IL PROGETTO CRISALIDE I
Per la creazione della filiera trentina
della micro-cogenerazione
FESR: “L'Europa per la ricerca e l'innovazione in Trentino”
- 17 Dicembre 2010 -
Iniziativa Crisalide
Crisalide
Comune
Roncegno
Terme
Agenzia
Prov.
per
L‘Energia
2
Due fasi per arrivare al mercato
Crisalide I
• Test avviati con prototipi
•
•
•
•
•
•
•
Crisalide II
• Dai prototipi ai prodotti al
mercato
Dimostrazione della tecnologia
Avviato Progetto Crisalide I con •
test in laboratorio e progettazione •
L.p.6/1999;
Valutazione positiva del progetto •
di Roncegno Terme APE;
Analisi normativa e di fattibilità
economica;
Sviluppo incontri con Ministero e AEEG;
Partecipazione a convegni del settore.
Proposta certificazione e Mondiali Sci
2013
Crisalide
•
•
Field tests in condizioni reali
Dati statistici (ca. 50/100 sistemi) in un
VPP a Trento
Formazione degli attori di mercato
(installatori, architetti, utilizzatori finali,..)
con corsi specifici con ENAIP, Distretto
Avviamento di un centro di competenza
con le industrie nel CHP-NET
(SOFCpower – ICI Caldaie).
Sviluppo rottamazione caldaie o
incentivi per l'installazione dei m-chp in
PAT grazie alla RETE CRISALIDE
3
Quale dei tre conoscete ?
William R. Grove
R.C. Karl Diesel
Renzo Rosso
William R. Grove
UK
R.C. Karl Diesel
DE
1839
1892
William R. Grove
1839
…ma 170 anni
dopo...in
TRENTINO....
Crisalide: promuove lo sviluppo prodotto
Crisalide
8
Crisalide: l'applicazione
Crisalide
9
Crisalide
Crisalide I: IL PRIMO PROGETTO
10
Crisalide I: il progetto finanziato
La Moratelli Impiantistica decide di
accettare una nuova sfida,
sviluppando con il bando FESR n.6/2009 Distretto Energia ed Ambiente,
il progetto Crisalide I,
l'obiettivo principale è quello di:
Testare e monitorare
in condizioni reali una
nuova tecnologia
di celle al combustibile
(m-CHP) prodotte da
Azienda che sviluppa e produce
dispositivi ad alta temperatura
elettroceramici basati su celle
a combustibile a ossido solido
11
Crisalide I: ll progetto finanziato
GANTT
12
Crisalide I: Razionali del progetto
1.1.1. Progettazione dei Test ed Impiantistica
Stabilite tre installazioni relative al modulo m-CHP (modello Alpha):
1° TEST
Installazione in
SOFCpower
con un chiller di
proprietà
2° TEST
Installazione in
Moratelli Impiantistica
con boiler e pannello
solare termico
13
Crisalide I: Es. Schema di funzionamento
14
Crisalide I: Le nuove misurazioni
1.1.3. Lista Misurazioni
Da subito sono sorte alcune problematiche:
• cosa misurare?
• quali strumenti permettono di recuperare tali misure?
• separare le misure dipendenti dal generatore con le misure addizionali del prog
Le misure addizionali del progetto che si è deciso di
prendere in considerazione sono:
· Potenza prodotta
· Calore scambiato al m-CHP (contatore di calore)
· Temperature dell’acqua di accumulo
· Temperatura ingresso/mandata sistema di raffreddamento
· Tempo di riscaldo dell’accumulo alla T voluta
· Caduta di pressione gas naturale al desolforatore
· Monitoraggio composizione gas e misure ambientali (T, RH, …
15
Crisalide II: Innovazione di sistema
Crisalide
Crisalide (Fase II)
Innovazione & sviluppo tecnologico
Cogeneratori e componenti
Integrazione nel sistema
riscaldamento/raffreddamento, Domotica
Integrazione nel sistema elettrico (rete)
Virtual Power Plant
ICT (information and communication
technology)
uso di combustibili alternativi e rinnovabili
(biogas)
aree d‘ innovazione
Comunicazione e Cultura
progetti "vetrina" dedicati
Formazione
Integrazione nel programma di studi UNI
TN
Integrazione nel programma di studi ENAIP
Estensione fuori dal territorio PAT
aree di supporto
Livello nazionale
Livello europeo ( progetti JTI)
Sviluppo Normative
Coordinamento Filiera
16
Crisalide II: benchmarking
Crisalide
Benchmarking internazionale:
Germania, Giappone: 50-200 sperimentazioni.
100-200k€/sperimentazione, approccio a budget decrescente
Ca. 45/50
sperimentazioni
Sviluppo integrazione
in rete VPP
Competitività a livello
internazionale
Sviluppo soluzioni ICT
Ricaduta industriale sul
territorio
Formazione &
informazione
17
Crisalide II
Le potenzialità
Crisalide
OCCUPATI DIRETTAMENTE DAL
PROGETTO
FASE I : 30/35 addetti
(Sofcpower, Moratelli Impiantistica, Habitech);
FASE II : 50/60 addetti
(Sofcpower, Moratelli Impiantistica, Create-Net,
Dolomiti Energia, Habitech, ICI Caldaie, Unical,
SIT La Precisa).
18
Crisalide II
Le potenzialità
Crisalide
PROFESSIONALITA' COINVOLTE
Ogni azienda aderente al progetto ha valutato l'iniziativa capace
di generare nuova occupazione. L'indotto della filiera porta ad
aumentare
l'occupabilità
specialmente
nelle
seguenti
professioni:
tecnici installatori;
tecnici della ricerca e sviluppo prodotto;
tecnici del telecontrollo e monitoraggio;
ingegneri di produzione;
ingegneri delle telecomunicazioni;
direttori commerciali;
responsabili di marketing e comunicazione;
responsabili di attività di coordinamento in società consortili.
19
Crisalide II
Gli sviluppi sul territorio
Crisalide
CREAZIONE DI UN “CHP-LAB”
(un vero e proprio centro di competenza)
SPIN-OFF DI UNA START-UP IN AMBITO ICT
FOR ENERGY E LA CREAZIONE DI UN VPP
CONCENTRAZIONE DI COMPETENZE IN
TRENTINO DA REGIONI LIMITROFE
ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI PRIVATI
CREAZIONE DI UN ECOSISTEMA DI RICERCA,
INNOVAZIONE, FORMAZIONE
20
Crisalide II
Gli sviluppi sul territorio
Crisalide
TEST DI FUNZIONAMENTO SU
PROGETTI DI IMPORTANZA LOCALE
CONNESSI ALLO STANDARD LEED
SVILUPPO DI TEST PROPEDEUTICI ED
IN COLLABORAZIONE CON I FUTURI
CLIENTI PER MIGLIORARE IL
PRODOTTO ED AVVICINARE IL
MERCATO
CREAZIONE DI MAGGIORE POTENZA
ELETTRICA SENZA FARE NUOVE
CENTRALI
21
Crisalide II
Benefici e Contatti
Crisalide
PROJECT MANAGER
Dott. Michele Gubert
C 329/8715923
E gubert.mich@gmail.com
W http://www.dttn.it/habitech/107/il-progetto-crisalide.html
22
Scarica

L`INIZIATIVA Attivazione della filiera della co