Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma
KARAMAZOV
Debutta il 21 gennaio al Teatro delle Passioni
lo spettacolo diretto e interpretato
da César Brie con un gruppo di giovani attori
€ 0,50
B5931211
MUSICA
Al Comunale la
Bohème, Virtuosi
Italiani, l’Orchestra
Mariinskij
e Yuja Wang
CELEBRAZIONI
La Giornata della
Memoria si
commemora
a Teatro con
l’AdM Ensemble
APPENNINO
Per gli amanti
della montagna
tante opportunità
tra natura
e gastronomia
SIMONE FAZIO
Città di Castelfranco Emilia
Assessorato alla Cultura
Palazzo Piella – Museo Civico Archeologico
“A. C. Simonini”
Corso Martiri, 204 – Castelfranco Emilia (Mo)
Dal 21 dicembre 2011 al 29 gennaio 2012
INAUGURAZIONE
Mercoledì 21 dicembre 2011 - ore 20,30
Orari apertura mostra:
Sabato, domenica e festivi:
dalle 10,00 alle 12,00
dalle 16,00 alle 19,00
Sabato 24 e 31 dicembre dalle 10,00 alle 12,00
La mostra rimarrà chiusa
il 25 e 26 dicembre 2011 e 1 gennaio 2012
per informazioni:
[email protected]
tel. 059959377
o
pag. 04 - 05 Il 21 gennaio debutta al Teatro delle Passioni Karamazov il nuovo spettacolo
i
Debutta il 21 gennaio al Teatro delle Passioni
lo spettacolo diretto e interpretato
da César Brie con un gruppo di giovani attori
messo in scena da César Brie con un gruppo di giovani attori pag.06-07 L’Appennino
dà il via alla stagione invernale con proposte per tutte le esigenze
r
Spedizione in a.p. -45% - art.2 comma 20/b legge 662/96 - filiale di Parma
KARAMAZOV
in sommario
primopiano
arte
pag. 08-09 Proseguono fino al 29 gennaio all’ex S.Agostino le mostre Ansel Adams e
Carbonieri. Prorogata fino al 12 febbraio l’apertura della mostra della Galleria Civica
a
€ 0,50
Per gli amanti
della montagna
tante opportunità
tra natura
e gastronomia
Redazione
Marina Leonardi, Alberto
Morsiani, Alessia Pelillo,
Erika Varesi
Hanno collaborato
Serena Arbizzi, Chiara
Bazzani, Carlotta Catellani,
Letizia De Felice, Eugenio
Fedolfi, Paolo Franceschi,
Jessica Fuschillo, Daniele
Gianfreda, Micol Lombardi,
Annalisa Malavolta, Bianca
Morsiani, Greta Ronchetti,
Pietro Terzi
Per informazioni e contatti
Redazione de Il Mese di Modena:
m
musica
pag. 12-13 Al Teatro Comunale arriva la Bohème “giovane”. Il 14 gennaio concerto
m
Comunale l’AdM Ensemble si esibirà nel Concerto della Memoria e del Dialogo. Il 20
gennaio la Gmi proporrà la giovane pianista cinese Yuja Wang.
cinema
o
Direttore responsabile
Simone Simonazzi,
[email protected]
Art director
Pietro Spagnulo,
[email protected]
Museo Civico d’Arte e al Museo della Figurina con i laboratori. Fino al 14 alla Galleria
de I Virtuosi Italiani e il 2 febbraio Gergiev con l’Orchestra Mariinskij. Il 18 gennaio al
pag.20-21 Alla Sala Truffaut per la Rassegna Spazio Aperto tanti film di qualità. Al via
anche una rassegna dedicata a Peter Bogdanovich.
teatro
s
Aut. Tribunale di Parma
n. 9 del 24.03.2003
ISSN 1827-5958
euro 0,50
Il Mese di Modena n.103
su Josef Albers pag.10-11 Proseguono le mostre al Museo Civico Archeologico, al
Spazio Fisico la Mostra di opere recenti di Gianni Valbonesi
pag.22-23 Al Teatro Storchi il 12 gennaio arriva Blackbird di Harrower, con Popolizio e
Della Rosa. Dal 31 gennaio Eretici e Corsari omaggio a Pasolini e Gaber con Neri Marcorè.
Torna La domenica non si va a scuola per i bambini l’8 e il 22 gennaio.
.
La Giornata della
Memoria si
commemora
a Teatro con
l’AdM Ensemble
APPENNINO
incontri
pag. 26 - 27 A gennaio il programma de La Tenda è all’insegna della Memoria. Il 4 e 5
n
Al Comunale la
Bohème, Virtuosi
Italiani, l’Orchestra
Mariinskij
e Yuja Wang
CELEBRAZIONI
febbraio al Foro Boario libri in fiera con Buk.
Carpi
pag.28-29 Inaugura una mostra sulla letteratura per ragazzi. La Giornata della Me-
i
MUSICA
moria si celebra con una mostra e uno spettacolo. Al Comunale arriva Lonquich
Marina Leonardi - Edicta
[email protected]
[email protected]
Editore
Edicta p.s.c.
via Torrente Termina 3/b
n. iscrizione ROC: 9980
43124 PARMA
www.edicta.net
Per la pubblicità
Tel. 0521258210
Tiratura 12.000 copie
Stampa
Stamperia s.c.r.l. – PARMA
il Mese Modena
In tutte le edicole di Modena e provincia, e distribuito
gratuitamente in città:
Comune di Modena, Informagiovani/IAT,
Biblioteca Delfini, Provincia di Modena, Teatro
Storchi, Teatro delle Passioni, Fondazione
Cassa di Risparmio di Modena, Sala Truffaut
In provincia a Carpi:
Comune, Biblioteca Arturo Loria, IAT,
Urp QuiCittà
a Castelfranco Emilia:
Assessorato Cultura
a Vignola:
Fondazione, Rocca
Buono acquisto per una copia di
KARAMAZO
Spedizione in
a.p. -45% - art.2
comma 20/b
legge 662/96
- filiale di Parma
Erika Varesi - Edicta
via Torrente Termina 3/b
43124 PARMA
Tel. 0521251848
Fax 0521907857
[email protected]
V
Debutta il 21
gennaio al Tea
tro delle Pas
lo spettacolo
sioni
diretto e inte
da César Brie
rpretato
con un gruppo
di giovani atto
ri
€ 0,50
Valido fino al 31 dICEMBRE 2012
PER L’EDICOLANTE: DA RESTITUIRE
ALL’AZIENDA DI DISTRIBUZIONE GIORNALI
www.edicta.net
MUSICA
Al Comunale
la
Bohème, Virtuo
si
Italiani, l’Orch
estra
Mariinskij
e Yuja Wang
B5931211
CELEBRAZIONI
La Giornata della
Memoria si
commemora
a Teatro con
l’AdM Ensem
ble
APPENNINO
Per gli aman
ti
della montagna
tante oppor tunità
tra natura
e gastronomia
di MARINA LEONARDI
L’attore e regista argentino con un gruppo di otto giovani
attori debutta al Teatro delle Passioni con il suo nuovo
lavoro tratto dall’ultimo romanzo di Fedor Dostoevskij
Una
riletturalafedele
e coinvolgente
capace di“affresco”
trasportare
E’
iniziata
realizzazione
del grande
dell’artista americano nella
Biblioteca
Panizzi.
Dal 22 giugnodell’animo
il cantiere
sarà aperto al pubblico
lo
spettatore
in un mondo-allegoria
dell’uomo
E
cco un altro grande classico della
letteratura russa prendere vita
sulle scene di Ert. Dopo l’Anna
Karenina di Nekrosius prodotto qualche
anno fa, arrivano ora I fratelli Karamazov
di Cesar Brie. Lo spettacolo debutta il
21 gennaio al Teatro delle Passioni,
dopo una presentazione al festival Vie
in ottobre, un’occasione che ha permesso di toccare il lavoro con mano,
di apprezzare questo spettacolo travolgente, ben recitato, che prende lo
spettatore per mano e lo conduce lungo
le pagine di quello che è stato l’ultimo
romanzo di Dostoevskij. Lo scrittore
morì solo qualche mese dopo averlo
ultimato ed ecco quindi che Karamazov
ci rimane un po’ come un testamento
che racchiude la summa dei temi cha
hanno caratterizzato la vita e l’opera di
Dostoevskij: la fede, la passione, il vizio,
l’amore, la giustizia. Ma perché proprio
quest’opera?
“I Karamazov – racconta Cesar Brie che
dello spettacolo ha curato la riduzione, la
regia ed è pure bravissimo interprete sono una specie di lascito etico, morale,
spirituale del più grande (a mio avviso),
conoscitore dell’anima umana, in letteratura. Nei suoi personaggi si confrontano
la passione e l’istinto (Dimitri), la ragione
e il dubbio (Ivan); la bontà e la purezza
(Alekséj); il risentimento e la vendetta
(Smerdjakov); la cattiveria, il sentimentalismo, l’egoismo e l’edonismo (Fëdor il
padre); la santità (lo Starets). Lo strazio del dolore infantile percorre
il romanzo e ci riporta al dolore di tutte
le guerre, all’ingiustizia del dolore come
misura degli uomini, di cui pagano il fio
gli innocenti. L’infanzia è anche il luogo
dove si fondano le personalità: il luogo
in cui Alekséi ha ancora una visione del
fratello Ivan, il luogo dove lo Starets
scova un fratello dall’animo mite morto di
tubercolosi. È l’allenamento all’ inferno di
Smerdjakov; l’ infanzia è la casa del padre
e l’ allenamento all’ odio per il padre”.
Sul palco un Cesar Brie in gran forma
veste i panni del padre, con lui gli otto
allievi del percorso di professionalizzazione per giovani attori del Cantiere delle
Arti da lui diretto: Pietro Traldi, Daniele
Cavone Felicioni, Gabriele Ciavarra, Clelia Cicero, Manuela De Meo, Giacomo
Ferraù, Vincenzo Occhionero, Adalgisa
Vavassori, davvero tutti bravi.
note biografiche >>>
Ecco Karamazov se
[04] - il mese gennaio \2012
César Brie nasce a Buenos Aires
in Argentina e arriva in Italia a 18
anni con la Comuna Baires, gruppo
teatrale di cui è cofondatore. Dopo
il 1975 crea a Milano il Collettivo
teatrale Tupac Amaru, dal 1981
al 1990 lavora insieme a Iben Nagel
Rasmussen nel Gruppo Farfa e poi
nel Odin Teatret nelle vesti di autore,
regista e attore. A seguito di queste
esperienze nel 1991, fonda in Bolivia
il Teatro de los Andes. Con questo
gruppo ha creato una serie di lavori
esemplari destinati a girare il mondo
(Romeo e Giulietta, Ubu in Bolivia,
Solo gli ingenui muoiono d’amore,
Dentro un sole giallo, Fragile, Otra
vez Marcelo… l’Iliade, Odissea)
L’ultima sua creazione in tournée
attualmente in Italia è Albero senza
ombra.
César Brie partecipa anche ad altre
produzioni, come autore o regista:
Il cielo degli altri, realizzato in Italia
con gli attori del Teatro Setaccio; Zio
Vanja di Anton Cechov, di cui cura
la regia insieme a Isadora Angelini;
Todos los ausentes, realizzato a
Santiago del Cile con l’attore Hector
Noguera del Teatro Camino; scrive
I clienti, con la regia di Giancarlo
Gentilucci per Arti e Spettacolo.
Nel 2002 la casa editrice Ubulibri
gli ha dedicato la monografia César
Brie e il Teatro de los Andes a cura
di Fernando Marchiori.
p r i m o p i a n o
Karamazov
di Cesar Brie
una produzione
Emilia Romagna Teatro
Teatro delle Passioni
via Carlo Sigonio, Modena
dal 21/1 (ore 21) al 22/1
(ore 17)
dal 24/1 al 28/1 (ore 21) al
29/1 (15.30)
dal 31/1 al 3/2 (ore 21)
il 4/2 (ore 15.30) il 5/2 (ore
15.30)
dall’ 8/2 al 10/2 (ore 21)
all’11/2 e 12/2 (ore 15.30)
Info: Tel. 059 2136011
“Ho ridotto il romanzo – racconta ancora
Brie - imponendomi di non innamorarmi
delle parole. Più di mille pagine sono
state tradotte a 65 pagine di copione.
Capitoli interi sintetizzati in aforismi,
personaggi secondari spariti, altri uniti
in una sola figura.
Credo che lo spirito del romanzo sia
rimasto vivo in questa distillazione. Ho
lavorato con attori giovani e bravi. Sin
dal primo giorno ci hanno guidato alcune
certezze: vestiti appesi sulla scena, pupazzi di bambini, musica in scena, corde
per delimitare lo spazio, panche ai lati di
un teatro spoglio nel quale sparire e dal
quale emergere. Luci semplici.
Il tappeto dipinto è un’orchestra di
colori in cui appaiono le tracce di un
vecchio giardino abbandonato.
Volevo uno spazio povero, abitato da attori che fossero in scena anche quando
osservavano i loro compagni dalla soglia.
Chi entra in scena lo fa dal teatro, non
da fuori; così il teatro diventa uno spazio
simile alla vita”.
Uno spettacolo che è un po’ metafora
del nostro presente; Karamazov è infatti
un romanzo drammaticamente visionario
e anticipa l’orrore dei gulag, dei campi
di sterminio, dei genocidi e la sofferenza
degli inermi.
E Cesar Brie e i suoi attori sono stati
bravi a dipingere con ironia e leggerezza
questa commedia umana, tragica, farsesca e ridicola. Con le parole del bravo
regista e attore argentino: “Svelare
con risate amare, la nostra cocciuta
idiozia”.
primopiano
econdo César Brie
di jessica fuschillo
Un bel fine settimana in
Non solo piste. Davvero numerose
le opportunità per gli amanti della
montagna. Dalle passeggiate alla
gastronomia, dai musei al palaghiaccio
P
er gli appassionati di vacanze bianche, gite fuori porta
in Appennino e escursioni sulla neve quest’inverno non
sembra essere iniziato nei migliori dei modi. Con la neve
che tarda ad arrivare non bisogna però pensare ad una stagione in parte compromessa. Sono numerose infatti le attività
che l’Appennino modenese offre a chi apprezza la vita all’aria
aperta, anche in inverno. Dal trekking alle piste del ghiaccio,
dalla gastronomia al relax.
Nel frattempo a fine dicembre, grazie all’innevamento artificiale,
hanno aperto gli impianti del Monte Cimone. Una volta a regime
saranno in tutto 26 le piste agibili, tutte collegate tra loro e servite da 21 impianti accessibili con un unico skipass elettronico. In
arrivo alcune novità nei tracciati: la pista numero 6 Delle Pernici
in località Cimoncino da rossa diventa nera, così come la pista
25 Baggiolara II, che scende da Pian Cavallaro verso Le Polle
e il collegamento A tra l’arrivo della Cimoncino II tronco e Pian
Cavallaro. Novità anche per gli snowboarder, a partire dalla nuova
gestione dello Snowpark Cimone, affidata da quest’anno al gruppo
Ossarotte Freestyle Team, già da qualche anno alle prese con il
Funpark delle Polle. Il park verrà diviso in 5 aree: easy, jibbing,
jump, pro-extreme e la nuova danger zone, che accoglierà tre
strutture nuove di zecca.
Per gli intrepidi e più avventurieri si può praticare anche sci
escursionismo e sci alpinismo, oltre alle classiche ciaspolate. Agli
amanti dei motori consigliamo di noleggiare motoslitte e quad, su
da vedere
Alla scoperta del Castello di Montecuccolo
Il castello di Motecuccolo, situato a Pavullo, è una splendida
struttura medioevale risalente al 1027.
Dal 6 all’8 gennaio è possibile svolgere visite guidate del
castello dove verrà anche illustrata la storia del Generale
Raimondo Montecuccoli. All’interno del castello è possibile
ammirare le mostre permanenti “Il Paese ritrovato” di Gino
Covili, la “Donazione” di Raffaele Biolchini e il Museo Naturalistico del Frignano.
Fino all’8 gennaio a Pavullo, nella Galleria del Palazzo Ducale,
è aperta anche la mostra Memoria di luce, opere in resina
luminescente di Giuseppe Portella che è riuscito a catturare
la magnificenza della luce in sculture di resina.
cui provare vere scosse di adrenalina. Inoltre per i mesi di gennaio,
febbraio e marzo sono in programma gare di sci e snowboard.
Se il tempo non è dei migliori per sciare, aperto e facilmente
raggiungibile è il pala ghiaccio di Fanano in cui poter passare un
pomeriggio diverso senza dover rinunciare allo sport.
Il Monte Cimone ha pensato anche come riempire quelle giornate
in cui il meteo può mettere a rischio la discesa sugli sci o snowboard: ci si può rilassare in un centro benessere o in una delle varie
piscine comunali coperte, visitare i tanti musei che circondano le
montagne come quello sulla civiltà montanara o sugli strumenti
musicali meccanici, si possono fare itinerari enogastronomici nelle
baite e scoprire i prodotti alimentari tipici - una visita merita la Locanda del Condottiero presso il Castello di Montecuccolo - oppure
partecipare alle tante escursioni organizzate (vedi box sotto).
Info: www.cimonesci.it www.palaghiacciofanano.it
www.vallidelcimone.it www.appenninomodenese.net
Escursioni per tutti tra
natura, storia e tipicità
Nei mesi di gennaio e febbraio sono tanti gli appuntamenti
organizzati sull’Appennino Modenese, sia per gli impavidi
sportivi sia per chi vuole solo passare una domenica in
montagna in compagnia.
Già dai primi giorni del nuovo anno, il 6 gennaio, a Montalbano (località Zocca) tutte le Befane si ritrovano per
uno strano concorso di bellezza, verrà premiata la Befana
più brutta e successivamente verranno distribuiti dolci e
vin brulè a tutti. Oltre alle Befane è possibile visitare gli
originali presepi allestiti nelle antiche vie del borgo che
creano un suggestivo percorso tra luci e colori. Il 15
gennaio e il 12 febbraio vi aspettano due appuntamenti
con le ciaspole: il primo a Fanano e l’altro a Pievepelago.
Un’occasione per camminare sulla neve fresca in mezzo
ai boschi d’alta quota e per vivere una domenica insolita
circondati dall’imponenza della montagna. In programma
un’altra ciaspolata il 19 febbraio, nel parco del Frignano,
[06] - il mese gennaio \2012
p r i m o p i a n o
in Appenino
Segnate in agenda la 7°
edizione della Ciaspolata
Quest’anno si terrà domenica 11 marzo.
Un evento che richiama migliaia di atleti
dove sarà possibile camminare tra le fogge e i pini
avvolti nel silenzio ovattato della montagna innevata.
Durante il percorso sarà possibile ammirare paesaggi
suggestivi, ideali da catturare con una fotografia. Per
pranzo si avrà la possibilità di pranzare in rifugio, in
modo da poter gustare i prodotti tipici montanari e
riscaldarsi davanti al fuoco prima di ripartire.
Per informazioni www.escursioniemiliaromagna.com
oppure [email protected]
Le escursioni con le ciaspole proseguono quindi con
l’offerta del Parco del Frignano: da gennaio fino a fine
marzo sono nove le uscite in programma. A gennaio
domenica 15 si va alla scoperta dei “Popoli della neve”:
un’escursione a Doccia-Fiumalbo sugli antichi passi
dei “Ligures Friniates”. Al rientro proviamo attività di
costruzione di un igloo. Sabato 21 a S.AnnapelagoPievepelago la ciaspolata sarà gastronomica, caratterizzata da alcune tappe-sosta arricchite da gustosi
assaggi. Il 29 ancora un nuovo suggesitvo percorso
alla scoperta della storia e degli ambienti naturali
dell’antico abitato di Piandelagotti. Per il calendario
completo www.parcofrignano.it
famiglie sarà garantito un
servizio di animazione grazie agli animatori dello Staff
dell’Oplà, grande centro
ludico motorio. Per informazioni e iscrizioni: csi di
modena tel. 059.395357
o visitate il sito ciaspolada.
csimodena.it
primopiano
Il CSI (Centro Spor tivo
Italiano) organizza, per la
giornata di domenica 11
marzo, la 7° edizione di
“Ciaspole in Appennino”,
presso gli impianti della
Stazione Invernale del Cimoncino di Fanano. Negli
ultimi 6 anni sono stati ben
4000 gli atleti che hanno
partecipato alla gara.
All’interno della stessa manifestazione si svolgeranno
due camminate: una competitiva di circa 5/6km,
aperta a tutti, mentre la
seconda non competitiva,
sarà un modo per socializzare e per passare una
giornata all’aria aperta. La
gara verrà disputata anche
in assenza di neve, in un
anello di neve artificiale di
2,5 km da percorrere due
volte. Sarà presente un
punto ristoro e ogni partecipante, alla fine della gara,
riceverà un piccolo cestino
con alimenti. A tutte le
>arte
di Marina Leonardi
La Natura è
il mio regno
E’ iniziata la realizzazione del grande “affresco”
dell’artista americano nella Biblioteca Panizzi.
Dal 22 giugno il cantiere sarà aperto al
n vero successo di pubblico per la
è davvero superba. Tutte le
pubblico
bellissima mostra Ansel Adams. La
immagini esposte realizzate in
U
Natura è il mio regno, prodotta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
allestita fino al 29 gennaio negli spazi
espositivi dell’ex ospedale Sant’Agostino.
Questo a dimostrare il grande interesse
che c’è nel nostro paese per uno dei fotografi più bravi e amati del Novecento e
la lungimiranza di Fondazione Fotografia a
proporre la sua opera con una scelta tanto
vasta da farne la più grande retrospettiva
italiana. Un successo comprensibile perché non ci stancheremo di dirlo, la mostra
IL RESTAURO
Riapre la storica farmacia
La farmacia storica dell’ex ospedale
Sant’Agostino (seconda metà del
Settecento), recentemente restituita all’antico splendore grazie ad
un restauro della Soprintendenza
per i Beni Architettonici, riapre
al pubblico. I locali, situati nella
parte monumentale dell’edificio,
tra via Emilia e via Ramazzini, si
potranno visitare gratuitamente
durante i fine settimana (sabato e domenica) e nei giorni festivi, dalle ore 11 alle ore 20.
un perfetto bianco e nero sono
di grande qualità, nella scelta
del soggetto e nell’esecuzione.
Le 70 immagini scelte una ad
una, tra le stampe originali
realizzate dallo stesso Adams,
dal curatore della mostra
Filippo Maggia, provengono
da musei internazionali, collezionisti privati e prestigiose
gallerie americane.
Tra queste il colosso granitico dell’Half
Dome rischiarato dalla luna, le profondità
a perdita d’occhio dei canyon dell’Arizona,
i rami ritorti di una sequoia secolare, le
distese rocciose del deserto di Manzanar. Le foto della vegetazione in autunno,
sono realizzate con una tale ricchezza di
particolari che si vedono a colori anche se
sono realizzate in bianco e nero. Tanta è
la cura e l’abilità di Adams nel cogliere e
sottolineare i dettagli e i particolari anche
nelle foto da lontano.
Nato (1902 -1984) e vissuto per la maggior parte della sua vita a San Francisco, Adams scoprì il Parco Nazionale Yosemite
in gioventù, all’età di 14 anni; iniziò a fotografarlo con la sua prima macchina, una
Kodak Brownie regalatagli dal padre, e da
allora decise di tornarci con regolarità tutti
gli anni, facendone il soggetto di una vita.
Ultimo mese di apertura
per la bella esposizione
dedicata al maestro
della fotografia Ansel
Adams. L’evento unico in
Italia ha portato in pochi
mesi a Modena decine
di migliaia di visitatori
E, diciamo noi, regalandoci scatti davvero
sublimi, di grande modernità.
Dove: Ex Ospedale Sant’Agostino,
Via Emilia Centro, 228
Orari: martedì/venerdì 11-13 / 15.30-19
sabato e festivi 11–20 Info: Tel. 059 239888
Così il Fotomuseo riscopre la Belle Epoque
I viaggi in automobile lungo i tornanti
della Costa Azzurra, le puntate al Casinò di Montecarlo: la vita del bel mondo
modenese di inizio secolo arriva a noi
grazie a un fondo fotografico acquisito,
sistemato e catalogato dal Fotomuseo
[08] - il mese gennaio \2012
Panini ed ora esposto nella mostra Francesco Carbonieri: la Belle Époque nell’obiettivo di un amatore. Fino al 29 gennaio
sui muri dell’ex ospedale Sant’Agostino di
Modena, oltre cento fotografie ingiallite
dal tempo raccontano l’esprit di un’epoca
dorata, in cui la ricca borghesia, anche in
Italia, ebbe l’opportunità di sperimentare
l’ebbrezza di uno stile di vita lussuoso e
cosmopolita.
Promossa dal Fotomuseo Panini in collaborazione con Fondazione Fotografia e a
cura di Chiara Dall’Olio la mostra attinge
dal prezioso fondo Carbonieri, 5.300
fotografie acquistate nel 2004, in precedenza conservate in ordinate scatole
e armadi nella biblioteca e nella soffitta
di villa Clementina a Magreta, dove era
ancora allestita la camera oscura di
Carbonieri, con bacinelle, chimici, bauli
di carte non impressionate, ancora così
come Carbonieri le aveva lasciate. Visite
guidate alla mostra sabato 14 alle ore
11 e mercoledì 25 alle ore 18 (tel. 059
224418 - 3351621739)
Info: www.fondazionefotografia.it
La Transavanguardia di Chia è al Foro Boario
è infatti da tempo legato alla nostra
città, e le sue ripetute presenze alla
Galleria Mazzoli lo testimoniano. Altre
mostre, personali e collettive, hanno
via via riportato Chia sotto la Ghirlandina fino all’odierna rassegna del Foro
Boario che documenta, attraverso una
selezione di un centinaio di opere tra
dipinti, disegni e sculture, la ricerca
più recente del pittore e, per sommi
capi, proprio il legame dell’artista con
la nostra città.
Dove: Foro Boario, via Bono da Nonantola 2
Orari: martedì- venerdì 15.00-19, sabato
domenica e festivi 10.30-19
Info: tel. 059 2032911
Omaggio al quadrato
Prorogata fino al 12 febbraio la retrospettiva su Josef Albers
L’
apertura della mostra dedicata a Josef Albers,
allestita a Palazzo Santa Margherita e alla
Palazzina dei Giardini di Modena, è stata prorogata fino al 12 febbraio prossimo (ingresso libero).
Recensita con grande generosità dalla stampa
nazionale e internazionale, la retrospettiva, la
più ampia dedicata ad Albers mai realizzata
nel nostro Paese, è curata da Marco Pierini,
coprodotta dalla Galleria Civica di Modena con
la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena,
e organizzata con la collaborazione della Josef &
Anni Albers Foundation. Le 175 opere esposte
ricostruiscono, a 35 anni dalla morte, il percorso di Albers dagli anni del Bauhaus di Weimar
a quelli del Black Mountain College e della Yale
University, fino a quelli in cui, lasciato l’insegnamento, si dedicò esclusivamente alla pittura.
Del periodo del Bauhaus, la straordinaria scuola
fondata da Walter Gropius di cui Albers è stato prima allievo e poi docente, sono esposte 12 opere in vetro realizzate dal 1921 al 1932, 29 fotografie e photocollage, una
piccola selezione di xilografie e di gouache e alcuni mobili. Dopo il trasferimento negli
Usa, Albers approda alla pittura a olio con la spatola, fase rappresentata in mostra da
una decina di dipinti della seconda metà degli anni Trenta e degli anni Quaranta, dove
è già ampiamente manifesta l’attentissima cura dell’artista per i rapporti cromatici e
la loro percezione fisica, preludio alle più note serie “Varianti” (1947-1952) e del meraviglioso “Omaggio al quadrato” (1950-1976). Sono infine esposte le sette copertine
di dischi disegnate con l’innovativa confezione apribile inventati da Albers. I bambini
accompagnati dai genitori potranno accedere ai laboratori dell’iniziativa “I bambini
incontrano l’arte contemporanea” nei sabati 28 gennaio, 4 e 11 febbraio dalle 15.00
alle 17.30 e nelle domeniche 29 gennaio, 5 e 12 febbraio dalle 10.30 alle 13.00 e
dalle 15.00 alle 17.30.
Orario della mostra: mart-ven 10.30-13.00; 15.00-18.00;
sab, dom e festivi 10.30-19.00
Info: tel. 059203911 - www.galleriacivicadimodena.it
Alla Biblioteca Poletti
parlano i libri di Bory
Prosegue fino al 28 gennaio la mostra I libri di Jean François Bory
artista a cui è stata dedicata la tredicesima mostra della rassegna In
forma di libro della Biblioteca Civica
d’arte Luigi Poletti. Jean-François
Bory è nato a Parigi nel 1938 dove
tuttora vive e lavora. È considerato
uno degli esponenti di maggior rilievo della poesia visiva francese. Ha
iniziato la propria ricerca alla metà
degli anni sessanta negli ambiti della
poesia concreta, visiva e sonora.
Complessivamente, dal 1965 ad
oggi, ha pubblicato circa un centinaio di libri, tra saggi, testi poetici, e,
soprattutto, libri d’artista. In forma di
libro racconta l’opera e il pensiero di
Bory attraverso i suoi lavori.
Dove: Biblioteca Poletti (V.le Vittorio
Veneto, 5) Quando: fino al 28 gennaio
Orari: lun 14.30-19; mar-ven 8.3013/14.30-19; sab 8.30-13
Info: tel. 059/2033372
arte
Prosegue al Foro Boario la mostra Sandro Chia, curata da Achille Bonito Oliva
e Marco Pierini. Un evento promosso e
organizzato dalla Galleria Civica e dalla
Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, una delle tappe del più complessivo
progetto sulla Transavanguardia curato
da Bonito Oliva a livello nazionale e che fa
capo alla collettiva dal titolo Transavanguardia italiana, allestita a Palazzo Reale
a Milano. Chia è uno dei capostipiti del
movimento che dalla fine degli anni ’70,
in contrapposizione con l’informale dominante, sceglie un ritorno al figurativismo e
a materiali pittorici tradizionali. Per Chia,
Modena è un ritorno. L’artista toscano,
>arte
L’omaggio a Celestino
Simonini a Punto Arte
Sabato 14 gennaio, presso la galleria
Punto Arte ( via Caselline 15, Modena) si inaugura la mostra di pittura
Omaggio a Celestino Simonini. Tempi di Ricerca (fino al 31 gennaio).
Simonini nacque a Piumazzo nel
1927 si diplomò all’Accademia delle
Belle Arti di Bologna nel 1955, suoi
maestri furono Guidi, Mandelli e Morandi. Ottenne il diploma di scultore
ceramista presso la scuola di Castelfranco Emilia (Biancini, Bedronici) nel
1964. Le sue donazioni fanno parte
del Museo Estense di Modena e compongono la raccolta del Museo Civico
Archeologico di Castelfranco a lui
dedicato nel 2008 e la vasta raccolta
di oggetti della civiltà contadina che
furono a lungo esposti nei sotterranei
di Villa Sorra. Ha utilizzato svariate
tecniche con sviluppi spesso innovativi
e personali con grande successo di
critica e di pubblico. Orari di visita:
16-19 chiuso il lunedì
Info: tel. 059 226694
di Marina Leonardi
Al Civico This land is your land
Fino al 27 maggio un dialogo fra culture con oggetti, racconti, film
P
rosegue al Museo Civico Archeologico Etnologico la mostra “This Land is your Land”, risultato di un progetto che
l’istituto culturale ha proposto ad un gruppo di nuovi modenesi provenienti da undici diversi paesi del mondo. Prendendo
come spunto di riflessione gli oggetti che il Museo conserva
ed espone, dagli strumenti agricoli usati nell’antichità fino
alle testimonianze di vita rurale della Raccolta di Villa Sorra,
sono emerse esperienze e ricordi personali riconducibili alle
diverse realtà di cui ciascuno dei partecipanti custodisce in
sé la memoria a cui fanno da contrappunto una raccolta di
storie condivise che congiungono idealmente Modena e il
suo territorio a Congo, Argentina, Albania, Ghana, Marocco,
Colombia, Nigeria, Romania, Iran, Turchia, Ucraina in un
percorso animato da oggetti, racconti, immagini e filmati. Fino al 27 maggio, i martedì venerdì 9/12, sabato, domenica e festivi 10/13 e 15/18.
Info: tel. 059 2033100
Eroiche visioni. In mostra storie di duchi e patrioti
C’è tempo fino al 3 giugno per visitare i nuovi spazi
espositivi dei Musei Civici che ospitano la mostra
Eroiche visioni. Storie di Duchi e Patrioti, curata dal
Museo Civico d’Arte con il contributo della Camera
di Commercio. L’iniziativa chiude le celebrazioni legate
al 150° dell’Unità italiana e attraverso l’atmosfera
degli anni “eroici” in cui si fece l’Italia Unita, intende
valorizzare innanzitutto il patrimonio legato al Museo
del Risorgimento. Non una successione di eventi ma
una suggestiva ricostruzione d’ambiente ci riporta
al clima gravitante intorno alla corte dei due duchi austro-estensi, Francesco IV e
Francesco V. Sullo sfondo si stagliano i personaggi che hanno “fatto” il Risorgimento modenese e italiano: da Don Giuseppe Andreoli promotore dei primissimi moti
carbonari del 1821 a Ciro Menotti fino a Nicola Fabrizi ed Enrico Cialdini.
Info: www.comune.modena.it/museoarte
Se l’Interludio è di Annabel Elgar
A Metronom le fotografie dell’artista inglese tra finzione e realtà
Fino al 28 gennaio, Metronom (Via G.Amendola 142)
presenta Interludio, mostra personale dell’artista inglese
Annabel Elgar a cura di Daniele De Luigi. Per la sua
prima mostra negli spazi della galleria modenese, la
fotografa britannica espone una serie di opere recenti,
inedite in Italia, appartenenti al ciclo Refuge.
Le fotografie di Elgar conducono lo spettatore entro scenari fittizi affascinanti, al confine tra la realtà quotidiana
e il fantastico, costellati di tracce riconducibili a storie
inquietanti di difficile decifrazione. Il risultato del suo lavoro sono atmosfere dark in
luoghi nascosti, ispirate all’artista tanto dalle fiabe e dall’immaginario popolare, quanto da oscuri fatti di cronaca. Le immagini si confrontano con aspetti profondi della
psicologia individuale e collettiva, tratteggiando nella ricchezza dei dettagli complessi
e segreti personaggi e aprendo l’interpretazione a infinite possibilità narrative. Orari
di visita: mart – sab 15- 19 e su appuntamento
Info: tel. 059344692, www.metronom.it
[10] - il mese gennaio \2012
Si intitola Upside the world, la mostra di Alyssia Lazin allestita fino al
14 gennaio alla Galleria MOdenArte
(via Toscanini 26), un percorso di
ricerca fra tecnica, metodo e razionalità, combinato con l’energia dell’
istinto e l’attenta riflessione Orari:
merc- sab 14,30- 18,30.
Info: www.modenarte.com/modenarte/do
Il paese delle meraviglie di Gianni Valbonesi
Ogni mostra di Gianni Valbonesi è un
viaggio nel paese delle meraviglie, una
sbirciatina in una wunderkammer. E
anche questo nuovo appuntamento
proposto alla Galleria Spazio Fisico
(via S.Salvatore11) non delude anzi,
sorprende con le nuove opere dell’ar-
tista, “sculture” molto colorate e un po’
ludiche, assemblaggio di vecchi oggetti
che diventano nuove occasioni festose
e quadri che, con temi e materiali, sono
direttamente ad esse collegati nel continuo
divertissement dell’autore.
Come scrive Mario Bertoni nel saggio che
accompagna la mostra: “Se si restringe il
campo alla mostra odierna, che abbraccia
l’ultimo decennio, si nota l’accentuazione
della tridimensionalità, il bisogno di lavorare l’opera a tutto tondo, di trasformarla
in quinta teatrale. Nascono “sculture” che
sono personaggi dall’ambigua provenienza,
tra cammelli e acquari, torri e fabbricati, tra l’Andalusia e Latvija, Constanta
e Poitiers”. Col che si ritrovano i viaggi
e le carte geografiche, ma, sorpresa,
utilizzate anche nei due autoritratti qui
presenti: “L’artista e la sua creatura”,
“Autoritratto”. Il planisfero, dunque la
pelle dell’artista sarà geografica (grafia
della terra), quasi ad indicare tutti i viaggi realizzati e possibili”.L’unico neo della
mostra è che chiude già il 14 gennaio e
che è visitabile solo il venerdì e il sabato
(ore 18- 20.30). In alternativa prendete
appuntamento: tel. 3397768603.
Com’è… La natura a fior di pelle
Divertenti laboratori per grandi e piccini di corollario a Sfere Invisibili
I
Dal 21 gennaio (fino al 10 marzo)
Galleria Mies (Piazzetta Servi 44)
propone la mostra Retiniche Visioni con installazioni di Paolo Gualdi,
fotografo, scenografo e art director
molto apprezzato a livello internazionale. Orari: lun,mer,ven e sab
10.00-13.00 e 16.00-19.30 dom.
su appuntamento.
Info: www.galleriamies.it
n occasione della mostra Sfere invisibili e della misteriosa
installazione Con altri occhi (fino al 19 febbraio), il Museo della
Figurina (Corso Canalgrande 103)propone una serie di appuntamenti per avvicinarsi ai mondi animali. Venerdì 20 gennaio dalle
17 alle 18.30, torna il laboratorio La natura a fior di pelle, in
cui i bambini da 6 a 13 anni imparano a riconoscere gli animali
attraverso il tatto: pelliccia, piume, conchiglie, ossa provengono
dal Museo di Zoologia e Anatomia Comparata dell’Università di
Modena e Reggio Emilia. Sabato 21 alle 17.30, presso la sede
dell’Associazione ASIA in via del Lancillotto 24, Roberto Ferrari,
curatore della mostra Sfere invisibili, introduce e commenta il
film di Franz Reichle Montegrande. What is life? Al termine
aperitivo. Lunedì 23 dalle 17 alle 18.30 ultimo appuntamento del ciclo di incontri di
yoga per bambini in forma di racconto, dal titolo Come una balenottera, un albero, un
lupacchiotto e una scimmietta... propone l’avventura La curiosità di Serafina e dei suoi
amici. Gli appuntamenti sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.
Info: www.museodellafigurina.it
All’Estense la storia quotidiana
Fino al 17 marzo la Biblioteca Estense Universitaria (Palazzo
dei Musei, L.go S. Agostino 337), a conclusione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, propone la
mostra: “Una storia quotidiana” che attraverso l’esposizione
di quotidiani, periodici e giornali murali di carattere locale,
ripercorre i principali fatti della storia nazionale e modenese
a partire dalla seconda metà dell’Ottocento ai giorni nostri.
Il percorso della mostra, allestita nella Sala Campori, vuole
suggerire una riflessione sulla comunicazione di un Paese in
divenire, attraverso le testate di una città di provincia. Tra i
documenti originali spicca la cronaca locale, rappresentata
da pubblicazioni satiriche e umoristiche “pupazzettate”, tipica
espressione del giornalismo modenese, fin dalle origini estremamente ironico sulle vicende e i protagonisti della vita politica come della cultura e
dello sport. In mostra anche una scelta di inediti giornali murali degli anni Cinquanta.
Info: tel. 059 222248
Tappeti come opere d’arte contemporanea: pezzi unici, fatti a mano,
disegnati da artisti come il modenese
Giuliano Della Casa che ha già realizzato numerosi acquerelli pensati
per essere riprodotti Questo nella
Galleria Verolino Contemporary (via
Farini, 70) di Antonio Verolino.
Info: tel. 059 237845
arte
Nella Sala Campori documenti originali e giornali anche murali
>musica
Di paolo franceschi e Chiara Bazzani
Una “giovane” Bohème
V
Petrova, che propongono uno spettacolo
enerdì 27 gennaio alle 20.30 e
di impianto tradizionale, suddiviso nelle
domenica 29 gennaio alle 15.30,
quattro celebri scene di vita parigina: In
va in scena al Comunale La Bohème di
soffitta, Al quartiere latino, La barriera
Giacomo Puccini, scene liriche in quattro
d’Enfer, In soffitta.
quadri su libretto di Luigi Illica e Giuseppe
Andato in scena la prima volta nel 1896,
Giacosa da “Scénes de la vie de bohème”
il capolavoro di Puccini (quarta opera
di Henry Murger. Una produzione del Tedell’autore) venne diretto la prima volta da
atro nazionale d’opera e balletto di Sofia,
Arturo Toscanini presso il Teatro Regio di
in collaborazione con la Nuova Università
Torino con un buon successo del pubblico,
bulgara, la Fondazione Teatro comunale
seguito poi da una critica inidi Modena, la Fondazione Raina Kabaizialmente piuttosto scettica:
vanska, che vede Maria Agresta nel ruolo
da allora la vita inizialmente
di Mimì, Maria Radoeva divenire Musetspensierata dei giovani arta, Marco Frusoni interpretare Rodolfo,
Daniel Stefanov calarsi nella
parte di Marcello, Matteo Ferl’opera
rara impersonare Schaunard,
La Bohème
Alexander Nossikoff sostenere
Giovani interpreti
la parte di Colline. Questi i
personaggi più importanti della
Venerdì 27 gennaio - ore 20.30
rappresentazione, tutti quanti
Domenica 29 gennaio - ore 15.30
formati nelle classi e nei corsi
Teatro Comunale Luciano Pavarotti
tenuti da Raina Kabaivanska
Libretto di Luigi Illica e Giuseppe
presso l’Istituto pareggiato di
Giacosa
Modena, l’Accademia Chigiana
Musica di Giacomo Puccini
di Siena e la Nuova Università
Direttore Aldo Sisillo
Bulgara di Sofia, dove l’opera
Regia Boyko Bogdanov
è già andata in scena nel
dicembre 2010. Aldo Sisillo
dirige l’Orchestra del Teatro
dell’Opera di Sofia, Violetta
Dimitrova è direttore del Coro dello stesso
tisti parigini, i loro intrecci
teatro, le scene sono di Svetoslav Kokalov,
amorosi, la tragica morte
i costumi di Petya Stoykova, la regia di Boydi Mimì, non hanno ancora smesso di
ko Bogdanov nella riproposizione di Vera
commuovere il pubblico di tutto il mondo,
Al Teatro Comunale
va in scena l’opera di
Puccini interpretata da
promettenti cantanti
formatisi ai corsi
di Raina Kabaivanska
ed è passato più di un secolo.
Info: tel. 059 2033010
Ai Virtuosi Italiani l’onore di inaugurare il 2012
Pavel Vernikov
[12] - il mese gennaio \2012
Sabato 14 gennaio alle ore 21.00,
saranno I virtuosi italiani ad inaugurare
l’anno della stagione concertistica presso
il Teatro Comunale Luciano Pavarotti
di Modena, con la presenza di Alberto
Martini (primo violino concertatore), Mati
Turi (cantor), e il celebre violinista ucraino
Pavel Vernikov. Un concerto per non
dimenticare, che vuole rendere omaggio
alle vittime della Shoah e al Giorno della
Memoria con un programma dedicato
a musiche ebraiche, a partire da Kol
Nidrei, toccante Adagio per violoncello e
orchestra di Max Bruch (1838-1920),
esponente del tardo romanticismo tedesco, proseguendo con il Divertimento
ebraico per violino solo, cantor e orchestra
di Leonid Hoffman (1945), compositore
e teorico contemporaneo moscovita,
terminando con la Sinfonia da camera
op. 110 di Dimitrij Shostakovich nella
trascrizione per orchestra d’archi che
Rudolf Barshai trasse dal Quartetto n.
8 dello stesso autore, brano dedicato
alle vittime del nazifascismo. Leonardo
Sapere è violoncello solo nel pezzo di
Bruch, seguito da Mati Turi e Pavel Vernikov, rispettivamente cantor e violino
solista nella composizione di Hoffman,
dove vengono riproposte melodie del
folklore ebraico e intonazioni relative
a testi biblici, proponendo una miscela
di sacro e profano di particolare suggestione.
Info: tel. 059 2033010
Così Valerij Gergiev dirige l’Orchestra Mariinskij
posizione emblematica delle possibilità
virtuosistiche orchestrali dell’Ottocento,
del colore e della tecnica strumentale,
divagazione folle del sinfonismo romantico
e della musica a programma, dagli esiti
inauditi e sbalorditivi. In cinque movimenti,
l’autore sigla un capolavoro che si snoda
attorno ad una idea fissa, l’amore per
l’attrice Harriet Smithson, rappresentato attraverso i titoli di Fantasticheriepassioni, Un ballo, Scena campestre,
Marcia al supplizio, Sogno di una notte di
sabba, programma che solo il gigantismo
orchestrale unito al linguaggio visionario e
allucinato dell’autore potevano restituire
con tanta drammaticità ed eloquenza.
Da non perdere.
Concerto della memoria
L’appuntamento commemorativo è per il 18 con l’AdM Ensemble
L
a Giornata della Memoria viene
celebrata sul palco di Corso
Canalgrande con il Concerto della
Memoria e del Dialogo realizzato
in collaborazione tra gli Amici della
Musica di Modena e la Fondazione
Teatro Comunale, col sostegno della
FCRMO. L’appuntamento è per mercoledì 18 gennaio alle ore 21. Sotto
la direzione artistica di Claudio Rastelli, l’AdM Ensemble composta per
l’occasione da Gabriele Betti– flauto,
Omar Zoboli – oboe, Maura Gandolfo
– clarinetto, Paolo Lambardi – violino,
Michal Duris – violino, Yoko Morimyo – viola, Luca Bacelli – violoncello,
AdM Ensemble
Claudio Saguatti – contrabbasso,
Francesco Bergamasco – pianoforte, Aldo Orvieto – armonium e pianoforte e Simone
Beneventi – percussioni, diretti da Andrea Barizza, con Maurizio Leoni, baritono e
Simone Maretti alle letture, propone le musiche che i più importanti compositori del
‘900 hanno dedicato ai loro maestri. Anche quest’anno il programma è vario sia dal
punto di vista degli organici strumentali sia degli stili musicali. Il concerto è suddiviso in
“Suites” formate da brani di compositori diversi che scorrono quasi senza interruzione.
Musiche legate assieme per creare tre suites, ideali ghirlande in memoriam. Solbiati
dedica una pagina alla memoria di Ligeti pochi giorni dopo la sua morte (2006); nella
Musica Ricercata di Ligeti si trova il brano Béla Bartók in Memoriam (1951-53), nel
1920 Bartók scrive Pour le Tombeau de Claude Debussy. Anelli sottili che collegano e
intrecciano vite e epoche, musicisti e ascoltatori. Mahler e Debussy sono i principali
destinatari dei tributi offerti dagli altri compositori in programma (le tre trascrizioni
da Debussy, sono di Nicola Straffelini, di Alessandro Solbiati e di Claudio Rastelli). La
“composizione” di questo concerto è essa stessa omaggio a Debussy, nel 150° della
nascita, a Mahler, nel recente centenario della morte, e a tutti gli artisti che hanno
saputo cogliere e conservare la Memoria dei maestri del passato.
Info: tel. 329 6336877
Il direttore Valerij Gergiev
Il talento di Yuja Wang
nel cartellone della Gmi
Debutto modenese per Yuja Wang,
straordinario talento del pianismo
mondiale, il 20 gennaio al Teatro
Comunale di Modena per la rassegna della Gioventù Musicale Italiana.
Pur giovanissima, è nata a Pechino
nel 1987, Yuja Wang si è già esibita
con le più prestigiose orchestre del
mondo.
Per il concerto modenese l’artista ha
scelto un programma che mette in
risalto il suo virtuosismo strabiliante
ma anche la sua sensibilità interpretativa. In apertura le sette fantasie
dell’opera 116 di Johannes Brahms e
a seguire Scriabin con la Sonata n° 5,
Brani evocativi di immagini, come è il
caso de “La soirée dans grenade” da
Estampes di Debussy, o della visione
di Triana, che Isaac Albeniz percorre
nel pezzo tratto dalla suite Iberia, o,
infine, la “Alborada del Gracioso” di
Maurice Ravel, Chiude il programma
la ballata op. 19 di Gabriel Fauré.
Info: tel 059 9781690 - 331 3345868
[email protected]
musica
Molto attesa la presenza di Valerij Gergiev
al Teatro Comunale di Modena, celebre e
talentuoso direttore d’orchestra russo che
giovedì 2 febbraio sarà alla guida dell’Orchestra sinfonica del Teatro Mariinskij di San
Pietroburgo, del quale è anche direttore
generale dal 1996. Un programma appassionato, che apre con il romanticismo
e l’enfasi dell’Ouverture ispirata a Romeo
e Giulietta di Tchaikovskij, per seguire con il
modernismo esuberante e sfarzoso dei brani
di Prokof’ev, suggestionato dallo stesso soggetto shakespeariano. Ma la serata diviene di
grande intensità con un brano d’eccezione, la
mirabolante Sinfonia fantastica di H. Berlioz,
grande affresco musicale a forti tinte, dai
toni concitati, drammatici, coinvolgenti, com-
>musica
Di chiara bazzani
Una serata dedicata al Lied tedesco
La proposta della GMI per i Concerti Aperitivo. In calendario il 15 anche il concerto di Mario Brunello
L
a Gioventù Musicale Italiana di Modena si prepara al ritorno
di un grande nome italiano, il violoncellista Mario Brunello,
domenica 15 gennaio all’Auditorium Marco Biagi, alle 17.30
con il quinto appuntamento di un ciclo di incontri iniziato l’anno
passato sulle sei Suite di Johann Sebastian Bach. Brunello si
appresta a descrivere la sua personale interpretazione della
Suite n°5 in do minore BWV 1011 per violoncello solo di Bach.
Al termine del concerto-conferenza sarà possibile conoscere
il violoncellista da vicino partecipando alla Cena con Brunello.
(Prenotazioni presso l’ufficio della Gmi 059 9781690).
Ripartono anche i concerti-aperitivo. Il primo sarà venerdì
28 gennaio al Teatro San Carlo (via San Carlo 5), ore 17.30
con il programma Leaderabend, dedicato al Lead tedesco,
genere vocale da camera che ha raggiunto vette di estrema
raffinatezza nell’800, spesso con la messa in musica di testi di
grandi poeti come Goethe nei quattro Mignon Lieder di Hugo
Wolf i cui testi sono tratti dal Wilhelm Meister, o Petrarca nei
Tre Sonetti del Petrarca che Franz Liszt musicò durante la sua
permanenza in Italia. Un programma interpretato dal soprano
coreana Joo Cho, e dal pianista Diego Mingolla. Oltre ai leader
già menzionati completeranno la serata tre Leader, dal ciclo Des
Con Piani Diversi è tempo di jazz
Doppio programma al Baluardo Cittadella giovedì 12
gennaio con la Gioventù Musicale. Alle 19 il musicologo
Maurizio Franco presenta il volume Nuova storia del jazz
di Alyn Shipton edito da Einaudi. Incontro aperto al pubblico seguito da un buffet offerto da GMI e Punto Einaudi
Modena. Alle 21 un duo particolare, Viviana Lasaracina
al pianoforte e Stefania Tallini al pianoforte jazz in un confronto tra musica classica a sorpresa e improvvisazioni
jazz. Mediatore tra le interpreti e il pubblico il musicologo
Maurizio Franco.
Mario Brunello
Knaben Wunderhorn di Gustav Mahler e Johannes Brahms
con una delle sue pagine più commoventi e appassionate, Alte
Liebe - Meine Liebe ist grün wie der Fliederbusch. Infine, in
anteprima assoluta il brano Salamanca per voce e pianoforte di
Adriano Gaglianello, vincitore della XVIII edizione del Concorso
Internazionale di Composizione 2 agosto, istituito in memoria
vittime della strage della stazione di Bologna del 1980. Il brano
Salamanca, su testi del premio Nobel Miguel de Unamuno, è
stato scritto su commissione della GMI modenese che da alcuni
anni è gemellata con il concorso.
Due giovani talenti poi per il concerto-aperitivo di sabato 4
febbraio dalle 17.30 presso l’Auditorium Marco Biagi, Nikita
Boriso-Glebsky violino, vincitrice del I premio Kreisler di Vienna
2010, e Vadym Kholodenko pianoforte, vincitore del I° premio
Sendai piano competition 2010, con musiche di W. A. Mozart
K. Szymanowski e E. Grieg.
Info: tel 059 9781690 - 331 3345868
[email protected]
Cello Song segna il ritorno di Sarah Jane Morris al Baluardo
Nuovo anno, vecchie buone abitudini:
accantonate le feste, riparte da dove
ci aveva lasciato lo scorso dicembre
la rassegna jazz del Baluardo della
Cittadella, confermando uno dei più
interessanti programmi del calendario
concertistico modenese. Due gli appuntamenti in programma per questo
inizio di 2012, a partire dall’attesissima
esibizione, giovedì 19 gennaio, di una
delle più sofisticate interpreti jazz e r’n’b
degli ultimi vent’anni. Stiamo parlando
di Sarah Jane Morris, che con il pubblico italiano intrattiene da sempre un
rapporto di reciproco calore, tanto da
vantare due partecipazioni al Festival
di San Remo, a fianco di Riccardo Cocciante nel 1991 e con Simona Bencini
[14] - il mese gennaio \2012
nel 2006. Insieme a lei in questa serata,
occasione per portare sul palco “Cello
Songs” (Cinik Records) disco di cover
concepito proprio nel nostro paese, le
chitarre di Kevin Armstrong e di Tony
Remy.
Non si dovrà attendere molto per assistere invece alla performance del duo
composto da John Abercrombie e Marc
Copland, un chitarrista ed un pianista
che le strade del jazz le hanno percorse
in lungo e in largo per più di trent’anni.
Giovedì 26 gennaio, i due presenteranno
al pubblico modenese il loro ultimo disco
“Speak to me” (Pirouet Records), frutto
di una collaborazione che ricorderà agli
intenditori più navigati quella di due grandi
maestri del recente passato come Bill
Evans e Jim Hall. L’inizio di entrambi i
concerti è previsto per le ore 21.30,
ai seguenti prezzi: ingresso posto unico
euro 18, ridotto euro15. [Pietro Terzi]
Info: www.baluardodellacittadella.it
biglietti: www.ticketone.it
prenotazioni: tel. 059 4270745
>calendario eventi
I segreti della mente
di Hideo Nakata
Sala Truffaut, Modena - ore 18.30 e
20.30
info: 059 236288
venerdì 6
Can Can
di Cole Porter, adattamento e regia
Corrado Abbati
Teatro Storchi, Modena - ore 15.30
Info: 059 2136011 - 059 2136021
lunedì 2
di Hideo Nakata
Sala Truffaut, Modena - ore 21.30
info: 059 236288
Fantastic Mr Fox
Enter the Void
Pastellami
mercoledì 4
Enter the Void
di Gaspar Noé
Sala Truffaut, Modena - ore 21
Info: 059 236288
La Befana vien di notte...
Laboratorio per bambini 3-8 anni
Centro per le Famiglie, Maranello - ore
16.45
Info: 0536 940920
Quando punk e new wave erano il verbo
“Il segno 80. Come eravamo e come
siamo finiti...” con Vanni Neri
Mattatoio, Carpi - ore 22
Info: www.mattatoiocultureclub.blog.com
La Befana vien di notte
teatro per ragazzi
Teatro Troisi, Nonantola - ore 11 e 17
Info: [email protected]
La coccinella che voleva diventare grande
spettacolo per bambini
Circolo La Fontana, Fossoli (Carpi) - ore
10
info: 059/660782
Angels Prut
lunedì 9
Il primo incarico
di Giorgia Cecere
Cinemastudio 7b, Modena - ore 21
Info: 059 236291
Can Can
Il manifesto dei burattini
“Nuova storia del jazz”
Presentazione del libro di Alyn Shipton
con Maurizio Franco
Baluardo della Cittadella, Modena - ore 19
Info: [email protected]
Otello
Balletto. Musiche di Antonin Dvorák
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
XIII Memorial Paolo Giacobizzi
Coro “R. Montecuccoli”
Chiesa dei Frati Cappuccini, Pavullo ore 21
Info: 0536 29964
martedì 10
Due ragazzi irresistibili
con Gianfranco D’Angelo e Eleonora
Giorgi
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Al dutaur di mat
da “Il medico dei pazzi” di Eduardo Scarpetta, regia Nanni Garella
Teatro Nuovo, Mirandola - ore 21
Info: 0535 26500
E tutti risero
Nat e il segreto di Eleonora
di Peter Bogdanovich
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
sabato 7
di Giorgia Cecere
Cinemastudio 7b, Modena - ore 21
Info: 059 236291
a seguire “Arriva la Befana!”
Circolo Gorizia, Carpi - ore 16
Info: 059 695173
Enter the Void
di Gaspar Noé
Sala Truffaut, Modena - ore 19 e 22
Info: 059 236288
Babaman
Vox, Nonantola - ore 22
Info: www.voxclub.it
Legenda per la consultazione
Home sweet home
Due ragazzi irresistibili
Arriva la Befana!
di Cole Porter, adattamento e regia
Corrado Abbati
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011 - 059 2136021
Blackbird
di David Harrower, regia Lluís Pasqual
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011 - 059 2136021
con Gianfranco D’Angelo
e Eleonora Giorgi
Teatro Michelangelo, Modena
ore 21.15
Info: 059 343662
Centro, Pavullo - ore 15
Info: 0536 29964
giovedì 5
giovedì 12
Il paese dei campanelli
Teatrino dell’Es e lo spettacolo
Teatro dell’Es, Pavullo - ore 9.30
Info: [email protected]
di Aki Kaurismaki
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 20.30
Info: 059 680546
Islanda Trek
Compagnia Corrado Abbati
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
borgo Montalbano, Zocca - ore 15
Info: 059 986524
Miracolo a Le Harve
Dietro la maschera
da Stefano Cenci, dall’Eneide di Virgilio
Cinema Teatro Italia, Soliera - ore 21
Info: www.artivivehabitat.it
Bambini: a Montalbano arrivano le Befane
di Gaspar Noé
Sala Truffaut, Modena - ore 21
Info: 059 236288
Due ragazzi irresistibili
con Gianfranco D’Angelo e Eleonora
Giorgi
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Ex Novo Ensemble
musiche di Ligeti, Nono, Boulez, Kurtág,
Brahms
Teatro delle Passioni, Modena - ore 17.30
Info: [email protected]
Festa della Befana
Enter the Void
“Da te ai tuoi antenati” lezioni di ricerca
geneaoligica. A numero chiuso.
Archivio di Stato, Modena - ore 14.30
Info: [email protected]
di Marco Lugli
Sala congressi Autostazione, Carpi
ore 21
Info: 348 3327289
regali dalla Befana per i bambini
Polisportiva Modena Est, Modena - ore
14.30
info: 059 284109
percorso animato per ragazzi 6-10 anni
Palazzo Pio, Carpi - ore 17
Info: 059 649955
Storia dei cognomi - Le quattro generazioni
di Peter Bogdanovich
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Kalinka, Carpi - ore 22
Info: www.kalinkaclub.it
E ora...Metamorfosi!
mercoledì 11
Tòt in t’un dè
Compagnia reggiana “Artemisia Teater”
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 15.30
Info: 059 680546
di Gaspar Noé
Sala Truffaut, Modena - ore 21
Info: 059 236288
Laboratorio per bambini 0-6 anni
Centro per le Famiglie, Maranello - ore
16.45
Info: 0536 940920
Miracolo a Le Harve
Circolo Guerzoni, Carpi - ore 16
Info: 059 683336
martedì 3
Laboratorio per bambini 0-3 anni
Centro per le Famiglie, Maranello - ore 9
Info: 0536 940920
di Gaspar Noé
Sala Truffaut, Modena - ore 17 e 20
Info: 059 236288
di Aki Kaurismaki
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 20.30
Info: 059 680546
I segreti della mente
Una nevicata...di farina
domenica 8
Enter the Void
Web semantico e intelligenza
collettiva
“Uomini e computer: una nuova alleanza?”
Auditorium Biagi, Modena - ore 21
Info: 059 2032940
“In my mind”
Inaugurazione mostra di Anna Sassu
La Tenda, Modena - ore 20.30
Info: www.latendamodena.it
Viviana Lasaracina e Stefania
Tallini
“Piani diversi”.
Concerto a due pianoforti
Baluardo della Cittadella, Modena - ore 21
Info: [email protected]
Il primo incarico
Fumetto e memoria. Shoah e
stereotipi razziali in Art Spiegelman, Will Eisner e altri autori
Andrea Piazzi, Enrico Fornaioli
Aua Magna IIS Levi, Vignola - ore 15
Info: 059 688272
Appuntamenti
Cinema
Incontri
Musica
Teatro
calendario eventi
domenica 1
>calendario eventi
Omar Zoboli e Martin Zeller
oboe e violoncello
Sala delle Mura, Castelnuovo Rangone ore 17
Info: [email protected]
Il miele del diavolo
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21
Info: 059 236288
venerdì 13
Serata al Metallo
Logical Terror + Terminal Sick
Fermata 23, Camposanto - ore 22
Info: [email protected]
Musica, lirica e danza “...e
lucean le stelle...”
Serata di Solidarietà per AMO
Teatro Comunale, Carpi - ore 20.30
info: 059 671630
Little Taver and his Crazy
Alligators
Kalinka, Carpi - ore 22
Info: www.kalinkaclub.it
Sweet Jamaica Bizzarri Records
Askala Selassie + Ginko + Killacat +
Raphael + Magadog, con Livity Band
Vibra, Modena - ore 22
info: www.vibra.tv
domenica 15
Blackbird
di David Harrower, regia Lluís Pasqual
Teatro Storchi, Modena - ore 15.30
Info: 059 2136011 - 059 2136021
“Jazz al Baluardo”
Baluardo della Cittadella, Modena
Info: 059 244309
Ag vol mia presia
Nicola Piovani in quintetto
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
Viaggio in aereo
Letture per bambini e adulti
Centro per le Famiglie, Maranello - ore
17
Info: 0536 940920
da “Il piccolo principe”
Auditorium San Rocco, Carpi - ore 16.30
Info: 347 3263971
Duo Lonquich e Barbuti
pianoforte a quattro mani
Teatro Comunale, Carpi - ore 17
Info: 059 649263
venerdì 20
Finalmente arrivò l’amore
di Peter Bogdanovich
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Can Can
L’erede
di Cole Porter, adattamento e regia
Corrado Abbati
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola - ore 21
Info: 059 9120911
La bocca del lupo
Pianoforte
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: [email protected]
di Michael Zampino
Cinemastudio 7b, Modena - ore 21
Info: 059 236291
Yuja Wang
mercoledì 18
L’Affarista
di Honoré De Balzac, regia Antonio
Calenda
Teatro Nuovo, Mirandola - ore 21
Info: 0535 26500
Terrybilmente divagante
Bach nella lettura di Brunello
Suite n°5 in do minore di Bach
Auditorium Marco Biagi, Modena - ore
17.30
Info: [email protected]
Io sono lì
di Andrea Segre
Sala Truffaut, Modena - ore 18.45 e
20.30
Info: 059 236288
Pina
di Wim Wenders
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 20.30
Info: 059 680546
A spasso con le racchette
da neve
piazza Corsini, Fanano - ore 9.30
Info: 059 535477
lunedì 16
L’erede
La Tenda, Modena - ore 21.30
Info: www.latendamodena.it
Lèggerenebbie
di Pietro Marcello
Centro Borgofortino, Carpi - ore 20.30
info: 059 684540
Blackbird
Overbordeline + Admin + Mechanical Swan
Nicola Piovani
Duo Comico “Fontanesi - Razzoli”
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 15.30
Info: 059 680546
sabato 14
I virtuosi italiani
Sarah-Jane Morris
regia Carlo Cavazzuti
La Tenda, Modena - ore 17
Info: www.latendamodena.it
“Cercate il bene della città”
“Per non dimenticare”
violino Alberto Martini e Pavel Vernikov,
cantor Mati Turi cantor
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: 059 2033010
Operazione San Pietro
Operazione Hipparion
di e con Filippo Timi
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola - ore 21
Info: 059 9120911
con Emidio Campi
Fondazione Collegio S. Carlo, Modena ore 17.30
Info: [email protected]
Il villaggio di cartone
Terrybilmente divagante
con Teresa Mannino
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
di Ermanno Olmi
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Il lago dei cigni
musiche Piotr Ilic Ciaikovskij, coreografia
M. Petipa
Teatro Michelangelo, Modena
ore 21.15
Info: 059 343662
Favola
Di pari passo con l’amore e
la morte
di David Harrower, regia Lluís Pasqual
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011 - 059 2136021
di Michael Zampino
Cinemastudio 7b, Modena - ore 21
Info: 059 236291
martedì 17
L’Affarista
di Honoré De Balzac, regia Antonio
Calenda
Teatro Mac Mazzieri, Pavullo - ore 21
Info: 0536 304034
con Teresa Mannino
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Gruppo familiare
Diario personale
“Da te ai tuoi antenati” lezioni di ricerca
geneaologica. A numero chiuso.
Archivio di Stato, Modena - ore 14.30
Info: [email protected]
Vecchia America
di Peter Bogdanovich
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Concerto della memoria
e del dialogo
Adm ensemble
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: [email protected]
Amycanbe
Kalinka, Carpi - ore 22
Info: www.kalinkaclub.it
Il tesoro della Sierra Madre
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Dialogo e valori condivisi
con Giuseppe Cacciatore
Fondazione Collegio S. Carlo, Modena ore 17.30
Info: [email protected]
Alberto Fortis
Auditorium San Rocco, Carpi - ore 21
Info: 347 3263971
Orchestra in gioco
“MusicaSuMisura” spettacoli per ragazzi
Teatro Comunale, Modena - ore 9 e 11
Info: 059 2033010
giovedì 19
L’Affarista
di Honoré De Balzac, regia Antonio
Calenda
Teatro Dadà, Castelfranco - ore 21
Info: 059 9120901 - 059927138
sabato 21
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Otello
Balletto. Musiche di Antonin Dvorák
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
A dangerous method
di David Cronenberg
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
[16] - il mese gennaio \2012
Legenda per la consultazione
Appuntamenti
Cinema
Incontri
Musica
Teatro
Il calendario completo degli appuntamenti in provincia è scaricabile sul sito: www.provincia.modena.it
+ Waterwings + Krypton
La Tenda, Modena - ore 17.30
Info: www.latendamodena.it
The Zen Circus
Vibra, Modena - ore 22
Info: www.vibra.tv
domenica 22
La storia del rock
Proiezioni e commenti di Vanni Neri
(K-Rock) + aperitivo
Fermata 23, Camposanto - ore 18
Info: [email protected]
Passioni per la Musica- Professione: musicista
Incontro col violinista Stefano Succi
Mr Muzik Off, Modena - ore 17.30
Info: [email protected]
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 17
Info: 059 301880 - 059 2136021
lunedì 23
Singolarità di una ragazza
bionda
di Manoel De Oliveira
Cinemastudio 7b, Modena - ore 21
Info: 059 236291
martedì 24
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Elektra
di Hugo von Hofmannsthal, regia Carmelo Rifici, con Elisabetta Pozzi
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola - ore 21
Info: 059 9120911
A chi servono questi quattrini
con Luigi de Filippo, di Armando Curcio
Peppino De Filippo
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Paper Moon - Luna di carta
giovedì 26
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Dr. Jekyll & Mr. Hyde
Auditorium Enzo Ferrari, Maranello ore 21
Info: 0536 240022
A chi servono questi quattrini
con Luigi de Filippo, di Armando Curcio
Peppino De Filippo
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Sette note in nero
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
John Abercrombie Marc Copland duo
“Jazz al Baluardo”
Baluardo della Cittadella, Modena
Info: 059 244309
di Peter Bogdanovich
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Quanti coran.... siur Giuseppe
Compagnia mantovana “Gli Amici”
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 15.30
Info: 059 680546
Noè
per bambini da 3-7 anni
Auditorium San Rocco, Carpi - ore 16.30
Info: 347 3263971
Glaccio Tavoni
“Out to lunch”
presentazione dell’album “Earthtone”
La Pausa Music&Food, Campogalliano
- ore 12
Info: 059 851008
La pelle che abito
di Pedro Almodóvar
Sala Truffaut, Modena - ore 18.15 e
20.30
Info: 059 236288
Missione di pace
di Francesco Lagi
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 20.30
info: 059 680546
La rosa di Bagdad
Circolo Graziosi, Carpi - ore 16
Info: 059 690065
Elektra
venerdì 27
In the bottle night
Eleven Fingers + The Great Northen X
Fermata 23, Camposanto - ore 22
Info: [email protected]
Perturbazione
Kalinka, Carpi - ore 22
Info: www.kalinkaclub.it
Peter Katz
Mr Muzik Off, Modena - ore 22
Info: www.offmodena.it
Dieci inverni
di Giacomo Puccini, libretto di Luigi Illica
e Giuseppe Giacosa
Teatro Comunale, Modena - ore 20.30
Info: 059 2033010
di Valerio Mieli
Sala congressi Autostazione, Carpi - ore
14.45
Info: 059 6550494
domenica 29
La Bohème
Tango Spleen
Auditorium San Rocco, Carpi - ore 21
Info: 347 3263971
Arriva Giulio Coniglio
con Nicoletta Costa e Febe Sillani
Castello dei Ragazzi, Carpi - ore 16
Info: 059 649961
di Giacomo Puccini, libretto di Luigi Illica
e Giuseppe Giacosa
Teatro Comunale, Modena - ore 15.30
Info: 059 2033010
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
di Hugo von Hofmannsthal, regia Carmelo Rifici, con Elisabetta Pozzi
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola - ore 15
Info: 059 9120911
Niente da dichiarare
di Dany Boon
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
info: 059 236288
Karamazov
Karamazov
L’albero delle bolle
+ Human Improvement Process + Damned Spring Fragrantia + We Stole the Sun
La Tenda, Modena - ore 17
Info: www.latendamodena.it
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore
15.30
Info: 059 301880 - 059 2136021
mercoledì 25
teatro per ragazzi
Teatro Troisi, Nonantola - ore 17
Info: [email protected]
The Bridal Procession + Ingested + Outcast + Elegance Decay
di Dan Gogging, regia Fabrizio Angelini
Teatro Storchi, Modena - ore 15.30
Info: 059 2136011 - 059 2136021
di Manoel De Oliveira
Cinemastudio 7b, Modena - ore 21
Info: 059 236291
A chi servono questi quattrini
Liederabend
soprano Joo Cho, pianista Diego
Mingolla
Teatro San Carlo, Modena - ore 21
Info: [email protected]
Nunsense
Singolarità di una ragazza
bionda
con Luigi de Filippo, di Armando Curcio
Peppino De Filippo
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Cabaret Yiddish
di e con Moni Ovadia
Cinema Teatro Italia, Soliera - ore 21
Info: www.artivivehabitat.it
Un brott scherz
Compagnia Bolognese “I Felsinei”
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 15.30
Info: 059 680546
“L’ultima notte di Bonhoeffer”
di e con Pino Petruzzelli
Teatro Comunale, Carpi - ore 17
Info: 059 688272
La Bohème
Progetto Memoria: andata e
ritorno
regia Antonio Capasso
La Tenda, Modena - ore 21
Info: www.latendamodena.it
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Stanotte sorgerà il sole
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
sabato 28
Nunsense
di Dan Gogging, regia Fabrizio Angelini
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011 - 059 2136021
Giulio Coniglio e gli amici per
sempre
per bambini da 3-7 anni
Auditorium San Rocco, Carpi
ore 16.30
Info: 347 3263971
L’amore che resta
di Gus Van Sant
Sala Truffaut, Modena
ore 18.45 e 20.30
Info: 059 236288
calendario eventi
Geffen + Notimefor + Not so
kind + The Looseer + Mars 157
>calendario eventi
Una separazione
Karamazov
di Asghar Faradi
Cinema Ariston, San Martino (Carpi) ore 20.30
Info: 059 680546
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Passioni per la Musica- Professione: musicista
regia Gianna Raccagni
Teatro Mac Mazzieri, Pavullo - ore 21
Info: 0536 304034
Incontro col violinista Alfonso Alberti
Mr Muzik Off, Modena - ore 17.30
Info: [email protected]
Ciaspolata
Frassineti, Pavullo - ore 8.30
Info: 320 0619267
Don Juan
Diceria dell’untore
da Gesualdo Bufalino, regia Vincenzo
Pirrotta, con Luigi Lo Cascio
Teatro Ermanno Fabbri, Vignola - ore 21
Info: 059 9120911
Chi ha paura di Virginia Woolf
martedì 31
Eretici e Corsari
da G. Gaber, S. Luporini e P.P. Pasolini,
con Neri Marcorè e Claudio Gioè
Teatro Storchi, Modena - ore 15.30
e 21
Info: 059 2136011 - 059 2136021
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Chi ha paura di Virginia Woolf
con Lorenzo Loris, di Edward Albee, con
Caterina Costantini e Franco Castellano
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
info: 059 343662
con Lorenzo Loris, di Edward Albee, con
Caterina Costantini e Franco Castellano
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Urlatori alla sbarra
di Lucio Fulci
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Spira Mirabilis
Variazioni su un tema di Haydn op.56a Johannes Brahms (1833 – 1897)
Esibizione aperta
Polisportiva Formiginese, viale dello
Sport - Formigine - ore 21
Info: www.comune.formigine.mo.it
Saint Jack
Eretici e Corsari
da G. Gaber, S. Luporini e P.P. Pasolini,
con Neri Marcorè e Claudio Gioè
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011 - 059 2136021
Storia personale - Fonti di informazione in Italia
“Da te ai tuoi antenati” lezioni di ricerca
geneaologica. A numero chiuso.
Archivio di Stato, Modena - ore 14.30
Info: [email protected]
Missione di pace
di Francesco Lagi
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
giovedì 2 febbraio
Eretici e Corsari
da G. Gaber, S. Luporini e P.P. Pasolini,
con Neri Marcorè e Claudio Gioè
Teatro Storchi, Modena - ore 21
Info: 059 2136011 - 059 2136021
[18] - il mese gennaio \2012
Retiniche Visioni
Dove: Galleria Mies,
Piazzetta dè Servi 44/a
Quando: dal 21 gennaio al 10 marzo
Orari: lunedì, mercoledì, venerdì
e sabato 10-13 e 16-19.30.
Domenica su appuntamento.
Info: 059 235395
proseguono
Josef Albers
Dove: Palazzo Santa Margherita e
Palazzina dei Giardini, corso Canalgrande
Quando: fino al 12 febbraio
Orari: da martedì a venerdì 10.30-13 e
15-18; sabato domenica e festivi 10.3019. Lunedì chiuso
Info: 059 2032911 - 059 2032940
This Land is your Land
con Lorenzo Loris, di Edward Albee, con
Caterina Costantini e Franco Castellano
Teatro Michelangelo, Modena - ore
21.15
Info: 059 343662
Antonio Albanese
Beatrice Pucci
Dove: D406, via Cardinalmorone 31/33
Quando: dal 14 gennaio
Orari: martedì 10.30-13; mercoledì
16.30-19.30, venerdì 16.30-19.30 e
21.30-23; sabato 10.30-13 e 16.3019.30; domenica 16.30-19.30
Info: 059 211071
Dove: Museo Civico Archeologico
Etnologico, Largo S.Agostino 337
Quando: fino al 27 maggio
Orari: da martedì a venerdì 9-12; sabato,
domenica e festivi 10-13 e 15-18
Info: 059 2033100
Chi ha paura di Virginia Woolf
“Personaggi”
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
aprono
Dove: Museo Civico d’Arte
Palazzo dei Musei
Quando: fino al 3 giugno
Orari: da martedì a venerdì 9-12;
sabato e festivi 10-13 e 16-19
Info 059 2033100
mercoledì 1 febbraio
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Le mostre da vedere
Eroiche visioni.
Storie di Duchi e Patrioti
di Peter Bogdanovich
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Karamazov
Una storia quotidiana
Joyce E. Yuille 4et
“Jazz al Baluardo” - omaggio a Sarah
Vaughan
Baluardo della Cittadella, Modena
Info: 059 244309
Orchestra sinfonica del Teatro
Mariinskij
dal “Giulietta e Romeo” di Sergej
Prokofiev
Teatro Comunale, Modena - ore 21
Info: 059 2033010
giovedì 3 febbraio
Karamazov
da Fëdor Dostoevskij, regia César Brie
Teatro delle Passioni, Modena - ore 21
Info: 059 301880 - 059 2136021
Due di noi
di Michael Frayn, regia Leo Muscato, con
Lunetta Savino, Emilio Solfrizzi
Teatro Comunale, Carpi - ore 21
Info: 059 649263
L’isola di corallo
di John Huston
Sala Truffaut, Modena - ore 21.15
Info: 059 236288
Dove: Biblioteca Estense Universitaria,
L.go S. Agostino 337
Quando: fino al 17 marzo
Orari: lunedì e sabato 9-13; da martedì
a giovedì 9-13 e 14.30-18.30
Info: 059 222248
Sfere invisibili. All’interno degli
habitat animali
Dove: Museo della Figurina (Palazzo
S.Margherita, corso Canalgrande
Quando: fino al 19 febbraio
orari: da lunedì a venerdì 10.30-13 e
15-18; sabato,
domenica e festivi: 10.30-18
Info: 059 2033090 - 059 2032940
Sabrina Bastai
Dove: Modo Casa via De’ Gavasseti
angolo via Emilio Po
Quando: esposizione permanente
Orari: da lunedì a sabato 9-14.45
e 15.15-19.15. Domenica chiuso
Info: 059 815522
Arteinattesa
Dove: Policlinico, via del Pozzo 71
Quando: esposizione permanente
Info: 059 2032604
chiudono
Sandro Chia
Dove: Foro Boario, via Bono da
Nonantola 2
Quando: fino al 29 gennaio
Orari: da martedì a venerdì 15-19;
sabato, domenica e festivi 10.30-19
Info: 059 2032911
Gianni Valbonesi
Dove: Galleria Spazio Fisico,
via San Salvatore 11
Quando: fino al 14 gennaio
Orari: venerdÏ e sabato ore 18- 20.30
e su appuntamento
Info: 339 7768603
Ansel Adams. Nature is my
Kingdom
Dove: Ex Ospedale Sant’Agostino,
Largo Porta Sant’Agostino, 228
Quando: fino al 29 gennaio
orari: da martedì a domenica 16-19.
Lunedì chiuso
Info: 059 239888
Francesco Carbonieri:
la Belle Époque nell’obiettivo
di un amatore
Dove: Ex Ospedale Sant’Agostino,
Largo Porta Sant’Agostino, 228
Quando: fino al 29 gennaio
orari: da martedì a domenica 16-19.
Lunedì chiuso
Info: 059 239888
Omaggio a Celestino Simonini
Dove: Galleria Punto Arte,
Vicolo Caselline, 15
Quando: fino al 31 gennaio
orari: da martedì a domenica 16-19.
Lunedì chiuso
Info: 059 226694
I libri di Jean François Bory
Dove: Biblioteca Poletti
Palazzo dei Musei
Quando: fino al 28 gennaio
orari: lunedì 14,30-19; da martedì
a venerdì 8,30-13 e 14,30-19 ;
sabato 8,30-13
Info: 059 2033372
Annabel Elgar. Interludio
Dove: Metronom, viale G. Amendola 142
Quando: fino al 28 gennaio
orari: da martedì a sabato 15-19
e su appuntamento
Info: 059344692, www.metronom.it
Upside the world
Dove: Galleria MOdenArte,
via Toscanini 26
Quando: fino al 14 gennaio
orari: da mercoledì
a sabato 14,30-18,30; lunedì,
martedì, domenica e festivi chiuso.
Info: www.modenarte.com/modenarte/do
Francesco Manenti
Dove: Lo Sguardo dell’Altro,
via Malatesta 50 e 62
Quando: fino al 9 gennaio
Info: www.losguardodellaltro.com
Archeologia di uno spazio
urbano
Dove: Palazzo dei Musei
Lapidario Romano
Quando: fino all’8 gennaio
Orari: tutti i giorni 8.30-19.30
Info: 059 2033100
è classico e moderno
Dai Concerti d’inverno a Note di passaggio: i concerti degli AdM
U
n mese di gennaio ricco di appuntamenti per gli Amici della Musica di
Modena e una varietà di proposte che
spaziano dalla musica contemporanea
con i Concerti d’Inverno, al repertorio
classico di Note di Passaggio.
Dà il “la” il concerto di domenica 8
gennaio a partire dalle 17.30 al Teatro
delle Passioni di Modena. Sul palco l’Ex
Novo Ensemble; nata nel 1979 rappresenta ormai una realtà di riferimento nel
panorama internazionale della musica
del primo ‘900 e contemporanea. Tra i
componenti spicca Alvise Vidolin, granAlvise Vidolin
de nome per la musica elettronica. Con
un programma di musiche di Ligeti, Nono, Boulez, Kurtàg l’ensemble propone brani
dei compositori più significativi del ‘900. Non manca poi un pezzo di Brahms, punto di
riferimento di molta musica contemporanea, con il trio in la minore dal tono elegiaco
e contemplativo.
Cinque secoli di musica scorrono poi nel programma che Omar Zoboli, oboista tra i
più stimati a livello internazionale, in duo con il pianista Martin Zeller propongono al
pubblico domenica 15 gennaio presso la Sala delle Mura di Castelnuovo Rangone dalle
17.00. Musiche di Anonimo del 1600, Capitan Hume, Caccini, Van Eick, Telemann,
Jolivet, Yun e naturalmente J.S. Bach.
Romanticismo e non solo con i trii di Beethoven, Mendelshon e Brahms domenica 5
febbraio alle ore 17.00 nella Basilica di San Cesario. Eseguono il programma Stefano
Succi al violino, Ulrich Horn al violoncello e Sara Okamoto al pianoforte, attualmente
membri dell’Orchestra Sinfonica della Radio di Francoforte.
Stefano Succi e il pianista e musicologo Alfonso Alberti inaugurano poi il ciclo di incontri
Passioni per la Musica con due appuntamenti, domenica 22 e 29 gennaio alle ore
17.30 nello spazio del Mr. Muzik Off di via Morandi a Modena, raccontando il proprio
modo di “essere musicista” utilizzando la parola, il proprio strumento e gli audiovisivi.
Tutte le iniziative sono a ingresso libero. [Chiara Bazzani]
Ivano Fossati in tour al
Comunale il 14 febbraio
Ultimi lampi per una delle carriere
più ricche e brillanti dell’intera musica nostrana. Come già annunciato
ad ottobre, ospite da Fabio Fazio a
“Che tempo che fa”, quello in corso
rappresenta l’ultimo tour per il grande
cantautore Ivano Fossati. Non un
addio alla musica, ma al “mestiere
discografico”, un tentativo di sentirsi
più libero, dopo i sessant’anni compiuti il 21 settembre scorso e il lancio
dell’ultimo lavoro in studio, intitolato,
forse in modo mai così esplicito,
“Decadancing”. Nessuna tristezza,
ma la volontà di trasformare gli ultimi
concerti in “una grande festa”, accompagnati da quell’understatement
che è sempre stata la cifra essenziale dell’artista genovese. Fossati
sarà al Teatro Comunale “Luciano
Pavarotti” di Modena il prossimo
14 febbraio: un evento che non può
non suonare come una convocazione
ufficiale per il suo eterogeneo ma
fedelissimo pubblico. [Pietro Terzi]
Info: www.studiosonline.it
www.ivanofossati.it
Info: tel. 329 6336877
Perturbazione
L’Epifania tutte le feste si porta via, così
dice il proverbio. Ma i concerti nei locali di
Modena e provincia invece ricominciano
alla grande. Sabato 7, arriva al Vox di Nonantola Babaman uno dei più importanti
cantanti reggea italiani. Originario dell’hinterland milanese, Babaman comincia la
sua carriera nel 1998 e ora ha all’attivo
dieci album e molte collaborazioni. Al Vox
proporrà le canzoni del suo ultimo disco
“Riddim Addict 2011” interamente basato
sui “riddim”, tipici ritmi giamaicani.
Anche al Vibra è tempo di ritmi giamaicani
con la serata organizzata dalla Bizzarri
Records, venerdì 13. Si alternetanno sul
palco le punte di diamante dell’etichetta
reggae modenese come Askala Selassie,
Ginko, Killacat, Raphael, Magadog e i Livity Band. Sabato 21 sarà l’ora degli Zen
Circus, una colonna portante della musica
indipendente italiana. Dopo gli esordi in
lingua inglese e dell’indimenticabile disco
con Brian Ritchie “Villa Inferno”, il trio di
Pisa riconferma la sua capacità di parlare
di temi attuali con il disco in italiano “Nati
per subire”.
Al Mr Muzik Off suonerà invece il canadese
Peter Katz (venerdì 27), nella sua prima
tournée italiana. Gli ottimi consensi che
ha registrato con suo ultimo disco “First
of the last to know” lo hanno consacrato
come uno dei più interessanti fenomeno
emergenti d’oltreoceano. Voce, chitarra
e un’atmosfera intima sono gli ingredienti
della sua musica.
Al Kalinka di Carpi suonerà il leggendario e
divertente rocker emiliano Little Taver con
i suoi Crazy Alligators venerdì 13. Venerdì
20, dalla Romagna arriveranno gli Amycanbe, musiche delicate e dolci con una delle
voci femminili più ammalianti degli ultimi
anni, Francesca Amati. Immancabile è
anche il ritorno dei Perturbazione, venerdì
27, perché la band torinese sta portando
sui palchi di tutta Italia il tour di “In Circolo”,
lo storico disco del 2002. [S.C.]
musica
Musica live nei locali modenesi
>cinema
>cinema
di Marina Leonardi
Alla Truffaut
gli inediti Doc
Tra le novità a gennaio la rassegna su Bogdanovich
e l’imperdibile Spazio Aperto che propone pellicole
come Io sono Lì di Segre e le ultime fatiche di Olmi,
Cronenberg, Almodovar, Gus Van Sant e Von Trier
N
onostante la stagione fredda sarà
una calda stagione quella che ci
propone la Sala Truffaut. Partiamo
subito dagli sgoccioli delle prime visioni di
Natale, ancora in cartellone troviamo infatti,
dal 3 all’8 gennaio (feriali ore 21, il 7 alle
19 e alle 21 e l’8 alle 17 e alle 20) il film
di gaspar Noè, Enter the void. Il film uscito
adesso nelle sale racconta la storia surreale del fantasma di un giovane spacciatore
ucciso dalla polizia che vaga inquieto nei
locali di Tokyo.
E passiamo ai bellissimi film della rassegna
Spazio aperto - Inediti e riscoperte, tutti
assolutamente da vedere e che portano a
Modena vere chicche come il film Io sono Lì,
opera prima di Andrea Segre, salutato come
rivelazione a Venezia e che sta riscuotendo
molto interesse per i temi del razzismo
e della convivenza che tratta con tocco
leggero ma profondo (domenica 15/1 ore
18.45 e 20.30).
Apre la rassegna, l’ultimo film di Ermanno
Olmi, Il villaggio di cartone (sabato 14/1
ore 21.15) che parla del rapporto tra chiesa, spiritualità ed emigrazione. Altri piatti
forte in rassegna sono le ultime uscite di
grandi registi come David Cronenberg e
Pedro Almodovar. Sabato 21 (ore 21.15)
ecco arrivare A dangerous method del
canadese Cronenberg che ci porta nella
Zurigo del dopoguerra alla scoperta della
torbida relazione tra il giovane Jung e la sua
paziente Sabina Spielrein. Domenica 22 (ore
18.15 e 20.30) ecco La pelle che abito
di Pedro Almodóvar che guida un sempre
affascinante Antonio Banderas, nei panni di
un medico in una pellicola dai toni noir che
ci fa ricordare Frankestein.
Sabato 28 (ore 21.15) ecco i toni più leggeri di Niente da dichiarare di Dany Boon,
che dopo il successo di Giù al Nord torna a
giocare sugli stereotipi e le diversità di campanile. Domenica 29 (ore 18.45 e 20.30)
arriva l’ultimo film di Gus Van Sant, L’amore
che resta, che racconta la storia d’amore
Una immagine di Io sono Lì
tra due giovani adolescenti affascinati dalla
morte. Italiana la pellicola in calendario mercoledì 1 febbraio (ore 21.15), Missione di
pace di Francesco Lagi che ha toni leggeri
e dissacranti nel raccontare le vicende del
capitano Vinciguerra (Silvio Orlando), la cui
battaglia più grande rimane quella col figlio,
pacifista convinto. Voltiamo pagina, guardiamo al freddo Nord di Lars Von Trier di cui
Sabato 4 alle 21.15 arriva Melancholia il
film di struggente intensità presentato a
Cannes e ad Est, domenica 5 (ore 18.15
e 20.30) all’Iran di Una separazione di
Al 7B vetrina di qualità per Il cinema invisibile
Al cinema Filmstudio7B prosegue
di lunedì e martedì alle ore 21la
rassegna Il cinema invisibile che
permette di recuperare molti film
snobbati dalle sale cinematografiche.
[20] - il mese gennaio \2012
Il 9-10 gennaio arriva Il primo incarico,
prima visione di Giorgia Cecere, con
Francesco Chiarello e Isabella Ragonese
nei panni di una maestra alle prese con
un mondo estraneo e difficile. Il 16-17
gennaio arriva L’erede pellicola del 2010
di Michael Zampino, ambientata in una
meravigliosa Toscana,con Alessandro
Roja, Guia Jelo.
Il 23-24 gennaio è la volta di Singolarità
di una ragazza bionda un film del grande
regista portoghese Manoel De Oliveira
che nonostante abbia superato il secolo
di vita è ancora capace di emozionarci
con i suoi film. Sulla scena Ricardo Trepa
e Catarina Wallenstein in una storia
ambientata sulla via per l’Algarve,
dove Macário racconta ad una compagna di viaggio la storia del tormentato, grande amore della sua vita.
Altro grande regista in cartellone
il 6 e il 7 febbraio, La polvere del
tempo un film del 2008 del greco
Theo Angelopoulos, con due insuperabili Willem Dafoe e Bruno Ganz, il
secondo capitolo di una trilogia iniziata
con La sorgente del fiume, La polvere
del tempo mette in scena, fra Roma
e Berlino, il paesaggio di un plumbeo
presente.
Prima all’Ariston con Pina di Wenders e Le Havre
Asghar Farhadi, Orso d’oro a Berlino, che ci
porta all’interno delle dinamiche quotidiane
di una giovane famiglia iraniana. A gennaio
sono altre tre le rassegne in calendario alla
Truffaut. Partiamo da Nostalgie cinefile - Il
cinema di Peter Bogdanovich, che ci riporta
una serie di film deliziosi e indimenticabili. Il
10 alle 21.15, E Tutti risero del 1981 con
Ben Gazzara e Audrey Hepburn, l’11 Dietro
la maschera del 1985, il 17 Finalmente
arrivò l’amore (1975) omaggio al musical
con Burt Reynolds e la colonna sonora di
Cole Porter, il 18 Vecchia america (1976)
di pace, di Francesco
Si apre in bellezza
Lagi, in cartellone dola programmazione
menica 22 gennaio,
2012 di Prima all’Aricon un cast di bravi
ston (Cinema Ariston
attori: Silvio Orlando,
di San Marino di CarAlba Rohrwacher, Fipi, proiezione unica
lippo Timi che ci racore 20.30). Si parte
contano la “battaglia”
venerdì 6 e domenica
del Capitano Vinci8 gennaio con il bellisguerra alle prese con
simo Miracolo a le haun figlio pacifista.
vre di Aki Kaurismaki,
Il mese di gennaio si
meravigliosa storia
chiude con un’altra
di solidarietà, sicurabella pellicola, viene
mente uno dei film più
dall’Iran è si è aggiutoccanti del 2011.. Al- Pina di Wim Wenders
dicata l’Orso d’oro
tra splendida pellicola,
all’ultima edizione del
domenica 15 gennaio
Festival di Berlino. Una separazione,
è Pina raffinato omaggio di Wim
di Asghar Faradi una parabola sulla
Wenders a Pina Bauch. Wenders è
difficoltà/impossibilità di giudicare
bravissimo a girare documentari e
con una sceneggiatura di ferro e
questo dedicato all’indimenticabile ara una squadra di attori davvero
tista che ha rivoluzionato il linguaggio
formidabili.
della danza e le tecniche del balletto
Info: tel. 059 695898
non è da meno degli altri.
www.circolobrunomora.it
È divertente ed irriverente Missione
con Ryan O’Neal e Burt Reynolds, il 24 il
tenerissimo Paper moon (1973) con la
coppia padre e figlia, Ryan e Tatum O’Neal,
il 25 il bellissimo L’ultimo Spettacolo (1971)
con un indimenticabile Jeff Bridges e infine
il 31 Saint Jack (1979) con Ben Gazzara.
Prosegue nei giovedì di gennaio alle 21.15
il ciclo dedicato a Lucio Fulci Il genio della
serie Z,in calendario: il 12 Il miele del
diavolo (1986), il 19 Operazione S.Pietro
(1967), il 26 Sette note in nero (1977) e
il 2 febbraio Urlatori alla sbarra (1959).
Il venerdì (ore 21.15) è invece riservato al
grande maestro John Huston e alla seconda parte della rassegna America amara:
13/1 Di pari passo con l’amore e la morte
(1969); 20/1 Il tesoro della Sierra Madre
(1958), 27/1 Stanotte sorgerà il sole
(1949), L’isola di corallo (1948).
Info: tel. 059 236288
le prime nelle sale
Regia di Tomas Alfredson. Con
Gary Oldman, Colin Fith, Tom
Hardy
Esce il 27 gennaio questo
film di spionaggio, tratto dal
mirabile romanzo di John
Le Carré. Londra, 1973.
Control, il capo del servizio
segreto inglese, è costretto
alle dimissioni in seguito
all’insuccesso di una missione segreta in Ungheria,
durante la quale ha perso la
copertura e la vita l’agente
speciale Prideaux.
J. Edgar
Regia di Clint Eastwood, con Leonardo Di Caprio, Armie Hammer, Naomi Watts
Esce il 4 gennaio, l’ultima fatica di Clint Eastwood che lo vede
per la prima volta assieme a Leonardo Di Caprio. Il film segue
la carriera dell’emblematico J. Hedgar Hoover, dalla fondazione
del FBI nel 1935 al suo lungo incarico come direttore della
lotta contro la criminalità organizzazione che durò fino al 1972
quando morì.
E ora dove andiamo?
Regia di Nadine Labaki, con Claude Msawbaa, Layla Hakim, Nadine Labaki
Una commedia al femminile contro l’integralismo, che si svolge
in una piccola comunità divisa tra musulmani e cattolici, in una
zona montuosa del Medioriente. Se gli uomini sono spesso pronti alla rissa tra opposte fazioni le donne sono invece solidali nel
cercare di distogliere mariti e figli dal desiderio di trasformare
i pregiudizi in violenza.
cinema
La talpa
>teatro
Di Micol Lombardi
Il 12 gennaio arriva al Teatro Storchi
il testo del drammaturgo scozzese
David Harrower messo in scena da
Pasqual con Popolizio e Della Rosa
A
pochi mesi dal debutto nazionale, il 12 gennaio arriva a Modena Blackbird, testo di straordinaria forza
scritto da David Harrower, classe 1966, rivelazione
della nuova drammaturgia scozzese. Lo spettacolo è diretto
da Lluìs Pasqual, uno dei maestri della scena internazionale
ed è interpretato da Massimo Popolizio e Anna Della Rosa.
Prendendo spunto da un caso che fece scandalo sui giornali
nel 2003, Harrower si sofferma ad analizzare la psicologia di
un uomo maturo, Ray, che coltiva una relazione illecita con una
ragazzina di nome Una, finendo in prigione per questo. La storia
si scopre a poco a poco attraverso la ricostruzione della ragazza
che, piombando un giorno nell’ufficio di Ray lo costringe a riparlare
del passato, un passato che per lei è costantemente presente,
e le impedisce di avere una vita normale. Una discesa negli inferi
dell’animo umano, che dell’animo umano svela le mille, schoccanti
sfumature. “Perché ho deciso di portare in scena “Blackbird”? –
spiega Pasqual - Prendo in mano un copione, lo sfoglio, lo leggo,
mi emoziono. E se mi emoziono, vado in cerca della possibilità di
trasmettere quella sensazione ad altri. Blackbird è un esempio
perfetto, per me, di quel che intendo quando parlo di teatro politico, di un teatro che si fondi sulla messa in discussione di principi,
postulati della morale. Ci sono due modi di fare teatro politico:
creare spettacoli per un pubblico “convinto” oppure scegliere testi
come questo. “Mettere in scena Blackbird”, “significa portare in
evidenza un tema che tutti conosciamo nella sua realtà quotidiana,
per guardarlo in modo più profondo, al di fuori di ogni significato
scandalistico. Cosa vorrei che il pubblico ricevesse dalla visione
di “Blackbird”? conclude Pasqual - che la gente uscisse da teatro
pensando che le cose, le persone, le situazioni non sono così
semplici, piatte e banali come in televisione”.
Il linguaggio teatrale diventa strumento privilegiato per uno sguardo
“altro” sulle cose, soprattutto quando si tratta di vicende scomode
e purtroppo spesso taciute.
Così, attraverso le molte stratificazioni del testo e i numerosi livelli
di lettura, l’ordinaria storia di una violenza si trasforma in una
grande storia d’amore, che lega indissolubilmente, in maniera
unica e crudele, i protagonisti.
In Blackbird, Harrower non si ferma all’elemento assodato della
condanna: ci invita a seguirlo oltre ciò che attiene ad una legge
condivisa da chiunque.
Per la rassegna Conversando di teatro presso il foyer del Teatro
Storchi, sabato 14 gennaio alle ore 17.30 incontro con Mas-
Eretici e Corsari un omaggio a Pasolini e Gaber
Uno sguardo lucido sulla
società quello portato in
scena da Marcorè e Gioè
Neri Marcorè foto Bepi Caroli
[22] - il mese gennaio \2012
È un omaggio a due grandi personaggi
della cultura italiana Eretici e Corsari
l’eclettico spettacolo che dal 31 gennaio
al 2 febbraio porta sul palco dello Storchi,
due bravi intrattenitori come Neri Marcorè
e Claudio Gioè, impegnati a far rivivere
monologhi, articoli, canzoni, frammenti
di interviste di due artisti e intellettuali
come Pier Paolo Pasolini e Giorgio Gaber,
poeti d’opposizione che ci svelano che
‘’il futuro è già finito”. L’indagine su due
intellettuali mai allineati si traduce in una
radiografia impietosa di un’epoca, gli anni
’70, che rivive attraverso gli Scritti Corsari pasoliniani e che trova eco in alcune
canzoni di Giorgio Gaber come L’appartenenza, Gli oggetti fino a lo se fossi Dio.
L’analisi lungimirante di un sistema che
fonda il proprio potere su una ipnotica
promessa di comodità e benessere, ma
che in realtà sta trasformando il cittadi-
no in un “uomo che solo consuma”.
Lo spettacolo sfrutta una cornice narrativa costruita sulla lunga intervista
a Pasolini, che l’allora giovane Furio
Colombo raccolse proprio poche ore
prima che Pasolini fosse ucciso. “Mancano 5 ore all’assassinio” e in quelle
stesse ore Gaber si prepara ad andare
in scena, è in quella stagione 1975-76
che presenta infatti il suo spettacolo
antologico Giorgio Gaber-Recital.
Lo spettacolo, prodotto dal teatro
dell’Archivolto in collaborazione con la
Fondazione Giorgio gaber, è accompagnato dalla musica dal vivo del Gnu
Quartet: Francesca Rapetti, flauto;
Stefano Cabrera, violoncello; Raffaele
Rebaudengo, viola, Roberto Izzo,
violino.
Dove: Teatro Storchi Quando: 31/1 ore
15:30 e 21, 1, 2 febbraio ore 21
Blackbird, Dellarosa e Popolizio (foto David Ruano)
Blackbird il coraggio
di non avere risposte
Nunsense: il musical
ci porta in... convento
Dove: Teatro Storchi. Largo Garibaldi
Quando: dal 12 al 14 gennaio ore 21, il 15 ore 15:30
Info: www.emiliaromagnateatro.com
Quando: 28 gennaio ore 21, 29 gennaio ore 15.30
La domenica non si va a scuola
La Compagnia Abbati fa Can Can
Per i più piccoli Rosaspina e Peter Pan
Omaggio a Cole Porter tra balli e canto
Ritorna l’appuntamento
con La domenica non si va
scuola, rassegna dedicata
alle famiglie e ai bambini.
L’8 gennaio alle ore 16
presso il Teatro Storchi ritroviamo Rosaspina, dolce
e visionaria rilettura de ‘La
Bella Addormentata’. Un
teatro d’attore che si contamina con elementi del
teatro di figura per esplorare assieme ai grandi e ai
bambini le domande e le tematiche più profonde della
fiaba. Il 22 gennaio alle ore 16 il Teatro Storchi ospiterà
invece un grande classico, Peter Pan. Un viaggio che
accomuna i genitori, che lasciata l’infanzia hanno ormai
smesso di sognare, e i bambini, che a loro volta hanno
paura di affrontare gli orizzonti più lontani.
Divertimento ed emozioni,
echi cinematografici e di
Broadway, Can Can è il musical che accende la voglia
di ridere, ballare e cantare
sulle famosissime musiche
di Cole Porter.
Un classico reso famosissimo dal successo dell’omonimo film con Frank Sinatra, e
uno spettacolo di altrettanto
successo che al suo debutto
a Broadway è rimasto in
scena per 5 anni. Una sferzata di buonumore dove la
storia del can-can è raccontata da un cast di oltre venti
artisti tra sontuose ambientazioni, magnifici costumi,
scene di danza e una musica geniale.
La nuova produzione della Compagnia Corrado Abbati
approda al Teatro Storchi il 5 gennaio ore 21 e il 6
gennaio ore 15,30.
Info: www.emiliaromagnateatro.com
Info: www.emiliaromagnateatro.com
teatro
simo Popolizio, Anna della Rosa e la compagnia di Blackbird.
Ingresso libero.
Torna il musical al Teatro Storchi con Nunsense, gioco di
parole tra nun, in inglese suora e nonsense. Lo spettacolo
ha debuttato a New York il 12 Dicembre 1985 ed è stato
rappresentato in tutto il mondo in più di 26 lingue. Fabrizio
Angelini firma la regia originale e le coreografie della riduzione
italiana con la regia riprodotta
di Alessia de Guglielmo, coreografie riprodotte da Paola
Ciccarelli per una produzione:
Accademia Spettacolo-Ortona
con Teatro Stabile d’Abruzzo. E veniamo alla divertente
trama che nell’adattamento
è stata trasferita in Italia ai
giorni nostri, con riferimenti
all’attualità. Impegnate in una
partita di bingo dalle Focolarine, la Reverenda Madre, Suor
Uberta, Suor Robertanna,
Suor Leonella e Suor Amnesia sopravvivono alla fatale zuppa
al finocchio che la povera Suor Giulia ha servito per cena alle
altre 52 sorelle del Certosino Zelo. Tornate in convento le 5
protagoniste trovano tutte le consorelle con la faccia nella
minestra! Non avendo la possibilità economica di seppellirle
tutte, sono costrette a conservare le ultime 4 sfortunate nel
congelatore! Ma non si danno per vinte e mettono in scena
uno spettacolo per raccogliere il resto dei soldi.
>teatro
Di Micol Lombardi
Michelangelo da ridere
A gennaio un ricco cartellone che si apre col duo D’Angelo-Giorgi
L
a stagione del Teatro Michelangelo
(Via Pietro Giardini, 255 ) riprende il
10 gennaio (fino al 12 ore 21.15) con
la coppia Gianfranco D’angelo ed Eleonora Giorgi in Due ragazzi irresistibili
di Mario Scaletta e Paola T. Cruciani con
la regia di Ennio Coltorti.
Lo spettacolo, è una gita in barca su un
mare di risate intervallate da riflessioni
ironiche, amare ma sempre divertenti.
Gianfranco D’Angelo ed Eleonora Giorgi,
sulle onde dei decenni, intrecciano i loro
ricordi umani e professionali: speranze,
frustrazioni, lacrime e gioie, attraverso
gli eventi che hanno segnato la nostra
vita. Il 17 gennaio (ore 21.15) arriva invece la danza, con l’Accademia Ucraina di Balletto che presenta Il Lago dei Cigni dello Slovak National Theatre. Il celebre balletto
in quattro atti su musiche di Tchaikovskji e coreografie di Petipa-Ivanov che racconta
l’amore tra il principe Sigfried e Odette la regina dei cigni. Il 18 e il 19 arriva al Michelangelo l’ironia di Teresa Mannino in Terrybilmente Divagante, di e con Teresa
Mannino per la regia di Marco Rampoldi. Teresa Mannino, siciliana di origine, milanese
di adozione, artista eclettica, conduttrice di Zelig Off, torna sul palco del Teatro Michelangelo con un doppio appuntamento. Teresa Mannino racconta e si racconta: gli anni
dell’infanzia, la famiglia che torna a trovare in una sorta di pellegrinaggio al sapore di
caffè, i tempi della scuola. Teresa chiacchiera con la spontaneità di chi si trova su un
palcoscenico ma conserva la stessa immediatezza che avrebbe in un salotto mentre
la mamma prepara tè e pasticcini per tutti, e se qualcuno ha problemi di linea Teresa
risponde “futtitinne”!!
Chiude il mese di gennaio il 31 e fino al 2 febbraio (ore 21.15) un classico della
drammaturgia contemporanea, un testo forte carico di tensioni e emotività. Quando il
teatro coinvolge il pubblico che ne esce affascinato. Stiamo parlando di Chi ha paura
di Virginia Woolf? il testo di Edward Albee messo qui in scena da Lorenzo Loris. Alla
prova due attori intriganti, Caterina Costantini e Franco Castellano.
Al Comunale di Carpi
un’operetta e Due di noi
Due gli spettacoli di prosa in cartellone al Teatro Comunale di Carpi (Piazza dei Martiri 72). Si parte domenica
8 gennaio alle ore 16 con l’intramontabile Il paese dei campanelli, la
notissima e intramontabile operetta
di Carlo Lombardo e Virgilio Ranzato
che qui arriva nel nuovo allestimento
del Festival dell’Operetta di Trieste
portato in scena dalla Compagnia
Corrado Abbati.
Passiamo al 3, 4 e 5 febbraio, alle
ore 21 con Due di noi, di Michael
Frayn, con la regia di Leo Muscato,
con due maestri della comicità come
Lunetta Savino ed Emilio Solfrizzi.
The two of us, fu rappresentata per
la prima volta a Londra nel 1970 fu
l’esordio teatrale di Michael Frayn,
che, allora sconosciuto, sarebbe in
seguito diventato famoso in tutto il
mondo grazie al successo di Rumori
fuori scena. La commedia racchiude
tre atti unici con situazioni matrimoniali al limite del paradosso.
Info: tel. 059 649263
Info: tel. 059 341709
Le fondamenta dell’impero
dal 5 all’11 febbraio ai Segni
“Ricorda A serious man dei fratelli
Coen, Le fondamenta dell’impero,
la pièce teatrale portata in scena al
Teatro dei Segni dal 5 all’11 febbraio
(ore 21). “C’è un protagonista che
appare dalle prime battute sopraffatto
da un destino che sembra divertirsi a
seminare la sua esistenza di incidenti e
fastidi pietre d’inciampo di una vita che
potrebbe altrimenti felicemente scorrere serena...” Sergio Pierattini introduce
così il primo testo teatrale pubblicato
dalla Compagnia Quinta Parete, che
oltre che uno spettacolo è ora anche un
libro che sarà presentato il 5 febbraio
alla fiera del libro BUK di Modena.
Info: www.quintaparete.org
[24] - il mese gennaio \2012
Grande Moni Ovadia a Soliera
Il suo cabaret yiddish per celebrare la Giornata della memoria
La programmazione del Cinema Teatro Italia di Soliera, riprende giovedì 12 gennaio alle ore 21 con Home sweet home, di
Stefano Cenci, creazione collettiva Dimensioni Parallele Teatro,
liberamente tratto dall’Eneide di Virgilio. Enea dalla guerra di Troia
fugge tra gli sconfitti, profugo cerca una nuova patria per le sue
genti. E questo è quello che avviene anche ai profughi di oggi.
L’Eneide è una metafora dell’emigrazione che accompagna la
storia dell’umanità. Da non perdere l’appuntamento di domenica
29 gennaio (ore 21) col mirabile cabaret Yiddish di e con Moni
Ovadia, accompagnato da Emilio Vallorani al flauto, Janos Hasur
al violino, Albert Florian Mihai alla fisarmonica e Luca Garlaschelli
contrabbasso. Grandissimo interprete Moni Ovadia non ha
neppure bisogno di presentazioni. L’appuntamento è realizzato
in occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria, in collaborazione con il
Comune di Soliera. Dal 13 al 15 gennaio il Teatro Italia ospita il Laboratorio intensivo per
attori e performer abili e diversamente abili, a cura di AltrArte Teatro.
Info: tel.059.859665
Da Vignola a Mirandola
Classici come Elektra o L’affarista e testi moderni come La Ciociara
e Diceria dell’untore di Bufalino nelle sale della provincia gestite da Ert
E
d ecco una carrellata degli spettacoli in cartellone a gennaio
nei teatri gestiti da Ert. Al Teatro Walter Mac Mazzieri di
Pavullo nel Frignano il 17 gennaio alle 21 va in scena L’affarista
da Honoré De Balzac con la regia di Antonio Calenda con Geppy
Gleijeses, Marianella Bargilli.
Al Teatro Nuovo di Mirandola, il 10 gennaio (ore 21) arriva Al
dutaur di mat da “Il medico dei pazzi” di Eduardo Scarpetta
regia Nanni Garella, con Vito e Marina Pitta. Al Teatro Dadà di
Castefranco Emilia, il 18 gennaio (ore21) ritroviamo L’affarista di
Honoré De Balzacportato in scena da Antonio Calenda. E veniamo
alla ricca programmazione del Teatro Fabbri di Vignola che riapre l’11 gennaio (ore 21) con La ciociara, tratto da La Ciociara
di Alberto Moravia, regia e scene di Roberta Torre, produzione
Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini. Il 15 gennaio (ore
21) si rappresenta Favola: C’era una volta una bambina e dico
c’era perché ora non c’è più, di e con Filippo Timi e con Lucia
Mascino e Luca Pignaioli. Produzione Teatro Franco Parenti. Il
20 gennaio largo al musical con Can Can di Cole
Porter, con l’adattamento e la regia di Corrado
Abbati. Il 24 alle ore 21
e il 25 alle ore 15, ecco
un classico, Elektra di
Hugo von Hofmannsthal,
per la regia di Carmelo
Rifici con Elisabetta Pozzi. Produzione Teatro
Stabile del Veneto. E
infine il 2 febbraio (ore 21.00) ecco la Diceria dell’untore, tratto
dal romanzo di Gesualdo Bufalino con l’adattamento e la regia di
Vincenzo Pirrotta. Un produzione del Teatro Stabile di Catania.
Info: www.emiliaromagnateatro.it
Per T come teatro Nicola Piovani e Bebo Storti
Con il Circolo Bruno Mora
le Domeniche sono da ridere
Il Circolo Bruno Mora, presenta Domeniche…. da ridere 2012, la 26°
rassegna di teatro dialettale che si
tiene presso il Cinema Teatro Ariston
di San Marino di Carpi. L’appuntamento
è tutte le domeniche alle ore 15.30.
Nel calendario di questa nuova edizione
ci sono molte novità: Tòt in t’un dè, 8
gennaio; Ag vol mia presia,15 gennaio;
Quanti coran.... siur Giuseppe, il 22
gennaio, Un brott scherz, 29 gennaio
e Cun i sold e stà ben ach’i puvrett, il
5 febbraio. Ingresso: biglietto intero 9
euro e ridotto (Arci e Ragazzi) 8 euro.
Info: tel. 059 680546 www.circolobrunomora.it
Il 2012 al Teatro di San Felice comincia con la bravura e l’esuberanza della
compagnia del Teatro Necessario che
venerdì 13 gennaio (inizio ore 21.15)
porta in scena “Clown in libertà” di e
con Leonardo Adorni, Jacopo Maria
Bianchini, Alessandro Mori.
Info: tel. 0535.85175
www.teatrosanfelice.it
26 gennaio alle ore 21 al Teatro Incontro di Corlo di Formigine, va in scena
Suicidi? adattamento teatrale tratto dal
libro di Mario Almerighi “3 suicidi eccellenti” diretto e interpretato da Bebo
Storti e Fabrizio Coniglio. Siamo in piena
tangentopoli e due comuni cittadini,
giocano a fare i detective indagando su
“tre suicidi eccellenti” di quel periodo:
Castellari, Cagliari e Gardini, tutti e tre
legati in qualche modo all’Eni.
Info: www.progettarte.org
Varietas Delectat: così Salieri
si danza sul palco dell’Astoria
Il 19 gennaio, alle ore 21, al Teatro
Astoria di Fiorano è in cartellone Varietas Delectat, della Rbr Dance Company. La regia è di Antonio Giarola, le
coreografie sono di Cristiano Fagioli e
Cristina Ledri su musiche di Antonio Salieri. “Varietas Delectat” è una citazione
latina scritta da Salieri che dà il titolo a
questo spettacolo che nasce nell’ambito del Salieri Opera Festival dove viene
sviluppata l’idea di ripensare a Salieri
anche attraverso approfondimenti e
contaminazioni di generi artistici diversi:
in questo caso la danza.
Info: tel. 0536 404371
teatro
Doppio appuntamento per la bella rassegna T come teatro entrambi molto
interessanti. Partiamo da Carpi dove,
al Teatro Comunale, giovedì 19 gennaio
alle ore 21 si esibirà Nicola Piovani in
quintetto.
Il “Concerto in quintetto” propone brani
scritti per il cinema, per il teatro, per
concerto, appositamente rivisitati, riarrangiati dal compositore in versione da
piccolo gruppo di solisti, fra i quali spicca
innanzitutto il ruolo del pianoforte, suonato
dall’autore.
Sul palco Nicola Piovani, pianoforte, Marina Cesari, sax e clarino, Pasquale Filastò,
violoncello e chitarra, Andrea Avena,
contrabbasso, Cristian Marini, batteria
/ percussioni / fisarmonica.
Ancora nel cartellone di T come teatro, il
>incontri
Di Micol Lombardi
Libri in fiera con Buk
Il 4 e 5 febbraio al Foro Boario appuntamento con la piccola editoria
E
cco ritornare Buk, al Foro Boario il
4 e 5 febbraio. La manifestazione di
Progettarte dedicata alla “piccola” editoria (ideata da Rossella Diaz e Francesco
Zarzana) realizzata in collaborazione col
Comune di Modena e il sostegno della
Fondazione CRMO, è pensata per dare
visibilità alle oltre 100 case editrici che
presentano la loro ricca offerta culturale. Sempre più festival letterario, Buk
ha conosciuto nelle edizioni passate un
grande successo di pubblico (20.000
nell’ultima edizione del febbraio 2011)
e torna quest’anno con un programma
Romeo e Giulietta
ricco e articolato che vedrà la presenza
di importanti ospiti e di molte iniziative collaterali: conferenze e dibattiti sui grandi temi
dell’attualità, reading e atélier letterari creativi, incontri con autori e personalità della
cultura ma anche eventi musicali e spettacoli dal vivo. Tra le oltre 60 iniziative collaterali troviamo l’incontro con Luciano Garofano, ex comandante del Ris di Parma che
ripercorre i crimini italiani più celebri e controversi e ancora l’incontro su L’Italia che
frana di e con Bartolomeo Sciannimanica, titolare dell’insegnamento di Ecologia presso
l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.
Ancora da segnalare l’appuntamento con Vivo Altrove, Giovani e senza radici: gli emigranti italiani di oggi di Claudia Cucchiarato e Il suono di una sola mano, di Maddalena
Rostagno e Andrea Gentile, la storia di Mauro Rostagno ucciso dalla Mafia in Sicilia.
Novità di Buk la prima edizione del Concorso Nazionale di Giornalismo Scolastico “Prima
pagina” che nasce per valorizzare l’attività giornalistica nelle scuole superiori.
Un’altra importante novità della V edizione di BUK è il Premio Letterario “Due Vittorie”
suddiviso in due sezioni: Racconti editi - aperto a tutti i libri di narrativa in lingua italiana editi da editori italiani o esteri e Raconti inediti dove chiunque può partecipare con
un racconto inedito della lunghezza: minimo 4000 e massimo 12000 battute (spazi
compresi) a tema libero. Si terrà inoltre Parole digitali III edizione, concorso a premi
per giovani creativi sul tema: “L’ho letto su wikipedia!!”
Un concorso fotografico
sulla Circoscrizione 2
Il mese di gennaio alla Circoscrizione
2 si apre il 6 gennaio, alle 14.30, con
la festa della Befana presso la Polisportiva Modena est (viale Indipendenza, 25) con spettacoli di magia
e la Befana che distribuirà regalini
ai bambini. L’iniziativa è organizzata
dal Comitato Cittadini Modena Est.
Spazio poi alla rassegna fotografica Noi abitiamo qui, organizzata
dal Circolo “Il Villaggio”. Si tratta di
catturare immagini ed istanti della
realtà della Circoscrizione 2: luoghi,
persone, scorci, panorami, emozioni.
Possono partecipare tutti senza limiti
di età, sesso e nazionalità. Le foto
(max 5 per autore), corredate di
e-mail del nome dell’autore e di una
breve descrizione, devono pervenire
entro il giorno 15 gennaio 2012 nel
seguente punto raccolta: sede del
Circolo “Il Villaggio” c/o Parrocchia
Regina Pacis, via 9 gennaio 1950. Info: [email protected]
Info: www.progettarte.org
“Da te ai tuoi antenati”
un corso di genealogia
Parte l’11 gennaio un ciclo di lezioni
sulla ricerca genealogica che prevede
complessivamente 12 incontri, in programma il mercoledì dalle 14,30 alle
16,50 presso la sala d’Ercole dell’Archivio di Stato di Modena (via Sgarzeria
6). I primi appuntamenti sono: 11
gennaio, Storia dei cognomi - Le quattro generazioni; 8 gennaio, Gruppo
familiare- Diario personale; 1 febbraio:
Storia personale- Fonti di informazione
in Italia. Il corso è a numero chiuso. La
partecipazione è riservata ad un massimo di venti persone. Iscrizioni entro
il 10 gennaio tramite mail all’indirizzo
dell’Archivio di Stato di Modena.
Info: [email protected]
[26] - il mese gennaio \2012
Al TeTe ecco L’albero del pane
Con la Circoscrizione 1 una due giorni con la Parsi e Catalano
Si intitola L’albero del pane la due giorni di iniziative organizzate al
Teatro Tempio con la Circoscrizione 1. Sabato 7 dicembre, alle
ore 10 si parte con un laboratorio di costruzione di “boule de
niege”, alle 11.30 è in programma invece una grande caccia al
tesoro. Alle 16.30 è in cartellone uno spettacolo teatrale Storie
di pane di e con Angela Burico e Cristina Carbone (unico appuntamento a pagamento della due giorni, ingresso 6 euro). Segue,
alle ore 21 la conferenza La potenzialità interiore del bambino e
la crescita umana con la psicologa Maria Rita Parsi.
La domenica 8 dicembre, sempre al Teatro Tempio, è tutta
dedicata all’attore e artista Antonio Catalano che persegue la
ricerca di incontri artistici e festivi che coinvolgono visitatori di
ogni età, in cui tende a provocare poesia, emozione e meraviglia.
Alle ore 16: incontro-spettacolo Mondi fragili, percorso naturale
fatto di arte, poesia e meraviglia. Mondi realizzati con materiali naturali da visitare e con
cui interagire di e con Antonio Catalano. Dalle 17.30, mostra aperta.
Info: www.teatrotempio.it
E così La Tenda gioca la carta della Memoria
La Tenda, la bella struttura gestita dall’Assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Modena, questo mese gioca la carta
della Memoria. Prosegue la rassegna Si
chiamava Libero. Racconti di uomini e di
mafia, con un appuntamento imperdibile
che vedrà Gaetano Alessi presentare il
I primi dieci anni del Caffè
Concerto di Piazza Grande
Festeggia dieci anni il Caffè Concerto
di Piazza Grande con un denso programma che prende il via lunedì 2 gennaio con i palloncini sagomati: il 4 ore
17.00-18.30 presentazione del libro
“Un Angelo Blu - Il film che non ho mai
girato”, di Victor Poletti. Dalle 18.30
alle 20 Happy Hour a base di Primosic.
Giovedì 5 dalle 17.00-18.30 Aperitivo
canino con sfilata (prenotazione tel059 234880) e dalle 18.30 Happy
Hour con vini Montresor. Venerdì 6
gennaio h 15.00-17.00 La Befana vien
di notte… racconta storie animate con
laboratori grafici e creativi. Domenica 8
ore 16.00-19.30 torneo di Burraco.
Info: www.caffeconcertomodena.com
report Le Mafie in Emilia Romagna, dossier
a cura degli studenti delle Facoltà di Scienze
Politiche e Giurisprudenza a conclusione del
primo Laboratorio di Giornalismo Antimafia.
Il 15 gennaio torna il teatro con lo spettacolo
Operazione Hipparion per la regia di Carlo
Cavazzuti. Il 27 alle 21 La Tenda celebrerà
la Giornata della Memoria con lo spettacolo
Progetto: Memoria. Andata e Ritorno del
regista Antonio Capasso, a cura della Scuola d’arte Talentho. Lo spazio espositivo, che
verrà inaugurato il 12 gennaio alle 20.30,
ospiterà la mostra fotografica di Anna Sassu
dal titolo In my mind. La musica live sarà
tanta e per tutti i gusti, appuntamento fisso
il sabato. Il 25 gennaio prenderà il via il
laboratorio “La meravigliosa arte delle
Bolas” a cura di Antonietta Amoroso.
Anche in gennaio La Tenda continuerà ad
essere aperta per Aspettando la corriera.
Tutti i martedì, mercoledì e giovedì del
mese, dalle 13.00 alle 15.00, gli studenti
all’uscita dalle scuole, potranno rimanere
al caldo: per chi aspetta la corriera, per
chi perde la corsa o semplicemente per
chi vuole passare qualche ora in compagnia, con fumetti, cartoon, postazioni
internet, wi fi, ed ogni giovedì laboratorio
di giocoleria.
Info: www.latendamodena.it
Uomini e computer: un’alleanza
Dalle Biblioteche incontri sulle nuove tecnologie all’Auditorium Biagi
U
omini e computer: la nuova alleanza. Questo è il
titolo della rassegna organizzata dalle Biblioteche del
Comune di Modena, dall’Università di Modena e Reggio
Emilia, dall’Itis Corni e Fcrmo, presso l’Auditorium Marco
Biagi (Largo Marco Biagi 10) con lo scopo di avvicinare gli
studenti e la cittadinanza al mondo della ricerca. In meno
di cinquanta anni il computer ha modificato infatti radicalmente dimensioni e potenzialità, diventando lo strumento
indispensabile per partecipare alla cultura globale creata
dalle reti informatiche. Ma cosa c’è dietro questa mutazione straordinaria? Lo sapremo seguendo le conferenze in
programma, serali, aperte a tutti, integrate da seminari
e laboratori per le scuole: Web semantico e intelligenza
collettiva (Sonia Bergamaschi e Franco Zambonelli), giovedì 12 gennaio ore 21; Sicurezza
informatica e protezione delle persone con Michele Colajanni, martedì 7 febbraio. I primi
due appuntamenti sono condotti da docenti dell’Università di Modena e Reggio Emilia.
Info: tel. 059 2032940
Per la befana non c’è che l’imbarazzo della scelta alla
Circoscrizione 4. Befana al Villaggio Giardino a cura
del Comitato Villaggio Giardino il 6 gennaio alla sala
civica via Marie Curie, 22/a. Befana cognentese a
cura della Polisportiva Cognentese, il 6 gennaio 2011
al centro civico Via Dei Traeri, 100 a Cognento. Festa
della befana il 6 gennaio c/o Sala Feste del Caravan
Camping Club, Via Pomposiana, 305/2; Befana Virtus,
a cura della Polisportiva Virtus, il 6 gennaio presso la
sede di Via Nicoli 162. Arriva la Befana, a cura della
Polisportiva 4 Ville, il 6 gennaio nella sede di Via Barbolini 7/9 a Villanova. Corrinisieme 19° edizione, il 6
gennaio dalle 9 alle 12 iscrizioni e partenza polisportiva Corassori, Via Newton 150.
Concerto per il nuovo anno, domenica 9 alle ore 16 alla chiesa di San Pancrazio
in Via Ponte Alto con Cesare Carretta e Davide Burani. Filosofia in Quartiere, il
seminario a cura del professor Lorenzo Barani ([email protected]) prenderà il via
l’11 gennaio alle 21 presso la sala del centro civico Villaggio Giardino.
Info: tel. 059 2034038
Con gli Amici del libro tra
pagine, mostre e funghi
Ricco il cartellone degli Amici del
libro: mostra di Emanuela Luppi, dal
2 gennaio per tutto il mese. Il 10, 17
e 24 alle 18 tre incontri su “I funghi,
un oggetto misterioso” a cura di
Nando Togni. L’11 “Ricordo di Benedetto Benedetti” alle ore 15,30 in via
Canaletto 100 (sede de L’Incontro).
Sabato 14 alle ore 17 “La Bottega
degli Artisti” presenta l’antologia poetica “Nel corpo delle parole, le parole
del corpo”. Sabato 21 gennaio alle
ore 17 conversazione su “La Bibbia, il
libro dei libri” a cura di Claudio Centin
(Cinquino). Sabato 28 alle ore 17
Maurizio Picariello presenta “Prima
che tutto accadesse”.
Info: tel. 059 217530
incontri
Alla 4 si susseguono le befane
di mARINA LEONARDI
Lonquich a quattro mani
a stagione musicale del Teatro Conaio alle ore 21 arriva il Balletto di Roma
Il bravo pianista
sul nella
palco
E’ munale
iniziata
la(Piazza
realizzazione
del
grande
dell’artista
americano
di Carpi
Martiri 72) si
in
Otello,
con musiche“affresco”
di Antonin Dvorák,
del al
Teatro
Comunale per
apre domenica 15
gennaio alleDal
ore 17,
coreografia il
e scene
di Fabriziosarà
MonteverBiblioteca
Panizzi.
22 giugno
cantiere
aperto
pubblico
con i Concerti Aperitivo, e un imperdibile
de. Il triangolo Otello-Desdemona-Cassio
i Concerti Aperitivo. Il 21
appuntamento con il bravissimo Alexanè al centro dell’allestimento di Fabrizio
der Lonquich che con Cristina Barbuti
Monteverde fa emerge tutta la moderniecco in cartellone l’Otello
compagna di lavoro e nella vita si esibisce
tà di un testo vivissimo, fatto di equilibri
in un concerto pianistico a quattro mani
precari, di sottintesi terribili, di presagi
con il Balletto di Roma
intitolato a La tradizione austro-tedesca
funesti e Monteverde, come sempre
L
con musiche di Brahms, Schubert e
Schuman.
Alexander Lonquich è nato a Trier, in
Germania. Nel 1977 ha vinto il Primo
Premio al ‘Concorso Casagrande’ dedicato a Schubert e da allora ha iniziato una
carriera internazionale che lo ha portato
a tenere concerti in tutti il mondo. La sua
attività lo vede impegnato con direttori
d’orchestra come Claudio
Abbado e particolare in tal
senso è stato il rapporto
mantenuto con Sandor
Vègh e la Camerata Salzburg, di cui è tuttora
regolare ospite nella veste
di direttore-solista.
Dal 2003 ha inoltre formato un duo pianistico con
la moglie Cristina Barbuti,
specializzata in musica
da camera a Praga alla
Sandor Vègh International
Chamber Music Academy, in Israele e alla
UCLA di Los Angeles.Ha suonato in Italia,
Germania, Austria, Belgio, USA e Israele
in varie formazioni cameristiche e in numerosi Festival internazionali.
Sul palco del Comunale, sabato 21 gen-
attratto dalla provocazione e dall’eccesso, è
un “regista” attento,
capace di sviscerare e
tradurre in suggestivi
quadri danzati dinamiche psicologiche altamente drammatiche,
ponendo l’accento sul
protagonista, manovrato fino all’estremo
dall’”onesto Iago”. Emozioni, erotismo e scavo
psicologico per un opera moderna, nella
quale i movimenti coreografici, abilmente
sottolineati dall’enfasi musicale, svelano
inquietudini, irrazionalità e conflitti.
Info: tel. 059 649263
Così Carpi celebra La Giornata della Memoria
Carpi celebra la Giornata della memoria con una mostra, Immagini dal
silenzio: la prima mostra nazionale
dei lager nazisti attraverso l’Italia
1955-1960 a cura di Marzia Luppi e
[14] - il mese gennaio
ottobre \2011
[28]
\2012
Elisabetta Ruffini e lo spettacolo L’ultima
notte di Bonhoeffer.
La mostra aperta dal 10 gennaio al 12
febbraio, sarà inaugurata sabato 14 gennaio alle 17, alla Sala ex Poste (Palazzo
dei Pio), alla presenza di Massimo Mezzetti, Assessore Cultura Regione Emilia
Romagna, Enrico Campedelli, Sindaco di
Carpi e Lorenzo Bertucelli, Presidente
Fondazione Fossoli.
Al termine si terrà una visita guidata a
cura delle autrici.
La mostra, che vuole ricordare la prima
esposizione italiana sulla deportazione,
realizzata proprio a Fossoli nell’ormai
lontano 1955, sarà visitabile il venerdì, sabato e domenica, dalle 10.00
alle 13.00; dalle 15.00 alle 19.00.
Visite guidate gratuite per le scuole su
appuntamento. Dicevamo che la Giornata della Memoria verrà ricordata
anche con uno spettacolo, che va in
scena domenica 29 gennaio alle 17,
al Teatro Comunale di Carpi.
Si intitola L’ultima notte di Bonhoeffer,
di e con Pino Petruzzelli.
L’ingresso è gratuito.
Info: Fondazione ex Campo Fossoli
Tel. 059 688272
c
a
r
p
i
Quei libri d’altri tempi
Alla Biblioteca Il Falco magico inaugura una mostra sulla letteratura
per i ragazzi dal 1861 ad oggi. Numerose sono le iniziative collaterali
E’ iniziata la realizzazione del grande “affresco” dell’artista
verrà allestito
libri per ragazzi che hanno fatto l’Italia (1861-2000), è una
americano
nella Biblioteca Panizzi. Dal Biblioteca
22 giugno
il
lo Scaffale Nostalgia
pubblicazione e una mostra bibliografica su libri, fumetti, illucantiere
sarà
aperto
al pubblico
con libri della sezione di
strazioni che hanno
contribuito
a creare
l’immaginario italiano.
I
Un modo per rileggere la nostra storia attraverso una lente
nuova, il ritratto di una nazione a partire da Pinocchio, Cuore,
gli eroi di Salgari, Gian Burrasca, Il Corriere dei Piccoli, fino ai
grandi autori e protagonisti di oggi.
La mostra sarà allestita dal 21 gennaio (inaugurazione ore
16.30) al 3 marzo presso la sala espositiva della biblioteca Il
falco magico.
L’iniziativa curata da Hamelin, è organizzata tra gli altri dall’Assessorato alle Politiche culturali del Comune di Carpi, dalla Biblioteca
A. Loria, Il castello dei ragazzi, il Sistema Bibliotecario di Carpi,
Campogalliano, Novi e Soliera.
Tra le iniziative collaterali sempre a Il falco magico i lettori troveranno i Libri per ragazzi d’altri tempi, esposizione di libri d’epoca
del fondo antico della Biblioteca ragazzi. Inoltre presso ciascuna
deposito a partire dagli
anni ’40 sino agli anni
’70. Verrà promosso
inoltre il concorso Il libro
più amato dove gli adulti
potranno indicare il libro
più amato nella loro
infanzia (entro il 18 febbraio tramite apposito
modulo). Presso le sedi delle Biblioteche di Carpi, Campogalliano, Novi e Soliera saranno promossi incontri con le classi delle
scuole con letture e presentazione di libri. Visite guidate alla
mostra su prenotazione.
Info: www.castellodeiragazzi.it e www.bibliotecaloria.it
Dentro le cose: con la mostra un workshop
Prosegue fino al 29 gennaio, nella
Loggia di Palazzo dei Pio di Carpi, la
mostra di Mario Cresci, Dentro le
cose, a cura di Luca Panaro.
Fra i protagonisti più interessanti della
ricerca fotografica italiana degli ultimi
decenni, Cresci presenta in questa mostra un’ampia serie di opere fotografiche
inedite, frutto di un lavoro di ricerca e
sperimentazione sul territorio.
Dalle forme dei cappelli fatti col truciolo,
tecnica di intreccio della paglia nata a
Carpi nel XV secolo, alle immagini che
riproducono giochi di luce e ombre o
effetti ottici dell’architettura stessa del
museo.
In occasione della mostra, l’autore terrà
un workshop di fotografia della durata di
quattro giorni dedicato alla città di Carpi che si terrà nei giorni 7 e 8 e 28,
29 gennaio dalle ore 10,00/13,00
- 15,00/19,00 presso la Sede del
Gruppo Fotografico Grandangolo BFI
(Viale Peruzzi 22, Carpi).
Il workshop prevede l’esplorazione dei
luoghi di cultura più significativi per la
storia e la realtà odierna carpigiana.
Seguirà una mostra collettiva di tutti
gli elaborati (4-19 febbraio) con la
presentazione di Mario Cresci.
Info: www.mariocrescidentrolecose.it
Tornano a gennaio i Pomeriggi animati.
Partiamo da Cinema che passione!:
presso il Circolo Graziosi (via Sigonio
25) domenica 22 (ore 16) verrà proiettata La rosa di Bagdad (5-9 anni).
Presso il Circolo Gorizia (via Cuneo 51)
venerdì 6 (ore 16) è la volta di Nat e il
segreto di Eleonora (5-9 anni) e poi...
arriva la Befana! E infine presso il Circolo Guerzoni (Via Genova 1), domenica 8
(ore 16), è in programma Fantastic Mr.
Fox (5-9 anni) con merenda per tutti.
Per Teatro che passione! domenica 15
(ore 16.30) andrà in scena Viaggio in
aereo tratto con la compagnia Drammatico vegetale (5-12 anni).
Domenica 22, alle 16.30 sarà la volta di
Noè uno spettacolo de La Baracca Testoni
ragazzi (3-7 anni), infine domenica 29
(ore 16.30), Giulio Coniglio e gli amici
per sempre con il Teatro dell’Archivolto
(3-7 anni).
Gli spettacoli si tengono presso l’Auditorium San Rocco (Via San Rocco
1), sono gratuiti, su prenotazione (Tel.
347.3263971). Per Letture e Incontri
con illustratori che passione! presso Il
castello dei ragazzi, sabato 28 alle ore
16, Arriva Giulio Coniglio con Nicoletta
Costa e Febe Sillani (4-7 anni).
Info: www.castellodeiragazzi.it
cinema
carpi
Per i bambini ritornano i Pomeriggi animati
>provincia
Ricreazione a... Magreta
Il volume del Comune di Formigine racconta la storia della nuova
scuola primaria. Una pubblicazione solidale per i bambini di Malozhin
E’ iniziata la realizzazione del grande “affresco” dell’artista
na pubblicazione per le future generazioni, per le quali
in occasione
americano
nella Biblioteca Panizzi. Dal Infine,
22 giugno
il
la nuova scuola primaria di Magreta di Formigine è stadel 25° anniversario
cantiere
ta
costruita. èsarà
questo aperto
il significatoal
delpubblico
volume Ricreazione
del disastro nucleare
U
recentemente pubblicato dal Comune di Formigine. Attorno
alla parola “ricreazione” ruotano le riflessioni di coloro i quali
hanno avuto un ruolo chiave nell’ideazione, nello sviluppo e
nella realizzazione del progetto. Il momento più divertente del
vissuto scolastico di ognuno diventa un concetto polisemico a
sottolineare un percorso condiviso tra i diversi attori (pubblica
amministrazione - scuola - enti pubblici e privati - cittadinanza); un dialogo serrato sui valori fondanti per una comunità:
partecipazione, educazione, difesa dei diritti, speranza nel
futuro…
A conclusione di un progetto pluriennale che ha permesso ai
bambini di Magreta di “vedere nascere” la propria scuola, si
propone il racconto del giorno in cui gli studenti delle classi
quinte hanno visitato per la prima volta l’edificio.
in Bielorussia, grazie
all’Associazione Chernobyl, la pubblicazione
intende creare un ponte solidale tra la scuola
di Magreta e quella di
Malozhin, dedicando
l’ultimo repor tage a
questa realtà.
Il volume è disponibile per l’acquisto presso l’associazione
Chernobyl di Maranello, Fiorano e Formigine. www.assochernobyl.it, tel. 331 1239270. Il ricavato sarà interamente de
voluto al progetto di solidarietà per la scuola di Malozhin,
in Bielorussia.
Incontriamoci in enoteca: il piacere del vino
Prosegue a Castelvetro la rassegna di degustazione vini Vignaioli in
Enoteca: ogni giovedì si farà tappa
in un’azienda agricola diversa che
ospiterà gli appassionati e gli operati
Prosegue fino al 29 gennaio presso
Palazzo Piella a Castelfranco Emilia
la mostra personale di Simone Fazio, a cura di Stefano Guizzardi. Le
opere del giovane artista modenese
sono un’indagine sul corpo umano e
sui volti, quali simboli distintivi della
nostra umanità.
Info: tel. 059 959377
del settore facendo loro assaggiare un
buon bicchiere di vino accompagnato da
salumi, formaggi e dall’affascinante storia
di chi lo produce. Giovedì 12 gennaio si
visiterà l’azienda agricola biologica San
Polo, un grazioso podere facente parte
di un borgo rurale sviluppatosi intorno
ad un ex convento settecentesco, dove
Paolo Ghiddi spiegherà le sue tecniche
di coltivazione biologica e produzione di
vino nel pieno rispetto dell’ambiente. Il
successivo appuntamento in calendario
è giovedì 19 alla Tenuta Pederzana di
Francesco Gibellini che proporrà il suo
Gli scatti di Giuseppe Vitale
al Castello dei Pico
Prosegue fino al 24 marzo la mostra
U.S.A… ho incontrato gente del fotografo Giuseppe Vitale allestita presso
la Sala Leica del Castello dei Pico a Mirandola. L’esposizione narra un viaggio
stupefacente in America, in quei luoghi
descritti in milioni di film e canzoni, ma
anche in quelli più sconosciuti, sempre
alla ricerca dell’anima segreta di questa nazione. Vitale, oltre ad essere un
eccellente fotografo, è docente di corsi
di fotografia e socio fondatore nonché
vicepresidente dell’Associazione Italiana Fotografia Sociale.
Info: www.castellopico.it
[30] - il mese gennaio \2012
Lambrusco Gasparossa di Castelvetro
Doc illustrando la storia della tenuta
e della passione che mette in ogni
bottiglia. L’ultima serata si svolgerà
nell’azienda La Piana giovedì 26
gennaio dove Mirco Gianaroli, oltre
a presentare la produzione del suo
vino, esporrà anche l’aceto balsamico
e il mosto cotto prodotti nell’acetaia
interna all’azienda. Le serate sono su
prenotazione e il costo è di 16 euro a
persona (min. 20 persone)
Per informazioni e prenotazioni: www.
egliscafe.com telefono 059790489.
Torna il tradizionale concerto di inizio
anno della Spira Mirabilis a Formigine. Giovedì 2 febbraio presso la
Polisportiva Formiginese alle ore 21,
il gruppo di musicisti proporrà variazioni su un tema di Haydn op.56a Johannes Brahms (1833 - 1897).
Info: tel. 059 416333 - 416238
Dal 13 dicembre 2011 all’8 gennaio 2012
PALACNA in Piazza Garibaldi - PARMA
Laboratori e spettacoli per bambini dai 3 ai 9 anni
dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30
www.lacasadeibimbi.it
STRUTTURA RISCALDATA - INGRESSO LIBERO
Info: 0521 251848
PROMOSSA DA
Comune di Parma
IN COLLABORAZIONE CON
MARIO CRESCI
DENTRO LE COSE
a cura di Luca Panaro
3 dicembre 2011 - 29 gennaio 2012
Palazzo dei Pio, Carpi (Modena)
Piazza Martiri, 68 - Tel. +39 059 649955
www.mariocrescidentrolecose.it - catalogo APM Edizioni
organizzazione
main sponsor
i musei
con il contributo di
sponsor tecnico
in collaborazione con
con il patrocinio di
Provincia di Modena
Scarica

Gennaio - IL MESE PARMA