uno "residenzofittízio"
con un domiciliofiscole.
Dachiè compostoil nucleofarníliare
di unarichiedente
cheha sullostato Nefonno partelo richiedente,lo madre,e it fratello conit propriofigtío
di famigliaanchela madree un
minore.
fratelloconun figliominore?
27/02/2003
Duenucleifamiliariconviventi
nello
stessoappartamento,
ma senza
vincolidi matrimonio,
né di
Siprecisacheil Ministerodell'lnternocon circolaren. 75 del 26 settembre
parentela,
né di affinità,né di
2007,invioto oncheoi Comuní,ha stobilito che,nel cosonon ricorranai
281a2/2OO3
adozione,né affettivo(adesempio víncoli citoti nel quesito,possonoesistereduefomiglie anogroficheobitonti
domestici
conviventi
conil datoredi nello stessoqppartamentoe chepertanto dai componentidei due nucleipuò
lavoro)sonoconsiderati
essererichiesto ol Comuneil riloscio di due distinti stati di fomiglia.
necessariamente
un uniconucleo
familiare?
Lepersonefiscalmente
a caricoma
non residentiin ltaliapossonoessere
27/02/2003
No.
indicatetra i componenti
del nucleo
familiare?
In casodi affidamento
temporaneo,
l'affidatofa oartedel nucleo
Si,l'qffidotofo parte del nucleofamiliore a cui è offidato, in quonto in
familiaredellafamigliaaffidataria,
questocasoè prevolenteil provvedimentodi affidomento.
pur rlmanendo
nellostatodi famiglia
d'origine?
27lO2l2AO3
E' possibile
in
cambiarela "scelta",
conil
casodi coniugenon residente
dichiarante,
conunanuovaDSU
nell'annodi validitàdellavecchia
DSU?
No,o menoche non sia combiatoIo situozionefomiliare ed economicq,
28/02/2003
Nelcasoun richiedente
abbiasul
propriostatodi famigliaifigli minori,
alcunifiglidelconvivente
ed altrifigli Nefonno parte lo richiedente,il conviventee tutti i loro figli, onchequelli
suoinon riconosciuti
dalloropadre, eventualmentenon riconosciutidal loro podre.
da chiè compostoil nucleofamiliare
del richiedente?
28/02/2003
In casodi separazione
di fatto il
coniugedichiarante
devesegnalare
i Si.Nonoccorreolcunadelegoin quantoil dichiorsntesi ossumels
27/A2/2003
redditidell'altroconiuge?
dí ciòchedichiara.
Occorre responsqbilîtà
delega?
unaparticolare
I figli minori conviventicon uno dei genitori,anchese q coricolrpef di altre
persone,fanno porte del nucleofomiliore o cui opportieneil genitore stesso;
i figli minori in affidomentopreodottivoo temporoneodispostoo reso
esecutivoconprowedímentodel giudicefonno porte del nucleofamiliare
dell'affidotario, oncorchérisultino in oltro famiglia onogrofico a siono a
I figli minori di quale nucleofamiliare
caricolrpef di altro soggetto;ifigli minori conviventiconpersonediversedai 26/O3/2003
fanno oarte?
genitori (es.nonni),ma a caricolrpef di altri soggettí,Íanno psrte del nucleo
di quest'ultimi;i figli minori conviventiconpersonediversedai genitori (es.
nonni)e non o caricolrpef di altri soggettirientrononel nucleofomiliore
costituitodai componentidellofomiglio anagraficoo cui opportengono.
GGIl
tt
Data d
R€ddriorùe ,
Domenda
Al finedel calcoloISE/|SEE
come
di oltri
vieneconsiderato
un bambinoche prowedimentodí offidamentoin lorofovore o se non è a corico IRPEF
vivecon i nonnie risultanellostato soggettichenonfonno porte del nucleofamiliare.
d if a m i g l id
a e in o n n ?
i
28/02/2003
Senelcorsodell'annodi validità
dellaDSUsi modificala
composizione
del nucleofamiliare
(es.:unapersonasi sposaed escedal
del
nucleooriginario),
i componenti
No,non sonoobbligotî.Sull'orgomentosi vedolo rispostoQ8
nuovonucleosonoobbligatia
presentare
unanuovaDSU?|
componenti
delvecchionucleosono
unanuova
obbligatia presentare
DSU?
28102/2003
Lasceltadel nucleofamiliareda
prenderein considerazione
in casodi
è lasciata
coniuginon conviventi
No. Nellosceltodell'abitozionesi puòfor riferimentoo quella piitfovorevole,
all'accordo
tra i coniugi,che
purchè
28/O2|2OO3
quello
vi risiedaalmenoun componentedel nucleofamiliore.(punto7.3 e 4
individueranno
tra i due
considerato
da entrambicomeil pii.r delle Istruzioni)
favorevole.L'abitazione
da indicareè
quellalegataal
necessariamente
nucleofamiliarescelto?
Perstabilirese unapersonaè
fiscalmente
tenere
a caricobisogna
presentela situazione
alladatadi
Fareriferimento al nucleopresenteqlla data dello dichiarazione.
presentazione
dellaDSUo la
relativaall'annodi
situazione
riferimento
dei redditi?
28/02/2003
Un extracomunitario
cherichiede
per prestazioni
l'lSE/ISEE
sociali
agevolatedevepossedere
cartao
permesso
di soggiorno?
E'sufficienteil permessopurchèci sio I'iscrizianeoll'anagrafe.lnfatti,
possonoottenerel'attestazioneISEISEE
solo coloroche onogroficamente
sonoregistratiin ltalio
28/0212003
Nelcasodi conviventi
minorenni,
legatida vincoloaffettivoe quindi
genitoridi un
famigliaanagrafica,
figlio,fiscalmente
a caricodeírelativi
genitori,devonoscegliere
di comune
familiareed
accordola residenza
essereentrambiidentificati
sulla
'"1:::::::::,oriconviventi' non essendoconiusoti'fanno porte del nucleo
basedeilafamiglia.nrur.t'''.-Jiu -"^"
irfisriosesuiràuno dei
r:!,,:1::_!:!" personadi cuisonoa caricorRpEF;
dei conviventi,.o,npr"ro'ii'iorl'
duegenitorisullobasedel loro accordo'
figlio?Oppure,non
"rr"nJo-'coniugati
{avendoentrambi15 anni),
parte
devonofar
del nucleofarniliare
dellapersonadi cuisonoa carico
IRPEF?
correttaè.
Sela risposta
quest'ultima
il lorofíglioa quale
nucleofa parte?
zg/o2/zoo3
Puòla DSUesserepresentatae
firmatada un genitoreminorenne
richiedente
una
nonconiugato
Lq DSU deve esserepresentata e firmota do chi esercita lo potestà
prestazione
sociale(es:maternità
genitoriale.
1.448/98
art.66)oppuredeveessere
presentatae firmatada chi esercita
la potestàgenitoriale?
27102/2003
GOtl
t
;*
;f il.r*"1*^"o*J|;.'
Nelcasoin cui i coniugisiano
disoccupati
ed abbianounostatodi
famigliaa sestante,ma abbianola
stessaresidenza
di unodeigenitori
Devonoessereconsiderotinucleoa parte i due coniugidisoccupatiin quqnto
via,stessonumero
dei due(stessa
cosirisulto dallo stato di fomiglio.
civico),
comeè possibile
considerali
nucleoa sé (vedipunto1,2delle
per la compilazione
istruzioni
della
dichiarazione
sostitutiva
unica)?
Comevalutarela posizione
dei
I collaboratoridi giustizionon vengonoconcellatidollofomiglia anagrofico
"collaboratori
di giustizia"(pentiti)
ai
originariae i compensida questipercepiti,essendo"operozionicoperte",
fini dellacomposizione
del nucleo
non devonoessereinseritenel reddito del nucleofomiliore.
familiare?
I soggettiin convivenzaanogroficaex ort. 5 del D.P.R.223/89 (insiemedi
personenormolmentecoobitontiper motivi religiosi,di cura,di assistenza,
Comevalutarela situazione
familiare
militari, di pena e simili,oventidimora obituolenello stessoComune)sono
di un soggettoin "convivenza
consideratinucleofomiliare a se stante,o meno chesionoconiugoti(in
(ades.soggetto
anagrafica"
questocosofonno porte del nucleodel coniuge)o síonoa coricooi fini lrpef
residente
in casadi riposo)?
di altre persone(in questocosofonno porte del nucleodellapersonodi cui
sonoo corico).
Nelcasodi personaseparata
ll coniugeseparatochenon ha trosferitola proprio residenza,e chequindí
legalmente
nelcuistatodi famiglia
risultonellostato di famiglio dell'altroconiuge,rientrq nel nucleodi
risultaancorail coniugeche,pervari
quest'ultimo.Pertqnto,il "seporoto"che,per vorí motivi, non ho oncora
motivi,ancoranon ha trasferitola
trasferitolo propria residenza,andràindicotonella DSUcon l'onnotozione
pur nonabitandopiù nella
residenza
dei suoídoti reddituolie potrimoniali. Nelcasoin cui, invece,si voglio
stessacasa,devecomunqueessere
prescinderedoi redditi e dal patrimoniodel coniugeseparoto,soràoneredi
indicatonellaDSUil coniuge
quest'ultimotrosferirelo proprio residenzoaltrove (lstruzionipunto 7.3
separatoe la suasituazione
lettera q).
reddituale
e patrimoniale?
28/02/2003
27/02/2003
22/OL|2OOA
22/Otl2OOA
NFQuadroA: Statodi famigliadi riferimentoin casodi coniugenon convivente
ó;;*rrrrr
.i:tr
r:,-r,
devetenere
Qualecomportamento
l'Enteassistenziale
nelcasodi
coniuginonconviventi
e nonseparati
qualorail coniuge(non
legalmente
presentesullostatodi famiglia)non
siarintracciabile?
ll dichiarantesi
ll dichiorontedeveattivorsi,o pressoil Comuneo pressole autoritìt
assumetutta la responsabilità
competenti,per segnalaree/o denunciorelo situazionedi ineperibilità.Solo
riguardola suaD.5.U.? L'Entedeve dopooverpresentototole denunciapuò ottenereI'ottestozione
\SEQSEE
o
prescinderedoi redditi del coniugenon reperibile.
rifiutare di attestareuna
dichiarazione
chegiàsi evidenzia
"falsa"?lntal casoquestepersone
non potrannomaiaverela D.S.U.
e
per
l'ISEE?
Esistono
altrepossibilità
tutelarecittadinoed entepubblico?
27/02/2003
ccil
tt
appunti
GClt
t
Condizioniche
determinano
un calcoloISEE
plu vantaggioso
a\
QuadroB
Parte I
Capitolo5
5.l lrurnoouzrorue
pERMANENTE
5.2 PnrsrnzADrpERsoNE
GRAVE
coN HANDTcAp
o lruvauorrÀ
supERtoRE
tt66%
5.3 PnrsgruzA
DIFIGLI
MINoRIEsolo UNoDEIGENIToRI
5.4 Pnese
ruzADtFtGuMtNoRtEDENTRAMBE
t GENtroRl
tAVoRANo
5.5 | oocunnENTI
DArquAll RIIEVARE
I DATI
5.6 RrspnoeoEcoMprrAzroNE
DELeuADRoB
5.7 LeFAeor['tNPs
cclt
CONDIZIONI
DI PARTICOLARI
FAMILIARE
NELNUCLEO
PNESEruZA
5.1
ll legislatore,nel definiregli elementirilevantíaí fini daf calcoloISEE,ha voluto tenere conto di particolari
situazionidi disagioche, se sussistonoalla data di presentazionedella dichiarazionesostitutiva unica,
del nucleofamiliare.
economica
dellasituazione
possonodeterminareun calcolopiù vantaggioso
si devetener contodellapresenzanel nucleofamiliaredi:
Piùprecisamente
r
.
.
soggetticon handicappermanentegrave o invalidità superiore al66%;
figliminorie solouno deigenitori;
da questie dai
figli minori ed entrambi igenitori (o l'unicose il nucleoè compostoesclusivamente
suoifigli minori)che hanno svolto attività di lavoro per almeno sei mesi nell'annoin cui sono stati
prodotti i redditi dichiarati.
Le condizioni sopra esposte devono essere segnalate,da parte del dichiarante, barrando la rispettiva
caselladelquadroB della DSU.
Quadrc B
{íanan e compfleiesdo sa st wntTcala situazionedesct?úa)
f]
ruefnucleosonoyesenti n. |_-l
secon&ertificaione rilaciatadaI
w o invalidilasuperiored 66%
minui e solsunodeilorogpnitori
L-JNd nud€osonopresentiffgli
Net nudeo, ln prerarrza di figll mlnorl, enfambi i genitorl {o l'unico ganitore :a il nuclao è composto
escluslvarilerîtedall'unicogenitoree dal slmi lîgli ffiinorX)lunno svdto atfviÉ dl lavoro o di irirpfesa per
almenose*mesirpll'anno in cul sonostati prodot$i redditiqui di$iarati
I
In tutti i casi in cui non si verificano le condizionidi seguitodescritte,le rispettive caselledevono essere
lasciatevuote.
5.2
ll riconoscimentodell'handicappuò essereeffettuato ai sensidelle seguentileggi:
.
.
.
:
r
.
modificazioní);
ciecocivile(Leggen. 382/70e successive
modificazioni);
sordomuto(Leggen.38L/70 e successive
modificazioni);
invaliditàcivile(Leggen. tI8/7L e leggen. 18/80 e successive
personadisabile(Leggen.68/99, díritto al collocamento);
personacon handicap(Leggen.IO4/92);
grandiinvalididiguerra(dicui all'art.14 delTU91-511978).
ln particolarela legge n. 104 del 5 febbraio L992prevede:
.
af comma 1 articolo 3 "E' personahondicoppotocolui che presentauna minorozionefisica, psichica
o sensoriale,stabilizzatd o progressiva,che e' cousa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di
integrazione lovorotiva e tole da determinore un processo di svantoggio sociole o di
emarginazione";
corl
tt
af comma 3 articolo 3 "Qualoro la minorozione, singola o plurimo, obbio ridotto l'autonomia
personale, correlato oll'etù, in modo da rendere necessarioun intervento assistenzialepermonente,
continuotivo e globale nello sfero individuole o in quella di relozione, lo situazione ossume lo
connotazionedi gravitò".
af comma 1 articolo 4 "Gli accertomenti relotivi alla minorazione, alle difficoltà, allo necessità
dell'intervento ossistenzialepermanente e alla capacità complessiva individuale residua, di cui
all'articolo 3, sono effettuati delle unità sanitarie locali mediante Ie commissionimediche di cui
all'articolo 7 della legge 75 ottobre 1990, n. 295, che sono integrate da un operatore sociale e do un
esperto nei casi do esominore,in serviziopressole unitù sanitarie locali".
Sonoequiparatiagli invalidicon riduzionedellacapacitàlavorativasuperioreal56%o:
.
i mutilati, gli invalididi guerrae gli invalidiper servizioappartenentialle categoriedalla 1" alla 5',
.
ai sensidell'art.5 del D.P.C.M.7 maggio1999,n. 221,e successive
modificazioni;
i percettori di pensioni o assegni di invalidità INPS riconosciutidopo il 1.984;per quelle
antecedential 1984deve essereaccertatoil gradodi invaliditàin quanto l'invaliditàINPSprima del
l-984era ammessaancheper percentuali
inferiorial66%.
"*a
I
I
t
Datutto ciò ne consegueche,ai fini del calcolodell'lSEE,
la condízionedi handicappermanente
graveo di invaliditàsuperioreal66%è riconosciuta:
ai soggettidefiniti tali ai sensidel comma 3, articolo 3 della Legget04lt992;
agli invalidi con totale e permanenteinabilitàlavorativa;
agli invalidi con riduzione permanentedella capacitàlavorativacon percentualesuperiore al
66%;
.
.
ai ciechiassoluti;
ai ciechiparzialicon percentualesuperioreal66%lo;
I
aisordomuti;
.
ai mutilati, gli invalididi guerrae gli invalidiper servizio;
Lacui condizionesia certificatadalla CommissioneMedicaPubblicarispettivamentepreposta
La presenzanel nucleofamiliaredi personecon handicappermanentegraveo invaliditàsuperioreal66Yo,
determinanel parametrodella scaladi equivalenzauna maggiorazione
dello 0,5 per ogni componentedel
nucleofamiliaredi riferimentoche presentitali infermità.
53 Pràséldi
d:rrl:r:l:tfflilrtrr!:lill
ttltllr,. :;ltIl;l;lilii;lli
Per genitori e figli devono intendersi i soggetti tra i quali intercorre un rapporto di fitiazione legittima,
naturaleo adottiva.
Per poter interpretare correttamenteil caso, è importante individuare se nel nucleo familiare, al
momento della presentazionedella DSU,vi sia la contemporaneapresenzadi un solo genitore con figli
minori. Al fine di determinarequesta condízionenon ha nessunarilevanzail fatto che all'interno del
nucleosianopresentianchealtri soggetti.
Peresprimeremegliotale concetto,vengonodi seguitopropostíalcuniesempi:
GOll
t
Esempio1:
Nucleocomposto:dall'unicogenitore,un figliominoree un figliomaggiorenne'
La condizionesi verifica e quindi la casellapuò esserebarrata in quanto, all'interno del nucleo,vi è la
presenzadi un solo genitoree di un figlio minore.Non è rilevantela presenzadi un figlio maggiorenne'
Esempio2:
Nucleocomposto:dai nonni (genitoridi coniugientrambideceduti),ai quali sono stati temporaneamente
di adozioneo affido.
i due nipotiminorenniin attesadi sentenza
assegnati
può essere barrata in quanto in questo caso
quindi
la
non
casella
si
verifica
e
condizione
non
La
genitore
presenza
con figli minori.
di un solo
all'internodel nucleonon si è in
Esempio3:
Nucleocomposto:dall'unicogenitore,due figli minori e dai nonni.
La condizionesi verifica e quindi la casellapuò esserebarrata in quanto, all'interno del nucleo,vi è la
presenzadi un solo genitore e di figli minori. Non rilevail fatto che all'internodel nucleosianopresentii
n o n n i d e im i n o r i .
Esempio4:
Nucleocomposto:da entrambiigenitoriedue figli minori.
Lacondizionenon si verificae quindi la casellanon può esserebarratain quanto,all'internodel nucleo,
vi è la presenzadi entrambi i genitori.
^ìi
E' importante sottolineare che:
Aí fíni fSEEl'assenza
di un genitorenel nucleofamiliareimplícauna condizionediversarispettoa
""
quellaprevistadallanormativafiscaleper considerare
fiscalmentea caricoun figlio in assenzadell'altro
/-
genitore.lnfatti ai fini IRPEFl'altro genitore manca solo nel caso in cui sia decedutooppure non abbia
i figli naturali.
riconosciuto
Ai fini ISEEinvece un genitore viene considerato dssente ogni qualvolta lo stesso non rienili nella
composizionedel nucleofamiliare in cui è presenteil figlio, indipendentementedalle causeche hanno
nel nucleofamiliare
generatotale esclusione,
in cui non può essereconsiderato
ovveroin tutte le situazioni
n.22t del 7 maggio1999.
di riferimentocosìcomedefinitoai sensidell'art. lbis del D.P.C.M.
ln tutti i casi in cui all'interno del nucleofamiliare sia presentealmeno un minore e solo uno dei suoi
genitori,tale situazionedeterminanel parametrodellascaladi equivalenzauna maggiorazione
dello 0,2.
5.4
Questacondizionesi verificase nel nucleofamiliare,in presenzadi figli minori ed entrambi i loro genitori,
questi ultimi risultinociascunoaver svolto attività di lavoroo di impresaper almeno sei mesi nell'annoin
sostitutiva
unica.
nelladichiarazione
cuisonostatiprodottii redditidichiarati
Nefcasoin cui sianopresentinel nucleoentrambii genitoriche lavorano,la presenzadi altre personeoltre
al figlio o ai figli minorenni,non precludequesta agevolazione.(RisposteConsultaCAFdel 8 novembre
2006)
siverificaanche
ll comma2, articolo5 del D.P.C.M.n.22Ldel 7 maggio1999,precisache tale condizione
nel casoin cui il nucleofamiliaresia compostosoltanto da figli minori e da un unico genitore che risulti
aver svolto attività di lavoro o di impresaper almeno sei mesi nell'annoin cui sono stati prodotti i redditi
sostitutivaunica.
dichiaratinelladichiarazione
GGI]
tt
Genitori o unico genitore che hanno/ha svolto attività lavorativa per almeno 6 mesi
Esempio1:
Nucleocomposto:dall'unicogenitore,un figliominoree un figliomaggiorenne.
La condizionenon si verifica e quindi la casellanon può esserebarrata anche se l'unico genitore ha
prestato attività di lavoro o di lmpresa per almeno sei mesi in quanto nel nucleo di riferimento è
presenteancheun figlio maggiorenne.
Esempio2
Nucleocomposto:dall'unicogenitore,un figliominoree la nonnadel bambino.
La condizionenon si verifica e quindi la casellanon può esserebarrata anche se l'unico genitore ha
prestato attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi in quanto nel nucleo di riferimento è
presenteanche un terzo soggetto.
Esempio3
Nucleocomposto:da entrambii genitori,un figliominoree un terzosoggetto.
Lacondizionesi verificae quindi la casellapuò esserebarrata
Al fine di determinarela condizionelavorativadei genitorio dell'unicogenitore,il comma 2 dell'art.5 del
D.P.C.M.n. 221del 7 maggio 1999, prevede che ai fini dell'ISEEsi considerinoattività di lavoro o di
impresale attività che danno luogoa:
.
redditi da lavoro dipendente aventi cioè per oggetto la prestazionedi lavoro, con qualsiasi
qualifica,alle dipendenzee sotto la direzionedi altri cosìcome previstodal comma L articolo49
(ex46),DPR917 del22dicembre1986"T.U.1.R.";
.
redditi assimilatia quelli da lavoro dipendenteprevistialle lettere a), c-bis),g), l) del comma L
e più precisamente:
articolo50 (ex47),DPR917 del 22 dicembreL986"T.U.|.R."
a) compensidei lavoratori soci di cooperativedi produzionee lavoro,di servizio,agricolee di
primatrasformazione
dellapiccolapesca;
dei prodottiagricoli,
c-bis) compensi dei lavoratori con contratto di collaborazionecoordinata e continuativa e a
progetto;
g) indennità percepite dai membrí del Parlamento nazionaleed europeo, le indennità percepite
per caricheelettive e per funzioni nonchéi conseguentiassegnivitalizipercepitiin dipendenza
delle suddettecaricheelettivee funzionie l'assegnodel Presidentedella
della cessazione
repubblica;
l) icompensi percepitidaisoggettiimpegnatiin lavorisocialmenteutili;
'
redditi da lavoro autonomo cosìcome definiti dai comma 1 e comma 2 lettera c) dell'artícolo53
(ex 49) DPR 917 del 22 dicembre 1986 "T.U.I.R."e più precisamentesono redditi di lavoro
autonomo:
- quelli derivantidall'esercizio
di arti e professioni(ModelloUnicoquadroRE);
- le partecipazioniagli utili derivanti da associazioniin partecipazionequando l'apporto è
costituito esclusivamentedalla prestazionedi lavoro (Modello Unico quadro RL rigo RL27
oppureModello730 quadroD rigoD3tipo 3);
.
redditi d'impresa così come definítí dall'artícolo55 (ex 51) del DPR977 del 22 dicembre 1986
(ModelloUnicoquadriRF,RG e RH in questocasodeve essereprestataancheattività
"T.U.1.R."
lavorativa)
GGIl
t
é'' , Nei casi di assenza dal lavoro per malattia, infortunio, oppure per maternità retribuita, non
sussisteinterruzione del rapporto di lavoro e quindi i periodi trascorsi in queste condizioni vanno
consideratinel conteggiodei sei mesi di lavoro.
In tale conteggiorientranoanchei periodidi aspettativaretríbuita(per studioo altre cause).
Per i redditi di lavoro autonomo e di impresala durata da consíderareè il periodoin cuitale attività viene
svolta
Non vengonoconsideratiutili alfine dideterminare la condizionelavorativai redditiderivanti da:
.
pensione;
.
disoccupazione;
.
mobilità;
r
.
aspettativanon retribuita;
lavorooccasionale;
attívità agricole non ríentranti nei redditi d'impresa (attività di mera coltivazionedel fondo e
.
del bestiame);
allevamento
r
,\ì
"r-:'
#:
dirittid'autore
Si ricordache i redditi dichiaratidevono esserequelli refativialf'annosolareprecedentela
presentazionedella DSUed è a tale anno che si deve fare riferimento per verificarela presenza,
per almeno sei mesidiattività lavorativao di impresadeigenitori.
Nel casoin cui non sia ancorapossibileavere a disposizionei redditi dell'annosolareprecedente,si deve
fare riferímento ai redditi e, quindi, all'attività di lavoro o di impresa svolta due anni prima.
Nei casi in cui il nucleo familiare risulti soddisfarecontemporaneamentei requisiti relativi alla presenza
di figli minori e all'attività lavorativaper almeno 6 mesi, tale situazionedetermina, nel parametro della
scaladi equivalenza,una maggiorazione
dello 0,2.
Prima di barrare la terza casella presenza di figli minori ed entrambi i genitori lavorano è quindi
necessario
verificarese nel nucleodi riferimento:
r
r
sonopresentifigliminori;
sono presentientrambii genitoridei minorio uno solodi essi(seè presentesolo uno dei genitori,
il nucleo familiare può esserecomposto solo dal genitore e dai suoi figli minori, se vi sono cioè
.
altri soggettila casellanon può essere barrata);
entrambii genitori(o l'unicogenitore)hannosvoltoattivitàdi lavoroo di impresaper almenosei
mesinel períodocui fanno riferimentoi redditidichiaratinelladichiarazione
sostitutivaunica.
'*:!
E' importantesottolineareche:
Le maggiorazioni
dello0,2, se barratala secondae terzacaselladel quadro B, sono cumulativefra loro:
O,2O+0,2O=0,4O.
Siavràquindi la maggiorazíone
complessivadello 0,40 nel casodi nucleofamiliarecomposto
esclusivamente
da figli minori e da uno solo dei loro genitori che ha prestatoattività lavorativanell'anno
precedente
a quellodi presentazione
dellaDSU.
cctl
t
5.5,1
La compilazionedella DSU è una dichiarazione resa in autocertificazionedal cittadino il quale,
sottoscrivendola,si assume la responsabilitàanche penale rispetto a quanto dichiarato. Rimane
dellaDSU
comunque,una responsabilità
nei confrontidel cittadinoche si rivolgea noi per la compilazione
ed a tal fine, per índíviduareÍ datí da esporre nel quadro B, è necessarioprenderevisione dei seguenti
documenti:
.
r
Certificazioneattestante la condizionedi handicappermanentegrave o l'invaliditàsuperioreal
66%;
Documentazionerelativa ai redditi dei genitorio del genitoredel minore dalla quale desumerela
loro tipologíae la duratadel rapportodi lavoro.
con la quale
In alternativaalla documentazione,
è bene farsi rilasciaredal cittadinouna dichiarazione
attesta che le condizionirappresentatenel quadro B sono state dichiaratesotto la sua responsabilità
assolvendo
il CAAFda ogni responsabilità
nei suoiconfronti.
s.o,nieÈruÈal
Barrarela casellase nel nucleo
sonopresentisoggetticon handicappermanente
graveo con invaliditàsuperioreal66%
Indicareil numero deisoggetti
con handicappermanentegrave
o con invaliditàsuperioreal66%
{Barrare/compilare solox si verifrcaIa situ;tzi6nedescnttaJ
nucleosono presentin L_l- soggetticon handicappermanentegrave o invaliditàsuperioreal 66%
nucleosonopresentifrgliminorie solounodei lorogenitori
f,
fVufnucìù,-iqpresenza di fgli rninori,enbambii genitori{o I'unim\nitore se il nucleo è composto
genibre e dai suoi figli minori)hannosvoltod(ività di lavoroo di impresaper
esc/usiraamenúe-ilafllueho
almenosei mesinell'aÈÌtrireuisonostatiproddtii redditiqui dichiarati
Barrarela casella
se ricorronocontemporaneamente
le condizioni:
presenzadi minori ed entrambii
genitoriche hannosvoltoattività
di lavoroo d'impresa
per almeno6 mesi.
Nelcasodi un solo
genitoredevonoesserepresenti
solo figli minori.
Barrarela casella
senel nucleo
sonopresentifigli
minorie un solo
genitoredeglistessi
Indicarel'ente che ha
certificato
l'handicappermanente
graveo l'invalidità
s u p e r i o ra
el 6 6 %
CGI]
t
Riepilogando:
,/
la prima caselladeve esserebarratase nel nucleofamiliaresono presentipersonecon handicap,
con invaliditàsuperioreal66o/o,
o equiparati;
/
la secondacaselladeve esserebarratase nel nucleofamiliaresono presentifigli minori e un solo
genitore,indipendentemente
di altri componenti;
dallapresenza
/
la terza caselladeveesserebarratase sussistonocontemporaneamentele seguenticondizioni:
presenza
nel nucleodi figli minori;
entrambii genitori,o I'unicogenitore,devonoaver svoltoattività di lavoroo d'impresaper un
periodosuperiorea 6 mesi; in caso sia presenteun solo genitoreil nucleofamiliaredeve
dal genitoree dai figli minori.
esserecompostoesclusivamente
5.7r,L€
NF Quadro B: Elementiperilcalcolo più vantaggiosodella situazioneeconomica
Si,per tutte le pensioniod ossegníriconosciutidopo il
I titolaridi pensionedi invaliditàINPSsonoda
7984,per quellerisolentia primo di tole anno deve
parificare
dallaASLe
agliinvalidial 56%riconosciuti
esseresccertoto il grado di involidità in quonto
quindihannodirittoallaapplicazione
della
prima det 1984era ommessoqnche
t'invotidítò INPS
dello0,5 previstadallatabella2 del D.
maggiorazione
per percentuoliinferiori al 66%. (srt. 5
Lgs.n.109/1998?
n.227)
DPCM7.5.7999,
28/02/20a3
agricolichelavorano51 giorninell'annoe
I braccianti
percepiscono
la disoccupazione N o .
successivamente
il requisitodei "seimesi"?
soddisfano
27/02/2003
ll calcolodell'lSE
awiene,per i ComunidellaRegione
ll colcolodell'lSE/SEEawiene in bqseal D.Lvo
in baseal D.L.130oppuresi devetenerconto
Sicilia,
si appliconole
130/2000e solo successivomente
27/O2/2O03
regionale
al riguardo(ulteriori
dellalegislazione
normesugli ulteriori porometri stabilite dolle Regioni
per
detrazioni componentifamiliaridi età inferiorea
o Statuto Speciale.
tra i 65 e 75 anni).
6 annie di età compresa
Rientranonei "seimesi"di attivitàdi lavoroo
dal lavoro
d'impresanell'annoi periodidi assenza
per causadi forzamaggiore{malattia,infortunio)e i
periodidi ferie?Rientrano
nei "seimesi"i periodidi
aspettativa(studio,altre cause)?
Si,tronne I'aspettotivonon retribuito.
I periodi di assenzadol lavoroper maternità retribuiti
Rientranonei sei mesi di attività di lavoro o di
impresai periododi assenzadal lavoroper maternità con il relativoossegnodevonoessereconsiderati
attività di lavoroa tutti gli effetti.
retribuitidal refativoassegno?
27/02/2003
22/OU2004
NF: Nucleo Familiare
per un nucfeofamiliarecompostoda tre minori,',
loro genitore(dichiarante)e il nuovoconiugedi
Nellasecondariga del QuodroB vs messolq "x"' in
quanto peril presentecasonelleistruzioniè richiesta
quest'ultimo
alquadro
Blax che
deveessere
indicata
;:r';::::i:i!:!"T:,{;:;ffi:;"?::";iii[iL"!"'
genitore
in quantole
La
sorge
indica
solo? domanda
istruzioniriportanoa pag.16 p. 3.2 : "Si ricordache
per genitoree figli devonointendersii soggettifra i
qualiintercorreun rapportodi filiazione
'! 'eè'sr'!!rv'
legittima,
naturaleo adottiva,,.
ii",irir". i",i" ,urr"uiro terzo rigo del euodroB,
;;;;;;,1a ;X;;nii-oo ,"rro perchèper questocasote
,tiìrii'r, ,irni"Joià b presenzadi figri minoried
"entrambiiloro genitori"owero "soltonto"un
genitore,senzqcioè lo presenzodi oltri soggetti.
281O2/2OO3
GOtl
t
Lacasadi abitaztone
del nucleofamiliare
auadroC
ParteI
Capitolo5
6.l lrurnoouzronr
DEtNUCLEO
DIABITAZIONE
tA CASA
6.2 Cour INDIVIDUARE
6.3 PnopnrerÀ/LocmtoNEDEltAcAsADtABtrAztoNE
. 6.3.1 lntestatario delcontatto di locazione
. 6,3.2Estremidi registrazionedel contratto di locazione
r 6.3.3Canonedi locazione
ESEMPI
6.4 Ar-currrr
I DATI
DAIQUATI
RITEVARE
5.5 I oocuruENTl
C
DEtQUADRo
6.6 Rreptoeo EcoMprtAzroNE
6.7 Lerne oe[L'lNPs
c0t1
ttLn
CASADI ABITAZIONEDELNUCLEOFAMILIARE
Aitr
il legislatore
ha dato particolarerilievo
economica
dell'indicatore
dellasituazione
Nelladeterminazione
all'abitazione
del nucleofamiliarein riferimento:
.
redditualein casodi abitazione
al suo valoreintesocome minor redditoall'internodellasituazione
in locazione;
.
al suo valore all'interno del patrimonio immobiliare (quadro F6) nel caso di abitazione in
proprietà.
Nel quadro C della DSU, vengono richieste,in riferimento all'abitazionedel nucleo familiare, le
per un correttocalcolodell'lSE.
queglielementinecessari
informazioni
utili alfine di individuare
6;2
-La casa di abitazionedel nucleo è quella in cui risiedono tutti i componenti del nucleo familiare al
lmomento delta presentazionedella DSU.
del nucleo,lo stessoprincipio
La regolageneraleprendequindia riferimento,per individuarel'abitazione
generaleche individuail nucleostessoe cioèla residenza
dellafamigliaanagrafica.
Ne consegue
chese all'internodel nucleofamiliareindividuatoai fini ISEcosìcomerappresentato
-/"
nel capítolo4:
.
tutti i componentirisiedononella stessaabitazione,la casadi abitazionedel nucleocorrispondea
quella risultantedallo stato di famigliaanagrafico;
r
non tutti i componentidel nucleo risiedononella stessaabitazione,il dichiarantedeve scegliere
come abitazionedel nucleo una tra quelle in cui, al momento della presentazionedella DSU,
risiede almeno uno dei componenti del nucleo stesso.
Si ricordache la presenzadi uno o più soggettinon conviventinel nucleofamiliareai fini ISEpuò verificarsi
se all'internodellafamigliaanagrafica
un componente:
.
.
.
.
è sposatocon un soggettonon presentenellostatodifamiglia;
è fiscalmentea caricodi soggettinon presentinellostato di famiglia;
ha fiscalmentea caricoaftrísoggettínon presentínellostato di famíglia;
ha figli minori non presentinellostato di famiglia.
Una volta determinataqualesia la casadi abitazionedel nucleo,nel quadroC deve essereindicatala sua
la titolaritàsull'abitazione
stessae cioèse è in
orn
di uno dei componenti
al momento
euidro C
della DSU.
n."[--_-l
La cas dt rbitreions dsl nucleoà Jltuat! ln
prov.[-l--1
comune
La suddctt! ablirdone à:
fo*
Per lI nuolcq cht rlsledt ln tbltazlone ln locrrfonc;
ll contratlodl locrzlon€ è Intóstatoa:
Esfeml dl ruglstrazlonsd€l suddèttocontrúUodl bcazion€:
Cànoneúnnurl€ d6ilr ,ocadonè. pr6vtglodal conlratto:
I
In bcaztone
GGIl
e;r,p;;UrrU*f:,
rri iltilt
iiffiffi
:ffiffiW,t:.
t
La proprietà o la locazionedella casadi abitazione
del nucleodeveessereindividuataal momentodella
presentazionedella DSU.
in proprietà,anchel'abitazione
Ai fini dellacompilazione
della DSUvieneconsiderata
(sceltadal nucleo)sullaqualegravaun diritto realequale:
r usufrutto;
r
uso;
r
abitazione;
r
enfiteusi;
,
superficie.
Nei casisopraesposti,al quadro C dovrà esserebarratala casella"di proprietà".
Proprietà
Se if diritto di proprietà o uno dei diritti reali sussistevanoanche al 31.L2 dell'anno
precedentequello della presentazione
della DSU,il valore dell'abitazionedovrà essere
indicato nel quadro F6 (patrimonio lmmobiliare) del foglio allegato relativo al
componentedel nucleotitolare del diritto stessoe nel quadro C dovrà esseresegnalato
che la casadi abitazioneè in proprietà.
Se il diritto di proprietà o uno dei diritti reali non sussistevanoal 31.12 dell'anno
non dovrà
precedentequello della presentazione
della DSU,il valore dell'abitazione
essereindicatonel quadro F6 (patrimonioimmobiliare)del foglio allegatorelativoal
componentedel nucleotitolare del diritto stesso.
dellaDSUviene consideratain locazione,anchel'abitazione
Ai fini dellacompilazione
(sceltadal nucleo)nei casidi:
. comodatogratuitocon o senzacontrattoregistrato;
.
nudaproprietà;
r
al coniugeche non è
da partedel giudice,in casodi separazione,
assegnazione
proprietarioe neppuretitolare di un díritto reale di godimentodell'excasa
coniugale;
Locazione
.
convivenzaanagrafica;
r
Pubblica";
di alloggiodi "EdiliziaResidenziale
assegnazione
casamobile(roulotte).
r
Nei casisopraesposti,al quadro C dovrà esserebarratala casella"in locazione".
Se la casadi abitazionedel nucleo è in locazione,devono essereindicati negli spazi
corrispondenti:
a) l'intestatariodel contrattodi locazione;
del contrattodi locazione;
b) gli estremidi registrazione
comeprevistodal contratto.
c) il canoneannualedellalocazione,
6.3.1 Intestatario del contratto di locazione
L'intestatariodel contrattodeve essereun componenteil nucleofamiliare.
E' possibileindicarequale intestatarioun soggettonon più componentedel nucleofamiliare:
. quando l'intestatario del contratto è deceduto prima della scadenzadel contratto, colui che
succedeindicherànel QuadroC il nomedel de cuius;
corl
Itttltt
W
quandoil contrattodi locazioneè rimastointestatoal coniugelegalmenteseparatoche non
quale
potràindicare
il dichiarante
sullostatodi famiglia;
convivepiù con il nucleoné è presente
di separazione
nellasentenza
a condizione
cheil Giudice,
nonpiùrconvivente,
intestatario
il coniuge
nellacasafamiliareall'altroconiugepresentenel nucleo.
abbiaattribuitoil dirittodi abitazione
giudiziale,
di
che in casodi separazione
n. 392 stabilisce
lnfattil'art.6 dellalegge27.07.1978
degli effetti civili dello stesso,nel contrattodi
scioglimento
del matrimonioo di cessazione
siastato
se il dirittodi abitarenellacasafamiliare
l'altroconiuge,
locazione
succede
al conduttore
attribuito
dalgiudíce
a quest'ultimo.
Nei casidi assenzadi un contratto di locazione:
Assenza
di contrattodi locazione
lndicare
Comodatoeratuito
llcomodatario
Nuda
ll nudo
ietà
nazioneall'ex
anagrafica
Convivenza
intestatario:
ll coniueeas
ll convivente
6.3.2 Estremidi registrazionedel contratto di locazione
devonoessereindicatial quadroC gli estremidi
Per i nucleiche risiedonoin una abitazionein locazione,
registrazionedel contratto.
Per estremi di registrazionedel contratto di affitto, si deve intendere:
. data di registrazione;
'
I
ufficionel qualel'atto è registrato;
al momentodellaregistrazione.
numerodi protocolloattribuitodall'ufficio
Si possonoindicaredati diversi dagli estremi di registrazionenei casi di contratti per alloggi di Edilizia
Pubblica,in questocasogli estremida indicaresono il numerodelladelibera,dell'attoo del
Residenziale
protocollo.
qualsiasicontratto può essereregistrato
Premessoche, anchequando non c'è l'obbligoalla registrazione,
ai fini che interessano,non si dichiaranogli estremi di registrazionequandol'abitazionesceltadal nucleo,
pur essendoindicatacome"in locazione",
è abitataa titolo di:
.
.
.
r
comodatogratuitoin assenzadi contrattoregistrato;
locazionecon contrattonon registrato;
nudaproprietà;
al coniugeche non è proprietarioe
da parte del giudice,in caso di separazione,
assegnazione
è di proprietà
neppuretitolaredi un diritto realedi godimentodell'excasaconiugalese l'abitazione
del coniugeseparatonon piircomponentedel nucleo;
.
r
convivenzaanagrafica;
casamobile(roulotte).
6.3.3Canonedi locazione
L'importo del canoneda indicarenel quadro C è quello previstodal contratto alla data di presentazione
della DSUincrementatodalle quote di rivalutazione ISTAT,non vanno consideratenella determinazione
previstenel contratto.
o altrespeseeventualmente
dell'importole spesecondominiali
del nucleo,è un elementoche va a diminuire
L'imoortodel canonedi locazioneriferito all'abitazione
cGll
l'indicatore
dellasituazione
reddituale
fino ad un limitemassimo
annuo.
di € 5.154,57
t
In assenzadi un contratto registrato,dal qualesi evincail canonepattuito,il valoreda indicarenel quadro
C saràZEROquindi:
ll canonesaràzeroin casodi..
Cosaindicarenel
gratuitocono senza
Comodato
Indicarel'indirizzo
e segnalare
la situazione
di
contrattoregistrato
Locazione
con contratto non
registrato
lndicaresolol'indirizzo
Nudaproprietà
Indicarel'indirizzo
e segnalare
la situazione
di "nudo proprietario"
Assegnazione
all'exconiuge
non proprietario
e segnalare
la situazione
di "dirittodigodimento"
Indicarel'indirizzo
Convivenza
anagrafica
e segnalare
la situazione
di "convivenza
Indicarel'indirizzo
anagrafica"
Casamobile(roulotte)
la situazione
Segnalare
di "casamobile"
Aifini della determinazionedell'importo da indicarenella DSUè importante ricordareche:
quelloriferitoall'abitazione
del nucleo;
l'importoda indicareè esclusivamente
deve essereindicatol'importodel canoneannualeprevistodal contrattoin essereal momento
dellapresentazione
dellaDSU;
il legislatorenon fa alcun riferimentoal pagamentoeffettivo del canonema si riferiscesempree
soloall'ímportoindicatonel contratto;
l'importo indicatonel contrattodeveessereincrementatodellaquota di rivalutazioneISTAT;
nel casoin cui il contrattodi locazionedell'immobilesceltocome casadi abitazionedel nucleo
familiaresia cointestatoa piùrpersone,il canoneda indicareè in proporzionealla quota di cui i
componentidel nucleosonotitolari;
r
se sono stati percepiticontributi per I'affitto l'importo del canone deve essereconsideratoal
lordodi tali contributi.
In casodi...
l'importo da indicare in DSU è solo quello riferito alla casa di
abitazionedel nucleoquindi,se l'importodel canoneindicatonel
Contrattostipulato
su più unitaimmobiliari
senzadistinzlone
degliimporti
per singolaunità
contratto fa riferimentooltre che all'abitazioneanche ad eventuali
altre unità immobiliariautonomamenteiscrittein catastoquali ad
esempio le pertinenze (garage, cantine, posti auto), prima di
indicarel'importo del canonesi deve procedereall'individuazione
della sola quota riferita all'abitazione,attraversola proporzione
con la renditacatastale:
Canonetotalefotale RenditeCatastali= X : RenditacatastaleAbitazione
Abitazione
CanoneAbitazione- Canonetotale x RenditaCatastale
TotaleRenditeCatastali
GGTl
tt
ln casodi...
Se il contratto di locazionedefl'ímmobilescelto come casa di
abitazionedel nucleofamiliareè intestatoa più soggettie:
r
tutti i cointestatati del contratto fanno parte del nucleo,
l'importo da indicare sarà il totale del canone riferíto
all'abitazione;
Contratto di locazione
intestato a più soggetti
r
non tutti i cointestatati del contratto fanno parte del
nucleo, l'importo da indicare dovrà essere proporzíonato
allaquotadi cui i componentidel nucleosonotitolari;non è
possibilequindi indicarequote di canone relativead altri
cointestataridel contratto, quando questi sono soggetti
estraneial nucleofamiliaredi riferimento.
Contratti assoggettati ad IVA
Nei casidi contrattiassoggettatiad IVA(stipulatitra una impresaed
un privato), per i quali non è prevista la registrazione,gli stessi
possonoessereindicatisolo se esisteun documentopubblicoche
consenta di effettuare controlli per individuare l'entità del
pagamento(ad es. la partivaIVAe il nome dellasocietà).
6.4
.ìil,:ìi
Esempio1
della DSUil dichiaranteabita in un immobilein locazionema, al31.12
Al momento della presentazione
abitavain una casadi proprietàdi cui è tutt'ora proprietario.
dell'annoprecedente
Nel quadro C va indicatala casadi abitazionebarrandola casella"in locazione"ed il relativo canoneche
verrà detratto nel limite previstodalla legge,nel quadro F6 dovrà esseredichiarato(ma non come casadi
abitazione)l'immobileche al 3tlL2 risultavacome abitazionedel nucleo
Esempio2
della DSUil dichiaranteabita in un immobiledi proprietàacquistatodopo
Al momento della presentazione
abitavain un immobilein locazione.
al 31.12dell'annoprecedente
il 3L.12dell'annoprecedente;
Nel quadro C va indicata la casa di abitazione barrando la caselta "di proprietà", nel quadro F6
l'immobile non dovrà essereindicatoperchénon possedutoa131.12dell'annoprecedente.
Esempio3
del nucleo.
adibitoall'abitazione
ll dichiarante
è "nudo proprietario"dell'immobile
Nel quadro C va indicatala casadi abitazionebarrandola casella"in locazione"con canoneZERO,nel
quadro F6l'immobile non dovrà essereindicato
Esempio4
della DSUil dichiaranteabita in un immobilein locazioneper il quale il
Al momentodella presentazione
prevede
di euro 6.L97,48.ll canonecomprendela locazione
un canoneannualecomplessivo
contratto
delfa casa di abitazíone43 con rendita catastaledi euro 774,69e dell'autorimessaC6 (pertinenza)con
renditacatastaledi euro 258,23.
Per determinare l'importo del canone che deve essere dichiarato nel quadro C della DSU, occorre
procederecon la seguenteproporzione:
Canonetotale 6.197,48: Totale rendite catastali t.032,92 = X : Rendita CatastaleAbitazione 774,69
)( = 16.L97,48X774,691I 1032P2 = 4.648,LL
L'importo di euro 4.648,11costituiscel'importo delcanone che deve esseredichiarato nel quadro C e che
verrà sottratto dal reddito complessivodel nucleofamiliarein sededi determinazionedell'lsee.
G|BIL
tt
Esempio5
Al momento della presentazione
della DSUildichiaranteabita in un immobilein locazionecon un contratto
assoggettatoad IVA(non registrato)nel qualeè previstoun canoneannualepari a € 6.200.
Nel quadro C va indicata la casa di abitazione barrando la casella "in locazione", in sostituzione degli
estremi di registrazionedel contratto indicare la partita IVA e la ragione sociale della società locataria,
nel campo canone annuale indicare € 5.200. Tale importo verrà poi, in fase di calcolo, ricondotto entro il
limite di5.164,57.
6 . 5|
La compilazionedella DSU è una dichiarazione resa in autocertificazionedal cittadino il quale,
sottoscrivendola, si assume la responsabilità anche penale rispetto a quanto dichiarato. Rimane
dellaDSU
nei confrontidel cittadinoche si rivolgea noi per la compilazione
comunqueuna responsabilità
che:
ed a tal fine, per individuarei dati da esporrenel quadroC, è necessario
. in caso di abitazionediversada quella di residenzadel titolare lo stessorilasciuna dichiarazione
dalla quale si evinca la scelta effettuata;
r
In casodi abitazionein locazionevisionareil Contratto registratodal quale rilevare l'importo del
canone da rivalutare.
In alternativaalla documentazione,è bene farsi rilasciaredal cittadino una dichiarazionecon la quale
attesta che le condizionirappresentatenel quadro C sono state dichiaratesotto la sua responsabilità
nei suoi confronti.
assolvendoil CAAFda ogni responsabilità
6.6
Riepilogando
La casa di abitazionepuò esserediversada quella di residenzadella famigliaanagrafica,solo se
all'internodel nucleoindividuatouno o piùrcomponentinon fannopartedellafamigliaanagrafica.
della DSU.
Tutti i dati indicatidevonoessereriferitialladata di presentazione
L'immobilescelto quale abitazionedel nucleo deve esseredi proprietà (compresidiritti reali di
godimento)o in locazionedi almeno un componenteil nucleo(unicheeccezioni:decessotitolare o
o divorzio).
da sentenzain casodi separazione
assegnazione
L'importo del canone deve essereindicato solo se il contratto risulta registrato(o la sua esistenza
indicarezero.
risultada atto pubblico)altrimenti
L'importoannualedel canone(comprensivodelle rivalutazioniISTAT)da indicareè quello previstoper
ecc.)e al lordo di
e ad altrespese(condominiali
I'abitazione,
al netto dellaparterelativaallepertinenze
eventualicontributi per affitto, rapportato in proporzionealla quota di cui i componentidel nucleo
sonotitolari.
CGII,
tt
lnserirel'indirizzo
sceltacome
dell'abitazione
residenza
del nucleofamiliare(deve
risiedervi
almenoun suocomponente)
Barrarela rispettivacasella
perindicare
seI'immobile
è
proprietà
di
o in locazione.
Per il nacleo clre l{siede tn ebit zlona In tacazlorn:
ll contratto di locaziona è integtato a:
Estremidiregl*tazionsdel sgÉlettocontratlodi locsaione;
CanoneannEgledetlalgózione, previstodalcon&rtto:
lnserire il nominativo
dell'intestatario del
contratto che deve
essereun componenteil
nucleo,uniche
eccezioni:decessoo
assegnazione
da
sentenzain casodi
o divorzio,
separazione
Inseriregli estremi
di registrazionedel
contratto o dell'atto
pubblicoo la partitaIVA
e ragionesocialedella
societàlocataria,se
mancanonon inseríre
nulla.
lnserire l'importo del canone
annualecomprensívodella
rivalutazione ISTAT.L'i mporto
saràzeroin casodi:
r comodatogratuito;
r contrattonon registrato;
r nuda proprietà;
r assegnazione
all'ex
coniugenon proprietario;
. convivenzaanagrafica;
r casamobile(roulotte).
NF QuadroC: Casadi abitazionedel.nucleofamiliare
.r:41!l::i::l:
-l:. I
."'
:
Nel casoin cui unafamigliaavessecambiato
più di unavoltain un annoe quindi
abitazione
stipulatopiù contrattidi locazione,cosabisogna
indicare?
5i dovrù indicare il canone annuale di locozioneprevisto
doll'ultimo controtto.
Seal momentodellaDSUil dichiaranteabitain un
immobilein locazione
ma al 3t/L2dell'anno
precedenteabitavain una casadi proprietàcosa
bisognaindicare?
Nelquadro C si indicherìtla casadí obitozionein locozione
ed i! relotivo cenoneche verrà detratto nellimite previsto
dollo legge,nelquodro F6 dovrà esseredichiorato (mo non
come casodi obitazione)l'immobile che ol 37/12 risultavo
comeobitozionedel nucleo.
!8/03/[email protected]
ts/os/2oo3
Seal momentodellaD.S.U.il dichiarante
abitain un Nelguodro C indicherAb cosqdi abitazione come
immobiledi proprietaacquistato
dopo il 3t/t2, ma proprietà (senzoolcuna detrazione), nel quadro F6, invece t4lo3/2003
al3L/t2 abitavain locazione,comecomportarsi? I'immobilenon dovrà essereindicotoperchénon
posseduto
at 37/12.
Gell
'
t
fitfir#
frFefus
Seal momentodellaD.S.U.
si abitain un immobiledi
proprietàacquistato
dopoil 37/12, ma al 31/12si
abitavain un'altracasadi proprietàche è stata
vendutaprimadellapresentazione
dellaD.5,U.,
comecomportarsi?
Nelquodro Csi indicherùl'attuale casadi obitozione
(senzaalcuna detrazione), mentre nel quadro F6 dovrA
esseredichiarato(ma noncome casadi ubitazione)
l'immobile cheof 37/72 risultovacome obitdzionedel
nucleo.
L4/03/2003
Poichégli estremidi registrazìonenon possonoessere
omessi,questicontratti possonoesseresegnolatisolo se
I contrattidi locazioneassoggettati
ad IVAed esclusi esisteun documentopubbticoche consentadi effettuore
dall'obbligo
di registrazione
vannosegnalati?
controlliper individuorel'entità del pogomento.Nulla
vieto comunquedi registroretali controtti aífini che
interessono.
28/02/2003
Seil canonedi locazione
si riferisceallacasadi
abitazione
e allepertinenze,
si indical'intero
canone?
No,so!oque!lorelotivoall'obitazione.
28/OZ/20A3
In casodi riscossione
di contributiper l'affitto
bisognaindicareil canonedi locazione
al nettoo al
lordodi tali contributi?
Al lordo di toli contributi
28/02/2003
Nelcanonedi locazione
annuosi aggiunge
la
rivalutazione
ISTAT?
5r.
27/02/2003
Seil contrattodi locazionenon è registratosi indica
Si,solo I'indirizzo e locozione= zero.
s o l ol ' i n d i r i z z o ?
27/02/2003
Si. Nel coso di decessodell'intestatqrio prima della
scodenzadel controtto colui chesuccedeindicherànel
QuodroC il nome del de cuius(ortt. 1614, 7627 c.c.e art. 6
L. 392/78).Seil controtto di locozioneè rimosto intestoto
ol coniugeseporatolegalmenteche non convivepiù con il
nucleoné è presentesullostato di famiglia, la dichiarante
potrù
beneficiore della detrazione per il cononepurché il
ll contrattodi locazionedeveesseresempre
22/Ot/2004
giudice,
nello sentenzqdí seporozionelegale le obbia
intestatoad un componente
del nucleofamiliare?
attribuito il diritto di abitozione nella casofamiliare. lnfatti
l'art. 6 dello legge27/07/78 n. 392 stobilisceche in casodi
separozionegiudiziale, di scioglimento del motrimonio o di
cessazionedegli effetti civili dello stesso,nel controtto di
locazionesuccedeol conduttore l'altro coniuge, se il diritto
di abitare nella cosofamiliare siostoto attríbuìto dal
gíudiceo quest'ultimo(ort. 755c.c.)
Ne!cosoin cui il contrattodi locazionedell'immobile scetto
come casa di abitazione del nucleoforniliare sía inteststo o
piùpersone,la detrazionerelativq al csnonesi applicoin
proporzione olla quoto di cui í componenti del nucleo sona
titolsri. ln guesto coso,dunque,il dichisrsntenon può
ll canonedi locazione,
nel casodi personechesono
detrorre il canone ol 100%e beneficÍare,quindi, dnche
cointestatarie
del contrattodi locazione
con il
dello detrozione relotiva olla quota degli oltri cointestotari
22lOL/2004
coniugeda cui sono6pparatelegalmenteoppurecon
del contratto ove questi ultimi siono soggetti estronei al
altrapersona,in entrambii casinon residenti,
deve
nucleo. ln particolare, il dichiorante non può owalersi della
esseredetratto al 100%o al 50%?
suddettodetrazionerelotivomenteollo quota del coniuge
separatonon residenteo di oltro soggetto esternoal
nucleofomilìore (art. j, commo 7 bis,lettero b norme
integrate D.P.C.M.n. 221/99 e 242/20A1;Guidorapido
allo compilazionedello DsU punto2).
In casodi immobilein comodatosi indicasolo
l'indirizzo?
Si indica "in locazione"e si segnolanel cortaceolo
situozionedi comodato,
28/02/2003
cGlL
t
*
Si deveindicarel'affitto effettivamenteversato
L'importo del contrdtto con lo rivalutazíone in bose ogli
nell'annoo l'importodel canoneannuoindicatonel
indici|STAT.
contratto?
28l02l2AA3
Seha uno rendito cqtqstolesi dichiarocome coso
d'abitazione di proprietà, rìportando nel Quadro F6 il
voloreoi fini lCl.
invece, talerendito si indicher| casa
Se non possiede,
d'obitazione di proprietà, riportondo nelle note lo
fattispeciee nel QuadroFGil volore del relstivo terreno
agricolo.
25110/2oos
Comesi dichiarala casaruraledí proprietàdovesi
abita?
Nel QuodroC il tìtolore del diritta reale indícherà
proprietà,specificandonelle noteit diritto reole di
ll titolare di un diritto realedi godimento(usufrutto, godimento, mentre nel Quadro F6 il valore dell'ímmobile. Il
uso,abitazione,enfiteusi,superficie)sullacasadi
"nudoproprieterio", invece,non indicherùnullo nel
2g/o2/2o03
abitazione,
E il "nudo
cosaindicherànellaD.S.U.?
QuadroF6. Nell'ípotesíin cuí,poi, il nudo proprietario abiti
proprietario"
?
in tole immobile o lo scelgacome casadi abitazíone del
nucleo, dovrù indicare nel Quodro C locszíone o canone
zero, specificondonelle note di essereil nudo proprietario.
Comecomportarsiper personeresidentiin
abitazionidi proprietàdel coniuge,in seguitoa
separazione
legaleo divorzio;o anchein casodi
assegnazione
temporanea(in generefino alla
maggioreeta deífigti affidati)?
Allo luce del recente oríentamento giurÍsprudenziole(v. per
tutti Coss.N. 5455/2003)al quole si è conformato do
ultimo il Ministero dell'Economiae delle Finanze(v. punto
2 tstruzionitA 2AO4che non riporto piit I'equiporozionedel
diritto spettonteol coniugeseporotolegalmente,
divorzioto ol diritto reale di abitazione) si ritiene che il
coniuge assegnotariodello casaex residenzoconiugale
abbio un diritto personoledi godimentosu quest'ultimoe 07/0612005
pertonto dovrà índicore nel Quodro C locazione con
cononezero.
Ne!casoin cui, poi, il coniuge ossegnotoriosiaanche
proprietario porzialmente o totalmente dell'immabile o
obbia un diritto reole di godimentosu quest'ultimo,dovrà
indicore nel Quadro Cproprietà e nel Quodro F6 il volore
della quota posseduta.
anagrafica"cosaindicarenel
Nei casidi "convivenza
quadroC ? In locazioneo proprietàoppurenon
Bisognainserire:Iocazioneo cononezero
inserireniente?
27/O2l2Oo3
Labarraturadellecaselle"di proprietà"e "in
Si riferisce allq dato della presentazionedella
della
locazione"si riferiscealladata di presentazione
dichiorozione.
DSUo è relativaal 31.12dell'annoprecedente?
281A2/2003
Al punto 5.4 del modello 730/2AN è previsto:" I soci di
ll dichiarante
fa partedi unacooperativa
cooperatíveedilizie non o proprietà indivisd, assegnatari di
immobiliareed è titolaredi una q,uota.La
atloggionchese non oncoro titolori di mutuo individuale,
cooperativaè proprietariadell'immobile.Sideve
28/02/2003
sono tenuti od indicorenello propria dichiarazionedei
ll
indicarechel'alloggio
è di proprietào in locazione?
redditi it reddito relotivo atl'altoggio assegnotocon verbole
dichiaranteha diritto alledetrazioni{per canoneo
della cooperativa."Pertantasola nei casi
di ossegnazíone
fìnoa 100mitionidl lire)?
sopro espostisi indica "proprietorio".
No,lo retto non può esseredetrdtta in quanto non può
del
In casodi ricoveroin casadi riposocon pagamento assimilarsiad un canonedi locozioneo cousa
presuppone.
lnfotti,
o
differenza
particolare
rapporto
che
da partedel dichiarantedi una retta (vitto ed
28102/2ao3
per
i!
mero
viene
versoio
canone
di
locazione
che
de!
alloggio)come inseriree quantificarela quota per
godimentodi un bene,lo retto è corrispostoper lo
locazione?
fruizione di uno pluralità di prestozioni eterogenee (vitto,
alloggio, assistenzamedico, qttività ricreotíveecc.).
Peri nucleifamiliariresidentiin alloggidell'Edilizia 5e esísteuno sommoda pagsre, esporlonellavocecanone
onnuoledella locazionee allo voce "estremidi
Residenziale
Pubblica
ed in possesso
di Decretodi
2il02l2oO3
registrazione"
indicqreil numerodella delibera, dell'atto,
Assegnazione
Temporanea,
cosasi dichiara?
del protocollo,...
Peri nucleifamíllariresidentiin alloggiodell'Edilizia
Residenziale
Pubblica
abusivamente
occupatoe che Nonsi dichiora il contratto di offttto, ma si segnalaín
non ha proweduto ad inoltrarepraticadi
locazíonecon conone0 (zero)
regolarizzazione,
cosaindicare?
27/02/[email protected]
Peri nucleifamiliariresidentiin alloggidell'Edilizia 5e esrsteuna sommo do pogore, esporla nella voce conone
Residenziale
Pubblica
regolaimente
assegnati
al
onnualedello locazionee ollo voce "estremidi:
27/A2{2OO3
(o coniuge)nellemoredellastipulazioneregistrozione" índicore il numero dello delibero, dell'otto,
dichiarante
del contrattodi locazione
con lo l.A.C.P.
del protocollo,...
Peri nucleifamiliariresidentiin allogginell'Edilizia
Residenziale
Pubblica
regolarmente
assegnati
dal
Commissario
Straordinario
di Governoai sensidella
LEGGE
219181,cosaindicareallavoce"contrattodi
affitto"?
5e esisfe uno sommo da pagore, espoda nella vocecanone
onnuoledello locazionee ollovoce "estremidi
27/O2{2OO3
registrazione" indicore il numero dello delibero, dell'otto,
del protocollo,...
Neinucleifamiliariviventia titologratuitoin
abitazioni
di proprietàdi parentie senzaregolare
contrattodi locazione
cosaindicareallavoce
"contratto"?
Non si dichioro il controtto, mo si segnala in locazione con
271O2/2AO3
cqnone0 (zero).Sioper !'usoa titologratuitocheper il
diritto di godimento sorebbe previstolo registrazione
Peri nucleifamiliariresidentiin abitazioni
in affitto Nansi dichioro il controtto di affitto, mo si segnalo in
locozionecon canone0 (zero)è opportuno indicore sul
ma senzaregolarecontrattodi locazione,cosasi
cortaceo la fattispecie con lo precisozione "nessuno
deveindicarenelladichiarazione?
detrozione".
28/O2/2003
Un soggettocheindicacomecasadi abitazione
un
immobileassegnato
comealloggioin godimentocon
relativocanonemensiledovràindicarenelQuadroC
proprietào locazione?
ll soggettodovrò indicore locozionenel QuadroC e potrà
detrarre il relativo conone,poichél'alloggio assegnotoin
godimento è ossimilobile all'olloggio in locozione, tronne
nell'ipotesiprevistonella rispostaQ37.
07/o6/2OOs
Comevalutarechi abitain unacasamobile
(roulotte)?
Attuolmentein procedura ISEE
si consigliodi indicare "in
è 28/02/2003
locozione"con canoneOol fine di ottenere il colcolo ISEE;
oppartuno indicare sul cortaceo la fattispecie.
appunti
cotf
Lasottoscrizionedella
dichiaraztone
e
L'attestazionedella
presentazione
Parte I
Capitolo7
7.t La sorroscRrztoNE
oet Dlcxnnnrute
DApARTE
7.2 LAsoTToscRIzIoNE
DAPARTE
DI UNSoGGETTo
DIvERso
oru-DIcTIIRRIITITS
, 7.2.LCondizionedi impedimentoalla firma
, 7.2.2Condizionedi rappresentanza
legale
7.3 | ooculrENTtDAteuAlr RIIEVARE
I DATIpERLAsorroscRrzroNE
7.4 RIEPILoGo
EcoMPILAZIoNE
DEtQUADRo
DIsoTToscRIzIoNE
pREsENTAztoNE
7.5 L'erresmztoNEDELTA
tt
GGIl
tLn
E DELLADICHIARAZIONE
SOTTOSCRIZION
'.7,:l
stessada parte del
della dichiarazione
ll modellobasedella DSUsi concludecon la sottoscrizione
dichiarante.
Così come rappresentatonel capitolo 1 al punto 1.3.3, si precisa ulteriormente che si tratta di una
dichiarazioneresa in autocertificazionee che il dichiarante, con la sottoscrizionedella stessa,ne assume
la responsabilitàanchepenale.
derivantidal rilascio
E' questoun aspettoche va chiaritobene al cittadinoin virtù anchedelle conseguenze
mendaci.
di dichiarazioni
prevedeche il dichiarante
Laformula di rito indicatanel quadro "sottoscrizionedelladichiarazione",
apponendola firma dichiaradi aver compilato:
.
.
.
la tabella contenentela composizionedel nucleofamiliare;
i quadri A, B, C e D;
il numero corrispondenteai fogli allegatirelativia ciascuncomponenteil nucleo
e che quanto in essiespressoè vero ed è accertabile.
l l q u a d ro
da compilare
€omposizione
del nucleofamiliare
QuadroA
Quadro B
Obbligatorietà
dellacompilazione
E' sempreobbligatoriala compilazione.
solo quandoil dichiaranteè coniugato
la compilazione
E' obbligatoria
e il suo coniugeha una diversaresidenza.
solo quandonel nucleofamiliaresono
la compilazione
E' obbligatoria
presenti condizioni che possono determinare un calcolo più
economica.
dellasituazione
vantaggioso
Quadro C
Quadro D
lfogli allegati
E' sempreobbligatoriala compilazione.
è semprel'euro.
Lavalutachevieneespressa
di tanti fogli allegatiquanti
E' sempreobbligatoriala compilazione
sonoi componentidel nucleo.
Dichiaraaltresìdi esserea conoscenzache sui dati dichiarati:
.
potranno essereeffettuati controlli (cosìcome rappresentatoal capitolo1 punto 1.6);
r
potranno essereeffettuati controlli pressogli istituti di credito e gli altri intermediarifinanziari
il patrimoniomobiliare;
chegestiscono
:
potranno essereeffettuati controlli sullaveridicitàdella situazionefamiliaredichiarata;
r
potranno essereeffettuati confronti tra la situazionedei dati redditualie patrimonialidichiarati
e quelli in possessodel Sistemainformativodell'anagrafetributaria.
ccll
t
ATTENZIONE
dei
di responsabilità
in unacondizione
dellafirmaponeil dichiarante
E' evidentequindichel'apposizione
personale
maanchein riferimentoa
allasuasituazione
dati dichiaratie nonsolodi quellichesi riferiscono
quellicheriguardanoi componentiil nucleofamiliare.
7.2La
del modellobasedella DSUavvengada parte di un soggetto diverso dal
E' possibileche la sottoscrizione
se:
dichiaranteesclusivamente
à
ll dichiarantesi trova in una condizionedi impedimentoalla firma.
à
ll dichiaranteè personaincapacediagire.
deve esserebarrata la caselladi
In entrambi i casi, nel quadro "sottoscrizionedella dichiarazione"
riferimentoe devono essereindicatii dati anagraficidella personache dichiaranell'interessedel soggetto
impeditoo in nomee per contodel soggettoincapace.
7.2.1Condizionedi impedimento alla firma
Siamo in una situazionein cui il dichiarante non sa firmare oppure non può firmare a causa di un
impedimentotemporaneocausatoda problemidi salute.
della
Se il dichiarantesi trova in una situazionedi impedimentoalla firma, le istruzionialla compilazione
2000
generale
4
DPR
28
dicembre
di cui all'art. del
DSUprevedonoche ci si debbaattenere alla disciplina
n.445.
Tale disposizionelegislativache affronta l'impedimentoalla sottoscrizionee alla dichiarazioneprevede:
.
al comma L. "Lo dichÍordzione dÍ chi non so o non può lirmare è roccolta dol pubblico uflicÍale
previo occertamento dell'identitò del dichiorante. ll pubblico ufficiale attesto che Ia dichiarozione e'
stota a lui resa doll'interessatoin presenzadi un impedimentoo sottoscrivere."
.
Al comma 2. "La dichiarazionenell'interessedi chi si trovi in una situazionedi impedimento
temporaneo,per ragíoniconnesseallo stato di salute,è sostituÍtadalla dichiarazione,contenente
espressaindicazionedell'esistenzadi un impedimento,resadal coniugeo, in sua assenza,dai figli
fino al terzogrado,al pubblico
o, in mancanza
di questi,da altro parentein linearetta o collaterale
del dichiarante."
ufficiale,previoaccertamento
dell'identità
Si tratta quindi in entrambi i casi di dichiarazioni rese al Pubblico Ufficiale previo accertamento
dell'identitàdel dichiarante.
[a dichiarazionedi chi, per motivi di salute,si trova nell'impossibilitàtemporaneadi renderladavanti al
pubblicoufficiale,può essereresaal pubblicoufficialestessonell'ordine:
.
dal coniuge
.
dai figli
da altro parentein linea retta: genitori,nonni, bisnonni,nipote ex figlio, pronipote ex figlio
da altro parente ín linea collaterafe:zií, fratelli, nipoti.
.
'
GGIl
I
trrvltf
W
*ì:
.r1-" ,
llricorso al Pubblicoufficiale
In entrambii casisopra descritti,quando è possibile,per evitareil ricorsoal pubblícoufficiale,si consiglia
di individuarecome dichiaranteuno tra i componentidel nucleoche sia nella condizionedi sottoscrivere
la dichiarazione.
Se questo non è possibileperché il richiedentefa nucleo da solo (non è coniugatoe non è fiscalmentea
caricodi nessuno),
è inevitabile
il ricorsoal pubblicoufficiale.
7.2.2 Condizionedi rappresentanzalegale
Siamoin una situazionein cui il dichiaranteè soggettoalla potestàdeigenitori, a tutela o a curatela.
Se il dichiarantesi trova in una situazionedí impedimentoalla firma, in quanto minore o tutelato, le
istruzionialla compilazionedella DSUprevedonoche ci si debba attenere alla disciplinageneraledi cui
aff'art. 5 del DPR28 dicembre2000 n.445.
Tale disposizionelegislativache affronta la rappresentanzalegale,prevede:
.
al comma 1. "Se l'interessotoè soggetto a!!o potestù dei genitori, o tutelo, o a curatelo Ie
dìchiarazioni e i documenti previsti dal presente testo unico sono sattoscritti rispettivomente dal
genitore esercente la potestà, ddl tutore, o ddll'interessdfo stesso con I'dssístenza del curotore."
tSiamoquindi in presenzadi un soggettoimpossibilitatoalla firma di un documento in quanto minore o
t'
'tutelato e per il quale la dichiarazioneviene firmata dal genitoreesercentela potestào dal tutore.
t'
lruonsi tratta in questo casodi una dichiarazioneche deve essereresadavanti ad un pubblico ufficialein
rquanto chi firma ha per legge (esercentela potestà) o per sentenza del Giudice (tutelato) l'obbligo alla
rfirrnadella dichiarazionestessain sostituzionedel dichiarante.
I
rln particolareper iminori ospitati in comunità o istituti di assistenza,si evidenziaquanto stabilito dal
l.orr,
1 art. 3 della Leggen. 149 del 28 marzo2007:
I
r"l legoli rappresentantidelle comunÍtà dÍ tipo lamiliare e degli ìstituti di assìstenzapubhlici o privati
',esercìtano
le normedel capot dettitotoX dettibroprimo del
i poterí tutelori sulminoreaffidato, secondo
I
rcodice civile fino a quando non si provvedo ollo nomino di un tutore in tutti i casi nei quali l'esercizio della
trpotestù
dei genitorio detta tutela sioimpedito."
7.3 l,
La compilazionedella DSU è una dichiarazione resa in
sottoscrivendola,
si assumela responsabilitàanchepenalerispetto a quanto dichiarato.
Ai fini della sottoscrizionedella dichiarazioneè bene:
.
farsi rilasciaree conservareun documentod'identità valido del dichiaranteche è nella condizione
di poter firmare;
.
farsi rilasciaree conservareun documentod'identità valido dell'esercentela potestà o del tutore
che sottoscrivela dichiarazione
in sostituzíonedel dichiarante;
.
farsi rilascíaree conservareun documentod'identità valido del coniuge,figlio o altro parente,che
alla
impossibilitato
sottoscrivela dichiarazione
in sostituzione
del dichiarantetemporaneamente
firma per motividi salute.
7;Ar.Riè['llógó
Riepilogando:
La sottoscrizionedella dichiarazionedeve esserefatta dal dichiaranteche,apponendola firma, si
assumela responsabilità
dei dati contenuti;
Se il dichiaranteè temporaneamenteimpossibilitoalla firma o non sa firmare individuaretra i
se ciò non
componentidel nucleoun altrosoggettoche possafirmaree che quindldiventadichiarante;
possibile
è
sí devericorrerenecessariamente
al Pubblicoufficiale.
Sedichiaranteè un minore o un soggettotutelato, la firma deve essereappostadall'esercentela
potestàsul minoreo dal tutore.
Sechifirma non è il dichiarante,devonoessereriportati i dati anagraficie di residenzadella persona
che dichiaranell'interesse
del soggettoimpeditoe per conto del soggettoincapace.
Barrarele caselle
relativeai ouadricompilati
Indicareil numero totale deifogli allegatiche
al totaledei comoonentiil nucleo
corrisoonde
cho mi !33umo. rl 3,sn3idetl'afttcolo 76 d.l docrètoìal Pr€rldente della
R€pubblic! 28 dicembr. 2000, n. 445.
cornporizionedot nud€o ftrnllltr6 c i
relalivi a cialcun componcnt€ ll nucloo
d€l citato DPR î.445 d€l 2000, owero
E e K , c [ }D m
3 del p|€ssntomodefktbrr€ 9 n. ...:., fogll e{ag!tl,
a vorood a rccartrblle ai ronli dcll'rrlicolo43
Dichiaro.anreri, di €ss6re. conoac€nitia
che sut datl dichiaratipotrannos3s€rooffetluaticontrolliai senil detl'artícolo71 d€l
DPR n. 445 det 2000;nel casodi erogazionedi una prestazionesocialeagevolata.po$annoesterè es€gulticontrotti,dir€ttiad
accenar€ la verldicM dell€ lntomqdonl fornitÉ6d efetfuat, da parte dells Guardiadi linarlz., p.èsi3ogli lsfituf di credfto e gli
allri intemedlrri fnanzi8rl cfie gesllsconoll prtrimonlomobili.re,rl sen3id€li trticoll 4, comma2, dél decretoleglslatvo 31
marzo 1998,n. 109, 6 6" comnr 3, dol d€creiodel Pr€3ldenlodel Conslgliod€l Minbtri7 mrggio 1999,n, 221"e succocllvo
modificezionl;potsannoesiorc etfottuattcontrollisullr vorldicltàdelh snuazlonèfrmlliÉr6 dlchlttata s conf?ontld6l drli redditurll
e patrimonlsllcon I d.Í ln posss3lodól sbtemr intomrtlvo dól Minllt6fodsllóîinrn:..
La dichiarazionedeve esserefirmata, indicando il luogo e la data del giorno in cui viene sottoscritta
{1""S")
(d"t")
ffi ta presentadtchlúrrtone è r€s. nell'intere33edel soggeito che si trova in unÉsltuazlon€dl lmp€dlmentotemporunao,per
ragioniconn€s6€rllo strto dl srlute. dàl conlugeo, in sua à33enza,dal fgllo o. in mancqnzrdl que3to,dt a]tsoparenleln
prcvlorccortlmento dell'ldentitàdol dlchlaranté{b.nrre la
linea r€tta o collatar:lefno El terzo grado,àl pubbltcoulficiÉ16,
cassllss€ rlcoffall ctÉo):
ffi La prssente dichiar.ziom è resa in noile € por conto del soggettoincapaccda chi ne ha la rappf*entanza legal€ (barrare
la cagèllase ricone il caso).
56 ricorreuno doi cÚi rudd.tti, ogni rlf.rimantost "dhhiar.nt6".contenuloa paginr 3 del prelorite mod3llob.!e € nci fogli
allegati, è da inbndcrri come riferimentoal sogglettoimp.dito o inc6pacenell'int€re''s o per conto del qurb è rsdslta ls
dichiarazion€.
INDICARÉ I DATI ANAGRAFICI DELLA PERSONA CHE DICHIARA NELL'INTÉRESSE DEL SOGGETTO IMPEOITO O IN
NOME E PER CONTO DEL SOGGETÎO INCAPACE
Cognomè
Nome
Comun€o 3lalocrtsro dl
Indiflzzo o n. civico
Barrare:
La prima casellase la DSUviene presenta
nell'interessedi un soggetto che non sa firmare
o che è temporaneamente impedito alla firma;
La secondacasellase la DSUviene presentata
dal rappresentantelegale in nome e per conto di
n.ìalpfonico (Lcoltttivo)
Devonoessereriportati i dati anagraficie
di residenzadella personache dichiara
nell'interessedel soggettoimpedito o per
conto del soggettoincapace.
questa parte dovra esserequindi compilata
ogni volta che chi sottoscrivela DSUè
soggettodiversodal dichiarante.
cGtl
tt
L'ettrsrAzloNEDEttApREsENTAzto
NE
7 . 5t
Nello spazioriservatoall'Ufficioricevente(Comune- Caf - Ente erogantela prestazione),viene rilasciata
l'attestazione
di avvenutapresentazione
delladichiarazione
sostitutivaunica.
L'attestazione,
riportante il numero di protocolloattribuito dal soggettoricevente,è un atto con il quale
l'addetto dell'ufficio presso il quale viene presentata la DSU, attesta che la dichiarazioneè stata
presentatae acquisitaagli atti.
Dovranno di conseguenzaessere riportati oltre al protocollo e alla denominazionedell'ente ricevente
anche il nome dell'addettoche ha raccoltole informazioninecessariealla compilazionedel documentoe
l'ufficio di riferimento.
Con il timbro dell'Entericeventee la firma dell'addettoviene attestato:
t
che la dichiarazioneè stata presentataper il richiedentespecificandone
cognomee nome;
)
che la dichiarazioneè costituitadal modello basedi cuisono staticompilati:
la tabellasullacomposizione
del nucleofamiliare,
-
i quadricorrispondentia quellievidenziati,
-
il numerocorrispondente
di fogliallegati;
.t
luogo e data di sottoscrizione;
'à
verranno trasmessientro 10 gg. al Sistemainformativo
che i dati contenutinella dichiarazione
pressol'lNPS.
delI'ISEE
ATTESTAZIOHE
DELLA PRESENTAZIONEDELLA DICHIARAZIONESOSTITUTIVAUNICA
n. 109,e ssccessiyemodifieauion:
rilasciataai senFidell'.rtacolo4 dèl clecrelolegislativo31 maruo1!N18,
ATTEsrAtsorrEit.
di protocollo
to sottoscriîtoCognome
DELt-'Er{rE CAAF CGlt
- Nome dell'addetto
ddetto a1,$fficioSede dell'Ufficio
atlesto che:
è stata presentata,ai sensi deBevigenti disposizioni.ta dichiarazioriedel ... stg g"Cnoa"
- Noa"
d"l fia
AtteSto'a1tresi'cheladichiarazioneè@#||oba5e,C|i'uisonostjaticompilati|atiabel|asu||a
composizionedet
nucleoîamiliareeiquaorihE.eE.cE,oEolp"S
3, edan. l.rogri albgati.
L'attestazionedeve esserefirmata, indicandolil luogo e la data del giorno\ cui viene acquisitadal CAAF
La presentedichiarazisneha
comDofiente il nudeo
La data indicataè quella
dalla quale decorrel'anno di
validità della DSU
su indicata,e puo essereulilizah
è disponib'ile,per eventualicontrolli,
Barrarele caselle
relativeai quadri
compilati
Indicareil numero difoeli
allegati corrispondenteal
numerodei componentiil
nucleofamiliare
GOrl
t
ll foglio allegato
alla DSU
ParteI
Capitolo8
8.1PRrrucrpr
GrrueRau
8.2 LAsorroscRlztonE
DEtFocuoALIEGATo
GGIl
t
ll roclro ALLEGATo
6,;l..t$
1r
i.
jil
un foglio allegato che è parte
c
esserecompilato
deve essere
liare deve
del nucleofamiliare
Per ciascuncomponente
integrantedella DSUa tutti gli effetti di legge.
.r. ),
AfiENZIONE:
Una dichiarazionesostitutiva presentatasenzala compilazionedi tutti i fogli allegati relativi a ciascun
componente non potrà essereconsideratavalida e non potrà ricevere l'attestazione dell'ente al quale la
dichiarazioneè presentata.
ll foglio allegato,che è compostodi due pagine, è suddivisoper quadri:
FL F2 Ft F4 F5 F6 nei qualivannoindicatii dati relativi ad ogni soggettointestatariodel foglio stesso.
Nello specificoi quadri che compongonoil foglio allegatodevono contenererispettivamente:
à
ù
)
)
fe informazionianagrafichee generaliquadriFI, F2,F3;
la situazioneredditualequadro F4;
la situazionepatrimonialein riferimentoal patrimoniomobiliarequadro F5;
la situazionepatrimonialein riferimentoal patrimonioimmobiliarequadro F6.
Nella parte inizialedi ciascunfoglio devono essereindicati:
)
il numero progressivo;
à
il nominativodeldichiaranteche presentala dichiarazione.
dell. dlchl|r|zlon€ iorfitudva unlct prg3snht! da
llnumero progressivo
deve rispettare l'ordine
con cui è statacompilatala
composizione
del nucleo
nel modellobase.
Numerol quindisaràsempreilfoglio
che contienei dati del dichiarante.
Va sempre indicato
ilnome e cognome
delsoggetto che è Dichiarantenella DSU
anchese i dati contenutinel foglio
allegatosi riferisconoad altro
componentedel nucleo.
CGIl
t
8.2 La
Ogni foglio alfegatoalla DSUsi concludecon una dichiarazionedi responsabílitàresa dal dichiaranteche,
con l'apposizionedella firma, assume la responsabilitàanche penate (art. 76 del DPR n. 445 del 28
dicembre2000)dei dati indicatie dei quadrícompilati.
-/;
.
ATTENZIONE:
La firma dei fogli allegati deve esseresempre quella del soggettoDichiaranteche ha firmato il modello
base della dichiarazionesostitutiva Unica e non quetla del componente del nucleo al quale i dati si
riferiscono.
SOTIOSCruZONEDELFOGLIOALLEGATO
16sottos$it ... contàpevols drll€ r63pont.$ni pinali che mi a*gumo.ùi rcnri dell'aftcoto
"
445. pet falsità in 6&i 6 dichiàrEzionimendaci. dichlaro di aver compileto i quadri Fl, F2
presente foglio allegato, partG lnt€grunte delln dichlaraziorc sosÍtuffva unica, e chó
documentahile
ru rishlsctad€lb ammlnl8f|zlonicompct6ntiowero é accerttbs€,per
ce.lificariond,
ei *n3i dell'artlcolo
43 d€lcltÈtoDpRn. 445del2000.
fndícarelubgo e dhta dí compílazíone
Barrarefe casellerelatíve ai quadrí compílatí
appunti
GOtl
Il foglio allegato
t
Auadri:
F1 r
t2
F3
dati anagrafici
partecipazioneaIla dichiarazione
I
I
attivitàdel soggetto
ParteI
Capitolo9
9.1 QunonoFl: ronn ANAGRAFIcI
9.2 Qunono F2: u pARTEclpAztoNE
ALI-ADtcHlARAztoNE
9.3 QunonoF3:nrnvrÀ DErSoGGETTo
9.4 LncoMprLAzroNE
DEIeuADRr
Fl- F2- F3
9.5 Lr FAeDELL'rNPs
9.6lcoorcrnsl
GGIl
tt
lt QUADnoF1
ll roe uo ALLEGATo:
9.1
per ciascuncomponente il nucleo familiare, nel quadro F1 del relativo foglio allegato,vanno sempre
indicati:
'
ilcognomee il nome;
.
il codicefiscale;
.
il sesso;
.
il comuneo lo stato esteroe la provinciadi nascita.
Nel quadro Fl del foglio allegatorelativoal Dichiarante,vanno sempreíndicatianche:
'
la residenza;
.
il codiceUSLdi appartenenza.
per i componentidel nucleodiversidal dichiarante,i dati relativialla residenzae il codiceaziendaUSt di
appartenenzapossonoessereomessisolo se coincidonocon quelli del dichiarante.
ll codicefiscale
ll codice fiscale è l'elemento univoco che identifica una persona è quindi importante rilevarlo dal
codicefiscaleo tesserasanitaria).
finanziaria(Tesserino
documentoritasciatodall'Amministrazione
Seciò non fossepossibile,è necessariosottoporrecomunqueilcodice alle proceduredi controllo messea
delleentrate.
dei CAAFda parte dell'Agenzia
disposizione
ll codicefiscaleper te personefisichesi componedi 16 caratterialfanumericiche identificanoil cognome,
nome,data e luogodi nascitadelsoggettooltre ad un caratterenumericodi controllo.
finanziariapuò attribuire alle personefisicheun numero di codice fiscale prowisorio
L'amministrazione
che è costituito da una espressionenumericadi undici cifre: le prime sette cifre rappresentanoil numero
di matricoladel soggetto,le cifre dall'ottavaalla decimaidentificanol'ufficioche attribuisceil numero di
è il caratterenumericodi controllo.
codicefiscaleprowisorioe I'undicesima
_]
|JINPSe il codicefiscale prowisorio
L'lNPS,all'internodella sua basedati, non ha previstoad oggi la gestionedel codicefiscaleprowisorio e
costringeallatrasmissionedell'lSEcon,in sostituzionedel C.F.,la sigla"NA" che sta per "Non Attribuito".
E' del tutto evidenteche si tratta di una modalitàche adotta l'lstituto per rimediaread una sua mancanza
finanziaria.
in quanto it codiceprowisorio è regolarmenteattribuito e riconosciutodall'Amministrazione
Con la sigla "NA" non può esserci una identificazioneunivoca del soggetto e ciò è ancor più in
contraddizione
con gli ultimi prowedimentilegislativiche prevedonouno scambiodi informazionitra
delleentrate.
l'lstitutoe l'Agenzia
Quando è possibilesi consigliadi sollecitarel'ufficio periferico dell'Agenziache ha fornito il codice
prowisorio a rilasciarequellodefinitivo.
La residenza:
r è sempreriferita alla data di presentazionedelladichiarazione
sostitutivaunica;
. deve essereindicata,nel fogliodel coniuge,se è diversada quelladel dichiarante(quadroA della
r
DSUcompilato);
indicare la loro diversa
i componenti il nucleo con codice tipo l-R-N devono necessariamente
rispettoa quelladel dichiarante.
residenza
cell
t
ll codiceaziendaUSLdi appartenenza
Si componedi 6 caratteriche identificanorispettivamentela Regionee la Asl di appartenenzain ríferímento
allaresidenza
anagrafica
del soggetto.(Veditabella
a fine capitolo)
ll roclro ALLEGATo:
tLquADRoF2
9.2 Quadro
fn questo quadro va indicato,barrandocon una X la casellacorrispondente,il tipo di partecipazionealla
dichiarazione
del soggettoa cui è intestatoil foglioallegato.
La casellabarrata dovrà corrisponderea quanto indicato nella colonna"Tipo" delquadro "composizione
del nucleofamiliare"presentenel modellobasedellaDSU:
Codice
Componenteil nucleofamíliaredi riferímento
Dichiarante
Coniuge
del dichíarante:
anchese non resídente
conil dichiarante.
Figliminoridel dichiarante
e/o delconiuge.
Altre personepresentinellostatodi famigliadel dichiarante.
Soggettifiscalmentea caricopresentinel nucleoo altre persone,non presentinellostatofamigliadel
dichiarante,ma fiscalmentea caricodel dichiaranteo del coniugeo di altra personapresentenello
statofamigliadel dichiarante
Responsabile
quandoil dichiarante
del mantenimento:
è a caricodi altrapersonama non è residente
con la stessa,il responsabile
del suomantenimento
va indicatocon "R".
Coniugie figli minoridi altrepersonepresentinellostatodi famigliadel dichiarante,
ma non residenti
con le stesse.
ll roe lro ALLEGATo:
tLquADRoF3
9.3 Quadro
:liri::il:illliiil::ll::liii
In questoquadrova indicatal'attività del soggettoa cui è intestatoil foglio allegato,barrandocon una X la
casellacorrispondente.
Seppurenon obbligatoria,la compilazionedi questo quadro è opportuna perchéspesso,per l'erogazione
delleprestazioni
sociali,questodatovienerichiestoobbligatoriamente.
L'attivitàdel soggettoè riferita alla data di presentazionedelladichiarazione
sostitutivaunica.
Va barrata una sola casellatra quellepreviste:
r
r
r
I
'
.
Lavoratoredipendente
Lavoratore
in CIG- Mobilità- LSU
Lavoratorecon contrattodi co.co.co/pro
Lavoratore
autonomo
Liberoprofessionista
lmprenditore
r
.
r
r
r
Disoccupato
/ in cercadi occupazione
Pensionato
Casalinga
Studente
Minore in età non scolare
colf
tt
E ::i:,
!:lltiil$i:t$l
Indicareper l'intestatariodel foglio:
. il cognomee il nome;
. il codicefiscale;
r il sesso;
r il comuneo lo stato esteroe la provinciadi nascita
OUADROFI - DATIAT{AGRAFICI
Cognome
Codicefiscale
Nome
sesso
ffi H
Comune/ statoesterodl nascita
devg
La partesotfosfantedet pre*nte quadra,relativaallaresidenzae al cúie USL del sogtgt,eilg.,
it nucle familiarela
compilatàper it dichiarante:per gli altri componenti
essere obbligatwiamenté
soloquandoi dati sonadiversida qrcllidel dichiarante.
è obbtigatoria
compltazione
Indicareil
CodiceaziendaUSL
di appartenenza
in riferimentoallaresidenza
anagraficadell'intestatariodel foglio
se diversoda quellodel dichiarante
(Veditabellachesegue)
lndicarela
residenzaanagrafica
dell'intestatariodel foglio
se diversada quelladel dichiarante
della DSU
alladatadellapresentazione
'
OUADROF2
PARTECI
PAZIONEALL.ADICHIARAZIONE
Banare un'unicacase/lain coerenzacon tt codire tipo della tabeltadi pagina 3 del nndello Mse.
X
il
f
T
u
il
n
D - dichiarante
C - coriuge
F - figlio minoreo mirpre affidato
P - afnapersonapresentenellostatodifamiglia
N - conitryee figli ron presentinellostatodifamiglia
I - soggettoa caricoai fini IRPEF
- responsabile
dèl mantenimento
del dichiarante
Barrareuna solacasella
La caseflabarrata dovrà corrisponderea quanto indicato nella colonna'Tipo" del quadro
"composizione
del nucleofamiliare"presentenel modellobasedellaDSU.
F3
OUADRO
ATTIVITADELSOGGETTO
prestazioni
perle
Compilarefacaltativamente;
è ansigliatanelcasoin cuisi rtchiedano
la Gompilaziane
qualiè obNigabrtaindlcarefattiviladelsqgetto.Mnare un'unicacaserrs.
Lavoratore
dipendente
in lavorisocialmente
utili
o in mobilita,o impiegato
in cassaintqrazionestraordinaria,
L__i Lavoratore
e continuativa
coordinata
T Lavoratseconcontrattodicollaborazione
Lavoratore
autonornc
professionista
Libero
lmprenditore
Disocoryato
/ in cercadioccupazione
u
n
n
n
n
n
il
il
Barrareunasolacasella
sostitutiva
unica.
L'attivitàdel soggettoè riferitaalladatadí presentazione
delladichiarazione
$ll:*,{$liti;tX
i:
9.5 Lè,FAQI:&
Fl: Dati anagraficidi ciascuncomponenteil nucleofamiliare
.'"@#",
WcG
E' obbligatorioil codicefiscaleancheper i figli di età inferioreai 15 Si il codicefiscoleè sempreobbligotorio
anni?
lo suo monconzodeveesseremotivota
27/02/2003
F3:Attività di ciascuncomponenteil nucleofamiliare
L'attivitàdel soggetto{quadroF3)è riferitaalladata di
presentazione
dellaDSUo all'annodi riferimentodei redditi
indicatinel quadroF4?
Se una personaè iscrittacome "ColtivatoreDiretto"
nell'indicazione
dell'attivitàbisognabarrare"lmprenditore"?
AIlo dota di presentazionedella DSU.
27/O2/2OO3
5i
27/O2|2OO3
ti*ii'ti
tti
al seguente
dellaSalute
dalsitodelMinistero
al 30giugno2010)prelevata
TabellacodiciASL( aggiornati
indirizzo
AVEZZANO-SULMONA-L' ILA
IETI
LANCIANO-VASTO.CH
PESCARA
TERAMO
DI POTENZA
AZIENDA
SANITARIA
DIMATERA
ENDASANITARIA
130
130
L30
130
L70
L70
r.80
1_80
180
180
180
180
l_50
A.S.P.
COSENZA
ONE
A.S.P.
A.S.P.CATANZARO
A.S.P.
VIBOVALENTIA
CALABRIA
A.S.P.REGGIO
A.S.L.AVELLIN
A.S.L.BENEVENTO
L50
L50
1 CENTRO
A.S.L.
A.S.L.NAPOLI2
3 SUD
A.S.L.NAPOLI
A.S.L.SALERNO
USLPIACENZA
AZIENDA
AZIENDAUSLPARMA
EMILIA
AZIENDAUSL
AZIENDA
USLMODENA
NDAUSLBOLOGNA
NDAUSLIMOLA
AZIENDAUSLFERRARA
AZIENDAUSLRAVENNA
USLFORLI'
AZIENDA
AZIENDA
USLCESENA
NDA USLRIMÍNI
TRIESTI
ISONTINA
ALTO
MEDIOFRIU
BASSAFRI
FRIULI
OCCIDENTALE
L50
080
080
080
080
080
080
080
080
080
EMILIAROMAGNA
EMILIAROMAGNA
EMILIAROMAGNA
080
060
060
060
060
060
060
120
120
L20
G]IAU L I A
FRIULIVENEZ
GIULIA
FRIULIVENEZIA
VENEZIA
GIULIA
GIIAU L I A
FRIULIVENEZ
I20
L20
r20
L20
L20
120
LL2
VITERBO
RIETI
LATINA
FROSINONE
GOtf
t
070
070
IMPERIESE
SAVONESE
070
070
070
030
030
030
030
LOMBARDIA
030
030
030
GENOVESE
CHIAVARESE
SPEZZtNO
A.S.L.DELTAPROVINCIA
DI
A.S.LDELLAPROVINCIA
DI
A.S.L.DELLA
A.S.L.DELLA
A
030
030
030
030
030
030
030
030
A.S.L.DELLAPROVINCIA
DI MILANO1
A,S.L.DELLAPROVINCIA
DI MÍLANO2
A.S.L.PROVINCIA
DI MONZAE BRIANZA
A.S.L.DELLAPROVINCIA
DI PAVIA
A.S.L.DELLAPROVINCIA
DI
A.S.L. DI VALLECAMONICA.SEBINO
ASUR
ASREM
110
r4a
010
010
010
T02
010
010
010
010
010
010
010
PIEMONTE
PIEMONTE
PIEMONTE
PIEMONTE
TO3
TO4
TO5
VC
NO
vco
cN2
010
010
010
041.
o42
PROV.AUTON.BOLZANO
PROV.AUTON.TRENTO
160
160
160
160
160
160
200
200
200
200
200
SARDEGNA
SARDEGNA
200
200
200
SARDEGNA
AZIENDA
SANITARIA
DELLAP.A.D]
TRENTO
ASLBR
ASLTA
ASLBAT
ASLBA
SASSARI
OLBIA
NUORO
LANUSEI
CAGLIARI
cotl
t
ASPAGRIGENTO
L90
L90
ASPCALTANISSETTA
P CATANIA
ASPENNA
ASPMESSINA
ASPPALER
ASPRAGU
ASPSIRACUSA
TRAPANI
CARRARA
190
1_90
GROSSETO
VERSILIA
UMBRIA
PERUGIA
FOLIGNO
BELLUNO
VICENZA
DISOLIGO
PIEVE
VENETO
PADOVA
ESTEMO
VERONA
LEGNAGO
BUSSOLENGO
GCtt
tt
Lasituazionereddituale
AuadroF4
ParteI
Capitolo10
GENERATI
10.1 Pnrructpr
.
l0.t.t La definizionedei redditi da indicarenelquadro F4
,
t0.t.2 Le modificheintrodotte dal"Collegatoal lavoro"
10.2 II-REDDITO
DICHIARATO
AI FINIIRPEF
coMPIESSIVO
10.3 I ruuovlREDDITI
DAAGGIUNGERE
ALREDDITO
COMPLESSIVO
. 10.3.1Redditida lavoro dípendentee assímilatíassoggettatiad impostasostitutiva
. 10.3.2Redditidi lavoro autonomo e diimpresa assoggettatiadimpmta sostitutiva
pER['TNcREMENTo
DEt[ApRoourrtvtrÀ
10.4 SouruEERoGATE
DIFRONTIERA
PRESTATO
NELLE
ZONE
10.5 ITREDDITo
DAtAVoRoDIPENDENTE
. 10.5.1Comeindividuarel'importo del reddito da lavoro dipendenteprestatonelle zone di
frontiera
BANDTERA
ESTERA
IMBARCATI
10.6 ITREDDITo
DElLAVoRAToRI
MARITTIMI
sU NAVIBATTENTI
DATIIN TOCAZIONS
îO.7 I REDDITI
DEGLI
IMMOBIITAD
UsOABITATIVO
2135 DELcoDrcEctvrlE
oer['ARTrcoro
10.8 | PnoourroRrAcRrcolr
e u arnvrÀ tNDTcATE
. 10.8.1Comeindividuarel'importo del reddito agrarioda sottrarreal reddito complessivo
Ar FrNrrRAp
10.9 PnovrNTrDAnrrvrrÀ AGRrcotc
. 10.9.1 Comeindividuarel'importo nella dichiarazioneIRAP
DELLA
REDDITUATE
DETERMINAZIoNE
SITUAZIONE
10.10 I RrooIrIcHENoNRILEVANo
AI FIN!D€TLA
10.11 I soecgrn ESoNERATI
DAttADIcHIABAZIoNE
ELACASA
DIABITAZIONE
DEIREDDITI
ERRATA
DEttADICHIARAZIoNE
COMPILAZIoNE
LO.L2OruessRPRESENTAZIoNE
DEIREDDITIo
I DATL
10.13 | oocurusrunDAtquAu RITEVARE
TO.L4RIEPILOGo
EcoMPILAZIONE
DELouIoNO F4
1.0.15LEFAQDEI.L,INpS
cotf
ttLn
- QUADROF4
sfruAzroNEREDDTTUALE
tO;r
ll quadroF4 contienei dati relativiai redditipercepitidal componentedel nucleofamiliarea cui è
intestatoil foglioallegato.
ll reddito dichiaratodeve esserequello relativoall'annoprecedentela presentazionedella DSU.
Quandociò non è possibile,perchéla prestazionesocialeagevolatadeve essererichiestain un periodo
relativaai redditidell'anno
delladocumentazione
dell'annoin cui il cittadinonon è ancora in possesso
dellaDSU.
precedente,
si dovràdichiarare
il redditorelativoa due anniprecedentila presentazione
Esempio:
r se la DSUvienepresentataper richiedereuna prestazione
per la qualei terminidi presentazione
scadonoad aprile2011,il reddito da dichiararesaràquello prodotto nell'anno2010;
r
per la qualei terminidi presentazione
una prestazione
se la DSUvienepresentataper richíedere
scadonoa gennaio2011,ilreddito da dichiararesaràquello prodotto nell'anno2fi)9 in quanto a
gennaio 2011 il cittadino non può essereancora in possessodella documentazionerelativa ai
redditi2010.
.Quandonel quadro F4 viene indicatoil reddito percepitorelativoa due anni precedenti,l'ente che eroga
prestazionepuò successivamente
richiederela presentazionedi una DSUaggiornata,che, in questo
lla
presentata(comma6 art. 6 DPCMn.22L del
quella precedentemente
lcaso,sostituisceintegralmente
della
nell'annoprecedentela presentazione
i7.5.1999).Quandouno dei componentiil nucleofamiliare,
per quelcomponente,
percepitoalcunreddito,è consentito,
non compilareilquadro F4 o, in
IDSU,non ha
-alternativa,indicarezero.
tt'
'
La mancatacompilazionedeicampidelquadro F4,equivalealla volontà didichiararel'assenza
della DSU.
di redditi o redditi a zero nell'annoprecedentealla presentazione
In tal casovengonoeffettuati specificicontrolli da parte dell'INPSe degli enti erogatoridelle prestazioni
richieste, volti ad accertare l'eventualesuccessivapresentazionedella dichiarazionedei redditi o il
(Mod.CUD)
sostitutiva
ricevimento
dellacertificazione
( C o m m aL a r t .3 D P C Mn . 2 2 Ld e | 7 . 5 . 1 9 9 9 )
il valoredei redditida indicarenel quadrodeveesserearrotondatoall'interopiù vicino.
Arrotondamento:
Esempio:€ 10.200,51saràarrotondatoa € 10.201
€ 10.200,50saràarrotondatoa € 10.200
10.1.1La definizionedei redditi da indicarenel quadro F4
La definizionedei redditi da indicarenel quadro F4,è quellaprevistadall'art.3 comma 1lett. a), b), c) del
DPCMn.221de|7.5.1999che recita:
"'a)
',
t,
r
',
t,
t
-
it reddito complessivorisultante dall'ultíma dichiarazione presentataai fini delle imposte sui redditi delle
pertone fisiche, ol netto deÍ redditi agrori relativi alle qttivitù indicate doll'articolo 2735 del codice civile
svolte, onche in forma associata,dai soggetti produttori agricoli titolori di partito IVA, obbligoti olla
presentozionedetta dichiarozioneai fini dell'lVA. ln caso di esonero dall'obbligo di presentazionedella
risultqnti dall'ultima certificozione
dichiorazionedei redditi vonno ossuntii redditi imponibiti oi fini TRPEF
certificazionesi intendono la
ultima
o
consegnotodoi soggetti erogatori. Per ultimo dichiorozione
díchiarozionepresentato o lo certificozione consegnota nell'onno in cui si presento la dichiarazione
sostitutivaunica,relotivo oi redditi dell'annoprecedente....
cerl
W
i reddíti di lavoro prestato nelle zone dí frontÍera e ln altrÍ PoesÍlímitrofÍ do soggetti residenti nel terrítorio ^
dello Stato;
c) i proventî derívantl da attîvîtù agrìcole, svolte anche ln formo assocíota,per le quali susslstel'ohblÍgo olla
presentazÍonedella dlchiarozíone IVA; o talfine vo qssuntola base imponibile determinoto aifini dell'lRAP,al
10.1.2Le modificheintrodotte dal "Collegatoal lavoro"
La fegge del 4.77.2O70n. 183 detta anche "collegatoal lavoro", in vigore dal24 novembre 2010, all'art. 34
comma L punto 14 ha implementatola tabella1, parte l, allegataal DLgs.del 31.3.1998n. 109 inserendo
dopo la lettera b) il seguentecapoverso:
"Al reddìto complesslvodevono essereaggiuntl i redditi do lavoro dipendentee ossimilati,di lavoro autonomo
ed impreso, redditi diversi di cui oll'orticolo 67, commo 7, lettere i) e l). del Testo Unico delle imposte sui redditi,
di cui at DPR22 dicembre 7986 n. 977, assoggettotiad imposta sostitutivoo definitiva, Îatta solva dlverco
!gt92t! 9sgry2sg
fii p_elstgtloy_sytle_n_oy2e_cle_rygolyr9lq!i_c!!nJ!e_ryi_re_a!t!ya!ii
10.2 ll reddito compl€ssivo dichiarsto ai fni IRPIF
a cui fare riferimentoe cioèquello risultante
ll legislatoreha indicatocon precisioneil redditocomplessivo
presentata
ai fini IRPEF.
dall'ultimadichiarazione
In caso di esonero dall'obbligo di presentazione della dichiarazione, va assunto l'imponibile IRPEF
rilasciatadal soggettoche erogai compensi.
risultantedallacertificazione
- Ne consegueche:
:
'
'
+ in caso di presentazionedella dichiarazionedei redditi si deve fare riferimento al reddito
indicatonel modello730 o nel modelloUNICO;
complessivo
* in caso di esonero dall'obbligo di presentazionedella dichiarazionedei redditi si deve fare riferimentoal reddito imponibilerisultantedal CUDe/o da ogni altra certificazionerilasciatadal .
s_o-gge!t_o-cle_l1a_e1o_ggt_o-1go1p_e!s!.
r'
da lavoro dipendente erogati da un datore di lavoro che non è sostituto d'imposta e che quindi
non ha l'obbligodi rilasciareal dipendenteil CUD,si dovrannocomunqueconsiderareai fini ISEEi redditi
percepiti al netto dei conributi previdenziali,con riferimento alla documentazionerilasciatadal datore
di lavoro anche se diversadal CUD.
A tal fine si ricordache non rivestono la qualificadi sostituto d'imposta i datori di lavoro privati per i propri
collaboratorifamiliariquali:colf, badanti,portieri,giardinieri,autisti,ecc..
ll reddito complessivodichiarato ai fini IRPEFsi individua quindi rispettivamente:
*
dal MODELTO
7?O-3l2OLlredditi 2010 Prospettodi liquidazione
kEDDrn
D LAVORO
UEi'DINÌE EA5S$,SAn
- l.OCÀZlCt
REDDITì
DEIFAEEREAÌI
SPRO\,lhX3
DflI'46[.RA
Nel rigo 11: alla colonna l viene espostoil reddito complessivodel
alla colonna 2 viene esposto il reddito complessivo del ConiugÉin caso di dichiarazione congiunta
corl
t
t
UNICO/2011redditi 2010QuadroRN
dal MODELLO
à
CUDlZ:Ottredditi2010
daf MODELI-O
PARTE
B
DATI
HSCAII
Badr*JÉr i rynb ó p*Èib
*[email protected]#
d cd sfd. | 3, ffiÍ
fcir d.lo
5 l shór dJ ur
I
Drù!tBl^AÈftllU
(orilllljllotI
ofirlncH
tAuof{
oglomt
xmd
dill Frt fld rFllF |rúEiml
d d dlr. 13.€imi 1,2,3. I tHldfr
t5
L-&rJrÒ
34
rlltiortÌ
LÚu,sat
t
lJimportoda conslderareè dato dallasomma del valori presentlnei punti I e 2
da altra certificazionerilasciatadal datore di lavorose
nonè sostituto
lJimportoda considerareè quelloal netto dei contrlbuti previdenziali
rispettivamente:
aifini IRPEF
ai fini |SEE
è quelloindividuato
tl redditocomplessivo
da considerare
'
t
e colonna2 períl
al rigoll colonna1 peril dichiarante
di liquidazione
nel modello730-3Prospetto
dichiarante,
coniuge
r nelmodelloUNICO
QuadroRNrigoRNl colonna4,
. nel modelloCUDParteB datifiscalisommando
gli importipresentiai punti1 e 2,
r in altra certiflcazlonerílasciatada un datore di lavoro non sostitutod'imposta,considerando
l'importoal nettodei contributiprevidenziali
al qualevannoagglunti,
eccedente€ 6.000, delle somme erogate per incremento della
la parte complessivamente
produttività (Vedípunto10.4);
ù
à
t
"ù
la pa*e esentedel reddito da lavoro dipendenteprodotto all'esteroin zone di frontiera da soggetti10.5);
residentiin ltalia(Vedípunto
il reddito dei lavoratorimarittimi italianiimbarcatisu navi battenti bandieraestera(Vedipunto10.6);
a partlredallaDSUpresentatadal24novembre2010:
di lavoroautonomoed impresa,redditidiversidi cui " i redditida lavorodipendentee assimilati,
atl'articolo67, comma1, letterei) e l), del TestoUnicodelleimpostesui redditi,di cui al DPR22'dicembre1986n. 917, assoggettatiad impostasostitutivao definitiva,fatta salvadiversavolontà n. .
sullenormecheregolanotali componentireddituali."(Art.34 1.4.11.2010
espressa
dal legislatore
non vannoa comporreil reddito 183).Sitratta quindídi redditiche,per il loro regimedi tassazione,
complesslvoai fini IRPEFma che ll leglslatoreha voluto Introdurrequall elementlche comunquenellenorme '
dell'ISEE
salvoche il legíslatore,
devonoessereconsideratial ffni detladeterminazione
diversavolonta(vedipunto10.3);
cheregolanotali redditi,nonabbiaespresso
a partlredallaDSUpresentatadal20t2tI redditidegliimmobiliad usoabitativodati in locazioneed
ascoggettati
ad impostasostitutivanellaformadella"cedolaresecca"(vedípunto10.7).
DaglllmpoÉl coslottenutl va detratto
.+
ilredditoagrariodeiproduttoriagrico|i(Vedípunto10.8)
'-
GGTl
t
10ri,.,l,r.n:UOVi
Dal24 novembre2010 al redditocomplessivoai fini ISEE,devonoessereaggiuntii redditi:
)
da lavorodipendentee assimilati,
à
di lavoroautonomoed impresa,
67, comma1, letterei) e l), del testo unicodelleimpostesui redditi,
diversidi cui all'articolo
assoggettatiad imposta sostitutiva o definitiva, fatta salva diversa votontà espressadal legislatore sulle
à
norme che regolanotali componentireddituali.
10.3.1 Redditi di lavoro dipendente e assimilatiassoggettatiad imposta sostitutiva
I redditi da lavoro dipendentee assimilatiassoggettatia ritenuta a titolo di imposta (definitiva)che, pur
non rientrandonel redditocomplessivoai fini IRPEF,
dovrannoessereconsideratinella determinazionedel
reddito complessivoaifini ISEEsono:
€
| compensi percepitida soggettiche hanno raggiunto l'età prevista dalla vigente legislazioneper la
pensione di vecchiaia impegnati in lavori socialmente utili (tSU) che possiedono un reddito
complessivodi importo non superiore ad € 9.296,22al netto della deduzioneper l'abitazione
principale.
ll reddito che va a comporreil complessivoaifini ISEè quello che eccede€ 3.098,74e che si rileva
dal punto 107del cuDlzoLL
ts0m A$5€GGFrlfl
A;flbrtf*
llrîdté
Dt h{to9rt
hl.Hrd
ùrlrctdmdr
rCúrl*l!J
bltilh*ttJt
ilo
Sr
Nel punto 107 è indicatol'importo che eccede€ 3.098,78.
al CUD,con il codiceAX
Nelleannotazioni
saràdistintamenterappresentatala quota esente(€ 3.098,78)
e la quota soggettaa tassazionecompresanel punto 107 (quotaimponibile)
€
I redditi derivantida prestazionedi previdenzacomplementareerogatesotto forma di rendita
compresenel maturatodal l gennaio2007.
ll reddito che va a comporre il cornplessivoai fini ISE è quello che si rileva dal
del
cuDl2oLt.
nÍloft AlrocdeEAlt
A ffIF'NA
o, fi,tto3lA
A ilfOIO
Irbrlt||r|'*
ú*cffie*
r*.**rÉ,
hLtilrfr*rar
rlo
*frbdrl{nù
**rftcrt
t!l
Nel punto 107 è indicatol'ammontareimponibiledella prestazionematurata dal 1.1.2007.
Nelleannotazionial CUD,con il codiceAX
allaforma pensionistica
saràevidenziatoil periododi partecipazione
alfondo
maturatodalladatadi iscrizione
cGrt
t
10.3.2 Redditi di lavoro autonomo e di impresa assoggettatiad imposta sostitutiva
I redditi di lavoro autonomo e di impresaassoggettatia ritenuta a titolo di imposta (definitiva)che, pur
del
dovrannoessereconsideratinelladeterminazione
ai fini IRPEF,
non rientrandonel redditocomplessivo
sono:
aifini ISEE
redditocomplessivo
à
Aderenti al regíme sostitutivo per le nuove iniziative produttive: le persone fisiche che
intraprendono un'attività di lavoro autonomo hanno la possibilitàdi avvalersi,per il periodo
di un regimefiscaleagevolatoche prevede
d'impostain cui l'attivitàè iniziatae per i due successiví,
il pagamento di un'imposta sostitutiva dell'IRPEFnella misura del 10% applicataal reddito di lavoro
autonomo(Art. 13 Legge388/2000).
Hanno t'obbtigo di presentare il Modello UNICOquadro REindicando, al rigo RE 22 colonna 1, il
codice 1 in riferimento all'adozionedel regime agevolato.
2OIO
PERIODO
D'IIIiPOSTA
ffi,-7$,t*'.io
r-$llElèE€&d'
f: 3
coDtcEHscAtg
rrr|l||lllllll
rrrrrllrrllll
llll
NCDDM
AUADRO $
Rcddito di lqyoro quionomo derivonlc
doll'escrcirio di orfi c prc$csíoài
aifini ISEè quellocheè
ll redditocheva a comporreil complessivo
sostituivae chesi rilevada quantoindicatoal rigo RE2lcolonna2.
à Aderenti al regime sostitutivo per le nuove iniziative produttive: le persone fisiche che
di awalersi,per il periodod'impostain cui
un'attivitàdi impresahannola possibilità
intraprendono
di
cheprevedeil pagamento
di un regimefiscaleagevolato
l'attivitàè inlziatae per i duesuccessivi,
al redditodi impresa(Art.13 Legge
nellamisuradeltO%applicata
un'impostasostitutivadell'IRPEF
388/2000).
al rigo RG30 colonna1, il
il ModelloUNICOquadroRGindicando,
Hannot'obbligodi presentare
codice1 in riferimentoall'adozionedel regimeagevolato.
r0l O
PmnOOD'lri,tPO6IA
{o&c f}si*l|r
rttttlttttrrltlll
tlllllllllllltlll
B;DDM
auADio ns
*;i;*.ilj
trddm d impruro in rqfar
cScontuàilis srnPlÍicon
ai fini ISEè quello che, se di segno
ll reddito che va a compor€ il complessivo
assoggettatoad imposta sostituiva e corrispondea quanto indicato al rigo RG29.
ccll
tt
à
Aderentialregime dei minimi:le personefisicheesercentiattivitàd'impresa,arti o professioniche
previstedallanormaed in particolare
hannodeterminatecaratteristiche
che abbianoconseguito
ricaviowero abbianopercepitocompensinon superioria 30.000euro ragguagliati
ad anno,sono
esentida IRAPe sonoesclusidall'applicazione
deglistudidi settore.Ai fini dell'imposta
sui redditi
(IRPEF)
sonoassoggettati
ad una impostasostitutivapari al2O%.Taleredditocomunquerilevaai
fini della sogliaper essereconsiderato
fiscalmente
a carico(Art. 1 commi da 96 a 117 Legge
gennaio
244/2007,
decreto2
2008e circolari:
7/E del28.01.2008
e L3/Edel26.02.2008).
quadroCM.
Hannol'obbligodi presentare
il ModelloUNICO
ffi**'
&;x:i-à3
?c*om''ulFoslA
filo
couffrf{A*
lltltrrttttrttrrl
I t.l
I I
I I
t_r
I
r
I
t
I
r
|.l
NEDDfN
ouADrocr
f.ddÈdd
3€gcti con rcgimdci
{trggr finÉtliolia 20CBl
núlúmi
ll redditocheva a comporreil complessivo
ai fini ISEè quelloche,se
ad impostasostituivae corrispondea quantoindicatonel rigoCM10.
ù
| venditori porta a porta: ai fini dell'impostasui redditi (IRPEF)
sono assoggettatiad una ritenuta a
prevista
per
primo
titolo di imposta con l'aliquota
il
scaglionedi reddito (23%l sul 78To delle
provvigioni.
(art.25bisD.P.R.
n. 600 del 29.09.1973).
Questi contribuenti sono esonerati dall'obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi
assoggettatia tale ritenuta e sono inveceobbligatia tenere le scritturecontabiliai fini IVA e alla
presentazione
delladichiarazione
in quantotitolaridi partitalVA.
Rientrano in questa casisticasia i soggetti che svolgono tali attività in forma occasionale(fino a
5.000euro all'annosenzapartita lVAlche coloro che la svolgonoin forma abituale(quindi importo
superiore a 5.000 euro all'anno con partita lVAl.
In ogni caso il reddito che va a comporre il complessivoai fini ISEè quello che è stato assoggettato
a ritenuta d'imposta dal soggetto che l'ha corrisposto.
DALL',AN
NO D',lM POSTA2012 {D|CH|ARAZ|ON
E DEtREDDTT'
I 20t3l
LECONDIZIONI
CAMBIERANNO
ORAPREVISTE
PERIL REGIME
DEIMINIMI
GGIl
t
f0r4
Particolareattenzioneva postasui redditi percepitiper incrementodi produttivitàper i quali il legislatore
ha previsto che, fino al limite di€ 6.000, possanoessereassoggettatiad imposta sostitutiva del 10% (art.
2 d e l D . L .n . 9 3 / 2 0 0 8) e d i n t a l c a s o . .
"! redditi di cui ol comma 1.non concorrono ai fini liscali e della determinozione della situazione
economíca equivalente olla formazione del reddito complessivo del percipiente o del suo nucleo
familiare entro il lìmite massimo dí 3.000 euro (*)......"
Si tratta quindi di redditi che, se assoggettati ad imposta sostitutiva, il legislatore ha
'.
dalla determinazionedel reddito complessivoaifini dell'ISEEma il limite
oro'- espressamenteescluso
di € 6.000 da non considerarefa riferimento all'intero nucleo familiare e non al singolo
componentedel nucleostesso.(CircolareAgenziaentratedel 13.5.2017n.2O/Epunto 5.13)
(*) tt timitedi€ 3.00Aè $ato innolzatoad € 6.000conl'ort. 5 del D.L.185/2008.
Esempio:
nucleo di 3 componenti che hanno ciascuno€ 6.000 di redditi per incrementodella produttività
ad impostasostitutivaper un totalequindidi€ 18.000'
assoggettati
Ai fini ISEEvengonoesclusidalla determinazionedel reddito complessivosolo € 6.000,i rimanenti 12.000
euro vanno a formare il reddito complessivo.
ll reddito derivanteda somme erogateper l'incrementodella produttività
si rilevadal punto93 del CUDI2OLL
€ 6.
dellaÈPduttività(massimo
Nelpunto93 sonoindicatele sommeerogateperincremento
Nelle annotazionial CUD,con il codice BX deve essere certificatoche\ somme sono state ero$atea
titolo di incrementodellaproduttività.
)
Se tali somme sono state assoggettatead imposta sostitutiva, nel puùto 94 viene indipata la
corrispondenteritenutadel 10%applicata.
ì
Setalisomme sono state assoggettatead impostaordinariaè barratala caselladel punto 96 e,
nelleannotazionial CUD,con il codiceAF deve essereindicatala motívazioneper la quale il
sostitutoha procedutoad applicarela tassazioneordinaria.
ln questo caso gli impoÉi sono già compresi nel punto 1 del CUD e quindi nel reddito
complessivoai fini IRPEF.
CGIl
t
applicatadal Sostituto
I Non bastacontrollareil modelloCUDin quantola tipologiadi tassazione
(perconvenienza
d'imposta,può/deveesseremodificatadal contribuente
o per obbligolin sededi
dei redditi.
i dichiarazione
llcontribuente,compilandoil rigo C5 del modello 730l20tt o del Modello UNICO/2011può:
à
portare a tassazioneordinaria importi che erano stati assoggettatiad imposta sostitutiva nel CUD
PfÉrfiooarlÀvmo {dort*pr +urr ryÈl
à
r *tÈcrt
portarea tassazione
sostitutivaimporticheeranostatiassoggettati
a tassazione
ordinarianel CUD
sErrfr{r r, ffigo;n H lryonooFErffitfiE
rf.Éruc t'l f."rvffi
gHdî*larrilrt#Èld
E rffi,*n
I *rsfii,
fffi
F.r ls$mfto.hlrilrùrtúdi
tffi$ùbr
aloHi
ili
frvirci
iebh:iordt
Per la determinazionedelreddito complessivoaifini ISEE
si rende quindi necessarioverificare
attraversola lettura dei modelliche ognisingolocomponentedel nucleoha prodotto:
)
che la somma degli importi percepitida ogni componentedel nucleo ed assoggettatiad imposta
sostitutiva, non superi € 5.000;
à
se tale somma supera € 6.000, la parte eccedenteil limite, pur essendostata assoggettataad
imposta sostitutiva, dovrà essere aggiunta al reddito complessivo del componente del nucleo
familiarecui si riferisce.
CGIl
tt
10.5ll redditoda lavorodipendenteprestatonellezonedifrontiera
prestatoall'estero
in zonedi frontierafino al 2002eranoesentida
I redditiderivantida lavorodipendente
in alcun modo alla formazionedel reddito
imposizione
fiscalein ltalia e quindi non concorrevano
complessivo.
residentiin ltalia,derivantida lavorodipendente
Dal 1.1.2003i redditidei cittadiniitaliani,fiscalmente
e comeoggettoesclusivo
prestatoall'esteroin zonedi frontierae in altriPaesilimitrofi,in via continuativa
allaformazionedel redditocomplessivo
e quindiconcorrono
del rapporto,sonoimponibiliai fini IRPEF
disposizioni
per f importocheeccedela quotadi 8.000euro (comma11 art. 2 Leggen. 289 del27.t2.2Q02,
e dalcommaTbisart. 1 D.L.n. 194
prorogate
finoal 2011dalcomma204art. 1 Leggen.244del24.12.2007
de|30.12.2009).
alla regolasopraespostae rimangonoesoneratidall'obbligodi dichiararein ltalia
Fannoeccezione
prestatoall'esteroin zonedi frontiera,ifrontalieriche:
il redditoda lavorodipendente
à
risiedonoin un comunerientrantenellafasciadi confinecompresanei 20 Km e svolgonoattività
lavorativain Svizzera;
I
dallaSantasonocorrisposte
svolgonoattivitàlavorativanellaCittàdel Vaticanose le retribuzioni
dallaSantaSede. :
Cattolica
e daglientigestitidirettamente
Chiesa
Sede,daglialtrienticentralidella
',
nel definireil redditocomplessivo
ai fini IRPEF,
ll legislatore,in derogaa! redditocomplessivo
ha inclusoi redditidi lavoroprestatonellezonedifrontiera e in altri Paesi
aifini ISEE,
da considerare
limitrofi da soggettiresidentinelterritorlodelloStato(art.3 comma1 letterab) del DPCMn. 221del
7.s.1999).
prestatonellezonedifrontiera
l'importodel redditoda lavorodipendente
10.5.1Comeindividuare
prestatoall'esteroin zonedi frontiera,deveessereindicatonel quadroC
ll redditoda lavorodipendente
del modello730 o del ModelloUNICOper la parte che eccede€ 8.000senzaalcunacodificache ne
prestatoin ltaliae tale importo
rispettoal redditoda lavorodipendente
distinguala diversaimposizione
andràa comporreilredditocomplessivo.
delredditoda indicareai fini lSE,chenonè soggettoad alcunafranchigiama
dell'importo
L'individuazione
dei redditi
deveesseredichiaratoper intero,non può quindibasarsisul soloesamedelladichiarazione
frontalieri,
nonsonomaiindicatii redditida lavorodipendente:
doveperaltro,nelcasodi lavoratori
'
.
.
di importofino a € 8.000,
nei20 KmdallaSvizzera,
percepitida lavoratori
residenti
in ltalianellafasciadi confinecompresa
percepitida lavoratori
nellaCittàdelVaticano,
attivitàlavorativa
chesvolgono
da una attenta intervistaal contribuentee dalla lettura della
ma deve essereaccompagnata
in suopossesso.
documentazione
dal CUD,è neifatti
nelleistruzioni
al CUDsiaindicatochetale redditodovraesserecertificato
Nonostante
improbabileche ciò awenga in quanto il soggettoche eroga questo compensoè un datore di lavoro che
nelpropriopaese.
utilizzata
pertanto,percertificare
il reddito,si awarràdellamodulistica
operaall'estero,
GOll
t
Redditoda lavoro dipendenteprèstatonellezonedi frontieraesentein toto o inferlorea € 8.000:
in questocasoil redditonon va a comporreil redditocomplessivo
ai fini IRPEF
ma deve essereconsiderato
in toto ai fini ISEcome reddito complessivoda indicarein F4.
Redditoda lavorodipendenteprestetonellezonedi frontierasuperlorea € 8.000:
in questocasola parteche eccede€ 8.000è già compresanel redditocomplessivo
ai fini IRPEF
rigo 11 del
Prospettodi liquidazione
730 o RN 1 colonna4 del ModelloUNICO,ai fini ISEil reddito complessivoda
indicarein F4 dovràcorrispondereallasommadel reddito complessivoIRPEFrilevatodalla dichiarazionee
della quota di € 8.000esenti.
Di seguitovengonorappresentati
alcuniesempidi determinazione
degliimportida indicarenel quadroF4,
c o r r e l a t i a l lcao m p i l a z i o ndee i m o d e l l i d i d i c h i a r a z i o n e T 3 0 / 2 0u7N1toc o / 2 0 1 j . .
Esempio1:
Redditoda lavorodipendente
comefrontaliere
di complessivi
€ 7.000senzaaltriredditi.
Non essendotitolaredl altrl redditl,ll soggettoè esoneratodalladichiarazlone
del reddltlIn quantoll reddlto
lavorodipendentecomefrontallere,essendoinferiorea € 8.000,non va dlchiarato.
ale redditodovràperòesséreconsiderato
nellacompilazlone
del quadroF4chesara:
Redditocomplessivo
dlchiaralo
allinl IRPÉF
7.000
(àl nóttod.l nddlu rfrùl dill'lmprrndltorc rgrlcolo)
Esempio
2:
Reddito
dalavorodipendente
comefrontaliere
di complessivi
perun imponibile
€ 7.000e redditidafabbricati
di
€ 5.000.
Puressendo
il redditoda lavorodipendente
comefronteliere,
lnferlorea € 8.000,ll soggetto
è obbllgato
alla
dichiarazione
deiredditlin quantoposslede
reddltifondiarlsuperlori
a € S00.
MODELTO
730-31201"r.
reddlti2010Prospettodl liquidarione*
* ll redditovieneespostonellacolonnadel coniugein quantoil contribuente
chenon ha un sostitutod'impostaitalianopuò fare il 730solo
c o m e c o n i u g ed i c h i a r a n t e ,a l
5enon avesse
condizione
dovrebbe
fareil modelloUNICO
MODELTO
reddltl2010QuadroRN
UNTCO/2011
Pur in presenza
dl dlchlarazlone
del reddltl,ll reddltoda lavorodlpendentecomefrontallere,essendo
inferiorea € 8.000,non va a formareil reddltocomplesslvo
ma dovraesseréconslderatoIn toto al flnl l$É.
L'importoda indicarenelquadroF4 saradatoda€ 7.000+ € 5.000:
Redditocomplessivo
dicùiarato
al linl IRPEF
(rl nftto d.l f.ddlti |grurl d.ll'lmpilndftorr rydcolo)
12.000
CGIf
t
Esempio3:
€ 15.000senzaaltri redditi.
comefrontalieredi complessivi
Redditoda lavorodipendente
superiorea € 8.000, il soggetto è obbligato alla
frontaliere
Essendoil reddito da layoro dipendentecome
dichiarazionedei redditi.
*
730-3l20tl redditi2010Prospettodi liquidazione
MODELTO
ffi)Dm $wanCIHIB\aH.{IE EASSifiAll
RnEflt[s FtffiAr
- locAzfl$ rc1fFlclADEfAfitx.A
* ll redditovieneespostonellacolonnadel coniugein quantoil contribuenteche non ha un sostitutod'impostaitalianopuò fare il 730 solo
fare il modelloUNICO.
al contrario,se non avessequestacondizionedovrebbeobbligatoriamente
MoDELLo UNICO/2011redditi 2010 Quadro RN
pur in presenzadi dichiarazionedei redditi, il reddito da lavoro dipendentecornefrontaliere va a formare il
redditocomplessivosolo per la parte che eccede€ 8,000ma dovràessereconsideratoin toto ai fini lSE.
L'importoda indicarenel quadroF4 saràdato da € 7.qX)+ € 8.000:
dicfihratoai fnaIRPEF
Redditocornplessiro
15.000
{sl n t6 d€l r€ddatúgrurl d€ll'affprsndlbr€ agricolo}
Esempio4:
€ L5.000e redditida fabbricatiper un imponibile
Redditoda lavorodipendentecomefrontalieredi complessivi
dei redditidi € 5.000.ll soggettoè obbligatoalla dichiarazione
MODELLO739-3l20l-t redditi 2010 Prospetto di liquidazione *
ngml U Urmm nrB\ffifiE EASS$I{AI
- loCAZS{ rc$f.|ff
Etr[ DSnSgSCAn
ffit'tfiX.f,À
* ll redditovieneespostonellacolonnadel coniugein quantoil contribuenteche non ha un sostitutod'impostaitalianopuò fare il 730 solo
fare il modello UNICO.
se non avessequestacondizionedovrebbe
MODtttO UNICO/201! redditi 2f110Quadro RN
p*
in pr.senza di dictti*arlon.
dei redditi, il reddito da lavoro dipendente come frontaliere va a formare il
reddito complessivosolo per la parte che eccede € 8.000 rna dovrà ess€re considerato in toto ai fini lSÉ.
Reddalo compl€66ir€ dichiar&
{d nGtb del rcddtt, lfral
at lini IFIPEF
(lestr|p'3ndlbfe
.gricdo}
20.000
colf
t
10.6ll reddito
ll reddito dei lavoratorimarittimi,fiscalmenteresidentiin ltalia, derivantedall'attivitàprestata su navi
battenti bandierastranieraper un periodosuperiorea 183 giorni nell'arcodi dodici mesi,è esclusodalla
baseimponibilefiscalee quindinon va mai a formareil redditocomplessivo
ai fini IRPEF.
ll legislatore,nel determinarequestaesclusione,
ha previstoche tali lavoratorinon possanoin alcuncaso
essere consideratifiscalmentea carico e, se richiedono prestazionisociali agevolate alla pubblica
amministrazione,sono comunquetenuti a dichiararetale reddito ai fini della valutazionedella propria
situazioneeconomica(comma5 art. 5 Legge16.3.2001
n.88).
lsitratta quindi,anchein questocaso,diuna volontà che illegislatoreha espressonella norma che regola
Itali redditi che quindí, pur essendoesclusidall'imposizionefiscale,devono essere considerati nella
ldeterminazionedel reddito complessivoai fini ISEE.
iPer tali lavoratori non è applicabileil calcolo sulla base del reddito convenzionalema, ai fini ISEE,
Idovrannodichiararequanto effettivamentepercepito.
10.7| red
L'art, 3 del DLgs.74.3.2O'J,'J,,
n. 23, "Disposizioni in materìa dí federalismo FiscaleMunicipale", ha previsto
che a decorreredall'anno2O!1,,in alternativafacoltatívaal regímeordínaríoper la tassazíonedel reddito
fondiaríoai fini dell'lrpef,il proprietarioo il titolare di diritto realedi godimentodi unità abitative locate
ad uso abitativopuò optare per una imposta,operatanellaforma dicedolaresecca.
In particolareil comma 7 dell'art.3 del sopracitato decretoprevede:
"Quondo le vigenti disposizioni fonno riferimento, per il riconoscimentodella spettonza o per lo
determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi títolo, onche di natura non tributario, ol
possessodi requisiti reddituoli, si tiene comunque conto onche del reddito ossoggettdto olla cedolare
secco. ll predetto reddito rileva anche aÍ finÍ dell'indicatore della sÍtuozione economica equìvolente
(t.s.E.E.)."
A partire dal 20L2, nella determinazione del reddito complessivoai fini ISEE,da indicare nel
quadro F4, si dovrà considerareanche il reddito di quelle abitazioni locate per le quali il
propríetario o il títolare di un diritto reale ha optato per la tassazionein forma di cedolare secca
;'{
e che cometale non ha quindiformato il reddito complessivoai fini IRPEF.
A tal fine si ricordache:
)
se il reddito del fabbricatoè stato assoggettatoa tassazioneordinariail suo imponibile è già
compresonel redditocomplessivo
ai fini IRPEF
cosìcomedefinitoal punto10.2;
)
se il reddito del fabbricato è stato assoggettato a tassazione sostitutiva nella forma di
"cedolaresecca",l'importo da considerarenella determinazionedel reddito complessivoaí finí
ISEEè dato dall'interocanonepercepito,rapportatoalla percentualee ai giorni di possesso.
Essendotale disposizionein vigore dal 20tl, al momento della stampa di questaguida non è possibile
individuarecometali sommesarannoespostenelladichiarazione
dei redditiche dovràesserepresentata
n e l2 0 1 2 .
GOlr
t
to.SI Frodr*torlcgrksltlsle*ttfultàlndlcatedatl'artl o,til3$lt{et-rq{.i
s]&,f[à'.l;'.:
tale:
agrlcolodefinendo
l'lmprendltore
L'art.2135delcodicecivileindividua
"chi esercitouna delle seguentiattivitù: coltivazionedel londo, selvicoltura,allevamentadi animolí e ottività
connesse.
Per coltìvozionedel fondo, per selvicolturde per allevamentodi animali si intendonole ottiviù dirette ollo cura
del cìclostesso,di corottere vegetaleo animale,che
ed allo sviluppodi un ciclobiologicoo di una fase necessorio
utilizzanoo possonoutilízzoreil fondo, il boscoo le acquedolci, salmostreo morine..."
In generaleper I produttoriagrlcoll:
ù
al flnl dell'lmpostasul reddltlè lmponlbllell reddltoagrarlorlvalutatocosìcomedeterminatodal
catastosullabasedellecoltureprodotte;
à
o, in casodi iniziodi attività,
hannorealizzato
al flnl IVA e IRAPse nell'annosolareprecedente
prevedonodi realizzare
un volumed'affarlnon superlorea € 7.000,costituitoper almeno2/3 da
dal versamentodell'lVAe dell'lRAP,da tutti gli
cessionidi prodotti agricoli,SONOESONERATI
IVAe IRAPannuali(comma6 art, 34
obbllghldocumentalle contablll,compresele dlchlarazlonl
IVAe letterad) comma1 art. 3 DLgs.n. 446del 15 dicembre1997
D.P.R.
n. 633 del 26.10.1972
rRAP);
à
o, in casodi iniziodi
hannorealizzato
solareprecedente
al contrarlo,al flnl IVAe IRAPse nell'anno
per almeno2/3
7.(XX),
costituito
un volumed'affarisuperiorea €
attivita,prevedonodi realizzare
delversamentodell'lVAe dell'lRAP,e dl tuttl
da cessionidi prodottiagricoli,HANNO|JOBBIIGO
IVAe IRAPannuall.(comma6
gllademplmentldocumentalle
le dlchlarazioni
contablll,comprese
e letterad) comma1 art. 3 DLgs.n. tt46del 15 dicembre
art. 34 D.P.R.
n. 533del 26.t0.7972IVA
1997rRAP).
ll legislatore,In derogaal reddlto complessivoal flni IRPEF,nel definire il reddito complessivoda
considerare
ai fini ISEE,ha esclusoll reddltoagrarlorelativoalle attivitàindicateall'art.2135del codice
civile svolte, anche in forma associata,da produttorl agrlcoll titolari di partita lVA, obbllgatl alla
presentazlone
al finl dell'lVA.
delladlchlarazione
al
è da considerare
aifini IRPEF
laqualeperl'lSEil redditocomplessivo
U eccerlone
secondo
r1
quel produttorlagricollche hanno
netto del redditoagrario,rlguardaqulndi ESCIUSIVAMENTE
-/ "
un volume d'affarl superlorea € 7.fXDe che, In vlrtù dl clò, hanno l'obbllgodl presentareanche le
dlchlarazionl
IVAe IRAP.
In tal modo, per questl soggettlsl abbassall reddlto complesslvoda Indlcareal flnl lSE,ma, slccomeper
punto10.s)si avra una
successivo
gli stessl è prevlsta l'lndlcazlonedel proventl agrari al flnl IRAPr(vear
situazionereddltualeplù vlclnaa quellocheeffettlvamentell produttoreagrlcoloha reallzrato.
L0.8.1Comeindividuarel'importodel redditoagrarioda sottrarreal redditocomplessivo
cheai fini IRPEF
lVA,va precisato
delladichiarazione
Trattandosi
di soggetticonobbligodi presentazione
non possonofare lt Modello730ma hannol'obbllgodl dlchlarareI reddltlconmodelloUNICO.
indicatoal rigo RNl colonna4, dovra
L'importodel redditoagrario,da sottrarreal redditocomplessivo
esseredesuntodalquadroRAdel modelloUNICO.
GOrl
t
MODEIIOUNICOredditi2010QuadroRA
olrtoRo RA
REoo{fl
DHltmÍ}l
&d/i i bfi*
d.a.t
rd 0imóa lt
dq wH.e
L'importo del rigo RAll colonna 10
è quello che dovra esseresottratto all'lmporto del reddito complesslvopresenteal rlgo RNl colonna lt
se tutti i righi compilati fanno riferimento a terreni sui quali viene svolta l'attlvita di "produttore agricolo"
terrenivengasvoltal'attivitàdi "produttoreagricolo",in quanto,se su unoo più di essinonvenisse
"d"
svoltatale attività,l'importodi rigo RA11colonna10 dovrebbeesseredecurtatodell'importodel rigo RA..
colonna10 corrispondente
al terrenodovenonvienesvoltal'attivitàdi "produttoreagricolo".
Esempio
proprietariodi tre terreniagricolidi cui:
- uno nel Comunedi Cesenadovesvolgel'attivitàdi produttoreagricolocon RAl Col.10 di 1.000;
- uno nel Comunedi Cesenatico
dovesvolgel'attivitàdi produttoreagricolocon RA2Col.10 di 300;
- uno nel Comunedi Forlìdove non svolgel'attivitàdi produttoreagricolocon RA3Col.10 di 150.
ln questocasoRAll colonna10 sarà1.450,ma l'importoda considerare
ai fini dell'abbattimentodel reddito
complessivo
sarà solo quellodei terreni dove svolgel'attivitàdi "produttoreagricolo"e cioè 1.300(1.450150
10.9 Proventi da at$vÍtà a$rieole ai fini l**P
'
Alfinedi determinare
la situazione
reddituale,
nelquadroF4gli imprenditorlagrlcoli,
oltrea determinare
il
redditocomplessivo
comesopraillustrato,devonoindicarei proventiderivantida attivita agricole,anche
in forma associata,assumendola baseimponibiledeterminataai fini dell'lRAP,al netto del costl del
personalea qualunquetitolo utilizzato.
10.9.1Comeindividuare
l'importonelladichiarazione
IRAP
5e il soggettoesercital'attivitàdí "produttoreagricolo"individuale,
nelladichiarazione
IRAPsaràcompilato
il quadrolQ Persone
fisiche,se invecetaleattivitàvienesvoltain formaassociata,
nelladichiarazione
IRAP
quadro
saràcompilatoil
lPSocietàdi persone.
In entrambii casiil valorechevienerilevatorispettivamente
dal quadrolQ o dal quadrolP,dovràessere
indicatonel quadro F4-Situazione
redditualedelsoggettoalla riga "Proventiagrarida
al netto dei costidel personalea qualunquetitolo utilizzato.
QUADROF4-SMJAAOilE REDDITUALE
OELSOGGETTO
Affotondareailae 1.W sulp|rbdee le ultlmetn ctfri suryrarlE500,a quetlaln{crtorl
ln ctry^ontnilo (pcr | .501,scrlyarc
2.004:per 1.500,s€rlverat.OAq.Peî gUeuro,anotandarcalt'lfitero
ptt vlclna(per 1,51scrlybre2; per I ,5 scrtvcre1).
Redditocomplessivo
dichiaratoaifini IRPEF
(al netto del reddiù agrarl d€ll'lmprèndftore agricolo)
Proventiagrarida dichiarazione
IRAP
{per isoli imprsndilgrlagricdi}
Annodi produzionsdel reddito
cotl
Itrtrll
/'
essendoindeducibiliai fini !RAP,non possonoessererilevatida alcun
I costi del personale,
del
modellodichiarativoma dovrannoessereindicatidal soggettoattraversouna dichiarazione
agricola.
dell'Azienda
la
contabilità
segue
che
o dell'Associazione
Professionista
rft:*ffi#$*
,{ F+f,
F.*$
f{Sl r"{fi
f{sl
!Hn*J&ls::d*r***:ll&*-{. -.
Ptg
ilJÉ&loF*dilÉE.n
EtsÍ tHngln&iúrFgMraJormtlcl
'.tJ
lJ:'
rl{,
i}}
{.
r.r.lt
. . :I
eù*l'.&ndla
*lvrjm dla rsta;m+4*l
Elúl
ffúl e*
r|ll {
&IGffi
|oà!ykn*{*
, .
,r1pi#:rXleti1i1r*
tqif
E$l
ry*rr€E[
I
ùúaurirrí*craci
Peri "produttori agricoli"perso;téÎisiche,nelladichiarazioneIRAP
viene compilato/quadro lQ sezionilV e Vl.
Alvalore indicatoal rigo tQ65cól 1 sottrarrel'eventualecostodel personale.
ll risultatocosìottenuto saràquello da indicarenellasecondariga del quadro F4.
ATTENZIONE
La compilazionedi questo quadro
potrebbe avere implicazionianche
sul patrimonío mobiliare
s,ffift# tp
fffiS ffitilf,fiSffiF\tfi
Cfli+afri
F{- #{.4{trf}+ni*qi*t|.
lPgl Odssr* *t. I I, el- l*, ql ùl
lEf-"Y*r:d*rr***: h"rl*
qf!"]Hr:d*"ndsss,F*-!1.
FÉî rt*x*l*poÀxicenm
l9É3 UJm&ldrrgúdor*h&f{
j.'
!&t*I*r-{.d:re*r*Sq ry::* s*t|:l
Fa5 ltlsràlo
eudr*r
..**--;l:--
6rr' Vt
lFúó In**|rd{urcú*er
FCI
orr:
&l
"&r
JJolp*aim
Hs}t$*i***
*{*it
Jd Ctr
Er*€E
dJD.lgr n, a{ó
lP6'9 Or*aimgr. ll.sr{irl
FIO àr*dalrprd**rt
S cqàdr
3t Jql {ar*
Ff l Làrra
Fr**l
FI2 lfuò|tpsdÉbrtìrÉ
Peri "produttori agricoli"che esercitanol'attiv'!àln forma societaria,nella dichiarazioneIRAPviene
luadro lP sezionilV e Vl.
A! valore indicatoal rigo lP72 có\.1 sottrarrel'eventualecostodel personalee
rapportareil risultatoalla quota di partecipazionenella società.
ll valore cosìottenuto saràquello da indicarenellasecondariga del quadro F4.
10.10| redditj
Rimangonoesclusidalla valutazionedella situazioneredditualein quanto non concorronoalla
aifini ISE:
formazione
del redditocomplessivo
) iredditiesenti;
separata;
* i redditisoggettia tassazione
à alcuniredditisoggettiaritenutaallafontea titolo d'imposta.
AI FINIISEE
DELREDDITO
COMPLESSIVO
DATLAFORMAZIONE
REDDITIESCLUSI
Sonoesentiad esempio:
le rendite lNAlL,per invaliditàpermanenteo morte, e le rendite aventi analoganatura
l'indennitàgiornalieraper
corrisposteda organisminon residenti,è esclusadall'esenzione
i n a b i l i t àt e m p o r a n e a ;
.
talune borsedi studio;
.
le pensionidi guerra,pensioniprivilegiateordinariecorrisposteai militaridi leva,pensioni,
indennità,compresele indennità di accompagnamentoe assegnierogati dal Ministero
d e l l ' l n t e r n oa c i e c h i c i v i l i ,a i s o r d i e d i n v a l i d ic i v i l i ,s u s s i d ia f a v o r e d e g l i h a n s e n i a n i ,
p e n s i o nsi o c i a l i ;
.
l'assegnoal nucleofamiliare,assegnodi maternitàprevistoper la donna non lavoratrice;
.
o divorzio;
l'assegnodi mantenimentodei figli in casodi separazione
.
"vaucher";
accessorio
i redditida lavorooccasionale
.
i compensi,per un importo non superiorea € 7.500 annui, derivantida attività sportive
dilettantistiche(anche se di carattere gestionaleamministrativo)e di cori, bande e
filodrammatícheda parte del direttoree dei collaboratoritècnicl;
Gli immobili detenuti all'estero,non affittati, per i quali non è previstaimposizionenel
paesedove sono situati.
Sitratta, ad esempiodi:
.
I reddití esentí
I redditi
soggetti
a ritenuta alla
fonte a titolo
diimposta
I redditi
soggetti
ad imposta
sostitutiva
.
.
.
redditi derivantida attività sportivedilettantistiche(e di cori, bande e filodrammaticheda
parte del direttore e dei collaboratoritecnici)per un importo fino ad € 28.158,28annui in
quanto,pur rientrandonell'art.67del TUIR,sono inseritineflalettera m) e non nelle lett. í)
e l);
premi e vincite.
premi per l'incrementodella produttivitàfino ad un massimodi € 6,000 per tutto il nucleo
familiare.
Sitratta, ad esempiodi:
I redditi
soggetti
a tassazione
separata
.
.
.
.
.
emolumentiarretratidi lavorodipendenteo pensione;
trattamentodi fine rapportoed indennitàequipollenti;
dei rapportidi co.co.cose il diritto risultada atto di data certa
indennitàper la cessazione
anterioreall'iniziodel rapporto;
plusvalenze
realizzatemediantela cessionea titolo onerosodi terreni edificabili;
plusvalenze
ed altre sommepercepitea titolo di indennitàdi esproprio.
1 0 . 1 1|
che il reddito
delladichiarazione,
di presentazione
ll legislatore
ha previsto,in casodi esonerodall'obbligo
da consideraresia quello imponibileai fini IRPEFrisultante dalla certificAzloneconsegnatadai soggetti
dei redditi,ai fini ISEnon si
erogatori;ne consegueche per un contribuenteesoneratodalladichiarazione
deve ricostruire la sua situazÍone reddituale, ma si deve dichiarare solo quanto risultante dalla
certificazione
rilasciatadai soggettierogatoridei compensi.
dei redditi,ha comunquela facoltàdi
Vale la pena di ricordareche il soggettoesoneratodalla dichiarazione
corl
t
presentarla
nel casoin cui vogliafar valeredeglioneridetraibilio deducibili.
Di seguitosi propongonoalcunetra le piùrfrequenticasistiche
dei redditial
di esonerodalladichiarazione
gli
particolare
fine di evidenziare effettisulladeterminazione
del redditoai fini ISEdegliimmobilied in
della
casadi abitazione:
Sonoesoneratidalla dichiarazionedei redditi:
I possessoridi soli redditi fondiari, compresal'abitazione
principalee sue pertinenze,per un importo non superioread €
500,00.
Effettisul redditocomplessivo
da indicarein F4se il contribuente
nonfa la dichiarazione
dei redditi:
ll redditocomplessivo
ai fini ISE
saràzero.
I possessoridi soli redditi dei fabbricati derivanti esclusivamente
dal possessodell'abitazione principale e sue pertinenze.
ll redditocomplessivo
ai fini ISE
I possessoridi soli redditi di lavoro dipendente, o assimilati
compreso pensioni,corrisposti da un unico sostituto obbligato ad
ll redditocomplessivo
ai fini ISE
effettuare le ritenute di acconto ed eventualmente reddito di
fabbricatiderivantedal possessodell'abitazioneprincipalee sue
pertinenze.
saràzero.
saràcostituitoesclusivamente
dal
redditoimponibileIRPEF
certificato
dal datoredi lavoro(CUD).
ll sostitutodeveavereeseguito
correttamente
il conguaglio
fiscale.
I possessoridi
soliredditidalavorodipendente
ed
eventualmenteredditodi fabbricatiderivanteesclusivamente
principalee suepertinenze.
dal possesso
dell'abitazione
I redditi possonoesserecorrispostiancheda più soggettima devono
ll redditocomplessivo
aifini ISE
saràcostituitoesclusivamente
dal
redditoimponibileIRPEF
esserecertificatidall'ultimosostitutod'impostache ha effettuato
certificato
correttamenteil conguagliofiscalesul totale dei redditida lavoro
percepiti.
dal datoredi lavoro(CUD).
I possessoridi soli redditi derivanti da rapportidi collaborazione
coordinata e continuativa compresii lavori a progetto
intrattenuti con uno o diversi sostituti d'imposta ed
eventualmente reddito di fabbricati derivante esclusivamente
dal possessodell'abitazione principalee sue pertinenze.
I redditipossono
essere
corrisposti
ancheda piùsoggetti
madevono
essere
certificati
dall'ultimo
sostitutod'imposta
chehaeffettuato
correttamente
il conguaglio
fiscalesultotaledei redditida lavoro
percepiti.
11
è' :
ll redditocomplessivo
aifini ISE
saràcostituitoesclusivamente
dal
redditoimponibileIRPEF
certificato
daldatoredi lavoro(CUD).
Se il contribuentesi awalessedella facoltà di presentarela dichiarazionedei redditi per far
valere oneridetraibilio deducibili,
il redditocomplessivo
ai fini ISEsarebbequellorilevabile
dalladichiarazione
e cioè:
à
RigoL1 col.L o 2 del Modello730-3Prospettodi liquidazione;
à
RigoRNl del ModelloUNICO.
L'importodel reddito aifini ISEsarebbein questocasosuperiorein quanto nel complessivoaifini IRPEFè
compresoanche l'imponibile derivante dal possessodegli immobili compresal'abitazioneprincipale e
sue pertinenze. In ogni caso, ai fini lSE, anche per un soggetto che non fa la dichiarazioneperché
esonerato,gli immobilidevono essere sempredichiaratinel Patrimoniolmmobiliare Quadro F6.
celt
t
10.t2omesiap
antàfiOfaAAtal ihi6i.àiióngddi dtil,ó.
.',ll,l'::,ii,
dellapresentazione
per un soggettoobbligatoallapresentazione
dei redditi,l'omíssíone
delladichiarazione
di sanzionitributarie.
presuppongono
l'irrogazione
o la non correttacompilazione,
che il
ci si accorgesse
Se al momento della compilazionedella DSU,esaminandola documentazione,
contribuente non ha presentato la dichiarazionedei redditi seppur obbligato oppure, pur avendo
presentato la dichiarazionedei redditi quest'ultima contiene errori, è indispensabileinformare il
cittadino rappresentandoglile possibilità di regolarizzazionedi cui potrebbe usufruire nell'uno o
nell'altro caso.
I
dei redditicon
delladichiarazione
il termineultimo per la presentazione
Mancatapresentazione:
è comunqueritenutavalidase
modelloUNICOè il 30 settembre,oltretale terminela dichiarazione
presentata entro 90 giorni, quindi entro il 29 dicembre, pagando la sanzione per tardiva
presentazione
oltre allasanzionee agliinteressiper tardivipagamentidi eventualiimpostedovute,
ù
a quello
il rawedimentoentro il 30 settembredell'annosuccessivo
Correzione
dierrori: è possibile
in cui è stata presentata,pagandola sanzionee gli interessiper tardivi pagamentidi eventuali
imoostedovute.
consentonoal cittadinodi rimediaread un eventualeerrore od omissione
I termini sopra rappresentati,
la DSU,con riferimentoai redditidichiarati.
di presentare
dei redditi,permettendogli
delladichiarazione
Nel caso in cui il cittadino non voglia aderire alle sopra citate soluzionidel problema, dovrà esserelui
anchealla lucedi quanto
stessoad indicarequaleredditodichiararenellaDSUcon la consapevolezzache,
dispostodal D.L. n. 78 del 31 maggio 2OtO,i controlli incrociatitra le banche dati della Pubblica
Amministrazione
e l'lNPS,sarannosemprepiùrfrequenti.
rilevarei dati
10.13| documentidaiquali
dal
resa in autocertificazione
La compilazione
della DSUe dei relativifogli allegatiè una dichiarazione
penale.
cittadinoche con la firma ne assumela responsabilitàanche
nei confrontidel cittadinoche si rivolgea noi per la compilazione
Rimanecomunque,una responsabilità
prenderevisionedei
della DSUed a tal fine, per individuarei dati da esporrenel quadroF4,è necessario
seguentidocumenti:
.
.
.
.
I
Dichiarazione
dei redditi:Modello730 o ModelloUNICO.
CUDo altra documentazionerilasciatada chi ha corrispostoil reddito.
IRAP:in casodi soggettoimprenditoreagricolo.
Dichiarazione
Attestazionecomprovantei costi del personale:in casodi soggettoimprenditoreagricolo.
Documentazionerilasciatadal datore di lavoro estero: per i redditi da lavoro dipendente dei
Frontalieri
e dei lavoratorimarittimiimbarcatisu navibattentibandieraestera.
se il cittadinonon intendeesibiretali documenti,è benefarsirilasciare
In alternativaalladocumentazione,
con la quale attestagli importi da dichiarareassolvendoil CAAFda ogni
dallo stessouna dichiarazione
nei suoiconfronti.
responsabilità
coll
tt
10.14Riepilogoe compilazionedel QuadroF4
RigoRN1 colonna4 del ModelloUNICO
RigoL1.colonnet e/o 2 del Modello730-3Prospettodi liquidazione
Punti1 elo 2 del ModelloCUDoppureimponibileIRPEF
rilasciata
di altradocumentazione
da chi ha
erogatoil reddito (in casodi esonerodalladichiarazione)
".._"*1ffifffiffi
redditidi lavorodipendenteed assimilati(assoggettati
ad impostasostitutivapunto 10.3.1);
redditidi lavoroautonomoe di impresa(assoggettati
ad impostasostitutivapunto 10.3.2);
redditidiversidi cui all'articolo67,commaL, letterei) e l), del TUIR(puntoL0.3.2');
parte dellesommepercepiteper incrementoproduttività(punto10.4)
redditoesentederivanteda lavorodipendenteprestatoall'esteroin zonedi frontiera(punto10.5)
redditodei lavoratorimarittimiimbarcatisu navibattentibandieraestera(puntotO.0)
redditidegliimmobiliassoggettati
a cedolaresecca(punto10.7)
'--"'$ffi,ffiffiiffi**RigoA11 colonna10 del ModelloUNICOper gli imprenditoriagricoli
-'=-'-ffi,,ffiffiffi*u"=*
OUADROF4- SIÎUAZ|ONEREDDITUALE
OEL
Anotsndsraaile2 | .000 supcrlorisc la ultlne tra cifresupofiaro5O0,e qlclle infartafiin cÉsocorlrarto (per 1.501, scrlyere
2.404;per 1.5A0,scrivaro1,000).Par gti euro,aftotandarealt'interopiti vièi?o(per 1,51scrívara2; par 1,5scrîvara1)"
Redditocomplessivo
dichiaratoaifini IRPEF
agricolo)
{al nettodel reddltlsgrúrldsll'lmprendltore
Provrenti
agrarida dichiaraaione
IRAP
(p€r i $olt imprsnditorlagrtEgli)
Annodi produaonedel reddito
PROVENTI
AGRARIDA DICHIARAZIONE
IRAP
Per le personefisicheQuadrolQ Sez.Vl:
(RigolQ65 col. 1) - (costidel personale)
Per le societàQuadro lP Sez. Vl:
[(RigolP72 col.1) - (costidel personalellx% partecipazione
ANNODI PRODUZIONE
DEL
REDDITO
lndicarel'annoin cui sono
stati prodotti i redditi
dichiaratiche,di norma,è
quelloprecedentealla
presentazione
dellaDSU
Gell
t
10.15Le FAQdell'INPS
redditualedi ciascun
il nucleofamiliare
Situazione
componente
per il
Rientratra i redditiI'assegno
mantenimento
deifigli?
di
Rientratra i redditil'assegno
per il coniuge?
mantenimento
L'ossegnacorrispostoda un coniugeall'oltro per il montenimenta
deifigli non è cansíderatoreddito per ìl coniuge che lo riceve mo
L8/O3/2OO3
soloper quello che lo versa(ort. 3 commoj lett. b e art. 70 commo
1 lett. c delT.U.917/86).
L'assegnodi mantenimentocorrispostodo un coniugeoll'altro per il
mantenimentodi quest'ultimoè consideratoreddito per il coniuge
t8/03/2OO3
che lo ricevemo non per quello che lo versa(art. 70 comms 7 lett. c
delT.u.917/86).
giudiziaria
Seil prowedimentodell'autorità
non distinguela quotaper I'assegno
periodicodestinataal coniugeda quellaper Nelcasodi specieI'ossegnosi presumedestinotoal coniugeper
il mantenimento
deifigli,I'assegno
si
metà del suo importo.
destinatoal coniugeper metàdel
considera
suo importo?
Va dichiaratoil redditosoggettoa
No,perchénon devonoesseredichiaratioi fini lrpef.
tassazione
separata?
Vannodichiaratii redditiprodottiall'estero
per i qualinonvigela necessità
No,perchénon devonoesseredichiorotioi fini lrpef.
della
in
ltalia?
dichiarazione
22/OU2OO4
27/02/2003
74/03/2003
Si,oi sensidell'ort. 3 commo 7, lettera b) DPCM221/99, i redditi dei
Chiè residentein ltaliama lavoraa San
28102/2OO3
i redditida lavoro? lovoratorifrontolieri devono essereconsideroti.
Marinodevedichiarare
No. Nondevono esseredichiorsti i redditi derivanti do: pensionidi
guerro; pensioni privilegiote ordinorie corrisposte ai militari dí leva;
pensioni,indennitèt,compresele indennitàdi occompognamentoe
Lesowenzionicomunalie regionali(peres.
ossegni,erogati dal Ministero dell'lnternoai ciechicivili, oi
gli aiuti per gli affitti,i buoni-scuola,
ecc.)
28/02/2003
sordomuti e ogli invalidi civili; sussidia favore degli honseoni;
del
allaformazione
debbonoconcorrere
pensionisocíali,ossegnisocialie moggiorozionisociali;borsedi
reddito?
studio corrisposteo studenti universitari;rendite erogate doll'lNAlL
per involidità o per morte. (note dell'UNlCO,per
esclusivamente
oltre precisazionivederel'AppendiceUnicopog. 8O)
Devonoesseredichiaratele pensioniestere
2r/03/2OO3
Si,se sonotossotein ltotia(v. AppendicelJnicop. 84).
percepitedai residentiin ltalia?
L'omissìonedell'indicazionedei redditi porto o far ritenereche,sio
per l'onno in esomecheper quelloprecedente,il dichiorqntenon
abbio ovuto redditi e quindi equivolentio zero. ln questicosi
Peri dichiaranti
chenon compilanola parte
della omissione,
bisognoinformoreil cittodino sulle conseguenze
relativaai redditiI'operatore
cheacquisisce
precisandoglichese vuolefor rilevareuna situozianediversa(cioè 28/02/2003
i dati in procedura
deveintenderecheil
che I'assenzodi reddito si riferisce od un solo anno) è opportuno
redditoequivalea zero?
chelo dichiori.Lo procedura occettalo non compilazionedei compi
relstivi qi redditi per le situozionisopra espostee cdlcola l'liEE in
bosead un reddito equivalenteo zero.
E'correttoattenersia quantoriportato
per cui nelQuadroF4,
nelle"lstruzioni",
redditolrpef,va indicatoesclusivamente
quantoespostonelledichiarazioni
fiscali 5t
(mod.Unicoo 730;mod.CUDin casodi
esonerodallapresentazione
della
D i c h i a r a z i o n?e )
2tlo2/20o3
ccrl
t
,'';;;il'"""',
redditualedi ciascun
Situazione
componenteil nucleofamiliare
,lil:
L'indennità
di accompagnamento
va
tra i redditi?
segnalata
No,comeper le rendite INAILper invalidità e morte. Si opplicanole
disposizionidelT.U. delle lmpostedei redditi - DPR917 del
22.72.86
Un socio-autista
scrli cui
di Cooperativa
redditirelativial periodofebb/dic.2001
ammontanoa circaL.9.000.000,mentrele
bustepagaè di circa
ll reddito del Cud.
1.3.000.000/4.000.000.
Períl calcolo
qualeredditova considerato
ISE/ISEE
il
redditodel Cudo il redditorealmente
percepito?
Comevalutarei redditidei lavoratori
f rontalieri?
Si consideronocome i redditi do lavoro percepitiin Italio (DPCM
221/1999,art. 3, comma 1, lett.b)
Datsdi
Redazione
28/02/2003
27/O2/20O3
2'/o2/zoo3
[email protected]
ll patrimonio
mobiliare
t
QuadroF5
Parte I
Capitolo11
11.1lnrnoouztoNE
11.2LecoMPoNENTI
DEL
PATRIMoNIo
MoBILIARE
. 11.2.1Depositie contlcorrentibancarie postali
. t1.2.2Titolldi Stato,obbligazioni,
certificatidi deposito,buonifruttiferied assimilati
. 11.2.3Azionio quotedi organismi
di investimento
italianiod esteri
collettivodi risparmio(OICR)
' 11.2.4Partecipazioni
azionarlein societaitalianeed esterequotatein mercatiregolamentari
' 11.2.5Partecipazioni
azionariein societanon guotatein mercatiregolamentati-Partecipazioni
in
- lmpreseindividuali
socletanonazionarie
. 11.2.6Massepatrlmonialiaffldatein gestionead un soggettoabilitato
. 11.2.7Altri strumentie rapportifinanziari- Contrattidi assicurazione
vita
11.3AnnoroNDAMENTo
DEGU
tMpoRTt
11.4| soeeETTTcHE
GEsnscoNo
t[ pATRlMoNto
MoBIUARE
11.5 I DoCUMENTI
DAIQUATIRIIEVARE
I DATI
queonoF5
11.5Rrepnoco
EcoMptrAztoNE
DEL
11.7Eseupr
DtcoMpnAztoNE
DEtqueonoF5
11.8Lernq oeu'trups
- eunono F5
ll pRrRrMoNro
MoBTLTARE
11;1
Nel quadro F5 del foglio allegatodeve esseredichiaratoil patrimonio mobiliare detenuto sia in ltalia che
all'estero (depositi bancari,depositi postali, BOT e altri titoli di Stato, denaro affidato a società di
investimentoo di risparmio,quote di partecípazioneazionaria,ecc.) e possedutodal singolo soggetto
componente il nucleo familiare alla data del 31 dicembre dell'anno precedentela presentazionedella
DSU.
Se, al 3L dicembredell'annoprecedente,il soggettointestatariodel foglio allegatonon è titolare di alcun
patrimonio mobiliare,nellospaziocorrispondentedel quadroF5 deve essereindicatoil valore 0 (zero).
N e lq u a d r oF 5 :
à deve essere dichiarato il patrimonio mobiliare possedutoal 3l- dicembre, anche se non piùr
possedutoalladatadelladichiarazione;
al 31 dicembreanche
à non dovrà esseredichiaratoil patrimoniopossedutosolo successivamente
dellaDSU;
se possedutoalladatadi presentazione
à devono esseredichiaratii dati relativiai soggettiche gestisconoil patrimoniomobiliare;
à il patrimoniomobiliaredeve essereripartito fra i contitolariin basealle quote di spettanza.
quelleprevistedal DPCMn. 22L del 7 maggio1999 che all'artícolo
3, comma 2, specificaquali sono e a
qualemomentova riferitoil lorovalore:
a) depositi e conti correnti bancori e postali, per i qualiva ossunto il valore del saldo contabile attivo,
al netto degli interessi,ollo datd del 37 dicembre dell'dnno precedente allo presentozione della
dichiorazione sostitutiva;
b)
titoli dì Stqto, obbligazioní, certiîicatÍ di deposito e credito, buoni lruttìferi ed assimilati, per i quali
va ossunto il valore nominale delle consistenzeollo data dî cui alla lettera a);
c) azioní o quote di orgonísmi di investímento collettivo di risparmio (O.I.C.R.)italíani o esterí, per le
quali va assuntoil volore risultante dall'ultimo prospetto redotto dalla società di gestione alla dota
di cui alla lettera a);
d) portecipazioni ozionarie Ín societù itoliane ed estere quotdte in mercati regolamentatÍ, per le
quali va ossunto il valore rilevato olla data di cui alla lettera a) owero, in mancanzd, nel giorno
antecedente alla dichiorazione, ad esso piìt prossimo;
e) partecipazioni azionarle in societù non quotote in mercotí regolamentoti e partecipazioni in
socîetà non azionorie, per le quali va assunto il volore della frazione del patrimonio netto,
determinato sulla base delle risultonze dell'ultimo bìlancio approvato onteriormente dlla data di
presentazione della dichiarazìone sostitutiva, ovvero, in casodi esonero dall'obbligo di redazione
del bilancio, determinoto dalla somma delle rimanenze linali e dal costo complessivo dei heni
ammortizzabili, al netto deì relativi ammortamenti, nonché degli altri cespiti o beni patrimoniali;
î)
masse patrimoniali, costítuíte da somme di denaro o beni non relotivi all'impresa, affidate in
gestione ad un soggetto abílitato ai sensi del decreto legislativo n. 475 del 7996, per le quali va
ossunto il valore delle consistenzerisultonti dall'ultimo rendiconto predisposto, secondo i criteri
stabilití doi regolamenti emonoti dallo Commissionenazionole per le società e lo borso, dol gestore
del patrimonio anteriormente olla dato di cui alla lettera a);
GCll
t
s)
dltri strumenti e ropporti finanziori per i quati vo assunto il valore corrente alla dota di cui olld
lettera a), nonché controtti di assicurozionemista sullo vita e di copitalizzozioneper i quali va
dssuntol'importo dei premi complessivamenteversati o tole ultimo data, ivi comprese le polizze a
premio unico anticipato per tutto la durota del controtto, per le quoli vo dssunto I'importo del
premio versoto; sono esclusii controtti di ossicurazionemisto sullo vita per i quoli olla medesimo
dota non è esercitabileil diritto di riscatto;
h)
imprese individualí per le quali va assuntoil valore del potrimonio netto, determÎnato con le stesse
modolitù indicate alla precedente lettera e).
11.2.1Depositie conti correnti bancarie postali
e ufficirffffT'"":t":ff:t#1ìt.,,"n."
offertida banche
;ronoservizi
e
denarocontante
di depositare
sulcapitaledepositato.
di gestirei risparmie di percepireinteressi
lassegni,
A l f i n ed e l l ac o m p i l a z i o ndee l q u a d r oF 5 :
r va dichiaratoil valore del saldo contabileattivo al netto degli interessimaturatialla data del 31
quellodi presentazione
dellaDSU;
dicembredell'annoprecedente
I in casodi saldopassivoil valoreda indicareè zero,non possonoessereindicativaloriin negativo;
! se il soggettoè titolaredi piùrconti correntinon possonoessereeffettuatecompensazionifrasaldi
r
attivi e saldipassivi;
ll dato si rileva dagli estratti conto bancarie postali.
Esempio
ll sig.Bianchiè titolaredi 2 conticorrentibancari,alladatadel 31.dicembre,per il primorisultaun saldoattivodi
di € 347,50.
€ 3.690,00per il secondorisultaun saldopassivo
ll patrimoniomobiliareda indicarenel quadroF5riferibileai depositieconticorrentisaràdi euro3.690,00.
It.z.2Titoli di Stato,obbligazioni,certificati di deposito,buonifruttiferi ed assimilati
Al fine dellacompilazione
del quadroF5:
r Va dichiaratoilvalore nominaledei titoli possedutialla data del 31 dicembredell'annoprecedente
quellodi presentazione
dellaDSU;
. ll dato si rilevadal rendicontodella bancao dallacontabiledi acquisto.
Titoli di Stato
pari a 3, 6 o 12 mesi. ll
BOT- Sonotitoli obbligazionari
a brevetermineemessidalloStatocon scadenza
al momento
rendimentoè dato dalladifferenza
tra il prezzodi acquistoe il valoredi rimborso/nominale
pari
riceverà
momento
pertanto,
al
somma
che
il
sottoscrittore
alla
della scadenza.ll valore nominaleè,
della scadenza.
BTP- Sonotitoli obbligazionari
che lo Statoemette con varie scadenze(per esempio3, 10, 30 anni).ll
con cadenzasemestrale
secondoun tasso
rendimentodel BTPè dato dallacedolache viene corrisposta
per
del
la
vita
titolo. ll valore
prefissato
costante
tutta
che
rimane
al
dell'emíssíone
e
d'interesse
momento
paga
nominale è la somma che il sottoscrittore
al momento dell'acquistodel titolo.
pari a 7 anni.
CCT Sonotitoli obbligazionarí
a medio lungotermineemessidalloStato,con una scadenza
Si differenzianoda BOT e BTP per il fatto di esseretitoli a tasso variabilela cui cedola semestraleè
indicizzata
in genereal tassodei BOT.llvalore nominaleè la somma che il sottoscrittorepagaal momento
dell'acquistodel titolo.
di durata 24 mesi,emessiallo scopodi finanziareil
CTZ- Sonotitoli di stato senzacedola(zero-coupon),
debito pubblico.La differenzatra CTZe BOTriguardala duratadel títolo; inferioreo ugualeai 1.2mesi nel
casodel BOI di 24 mesi per i CTZ.ll valore nominaleè pari alla somma che il sottoscrittorericeveràal
momento della scadenza.
CGIl
mr-itrt!
\l-r.rr
bonds
Obbligazionio
i t un prestito concessodall'investitoreall'emittente delle obbligazioni:uno stato, un governo, una
I'emittentesi ímpegna
o una societàprivata.Quandoemette un'obblígazíone,
internazionale
I organizzazione
r a restituireil capitale(valorenominale)alla scadenzadel prestitoe ad effettuareuna serie di pagamenti
I periodici(cedole)calcolatiin basea un tassodi interesseprestabilito.llvalore nominaleè la somma che il
I sottoscrittore pagaal momento dell'acquistodel titolo.
Certificatidi deposito e credito
I certificatidi depositosono titoli che vengonorilasciati a fronte del depositodi una somma di denaro,
vincolatoad unascadenza
determinata.
Esistonodiverseforme tecnichedi emissione,come:
. I'acquisto,da parte dell'investitore,
al valore attuale e la riscossionedel valore nominalea scadenza
(certificati a taglio fisso). ll valore nominale è pari alla somma che il sottoscrittore riceverà al
momento della scadenza,
I
I'acquistoal valore nominale e la maturazionedi interessifissi o variabili a scadenzeprefissate
rr
f
(certificatiin forma di buoni fruttíferí).ll valore nominaleè pari alla somma che il sottoscrittorepaga
I
I
al momento dell'acquisto.
Rientranofra i certificatidi depositoanchei libretti di risparmiobancario postali.In questo caso il valore
nominaleè ilvalore della sommache risultadepositatasullibretto dí risparmio.
11.2.3Azionio quotedi organismidi investimento
collettivodi risparmio(OlCRlitalianiod esteri
Alfinedellacompilazione
delquadroF5:
I
I
Va dichiarato
ilvaloredelleazioniodellequotedi investimento
ll dato si rileva dall'ultimo prospetto redatto dalla socíetàdi gestione alla data del 31 dicembre,
pertantola data di redazionedel prospettopotrebbenon coinciderecon il 3l dicembre.
otcR
I fondi comuni sono patrimoni collettivicostituiticon i capitaliraccoltida una pluralitàdi risparmiatori,
ciascuno
dei qualidetieneun numerodi quote proporzionali
all'importoche ha versato.Símiliaifondí nella
gestione
patrimonio,
ma differentidal punto di vistagiuridicoe fiscale,le SICAV
modalitàdi raccoltae
del
sono societàdi investimentoa capitalevariabile,dotate di personalitàgiuridicapropria il cui patrimonioè
rappresentato
da azionianzichéda quote.
gestione
La
del patrimonio del fondo è affidataad un gestore.
di diverse
ll gestoreinvesteil patrimoniodel fondo in un'ampiagamma di titoli (azionie obbligazioni
emittenti,titoli di stato,strumentiderivati,ecc.).Gli strumentifinanziarie le disponibilitàliquideche fanno
parte del fondo sono custoditida una Bancadepositariache accertala legittimitàe la correttezzadelle
operazionidi emissionee rimborsodelle quote del fondo,il calcolodel loro valoree la destinazione
dei
proventideifondi.
Gli OICRsono tenuti ad adempierenei confrontidei sottoscrittoriad obblighiinformativispecificatamente
disciplinatidallanormativavigente (DecretoLgs.24 febbraio1998, n. 58 e deliberadella CONSOB
del 14
maggio L999 n. 1L97Ll. L'obbligoinformativosi esplicitain particolarenella redazionee consegnaal
sottoscrittoredel prospettoinformativoe nell'obbligodi pubblicazionemensiledel valore della quota del
fondosu almenoun quotidianonazionale.
1t.2.4 Partecipazioniazionariein societàitaliane ed esterequotate in mercati regolamentari
Alfíne dellacompilazione
delquadroF5:
r Va dichiaratoilvaloredellepartecipazionialla
quellodi
data del 3l dicembredell'annoprecedente
presentazione
dellaDSU;
r ll dato si rileva dal rendicontorilasciatodall'intermediario(banca,SlM, ecc.)cuí è stataafFidatafa
custodiadelle partecipazioniazionarie,oppure si può fare riferimento ai giornali finanziari che
CGIl
tt
percentuale
riportanoi valorigiornalieridei titoli azionari(prezzodi riferimento)e lo scostamento
percentualeannua),il dato in questocasosi ricavacon la seguente
dal 31 dicembre(variazione
operazionematematica:(prezzodi riferimentox 100) : (variazionepercentualeannua + 100) x
azionipossedute
Esempi
Prezzo
di riferimento
al27 giugno2otl €2,467
percentuale
Variazione
annua+ 2,47%
Azionipossedute
250
12,467x 100) : l+2,47+ 100)x 250 = € 602,00valoredelle azioniposseduteal 31 dicembre2010
Prezzo
di riferimento
al27 giugno2OtL € 1",759
Variazionepercentuale
annua -1,,69%
Azionipossedute
500
(1,759x 100): (-1,69+ 100)x 500 = € 894,50valoredelle azioniposseduteal 3l dicembre2010
11.2.5 PartecipazioniazionarieIn societànon quotate in mercati regolamentati- Partecipazioniin società
non azionarie- lmpreseindividuali
Al fine della compilazionedel quadro F5 va assuntoil valore del patrimonionetto che viene determinato
diversamente
a secondache la partecipazione
riguardisocietàobbligateallaredazione
del bilancioo società
non obbligateallaredazione
del bilancio.
Se vi è obbligo del bilancio
Lavoceda considerareè quelladel "patrimonio netto". ll valoredovràessereripartitofra i socidella
società(in casodi società)secondola percentuale
di partecipazione
agliutili di ognunodi essi.
ll valore da riportareè quello indicatonell'ultimo bilancioapprovatodalla societàanteriormentealla
data di presentazionedella dichiarazionesostitutivauníca(DSU).
e Approvazione
BilancioSocietàdi Capitali":
"Terminidi Redazione
SOCIETA
DI
CAPITALI
Redazione
BilancioC.d.A.
-.>{
BilancioSoci
Approvazione
DepositoRegistrolmprese
37/03
30/04
30/0s
ll patrimonio netto per i soci delle societàdi capitale
Peri socidellesocietàobbligatealla redazionedel bilancio(societàdi capitali:SpA.Srl,Sapa)il valoredel
patrimonio da dichiarareè quello relativo alla quota di spettanza del patrimonio netto risultante
dall'ultimo bilancio approvato anteriormentealla data di presentazionedella DSU (il bilanciopuò non
essere,in questocaso,quellorelativoal 31 dicembredell'annoprecedente
la presentazione
dellaDSU).
ll dato si rícava nefla parte relativa alle passivítàdello stato patrimoniale alla voce "patrimonio netto",
rapportato alla quota di partecipazione.
cell
t
Esempioschemastato patrimoniale
STATO PATRII^ONIALE
cRDnr vms scr PB vmsaMu{u
\) PATRIMONIONETTO
ANCORA DOVUN (TC'TALEI
l- Captale
Parte da richime
fl - RissE di strappreo
Parte richimta
lll - Risd€di ri€lutuim
I - IMMOBILIZAZONI
V - Risffi
MMATERIALI
Vll - Altre rism
s\iluppoe di pubblicità
3) Dirittodi brq€tto ird6fiale e di utilizo ddleopde d'irgegrc
liffie,
propriein portafoglio
distintamte indicate
RissEslrtrdHia
RissE da arrdondarslti
mrchi ediritti simili
illl - Utile (psdite) portatea ntm
5) Awiarsfo
6) lrrrnbilizeioni
per uiffi
Vl - Riss€ statutarie
1) Ccti d'irpianto e di arpliarEnto
4) Co|l6simi,
eiúi
lV - RistrE legale
IMMOBILIZAZONI
2) Ccti di riH€,
3l/12/m
PASIVO
ATIIVO
lx - LJtlleao*dital ddl'efdJo
in wso e emti
.OTALE
7) Altre
PATRIMONIO N ETTO ( A }
FONDIPB
TOTAI,D(D
[email protected]
1) Per tratarento di qui6ma
II - TMMOBILIZZAZONI MATERIALI
ed obdighi simili
1) Tsreni efabbricati
2) Ps irpGte, arche difisite
2) lnìpiilti emchimrì
3) Altrifffdi
3) Attr%ature indtFtrialie coírcciali
)TAE FONDIPERRISCHIED ONERI( B }
ll patrimonio per i socidelle societàdi personee per le impreseindividuali
Per i soci delle societànon obbligatealla redazionedel bílancio(societàdi persone:5nc, Sas)il valoredel
patrimonioda dichiarareè quello relativo alla quota di spettanzarisultantedalla somma dei valori sotto
riportati.
Se non vi è obbligodi bilancio
- L'ammontare
che devono
derívada un insiemedí calcolie considerazioni
del patrimoníocheva díchíarato
-esserepostiin essererilevandoi dati dai documenticontabilidell'azienda
stessa
- la normacontenutanell'art.3 del decreto221./89cita:
FINAU +
t VALOREDErLERTMANENZE
:
.||valoresidesumeda||,inventariochedovrebbeesserepredispostoda||,impresaancheperfinifisca|i;
"mo|ticasii|va|oredel|erimanenzefina|ipuòesseredesuntoda|rigoRG7e/oRG8de|mode||odi
.dichiarazioneUnicopersonefisicheodalcorrispondenterigode|mode|loUnicoSocietàdípersone
'
DEIBENIAMMORTIZZABILI
COSTOCOMPLESSIVO
+
At NETTODEIREIAÍIVIAMMORTAMENTI
" ll valore si desumedal libro dei cespitiammortizzati(fatti salvi i casidi gestionestroordinariadei cespiti.
...potrimonia/i),edèladifferenzafrai|prezzodiacquistodeibenistrumenta|ieg|iammortamentieffettu
ALTRICESPITI
O BENIPATRIMONIAII:
'
lQu"rt" voce è comprensivadi tutti gli altri cespitie beni patrimonialidell'azienda;
fra queste ,ono l
:compresii c/c edepositibancarie postaliin possesso
dellesocietà,l'eventualevaloredi marchie/o brevettil
'possedutidall'azienda,
possedute
l'eventuale
dallesocietàecc.
valoredi partecipazioni
!!
ATTENZIONE
Gli elementisoprariportatihannouno scopopuramente informativo.
di patrimoniomobiliarederivantedallapartecipazione
Al fine dellacompilazione
del quadroF5,in presenza
in società,è consigliabileche il dato del patrimonio relativo ai soci di società, soprattutto quelle di
/-t\
persona,e dei titolari di impresaindividuale,venga richiestoal soggettoche elabora la contabilitàdella
societào dell'impresaed autocertificato da chi presentala DSU.
CGIl
t
Di seguitosi riportaun esempiodi autocertificazione
PATRIMONIO
NETTO
da indicarenella Dichiarazione
SostitutivaUNICA
Art. 3, commo 2, DPCMn. 221/1999:
e) partecipazioni azionarie in societù non quotdte in mercati regolamentati e partecipazioni in societù non ozionorie,
per le quoli vo assunto il valore della frazione del potrimonio netto, determinato sullo base delle risultanze dell'ultimo
bilancio approvato anteriormente olla dato di presentozione dellq dichiarqzione sostitutiva, ovvero, ín caso di esonero
doll'obbligo di redazione del biloncio, determinato dallq somma delle rimanenzefinali e dol costo complessivodei beni
ammortizzobili, ol netto dei relotivi ammortoment| nonché degli oltri cespiti o beni patrimoniali;
h) imprese individuali per le quoli vo ossunto il volore del patrimonio netto, determinoto con le stesse modolità
indicote alla precedente lettera e).
c.F.
llsottoscritto
I n q u a l i t àd i :
! titolaredelladitta individuale
sociodellasocietàcon una partecipazione
del _Yo
:
( i n d i c a r ed e n o m i n a z i o n o
e r a g i o n es o c i a l ed e l l ' a z i e n d a )
DICHIARA
p
e
n
a
l
i
d
i
c
u
i
a
l
l
' a r t . 7d6e l D . P . Rn.. 4 4 5 / 2 O OpOe r f a l s i t ài n a t t i e
c o n s a p e v odl ee l l er e s p o n s a b i l i t à
d i c h i a r a z i om
n ie n d a c i
Unica(DSU)è:
Sostitutiva
che il patrimonioda indicarenellaDichiarazione
!W
Lavoce da considerareè quelladel "patrimonio netto" il valoredovràessereripartitofra i socidella
al capitalesocialedi ognunodi essi.
societàsecondola percentuale
di partecipazione
ll valoreda riportareè quello indicatonell'ultimo bilancioapprovatodalla società anteriormentealla
data di presentazionedella dichiarazionesostitutivaunica(DSU).
Anno 20
NETTO
PATRIMONIO
DELSOCIO}
ALLAQUOTADI COMPETENZA
fRIFERITO
Anno 20
A)VALORE DELLERTMANENZE
FtNALI
(RlFERrrO
AU_AQUOTA DELSOCIO)
COMPLESSTVO
B) COSTO
DEtBENtAMMORTIZZAB|LI
AL NETTODEIRELATIVIAMMORTAMENTI
(RTFER|TO
ALLAQUOIA DELSOCIO)
O BENI
c) vALoREDEGLTALTRT
CESPTTT
PATRI
MONIALIDELLAZI
DA
EN
(RIFERITO
AttA QUOTA DELSOCIO)
TOTALE(A+B+C)
DELSOCIO)
ALLAQUOTADI COMPETENZA
IRIFERITO
/_
/
(firmo)
colL
t
11.2.6Masse patrimoniali affidate in gestionead un soggettoabilitato
Si tratta di massepatrimoniali,costituite da somme di denaro o beni non relativi all'impresa,affidate in
gestionead un soggettoabilitatoaisensidelDlg4I5/1996 (banche,impresedi investimento).
l! dato si rileva dall'ultimo prospettoredatto dalla societàdigestione alla data del 31 dicembre,pertanto
con il 31 dicembre.
la datadi redazione
del prospettopotrebbenon coincidere
t1.2.7 Altri strumenti e rapporti finanziari- Contratti di assicurarionevita
Peraltri strumentie rapportifinanziarisi intendono libretti e titoli "al portatore" e altre somme di denaro
in genereper i qualiva dichiaratoil valore correnteal 31 dicembredell'annoprecedentela presentazione
dellaDSU.
Sonoinoltre da dichiararei premi versati,(effettivamentepagati)fino al 31 dicembredell'annoprecedente
mista sullavita e di capitalizzazioneper i quali,
la presentazione
della DSU,per i contratti di assicurazione
allastessadata, è esercitabileil diritto di riscatto.
La clausolarelativaal riscattoè normalmenteriportatanellapolizza.
Contratto di assicurazionemista sulla vita e di capitalizzazione
,r
di assicurazione.
ed un'impresa
llassicurazione
sullavita è un contrattotra un soggettocontraente
a pagareun capitaleo una renditaal
pagauno o più premie l'impresa
è obbligata
di assicurazione
ll contraente
verificarsi
legatoallavita umana(morte,sopravvivenza).
dell'evento
assicurato
puramentefinanziariache prevedeil pagamentoda parte dell'impresadi
La capitalizzazione
è un'operazione
del versamentodi premi
assicurazione
di una somma di denaroad una certa data quale corrispettivo
umana.
indipendentemente
dalladuratadellavita
Assicurazionimiste: prevedonoil pagamentoal beneficiariodi un capitalesia in caso di sopravvivenza
dell'assicurato
del contrattosiain casodi mortedellostessonel corsodelladuratadel contratto.
allascadenza
11.3 Arrotondamento degli importi
Nellacasella"consistenza
del patrimoniomobiliare"del QUADROF5 deve essereriportatoil patrimonio
mobiliarecomplessivoposseduto
dal soggettoa cui è intestatoil foglioalladatadel 31 dicembredell'anno
precedente
la presentazione
dellaDSU.
llvalore complessivodeve esserearrotondatoper difetto ai 500 euro o ai suoi multipli.
Esempio:
per € 2.950,indicare€ 2.5fi); per € 3.400indicare€ 3.000.
Nel quadroF5 devonoessereanaliticamente
indicatii dati relativia chigestisceil patrimoniomobiliaredel
componenteil nucleo,cioè i dati del cosiddetto"intermediario"e degli altri soggetticon i quali sono
depositoe gestione.
intrattenutirapportidi custodia,amministrazione,
Si ritieneche l'indicazione
dei dati di chi gestisceil patrimoniodeve esseresemprepresente,quindi anche
quando il valore non viene dichiaratoper effetto di un arrotondamentoche lo riporta a zero.
del patrimoniomobiliareva indicato:
Perognisingologestoredel patrimoniochecomponela consistenza
à il codicedi identificazionedell'intermediarioo delgestore,ad esempio,se si tratta di un deposito
andràindicatoil codiceABI;
bancario,
CGIl
à
t
la tipologia dell'intermediario,ad esempio, se I'intermediarioè una banca, basterà scrivere
è
"banca",senzaprecisare
diquale bancao agenziasitratti. Si può indicare:SlM,se l'intermediario
una societàdi investimentomobiliare;SGR,se l'intermediarioè una societàdi gestionedel
risparmio.ll codice identificativo(o comunque i numerí identifícatívidel soggettogestore che
compaionoin albi,elenchi,ecc.)va richiestoal gestorestesso.
Nel caso in cui il codice non sia definito, occorre precisare, per esteso, la denominazione
dell'íntermediaríoo del gestore.
La compilazionedella DSUe dei relativifogli allegatiè una dichiarazioneresa in autocertificazionedal
cittadinoche con la firma ne assumela responsabilitàanchepenale.
Rimanecomunque,una responsabilità
nei confrontidel cittadinoche si rivolgea noi per la compilazione
patrímoni
dellaDSU.Al fíne di indivíduarei
mobílíarida esporrenel quadroF5,il cittadinoche si rivolgea
noi per la compilazione
dellaDSUdeveprodurrei seguentidocumenti:
r
I
r
I
estratticonto bancarie postali
rendicontideposítotítolírilasciati
dallebancheo dalleSfM
bilancisocietào dichiarazione
del soggettoche redigela contabilità
pagamento
premi
ricevute
assicurazioni
In alternativaalladocumentazione,
se il cittadinonon intendeesibiretali documenti,è benefarsirilasciare
dallo stessouna dichiarazione
con la quale attestagli importi da dichiarareassolvendoil CAAFda ogni
responsabilità
nei suoiconfronti.
Tipologia
Descrizione
Codice
Valore al 31 dicembre dell'anno precedentela
Intermediario Intermediario
data di presentazionedella DSU
/Gestore
/Gestore
Depositi e conti
rti correnti bancari e
postali
Saldo contabile alla data di cui sopra, al netto
degli interessi.
Cod.ABI
Bancao oosta
Titolí di stato,
rto, obblígazioni,
certificati di deposito
dep,
e credito,
buoní fruttiferi
iferí ed assimilati
ValoreNominaledellaconsistenza
alladatadi cui
sopra.
Cod.ABI
Bancao oosta
Azionio quote
te di investimento
Valorerisultantedall'ultímoprospettoredattodal
Denominazione
(O.l.C.R.)
collettivo del risparmio
ris
Cod. Gestore
completa
Gestorealladatadi cuisoora.
italiane
re ed estere
Masse: Patrimoniali
Pa
Valoredellaconsistenza
risultantedal rendiconto
(somrne di denaro
raro o beni non relativi
predisposto
dal gestoreanteriormentealla data Cod.Gestore
all'impresa affidati
ati in
i gestione a soggetti
di cuisoora.
Dl n.415196)
abilitati - Dlgs
Contratti di assicurazione
ssicurazionemista sulla
vita e dílí capítalízzazione
capitalinai
(comprese
polizzea premio
pre
le: polizze
unico
anticipatoper tutta
tutta la dr
durata del
contratto)
lmporto dei premi complessivamenteversati alla
data di cui sopra, o, nel caso del premio unico,
l'importo del premio versato. Sono escluse le
polizzemiste sulla vita, per le quali alla data di cui
sopra non è esercitabileil diritto di riscatto.
Denominazione
completa
Cod.Gestore
Denominazione
completa
Cod.Gestore
Denominazione
completa
fl valore è quello rilevato alla data di cui sopra, o,
Partecipazioni
ni azionariein società
in mancanza quello del giorno antecedente, piir
- Quotatein
italiane ed estere
er
prossimo alla data di presentazione della
I
mercati
:i regolamentati
dichiarazione.
cGtl
t
A)
Codice
Descrizione
/Gestore
/Gestore
Cod.Gestore
Denominazione
completa
Valore al 31 dicembre dell'anno precedentela
IntermediarioIntermediario
data di presentazionedella DSU
Tipologia
Partecipazioniazionariein
societa non quotate in mercati
regolamentati e partecipazioni
in società non azionarie
B) lmprese individuali
Valore della frazione del patrimonio netto riferito
all'ultimo bilancio approvato anteriormente alla
data di presentazionedella DSU.
Valore del patrimonio netto riferito all'ultimo
bilancio approvato anteriormente alla data di
presentazionedella DSU.
In caso di esonero dalla redazionedel bilancio il
valore del patrimonio netto si determina
sommando le rimanenze finali al costo dei beni
ammortizzabili meno gli ammortamenti deglì
stessipiir altri cespitio beni patrimoniali.
Modalità dicompilazionequadro F5
Indicare
il totale complessivodel patrimoniomobiliare
possedutoal 31 dicembre
dell'annoprecedentela presentazionedella
DSU
approssimatoper difetto ai 500 euro o ai suoi
multipli(esempio:per 2.950euroindicare2.500
euro,per 3.400indicare3.000)
IIOBILIAREDEL SOGGETTO
lndllcarall patlft'o,nio n?9,billarc
comp,g.ssuamantepoesedutodàl
alla prcssntaziona dclla p|?sonb
dichiarràone
spstitutiva.
g.gaO.AOo,
[email protected]; par 904.oo0,scîlverc 0): per gli eutg
5.9OA,scivero 5.540;per 5.40O,scrtvÉre5.000;pet 494, scrivereO).
allt datt del 31 clicj€fibrr dcll'anno prccadènto
per dtfetto al milione di lire a al suoi multipt {Fer
,ndara p€.r difet?o ai &O ewo o ai suoi mulfipti (ger
IL PAÎRfiONIO flOEILIARÉ
DATI sUI SOOCEÎÎI CHECESÎISCOT.IO
Descrizioneintermediarioo gcatore
{lndtcatèse Bencaposlr, srM,lmprèsadl lnvestlfiénto
lndicare
il codice intermediario
(es.per le bancheindicareil
codiceABI)
se non esisteil codice
identificativo
dell'intermediario
non indicarenulla.
Indicare
la tipologia dell'intermediario
(ad esempioBANCA,POSTA,
SlM, ecc.se è stato
riportatoil codicedell'intermediario)
se non è statoindicatoil codicedell'intermediario
riportareI'esattadenominazionedel soggettoche
gestisceil patrimonio.
Esempio 1
ll signorVerdipresentala seguentedocumentazione:
Estrattoconto dellaBNL(codiceABI 01005):saldoal 3L dicembre+ I45,35 (unicointestatario)
(codiceABI):saldoal 31 dicembre- 123,40(unicointestatario)
Estrattoconto dellaCARIPLO
Estrattoconto titoli (BOTe CCT)pressola UNICREDIT
BANCA (codiceABI 02008)valore nominaledei titoli € 10.000,00(unico
i ntestatario)
(codicegestore147): prerniversatial 31 dicembre€ 2.350,00
Assicurazionevita riscattabilestipulatacon la INA ASSITALIA
ll totale del patrimonio è pari a € 12.351,45(non deve essere€onteggiatoil saldo in negativo riportato nell'estratto conto della
cARlPLo) l'importo da indicare nel quadro F5 è di € 12.000,00(patrimonio arrotondato per difetto ai 500 euro e suoi multipli).
ll quadro F5 risulterà cosìcompilato:
QUADROF5 - SITUAZIONE
PATRIIIONIALE:
PATRIMONIO
MOBILIARE
DELSOGGETTO
lndicarè ,l paHîwnb nloblllaft complesslvamanúr possedufo dal sogg€tto aua data del 3l dlcémbf€'.dall'anno pracadent'
alla prcsentazlane detle pÉeente dlchlersrtone sostJf./tyr. Afiatondare per díetto el mllio/ne cll llrè o tl swl muwpil (pel
9.900.000, s$tvere 9.000.040; pr 9N.AN, satvera Q; per gll ourc arratondaftt pat dlîetto al ffio aurc o at suoi multlpll (pel
5-9OA scriÌ'.ere 5.50O; per 5.4OO,scrtycra 5.00A; per 19A, scîivare O).
12.000,00
Consistenza
del patrimoniomobiliare
DATISUtSOOOEîî| CltE OÉSîtSCOilOlL PAîRtfrrQHtO
MOB|L|ARÉ
Codiceintermediarioo gestore
01005
06070
02008
Descrizioneinlermediarioo gestore
(indicare
dl lnvesttmento
se8ancs,Posfa,SrM,Imryesa
comunllaiao extracom
unftarta.écc.)
BANCA
BANCA
BANCA
ASSICURAZIONE
L47
Esempio 2
ll signorBianchipresentala seguentedocumentazione:
(codiceABI06175):saldoal 31 dicembre€3.89L,27(due intestatari)
Estrattoconto dellaCARIGE
al2O%
Patrimonionetto dellaSocietàESMERALDA
Srl€ 97.000,00di cui il signorBianchidetieneuna partecipazione
ProspettorilasciatodallasocietàINVEST
Spa dallaqualerisultanoal 31 dicembre€ 25.000,00gestitiper conto del SignorBianchi
ll patrimonio è pari ad € 46.345,64(l'importo del conto corrente è stato consideratoper la quota del 50% e il patrimonío netto
della società per la quota delZ0/"l,l'importo da indicare nel quadro F5 è di € 46.000,00.
ll quadro F5 risulterà così compilato
QUADRO F5 - SITUAZIONEPATRIMONIALE:PATRIMONIOMOBILIAREDEL SOGGETTO
lndicare ll patrlmonlo ,nobtlfare camp,!-sslvamente possedsfo ctal soggetto aila data cle,31 dlc$mù'è dell'anno prccedènte
alla prasentaziaflc dc/re presenb dbhlaf8,zlone sosfrtufrva. Anotondaft per diîetto sl millone dl ílr. o ai suoi multlplt (pel
9-900.AA0, scúvèrc 9"[email protected]@O: pèr 900.000, scrfverc q; per gli eurc anatondare per dÌletto al 500 eurc o al suol mulvpfi (par
5.900, scrivere 5.500; par 5.400, scriverc 5.000; pcr 490, scrlvere0).
46.000,00
Consistenza
del patrimoniomobiliare
DATIsul soooeîÎ|
Codice intermediario o gestore
06175
cHe gESîlsCoNo lL PAîRlltottllo tloBluARE
Descririone intermediario o gcatore
{ladic'rP se B€lrca,Posfa,SrM,,mprasadl investlmenta
comunlbrtao ertr'comunlt ila, ecc.)
BANCA
ESMERALDA
S.p.A.
INVESTS.p.A.
colt
t
11.8 Le FAQ dell'INPS
F5:Patrimoniomobiliaredi ciascun componente il nucleo familiare
'.,,..
Rirposta
àiil.l:tl.l|.il::i..:l;i::i.ii;:l::..llllltll.t.lll',,l
:,,,,ilil.l.,r..lt'll1.,.
del patrimonio(=
Qualè I'indicedi rivalutazione
rendimentomediodeititoli decennali
deltesoro) L'indicedi rivolutazioneè il 4,29%(GozzettaUfficiole
- SerieGeneralen. 2 del A4/01/2005).
per I'anno2004,quindida applicare
per le
dichiarazioni
successive
all'1.1.2005
?
ll prodottodel patrimoniomobiliareper il
rendimentomediodecennale
dei buonidelTesoro Operolo proceduroin qutomatico
vienearrotondato?
NelpatrimoniodeveessereindicatoI'importodel
deoositodel conto correntecointestato?Sesi in
o u a l em i s u r a ?
Si,il conto correntecointestotova indicotoper lo
quota di spettanzo,oncheper i soggetti appartenenti
a nucleifomiliari diversi(ex ort.3, comma3 DPCM
221/99). Selo quoto di spettonzanon è stobilito si
presumeche gli intestatsríabbiano uno quota
uguale.
,l:.r:rl,.pq€.:di::.l
.tnèdttióde
07/06/2OOs
28/02/2OO3
27/02/2003
Se trattasi di conto correnteintestato esclusivamente
al libero professionisto,anchese utilizzotoper scopi
professionoli,essoondrà indicoto nel patrimonio
Un liberoprofessionista
adoperail suoconto
correntesiaperfini personali
che professionali.
E'da mobiliore,assumendoil vqloredel saldo contabile
partedel patrimoniomobiliare
ottivo, ol netto degli interessi,allo dqtq del 37
considerare
personale
dicembredell'onnoprecedenteolla presentazione
del soggetto?
Sesi,in qualemisura?
della dichiorozionesostítutivounico (ort. 3, comma2
norme integroteD.P.C.M.n. 221/99 e 242/01).
22/OL/2OO4
NelpatrimoniodeveessereindicatoI'importodel
depositodel "Librettoal Portatore"?
Si,se il possessoreoppartieneal nucleofomiliare.
27/O2|2OO3
E' possibile
compensare,
nelquadroF5,fra loro
componentipositivie negatividel patrimonio
mobiliare(comein presenza
di un contocorrente
bancarioconsaldonegativo)?
No,i componentinegativi honno valoreZERO
27/02/2003
Seal 31.12non dovesse
sussistere
un oatrimonio
mobiliareposseduto
dovràsempre
dal soggetto,
essereindicatonellospaziocorrispondente
il valore Lo compilozionenon è obblígatorío,in assenzadi
ZERO.
o il valoreZERO
indicazionesi assumeròil valoreZERO
dovràessereindicato
unicamente
nel casoin cui il soggettopossiede
un
oatrimonioinferioreal lireUN MILIONE?
Perle DSUpresentate
all'iniziodell'annoprima
dell'emissione
del nuovorendimentomedio
decennale
delTesoro,
è validol'ISE/ISEE
calcolato
con il vecchiocoefficiente?
No,perchéoll'iniziodell'annoil coefficienteper il
delle
calcolodell'lSElSEEmuto. L'ISEISEE
dichiorazionieventualmentepresentateprímo
dell'emissionedel nuovo coefficientesorà ricolcolato
in automstico dollo proceduro.
27/02/2003
27/02/2003
ll codicevo richiestoal gestore/intermediario.Ove
dell'intermediario
o del non sio definito, il dichiorontedovrà precisoreper
Qualè il codiceidentificativo
gestoredel patrimoniomobiliare?
estesoIo denominazione delI'i ntermediorio/g estore
(v. lstruzionipunto 72.2).
t4/03/2003
In casodi mortedel padre,bisognaindicarenel
Nelcasodi decessodel padre, bisognaindicorenel
quadroF5il patrimoniomobiliareereditatodalfiglio quodro F5 il potrimonio mobilioreereditoto dal figlio
minorenne,
anchese potràusufruiredi tale
minorenne,onchese questipotrà usufruiredi tole
patrimonionellamaggioreetà?
potrimonio solo con la maggioreetà.
22/Orl2004
colt
t
ll patrimonio
immobiliare
Quadro F6
ParteI
Capitolo12
EDtFrcABlu
sEcoNDoeuANToDtsPosrooau'aRt. 2 ort
DrFABBRIcATI,
TERRENT
EDAREE
12.1 DerlrurzloNE
DLGS
N. 504 orl30 orcruaRr1992
EpERtoDo
Dt possEsso
TMMoBIITARE
12.2 TronnrrÀ orr pATRrMoNro
12.3 lr vAroREDEGU
rMMoBrupossEDUTr
.
L2.3.t Fabbricati- Determinazionevalore ai fini lCl
'
L2.3.2TerreniAgricoli- Determinazionevalore ai fini lCl
'
valoreaifini lCl
t2.3.3Terreniedificabili-Determinazione
.
12.3.4Riepilogodeterminazionedel valore degli immobili ai fini lCl
rMMoBI|ARE
12.4 DrrnaztoNrsur pATRrMoNro
.
L2.4.1Capitaleresiduodel mutuo
.
L2.4.2Detrazioneper abitazioneprincipale
12.5 AnnoroNDAMENTo
DEGTI
IMPoRTI
12.6 I oocuMENTIDAIQUATI
RITEVARE
I DATI
12.7 Rrrpnoco EcoMprLAzroNE
DEreueono F6
12.8 Lerne oE[L'rNPs
CGIl
t
- euADnoF6
Ir-pATRrMoNro
TMMoBTUARE
ll patrimonioimmobiliareè costituitodai beni immobili,terreni e fabbricatisituati nel territorio dello Stato,
che sonoo devonoessereiscritti,con attribuzionedi rendita,al catastoterrenio al catastoedíliziourbano.
del quadro F6 sono quelli intestati,al 31 dicembre
I beni immobilida considerarenella compilazione
della DSU,a personefisichediverseda imprese,che rientrano
dell'annoprecedentequello di presentazione
in unadelleseguentitipologie:
t
Fabbricati
)
TerreniAgricoli
Aree edificabili
à
Se,al 3L dicembredell'annoprecedente,il soggettointestatariodel foglio allegatonon è titolare di nessun
bene ímmobile,il quadro FGnon deve esserecompilato.
- Per fabbricato "si intende I'unitù immobiliare iscritto o che deve essere iscritta nel cotasto edilizio urbono, 't
',
considerondosiparte integronte det fabbricoto l'orea occupotadolla costruzionee guello che ne costituisce
tt
tr
pertinenzo;it fabbricato di nuovo costruzioneè soggetto oll'impostaa portire dalla data di ultimozionedei
t,
lavori di costruzioneowero, se ontecedente,dalla dota in cui è comunqueutilizzoto"
i
tl
I Per area fabbricabile "si intende l'orea utilizzobileo scopo edificdtorio in bose agli strumenti urbanistici I
t,generalioottuativiowero in basealle possibilitùeffettivediedificozíonedeterminotesecondoicriteriprevisti
I
t,
t,aqli effetti dell'indennità di espropriozioneper pubblico utilitù. Sono consideroti, tuttavio, non
i
fabbricobili
t,terrenipossedutiecondottidoisoggettiindicotinelcommo 7 dell'articolo9 (coltivatoridiretti o imprenditori
l
t,
persiste
quali
ottività
dirette
allo
mediqnte
l'esercizio
di
l'utilizzazione
dgrosilvo-pastorale
agricoli),
sui
I
t,
t,coltivazionedel
fondo, allo silvicoltura, ollo funghicoltura ed oll'ollevamento di animoli. ll comune,su richiesto
t,
',det contribuente, ottestq se un'oreo sita nel proprio territorio è
fobbricabile in bose oi criteri stabiliti dallo
t,presentelettero".
i
I
r Per considerareedificabile un terreno, è sufficiente che lo strumento urbanistico generale adottato dal r
r Comune (PRG)ne preveda l'utilizzabilitàa scopo edificatorio,indipendentementedall'approvazione
di I
r quest'ultimoda parte della Regíoneo della Provinciae dall'adozionedi strumentiattuativi del medesimo,I
I
I
I
I c o m u n q u ed e n o m i n a t i .
I
I Per terreno agricolo "si intende il terreno odibito all'eserciziodelle attivitù indicate nell'articolo 2135 del
t,
codicecivile."(VediCapitoloL0, punto 10.8| Produttoriagricoli- articolo2135del codicecivile)
I
I
t,
I
t Non vanno indicatinella DSUné i terreni incolti né gli "orticelli",in quantotali immobilinon rientranonella I
t-!
- nozionedi terrenoagricoloprevistadall'art.2135del codicecivile.
Iàil
Latitolarità dell'immobileè della personafisicache lo detienea titolo di proprietào di altro diritto realedi
godimentoguale:usufrutto,diritto di uso,di abitazionee di superficie.
Non rivestonola qualificadititolare e quindi non devonoindicarel'immobilenel quadroF6:
r
if nudoproprietario;
.
l'affittuario;
GGII
t
)
t
il comodatario;
dellacasadi
legaleo divorzio,siaassegnatario
chea seguitodi separazione
il coniugedel proprietario,
t
neppurein quota;
abitazione
senzaessernepropríetario
il titolaredi diritti realidi garanzia(ipoteca);
à
il titolaredel diritto di servitit.
Latitolaritàsull'immobile
deve essere verificata al 31 dicembre dell'anno precedente alla presentazionedella dichiarazione
nel periodod'impostaconsiderato.
dal periododi possesso
sostitutiva,indipendentemente
1:'
Non dovranno quindi essere dichiarati nel quadro F6 i beni immobili possedutial momento della
presentazione
della DSUma non possedutial3l dicembredell'annoprecedente.
Esempi:
Beniimmobili
in DSU
Obbligodidichiarazione
Fabbricato venduto il 30 dicembre dell'anno
precedente
dellaDSU
la presentazione
NO
Fabbricatoacquistatoil 31 dicembre dell'anno
precedente
dellaDSU
la presentazione
5l
Fabbricato venduto il 2 gennaio dell'anno di
presentazione
dellaDSU
sl
Fabbricatoacquistatoil 2 gennaiodell'annodi
dellaDSU
oresentazione
NO
definitoaifini lClal 3L dicembredell'anno
ognisingolobeneindicandoper lo stessoilvaloredell'imponibile
precedente
dellaDSU.
a quellodi presentazione
ha presoa riferimento
del valoreda indicarenel quadroF6 il legislatore
Al solo fine delladeterminazione
senzatenerecontodieventualidisposizioni
definitoaifini lCl(Dlgsn.504 del30 dicembre19921,
l'imponibile
dall'imposta.
dell'immobile
l'esenzione
e/o l'esclusione
cheaifini lClpossonoprevedere
che:
Daciò ne consegue
C il valoredell'immobiledeve essereindicatoanchequaloralo stessorisulti esente(esempio:terreno
agricoloricadentein aree montane)o escluso(esempio:I'unita'immobiliareadibitaad abitazione
principaledel soggettopassivo,ad eccezionedi quelledi categoriacatastaleA1, A8 e A9) dall'lmposta
Comunalesuglilmmobili;
€
il valore dell'immobiledeve essereindicatoanchequaloralo stessorisulti esentedall'lmpostasul
reddito delle personefisiche IRPEF(esempio:titolare di soli redditi fondiari per un ammontare
non superiorea € 500,00).
complessivo
Nella compilazionedel quadro F6, il valore di ogni singolo immobile dovrà essere rapportato alla
percentualedi possessoal 31 dicembrecosìcome risultadall'attocon il qualesi è determinatala títolarità
sull'immobile.
ccll
rrrtltt
W
Alfine della determinazionedel valoredell'immobilenon rilevano:
I
il periododi possesso
dell'immobilenel periodod'impostaconsiderato;
I
i l t i p od i u t i l i z z d
oell'immobile;
I
le eventualivariazíoni
dellequotepossedute
awenutenel periodod'impostaconsiderato.
é-l t Secondoquanto previstodal comma1 letteraa) dell'art.4 del DPCM07 maggioL999n.221,
non devono esseredichiarati nel quadro F5 gli immobili strumentali all'attività svolta da imprenditori
individualioprofessionisti
in quantobenidi proprietàaziendale.
Tali beni fanno comungueparte del patrimonionetto da indicarenel patrimoniomobiliaredel richiedente
12.3.1Fabbricati- Determinazionevalore ai fini lCl
ll redditodei fabbricativienecalcolatosu ciascuna
unitàimmobiliareurbanae generalmente
coincidecon la
rendita catastaleche,fino all'entratain vigoredelle nuovetariffe d'estimo,sia ai fini dell'impostasul reddito
dellepersonefisicheche dell'imposta
comunalesugliimmobili,deveessererivalutatadel 5%. (1. n. 662 del
23.12.1996).
Al fine di determínare il valore, la rendita catastale rivalutata, deve poi essere moltiplicata per un
coefficientestabilitoper ciascunacategoriacatastale:
Categoriacatastale
Coefficiente
nellecategoriecatastali:
o classificabili
Unitàimmobiliariclassificate
dellacategoriaA/L0
A (abitazioni)ad esclusione
dellacategoriaC/L
laboratori,
ecc.)adesclusione
C (magazzini,
autorímesse
nellacategoriacatastale:
Unitàimmobiliari
classificate
o classificabili
C/l (negozie botteghe)
:
nellecategoriecatastali
classificate
o classificabili
Unitàimmobiliari
A/10 (ufficie studi privati)
D (opifici,alberghi,teatri, banche,ecc.)
nellacategoriacatastale:
Unitàimmobiliariclassificate
o classificabili
B (collegi,convitti,ecc.)
valore aifini lCl
t2.3.2 TereniAgricoli - Determinazione
Per i terreni agricoliil valore è determinatodaf reddito dominicalerísultantein catasto,rivalutato del25%io,
moltiplicato per il coefficiente75.
valoreai fini lCl
12.3.3Terreniedificabili- Determinazione
Per le aree edificabiliil valore è costituitoda quellovenalein comunecommercio,avendoriguardoallazona
aglioneri per eventuali
d'usoconsentita,
alladestinazione
territorialedi ubicazione,
all'indicedi edificabilità,
per
prezzi
mercatodallavendita
rilevati
sul
ai
medi
lavoridi adattamentodel terrenonecessari la costruzione,
di areeaventianaloghecaratteristiche.
GGIl
t
12.3.4Riepilogodeterminazionedel valoredegli immobili ai fini lCl:
Tipologíadi
immobile
Tutti i fabbricati
esclusoA10 - Cl- D
Rivalutazione
Coefficiente
RenditaCatastale
x 1,05
tcl
x 100
Esempi:
L.000x 1,05x 100=
Rendita
catastale
lCl€ 105.000
lmponibile
B
RenditaCatastale
x 1,05
Al0eD
RenditaCatastale
x 1,05
x50
Renditacatastale1.000x 1,05x 140 =
lmponibilelCl€ 147.000
Renditacatastale1.000x 1,05x 50 =
c1
RenditaCatastale
x 1,05
x34
l m p o n i b i l lec l € 5 2 . 5 0 0
Renditacatastale1.000x 1,05x 34 =
Terreniagricoli
Reddito Dominicale
xt,25
x 140
l m p o n i b i l leC l € 3 5 . 7 0 0
x75
Redditodominicale1OOx L,25x75=
lmponibilelCl€ 9.375
La baseimponibileè il valorevenaleo prezzodi mercato
Aree edificabili
In sede di compilazionedel quadro F5,i valori come sopra determinati, dovranno poi essererapportati
di possessoal 31 dicembredell'annoprecedentequellodi presentazione
della DSU.
alla%o
L2.4 Detrazioni sul patrimonio immobitiare
del valorestesso:
Dalvaloredel singoloimmobilepotràesseredetratto,fino a concorrenza
o la costruzione
dell'immobile;
à l'eventualequota residuadi capitalepresoa mutuo per l'acquisto
) un importo fino ad un massimodi € 51.646sul valore della casadi abitazione;se, per l'acquistodella
casa di abitazioneè stato contratto un mutuo, si dovrà valutare, sulla base dell'importo più
vantaggioso,
se detrarrela quotaresiduadi capitalepresoa mutuoo se optareper la detrazionedi €
51.646.
L2.4.1Capitaleresiduodel mutuo
Dal valore di ciascunimmobile (fabbricatoo terreno), si detrae, fino a concorrenza,l'ammontare
dell'eventualedebito residuo alla stessa data del 31 dicembre per mutui contratti per l'acquisto
dell'immobileo per la costruzione
del fabbricato.(comma1 letteraa) art.4 DPCMn.221del 7 maggio1999).
Poichénon esistonoindicazionicontrariein merito, si ritiene che possanoesseredetratti non solo mutui
ipotecari,ma anchequellistipulatiin altraforma,comeper esempioi mutuichirografari.
^"r'
Attenzione
€
ll debito residuodi capitalepresoa mutuo, risultanteal 31-dicembre,deve essereportato in detrazione
in basealla percentualedi possessodell'immobilee non in riferimentoagli intestataridel mutuo; quindi
(50%ciascuno),
ad esempio,se due soggettiacquistano
ma solouno dei due
un immobilein comproprietà
contraeil mutuo per l'acquisto,il relativocapitaleresiduoal 3l- dicembrenon deve essereportato in
detrazione
solodall'intestatario
dell'immobíle
al5O%ciascuno.
del mutuoma da entrambii propríetarí
€
In casodi mutuo riferito all'acquistoo alla costruzionedi più unità immobiliari(per esempiola casadi
gli importidestinatialle
qualorasia possibileindividuaredistintamente
abitazionee la sua pertinenza),
quota
per
singoleunità immobiliari,
di
la
relativa
residua
si detrae
ognuna esse
di mutuo.Diversamente,
in presenzadi più immobilie di un unicoimportodel mutuo,è possibileindividuarele singolequote di
quotaresiduadel capitalealle rispettiverenditecatastafi
capitaleresiduoproporzionando
la complessiva
d e i s i n g o liim m o b i l i :
Caoitaleresiduototale x RenditaCatastaledel singolo immobile
Totale delle RenditeCatastali
GGII
tt
Eventualicapitali residui riferiti a mutui stipulati per la ristrutturazioneo per motivi diversi
nondannodirittoalladetrazione.
o dallacostruzione,
dall'acquisto
I2.4.2 Detrazioneper abitazioneprincipale
Se il nucleofamiliarerisiedein una abitazionedi proprietà,che era tale anche al 31 dicembre,viene
riconoscíuta,per tale imrnobile,una detrazionefino a concorrenzadel valore dell'immobile nel limite
massimodi €. 51.546,00.
La detrazioneper l'abitazionedi proprietà spetta esclusivamentesul valore dell'immobile adibito ad
ecc.),è alternativaa quellaprevista
abitazionee non anchesulvaloredelle relativepertinenze(autorimessa
per il capitaleresiduodel mutuo e può quindiesserefatta valerese più favorevole.
delladetrazionesi precisache:
Aifini dell'applicazione
I
I
tl
rà
rl
'
I
del nucleoè quellanellaqualerisiedonoisuoi componential momentodella t
L'abitazione
di residenza
I
presentazione
--della DSUe deve esseredi proprietàdi almenouno di essi;
r
|
tL
rT se lcomponenu del nucleorisultanorisiederein piir abítazíonidí proprietà,la detrazionesi applicaI
;
all'abitazionedichiaratadi proprietànel quadroC della DSU;
I
II
jt
I
I
lt
tl
i
da parte dei componentidel l
dell'abitazione
la detrazionenon è legataalla percentualedi possesso
del valorel
rispettoal capitaleresiduodi mutuoe fino a concorrenza
nucleo,ma, se più conveniente
di€ 51.646,00;
massimo
dell'immobile,
spettaperun importocomplessivo
:
dell'annoprecedenteI
delladichiarazione
e al 31 dicembre
nell'anno
è acquistata
," la casadi abitazione
non era in proprietà,non deve essereindicatacometale nel quadro F6 anchese è stata correttamenter
q'_"'_"1!.1i:T_d_"1._?s_u_:
jl"::"jij"jia.lt_o_'!TgT"_njo_1"lli
t - _'11':.j11"11T9!o_c_.!"_!
X2;5
Comeper la situazionereddítualeil valoreai fini lCl e quellodel capitaleresiduodel mutuo devono essere
arrotondatiall'interopiù vicino.
Esempio:
€ 65,50diventa65,00;€ 65,51diventa66,00.
12.6|
La compilazionedella DSUe dei relativi fogli allegatiè una dichiarazioneresa in autocertificazionedal
anchepenale.
cittadinoche con la firma ne assumela responsabilità
della
nei confrontidel cittadinochesi rivolgea noi per la compilazione
Rimanecomunque,una responsabilità
DSU.
Al fine di índividuarei patrimoníimmobiliarida esporrenel quadro F6, il cittadinoche si rivolgea noi per la
compilazione
dellaDSUdeveprodurreiseguentidocumenti:
r
e/o donazioni(negliatti sonoindicatii dati relativial comuned'
visurecatastali,atti di compravendita
possesso,
quota
le renditeper i fabbricatie il redditodominicaledei terreni);
ubicazione,
la
di
r
ultimo piano di ammortamentoper il capitaleresiduodel mutuo o, in alternativa,attestazione
dell'istitutodi credito.
CG!1
t
se il cittadinonon intendeesibiretali documenti,è benefarsi rilasciare
In alternativaalladocumentazione,
con la quale attesta gli importi da dichiarareassolvendoil CAAFda ogni
dallo stessouna dichiarazione
neisuoiconfronti.
responsabilità
r*,e*i;
fiil'lrii1
:i
Riepilogando
che:
il quadroF6è benericordare
Prímadí compílare
r'
devonoessereindicatitutti i beni immobilisituatinel territoriodelloStato(fabbricati,terreni agricoli,
della DSU.
areefabbricabili)possedutial 31.12dell'annoprecedentela presentazione
r'
Deveessereutilizzatauna riga per ogni unità immobiliare con I'indicazione:
-
dellatipologia(F fabbricati- TEareeedificabili- TA terreníagricoli);
-
del Comunedoveè ubicatoI'immobile;
-
dellaquota possedutaespressain%;
-
del valorecomedefinitoai fini lCl rapportatoallapercentualedi possesso;
del capitale residuo del mutuo contratto per l'acquistoo la costruzionerapportato alla
dellaDSU;
percentualedi possesso
sempreal3l.t2 dell'annoprecedentela presentazione
-
con una "X".
sceltocomedimorafamiliaredel nucleocontrassegnandolo
dell'immobile
[a "X" determina, ai fini del calcolo,l'attribuzione della detrazioneper abitazione,che, essendo
alternativa, non dovrà essereapposta nel caso in cui si voglia far valere la detrazione per la
eventualequota residuadel capitalepresoa mutuo per l'acquisto.
/
Se la casadi abitazioneè di proprietà di più soggettiappartenential nucleo familiare, lo stesso
con la "X" su ciascunfoglioallegatorelativoai proprietari.
immobileandràcontrassegnato
/
Non è possibilenello stessoquadro F6:
- contrassegnare
più immobilicomecasadi abitazione;
-
comecasadi abitazionela pertinenzadellastessa;
contrassegnare
la quota del capitale residuo del mutuo a colonna 5 e
indicare contemporaneamente
con la "X" la colonna6;
contrassegnare
-
sostitutiva
se nel quadroC delladichiarazione
l'immobilecomecasadi abitazione,
contrassegnare
è stataindicatala casadi abitazionein affitto.
coll
t
COMPITARE
UN RIGOPEROGNIIMMOBITE
lndicare
il codice corrispondenteal tipo di
immobile:
F
Fabbricato
TE Terreno edificabile
TA Terreno Agricolo
Indicare
ilComune
dovel'immobile
è ubicato
lndicare
la quota posseduta
dal soggettotitolare
a!31.12dell'anno
precedente
espressain percentuale
faàarrasofiosfantd poss€duto<la,soggptto alla data del 31
preserle dichiafazione sosftrrfva. Arúndars
co,'l,e per Ia
VALOREAI FINI ICI
(valore della quota possedulà
dell'lmmobile.comè definitaai
{f } utillzuerÉl sogu€nucodldl
{2) contras3€gnarEcon un. X
nel quadro C d,Blnpdsllq
TE=ten€ni €dfficúbtli: TA=tofiÈni
ls cacellr relrtiva all'immobil€ctichlàrsto
lndicare
il valore dell'immobile
come definito aifini dell'lCl.
Seil titolare
possiedesolo una quota
dell'immobile,
il valore dovrà essere
rapportato alla percentuale
di possesso
indicatanellaterza colonna
AUOTA CAPfTALERESIDUA
DEL MUTUO
(valore dsBs quota po$edutr)
cssa dl ablt zbn€ d€l nucl€o
lndicare
l'ammontareal 31 dicembre,
del debito residuodi mutuo
contrattoper l'acquisto
dell'immobile
o per la costruzione
del fabbricato.
L'importodovràessere
rapportatoalla percentuale
di possesso
indicata nella terza colonna
Indicare
con una "x"
la casella
corrispondente
all'abitazione
che è stata indicata
nel quadro C del
modello base
se la stessa,
al3l dicembre,era di
proprietà ed era
adibita ad abitazione
principale.
ccll
t
12.8Le FAQdell'INPS
il nucleofamiliare
componente
F6:Patrimonio
immobifiare
di ciascun
Rispsta
Ilomanda
rydi l
Redazione
e delle
Vannodichiaratii redditidellacasadi abitazione
presenunettqqrcnMrazrcne
relativepertinenzequandoricorronole condizionidi
iÎ:!i^oi1!!,!i!^sono e le pertinenzevonnaindicoteoi
f:::,o:"^,:"-:?,':::,t-t
dei
esonerodaltapresentazione
dela dichiarazione
Itnt delPotrtmonto
redditi?
28/02l2OO3
Comeindicarela situazione
abitativadi un nucleo
e figlioresidentiin
compostoda madre(dichiarante)
abitazione
di proprietàdelfigliopostasottosequestro
di
dal 1988daltribunale,a
seguitodi procedura
fini del
fallimentodeltitolaredell'ímmobile?Ai
patrimonioimmobiliare
il valoreè 0, poichédal 1998il
titolarenon pagal'lCled ancheil redditodichiarato
ai
f i n i I R P EèF0 .
Dovràesseredichioratola cosodi abitozionedi
proprietà delfiglio perchéil sequestronon comportalo
perdito del diritto mo solo del potere di disposizionedel
bene.Ai finî lSE,infatti, deveessereindicotoil valore
degli immobilisui i quali si ho un diritto reole di
godimento,a prescinderedolfatto che il benesia o
meno dichiarqtooi fini lrpef.
14/03/2OO3
nell'annodella
Sela casad'abitazione
è acquistata
per l'indicazione
dichiarazione,
comecomportarsi
del
patrimonioimmobiliare?
Lo cosodi obitozionenon si indicanel patrimonio
immobiliorein quanto lo dichiarozionefa riferimento
oll'annoprecedente.Dovendoindicarela situozioneal
momentodello dichiqrazione,si indicheràI'obitozione
comeproprietà mo senzodiritto ollo detrozione.
28/02/2003
Seil mutuoè riferitoallacasadi abitazione
e allesue
pertinenze,
comeva indicato?
Seè possibileindividuareídue importi, si detrarrà per
lo peftinenzoíl mutuo controtto per il suo acquisto,
mentre per lo casq di abitazione lo franchigio prevísta
28102/2003
o, se piÌtfovorevole,lq quoto residuodel mutuo
relativo oll'acquistodellasola obitazione.Seinvecenon
è possibilestabilirei due importi, si indicherùl'intero
valoredel mutuo riferendoloollo casadi obitozíone.
Sipossonodetrarremutuisull'acquisto
di immobilt
principale?
diversidall'abitazione
5i,sempre.Si precisoche il mutuo è legato oll'immobile
e non olla persona;per cui può esseredetratto anche
28/02/2003
se intestato o personadiversqdol dichiqronte.{an.4,
commo7, lett. a DPCM221/1999).
ll mutuoipotecario
contrattoper un determinato
immobile,se eccedente
il valorelCldell'immobile
stessoNo,si può detrqre il mutuo solo sull'immobileo cui si
può esseredetrattodalvaloredeglíaltriimmobili
riferisce,in proporzioneolla quota posseduta.
dichiarati?
22/01./2OO4
ll mutuocontrattonon per l'acquisto
di un immobile
può esserepostoin
bensìper la suaristrutturazione
detrazione?
No,il mutuo è detroibilesolo per I'ocquisto
dell'immobileo per lo costruzionedelfobbricoto (ort. ,
commo7, lettero a DPCM242/2001)
28/O2/2003
Q u a l è i l v a l o r ed e g l ii m m o b i l i ?
Pergli immobili il voloreè data doll'imponibilelCl chesi
ricovadol certificotocatostaledove,slla vacerendito
catostale, bisogna oggiungere il 5% della rendita stessa
e moltiplicareil tutto (v. lstruzionilCl 2002):
- per 700 se si trottq di fabbricoti clossificatínei gruppi
28/02/20A3
cotastaliA, B, C od esclusionedellecategorieA/70 e
c/1;
- per 50 se si tratto di fabbricati clossificotinel gruppo
cotostoleD e nello cotegorioA/10
- per 34 se si tratta di fobbricoti clossificotinello
cotegorioC/7.
Peri fabbricatidichiarati
inagibilio inabitabili
dall'ufficioNo,perchéoi fini dell'lSEnon si prendein
tecnicocomunalesi può indicareil 507odel lorovalore considerazione
l'impostolCI,ma íl valoredeifobbricati
sulladichiarazione
sostitutiva
unica,comeawiene
e dei terreni ogricolidefinito oi finí ICIol 37/12
ancheper l'lClchedi fatto per questiimmobiliviene
dell'onnoprecedentea quellodi presentazionedello
ridottadel 50%(d. Lgs.504/92l'?
DSU,
22/OLl2OO4
colr
t
Segue
F5:Patrimonioimmobiliaredi ciascuncomponenteil nucleofamiliare
Per i terreni ogrícoll íl valore è costituito dal reddito
dominicole moltiplicoto per 75. ll reddito dominicale vo
aumentotodel 25 %.Si tenga presentecheonchei redditi
dominícalinegli otti cotastolinan comprendonodetto
dumento (lstruzioni tCl 2002i
Nonvonnoindicdti nelld DSUné í terreni incoltiné gli
"ortice!\i",dal momento chetali immobili non rientrono
nella nozionedi terreni agricoli(aft.4lett. o, norme
integrote D.P.C.M.221/99 e 242/2007;lstruzioniICI 2003,
ort. 2735c.c.).
Le pertinenzedevono essereconsiderotenel potrimonio
immobiliare, separateonchedoll'obitozioneprincípole.Ai
fini delle detrazioni applicabíli sull'obitozione principale non
si tiene conto delle pertinenze. Le rendite vanno indicate
nei redditi complessivi.
22/0L{2AA4
anchei redditi
Debbonoessereconsiderati
prodottidai fabbricatipossedutiall'estero?
Sìperché sonogià ricompresine!rigo RN7 det modetlo
Unico.
27/02/2003
Perle pertinenzedellacasadi abitazioneè
possibileindicarela X nell'ultimacolonnadel
quadroF6?
No.
27/02/[email protected]
Qualeè il valoredei terreniagricoli?
nellaDSUiterreniincolti?
Vannodichiaratí
Comesi debbonoconsiderarele pertinenze
principale?
E le renditedelle
dell'abitazione
pertinenze?
28102/2003
28/02/2003
NelquadroF6l'ammontaredel capitaleresiduo
del mutuoche può essereportatoin detrazione
ll copitoleresiduodel mutuo può essereportato in
deveessereripartitosecondola quotadi
detrazione in proporzione alla quota di proprietà del bene.
proprietàdel beneo in ragionedellaquotadel
mutuo contratto?
28102/2OO3
Vannodichiaratinel QuadroF6 i beniimmobili
sottopostia sequestropreventivodisposto
giudiziaria?
dall'Autorità
t9/03/[email protected]
Si perché il sequestronon comporta la perdito del diritto
ma solo del potere di disposizionesul bene.
Vannodichiaratii redditifondiaridi un importo
No,in quonto non sonopresentinello dichiqrozianefíscole.
complessivo
inferiorea lire 360.000,quando
Peròi terreni vonnoindicati oi finí del potrimonio.
di esonerodi
ricorronole condizioni
presentazione
delladÍchiarazíone
dei reddití?
28/02/2003
CGIl
tt
ll calcolo
degli indicatori
ISEe ISEE
ParteI
Capitolo13
rNDtcAToRt
13.1 MoonlrrÀorcArcotoDEGU
EsEMpt
DlcAtcotoDELL'tsEE
13.2Ar-curut
DErcArcoLo
13.3Rrepnoco
Gglt
tt
ll cnlcor-oISE- ISEE
13.l Modalità di calcolodegfiIndicatori
Sullabasedei dati presentinellaDSUe nei relativifogli allegati,vieneelaboratoil calcolodegliindicatori
ISEed ISEE
e rilasciata
la relativaattestazione.
ll modello di attestazionerilasciatodal CAAF,con attribuito il numero di protocollo,contiene il calcolo
provvisoriodegli indicatoriche sarà resodefinitivo dal controlloe dall'acquisizione
in bancadati INPS.
Percalcolarel'lSEE,si procedecome segue:
L. Sommaretutti i redditidichiaratinei quadriF4di ognifoglioallegato;
2. Sommaretutte le consistenze
del patrimoniomobiliaredichiaratenei quadri F5 di ogni foglio
allegato;
3. Moltiplicarela somma di cui al punto 2 per il rendimentomedio annuo dei titoli decennalidel
Tesoro
Anno di presentazionedella DSU
RendimentoTitoli possedutial 31.12anno
precedente espresso in %
2m0
5,51
2001
2002
2003
2fi14
2005
2006
5,57
5,13
5,04
4,2O
4,29
3,54
2fm7
3,95
2008
4,4t
2(n9
4,75
4,32
4,Ot
Sommareil valore di cui al punto 1 (sommadei redditi)e ilvalore di cui al punto 3. (rendimento
del patrimoníomobiliare);
5 . Sottrarreal valore di cui al punto 4 il canoneannualedi locazionedichiaratonel quadro C del
modellobasefino ad un massimodi € 5.164,57.Se l'importodel canoneindicatoal quadro C è
superiore,ricondurloa€5.164,57.Non può esseresottrattoalcuncanonese nel quadroC la casadi
abitazioneè indicata"in proprietà".ll risultatocosì ottenuto è l'lndicatoredella Situazione
Reddituale(lSR);se il risultatoè negativo,considerarlopari a 0 (zero);
6 . Per ogni riga del quadro F5, sottrarre al valore ai fini lCl (quarta colonna),l'eventualecapitale
residuodel mutuo (quintacolonna),a meno che non si tratti della casadi abitazionedel nucleo
(indicatacon una X nell'ultima colonna);se il risultato di ogni operazione per ciascunariga è
negativo,considerarlopari a 0 (zero);sommareivalori cosìottenuti per tutte le righe e sommare
il risultatoper ogni foglio allegato;
7 . Se il valore della casadi abitazioneè inferiore a € 51.645,69,non va consideratonel patrimonio
immobiliare; se invece è superiore a € 5t.645,69, sommare al valore ottenuto al punto 6 la
differenzatra ilvalore aifini lCl dell'abitazionee € 5t.645,69,o la differenzatra ilvalore aifini lCl
dell'abitazionee il capitaleresiduodel mutuo se superiorea € 51.645,69(in quest'ultimocaso,se
pari0 (zero);
il risultatoè negativo,considerarlo
GGIT
t
8. Sottrarre €t5.493,71alvalore di cui al punto 2 (patrimoniomobiliare):se íl risultatoè negativo,
considerarlopari a 0 (zerol;
9. Sommare il valore di cui al punto 7 (patrimonio immobiliare)e il valore di cui al punto 8. ll
risultatocosìottenuto è l'lndicatoredella SituazionePatrimoniale(lSP).Moltiplicarel'lSPper 0,2;
10. Sommare l'lSRdi cui al punto 5 con il valore di cui al punto 9; si ottiene così l'lndicatoredella
SituazioneEconomica(lSE);
1 1 . Per ottenere l'lSEE,dividerel'lSEdicuial punto 10 per ilvalore delparametro desuntodalla scala
di equivalenza,riportatadi seguito,sullabasedel numero di componentiil nucleofamiliaree della
presenzadi particolaricondizioniche rendonoil calcolopiù vantaggioso:
Maggiorazione
di 0,35per ogniulteriorecomponente
Va inoltre applicatala:
nel nucleodifigli minorie di un sologenitore.
) Maggiorazione
di0,2 in casodi presenza
à
permanente(art.3 comma3 L,
Maggiorazione
di0,5 per ognicomponentecon handicappsicofisico
5.2.1992n. 104)o con invalíditàsuperioreal 66%.
t
Maggiorazionedi 0,2 per nucleifamiliaricon figli minori, in cui entrambi i genitori abbianosvolto
attivitàlavorativaper almenosei mesinel periodocui fannoriferimentoi redditidelladichiarazione
da
sostítutiva.Questamaggiorazione
si applicaanchea nucleifamiliaricompostiesclusivamente
genitore
nei terminisuddetti.
figliminorie da un unico
che ha svoltoattivitàlavorativa
13.2Alcuni esempi,
Esempio1
Nucleofamiliarecompostoda 3 persone:padree madrechelavoranoe un fígliodi minoreetà
€ 15.500
Reddítocomplessivo
del nucleofamiliare:
€ 5.000
Canoneannuodi affitto per abitazioneprincipale:
0
Patrimoniomobiliaree immobiliare
ISE= 15.500- 5.000= € 10.500
= 2,O4+O,20= 2,24
a equivalenza
Scaf
ISEE= 10.500: 2,24= € 4.687,5O
Esempio2
Nucleofamiliarecompostoda 2 persone
€ 1-3.000
Redditocomplessivo
del nucleofamiliare:
€ 69.000
Valoredell'abitazioneprincipale:
0
Patrimoniomobiliare
=
=
=
X 0,20] 13.000+ 3.470,8 €1,6.47O,8
ISE 13.000+ [ (69.000 51.645,69)
Scalaequivalenza= 1,57
: 7,57= € 10.490,95
fSEE= 16.47O,8
Indicatore
Situazione
Reddituale:
l.S.R.
Rendimentodel patrimonio
mobiliare
F4
(sommaretutti i redditie
i proventipresentinel
quadro F4 di tutti i
componentiil nucleo)
CanoneAnnualedi
Locazione
(dichiaratonel quadro C
a menoche la casadi
abitazione
del nucleo
non siadi proprietà)
Max € 5.L64,57
(sommaretutti i valoridi
patrimoniomobiliare
presentinel quadro F5 di
tutti i componentiil nucleoe
tale sommaper
moltiplicare
di
la percentuale
rendimento)
+
Se il risultatoè negativo,considerarlopari a 0 (zero)
ll risultatoottenuto è l'l.S.R.
I,S.P.
Indicatore
Patrimoniale:
Situazione
Capitaleresiduo mutuo
Sottrarreper ogni rigo il
capitaleresiduodef
mutuo,se il risultatodi
ciascunrigo è negativo,
paria O
considerarlo
(zero)
F5
(sommaretutti ivalori di
patrimoniomobiliare
presentinel quadro F5 di
tutti i componentiil
Valore lCldella casadi
abitazione
Valore lCl di ogni rigo del
quadro F6
(esclusa
la casadi
abitazione
del nucleo)
+
€ 51.645,59
o
capitale residuo del
mutuo se superiore.
Seil risultatoè negativo,
paria 0
considerarlo
(zero)
+
ll risultato ottenuto è l'l.S.P.
":""
€!5.493,71
se il risultatoè negativo,
considerarlopari a zero
l.S.E. (lndicatore
dellasituazione
economicaf
l.S.E.E.(lndicatore
dellasituazione
economica
equivalente)=
E:
Scaladi
equivalenza
Scaladi equivalenza
Parametro
deicomponenti
1,00
Numero
componenti
1,57
2,04
2,46
2,85
Ulteriorimaggiorazioni:
0,35
O'2
0,5
o12
Perogniulteriorecomponenteil nucleo
Figliminorie L sologenitore
Ognicomponentecon handicapo con invaliditàsuperioreal66%
Nucleo familiare con figli minori e con entrambi i genitori che
lavoranoper almeno 6 mesi o nucleofamiliarecon solo figli
minorie unicogenitoreche lavoraper almeno5 mesi
CGIl
t
appunti
GGII.
t
L'attestazione
dei dati
ParteI
Capitolo14
14.1farresrAaroNr
DErDATI
14.2RernrrcA
DruNAATTrsrezrore
ISEE
14.3AruruuluMENTo
ISE
DrUNAArrEsrAzronr
14.4Lereq o:rr'r,rps
14.5 Fec slMItEATTESTAZIoNE
EMESSA
oeIr,INPS
GClr
t
L'RttrsrAzroNEDErDATr
i4,if
l'il 1;*l;,;';:]111
rilascia
al richiedente:
dell'acquisizione,
ll CAAF,
sullabasedeidaticontenuti
nellaDSUal momento
à
la dichiarazionecompletadei dati attestantila presentazione;
à
un'attestazioneISEEche riporta:
- il numerodi protocolloattribuitodalCAAF;
- ilvalorecalcolatodegliindicatoriISE-ISEE;
-
gli elementiinformativiutilizzatiper il calcolo;
-
la datadi sottoscrizione
dellaDSU;
-
la datadi scadenza
dellaDSU;
-
i datíentro 10 giornidallapresentazione.
l'impegnodel CAAFa trasmettereall'INPS
ISEE,
ha validitàdi un anno a
Ladichiarazione
e munitadell'attestazione
completadei dati di presentazione
far data dalla protocollazionee sottoscrizionee per tale periodo può essere utilizzata da ogni
componentedel nucleofamiliareper l'accessoalle prestazionisocialiagevolateanchese diverseda quella
indicatanellaDSUpresentata.
L'INPS,sullabasedei dati ricevutidal CAAF:
à
attribuiscealla dichiarazioneun proprio numero di protocollo;
ù
calcolagli indicatoriISEe ISEEsullabasedeglielementitrasmessidalCAAF;
I
segnala al CAAF eventuali discordanzesul calcolo degli indicatori. In tal caso il CAAF dovrà
prowedere immediatamentea rilasciareal richiedentela nuovaattestazionedei dati.
-!l
IL NUMERODIPROTOCOLTO
la praticaacquisisce
due numeridi protocollovalidi:
Al momentodell'acquisizione
da partedell'lNPS,
protocollo mittente (corrispondente a quello attribuito dal CAAF al momento
dellapresentazione);
dell'attestazione
t
il
à
a quelloattribuitodall'INPS
al momentodell'acquisizione
il protocolloINPS (corrispondente
dei dati trasmessidal CAAF).
ll numero di protocolloè elementoche consente:
.
di individuarela pratica all'interno del Sistemainformativo delI'ISEEcostituito pressol'INPS
(ancheper effettuareeventualirettifichedei dati da parte del CAAF),
.
all'ente erogatore delle prestazionisociali agevolate,di fare le opportune verifiche nel
Sistemainformativodell'ISEEcostituitopressol'lNPS.
La pratica si perfeziona quindi solo dopo l'awenuta acquisizione da parte dell'INPS e solo in
quel momento saràpossibileeffettuarela ricercasia attraversoil protocollomittente che attraversoil
protocolloINPS.
ll solo protocolloattribuito dal CAAFconsentecomunquedi far valere l'attestazioneprodotta anche
nel periodo (10 giornil entro il quale il CAAFdeve trasmetterei dati all'lNPS.
GOll
t
14.2 Rettificar
Fermorestandoil fatto che il legislatorenon ha previstonella norma la possibilitàdi rettificare,integrare,
di fatto
o annullare una attestazioneISEE,ma solo la possibilitàdi presentareuna nuova dichiarazione,
sono stati adottati da parte dell'INPScomportamenti tesi a risolvere all'atto pratico alcuni casi di
eventualemodificadell'attestazionestessadovutiad erroridiimputazione deidatida parte delCAAF.
Piùrprecisamente:
.
(es.:
Nel caso in cui il CAAFcommetta un errore sostanziale,che incide sul calcolo dell'lSE/ISEE
rilevazione
oppureerrorenella
di un valorepresentein una DSUprecompilata
erroredi digitazione
previsto
nella bancadati INPSda parte
di un dato da un documento),il CAAF,attraversol'accesso
di un suo operatoreabilitato, potrà produrre una dichiarazionein rettificadella precedente.
.
il CAAF,
Nel casoin cui l'errore commessosia ditipo formale e non incida sul calcolodell'lSE/lSEE,
potrà
parte
abilitato,
di un suo operatore
attraversol'accessoprevisto nella banca dati INPSda
produrre una dichiarazionein rettifica di: indirizzi,nomi, attività lavorativaed anche codicifiscali
dei componentiil nucleofamiliarefatta eccezioneper i[ codicefiscaledel dichiarante.
La modificasaràpossibilesolo attraversola funzionedi rettificaprevistaall'internodel sistema
o con il ProtocolloINPSo con il Protocollomittente.
INPS ricercandola praticaalternativamente
OgniCAAFpuò rettificare,attraversoun suo operatoreabilitato,esclusivamentele
attestazioniISEEprodotte e inviate dalla propria struttura.
per
un operatoreCAAFrettificaredatidiun ISEprodotta ed inviata da altro CAAF.
Non è possibile
TSNE
drllr $tqrelorn
In**elur.
tco*romlcr Gqulvrl,rntl
R.ettifica dichiarazione confernrata
l)
Irrforrrlerioni
*
$inr$laziblra
+
Acsuisizion€
t*ferxttive
&egr'fi(a
It'
Consultazio$e
+
+
Trrcrrrírcid.re
Élu*sl.f,n|*
Reoort
t
+
llorlifice
contefti
t
Le[onr
lq*'|+-:a+*r44€+ìr!wr!!r:
i
i CI Protocollo
O
rf{ps-rsEsrTl - 1Tl
t't'
[email protected]
'Rettifica' perrnette di corregqere i dati preffnd eu una
La funzicnalità di
qualsra si riscqntri un error€ di acquisizionesolo
dichiarazionegià confermata
'Canfurma
Oidriaraziqn€'.La funzlonalitàprevede;
dopo l'operazísnedi
. la copia automati{a dei dati delln dichiaralione da rettificare 3$ unà nuova
dichiarazione
, la sorrezicnedei dati copiati
. la confcrma della nuova diehiarneionsmqdificata
' lfr marceturos$tomoticacome 'fl,etti*cata'della vecchradichrarazione
. entrambe le díchiarazíoni fanns riferimento alla stessa dichiarazione
rar:acea pres€ntata
r non sí dcve utilizr*re la funtionalità di re$ifics per I'acqulsizionedi una
nuova dichiarazionecirteeéa
rettificata,l'INPSinserirànel campo annotazionipresentenell'attestazione:
In tutti i casidi dichiarazione
"la presenteè relativs ad una rettÍlicd detla dichiarazíone con protocollo originario |NPS-|SEE-2077'.,.."
GGIt
t
ln casodi rettifica:
à
il numerodi protocolloINPSsaràdiversodal precedentema verràmantenutoiltermine di validità
dellaDSUoriginaria.
à
+1
.
Ì-r
€
consegnareal richiedentela nuova DSUcontenenteil nuovo numero di attestazioneattribuito
dall'INPSanchese la variazionenon ha prodotto modifichenelcalcolodegliindicatori.
Nelcasoin cuiilcittadino commetta un errore sostanziale,
(es.:mancatadichiarazione
reddito)
che incidesul calcolodell'ISE/ISEE
di un qualsiasi
non è possibilerettificarela dichiarazione
ma occorreràprodurre una nuova dichiarazionecon i dati corretti.
14.3,
:,1''.',aa:.::':,,:
Particolare
si trovi nellacondizione
attenzionebisognaporrenel casoin cui il CAAF,per suaresponsabilità,
di doverannullareuna attestazione
lSE.
E' il casoad esempiodi una omonimiache potrebbeindurreil CAAFa commetterel'erroredi presentare
l'lSEdi un soggettocon i dati di un altro soggetto.
per richiedereprestazioni
Primaditutto bisognaaverela certezza
che quell'lSE
non è statautilizzata
il CAAFstesso
agevolate,poi, con letterain carta intestataCAAFindirizzataa: [email protected],
già recanteil protocolloINPSindicandonellalettera:
chiedeformalmentel'annullamento
dell'attestazione
r
i dati identificatividella dichiarazione(almeno protocollo INPS,codice fiscaledel dichiarantee
data di sottoscrizione);
r
(esempio:
omonimia)
il motivo dellarichiestadi annullamento
.
che i dati dell'attestazioneISEEnon sono stati in alcun modo utilizzatiper richiedereprestazioni
agevolate;
r
l'assunzionedi responsabilitàda parte del CAAF riguardo alle possibili conseguenzedelle
operazioni
di annullamento.
Modalitàdicompilazionee trasmissione
dellaD.S.U.
rlrr
l
rrrrr::rroàtàr:rdf
,.:
ióm:
rt,:rirì,
r:ìi.ì,.r,ì
:ì,,:r:i:ì:'lìr::r''ia
'::
: :..:.4.:,..:
:.:,4
:a::a:..:,::::.::a)
Sipuò rettificareuna D.S.U.?
Si, la proceduro consente lo rettífica in caso di errore moteriale
commessodoll'operatore nell'ocquisizionedei doti contenuti nella t4/03/2003
D.S.U. Gli effetti della rettifìca retroagiscono al momento della
sottoscrizionedello D.S.U.
GGIl
tt
14;5rFaC
rSEE
trrdicsbre.
del la !3i grazione
CquivalGnF
Economica
ATTESTAZIONE
L'INPSattestache, in base ai dati contenutinelladichiarazionesostitutivaunicacon numerodl
protocolloINPS{SEE-20t1.00XXXXXX,
trasmessiclaCAAF CGILXXXXXSRL, ilgiomo 1210312011
- il nucleo familiaredeldichiaranteè cosi composto:
luolr
D
6ognome
ROSSI
Codicr Fiscalc
Nome
AI'A
Datr
Redditl
Nascita
rl
ouxxfigxx
n)frxx)mffiu
2010
i': |. cslonnaReddti riportafarsìo di riGrimenlodei redditidichiar3tide ciascunsoqgetlo
- l'indicatoredella situazioneeconomica(lSE|
è ilseguente:
Euro
- il valoredella scala di equivalenzaapplicatoè
ilseguente:
- I'indicatoredella situazioneeconomicaequivalente
(lSEElè il seguente:
7,852.45
1,50
Euro
4.701.63
La dichiarazionesostitt"rtiva
unicaè stata sottoscrittain data 07/03r20fî.
La dichiarazionesostitutivaunicaè validafino al 06/0312012.
Annotazioni:
Timb(o defènte e frma defaddetb
conscgm falte€tazbne
clE
ll Presidentedell'INPS
A. MASTRAPASQUA
1!2
cctl
t
paginaFacsimileattestazione
Seconda
prot.INPS-|5EE-201
1-00XXXXXX
Dlchlarulonesostltutlva
Modalità di calcolo degli indicatori
Sommcdei redditldellr dlchl.razlons
Euro +
7,376,00
Rendimento
del patrlmonlomobiliare
Euro +
180,45
Detrazlonlper llcanone dl locazlone
Euro .
50C,00
Indlcatore3ltuazloneReddltuale(lSR)
Euro
T,o'z,4j
Patrimonlomoblliare
Euro +
4.500,00
DetrazlonepatrlmonlomoblllarE
Euro .
4.500,00
lmmoblllare
Patrlmonlo
Euro +
0,00
patrlmonlo
lmmoblliara
Detrazlone
Euro .
0,00
Patrlmonlale
IndlcatoreSltuazlone
{l9P}
Euro
0,00
a2
corf
tt
ISEEU
T
H';a
IndicatoredellasituazioneEconomica
Equivalente
per l'Università
Parte ll
CapitoloI
1.1 lrurnoouzrolus
1.2 EleueruncHEsl DtvERstFlcANo
oeuitsr
1.3 Ln coMPosIzIoNE
DEtNUctEoFAMTLIARE
'
1.3.1Lacondizionedistudente "indipendente"
.
t.3.2 Lo studentenon "indipendente"
. 1.3.3ll nucleofamiliarein casodi genitoriseparatio divorziati
1.4 lr-wuclro FAMIUARE
NE[MoDEnoDlcALcoLo
tsEEU
1.5 I nepolrlEI PATRIMoNI
DADIcHIARARE
'
1.5.1| redditi e i patrimoni deifratelli e delle sorelle
. 1.5.21redditi e i patrimoniall'estero
.
1.5.3I redditie i patrimonideglistudentirifugiatipoliticied apolidi
pERGu sruDENTtsrRANtERt
1.6 valurnztoNEDEUAcoNDrzroNE
EcoNoMrcA
EpATRtMoNtAtE
NoN
AFpARTENENTI
ett'ulttotrtEEURopEA
1.7 | neoorrtEI pATRlMoNt
NEtMoDErt"o
DtcAtcorotsEEU
1.8 Ln RtcHlEsrA
DELcAtcoto tsEEU
1.9 ll celcolo tsEEU
1.10 Gr-rrNDtcAToRt
NEtMoDEtroDlcArcoto IsEEU
1.11 I oocuMENTIDAIqUATIRITEVABÉ
I DATIPERIt cAIcoLoIsEEU
1.12 MoorncHr cHEFANNo
vENtRMENolt Dlntrro
L.13 RreptoGANDo
c6lL
ttIrrrorcaroREDELLASruezroNEEcoruorutcnEeutvALENTE
prnr'UuvrRsrÀ
1.1
le "disposizioni
ll DPCMdel 9.04.2001,pubblicatonellagazzettaufficialen.t72de\26.07.2001,stabilisce
per l'uniformità di trattamento sul diritto agli studi universitari",prevedendola possibilitàdi fruire di
prestazionisocialiagevolate,
non destinateallageneralitàdeglistudenti.
(art,2 del medesimodecreto,prevedeche per prestazionisocialiagevolate
si intendono:
à
à
à
ù
le borsedi studio,
i prestitid'onore,
iserviziabitativi,
degli studenti italiani,concessidalle regioni e dalle
i contributiper la mobilità internazionale
provinceautonomeaglistudenticapacie meritevoli.
A parità di trattamentocon gli studentiitaliani,possonoaccedereai servizied agli interventi per il diritto
allo studio anche gli studenti stranieri appartenenti o no all'Unione europea (comma 1 art. 13 DPCM
9.04.2001).
Peraccederea tali prestazionil'art. 5 del medesimodecretoprevedeche:
)
occorre individuare le condizioni economiche dello studente sulla base dell'lndicatoredella
(ISEE)integratocon gli ulteriori criteri fissatiper I'ISEEU;
SituazioneEconomicaEquivalente
à
occorre individuare il nucleo familiare del richiedente i benefici, tenendo conto dei soggetti che
sostengonoeffettivamentelbnere di mantenimentodello studente determinandole regole da
adottare così come prevedeil comma 2-bis dell'art.3 D.Lgs.n. 109 del 3L.03.1998e successive
modifiche,per le prestazionierogatenell'ambitodel diritto allo studiouniversitario.
Le regioni,te provinceautonome e le università,ove realizzinoaltri servizied interventinon destinatialla
generalitàdeglistudentie non compresitra quelli sopraelencati,possonodeterminareautonomamentei
requisiti di ammissionerelativi al merito e alla condizioneeconomica,nonché i criteri per la definizione
dellegraduatorie.
t.z.Èiè$à
.|ìfl'.lii'ìi.t..
ì,ì:.ì:".'...lìi...iiii..tr..tixìlìlia..air:il.ilì
È..,ì'.ìi'
Per la valutazionedella condizioneeconomicadello studentevengono individuati elementi che si
dei redditie del patrimonio.
del nucleoche nellavalutazione
datl'lSEsianellacomposizione
diversificano
In particolare:
.
distudente"indipendente";
Vienedefinitala condizione
.
"indipendente",
il nucleofamiliaredello studente
in mancanzadei requisitiper essereconsiderato
non residentecon la famiglia,viene integratocon quellodei suoigenitori;
.
vienedefinitoil nucleofamiliaredellostudentein casodi genitoriseparatio divorziati;
'
il redditoed il patrimoniodei fratellie dellesorelledellostudentefacentipartedel nucleofamiliare
concorronoallaformazionedituttigli indicatorinellamisuradel 50%;
del richiedente,
.
I'indicatoredella situazioneeconomicaequivalenteall'estero,è calcolatoconteggiandoi redditi
percepitiall'esteroedil2}o/odei patrimonipossedutiall'estero;
t
il redditoe il patrimoniomobiliaredei componentiil nucleofamiliarepercepitiall'estero,
nel corso
precedente,
dell'anno
sonovalutatisullabasedel cambiomediodell'euronell'annodi riferimento;
t
il patrimonioimmobiliarelocalizzato
all'estero,possedutoalla data del 31 dicembredell'anno
precedentealla presentazione
delladomanda,è valutato,solo nel casodi fabbricati,sullabasedel
valoredi € 500,00al metroquadrato.
Al fine di determinarel'ISEEU,
la composizione
del nucleofamiliareseguele stesseregoleprevisteper I'ISEE
con alcuneeccezionidi seguitorappresentate.
1.3.1.La condizionedi studente"indipendente"
Lo studente, costituiscenucleo familiare indipendente da quello della famiglia di origine se vengono
soddisfatti
entrambiiseguentirequisiti(comma3 art. 5 DPCM9.04.2001):
€
ha la residenzaesternaall'unità abitativadella famigliadi origine,in alloggionon di proprietà di
un membro della famigliastessa,da almeno due anni effettivi rispettoalla data di presentazione
I
delladomandaper la primavolta a ciascuncorsodistudi;
I
€
ha redditi da lavoro dipendente o assimilatifiscalmentedichiarati da almeno due anni, non
inferiori a € 6.500,00,con riferimentoad un nucleofamilíaredi una persona.
.o'*l
I
I
I
I
I
ATTENZIONE:
ll limite di € 6.500,è suscettibiledivariazioni.
Ciascuna
regioneo provinciaautonoma,infatti,può elevareannualmente
tale limitein baseall'indiceISTAT
di aggiornamento
degliimportiminimidelleborsedi studio.
Qualoralo studente"indipendente"risulti,dallo stato di famigliaanagrafico,conviverecon altra persona,
occorreobbligatoriamenteconsiderarei redditi di entrambi, ancorchénon sussistanotra loro vincoli di
parentela.
Fa eccezioneil casodi un componentedella famiglia anagraficadello "studenteindipendente"che risulti
fiscalmentea carico di altri, in questo caso il componentefiscalmentea carico di altri deve essere
ricondottoal nucleofamiliaredi chi sostieneil carico(art.5 comma2 del DPCM09.04.2001
che richiama
l'art.1bisDPCM7.05.1999n.221,sullacomposizione
del nucleofamiliare).
1.3.2Lo studente"non indipendente"
In tutti i casiin cui lo studente,pur non vivendopiù nellafamigliadbrigine,non è in possesso
dei requisiti
per essereconsiderato"indipendente",occorre integrare il nucleo familiare dello studente con quello
relativo ai componenti del nucleo familiare di origine dichiarandonele condizionieconomichee
patrimoniali.
A differenzadell'lSEE,
il nucleofamiliaredello studente"non indipendente"
che ha la residenzaanagraficaesterna alla famiglia di origine, sarà composto:
.t:.
€ dai componentirisultantidal suo stato di famigliaanagrafico,
indipendentemente
dallasussistenza
di
vincolidi parentelae sempreché
gli stessinon risultinofiscalmente
a caricodi altri;
C dai componentiil nucleofamiliaredellafamigliadi origine.
Ciò indipendentemente dal fatto che lo studente possiedaredditi superiori a €2.840,51-efino a € 6.500 e
quindinon risultifiscalmentea caricoin quantolo scopodel legislatore
è di tenereadeguatamente
conto
dei soggettiche sostengonoeffettivamentel'oneredi mantenimentodello studente.
GOTf
tt
Esempio
compostoda: Mario e Stefano(Stefanoè fiscalmente
NucleofamiliaredellostudenteMario,anagraficamente
a caricodei proprigenitori).
ll nucleofamiliaredellafamigliadi originedi Mario è composto:dal padre,dallamadre,dallasorellae dalla
nonnadi Mario.
Se Mario ha i requisiti per essereconsiderato"studente indipendente"il nucleofamiliare ai fini ISEUsarà
compostosolo da lui in quanto Stefano,essendofiscalmentea caricodei propri genitori,farà parte del loro
nucleof-amiliare.
Se Mario non ha i requisiti per essereconsiderato"studente indipendente"il nucleo familiare ai fini ISEU
saràcompostooltre che da lui, anchedal padre,dalla madre,dallasorellae dalla nonna.
ll nucleofamiliaredel richiedentei beneficiper i corsidi dottorato di ricerca,se non ricorronole condizioni
per essere considerato studente indipendente, è formato esclusivamente dallo stesso soggetto, dal
indipendentementedalla residenzaanagrafica,
coniuge,dai figli e dai soggettia loro caricoai fini IRPEF,
(comma4 art.5 DPCM9-04.2001).
nonchédai proprigenitorie daisoggettialoro caricoaifini IRPEF
Casiparticolaridi studenti non indipendenti
Lo studente che non ha i requisiti per essereconsideratoindipendente e che si trova nelle seguenti
condizioni:
.
.
t
!
'
orfanodi entrambiigenitori,
appartenentead un ordinereligioso,
appartenentead una comunitàd'accoglienza,
sottopostoa regimedi detenzione,
coniugatopoi separatoo divorziato,
per
dovrà verificare con it servizio Diritto allo Studio dellAteneo di appartenenza,le modalità da seguire
certificare la propria condizioneeconomica.
1.3.3 ll nucteofamiliare in casodi genitori separatio divorziati
In caso di genitori separati o divorziati, il nucleo familiare dello studente "non indipendente" viene
definitodal comma5 art. 5 del DPCM9 04.2001cheprevede:
r
il nucleo familiaredi riferimentodello studente richiedentei beneficiè quello del genitore che
percepiscegli assegnidi mantenimento per lo studente;
.
nel casoin cui i genitorifaccianoparte di due diversinuclei,in assenzaperò di separazionelegaleo
divorzio,il nucleofamiliaredel richiedentei beneficiè integratocon quello di entrambi igenitori.
Nell,appositoquadro del modello di calcoloISEEU,il CAAFcertifica,sulla base di quanto dichiaratodallo
studente,la composizionedel nucteofamiliare, tenendo conto delle regole sopra descritte.
In tale quadro devono essereesposticognome,nome,data di nascitae il CF di ciascuncomponentedel
nucleoe devonoessereindividuati,barrandol'appositacasellai fratellie le sorelledello studente.
CGII.
t
ha presentatoa
chE it Sig. ...9.99nom.-e.9.n9.m.9.d9.119.Sty.C.9nt9.............
A seguitodeila dichiarazione
questo Ente, contEnonto ls informazioni necessarie per la determinazionedella propria situazione
economica.
si certifica:
Composizione del nueleo familiare
e nome
IndicareCognome- Nome - Datadi nascitae codicefiscaledi ogni componentedel nucleo
ll codicefiscalepotrebbenon esserepresentein casodi non residente
{'} Barrare il campo s€ Fratalloo Sor€lls dello Stud€r{e Dfu$iarante
.i".1
ai servizied agliinterventiper il diritto allo studioè consentitoancheagli
Si ricordache l'accesso
nellacomposizionedel nucleofamiliare
a differenzadell'lSEE,
studentistranierie di conseguenza,
per il calcolodell'ISEEUpotrebbero esserepresenti anche soggetti non residenti.
r.sr,rièdàiii}:,:rli$ffi$ffiii|i*ií
si seguonole stesseregoleprevisteper l'ISEE(vedipartelcapitoli10-11-12)con
Al fine di determinarel'lSEEU,
alcuneeccezioniriguardanti:
ù
i redditie i patrimonideifratelliedellesorelledellostudente(comma6 art. 5 DPCM9.04.2001),
à
i redditl percepitie i patrimoni possedutiall'estero(commi7 e 8 art. 5 DPCM9.04.2001),
à
le modalitàdi certificazioneper i redditi ed i patrimonipossedutiall'esterodagli studenti stranieri
non appartenentiall'UnioneEuropea(commil- e 5 art. 13 DPCM9.O4.2OOL),
ù
i rifugiatipoliticie gli apolidi (comma6 art. 1.3DPCM9.04.2001).
1.5.1| redditi e i patrimoni deifratelli e delle sorelle
I redditie i patrimonidei fratellie dellesorelledello studente,che secondole regoleprevistefanno parte
nella misura del 50 per cento del loro
del nucleo familiare,concorronoalla formazione dell'ISEEU
ammonlare.
Esempio:
composto
ed ha un nucleofamiliare
richiede
il calcoloISEEU
di Verona,
studentedell'Università
VerdiGiacomo,
patrimonio
€
4.000.
possiede
mobiliare
di
€
12.500
e
un
un
reddito
di
da
una
sorella
che
anche
Nel cafcoloISEEUper la sorellaverrannoconsideratiredditiper € 6.250(5O%di € 12.500)e patrimoniper €
(5O%di € 4.000)
2.OOo
1.5.2| redditi e i patrimoni all'estero
Ulndicatoredella situazioneeconomicaequivalenteall'esteroè calcolatocome la somma dei redditi
percepitiall'esteroe il venti per cento dei patrimoni possedutiall'estero,che non sianogià stati inclusinel
valutaticon le stessemodalitàe sullabasedel tassodi cambiomediodell'euronell'annodi
calcolodell'ISEE,
riferimento.
con le stessemodalitàdi quelli possedutiin ltaliacon le
I patrimonipossedutiall'esterosono considerati
:
seguentii ntegrazioni
con
tt,
i patrimoni immobiliari localizzatiall'estero,detenuti al 3l- dicembre dell'anno precedentealla
presentazionedella domanda,sono valutatisolo nel casodi fabbricati,consideratisulla base del
valoreconvenzionaledi€ 500 al metro quadrato;
à
i patrimoni mobiliari sono valutati sulla base det tasso di cambio medio dell'euro nell'annodi
riferimento.
1.5.3| redditi e i patrimonideglistudentirifugiati politicied apolidi
Ai fini dellavalutazionedellacondizioneeconomica,per gli studentiriconosciuti
quali rifugiatipolitici ed
apolidi si tiene conto solo dei redditi e del patrimonio eventualmentedetenuti in ltalia secondo le
modalitàprevisteper l'|SEEU.
Con riferimentoalla composizionedel nucleo familiare si deve valutarese lo studenteè "indipendente"
oppure no; con riferimento al reddito ed ai patrimoni dei fratelli e sorelle presenti nel nucleo, devono
essereconsiderati
al 5O%.
1.5Valutazione
dclta..condizione
economica
e
appartenenti
all'Unioneeuropea
prevedeche gli studenti stranieri non appartenentiall'Unione
L'Art. 1-3,comma 1, del DPCM9.04.2001.
Europeaaccedono,a parità ditrattamento con gli studenti italiani,ai servizied agli interventiper il diritto
allo studio,ai sensidell'art.46, comma 5, del D.P.R.
n. 394 del 31.08.1999(Regolamento
attuativoT.U.
d i s c i p l i niam m i g r a z i o n e ) .
prevedeche la condizione
ll D.P.R.
n.394 de|31.08.1999
economica
dellostudentestraniero
e patrimoniale
sia certificatacon appositadocumentazioneattestante:
€
la composizionedellafamiglia;
€
il redditodell'annosolarerichiestodall'Università
di ciascuncomponentela famiglia;
€
ifabbricatiall'estero
di proprietàdellafamigliacon l'indicazione
dei metri quadrati;
€
il patrimonio mobiliare possedutodalla famiglia (espressoin titoli, dividendi,partecipazioni
azionarie,
frazionedi patrimonionettodi eventualiaziendepossedute,
ecc.).
Ladocumentazionesopraelencatadeve essere rilasciatadalle competentiautorità del Paeseove i redditi
sono stati prodotti e tradotta in lingua italiana dalle autorità diplomatiche italiane competenti per
territorio(comma5 art.46 DPR394 del 31.08,1999).
Taledocumentazione
è resadallecompetentirappresentanze
diplomatiche
o consolariesterein ltaliaper
quei Paesiove esistonoparticolaridifficoltàa rilasciarela certificazione
attestatadalla localeAmbasciata
italiana,e legalizzata
dallePrefetture
ai sensidell'articolo
L7,comma4, dellalegge4 gennaiol-968,n. l-5.
Per gli studenti stranieriprovenientida paesi particolarmentepoveri, in relazioneanche alla presenzadi
un bassoindicatoredi sviluppoumano,la valutazionedella condizioneeconomicaè effettuata sulla base
di una certificazioneche attesti che lo studente non appartienead una famiglia notoriamente di alto
reddito ed elevatolivellosociale(comma5 art. L3 DPCM9.O4.2OOI),
rilasciatada:
)
à
à
rappresentanza
italiananel paesedi provenienza;
universitàdel paesedi provenienza, nel caso di studenti iscritti ad una universitàcollegatacon
accordio convenzioni
di iscrizione
in ltalia;
con I'università
enti italiani abilitati alla prestazionedi garanziadi copertura economicadi cui alle vigenti
disposizioni
in materiadi immatricolazione
deglistudentistranierinelle universitàitaliane;per gli
ccll
t
In tal casoI'ente
al primo anno dei corsidi laureae di laureaspecialistica.
studentiche si iscrivano
in casodi
per
studente
conto dello
certificatoresi impegnaalla eventualerestituzionedella borsa
revoca.
e
dell'Università
L'elencodei paesipoveri è definitoannualmentecon decretodel Ministrodell'lstruzione,
emanatod'intesacon il Ministrodegliaffariesteri.
dellaRicerca,
fultimo aggiornamento,pubblicatocon DM 02 maggio 2011, individua i seguentipaesi:
Benin,Bhutan,BurkinaFaso,Burundi,Cambogia,CentralAfricanRep',
Angola,Bangladesh,
Afganistan,
Chad,Comoros,CongoDem. Rep.,Cote d'lvoire,Djibouti,EquatorialGuinea,Eritrea,Ethiopia,Gambia,
Ghana,Guinea,GuineaBissau,Haiti,Kenya,Kiribati,KoreaDem. Rep.,KyrgyzRep.,Laos,Lesotho,Liberia,
Myanmar,Nepal,Nigel Nigeria,Pakistan,
Malawi,Maldives,Mali, Mauritania,Mozambique,
Madagascar,
papuaNew Guinea,Rwanda,Samoa,SaoTome& Principe,Senegal,
SierraLeone,Solomonlslands,Somalia,
Sudan,Tajikistan,Tanzania,Timor-Leste,Togo,Tuvalu,Uganda,Uzbekistan,Vanuatu,Viet Nam, Yemen,
_291!ig,_ziryb_a!rye_
Perla certificazionedella condizioneeconomicae patrimoniale
e le modalità di legalizzazionedella stessa è consigliabileche lo studente straniero consulti i bandi
emanatidall'Universitàcui intendeiscriversio il servizioDiritto allo Studiodell'ateneo.
Lo studente straniero è comunque obbligato a dichiararei redditi ed il patrimonio eventualmente
detenuti in ltalia dal proprio nucleofamiliare.
1.7 | redditie i patrimoni nel modellodicalcolo ISEEU
::'ll:l:i:iii::i:
:,.]::li.riìl:r::l
quadrodel modellodi calcoloISEEU,
il CAAFcertifica,sullabasedi quantodichiaratodallo
Nell'apposito
studente,i redditi ed i patrimoni,tenendo conto delle regolesopradescritteed esponendole modalitàdi
calcolodegli indicatori.
mobilia|€o
dol radditof8urolivodsl patrimonro
Reddito del nuclso lamiliart {cornpronsyo
s}
derredditiproddtidl"Éstéfo6 6l rEitodelcólbn6fafrtlo tor|spsslù){1}
posseduto
mobrliare
délPúÌrimonio
Consistenza del patrimonio mobiliare (corúprensivo
àll estero e al rc{o dells francfúciàDrevbt{ dalla normstivavbent€} {'l)
b)
del Pafimoniolmrnobilise
Consistenza del patrimonio immobiliare {comprensavo
possedutoatl'estèroé sl f|€tb dell€ delreziorirper nutui elo lranchtgiarèlalivaelfabilazionè
c)
nnncroalpl {1ì
Valore def parametrodefla scala di equivafenza
|)
t rsdditia il patftmonfrnÒbilierco immúiliarè d, ftetÈil e $ororred*, r,ctrtdrfttè. sooo slàt corcolÉlltlérls rfrsdà dd 509ódei vslott
drcrliaruti
Sulta base del nucteoe della situazioneeconomicae patrimonialeriportatènella dichlarazione,
I'indicatoredella sÍtuazioneeconomicacalcolatocon riferimentoalle prestazioniUniversitarie,è
pari al seguentèvalore
l$EU=a+[(b+c).0,21
= ValoroISEEU
Parametro$cala Equivalenza
{luooo}
(Timbro€ fiffiu dol cAFl
1.8 La richiestadelcalcoloISEEU
un appositomodellodi richiestache
è statopredisposto
Al fine di ottenereil rilasciodel calcolodell'lSEEU,
presentare
al CAAF.
lo studentedeve
cctr
t
Nellarichiestalo studentedeve indicare:
à
l'Universitàe il corsodi laureacui risultaiscritto;
)
i propridatianagrafici
e il numerodi matricola;
à
la residenzae la cittadinanza;
à
l'eventualecondizionedi disabilitàsuperioreal660/o;
à
qualíprestazioni
del dirittoallostudiointenderichiedere.
Deve,inoltre,rilasciareil consensoal trattamentodei dati personali.
Richiesta delcalcolo ISEE per i benefici relativi al diritto allo studio
Universitario
Universita
Corso di Laurea
lllla sottoscritto/a
Cognome
Codice fiscale
Nato a
Numero di Matricola
Nome
Sesso
Prov.
Residente in ltalia:
Comune
lndirizzo
Prov.
N"
CAP
Residenteall'estero E
Cittadinanza
ltaliana I
Skaniera E
Tel.(facoltativo)
E-mail (facoltativo)
Disabile con invaliditasuperiore al 6696
|T|
Con la presente,
Al fine di ottenere le seguenti prestazioni
E
E
E
I
Borsa di studio
Posto alloggio
Altro
Altro
Ú
I
tariffa agevolata per il servizio ristorazione
Agevolazioni per tasse universitarie
Autorizza
La società
al trattamento dei dati personalie all'invio degli
stessi all'Universitàpresso la quale sono iscritto. Inoltre, in esecuzionedegli art. 1Oe 1{ della Legge 675/96,
recante disposizioni a lutela delle persone e degli altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il
sottoscritto fomisce il consenso al trattamento deí propri dati personali, ottre che per ottemperare agli
obblighi previsti dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria, anche per dare inlegrale
esecudone a fufti gli obblighi connessi con le agevolazionirichiestee foro eventuali integrazioni/evofuzioni-
(luogo)
(data)
(firma del richiedente)
CGII
,. ,..,
l.9llcalcololSEEU
.;e'
t
Per calcolarel'ISEEU
si devonoseguirele stesseregoledi calcoloprevisteper l'lSEE,tenendo conto che
vannoconsiderati
anchei redditipercepitied i patrimoniposseduti
all'estero
e che i redditidei fratellie
dellesorelle
dellostudente
si conteggiano
al 50%.
per l'Università:
Indicatore
Reddituale
Situazione
ISRU
Rendimentodel patrimonio
mobiliare:
Sommadei patrimonimobiliari
dei componentiil nucleo
familiare,eventualmente
integratocon quellodella
famigliadi origine,comprensivo
dei patrimonimobiliariposseduti
all'estero.
I patrimonidei fratellie delle
sorelledellostudentevanno
conteggiatial5Oo/o.
Moltiplicaretale somma per la
percentualedi rendimento.
(VediCapitolo
13.1partel)
Redditodel nucleofamiliare:
Sommaretutti i redditidei
componentiil nucleo
familiare,eventualmente
integratocon quellodella
f a m i g l i ad i o r i g i n e ,
comprensivodei redditi
prodottiall'estero.
I redditidei fratellie delle
sorelledellostudentevanno
conteggiatial5O%.
Canone
Annualedi
Locazione
perun importo
massimo,
c o m ea i f i n i
ISEE,
di €
5,L64,57
(VediCapitolo6
parte l)
pari a 0 (zero)
Seil risultatoè negativo,considerarlo
ll risultatoottenuto è l'l.S.R.U.
Indicatore
Situazione
Patrimoniale:
ISPU
Consistenza
del patrimoniomobiliare:
sommaditutti i patrimonimobiliaridel
nucleofamiliare,eventualmente
integratocon quellodellafamigliadi
origine,comprensivo
dei patrimoni
mobiliaripossedutiall'estero
I patrimonideifratellie dellesorelledello
studentevannoconteggíati
al5O%.
€L5.493,71
se il risultatoè negativo,considerarlopari
a zero
+
Consistenza
del patrimonio immobiliare:
sommaditutti i patrimoniimmobiliaridel
nucleofamiliare,eventualmenteintegrato
con quellodellafamigliadi origine,
comprensivodei fabbricatiposseduti
all'estero(valutatiin euro 500,00al mq).
I patrimonideifratellie dellesorelledello
studentevannoconteggiatial50%.
detrazione
Orar,r*,o immobiliareper
mutui e/o franchigiaper la casadí
abitazione,
calcolata
comeaifini ISEE
(VediCapitoli
6 e 13.3partel)
ll risultatoottenuto è l'l.S.P.U.
e8t1
ttrlÀtt
IndicatoreSituazionePatrimonialeEquivalenteUniversità:ISPEU
PARAMETRO
SCALADI EQUIVATENZA
ISPU
ISPEU
lndicatore della
situazione patrimoniale
equivalente che le
università possono
-
richiedere
20%t.s.P.u.
l.S.E.U. {lndicatoredella situazioneeconomicauniversità)
l.S.E.E.U. (lndicatoredella situazioneeconomicaequivalente =
università)
I
I
Parametro
Scaladi
equivalenza
Scaladiequivalenza
Parametro
Numero
componenti
deicomponenti
1,00
1,57
2,O4
2,46
2,85
Ulteriori maggiorazioni:
0,35
o12
or5
Perogníulteriorecomponenteil nucleo
Figliminorie l sologenitore
superioreal
Ognicomponentecon handicapo con invalidità
66%
Nucleofamiliarecon figli minori e con entrambii genitoriche
lavoranoper almeno 6 mesi o nucleofamiliarecon solo figli
minorie unicogenitoreche lavoraper almeno6 mesi
1,10
i il
il:ffil
iti it,
li...!sÉÉù..,:l.'..:..'.:,.:,.,tl:.,,.,.:.t..i.l,..i.t..,,.,l
II CAAF,sulla basedi quanto dichiaratodallo studentee delladocumentazione
dallo stessopresentata,
certificala composizione
dei redditi e dei patrimoni e calcolail valore
del nucleofamiliare,la consistenza
ISEEU.
Nellacertificazioneche il CAFrilasciaallo studentevengonoesposti:
à
ù
ù
tra quelli possedutiin ltalia ed all'esterononché quelli
i redditi ed i patrimoni,distinguendoli
possedutidai fratellie dallesorelledellostudente;
le modalitàdi calcoloe gli indicatori:
ISRUIndicatore
Reddituale
Università
Situazione
ISPUIndicatore
Patrimoniale
Università
Situazione
Equivalente
Università
ISPEUIndicatore
Situazione
Patrimoniale
per i residentiin ltalia,i dati relativiall'lSEE.
GOTl
t
Italia
Estero
Reddrticornnbssivernenteorodotti
Di cui orodotti da Fratelli e Sorelle del diclriarante{50%}
Patrimoniomohiliaredel nucleofarniliareoosseduio
Di cui oosiedutoda FretellieSorefledeldicfriarante{50%}
Fatrinroniolmmobiliaredel nucleof;amitiareoosseduto
Di nrri rnsqpdultl
da Fretalli rr Sorelle
rloì didriarento
/E0o"ll
Somma dei re*lrti della dÍchrarazione
Rendinlentsdel Paflmonio Mobiliare
lTesso di rendimentoeoplicato
)
Detrazioneoer il canonedi locezione
Indicatore SÌtuazione Reddituale Universita {|SRUI
Llr}d'c€aúfle dalls s,ftJaaloneFeffiud€
diúftrsmr.Je
fi*É cordo delh úaersa hcndensaf5096,detrFd#posseddt
dcr,hrfElt e dart srElfie @
FatrinronioMobrliere
DetrazionePabinpnb Mobìliare
PatrinrsnioImmobiliare
úetrazionePatrirnonblmmsbiliere
Indicatore Situazisne Patrimoniale Univercità {lSPUl
Indicatsre Situazione Patrimsniale Equivalente Università {ISPEU}
lCalcelatr
:m
hdicme
Sitrmi*.
Fe*imirlr
liflrtl'cagene dd ffirimonioÍ&ùdrara
sorerlerletrrfdr'|ersnùe
lllirffiiti
disiso le rrh
ili mir:i,asì
e ImmoùIfirre 0ane mrÉo delta dllEr$i i,ncideilza{50?tJdeipEùiqglipoesedtú
dm natE$re dafe
Sezioneriservataai Dichiarantiresidentiin ltalia
Oati ISEE di cui a[ &crets leqislotÍyo 3f mono i998 n. î{19e successive modificazÍoni e inteqrazioni
Sezioneriservataai Dichiarantiresidentiin ltalia
In questasezionevannoriportati:
'
gli indicatoricalcolatisullabasedei dati indicatinellaDSUe con le regoleprevisteper il
r
calcolodell'lSE;tali indicatoripotrebberodifferireda quelli calcolatiper l'lSEEU.
llvaloredellascaladi equivalenza
applicatosullabasedei componentiil nucleo
familiare.
Cosìcomel'ISEE,
anchel'ISEEU
è una certificazione
che il CAAFfa sullabasedeidatifornitidallostudente
che ne fa richiestacon la presentazione
dell'apposita
domanda.
Per la correttadeterminazionedell'ISEEU
il CAAFdeve verificare:
r i dati contenutinellarichiesta
dellostudente;
:
l'attestazione
ISEEcon relativaDSU;
'
la documentazione
relativaai redditied ai patrimonidellafamigliadi originein presenza
di nucleo
i ntegrato;
'
la certificazione
relativaai redditied ai patrimoniposseduti
all'estero.
ccll
t
it
i benefici
e di dottoratodi ricerca,
Pergli studentiiscrittial primodi tutti i corsidi specializzazione
gli studentiiscrittiagliannisuccessivi
dellacertificazione,
vengonoattribuitipreviapresentazione
in casodi mutamentidella
una nuovaautocertificazione
al primo,sono tenuti a presentare
del nucleotali da far
dellacondizione
economica
composizione
e di modifiche
del nucleofamiliare
(comma
4 art.4e commaL0art.5 DPCM9.04.2001).
venirmenoil dirittoal beneficio
,1.ii..$irlWffiffiffiffi:li:
*ilil,llffiisii
$ffi
NelcalcoloISEEUdevono essereconsideratele seguentisituazioniparticolari:
studenteindipendente:il nucleofamiliareè integratocon quellodellafamigliadi originein mancanza
dei requisitidi residenzaesternae possessodi redditi derivantida lavorodipendenteed assimilati da
a l m e n od u e a n n i ;
in presenzadi genitori separatio divorziati il nucleofamiliaredello studenterichiedentei beneficiè
integratocon quello del genitoreche percepiscegli assegnidi mantenimentoper lo studente,nel caso
in cui i genitorifaccianoparte di due diversinuclei,in assenzaperò di separazionelegaleo divorzio,il
nucleofamiliaredel richiedentei beneficiè integratocon quellodi entrambii genitori;
i redditi ed i patrimoni possedutidai fratelli e dalle sorelledello studentevengonoconteggiatial50%;
i redditi ed i patrimoni all'estero vengono conteggiatinel calcolo ISEEUal tasso di cambio medio
dell'annodi riferimento,il valoredei fabbricatiall'esteroè fissatoin 500,00euro al mq;
gli studenti rifugiatipolitici ed apolidi devonodichiararesolo i redditied i patrimonipossedutiin ltalia;
gli studenti stranieri non appartenenti alla Comunità Europeadevono documentarela condizione
con appositacertificazione.
economicae patrimoniale
CGIl
t
Assegnodi
maternità
Partelll
Capitolo1
1.1lrurRoouzrorue
1.2ll nuoloortCotvtutrtt
pERtLDlRlrroAtt'AssEGNo
1.3 ConorzroNt
oGGETTtvE
. 1.3.1[a cittadinanzadella madre
ReootruAltpERtt DtRtrroAL['AssEGNo
1.4 Coruotztonr
DALLA
MADRE
DrvERsE
1.5 Ln RrcHrEsrA
FATTA
DApERsoNE
DoMANDAEI DocUMENTIALIEGATI
1.6 LA pRESENTAZToNE
DETLA
L.7 LncoNcEsstoNE
EtA MtsuRADELt'AssEGlto
1.8 CunnuloDEfBENEFIcI
1.9 Rreptoco
1.10 Lerne osll'tNps
cotl
tt
AssEGNODI MATERNITA
1.1Introduzione
edè oggi
coneffettodal01.01.1999
n. 448del23.12.7998
66dellaLegge
L'assegno
è statoistituíto
dall'art.
cosìcomemodificatodal D.M.n. 337 del 25.5.2001e dall'art.74
disciplinato
dal D.M.n.452 del21.12.2000
in materiadi tutelae sostegno
legislative
del D.Lgs.n. 151 del 26 marzo200L(Testounícodelledisposizioni
dellamaternitàe dellapaternità).
L'assegno
di maternitàè una prestazionea sostegnodel reddito, concessacon provvedimentodel Comune
nella cui circoscrizionerisiede il richiedenteed erogata dall'INPSsulla base dei dati forniti dai Comuni
stessiai quali spetta il compitodi ricevere,istruire,definirele domandee di comunicareall'INPSi dati
necessariper l'effettuazionedel pagamento.
ll diritto all'assegnoè legato alla condizioneoggettiva della madre e ai requisiti economici del nucleo
familiaredí cui la madre fa parte,valutati sulla basedell'lndicatoredella SituazioneEconomica:lSE.
L'art.18 del D.M. n. 452 del2I.12.2000,determinale funzioniriservateai Comuniper la definizionedel
dirittoall'assegno
di maternità.
lcomuni:
à
della dichiarazione
necessaria
AssicuranoI'assistenza
al richiedenteper la correttacompilazione
sostitutiva(DSU)ancheattraversoi propri uffici per le relazionicon il pubblico;ai medesimifini,
necessarie,
anche medianteappositeconvenzioni,con i centri di
stabilisconole collaborazioni
à
fiscale.
assistenza
Prowedono, per I'assegnodi maternità,ad informare gli interessatiinvitandolia certificareo
all'anagrafe
comunaledei nuovinati.
dichiarareil possesso
dei requisitiall'attodell'iscrizione
à
o medianteun appositoserviziocomune,la veridicitàdellasituazione
Controllano,singolarmente
familiaredichiarata.
)
I
Prowedono, nel caso di prestazioniindebitamenteerogate,alla revoca del beneficio a far data
ll prowedimentodi revocaè trasmessoall'INPSper le
corresponsione.
dal momentodell'indebita
azionidi recuperodellesommeerogate.
conseguenti
gli atti relativial
Se il richiedentemuta la residenzaprima del prowedimentodi concessione,
per i provvedimenti
procedimentodi concessione
sono trasmessial comunedi nuova residenza,
ll comuneche ha concesso
il beneficioè comunquecompetenteper i controllie per i
conseguenti.
provvedimenti
di revoca,anchese l'interessato
ha mutatoresidenza.
Hanno diritto all'assefno le madri che al momento dell'evento: parto o ingressoin famiglia in caso di
adozioneo affidamento,sono residentiin ltalia.
Non rileva,al fine della determinazione
del diritto, la cittadinanzadella madre la quale,se residentein
Italiaal momentodell'evento,
indipendentemente
dalfatto chesia:
ha dirittoall'assegno
I cittadinaitaliana,
. cittadinacomunítaría,
.
cittadinaextracomunitaria.
colt
t
L'assegnoviene riconosciuto:
)
per ognifiglio biologico;
à
per ogni minore adottato o in affidamento preadottivo,purché il minore non abbia superatoi 6
ovverola maggioreetà in casodi adozioni
annidi età al momentodell'adozione
o dell'affidamento,
o affidamentiinternazionali.ll minore in adozioneo affidamentopreadottivodeve essere
regolarmentesoggiornantee resídentenel terrítoriodelloStato.
L'assegnoviene corrisposto:
)
in misura intera alla madre non lavoratrice, che quindi non ha diritto ad altro trattamento
economicoper il periododi maternità,
à
in misura ridotta alla madre lavoratricese l'importo dell'indennitàdi maternità o della
(quotadifferenziale).
retribuzione
che percepisce
è inferioreall'importodell'assegno
di maternitàanchein casodi:
Siha diritto all'assegno
€
decessodel figlio entro il quinto mesedi vita, in questocasol'assegnoverrà erogato per tutti i cinque
mesi;
€
figlio nato morto purchél'interruzionedellagravidanzasia awenuta dopo il 180'giorno dall'iniziodella
gestazione,coincidentecon il 300' giorno antecedentealla data presuntadel parto in analogiacon
quanto previsto dalla normativa vigente in materia di indennità di maternità ( D.lgs. n. L51 del
26.03.20071.
1.3.1La cittadinanzadella madre
Possonofare richiestadell'assegnodi maternità le madri:
€
cittadineitaliane;
€
cittadinedi un Paesecomunitarioin possessodi carta d'identità residenti;
cittadine extracomunitariein possessodi "permessoCE per soggiornantidi lungo periodo" (ex
carta di soggiorno)o titolari di carta di soggiorno per familiari di cittadini UE (vedi
€
approfondimento)
al momento delladomanda.Sul "permessodi soggiorno"della madre devono
essereriportatianche i dati del bambino,in alternativaper il bambinoè possibilepresentarei
per minoridi 14 anniin attesadi rinnovo.
"permessodi soggiornoprovvisorio
Cittadineitaliane:devonoessereiscritteall'anagrafe
dei cittadiniresidentiin ltaliae quindil'assegnonon
spetta a quelle cittadine italiane che hannotrasferitola loro residenzaall'esteroanchese iscritte all'A|RE
(AnagrafeltalianiResidenti
all'Estero).
In questoultimocasoil beneficionon può essereconcessoneppure
qualorala madretrasferisca
la propriaresidenza
in ltaliaentro6 mesidallanascitadel figlio.
Cittadinecomunitarie.Ad oggii PaesiaderentiallaComunitàEuropeasono:
Austria-Belgio-Bulgaria-Cipro-Danimarca-Estonia-Finlandia-Francia-Germania-Grecia-lrlandaItalia-Lettonia-Lituania-Lussemburgo-Malta-Olanda-Polonia-Portogallo-RegnoUnitoRepubblicaCeca- Romania- Slovacchia- Slovenia- Spagna- Svezia- Ungheria.
Cittadinenon comunitariein possesso
di uno dei seguentititolidi soggiorno:
à carta di soggiorno(exart.9D.lgs286/1998);
à permessodi soggiornoCEper soggiornantidi lungo periodo (Circolare
INPSn. 35 del9 marzo2010);
)
carta di soggiornodi familiare di cittadino dell'Unioneo ltaliano,della durata di cinque anni
(circolare
INPS
n. 35del9.03.2010).
cctl
t
I
Gartadi soggiornopermanenteper i familiarinon aventila cittadinanza
di uno Statomembro
(circolare
INPS
n,35del9.03.201.0).
Titolidi soggiorno
validiper la concessione
dell'Assegno
rA seguitodelle modificheapportatedall'art.9 del D.Lgsn.3 del 8 gennaio2OO7,lacarta di soggiornoè
rstatasostituitadal "PermessodisoggiornoCEper soggiornantidilungo periodo".
ea n n o
l oos t a t u sd i s o g g i o r n a n tdei l u n g op e r i o d oa i c i t t a d i n i d p
i a e s i t e r z i c hh
l C t i S t a tm
i embriconferiscon
lsoggiornatolegalmentee ininterrottamenteper cinque anni nel loro territorio immediatamenteprima
dellapertinentedomanda.
idellapresentazione
I
tll permessodi soggiornoCEper soggiornantidi lungo periodo,come pure la carta di soggiorno,è un titolo
ra tempo indeterminato,
dal Ministerodell'lnternonel casoin cui si
che può essererevocatoesclusivamente
tverifichino
particolari.
situazioni
I
rCartadi soggiornodi familiare di cittadino dell'Unione,Carta di soggiornopermanente per familiari di
tcittadinieuropei.
r P e r q u a n t o r i g u a r d ai f a m i l i a r i e x t r a c o m u n i t adr ie i c i t t a d i n ic o m u n i t a r i l, a c i r c o l a r eI N P Sn . 3 5 d e l
'9.03.2010,
questifamiliarihannodirittoall'assegno
ribadisce
che,sullabasedel D.Lgsn. 3 del 8.01-.2007,
di
tmaternità,qualora siano in possessodella Carta di soggiornodi familiare di cittadino dell'Unione (o
titaliano)didurata quinquennale,
oppuredellaCartadisoggiornopermanenteper ifamiliari non aventi la
tcittadinanzadi uno stato membro, precisandoquali sianoi familiariaventidiritto.
però non ha chiaritoche il titolo "Cartadi soggiornodi familiaredi un cittadinodell'Unione",come
iL'trupS
lpure la "Cartadi soggiornopermanenteper familiaridi cittadinieuropei"attualmentenon esistono,in
lquanto il modellodovevaesseredefinitoda un decretodel Ministerodell'internoda emanarsientro sei
in vigoredel D.Lgsn. 3 del8 gennaio2OO7
e maiemanato.
lmesidall'entrata
di cittadinicomunitaridovrebberoesserein possesso
lPertanto,attualmenteifamiliari extracomunitari
disoggiornoCEper soggiornanti
oppuredel Permesso
di lungoperiodo.
ldellaCartadi soggiorno,
I
'CittadiniExtracomunitarifamiliari di cittadinoitaliano
rPerquanto riguardaicittadini extracomunitari
familiaridi cittadiniitaliani(coniuge,discendentidiretti dí
direttia caricoproprioo del coniuge),
letà inferiorea2t anni o a caricoproprioo del coniugee ascendenti
I
di cittadini
lhanno diritto ad ottenerelo stessotitolo di soggiornorilasciatoai familiariextracomunitari
sopra).
Icomunitari(secondoquantoaccennato
I
rVaperò detto che,in molti casi,le questurerilasciano
a questicittadinistranieriun permessoper motividi
(ex
rfamigliadi duratabiennale art. 19 del TU immigrazione
e ex art. 28 del Regolamento
di attuazione).
I
lln questi casi sarà quindi opportunovalutarela possibilitàdi presentareimmediatamentedomandadi
domandaper l'assegno
di maternità.
lpermessodisoggiornoCEdi lungoperiodoprimadi presentare
lCittadiniExtracomunitaricon lo statusdi rifugiatoo di protezionesussidiaria
lL'assegnodi maternità spetta anche agli stranieri a cui è stato riconosciutolo status di rifugiato o di
pertanto le madri che sono in possessodi un permessodi soggiornoper asilo
lprotezionesussidiaria;
ipolitico o per protezionesussidiaria,se in possessoanche degli altri requisiti di legge, hanno diritto
di maternitàconcesso
dai comuni.
lall'assegno
CGII
t
Cittadina straniera in attesa
del rilascio del permessodi soggiornoCEper soggiornantidi lungo periodo
./
Con la circolaren. 35 del 9.3.2010,l'INPSha stabilitoche in casodi cittadinastranierain attesadel rílascio
del permessodi soggiornoCE per soggiornantidi lungo periodo, questa potrà comunque presentarela
domanda di richiestadell'assegnodi maternità entro il termine dei 6 mesi dalla nascitadet bambino
allegando la ricevuta con'rprovantel'awenuta richiestadel titolo di soggiorno.
Taledomandasaràtenuta "sospesa"dal Comunedi residenzaancheoltre ilsuperamentodeltermine dei 6
mesi dalla nascitadel neonato in attesadel rilasciodel titolo di soggiornoche, una volta ottenuto, dovrà
essereesibíto (ín forma cartaceao elettronica)dalla cittadina stranieraal proprio Comune affinché lo
stessopossaprocedereall'inoltrodelladomandaai fini del pagamentodell'assegno
di maternità.
L'assegno
di maternitàspettaa condizione
che i redditied i patrimonipossedutidal nucleofamiliaredella
madre al momento della data della domanda di assegno,non superinoil valore dell'lndicatoredella
SituazioneEconomica(lSE)applicabilealla data di nascitadel figlio (ovverodi ingressodel minore nella
famigliaadottivao affidataria).
Per f'anno2011 ilvalore dell'lSEda non superareè pari a€32.967,39annui(giàincrementatodell'indice
lstat dei prezzial consumoper le famigliedi operaie impíegatiper l'anno 20LL)con riferimentoad un
nucleofamiliarecon tre componenti.
Pernucleifamiliaricon diversacomposizione
o per i qualidebbanoapplicarsi
le maggiorazioni,
tale somma
è riparametratasecondoi criteri fissatidall'allegatoA del Decreton. 452 del2LI2.2000 come modificato
d a l D e c r e t on . 3 3 7d e l 2 5 . 0 5 . 2 0 0 1 :
N"
Componenti
Nucleo
Familiare
SogliaISE
riparametrataper
il2011
Coefficiente
1-,57+ 0,2 assenzadi con
Nucleo basedi riferimento
€ 28.681,63
a di minore
€ 46.1.54,35
€62.967,72
3,90
2,85+ 0.35
3,20+ 0,35)
(3,55+ 0,35)
azione
i ulteriore
Esempio:
- I'indicatoredella situazioneeconomica {lSE)
è ilseouente:
i Eur0
? u, 72 4, g g
z.,94
- l'indicatorÈdella gituazioneeconomicaequivalente,
Euro
. tlF.EH*q,il.gesqenlsi
_""*-__
1 A, l 5 g , g ?
L'art. 11 del D.M. n. 452 del 2I.t2.2000 dispone che l'assegnodi maternità possa essererichiesto da
personadiversa dalla madre esclusivamenteanpresenzadei casiche di seguito vengono rappresentati.
ln casodi...
ln casodi madre minorenne (come in tutte le altre ipotesi di incapacitàdi
agire), la richiesta può esserefatta dal padre maggiorennea condizione
Madre minorenne
che:
. la madre risulti regolarmenteresidentenel territorio dello Stato italiano
al momento del parto;
. il figlio sia stato riconosciutodal padre stesso,si trovi nella sua famiglia
anagraficae sia soggettoalla sua potestà.
Qualora anche il padre del bambino sia minore d'età o comunque non
risultinoverificatele altre condizionila richiestapuò esserepresentata,in
nome e per conto della madre, dal genitoredella stessaesercentela patria
potestàowero, in mancanza,da altro legalerappresentante.
In casodi decessodella madre del neonato(o della donna che ha ricevutoil
minore in adozioneo affidamentopreadottivo),la richiestapuò esserefatta
dal padre che abbia riconosciutoilfiglio (o dal coniugedella donna adottiva
Decessodella madre
o affidataria)a condizioneche:
'
il minoresi trovi pressola famigliaanagraficadel richiedente;
'
il minore sia soggetto alla potestà del richiedente(o comunque non
affidatoa terzi).
In caso di affidamento esclusivoal padre o di abbandonodel neonato da
parte della madre,la richiestapuò esserefatta dal padrea condizioneche:
Affidamentoesclusivo
. il figlio si trovi pressola suafamigliaanagrafica;
al padreo di
abbandonodel neonato . il figliosia soggettoallasua potestà(o comunquenon affidatoa terzi);
. la madrerisultiresidenteo soggiornantein ltaliaal momento del parto.
da partedellamadre
tn tale ipotesi l'assegnospetta al padre in via esclusiva
Separazionelegale
tra i coniugi
adottanti o
affidatari preadottivi
Adottante
non coniugato
Neonato non
riconosciuto o
non riconoscibiledai
genitori
In casodi separazionelegaletra i coniugiadottanti o affidataripreadottivi,
la richiesta può esserefatta dall'adottante o dall'affidatario preadottivo a
condizioneche il minore rientri nella famiglia anagraficadel richiedentee
che l'assegnonon siagià stato concessoalla madreadottivao affidataria.
In caso di adozione pronunciata solo nei confronti dell'adottante non
coniugato (art. 44 Legge n. 184 del 4.05.1983) la richiesta può essere
presentata dall'adottante a condizioneche il minore si trovi presso la
famigliaanagraficadell'adottantee sia soggettoa potestàe comunquenon
in affidamentoa terzi.
ln caso di neonato non riconosciuto o non riconoscibile dai genitori, la
richiesta può esserefatta dall'adottante dalla persona affidataria (in forza
di un prowedimento del giudice)a condizioneche il minore rientri nella sua
famigliaanagrafica.
In tutti questi casi l'assegnospetta sempre a condizioneche il richiedente sia cittadino italiano,
comunitarioo extracomunitarioin possessodella carta di soggiornoo di permessodl soggiornoCEper
soggiornantidi lungo periodoe residentein ltalia.
GCrl
tt
ll,:irtìi:.uìlr.ì
r
Ladomandadeve esserepresentataal comunedi residenzadella madre salvoi casidi richiestada parte di
soggetto diverso dalla madre, entro il termine perentorio di sei mesi dalla nascitadel figlio.
Nel casodi adozione/affidamento,il termine di sei mesi decorredalla data di ingressodel minore nella
famigliaanagraficadella madre adottiva/affidataria.
Nell'ipotesi
qualorail minorenon possaessereiscrittonellafamigliaanagrafica
di affidamentopreadottivo,
particolari
dell'affidatario
a causadi
misuredi cautelastabilitenei suoiconfrontidall'autoritàcompetente,
all'ingresso
del minore nellafamigliaanagrafica
è equiparatol'iniziodella coabitazione
del minore con il
soggettoaffidatarioquale risultadagli atti relativialla proceduradi affidamentopreadottivo.
Nel casoin cui l'assegnovenga richiestoda un soggettodiversodalla madre (padre,coniugedella donna
adottiva o affidataria,unico affidatario)la domandadeve esserepresentataal Comune di residenzadel
richiedenteentro il termine di sei mesi dalla scadenzadel termine concessoalla madre cioè entro un
anno dalla nascita(o dalla data d'ingressodel minore nella famiglia anagraficadella donna che lo ha
ricevutoin adozioneo affidamento).
In casodi decessodella madre,la domandadeveesserepresentataal Comunedi residenza
dellapersona
deceduta;in tal casola domandapuò esserepresentata
ancheduranteiltermineconcesso
allamadre(cioè
duranteí sei mesidallanascita)quandosiadocumentatoil decessoo risultiil diritto esclusivodel padre.
Nell'ipotesidi adottantenon coniugatola domandava presentata
entro il terminedi sei mesidall'ingresso
i n f a m i g l i ad e l m i n o r e .
In caso di incapacitàdi agire, la domanda e la relativadocumentazione
sono presentatedal legale
rappresentante
dell'incapace,
in nomee per contodi lui.
Domandapresentata:
Terminedi presentazione
dallamadrenaturale
dalla madreadottiva/affidataria
sei mesidallanascitadelfiglio
sei mesidalladatadi ingresso
del
minorenellafamigliaanagrafica
seimesidallascadenza
del
da soggettodiversodallamadre
termineconcesso
allamadre
( q u i n dLi a n n o )
A chi va presentata
al comunedi residenza
della
madre
al comunedi residenza
della
madre
al Comunedi residenza
del
richiedente
Spetta, ai Comuni ricevere,istruire e definire le domande, comunicandoall'INPSi dati necessariper
l'emissione
dei relativiassegnida partedell'lstitutoal qualespettaI'effettuazione
del pagamentoin nome e
per contodeìComunistessi.
Alla domandaoccorreallegare:
à
la dichiarazione
sostitutivaunica;
à
un'autocertificazione,
normalmentegià predisposta
dai Comuni,nellaquale il richiedenteè tenuto a
dichiararesotto la propriaresponsabilità:
- di esserein possesso
dei requisitirichiestidalla
leggeaifini dellaconcessione
dell'assegno;
-
di non averediritto,per il medesimoevento,a trattamentieconomiciper la maternitàowero, nel
casoin cui abbia diritto ad una tutela economicapercepitao spettante,ai fini del calcolodella
quotadifferenziale;
GGIt
tt
-
di maternitàa caricodello
per il medesimoevento,domandaper l'assegno
di non aver presentato,
questo,istituitodall'art.49 della Leggen'
Stato di cui all'art.75 del D.Lgs.151/200L(assegno,
a88/esl;
-
al fine di conseguirela quota differenziale,il richiedenteè tenuto a dichiarare,la somma
spettante o percepitadall'ente o dal datore di lavoro che è tenuto a
complessivamente
o economicodi maternità,owero a presentareuna
corrispondereil trattamentoprevidenziale
del soggettomedesimo.
dichiarazione
del dipendentecomunaleaddettooppure
in presenza
dal dichiarante
vienesottoscritta
L'autocertificazione
unitamentea copiasemplicedel documentodi identitàdel sottoscrittore.
e presentata
sottoscritta
g-
'
L'autocertificazionenon è comunque sufficiente
per i requisiti che devono esserecomprovati suttabase di specificadocumentazione
(ad esempio il possessodella carta di soggiorno).
E' dunque necessarioprodurre fotocopia della Carta di soggiornoo del permessodi soggiornoCE per
cittadini extracomunitarisoggiornantidi lungo periodo owero fotocopia della ricevuta di awenuta
richiestaallaquesturadeltitolo di soggiorno.
ln questo ultimo caso la domanda sarà tenuta "sospesa"dal Comune di residenzaanche oltre il
suoeramentodel termínedei 6 mesidallanascitadel neonatoin attesadel rilasciodel titolo di soggiorno
che, una volta ottenuto,dovrà essereesibito(in forma cartaceao elettronica)dallacittadínastraníeraal
aifini del pagamento
proprioComuneaffinchélo stessopossaprocedereall'inoltrodelladomandaall'INPS
dell'assegno,
'
e la misuradell'assegno
L.7Laconcesslone
L'assegno
mensiledi maternitàche vieneconcessocon prowedimentodel Comunealle aventidiritto per
le nascite,gli affidamentipreadottivie le adozionisenzaaffidamento,per il periododal 1 gennaioal 31
dicembre2011 è pari ad €3L6,25 (sespettantenellamisuraintera)per un massimodi 5 mensilitàe per
complessivi€ L.58L,25.fn caso di parto gemellareo plurigemellare,l'importo dell'assegnoaumenta in
misuraproporzionale.
dell'indicedei
viene rivalutatoal 1 gennaiodi ogni anno,sullabasedellavariazione
L'importodell'assegno
prezzial consumoper le famigliedi operaie impiegaticalcolatoall'ISTAT.
L'assegno
viene pagatoin unicasoluzionedall'lnpsentro 45 giorni dal ricevimentodei dati trasmessidal
Comune.
per il periododi maternità,l'indennitàdi
per intero alledonneche non percepiscono,
L'assegno
è concesso
da
(o da altri enti previdenziali)
né alcuntrattamentoeconomico(retribuzione)
maternitàerogatadall'INPS
parte del datore di lavoro;tuttavia,le donne che beneficianodi trattamento economicoper maternità di
importo inferiore rispetto all'importo dell'assegnopossonoavanzarerichiestaper la quota differenziale.
Esempio:
dell'indennitàcorrispostadall'lnpsper il congedodi maternitàè ugualea €
se l'importocomplessivo
è ugualead € 1.581,25,l'assegnospettanteè parialla differenzatra i due
1.000e l'importo dell'assegno
importi ossiaugualead € 581,25(1.581,25- 1.000= 581,25).
La cifra minima pagatadal Comunea titolo di quota differenzialeè pari a € 5,16,tuttigli importi inferiori
vengonoa questaricondotti.
cetl
t
Tabella
Anno di
riferimento
N"
Componenti
NucleoFamiliare
tm
assegnomaternitàdal 2000al20tt
Limite
Valore assegno
ValoreISE
€
€
2000
3
26.236,O1,
2001
3
2002
lmportomensile
€
774,68
154,94
26.818,rs
1.29L,14
258,23
3
27.644,94
1.326,0O
265,20
2003
3
23.308,42
1.357,80
271,56
2004
3
29.016,13
t.391,,75
278,35
2005
3
29.596,45
L.419,60
283,92
2005
3
30.099,59
1..443,75
288,75
2007
3
30.70L,58
1.472,60
294,52
2008
3
31.223,51_
1_.497,65
299,53
2009
20to
20tL
3
32.222,60
1.545,55
309,11
3
32.448,22
1.556,35
31.1.,27
3
32.967,39
t.58t,25
376,25
1.8 Cumulo dei benefici':
l,'i
L'assegnodi maternítàdel comune non costituiscereddito ai fini fiscali e previdenzialied è in genere
cumulabilecon altre prestazioni
erogatedaglienti locali(es.Assegnoal nucleocontre figli minori).
L'assegno
del Comunenon può esserecumulabilee quindi non viene riconosciuto
se è stato concesso
dall'lnpsf'assegno
di maternitàdelloStatodi cui all'art.75 del D.Lgs.
n. 151del 26.03.200L
1.9Riepifogo.]i'..]:ll
/
L'assegno
di maternitàerogatodai comuni,spettaalle madri non lavoratrici;
/
'/
la madredeve essereresidentein ltaliaal momentodellanascita/adozione
del figlio;
vieneconcessoper ogni figlio biologicoe per ogni minore in adozioneo affidame"nto
preadottivo;
rliane,anche da cittadinecomunitarieed
extracomunitariein possessodi cartadi soggiornoo permessodi soggiornoCEper soggiornantidi lungo
periodo;
{/ , i requisitieconomicisono valutatiin baseal valore ISEcalcolatoper il nucleofamiliaredi cui fa parte la
richiedente;
la domandaper ottenereil beneficio,salvocasiparticolari,va semprepresentatadallamadreal proprio
comunedi residenzaentro sei mesidallanascitadel figlio;
in casodi adozionei sei mesidecorronodalladatadi ingresso
del minorenellafamigliaanagrafica
della
richiedente.
ccrl
t
1.10le
Domanda
Assegno
di maternitàdelComune
Risposta
ll podre moggiorenne,o condizioneche: 7) lo madre risulti regolarmentesoggiornonte
nel territorio dello Stoto italiono ol rnomentodel porto; 2) il figlio sio stqto ricanosciuto
Chipuò chiederel'assegno
di
dol padre stesso,si trovi nello sua fomiglia onagrofico e sio soggetto allo suq potestò.
maternitàin casodi madreminore
Qualora non rísultino verificote le predette condizioni relqtivamente al padre del
di età e nellealtreipotesidi
bombino, Io domqndo di ossegnopuò esserepresentqtq, in nome e per conto della
incapacità
di agire?
modre minorenne,dol genitore della stessaesercentela potestà owero, in moncanza,
do altro legoleroppresentonte.
Chipuò chiederel'assegno
di
ln tale ipotesi lo richiestadi assegnopuò esserepresentato, in nome e per conto dello
maternitànelcasoin cui entrambii
madre minorenne,dal genitore della stessaesercenteIa potestà owero, in monconzo,
genitorisianominorenni(o,
do oltro legoleroppresentonte.
altrimenti,incapaci
di agire)?
No,in quonto lo madre - sio essocittodino italiona,'cÒmunitariao extrocomunitarioin
Puòpresentare
la domandadi
possessodi corta di soggiorno- deveessereresidentein ltolio ql momento dello noscito
assegno
unamadreitaliana
delfiglio secondoquonto dispostool commo3 delfort. 70, D.P.C.M.452/2000. Pertonto
residenteall'estero(AIRE)
al
l'ossegnonon può essereconcessoneanche quoloro lo quale trasferisco in ltolia lo
momentodel parto?
proprio residenzoentro seimesi dallo noscitadelfiglio.
L'assegno
maternità
di
del Comune
può essererichiestonelcasodi
5r.
decesso
delfigliodopola nascita?
L'assegno
di maternitàdel Comune Si, purché I'interruzione della grovidanzasio awenuta dopo íl 780" giorno dqll'inizio
può essererichiestonel casodi
della gestozione,coincidente con il 3A0" giorno antecedenteolla dotq presunta del
porto.
figlionatomorto?
Puòessereconcesso
l'assegno
del
Comunein forzadi un
provvedimento
con il qualeil
No,in quantogli eventicontemplatidoll'ort.74 del D.Lgs.751/2001sono
tribunaleha dispostoil
tassativamentela noscita,I'affidamentopreodottivo e l'odozionesenzooffidamento.
collocamentoprovvisorio
del
minore?
CGIl
tt
Assegnoal nucleo
Parte lll
Capitolo2
2.1lrurnoouzrorur
2.2ll nuolooerCoruurur
pERtLDtRlrroALL'ASsEGNo
2.3 ConolzroNtoGGETTtvE
2.4 Cotrtotztorur
ReootruAupERtLDtRlrroltl'AssecNo
2.5 CorucessroNE
DELL'AssEGNo
ADALTRI
soGGETTI
2.6 MoonlrrÀ r renutrurDtpRESENTAZToNE
DELLA
DoMANDA
2.7 VnnrnzroNEDELLA
srruAzroNEFAMTLTARE
Dopo LADoMANDA
2.8 DeconnENzA
EcEssAztoNE
DErDtRtrro
2.9 LncoNcEsstoNE
ELAMtsuReoett'Asstctrto
2.10 Curvruro
DErBENEFTcI
Z.LLLt FAeoen'tNPs
GGIl
tt
AssreruoALNUCLEO
FAMILIARE
CONALMENOTREFIGLIMINORI
ed
L'assegno
è statoistituitodall'art.65 dellaLeggen. 448 del 23 dicembreL998con effettodal 01.01.1999
è oggidisciplinatodal D.M n.452 del21.12.2000cosìcome modificatodal D.M. n. 337 del 25.5.2001-.
L'assegnoal nucleoè una prestazionea sostegnodel reddito, concessacon provvedimentodel Comune
nella cui circoscrizione
risiedeil richiedenteed erogatadall'INPSsulla basedei dati forniti dai Comuni
stessiai quali spetta il compito di ricevere,istruire,definire le domandee comunicareall'INPSi dati
necessariper I'effettuazionedel pagamento.
2 . 2l l r u o l ode i C o mu n i
L'art.l-8 del DPCMn. 452 del21.!2.2000,determinale funzioniriservateai Comuniper la definizionedel
dirittoall'assegno
al nucleofamiliare.
lcomuni:
à
AssicuranoI'assistenza
della dichiarazione
necessaria
al richiedenteper la correttacompilazione
sostitutiva(DSU)ancheattraversoi propri uffici per le relazionicon il pubblico;ai medesimifini,
stabilisconole collaborazioni
necessarie,
anche medianteappositeconvenzioni,con i centri di
fiscale.
assistenza
à
Controllano,singolarmente
o medianteun appositoserviziocomune,la veridicitàdellasituazione
familiaredichiarata.
à
à
Prowedono, nel casodi prestazioniindebitamenteerogate,alla revocadel beneficioa far data da
momento dell'indebitacorresponsione.
ll provvedimentodi revocaè trasmessoall'INPSper le
conseguenti
azionidi recuperodellesommeerogate.
gli atti relativial
Se il richiedentemuta la residenzaprima del provvedimentodi concessione,
procedimentodi concessione
per i prowedimenti
sono trasmessial comunedi nuova residenza,
ll comuneche ha concesso
conseguenti.
il beneficioè comunquecompetenteper i controllie per i
provvedimenti
di revoca,anchese I'interessato
ha mutatoresidenza.
2.3 Condizioni oggettive per il diritto all'assegno
L'assegnoè riservatoal nucleo familiare composto almeno da un genitore e tre minori di anni 18 che
sianofigliproprie sui qualiesercitala potestàgenitoriale.
Ai figli minori del richiedente,sono equiparatii figli del coniuge,nonché i minori ricevuti in affidamento
preadottivo.
ll genitore e i tre minori devono far parte della stessafamiglia anagrafica;questo requisito non si
considerasoddísfattose alcuno dei tre figli minori, seppur risultantenella famiglia anagraficadel
richiedente,
siain affidamentopressoterziai sensidell'articolo
2 dellaLeggen. 184del 1983;
L'assegnopuò essereconcessoanchealla famigliache ricevein adozioneo in affidamentopreadottivo
contestualmente
3 minori.ln questocasola data dallaqualedecorreil dirittoè quelladellatrascrizione
del
provvedimento
provvedimento
giudice
(affidamento).
nellostatodi famiglia(adozione)
o del
del
cctl
t
l
Ér{'
t criteri per l'individuazionedel nucleo familiare di riferimento e per il relativo calcolo
dell'lndicatore
della SituazioneEconomica,
sono quelli fissati dalla normativache regofa I'ISEE (per
approfondimenti vi rinviomo ai copitoli di riferimento contenuti in questaguida.)
Hannodiritto all' assegnoal nucleofamiliare,se residentinello stato:
r
I c i t t a d i ni it a l i a n i ;
.
I cittadinicomunitari.
CittadiniComunitari
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
I
i
I
I
L'art.2,comma2 deldecreto25 maggio200I,n.337 ha estesoil dirittoallarichiestadell'assegno
ancheai
nucleifamiliaridi cittadinicomunitariresidentiin ltaliaed aventialmenotre figliminori.Si ricordache,con
I
I
l'ultimoallargamento
avvenutonel 2OO7,
iPaesimembridellaComunitàeconomicaeuropeasono:Austria I
- B e l g i o - B u l g a r i a - C i p r o - D a n i m a r c a - E s t o n i a - F i n l a n d i a - F r a n c i a - G e r m a n i a - G r e c i a - l r l a nI d a - l t a l i a I
I
L e t t o n i a - L i t u a n i a - L u s s e m b u r g o - M a l t a - O l a n d a - P o l o n i a - P o r t o g a l l o - R e g n o U n i t o - R e p u b b l i IIc a C e c a I
- Slovenia- Spagna- Svezia- Ungheria.
Romania- Slovacchia
I
I
I
Cittadinistranierititolari dello statusdi rifugiatipoliticie di protezionesussidiaria
I
I
A differenzadell'assegnodi maternità,i cittadini extracomunitari,a prescinderedal possessoo meno II
della carta di soggiornoo del permessodi soggiornoCEper soggiornantidi lungo periodo, non possono II
I
beneficiaredell'assegnoper il nucleofamiliarecon tre figli minori.
I
I
I
I
I
La normativadi riferimento (art. 65 legge 448/98 e L6, comma 2, D.M. n. 452/2000,come modificato I
I
dall'art.2, comma 2 del D.M. 25 maggio2001,n. 337) adotta un criteriorestrittivoper individuarei I
I
I
beneficiari
per il nucleofamiliarecon almenotre figliminoriconcesso
dell'assegno
dai Comuni,prevedendoI
I
espressamente
tra i destinatari
soloi cittadíniitalianio comunitariresidentisulterritorio
delloStato,
I
I
I
I
r
I
I
I
I
I
I
I
I
La CircolareINPSn. 9 del 22.01,.2010,
(CircolarelNpSn" 62 del 6
modificandole precedentiindicazioni
aprile 2004),ha precisatoche l'assegnoin questionespetta anche ai cittadini stranieri con lo status di
rifugiatopoliticoe di protezionesussidiaria.
I
I
I
I
I
I
I
I
I
L'aperturain tal sensosi devead una interpretazione
previoparereministeriale,
estensiva,
dell'art.27 del II
D.Lgsn. 251 del 2007cheprevede,per ititolari ditalistatus,lo stessotrattamentoriconosciuto
al cittadinoI
I
I
italianoin materiadi assistenza
socialee sanitaria.
I
I
Pertanto, il diritto alla prestazionespetta anche ai cittadini stranieri titolari dello status di rifugiati politici
e di protezionesussidiaria.
:
L'assegno
al nucleospettaa condizioneche i redditi ed i patrimonipossedutidal nucleofamiliare,non
superinoil limitedell'lndicatore
dellaSituazione
(lSE)valevole
Economica
per l'assegno.
Per f'anno 2011 il valore dell'lSEda non superareè pari a € 23.736,50ed è valido per il nucteobase di
riferimentocon 5 componenti.
Pernucleifamiliaricon diversacomposizione
o per i qualidebbanoapplicarsi
le maggiorazioni,
tale somma
e riparametratasecondoi criterifissatidall'allegato
A del Decreton. 452 del 2L dicembre2OOO
come
modificatodal Decreton. 337 del 25 maggio2001:
ccrl
t
N" Componenti
SogliaISE
Nucleo
riparametrataper
Famíliare
il201x
Coefficiente
4
€22.074,94
2,66
di minore
e presenza
di coniuge
2,46+ 0,2assenza
5
5
€23.716,50
2,85
Nucleobasedi riferimento
€26.584,89
3,20
7
€29.670,62
3,55
8
€32.5t9,0I
3,90
per ogni ulteriorecomponente)
(3,55 + 0,35 maggiorazione
9
€35.367,40
4,25
(3,90+ 0,35 )
10
€38.215,78
4,60
( 4 , 2 5+ 0 , 3 5 )
Esempio:
- I'indicatoredella situazioneeconomica(lSE)
è il seouente:
- il valore della scala di equivalenza applicato
è il seguente:
- I'indicatoredella situazione economica equivalente
( I S E E )è i l s e g u e n t e :
Euro
15.893,S0
2, 8 5
Euro
5.576,49
2.5 Co
disponeche l'assegnoal nucleo possaessereconcessoa persona
L'art. 15 del D.M. 452 del 2L.I2.2OOO,
in presenzadei casiche di seguitovengonorappresentati.
diversadal richiedente,esclusivamente
ln casodi ..
lrreperibilità del
richiedente
o esclusione
dall'eserciziodella
potestà genitoriale
del
o di erogazione
di concessione
Quando,nel corsodel procedimento
beneficio,è stata accertata,ai sensidef decretodel Presídentedella
modificazioni,
30 maggio1989,n. 223,e successive
Repubblica
quando
risulta
agli atti del
l'irreperibilitàdel richiedente,owero
procedimento che il richiedente è stato esclusodall'eserciziodella potestà
genitorialesu alcunodei tre figli minori o nei suoi confrontisono stati
333 del codicecivile,ilcomune,al
adottatii prowedimentidi cui all'articolo
in favoredel nucleofamiliaree in
I'utilizzo
dell'assègno
fine di assicurare
particolaredei minori,può prowedere in via alternativaalla concessione
che al richiedentemedesimosarebbespettato,in favore di
dell'assegno,
altro componentela famigliaanagraficanella quale sitrovano i tre minori,
il richiedente
medesimodecadutodal beneficioeventualmente
dichiarando
già concesso.
Decesso
del genitore
aventediritto
Quandoilgenitore aventediritto è decedutoprima dell'erogazionedel
che a lui sarebbespettatofino al mesein cui è awenuto
beneficio,I'assegno
il decessopuò essereconcesso,in luogodel genitoredeceduto,su domanda
all'altrogenitoredei tre minori componentela medesima
dell'interessato,
famíglíaanagraficadelgenítore deceduto, owero, in caso di assenza
dell'altrogenitore nellafamigliaanagraficadel genitoredeceduto,ad altro
componentela famigliaanagraficanella quale sitrovano i tre minori.
cetl
tt
2.6 Modalitàe terminidi
La domanda per il beneficio deve essere presentata, indifferentementeda uno dei due genitori, al
Comune di residenzadel richiedenteentro il termine perentorio del 31 gennaio dell'anno successivoa
queflo per il quale viene richiestoI'assegno;ad esempio,per otteneregli assegnirelativiall'anno 201,L,il
richiedentedeve presentarela domandaentro il giorno 31".0I.2012.
I requisitidevono esserepossedutidal richiedenteal momento della presentazionedella domanda;se la
stessaviene presentatanel mesedi gennaiodell'annosuccessívo
a quelloper íl qualeè richiestol'assegno,
il richiedentedeve fare riferimento ai requisiti possedutialla data del 31 dicembre immediatamente
precedente.
Gli assegni al nucleo familiare possono essere richiesti annualmente dallo stesso nucleo, purché
sussistanoi requisitirelativi alla composizionee alla situazioneeconomicadel nucleo.
2.7 Variazione della situazione familiare dopo la domanda
Nel caso in cui intervengano
variazionidella situazionefamiliarenel corsodell'annoper il quale è stata
presentatala domandaper l'assegnoal nucleo, il richiedenteè tenuto a comunicaretempestivamenteal
comuneognieventoche determinila variazione
del nucleofamiliare.
A tal fine si orecisache:
à
non hanno alcun effetto le variazionidei redditi e dei patrimorli possédutiawenute, dopo la
presentazione
delladomanda,nel corsodell'annosolareper il qualeè statorichiestol'assegno;
)
non hanno alcun effetto le variazioniche intervengonoall'internodel nucleo familiare di
riferimentorelativeai componentidella famigliadiversidal genitore richiedentee daitre minori.
Talivariazioni
dovrannoessereconsiderate
soloin una eventualesuccessiva
domanda;
à
se a variare è la composizionedel nucleofamiliare che dà diritto all'assegno,ossiase nel nucleo
viene meno la presenzadi almenouno dei tre minori,perché,ad esempio,il minore non fa più
parte della famigliaanagraficadel rlchiedenteo è diventatomaggiorenne,
la concessione
degli
quali
presenti
assegni
va limitataal numerodi mesidurantei
nel nucleosonostati
i tre figli minori.
2.8 Decorrenzae cessazionedeldiritto
Se le condizioniredditualisono soddisfatte,
il diritto all'assegno
decorredal 1" gennaiodell'annoin cui i
tre figli minori risultanofar parte del nucleofamiliaredi riferimentodel richiedente.
.^i
Fa eccezione
il casoin cui il requisitorelativo alla composizionedel nucleofamiliare,presenzadi almenotre figli
minori nellafamigliaanagraficadel richiedente,si sia verificatosuccessivamente.
In questocasoil beneficiodecorredal primo giorno del mesein cui il requisitosi è verificato.
Esempio:
nel casodi nucleofamiliarenel qualeeranogià presentidue figli minori,se il terzofiglioè nato nel mese
di maggiol'assegnoal nucleorelativoa quell'annospetta da maggioa dícembre,owero per 8 mesi.
CGIT
t
ll diritto alt'assegnocessadal 1" gennaio dell'anno nel quale viene a mancare il requisito del valore
dell,lndicatoredella SituazioneEconomicao dal primo giorno del mese successivoa quello in cui viene
meno la presenzadi uno dei minori.
Esempio:
o uno deifiglicheescedal nucleoperchéaffidatoa terzi.
figliochediventamaggiorenne
con prowedimentodel Comune,che:
L'assegno
al nucleovieneconcesso
.
a chi ha
di tutti i requisiti,comunical'esitodel provvedimento
dopo averecontrollatola sussistenza
presentatola richiesta;
.
per il pagamento.
i dati necessari
trasmetteall'INPS
in casodi accoglimento,
L'assegnoal nucleofamiliarecon tre figli minori spetta:
r
p€r un importopariad €t3L,87 mensili per l'annoZOtt, se spettantein misuraintera;
r
p€r un periodo massímodi dodici mesi,e tredici mensilità,ovvero per il numero di mesi in cui nel
nucleorisultanopresentialmeno3 figli minorisecondoquantoriportatonel paragrafoprecedente;
L'INPSpagagliassegni(anchemedianteaccreditosul contocorrentebancario,se il richiedenteha indicato
tale modalitànelladomanda)con cadenzasemestraleposticipata:pertanto,sarannoerogatidue assegni,
sulla base dei dati trasmessidal Comune
ciascunodell'importototale dovuto nel semestreprecedente,
afmeno 45 giorni prima della scadenzadello stesso.
indebitamente
erogata,ilComuneprovvedeallarevocadel beneficiocon un apposito
In casodi prestazione
per le conseguenti
prowedimentochevienetrasmesso
azionidirecuperodegliimportigiàerogati.
all'INPS
e dei requisitieconomicisono rivalutatial l gennaiodi ogni anno sullabasedella
Gli importi dell'assegno
dei prezzial consumoper le famigliedi operaie impiegati.
variazione
dell'indiceISTAT
Tabella
Anno di
riferimento
N"
Componenti
NucleoFamiliare
a l ZOLl
al nucleo dal Z0OOal
tm
Limite
Valore ISE
€
Valore assegno
€
lmportomensile
€
2000
5
1,8.592,45
r.364,22
104,94
200L
5
19.381,,07
L.399,7L
1.O7,67
2002
2003
2004
5
19.904,35
r.437,54
110,58
5
20.382,05
L.47t,99
1,L3,23
5
20.891,60
l_.508,78
116,06
2005
5
21.309,43
L.538,94
1L8,38
2006
5
21.671,69
1_.565,O7
t20,39
2007
5
22.105,12
1_.596,40
r22,80
2008
5
22.480,91.
1,.623,57
1_24,89
2009
2010
5
23.200,30
1.675,57
L28,89
5
23.362,70
1.687,27
129,79
z0tt
5
23.736,50
1.7t4,31
t3t,87
GGIl
I
ffi
L'assegno
è corrisposto
integralmente
se il valoredell'lSE
del beneficiario
è inferioreo ugualealladifferenza
tra il valorelimitedell'lSE(€ 23.736,50)
e l'importodell'assegno
su baseannua(€ t3t,87 x L3 = € j,.7L4,31.1.
' L'assegnosarà quindi corrispostointegralmentese il valore
ISEdel beneficiarionon supera€ 2Z.O22,L9.
't
t, (23.736,5o- I.7L4,3t1. Se il valore dell'lSEdel beneficiarioè compreso tra € 22.022,!9
e € 23.136,50,
. l'importo dell'assegno
è dato da:(23.736,50- valore lsEdel beneficiario)/13.
:
2.10Cumulodeibénèficf',
: . . r .'
:'-
L'assegno
al nucleofamiliarecon tre figli minori non costituísce
redditoai fini fiscalie previdenziali
e può
esserecumulatocon analogheprovvidenzeerogatedagli enti localie dall'lnps(es. può essereríchiesto
contestualmente
all'assegno
di maternitàrelativoallanascitadel 3'figlio o successivi).
2.11 Le FAQ dellflNP$
'
Assegnoal nucleocon almenotre figli minori
Dornanda,'
'
Laconcessione
dell'assegno
awiene
s u l l ab a s ed e l l ' l S oE d e l l ' I S E E ?
ll colcolodel beneficioawiene confrontondol'indicatoredellq situazioneeconomicq
ISE(e non ISEE)
con lo sogliodel dirítto riporametroto,secondoi criteri fissati
all'allegatoA del decreto452/2000 comemodificatodol decreto337/2001.
Gli extracomunitari,a prescinderedal possesso
o meno del permesso/cartodi
soggiorno,non possonobeneficioredell'ossegnoper il nucleofomiliore concessodol
GIiextracomunitari,
in possesso
della Comune.ll decreto27 dicembre2000, n. 452, in attuozionedell'ort. 65 dello legge
possonobeneficiare23 dicembreL998,n.448, prevedevola concessionedel suddetto ossegnosolo oi
cartadi soggiorno,
dell'assegno?
cíttadini itoliani residenti.Successivamente,
I'art. 2, commo2, del decreto25
maggio 2001, n. 337 ha estesola possibilitàdi usufruiredel beneficioin oggetto
oncheoi cittodini comunitoriresidentinel territorio itqliano.
No,perchéI'ossegnospetto al cittodino itqliono o comunitdrioresidente,nella cui
può essererichiestodai
L'assegno
famiglio onagroficosi trovano qlmenotre suoifigli mínori suiquali egli esercitala
potestò genitorio.Pertanto,tro i richiedentinon possonoesserecompresii cittadini
cittadiniitalianiresidentiall'estero
(ArRE)?.
itoliani residentiall'estero(AIRE),perchérequisitofondamentole della prestazioneè
la residenzodel richiedentenel territorio dello Stoto.
A i f i n i d e l l ' a s s e g np oe ri l n u c l e o
familiare
c o na l m e n ot r e f i g l im i n o r is, e Nelcasoin esome,il padre può presentoreIa domanda solose nel suo stoto di
c'è un padreseparatoche ha i due
famiglia risultano,oltre che il figlio conviventecon lui, i duefigli che convivonocon il
primifigliconviventicon la ex moglie, coniugeseparato,poiché,nel casocontrorio,monco uno dei requisitirichiestiper la
m a a c a r i c od i l u i e u n f i g l i od i s e c o n d opresentazionedellq domando(nellofamiglia anagroficadel richiedentesi devono
lettoconvivente
con lui,il padrepuò trovare almenotre suoifigli minori sui quoli egli esercitolo potestà genitoria).
f a r ed o m a n d ap e ri l n u c l e o ?
Lo domandaè presentataal Comunedi residenzada uno dei genitori, cittadino
itoliono o comunitarioresidentenel territorio dello Stoto, nella cuifamiglio
anogroficasi trovano olmeno tre suoifigli minorí, suiquoli esercitolo potestò
U n n u c l e of a m i l i a r ec o n 5 m i n o r i a
genitoria.Ai figli minori del richiedentesono equiporati i figli del coniuge,conviventi
carico,dei quali solamente 2 sono figli,
il richiedentemedesimo,nonchéi minori ricevuti in affiddmentopreadottivo dal
con
mentre gli altri sono nipoti, ha
richiedente
e con lui conviventi(art. 76, commo2 del decreto27 dicembre2A00,n.
presentatodomanda per l'assegno.
452, come modifícatodoll'art. 2, comma2, del decreto25 moggio 2001, n. 337).
Sussistono
l e c o n d i z i o n pi e r l a
Pertanto,se almenouno dei nipoti minori è stato ricevutoin offidamento
concessione?
preadottivo dal richiedentee con lui conviventerisulteràesseresoddisfottoil
requisitodei tre figli minori, altrimenti il richiedentenon ovrà diritto ollo
presentozionedella domondo,moncondouno dei requisitirichiestidalla legge.
S e i n u n a f a m i g l i ac i s o n o t r e f i g l i
m i n o r i d i c u i u n o i n v a l i d oa l t O O %c o n
a c c o m p a g n a m e n t on,e l m o m e n t o i n
c u i i l p r i m o f i g l i o i n v a l i d oc o m p i e l a
maggioreetà, quali sono ì presupposti
per continuare ad elargirel'assegno?
Nelcqsoin esame,il diritto all'assegnoè cessato,poichéè venutomeno uno dei
requisitiper lo suo concessione(presenzodi tre figli minori nellafamiglia anografica
del richiedente),ovendouno deifigli minori raggiunto lo maggioreetà. Piit
specificatomenteil diritto oll'ossegnoè cessotodol primo giorno del mese
successivoa quello in cui è venuto a moncoreil requisitodei tre figli minori.
CGTl
t
segue
Assegnoal nucleocon almenotre figli minori
,:llll:llìì,.],ffdgl,:.]ut:t:::t:iti:tt.tl
Un soggettocon tre figli minoria carico
ll soggetto,sussistendotutti i requisitiprevisti dollo legge,ovrà diritto al beneficio
ha presentato
domandaper l'assegno.
per 8 mesi,in quonto il diritto cessodal primo giorno del mesesuccessivoo quello in
ll figliocompiràdiciottoanniad agosto.
cui vieneo moncoreil requisitorelativo olla composizionedel nucleofamiliore
A quantimesidi contributoha diritto,7
(roggiungimentodella moggÌoreetà di uno dei tre figli).
o8?
Peri richiedenti
l'assegno,
che
dichiarano
redditie patrimonioparia
zero,lacompilazione
dellaDSU(che
produceun calcoloISEparia zero)è
semprenecessaria
e propedeutica
alla
concessione
del beneficio?
Un cittadinoha presentato
domanda
per I'assegno
per il nucleofamiliarea
Gennaio2004awalendosidi una DSU
chefa riferimentoa redditidi due anni
prima(2002)perchéal momentodelh
richiestanon avevaancorafatto la
dichiarazione
dei redditidel 2003.E'
correttoper questatipologiadi
prestazioni
chiederesempreil reddito
d e l l ' a n np
o r e c e d e n taeq u e l l oa c u is i
riferiscel'assegno?
Si,il diritto alla prestazionein esomedevesempreesserestobilito sullo bosedell'lSE,
colcoloto o partire dalla DSU.
ll reddito dichiorotodeveessere,quondopossibile,quello relativo oll'onno
precedentelo presentazionedella DSU.Quqndociò non è possibile,perchélo
prestozionedeveessererichiestain un periodo dell'onnoin cui non si può oncora
presentorela dichiorozionedei redditi o riceverela DSU,bisogneràdichiarareil
reddito relotivo o due onni prima della presentozionedella DSU.E' utile ricordare,
però, che quondola DSIJnonfa riferimento oi redditi percepiti nell'onno
precedente,I'Enteerogatorepuò richiederelo presentozionedi una dichiorozione
oggiornotoche sostituisceintegrolmentequelloprecedentea volereper i
componentidel nucleofomiliore compresiin detto dichiarazionee per tutte Ie
prestozionisuccessivomente
richieste(art. 6, commi 6 e 7 norme integrote D.P.C.M.
221/99 e 242/2001), Nelcasodi specie,quindi,si può richiedereal cittadino di
presentoreuna DSUaggiornotocontenentei redditi del 2003,quondo questi
soronnodichioroti.
cGtt
t
I BonusSociali:
Elettricoe Gas
Parte lll
Capitolo3
Boruus
Socleu
Pnrrucrpt
Geruennlt
3.1.1InrnoDuzroNE
DEIBONUS
NELLA
GESTIONE
COINvOLTI
3.1.2 I SoGGETTI
3.1.3 lr-Ruoto DEIcoMUNEEDEtcAAF
I BoNUs
3.1.4 CorueRTcHTEDERE
TAVORATIVI
EI SUOISTATI
I CONTROLTI
3.1.5 II-clcto DIVITADÉLIADOMANDA
DoMANDA
['EslroDELTA
3.1.6 CorurvERtFtcARE
ENSCUSSEG6
EGAS:POD- PDR. PESSE.MISURATORE
ELETTRICA
DELLE
FoRNITURE
3.1.7 ELerueNil IDENTIFIcATIVI
ll Bolus EurrRrco
3.2.1 lrurnoDUzroNE
pERDtsAGtoEcoNoMtco- AvENTtDlRlrro
3.2.2lt BoNusELETTRTco
3.2.2.LQuanto vale il bonuselettrico per disagioeconomico
3.2.2.2| documentida allegarealla domandadi bonuselettrico per disagioeconomico
3.2.2.t Decorrenza,durata e rinnovo del bonuselettrico per disagioeconomico
pERDrsAGro
DtRtrro
Frsrco- AVENTI
3.2.3 lr-BoNUsEtÉTTRrco
3.2.3.1Quanto vale il bonuselettrico per disagiofisico
3.2.3.2! documentida allegarealla domandadi bonuselettricoper disagiofisico
del bonuselettricoper disagiofisico
3.2.3.3Decorrenza,durata e cessazione
ELETTRICO
ILDIRITTO
ALBONUS
3.2.4 MooIFICADETLE
coNDIzIoNIcHEHANNoDETERMINATO
ELETTRICO
DIBONUS
PERLADOMANDA
3.2.5 Ln MoouI-ISncADAUTILIZZARE
Borrrus
Gns
3.3.1lrurnoDuzroNE
eRs-Avsrur DrRtrro
3.3.2 lr-BoNUs
vArErr BoNUs
GAs
3.3.3 QunruTo
DI BONUS
GAS
ATLADOMANDA
3.3.4 I DocUMENilDAALTEGARE
DELBoNUsGAs
3.3.5 MoonlrÀ or ERoGAzToNE
AGEvoLAztoNE
ERtNNovoDETLA
3.3.6 DsconRENz&DURATA
GAS
ILDIRIfiOAt BONUS
3.3.7 Moo|FICADELTE
coNDIzIoNIcHÉHANNoDETERMINATo
GAS
DIBONUS
DAUTILIZZARE
PER[A DOMANDA
3.3.8 LA MoDUI.ISTICA
GGIl
t
Botrtus
Pnrrucrpr
Soclnu
GeruenRlt
I Bonuselettricoe gasdetti anche"bonussociali",definitirispettivamente
dal Decretodel Ministerodello
sono
SviluppoEconomicodel28.12.2007e dall'art.3 comma9 del DecretoLeggen. 185 del 29.11.2008,
agevolazionitese a garantireai clienti domestici,che versanoin particolaricondizionidi disagio,un
risparmiosulla spesasostenutaper la fornitura di energiaelettricae gas.
I bonusconsístonoin uno sconto(compensazione)
applicatoalle bollettedell'energiaelettricae del gas e
sono tra loro cumulabiliqualoraricorranoi rispettivirequisitidi ammissibilità.
Tutti i criteri sono definiti a livello nazionale,così che i requisiti, le modalità di accessoal beneficioe
l'entità del beneficiostesso,sono uniformi su tutto il territorio.
Possonoaccedereai beneficitutti i cittadini residentiin ltalia, indipendentementedalla loro nazionalità,
:,
che rientrino nelle condizionidi disagioprevisteper i rispettivibenefici:
à
intestataridi una fornitura per l'energiaelettricanell'abitazionedi residenza,
à
intestataridi una fornitura per l'energiaelettrica nell'abitazionedi residenzapressola quale sia
presente un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature
elettromedicali,
à
i clienti domesticiche utilizzanogas naturale con un contratto di fornitura diretto o con un
impiantocondominiale,
nell'abitazione
di residenza.
ll principalerequisitoda soddisfareè quello legato ai limiti previstidell'indicatoredella situazione
economicaequivalenteISEEche in forma parametratarispetto al numero di componentila famiglia
anagrafica
stabilisce
dellediversesogliedi accesso.
Hannodiritto ai bonus:
r
fino a € 7.500.
ISEE
con valoredell'indicatore
I nucleifamiliarititolaridi una attestazione
.
oltre € 7.500e fino a €
ISEEcon valoredell'indicatore
I nucleifamiliarititolaridi una attestazione
20.000,se nel nucleosono presenti4 o più figli fiscalmentea carico.
Ladescrizione
degliulterioriparametriè rimandataai singolipuntidescrittividel bonuselettrico(punto3.2)
e d e l b o n u sg a s( p u n t o3 . 3 ) .
3.1.2 | soggetticoinvolti nella gestíone dei bonus
Di seguitol'elencodei soggettiche,a variotitolo,sonocoinvoltinellagestionedei bonussociali:
t
L'AEEG- Autorità per l'EnergiaElettricae il Gas - istituita con la L. 481./1995con funzioni di
regolazionee di controllo dei settori dell'energiaelettrica e del gas, stabiliscele modalità
cosìcome definito dai prowedimentilegislativiche li
applicativedel regime di compensazione
hannoistituiti.
à
la proceduraSGAteNazionale
dei Comuniltaliani- ha messoa disposizione
L'ANCI- Associazione
sulletariffeenergetiche)per adempierea quantodisposto
Sistemadi GestionedelleAgevolazioni
dalla legge, in modo che i benefici economici delle famiglie possano essere compensati
elettricae in quelladel gas.
direttamentenellabollettadell'energia
colr
t
à
- Sono definiti tali i cittadini economicamenteo fisicamentedisagiati,
I CLIENTIDOMESTICI
beneficiari
del regimedi compensazione
dellaspesasostenutaper la fornituradi energiaelettricae
del gasnell'abitazione
di residenza.
à
per l'applicazione
I COMUNI- Sonogli enti deputatiallagestionedegliiter burocraticinecessari
del
regimedi compensazione
dellaspesaenergetica
sostenutadai clientidomesticidisagiati.
ll loro compito è raccogliere,
valutaree, se soddisfanoi criteri di ammissibilità,
accoglierele
domande di Bonus dei clienti domesticirilasciandoagli stessiun certificatoche riconoscela
titolaritàa goderedel regimedi compensazione.
à
- Sono le ComunitàMontane, le Unioni di Comuni,i Consorzie altre
ENTISOVRACOMUNALI
Associazioni
di Comuníche, nell'ambitodel progettoSGAte,svolgonole medesimefunzionidel
Comune.
à
- possonoavereuna duplicefunzione:
I CAF- Centridi Assistenza
Fiscale
rilasciodell'AttestazionelSEE,
-
possonodecideredi awalersidella
supportoai Comuni,i quali,tramiteappositaconvenzione,
per la raccoltae la gestionedelle istanzedi agevolazione
presentatedai
loro collaborazione
cittadini.
à
- | distributoridell'energia
Le AZIENDEDl DISTRIBUZIONE
elettricae del gas hannoil compitodi
verificarese il clientedomesticoabbia diritto o meno a beneficiaredell'agevolazione
e, in caso
affermativo,
di erogareil Bonusstesso.
t
- CassaConguaglio
per il SettoreElettrico- organismoistituitocon provvedimento
La CCSE
CIPn.
34/1,974,svolgela sua attività nel settore energeticocon competenzein materiadi riscossione,
di
gestionee di erogazione
patrimoniali
per l'EnergiaElettricaed il
di prestazioni
impostedall'Autorità
Gas (AEEG)e dalle altre amministrazioni
competenti,al fine di garantireil funzionamentodel
sistemaín condizÍonídí concorrenza,
di sussídiare
le impresesfavoritenel períodod'awio della
liberalizzazione
e di copriregli onerigeneralidi sistema.
t
POSTEITALIANE- L'integrazione
di Poste ltalianenel progetto SGAtecompletagli aspetti di
comunicazione
con il cittadinocosìcomestabilitodalladeliberazione
ARG/comL13/O9.
In questocontesto,Posteltalianeforniscediversetipologiedi servizie veicola le comunicazioni
sull'ammissibilità
ed i rinnoviai clientiinteressati
dal Bonusgase dal Bonuselettrico.
à
L'INPS- L'integrazione
con la bancadati ISEEdi Inpspermettedi estenderei controlligià in essere
sull'istanza
di ammissioneai Bonuselettricoe gas,verificandopuntualmentel'attestazione
ISEE
presentatadal cittadino.
3.1.3||ruo|odelCornuneedel.CAAF'.]
ll Decretode\28.12.2007individuanel Comunedi resídenza,il princípaleprotagonistadel prowedimento
atto a coordinarele modalitàoperativeper il rilasciodei bonus.
E' il Comune,infatti,a raccogliere
le domandedegli utenti e ad inoltrarleversogli altri Enti coinvoltinel
processo,
confígurandosicosì
comeinterlocutore
unicodel Cittadinoneiconfrontidellelstítuzioni.
A fronte di un tale impegnoe in accordoal Decreto,nel 2008 l'Associazione
Nazionale
dei Comuniltalian
(ANCI),a seguitodella Deliberadell'Autoritàper l'EnergiaElettricae il Gasemanataad agosto,ha siglato
una Convenzione
con l'Autoritàche ha portato allarealizzazione
di SGAte.
GGIl
t
Tale sistemaconsenteai Comuni di gestire l'iter burocraticoprevistoper la valutazioneed accettazione
come unicopunto di snodotra il Comunee gli altri
delledomandepresentatedai cittadini,configurandosi
attori coinvoltinel processo.
L'infrastrutturadi basedi SGAteè il PortaleWeb che permette ai Comunidi gestiredirettamenteonline le
richiestedi agevolazione.
In alternativa ilComune può, tramite apposita convenzione,
delegarei CAFallo svolgimento di detta attività.
I Centridi AssistenzaFiscaleconvenzionaticon i Comunisvolgonofunzionedi supporto quali la raccoltae
la gestionedelle istanzedi agevolazionepresentatedai cittadini.
comunaleSGAte,deve
ll Comunefirmatariodell'accordocon il CAF,nella personadell'amministratore
abilitareil CAFper l'invio dei dati (abilitazioneper entrambele tipologiedi bonus).
Le credenzialialle singoleagenzieCAFinvece,non sono fornite dal comune,ma direttamentedal CAF
delleutenze.
Nazionale
iscrittoall'alboattraversoun sistemapiramidaledi creazione
3.1.4
su appositamodulistica,una richiestadi ammissione:
devepresentare,
Perottenerei bonus,il richiedente
ì
pressoil proprioComunedi residenza
o
I
con il Comunestesso.
tramitei CAFconvenzionati
o su quello dell'Autoritàper
I moduli di richiestasono reperibilisul sito di SGAte(www.sgate.anci.it)
l'energiae il gas(www.autorita.energia.it).
Al cittadinoche presentala documentazioneprevistaviene rilasciatal'Attestazionedi Presentazionedella
Domanda di Agevolazione,a conferma che i dati saranno trasmessi in via telematica all'Ente di
Distribuzionedell'energiache, effettuatele verifichepreviste,applicheràl'agevolazionedirettamente in
bollettaal massimoentro 50 giornidalladata di disponibilitàdellarichiestaper l'impresadi distribuzione.
t,i,E:,ill
l l " c i c l od i v i t a "d e l l ad o m a n d a :
à
ha inizíocon la presentazionedel modulo di domandaal Comuneo al CAFconvenzionato
)
e termina con l'ottenimento del beneficio,nel caso in cui sussistanotutti i requisitida parte del
soggettorichiedente,o con il diniegoin casocontrario.
delladomandaal Comunedi residenzao al CAAFcon esso
ll Cittadino,al momento della presentazione
questi
una ricevuta che attesta l'awenuta presentazionee l'impegno a
convenzionato,riceve da
trasmetterei datitelematicamenteal sistemainformaticoSGAte.
della domandacontrollando:
ll Comune,fa una prima verificasull'ammissibilità
.
la residenzadel ríchíedente;
'
.
di "famiglianumerosa";
condizione
e l'eventuale
la numerositàdellafamigliaanagrafica
del nominativoe del codicefiscaledel richiedentecon un componentedel nucleo
la coincidenza
familiareISEE;
r
.
il rispettodellesoglieISEE;
ISEE.
il periododivaliditàdell'attestazione
GGIl
ll sistemaSGATE
verificain automaticoil rispettodelleseguenticondizioní:
per ciascuna
fornituraindividuale;
) l'univocitàdellarichiestadi un bonuselettrico/gas
t
ISEE;
non più di un bonuselettricoed un bonusgasper ogniattestazione
non più di un bonuselettricoed un bonusgas per ciascuncodicefiscaledi ciascunadichiarazione
ù
i
ISE
E.
delledomandegestisceil processoproduttivo
La proceduraSGAtetramite l'utilizzodi "statidi lavorazione"
percorsolavorativo.
"ammettendo" o "non ammettendo " l'istanzaal successivo
Se la domandasegueil proprioiter senzaincontrareostacoli,al terminedei controlliautomatícídí SGAte,
assumelo stato di "Ammessa".
Ciclodelladomandain assenza
diConvenzione
con i CAF
ControlliSGAte,Comunee INPS
Ammessa - Non Ammessa
Posteltaliane
Validata- Non Validata- cessata
ControlliDistributoriSettoreelettricoe gas
Attenzione:
Se il Comuneè convenzionatocon i CAFdeve indicarea SGAtese le domandeche provengonodagli
stessidebbanoarrivarenellostatodi:
€
"Presentata" o
€ "Sospesa".
Nella prima ipotesi le domande inviate dai CAF,in caso di ammissione,sono già disponibilial
distributoreper la lavorazionee per i controllidi competenza.In questocasosi presupponeche il
a posteriorieseguendoun controllo dei dati,
comune effettui i controlli dovuti (sull'anagrafica)
o a campione.
secondouna sceltadel tutto autonomadell'ente,sistematicamente
Diversamente,
nellasecondaipotesi,le domandeprimaancoradi esseredisponibiliper la lavorazione
al distributorevengonocontrollatedal comune.In questocaso con un controlloa priori processando
l e s i n g o l ed o m a n d e .
Ciclodella domandain presenzadiConvenzionecon iCAF e con opzione"Presentata"
ControlliComuni,
SGAtee INPS
ll cittadino
Ammessa- Non Ammessa
Validata- NonValidata- Cessata
Settoreelettricoe gas
ControlliDistributori
GGIl
t
Ciclodelladomandain presenzadiConvenzionecon i CAFe con opzione"Sospesa"
ll cittadino
[;;-l
.r'
&SffiAfre
L','*,
î
t-.."_l
ll Comuneeffettuai
controllidi competenza
su tutte le istanze
Per la domanda"ammessa",la proceduraSGAte genera una Richiestadi Bonus di competenzadel
Distributoredi energiache a suavolta la dovràprocessarecon altri e ulterioricontrolli.
(RlD)e la mette in stato "Disponibile".
di Agevolazione
SGAteproducequindiin automatícola Richiesta
per le verifichedi competenzaed
vieneacquisitadallelmpresedi Distribuzione
La domanda"dísponibile"
assumelo stato di "Presain Carico".
ll distributoreha 50 giorni lavorativiper erogareil BonusSocialeal cittadino.
ai seguenticontrollie comunicazioni:
sottoponela richiestadi agevolazione
L'Aziendadi Distribuzione
à verificala validitàe la correttezzadella richiestadi ammissioneal Bonusprima di procedere
à
)
dellacomponentecompensativa;
all'erogazione
o menoallacompensazione;
comunicaa SGAtegli esistisull'ammissione
e variazioniderivantida modifichecontrattuali(cessazione
comunicaa SGAteeventualicessazioni
mortiscausa,subentri,volture,ecc).
trasmettea SGAtel'esito della domanda
Al termine delleverificheeffettuate,l'lmpresadi Distribuzione
"Non
Validata" "Cessata".
che assumelo statodi: "Validata"
Posteltaliane,a seguitodelle informazioniche riceveda SGAtefornisceun dupliceservizio:
€
corrispondeil bonusGas,tramite assegnodomiciliato,ai clientidomesticiindiretti;
€
dellarichiestadi bonus
lo statodi ammissione
inviaal cittadinole informativeprevisteriguardantí
elettricoe/o gas:
- Ammissioneal beneficio,
-
Rinnovodelladomanda,
-
Rigettodell'istanza.
un dupliceruolo:
LaCassaConguaglioper il settore elettrico (CCSE)ha
€
usufruiscedei dati forníti dal sistemaSGAteper monitorarel'erogazionedel Bonusagli aventi
diritto;
€
dell'assegno
domiciliatoper il Bonusgas.
Posteltalianeall'emissione
ha il compitodi autorizzare
Gli "stati" che contraddistinguonole fasi di avanzamentodella RichiestaBONUS
PRESENTATA
IN LAVORAZIONE
o
ANNUILATA
('
a^
le domandeprovenientidai Caf,per le quali il
E' lo stato che caratterizza
da parte di SGAte,di inviarle
Comunesceglie,in caso di ammissione
al
distributore
di
energia.
direttamente
a posteriori.
In questocasoil Comuneeffettuaicontrollianagrafici
Definisceuna domandacome inseritanel sistemaSGAte che, non
tutti i dati previsti,deveessereancoracompletata;
contenendo
E ' l a d o m a n d aa n n u l l a t ad a l C o m u n e/ C a f ;
lo statosi riferiscea due diversesituazioni:
r una volta inserìtii dati di una domanda,l'operatorecomunalepuò
I
l!
(J
o
c
5
E
SOSPESA
o
(J
r
o
c
.9
LJ
o
o
(u
o
NONAMMESSA
I dati contenutinelladomandasonostativerificatidal sistemaSGAte(in
e, riscontrando
comunale(manualmente)
e/o dall'operatore
automatico)
ne impediscono
l'ammissione.
deglierrorie/o delleincongruenze,
AMMESSA
La domandaha superatoi controlliautomaticidi SGAtee quindirisulta
generatala richiesta
Vienequindiautomaticamente
dal sistema.
ammessa
peril Distributore
o "Nonvalidare.
dell'energia
chela deve"Validare"
CESSATA
L a d o m a n d aè s t a t ac e s s a t ad a l C o m u n eo d a l D i s t r i b u t o r e .
DISPONIBITE
è
di SGAte("ammessa")
Ladomanda,
cheha superatoi controlliautomatici
ma non è ancorastata oresain caricoda
al Distributore,
statapresentata
quest'ultimo.
PRESA
IN CARICO
che procedea verificarne
Larichiestaè statapresain caricodal Distributore
i reouisiti.
lt
L
.9
o
I
t!
F
ro
(h
(u
scegliere se inoltrarla oppure tenerla sospesa per effettuare
In questosecondocasola domanda
i controlliprevisti.
immediatamente
dallostato"sospesa";
vienesalvatanelsistemae contrassegnata
dai Caf sullequaliil
le domandeprovenienti
è lo statoche caratterizza
le singole
un controlloa prioriprocessando
Comunesceglie
di effettuare
per la lavorazione
al distributore,
domandeprimadi renderledisponibili
parte
da
di SGAte.
in casodi ammissione
VATIDATA
La richiesta ha superato tutti i controlli del Distributore generando
l ' a g e v o l a z i o nceh e i l c i t t a d i n os i v e d r à e r o g a r ed i r e t t a m e n t ei n b o l l e t t a .
(!
NON VALIDATA
dell'energia.
i controllidel Distributore
Larichiesta
nonha superato
e alleverifiche
Si tengapresenteche lo statodelladomandavariain baseal momentodellalavorazione
c o n t r o l lai d e s e m p i o :
r una domandadi agevolazione
essere
inizialmente
nello stato di "Sospesa"può successivamente
o "NonAmmessa";
nellostatodi "Ammessa"
sbloccata
e quindipassare
r
una domanda di agevolazione"Ammessa"ma ancora non valutata dal distributore,può
successivamente
esserepostanellostatodi "Validata"o "NonValidata";
I
può esserepostanellostatodi "Annullata".
unadomandadi agevolazione
CGII
t
ai BonusSociali:
l'esitodellapropriadomandadi accesso
ll Cittadinopuò conoscere
il Caf;la Comunità
à recandosipressol'Entein cui ha presentatola richiesta(il Comunedi residenza;
t
delladomanda;
aflaconsegna
dall'operatore
Montana;ecc.)ed esibendola ricevutarilasciata
monitorandolo statusdellapropriapraticavia internetvisitandoil sito:
nci.it/?q=Bonus-Elettrico
Bonus Elettrico: http ://www. bonusenergia.a
BonusGas:http://www.bonusenergia.anci.it/?q=genu5-6tt
cliccaresul banner"Accesso
al Sistema"adestradelloschermo,compilarela schermatadi accesso
inserendold Utente e Password(anchequeste presentisulla ricevutarilasciatadall'operatore)e
accedereal sistema;
ù
à
contattandoil numero verde 800L66654.E' sufficientefornire i propri dati identificativi(il proprio
codicefiscaleoppure l'lD Utentepresentesullaricevuta)e si ottengonoinformazionidettagliate
sull'avanzamento
dellapropriapratica;
direttamentein bollettanel qualesi
infine,lo stessodistributoreè tenuto ad inserireun messaggio
comunica all'utente, oltre l'avvenuta ammissionealla compensazione,anche il dettaglio
del bonusper tutto il periodoin cui se ne beneficia.
dell'importorelativoall'applicazione
3.1.7 Elementi identificativi delle forniture elettrica e gas:
POD - PDR - Pesse- Misuralore gas classe G6
Di seguito vengono descritti alcuni elementi che identificanole forniture di energia e che sono
fondamentaliai fini dellacorrettapresentazione
delladomandadi richiestadei bonuselettricoe gas:
'
POD
ll P.O.D.(Pointof Delivery)è il codiceche identificain maniera univocail punto di prelievo della
fornitura di energia elettrica.
Generalmente
è riportatonellaprimapaginadellabollettaper la fornituradi energiaelettrica,tra i
dati tecnici della fornitura ed è formato da un codice alfanumerico univoco nazionale
normalmentedi 14 caratteriche iniziaper "1T".
A volte i caratteriindicatipossonoesserel-5,in tal caso,se il 15" carattereè inseritotra parentesi,
occorreriportarlo all'internodella domandadel bonusomettendo le stesse.
'
PDR
ll Pdr (Puntodi Riconsegna)
è il codiceche identificain manieraunivocail punto di fornitura gas.
Generalmente
è riportatonellaprima paginadellabollettaper la fornituradi gased è formato da
un codicenumerico di 14 cifre.
La piattaformaSGAteè in grado di recepire,oltre ai PDRstandarddi L4 caratteri numerici,anche
codicida 8 e 10 caratterialfanumerici.
Nei casiin cui il PDRnon sia presenteo sia di diversoformato rispetto ai PDRindicati,
inoltrarela domandain modo chesiacomunquetracciatain SGAte.
1r sarà possibile
/.''
Tuttavia,in tali casi, l'esitosarà"Non Ammissibile".
In tutti i casi di difformità rispetto ai 14 caratterio di assenzadel PDR,il Comuneo il CAFdovrà
segnalaretale anomalia all'indirizzodi posta elettronica [email protected]í.it indicando: venditore,
distributore(se conosciuto)e tipologiadell'anomalia.
GGIl
t
Si riporta diseguito uno schemariepilogativodelcomportamentodiSGAte :
Formato
PDR
Conferma
Warning
Domanda
registrata
Valutazione
domanda
Invio segnalazionea
[email protected]
14 caratteri
numerici
Non
richiesta
Sempre
Ammessa
no
10 caratteri
alfanumeríci
Richiesta
Seconfermato
ilwarning
Ammessa
sl
8 caratteri
alfanumerici
Richiesta
Seconfermato
ilwarning
Ammessa
sl
PDRassente
Richiesta
Seconfermato
ilwarning
NonAmmissibile
per "PDRassente"
sl
Richiesta
Seconfermato
ilwarning
NonAmmissibile
per "PDRnon
conforme"
sl
Tuttiglialtri
formati
'
PESSE
per ridurre,
(Pianodi Emergenza
per la Sicurezza
del SistemaElettrico)è stato predisposto
ll PESSE
in casodi necessità,
i prelievidi energiaelettricain manieraselettivae programmataevitandocosì
blackoutincontrollati.
ln alcunecircostanze,se l'assettodella rete lo consente,è possibileescluderedal distaccoalcune
utenzeper le quali la mancanzadi energiaelettricapotrebbe risultarecritica.Questeutenzesono
le reti a cui queste
inclusein un elenco,redattodai distributoridi energiaelettricache gestiscono
utenzesono allacciate.Possonoesserecompresiin tali elenchii cittadini che richiedonoil bonus
elettrico per disagiofisico.
à
Misuratore gas classeG6
Laclassedel misuratoredel gas,riportatasu ogni misuratore,è correlataalla portata di gas relativa
ad un punto di fornitura e rappresentaun indicatoreper distinguerele utenzedomesticheda
quelledi tipo industriale/commerciale.
La classedel misuratorerelativaal punto di fornituraper il qualesi richiedeil bonusgas,non deve
di gas.
distributrice
esseredichiaratanel modulodi istanzama vieneverificatadall'impresa
CGIl
tBoruusEurrnrco
ll bonus elettricoè uno "sconto",applicatocon una compensazione
sullafattura, che riduce la spesa
per
sostenutadai clientidomestici la fornituradi energiaelettrica.
Destinataridel beneficiosono i cittadiniresidentiin ltalia, indipendentemente
dalla loro nazionalità,
intestataridi una fornitura elettricautilizzataper uso domesticonell' abitazionedi residenza.
ll bonuselettricovienericonosciuto
in presenza
di:
ù
à
un disagioeconomicocertificato
dall'indicatore
ISEE
del nucleofamiliare,
un disagiofisicodi uno dei componentidel nucleofamiliare,certificatodalI'ASL.
-Ledue compensazioni,
per disagioeconomicoe per disagiofisico,possonoesserecumulatequalorasiano
i
lpresenti contestualmente i requisiti di ammissibilità, ma ogni nucleo familiare puo richiedereI
I
per disagioeconomicoe/o fisicoper un solo contratto di fornitura dienergia elettrica(art. I
ll'agevolazione
-3, comma 3, Decreto28.12.2007).
3.2.2ll bonuselettrico per disagioeùonomico- Aventi diritto
Possonobeneficiaredel bonus gli intestataridi una fornituraper l'energiaelettrica,nell'abitazione
di
residenza,in condizionidi effettivo disagioeconomicoe con riferimento ad un livello di consumo di
energia elettrica e di potenza impegnata, compatibile con l'alimentazione delle ordinarie
elettrichedi uso domestico.
apparecchiature
ISEE.
economica
equivalente
dellasituazione
ll disagioeconomicovienevalutatoattraversol'indicatore
della spesasostenutaper la fornitura di energiaelettricai clienti
Hanno diritto alla compensazione
domestici:
. che hannouna attestazione
fino a € 7.500(per la generalitàdegli
ISEEcon valoredell'indicatore
aventidiritto),
che hanno una attestazioneISEEcon valore dell'indicatoresuperiorea € 7.500 e fino a € 20.000
per quei nucleifamiliarinei quali sono presenti4 o più figli fiscalmentea carico.
.
ll requisitodella potenzaimpegnataè previstoche sia:
. fino a 3kW se il numerodi personeresidentinell'abitazione
è massimodi 4,
. superioredi 3 e fino a 4,5 kW se il numerodi personeresidentinell'abitazione
superiorai 4.
La domanda di bonus elettrico per DisagioEconomicopuò esserepresentatase
ricorrono congiuntamentei seguentirequisiti:
ù
t
l'utente richiedente deve essere l'intestatario della fornitura elettrica ad uso domestico
utilizzatanellapropriaabitazionedi residenzaanagrafica;
il nominativo e il codice fiscale presenti sul contratto di fornitura elettrica per il quale S I
richiedeil bonus, devono corrisponderea quelli del soggettoche effettua la richiestad i
à
(allegato
ARG/eltL17/2OO8l;
compensazione
A art.4, deliberazione
ISEE
massimo
di€ 7.500;tale limite è elevato a € 20.000nel
l'indicatore
deve avereun valore
caso ín cui nel nucleo familiare siano presenti4 o più figli fiscalmentea carico cosi detta
à
condizione
difamiglianumerosa(art..2, comma 4, DI28.2.2008);
la potenza impegnata della fornitura elettrica deve esseremassimo di 3 kW, tale limíte è
superiorea 4.
elevatoa 4,5 kW per un numerodi personeresidentinell'abitazione
GCtl
t
Per i titolari di "Carta Acquisti" che hanno correttamente compilato il relativo modulo di richiesta della
tstessa,il bonus elettrico per disagio economico è riconosciutoautomaticamente, senzadover presentare
-appositadomanda(Vedipartelll Capitolo4).
"a'-'
à
à
à
Non è possibileottenere il beneficioquando ...
la fornitura è intestataa personadeceduta:deveesseremodifícatal'intestazionedell'utenza;
la fornitura è intestataal locatore:il locatariodeve attivarela proceduradi subentroprima di
procedereallapresentazione
delladomanda;
il richiedente è titolare di un contratto con tipologia 'fornitura temporanea": il richiedente
deveesserein possessodi un contrattocon tipologia"forniturapermonente"
3.2.2.t Quanto vale il bonuselettrico per disagioeconomico
L'importodel bonus per disagioeconomicovariaa secondadel numerodei componentiil nucleofamiliare
che risiedono nell'abitazionedove è localizzatala fornitura elettrica e dall'anno di competenza
dell'agevolazione.
Numerositàdellafamigliaanagrafica
""U:'
Si evidenziache il numero, che va indicato nel modello di richiesta alla voce "Numerositòfamiglio
onografica",è quello relativo al momento della presentazionedella domanda ed è determinato dal
numero dei componentiil nucleofamiliareresidentinell'abitazionedove è presentela fornitura elettrica
per la qualesi richíedel'agevolazione.
Tale numero può non coincidere con il numero dei componenti il nucleo familiare presenti
ISEE.
nell'attestazione
Esempio:
della DSUma fiscalmentea caricodi uno dei componentiil
Soggettonon residentecon il Dichiarante
nucleofamiliare.
E' rilevante ai fini ISEEma non rilevanteai fini della numerositàdella famiglia anagrafica in base alla
quale si determinal'importo del bonus.
Descrizione
Anno2008 Anno2009 Anno2010 Anno2011
familiare1-2componenti
Numerosità
€60
€58
€56
€55
familiare3-4 componenti
Numerosità
€78
€75
€72
€72
€124
precedente
ll valore del bonusè aggiornatoannualmentedall'Autoritàentro il 31 dicembredell'anno
familiareoltre4 componenti
Numerosità
€ 135
€ 130
€124
L'erogazione
non awiene in un'unicasoluzionema con criteriopro die:verràcioècalcolatoil valoremedio
giornaliero
del bonus
al qualel'utenteha diritto e moltiplicatoper il numerodi giornicui fa riferimentoil
oeriododi fatturazione.
Ne consegue che il bonus verrà riconosciutoal cittadino in bolletta con cadenza pari a quella di
fatturazione.Se l'importoda compensare(cheín fatturaviene riportatoin modo distintodallealtre voc
contabili)risultassesuperioreall'importototale della fattura la parte residuaviene recuperatanella
fatturazionesuccessiva.
Gerl
t
3.2.2.21documenti da allegarealla domanda di bonus elettrico per disagioeconomico
Alla domandadi richiestadel bonuselettricoper disagioeconomico,da compilaresu appositomodello,
devonoessereallegatii seguentidocumenti:
à
del richiedente;
copiadocumentodi riconoscimento
à
delladomanda;
ISEEin corsodivaliditàal momentodellapresentazione
copiaattestazione
con la quale il richiedenteattesta,individuandolicon cognome,nome e codice
autocertificazione
I
à
à
di 4 o più figlifiscalmente
a carico;
fiscale,la presenza
presentare
a farlo;
il richiedente
fosseimpossibilitato
la
nel
in
cui
domanda caso
delegaa
della
dellapersonadelegatadal richiedenteallapresentazione
copiadocumentodi riconoscimento
domanda.
3.2.2.3 Decorrenza,durata e rinnovo del bonus elettrico per disagioeconomico
Decorrenza:
Postoche la domandadi bonus elettricoper disagioeconomicopuò esserepresentataper la prima volta
dà diritto a
momento, quandovienevalidatadal distributoredell'energia,
comenuovaistanzain qualsiasi
per isuccessíví
12 mesi.
fruiredell'agevolazione
Dal momento in cui la piattaformaSGAte,dopo il superamentodelle verifichedel Comune,dei controlli
formali SGAtee INPS,ammette la domanda,il distributoreha 50 giorni lavorativiper erogare il Bonus al
cittadino.
Esempio:
del Bonuselettricoavrà luogonel periodo
Per una domandapresentataa novembre20LL,l'erogazione
c h ev a d a l 1 g e n n a i o 2 0 L a
2l 3 L d i c e m b r e 2 0 1 2 .
Durata:
La durata dell'agevolazioneè di 12 mesi a partire dal primo mese di decorrenzadella compensazione
(mesedivalidazione
da partedel distributoredi energia).
ll periodo di erogazionedel bonus viene calcolatosulla base della data di reale disponibilitàdella
domandada parte deldistributore di energiaossia:
É
per il
= primogiornodel secondomesesuccessivo
la data di disponibilità
data inizioagevolazione
distributore;
É
+ L2 mesi.
data fine agevolazione= data inizioagevolazione
/l
Attenzione:
A causadei moltisoggetti prepostiaicontrollied alle verifichedi rispettivacompetenza(Comuni,lmpresa
distributricedi energiaelettrica,SGAte),oltre che alla complessitàdel ciclodi lavorazionedella domanda,
non sempre la data di decorrenzadel bonus corrispondeal primo giorno del secondomese successivo
alla trasmissionedella domanda.
cclf
t
Rinnovo(cheva presentatoogni anno):
per un annoal terminedel qualepuò essererinnovatoper altrí12 mesí.
ll bonusè riconosciuto
Per vedersi garantita la continuità dell'applicazionedell'agevolazionesulla bolletta, l'utente dovrà
entro il penultimo
ripresentare
appositadomandaper il rinnovo(al Comuneo al CAAFconvenzionato),
mesedel periodo(annuale)di godimento.
La richiestadi rinnovodovràesserepresentataed inseritaa Sistemaentro e non oltre l'ultimo giorno utile
cioè entro l'undicesimodeidodici mesiin cui ne ha fruito.
del mesediscadenzadell'agevolazione,
Esempio:
del Bonuselettricoavràluogonel
per una domandapresentata
ed acquisíta
a gennaio201L,I'erogazione
periodoche va dal 1 marzo2Ott al29 febbraio24t2.
In questo caso la richiestadi rinnovo dovrà esserepresentataed inserita a Sistemaentro e non oltre il
31 gennaio2012.
Attenzione:
di SGAte,rischiano
Le domandepresentatel'ultimo giorno utile per il rinnovo,causai tempi di lavorazione
quindi
disponibilitàdel
nella
non
di trovarsinellostato di solo "Presentata"ma norì "inseritea Sistema"e
del rifiuto della domandadi rinnovo perchépresentataoltre i termini.
distributorecon la conseguenza
Per tutte le domande che, seppur presentatedal cíttadinoentro í termini, ma ínseritea Sistema
all'ultirlîóEidrnodel penultimo mese
successivamente
all'undicesimomese{data elaborazionesuccessiva
entro 50 giorni dalla
il bonuscon data di decorrenza
di agevolazione),
i cittadinivedrannoriconosciuto
data di inserimentodella domandaa Sistema.
Ne consegueche,
il cittadinoaffinchèla presentazione
vistii tanti passaggi
nellalavorazione
di una pratica,è beneconsigliare
in tempo utileal fine di non perderela continuitàdel beneficio
delladomandadi rinnovovengapresentata
per un minimo di 60 giorni.
causandola mancanzadella compensazione
,"aarri i
Tl,iílli: î1:H'potranno
saranno
ff:[:T:ilJ;:"l"1t:'::i',:ilff
i, .,,,,0,n,
"l
- Comune/CAFper presentaredomanda di rinnovo.
All'atto del rinnovo del bonus elettrico per disagioeconomicoil cittadino dovrà presentarela seguente
documentazione:
.
ISEEaggiornatoe in corso di validitàal momento del rinnovo.SGAtenon verificail requisitodel
che
Ne consegue
ISEEma effettuail controllosul protocolloISEE.
corsodivaliditàdellaattestazione
protocollo
per
ISEE
da
un
diverso
"ammissibile"
deve
la domandadi rinnovo
essere
contenere
quellopresentenellaprimadomanda;
r
.
I
'
.
certificatoattestantel'agevolazione
in vigore(Mod.02/a1che rilasciaSGAte,oppureletterainviata
da Posteltaliane,o ricevutadel CAF);
moduloA compilatoin tutte le sueparti,spuntandola casellarinnovo;
documentoidentitàdel richiedente;
moduloE (soloin casodi famiglienumerosecon almeno4 figlia carico);
(sela domandaè presentata
da un delegato).
eventualedelegadel richiedente
della
allapresentazione
Copiadocumentodi riconoscimento
dellapersonadelegatadal richiedente
domandadi rinnovo.
CGIT
t
Ladomandadi rinnovoè scartata se differisce,rispettoall'agevolazione
in vigore,ancheper
una sola informazione(riferitaal richiedente)tra:
codicefiscale- cognome- nome - data di nascita- sesso- comune di nascita(cod.lstat)- comune di
;'i
residenza(cod.lstat)- numero POD.
3.2.3a|bonuselettricoper disagiofisico- Aventidiritto
E' prevista la possibilitàdi richiedere il bonus elettrico anche per "condizioni di disagio fisico"
indipendentementedalle condizionieconomichedel richiedente.
Possonobeneficiaredel bonus elettricoper disagiofisico i clienti domestici,intestataridi una fornitura di
energiaelettricanell'abitazione
di residenza,qualora,all'interno del nucleo familiare siano presenti
personeche versanoin gravi condizionidi salute tali da richiederel'utilizzodi apparecchiaturemedicali
elettrichenecessarieper il mantenimentoin vita.
Le gravi condizioni di salute del soggetto devono esseredichiarate dall'ASL di appartenenzaattraverso
un certificatoche attesti:
i
la necessitàdi utilizzarel'apparecchiatura
elettromedicaleper il mantenimentoin vita e che tale
siaalimentataad energiaelettrica;
apparecchiatura
I
il tipo di apparecchiatura
utilizzatache deve assolverealmeno ad una delle seguentífunzioni:
à
urinaria;
alimentare,respiratoria,
presso
quale
è installata;
il
l'apparecchiatura
elettromedicale
l'indirizzo
la dataa partiredallaqualeil cittadinoutilizzal'apparecchíatura.
I
Le gravi condizioni di salute possono essere autocertificate esclusivamente se la fornitura elettrica
identificatadal codice PODè inseritanell'elencodelle forniture non disalimentabiliperchéfacenti parte
per la Sicurezza
(Pianodi Emergenza
delSistemaElettrico).
del P.E.S.S.E.
L'iscrizioneall'elencosuddetto viene comunicatadal distributoredell'energiaelettrica dírettamente
all'utenteíntestatario
dellafornitura.
,^"'h
.è-
Attenzione:
t''
Per la richiestadi bonus elettricoper disagiofisico,non è possibileutilizzarealtre forme di certificazione
dellesituazioniinvalidanti,qualiad esempioi certificatidi invaliditàcivile.
[a domandadi bonuselettricoper DisagioFisicopuò esserepresentatase
ricorronocongiuntamentei seguentirequisiti:
€
€
l'utente richiedente deve essere l'intestatario della fornitura elettrica ad uso domestico
utilizzatanellapropriaabitazionedi residenzaanagrafica;
l'utente richiedente o uno dei componenti del proprio nucleo familiare deve essere un
soggetto che si trova in gravi condizionidi salute tali da richiederel'utilizzo di una
apparecchiaturaelettromedicale necessariaal mantenimentoin vita. ll soggettoche utilizza
può esserequindidiversodall'intestatario
dellafornituraelettrica;
l'apparecchiatura
€
le apparecchiatureche consentonodi ottenere il benefíciodevono assolverealla funzione
alimentare,respiratoriae/o urinariadel paziente.
qualí ascensori,montascale,carrozzine,ed in generale tutte le
Altre apparecchiature
apparecchiature
che assolvonoa funzionidiverseda quelle elencate,non danno diritto al
bonuselettricoper disagiofisico.
I
GGTl
t
*1
;- ''
A differenza
del bonusper disagioeconomico,
€
il riconoscimentodel bonus per disagiofisiconon dipende:
dall'indicatore
ISEE(chepertantol'utentenon deveobbligatoriamente
presentare);
€
dallapotenzadi energiaimpegnataper la qualequindinon visono limiti.
3.2.3.1quanto vale il bonuselettrico per disagiofisico
L'importodel bonusper disagiofisiconon dipendedal numerodei componentiil nucleofamiliare,ma solo
dall'annodi competenza
dell'agevolazione.
Descrizione
Anno 2008
Anno2009
Anno2010
Anno 2011
D i s a g i of i s i c o
€ 138
ll valore del bonusè aggiornatoannualmentedall'Autoritàentro il 31 dicembredell'annoprecedente
L'erogazione
non avvienein un'unicasoluzionema con crìteriopro die:verràcioècalcolatoil valoremedio
del bonusgiornalieroal qualel'utenteha diritto e moltiplicatoper il numerodi giornicui fa riferimentoil
oeriododi fatturazione.
Ne consegueche il bonus verrà riconosciutoal cittadino in bolletta con cadenzapari a quella di
fatturazione.
Se l'importo da compensare(che in fattura viene riportatoin modo distintodalle altre voci contabili)
risultassesuperioreall'importo totale della fattura la parte residuaviene recuperatanella fatturazione
successiva.
3.2.3.2| documentida allegarealla domandadi bonuselettrico per disagiofisico
Alla domandadi richiestadel bonuselettricoper disagíofisico,da compilaresu appositomodello,devono
essereallegatií seguentidocumenti:
ù
copiadocumentodi riconoscimento
del richiedente;
a farlo;
delegaa presentare
la domandanel casoin cui il richiedente
fosseimpossibilitato
)
copiadocumentodi riconoscimento
dellapersonadelegatadal richiedenteallapresentazione
della
)
domanda;
i cittadinigià inclusineglielenchidelleforniturenon interrompibili
ai sensidel Pianodi Emergenza
à
per la Sicurezza
del SistemaElettrico(PESSE),
dovrannoinoltre presentare:
- la comunicazione
ricevutadal propriodistributoredi energiaelettricaattestanteche il proprio
-
puntodi fornituraè inseritoneglielenchiPESSE
comepuntodi fornituranon interrompibile;
un'appositaautocertificazione
conformeal contenutodel "modulo C" nel qualedovrà essere
specificatoil tipo di apparecchiatura
elettromedicale
utilizzata,I'indirizzopressoil quale la
medesimaapparecchiatura
è installata,
la dataa partiredallaqualesi utilizzaI'apparecchiatura
elettromedicale.
à
I cittadinìnon inclusi negli elenchi relativi al PESSE
dovrannoinoltre presentareuna apposita
certificazione
riportatenel "moduloD".
dellapropriaASLcontenentele informazioni
Talecertificatodeveattestare:
- la necessitàdi utilizzarel'apparecchiatura
per il mantenimentoin vita e che
elettromedicale
-
è alimentataad energiaelettrica;
tale apparecchiatura
il tipo di apparecchiaturautilizzatache deve assolverealmeno ad una delle funzioni
-
alimentare,respíratoria,
urinaria;
quale
pressoil
l'indirizzo
l'apparecchiatura
elettromedicale
è installata;
-
la dataa partiredallaqualeil cittadinoutilizzal'apparecchiatura.
CGIL
tt
3.2,3.3 Decorrenza,durata e cessazionedel bonus elettrico per disagiofisico
La domandadi bonus elettricoper disagiofisico,così come quella per disagioeconomico,può essere
momento.
presentata
per la primavoltacomenuovaistanzain qualsiasi
alla trasmissionedella domanda al
ll beneficiodecorredal primo giorno del secondomese successivo
distributoredi energia.
A differenzadel beneficioper disagioeconomico,il bonus elettrico per disagiofisico non ha scadenzae
quindi la domanda non deve essererinnovata.
termina dal primo giorno del mese successivoa quello di notifica al
della compensazione
L'applicazione
elettromedicale.
uso
dell'apparecchiatura
distributoredi energiadel cessato
3,2,4":
:làXi*::,affi;i::!hl:nin*o:.u*e i*iàl::n:,:dí lilài.: of::é *co
,
Le modificheche intervengonoduranteil periododi godimentodel bonuselettricoriferite a:
.
I
redditualee patrimoniale
variazioni
dellasituazione
del numerodeifiglia carico
variazioni
vengonorecepitee quindidevono esserecomunicatesolo al momento del rinnovo della domanda.
Variazionedel numero di componentiil nucleo:(per disagioeconomico|
variazioninella numerositàdel
Nel casoin cui, duranteil periododi godimentodel bonus,intervengano
nucleofamiliareanagrafico,il cittadino potrà chiedereI'adeguamentodel bonus al nuovo numero di
all'avvenuta
decorredal primogiornodel mesesuccessivo
dellacompensazione
componenti.Lavariazione
originariadella
fermo restandoil terminedi scadenza
di distribuzione,
all'impresa
notificadellavariazione
Come per il rinnovo la domandaè ammessasolo se riferita al medesimoPOD e ai
compensazione.
in vigore.
(datianagrafici
e codicefiscale)dell'agevolazione
del richiedente
medesimidatí identificativi
Cessatouso dei macchinarielettromedicalisalvavita:(per disagiofisico)
elettromedicalisalvavitadeve esseretempestivamentecomunicatoal
ll cessatouso delle apparecchiature
è interrottaa decorreredal primo giorno del secondo
proprio venditore di energiaelettrica.L'agevolazione
da partedel venditore.
di distribuzione,
allanotificadel cessatousoall'impresa
mesesuccessivo
Cambiodi residenza:(per disagioeconomicoe fisico|
duranteil periododi godimentodel bonuselettrico,dovràrecarsipressoil
Se il cittadinocambiaresidenza
per effettuarenuovamentela domanda.In questocasoil bonussaràtrasferito
nuovoComunedi residenza
originariadel diritto.
e saràapplicatofino allascadenza
sullanuovaabitazione
Modifiche contrattuali: (per disagioeconomico e fisico)
Tutte le modifiche contrattuali riferite al titolare del contratto e determinateda: cessazioneper mortis
contestualedel diritto alla compensazione.
causa,volture,subentriecc.,determinanola cessazione
dell'ultimafatturazioneutile.
quote residuevengonoaccreditate
in occasione
Eventuali
Le modifichecontrattualiriferite al fornitore quali: cambio del fornitore e/o cambio delle condizioni
economiche, non determinano la cessazionedel bonus che continuerà ad essere erogato senza
interruzioni,fino al termine della validità del diritto (per il disagioeconomico)owero fino a quando è
elettromedicale(per il disagiofisico).
necessariol'utilizzodell'apparecchiatura
cGll
t
3.2.5La
*'6
:$6 *
compilandogli appositimodelliapprovati:
La richiestadi bonuselettricodeveesserepresentata
.
Modulo A_elt - domandaper disagioeconomico(aggiornatoal L9/05/2Ot0);
.
Modulo B_elt- domandaper disagiofisico (aggiornatoal 01,/OL/2OO9);
.
Modulo C_elt- dichiarazionesostitutivadi atto di notorietà ai fini del riconoscimentodel disagio
(aggiornatoalOL/OI/2OO9\;
fisicoper coloroche sonogià inclusineglielenchidel PESSE
Modulo D_elt - fac-similecertificazioneASLai fini del riconoscimentodel disagiofisico per coloro
(aggiornato
alOL/OL{}OO9\;
che non sonoinclusineglielenchidelPESSE
.
.
Modulo E_elt - dichiarazionesostitutiva di atto di notorietà ai fini del riconoscimentodella
condizionedi famiglianumerosaper il disagioeconomico(aggiornatoal OI/OU2OO9).
Tutti i modelli sono disponibilinel sito dell'Autorità:
http://www.bonusenergia.anci.it/?q=documentazione/nuovi-moduli-per-la-richiesta-di-bonus-elettrico
o pressoiComuni.
CGIl
tBoNUsGns
a bassoredditoe numerose,
allefamiglie
sullebollettedelgasriservata
ll bonusgasè unariduzione
che
dallaloro nazionalità,
in ltalia,indipendentemente
del beneficio
sonoi cittadiniresidenti
Destinatari
di residenza.
gasmetanodistribuitoa reteper usodomesticonell'abitazione
utilizzano
o'l'\
ll bonusgasviene riconosciutolimitatamente
alle forniture di gas naturaleattraversoreti di distribuzione.
Non può essererichiestoper il gasin bombolao per il GPL.
ll bonusviene riconosciuto:
I
à
titolaridi un contrattodi fornituradi gasnaturale),
ai clientidomesticidiretti (direttamente
ai clientidomesticiindiretti(nondirettamentetitolaridi un contrattodi fornituradi gasnaturale),
che versanoin particolaricondizionieconomichecertificatedall'indicatoreISEEdel nucleofamiliare.
3.3.2rl b,ònusgài-avdti diii*o
gas naturalenell'abitazione
di residenzain
Possonobeneficiare
del bonusi clientidomesticiche utilizzano
l'indicatore
attraverso
condizionidi disagioeconomicoche, come per il bonuselettrico,viene valutato
d e l l as i t u a z i o neec o n o m i ceaq u i v a l e n tIeS E E .
dellaspesasostenutaper la fornituradi gasnaturalei clientidomestici:
Hannodirittoallacompensazione
. che hannouna attestazione
fino a € 7.500(per la generalitàdegli
ISEEcon valoredell'indicatore
aventidiritto),
r
superiorea € 7.500e fino a € 20.000
ISEEcon valoredell'indicatore
che hannouna attestazione
per quei nucleifamiliari nei quali sono presenti4 o più figli fiscalmentea carico.
Alle condizionieconomichesopradescritte,il bonus può essererichiestoda tutti i clientidomesticiche
impieganogasnaturaledistribuítoa rete per le seguenticategoried'uso:
- produzionedi acquacaldasanitariaelo uso cottura,
-
riscaldamento,
produzionediacqua caldasanitariaelo uso cottura e riscaldamento.
sia ai clíentititolaridi un contrattodi fornitura(clientidomesticidiretti),
Lacompensazione
è riconosciuta
(clientidomesticiindiretti).
impianticondominali
siaai clientiche utilizzano
.
ll clientedomesticodiretto è il clienteche è direttamentetitolaredi un contrattodi fornituradi gas
per I'abitazione
di residenza.
naturale(fornituraindividuale)
In questo caso intestatariodel contrattoè sempreuna personafisicae spetta a questi fare la
richiestadel bonusgas.
.
ll clientedomesticoindirettoè il clienteche non è direttamentetitolaredi un contrattofornitura
ma utilizza,per i propriusidomestici,un impiantoa gas
di residenza
di gasnaturaleper I'abitazione
ll titolare del contratto della fornitura
naturaledi tipo condominiale(fornituracentralizzata).
può esseresiauna personafisicasiauna personagiuridica(il condominio).
centralizzata
I'intestatario
del contratto
In questocasoil richiedenteil bonusnon deveesserenecessariamente
di fornitura centralizzata.
GGII
t
di residenza
ilgas naturaleper usodomesticonell'abitazione
ll clientedomesticopuò utilizzare
ancheattraversouna fornitura mista:
parte come diretto titolare della fornitura e parte come utilizzatoredi una fornitura centralizzata.
Ladomandadi bonusgas per la fornitura individuale(clientediretto),
può esserepresentatase ricorronocongiuntamentei seguentirequisiti:
à
l'utente richiedentedeve esserel'intestatariodellafornituradi gas naturalead uso domestico
distribuitoa rete per la quale è richiestoil bonus;il nominativoe il codicefiscalepresenti sul
contratto di fornitura per il quale si richiedeil bonus,devono corrisponderea quelli del
)
soggettoche effettua la richiestadi compensazione;
deve essere garantita la coincidenzadella residenza anagrafica del cliente domestico
richiedente
il bonuscon il puntodifornituraper il qualeè richiestoil bonus;
)
deve
il misuratoreistallatonel punto di fornitura per il quale è richiestala compensazione
esseredi classenon superiorea G6;
La domandadi bonusgas per la fornitura centralizzata(clienteindiretto),
può esserepresentatase ricorronocongiuntamentei seguentirequisiti:
à
à
l'impiantocondominiale
deveesserealimentatoa gasnaturale;
deve essere garantita la coincidenzadella residenza anagrafica del cliente domestico
condominiale;
richiedenteil bonuscon la localizzazione
dell'impianto
à
la richiestadi agevolazione
deve riguardarelocali adibiti all'abitazionedi residenzadel
richiedente;
per tutti
à
l'indicatoreISEEdeve avereun valore massimodi € 7.500;tale limite è elevato a € 20.000nel
caso in cui nel nucleofamiliaresiano presenti4 o più figli fiscalmentea carico cosi detta
condizionedifamiglianumerosa(art. 2, comma 4, DI28.2.2008);
un solobonusgas;
ogni nucleofamiliarerilevanteai fini ISEEpuò richiedere
à
la fornitura di gas naturaledeveserviread uso domestico;
à
la fornituradeveesseredestinataallecategoried'usoammissibili.
ì
Attenzione
",r,_-i
Se l'utente deve richiedereil bonusgas per fornitura mista
per riscaldamento),
(esempio:"individuale"per acquacaldasanitariae/o uso cotturae "centralizzata"
la domanda deve esseregestitacontestualmentee mai separatamente,utilizzandol'appositomodulo
B GAS. La richiesta di bonus per una fornitura, preclude all'utente la possibilità di richiedere
successivamente
il bonusper una secondafornitura perdendoquindi parte dell'agevolazione.
Al momento della presentazionedi una nuova domanda di bonus gas è quindi importante verificare
per quante forniture è possibilerichiederela compensazione
al fine di evitare la perdita di un diritto.
cort
t
é:^
''',
€
€
€
€
ottenereil beneficioquando...
Nonè possibile
dell'utenza;
l'intestazione
deveesseremodificata
la fornituraè intestataa personadeceduta:
procedura
di subentroprimadi
la fornituraè intestataal locatore:il locatariodeveattivarela
procedere
delladomanda;
allapresentazione
gas
o non
naturaleè intestatoad una personanon appartenente,
il contrattodi fornituradi
più appartenenteal nucleofamiliare:deve essereeffettuatala proceduradi voltura del
contratto;
è utilizzatoper i soliservizicondominiali.
l'impiantocentralizzato
3.3.3Quanto vale il
L'importodel bonusgas,che è determinatoda fattori variabili,si differenziarispetto:
)
allafornituradi gasper la qualepuò essererichiestoil bonus
allacategoriad'usoassociata
- produzionediacqua caldasanitariaelo uso cottura,
- riscaldamento,
-
à
produzionediacqua caldasanitariaelo uso cottura e riscaldamento.
dalla
del punto di fornitura.I Comuniitaliani,indipendentemente
alla zona climaticadi appartenenza
geografica,
sono suddivísiin sei zoneclimatichedefiniteper leggedalla"A" alla"F" a
loro ubicazione
3 . 4 1 2 ) .S i t r a t t aq u i n d id i u n a s u d d i v i s i o n e
s e c o n d ad e l l et e m p e r a t u r em e d i e( a r t . 2 D P R2 6 . 0 8 . L 9 9N
dellediverselocalità.
esigenze
di riscaldamento
chetienecontodellespecifiche
A titolo esemplificativo,
di seguito si riportano le zone climatichedi appartenenzadei Comuni
provincia:
capoluogodi
Zona
Climatica
Comunecapoluogodi provincia
Lampedusa,
Linosa,Porto Empedocle
Trapani
Agrigento,Catania,Crotone,Messina,Palermo,ReggioCalabria,Siracusa,
lmperia,
Latina, Lecce,Napoli,
Brindisi,
Cagliari,
Caserta,
Catanzaro,
Cosenza,
Bari, Benevento,
Taranto
Sassari,
Oristano,R
Chieti, Firenze,Foggia,Forlì, Genova,Grosseto,
Ancona,Ascoli Piceno,Avellino,Caltanissetta,
lsernia, La Spezia,Livorno, Lucca,Macerata, Massa, Carrara,Matera, Nuoro, Pesaro,Pesaro,
Vibo Valentia,Viterbo
Pescara,
Pisa,Pistoia,Prato,Roma,Savona,Siena,Teramo,Terni,Ve
Como,
Alessandria,
Aosta,Arezzo,Asti, Bergamo,Biella,Bologna,Bolzano,Brescia,Campobasso,
Cremona, Enna, Ferrara,Cesena,Frosinone,Gorizia, L'Aquila,Lecco, Lodi, Mantova, Milano,
Modena,Novara,Padova,Parma,Pavia,Perugia,Piacenza,Pordenone,Potenza,Ravenna,Reggio
Emilia,Rieti, Rimini, Rovigo,Sondrio,Torino, Trento, Treviso,Trieste, Udine, Varese,Venezia,
Verbania,Vercelli,Vicenza
B e l l u n oC
, uneo
è possibilescaricarela tabella
All'indirizzohttp://www.autorita.enersia.it/allegati/faq/AesTabellaA.xls
A, allegataal DPR472/93aggiornata
al3l ottobre2009-zone climaticheElencodeiComuniitaliani
divisoper regionie provincie.
)
alla numerositàdellafamigliaanagrafica.Si evidenziache il numero,che va indicatonel modellodi
richiestaalla voce "Numerositàfamiglia onogrofica",è quello relativo al momento della presentazione
della domanda ed è determinato dal numero dei componenti il nucleo familiare residenti
nell'abitazionedove è presente la fornitura di gas per la quale si richiedel'agevolazione.Si tratta
cctl
tt
quindi del numero di componentidesumibilidallo stato di famigliache, in alcuni casi, può non
coinciderecon il numero dei componentiil nucleofamiliarepresentinell'attestazioneISEE.
L'importo del bonus si differenziaa secondache all'interno della famiglia anagraficavi siano più o
meno di quattro componenti residenti.Nel caso in cui vi siano più di tre figli fiscalmentea carico
l'importodel bonussaràquelloriferitoalla"famigliaoltre 4 componenti"con la soladifferenzache la
sogliadell'indicatore
ISEE
di riferimentoè dí € 20.000.
Si riportadi seguitola tabellaesplicativa
ai fini delladeterminazione
dellariduzionein base:
alla zonaclimatica,alla tipologiadi utilizzoed alla numerositàdellafamigliaanagrafica.
Ammontaredellacompensazione
per iclientidomestici
(€/annoper puntodi riconsegna)
Anno2009
zona :
crimatical
Anno2010
Anno2011
l- c 1--*l--:**-''**l**l--'*^lo
t A/Bi
c o t t "*f**-l*
c Io
iA/Bl I i', I
i I I iA/Bi
, A c q u a c a t d a s a n iIt a r ii a l : I I I i : i
: ]
A c R e / o u s o c o t t u r ai 6+o ; r ,
l
r
o
:
j
r
z
s
l
r
c
+izO
ltt itrtitooittri
,
l 1 o o i 1 2 s : 1 6 0:6r 2
:*'':.-19:::"::-.-.^]*-i...^.j---*j**.]-**-i.-...
Famiglieoltre 4 componenti
Ac
40 ,oo :40
1::Y::'ld1'"1it"i'
,+o
e/o uso coîlura
I
,o;;,;;"|"'"; "it.*l-T--l-;
* :*--i *f *"1-*:--lT-T-:-*l*,--:
A c R : e / o U s o c o t t u rlas+s j t t o l r + s i r a o i z a o , 's, z1 L 3 ' : Li t4as+ l z a o l S:S
t 2 7 i t l 7j Z OjeZ O c i
'Riscardamentoili::liiil:iill:
dl b:lT: Tgi:11T:î3lT::::_tll*J:fir
llvarore
"ilT'il3_1*_TÍ":1{::.1:r"::9"-1*__i
Ai beneficiaridella "CartaAcquisti",
che hannocorrettamente
gasnaturale
compilatoil relativomodulodi richiestadellastessae che utilizzano
o GPL per produzionedi acqua calda sanitariaelo uso cottura e/o riscaldamentoper la propria unità
abitativa, la disponibilità concessasulla Carta Acquisti, è incrementata fino ad esaurimento dei
versamenti,
di ulteriori20 euro a bimestre(vedipartelll Capitolo4).
Tale importo aggiuntivosulla "CartaAcquisti"non precludeil diritto al Bonusgas qui trattato che dovrà
comunqueessererichiestocon appositadomanda.
CGIt
tt
Alla domandadi richiestadel bonus gas, da compilaresu appositomodello,devono essereallegatii
seguentidocumenti:
à
copiadocumentodi riconoscimento
del richiedente;
à
copiaattestazione
ISEEin corsodi validitàal momentodellapresentazione
delladomanda;
autocertificazione
con la qualeil richiedenteattesta,individuandoli
con cognome,nome e codice
presenza
piùr
fiscale,la
figlifiscalmente
di 4 o
a carico;
atto di delegaa presentare
fosseimpossibilitato
la domandanel casoin cui il richiedente
a farlo;
I
I
t
copiadocumentodi riconoscimento
dellapersonadelegatadal richiedenteallapresentazione
della
domanda.
In caso di ammissionedella domanda gli importi riconosciutivengono erogati con diverse modalità a
secondache si tratti di clienti domesticidiretti o di clienti domesticiindiretti.
€
Clientidomesticidiretti: l'erogazione
non awiene in un'unicasoluzionema, l'importoannuodel bonus
viene corrisposto,come detrazionedella spesadiciascunabolletta, suddivisoproporzionalmenteper
data di iniziodelgodimentodel bonus.
il numerodi bollettericevutenei 12 mesisuccessivialla
Se l'importoda compensare(che in fatturaviene riportatoin modo distintodallealtre voci contabili)
risultasse
superioreall'importototaledellafattura,la parteresiduavienerecuperatanellafatturazione
successiva.
€
Clienti domestici indiretti: l'importo del bonus viene corrisposto in un'unica soluzione da Poste
Italiane,attraversoun bonificodomiciliato.
ll bonifico domiciliato è uno strumento finanziarioattraversoil quale Poste ltaliane mette a
disposizione
dei soggettiaventi diritto l'importodel bonus pressotutti gli uffici postalipresentisul
al bonus,Posteltalianecomunicaal beneficiariola data a
In casodi ammissione
territorionazionale,.
partire dalla quale lo stessopuò riscuotereil bonifico pressogli uffici postali previa presentazionedi
un documento d'identità e del CodiceFiscale. ll bonificodomiciliatopuò essere incassatoanche da
un soggetto diverso dal beneficiario,purché espressamenteindicato in calce alla domanda al
munitodi idoneodocumentodi identificazione.
momentodellasua presentazione,
Laprassiprevedeche le letterevenganoemesseda Posteltalianeall'iniziodi ogni mesein baseall'esito
di ammissionericevutodal distributorecompetente;a partiredalladata di emissionedella lettera,il
bonificorimanein pagamentopressol'ufficiopostaleper 60 giorni.
al
il bonificonel termineprevisto,deve rívolgersi
non riescaad incassare
Nel casoin cui il beneficiario
proprioComunee presentare
appositaistanza.
ll diritto dei cittadini ad usufruire dell'agevolazionenon decade anche nel caso in cui essi non
abbiamo potuto procedere alla riscossioneentro i termini previsti. A tale proposito era stata
del "modulo di riemissionebonifico"che però ad oggi non è ancorastato
annunciatala predisposizione
pubblicato.
€
(ad
sia una fornituracentralizzata
Clientimisti: per coloroche utilizzanosia una fornituraindíviduale
in
toto
viene
riconosciuta
l'agevolazione
esempiocottura individualee riscaldamentocentralizzato),
nella bolletta.
GGIl
t
Decorrenza:
Postoche la domandadi bonus gas può esserepresentataper la prima volta come nuova istanzain
qualsiasi momento, quando viene validata dall'impresa distributrice di gas, dà diritto a fruire
per i successivi
12 mesi.
dell'agevolazione
Dal momentoin cui la piattaformaSGAte,dopo il superamentodelleverifichedel Comune,dei controlli
formali SGAtee INPS,ammette la domanda,il distributoreha 60 giorni lavorativiper erogareil Bonusal
cittadino.
Esempio:
I'erogazíone
del Bonusgasavràluogonel periodoche va
Peruna domandapresentata
a novembre201-L,
dal 1 gennaio2012al 31 dicembre2O12.
Durata:
La durata dell'agevolazione
è di 12 mesi a partire dal primo mese di decorrenzadella compensazione
( m e s ed i v a l i d a z i o ndea p a r t ed e l d i s t r i b u t o rdei g a s ) .
ll periodo di erogazionedel bonus viene calcolatosulla base della data di reale disponibilitàdella
domandada partedeldistributoredi gasossia:
= primogiornodel secondomesesuccessivo
per il
la data di dísponibilità
) data inizioagevolazione
d istributore;
)
= datainizioagevolazione
+ l-2mesi.
datafine agevolazione
Attenzione:
A causadei molti soggettiprepostiai controllied alle verifichedi rispettivacompetenza(Comuni,lmpresa
della domanda,non sempre
distributrice
del gas,SGAte),
oltre che allacomplessità
del ciclodi lavorazione
giorno
del secondo mese successivoalla
la data di decorrenza del bonus corrisponde al primo
trasmissione
delladomanda.
Rinnovo(cheva presentatoogni anno):
per un annoal terminedel qualepuò essererinnovatoper altri 12 mesi.
ll bonusè riconosciuto
Per vedersi garantita la continuità dell'applicazionedell'agevolazionesulfa bofletta, l'utente dovrà
ripresentare
entro un meseprima
appositadomandaper il rinnovo(al Comuneo al CAAFconvenzionato),
dellascadenza
del periodo(annuale)digodimento.
La richiestadi rinnovo deve quindi esserepresentataed inseritaa Sistemaentro l'undicesimodei dodici
mesi in cui ha fruito del beneficio.
Esempio:
per una domandapresentataed acquísitaad aprífe2O1,'J,,
l'erogazione
del Bonusgas avrà luogo nel
periodocheva dal L giugno2011al 31 maggio2012.
In questo caso la richiesta di rinnovo dovrà esserepresentataed inserita a Sistemaentro e non oltre il
30 aprile2012.
.Nel caso in cui alla scadenzadel bonus si debba chiedereil rinnovo con riferimentoad una fornitura
idiuersa da quella per la quale si era ottenuta l'agevolazione,è necessariofare una "nuova îstanza" I
I
.scegliendo
relativeallanuovafornitura.
tutte le informazioni
il moduloidoneoad accogliere
cotl
t
,/]i
Attenzione:
Le domandepresentatel'ultimo giorno utile per il rinnovo,causai tempi di lavorazionedi SGAte,rischiano
di trovarsinellostato di solo "Presentata"ma non "inseritea Sistema"e quindi nella non disponibilitàdel
distributorecon la conseguenza
del rifiuto della domandadi rinnovo perchépresentataoltre itermini.
Per tutte le domandeche, seppurpresentatedal cittadinoentro i termini,vengonoinseritea Sistema
all'ultimo giorno del penultimo mese
all'undicesimomese(data elaborazionesuccessiva
successivamente
i cittadinivedrannoriconosciutoil bonuscon data di decorrenzaentro 60 giorni dalla
di agevolazione),
data di inserimentodella domandaa Sistema.
Ne consegueche,
il cittadinoaffinchèla presentazione
vistiitanti passaggi
nellalavorazione
di una pratica,è beneconsigliare
delladomandadi rinnovovengapresentatain tempo utile al fine di non perderela continuitàdel beneficio
per un minimo di 60 giorni.
causandola mancanzadella compensazione
Così,come previstodalladeliberaARG/comtI3lO9 dell'Autorità,
I
I1 i cittadini saranno informati, tramite posta, del termine ultimo entro il guale potranno recarsi al !
.ComunelCAFper presentaredomandadi rinnovo.
Attenzione:
Rinnovodomandescartateper difformità di categoriad'uso
{'r''
La DeliberaARG/gas2t4/IO, del 25 novembre2010 ha introdottouna seriedi emendamentie relative
dí rigettodelle
modalitàoperativerívolteai distributoridi gas naturale,al fine di gestirequellecasistiche
-,
domandeimputabilia difformitàtra le categoried'uso del gas dichiaratenelle istanzedi ammissioneal
bonuse quellerisultantinegliarchividelleimpresedistributrici.
La Deliberaha previstoche non possapiù essererestituito un esito di KO per difformità delle categoria
d'uso dichiaratedal cittadino.
contattandoil venditoreal fine
La Deliberaprevedeínfattiche il distributoreprocedaad un accertamento
gas
per
in
contratto
ai clienti,in modo da
attribuita
di verificare, ogni singolocaso,la categoriad'usodel
pervenireal superamento
dellebanchedati dei distributorie dei venditorie
dei problemidi allineamento
pertantoai richiedenti
del bonusgas.
di beneficiare
consentire
Per tutte quelle domande per le quali è stato già restituito un esito negativoper categoried'uso difformi
dal dichiarato,il distributore deve procederealla verifica dei dati con i venditori e deve modificare,
l'esitodellaverificainviandoa SGAteuna rettificadi esito.
i presupposti,
laddovene sussistano
però,
successivamente,
alla fase di allineamentodelle banche dati del distributoree del venditore,
Se
persistauna difformitàtra la categoriad'usodichiaratadal clientenellapropriaistanzae quellarisultante
al bonus,è previsto
nellabancadati del distributore,
e ove ciò sia l'unicomotivoostativoall'ammissione
che venga riconosciutacomunque una compensazionevalutata in termini prudenziali,vale a dire, il
dal cittadinoe quellea lui risultanti.
distributore
devepagareil minimotra le categoried'usodichiarate
Comedetto, tali domande,sarannooggettodi verificae di nuovo esito da parte del distributore,tuttavia,
itempi di invio delle rettifichepotrebberonon esserecompatibiliconiltermine discadenzadel rinnovo.
Se il nuovoesitonon fossestatoancorarestituitoa SGAtee dunquela domandaavesseancoraun esitodi
"SOLORETRO"o "KO", per poterla rinnovare,garantendouna continuità nell'agevolazionebisognerà
inserireuna nuova domanda.
GOtl
t
All'atto del rinnovo del bonusgas il cittadinodovrà presentarela seguentedocumentazione:
à tsee aggiornatoe in corsodi validitàal momentodel rinnovo.SGAtenon verificail requisitodel
Ne consegueche
ISEEma effettuail controllosul protocolloISEE.
corsodivaliditàdellaattestazione
la domandadi rinnovo per essere"ammissibile"deve contenereun protocolloISEEdiversoda
q u e l l op r e s e n t en e l l ap r i m ad o m a n d a ;
à
)
in vigore(Mod. 02/aIche rilasciaSGAte,oppure letterainviata
certificatoattestanteI'agevolazione
da Posteltaliane,o ricevutadel CAF);
modulo A, B o C, a secondadellatipologiadi fornitura,compilatiin tutte le parti, spuntandola
casellarinnovo;
à
à
)
)
documentoidentitàdel richiedente;
moduloE (soloin casodi famiglienumerosecon almeno4 figlia carico);
(sela domandaè presentata
da un delegato);
eventualedelegadel richiedente
della
documentodi riconoscimento
della personadelegatadal richiedentealla presentazione
d o m a n d ad i r i n n o v o .
^:
'
..'n'
in vigore,ancheper
Ladomandadi rinnovoè scartata se differisce,rispettoall'agevolazione
una sola informazione(riferitaal richiedente)tra:
codicefiscale- cognome- nome - data di nascita- sesso- comunedi nascita(cod.lstat).
lnoftre,nel casola domandaoríginaleprevedauna fornitura individualeo mista,la domandadi rinnovo è
differiscaper:
scartataanchenel casoin cui,rispettoall'originale
il codice PDRindividuale(la categoriad'uso può invececambiare)- comune di residenza(cod.lstat)numero POD(elettrico).
i'ldirrittó,'rlrbonùfrgFì.,.:
3.3.7Modifiia OtUe,,,ió;dizióni
ihe'haÈno,:dèterminato
Per il cliente domesticodiretto tutte le variazioni(numerositàfamiliare,categoriad'uso, zona climatica),
vengonorecepitein sededi rinnovo della domandacon l'eccezionedella variazionedi residenza.
ll cliente domesticodiretto che cambiaresidenzaduranteil periododi godimentodel bonusgas,deve
domanda.ll bonusvienetrasferito
recarsipressoil nuovoComunedi residenza
e presentareuna specifica
sulla nuova abitazionee verrà applicatofino alla scadenzaoriginariadel diritto.
Per il clientedomesticoindirettotutte le variazionicompresoil cambiodi residenza,
vengonorecepitein
sededi rinnovodelladomanda.
€
€
€
Attenzione:
passa
Se il clientedomestico
da clientediretto a clienteindiretto
ll clientedomesticoche cessal'utilizzodellafornituraindividuale
e cominciaa servirsisolo di una
fornituracentralizzata,
vedràinterrompersi
il bonuscomeclientedirettoma potràrichiedere
un nuovo
bonus come clienteindiretto.In questocaso deve quindi esserepresentatauna nuova domanda
u t i l i z z a n di lom o d u l oC G a s .
Se il clientedomesticopassada cliente indiretto a clientediretto
ll clientedomesticoche cessal'utilizzodella fornituracentralizzata
e stipulaun contrattoper una
fornituraindividuale,
non può richiedere
fino al terminedellavalidità
il bonusper la fornituraindividuale
del bonus già ottenuto per la fornitura centralizzata.
Alla scadenzadel bonus relativoalla fornitura
potràpresentare
centralizzata
unanuovadomandautilizzando
il moduloA Gaso il moduloB Gas.
Le modifichecontrattuali
per mortis
Tutte le modifichecontrattualiriferiteal titolare del contrattoe determinateda: cessazione
causa,volture,subentriecc.,determinanola cessazione
contestualedel diritto alla compensazione.
quote residuevengonoaccreditate
Eventuali
in occasione
utile. Le modifiche
dell'ultimafatturazione
quali:
contrattualiriferiteal fornitore
non
cambiodel fornitoree/o cambiodellecondizionieconomiche,
determinanola cessazione
del bonus che continueràad essereerogato senzainterruzioni,fino al
terminedellavalidítàdel díritto.
GOll
t
a.r.e1à:Mà*ùi*iiiíài.
,:ià.4ó* dafdi,,b
r.:.:,,, :.':,.,,-,'i: :t-,,,r'',
gli appositimodelliapprovati:
Larichiestadi bonusgas deveesserepresentata
compilando
.
Modulo A_gas - domandaper fornitura individuale(aggiornatoal L9/05/2010);
.
Modulo B_gas- domandaper fornitura individuale+ centralizzata(aggiornatoal 19/05/20IO);
.
Modulo C_gas- domandaper fornitura centralizzata(aggiornatoal 19/05/z}t0l;
Tutti i modelli sono disponibilinelsito dell'Autorità:
http://www.sgate.anci.itl?q=documentazione/nuovi-moduli-per-presentare-istanza-di-a
lm missione-a
regime-di-compensazione-elettric
o pressoiComuni.
CGIl
t
Cartaacquisti
Socialcard
Partelll
Capitolo4
4.1 DerlruIzIoNI
PREVISTE
DALLA
NoRMA
4.2 | nreursrnPERrr BENEFTqo
, 4.2.Lltrattamentidaconsiderare
- 4.2.t.t1 Trattamentiprevidenzialioassistenzialilegatial reddito
- 4.2.1.21Trattamentiprevidenzialio assistenziali
non legatial reddito
- 4.2.1.3Non titolari di alcuntrattamento previdenzialeo assistenziale
- 4.2.t,4 | principalitrattamenti legatial reddito
- 4.2.t.5 Periododi riferimentodei trattamenti
, 4.2.2 L'indicatoreISEE
- 4.2.2.tTerminidelI'ISEE
.
.
.
.
4.2.3Proprietariocon una quota superioreo ugualeal25% dipiù diun immobilead uso abitativo
4.2.4 Proprietariocon una quota superioreo ugualeal tO% di immobili non ad uso abitativo o
categoriacatastaleC7
4.2.5Titolaredi un patrimonio mobiliaresuperiorea € 15.000
4.2.6Termini del requisitoanagraficoe dell'attestazioneISEE
4.3 Gr-rrNrEsrATARr
orlu CnRraAceursrr
4.4 ll VnlonE DErLACanra Aceursrr
puÒEssrRr
4.5Conar
rACanraAceursn
spEsA
.
4.5.1 Utilizzatoridi Gasnaturaleo GPL
4.6 Ar-curue
rNFoRMAztoNt
suLL'unuzzoDELLA
CeRreAceutsrt
4.7 Connesr orlENE m Clnra Aceutsn
4.8 | ruoorlLrDtDoMANDA
4.9 DorunruDA
RESPINTA
4.10 ScnorruzADETLA
DoMANDA
4.11 DecnoeNzA
DArDrRrrro
cotr
t
LnCARTAAcQUISTIDETTAANCHESOcNI CNNo
,:
4.L
del 15 settembre
ha individuato
con il Decretointerministeriale
Ai solifinidellacartaacquisti,il legislatore
le seguentidefinizioni:
2008e successive
modificazioni
Cittadinoresidente
dellaPopolazione
Cittadinoitalianoregolarmente
registratonell'Anagrafe
variazioni
sonoaccertati
Residente,
i cui dati anagrafici
e successive
gestitodal Ministerodell'interno.
attraversoil sistemaINA-SAIA
Economica
di cui al decreto
Indicatore
Equivalente
dellaSituazione
legislativo
n. 109/1998.
Trattamenti
AmministrazioneResponsabile
e daglienti erogatoridi
L'importoannuodeitrattamentierogatidall'INPS
pensione
con
titolo,anchese nonfiscalmente
imponibili,
a qualsiasi
esclusione
dei soliimportirelativiad arretrati.
- Dipartimento
delTesoro
e dellefinanze
ll Ministero
dell'economia
del lavoro.
congiuntamente
al Ministero
Soggetto Attuatore
dellaPrevidenza
Sociale.
L'lstituto
Nazionale
Gestoredel Servizio
del serviziointegratodi gestionedellecarteacquisti.
Soggettoincaricato
Oggièl'EntePoste.
Convenzionedi gestione
e delle
dell'economia
regolante
il rapportotra il Ministero
Convenzione
finanzeovveroil soggettodi cui questisi avvalee il Gestoredel servizio.
CartaAcquisti
Beneficiario
Titolare
Lacartadi cui all'art.81,,comma31 del D.L.n. tt2l2OO8.
perl'ottenimento
dei requisiti
in possesso
ll cittadino
italianoresidente
dellaCartaAcquisti.
ll soggettocui è intestatala CartaAcquisti.
delleesigenze
al soddisfacimento
ll Fondospeciale
destinato
prioritariamente
ancheenergetiche
e successivamente
di naturaalimentare
e sanitarie
deicittadinimenoabbienti(comma29 art.81D.L.n.I72/2OO8).
lmmobilead usoabitativo
Bimestre
catastale
da A1 ad A9,o A11.
lmmobiledi categoria
C i a s c u nb i m e s t r es o l a r ec h e i n i z i ai l p r i m o d e l m e s ed i g e n n a i o ,m a r z o ,
maggio,luglio,settembre e novembre.
4.21
La carta acquistiviene concessaai cittadini italiani residentiin ltalia (sonoquindi esclusida tale beneficioi
di età non
residentiin ltaliae i Cittadíniltalianiresidentiall'estero),
cittadinicomunitario extracomunitari
inferiorea 65 anni oppure di età inferiorea 3 anni (in questocasoil titolaredellacartaacquistiè il genitoreo
comunqueil soggettoche esercitala patria potestà),che siano in possessocontemporaneamentee per
almeno una frazione del bimestre o del periodo di riferimento, di tutti i requisiti di seguito descritti:
GGIl
tt
PEROTTENERE
RICHIESTI
TACARTAACQUISTI
REQUISITI
.
Cittadino italiano,
regolarrnenteregistrato
nell'Anagrafedella
PopolazioneResidente,
dietà non inferiore
a 65 anni
.
Per i soggettidi età compresatra 55 e 69 anni non avere oppure avere
trattamentiinferioria *:
- € 6.000nel 2008;
- € 6.L92nel2009;
- € 6.235,35
nel2010;
-€6,322,U ne|2011.
Per i soggettidi età pari o superiorea 70 anni non avere oppure avere
trattamentiinferioria *:
- € 8.000nel 2008;
- € 8.256nel2009;
- € 8.313,80
nel20L0;
- € 8.430,19nel 2011.
Avereun ISEE,
in corsodi validitàal momentodelladomanda,inferiorea *:
- € 6.000per domandepresentate
peril 2008;
- € 6.192per domandepresentatenel 2009;
- € 6.235,35
perdomandepresentate
nel20L0;
- € 6.122,64per domandepresentatenel 2011.
.
Non esseresingolarmenteo, se coniugato,insiemeal coniuge:
- intestatario/i
di più di una utenzaelettricadomestica;
- intestatarío/idi utenzeelettrichenon domestiche;
- intestatario/i
di più di una utenzadel gas;
- proprietario/i
di più di un autoveicolo;
- proprietario
di più di un
o ugualeal 25Yo,
fi, conunaquotasuperíore
immobilead uso abitativo;
- proprietario
di immobilinon
fi, conuna quotasuperioreo ugualeal tOYo,
Ad usoabitativoo di categoriacatastaleC7;
- titolare/idi un patrimoniomobiliare,comerilevatonelladichiarazione
ISEE,
superiorea € 15.000;
.
Non fruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche
amministrazioni
in quantoricoveratoin istitutodi curadi lungadegenzao
detenutoin istitutodi pena.
Avereun ISEE,
in corsodi validitàal momentodelladomanda,inferiorea *:
- € 6.000perdomandepresentate
peril 2008;
- € 6.192per domandepresentatenel 2009;
- € 6.235,35
perdomandepresentate
nel2010
-€6.322,64per domandepresentatenel 2011.
Cittadino italiano,
regolarmenteregistrato
nell'Anagrafedella
PopolazioneResidente,
di età inferiore a 3 anni
Non essere,insiemeagliesercentila potestào ai soggettiaffidatari:
- intestataridi più di una utenzaelettricadomestica;
- intestataridi più di una utenzaelettricanon domestica;
- intestataridi più di due utenzedel gas;
- proprietaridi più didue autoveicoli;
- proprietari,
di più di un
conunaquotasuperioreo ugualeaI2576,
immobilead uso abitativo;
- proprietari,con una quota superioreo ugualeal tOYo,di immobili non ad
usoabitativoo di categoriacatastaleC7;
- titolaridi un patrimoniomobiliare,comerilevatonelladichiarazione
ISEE,
superiorea € 15.000.
* Lamisuradellesoglieè aumentataannualmente
previstaper la perequazione
dellamisurapercentuale
generale
automatica
dei trattamentipensionistici
obbligatoria
dell'assicurazione
dei lavoratoridipendenti.
Lenuovesogliesonocomunicate
conappositacircolare.
dall'INPS
CGIl
tt
4.2.L I trattamentida considerare
del diritto allaCartaacquisti,
Per i soggettidi età ugualeo superioreai 65 anni,al fine delladeterminazione
devonoesserevalutatigli importi dei trattamenti corrispostidall'INPSo da altri enti erogatori di pensioni,
degliimportipercepiticomearretrati.
anchese non imponibilifiscalmentecon la solaesclusione
anche
dei limiti previstiper i trattamenti,devonoessereconsiderati
Ne consegueche,per il raggiungimento
qualiad esempio:
queitrattamentiprevidenziali/assistenziali
che non sonoimponibilifiscalmente
à
le renditeINAIL;
à
à
e assimilate;
l'indennitàdi accompagnamento
di invaliditàcivile;
le pensionie assegni
à
lepensionidiguerra;
à
i t r a t t a m e n tdi i f a m i g l i a ;
à
à
di cui all'art.70 dellalegge388/2001;
l'importoaggiuntivo
mensilitàdi cui all'art.5 del D.L.8L/20O7;
la cosìdettaquattordicesima
à
sociale.
la pensioneo assegno
n. 3639del
l'lNPS,con Messaggio
mensilità,
e la quattordicesima
Perquelloche riguardal'importoaggiuntivo
precisatoche tali sommesono da considerarsi
rilevantial fine del computo
1.3.O2.2009,
ha definitivamente
deitrattamentie quindinelfavalutazíone
del dírittoallaCartaacquisti.
4.2.t.1 I Trattamenti previdenzialio assistenzialilegati al reddito
Nel casoin cui l'importodei trattamentidipendada redditipropri,il cumulo dei redditi e dei trattamenti
deve essere inferiore alle soglie previste; i redditi propri da consideraresono quelli rilevanti ai fini della
16.09.2008).
deitrattamenti.(Art.5 commaL let. c) DecretoInterministeriale
definizionedell'ammontare
a parzialemodificadel Messaggion.26673 del
A tale fine, l'INPScon il Messaggion. 27260 del 4.1-2.2008,
ha precisatoche:
28.1.'J..2008,
"nel coso in cui vengdno erogote prestozioni occessorie Ín vìa continuatíva funzionalí ol reddíto
(maggiorozione sociale) devono essere verificati i redditì personoli rilevanti oi fini dell'attribuzione di tali
benefici;".
Ai fini dellaverificadella sogliadei trattamenti:
€ non vanno consideratii redditi influenti su trattamenti che non sono erogati. Questo criterio si
pur potendoessereattribuitiin teoria,in praticanon
applicaanchequandoitrattamentiin questione,
sono stati erogatiproprioa causadellapresenzadi redditiinfluentiin misuratale da precluderneil
in sededi DSU(QuadroF4 Foglioallegato)per il
diritto.Taliredditi,comunque,verrannoconsiderati
aí fíni
calcolodell'lSEE,
sempreche si tratti di redditiche vanno a comporreíl reddítocomplessivo
lrpef;
€
bisognadístingueretra redditi influenti su
fra i redditiinfluentisu trattamentiin corsodi percezione,
trattamenti con carattere di continuità (ad es. integrazioneal minimo, maggiorazionesociale e
relativo incremento), che vanno sempre considerati, e redditi influenti su trattamenti senza il
carattere della continuità,che invece non vanno considerati(ad es. importo aggiuntivoo somma
aggíuntiva,perchévengonoerogatisolo unavolta l'anno);
€
vanno consideratisolo i redditi personalie non anchequelli del coniuge,anche se influentisul
trattamentopercepitodal beneficiariodella"Carta".
GGIl
tt
I re$iti che non devonoesserevalutati nella determinazione
della sogliadei trattamenti,saranno
perilcalcolodell'ISEE,
coryfihque
considerati
in sededi DSU(QuadroF4Foglioaltegato)
semprechesitratti
di redditichevannoa comporreil redditocomplessivo
ai fini lrpef(cosìcomeprevistoal capitoloL0partel).
Esempio:
Pensionato
di 70 anni di età coniugatoe titolaredi pensioneintegrataal trattamentominimo,importo
aggiuntivoe sommaaggiuntivama non anchedi maggiorazione
socialee relativoincremento,per effetto
del redditodel coniuge.
Nella verifica dei limiti dei trattamenti per il diritto alla "Catta", si dovranno considerare, oltre ai
trattamenti stessi,i soli redditi personaliche sono stati rilevanti per la determinazionedel diritto al
trattamento minimo, quindi i redditi assoggettabili
all'lrpef.
possegga
Glialtri redditiesentida lrpefche eventualmente
il pensionato
non vannopresiin considerazione
inouanto:
- sono influenti sulla maggiorazione
socialeed incremento,prestazioniche non sono erogate al
pensionato
in questione;
- sono influentisulla somma aggiuntíva,
prestazione
che víene erogatama che non ha caratteredi
continuità.
4.2.1.2 | Trattamentiprevidenzialio assistenziali
non legatial reddito
Nel caso in cui l'eventualebeneficiariodella Carta acquistisia titolare di trattamenti previdenzialio
assistenziali
non legati al reddito (es. pensionesuperiore al minimo o non integrata,assegnodi
accompagnamento
ecc.),ai fini dellaverificadellesoglieredditualidei trattamentiprevidenziali
e assistenziali
rilevaesclusivamente
la sommadegli importideitrattamenti stessi.
Gli eventualí altrí reddíti propri non rilevano ai fini della verificadelle soglie redditualidei trattamenti
previdenziali
e assistenziali.
I redditi che non devono essere valutati nella determinazionedella soglia dei trattamenti, saranno
comunqueconsideratiin sededi DSU(QuadroF4 Foglioallegato)per il calcolodell'tSEE,
sempreche sitratti
di redditi che vanno a comporreil reddito complessivoai fini lrpef.
4.2.L.3 Non titolari di alcuntrattamento previdenzialeo assistenziale
Neicasiin cui il richiedente
la Cartaacquistinon siatitolaredi alcuntrattamentopensionistico
o assistenziale,
non deve essereverificatoil requisitodella sogliaredditualedei trattamenti previdenzialie assistenziali.
In ogni casodeve esseresoddisfattoil limite previstoper l'lSEE.
4.2.1.4 | principalitrattamenti legatial reddito
Di seguitosi riportaun prospettoriepilogatívo
dei redditiinfluentisu alcunidei principalitrattamentiil cui
dirittoallapercezione
è condizionato
dal possesso
di redditientrodeterminatilimiti.
GGII.
tt
'c
o
'c
o
o
,(!
o
0)
I
P
tJ1
o
It
q)
è0
CJ
(o
bo
o
o
o
CL
o
E
!
l!
_5
Prestazioni
o.)
o
o
c
c
o
d
bo
CJ
o,)
t'(g
=
o
o_
'ó
'-
CJ
'6
c
o
_o
'6
CJ
OJ
s
s
S
5
5
s
s
s
s
s
5
S
)
s
s
5
(!
a,
c
.F
Ear
F
E
+
É. -=
F
s
S
(9O
' o,t
F gE
N
G
o
I
f,
(J
_o
(o
lo
o
(u
(u
c,
!!ro
'5
o.r
9'=
OJ
È
o
5
5
s
cft
9)
:
P'
.=
;
^.=
o
-5
s
l!
=o
E
-o
6
o)
-
F
.9
E
G
E
oì
<r
=
G
'F
c
o,
.9
(o
o
.2
o
.E
'F
OJ
.g
:-
;r
.JY
F
o
ho
c:.
c
OJ
L
c)
G
o)
o
(u
I
o
6
I
G
'Eq
to
6
o
o
a
f,
EÉ
,9
o
c
c
T
=
o
t
s
s
È
o
I
5
s
o
c
P
'9
q)
s
Assegnosociale
Trattamentidi
famislia
o
(!
(!
(U
T'
tl
o
Integrazione
al
trattamentominimo
Maggiorazione
sociale
Pensionesociale
c)
F
OJ
É.
(o
s
5
s
s
s
s
s
s
S
F
s
!
OJ
)
s
s
5
S
s
S
5
s
s
s
s
5
S
s
s
S
s
s
s
S
)
s
s
s
5
5
)
s
s
5
s
5
S
5
s
s
5
s
s
5
)
questitrattamentidovrebberoavere presentatoil modello RED,in
In teoria i soggettiche percepiscono
praticaperò non è cosìin quantonegliultimiannil'INPSnon ha emessoil REDper i soggettidí età superiorea
75anni.
4.2.L,5 Periododi riferimento dei tratta menti
per individuarei redditie i trattamenti,l'lnpsha precisatoche "i
Sul periododi riferimento,da considerare
trottomenti pensionisticida consideroresono quelli in esserenell'onno di presentazionedella domondo"
nel
che i redditiinfluentisu di essivannorintracciati
(punto5 Messaggio
Ne consegue
n. 288L del4.02.2009).
periododi riferimentostabilitodallalegge(annoprecedenteil 1' lugliodi ciascunanno,per i trattamentidi
per i trattamentilNVCIV,
stessoannopertutti gli altri).
famiglia,annoprecedente,
4.2.2
lJindicatore|SEE
in corsodi validitàal
I limiti previstiper beneficiaredella Cartaacquisti,devonoesserevalutatinell'lSEE,
delladomandaper ottenerela cartastessa:
momentodellapresentazione
, € 6.000per domandepresentateper il 2008;
. €6.192 per domandepresentatenel 2009;
r
.
nel 201O;
€ 6.235,35per domandepresentate
€6.322,64per domandepresentatenel 2011.
Al fine del calcolo ISEEandranno indicati nella DSU i valori previsti dal decreto legislativon. 109 del
31.03.1998cosìcome modificato.
Potrebbequindisuccedere
che un soggetto,pur avendoun ISEEinferioreal limite previsto,sia esclusodal
beneficiodella Cartaacquistiin quanto titolare di trattamentiche sommatiai redditi rilevanti,gli fanno
superareil limite previstoper i trattamentiin quanto,nel computodi tale limite,devonoessereconsiderati
ai fini dell'lSEE.
che invecenon vengonoconsiderati
anchei trattamentinon imponibiliIRPEF
GGTl
t
4.2.2.t I termini dell'ISEE
C o ni l M e s s a g g ino. 2 7 2 6 0d e 1 4 . 1 2 . 2 0 0 8 l ' I NhPaS
c h i a r i t oc h e :
'
il richiedentela "Carta" deve esserein possessodi una attestazioneISEEin corso di validità al
momento della richiestadella carta. A tale propositosi ricordache I'ISEEha validità di un anno a
partire dall'attestazione
della presentazione;
r
se il richiedenteè già in possesso
di una attestazione
ISEE,
in corsodi validità,questaè validaanche
se il richiedentela carta non è lo stesso soggetto dichiarantenella DSU; è sufficiente che il
richiedentela "Cartaacquisti"risultitra i componentidel nucleofamiliarenella DSU;
I
se il richiedentenon è in possessodi una attestazioneISEEin corsodi validità,dovrà presentareuna
DSU,indicando"cartaacquisti"nellospaziodenominato"altro",comesi vede nell'esempio
riportato
di seguito.
Dichiarazione
sostitutiva
unica
valevoleperla richiestadi prestazioni
socialiagevolate
o perl'accessoagevolato
ai servizidi pubblicautilita
(decretolegislativo
31 marzo1998,n. 'lBg,comenndificato
daldmretolegislativo
3 maggio
2000,n. 130)
Prestaúonisocialiche si inùendonorichiedere:
Indicare(banandaIa casellamnispandente)
le prestazanicheisoggreffi
camponenti
ilnucleofamiÍiare
intendonorichiedere
sul/abasedellapresentedichiaranane
f,
nssegnoperil nucleofarniliareconlre fgli minori
I
nssegnodimatemità
!
f]
!
I
nslinidoe altriservizieducativiper
I'infanzia
I
I
I
erestazonidel dirittoatlostudiouniversitano
!
I
f
Mensescolastiche
Prestazoniscolastiche
borsedisludio,ecc.}
{l*briscolastici,
pertasseuniversitarie
Rgevotazioni
Seruizisocio
sanitafidomiciliari
Servizisociosanitaridiumi,residenzlali,
ecc.
perservizidi pubblicautitità(telefono,
Rgevclazioni
luce,gas|
Rltreprestazioni
economiche
asslstenziali
Rttro{specifcare}:Carta acquisti
4.2.3 Proprietariocon una quota superioreo ugualeal25%di più di un immobilead uso abitativo
Per "lmmobileod usoabitativo"si intendeun immobiledi categoriada A1 a A9 o A11.
Questacondizioneprevedeche, ferme restandole altre condizionipreviste,un soggettoproprietariodi un
immobilead uso abitativo,indipendentemente
dal fatto che lo usi come residenzaprincipaleo meno ed
indipendentemente
per averediritto allaCartaacquistinon deve essere,da solo o
dallaquota di possesso,
insiemeal coniuge,proprietariodi altri immobiliad uso abitativo,a meno che la sua quota di possesso
rimangaper ciascunodi essientro il24%.
CGTl
tt
4.2.4
Proprietario,con una quota superioreo ugualeal t0yq di immobili non ad uso abitativo o di
categoriacatastaleC7
di un immobile
oltre chedellacasadi abitazione,
Seun soggetto,da soloo insiemeal coniuge,è proprietario,
non ad uso abitativoo di categoriaC7 per una quota superioreal I0%, decadedal diritto alla Cartaacquisti.
ad esempioil garageseparatamente
dell'abitazione,
dellapertinenza
Ne consegue
che se risultaproprietario
essendoquest'ultimoun immobilenon ad uso abitativodi categoriaC6 e la quota di proprietà
accatastato,
non può richiederela Cartaacquisti.
superail limiteammesso,
4"2.5Titolaredi un patrimoniomobiliaresuperiorea € 15.000
tl limite di € 15.000,deve esserevalutatosommandogli importi risultanti nel quadro F5 del foglio allegato
alla DSUdel richiedentela carta e del suo coniuge.
di tale limite a nullarilevala presenzanellaDSUdi altri componentiil nucleo
Al fine delladeterminazione
familiare titolari di patrimonio mobiliare;questi ultimi saranno comunque consideratial fine della
d e t e r m i n a z i o nd e l l ' l S E E .
OUADRO F5 - SffiJAZIONE FATRIIIOHIALE: PATRlllOl{lO I|OBILIARE DEL SOGGETTO
affa daÍa det 3l dlcemàre dejil'anrìúprecedenfe
/ndicareif pafTmornoffE&tbre aofipfeservarnenfepesssd{,rfodaJ.$cggeffD
a#a prpser?fazisnedtetFpresenfe dichiarazionesostfstrya. Afloforhdareper dÈtro al mÌÍime dt file o ai suoi mafÙpli{per
$cri!€re OI per gL€uro anofondareper dttEfùsa, 5OOewo o ai slrfJimitipli {per
9,9G0"000,mrruereg.ff,ú.ffi; g*r 9CI0.000,
5.90O ssr*/*re 5-5ùO;per 5.400,scriveres.AoÚ;Wr 490"scflvereOJ
del patrimoniomÈiliare
Consistenza
DATISUI SOGGETTICHEGÉSTI3COI{OlL pATRlfil0f{|CIttlOElLlARE
Codice intermediario o gestore
Descr;zisne intermedierio o gestare
{indiearese 8ansa, Posfa,S/M, tfi}pre$ad invesúirilenfo
rmrrndsna
n pvit:r,rt>n*nitene
cr-r Ì
4.2.6Terminidel requisitoanagraficoe dell'attestazioneISEE
ISEEanche in un solo giorno del
owero la validitàdell'attestazione
ll possessodel requisitoanagrafico,
periodo di riferimentoper l'accreditodella Cartaacquisti(bimestre)garantisceil diritto all'accreditoper
l'interoperiodo.
Esempi:
pertuttii6 bimestridel2OLt;
ha diritto all'accredito
Un bambinochecompieitre anniil 2 novembre2O'J.'J.
solo per 5 bimestridel 2011;
all'accredito
ha
diritto
2O'J.1.
il
L
novembre
i
anni
compie
tre
Un bambinoche
per
i 5 bimestridel 2011;
per
tutti
l'accredito
ottenere
è utile
Un ISEEvalidafino al L novembre 201,1,
per
5 bimestri del 2011, dovrà
Un ISEEvalidafino al 3L ottobre 2011 è utile per ottenere l'accreditosolo
dell'ultimobimestre.
quindiessererinnovatain tempo utileper non perderel'accredito
ISEE,l'INPSha previsto l'invio di una lettera al titolare della
In riferimentoalla scadenzadell'attestazione
carta,nel bimestreantecedentequello di scadenzadella dichiarazioneISEE.
coll
t
Di normaIntestatario
dellaCartaè lo stessoBeneficiario,
ma, postoche in ognicasoirequisitidevonoessere
verificatiin capoal beneficiario,
intestatariodellacarta può essereun soggettodiversodal beneficiarioe piùr
precisamente:
à
| tutori, gli esercentila potestà sui beneficiarie i soggetti affidatari, hanno titolo a richiedere
l'intestazione
dellaCartaAcquisti.In casodi esercizio
dellapotestàsu più di un minorebeneficiario,
può essererichiestol'accredito
di più beneficisullamedesima
Carta.
à
| beneficiari,nonchégli esercentila potestàsui beneficiariche hannoimpedimentidi naturafisicao
che sonosoggettia prowedimentirestrittividell'Autoritàgiudiziaria,
possonochiedere l'intestazione
della CartaAcquistia personadi fiducia,presentandomotivatarichiesta,secondomodalitàstabilite
dall'lNPS,
da rinnovarsiperiodicamente
(nel sito dell'INPS
sono disponibilii moduli di delega).te
persone di fiducia possono eventualmenterichiedere l'accredito di benefici relativi a diversi
beneficiarisulla medesima"Carta". ll medesimosoggettonon può essereindicato da più di due
Beneficiarisalvoi seguenticasi:
- tutori cheposseggono
più delegheper espresso
giudiziaria;
incaricodell'Autorità
- soggettiche,per ragionidel loro ufficio,utilizzano
il beneficioper contodi ricoverati
in casedi curao
per anzianioppuredi residentichevivonoin comunitàdi anzianio comunitàreligiose.
di assistenza
4.4llValore della CartaAcquisti
La carta acquistivale € 40 mensilioltre a ulteriori€ 20 mensiliper gli utilizzatoridi Gasnaturaleo GPLe ad
eventualialtri importi definiti da Regioni,Provinceautonomee Entilocali.
L'accredito,awiene ogni due mesi: di fatto l'accreditoviene effettuatofino ad un massimodi 6 volte in un
annoe semprenellamisuranon frazionabile
di 80 euro.
All'atto di ogni accreditoverrà verificatoche nel bimestre di riferimento (gennaío-febbraio,
marzo-aprile,
maggio-giugno,luglio-agosto,settembre-ottobre,novembre-dicembre)
presenti
siano
insieme tutte le
condizionirichieste,anchese soltantoper una parte di tale periodo.
In altreparole,l'accredito
sullaCartaacquistispetta
intero(€ 80):
'
fino a tutto il bimestreduranteil qualesi è verificatala perditadel diritto per il venir meno di
qualcunodei requisitirichiesti;
r a partiredal bimestrenel qualesi colloca
la datadi presentazione
delladomanda,
in presenza
dei
requisitirichiesti.
Le disponibilitàconcessein un bimestree non spesein tale periodo,possono
essereutilizzate
al massimo
"entro i sei bimestri successivi"(DecretoInterministeriale
precedentemente
del 30.11.2009),
l'utilizzo
era
previstonei due bimestrisuccessivi.
'
BonusElettrico
L'Autoritàper I'energiaha adottato un prowedimentoche estendeautomaticamenteai titolari della carta
acquistila riduzionesullaspesaper I'energiaelettricariservataallefamigliebisognose
o numerose.
ln sostanza,per i possessoridella carta, lo "sconto" sarà riconosciutodirettamente sulla bolletta della luce,
senzache debbano farne apposita richiesta.
La novità è stata introdotta con la delibera ARG/elt L75/tO con la quale l'Autorità ha fornito precise
indicazioni
operativeagliuffici dell'INPS
che gestiscono
la CartaAcquisitie a||'ANCITEL,
affinchési scambino
in modocoordinatole informazioni
(VediCapitolo3 punto3.2.21.
necessarie.
cctl
t
4.5Comepuò esserespesala CartaAcquisti
ì
La Cartaacquísti,è una normalecarta di pagamentoelettronico prepagata,utílizzabilein tutti i negozídi
generialimentarie supermercatiche sono abilitatial circuitoMasterCarde che possiedonoi seguenticodici
merceologici:
MCC
Descrizionecategoria
Codice
5814
5812
FastFood
Rístoranti
5462
Panifici
5451
Nesozidi latticini
Ciboe
54LT
bevande
5422
5499
s3 1 0
531L
5912
e Supermercati
Drogherie
Venditadi carnefrescae surgelata
Negozidi alimentari- Spaccie negozidí prodottitipici
GrandiMagazzini
Discount
e parafarmacie
Farmacie
e per il
E' possibileutilízzarela cartaacquistiancheper l'acquistodi prodotti farmaceuticie parafarmaceutici
pagamentodelle bollette della luce e delgas pressogli uffici postali.
Nel caso in cui l'eserciziocommerciale
esponga questo simbolo, la carta
acquistidà diritto a sconti sulla vendita
ordinaria, aggiuntivi alle normali
promozioni.
centrali,le Regionie le Provinceautonome,nonchégli enti locali,possonointegrareil
Le Amministrazioni
Fondo vincolandol'utilizzodei propri contributi versati a specificíusi a favore dei residenti nel proprio
ambito di competenzaterritoriale. E' quindi possibileun ulteriore uso della Cartaacquistidifferenziatoa
secondadella residenzadel beneficiario.
Anche per soggettiprivati è previstala possibilitàdi effettuareversamential Fondo a titolo spontaneoe
solidale.I soggettiprivati, nel rispetto della destinazionedel Fondo,possonovincolarel'utilizzodei propri
usi.
contributia specifici
4.5.1Utilizzatoridi Gasnaturaleo GPL
A seguitodi versamentoaggiuntivoa titolo spontaneoe solidaleeffettuatoal Fondoda ENI S.p.A.e ENI
ha previstoche:
l'art.2 del decreto30.11.2009
Fondation,
"j-.per i beneficiari dello Carto Acquistiche siono utilizzatori, sul territorio ndzionole, di gos naturole o GPL,
per usofinalizzato al riscaldamentoe/o uso cucinq e/o produzíonedi acqua calda per la propria unitù
abitativa, la disponibitità concessasulla Carto Acquisti, è incrementota fino od esaurimento dei versamenti
di un importo pari, per ciascunbimestre, o euro 20.
2. ll requisito di cui at comma 1, è verificato sulla bose di quanto riportato sullo documentazionedi richiesta
della Carta Acqu isti.....
3. L'importo oggiuntivo di cui o! comma 1 è occreditoto o portire dal bimestre corrente alla doto di
pubblicazionedel presentedeueto."
CGIl
t
Per ottenere íl beneficíodeve esserecompilato il QUADRO3 - DICHIARAZIONI
AGGTUNTfVE
del modufo di
domandadi seguitoriportato.
QUADRO 3. OFilffiTAOil
***:
::,*
Iflffinroin*,
proprra
le
lnilàffiruî
IE€ilIJilTffi
rturedge
núr*oGPLpel rtrdrngrb,[email protected]úper
- cfrèdpropnorudmbnf,rro.oorri*Se&logrbdfu*fi.,Òcsrpsedan
(deq
- iîÉ mi,rdrcG'@rliútlúyo dd trfe di bmùn d arrergndrfbm
POD} d6tl pfrfdl nadtu ù
'r' l''ntù PoD
sr poilenrarorffiùr*nenb ipgÉr
pfli e rw
*rr**a***mp***ffiot*,
.*
L'importo aggiuntivodi 20 € viene accreditatoa partire dal bimestrecorrentealla data di pubblicazione
def
decretocioèdal bimestrenovembre-dicembre
2009.
L'importoaggiuntivodi 20 € sullaCartaacquistiNON precludela possibilitàdi richiedereil BONUSGAS.
4.6 Alcune informazioni sull'utilizzo della Carta Acquisti
La Cartaacquisti,che è una carta elettronicadi pagamento,prepagatae ricaricabile,
è emessada Poste
Italianeper conto del Ministerodell'Economiae delle Finanzeed ha le seguenticaratteristiche:
t
deveessereusataesclusivamente
dalTitolaree non può esserecedutao datain usoa terzi.llTitolare
è tenutoad apporvila propriafirma nell'apposito
spazio;
à
à
ad ogni cartaè assegnato
un codicepersonale"PlN" generatoautomaticamente
da una procedura
elettronicache lo rendesconosciuto
personale
ancheal
di Posteltaliane;
if 'PlN" vieneinviatoin bustachiusaa mezzopostaall'indirizzodelTitolare;
la Cartae il PINsonostrumentidi identificazione
e legittimazione
del Titolareper l'utilizzodellaCarta
stessapressoi terminaliPOSdegliufficipostali;
per l'utilizzodellaCartapressoi terminaliPOSdegliUfficipostaliè richiestala digitazione
del codice
à
PIN;
per l'utílizzo
dellaCartapressogli esercizi
commerciali
è richiesta
l'apposizione
dellafirma delTitolare
à
sullaricevutaemessadal POS;
l'utilizzodellaCartaè gratuito,nessuna
può essererichiesta
commissione
dagliesercizi
commerciali;
à
*
non è consentitoalTitolareprelevare
contantio ricaricare
la Cartacon propriedisponibilità;
in casodi smarrimentoo sottrazionedella Cartaoccorreche il Titolarechiedaimmediatamente
il
ù
bloccodellastessatelefonandoal numerogratuito 800902122e denunciimmediatamentel'accaduto
all'Autorità;
in caso di smagnetizzazione,
deterioramentoo difettosofunzionamentodella Carta,il Titolarepuò
+
*
richiederne
pressogli ufficiPostali,
la sostituzione
restituendo
la Carta.
4.7 Come siottiene la Carta acquisti
ll Beneficiarioo chi esercitala patria potestào il tutore o il delegatodeve recarsiall'UfficioPostalecon:
. il modulodi richiesta
compilato;
r
r
l'oríginalee una fotocopiadel documentod'identità;
l'attestazione
ISEEin corsodi validità(l'attestazione
provvisoria
rilasciata
dal CAAFè valida);
r
la dichiarazione
di delegadebitamente
compilatae sottoscritta
dal beneficiario
delegante;
'
l'originale
e unafotocopiadel documentodi identitàdel beneficiario
delegante.
GGIt
t
L'EntePoste,previa verifica della conformità dei modelli, comunicala richiestaper via telematica all'lNPS,e
ricevutadall'lNPS.
consegnala carta con disponibilitàfinanziaria,previaautorizzazione
La consegnadella "Carta" con disponibilitàfinanziariaal richiedente,awiene quindi successivamente
all'ammissioneal beneficio.
4.8 | modellididomanda
di Cartaacquistisonostateprevistedue diversetipologiedi Modelli:
Perfare la richiesta
à
ù
65 annio più;
il Modulo4005/11riservatoai Beneficiaricon
minoridi 3 anni.
tl vtodulo8005/1Lriservatoai Beneficiari
per entrambii modellisi tratta di una dichiarazione
resaai sensidegliarticoli 46 e 47 del DPRn. 445 del
2g.tZ.zOOO
ouindidi una dichiarazioneresadalcittadino che con la firma ne assumela responsabilitàanche
penale.
derivantidal rilascíodi
E' questoun aspettocheva chiaritobeneal cittadínoin virtiranchedelleconseguenze
d i c h i a r a z i om
n ie n d a c i .
4.9 Domanda respinta
primadi autorizzare
la cartaattivatacon il primo accredito,l'INPSeffettua una
Posteltalíanea consegnare
da Posteltaliane.
telematicamente
primaistruttoriadelladomandanel momentoin cui gli vienetrasmessa
al momentodellaprimaistruttoriai controlliriguardano:
In particolare
€
€
€
€
Tributariadei codici fiscali dei soggettia qualunquetitolo
presenzanegli archividell'Anagrafe
coniuge,titolare dellacarta e esercentepotestàgenitorialenel
presentinelladomanda(benefíciario,
casodi minori);
presenzanell'archivioISEEgestito dall'lstitutodi una attestazioneISEEin corso di validità e
e per il patrimoniomobiliare;
ai limitiivi previstiper ilvaloreISEE
rispondente
e/assistenziali;
o menodel requisitolegatoai trattamentiprevidenziali
verificadel possesso
presenzadel coniugenella dichiarazioneISEE,ove il beneficiariorisulti coniugatonella domandadi
cartaacquisti.
Se al momentodellaprimaistruttoriavi è carenzadi uno o piir requisiti,vieneinviatauna letteraal titolare
della domandanonchéper invitarloa
della carta per informarlodelle ragionidel mancatoaccoglimento
sanarela suaposizione.
ln ognicaso,quandola domandaviene respinta,è bene contattareimmediatamentela sede INPS.
4.10 Scadenzadella domanda
Sia le domandeche le carte prepagatenon hanno alcunascadenzae non necessitanoquindi di alcun
rinnovo.
del nullaosta
primadellaconcessione
da partedell'INPS
I requisitirichiestivengonoverificatibimestralmente
accredito.
a Posteitalianeper il successivo
e al primoaccredito
allaconsegna
può,in alcunicasi,anchesuccessivamente
che un beneficiario
Ne consegue
dellacartaacquisti,decaderedal diritto agli accreditisuccessivi:
à
ù
sevengonosuperatii limitiprevistiper i trattamenti;
ISEE
scaduta;
attestazione
se non vienerinnovatal'eventuale
GGIl
t
.
s€,pur rinnovandol'attestazione
ISEE,
vengonosuperatii limitiprevisti;
.
s€, dalleverifichedi compatibilitàeffettuatedall'lNPS,
viene rilevatal'assenza
di uno dei requisiti
previsti;
.
5€, dalle verificheeffettuate dal Ministerodell'Economia
e delle Finanze,inclusequelle sulle
componenti reddituali e patrimonialidell'lSEE,anche incrociandoi dati rilevati dalle varie
r
pubbliche,
amministrazioni
vienemenoil possesso
dei requisitirichiesti;
se le risorsepresentinel Fondodiventanoinsufficienti.
Anche nel caso di decadenzadal diritto e quindi a fronte di un mancatoaccreditosuccessivoal primo, è
bene contattareimmediatamentela sedeINPS.
appunti
CGIl
I Fondidi Solidarietà
per Mutui
Parte lll
Capitolo5
Fondodi solidarietàper mutui
5.1.1lrurnoDuztoNE
5 . 1 . 2 l rF- o n o o
5.1.3 I SoGGETTI
BENEFICIARI
5.1.4 | REqursrn
EGu EvENTTcHE
DETERMTNANo
r'ncccssoAttEAGEvorAzroNl
5.1.5 LApRESENTAztoNE
Et'trERDEIIADoMANDA
5.1.5 Oacrrro EDAMMoNTARE
DETLE
AGEVotAztoNl
5.1.7 RevocADEIrEAGEVorAztoNl
5.1.8 Rrrprloco
Fondoper l'accesso
al creditoda partedellegiovani
coppieo dei nucleifamiliarimonogenitoriali
5.2.1lrvrnoDuztoNE
5.2.2SoeeernFtNANztAToRt
ADERENTI
nn'lruraATtvn
5.2.3CnnarrERtsncHE
EREeutstn
DEtRtcHtEDENTI
5.2.4 CennrrERrsncHE
EREeutstn
DEL['rMMoBtLE
5.2.5 LAPRESENTAZIoNE
DETLA
DoMANDA
5.2.6 CnnarrERtslcHEDErFtNANZIAMENTo
5.2.7 CnnnrrERIsTIcHE
DEIIAGARANZIA
DETFoNDo
5.2.8 Rrrptoeo
t
CGTl
tForuoo
PER
MUTUT
DrsolrDRRtrrÀ
s,r.t',,ihi tià tt,:l
e
n.244, all'art.2 comma 475,ha istituito,pressoil Ministerodell'economia
La legge24 dicembre2OOT
dellefinanze,un Fondodi solidarietàper i mutui per l'acquistodella prima casacon una dotazione,per
ciascunodeglianni2008e 2009,di 10 milionidi euro.
ll Fondo ha lo scopo di "provvedere al pagomento dei costi delle procedure bdncorie e degli onorari
notarili necessoriper la sospensionedel pogamento delle rate del mutuo." (comma 478 art. 2 Legge
244/2007\.
con il Decretodel
Cosìcome previstodalla norma istitutivadel fondo (comma480 art.2 Legge244/2OO7l,
pubblicato
n. 192 del
giugno
Ufficiale
in
Gazzetta
2010,
e delleFinanzen.L32 del2l
Ministrodell'Economia
1-8agosto2010,è stato deliberatoil regolamentoche disciplinail fondo.
5.1.2ll Fondo
responsabile
è il Ministerodell'economiae delle finanze,Dipartimentodel tesoro,
L'Amministrazione
presso il quale viene attivato un apposito sito denominato www.dt.tesoro.itlfondomutuiprimacasa
delle banchein
al beneficioe a riceverele comunicazioni
deputatoa fornire informazioniper l'accesso
effettuate.
di sospensione
riferimentoalleoperazioni
giuridica,è soggettopatrimoniale
autonomoe separatola cui gestioneviene
ll Fondo,dotatodi personalità
le seguentiattività:
affidataad una societàa capitaleinteramentepubblico"Gestore",cui sonoincaricate
à
Realizzazione
e gestionedel sito internetsopradenominato;
dallebanche;
trasmessa
esamedelladocumentazione
à
del pagamento
il rimborsoalle banchedei costie deglionerifinanziariderivantidallasospensione
à
dellerate di mutuo;
à
di recuperonel casodi revocadelleagevolazioni.
esercizio
dell'azione
Con decreto del DirettoreGeneraledel Tesoro,in data L4 settembre20L0, è stato individuatocome
ServiziAssicurativiPubbliciSpa.
Concessionaria
soggettoGestoredel Fondo,la CONSAP
5.1.3 | soggetti beneficiari
ll beneficioè rivolto a quei soggetti,denominati"Beneficiari",che, alla data di presentazionedella
domanda, sono titolari di un mutuo contratto per l'acquisto di un'unità immobiliare da adibire ad
abitazioneprincipale,sita nel territorio nazionalee che, a causadi una comprovatadifficoltà economica,
si trovano nellatemporaneaimpossibilitàa rispettareil pagamentodelle rate.
l'qiiàiro'allé,.rgàetióni..l,'r:,'...,,,',.',,..
;ii.irrà::.à*èim,i*àno
s.1.4| ièqùisitf'.à.,All.
I beneficiari,devono esserein possesso,alla data di presentazionedella domanda,dei seguentirequisiti:
.
.
.
il beneficiario
deveessereproprietariodell'immobileper il qualeè statocontrattoil mutuo;
f immobile non deve appartenere alle categoriecatastaliA/1,, A/8 e A/9 e non deve avere le
per essereconsiderato
"di lusso";
caratteristiche
il beneficiaríodeve esseretitolare di un mutuo erogatoper un importo non superiorea 250.000€
periododi
al netto dell'eventuale
e in ammortamentoda almenoun anno (periododa considerare
preammorta
mento);
GGII
tqlvltI
)
I'indicatore
dellasituazioneeconomicaequivalente
(ISEE)
del nucleofamiliaredel beneficiario
non
deve esseresuperiore a 30.000€.
Esempio:
j * I'indicatoredellasituazioneeconomica(tSE)
;_ è il seguente:
- l'indicaloredellasituaeioneeconomicaequivalente
i
{ISEE}è ilsesuente:
?ú.724,89
19.158"82
L'ammissioneal beneficio è subordinata al verificarsi,successivamentealla stipula del contratto di
mutuo, di almeno uno degli eventi di seguito indicati,che determinanol'impossibílità,
da parte del
beneficiario,
di provvedere
al pagamentodelleratedi mutuoallaloro naturalescadenza.
Gli eventi che possonodeterminareil diritto di accessoal beneficiosono:
à
perdita del posto di lavoro dipendentea tempo indeterminatoo termine del contratto di lavoro
parasubordinato
o assimilato,
con assenza
non inferiorea tre mesidi un nuovorapportodi lavoro;
à
morte o insorgenzadicondizionidi non autosufficienzadi uno deicomponenti il nucleofamiliare,
nel casoin cui questisia percettoredi redditoper almenoil 30 per cento del redditoimponibile
complessivo
del nucleofamiliaredomiciliatonell'abitazione
del beneficiario;
)
pagamento di spese mediche o di assistenzadomiciliare documentate,sostenute nei l-2 mesi
precedentila datadi presentazione
delladomanda,per un importonon inferiorea 5.000€ annui;
à
spese di manutenzione straordinaria, di ristrutturazione o di adeguamento funzionale
dell'immobileoggettodel mutuo, sostenuteper opere necessarie
e indifferibiliper un importo,
gravante
direttamente
sul nucleo familiare domiciliatonell'abitazionedel beneficiario,non
inferiorea € 5.000;
)
aumentodella rata del mutuo, regolatoa tassovariabile,rispettoalla scadenza
immediatamente
precedente,direttamentederivantedalle fluttuazionidei tassi di interesse,di almeno il 25 per
centoin casodi ratesemestrali
e di almenoil 20 per centoin casodí rate mensíli.
La richiestadisospensionenon potrà esserepresentata:
à
)
se sono in corso le proceduredi pignoramentodello stessoimmobile (Legge24/12/2007n.244
articolo 4771;
se il mutuatario,al momentodellapresentazione
delladomanda,sta beneficiando
di altre misure
di sospensioneconcordatecon la propria bancao previsteda altre leggistatalio regionaliovvero
da iniziativeautonomedeglienti mutuanti.
€
E' importante ricordareche:
Tutti i requisiti devono esserecontemporaneamentepossedutialmomento di presentazionedella
domanda.
€
Gli eventidevono essersiverificatidopola stipuladel mutuo ma prima detladomandadiaccessoal
€
beneficio.
In casodi mutuo cointestatoè sufficienteche i requisitisoggettivisopraelencati sussistanoin capo
anche soltanto ad uno dei mutuatari. In tal caso la sospensioneverrà accordataper l'importo
dell'interarata,fermo restandoche allarichiestadi ammíssione
al beneficiodovrannodare il proprio
consenso
anchegli altri mutuatari.
GOtl
t
E' impoÉante ricordareche:
prevede
del pagamento,sia
La norma
che il mutuo, per il quale viene richiestala sospensione
contratto per l'acquistodi immobilida adibiread abitazioneprincipale,sono quindi ad oggi esclusi
t
dalla richiestadel beneficio:
r i mutui contratti per la costruzionedi immobilianchese destinatiall'abitazioneprincipale,
r
t
i mutui contratti per la ristrutturazionedell'ímmobileanchese si tratta dell'abitazioneprincipale.
Sono invece ricompresi:
r I mutui che sono stati oggettodi operazionidi emissionedi obbligazioni
bancariegarantitee di
ai sensidella legge30 aprile 1999,n.130;
cartolarizzazione
r i mutui erogati per "portabilità"tramite surrogaai sensidella legge40/2007, che costituiscono
dell'operazione
di surroga.In tale ipotesi
alladatadi perfezionamento
mutui di nuovaerogazione
r
t
i mutui surrogatiche al momentodellasurrogasianodi importonon superiorea
sonoammissibili
250.000€;
concordate
con la banca.
I mutuioggettodi rinegoziazioni
Assicurazionea copertura degli eventi:
Non è consentital'ammissione
al Fondose gli importidelle rate dí mutuo per le qualísí richiedela
stipulataa coperturadeglieventiprevistidall'art.
sonogià oggettodi polizzaassicurativa
sospensione
2, comma3, del DM I32/2OIOovverodei medesímieventiriportatiin precedenza.
e l'iter delladomanda
5.1.5ta presentezione
che intendonointerrompere
dei requisitie delle condizionisopra rappresentate,
I soggetti,in possesso
momentaneamenteil pagamentodelle rate di mutuo, a partire dal 15 novembre 2010 possono farne
il moduloscaricabile
richiestaalla bancapressola qualeè in corsodi ammortamentoil mutuo,utilizzando
dalsito:
sosoensione
it/documentiHp/Richiesta
http://www.dt.tesoro.it/export/sites/sitodt/modules/documenti
e delleFinanze.
delTesorodel Ministerodell'Economia
mutuo.pdfdel Dipartímento
Nella domanda dovrà essereindicato I'intervallotemporale per il quale si intende usufruiredella
dal pagamentoche non potrà in ogni casoesseresuperiorea 18 mesi.
sospensione
^r
ln particolare:
./'
del pagamentodelle rate per non più di due volte e per
ll mutuatariopuò chiederela sospensione
un periodo massimocomplessivonon superiore a diciotto mesi nel corso dell'esecuzionedel contratto di
mutuo.
Nel periodo di sospensionesono ricompreseanche le eventuali rate scadutee non pagate che nel periodo
di interessidi mora.
dellasospensione
stessanon determinanol'applicazione
Alla domandaoccorreallegare:
I
.
l'attestazionedell'ISEE
la documentazioneidonea a dimostrare l'evento, tra quelli sopra esposti, che impedisce il
pagamentodellerate.
delladomanda,45 giorniper i mutui cartolarizzati,
Nel tempo massimodi 30 giornidalla presentazione
dell'esitodella domanda.
l'aspirantebeneficiarioviene messoa conoscenza
per concluderel'iter della domandache si sviluppanei seguentimodi:
E' questoil tempo necessario
corl
;t
)
la banca,acquisitala documentazioneed effettuate le dovute verifiche,accedeal sito e chiede
l'autorizzazione
ad effettuarel'operazione
indicandol'ammontaredei costie deglionerifinanziari;
à
entro il terminedi 10 giornila bancainviaal Gestoredel fondo la dovutadocumentazione;
)
ta CONSAPrilascia, entro 15 giorni dal ricevimento della documentazione,il nulla osta alla
sospensione
del pagamentodellerate di mutuo e imputaalle disponibilitàdel Fondol'importodei
costie deglionerifinanziari
indicatidallabanca;
à
acquisitoil nulla osta la banca, entro 5 giorni dal ricevimentodella rispostadella CONSAP,
comunicaal beneficiariola sospensione
dell'ammortamento
del mutuo.
La banca,una volta che il beneficiario,anche prima della scadenzadel periodo indicato nella domanda,
abbiaripresoi pagamentidellerate:
'
comunicaal Gestore,entro 5 giorni,l'ammontaredei costie deglioneri finanziarisostenutiper la
sospensione
dell'ammortamento,
chiedendone
il rimborso;
r
entro 15 giorni dalla richiestail Gestoreprowede al pagamentodella somma dovuta alla banca.
5.1.5Oggettoed ammontaredelle
Postoche le domande verranno accoltedal Fondo in relazioneai limiti delle risorsedisponibilie sino ad
esaurimentodelle stesse,a seguitodell'accoglimento
delladomandadi sospensione
del pagamentodelle
rate,il Fondorímborserà
allaBanca:
r
i costi sostenutidal beneficiarioper eventualionorari notarili anticipatidallabanca;
I
gli oneri finanziaripari alla quota interessidelle rate per le quali ha effetto la sospensione
del
pagamento,corrispondenteesclusivamenteal parametro di riferimento del tasso di interesse
applicatoai mutui e, pertanto,al netto dellacomponentemaggiorazione
(spread)sommataa tale
0arametro.
Per parametrodi riferimentosi intende:
I l'Euriborin casodi mutul regolatia tassovariabile;
I
'
'
l'lRSin casodi mutui regolatia tassofisso;
per i mutui con opzione di scelta di tasso (fisso o variabile),il parametro corrispondea quello
vigenteal momentodellapresentazione
dellarichiestadi sospensione;
per i mutui bilanciati(cioètassicon parametriin partefissied in partevariabili)si applicalo stesso
parametroprevistoper i mutui a tassofisso.
-f
)
Attenzione:
| costi non saranno quindi coperti totalmente, infatti, una parte e più precisamentelo spread,rimarrà
a caricodel cliente.
A tale proposito anche I'ABI,con la circolare det 27 ottobre 2070prot. CR/LG/002}59,ha precisoto che
"lo bonco mutudnte potrù addebitare al mutuotario, la quoto di interessimotursto nel periodo di
sospensionecorrispondente ollo differenzo tra guonto di competenzadelto bonco, stabitito
controttualmente,e quanto effettivamenterimborsatodal Fondo..."
)
Trascorsoil periodo di sospensione,il pagamentodetle rate riprenderà regolarmente con gli importi e
con la periodicità originariamente prevista dal contratto di mutuo, salvo diverso patto
eventualmente intervenuto tra banca e mutuatario per la rinegoziazionedel contratto.
ll Gestorepuò revocareil beneficionel caso in cui venga accertatoche I'agevolazioneè stata ottenuta
attraversodichiarazioninon veritiereo documentazionefalsa.
ha l'obbligodi restituireal Fondo
ll beneficiario,che ha illegittimamenteusufruitodell'agevolazione,
I'importodallo stessocorrispostoalla banca,rivalutatosecondoI'indicelstat e maggioratodegli interesslegali.
non ottemperial versamento,il Gestoreprocedeal recuperocoattivodella
Nel casoin cui il beneficiario
somma da esso dovuta,awalendosianche della proceduradi iscrizionea ruolo, ai sensidel D.P.R.29
n 46 (D.M.21 giugno2OIO,n. I32 art.7 comma3).
26 febbraio1-999,
settembre!973, n 602 e del D.Lgs.
5.1.8Riepitogo
Possonoaccederealfondo di solidarietaper mutui
r'
i soggettiche,per l'acquistodellacasada adibiread abitarioneprincipale,hannocontrattoun mutuo
per un importonon superiorea 250.{X)0
€ e in ammortamentoda almenoun anno.
/
L AlL, Al8e
allecategoriecatasta
L'immobile
su cui è statocontrattoil mutuonon deveappartenere
peressereconsiderato
"di lusso".
A/9 e nondeveaverele caratteristiche
Al momentodelladomandadi accesso:
/
(ISEE)
del nucleofamiliare
equivalente
economica
dellasituazione
deveavereI'indicatore
il richiedente
non superiorea 30.000€;
/
dellerateallaloro
il pagamento
a rispettare
impossibilità
il richiedente
deveesserenella temporanea
eventiverificatisidopo la stipuladel contrattodi mutuo;
naturalepersopraggiunti
scadenza
r'
n.
dellostessoimmobile(Legge24/L2/20O7
non devonoesserein corsoproceduredi pignoramento
244 articolo 4771;
/
concordatecon la propriabancao
il richiedentenon devebeneficiaredi altre misuredi sospensione
autonomedeglientimutuanti;
owero da iniziative
previsteda altreleggistatalio regionali
/
non devonoesseregià oggettodi
gli importi dellerate di mutuo per le qualisi richiedela sospensione
2, comma3 del DM t32/2OtO.
polizzaassicurativa
stipulataa coperturadeglieventiprevistidall'art.
GCtl
t
Foloo peRL'AccEssoALcREDrroDApARTE
DELTE
GrovANrcopprEo
DEINUCLEI
FAMILIARI
MONOGENITORIALI
5.2.1 lntroduzione
Con il DecretoL7 dicembre2010,in vigoredal 18 febbraio2011,è stato definitoil"Regolamentorecontela
disciplino del Fondo per l'occessoal credito per I'ocquisto dello primo casa do parte delle giovani coppie o
dei nucleifo miliari monogenitorioli."
ll Fondo,istítuitopressola Presídenza
del Consiglio
deí Ministrí- Dipartimento
dellagioventù,ha lo scopo
di offrire a chi non le ha (es.i lavoratoriatipici),le garanzienecessarienei confronti delle banche al fine di
ricevereugualmenteil mutuo da utilizzareper I'acquistodella prima casa.
Tecnicamentesi tratta quindi di un Fondo di garanzia che non contribuiscemonetariamenteal
finanziamento
del mutuo riducendone
i costi.
Possonoeffettuarele operazionidi erogazione
dei mutui garantitidal Fondole banchee gli intermediari
fínanzíariche hanno aderito all'iniziativasottoscrivendo
con il Dipartimentodella Gíoventùapposite
convenzioni,
il cui schematipo è stato stabilitonel Protocollod'intesatra Dipartimentoe Associazione
Bancaria
ltaliana(ABl)del L8 maggio20L1.
5.2.3Caratteristiche
e requisitidei richiedenti
Al finanziamento garantito dal fondo possonoaccedere:
I giovanicoppieconiugatecon o senzafigli,
r genitorisingoliconfigli minori,
che alla data di presentazionedella domandadi mutuo sianoin possessodei seguentirequisiti:
I età inferiorea 35 anni- ancheper le coppieconiugatetale requisitoche deve esseresoddisfatto
da entrambii componentiil nucleo;
.
(ISEE)
I'indicatore
dellasituazione
economicaequivalente
del nucleofamiliaredel/deimutuatario/i
non deve esseresuperiorea 35.000€;
Esempio:
I Euro
2g.724,gg
i-.-..--_
î,94
- l'indicatoredellasituazionoeconornicaequivalenîe
i
(ISEE)è ilseou€nte:
r
'
1 0 .1 5 8 , 8 2
non più del 50% del reddito complessivoimponibile ai fini lrpef del nucleo deve derivare da
contrattídi lavorodipendentea tempo indeterminato;
i/il mutuatari/o non devono essere proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli
acquisitiper successione
causamorte,anchein comunionecon altro successore,
e che sianoin uso
a titolo gratuitoa genitorio fratelli.
Con la lettera-circolare
del 5 aprile2011 prot. 3552,la Presidenza
del Consiglio
dei Ministri- Dipartimento
della Gioventù, ha fornito ulteriori chiarimenti interpretativiriguardantii requisiti soggettivíriferiti in
particolare
allapresenza
di:
ccll
t
t
t
senzafigliminori;
coppieconiugate
e non,con
coniugata,
convivente
daiduecomponentidicoppia
mutuorichiestocongiuntamente
à
figliminoriincomune;
convivente
e non,
nonconiugata,
daiduecomponentidicoppia
mutuorichiestocongiuntamente
senzafigliminoriin comune.
Situazione
a)
Coppieconiugate,
con e senzafigli minori.
Mutuo richiesto
congiuntamentedai
due componentila
coppia
Elementi
al Fondodi garanzia
il riconoscimentodell'accesso
In casodi identica residenzatra i coniugi:stato di famiglia.
In alterativa:certificatodi matrimonioovvero estrattodel registrodi matrimonioe, in
aggiunta, dichiarazionesostitutiva dell'atto di notorietà (art. 76 DPR 445/2000)
attestanteche, in relazioneal matrimoniomedesimo,non sia intervenutasentenzadi
separazione
legaletra i coniugi.
In caso di diversa residenzatra i coniugi: certificato di matrimonio owero estratto del
registro di matrimonio e, in aggiunta, dichiarazionesostitutiva dell'atto di notorietà
(art. 76 DPR445/2000)attestanteche, in relazioneal matrimoniomedesimo,non sia
legaletra i coniugi.
intervenutasentenzadi separazione
b)
Coppieconiugate,
cone senzafigliminori. Mutuo non ammissibilealla garanziadel Fondo
Mutuorichiesto
dal
c)
Coppienon coniugate
Mutuo non ammíssibilealla garanziadel Fondo
senzafieliminori
d.1 - Genitori già conviventi tra loro ed unitamente ad almeno un figlio minore
comune, al momento della domanda di ammissionealla garanziadel Fondo. Mutuo
richiestocongiuntamentedai due componentila coppia:
la paternitàe la
stato di famiglia(sufficiente,ove da essosi evincainequivocabilmente
i ,a r i c o n d u r sai i r i c h i e d e n t i
m a t e r n i t àd i a l m e n ou n f i g l i om i n o r ec o m u n ea i r i c h i e d e n t d
medesimi.Nel casoopposto:in aggiunta,ancheestrattodell'attodi nascitadi almeno
un figlio minore,comuneai richiedenti).
d.2 - Genitorigià convivential momento della domanda di ammissionealla garanzia
del Fondo.Mutuo richiestodal singologenitore:
mutuo non ammissibilealla garanziadel Fondo.
d)
Coppienon coniugate
con figliminori
{Famiglianon
monogenitoriale!
d.3 - Genitori non aventi medesima residenza al momento della domanda di
ammissione alla garanzia del Fondo. Mutuo richiesto congiuntamente dai due
componentila coppia:
stato di famiglia(dal qualesi evincache almenoun figlio minore,comuneai richiedenti,
risiedacon uno dei genitori)e, in aggiunta,estratto dell'atto di nascitadi almeno un
d e l l a p a t e r n i t àe d e l l a
f i g l i o m i n o r e ,c o m u n ea i r i c h i e d e n t ia, i f i n i d e l l ' i n d i v i d u a z i o n
maternità,da ricondursiai richiedentimedesimi.
d.4 - Coppia convivente, nel cui stato di famiglia siano presenti uno o più figli di cui
nessunocomuneai richiedenti.Mutuo richiestocongiuntamentedai due componenti
la coppia:
la fattispecienon rientra nel concetto di "Famiglianon monogenitoriale"ai sensi del
tra i richiedentiun vincolo (matrimonio,owero
Decretot7.L2.àOIO,non sussistendo
paternità e maternità comune) che esprima una situazione di stabilità tale da
giustificarel'intervento,in casodi insolvenzadei mutuatari,del Fondo pubblico(cons.
del25.11.2010):
Stato,n. 4664/2OtO
mutuo non ammissibilealla garanziadel Fondo.
corl
t
e)
Famiglia
monogenitoriale
con figli minori.
Mutuo richiestoda:
a) Personasingolanon coniugatané conviventecon l'altrogenitoredi nessunodei
proprifigli mínoricon sé conviventi,
b) Separato/a conviventecon almeno un proprio figlio minore,
c) Divorziato/aconviventecon almenoun propriofiglio minore,
d) Vedovo/a conviventecon almenoun propriofiglio minore.
Stato di famiglia (sufficiente,ove da esso sì evinca inequivocabilmentela paternità,
ovverola maternità,da ricondursial richiedente,di almenoun figlio minore,convivente
con il richiedentemedesimo.Nel casoopposto:in aggiunta,anche estratto dell'atto di
nascitadi almenoun figlio minoreconviventecon il richiedente).
* Nel casodi persona,rientrantenellafattispeciee), tuttaviaconviventecon personadiversa
dall'altrogenitoredi tutti
i propri figli minori, non sussistendo
tra i conviventimedesimiun vincologiuridicamenterilevanteai sensidel parere
Cons.Stato 4664/2010,la garanziaè ammissibilesolo ove afferentea mutuo richiestoindividualmentedal genitore,
d e s t i n a t a r isoo l oi n q u a n t ot a l e d e l l at u t e l ad e l l ' o r d i n a m e n t o .
Restaferma, ai fini della comprova del requisito, la necessitàdi acquisirelo Stato di famiglia (sufficiente,ove da esso
si evincainequivocabilmente
la paternità,owero la maternità,da ricondursial richiedente,di almenoun figlio minore,
conviventecon il richiedentemedesimo.Nel casoopposto:in aggiunta,ancheestratto dell'attodi nascitadi almeno
un figlio minore conviventecon il richiedente).
Laletteracircolaredel 5.4.2011prot. n. 3552è prelevabile
al link :
http://www.diamoelifuturo.it/SDFDisk/Documents/pdf/circolare%20presidenza%20del%20consielio%205.4.201
5.2.4 Caratteristiche e requisiti dell'immobile
per essereadibitoad abitazioneprincipale,
L'immobileda acquistare
per íl qualesi chiedeil finanziamento
garantitodal fondo:
r
'
non deve rientrarenefle categoríeA1 (abítazíoní
signorili),A8 (vílle)e 49 (castellie palazzi);
deveavereuna superficieutileabitativanon superiorea 90 metri quadrati.
Peril calcolodellesuperficisi deveintenderela superficie
utileabitativadefinitaai sensidell'art.3 del D.M.
lavori pubblici L0.5.77n. 80L intesa come superficiedi pavimentodegli alloggimisurataal netto di
muratura,pilastri,tramezzi,
sguinci,vanidi portee finestre,di eventualiscaleinterne,di loggedi balconi.
Nella concessionedella garanziaviene data priorità a quelle richieste,pervenute nella stessagiornata,
nelle quali l'immobile da acquisireè situato in aree qualificatead alta tensioneabitativa.
md
::déftà:::
i:,r.i
l
ildé,l:.l,rli
ì::..,:',l:li
Le giovanicoppieo i nucleifamiliari,in possesso
dei requísítíe dellecondízioní
soprarappresentate,
che
intendonoaccedereai finanziamenti
devonocompilareil modellodi domanda,allegarela documentazione
richiestae recarsipressole filialidei soggettifinanziatori
aderentiall'iniziativa.
I m o d u l id i d o m a n d as o n os c a r i c a b idl ea l s i t o :
http://www.diamoslifuturo.itlSDFDisk/Docu
pdf
ments/pdf/doma
nda-casa.
Gli istitutibancariche hannostipulatola convenzione
sonorilevabilinel sito:
http://www.diamoslifuturo.it/fondo-casa/Sogsetti%2OFina
nziatori
Alla domandaoccorreallegare:
. copiadeldocumentodiidentità dei richiedenti
r I'attestazionedell'ISEE
r
la documentazioneidonea a dimostrare la status della famiglia,tra quelli sopra riportatinella
tabella.
ccrt
t
5,2.
5l!g6xrti*
.dr|1tfif *inùa
principale.
allagaranziadel Fondoi mutui ipotecarierogatiper l'acquistodell'abitazione
Sonoammissibili
L'ammontaredel finanziamentonon deve esseresuperiorea € 200.000.
Le banche che concedonoil prestito non possonochiederealtre garanzieoltre l'ipoteca sulla casa e la
garanzia
fornitadalloStatocon il Fondo.
ll tasso applicatoe le condizionidel mutuo sono stabilitedai singoliistituti bancarientro iparametri
dellaGioventùe l'ABl.
tra il Dipartimento
consentitidall'accordo
I mutui potrannoesseresottoscritticon un tassovariabilemassimo:
r pario equivalente
a Euribor+ L50 punti baseper mutuidi duratasuperiorea venti anni
r Euribor+ 120 punti baseper mutui di duratainferiore.
Nelcasodi mutui a tassovariabilemassimo:
I
+ 150 punti baseper mutuidi duratasuperiorea ventianni
l.R.S.
r LR.S.+ 120 punti baseper mutui di duratainferiore,nel casodi mutui a tassofisso.
dellagaranziadel fondo
5.2.7Caratteristiche
La Garanziadel Fondo è concessanella misura del 50% della quota capitale,degli oneri previstiin
e degliinteressicontrattualicalcolatiin misuranon superioreal tassolegalein vigorealladata,
convenzione
e comunqueper un ammontarenon superiorea € 75.000,00'
ed è efficacea decorre,in
ed irrevocabile
La Garanziaè a prima richiesta,diretta,esplicita,incondizionata
del mutuo.
dalladatadi erogazione
via automatica,
5.2.8Riepilogo
al fondodi garanzia
Accesso
principale
per l'acquisto
dellacasada adibiread abitazione
Giovani coppie coniugate con o senzafigli o genitori singoli con figli minori: l'età dei componenti della
coppiao dei genitorisingolideve essereinferiorea 35 anni.
L'immobileda acquistare:
non deve appartenere alle categoriecatasta|, Alt, Al8 e Al9 e non deve avere le caratteristicheper
essereconsiderato"di lusso";inoltre la superficieutile abitativanon deve superarei 90 mq.
I'indicatoredellasituazioneeconomicaequivalente(ISEE)del nucleofamiliaredei richiedentinon deve
esseresuperiore a € 35.000;
non più del 50% del reddito complessivoimponibileIRPEFdel nucleo deve derivare da contratti di
lavoro dipendentea tempo indeterminato;
I
i componentiil nucleonon devono essereproprietaridi altri immobiliad uso abitativo;
Tutte le condizioni sopra rappresentate devono essere soddisfatte
al momento di presentazionedella domanda di accesso.
GGIl
t
Buoni
Vacanze
&tm\rHm
Bùdboocùraeffi
{ffi|{t'flt"q!úlrfgr
ffi
Partelll
Capitolo6
6.l lrurnoouzrone
5.2 ln cosAcoNsrsre
r'AGsvorAzlorue
6.3 CHrpuÒnrcnreocRE
I BUoNrVecnruze
6.4 CouesrRrcHrEDoNo
I BUoNt
Vncnruze
6.5 UttuzzoDEtBUoNlvAcANzE
6.6 Scnoeruzn
DErBUoNt
vAcANzE
6.7 CxecosAFARE
coN I BUoNrvAcANzE
EvENTUATMENTE
NoNspEsl
6.8 lrrrcAsoDrFURTo
o SMARRTMENTo
DEtBUoNrvAcANzE
Ì&Xtr
ccrt
tt
BuONIVACANZE
6,i.,i
Con il DPCMdel 2l ottobre 2008,sono state definitele modalítàdí impiegodelle risorseprecedentemente
previste, per "l'erogozione di "buoni vacanze" da destinare o interventi di solÍdarietù în fovore delle lasce
sociali píìt debolí e lavorire Ia destagionalizzozíone dei flussi turistici nei settorî del turismo balneore,
montqno e termole."
Attraversouna convenzionestipulatain data 3.7.2009con il Dipartimentoper lo sviluppoe la competitività
del Consigliodei Ministri,è stata affidata a BVI (BuoniVacanzaltalia),la
del turismo della Presidenza
gestionedei buoni vacanza.
BVI è l'associazionenon profit costituitatra FITuSRETIdel turismo socialee Assoturismo-Confesercenti,
e Federturismo-Confindustria,
che ha il compito di gestire le domande,
Confturismo-Concommercio
verificarela presenzadei requisitie inviarei buoni alle famiglie.
Con il Decreto Ministeriale del 9.7.201.0,a parzialemodifica del DPCM del 27.70.2008,sono state
introdottenovitàquali:
à l'introduzione
di un nuovo criteriodi valutazionedella situazioneeconomicae familiarenon più
legato al reddito lordo ma all'lndicatoredella SituazioneEconomicaEquivalentedella famiglia
(rsEE);
à
l'ampliamentodella platea dei possibilifruitori allargataai cittadini dell'Unione Europea
di regolarepermessodi
regolarmente
residentiin ltaliaed ai cittadiniextracomunitari
in possesso
soggiornoe di residenza;
à
l'estensione
dellafruizionedel bonusai cosìdetti "pacchettovacanza".
6.21
L'agevolazione
consistein un contributostataledeterminatoda uno sconto percentuale,che va dal20% al
45% secondo le fasce di reddito ISEE,che viene applicato sull'importo dei buoni richiesti,fino ad un
massimolegatoal numerodei componentiil nucleofamiliare.
dal contributo
I cittadinipossonoacquistare
dei buoniper un importoa scelta,con lo scontorappresentato
statale,in un blocchettocompostoda vari Buonidel valoresingolodí 20 €.
ll contributo può essere erogato una sola volta per nucleo familiare per anno solare: 1 gennaio 31
d i c e m b r de i o g n i a n n o .
I Buoni Vacanzevengonoassegnatifino ad esaurimentodei fondí disponibili,sulla base del críterío di
priorità cronologicadi inoltro della richiesta,contestualeal versamentodell'importo residuoa caricodel
pressola bancadelegata.
richiedente,
ll Buono non dà diritto a riceveresomme di denaro né ad ottenere prestazionio beni diversi da quelli
previsti e non potrà essereutilizzatoda persone diverse dal titolare ad eccezionedei componenti del
nucleofamiliareche lo accompagnino.
e,i.tèù$
Possono
ottenereil contributosui buonivacanzei nucleifamiliaricompostida:
'
cittadini italiani e dell'UnioneEuropearesidentiin ltalia,
'
cittadiniextracomunitaricon regolarepermessodisoggiornoe di residenza,
cotl
tt
che alla data della richiestarientrano nella condizionesocio-economicain base alla composizionedel
nucleofamiliareed alle fascedi reddito,con riferimentoall'ISEEin corsodi validità nell'annocorrente.
Può quindi richiedereil contributo,a nome della famiglia,qualsiasicomponente maggiorenne.E'
consigliabileche a richiederlosia chi, dellafamiglia, effettivamentegestiscel'acquistodel servizio.
Tabelladi riferimentoper la verificadel diritto :
Numero
componenti
nucleo
familiare
(1)
't
lmportomassimo
Percentuale
ISEE
del nucleofamiliare
delvaloredei
di contributostatale
buoni
e importodel contributo
aifini del calcolo
da sottrarre
del contributo
(21
(3)
da0a10.000€
1_
da 10.000a 15.000€
L
da 15.000
a 20.000
€
2
da0a15.000€
z
da 15.000a 20.000€
)
da 20.000a 25.000€
da0a20.000€
da 20.000
a 25.000
€
da25.000a 30.000
€
3
3
3
4 e oltre
da0a25.000€
4 e oltre
da 25.000a 30.000€
da30.000a 35.000
€
4 e oltre
€ 520,00
€ 520,00
€ 520,00
€ 800,00
€ 800,00
€ 800,00
€ 1.040,00
€ 1.040,00
€ 1.040,00
€,L.240,00
€.1,.240,00
€ 1.240,00
45%
€234,00
3Oo/o
€ 156,00
20%
20%
€ 104,00
€ 360,00
€240,00
€ 160,00
4s%
€ 468,00
30%
20%
€ 3L2,00
€ 208,00
45%
€ 558,00
30o/o
€372,00
€248,00
45%
30%
20%
lmportoresiduo
a caricodel
rlchledente
da versarein
Banca
( 6 ) =( 3 ) - ( s )
€ 286,00
€ 364,00
€ 4L5,00
€ 440,00
€ 560,00
€ 640,00
€572,00
€728,00
€ 832,00
€ 692,00
€ 869,00
€ 992,00
E' possibilerichiedere:
)
buoni per importi superioria quellomassimo,ma il contributorimanefissatonell'importoindicato
a colonna(5);
)
buoni per importi inferiori a quello massimoed in questo caso il contributoverrà ricalcolato
secondola percentuale
in colonna(4).
Non può essereeffettuata più di una richiestaa nucleo familiare anche se la prima richiestanon ha
esaurítoif limite massímodel valore dei buoní ai fini del contributo{colonna3) quindi, chi ottiene il
contributonel 2011, non può presentaredi nuovo la richiestaper l'anno in corso,ma potrà rifare la
domandaa partireda gennaio2012.
Esempio:
tg,r58,8?
Una famiglia di 3 persone,con reddito ISEEinferiore a € 20.00,00(dichiarazione
ISEEin corsodi validità
nell'annocorrente),può richiedereun librettodi buoni per un valoretotale fino a €L.04O,pagandoli€
s72,OOlé5%1.
coll
t
e
La richiestaawiene attraverso una proceduraonline collegandosial sito www.buonivacanze.it
selezionando
il tasto"richiestabuonivacanze".
La proceduragenera una prenotazionesull'acquistodel blocchettodei bonus vacanzascelto che deve
essereconfermatacon il versamentoin bancadell'importoa caricodel richiedente.
A prenotazíone
conclusa
si stampanodue moduli:
assegnato
e i dati
che riportail numerodi prenotazione
L. il "Modulo di richiestaBUONIVACANZE"
del nucleo
con la qualeil rappresentante
un'autocertificazione
anagrafici.
Talemodellorappresenta
propria
responsabilità,anche
familiarerichiedente,apponendola propriafirma, dichiarasotto la
penale(art.76 del DPR445/2OOO\:
-
o dell'UnioneEuropea,regolarmenteresidentein
di esserecittadinoitalianomaggiorenne
Italia,o extracomunitario
con regolarepermessodi soggiornoe di residenza;
-
e di numerositàfamiliare;
di averei requisitiprevistiín terminidi redditoISEE
che questa è l'unica domanda di contributo presentatadal proprio nucleo familiare
-
n e l l ' a n n so o l a r e .
2. ll "Modulo Autocertificazionecomposizionefamiliare" che deve esseremanualmentecompilatoa
cura del richiedentee nel quale devono essereindicatii nominatividei componentiil nucleo
familiare,i rispettivicodicifiscalied il gradodi parentelacon il dichiarante.
I due modulidi autocertificazione:
.
il "Modulo di richiestaBUONIVACANZE",
.
il "ModuloAutocertificazionecomposizionefamiliare",
debbono essere presentati, unitamente ad una copia del documento di riconoscimento,a partire dal
alla richiestaonline ed entro e non oltre 10 giorni, pena la decadenzadella
secondogiorno successivo
prenotazione,pressoqualunquesportello delle Banchedel gruppo bancarioIntesaSanpaolo,dove deve
esserepagatol'importo a caricodel richiedente.
Di seguitol'elencodelle Banchedel GruppoIntesaSanpaolo,pressoi cui sportellisi possonopresentarei
è possibilevedere
moduli per le richiestedei BuoniVacanzeprenotati(sulsito www.intesasanpaolo.com
ancheil motoredi ricercadellefiliali):
lntesaSanpaolo
S.p.A.
Bancodi NapoliS.p.A.
S.p.A.
Cassadei Risparmi
di Forlìe dellaRomagna
S.p.A.
Bancadell'Adriatico
Cassadi Risparmío
delVenetoS.p.A.
diVeneziaS.p.A.
Cassadi Risparmio
in BolognaS.p.A.
Cassadi Risparmio
GiuliaS.p.A.
del FriuliVenezia
Cassadi Risparmio
BancadiTrentoe BolzanoS.p.A.
Bancadi CreditoSardoS.p.A,
BancaCRFirenzeS.p.A.
S.p.A.
di Civitavecchia
Cassadi Risparmio
S.p.A.
di Pistoiae Pescia
Cassadi Risparmio
Cassadi Risparmio
díAscoliPicenoS.p.A.
di Cittàdi CastelloS.p.A.
Cassadi Risparmio
di RietiS.p.A.
Cassadi Risparmio
Cassadi Risparmio
di FolignoS.p.A.
Cassd
a i R i s p a r m idoi T e r n ie N a r n iS . p . A .
di SpoletoS.p.A.
Cassadi Risparmio
Provincia
diViterboS.p.A.
Cassadi Risparmio
GGI]
t
fl Buono viene recapitato,a mezzoRaccomandata
di Posteltaliane,direttamenteall'indirizzoindicatodal
richiedente,entro minimo 20 giorni e massimo30 giorni dal pagamento.
vienemessoin listadi attesae non vengono
In casodi momentaneaindisponibilità
deifondi il richiedente
accettatidalla Bancaversamentinon copertidal relativocontributo;ne consegueche l'inviodei Buoniè
sempregarantito.
6.5 Utilizzo dei Buoni Vacanze
ll buono è spendibilein tutte le struttureturisticheche aderíscono
al sistema,consultabilinel catalogo
"Guidaai servizituristiciconvenzionati"
nel sitowww.buonivacanze.it.
La prenotazionedella vacanzaavvienedirettamentetra il titolare del buono e l'operatoreturistico
prescelto.
e
ll titolareha diritto ai servizituristiciprenotati,dandoprovadellapropriaidentitàe dietro presentazione
consegna
dei BuoniVacanzeall'operatore
turisticoconvenzionato.
Condizionidiutilizzodei Buoni:
à
non possonoessereutilizzatiall'internodel Comunedi residenzadel titolare né al di fuori del
territorio dello Statoitaliano;
)
per utilizzosi intende il periododivacanza;
)
devonoessereutilizzatientrola data discadenzaindicatasul Buono;
)
possonoessereutilizzatifinoalla prima domenicadi lugliodiogni anno,se il mesedi giugnodello
oltre che dal 23 agostodi ognianno;
stessoannosi concludecon un giornoinfrasettimanale,
à
non possonoessereutilizzatinel periododal 20 dicembreal 6 gennaio;
)
non possonoin nessuncasodare diritto a riceveresomme di denaro,né ad ottenere prestazionio
benidífferenti;
t
non possono essere utilizzati da persone diverse dal titolare, ad eccezionedegli eventuali
componentidel suo nucleofamiliareche lo accompagnino;
)
possonoesserespesiin una o più soluzioni;
t
al momento della consegnadei Buonicome pagamentodella vacanza,la struttura deve emettere
regolarefattura o ricevutafiscalenei confronti del cliente;
à
per quanto riguardagli acquisti pressoAgenziedi Viaggioe Tour Operator, la norma stabilisce
e al di fuori del proprioComunedi
l'obbligodi consumodei BuoniVacanzesul territorionazionale
residenza,
a prescindere
del luogodi pagamento.
E' pertanto possibileacquistarela vacanzapressole agenziedel proprio Comune,ma non per
prodottivacanzacon destinazíoni
estere(compresecrocierecon scaliesteri)e fuori del periododi
validità.
I BuoniVacanzeemessidevonoessereutilizzatiper vacanzeentro la data di validitàindicatasul buono
sresso.
I Buoni emessinell'anno2011 hanno qualetermine di scadenza1 luglio2012,coincidentecon la prima
domenicadel mesedi luglio,comeprevistodall'art.3 comma2 del Decreto9 luglío2010.
Chi ha ottenuto il contributo nel 2011 potrà rifare la domandadi nuovo a partire dal 1 gennaio2Ot2.
CGIl
t
6tL
Alla scadenza
del periododi validità,i titolaripotrannoottenereil rimborsodei buoni vacanzenon
(si consigliacon A.R.),unitamentead appositarichiestascritta
utilizzati,inviandoliper raccomandata
indirizzata
a:
9 - 00195Roma.
BuoniVacanzeltalia- via Tagliamento
il modulodi richiestada utilizzare.
Nelsitowww.buonivacanze.it,
è disponibile
i
.,4f
ll
A pena didecadenzadaldiritto al rimborso,
la richiestadeve pervenireentro e non oltre 60 giorni dalla data di scadenzadei singolibuoni vacanze
non utilizzati.
ll rimborso awerrà a circa60 giorni dal ricevimentodella raccomandatapressola sede di BuoniVacanza
ItaIia.
ll rimborso riguarderà per ogni buono solo la quota parte direttamente versata dall'utilizzatore(non
quindi la quota di contributopubblicocalcolatain percentuale
sul valoredei singolibuoni a rimborso),al
netto di un contributo per spese pari al 4% (+lVA) del valore dei buoni restituiti, contributo che sarà
di rimborso.
comunquenon inferiorea € 20,00per singolaoperazione
Non sida luogoal rimborsodi buonivacanzenon integrio comunquedanneggiati.
pertantola distruzione,ilfurto o lo smarrimentodei buoni
consegnaagli operatorituristiciconvenzionati;
non dà diritto all'ottenimentodi alcunduplicatodegli stessi.
Per ottenere invece il rimborso dei buoni nei casi di perdita o furto, l'avente diritto deve comunicare
immediatamentetale evento a:
9 - 00195Roma
ltalia- via Tagliamento
Buon'iVacanze
(siconsiglia
A.R.)
a mezzoraccomandata
allegandoin originale la tempestiva denuncia di furto o smarrimento effettuata all'Autorità di polizia
giudiziaria.
Alla scadenzanominale dei Buoni, solo e soltanto se nessuno li ha presentati all'incasso,verranno
attivatele proceduredi rimborsocomeprevistoal punto6.7.
jfst
'ij
appunti
--
corr
Scarica

Untitled - cgilpaservizi.it