Le basi territoriali.
Concetti, definizioni, prodotti per i
censimenti, oltre i censimenti
A cura di
Sandro Cruciani, ISTAT
Direzione centrale esigenze informative, integrazione e territorio
Servizio “Informazioni territoriali e sistema informativo geografico”
sandro.cruciani@istat.it
1
Roma, 16 giugno 2010
Sommario
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 Cosa sono le basi territoriali (BT)
 Come e perché vanno aggiornate
 Il processo di produzione
 I risultati a giugno 2010
 Le BT come strumento per l’analisi
del territorio
 Prospettive a breve e lungo
periodo
2
Roma, 16 giugno 2010
Cosa sono le
basi territoriali (BT)
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 Sono dette anche “piani





3
Roma, 16 giugno 2010
topografici comunali”
Rappresentano la
suddivisione del territorio
comunale in sezioni di
censimento e località
abitate
Previste nel regolamento
anagrafico (L. 1228 del
24/12/1954)
L’obbligo
dell’aggiornamento
spetterebbe ai comuni,
l’Istat definisce le norme
tecniche
In formato digitale per il
1991 (1:25.000) e il 2001
(1:10.000)
Si tratta di quasi 400.000
poligoni, tra sezioni e
località
A cosa servono le
basi territoriali (BT)
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 Nascono come strumento funzionale alla realizzazione dei
censimenti
 Rappresentano il livello territoriale minimo per la diffusione dei dati
censuari
 Rappresentano il “tassello” minimo territoriale per la costruzione di
aree sub-comunali (quartieri e/o circoscrizioni, ASL, collegi elettorali,
ecc.)
 Vengono aggiornate dall’Istat, con cadenza decennale, al fine di:
 Garantire l’utilizzo degli stessi criteri per tutto il territorio nazionale e
quindi un’omogeneità territoriale
 Ridurre l’onere operativo dei Comuni (in particolare quelli di piccole
dimensioni)  al Comune rimane il compito di revisionare e
convalidare la proposta Istat
 È necessario aggiornarle per adeguare il disegno geometrico di
sezioni e località ai mutamenti del territorio (espansioni
dell’edificato, nuove strutture produttive, var. limiti amministrativi)
 Devono essere chiaramente identificabili e riconoscibili dai rilevatori
 Nella corrente tornata censuaria saranno anche utilizzate per:
 Geocodificare strade e numeri civici
 Costruire le aree di censimento
4
Roma, 16 giugno 2010
Il ciclo di produzione delle
BT di Census2010 (1)
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
1. Tre tipologie di comuni:
 Comuni autonomi, cioè 79 comuni > 50.000 abitanti o comuni
capoluogo (su 173 totali) che, disponendo di adeguate risorse
tecnologiche, hanno deciso di procedere in maniera autonoma
all’aggiornamento;
 Comuni non autonomi, cioè 7.682 comuni per i quali l’Istat ha
provveduto ad elaborare una proposta di aggiornamento delle BT di
Census2000;
 Le province autonome di TN e BZ hanno provveduto autonomamente
all’aggiornamento.
2. Invio circolare Istat a tutti i comuni (marzo 2009) per
l’individuazione del responsabile tecnico e dichiarazione (solo 173
comuni) se intendevano procedere in maniera autonoma.
3. Trattamento delle ortofoto aeree (compressione e adeguamento
dei formati)
4. Foto-interpretazione del territorio in base alle ortofoto e
modifica/creazione delle sezioni di censimento e delle località
abitate; proposta di aggiornamento per lotti regionali
5. Produzione degli elaborati cartografici (PDF in formato A0)
sovraimpressi alle ortofoto aeree e le tavole degli attributi delle
sezioni e delle località (in formato CSV e XLS)
5
Roma, 16 giugno 2010
Il ciclo di produzione delle
BT di Census2010 (2)
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
6. Pubblicazione sul sito delle BT della proposta
Istat di aggiornamento BT materiale e invio di
una mail certificata ai comuni interessati
7. I comuni (per lotti regionali) hanno: scaricato il
materiale prodotto, apposto le modifiche
necessarie ai file PDF e XLS, inviato i materiali
revisionati e convalidato il lavoro svolto
8. L’Istat verifica che gli interventi proposti dai
comuni siano coerenti e completi
9. Ri-generazione degli elaborati cartografici (PDF)
e delle tabelle (XLS)  BT definitive precensuarie
10. Rilascio a DCCG delle BT definitive (per aree di
censimento e geocodifica dei numeri civici)
6
Roma, 16 giugno 2010
Alcuni esempi:
nuove località
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
2001
2010
7
Roma, 16 giugno 2010
Alcuni esempi:
espansioni
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
2001
2010
8
Roma, 16 giugno 2010
Alcuni esempi:
fusioni
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
2001
2010
9
Roma, 16 giugno 2010
Innovazioni di
processo
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti



Progettazione e realizzazione del Sistema Informativo
Geografico dell’Istituto (GISTAT)
Tecnologia GIS
Questo nuovo prodotto ha consentito:
 Lavorazione su un continuum territoriale (ora regionale ma


10
successivamente nazionale)
 Aggiornamento contemporaneo della stessa regione
(meccanismi di “database versioning e reconciling”)
 GISTAT supporta sia la lavorazione interna che, in prospettiva
di breve periodo, la diffusione dei dati geografici
Scambi informativi tra Istat (centrale e UU.RR) e
Comuni solo attraverso il sito dedicato
http://basiterritoriali.istat.it  eliminazione di tutti i
supporti cartacei
Sono state modificate alcune regole di aggiornamento
per avvicinarsi di più agli standard internazionali (le
nuove località devono avere almeno 15 edifici)
Roma, 16 giugno 2010
Innovazioni di
prodotto
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti



Per parcellizzazione del territorio nazionale, le BT sono
seconde come numerosità, alla sola banca dati
catastale (ma che è qualitativamente meno precisa 
manca ad es. il continuum territoriale)
Non solo aggiornamento ma anche miglioramento della
qualità (seppure a fini statistici non siano indispensabili
elevati standard qualitativi)
In questa tornata la precisione geometrica delle BT è
stata ulteriormente migliorata, in quanto:
 Molte sezioni di censimento sono state ridisegnate con
maggiore precisione per adattarle meglio al perimetro
dell’edificato e/o ai limiti fisici e ambientali (strade, fiumi,
ferrovie, ecc.)  circa il 18% (61.000 sezioni)
 Sono state ridisegnate completamente tutte le isole minori
 Sono stati ridisegnati i limiti di costa di molti grandi comuni
per complessivi 1.150 km
11
Roma, 16 giugno 2010
Miglioramento del disegno
dei limiti di sezioni e località
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 2001
2010 
12
Roma, 16 giugno 2010
Status attuale
del processo
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 L’Istat ha terminato la fase di
aggiornamento (7.718 comuni, pari al
95,3% del totale)
 Quasi tutti i Comuni hanno verificato
(eventualmente modificato/integrato) e
convalidato la proposta dell’Istat
 L’Istat sta terminando la fase di revisione
delle modifiche apportate dai Comuni:
 Terminate e pubblicate le BT di 2.812 Comuni
(34,7%)
 Per 704 Comuni è in corso la produzione degli
elaborati cartografici (PDF) (8,7%)
 1.537 Comuni sono in corso di revisione
(19,0%)
 Rimangono da revisionare i 3.047 Comuni
(37,6%) di tre regioni (Lombardia, Abruzzo e
Calabria)
 Entro settembre 2010 si prevede la
conclusione dei lavori e il rilascio
delle
BT definitive pre-censuarie
13
Roma, 16 giugno 2010
Gli sviluppi
futuri
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 Al termine delle operazioni censuarie e delle


verifiche sul campo sarà necessario una nuova
revisione del BT  BT definitive
Le BT sono anche uno strumento cartografico
per l’analisi e lo studio del territorio
È intenzione dell’Istat lavorare, a partire da
ottobre 2010, per:
1. Migliorare la qualità del disegno e della codifica
delle BT
2. Valorizzare il contenuto informativo delle BT
3. Diffondere le informazioni geografiche
4. Avviare una stagione di studi sul territorio
14
Roma, 16 giugno 2010
Migliorare la qualità del
disegno e della codifica delle BT
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 Acquisizione delle modifiche dei limiti
amministrativi comunali pervenute dopo
la fase di revisione
 Ridisegno sistematico dei limiti di costa
nazionali
 Acquisizione/completamento della
codifica della tipologia di sezione (ad es.
edificio civile, chiesa, monumento, piazza
monumentale, parco, porto, aeroporto,
ospedale, stazione, cimitero, ecc.),
almeno per i grandi comuni
15
Roma, 16 giugno 2010
Valorizzare il contenuto
informativo delle BT
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti

Al momento si stanno avviando sperimentazioni sui
seguenti temi:
 Carta nazionale semplificata sull’uso del suolo, attraverso:
 Integrazione di fonti cartografiche (Agea, AdT, carte tecniche




regionali, Corine Land Cover, ecc.)
Valorizzazione del contenuto descrittivo delle BT sul tessuto
urbano (sezioni e località)
Creazione (in maniera semiautomatica) di micro-poligoni
all’interno di ogni sezione di censimento
Assegnare una codifica al micro-poligono (urbano denso,
infrastrutture, verde urbano, coltivazioni, ecc.)  statistiche
sull’estensione territoriale dei micro-poligoni
Codifica automatica (in base alla/alle tipologia/e prevalente/i
dei micro-poligoni) della tipologia di sezione per tutto il
territorio nazionale
 Aggiornamento, verifica e controllo delle superfici territoriali
dei comuni (in collaborazione con l’Agenzia del territorio) 
a regime, rilascio annuale
16
Roma, 16 giugno 2010
Una sperimentazione della carta dell’uso
del suolo (provincia di Parma)
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
17
Roma, 16 giugno 2010
Diffondere le informazioni
geografiche
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 Rilascio delle BT in formato shapefile ai comuni


(versione 2001 e versione pre-censuaria)
attraverso il sito dedicato
Rilascio gratuito delle BT in formato shapefile
(versione 2001 e versione pre-censuaria)
attraverso il sito Istat
Sistema di consultazione, ricerca e
visualizzazione on-line delle BT (GISTAT on line):




18
Limiti 1991, 2001 e versione pre-censuaria
Ortofoto aeree
Ricerca per toponimo
Consultazione dati censuari 1991 e 2001 per
sezione di censimento
Roma, 16 giugno 2010
Avviare una stagione
di studi sul territorio
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
 Analisi dell’urban sprawl, attraverso il
confronto 2001-versione pre-censuaria
 Modelli insediativi
19
Roma, 16 giugno 2010
Le basi territoriali.
Concetti, definizioni,
prodotti per i
censimenti, oltre i
censimenti
Grazie per l’attenzione
20
Roma, 16 giugno 2010
Scarica

Slides - Istat