Roma, 14 febbraio 2006
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Antonello Busetto
Direttore Rapporti Istituzionali
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
FEDERCOMIN
Roma, 14 febbraio 2006
Federcomin è la Federazione
nazionale
di
settore
della
Confindustria che rappresenta,
direttamente, o attraverso le sue
Associazioni
aderenti
(Aiip,
Aitech-Assinform, Asas, Assoticket,
Asstel, Assocertificatori, CLUSIT,
Fedoweb, FRT, RNA) circa 1.000
aziende, tra le quali i principali
player del mercato, ed un
fatturato di circa 80 Mld €
La
nascita
di
Federcomin
risponde all’esigenza di una
rappresentanza
unitaria
del
settore ICT e di promuovere le
opportunità
offerte
dalla
interdipendenza crescente fra
comunicazioni,
tecnologie
informatiche e media digitali: un
settore strategico per il Paese
Telecomunicazioni
Applicazioni
e servizi per
lo Spazio
IT security e
firma digitale
FEDERCOMIN
RadioTV
Contenuti
digitali
Internet
Providers e
portali web
Informatica
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
•
DICHIARAZIONE DI GINEVRA 2003
“Riconosciamo l’immenso impatto delle
tecnologie dell’Informazione e della
Comunicazione (ICT) su tutti gli aspetti della
vita dei cittadini …
Queste tecnologie possono essere uno
strumento potente per aumentare la
produttività, generare crescita economica,
creare posti di lavoro e migliorare la qualità
della vita di tutti. Le tecnologie possono
anche promuovere il dialogo tra popoli,
nazioni e civiltà …”
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
TUNISI 2005 : DIFFUSIONE DI INTERNET
Roma, 14 febbraio 2006
68,2
70%
% sulla popolazione locale
+107,20
60%
50%
52,8
% crescita utenti 2000-2005
USA e Canada
Oceania
Europa
America Latina
Asia
Medio Oriente
Africa
+131,7
35,2
40%
+169,7
30%
20%
13,3
+302,9
10%
9,0 8,3
+370,4
+370,4
2,7
+428,7
0%
Fonte: Internet World Stats
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
•
•
L’ECONOMIA DEI SERVIZI
Con l’allargamento dell’Europa a 25 gli
obiettivi di Lisbona assumono maggiore
importanza dal punto di vista sociale, politico
ed economico
Da una parte dobbiamo rivedere i parametri di
Maastricht per non ostacolare il rilancio
economico, dall’altra potremmo definire degli
obiettivi quantitativi per la diffusione dei servizi
innovativi e per colmare il Digital Divide,
considerando aspetti geografici, sociali,
culturali, infrastrutturali, organizzativi ecc.
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
IL MERCATO ICT
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
14%
MERCATO ICT ED ECONOMIA
12.2%
12%
10%
D% su anno precedente
8%
6%
4%
2%
0.1%
2.3%
0%
-2%
0.6%
0.4%
1.8%
PIL
1.0%
-1.2%
2.1% ICT
-0.1%
-4%
-6%
-8%
1°H 2001/00
1°H 2002/01
ICT
Fonte: Assinform / NetConsulting
1°H 2003/02
PIL
1°H 2004/03
1°H 2005/04
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
DIGITAL DIVIDE NELLE IMPRESE
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
DIGITAL DIVIDE NELLE IMPRESE
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
DIGITAL DIVIDE NELLE IMPRESE
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
e-Health
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
LA FILIERA DELL’e-CONTENT
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
IL RAPPORTO DELLA “COMMISSIONE VIGEVANO”
Presentato in occasione della firma del
“[email protected] di Sanremo”
(2 Marzo 2005)
Su iniziativa dei Ministri:
per l’Innovazione e le Tecnologie,
per i Beni e le Attività Culturali
delle Comunicazioni
Sottoscritto dai Ministri:
per le Politiche comunitarie, delle Attività produttive, degli
Affari esteri, della Giustizia, dell’Istruzione, dell’Università e
della Ricerca e dal DIE-PCM
e da:
ADICONSUM, AERANTI-CORALLO, AESVI, AFI, AGIS, AIE, AIIP,
ANEC, ANEE, ANFOV, ANICA, APT, ASMI, ASSOPROVIDER, BSA,
BUONGIORNO VITAMINIC, CENTRO PRODUZIONE RNA,
CINECITTA’ HOLDING, EINSTEIN MULTIMEDIA GROUP, FAPAV,
FASTWEB, FEDERCOMIN, FIEG, FIMI, FONDAZIONE COTEC,
FPM, FRT, H3G, IBM, IMAIE, IWA, MEDIASET, MICROSOFT,
PHILIPS, RAI, SCF, SKY, SIAE, SONY, SUGAR MUSIC, TELECOM
ITALIA, TISCALI, UNC, UNIVIDEO, VODAFONE, WIND
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
IL MERCATO DEI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA
e-Content 2006
2° Rapporto sul Mercato dei
Contenuti Digitali
Realizzato da Federcomin e DIT
Milano, 27 Marzo 2006
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
•
•
•
•
COMITATO TECNICO PER I SERVIZI
Il Comitato Tecnico
per i servizi è la
sede e lo strumento
che elabora progetti
per l’utilizzo
intensivo dei
Servizi Innovativi
Il Comitato Tecnico
favorisce
l’integrazione fra il
mondo dell’ICT e settori fondamentali dell’economia (turismo,
trasporti, sanità, beni culturali)
Deve ripensare a ciò che le imprese possono fare al proprio
interno e nel territorio (distretti innovativi)
Deve stimolare nuove politiche di governo (outsourcing “reale”,
appalti, project financing)
Dopo Bilbao, dopo Tunisi:
quali regole per la società della conoscenza
Roma, 14 febbraio 2006
2^ GIORNATA DELL’INNOVAZIONE
2^ GIORNATA DELL’INNOVAZIONE
CONFINDUSTRIA, 3 MARZO 2006
Scarica

Dopo Bilbao, dopo Tunisi