Un Bilancio incerto
PERIODICO
DEL COMUNE
DI CARPI
Previsioni sui conti
tra insicurezze e crisi
G I U G N O
2 0 1 3
Agenda
Comune
Orari ridotti
ei mesi di luglio e agosto gli uffici comunali
rispetteranno l’orario estivo,
rimanendo aperti dalle ore
7.30 alle ore 13.30 sabato
compreso: anche le portinerie delle varie sedi municipali chiuderanno in questo
periodo alle ore 14, ad esclusione di quella del Municipio
in corso Alberto Pio 91 che
lo farà solo nelle due settimane centrali di agosto.
Informazioni più dettagliate
N
Commemorazioni
14 luglio, a Cibeno
omenica 14 luglio verrà ricordato il 69° anniversario dell'eccidio dei
67 prigionieri prelevati dal
Campo di concentramento
di Fossoli e fucilati dai nazisti al Poligono di tiro di
Cibeno il 12 luglio 1944.
Le celebrazioni si terranno dalle ore 11 sul luogo
dell’eccidio dove saranno
presenti il Sindaco Enrico
Campedelli e le autorità. La
cerimonia sarà accompagnata dalla Banda cittadina.
All’iniziativa prenderanno
parte i partecipanti al Campo di volontariato giovanile
sulle tematiche della pace e
dell’educazione civica all’ex
Campo di Fossoli, in corso
proprio in quei giorni.
D
Trasporti
Arianna estiva
ino al 15 settembre Arianna, il servizio di trasporto
pubblico urbano, adotterà l'orario di vacanza scolastica, con
frequenza di passaggio degli
autobus di 60 minuti. I minibus
circoleranno in questo periodo
nella fascia oraria compresa
indicativamente tra le ore 7 e
le ore 20 dal lunedì al venerdì
mentre il sabato mattina dal-
F
su orari e giorni di apertura
dei diversi uffici e servizi
comunali (e dell'Unione delle Terre d’Argine) sono reperibili contattando il centralino del Municipio al numero
telefonico 059 649111.
le ore 8 alle ore 13 (il sabato
pomeriggio, la domenica e nei
festivi il servizio non funziona)
Ambiente
Il clima cambia
l palco in Piazzale Re
Astolfo sarà il 15 luglio
prossimo alle ore 21 sede di
un'iniziativa curata dal CEAS dell’Unione delle Terre
d'Argine dal titolo Una calda atmosfera-parole e musica sul clima che cambia,
una serata di grande attualità tra dialoghi e intrattenimento alla quale prenderà
parte Vittorio Marletto di
ARPA Emilia-Romagna, con
l’accompagnamento dell'Orchestra acustica/folk La Rumorosa di Nonantola diretta
dal maestro Mario Sollazzo.
Dalle ore 20 piccolo aperitivo green offerto da Cookies
Kitchen & bar.
I
Bambini
Consigli di lettura
ome ogni anno il Castello dei ragazzi propone
anche per il 2013 una serie di
C
consigli di lettura per l'estate
dedicati non solo ai più piccoli ma anche ai ragazzi fino
ai 14 anni di età (e oltre...) in
collaborazione con le librerie
carpigiane e a cura di Vera
Sighinolfi e Cinzia Bonci
di equilibri, della biblioteca
Il falco magico e dell'associazione culturale Hamelin.
Disponibili anche tanti giochi
nuovi per i mesi più caldi alla
Ludoteca di piazza Martiri.
Sociale
5 per mille
I
l Comune ha deciso di devolvere ai disoccupati carpigiani attraverso gli uffici
dei servizi sociali le donazioni che i cittadini sceglieranno
di destinare all’ente pubblico
locale attraverso il 5 per mille dell’IRPEF. E’ importante
ricordare che chi volesse destinare questa quota all’ente
locale non deve fare niente di
particolare, nemmeno indicare il numero di codice fiscale
del Comune, ma solo apporre una firma nell’apposita
casella sul proprio modello
IRPEF e scrivere COMUNE
DI CARPI.
3
Sommario
CARPICITTÀ
periodico bimestrale
del Comune di Carpi
Anno XXV - numero 3
Giugno 2013
Registrazione del
Tribunale di Modena
n. 975 del 22/5/1989.
Direzione e
amministrazione:
Municipio,
C.so Alberto Pio, 91
41012 Carpi
tel. 059/649777
Direttore responsabile
Angelo Giovannini
Coordinatore redazionale
Giovanni Medici
Segreteria di redazione
corso Alberto Pio 91
41012 Carpi
tel. 059/649777
fax 059/649774
[email protected]
carpidiem.it
Impaginazione
Stampa
Pubblicità
MIA srl
Via Dario Gaiti, 7
42015 Correggio (RE)
Tel. 0522 506109
[email protected]
Distribuzione alle famiglie
Easypost srl
Via Dario Gaiti, 7
42015 Correggio (RE)
Tel. 0522 643704
[email protected]
Tutte le famiglie
di Carpi ricevono
questo periodico
Per le tue inserzioni
pubblicitarie
tel. 0522 506109
[email protected]
Copertina
23 Caldo? C’è un Piano
6
Un Bilancio senza certezze
7
Gli indirizzi generali
25-27 Panorama
28-29 Cosa dove quando
Attualità
8
L'appuntamento
Grazie a tutti!
30 LaCarpiEstate c’è
11 L’anagrafe va on line
12 Piscina, lavori a settembre
12 Un nuovo Palazzetto
13 Due targhe per l’eccidio
13 Quel giorno del 1944 al Poligono
18 Individuate le U.m.i.
19 Un progetto per via Dallai
19 In aula a Cibeno
Rubriche
11 Quicittà
13 Carpidiem
15-18 Voci dal Consiglio
21 Nuove regole per
le case popolari
Fotografie: Fabrizio Ascari, archivio comunale,
Giulio Cappi, Diego Poluzzi
Articoli: Pier Luigi Senatore
Chiuso in redazione: venerdì 14 giugno 2013
5
Copertina
Un Bilancio senza
D
opo sedici incontri nelle frazioni probabilità tra qualche
e nei circoli della città con la mese dovremo rimetGiunta comunale e il Sindaco terci mano.
impegnati a illustrare le linee Facendo i conti delstrategiche del Bilancio di previ- la serva, quali sono i
sione 2013 e il Piano degli investimenti numeri essenziali di
2013-2015, il documento di programma- questo Bilancio?
QUALE
zione economica sta per essere varato R - Abbiamo previsto
BILANCIO
per permettere all’ente locale di operare 62,3 milioni di euro
2013
anche al di fuori dell’ordinaria ammini- sulla spesa corrente e
I NUMERI DI OGGI
LE IDEE PER CARPI
di bilancio preventivo a giugno è di
strazione. E’ un bilancio senzaParlare
certezze
Le scelte
per se la riprova del28,8
difficilemilioni
stato della per
no- il Piadell’Amministrazione Comunale
stre
istituzioni
e
ancor
di
più
degli
enti
locali;
e con molti punti interrogativi, in attesa no degli investimenti;
la legge di stabilità fissa infatti al 30 giugno
la scadenza e
per l’approvazione dei bilanci
di conoscere l’entità dei trasferimenti
con queste risorse ripreventivi 2013.
di come verranno sostituite leConulteriogli ultimi provvedimenti
del Governo
usciremmo
a sifar funsospendono tassazioni locali in vista di una
Incontri pubblici per la presentazione
ri risorse mancanti dopo la decisione
delle linee strategiche del
loro riforma, ma è zionare
evidente che in
i questo
servizi. A
modo si contribuisce ad aumentare l’indeterdel Governo di sospendere l’Imu.
minatezza Ne
delle entrate
dei Comuni.
questo
proposito devo
BILANCIO
La situazione delicata dei conti pubblici si
abbiamo parlato con il Sindaco
Enrico
che
intreccia con la crisisottolineare
economica che sta
vi- abbiaPREVENTIVO 2013
vendo il nostro territorio, ulteriormente apCampedelli.
del Comune di Carpi
qualche
problema
pesantita dagli effettimo
del sisma,
mettendo
a
rischio anche
il nostro tessuto sociale.
Sindaco Campedelli, avete atteso
fino
Saranno presenti:
sulla
tenuta
dei
servizi
Non ci saranno numeri certi, quest’anno,
Il Sindaco di Carpi
negli incontri il
di presentazione del Bilancio ai
all’ultimo momento per approvare
ENRICO CAMPEDELLI
perché
non
possiamo
cittadini, perché numeri certi non si possoe gli Assessori
Bilancio sperando di avere risposte.
no fare. Ci saranno riflessioni, analisi, conassumere il personale
della Giunta Comunale
siderazioni; proposte e idee per il presente
R - Abbiamo atteso la fine di
giugno
e il futuro
potranno essere
soloin
ipotizzate
e
che va
pensione,
se
discusse, con l’auspicio di avere poi le risorper approvare il Bilancio di previsione
se necessarie per realizzarle.
non 2 ogni 5. A fronte
La Giunta comunale incontra i cittadini per
per avere appunto maggiori certezze;
confrontarsi le
e ragionare
sulle scelte
di insieme
una mole
di lavoro aumentata, soda fare per la Carpi del futuro.
certezze non sono ancora arrivate,
anzi, prattutto nei servizi sociali e nei settori
la situazione è ancora più caotica con la tecnici, all’indomani del terremoto. Coquestione dell’Imu; noi non sappiamo munque il nostro è un Comune sano; se
ancora quali saranno i trasferimenti, noi avessimo la certezza delle entrate,
quanti saranno, non sappiamo ancora potremmo gestire i servizi seppur con
quali saranno i tagli dovuti al Fondo di tutti i tagli e le riduzioni che abbiamo
solidarietà per cui operiamo nell’incer- già fatto.
tezza totale. Però senza il Bilancio di A questo punto, viste le incertezze
previsione si può fare solo l’ordinaria sulle risorse, è necessario fissare delle
amministrazione e quindi non si pote- priorità?
vano fare altri investimenti oppure, ad R – Due sono le priorità: servizi sociali
esempio, asfaltare le strade. La scelta è e scuola. In un momento di difficoltà
stata quindi di approvare ugualmente come questo abbiamo la necessità di
il Bilancio pur sapendo che con ogni stare vicino alle famiglie. Con la crisi
abbiamo avuto un
aumento di richieste
d’intervento da parte
dei cittadini e meno
risorse da parte dello
Stato; cerchiamo di
tenere sui servizi sociali e cerchiamo di
mantenere gli stessi
investimenti degli
altri anni, che sono
nell’ordine dei 5-6
milioni di euro nel
2011-2012; anche
sulla scuola siamo
all’incirca sulla
stessa cifra perché
progetto grafico F. Ascari servizio comunicazione Comune di Carpi
di Pier Luigi Senatore
bilancio_13A4piegh 2ante.indd 1
La Giunta comunale
al lavoro
6
28/05/13 11.45
Copertina
certezze
crediamo che sia importante investire sul futuro rappresentato dalla scuola e da chi la frequenta. Garantire sul resto è
complicato, ma abbiamo cercato, e credo ci siamo riusciti, a
mantenere attivi tutti i servizi anche con accordi e sinergie con
privati soprattutto nelle politiche culturali. Abbiamo fatto di
necessità virtù.
Sul fronte investimenti?
R - Per quanto riguarda gli investimenti la priorità assoluta
è il ripristino pre-sisma, quindi gli investimenti per il Teatro
e il Palazzo dei Pio; inoltre stiamo ridisegnando la mappa
della presenza sul territorio degli edifici comunali. Ci saranno
investimenti sugli impianti sportivi con grandi manutenzioni
perché con il tempo rischiamo che campi da calcio, palestre,
pista d’atletica vadano ad un deterioramento che dopo può
diventare problematico da recuperare. Oggi siamo ancora in
tempo per farlo. E poi dobbiamo continuare la manutenzione
degli altri edifici pubblici e del verde pubblico. L’unico investimento programmato che rimarrà è quello della Piscina, con
il cantiere che aprirà a settembre, mentre per il parcheggio
delle Poste, che confermo, i lavori verranno però spostati in
avanti perché andare a scavare oggi, ad un anno dal terremoto,
pensiamo che dal punto di vista psicologico, per i residenti
della zona, non sia una scelta ottimale: quindi anche se per il
Comune è un progetto a costo zero per il momento abbiamo
deciso di temporeggiare.
Le risorse che non ci sono arriveranno da aumenti delle
tariffe?
R – Per quanto compete al Comune, al momento non abbiamo
previsto aumenti. Anzi sull’Imu erano state fatte delle riduzioni per determinate categorie di contribuenti. Noi aspettiamo
risposte dal Governo che ci deve dire cosa succede se l’Imu
viene sostituita da altri trasferimenti diretti oppure no, ma
senza l’Imu sulla prima casa o trasferimenti analoghi saremo
costretti al taglio dei servizi perché i costi non possono essere
compensati dalle tariffe. Se il monte risorse Imu non fosse
sostituito da trasferimenti dello Stato e la compensazione fosse
chiesta agli enti locali sarebbe un disastro per tutti i Comuni
italiani e se non arrivano risorse l’unica è quella di dare le
chiavi dei servizi allo Stato.
Adesso al Governo ci sono due ex Sindaci, è ormai imminente l’approvazione del ‘pacchetto Emilia’ che dovrebbe
muovere qualcosa; cosa ne pensa?
R – Sono abbastanza ottimista visto che al Governo ci sono due
ministri, Del Rio e Zanonato, che conoscono bene i problemi
dell’amministrare un ente locale. Il pacchetto Emilia in via di
approvazione, se non verrà modificato rispetto a quanto deciso
in Commissione, potrà darci una mano concreta. E’ però fondamentale che i Sindaci possano avere in futuro una maggiore
autonomia e responsabilità; ora non abbiamo spazi di manovra.
Sarà un Bilancio di 'sangue, sudore e lacrime'?
R - Noi abbiamo licenziato un Bilancio di previsione che ci
permette di garantire i servizi. Abbiamo cercato di pesare il
meno possibile sui cittadini che sono già provati da una crisi
economica pazzesca. Siamo al fianco dei carpigiani perché il
Comune è la casa dei cittadini, della comunità: poi vedremo
cosa sarà tra qualche mese. ■
Gli indirizzi generali
G
li indirizzi politici che la Giunta
si è data nella costruzione del
bilancio per il 2013 sono stati
in estrema sintesi quattro: 1) un
forte impegno sul fronte delle risorse finanziarie, e tecnico organizzative dell’ente
volto al recupero degli immobili del nostro
patrimonio pubblico danneggiato dal sisma.
2) una rinnovata attenzione alle manutenzioni ordinarie: manti stradali, verde
pubblico, pedonali… 3) la necessità di
Cinzia Caruso,
garantire alla città lo stesso livello quantiAssessore al Bilancio
tativo e qualitativo di servizi, soprattutto di
quelli alla persona. 4) la volontà, dettata dal profondo momento di
crisi legata agli effetti del sisma, di non aumentare l’imposizione
fiscale e tariffaria per quanto di competenza dell’ente locale. Il
consiglio comunale si appresta ad approvare un bilancio che si
caratterizza, nonostante ci si trovi ormai a metà dell’anno e quindi
dell’esercizio finanziario in corso, per una perdurante incertezza
in merito alla natura, alla composizione e all’ammontare stesso
delle risorse necessarie al raggiungimento degli obiettivi posti. Nel
2013 lo Stato introduce in tutti i comuni italiani la Tares, la nuova
tassa sui rifiuti e sui servizi indivisibili che sostituisce ogni altra
forma di imposizione precedente, per il nostro comune sostituisce
la Tia (tariffa integrata di igiene ambientale). La legge di stabilità
che introduce questa nuova imposizione, avversata dalla gran parte
dei sindaci italiani, prevede a parità di servizi erogati la stessa
modalità di calcolo della vecchia tariffa ma prevede anche una
maggiorazione, calcolata per famiglie e imprese sulla superficie
calpestabile pari a 0,30 centesimi per metro quadro, prevista in
linea teorica per finanziare i servizi forniti dagli enti locali, ma
che verrà interamente versata dai contribuenti direttamente allo
Stato con il pagamento dell’ultima rata del tributo prevista per
dicembre. Le stime quantificano a preventivo per l’intero territorio
comunale suddiviso tra famiglie e imprese un maggiore esborso di
€1.387.000 che saranno incassati dallo Stato. Per quanto riguarda l’Imu, continua l’evoluzione normativa di questo tributo che
dalla sua sperimentale introduzione a gennaio 2012 è stata più
volte modificata. Se nel 2012 l’intero gettito della prima casa e
circa la metà del gettito di tutti gli altri immobile era di spettanza
dei comuni, la legge di stabilità per il 2013 ha sancito, con il
proposito di rendere maggiormente municipale questa imposta,
che l’intero gettito dei fabbricati produttivi fosse destinato allo
Stato, contribuendo a rendere di difficile quantificazione una voce
che copre circa un terzo delle entrate comunali. La situazione si
complica ulteriormente dai provvedimenti emanati nella primavera
di quest’anno che prevedono la sospensione fino a settembre dei
pagamenti relativi alle prime case e ai terreni agricoli, nel momento
in cui scriviamo, non ne è ancora stata definita la sua definitiva
formulazione. Pare pleonastico evidenziare come questa situazione
di incertezza sia assolutamente deleteria su più fronti, sul fronte
dell’equità contributiva per i cittadini in prima istanza, sul fronte
della trasparenza e della corretta programmazione degli interventi
pubblici che da quelle risorse dipendono poi. Da non tralasciare
il fatto che i Comuni si troveranno a gestire una probabile crisi
di liquidità, se non verranno presi al più presto provvedimenti
compensativi, con conseguente ricorso ad anticipazioni di cassa
cosa di cui il nostro comune non si è mai avvalso in precedenza. ■
7
Attualità
Grazie a tutti!
In occasione
della Festa
della Repubblica
il Comune
ha consegnato
un encomio
a coloro che
si sono spesi
durante
l'emergenza
terremoto
a favore della
nostra comunità
8
C
on un minuto di silenzio per ricordare le vittime del terremoto dello scorso anno e le loro
famiglie domenica 2 giugno si
è aperta la Festa della Repubblica nel
Cortile d'Onore, dedicata a chi, un anno
fa, ha portato il proprio aiuto alla nostra
comunità colpita dal sisma.
L’amministrazione comunale ha consegnato un pubblico encomio a coloro
che si sono spesi durante l'emergenza
(volontari, cittadini, associazioni, istituzioni, locali e di tutta Italia).
"Abbiamo scelto questa data per ringraziare pubblicamente quanti ci hanno aiutato - ha dichiarato il Sindaco
Enrico Campedelli - perché la Festa
della Repubblica incarna al meglio lo
spirito del nostro Paese. Durante le
fasi più acute del sisma la comunità si
è stretta, ha fatto fronte comune e si
è immediatamente mobilitata. Spero
di non dover mai più rivivere questa
esperienza nel corso della mia vita
ma, questa prova ci ha uniti. Speriamo
di poter far tesoro di tutto ciò. Forse
avremo sbagliato ma abbiamo lavorato
con senso di responsabilità, cercando
di far fronte ai problemi". Sono stati
oltre duecento gli encomi consegnati
il 2 giugno. Uno di questi è andato alla
Croce Rossa Italiana che ha donato in
occasione della Festa della Repubblica la somma di 431mila e 433 euro al
nostro Comune. Per conoscere l'elenco
dei donatori che hanno versato somme
all'aministrazione comunale cliccate su
www.carpidiem.it ■
Attualità
ENCOMIO
AI CIttadINI dI CARPI
per l’opera di soccorso e aiuto prestata alla
popolazione ferita dal sisma del 2012 e per il
generoso impegno che ha dimostrato esemplare
spirito solidale nei confronti della nostra
comunità colpita dal terremoto.
Con gratitudine
Il Sindaco
Carpi, lì 2 giugno 2013
Il Sindaco
Enrico Campedelli
Ai sensi del Regolamento comunale per la concessione della Cittadinanza Onoraria e delle Civiche
Benemerenze, approvato con delibera Consiglio Comunale n. 126 del 20.12.2012
9
IGIENE
PREVENZIONE
CURA DENTALE
Dr.ssa Ioana Datcu
Dr.ssa Estelle Levante
Dr. Guglielmo Mazzini
Dr.ssa Cecilia Ricchetti
Laureata in odontoiatria e protesi dentale
Laureato in odontoiatria e protesi dentale
Laureata in igiene dentale
Laureata in igiene dentale
Via Lucrezio 15, angolo Via Due Ponti - 41012 Carpi (MO)
Tel. 059 697788 - Cell. 335 6897332
www.studiodueponti.eu - [email protected]
KOS - Centro Odonto Stomatologico - CF. e P.IVA 00913430369
Spaccio di fabbrica
ABBIGLIAMENTO DONNA - MODA GIOVANE
ANCHE TAGLIE GRANDI - ACCESSORI
Vi regaliamo prezzi per la vostra estate
Via Lucania, 19 - Carpi (MO)
E-mail: [email protected]
Tel.: 059.698787 - 059.6228254
Fax: 059.643319
Giacc
h
Panta e a partire da
lo
39€
Abiti a ne a partire
da 2
partir
0€
e da
Gonn
29€
e a pa
rtir
Top e
Magli e da 20€
e a pa
rtire d
a 20
€
Ogni venerdì
ricco buffet
per uno shopping all ’insegna dell ’allegria
dalle 16 alle 21
Aperto dal lunedì al sabato,
dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.30
Attualità
L’anagrafe
va on line
G
Telefono 059 649574
[email protected]
randi novità per i cittadini carpigiani che hanno necessità di rivolgersi all’Anagrafe di via
Manicardi: dal primo luglio i cittadini potranno
evitare code e spostamenti, prenotando on line,
via computer, gli appuntamenti per accedere ad alcune
tipologie di servizi. La prenotazione degli appuntamenti
in questa prima fase di sperimentazione riguarda le pratiche per l’ottenimento delle carte d’identità, i cambi di
indirizzo all’interno del Comune, le richieste di residenza
da altri Comuni e dall’estero. Dal mese di luglio i cittadini
potranno in via sperimentale fruire di questi servizi chiedendo un appuntamento, compilando un apposito modulo
on line e ricevendo via e-mail il codice di prenotazione,
da esibire in Comune nel giorno fissato per l’incontro, e le
informazioni su data, luogo e modalità di ottenimento del
servizio (rimarrà per un certo periodo possibile in parallelo
utilizzare la procedura fino a qui seguita). Attraverso il
proprio codice fiscale si potrà entrare nel sistema e modificare eventualmente l’appuntamento preso, o accedere
in futuro al servizio prenotazioni per nuove richieste. Per
i cittadini sprovvisti di pc e/o collegamento a Internet, la
prenotazione è possibile anche al Quicittà o via telefono.
Nella prima fase di questa sperimentazione sarà possibile
variare le caratteristiche del servizio di prenotazione on
line in base ai dati forniti dalla stessa. “Si tratta di un
percorso – spiega l’assessore comunale ai Servizi demografici Cinzia Caruso – che guiderà il cittadino a capire
quali sono i documenti necessari per portare a termine
la sua richiesta, cosa deve fare per ottenerli e poi, eventualmente, accedere così alla prenotazione del servizio.
L’obiettivo di questa iniziativa, che in una seconda fase
vedrà ulteriori pratiche che si potranno prenotare on-line,
è rendere più efficiente il servizio di calendarizzazione
degli appuntamenti dell’Anagrafe grazie ad un miglioramento dell’organizzazione interna dell’ufficio, cosa
che poi si tradurrà in un taglio dei tempi di attesa per il
cittadino. Ulteriore obiettivo è quello di una diminuzione
dei costi mettendo a frutto esperienze già avviate in altri
Comuni, a Modena, utilizzandone lo stesso applicativo.
Stiamo infine lavorando per ottenere dal Ministero l'autorizzazione all'utilizzo del Timbro digitale che renderà
possibile la certificazione online che completerà la fase
due del progetto." ■
ESTATE: IL VERDE URBANO
Volete conoscere l’ubicazione delle aree
verdi o parchi in città? Sapete quali sono le
loro caratteristiche, che vanno dai percorsi
pedonali alle giostrine per bimbi, dalla presenza di alberi e arbusti e vere e proprie
strutture come laghetti, sgambatoi per cani
e altro? Chiedete all’Urp, che potrà informarvi anche sul banchetto gratuito di consulenza sul verde privato, che dispensa consigli
utili, indicativamente da luglio a ottobre, ai
cittadini alle prese con piante, fiori e orti.
TRASPORTI TURISTICI
Se volete sapere come raggiungere in
autobus le varie mete di vacanza sulla
riviera romagnola o in Versilia, o ancora i
parchi gioco di Mirabilandia e Gardaland,
rivolgetevi a QuiCittà.
Presso il servizio è possibile chiedere
anche informazione per il trasporto organizzato da Carpi verso le Terme di Salvarola.
MAMME IN CENTRO
Se una mamma ha bisogno di allattare il
suo bambino o la sua bambina, può fermarsi a QuiCittà negli orari di apertura.
Presso il servizio si trova anche un fasciatoio.
Ricordiamo che queste possibilità sono
presenti anche presso il Centro per le Famiglie di viale De Amicis 59.
RIFIUTI, COME, QUANDO E DOVE
Se avete dei dubbi su come differenziare
i rifiuti, a QuiCittà trovate degli opuscoli
informativi a riguardo.
Se poi volete conoscere il calendario del
ritiro delle varie frazioni dei rifiuti (umido,
carta, sfalci e potature...) o informazioni
sul ritiro a domicilio di oggetti ingombranti, o gli orari dei centri raccolta rifiuti, rivolgetevi sempre all’Urp, che inoltre
distribuisce sacchetti per l’organico e
relative pattumelle.
QUICITTÀ
Via Berengario 4
Tel. 059 649213-214
[email protected]
Orari: lunedì, martedì, giovedì, venerdì
e sabato 9.30-12.30
martedì e giovedì anche 16-19
11
Attualità
Piscina, lavori a settembre
N
Carmelo Alberto
D'Addese,
Assessore ai Lavori
Pubblici
el corso del Consiglio comunale di Carpi di giovedì 30
maggio è stata discussa una
interpellanza firmata dal Gruppo Alleanza per Carpi che chiedeva lumi
tra l’altro sulla situazione dei lavori della
nuova Piscina, in particolare sulla data di
stipula del contratto, se il concessionario
avesse mantenuto i propri impegni, e se
fossero vere le notizie sullo slittamento
dell’inizio lavori.
L’assessore ai Lavori pubblici Carmelo
Alberto D’Addese ha spiegato che riguardo alla Piscina “l’aggiudicazione
provvisoria è avvenuta con determina
n.498 del 5/10/2012, dopo le sedute
riservate alla Commissione per la valutazione tecnica del progetto, sedute
rallentate dalle criticità legate all’evento sismico. L’aggiudicazione definitiva
è avvenuta con determina n.799 del
29/12/2012. Si sono conclusi proprio
in data odierna le fasi di acquisizione
dei pareri degli enti competenti, viste
le migliorie avanzate al progetto. Oggi a
chiusura dell’iter abbiamo ricevuto il benestare della Commissione di vigilanza.
Le prossime fasi prevedono: la firma
del contratto, la consegna del progetto
esecutivo entro 60 giorni, la validazione
del progetto esecutivo e la consegna dei
lavori. La data presunta dell’inizio di
questi è settembre”.
A seguito di alcune domande dei componenti del civico consesso D’Addese
ha poi ricordato che ad aggiudicarsi la
gara per la costruzione e gestione della
nuova Piscina è stato il raggruppamento
Cmb-Unieco-Coopernuoto e che finora
il Comune non ha speso nulla, se non il
canone riconosciuto alla società Albatros
per la gestione della Piscina esistente e
ancora in vigore. E se Argio Alboresi
(capogruppo della Lega nord) si è detto
insoddisfatto delle parole dell’assessore
riguardo ai costi a carico dell’ente locale
della nuova Piscina “si poteva aspettare
un altro momento per fare questa spesa,
e usare le risorse per cose molto più importanti” la collega capogruppo di ApC
Giliola Pivetti ha lamentato dal canto
suo una certa reticenza dell’ente locale
riguardo a questi temi. “Ci accontentiamo ma dovevate dirci di più, ad esempio
sulle proposte migliorative al progetto
originario”. L’assessore D’Addese ha
chiuso il dibattito spiegando allora che
queste modifiche avevano fatto sì che si
azzerasse l’iter già avviato per arrivare
ad ottenere l’ok al progetto da parte degli
enti competenti.
“Si è dovuti ripartire da capo, poi arrivare una volta ottenuti questi alla progettazione definitiva che a sua volta dopo
sessanta giorni porta a quella esecutiva,
il chè chiude l’iter realizzativo. Il contratto comunque deve ancora essere
firmato, lo sarà entro giugno”. ■
Un nuovo Palazzetto
D
alle ceneri dell'impianto natatorio attualmente funzionante, che presto verrà sostituito dalla nuova Piscina, potrà
sorgere un palasport multifunzionale dove, finalmente, potranno giocare anche le società carpigiane che praticano
lo sport professionistico. Per far decollare questo progetto, di cui la città lamenta da anni il bisogno, il Comune
potrebbe chiedere il sostegno di qualche privato. “Tramontata l’ipotesi di aumentare l’altezza del Palazzetto ‘Ferrari’
sono stati avviati i lavori di una palestra accanto alla multisala Space city, nella zona industriale, che la mattina ospiterà
le scuole e al pomeriggio le società sportive. Sono intanto partiti anche i lavori per la copertura del campo di basket che
si trova nell’area delle scuole secondarie di primo grado Focherini. “Contiamo per la palestra che sarà realizzata presso
le nuove scuole di Cibeno di soddisfare anche le richieste delle società sportive che puntano al salto di qualità” dichiara
l’assessore allo Sport e Benessere Carmelo Alberto D’Addese. ■
12
Attualità
Due targhe
per l’eccidio
I
l Poligono di tiro di Cibeno, oggi ancora in funzione,
ospita dal dopoguerra la lapide che ricorda la strage
che qui avvenne nel 1944. Se l’episodio è noto, il
luogo, per il fatto che non è aperto normalmente al
pubblico o lo è solo per i frequentatori della struttura, è
poco conosciuto e visitato dai carpigiani. Ecco perché la
Fondazione Fossoli in collaborazione con l’amministrazione comunale proprio il prossimo 14 luglio, in occasione delle celebrazioni del 69esimo anniversario della
strage nazifascista, ha deciso di inaugurare due targhe,
una informativa e una commemorativa, che spieghino ai
visitatori quanto qui avvenuto, in modo che chi si trovi sul
luogo possa saperne di più. Sull’eccidio così come sulle
vittime di questo tragico fatto di sangue, provenienti tra
l’altro da tantissime province italiane. Una grande targa
posizionata poco fuori l’ingresso del Poligono riporterà
dunque non solo le circostanze legate all’eccidio e la precisa localizzazione dello stesso all’interno del Poligono
mentre sulla lapide che delimita la fossa comune in cui
furono sepolti gli uccisi, è posizionato l’elenco delle 67
vittime fucilate dalle Ss. ■
Quel giorno del 1944 al Poligono
L
a mattina del 12 luglio del 1944 per ordine della Gestapo sono prelevati
dal campo di concentramento di Fossoli 67 internati politici, condotti
al poligono di tiro di Cibeno e lì fucilati. Sono uomini con diverse
esperienze e di età differenti, provenienti da varie regioni dell’Italia, tantissimi
dalla Lombardia. Tutti sono stati rinchiusi a Fossoli perché oppositori del nazifascismo. All’alba del 12 luglio, in tre riprese i 69 prigionieri sono caricati
su camion e condotti al poligono di tiro distantepochi chilometri dal Campo.
Vengono fatti allineare ai bordi di una fossa, che alcuni internati ebrei sono
stati costretti a scavare il giorno prima, e ascoltano la sentenza: condanna a
morte come rappresaglia per un attentato a Genova contro militari tedeschi.
Si rivela inutile anche l’intervento del vescovo di Carpi Vigilio Dalla Zuanna
accorso sul luogo e la condanna a morte viene eseguita. Solo due internati
del secondo gruppo riescono a fuggire e a salvarsi nascosti dal movimento
partigiano. Il 17 e il 18 maggio 1945, a meno di un mese dalla Liberazione,
ha luogo la riesumazione e il riconoscimento delle vittime. Le esequie solenni
si svolgono nel Duomo di Milano con grande e commossa partecipazione di
cittadini. Sulla strage di Cibeno ancora oggi, come per altre stragi che hanno
insanguinato il Paese, si attende chiarezza e giustizia. ■
CONOSCIAMO IL SUAP
Lo Sportello Unico per le Attività
Produttive è un servizio dell’Unione
delle Terre d’Argine che si occupa
di autorizzazione per impianti produttivi di beni e servizi riguardanti
la realizzazione, la ristrutturazione,
l'ampliamento, la cessazione e l'esecuzione di opere interne e l'esercizio
di attività economiche. Lo Sportello
Unico si occupa dei procedimenti di
autorizzazione o di consenso necessari
all'insediamento o alle trasformazioni
delle attività produttive, di cui sono
competenti diversi enti della Pubblica Amministrazione (ARPA, USL,
Vigili del Fuoco, Provincia, Soprintendenza) rispetto a profili sanitari,
tutela ambientale, sicurezza e profili
urbanistico-edilizi.
La Rete Civica propone on-line da
qualche tempo la maggior parte dei
moduli utilizzati presso il SUAP: in
questo modo le aziende potranno velocizzare e semplificare il loro rapporto
con l’amministrazione pubblica.
FILO DIRETTO
La Rete Civica del Comune ormai
online da oltre quindici anni si è nel
tempo ingrandita ed è ora alquanto articolata. Per non perdersi tra le diverse
sezioni e le tante informazioni pubblicate, i navigatori possono contattare
l’Ufficio Rete Civica per risolvere
dubbi o trovare informazioni.
Oltre al telefono 059 649323, al fax
059 649497 e all’e-mail [email protected]
carpidiem.it è disponibile anche il
modulo di richiesta: dalla prima pagina, nel riquadro Filo diretto, è infatti
possibile scrivere direttamente alla
Rete Civica per segnalare disguidi,
richiedere informazioni o semplicemente ottenere aiuto per scaricare o
compilare moduli presenti sul sito.
Nello stesso modo si può mandare
una e-mail al Quicittà per domandare
informazioni sulle attività dell’amministrazione comunale o fare suggerimenti e proposte.
www.carpidiem.it
13
VOCI DAL CONSIGLIO
Inserto riservato ai Gruppi Consiliari
Residenza
psichiatrica,
il dibattito
L
La mancanza di una residenza
psichiatrica in città è stato l’argomento di un’interpellanza della
capogruppo di Alleanza per Carpi
Giliola Pivetti e che è stata discussa nel corso del Consiglio comunale
del 23 maggio. Pivetti ha ricordato come dalla fine del 2007 la residenza “si
sia volatilizzata nel nulla, senza essere
stata sostituita da altri dispositivi idonei
a rispondere alla pressante richiesta dei
pazienti in carico al Centro di salute
mentale di Carpi. Nonostante le promesse della direzione del Dipartimento di
salute mentale, risulta che l’accordo con
KOS – GULLIVER - VILLA ROSA, che
prevedeva la costruzione di tale struttura
su un terreno individuato a Fossoli, sia
saltato – ha spiegato Pivetti - per indisponibilità della casa di cura a seguito di
un taglio del budget operato dall’Azienda
sanitaria nei loro confronti”. Pivetti ha poi
chiesto chiede di conoscere “se sia ancora
intenzione dell’Azienda USL onorare gli
impegni presi nei confronti della nostra
comunità, del Sindaco, delle associazioni
dei pazienti, dei loro familiari e degli
operatori e, se affermativamente, quando, come e dove; se risponda al vero che
l’Azienda USL abbia chiesto alla Regione
(come fondi per la ricostruzione dopo
terremoto) 3.6 milioni di euro destinati
alla residenza di Fossoli e a posti di RSA
e che questi non siano stati concessi per
un vizio di forma”
L’assessore alle Politiche sociali e sanitarie Alberto Bellelli ha letto in aula una
lettera del Direttore generale dell’Azienda
Usl Mariella Martini nella quale si spiegava che la Regione non aveva concesso
un finanziamento per la realizzazione di
una residenza psichiatrica a Fossoli, anche
perché “in via prioritaria si devono garantire i ripristini funzionali delle strutture
danneggiate dal sisma. Si valuterà – ha
scritto Martini - in maniera approfondita
la possibilità di sfruttare la vecchia corte
di Fossoli, mentre gli eventuali risparmi
che si dovessero realizzare in materia di
spending review andrebbero impiegati
a copertura della contestuale riduzione
del Fondo Sanitario nazionale ripartito
tra le regioni. Se tuttavia si rendessero
disponibili risorse economiche per il Dipartimento di Salute Mentale si interverrebbe
prioritariamente per potenziare l’offerta di
servizi sanitari territoriali investendo in risorse umane”. Bellelli ha poi spiegato come
dal 2010, dopo il fallimento dell’ipotesi di
realizzare una Residenza psichiatrica a Santa
Croce, “siano state tentate varie strade per
rilocalizzare a Carpi questi posti sottratti al
territorio. Oggi come oggi però non ci sono
risorse private per realizzare un intervento
simile assieme ai servizi territoriali e non
è possibile l’accreditamento di strutture
private perché non si possono aumentare le
dotazioni previste”. Giorgio Verrini (ApC)
ha lamentato che i soldi ci siano ma “vengano spesi per Modena o Baggiovara da
parte della Provincia e della Regione. La
Fondazione Cassa di Risparmio in questi
anni si è fatta carico di molti investimenti
nella sanità carpigiana perché è una realtà
con base locale”. E se Daniela Depietri (Pd)
ha dal canto suo preso la parola per spiegare
come “andrebbe predisposto un odg comune
del Consiglio che chieda che vengano ricollocati a Carpi i 10 posti per i pazienti in
carico al Centro di salute mentale. Quando
c’erano le risorse siamo stati troppo tempo a
cincischiare, impegniamoci ora per portare a
casa questo risultato” Pivetti in sede di replica ha affermato poi che la Martini con la sua
risposta è apparsa fredda, poco convinta. “La
sensazione è di essere stati presi in giro” ha
detto, citando poi Papa Francesco e il fatto
che le suore di Santa Croce “sobillando la
comunità” abbiano fatto fallire il progetto
della Residenza psichiatrica lì ipotizzata.
“Non si vede ora chi possa portare a Carpi
questi posti spariti da anni. E dico al Sindaco – ha concluso - che bisogna essere
più campanilisti e farsi sentire, di fronte
soprattutto ad un disagio delle famiglie”.
Il Sindaco Enrico Campedelli chiudendo il
dibattito ha stigmatizzato infine queste ultime affermazioni di Pivetti: “Ci siamo mossi
come amministrazione comunale solo dopo
che eravamo stati coinvolti. Sono stati persi
tre anni a causa dei privati che hanno parlato
con l’Azienda Usl, che parrebbe interessata
a riportare in città il Centro e a riprendere in
carico il tema: stiamo continuando a pressare
la sanità modenese e chiediamo che il
Consiglio comunale tutto ci supporti”.
Alberto Bellelli,
Assessore alle Politiche
sociali e sanitarie
15
I Gruppi in Consiglio Comunale
lega nord
Ius soli sì,
ius soli no
di Argio Alboresi
I
l dibattito si è acceso dopo le improvvide dichiarazioni
del neo ministro per
l’integrazione Kyenge
che, senza dare al Governo nemmeno il tempo di trovare un
precario equilibrio tra le sue componenti
disomogenee, ha lanciato la sua proposta
esplosiva: concedere la cittadinanza italiana ai figli degli immigrati che nascono in Italia. E infatti l’incendio è subito
divampato. E a spegnerlo non è valsa la
repentina retromarcia della Kyenge che si
è affrettata a precisare di non avere alcun
progetto ma di volere solo stimolare una
salutare e necessaria discussione sull’argomento. E allora se dobbiamo discutere,
discutiamo. La Lega Nord non si tira di
certo indietro. Anche perché sulla questione ha le idee chiare, anzi chiarissime.
Il principio racchiuso nello ius soli è una
follia che se passasse ricadrebbe, con tutte
le sue conseguenze negative e pericolose,
sulle spalle dei nostri figli e delle generazioni future. In altre parole, chi sostiene
lo ius soli è malato di ideologismo e soprattutto pecca di egoismo generazionale,
partito democratico
Start up:
speranza di futuro
di Roberto Arletti
I
16
mperativo il LAVORO!! Il recente
rapporto
Ocse sul nostro Paese
mette in luce la triste
realtà dove ‘i giovani
arriveranno tardi nel mondo del lavoro, con salari sempre più bassi che li
faranno lavorare sempre più a lungo e
previdenze sempre più basse con conseguente rischio povertà.
Considerato che nel prossimo futuro la
produzione di beni materiali verrà sempre più dai Paesi emergenti, che i lavori
manuali e intellettuali saranno assorbiti
da macchine, che il Terzo mondo fornirà materie prime e mano d’opera a
basso costo, l’innovazione, la creatività
e l’estetica saranno i principali fattori
competitivi su cui puntare per il rilancio economico, perciò fondamentali saranno le Start up.
Quando si parla di Start up si tende a
pensare unicamente al settore hightech, all’informatica, alle imprese che
lavorano in internet.
perché non riconosce a chi verrà dopo di
noi il diritto a vivere in un mondo sereno
e sicuro. Con lo ius soli l’idea stessa di
cittadinanza verrebbe svilita e privata di
qualunque valore. Invece la cittadinanza
è una cosa importante, e che chi non ce
l’ha la deve cercare con impegno e serietà. Non può essere regalata come se fosse
un pezzo di carta straccia. Deve essere
riconosciuta solo a chi, con il proprio
stile di vita e con il proprio desiderio di
integrarsi, se ne dimostri degno. Regalare
la cittadinanza in maniera indiscriminata
avrebbe gravi conseguenze.
Come ha avuto il pregio di evidenziare
lo stesso Presidente del Senato Grasso,
si correrebbe il rischio di far diventare
l’Italia una immensa sala parto dove donne di tutto il mondo verrebbero a mettere
al mondo i figli solo per fargli acquisire i
diritti civili e soprattutto economici degli
italiani. Senza però impegnarsi in un reale percorso di integrazione che li porti ad
accettare la cultura del paese che li ospita.
C’è poi il fondamentale problema di garantire all’Italia del futuro un sano equilibrio demografico. Sono sotto gli occhi
di tutti i violenti scenari scandinavi dove
paesi che si vantavano di essere all’avanguardia nell’accoglienza e nell’integrazione degli stranieri si trovano ora alle
prese con gravissimi problemi di ordine
pubblico. Ma questi esiti sarebbero stati facilmente prevedibili se i governanti
avessero affrontato la questione con senso
della realtà e non con la mente ottenebrata
dall’ideologia buonista. Non ci vogliono
delle menti superiori per capire che l’idea
stessa di integrazione si può realizzare
solo dove pochi (gli immigrati) vengono
assorbiti dai molti (gli autoctoni). Allora
il processo è naturale e indolore. Ma laddove gli stranieri sono molti, non ci può
essere nessuna integrazione. I nuovi arrivati sono portati a riunirsi in comunità
omogenee e chiuse e a creare degli Stati
nello Stato. Lo si può vedere in tutte le
grandi città europee e negli Stati Uniti
dove ogni speranza di fusione etnica è
fallita e anzi si sono accesi conflitti latenti
che alla minima scintilla deflagrano. È per
questo che la Lega Nord invoca prudenza
nella concessione della cittadinanza. Ciò
che non si fa oggi, si può fare domani. Ma
ciò che è fatto è fatto, e dopo è difficile
tornare indietro. Ognuno di noi dovrebbe
guardare i suoi figli e chiedersi in quale
mondo li vorrebbe veder vivere. Perché
quello multiculturale e multietnico non
è un mondo di pace e di armonia. Anzi,
tutte le società con queste caratteristiche
sono caratterizzate da una conflittualità
diffusa e da alti tassi di violenza interna.
La Lega Nord è convinta che la via da
seguire sia quella di accogliere come cittadini solo quegli stranieri che, raggiunta
la maggiore età, ne facciano richiesta in
maniera consapevole e dimostrino al paese che li ospita, di desiderare una reale
integrazione. ■
Non è così in realtà, o meglio l’informatica è ormai pervasiva in ogni attività che intraprendiamo e la rete ci
permette di oltrepassare i confini fisici
del territorio in cui nasce l’impresa, la
tecnologia è una componente ormai irrinunciabile per fare impresa.
Queste Start up sono formate da imprese innovative ad elevata intensità di
ricerca dall’alto contenuto tecnologico,
che si realizzano grazie alla collaborazione di Camere di Commercio, aziende private, Università e Fondazioni
bancarie; rappresentano quindi un’occasione per giovani con idee di impresa
innovative. Si possono costituire singolarmente o in gruppo e possono originarsi dai settori più diversi e a volte
mai considerati: salute, agroalimentare,
tecnologie eco-sostenibili, materiali e
processi industriali innovativi, innovazione socio-culturale, tecnologie per la
gestione della città e il benessere urbano (Smart City-città intelligente).Queste nuove imprese, sul modello americano, devono essere snelle nel partire,
e se non funzionano, anche fallire: sì
perché il fallimento è contemplato nei
paesi più avanzati e non viene vissuto
come vergogna, ma come un tentativo
andato a male che fornisce esperienza
per migliorare nel successo.
La sfida che attende la nostra città è
proprio quella di reinventarsi una nuova economia in grado di riqualificare il
territorio, di attrarre investimenti produttivi, di creare nuovi posti di lavoro.
Ingegno, creatività, estetica: Carpi non
deve rimanere indietro in questi processi che potrebbero essere fucina di nuovi
talenti locali e lo dimostrano i successi
degli studenti delle nostre scuole.
Come non ricordare il prototipo Escorpio realizzato dai ragazzi dell’ITIS Leonardo da Vinci arrivato al nono posto
alla Shell-Eco Marathon di Rotterdam,
o la classe 5° corso FASE (Fisica ambientale sanitaria europea) sempre
dell’ITIS Leonardo da Vinci, che si è
aggiudicata il Premio nazionale per la
creazione di una cooperativa ecosostenibile e di recupero alimenti.
Poi ancora gli studenti del Vallauri che
hanno realizzato, con materiali di riciclo, un innovativo mezzo di trasporto
per gli spostamenti urbani, alimentato
da un pannello fotovoltaico e il successo delle ragazze che hanno creato
una nuova moda realizzando abiti con
tessuti riciclati. Perciò le Start up rappresentano la continuità e permettono a
quei progetti, a quei sogni di diventare
realtà.
Oggi più che mai sarà sempre vincente
chi riuscirà ad innovare e a progettare il
futuro. Osare per cambiare! ■
I Gruppi in Consiglio Comunale
popolo della libertà
Ad un anno dal sisma
aziende e cittadini
ancora in attesa
di Giuseppina Baggio
U
n anno dal terremoto: il 20 e 29
maggio anche a
Carpi abbiamo ricordato e in parte rivissuto quelle tragiche ore. E’ difficile uscire
da un disastro come quello che ci ha colpito nel giro di poco tempo, ma purtroppo a 12 mesi da quelle tragiche giornate
siamo ancora all’inizio dell’opera: basti
fare un giro a Novi e Rovereto per capire quanto siamo indietro.
Eppure nel resto d’Italia per molto tempo c’è stato chi ha sostenuto l’esistenza
di un ‘modello emiliano’ per la gestione
del post terremoto: addirittura la presidentessa della Camera, Laura Boldrini,
visitando Ferrara il 20 maggio, ha definito la ricostruzione ‘esemplare’.
Ma la doccia fredda infine è giunta: le
educate ma decise contestazioni, durante
la visita al cratere lo scorso 30 maggio,
indirizzate al Presidente del Consiglio,
Enrico Letta, e più ancora, al Governatore Vasco Errani, nel suo ruolo di Comalleanza per carpi
Unità Ictus:
facciamo il punto
di Giorgio Verrini
non
D asiunosettimane
parla d'altro:
dei vanti
del nostro sfortunato
Ospedale, l'Unità Ictus, dovrà essere smantellata o comunque ridotta ed accorpata ad altre Unità
Operative quali la nefrologica e l'internistica.
Il perchè di quanto sopra va ricercato
nella volontà di chi comanda (Direttore Generale dell'ASL?Assessore regionale?) di creare i presupposti affinché,
come da programmi PAL, il nostro
ospedale sia ‘ad alta intensità di cura’.
Gli ospedali ‘ad alta intensità di cura’
si caratterizzano per la presenza al loro
interno di Unità Operative specializzate
per urgenze internistiche e chirurgiche.
In pratica, le Unità Operative (UO), non
sono altro che uno spazio con letti monitorati e personale medico e paramedico presente 24 ore e particolarmente
preparato nella gestione dei casi complessi e acuti.
L'Unità Ictus di Carpi (o Stroke Unit)
missario. Per molti italiani sarà stata una
sorpresa scoprire dal telegiornale serale
che, se le scuole sono state ricostruite in
fretta, le fabbriche sono ancora a pezzi e
le case che sono tornate in piedi lo sono
per merito dei risparmi di una vita. E’
forse il caso di ricordare perché siamo
ancora in questo stato: ad aprile scorso
erano poco più di un migliaio le richieste di contributo, nel sistema approntato
dalla Regione, per la ricostruzione degli
stabili privati, contro le 32.000 attese.
Mentre addirittura erano poco più di
30 quelle delle imprese a fronte delle
migliaia danneggiate. Numeri che sono
cresciuti di poco nelle ultime settimane
e che rimangono lontani dalla platea che
potenzialmente ne avrebbe diritto. Il paradosso di questa situazione è che dei 6
miliardi previsti per la ricostruzione, e
dei 10 totali ipotizzati da Errani, entro
fine anno ne verranno erogati solo alcune
decine di milioni: come dare torto a chi
dice che di burocrazia si muore? Quando
ad esempio si chiede il Durc, il Documento unico di regolarità contributiva,
ad aziende che hanno speso fino all’ultimo centesimo in cassa per non smettere
di lavorare?
Al momento in cui questo giornale va in
stampa assistiamo poi ad una novità: dal
Partito Democratico arriva la proposta di
una no tax area per tre anni per le microimprese. Siamo contenti che qualcuno
si schieri sulla stessa linea, anche se a
12 mesi dal sisma, e ad altrettanti mesi
da quando dal centrodestra si è alzata la
proposta della sospensione delle tasse
nel cratere per tre anni. Però vorrei ricordare che nel frattempo imprenditori e
cittadini hanno vissuto nell’incertezza di
una proroga all’altra delle tasse: “dovrò
pagare le tasse a dicembre 2012? A giugno 2013?” si chiedeva la popolazione
terremotata. Nel frattempo quei denari
che potevano servire ad un territorio per
ripartire sono rimasti da parte nel timore
di vedersi recapitare una cartella di pagamento.
No, nessun ‘modello emiliano’, ma solo
tanta voglia di fare, quella sì, ‘tutta emiliana’. Da parte delle istituzioni invece
solo confusione, con le oltre 150 Ordinanze regionali, il sistema Sfinge, le proroghe di sei mesi in sei mesi e neppure
il coraggio di dire che i cittadini non
devono ricevere un ‘contributo’ per ricostruire, ma devono essere ‘indennizzati’
di tutto quanto hanno perso. Così si comporta uno Stato che ha a cuore un territorio che ne è l’asse portante economico,
ben sapendo che, a ricostruzione avvenuta, quello stesso territorio restituirà il
dovuto con gli interessi, come tasse, posti di lavoro e Pil. Ben vengano dunque
le proteste, se sono civili, e se accendono la luce sul ‘terremoto dimenticato’:
quello emiliano. ■
è proprio questo: uno spazio con 6 letti
monitorizzati, con personale che in questi 9 anni ha curato oltre 300 pazienti
all'anno colpiti da ictus, acquisendo
quella esperienza e quella alta specializzazione che è il vero valore aggiunto
di ogni Unità di cura.
Nel caso specifico della Unità Operativa Ictus del nostro ospedale c'è anche
la possibilità di eseguire terapia trombolitica, che in molti casi è risultata risolutiva.
Ora si contesta il fatto che la terapia
trombolitica deve esser di appannaggio
di Unità Operative con 24 ore su 24 di
presenza di medici, mentre nel nostro
ospedale la presenza è di 12 ore.
Inoltre si contesta il fatto che i numeri
(la famosa casistica!) sono limitati: in
realtà, nonostante le 12 ore, l'Unità Ictus
di Carpi ha affrontato con terapia trombolitica gli stessi numeri di pazienti di
altri e più titolati centri, in media quindi
con l'attività dai dati nazionali (questo
nel 2010 e 2011, nel 2012 il terremoto ha modificato tutto, ovviamente…).
Quindi perchè non potenziare di 12 ore
la nostra Unità Ictus, che serve anche
Mirandola, invece di ridurla?
La risposta va ricercata in una fumosa
logica economico-organizzativa: cioè,
poiché i soldi sono pochi (?) e poichè
altri reparti come il reparto di Medicina
interna del dottor Di Donato, il Day Hospital oncologico del dottor Artioli ed il
reparto Dialisi del dottor Baraldi ambiscono ad avere spazi e letti dedicati ai
pazienti ‘più difficili’, allora si crei una
UNICA Unità ad alta intensità di cura
polifunzionale che dovrebbe accontentare tutti con risparmio di personale paramedico. In realtà io credo che questa
mega Unità di cura rovini quello che di
buono e funzionale già esiste.
Infatti la professionalità del dottor Greco e della sua equipe neurologica si è
espansa proprio in virtù della esperienza fatta gestendo i difficili ammalati
colpiti da ictus.
L'Unità da lui gestita è diventata un
punto di riferimento sicuro anche per
i parenti degli infermi ed un luogo di
confronto con specialisti di altre Unità
Operative.
La verità è che se la nostra Unità Ictus
sparisce o si riduce, noi carpigiani dovremo ricorrere alla Unità Ictus di Baggiovara.
Se questo avvenisse, per me sarebbe un
altro passo indietro, cioè un impoverimento dell'ospedale di Carpi e di tutta
l'area vasta nord, che continua a perdere
‘pezzi’ in una ottica sempre più ‘modena-centrica’. ■
17
I Gruppi in Consiglio Comunale
carpi 5 stelle
Prima di ricostruire
costruiranno sull’acqua
di Andrea Losi
È
passato un anno
dalla sequenza
di terremoti che
hanno distrutto le nostre terre e la ricostruzione tarda a decollare. In Commissione
s'è capito il perché: a fronte dei numerosi
danni accertati e del conseguente gran
numero di domande di contributi per la
ricostruzione, in Regione s'è fatto il possibile per complicarsi/ci la vita. Una ragione evidente, che non sia la volontà di
dare i soldi col contagocce, portando la
gente ad abbandonare ogni speranza di
vedere il becco di un quattrino, non c'è.
Sono stati schierati plotoni d'esecuzione
di burocrati e costruito un argine di ordinanze dal commissario Errani, con l'unico effetto tangibile, per ora, di prendere i
cittadini per sfinimento e costringerli ad
arrangiarsi da sé. Ma mentre la ricostruzione è ferma al palo, in provincia c'è ancora molto spazio per chi vuole costruire. Già a pochi giorni dalle forti scosse,
a Sassuolo, Confindustria Ceramica organizzava una conferenza per ribadire
la necessità e l'urgenza della costruzione
della bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo, 240 milioni di denaro pubblico, già stanziati, per un'opera inutile e
che potevano e possono essere destinati
alla ricostruzione. E non è la sola autostrada che impatterà sul nostro territorio,
c'è anche la Cispadana, che attraverserà
proprio le zone più colpite dal sisma;
altri 200 milioni circa di finanziamento
pubblico inutilmente spesi. A Carpi si va
verso la scontata approvazione da parte
della Giunta del progetto della CMB sul
Parco Lama, qualche centinaio di nuovi appartamenti vuoti e una zona commerciale costruita ex-novo; mentre a
Modena niente e nessuno sembra poter
fermare la volontà dell'Amministrazione di costruire sui pozzi dell'acquifero
di Cognento, che alimentano anche la
rete dell'acquedotto di Aimag, e quindi indirettamente anche Carpi. Un'idea
quest'ultima assurda ed inconcepibile,
che in caso di inquinamento delle falde
potrebbe portare letteralmente alla sete
un'intera provincia, solo per placare gli
appetiti finanziari di qualche speculatore edilizio. Anche di recente l'assessore
all'urbanistica di Modena, Giacobazzi, in
un seminario che aveva per tema ‘Immagino Modena nel 2050’, a una domanda
di una cittadina che chiedeva come la
Giunta di Modena intendesse recepire
i risultati del percorso di pianificazione
urbanistica partecipata, in cui la proposta
più votata dai cittadini è stata proprio la
richiesta di blocco totale dell'edificazione sui pozzi, si è ben guardato dal prender posizione contro l'ipotesi di costruire
sull'acquifero di Cognento, dopo aver in
più occasioni ribadito l'esatto contrario.
Qualche anno fa Erdogan in un seminario dedicato al futuro della Turchia, dal
titolo ‘2023 Vision of Turkey’ proponeva
il progetto di abbattere le piante del Gezi
Park, per far posto ad un centro commerciale. Oggi vediamo le conseguenze. La
vision del PD di Carpi, di Modena, in
Provincia come in Regione, prevede ancora di distruggere l'ambiente, cancellare
parchi, metter a rischio la salute e l'approvvigionamento idrico, per far posto
a strade, autostrade, palazzine e centri
commerciali. Si deve per forza arrivare
anche qui al punto di esasperare la popolazione, prima di capire che occorre
un'inversione di tendenza? ■
Prima di ricostruire, costruiranno sull'acqua
Individuate le U.m.i.
I
18
l Consiglio comunale nella seduta
del 18 aprile scorso ha affrontato
il tema della perimetrazione delle
U.m.i., ovvero le Unità minime d’intervento, che definiscono edifici contigui o
comunque vicini a quelli che a causa del
sisma hanno subito danni, approvando
all’unanimità una delibera. “Individuando le U.m.i. sul nostro territorio – ha
spiegato l’assessore all’Urbanistica Simone Tosi – cerchiamo di essere il più
vicino possibile ai cittadini, potendo
sostituirci a coloro che non vogliono e
non possono intervenire per recuperare
un alloggio o un edificio danneggiato
senza utilizzare la via giudiziaria, arrivando anche all’esproprio grazie ad
un fondo regionale. In questo modo il
Comune diventa interlocutore di chi
intende operare, definendo una data certa
per l’inizio dei lavori e una certezza nei
tempi. Riteniamo che questo sia un atto
importante, che consente di mantenere
un’organicità nella ricostruzione del
centro storico”.
Nel centro storico le U.m.i. sono 113, a
cui si sommano 32 aggregati edilizi. Il
Comune potrà dare il via ad un’occupazione d’urgenza che potrebbe concludersi con un esproprio dell’immobile
o dell’alloggio da ristrutturare: dopo i
lavori si metterà questo all’asta garantendo una prelazione a chi lo occupava
in precedenza. In caso di problematiche
sorte in un condominio il Comune può
sostituirsi agli inadempienti. “Verremo
in Consiglio in caso di attivazione – ha
concluso Tosi - di ogni procedura di
esproprio”.
L’assessore Tosi ha poi elencato i dati
delle schede Aedes relative agli edifici
danneggiati sul territorio comunale, 1906
in tutto: di queste 562 sono per inagibilità di classe A, 411 di classe B (58 in
centro storico), 130 di classe C (22 in
centro), 14 di classe D e 649 di classe
E (408 nelle zone rurali, 58 in centro
storico, le altre 183 in altra zona urbana)
oltre a 66 di classe F.
L’assessore ha anche ribadito come questo percorso al via possa rappresentare
qualcosa di positivo se si valorizzerà la
E' passato un anno dalla sequenza di terremoti che hanno distrutto le nostre
terre e la ricostruzione tarda a decollare. In Commissione s'è capito il perché:
a fronte dei numerosi danni accertati e del conseguente gran numero di
domande di contributi per la ricostruzione, in Regione s'è fatto il possibile per
complicarsi/ci la vita. Una ragione evidente, che non sia la volontà di dare i
soldi col contagocce, portando la gente ad abbandonare ogni speranza di
vedere il becco di un quattrino, non c'è. Sono stati schierati plotoni
d'esecuzione di burocrati e costruito un argine di ordinanze dal commissario
Errani, con l'unico effetto tangibile, per ora, di prendere i cittadini per
sfinimento e costringerli ad arrangiarsi da sé.
Ma mentre la ricostruzione è ferma al palo, in provincia c'è ancora molto spazio
per chi vuole costruire.
Già a pochi giorni dalle forti scosse, a Sassuolo, Confindustria Ceramica
organizzava una conferenza per ribadire la necessità e l'urgenza della
costruzione della bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo, 240milioni di
denaro pubblico, già stanziati, per un'opera inutile e che potevano e possono
essere destinati alla ricostruzione. E non è la sola autostrada che impatterà sul
nostro territorio, c'è anche la Cispadana, che attraverserà proprio le zone più
colpite dal sisma; altri 200milioni circa di finanziamento pubblico inutilmente
spesi.
A Carpi si va verso la scontata approvazione da parte della Giunta del progetto
della CMB sul Parco Lama, qualche centinaio di nuovi appartamenti vuoti e una
zona commerciale costruita ex-novo; mentre a Modena niente e nessuno
sembra poter fermare la volontà dell'Amministrazione di costruire sui pozzi
dell'acquifero di Cognento, che alimentano anche la rete dell'acquedotto di
Aimag, e quindi indirettamente anche Carpi. Un'idea quest'ultima assurda ed
pianificazione partecipata come fatto ad
esempio per la ricostruzione in Friuli:
rispondendo alle sollecitazioni di Mauro Morellini (Lega nord) e Francesca
Cocozza (Pd) ha poi ancora sottolineato
come presto l’amministrazione porterà in
Consiglio comunale l’eliminazione dei
vincoli su fabbricati urbani mentre con
il Piano per la ricostruzione si punterà
a toglierne altri dando ulteriori risposte.
“In zona agricola saranno 100-150 i
fabbricati vincolati – ha detto – Rispetto
ai numeri carpigiani di Mude (i moduli
delle richieste di concessione) e Sfinge
infine posso affermare che da 57 che
erano poche settimane fa ora sono già
90-100: e comunque anche in caso di errore le domande si possono ripresentare
senza perdere il contributo”.
La delibera e i relativi elaborati grafici
sono pubblicati su www.carpidiem.it:
tutti i soggetti interessati hanno l'obbligo di presentare i progetti di intervento
entro 90 giorni dalla data di pubblicazione dell'avviso di perimetrazione delle
U.m.i., il 30 luglio. ■
Attualità
Un progetto
per via Dallai
C
arpi è fra i Comuni vincitori
di un bando regionale con il
progetto di realizzazione di un
itinerario ciclo-pedonale con
abbattimento delle barriere architettoniche da realizzarsi in viale Dallai. Il
costo complessivo dell'intervento è di
590.500 euro, e di questi il contributo
fornito dalla Regione sarà di 383.825
euro. Viale Dallai è un punto vitale per
la viabilità cittadina, in considerazione della presenza della linea ferroviaria
Mantova-Modena e del terminal dove
si effettua il ‘rendez-vous’ tra le quattro
linee urbane di Arianna e dove giungono
anche la maggioranza di quelle extraurbane. Presso il piazzale della Stazione si
trovano poi i parcheggi per le biciclette,
le auto, i taxi, la principale postazione di
C’entro in bici, per cui si tratta di un punto nevralgico per le diverse modalità di
trasporto. La pista verrà costruita sul lato
sud di viale Dallai. Il progetto prevede di
adeguare l’impianto semaforico esistente
in piazzale Dante, in modo da rendere
ancora più sicuro l’attraversamento, e che
verrà dotato degli ausili necessari al suo
utilizzo da parte dei non vedenti. Anche
l’impianto di illuminazione verrebbe adeguato. Per evidenziare il nuovo percorso
ciclabile ci si propone di ripavimentare
lo spazio prescelto con pietra naturale di
colore grigio in grado di creare contrasto
con l’attuale pavimentazione in cubetti
di porfido color rosso cupo. All’altezza
dell’incrocio con il piazzale della Stazione e via Bellini, quest’ultima a fondo
cieco e sede di parcheggio per biciclette, i
ciclisti, una volta lasciata la bici, potranno
raggiungere i binari attraverso i passaggi pedonali esistenti. Ulteriore spazio
per la sosta delle bici verrebbe creato
ristrutturando le due aiuole presenti nel
piazzale della Stazione, circa 50 posti,
mentre in via C.A. Dalla Chiesa, dove si
trova l’altra area dedicata al parcheggio
bici, si propone, riconvertendo otto posti
auto, la collocazione di depositi coperti
a gabbia, dotati di serratura. Con tutto
ciò verrebbero così a crearsi ulteriori 98
posti bici. Ulteriore dettaglio di una certa
importanza del progetto è costituito dalla
manutenzione straordinaria delle aiuole
e dall’eliminazione degli avvallamenti o
delle imperfezioni della pavimentazione
esistente in viale Dallai provvedendo
inoltre alla posa di cavidotti di predisposizione dei passaggi di servizi tecnologici
ed alla integrazione della raccolta delle
acque piovane. A corredo di tutto questo
l’arredo urbano, ossia le panchine ed i
cestini ormai obsoleti, verrebbe sostituito
con materiali moderni e più adatti. "Le
azioni avviate da questa amministrazione
per incentivare la mobilità alternativa
proseguono con questo progetto - dice
l'assessore Carmelo Alberto D'Addese che prevede anche il deposito automativo
delle bici presso la stazione dei treni,
come richiestoci da numerosi cittadini." ■
In aula a Cibeno
L
a nuova scuola di Cibeno sarà pronta per settembre: lo ha
confermato l’assessore ai Lavori
pubblici Carmelo Alberto D’Addese
in Consiglio comunale rispondendo ad
una interpellanza di Alleanza per Carpi:
“l’impresa ha assunto l’impegno di consegnare per l’inizio del prossimo anno
Maria Cleofe Filippi,
scolastico l’ala necessaria, in base alle
Assessore alle Politiche
esigenze avanzate dall’Ufficio scuola;
scolastiche
a seguire - ha detto - la seconda parte
della struttura”. L’assessore alle Politiche educative e scolastiche Maria Cleofe Filippi ha dal canto suo chiarito in aula
che per quello che riguarda la nuova scuola (secondaria di
primo grado, con 12 classi) a settembre i ragazzi entreranno
nelle aule come previsto mentre per quello che riguarda
l’ala dell’edificio destinata a sede dei laboratori didattici
si tratterà di attendere qualche mese. ■
19
Carpi nell'Unione
Nuove regole
per le case popolari
I
l Regolamento dell’Unione delle
Terre d’Argine per l’assegnazione
definitiva degli alloggi di Edilizia
Residenziale Pubblica (Erp) è stato
approvato nella seduta del 22 maggio
dal Consiglio dell’ente associato, per la
prima volta con contenuti uniformati per
tutti e quattro i comuni membri. Come
ha spiegato l’assessore alle Politiche
sociali Stefania Zanni sono 775 gli alloggi ERP nell’Unione e ne sono stati
assegnati 16 nel 2012 e 26 nel 2011. “Si
è scelta la strada del bando aperto e non
chiuso, e questa è la prima grossa novità:
ogni sei mesi si potranno così aggiornare
le graduatorie e la domanda si potrà fare
in qualsiasi momento; è prevista poi una
graduatoria speciale per i nuclei con
disabili, mentre il principio della ‘residenzialità storica’ è sancito prevedendo
un punto per anno di permanenza”.
Luca Lamma (indipendente) ha proposto
di raddoppiare il periodo di permanenza
o di attività lavorativa sul territorio che
dà punteggio, da 5 a 10 anni, proponendo un emendamento al comma A12
del Regolamento (poi non approvato a
maggioranza). Daniela Depietri (Pd) ha
sottolineato come il vero problema sia
la mancanza di una politica abitativa
statale che aumenti il patrimonio pubblico edilizio a disposizione e come sia
necessario anche l’adeguamento della
Legge regionale 24 che definisce parte
delle norme a cui questo Regolamento
si ispira. Giovanna Zironi (Rilanciamo
Soliera nelle Terre d’Argine) ha segnalato il fatto che molti iscritti a queste
graduatorie per la casa popolare abbiano
alloggi al sud nei quali tornano d’estate
e che l’ambito geografico delle proprietà
eventualmente possedute richiesto dal
Regolamento è poco vasto, mentre Paolo
Zironi (Pd) ha spiegato che il punteggio
sulla permanenza sul territorio cerca di
evitare il fenomeno del nomadismo. Il
consigliere Benatti (PdL) ha affermato dal canto suo che questi punteggi
comunque spostano poco, criticato gli
enti locali che quando comprano case lo
fanno spendendo male e indicato nelle
modalità di uscita dalle graduatorie un
fattore importante quanto quelle di entrata “perché l’ERP non può essere che
uno strumento temporaneo, non garantito a vita”. L’assessore Zanni in sede
di replica ha spiegato che molte delle
osservazioni dei consiglieri riguardavano
norme sancite dalla Legge regionale e
che il Regolamento dell’Unione non può
non considerare. “Chi è nella casa popolare ha diritto di rimanerci, fatti salvi i
‘furbetti’. Acer controlla e sfrattiamo chi
non paga. Il 95% di chi abita in alloggi
Erp è qui da almeno 20 anni”.
Prima della discussione sulla delibera
sono stati dibattuti due ordini del giorno,
l’uno presentato da Giovanna Zironi e
l’altro dal Pd (firmatari Marco Bagnoli
e Daniela Depietri). Il documento di
Zironi invitava il Consiglio ad adottare il principio di residenzialità storica
nell’assegnazione delle risorse sociali
e a tenere in considerazione l’adozione
di un sistema di residenzialità proporzionale e che assegni più punti a chi
ha risieduto più tempo all’interno della
comunità, con la modifica aggiunta “a
parità di bisogni e salvo le emergenze”.
L’odg del Pd invece invitava la Giunta
dell’Unione a tenere in considerazione
l’indicatore relativo all’anzianità di residenza privilegiando sempre in ogni caso
la situazione reale dei cittadini e delle
famiglie in stato di bisogno nella definizione delle graduatorie e assegnazione
di aiuti, Nel dispositivo finale è stata
poi cancellata nel corso del dibattito
l’indicazione a tenere in considerazione
il principio contributivo all’interno del
quale contemplare anche l’anzianità di
residenza.
Al momento del voto il primo odg è
stato approvato da tutti i gruppi, mentre
il secondo ha avuto l’ok di Pd, Progetto
Comune, PdL, Articolo 3, Sinistra per le
Terre d’Argine, G.Zironi, contrari Lega
nord e Luca Lamma. ■
Stefania Zanni,
assessore
alle Politiche socialii
dell'Unione
21
SINGOLO 4 €
MATRIMONIALE 7 €
Carpi nell'Unione
Caldo? C’è un Piano
L
’Unione delle Terre d’Argine
in collaborazione con il Distretto di Carpi dell’Azienda
Sanitaria locale di Modena
e l'ASP (Azienda Servizi alla Persona) Terre d’Argine ha attivato
anche per l’estate ormai iniziata un
Alcuni utili consigli per combattere
piano d’intervento per contrastare
i pericoli del caldo estivo
gli effetti delle eventuali ondate di
calore sulla popolazione residente
nei quattro comuni membri.
Gli interventi sono organizzati secondo le direttive della Regione e
numero verde gratuito
concordati tra amministrazioni loca800.001.106
li, Azienda sanitaria, associazioni del
dal 1 giugno al 31 agosto
territorio, centri sociali e strutture
tutti i giorni compresi i festivi
dalle ore 7.00 alle ore 21.00
semiresidenziali protette.
Per mettere in atto tutte le iniziative
previste l’Unione ha attivato come
già negli anni passati un Numero
Verde gratuito (800.001.106) collegato con il Centro Operativo dell’ente: il numero fornisce informazioni
sulle misure personali di contrasto al
disagio da calore estivo attivando, se
necessari, gli interventi di sollievo
previsti per le categorie a rischio
(anziani, disabili, persone affette da
patologie croniche, bambini piccoli,
chi vive solo).
Le iniziative previste si articolano
su due livelli: il primo riguarda l’informazione alla cittadinanza in merito alle misure personali di contrasto al
caldo e relativamente alla rete dei servizi attivati; poi si
può giungere all’attivazione di interventi di sollievo nelle
www.terredargine.it
fasi di allarme ed emergenza, come il trasporto presso un
luogo raffrescato, la consegna a domicilio di spesa, pasto
o medicine, una telefonata di controllo ai numeri segnalati
dai Servizi Socio-sanitari, ma anche dal volontariato e dai
familiari.
Le fasi di emergenza scattano in base alle segnalazioni
dell’ARPA (Agenzia regionale prevenzione e ambiente
dell’Emilia Romagna) così come visualizzabile all’indirizzo
internet www.arpa.emr.it/disagio.
Quando l’indicazione di disagio persiste per più di 72 ore o
l’Agenzia segnalerà l’arrivo di un periodo di forte disagio
il Centro Operativo entrerà in allerta.
Il Numero Verde gratuito resterà attivo fino alla fine di
agosto dalle ore 7 alle ore 21, anche nei giorni festivi.
E’in distribuzione nelle sedi dei Comuni (e non solo) un
pratico pieghevole che non solo ricorda le caratteristiche
di questo piano anticaldo ma propone pure consigli pratici
per combattere i pericoli della calura. ■
Io caldo... e tu?
F. A comunicazione Comune di Carpi
L’Unione delle
Terre d’Argine
ha attivato
come negli
anni passati
un Numero
Verde gratuito
(800.001.106)
contro i rischi
della stagione
estiva
23
IMMOBILIARE SAN MARTINO SRL
AFFITTA
in Carpi, via Lincoln n. 9, all’interno del Residence
di recente completamento denominato
IMMOBILIARE SAN MARTINO SRL
Via D. Dallai n. 2/A - 41012 Carpi (MO)
Per informazioni
tel. 059 650468
“LE COLONNE NEL VERDE”
Appartamento posto al piano terzo, composto da
sala pranzo, soggiorno con angolo cottura, disimpegno,
doppi servizi, due vani e due balconi.
Autorimessa al piano interrato.
Panorama
P
B
A
N
O
Celebrazione per Focherini
agno di folla sabato 15 giugno per la solenne concelebrazione della beatificazione di Odoardo Focherini,
giornalista morto nel 1944 nel lager di Hersbruck, dove
era stato deportato a causa del suo impegno a favore degli
ebrei. A presiederla è stato il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione per le cause dei Santi, davanti a
diverse migliaia di persone che hanno preso posto in piazza
dei Martiri e a tutte le autorità locali. Presenti anche una
ventina di vescovi provenienti anche da fuori regione, e un
centinaio di sacerdoti in particolare delle Diocesi di Carpi
e Trento e dell’Azione cattolica. Hanno partecipato anche
i Sindaci dei comuni che fanno parte della Diocesi di Carpi, di Rumo (Tn) e di Pejo (Tn), nonché i Presidenti della
Provincia di Modena e della Provincia autonoma di Trento.
R
A
M
A
Dorando Pietri sarà realizzato invece un senso unico di
marcia (da via Ugo Da Carpi verso via Marx), invertendo
in pratica l’attuale senso unico in direzione ovest. I lavori
per la modifica alla segnaletica saranno di breve durata e
verranno realizzati a cura dell’Ufficio Tecnico comunale.
C
Zanzara tigre, la campagna
ome ogni anno il ritorno della bella stagione ripropone
anche la necessità di prevenire e combattere la fastidiosa
presenza nei nostri territori della zanzara tigre che è anche
un problema di carattere sanitario che presenta aspetti da
non sottovalutare. Il Settore Ambiente del Comune, come
è consuetudine da alcuni anni, ha avviato ha avviato un
programma di interventi che prevede la disinfestazione
mensile di tutte le caditoie pubbliche (circa 17.000) con
l’utilizzo di prodotti larvicidi. E’ però assolutamente determinante che i cittadini facciano però la loro parte, pulendo
e trattando le proprie caditoie, perché senza questo loro
intervento diventerebbe perfettamente inutile anche l’intera
attività compiuta dagli operatori incaricati dall’ente locale.
Per informazioni tel. 059649081, [email protected]
Studenti con un occhio all’ambiente
G
S
Un Campo di pace
i svolgerà tra il 13 e il 20 luglio il Campo di volontariato
giovanile sulle tematiche della pace e dell’educazione
civica all’ex Campo di Fossoli. I volontari saranno impegnati in escursioni, momenti di approfondimento e attività
di cura e conservazione del Campo stesso, del Museo Monumento al Deportato e di altri luoghi della memoria anche
al di fuori del territorio carpigiano. I partecipanti al Campo
prenderanno poi parte pure alla tradizionale commemorazione dell’eccidio di Cibeno del 12 luglio 1944 presso il
Poligono di tiro. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione
ex Campo Fossoli insieme a Comune, Ancescao, Anpi,
Associazione Amici del Campo di Fossoli e del Museo al
Deportato, Centro Servizi Volontariato e Fondazione Casa
del Volontariato.
li studenti e i professori dell’istituto professionale
Vallauri hanno presentato nei giorni scorsi all’amministrazione comunale, rappresentata dall’assessore alle
Politiche educative e scolastiche Maria Cleofe Filippi,
un interessante progetto rivolto al mondo della mobilità
sostenibile. Si tratta di un veicolo realizzato con materiali
di riciclo (ruote di bicicletta, banchi scolastici, un motore
di lavatrice) e con un tetto formato da un pannello fotovoltaico, utile a ricaricare il mezzo a costo zero grazie
alle energia rinnovabile del sole. L’assessore Filippi si è
detta certa del valore di questo progetto ecologico, e ha
apprezzato il forte valore motivazionale per gli studenti del
nuovo corso di Istruzione e formazione professionale. Una
proposta formativa che consente di acquisire una qualifica
dopo un biennio di studi oppure di proseguire il percorso
nell'istruzione professionale.
Sensi unici, si cambia in due strade
L
’amministrazione comunale dopo avere studiato le problematiche delle vie Dorando Pietri e Tonelli comunica
che, allo scopo di favorire la sicurezza stradale verranno
presto attuati alcuni provvedimenti relativi alla viabilità
della zona, tenuto conto anche delle difficoltà di manovra
all’incrocio tra le vie Tonelli, Marx ed Ugo da Carpi. In
via Tonelli in particolare sarà realizzato un senso unico
di marcia (da via Marx verso via Ugo Da Carpi). In via
25
aN
rad
St
dal 10 al 29 giugno
sulle bottiglie di:
Mu
lini
Bell
aro
sa
Via
Via
Carpi
Via Canale
Bottega
Panzano
Vi
a
Carpi
Autostrada A22
uova
Via N
www.cantinamasonecampogalliano.com
Cantina
di Campogalliano
Via Canale
Campogalliano (MO) Via Nuova 7 - Tel. e Fax 059 526905
CAMPOGALLIANO
CANTINA DI CAMPOGALLIANO
N
uo
va
Orari di Vendita
Mattino: dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 12.30
Pomeriggio: il martedì, mercoledì
e venerdì dalle 14.30 alle 18.30
Bellarosa
i
arp
Paganelle
Guerri
rC
pe
Lambrusco Modena Dop
fermentaz. naturale in bottiglia;
Lambrusco Salamino Dop;
Lambrusco Sorbara Dop;
Lambrusco Reggiano Dop;
Chardonnay Emilia Bianco Igp.
le
na
Angelo
Po
io
az
VENDITA LAMBRUSCHI
MODENESI E REGGIANI
E MOSTO COTTO
PER ACETO BALSAMICO
CARPI
Autostrada A22
Vendita promozionale
Saliceto
Buzzalino
nuova Corsa a
9.250 €
con touch&Connect
Clima e eSP
navi touch Screen
vivavoce
Radio e uSB
Nuova CorsA TouCh&CoNNeCT
il tuo nuovo movimento.
Con Corsa fino a 33 km/l e un pieno a soli 24 € con il GPL Tech.
Oggi completa di tutto, anche di Navi e Vivavoce.
Nuova Corsa a
9.250 € con Clima, ESP, Navi Touch Screen, Vivavoce, Radio e USB.
Nuova CorsA TouCh&CoNNeCT
nuova Corsa a
9.250 €
con touch&Connect
Clima e eSP
navi touch Screen
vivavoce
Radio e uSB
Porte Aperte sabato 15 e domenica 16.
Aperte
sabato 18 e domenica
19.
il Porte
tuo
nuovo
movimento.
AUTOSI SRL VIA CARLO MARX 140 - CARPI
9.250 €
Porte Aperte sabato 15 e domenica 16.
“CONCESSIONARIA
OPEL
E CHEVROLET”
Con Corsa fino a 33 km/l e un pieno a soli 24 € con il GPL Tech.
Oggi completa di tutto, anche di Navi e Vivavoce.
Corsa 1.0 Ecotec 3p con Touch&Connect 9.250 € IPT escl., con permuta o rottamazione auto immatricolata entro 31/12/03 posseduta da almeno 6 mesi. Offerta valida a giugno non cumulabile con altre in corso. Dato km/l: ecoFLEX, ciclo extra-urbano. Dato costo pieno: GPL Tech, fonte
Min. Svil. Economico 4/2013. Foto a titolo di esempio. Consumi ciclo combinato da 3,3 a 7,3 l/100 km. Emissioni CO2 da 88 a 172 g/km.
Nuova Corsa a
con Clima, ESP, Navi Touch Screen, Vivavoce, Radio e USB.
Porte Aperte sabato 18 e domenica 19.
Corsa 1.0 Ecotec 3p con Touch&Connect 9.250 € IPT escl., con permuta o rottamazione auto immatricolata entro 31/12/03 posseduta da almeno 6 mesi. Offerta valida a giugno non cumulabile con altre in corso. Dato km/l: ecoFLEX, ciclo extra-urbano. Dato costo pieno: GPL Tech, fonte
Min. Svil. Economico 4/2013. Foto a titolo di esempio. Consumi ciclo combinato da 3,3 a 7,3 l/100 km. Emissioni CO2 da 88 a 172 g/km.
Panorama
P
A
N
O
Videosorveglianza in estensione
P
roseguendo il piano
di interventi finalizzati alla riqualificazione
urbana di alcuni punti
della nostra città l’amministrazione comunale
di Carpi comunica che si
sono conclusi gli interventi di installazione del sistema
di videosorveglianza in via Catellani e via Mazzali. “Il
sistema, attualmente nella fase di prova, garantirà un
controllo delle aree interessate – spiega l’assessore ai
Lavori pubblici e alla Polizia municipale Carmelo Alberto
D’Addese - dove saranno effettuati ulteriori interventi
diretti al miglioramento urbano che riguarderanno l’arredo
e il potenziamento dell’illuminazione”.
I
Controlli in centro
l progetto ‘Moderazione del traffico in centro storico’ è
in vigore dal 7 aprile scorso: per fare rispettare le nuove
norme (che prevedono tra l’altro la creazione di una ‘zona
30’ al cui centro c’è piazza dei Martiri, il cuore della città,
pedonalizzata, mentre nell’area racchiusa dalle vie De
Amicis, Galilei, Fassi, Catellani, Garagnani, Carducci e
Petrarca è stato poi istituito il nuovo limite di velocità a
30 km/h) l’amministrazione comunale ha dato il via alla
fase nella quale è necessario passare anche all’attività
sanzionatoria: per evitare ad esempio ingressi abusivi
nelle aree pedonalizzate e il mancato rispetto dei limiti
di velocità la Polizia municipale dopo aver provveduto in
queste settimane a garantire un’informazione capillare ai
cittadini sui contenuti di questo progetto ha iniziato anche
a multare i trasgressori.
S
Si allarga via Griduzza
ono iniziati i lavori di realizzazione dell’ampliamento di via Griduzza nel tratto che va da via Cavata fino alla rotatoria nei pressi del club Giardino sulla
provinciale 468, un intervento molto importante per la
viabilità urbana ed extraurbana, che si protrarrà per diversi mesi. L’accesso a via Griduzza dall’incrocio con
la rotatoria è vietato e, conseguentemente, è stato chiuso al traffico l’incrocio con via Canalvecchio Cibeno.
Via Griduzza sarà raggiungibile da Carpi e da S.Marino,
secondo le deviazioni ed i limiti di peso esposti in loco,
dalle vie Cavata, Rocchini e Caselle. Nella parte restante di
via Griduzza, non interessata dal cantiere, la viabilità resterà
inalterata. Il traffico proveniente da Cortile potrà utilizzare
la medesima viabilità alternativa citata per raggiungere il
centro di Carpi e S.Marino. Con la nuova opera si andrà a
completare l’anello est della circonvallazione cittadina, con
la costruzione anche di una rotatoria all'incrocio tra le via
Griduzza e Cavata.
R
L
A
M
A
Nuove piste ciclo-pedonali
a Giunta comunale ha approvato due importanti delibere
riguardanti altrettanti interventi per favorire la mobilità
ciclo-pedonale. Grazie alla prima si avvierà la ristrutturazione della pista ciclabile e degli attraversamenti pedonali nelle
vie Lenin e Nuova Ponente, con abbattimento delle barriere
architettoniche, per un importo complessivo di 802.000 euro
(182.000 a carico del Comune e la restante quota invece
previsti da un finanziamento regionale a sua volta inserito
nel Programma Annuale di attuazione del Piano Nazionale
della Sicurezza Stradale). La seconda delibera consentirà di
realizzare un collegamento ciclopedonale tra via Sogari e
via Canalvecchio sul lato est della Strada provinciale 468,
con un percorso in sicurezza che raccorderebbe, attraverso
via Canalvecchio, il centro abitato di S.Marino con quello
di Cibeno. Ciò vorrebbe dire coprire un tratto del fossato
adiacente la strada, installare nuovi punti luce e posare un
guard-rail a tutela del traffico ciclo-pedonale. La pista sarà
lunga circa 150 metri, e avrà una larghezza di 2,50 metri.
Per quest’opera l’esborso per le casse comunali sarà di
100 mila euro.
L
Due concorsi dell’Unione
’Unione delle Terre d’Argine ha indetto due concorsi
pubblici per esami per arrivare a formare due graduatorie valide per l’anno scolastico 2013/2014, fino al
31/07/2014, per procedere ad assunzioni a tempo determinato di Educatori d’Infanzia e Insegnanti di Scuole
d’infanzia, presso scuole e nidi gestiti dall’Unione stessa.
Il termine per la presentazione delle domande è fissato alle
ore 12.30 del 9 luglio. www.terredargine.it/Terredargine/
Servizi/Personale/Bandi_di_concorso/index.html è l’indirizzo da digitare per leggere e scaricare gli avvisi pubblici
integrali delle selezioni e il modulo per la domanda di
partecipazione. Per ulteriori informazioni rivolgersi al
Settore Amministrazione e sviluppo delle risorse umane
dell’Unione delle Terre d’Argine (corso A. Pio 91, Carpi,
telefono 059 649687-691).
Centro stranieri in via Trento Trieste
I
l Centro servizi per l’immigrazione dell’Unione delle
Terre d’Argine si trasferisce e torna in via Trento Trieste 2, a Carpi, laddove prima del terremoto si trovavano
gli uffici dei Servizi sociali dell’ente locale. Il Centro
tornerà agli stessi orari di prima, lunedì e venerdì 9-13,
martedì 15.30-18.30; sono cambiati invece i numeri di
telefono, che ora sono i seguenti: 059 6229783-6229784.
L’indirizzo di posta elettronica del Centro è [email protected] Ricordiamo che il Centro servizi
per l'Immigrazione è un punto informativo per gli stranieri
dell’Unione Terre d’Argine con sportelli in tutti i comuni,
e che comprende anche un servizio di mediazione linguistico culturale.
27
Pagine utili
Affissioni pubblicità e COSAP (ICA srl)
Piazzale Allende, 2 - tel. 059/690469
orario: da lunedì a venerdì 8.30/12.30, sabato
8.30/11.30; martedì e giovedì 15.00/17.00
E-mail: [email protected]
Aimag spa
call center gratuito tel. 800018405
orario: da lunedì a venerdì 8.00/19.00,
sabato 8.00/13.00
pronto intervento acqua fogne tel. 059/6328729
attivo 24 ore su 24 anche festivi
E-mail: [email protected]
Ambiente
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649081
orario: informazioni telefoniche da lunedì
a sabato 8.00/13.00; ricevimento da lunedì a
sabato 10.30/12.30
E-mail: [email protected]
Anagrafe Canina
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649159
orario: lunedì, mercoledì e venerdì 10.30/12.30;
informazioni telefoniche da lunedì a sabato
8.00/13.00
E-mail: [email protected]
Archivio storico
Piazzale Re Astolfo, 1- tel. 059/649959
orario: da lunedì a venerdì 8.45/12.45,
lunedì 15.00/17.45
E-mail: [email protected]
Bagni pubblici – Albergo diurno
Viale Carducci, 28 - tel. 059/691437
orario: venerdì 16.00/18.30,
sabato 10.00/12.00 e 15.30/18.30
Biblioteca multimediale A. Loria
Via Rodolfo Pio, 1
orario: da martedì a sabato 9.00/20.00,
lunedì 15.00/20.00
- Biblioteca - tel. 059/649950
- Videoteca e Fonoteca - tel. 059/649350
E-mail: [email protected]
E-mail: [email protected]
Canile intercomunale
gestito dai volontari del Gruppo zoofilo carpigiano
Via Bertuzza, 6/B - tel. 059/687069
orario: da lunedì a sabato 15.00/19.00;
risposta telefonica anche 7.00/13.00
E-mail: [email protected]
Carpiformazione srl
Via Marx 131 - tel. 059/699554
orario: da lunedì a venerdì ore 8.30/17.00
E-mail: [email protected]
Casa - Terre d’Argine
Via S.Rocco, 5
L’Area Casa e Inclusione Sociale ha i seguenti
numeri telefonici:
Ufficio Casa 059/649912-33
Bonus Sociali / Attestazioni ISE / Microcredito
059/649926
Ufficio Rientro in Abitazione 059/649627-9625
E-mail: [email protected]
E-mail: [email protected]ìne.it
Cassa economale
Corso A. Pio 91- tel. 059/649856
28
orario: martedì, giovedì e sabato 8.30/12.30
E-mail: [email protected]
Castello dei ragazzi
Piazza Martiri, 59 – reception tel. 059/649988
orario: da martedì a sabato 9.00/13.00
e 15.00/19.00
- Biblioteca Il Falco Magico - tel. 059/649961
E-mail: [email protected]
- Ludoteca - tel. 059/649983
E-mail: [email protected]
CEAS - Terre d’Argine
Centro educazione ambiente e sostenibilità
Via Manfredo Pio, 11 - tel. 059/649990
orario: lunedì, mercoledì, giovedì e sabato
9.00/13.00, lunedì e giovedì 15.00/18.00
E-mail: [email protected]
Centro per le famiglie - Terre d’Argine
Viale De Amicis, 59 - tel. 059/649272
orario: martedì 8.30/13.00-15.00/18.00,
mercoledì 8.30/13.00, giovedì 8.30/13.0015.00/18.00, sabato 8.30/13.00
E-mail: [email protected]
Centro studi musicali, teatrali,
cinematografici (CSMTC)
Via S. Rocco, 5 - tel. 059/649928
orari: dal lunedì al sabato 8.30/12.30;
lunedì e martedì anche 15/18
E-mail: [email protected]
Cimitero urbano - Cimiteri
Viale dei Cipressi - tel. 059/690489
orario: da lunedì a domenica 8.30/12.30
Il pomeriggio cambia di mese in mese
Commercio
Via Manicardi, 41
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30, risposta
telefonica da lunedì a sabato 8.00/13.00
- in sede fissa e attività di vendita
tel. 059/649529
E-mail: [email protected]
- ambulante, pubblici esercizi, taxi, ricettività
tel. 059/649435
E-mail: [email protected]
Concessioni precarie
Via Manicardi, 41
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30, risposta
telefonica da lunedì a sabato 8.00/13.00
- Temporanee - tel. 059/649468
E-mail: [email protected]
- Permanenti - tel. 059/649490
E-mail: [email protected]
Consiglio comunale
Corso A. Pio, 91 - tel. 059/649788
orario segreteria: da lunedì a sabato 9.00/12.00,
martedì e giovedì 15.30/18.00
E-mail: [email protected]
Cultura
Via San Rocco, 5 - tel. 059/649905
orario: da lunedì a sabato 8.00/13.00,
martedì e giovedì 15.00/18.00
E-mail: [email protected]
Difensore Civico- Terre d’Argine
Corso A. Pio, 91 - tel. 059/649788
orario segreteria:
da lunedì a sabato 9.00/12.00,
o:
centralin
11
059/649.1
idiem.it
www.carp
martedì e giovedì 15.30/18.00
E-mail: [email protected]
Fondazione Fossoli
c/o ex Sinagoga, via Rovighi, 57
orari di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì 9.00/13.00, martedì e
giovedì 14.00/18.00 Sabato chiuso
tel. 059/688272
E-mail: fondazione.f[email protected]
-ex Campo Fossoli:
via Remesina esterna, 32 - Fossoli - aperto solo
su prenotazione telefonando al n. 059/688272
-Museo Monumento al Deportato, Palazzo dei Pio:
aperto venerdì, sabato, domenica e festivi dalle
10 alle 13 e dalle 15 alle 19 - per visite guidate
telefonare al n. 059/688272
-ex Sinagoga:
visitabile solo su prenotazione telefonando
al n. 059/688272
Gattile intercomunale
gestito dai volontari dell’Associazione
protezione animali carpigiana
Via Bertuzza, 6/B - tel. 360/425403-320/4620803
orario: apertura al pubblico da lun a ven
18.30/20.30 sabato 15.00/19.00
E-mail: [email protected]
I.A.T. - Terre d’Argine
Informazione ed Accoglienza Turistica
Via Berengario, 2 - tel. 059/649255
Orario: da lunedi a domenica 9.30/12.30
(chiuso mercoledi); martedi e giovedi 16/19;
festivi 9.30/12.30
E-mail: [email protected]
Illuminazione pubblica e semafori
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649089 – 087
orari: da lunedì a sabato 10.30/12.30,
giovedì 15.30/17.30, o su appuntamento
E-mail: [email protected]
Istituto musicale Vecchi-Tonelli
Via San Rocco, 5 - tel. 059/649915
Segreteria: da lunedì a venerdì 13.30/19.30
sabato 8.00/13.30 15.00/18.45
E-mail: [email protected]
Lavori Pubblici
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649126
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30 e giovedì
15.30/17.30, risposta telefonica da lunedì a
sabato 8.00/13.00 e giovedì 15.00/18.00
cosa
dove
Quando
Mac’è! Spazio Giovani
Viale de Amicis, 59 - tel. 059/649271
orario: da mercoledì a domenica 16/19
E-mail: [email protected]
Musei di Palazzo dei Pio
Piazza Martiri, 68
orario: giovedì, sabato, domenica e
festivi 10.00/13.00 e 15.00/19.00;
martedì, mercoledì e venerdì su richiesta
- Museo del Palazzo e Museo della Città
tel. 059/649955 – 360
E-mail: [email protected]
Oggetti rinvenuti - smarriti
Terre d'Argine
Via 3 Febbraio, 2 - tel. 059/649589
orario: da lunedì a sabato 8.00/12.30,
giovedì 8.00/18.30
Onoranze funebri
Piazzale Baracchi, 1 - tel. 059/649805 attivo 24
ore su 24.
Orario: da lunedì a sabato 8.00/13.00, martedì
e giovedì 15.00/18.00
Pari opportunità - Terre d'Argine
c/o Borgofortino, viale Carducci, 34
Tel. 059/649614
E-mail: [email protected]
E-mail: [email protected]
Patrimonio immobiliare
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649186
orario: da lunedì a sabato 8.00/13.00, martedì
e giovedì 15.00/18.00 su appuntamento
E-mail: [email protected]
Personale - Terre d'Argine
corso A. Pio, 91
- assunzioni temporanee - tel. 059/649759
orario: da lunedì a sabato 10.00/13.00, martedì
e giovedì 14.00/17.00
- concorsi - tel. 059/649677
orario: da lunedì a sabato 8.00/13.00, martedì
e giovedì 15.00/18.00
E-mail: [email protected]
Pianificazione urbanistica - SIT, PRG
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649074
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30,
giovedì 15.30/17.30
E-mail: [email protected]
Polizia municipale - Terre d’Argine
Via 3 Febbraio, 2 - tel. 059/649555
orario: da lunedì a domenica 7.00/1.25
Pagine utili
- ufficio Permessi tel. 059/649583 - 589
orario: da lunedì a sabato 8.00/12.30,
giovedì 8.00/18.30
E-mail: [email protected]
Polizia amministrativa e manifestazioni
Via Manicardi, 41
tel. 059/649587
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30
E-mail: [email protected]
Protocollo generale
Corso A. Pio, 91 - tel. 059/649661
orario: da lunedì a sabato 9.30/11.30,
martedì 16.00/17.00, giovedì 14.30/17.00
E-mail: [email protected]
E-mail: [email protected]
Pubblica istruzione - Terre d’Argine
Corso A. Pio, 91 - tel. 059/649710
orario: da lunedì a sabato 8.30/12.30,
giovedì 8.30/17.45
E-mail: [email protected]
QuiCittà – Urp
Via Berengario, 4 - tel. 059/649213 – 214
orario: lunedì, martedì, giovedì,
venerdì e sabato 9.30/12.30,
martedì e giovedì 16.00/19.00
E-mail: [email protected]
Restauro e conservazione patrimonio
immobiliare artistico e storico
Via Peruzzi, 2 – tel. 059/649143
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30,
giovedì 15.30/17.30 o su appuntamento
E-mail: [email protected]
Rete civica
Via 3 Febbraio, 2 - tel. 059/649323 - 324
orario: da lunedì a sabato 8.00/13.00
E-mail: [email protected]
Rifiuti – Centri di raccolta
- Via Einstein, 19 - tel. 0535/28915
- Via Pezzana, 92 - tel. 059/680487
- Via Lucrezio, 1/a - tel. 059/643235
- Via Mare del Nord, 1/a - tel. 059/684516
Servizi demografici
Via Manicardi, 39
- Anagrafe - tel. 059/649591
orario: da lunedì a sabato 7.45/13.20, giovedì
15.30/18.20;
informazioni telefoniche da lunedì
a sabato 8.30/10
- Stato civile - tel. 059/649571
orario: da lunedì a sabato 7.45/13.20,
giovedì 15.30/18.20.
- Elettorale e Leva - tel. 059/649574 - 579
orario: da lunedì a sabato 7.45/13.20,
giovedì 15.30/18.20
E-mail: [email protected]
Servizi per l’immigrazione - Terre d’Argine
via Trento e Trieste 2 - tel. 059/6229783-784
lunedì e venerdì 9:00-13:00
martedì 15:30-18:30
E-mail: [email protected] terredargine.it
Sindaco
Corso A. Pio, 91 - tel. 059/649792 - 794
orario segreteria:
da lunedì a sabato 8.30/13.00,
martedì e giovedì 15.00/17.00.
E-mail: [email protected]
Sport
Via Tre Febbraio, 1/a - tel. 059/649174
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30,
giovedì 15.30/17.30
E-mail: [email protected]
Sportello Sociale Nemo
Viale Carducci, 32 - tel. 059/649644 - 9601
da lunedì a sabato 8.00/13.00, martedì e
giovedì anche 15.00/18.00
Strade – Manutenzione e segnaletica
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649131
orari: da lunedì a sabato 10.30/12.30,
giovedì 15.30/17.30; o su appuntamento
E-mail: [email protected]
SUAP - Terre d’Argine
Sportello unico per le attività produttive
Via Manicardi, 41 - tel. tel. 059/649523
Orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30,
informazioni telefoniche
da lunedì a sabato 8.00/13.00
E-mail: [email protected]
E-mail: [email protected]
SUE - Sportello Unico per l’Edilizia
Via Peruzzi, 2 - tel. 059/649079
orario: da lunedì a sabato (escluso martedì)
10.30/12.30, giovedì 15.30/17.30,
informazioni telefoniche da lunedì a sabato
8.30/10.30
E-mail: [email protected]
Ufficio ricostruzione edifici e ripristino agibilità
via Manicardi, 39
E-mail: [email protected]
Teatro comunale
Chiuso per inagibilità:
la biglietteria è all'ingresso dell'Auditorium della
Biblioteca multimediale Loria,
aperta martedì, mercoledì e venerdì 16,30/19,30,
giovedì e sabato 10/13 e 16,30/19,30
Gli uffici sono in via San Rocco 5.
Per ogni ulteriore informazione:
biglietteria 059/649263,
uffici 059/649264
E-mail: [email protected]
Tesoreria comunale - Unicredit banca spa
Piazza Martiri, 3 - tel. 059/9622337
orario: da lunedì a venerdì 8.20-13.20 e
14.45/16.15
I versamenti possono essere effettuati presso
tutti gli sportelli Unicredit sul territorio nazionale
Tributi
Corso A. Pio, 91 - tel. 059/649894 - 892
orario: da lunedì a sabato 10.30/12.30 e giovedì
anche 15.00/17.30
E-mail: [email protected]
Ufficio viabilità e trasporti
Via Peruzzi, 2 - tel 059/649092
orario: il sabato 11.00/13.00
previo appuntamento telefonico
(da lunedì a sabato 7.30/13.30)
E-mail: [email protected]
29
L'Appuntamento
LaCarpiEstate c’è!
Ricchissimo
il cartellone
delle iniziative
promosse
dall’assessorato
alle Politiche
culturali
assieme a tanti
soggetti
per i mesi
più caldi
www.carpidiem.it
30
N
La programmazione de LaCarpiEstate 2013, curata dall’assessorato alle Politiche culturali,
prevede un cartellone davvero
ricco, con numerosi e differenti ‘filoni’,
e approntato grazie al sostegno di Argenta
e Banco San Geminiano e San ProsperoGruppo Banco Popolare.
“La filosofia de LaCarpiEstate è quella di
contribuire a migliorare la qualità e la vivacità della vita sociale della nostra città.
Le sere estive sono il momento ideale per
ritrovarsi e trascorrere insieme alcune ore
di piacevole intrattenimento. Sono sempre
di più le persone che trascorrono le vacanze in città a causa della difficile contingenza economica ed alle quali è giusto
offrire un'occasione di svago. LaCarpiEstate è un'iniziativa costruita con e per la
nostra città, con decine di appuntamenti
che spaziano tra linguaggi comunicativi
ed artistici diversi, nel tentativo di essere
il più possibile inclusivi e soddisfare le
aspettative ed i desideri di tutti. Giovani,
famiglie, bambini, trovano spazio per
stare insieme - spiega l’assessore Alessia
Ferrari - Nonostante il sisma e la crisi,
c'è una forte intraprendenza e partecipazione ed il nostro
progetto è stato accolto con entusiasmo
da numerosi soggetti
che hanno contribuito alla realizzazione
del cartellone (privati, associazioni, bar
e locali del centro e
fondamentali sponsor). Le adesioni al
bando sono in crescita e, particolarmente
apprezzata è stata
l'idea di ampliare gli
spazi a disposizione
per le iniziative, aggiungendo a piazza
Garibaldi e piazzale
Re Astolfo anche il
Cortile d’Onore del
Palazzo dei Pio”.
Tra gli appuntamenti più importanti de
LaCarpiEstate 2013
(che partirà ufficialmente il 26 giugno)
gli incontri di ne vale la pena con importanti personaggi del mondo della cultura
(Pupi Avati, Beppe Carletti e Andrea
Biavardi). Tornerà nell’antistadio di via
Ugo da Carpi il cinema all'aperto organizzato da cinema Ariston e circolo
cinematografico Nickelodeon; i giovani
nottambuli potranno ritrovarsi nel Cortile
di San Rocco da fine luglio al 14 agosto
per gustarsi le serate di Coccobello organizzate dal circolo Arci Kalinka. Spazio
importante anche a così lontano così
vicino, la rassegna che animerà le frazioni
cittadine e che raccoglie appuntamenti
di musica, letteratura e spettacolo per
grandi e piccini. Confermati anche gli
appuntamenti serali con lugliodivino, che
accanto all'intrattenimento musicale offriranno l'opportunità di visitare le cantine
del nostro terriorio, realizzati insieme a
Cantina sociale di Carpi, Cantina sociale
e Caseificio San Giorgio di Santa Croce
ed Azienda agricola Verrini-Munari. Tanti
gli appuntamenti dedicati ai bambini ed
alle famiglie: dal 27 giugno al 30 agosto
tutti i giovedì e venerdì sarà possibile
divertirsi e giocare insieme con le serate de la dama della torre, mentre il
Castello dei ragazzi proporrà laboratori,
letture e spettacoli dedicati alla natura, in
collaborazione con la San Rocco Arte e
Cultura srl. Ci sarà uno spazio dedicato
agli amanti dell'arte e della cultura, con
le aperture serali della Torre della Sagra
e dei Musei di Palazzo dei Pio, con visite
guidate e intrattenimenti. E poi ancora la
rassegna di musica a palazzo, a cura di
Cefac, che propone opere e concerti nella
suggestiva cornice di Palazzo dei Pio ed
emozioni di viaggio, con proiezioni di
viaggi avventurosi a cura de L’angolo
dell'avventura. Novità di quest'anno tre
appuntamenti dedicati agli amanti del
teatro contemporaneo, con interessanti e
ironici monologhi all'interno del Cortile
di San Rocco, organizzati dal Forum
Teatro nel mese di luglio. Non possiamo
dimenticare infine di segnalare l'importante presenza del festival mundus, che
riempirà di ottima musica le serate di
Piazzale Re Astolfo nel mese di agosto.
Infine la proiezione di documentari, cene letterarie e tantissimi appuntamenti
proposti da bar, privati e associazioni,
che anche quest'anno hanno voluto partecipare per vivacizzare la nostra città. ■
Alessia Ferrari,
Assessore alle Politiche
culturali e giovanili
UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER GIOVANI COPPIE, SINGLE E ALTRI NUCLEI FAMILIARI:
BUONO CASA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA
FINO A € 35.000
Carpi - Cibeno, vecchio
Residenziale Canal
Campogalliano Panzano
Fossoli, Parco Remesina
PER INFORMAZIONI: 335 71 84 620
WWW.ABITCOOP.IT/GIOVANICOPPIE
UFFICIO DI CARPI, VIA B. PERUZZI 24 - 059 68 99 99
SEDE DI MODENA, VIA NONANTOLANA 520 - 059 38 14 11
Fossoli, Parco
Remesina
La tua casa ha un’aria più bella.
Acquista un Climatizzatore
Mitsubishi Electric e potrai
usufruire della detrazione
IRPEF del 50%
059 69.69.00
5 anni di garanzia
Comodi pagamenti rateali
AIR. FRESCH srl
Carpi: S/S Romana Sud,98 - Modena: P.le N. Bruni, 34 - Bologna: V.le S. Pertini, 12
Scarica

Scarica il file allegato