PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Il gioco
Gli spazi pubblici e privati
Riappropriarsi della città
La comunità
La scuola
I diritti dei bambini e dei ragazzi
Il lavoro interistituzionale
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
Associazione nazionale italiana Camina
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
Le attività del 2006 sono realizzate tenendo conto:
•
del documento politico e programmatico elaborato dal Consiglio
Direttivo ed approvato dall’Assemblea dei Soci del giugno 2005;
•
del programma concordato con l’Assessorato alle Politiche sociali
della regione Emilia Romagna;
•
dei bisogni e delle richieste espressi dagli associati a Camina;
•
della programmazione delle attività ordinarie.
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
Le azioni e i progetti promossi:
 SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE
 PROGETTI PILOTA
 INDAGINI E RICERCHE
 COMUNICAZIONE ED EDITORIA
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE
WORK–SHOP E LABORATORI
• Esperienze di democrazia: la rappresentanza e la partecipazione di
bambini, adolescenti e giovani
• Progettazione partecipata
• Mobilità sostenibile
Gruppi di approfondimento
generalmente riservati agli enti
soci. Ai laboratori partecipano
amministratori, tecnici, politici,
mondo della scuola.
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE
Gruppi di lavoro
• Definizione di indicatori per valutare il livello di benessere dell’infanzia
nelle città ([email protected])
• La comunicazione tra i soci e fuori della rete
• Intersettorialità: come promuoverla e governarla
Gruppi di
approfondimento
generalmente riservati
agli enti soci. Ai
laboratori partecipano
amministratori, tecnici,
politici, mondo della
scuola.
• Le associazioni: politiche e pratiche ([email protected])
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE
CONVEGNO – 5 maggio 2006
Nuovi passi verso città amiche dell’infanzia e
dell’adolescenza
Promosso da: Camina, Regione Emilia Romagna, UNICEF Italia, ANCI
Gli interventi si possono ascoltare
sul sito di Camina, l’intervento di
Salvatore Veca è disponibile
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
“Andiamo a scuola senza macchina: per un mobility
management scolastico”
Finanziato da bando di concorso Fondazione Cariplo
• Proponente: Coop. Abcittà e Provincia di Milano
• Partners: Associazione Camina, Provincia di Bologna, Comune di
Castelmaggiore(Bo), Provincia di Milano, Comuni: Monza, Locate di
Triulzi, Albiate, Arciragazzi Milano, Consorzio coop-sociali Accordi,
Provincia di Pescara, Associazione AgorA21
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Nuovi cittadini di Pace
Indagine e ricerca pedagogica sui progetti e le pratiche di partecipazione
dei bambini e dei ragazzi nei Comuni della Provincia di Bologna
• Proponente: Provincia di Bologna – ufficio Pace – Presidenza della
Provincia
• Realizzatore: Camina
• Partners: Ass. e Centro studi Encyclopaideia
• 15 comuni della provincia di Bologna tra molti soci Casalecchio di Reno,
San Lazzaro di Savena, Bentivoglio, Castel San Pietro Terme
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
COMUNICAZIONE E DIVULGAZIONE
Caminanews – la newsletter cartacea
Caminanews 1/2006
Speciale Associazioni
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
COMUNICAZIONE E DIVULGAZIONE
SITO INTERNET www.camina.it
Implementazione delle sezioni:
 news e link
 banca dati progetti
 “opinioni e recensioni”
 normativa internazionale, nazionale, regionale
 pubblicazioni (caminanews e quaderni)
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
La progettazione partecipata
La progettazione partecipata ha una storia più che trentennale e, nelle sue
diverse forme, è già sperimentata con buoni risultati a livello internazionale
e nazionale: essa propone un percorso di progettazione che vede coinvolti,
insieme a amministratori, tecnici e progettisti, gli abitanti e le componenti
attive sul territorio, esperti dei propri luoghi di vita e portatori di proprie
necessità ed aspettative.
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
Partecipazione e manipolazione
La scala di Arnstein (1969)
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
Partecipazione e manipolazione
La scala di Roger Hart (1992)
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
La partecipazione
Informazione
• Consultazione
• Concertazione
• Concertazione allargata
• Progettazione partecipata
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Vengono chiamate in causa:
Le politiche
Il contesto sociale
Le tecniche
Dimensione culturale
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
Un’esperienza di urbanistica partecipata è resa
possibile dalla capacità di decisori e operatori di:
• percepire che il convolgimento e la presenza dei
cittadini nei processi decisionali sono legittimi
• mettere in gioco un progetto aperto
• coinvolgere i cittadini in tutte le fasi del progetto
• accettare la complessità
• evitare di ricorrere a criteri standard
• saper sostare nell’incertezza
• non temere l’esplicitazione di opinioni, desideri,
interessi divergenti e quindi il conflitto
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Gli strumenti della progettazione partecipata
• ascolto - gli abitanti (adulti, ragazzi, bambini ) esprimono problemi,
bisogni e pratiche della propria vita quotidiana
• indagine diretta sul territorio - insieme si "riscopre" il proprio luogo di
vita
• discussione di scenari e visioni di futuro - si indagano le criticità, le
potenzialità e le opportunità di sviluppo
• confronto sulle scelte progettuali - amministratori, tecnici e abitanti
discutono delle possibili soluzioni
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Un processo partecipativo è finalizzato a…
…coinvolgere la comunità locale nella costruzione di una visione al futuro
della città
…raccogliere ed interpretare la domanda locale, con riferimento alle
opportunità, alle risorse e ai problemi dello sviluppo
…utilizzare la conoscenza specifica del territorio da parte degli abitanti e
degli attori organizzati della città e mettere a frutto la loro competenza
progettuale
…contribuire a fare della costruzione di progetti eventi che coinvolgano la
società locale nelle sue varie articolazioni
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Lavorare con i ragazzi…ma non solo.
Le fasi
• Presa in carico del progetto da parte dei politici
• Istituzione tavolo di lavoro (tecnico) e individuazione dei partners
• Coinvolgimento scuola (dirigente e insegnanti)
• Programmazione delle diverse fasi del progetto
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Progettare gli spazi e giocare fuori e dentro la scuola.
Come esplorare il tema con i bambini e i ragazzi
Di chi è la città?
Bene comune?
Esplorazione
Il futuro dei luoghi
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Progettare gli spazi e giocare fuori e dentro la scuola
• Indagine sul territorio: luoghi e persone
• Mettersi nei panni degli altri (le generazioni, i diversi bisogni)
• Incontro con gli amministratori
• Progettare è fare
• I tempi (rischio di frustrazione)
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
UN ESEMPIO…
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
12 colori per 12 comuni
Un’esperienza di progettazione partecipata nei Comuni dell’ex distretto socio
sanitario di San Giorgio di Piano
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Comune capofila (coordinamento e gestione amministrativa): San Pietro in
Casale
Comuni coinvolti: Argelato, Baricella, Bentivoglio, Castel Maggiore, Castello
d’Argile, Galliera,Granarolo nell’Emilia, Malalbergo, Minerbio, Pieve di
Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale
Consulenze: Laboratorio interdisciplinare “Urban Size” del Dipartimento di
Architettura dell’Università di Ferrara, Seminario “La città percorsa” –
Facoltà di Architettura di Ferrara, Associazione “Il corpo va in città”
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
Caratteristiche del progetto
• Forte variabilità dei casi di intervento
• Necessità di applicare una metodologia situazionale, bisognosa di
accomodamenti , scambi di opinioni e confronti
• Stretta connessione tra approccio pedagogico esperienziale (ricerca di
nuove e integrate modalità espressive) e competenze tecniche
• Attività di lettura e analisi ambientale del contesto d’indagine connessa a
laboratori didattici (come supporto, approfondimento e progettazione)
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
L’esperienza
del comune di
Bentivoglio
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
L’esperienza
del comune di
Bentivoglio
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
L’esperienza
del comune di
Bentivoglio
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
L’esperienza
del comune di
Bentivoglio
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
PROGETTI PILOTA E DIVULGAZIONE BUONE
PRATICHE
L’esperienza
del comune di
Bentivoglio
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
ORGANIZZAZIONE
Sedi
Nuova sede legale e amministrativa
via Matteotti, 72 - Castel San Pietro Terme (Bo)
Sede Centrale
via Cà Selvatica, 7 - Bologna
Sede ufficio di Presidenza
P.zza del Municipio, 2 - Ferrara
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
ORGANIZZAZIONE
Area amministrativa
Segretaria dell’Associazione: Anna Rosa Fava
Segreteria amministrativa: Lorenza Salvaderi, Marilena Nanetti (Castel
San Pietro)
Consulenti: Studio tributario D’Amore Rosanna
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
ORGANIZZAZIONE
Area tecnico/scientifica
Direttore Scientifico: Valter Baruzzi
Coordinamento e Referente area progetti “educazione democrazia”:
Anna Baldoni
Referente area “mobilità sostenibile”: Stefania Trevisani
Segreteria della direzione scientifica e progettazione: Silvia Salucci
Responsabile sito internet: Corrado Peli
Ristretto Gruppo di Consulenti impiegati nella conduzione dei progetti
Pilota
CAMINA
per città amiche dell’infanzia e dell’adolescenza sostenibili e partecipate
Scarica

Fase I: Politiche educative e dell`infanzia