g
t
URISMO
TURISMO
SOCIALE,
CULTURA
AMBIENTE,
TEMPO LIBERO
TUTTI
ALL’ASSEMBLEA
DI VIAREGGIO
LE CONVENZIONI
PER I SOCI CTG
IOVANILE
ANNO LIII • N. 5
AGOSTO 2004
Poste Italiane S.p.A. – Spediz. in abb. post.
D.L. 353/2003 (convert.
in L. 27.02.2004 n. 46), art. 1, c. 3
• DCB Roma • Associato all’USPI
IL MESSAGGIO
DI GIOVANNI
PAOLO II
SU SPORT
E TURISMO
P R E N D I
IL LARGO
MONS. GUIDO LUCCHIARI
CONSULENTE ECCLESIASTICO NAZIONALE
LA
N
UN DOCUMENTO
CHE CI
INTERPELLA.
METTIAMOCI
IN ATTENTO
ASCOLTO,
AFFINCHÉ
L’ANNUNCIO
DEL
VANGELO
POSSA GIUNGERE
ANCHE
AI MONDI
DELLA VACANZA
E DEL VIAGGIO.
2
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
PARROCCHIA,
IL TURISMO, IL CTG
I
el documento CEI dal titolo
“Parrocchia e pastorale
del turismo”, Mons. Carlo
Mazza osserva: «Tempo
libero, turismo, sport, pur
oggetto di apprezzamento
e di citazione ecclesiale,
tardano purtroppo a entrare
nell’agenda degli impegni
pastorali, dato il loro
“improbabile” rendimento
subitaneo nel conto dei
risultati. Tuttavia, essendo
fenomeni di largo consumo
e capaci di modificare stili
e condotte di vita,
domandano sempre di più
alla Chiesa una specifica
e qualificata attenzione».
empo libero e turismo
possono quindi diventare
strumenti preziosi per
«comunicare il Vangelo
in un mondo che cambia».
Compito in un certo senso
facilitato se si pensa che
il turismo oggi è considerato
«non più come un “male
minore”, ma come
tempo-spazio nel quale
l’uomo si libera dai fardelli
quotidiani, dalla tediosità
dell’obbligazione lavorativa
e programmata, per godere
in serenità della propria
esistenza personale, della
compagnia familiare
e amicale, della natura, dei
beni artistici e ambientali».
T
l documento non manca
di offrire suggerimenti
pratici alle parrocchie
per promuovere un’azione
pastoralmente adeguata
ed efficace nell’ambito della
molteplice mobilità turistica,
culturale e devozionale,
oggi sempre più estesa.
L’esito positivo dipenderà
dalla «specifica
programmazione, dalla
corretta informazione e
dall’efficace comunicazione»
con cui ogni comunità
parrocchiale sarà in grado
di muoversi nell’offrire
«iniziative puntuali e mirate
alla persona e alle persone,
secondo uno stile di servizio».
d è a questo punto che
il documento interpella
direttamente il Ctg: «Grande
aiuto viene alla parrocchia da
una matura collaborazione
con le associazioni turistiche
di ispirazione cristiana
che, con il loro sostegno,
ravvivano il tempo della
vacanza con iniziative
culturali, sociali e solidali».
Mettiamoci dunque in attento ascolto e generosa collaborazione con la Chiesa, affinché l’annuncio del Vangelo possa giungere anche ai
«mondi della vacanza, del
viaggio e del diporto».
DON GUIDO
E
EDITORIALE
DEL
PRESIDENTE
NAZIONALE
TURISMO
N
UNA POLITICA
TURISTICA
NON PUÒ
INVENTARSI
A CASO,
FIDANDO
NELL’ITALICO
STELLONE.
NON PER CASO
egli ultimi giorni, sentendo
aria di vacanza e di ferie,
i giornalisti si sono scatenati.
Peraltro come ogni anno
di questi tempi. E allora via
con i titoloni nei giornali,
con i servizi alla radio e nei
telegiornali, con le interviste.
Tutto esaurito qua, code ai
caselli là, intere vie di negozi
chiusi per ferie, vigili che
richiamano turisti che
confondono la Fontana di
Trevi con la piscina del Foro
Italico. Tutte cose già viste.
Tutte cose che fanno pensare
di vivere in una sorta di
paese dei balocchi turistici.
DUE MESI
DI PIENONE,
DURANTE
L’ESTATE,
SONO SOLO
UN PO’ DI CIPRIA
SULLE RUGHE.
ppure non è così.
Lo sappiamo bene
e da tempo. Anzi, qualche
mese addietro, se ne è
accorto anche il nostro
simpatico (lo è veramente)
Presidente della Repubblica.
Ciampi si è chiesto come sia
possibile che – con tutte
le ricchezze culturali
e paesaggistiche che l’Italia
offre – il nostro Paese sia
turisticamente solo la terza
meta in Europa, dopo Francia
e Spagna. Forse che non
sfruttiamo adeguatamente
le nostre potenzialità?
E
l Presidente ha colto
nel segno. E francamente
non riusciamo a essere
I
3
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
soddisfatti nel vederci dare
ragione. È ormai da troppo
tempo, infatti, che ci
chiediamo come possa
essere competitivo
nel turismo un Paese
senza Ministero del turismo,
un Paese che discute
su come abolire anche
la residua Direzione Generale
presso il Ministero
delle attività produttive,
un Paese che non sa bene
chi sia il Sottosegretario
di Stato con delega specifica.
Ci è stato risposto
che è naturale che sia così.
Infatti ora la materia è
di competenza delle regioni.
iamo d’accordo, ma
chi mette attorno a un
tavolo gli assessori preposti,
chi coordina una politica
di immagine e di prodotto
unitaria, chi fa insomma
la cabina di regia?
In realtà nessuno, quasi che
si seguisse, un po’ a caso,
l’antica logica del chi fa
da sé fa per tre. Solo che
stavolta fa sì “tre”, ma nella
classifica dei Paesi turistici
d’Europa. E di questo passo,
senza correzioni, faremo
anche quattro e, forse,
cinque. Ma non ci sembra
cosa di cui andare fieri.
S
ALBERTO FERRARI
GIOVANNI PAOLO II
C
T
G
E TURISMO
Anche quest’anno il Papa ha rivolto un messaggio
autografo per la XXV Giornata Mondiale del Turismo,
che si celebra in tutto il pianeta il 27 settembre 2004.
Sport
e
turismo
D
UE FORZE VITALI AL SERVIZIO
DELLA RECIPROCA COMPRENSIONE,
DELLA CULTURA E DELLO SVILUPPO DEI
1.
4
In occasione della Giornata Mondiale
del Turismo di quest’anno, che sarà
celebrata il prossimo 27 settembre, mi
rivolgo con piacere a tutti coloro che
prestano il loro servizio in questo settore dell’attività umana, allo scopo di
presentare alcune riflessioni che mettano in risalto gli aspetti positivi del
turismo. Tale fenomeno, come già ho
avuto modo di sottolineare in altre
circostanze, contribuisce in effetti ad
accrescere il rapporto fra persone e
popoli che, quando è cordiale, rispetTURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
toso e solidale, rappresenta una porta
aperta alla pace e alla convivenza armoniosa.
Di fatto, molte delle situazioni di violenza di cui l’umanità soffre ai tempi
nostri hanno la loro radice nell’incomprensione e anche nel rifiuto dei valori e dell’identità delle culture altrui.
Per questo tali situazioni potrebbero
molte volte essere superate grazie a una migliore conoscenza reciproca. In
tale contesto, il mio pensiero va anche
ai milioni di migranti che devono essere partecipi della società che li accoglie, con fondamento soprattutto sulla stima e sul riconoscimento dell’identità di ogni persona o gruppo.
La Giornata Mondiale del Turismo,
pertanto, non solo offre di nuovo
l’opportunità di affermare il contributo positivo del turismo alla costruzione di un mondo più giusto e pacifico, ma altresì è occasione di riflettere sulle condizioni concrete in cui esso è gestito e praticato.
A tale riguardo, la Chiesa non può fare a meno di riproporre una volta ancora il nucleo centrale di quella che è
la sua visione dell’uomo e della storia. Infatti il principio supremo che
deve governare la convivenza umana
è il rispetto della dignità di ciascuno,
in quanto persona creata a immagine
di Dio e, pertanto, fratello universale.
Questo principio dovrebbe guidare
tutta l’attività politica ed economica,
come è stato messo in risalto dalla
Dottrina Sociale della Chiesa, e ispirare altresì la convivenza culturale e religiosa.
PAESI
2.
Quest’anno il tema della Giornata è “Sport e Turismo: due
forze vitali al servizio della reciproca
comprensione, della cultura e dello
sviluppo dei Paesi”. Sport e turismo
fanno riferimento prima di tutto al
tempo libero, in cui vanno promosse
attività che aiutino lo sviluppo fisico
e spirituale. Ci sono, peraltro, numerose situazioni nelle quali il turismo e
lo sport si intrecciano in maniera specifica e si condizionano reciprocamente, quando cioè lo sport si trasforma, precisamente, in motivo determinante per viaggiare, tanto all’interno del proprio Paese quanto all’estero.
In effetti, sport e turismo sono strettamente uniti nei grandi avvenimenti sportivi ai quali partecipano i Paesi di una regione o del mondo intero, come in occasione dei Giochi Olimpici, che non devono rinunciare
alla loro nobile vocazione di riaccendere gli ideali di convivenza, di comprensione e di amicizia. Ciò vale anche in molti altri casi meno spettacolari, quali le attività sportive in ambito scolastico o in quelle delle associazioni di quartiere o di località. In
altre circostanze praticare un determinato sport è esattamente ciò che
motiva a programmare un viaggio o
le vacanze.
Lo sport è, cioè, un fenomeno che
concerne tanto gli sportivi di élite, le
loro squadre e i propri tifosi, quanto
modesti circoli sociali, così come
molte famiglie, giovani e bambini, e,
in definitiva, quanti fanno dell’eser-
5
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
cizio fisico uno degli scopi importanti dei loro viaggi.
Poiché si tratta di un’attività umana
che coinvolge tante persone, non deve destare meraviglia il fatto che, nonostante la nobiltà degli obiettivi
proclamati, vi si insinuino in molti
casi anche abusi e deviazioni. Fra gli
altri fenomeni, non può essere ignorato il mercantilismo esacerbato, la
competitività aggressiva, la violenza
contro persone e cose, fino ad arrivare persino al degrado dell’ambiente o
all’offesa della identità culturale di
chi accoglie.
3.
L’Apostolo San Paolo, per illustrare la vita cristiana, proponeva ai cristiani di Corinto l’immagine
dell’atleta, come esempio di sforzo e
di costanza (cfr. 1Cor 9,24-25). In effetti, la giusta pratica dello sport deve essere accompagnata dalla temperanza e dall’educazione alla rinuncia;
con molta frequenza essa richiede al-
C
T
G
E TURISMO
tresì un buono spirito di squadra, atteggiamenti di rispetto, apprezzamento delle altrui qualità, onestà nel
gioco e umiltà per riconoscere i propri limiti. Lo sport, infine, specialmente nelle sue forme meno competitive, invita alla festa e alla convivenza amichevole.
Anche il cristiano può trovare dunque
nello sport un aiuto per sviluppare le
virtù cardinali – prudenza e giustizia,
fortezza e temperanza – nella corsa
per guadagnare la corona “incorruttibile”, come scrive San Paolo.
4.
Certamente, il turismo ha dato
un forte impulso alla pratica
sportiva. Le facilitazioni che esso offre, comprese le molteplici attività
che promuove o patrocina per iniziativa propria, hanno incrementato di
fatto il numero di coloro che apprezzano lo sport e lo praticano nel tempo libero. In tal modo si sono moltiplicate le occasioni di incontro fra
popoli e culture diverse, in un clima
di intesa e di armonia.
Per questo, senza trascurare di prestare la dovuta attenzione alle deviazioni che purtroppo continuano a verificarsi, desidero vivamente esortare,
con rinnovata speranza, a promuovere «uno sport che tuteli i deboli e non
escluda nessuno, che liberi i giovani
dalle insidie dell’apatia e dell’indifferenza, e susciti in loro un sano agonismo; uno sport che sia fattore di emancipazione dei Paesi più poveri ed
aiuti a cancellare l’intolleranza e a
costruire un mondo più fraterno e
solidale; uno sport che contribuisca a
far amare la vita, educhi al sacrificio,
al rispetto e alla responsabilità, portando alla piena valorizzazione di ogni persona umana» (Giubileo degli
Sportivi, 29.10.2000, n. 3).
Con queste considerazioni, invito coloro che sono in contatto con lo sport
nell’ambito del turismo, ed altresì gli
sportivi e tutti coloro che praticano lo
sport durante i loro viaggi, a proseguire nell’impegno per raggiungere
tali nobili obiettivi, mentre invoco su
ognuno di loro le abbondanti benedizioni divine. ❏
Vaticano,
30 maggio 2004
Solennità di Pentecoste
6
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
C
T
G
E TURISMO
ANGELO M. PIVA
IL
È
A BANGKOK,
IN
THAILANDIA,
IL
VI CONGRESSO
MONDIALE
SULLA
DEL
PASTORALE
TURISMO.
7
TURISMO
AL SERVIZIO
DELL’INCONTRO
FRA I POPOLI
stato un grande evento che ha riunito esperti, operatori pastorali, studiosi, testimoni da diversi Paesi del mondo: il VI Congresso Mondiale della
Pastorale del Turismo si è tenuto a
Bangkok, in Thailandia, dal 5 all’8 luglio, organizzato dal Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e
gli Itineranti.
Il Congresso, sul tema “Il turismo al
servizio dell’incontro fra i popoli”, ha
inteso promuovere una riflessione
«per far comprendere il turismo dal
punto di vista dei Paesi ospitanti, in
special modo di quelli tra i meno avanzati», come ha spiegato il Vescovo
Mons. Agostino Marchetto, Segretario del Pontificio Consiglio.
«Nell’incontro, l’accoglienza deve infatti essere reciproca. Allo sforzo, da
parte di chi ospita, nell’accogliere il
visitatore, deve corrispondere lo sforzo di quest’ultimo di fare lo stesso
con colui che lo ospita, con i suoi costumi, la sua cultura e la sua identità.
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
Solo in questo modo l’incontro, che
scaturisce dal turismo, potrà essere
costruttivo, e sarà una forza concreta
per la pace e la convivenza tra Popoli».
Dopo la prolusione del Cardinale
giapponese Stephen Fumio Hamao,
presidente del Pontificio Consiglio, i
vari relatori hanno presentato una
panoramica della situazione attuale
del fenomeno turistico internazionale e si sono trattenuti anche su alcuni aspetti teologici.
Da segnalare le relazioni di François
Frangialli, Segretario generale dell’Organizzazione Mondiale del Turismo, agenzia dell’Onu, e di Norberto
Tonini, Presidente del Bits e componente del Comitato mondiale di etica
del turismo.
Ma la maggior parte degli interventi
è stata costituita da testimonianze,
che hanno riguardato oltre 15 Paesi
dei cinque continenti.
Si è svolta, inoltre, una tavola rotonda su un argomento specifico: “Le dimensioni del turismo sessuale e le iniziative per combatterlo”, con la
presenza di persone direttamente impegnate nella lotta contro questa “aberrazione umiliante”, come è stata
definita dal Santo Padre Giovanni
Paolo II.
La delegazione ufficiale italiana era
guidata da Mons. Carlo Mazza, Direttore dell’Ufficio della Cei per la pastorale del turismo, e comprendeva,
per il Ctg, il Presidente Alberto Ferrari e il Consulente Don Guido Lucchiari. ❏
C
T
G
E TURISMO
NORBERTO TONINI
PRESIDENTE DEL BITS,
BUREAU INTERNATIONAL
DU TOURISME SOCIAL
In un futuro non molto lontano il BITS e il CTG
potranno trovare nuovi punti di riferimento
e soprattutto nuovi amici
anche al di là dell’Oceano.
Argentina
VALIDE PROSPETTIVE DI SVILUPPO
PER IL TURISMO SOCIALE E GIOVANILE
S
u invito del Consiglio Latino Americano di Turismo Sociale, ho avuto
modo di recarmi in Argentina per una serie di
incontri finalizzati a promuovere lo
sviluppo di attività di Turismo Sociale in quel Paese. Logicamente nell’occasione mi è stata anche offerta la
possibilità di conoscere le bellezze
della terra argentina, la cui vastità e
varietà sono decisamente impressionanti.
L’Argentina è un Paese che presenta
molti legami con la nostra Italia, poiché una percentuale assai rilevante
dell’attuale popolazione risulta essere
di origine italiana a seguito di grandi
flussi migratori che hanno avuto inizio a datare dal 1878 per concludersi
soltanto nel secondo dopoguerra.
Non vorrei peccare di presunzione,
ma mi sento onestamente di poter
affermare che da questa significativa
esperienza sono rientrato con l’impressione, e direi con la convinzione,
che noi europei abbiamo un’immagine piuttosto distorta della attuale situazione socio economica dell’Argentina. Un’immagine che non corrisponde alla effettiva realtà in quanto
non tiene conto dei progressi realizzati negli ultimi due anni e, soprattutto, nella marcata volontà di ripresa che si respira ampiamente in tutta
la vastità del Paese.
Altro aspetto che mi ha favorevolmente colpito è stato il fatto che nei
confronti dell’Italia, c’è un atteggiamento fortemente positivo cui, a mio
8
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
avviso, si dovrebbe corrispondere con
maggior disponibilità per riattivare ed
approfondire quei mai sopiti legami
culturali, ma anche economici, dando
vita ad iniziative ed azioni concrete
che in passato sono spesso mancate o
sono risultate ispirate a discutibili criteri di efficienza ed eticità.
Come già accennato, nel corso del
pur breve soggiorno ho avuto modi
di constatare che vi è nella popolazione argentina una forte volontà di
ripresa economica, unita al desiderio
C
T
G
E TURISMO
Mondiale di Etica del Turismo.
Ulteriori e positivi riscontri per la diffusione delle attività turistiche, così
come da noi concepite e vissute, sono emersi anche nel corso degli incontri con le rappresentanze istituzionali e di settore svoltisi ad Ushuaia, capitale della Terra del Fuoco,
e a Cordoba, seconda città dell’Ardi rilanciare numerose e qualificate
attività culturali e sociali.
Ed è proprio questo desiderio di un
rilancio delle iniziative sociali, culturali ed economiche che può essere
fortemente favorito ed accelerato
dalla promozione e dallo sviluppo
delle attività turistiche.
In questa chiave una mia relazione,
effettuata quale Presidente del BITS
presso la Sala Evita Peron del Senato
della Repubblica, ha riscontrato notevoli consensi.
Nel corso dell’audizione e della successiva conferenza stampa, si è infatti avuto modo di valutare ed approfondire come il turismo, ed in particolare le nuove ed emergenti forme
di Turismo Sociale, Sostenibile e Solidale, possono offrire interessanti piste operative per favorire lo sviluppo
economico e la crescita sociale e culturale della società argentina con
particolare riferimento alla numerosa
e vivace popolazione giovanile.
Se un tanto può già rappresentare un
primo risultato positivo, il vero successo della missione argentina troverà
piena conferma se l’impegno assunto
dal Senatore Rossi perverrà a concreta attuazione.
Nel corso del dibattito il Senatore si è
infatti dichiarato disponibile ad avviare in tempi brevi la presentazione
di una nuova legge in materia di turismo che abbia chiaramente a cuore
le iniziative da porre in essere per sostenere la promozione e lo sviluppo
nel Turismo Sociale e Giovanile, come
peraltro auspicato anche dal Codice
9
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
gentina, famosa anche per la sua prestigiosa università fondata nel Seicento dai Padri Gesuiti.
Altri contatti sono stati avviati con i
rappresentanti del mondo della cooperazione turistica, dei sindacati e
dell’associazionismo giovanile. In tutte queste occasioni è emerso con forza che socialità, sostenibilità e solidarietà possono e debbono rappresentare le grandi coordinate valoriali su
cui basare il futuro del Turismo Sociale e Giovanile nell’Argentina. ❏
C
T
G
E TURISMO
Varie proposte dal Ctg
per conoscere il mondo nel
modo più antico: camminando
ANDARE
PER
trekking
TREKKING CTG NAZIONALE “DA RIFUGIO A RIFUGIO” 2004
ALTA VIA DELL’OSSOLA (PARCO NATURALE ALPE VEGLIA E DEVERO)
A
nche quest’anno il Ctg di Reggio Emilia propone il tradizionale trekking
nazionale, suddiviso in 2 turni, il primo dal 24 luglio all’1 agosto e il secondo dal 31 luglio all’8 agosto. Per ogni partenza è previsto un numero massimo di 20 partecipanti, in regola con il tesseramento Ctg.
Va detto anche che, usufruendo di Rifugi del Club Alpino Italiano (CAI) e Svizzero (trattamento di reciprocità), è inevitabile fare una differenza di quote: per
i soci CAI € 320, per i non soci € 365.
La quota di partecipazione alle spese comprende 8 giorni di mezza pensione ai
Rifugi, libretto “Guida al Trekking” ed accompagnatori esperti. L’iscrizione va
fatta direttamente al Comitato provinciale del Ctg di Reggio Emilia.
Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere in sede (lunedì, martedì, giovedì e
venerdì, ore 18/20), via Mogadiscio, 2 – 42100 Reggio Emilia – tel./fax
0522/511576 – e-mail [email protected]
PROGRAMMA DI MASSIMA
Sabato mattina: trasferimento con mezzi propri a S. Domenico, fraz. di Varzo
(m 1450) e su strada privata al Rifugio Città di Arona all’Alpe Veglia (m 1750).
Ore 1,15. Cena, pernottamento e prima colazione.
Domenica: traversata al Passo d’Orogna (m 2460) ed al Rif. Castiglioni all’Alpe Devero (m 1640). Ore 5,30.
Lunedì: giorno di sosta al Rif. Castiglioni con salita facoltativa al Passo della
Rossa (m 2474) ed alla Punta di Valedeserta (m 2764). Ore 6.
Martedì: traversata al Passo Minoia (m 2598) ed al Rif. Margaroli (m 2177). Ore 5,30.
Mercoledì: traversata al Passo di Nefelgiu (m 2583), poi sentiero intermedio per
il Rif. Somma Lombardo (m 2561) e Rif. Mores (m 2515). Ore 4,30.
Giovedì: sosta al Rif. Mores con salita facoltativa al Rif. Claudio e Bruno (m
2710) e vetta del Blinnenhom (m 3375). Ore 6,30.
Venerdì: traversata al Rif. Città di Busto (m 2480), Alpe Battelmatt (m 2120),
Passo del Gries (m 2462), Passo del Corno (m 2494) e alla Capanna Corno Gries
nel Canton Ticino (m 2338). Ore 4,30.
Sabato: traversata all’Alpe di S. Giacomo (m 2254) e al Passo S. Giacomo (m
2313), poi su strada privata al Rif. Maria Luisa (m 2160). Ore 3,30.
Domenica: discesa su strada privata all’Alpe Riale (m 1726) in ore 1,15.
N.B. I tempi delle camminate sono stati ricavati da bibliografie varie e non comprendono le dovute soste.
10
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
C
T
G
E TURISMO
SETTIMANA ESCURSIONISTICA 2004
“NELLE TERRE DEI WALSER” – 21/29 AGOSTO 2004
L
a Settimana escursionistica 2004 è rivolta sia ad escursionisti esperti, che
desiderano percorrere itinerari di un certo impegno, sia ad escursionisti
“tranquilli” che preferiscono camminare per sentieri senza particolari difficoltà;
ogni giorno infatti è prevista un’escursione impegnativa ed una alla portata di
tutti. Il pernottamento avverrà presso rifugi facilmente accessibili dal fondovalle; è perciò possibile aggregarsi al gruppo in qualsiasi momento, o interrompere il soggiorno anche prima del termine. Meta di questa settimana saranno le valli ossolane, ed in particolare le splendide conche dell’Alpe Veglia e
dell’Alpe Devero, comprese all’interno degli omonimi parchi naturali.
PROGRAMMA
Sabato 21. Reggio Emilia, Domodossola, Varzo, San Domenico, Rif. Città di Arona all’Alpe Veglia m 1750. Ore 2.
Domenica 22. Escursione a Punta Valgrande m 2856 e rientro al rif. Arona. Ore 3,45 sola andata.
Lunedì 23. Salita alla Punta del Rebbio m 3193. Ore 5,15 sola andata. Per gli
escursionisti: salita alla Forca del Rebbio m 2742. Ore 3 sola andata.
Martedì 24. Traversata rif. Arona, Passo di Valtendra m 2431, Scatta dí Orogna
m 2461, Alpe Severo m 1644, rif. Castiglioni m 1640. Ore 4,45.
Mercoledì 25. Salita al Monte Cervandone m 3211. Ore 5 sola andata. Per gli
escursionisti: visita al bivacco Combi Lanza m 2409. Ore 2,10 sola andata.
Giovedì 26. Salita alla Punta di Valdeserta m 2939. Ore 3,30 sola andata. Per
gli escursionisti: escursione al Passo della Rossa m 2474. Ore 2,30 sola andata.
Venerdì 27. Salita alla Punta d’Arbola m 3235. Ore 5 sola andata. Per gli escursionisti: escursione alla Binntalhutte m 2269. Ore 3,30 sola andata.
Sabato 28. Rientro a Reggio.
QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 250 (comprendente trattamento di mezza pensione
e guida della settimana).
ISCRIZIONI: con versamento di un acconto di € 100,00 entro il 31/7.
NOTE: per tutti i partecipanti è obbligatoria la tessera Ctg.
ATTREZZATURA: per effettuare le salite alle cime sono necessari ramponi, piccozza, imbragatura e casco; per tutti è necessario il sacco letto.
PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI: Sede Ctg, via Mogadiscio 2, 42100 Reggio Emilia
– tel. e fax 0522 511576 – e-mail [email protected]
Bruno Iotti, tel. 338/5470355 – e mail [email protected]
TREKKING DELLE OROBIE
A
nche il Gruppo Ctg “Free Mountain” di Bergamo ha organizzato per l’estate 2004 un percorso lungo quasi 80 km. Il “Sentiero delle Orobie” inizia in Val Canale, un paesino a 987 metri di quota e che rappresenta il villaggio più consistente della bellissima Val Canale, per terminare al Passo della Presolana. Il numero massimo di partecipanti è di 15 persone, con un minimo di
5. Occorre un buon allenamento e un minimo di esperienza in montagna.
Questa e altre proposte possono essere visionate sul sito www.freemountain.it
Informazioni: tel. 333 8634228 – e-mail: [email protected] ❏
11
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
C
T
G
E TURISMO
Nel direttivo
è riconfermato
Diego Scarbolo per il Ctg.
MAURIZIO DAVOLIO
AL VERTICE DI AITR
I
12
l reggiano Maurizio Davolio, responsabile nazionale turismo di Legacoop,
è stato eletto presidente di Aitr, l’Associazione Italiana Turismo Responsabile, nell’Assemblea tenuta a Rimini.
Davolio, tra i fondatori di Aitr nel
1996, succede ad Alfredo Somoza.
Aitr associa le organizzazioni che si
occupano di turismo responsabile, caratterizzato dal rispetto per i territori
di destinazione turistica e delle sue
popolazioni, dal ruolo protagonistico
dei residenti nello sviluppo turistico,
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
dalla creazione di rapporti paritetici e
profondi fra turisti e residenti, da forme di viaggio attente ai contenuti
culturali e umani.
Ad Aitr aderiscono più di 50 organizzazioni fra cui Legacoop, Wwf, Arci,
Legambiente, Ctg, Cts, Cta Acli, Ecpat
e numerose associazioni che organizzano viaggi nel Terzo mondo o sono
impegnate in progetti di cooperazione
allo sviluppo, nel commercio equo e
solidale, nell’editoria turistica e in progetti di accoglienza in Italia.
L’importante incarico si affianca all’altro ricoperto da Davolio, che è presidente di Tica, l’Associazione internazionale delle cooperative turistiche, e
componente della presidenza del Bits.
Il Ctg continua ad essere presente nel
direttivo con Diego Scarbolo, presidente del Ctg lombardo.
Alfredo Somoza, presidente uscente,
ha tracciato un bilancio di 6 anni di
lavoro: «I soci di Aitr hanno dato vita
a nuovi settori economici, come le agenzie dedicate al turismo responsabile, gli sportelli solidali nell’incrocio
con il commercio equo e solidale e a
nuove forme di cooperazione internazionale. Sono stati finanziati progetti
all’estero e creati posti di lavoro nelle
aree depresse d’Italia. Abbiamo sensibilizzato migliaia di cittadini attraverso incontri, lezioni, pubblicazioni. Abbiamo lavorato proficuamente con la
stampa e lanciato la prima collana europea di saggistica sul turismo sostenibile con il più importante editore
geografico italiano, l’Istituto Geografico De Agostini». ❏
C
T
G
E SOCIETÀ
ALBERTO FERRARI
Il Ctg verso l’Assemblea organizzativa
di fine ottobre.
Momenti di dibattito e momenti di festa.
L’IMPORTANZA
DI ESSERCI
IL CANTIERE
Un viaggiatore, passando di lì,
vide tre muratori intenti
a lavorare. Si rivolse al primo
DELLE IDEE.
e gli chiese cosa stesse facendo.
Il muratore, senza alzare
lo sguardo, disse:
«Metto un mattone sopra l’altro».
COSTRUIRE
Insoddisfatto, ripetè la domanda
al secondo e quello rispose,
in fretta: «Sto tirando su un muro».
Ancora insoddisfatto della risposta,
LA RETE,
si rivolse al terzo.
Questi si fermò, gli sorrise
ORGANIZZARE
e gli disse: «Come vede, signore,
il lavoro è agli inizi
e può intuire ancora poco.
Ma noi, insieme, stiamo costruendo
LA PRESENZA.
13
una Cattedrale che sfiderà i secoli».
C
ome i tre operai, anche noi siamo chiamati, non a mettere
delle attività in fila,
ma a realizzare un
grande progetto.
L’Assemblea nazionale allora non è un
momento rituale. L’Assemblea nazionale del Ctg non può nemmeno ridursi a una parata di facce e parole.
La nostra Assemblea nazionale deve
diventare un momento di lavoro e di
festa.
Un momento di lavoro perché siamo
chiamati ad operare in un grande
cantiere di idee. Vi porteremo, ciascuno, la nostra. Non per difenderla o
imporla, ma perché – quasi che fosse
un mattone – contribuisca con cento
altre a costruire il Ctg di domani. Non
un’associazione utopica o futuribile,
ma una realtà che comincia da oggi e
poggia le sue basi in una storia lunga
già 55 anni. Una storia che siamo noi.
Ma anche un momento di festa. Perché incontrarci tra di noi è sempre una festa. Ritrovare vecchi amici, conoscerne di nuovi, portare esperienze
fatte, apprendere prospettive nuove:
tutto ciò ci porta a non intristire stando fermi, ma a vedere il mondo sempre con occhi nuovi.
Un’associazione, come la nostra, che
non sapesse stare piacevolmente insieme, avrebbe fallito uno dei suoi
compiti.
Da soli non si fa festa. Da soli non si
ha la forza per costruire Cattedrali.
Ecco perché, a Viareggio, all’Assemblea, è importante esserci. ❏
NELLA
FOTO
IN BASSO
CANTIERI NAVALI
A VIAREGGIO.
C
T
G
E SOCIETÀ
PROGRAMMA
DI MASSIMA
DELLA
ASSEMBLEA
NAZIONALE
DEL CTG
Viareggio (LU)
29 ottobre - 1 novembre 2004
Hotel Residence Esplanade
29 OTTOBRE, venerdì
Arrivi nel pomeriggio e in serata. Cena libera.
ore 21.15
Socialità, sostenibilità, solidarietà: folli utopie?
Dibattito pubblico con Mons. Giuseppe Andreozzi, direttore Ufficio Missionario della CEI
e Sergio Marelli, direttore del Focsiv e Presidente delle ONG italiane.
L’incontro, a conclusione del mese missionario, è aperto alla cittadinanza locale.
30 OTTOBRE, sabato
ore 9.00
Apertura ufficiale dell’Assemblea con intervento delle Autorità.
Sono stati invitati, tra gli altri, il Sindaco di Viareggio Marco Marcucci,
il Presidente della Provincia di Lucca Andrea Tagliasacchi, l’Assessore Regionale al turismo
Susanna Cenni, il Sottosegretario di Stato ai Beni culturali Nicola Bono
Consegna del Premio “Vincenzo Natalizia”.
Tavola rotonda:
Chi educa al turismo che educa?
Hanno già assicurato la loro presenza: Mons. Carlo Mazza, direttore Ufficio Nazionale
per il Turismo della CEI, Norberto Tonini, presidente del Bits.
Sono stati invitati dirigenti scolastici, educatori, esperti del settore di livello nazionale.
Pranzo.
ore 15.00
Relazione del Presidente Nazionale sul tema dell’assemblea. Dibattito.
ore 15.00
Escursioni in pullman per ospiti e accompagnatori:
– per i più giovani e atletici, esplorazione dell’Antro del Corchia, grotte naturali.
– per gli altri, visita di Torre del Lago Puccini, con ingresso alla Villa del maestro.
ore 19
S. Messa prefestiva celebrata da S.E. Mons. Vasco Bertelli,
responsabile della pastorale del turismo per la Toscana.
Cena.
ore 21.30
Spettacolo per tutti alla Cittadella del Carnevale.
31 OTTOBRE, domenica
Lavori di gruppo.
ore 9
Prima sessione di idee in cantiere: Il Ctg che saremo.
ore 11
Seconda sessione di idee in cantiere: Il Ctg che faremo.
Programma turistico per ospiti e accompagnatori: visita alla città di Viareggio.
Pranzo.
ore 15
Escursione in pullman per tutti alla scoperta della Versilia.
ore 18.30
Badia di Camaiore: S. Messa festiva celebrata
da S.E. Mons. Italo Castellani, Vescovo di Lucca.
ore 20.30
Festa associativa, con musica e i prodotti tipici delle regioni Ctg presenti.
1 NOVEMBRE, lunedì
ore 9
Dibattito conclusivo sulle relazioni dei gruppi di lavoro.
ore 11
“Una casa per il Bambino di Betlemme”.
Presentazione alla città della Campagna Ctg per l’aiuto ai Cristiani di Terra Santa.
È stato invitato Padre Giovanni Battistelli, già Custode generale dei Luoghi Santi.
Pranzo e partenze.
Durante la manifestazione vi sarà possibilità di allestire stand per presentare le attività
dei gruppi Ctg, delle Case per Ferie, dei Comitati e dei Consigli regionali.
Saranno presenti anche associazioni e realtà che collaborano alla nostra missione formativa.
IL
PROGRAMMA
INDICATO
È DA RITENERSI
DI MASSIMA
E ATTUALMENTE
IN FASE DI DEFINIZIONE.
INOLTRE
NON
SONO STATI INDICATI
ALCUNI OSPITI,
GIÀ INTERPELLATI,
CHE SI SONO
RISERVATI
Sono invitati a partecipare all’assemblea tutti i soci attivamente impegnati nella vita del Ctg:
presidenti di gruppo e di circolo, responsabili di case per ferie, dirigenti provinciali, regionali
e nazionali.
È richiesto ai partecipanti un contributo parziale alle spese di organizzazione, così elencato:
• sistemazione in albergo a 4 stelle in camera doppia: 156 € p.p.
• sistemazione in albergo a 3 stelle in camera doppia: 129 € p.p.
• sistemazione giovani e famiglie in 3 stelle in camere a 3 o più letti: 95 € p.p.
• supplemento singola: 15 € p.p. a notte.
Come si può vedere, tenuto conto della località, si è fatto uno sforzo per mantenere quote basse
e favorire la partecipazione di tutti all’assemblea. Inoltre, per i gruppi di almeno 8 partecipanti,
è previsto un ulteriore sconto del 10% sulla quota di partecipazione.
Nella quota è previsto il materiale per la partecipazione ai lavori, la sistemazione alberghiera
scelta, i pasti indicati, le escursioni, i momenti comunitari e di festa.
Il programma è riservato ai soli soci del Ctg.
L’ADESIONE FINALE.
14
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
A
PAG. 15
IN ALTO
UNA VEDUTA
DEL LAGO
DI MASSACIUCCOLI.
A
PAG. 15
IN BASSO A DESTRA
LA SPIAGGIA
DI LIDO
DI CAMAIORE.
QUI SOTTO
UN’IMMAGINE
DEL CARNEVALE
DI VIAREGGIO.
C
T
G
E TURISMO
ALLA
RICERCA
DEL
BELLO
TERZA
PUNTATA
DEL NOSTRO VIAGGIO.
DOPO
ESSERE DISCESI
DALL’ABRUZZO
FIN VERSO LA
CALABRIA,
DIRIGIAMO ORA
LA BUSSOLA A
NORD.
PUNTIAMO L’OCCHIO
SULLA TERRA
CHE OSPITERÀ LA NOSTRA
PROSSIMA
ASSEMBLEA
NAZIONALE.
ACCANTO
AI LAVORI
ASSEMBLEARI,
VI SARÀ LA POSSIBILITÀ
DI APPROFONDIRE
LA CONOSCENZA
DELLA CELEBRE REGIONE
COSTIERA, CON
LA SPLENDIDA
VIAREGGIO,
RINOMATA META
TURISTICA ESTIVA
MA VIVACE ANCHE
D’INVERNO, SEDE
Versilia
la perla del Tirreno
S
iamo in provincia di Lucca
e la Versilia ne è la breve
fascia di territorio lungo il
Tirreno.
Delimitata alle sue spalle
dalle vicine Alpi Apuane, si
può dividere in due parti: quella lungo
il mare, con le splendide spiagge e i
moltissimi locali per il divertimento
notturno, e l’entroterra, ricco d’arte,
cultura, storia e tradizioni.
L’origine del nome sembra che risalga
all’antico fiume Vesidia (dal germanico
Wesser, cioè “acqua”) e che corrisponde
all’odierno canale di Ruosina, da cui,
nell’alto Medioevo derivò la forma
“Versilia”.
I primi insediamenti dell’uomo in questo territorio risalgono alla notte dei
tempi, anche se la prima vera civiltà che
si instaurò fu quella etrusca. Fatalmente, in seguito la Versilia cadde sotto il
dominio romano, sotto il quale, nel I
secolo a.C., iniziò la bonifica della zona
litoranea.
DI UNO DEI PIÙ FAMOSI
CARNEVALI D’ITALIA.
15
I
l nostro viaggio parte da Viareggio.
L’abitato ebbe origine da un castello
che i Lucchesi e i Genovesi, alleati contro Pisa, edificarono nel 1172 sulla riva
del mare, a difesa della costa e del territorio circostante. Il fortilizio, di imponenti dimensioni, fu denominato “Castrum de Via Regia”; era infatti costruito al termine di quella strada, così chiamata in onore dell’imperatore Federico
Barbarossa, che serviva da collegamento tra il forte stesso e l’entroterra.
Il forte di Viareggio e la modesta foce
del Canale Burlamacca che gli scorreva
accanto assunsero importanza nel
1441, quando Lucca perse il suo potere
sul castello e sull’approdo marittimo di
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
Motrone; Viareggio divenne così l’unico
sbocco al mare dello Stato lucchese, cosa di cui guadagnò il territorio circostante, peraltro fino ad allora in condizioni di abbandono.
Furono presi infatti provvedimenti e misure per bonificare la palude che orlava
la costa, per favorire la crescita urbana
e demografica di quello che stava divenendo un piccolo borgo e per incrementare il traffico alla foce del Canale.
Già nel 1480 il movimento marittimo aveva assunto una discreta importanza e
Lucca decise di offrire gratuitamente
terreno a chi decideva di costruire una
casa a Viareggio.
L’inospitalità dei luoghi e l’alto tasso di
mortalità dovuto alla malaria, però, ne
ostacolarono lo sviluppo e il continuo
regredire del mare rese scarsamente valido il castello di Viareggio come difesa
dello scalo marittimo e delle attività
commerciali che vi si svolgevano. Per
questo, nel 1534, fu eretta un’altra fortificazione, la Torre Matilde, che garantiva una miglior protezione e che fece
da nucleo attorno al quale si formò un
ALLA
RICERCA
DEL
BELLO
piccolo centro abitato. Nel 1559 fu costruita la prima chiesa, dedicata a San
Pietro prima e, ampliata e trasformata,
alla SS. Annunziata poi.
N
el 1617 Viareggio fu destinata a
sede di Vicaria per le località che
fiorivano sulle colline alle sue spalle e iniziò ad ingrandirsi tanto che, nel 1701,
il Consiglio generale della Repubblica
Lucchese lo dichiarò “Comunità”, dando agli abitanti il diritto di riunirsi in
consiglio per decidere propri provvedimenti. Lo sviluppo di Viareggio, però,
procedeva con difficoltà, perché nella
zona retrostante continuava ad estendersi una vasta zona paludosa.
Allora Lucca decise di intraprendere una
radicale bonifica del territorio, incaricando l’ingegnere veneto Bernardo
Zendrini di risolvere il grave problema.
Furono così ideate speciali cateratte sul
Canale Burlamacca per regolare il flusso
e il deflusso delle acque e fu intrapreso
il totale abbattimento della macchia palustre. Dal 1741, anno in cui terminarono i lavori di bonifica, la malaria cominciò a diminuire progressivamente, fino a
scomparire del tutto. Un altro grave
problema sorse, però, per il fatto che la
vegetazione abbattuta non creava più
protezione per le colture dell’entroterra,
violentemente spazzate e danneggiate
dal vento di mare. Ecco che venne deciso di innalzare lungo la spiaggia una
barriera artificiale, una striscia di bosco
a pini: le future pinete di Viareggio, incomparabile oasi di verde, l’una – quella di Ponente – inserita ora nel tessuto
urbano e l’altra – quella di Levante –
lussureggiante di vegetazione, costituita
in Parco naturale con i territori di Massaciuccoli, Migliarino e S. Rossore.
16
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
V
iareggio richiamò gente dalle località vicine e anche molte famiglie
nobili lucchesi si stabilirono nella zona.
Il paese si ampliò, le attività di pesca,
cantieristica e marineria velica assunsero notevole importanza, tanto che nel
1819 la duchessa di Lucca, Maria Luisa
di Borbone, decretò la costruzione della prima darsena e nel 1820 elevò Viareggio al rango di “città”. Nel 1822 la
principessa Paolina Bonaparte Borghese, sorella di Napoleone, fece costruire
vicino alla riva del mare una graziosa
villa, in cui soggiornò nei suoi ultimi
anni di vita.
Era l’inizio di una nuova stagione per
Viareggio, quella caratterizzata dall’usanza dei bagni di mare: per la bellezza
della spiaggia, per la felice posizione
geografica, per il senso di ospitalità degli abitanti, la città si avviava ad essere
un centro balneare rinomato. Nel 1828
furono costruiti i primi stabilimenti: il
Nereo per gli uomini, il Dori per le signore, in ossequio alla morale del tempo, che proibiva il bagno promiscuo.
Intorno al 1860 sorsero grandiose strutture balneari su palafitte: il bagno Nettuno, il Balena, il Felice, l’Oceano e via
via tutti gli altri, dal Canale alla Piazza
Mazzini. Accanto alle modeste case del
popolo si elevarono quelle signorili e
l’espansione urbanistica si spostò dall’antico nucleo stretto attorno alla Torre Matilde verso il mare e lungo la
spiaggia.
A
ll’inizio del Novecento la città era
già la “Perla del Tirreno”, un centro
mondano, culturale e turistico apprezzato in tutta Europa e caratterizzato da
una particolarissima architettura sospesa tra eclettismo e liberty. Nel corso del-
QUI SOPRA
LA BADIA
DI SAN PIETRO,
A CAMAIORE.
A PAG. 16,
IN ALTO
LA SPIAGGIA
DI FORTE
DEI MARMI.
A PAG. 16,
AL CENTRO
IL SIMBOLO
DEL CELEBRE
CARNEVALE
DI VIAREGGIO.
A
PAG. 16,
IN BASSO
LA TORRE
MATILDE,
A VIAREGGIO.
C
T
G
E TURISMO
ALLA
RICERCA
DEL
BELLO
la seconda guerra mondiale violenti
bombardamenti distrussero interi quartieri, provocando centinaia di vittime
tra i civili, ma – nonostante le immani
ferite – Viareggio seppe subito risorgere, ricostruendo case, alberghi, cantieri
e attrezzature balneari. Oggi la città si è
notevolmente ingrandita e la sua popolazione supera i 60.000 abitanti. Vivacissima località turistica, non solo estiva, è nota in tutto il mondo per il suo
tradizionale Carnevale. È attivo centro
commerciale, con insediamenti industriali e artigianali di rispetto, soprattutto nel campo della cantieristica navale.
Importanti anche i settori della pesca,
con un’attrezzata flottiglia nel caratteristico porto che ospita anche le barche
dei diportisti, e della floricoltura, con
notevole esportazione di fiori recisi.
M
a la storia di Viareggio si rispecchia nel suo lungomare, dove si
trovano locali storici in stile Liberty come il Gran Caffè Margherita che ha avuto come suoi ospiti Guglielmo Marconi, Ermete Zacconi e Giacomo Puccini.
Di interesse architettonico sono anche
Palazzo Bernardini, costruito nel 1700
come residenza estiva nobiliare, e Palazzo Belluomini, famoso per aver ospitato Papa Pio VII mentre veniva tradotto in Francia come prigioniero di Napoleone III. Altri edifici importanti sono
Palazzo Paolina, (da Paolina Bonaparte), oggi sede di due musei, ed il Palazzo della Cittadella, diventato poi l’albergo Vittoria dove soggiornarono Giuseppe Giusti e Alessandro Manzoni. Merita una visita la Pinacoteca Viani, che
ospita opere del pittore viareggino oltre
a quadri di Carrà, De Chirico, De Pisis e
altri artisti.
P
ochi chilometri più a sud, merita una deviazione Torre del Lago Puccini, frazione di Viareggio, dove, vicino al
lago di Massaciùccoli, si trova la casa
(trasformata in museo) e la tomba del
musicista Giacomo Puccini. Qui il maestro visse per circa trenta anni e sono
ancora conservati suoi documenti e cimeli.
Ad occidente, fra la grande spiaggia di
17
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
sabbia dorata e la verde pineta, sorge la
piacevole località di Marina di Torre del
Lago, ormai estesa verso Sud, sino a
lambire il territorio pisano.
L
asciato il comune di Viareggio ci
addentriamo alla scoperta dell’interno della Versilia, con i suoi centri caratteristici.
Ci fermiamo a Massarosa, piccolo centro ai piedi di verdi colline e fondato nel
300 a.C. La località ha grandi testimonianze artistiche del suo passato. La più
intressante è la chiesa dedicata ai Ss.
Jacopo e Andrea, ornata con un’edicola di Lorenzo Stagi, risalente al XVI secolo. Da vedere anche, nell’attigua sacrestia, una croce d’argento risalente al
Trecento. Spostandoci nella frazione di
Massaciùccoli, sulle sponde dell’omonimo lago, possiamo ammirare i resti delle terme romane, note come Buche di
Nerone o Bagni di Nerone.
Nell’altra frazione di Pieve a Elici, si trova la chiesa romanica dedicata ai Ss.
Ambrogio e Pantaleone, con un caratteristico campanile ornato di merli.
P
roseguiamo, seguendo le curve delle strade collinari, e dopo una decina di chilometri arriviamo a Camaiore,
edificata nel 1255 sui resti di un antico
insediamento romano. Da qui si diparte
un articolato sistema di sentieri verso le
Apuane, passione degli escursionisti a
piedi. La località conserva interessanti
tracce medievali del suo passato, tra cui
la romanica chiesa della Collegiata (del
1278) con la torre campanaria edificata
nel 1365, e la chiesa di San Michele, risalente al Duecento, ma ricostruita dopo i bombardamenti nella seconda
guerra mondiale.
IN ALTO
A DESTRA
LA SPIAGGIA
DI MARINA
DI PIETRASANTA.
IN
BASSO,
A SINISTRA
TORRE DEL LAGO
PUCCINI:
IL MONUMENTO
DEDICATO AL GRANDE
COMPOSITORE.
ALLA
RICERCA
DEL
BELLO
Da non tralasciare, nei dintorni, alcune
importanti pievi. Nei pressi del cimitero,
merita una sosta la Badia, chiesa romanica costruita attorno all’anno Mille sui
resti di un precedente monastero benedettino. In località Pieve troviamo
un’altra chiesa e antico campanile, risalente all’anno 840. Ammiriamo, sulla
facciata, una lunetta che sormonta un
bel portale del Quattrocento e una finestra a bifora. Entriamo e visitiamo l’interno, praticamente inalterato. È diviso
in tre navate, con un presbiterio rialzato e un’abside illuminata da tre finestre
monofore.
L
asciata Camaiore, ci portiamo a Pietrasanta, attorniata da una bella
cinta muraria risalente al Trecento. Antica cittadina artistica, è oggi capitale
dell’arte marmorea, con decine di laboratori (alcuni di questi si possono visitare) dai quali escono vere opere d’arte.
Girando per la città, possiamo ammirare molte testimonianze del passato, alcune delle quali si trovano nella piazza
principale. Tra queste, il Duomo di S.
Martino, edificato nel Duecento e ampliato nel 1330, affiancato da un grezzo campanile del XVI secolo. L’interno,
a tre navate, è ricco di sculture, con acquasantiere e candelabri cinquecenteschi di Stagio Stagi. Sulla stessa piazza
si trova anche la chiesa quattrocentesca
di S. Agostino, che ospita nel vicino
convento un Museo di bozzetti per
sculture.
Tra le altre chiese, è da vedere la pieve
dei Ss. Giovanni e Felicita, forse il monumento religioso più illustre della Versilia. Vi si giunge per la via Sarzanese,
andando verso Valdicastello.
Lungo la strada possiamo vedere la mo-
18
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
desta casa (oggi museo) dove nel 1835
nacque Giosuè Carducci.
La pieve dei Ss. Giovanni e Stefano a
Vallecchia, risale al periodo paleocristiano: vi si arriva in pochi minuti percorrendo la strada per Seravezza. Oggi
però, forse più di Pietrasanta, è famosa
Marina di Pietrasanta, stazione balneare immersa nel verde di una pineta. Vi si
trova il celebre parco de “La Versiliana”,
che ospitò Gabriele D’Annunzio e che
ogni stagione propone un ricco programma di attività culturali.
C
hiudiamo il nostro viaggio a Forte
dei Marmi, sede di un famoso premio dedicato alla satira politica. Qui è
da visitare, per l’appunto, il Museo per
la Satira e la Caricatura, nel Forte di
Leopoldo I. Questo è il simbolo della
città: un fortino edificato nel 1788 dal
Granduca di Toscana per rendere sicuro
il luogo ancora paludoso, e promuovere l’insediamento umano. Verso il mare
è ancora possibile vedere l’antico pontile, usato per imbarcare i giganteschi
blocchi di marmo che, via mare, venivano inviati in tutto il mondo.
Merita un’ultima visita anche il signorile quartiere di “Roma Imperiale”. Tra i
pini ci imbattiamo in una serie di splendide ville, vere opere d’arte disegnate da
architetti moderni di fama mondiale. Vi
sorge anche la Villa Agnelli, oggi trasformata in Hotel Augustus, con il caratteristico passaggio diretto alla spiaggia.
Il nostro viaggio è terminato. Ma non
del tutto. Non ci resta infatti che – calata ormai la notte – fare una capatina
nel più antico night d’Italia. È la famosa “Capannina”, inaugurata nel 1929 e
non ancora passata di moda. ❏
C
T
G
U O M O
E AMBIENTE
Presentata ad Assisi
la “Charta dei cristiani
per l’ambiente”
Una cultura
ambientale
CHE GUARDI ALLA PERSONA UMANA
CON PIÙ OTTIMISMO
Scopo dell’iniziativa è quella di precisare qual è l’insegnamento cristiano
in materia di ambiente e soprattutto
far emergere una cultura più aperta e
lungimirante, che vada oltre il punto
di vista scientista e quello catastrofista. La Charta rifiuta la visione di un
uomo “cancro del pianeta” e l’idea di
una natura divinizzata e immobile; al
contrario ripropone una grande fiducia e speranza nella bontà del Creatore e delle sue opere.
In questo contesto il documento rileva le differenze che esistono tra il
pensiero cristiano e l’ideologia che caratterizza le maggiori associazioni
ambientaliste, nelle quali si legge
spesso una visione orizzontale che
tende verso il basso, con la tendenza
a divinizzare la fauna e la flora.
È scritto invece, tra l’altro, nella Charta: «Per un cristiano l’uomo è fatto ad
immagine e somiglianza di Dio. (...) Per
un cristiano la crescita demografica è
una benedizione del Signore».
I
19
l 5 giugno, Giornata Mondiale dell’Ambiente, è stata presentata ad Assisi, la Charta dei Cristiani per l’Ambiente.
Secondo i promotori, si tratta di un
atto costitutivo per l’identità ed il
programma di azione delle associazioni e dei cristiani che si rifanno alla
Genesi, agli scritti di San Benedetto,
di San Francesco, di San Tommaso
d’Aquino, e all’insegnamento dei
pontefici, con particolare riferimento
a quelli di Giovanni Paolo II.
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
A
PAG. 18,
IN ALTO
UNO SCORCIO
DI SERAVEZZA.
A
PAG. 18,
A CENTRO PAGINA
MASSAROSA:
LA PIEVE
DI S. PANTALEONE
A PIEVE A ELICI.
A
PAG. 18,
IN BASSO
PIETRASANTA:
ATELIER PER
LA LAVORAZIONE
DEL MARMO.
E ancora: «Noi cristiani abbiamo una
visione teocentrica che tende alla verticalità, dove il creato ci è stato messo a disposizione del Signore per curarlo, svilupparlo e governarlo. (...) Il
Dio in cui noi cristiani crediamo è buono, e ama immensamente l’umanità».
I promotori della Charta auspicano
«una cultura ambientale che guardi
alla persona umana con più ottimismo. La persona che non è maledizione ma benedizione del pianeta. Uomo
che è ricchezza e non impoverimento
per il mondo. Uomo la cui prole suscita speranza e non disperazione».
In un ambiente inteso come casa e
come risorsa la Charta si rifà alle parole pronunciate nel 1997 da Giovanni Paolo II ai partecipanti al Convegno
sul tema “Ambiente e Salute”: «La difesa della vita e la conseguente promozione della salute, specialmente
nelle popolazioni più povere e in via di
sviluppo sarà ad un tempo il metro e il
criterio di fondo dell’orizzonte ecologico a livello regionale e mondiale».
N O M I N A
IL MINISTRO PER
L’AMBIENTE MATTEOLI
HA NOMINATO L’AMICO
DIEGO SCARBOLO
COMPONENTE
COMMISSIONE
RISERVA DELL’AREA
DELLA
DI
MARINA PROTETTA DI
MIRAMARE (TRIESTE),
IN RAPPRESENTANZA
DELLE ASSOCIAZIONI
AMBIENTALISTE.
20
V
enticinque le associazioni di ispirazione cristiana che hanno aderito alla Charta. Tra di esse la Fondazione Sorella Natura, il Movimento Azzurro, il Gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa (GRIS), Ambiente
Azzurro il Centro Studi “Giorgio la Pira”, il Forum per la Laguna di Venezia,
Progettambiente, il Centro Turistico
Giovanile. Ad Assisi, per il Ctg erano
presenti il consigliere nazionale Marco
Emanuele e Diego Scarbolo, presidente regionale della Lombardia. ❏
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
DALLA CHARTA
L’
accresciuta sensibilità
nei confronti del creato
è sicuramente un fenomeno
che indica un più alto livello
di civiltà e una maggiore
attenzione ai diritti
di esseri non umani.
Quello a cui assistiamo oggi
però fa parte di quella “babele
dei diritti” in cui per moda
o peggio per ideologia
si propongono utopie radicali
in cui la difesa degli animali,
della flora e del mondo inanimato
viene contrapposta alla vita umana.
…
A
uspichiamo la nascita
di una più avanzata cultura
ambientale che attraverso le strade
della fede e della ragione
giunga alla scoperta della verità.
Proprio in questi anni
a cavallo del nuovo millennio,
durante i quali abbiamo vissuto
e viviamo l’apparente paradosso
della coincidenza fra il più
elevato livello di modernità
industriale mai raggiunto,
avvertiamo il bisogno
dell’affermazione
di una cultura ambientale
in cui l’uomo sia fedele
al mandato biblico
come custode responsabile
dell’ambiente nel quale
è posto a vivere.
MAURIZIO DELIBORI
C
T
G
U O M O
E AMBIENTE
DA
VENT’ANNI GUIDANO
ALLA SCOPERTA DEL
S
GLI
ANIMATORI
CULTURALI
E AMBIENTALI
SONO UNA VERA
RICCHEZZA
ALL’INTERNO DEL
PANORAMA
È
CTG.
ORMAI
NECESSARIO
DIFFONDERE
QUESTA
ESPERIENZA
IN TUTTA ITALIA.
Baldo
i è celebrato il ventennale di fondazione del gruppo Ctg animatori culturali e ambientali Monte Baldo. Il gruppo nasce a Caprino nell’inverno
1983/84 grazie a un corso di formazione di animatori turistici promosso
dal Ctg di Verona. Le finalità del
gruppo erano e sono tuttora quelle di
far conoscere il territorio e l’ambiente
del Monte Baldo e dell’entroterra gardesano nei loro aspetti naturali, storico-artistici e antropici mediante iniziative di divulgazione e con la formazione di animatori e quello di sensibilizzare l’opinione pubblica, i residenti e i turisti verso la tutela del patrimonio ambientale della zona.
Sono state ripercorse le tappe fondamentali dell’esperienza: dai primi corsi “Conoscere il Monte Baldo” si è
passati, nel 1988, con un contributo
europeo, alla realizzazione del sentiero-natura Monte Baldo da Valvaccara
alle Buse e alla Val delle Nogare. Nel
1989 viene pubblicato il volume Itine-
rari sul Monte Baldo e viene avviata la
collana Il Baldo con la pubblicazione
annuale di un quaderno culturale che
presenta studi e ricerche su aspetti naturali e antropici baldensi (arrivata oggi al n. 14). Nasce nel 1990 l’Università ambiente Monte Baldo, che si
propone di far studiare l’ambiente
baldense; numerosi i corsi sull’ambiente e sulla storia baldensi, quelli enogastronomici con cene storiche e in
costume, le danze tradizionali, gli incontri di astronomia, di geologia, sul-
21
C
T
G
U O M O
E AMBIENTE
la flora, sulle ville. Particolarmente seguiti i corsi e le uscite ai castelli, la riscoperta di deus loci, delle chiesette,
di bellezze e brutture. L’iniziativa, sostenuta anche dalla Comunità Montana e dalla Provincia, si ripete da 14
anni ed è completata dal servizio
Monte Baldo-scuola, con lezioni in
classe, animazioni e visite didattiche
sul territorio, che prevede anche l’organizzazione di soggiorni di educazione ambientale. Dal 1992 il gruppo
organizza le visite guidate nell’Orto
Botanico di Novezzina.
Dall’estate ’93 vengono promosse escursioni estive domenicali a tema, a
partecipazione libera, su fortificazioni,
chiesette e arte popolare, malghe, boschi e foreste, mentre si studiano più
accuratamente alcuni territori comunali, con la pubblicazione di volumi
specifici su Affi, Costermano e Ca-
22
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
vaion, Pastrengo, Caprino e Ferrara di
Monte Baldo.
A partire dal 1993 è stato istituito con
il concorso della Comunità Montana il
premio Giardino d’Europa, assegnato
ogni anno. Da menzionare i numerosi
interventi di pulizia e recupero di sentieri e monumenti e la partecipazione
alle giornate ecologiche baldensi. La
realizzazione di alcune mostre estive
porta alla pubblicazione nel 1994 delle guide Forti austriaci ed italiani e
Piante ed erbe velenose del M. Baldo,
cui seguono mostre monografiche itineranti.
Dopo un convegno sulla preistoria
nella zona baldense e uno sulla salvaguardia del patrimonio storico-architettonico, viene pubblicato nel 1997
l’opuscolo L’architettura e l’arte popolare del Baldo-Garda, seguito nel
1998 da Il Baldo-Garda in epoca romana, L’alto medioevo tra Adige e
Garda e Baldo raro. Tra le ultime iniziative sono da ricordare il censimento dell’arte popolare religiosa del Baldo-Garda con la schedatura di oltre
500 capitelli, pitture, cippi e meridiane, realizzato nel 1997-98 per la Provincia. Nel 1999-2000, sempre per la
Provincia, censimento delle fontanelavatoi e dei pozzi monumentali. Tra
le attività più ricreative e turistiche, le
cene delle erbe, i trekking del Baldo, le
gite in diverse località d’Italia. ❏
DA
VISITARE
QUI SOTTO
“FIRENZE 1939”,
DI HERBERT LIST,
ESPOSTA A ROMA
NELLA MOSTRA FOTOGRAFICA
“ITALIA – DOPPIE VISIONI”.
A PAG. 22, IN BASSO
IL SANTUARIO
DELLA MADONNA DELLA CORONA,
A 774 METRI DI ALTEZZA.
C
T
G
CULTURA E
TEMPO LIBERO
DA
VEDERE
I PERCORSI
DELL’IMPRESSIONISMO.
DA RENOIR A TOULOUSE-LAUTREC
Ancona, Mole Vanvitelliana,
Fino al 31/10. Info: tel. 071 2225019.
La mostra comprende una selezione
di opere di Monet, Renoir, Sisley, Manet e Guillaumin, ponendo l’accento
su un particolare momento, quello
dedicato all’incisione e alle tecniche
di stampa. Per gli impressionisti, infatti, l’incisione è stata un fertile laboratorio di esperienze fondamentali
e propedeutiche alla creazione di capolavori unici.
opo l’esame di maturità, Matteo
convince gli amici Manuel e
Paolo ad andare in vacanza a Santorini. In realtà Matteo vuole stare vicino a Carmen, la ragazza con cui ha
avviato una storia e che però lo ha
bruscamente salutato, dicendogli che
andava in quel luogo. Sull’isola i tre
si sistemano nella casa di un gruppo
di ragazze italiane, poi affittano uno
stanzone con i materassi in terra.
Matteo vede Carmen e le chiede di uscire insieme, lei lo respinge. È l’inizio
di una serie di situazioni che vedono
i due stare insieme, lasciarsi, riprendersi. Intanto Manuel, alla notizia
che è stato bocciato, cade in profonda crisi e pensa di tornare a casa.
Paolo, che voleva andare all’università, segue invece in Turchia una delle ragazze conosciute sul posto. Matteo salva Carmen da una specie di orgia in cui era stata coinvolta. Poi però
capisce che deve lasciarla. Sul traghetto verso casa, Matteo incontra una ragazza da sempre innamorata di
lui. La saluta rapidamente, poi lui e
Manuel rivolti verso la Turchia lanciano grida di saluto all’amico Paolo.
L’ARTE NELL’ETÀ DI DANTE
Firenze, Galleria dell’Accademia
Fino al 29/8. Info: tel. 055 2654321.
La pittura, la scultura, l’architettura e
la produzione d’oggetti d’arte del periodo di formazione del linguaggio
artistico fiorentino: Dante “inventa”
la lingua letteraria degli italiani e
Giotto “crea” quella figurativa. Due
fenomeni che avvengono, negli stessi
anni, a Firenze.
PERUGINO, IL DIVIN PITTORE
Galleria Nazionale dell’Umbria
e sedi varie. Fino al 5/9.
Info: tel. 02 54919.
Non accenna a diminuire la grande
affluenza di visitatori delle mostre che
Perugia, Città della Pieve, Corciano,
Deruta e Togliano dedicano al Perugino, il “divin pittore”. E così la rassegna
continua oltre il termine di chiusura
fissato inizialmente a giugno.
ITALIA – DOPPIE VISIONI
Roma, Scuderie del Quirinale
Fino al 29/8. Info: tel. 06 696270.
“Doppie visioni” è il dialogo tra fotografi italiani e stranieri su dieci luoghi
italiani, emblematici della storia della
fotografia. La mostra (112 fotografie)
di Roma è la prima tappa di un tour
internazionale che si chiuderà a Parigi, nel 2007.
23
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
D
l tema centrale è quello dei giovani,
di quella fascia al giro di boa dei
venti anni. Dopo la maturità si parte
per un viaggio che nelle premesse è iniziatico e carico di aspettative: bisogna conoscere, imparare, capire, l’idea
della fuga è sempre in agguato, anche
senza sapere verso dove né perché.
Un’ansia di ribellione che finisce per
scomparire di fronte ai primi inciampi
sentimentali. Amore e affetto non risultano catalogabili, sfuggono, non si
fanno capire. Ne viene fuori lo spaccato di uno smarrimento generazionale stretto tra esempi di genitori negativi e confusione di idee sul futuro:
forse un bisogno di assoluto difficile
da intuire.
Il racconto mantiene vivacità e si fa
seguire. ❏
I
CHE NE
SARÀ
DI NOI
Film
commedia
Regia
Giovanni
Veronesi
Interpreti
Silvio
Muccino,
Violante
Placido,
Giuseppe
Sanfelice
Italia, 2004
Durata 105’
Produzione
Aurelio
De Laurentiis
C
T
G
CULTURA E
TEMPO LIBERO
DA
LEGGERE
VOLTI E PROFILI
DELL’ITALIA
PARLAMENTARE
E ISTITUZIONALE
a Navicella” propone il panorama aggiornato e completo
degli esponenti politici eletti, riconfermati o subentrati alla Camera e al
Senato con il consueto corredo di
informazioni aggiornate relative alle
altre maggiori istituzioni con in primo piano la Presidenza della Repubblica e il Governo, i dati statistici sulle elezioni.
La novità importante è il capitolo riferito alla nuova realtà delle autonomie regionali con i profili biografici,
professionali, politici, sociali dei Presidenti e la composizione delle Giunte e dei Consigli. Conservando lo
schema innovativo delle ultime edizioni, l’opera fornisce per ogni Deputato e Senatore il profilo personale,
professionale, politico e notizie sull’attività svolta in sede istituzionale,
parlamentare e locale. Un’opera utile
per sapere e conoscere chi ci governa.
“L
I DEPUTATI E SENATORI
XIV PARLAMENTO REPUBBLICANO
Annuario del Parlamento italiano
2001 – II Edizione 2004,
Editoriale Italiana,
pagg. 1496, € 77,50.
DEL
PARROCCHIA
E PASTORALE DEL TURISMO
un agile volumetto di 24 pagine,
redatto a cura dell’Ufficio nazionale della Cei per la pastorale del
È
24
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
tempo libero, turismo e sport. Si rivolge al mondo delle parrocchie, ma
anche a quanti, laici impegnati, intuiscono le potenzialità del fenomeno turistico come luogo di evangelizzazione.
Mons. Carlo Mazza – che ne è l’estensore principale, pur non apparendo ufficialmente – individua la necessità non di un maggior lavoro pastorale nel settore, ma di una sua diversa intelligenza e consapevolezza.
Un sussidio che si legge agevolmente
e che – anche per questo – dovrebbe
essere letto (e messo in pratica) da
tanti.
Parrocchia e pastorale del turismo,
Documenti Chiese locali, n. 109,
EDB Bologna 2004, € 1,00.
VIAGGIARE SI PUÒ
uesto volume, della collana Altriviaggi, in collaborazione con
AITR, è dedicato a Turismo e persone
disabili. Oggi spostarsi per turismo
non è più un’opportunità per pochi:
è un bisogno primario, un diritto di
tutti per conoscere nuovi mondi e
nuove culture. Da qui la necessità di
proporre adeguate proposte anche
per una clientela con bisogni speciali, per la quale la verifica dell’accessibilità di luoghi e percorsi è un pilastro
irrinunciabile.
Q
ANNAGRAZIA LAURA
E AGOSTINO PIETRANGELI,
Viaggiare si può.
De Agostini 2003, € 12,00.
C
T
G
CULTURA E
TEMPO LIBERO
L’attività del
“Cantoanticodellanostraterra”
BRINDISI.
UN
IMPEGNO TRENTENNALE
NELLE TRADIZIONI POPOLARI
SONO ANDATI
AVANTI
I
n questi mesi
alcuni amici –
dirigenti storici
che tanto hanno dato
e fatto per il Ctg –
ci hanno lasciato
per raggiungere
la Casa del Padre.
In Sicilia è mancato
Mons. Francesco
Salvioli, da tempo
generosamente
impegnato con noi
come consulente
ecclesiastico
regionale. In Liguria,
dopo lunga malattia,
è morto il simpatico
Armando Merello,
per anni anima
della Casa di Noli.
A distanza di pochi
mesi, l’ha seguito
improvvisamente
la moglie Maria Pia
Besio, già presidente
regionale del Ctg.
Il Signore possa
accoglierli nella sua
gioia che non finisce,
assieme agli altri amici
che negli anni sono
già andati avanti.
Noi li ricordiamo
con affetto
e riconoscenza.
25
A
vrebbero dovuto spegnere le candeline già lo
scorso anno: lo hanno
fatto poco tempo fa,
presso la sala conferenze
del Museo provinciale, presentando il
loro libro di ricerca sui “Canti Popolari della Terra d’Otranto” pubblicato
dalle Edizioni del Grifo di Lecce. Parliamo degli aderenti al “Cantanticodellanostraterra” del Ctg di Brindisi,
sodalizio di prima grandezza nell’ambito del teatro popolare salentino: una presenza storica sul territorio.
Il gruppo teatrale, infatti, si costituì
nel 1973 avendo come obiettivo la riscoperta, la valorizzazione e divulgazione della tradizioni popolari di
Brindisi e della Terra d’Otranto.
Dopo trent’anni di attività è giusto
citare almeno che ha al suo attivo tre
raccolte discografiche e tante rappresentazioni teatrali su scritti del compianto Raffaele Cucci. Dalla prima
rappresentazione “Vita ti puvirieddi”
è stata tratta anche una riduzione televisiva su Rai Tre.
Il gruppo teatrale, inoltre, è una delle pietre angolari del Centro studi
“Protopapa” e risale all’edizione 1991
di “Rassegnazero” di Lecce il premio
come miglior interpretazione di gruppo con “Li fiuri ti la bonanama”.
Nel 2003 ha vinto il Premio “Protopapa” per la miglior attrice non protagonista – Teresa Guadalupi – nell’ambito della rassegna “Le Parole
della memoria”. «Raffaele Cucci, con
il Cantoanticodellanostraterra e Ada
Quartulli, ha formato un trio inscinTURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
dibile che per varie edizioni, e sino ai
giorni nostri, ha portato teatro di ottimo livello...», ha scritto di recente
Franco Ciardo.
Quel trio è ora uno scambio ideale:
Cucci purtroppo non c’è più, ma guida dall’alto il sodalizio che il 29 maggio al Politeama greco di Lecce ha
portato in scena “Megghiu tardu cce
mai” nell’ambito dell’edizione 2004
de “Le Parole delle Memoria”: ulteriore tappa di un cammino che deve
durare ancora a lungo. ❏
C
T
G
E TERRITORIO
PREDAZZO.
PAOLO
E NICOLA,
Ricordiamo
– il 5 agosto –
la festa della
Madonna della
Neve, patrona
del Centro
Turistico
Giovanile.
ULTIMO ATTO
P
otrebbe essere l’ultima della serie,
la trentesima edizione del classico Trofeo Paolo e Nicola, che il Ctg
Gruppo Lusia di Predazzo organizza
ininterrottamente fin dal 1975, per
ricordare due amici scomparsi l´anno
prima, dopo essere precipitati dalla
seconda Torre del Sella, Paolo Dezulian e Nicola Felicetti, rimasti nel
cuore e nel ricordo di tutti i loro concittadini.
Lo annuncia lo stesso Ctg, che sta
pensando al completo rifacimento del
bivacco intitolato ai due amici scomparsi, punto di riferimento essenziale
per questa gara di corsa in montagna,
prevista ogni anno in agosto.
L´appuntamento, anche per questo
carattere di ultima edizione, sarà organizzato in maniera diversa dal solito. La gara vera e propria si disputerà
ancora nella zona montana di Valmaggiore, ma la festa si svolgerà a
Predazzo, presso il tendone comunale del parco Minigolf, dove ci sarà la
VOLETE VEDERE
QUI PUBBLICATE
LE VOSTRE INIZIATIVE?
Inviate i materiali
per e-mail all’indirizzo
[email protected]
I testi dovranno essere
in formato Word, mentre sono
pubblicabili solo le foto
in formato Tiff o Jpg, con una
definizione di 300 punti dpi.
26
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
premiazione pomeridiana, seguita da
giochi per tutti e da una attesa serata danzante. Per il Ctg, la possibilità
di concludere in gloria un’esperienza
trentennale di grande significato, ma
anche di ringraziare ufficialmente
tutti coloro che hanno collaborato alla sua riuscita e far conoscere alla popolazione la storia e l´impegno del
sodalizio.
CONOSCERE
IL TERRITORIO
CAMMINANDO
L
e gambe come veicolo… e tutto il
corpo entra in attività! Il tempo
acquista una dimensione umana.
Paesaggi e scorci sconosciuti ai più. Il
modo stesso di guardare è diverso,
perché l’occhio è di chi fa parte del
territorio e conoscere richiede di immedesimarsi.
Camminare è camminare, con quel
senso di libertà che ti procura, ma è
anche saper guardare, scoprire, rendersi conto. Lungo le strade di campagna del Polesine è stato forse il
modo migliore di salutare la primavera. E così ogni domenica mattina, dal
18 aprile al 27 giugno, gli amici del
gruppo Ctg Rovigoti si sono messi
sulla strada con camminate ad interesse paesaggistico e naturalistico,
ma anche storico-artistico, verso luoghi polesani dimenticati o distrattamente visti passando in auto.
C
T
G
E TERRITORIO
R I T A R D I
P O S T A L I
causa della recente campagna elettorale le nostre Poste (come sempre) sono andate in tilt. Poiché la precedenza nel recapito è stata data ai milioni
di opuscoli, lettere, appelli, dépliant che hanno intasato le nostre cassette, il resto della corrispondenza è stato smistato a rilento o è rimasto fermo.
E così copie di Turismo giovanile n. 4 e della Guida alle Case per ferie sono arrivate con mesi (!) di ritardo. E forse a qualcuno nemmeno arriveranno.
Infatti si dice di alcuni depositi ancora pieni di stampe e che non si sa che fine
faranno. Non ci resta che scusarci con i lettori, anche se la colpa non è certo
nostra.
A
Il successo di partecipanti ha sfatato
il pregiudizio che la pratica dell’escursione sia esclusiva di situazioni di
collina o di montagna. La pianura
fluviale con rilevati di argini, canali e
fossi rappresenta una miniera di ambienti tutti da scoprire.
L’andare a piedi non conosce ostacoli, potendo immergersi indifferentemente all’interno del fiume come nel
cuore di un paese, nelle case e osterie ospitali come nei capitelli e oratori ai crocicchi di campagna in strade
spesso percorse solo dai residenti.
Le gambe come veicolo vogliono
però percorsi specifici, da progettare
ad hoc. E non sono quelli della bicicletta o dell’auto o del cavallo. Tempi, caratteristiche, organizzazione
vanno quindi studiati con modalità
proprie. Il successo dell’iniziativa sta
nell’avere risposto a tutte queste peculiarità.
Arrivederci quindi a settembre con i
nuovi percorsi a piedi.
UNA CASA
PER IL BAMBINO
DI BETLEMME
27
GENOVA.
ORIENTEERING
IN NOTTURNA
A
Genova, mercoledì 23 giugno,
vigilia della festa patronale di S.
Giovanni Battista, alle ore 21 si è
svolta anche quest’anno la Caccia al
tesoro con orientamento, nell’ambito
dei festeggiamenti organizzati dal
Comune.
Naturale promotore è stato il Ctg di
Genova, ormai specializzato in questo
tipo di gare che accomunano la pratica dell’orienteering con il gioco e la
scoperta di angoli del proprio territorio. I vincitori hanno avuto poi l’onore, come gli anni precedenti, di accendere il falò di S. Giovanni in Piazza Matteotti, davanti al Palazzo Ducale.
FRANCO ANTONINI
CONTINUA LA CAMPAGNA. TOCCA ORA ALLE CASE PER FERIE
T
occa alle Case per ferie, in questo periodo dell’anno, fare la loro parte nella campagna di solidarietà che il Ctg ha avviato a sostegno dei cristiani di
Terra Santa. Basta un piccolo contributo, raccolto da ogni ospite, e il nostro aiuto cresce. Ma anche il resto dell’associazione non sta ferma. A Foggia è stato
organizzato un grande concerto di beneficenza presso il teatro Giordano; a Rovigo i partecipanti alle camminate polesane si sono autotassati per sostenere l’iniziativa. Sono solo alcuni esempi, ma che dimostrano che l’inventiva non manca. Forza dunque! Si metta in moto anche chi finora è stato quieto!
Ricordiamo che per la raccolta di fondi è stato aperto un c/c apposito con il n.
1111/88, presso il Monte dei Paschi di Siena, ag. 41 di Roma (ABI 01030, CAB
03241), intestato a CTG – Campagna per Betlemme.
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
C
T
G
E TERRITORIO
Da mercoledì 25 a domenica 29 agosto
ad Abbadia San Salvatore (Siena),
presso la Casa per ferie “Nisi Dominus”.
CORSO
NAZIONALE DI FORMAZIONE DIRIGENTI
2004
C’è gruppo
e gruppo...
I
l corso residenziale nazionale di
formazione si terrà quest’anno sul
monte Amiata ad Abbadia San
Salvatore.
Il corso si inserisce nelle linee guida
per la formazione approvate dal consiglio nazionale a Lignano nel giugno
2003 e che focalizzano l’attenzione
del centro nazionale specialmente sui
giovani dirigenti associativi già inseriti nel Ctg.
Ecco quindi un forte invito a mettere
in agenda l’ultimo fine settimana di
agosto da trascorrere in amicizia con
il Ctg, pronti a vivere una nuova esperienza formativa, disponibili a
proseguire nella costruzione delle
fondamenta del Ctg di domani, a
proseguire un cammino iniziato l’anno scorso a Vallombrosa e che ci porta su un'altra montagna toscana verso nuovi orizzonti associativi.
Al programma preliminare seguirà
quanto prima il programma definitivo.
PROGRAMMA DI MASSIMA
I lavori si svolgeranno per sessione
(alcune come lezioni altre come laboratorio), approfondendo i seguenti
temi:
1. Le radici di una missione: la parola di Dio e le fonti d’ispirazione.
2. Il gruppo comunità di base del
Ctg.
3. Un modello gruppo anche per i
provinciali e i regionali.
4. Conoscere se stessi e portare ad altri un’idea, una proposta.
28
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
5. Gruppo e Territorio: rapporti e sinergie.
6. Le tecniche e i saperi: l’informatizzazione, la comunicazione, le conoscenze legislative, amministrative e
gestionali.
Ci aiuteranno nei lavori amici che
hanno ricoperto ruoli significativi
nell’Associazione ed esperti nelle diverse problematiche che andremo ad
affrontare.
GIORNATA TIPO
• Momento di preghiera e riflessione
comunitaria (mattina).
• Sessione di lavoro (mattina).
• Sessione lavoro (pomeriggio).
• Escursione turistica o ambientale
(almeno 2 mezze giornate).
• Serata insieme o raccontando il
Ctg.
QUOTE
* Quota di partecipazione per i dirigenti associativi che frequentano il
corso: totale € 35.
* Costo soggiorno per eventuali soci
Ctg accompagnatori: al giorno € 38.
* Per i dirigenti sono previste agevolazioni economiche per il viaggio, a
seconda della distanza.
TERMINE ISCRIZIONI
È prevista per il corso una disponibilità fino a 40 persone con iscrizioni
entro il 30 luglio 2004, direttamente alla Segreteria nazionale Ctg, tel.
06 6795077, fax 06 6795078, e-mail
[email protected] ❏
C
T
G
E TERRITORIO
Convenzioni
PER I SOCI CTG
CATTOLICA ASSICURAZIONE. La Cattolica Assicurazioni da anni offre la copertura assicurativa al
Centro Turistico Giovanile Nazionale. Ma l’Agenzia Cattolica di Lucca propone anche tariffe fortemente scontate a tutti i soci Ctg, di ogni parte d’Italia, per tutte le proprie polizze, con particolare riguardo alle forme assicurative dirette alla tranquillità della famiglia. La polizza “Noi Famiglia”, infatti, è stata pensata in particolare per tutelare la famiglia nel caso di danni provocati a terzi. Il bambino che urta in bici un passante, la perdita d’acqua che allaga l’appartamento sottostante, lo sciatore
investito sulle piste, il cane che morde il vicino e ogni altro guaio involontariamente provocato dai
componenti della famiglia assicurata non costituiranno più un problema. Rivolgersi direttamente all’Agenzia di Lucca, contattando il sig. Nicola Fanucchi allo 0583 53421 – email: [email protected]
EUROPE ASSISTANCE. La più importante assicurazione per chi vuole viaggiare in tutta sicurezza. La
polizza standard è la Medico Nostop che include Assistenza + Rimborso delle spese mediche + Assicurazione bagaglio. Prezzi per il Ctg assolutamente concorrenziali rispetto alle agenzie di viaggio: per
l’Italia € 4,00 – per l’estero € 5,50. Per i gruppi che acquistano in modo continuativo e quantità significative di tessere, sono previsti ulteriori sconti.
È inoltre possibile stipulare polizze integrative quali: Polizza Annullamento e/o Rifacimento del Viaggio; Polizza Integrazioni Tour Operator; Polizza Infortuni in volo e/o in viaggio; Polizza Sci Noproblem; Polizza Auto/Motonoproblem… Per stipulare le polizze standard ed integrative e per ogni altra
informazione, contattare la Segreteria nazionale.
ORP – OPERA ROMANA PELLEGRINAGGI. Pellegrinaggi e viaggi in luoghi santi – Via della Pigna,
13/a – 00186 Roma – tel. 06 698961 – fax 06 69880513. Precisare l’appartenenza al Ctg.
CIFE. L’Associazione CIFE Studio Vacanze all’Estero, associata al Ctg con il quale collabora attivamente, ha come finalità la formazione culturale e morale dei giovani ed è diretta dalla Congregazione “Figli della Sacra Famiglia”. L’Associazione opera per missione e servizio e non a scopo di lucro; organizza corsi di inglese e francese in Inghilterra e Francia. Caratteristiche primarie del Cife sono: serietà, garanzia e convenienza. Il Cife accoglie ragazzi e ragazze dai 10 ai 16 anni in college e famiglie
nel mese di luglio; in agosto accoglie partecipanti dai 17 anni in su. Il personale dirigente e assistente è formato in prevalenza dai laici preparati e qualificati. Per maggiori informazioni richiedere l’opuscolo Cife 2004 via posta, telefono, fax ed e-mail. L’opuscolo può essere visionato anche sul sito web.
CIFE – V.le della Primavera, 43 – 00172 Roma – Tel. 06 24305129 – Fax 06 24305043.
Sito: www.assocife.com – e-mail: [email protected]
TOURING CLUB ITALIANO. Attraverso il Ctg è possibile aderire al Touring Club Italiano, pagando una quota scontata sulle affiliazioni annuali. I soci riceveranno il pacco dono con le pubblicazioni ad
essi riservate e, ogni mese, la rivista Qui Touring. Inoltre avranno diritto a un’ampia serie di sconti e
facilitazioni presso esercizi, ristoranti, alberghi ed enti convenzionati, nonché alla sottoscrizione del
soccorso stradale “Targa Assistance”. Importante: l’adesione va fatta unicamente tramite la Segreteria
nazionale Ctg.
ASSOCIAZIONE
Classica
Con Assistenza Stradale
Annuale
€ 57,50 anziché 66,00 € 73,50 anziché 82,00
Familiari
€ 18,00
€ 34,00
Giovane
€ 17,00 anziché 18,50
Junior Giovani
€ 17,00 anziché 18,50.
AVVENIRE. È possibile sottoscrivere un abbonamento annuale al quotidiano a € 185 anziché € 240
comprensivo di “NOI” e di “Luoghi dell’infinito”. Offerte valide fino ad esaurimento copie disponibili.
Per informazioni su come sottoscrivere l’abbonamento, telefonare alla Segreteria nazionale.
VITA. Rivolgendosi alla Segreteria nazionale è possibile sottoscrivere l’abbonamento al settimanale del
29
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
C
T
G
E TERRITORIO
non profit: € 57 anziché € 69,70. Offerte valide fino ad esaurimento copie disponibili. Per informazioni, telefonare allo 06 679.50.77 oppure mandare una e-mail a [email protected]
ITINERARI. Guida–annuario dell’accoglienza cattolica in Italia di cui sono disponibili due versioni:
stampata e Cd. Il costo è di € 39,00 per ogni edizione, e per gli associati Ctg verrà riservato lo sconto del 15%. Telefonare all’Editoriale Italiana 2000 (tel. 06 3211359) o in Segreteria nazionale.
ED. ARNOLDO MONDADORI. La Mondadori per i soci Ctg ha riservato degli sconti dal 30 al 70% sulle riviste edite, con tanti altri vantaggi da scoprire. Modulistica da richiedere in Segreteria nazionale.
UNITELM – Novità. Ai soci Ctg la Unitelm riserva sconti in base all’accordo Cei-Microsoft relativo all’acquisto di prodotti informatici e software. Consultare il sito www.unitelm.it (e-mail [email protected]). Tel. 049 875.32.56 – Fax 049 875.44.06 (ref. Elena Mori).
EDIZIONI PAOLINE – Novità. Con la semplice presentazione della tessera sociale in corso di validità,
in tutte le librerie Paoline sarà possibile avere uno sconto del 10% sulle pubblicazioni della casa editrice. Consultare l’elenco delle librerie in Italia sul sito www.paoline.it
EDITRICE S. PAOLO – Novità. Con la semplice presentazione della tessera sociale in corso di validità,
in tutte le librerie S. Paolo sarà possibile avere uno sconto del 10% sulle pubblicazioni della casa editrice. Consultare l’elenco delle librerie in Italia sul sito www.stpaults.it/disp
CASA EDITRICE ISG – Novità. Questa casa editrice è un’attività della Pia Società San Gaetano, giovane congregazione religiosa di preti e diaconi con sede a Vicenza. Queste edizioni sono conosciute
per la loro semplicità, ricchezza di immagini e soprattutto per il prezzo contenuto. Rivolgersi direttamente alla casa editrice per ordinare ed usufruire dello sconto del 30% sul prezzo di copertina.
Edizioni Istituto San Gaetano - Tel. 0444 933333 – Fax 0444 933315 – E-mail: [email protected]
Su richiesta sarà inviato gratuitamente il catalogo. Saranno invece a carico del richiedente le spese di
spedizioni in contrassegno tramite Poste Italiane per gli eventuali ordini.
EDIZIONI PLEIN AIR. Abbonamento annuale al mensile dedicato alla mobilità ed alla vita all’aria aperta, camper, caravan, tenda. La quota riservata agli associati è di € 28.00 (ordinario € 41,00). Versamento sul c/c postale n. 68588003 intestato a Edizioni Plen Air – Roma (indicare di essere soci Ctg).
AGIS. La tessera annuale AGIS consente l’entrata ridotta nei cinema di tutta Italia nei giorni localmente stabiliti, garantendo così ai soci Ctg un sensibile risparmio. Va esibita unitamente alla tessera
di Socio ed è strettamente personale. La tessera AGIS ha un costo di € 3,00 e può essere richiesta alla Segreteria nazionale (sino ad esaurimento della dotazione in giacenza).
A
L
C
U
N
E
C
O
N
V
E
N
Z
I
O
N
I
L
O
C
A
L
I
• CASA ALTA – Laboratorio Veneziano – Novità. Visite guidate al “Laboratorio del Mascarero”, dove lavorano la carta pesta e decorano le loro maschere. La durata della visita è di 45’. È possibile svolgere all’interno del Laboratorio un breve “Corso di Decorazione della Maschera”, la durata del corso è
di 120’ e i prezzi variano al variare del numero dei partecipanti. Per aderire, effettuare una prenotazione almeno una settimana prima della data scelta a [email protected], o inviare un fax al n.
041 2771132. Sito web: www.venicemaskshop.com
• CENTRO INTERNAZIONALE “SONNENBERG”. Si tratta di un Centro formativo-culturale, dov’è possibile partecipare a soggiorni per giovani, adulti e famiglie di tutto il mondo. Il Centro si trova a St.
Andreasberg, nella Bassa Sassonia (Germania), ed opera per promuovere l’intesa tra cittadini di diverse nazionalità, per educare al reciproco rispetto e alla vicendevole convivenza, senza alcun pregiudizio di razza, religione, condizione sociale. Rivolgersi alla Segreteria generale Sonnenberg per l’Italia:
Rag. Luciano Mosso, corso Turati n. 11/c, Torino, tel. e fax 011 5683598 – E-mail: [email protected], precisando di essere soci Ctg.
• SALSUBIUM – CASTROCARO TERME. Ai soci Ctg sono riservati i seguenti sconti sulle tariffe unitarie delle cure erogate presso gli stabilimenti delle Terme di Castrocaro:
• Cure Termali non prescritte dal Servizio Sanitario Nazionale:
Abb. per n. 9 prestazioni curative: sconto 15% – Abb. per n. 12 prestazioni curative: sconto 20%
• Cure estetiche presso il Centro Benessere “Magiche Acque”
Abb. per n. 6 prestazioni: sconto 15% – Abb. per n. 9 o 12 prestazioni: sconto 20%.
Per usufruire delle facilitazioni gli interessati dovranno presentarsi all’Ufficio Accettazione dello stabilimento termale muniti della tessera associativa.
• CONSORZIO FRASASSI. Ai soci Ctg, previa esibizione della tessera associativa in corso di validità,
verrà praticato uno sconto sul biglietto intero, ed il medesimo trattamento sarà contestualmente ri-
30
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
C
T
G
E TERRITORIO
servato ad un eventuale familiare o accompagnatore (anche se non socio Ctg). Uno sconto pari al 20%
della tariffa in vigore sarà applicato per le escursioni speleologiche di più lunga durata, previste dal
Consorzio. Dette agevolazioni saranno fruibili in tutti i mesi dell’anno, tranne che in agosto.
• ACQUASPLASH – FRANCIACORTA (Brescia). A tutti i possessori della tessera Ctg è riservato uno
sconto del 10% circa. Sito web: www.acquasplash.it
• AQUAPARK – ZAMBRONE (VIBO VALENTIA). Dietro presentazione della tessera Ctg, sconto sul biglietto d’ingresso del 20% (nei giorni feriali ed il sabato) del 10% (la domenica e festivi). Sito web:
www.aquapark.it
• ATLANTICAPARK – CESENATICO (FC). A tutti i possessori della tessera Ctg verrà applicata una tariffa scontata all’ingresso del parco. Sito web: www.atlanticapark.it
• BOLLEBLU – BORGHETTO BORBERA (AL). Il Parco acquatico Bolleblu per la stagione estiva 2004
DUE
TEL. 041 96.80.49
NUOVE
VILLAGGIO SAN PAOLO
CASE
PER FERIE
FAX 041 53.79.602
E-MAIL
SITO
[email protected]
www.villaggiosanpaolo.com
FAX 041 73.90.56
E-MAIL
[email protected]
venezia.it
VENETO
Via Radaelli, 7 • 30013 CAVALLINO (VE)
LETTI
SERVIZI
APERTA
INFO
EXTRA
Villaggio marino per ospitalità di famiglie con bambini, disabili e gruppi.
300 alloggi con bagni.
Mensa, bar, market, campi sportivi, spiaggia.
Tutto l’anno.
Don Carlo Sacco – tel. 0437 94.23.60.
Accesso ai disabili, cappella, autogestione.
TEL. 041 73.90.56
FORESTERIA SAN GERARDO
Fond.ta San Lorenzo, 8 • 30141 MURANO (VE)
Situata nell’isola di Murano, a 10 minuti di vaporetto da Venezia.
Ampio spazio all’aperto.
LETTI
2 camere da 3 e 5 posti con servizi, 4 camere da 2/3/4 posti con servizi
al piano.
SERVIZI Sala da pranzo e cucina per autogestione.
APERTA Tutto l’anno, tranne agosto.
INFO
Parrocchia S. Donato – tel. 041 73.90.56.
EXTRA Autogestione.
ha riservato ai soci Ctg lo sconto di € 1,50 sul biglietto di ingresso. Sito web: www.bolleblu.it
• ODISSEA 2000 – ROSSANO (CS). Sconto del 20% dal lunedì al sabato, la domenica sconto del 10%
sul biglietto d’ingresso. Escluso il periodo dall’8 al 22 agosto. Gli sconti saranno praticati ai possessori di tessera Ctg accompagnata da un documento di riconoscimento. Sito web: www.odissea2000.it
• ACQUA VILLAGE – CECINA. Presentando la tessera Ctg alle Casse, sconto di € 2,00 sul biglietto di
ingresso, valido per due persone. La convenzione non si può applicare sul biglietto dei bambini essendo già ridotto. Sito web: www.aquavillage.it
• ACQUA VILLAGE – FOLLONICA. Agli associati Ctg verrà effettuato uno sconto sul biglietto d’ingresso intero, feriale e festivo, valido per il socio e l’accompagnatore. La convenzione non si può applicare sul biglietto dei bambini essendo già ridotto. Sito web: www.aquavillage.it
• CHIESE MONUMENTALI DI LUCCA. Ai soci Ctg che presentano la tessera, viene concesso il biglietto
a prezzo ridotto (normalmente riservato ai gruppi) per la visita a pagamento nel complesso museale
ed archeologico della Cattedrale di Lucca (Museo, Sacrestia del Duomo, chiesa di S. Giovanni).
• MUSEO CARNICO DELLE ARTI POPOLARI “MICHELE GORTANI” (UD). Una raccolta museale che
coinvolge tutti gli aspetti della vita e delle tradizioni della Carnia, coprendo un arco di tempo che va
dal XIV al XIX secolo. Ai soci Ctg è riservato uno sconto di 1,00 € sul prezzo del biglietto d’ingresso.
Via della Vittoria, 2 – 33028 Tolmezzo (Udine). ❏
31
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
CENTRO
TURISTICO
GIOVANILE
Associazione di volontariato culturale,
turismo sociale, ambiente e tempo libero
senza fini di lucro fondata nel 1949
DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE, ASSOCIAZIONI, ABBONAMENTI
CTG • Via della Pigna, 13/a • 00186 Roma
tel. 06 6795077 • fax 06 6795078 • c/c postale n. 34264002
c/c bancario n. 100.84 c/o Monte dei Paschi di Siena
ag. 41 Roma • ABI 01030 • CAB 03241
intestati a Presidenza Nazionale CTG
internet: www.ctg.it • e-mail: [email protected]
DIRETTORE RESPONSABILE PIER LUIGI BORONI
DIRETTORE
ALBERTO FERRARI
FITUS
8
10
12
19
PER
EVENTUALI
FOTO
DI CUI,
NONOSTANTE
LE RICERCHE
ESEGUITE,
NON SIA
STATO
POSSIBILE
RINTRACCIARE
GLI AVENTI
DIRITTO,
L’EDITORE
SI DICHIARA
PIENAMENTE
DISPONIBILE
AD ADEMPIERE
AI PROPRI
DOVERI.
23
25
26
28
29
TURISMO GIOVANILE
N. 5 • AGOSTO 2004
CTG UOMO E AMBIENTE
Una cultura ambientale...
Da vent’anni guidano
alla scoperta del Baldo
di Maurizio Delibori
CTG CULTURA
E TEMPO LIBERO
Da vedere, da visitare...
Brindisi. Un impegno...
PRO MEMORIA
«È camminando
che si fa
il cammino»
CTG E TERRITORIO
C’è gruppo e gruppo...
Convenzioni per i soci Ctg
ANTONIO MACHADO
O
21
Versilia, la perla del Tirreno
I
15
CTG E SOCIETÀ
L’importanza di esserci
di Alberto Ferrari
R
13
A
32
7
CTG E TURISMO
Sport e turismo. Due forze vitali...
di Giovanni Paolo II
Il turismo al servizio dell’incontro fra i popoli
di Angelo M. Piva
Argentina. Valide prospettive di sviluppo...
di Norberto Tonini
Andare per trekking
Maurizio Davolio al vertice di Aitr
M
Associato all’Unione
Stampa Periodica
Italiana
4
EDITORIALE DEL PRESIDENTE NAZIONALE
Turismo non per caso
di Alberto Ferrari
M
Pubblicazione
fuori commercio
per i soci ordinari
del Ctg,
iscritta al Registro
della Stampa
del Tribunale di Roma
n. 1958, allegati
3246/53 - 3964/54.
3
O
Federazione
Italiana
Turismo
Sociale
AITR
Associazione
Italiana
Turismo
Responsabile
CNV
Centro
Nazionale
per il
Volontariato
FORUM del Terzo
Settore
BITS
Bureau
International
du Tourisme
Social
FIYTO Federation
International
Youth Travel
Organisations
CNAL Consulta
Nazionale
delle
Aggregazioni
Laicali
FOTOGRAFIE
ARCHIVIO FOTOGRAF. CTG,
MAGNUM/CONTRASTO
(P. 23), ROMANO SICILIANI.
GRAFICA
GianCarlo Olcuire
STAMPA
Abilgraph srl, Roma
PRENDI IL LARGO. La parrocchia, il turismo, il Ctg
di Don Guido Lucchiari
S
2
CTG aderisce a
Scarica

Turismo Giovanile n. 5 - agosto 2004