NOTIZIARIO S.I.M.
Supplemento al Bollettino Malacologico
Anno 22
N. 5 - 8 (Maggio – Agosto 2004)
SOMMARIO
VITA SOCIALE
• Ricordo di Vinicio Biagi
• Verbale della riunione del Consiglio Direttivo del 13/03/2004
• Elenco dei soci S.I.M.
• Elenco delle pubblicazioni S.I.M. disponibili
• Nota del Redattore
• Prima circolare Congresso Società Europee di Malacologia - Napoli
G. BUZZURRO - Intervista a Feernando Ghisotti
G. MANGANELLI - Le Società Malacologiche Italiane: una rettifica
Documenti del Gruppo Malacologico Livornese
• I generi Acteocina, Cylichna, Retusa, Cylichnina, Pyrunculus e Volvulella nel Mediterraneo
A. MARGELLI, F. CUNEO, M. COPPINI & E. CAMPANI - Bivalvi esotici nel Porto di Livorno
SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
EVENTI
VARIE
• Privacy-Elenco dei Soci
• Quote Sociali 2004
1
VITA SOCIALE
RICORDO DI VINICIO BIAGI
Vinicio Biagi durante la sua prolusione al libro di Domenco Capua nei locali della Provincia di Livorno
2
E' segno innegabile di vecchiaia vedere svanire gli amici più cari uno ad uno, ma non è questo che fa male.
Brucia, piuttosto, il dolore del vuoto che ci si allarga attorno, l'infinito sconcerto di sentirsi privati dei benefici della loro
amicizia, la consapevolezza che il mondo è meno ricco.
E' quanto provo ora, a pochi giorni dalla prematura scomparsa di Vinicio Biagi, carissimo amico da anni. La vita,
a giorni, potrà essere ancora bella, piacevole da vivere, ma un vuoto come questo non si colma: resta per sempre. Si fa
e si farà sentire nei giorni a venire, inevitabilmente sempre più solitari, sempre più lunghi e più duri.
Il mio dolore non è certo quello della moglie Rosaria e dei figli Lapo e Folco, ma è comunque forte.
Fu subito facile apprezzare Vinicio quando, tanti anni fa, lo conobbi ai convegni della Società Malacologica
Italiana. Toscanaccio sì, nell'accezione "simpatica" del termine, ma aperto, gioviale, assolutamente libero da albagie di
qualsivoglia natura. Io un principiante da poco laureato, lui farmacista, giornalista e scrittore, malacologo studioso di
cefalopodi, esperto già riconosciuto, autore di numerose apprezzabili pubblicazioni.
Immediatamente mi adottò tra i suoi amici e da allora non mi ha più trascurato. Appena pubblicate le sue note a
stampa, appena pubblicati i suoi libri, ecco che mi arrivavano e ... in due copie: una per tenerla con me tutto l'anno a
Siena, una per tenerla a Capraia, pronta per l'uso durante le mie ferie al mare, durante le mie avventure di pescatore da
strapazzo.
I suoi libri - ricordo Memorie della Tonnara di Baratti (1995), Polpi seppie e totani (1997), Cronache di mare. San
Vincenzo e la pesca del pesce azzurro (2002), Piccolo porto antico (2003), quest'ultimo scritto in collaborazione con
Umberto Canovaro - non solo insegnano a conoscere gli animali di mare, non solo a conoscere gli attrezzi, le reti, i
metodi e le strategie della pesca, ma anche, e soprattutto, le genti e la cultura del mare in Toscana.
Vi si leggono storie di vita trascorsa sulla costa e sulle isole, di generazioni di pescatori, addirittura di stirpi, del
mare come risorsa, ma anche come ragione di vita. E le pagine scorrono veloci, appassionano, fanno sognare e fanno
soffrire. Sì, fanno anche soffrire quando dipingono a parole, parole scritte con l'affetto che trasforma in poesia, vecchi
pescatori di una volta - i Federici, i Galletti, i Magnani, e poi Giancarlone Cappelli, Tore Briglia, Silvio Galoppini - vere
miniere di esperienza e di sentimenti, sottratti all'umanità dal tempo che passa.
E Vinicio, "Lillero" come lo chiamava un amico pescatore, sensibile e curioso di natura, queste storie le aveva
raccolte lungo la sua costa e all'Elba, dove aveva vissuto con i suoi nonni materni, e le aveva coltivate. Aveva capito che
valeva la pena salvare dall'oblio un mondo in via d'estinzione, salvare la memoria di personaggi non meno nobili di un
nobile di sangue, personaggi che non hanno fatto la "grande" storia, ma che hanno lasciato un segno non meno
importante tra le loro genti.
Ecco perché piango Vinicio: la sua, una perdita doppia. Con lui che sparisce, spariscono anche il patrimonio che
aveva accumulato, la sua motivazione, le sue capacità. Peccato, per me, per i toscani della costa di Baratti e delle isole
davanti, per gli italiani tutti.
Non ho avuto modo di conoscerlo bene nel privato, ma chi scrive e "sente" come lui non può non valere anche
come semplice uomo, ne sono certo. La conferma me l'ha data lui stesso quando, a conclusione di uno dei suoi libri,
riporta cosa gli disse un giorno un amico pescatore, uno di quelli con la lingua che taglia e che dicono sempre quello che
pensano: "Vedi Lillero, nel mare esistono leggi al di sopra della percezione umana: gli avidi, i boriosi, i presuntuosi, i non
rispettosi in questi luoghi sono malvisti, perciò presto verrà il momento che tu conosca la storia delle acque a volte
pescose a volte non pescose della costa di Baratti". Lui non era malvisto, lui a Baratti era uno di casa: quale miglior
attestato?
Sì, il momento è venuto. Vinicio la storia della sua terra e del suo mare ora la conosce tutta. Peccato non sia qui
a raccontarcela.
Folco Giusti
Vinicio Biagi, 1936 - 2004
Non potrei mai redigere un "coccodrillo" (noto vocabolo in uso nelle redazioni giornalistiche per significare un
necrologio di circostanza, con finte lacrime, appunto) per Vinicio. E queste righe in sua memoria non lo saranno.
Sono rimasto si, basito alla notizia ed in effetti ho, un attimo, pianto al telefono con uno dei figli;
un'onda di commozione aveva sovrastato un mare di ricordi. Ricordi tutti allegri, felici, sereni. Ricordi tutti fatti di brevi
momenti con perenni argutissime battute, sfottò, prese in giro, doppi sensi ironici : insomma a me Vinicio non mi ha mai
preso sul serio. Gliene sarò grato per sempre.
Credo che di ciò fosse fatta la nostra amicizia, del volare leggero sopra tutto, dello scherzare di e su tutto e su di noi per
primi, affinchè si potesse poi farlo con tutti gli altri. Impietosamente ma affettuosamente, sempre. Anche quando buttava
là un "come va la pressione?" aggiungendovi qualche veloce consiglio paternalistico e professionale parlava poi subito
dei suoi acciacchi con colto fatalismo, "carpe diem" per poi passare in rassegna gli amici comuni, qualche ricordo, la
situazione politica, eterna fonte di animosissime battutacce col mondo intero. Qualche replica gli pioveva sul capo,
ovviamente, e tra queste, quelle di Lucumone di Populonia ed ancor più, di Duce di Baratti, lo stimolavano a rispostacce
3
brucianti ma in fondo gli piacevano più di tante altre. E poi si andava a mare partendo dal suo capanno di Baratti, pieno
all'inverosimile di qualsiasi cosa uno possa immaginare: Ma anche qualcosa di più.
Sono certo che tutti gli amici di Vinicio queste caratteristiche, prima delle altre, ricordino di lui,
naturalmente assieme alla profonda conoscenza, sempre espressa con modestia, di quegli aspetti del mare che aveva, più
di altri, approfondito. Nella biologia marina, i cefalopodi e del mare, la pesca in senso assai lato, che sempre era il
rapporto uomo/mare quello che lo affascinava e coinvolgeva. Gran parte dei suoi lavori è apparsa nelle principali e
divulgative riviste di pesca italiane ("Pesca in mare" ecc.) sotto forma di articoli, brevi note e altro e non sono qui riportati
in bibliografia.
Era nato a Campiglia Marittima il 28 settembre 1936 e ci ha lasciati il 17 maggio 2004, mprovvisamente, a S.Vincenzo
ove risiedeva. Laureato in farmacia esercitò quella professione in Venturina; era giornalista pubblicista dal 1987, da
sempre socio SIM (e prima UMI) ne fu Consigliere Nazionale diverse volte. Era anche membro della Società Italiana di
Biologia Marina e di quella di Scienze Naturali.
Arrivederci vecchio "brigante"; magari aspetta un pò.
Piero PIani
Elenco dei lavori pubblicati da Vinicio Biagi:
Biagi V., 1974. Note sulla presenza stagionale di Umbraculum mediterraneum (Lmk) nelle acque dell’isolotto di Cerboli (Piombino)
e osservazioni sull’animale in acquario. Conchiglie, 10: 173-178.
Biagi V., 1975. Tanatocenosi di molluschi nel contenuto intestinale degli echinoidi irregolari Brissus unicolor (Leske) e Spatangus
purpureus (O.F. Müller). Conchiglie, 11: 149-164.
Biagi V., 1977. L’erba corallina nella tradizione della medicina popolare dei pescatori ponzesi. Piombino, Editore Tipografia
Perseveranza, 31 pp. - Medaglia d’oro al 2° Premio Nazionale Bonomelli, Milano.
Biagi V. & Corselli C., 1978. Contributo alla conoscenza della malacofauna di un fondo S.G.C.F. (Pérès-Picard, 1964). Conchiglie,
14: 1-22.
Biagi V., 1978. Sul rinvenimento e la cattura di un esemplare vivente di Argonauta argo L. femmina nel Golfo di Baratti (Piombino)
e osservazioni sull’animale vivente in acquario. Conchiglie, 14: 119-134.
Biagi V., 1979. Su alcuni problemi del mare … Piombino, Editore La Bancarella (per “Italia Nostra”). 13pp.
Biagi V., 1980. Sul rinvenimento e la cattura di un esemplare vivente di Ocytoe tuberculata (Raf.) femmina (Cephalopoda-Octopoda)
nelle acque del Canale di Piombino. Bollettino Malacologico, 16: 41-52.
Biagi V. & Poli D., 1981. Contributo alla conoscenza della malacofauna della “Chiusa di Pontedoro”. Quaderni del Museo di Storia
Naturale, 2: 39-51.
Biagi V., 1981. Su uno spiaggiamento di cefalopodi (Ottopodi) verificatosi sul litorale di Piombino nel corso della grande “Tempesta
africana” del dicembre 1979. Bollettino Malacologico, 17: 165-176.
Biagi V., 1984. Spiaggiamenti di cefalopodi sulla costa livornese. Quaderni del Museo di Storia Naturale, 5: 99-115.
Biagi V. & Corselli C., 1984. Contributo alla conoscenza della malacofauna di un fondo SFBC (Pérès-Picard, 1964). Bollettino
Malacologico, 20: 117-130.
Biagi V. & Poli D., 1986. Considerazioni su una popolazione di Patella furruginea Gmelin, 1791 nel Promontorio di Piombino.
Bollettino Malacologico, 22: 171-174.
Biagi V., Belcari P., Biagi E., De Ranieri S., Mori M. & Pellegrini D., 1986. Observations about cephalopods distribution in the
northern Tyrrhenian Sea. XXXth Congress I.C.S.E.M. Palma de Maiorca, 20-25 october 1986.
4
Biagi V., Borri M., Mannini P. & Volpi C., 1987. Cephalopod molluscs from the Mediterranean in the Adolfo Targioni Tozzetti.
Oebalia International Journal of Marine Biology and Oceanography, Ist. Sperim. Talassogr. “A.Cerreti Taranto C.N.R.
Biagi V., 1990. Cattura di un grande esemplare di Ommastrophes bartramii (Les) (Cephalopoda Teuthoidea) nel Canale di Corsica.
Bollettino Malacologico, 26: 125-130.
Biagi V. & Bartozzi A., 1992. Presenza stagionale di Tremoctopus violaceus Delle Chiaie, 1830 (Cephalopoda Octopoda) nel mare di
Piombino (LI). Bollettino Malacologico, 28: 47-54.
Biagi V. & Bello G.B., 1995. How benthic are sepiolids?. Bulletin de l’Institute Oceanographique, N.Spec. 16: 57-61.
Biagi V., 1995. Voce: Rete da Pesca. Enciclopedia Italiana Treccani: XXXX IMPOSSIBILE TROVARE LA PAG..
Biagi V., 1995. Memorie della Tonnara di Baratti 1835-1939. Ed. Tipolito Falossi Venturina, 95 pp.
Biagi V., Vacchi M. & Serena F., 1996. Cattura di Carcharhinus brachyurus (Gunther, 1870, Pisces Selachii, Carcharhinidae), nel
Tirreno settentrionale. Atti del XXVI Congresso SIBM: xx-xx.PAG NON TROVATE
Biagi V., 1997. Tecniche artigianali e attrezzi impegnati nella pesca dei Cefalopodi nel mare di Piombino dal 1900 ai giorni nostri.
Piombino, Stamperia comunale, 5pp.
Bello G.B. & Biagi V., 1999. A large cranchiid squid (Cephalopoda: Teuthoidea) caught in the Mediterranean Sea. Bollettino
Malacologico, 34: 69-70.
Biagi V., 1997. Polpi, seppie e Totani nel mare di Piombino e dell’Isola d’Elba. Pontedera, Editore Bandecchi e Vivaldi, 131 pp.
Biagi V. & Biagi F., 2000. Report of two different landings of Siphonophora belonging to genera Velella and Porpita and gastropods
of genus Janthina Röding, 1978 along the Tuscany coast during 1997-2000. La Conchiglia, Evolver Ed., 35-38
Biagi V., 2002. Cronache di Mare. S.Vincenzo e la pesca del pesce azzurro. Ed. L’Aurelia, Cecina, 135pp.
Biagi V., Vacchi M., Pajetta R., Fiordiponti R., Serena F., Notarbartolo di Sciara G., 2002. Elasmobranch catchs by tuna trap of
Baratti (Northern Tyrrhenian sea) from 1898-1922. Proc. 4°Europ. Elasm. Assoc. Meet., Livorno, 2000, Vacchi M., La Mesa G.,
Serena F. & B. Séret eds ICRAM, ARPAT & SFI,. 177-183.
Biagi V., 2003. Piccolo Porto Antico. Ed. Azienda Arti Grafiche Effesei., 144 pp.
Biagi V., 2004. Brevi cenni sulla storia della pesca nel mare di Piombino e nelle acque adiacenti con sommaria descrizione degli
attrezzi e delle tecniche impiegate. Corso di formazione: Guide Ambientali Piombino., 27pp.
5
VITA SOCIALE
VERBALE:
Riunione del Consiglio Direttivo (Bologna 13 marzo 2004)
Il giorno 13 marzo 2004, alle ore 15, si tiene presso i locali del Dipartimento di Biologia Evoluzionistica Sperimentale
dell’Università degli Studi di Bologna in via Selmi, 3 di Bologna, la riunione del Consiglio Direttivo della S.I.M. con il seguente
O.D.G.:
1) Bollettino Malacologico.
2) Notiziario SIM.
3) Prossimo Congresso della SIM
4) Organizzazione territoriale della Società.
5) Varie ed eventuali.
Sono presenti i consiglieri: Buzzurro, Campani, Chiarelli, Cretella, Crovato, Dell’Angelo, Duraccio, Di Bella, La Perna, Tisselli; sono
assenti: Forli, Martucci; presenziano alla riunione i soci: Albano, Cecalupo, Germanà, Mazziotti e Russo Rosangela. Essendo presente
la maggioranza dei Consiglieri alle ore 15,10 si dà inizio alla seduta. Presiede Dell’Angelo, funge da Segretario Crovato.
Per quanto riguarda il primo punto all’O.D.G. il Presidente introduce l’argomento ricordando che superate le prime difficoltà le
pubblicazioni della rivista stanno riprendendo il loro corso normale, così che nella prima metà dell’anno in corso sarà spedita ai soci
l’intera annata 2003. Contemporaneamente ricorda dopo la stampa dell’annata 2003 si sarebbe fatto il punto della situazione
esaminando diversi preventivi al fine di conseguire un eventuale risparmio sui costi senza abbassare la qualità di stampa e cercare
anche di ritrovare progetti editoriali migliorativi.
Senza ulteriori indugi si passa all’esame dei preventivi presentati dal socio Nardi Giambattista e dai consiglieri Buzzurro e Crovato;
sebbene richiesta la ditta Evolver non ha ritenuto presentare preventivi rimandandoci all’esame delle fatture già emesse per rilevarne
il costo di pubblicazione.
I preventivi sono 9 in tutto e si decide di metterli agli atti insieme alle fatture di Evolver.
Risultano più convenienti tra tutti il preventivo della ditta ATA di Milano e quello della ditta Grafica Elettronica di Napoli con
importi del tutto simili.
A questo punto il Presidente ritiene di caldeggiare la scelta del preventivo della ditta Grafica Elettronica di Napoli per facilitare il
lavoro dell’attuale Direttore Responsabile Crovato che risiede anch’egli a Napoli e per consentirgli di seguire le pubblicazioni con più
attenzione e presenza.
L’assemblea approva con 9 voti a favore e la sola astensione del consigliere Crovato.
Crovato fa presente di avere avuta ad un costo molto contenuto una offerta di “restyling” della rivista che comunque verrebbe prima
sottoposta per la eventuale approvazione.
Il Presidente propone al suo posto come redattore del Notiziario SIM Campani.
L’Assemblea approva all’unanimità.
Campani accetta ed invita tutti a collaborare con idee e lavori, per rendere la rivista sempre più bella ed interessante.
Per il terzo punto all’O.D.G. Crovato informa che si terrà a Napoli, presso il Centro Museale dell’Università di Napoli “Federico II”,
il prossimo congresso della SIM unitamente alle altre Società Malacologiche Europee, lui stesso ha già curato dei contatti con i
responsabili della struttura e man mano darà notizia degli sviluppi.
Per quanto riguarda il terzo punto Campani fa presente che ha già avuto contatti con dei soci residenti in zone lontane dai luoghi ove
risiedono i consiglieri che sarebbero disponibili a fare da interfaccia tra il consiglio ed i soci, raccogliendo idee ed eventuali
lamentele.
Per le varie ed eventuali il socio Cecalupo presenta un proprio lavoro su i Cerithioidea, presenti dal Paleocene ad oggi, consistente
nella raccolta di buona parte di quanto è stato scritto su questa superfamiglia, il tutto corredato da tavole a colori ed in bianco e nero
tratte dai vari lavori esaminati ed anche da proprie fotografie, dando la disponibilità a farlo pubblicare dalla SIM.
Il lavoro era già stato sottoposto in via preliminare al direttore scientifico del Bollettino che lo ha ritenuto adatto alla pubblicazione sul
Bollettino Malacologico come fascicolo supplementare. Si decide di stamparlo a carico della SIM vendendolo ad un costo simbolico
ai soci che lo richiedessero e poi, successivamente, al costo di stampa attraverso i canali tradizionali.
Alle ore 18 viene tolta la seduta.
Il Presidente
Bruno Dell’Angelo
Il Segretario
Paolo Crovato
6
ATTO DI COSTITUZIONE
GRUPPO MALACOLOGICO ROMAGNOLO
SEZIONE LOCALE DELLA SIM
Oggi, 7 marzo 2004 presso la sede dei Naturalisti Forlivesi in via Maceri, 22 a Forlì si sono riuniti i seguenti soci SIM:
Mazziotti Cristina
Micali Pasquale
Monti Giuseppe
Perugia Ivan
Querzola Danilo
Rinaldi Emidio
Scudellari Enzo
Tabanelli Cesare
Tambini Gianpaolo
Tisselli Morena
Zanni Paolo.
E’ stata esaminata, come ordine del giorno, la costituzione del GRUPPO MALACOLOGICO ROMAGNOLO come
SEZIONE LOCALE DELLA SIM. Avendo avuto l’adesione di tutti i partecipanti, si dichiara costituito di fatto il Gruppo
Malacologico Romagnolo (GMR) quale Sezione Locale della SIM. E’ un Gruppo apartitico e apolitico con durata
illimitata nel tempo e senza fini di lucro, l’unico fine è divulgare e approfondire gli studi Malacologici come specificato
nell’art. 4 dello Statuto Sociale SIM.
La sede legale presso Enzo Scudellari Via Don Minzoni 99 Ravenna.
Fra i soci si è provveduto alla nomine delle cariche sociali che risultano così ripartite:
Presidente:
Enzo Scudellari
Tesoriere e Segretario: Tambini Gianpaolo
Direttore Scientifico:
Micali Pasquale.
Le iscrizioni al gruppo sono aperte in qualsiasi momento. L’iscrizione alla SIM, di persona che intende frequentare il
GMR, comporta l’automatica iscrizione al Gruppo stesso.
E’ previsto che ogni iscritto versi, a inizio anno, una quota per coprire le spese di funzionamento del GMR e la quota di
iscrizione dello stesso alla SIM.
Viene inoltre scelto il seguente logo come simbolo del GMR. Tale logo accompagnerà tutte le attività e le pubblicazioni
del gruppo.
Le riunioni si terranno presso la sede dei Naturalisti Forlivesi in via Maceri, 22 a Forlì (salvo diverso avviso) con date da
concordare di volta in volta. Le riunioni sono aperte a tutti i soci SIM che fossero interessati.
Forlì 7/03/04
Visto e Approvato
il Presidente
Enzo Scudellari
7
ELENCO DEI SOCI (aggiornato al 30.08.2004)
A cura di Paolo Crovato
SOCI ITALIANI:
BARONCELLI Maria Angela
Via San Rocco 9
I-10036 SETTIMO TORINESE TO
011 8950895
[email protected]
ACCADEMIA FEDERICIANA
Via Borgo 12
I-95125 CATANIA CT
095 438531Tel/FAX
[email protected]
BASCHIERI Leonardo
Via E. Boccaletti 15
I-41012 CARPI MO
059 682199
[email protected]
AGAMENNONE Franco
Via Quarto dei Mille 15
I-65122 PESCARA PE
085 296176tel/FAX
[email protected]
BASSI Viller
Via Gramsci 109
I-42024 CASTELNOVO SOTTO RE
0522 682248
0522 688386 FAX Uff.
[email protected]
ALBANO Paolo Giulio
Via Montebello 7
I-40121 BOLOGNA BO
051 249071
[email protected]
BATTISTELLI Gerardo
Via del Campo Grande 29
I-00049 VELLETRI RM
06
9628241tel/FAX
[email protected]
ALCAMO Fulvio
c/o MONDIALMOBILI S.r.l.
Via Prenestina 319/b
I-00177 ROMA RM
06 290256
06 2757946
[email protected]
BAZZOCCHI Piero
Via Ricasoli 15
I-47900 RIMINI RN
0541 28217
ARCURI BAU
C.P. 17014 GROTTAROSSA
I-00189 ROMA RM
BELLAGAMBA Mariella
Via B. Sforza 49
I-61029 URBINO PS
0722 327764
0722 304273FAX
[email protected]
ARDUINO Guido
Via Andorno 33
I-10153 TORINO TO
011 8127326
ASSOC. PISANA DI SCIENZE NAT.
E DELL'UOMO "LUIGI BALDI"
c/o BALDASSARRI Bernardo
Via Abetelle 68
I-56018 TIRRENIA PI
BELLO Dr. Gianbattista
Istituto Arion
C.P. 61
I-70042 MOLA DI BARI BA
080 4741001 tel/FAX
[email protected]
ASSOCIAZIONE MALACOLOGICA
INTERNAZIONALE (A.M.I.)
Via del Tritone 62
I-00187 ROMA RM
06 69940814
06 6796267
[email protected]
BENZONI Massimo
Via Puccini 54
I-23845 COSTA MASNAGA LC
031 856218
BERNIERI Fabio
Via Conte Fazio 4
I-56122 PISA
329
4148674
050
501249 FAX
[email protected]
BALENA Giovanni
Via Marconi 1/B
I-57125 LIVORNO LI
0586 852786
BALLESIO Pier Luigi
Via Tunisi 43
I-10134 TORINO TO
011 3193908
[email protected]
BIANCO Ignazio
Via Salvemini 3B
I-10098 RIVOLI TO
011 9530742335 7669622
[email protected]
8
091
BIBLIOTECA CIVICA
Via Museo 12
I-36061 BASSANO DEL GRAPPA VI
0424 220067
7041011 / 000
BUCCI prof.Alessandro
Via G. Amendola 71
I-48022 LUGO RA
0545 282266
BIBLIOTECA COMUNALE
Via Indipendenza 87
I-22100 COMO CO
031 270187
031 240183 FAX
BULLI Renzo
Via Monte alle Croci 12
I-50125 FIRENZE FI
055 2345399 Tel/FAX
[email protected]
BIBLIOTECA STAZ. ZOOLOGICA
"A. Dohrn"
Villa Comunale 1
I-80121 NAPOLI NA
081 8545336
BURACCHI Rolando
Via Berlinguer 9
I-50054 FUCECCHIO FI
054
23233
BITETTO Giuseppe
Via Pieve di Cadore 9
I-37124 VERONA VR
045 913230
[email protected]
BUZZURRO Giovanni
Via Alessandro Volta 8
I-20052 MONZA
039
491644
[email protected]
BOGI Cesare
Via delle Viole 7
I-57124 LIVORNO LI
0586 856404
[email protected]
CALLEA Antonio
Via S. Antonio 4
I-56125PISA PI
050
40623
CALTABELLOTTA Luigi
Via Tetti Piatti 25B
I-10024 MONCALIERI TO
011
646192
BORZACCHIELLO Vincenzo
Via Giotto 31
I-80029 SANT'ANTIMO NA
081 5053818 tel/FAX
[email protected]
CAMPANI Prof. Enzo
C.so Mazzini 299
I-57126 LIVORNO LI
0586
803169
0586
844563 Univ.
[email protected]
BRACCIA Antonio
Via Ischia 19
I-25125 BRESCIA BS
030 2422226
[email protected]
CANCELLARA Domenico
Via E. Carafa 19
I-70124 BARI
080
5427936
[email protected]
BRUNETTI Mauro Cirone
Corso Mazzini 14/2
I-17100 SAVONA SV
019 815238
[email protected]
CAPECCHI Claudio
Via Luigi Galvani 8
I-51100 PISTOIA
[email protected]
BRUNETTI Mauro
Via Ponte Locatello 9/4
I-40030 GRIZZANA MORANDI BO
051 6738124Tel/FAX
[email protected]
CAPRIOLI Giovanni
Via Bassi 16
I-29100 PIACENZA
0523
591477
BRUNO Luigi
Via San Cusumano 4/A
I-91016 ERICE TP
0923 566312
[email protected]
CARROZZA Ferdinando
Villa il "Poggio"
Via degli Olivi 11, SOIANA
I-56030 TERRICCIOLA PI
0587 654198
0587 654921 FAX
BUCCHERI Giuseppe
c/o Dipart. Geologia e Geodesia
Università degli Studi di Palermo
C.so Tukory 131
I-90134 PALERMO P 091
CASAZZA Claudio
9
0931
Strada delle Variselle 2/3
I-23877 PADERNO D'ADDA LC
039 513850
039 6081897
[email protected]
461120
CHIARELLI Stefano
Via Bellincione 10
I-20134 MILANO MI
02
2151885
0533 327244
[email protected]
CASOLA Antonino
Via Vico 3ø Rota 12
I-80067 SORRENTO NA
081 8782572
[email protected]
CHIRIACO Francesco
Via Francia 73
I-57128 LIVORNO LI
0586 886858
[email protected]
CATALDO Antonio
Via Circumvallazione 112
I-80059 TORRE DEL GRECO
081
8810434Tel/FAX
[email protected]
CHIRLI Carlo
Via G. La Pira 33
I-50028 TAVERNELLE V. P. FI
055 8076681
[email protected]
CATALDO Miko
Via Circumvallazione 135
I-80059TORRE DEL GRECO NA
081
8821077
081
8821077 FAX
[email protected]
CIVICO MUSEO ST.NAT.
Via De Pisis 24
I-44100 FERRARA FE
CATTANEO VIETTI Prof. Riccardo
c/o DIP.TE.RIS. (Università)
Viale Benedetto XV 5
I-16126 GENOVA GE 010
010 3538069
010 3538140 FAX
[email protected]
COMPARONE Giovanni
Via Palermo 4
I-81020SAN NICOLA LA STRADA CE
O823
457397
[email protected]
COMUNE DI BRESCIA settore
MUSEO CIVICO DI SCIENZE NAT.
Via Ozanam 4
I-25128 BRESCIA BS
030 2978748
030 2978661
CAULI Dr. Luciano
V.le G.Orosi 35
I-57121 LIVORNO LI
0586 409691
[email protected]
COMUNE DI RAVENNA
SERVIZIO ISTITUZIONI MUSEALI
Museo Ornitologico
Via di Roma 13
I-48100 RAVENNA RA
0574 482761
[email protected]
CAVALIERI Carlo - Fondazione
Via de' Marescotti 2
I-00153 ROMA RM
CECALUPO Alberto
Via Grancino 6
I-20090 BUCCINASCO MI
02 4883773
[email protected]
COMUNE DI ROMA
MUSEO CIVICO DI ZOOLOGIA
Biblioteca
VIA ULISSE ALDROVANDI 18 I-00197 ROMA
CEREGATO Alessandro
Viale Felsina 29
I-40139 BOLOGNA BO
051 546992
051 2094524 Univ.
[email protected]
COPPINI Manrico
Via delle Medaglie d'Oro 16
I-57127 LIVORNO LI
0586 812094
[email protected]
CHESI Gianfranco
Via delle Pescherie Vecchie 20
I-44100 FERRARA FE
0532 434551
[email protected]
COSENZA Guido
Corso Vittorio Emanuele 715
I-80122 NAPOLI NA
081 664298
[email protected]
CHESSARI Ermenegildo
Piazza Teracati 184
I-96100 SIRACUSA SR
CRETELLA Dr. Massimo
Via Lago Patria 4/D, sc.B, int.18
10
I-80014 LAGO PATRIA NA
081 5090132
[email protected]
DA COL Corrado
Piazza S. Giovanni Bosco 8/6
I-39100 BOLZANO
0471 915830
CROCETTA Fabio
Via Domenico Fontana 81
I-80128 NAPOLI
081
5465696
338
1842579
DAVID Vittorio
Via Jugoslavia 23
I-58100 GROSSETO GR
0564 452474
[email protected]
CROVATO dr. Cinzia
ENEA C.R.Casaccia
AMB.-CAT.-GET. S.P. 059
Via Anguillarese 301
I-00060 S.MARIA DI GALERIA RM
06 30483975
[email protected]
DAVOLI dr. Franco
Istituto di Paleontologia
Università di Modena
Via Università 4
I-41100 MODENA MO
059 2056525
059 218212 FAX
[email protected]
CROVATO dr. Paolo
Via S.Liborio 1
I-80134 NAPOLI NA
081 5514063 tel/FAX
338 7800145
[email protected]
DE MONTE Arturo
Via Vallescura 15 (Molinis)
I-33017 TARCENTO UD
0432 784337
CRUCITTI Prof. Pierangelo
c/o Soc. Romana Sc.Naturali
Via Fratelli Maristi 43
I-00137 ROMA RM
06 41400494 tel/FAX
[email protected]
DELL'ANGELO Dr. Bruno
Via Mugellese 66D
I-59100 PRATO PO
0574 581437
055
8950400 Uff.
[email protected]
CUNEO Fabrizio
Via del Bosco 2
I-57123 LIVORNO LI
335 5484481
[email protected]
DE PAOLA dr.Vittorio
Via Val Santerno 26
I-00141 ROMA RM
338 8882578
CUOMO Mario
Vico Cacciottoli 49
I-80129 NAPOLI
081 5561904
DI BELLA Antonino
Via Pietro Metastasio 33
I-95127 CATANIA CT
347
7515192
CUSSOTTI Mauro
Via Giobert 16
I-14100 ASTI AT
0141 595213
DI NITTO Paola
Galleria A.Oldoini 3
I-19124 LA SPEZIA SP
0187
739788
0187
510583
[email protected]
D'ALESSANDRO Prof. Assunta
Via Affatati 30
I-70043 MONOPOLI BA
080 9301482
080 5442625 FAX
[email protected]
DIP.TO RISORSE NATURALI E CULTURALI
Università degli Studi di Ferrara
att.ne prof. Renato Gerdol
Corso Porta Mare, 2
I-44100 FERRARA FE
D’AMICO Dario
Via Avola 44/C
I-96100 SIRACUSA
0931 758240
DIP.TO SCIENZE GEOLOGICHE
Sez. Oceanologia e Paleocologia
BIBLIOTECA
Pal. delle Scienze-Corso Italia 55
I-95129 CATANIA CT
095
7195730
095
7195772
D'INTRONO dott. Nicola
Via Mauro Giuliani 6/A
I-70052 BISCEGLIE BA
080 3929078
[email protected]
DI POMPEO Dante
11
I-26027 RIVOLTA D'ADDA CR
0363 370478
Via Di Vittorio 7
I-64022 GIULIANOVA TE
085
8001661
[email protected]
FORLI Maurizio
Via Grocco 16
I-59100 PRATO PO
0574
650747 Uff.
0574
650927FAX
[email protected]
DURACCIO Sergio
Via S. Teresa degli Scalzi 147
I-80135 NAPOLI NA
081
5443332 tel/FAX
081
5448129 Uff.
FREDIANI Piero
Via G. Masini 148
I-50051 CASTELFIORENTINO FI
0571
62276
ERCOLE Gino
Via Monte Grappa 5
I-57123 LIVORNO
O586
892463
[email protected]
GALLO Giuseppe
Via Padre A. Della Bella 2
I-71100 FOGGIA FG
0881
685146
FACENTE Arturo
Viale dell'Europa Unita 10
I-80078 POZZUOLI NA
081
8042421
GALLO Lorenzo Mariano
c/o Museo Reg. di Scienze Naturali
Via Giolitti 36
I-10123TORINO TO
011
4323052
011
4233001 FAX
FALCHI Stefano
Via della Battaglia 4/2
I-40141 BOLOGNA BO
051 6230553tel/FAX
[email protected]
GERMANA' Dr. Alfio
Via De Pretis 30
I-95039 TRECASTAGNI CT
095
7800635
095
7800886 st.
FAMOOS PAOLINI Federico
Via Romboli 45
I-50053 EMPOLI FI
0571 78954
[email protected]
GHISOTTI Fernando
Via Giotto 9
I-20145 MILANO MI
02
436835
02
468563 Uff. FAX
FARAONE Prof. Domenico
Via Gabriotti 9 - Case Nuove
I-06129 PERUGIA
075
5289689
FASULO Giuseppe
Via Giovanni Merliani 20
I-80127 NAPOLI NA
081
5564022
GIAMMINELLI Lino
Casella Postale 330
I-80071 ANACAPRI NA
339
3858555
[email protected]
FEDERICO Antonio
Piazzetta Cerio 1
I-80073 CAPRI NA
081
8377498
[email protected]
GIANASSO Domenico
Piazza Dante 29
I-14022 CASTELNUOVO DON BOSCO AT
011
9927308
FEDI Mario
Viale Roma 107
I-00012 GUIDONIA RM
0774
341764
GIANI Massimo
Via Buonconte da Montefeltro 15
I-52100 AREZZO AR
0575
333191
[email protected]
FERRERO MORTARA Prof. Elena
Str. Maiole 26
I-10027 TESTONA-MONCALIERI TO
011
6472784
011
541755 Univ.
[email protected]
GIANNUZZI SAVELLI Riccardo
Via Mater Dolorosa 54
I-90146 PALERMO PA
091
6713521
091
6713568 FAX
[email protected]
FERRI Diego
Via Masaccio 7
GIRGENTI Antonio
Via Imera 35
12
I-90138 PALERMO PA
091
321201
[email protected]
ICRAM c/o DEA
Via Lima 28
I-00198 ROMA RM
GIROD Alberto
Via Savona 94/A
I-20144 MILANO
02 4239888Tel/FAX
[email protected]
ISTITUZIONE CULTURALE
"FEDERICO II"
Via C. Ognibene 9
I-92013 MENFI AG
GIUNTELLI Piero
Via Torino 160
I-10076 NOLE CANAVESE TO
011 9296247
[email protected]
IZZILLO Francesco
Via Giovanni Nicotera 10
I-80132 NAPOLI NA
081
426659
LACROCE Luca
Corso Unione Sovietica 355
I-10135 TORINO
011 3032874
011 6833382 Uff.
[email protected]
GIUSTI Prof. Folco
Dipartim.Biologia Evolutiva
Via Mattioli 4
I-53100 SIENA SI
0577
232906 Univ.
0577
232898 FAX
[email protected]
LA PERNA Rafael
Dip.Geol.Geof.
Via Orabona 4
I-70125 BARI
080
5442576
080
5442625 FAX
[email protected]
GRANDI Gianni
Via Ignazio Collino 11
I-10137 TORINO TO
011
3094889
011
3093196 FAX
[email protected]
GREOTTI Pierangelo
Via Mazzini 8
I-25045 CASTEGNATO BS
030
2141117
LEONARDI Monica Maria
Via Leone Tolstoi 74
I-20146 MILANO
02
4223062
[email protected]
GREPPI Emanuele
Via Col di Lana 2
I-21053 CASTELLANZA VA
0331
480207
[email protected]
LIBERTO Fabio
Via Umberto I 32
I-90015 CEFALU' PA
0921 424063
[email protected]
GRUPPO PALEONTOLOGICO
"LA XENOPHORA"
c/o MORONI Giovanni
Via Bezzecca 1
I-29017 FIORENZUOLA D'ARDA PC
0523
941305
LIBRERIA GIA` NARDECCHIA s.r.l.
Via Pasquale Revoltella 105-107
I-00152 ROMA RM
06
5373901
06
5373902 FAX
[email protected]
GRUPPO MALACOLOGICO
ROMAGNOLO
co/ SCUDELLARI Enzo
Via Don Minzoni 99
I-48100 RAVENNA RA
LIUZZI Dr. Giuseppe
Via Aquileia 12
I-34136 TRIESTE TS
040
410733
LOCATELLI Bruno
Via Torino 60
I-10040 GIVOLETTO TO
011
9947826
[email protected]
GUARINO Carlo
Via Madonnina 37
I-25055 PISOGNE BS
0364 86536
[email protected]
LUGLI Angelo
Ottica Lugli Angelo
Corso Alberto Pio 32
I-41012 CARPI MO
059
696073
GUARNIERI Rocco Sante
Largo Italo Svevo 15
I-70011 ALBEROBELLO BA
080
4323342
13
059
696152 FAX
[email protected]
MIGLIARINO Mario
Via Amarena 27 A int. 4
I-16143 GENOVA GE
[email protected]
MAGENES Paolo
Via Bari 22/A
I-20143 MILANO MI
02
8131935
MONTAGUTI Michele
Via Belvedere 82
I-40069 ZOLA PREDOSA BO
051
755257
[email protected]
MANCINELLI Teresa
Via dei Quintili 9
I-00175 ROMA RM
06
76964935
MUSEI CIVICI DI ROVERETO
Sez. Arch. St. e Sc. Nat.
via Calcinari 18 - Borgo S. Caterina 41
I-38068 ROVERETO TN
0464
452177
MARGELLI Alessandro
Via del Leone 13
I-57122 LIVORNO LI
0586
888186
0586
243205 Uff.
[email protected]
MUSEO CIVICO "GEOLOGIA E
ETNOGRAFIA"
Piazza SS. Filippo e Giacomo 1
I-38037 PREDAZZO TN
0462
502392
0462
508210 FAX
[email protected]
MARIANANTONI Stefano
Via Pier Luigi Da Palestrina 69
I-04100 LATINA LT
0773
603057
[email protected]
MARTUCCI Giuseppe
Via D. Fioritto 21
I-71100 FOGGIA FG
0881
686706
MUSEO DI STORIA NATURALE.
Dir.Musei Civici
Fontego dei Turchi 1730 S. Croce
I-30135 VENEZIA VE
041
721852
MATTIOLI Manuela
Via S.Vitale 66
I-40125 BOLOGNA BO
051
232198
MUSEO DI STORIA NATURALE
Via Taverna 37
I-29100 PIACENZA PC
0523
326981
0523
328270
MENESINI Elena
Dip. Scienze della Terra
Università degli Studi di Pisa
Via S. Maria 53
I-56100 PISA PI
050 860341
050 847243
MUSEO FRIULANO ST.NAT.
Via Grazzano 1
I-33100 UDINE UD
MUSEO REGIONALE DI SC. NATURALI Biblioteca
Via Giolitti 36
I-10123 TORINO TO
011
4323061biblioteca
MERLINO Bruna
Corso Monte Cucco 68
I-10141 TORINO TO
MUSEO REGIONALE
STORIA NATURALE E MOSTRA
PERMANENTE DEL CARRETTO
Palazzo D'Aumale
Lungomare P. Impostato
I-90049 TERRASINI PA
MICALI Pasquale
Via Papiria 17
I-61032 FANO PU
0721 824182
0721 881743 Uff.
[email protected]
MUSEO SCIENZE NATURALI
"E. CAFFI" BibliotecaPiazza Cittadella 3
I-24129 BERGAMO BG
MICALI Silvia
Via Papiria 17
I-61032 FANO PU
0721 824182
MUSEO TRIDENTINO DI SC. NAT.
Via Calepina 14
C.P.393
I-38100 TRENTO TN
0461
270311
0461
305040 ( 2 linee)
MIETTO Paolo
Via G.Giardino 23
I-36100 VICENZA VI
0444 965465
[email protected]
14
ONNIS Adone
Via Toscana 16/1°
I-09010 PORTOSCUSO CA
0781
508875
MUSEO ZOOL. “LA SPECOLA”
c/o Biblioteca di Scienze e Biologia Animale
Via Romana 17
I-50125 FIRENZE FI
055
222451
[email protected]
ORLANDO Francesco
Via Tetto Nuovo 33
I-10025 PINO TORINESE TO
011
8111802
MUSEO ZOOLOGICO
Sezione Centro Museale
"Musei delle Scienze Naturali"
Università di Napoli FEDERICO II
Via Mezzocannone 8
I-80134 NAPOLI
PAGAN Gianantonio
Viale Lombardia 32
I-20092 CINISELLO BALSAMO MI
02 6120549
MUTO Maria Ludovica
Via Posillipo 56
I-80123 NAPOLI
081
5752066
[email protected]
PALERMO Alessandro
Via Mentana 13
I-73020 CUTROFIANO LE
PAOLINI Paolo
Via Alessandro Pieroni 26
I-57123 LIVORNO LI
0586
892335
[email protected]
NARDI Giambattista
Via Garibaldi 48
I-25086 REZZATO BS
347
9369910
[email protected]
PARODI Pierino
Via Ventimiglia 89/47
- Voltri I-16158 GENOVA GE
010
6130174
NIERO Ivano
Via Cici 17/1
I-30038 SPINEA VE
041
997286
[email protected]
NOTARISTEFANO Giuseppe
Via G. D'Annunzio 3.
I-98057 MILAZZO ME
090
9287020
[email protected]
PATTI Francesco Paolo
Laboratorio di Ecologia del Benthos
STAZIONE ZOOLOGICA A. DOHRN
Punta San Pietro 1
I-80077 ISCHIA NA
[email protected]
NOVELLI Dr Mauro
Via Agricola 13
I-10137 TORINO TO
011
3081210
[email protected]
PEDRIALI Luca
Via Sandro Pertini 29
I-44046 SAN MARTINO FE
0532
712951
[email protected]
OCCHIPINTI Rosario
Corso Vittorio Veneto 629
I-97100 RAGUSA RG
0932
254160
[email protected]
PERRONE Antonio
Via Palermo 7
I-73014 GALLIPOLI LE
0833
275192
PERUGIA Ivan
C.P. 530 succ. 5
I-48100 RAVENNA RA
0335
7603436
OLIVERIO Marco
DIPART.BIOLOGIA ANIMALE e
DELL'UOMO
Viale dell'Università 32
I-00185 ROMA RM
06
49914307Univ.
06
4958259 FAX
[email protected]
PETRACCI Paolo
Via Tunisi 53
I-47023 CESENA FO
335
5989056
[email protected]
ONLUS G.e A.
(Geologia e Ambiente)
Piazza Farinata degli Uberti 10
I-50053 EMPOLI FI
0571
757817
PETRACCIOLI Agnese
Via Campiglione 27
I-80023 CAIVANO NA
081
8308351
[email protected]
15
Via Lucrezia Romana 67F
I-00043 CIAMPINO RM
06
7912676
PEZZOLI Enrico
Via Chiesa 6
I-24030 BEDULITA BG
035 852149 Tel/FAX
RENDA Walter
Via Messina 6
I-87032 AMANTEA CS
0982
425217
[email protected]
PIANI Piero
Casella Postale n. 2207
I-40100 BOLOGNA
051
222562 libr.
051
233567 FAX
[email protected]
REPETTO Giovanni
Corso Bra 53
I-12051 ALBA CN
0173
33068 Tel/FAX
[email protected]
PINGITORE Alberto
Via Emanuele Gianturco 21
I-80055 PORTICI NA
081
2399156
PIZZAFERRI Dr. Claudio
Strada Abbeveratoia 13
I-43100 PARMA PR
0521
986481
RINALDI Andrea
Via Mestre 3
I-09126 CAGLIARI
347
9933912
070
6754527FAX
[email protected]
PLUCHINO Paola
Via Risorgimento 221
I-97015 MODICA RG
0932
904270
[email protected]
RINALDI Emidio
Via Marengo 29
I-47100 FORLI` FO
0543
720952
[email protected]
POLI Alessandro
Via Bastia 126/c
San Concordio
I-55100 LUCCA
0583 950577
RIZZATI Verter
Via Lampone 32
I-44040 MONTALBANO FE
532
712227
[email protected]
PRACCHIA Elio
Via Brunelleschi 28
I-50053 EMPOLI FI
0571
77808
ROCCHINI Romualdo
Via Don Bosco 17
I-51100 PISTOIA PT
0573
27848
PROFETI Antonio
Via R.Morandi 14
I-50051 CASTELFIORENTINO FI
0571
632030
[email protected]
ROMANI Luigi
Via delle Ville 79
I-55013 LAMMARI LU
0583
962106
ROSA` Remo
Via Donizetti 16
I-38068 ROVERETO TN
0464
462082
PUSATERI Francesco
Via Castellana 64
I-90135 PALERMO PA
091
6730287 tel/FAX
RABACCHI Renzo
Via Tagliamento 67
I- 41058 VIGNOLA MO
059 762053
[email protected]
ROTOLO Vanna
Via Selinunte 81
Porto Palo
I-92013 MENFI AG
925
78175
[email protected]
http://www.vannarotolo.it
RAIMONDI Sergio
Via G. Bruno 12/5
I-16146 GENOVA GE
010
3623213
010
5531864 Uff.
[email protected]
RUFINI dott.Stefano
Via Borricella 3AI-00061ANGUILLARA RM
06
9968317
[email protected]
RUGGIERO Livio
Via dell’Aquilone 159
RAPACCINI Antonio
16
I-73010 SURBO LE
0832 365169
[email protected]
[email protected]
SIGNORELLO Fortunato Orazio
Via Enrico Campisano 17
I-95124 CATANIA CT
095 207631Tel/FAX
[email protected]
RUSSO Rosangela
Via Pietro Metastasio 33
I-95127 CATANIA CT
095
376993
SIRAGUSA Franco
Via Cocculuto Ferrigni 44
I-57125 LIVORNO
338
6120085
RUSSO Salvatore
Via Legittimo 5/12
I-80063 PIANO DI SORRENTO NA
081
8086210
[email protected]
SMRIGLIO Carlo
Via di Valle Aurelia 134
I-00167 ROMA
06 39724028
06 8089431 Uff.
[email protected]
SABELLI Prof. Bruno
Via Zamboni 64
I-40126 BOLOGNA BO
051 2094163 Univ.
[email protected]
SODERI Andrea
Via Donizetti 2/c
I-24060 TORRE DEI ROVERI BG
035
583414 tel/FAX
[email protected]
SANTUCCI Luca
Via dei Cappuccini 6
I-02042 COLLEVECCHIO RI
0765 578427
[email protected]
SOLUSTRI Cristiano
Via Annibal Caro 28
I-60019 SENIGALLIA AN
071
7925908
071
60955 FAX
[email protected]
SARTORE Dr. Gianni
P.zza Gobetti 10
I-20131 MILANO MI
02
70602829
AntonioRosella/AG71333/AGIP/ENI/[email protected]
SORBI Enrico
Via delle Ginestre 43/18
I-16137 GENOVA GE
010
885383
SBRANA Carlo
Viale Nievo 100
I-57123 LIVORNO LI
0586 406655
[email protected]
SOSSO Maurizio
Via Bengasi 4 int. 4
I-16153 GENOVA GE
010
6520585
[email protected]
SERCIA Gabriele
Via dell'Orsa Minore 126
I-90124 PALERMO PA
091
447178
091
6817044/45 Uff.
[email protected]
SPARACINO Leo
Via Don Giuseppe Cacioppo, 2/i
I-92017 SAMBUCA DI SICILIA AG
328
7354239
[email protected]
SEZIONE S.I.M.
Gruppo Malacologico Campano- Pugliese
c/o Crovato Paolo
Via S.Liborio 1
I-80134 NAPOLI NA
081
5514063
[email protected]
SPERA Davide
Viale Cappuccini 68
I-66034 LANCIANO CH
0872
42737
SEZIONE S.I.M. MILANO
c/o Cecalupo Alberto
Via Grancino 6
I-20090 BUCCINASCO MI
02
4883773
TABANELLI Dr. Cesare
Via Testi 4
I-48010 COTIGNOLA RA
0545 30674
[email protected]
SEZIONE S.I.M. PIEMONTE
c/o Museo Civico "F. Eusebio"
Via Paruzza 1/A
I-12051 ALBA CN
0173
290092
TALENTI Enrico
Piazza F. Parri 4
I-50064 INCISA VAL D'ARNO
055
8336606
17
UNIVERSITA` DEGLI STUDI
DI FERRARA
Dip.to Risorse Naturali e Culturali
att.ne prof. Renato Gerdol
Corso Porta Mare, 2
I-44100 FERRARA FE
TAROZZI Andrea
Via G. Matteotti 27
I-40069 ZOLA PREDOSA BO
051
755550
[email protected]
TAVIANI Prof. Marco
ISMAR-sezione Geologia Marina
CNR
Via Gobetti 101
I-40129 BOLOGNA BO
347
2105420
051
6398940 FAX
[email protected]
VAZZANA Angelo
Stradella Giuffrè I 32
I-89122 REGGIO CALABRIA
0965 45117
0965 397881 FAX
368
3165761
[email protected]
www.museopaleomarino.org
TERZER Gianluigi
Via della Vespa 8/2
I-16145 GENOVA GE
010
311076
VECCHI Giuseppe
Via Terrachini 12
I-42100 REGGIO EMILIA RE
0522
434551
[email protected]
TISSELLI Morena
Via Novara 19
I-48020 SAN ZACCARIA RA
0544
554542
[email protected]
VEGA S.n.c. di Bini Gianluigi & C.
Casella Postale n. 16
I-06010 PROMANO PG
8578755
[email protected]
TOSCANO Francesco
Via Niutta 4
I-80128 NAPOLI NA
081
5560903
[email protected]
VIANELLO Mirco
Viale della Repubblica 23A
I-30015 CHIOGGIA VE
041
404644
TRONO Daniele
Via E. Menga 14
I-73043 COPERTINO LE
338 9242249
[email protected]
VILLANI Guido
Via S.Giorgio vecchio 92/CB
I-80046 S.GIORGIO CREMANO NA
081
8545336
081
8041770 FAX
[email protected]
TUROLLA dr. Edoardo
Vicolo del Porto 22
I-44020 GORO FE
0533
995422
335
6371358
[email protected]
VILLARI Alberto
Via Villa Contino 30
I-98124 MESSINA
090
694012
[email protected]
UGOLINI Luca
Via Severino Ferrari 55
I-40060 SAN PIETRO CAPOFIUME BO
051 6908553
051 881167uff.tel/FAX
[email protected]
VIO Ennio
Via Zeffirino Pisoni 7
I-34126 TRIESTE TS
040
569331
040
367709 Uff.
[email protected]
ULIVI Enrico
Via Diaz 29
I-50055 LASTRA A SIGNA FI
055
8723172
VIOLA Diego
Via Riostorto 3
I-34015 MUGGIA TS
040
8321295
040
272463
[email protected]
UNIVERSITA' DEGLI STUDI
DI PAVIA
Dipart. Scienze della Terra
Biblioteca
Via Ferrata 1
I-27100 PAVIA PV
0382
505790
VIOLANI Carlo
Via San Vittore 38 A
18
075
I-20123 MILANO MI
02
4817170
[email protected]
Ufficio Periodici
Viale Castro Pretorio 105
I-00185 ROMA
ZANNI Paolo
Via Lago di Como 12
I-48100 RAVENNA RA
0544
452229
BIBLIOTECA NAZIONALE
BRAIDENSE
Ufficio Periodici
Via Brera 28
I-20121 MILANO
EVOLVER S.r.l.
Via Cesare Federici 1
I-00147 ROMA RM
06
5132536
[email protected]
MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE “GIACOMO
DORIA"
Via Brigata Liguria 9
I-16121 GENOVA
MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE
Biblioteca
Corso Venezia, 55
I-20121 Milano
SOCI SCAMBISTI ITALIANI:
UNIVERSITA' DEGLI STUDI
Stazione di Biologia Marina
di Porto Cesareo
C.p. 193
I-73100 LECCE LE
ACQUARIO CIVICO e
STAZIONE IDROBIOLOGICA
Viale Gadio 2
I-20121 MILANO MI
02 872847
UNIVERSITA' DEGLI STUDI
DI ROMA "LA SAPIENZA"
Dip. to di Scienze della Terra
P/le Aldo Moro 5
I-00185 ROMA RM
BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE
SPAGNA
0034 932 849345
[email protected]
SOCI STRANIERI:
AARTSEN Jacobus J. van
Admiral Helfrichlaan 33
NL-6952 GB DIEREN
OLANDA
[email protected]
ACQUISITIONS UNIT (DSC-AO)
British Library Boston Spa
WETHERBY - W YORKS LS23 7BQ
REGNO UNITO
ACANFORA Michele
Calle Verdi, 279 1° 2a
E-08024 BARCELONA
ALONSO Alonso Rosario
Dep. de Biologia Animal
Universidad de La Laguna
E-38206 TENERIFE Is. Canarias
19
P-2765-495ESTORIL
PORTOGALLO
00351 21.4672933
[email protected]
SPAGNA
[email protected]
AMERICAN MUSEUM NATURAL HISTORY
LIBRARY/SERIALS -P WATSON
Central Park West at 79th Street
NEW YORK NY 10024
USA
BOYER Franck
110 Allée du Marais du Souci
F-93270 SEVRAN
FRANCIA
0033 01.43853920
ANGELLIAUME Michel
7 Bat. Mostaganem Sainte Anne
F-13008 MARSEILLE
FRANCIA
BRAVO ARANDA Antonio
Fresnos de Guadalmar 32
E-29004 MALAGA
SPAGNA
AVILA dr. Sergio
Secção de Biologia Marinha
Dep.de Biologia-Univers.dos Açores
P-9500 PONTA DELGADA
Sao Miguel-Açores
PORTOGALLO
[email protected]
BUÑUEL CASELLAS Vicente
Passeig de l'Estació 33, ent. 2ª
E-43800 VALLS (Tarragona)
SPAGNA
0034
----614045
BURGER Adri W.
P. Soutmanlaan 18
NL-1701 MC HEERHUGOWAARD
OLANDA
ÁVILA ESCARTÍN Concepcion
C.E.A.B. - C.S.I.C.
Centre d'Est. Avançats de Blanes
Camì de Santa Bàrbara s/n
E-17300 BLANES (Girona)
SPAGNA
[email protected]
CACHIA Charles
1, Alley 1, St. Catherine Str.
M-QRM 04 QORMI
MALTA
00356
21486675
BECKMANN Dr. Karl-Heinz
An der Vogelrute 46b-50
Postfach 2153
D-59387 ASCHEBERG-HERBERN
GERMANIA
0049 025.991399
[email protected]
BEQIRAJ Saimir
CALADO Gonçalo
Rua Frei Agostinho da Cruz 32
OLEIROS
P-2925-498 AZEITÃOPORTOGALLO
00351
91.9093798
[email protected]
Museum of Natural Sciences
Rruga e Kavajes 132
TIRANA
ALBANIA
CALIFORNIA ACADEMY OF SCIENCES
JW MAILLIARD JR LIBRARY
875 Howard St
SAN FRANCISCO CA 94103
USA
CALLAPEZ Pedro
Segunda Travessa do Casal dos Pintos 4 - Buarcos
P-3080-215 FIGUEIRA DA FOZ
PORTOGALLO
BIEKART Jan Willem
Sterrelaan 30
NL-1217 PS HILVERSUM
OLANDA
0031 035.284085
CAPDEVILA MIRALLES Miguel
Passeig Sunyer 38 1/B
E-43202 REUSS (TARRAGONA)
SPAGNA
BIELER Dr. Rudiger
Div.Inv.Field Mus.of Nat.Hist.
1400 S. Lake Shore Drive
60605-2496 CHICAGO ILL.
USA
001
312.922-9410 ext.270
[email protected]
CARPENA CORONADO Francisco
C. Nuzas, n.14 - 6ø - A
E-29010 MALAGA
SPAGNA
BORGES José Pedro
Av. Marques Leal 44
S.Joao do Estoril
CERVERA CURRADO Juan Lucas
20
TURCHIA
0090 532.5986075 cell
0090
232.3883685 FAX
[email protected]
Dept.Biologia-Fac. de Ciencias del Mar y Ambien.Universidad de Cadiz
Poligono d.Rio S.Pedro s/n Apdo 40
E-11510 PUERTO REAL (Cadiz)
SPAGNA
DOMENECH i COLL Anna
c/ Carme n. 11
E-17310 LLORET DE MAR
SPAGNA
CEVIKER Dogan
Itri Sk. No.2 Balmumcu
Besiktas
TR-80700 ISTANBUL
TURCHIA
[email protected]
EDLINGER Dr Karl
c/o Naturhistorisches Museum
Burgring 7
A-1014 WIEN
AUSTRIA
0049 934541- 328
CLASEN Dr. Juergen
Siegelsknippen
D 53721 SIEGBURG
GERMANIA
0049 02241.128.239
[email protected]
EERNISSE Douglas J.
Dept. Biological Science
California State University
FULLERTON, CA 92834-6850
USA
CONTRERAS GONZÁLES Juan Á.
C/Rio Genil Bloque 24 n.3
Vv 5 Salub. Alto
E-38000 SANTA CRUZ DE TENERIFE
Is. Canarias
SPAGNA
EIKENBOOM Joop C. A.
Asmusstraat 7
NL-3221 BA HELLEVOETSLUIS
OLANDA
[email protected]
COSEL Dr. Rudo von
Helmholtzstr. 29
P.O. Box 600108
D-6000 FRANKFURT AM MAIN
GERMANIA
ENGL Dr. Winfried
Kölner Str. 231
D-40227 DUSSELDORF 1
GERMANIA
0049
0211.722969
0049
0211.317102 Priv.
[email protected]
DELEMARRE J.L.
17 Chemin de Porce
F-44600 ST-NAZAIRE
FRANCIA
FERRER GUTIÉRREZ Jos Luis
Ronda Iberica 171
E-08800 VILANOVA i LA GELTRU'BARCELONA
SPAGNA
DELONGUEVILLE C.
5 Avenue Den Doorn 5/10
B-1180 BRUXELLES
BELGIO
0032
2.3747110 FAX
FERRER IZUEL Miguel
Calle Encarnación 86 - 1° 2a
E-08024 BARCELONA
SPAGNA
DENIZ GUERRA Francisco
Avda. de la Democracia 47
Las Mesas Altas
E-35018 LAS PALMAS DE GRAN
CANARIA
SPAGNA
FISCHER Wolfgang
Martnigasse 26
A-1220 WIEN
AUSTRIA
0043 01.47654-3307
0043 01.47654-3342
[email protected]
DIPUTACION FORAL DE ALAVA
MUSEO CIENCIAS NATURAL.
Dpto. de Cult.-Serv. de Museos
Siervas de Jesus 24
E-01001 VITORIA(Alava)
SPAGNA
GAILLARD Jean M.
c/o Lab. Biol.
55 Rue de Buffon
F-75005 PARIS
FRANCIA
DOGAN Alper
Ege University
Faculty of Fisheries
Dept. of Hidrobiology
TR-35100BORNOVA - IZMIR
GARCIA TALAVERA Francisco
21
F-75014 PARIS
FRANCIA
Museo de Ciencias Nat. Apdo 853
E-38080 S.CRUZ DE TENERIFE
Is. Canaria
SPAGNA
0034
922.213422
0034
922.228753 FAX Museo
GOULANDRIS NAT. HIST. MUSEUM
E. L. 090000752
13, Levidou Str.
GR-14562 KIFISSIA
GRECIA
0030
8015870
GEYRAN Kemal
Istanbul Malacology Assoc.
Etemefendi Ca.Firin Sk. N 15
Demirbag AptK.3D.6 Erenk”y
TR-81060 ISTANBUL
TURCHIA
[email protected]
GRIGIS Marc
Biezenstraat 26
B-9400 NINOVE
BELGIO
[email protected]
GIRIBET Prof. Gonzalo
Dept.of Organismic & Evolut.Biology
Harvard University
16 Divinity Avenue
CAMBRIDGE, MA 02138
USA
[email protected]
http://www.mcz.harvard.edu/Departments/In
vertZoo/gonzalo.htm
GUBBIOLI Franco
Urb. San Miguel 102E-29600 MARBELLA (Malaga)
SPAGNA
0034
952821157
0034
952772581 FAX
[email protected]
GULDEN G. J.
Vrijland 19
NL-3271 VH MIJNSHEERENLAND
OLANDA
0031
01862.2386
GIRONA Marc-Henri
120, Rue de Bicêtre
F-94240 L'HAY LES ROSES
FRANCIA
HAMSTRA Dr. R.E.
Wingehlei 28
NL-3052 CD ROTTERDAM
OLANDA
0031
010.4185045
0031
010.4185665
GITTENBERGER Prof. Edmund
Dept. Evertebrata: Mollusca
NNM Naturalis
P.O. Box. 9517
NL-2300 RA LEIDEN
OLANDA
[email protected]
HERNÁNDEZ OTERO José Maria
C/Capitan Quesada 41
E-35460 GALDAR (Las Palmas)
Gran Canaria
SPAGNA
GOFAS prof.Serge
Departamento de Biologia Animal
Universidad de Malaga
Campus de Teatinos s/n
E-29071 MALAGA
SPAGNA
0034
952131539
0034
952132000 FAX
[email protected]
HOEDEMAKERS K.
Minervastraat 23
B-2640 MORTSEL
BELGIO (Flanders)
HOEKSEMA Dick F.
Watertoren 28
NL-4336 KC MIDDELBURG
OLANDA
0031
616532 /118
GÓMEZ MOLINER Benjamin
Universidad del Pais Vasco
Fac.de Farmacia Dpto Zoologia y
Dinamica Cellular Animal
Paseo de la Universidad 7
E-01006VITORIA-GASTEIZ
HOENSELAAR H.J.
Zeeweg 113
NL-1852 CV HEILOO
OLANDA
0031
072.339357
GÓMEZ RODRIGUEZ Ramón
El Planto 23
E-38700 SANTA CRUZ DE LA PALMA
Is. Canarias
SPAGNA
HOOGERWERF K.P.
Oosterscheldelaan 4
NL- 4328 EZ BURGH HAAMSTEDEOLANDA
GOUDEY Bernard
9 rue Nicolas Tannay
22
Library Manager Te Papa Library
MUSEUM OF NEW ZEALAND
P.O. Box 467
NZ-WELLINGTON
NUOVA ZELANDA
JANSSEN Arie W.
12, Triq il - Hamrija,
Xewkija VCT 110
M- GOZO
MALTA
00356 21 563647
[email protected]
http://sites.waldonet.net.mt/ariewe/
LINDA HALL LIBRARY
Serials Department
5109 Cherry Street
USA-64110-2498 KANSAS CITY MO
USA
JANSSEN Ronald
Forschungsinst.Senckenberg
Senckenberganlage 25
D-6000 FRANKFURT/MAIN
GERMANIA
LINDNER Gert
Schaumannskamp 200
D-21465 REINBEK
GERMANIA
[email protected]
JUSTUS LIPSIUS LIBRAIRIE
Belgicalaan 35
B-1080 BRUXELLES
BELGIO
0032
02.4250520
0032
02.4289813 FAX
[email protected]
LOPEZ VICENTE Javier
Apdo. de Correos 505
E-35500 ARRECIFE (Lanzarote)
SPAGNA
KASE dr. Tomoki
Section of Invertebrate Paleontology
Department of Geology
The National Science Museum
3-23-1 Hyakunincho, Shinjuku-ku
TOKIO, 169-0073,
GIAPPONE
0081
03.3364-7115
0081
03.3364-7104 FAX
[email protected]
LONG Steven J.
20220, 21st Avenue NW
SHORELINE WA 98177-2314
USA
[email protected]
LUQUE DEL VILLAR Ángel Anto
DPTO. BIOLOGIA
UNIVERSIDAD AUTONOMA
E-28049 MADRID
SPAGNA
LANDAU dr. Bernard
International Health Centres
Av. Infante D. Henrique 7
Areias Sao Joao
P-8200 ALBUFEIRA
PORTOGALLO
[email protected]
MARQUES DA SILVA Carlos
Apartado 30
P-2801-801 ALMADA CODEX
PORTOGALLO
[email protected]
LARRAZ AZCÁRATE Mariano Luis
Calle Santa Marta 11-3° - dcha
E-31005 PAMPLONA (Navarra)
SPAGNA
MARQUET Dr. Robert
Constitutiestraat 50
B-2060 ANTWERPEN
BELGIO
LEÓN TAPIA José Carlos
c/Angel 6-2°
E-18002 GRANADA
SPAGNA
MIFSUD Costantine
4 Shepherds' Str.
M- RABAT
MALTA
00356
674807
[email protected]
LIB SUBSCRIPTIONS
FIELD MUSEUM OF NAT.HISTORY
1400 South Lake Shore Drive
USA- CHICAGO IL 60605-2827
USA
MORENO LAMPREAVE Diego
c/ Araña , Apart. Las Dunas 2
E-04150 CABO DE GATA (Almeria)
SPAGNA
0034
2791796
[email protected]
LIBRARY ACADEMY OF NATURAL SCIENCES
OF PHILADELPHIA
1900 Benj. Franklin in Parkway
USA-PHILADELPHIA PA19103-1195
USA
MUNIZ SOLIS Rafael
C.Ayala 15-17 local 4
23
Ege University
Faculty of Fisheries
TR-35100 BORNOVA/IZMIR
TURCHIA
[email protected]
(Urb. Los Arcos)
E-29002 MALAGA
SPAGNA
MURILLO GUILLEN Luis
Manacor 11, Urb. El Pinar
E-30203 CARTAGENA (MURCIA)
SPAGNA
[email protected]
PELORCE Jacques Ing.
289, v. Las Magnolias
Aster 8 Le Boucanet
F-30240 LE GRAU DU ROI
FRANCIA
0033
04 66519325
0033
04 66532951FAX
NATAL MUSEUM
Librarian
Private Bag 9070
ZA-PIETERMARITZBURG 3200
SUD AFRICA
PENAS MEDIAVILLA Anselmo
Carrer Olerdola, 39 – 5° 3^
E-08800 VILANOVA I LA GELTRU
(Barcelona)
SPAGNA
0034
----2700830
NATIONAL MUSEUM OF WALES
The Librarian
Cathays Park
GB-CARDIFF ( Wales) CF10 3NP
REGNO UNITO
PETIT Richard E.
P.O.Box 30
NORTH MYRTLE BEACH , SC
USA 29597-0030
[email protected]
NEDERLANDSE MALAC. VERENIGING
c/o Moolenbeek Zoologisch Museum
P.O. Box 94766
NL-1090 GT AMSTERDAM
OLANDA
0031
020.5256294
[email protected]
PUERTAS REY Rafael Mar¡a
Paseo Maritimo El Pedregal 6
E-29002 MALAGA
SPAGNA
0034
95.2311752
[email protected]
NGUYEN VAN TU Emmanuel
45 rue du Moulin Vert
F-75014 PARIS
FRANCIA
REYES-GOMEZ dr. Adriana
Yaxcaba Mz. 887 Lt. 6
Pedregal Sn Nicolas
C.P. 14100 Tlalpan
MEXICO D.F. (City)
[email protected]
NIEUWENHUIS Jean G.B.
Bentincklaan 37 A
NL-3039 KG ROTTERDAM
OLANDA
0031
010.4661943
OKAYAMA UNIVERSITY
TOSHO ASA
1 - 1 - 1, TSUSHIMA-NAKA
OKAYAMA 700-0082
GIAPPONE
ROLAN MOSQUERA Emilio
Canovas del Castillo 22/5øF
E-36200 VIGO (Pontevedra)
SPAGNA
0034
986.43928
[email protected]
OTERO HERNANDEZ Jose` M.
C/Capitan Quesada 41
E-35460 GALDAR (Las Palmas)
Gran Canaria
SPAGNA
0034
28.881267
[email protected]
ROYAL MUSEUM OF SCOTLAND
Library
Chambers Street
GB-EDINBURGH EH1 1JF
REGNO UNITO
OTERO SCHMITT Jorge
Avenida de las Ciencias s/n
E-157O6 SANTIAGO DE COMPOSTELA
SPAGNA
0034
986.591057
[email protected]
RUTHENSTEINER Dr. Bernhard
Sektion Mollusca - Zoologische
Staatssammlung Munchen
Munchhausenstrasse 21
D-81247 MUNCHEN
GERMANIA
[email protected]
ÖZTÜRK dr. Bilal
SCHEMBRI Prof. Patrick J.
24
Universidade de Santiago de Comp.
E-15706 SANTIAGO DE COMPOSTELA
SPAGNA
0034
----596904
'INUN' Triq F. Busuttil
M-BIRKIRKARA BKR 12
MALTA
00356
032.902789 Univ.
00356
032.902789 FAX
[email protected]
VALLORY MARCH Julio
Conca de Barbera 9 – 1° 2a
E-25005 LLEIDA (Lerida)
SPAGNA
0034
-----241688
SCHMIDT Dieter
Wagnitzstrasse 35
A-8073 FELDKIRCHEN
AUSTRIA
0043
0316.291291
VELDHUIS Erik
Jacob van Ruysdaelstraat 19
NL-7482 XA HAAKSBERGEN
OLANDA
0031
053.5725778
[email protected]
SCHULTZ dr. Ortwin
Naturhist. Museum
Postfach 417
A-1014 WIEN
AUSTRIA
SENCKENBERGISCHE BIBLIOTHEK
Zeitschriftenabteilung/DFG
Bockenheimer Landstr. 134-138
D-60325 FRANKFURT am MAIN
GERMANIA
VERENIGING NATUURMUSEUM ROTTERDAM
Postbus 23452
NL-3001 KL ROTTERDAM
OLANDA
0031
010.4364222
0031
010.4364399 FAX
SIO LIBRARY 0219 Serials
University of California San Diego
9500 Gilman Dr
USA - 92O93-5004 LA JOLLA C A
USA
VILVENS Claude
Rue De Hermalle 113
B-4680 OUPEYE BELGIO
0032
041.483225
[email protected]
SNELI Jon-Arne
Trondhjem Biologiske Stasjon
Bynes V 46
N-7018 TRONDHEIM
NORVEGIA
VLAHOVIC Tijana
Mihajla Avramovica 9
11040 BELGRADE
YUGOSLAVIA
00381
011.3672674
[email protected]
SWINNEN Frank
Lutlommel 10
B-3920 LOMMEL
BELGIO
WAREN Anders
Sec.Invert.Zool. Swedish Mus.Nat.Hist.
Box 50007
S-104 05 STOCKHOLM
SVEZIA
0046
----6664130
[email protected]
TAPIA LEON Carlos Jos.
c/Angel 6-2°
E-18002 GRANADA
SPAGNA
ZOOLOGY LIBRARY
Dept. of Library & Information Serv.
THE NATURAL HISTORY MUSEUM
Cromwell Road
GB-LONDON SW7 5BD
REGNO UNITO
TEMPLADO GONZALES Jose`
Av.da de America 47
E-28002 MADRID
SPAGNA
0034
91.4111328
estensione 1124
[email protected]
UNIV.DE SALAMANCA Serv.Biblio.
Campus Miguel de Unamuno
Pza.Universidad BoloniaCampus Apdo 597
E-37007 SALAMANCA / SPAGNA
URGORRI F.do Victoriano
Dep. de Bioloxia Animal
25
PHILADELPHIA,PA 19103-7095 USA
001
215.2317413
001
215.587.4958 FAX
[email protected]
BIOSIS U.K.
Garforth House
54 Micklegate
GB-YORK (North Yorkshire) YO1
REGNO UNITO
BOUCHET Philippe
Museum Nat.Hist. Natur.
Lab. Biol. Invert. Mar.
55, Rue de Buffon
F-75005 PARIS CEDEX 05
FRANCIA
[email protected]
BURCH J.B.
MALACOLOGICAL REVIEW
P.O. Box 3037
USA - 48106 ANN ARBOR Mi
USA
CAMBRIDGE SCIENTIFIC
ABSTRACTS A.S.F.A.
7200 Wisconsin Avenue
USA- 20814 BETHESDA MD
USA
FALNIOWSKY Dr. Andrzej
Zool. Museum Jagellonian Univ.
ul. M. Karasia 6
PL-30-060 KRAKOW
POLONIA
SOCI SCAMBISTI:
AMERICAN CONCHOLOGIST
c/o Linda Brunner
P.O. Box 8188
32409 SOUTHPORT FL
USA
HAUS DER NATUR
Malakologisches Museum
Baederstr. 26
D-23743 GROMITZ-CISMAR
GERMANIA
[email protected]
ASSOCIACIÓ CATALANA DE MALACOLOGIA
TARRUELLA RUESTES Antonio
Grassot 26 - 1° - 2a
E-08025 BARCELONA
SPAGNA
I.P.M.Instituto Português de Malacologia
Zoomarine EN 125 Km 65
P-8200-864 GUIA
PORTOGALLO
00351 96.7950055
00351 289.560309
[email protected]
BABA Karoly
Vàr n. 6 T/5
H- 672O SZEGED
UNGHERIA
BELGISCHE VERENINGING VOOR CONCHOLOGY
Dep.Interchange publications
p/a Frank Celen
Leemputweg 45
B-2930 BRASSCHAAT - BELGIO
INSTITUTE OF BIOLOGY - LIBRARY
CENTRE OF SCIENTIFIC RESEARCH
SLOVENE ACADEMY OF SCIENCES
Nov tgr 5
SLO-61000 LJUBLJANA
SLOVENIA
BIOSIS
Information Authority Department
2Commerce Square, suite 700
2001 Market Street
IVANOV Dr. D.L.
Zool. Museum of University
Herzen Str. 6
RUS-MOSCOW 103009
26
RUSSIA
OF SEA AND SHORE
P.O. Box 219
USA - 98364 PORT GAMBLE WA
USA
KEPPEL BAY SHELL CLUB
P.O. BOX 5166
CENTRAL QLD MAIL CENTRE 4702
AUSTRALIA
PHUKET MARINE BIOLOGICAL
CENTER - The Libraly
P.O. Box 60
PHUKET 83000
TAILANDIA
KNORRE VON Dietrich
Ziegenhainer str. 89
PF 101-23
D-6900 JENA
GERMANIA
PINTER Laszlo
Naturwiss. Museum
Barros Utca 13
H-1088 BUDAPEST
UNGHERIA
LIBRARY NATURALIS
National Museum of Natural History
P.O. Box 9517
NL-2300 RA LEIDEN
OLANDA
0031
071.5687 614
0031
071.5687 666 FAX
[email protected]
SADAO Dr. Kosuge
INSTITUTE OF MALACOLOGY
6-36 Midoricho 3 chome
J-TANASHI CITY TOKYO 188
GIAPPONE
MALACOLOG. SOC. OF KOREA
Pyung-Rim Chung, Ph. D.
c/o Dep. of Parasitology
Inst. of Tropical Medecine
C.P.O. 8044 ROK-SEOUL
KOREA
SAN DIEGO SHELL CLUB
3883 Mt. Blackburn Ave
USA - 92111 SAN DIEGO - CA
USA
SENCKENBERGISCHE NATURFORSCHENDE
GESELLSCHAFT
Abteilung Schriftentausch
Senckenberganlage 25
D-60325 FRANKFURT AM MAIN
GERMANIA
0049
69.7542-0
0049
69.746238 FAX
[email protected]
MATRA MUSEUM
GYONGYOS
Kossuth u. 40 .
H-3200 UNGHERIA
MUSEU DE ZOOLOGIA
UNIVERSIDADE DE SAO PAULO
CAIXA POSTAL 42594
CEP-42699-970-SAO PAULO, SP.
BRASILE
[email protected]
SMITHSONIAN INSTITUTION
The Library
USA- 20560 WASHINGTON DC
USA
MUSEU MUNICIPAL (HIST.NAT.)
attn. Dr. Alexandra Telo
Rua da Mouraria 31
P-9000 FUNCHAL, Madeira
PORTOGALLO
00351
91.229761
00351
91.225180
SOC. BELGE DE MALACOLOGIE
c/o Roland Houart
St. Jobsstraat 8
B-3400 LANDEN (Ezemaal)
BELGIO
0032
02.3441547
MUSEUM OF COMPARATIVE ZOOLOGY LIBRARY
26 Oxford Street
USA- 02138 CAMBRIDGE MA
USA
[email protected]
SOCIEDAD ESPANOLA DE MALACOLOGIA
Mus Nac de Ciencias Natural
-Jos‚ Guti‚rrez Abascal 2
E-28006 MADRID 6
SPAGNA
NATIONAL MOLLUSC COLLECTION
attn. Henk K. Mienis
Dep.Evolution,Systemics & Ecology
Hebrew University of Jerusalem
IL-91904 JERUSALEM - ISRAELE
[email protected]
SOCIETE’ FRANCAISE DE MALACOLOGIE
55 rue de Buffon
F-75005 PARIS
FRANCIA
STAATLICHES MUSEUM FUR NATURKUNDE
PSF 425
27
D-02806 GORLITZ
GERMANIA
THE MALACOLOGICAL SOCIETY OF JAPAN
c/o NationalScience Museum
3-23-1 Hyakunin-cho - Shinjukuku
J-TOKYO 169-0073
GIAPPONE
THE MALACOLOGICAL SOCIETY OF TAIWAN
P.O. Box 34-35
RC-TAIPEI
TAIWAN , 104
THE NAUTILUS
P.O. BOX 1580
3075 Sanibel-Captiva Road
SANIBEL, FLORIDA 33957
USA
ZOOLOGICAL RECORD
The Zool.Soc.London
Regent's Park
GB-LONDON NW1 4RY
REGNO UNITO
ZOÖLOGISCH MUSEUM
Univers. van Amsterdam, dept. of Malacology, Robert G.
Moolenbeek
P.O. Box 94766
NL-1090 GT AMSTERDAM
OLANDA
ZOOLOGISK MUSEUM LIBRARY
Universitetsparken 15
DK-2100 KOBENHAVN 0
DANIMARCA
28
Elenco delle pubblicazioni S.I.M. disponibili
Distintivo S.I.M. in ottone smaltato
€
2,50
Bollettino Malacologico
- annate 1968/1975 e 1978/1992 (ciascuna)
- annate 1993 e 1995 (ciascuna)
- annate 1965/1967 e 1976/1977 (esaurite, disponibili in fotocopia) (ciascuna)
- annate 1994 e 1996 (un fascicolo esaurito, disponibile in fotocopia) (ciascuna)
- annate 1971 e 1978(un fascicolo esaurito, disponibile in fotocopia) (ciascuna)
- fascicoli singoli annate 1965/1996 (ciascuno)
- annate 1997/2001 (ciascuna) (sconto 40% ai nuovi soci)
- fascicoli singoli annate 1997/2001 (ciascuno)
- fascicoli singoli: anno ’99 n. 5-12, anno ‘01 n. 5-8, anno ‘02 supplemento (ciascuno)
- collezione completa 1965/2001 (in fotocopia i fascicoli esauriti)
€
€
€
€
€
€
€
€
€
€
12,00
15,00
15,00
18,00
15,00
5,00
30,00
10,00
20,00
500,00
Lavori SIM 1-20 (19 fascicoli, ciascuno)
Lavori SIM 21-24 (ciascuno)
Lavori SIM collezione completa (23 fascicoli)
€
€
€
10,00
15,00
230,00
Monterosato lavori, 4 volumi
€
80,00
Bouchet & Waren, Revision of the Northeast Atlantic Bathyal and Abyssal:
- Turridae
- Neogastropoda escluding Turridae
- Aclididae, Eulimidae, Epitoniidae
- Mesogastropoda
- I 4 volumi
€
€
€
€
€
16,00
22,00
26,00
26,00
85,00
Il contenuto delle annate del Bollettino Malacologico e dei Lavori SIM è consultabile nel sito S.I.M. su Internet,
http://www.aicon.com/sim
Si prega di inviare le richieste a:
Dell’Angelo Bruno – Via Mugellese 66D – 59100 Prato (e-mail: [email protected])
Il materiale richiesto verrà spedito contrassegno, oppure potrà essere pagato in anticipo con carta di credito. La
spedizione sarà gravata delle spese postali al costo.
Nota del Redattore
Come forse avrete notato dalla copertina del numero precedente, il nuovo Redattore del Notiziario stesso è Enzo
Campani, cioè il sottoscritto, che scrive questa nota anzitutto per salutare tutti voi soci, cogliendo anche l’occasione
per chiedervi un aiuto.
Avrete notato che, in quanto a contenuti, sto procedendo con cautela ad inserire, quando ne ho la possibilità,
elementi di novità e già ho chiesto ai soci collaborazione riguardo a notizie che essi acquisissero e che ritenessero
di interesse inerenti ai Molluschi in genere.
Vorrei ora estendere tale richiesta di collaborazione, pregando i soci di sottopormi suggerimenti ed idee per
contenuti nuovi, rubriche o quanto altro ritenessero opportuno al fine di rendere il Notiziario quanto più vivo e
vicino possibile alle attese dei soci.
Continuo ovviamente a sollecitare i soci a produrre note scientifiche e/o divulgative adatte alla pubblicazione sul
Notiziario, in modo che ad ogni numero ne sia presente almeno una (speriamo), ringraziando al contempo quanti lo
hanno fatto.
Vi prego di inviarmi tali contributi, di qualunque tipo, all’indirizzo e-mail:
[email protected]
o all’indirizzo postale:
29
Enzo Campani
C.so G. Mazzini 299
57126 Livorno
Augurando a tutti voi ore serene con il nostro magnifico hobby ed a me una pioggia di messaggi, vi porgo
Cordiali Saluti
Il vostro Redattore
Enzo Campani
30
Sala Monumentale del real Museo Mineralogicodel Centro Museale dell'Università di Napoli Federico II
31
IV Congresso Internazionale delle
Società Malacologiche Europee
Organizzato da
Società Italiana di Malacologia
Casella Postale n. 436
Centro Museale “Centro Musei delle
Scienze Naturali”
I-80100 Napoli
Università degli Studi di Napoli
“Federico II”
Via Mezzocannone, 8
I-80100 Napoli
10-14 ottobre 2005, Napoli - Italia
(8° Congresso della Società Italiana di Malacologia, S.I.M.)
(14° Congrès International de la Société Française de Malacologie, S.F.M.)
(16° Congreso Nacional de Malacología, Sociedad Española de Malacologia, S.E.M.)
(3° Congresso do Instituto Português de Malacologia)
(2° Congreso de la Asociación Malacológica Andaluza)
1ª circolare
Portando avanti l’iniziativa nata a Genova di unificare i congressi nazionali in un unico congresso europeo, si comunica che il
4° Congresso delle Società Malacologiche Europee si svolgerà tra il 10 ed il 14 ottobre del 2005 nel Salone Monumentale del
Real Museo Mineralogico del Centro Museale dell’Università di Napoli “Federico II”. Sede che, da sempre, ha ospitato
prestigiose riunioni scientifiche tra cui il 7° Congresso degli Scienzati Italiani del 1845, in cui vennero definite le procedure
per le moderne pubblicazioni scientifiche. Gli organizzatori sono lieti di invitare tutti i soci delle Società coinvolte, così come
chiunque sia interessato alla Malacologia nei suoi vari aspetti.
Temi
Le comunicazioni saranno saranno distribuite nelle seguenti sezioni:
•
•
•
•
•
•
Sistematica dei molluschi
Riproduzione e sviluppo dei molluschi
Ecologia, biodiversità e conservazione dei molluschi
Acquacoltura e sfruttamento dei molluschi
Paleontologia dei molluschi
Sezione aperta
32
I lavori depositati saranno pubblicati sul Bollettino Malacologico, rivista ufficiale della Società Italiana di Malacologia
(S.I.M.).
Sono previste diverse sezioni Posters.
INFORMAZIONI GENERALI
Il congresso si svolgerà dal 10 al 14 ottobre 2005 presso il Centro Museale “Centro Musei delle Scienze Naturali”
dell’Università di Napoli “Federico II”, Via Mezzocannone, 8, con inizio alle ore 8,30 del 10 ottobre.
La sede del Congresso è situata nel Centro Storico della città di Napoli, in prossimità di numerosi ed importanti monumenti.
E’ possibile giungere a Napoli in: aereo + bus e/o taxi, aeroporto di Capodichino; in treno,stazione di Napoli Centrale; auto,
autostrade A1, A3 e A7, uscita Napoli Centro.
Le lingue ufficiali del Congresso saranno l’Italiano, il Francese, l’Inglese e lo Spagnolo; i riassunti potranno essere redatti in
una di queste lingue.
Sistemazione
Gli alberghi segnalati dal Comitato Organizzatore, la cui lista verrà inviata con la 2ª, sono tutti nelle vicinanze della sede del
congresso.
Escursioni
Per gli accompagnatori, durante lo svolgimento del Congresso, sono previste gite e visite a monumenti della città e dei
dintorni.
Alcuni dei soci S.I.M. di Napoli appartenenti alla Sezione Campano Pugliese, unitamente all’Associazioni Subacquei di Napoli
saranno disponibili ad accompagnare le persone interessate in immersioni nelle acque del Golfo di Napoli.
E’ prevista per il giorno mercoledì 12 lo svolgimento di una sessione presso il “Centro Cerio di Capri”. I partecipanti avranno
la possibilità di visitare alcuni dei luoghi più caratteristici dell’Isola.
Conchigliologia
E’ prevista una sezione speciale, curata da Sergio Duraccio di Napoli che prevede: identificazione di specie dubbie, scambi,
esposizione di esemplari rari, ecc..
Quota di iscrizione
La quota di partecipazione, che include gli atti del Congresso ed i coffee breakè è di € 75,00 se il versamento verrà effettuato
entro il 30.06.05 e di € 120,00 se avverrà successivamente.
I versamenti verranno effettuati alla Segreteria della S.I.M. con le modalità che verranno comunicate con la seconda circolare.
PROGRAMMA PROVVISORIO
Lunedì 10 ottobre 2005
08,30-10,00 Registrazione and Sistemazione dei Posters
10,00-10,30 Apertura di Sessione
10,30-11,30 Conferenza di apertura
11,30-12,00 Coffee break
12,00-13,30 Contributi
13,30-15,30 Intervallo
15,30-17,00 Contributi
17,00-17,30 Coffee break
17,30-19,00 Contributi
Martedì 11 ottobre 2005
09,30-11,00 Contributi
11,00-11,30 Coffee break
11,30-12,30 Conferenza su invito
12,30-13,30 Poster Session
13,30-15,30 Intervallo
15,30-17,00 Contributi
17,00-17,30 Coffee break
33
17,30-20,30 Sessione Posters
Wednesday 12 ottobre 2005
08,35
Partenza dal Molo Beverello per Capri
09,20
Arrivo a Capri Marina Grande
10,00-11,30 Conferenza su invito
11,30-13,00 Contributi
13,00-14,00 Intervallo
14,00-18,00 Tempo libero
18,25
Partenza per Napoli
Thursday 13 ottobre 2005
09,30-11,00 Contributi
11,00-11,30 Coffee break
11,30-12,30 Conferenza su invito
12,30-13,30 Sessione Posters
13,30-15,30 Intervallo
15,30-17,00 Chiusura del Congresso
17,00-17,30 Coffee break
17,30-19,00 Sessione plenaria delle Società Malacologiche per la discussione e la scelta per il
prossimo V Congresso Malacologico Europeo
19,00-20,00 Smontaggio dei posters
Friday 14 ottobre 2005
Escursione da definire.
RIASSUNTI
La data di scadenza per la presentazione dei riassunti è il 30 luglio 2005
I riassunti devono essere inviati in MS Word con il seguente formato:
Titolo: Maiuscolo e neretto. Carattere: Times New Roman, Dimensione 14 pt.
Autori e indirizzi: Carattere: Times New Roman, Dimensione 12 pt.
Testo: Carattere: Times New Roman, Dimensione 12 pt.
Esempio:
Marine molluscs from Cyprus: new data and checklist
Bilal Öztürk 1, Giovanni Buzzurro 2 & Avni Benli 3
1
2
3
Indirizzo………e-mail:
Indirizzo………e-mail:
Indirizzo………e-mail:
Questo studio è stato condotto lungo le coste della parte Nord dell’isola di Cipro tra il 10 e il 19 Maggio del 1997
e il 12 e il 21 Luglio del 1998, Sono stati raccolti campioni………………….
I riassunti devono essere inviati elettronicamente come allegati e-mail (un riassunto per e-mail) a:
[email protected] o per posta con un dischetto da 3,5” unitamente ad una copia stampata al seguente indirizzo:
Società Italiana di Malacologia
Casella Postale n. 436
I-80100 NAPOLI
Si invitano gli interessati, al fine di facilitare la preparazione del Congresso, ad inviare la scheda di Pre-iscrizione allegata.
Nella prossima circolare verrà inviata la scheda di iscrizione definitiva.
Presidente:
34
Prof. Maria Rosaria Ghiara (Direttrice del Centro Museale Univ. Napoli - I) - [email protected]
Vice-Presidente:
Dott. Bruno Dell’Angelo (Presidente of S.I.M. - I)
Segreteria:
Dott. Massimo Cretella (Consigliere della S.I.M.) - [email protected]
Dott. Paolo Crovato (Segretario of S.I.M.) - [email protected] webnet.it
Dott. Nicola Maio (Museo Zoologico - Univ. Napoli “Federico II” - I)
COMITATO SCIENTIFICO
Prof. Antonio Pietro Ariani (Museo Zoologico - Univ. Napoli - I)
Dott. Gonçalo Calado (Presidente della Soc. Malac. Portoghesa)
Dott. Massimo Cretella (consigliere S.I.M.)
Prof. Folco Giusti (Dip. Biologia Evolutiva - Univ. Siena - I)
Prof. Rafael La Perna (Dip. Geologia e Geofisica - Univ. Bari - I)
Dott. Nicola Maio (Museo Zoologico - Univ. Napoli “Federico II” - I)
Prof. Giuseppe Manganelli (Dip. Biologia Evolutiva - Univ. Siena - I)
Prof. Elio Robba ( Dip. Sc. Della Terra - Univ. Milano 2 - I)
Dott. Emilio Rolán (Presidente della S.E.M.)
Prof. Bruno Sabelli (Museo di Zoologia - Univ. Bologna - I)
Prof. Luitfried Salvini von Plaven ( Inst. of Zoology - Univ. Vienna - A)
Dott. Stefano Schiaparelli (Dip. Te. Ris. - Univ. Genova)
Dott. Marco Taviani (ISMAR - Sez. Geol. Marina - CNR Bologna - I)
…………………
COMITATO ORGANIZZATORE
Dott. Paolo Crovato (Segretario S.I.M.) - [email protected] webnet.it
Dott. Mariella del Re (Museo di Paleontologia - Univ. Napoli “Federico II” - I)
Dott. Roberta De Stasio (Museo Zoologico - Univ. Napoli “Federico II” - I)
Dott. Sergio Duraccio (Tesoriere S.I.M.)
Scheda di Preiscrizione
Cognome…………………………………………………………………………………..
Nome…………………………………………………………………………....................
Indirizzo………………………………………………………………………...................
…………………………………………………………………………………………….
Telefono: +…………………………….FAX:+…………………………………………..
E-mail:…………………………………………………………………………………….
Titolo preliminare della/e comunicazione/i orale/i □ oppure poster □:
………………………………………………………………………………....................
……………………………………………………………………………………………
35
……………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………………
Il termine massimo di invio dei riassunti è il 30 luglio 2005 ( i dettagli verranno
comunicati con la 2ª circolare a tutti coloro che invieranno la presente
preiscrizione)
Numero degli accompagnatori……………………………………………………………
Segnare se intende partecipare alla escursione:
SI □
Accompagnatore
SI □
NO □
NO □
Inviare prima del 30 novembre 2005 al seguente indirizzo:
Società Italiana di Malacologia
Casella Postale n. 436
I-80100 NAPOLI
Oppure al seguente e-mail: [email protected]
36
Salone Museo Zoologia del Centro museale dell'Università di Napoli Federico II
37
IV International Congress of the
European Malacological Societies
Organized by
Società Italiana di Malacologia
Casella Postale n. 436
Centro Museale “Centro Musei delle
Scienze Naturali”
I-80100 Napoli, Italy
Università degli Studi di Napoli
“Federico II”
Via Mezzocannone, 8
I-80100 Napoli, Italy
10-14 October 2005, Naples - Italy
(8° Congresso della Società Italiana di Malacologia, S.I.M.)
(14 Congrès International de la Société Française de Malacologie, S.F.M.)
(16° Congreso Nacional de Malacología, S.E.M.)
(3° Congresso do Instituto Português de Malacologia)
(2° Congreso de Asociación Malacológica Andaluza)
e
First Circular
Carrying out the initiative born in Genoa, to join the national congresses in a single European malacological meeting, we
inform that the 4th International Congress of the European Malacological Societies will take place in October 10-14, 2005 in
the hall of the Real Museo Mineralogico “Centro Musei delle Scienze Naturali” of the University of Naples “Federico II”. This
hall is the same where 7th Congress of Italian Scientists took place in 1845: in this meeting the basis of the modern Science
were established and the procedures for the scientific publications defined. The organizers are pleased to invite all the members
of the involved Societies, as well as all those who are interested in every topic of Malacology.
Topics
Communications should fit within the following conference topics:
•
•
•
•
•
•
Molluscan systematics
Molluscan reproduction and development
Molluscan ecology, biodiversity and conservation
Molluscan aquaculture and exploitation
Molluscan paleontology
Open session
The works will be published on the SIM journal Bollettino Malacologico.
They will be several poster sections.
GENERAL INFORMATION
38
The Congress will take place in October 10-14, 2005 in the Centro Museale “Centro Musei delle Scienze Naturali” of the
University of Naples “Federico II”, via Mezzocannone 8, starting 8.30 a.m..
The Congress Hall is in the Old Town Centre, a few steps from the most important monuments.
You can reach Naples by: plane+bus and/or taxi, International Capodichino Airport; train, Napoli Centrale Station; car,
motorways A1, A3 and A7, exit Napoli Centro.
The official languages of the Congress are Italian, French, English and Spanish. Abstracts may be written in one of these
languages.
Accomodation
A list of recommended hotels, all near to the Congress Hall, will be sent with the 2 nd circular.
Excursions
Visits to the most important monuments in Naples and the surroundings will be organized for accompanying persons.
Some Neapolitan SIM members of the section Campania-Apulia, together with the Neapolitan Diving Associations will be
available for guided dives in the Bay of Naples.
On Wednesday 12 October one session will be held in the “Centro Cerio” in Capri. Participants will have free time to visit the
nicest sites of the island. A trip still to be defined is also planned on Friday 14 October.
Amateur malacology
A special section devoted to amateur malacology will be organized by Sergio Duraccio: identification of uncertain species,
exchange, exhibitions of rare specimens, etc.
Registration fee including proceedings and coffee breaks is € 75.00 for payment before 30.06.05 and € 120.00 after.
PROVISIONAL PROGRAM
Monday 10 october 2005
08,30-10,00
10,00-10,30
10,30-11,30
11,30-12,00
12,00-13,30
13,30-15,30
15,30-17,00
17,00-17,30
17,30-19,00
Registration and poster displaying
Opening Session
Opening Conference
Coffee break
Oral contributions
Lunch
Oral contributions
Coffee break
Oral contributions
Tuesday 11 october 2005
09,30-11,00
11,00-11,30
11,30-12,30
12,30-13,30
13,30-15,30
15,30-17,00
17,00-17,30
17,30-20,30
Oral contributions
Coffee break
Invited Conference
Poster Session
Lunch
Oral contributions
Coffee break
Poster Session
Wednesday 12 october 2005
08,35
Departure from Molo Beverello to Capri
09,20
Arrival to Capri Marina Grande
10,00-11,30
Invited Conference
11,30-13,00
Oral contributions
13,00-14,00
Lunch
14,00-18,00
Visit to Capri
18,25
Departure to Napoli
Thursday 13 october 2005
09,30-11,00
Oral contributions
11,00-11,30
Coffee break
11,30-12,30
Invited Conference
12,30-13,30
Poster Session
39
13,30-15,30
15,30-17,00
17,00-17,30
17,30-19,00
19,00-20,00
Lunch
Closure Conference
Coffee break
Plenary Sessions of Malacological Societies for discussion and choice of the next 5th
Congress European Malacological Congress
Poster removing
Friday 14 october 2005
Excursion
ABSTRACTS
Abstracts must be submitted not later than 30 July, 2005. They must send in MS Word with the following format:
Title: In capitals and bold. Font: Times New Roman. Size: 14 pt.
Authors and addresses: Font: Times New Roman. Size: 12 pt.
Text: Font: Times New Roman. Size: 12 pt.
Example:
Marine molluscs from Cyprus: new data and checklist
Bilal Öztürk 1, Giovanni Buzzurro 2 & Avni Benli 3
1
2
3
Address……….e-mail:
Address ………e-mail:
Address ……….e-mail:
Questo studio è stato condotto lungo le coste della parte Nord dell’isola di Cipro tra il 10 e il 19 Maggio del 1997
e il 12 e il 21 Luglio del 1998. Sono stati raccolti campioni………………….
Abstracts must be submitted electronically as e-mail attachments (only one abstract per e-mail)
[email protected], or by regular mail on 3,5” HD floppy toghether with a printed copy to the following address:
to
Società Italiana di Malacologia
Casella Postale n. 436
I-80100 NAPOLI
ITALY
In the next circular the registration form will be sent together with the list of the recommended hotels. You can preregister using the included pre-registration form.
President:
Prof. Maria Rosaria Ghiara (Director of Centro Museale Univ. Napoli - I) - [email protected]
Vice-President:
Dr. Bruno Dell’Angelo (President of S.I.M. - I)
Secretaries:
Dr. Massimo Cretella(S.I.M. concillors) - [email protected]
Dr. Paolo Crovato (Secretary of S.I.M.) - [email protected] webnet.it
Dr. Nicola Maio (Museo Zoologia - Univ. Napoli “Federico II” - I)
SCIENTIFIC COMMITTEE
Prof. Antonio Pietro Ariani ( Ist. Zoologia - Univ. Napoli - I)
Dr. Gonçalo Calado (Presidente della Soc. Malac. Portoghesa)
Dr. Massimo Cretella (S.I.M. concillors) - [email protected]
Prof. Folco Giusti (Dip. Biologia Evolutiva - Univ. Siena - I)
Prof. Rafael La Perna (Dip. Geologia e Geofisica - Univ. Bari - I)
Dr. Nicola Maio (Museo Zoologia - Univ. Napoli “Federico II” - I)
40
Prof. Giuseppe Manganelli (Dip. Biologia Evolutiva - Univ. Siena - I)
Prof. Elio Robba ( Dip. Sc. Della Terra - Univ. Milano 2 - I)
Dr. Emilio Rolán (Presidente della S.E.M.)
Prof. Bruno Sabelli (Museo di Zoologia - Univ. Bologna - I)
Prof. Luitfried Salvini von Plaven ( Inst. of Zoology - Univ. Vein - A)
Dr. Marco Taviani (ISMAR - Sez. Geol. Marina - CNR Bologna - I)
…………………
ORGANIZING COMMITTEE
Dr. Paolo Crovato (Segretario S.I.M.) - [email protected] webnet.it
Dr. Mariella del Re (Museo Zoologia - Univ. Napoli “Federico II” - I)
Dr. Roberta De Stasio (Museo Mineralogia - Univ. Napoli “Federico II” - I)
Dr. Sergio Duraccio (Tesoriere S.I.M.)
Pre-registration form
Surname: .................................................................................................................................
First name: ..............................................................................................................................
Address: ..................................................................................................................................
.................................................................................................................................................
Telephone: +............................................. FAX: +.................................................................
E-mail: .....................................................................................................................................
Preliminary title of oral contribution/s □ or poster □:
.................................................................................................................................................
.................................................................................................................................................
Abstracts must be submitted up to 30 July, 2005. Details will be
communicated with the second circular to all those who pre-register with the
present form.
Number of accompanying person/s: .......................................................................................
I plan to partecipate to the excursion: YES □
Accompanying person/s
YES □
NO □
NO □
Please send this form within 30 November 2004 to the following address:
Società Italiana di Malacologia
Casella Postale n. 436
I-80100 NAPOLI
ITALY
or by e-mail to [email protected]
41
Notiziario S.I.M.
22 (5-8)
pagg. 4-6
maggio-agosto 2004
settembre 2004
L’ANGOLO DELLE INTERVISTE
A cura di Giovanni Buzzurro
Iniziamo, con questo numero, "L'Angolo delle Interviste", che appariranno periodicamente sul nostro Notiziario.
Lo scopo di questa iniziativa è quello di far conoscere più da vicino membri che fanno parte della nostra
Associazione, da semplici amatori a personaggi di spicco.
La prima intervista è con il Dr. Fernando Ghisotti, Presidente onorario della S.I.M., direi il personaggio storico per
eccellenza della nostra Associazione.
L’appuntamento è fissato alle ore 16,00 del 18.12.2003 presso il suo studio a Milano in Via Giotto 9.
Mi riceve con un gran sorriso, cordialità e grande signorilità.
-Dr. Ghisotti, tanti anni fa nacque la S.I.M. e Lei fu tra i soci fondatori. Come nacque questa iniziativa, con quali fini,
con che spirito e come si svolsero i fatti?
La risposta è alquanto complessa perché dovrebbe riassumere situazioni e decisioni avvenute tra il 1963 e il 1998 che
comunque sono state trattate in un mio precedente intervento su questo Notiziario (Vedi Notiziario SIM 22 (1-4), pp. 4-8
N.d.R.). Qui basterà ricordare i momenti cruciali.
Ritornato in Italia dopo il congresso a Londra che aveva visto la nascita della Unitas Malacologica Europea, Ferdinando
Toffoletto volle interpellare amici e conoscenti, interessati allo studio dei molluschi, per creare anche in Italia una società
malacologica; la risposta fu positiva e così, il 10.01.1963 fu fondata la Società Malacologica Italiana (S.M.I.). La Società
svolse con successo per molti anni la propria funzione, pubblicando una notevole mole di lavori sui Lavori SMI.
Si creò tuttavia quasi subito sconcerto da parte di molti appassionati per il tenore ritenuto troppo scientifico dei Lavori e già
nel Dicembre 1964 sorse l'Unione Malacologica Italiana (U.M.I.) associazione rivolta soprattutto ai dilettanti, che tenne sulla
rivista Conchiglie numerose "lezioni" di malacologia.
Il tenore della rivista nei suoi sette anni di vita era gradatamente affinato, ospitando articoli su molluschi marini delle coste
italiane non comuni, con iconografie e descrizioni atte a farle riconoscere e classificare; il nome Conchiglie non era però ben
accetto da molti soci. In una riunione dell'ottobre 1971, Dario Franchini e Giorgio Barletta proposero di cambiarlo in Bollettino
Malacologico, proposta che fu subito accettata. Dal 1972 al 1982 compreso la rivista dell'U.M.I. uscì con questo nuovo nome.
Il successo dell’iniziativa fu notevole ed i soci nel successivo decennio superarono i 500. Questo incremento fu dovuto alla
creazione di numerose sezioni regionali, all'interesse dimostrato da molti malacologi stranieri, alla qualità dei lavori ed infine
alla richiesta di adesione da parte di molti soci della S.M.I.
Fu a questo punto che Barletta, Ghisotti e Girod si chiesero se non fosse opportuno unificare le due società S.M.I. e U.M.I,
proposta che fu accettata da entrambi i Consigli Direttivi- L'11 novembre 1982 soci di entrambe le Società decisero di
costituire un'associazione denominata Società Italiana di Malacologia (S.I.M.), con sede in Milano, Via Gadio 2, derivata dalle
due associazioni "Unione Malacologica Italiana" e "Società Malacologica Italiana".
-Avrebbe mai pensato allora che la nostra
associazione sarebbe cresciuta fino ai livelli
attuali?
Assolutamente no: speravamo agli inizi di
pervenire almeno a 200 soci. Questo ci avrebbe
consentito di sostenere in parte i costi editoriali.
Fu quindi una sorpresa quanto mai gradita aver
superato nel 1982, la cifra di 500 soci paganti,
rendendo il bilancio attivo.
-Lei è stato Presidente dal 1973 al 1990. Cosa
ha significato per Lei ricoprire questo ruolo?
Direi di grande soddisfazione, sia per aver avuto
incontri e corrispondenze con specialisti italiani e
stranieri ed aver potuto pubblicare sul Bollettino
loro importanti lavori, sia per i contatti con decine
di appassionati sui più svariati argomenti e
ricerche da loro effettuate.
-Diverse persone hanno collaborato con Lei: tra queste chi maggiormente ricorda?
Se dovessi fare un elenco di tutte le persone con le quali ho intrattenuto rapporti di amicizia o di lavoro nell'ambito
malacologico nei passati 50 anni, non sarebbe sufficiente un elenco di almeno 200 nomi. Io mi considero ormai un
sopravvissuto a tanti maestri, collaboratori, appassionati con i quali ebbi rapporti e mi limito a ricordare chi fra questi non c'è
più: R. Tucker Abbott, Giorgio Barletta, Egidio Bona, Paolo Cesari, Dante Ceschina, Angelina Gaglini, A. Myra Keen, Paola
Manfredi, Aurelio Meani, Edgardo Moltoni, Ottavio Priolo, Paolo Quadri, Gianni Roghi, Giuliano Ruggieri, Gianfranco
Sacchetti, Francesco Settepassi, Ferdinando Toffoletto, Menico Torchio, Italo Urio, Vittorio Vialli, Isaac Yaron.
42
-Come vede la situazione attuale della S.I.M.?
Devo confessare che mi lascia un po' perplesso: sino a qualche anno fa il Bollettino seguiva e osservava attentamente le norme
statutarie, che prevedevano:
1) I lavori di soci italiani devono essere scritti in italiano, con ampio riassunto in inglese
2) I lavori di soci stranieri possono essere pubblicati nella lingua straniera, però con obbligo di accompagnarli con traduzione
dettagliata in italiano.
D'accordo che la lingua scientifica ufficiale è ormai l'inglese, ma qualche lavoro di soci italiani, pubblicato solo in inglese,
resta incomprensibile per chi non conosca la lingua. Io temo che vi sia, da parte di molti soci, un progressivo rifiuto a ricevere
una rivista che oltre ad ospitare articoli per loro troppo scientifici, li pubblichi in inglese senza la minima traduzione in italiano.
Temo anche che possa succedere quanto avvenne con i Lavori della S.M.I.: defezione di molti soci, allora per eccessiva
difficoltà di comprendere una trattazione troppo scientifica, oggi per le stesse ragioni appesantite dal linguaggio straniero. Per
quanto mi risulta inoltre, occorre tenere presente che gran parte dei soci ama lavori atti a far classificare i propri reperti, o studi
sulle malacofaune regionali, o notizie varie, ma esposte in maniera discorsiva; ciò che insomma corrisponde ad un proprio
interesse. Gli articoli eccessivamente scientifici lasciamoli agli Istituti Universitari o almeno facciamo presente che siano
presentati in forma di facile lettura.
-Che impressioni ha avuto dopo le ultime note vicende nel seno della S.I.M.? Lei che ha sempre ben bilanciato i
rapporti tra accademici e semplici amatori e vi è riuscito benissimo da che presupposti è partito?
Proprio da quel presupposto al quale Lei accenna: un rapporto concreto e amichevole fra gli accademici e i dilettanti. Questi
non chiedono altro che essere istruiti in quello che per loro è all'inizio solamente un hobby intelligente, ma che, se guidati con
pazienza, possono contribuire ad arricchire notevolmente le conoscenze della scienza malacologica.
E' questo fra l'altro uno degli scopi dello statuto della S.I.M., purtroppo ignorato da alcuni accademici. Sono numerosi i nostri
soci che, ben guidati, sono divenuti col tempo dei veri esperti che hanno contribuito con le loro ricerche e lavori al progresso
della malacologia.
-Nella sua “attività malacologica” cosa ha prediletto maggiormente: la ricerca bibliografica, i lavori di malacologia, lo
studio dei molluschi, il collezionismo o i rapporti di relazione?
Sono tutte attività che concorrono insieme a formare un malacologo. Personalmente prediligo l'attenta ricerca bibliografica che
consente di indirizzare ogni studio.
-Nei suoi numerosi lavori sempre ben suffragati da una base solida di bibliografia non ha mai istituito una specie
nuova. Perché? Non dovrebbe esserle pesato la frase rimasta famosa tratta dal titolo di uno dei suoi lavori “la frenesia
della nuova specie”. Ne ebbe forse timore?
Forse dire timore è un po' eccessivo, ma sono rimasto sempre esitante nel proporre una nuova specie, esitazione che certamente
non ebbero illustri malacologi, fra cui il famoso Bourguignat che, fra il 1852 e il 1887, pubblicò oltre una sessantina di lavori,
in gran parte dedicati a molluschi terrestri, battezzando decine e decine di nuove specie, risultate poi semplici varietà
morfometriche di poche specie.
Il nostro socio Cecalupo studia da sei anni il genere Cerithium, riscontrando in bibliografia cose incredibili. Si pensi che per il
solo Cerithium vulgatum ha trovato oltre 200 sinonimi.
E' questa che considero una "frenesia" dettata da trascurato approfondimento o da malcelata ambizione.
-Ognuno di noi ad un certo momento della vita ha avuto un impulso per iniziare ad interessarsi di conchiglie. Il suo
quale è stato?
E' accaduto nel 1946, quando mi fidanzai con Elisabetta, mia attuale consorte con cui sono felicemente sposato dal 1948.
Elisabetta era (e lo è tuttora) un'esperta subacquea in apnea e amava tenere in una bacheca le conchiglie che trovava fra gli
scogli o nella sabbia. Le dissi che doveva inserire un cartellino con il nome di ogni specie, come avviene nei musei. Avuto il
suo consenso trovammo al museo di Milano il caro Dr. Moltoni che ci guidò fra le vetrine, indicandoci il nome per ogni
conchiglia che gli porgevamo. Solo tre o quattro specie non erano presenti tra quelle esposte, ma riuscimmo a determinarle con
l'acquisto dei pochi libri allora disponibili.
-Ora ha ancora molto entusiasmo: si dedica ancora al suo "hobby"? Come vive e quali sono i rapporti con i vari soci?
Cosa le è rimasto da questa esperienza, direi, di vita?
Teoricamente mi dedico ancora al mio "hobby": dico teoricamente perché il mio desiderio è quello. Praticamente, sia per l'età,
sia per altri impegni di lavoro, trovo raramente tempo per dedicarmi a studi approfonditi. Sono frequenti i rapporti con vari
soci, personalmente a Milano, per corrispondenza o per telefono altrove. L'esperienza, come dice, di vita è senz'altro positiva
sia perché questo "hobby" è veramente intelligente e costruttivo, sia per i tanti amici che ho incontrato.
-Cosa vuol dire far parte di un’Associazione e più specificatamente della S.I.M.?
Se, come dovrebbe sempre essere, l'Associazione ha lo scopo di riunire persone interessate ad uno scopo, cioè nel nostro caso
lo studio dei molluschi, è cosa ottima. Se però fra i vari soci si creano dissensi per questioni personali, l'associazione è
destinata a soccombere.
-Come vede il futuro della nostra Associazione e quali suggerimenti si sente di dare per migliorare sempre più?
43
La domanda è legata a quella precedente. Sino al 1998 la concordia fra i soci era perfetta. Mi ricordo le serate in cui ci
riunivamo nella sede milanese per confezionare i pacchi del Bollettino da inviare ai vari soci. Era un lavoro, ma divertente, sia
per le battute di Melone e di Simonetta, sia per gli allegri pettegolezzi di Andreana e di mia moglie, sia infine per gli aneddoti
di Urio e di Barletta. Io spero che la concordia torni fra noi; lo è in genere nelle varie sezioni regionali, ma deve esserlo anche
nel Consiglio Direttivo. Quello attuale mi dà molta fiducia: Paolo Crovato ha saputo interpretare perfettamente le speranze dei
soci; mi dolgono le dimissioni di alcune persone di indubbia capacità, esperienza e competenza scientifica. Spero veramente
che ci ripensino…
Grazie Signor Presidente per aver concesso questa intervista, per l’opera svolta con grande professionalità, competenza e
capacità nell’ambito del suo mandato e per la sua proverbiale disponibilità.
Che le sue parole servano maggiormente sia per farla meglio conoscere ed apprezzare dai soci non solo veterani ma anche
giovani e che siano un monito per tutti.
I più sinceri auguri a nome di tutti gli associati e continui così!
Notiziario S.I.M.
22 (5-8)
pagg. 4-6
maggio-agosto 2004
settembre 2004
Le Società Malacologiche Italiane: una rettifica
MANGANELLI Giuseppe
Ho letto con molto interesse quanto Nando Ghisotti e Piero Piani hanno scritto sulle società malacologiche italiane
e spero che non me ne vogliano se mi permetto di fare una rettifica.
Alcuni anni fa, ebbi modo – insieme a Simone Cianfanelli – di occuparmi, seppur marginalmente, della
Società Malacologica Italiana, quella – per intenderci – attiva tra il 1874 e il 1899. Simone ed io eravamo arrivati
ad occuparcene partendo dalla bibliografia di una naturalista fiorentina, la marchesa Marianna Paulucci (18351919).
Tra i molti interessi di Marianna Paulucci, quelli malacologici ebbero un ruolo preminente, come è
documentato dai molti scritti su tale soggetto pubblicati nel Bullettino Malacologico Italiano e nel Bullettino della
Società Malacologica Italiana. La necessità di accertare le date esatte di pubblicazione dei suoi lavori ci portò,
inevitabilemente, ad occuparci delle date di pubblicazione dei fascicoli che compongono i sette volumi del
Bullettino Malacologico Italiano e i venti del Bullettino della Società Malacologica Italiana (Manganelli & Cianfanelli,
2001 – The dates of publication of Bulletino malacologico italiano (1868-1875) and Bulletino della Società
Malacologica Italiana (1875-1899). Archives of Natural History, 28: 337-346).
Per fare questo avemmo la fortuna di recuperare a Pisa, nella biblioteca della Società Toscana di Scienze
Naturali, una serie quasi completa dei 20 volumi del Bulletino della Società Malacologica Italiana e, insieme, la
sorpresa di trovare un volume, il 21, pubblicato nel . Infatti, in quell’anno, alcuni soci della Società Toscana di
Scienze Naturali decisero di far rivivere la Società Malacologica Italiana e fecero stampare il volume 21 del
Bollettino [sic] della Società Malacologica Italiana. Anche se questa iniziativa non ebbe molto successo, costituì il
primo tentativo di riunire in una società scientifica nazionale gli studiosi e gli appassionati di Malacologia dopo la
cessazione delle attività della Società Malacologica Italiana nel 1899.
Alcuni anni dopo, altri malacologi – quelli ricordati da Ghisotti & Piani – rifonderanno (autonomamente e del
tutto all’oscuro dell’iniziativa dei membri della Società Toscana) la Società malacologica Italiana, a Milano, il 10
gennaio 1963.
44
G. MANGANELLI – Dipartimento di Scienze Ambientali
Università di Siena, Via Mattioli 4, 53100 Siena
N. 1 — ADUNANZA DEL 19 Gennaio 1956.
Presenti i soci: Benazzi, Presidente, Bellìncioni, Benazzi-Lentati,
D'Amato, Fancelli, Giannini E., Goliardi, Laj, Marinelli, Masini, Menghi, Mirolli, Mittempergher, Naldini, Papi, Porlezza, Romagnoli, Tongiorgi E., Tongiorgi M., Trevisan, Bonatii e Tavani, segretari.
Su proposta del Prof. Tongicrgi viene deciso di ricostituire la Societ à Malacologica Italiana nell'ambito della Soc. Toscana: le quote
di associazione vengono fissate in L. 1.500 per il Bollettino
della Società Malacologica e in L. 2.000 per il Bollettino delia Società Malacologica e per una Serie degli Atti della Soc. Toscana
Riproduzione di un estratto del verbale dell’adunanza scientifica della Società Toscana di Scienze Naturali del 19
Gennaio 1956 (Atti della Società Toscana di Scienze Naturali Residente in Pisa, Processi Verbali e Memorie, 63: vvii).
45
N. 5 — ADUNANZA del 21 Novembre 1957.
.
Presenti j soci: Benazzi, presidente, Azzaroli, Benazzi Lentati,
Hinchi, Giannini E., Gottanli, Longinelli, Marinelii, Masini, Mori, Parenti, Porlezza, Simonetta, Tonani, Tongiorgi E., Tongiorgi M., Trevisan, Zia, Bonatti e Tavani segretari.
Su proposta del prof. Tavani viene presa in esame la situazione
della Società Malacologica I t a l i a n a e del relativo Bollettino. Dopo ampia
discussione viene deciso di indire ogni anno, in occasione delle vacanze
pasquali, un'apposita riunione della Società Malacologica. Inoltre,
constatato che il ninnero dei lavori malacologici che vengono
presentati in un anno per la stampa possono non essere sufficienti a
costituire un volume, si assume come norma che tali lavori, come per il
passato, siano pubblicati annualmente negli Atti della Società Toscana
e i relativi estratti siano consegnati subito agli Autori, ma che le 50
copie del Bollettino Malacologico vengano edite, senza scadenza fissa
annuale, quando sia stato raccolto materiale sufficiente per la
costituzione di un normale volume, e questo a giudizio del Consiglio
Direttivo.
Riproduzione di un estratto del verbale dell’adunanza scientifica della Società Toscana di Scienze Naturali del 21
Novembre 1957 (Atti della Società Toscana di Scienze Naturali residente in Pisa, Processi Verbali e Memorie, 64:
ix-x).
Notiziario S.I.M.
22 (5-8)
pagg. 13-24
Maggio-ago. 2004
settembre 2004
DOCUMENTI DEL GRUPPO MALACOLOGICO LIVORNESE
Continuiamo la pubblicazione dei Documenti del Gruppo Malacologico Livornese (GML). In questo
numero compare una nota realativa alla famiglia Retusidae e perte della famiglia Cylichnidae.
Le iimagimi presentate sono tratte da lavori citati in bibliografia.
I generi Acteocina, Cylichna, Retusa, Cylichnina, Pyrunculus e Volvulella nel Mediterraneo
Uno dei caratteri distintivi, forse il più importante, che distingue le specie incluse in questa nota è la presenza o
meno della radula in aggiunta alle “placche gastrali”. Infatti la famiglia Retusidae Thiele, 1931 è dotata delle sole 3
placche gastrali, mentre la fam. Cylichnidae Adams H. & A., 1854 presenta, oltre alle placche, anche la radula.
Rappresenta un’eccezione, nella fam. Retusidae, Volvulella acuminata (Bruguiere, 1792) che non è dotata ne’
delle placche ne’ della radula.
Tuttavia, almeno per noi, l’individuazione o la distinzione di organi presenti nelle parti molli, è quasi sempre
impossibile, pertanto siamo costretti a riferirci alle sole caratteristiche conchiliari. E' comunque da tenere presente
che la forma e le caratteristiche delle placche gastrali possono rappresentare un carattere diagnostico importante.
Accettando come base di partenza l’elenco di Chiarelli, le specie presenti nel Mediterraneo sarebbero le seguenti:
Fam. Cylichnidae
Adams H. & A., 1854
- Acteocina knockeri (Smith,E.A.,1872)
46
- Acteocina mucronata (Philippi, 1849)
-
Cylichna
Cylichna
Cylichna
Cylichna
Cylichna
alba (Brown, 1827)
crossei B.D.D., 1886
cylindracea (Pennant, 1777)
hoernesii (Weinkauff, 1866)
parvula Jeffreys, 1883
Fam. Retusidae
-
Retusa
Retusa
Retusa
Retusa
Retusa
Retusa
Retusa
Retusa
Retusa
-
Cylichnina
Cylichnina
Cylichnina
Cylichnina
Cylichnina
Cylichnina
Cylichnina
Thiele, 1931
candidula (Locard, 1792)
dilatata Pallary, 1904
fourierii (Audouin, 1826)
leptoneilema (Brusina, 1866)
mamillata (Philippi, 1836)
minutissima (Monterosato, 1878 ex H.Martin ms.)
obtusa (Montagu, 1803)
pellucida (Sars G.O., 1878)
truncatula (Bruguiere, 1792)
crebrisculpta Monterosato, 1884
girardi (Audouin, 1826)
laevisculpta (Granata - Grillo, 1877)
cfr. mongii (Audouin, 1827)
multiquadrata (Oberling, 1970)
nitidula (Loven, 1846)
umbilicata (Montagu, 1803)
- Pyrunculus ovatus (Jeffreys, 1871)
- Volvulella acuminata (Bruguiere, 1792)
Chiave
- La sp. presenta la zona apicale acuminata
.............................................
- La sp. presenta sull'ultimo giro una banda spirale
bruno- verde chiaro .........................................................................................
Volvulella acuminata
- Sulla spalla dell'ultimo giro è presente una canaliculatura
Gruppo
A
- Aspetto generale cilindrico/ovoidale, con la spalla dell'ultimo giro arrotondata
- normalmente le due estremità hanno la stessa ampiezza
- la zona superiore è più stretta di quella inferiore
Gruppo
Gruppo
B
C
- La spalla dell'ultimo giro forma un angolo più o meno retto, appare per così
dire, truncata
..............................
Gruppo
D
Cylichnina girardi
fuori chiave
Dimens.
aspetto generale
obtusa
Retusa
Oblonga, ristretta al
centro con la base
talvolta più larga
Apice
Scultura
il labbro esterno non
numerose strie di
raggiunge l'altezza
accrescimento
dell'apice
caratteristiche
tipiche, esclusive,
della specie
Biblio
il labbro columellare 21 - 5 - 6
presenta per tutta la -7 - 12 sua altezza un callo 26
Gruppo A
Dimens.
aspetto generale
Apice
47
Scultura
Biblio
knockeri,
Acteocina
mm. 4.5 x 2
cilindrica, simile alla R.
mamillata (a parte la zona
apicale)
dopo l'apice,
tubercolato sono visibili
circa 3 giri con canale
infossato subsuturale
al di sotto di ogni giro
mucronata,
Acteocina
alt. mm 5,4 Cilindrico, la
specie da l'impressione di
essere leggermente più
stretta nella zona inferiore
mammillato, ma si
possono vedere anche
come sopra
i 2-3 giri seguenti,
scalariformi
Gruppo B
nessuna, a parte un
leggero accenno di
pliche longitudinali al di 1
sotto della spalla
dell'ultimo giro
cilindrico/ovoidale - normalmente le due estremità hanno la stessa ampiezza
Dimens.
aspetto generale
caratteristiche
tipiche,
esclusive,
della specie
Apice
Scultura
crossei,
Cylichna
mm. 2 x 1
cilindrico, le due estremità
hanno la stessa larghezza,
l'apertura mantiene per tutta
la sua altezza la stessa
larghezza
infossato, la
corona apicale
vista dall'alto
appare
raggiata
(con microscopio) fini
strie di accrescimento
arcuate e decorrenti
presenti verso la base
dell'ultimo giro
laevisculpta,
Cylichnina
mm. 2.5 x 1.5 quasi
perfettamente cilindrico,
leggermente più stretta in alto,
lieve restringimento nella
zona mediana e solo dalla
parte dell'apertura labiale
stretto,
infossato,
raggiato
finemente, si
intravede la
spira.
cylindracea,
Cylichna
mm. 10
Cilindrica, molto allungata in
rapporto alla larghezza,
normalmente di taglia
notevole
alba,
Cylichna
cfr. mongii,
Cylichnina
parvula,
Cylichna
mm. 5,5 x 2,3
In alto, quando il labbro si
curva verso il bordo interno
della bocca si forma spesso
una piega
mm. 2,2 x 1,5
Ovale allungata, labbro
columellare sinuoso con
ispessimento.
mm 1.5 x 0.75
(0.03 x 0.06 inch) inch. corto
cilindro, semitrasparente,
lucida - columella molto corta
Gruppo C
2-3-4
con reticolo composto
da numerose strie
trasversali e
longitudinali piuttosto
evidenti e, all'interno
di queste ultime sono
presenti finissime strie
longitudinali.
spesso, negli
esemplari adulti,
freschi, sono presenti,
alle due estremità
delle fini linee spirali
bruno scuro.
9 - 10-526
19 - 9-526
rapporto
altezza /
larghezza
normalmente
superiore a
2.5
al di sopra del
numerose strie spirali
foro apicale si
fini su tutta la
nota spesso un
superficie
callo
troncato, con
spira infossata
molto
arrotondato
biblio
5 - 10 11 - 12 18 - 216-9-26
5 - 21-6
- 32
in trasparenza fini strie
di accrescim.
trasversali e meno
evidenti verticali
costituita solo da linee
di accrescimento
incurvate e fini, ma
abbastanza evidenti
15 - 16
33 - 5
cilindrico/ovoidale - la zona superiore è più stretta di quella inferiore
Dimens.
aspetto generale
Apice
nitidula,
Cylichnina
mm. 3.5
conico, la parte superiore è
decisamente più stretta di
quella inferiore
E' presente una
piccola fessura nella
quale spesso l'apice
non è visibile
ovatus,
mm. 3.5
La corona apicale
48
Scultura
apparentemente liscia, a
forte ingrandimento si
notano fini strie di
accrescimento incurvate e
deboli strie trasversali
ondulate più frequenti
verso la base
Normalmente quasi liscia,
biblio
19 - 9 - 6 12 - 21-5 26
8-
Pyrunculus
umbilicata,
Cylichnina
crebrisculpta,
Cylichnina
Piuttosto panciuta,
normalmente la zona di
maggior larghezza è
raggiunta a 2/3 dall'apice
presenta una curvatura
acuta (quasi una
carena) questo
carattere fa somigliare
il foro apicale al vertice
di un vulcano.
mm. 4 secondo Monterosato
è simile alla sua
crebrisculpta, se ne
distinguerebbe per essere (C.
umbilicata) più piccola e
meno solida
mm. 2,4
Ovoidale, le due estremità
sono di larghezza simile, la
zona superiore è solo
pochissimo più stretta
Gruppo D
Spira infossata, foro
apicale stretto e
profondo
apparentemente liscia, in
realtà si possono vedere
numerose strie di
accrescimento e trasversali
5 -10 - 1112 - 17 18 - 21-69-26
profondamente
infossato, si
distinguono con
difficoltà i primi giri
composta da incrocio di
strie assiali e spirali "che
danno un'apparenza
ruvida", le assiali più forti
verso la base
7 - 19 - 5
truncata
Dimens.
aspetto generale
mm. 3 x 1.5
Cilindrico, la
leptoneilema larghezza si
mantiene sempre
Retusa
uguale per tutta
l'altezza
mm. 2.5 x 1
cilindrica,
allungata,
mantiene la stessa
mamillata,
larghezza per tutta
Retusa
la sua altezza,
salvo un leggero
restringimento
mm. 1.5
cilindrica, di
larghezza uguale
minutissima, per tutto lo
sviluppo
Retusa
dell'altezza, molto
larga in rapporto
all'altezza
mm. 4
cilindrico, nella
semisulcata metà inferiore la
truncatula,
specie talvolta
Retusa
tende più o meno
a dilatarsi
hoernesii,
sviluppata
mm. 4 x 2
cilindrico nei primi
2/5 superiori, poi,
dopo un leggero
restringimento, la
specie si allarga
notevolmente
mm. 6
caratteristiche
tipiche, esclusive,
della specie
biblio
Apice
Scultura
Osservando la
specie
frontalmente,
talvolta si possono
vedere i giri
apicali.
sono presenti sulla spira
delle strie assiali che
raggiungono la parte
inferiore della spira
19 - 9 - 7
- 20
l'apice fuoriesce
dalla spira
Si notano, a forte
ingrandimento,
leggerissime strie
longitudinali all'apice e,
non sempre, ancor più
leggere strie spirali
sull'intera superficie.
9- 5-8
- 11- 1218 - 2110-26
normalmente la
spalla dell'ultimo
giro e la zona
apicale si trovano
sullo stesso piano
sono presenti solo
solchi longitudinali
osservando la
specie
frontalmente, non
si vede la zona
apicale. sull'apice
sono presenti
22/25 linee
elicoidali
sono presenti sulla spira
delle strie assiali che si
dissolvono prima di
raggiungere la base.
5 - 11 12 - 18 21 - 710-9 -2627
perforato
molto densa formata da
solchi spirali e
trasversali
23
cilindrica, simile
multiquadrata, alla mamillata,
Retusa (1)
columella molto
dilatata,
Retusa
si possono notare leggere
linee longitudinali di
accrescimento, non è
presente scultura spirale
con scultura
elicoidale
costituita dalle
coste, visibile
anche in un paio
di giri interni al
foro apicale
Molto più stretto
19 - 9 8- 7-26
coste assiali piuttosto
rilevate e incurvate.
Nel primo quinto della
49
8 - 9-
Vedi quanto detto
8 - 13-9
Cylichna
Regolarmente
conico.
fourieri,
Retusa
mm 4
Allungato,
cilindrico, fatta
eccezione per la
zona inferiore più
o meno dilatata
pellucida,
Retusa
simile alla
truncatula, ma
priva di zone,
anche
leggermente, più
dilatate.
della base, 2 linee
incise spirali
scorrono
immediatamente
al di sotto della
spalla apicale, si
contano sul giro
apicale circa una
trentina di
costoline
nella zona apicale
si contano anche
50/60 costoline
elicoidali
zona superiore sono
presenti delle costole
piuttosto larghe e
ravvicinate, poi si
trasformano
rapidamente in strie
confuse.
Fittissime coste assiali
si incrociano con coste
spirali leggermente più
deboli, la specie appare
comunque brillante
nonostante il copioso
intreccio di coste.
per apice a
proposito delle
due linee incise.
Caratteristica la
notevole quantità
di strie che si
incrociano e la
brillantezza che la
specie mantiene.
8 - 14 31
nessuna scultura,
descritta come liscia
6-
(1) - la specie è riportata nello stesso gruppo della mamillata solo perchè l'autore la dice, come forma, simile a questa
per quanto riguarda l'aspetto generale - eccezion fatta per l'apice che è perforato.
- Acteocina knockeri (Smith,E.A.,1872)
D.O. "Conchglia cilindrica, bianca, spira turrita, molto breve, apice a forma di
tubercolo, 5 giri, l'ultimo liscio, privo di scultura, superiormente angolato e plicato,
bocca alta quasi quanto l'ultimo giro, labbro rettilineo, columella plicata. alt. 4,5
mm. diam. 2." Riconoscibile per la spira piatta, il tubercolo apicale e le pliche
nella parte superiore della spira. Hoenselaar & Gulden (1) dicono che la specie si
distingue da A. mucronata soprattutto per le caratteristiche della zona apicale.
Segnalata per la Tunisia (1)
In verità, differenze sostanziali, tra questa e la specie seguente, io non ne avrei
individuate, comunque riporto per ambedue i disegni o le foto che di ciascuna ho
trovato.
da - 1 -
- Acteocina mucronata (Philippi, 1849)
Aspetto generale cilindrico, l' apertura è piuttosto larga, l'apice è costituito da una
papilla (a ben osservare sarebbe più corretto parlare di una apice quasi
pyramidelliforme, cioè disposto orizzontalmente) al di sotto della quale si
possono contare ancora 2-3 giri che scendono scalati e separati fra loro da una
scanalatura concava, la sutura è ornata da 17-19 pliche raggiate piuttosto
marcate, la spalla dell'ultimo giro presenta una doppia angolazione. Inoltre, non
so se sia una caratteristica della specie, una caratteristica dell'esemplare che ho
visto o una caratteristica dei giovani: immediatamente al di sotto della spalla
apicale corre una banda spirale leggermente più trasparente. La specie
raggiunge i 6 mm. di altezza. Coste di Israele e coste meridionali turche (2) (4) Libano 3 mt. (4)
- Cylichna alba (Brown, 1827)
50
da - 3 -
Piuttosto grande,
lucida, numerose, strette, fini strie
spirali sono presenti sull'intera superficie della spira, il labbro
forma, molto spesso, un piega riflessa verso l'apice e copre,
qualche volta, la perforazione, e quando questa rimane
scoperta, all'interno si nota, non sempre , un callo, la piega
suddetta si vede chiaramente anche dalla vista apicale. Se
osservata lateralmente, dal lato destro, il labbro della specie
forma una curvatura regolare che raggiunge la sua massima
estensione alla metà della sua altezza.
-
da - 32 -
-
da - 32 -
Cylichna crossei B.D.D., 1886
Dicono gli Autori che la specie potrebbe essere stata confusa fino a quel momento
con C. umbilicata, ma se ne distingue per la taglia più piccola, per essere più
regolarmente ovale, non ristretta superiormente, ne' allargata alla base, e per la sua
apertura che mantiene la stessa larghezza per tutta la sua altezza, a parte,
naturalmente, l'apertura basale. Gli Autori danno misure di 2 mm. x 1 di larghezza, il
foro apicale è stretto e profondo. La superficie è lucida su di essa si distinguono, a
-forte ingrandimento, strie di accrescimento arcuate e, verso la base strie decorrenti
molto fini. Columella spessa provvista di una plica piuttosto marcata. Strie spirali
sono presenti verso la base dell'ultimo giro, la distanza del labbro dalla columella si
mantiene sempre uguale per
tutta l'altezza del labbro edesimo. Strie di
accrescimento arcuate. La corona apicale, vista dall'alto appare raggiata. Segnalata
da B.D.D. (10) per la spiaggia di Canet, Francia (pochi Km dal confine spagnolo),
ma probabilmente vivente anche in altre zone del Mediterraneo, dicono tra l'altro, che
Del Prete l'ha trovata a Viareggio e Joly a Algeri. Curiosamente, questa specie è
segnalata da Pruvot-Fol per il bacino est del Mediterraneo. Bellini (35) considera
"Grossei" var. di umbilicata e la segnala per Capri.
da 10
-
da -9-
-
Cylichna cylindracea (Pennant, 1777)
La specie è facilmente separabile dalle altre, in primo luogo per il rapporto
altezza/larghezza particolarmente elevato, normalmente non è mai inferiore
a 2.5, poi usualmente, negli esemplari freschi, sono presenti delle linee
spirali, ondulate brune (probabilmente nel periostraco), più ravvicinate ed
evidenti alle due estremità. Queste linee non sempre sono disposte nello
stesso modo: talvolta, come detto, sono soprattutto spirali, altre volte sono
invece molto più ravvicinate e forti vicino al bordo columellare. Questa
caratteristica, che si riscontra, a volte, con colori decisamente più tenui,
anche in altre specie, è
stata riscontrata soprattutto negli esemplari
raccolti viventi o comunque freschi; sono stati trovati nella cavità gastrale
di Astropecten sp. esemplari che raggiungevano dimensioni eccezionali,
ne ho trovati con altezza prossima al cm La conchiglia è cilindrica, la zona
più alta del nicchio si ha dopo che il labbro ha terminato la sua salita verso
l'apice ed inizia a disporsi orizzontale per formare la corona apicale. La
zona dell'apice non è particolarmente elaborata, l'ombilico è poco profondo
è si chiude quasi subito, sono presenti sulla corona solo leggere strie
elicoidali. Questa specie vive a partire da pochi metri (7-8) fino a profondità
notevoli.
-
Cylichna hoernesii (Weinkauff, 1866)
51
da www.gastropod.com
Secondo Tringali & Oliverio (8), e Tringali (13) la specie dovrebbe
correttamente essere collocata nel genere Pyrunculus dal momento che
presenta le placche gastrali tipiche del genere e non ha radula.
Anche l'aspetto generale in effetti ricorda quello di P. ovatus, tuttavia se ne
distingue soprattutto nella corona apicale che in P. ovatus è rappresentata
da un numero rilevante di fini strie , mentre in C. hoernesi si possono
contare circa una trentina di costicine. La specie presenta molto spesso
delle linee spirali incise piuttosto distanti tra loro, più evidenti nella metà
inferiore; inoltre, altro carattere peculiare è la coppia di fossette spirali che
corrono parallele immediatamente al di sotto della spalla apicale. La specie
è alquanto stretta nella zona apicale si dilata regolarmente scendendo
verso la base, non con rigonfiamenti improvvisi (come R. fourierii), ma in
maniera assolutamente conica e costante. Sulla spira sono presenti, in alto
alcune costoline assiali, piuttosto larghe e ravvicinate, che comunque si
dissolvono quasi completamente dopo essere scese per circa 1/5
dell'altezza totale, dopo di che, scendendo sulla spira sono presenti solo
deboli strie assiali che potrebbero anche essere strie di accrescimento.
La zona apicale vista dall'alto è molto elegante, presente una raggiatura
spirale di una quarantina di costoline che si infilano nel profondo ombilico
dell'apice; tale raggiatura spesso si può vedere anche sul giro seguente
all'interno del foro.
Segnalata per Algeria, coste nord africane e Tirreno Centrale
da – 13 -
da -8-
- Cylichna parvula Jeffreys, 1883
Questa specie è una delle meno trattate nei lavori che ho avuto occasione
di leggere, sembra quasi di trovarsi di fronte ad uno dei tanti "fantasmini"
che popolano la sistematica del mediterraneo, al contrario io ritengo che sia una
delle specie meglio descritte, credo che possa essere abbastanza facilmente
separata dalle altre e probabilmente non è rarissima come si suppone, al
contrario, penso di averla trovata (sempre comunque non frequente) anche nei
detriti profondi dell'Arcipelago toscano. Un esemplare,
il più grande che ho (2 mm.) dragato davanti ad Antignano a circa 40/45 mt. su
fango. Da d.o. (33)"La conchiglia è a forma di un corto cilindro, abbastanza
solida per la sua taglia minuta, semistrasparente e lucida, scultura: numerose,
finissime linee di accrescimento, molto vicine, senza spazi intermedi vuoti. La
corona o apice è cintata da solchetti e costoline punteggiate; esemplari immaturi
e giovani mostrano la zona apicale con uno o due giri con nucleo globulare,
colore bianco chiaro, bocca ristretta superiormente ed al centro, ampia e
arrotondata inferiormente: il labbro esterno è incurvato alle due estremità,
leggermente proteso oltre (verso) la corona apicale, il labbro in alto rimane
piuttosto basso rispetto alla zona apicale, apice perforato: columella corta,
flessuosa, intaccata alla base.
Secondo Cattaneo Vietti e Thompson (SIM
1989 -pg 183) endemica del Mediterraneo. Koutsoubas, Koukouras, Karakassis
e Dounas (SIM 1992 - pag. 69) la dicono trovata a Creta, sfortunatamente non
precisano dove, anzi del materiale raccolto viene presentata un'unica lista, senza
l'indicazione della Staz. di raccolta (gli autori dicono che il materiale proviene da 0
a 250 mt. di profondità!!). In seguito (SIM 1993 - pag. 191) ancora Koutsubas e
Koukouras la citano nuovamente per Creta in materiale raccolto da 0 a 1000 mt.!!
Al largo di Creta (5).
Purtroppo questa conchiglia è anche pochissimo raffigurata, ma credo che il
disegno che appare sul Pruvot-Fol riesca nella sua semplicità a rendere
perfettamente individuabile la specie.
- Retusa candidula (Locard, 1792)
52
da -5-
La descrizione che di questa da l'autore in realtà si basa su differenze comparative con altra specie non nominata,
presumibilmente con Cylichna obtusa Montagu, (la specie che la precede), la descrizione in ogni caso è
decisamente insufficiente per identificare e separare senza dubbi la specie; questa è la diagnosi originale: " Di
taglia più piccola, profilo più cilindrico; spira più alta; ultimo giro molto discendente alla sua estremità, con profilo
più rettilineo; apertura più piccola è più regolarmente stretta. - H. 2/3 - D. 0.75 - 2 millimetri."
Credo di non aver mai visto questa specie. Tra l'altro nel loro "Catalogo annotato dei molluschi marini del
Mediterraneo" Sabelli, Giannuzzi-Savelli e Bedulli sostengono che probabilmente si tratta di specie incerta,
possibile sinonimo proprio di Retusa obtusa.
Rara; Oceano, zone litorali e con alghe"
-
Retusa dilatata Pallary, 1904
Cilindrica con la parte superiore decisamente più stretta di quella
inferiore, i primi 2/5 scendendo verso il basso sono perfettamente
cilindrici, poi si ha un leggero restringimento, dopo di che inizia la
dilatazione, molto evidente, che da il nome alla specie. La
superficie dell'ultima spira è completamente coperta da coste
longitudinali, incurvate piuttosto rilevate, larghe più o meno quanto
gli interspazi fra di esse; queste coste partono dall'apice e arrivano
fino alla base della conchiglia mantenendo la stessa consistenza.
Questa scultura, sull'apice, assume l'aspetto di una corona di coste
elicoidali che si possono vedere anche sui 2 giri che precedono
quello finale, negli esemplari maturi si intravedono, all'interno del
foro apicale, circa 3,5 giri complessivamente, i due meno interni,
come detto, sculturati. Segnalata per le coste della Tunisia.
Questi sono i caratteri che generalmente vengono evidenziati
allorchè viene descritta Retusa dilatata, tuttavia, a ben vedere non
vi sono differenze particolarmente importanti con Retusa truncatula.
L'ampliamento (la dilatazione) che si riscontra nella metà inferiore
della conchiglia è più o meno accentuato, ma spesso è simile a
quello riscontrato in alcune R. truncatula. L'altra differenza cioè le
coste longitudinali che arrivano fino alla base mantenendo la stessa
consistenza, non mi pare del tutto vera poichè ho notato che a
volte le coste, pur arrivando molto in basso, non coprono l'intera
altezza.
Per questi motivi ritengo che R. dilatata non possa essere
considerata specie valida, ma al massimo un forma (con habitat
ristretto alle coste della Tunisia e Sicilia) di Retusa truncatula.
da -8-
- Retusa fourierii (Audouin, 1826)
Anche questa specie secondo Tringali & Oliverio (8) dovrebbe
essere collocata nel genere Pyrunculus. Aspetto generale piuttosto
allungato, presenta sulla superficie dell'ultimo giro una fine scultura
(comunque piuttosto rilevata ed evidente) composta da costicine
longitudinali che si incrociano con linee spirali, un po' meno marcate;
nonostante questa scultura piuttosto marcata, complessa e fitta la
spira mantiene un aspetto brillante anzi quasi trasparente. Nella
corona apicale si possono contare anche 50/60 costicine elicoidali
che altro non sono che l'inizio della suddetta scultura longitudinale.
La curva superiore del labbro oltrepassa in altezza il foro apicale, il
labbro forma una fessura alquanto stretta nei 3/4 superiori, poi
bruscamente, dopo una leggera strozzatura, si dilata.
Segnalata per il Libano e le coste sud della Turchia.
da -8-
53
- Retusa leptoneilema (Brusina, 1866)
Descr. originale di Cylichna leptoneilema Brusina, 1866
"C. testa minuta, esacte cylindrica, solidiuscula, lactea;
longitudinaliter oblique sulcata; vertice truncato, saepe spira
exerta, columella basi subtruncata, sublicata. Lun. 3 mm.,lar. 1,5
mm. etc. ....." Brusina la dice esattamente cilindrica
assolutamente non dilatata alla base, più corta e più larga di R.
truncatula - semisulcata , molto più solida e opaca di questa,
poco lucente all'esterno molto al suo interno che appare
perlaceo. E'solcata per tutta la sua lunghezza (altezza) da strie
sottilissime oblique, mentre in R. semisulcata arrivano circa alla
metà, il vertice è tronco, non semiombelicato, ma piano, anzi
talvolta la spira fuoriesce e si possono distinguere i primi 3 - 4
apicali. L'apertura è lineare superiormente, più dilatata nella zona
inferiore; la columella alla base è quasi tronca, poco ripiegata, a
comunque più di R. semisulcata, inoltre, scendendo verso il
basso, l'apertura inizia a dilatarsi circa alla metà della sua altezza,
contrariamente a semisulcata che inzia a dilatarsi dopo circa 2/3
della sua lunghezza. In realtà sull'apice si possono chiaramente
contare solo 2 giri e 1/3 prima della papilla centrale.
L'Autore la dice molto rara nel porto di Zara, più frequente a
Melada (l'attuale Mljet, Croazia)
Da -7-
- Retusa mamillata (Philippi, 1836)
E' stata messa da Thompson(12) in sinonimia con R. truncatula,
tuttavia la specie presente notevoli differenze rispetto a
truncatula, di taglia decisamente più piccola, regolarmente
cilindrica, non presente zone di maggior larghezza rispetto ad
altre, salvo una leggerissima strozzatura che si ha nella zona
inferiore quando il labbro dopo essere scorso parallelamente al
bordo columellare per quasi tutta la sua lunghezza, poco prima
di aprirsi, si avvicina leggermente al bordo columellare formando
nel profilo cilindrico della conchiglia un lieve rientro. In questo
punto di avvicinamento il labbro presenta spesso una leggera
piega. Non ho mai visto su mamillata le due bande mediane
lucide spesso presenti su truncatula, e la specie, come dice il suo
nome, mostra l'apice mamilliforme al di fuori della spira. Sulla
superficie dell'ultimo giro si possono notare delle leggere coste
nella zona apicale che scendendo verso il basso si dissolvono
rapidamente. La specie vive anche nelle nostre zone di ricerca,
per quanto ne so, non a profondità oltre i 15/20 mt.
da – 10 --
da -7 --
54
- Retusa minutissima (Monterosato, 1878 ex H.Martin ms.)
Le piccole dimensioni sembrano essere la prima caratteristica della
specie, infatti normalmente gli esemplari adulti passano, di poco, il
mm. Anche il rapporto altezza/larghezza è particolarmente basso,
infatti la specie appare piuttosto larga in rapporto alla sua altezza.
La conchiglia è cilindrica, l'altezza del labbro il più delle volte è
uguale a quella totale, non si notano, di regola, zone dilatate o
restringimenti sull'ultimogiro, la scultura è
rappresentata da
finissime strie assiali inclinate, visibili a forte ingrandimento, non è
presente scultura spirale; la zona apicale, normalmente si sviluppa
sullo stesso piano, non sono infrequenti, comunque, esemplari con
i primi giri di spira più in alto dell'ultimo giro. La vista apicale,
dall'alto, mostra sui circa 2 giri e 1/3 visibili prima nel nucleo
centrale lucido, la consueta striatura elicoidale ornata da numerose
strie disposte in maniera irregolare. Abbastanza frequente anche
nelle nostre zone, si rinviene facilmente nella cavità gastrale di
Astropecten sp. raccolti a profondita di 30-60 mt., o anche a
profondità inferiori, nelle vicinanze dei moli del porto di Livorno.
da – 7 --
- Retusa obtusa (Montagu, 1803)
Questa specie e segnalata per il Mediterraneo da Pruvot-Fol
(5), Non credo comunque che la si possa trovare nelle nostre
zone. Questa è la descrizione che ne da Pruvot-Fol: "conchiglia
oblonga, ristretta al centro, più larga alla base generalmente
opaca e lucente (?); numerose strie di accrescimento e, nei
giovani, freschi, fini strie spirali visibili al microscopio; spira
striata
trasversalmente e indistintamente; periostraco da
crema a giallo-bruno, colore bianco; spira corta, troncata, ma
variabile e talvolta più allungata; 4 giri angolati in alto, il giro
centrale globulare , sutura profonda; columella flessuosa, zona
superiore stretta, parte inferiore allargata e arrotondata, labbro
esterno dolcemente arrotondato che non arriva mai all'altezza
dell'apice." Il labbro esterno presenta, come detto, una leggera
strozzatura prima di dilatarsi alla base, il labbro interno
normalmente è coperto da un callo per tutta la sua altezza.
raff. da autori diversi
da -7- Retusa pellucida (Sars G.O., 1878)
Sars la descrive come varietà della U. truncatulus Bruguiere, le differenze
elencate dall'autore
rispetto alla "forma typica" sarebbero costituite dalla
completa assenza di scultura assiale e spirale e l'aspetto regolarmente cilindrico.
Molto probabilmente si tratta proprio di una varietà della R. truncatula Brug.
da -6 55
- Retusa truncatula (Bruguiere, 1792)
Probabilmente questa è la specie che, almeno nelle nostre
zone, si rinviene con più frequenza. La forma è cilindrica,
più ristretta nella metà superiore del giro, nella metà
inferiore si dilata leggermente, la spalla dell'ultimo giro
presenta
un
angolo
abbastanza
acuto,
l'apice
se si osserva la specie frontalmente non è visibile, o
almeno non ho mai trovato esemplari con apice visibile,
tuttavia Oliverio e Tringali (7) mostrano la foto di un
esemplare, raccolto a Djerba, con il penultimo giro
chiaramente fuori dalla spira. La scultura della spira è
costituita da costicine verticali che si indeboliscono man
mano che scendono fino a divenire obsolete nell'ultimo
terzo inferiore, spesso sulla spira sono presenti 2 (o 3)
bande di colore ialino semitrasparente, in contrasto con il
colore dominante bianco. Sull'apice si contano 22/25
costicine elicoidali che rappresentano l'origine delle coste
assiali presenti sulla spira.R. truncatula
è stata
alternativamente posta e tolta in sinonimia con R.
semisulcata (Philippi, 1836), gli ultimi orientamenti
sembrerebbero volti alla sinonimia; in effetti solo in linea
teorica la distinzione fra le due è possibile, in pratica le
forme di passaggio, se così si può dire, coprono le
differenze fra le due entità, mi sembra quindi giusto quanto
asserito da Tringali (27) che si possono trovare esemplari
che presentano contemporaneamente caratteri ritenuti
distintivi per semisulcata e per truncatula; nella specie
assume
particolare
importanza
la
freschezza
dell'esemplare, tale stato determina spesso la lucentezza,
la presenza e consistenza delle coste, nonchè la maggiore
o minore trasparenza
da – 10 --
da –9--
f. semisulcata
-Cylichnina crebrisculpta Monterosato, 1884
La specie ha una forma ovoidale, la zona superiore è più stretta, la spalla
dell'ultimo giro è arrotondata, la parte più alta del nicchio si riscontra nel
punto in cui il labbro si ripiega su se stesso, sull'ultimo giro è presente una
scultura costituita da strie spirali e assiali, queste ultime sono un po' più
marcate; l'incrocio di queste strie forma, naturalmente un reticolo.
Quando le pliche longitudinali, prima di raggiungere la bocca della
conchiglia, si appressano, sono ancora più rilevate. E' presente una
discreta
plica columellare. La spira, nella zona apicale, risulta
profondamente infossata, normalmente non si vedono i primi giri. Ho avuto
occasione di vedere un esemplare identico a quelli raffigurati, la specie
somiglia, per la forma generale a C. umbilicata (Montagu, 1803) e per la
scultura a C. laevisculpta (Granata-Grillo, 1877), la forma generale è
simile, come detto, a Retusa umbilicata: ovaliforme, più stretta nella zona
apicale, la scultura invece è molto vicina a quella di C. laevisculpta, cioè
formata da costoline longitudinali (che si rinforzano verso la base) e lieve
scultura spirale. Il cartellino originale sembrerebbe andato perso nel corso
della Mostra (di Roma?) del 1976, una nota su un catalogo della Mostra ed
un cartellino, probabilmente del curatore Schirò, identificano le specie nella
collezione di Monterosato L'Autore dice di averla trovata a Palermo, San
Vito, e segnala anche Napoli (Tiberi). Stranamente Monterosato (34) che,
ovviamente, conosceva crebrisculpta molto bene la dice sinonimo di
Cylichnina strigella, Loven = umbilicata (Montagu), ma evidentemente non
supponeva che strigella di Loven sarebbe poi caduta in sinonimiadi
umbilicata.
56
da – 7 --
- Cylichnina girardi (Audouin, 1826)
4 mm. La specie è inconfondibile a motivo della banca bruno-verde chiaro che
cinge l'ultimo giro, questa banda, piuttosto larga, presente i margini superiore e
inferiore di colore leggermente più marcati. La specie è ovaliforme, alquanto
panciuta, sulla superficie dell'ultimo giro si possono notare leggere strie di
accrescimento oblique e linee incise spirali non equidistanti, ma un po' più
appressate ai due estremi. Il labbro, piuttosto largo, quando in alto si piega verso il
bordo columellare raggiunge il punto di massima altezza della conchiglia.
Segnalata per le coste del Libano.
da –36 -- Cylichnina laevisculpta (Granata - Grillo, 1877)
Monterosato la segnala per Palermo, Trapani, Magnisi, la dice anche
rinvenuta a Malta (Hanley, Issel), Smirne (Terquem), La Spezia (Doria)
e Marsiglia (Isaac). Cilindrica, solo leggermente più stretta nella zona
superiore, la scultura, molto bella, è composta da costoline longitudinali
non equidistanti che si incrociano con strie ondulate spirali, all'interno
delle suddette più grossolane strie longitudinali è presente una
microscultura di finissime strie longitudinali (microscopio!!), poco prima
dello slargo procurato dalla bocca, il profilo della conchiglia presenta
un leggero restringimento. Il labbro nel suo punto più elevato supera in
altezza, non di molto, la zona ombelicale. Visto dall'alto, l'apice mostra
una copiosa raggiatura elicoidale, all'interno del foro apicale,
abbastanza stretto, si può vedere ancora un giro di spira, tuttavia,
almeno negli esemplari raccolti viventi, spesso il foro apicale è occluso
da una sorta di "ruggine". La specie è abbastanza frequente nelle
nostre zone, l'abbiamo dragata dai 7-8 mt. in poi nelle zone portuali e
anche, meno frequente, di fronte a Ardenza, Antignano sui 40 mt.
da – 9 --
- Cylichnina cfr. mongii (Audouin, 1827)
Descrizione data da Cecalupo e Quadri (15): "Conchiglia di forma
ovale allungata, diafana, leggera, lucida; in trasparenza lascia
intravedere fini strie di accrescimento trasversali decorrenti con
altrettante meno acce(n)ttuate strie verticali, che danno origine ad
una irregolare decussatura. Apice troncato a spira infossata,
apertura rettilinea in alto e arrotondata alla base, labbro columellare
sinuoso con ispessimento; labbro esterno tagliente arrotondato alla
base. Le dimensioni dell'esemplare figurato sono: altezza 2,2 mm.
larghezza 1,5 mm. - E' necessario comunque tenere presente che di
questa determinazione gli Autori non sono certissimi La segnalano
per Cipro a bassa profondità 2-5 mt.
da – 15 --
- Cylichnina multiquadrata (Oberling, 1970)
Credo di non aver mai visto la specie, pertanto posso solo indicare la descrizione originale: "Rari esemplari sulla
spiaggia de la Franqui. Forma a rozzo cilindro, un po' come R. mamillata, Philippi ma con l'apice perforato.
Scultura reticulata formata da solchi spirali et trasversali come per la R. crebrisculpta Monterosato, ma con
reticolazione più densa di questa specie. La columella è molto sviluppata.” La descrizione, come si vede, non è
particolarmente dettagliata, seppure le caratteristiche indicate siano alquanto precise, purtroppo sono poche.
Pertanto, non credo di essere nella condizione di dire se la specie sia buona o no, una cosa è certa: le specie
istituite da Oberling il più delle volte si sono dimostrate buone.
57
- Cylichnina nitidula (Loven, 1846)
La specie, come dice anche Monterosato, vive in profondità.
Questa infatti si trova (non frequente) nei detriti profondi
dell'Arcipelago toscano. Più ristretta nella parte superiore rispetto a
quella inferiore, ad un esame superficiale appare quasi liscia, se
osservata a discreto ingrandimento (x15/20) si possono notare
debolissime strie di accrescimento e altrettanto deboli strie spirali
ondulate, queste ultime più frequenti verso la base, sia le strie di
accrescimento che le spirali sono deboli, ma non strette, direi
piuttosto, poco profonde, poco incise; la parte apicale presenta una
fessura particolarmente stretta. Il colore è spesso iridescente.
da – 6 --
da – 9 --
- Cylichnina umbilicata (Montagu, 1803)
Sull'ultimo giro sono presenti strie spirali ondulate, più o meno ravvicinate nella
zona basale, labbro esterno arrotondato troncato obliquamente in alto, ma che
sorpassa seppur di poco l'apice, il labbro columellare è ispessito e presenta un
leggero rigon-fiamento al centro. La conchiglia è leggermente più stretta in alto
di quanto non lo sia nella metà inferiore, la corona apicale, vista dall'alto, appare
quasi liscia. Colore crema tendente al biancastro .A proposito di questa specie
ritengo di dover fare alcune considerazioni: sostanzialmente è uguale alla nitidula,
la scultura è molto simile (non uguale), e non è un caso che abbia fra i suoi
sinonimi strigella = nitidula, tra l'altro gli stessi vanAartsen, Monkhorst e
Gittemberg (11) ritengono umbilicata, nitidula, crebrisculpta e strigella sinonimi;
credo però si possa accettare solo parzialmente ciò che sostengono, delle quattro
entità considererei crebrisculpta non in sinonimia con le altre. Direi invece che le
differenze (conchiliari) fra nitidula e umbilicata sostanzialmente sono soltanto
due, e piuttosto discutibili: nitidula è leggermente più conica, umbilicata oltre a
mostrare, come detto, minore differenza di ampiezza fra i due estremi, presenta
una scultura assiale di linee di accrescimento più fitta ed evidente, ma nei pochi
esemplari che ho avuto occasione di vedere queste caratteristiche spesso non
avevano una definizione così netta da poterle attribuire all'una o all'altra entità,
pertanto ritengo che effettivamente nitidula (Loven,1846) e umbilicata (Montagu,
1803) siano la stessa specie quindi dovrà essere presa in considerazione
soltanto C. umbilicata di Montagu, anche perchè le due entità presentano una
scultura così debole da rendere problematico ogni tentativo di distinzione, quindi a
mio avviso, l' unica differenza (lieve) può essere riscontrata nella maggiore
conicità di nitidula rispetto a umbilicata, ma anche questa differenza è alquanto
discutibile (cfr. i disegni riportati dal Sars). Di seguito riporto quanto dicevano
B.D.D (10) riguardo a umbilicata - "conchiglia alta
2,5 mm. larga 1,2 mm. ,
assai sottile, poco trasparente, di forma ovale oblonga, leggermente ristretta nella
parte superiore e dilatata verso la base, Sommità troncata, con spira infossata,
che presenta al centro una perforazione ombilicale stretta e profonda. Superficie
lucida sulla quale si nota, con il microscopio, delle strie di accrescimento arcuate
e leggerissime strie decorrenti ondulate. L'apertura occupa l'intera altezza della
conchiglia , un po' più larga superiormente, ristretta al centro e piriforme alla
base. Il bordo columellare è convesso, la columella è corta, spessa e provvista di
una piega piuttosto forte." Segnalata da Terreni (18) per Vada e Capraia e Isola
d'Elba, Appelius per Livorno e Castiglioncello. Gibilterra, Mediterraneo e Adriatico
(5)
58
da – 9 –
da – 6 --
Pyrunculus ovatus (Jeffreys, 1871)
L'aspetto generale è conico, tuttavia la larghezza massima non viene
raggiunta nella zona inferiore della spira, ma piuttosto dopo 2/3
scendendo dall'apice alla base, questo da alla specie un aspetto più
"panciuto" che conico; La scultura può essere costituita dalle solo
linee di accre-scimento (molto tenui), non è presente scultura
spirale. Anche la zona apicale, consequentemente, non presenta
delle vere e proprie pliche, ma solo finissime strie di
accrescimento disposte in maniera elicoidale che terminano in una
leggera carena dopo la quale inizia il foro apicale. La specie è
rinvenuta anche nelle nostre zone, nei detriti profondi dell'Arcipelago
toscano.
da – 9 --
Volvulella acuminata (Bruguiere, 1792)
Non è possibile confondere la presente specie con le altre
della fam. Retusidae (o Cylichnidae) dal momento che è
l'unica a presentare la zona apicale a punta. Abbastanza
allungata, l'apice, come detto, è acuminato, poi man mano
che si scende la specie si dilata (mai eccessivamente), poi
mantiene per circa 2/5 la larghezza acquisita, quindi inizia
nuovamente a restringersi con l'approssimarsi dell'estremità
inferiore, sulla columella è presente una discreta piega. La
specie appare lucida e liscia, al massimo si possono
notare, a buon ingrandimento, alcune leggere linee spirali,
non ravvicinate, un po' più evidenti nella metà inferiore
dell'ultimo giro.
da – 10 --
da – 9 --
Ritengo importante precisare che le caratteristiche relative ad alcune specie sono state ricavate da disegni, foto o vecchie
descrizioni; in alcuni casi, infatti, non ho avuto la possibilità di vedere materialmente le specie.
59
Sinonimia principale
adelaidis, Rhizorus Montfort, 1810
blainvilliana, Bulla Recluz
carinensis, Retusa De Gregorio, 1889
convoluta, Bulla Forbes, 1844
convoluta, Bulla (Scacchi, 1836)
convoluta, Retusa (Brocchi,
)
crassa, Bulla Walker
cuneata, Retusa Tiberi
cylindrica, Bulla Scacchi
cylindrica, Retusa (Bruguiere, 1792)
elongata, Retusa (Locard, 1886)
fucicola, Bulla Chiereghini
minuta Macgyllivray, 1843
oliva, Retusa Gmelin, 1790
pellucida, Volvaria Brown, 1827
pertenuis, Bulla Mighels, 1843
piriformis, Retusa (Monterosato, 1878)
plicata, Retusa Brown, 1827
producta, Retusa (Brown, 1827)
pyramidata, Bulla A.Adams,
retusa, Retusa (Maton & Rackett, 1807)
striata, Bullina Risso
strigella, Cylichnina (Loven, 1846)
subcylindrica, Cylichnina (Brown, 1827)
tritica, Retusa Couth
triticea, Ovula Blaiville
truncata, Bulla O.G. Costa, 1839
truncata, Bulla Philippi, 1844
truncata, Retusa (Adams J., 1800)
truncatella, Retusa (Locard, 1883)
truncatula, Bulla Philippi, 1836
acuminata
umbilicata
semisulcata - truncatula
cylindracea
cylindracea
cylindracea
truncatula
hoernesi
truncatula
cylindracea
cylindracea
acuminata
mamillata (Philippi, 1836)
cylindracea Pennant
truncatula Brug.
obtusa Montagu
semisulcata Phil. ??
obtusa Montagu
cylindracea Pennant
hoernesi
truncatula Brug.
semisulcata Phil.
umbilicata Montagu
crebrisculpta Monteros.
umbilicata Montagu
alba (Brown, 1827)
acuminata
truncatula
semisulcata
truncatula Brug.
truncatula
umbilicata
60
Bibliografia consultata
10
B.D.D.
20
21
6
33
19
34
26
35
5
23
29
Brusina
Jeffreys
Sars G.O.
Jeffreys
Monterosato
Monterosato
Locard A.
Bellini
Pruvot Fol A.
Oberling
Spada, Sabelli e Morandi
18821886
1866
1867
1878
1883
1884
1890
1892
1929
1954
1970
1973
12
32
Thompson T.E.
Bouchet e Waren
1976
1979
24
18
11
Waren
Terreni
van Aartsen, Menkhorst e
Gittenberger
Bogi e Khairallah
1980
1981
1984
1989
31
4
9
1
van Aartsen, Carrozza e
Lindner
Aartsen, Barash e Carrozza
Bogi e Giannini
Gaglini A.
Hoenselaar e Gulden
1989
1990
1991
1991
13
Tringali
1992
25
1992
16
3
Sabelli Giannuzzi-Savelli e
Bedulli
Barash e Zenziper
Cecalupo e Quadri
1993
1994
15
27
Cecalupo e Quadri
Tringali
1995
1995
36
17
22
30
28
Buzzurro & Greppi
Giribet e Penas
Cosenza e Fasulo
Bogi e Bella
Chiarelli
1996
1997
1997
1997
1999
7
Oliverio e Tringali
2001
8
Tringali e Oliverio
2001
14
2
1987
Les Mollusques marins du Roussillon - Fasc. 1
Contributo pella fauna dei molluschi dalmati
British Conchology - Vol. IV - pag. 409
Mollusca regionis Arcticae Norvegie (tav. 17 fig. 15)
Mediterranean Mollusca No. 3 and other Invertebrata
Nomenclatura generica e specifica di alcune conchiglie mediterranee
Conchiglie delle profondità del mare di Palermo
Les coquilles marines des cotes de France
I molluschi del golfo di Napoli
Mollusques Opistobranches - Faune de France - Part 1 (pag. 60)
Quelques especes nouvelles de gasteropodes du bassin mediterraneen
Contributo alla conoscenza della malacofauna dell'isola di Lampedusa - Conchiglie (UMI)
pag. 29
Biology of Opisthobranch Molluscs
The abyssal molluscan fauna of the norwegian sea and its relation to other faunas - Sarsia
64: 211-243
Marine mollusca described by John Gwyn Jeffreys, with the location of the type material
Molluschi conchiferi del mare antistante la costa toscana
The marine Mollusca of the Bay of Algeciras, Spain with general notes on Mitrella,
Marginellidae and Turridae.
Nota su alcuni molluschi di provenienza Indo-Pacifica raccolti nella Baia di Jounieh (Libano)
- Contr. 1 - CISMA (pag. 54)
Acteocina mucronata (Philippi, 1849) a recent Red Sea immigrant species in the Eastern
Mediterranean - Not. SIM (pag. 285)
Addition to the knowledge of the mediterranean mollusca of Israel and Sinai - SIM pag. 63
Nota su alcuni molluschi rinvenuti nel Mediterraneo - La Conchiglia (256 - pag. 48)
Seconde spigolature..... Monterosatiane - CISMA (pag. 1)
First record of Uticulastra knockeri (E.A.Smith, 1872) in the Mediterranean Sea - Not. SIM
(pag. 56)
Some remarks on "Bulla" hoernesi Weinkauff,1866, and its systematic position - CISMA
(pag. 23)
Catalogo annotato dei molluschi marini del Mediterraneo
Note sugli Opistobranchi del Mar Rosso - La Conchiglia (Nr. 269)
Contributo alla conoscenza malacologica per il nord dell'isola di Cipro - parte I - Not. SIM
(pag. 5)
Contributo alla conoscenza malacologica per il Nord dell'isola di Cipro - Boll. SIM (pag. 95)
Qualche considerazione su Retusa truncatula (Bruguiere, 1792) e R. semisulcata (Philippi,
1836) - CISMA pag. 31 - 1994
Annuario La Conchiglia
Fauna Malacologica del litoral del Garraf (N.E. del la Peninsula Iberica) Iberus 15 (pag.41)
I molluschi conchiferi litorali dell'Isola di creta - La Conchiglia 284 (pag. 51)
Ritrovamenti lungo le coste israeliane. - La Conchiglia 284 - (pag. 42)
Nuovo catalogo delle conchiglie marine del Mediterraneo
The types of marine molluscan species described by Monterosato, in the Museo Civico di
Zoologia, Roma etc. - Boll. Malcologico (pag. 121)
The recent mediterranean species of the genus Pyrunculus Pilsbry, 1895 - Boll.
Malacologico (pag. 151)
Nota: i numeri che appaiono vicino ai disegni/foto indicano da quale lavoro sono stati tratti. - vedi bibliogr.
Ringrazio:
Enzo e Alessandro per avermi dato alcuni testi senza i quali questa nota sarebbe stata anche più incompleta di quanto
già non lo sia ora.
61
Notiziario S.I.M.
22 (5-8)
pagg. 13-24
Maggio-ago. 2004
settembre 2004
Bivalvi esotici nel Porto di Livorno
MARGELLI A 1., CUNEO F 2., COPPINI M 3. & CAMPANI E. 4
Riassunto – In questa nota viene segnalata o confermata la presenza di popolamenti delle due specie di bivalvi
Indo-Pacifici Theora (Endopleura) lubrica Gould, 1861 e Musculista senhousia (Benson in Cantor, 1842). Viene
brevemente affrontata la discussione della loro riproduzione in loco sulla base del loro primo ritrovamento e delle
loro modalità di riproduzione.
Da alcuni anni effettuiamo dragaggi in acque di bassa profondità (6 – 40 m) nelle aree di mare in prossimità della
città di Livorno, comprese le acque interne del porto stesso.
Qui la profondità oscilla tra 8 e 15 m. ed i fondi sono fangosi, permettendo agevolmente i dragaggi. Per essi è stata
utilizzata una draga in acciaio di forma triangolare con lato di circa 40 cm munita di un sacco in rete con maglia di
1 mm. La lunghezza di ogni dragaggio varia tra una decina ad un centinaio di metri secondo la consistenza dei
fondi in modo da limitarne il volume a valori inferiori ai 30-40 litri. Ad ogni dragaggio la frazione pelitica del
campione viene eliminata in loco per agitazione in acqua del sacco sino a chiarificazione dell’acqua di
decantazione. Il materiale risultante viene poi immerso in acqua entro un contenitore cilindrico ove per rotazione si
causa il sollevamento della frazione leggera, costituita in gran parte dalla componente vegetale, permettendo quindi
la sua eliminazione mediante un setaccio. Il materiale decantato sul fondo del contenitore è poi asciugato ed
esaminato con l’ausilio di un binoculare.
Già nel Maggio 2001 abbiamo rinvenuto in più di una stazione interna al porto popolamenti del bivalve IndoPacifico Theora (Endopleura) lubrica Gould, 1861, presenza prontamente segnalata (Balena & al., 2002).
In questo lavoro, oltre alla identificazione e descrizione del mollusco, venivano esaminati i possibili meccanismi di
arrivo in acque così distanti da quelle originali (coste del Giappone).
Figura 1: Theora lubrica
Abbiamo successivamente eseguito periodici prelievi di campioni di sedimento dalle stesse aree a da alcune
limitrofe per esaminare la continuità temporale della specie ed una sua eventuale estensione in altre zone. Allo
stesso scopo abbiamo compiuto prelievi anche in aree immediatamente adiacenti al porto, ma ad esse esterne per
verificare la presenza della specie fuori del porto.
I risultati di queste osservazioni triennali sono in corso di pubblicazione (Campani & al. - Bivalvi “alieni acque
del Porto di Livorno: Theora (Endopleura) lubrica Gould, 1861 e Musculista senhousia (Benson in Cantor, 1842) –
In corso di stampa su Atti della Società Toscana di Scienze Naturali B).
Questi confermano la continuità della presenza di T. lubrica dal primo ritrovamento ad oggi e, unitamente alle
modalità di riproduzione e sviluppo della specie, stabiliscono che i popolamenti attuali sono da attribuirsi a
riproduzione in loco, così che essa si deve considerare acclimatata nelle acque del porto.
Inoltre un importante risultato è stato il rinvenimento di popolamenti di Musculista senhousia (Benson in Cantor,
1842), altro bivalve Indo – Pacifico, sempre all’interno del Porto. Sin dai primi dragaggi avevamo rinvenuto
individui sparsi di modeste dimensioni praticamente in ognuna delle stazioni esaminate, ma avevamo
prudenzialmente considerato questi eventi accidentali in assenza di popolamenti veri e propri. Nei primi mesi del
2004 abbiamo invece rinvenuto almeno due densi popolamenti della specie, uno dei quali ricco di individui di
1
Via del Leone 13 - 57100 Livorno, e-mail: [email protected]
Via del Bosco 2 - 57126 Livorno, e-mail: [email protected]
3
Via delle Medaglie d’oro della Resistenza 16 - 57127 Livorno, e-mail: [email protected]
4
Corso G. Mazzini 299 - 57126 Livorno, e-mail: [email protected]
62
2
dimensioni notevoli (30 mm almeno), quindi perfettamente adulti; questi ci hanno permesso di affermare che la
specie ha sicuramente iniziato a colonizzare i fondi del porto.
La specie è capace di attecchire sia su substrati rigidi che molli, ma preferisce i secondi sui quali raggiunge densità
elevatissime, sino a alcune migliaia per m2 (Morton, 1994). I popolamenti da noi rinvenuti sono risultati di densità
sufficiente al rinvenimento di alcune centinaia di individui ad ogni cala.
Figura 2: Musculista senhousia
Abbiamo potuto osservare le modalità con cui la specie sta sul sedimento: ciascun individuo produce un nidamento
di bisso e fango a guisa di sacchetto molle, al cui interno sta il mollusco (vedi foto). Durante la fase di cernita del
sedimento in apposito recipiente, ognuno di noi poteva riconoscere questi “sacchetti”, semplicemente dalla
percezione tattile della conchiglia al suo interno. Letteralmente “sgusciavamo” gli individui.
Musculista senhousia è specie ormai acclimatata in diverse zone del Mediterraneo ed in particolare nel Mar
Adriatico, ove la presenza è stata recentemente rivista (Solustri C, 2003); nel Tirreno, invece, era segnalata solo
per il porto di Olbia, porto che ha intensi scambi con quello di Livorno.
Senza entrare qui nel merito dei possibili veicoli attraverso il quale questa “invasione” si sia determinata, ci
piacerebbe almeno sensibilizzare i soci SIM che ne avessero la possibilità affinché volessero controllare la presenza
di queste due specie (e altre) in altri porti commerciali o in ambienti simili
BIBLIOGRAFIA
1) BALENA G., CAMPANI E., COPPINI M., MARGELLI A., 2002 - Segnalazione dell’immigrante Theora
(Endopleura) lubrica Gould, 1861 (Semelidae Stoliczka, 1870), con osservazioni sui rappresentanti
Mediterranei della famiglia. - La Conchiglia 302, 11-20.
2) MORTON B. ,1974 - Some aspects on biology, population dynamics and functional morphology of Musculista
senhousia Benson (Bivalvia, Mytilidae) - Pacific Sci. 28, 19-333) SOLUSTRI C., MORELLO E., FROGLIA C., 2003 – Musculista senhousia (Benson in Cantor, 1842) (Bivalvia:
Mytilidae) in the costal waters of the Adriatic Sea (Italy) - Atti Soc. It. Sci. nat. Museo civ. Stor. Nat. Milano
144, 231-240.
63
SEGNALAZIONI BIBLIOGRAFICHE
Continuiamo la segnalazione di lavori apparsi su riviste italiane e straniere che trattino di molluschi mediterranei,
di molluschi terrestri, acquadulcicoli o di molluschi fossili dell’area italiana. Ad ogni segnalazione viene aggiunta
una sintesi del riassunto riportato dagli Autori, ricordando che non viene fatta alcuna valutazione critica e che
pertanto la responsabilita’ del contenuto degli articoli rimane degli Autori.
Molluschi marini
SCAPOLATEMPO, SOLUSTRI & SABELLI, 2003: Amathina tricarinata (Linnaeus, 1767) (Orthogastropoda,
Heterobranchia, Amathinidae): una nuova specie esotica in Mediterraneo. Biologia Marina Mediterranea,
Periodico edito dalla Società Italiana di Biologia Marin, 10 (2), 614-617.
Molluschi fossili
FEHSE D., 2004. Die mediterrane, marine Molluskenwelt im Pliozan. I. Die Familie Cypraeidae mit der
Beschreibung einer neuen Art. Acta Conchyliorum, 8: 1-32
E' descritta la nuova sp. Schilderia garonettii dal Pliocene di Poggibonsi (Siena), e sono discusse ed illustrate tutte
le altre specie di Cyprea del Pliocene del Mediterraneo occidentale: Luria substolida, Schilderia flavicula,
S.utriculata, S.nucula, S.pseudamygdalum, S.plioamygdalum, Neobernaya porcellus.
.
EVENTI
Mostre e Borse
2004
1-2-3 ottobre 2004 – TORINO
33ª Mostra Mercato Euromineralexpo
Centro Lingotto Fiere, 5° Padiglione
Via Nizza, 294 – 10126 Torino
(Info: A.G. Editrice s.r.l., Via Principe Tommaso, 14 - 10125 Torino
Tel. 0039.011.6508440 Fax .6690249
E-mail: [email protected]
http://www.ageditrice.it
10 al 13 novembre 2004 – MEXICO CITY, MESSICO
THE INTERNATIONAL SOCIETY FOR MEDICAL AND APPLIED MALACOLOGY
Invites to:
The VIII International Congress on Medical and Applied Malacology (VIII ICMAM)
Palacio de Mineria, Mexico City, Mexico Tacuba 9, Colonia Centro (Downtown).
For more details please visit: http://www.ibiologia.unam.mx/congresos.html
If you want to subscribe on ICMAM mailist please visit:
http://ibunam.ibiologia.unam.mx/mailman/listinfo/icmam
President VIII ICMAM: Edna Naranjo
64
Maurizio Forli ci informa:
"La prossima edizione di MIRABILIA si terrà in Prato presso l'Hotel DATINI, una nuova sede più
ampia delle precedenti in quanto quest'anno potranno partecipar anche alcuni espositori di minerali
e fossili per fronte alle numerose richieste pervenuteci a questo riguardo.
Naturalmente alle conchiglie è riservato lo spazio maggiore e come sempre saranno al centro dei
nostri interessi. L'albergo è comunque vicinissimo all'uscita dell'autostrada Prato EST e abbiamo
concordato un prezzo di favore per chi volesse riservare delle camere. Per le prenotazioni
alberghiere in questa sede rivolgersi direttamente al numero 0574 562348, altrimenti sono sempre
disponibili gli altri alberghi. Per questi telefonatemi pure per informazioni così come per prenotare
i tavoli per partecipare alla mostra.
Il costo metro lineare non è ancora stato deciso al cento per cento ma oscillerà tra i 30 e i 35 euro.
Mi potete rintracciare allo 0574 650.747 oppure allo 335 5412145.
Come sempre poi ci saranno alcune manifestazioni collaterali tra cui la premiazione del concorso
letterario organizzato dagli amici e collaboratori per l'organizzazione di Marginalia.
Appena avremo aggiornamenti daremo le nuove comunicazioni se non sarà possibile tramite il
Notiziario lo faremo personalmente per quanto più sarà possibile.
Un abbraccio a tutti Maurizio"
VARIE
Informiamo i nostri soci che è uscito il primo volume relativo al riesame della Superfamiglia Conoidea:
DANIELE SCARPONI E GIANO DELLA BELLA, 2004. Molluschi Marini del Plio-Pleistocene
dell’Emilia-Romagna e della Toscana, Conoidea, Vol. 1 – Drilliidae e Turridae, a cura di
Alessandro Ceregato e Sergio Raffi, foto di Paolo Ferrieri. Pagg. 89.
La collana sarà composta di cinque volumi, che avranno cadenza annuale:
Il costo del primo volume è di € 25,00 e può essere richiesto direttamente al:
- Laboratorio di Malacologia
Dipartimento di Scienze della Terra e Geologico-Ambientali
Via Zamboni 67 – 40126 BOLOGNA.
Tel. 051.2094524 – FAX 051.2094522
e-mail: [email protected]
- Studio Bibliografico Libreria Naturalistica
Di Piero Piani & c. s.n.c.
Via San Simone 5 – 40126 BOLOGNA
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Il socio Italo Piazza ci ha inviato una pubblicazione da lui curata e stampata in proprio:
“ Note storiche sulla rara Helix mazzullii cephalaeditana e suo “Locus typicus” (Rocca di
Cefalù)”
65
L’opera pur contenendo alcune inesattezze nomenclaturali e di altra natura, potrebbe interessare una parte
dei nostri soci che si occupano di molluschi terrestri.
Chi volesse potrà richiederla all’autore:
Italo Piazza
Via Gibilmanna 6
I-90015 CEFALU' PA
VARIE
Gentile Socio,
in questo numero abbiamo fornito l’elenco dei Soci SIM includendovi i nominativi che hanno risposto al
questionario sulla Legge 675/96.
Tutti coloro che vogliono essere inseriti nei prossimi elenchi che verranno pubblicati sono pregati
di compilare il modello riportato qui di seguito ed inviarlo alla Segreteria.
Coloro che hanno riscontrato errori nell’elenco pubblicato o che comunque intendono apportare
modifiche ai dati in esso riportati sono pregati di darne comunicazione al Segretario.
Distinti saluti
S.I.M. Società Italiana di Malacologia
oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
Società Italiana di Malacologia
Casella Postale n. 436
80100 NAPOLI
Il Sottoscritto____________________________________________________________________
Domiciliato in (Via/Piazza)_________________________________________________n. ______
Comune di__________________________________________ CAP_____________ Prov. ______
Telefono_____________________ FAX____________________
E-mail_______________________________________________
Dichiara di aver letto l’informativa di cui alla Legge n. 675 del 31/10/1996 e autorizza la Società Italiana
di Malacologia a:
Utilizzare e trattare i propri dati personali quali indirizzo, telefono, E-mail ecc. esclusivamente per la
gestione della Società stessa
□
□
□
□
do il consenso
nego il consenso
Diffondere, sia con mezzi cartacei che informatici, i propri dati personali, per favorire i contatti personali,
lo scambio di notizie e di materiale, sia fra i Soci che all’esterno
do il consenso
nego il consenso
Comunicare i propri dati personali a terzi per l’invio di materiale pubblicitario
66
□
do il consenso
data______________
□
nego il consenso
Firma___________________________
QUOTE SOCIALI
Quote sociali 2004 e 2005
2004 and 2005 dues
(Bollettino Malacologico vol.40 e 41(ISSN:0394-7149), quartely, and Notiziario S.I.M. vol. 22 e 23, quarterly)
Soci sostenitori
- Supporter members
Soci ordinari *
- Individual members *
Soci giovani (meno di 25 anni) - Junior member (under 25)
Enti, Istituti *
- Institutions *
Soci sostenitori
- Supporter members
Soci ordinari *
- Individual members *
Soci giovani (meno di 25 anni) - Junior member (under 25)
Enti, Istituti *
- Institutions *
Italia e paesi UE - Italy and UE country
Italia e paesi UE - Italy and UE country
Italia e paesi UE - Italy and UE country
Italia e paesi UE - Italy and UE country
Estero - Abroad
Estero - Abroad
Estero - Abroad
Estero - Abroad
€ 50,00
€ 40,00
€ 20,00
€ 60,00
€ 60,00
€ 50,00
€ 25,00
€ 70,00
* per i soci ordinari ed enti sconto di Euro 8,00 per rinnovi per il 2005 effettuati entro e non oltre il 28.02.05
* regular and institutional members can apply € 8,00 discount paying the membership due 2005 within 28.02.05
ISTRUZIONI PER IL PAGAMENTO.
Effettuare il pagamento sul c/c postale n. 28231207 intestato alla Società Italiana di Malacologia, Casella Postale n.
436 I-80100 NAPOLI, specificando la causale del pagamento.Nel caso si richieda fattura inviare ordinativo con
estremi codice fiscale o P. IVA alla Segreteria.
E’possibile pagare tramite carta di credito:CARTA SI’, VISA, MASTER CARD, EURO CARD, senza aggravio
di spese, inviando i dati della Vostra carta al Segretario Paolo Crovato, per lettera all’indirizzo sotto riportato, per
FAX al n. 081.5514063, o per e-mail: [email protected]
Il conto corrente bancario dell’Associazione è presso Sanpaolo-Banco di Napoli S.p.A. Filiale di Napoli 86,
Corso A.medeo di Savoia, 214 F/G coordinate bancarie: CHECK DIGIT 12, CIN L, ABI 01010, CAB 03486,
conto 000027000412. Vi raccomandiamo di specificare il motivo dei versamenti.
REMITTANCE INSTRUCTIONS
Payment should be sent through International Postal Money Order payable to Società Italiana di Malacologia,
Casella Postale n. 436 I-80100 NAPOLI or on our giropost account n. 28231207 (Europe and Japan only). Proforma invoices on request, please address to Secretary.
It is possible to pay by credit card: VISA, MASTERCARD, EUROCARD, with no additional expenses, sending
details of your card to the Secretary dr Paolo Crovato by letter to address of Society, by FAX to n. +39
+81.5514063, or by e-mail: [email protected]
Please take notice that the only bank account is the following: San Paolo-Banco di Napoli S.p.A. Filiale di Napoli
86, Corso Amedeo di Savoia, 214 F/G (IBAN: IT12 L010 1003 4860 0002 7000 412; BIC: NAPBITNN). Please
specify motivation of payment. For Bank charges € 3,00 must be added.
Rimane valido anche per il 2005 l’accordo con la Società Spagnola di Malacologia per pagare in una unica
soluzione, in Italia presso la S.I.M., con le modalità sopra riportate, le quote associative alla nostra società ed
a quella spagnola, pagando entro il 30 aprile 2005, € 60,00 i soci ordinari e € 36,00 i soci giovani. Ovviamente
eguale procedura è stata concordata per i soci della S.E.M. che così potranno pagare entrambe le quote in
Spagna.
L’unico indirizzo da utilizzare per la corrispondenza indirizzata alla Segreteria e Tesoreria è:
The only address for mailing to Secretary and Treasurer is the following:
SOCIETA’ITALIANA DI MALACOLOGIA
CASELLA POSTALE N.436 I-80100 NAPOLI
Sito webb: http://www.aicon.com/sim
67
Scarica

scarica il Notiziario S.I.M. - Società Italiana di Malacologia