AN/40
89.40
CENTRALE ANTIFURTO FILO 8 LINEE ESPANDIBILE A 40
Manuale di Istallazione
Centrale AN/40
Attivatori di prossimità TE/xx
Attivatori a chiave TN/xx
Espansione EN/8
Tastiera TN/1
Chiave AL/80
Tessera AL/81
Tastiera a LED TN/2
Tastiera a LED TN/3
Ciondolo AL/82
Modulo I/O EN/44
Sirena BUS RZ/12
ATTENZIONE!
Leggere attentamente questo manuale prima di effettuare i collegamenti elettrici ed alimentare la
centrale, e conservarlo per le successive consultazioni.
Istruzioni per centrali con versione FW S025-45, aggiornate con configuratore Fenice V 1.1.3
2
SOMMARIO
1
CARATTERISTICHE DEL SISTEMA..................................................................................................................... 5
1.1 GLOSSARIO: termini usati nelle istruzioni ...................................................................................................... 6
2
DESCRIZIONE DELLA CENTRALE ...................................................................................................................... 8
2.1 I MORSETTI, GLI INGRESSI E LE USCITE ...................................................................................................... 9
2.2 PULSANTI, PONTICELLI, DIP-SWITCH, FUSIBILI............................................................................................ 9
2.3 ESEMPIO DI COLLEGAMENTO .................................................................................................................... 10
3
DESCRIZIONE DELLA TASTIERA LCD TN/1 ...................................................................................................... 12
3.1 I PULSANTI............................................................................................................................................... 12
3.2 I LED E PULSANTI LUMINOSI ..................................................................................................................... 14
3.3 IL DISPLAY ............................................................................................................................................... 15
4
DESCRIZIONE DELLE TASTIERE A LED TN/2 E TN/3 ........................................................................................ 16
5
ISTALLAZIONE DEI VARI APPARECCHI............................................................................................................ 18
5.1 CENTRALE AN/40 ...................................................................................................................................... 18
5.2 TASTIERA TN/1......................................................................................................................................... 19
5.3 TASTIERA A LED TN/2 e TN/3 .................................................................................................................... 20
5.4 ATTIVATORE A CHIAVE TN/XX E ATTIVATORE A SFIORAMENTO TE/XX........................................................ 21
5.5 ESPANSIONE 8 LINEE: EN/8....................................................................................................................... 22
5.6 SCHEDA INGRESSI – USCITE EN/44............................................................................................................ 24
5.7 SIRENA RZ/32........................................................................................................................................... 25
5.8 SIRENA SERIALE RZ/12 ............................................................................................................................. 26
5.9 CONFIGURAZIONE DEI DIP-SWITCH........................................................................................................... 27
6
MENÙ........................................................................................................................................................... 28
7
CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE CON TASTIERA TN/1 ........................................................................ 31
7.1 ACCESSO AI MENÙ DELLA TASTIERA TN/1.................................................................................................. 31
7.2 ALIMENTARE LA CENTRALE ....................................................................................................................... 32
7.3 APPRENDIMENTO DEI DISPOSITIVI COLLEGATI .......................................................................................... 32
7.4 CONFIGURAZIONE DI FABBRICA ................................................................................................................ 33
7.5 CONFIGURARE LE LINEE............................................................................................................................ 34
7.6 INGRESSI DIGITALI e USCITE .................................................................................................................. 35
7.7 CONFIGURAZIONE DEI PROGRAMMI........................................................................................................... 37
7.8 TEMPI PRINCIPALI .................................................................................................................................... 37
7.9 IMPOSTAZIONI ......................................................................................................................................... 38
7.10
DISPOSITIVI......................................................................................................................................... 39
7.11
EVENTI................................................................................................................................................. 41
7.11.1
STORICO EVENTI .............................................................................................................................. 41
7.11.2
MEMORIA EVENTI ............................................................................................................................. 41
7.12
CODICI e CHIAVI (CONFIGURAZIONE PROFILI E UTENTI)........................................................................ 42
7.12.1
MODIFICA DEI CODICE UTENTE ......................................................................................................... 42
7.12.2
AGGIUNGERE CHIAVI, TESSERE E CIONDOLI ...................................................................................... 42
7.12.3
AGGIUNGERE UTENTI........................................................................................................................ 42
7.12.4
MODIFICA CODICI ISTALLATORE E AMMINISTRATORE ....................................................................... 43
7.13
RIMUOVERE O SOSTITUIRE DISPOSITIVI ............................................................................................... 43
8
PROGRAMMAZIONE CON TASTIERE TN/2 E TN/3............................................................................................. 44
9
APRIRE E CHIUDERE IL COPERCHIO SENZA GENERARE ALARMI: MODO ISTALLATORE ...................................... 46
10 RESET COMPLETO DELLA CENTRALE E RESET DEI SOLI CODICI....................................................................... 47
11 MENÙ AVANZATO: PER ISTALLATORI ESPERTI................................................................................................ 48
11.1
DISPOSITIVI......................................................................................................................................... 48
11.2
RISORSE .............................................................................................................................................. 54
11.3
DEFINIZIONE ZONE............................................................................................................................... 55
11.4
CONFIGURAZIONE PROGRAMMI ............................................................................................................. 55
11.5
TEMPI PRINCIPALI ................................................................................................................................ 56
11.6
CONFIGURAZIONE EVENTI..................................................................................................................... 56
11.7
IMPOSTAZIONI ..................................................................................................................................... 58
11.8
PROGRAMMAZIONE ORARIA .................................................................................................................. 58
11.9
PROGRAMMAZIONE DA PC E AGGIORNAMENTO FW................................................................................. 59
11.10 FUNZIONAMENTO MULTIPROFILO E MULTIUTENTE................................................................................. 59
11.11 PARZIALIZZAZIONE ............................................................................................................................... 60
11.12 MULTIIMPIANTO ................................................................................................................................... 61
12 DATI TECNICI............................................................................................................................................... 65
DIRETTIVE E NORME ......................................................................................................................................... 65
3
4
1
CARATTERISTICHE DEL SISTEMA
Centrale AN/40: è una centrale antifurto via filo, con le seguenti caratteristiche generali.
• Gestione di 8 linee a filo in centrale (espandibili fino a 40 con moduli EN/8), programmabili (NC, NO, BIL, 2BIL,
Tapparella e Vibrazione), gestibili con 8 programmi, con tastiere, attivatori o lettori di tessere.
• BUS di comunicazione per attivatori a chiave, lettori di tessere, tastiere LCD e LED, espansioni 8 linee, moduli I/O,
Sirena Seriale.
• N°3 ingressi digitali configurabili
• N°3 uscite open collector configurabili
• Uscita relè alimentata per sirena esterna e interna
• Uscita relè con scambio NC – C - NO
• N°1 uscita PP: presenza positivo configurabile
• Alimentatore da 13,8V 2,6A, di cui 2A disponibile per carichi, sensori, tastiere ecc.
• Possibilità di programmazione da PC tramite uscita USB
Fanno parte del sistema i seguenti dispositivi:
Tastiera LCD TN/1.
• Permette di programmare ed utilizzare la centrale in tutte le sue potenzialità.
Visualizza le informazioni e gli stati di tutti i componenti del sistema, con:
- menù per l’utente,
- menù per l’istallatore base,
- menù per l’istallatore esperto
- menù per l’amministratore
Tastiera LED 8 linee TN/2
Tastiera LED 16 linee TN/3
• Possibilità di programmare i parametri principali di un impianto di 8 (16) linee.
• Ogni singola linea dispone di : • LED per la visualizzazione in tempo reale del proprio stato
• Pulsante per l’esclusione diretta
• Accensione fino a 4 programmi a scelta per inserimenti personalizzati.
• Lettore di prossimità integrato per accensione e spegnimento veloce con chiave, tessera o ciondolo a transponder
Attivatore per chiave a transponder
• Permette la gestione dei 4 programmi con chiave a transponder
• Visualizza per ogni programma le seguenti informazioni: - stato ON/OFF,
- allarme,
- memoria,
- cumulativo linee
Attivatore a sfioramento per chiave, tessera o ciondolo a transponder
• Permette la gestione dei 4 programmi con chiave a transponder, tessera e ciondolo
• Visualizza per ogni programma le seguenti informazioni: : - stato ON/OFF,
- allarme,
- memoria,
- cumulativo linee
Espansione a 8 linee EN/8
• Permette di aggiungere 8 linee alla centrale, completamente programmabili (max 4 schede collegabili su AN/40)
• Ingresso digitale programmabile
• Possibilità di essere alimentato esternamente, con controllo della tensione.
Modulo ingressi-uscite EN/44
• Permette di aggiungere alla centrale 4 ingressi digitali e 4 uscite a relè
• Ingressi e uscite programmabili
• Possibilità di essere alimentato esternamente, con controllo della tensione.
Chiave, tessera e ciondolo a transponder
• Permettono di inserire e disinserire l’impianto con i 4 Programmi a scelta
Sirena seriale RZ/12
• Sirena collegabile sul BUS della centrale. Con 8 suoni a scelta, 3 led di indicazione e controllo della batteria.
5
1.1
GLOSSARIO: termini usati nelle istruzioni
Linea – connessione tra la centrale e i sensori
Zona – è l’insieme di una o più linee di allarme, di fabbrica ad ogni zona corrisponde una linea.
Programma – è l’insieme di una o più zone e determina la modalità con cui viene inserito l’antifurto.
Codice utente – permette di utilizzare l’impianto, cioè accendere, spegnere, controllare lo storico eventi, escludere delle
linee. Ci possono essere vari tipi di utente (con codici diversi) che hanno abilitazioni diverse
L’impianto può essere usato in modalità Monoutente, cioè con un unico codice (per accendere e spegnere l’impianto) e
delle chiavi tutte uguali: in questo modo la centrale considera ogni accesso effettuato dalla stessa persona.
In modalità Multiutente ogni persona che accede all’impianto ha un suo codice e una sua chiave: in questo modo la
centrale sa chi sta utilizzando l’impianto, e nello storico eventi rimane in memoria l’accesso alla centrale e chi lo ha
effettuato.
Codice istallatore - permette di configurare tutto l’impianto, tranne i profili, gli utenti e i codici.
Codice Amministratore - permette di creare, modificare e cancellare utenti, profili e codici
Profilo - il profilo serve per decidere cosa può fare o non fare un Utente.
Un utente con profilo “Principale” potrà ad esempio avere accesso a tutto il menù Utente.
Potrà inoltre essere creato un profilo “Dipendente”: gli utenti con questo profilo potranno solo inserire o disinserire una
parte dell’impianto.
Allarme - È una qualsiasi condizione che fa intervenire il relè d'allarme (e quindi suonare le sirene). Sono allarmi per
esempio: l'intrusione, il sabotaggio, la manomissione, ecc..
Esclusione linea - È una disabilitazione degli allarmi che deriverebbero dalla violazione della linea stessa, da effettuare
esclusivamente dalla tastiera. Gli eventuali impegni della linea esclusa vengono comunque segnalati sulla tastiera.
Intrusione - È la violazione di una linea, che ad impianto inserito genera un d'allarme. Una violazione ad impianto
disinserito viene detta semplicemente "impegno" della linea e non genera allarme, eccetto per le linee di tipo 24H.
Linea 24H - È una linea la cui violazione è sempre considerata come un'intrusione e che pertanto genera sempre un
allarme a prescindere dallo stato dell'impianto. Anche il sabotaggio di una linea a doppio bilanciamento, e l’apertura dei
contenitori di centrali e tastiere è di tipo 24H. Le linee di questo tipo non generano allarme se si è all’interno del menù
Istallatore o del menù utente (se questo è abilitato a inibire i sabotaggi).
Linea istantanea - In caso di intrusione genera immediatamente un allarme.
Linea ritardata - È una linea che in caso di intrusione genera un allarme dopo un ritardo impostabile.
Ingresso digitale (ID)– è un ingresso che può essere configurato e che può avere diverse funzioni: antisabotaggio,
comando ON/OFF dell’impianto, pulsante di emergenza, comando per attivare una specifica uscita della centrale, che a
sua volta può ad esempio far aprire un cancello, attivare luci, irrigazione ecc.
Uscita Open Collector (UO) – Uscita che a riposo è sconnessa, mentre quando è attiva si porta a massa. Può essere
programmata con varie funzioni: allarme, sabotaggio, mancanza rete, attivazione ad orario ecc.
Memoria d'allarme - Si ha quando scompare la condizione che ha generato un allarme ed è segnalata in modo diverso
dall'allarme con condizione ancora presente. Le memorie si possono generare solo ad impianto inserito, eccetto per le
linee 24H, per le quali si possono generare a prescindere dallo stato dell'impianto. Alla memoria corrisponde il lampeggio
di un led rosso.
Memoria eventi ultima sessione – Lista degli eventi accaduti nell’ultima sessione, cioè dall’ultima volta che l’impianto
è stato acceso o spento. La memoria si cancella premendo contemporaneamente i tasti Menù e CANC, quando si è
all’interno del menù. Può essere cancellata in automatico all’accensione dell’impianto.
Storico eventi – Lista degli eventi, divisi per tipologia, che sono accaduti (fino ad un massimo di 1024 eventi).
È possibile scegliere quali elementi far registrare nello storico.
Sinottico - È una tabella che mostra l’insieme di tutte le risorse di un certo tipo. Ad esempio il “Sinottico Linee” mostra
tutte le linee con il loro stato (libera, impegnata) oppure se si è nel menù “Definizione zone”, mostra quali linee fanno
parte di una certa zona.
Parzializzare – Ad impianto inserito, escludere un Programma che ha linee in comune con il Programma inserito.
Multiimpianto – Questa centrale può gestire due impianti completamente indipendenti
6
FUNZIONAMENTO A “PROGRAMMI”
Per configurare correttamente la centrale e renderla facilmente utilizzabile, è necessario capire il funzionamento a
Programmi.
Linea:
linea fisica a cui è collegato un sensore
Zona:
gruppo di una o più Linee (vengono utilizzate solo in casi particolari)
Programma: gruppo di una o più Zone: è quindi la modalità in cui verrà acceso l’impianto.
Per comodità di programmazione, ogni linea è già assegnata ad una zona, e tutte le zone fanno parte del Programma A:
Linea
Linea
Linea
…..
Linea
1 = Zona 1,
2 = Zona 2,
3 = Zona 3
X = Zona X
Ad esempio, quando si esce di casa, nella maggior parte dei casi si vorrà inserire tutto l’impianto, quindi bisognerà creare
un Programma che contenga tutte le zone (= linee) e chiamarlo ad esempio “TOTALE”, quindi:
Programma A (TOTALE): zone 1,2,3,4,5 . Di fabbrica, il Programma A contiene tutte le zone (= linee) presenti.
Quando si è in casa (ad esempio di notte) si vorranno inserire solo i perimetrali e il garage, quindi verrà utile creare un
programma così composto:
Programma B (NOTTURNO): zone 1,2,4
Nel caso si voglia inserire solo il primo piano, si potrà considerare il seguente programma:
Programma C (PARZIALE): zone 2,3
Dato che di fabbrica, ad ogni zona corrisponde una linea, per fare in modo che un Programma contenga ad
esempio le linee 1, 2, 3, devo abbinare al Programma le Zone 1,2,3
I Programmi possono essere accesi solo uno alla volta, sia dalle tastiere che dagli attivatori.
I Programmi supplementari E, F, G, H vengono gestiti e visualizzati solo con le tastiere a LCD TN/1.
7
2
DESCRIZIONE DELLA CENTRALE
ATTENZIONE:
non effettuare collegamenti o interventi sul circuito in presenza della rete 230V. Utilizzare utensili che garantiscono il
doppio isolamento.
Non avvicinare le mani o gli utensili al morsetto 230V dell’alimentatore in presenza della rete.
IMPORTANTE:
Nel caso si voglia alimentare momentaneamente la centrale solo da batteria, dopo averla collegata è necessario
premere il pulsante START (sul circuito della centrale in alto a destra, vicino al connettore che va all’alimentatore).
IMPORTANTE:
Una funzione particolare di questa centrale è la Protezione Batteria contro la scarica profonda: quando manca la rete
230V e la batteria si scarica ad una tensione inferiore ai 9,5V (tensione che provoca falsi allarmi, in quanto non sufficiente
ad alimentare i sensori) la centrale si spegne completamente e scollega i carichi dalla batteria.
Questo evita la scarica profonda della batteria.
Al ritorno della rete 230V il sistema ricomincia a funzionare e la batteria si ricarica in breve tempo.
Dato che questo è uno spegnimento “volontario”, i vari dispositivi non daranno segnalazioni di allarme o guasto e nello
storico eventi verrà registrato l’evento di Autospegnimento.
Dato che il relè per la sirena è normalmente eccitato, in caso di autospegnimento la sirena suonerà (avrebbe suonato
comunque per i falsi allarmi dovuti ai sensori sotto alimentati).
Utilizzando una sirena di tipo seriale, in caso di autospegnimento questa verrà “avvertita” dalla centrale e non suonerà.
Si consiglia ti effettuare tutti i collegamenti senza alimentare il sistema, sia in fase di istallazione, sia per successive
manutenzioni.
Nella centrale AN/40 i DIP SWITCH non sono utilizzati, lasciarli tutti in posizione OFF.
NOTA: gli allarmi Sabotaggio e 24H vengono inibiti :
- durante l’accesso Istallatore (riprendono a funzionare dopo 1 minuto dall’uscita dal menù e con il coperchio chiuso
- quando il coperchio della centrale è aperto (ad esempio alla prima alimentazione)
Se l’impianto è acceso e manca completamente l’alimentazione (blackout prolungato), al ritorno della
tensione 230V le linee di allarme vengono inibite per 1 minuto, per permettere l’assestamento di eventuali
sensori infrarossi.
8
2.1
I MORSETTI, GLI INGRESSI E LE USCITE
N° Morsetto
1
Descrizione
( - ) negativo
2,3,4
Ingressi digitali
ID1, ID2, ID3
5,8,11,14,17,20,23,26
7,10,13,16,19,22,25,28
+
A
B
29
(+) Positivo
( - ) negativo
L1, L2, L3, L4, L5, L6,
L7, L8
(+1) Positivo
A1
B1
( - ) negativo
( - ) negativo
30
PP (UP01) Uscita 2
6,9,12,15,18,21,24,27
Note
Massa per ingressi digitali
L’ingresso è NO (Normalmente Aperto): se collegato a massa fa
eseguire l’operazione per cui è stato programmato. Di fabbrica ID1 è
programmato come NC, con funzione antisabotaggio.
Positivo a 13,8V per alimentazione sensori
Negativo per linea e alimentazione sensori
Linee di allarme programmabili NC, BIL, 2BIL, Tapparella, Vibrazione
Positivo per BUS
Segnale A del BUS
Segnale B del BUS
Negativo per BUS
Negativo per uscita PP
Presenza positivo: di norma a 13.8V max 200mA, aperto in caso di
allarme
UO1 (uscita 3)
Uscite Open collector programmabili: quando vengono attivate si
UO2 (uscita 4)
portano a massa. Max 150mA per uscita
UO3 (uscita 5)
34
(+) Positivo
Positivo per uscite Open collector
35
SI
Uscita per sirena interna: di norma aperto, a 13,8V in caso di allarme
36
SE
Uscita per sirena esterna: di norma a 13,8V, aperto in caso di allarme*
UR01
37
NC
Uscita relè: contatto normalmente chiuso
Uscita 1
Max 5A
38
C
Uscita relè: contatto comune
39
NO
Uscita relè: contatto normalmente aperto
NOTA: NC e NO si intendono a circuito non alimentato. Dato che il relè ha funzione
“Sirena esterna”, con polarità invertita, in condizioni normali il morsetto NO è
collegato con C, mentre il morsetto NC è aperto.
40
B+
Positivo 13,8V sempre presente, protetto dal fusibile F3
41
BMassa
* nel caso si vogliano collegare 2 sirene a questa uscita, i positivi vanno separati da un diodo 1N4007 o simile.
31,32,33
2.2
PULSANTI, PONTICELLI, DIP-SWITCH, FUSIBILI
etichetta
PRG
SET
descrizione
Pulsanti per la programmazione dei parametri principali della centrale senza l’utilizzo
della tastiera, o per effettuare i reset.
Pulsanti
Quando si vuole alimentare la centrale solo con la batteria, premere questo tasto per
START
avviare la centrale.
AS2
Se inserito esclude l’antistrappo dal muro: interruttore a levetta sul retro della scheda
Ponticello vicino L’uscita per la sirena esterna è a 13,8V senza diodo, da utilizzarsi con
Ponticelli
aN
le sirene Serai (ad es. RZ/32)
N–D
Ponticello vicino L’uscita per la sirena è a 13,5V e ha un diodo in serie: da utilizzarsi
aD
con sirene che non hanno il diodo di protezione
DIP-SWITCH 1,2,3,4,5,6,7,8
NON UTILIZZATI – Lasciare in OFF
Collegare con l’apposito cavetto all’alimentatore, per il controllo della carica della
Connettore
CTR
batteria. Per l’utilizzo va attivata (su “centrale”) la funzione “controllo ricarica”. Il cavetto
va collegato a centrale accesa. Vedi menù avanzato.
Fusibile F1
F1
Fusibile 6,3A per protezione da cortocircuito su linea BUS e linee sensori
Fusibile F3
F3
Fusibile 5A per protezione cortocircuito su uscite alimentate (B+,Relè, open collector)
I led presenti nella scheda servono a dare indicazioni sulla condizione della centrale:
- LED verde OK acceso fisso : la centrale è avviata e sta funzionando correttamente
- LED rosso KO acceso: problema al circuito, contattare l’assistenza
- Tutti i led accesi : problema al microprocessore o alla memoria interna, contattare l’assistenza
- Led A acceso: procedura di registrazione dispositivi senza tastiera.
Durante l’avvio della centrale o dopo un RESET, i led si accenderanno in varie sequenze: alla fine rimarrà acceso solo il
led verde OK
9
2.3
10
ESEMPIO DI COLLEGAMENTO
SCHEMI DI COLLEGAMENTO DI LINEE SIA BILANCIATE CHE A DOPPIO BILANCIAMENTO
Linea Bilanciata
Linea con doppio bilanciamento
Condizione della linea
Segnalazione della
centrale
Condizione della linea
Segnalazione della
centrale
Circuito aperto
Allarme
Circuito Aperto
Sabotaggio
Corto circuito
Allarme
Corto circuito
Sabotaggio
Resistenza 10k
Riposo
Resistenza 10k
Allarme
Resistenza 5K(parallelo
delle due resistenze da 10K)
Riposo
Se l’impianto è acceso e viene a mancare sia la rete 230V che la batteria: quando ritorna la rete, le linee
vengono escluse per 1 minuto, per fare in modo che i sensori infrarosso si stabilizzino e non generino falsi
allarmi.
Collegamento del BUS
Il BUS 485 è un collegamento standard, utilizzato nella maggior parte dei sistemi antifurto.
Si consiglia di effettuare il collegamento di tipo “Entra-Esci” su ogni dispositivo del Bus, cercando di evitare
i collegamenti a stella, che potrebbero in certi casi creare problemi di funzionamento.
Più punti a stella sono presenti, più diminuisce la portata del cavo.
In ogni caso, a causa delle capacità parassite indotte dai cavi usati per i collegamenti, un Dispositivo non può essere
collegato con più di 500 m di cavo alla Centrale e la lunghezza complessiva dei cavi collegati al bus della Centrale, non
può essere superiore a 1.000 m.
La sirena seriale RZ/12 non può essere collegata con più di 200m di cavo sezione 0,5mm (o 400m di cavo sezione
1mm), a causa della caduta di tensione sul cavo. Vedere i dettagli nel capitolo 5.7.
Nel caso in cui si verificassero dei problemi di comunicazione (tastiere, attivatori , espansioni) è possibile migliorare la
situazione inserendo il ponticello T (presente su ciascun dispositivo, vicino ai dip-switch di configurazione) solo sul
dispositivo più lontano dalla centrale
ALIMENTATORE
L’alimentatore della centrale eroga al massimo 2,6A a 13,8V, di cui 0,6A per centrale e batteria a 2A
disponibili per sensori e carichi esterni.
È OBBLIGATORIO IL COLLEGAMENTO A TERRA.
In caso di cortocircuito si spegne senza rovinarsi, per poi riaccendersi allo sparire del cortocircuito.
In caso di accidentale inversione della polarità della batteria, salterà il fusibile F2 (6,3A) interno all’alimentatore: per
sostituirlo scollegare l’alimentazione e attendere qualche minuto per far scaricare i condensatori.
Svitare la vite in basso a sinistra, vicino ai morsetti del 230V, (in alcuni modelli è presente anche una vite sul retro)
sollevare il coperchio e sostituire il fusibile con uno uguale.
Questa operazione va eseguita con la massima accortezza.
NON COLLEGARE MAI 2 ALIMENTATORI IN PARALLELO.
11
3
DESCRIZIONE DELLA TASTIERA LCD TN/1
3.1
I PULSANTI
pulsante
funzione
Programmi
Permettono di scegliere il programma da inserire
Freccia su
Navigazione del menù. Incremento dei numeri.
Freccia giù
Navigazione del menù. Decremento dei numeri.
Freccia
sinistra
Freccia
destra
ESC
MENU
Tasto
Funzione
CANC
OK
1,2,3,4,5,6,7,8,9,0
Inserimento
codici e nomi
Tasto
PANICO
Tasto
EMERGENZA
Tasto FUOCO
Tasto SIRENA
Tasto
SPECIALE
Navigazione del menù. Ritorno al livello di menù precedente.
Navigazione del menù.
Ritorno al livello di menù precedente. Per uscire dal menù tenerlo premuto 2
secondi.
Permette di attivare funzioni particolari dei tasti, come RESET, copia-incolla,
ecc.
Nella modalità Editor di testo, cancella l’ultima lettera digitata
Conferma operazioni. Seleziona opzioni.
Permettono di digitare i codici utente e dare i nomi a linee, programmi, utenti
ecc.
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento PANICO (sirena +
combinatore)
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento EMERGENZA
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento FUOCO
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento SIRENA
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento SPECIALE
#
Premendo il tasto (dopo l’accesso al menù) viene effettuato uno STOP
ALLARME
In modalità scrittura, se premuto una volta, permette di scrivere con caratteri
maiuscoli, se premuto a lungo (2 secondi) permette di scrivere i numeri.
*
Utilizzato tramite il pulsante funzione
Tasto STOP
12
descrizione
Pulsante funzione
Tenendo premuto questo pulsante, si attiva la seconda funzione degli altri pulsanti, indicata con i simboli grigi.
Pulsanti
Funzione
+
Scelta programma
+
Scelta programma
+
Scelta programma
+
Scelta programma
+ 6=
Funzione “copia”
+ 7=
Funzione “incolla”
+ 8=
Funzione “sostituisci”
+ 9=
Funzione “AUTO” : ripristina valore di fabbrica
+ 0=
Non utilizzato
+
*=
Permettono di copiare le proprietà delle linee, per programmare più
velocemente l’impianto.
Con “sostituisci” è possibile scambiare tutte le proprietà di 2 linee.
Funzione “impostazioni”: regolazione Luminosità, Contrasto e Volume
+ CANC = RESET
RESET delle MEMORIE (dopo aver digitato un codice: utente, istallatore o amministratore)
+ ESC
Uscita rapida dal menù
Il “SINOTTICO”
Con la visualizzazione di tipo “Sinottico” viene mostrata una tabella riassuntiva con tutte le risorse disponibili: il sinottico
può apparire quando si vuole vedere lo stato di tutte le linee, quando si vuole escludere delle linee o quando si vuole
configurare i programmi, cioè mettere le zone dentro ai programmi.
Nel sinottico di “Esclusione linee” vengono mostrate, ad esempio, tante caselle quante sono le linee disponibili:
muovendosi con il cursore (utilizzando le frecce) ci si posiziona sopra la linea da escludere e si preme OK. Sulla casella
appare una “E” di esclusione.
Se invece si vogliono mettere delle zone dentro ad un Programma, si va su Programmazione-> Configura Programmi ->
Programma X -> Associa zone -> Mostra sinottico. A questo punto si devono selezionare, premendo OK, le caselle che
corrispondono alle zone che si vogliono associare al programma.
Esempio di sinottico “Stato linee”:
Il sinottico mostra lo stato delle 16 linee presenti: la linea n°2 , con nome “Porta cucina” è impegnata.
Nell’ultima riga si può vedere che la linea in questione appartiene al Programma A.
13
3.2
I LED E PULSANTI LUMINOSI
LED
descrizione
Led su
pulsanti
A, B, C, D
Programma
Stato e colore
Spento
Verde
Verde
Lampeggiante
veloce
Impianto spento. Si sta tentando di inserire il Programma e le linee
sono in ordine
Impianto spento: si sta tentando di inserire il Programma e ci sono
Verde
alcune linee non in ordine, ma è attiva l’esclusione automatica.
Lampeggiante lento
Impianto acceso: segnala tempo di ingresso e di uscita in corso
Rosso
Rosso
Lampeggiante
veloce
Rosso
Lampeggiante lento
Giallo
Giallo lampeggiante
Spento con
lampeggi blu
Stato
Verde
impianto
Rosso
blu
spento
Allarme 24H
rosso
spento
Guasto
Rosso
anomalia
giallo
Speciale
blu
Non
----utilizzato
14
Significato
Il programma corrispondente non è inserito
Il programma corrispondente è inserito
Il programma corrispondente è inserito e in allarme o memoria allarme
Impianto spento. Si sta tentando di inserire il Programma e ci sono
alcune linee non in ordine: l’inserimento genera un allarme.
Impianto spento. C’è stato un allarme o una memoria di allarme
Il Programma è parzializzato
Proposta di parzializzazione.
Non ci sono Programmi inseriti – Impianto spento
Un programma è inserito – Impianto acceso
Il programma corrispondente è inserito e in allarme o memoria allarme
Si è dentro al menù Istallatore
Nessun allarme 24H
Allarme o memoria d'allarme linea 24H, guasto, manomissione
Nessuna anomalia
Guasto che genera allarme
Segnalazione Guasto (solo ad impianto OFF)
È attivo l’evento speciale
---
3.3
IL DISPLAY
SIMBOLO
SIGNIFICATO
Programmi
-
VISUALIZZAZIONE DISPLAY
Il Programma è definito e le sue linee sono in ORDINE
▌
Il Programma è inserito
♦
Alcune linee appartenenti a questo Programma sono IMPEGNATE
A
Alcune linee appartenenti a questo Programma sono in ALLARME
Alcune linee appartenenti a questo Programma hanno una MEMORIA di
allarme
Ritardo in corso generato da alcune linee Ritardate appartenenti a questo
Programma
Programma con cui è parzializzato il programma in corso
M
P
Linee 24H
Esclusioni
Rete 230V
AS
Le linee 24H sono in ordine
Il contenitore di qualche apparecchio è stato rimosso o aperto
Vengono segnalate eventuali disabilitazioni (sirene, uscite ecc)
È presente l’alimentazione da rete 230V
Stato Batteria
Segnala l’eventuale batteria bassa o scarica dei vari dispositivi
Blocco
Appare il simbolo dell’apparecchio (Tastiera, attivatore o lettore di prossimità) che si
è bloccato a causa dell’utilizzo di codici errati o chiavi false
Guasti, sabotaggi
Appare il simbolo del dispositivo che presenta il guasto
Modo Istallatore
È stato digitato il codice Istallatore. Gli antisabotaggi dei dispositivi sono disabilitati.
Connessione USB
È presente un collegamento USB con un computer
Attivazione
combinatore
Simbolo Funzione
Non utilizzato
Portata radio
Utilizzato solo con centrali via radio
Mostra le attivazioni del combinatore telefonico seriale
A destra delle righe dedicate a “Segnalazioni varie”, come ad esempio Impegno linea, allarme, guasto ecc., possono
apparire i seguenti simboli:
Simbolo M: è presente una Memoria, relativa all’evento visualizzato.
Ad esempio, se appare la scritta “Allarme linea 1”, significa che c’è un allarme in corso. Se alla destra di
questa scritta c’è una “M”, significa che l’allarme non è più in corso, ma rimane solo la memoria.
Simbolo E: il simbolo appare quando è stata esclusa volontariamente una linea o una zona.
Simbolo X: il simbolo appare quanto la centrale ha effettuato una esclusione Automatica all’inserimento.
Simbolo P: il simbolo appare quando ci sono dei Programmi Parzializzati. Ad esempio è inserito il Programma A e accedo
con una chiave che può parzializzare B (cioè escludere le linee di A contenute anche in B)
15
4
DESCRIZIONE DELLE TASTIERE A LED TN/2 E TN/3
La tastiera TN/3 gestisce fino a 16 linee, e di diverso dalla TN/2 ha solo le visualizzazioni dei led, qui sotto riportate.
Ogni led (Bicolore) indica sia l’impegno della linea (in rosso) sia la sua esclusione (in giallo)
Sulla tastiera TN/3, vengono riportati sui pulsanti anche i numeri relativi alle linee da 9 a 16.
Come descritto di seguito, per selezionare una di queste linee vanno premuti contemporaneamente il tasto Funzione
il tasto con la linea desiderata (in grigio).
e
4.1 I Pulsanti
pulsante
A,B,C,D
PROG
ESC
funzione
Programmi
descrizione
Permettono di scegliere il programma da inserire (dopo aver digitato il codice)
Frecce
Si utilizzano durante la programmazione
Programmazione Si utilizza per entrare in programmazione (Istallatore)
Tasto Funzione
Conferma operazioni. Premuto con
volume
OK
1,2,3,4,5,6,7,8,9,0
Annulla l’operazione in corso. Premuto con
resetta le memorie
e
Permette di attivare funzioni particolari dei tasti:
Inserimento codici
e nomi
permette di regolare luminosità e
Permettono di digitare i codici ed escludere le linee.
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento PANICO (sirena +
combinatore)
Tasto EMERGENZA Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento EMERGENZA
Tasto SIRENA
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento SIRENA
Tasto SPECIALE
Premendo per almeno 3 secondi, si genera l’evento SPECIALE
Tasto PANICO
16
Nota:
Premendo contemporaneamente i tasti 9 e OK (che corrispondono a
e
), si cambia il volume delle segnalazioni
della singola tastiera.
Ogni volta che si premono contemporaneamente e 2 tasti, si cambia il livello del volume.
Ci sono 4 livelli: 0, minimo, medio, massimo.
4.2 I Led
LED
descrizione
Stato e colore
Spento
Verde
Verde
Lampeggiante
veloce
Verde
Lampeggiante
lento
Led
A, B, C,
D
Led
Led
Programma
Impegno o
allarme
Esclusione
Stato impianto
Rosso
Rosso
Lampeggiante
veloce
Rosso
Lampeggiante
lento
Giallo
Giallo
lampeggiante
Rosso
Rosso
lampeggiante
Giallo
Spento con
lampeggi blu
Verde
Rosso
Allarme 24H
Guasto anomalia
Speciale
PROG Programmazione
blu
spento
rosso
spento
Rosso
giallo
Blu
Giallo
Verde
Funzioni varie
Blu
Rosso
Significato
Il programma corrispondente non è inserito
Il programma corrispondente è inserito
Impianto spento. Si sta tentando di inserire il Programma e le linee
sono in ordine
Impianto spento: si sta tentando di inserire il Programma e ci sono
alcune linee non in ordine, ma è attiva l’esclusione automatica.
Impianto acceso: segnala tempo di ingresso e di uscita in corso
Il programma corrispondente è inserito e in allarme o memoria
allarme
Impianto spento. Si sta tentando di inserire il Programma e ci sono
alcune linee non in ordine: l’inserimento genera un allarme.
Impianto spento. C’è stato un allarme o una memoria di allarme
Il Programma è parzializzato
Proposta di parzializzazione.
Linea impegnata o in Allarme
Memoria di allarme
È acceso se una linea è stata esclusa o se non fa parte del
Programma attualmente in corso
Non ci sono Programmi inseriti – Impianto spento
Un programma è inserito – Impianto acceso
Il programma corrispondente è inserito e in allarme o memoria
allarme
Si è dentro al menù Istallatore
Nessun allarme 24H
Allarme o memoria d'allarme linea 24H, guasto, manomissione
Nessuna anomalia
Guasto che genera allarme
Segnalazione Guasto (solo ad impianto OFF)
È attivo l’evento speciale
Acceso durante le fasi di programmazione
Accesso Utente – lampeggia durante la modifica del codice Utente.
È acceso durante la registrazione delle chiavi fatta da tastiera LED
Accesso Istallatore – lampeggia durante la modifica del codice
Istallatore
Lampeggia durante la modifica del codice Silenzioso
17
5
ISTALLAZIONE DEI VARI APPARECCHI
5.1
CENTRALE AN/40
La centrale deve essere istallata in un luogo protetto e distante da fonti di calore, condotte dell'acqua e del gas.
- L'istallazione della centrale deve essere eseguita a regola d'arte, da personale specializzato, secondo quanto prescritto
dal DM 37/08, seguendo le norme CEI 64-8 e CEI 79-3 (istallazione di impianti elettrici e di impianti antifurto).
- In ottemperanza a quanto disposto dalle norme sulla sicurezza elettrica, per l'alimentazione a 230 V è indispensabile
l'utilizzo di un cavo di rete di sezione minima 1,5 mm2 con tensione di lavoro 250 V bloccato con una fascetta.
- Sono necessari: n. 3 viti autofilettanti, n 3 tasselli e n. 1 stringi cavo - con fascetta.
- Assicurarsi che l’antisabotaggio posto sul fondo sia a contatto con la parete e non si trovi in corrispondenza della scatola
da incasso o di fori sul muro.
Figura 1.
Aprire il coperchio della centrale
agendo sulle viti frontali.
Ruotare la parte inferiore verso l'alto
per sganciare il coperchio dal fondo.
18
Figura 2.
- Forare il muro, e introdurre i 3
tasselli nei fori.
- Far passare i cavi dei sensori
all'interno.
- Introdurre la linea di rete da 230 V
nel contenitore dal foro R, tenendola
lontano dal circuito stampato e dal
resto dei componenti.
- Fissare il fondo della centrale al
muro.
Figura 3.
Per far funzionare il dispositivo
antistrappo dal muro, è necessario
fissare al muro la centrale anche con
la vite indicata nella foto.
In caso di tentativo di strappo dal
muro, la parete di plastica tenuta
ferma dalla vite si stacca dal fondo
della centrale e scatta l’interruttore a
levetta, facendo attivare l’allarme
sabotaggio.
5.2
TASTIERA TN/1
La Tastiera TN/1 va istallata su una parete liscia, grande almeno quanto il fondo del contenitore plastico. È necessario
seguire la seguente procedura.
1. Aprire il coperchio della tastiera con l'ausilio di un cacciavite a taglio, come mostrato nelle figure 4, 5, 6: si deve
inserire il cacciavite nella fessura inferiore e fare leva fino a che il coperchio non si sgancia. Se necessario, ripetere
l’operazione anche sul gancio superiore.
Figura 4. Puntare il cacciavite e
ruotarlo nella direzione indicata
Figura 5. Infilare il cacciavite per
qualche millimetro
Figura 6. Fare leva con il cacciavite
nella direzione indicata
2. Nel caso si voglia fissare la tastiera agli agganci di una scatola 503, utilizzare i fori A indicati in Figura 7..
3. Nel caso si voglia fissare la tastiera direttamente sul muro, inserire nella parete due tasselli con Ø 6mm che
corrisponderanno ai due fori B (a forma di occhiello) posti sul fondo della tastiera e indicati in Figura 7. Si
raccomanda di fissare la tastiera utilizzando questi 2 fori e non gli altri 2.
4. Avvitare la vite sul tassello avendo cura di controllare che la tastiera sia perfettamente verticale. Se la levetta
antisabotaggio posteriore non viene premuta bene sul muro, piegarla leggermente verso l’esterno
5. Effettuare il collegamento con il BUS, impostare i DIP-SWITCH e chiudere il coperchio. Vedi Figura 8.
Figura 7. Fori A: fissaggio su scatola 503; Fori B: fissaggio a muro
Figura 8. Morsettiera e Dip-Switch. Tra la
morsettiera e i Dip-Switch è presente un ponticello
T: questo va inserito, solo in un dispositivo in caso
di problemi di comunicazione (cavi troppo lunghi).
Apertura del coperchio quando la tastiera è fissata al muro
Figura 9. Inserire la punta del
cacciavite nella fessura fino a sentire
un “CLICK” .
Figura 10. Effettuare la stessa
operazione sul lato superiore.
Figura 11.
Sfilare il coperchio.
19
5.3
TASTIERA A LED TN/2 e TN/3
La Tastiera TN/2 (TN/3) va istallata su una parete liscia, grande almeno quanto il fondo del contenitore plastico.
È necessario seguire la seguente procedura:
1. Aprire il coperchio della tastiera svitando le 2 viti
(superiore e inferiore) con l'ausilio di un cacciavite
a croce.
2. Nel caso si voglia fissare la tastiera direttamente
sul muro, inserire nella parete due tasselli con Ø 6mm
che corrisponderanno ai due fori A (a forma di occhiello)
posti sul fondo della tastiera e indicati nella foto.
Per il fissaggio su scatola 503 utilizzare i fori B
Fig.12
3. Per staccare il circuito dal fondo, agire sul gancio
indicato in foto.
Tirare delicatamente verso sinistra il gancio G fino
a far uscire il circuito dall’incastro
Fig.13
4. Inserire le viti di fissaggio per la scatola 503 nei i fori B
indicati nella foto.
Per il passaggio dei cavi utilizzare le prerotture
Indicate con la lettera P.
Fig.15
Fig.14
5. Avvitare la vite sui tasselli avendo cura di controllare che la tastiera sia perfettamente orizzontale.
6. Rimontare il circuito, appoggiandolo sulle torrette a destra e incastrandolo su quella a sinistra.
7. Nel caso in cui la levetta 8. Effettuare il collegamento con il Nota: l’eventuale utilizzo del ponticello T
posteriore per antistrappo dal
BUS, impostare i DIP-SWITCH e verrà descritto nel funzionamento della
muro non venga premuta bene, a
chiudere il coperchio.
centrale
causa delle irregolarità della
parete, deformarla come indicato
in fig.4, fino ad ottenere un
funzionamento
corretto.
Per
escludere l’antistrappo dal muro,
inserire il ponticello AS2, posto
all’estrema destra del circuito.
Fig.16. Levetta antistrappo posteriore
20
Fig.17. Dip-Switch e Ponticello AS2
Fig.18. Morsetti del BUS e ponticello T
5.4
-
ATTIVATORE A CHIAVE TN/XX E ATTIVATORE A SFIORAMENTO TE/XX
L'attivatore deve essere istallato in zona di facile accesso per l'utente, distante da cavi elettrici e preferibilmente
protetta dai sensori.
-
L'istallazione deve essere eseguita sugli interruttori sostituendo i tappi ciechi.
-
Non istallare gli attivatori di fianco ad altri apparecchi elettronici da incasso, come varialuce, passopasso ecc.
-
NON ISTALLARE PIÙ DI UN ATTIVATORE (O LETTORE DI TESSERE) NELLA STESSA
SCATOLA DA INCASSO (503 O SIMILE)
Fig.21. Istallare l'attivatore dove si vuole
controllare l'impianto, come un comune interruttore
sostituendo l'eventuale tappo cieco.
Inserire l'adattatore al supporto dell'interruttore.
Fig.22. Sganciare la protezione dei morsetti dal modulo
attivatore.
Fig.23. Collegare i cavi come da schema
Programmare l'attivatore agendo sui 4
microinterruttori, con la codifica mostrata nelle
successive pagine.
Fig.24. Agganciare il modulo all'adattatore.
Agganciare la protezione dei morsetti al modulo attivatore
Fissare il supporto degli interruttori alla scatola da incasso
21
5.5
ESPANSIONE 8 LINEE: EN/8
Ogni scheda di espansione EN/8 (se ne possono collegare 4) permette di aumentare le 8 linee della centrale AN/40 fino
ad un totale di 40 linee. La scheda dispone inoltre di:
- un ingresso digitale ID1 configurabile (di fabbrica con funzione “antisabotaggio” )
- un morsetto per collegare un alimentatore esterno (POWER), max 3A, nel caso la tensione del bus non
sia sufficiente,
- un’uscita a 13,8V, derivata dall’eventuale alimentatore esterno (+E, -E).
- Connettori per sonda di temperatura (NTC) e controllo batteria (CTR).
Le prime due schede possono essere istallate in centrale, sulle apposite guide. Le altre 2 schede possono essere portate a
distanza e posizionate all’interno di scatole di derivazione o quadri elettrici.
Con solo BUS collegato: Il ponticello va inserito nella posizione BUS.
Con alimentatore esterno: Il ponticello va inserito nella posizione EXT.
Su Menù Istallatore -> Programmazione -> Dispositivi -> Esp. 8 linee -> abilitare “Alimentazione est.”
Con alimentatore esterno e batteria tampone: Il ponticello va inserito nella posizione EXT.
Su Menù Istallatore -> Programmazione -> Dispositivi -> Esp. 8 linee -> abilitare “Alimentazione est.” e
“IA01:batteria” (per quest’ultimo, è necessario tenere premuto OK per 2”).
LED verde
LED rosso
LED giallo
LED blu
segnala:
- se l'alimentazione V+E/-E è
regolare (vale per tutti i
dispositivi con +E/-E),
- per l'espansione linee se
l'alimentazione sulle linee
è
regolare
(VLINEE)
(coincide con V+E/-E)
OFF
V+E/-E / VLINEE non presente
nessun problema
(0V)
Lamp fusibile F1 (+E/-E) rotto
ON
22
segnala:
- guasti
hardware
della segnala:
segnala:
scheda,
- diagnostica VBUS all'ingresso
- presenza rete / alimentazione
per generare V+E/-E / VLINEE
- alimentazione della scheda
esterna (POWER),
/ V+U/-U (con alimentatore
insufficiente,
- diagnostica step-up
esterno)
- stato della comunicazione
con la centrale
alimentazione V+E/-E / VLINEE
presente e regolare
VBUS regolare
(sostituita da
esterno)
o assente
alimentatore
- assenza rete / alimentazione
esterna assente
- assenza step-up / fusibile
step-up rotto
VBUS insufficiente, è richiesto
fusibile F2 (+U/-U) rotto (solo
comunicazione con la centrale uno
step-up
o
un
per modulo I/O, a prescindere
assente
alimentatore esterno (solo per
da come si ottiene V+U/-U)
modulo di I/O)
- presenza rete / alimentazione
alimentazione della scheda VBUS gravemente insufficiente,
esterna regolare
insufficiente o altro guasto è richiesto necessariamente
- alimentazione step-up / V+U/-U
hardware
un alimentatore esterno
(con step-up) regolare
Il fusibile F1 (6,3A) protegge dal cortocircuito la tensione in uscita da –E +E, per l’alimentazione dei
dispositivi a valle dell’espansione.
NOTA:
Se l’impianto è acceso e viene a mancare sia la rete 230V e la batteria: quando ritorna la rete, le linee
dell’espansione vengono escluse per 5 minuti, per fare in modo che i sensori infrarosso si stabilizzino.
Fig.25. COLLEGAMENTO CON PROTEZIONE DELLA TENSIONE A VALLE
Un cortocircuito a valle della scheda di espansione fa saltare il fusibile di protezione F1, e non va ad influire sul
funzionamento della centrale. In caso di bassa tensione sul BUS in arrivo dalla centrale, i dispositivi a valle della scheda
vengono spenti e le linee della espansione disabilitate, finché la tensione non torna alta.
Fig.26. COLLEGAMENTO CON RIGENERAZIONE DEL BUS CON ALIMENTATORE ESTERNO
L’alimentazione del BUS viene rigenerata dall’alimentatore collegato al morsetto POWER, al quale va collegata una
batteria tampone.
Un cortocircuito a valle della scheda di espansione fa saltare il fusibile di protezione F1, e non va ad influire sul
funzionamento della centrale. I dispositivi a valle della scheda prelevano corrente dall’alimentatore, non dalla centrale.
23
5.6
SCHEDA INGRESSI – USCITE EN/44
Ogni scheda di espansione EN/44 (se ne possono collegare 4) permette di aumentare il numero degli ingressi digitali (4)
e delle uscite a relè (4). Questi ingressi e uscite relè possono essere configurati a piacere, come quelli presenti sulla
centrale AN/40. Di fabbrica gli ingressi hanno funzione “Speciale” e le uscite funzione “Sirena esterna” (polarità invertita).
È possibile utilizzare le uscite relè come “scambi puliti” NO-NC, o come uscite alimentate, inserendo i ponticelli vicini al
relè corrispondente (R1, R2, R3, R4). Di fabbrica i ponticelli sono inseriti, quindi le uscite sono alimentate.
Nel caso si usino le uscite alimentate, per ogni uscita la corrente massima disponibile è 200 mA .
Se è presente l’alimentatore esterno, la corrente disponibile sarà quella massima sostenibile dal relè (1A a 13,8Vdc) e
dall’alimentatore collegato.
La scheda dispone inoltre di:
- un morsetto per collegare un alimentatore esterno (POWER), max 3A, nel caso la tensione del bus non
sia sufficiente.
- un’uscita a 13,8V, derivata dall’eventuale alimentatore esterno (+E, -E).
- Connettori per controllo batteria (CTR) e sonda di temperatura NTC (al momento non disponibile)
- Connettore per modulo step-up (S-UP), che permette di alzare la tensione di uscita, nel caso in cui la
tensione del bus sia bassa, a causa della caduta sui cavi
- Fusibili di protezione per le uscite relè
Le prime due schede possono essere istallate in centrale, sulle apposite guide. Le altre 2 schede possono essere portate a
distanza e posizionate all’interno di scatole di derivazione o quadri elettrici.
Per quanto riguarda le modalità di collegamento al BUS, all’alimentatore esterno e le segnalazioni dei LED, sono identiche
a quelle dell’espansione EN/8, mostrate nella pagina precedente.
Il fusibile F1 (6,3A) protegge dal cortocircuito la tensione in uscita da –E +E, per l’alimentazione dei
dispositivi a valle dell’espansione. Il fusibile F2 protegge dal cortocircuito la tensione in uscita +U-U.
Il ponticello vicino il connettore S-UP, normalmente và posizionato dalla parte del fusibile F1. Se si utilizza lo step-up
(opzionale), posizionare il ponticello dalla parte dei relè.
24
5.7
SIRENA RZ/32
Fig. 19. Dimensioni della sirena RZ/32
Fig.20. Nel caso il sistema antistrappo non aderisca perfettamente al muro, regolarne l’altezza agendo sull’apposita vite
DATI TECNICI RZ/32:
Alimentazione da centrale:……… 11÷14V dc
Batteria :…………………………………12V 1,3Ah
Consumo a riposo:………………………… 40mA
Consumo in allarme: ………………………..1,9A
Livello sonoro: ………………………………[email protected]
Lampada ad innesto:…………………………..12V 10W
Temperatura di funzionamento:…..-20°C ÷ +75°C
Dimensioni:…………………………186 x 306 x 83 mm
Peso:………………………………..1,5Kg senza batteria
25
5.8
SIRENA SERIALE RZ/12 (solo con AN/40 versione fw S025-45 o successive)
La sirena RZ/12 va collegata sul BUS della centrale, in parallelo agli altri dispositivi (tastiere, attivatori, ecc.), si consiglia
comunque di dedicare un ramo del bus solo alla sirena.
Per quantificare il consumo della sirena, che dipende dalla lunghezza della tratta del BUS, vedere la seguente tabella.
La sirena seriale RZ/12 non va collegata con più di 200m di cavo sezione 0,5mm (o 400m di cavo sezione 1mm).
Dati relativi al collegamento diretto tra una centrale AN/40 una sirena RZ/12, in base alla
distanza
Consumo in stand-by
Consumo massimo
Distanza dalla
(led spenti, batteria carica)
(led accesi, batteria scarica)
centrale
Consumo
Tensione sui morsetti
Consumo
Tensione sui morsetti
della sirena
della sirena
<25m
~ 50mA
~ 13,5V
Max 400mA
~ 13,5V
100m
~ 60mA
~ 13,25V
Max 550mA
10 ÷11V
200m
~ 70mA
~ 13V
Max 750mA
9 ÷10V
In caso di allarme, la sirena preleva la corrente esclusivamente dalla sua batteria.
È possibile collegare questa sirena solo su centrali AN/40 con versione Firmware S025-45 o successive.
Questa sirena effettua un controllo della tensione della sua batteria e in caso di scarsa tensione di alimentazione (dovuta
a lunghe tratte dei cavi) regola la tensione in modo da garantire la ricarica ottimale della batteria. Per questo motivo, è
possibile trovare sui morsetti del bus della sirena una tensione inferiore a 13,8V. Nel caso in cui (a causa del carico
troppo elevato o i cavi troppo lunghi) la sirena non ce la faccia a caricare la batteria, verrà segnalato un guasto.
Sui morsetti della sirena, è possibile trovare una tensione inferiore a 10V, dovuta alla caduta sul carico: la sirena funziona
fino a 8 V e provvede ad innalzare la tensione per la carica della batteria.
È possibile scegliere tra 8 suoni diversi e differenziare il suono a seconda del tipo di evento, e abbinare delle funzioni ai 3
led colorati presenti sulla scheda (oltre ai led per il flash).
Di fabbrica i led sono programmati in questo modo:
- led verde indica l’impianto acceso,
- il blu è abbinato alla funzione Speciale
- il rosso indica la memoria di allarme
I led lampeggiano alternativamente, per indicare le varie informazioni.
Durante l’allarme o comunque durante il lampeggio del flash giallo, i led non di accendono.
Per disattivare le segnalazioni dei led, andare sul menù Dispositivi -> Sirena seriale -> LD1: led verde e tenere premuto
OK per qualche secondo: verrà proposto di disabilitare il led, quindi premere OK.
Per la configurazione della sirena, leggere il paragrafo 7.10.7
Nella procedura di ricerca dei dispositivi, assicurarsi che la sirena sia alimentata e che la sua batteria sia collegata.
Installazione:
- Collegare la sirena al BUS della
centrale AN/40
- Impostare l’indirizzo BUS con
i dip switch
- Collegare la batteria (attenzione alla polarità)
- Chiudere il coperchio.
- Dare alimentazione all’impianto
ed effettuare la registrazione
dei dispositivi
Fusibile F1: 2A. Protegge da inversione batteria
26
5.9 CONFIGURAZIONE DEI DIP-SWITCH
Su tastiere, attivatori, lettori di tessere ed espansioni è necessario impostare i dip-switch per assegnare l’indirizzo ad ogni
dispositivo. Di seguito si riportano le codifiche da utilizzare.
Nota: a livello di codifica dei DIP, c’è il gruppo di tutte le tastiere, il gruppo degli attivatori, il gruppo delle espansioni linee
e il gruppo dei moduli I/O.
Tastiere
TN/1,TN/2,
TN/3
N°1
N°2
N°3
N°4
N°5
N°6
N°7
N°8
N°1
N°2
N°3
N°4
N°5
N°6
N°7
N°8
N°9
N°10
N°11
N°12
N°13
N°14
N°15
N°16
Espansioni
EN/8
N°1
N°2
N°3
N°4
---
---
---
---
---
---
---
---
Moduli I/O
EN/44
N°1
N°2
N°3
N°4
N°5
N°6
N°7
N°8
Sirene seriali
RZ/12
N°1
N°2
N°3
N°4
---
---
---
---
---
---
---
---
Attivatori TN
e lettori TE
Tutte le tastiere (TN/1, TN/2, TN/3) vanno codificate con un’unica sequenza.
Tutte gli attivatori e i lettori (TN/xx e TE/xx) vanno codificati con un’unica sequenza.
Dispositivi collegabili alla centrale AN/40:
-
n°
n°
n°
n°
n°
8 tastiere tra TN/1 , TN/2 e TN/3
16 tra attivatori a chiave e attivatori a sfioramento
4 espansioni EN/8
4 Moduli I/O EN/44
4 Sirene seriali RZ/12
I dispositivi devono avere una codifica dei dip-switch crescente. Non devono
esserci “buchi” tra i codici.
27
6
MENÙ
Riportiamo per comodità un riassunto dei menù Istallatore, Amministratore e Utente.
Nel menù Istallatore, le parti in grigio appaiono solo nel “Menù Avanzato” (si attiva premendo OK su questa voce)
MENÙ ISTALLATORE (Codice Istallatore + OK)
Programmazione ▼
Centrale
Tastiere LCD
Dispositivi
X
X Configurazione della centrale
X Configurazione della tastiera
Espansioni Linee X Configurazione della espansione linee
Impostazione particolari
di
ingressi digitali, uscite Open
Collector
e
gestione
alimentazioni solo su Menù
Avanzato
Cerca dispositivi … Avvia la ricerca di nuovi dispositivi
Risorse
Linee
Linee per zona
Antisabotaggio
X
Ingressi digitali
Uscite
Batterie
X
X
X
X
X
X
Mostra
Mostra
Mostra
Mostra
Mostra
Mostra
Definizione zone
01: Zona 1
02: Zona 2
X 03: Zona 3
04: Zona 4
XX:Zona X
X
X
X
X
X
Per ogni zona permette di:
- dare un nome alla zona,
- abbinare linee ad una zona,
- verificare lo stato libero o impegnato della zona
Configura
programmi
X Permette di:
A: Totale
B: Programma B X - dare un nome a ciascun
X C: Programma C X Programma
- associare le zone a ciascun
X
Programma …
Programma
Tempi principali
X
Permette di impostare i valori dei tempi
Gli altri tempi sono sul Menù Avanzato
principali: ingresso, uscita, allarme
X
Permette di configurare ciascun evento: registrazioni nello storico e nella memoria eventi,
attivazione delle uscite, condizioni e tempi di attivazione. Solo Menù Avanzato
Configura eventi
X Funzionamento
Impostazioni
X
Programmaz. oraria
Abilita impianto 2
√ Menù Avanzato
Eventi
Comandi
28
Mostra in
standby
elenco
elenco
elenco
elenco
elenco
elenco
di tutte le linee
delle linee divise per zona
di tutti gli antisabotaggio
di tutti gli ingressi digitali
di tutte le uscite Open Collector
di tutte le batterie
Configurazioni particolari di ciascun
Programma solo su Menù Avanzato
Accensione impianto
All'accesso…
Al comando…
X
Funzioni rapide
Altri parametri
Silenzio notturno
X
X
X
X
X
X
Scelta delle modalità di accensione
Comportamento dell’impianto all’accesso
Impostazioni varie
Abilitazione funzioni rapide dei tasti
Tempo editor e tempo standby
Disabilita le sirene in certi orari
Tastiere LCD
X Tastiere a LED
Attivatori/Lettori
X Permette di far vedere o no le informazioni
X su ciascun tipo di dispositivo (stato impianto,
X allarmi, guasti ecc.).
X Imp. Data/ora
X Impostazione di data e ora. Scelta per ora legale
X Lingua: Italiano
X Impostazione della lingua (Italiano / English)
X Gestione dei programmi orari. Solo Menù Avanzato
Permette di abilitare la creazione di un secondo impianto indipendente utilizzando un’unica
centrale. Solo Menù Avanzato
Se presente il check, è visibile il Menù avanzato che permette configurazioni particolari
Memorie evento X Visione delle memorie evento dell’ultima sessione, se presenti.
X Storico eventi
X Visione dello storico eventi completo
Canc. memorie X Cancellazione memorie ultima sessione, se presenti.
X Gestione delle eventuali uscite comandabili direttamente a menù
MENÙ AMMINISTRATORE (Codice Amministratore + OK)
Gestione profili ▼
Nome: Profilo x
Associa Impianto 1
Accesso: sempre
… Premendo OK si cambia il nome del profilo
X Si sceglie quale impianto gestisce il profilo (se attivo multiimpianto)
Accesso abilitato sempre o ad Orario
Inserire Programmi..
ON Programma A
X ON Programma B
ON Programma ..
OFF Programma A
Spegnere Programmi X OFF Programma B
OFF Programma …
Profilo x
√ Può inserire il Programma A
√ Può inserire il Programma B
√ Può inserire il Programma C
√ Può spegnere il Programma A
√ Può spegnere il Programma …
Parzializzare prog.
Permette di effettuare parzializzazioni
Escl. linee: modifica modifica/non visualizza/visualizza le esclusioni di linee
Z Escl. zone: modifica modifica/non visualizza/visualizza le esclusioni di zone (solo AN/40)
√ Permette di visualizzare le memorie
Memorie evento
modifica/non visualizza/visualizza lo storico
Storico: modifica
√ Se presenti, mostra i comandi a menù
Menù comandi
√ Mostra il menù impostazioni utente
Impostazioni utente
√ Può effettuare stop allarmi
STOP
Reset memorie even. √ Può effettuare reset memorie
√ Inibisce i sabotaggi: è possibile aprire i coperchi dei dispositivi
Inibire sabot./24H
√ Permette di effettuare test impianto (linee, ingressi, uscite)
Test impianto
Gestione orari
Permette di gestire i programmi orari
Reimposta default
Permette di reimpostare i valori di fabbrica
Reset profilo
Come Imposta default, ma elimina anche associazione con utenti
Reset completo
Come reset profilo, ma elimina chiavi e utenti
Nuovo utente
001: Utente 001
002: Utente 002
Gestione utenti X XXX: Utente XXX
Cancella tutti
… Crea un nuovo utente
Nome:
Utente 1 … Per dare il nome all’utente
X Per scegliere il profilo di questo utente
Profilo x Imp.1: 1
X Resetta i codici utente
X Codici utente
X Registra o elimina chiavi
Chiavi utente
X Cancella il singolo utente
Cancella utente
… Cancella tutti gli utenti
Accesso: standard standard/utente 1
X Codice: ******
… Per modificare il codice Amministratore
Reimposta default … Per reimpostare il codice di fabbrica
Z OK per abilitare o disab., X per inserire codice
Accessi speciali X
√ Codice
X
Istallatore
Reimposta Default … Per reimpostare il codice di fabbrica
√ cod. Z OK per abilitare o disab., X per inserire codice
Vigilanza
X
X
1: Impianto 1
Panico
Reimp. … Per reimpostare il codice di fabbrica
Data g/m/a:01/12/11 ... Premere Ok per modificare la data
Ora hh:mm: 10:24 … Premere Ok per modificare l’ora
Impostaz.
X
Data/ora
* Ora solare
Indica se è in vigore l’ora legale o solare (in base alla data impostata)
V Passaggio autom.
… Scegliere se si vuole il passaggio automatico da legale a solare
Amministratore
29
MENÙ UTENTE (Codice Utente + OK)
Principale Utente ▼
Accendi impianto
A:Totale
…
Premendo OK si inserisce il Programma scelto.
X B:Programma B …
Se l’impianto è già acceso, apparirà “Spegni impianto”.
C:Programma C …
Escludi linee
Mostra tutte
A:Totale
X
B:Programma B
C:Programma C
…
…
…
…
Premendo OK appare il sinottico con le linee disponibili (tutte o solo
quelle di un Programma). Per escluderle spostarsi con le frecce e
premere OK quando è selezionata quella che si vuole escludere: appare
una “E”.
Escludi zone
Mostra tutte
A:Totale
X
B:Programma B
C:Programma C
…
…
…
…
Premendo OK appare il sinottico con le zone disponibili (tutte o solo
quelle di un Programma). Per escluderle spostarsi con le frecce e
premere OK quando è selezionata quella che si vuole escludere: appare
una “E”.
Parzializza
Esegui selezione
A:Totale
X
B:Programma B
C:Programma C
…
…
…
…
Solo con funzionamento Multiutente e Multiprofilo.
Scelgo come parzializzare il Programma in corso. Se è in corso il
Programma A e lo parzializzo con B, vengono escluse le linee comuni
ad entrambi i Programmi.
STOP
X Effettua lo STOP di allarme, sirene ecc.
Appaiono gli eventi che sono accaduti nell’ultima sessione o che
comunque non sono stati cancellati.
X Memorie evento X
Mostra il numero dell’evento, data e ora, il tipo di evento, lo stato (in
corso o memoria) e i dettagli.
Eventi
Occupazione
X Canc. memorie
X Mostra l’occupazione % della memoria
Mostra la lista di tutti gli eventi, in ordine
X
Lista completa
cronologico.
X
Mostra la lista degli eventi divisi per tipo
X (Allarmi, accessi, guasti ecc.). È possibile
Tipo evento x
cancellare tutti gli eventi di un certo tipo.
X Cancella tutto lo storico
Cancella storico
… Premendo OK si cancellano le memorie in corso
Emergenza
Panico
Incendio
Speciale
X
Sirene
…
…
…
…
…
X Storico eventi
Comandi
xxx: Uscita x
Impostazioni Utente X Test Impianto
Codici utente
Impostazioni
Data/ora
Programmazion
e oraria
Gestione profili
Gestione utenti
Accessi speciali
Genera l’evento Emergenza
Genera l’evento Panico
Genera l’evento Incendio
Genera l’evento Speciale
Attiva le sirene
Gestione dell’uscita X, se è stato abilitato il comando per l’utente
X
(Disabilita, attiva, attiva 2”)
Permette di verificare la situazione dell’impianto (linee, ingressi, uscite,
batteria) e di attivare manualmente le uscite.
Permette di modificare i codici (Accesso, Silenzioso, Emergenza)
Permette di impostare data e ora.
Se abilitato, l’utente può gestire i Programmi orari impostati
dall’Istallatore.
X
X Menù che appare solo se l’utente è abilitato anche come Amministratore
X
NOTA: Alcune voci del menù, che appaiono in grigio, possono essere nascoste, in base alle proprietà del
profilo a cui l’utente è associato.
30
7
CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE CON TASTIERA TN/1
Dopo aver eseguito:
- l’istallazione dei vari dispositivi,
- i collegamenti come da schema,
- l’impostazione dei Dip-switch di ogni dispositivo secondo quanto descritto nei capitoli precedenti,
procedere con la programmazione vera e propria della centrale.
7.1 ACCESSO AI MENÙ DELLA TASTIERA TN/1
Il menù della tastiera TN/1 è di tipo intuitivo e molto simile a quello di un moderno telefono cellulare.
e .
Dopo aver digitato il codice (Utente, Istallatore o Amministratore) si “naviga” nel menù mediante le frecce
Quando il cursore evidenzia la voce del menù che interessa, è possibile selezionarla premendo OK (ad esempio se si deve
scegliere il Programma da inserire o mettere un √ su alcune voci di una lista) oppure entrare nel sottomenù
corrispondente premendo la freccia .
Premendo il tasto ESC o la freccia si ritorna al livello superiore del menù.
Se nel menù, accanto ad una voce, appare una freccia nera piena
significa che premendo la freccia (o OK) si entra nel
sottomenù.
Se nel menù, accanto ad una voce, appare una freccia nera vuota Z significa che premendo la freccia si entra nel
sottomenù, mentre premendo a lungo OK si attiva o disattiva quella voce (ad esempio una linea, un ingresso ecc.)
Premendo OK su “Menù avanzato” si accede a funzioni aggiuntive, che verranno trattate nel capitolo 11.
Per uscire dal Menù : tenere premuto ESC per 2 secondi o premere
+ ESC
I codici di fabbrica per l’accesso alla centrale sono tre:
•
•
•
Codice Utente: permette di utilizzare l’impianto, cioè accendere, spegnere, controllare lo storico eventi,
escludere delle linee. Ci possono essere vari tipi di utente, con codici diversi, che possono fare operazioni diverse.
Codice Istallatore: permette di configurare tutto l’impianto, tranne i profili, gli utenti e i codici.
Codice Amministratore: permette di creare, modificare o cancellare i profili, gli utenti, le chiavi e tutti i codici.
È possibile fare in modo che un utente sia anche Amministratore e veda il relativo menù. (*)
Per avere un livello di sicurezza elevato, è necessario effettuare le seguenti operazioni:
1) inizialmente i codici Istallatore, Amministratore e utente sono impostati ad un valore di fabbrica:
- Codice Istallatore : 12345
- Codice Amministratore : 99999
- Codice Utente 1 (di tipo Principale) : 1111
2) inizialmente, l’Istallatore utilizza il codice Istallatore per configurare l’impianto e il codice Amministratore per
configurare i profili e gli utenti .
3) al termine della configurazione l’Istallatore consegna al proprietario dell’impianto i 3 codici di fabbrica: Istallatore,
Amministratore e utente .
4) il proprietario dell’impianto è tenuto a modificare subito i codici Utente e Amministratore, ed eventualmente anche il
codice Istallatore. In questo modo è sicuro che nessuno può accedere all’impianto tranne lui.
Nota : i CODICI possono essere composti da 4 a 6 numeri.
(*) per fare in modo che un utente sia amministratore (e quindi possa vedere il relativo menù):
- Digitare codice amministratore
- scegliere “accessi Speciali” -> “Amministratore”
- Appare “accesso: standard” : premere OK per passare a Utente 1
- Al posto si “Speciale” apparirà “Utente 1”
- uscire dal menù.
IMPORTANTE: Anche negli impianti senza tastiere, modificare comunque i codici di fabbrica di Istallatore,
Amministratore e Utente
31
7.2 ALIMENTARE LA CENTRALE
Alimentare la centrale collegando la rete 230V e quindi la batteria tampone sui cavi con faston che escono
dall’alimentatore. Alla prima alimentazione, il coperchio deve essere aperto, l’antisabotaggio viene ignorato, per
permettere la configurazione del sistema. Lasciare il coperchio aperto almeno fino ala fine della registrazione dei
dispositivi
La centrale è operativa quando si accende il led verde OK presente sul circuito, dopo circa 10 secondi
dall’alimentazione.
In alcune versioni Firmware della centrale, alla prima alimentazione con il coperchio aperto, può accendersi il led giallo A
al posto di quello verde.
Nel caso si voglia alimentare momentaneamente la centrale solo da batteria, dopo averla collegata è necessario
premere il pulsante START (sul circuito della centrale in alto a destra, vicino al connettore che va all’alimentatore),
Durante questi 10”, le uscite normalmente eccitate rimangono spente, quindi eventuali sirene interne collegate al
morsetto SI potrebbero suonare. Lo stesso vale per le uscite normalmente eccitate (cioè con funzione Sirena ext., Allarme
e Combinatore) dei moduli ingressi/uscite EN/44 .
Per questo motivo, in fase di istallazione, è preferibile collegare le sirene ad impianto già avviato.
7.3 APPRENDIMENTO DEI DISPOSITIVI COLLEGATI – Il coperchio deve essere aperto
- Digitare il Codice Istallatore (di fabbrica 12345) e premere OK.
- Selezionare “Programmazione”
- Scegliere “Dispositivi” e quindi “Cerca Dispositivi”: a questo punto la centrale effettua una scansione di tutti i
dispositivi collegati al BUS: se gli indirizzi configurati con i DIP-SWITCH sono esatti, verrà eseguito l’apprendimento
automatico dei dispositivi (tastiere LCD, Tastiere LED, Espansioni, Attivatori e Lettori di tessere, Sirena seriale).
Per ogni dispositivo trovato, la tastiera mostrerà ad esempio “Registrare Nuovo Dispositivo – Attivatore a chiave 01” : premere OK per confermare.
Alla fine della Ricerca, apparirà la lista di tutti i dispositivi trovati e registrati, raggruppati per tipo: se sono presenti tutti
gli apparecchi istallati, significa che i collegamenti e le impostazioni dei DIP-SWITCH sono corretti.
Alla fine della Ricerca dei dispositivi, uscire dal menù e poi rientrare per continuare con la programmazione: tenere
premuto ESC per 2 secondi o premere
+ ESC
Se l’apprendimento dei sensori è andato a buon fine e si è terminato di effettuare i collegamenti, chiudere il coperchio
della centrale fissando le viti.
NOTA 1:
La ricerca dei dispositivi deve essere fatta con il coperchio aperto.
Se viene chiuso il coperchio della centrale e la tastiera non è stata registrata, questa
smetterà di funzionare dopo 1 minuto. Sarà necessario togliere e ridare
alimentazione, con il coperchio aperto.
NOTA 2 : Tutte le impostazioni che vengono fatte durante la programmazione hanno effetto
solo dopo essere usciti dal menù
NOTA 3 : Durante l’accesso come Istallatore i guasti, i sabotaggi e gli allarmi non vengono
generati. Riprendono a funzionare dopo 1 minuto dall’uscita dal menù Istallatore, e
comunque quando il coperchio della centrale è chiuso.
NOTA 4 : I dispositivi devono avere una codifica dei dip-switch crescente. Non devono esserci
“buchi” tra i codici.
Nota 5:
Se l’istallatore utilizza la sua tastiera per programmare e poi la toglie, non deve
registrarla: durante la ricerca dispositivi, quando apparirà “registrare nuovo
dispositivo: Tastiera LCD -1” deve premere ESC.
Nota 6: i dispositivi registrati hanno già una configurazione di fabbrica, quella utilizzata più
frequentemente. Nei capitoli successivi verrà descritto come cambiarla.
Nota 7:
32
se sono presenti delle sirene seriali RZ/12, su queste va collegato il cavo del bus, la
batteria tampone e va chiuso il coperchio, prima di dare alimentazione e prima della
ricerca dei dispositivi.
7.4 CONFIGURAZIONE DI FABBRICA
La centrale esce dalla fabbrica con una configurazione preimpostata, che viene qui riportata per comodità:
Linee in centrale
Linea 1
Linea 2
Linea 3
Linea 4
Linea 5
Linea 6
Linea 7
Linea 8
Linee 9…40
Mnemonico
LF1
LF2
LF3
LF4
LF5
LF6
LF7
LF8
LF9…LF40
Ingressi/Uscite
Ingresso digitale
ID1
Ingresso digitale
ID2
Ingresso digitale
ID3
Mnemonico
ID1
Uscita Relè UR01
(Uscita 1)
UR1
Uscita PP UP01
(Uscita 2)
Uscita Open
Collector U1
(Uscita 3)
Uscita Open
Collector U2
(Uscita 4)
Uscita Open
Collector U3
(Uscita 5)
Terminazione
NC
NC
NC
NC
NC
NC
NC
NC
NC
Funzione
Ritardata
Istantanea
Istantanea
Istantanea
Istantanea
Istantanea
Istantanea
Istantanea
Istantanea
Zona associata
Zona 1
Zona 2
Zona 3
Zona 4
Zona 5
Zona 6
Zona 7
Zona 8
Zona 9..40
Morsetti
Funzione
2/1
ANTISABOTAGGIO
ID2
3/1
ID3
4/1
ON-OFF
Programma A
ON-OFF
Programma B
Programmi associati
A = Totale
Descrizione
Terminazione NC, attivo anche ad impianto
spento.
Impulsivo, ogni volta che viene messo a
massa, accende o spegne il Programma A.
Impulsivo, ogni volta che viene messo a
massa, accende o spegne il Programma B.
Agisce su uscite NA-C-NO e SE-SI.
Normalmente è su NA e su SE ci sono
13,8V. In caso di evento “sirene esterne”,
NC si apre e i 13,8V passano da SE a SI.
Normalmente a +13,8V. Quando si genera
l’evento “Combinatore” viene a mancare
questa tensione per 5 s.
35/41 (SI/-)
36/41 (SE/-)
37/38 (NO/COM)
39/38 (NC/COM)
Sirena esterna
UP1
30/29
Combinatore
esterno
UO1
31/29
Stato impianto
Quando l’impianto acceso (qualsiasi
Programma inserito) si attiva e va a massa
UO2
32/29
Cumulativo linee
Programma A
Quando c’è almeno una linea impegnata
del Programma A, va a massa
UO3
33/29
Mancanza rete
In caso di mancanza rete si attiva e va a
massa, dopo il tempo di Mancanza rete
Profili
Profilo 1 - Principale
Utenti
Utente 001
Codice 1111
Tempo
Allarme
Ingresso
Uscita
Proprietà
Controllo completo dell’impianto
Valore di fabbrica
2’
20”
20”
Tempo di segnalazione mancanza rete : 10 minuti (modificabile su Dispositivi -> Centrale -> Tempo man. Rete. ).
Nota: a causa della carica di alcuni condensatori, il tempo di segnalazione della mancanza rete può subire un ritardo
fino a circa 30 secondi.
Eventi registrati nello storico: Allarmi, Guasti, Mancanza rete, Batteria scarica.
Eventi con memoria: Allarmi, Guasti
SE LA CONFIGURAZIONE DI FABBRICA FA AL CASO VOSTRO, NON DOVRETE
PROGRAMMAZIONI, TRANNE L’EVENTUALE AGGIUNTA DI CHIAVI PER L’UTENTE.
FARE
ALTRE
SE AVETE BISOGNO DI MODIFICARE ALCUNI PARAMETRI, PROSEGUITE CON I PUNTI SEGUENTI DELLE
ISTRUZIONI.
33
7.5 CONFIGURARE LE LINEE
Per modificare la configurazione di fabbrica delle linee (mostrata nel capitolo 6.3) :
•
•
•
•
•
digitare il codice Istallatore e premere OK
selezionare “Programmazione”
selezionare la voce “Dispositivi”
selezionare “Centrale” oppure “Esp. 8 linee” (a seconda di quali linee si devono configurare: apparirà
l’elenco delle linee disponibili, a partire da LF1 (linea a filo 1).
per configurare le proprietà
Posizionarsi con il cursore sopra la linea desiderata: premere la freccia a destra
della linea (tenendo premuto OK per 2 secondi viene disattivata la linea scelta):
o
NOME:
Permette di dare un nome alla linea: ad. es. Ingresso, Camera, Cucina ecc.
o
STATO:
Indica se la linea è libera o impegnata
o
FUNZIONE:
Premendo OK si assegna la funzione alla linea:
-
o
TERMINAZIONE:
Istantanea
Ritardata
24H
Tecnico
Speciale
Percorso
premendo OK si assegna la terminazione alla linea:
- NC (normalmente chiusa)
- NO (normalmente aperta)
- BIL (bilanciata),
- 2BIL (doppio bilanciamento),
- TAPP (cordicella tapparelle) *,
- VIB (vibrazione)
*Impostando TAPP, la linea aperta viene vista come SABOTAGGIO, anche a impianto spento. Alcuni tipi di contatti per
tapparella, possono, in alcune posizioni della cordicella, tenere la linea sempre aperta, generando allarmi sabotaggio
anche ad impianto spento. In questa situazione programmare la linea come VIB.
o
CAMPANELLO:
ad impianto acceso si comporta come una normale linea di allarme, ad impianto
spento, quando viene allarmata attiva per un certo tempo (impostabile sull’uscita)
un’uscita configurata come “Campanello”
o
VIGILANZA
una linea con attributo “Vigilanza” viene esclusa durante il tempo di vigilanza.
o
CONFIGURAZIONI: permette di personalizzare la configurazione della linea. Per linee NA e NC si può
impostare il Filtro. Per linee BIL e 2 BIL Filtro e sensibilità. Nel caso si utilizzino
sensori a vibrazione o a cordicella, si può impostare n° impulsi e tempo impulsi,
per abbassare la sensibilità in caso di falsi allarmi.
Filtro: si regola il tempo minimo di impegno linea perché questo venga segnalato.
Sensibilità: da 0 a 10, aumentando questo valore aumenta la sensibilità.
Per DISABILITARE una linea:
Se posizionandosi con il cursore sopra ad una linea, si tiene premuto il tasto OK per 2 secondi, questa linea verrà
DISABILITATA e non darà più nessun tipo di segnalazione. Premendo nuovamente OK per 2 secondi la linea verrà
riabilitata, ma con la configurazione ed il nome di fabbrica.
Si consiglia la disattivazione delle linee solo nel caso in cui ci siano guasti seri o situazioni particolari.
Altre configurazioni della linea sono disponibili sul “Menù Avanzato”.
34
7.6 INGRESSI DIGITALI e USCITE
Per modificare la configurazione di fabbrica degli ingressi e delle uscite:
-
digitare codice Istallatore
selezionare “Programmazione”
selezionare “Dispositivi” -> “Centrale” (oppure un modulo I/O ): premendo la freccia
varie voci. Dopo l’elenco delle linee, appariranno anche gli ingressi digitali e le uscite:
-
si scorrono le
ID1…ID3: ingresso digitale n°1..3
UR1: Uscita relè (Uscite relè SE, SI, NC, C, NA)
UP1: Uscita presenza positivo
UO1…UO3: Uscita Open Collector U1..U3
Selezionando un INGRESSO DIGITALE, ad esempio ID1, e premendo la freccia
, si entra nel sottomenù relativo.
È possibile dare un nome all’ingresso, verificare il suo stato e abbinargli una funzione: una volta scelta la funzione, questa
verrà configurata automaticamente, in modo da poter essere utilizzata nella maggior parte delle situazioni
•
Nome: -> è possibile dare un nome all’ingresso
•
Stato : -> fa vedere in tempo reale se l’ingresso è attivo (impegnato) o non attivo (non imp.)
•
Funzione: -> appare l’elenco delle funzioni assegnabili all’ingresso:
-
•
ON/OFF Programma A (B, C, …)
Accendi Programma A (B, C, …)
Spegni impianto
Sabotaggio: genera un evento di tipo Sabotaggio
Guasto:
genera un evento di tipo Guasto
Tecnico:
genera un evento di tipo Tecnico
Speciale:
genera un evento di tipo Speciale
Panico:
genera un evento di tipo Panico
Silenzioso:
genera un evento di tipo Silenzioso
Emergenza: genera un evento di tipo Emergenza
Terminazione: sceglie (premendo OK) tra:
-
NC (attivo quando non collegato da massa),
NO (attivo quando collegato a massa),
IMP- (si attiva con impulso: massa-aperto-massa)
IMP+ (si attiva con impulso: aperto - massa - aperto)
L’attivazione di un ingresso digitale determina il verificarsi della funzione che gli è stata assegnata.
Esempio di configurazione.
Ingresso con funzione “ON/OFF Programma A”, terminazione IMP+:
per accendere o spegnere il Programma A basta dare un breve impulso verso massa al morsetto dell’ingresso scelto.
Per effettuare delle configurazioni particolari, vedere la sezione Menù Avanzato -> Ingressi e Uscite
35
Selezionando un USCITA (UR1, UP1, UO1 ecc.), ad esempio UO1, e premendo
, si entra nel menù relativo.
È possibile dare un nome all’Uscita, verificare il suo stato e abbinargli una funzione: una volta scelta la funzione, questa
verrà configurata automaticamente, in modo da poter essere utilizzata nella maggior parte delle situazioni.
•
•
•
•
•
•
Nome: -> permette di dare un nome all’uscita
Stato: -> mostra in tempo reale se l’uscita è attiva o non attiva
Funzione: -> elenco delle funzioni assegnabili all’uscita, cioè gli eventi che la fanno attivare.
Selezionarle e premere OK.
- Qualsiasi allarme
- Allarme intrusione
- Sirena Esterna
- Allarme 24H
- Allarme programma X
- Allarme linea X
- Stato impianto
- Programma attivo X
- STOP Combinatore: l’uscita si attiva per 3” in caso di accesso (chiave o codice) per
resettare un combinatore telefonico
- Ecc..
Configurazioni:
- polarità (normale o invertita)
- Modo (impulsivo, bistabile o sempre attiva)
- Attivazione (tempo a scelta. Con AUTO usa il tempo già preconfigurato per quel tipo di
funzione). Altri parametri sono presenti su “Menù Avanzato”.
Condizioni: sono già impostate di fabbrica, in base alla funzione scelta, per vederle e
modificarle vedi “Menù Avanzato”
Comandi uscita: permette di disabilitare l’uscita, attivarla manualmente o attivarla per 2”
L’uscita (sia relè che Open collector) si attiva quanto si verifica un evento uguale alla funzione che gli è stata assegnata.
Esempi di configurazione.
Uscita relè con funzione “Sirena esterna”, polarità invertita, modo impulsivo e tempo di attivazione AUTO:
quando si verifica un evento che fa attivare le sirene esterne (ad esempio un allarme), questa uscita (normalmente
attiva), si diseccita e rimane così per il tempo AUTO, che in questo caso corrisponde al tempo di allarme.
Uscita Open collector con funzione “Mancanza rete”, polarità normale, tempo di attivazione 0”:
quando manca la corrente, dopo il “tempo di Mancanza rete” questa uscita va a massa e ci rimane fino al ritorno
della rete.
Per effettuare delle configurazioni particolari, vedere la sezione Menù Avanzato -> Ingressi e Uscite
36
7.7
CONFIGURAZIONE DEI PROGRAMMI
Per utilizzare l’impianto è necessario abbinare le zone ai Programmi.
Di fabbrica, è già presente un Programma A, chiamato TOTALE, che comprende tutte le zone (e quindi tutte le linee).
Tenendo conto che si può inserire un solo programma alla volta, e che di fabbrica ad ogni linea è assegnata la zona
corrispondente (Linea 1 = Zona 1, Linea 2 = Zona 2, ecc.) un esempio di questa suddivisione è la seguente:
Programma
Programma
Programma
Programma
Programma
A “TOTALE”
B “NOTTURNO”
C “PRIMO PIANO”
D “VACANZA”
E ... H
Tutte le zone (=linee)
Tutte le zone (=linee) del perimetrale
Tutte le zone (=linee) del primo piano
Tutte le zone tranne …
Per definire i programmi (dal menù istallatore -> Programmazione):
- selezionare Configura Programmi, apparirà la lista di tutti i programmi utilizzabili
(A=Totale,B,C,D,E,F,G,H)
- selezionare ad esempio Programma B e premere OK
- selezionare la riga “nome” e premere OK: a questo punto si può dare il nome al
programma (ad esempio “Perimetrale o Notturno”) e premere OK
- selezionare “Associa zone” e premere : in questo modo si possono abbinare le zone
al programma, selezionandole e premendo OK (compare una √ accanto alla zona
selezionata). La selezione può essere fatta dall’elenco delle zone oppure entrando nel
Sinottico, e premendo OK sopra alla casella della zona interessate.
Si ricorda che di fabbrica, linee e zone sono la stessa cosa:
Linea 1=Zona 1, Linea 2= Zona 2, ecc.
Se si è nel “Menù avanzato” si potranno configurare altri parametri per ciascun programma.
Esempio di configurazione
con 3 Programmi
7.8 TEMPI PRINCIPALI
Sul Menù Istallatore selezionando “Tempi Principali” è possibile modificare i tempi di Allarme, Ingresso e Uscita.
Per modificare uno o più di questi tempi basta selezionare quello desiderato, premere OK e spostarsi con le frecce SU e
GIÙ fino ad ottenere il tempo voluto e premere OK
Di fabbrica i tempi sono così impostati:
Tempo
Valore di fabbrica
Valori impostabili
Allarme
2’
Da 1” a 10’
Ingresso
20”
Da 0 a 90”
Uscita
20”
Da 0 a 90”
Nota: il tempo di Mancanza Rete si trova su “Dispositivi” – “Centrale”, nelle ultime voci del menù.
Se si è nel “MENÙ AVANZATO” sarà possibile modificare i seguenti tempi: sabotaggio, guasto, panico, vigilanza,
silenzioso, batteria bassa, batteria scarica, tempo speciale, blocco, stand-by, editor e accecamento.
37
7.9 IMPOSTAZIONI
Nel “menù Istallatore” -> “Impostazioni” si possono modificare i seguenti parametri :
In grassetto le impostazioni di fabbrica, che possono andare bene per la maggior parte delle istallazioni
Funzionamento
•
Accensione impianto:
- Rapido senza codice:………………si accende velocemente premendo i tasti A,B,C,D
√ Rapido dopo accesso:………..dopo aver digitato il codice, si accende velocemente
premendo i tasti A,B,C,D
√ Reset memorie:.………………all’accensione resetta le memorie
- Esclusioni automatiche:…………..esclude automaticamente le linee impegnate, per la
sessione (cioè finché l’impianto non viene spento) o
fino al ripristino della linea.
Non applicabile a linee ritardate
√ Filtra linee ritardate: l’impegno delle linee ritardate in uscita non viene
mostrato nel cumulativo linee al momento dell’inserimento
•
All’accesso….
– Spegne impianto
- Esegue programma A (B, C, D …)
√ Esegue Stop:…………….digitando Codice Utente e OK si fermano gli allarmi
- Reset memorie
- max Accessi KO:……………numero massimo di tentativi di accesso non validi, dopo i
quali viene bloccato il dispositivo di comando (tastiera o
attivatore) per il tempo “tempo di blocco”. Valore di
fabbrica 10. Impostabile 1÷100,∞.
•
Al Comando
√OFF Impianto = Stop: al disinserimento dell’impianto vengono bloccati gli allarmi
- Esce dopo comando
•
Funzioni rapide
√ Panico
√ Emergenza
√ Incendio
√ Sirena
√ Speciale
•
Silenzio notturno:
è possibile fare in modo che sirene, combinatori e buzzer vengano esclusi ad orari
prefissati, ad esempio durante le ore notturne.
Mostra in standby : si imposta cosa far visualizzare dal display e dai led dei vari dispositivi
•
Tastiere LCD
•
•
Tastiere a LED
Attivatori/Lettori
- Display (stato imp., esclusione, icone, Logo/Testo*, memorie, eventi, tempo Display off)
- Led di stato (Stato imp., 24H/sabotaggio, guasto, speciale)
*Per mostrare un testo a display, scegliere “Testo”, e scrivere le 2 righe di testo
- stato imp., stato linee, esclusioni, 24H/sabotaggio, guasto, speciale, tempo Backlight off
- Stato imp., 24H/sabotaggio, guasto, speciale
Data/ora: regolazione della data e dell’ora, con la possibilità di scegliere il passaggio automatico tra ora solare e legale,
in base al fuso orario o manuale.
Lingua:
di base si può scegliere tra Italiano e Inglese, su richiesta anche altre lingue.
Effettuare il cambio lingua prima di programmare la centrale. Non verranno tradotti in lingua i nomi di linee,
programmi, utenti ecc.
Perché tutto il menù e i nomi siano in inglese, è necessario effettuare un reset di fabbrica e scegliere la
lingua inglese, come descritto nel capitolo 10.
Nota: per modificare facilmente il volume del buzzer, luminosità e contrasto del display e luminosità dei tasti,
(menù) e
: apparirà una schermata in cui si possono
senza entrare nel menù, basta premere insieme i tasti
e giù
si sceglie la proprietà, con le frecce destra
e sinistra
si
regolare queste proprietà. Con le frecce su
aumenta o diminuisce il valore.
38
7.10 DISPOSITIVI
Tutti i dispositivi che vengono registrati con la procedura “Cerca Dispositivi” hanno già una configurazione di fabbrica che
li rende perfettamente funzionanti.
Nel caso si vogliano personalizzare le funzioni, le visualizzazioni di questi apparecchi, seguire le seguenti istruzioni. Se
attivo il “menù avanzato”, saranno disponibili anche altre opzioni
7.10.1 CENTRALE
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Centrale, oltre a configurare linee, ingressi e uscite, è
possibile effettuare le seguenti impostazioni:
- Sabotaggio: togliendo il check √ , si esclude il sistema antisabotaggio della centrale.
- Guasto: togliendo il check √ si esclude la generazione di guasti della centrale.
- Batteria: mostra la tensione della batteria (se attivo il controllo della tensione)
- Rete 230V: indica se è presente la rete 230V
- Tempo man. rete: dopo la mancanza rete, la centrale aspetta questo tempo prima di attivare segnalazioni e uscite.
- Versione FW: mostra la versione del Firmware istallata in questa centrale
7.10.2 TASTIERE LCD
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Tastiere LCD -> Tastiera 001, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano ogni singola tastiera:
- Nome: Permette di dare un nome alla tastiera, che verrà visualizzato in caso di guasti, sabotaggi ecc.
- dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Sabotaggio: togliendo il check √ , si esclude il sistema antisabotaggio di questa tastiera.
- Guasto: togliendo il check √ si esclude la generazione di guasti da parte di questa tastiera.
- Mostra info: permette di far vedere o meno le informazioni sulla tastiera: stato impianto, guasti, ecc.
- Impostazioni buzzer: impostazioni varie (Volume, ….)
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
7.10.3 TASTIERE LED
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Tastiere LED -> Tastiera 001, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano ogni singola tastiera:
- Nome: Permette di dare un nome alla tastiera, che verrà visualizzato in caso di guasti, sabotaggi ecc.
- dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Sabotaggio: togliendo il check √ , si esclude il sistema antisabotaggio di questa tastiera.
- Guasto: togliendo il check √ si esclude la generazione di guasti da parte di questa tastiera.
- Mostra info: permette di far vedere o meno le informazioni sulla tastiera: stato impianto, guasti, ecc.
- Impostazioni buzzer: impostazioni varie (Volume, ….)
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
7.10.4 ATTIVATORI A CHIAVE e LETTORI DI TESSERE
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Lettori a transponder -> Attivatore a chiave 001 (o Attivatore
di prossimità), è possibile effettuare impostazioni che riguardano questo singolo attivatore:
- Nome: Permette di dare un nome all’attivatore, che verrà visualizzato in caso di guasti, blocco ecc.
- dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Programmi: Permette di scegliere quali Programmi può gestire questo attivatore
- Mostra stato: permette di far vedere o meno le informazioni sulla tastiera (stato impianto, guasti, ecc.)
- Toni comandi: abilita/disabilita il buzzer degli attivatori che indica l’avvenuto comando
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
7.10.5 ESPANSIONE 8 LINEE EN/8
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Exp. Linee -> 001: Exp.8 linee-01, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano questa espansione:
- Nome: Permette di dare un nome all’espansione, che verrà visualizzato in caso di guasti, blocco ecc.
- dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- LF1..L08: configurazione linee. La configurazione è identica di quella già fatta per le linee della centrale.
- ID1: configurazione ingresso digitale -> come per la centrale
- BT1: Batteria x: selezionare se è stato collegato all’espansione un alimentatore esterno e una batteria tampone.
39
- Guasto: mostra (se presente) il tipo di guasto. Premendo OK si abilita/disabilita la generazione di eventi di guasto
provenienti da questo dispositivo.
- Alimentazione ext: selezionare se all’espansione si collega un alimentatore esterno
- Rete 230V: indica la presenza della rete 230V
- Tensione BUS: tensione presente sul dispositivo
- Versione Fw: versione del firmware con cui è stato programmato l dispositivo
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
7.10.6 MODULO INGRESSI USCITE EN/44
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Moduli I/O seriali -> 001: Mod.I/O 8-01, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano questo modulo:
- Nome: Permette di dare un nome all’espansione, che verrà visualizzato in caso di guasti, blocco ecc.
- dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- ID1..ID08: configurazione ingresso digitale -> come per la centrale
- BT1: Batteria x: selezionare se è stato collegato all’espansione un alimentatore esterno e una batteria tampone.
- UR1..4: Configurazione uscite relè -> come per la centrale
- Guasto: mostra (se presente) il tipo di guasto. Premendo OK si abilita/disabilita la generazione di eventi di guasto
provenienti da questo dispositivo.
- Alimentazione ext: selezionare se all’espansione si collega un alimentazione esterna (vedi menù avanzato).
- Rete 230V: indica la presenza della rete 230V
- Tensione BUS: tensione presente sul dispositivo
- Versione Fw: versione del firmware con cui è stato programmato l dispositivo
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
NOTA: quando si esclude il sabotaggio di qualche apparecchio, uscire dal menù. Per evitare che la segnalazione di
guasto rimanga sui dispositivi, chiudere e aprire il sabotaggio in questione.
7.10.7 SIRENA SERIALE RZ/12
La sirena RZ/12 va collegata direttamente sul BUS della centrale, in parallelo agli altri dispositivi (tastiere, attivatori, ecc.)
Questa sirena effettua un controllo della tensione della sua batteria e in caso di scarsa tensione di alimentazione (dovuta
a lunghe tratte dei cavi) regola la tensione in modo da garantire la ricarica ottimale della batteria.
È possibile scegliere tra 8 suoni diversi, sia per la segnalazione di allarme che di guasto, e abbinare delle funzioni ai 3 led
colorati presenti sulla scheda (oltre ai led per il flash). È possibile infatti far accendere il led verde per indicare l’impianto
acceso, il rosso per la memoria di allarme e il blu per altre segnalazioni.
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Sirene BUS -> 001: Sirena ser.-01, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano questa sirena:
- Nome: Permette di dare un nome alla sirena, che verrà visualizzato in caso di guasti, blocco ecc.
- dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- BT1: Batteria x: entrando, mostra la tensione e la carica della batteria (solo su menù avanzato)
- AP1: Sirena : impostazioni dell’uscita sirena (si consiglia di non modificarle)
- LD1: LED VERDE 01 : permette di scegliere la funzione del led Verde (di fabbrica Stato impianto)
- LD2: LED BLU 02 : permette di scegliere la funzione del led Blu (di fabbrica Speciale)
- LD3: LED ROSSO 03 : permette di scegliere la funzione del led Rosso (di fabbrica Memoria)
- Sabotaggio: togliendo il check √ , si esclude il sistema antisabotaggio di questa sirena.
- Guasto: mostra (se presente) il tipo di guasto. Premendo OK si abilita/disabilita la generazione di eventi di guasto
provenienti da questo dispositivo.
- Tensione BUS: tensione presente sui morseti del bus
- Batteria: tensione della batteria
- Max Attivazione : tempo massimo per cui la sirena suona (taglio fili) indipendentemente dal tempo di allarme
- Suono : permette di scegliere il tipo di suono della sirena, uguale per tutti gli eventi (*)
- Autottivazione: mettendo il check √ , la sirena suona in caso di taglio dei cavi
- Flash: Abilita il lampeggiante
- Postlampeggio:
- con 0”, finito il tempo di allarme si spegne il flash (default)
- con ∞ , il flash continua finché non spengo l’impianto
- impostando un tempo, il flash continua per quel tempo, dopo il tempo di allarme.
- Versione Fw: versione del firmware con cui è stato programmato l dispositivo
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
Nota: per disabilitare un LED, selezionarlo e tenere premuto il tasto OK per circa 2”. Poi premere ancora OK.
40
(*) Funzionamento con un unico suono
Il suono viene scelto in modo locale, su ciascuna sirena.
Su “Dispositivi” -> Sirene ext -> sirena 01 ->“Suono”: imposto il tipo di suono (da 1 a 8), valido per tutti gli eventi.
Funzionamento con suoni diversificati per evento e per impianto
Per abbinare suoni diversi a eventi diversi (o a impianti diversi):
Su Programmazione -> “Configura eventi” scelgo l’evento, ad esempio “Incendio” -> attivo il check su “attiva
sirene ext” e su questa voce, scelgo tra i seguenti valori:
- AUTO (default) : viene eseguito il suono impostato in locale nella sirena
- 0 : con questo evento non verrà generato nessun suono, ma solo il flash
- 1÷ 8: il suono scelto sarà eseguito al verificarsi di questo evento
Di fabbrica, per ogni evento in cui è possibile attivare la sirena esterna viene impostato AUTO, in modo che il suono
venga scelto sul menù del dispositivo.
Nel caso si vogliano disabilitare le segnalazioni di uno o più led a bordo della sirena, posizionarsi con il cursore
sul LED desiderato e tenere premuto OK per 2 secondi, apparirà la schermata “Disabilitare?”: premere OK per
confermare.
Per riattivare il LED, eseguire la stessa operazione.
Nel caso si utilizzi il Multiimpianto, ricordarsi di associare la sirena e le sue uscite all’impianto desiderato
I led lampeggiano alternativamente, per indicare le varie informazioni.
Durante l’allarme o comunque durante il lampeggio del flash giallo, i led non di accendono.
La lettura della tensione di batteria viene eseguita ad intervalli regolari. In caso di sostituzione della batteria, forzare una
lettura della tensione: su Dispositivi -> sirena seriale -> BT1 -> andare su “tensione:” e premere OK. Apparirà la tensione
letta.
7.10.8 CERCA DISPOSITIVI
Come descritto nel capitolo 7.3, questa voce serve per la registrazione di nuovi dispositivi
7.11 EVENTI
7.11.1 STORICO EVENTI
Lo storico eventi contiene tutte le informazioni di quello che è avvenuto riguardante l’impianto antifurto.
È possibile scegliere quali eventi registrare nello storico e quali no, in modo da rendere più facile la lettura; inoltre si può
limitare il numero delle registrazioni di eventi dello stesso tipo. Questo è possibile da “Configura Eventi”, sul Menù
Avanzato
Con le impostazioni di fabbrica, vengono memorizzati gli eventi più importanti: Allarme, Sabotaggio, Mancanza Rete,
Batteria scarica.
7.11.2 MEMORIA EVENTI
La Memoria Eventi è simile allo Storico, ma riguarda gli eventi dell’ultima sessione, cioè quelli a partire dall’ultima
accensione o spegnimento dell’impianto. Se non si cono verificati eventi, questa voce non appare a menù.
Questa memoria viene segnalata con l’accensione di led rossi lampeggianti e con la visualizzazione sul display della
descrizione dell’evento.
Per vedere la lista delle Memorie Eventi:
- digitare il codice Utente,
- selezionare la voce “Eventi”
- selezionare “Memoria eventi”: gli eventi sono mostrati in ordine di data e ora.
Una volta visti, è possibile cancellarli premendo i tasti MENU e RESET contemporaneamente (quando si è dentro al
menù). Se è attivata l’opzione “All’inserimento Reset memorie”, ogni volta che viene inserito l’impianto verrà effettuato il
reset delle memorie eventi.
La cancellazione delle memorie può essere effettuata premendo OK su Reset Memorie even.
La scelta degli eventi con memoria, che di fabbrica è la stessa di quelli dello storico, è possibile farla da “Lista Eventi”, sul
Menù Avanzato.
41
7.12 CODICI e CHIAVI (CONFIGURAZIONE PROFILI E UTENTI)
Con la centrale AN/40 è possibile differenziare l’utilizzo e l’accessibilità alle funzioni in base al Profilo e all’Utente,
definendone le proprietà.
È possibile creare fino a 64 Utenti diversi e 8 Profili, con un massimo di 128 chiavi a transponder.
Questo permette di avere diversi “Profili”, ciascuno con più utenti: ci sarà ad esempio un Profilo “Principale”, i cui Utenti
possono gestire l’impianto in tutte le sue funzioni, e un Profilo “Dipendente” i cui utenti potranno accedere solo ad alcune
funzioni.
Questo argomento verrà trattato nella sezione “Menù avanzato – Funzionamento Multiutente”
Nella configurazione di fabbrica è impostato un unico Profilo (Principale) e un unico Utente (Utente 1),
In questo modo tutti gli Utenti utilizzano lo stesso codice e le chiavi sono tutte riferite allo stesso Utente. Per un utilizzo
semplice dell’impianto, basterà modificare il codice di fabbrica dell’utente 1 ed eventualmente modificare le sue proprietà.
Configurazione di fabbrica:
UTENTE: Utente 001, Codice di accesso :1111
ISTALLATORE:
Questo Utente ha un Profilo “Principale” e può accedere al menù
ed effettuare tutte le operazioni sia da tastiera che da attivatore.
Codice di accesso 12345
AMMINISTRATORE: Codice di accesso 99999
7.12.1 MODIFICA DEI CODICE UTENTE
-
Digitare il codice UTENTE attuale e premere OK -> menù “Principale utente”
Selezionare Menù Utente e premere OK o
Selezionare “Codici” e quindi “Accesso” e premere OK
Digitare il nuovo codice e premere OK
Confermare il nuovo codice e premere OK
Uscire dal Menù
7.12.2 AGGIUNGERE CHIAVI, TESSERE E CIONDOLI
Le chiavi, le tessere e i ciondoli a transponder vanno registrate utilizzando il codice Amministratore
Per aggiungere una chiave all’utente 001 eseguire la seguente procedura:
•
•
•
•
Digitare il codice Amministratore
Selezionare “Gestione Utenti”
Selezionare quindi l’utente voluto (ad esempio Utente 001)
Selezionare “Chiavi Utente” e quindi “Nuova Chiave”: apparirà una schermata di attesa
inserimento chiave. (Sugli attivatori lampeggia un led giallo)
• Inserire la chiave da programmare in un attivatore: si sente un BIP di conferma dall’attivatore
e il led diventa verde per alcuni secondi. Nel caso di una tessera, avvicinarla ad un lettore
• Estrarre la chiave o allontanare la tessera
• Inserire le eventuali altre chiavi entro 30”
• Premere ESC o attendere 30” per uscire dalla registrazione chiavi.
Appare l’elenco delle chiavi, a cui si potranno dare dei nomi, entrando nel menù della chiave e premendo OK su “Nome”
7.12.3 AGGIUNGERE UTENTI
Per aggiungere un altro utente di tipo Principale (questo utente avrà un altro codice e altre chiavi)
-
Digitare il codice AMMINISTRATORE
Selezionare Gestione Utenti
Scegliere Nuovo Utente e premere OK: appare per qualche secondo il codice di fabbrica per il nuovo
utente (ad esempio #002#) e quindi si entra nelle proprietà del nuovo utente.
Selezionare “Nome”, premere OK e digitare il nuovo nome.
Scegliere il profilo che si vuole dare all’utente, di fabbrica Profilo 1.
Selezionare le proprietà che interessano e abilitarle premendo OK
Uscire dal menù e digitare il codice utente di fabbrica, ad esempio #002# : la centrale chiederà di
immettere un nuovo codice e confermarlo.
Quando si è sulla schermata con l’elenco dei profili, se si preme OK su un profilo lo si può Abilitare/disabilitare
RESET CODICE UTENTE: riporta il codice a quello iniziale: ad esempio, l’utente 1 avrà 1111, gli altri utenti
invece avranno il codice #NNN#, con NNN = numero utente (ad esempio #002#, #003#, #004# ecc.)
42
7.12.4 MODIFICA CODICI ISTALLATORE E AMMINISTRATORE
La modifica di questi codici può essere eseguita solo tramite il Codice Amministratore.
-
Digitare il codice AMMINISTRATORE + OK
Selezionare Accessi Speciali
-
Scegliere Istallatore Codice Digitare nuovo codice
Nota: se su Codice si preme OK, si può disattivare il codice Istallatore e riattivarlo in seguito
-
Scegliere Amministratore Codice: Premere OK Digitare nuovo codice
Nota: se su Amministratore si preme OK su Accesso: standard, al posto di Speciale apparirà la scritta
“utente”. In questo modo l’utente 1 diventa anche Amministratore e sul suo menù appariranno le relative
voci.
7.13 RIMUOVERE O SOSTITUIRE DISPOSITIVI
7.13.1 Rimozione dispositivo
Nel caso in cui si voglia rimuovere definitivamente un dispositivo collegato al BUS, prima di scollegarlo è necessario
effettuare l’operazione “Rimuovi”, all’interno del menù del dispositivo. Segue un esempio con la rimozione di un
attivatore:
Codice Istallatore> Programmazione-> Dispositivi-> Lettori transponder-> Attivatore chiave 01 -> Rimuovi: premo OK.
A questo punto è possibile scollegare il dispositivo dal BUS; la centrale non darà nessun guasto.
I dispositivi devono avere una codifica dei dip-switch crescente. Non devono esserci “buchi” tra i codici.
Se si hanno 5 attivatori , con i dip switch 1, 2, 3, 4, 5 e si vuole rimuovere l’attivatore con indirizzo 3 , bisogna rimuovere
anche il 4 e il 5.
Poi bisogna codificare questi ultimi 2 con indirizzi 3 e 4 ed effettuare nuovamente la ricerca dispositivi.
7.13.2 Sostituzione dispositivo
Nel caso in cui ci sia un dispositivo guasto e si voglia sostituirlo con uno nuovo dello stesso tipo, questa procedura
permette di farlo senza perdere le configurazioni del dispositivo. Segue un esempio di sostituzione di un attivatore.
- Entrare in modalità istallatore (vedere il capitolo 8, nella pagina seguente)
- Togliere l’alimentazione all’impianto
- Sostituire l’attivatore guasto con uno nuovo, settando i DIP allo stesso modo.
- Dare alimentazione all’impianto con il coperchio della centrale aperto la tastiera mostrerà un guasto, riferito all’attivatore
sostituito
- Menù istallatore -> Programmazione-> Dispositivi-> Lettori transponder-> Attivatore -> sostituisci: premo OK.
A questo punto la centrale effettua la sostituzione e assegna al nuovo attivatore tutte le proprietà di quello precedente.
Nel caso sia necessario sostituire (perché guasta) l’unica tastiera presente, è necessario avviare la procedura di ricerca
dei dispositivi dalla centrale:
- Entrare in modalità istallatore (vedere il capitolo 8, nella pagina seguente)
- Togliere l’alimentazione all’impianto (o sfilare il connettore dell’alimentatore)
- Sostituire la tastiera guasta con una nuova, settando i DIP allo stesso modo.
- Dare alimentazione all’impianto con il coperchio della centrale aperto. Si accenderà il led verde OK
- Entro 1 minuto, premere sulla scheda della centrale il tasto PRG : si accenderà il led giallo A.
- premere sulla scheda della centrale il tasto SET (una o più volte): il led verde OK lampeggerà per circa 20 secondi e poi
tornerà acceso fisso. Durante questo tempo vengono aggiunti o sostituiti i dispositivi collegati.
- premere il tasto PRG: rimarrà acceso solo il led verde OK.
- Verificare che la nuova tastiera sia funzionante e chiudere il coperchio della centrale.
43
8
PROGRAMMAZIONE CON TASTIERE TN/2 E TN/3
Con le tastiere
-
TN/2 e TN/3 è possibile effettuare le seguenti programmazioni:
Terminazioni e funzioni delle linee
Associazione linee – Programmi
Impostazione dei tempi
Configurazione di uscite e ingressi della centrale
Impostazione altre variabili
Registrazione chiavi (con questa tastiera, si effettua con il codice Amministratore)
Prima di eseguire la programmazione, è necessario effettuare la registrazione dei dispositivi, dalla centrale:
- Dare alimentazione all’impianto con il coperchio della centrale aperto. Si accenderà il led verde OK
- Entro 1 minuto, premere sulla scheda della centrale il tasto PRG : si accenderà il led giallo A.
- premere sulla scheda della centrale il tasto SET: il led verde OK lampeggerà per circa 20 secondi e poi tornerà
acceso fisso. Durante questo tempo vengono aggiunti o sostituiti i dispositivi collegati.
- premere il tasto PRG: rimarrà acceso solo il led verde OK.
Per entrare in programmazione:
-
Digitare codice Istallatore e premere OK -> si accende il led blu
-
Premere contemporaneamente i tasti
e led PROG (giallo)
(9) e PROG (0) -> parte la fase di programmazione:
+ ESC
Per uscire dalla programmazione (e dal menù istallatore) tenere premuto
Fase 1 - Terminazione linee : led A (verde)
Con i tasti da 1 a 8 scelgo la linea da configurare : si accende il led rosso corrispondente
Con le frecce (tasti A e D) scelgo la terminazione.
Led fase 1 – terminazione linee
Numero
di led gialli accesi
Significato
Spostandosi con le frecce si accenderanno i led gialli,
1
NC
che hanno il seguente significato:
2
NO
3
Bilanciata
4
Doppio bilanciamento
5
Tapparella
6
Vibrazione
Una volta scelta la terminazione per la linea in esame, per confermare premere OK : BIP di conferma
Per selezionare un’altra linea premere il tasto corrispondente.
Dopo aver configurato la terminazione dell’ultima linea, premere ESC e poi OK per passare alla fase successiva.
Con la tastiera TN/3, che gestisce fino a 16 linee, per scegliere le linee da 9 a 16 utilizzare il tasto Funzione
Premendo
+ tasto 1, si sceglie la linea 9 (scritto in grigio di fianco al tasto), con
+ tasto 2 si sceglie la linea 10.
Fase 2 – Funzione linee : led A e B (verde)
Con i tasti da 1 a 8 scelgo la linea da configurare : si accende il led rosso corrispondente
Con le frecce (tasti A e D) scelgo la funzione.
Spostandosi con le frecce si accenderanno i led gialli,
Led fase 2 – Funzione linee
che hanno il seguente significato:
Numero di led gialli accesi Significato
1
2
3
4
5
Istantanea
Ritardata
24H
Speciale
Percorso
Una volta scelta la funzione per la linea in esame, per confermare premere OK
Per selezionare un’altra linea premere il tasto corrispondente.
Dopo aver configurato la funzione dell’ultima linea, premere ESC e poi OK per passare alla fase successiva.
44
:
Fase 3 - Associazione Linee – Programmi : led A, B, C (verde)
Premendo i tasti A,B,D,C scelgo il programma da configurare: si accende il led rosso corrispondente.
Una volta scelto il programma, premo i tasti (da 1 a 8) per aggiungere (o togliere) le linee al programma scelto.
Una volta configurato un programma , premere OK.
Scegliere un altro programma da configurare con i tasti A,B,C,D.
Dopo aver configurato l’ultimo programma, premere ESC e poi OK per passare alla fase successiva.
Fase 4 - Impostazione dei tempi : led A, B, C, D (verde)
Con i tasti da 1 a 5 scelgo il tempo da impostare, si accende il led rosso corrispondente:
1: tempo di allarme
2: tempo di ingresso
3: tempo di uscita
4: tempo Speciale
5: tempo di backlight (illuminazione tasti)
Con le frecce (tasti A e D) aumento o
diminuisco il valore del tempo:
Led fase 4 – tempi
Numero di led gialli accesi Significato
1
1 secondo
2
5 secondi
3
10 secondi
4
20 secondi
5
30 secondi
6
60 secondi
7
2 minuti
8
3 minuti
Una volta configurato un tempo , premere OK.
Scegliere un altro tempo da configurare con i tasti da 1 a 5.
Dopo aver configurato l’ultimo tempo, premere ESC e poi OK per passare alla fase successiva.
Fase 5 – Configurazione uscite : led A (giallo)
Con i tasti da 1 a 3 scelgo l’uscita da configurare, si accende il led rosso corrispondente:
1: uscita open collector UO01
2: uscita open collector UO02
3: uscita open collector UO03
Con le frecce (tasti A e D) scelgo la funzione. Spostandosi con le frecce si accenderanno i led gialli, che hanno il
significato riportato nella seguente tabella:
Led fase 5 – configurazione uscite open collector
Numero di led gialli accesi
Significato
1
Stato impianto
2
Cumulativo linee programma A
3
Cumulativo linee programma B
4
Sabotaggio
5
Guasto
6
Mancanza rete
7
Speciale
8
Reset
Una volta configurata l’uscita, premere OK.
Scegliere un'altra uscita da configurare con i tasti da 1 a 3.
Dopo aver configurato l’ultima uscita, premere ESC e poi OK per passare alla fase successiva.
45
Fase 6 – Configurazione ingressi digitali: led A e B (giallo)
Con i tasti da 1 a 3 scelgo l’ingresso digitale da configurare, si accende il led rosso corrispondente:
1: ingressi ID1
2: ingressi ID2
3: ingressi ID3
Con le frecce (tasti A e D) scelgo la funzione.
Spostandosi con le frecce si accenderanno i led gialli,
che hanno il seguente significato:
Led fase 6 – configurazione ingressi digitali
Numero di led gialli accesi
Significato
1
ON/OFF programma A
2
ON/OFF programma B
3
Antisabotaggio
4
Silenzioso
5
speciale
Una volta configurato l’ingresso, premere OK.
Scegliere un altro ingresso da configurare con i tasti da 1 a 3.
Dopo aver configurato l’ultimo ingresso, premere ESC e poi OK per passare alla fase successiva.
Fase 7 – Impostazioni varie : led A, B, C (giallo)
Con i tasti da 1 a 5 scelgo l’impostazione da configurare, si accende il led rosso corrispondente:
1:
2:
3:
4:
5:
Numero di impulsi per linee Tapparella e Vibrazione : spostandomi con le frecce scelgo da 1 a 4 impulsi
Sensibilità linee bilanciate e 2 BIL: spostandomi con le frecce cambio la sensibilità (3,5,9,11 impulsi)
Autoesclusione linee all’inserimento: premo la freccia a destra per scegliere. 1 led= disattiva, 2 led = attiva
Autoesclusione fino al ripristino della linea: premo la freccia a destra per scegliere. 1 led= disattiva, 2 led = attiva
Inserimento rapido senza codice: premo la freccia a destra per scegliere. 1 led= disattiva, 2 led = attiva
Per tornare alla fase iniziale della programmazione premere ESC.
Poi, tenere premuto ESC per 2” per uscire dalla programmazione.
Registrazione chiavi Utente 1 :
Digitare codice Amministratore (di fabbrica 99999)
In questa fase sono accesi i led rossi PROG e .
È possibile registrare le chiavi avvicinandole ai lettori integrati nella tastiera a led: si sentirà un BIP di conferma,
In questa fase è possibile cancellare tutte le chiavi tenendo premuti contemporaneamente i tasti
Poi, tenere premuto ESC per 2” per uscire dalla programmazione.
9
e RESET.
APRIRE E CHIUDERE IL COPERCHIO SENZA GENERARE ALARMI: MODO
ISTALLATORE
Per aprire e chiudere il coperchio della centrale bisogna entrare in modalità “Istallatore” , in uno dei seguenti modi:
- digitando il codice Istallatore (solo ad impianto off) seguito da OK. A questo punto è possibile togliere il coperchio,
come descritto all’inizio di queste istruzioni, senza generare allarmi.
- digitando il codice Utente (solo ad impianto off e solo se l’utente è abilitato a Inibire i sabotaggi) seguito da OK. A
questo punto aprire il coperchio e uscire dal menù utente premendo Esc.
- Inserendo in un attivatore la chiave di un Utente (solo ad impianto off e solo se l’utente è abilitato a Inibire i
sabotaggi). A questo punto aprire il coperchio ed estrarre la chiave.
Uscire dalla modalità “istallatore”
Al termine delle operazioni di manutenzione, per ripristinare il normale funzionamento ed uscire dal modo Istallatore
procedere come segue.
1. Riposizionare il coperchio sulla centrale, agganciandolo nella parte superiore e ruotandolo verso il basso.
Fissarlo con le viti
2. L'uscita dalla modalità Istallatore si ha quando si esce dal menù istallatore. Il dispositivo antisabotaggio rientra in
funzione dopo 1 minuto che il coperchio è stato chiuso.
46
10 RESET COMPLETO DELLA CENTRALE E RESET DEI SOLI CODICI
Nel caso in cui si voglia RESETTARE COMPLETAMENTE la centrale, per riportare ai valori di fabbrica sia le impostazioni
che i codici (la centrale diventa come quando è stata acquistata):
-
Aprire il coperchio della centrale (se possibile con la modalità Istallatore, per non generare allarmi)
Scollegare l’alimentazione, sia la rete 230V che la batteria e aspettare 10 secondi (basta scollegare il
connettore dell'alimentatore)
Tenendo premuti i due tasti PRG e SET sulla centrale:
ridare l’alimentazione a 230V (o inserire il connettore dell'alimentatore).
attendere che si accendano in sequenza il led verde lampeggiante e il led gialli A, B, C, D; poi
si spengono e si accende il led A giallo lampeggiante. Rilasciare i tasti
si avvia la procedura di reset, che dura 5 minuti. Durante il reset, i led si accenderanno in
varie sequenze.
Ad un certo punto si accenderà il led OK verde fisso e i led B e C gialli lampeggianti:
-> Premere il tasto PRG per scegliere la lingua ITALIANO
-> Premere il testo SET per scegliere la lingua INGLESE
Attendere la fine della procedura.
A procedura terminata si accenderà in modo fisso solo il led Verde OK
-
A questo punto la centrale è resettata completamente, ed è ripristinata la configurazione di fabbrica.
Nel caso in cui si vogliano RESETTARE SOLO I CODICI (istallatore, amministratore), per riportarli ai valori di fabbrica:
-
Aprire il coperchio della centrale (se possibile con la modalità Istallatore, per non generare allarmi)
Uscire dal menù
Scollegare l’alimentazione, sia la rete 230V che la batteria e aspettare 10 secondi (basta scollegare il
connettore dell'alimentatore)
Tenendo premuto il tasto SET sulla centrale:
ridare l’alimentazione a 230V.
si accenderò il led verde lampeggiante, poi si accendono i led gialli A, B e quindi si
accenderà il led verde OK.
rilasciare il tasto.
A questo punto sono attivi i codici di default: Amministratore 99999
Istallatore
12345
chiudere il coperchio della centrale.
Se necessario, per riportare ai valori di fabbrica anche i codici degli utenti, utilizzare il codice Amministratore:
entrare in “gestione utenti”: per ciascun utente andare su “codici utente” e quindi “Reset codici”.
Con questa procedura il codice dell’utente 1 ritorna quello di fabbrica 1111 , il codice dell’utente 2 ritorna #002#, ecc.
Quando gli utenti digiteranno questi codici, gli verrà chiesto di inserire dei nuovi codici.
Se l’amministratore era l’Utente 001, dopo questo reset viene ripristinato il codice Amministratore, non più legato
all’utente 1.
NOTA: nel caso in cui l’impianto sia acceso e non ci sia possibilità di spegnerlo, con le procedure di RESET viene
comunque forzato lo spegnimento.
47
11 MENÙ AVANZATO: PER ISTALLATORI ESPERTI
Questa sezione contiene tutte le impostazioni e i funzionamenti aggiuntivi che si possono ottenere con il menù Avanzato,
selezionabile dal menù Istallatore.
Per abilitare il Menù Avanzato, selezionare sul menù istallatore “Menù Avanzato”: sul menù Istallatore
appariranno nuove voci e verranno ampliate le voci già esistenti.
11.1 DISPOSITIVI
Con il Menù Avanzato attivo, è possibile personalizzare il funzionamento dell’impianto e dei vari dispositivi.
Per quanto riguarda la centrale, sono disponibili maggiori opzioni per la configurazione di linee, ingressi, uscite ecc.
Per gli altri dispositivi sono presenti informazioni aggiuntive che riguardano il loro comportamento o le visualizzazioni.
11.1.1 Centrale
Configurazione di INGRESSI E USCITE
•
•
•
•
•
digitare il codice Istallatore e premere OK
selezionare “Programmazione”
selezionare la voce “Dispositivi”
selezionare “Centrale”: apparirà l’elenco delle linee disponibili, a partire da LF01 (linea a filo 01).
per configurare le proprietà
Posizionarsi con il cursore sopra la linea desiderata: premere la freccia a destra
della linea (tenendo premuto OK per 2 secondi, viene disattivata la linea):
o NOME:
o ASSOCIA ZONE:
o STATO:
o FUNZIONE:
o TERMINAZIONE:
permette di dare un nome alla linea: ad. es. Ingresso, Camera, Cucina ecc.
appare l’elenco delle zone a cui posso associare la linea (*)
Indica se la linea è libera o impegnata
Istantanea, Ritardata, 24H, Tecnico, Speciale, Percorso
premendo OK si sceglie tra - NC,
- NA,
- BIL (bilanciata),
- 2BIL (doppio bilanciamento),
- TAPP (cordicella tapparelle),
- VIB (vibrazione)
o CAMPANELLO:
ad impianto acceso si comporta come una normale linea di allarme, ad impianto
spento, quando viene allarmata attiva per un certo tempo (impostabile sull’uscita)
un’uscita configurata come “Campanello”
o VIGILANZA
una linea con attributo “Vigilanza” viene esclusa durante il tempo di vigilanza.
o CONFIGURAZIONI: permette di personalizzare la configurazione della linea. Per linee NA e NC si può
impostare il Filtro. Per linee BIL e 2 BIL Filtro e sensibilità. Nel caso si utilizzino
sensori a vibrazione o a cordicella, si può impostare n° impulsi e tempo impulsi,
per abbassare la sensibilità in caso di falsi allarmi.
Filtro: si regola il tempo minimo di impegno linea perché questo venga segnalato.
Sensibilità: da 0 a 10, aumentando questo valore aumenta la sensibilità.
o TEMPO INGRESSO: se impostato AUTO, il tempo di ingresso è quello del Programma di cui fa parte la
linea. Se anche il tempo di ingresso del Programma è AUTO, il tempo è quello
generico dell’impianto. Se viene selezionato un valore, questo tempo prevale su
quello di programma e su quello generico.
o TEMPO USCITA:
se impostato AUTO, il tempo di uscita è quello del Programma di cui fa parte la
linea. Se anche il tempo di uscita del Programma è AUTO, il tempo è quello
generico dell’impianto. Se viene selezionato un valore, questo tempo prevale su
quello di programma e su quello generico.
(*) L’associazione ZONE – LINEE può essere fatta anche dal menù “Definizione Zone”
48
Configurazione di INGRESSI E USCITE
Entrando nel Menù Istallatore, su “Dispositivi” e quindi “Centrale”, appariranno anche le seguenti voci:
-
ID1: ingresso digitale n°1
ID2: ingresso digitale n°2
ID3: ingresso digitale n°3
UR1: Uscita relè
UP1: Uscita presenza positivo
U01: Uscita Open Collector U1
U02: Uscita Open Collector U2
U03: Uscita Open Collector U3
In questo Menù avanzato, sarà possibile effettuare delle configurazioni personalizzate per ogni ingresso o uscita.
Questo tipo di menù apparirà anche se invece di “Centrale” si seleziona un altro dispositivo, ad esempio un’espansione
linee o un modulo I/O (ingressi/uscite)
, si entra nel sottomenù relativo.
Selezionando un INGRESSO DIGITALE , ad esempio ID1, e premendo la freccia
Premendo OK si disattiva l’ingresso scelto.
• Nome: -> è possibile dare un nome all’ingresso
• Stato : -> fa vedere in tempo reale se l’ingresso è attivo o non attivo
• Funzione: -> appare l’elenco delle funzioni assegnabili all’ingresso, ad esempio:
•
•
Terminazione: scegliere tra NC, NA, IMP-, IMP+, premendo il tasto OK
Configurazioni: impostazioni di
-
•
ON/OFF Programma A (B, C, …)
Accendi Programma A (B, C, …)
Spegni impianto
Sabotaggio
Guasto
Tecnico
Speciale
Silenzioso
emergenza
Filtro (di fabbrica 0,3”)
Bypass da evento (dopo un azionamento, si può tenerlo bloccato per un tempo a scelta)
Reset Bypass
Condizioni: elenco delle condizioni a cui l’ingresso è legato, se si sceglie ad esempio “stato
impianto” e quindi “Programma A”, l’ingresso funziona solo durante questa condizione. Di seguito
l’elenco delle condizioni:
-
stato impianto -> ulteriore selezione
cumulativo programmi: lista dei programmi. Posso scegliere ad esempio “Prog.A 2 o
“Tranne Prog.A”, premendo la freccia a destra
Allarme programmi
Impegno linea x
Allarme linea x
Memoria linea x
Ingresso digitale x
Uscita x
Vigilanza
Panico
Silenzioso
Emergenza
Funzione orario
Condizione in AND/OR: permette di fare AND o OR tra tutte le condizioni scelte
49
Selezionando una USCITA OPEN COLLECTOR , ad esempio UO1, e premendo la freccia , si entra nel sottomenù
relativo. Premendo OK si disattiva l’uscita.
• Nome: -> è possibile dare un nome all’uscita
• Stato : -> fa vedere in tempo reale se l’uscita è attiva o non attiva
• Funzione: -> appare l’elenco delle funzioni assegnabili all’ingresso, ad esempio:
-
Qualsiasi allarme
Sirena Esterna / Sirena interna
Allarme 24H
Allarme programma X: uscita attiva mentre è in corso almeno un evento di allarme linea
del programma scelto e/o almeno una memoria di allarme
Allarme linea X
Reset memorie
Stato impianto: uscita attiva mentre è in corso un programma
Impegno programma X (ex stato programmi): uscita attiva mentre è in corso almeno un
evento di impegno linea (no allarme né memoria) del programma scelto
Stato linea x
Linea tecnica x
Ingresso digitale x
Memoria allarme
Combinatore esterno
Campanello
Sabotaggio
Guasto
Mancanza rete
Batteria bassa / Batteria scarica
Accesso KO
Blocco dispositivo
Speciale
Vigilanza
Panico
Silenzioso
Emergenza
Personalizzata
Simula presenza
Programma attivo X: uscita attiva mentre è in corso il programma scelto
Incendio
STOP Combinatore: l’uscita si attiva per 3” in caso di accesso (chiave o codice) per
resettare un combinatore telefonico
Accesso OK (Attenzione: anche l’installatore genera un Accesso OK)
Cumulativo programmi: uscita attiva mentre è in corso (ad impianto acceso) almeno un
evento di allarme linea del programma scelto e/o memoria o (ad impianto spento)
almeno un evento di impegno linea del programma scelto
NOTA: per selezionare le funzioni in cui bisogna scegliere una linea o un programma (ad es. stato linea X) bisogna
premere OK per scegliere la funzione e poi premere la freccia per decidere quale linea.
Scegliendo la funzione, automaticamente si impostano le configurazioni esatte. Per modificarle seguire i punti seguenti.
• Configurazioni: impostazioni di
- Polarità: Normale, invertita
- Modo: Impulsivo, Bistabile, sempre attiva
- Ritardo attivazione:
Ritardo di attivazione dal momento dell’evento
- Dopo evento: tempo per cui rimane disabilitata dopo un evento
- Max eventi: N° massimo di attivazioni dell’uscita, dopo i quali rimane bloccata
- Attivazione: Tempo in cui l’uscita deve rimanere attiva, dall’inizio dell’evento.
- Se impostato su AUTO, l’attivazione dura quanto previsto dalla funzione. Se la
funzione è “Allarme” l’uscita rimane attiva per il tempo di allarme.
- Se impostato su 0”, l’attivazione dura per tutta la durata dell’evento che l’ha
fatta attivare
- Impostando un tempo a scelta, l’attivazione segue questo tempo.
- Ripetizioni: dopo la prima attivazione, effettua da sola delle ripetizioni.
- Periodo: tempo in cui vengono fatte le ripetizioni
- Resettabile: Si disattiva in caso di Reset
50
-
•
•
•
Agg. a Menù comandi: sul menù principale, sotto la voce comandi, si potrà comandare
quest’uscita. Necessario per usare l’uscita con i programmi orari
Condizioni: elenco delle condizioni a cui l’uscita è legata:
- stato impianto: Programma attivo, Tempo ingresso, Tempo uscita
Comandi Uscita:
- Attiva / disattiva
- Disabilita
- Attiva 2 secondi
Icona: permettere di scegliere un’icona (disegno) che appare a display quando questa uscita è
attiva. Nota: se non si sceglie l’icona, a display non appare l’indicazione che l’uscita è
attiva.
Funzione “Simula presenza”: quando l’impianto è inserito (con un programma che attiva il simula presenza) l’uscita
scelta viene attivata per un tempo casuale (entro il tempo di “attivazione”) con intervalli di durata casuale (entro il tempo
“Periodo”.
Esempio:
Programma B con √ check su “simula presenza”.
Uscita con funzione “simula presenza”
Configurazione uscita: attivazione 20” e periodo 1 ora.
Quando inserisco l’impianto con il programma B, entro al massimo 1 ora, l’uscita viene attivata per un massimo di 20,
secondi, in modo casuale. E questo succede ciclicamente, con intervalli e attivazioni ogni volta diverse.
Altre voci su “Centrale”
-
-
BT1: Batteria. Se presente il controllo batteria, mostra li informazioni di tensione e
carica. Premendo OK su “Tensione”, viene effettuata una lettura della
tensione. Tra una lettura e l’altra attendere almeno 1 minuto.
Sabotaggio: se è presente il check √ il sabotaggio della centrale è abilitato. Sulla destra
appare lo stato in tempo reale: SI = sabotaggio in corso, NO= in ordine
Guasto: se è presente il check √ la segnalazione di eventuali guasti della centrale è
abilitato. Sulla destra appare lo stato in tempo reale: SI = guasto in corso,
NO= in ordine
Batteria: indica la tensione di batteria (se presente il controllo di carica)
Rete 230V: indica se la rete 230V è presente o assente
Controllo ricarica: se è presente il check √, viene controllata la carica della batteria
È necessario collegare il cavetto tra l’alimentatore e il connettore CTR.
Questo cavetto và collegato a centrale accesa.
Sonda temperatura: al momento non presente
Tempo mancanza rete: tempo dopo il quale viene data segnalazione di mancanza
rete. Di fabbrica 10 minuti (impostabile da 1’ secondo a 1 giorno )
Risorse allocabili: elenco di tutti i dispositivi collegabili alla centrale
Tipo dispositivo: codice del tipo di dispositivo
Codice HW: codice univoco diverso per ogni apparecchio
Codice FW: versione FW del programma utilizzato
CONTROLLO RICARICA (solo menù Avanzato)
Per attivare il controllo ricarica della batteria (questo vale per la centrale ma anche per espansioni linee e moduli I/O):
- Collegare il cavetto a due fili al Connettore CTR presente in centrale e al connettore CZ2 presente sull’alimentatore.
- Su Dispositivi -> Centrale (o espansione o modulo I/O) premere OK su “Controllo Ricarica”.
- Su Impostazioni -> Altri parametri, sono presenti le opzioni, che si consiglia di non modificare.
La batteria viene verificata ad intervalli di tempo pari a “Verifica Batt.”. Se per un numero di test pari a “N° Test Batt.” la
tensione è inferiore a “Guasto Batt.”, viene generato un Guasto Batteria.
Il guasto diventa Memoria la prima volta che viene fatta una lettura e la batteria risulta carica.
Eventualmente forzare la lettura andando dentro a BT1: batteria e premendo OK su “Tensione”.
Se è stato collegato alle eventuali espansioni linee e moduli I/O un alimentatore esterno, è necessario abilitare su
Dispositivi – Espansione 8 linee la voce Alimentazione Ext. Se presente anche una batteria tampone, abilitare BT1
(ingresso analogico per la batteria) tenendo premuto il tasto OK per 2” su questa voce.
Se si vuole attivare il controllo di carica anche su questo dispositivo, dopo aver abilitato Alimentazione Ext., abilitare
anche “Controllo ricarica”.
Il controllo viene effettuato anche sulle batterie delle sirene seriali RZ/12
51
11.1.2 Tastiere LCD TN/1
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Tastiere LCD -> Tastiera 001, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano ogni singola tastiera:
- Nome: Permette di dare un nome alla tastiera, che verrà visualizzato in caso di guasti, sabotaggi ecc.
- Dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Indice disposit.: indice di numerazione dei dispositivi dello stesso tipo collegati alla centrale
- Sabotaggio: togliendo il check √ , si esclude il sistema antisabotaggio di questa tastiera.
- Guasto: togliendo il check √ si esclude la generazione di guasti da parte di questa tastiera.
- Tensione BUS : tensione con cui è alimentato questo apparecchio.
- Mostra info: permette di far vedere o meno le informazioni sulla tastiera: stato impianto, guasti, ecc.
- Impostazioni buzzer: impostazioni varie (Volume, ….)
- Codice HW: codice univoco diverso per ogni apparecchio
- Codice FW: versione FW del programma utilizzato
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
11.1.3 Tastiere LED TN/2 e TN/3
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Tastiere LED -> Tastiera 001, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano ogni singola tastiera:
- Nome: Permette di dare un nome alla tastiera, che verrà visualizzato in caso di guasti, sabotaggi ecc.
- Dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Indice disposit.: indice di numerazione dei dispositivi dello stesso tipo collegati alla centrale
- Sabotaggio: togliendo il check √ , si esclude il sistema antisabotaggio di questa tastiera.
- Guasto: togliendo il check √ si esclude la generazione di guasti da parte di questa tastiera.
- Tensione BUS : tensione con cui è alimentato questo apparecchio.
- Impostazioni volumi e toni: impostazioni varie (Volume, ….)
- Codice HW: codice univoco diverso per ogni apparecchio
- Codice FW: versione FW del programma utilizzato
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
11.1.4 Attivatori a chiave e di prossimità
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Lettori a transponder -> Attivatore a chiave 001 (o Attivatore
di prossimità), è possibile effettuare impostazioni che riguardano questo singolo attivatore:
- Nome: Permette di dare un nome all’attivatore, che verrà visualizzato in caso di guasti, blocco ecc.
- Dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Indice disposit.: indice di numerazione dei dispositivi dello stesso tipo collegati alla centrale
- Programmi: Permette di scegliere quali Programmi può gestire questo attivatore
- Guasto: togliendo il check √ si esclude la generazione di guasti da parte di questo attivatore.
- Tensione BUS : tensione con cui è alimentato questo apparecchio.
- Mostra info: permette di far vedere o meno le informazioni sull’attivatore (stato impianto, guasti, ecc.)
- Toni comandi: abilita/disabilita il buzzer degli attivatori che indica l’avvenuto comando
- Tipo dispositivo: codice del tipo di dispositivo
- Codice HW: codice univoco diverso per ogni apparecchio
- Codice FW: versione FW del programma utilizzato
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
52
11.1.5 Espansioni 8 linee EN/8
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Exp. Linee -> 001: Exp.8 linee-01, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano questa espansione:
- Nome: Permette di dare un nome all’espansione, che verrà visualizzato in caso di guasti, blocco ecc.
- Dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Indice disposit.: indice di numerazione dei dispositivi dello stesso tipo collegati alla centrale
- LF1..LF8: configurazione linee. La configurazione è identica di quella già fatta per le linee della centrale.
- ID1: configurazione ingresso digitale -> come per la centrale
- BT1: Batteria x: selezionare (tenendo premuto OK 2 secondi) se è stato collegato all’espansione un alimentatore
esterno e una batteria tampone.
- Guasto: mostra (se presente) il tipo di guasto. Premendo OK si abilita/disabilita la generazione di eventi di guasto
provenienti da questo dispositivo.
- Alimentazione ext: selezionare se all’espansione si collega un alimentatore esterno
- Rete 230V: indica la presenza della rete 230V
- Tensione BUS: tensione presente sul dispositivo
- Codice HW: codice univoco che identifica il dispositivo
- Versione Fw: versione del firmware con cui è stato programmato l dispositivo
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
11.1.6 Moduli ingressi – uscite EN/44
Su menù Istallatore -> Programmazione –> Dispositivi -> Moduli I/O seriali -> 001: Mod.I/O 8-01, è possibile effettuare
impostazioni che riguardano questo modulo:
- Nome: Permette di dare un nome all’espansione, che verrà visualizzato in caso di guasti, blocco ecc.
- Dip-switch: indirizzo di configurazione dei dip-switch
- Indice disposit.: indice di numerazione dei dispositivi dello stesso tipo collegati alla centrale
- ID1..ID8: configurazione ingresso digitale -> come per la centrale
- BT1: Batteria x: selezionare (tenendo premuto OK 2 secondi) se è stato collegato all’espansione un alimentatore
esterno e una batteria tampone.
- UR1..4: Configurazione uscite relè -> come per la centrale
- Guasto: mostra (se presente) il tipo di guasto. Premendo OK si abilita/disabilita la generazione di eventi di guasto
provenienti da questo dispositivo.
- Alimentazione ext: Premere OK per attivarla, apparirà la voce “TIPO”. Scegliere tra:
Alim. ext : se si collega un alimentatore esterno (spostare il connettore bianco su “E”)
Step-up: se si collega un modulo step-up. Questo permette di aumentare la tensione nel caso in cui la caduta sui
cavi faccia arrivare a questo modulo un tensione non sufficiente al corretto funzionamento (led giallo sul
modulo EN/44 lampeggiante). L’aggiunta del modulo comporta un maggiore consumo in corrente.
- Rete 230V: indica la presenza della rete 230V
- Tensione BUS: tensione presente sul dispositivo
- Tipo dispositivo: codice che identifica il tipo di dispositivo
- Codice HW: codice univoco che identifica il dispositivo
- Versione Fw: versione del firmware con cui è stato programmato l dispositivo
- Sostituisci: permette di sostituire un dispositivo guasto con un altro uguale, senza perdere la configurazione.
- Rimuovi: permette di rimuovere il dispositivo.
NOTA: quando si esclude il sabotaggio di qualche apparecchio, uscire dal menù. Per evitare che la segnalazione di
guasto rimanga sui dispositivi, chiudere e aprire il sabotaggio in questione.
53
11.2 RISORSE
Mentre nel menù Istallatore -> Programmazione -> Dispositivi, è possibile configurare linee, ingressi e uscite entrando su
ogni singolo dispositivo, nel menù Istallatore -> Programmazione -> Risorse, è possibile avere una panoramica di
tutte le risorse dell’impianto, e cioè:
- Tutte le Linee: elenco delle linee della centrale e delle eventuali espansioni
- Linee per Zona: elenco delle linee divise per zona
- Antisabotaggio: elenco di tutti gli antisabotaggio (compresi ingressi digitali con funzione
sabotaggio
- Ingressi digitali: elenco di tutti gli ingressi digitali (non appaiono quelli con funzione sabotaggio)
- Uscite: elenco di tutte le uscite Open Collector
- Batterie: elenco di tutte le batterie
Per ogni tipologia di risorsa e presente un elenco di tutte quelle attive ed un sinottico, che permette di vedere
contemporaneamente tutti gli elementi di questo tipo.
•
Scegliendo “Linee” e quindi “Mostra sinottico”, le linee verranno visualizzate in una griglia che mostrerà con un
√ le linee presenti ed eventualmente con una X quelle non registrate.
e
si selezionano le varie linee e nella riga in basso viene riportato il nome della
Muovendosi con le frecce
linea. Premendo il tasto OK quando il cursore è sopra una delle linee, si apre la schermata per la
programmazione, quella vista nei punti precedenti.
Nota:
quando è stata effettuata la programmazione di una linea e se ne vogliono programmare altre nello stesso modo,
è possibile utilizzare la funzione COPIA – INCOLLA, che copia tutte le proprietà di una linea (terminazione,
funzione, tempi ecc. ) su un’altra linea. La modalità è la seguente:
- Selezionare “Risorse” -> “Linee” -> “Mostra sinottico”
- Posizionarsi sopra la linea da “Copiare”
- Tenendo premuto il tasto MENÙ , premere il tasto 6 (COPIA).
- Posizionarsi sopra la nuova linea
- Tenendo premuto il tasto MENÙ , premere il tasto 7 (INCOLLA).
A questo punto le linee 6 e 7 hanno la stessa configurazione
Tutte le impostazioni verranno memorizzate in centrale una volta usciti dal menù istallatore.
54
11.3 DEFINIZIONE ZONE
Le linee, per essere assegnate ai Programmi, devono essere raggruppate in Zone. Questo perché i programmi, cioè le
modalità di accensione dell’impianto, richiamano zone e non linee.
Di fabbrica, ogni linea è assegnata ad una zona, cioè Linea 1=Zona 1, Linea 2=Zona 2 ecc.
È possibile utilizzarle già così, inserendo le zone nei programmi oppure inserire all’interno di una zona più
linee.
Nel caso si voglia mettere più linee in una zona e dare un nome a questa zona, ad esempio per escludere tutte queste
linee in un colpo solo con il comando “Escludi zone”, agire nel seguente modo.
Per dare un nome alle zone e assegnare loro delle linee, entrare nel menù Istallatore -> Programmazione:
-
Selezionare DEFINIZIONE ZONE
Selezionare la zona interessata.
Selezionare “NOME” , premere OK e digitare il nome desiderato.
Stato: mostra se la zona è libera o impegnata
Selezionare “ASSOCIA LINEE” e premere OK: Appare una tabella che contiene le linee disponibili, spostandosi con le
frecce si possono scorrere le varie linee, di cui appare il nome nella
riga in basso.
- Per abbinare delle linee alla zona, spostarsi con le frecce la linea desiderata e premere OK: ad ogni pressione del tasto
OK il trattino
- diventerà un +.
Per definire altre zone tornare al passo precedente premendo ESC e ricominciare la procedura.
È possibile abbinare le linee alle zone anche quando si è dentro al menù di programmazione di una linea, dove appare la
e apparirà la lista delle zone presenti. Per abbinare una o più zone,
voce “Associa zone”. Basta premere OK o
selezionarle e premere OK.
Perché l’utente veda anche la voce “escludi zone”, è necessario attivare questa visualizzazione tra le proprietà del profilo
abbinato all’utente: Menù amministratore – Profilo X – Escl. Zone – Visualizza.
11.4 CONFIGURAZIONE PROGRAMMI
Selezionando dal menù Istallatore la voce “Configura Programmi” -> Programma X, è possibile effettuare le seguenti
impostazioni:
VOCE DEL MENÙ
Nome
Associa zone
Tempo di ingresso
Tempo di uscita
Sirene esterne
Sirene interne
Buzzer centrale
Combinatore
Ab. Simula presenza
FUNZIONE
permette di dare il nome al Programma, ad esempio “TOTALE”, “PERIMETRALE” ecc.
permette di associare le zone al programma
Se impostato su AUTO il tempo di ingresso è quello generico dell’impianto. È possibile
impostare un tempo di ingresso diverso e che ha effetto solo quando si inserisce questo
programma.
Se impostato su AUTO il tempo di uscita è quello generico dell’impianto. È possibile impostare
un tempo di uscita diverso e che ha effetto solo quando si inserisce questo programma.
Abilita/disabilita le sirene esterne, riferite solo a questo programma
Abilita/disabilita le sirene interne, riferite solo a questo programma
Abilita/disabilita il buzzer della centrale, riferito solo a questo programma
Abilita/disabilita l’uscita Open collector con funzione combinatore telefonico, riferito solo a
questo programma
Abilita la funzione “simula presenza”, riferita solo a questo programma
55
11.5 TEMPI PRINCIPALI
È possibile modificare il valore di tutti i tempi, oltre a quelli principali.
Per accedere ai tempi selezionare dal menù istallatore “Tempi principali”. In caso di multi impianto le impostazioni
possono essere diverse per i due impianti.
Tempo
Allarme
Ingresso
Uscita
Sabotaggio
Guasto
Panico
Vigilanza
Silenzioso
Batteria bassa
Batteria scarica
Tempo speciale
Valore di
fabbrica
2 min
20 s
20 s
2 min
5s
2 min
5 min
5s
5s
5s
30 s
Valori impostabili
Blocco
30 min
1” ÷ 10’
1” ÷ 90”
1” ÷ 90”
1” ÷ 10’
1” ÷ 10’
1” ÷ 10’
60”÷ 30’
1” ÷ 10’
1” ÷ 24h
1” ÷ 24h
1” ÷ 30g - ∞
1” ÷ 24H
Buzzer
5s
1” ÷ 10’
Descrizione
Tempo di allarme
Ritardo in ingresso
Ritardo in uscita
Tempo per allarme sabotaggio
Tempo per segnalazione guasto
Durata dell’allarme Panico
Tempo di Vigilanza
Tempo per allarme silenzioso
Durata acquisizione Batteria Bassa
Durata acquisizione Batteria Scarica
Blocco di un dispositivo dopo che è stato
superato il numero max di tentativi falliti
Tempo del buzzer per segnalazioni che
non hanno un proprio tempo regolabile.
Nota: il tempo di Mancanza Rete si trova su “Dispositivi” – “Centrale”
11.6 CONFIGURAZIONE EVENTI
Sotto la voce “Configura eventi” appare l’elenco degli eventi che possono verificarsi durante il funzionamento
dell’impianto.
È possibile decidere cosa deve fare la centrale al verificarsi di ciascun evento: ad esempio si può decidere che un evento
di tipo “Guasto” faccia attivare delle uscite ma non faccia suonare la sirena esterna.
Di fabbrica sono già state effettuate le impostazioni che vengono utilizzate più spesso, si consiglia di modificare questi
parametri solo per esigenze particolari dell’istallazione.
Se per un evento si sceglie:
- Memoria: l’evento genera una memoria che appare a display. Digitando il codice utente o istallatore appare
una voce aggiuntiva sul menù e cioè “eventi”: qui viene visualizzata la memoria.
Uscendo da questa voce, la memoria scompare.
La memoria inoltre si può resettare all’inserimento, in automatico, o
-
-
56
+ RESET, o dal menù eventi.
manualmente, premendo
Cumulativo allarmi: viene data la segnalazione di cumulativo allarmi
Attiva uscite allarme: l’evento fa attivare le uscite con funzione “Allarme”
Attiva sirene Ext (o Int): l’evento fa attivare le uscite con funzione “Sirene Ext (o Int)”
Suono sirena seriale:
AUTO (default) : viene eseguito il suono impostato sul menù della sirena
0 : con questo evento non verrà generato nessun suono, ma solo il flash
1÷ 8: si seleziona un suono, eseguito al verificarsi di questo evento.
Di default, tutti gli eventi hanno il suono AUTO, quindi la sirena suonerà per tutti gli eventi allo stesso modo,
con il suono impostato sul menù della sirena seriale RZ/12.
Buzzer tastiera: l’evento fa attivare il buzzer delle tastiere
Attiva combinatore est. : l’evento fa attivare le uscite con funzione “Combinatore est”
Memo storico: l’evento viene registrato nello Storico eventi. Scegliendo Memo storico è possibile impostare il
massimo numero di eventi registrabili (dello stesso tipo) e il Blocco registrazione, cioè quanto
tempo rimane bloccato lo storico prima di registrare un evento dello stesso tipo dell’ultimo che
si è verificato.
La seguente tabella riporta la configurazione di fabbrica per tutti gli aventi.
Effetto
∞
0
0
∞
X
X
X
X
AUTO
X
X
X
X
X
∞
∞
0
0
5”
0
∞
5
X
X
X
X
AUTO
X
X
X
X
∞
0
0
5
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
AUTO
AUTO
AUTO
AUTO
AUTO
AUTO
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
∞
∞
∞
∞
∞
∞
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
5
5
5
5
∞
5
X
∞
0
0
5
X
X
X
X
X
X
X
X
X
X
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5”
5
∞
∞
5
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
∞
X
Accesso utente o install.
X
X
X
X
X
Si alimenta la centrale
Cicli evento
È stato digitato il codice
Panico
È stato digitato il codice
Vigilanza
Mostra per
Una o più linee sono
allarmate a impianto ON
Una o più linee 24H
sono allarmate
Blocco registr.
Una o più linee sono
impegnate a impianto
OFF
Max registrazioni storico
Memo storico
Attiva combinatore Est.
Buzzer tastiera
Silenzioso
Tecnico
Speciale
Emergenza
Accesso OK
Accesso KO
Blocco disp.
Timer start
Reset memorie
STOP
Sirene ext. ON
Sirene int. ON
Combinatore ON
Disab. Allarmi
Disab. Uscite
Disab. Sirene ext.
Disab. Sirene int.
Disab. Combin.
Campanello
ON impianto
OFF impianto
Incendio
Mod. Data /ora
Protezione batt.
Avvio sistema
Att. Sirene int
Vigilanza
Suono sirena seriale*
Sabotaggio
Guasto
Mancanza rete
Batteria bassa
Batteria scarica
Panico
Attiva Sirene ext
Allarme 24H
Attiva Uscite all.
Uscita attiva
Allarme linea
Cumulativo Allarmi
Impegno linea
Si verifica quando…
Memoria
Evento
X
X
X
X
X
Nota 1: Batteria scarica e Guasto generano un allarme solo ad impianto acceso
Nota 2: Un evento “Blocco dispositivo Centrale AN/40”, indica un riavvio automatico della centrale, dovuto ad un errore
temporaneo.
57
11.7 IMPOSTAZIONI
Come nel menù base, con in più, all’interno di “Funzionamento” le seguenti voci:
Altri parametri:
-
All’accesso:
tempo editor: tempo in cui si rimane nella modalità “editor” (scrittura di nomi) dopo
l’ultima pressione di un tasto. Valore di fabbrica 30” ( 1” ÷ 90”)
tempo stand-by: tempo di uscita automatica dal menù utente e Amministratore dopo
l’ultima pressione di un tasto. Valore di fabbrica 60” ( 1” ÷ 10’)
verifica Batt.: intervallo di lettura della carica della batteria. Valore di fabbrica 2 giorni
( 10’ ÷ 30gg)
N° test Batt.: n° di test effettuati nell’intervallo di lettura. Valore di fabbrica 3 (1 ÷ 9)
Guasto Batt.: se viene letta una tensione inferiore a questa, nei test di lettura
impostati, viene data la segnalazione di batteria guasta (12,5V). Si consiglia di non
modificare questo valore.
Tensione insuff. : soglia alla quale viene effettuato l’autospegnimento, cioè la
protezione Batteria contro la scarica profonda (9,5V)
- MAX ACCESSI KO: tentativi di codice o chiave errata che causano il blocco del dispositivo
11.8 PROGRAMMAZIONE ORARIA
In questa sezione è possibile impostare delle funzioni da Programmatore Orario settimanale.
Sono disponibili 8 gruppi di orari settimanali che permettono di attivare delle funzioni o dei comandi in un intervallo di
tempo, in uno o più giorni della settimana.
Per ogni gruppo, è possibile scegliere 8 orari a piacere, diversi per ogni giorno della settimana.
Scegliendo uno degli 8 orari, la schermata mostrerà le voci:
- Nome: Per dare un nome, ad esempio Orario Accensione
- Comando utente: Per scegliere se l’utente può dare dei comandi diretti (dal menù Utente -> Comandi) alle
funzioni comandate con questo orario.
- Lista degli orari per ogni giorno -> si sceglie l’ora e il comando da eseguire
I comandi disponibili sono:
- Spegni impianto
- Accendi Programma A…H
- Attiva / Spegni uscita X: scegliere l’uscita da accendere / spegnere in questo orario.
NOTA:
Perché un’uscita possa essere comandata ad orario e quindi appaia
nell’elenco, questa deve avere l’opzione “Agg. a Menù comandi” (sul menù
dell’uscita, dentro a Configurazione)
- Abilita / disabilita uscita X: un uscita con una qualsiasi funzione, viene abilitata a funzionare solo in questo orario
- Abilita / disabilita Risorsa: è possibile permettere l’accesso all’impianto ad orario per alcuni utenti
Esempio: attivare l’irrigazione tutti i giorni dalle 7.00 alle 8.00
-
Digitare il codice Istallatore e premere OK
Andare sul menù Programmazione -> Dispositivi -> Centrale (o modulo I/O) e scegliere l’uscita da usare per il
comando dell’irrigazione, ad esempio uscita UO1.
Rinominarla “irrigazione”. Come Funzione scegliere “Personalizzata”, modo impulsivo e Attivazione 0”.
Eventualmente modificare la polarità (normale o invertita). Su configurazioni scegliere “Agg. a Menù comandi”.
Dal menù principale Selezionare “Programmazione” e quindi “Programmaz. oraria”
Selezionare ad esempio l’orario n°1.
Dare un nome all’orario, ad esempio “irrigazione”
Su “1: lunedì” premere OK: appare il Check √ (orario abilitato)
Premere la freccia a destra e impostare l’ora di accensione (7.00)
Su “nessun comando” premere OK: per far apparire le possibilità si comando. Scegliere “Attiva uscita” e quindi
selezionare l’uscita interessata: Irrigazione
Su “2: lunedì” premere OK: appare il Check √ (orario abilitato)
Premere la freccia a destra e impostare l’ora di spegnimento (8.00) e il comando (Spegni uscita – uscita
irrigazione)
Ripetere questa operazione anche per gli altri giorni della settimana.
Nota: è possibile anche impostare solo l’orario di accensione, e su “attivazione” impostare la durata desiderata (60’).
Nota: In caso di Multiimpianto, è possibile associare alcuni orari all’Impianto 1 e altri all’Impianto 2.
58
Esempio: disabilitare un utente il venerdì sera alle 18.00 e disabilitarlo il lunedì mattina alle 8:00
-
Menù amministratore -> gestione utenti -> utente X -> Profilo x imp: -> accesso : premo Ok per scegliere Orario 1
Menù Installatore -> Programmazione oraria -> Orario 1
Su “1: venerdì” premere OK: appare il Check √ (orario abilitato): Premere la freccia e impostare l’ora (18.00)
Su “nessun comando” premere OK più volte: scegliere “Disabilita risorsa”
Su “1: Lunedì” premere OK: appare il Check √ (orario abilitato): Premere la freccia e impostare l’ora (8.00)
Su “nessun comando” premere OK più volte: scegliere “abilita risorsa”
11.9 PROGRAMMAZIONE DA PC E AGGIORNAMENTO FW
Vedere le istruzioni fornite con il Software di programmazione per PC
11.10 FUNZIONAMENTO MULTIPROFILO E MULTIUTENTE
Un esempio di una possibile configurazione è la seguente:
Profilo “Principale” (permette la gestione completa dell’impianto)
Utente 001: Luca
Utente 002: Silvia
Profilo “Dipendente” (gestione parziale dell’impianto: è possibile accendere e spegnere l’impianto, ma non entrare nel
menù)
Utente 003: Sara
Utente 004: Marco
Profilo “Cameriere” (permette di accendere o spegnere solo una parte dell’impianto)
Utente 005: Ambrogio
Per utilizzatori più esperti, luoghi di lavoro o luoghi frequentati da molte persone, si consiglia di creare più utenti, di cui
alcuni di tipo Principale
Per prima cosa bisogna creare uno o più Profili, diverso da quello Principale, su cui impostare le proprietà che interessano
Creare profili.
-
Digitare il codice AMMINISTRATORE
Andare su Gestione Profili
Spostarsi con le frecce SU e GIÙ e selezionare il nuovo profilo da creare
Premere il tasto OK per abilitarlo: si accende un “check” √ a lato
Premere la freccia a destra per configurarlo
Selezionare “Nome”, premere OK e digitare il nuovo nome: ad esempio “Dipendente”.
Associare il Profilo ad un impianto: Impianto 1
Selezionare le proprietà che interessano, ad esempio la gestione solo dei programmi A e B, e abilitarle
premendo OK
A questo punto si devono creare gli utenti
Creare utenti.
-
Digitare il codice AMMINISTRATORE
Andare su Gestione Utenti
Scegliere Nuovo Utente e premere OK: appare il codice di fabbrica per il nuovo Utente, ad esempio per
il secondo utente creato appare #002#. Quindi si entra nelle proprietà del nuovo Utente.
Selezionare “Nome”, premere OK e digitare il nuovo nome.
Selezionare qual è il profilo di questo Utente. In caso di multi impianto è possibile scegliere anche di
avere un profilo per impianto 1 e un altro per impianto 2
Selezionare le proprietà che interessano e abilitarle premendo OK
Uscire dal menù e digitare il codice utente di fabbrica (ad esempio #002#): la centrale chiederà di immettere
un nuovo codice e confermarlo.
A questo punto avremo degli Utenti con profilo “Principale”, che possono accedere a tutto il menù ed effettuare qualsiasi
operazione di inserimento o disinserimento, e altri Utenti con un profilo “Dipendente” che hanno accesso solo alle funzioni
specificate nel profilo.
NOTA: il profilo 1 e l’utente 1 non possono essere disabilitati.
59
Esempio di programmazione Multiprofilo e Multiutente:
11.11 PARZIALIZZAZIONE
Utilizzando il funzionamento “Multiutente” è possibile anche usare le Parzializzazioni.
Questo modo di usare l’impianto permette ad alcuni Utenti di parzializzare un Programma : significa che se è inserito
ad esempio il programma A ed inserisco una chiave dipendente autorizzata a parzializzare B, con questa chiave posso
escludere il Programma B, e cioè escludere le zone di B che fanno anche parte di A.
Esempio di programmazione.
Profilo 1 (principale)
Abilitazioni: ON Programmi A,B,C,D e OFF Programmi A,B,C,D
Profilo 2 (dipendente)
Abilitazioni: OFF Programma B e “Parzializza”
L’utente Principale accende il Programma A (totale).
Parzializzare con attivatore:
L’utente Dipendente inserisce la sua chiave: l’attivatore gli propone solo di parzializzare B, quindi il led A rimane verde,
mentre il led B diventa giallo Lampeggiante. Estrae la chiave: le zone di B vengono escluse.
Quando l’utente Dipendente inserisce di nuovo la chiave, l’attivatore gli propone di reincludere B, e rimane solo A acceso.
Questa applicazione va utilizzata quando c’è un utente Principale (padrone di casa) che può inserire o disinserire tutto
l’impianto e un utente Dipendente (ad es. giardiniere) che deve poter entrare temporaneamente solo nel garage.
I programmi E,F,G,H sono utilizzabili solo dalla tastiera.
Parzializzare con tastiere:
L’utente Dipendente digita il codice: gli viene proposto “parzializza” e quindi la lista di programmi che può parzializzare.
L’utente deve scegliere il programma (in questo caso B) , andare su “esegui selezione” e premere OK. Uscire dal menù.
Tasto del programma B si accende di giallo, ad indicare la sua esclusione.
Sul display appare una “P” di parzializzazione sia in basso a sinistra, sopra al programma in questione, sia sulla destra del
display. La lettera che indica il programma in corso, viene mostrata con un carattere vuoto.
Per reincludere il programma B, l’utente deve fare le stesse operazioni: togliere il check “V” dal programma e premere su
“esegui selezione”. Uscire dal menù.
Parzializzazione rapida con tastiera: l’utente digita il codice + OK e preme il tasto B: questo lampeggia giallo per
indicare la richiesta di parzializzazione. Premere OK per confermare.
Per reincludere il programma B: digitare codice + OK e premere il tasto B. Il tasto giallo si spegne.
SE SONO STATI CREATI UNO O PIÙ PROGRAMMI TRA E,F,G,H, LE PARZIALIZZAZIONI NON FANNO ACCENDERE
DI GIALLO I LED DELLA TASTIERA, PER EVITARE CHE SI CONFONDANO CON LE SEGNALAZIONI DI A,B,C,D (A DISPLAY
COMUNQUE APPARE CORRETTAMENTE) e non si può utilizzare la Parzializzazione rapida
60
11.12 MULTIIMPIANTO
La centrale AN/40 permette di gestire anche due impianti completamente indipendenti, ognuno con le sue linee,
attivatori, tastiere, utenti e profili, ma con un’unica centrale. I vari ingressi e uscite possono essere abbinati solo ad un
impianto o a tutti e due.
Nota: se uno dei 2 impianti è acceso, l’installatore non può effettuare un accesso.
Da configurazione di fabbrica, è attivo solo l’impianto 1 e tutte le risorse sono abbinate a questo.
Dovendo programmare 2 impianti, è necessario per prima cosa decidere come sono organizzate le linee e le zone, quali
sono i punti di comando di ciascun impianto, le uscite (eventualmente condivise) e gli utenti con i loro profili.
Per abilitare il secondo impianto:
Codice Istallatore -> Menù istallatore (Avanzato) -> Programmazione -> Abilita impianto 2: premendo OK si abilita
l’impianto 2.
Appariranno le voci:
1: Impianto 1
2: impianto 2
All’interno di queste voci, e quindi diversi per ogni impianto, ci saranno :
-
Nome
Configura programmi
Tempi principali
Configura eventi
È possibile quindi dare un nome e configurare Programmi, tempi ed eventi per ciascun impianto, nello stesso modo in cui
si configurano per l’impianto singolo.
Nel menù dei vari dispositivi collegati all’impianto, saranno presenti anche le seguenti voci:
Associa impianto:
- Su centrale, moduli di espansione e moduli I/O, questa voce indica su quale impianto devono essere date le
segnalazioni riguardante questo dispositivo.
- Sugli Ingressi digitali indica su che impianto deve agire l’ingresso
- Sulle Uscite, indica se devono scattare per gli eventi di uno o dell’altro impianto (se si usa una sola sirena per i 2
impianti, collegata all’uscita relè della centrale, questa uscita deve essere associata a tutti e due gli impianti
- Su Batterie, indica su quale impianto deve dare la segnalazione di batteria scarica.
- Sui LED della sirena seriale, indica per quale impianto deve accendersi questo LED.
Comanda impianto (su tastiere e attivatori):
È possibile scegliere se questo dispositivo comanderà l’impianto 1 o 2.
Ad esempio, se su un attivatore imposto “Comanda impianto 1”, questo gestirà i programmi A,B,C,D dell’impianto 1, se
imposto Impianto 2, l’attivatore gestirà i programmi A,B,C,D dell’impianto 2.
Le tastiere LCD possono comandare (e quindi visualizzare) anche 2 impianti: con le frecce destra e sinistra si possono
vedere le schermate relative ad uno o all’altro impianto
Un utente abilitato a gestire 2 impianti (quindi ha un profilo per ogni impianto), se utilizza una tastiera che comanda 2
impianti, può comandare i due impianti.
Fuori dal menù, può vedere la schermata relativa ai 2 impianti premendo le frecce Destra e Sinistra: appare la schermata
dell’impianto 1 o dell’impianto 2.
Quando digita il codice, deve scegliere su quale impianto operare.
61
Esempio per la programmazione di 2 impianti indipendenti:
1- Dopo l’installazione, effettuare la Ricerca Dispositivi.
2- Configurare tutte le linee disponibili: funzione, terminazione ecc.
3- Le linee sono abbinate alle zone: la lista delle linee e delle zone è unica per tutti gli impianti, quindi per evitare di
fare confusione è consigliato abbinargli dei nomi che permettano di capire di quale impianto fanno parte.
4- Se si vuole che le segnalazioni della centrale, guasti, sabotaggi, ecc., vengano visualizzate sulle tastiere di tutti gli
impianti, su Dispositivi Æ Centrale Æ Associa impianto: mettere il “check” √ su tutti e due gli impianti. Altrimenti
solo su quello interessato. La stessa impostazione deve essere fatta anche per l’espansione 8 linee e il modulo
EN/44
5- Sulle tastiere che faranno parte dell’impianto 1, su “Dispositivi” Æ “Tastiere LCD” Æ “Tastiera x” Æ Comanda
impianto: scegliere Impianto 1.
6- Sugli attivatori e lettori di tessere, scegliere quale impianto andranno a comandare: “Dispositivi” Æ “Lettori
transponder” Æ “Attivatore/lettore x” Æ Comanda impianto
7- Anche gli ingressi digitali e le uscite vanno associate ai vari impianti: l’uscita relè UR1 è di fabbrica abbinata solo
all’impianto 1. Se si vuole che scatti anche per l’impianto 2, sulle proprietà dell’uscita bisogna mettere il “check” √
su “Associa imp. Impianto 2”. Se invece si vuole avere un’uscita di allarme diversa per l’impianto 2: scegliere
l’uscita, scegliere la funzione (sirene ext) e associarla all’impianto 2. Questo vale anche per tutti gli ingressi
digitali e uscite open collector
8- Entrare nel menù dell’Impianto 1 e impostare i seguenti parametri:
- Nome: di fabbrica è Impianto 1, ma si può cambiare (ad esempio “Casa Rossi”)
- Configura programmi: modi di inserimento dell’impianto 1
- Tempi principali: tempi dell’impianto 1
- Configura eventi: comportamento dell’impianto 1
Attenzione: di fabbrica, al Programma A – Totale dell’impianto 1 sono abbinate tutte le zone (=linee).
Ricordarsi di togliere da questo programma le zone che andranno sull’impianto 2
9- Entrare nel menù dell’Impianto 2, ed effettuare le impostazioni anche per questo impianto
10- Il menù “impostazioni” è comune per i due impianti
A questo punto è necessario passare al menù Amministratore, per creare i profili e gli utenti
1- Digitare il Codice Amministratore ed entrare in “Gestione profili”.
2- Da impostazione di fabbrica, è già presente un profilo principale, assegnato all’impianto 1. Immaginiamo di volere
solo un profilo per impianto 1 (già presente) e un profilo per impianto 2. Per creare un nuovo profilo, spostarsi
sulla riga “02 Profilo 2” e premere OK: in questo modo il profilo è attivo.
3- Di fabbrica, il profilo 2 non ha nessuna impostazione attiva (e quindi non fa niente). Premere la freccia a destra
per entrare nelle impostazioni di questo secondo profilo attivato: dare un nome (ad esempio “principale 2” e
associarlo all’impianto 2. Scegliere la configurazione opportuna, tenendo conto che se si è dentro al profilo
associato all’impianto 2, la lista dei Programmi proposti è quella dell’impianto 2.
4- A questo punto creare gli Utenti: gestione utenti -> nuovo utente.
5- Per ogni Utente scegliere il profilo:
per l’Utente dell’impianto 1, scelgo “Profilo x Imp. 1: 1”,
“profilo x Imp.2: nessuno.
per l’Utente dell’impianto 2 scelgo “Profilo x Imp. 1: nessuno”,
“Profilo x Imp.2: 2.
È possibile anche scegliere che un’utente abbia un profilo per ciascun impianto, e quindi li può gestire tutti e due.
In questo caso, quando questo utente (multi profilo) digita il suo codice, per prima cosa gli apparirà una
schermata in cui deve scegliere su quale impianto vuole operare.
Importante: prima di accendere il secondo impianto, assicurarsi di aver creato utenti con profili in grado di spegnerlo.
Nel caso in cui ci si trovi nella situazione con impianto Acceso e nessun utente abilitato per spegnerlo (dovuto ad
errata programmazione), effettuare un RESET dei codici (vedi capitolo 10): l’impianto si spegne e vengono resettati i
codici Amministratore e installatore.
62
Esempio grafico di multimpianto, multiprofilo e multiutente
63
FOGLIO RIASSUNTIVO DI PROGRAMMAZIONE
Utilizzare questo foglio per riportare le configurazioni effettuate sulla centrale
Codice Istallatore:
Codice Amministratore:
Linee
Linea 1
Linea 2
Linea 3
Linea 4
Linea 5
Linea 6
Linea 7
Linea 8
Linea 9
Linea 10
Linea 11
Linea 12
Linea 13
Linea 14
Linea 15
Linea 16
Linea 17
Linea 18
Linea 19
Linea 20
Terminaz.
Ingressi/Uscite
Ingresso digitale ID1
Ingresso digitale ID2
Ingresso digitale ID3
Uscita Relè UR01
Uscita PP UP01
Uscita Open Collector U1
Uscita Open Collector U2
Uscita Open Collector U3
Profili
Funz.
Zona
Morsetti
1,2
1,3
1,4
Programmi
Funzione
Linee
Linea 21
Linea 22
Linea 23
Linea 24
Linea 25
Linea 26
Linea 27
Linea 28
Linea 29
Linea 30
Linea 31
Linea 32
Linea 33
Linea 34
Linea 35
Linea 36
Linea 37
Linea 38
Linea 39
Linea 40
Terminaz.
Funz.
Programmi
Descrizione
31
32
33
Utenti
Utente 001
Proprietà
Controllo completo dell’impianto
Profilo 1 - Principale
Profilo 2
Tempo
Allarme
Ingresso
Uscita
Mancanza rete
64
Zona
Valore Impostato
12 DATI TECNICI
Dispositivo
Alimentazione
Centrale AN/40
230V / 13.8Vdc
100÷240V
÷15%
Alimentatore 2,6A
Tastiera TN/1
Tastiera TN/2
Tastiera TN/3
Espansione EN/8
Modulo I/O EN/44
13.8Vdc
Attivatori a chiave e
a sfioramento
Consumo
Grado IP
90mA
40
600mA per centrale e
batteria
2A per sensori e carichi
A riposo 25mA
Max 60mA
A riposo 20mA - Max 50mA
A riposo 20mA - Max 70mA
30mA
A riposo 35mA, Max 115mA
+ max 200mA per ogni
uscita alimentata
Max 40mA
A riposo 40mA
In allarme 1,9A
A riposo 50mA
In allarme 1A
Sirena RZ/32
Sirena seriale RZ/12
Classe ambientale
Livello
-40
40
40
--
Classe II :
interno generale
GRADO
II
-20
44
44
Classe III:
esterno riparato
Classe IV:
esterno generale
Classe IV:
esterno generale
DIRETTIVE E NORME
Campo d'applicazione e destinazione d'uso
Dispositivo elettronico automatico di comando, "centrale antifurto", per la realizzazione di impianti in ambiente commerciale,
residenziale e dell'industria leggera
Direttive Europee
Bassa tensione
2006/95/CE
Compatibilità elettromagnetica (EMC)
2004/108/CEE (ex 89/336/CEE)
Restrizione all'uso di sostanze pericolose (RoHS)
2002/95/CE
Norme Europee generiche
Sicurezza elettrica
EN 60950
Compatibilità elettromagnetica - immunità
EN 61000-6-1
Compatibilità elettromagnetica - emissioni
EN 61000-6-3
Norme Europee specifiche di prodotto
Sistemi di allarme intrusione - prescrizioni generali
EN 50131-1
Sistemi di allarme intrusione - centrali d'allarme
EN 50131-3 Grado 2 Classe 2
Sistemi di allarme intrusione - alimentatori
EN 50131-6
Sistemi di allarme intrusione – dispositivi di avviso
EN 50131-4
Sistemi di allarme intrusione - EMC immunità
EN 50130-4
Norme Italiane specifiche di prodotto
Sistemi di allarme
CEI 79-2 (livello II)
ATTENZIONE!
È responsabilità dell'Istallatore il rispetto di tutte le raccomandazioni riportate nel presente manuale di
istruzioni, nonché delle norme e delle leggi pertinenti all'impianto da realizzare, anche se qui non
riportate.
DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ CE
SERAI spa dichiara che i prodotti presentati in questa istruzione sono stati progettati e realizzati nel rispetto delle direttive e norme sopra riportate.
IS AN40 I 05 65 260112 - A4Vf/r 60g/mq -
INFORMAZIONE AGLI UTENTI SULLO SMALTIMENTO DI QUESTO APPARECCHIO (RAEE)
ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze
pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonchè allo smaltimento dei rifiuti".
Questo apparecchio è stato prodotto dopo il 13/08/2005. Il simbolo del cassonetto barrato, riportato sull'apparecchio stesso o sulla sua confezione, indica, a tutela dell'ambiente,
che alla fine della propria vita utile l'apparecchio non deve essere smaltito come rifiuto municipale misto, ma che deve essere raccolto separatamente dagli altri rifiuti. L'u tente dovrà
pertanto conferirlo ad un idoneo centro di raccolta differenziata dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), oppure riconsegnarlo al rivenditore al momento
dell'acquisto di un nuovo apparecchio di tipo equivalente, in ragione di uno a uno. L'a deguata raccolta differenziata, per l'avvio successivo dell'apparecchio dismesso al riciclaggio,
al trattamento ed allo smaltimento ambientalmente compatibile, contribuisce ad evitare possibili effetti negativi sull'a mbiente e sulla salute, e favorisce il reimpiego e/o il riciclo dei
materiali di cui è composto l'apparecchio stesso. Il suo smaltimento abusivo da parte dell'utente comporta l'applicazione delle sanzioni previste dalla normativa vigente.
DAL 1 96 5
CONDIZIONI DI GARANZIA
L'azienda si riserva di apportare eventuali modifiche senza preavviso. La garanzia convenzionale dei prodotti SERAI è valida 24 mesi dalla data di rilascio del documento fiscale che ne prova
l'acquisto ed è prestata nella sede di Legnaro -PD- o presso i Centri di Assistenza autorizzati. Le spese di trasporto sono a carico del Cliente. Numero telefonico per l'Assistenza Tecnica:
049.790.295 dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 18:00, tutti i giorni dal Lunedì al Venerdì compresi.
M A D E IN ITA LY
+39 049 79 01 77
serai @sera i.com
VIA ENRICO FERMI, 22
35020 LEGNARO - PADOVA
+39 049 79 07 84
www.s er ai.c om
E L E T TR O N I CA PA D O VA
I
T
A
L
I
A
65
Scarica

Manuale di Istallazione