Osservatorio Italiano
Salute Globale
SIMM
Corso introduttivo alla salute delle persone straniere
Elementi di Salute Globale
Frosinone
28 settembre 2011
Maurizio Marceca
Master
in Medicina
Professore
Associatodelle
di Igiene
Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica ‘G. Sanarelli’
maurizio.marceca@uniroma1.it
Di cosa si occupa la salute globale
Il focus principale della salute globale è costituito dallo
stato di salute della popolazione mondiale e dai suoi
determinanti socio-economici, politici, demografici, giuridici
ed ambientali
La salute globale descrive le relazioni tra globalizzazione e
salute in termini di equità, diritti umani, sostenibilità e
relazioni internazionali
La salute globale ci parla dunque delle disuguaglianze in
salute esistenti tra e all'interno dei paesi, interpretate
attraverso la lente della giustizia sociale
I 3 elementi chiave:
I DETERMINANTI DELLA SALUTE
LE DISUGUAGLIANZE NELLA SALUTE
E NELL’ASSISTENZA
I SISTEMI SANITARI
Titolo Presentazione
18/12/2015
Pagina 3
I determinanti di salute
Lo stato di salute di un individuo e – più estesamente –
di una comunità o di una popolazione è influenzato,
determinato, da molteplici fattori.
Lo studio dei determinanti della salute costituisce la
base e la sostanza della sanità pubblica, perché
consente di analizzare (e possibilmente modificare) i
fattori che in varia misura influenzano l’insorgenza e
l’evoluzione delle malattie
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 4
Determinants of health
The range of personal, social, economic and environmental factors
which determine the health status of individuals or populations.
The factors which influence health are multiple and
interactive.
Health promotion is fundamentally concerned with
action and advocacy to address the full range of
potentially modifiable determinants of health - not
only those which are related to the actions of
individuals, such as health behaviours and lifestyles,
but also factors such as income and social status,
education, employment and working conditions,
access to appropriate health services, and the
physical environments. These, in combination, create
different living conditions which impact on health.
Achieving change in these lifestyles and living
conditions, which determine health status, are
considered to be intermediate health outcomes.
Source: WHO, Health Promotion Glossary, 1998.
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 5
Dahlgren G and Whitehead M (1991)
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 6
Determinanti ‘prossimali’ e ‘distali’
La medicina clinica si occupa delle cause più
prossime (i determinanti prossimali), delle malattie
(agenti infettivi, fisici, chimici) o dei fattori di rischio di
specifiche patologie (es. l’iperglicemia, l’ipertensione).
hanno un diretto e relativamente immediato
collegamento con un risultato di salute
La sanità pubblica, per promuovere politiche e
interventi di prevenzione, è alla ricerca delle “cause
delle cause” (i determinanti distali).
si collocano all’inizio di quella che può essere
una lunga e complessa catena di cause
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 7
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 8
POVERTA’ ASSOLUTA
POVERTA’ RELATIVA
STATUS SYNDROME
PRIME FASI DELLA VITA
COESIONE SOCIALE – CAPITALE SOCIALE
DISCRIMINAZIONE RAZZIALE
SISTEMI SANITARI
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 9
DETERMINANTE
Deprivazione
Assoluta
Deprivazione
Relativa
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
EFFETTI
SULLA SALUTE
Elevata mortalità
infantile
Burden of disease:
Malattie trasmissibili
Elevata mortalità
negli adulti
Burden of disease:
Malattie non
trasmissibili
18/12/2015
SOLUZIONI
Lotta alla
povertà
Attenzione
ai
determinanti
sociali
Pagina 10
GLOBALIZZAZIONE E SALUTE:
Global Burden of disease
Progetto intrapreso fin dall’inizio degli anni ‘90
mediante un finanziamento congiunto dall‘OMS e dalla
Banca Mondiale, con lo scopo di produrre un corpo di
conoscenze sui bisogni sanitari delle nazioni a basso e
medio reddito, in particolare per quanto riguarda la
quantificazione dell’impatto delle singole patologie
(Burden of Disease-BOD) nel determinare tali bisogni,
in grado di aiutare i governi di queste nazioni, le
industrie e gli altri investitori potenziali, nelle scelte di
allocazione dei fondi disponibili per scopi di sanità
pubblica.
Per misurare l’impatto di una determinata patologia viene utilizzata una
unità chiamata DALY (Disability Adjusted Life Years: Anni di vita vissuti al
netto della disabilità), la quale cumula a livello di popolazioni il peso,
espresso in anni, (i) della mortalità “precoce” (quella al disotto di un
traguardo convenzionale raggiungibile da tutti qualora siano controllate le
variabili di rischio) e (ii) delle conseguenze non fatali di patologie ed
incidenti.
Il diverso peso dei determinanti distali nel
raggiungimento dell’età di 75 anni
• Settore sanitario: 10-15 %
• Patrimonio genetico: 20-30 %
• L’ ecosistema: 20 %
• Fattori socioeconomici: 40-50 %
Fonte: G. Domenighetti, 2005
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 18
“L’intervento specificamente medico non appare mai collegato in
maniera significativa ad un calo della morbosità globale o ad un
aumento della speranza di vita…”
McKeow. Determinants of health.
Due diversi orientamenti della Sanità pubblica
Orientamento
‘Politico’
Teoria di fondo Socio-strutturale
Priorità
Azioni
principali
‘Tecnico’
“Stili di vita”
Diseguaglianze, povertà,
problemi ambientali globali
Rischi individuali di malattia
Integrare gli interventi
sanitari con quelli di altre
discipline e differenti settori
della vita sociale e politica.
Interventi preventivi rivolti
ai gruppi a rischio.
Più attento all’efficienza
Più attento all’efficacia
Opportunità
Potenziali benefici globali a
lungo termine
Benefici immediati
Rischi
Rischio di fallimento vista la
vasta portata degli obiettivi
Incapacità di affrontare le
minacce alla salute globale
Fonte: R. Beaglehole, R. Bonita: “La Sanità pubblica al bivio”. Centro Scientifico Editore, 2001pg. 234, modif.
I contenuti
Il gradiente sociale
Lo stress
L’inizio della vita
L’esclusione sociale
Il lavoro
La disoccupazione
Il supporto sociale
La dipendenza
Il cibo
I trasporti
I determinanti della salute
Teoria “psico-sociale”
M. Marmot (con R.G. Wilkinson) è sostenitore della teoria
“psico-
sociale” per spiegare i gradienti di salute nei paesi ricchi, dove si
realizzano forme di deprivazione “non materiale” o di povertà
“relativa” (scarse opportunità di partecipare alla vita sociale, non
avere un hobby o un’attività piacevole, non portare i figli in piscina,
non potersi godere le ferie con la famiglia, etc.) che determinano
ansietà, insicurezza, isolamento sociale, scarso controllo
sulla propria vita, comportamenti rischiosi, depressione.
M. Marmot, RG Wilkinson, Psychosocial and material pathways in the relation between income and
health: a response to Lynch et al, BMJ 2001; 322: 1233-6.
La Commissione sui Determinanti Sociali
della Salute
18/12/2015
Speranza di vita e reddito
18/12/2015
Regno Unito e speranza di vita
18/12/2015
Wilkinson RG. Unhealthy Societies: The Affliction of Inequality. Routledge, 1996.
Istruzione
CSDH (2008). Closing the gap in a generation: health equity through action on the social determinants of health. Final Report of the
18/12/2015
Commission
on Social Determinants of Health. Geneva, World Health Organization.
Mortalità per livello di istruzione a Torino
(Costa G. Storie di salute in una grande città, 1998)
Uomini 30-59 anni
18/12/2015
Donne 30-59 anni
Investire
nelle
donne
Impatto di una loro migliore educazione e nutrizione sulle famiglie
Source: Commission on social determinants of health, 2007
18/12/2015
I determinanti della salute
Titolo Presentazione
Pagina 28
Alimentazione
Prevalenza di diabete
18/12/2015
http://www.worldmapper.org/display.php?selected=239
L’inchiesta Deadly Diet
del Wall Street Journal
• Un immigrato da Porto Rico: “Non posso permettermi di comprare
ai bambini vestiti e scarpe costosi,…ma col cibo è più facile, così li
lascio mangiare tutto quello che vogliono. Stiamo bene quando
frequentiamo i fast food, ci sentiamo americani, sentiamo che
siamo qui ed apparteniamo a questo paese.”
• Un diciassettenne del New Jersey: mangiare al fast food è un modo
per mostrare agli altri le proprie condizioni finanziarie.
• Un membro di una gang ispanica: “I ragazzi qui non vogliono
mangiare le cose preparate dalla mamma, sono stanchi di questa
cucina, sempre riso e fagioli. Io volevo vivere la vita di un uomo. Il
fast food ti fa guadagnare status e rispetto.
18/12/2015
The big idea
• La grande idea è che i livelli di mortalità e di
salute in una società sono influenzati non
tanto dalla sua ricchezza complessiva, quanto
dalla maniera in cui tale ricchezza è distribuita.
Quanto più uniforme è la distribuzione della
ricchezza, tanto migliori sono le condizioni di
salute della popolazione.
18/12/2015
Editor’s Choice, The big idea, BMJ, 312, 1996, 7037
I problemi sanitari e sociali sono peggiori nelle società
più diseguali
18/12/2015
Wilkinson R, Pickett K. La misura dell’anima. Feltrinelli 2009
Condizioni di lavoro
CSDH (2008). Closing the gap in a generation: health equity through action on the social determinants of health. Final Report of the
18/12/2015
Commission
on Social Determinants of Health. Geneva, World Health Organization.
Condizioni di vita e di lavoro
• “Il pagamento avviene sempre in ritardo, a volte aspetto fino
a 40 giorni. Non siamo trattati bene, ci fanno fare il lavoro più
difficile senza vestiti di protezione, ci pagano poco e
addirittura qualcuno non paga per niente e… non possiamo
fare nulla".
• “Qui stiamo malissimo: senza acqua, luce, andiamo in bagno
in mezzo allo sporco, spesso non abbiamo da mangiare e
durante l'inverno rischiamo di morire di freddo. Abbiamo
veramente bisogno d'aiuto. Vivendo in queste condizioni non
riesco ad immaginare d'avere un futuro."
18/12/2015
Status syndrome
18/12/2015
“ In tutto il mondo le persone
vulnerabili e socialmente
svantaggiate hanno un minore
accesso all’assistenza
sanitaria, si ammalano di più
e muoiono prima rispetto a
chi ha una posizione sociale
più privilegiata.
Queste diseguaglianze sono
in crescita, nonostante la
ricchezza globale e il
progresso tecnologico non
siano mai stati così grandi.”
Le disuguaglianze: una definizione
“…il termine <<disuguaglianze sociali nella
salute>> denota sistematiche, evitabili e
rilevanti disparità nello stato di salute tra
differenti gruppi socioeconomici all’interno
della popolazione...“.
M. Whitehead, 1998
Diseguaglianze e iniquità nella salute
Accettabili
Non Accettabili
• Variazioni biologiche, naturali. • Comportamenti che
danneggiano la salute,
• Comportamenti che
quando il grado di scelta dello
danneggiano la salute, scelti
stile di vita è fortemente
condizionato.
liberamente, come la
partecipazione a certi sport.
• Esposizione a condizioni di
vita e di lavoro stressanti e
• Il temporaneo vantaggio di un
dannose per la salute.
gruppo su un altro, quando
quel gruppo adotta per primo • Barriere nell’accesso ai
servizi sanitari e ad altri
un comportamento “virtuoso”
servizi pubblici.
(purchè gli altri gruppi
abbiano la possibilità di
• Mobilità sociale dovuta alla
salute: la tendenza delle
recuperare il terreno).
persone malate a scendere
nella scala sociale.
G. Maciocco, 2005
Quali diseguaglianze
di condizioni reali di salute
di percezione dello stato salute / del
bisogno di cure
di espressione della domanda
di offerta e accessibilità ai servizi a
parità di domanda espressa
di appropriatezza delle prestazioni /
di qualità ed efficacia delle prestazioni
Perucci CA, 2005
Nella salute
Nell’assistenza
sanitaria
Tra nazioni
All’interno di
una nazione
G. Maciocco, 2005
Sistema sanitario e disuguaglianze di salute
“Le prove scientifiche disponibili confermano che
le più forti cause di diseguaglianze di salute sono
esterne al sistema sanitario.
Fatto non sorprendente, dato che non più del
20% 1 degli attuali livelli di salute è attribuibile agli
interventi di diagnosi, cura e riabilitazione, quindi
ai sistemi sanitari“.
Perucci CA, 2004
1 Tarlov AR. Social determinants of health. The sociobiological translation. In: Blane D,
Brunner E, Wilkinson R (eds), Health and social organisation. Londra, Routledge, 1996
DISEGUAGLIANZE SOCIOECONOMICHE E MORTALITÀ NEI
CIMITERI DI GLASGOW
(G. Davey Smith,1992)
Diseguaglianze Nella salute
All’interno di
una nazione
Under-5 mortality rates by socioeconomic
quintile of the household for selected countries
Diseguaglianze Nella salute
All’interno di
una nazione
Speranza di vita alla nascita in Canada e USA (Bianchi e Neri) – 1850-2000
Canada (Total)
USA (White)
USA (Black)
LA SALUTE È ASSOCIATA ALLE DIFFERENZE DI REDDITO
ESISTENTI ALL’INTERNO DELLE SOCIETÀ E NON A QUELLE
ESISTENTI TRA LE SOCIETÀ (NdR= se ricche)
L’ASPETTATIVA DI VITA È MAGGIORE
NEI PAESI PIÙ EGUALITARI
MORTALITÀ INFANTILE PIÙ ELEVATA
NEI PAESI PIÙ DISEGUALI
ISTERECTOMIA PER LEIOMIOMA UTERINO
E POSIZIONE SOCIOECONOMICA. ROMA
(Materia E, JECH 2002)
MIGLIORE ISTRUZIONE NEI PAESI EGUALITARI
PROBABILITÀ DI TRAPIANTO DI RENE NEL LAZIO
PER LIVELLO DI ISTRUZIONE
(Miceli M, JECH 2000)
IL BENESSERE DEI BAMBINI È MIGLIORE
NEI PAESI PIÙ EGUALITARI
PIÙ OBESI NEI PAESI DISEGUALI
PIÙ CARCERATI NEI PAESI DISEGUALI
I PROBLEMI SANITARI E SOCIALI SONO PEGGIORI
NEI PAESI PIÙ DISEGUALI
LA FIDUCIA È MAGGIORE NEI PAESI
PIÙ EGUALITARI
Occupazione
WHITEHALL STUDY, UK:
MORTALITÀ PER CLASSE OCCUPAZIONALE
Queste disuguaglianze causano, ogni anno, fra 1.3 e
2.5 milioni di anni di vita persi.
Se tutte le persone di età superiore ai 29 anni
avessero l’attesa di vita dei laureati, vi sarebbero
202.000 morti premature in meno ogni anno.
Queste differenze non sono iscritte nella struttura
della popolazione o nella realtà inglese, che è infatti
mutevole.
Basti osservare la enorme differenza di mortalità che
vi è fra diverse zone del paese.
Coesione sociale
CAPITALE SOCIALE
Ambrogio Lorenzetti - Effetti del buon governo (Palazzo pubblico, Siena)
Closing the gap in a generation
Health equity
through action
on the social
determinants
of health
CSDH. Closing the gap in a generation: health equity through
action on the social determinants of health. Final Report of the
Commission on Social Derminants of Health. Geneva, World
Health Organization, 2008
2. CONTRASTARE L’INIQUA DISTRIBUZIONE
DI POTERE, DENARO E RISORSE
A livello globale, nazionale, locale:
• Equità nella salute in tutte
le politiche e programmi
• Mercati responsabili
• Equità di genere
• Empowerment e partecipazione
• Buona governance globale
Commissione sui determinanti sociali della salute - OMS
“L’azione sui determinanti sociali della salute è
necessaria non solo per migliorare la salute ma
anche perchè quei miglioramenti indicheranno che la
società si è mossa per andare incontro ai bisogni
delle persone.
Oggi si discute molto - spesso dogmaticamente - su
cosa è giusto o sbagliato nelle politiche economiche
e sociali.
La Commissione avrà un solo dogma: le politiche
che danneggiano la salute umana vanno identificate
e, dove possibile, cambiate. In questa prospettiva la
globalizzazione e il mercato sono buoni o cattivi
nella misura in cui – nel bene o nel male –
influenzano la salute.
Le diseguaglianze nella salute tra e
all’interno dei paesi sono evitabili”.
(M. Marmot - 2005)
Titolo
Presentazione
I determinanti
della salute
18/12/2015
Pagina 67
http://www.worldmapper.org/display.php?selected=219
“Il fatto che la percentuale di medici sia più alta dove certe malattie
sono diventate rare significa soltanto che i medici più di altri
professionisti riescono a distribuirsi come preferiscono, e che tendono a
concentrarsi dove il clima è sano, l’acqua pulita e la gente lavora e può
pagare le loro prestazioni.
Ivan Illich, Nemesi medica. L’espropiazione della salute
Sistema sanitario
(OMS, 2000)
L’insieme delle organizzazioni, delle istituzioni,
delle risorse
che sono dedicate alla produzione di
azioni sanitarie
Azione sanitaria: ogni attività, sia nell’assistenza alle persone,
sia di sanità pubblica, o attraverso iniziative intersettoriali,
il cui scopo primario è quello di migliorare la salute
La missione
(OMS, 2000)
Il miglioramento dello stato di salute
della popolazione (Better health).
La capacità - e la sensibilità - di rispondere
alle esigenze dei pazienti (Responsiveness).
L'equità nel finanziamento del sistema (Fair financing).
Efficacia
ed Efficienza
“I grandi cambiamenti
nella sanità sono
atti politici intrapresi
per fini politici”
Victor R. Fuchs
I valori
e
i diritti
Mercato
Demografia
Epidemiologia
La salute
come
diritto
10 dicembre 1948
Servizio Sanitario
Nazionale
Assicurazioni
Sociali
Responsabilità
collettiva (la salute come
investimento collettivo)
Finanziamento in
proporzione al reddito
Universalità nell’accesso
Erogazione dell’assistenza
in relazione al bisogno
Gratuità delle cure
al momento dell’erogazione
Bismark
Model
USA
Model
Beveridge
Model
Alma-Ata
1978
Primary
Health
Care
La conferenza riafferma
fermamente che la salute - come
stato di benessere fisico, sociale e
mentale e non solo come assenza di
malattia e infermità – è un diritto
fondamentale dell’uomo e l’accesso
a un livello più alto di salute è un
obiettivo sociale estremamente
importante, d’interesse mondiale e
presuppone la partecipazione di
numerosi settori socio-economici,
oltre che di quelli sanitari.
Alma-Ata
1978
Primary
Health
Care
L’assistenza sanitaria di base è
quella assistenza sanitaria
essenziale, fondata su metodi
pratici e tecnologie
appropriate, scientificamente
valide e socialmente
accettabili, resa
universalmente accessibile agli
individui e alle famiglie nella
collettività, attraverso la loro
piena partecipazione, a un
costo che la collettività e i
paesi possono permettersi ad
ogni stadio del loro sviluppo
nello spirito di responsabilità e
di autodeterminazione.
Alma-Ata
1978
Primary
Health
Care
L’assistenza sanitaria di base fa
parte integrante sia del sistema
sanitario nazionale, di cui è il
perno e il punto focale, sia dello
sviluppo economico e sociale
globale della collettività. E’ il
primo livello attraverso il quale gli
individui, le famiglie e la
collettività entrano in contatto
con il sistema sanitario nazionale,
avvicinando il più possibile
l’assistenza sanitaria ai luoghi
dove le persone vivono e
lavorano, e costituisce il primo
elemento di un processo continuo
di protezione sanitaria.
The government is not the solution.
It is the problem.
1980
1979
I mercati sono i migliori e più efficienti allocatori
delle risorse, sia nella produzione che nella
distribuzione della ricchezza;
le società sono composte di individui autonomi
(produttori e consumatori), motivati
principalmente o esclusivamente da
considerazioni economiche e materiali;
il welfare state - di stampo liberaldemocratico o
socialdemocratico, tendente a mitigare le
diseguaglianze nella società - interferisce con il
normale funzionamento del mercato e deve
essere, dove esiste, eliminato.
Secondo l’ideologia liberista le diseguaglianze
sono il necessario sotto-prodotto del buon
funzionamento dell’economia e sono anche
“giuste” perchè rispondono al principio che se
qualcuno entra nel mercato, qualcun altro ne
deve uscire.
Quindi le azioni del governo per correggere le
“distorsioni” del mercato sono non solo
inefficienti, ma anche ingiuste; ed infatti il
motto di R. Reagan era: “il governo non è mai
la soluzione, il governo è il problema.”
1983
Oral Rehydration
Therapy
Universal Child
Immunization
Breastfeeding
Growth Charts
Comprehensive
Primary Health Care
Selective
Primary Health Care
Alma-Ata
World Bank
Rockefeller Found.
UNICEF
“ Financing Health Services
in Developing Countries ”
1987
CHARGES USERS OF GOVERMENT HEALTH SERVICES
“The more common approach to health care in developing countries
has been to treat it as a right of the citizenry and to attempt to
provide free services to everyone. This approach does not usually
work”.
USE NONGOVERMENT RESOURCES EFFECTIVELY
PROVIDE INSURANCE OR OTHER RISK COVERAGE
DECENTRALIZE GOVERNMENT HEALTH SERVICES
1993
INVESTING
IN HEALTH
Global Burden of Disease
DALYs
Programmi verticali
“cost-effective”
Le RIFORME GLOBALI del
settore sanitario – Anni ’80-90
PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI SANITARI
MERCATO DEI FARMACI E DELLE CURE SECONDARIE
PROMOZIONE DI PROGRAMMI VERTICALI
SISTEMI SANITARI PUBBLICI RASI AL SUOLO
Spesa sanitaria totale e pubblica pro-capite in US$
2002 - Paesi selezionati
6000
5274
5000
4219
4033
4000
3000
2631
2476
2031
1852
2000
2166
11921255
898
1000
5
7
11 11
11 13
18 20
26 28
30 59
238
150 172 206 206
63 94
379 383
504
N
i
ng ger
B u l ad
es
rk
in
a h
F
M
oz aso
am
b
Pa ico
kis
t
U an
ga
nd
Za a
m
In bia
do
ne
Fi sia
lip
pi
ne
In
di
a
Eg
itt
o
C
in
Al a
ba
ni
R a
us
si
a
Tu
rk
i
Br a
as
Su ile
da
f
Ar rica
ge
nt
M i na
es
C
s
os ico
ta
R Ric
ep
a
.C
ec
Si
ng
a
ap
or
e
N
S
uo pa
va gn
Ze a
la
Fi nda
nl
a
R
eg ndi
no a
Un
ito
Ita
G
ia lia
pp
G one
er
m
a
N nia
or
ve
Sv gia
izz
er
a
U
SA
Ba
Et
io
pi
a
0
Spesa sanitaria totale pro capite ($) #
Spesa sanitaria pubblica procapite ($) #
Spesa sanitaria totale e pubblica pro-capite in US$
2002 - Paesi selezionati > 200 US$
200
180
172
160
150
140
120
113
100
94
84
80
63
59
60
36
40
28
26
20
5
7
2
11
3
11
11
5
3
8
11
5
21
20
18
13
30
11
9
5
21
6
Spesa sanitaria totale pro capite ($) #
Spesa sanitaria pubblica procapite ($) #
a
rk
i
Tu
us
si
a
R
ni
a
Al
ba
C
in
a
itt
o
Eg
ia
In
d
Fi
lip
pi
ne
ia
In
d
on
es
m
bi
a
Za
da
ga
n
U
Pa
kis
ta
n
co
am
bi
M
oz
rk
in
Bu
ng
l
Ba
a
ad
Fa
s
es
o
h
r
ig
e
N
Et
io
pi
a
0
The World Health Report 2008 on PHC:
The Four Sets of Reforms
88 |
WHO and the Commission: taking forward the agenda on social
determinants and health equity | September 26, 2008
Il Finanziamento Equo
“Finanziamento Equo" di un sistema sanitario significa - secondo
l'OMS - che l'onere che ciascuna famiglia sopporta nel sostenere i costi
dei servizi sanitari è proporzionale alla propria capacità di pagare, ed
è indipendente dal rischio di malattia; un sistema sanitario finanziato
equamente protegge tutti finanziariamente. Il pagamento dell'assistenza sanitaria può essere iniquo in due differenti modi:
* Quando espone le famiglie a rilevanti spese non previste; è questo
il caso del pagamento diretto (out of pocket) di prestazioni al
momento dell'utilizzazione dei servizi, in assenza di qualche forma di
pre-pagamento.
* Quando il pagamento dei contributi per fruire dei servizi sanitari è
regressivo, ovvero quando i poveri pagano proporzionalmente più dei
ricchi. Ciò avviene nel caso del pagamento out of pocket, ma anche in
caso di forme assicurative o di tassazione in cui il contributo non è
proporzionale alla capacità di pagare, ma al rischio di malattia.
Tassazione
generale
Assicurazioni
sociali
Assicurazioni
private
Out-of-pocket
RIASSUMENDO…
Cosa intendiamo per Salute Globale?
• … un nuovo paradigma per la salute e l'assistenza
sanitaria… radicato nell'approccio teorico dei
determinanti sociali di salute
Cosa intendiamo per Salute Globale?
• La Salute Globale pone particolare attenzione
all'analisi dello stato di salute e dei bisogni reali della
popolazione mondiale, e alle influenze che su di essi
esercitano i determinanti socio-econo-mici, politici,
demografici, giuridici ed ambientali, esplicitando le
interconnessioni tra globalizzazione e salute in
termini di equità, diritti umani, sostenibilità,
diplomazia e collaborazioni internazionali.
Adottando un'ottica transnazionale, la Salute Globale
mette in evidenza le disuguaglianze in salute e in
assistenza sia all’interno che tra i Paesi, analizzandole
anche attraverso la lente della giustizia sociale.
Cosa intendiamo per Salute Globale?
• approccio transdisciplinare e
metodologico
multi-
• La Salute Globale non è un ambito meramente
accademico: infatti, promuovendo un'etica di
responsabilità sociale, essa abbraccia i campi della
ricerca, della formazione e della pratica, e mira a
generare reali cambiamenti sia nella comunità che
nell'intera società, colmando il divario esistente tra
evidenza scientifica e decisioni operative.
GLOBALIZZAZIONE E SALUTE:
riscoprire la salute come diritto umano universale
La globalizzazione mette in crisi i modelli tradizionali di
lettura della realtà
E' necessaria una nuova visione:
- geograficamente ampia e culturalmente e storicamente
profonda
- adatta alla complessità di più processi e piani che si
intrecciano nella contemporaneità
- orientata alle “cause delle cause”
- volta a riscoprire la salute come un diritto umano
universale
GLOBALIZZAZIONE E SALUTE:
riscoprire la salute come diritto umano universale
Articolo 25
1. Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il
benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all'alimentazione, al
vestiario, all'abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari, ed ha
diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità vedovanza,
vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze
indipendenti dalla sua volontà.
2. La maternità e l'infanzia hanno diritto a speciali cure ed assistenza. Tutti i
bambini, nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione
sociale.
Salute Globale: sicurezza
nazionale
Salute Globale: affermazione del
diritto universale alla salute
SALUTE GLOBALE: la definizione della
Rete Italiana per l'Insegnamento della Salute Globale (RIISG)
La salute globale, o global health (GH), è da intendersi come
un nuovo paradigma per la salute e l'assistenza sanitaria:
- fondato sulla teoria dei determinanti della salute (le “cause
delle cause” delle malattie)
- basato sui principi della Dichiarazione di Alma Ata (salute
come diritto umano fondamentale e legato allo sviluppo
sociale ed economico; primary health care come strumento
per il raggiungimento della salute; partecipazione
comunitaria ecc.)
- supportato da evidenze ampie (come stabilito dalla
Commissione sui Determinanti Sociali dell'OMS)
A cosa serve la salute globale
L'approccio di salute globale può essere applicato sia al
trattamento delle malattie che alla prevenzione e alla
promozione della salute, tanto per gli individui quanto per le
popolazioni
Non si tratta di una mera disciplina accademica: la salute
globale promuove un'etica di responsabilità sociale per
istituzioni, professionisti e individui, ed è orientata ai bisogni
della comunità (e in particolare dei gruppi più marginalizzati)
Per maggiori informazioni
• http://www.euro.who.int/DOCUMENT/E81384.pdf
(The solid facts”)
• www.who.int/social_determinants/en/
• Wilkinson R, Pickett K. La misura della felicità.
Perché le diseguaglianze rendono le società più
infelici. Serie Bianca Feltrinelli 2009
Risorse
• www.saluteinternazionale.info
• http://csiunibo.org/
• http://www.mediciconlafrica.org/globalhealth/home.asp
• www.simmweb.it
• www.worldmapper.org
• www.who.int/social_determinants/en/
I sistemi sanitari analizzati
aggiornato al 23 settembre 2011
• India
• Brasile
• Giappone
• Ghana
• Israele
• Cina
• Iran
• Olanda
• Thailandia
• Romania
• Norvegia
• Sud Corea
• Spagna
• Australia
• Cuba
• Regno Unito
• Messico
• Kosovo
• Portogallo
• Sudafrica
• Canada
• Moldavia
• Svezia
• Estonia
• Uganda
Rudolf VIRCHOW
(1821-1902)
La medicina è una
scienza sociale e
la politica è una
medicina su larga scala
“Ci sono azioni politiche, sociali, economiche,
scientifiche e culturali che noi possiamo adottare per
fare avanzare la causa della buona salute per tutti.
Nel considerare la salute come un diritto, noi
riconosciamo la necessità di un forte impegno sociale
per la buona salute.”
Amartya Sen
Scarica

determinanti della salute